Sei sulla pagina 1di 8

Conto corrente

GAZZETTA
ARTE

UFFICIALE

DEL REGNO D'ITALIA

PRIMA
Si

PUBBLICA

AI1IlO 75

Roma

TUTTI

GIORNI

Sabato, 8 dicembre 1934

CONDIZIONI DI ABBONAMENTO
Sem.
Anno
Trim.
Roma, sia presso I Amministrazione che a
domicilio ed in tutto 11 Regno (Parte le II).
L,
108
63
45
All estero (Paesi dell Un:one postales
240

140
100
la Roma, sia presso FAmministrazione che a
domicilio ed in tutto 11 Regno (solo Parte I).
i
72
45
31.50
All estere (Paesi dell Unione postalel
160
100
TO
Abbonamento speciale a soli fascicoli contenenti i numert det titoli obbligazionari sorteggiati per 11 rimborso. annue L. 45
Estero L 100
Gli abbonamenti hanno, di massima, decorrenza dal 10 gennato da
ogni
anno, restando in Jacolt dell'Amministrazione da concedere una decorrenza
posteriore purch la scadenza dell'abbonamento sia contenuta nel limite del
31 dtcembre dell'anno in corso.
Le rinnovazione degli abbonamenti deve essere chiesta almeno 20 giorni
prima della scadenza di quelli in corso.
In

'

In

di reclamo

caso

di altra comunicazione deve sempre

essere

indicato il

numero dell'abbonamento.
I fascicoli, eventualmente disguidati, verranno riallediti a titolo gratuito, compatibilmente con l'esistenza delle relative scorte,
purcil reclamati entro il mese successivo a quello della loro pubblicazione.

Per il preue degli annunzi da inserire nella


ELEFONI-CENTRALINO:
50-107
50-033
83-914
-

la Poeta

con

DIREZIONE

Il

"

Ganetta Ufficiale

-'

IVIENO

WESTIVI

ANNOlXIII

Numero 288

Gli abbonati hanno diritto anche al


straordinari sono fuori abbonamelito,

supplementi ordinarl. I supplementi

il prezzo di vendita di ogns puntata della


Gazzetta Uf0ciale
(Par
te i e it complessivamente) e assato in lire 1,85 nel
Regno, in lire 3 al
I'estero.
Gli abbonamenti in Roma si fanno presso l'Ufnoio Cassa della Li.
breria dello Stato, palazzo del Ministero delle Finanze
ingresso da Via
XX Settembre, ovvero presso le
locali
Librerie Conoessionarie, Gil ab
bonamenti per altri paess del Regno debbono essere ohnesti col sistema
del versamento dell'importo nel conto corrente postale
1/26, intestate
all'Istituto Poligrafloo dello Stato, sorevendo not retro del relativo certificato dr allibramento la raonsesta dettagliata
L'amministrazione non
risponde dei ritardi causati dalla mancata indicarione, nei certicati
da allibramento, dello scopo des versamento della somma.
Gli abbonaments rrchiesti gali estero vanno fatti a mezzo di
vaglia
internazionals con indicazione dello scopo delfinvio sul tagliando dei
tor;Ita stesst.
Le richieste di abbonamenti alla
Gazzetta Ufftoiale
vanno fatte a
.

parte:
riodici.

,,

non

unitamente,

veggansi le

norsie

clo,

richieste

per

abbonamenti

ad

altri

pe

riportate nella testata della parte seconda

REDAZIONS PRESSO IL MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA


UFFICIO PBBLICAZIONE DELLE LEGGI

(Straortfinario)

TELEFONI-CENTRALINOT

50-107

50-033

53-914

--

La Gazzetta Ufnciale e tutte le altre pubblicazioni dello Stato sono in vendita presso la
Libreria dello Stato nel Ministero delle Finanze e presso le pi importanti Librerie depositarie
di Roma

di tutti i

Capoluoghi

delle

provincie

sommaux
LEGGI

Regno.

LEGGI

DECRETI

DECRETl

REGIO DECRETO-LEGGE 8 dicembre 1934, n. 1942.


Provvedimenti concernenti la cessione delle divise
chiarazione del possesso di titoli emessi all'estero

la di.

Pag.

5581

REGIO DECRETO-LEGGE 8 dicembre 1934, n. 1943.


Sanzioni per la irregolare tenuta delle contabilit e della
corrispondenza di banche e cambiavalute riferentisi a pagamenti
fuori d'Italia ed al

del

commercio dei cambi

Pag.

5582

REGIO DECRETO-LEGGE 8 dicembre 1934,

n.

1942.

Provvedimenti concernenti la cessione delle divise


chiarazione del possesso di titoli emessi all'estero.

la di,

VITTORIO EMANUELE III


PER

GRAZIA DI

DIO

PER VOLONTA

DELLA

NAZIONE

RE D'ITALIA
DECRETO MINISTERIALE 8 dicembre 1934

Visto l'art.

Norme

integrative e regolamentari per l'applicazione del


II. decreto-legge 8 dicembre 1934=XIII, n. 1942 sulla cessione delle
divise

la dichiarazione del possesso di titoli emessi all'estero

Pag.

5583

3, n. 2, della legge 31 gennaio 1926, n. 100)


l'urgenza e la necessit di provvedere;
Sentito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Ministro per le finanze, di concerte
col Ministro per la grazia e giustizia ;
Ritenuta

Abbiamo decretato
DECRETO MINISTERIALE 8 dicembre 1934.
Obbligatoriet della cessione dei mezzi di pagamento deriVanti, da esportazione e norme per il commercio di ogni mezzo
che

possa

servire

pagamenti all'estero

Pag.

decretiamo:

Art. L

5584

Le banche, i banchieri, le ditte, le societ, e le persont


di qualsiasi natura, dii nazionalit italiana e

giuridiche
DECRETO MINISTERIALE 8 dicembre 1934.
Autorizzazione a talune banche a fungere da agenzie della
Banca d'Italia
Pag. 5586
.

Regno o nei Possedimenti, dovranno offrire


all'Istituto nazionale per i cambi con l'estero e, su richie
sta, vendere e trasferire al medesimo, tutti il loro crediti
aventil sede nel

8-Ir-1934 (XIII)

5582
-

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

N.

(Straordinario)

288

l'estero, contro pagamento al cambio del giorno


liquidi ed a condizioni da fissarsi per i crediti

yerno

i crediti

per

Le

non

nella

liquidil.
entro 10

fatta, pel tramite


giorni dalla pubblicazione

della Banca d'Idel presente de-

creto.
di cui al
di

Agli enti,
fatto anche

obbligo

primo

comma

denunziare,

del

presente articolo,
giorni dalla pub-

entro 10

blicazione del presente decreto, all'Istituto nazionale per i


con l'estero, pel tramite
pri impegni verso 1estero.

cambi

della Banca

d'Italia,

i pro-

per le fio di tra-

marittimi a tenere conti in valuta estera nella quantit strettamente necessaria per le operazioni correnti, sottoponendo il movimento di detti conti al controllo della

sporti

Banca d'Italia.

La Banca d'Italia ed i suoi funzionari

dichiarazione

3.

fiduciarie

similari,

anche

se

'i'ale

depositati

all'estero.

dichiarazione dovr

essere

fatta entro il 31 dicembre

10M
Anno XIII, per i cre<1iti esistenti e i titoli posseduti
alla att del presente decreto.
Le Variazioni, che potranno intervenire successivamente
nelle posizioni di credito o nella propriet dei titoli, dovranno parimenti essere dichiarate alla Banca d'Italia a cura
-

degli interessati,

entro il termine di

giorni quindici

dalla

av-

Venuta variazione.
La Ranca d'Italia ed i suoi funzionari sono tenuti al
greto in ordine al contenuto delle dichiarazioni.

se-

In

caso

di

omesso

4.

risponde

dichiarazione

quando

la dichiarazione

pure

1931-IX,

n.

1207,

i contravventori

saranno

passibili

di pena restrittiva della libert

personale

Art. 6.
Tutte le dichiarazioni di cui
fatte in carta libera.

agli

articoli

precedenti

saran-

no

Art. 7.
Il Ministro per le finanze autorizzato ad emanare, con
propri decreti, le norme complementari, integrative e regolamentari per l'attuazione del presente decreto, che entrer
in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta

Il
la

Ufficiale

del

presentato al Parlamento per


autorizzato il Ministro
restando
legge,
alla presentazione del relativo disegno di legge.

presente

decreto

conversione

proponente

Regno.
verr

in

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello


Stato, sia inserto nella raccolta utliciale delle leggi e dei de-

Dato

Regno

d'Italia mandando

di farlo

chiunque spetti

di

os-

osservare.

Roma, add S dicembre 1931

Anno XIII

L'autorit giudiziaria
come

maggiori pene comminate dalle


dalla sanzione di cui all'art. 3 del R. decreto-

un anno.

servarlo
o

essa.

delle

Per le societ per azioni i sindaci dovranno convalidare la


dichiarazione delle societ. In caso di omessa dichiarazione
o in caso che la dichiarazione non risponda a verit i sin-

verit i contravventori sono passibili di pena


restrittiva della libert personale fino ad un anno.
non

se-

non dichiarati.

creti del
Art.

tenuti al

ammenda che il Ministro per le finanze ha facolt di stabilire fino ad un importo pari al valore dei titoli

E fatto obbligo a tutti i cittadini italiani, domiciliati nel


o nei Possedimenti, di dichiarare alla Banca d'Italia,
i loro crediti verso banche e banchieri, enti commerciali e 11-

qualsiasi natura, compagnie

sono

con

fino ad

aventi sede fuori del Regno e dei Possedimenti. E parimenti


fatto obbligo a tutti i cittadini italiani di dichiarare i titoli
esteri ed i titoli italiani emessi all'estero da loro posseduti

29 settembre

puniti

Regno

nanziari di

della seridicit di

pregiudizio

comuni

Jaci sono
Art.

successivamente

dichiarate alla Bandalla avvenuta variazione a


essere

greto in ordine al contenuto delle dichiarazioni.


I presidenti ed amministratori delle societ, i titolari delle
banche e delle ditte ed i rappresentanti legali delle persone
giuridiche sono personalmente responsabili del fatto della

leggi
legge

proposta della Banca d Italia, il Ministro


potr autorizzare i>nprese di assicurazione

Su

intervenire

potranno

quindici giorni
degli interessati.

cura

Senza

Art. 2.

manze

che

dei titoli dovranno

ca d'Italia entro

L'offerta dovr essere

talia,

variazioni

propriet

ogni pubblico

I'esistenza del erediti

qualsiasi

ulliciale

organo

non

potra

VITTORIO E3IANUELE.

giurisdizionale
conoscere

del-

ei titoli all'estero di cui all'art. 3,


n prestare il suo ministero se non in seguito alla presentazione di un certificato della Banca d'Italia che comp1=ovi la
dichiarazione fatta a norma del presente decreto.
La omissione della dichiarazione potr essere regolariz-

3IL'SSOLINI

JUNG

E RANCISCI.

agli effetti del comma precedente, con decreto del 31inistro per le finanze e contro il pagamento di una tassa varia,
bile dal 25 al 40 per cento del valore per il quale la dichiarazione non fu effettuata.

Visto, il Guardosigill: DE FilANCISCI.


Ilegistrato alla Corte dei conti, addi 8 dicembre 1934
MANCINI.
Atti del Governo, registro 354, fuflio 16.

Anno Ill!

zata

REGIO DECRETO-LEGGE 8 dicembre 1934, n. 1943.


Sanzioni per la irregolare tenuta delle contabilit e della
corrispondenza di banche e cambiavalute riferentisi a pagamenti
fuori d'Italia ed al commercio dei cambi.

Art. 5.
le societ e le persone ginridiche di (lualsiasi natura, di nazionalit italiana, aventi
sede nel Regno e nei Possedimenti, dovranno dichiarare alla
Banca d'Italia i titoli esteri ed i titoli italiani emessi all'eLe

banche,

banchieri,

le

da essi posseduti anche se depositati all'estero.


Tale dichiarazione dovr essere fatta entro il 31 dicembre
1931
Anno XTII.

stero

VITTORIO E31ANUELE III

ditte,

PER

GRAZIA DI DIO E PER TOLONT DELLA NAZIONE

RE D'ITALIA

8, n. 2, della legge 31 gennaio 196,


Ritenuta l'urgenza e la necessit di provvedere)
Sentito il Consiglio dei 3Iinistri;
Visto l'art.

n.

100)

8-In-1934 (XIII)

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIK

Sulla proposta del Ministro per le finanze, di concerto


Ministro per la grazia e giustizia ;
Abbiamo decretato e decretiamo:

gol

N. 288

(Sraordinario)

5583

L'Istituto nazionale per i cambi con Festero nel termine


di 10 giorni dalla presentazione della dichiarazione, acquisalvo buon fine, tutti i credti liquidi.
I crediti a vista saranno computati sulla base del corso
ufficiale delle rispettive valute alla Rorsa di Milano se queste vi sono quotate, altrimenti sulla base della parit delle

ster,

articolo unico.

rispettive quotazioni s.ulle


Le

irregolarit

spondenza

riscontrate nella contabilit

di banche

nella corri-

cambiavalute riferentesi ad affari

re_

ogni

che possa servire a pagamenti fuori


nella
nonch
tenuta del registro per operazioni red'Italia,
lative al commercio dei cambi da parte di chiuque vi sia
lativi ad

mezzo

ammende che il Ministro per


le finanze ha facolt di stabilire da lire 200 a lire 10.000,
per ciascuna irregolarit.
Qualora si tratti di societA o enti, le sanzioni saranno applicabili anche al presidente, all'amministratore delegato
ed ai sindaci, nonch ai funzionari ed agli impiegati che con

obbligato,

saranno

punite

con

la loro azione personale abbiano concorso alle irregolarit.


Qualora i trasgressori siano ditte o privati, le sanzioni
di cui sopra saranno applicabili ai titolari, agli interessati
direttamente
no

concorso

Il

presente

all'operazione, nonch agli impiegati


alle irregolarit.
decreto entrer in

vigore

il

che abbia-

stesso della

giorno

pubblicazione nella azzetta Ufficiale del Regno.


Il Ministro proponente autorizato a presentare il rela-

sua

tivo

disegno di legge.

Oidiniamo che il presente decreto, monito del sigillo dello


Stato, sia inseito nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regn 4'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo

Dato

di farlo osservare.
a

Roma,

addl 8 dicembre 1934

--

UNG

--

Anno Xill

l'estero,

di cui

disponibilit di fondi lignidi o crediti


gli interessati possano successiv.mente

uire in possesso per

qualsiasi

alve-

titolo.

Art. 2.
di assicurazione e quelle dei ,trasporti marittenute a trasmettere alla Banca d'Italia le distinte dei loro crediti e debiti verso l'estero.
Esse potranno avanzare richiesta alla Ranca d'Italia per
mantenere conti in valute ester.e indicando la misura che
esse considerano strettamente necessaria pel normale eserciLe
tinti

imprese

sono

zio della loro attivit.


Alla fine di ognit trimestre le dette imprese trasmetteranno alla Banca d'Italia un estratto della loro contabilit da
cui risulti lo stato delle loro disponibilit alFestero con _la
dimostrazione degli aumenti e delle diminuzioni in esse avvenutif durante il trimestre, e con l'indicazione particolareggiata delle singole ope1azioni che a tali aumenti e diminu
zioni hanno dato

luogo.

Le persone di cui all'art. 3 del R. decreto-legge 8 dicembre 1930XIII, n. 1942, sono tenute a presentare, enti'o i termini prescritti, alla Banca d'Italia, in dpline esemplare,
una dichiarazione in cui sfano specificati i loro crediti alI'estero. Nella dichiarazione, da firmarsil in calce dagli interessati, dovr essere specificato il cognome, il nome, e do-

micilio del dichiarante e per ciascun credito l'importo in


valuta, l'indicazione se a vista o a termine ed in tal caso
la scadenza, nonch il nome e indirizzo della Ranca o del
corrispondente presso il quale esiste il credito. Prima della

8 dicembre 1934.

DECRRTO MINISTERIALE

tende esteso alle

Art. 3.

E RANCISCI.

.V1sto, il Guardastgilli: DE FRANCISCI.


Registrato alla Corte det conti, add 8 dicembre 1934
MANCINI.
Atti del Governo, registro 354, foglio 17,
I

L'obbligo della notifica alla Danea d'Italia per l'eventuale


cessione all'Istituto nazionale per i cambi con l'estero si in-

Anno XIII

VITTORIO EMANUELE.
MUSSOLINI

Borse estere.
Per i crediiti commerciali a scadenza, gli acquisti saranno
effettuati alle condizioni del mercato a termine della giornata per ciascuna valuta.

integrative e regolamentari per l'applicazione del


R. accreto=legge 8 dicembre 1934-XIII, n. 1942 sulla cessione delle

firma dovr essere

specificato quanto

segue:

Norme

divise

la dichiarazione del possesso di titoli emessi all'estero.

IL lINISTRO PER LE FINANZE

Visto il A. decreto-legge 8 dicembre 1934-XIII,

n.

1942;

Il sottoscritto dichiara di non


l'estero oltre quelli sopra indicati

possedere

altri crediti a'l-

Le persone di cui all'art. 3 nonch le societ, ditte e le


persone giuridiche di cui all'art. 5 del R. decreto-legge 8 dicembre 1934-XIII, n. 1942, sono tenute a presentare entro
lo stesso termine, alla Ranca d'Italia, in duplice esemplare,

dichiarazione in cui siano specificati gli estremi e le caratteristiche dei titoli esteri o italiani emessil all'estero di
loro propriet o da esse posseduti. Nella dichiarazione da
firmarsi in calce dagli interessati, dovr essere specificato
una

Decreta

Art.

1.

Le societ, le ditte e le persone giuridiche di cui all'art. 1


del R, decreto-legge dell'8 dicembre 1934-XIII, n. 1942, debbono,_ entro il termine fissato, presentare alla Banca d'Italia in duplice esemplare una distinta dei loro crediti nei
confronti dell'estero, indicando per ognuno di essi l'ente o

il corrispondente

debitore

le condizioni di

I creditil debbono emere ripartiti per Paesi

il cognome, nome e domicilio del dichiarante, ed eleneati i


titoli divisi per gruppi di uno stesso titolo, indicando per
ciascuno il quantitativo, la categoria, la denominazione, la
valuta, il valore nominale e il nome, cognome e indirizto
del

esigibilit.
e

per valute.

depositario.

Prima della firma dovr

essere

ri

specificato quanto

segne:

altri titoli este-

possedere
n Il sottoscritto dichiara di
indicati
o italiani emessi all'estero oltre quelli sopra
non

8-111-1934 (XITI)

5584

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

288 (Straordinario)

N.

contravvenga a tale impegno


oitre che incorrere nelle sanzioni di cui all'art. 14 sar oh-

Un esemplare di ciascuna dichiarazione sar trattenuto


dalkt Danca d'Italia e l'altro sar restituito agli interes-

entro il termine indicato ed ove

sati debitamente vistato.

bligato

Dovranno essere fatte con modalit analoghe le dichiarazioni relative alle variazioni intervenute nella propriet o
nel possesso di crediti o titoli ai termini degli articoli 3 e 5
del R: decreto-legge 8 discembre 1934-XIII, n. 192.

divise

Roma,

add S dicembre 1931

consegnare all'Istituto dei cambi con l'estero le


al valore della merce nod rientPRR R

corrispondenti

Italia.
i

Art. 4.

Chinnque

Anno XTIT.
Il JIireistro:

Juxo.

(10402)

intende

esportare in conto deposito o per la


merci, che non siano deperibili,

ven-

deve
assumere impegno nei confronti dell'Istituto nazionale per i
cambi con l'estero di effettuare nel giorno della vendita anche
parziale della merce la cessione delle divise, dei crediti, e di
dita

in

commissione

che possa servire a pagamenti fuori d'Italia coral ricavo netto delle merci vendute.
Tale ricavo netto dovr essere adeguatamente documentato
e, tenuto conto delle spese e delle condizioni del rispettivo
traffico di esportazione, dovr corrispondere ni prezzi vigenti

ogni mezzo
rispondenti

DECRETO MINISTETIIALE 8 dicembre 1931.

Obbligatoriet della cessione dei mezzi di pagamento derivaati da esportazione e norme per il commercio di ogni mezzo
che possa servire a pagamenti all'estero.

giorno della vendita, per merci della stessa natura


gnalit.
L'impegno di eni sopra sar preso per i3 tramite della

in Italia il
e

Tlanca d'Italia

IL MINISTRO PEli LE FINANZE

l'art. 10
Visto il R.

29 settembre

decreto-legge

1931,

n.

nella

1207;

di

dovr

quale

una

indicati il

saranno

notario, la descrizione
ed il prezzo di essa al

Decreta:

di merci dal Regno subordinata all'obblicessione


all'Istituto nazionale per i cambi con l'ego della
stero delle divise, dei crediti, e di ogni mezzo che possa servire a pagamenti fuori d'Italia corrispondenti al prezzo delle

L'esportazione

qualitativa
giorno della

tramite della Banca d'Italia

domicilio del desti-

quantitativa
spedizione.

della

merce

presentato alle Dogane del Regno all'atto della dichiarazione di cui alPart. 5 della legge doganale.
Art. 5.

delle

banche di cui all'art. 10.


La cessione di cui sopra dovr essere accompagnata dalla
copia della fattura munita, a prova della sua antenticit e
della firma dell'esportatore.
Le dilazioni accordate per il pagamento della merce esportota non potranno in nessun caso superare i termini consuetudinari in rapporto alla natura della merce stessa.

sincerit,

Art.

essere

merci esportate.

pel

nome

La fattura proforma sara a prova della sua sincerit ed


antenticit munita della firma dell'esportatore.
Tl benestare per l'esportazione rilasciato dalla Banen d'Italia o da una <1elle banche autorizzate di eni all'art. 10 dovrA

Art. 1.

La cessione si attua

delle banche autorizzate di cui alda fattura proforma

accompagnato

essere

intende

Chinnque
merci

deperibili

pagamenti

in via definitiva, di merci dall'Italia tenuto


della dichiaraa presentare alle Dogane del Regno all'atto
zione di eni all'art. 5 della legge doganale il benestare alche gli verr rilasciato dalla Ranca d'Italia

l'esportazione

da una delle banche autorizzate di cui all'art. 10 contro


la cessione di cui all'art. 1.
o

impegno

fuori d'Italia

corrispondenti

merci vendute. Tale ricavo netto dovr

nei confronti dell'I-

al ricavo netto delle


essere

adeguatamente

doenmentato.
d'Italia

L'esportatore,

per la vendita in commissione

assumere

stituto nazionale per i cambi con l'estero di effettuare nel


giorno della vendita anche parziale della merce la cessione
della divisa, dei crediti e di ogni mezzo che possa servire a

L'impegno

2.

esportare

deve

dovrA

di

essere

saranno

di eni sopra sar preso pel tramite della Banca


delle banche autorizzate di cui all'art. 10 e
accompagnato da fattura proforma nella gnale

una

indicati il

nome

descrizione qualitativa
di essa al giorno della

il domicilio del destinntario, la

quantitativa
spedizione.

della

merce

ed il prerzo

La fattura proforma sar a prova della sua sincerit ed


antenticitA munita della firma dell'esportatore.
Il benestare per l'esportazione rilasciato dalla Banca d'Ita
lin o da una delle banche autorizzate di cui all'art. 10 dovrA

Art. 3.

essere

L'esportatore in via temporanea di merci dall'Ttalia tepresentare all'atto della dichiarazione di cui all'art. 5
della legge doganale il benestare all'esportazione che gli verr rilaseinto dalla Banca d'Italia contro presentazione di una
fattura proforma nella quale siano indicati 11 destinatario
della merce, la descrizione qualitativa e quantitativa della
merce da esportare, il motivo della temporanea esportazione
e la data alla quale la merce rientrer in Italia.
T,a fattura proforma sar munita, a prova della sua antenticit e sincerit della firma delPesportatore.
T?esportatore in via temporanea dovr impegnarsi nei con-

presentato alle Dogane del Regno alPatto della di-

chiarazione di eni alPart. 5 della

legge doganale.

nnto a

fronti delhi Ranea d'Ttalia

fare rientrare la

merce

in Italia

'Art. 6.
Presso ogni filiale della Banca d'Italia sita in capornogo
di provincia costituito un comitatp di revisione dei prezzi
dichiarati per le merci esportate. Esso composto dal direttore della Ranca d'Italia o da un suo delegato fisso, dal direttore dell'Ufficio provinciale delPeconomia corporativa o da
suo delegato fisso, da nn utliciale della Regia guardia di
finanza. Potranno essere chiamati a partecipare alla verifica
dei prezzi di clasenna categoria di merci, esperti del rispetun

8-tr-1931 (XIII)

corporativa

su

prorichiesta del direttore


Il commercio di

della filiale della Banca d'Italia.


Per i ricavi netti, delle merci
vendita in commissione

deperibili esportate per la


essere interpellato l'Istituto

potr

Presso il Ministero delle finanze costituito un comitato


del
centrale di.revisione dei prezzi composto da due delegati
delle
Ministero delle finanze, da un delegato del Ministero
Banca d'ltalia. Esso
corporazioni e da un delegato della
l'azione e le ricoordinare
sorvegliare
e
avr per compito. di

levazioni dei singoli comitati

provinciali.

ogni

mezzo

pagamenti

della Banca d'Italia il Ilinistro per le finanze


e con le eventuali limitazioni specificate in
ciascun decreto potr autorizzare altre banche a fungere,
ai soli fini suindicati, da agenzie della Banca d'Italia, sotto

proposta

il controllo della stessa.


Il Ministro per le finanze,

giudizio insindacabile,

in

propri decreti, potr,


qualunque tempo revocare le
con

a suo

auto.

rizzazioni date.
Alt. 11.

non sia in grado di attuare


divisa
di cui all'art. 1, di pren
altrimenti la cessione della

di residenza

ragioni

suoi decreti

con

Art. 7.
Chi per

che possa servire

d'Italia sar esercitato dalPIstituto nazionale per i


cambi con Festero per mezzo dcIla Banca d'Italia.
fuori

Su

nazionale per l'esportazione.

5585

(Straordinario)

288

Art. 10.

designati dal Consiglio

tivo ramo di. attivit economica


vinciale dell'econoinia

N.

GAZZETTA UFFICIALE D2L REGNO D'ITALIA

richiedere altrimenti l'impegno di cui agli articoli 4 e 5 e di


ulki
il benestare per l'esportazione potr rivolgersi
di
cui
alautorizzate
Banca d'Italia o ad una delle banche
identifistato
deve
del
quale
essere
Part. 10 con telegramma
dell'articolo 28 delle
cato il firmatario secondo le norme
Istruzioni sul servizio dei telegrammit, ovvero con telegramda trasmettersi giusta l'articolo 41
con firma

dere

La Banca

d'Italia,

con

le modalit

le limitazioni

speci-

ciascuna autorizzazione, potr au,torizzare sirigoli


cambiavalute ad esercitare, sotto il suo controllo, il comdi monete
mercio di biglietti di Stato e di banca esteri e
cate

in

estere.
La Banca d'Italia
autorizzazioni date.

potr

in

qualunque tempo

revocare le

legalizzata

ma

Art. 12.

delle predette istruzioni.

tratti di
telegramma dovr essere specificato, ove si
domicilio
ed
il
del
compratore,
il
nome
esportazione a fermo,
merce ed il
la descrizione qulitativa e quantitativa della
deposito o per la
prezzo, ed ove si tratti di esportazione.in
Nel

vendita in commissione il nome e domicilio del destinatario,


ed il
la descrizione qualitativa e quantitativa della merce,
JeI
di
spedizione.
giorno
prezzo
cui
La Banca d'Italia o quella delle banche autorizzate di
col suo. tesi
sarA
rivolto
all'art. 10 alla quale l'esportatore
dovr, entro 48 ore dalla ricezione del telegramma

legramma
stesso, dichiarare telegraficamente

pu

essere

rilasciato

se

il benestare richiesto

o no.

di cui
In caso allermativo il benestare per l'esportazione
d'Italia
dalla
Banca
agli articoli 2, 4 e .5 sar rilasciato
banche autorizzate di cui all'art. 10 con
o da una delle
del capo dell'IJilicio centrale della lofirma
con
telegramma

calit, mediante

la formula

Autenticata d'uflicio

cui

ai

articoli

precedenti
Stati

non

si

sono in

applicano
vigore ac-

quali
alle esportazioni
cordi di compensazione (clearings). Per tali esportazioni
di legge che
continuano ad essere applicate le disposizioni
accordi.
detti
dei
ciascuno
verso

con

del compratore e specificando


stesse.
la natura e le condizioni delle operazioni
esteso agli espor.
del
detto
registro
tenuta
L'obbligo della
annotarvi le rispettatori ed agli importatori che dovranno

di importazione e le
operazioni di esportazione e
mezzi che possono
dei
corrispettivi
sioni e gli acquisti
d'Italia.
fuori
a
vire
pagamenti
tive

Art. 9.

i cambiavalute di cui alLe banche di cui all'art. 10 ed


da
quelle riferentisi ad aldistinte
tenere
dovranno
I'art. 11
riguardanti gli
tri affari la contabilit e la corrispondenza
servire
a pagamenti
che
possa
affari relativi ad ogni mezzo

fuori d'Italia.
Art. 11.

nyenti fuori d'Italia.


tratte sulPestero, dei biglietti
L'acquisto delle divise, delle
utilizzazione
di ogni altro mezla
di Stato e di banca esteri,

servire a pagamenti fuori d'Italia la realizzazo che possa


dei titoli stranieri ed italiani emessi alPestero
all'estero
zione
cedole relative spetter esclusivamente al
e Pineasso delle
di titoli esteri o italiani emessi alPestero
effettuata senza il benestare dell'Istituto nanon pu essere
zionale per i cainbi con Pestero.

pregiudizio

Senza

delle maggiori pene portate dalle leggi

II. decreto legge


della sanzione di cui alPart. 3 del
alle disposicontravventori
ai
n.
1207,
29 settembre 1931,
.inflitte dal Ministro per
zioni del presente decreto saranno
che non pole finanze, con propri decreti, pene pecuniarie
alPammontare oggetto
in
misura
superiore
tranno essere

comunt
i cambi con
riservato al solo Istituto nazionale per
servike
a pagache
mezzo
possa
l'estero il commercio di ogni

L'esportazione

ser-

Art. 13.

regolano

medesimo Istituto.

ces-

Art. 8.
Le norme di

10 ed i cambiaLe banche autorizzate di cui alParticolo


un apposito registro per le opetenere
a
valute sono obbligati
alle discirazioni relative al commercio dei cambi soggetto
all'art. 23 del Codice di commercio.
di
cui
pline
distintamente in orIn questo registro saranno indicate
che di vendita
di
sia
acquisto
le
operazioni
dine di data tutte
e la residenza del venditoie
nazionalit
la
il
indicando
nome,
oltre la qualitA delle valute

della contravvenzione.
Le stesse sanzionimono

applileabili agli gyportatori

che ah-

in.
biano fatto ai sensi del presente decreto, dichiarazioni
complete, inesatte o false.
fiAnche in questi casi sar stabilita dal Ministero delle
in misura non supeallo
Stato
da
la
somma
pagare
nanze
riore alPammontare oggetto della contravvenzione o della
dichiarazione inesatta

falsa.

8-In-1981 (XIII)

5586

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA'

si tratti di societ, o enti, le sanzioni saranno


applicabili anche al presidente, alPamministratore delegato
ai sindaci, nonch aii funzionari o agli impiegati che con

Qualcra

la loro azione
ovvero

guisa,
fura.

personale

abbiano reso

Autorizzazione
Banca d'Italia.

talune banche

Visto il decreto MinisterinIe in data dell'8 dicembre 1934

l'estero ;
Su proposta della Banca

seguenti

Istituti:

Banco di

Il

Napoli,
Sicilia,

Banca Commerciale
Credito Italiano,
Ranco di

Italiana,

Roma,

autorizzati fino al 15 marzo 1935-XIII, a fungere da


della stessa,
Agenzie della Ranca d'Italia, sotto il controllo
ai fini contemplati nel decreto su menzionato.
sono

Roma, addl

Anno XIII

d'Italia;

Determina:

Ranco di

presente decreto, che sar comunicato alla Corte dei


conti per la registrazione, entrer in vigore il giorno stesso
della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Regno
per quanto concerne le disposizioni degli articoli 9, 10, 11,
12, 13 e 14, e nel terzo giorno dalla pubblicazione stessa
per quanto riguarda le disposizioni di cui agli articoli dal-

8 dicembre 1934

Anno XIII
Il

Il 3/inistro: JUxo.

(10404)

(10403)

MUGNOZZA

GIESEPPE,

SANTI RAFFtELE,

direllove.

Rema

--

XIII, che stabilisce Pobbligo della cessione dei mezdi


di pagamento derivanti da esportazioni e detta norme per il
commercio di ogni mezzo che, possa servire a pagamenti alAnno

Art. 15.

add S dicembre 1984

fungere da agenzie della

IL MINISTRO PER LE FINANZE

decreto.

Roma,

possibile l'operazione

trasgressori siano ditte o pri;vati, le sanzioni di


cui sopra saranno applicabili distintamente ai titolar, agli
interessati direttamente all'operazione, nonch agli impiegati che abbiano agito nel modo di cui al precedente comma.
Alle sanzioni di cui al presente articolo sono soggetti anche tutti coloro che sotto qualsiasi forma ed a qualsiasi titolo intervengono alle operazioni non consentite dal presente

P1 all'8.

N. 288 (Straordinario)

DECRETO MINISTEILIALE 8 dicembre 1934.

abbiano reso possibile la presentazione di essa in


da ostacolare l'accertamento della sua ellettiva na-

Qualora

Istituto PoFarafico dello Stato

G. C.

gererite.

Alinistro:

.Teso,

La Libreria dello Stato ha posto in


vendita un fascicolo contenente i provvedimenti pubblicati nella presente
"

Gazzetta

duli

tipo

ed il fac-simile dei mo.


occorrenti per le relative
,,

operaziom.

registri previsti nel decreto mini-

steriale per le banche e i cambiavalute autorizzati al commercio dei cam-

quelli per gli esportatori e


gli importatori sono in vendita presso
bi nonch

corrispondenti della
Libreria dello Stato e presso gli uffici
postali. Questi registri sono di due
specie, uno da cinque fogli ed uno
da venticinque fogli. Gli interessati
tutte

le Librerie

possono anche richiederli direttamente

alla Libreria dello Stato Roma, Piazza


Verdi, Istituto Poligrafico che li spedir in assegno.

ELENCO DELLE LIBRERIE CONCESSIONARIE


La

Gazzetta

"

Ugiciale ,, e tutte le altre pubblicazioni dello Stato sono in vendita presso la LIBRERIA
STATO nel MINISTERO DELLE FINANZE, Via XX Settembre, ROMA,
Telefono 481-381

DELLO

CONCESSIONARI
Libreria
301.

Agrigento:
ma

n.

Alessandria:
Ancona:

Milano:
via

Vitellaro,

Arezzo:

Pellegrini A., via Cavour

Santini
nuele n. 59.

Giuseppe Pansini & F.,


nuele nn. 100-102.

Russo

15.
Vitt.

Ema.

Silvio.

Benevento: Tomaselli
Bengasi:

n.

Corso

E., Corso Garibaldi

n.

219.

Francesco.

Brescia: Castoldi E., Largo Zanardelli.


Cagliari: Libreria
Karalis .. F.lli Giuseppe
Mario Dessi, Corso Vittorio Emanuele n, 2.
.

Caltanissetta: Carlo Giannone.


Campobasso: Colanieri Giov.,
Caserta: F. Croce e F.

Casa

del Libro

1:

n.

Libreria artistica industriale Alfonso Balto.


Viale Maino.
Modena: G T. Vincenzi & N,, Portico del Col
legio.
Napoli: Libreria Internazionale Treves di Leo
Lupi, via Honia nn. 249.250;
Raffaele Majolo & F.. via T. Carasita n. 30;
A. Vallardi, via Roula n. 37;
Soc. Ed. Dante Alighieri, via Vittorio Einanue.
le Orlando
Novara:

Bergamo: Libreria Moderna Alberto Cunico, via


XX Settembre, 46.
Bologna: Cappelli L., via Farini n. 6.
Societ anonima Nicola Zanichelli.

'l'reves
Fratelli
Editori, Galleria
Vite
torio Emanitele nn. 64-66-63;
Societ
Editrice Internazionale,
piazza del
Duomo n. 16:
A. Vallardi, via Stelvio n. 2;
Luigi di Giacoino Pirola, via Cavallotti n. 16;
S. A. Mondadori. Galleria Vitt. Ernan. n 79;
Soe Ed.
Dante Alighieri, via Tommaso Salvini

Figli. Corso Vittorio Ema-

Bari:

Benetta

30.

n.

Maurizio Brivio.

Aquila:

Belluno:

Ro-

Boffi Angelo. Piazzetta della Lega.

fogola Giuseppe, Corso V. Eman.

G. Brivio di

Aosta:

ORDINARI

Francesco

presso le seguenti LIBRERIE:

Catania: Libr. Intern. Giannotta Nicol. via Lincoln n 271-275.


Societ Editrice Internazionale, via Vittorio
Emanuele n. 135.

Perugia: N. imonelli.
Piacenza: A. Del-Maino,

Catanzaro:

Pola:

Chieti:

Scaglione Vito,

Piccirilli F.,

Como:

Xaui

5.

Cremona: Libreria F. Apollonio, piazza Roma, 17.


Cuneo: Libr. Ed. Salomone Gius., via Roma n. 68.
Enna:

G.

Ferrara:
Pace
Firenre:
lo

n.

B.

G.
n.

Ditta
7.

F.

Bianchini,

Bemporad

&

F.,

Forli:

Minerva

via

piazza

Proconso-

via

Libreria Internazionale Treves, di


via Tornabuoni, 17.

Foggia: Pilone

C.

Caldini,

XXI

Ottobre.

Genova: Libreria Internazionale Treves di R.


Fontana & C., piazza Fontane Harose;
Societ Editrice Internazionale, via Petrarca
22-24-r.
nn.
Gorizia: G. Paternoli, Corso G. Verdi

Imperia:

Signorelli

n.

37,

Oneglia: Cavillotti
Lecce: A. Marzullo.

N.B.

IL

n.

28.

17.

n.

deo

Ronvicini,

Moneta.

via

Corso

F.

19.

Crispi.

Principe

U. Trani, via Cavana n. 2.


via Maria Vittoria, 18.
via Garibaldi n. 57.

CONCESSIONARI

ALL'ESTERO.

Budapest: Libreria Eggenberger Karoly, Kossuta


L. U. 2.
Buenos Ayres: Italianissima Libreria
Mele, via
Lavalle n. 538.
Lugan0: Alfredo Arnold. Rue Luvini Perseghini.
New York: Libreria Italiano
Publishees, 135 Zleecker Street.
Parigir Societ Anon. Libreria Italiana, Rue du
4 Septembre, 24.
CONCESSIONARI

Ame.

42.

n.

via

via

Dante

n.

Rio de
n.

39.

Cavallotti n.

3.

Taranto: llag. L. De-Pace, via d'Aquino


Terni: Stabilitnento Alteracca.

n.

Riccardo

Riccaldoni, San Juan, 738.


Janeiro: Riccardo Ricaldoni, Rua San Pe-

dro, 43.
Sig.

Vienna:

9.

49.

RAPPRESENTANTI.
Buenos Avres:

Libro, via Maestranza

ALL'INGROSSO.

Messaggerie Italiane:
Roma: piazza SS. Apostoli,

9.

Siena: S. Bernardino, via Cavour

Spezia: A. Zacutti.

G.

F. Apollonio.
Cremona: Soc. Poligrafica Salvati.
Foligno: Poligrafica F. Salvati.
Mantova: Ditta F. Apollonio.
Milano: Ulrico Hoepli, Galleria
De-Cristoforis;
Ed. Politecnica di C. Tamburini, via Pascoli. 64.
Pinerolo: Rag. P. Taio. successore Chiantone Masea relli.
PiFa: Antica Libreria Giannellt succ. Pietro Pacchini;
Libreria Editrice Vallerini
Reggio Ca abria: Libreria dott. Diego quattrone,
Corso Garibaldi n. 190.
Roma: Biblioteca d Arte, dott. M. Ilecchi,
piasRicci;
za
Dot. G. Bardi, piazza Madama n. 19-20;
Mantegazza, via IV Novembre n. 145.
I.ibreria Max Bretscherieider, via Cassiodoro,

55.

Vittorio
n.

SPECIAL1.

Ditta

Rosemberg-Sellier,
Viareggio: Busi Matrara,

Rovigo: Ignazio Ferrari.


Salerno: N. Saracino. Corso Umberto I an. 13-14.
Sassari: G. Ledda, forso Vittorio Emanuele n. 14.
Savona:

CONCESSIONARI
Brescia:

Torino:

Libreria Internazionale Treves di Ulrico


Hoepli, Galleria Colonna:
A. Rignorelli. L'orso Umberto n. 260;
Maglione. Via Due Macelli n. 88;
Staniveria lleale. vicolo del Moretto n. 6;
A. Vallardi, Corso Vittorio Emanuele n. 35;
Soc.
Ed. Dante Alighieri, via Vittoria Colonna:
Libreria Nationale di Marcoaldi via Nazio.
n.

Remigio Cabianca, via Mazzini n. 42,


Vicenza: G Galla, via Cesare Battisti n. 2.
Viterbo: Frafelh Buffetti.
Zaral E. De Schnfeld, piazza Plebiscito.

n.

Tomassetti.

A.

veronal

Trieste: G.

D'Angelo.

Luigi

Sondrio: E. Zarubehi,

Livorno: S. Beltorte & Comp.


Luoca: Libreria Arturo Croccolo, via Vittorio
Veneto.
Mantova: Libreria Adamo Di Pellegrini, Corso
Umberto I n. 21.
Matera: Libreria Francesco Pizzilli.
Messina r G. Principato, v.le S. Martino n. 141-143;
V. Ferrara, viale S. Martino n. 45;
G. D'Anna, viale 8. Martino.

--

Emilia:

Siracusa: Casa del

F.

Benedusi S.

Imperia

Reggio

nale

M., Piazza Lanza, 44.

G. Archetti, Corso Vittorio Emanuele, 12.

Grosseto:

Romagnosi.

Roma:

&

Fiume: Libr. pop.

Reggio Calabria:
Rieti:

Buscemi.
Lungbini
31.

via

Fogola, Corso Vitt. Emanuele

Smareglia, Piazza Fora


Potenza: Gerardo Marcliesiello.
Ravenna: E. I.avagna & F.

Corso Marruccino.

Cesare, Viale Lecco,

L.

L. Cappelli, Corso Vittorio Ernan, n.


12;
Libreria
Internaziouale Treves, di Eugenio
Borsetti, Corso Vittorio Emanuele n. 27.
Tripoli: Libr. 31inerva di Cacopardo Fortunato,
Corso Vittorio Emanuele.
Udine: A. Benedetti, via Paolo Sarpi n. 41.
Varese: Maj Malnati, via Rossini n. 18.
Venezia: Umb. Sormani. S. Marco. Merceria S.
Zulian 739.
Veroeili: Bernardo Cornale.

55.

n.

R.

Guaglio. forso Umberto I n. 26;


Istituto Geografico De-Agostini.
Nuoro: G. Malgaroli.
Padova: Libreria Internazionale Treves di Gia.
notti & Witting:
A
Draghi. Via Cavour n. 9;
Riccardo Zannoni. Corso del Popolo n. 4.
Palermo: Libreria Internazionale Treves di G. Arceri & C.. via Maqueda:
F. Ciuni, piazza Giuseppe Verdi n. 463.
Parma: Finecadori della Societa 14dtrice Intern.
via del Duomo nn. 20-26.
Pavia: Amilcare terri Succ. Marelli

Pisa:

Trieste:

Edoard

Ari, Capistraugasse, 2.

Rappresentante per la Liguria


Genovat Arturo Villata.

104.

Piemonte:

Rappresentanza speclafe per readfie rateall

Torino: F. Casanova & C., piazza Carignano:


Soc Editr. Internazionale, via Garibaldi n.
20;
Libreria Internazionale Treves, di M. De Stefano via S. Teresa n. 6:
Lattes & C.. Via Garibaldi n. 3.
Trapani: Giarrizzo Giuseppe, via Garibaldi, 97.
Trento: M. 1)isertori, via S. Pietro n. 6.
Treviso: Lougo & Zoppelli.

per PitaHa e Coloale :


Libreria Internazionale di vendite rateali
Ditta Sperling e Kupfer, via Carducci, 16, Hi.
lano,

Concessionarla per le rendite presso le Edicole delle Stazioni Ferroviarle del Regne
e presso la LIhrerls ItaHana di Tunist :
8.

A. F. (Servisi Accessori Ferroviari), Milano,


piazza Aspromonte, n. 17.

Novembre 1934-XIII.
--

Le commissioni per

l'acquisto

pagnia Italiana Turismo, Sede Centrale

delle

pubblicazioni umciali dello Stato vengono

di Roma

Piazza Esedra

n.

68,

accettate anche dalla Com-

dai suoi Umci in Italia ed all'Estero,