Sei sulla pagina 1di 33

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Diocesi

Cesena

13

Gioved 28 aprile 2016

Gioved
28 aprile 2016
anno XLIX (nuova serie)

numero 17
euro 1,30

17

Cesena

12

Diocesi

Festa del lavoro


ai Magazzini
generali di Cesena

Al cinema Eliseo
con il Corriere
Cesenate

Gioco dazzardo
La citt dice
di nuovo no

Congresso
Eucaristico
Un po di storia

abato 30 aprile alle 16 il


tradizionale appuntaSmento
dedicato a Eucari-

rimo appuntamento luned 2 maggio alle 20,30


P
con il film Come saltano

l quartiere Oltresavio
venerd 29 aprile alle
A
20,30 fiaccolata e testimo-

un grande evento
per la Chiesa locale (dal
S22 ar
al 29 maggio). In un

stia e lavoro. Crescere nella carit

i pesci. In pagina il coupon-sconto

nianze. E uno slotmob a


Spiaggia 23 il 7 maggio

percorso di avvicinamento, tutti i precedenti

Editoriale
La morte non ha colore

GIORNALI CATTOLICI A CONFRONTO al Technogym Village di Cesena

di Francesco Zanotti

o letto con attenzione i quotidiani locali


del 26 aprile. Ho cercato nelle cronache
relative alle celebrazioni della giornata
che ricorda la Liberazione una citazione che mi
pare di non avere trovato. Ho sfogliato e
risfogliato. Ho anche sperato di scovare tracce
di un episodio che non fa onore alla nostra
citt. Ho capito ancora una volta, dopo i diversi
tentativi fatti negli anni da queste colonne, che
non si riesce a ricordare tutti i morti di una
stagione difficile da metabolizzare, analizzare e
ricordare.
Intendiamoci bene: nessuno desidera sminuire
ci che accadde durante i giorni e i mesi
delloccupazione tedesca. E anche quello che i
partigiani e coloro che ad essi si affiancarono
fecero per liberare la Romagna e lItalia
dallinvasione tedesca. Ci non toglie,
comunque, che a distanza di tanti anni non si
possa fare menzione pubblica di chi fu ucciso
senza apparente motivo e in circostanze
ancora tutte da chiarire.
Spero che qualche lettore abbia compreso a
quale episodio mi riferisco. Da tempo lo
riprendo. Da anni ne chiedo un ricordo, una
memoria, anche e soprattutto per i parenti ai
quali viene escluso questo gesto pubblico. Non
si possono catalogare le morti in base al colore.
Lo abbiamo scritto, detto e lo ripetiamo. I
morti ammazzati nelle prigioni della Rocca
nella notte fra l8 e il 9 maggio 1945 sono un
buco nero nella nostra memoria collettiva. Un
vuoto che va colmato per giustizia e a futura
memoria.
Non se ne pu parlare, continua a dirmi un
amico che non riesce a darsi pace per questa
ingiusta discriminazione. Niente di niente,
nessuna novit. Zero assoluto. Se ne parlava
anche pochi giorni fa tra noi, in famiglia, vista
la data del 25 aprile. Se torni in argomento,
direttore, ti ringrazio. E certo che ci torno. La
citt di Cesena pare avere deciso per loblio,
scrissi nel maggio di sei anni fa, dopo
lennesimo tentativo e la richiesta di
uniscrizione, una targa per ricordare alle
future generazioni che lodio non porta da
nessuna parte e che nessun uomo pu
uccidere un suo simile, proprio come avvenne
in quella strage rimasta senza traccia.
Se non siamo in grado di ricordare, come
possiamo educare, educarci e domandare ai
giovani di fare memoria? Questa la vera
domanda. Davanti a un continente che
costruisce muri e alza reticolati, noi che ci
dividiamo nel ricordo dei morti cosa possiamo
replicare? Come possiamo chiedere ad altri di
non fare distinzioni se nei nostri cuori
cataloghiamo le persone in base alle
appartenenze? Le domande restano tutte
aperte, con il loro carico di dolore e di
divisione. giunto il tempo di superare queste
barriere.

Con coraggio
oltre gli ostacoli

FOTO ARCHIVIO SIR

Ogni giorno come se fosse il primo. Ed necessario non dimenticare le proprie origini.
Cos Francesco Zanotti, presidente della Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) e
direttore del Corriere Cesenate, in apertura del Consiglio nazionale straordinario della
Federazione che si tenuto a Cesena gioved 21 aprile.
Costruiamo la nostra identit anche attraverso i media. necessario che i giornalisti siano
dotati di etica professionale, abbiano rispetto dellopinione altrui e operino alla ricerca della
verit, ha ribadito Massimiliano Padula, presidente Aiart (associazione italiana ascoltatori
radio e televisione). Grande stimolo arrivato dal direttore dellagenzia Sir (Servizio
dinformazione religiosa) Domenico Delle Foglie: La dimensione di prossimit data dai
settimanali cattolici ci rende vincenti anche sul nazionale. Nessuno meglio di noi pu
raccontare i territori.
Primo piano a pagina 5

Cesena

12

Passive house
La casa dei sogni
alla Fiorita

Spettacoli

Solidariet

Sempre
nasce una nuova
associazione

19 Gambettola

X Victor
Compagnie locali
a San Vittore

18

Protezione civile
Il gruppo
operativo

16

Opinioni

Gioved 28 aprile 2016

Un brivido per tutti. Ragazzi ed educatori


azzi
g
a
r
i
e
d
o
e
l
i
Giub
PAPA FRANCESCO HA CELEBRATO LA MESSA IN OCCASIONE
DEL GIUBILEO DEI RAGAZZI (VATICANO, 24 APRILE 2016)
FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

i vorr del tempo per capire, bene, cosa successo a Roma attraverso il
Giubileo dei Ragazzi. Come per tutte le cose grandi. Perch lesperienza
stata s pensata e costruita, ma come spesso accade quando in gioco
ci sono le giovani generazioni, le sorprese fanno parte dei consuntivi.
I giorni a disposizione non erano molti e non erano certo come quelli delle
Gmg: estivi e lontani da impegni scolastici. I ragazzi, questa volta, hanno
lasciato il loro quotidiano e hanno sfruttato lunico ponte dellanno, vivendo
unesperienza che li ha assorbiti completamente per tre giorni.
Si voleva che i ragazzi fossero immersi in unesperienza composita, fatta di
momenti diversi. Il Giubileo dei ragazzi stato anzitutto un progetto educativo

Un Papa che ascolta e va incontro. Una volta di pi, Francesco


stato un grande protagonista di ci che accaduto nei giorni tra
sabato 23 e luned 25 aprile. Non perch ha portato l'attenzione
su di s, ma esattamente per la ragione opposta: perch andato
ripetutamente incontro ai ragazzi. Sono tornati a casa
cambiati, ne sono sicuro. Vorrei sperare che i loro educatori
siano arrivati a casa con loro portando la convinzione che, se ne
abbiamo voglia, questi ragazzi possiamo incontrarli ancora

Accade a Roma

La fotografia

Quel sacerdote inginocchiato


accanto al mendicante
sempre una prima volta per ciascuno di noi.
E inevitabilmente ti resta scolpita nella mente
e nel cuore. Sul momento, ti sorprendi. Magari
ti giri a guardare mentre prosegui sui tuoi
passi, ma distogli lo sguardo per pudore. Quasi che il tuo
scrutare possa contaminare la realt che sotto i tuoi
occhi. Poi ti ritorna alla mente e allora le domande
sgorgano spontanee. Prima su tutte: perch non riesci a
cancellare il ricordo? Dov il gancio con il tuo mondo di
dentro che ti costringe a ripensare a quellimmagine? A
chiederti se valga persino la pena di provare a scriverne,
perch non resti solo tua
Proviamo a raccontare, ben consapevoli che le nostre
parole non riusciranno a fotografare quanto abbiamo
visto, ma speriamo che almeno riescano a evocare una
suggestione. A qualche centinaio di metri dalla
redazione da cui scriviamo, c una fermata della Metro
di Roma. Da qualche settimana, appoggiato con la
schiena alla parete sporchissima e con le gambe stese sul
selciato, c un uomo in l con gli anni. Dal colore scuro
e olivastro della pelle potrebbe essere un rom, di sicuro
un uomo dellEst Europa. Ma non possiamo giurarlo. I
suoi vestiti sono laceri e ha i piedi foderati con delle
buste di plastica. Il cappello scuro di paglia gli conferisce
una certa dignit. Non tende la mano, ha un piccolo
cartello bianco con la scritta Ho bisogno di aiuto per
curarmi. Ha una profonda piaga sulla gamba destra che
giorno per giorno abbiamo visto aprirsi, emettere un
liquido e poi richiudersi. Per diversi giorni gli siamo
passati accanto, avvertendo anche un certo fastidio.
Quella ferita non curata ci metteva in imbarazzo, ci
faceva paura. E automaticamente distoglievamo lo
sguardo.
Ma ecco la sorpresa: accanto al solito mendicante oggi
c un giovane uomo vestito tutto di nero.
E inginocchiato accanto a lui e non si cura dei pantaloni
che possono sporcarsi sul selciato lurido. Pu avere fra i
20 e i 30 anni. Ha i capelli castani e un bel sorriso. Forse
un giovane sacerdote straniero, di origine ispanica. Ce ne

Papa Francesco ha visitato a sorpresa il Villaggio per la terra (Roma, 24 aprile)


(foto Siciliani-Gennari/Sir)
sono tanti in questa zona di Roma a ridosso del Vaticano. Qui ci sono molti
collegi dove studiano i giovani sacerdoti provenienti da tutto il mondo. Il
sacerdote gli parla nella sua lingua ispanica e laltro gli risponde nella sua
lingua slava. Non riusciamo a spiegarci come facciano a intendersi. Certo che
il mendicante a un certo punto fa un gesto che non lascia dubbi: volge le sue
mani al cielo. Un gesto universale dei credenti che si affidano alla volont di
Dio. E Lui che decide per noi, sia fatta la sua volont.
Tutto si consuma nello spazio di un fotogramma. Quanto basta per ricordare
Francesco quando si piega a lavare e baciare i piedi degli ultimi e dei diseredati
e quando ci invita a guardare negli occhi i poveri e a toccarli.
Dobbiamo essere grati a Francesco, ma anche a quel giovane sacerdote di cui
non sapremo mai il nome.
Almeno lui ha preso molto sul serio linvito del Papa e non si fatto troppe
domande. Ch a pensar troppo, si fa tacere il cuore.
Domenico Delle Foglie

che iniziava a casa con gli incontri di


preparazione.
A Roma era importante che vivessero
la dimensione giubilare di gesti
antichi: la preghiera, la confessione, il
passaggio della Porta Santa.
E che tutto questo fosse
accompagnato da momenti di
riflessione con le catechesi sulle opere
di misericordia: sette tende in sette
piazze perch Roma potesse
raccontare non soltanto la sua storia e
le sue bellezze artistiche, ma perch si
trasformasse anche in un racconto dei
gesti di carit. La festa (dimensione
importantissima nella vita dei ragazzi)
ha avuto due parti: la prima (il sabato
sera) dedicata alle voci del mondo,
quelle voci che i ragazzi ascoltano
quotidianamente e che hanno cos
voglia di incontrare. La seconda (la
domenica mattina) attraverso la
Messa presieduta da papa Francesco.
Una volta di pi, proprio il Papa
stato un grande protagonista di ci
che accaduto. Non perch ha
portato lattenzione su di s, ma
esattamente per la ragione opposta:
perch andato ripetutamente
incontro ai ragazzi.
Tutti ormai hanno negli occhi la scena
del Papa che li confessa in piazza San
Pietro, ma anche il messaggio
mandato allo stadio Olimpico stato
straordinario. Per non parlare
dellomelia della Messa di domenica
mattina.
Mi pare che questo Giubileo abbia
consegnato delle belle provocazioni
agli educatori.
Questa la vera novit da raccogliere:
un Papa che ascolta e consiglia, che
invita alla festa senza demonizzare il
mondo e la cultura contemporanea,
che invita i ragazzi a non aver paura
delle cadute e a stare in piedi, a testa
alta.
Un brivido percorreva tutti mentre il
Papa pronunciava queste parole al
termine della Messa di domenica 24 e
i ragazzi hanno applaudito convinti.
Ma io, insieme a tutti gli altri
educatori, mi sono sentito provocato.
Perch non lo so se siamo davvero
capaci di lasciarci provocare da questi
ragazzi come ha fatto papa Francesco.
Non lo so se ce la facciamo a lasciare
che i pensieri e le parole di questi
ragazzi si trasformino nella capacit di
cambiare il cuore, di avere fiducia
nella vita e nelle persone, nella
creativit di trovare pazienza e
linguaggi per annunciare ancora e
bene il Vangelo.
I ragazzi sono tornati a casa cambiati,
ne sono sicuro. Vorrei sperare che i
loro educatori siano arrivati a casa
con loro portando la convinzione che,
se ne abbiamo voglia, questi ragazzi
possiamo incontrarli ancora.
Michele Falabretti

Primo piano

elle intenzioni voleva


essere una scossa. E forse
una scossa lo stato
davvero il consiglio
nazionale straordinario convocato
a Cesena, nella sede della
Technogym, gioved della scorsa
settimana. Un centinaio le
presenze da tutta Italia, anche
dalla Sicilia e dalla Sardegna, per
ragionare assieme sul futuro
delleditoria e in particolare dei
giornali aderenti alla Fisc, la
Federazione italiana settimanali
cattolici che conta 192 aderenti.
Per un giorno Cesena stata la
capitale del giornalismo, vista anche
la contemporanea presenza
dellOrdine nazionale che ha portato
in citt oltre 700 tra studenti e
docenti in rappresentanza di una
sessantina di istituti da tutta la
penisola per la giornata finale del
Concorso Fare il giornale nelle
scuole cui hanno partecipato 500
sedi, dalle elementari ai licei.
Ma torniamo alla giornata
organizzata dalla Fisc. Se Nerio
Alessandri, ci si detti, dal garage di
casa riuscito a diventare leader

Gioved 28 aprile 2016

GIORNALI CATTOLICI: LA FISC NEL 50ESIMO LAVORA PER AFFRONTARE IL FUTURO


Ripartire sempre, ogni giorno daccapo
Con lentusiasmo dei padri fondatori
assoluto del suo settore e ha fatto
nascere una nuova filosofia di
vita, il wellness, perch anche noi
non possiamo uscire dalla crisi che
attanaglia la carta stampata? Allora
mettiamoci in discussione e
cerchiamo di trovare, magari
assieme, delle soluzioni da mettere
in campo.
E esattamente quanto ha
auspicato don Ivan Maffeis, il
portavoce della Conferenza
episcopale italiana, nonch
sottosegretario e direttore
dellUfficio per le comunicazioni
sociali. Mettiamoci attorno a un
tavolo e ragioniamo assieme. Un
invito suonato come un appello a
unire le forze perch la Chiesa
rischia lafonia senza i suoi mass
media e anche senza i giornali

delle Diocesi.
Franco, schietto e molto serrato il
confronto tra direttori e
amministratori, senza nascondersi
nulla, animato solo dal desiderio di
poter trovare qualche via duscita,

anche dopo le
provocazioni di
Massimiliano
Padula e di
Riccardo
Bonacina di cui
scriviamo in
pagina. Ma la
scossa, come
accennavo,
arrivata dal village
della Technogym.
Unopera che
stupisce e incanta
chi la vede per la
prima volta, soprattutto chi si
avvicina senza pregiudizi, animato
dalla volont di apprendere, di
confrontarsi, di ripartire ogni
giorno daccapo.
Questo era lintento, questo

quanto si realizzato, visti anche i


commenti giunti nei giorni
successivi. Confrontarsi sempre
con chi sa pi di te - si legge nel
libro di Nerio Alessandri Nati per
muoverci in cui racconta la sua
storia e quella dellazienda da lui
fondata - scomodo, vero,
perch devi uscire dal tuo
seminato e darti da fare, ma solo
cos migliori, cerchi di costruirti le
opportunit anzich subire gli
eventi. Un modo di porsi davanti
alla realt da cui c solo da
imparare, proprio come hanno
fatto i direttori e gli amministratori
dei giornali Fisc, per un giorno in
fabbrica, a rimettere mano alle
ragioni di una presenza che ha solo
bisogno di trovare nuove strade e
nuovi stimoli per affrontare le tante
sfide del momento. Un cammino
iniziato che va portato avanti, con
limmutato entusiasmo dei nostri
padri fondatori di cinquantanni fa.
Francesco Zanotti

VOCI DEL TERRITORIO.La Federazione italiana settimanali cattolici ha tenuto a Cesena


un Consiglio straordinario aperto ai direttori e agli amministratori dei periodici diocesani.
Al Technogym Village un centinaio di presenze per unintensa giornata di confronto

Editoriaalbivio:culturadigitale,umanitdigitale

ets move for a better


world, muoviti per
un mondo migliore.
lo slogan Technogym,
lazienda cesenate leader nel
mondo delle soluzioni Fitness e
Wellness. Ha ospitato, gioved 21
aprile, il consiglio nazionale
straordinario della Fisc, la
Federazione Italiana Settimanali
Cattolici, che riunisce 190 periodici
diocesani per una tiratura di un
milione di copie circa ogni sette
giorni. Un motto che potrebbe
essere declinato anche nel mondo
delleditoria, anche quella
cattolica, attraversato da una serie
di cambiamenti epocali e dunque
di sfide da cogliere e di nuovi
ambienti da abitare. Scrivere,
raccontare, ascoltare, dar voce a
chi non ce lha, per un mondo
migliore. Che un po la mission
dei comunicatori cattolici,
linformazione a servizio della
chiesa e della gente, per dirla con
uno slogan caro al mondo Fisc.
Una mission inscindibile dal
territorio, luogo privilegiato dei
settimanali diocesani, radicati in
un ambiente ben preciso. Ha
aperto i lavori Francesco Zanotti,
presidente della Fisc e direttore del
Corriere Cesenate che, partendo
dal libro di Nerio Alessandri,
patron di Technogym, ha fatto
suoi alcuni insegnamenti utili
anche agli operatori della
comunicazione. Le idee vincenti
nascono dalle difficolt. Quando
una cosa ha successo gi
obsoleta. Non dimenticare le
proprie origini, da dove si partiti.
Ogni giorno come se fosse il
primo. Forte senso di
responsabilit, che per noi
significa ricordare che ogni parola
pu uccidere. Curare i particolari,
quindi fare un giornale senza
errori, farlo in maniera ottimale.
Nel corso della giornata circa 100
giornalisti tra consiglieri Fisc,
direttori dei settimanali,
amministratori e collaboratori si
sono confrontati sulle tematiche
inerenti il futuro della stampa
cattolica tra crisi e nuove
opportunit. Tanti gli spunti e le
proposte emerse, anche in seguito
alle provocazioni offerte dai
relatori.

DIRETTORI, AMMINISTRATORI E REDATTORI DEI SETTIMANALI CATTOLICI


AL CONSIGLIO STRAORDINARIO
DELLA FISC CHE SI SVOLTO AL TECHNOGYM VILLAGE, A CESENA, GIOVED 21 APRILE (FOTO ARMUZZI)

Una realt editoriale


deve essere indipendente:
le parole di Riccardo
Bonaccina, direttore e
presidente del mensile
Vita nato per volere
di associazioni non profit
Massimiliano Padula,
presidente Aiart (Associazione
italiana ascoltatori radio e
televisione) e docente
allUniversit Lateranense, ha
interrogato la platea: Quale
futuro per i nostri giornali
quando uno youtuber o un
account Twitter possono fare
informazione e opinione in
modo pi incisivo di noi, e
quando la variabile temporale
tutta sbilanciata sul presente?.
Tutti, sembrerebbe dire il
professore, si trovano in
qualche modo toccati dai
media. Con la cultura digitale
lumanit tutta diventa mediale.
Costruiamo la nostra identit
anche attraverso i media,
dunque si afferma il concetto di
umanit mediale cio linsieme
di uomini che a un certo punto
si trovano a coesistere coi i
media. In una realt dove
luomo il medium e dove la
proiezione sul minuto o sul
secondo ha ancora senso

parlare dei nostri settimanali a


patto che questi intercettino le
conseguenze inattese che
possono minare la stabilit del
settimanale stesso, ristabilendo
un legame forte con gli
elementi di identit, spazio e
tempo. Una chiave
leducazione, la formazione.
Se i media siamo noi - ha
concluso Padula - necessario
condurre il giornalista a una
presa di coscienza delle proprie
capacit superiori adottando
comportamenti essenziali quali
letica professionale, la libert
di opinione, la ricerca della
verit.
Un modo innovativo di fare
impresa editoriale. il mensile
Vita, di cui ha parlato Riccardo
Bonacina che ne anche
presidente e direttore. Si tratta
di unavventura editoriale
particolare perch nasce da una
spinta arrivata dal basso, da
alcune associazioni non profit e
dal loro desiderio di avere un
giornale e quindi di creare
cultura. Il mensile ha un
comitato editoriale, organismo
vivo e stimolo per tante
battaglie. Le annate che hanno
segnato il passo sono due: il
2000 quando stato chiesto alle
associazioni del Comitato
editoriale di entrare
nellazionariato, un apporto
non pi solo di idee ma anche
di capitale, e il 2010 quando
Vita stata quotata in Borsa,
perch avevamo bisogno di
risorse. Non era scontato che la
Borsa quotasse una societ che
non distribuiva dividendi. Una

scelta dettata dal fatto che


volevamo crescere. Potevamo
andare dalle banche a reperire i
fondi, ma lidea non ci piaceva
perch volevamo rimanere
indipendenti. Una societ
editoriale deve essere
indipendente e senza scopo di
lucro. Una realt multimediale
ben presente anche sul web, oltre
al giornale cartaceo, e dove il 30
per cento del fatturato viene fatto
attraverso lorganizzazione di
eventi.
Una concreta sollecitazione
arrivata da don Ivan Maffeis,
direttore dellUfficio nazionale per
le Comunicazioni sociali e
sottosegretario della Cei che ha
lanciato la proposta di sederci
insieme per provare a elaborare
qualche proposta. Questo un
tempo povero di idee - ha detto -.
Proviamo a trovarci e diamo voce a
quello che abbiamo dentro,
interroghiamoci su un futuro che
gi qui. Portiamo sul tavolo dei
nostri vescovi delle proposte
chiare. Facendo capire che
tagliando sulla comunicazione si
corre il rischio di diventare afoni.
Un impegno intercettato anche da
diversi giornalisti che ne hanno
subito appoggiato la bont tra cui
anche il direttore dellagenzia Sir,
Domenico Delle Foglie che ha
sottolineato la necessit di
sinergie e sussidiariet. La
dimensione di prossimit data dai
settimanali diocesani - ha
continuato - ci rende vincenti
anche sul nazionale. Nessuno
meglio di noi pu raccontare i
territori. La dimensione di
comunit sociale pu essere una

chiave per aggregare consensi


nuovi.
Sul tema dell8x1000 si
soffermato Matteo Calabresi,
direttore del Servizio per la
promozione del sostegno
economico alla Chiesa che non
ha risparmiato una tirata di
orecchie al mondo dei
settimanali cattolici.
Il sostegno all8x1000 deve
essere riconfermato ogni anno.
Non pi una firma di
appartenenza, ma di giudizio
verso la Chiesa cattolica, ha
detto Calabresi che poi ha
sottolineato un aspetto
importante: Nel 2016 sui fondi
bisogna essere trasparenti. La
gente vuole sapere le cifre. I
bilanci devono essere
comunicati, non solo
pubblicati. Non basta pi usare
i fondi dell8x1000 a fin di bene,
ma necessario utilizzarli con
trasparenza. Questi sono
diventati un vero e proprio
ammortizzatore sociale. Ecco
perch il calo che si registrato
non preoccupante in s, ma
preoccupante il disinteresse
che vi regna intorno. Per
esempio, il concorso 8x1000
senza frontiere che premia il
miglior articolo sulle opere
territoriali nate proprio da quei
fondi, poco partecipato dai
settimanali cattolici. Come
Chiesa dovremmo fare tutti rete
ed essere pi consapevoli
dellimportanza di questi fondi.
Si tratta di migliaia di interventi
della Chiesa che va incontro ai
bisogni della gente.
Michela Mosconi

Vita della Diocesi

Gioved 28 aprile 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Consiglio pastorale diocesano


Al Monte, domenica 8 maggio alle 15
Il Consiglio pastorale diocesano convocato in seduta
ordinaria per ascoltare e accogliere dal vescovo Douglas le
linee per lanno pastorale 2016-2017 e gli indirizzi per il
prossimo quadriennio. Aggiornamenti anche sul Congresso
eucaristico che si svolger in Diocesi dal 22 al 29 maggio e
la Festa della Famiglia diocesana. Appuntamento per
domenica 8 maggio alle 15 al monastero di Santa Maria del
Monte, a Cesena, in occasione del 30esimo anniversario
della visita di papa Giovanni Paolo II.

Amare il Signore significa vivere il Vangelo


Domenica 1 maggio (Anno C)
VI Domenica di Pasqua
At 15,1-2.22-29; Sal 66; Ap 21,10-14.22-23;
Gv 14,23-29

Preghiera per le vocazioni sacerdotali


Sabato 30 aprile pellegrinaggio dal Duomo al Monte
Promosso dallUfficio diocesano vocazioni, si terr sabato
30 aprile (come ogni ultimo sabato del mese) il
pellegrinaggio a piedi dalla Cattedrale di Cesena alla
Basilica del Monte.
Il pellegrinaggio, guidato dal vescovo Douglas, sar
occasione di preghiera per le vocazioni e per i sacerdoti.
Alle 6,30 partenza dalla Cattedrale, cammino verso la
Basilica del Monte e recita del Rosario.
Alle 7,30 Messa.

Cresima degli adulti, inizia una catechesi


Presso le opere parrocchiali del Duomo. Inizio a maggio
Nel mese di maggio inizia un nuovo corso di catechesi in
preparazione alla Cresima degli adulti.
Il corso sar tenuto da don Giordano Amati e si svolger
presso le opere parrocchiali della Cattedrale di Cesena
(ingresso piazzetta don Ravaglia, accanto alla chiesa dei
Servi), dalle 16 alle 17, con il seguente calendario: 7, 14,
21 e 28 maggio; 4 e 11 giugno.
La Cresima sar conferita dal vescovo Douglas domenica
19 giugno alle 18.
Per info e iscrizioni al corso, rivolgersi a don Giordano
Amati (339 4228650).

IL GIORNO
DEL
SIGNORE

ella sesta domenica di Pasqua la liturgia ci


propone il brano del Vangelo secondo
Giovanni che conclude, nellultima cena,
il primo discorso di Ges sullamore. Si sta
avvicinando sempre pi il momento del distacco
e il Signore lascia ai discepoli il suo testamento
spirituale. Indica loro ci che devono fare in
attesa del suo ritorno. Per questo le sue parole
non sono rivolte solo ai dodici, ma anche a noi e
ai discepoli di tutti i tempi. Gli aspetti che
risaltano sono tre: linvito a osservare la sua
parola, il dono dello Spirito Santo e la promessa
della pace. Amare il Signore significa osservare la
sua parola, custodirla, metterla in pratica, cio
vivere il Vangelo. Lamore verso Ges non un
sentimento, unemozione o in primo luogo
compiere gesti di carit e recitare preghiere, ma
un lasciarsi amare e accogliere il suo amore. la
risposta al dono dellamore, col quale Dio ci
viene incontro (Benedetto XVI, Deus Caritas Est
1). Noi siamo quindi capaci di amare e osservare
la sua parola se riconosciamo che per primi
siamo stati gratuitamente amati. La parola che
il discepolo osserva pu essere compresa
pienamente e resa sempre attuale e salvifica solo
grazie allintervento del Paraclito, lo Spirito
Santo.
Fra i segni della presenza dello Spirito Santo,
cio dellAmore di Dio in mezzo a noi, il brano
evangelico ci ricorda il dono della pace. La pace

di cui parla Ges diversa dalla pace


del mondo perch prima di tutto un
dono di Dio poi anche un compito
delluomo. Non consiste nellassenza di
guerre e conflitti, ma in una pace
interiore, del cuore, della persona con
se stessa e con Dio. La pace di Cristo
nasce dalla fede in Dio che ci ama e
dalla certezza che Egli ha in pugno la
nostra vita e la storia. Papa Francesco, il
20 maggio 2014 nella Meditazione
mattutina nella cappella della Casa
Santa Marta, aveva affermato che la
pace che ci lascia Ges: una persona,
lo Spirito Santo e quando lo Spirito
Santo nel nostro cuore, nessuno pu
togliere la pace. una pace definitiva!.
Il nostro compito, allora, sar di
custodire e testimoniare questa pace.
Il Vangelo di questa domenica ci aiuta a
scoprire la figura di Maria, nel primo
giorno del mese di maggio a Lei
dedicato. Le espressioni rivolte da Ges
ai discepoli si possono applicare al
massimo grado proprio a Lei: la prima e
perfetta discepola. Maria ha osservato
per prima e pienamente la parola del
suo Figlio, dimostrando cos di amarlo
non solo come madre, ma prima
ancora come ancella umile e
obbediente; per questo Dio Padre lha
amata e in Lei ha preso dimora la
Santissima Trinit. (Benedetto XVI,
Regina Caeli, domenica 9 maggio 2010).
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned 2 maggio
santAtanasio
At 16,11-15, sal 149;
Gv 15,26-16,4a
marted 3
santi Filippo
e Giacomo
1Cor 15,1-8a;
Sal 18; Gv 14,6-14
mercoled 4
santAda
At 17,15.22-18,1;
Sal 148;
Gv 16,12-15
gioved 5
san Pellegrino
At 18,1-8;
Sal 97;
Gv 16,16-20
venerd 6
san Domenico Savio
At 18,9-18;
Sal 46; Gv 16,20-23a
sabato 7
santa Flavia
At 18,23-28;
Sal 46;
Gv 16,23b-28

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della
Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
SantEgidio, San Bartolo
20.00 San Giovanni Bono,
San Pio X, Ponte Pietra,
Torre del Moro, Gattolino,
Tipano
20.30 Villachiaviche

Sabato
e vigilie
15.00 Cappella cimitero Cesena,
Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Cappella
ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano,
San Paolo,
Madonna delle Rose,
Villachiaviche, San Rocco,
Case Finali, Diegaro,
Torre del Moro, Borello,
San Mauro in Valle,
San Giorgio, San Vittore
18.30 Convento Cappuccini,
San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Osservanza
19.30 Bulgarn
20.00 Bulgaria, Tipano
Ruffio, Pioppa,

Pievesestina,
Ponte Pietra,
Gattolino, Ronta
20.30 San Pio X, Calisese,
San Giovanni Bono

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
8.45 San Martino in Fiume
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria,
San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
SantEgidio,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,

11.10
11.15
11.30

12.30
15.00
17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

Osservanza,
San Domenico, Santo
Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio, San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in
Valle, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Rocco,
Istituto Lugaresi,
San Pietro, San Pio X,
Case Finali, Santa Maria
della Speranza
Torre del Moro (in inglese,
comunit nigeriani)
Cappella del cimitero
Cappella dellospedale
Bufalini
Cattedrale,
San Domenico
San Pietro, Cappuccini
Osservanza, Villachiaviche
San Bartolo

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,

10,30 (19 sabato)


Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina;
16,30 San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti,
Boschetto;
20 Sala;
20,30 San Giacomo
Festivi:8 San Giacomo, Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
8,30 Sala; 9 Cappuccini;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,15 Cannucceto;
10 Villalta, Villamarina;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
17,30 Cappuccini;
18 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10 / 11,15 / 18.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11 / 18
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;

18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10

Bacciolino: 9,30
Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).

Montiano
ore 20 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 19 (sabato), 10,30

Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16; Alfero: 17
(sab.); 11,15; Pereto: 10;
Riofreddo: 10;

Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 16 del 21 aprile 2016: 7.989 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di marted 26 aprile 2016

Vita della Diocesi


FOTO PG MARINI

Cori, dalle parrocchie


alla Basilica del Monte
on il mese di maggio - mese tradizionalmente
CSantuario
dedicato alla preghiera alla Madonna - riprende, al
della Madonna del Monte, a Cesena, la
partecipazione di cori parrocchiali (e non solo) che
andranno ad animare le celebrazioni liturgiche di ogni
domenica alle 11.
Il coro che per primo canter al Monte, domenica 1
maggio alle 11, il Vox animae di San Vittore di

Cesena, guidato da Antonella Casalboni. Domenica 8


maggio i coristi dellAlio Modo Canticum, diretti dal
maestro Adamo Scala, saranno i protagonisti
dellanimazione musicale al Monte; domenica 15
maggio (Pentecoste) saranno i canti gregoriani della
corale La Gregoriana, diretta da Pia Zanca, a risuonare
nella Basilica giubilare. Il 22 maggio sar presente la
corale del Santuario di Longiano diretta da fra Mirko
Montaguti e il 29 maggio quella di San Carlo di Cesena.
Domenica 5 giugno saranno le voci del coro Cai di
Cesena ad animare la celebrazione eucaristica delle 11.
E altre corali proseguiranno nelle domeniche
successive.

La Festa del lavoro promossa dalla Diocesi si terr sabato 30 aprile alle 16. Il vescovo Douglas presieder la
Messa presso la Mwm Montalti Worldwide Moving (gli storici Magazzini Generali), in via Cavalcavia a Cesena
LINGRESSO
DELLA MWM MONTALTI WORLDWIDE MOVING
DI CESENA.

Gioved 28 aprile 2016

Sabato 30 aprile
Gmg a Cracovia, in Seminario
incontro dei referenti
Diocesi romagnole
abato 30 aprile si
terr in Seminario a
S
Cesena un incontro con
tutti i responsabili
degli Uffici di Pastorale
giovanile delle Diocesi
romagnole che,
insieme, stanno
organizzando il viaggio alla Gmg 2016 a Cracovia,
in Polonia, a ne luglio. A questo incontro
parteciperanno anche i capi gruppo delle diocesi
romagnole (Ravenna, Forl-Bertinoro, FaenzaModigliana, Rimini, San Marino-Montefeltro,
Imola).
Appuntamento alle 9 presso il Seminario di Cesena
con lincontro con don Michele Falabretti,
responsabile nazionale del Servizio di pastorale
giovanile, sul senso e lesperienza della Gmg.
A seguire informazioni tecniche e logistiche sul
programma e sulla partecipazione alla GMG.
Alle 12,30 pranzo insieme.

In breve
Corso di formazione
per educatori Centri estivi

Eucaristia e lavoro, crescere nella carit


L

a nostra Diocesi invita tutti,


sabato 30 aprile, alla festa del
lavoro presso lAzienda MWM
Montalti Worldwide Moving di via
Cavalcavia, a Cesena. unoccasione
di incontro rivolta ai lavoratori, alle
istituzioni e ai rappresentanti delle
categorie produttive, affinch la
liturgia testimoni il comune intento di
operare per il bene del nostro
territorio.
Il titolo scelto questanno, Eucarestia
e lavoro: crescere nella carit, ci porta
concretamente a riflettere sul percorso
caritativo che il nostro vescovo ha
proposto per lanno pastorale: A
partire dalla celebrazione eucaristica,
centro e fulcro della vita di ogni
comunit ecclesiale, alcune forme di
povert devono ricevere unattenzione
speciale....
Sono ancora tante le persone in Italia
che mancano della dignit del lavoro e
per questo la Chiesa sente il bisogno
di spezzare il pane, perch nella
condivisione pu farsi voce delle
attese dei disoccupati e di chi sta
perdendo il lavoro, attraverso ascolto,
misericordia e cura. Oggi pi che mai
c quindi bisogno di educare al lavoro

per una riscoperta delle relazioni


fondamentali delluomo valida per
tutti: da chi cerca il lavoro, da chi
guarda in modo stanco alla propria
professione o da chi dirige le imprese
con metodi esclusivamente
utilitaristici. Deve partire da noi un
vero impegno per il lavoro, fatto di
esperienze e alleanze con le diverse
forze sociali del territorio.
Lelaborazione di percorsi educativi
per le giovani generazioni passa per

Ai Magazzini Generali
Eucaristia e lavoro. Crescere nella carit
il titolo della Festa diocesana per il lavoro
che sar celebrata sabato 30 aprile alle 16
presso la Mwm Montalti Worldwide Moving
di Cesena (gli storici Magazzini Generali), in
via Cavalcavia 157. La Messa sar presieduta
dal vescovo Douglas. A seguire, Adorazione
eucaristica e conclusioni con un buffet. Il
tradizionale appuntamento con la Festa del
lavoro promosso dalla Commissione Gaudiut et Spes per i problemi sociali, il lavoro,
la giustizia, la pace, la salvaguardia del
Creato.

un rinnovato rapporto tra scuola e


lavoro, per il rafforzamento di
strumenti di contrasto alla povert e
per un sistema produttivo capace di
liberare innovazione. Nel lavoro si
mettono in gioco molte dimensioni
della vita: la creativit, la proiezione
nel futuro, lo sviluppo delle capacit,
lesercizio dei valori, la comunicazione
con gli altri, un atteggiamento di
adorazione (Laudato si n. 127).
Dopo la celebrazione eucaristica di
sabato prossimo avremo anche questo
dono: poter sostare in adorazione, che
significa imparare a stare con Lui, a
fermarci a dialogare con Lui, sentendo
che la sua presenza la pi vera, la pi
buona, la pi importante di tutte.
.Adorare il Signore vuol dire dare a
Lui il posto che deve avere; adorare il
Signore vuol dire affermare, credere,
non per semplicemente a parole, che
Lui solo guida veramente la nostra
vita... (papa Francesco, 14 aprile
2013). Dalla condivisione fraterna
possono nascere segni di speranza,
per superare una cultura dello scarto e
ricominciare a camminare alla ricerca
del bene comune.
William Casanova

MWM - Montalti Worldwide Moving


La nostra azienda esiste fin dal 1967, quando il nonno Carlo pens di acquistare lattuale
area per costruire i Magazzini Generali di Cesena a servizio dellallora zuccherificio di
Cesena. Successivamente la gestione del babbo Luigi fu particolarmente illuminata dotando la struttura di autorizzazioni che hanno permesso a noi, terza generazione, nel
corso di questi ultimi anni di innovare completamente il nostro lavoro. Ora siamo una casa
di spedizione internazionale specializzata nellaccompagnare le merci dei clienti che si occupano di import export. Forniamo una vera e propria consulenza di supporto allinternazionalizzazione del cliente: Importazioni ed Esportazioni corredate delle apposite I FRATELLI MICHELE E MASSIMILIANO
certificazioni specifiche per ogni paese, trasporti via mare, gomma, aereo, magazzini do- MONTALTI, TITOLARI DELLA STORICA
ganali, deposito Iva, deposito Fiscale Accise, logistica alimentare e non a temperatura con- AZIENDA MWM (MAGAZZINI GENERALI
CESENA)
trollata e non. Alla luce di questi cambiamenti, al fine di dare unimmagine aggiornata e
corrispondente con i nostri servizi, alla fine del 2015 abbiamo deciso di cambiare la nostra ragione sociale.
Questo cammino stato inevitabilmente legato allacquisizione di numerose certificazioni a supporto della nostra attivit: AEO
FULL, UVAC, Biologico, ISO 9001.
Oggi siamo ancora convinti che si possa fare unattivit di valore in Italia, anche nel mondo dei servizi.
Mettiamo al centro del nostro lavoro le persone e il rispetto per esse, anche inteso come onest e correttezza. Questo a partire
dai collaboratori, con cui costruiamo un rapporto familiare e aperto fino ad arrivare ai clienti e ai fornitori con cui miriamo a
costruire un rapporto win-win che sia premiante per entrambi.
Siamo convinti che sia proprio questo tipo di atteggiamento accompagnato da tanta attenzione verso i cambiamenti che il
mondo continuamente subisce, che porter lazienda a innovarsi e a portare un valore anche per le generazioni future a partire
dai nostri figli.

Tutti al Centro 2016. Ritornano gli


appuntamenti per il corso di formazione per
animatori e coordinatori di centri estivi e di
campi scuola.
Lappuntamento per i luned 2, 9, 16 e 23 di
maggio alle 20,30 in Seminario a Cesena (via
del Seminario, 85).
Il primo luned sar caratterizzato da un
momento di presentazione a cui seguir uno
spettacolo interattivo. Nelle altre tre serate si
lavorer a gruppi. Ci saranno quelli per
coordinatori ed educatori e quattro gruppi per
gli animatori.
Il corso, promosso dalla Pastorale giovanile in
collaborazione con Testa e Croce, si avvarr
delle competenze dei professionisti di Creativ
formazione.
possibile iscriversi individualmente
compilando il modulo on line, disponibile sul
sito www.pg-x.org. I coordinatori potranno
iscrivere un gruppo in maniera collettiva
rivolgendosi al 328 1891770, oppure
scrivendo a corsotuttialcentro@gmail.com.

dal 29 aprile al 14 maggio


Caritas diocesana
Mercatino di solidariet
opo il grande successo delle precedenti
D
edizioni, torna il Mercatino della
solidariet promosso dalla Caritas diocesana
da venerd 29 aprile a sabato14 maggio.
Ancora una volta a tutti va un caloroso invito a
contribuire con qualche acquisto alla buona
riuscita di questa bella e utile iniziativa,
organizzata e gestita dai volontari della
Caritas.
Si potranno acquistare capi di abbigliamento e
accessori uomo-donna al prezzo di 1, 2, 3 e 5
euro.
Il mercatino sar allestito in via Vescovado, 13
(nei locali ex Pierrot) e sar aperto al pubblico
dal luned al sabato (escluso il gioved
pomeriggio) nei seguenti orari: 9-12,30;
15,30-19,30.
Come sempre il ricavato sar utilizzato per i
servizi erogati dal Centro di Ascolto e prima
Accoglienza della Caritas diocesana di via Don
Minzoni, 1. In particolare, si far fronte
allacquisto di articoli per labbigliamento:
scarpe da uomo e biancheria intima per uomo,
donna e bambino.

Gioved 28 aprile 2016

Vita della Diocesi

GIUBILEO DELLA MISERCORDIA. Si svolto luned 25 aprile il pellegrinaggio


diocesano per lAnno Santo straordinario. Vi hanno partecipato oltre 350 fedeli,
tra cui 16 sacerdoti e cinque diaconi. Unitalsi presente al gran completo

Alla scuola del Vangelo, come Maria


P
ubblichiamo ampi stralci
dellomelia pronunciata dal
vescovo Douglas luned 25
aprile nella basilica papale
di Santa Maria Maggiore nel corso
del pellegrinaggio diocesano per
lAnno Santo della Misericordia
svoltosi nello scorso fine settimana
a Roma. Da Cesena-Sarsina hanno
partecipato oltre 350 persone, tra
cui 16 sacerdoti, cinque diaconi,
religiosi e un pullman con volontari
e pellegrini dellUnitalsi.

quarta tappa del nostro


percorso. E qui preghiamo. Non
da soli. Insieme. Come gli
Undici: uniti e perseveranti con
Maria (cfr At 1,14). La bellezza
della preghiera ecclesiale: Ges
aveva detto: ogni volta che due
o tre si accordano per chiedere
qualcosa (cfr Mt 18, 19-20).
Cosa chiedere qui nella casa di
Maria, insieme, visto che la
preghiera comune cos
potente? Quello che pi ci sta a
cuore, quello che oggetto del
nostro assillo, quello che tante
volte non ci fa dormire, quello
che pensiero costante quasi
martellante: la carenza di
sacerdoti e di sacerdoti santi!
(...)

DON FABRIZIO RICCI E ALCUNI DEI GIOVANI


CHE HANNO PARTECIPATO AL PELLEGRINAGGIO DIOCESANO
A ROMA (LUNED 25 APRILE)

on Maria, la Vergine santa,


venerata qui nella basilica di
santa Maria Maggiore come Salus
populi romani, e alla scuola del
Vangelo ascoltato nei brani proposti
da questa liturgia, abbiamo fatto un
percorso in cinque tappe. In ognuna
di esse ora vogliamo raccogliere un
punto-forza della nostra vita
cristiana.
1. BETLEMME: CASA DEL PANE
La prima tappa a Betlemme.
Abbiamo ascoltato il testo
profetico: La vergine
concepir e partorir un
figlio (Is 7, 14). Questo
avverr a Betlemme. E se
consdieriamo che Betlemme
significa casa del pane, il
primo punto d forza
lEucaristia. Lo sottolineo
perch stiamo vivendo un
anno pastorale tutto
incentrato sul grande Misero
della fede. Lo faremo anche a
conclusione dellanno con la
celebrazione del Congresso
Eucaristico Diocesano a cui
vi invito gi da adesso, dal 22
al 29 maggio 2016. Cos il
cristiano senza lEucaristia?
La Chiesa stessa perderebbe senso
se le fosse tolta lEucaristia. bello
riflettere sullEucaristia qui nella
basilica papale di santa Maria
Maggiore dove, secondo la
tradizione, si conserva la
mangiatoia della grotta, dove Maria
depose il Figlio: Lui nella
mangiatoia pane di vita eterna,
pane per la vita del mondo.
2. NAZARETH: IL SILENZIO E LA
VITA NASCOSTA
La seconda tappa labbiamo fatta a
Nazareth. Siamo entrati furtivi e

quasi in punta di piedi in questa


casa di Nazareth avvolta dal
silenzio. A questo luogo forse
pensava il profeta quando
rivolgendosi alla citt di Sion
anticipava il saluto dellangelo a
Maria: Rallegrati, figlia di
Sion(cfr Sof 3,14-18). Maria, a
Nazareth, ha ricevuto
lannuncio della sua maternit
divina. Qui, ha trascorso con
Giuseppe trentanni di vita
nascosta e ha custodito nel
silenzio esteriore e interiore il
Figlio eterno del Padre, colui

che il fine della storia e dei


destini di ogni uomo.
Abbiamo bisogno anche noi di
silenzio. La nostra vita cristiana
ne assetata. Stordita e
frastornata dai rumori del
mondo che lacerano il suo
spirito, violando spesso la sua
intimit, essa ha necessit
urgente di fare silenzio. (...)
3. GERUSALEMME: IL
CALVARIO - LA CROCE
QUOTIDIANA
A Gerusalemme abbiamo

sostato nella terza tappa. Siamo


come saliti anche noi, con Maria e
con Giovanni, sul calvario,
portando la nostra croce. Se
abbiamo qualche volta pregato
perch ci fosse data una tregua alla
fatica di portare la nostra croce o
se per caso abbiamo desiderato
perch ci venisse tolta
completamente dalle spalle,
chiediamo perdono. Perch la
croce connaturale al cammino
del cristiano: non un incidente;
ogni giorno e ognuno deve portare
la sua croce. punto-forza, non
una disgrazia! Vorremmo poter
dire, con san Paolo: ti basta la mia
grazia: nella tua debolezza che si
manifesta la mia potenza (cfr 2Cor
12,9). Maria, vergine addolorata,
facci comprendere e vivere tutto
questo!
4. GERUSALEMME: IL CENACOLO
- LA PREGHIERA ECCLESIALE
Ancora sostiamo a Gerusalemme,
ma scendiamo dalla collina che
appena fuori le mura della citt, ed
entriamo nella casa dove c una
sala coi tappeti (cfr Mc 14,15) al
piano superiore: il cenacolo. la

5. CANA: LA CURA
DELLALTRO
Il richiamo a Cana ci fa
ritornare in Galilea. la quinta
tappa, in un piccolo paese alle
porte di Nazareth. L c anche
Maria. C festa in paese. Si
sposano due giovani. C anche
Ges. Vogliamo esserci anche
noi. E vediamo Maria in una
versione un po nuova. Non pi
chiusa nel suo silenzio interiore
o nella sua intima discrezione,
ma intraprendente, quasi
estroversa. Ella si rivela a noi
come donna attenta e
premurosa; vede profilarsi
allorizzonte un guaio, una
figuraccia da parte della
famiglia degli sposi: non c pi
vino. Lei se ne accorge e si sente
autorizzata a correre ai ripari.
Quando c il bisogno non si
guarda in faccia a nessuno; via
la falsa modestia, via la paura
delle critiche della gente: si va,
si agisce. La carit attenta,
premurosa. Cos ha detto la
settimana scorsa anche
il papa alla Caritas italiana: la
misericordia attenta e
informata (Discorso
alla Caritas italiana,
21 aprile 2016).
Questa mattina abbiamo
accolto la parola di Pietro: Dio
ha cura di te (cfr 1Pt 5, 7) e tu
abbi cura del fratello! Come ha
fatto lei. A Cana.
Douglas Regattieri, vescovo

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

TERRASANTA - Giubileo della Misericordia


(8 giorni, dal 6 al 13 oobre):
In aereo da Bologna: Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, i Santuari del Lago di Tiberiade, Gerico, Betlemme, Gerusalemme con il passaggio della Porta Santa nella Basilica del Getzemani
sul Monte degli Ulivi.
Trasferimen per Bologna, pensione completa, ingressi, accompagnatore e guida
da 1.120 euro

LOURDES: 4 giorni, dal 16 al 19 maggio 2016 - in aereo - con la parrocchia di San Domenico di Cesena
FATIMA e SANTIAGO DE COMPOSTELA

da 540 euro

- 5 giorni, dal 18 al 22 giugno 2016 - Voli e pullman da Rimini: Oporto, Sanago, Coimbra, Fama. Pensione completa da 730 euro

SAN GIOVANNI ROTONDO (programma in preparazione)


- 2 giorni, il 7 e 8 oobre 2016 - Manoppello, Monte SantAngelo e Lanciano

Diocesi

Gioved 28 aprile 2016

CONGRESSO EUCARISTICO DIOCESANO


Cesena, 22-29 maggio

I precedenti a Cesena. Un po di storia

al 22 al 29 maggio prossimo la
nostra Chiesa si appresta a
celebrare il suo 5 Congresso
Eucaristico diocesano. Questo
importante evento ecclesiale particolare
sinserisce in una storia ultrasecolare, che
risente e beneficia dei frutti di
unintuizione originaria (correva lanno
1881 quando in Francia si svolse la prima
assise eucaristica in assoluto) che ha fatto
e continua a fare tanto bene al popolo
cristiano, ancora una volta richiamato
allessenza e al fulcro della sua fede.
Abbiamo appena scoperto - grazie alla
cortesia di don Andrea Foglia, direttore
dellArchivio storico diocesano di
Cremona, cui va il nostro grazie - che
prima del Congresso del 1922, fino ad ora
ritenuto il primo nella nostra diocesi, ne
furono celebrati addirittura due dal
vescovo Giovanni Cazzani (1904-1914): il
1 il 23 aprile 1912, in Seminario, con 87
sacerdoti; intitolato LEucaristia ed il
Sacerdozio, ebbe quali relatori don
Gaspare Brigidi (1865-1932), don Romolo
Abbondanza (1871-1932) e lo stesso
Cazzani. Il 2 si svolse il 3 luglio 1913 a San
Domenico, con 60 preti; tema:
LEucaristia e i giovani; interventi di don
Luigi Ercoli, don Giuseppe Mazzoli (18821943), don Carlo Maria Grilli (1877-1918) e
del vescovo. Gli Atti dei due simposi
eucaristici furono poi stampati: Convegni
Eucaristici della Diocesi di Cesena. I. II. Per
cura della Commissione ordinatrice,
Gatteo, Tipografia dellIstituto Fanciulli
Poveri, 1914, pp. 54; a Cesena, che ne
aveva perduta addirittura la memoria, non
ne resta neppure una copia!
La diocesi solennizz il 3 Congresso il 310 settembre 1922, sotto la guida del
vescovo Fabio Berdini (1915-1926): aperto
dal cardinale Oreste Giorgi, penitenziere
maggiore di Santa Romana Chiesa (19181924), fu chiuso dal cardinale Michele
Lega, prefetto della Congregazione per la
Disciplina dei Sacramenti (1920-1935); vi
intervennero anche Antonio Lega,
arcivescovo metropolita di Ravenna
(1921-1946), e i vescovi di Rimini
(Vincenzo Scozzoli, 1900-1955), Montalto
(Luigi Ferri, 1911-1946), Ruvo e Bitonto
(Placido Ferniani, 1922-1925: faentino,
aveva quale segretario Carlo Bandini,
futuro vescovo di Sarsina). Questo il
bilancio di Berdini: splendida e non mai
vista manifestazione di fede e di piet,
un fatto che ha superato laspettazione,
meravigliose dimostrazioni che per la
loro spontaneit e per il loro fervore
hanno suscitato ammirazione anche nei
non credenti.
Il 4 Congresso Eucaristico si attua nei
giorni 21-28 settembre 1947, guidato dal
vescovo Vincenzo Gili (1946-1954);
preparato da capillari congressini
vicariali, con un fitto programma della
settimana (giornate dedicate a giovent
maschile, donne, ammalati, sacerdoti,
fanciulli e suore), viene aperto da Alberto
Clerici (1946-1968), abate di Santa Maria
del Monte, e chiuso dal cardinale
Giovanni Battista Nasalli Rocca di
Corneliano, arcivescovo di Bologna (19211952); vi partecip una decina di vescovi,
fra cui quelli di Ivrea (Paolo Rostagno,
1939-1959), Rimini (Luigi Santa, 19451953), San Marino-Montefeltro (Vittorio

Tra gli appuntamenti della


settimana, il pellegrinaggio dei
bambini alla Basilica del Monte
(sabato 21 maggio), catechesi
sullEucaristia, ritiro spirituale del
presbiterio con padre Raniero
Cantalamessa (gioved 26
maggio), ritiro spirituale per
religiosi e membri di Vita
consacrata con monsignor
Rodriguez Carballo (sabato 28
maggio), pranzo con i poveri a
SantAgostino di Cesena
(domenica 29 maggio) e nello
stesso giorno lincontro dei giovani
in Cattedrale con il cardinale
Pietro Parolin, segretario
di Stato del Papa.
Per tutta la settimana: mostre
sullEucaristia (nella chiesa
di San Zenone e a Palazzo Ghini);
Reliquia del Miracolo eucarististo
di Bagno di Romagna (in
Cattedrale); Adorazione
eucaristica nella chiesa del
Suffragio (ore 10-18)

De Zanche, 1940-1949). Dal 29 settembre


nella chiesa delle Benedettine inizia,
immediato frutto congressuale, lOpera
dellAdorazione perpetua diurna.
Il 5 lo indice e lo guida (9-16 maggio
1965) il vescovo Augusto Gianfranceschi
(1957-1977), a conclusione di un Anno
eucaristico, con tema: Il Pane della
Famiglia di Dio. A una fitta trama di
congressini di zona (fervide
manifestazioni di fede, feconde di
propositi santi, contributo a un risveglio
di vita eucaristica, se ciascuna parrocchia
li sentir come iniziativa propria e li
preparer convenientemente), congiunta
al vento fresco del concilio ormai
concluso, si aggiunge il grande fervore per
la Messa secondo il novus ordo (operativo
dal 7 marzo), la Messa cum populo:
cristiani nuovi alla Messa nuova
scrive un Gianfranceschi scalpitante e
pieno dentusiasmo apostolico. Preparato
anche da Settimane-Missioni e dalla

peregrinatio del corpo di san Mauro,


lassise si svolge seguendo un fittissimo
programma; da segnalare: apertura con
Giuseppe Olivotti, vescovo ausiliare di
Venezia (1957-1974); Messa
allIppodromo, presieduta da Luigi
Bettazzi, ausiliare di Bologna (il cardinale
Giacomo Lercaro trattenuto a Roma dal
Concilio), 1963-1966, con seimila studenti
delle superiori; tutte le sere un padre parla
alla cittadinanza in piazza della Libert;
un convegno dei sacerdoti con relazione
del vescovo di Montefiascone Luigi
Boccadoro (1951-1986), presidente del
Comitato nazionale dei Congressi
Eucaristici; la chiusura con il cardinale
Giovanni Amleto Cicognani, segretario di
Stato di Sua Santit (1961-1968). Tra i frutti
del Congresso: il 19 settembre il vescovo
posa la prima pietra del monastero delle
Cappuccine, intitolato al Corpus Domini.
Giungiamo cos allultimo celebrato, il 6,
dal 5 al 12 maggio 2002, guidato dal

vescovo Lino Garavaglia (1991-2003) al


termine di un anno dedicato al Mistero
dellEucaristia; indetto con la Lettera La
Cena del Signore, il Congresso ha quale
tema: Eucaristia nel Giorno del Signore.
Aperto dallarcivescovo ungherese Csaba
Ternyk, segretario della Congregazione
per il Clero (1997-2007), e chiuso dal
cardinale Giovanni Battista Re, prefetto
della Congregazione dei Vescovi (20002010), ha pure il cardinale Giacomo Biffi,
arcivescovo di Bologna (1984-2003), fra i
suoi protagonisti. Da segnalare
linaugurazione del Museo della
Cattedrale nella cappella di San Tobia.
In questi novantaquattro anni sono cambiate tante cose (quante davvero!): nella
Chiesa, nella diocesi, nel clero, nelle parrocchie, nei laici, nella vita cristiana delle
nostre comunit; il Concilio ha mezzo secolo; la successione apostolica ha dato al
mondo indimenticabili spettacoli di fede
ed eroismo, fino al momento presente con
il magistero di Francesco. La fede appare
oggi talvolta fragile, stanca o in ritirata.
Eppure la Presenza Eucaristica, immutabile, sta, , agisce e opera. Attende, misericordiosa, il nostro s: per offrirsi, ancora
una volta, carnalmente, alla nostra mendicante pochezza; per saziare, Lei sola, una
fame che il mondo accende ma non sa
spegnere. O salutaris Hostia!
Marino Mengozzi

Attualit
Dal 27 aprile all'8 giugno andr in onda ogni mercoled su
Tv2000 il nuovo programma di Alessandro Sortino (ex
Iena di Italia 1): "BeatiVoi/Laudato si". Si parler di
ambiente e cura del Creato a partire dall'enciclica di Papa
Francesco: "La crescita economica incontrollata e le
dinamiche finanziarie - spiega il direttore creativo
dell'emittente televisiva - sono ormai in discussione.
Quando la democrazia fatica a garantire i diritti sociali che
promette e il populismo diventa affascinante, allora i
paradigmi su cui fondiamo la nostra civilt devono essere
messi in discussione". La trasmissione, sottolinea Sortino,
"non sar sullambiente, ma sulluomo"

Gioved 28 aprile 2016

ALESSANDRO SORTINO
(FOTO SIR)

Laudato sisu
Tv2000

verit.
Lenciclica di papa Francesco ha il merito
di permettere lincontro tra una domanda e
una risposta. il cristianesimo che si
occupa delluomo.

Ma i cattolici sono interessati a questi argomenti?


Da un lato abbiamo limpressione che la
natura non ce la faccia pi, con la
conseguenza di produrre anche
atteggiamenti nichilistici. Dallaltro
assistiamo alla fine del paradigma
rappresentato finora dal mondo
occidentale. Ci siamo illusi che ci potesse
essere una combinazione perfetta tra un
modello di sviluppo fondato sulla
Perch una trasmissione sulla Laudato si? centralit delluomo e il cristianesimo. Una
Ho letto lenciclica e mi ha colpito talmente certa parte del mondo cattolico
tanto che ho pensato di farne un
terrorizzata dalla perdita di questo
programma. La struttura aperta che la
paradigma, perch pensa che in esso
caratterizza mi esalta.
consista il cristianesimo. In realt, il
cristianesimo si sviluppato nel luogo pi
Di ambiente si sempre occupato nella
contradditorio e ostile: la civilt
sua carriera giornalistica
occidentale.
Ho sempre difeso la possibilit di una
Tutto fondato sulla contraddizione: il Dio
crescita economica, che per tenga conto
che si fa uomo, il bene e il male che si
dei costi ambientali. Non sono per nutrirci
fronteggiano. Il paradosso che il disastro
di radici, ma non si pu nemmeno produrre dellumanit si sviluppato proprio qui. E
la benzina senza pensare alle persone che
il veleno dove c lantidoto.
muoiono e alle attivit economiche che ne
subiscono un danno. Bisognerebbe far
stato firmato da pochi giorni laccordo di
pagare la benzina un prezzo giusto, che
Parigi sul clima. C ancora tempo per
tenga conto anche della salute. Ho visto con cambiare la rotta?
i miei occhi, a Taranto e in tanti altri luoghi, La crescita economica incontrollata e le
che le attivit industriali non portano
dinamiche finanziarie sono ormai in
soltanto ricchezza, ma producono anche
discussione. Se allarghiamo lo sguardo e ci
effetti economici negativi. Dobbiamo
spostiamo verso le periferie, dove ad
imparare a guardare la realt.
esempio esiste una relazione diversa con la
natura rispetto a chi si reca al
Che contributo pu dare la fede?
supermercato per acquistare una verdura,
Chi pensa che nella religione ci siano tutte si pu restare sconcertati. Quando la
le risposte pazzo, e finisce per bruciare
democrazia fatica a garantire i diritti sociali
leretico. Ma altrettanto pazzo chi pensa
che promette e il populismo diventa
di poter fare a meno della ricerca della
affascinante, allora i paradigmi su cui

il Periscopio

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

NONNI E NIPOTI
INSIEME SUL WEB

Lavoro nel posto


meno dogmatico in cui sia mai stato
C libert assoluta di fare domande
ella religione non ci sono
tutte le risposte, ma il
metodo per trovarle. La
religione non indica la
soluzione al riscaldamento globale, ma
ricorda che se si vive fregandosene degli
altri e delle conseguenze delle proprie
azioni saranno tutti a pagarne il prezzo.
una nuova sfida televisiva quella accettata
da Alessandro Sortino, direttore creativo di
Tv2000: portare sul piccolo schermo
lenciclica Laudato si di papa Francesco
per parlare di ambiente e cura del Creato.
Dal 27 aprile all8 giugno, ogni mercoled
alle 21.15, andr in onda su Tv2000 Beati
Voi/Laudato si.

11

fondiamo la nostra civilt devono essere


messi in discussione. Il cristianesimo la
soluzione: non il paradigma occidentale,
ma la chiave per cambiarlo.
Perch si fatica tanto a coinvolgere le persone su questi temi?
la paura che occuparsi del Creato faccia
venire meno la centralit delluomo,
quando in realt la centralit delluomo
che ci impone di farlo. Siamo custodi del
Creato: di diritto per un cristiano, di fatto
per un non credente.
La trasmissione si occuper soltanto di
ambiente?
Non parleremo solo degli animali in
estinzione o delle fabbriche che chiudono.
Tra le altre cose, ci occuperemo dei
sacramenti e del rapporto con il cibo. Sono
previsti, inoltre, momenti di confronto tra
una visione evoluzionista e una
creazionista: in che senso siamo creati, in
un mondo che si evolve? Non possiamo
continuare a pensare che non esista la
fisica quantistica o non ci siano mai stati
Galileo e Darwin. Non una trasmissione
sullambiente, ma sulluomo.
Lei ha lavorato in Rai, su La7 e ha ottenuto
un grande successo con Le Iene. Da due
anni approdato a Tv2000
Lavoro nel posto meno dogmatico in cui
sia mai stato, mentre tutti mi trattano come
uno che accetta imposizioni. Non ho avuto
limiti a differenza di prima, quando per
decidere qualcosa cerano mille ostacoli.
incredibile che questo accada nel mondo
dei vescovi. C una libert assoluta di
porre domande con il solo fine di cercare
luomo. bello incontrare persone che
darebbero la vita per la fede, ma la pensano
in maniera diversa. La Chiesa un luogo
aperto allincontro.
Riccardo Benotti

E se invece
dei nativi
digitali
fossero gli
over 65 i
protagonisti della
nuova rivoluzione
tecnologica? Ha un po il sapore della provocazione,
ma la domanda non del tutto campata in
aria. Stando allultima ricerca della solita
universit americana, il web sta diventando
sempre pi adulto. In numeri assoluti si
tratta sempre di una minoranza, ma a colpire la crescita esponenziale della presenza sui social network degli
ultrasessantacinquenni avvenuta negli ultimi anni.
In questa fascia det, uno su cinque usa
ogni giorno la tecnologia. Non poco,
spiega Fabrizio Angelini di ComScore Italia,
che aggiunge: Il punto che in un anno e
mezzo sono raddoppiati, e parliamo di persone che sanno adoperare unapp. Al primo
posto, rivela ancora lesperto, ci sono i liguri. Seguono i siciliani. Molti usano il
commercio elettronico e gestiscono il conto
in banca via smartphone. Whatsapp ad
esempio lo adoperano gi ora davvero tutti.
Anche lUniversit Cattolica di Milano ha
studiato il fenomeno; stata fra le prime ad
archiviare come acqua passata la barriera di
separazione tra nativi digitali e immigrati
digitali. Lo sottolinea in particolare Fausto
Colombo, direttore del dipartimento di
scienze della comunicazione: Pi andiamo
avanti, pi dovremmo rivedere la nostra
idea di anzianit. Potr anche non essere alfabetizzato allultima rivoluzione digitale,
ma questo non significa che un sessantenne
o un settantenne non sappia usarla. La vera
discriminante rispetto alla familiarit con la
tecnologia, in futuro, non sar tanto let,
ma il grado di scolarizzazione.
Una differenza fra le diverse fasce anagrafiche per esiste. I pi giovani si trasferiscono sui social network e fanno tutto da
Facebook: inviano email, leggono le ultime
notizie, contattano gli amici, organizzano
gli appuntamenti personali e la vita universitaria. Per i loro genitori e nonni , invece,
ogni piattaforma adoperata per il suo fine
specifico, senza sviluppare un vero senso di
appartenenza allambiente digitale. La si
usa perch serve, e basta.
Una cosa per gli over 65 digitali sembrano
proprio non volere, ossia i telefonini e i tablet con tasti enormi e funzioni semplificate, pensati per loro, n i social network
dedicati espressamente alla terza et. Nonostante linvestimento pubblicitario, infatti,
scarso il successo commerciale di questi
prodotti. La vista potr anche iniziare a fare
difetto, ma in quanto a prestazioni e design
ci vedono benissimo.

di Zeta

frequentanti e non
frequentanti. Tutti siamo
mendicanti verso il Padre
misericordioso.
Tutti noi siamo peccatori
ha ricordato ancora papa
Francesco - ma tante volte
l peccato e il peccatore. Ci tornato sopra papa Francesco nella catechesi di
cadiamo nella tentazione
mercoled 20 aprile. Ha commentato il brano tratto dal vangelo di Luca, capitolo
dellipocrisia, di crederci
settimo, dal versetto 36 fino alla fine: Ges, la peccatrice e il fariseo. Un testo
migliori degli altri e diciamo:
bellissimo da rileggere e meditare, in silenzio. In ascolto di quel che il Signore ha da dirci Guarda il tuo peccato.
di pi profondo.
Tutti noi dobbiamo invece
Colui al quale si perdona poco, ama poco, dice Ges al fariseo che si era permesso di
guardare il nostro peccato, le
giudicarlo perch si era fatto avvicinare da una peccatrice, una da tenere lontano
nostre cadute, i nostri sbagli
secondo le logiche di chi si sente giusto, di chi non ha nulla da farsi perdonare. Invece
e guardare al Signore.
Ges inverte le logiche umane. Si fa toccare da una donna male considerata e non teme il cambio di prospettiva
il giudizio dei benpensanti.
che propone a tutto il mondo PAPA FRANCESCO, A SORPRESA, HA CONFESSATO DEI GIOVANI, IN PIAZZA
Latteggiamento del fariseo, ha commentato il Papa, tipico di un certo modo di
papa Francesco. il ritorno
SAN PIETRO DURANTE IL GIUBILEO DEI RAGAZZI (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)
intendere la religione, ed motivato dal fatto che Dio e il peccato si oppongono
al Vangelo sine glossa, senza
radicalmente. Ma la Parola di Dio ci insegna a distinguere tra il peccato e il peccatore:
interpretazioni, senza congetture, senza mediazioni. Lo abbiamo scritto anche su queste
con il peccato non bisogna scendere a compromessi, mentre i peccatori cio tutti noi! colonne ormai uninfinit di volte, ma non finiamo mai di stupirci, di meravigliarci per come il
siamo come dei malati, che vanno curati, e per curarli bisogna che il medico li avvicini, Pontefice sia in grado di richiamarci alla realt, allessenzialit del messaggio evangelico.
li visiti, li tocchi. E naturalmente il malato, per essere guarito, deve riconoscere di avere
stupendo il brano tratto da Luca. Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento
bisogno del medico!.
denari, laltro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condon il debito a tutti e due. Chi di
I peccatori siamo tutti noi. Lo ha ricordato molto bene Bergoglio in piazza san Pietro.
loro dunque lo amer di pi?. La domanda finale disarmante, ma fa bene intendere lAmore
Basta con i giudizi. Basta con il noi e loro. Basta con credenti e non credenti,
del Padre. Un amore con la maiuscola, lontano dalle logiche umane, dalle nostre logiche. (926)

Tutti siamo mendicanti verso il Padre misericordioso


A volte cadiamo nella tentazione dellipocrisia, di crederci migliori

La Parola di Dio, il peccato e il peccatore

12

Cesena

Gioved 28 aprile 2016

Quartiere Oltresavio. Venerd 29 aprile alle 20,30 fiaccolata e


Slotmob Spiaggia 23
Sabato 7 maggio a Cesena
testimonianze contro lapertura di nuove sale. Continua la petizione

a vita non un gioco. Cos


scrive un gruppo di cittadini
cesenati. Lo fanno per
difendersi dallassalto delle macchinette
slot e vlt che stanno imperversando in
tutto il territorio e in modo particolare nel
quartiere Oltresavio. Infatti prevista a
breve lapertura di una nuova sala in
piazza Anna Magnani, dove gi attiva
unattivit di questo tipo. Alcuni residenti
non ci stanno e hanno indetto per
venerd 29 aprile, a partire dalle 20,30,
una fiaccolata per dire no al gioco
dazzardo. Unora o poco pi da dedicare
ad alcune testimonianze, alla raccolta
firme per una petizione da presentare al
sindaco del Comune di Cesena e al
prefetto della Provincia di Forl-Cesena.
Al termine verranno effettuati alcuni giri
di piazza con le fiaccole accese.
Abbiamo limpressione di vivere in una
citt un po addormentata su questo tipo
di problemi - dice Stefano Campana, uno
dei cittadini promotori -. Va bene che il
Comune ha ridotto la tassa per
loccupazione del suolo pubblico a carico
di chi non adotta queste macchinette, ma
altre amministrazioni sono state pi
severe. Si potrebbero adottare vincoli di
orario pi stringenti o regolamenti sulle
distanze di rispetto nei confronti di
luoghi sensibili come scuole, ospedali e
chiese, che di fatto ne impedirebbero la
collocazione. Ad esempio, il Comune di
Pieve di Cento, nel bolognese, ha adottato
una delibera con la quale ha limitato
lesercizio di apparecchi e congegni
automatici da gioco nella fascia dalle 10

Gioco
dazzardo
Un nuovo forte no
FOTO ARCHIVIO SIR

alle 13 e dalle 17 alle 22.


Il tema molto caldo e interessa tanta gente. In poche ore i promotori hanno raccolto decine
di adesioni solo per aver lanciato la serata del 29 aprile. Non ci stiamo a far finta di niente,
scritto nel volantino che gira online. Non ci stiamo a vedere rovinate centinaia di famiglie,
dicono a voce i promotori. Il gioco dazzardo sottovalutato dalla politica, ma una citt
senza slot d pi spazio alle persone.
I promotori della serata di protesta non si accontentano di scendere in piazza. Hanno redatto
una petizione nella quale hanno messo in evidenza quattro punti. Bloccare a Cesena nuove
aperture di sale slot a partire da quella prevista in piazza Anna Magnani. Verificare la
possibilit di adottare un regolamento che disciplini lapertura, il trasferimento, le modifiche,
nonch linstallazione di singoli apparecchi negli esercizi pubblici diversi dalle sale giochi.
Prevedere limiti di prossimit con luoghi frequentati da utenti ritenuti deboli. Infine verificare
la possibilit che venga esposto, dai gestori di esercizi commerciali che ospitano slot
machine, un cartello che segnali le gravi conseguenze derivanti dallabuso di tali apparecchi
meccanici e congegni automatici.
Durante la manifestazione di venerd 29 aprile sar possibile firmare la petizione contro le
slot machine a Cesena.

Sostegno della Bcc Sala


Lezioni di economia
alla media di Borello
Lezioni di economia e finanza
grazie alla Bcc di Sala di Cesenatico.
Il progetto didattico stato
realizzato dai 60 alunni delle classi
terze della scuola secondaria di 1 grado del plesso scolastico di Borello. Il lavoro
didattico stato coordinato in collaborazione del Ministero dellistruzione universit e
ricerca (Miur) e con la supervisione del dirigente scolastico Marco Ruscelli,
coinvolgendo le classi terze, seguite dalla professoressa Ida Visani. Liniziativa finale si
svolta a Borello di Cesena. Presso la sala del quartiere, si tenuto un incontro
sulleducazione finanziaria per i ragazzi di 3 L e M della scuola secondaria di primo
grado Viale della Resistenza di Cesena. Presenti le funzionarie di Banca dItalia Gilda
Falletti e Adriana Corrieri che hanno presentato un dettagliato studio sulla nascita delle
monete e sulla loro evoluzione, con proiezione di video grazie ai quali i ragazzi hanno
potuto vedere come conia le monete la Zecca dello Stato e gli stress test a cui sono
sottoposte le banconote per verificarne la durata presunta. seguita una lezione di
tecnica bancaria tenuta da Michela Foschi della Bcc di Sala Cesenatico.
Lincontro stato un importante momento formativo per i nostri alunni conferma il
dirigente scolastico - ed inquadrato nel progetto Educazione finanziaria nelle scuole
Banca dItalia-Miur. Le classi si sono avvalse della collaborazione della Bcc di Sala di
Cesenatico, istituto di credito che sostiene da tempo varie iniziative didattiche nelle
scuole di Cesena e Cesenatico.
Giorgio Magnani

Una manifestazione a favore del


buon gioco, e contro quello dazzardo legalizzato. Si svolger il
prossimo 7 maggio negli spazi
sportivi di Spiaggia 23 (via Moretti
271, Cesena). Il Comitato Slot Mob
di Cesena, intercettando una proposta nazionale, ha pensato a un
torneo di beach volley che coinvolger da una parte le fasce giovanili e dallaltra le zone
periferiche della citt collaborando, in questo caso, con il quartiere Fiorenzuola, per proseguire
nella sua opera di sensibilizzazione e prevenzione del gioco
dazzardo.
Alle 15,30 ci sar il fischio dinizio
del 1 torneo Slotmob Beach Volley aperto ai giovani delle scuole
superiori (15-20 anni). Per la
prima squadra classificata in
palio un prosciutto, mentre a tutti
i giocatori iscritti andr un buono
di 10 euro da consumarsi presso la
pizzeria di Spiaggia 23.
Il programma prevede la consegna
(18,30) della pergamena al Bar Slot
Free Spiaggia 23, un premio per
questa attivit che ha scelto di rinunciare alle slot machines.
Spazio alla musica dalle 19 alle 22:
in concerto band giovanili nella
piazza del quartiere Fiorenzuola e
ristoro a cura del Gruppo Alpini
Cesena. In programma anche interventi ed esperienze sul tema del
gioco dazzardo.

Borello | Famiglie in festa

FESTA DELLA FAMIGLIA ALLA PARROCCHIA DI BORELLO. Domenica 17 aprile durante la Messa solenne delle 11 celebrata dal parroco don Emilio Solis, sono stati ricordati gli anniversari di matrimonio,
dai venticinquesimi fino ai sessantacinquesimi. Gli sposi hanno rinnovato le promesse matrimoniali.
Dopo la Messa, la festa continuata con il pranzo comunitario presso il ristorante il Minatore di
Bora.

Cesena
Mercato
ortofrutticolo
Domenico
Scarpellini
confermato
presidente
Presentata la Fiorita Passive House,
prima multiresidenza in Italia
costruita in legno e certificata Passivhous

Gioved 28 aprile 2016

omenico Scarpellini (nella foto)


D
stato confermato presidente del
mercato ortofrutticolo. Si tenuta
gioved 21 aprile lassemblea dei soci
alla presenza del vice sindaco di
Cesena Carlo Battistini.
Anche nel 2015 si superata la
quantit di 100mila tonnellate di
prodotto commercializzato cos
suddiviso: frutta fresca (40.722,2
tonnellate), ortaggi (45.079,3 ton),
frutta secca (1.067,6 ton), agrumi

(13.377,3 ton) per un totale di


100.296,4 ton.
A breve partiranno i lavori per la nuova
viabilit interna, per migliorare
lefficienza e diminuire gli sprechi sia di
tempo, sia di risorse. Nel breve termine
c anche la volont di climatizzare tutta
la struttura, limitando gli sbalzi di
temperatura estivi e invernali.
Ma i lavori servirebbero a poco
precisa Scarpellini se non facessimo
promozione. E negli ultimi anni abbiamo

Tutti al cinema
Luned 2 maggio
il primo appuntamento

LA FIORITA
PASSIVE HOUSE
COMPOSTA
DA 8 APPARTAMENTI,
TUTTI IN AFFITTO.
SI TROVA
A CESENA
IN VIA ARIOSTO

prodotta dalle macchine di


ventilazione controllata, unico
impianto di climatizzazione
delledificio, per produrre acqua
demineralizzata a uso dei
condomini, utile per i ferri da stiro.
La casa amica dellambiente anche
amica del portafoglio. Ledificio
suddiviso in 8 appartamenti di varie
tipologie, gi tutti affittati prima
della fine del cantiere - spiega il
proprietario delledificio Davide
Zoffoli -. Labbattimento dei costi
energetici permette di avere canoni
di locazione in linea con quelli di

investito parecchio su questo fronte.


Continueremo nellopera di
sensibilizzazione in modo da aumentare
il numero degli operatori che ogni
giorno gravitano attorno alla struttura
che, in media, oscillano fra i 400 e i 500.
Tanti i lavori conclusi negli ultimi tempi:
fra questi le nuove rampe di carico, il
sistema di videosorveglianza, la nuova
recinzione e labbellimento della
struttura esterna, il sistema di gestione
informatizzato.

AllEliseo alle 20,30

La nuova costruzione produce pi energia


di quella che consuma e innalza i livelli
di comfort rispetto le abitazioni tradizionali

La casa dei sogni?


Pi vicina di quello che si pensa
ero consumo energetico,
affitto tutto compreso, casa
dellacqua condominiale,
piante di bamboo allesterno
per assorbire lanidride carbonica,
acqua distillata e bicicletta gratuita
per gli inquilini. La casa dei sogni a
Cesena in via Ariosto 244: si tratta
della Fiorita Passive House, la prima
multiresidenza in Italia costruita in
legno e certificata Passivhous, il pi
alto riferimento internazionale per
lo sviluppo tecnologico e la ricerca
nellarchitettura sostenibile a
consumo zero.
Lintervento di ristrutturazione
edilizia durato un anno circa con la
demolizione delledificio esistente,
datato 1955, e ricostruzione a parit
di volume.
Questa nuova costruzione produce
pi energia di quella che consuma e
innalza i livelli di comfort rispetto le
abitazioni tradizionali - spiega
larchitetto Stefano Piraccini, che ha
coordinato il gruppo di
progettazione dellintervento -.
realizzata a secco con una struttura
composta da pannelli di legno:
materiale rinnovabile proveniente da
foreste certificate, che permette una
rapidit di costruzione. Ledificio
non utilizza fonti combustibili,
pertanto non emette in atmosfera
sostanze inquinanti e polveri sottili,
si riscalda con le fonti energetiche
passive e produce energia elettrica
tramite limpianto fotovoltaico che
alimenta gli elettrodomestici, la
produzione di acqua calda sanitaria
e tutta lilluminazione a led. Le
temperature superficiali interne
sono pressoch costanti. Viene
inoltre recuperata la condensa

13

mercato e
omnicomprensivi
di tutte le spese:
utenze,
riscaldamento e
anche il canone
Rai. Inoltre la
met sono affitti
a canone
agevolato.
Una casa che
guarda a un
futuro non troppo lontano: la
direttiva europea 2010/31 prevede
che dal 2020 tutti gli edifici di nuova
costruzione siano a energia quasi
zero (per quelli pubblici la scadenza
anticipata di due anni). La
ristrutturazione ha comportato un
costo di un milione di euro circa, di
cui il 35-40 per cento coperto dagli
incentivi statali. C richiesta di
acquisto per questo tipo di
appartamenti, che al momento a
Cesena non esistono, sottolinea
Zoffoli.
Francesca Siroli

Quattro luned al cinema, con lm di assoluto


valore. liniziativa promossa dallUfficio
diocesano per la pastorale della famiglia, da
quello per le Comunicazioni sociali e dal nostro
giornale, in collaborazione con il cinema Eliseo
di Cesena.
Unidea che nasce dal desiderio di offrire
unoccasione per riettere sulla famiglia,
gustandosi quello che di buono il cinema
italiano ed estero sa proporre.
Di seguito, il programma della rassegna
Luned al cinema Eliseo. Si inizia luned 2
maggio, alle 20,30, con Come saltano i
pesci, un lm di Alessandro Valori, appena
uscito nelle sale cinematograche. Una dolce
parabola sul peccato e la redenzione, che entra
di diritto nel dibattito contemporaneo sul ruolo
dei genitori. Il 9 maggio si prosegue con Il
condominio dei cuori infranti, una commedia
drammatica di 100 minuti diretta da Samuel
Benchetrit, con le bravissime interpreti Isabelle
Huppert e Valeria Bruni Tedeschi. Parabola
umanista, narrata con irreale leggerezza, Il
condominio dei cuori infranti trasforma in
poesia la banalit del quotidiano, sospendendo
i suoi protagonisti tra prigione del reale e
sogno di fuga. I protagonisti escono
dallanonimato attraverso lamore perch lo
slancio verso laltro a dare senso alla vita. Il 16
maggio verr proiettato Fuocoammare di
Gianfranco Rosi. Si tratta di un documentario.
Il regista inquadra vita e morte senza alcun
compiacimento estetizzante, ma con la
consapevolezza che nessuno unisola e
nessuna isola, oggi, come Lampedusa. Il lm
risultato vincitore dellOrso doro al festival di
Berlino di questanno. Lultimo luned al cinema
sar il 23 maggio con Malala, lm
statunitense di Davis Guggenheim in cui viene
presentato il ritratto intimo e personale del
Premio Nobel per la pace Malala Yousafzai,
divenuta un obiettivo dei talebani per la sua
battaglia a favore dellistruzione femminile.
Ingresso a 5 euro per tutti. Due euro di sconto
dietro presentazione del coupon Corriere
Cesenate (da ritagliare in pagina). Ingresso
gratuito per i gli minorenni accompagnati dai
genitori.
Ogni visione sar preceduta da una breve
presentazione da parte del nostro esperto di
cinema, don Filippo Cappelli.

Coupon valido
per max 2 ingressi alla rassegna
Luned al cinema Eliseo (Cesena)
al prezzo di 3 euro a persona
luned 2 maggio alle 20,30
Come saltano i pesci
(un film di Alessandro Valori)
Il film COME SALTANO I PESCI nasce da un sogno:
raccontare, attraverso il cinema, una storia che sappia legare tra loro temi molto importanti (lamore, la fratellanza, il perdono, laccoglienza, la famiglia, disabilit
vista come opportunit e ricchezza), evidenziando il rispetto nei confronti della persona umana, senza alcuna
discriminazione. Un film che vi regaler sorrisi!

luned 9 maggio alle 20,30


Il condominio
dei cuori infranti

(commedia di Samuel Benchetrit)

14

Cesena

Gioved 28 aprile 2016

Se tutto famiglia
niente famiglia
Lavvocato Simone Pillon relatore allincontro che si tenuto
allOsservanza gioved 21 aprile: Deve partire subito un comitato
Difendiamo i nostri figli anche a Cesena, un luogo di resistenza in
cui si dica che la nostra scelta al bivio della storia per la relazione,
non per lindividualismo. Vogliamo che le nostre famiglie brillino in
questo mondo che ci parla sempre pi di egoismo e di solitudine

ltre cento persone hanno partecipato


la sera di gioved 21 aprile, presso la
chiesa dellOsservanza di Cesena,
allincontro, organizzato dalla Zona
pastorale Urbana, con lavvocato Simone
Pillon del comitato Difendiamo i nostri figli, motore del Family Day.
Dalla famiglia naturale allindifferentismo sessuale il tema della serata.
Siamo a un bivio - ha esordito Pillon - davanti al quale ciascuno di noi non
pu restare indifferente. La definizione di essere umano in discussione.
Oggi - ha spiegato - si sta sviluppando unantropologia che prescinde dalla
differenza sessuale e dalla genitorialit.
Per Pillon in atto la decostruzione della famiglia come struttura sociale:
Lunico criterio per determinare che cosa sia una famiglia diventato
lamore, e allora, in nome dellamore libero, andiamo a decostruire la
struttura familiare. In Parlamento si discute di divorzio immediato: sar pi
facile cambiare marito o moglie che operatore telefonico.
Come pu una societ - si chiesto Pillon - costruire stabilit se la sua
cellula di base, che la famiglia, instabile? Non c pi differenza fra
convivere e sposarsi. Se tutto famiglia, niente famiglia.

Pillon ha portato lesempio della Svezia


dove il processo di decostruzione della
famiglia naturale in stato avanzato. Qui
- ha detto - il 65 per cento della
popolazione vive da solo. Lalternativa alla
famiglia non la famiglia arcobaleno, ma
la solitudine.
Labolizione della famiglia - ha aggiunto sta passando nel nostro Paese attraverso la
legge sulle unioni civili, che in dirittura
darrivo in Parlamento. La legge
prevede unioni civili solo gay,
pienamente equiparate al matrimonio a
esclusione dellobbligo di fedelt. Poi
contempla un gran bazar delle famiglie
con convivenze di fatto, determinate dal
solo criterio della residenza, patti di civile
convivenza e coppie conviventi non
registrate, dove ognuno pu vivere a casa
propria.
Dicono di avere escluso ladozione da
questa legge, ma non vero per tre
ragioni. La giurisprudenza delle corti
italiane lha gi prevista. Poi lUnione
Europea ha stabilito che se dagli Stati
membri vengono riconosciute unioni civili
con gli stessi diritti e doveri del
matrimonio, questi devono includere
anche il diritto alla genitorialit. Infine, in
Parlamento hanno gi improntato un
disegno di legge sulla modifica della legge
184 del 1983, che regola listituto delle
adozioni.
Lunione fra due persone dello stesso
sesso - ha ammonito Pillon - non
famiglia perch no. La famiglia , per
natura, la relazione fra un uomo e una
donna, uno di fronte allaltro. Le menti e i
corpi dei maschi e delle femmine hanno le
loro peculiarit. Per un bambino il pap
non la mamma e viceversa.
Secondo Pillon, unantropologia che va
verso lindividualismo sta inquinando il
mondo. Amore non Love is love. Amare
una scelta, una decisione. Il punto di
arrivo dellamore cambiare il pannolone
al nonno.
Dobbiamo combattere - ha detto ai
presenti Pillon -. Deve partire subito un
comitato Difendiamo i nostri figli anche
a Cesena, un luogo di resistenza in cui si
dica che la nostra scelta al bivio della
storia per la relazione, non per
lindividualismo. Vogliamo che le nostre
famiglie brillino in questo mondo che ci
parla sempre pi di egoismo, di solitudine
e di morte.
Matteo Venturi

Convegno
Mio figlio stato
rapito da internet
Alla Biblioteca Malatestiana
sabato 7 maggio
Quali sono le conseguenze di una vita
tecnologica sempre pi pervasiva e invasiva e
quando iniziare a proporre uneducazione allo
schermo? Se ne parla nellincontro Mio figlio
stato rapito da internet organizzato
dallassociazione Psichedigitale in
programma a Cesena sabato 7 maggio alle
15,30 nellaula magna della Biblioteca
Malatestiana. I relatori approfondiranno il
tema in un bilancio continuo fra opportunit e
rischi, con lobiettivo di fornire agli adulti
(genitori, insegnanti, educatori) le competenze
base per gestire la vita digitale dei ragazzi,
favorendo un percorso in cui la tecnologia sia a
servizio di un sano sviluppo psico-sociale
delladolescente e della famiglia.
Il titolo della conferenza prende spunto dalla
frase che mi disse una madre angosciata nel
vedere il proprio figlio 14enne davanti a un
Ipad con una dedicazione tale da sembrarne
rapito - spiega Francesco Rasponi,
psicoterapeuta e fondatore di Psichedigitale -.
La sua vita sembrava essere organizzata dal
tablet insieme allo smartphone, che appariva
come una protesi del s dal quale non se ne
poteva separare.
Oltre a Rasponi, interverranno il ricercatore del
Dipartimento di Psicologia dellUniversit di
Bologna Elvis Mazzoni e lo psicologo Michele
Piga.
Durante la conferenza proporremo un modello
di riferimento per guidare lazione educativa
delladulto, a partire dalla nascita del bambino
fino alla maggiore et - prosegue Rasponi -. Si
tratta del modello Accompagnare, Proteggere,
Proporre e pone enfasi sul ruolo attivo
delladulto nel far usare lo schermo giusto
allet giusta, nel proporre il meglio della vita
davanti allo schermo, nel proteggere
linternauta dai pericoli, nel favorire la
creativit e la capacit di autoregolazione.
Psicodigitale unassociazione composta da
psicologici, educatori, insegnanti e genitori che
si occupa di studiare linterazione fra le
tecnologie digitali - cellulari, computer, social
network, videogiochi - e lo sviluppo psicoemotivo nellintero ciclo di vita.
Fs

Cesenatico

Gioved 28 aprile 2016

Successo di pubblico e interesse per la due giorni della mostra e del convegno al Palazzo del Turismo

15

Riconoscimento

PEZZI DI GRANDE VALORE ALLA MOSTRA


DI SABATO 23 E DOMENICA 24 APRILE

Macchine per scrivere


tra passione, storia e curiosit

ltre mille persone hanno


partecipato, in sole 20 ore di
apertura (sabato 23 e domenica 24
aprile dalle 9 alle 19), alla mostra di
macchine per scrivere antiche tenutasi al
Palazzo del turismo. In tanti hanno
lasciato una firma e un commento sul
registro delle presenze. Levento stato
organizzato dallAssociazione italiana
collezionisti macchine per scrivere
antiche. Tantissimi i turisti intervenuti
che hanno optato per un luogo coperto e

al caldo per far fronte al maltempo


guardando con i propri occhi delle rarit
come la macchina Enigma, la Discret, la
Sholes Visible, la Olivetti M1, le
Hammond 1b e 1B Remodell, il primo pc
desktop del mondo cio la P101 Olivetti e
tanti altri esemplari mai esposti prima in
Romagna. Gli organizzatori, per motivi di
sicurezza, non lo hanno rivelato prima,
ma il valore collezionistico delle
macchine esposte superava
abbondantemente i 100mila euro.

Linaugurazione ufficiale si tenuta


sabato pomeriggio, con i saluti del
sindaco Roberto Buda, alla presenza di
oltre cento giornalisti intervenuti perch
il convegno coinciso con un momento
formativo dellOrdine di categoria.
Ringraziamo lospitalit ricevuta dal
Comune di Cesenatico - commenta il
piemontese Domenico Scarzello,
presidente dellAssociazione - e per tutti i
partner e le aziende che hanno sostenuto
i nostri organizzatori sul luogo, vale a
dire i collezionisti Cristiano Riciputi,
Paolo Ingretolli e Urbano Laghi. Credo
che sia stato un momento importante
per noi e per la citt: abbiamo portato
oltre 50 soci e tanti interessati al nostro
mondo che hanno pernottato nelle
vostre strutture e pranzato in ristoranti e
bar della zona. Siamo stati sempre
presenti alla mostra per spiegare di
persona tutte le curiosit e le
informazioni storiche. Per due giorni
Gastone Garziera, linventore del primo
pc desktop al mondo, stato alla mostra
e ha tenuto due relazioni. In definitiva
credo che la collaborazione fra il nostro
gruppo, il Comune e le aziende del
territorio abbia portato ottimi risultati.
Tanta curiosit ha destato, allinterno
della mostra, la presenza di un
collezionista di telescriventi, il forlivese
Riccardo Romagnoli, che ha collegato
una sua macchina alla rete internet e ha
chattato in diretta, non a video ma su
carta, con degli appassionati come lui
che hanno connesso la propria
telescrivente alla rete.

Bagnarola | Comunit parrocchiale pellegrina al Monte

DOMENICA 17 APRILE LA COMUNIT PARROCCHIALE DI BAGNAROLA


DI CESENATICO, GUIDATA DAL PARROCO DON GIOVANNI BARDUZZI, ha
compiuto un pellegrinaggio giubilare alla Basilica del Monte, a Cesena.
Tutta la comunit nelle varie componenti stata coinvolta, con la partecipazione di circa 180 persone. Sono stati proposti vari percorsi, con partenza
da Bagnarola fino alla salita del monastero del Monte: a piedi, in bicicletta
o in auto. Ognuno si potuto misurare con la modalit che gli stata possibile, esprimendo in vario modo la sua azione giubilare di pellegrino. Per

Spiagge
a misura
di bambino
Cesenatico riceve
la Bandiera verde
Acqua limpida e bassa vicino alla riva,
spiagge sabbiose dotate di giochi per
bambini e servizio di salvamento, strutture
ricettive attrezzate in prossimit del
litorale, adeguato numero di negozi,
ristoranti, gelaterie e locali dove svagarsi
dopo i tuffi: ecco lidentikit delle 134
spiagge italiane che hanno ricevuto la
Bandiera Verde 2016 e per il secondo anno
consecutivo Cesenatico entra con pieno
merito in questa prestigiosa classica.
Selezionate in base alle preferenze espresse
da un campione di 196 pediatri provenienti
da tutta Italia, le Bandiere Verdi sono state
consegnate a sindaci e amministratori delle
citt insignite del prezioso riconoscimento
nel corso di una cerimonia pubblica
tenutasi a San Benedetto del Tronto, sabato
16 aprile.
A ritirare il vessillo per il Comune di
Cesenatico il vice sindaco e assessore al
Turismo Pier Luigi Donini (nella foto) che
non nasconde la propria soddisfazione:
Dopo la Bandiera Blu Cesenatico ha
ottenuto anche la Bandiera Verde
assegnata dai pediatri alle localit balneari
ideali per la vacanza delle famiglie con
bambini. lennesima dimostrazione della
qualit della nostra offerta e la
testimonianza che le scelte fatte in questi
anni, in sinergia con operatori turistici e
bagnini, si sono rivelate giuste.
Il turismo lasse portante della nostra
economia - conclude il vice sindaco - e
riconoscimenti cos importanti non
possono far altro che renderci orgogliosi e
spronarci a continuare su questa strada.

tutti, il ritrovo stato davanti alla Basilica, cui seguito il momento dingresso alla Porta santa, con il segno battesimale dellacqua e delle candele
guidati dalla traccia diocesana e dai canti, invocando lo Spirito Santo. Il
gruppo parrocchiale ha poi animato la concelebrazione della Messa insieme ai padri benedettini. Ognuno ha fatto le pratiche richieste per ricevere lindugenza per s, per i propri cari vivi e defunti. seguito il pranzo
al sacco con il quale si creato un momento di fraternit e di scambio di
impressioni per ci che ognuno aveva vissuto.

5 per mille: cos?


Un modo che non ti costa nulla per essere utile a te e agli altri
Basta una semplice firma sulla dichiarazione dei redditi e puoi destinare
il 5 per mille alla

ASSOCIAZIONE ROMAGNOLA RICERCA TUMORI ONLUS (Arrt)


Finanzierai interventi di prevenzione con:
- formazione per i ragazzi delle scuole del territorio
- screeining oncologici gratuiti sui vari tipi di tumore
- acquisto strumenti per la diagnosi precoce

scrivi nellapposito spazio della dichiarazione dei redditi

90001280404

16

Gioved 28 aprile 2016

Valle del Rubicone

A SAVIGNANO UNO SGUARDO SUL MONDO Gianni Rufini, direttore Amnesty International Italia, ospite al Rotary clubValle del Rubicone

Per motivi politici o climatici, la migrazione continuer


N

oi viviamo in
un Paese che ci
protegge, in un
continente che ci coccola:
ma per i due terzi
dellumanit non cos.
Gianni Rufini, direttore di
Amnesty International
Italia, non usa mezzi
termini per definire la
situazione umanitaria di
oggi, di fronte
allattentissimo pubblico
del Rotary Club Valle del
Rubicone di Savignano,
GIANNI RUFINI, DIRETTORE DI AMNESTY INTERNATIONAL
durante lincontro svoltosi
ITALIA (A DESTRA NELLA FOTO) INSIEME AL PRESIDENTE
gioved 21 aprile. Il nostro
DEL ROTARY VALLE DEL RUBICONE GIORGIO MOSCONI
un pianeta squilibrato:
bench in grado di
produrre cibo per tutti gli esseri umani, circa 900 milioni di persone sono
affamate. Com potuto succedere? La risposta sta nella macroeconomia:

Dallinizio degli anni 2000 - spiega Rufini


- il cibo entrato fra le speculazioni
finanziarie: il costo di riso, grano e mais
fra 2010 e 2011 cresciuto del 120 per
cento. Noi europei non ce ne siamo
accorti pi di tanto, perch i cereali
incidono limitatamente sul costo del
prodotto finito, ma nei Paesi poveri questo
incremento stato una vera sciagura.
Semplicemente, tante persone sono state
costrette a mangiare meno, e una dieta
insufficiente causa una crescita delle
malattie, un calo dellintelligenza, un
acuirsi di tutti i problemi.
Non va meglio sul fronte della politica
internazionale. Il flusso di migranti non
sarrester certo di punto in bianco, dato
che le statistiche prevedono per il 2050
che un miliardo di persone saranno
costrette a migrare per motivi politici o
climatici. Mentre i migranti economici

Gambettola. Si costituita in maniera spontanea dopo lalluvione del febbraio 2015

Mostra a Longiano
I segni
nascosti

partire da sabato scorso


operativo, a Gambettola, il
gruppo di volontari della
Protezione civile, costituitosi in
maniera spontanea allindomani
dellalluvione del 6 febbraio 2015 che
ha devastato il centro cittadino. Il
gruppo di volontari, coordinato da
Francesco Biondi, affiancher la
macchina comunale in caso di
calamit ed emergenze.
Passato il periodo di formazione,
svoltosi attraverso appositi corsi
promossi dalla Protezione civile
provinciale, il gruppo formalmente
attivo ed composto da 18 volontari.
Grazie alla sensibilit di due attivit
commerciali del territorio (la
farmacia Pascucci e il ristorantepizzeria Note di Gusto), alcuni giorni
fa sono state consegnate le divise che
i volontari indosseranno ogni qual
volta saranno chiamati ad
intervenire. stata anche consegnata
una pompa di aspirazione
utilizzabile in caso di allagamento
per pulire cantine e fabbricati.
Per entrare a far parte del gruppo
comunale di Protezione civile ed
aggiungersi a coloro che hanno gi
scelto di essere parte attiva di questa
esperienza, sufficiente presentare
apposita domanda allufficio tecnico
(0547-45302).
Intanto si stanno avviando alla
conclusione i lavori di costruzione
del nuovo ponte sul torrente Rigossa,
le cui opere di completamento

vogliono vivere nel Paese che hanno


scelto, i profughi hanno altri progetti: Ho
incontrato migliaia di profughi in
trentanni e tutti, ma proprio tutti,
volevano solo tornare a casa. Un mito da
sfatare la presenza di migranti
economici: oggi il 90 per cento dei
migranti sono profughi, dato che, per
colpa della crisi, la nostra nazione non
pi attrattiva economicamente. Il resto
dipende da come lo Stato gestisce il
fenomeno: in Francia e in Inghilterra non
si vedono venditori di collanine come in
Italia. Perch? Per la debolezza dellItalia,
per la sua incapacit di gestire il
fenomeno: e dire che era iniziato nel 1991
con larrivo degli albanesi in Puglia. In
tutti questi anni non ci sono state n
capacit n volont di razionalizzare la
situazione.
Paolo Turroni

Alla fondazione
Tito Balestra

Protezione civile
operativa
saranno eseguite dalla ditta
esecutrice Coromano entro fine
maggio, per non interferire con i
lavori di sistemazione e messa in
sicurezza dellalveo e degli argini del
torrente, nelle immediate vicinanze
del ponte. Lavori progettati,
finanziati ed eseguiti dal Consorzio
di Bonifica della Romagna che
inizieranno tra la fine di aprile e gli
inizi di maggio.
Nelle prossime settimane saranno
posizionati i parapetti (in acciaio

corten) e i pali dellilluminazione


pubblica della stessa tipologia
installata nel centro urbano e
verranno completati i marciapiedi. In
seguito si provveder a stendere il
tappeto di usura dasfalto e a
tracciare la segnaletica orizzontale:
solo a quel punto si potranno
considerare conclusi i lavori.
Piero Spinosi
Nella foto, il gruppo dei volontari
con il sindaco Roberto Sanulli

Inaugurata domenica 24 aprile alla


fondazione Tito Balestra di Longiano la
mostra I segni nascosti,
collaterale della Biennale del disegno di
Rimini.
Al piano terra del castello Malatestiano
sono esposti, fino al prossimo 10 luglio,
taccuini e album, per un totale di circa
trecento opere, degli artisti Roberto Melli,
Pericle Fazzini, Toti Scialoja, Antonietta
Raphal, Fabrizio Clerici, Mario Mafai e
Guidio Strazza.
Presenti allinaugurazione i curatori
Massimo Balestra, Flaminio Balestra e
Giuseppe Appella, lassessore
al turismo e alla cultura di Longiano
Maria Cristina Minotti
e lassessore alla cultura della citt di
Rimini, il pittore montianese Massimo
Pulini.
Per i curatori due sono i fili conduttori
della mostra: presentare la rete di rapporti
fra gli artisti amici del poeta Tito Balestra,
ed esporre carte segrete, disegni intimi, in
gran parte inediti, attraverso i quali
ricostruire la storia dellarte italiana dal
1905 al 1980.
La Biennale visitabile dal marted alla
domenica e i festivi con orari 10-12 e 1519.
Mv

Gambettola Eventi | Donazione dalla Centrale del Latte

Domenica 1 maggio

Mille e cinquecento euro da devolvere alla crescita del Carnevale e di altre attivit realizzate
da Gambettola Eventi. E la
somma che Daniele Bazzocchi,
direttore della Centrale del Latte
di Cesena, ha consegnato nei
giorni scorsi a Davide Ricci, presidente dellassociazione Gambettola Eventi. Un gesto che si
potuto realizzare grazie agli incassi realizzati dalla vendita del
gelato soft, il gelato della Centrale del Latte fatto solo con
latte fresco di alta qualit, in occasione dellultima edizione del
Carnevale di Gambettola. In
quelloccasione, infatti, La Centrale aveva concesso in uso a
Gambettola Eventi la macchina
per la produzione del gelato per
tutta la durata del Villaggio del
Carnevale. Come annunciato
gi prima della manifestazione, lobiettivo era proprio quello di destinare il ricavato della vendita a Gambettola Eventi, per contribuire alla crescita e al sostegno di una manifestazione storica, qual il Carnevale, che questanno ha compiuto 130 anni.
Sostenere attivit del territorio cos importanti ha spiegato Bazzocchi per noi un segno del legame
che la Centrale del Latte di Cesena ha con il territorio. Siamo una cooperativa romagnola che trae la sua
forza dal fatto di utilizzare solo latte fresco, raccolto ogni giorno dalle stalle dei nostri soci, tutte dislocate
in Romagna. Il tessuto economico e sociale del nostro territorio va tutelato e sostenuto.

MestIeriattrezzi e lavori del passato


protagonisti a Longiano

LONGIANO,
CORTILE DEL MUSEO
DEL TERRITORIO

Torna a Longiano MestIeri, la manifestazione


dedicata agli attrezzi e ai lavori del passato. Si
svolger domenica 1 maggio, festa del lavoro,
dalle 10 alle 18, in piazza Malatestiana e presso
il giardino Bianchi.
La kermesse, organizzata dallAmministrazione comunale con la Pro loco, nata tre anni
fa per valorizzare il Museo del territorio, che, grazie al suo responsabile Giorgio Bettucci,
raccoglie dal 1986, in via Giannini 16, circa 6mila cimeli del passato. In occasione di
MestIeri, il museo sar visitabile tutto il giorno con la guida di Bettucci che illustrer i
numerosi oggetti esposti. Ampio spazio sar lasciato ai laboratori a cielo aperto, da
quello della creta a quelli di cucito e di ricamo.
Per i pi piccoli sar attivo il Massibus con i giochi in legno di una volta.
Nel giardino Bianchi, la compagnia San Michele di Gatteo allestir un accampamento
medievale e guider i visitatori alla scoperta dellantico mestiere delle armi. Non
mancher lintrattenimento con il mago Catorcio e la musica folk del duo Simantov. In
piazza Malatestiana si terr un mercatino dellartigianato qualificato e sar allestito uno
stand gastronomico a cura degli esercenti longianesi Sapori di Romagna e Osteria del
borgo. Presso il Caff del teatro sar organizzato un torneo di biliardino.
Sar una giornata dedicata alla famiglia - dicono gli organizzatori -. Bambini e genitori
potranno giocare e divertirsi insieme.
Tutte le iniziative saranno a ingresso gratuito.
Matteo Venturi

Valle del Savio

Processione
mariana
a San
Romano

abato 30 aprile alle


SSan20,45
i parrocchiani di
Romano insieme a
tutti coloro che nella
semplicit vorranno
partecipare, renderanno
omaggio alla Madonna in
occasione della sua festa.
Una processione notturna
si snoder per le vie
dellabitato di San
Romano, in comune di
Mercato Saraceno,

Gioved 28 aprile 2016

illuminata da pi di 1800
candele accese mentre
insieme si reciter il
rosario. "Sar la
partecipazione di tutti
insieme alle candele a
riscaldare i cuori". Al
termine della
processione, intervento
musicale dell coro della
comunit del Benin
presente nel territorio da
diversi anni.

Politici e amministratori hanno partecipato allincontro a San Piero in Bagno

Unione dei Comuni


Prosegue il confronto
F

usione dei Comuni Valle del Savio:


dopo la presentazione dello "stato
dellarte", con lassessore regionale
Emma Petitti che nellincontro della scorsa
settimana ha presentato esperienze e
indicazioni sulle fusioni nellambito della
nostra Regione, e con una serie di
interventi favorevoli e contrari, ora si
dovrebbe andare verso una fase pi
"specifica" per ci che riguarda i Comuni
della vallata.
il sindaco di Bagno di Romagna Marco
Baccini, che aveva promosso liniziativa, a
prevedere che uno dei prossimi passaggi
"sia quello di coinvolgere i sindaci dei
Comuni confinanti per avviare uno studio

FOTO DI ARCHIVIO DI PELLEGRINI


ALLE GUALCHIERE DI BAGNO DI
ROMAGNA, LUNGO LA VIA ROMEA
GERMANICA

di fattibilit su eventuali ipotesi di


fusione, cos da poter entrare nel merito
delle opportunit e delle criticit".
"Lopzione pi logica - precisa Baccini -
quella del proseguimento naturale di un
percorso gi avviato allinterno della
nostra Unione. La logica quella di
prevedere in prima battuta un
approfondimento della possibilit di
fusione tra i quattro Comuni della Valle,
che gi allinterno dellUnione stanno
condividendo metodologie ed
organizzazione comune dei servizi".
Per Baccini leventuale studio di
fattibilit dovrebbe approfondire lipotesi
della fusione tra Verghereto, Bagno di
Romagna, Sarsina e Mercato Saraceno..

Pellegrini lungo
laVia Romea Germanica
omenica 1 maggio, in occasione della Giornata
D
Nazionale dei Cammini (giunta all8 edizione e
promossa dalla Rete dei Cammini), Acli Altra Terra,
in collaborazione con Associazione Via Romea
Germanica, Acli Cesena Valle Savio,
Comune di Bagno di Romagna, promuove due
diverse escursioni "lungo la Via Romea
Germanica".

Erano presenti allincontro anche i


sindaci di Verghereto Enrico Salvi e di
Sarsina Luigino Mengaccini, insieme ad
altri amministratori e cittadini.
In una sala consiliare gremita, lassessore
regionale al Riordino Istituzionale ha
presentato una serie di dati sulle
esperienze di unione e fusione di
Comuni, sulle leggi nazionali e regionali
che regolano la questione, sui contributi
statali e regionali previsti, sullimpegno
della Regione ad accompagnare questi
processi anche finanziando la
realizzazione di studi di fattibilit che
aiutino a capire come organizzare i
servizi e cosa succede in caso di fusione.
Decisamente contraria lopinione
espressa da Jacopo Morrone, segretario
provinciale della Lega Nord, che ha
evidenziato il rischio della messa in
pericolo dellidentit delle comunit ed
ha criticato il sistema degli incentivi
statali e regionali.
Le conclusioni sono state affidate ai
rappresentanti delle istituzioni regionali
e nazionali, col consigliere regionale
Massimiliano Pompignoli, della Lega
Nord, che ha ribadito una serie di
critiche, e con lonorevole Marco Di Maio
e la senatrice Mara Valdinosi, entrambi
del Pd, che hanno posto lattenzione
sulla necessit di affrontare il percorso
delle fusioni non unicamente per
motivazioni dovute ai contributi statali e
regionali, ma per una reale condivisione
da parte dei cittadini (chiamati tra laltro
ad esprimersi con un referendum) di un
modo nuovo di organizzarsi per garantire
la continuit dei servizi.
Alberto Merendi

Una prima proposta (di due giorni), prevede il ritrovo


sabato 30 aprile alle 15 a San Piero in Bagno per poi
affrontare il percorso dal cippo del Carnaio a Fontabate,
dove previsto il pernottamento; domenica 1 maggio si
riparte per Corzano e si percorre la mulattiera no a San
Piero, con ristoro e accoglienza a cura della Pro Loco di San
Piero in Bagno nellambito della Sagra di Primavera.
Laltra iniziativa prevede la partenza alle 10 dell1 maggio
dalla piazza di Bagno di Romagna (davanti alla Basilica)
per giungere a Corzano e poi proseguire sempre lungo la
mulattiera per San Piero e la Sagra di Primavera.
Per informazioni e iscrizioni, 342 1332152 - Fb: Via
Romea - La "melior via".

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi


di novit e voglia di scoprire sapori particolari.
Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente
secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

17

Sarsina
I Mecenati
del Savio
Imprenditori e territorio,
coesione e solidariet
I Mecenati del Savio diventano "maggiorenni"
e nel loro diciottesimo anno di vita (19982016) rilanciano le attivit del sodalizio.
Nella cena conviviale del 15 aprile scorso,
tenutasi presso la sede sociale in piazza Plauto
a Sarsina, si parlato di quanto realizzato a
favore del territorio della media valle del Savio
e della programmazione per il biennio 20162018. Azioni culturali, sociali ed economiche,
con particolare riguardo alle fasce sociali pi
deboli, che i Mecenati intendono riproporre e
implementare, magari con laiuto di chi
desideri unirsi alla compagine e impegnarsi per
la valle.
"Siamo un gruppo di imprenditori e
professionisti innamorati del proprio territorio
- ha detto Paolo Pieraccini di Mercato
Saraceno, attuale presidente dellassociazione
- che vogliono contribuire a migliorarlo".
Partendo dallo scenario attuale della valle del
Savio e delle sue problematiche (spopolamento
giovanile, disoccupazione, difficolt economica
di molte famiglie, rassegnazione e mancanza di
idee), tre sono gli obiettivi che il gruppo si
dato per il prossimo futuro: di natura sociale,
attraverso iniziative di particolare rilievo sul
versante della solidariet; di natura culturale,
attraverso la promozione di iniziative che si
leghino alla tradizione e alla storia della valle
del Savio. Inne, un obiettivo economico,
ovvero la creazione e il potenziamento della
piccola impresa con posti di lavoro qualicati,
in sintonia con lo sviluppo del nostro
territorio".
Nel concreto tra le numerose attivit che i
Mecenati intendono portare avanti va
annoverato il prestito donore, gi avviato in
passato in collaborazione con i servizi sociali
dei comuni di Sarsina e Mercato Saraceno e che
vorrebbe allargarsi ai comuni dellalta valle. Si
tratta di una sorta di fondo di diverse migliaia
di euro, messo a disposizione dai Mecenati a
favore delle famiglie in difficolt che non
riescono a far fronte a pagamenti immediati.
Prestiti che i soggetti coinvolti riescono
solitamente a rendere in un arco di tempo non
denito.
Lassociazione inoltre desidera continuare il
supporto economico alla Misericordia di
Sarsina con la donazione di unambulanza e il
sostegno agli anziani con iniziative a loro
dedicate.
Una scommessa su cui i Mecenati puntano
molto il supporto economico ed organizzativo
al Cammino di San Vicinio: "una grossa
opportunit per lo sviluppo del territorio in
termini culturali, economici e turistici".afferma Pieraccini- " nostra intenzione
contribuire alla valorizzazione del tratto BoraRavenna, implementando il marketing,
laccoglienza dei turisti e quanto altro potr
scaturire col confronto con gli altri soggetti
coinvolti nelliniziativa".
Michela Mosconi

18

Solidariet

Gioved 28 aprile 2016

Una nuova
associazione

Lincontro nella palestra di Pievesestina di Cesena con i ragazzi e i genitori


diSempre, vale a dire strampalati e maldestri per rimanere entusiasti

Sport e amicizia, la condivisione


di un percorso di vita. Sempre

empre sotto forma di


acronimo: strampalati e
maldestri per rimanere
entusiasti. questa la ricetta
messa in campo da un gruppo di
genitori che si sono stancati di
piangere. Un po di tempo fa ho
pianto tanto - dice Marzia Boschi,
mamma di Laura, una 14enne affetta
da una sindrome rara -. Adesso non ne
ho pi voglia.
Incontro queste mamme e questi pap
un venerd pomeriggio, allinterno
della palestra delle scuole elementari
di Pievesestina, a Cesena. Qui questi
ragazzi diversamente abili cercano di
destreggiarsi con il basket, una
disciplina per nulla semplice. Marzia
una ex di questo sport che a Cesena ha
vantato importanti successi in campo
femminile. Ha deciso, assieme ad altri
che hanno condiviso la sua grinta e la
sua convinzione, che era ora di far fare
ai loro figli quello che fanno tutti gli
altri.
S, perch le realt organizzate
funzionano. Basta pensare a cosa si
riesce a realizzare a scuola o in ambito
scout. Ma poi, quando questi ragazzi
si trovano da soli, nel pomeriggio
oppure nel fine settimana, i problemi
vengono a galla. Perch nessuno invita
mai uno di loro a uscire la sera o ad
andare a giocare a calcio. Allora, il
fatto pi naturale stato quello di
mettere insieme i simili. Pi facile e
pi semplice, con meno difficolt per
tutti.
Lidea non banale da realizzare,
anche perch questi giovanotti non
sono tanti e sono sparsi sul territorio.
Ma piuttosto che correre il rischio di
rimanere in casa da soli, vediamo di
costruire un gruppo di gente simile, ci

Part time agevolato


Piccolo passo che non risolve
il problema della flessibilit
Il ministro Poletti ha rmato il
Decreto di attuazione alla norma
sullinvecchiamento attivo che
stabilisce la possibilit di part-time
agevolato in uscita per i lavoratori ai
quali mancano meno di tre anni alla
pensione.
La norma riguarda per solo i
lavoratori del settore privato, assunti
a tempo indeterminato e con tempo
pieno, che abbiano versato 20 anni di
contributi e che maturano il requisito
anagraco entro il 31 dicembre 2018.
Insieme al datore di lavoro potranno
concordare il passaggio al part-time,
con una riduzione dellorario tra il 40
e il 60 per cento, ricevendo ogni
mese in busta paga, in aggiunta alla
retribuzione per il part-time, una
somma esentasse corrispondente ai
contributi previdenziali a carico del
datore di lavoro sulla retribuzione
per lorario non lavorato. Inoltre, per
il periodo di riduzione della
prestazione lavorativa, lo Stato
riconosce al lavoratore la
contribuzione gurativa
corrispondente alla prestazione non
effettuata, in modo da salvaguardare
lintero importo della pensione
quando scatter let per ritirarsi
denitivamente dal lavoro.
Maurizio Petriccioli, segretario
confederale della Cisl,
sullargomento afferma: La
possibilit per i lavoratori che si
trovano a ridosso del raggiungimento
dei requisiti pensionistici di
trasformare il proprio tempo pieno in
part-time e la previsione di incentivi
scali contributivi che sono stati
appositamente inseriti nella nuova

siamo detti, aggiunge Marzia che


sembra un vulcano in eruzione per
lentusiasmo e la dedizione che mette
nel progetto pensato, ideato e portato
avanti con tanta forza, sostenuta
anche dagli allenatori Donatella Tozzi
e Pierpaolo Senni.
Finalmente ho amici anchio, dicono
adesso questi giovani speciali. S,
perch sono adolescenti anche loro,
con i loro desideri, le loro pulsioni, le
loro attese e aspirazioni. E le amicizie,
soprattutto a quellet, sono davvero
fondamentali. Ecco allora la
pallacanestro, una volta alla
settimana, assieme ai ragazzi e alle
ragazzi che la praticano nelle squadre
di Cesena. A turni si alternano in
quattro per fare giocare e trasmettere
regole e tecniche. Un incontro che

aiuta tutti, in un circuito educativo


importante per ciascuno. Anzi, in
alcuni casi chi pensava di dare, ha
invece ricevuto molto di pi.
Adesso siamo una squadra. Hanno la
loro chat. Hanno i loro interessi, come
gli altri ragazzi di quellet. stata una
conquista - prosegue Marzia -.
Veniamo da anni di psicomotricit.
Era difficile fare giocare i nostri figli
nelle squadre con i normodotati. Io ho
giocato e le dico che se gioco voglio
vincere. Si creavano meccanismi non
sempre piacevoli. Invece qui ora
tutto diverso. E quando vengono con
noi i ragazzi delle squadre cittadine,
della Virtus e del Cesena 2005, le dico
che si divertono.
Il basket insegna a essere - dice
lallenatrice della Virtus, Annalisa

NOTIZIARIO PENSIONATI
normativa, rispondono allesigenza
pi volte richiamata dalla Cisl di dare
sollievo ai lavoratori in et anziana,
riconoscendo la diversit dei lavori,
la diversa pesantezza e la diversa
usura. Ma, afferma Petriccioli, il
Governo non pu eludere con misure
di questo tipo il problema
fondamentale dei lavoratori pi
anziani, e cio la necessit di
reintrodurre la essibilit
nellaccesso alla pensione. Inoltre,
la possibilit del part-time non
concessa a tutti, poich sono esclusi i
lavoratori del settore pubblico e il
procedimento limitato rispetto alle
risorse messe a disposizione.
opportuno per noi come Cisl
evidenziare - prosegue Petriccioli che si persa loccasione di
accompagnare questa nuova
normativa con lintroduzione
nellordinamento della cosiddetta
staffetta generazionale collegando il
passaggio del tempo pieno al tempo
parziale con lassunzione di un
giovane. Il non coinvolgimento dei
dipendenti pubblici e la mancata
staffetta generazionale sono,
dunque, i due grandi limiti del
provvedimento.

Baraghini, impegnata in prima linea


nel progetto -. Educa prima di tutto.
Aiuta a rispettare regole e avversari.
Incrementa in loro il senso di fiducia e
autostima. Sono ragazzi a volte fragili,
vulnerabili, in situazioni di svantaggio.
Il senso di questo nostro lavoro
quello di rendere accessibile a loro il
piacere e i
benefici di fare
attivit sportiva
integrandosi
con coetanei
che praticano la
stessa passione.
Quando poi li
vedi con il
sorriso sono
stupendi,
bellissimi.
Hanno un
grande
entusiasmo. Il
basket
davvero uno
sport inclusivo.
Questo
progetto, con
educatori del
Cemea (Centri
di esercitazione
ai metodi
delleducazione
attiva), ha come obiettivo quello di
rendere i ragazzi autonomi, in grado
di girare in citt da soli. E anche quello
di avere un gruppo di amici. Se non ci
proviamo - precisa Marzia - non
sapremo mai se sono in grado di
riuscirci.
Adesso guardiamo anche avanti.
Stiamo facendo le pratiche per
costituire lassociazione Sempre e
dobbiamo dire che il Comune ci ha
sostenuto da subito. Stiamo pensando
alle domeniche pomeriggio, a un
progetto di educazione sessuale
perch questi giovani che vanno dai
14 ai 19 anni non sono asessuati. E
infine sarebbe interessante sfruttare il
dono della voce per il canto. Una band
di canto: ecco la nuova idea. Sarebbe
bellissimo.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Anteas (Associazione nazionale tutte le et attivit per la solidariet) in Assemblea


Gioved 21 aprile si svolta lAssemblea di Anteas Cesena (Associazione nazionale tutte le et attiva per la
solidariet), associazione di volontariato nata nel 2003 dalla Federazione dei Pensionati Cisl. Durante
lAssemblea stato presentato il bilancio consuntivo 2015 e il bilancio sociale che elenca tutte le attivit
svolte. Sono poi intervenuti alcuni dei tanti volontari (137 nel 2015), e soci (122).
Le attivit svolte sono sempre di pi cresciute negli anni. Nei due Distretti di Cesena Valle Savio e Rubicone,
Anteas Cesena ha 5 sportelli infermieristici dove, grazie a personale volontario di accoglienza e infermieri,
possibile misurare gratuitamente pressione e glicemia o fare piccole medicazioni. Dalla loro creazione il
numero di accessi e prestazioni fornite sono spesso pi che raddoppiati. In seguito, per rispondere allesigenza
di persone anziane o disabili di trasporto per recarsi a visite specialistiche, esami o riabilitazione Anteas ha
acquistato quattro automezzi, che nel 2015 hanno percorso pi di 15mila chilometri.
A SAN PIERO IN BAGNO, oltre al Centro sociale, si effettua ormai da anni il servizio di consegna pasti a
domicilio (2.964 nel solo anno passato). Inoltre, il gruppo musicale Anteas Attenti a quei due, originario di
San Piero in Bagno, sempre pi richiesto nelle case di riposo e nelle strutture protette, anche per festeggiare
i vari compleanni a volte centenari. La loro musica ed entusiasmo riesce a portare alla mente ricordi e far
trascorrere pomeriggi lieti con canzoni romagnole e non solo.
Anteas Cesena presente anche a CESENATICO, dove i volontari hanno realizzato un progetto di lotta alla
solitudine, facendo compagnia agli ospiti degli appartamenti della Nuova Famiglia, aiutano gli anziani nelle
pratiche burocratiche e nel periodo estivo accompagnano gli ospiti della casa protetta con il trenino.
Anteas Cesena non si occupa solo di anziani, ma anche dei bambini. Nel 2015 ha infatti donato a due scuole
una Lim, cio una Lavagna Interattiva Multimediale, che permette ai bambini di imparare con metodi
innovativi, per grafica e strumentazione e ai docenti di insegnare la loro materia con mezzi integrati e avanzati
(testi, video, immagini, grafici). Le scuole interessate sono state la scuola Gambini di Calisese e la scuola
primaria di Mercato Saraceno. Inoltre sono stati acquistati materiali volti allinclusione sociale di bambini
disabili presenti nella scuola di Calisese.
Anteas Cesena svolge tutte le sue attivit attraverso un volontariato gratuito, ma non si dimentica essa stessa
di fare beneficenza. Da anni aderisce al progetto Una mano per il Nepal sostenendo 36 mamme con bambini
in Nepal tramite lassociazione Apeiron di Barbara Monachesi. Inoltre, a fine anno, la cena di beneficenza
Anteas sempre rivolta a sostegno di chi ha bisogno cercando, anche tramite i servizi sociali, persone che
abbiano bisogno di aiuto. Tante saranno le novit anche per il 2016 e 2017, periodo nel quale
si prospetta lapertura di nuovi ambulatori nel Distretto Cesena Valle Savio, in seguito alle
richieste pervenute tramite lAsp Cesena Valle Savio, sempre attenta alle esigenze delle persone
pi fragili e vicina alle associazioni di volontariato come Anteas Cesena.
I numeri di Anteas Cesena nel 2015 sono stati: 11.881 prestazioni e 7.199 accessi negli sportelli
infermieristici; 15.316 chilometri percorsi e 1.500 ore di volontariato.
Tutto questo sempre grazie ai tanti volontari che gratuitamente hanno deciso di dedicare il
proprio tempo agli altri.

Cultura&Spettacoli

Raccolta Atti | Romagna, Diocesi e confini

Gioved 28 aprile 2016

Convegno a Cesena
Pari o dispari?
Il lavoro nel cesenate
ella Sala Conferenze della Banca di
Cesena (oggi Credito Cooperativo
Romagnolo) "E. Cacciaguerra" in viale Bovio,
72 la sezione cesenate di Fidapa organizza
sabato 7 maggio alle 10 il convegno "Pari o
dispari? Il lavoro nel cesenate".
Il convegno prende avvio con lintroduzione
di Maria Grazia Bartolomei, presidente del
sodalizio cesenate e il saluto della
consigliera regionale Lia Montalti. A seguire
la relazione della professoressa Alessandra
Servidori, docente di contrattualistica e gi
consigliera nazionale di parit, di Maria
Teresa Conti dellUfficio Studi dellOrdine
Nazionale dei Consulenti del Lavoro, che
affronter le opportunit offerte dal welfare
aziendale e della vice presidente della
Camera di Commercio di Forl-Cesena,
Annalisa Raduano, che fornir una lettura dei
dati del lavoro femminile relativi al nostro
territorio. A seguire, testimonianze
indicative di buone pratiche gi in essere nel
comprensorio cesenate

I Confini delle Diocesi di Ravennatensia. Tra storia e geografia stato il titolo del convegno ospitato nel 2014 al monastero del Monte, a Cesena. Gli interventi del convegno di studi sono stati
pubblicati nel volume che ne raccoglie gli atti, presentato nei giorni scorsi in Episcopio a Cesena.
Allappuntamento, oltre al vescovo Douglas, erano presenti il curatore del libro don Maurizio Tagliaferri (a sinistra nella foto di Armuzzi), e gli storici Marino Mengozzi e Claudio Riva.
Il volume (15 contributi, 270 pagine, stampato dalla Stilgraf di Cesena) stato pubblicato grazie
al sostegno della Diocesi di Cesena-Sarsina.

Rassegna di quattro spettacoli sul palco del cineteatro di San Vittore


Primo appuntamento venerd 6 maggio con il gruppo teatro Il Disegno
ROBERTO FABBRI
(IN ABITI DI SCENA)
IL DIRETTORE ARTISTICO
DELLA RASSEGNA
X VICTOR

Gruppi teatrali locali


Si alza il sipario del Victor
S

i alza il sipario su "X-Victor", la


rassegna di gruppi teatrali
promossa da Roberto Fabbri &
Friends. Giunta alla quarta edizione,
liniziativa propone quattro spettacoli in
scena al Cine-teatro Victor di Cesena alle
21. Al via venerd 6 maggio con "Chi ha
paura del lupo cattivo" del Gruppo teatro
Il Disegno, scritto e diretto da Roberto
Fabbri sul personaggio da sempre
considerato il cattivo per antonomasia, il
lupo (prenotazione posti tel. 324
7959785).

Il 13 maggio la volta de La Cumpa con


"Vietato ai maggiori di anni 18 (se non
accompagnati da minori)", scritto e
diretto da Marco Brambini: personaggi
fantastici insieme in una stanza che
assomiglia a quella di Van Gogh.
Il 20 maggio tocca a "Polvere di stelle" di
Samarcanda, scritto e diretto da Nais
Aloisi: il barbone Charlie si intrufola in un
magazzino teatrale che rivela strane
presenze (prenotazione tel. 333 1282093).
Il 22 maggio si chiude con "I cinque
sensi" di Rapsodia Danza con la

coreografie di Elisa
Cantoni (che anche
regista), Teresa Garaffoni e Marta Gara:
spettacolo di danza modern-jazz,
contemporanea e Hip hop (prenotazione
tel. 347 4278370).
" una rassegna in autogestione, ormai
consolidata nel tempo, che presenta tutte
prime teatrali a prezzi altamente popolari
- spiega il direttore artistico Roberto
Fabbri -. Le compagnie sono formate
soprattutto da giovani attori e non di rado
teniamo a battesimo nuove compagnie".
Fabbri, che ha alle spalle una lunga
esperienza teatrale, fondatore di "Testa
e Croce", la compagnia della Pastorale
giovanile della Diocesi di Cesena-Sarsina
e prima ancora del gruppo "Arte e
spettacolo" della parrocchia di San Paolo
di Cesena. "Questa rassegna
unopportunit per i protagonisti di
esprimere il fattore x, ovvero il talento,
senza barriere ideologiche o di altro tipo,
tanto vero che gli spettacoli sono
realizzati anche da disabili e bambini
piccoli, in unalternanza di espressioni
artistiche - prosegue -. Ho avuto richieste
di partecipazione da parte di compagnie
da fuori regione, ma per il momento
preferisco che questa vetrina sia dedicata
esclusivamente al teatro locale".
Francesca Siroli

19

Cinema
di Filippo Cappelli
Eliseo Cesena, Uci Romagna Savignano

LE CONFESSIONI
di Roberto And
Non un film facile. Per nulla. Inquieto, enigmatico, liscio, eppure qualcosa non lascia tranquilli del nuovo film di And. Sar per
l'ambizione che presuppone, per la gestione
dei tempi, a met fra lampi di genio e folgoranti idiozie, per quel Servillo libero e ingestibile come un cavallo di razza. Ma andiamo con
ordine.
La trama: Germania, oggi. In un albergo di
lusso si riunisce un pool di ministri delleconomia dei Paesi del G8 che, si dice, varer una
manovra con conseguenze molto pesanti sugli
equilibri mondiali. Arrivano uomini e donne di
governo da tutto il mondo con il direttore del
Fondo monetario internazionale, il francese
Daniel Roche. Inoltre ci sono tre ospiti tra cui
un italiano particolare, il monaco Roberto
Salus. Ben presto accade qualcosa che spariglia
le carte del summit...
Apologo morale, metafora... C' un po di tutto
raccolto nella presenza ingombrante, solenne e
ieratica di questo Salus (in latino: salvezza). I
dialoghi rarefatti e incompiuti non spiegano
molto di pi, comunque si parla anche di economia e, soprattutto, di modi e atteggiamenti
per uscire dalla dittatura del profitto. Una sensazione di sotterfugi e intrighi domina nelle
stanze dellalbergo, insieme allimpressione
che ci si muova in un piano di esistenza diverso, una specie di spazio metafisico, affidato
a personaggi smarriti e quasi persi.
Pare essere un giallo, stravagante certo, che recupera qualche spunto da Dieci piccoli indiani e dallestetica di Sorrentino. Servillo nei
panni di monaco sembra pi volte sovvertire
gli schemi del mondo della politica, come a
rappresentare il granello di sabbia che inceppa
un meccanismo oliato e fluido. Per lasciare alla
sua ieraticit il tempo di agire e di accedere in
profondit, And si prende i tempi di un racconto dilatato in cui mette a nudo gli automatismi di un sistema incapace di mettersi in
discussione e accecato dalla presunzione di
manovrare i fili del destino del mondo.
Sembrano tutti in carcere, tranne la libert di
farsi i fatti propri portata da Salus. Il potere fumoso della finanza pare tenere tutti sotto
scacco, agganciato com a grandi temi e ideali
alti, ma poi incapace di renderli presenti e vivi.
Neanche il film stesso sembra voler fornire
delle risposte. Forse la volont di And solo
quella di suggestionare, arrivare l dove un ragionamento logico non pu giungere. Il problema che a lungo andare la suggestione
iniziale mostra troppe crepe, fin quasi al crollo:
le morti improvvise, i segreti che aleggiano, lasciano infatti il posto a un atteggiamento pontificatorio, a una rarefazione quasi mistica che
tuttavia gira pi volte a vuoto. La certezza di essere dalla parte dei migliori, di essere parte dei
pi avveduti prende il sopravvento.
Un film da rimandare a ottobre. Per capire meglio quale fosse la vera idea di film portata
avanti da And. Suggestionare? Forse. Inquietare? Magari. Mostrare il nulla? Di sicuro. Che
sia un bene o un male, solo il tempo lo dir.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
DARE UN VOLTO ALLAMORE
Confessione di un attore
di Michael Lonsdale Casa Editrice Emi (euro 9)
Prefazione di Dario Vigan (direttore del Centro Televisivo Vaticano)
Michael Lonsdale, ora ottantenne, attore francese di cinema e teatro di fama internazionale. Ha girato film con alcuni dei pi grandi registi del 900 fra cui Olmi, Orson
Welles, Francois Truffaut, Costa-Gravas, Jean-Jacques Annaud. Ha interpretato il ruolo
di frre Luc in Uomini di Dio che gli valse il premio Csar, lOscar di Francia. Uomini di Dio del regista Xavier Beauvais racconta la drammatica vicenda dei monaci
trappisti di Tibhirine, in Algeria, uccisi barbaramente nel 1996. In questo libro (non
lunico) racconta la sua esperienza di fede in Ges, coniugata con larte e la bellezza,
riflesso di Dio. Suo padre, un protestante inglese, non aveva nessuna pratica religiosa.
Sua madre era cattolica e la sua famiglia si era trasferita in Algeria. Educata in una
scuola tenuta da suore, cacciata per cattiva condotta, non rinneg mai Cristo, anzi la
prima, superficiale conoscenza di Ges venne al piccolo Lonsdale proprio da un regalo di lei, un piccolo libro illustrato, The Life of Jesus. Un regalo che non lasci traccia in lui. Tra laltro non fu neppure battezzato da bambino. Cos il futuro attore si
trov a leggere grandi testi spirituali delle pi svariate religioni, spaziando dallislam al
buddismo, dalle Upanishad, al sufismo, a Confucio e Lao-Tse, fino alle religioni primitive dei Maya e degli Aztechi. Ma chi veramente lo sedusse fu o solo Ges. Inizialmente in Marocco dove la sua famiglia nel 1939 si era trasferita dallInghilterra. Lui era
presente quando un uomo voleva disfarsi di alcune statuette di Francesco dAssisi e
Teresina di Lisieux, ritenendole oggetti devozionali e volgari. Ma il piccolo Michael si

ribell (aveva otto o nove anni), prese quelle statuette, si fece un angolo di preghiera senza sapere neanche cosa volesse dire. Unamica
di sua madre lo portava alla Messa domenicale nella Cattedrale della
capitale del Marocco, Rabat. Cos senza accorgersene avanzava dolcemente verso Ges (sono parole sue). Poi incontr a Rabat un musulmano entusiasta della sua fede islamica e cos il Corano divenne il
suo primo libro di spiritualit. Pensava di farsi musulmano, ma proprio in quel periodo i suoi genitori si sono divisi e Lonsdale andato a
vivere in Francia. Accolto dalla famiglia molto colta di sua madre, nel
1947 a 16 anni inizia a leggere testi della letteratura francese: Chateaubriand, Stendhal, Baudelaire, eccc. Vorrebbe fare di tutto, non ha le idee molto chiare. Sua madre lo aveva portato al cinema frequentemente in Marocco. Sente dentro di s una fame per il mondo e per gli altri, ma
timido. Unamica di sua madre lo incoraggia e cos si iscrive agli Ateliers dart sacr e conosce la
pittura di Delacroix. Incontra artisti, intellettuali e uomini religiosi. In quellatelier incontra un
domenicano, padre Raymond Rgamey che gli spiega il profondo legame tra fede e arte e lo invita
ad andarlo a trovare nel convento di Saint-Jacques. Cerco qualcosa di vero, di buono, di grande
dice Lonsdale al domenicano. Credo che forse quel che stai cercando Dio, semplicemente gli
replica il padre Raymond che diviene il suo direttore spirituale, amico e guida. Ma lincontro ancora pi importante quello con Denise Robert, una donna luminosa, aperta, gioiosa, e cieca
dallet di 35 anni. Nasce una grande amicizia. Lui la accompagna per Parigi due tre ore al giorno.
Vanno al santuario della Madonna Miracolosa di rue du Bac. Attraverso Denise, Lonsdale impara
a conoscere il Vangelo e Ges. Ha 22 anni e lei gli fa da madrina per il battesimo. Lui, figlio illegittimo (sua madre era gia sposata quando si mise con suo padre), ora alla fine ha trovato la sua famiglia: Aveva Dio come Padre adottivo!. Vivr come amico di Ges facendo lattore, in preRino Casali
ghiera continua nel quotidiano.

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 28 aprile 2016

Cesena

Cesena

Longiano
Accoglienza
dei richiedenti asilo
Incontro al convento
n incontro sul tema
Accoglienza dei richiedenti asilo in
U
programma a Longiano
luned 2 maggio, alle 21,
nei locali del convento
dei frati francescani
del Santissimo Crocisso.
La serata, di taglio informativo,
organizzata dallarea Intercultura
dellAsp del Rubicone,
dallassociazione Between
di Savignano sul Rubicone,
dalla Caritas di Longiano
e dai frati minori conventuali.
Attraverso testimonianze
e lmati si cercher di sensibilizzare il
territorio sul tema dei profughi,
delineando lentit
del fenomeno e approfondendo il tema
dellaccoglienza.

Favole giapponesi

Lezioni allUniversit Terza Et

Sul palcoscenico del teatro Bonci, sabato 30 aprile e


domenica 1 maggio alle 17, 19 e 21, Chiara Guidi
della Societas Raffaello Sanzio porter in scena,
nellambito di Puerilia, lo spettacolo Favole
giapponesi. 50 persone al centro di un bosco per
ascoltare una aba musicale. Una voce racconter
favole tratte dal repertorio giapponese. Ideazione,
regia, scene e costumi di Chiara Guidi, musica
originale di Giuseppe Ielasi.

Sar Vincenzo Balzani, professore emerito di


Chimica allUniversit di Bologna, a tenere la
lezione nella sala Vaienti della Cisl in via Renato
Serra, venerd 29 aprile alle 15,30. Tratter il tema
La luce: una cosa veramente straordinaria.
Marted 3 maggio nella sala Fantini alle 15,30,
Rabih Chattat, docente di Psicologia nella sede
universitaria di Cesena, terr una lezione sulla
Regolazione emotiva e il benessere.

CESENA
Toni Servillo legge Napoli
Al Bonci, gioved 28 aprile alle 21, Toni
Servillo, attore di cinema e teatro, dar voce a
dieci poeti e scrittori napoletani tra cui
Salvatore Di Giacomo, Eduardo de Filippo,
Antonio De Curtis (Tot). Uno spettacolo di 90
minuti che fu rinviato a marzo. Ingresso 25
euro, ridotto 18 e speciale per giovani e
loggione 15.

Mostra alla Malatestiana

Villachiaviche
L
Festa
della
parrocchia

a comunit parrocchiale di Villachiaviche di Cesena


festeggia il patrono San Giuseppe artigiano.
Tra le celebrazioni, la Messa di sabato 30 aprile alle 18 cui
seguir la processione presieduta dal vescovo Douglas
Regattieri e accompagnata dalla banda Citt di Sarsina che
animer la serata.
Domenica 1 maggio alla Messa delle 11 saranno presentati i
bambini della Confessione e della Comunione e i ragazzi della
Cresima.
Nelle due giornate della festa stand gastronomico, arte del
ferro battuto di Carlo Strada, spettacolo di Frate Mago, pesca
e mercatino del Centro anziani.

Mv

Biglietti estratti
Lotteria del Volontariato
Venerd 22 aprile nella sede di Assiprov a Cesena
sono stati estratti i biglietti vincenti
dellundicesima edizione della Lotteria del
Volontariato Citt di Cesena 2015-2016.
I numeri vincenti sono i seguenti:
1 premio al biglietto n. 13724 (Week End per
2 persone in una citt italiana offerto da
Agenzia Viaggi Manuzzi ) venduto
dallassociazione Croce Verde Cesena.
2 premio al biglietto n. 17464 (Pacchetto
week-end relax alle terme per 2 persone)
venduto dallAssociazione Stomizzati Cesenate
(Acistom).
-3 premio al biglietto n. 5565 (Buono spesa del
valore di 300 euro per lacquisto di
elettrodomestici e materiale informatico)
venduto dallassociazione Qualcosa di grande
per i piccoli.
4 Premio al biglietto n. 17783 (Buono spesa
del valore di 200 per lacquisto di
elettrodomestici e materiale informatico)
venduto dallAssociazione Stomizzati Cesenate
(Acistom).
5 Premio al biglietto n. 18685 (Buono spesa
del valore di 150 per lacquisto di
elettrodomestici e materiale informatico)
venduto dallassociazione Cesena in Blu.
6 Premio al biglietto n. 21383 (Buono spesa
del valore di 100 euro per lacquisto di prodotti a
marchio Coop, offerto da Ipercoop Lungo Savio
di Cesena) venduto dallassociazione Istituto
Pace Sviluppo Individuo Ambiente (Ipsia).
7 Premio al biglietto n. 12433 (Abbonamento
per 1 mese di Palestra offerto da Village Gym di
Borello) venduto dallassociazione Grazia e
Pace.
8 Premio al biglietto n. 239 (Abbonamento
per 1 mese di Palestra offerto da Village Gym di
Borello) venduto dallassociazione
Cerebrolesioni Acquisite (ACeA).
9 Premio al biglietto n. 4994 (Abbonamento
per 1 mese di Palestra offerto da Village Gym di
Borello) venduto dallAssociazione Italiana
Sclerosi Multipla (Aism onlus).
10 Premio al biglietto n. 10630 (Buono spesa
di 20 euro per prodotti da forno offerti da
Panicio Bolognese) venduto dallAcat.
Grazie allimpegno dei volontari che si sono
impegnati nella distribuzione dei biglietti, ne
sono stati venduti 18.519.
I premi dovranno essere ritirati presso lo
sportello di Assiprov (via Serraglio, Cesena)
entro il 22 luglio.
Per informazioni: Assiprov Cesena, tel. 0547
612612, info@assiprov.it.

Cesenatico

San Piero in Bagno


Sagra di Primavera

Concerto al Comunale

Si presenta in una veste nuova la Fiera dei Fiori che


vede convolte lAmministrazione comunale, la Pro loco
e associazioni. Oltre alla mostra mercato, allarea Luna
Park e a quella espositiva di piante, ori e macchine
agricole, la era ospiter eventi culturali, laboratori e
proposte enogastronomiche, domenica 1 maggio dalle
7 alle 20. Alle 16 in piazza Martiri arriveranno i
partecipanti alla Giornata nazionale dei Cammini. A
seguire il concerto in omaggio a Fred Buscaglione.

Appuntamento sabato 30 aprile alle 21 col


concerto The King i salive col gruppo
Miami & the Groovers. A 60 anni dalluscita
del primo disco di Elvis Presley, il gruppo
rock americano dedicher la serata al Re del
rocknroll con canzoni originali, pezzi di
Elvis e non solo, con ospiti come il trio vocale
Pepper Blondes, il trombettista Manuel Cilio
ed Hernandez & Sampedro.

stata inaugurata nella sala San Giorgio della


Biblioteca Malatestiana la mostra Foto a
Palazzo, curata da Gessica Boni, Paola Errani e
Carla Rosetti. In esposizione le immagini di
Palazzo Ghini, Masini, Albizzi, Lancetti, Guidi,
Locatelli e del Ridotto. A rmare gli scatti,
fotogra di periodi diversi. La mostra rimarr
aperta no al 19 giugno il luned dalle 14 alle
19,30; dal marted al sabato dalle 9 alle 18,30,
la domenica e i festivi dalle 10 alle 16. Ingresso
gratuito.

Cineforum al Victor
Al cinema di San Vittore, venerd 29 aprile alle
21, per il cineforum Film Family condotto da
Filippo Cappelli, sar proiettato I nostri
ragazzi di Ivano De Matteo. La
programmazione cinematograca prevede per
gioved 28, sabato 30 aprile e domenica 1
maggio alle 21 il lm Race il Colore della
vittoria di Stephen Hopkins. Marted 3 maggio
alle 21 sar sullo schermo in inglese. la storia
di Jesse Owens, campione di atletica, che
umili la Germania razzista con quattro
medaglie doro alle Olimpiadi di Berlino nel
1936. Ingresso 3,50 euro.

PAGINA A CURA DI TERZO SPADA

Cinema e dialogo interrereligioso, primo appuntamento il 10 maggio con Gold and Cooper

Fedi in gioco
Rassegna al Victor
Il cineteatro Victor di San Vittore propone la rassegna cinematografica Fedi in
gioco sul tema cinema e dialogo interreligioso. Una iniziativa che nasce dalla
collaborazione tra Acec, Religion today
Film festival, Ancci, Ufficio nazionale per
le comunicazioni sociali, Misericordiosi
come il padre, e Mibac.
Il programma si sviluppa in tre proiezioni cinematografiche e in una tavola rotonda da organizzare alla fine del ciclo.
Le visioni iniziano tutte alle 21.
Si inizia marted 10 maggio con Gold
and Copper - Oro e rame di Homayon
Assadian, ambientato nellIran del 2010,
con Negar Javaherian, Behrouz Shaibi,
Javad Ezati. Il film tratta della storia di
un giovane mullah che, costretto dalla

malattia della
moglie, si trova a cambiare
pannolini in
una Teheran
multiforme e
inaspettata, diventando un padre e un
marito migliore.
La seconda proiezione fissata per luned 16 maggio con Magic men - gli illusionisti di Erez Tadmor & Guy Nattiv
(Israele 2013), con Makram Khoury, Zohar Shtrauss, Ariane Labed. Il film parla
del viaggio di Avraham, un anziano
ebreo greco insofferente alla religione,
alla ricerca di un vecchio mago che durante la seconda guerra mondiale gli
aveva salvato la vita, in compagnia del

figlio rapper ultraortodosso.


Conclude la rassegna luned 30 maggio
Marie Heurtin - Dal buio alla luce di
Jean Pierre Ameris (Francia 2014), con
Isabelle Carr, Ariana Rivoire, Brigitte
Catillon. E la storia vera dellincontro tra
la piccola Marie Heurtin, nata sorda e
cieca nella Francia di fine Ottocento, e la
giovane suor Margherita che dedic tutta se stessa a strapparla dal buio che la
avvolgeva.
Mm

Gambettola

Longiano

Montiano

Jazz al Petrella

Festa del lavoro

Commedia di Matteo Cavezzali

Doppio programma in occasione


dellInternational Jazz Day al teatro comunale,
sabato 30 aprile alle 21,30. Suoneranno il
pianista Roberto Tarenzi e il trio Hobby
Horse composto da Dan Kinzelman (sax
tenore, clarinetti, auti, tastiere, percussioni,
voce); Joe Rehmer (contrabbasso, tastiere,
voce) e Stefano Tamborrino (batteria,
percussioni, voce). Ingresso 15 euro.

Questanno il 1Maggio sar festeggiato


a Montiano con la partecipazione dei
Comuni di Gambettola, Longiano e
Roncofreddo. Dalle 10 sleranno per le
vie del paese carri agricoli imbandierati.
Porteranno il saluto i quattro Sindaci e
interverr per il discorso ufficiale un
rappresentante sindacale. Al termine
rinfresco per i partecipanti.

Al teatro comunale, venerd 29 aprile alle


21, la compagnia Onnivoro di Ravenna
porter in scena lo spettacolo Fuori
Fuoco. Un monologo comico e anche
drammatico sulla tematica della
disoccupazione giovanile. Due giovani
attendono in una sala daspetto di essere
chiamati per un colloquio. Ingresso 10
euro, ridotto 8 per under 25 e over 65.

Sport

Gioved 28 aprile 2016

Calcio Serie B

Sport in breve

Cesena, fuori casa proprio non va


Il Trapani vince 2-1 e corre verso i playoff
Il Trapani un avversario ostico, ma ce la giocheremo, aveva
detto Drago nella conferenza prepartita. Il campo ha detto per
unaltra cosa. Un Cesena svogliato quello sceso in campo sabato 23
aprile alle 15 in casa del Trapani, almeno nel primo tempo, nel
quale la formazione bianconera non rischia pi di tanto in difesa;
lunico vero brivido arriva con la traversa di Petkovic su punizione.
Gli ospiti per non scendono in campo con la grinta necessaria ad
affrontare una lotta playoff agguerrita come questanno e si
affidano quasi solamente al pi in forma fra gli 11 di Drago, Ciano,
che al 33 provoca lunico vero pericolo dei primi 45 al portiere dei
siciliani Nicolas, pure lui con una bella punizione di mancino,
neutralizzata dal numero 1 brasiliano. Al 38 poi i padroni di casa
riescono a raggiungere un meritato vantaggio, grazie a un
bellissimo sinistro incrociato di Barill, servito da Citro, che
punisce con un contropiede la lettura sbagliata di Fontanesi a
met campo.
Dopo lintervallo Drago inserisce Sensi, di ritorno da 5 partite
saltate per infortunio, e Falco, alla ne uno dei migliori in campo
grazie alle importanti occasioni create, al posto di Cascione e
Falasco. I cambi danno una spinta in pi ai bianconeri, ma non
arriva la zampata decisiva per riequilibrare la gara, e il Trapani

Calcio Serie D
Romagna Centro, la salvezza

irreprensibile: Petkovic, 4 gol


e 7 assist da quando
arrivato in Sicilia a gennaio,
segna un gran gol di testa, al
57 su assist di Nizzetto:
doppio vantaggio per la
squadra di Cosmi. Il Cesena
aumenta la spinta offensiva,
ma il gol della speranza arriva troppo tardi, quando al 90
Dalmonte (primo gol in Serie B per il 18enne della Primavera)
mette in porta di testa una palla al bacio di Sensi, e ssa il
risultato nale: 2-1.
una scontta in linea con landamento fuori dalle mura di casa
del Cavalluccio. Considerando le sde in trasferta con le sei
squadre che la precedono e le tre che la seguono (le formazioni in
lotta per la promozione), i bianconeri hanno ottenuto solo 3 punti
in 9 partite, con tre pareggi e sei scontte. Numeri non proprio
rassicuranti in vista della ne della stagione, anche perch ci sar
da lottare no allultima giornata per sperare in un posto
nellanticamera della Serie A.
Andrea Pracucci

Al teatroVerdi di Cesena riconoscimenti per Mara Fullin, Ivana Donadel e Rita Gabellini
NELLA FOTO DI MAURO ARMUZZI, DA SINISTRA:
ALBERTO GHINI (PANATHLON CESENA), IL SINDACO PAOLO LUCCHI, DENIS UGOLINI (MODERATORE DELLA SERATA) E LE ATLETE RITA
GABELLINI, IVANA DONADEL E MARA FULLIN

Eccellenze in rosa
premiate dal Panathlon club
S

erata in rosa quella della scorsa


settimana organizzata dal
Panathlon club di Cesena, sotto la
guida del presidente Dionigio Dionigi. Al
teatro Verdi di Cesena, ospiti della
conviviale del club dal titolo La tenacia
delle donne nel mondo dello sport, sono
state premiate tre sportive deccezione:
Mara Fullin e Ivana Donadel, rivali nel
basket degli anni 90 e Rita Gabellini,
campionessa italiana di duathlon
classico.

21

Una presenza forte la loro, in un


palcoscenico di solito calcato da sportivi
uomini. Durante la serata sono state
intervistate da Denis Ugolini e supportate
dal sindaco Paolo Lucchi. Non ho mai
smesso di fare sport nemmeno nei
momenti pi difficili della vita - ha
dichiarato la Gabellini che ha partecipato
alla Nove Colli e alla Maratona di
Barcellona -. Il mio prossimo obiettivo il
triathlon, disciplina che comprende bici,
corsa e nuoto. Lo sport mi ha insegnato a

non mollare mai e mi piace molto la


competizione.
Fullin e Donadel, attualmente insieme
nella Virtus Cesena, sono state insignite
dal sindaco del titolo di ambasciatrici
dello sport a Cesena. Ivana Donadel,
tornata in campo nel basket di serie C per
dare una mano allamica Fullin, ha gi un
proprio obiettivo: Alla fine del
campionato devo sapere dire basta:
appender le scarpe al chiodo. Vorrei
trasmettere alle giovani leve che non
difficile conciliare sport e studio e che
occorre dedicarsi a ci che si fa con
maggiore tenacia ed entusiasmo. Anchio
sono riuscita, senza particolari sacrifici, a
portare avanti i miei studi universitari.
Mara Fullin vive a Cesena. Ha trascorso
un decennio di attivit a Vicenza e 9 anni
a Como: Ho vissuto la carriera proprio
nel momento in cui cerano le squadre e
gli ambienti giusti per vincere - ha
affermato -. Oggi sono allenatrice di
basket e istruttrice di nordic walking. In
questa nuova disciplina vorrei diventare
maestra. Si tratta della camminata
nordica fatta con i bastoncini. Prese
lavvio come allenamento estivo per lo sci
di fondo. Nel cesenate ormai diventata
una passione diffusa. Mi piacerebbe
molto che aumentasse ancora di pi il
numero degli appassionati al nordic
walking.
Giusy Riciputi

Numeri da record alla Corsa dei Polli di domenica 17 aprile


La festa organizzata dalla Polisportiva San Vittore
con il supporto dellazienda Amadori

In 3mila alla corsa dei polli

Con due giornate di anticipo il Romagna Centro


conquista la matematica salvezza battendo in
trasferta (la partita si giocata ieri pomeriggio)
la Virtus Castelfranco grazie alla rete di Ridol al
15. Unaltra bella impresa per i biancazzurri di
Martorano e non per nulla scontata considerato le
squadre blasonate con le quali gli uomini di mister
Rossi si sono dovuti misurare: Parma, Forl,
Ravenna tanto per fare i nomi delle compagini con
alle spalle una storia calcistica di lunga data.

Volley Club Cesena


Salvezza conquistata
Il Volley Club Cesena (B1 femminile, girone C)
batte il Cecina e festeggia la salvezza. Superando
nello scontro diretto le toscane per 3 a 2 al
tiebreak (22-25, 25-14, 25-23, 22-25, 15-10) le
cesenati, da matricole, hanno realizzato domenica
scorsa unimpresa storica, confezionata tra laltro
fra le mura amiche, di fronte al pubblico delle
grandi occasioni e con due giornate di anticipo sul
termine della stagione.
stata una stagione vissuta davvero molto
intensamente - ha commentato il vice presidente
Carlo Babbi - nella quale le ragazze e lo staff
hanno sempre creduto nella salvezza, anche nei
momenti pi difficili, lavorando sempre con tanto
impegno. Sapevamo che, con tante debuttanti in
B1, avremmo dovuto soffrire no alla ne. La
nostra forza stata quella di non aver mai
mollato. stato esaltato il grande lavoro di coach
Simoncelli, che ha saputo tirar fuori il meglio da
ogni ragazza. Lunit del gruppo ha sopperito alle
assenze di Budini in diverse partite dellandata, e
al forfait pressoch totale di Altini nel girone di
ritorno.

Basket serie B
Virtus Cesena in semifinale
La Virtus Cesena basket approda alle seminali per
il passaggio in serie B. Sabato scorso, davanti a un
folto e appassionato pubblico, sul parquet del
Carisport la squadra cesenate ha scontto, dopo la
vittoria dellandata, con un perentorio 61 a 37 la
parmense Vico. Da notare la prestazione di
Rossi autrice di 23 punti e di numerose triple. Ora
la compagine guidata dal coach Lisoni dovr
vederla contro la formazione della piacentina di
Calendasco. Appuntamento con la gara uno al
Carisport di Cesena alle 18,30 di domenica 1
maggio.

Ciclismo
Esordienti sul podio
Simone Garuffi, esordiente di 1anno della Fausto
Coppi di Cesenatico, giunto secondo al traguardo
del 41esimo Premio della Liberazione disputato il
25 aprile a Savignano sul Rubicone. Ha vestito la
maglia di campione provinciale. Sul 3 gradino del
podio salito il suo compagno di squadra Diego
Molisso che era arrivato 2 domenica 24 aprile a
Pianoro (Bologna).

SAMIL CHARFAOUI PREMIATO DA FLAVIO,


ANDREA E FRANCESCO AMADORI
COME PRIMO CLASSIFICATO TRA
I PEOPOLL RUNNERS, E IL SINDACO
PAOLO LUCCHI CON FRANCESCA
AMADORI DURANTE LE PREMIAZIONI

con stand gastronomico, animazione


per bambini, musica e premiazioni,
con la presenza di Francesco
Amadori a fare gli onori di casa e i
saluti del sindaco di Cesena Paolo
Lucchi, che ha anche partecipato
come atleta competitivo.
Questa edizione della Corsa dei polli
stata davvero speciale ha
commentato Francesca Amadori,
a Corsa dei Polli si conferma uno degli
responsabile Corporate Communication
eventi sportivi pi partecipati di Cesena:
Amadori. I magnifici 100 volontari della
oltre 3mila persone hanno preso parte alla
Polisportiva San Vittore, con il loro entusiasmo e
37 edizione che si svolta domenica 10 aprile a
il loro impegno, hanno saputo creare un
San Vittore di Cesena, tra atleti competitivi (quasi ambiente davvero accogliente per tutti, dai
400), corridori e camminatori non competitivi
podisti competitivi, ai dipendenti Amadori con le
(circa 2mila), quasi 700 dipendenti Amadori, i
loro famiglie, fino agli amici dellAnffas Cesena, a
Peopoll Runners, giunti da tutte le sedi
cui andr parte del ricavato per sostenere il
dellazienda, e oltre 100 volontari della
progetto della Fattoria dellospitalit. La corsa si
Polisportiva San Vittore Pida e Sanzves.
conferma levento di maggior successo che
Il piazzale dellazienda si trasformato per una
testimonia il forte legame tra la nostra azienda e il
mattina in un vero e proprio villaggio in festa,
territorio.

22

Sport Csi

Gioved 28 aprile 2016

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Le giovani ginnaste della Rhythmicadeline di Cesenatico - costituita nel 2015 e affiliata al Centro sportivo italiano di Cesena - hanno ben figurato ai campionati regionali

Ginnastica ritmica che passione


A

bbiamo vinto tutto, mi hanno fatto tanti complimenti e mi hanno


dato un bel benvenuto alle gare regionali. Abbiamo vinto 10 podi, di
cui 7 oro, 1 argento e 2 bronzo": questo il commento di Adeline
Ursache, allenatrice della societ di ritmica Rhythmicadeline di Cesenatico
costituita nel 2015 e affiliata al Centro sportivo italiano di Cesena, che ha
partecipato per la prima volta ai campionati regionali dellEmilia Romagna. La
manifestazione si svolta domenica 17 aprile presso il Pala Banca di Lugo di
Romagna.
Categorie in gara: Esordienti (coppie e squadre), Lupette (individuale, coppie e
squadre), Tigrotte (individuale, coppie e squadre), 1 categoria (coppie e squadre).
Le atlete della Rhythmicadeline si sono distinte per leleganza e la capacit di
movimento in gruppo, oltre alla padronanza nel maneggio degli attrezzi della
specialit che
sono fune,
cerchio, palla,
clavette e
nastro.
I risultati: Elisa
Dobrovolska (7
anni) primo
posto con la

palla e corpo libero nella


categoria Lupette super.
- Eugenia Guerra prima
classificata con la palla nella
categoria Tigrotte large.
- Karina Battazza con il
corpo libero prima
classificata; Ramos Luna
Jennifer prima classificata
con la palla e corpo libero;
primo posto anche con la
squadra 5 cerchi categoria
super; Karina Battazza al
corpo libero arrivata
seconda; Coppia palle
Eugenia Guerra e Karina Battazza: 3 posto
nella categoria large
- Squadra Lupette Medium (5, 6 anni) 3
posto: Sofia Pozzi, Matilde Muzzini, Giuditta
Leopardi, Violette Lares Valle.
Le giovani ginnaste si sono cos guadagnate

dedicato ai ragazzi dai 9 ai 12 anni


Le due squadre dellaVirtus Cesena
prime alle fase interne disputate negli
impianti sportivi di Ponte Abbadesse

Calcio Csi
Le fasi conclusive
dellattivit

GAZZETTA CUP

Il pi grande
torneo
italiano
G

azzetta Cup il torneo organizzato


da La Gazzetta dello Sport insieme
al Centro Sportivo Italiano
dedicato ai ragazzi dai 9 ai 12 anni.
Nato per far giocare i pi giovani e
trasmettere i valori pi sani del calcio, nel
corso delle sue precedenti edizioni ha
coinvolto circa 200mila iscritti con
squadre di tutta Italia. Il torneo, per

laccesso alle finali nazionali in programma


dal 17 al 22 maggio a Lignano Sabbiadoro
(Ud),
Nella foto, da sinistra: Gennifer Ramos
Luna, Mya Vanderaighen, Karina Battezza,
Eugenia Guerra, Elisa Dobrovolska.

VIRTUS CESENA YOUNG

squadre a 5 giocatori
(categoria Junior, per i nati
dal 1.1.06 al 31.12.07) e a 7
(categoria Young, per i nati
dal 1.1.04 al 31.12.05)
prevede tre fasi: interne,
cittadine e finali.
Il percorso che porta alle Fasi Finali da
giocare allOlimpico di Roma parte dalle
fasi interne.
Per il Comitato Csi di Cesena la fase
interna si svolta domenica 17 aprile
presso gli impianti della Virtus a Ponte
Abbadesse di Cesena. Cinque le squadre
iscritte nella categoria Young per il calcio
a 7 che si sono incontrate in un girone

VIRTUS CESENA JUNIOR

allitaliana di sola andata dove ogni


squadra ha dovuto incontrare laltra.
La classifica finale ha visto prevalere la
squadra di casa Virtus Cesena che ha
terminato imbattuto la giornata di gare a
12 punti, seconda classificata Ccs Granata
con 9 punti e, a seguire, Us San Marco 6
punti, Pol. Rubicone-Calisese 3 punti e
Pol. Forza Vigne a zero punti.
Diversa lorganizzazione della categoria
Junior per il calcio a 5. Le sette squadre
iscritte sono state divise in due gironi per
qualificare al termine degli incontri le
prime due squadre per le semi-finali e
finali. Per il girone A si sono qualificate la
Pol. Rubicone-Calisese e il Romagna
sport di Macerone. eliminate al primo
turno Ccs Granata e Pol. Forza Vigne. Per
il Girone B si sono qualificate alla
seconda fase la Virtus Cesena e Us San
Marco eliminando la Dismano United. La
finale per il primo e secondo posto ha
visto prevale la Virtus Cesena per 3 a 2 sul
Romagna Sport di Macerone. Terzo posto
alla Pol. Rubicone-Calisese che vince per
1 a zero sul San Marco.
La Virtus Cesena quindi qualifica
entrambe le squadre alla fase cittadina
che si disputer a Parma domenica 15
maggio. La finale nazionale si disputer
presso lo Stadio Olimpico di Roma in data
da definirsi. Le 24 squadre che si
qualificheranno, il cui trasporto e
pernottamento sar completamente a
carico di Gazzetta Cup, si contenderanno
il trofeo nelle rispettive categorie. Un vero
e proprio sogno per tutti i giovani
giocatori di Gazzetta Cup.

I vari campionati e competizioni


calcistiche, promossi dal comitato
cesenate del Csi, stanno per entrare negli
appuntamenti decisivi dellintera
stagione.
Partiamo dalla 28 Coppa di calcio
dilettanti a 11, intitolata alla memoria di
Gianfranco Valentini (ex dirigente, arbitro
e presidente del Csi cesenate),
competizione che affianca durante lintera
stagione sportiva il campionato di calcio a
11 maschile, riservato alla categoria
Dilettanti: nel turno di seminale la Pol.
Boschetto di Cesenatico affronter lUs
Capannaguzzo di Cesena, mentre lUs
Mercatese se la vedr con il Climagas
Ponte Pietra di Cesena.
La gara a eliminazione diretta; in caso di
parit al termine dei tempi
regolamentari, la vincente sar decisa
attraverso la modalit dei tiri di rigore.
Per quanto concerne la 9 Coppa di calcio
maschile a 7, giunto il momento delle
seminali, in cui, in turni di andata e
ritorno, lEnterprise Forl sar opposta
alla Pol. San Lorenzo e il Montiano
Montenovo allUs Ki Burdel San Mauro
Mare. La nale valevole per il primo posto
in programma venerd 13 maggio.
Sempre per quel che riguarda il calcio a 7
maschile, nell8 Trofeo Seven si
disputano le seminali, con partite di
andata e ritorno, che vedono di fronte da
una parte la Virtus Cesena e il Galaxy Forl
e dallaltra lAsca Savignano e il Bar
Rinascita Cervia. Anche in questa
competizione la nale verr disputata il
13 maggio.
Il 26 Campionato di calcio a 5 femminile
ha concluso la 1 fase e si devono
svolgere le seminali, con gare di andata
e ritorno, dei playoff e dei playout. Nei
primi, il Real Toro Rivazzurra affronter la
Pol. Fiorenzuola Tienneti di Cesena e la
Pol. 1980 di Santa Maria Nuova sar
opposta alla Virtus San Mauro Mare,
mentre nei playout lo Smile Team Insieme
lotter con la Pol. Ranchio e la Pol.
Osservanza 1980 di Cesena con la Citt
del Rubicone. Venerd 20 maggio al Centro
Sportivo di Santa Maria Nuova si
giocheranno le relative nali per il 1 e
3 posto.

Pagina aperta

Il direttore risponde

Gioved 28 aprile 2016

23

LOcchio indiscreto

La festa della Liberazione e il ritorno di certa retorica


Occorre liberarsi dei pesi del passato e dare giudizi liberi da preconcetti

iEgregio direttore, la mattina del 25


ho partecipato alla Celebrazione
della Festa della Liberazione, la cui
vera ragione d' essere l' annuale mitizzazione della Resistenza e, in particolare,
delle formazioni partigiane comuniste.
Infatti la sinistra italiana e post comunista ne pretende l' egemonia celebrativa
negando a talune associazioni con pari
trascorsi storici conquistati combattendo
e per i loro morti, il diritto di partecipare
sfilando. Una caduta di stile arrogante
per ideologia e odio storico e di etnia.
Nulla di nuovo, la stessa liturgia tipica di
certa sinistra. ()
Non una parola per ricordare i due militari Girone/Latorre con l' impegno a favorire la loro liberazione. Non una parola
per alcuni oscuri risvolti della medaglia
come, ad esempio, il martirio del quattordicenne seminarista Rolando Rivi torturato e dopo tre giorni di sevizie ucciso il
13 aprile 1945 da due partigiani perch
indossava la tonaca; per questo suo sacrificio stato proclamato beato. Io ho per
tutto il tragitto ho mostrato il libro con il
volto di questo ragazzo sperando che
qualcuno di lor signori, e parlo dei numerosi politici del Pd presenti, ne chiedesse il
motivo, ma nessuno lo ha fatto. ()
Chiudo citando il giornalista-scrittore
Giampaolo Pansa che nella copertina del
suo libro Bella Ciao, controstoria della
Resistenza, scrive: Il 25 aprile chi va in
piazza a cantare 'Bella Ciao' convinto

che tutti i partigiani abbiano combattuto per


la libert dell' Italia. E' unimmagine suggestiva della Resistenza, ma non corrisponde
alla verit. I comunisti si battevano, e morivano, per un obiettivo inaccettabile da chi
lottava per la democrazia. La guerra contro
tedeschi e fascisti era soltanto il primo tempo
di una rivoluzione destinata a fondare una
dittatura popolare, agli ordini dell' Unione
Sovietica .
Cordiali saluti.
Sergio Villa - Cesena
Carissimo Villa, ho tagliato la sua lunga lettera per motivi di spazio. Non sto qui a dilungarmi neppure io. Su questo versante,
assai delicato, lei con noi sfonda una porta
aperta. Da anni portiamo avanti una battaglia per un ricordo, uniscrizione, una memoria per i morti della Rocca del maggio
1945. A distanza di tanti anni per i familiari
di quegli uccisi non ancora possibile parlarne liberamente. Un fatto inaccettabile, a
nostro avviso. Per il resto, la rimando alleditoriale che trova in prima pagina.
Cordiali saluti.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

Una volta si diceva che era marzo il mese pazzerello. A vedere quanto accaduto, dal punto di vista meteo, il 25 aprile scorso, si pu dire che ora lo
anche aprile, soprattutto dopo i 28 gradi toccati nei giorni scorsi che
avevano fatto pensare a un anticipo di estate. La foto ha immortalato la neve sul tetto di unauto parcheggiata a Forl. Luned scorso nevicato in alta val Savio e sul monte Carpegna, ma neve in citt in queste giornate di
primavera inoltrata chi se la ricorda?

Pievesestina, famiglie in festa


La comunit parrocchiale di Pievesestina di Cesena, guidata dal parroco don Marco
Prada, si fatta vicina alle numerose coppie di sposi che domenica 3 aprile hanno
festeggiato particolari anniversari di nozze, in occasione della Festa della famiglia.

Album dei ricordi: i ragazzi di Madonna delle Rose


si ritrovano dopo quarantanni
I ragazzi degli anni 70 della parrocchia di Madonna delle Rose si sono ritrovati alcune sere fa con il loro don, Rino Casali. Ecco tutti i presenti da sinistra a destra: Arianna Torroni, Antonietta Lelli, Marinella Francia, Antonio
Belluzzi, Monica Moretti, Enrico Piraccini, Raffaella Raggi, Andrea Alessandrini, Annachiara Landi, Cristina Barducci, Cristina Falaschi, Giulio Cristofori, Andrea Barberini, Laura Palazzi, Silvia Fenu, Carla Rabuiti, Piero Babbi,
don Rino Casali, Giorgio Giovannini, Pierpaolo Bravin, Alessandra Landi,
Paolo Albertini, Jordan Sirri, Barbara e Marcello Magnini, Stefano Zoffoli,
Michele Ceccaroni, Claudia Lucchi. (nella foto sotto)

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

DIOCESI DI CESENA-SARSINA
Commissione Gaudium et Spes
per i problemi sociali, il lavoro, la giustizia, la pace, la salvaguardia del Creato

Eucaristia e lavoro
Crescere
nella carit
Festa diocesana
per il lavoro
Sabato 30 aprile 2016 alle 16
Celebrazione eucaristica e Adorazione
presieduta dal vescovo monsignor Douglas Regattieri
presso MWM Montalti Worldwide Moving
(storici Magazzini Generali di Cesena) via Cavalcavia, 157 - 47521 Cesena - Italy
Seguir un momento di convivialit

Invito al cinema
Coupon
per un posto
allEliseo
Festa del lavoro
Ai Magazzini generali
Messa con il vescovo
C.I.P. - Via del Seminario 85 - Corriere Cesenate 2016

Potrebbero piacerti anche