Sei sulla pagina 1di 20

Indice generale

Quando correre ai ripari........................................................................................................2


Perch vegan?........................................................................................................................2
Perch crudo?........................................................................................................................2
Acido e alcalino......................................................................................................................3
Le combinazioni alimentari...................................................................................................4
Gli enzimi................................................................................................................................5
Le intolleranze alimentari.....................................................................................................6
Disintossicarsi........................................................................................................................6
Una giornata tipo...................................................................................................................7
Astrologia ed alimentazione.................................................................................................8
ARIETE...................................................................................................................................9
Falafel (circa 15) ................................................................................................................9
TORO.....................................................................................................................................9
Formaggio (di anacardi) .................................................................................................10
GEMELLI...............................................................................................................................10
Cavolfiore al formaggio...............................................................................................10
CANCRO................................................................................................................................11
Libido 2.0 al cocco e cioccolato.......................................................................................11
LEONE...................................................................................................................................12
VERGINE...............................................................................................................................12
Insalata di mele e finocchi con olio al limone.................................................................13
BILANCIA..............................................................................................................................13
Torta di mele allo zenzero...............................................................................................14
SCORPIONE..........................................................................................................................14
Ginger Beer......................................................................................................................15
SAGITTARIO..........................................................................................................................15
Pane alla cipolla...............................................................................................................16
CAPRICORNO.......................................................................................................................16
Cavolo nero in crema di avocado....................................................................................16
ACQUARIO............................................................................................................................17
Funghi ripieni di pat al basilico (per 10 funghi).............................................................17
PESCI....................................................................................................................................18
Datteri alle mandorle e arancia ricoperti al cioccolato..................................................18

Quando correre ai ripari


A tutti noi capitato di essere vittime dello stress, di non dormire a sufficienza, di mangiare
troppo o male, esagerare con caff oppure con gli alcolici. Sono spesso le conseguenze della
vita moderna, che ci causa stati di malessere, sovrappeso, ansia o piccoli o grandi problemi di
salute.
I sintomi di uno stato di elevata tossicit si manifestano quando, guardandoci allo specchio,
non ci piace pi quello che vediamo riflesso. Oppure quando la mattina manchiamo totalmente
di energia per alzarci e ci servono diverse decine di minuti e tanto caff per rimetterci in
movimento.
Troppe tossine risultano anche in una serie di doloretti e rigidit del corpo, oppure in una
eccessiva sudorazione che richiede dosi extra di deodorante per essere mantenuta sotto
controllo.
Tutte queste situazioni, unite a possibili frequenti mal di testa, alito pesante, affaticamento
generale, sono dei segnali molto forti che tempo di entrare in azione.
possibile, anzi necessario, iniziare ad eliminare il carico di rifiuti che intasano il nostro
organismo intervenendo con una alimentazione migliore, che dovrebbe cercare di ridurre il pi
possibile la manipolazione del cibo.
La dieta ideale consigliata quella vegan ed il pi possibile crudista.

Perch vegan?
Gli esseri umani anatomicamente sono animali frugivori, e quindi costituzionalmente e
fisiologicamente assai poco adatti al cibo di origine animale, a cui si sono per adeguati
culturalmente o per necessit di sopravvivenza in mancanza di cibi pi idonei.
Le ragioni della scelta vegan non sono per solo fisiologiche (e logiche).
Mangiare vegan significa anche un minor impatto sulle risorse del nostro pianeta, che
notoriamente non sono infinite. Significa un minor consumo di energia, di acqua, di pesticidi, di
inquinanti, di farmaci. Significa minor necessit di terra e di conseguenza minore
deforestazione. Se mangiassimo tutti vegan ci sarebbe cibo pi che a sufficienza per tutti: la
terra che oggi serve per nutrire una sola persona che consuma carne sarebbe sufficiente a
sfamarne ben 20 persone vegane!
Inoltre per la preparazione di un pasto vegan nessun animale viene ucciso, maltrattato o
sfruttato. L'alimentazione vegan, oltre alla carne ed al pesce, non contempla alcun prodotto di
origine animale: neppure uova, latte, latticini, formaggi, miele.
E' giunto il momento di pensare - e soprattutto di porre in atto - nuove strategie
Quindi necessario cominciare innanzitutto da NOI STESSI, attraverso le nostre scelte di vita
quotidiana.
Iniziare dalla nostra tavola uno dei primi pi importanti passi per fare "attivamente" qualcosa.
Ciascuno di noi pu fare la differenza e pu scegliere consapevolmente di diventare parte della
soluzione anzich continuare a far parte del problema.
Per gli animali, per il pianeta che ci ospita e per noi stessi in quanto esseri umani.

Perch crudo?
Luomo ha cotto il suo cibo per migliaia di anni. Tuttavia, luomo sulla Terra da molto pi
tempo, ed biologicamente e fisiologicamente programmato per mangiare senza luso del
2

fuoco, come tutti gli altri animali. Contravvenire alle regole comporta delle conseguenze
facilmente osservabili: nessun altro animale sul pianeta cuoce il proprio cibo, e nessun altro
animale eccetto gli esseri umani (e gli animali che abbiamo addomesticato) soffre di tanti
problemi e malattie come noi.
Il calore modifica la struttura molecolare del cibo, rendendo i nutrienti meno utilizzabili. Gli
alimenti cotti e denaturati, specialmente quelli industriali, sono meno digeribili del cibo crudo.
Tutto quello che consumiamo e che non pu essere digerito o immagazzinato, deve essere
eliminato come materiale di rifiuto.
Assumere costantemente alimenti denaturati produce talmente tante scorie che gli organi di
eliminazione non riescono a compiere il loro lavoro adeguatamente, col risultato che questi
prodotti di rifiuto devono essere immagazzinati da qualche parte.
Questo processo di accumulazione provoca un generale stato di intossicazione dellorganismo,
e conseguentemente genera la malattia.
Il giusto cibo non denaturato ci fornisce tutti i nutrienti necessari, come accade per tutte le
altre specie viventi.

Acido e alcalino
Il sangue umano alcalino, per la precisione ha un pH pari a 7,35 e per la sopravvivenza
dell'organismo questo valore pu oscillare e variare di pochissimo: gi a 7,80 a rischio la vita
dell'individuo. E' chiaro quindi che prioritario garantire l'alcalinit ad ogni costo, poich
lacidificazione porta a disturbi e malattie come osteoporosi, diabete e cancro.
Una variazione verso una maggiore acidit sanguigna pu essere indotta da diversi fattori, ma
principalmente dipende da cosa mangiamo. La digestione di cibi acidificanti porta il sistema
immunitario ad attivarsi con urgenza per ristabilire lequilibrio alcalino e lo fa
richiedendo al corpo soprattutto calcio organico, ma anche altri minerali alcalini come il sodio e
il magnesio organici. Se l'alimentazione insufficiente nell'apporto di minerali organici ecco che
l'organismo costretto a sottrarli ad esempio dalle ossa per tamponare lo stato di acidit, con
conseguente progressiva decalcificazione, causando quindi osteoporosi.
Contrariamente a quanto ci viene propagandato dai media, il calcio contenuto nel latte, nei
formaggi e in generale nei cibi cotti ingeriti inutile in questo processo, in quanto diventato
inorganico a causa della bollitura, la pastorizzazione e le lavorazioni industriali. Inoltre, la
digestione di latte e formaggi induce uno stato acido del corpo che, come gi detto, priva di
calcio anzich rifornire.
Anche le tossine accumulate e gli scarti metabolici del corpo sono acidi, pertanto la loro
necessaria eliminazione aumenta l'affaticamento e l'infiammazione generale.
E' possibile raggiungere uno stato di tale affaticamento che porta al collasso delle capacit di
pulizia interna.
Per combattere lacidosi dobbiamo quindi cercare sempre di consumare cibi alcalinizzanti, che
guariscono e apportano energia. Al contrario, i cibi acidificanti sono dannosi e sottraggono
energia.
ALIMENTI ALCALINIZZANTI
frutta fresca ben matura, mandorle, sesamo, frutta secca dolce, ortaggi e verdure, legumi
freschi e secchi.
ALIMENTI NEUTRI
olii vegetali non idrogenati, miele grezzo, zucchero di canna scuro

ALIMENTI ACIDIFICANTI
carni di ogni animale (pesci compresi), grassi animali, olii idrogenati, uova, formaggi, cereali di
ogni tipo (specialmente se raffinati), zucchero bianco, alimenti conservati con additivi chimici
(trattati , decolorati, raffinati), pasticceria, bibite gassate, caff, dolcificanti artificiali, alcool.
NB: Per misurare lacidit di una sostanza acquosa si utilizza il termine pH, su una scala che va
da 0 a 14. Da 0 a 7 troviamo la zona acida e da 7 a 14 la zona alcalina.

Le combinazioni alimentari
La teoria delle associazioni alimentari un modello alimentare messo a punto dal dottor
Herbert Shelton, partendo dal presupposto che non tutti i cibi vengono digeriti allo stesso
modo. La digestione avviene ad opera di sostanze particolari, chiamate enzimi, presenti nella
bocca, nello stomaco e nellintestino, che scindono gli alimenti nei loro costituenti
fondamentali. Nell'organismo ci sono numerosi enzimi ed ognuno specifico per ogni sostanza.
Ciascun enzima necessita di specifiche condizioni di acidit (pH) per poter agire al meglio,
qualcuno funziona meglio in ambiente alcalino, altri in quello acido. La digestione dei cibi
amidacei, ad esempio, inizia in bocca, dove una corretta masticazione rende possibile la
trasformazione dellamido in composti pi semplici, grazie alla ptialina. La digestione dei cibi
proteici, invece, avviene con altre modalit e in ambiente diverso. Quando viene ingerito un
alimento si dovrebbero creare le condizioni ideali di acidit affinch l'ambiente sia il pi idoneo
possibile per favorire l'attivit enzimatica. Ma se si associano nel pasto alimenti che hanno
esigenze digestive diverse, se non addirittura opposte, questo non pu avvenire con il risultato
che la digestione pi lenta e difficoltosa e con una serie di sequele a ci connesse:
sonnolenza, bruciori, senso di pesantezza, gonfiore.
Impostare la propria condotta alimentare secondo i principi delle combinazioni alimentari vuol
dire, quindi, cercare di associare, durante il pasto, alimenti che richiedono condizioni digestive
simili, in modo da semplificare il pi possibile il lavoro enzimatico.
Secondo il dottor Shelton le regole sono poche e facili da ricordare:

Mai mangiare amidi o proteine con acidi (frutta, aceto e salse acide)
Mai mangiare nello stesso pasto amidi e proteine
Mai consumare due alimenti proteici nello stesso pasto
Mai consumare assieme grassi e proteine
Mai consumare assieme amidi e zuccheri
Mangiare un solo amido concentrato a pasto

Alimento

Associazione
ottimale

Associazione
tollerabile

Legumi

Verdure e ortaggi Con i cereali


non amidacei

Cereali

Verdure e ortaggi

Associazione
da escludere

Altri cibi
frutta

proteici

Altri cibi proteici e Altra frutta e pane


frutta dolce

Ortaggi e Tutti tranne la frutta verdure


non oleosa

Frutta non oleosa

Patate

Ortaggi e verdure tranne i legumi

Legumi, frutta
e cereali
Frutta dolce

Pomodori

Verdure
e cibi proteici

Carboidrati

Gli enzimi
Gli enzimi sono i catalizzatori dei sistemi biologici.
Senza enzimi, i semi non germoglierebbero, la frutta non maturerebbe, le foglie non
cambierebbero colore e noi non esisteremmo.
Gi nel 1946 diversi studi hanno evidenziato e definito limportanza degli enzimi nel cibo per la
nutrizione degli esseri viventi.
La durata della vita inversamente proporzionale al tasso di esaurimento del potenziale
enzimatico di un organismo.
Gli enzimi sono l'unit pi importante nel corpo umano, perch ogni cambiamento chimico
che avviene per riparare i tessuti o per assimilare gli alimenti coinvolge l'attivit degli enzimi.
Senza l'attivit degli enzimi non ci sarebbe vita. Nessuna pianta o animale pu vivere senza
l'attivit dei suoi enzimi." - Dr. Raye - Conversazioni sull' alimentazione , 1955.
Biologicamente, noi non siamo altro che un insieme di cellule viventi. Quello che accade alle
nostre cellule accade a noi. Le funzioni vitali delle cellule sono mediate dagli enzimi.
Aumentare lutilizzo di enzimi del cibo concorre a diminuire il tasso di esaurimento del
potenziale enzimatico.
Gli enzimi possono resistere al tempo (gli enzimi all'interno dei semi possano restare in una
forma latente per molto tempo, per centinaia e migliaia di anni per poi rifiorire vivi e vitali non
appena le condizioni ambientali giuste di ripresentino) ma non possono resistere alle elevate
temperature: oltre i 48 gradi la maggior parte diventano inattivi.
Ogni tipo di cottura quindi semplicemente li distrugge ed per questa ragione che il cibo cotto
cibo morto: gli enzimi vengono distrutti, le vitamine degradano, i minerali resi organici dalla
pianta tornano nella loro forma minerale inorganica.

L'uomo e gli animali che in generale consumano una dieta largamente composta da cibo cotto
presentano spesso gli organi interni ingrossati che tendono ad indebolirsi perch costretti ad
un superlavoro superiore a quello previsto per la loro fisiologia quando la nostra alimentazione
povera di enzimi.
Quando invece la quantit di enzimi disponibili nel cibo elevata il pancreas viene sgravato dal
compito di fornire gli enzimi digestivi sottraendoli dal potenziale enzimatico dellorganismo (i
quali rimangono cos disponibili in caso di necessit immunitaria) e migliore e maggiore il
livello della digestione nello stomaco, ovvero aumenta la disponibilit di nutrienti per
lassorbimento.
Il compito dellapparato gastrointestinale quello di trasformare il cibo che mangiamo in
tessuti, sangue, azioni, pensieri e sentimenti, con laiuto delle ghiandole salivari: di
fondamentale importanza quindi, al fine di mantenere il corpo attivo e vitale, nutrirlo con cibo
vivo e vitale, invece che con alimenti morti, senza carica vitale che pi spesso causa danni e
affaticamento all'organismo, senza apportare alcun beneficio di reale nutrimento per il corpo.

Le intolleranze alimentari
La leucocitosi:
I leucociti o globuli bianchi sono cellule coinvolte nella risposta immunitaria. Grazie al loro
intervento il corpo umano si difende dagli attacchi di microorganismi ostili, come virus, batteri,
miceti e parassiti, e da corpi estranei che penetrano al suo interno.
Leucocitosi un termine utilizzato per indicare un aumento dei globuli bianchi nel sangue oltre
il normale.
La leucocitosi una reazione quindi del nostro sistema immunitario che interviene per gestire e
risolvere una situazione di crisi interna.
Fenomeni di leucocitosi si verificano anche con il cibo che assumiamo: quando questo non
idoneo viene trattato alla stregua di un corpo estraneo mettendo all'erta il sistema immunitario
ed i globuli bianchi per attivare la difesa.
Questa una tipica reazione che accade quando assumiamo cibi per i quali siamo intolleranti.
Paul Kouchakoff, medico svizzero del secolo scorso, dimostr che ogni volta che consumiamo
carne, proteine animali e in generale cibo cotto, si determina nellorganismo il fenomeno della
leucocitosi, ovvero la reazione del sistema immunitario con un innalzamento del numero di
globuli bianchi nel sangue come conseguenza ad una chiamata urgente di risposta immunitaria.
Immaginiamo lo stress a cui sottoponiamo giornalmente il nostro organismo consumando
ripetutamente pasti composti da alimenti non adatti alla nostra fisiologia. Tutto ci viene
considerato tuttavia normale cos come normali vengono considerate le conseguenze,
ovvero le piccole grandi malattie e i disturbi che comunemente ci affliggono.
E' quindi normale avere il raffreddore pi volte l'anno, normale soffrire di stitichezza,
affaticamento e via via di malattie sempre pi importanti.
Quando gli organi preposti all'eliminazione sono sovraccarichi di lavoro e non riescono pi a
gestire tutte le sostanze estranee da eliminare, ecco che inizia a verificarsi un accumulo di
tossine e si instaura uno stato chiamato tossiemia.

Disintossicarsi
Legge di guarigione di Hering: Ogni guarigione comincia dallinterno e procede verso lesterno,
dalla testa verso il basso, e in ordine inverso da comerano apparsi i sintomi della malattia.

Secondo Herbert Shelton il nostro organismo tende in modo naturale allo stato di salute
ottimale quando viene messo nelle giuste condizioni per farlo.
Il corpo umano progettato e costruito con labbondanza in mente, allo scopo di durare per
leternit, e questo e quello che succederebbe in condizioni di vita ideali.
Sempre secondo Shelton se c una nutrizione perfetta, un drenaggio altrettanto perfetto e
una energia nervosa adeguata, lorganismo si manterr in uno stato di salute perfetto per un
tempo indefinito.
Nonostante ci si accorga sempre troppo tardi che il nostro organismo in uno stato di
sofferenza dovuto ad una eccessiva presenza di tossine, molto importante cercare di
mantenere un corpo sano e disintossicato proprio per evitare che laccumulo di tossine
provochi linsorgenza di malattie.
Disintossicarsi significa semplicemente eliminare le tossine accumulate nellorganismo in anni di
cattiva alimentazione. Questo processo pu iniziare solamente quando iniziamo ad introdurre
meno tossine, dando cos lopportunit al nostro corpo di rimuovere le vecchie scorie.
Quando questo processo inizia, i rifiuti accumulati iniziano a riversarsi nel flusso sanguigno per
essere eliminati, e questo d origine a sgradevoli sensazioni come mal di testa, raffreddori,
nausea, eruzioni cutanee, affaticamento, irritabilit e il temporaneo accentuarsi di vecchi dolori
e acciacchi. Queste sensazioni scompaiono in pochi giorni, in ogni caso.
un po come fare le pulizie di primavera a casa nostra. La casa inizialmente apparir
estremamente sporca e in disordine quando iniziamo a spostare i mobili per fare le pulizie di
fondo, accorgendoci anche di zone che erano molto pi sporche di quanto pensassimo, ma un
po alla volta, passato il momento di gran confusione, la nostra dimora sar di nuovo pulita a
fondo.
Come questo processo di pulizia pu risultare sconfortante a volte, allo stesso modo la nostra
pulizia interiore pu risultare scoraggiante, ma comprendere cosa sta avvenendo al nostro
interno ci permetter di non gettare subito la spugna se inizialmente ci sentiremo peggio di
quando abbiamo iniziato. Con un po di determinazione e pazienza i sintomi spariranno
lasciandoci in uno stato di benessere e salute decisamente pi elevato.
In questo caso, importante essere pazienti. Se abbiamo avuto una alimentazione scorretta
per venti, trenta o quarantanni, non possiamo pretendere di tornare in forma in un paio di
giorni. Ci che importante sapere che non ci si deve spaventare se i sintomi elencati sopra si
faranno sentire. fondamentale non interrompere il processo di pulizia interiore, ed bene
non prendere medicine di alcun tipo per sopprimere i sintomi. I sintomi che stiamo avvertendo
andrebbero vissuti positivamente, pensando che presto staremo meglio di prima.
La disintossicazione pu non essere piacevole, ma necessaria.
importante capire che cercare di sopprimere i sintomi con i medicinali un po come risolvere
il problema di un incendio spegnendo il fastidioso allarme, anzich cercare di spegnere le
fiamme che divampano.

Una giornata tipo


Studi importanti, come quello denominato Cambridge 2000, hanno dimostrato come una dieta
salutare e preventiva della gran parte delle malattie degenerative debba contenere ALMENO
cinque porzioni tra frutta e verdura al giorno.
Una dieta crudista ne prevede certamente un quantitativo maggiore.

Nellalimentazione della nostra giornata tipo dobbiamo quindi mettere al primo posto la frutta
e i vegetali.
La frutta fresca andrebbe mangiata soprattutto nella prima colazione, e poi ogni volta che si
avverte fame nel corso della giornata. Angurie e meloni vanno mangiati da soli e a stomaco
vuoto.
Vanno benissimo anche frullati o centrifugati misti di frutta e di verdura.
Mangiare frutta fino a pranzo il primo passo per agevolare lorganismo nei suoi processi
depurativi ed aiutarlo a mantenere alti i livelli di energia e raggiungere il peso ideale.
La frutta ricca di preziosa acqua biologia depurata ed energizzata dalla pianta e poi passata ai
frutti attraverso la linfa. Una colazione cos depurativa al massimo
e aiuta a ripulire lintestino dai residui accumulati in pasti malsani.
Anche chi non vuole avere una alimentazione completamente crudista dovrebbe iniziare i pasti
principali sempre con uninsalata di verdure crude miste: lattuga o altre insalate a foglia verde,
verza tagliata fine, germogli, pomodori, finocchi, peperoni, cetrioli, carote, avocado e magari
anche qualche pezzetto di mela o arancia e una manciata di semi (girasole, lino, sesamo,
zucca...).
Chi avr ancora fame potr poi continuare il pasto con un po di pasta integrale, o dei cereali
integrali cotti al vapore (riso, miglio, quinoa, ecc.), alternandoli con dei legumi nel pasto
successivo ed eventualmente delle verdure cotte in modo semplice.
Ci che importante non affamare il corpo e dargli il giusto nutrimento, consapevoli che
all'inizio del percorso sar normale tendere a mangiare molto di pi e con molta pi variet,
quindi non limitiamoci nel consumo di frutta e verdura, ricordando che non affatto necessario
pesare gli alimenti o limitare la frutta per paura che contenga
troppi zuccheri, sia troppo calorica o faccia ingrassare. La frutta fa dimagrire, in ogni caso.

Astrologia ed alimentazione
L'astrologia una scienza antichissima, purtroppo dimenticata dalla maggior parte delle
persone ed anche ridicolizzata e minimizzata ai giorni nostri.
In realt l'Astrologia puo' fornirci moltissime indicazioni, sia per quanto concerne il nostro
carattere e le nostre potenzialit, sia per quanto riguarda le nostre predisposizioni nei confronti
di malattie e disturbi e quindi puo' darci anche dei validi suggerimenti sulla prevenzione delle
stesse.
Ricordiamo che non esiste una reale separazione tra il corpo e la psiche, i sintomi dovrebbero
essere sempre letti ed interpretati in chiave olistica e psico-somatica.
L'Astrologia tiene conto di questo importante concetto e difatti puo' offrirci un'interessante
chiave interpretativa (quando personalizzata), che puo' arricchire ed integrare la normale
routine diagnostica che la medicina ufficiale propone.
L'alimentazione uno strumento potentissimo ed senz'altro il migliore che puo' guidarci nella
direzione del recupero della salute.
Qualsiasi alimento ingeriamo influisce di fatto sul nostro essere, sul corpo, sulla mente e sullo
spirito, poich tutto energia; con il cibo possiamo creare un'alchimia che ri-armonizzi il corpo
e che lo metta in sintonia con l'equilibrio della natura di cui siamo parte attiva.e a tal proposito
ancora una volta l'astrologia puo' venire in nostro aiuto, poich esiste un collegamento preciso
tra segni zodiacali e gusti alimentari , tipologie di alimenti ed alimenti piu' o meno adatti alla
nostra costituzione astro-psico-fisica.
Di seguito una piccola guida per iniziare a comprendere il linguaggio astrologico in relazione ad
alimentazione e salute.
8

ARIETE
COLORE: rosso
ELEMENTO: Fuoco
PIANETA: Marte
ERBE E SPEZIE: Capperi, senape, pepe di cayenna
FIORI: Cardo, caprifoglio, vite bianca, menta piperita
ALIMENTI: Cipolle, porri,scalogno, luppolo, cibi dal sapore forte
CHIAVE: io difendo
SALE: IL FOSFATO DI POTASSIO, tale sostanza agevola la ricostruzione delle cellule cerebrali e
dei tessuti nervosi. Il fosfato di potassio contenuto in diversi cibi comuni, tra i quali:
barbabietole, sedano, lattuga, cavolfiori, cipolle, rapanelli, carote, cetrioli, mele, crescione, noci
e limoni
PARTE DEL CORPO: testa, volto, ossa craniche, cervello primitivo, occhi, anticorpi e cellule
difensive, orecchio interno
PATOLOGIE: cefalee, vertigini, ischemie, incidenti, mal di testa
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Vedere un Ariete a tavola sempre piacevole. Munito di
ottimo appetito, si rallegra alla vista di cibi semplici e cucinati alla buona. Vorace e frettoloso,
istintivo nella scelta dei cibi, dovr moderarsi soprattutto nei grassi che possono causare
restringimento o blocco dei piccoli vasi sanguigni del cervello.

Falafel (circa 15)


1 1/2 tazza di semi di zucca
1 1/2 tazza di noci brasiliane
2 cucchiai prezzemolo
4 pomodori secchi ammorbiditi in acqua per due ore
1/4 tazza di succo di limone
1 spicchio di aglio tritato
1 scalogno
1 cucchiaino di cumino tritato
10 olive nere
1 cucchiaino di sale marino integrale
Frullare tra loro gli ingredienti e con l'impasto formare delle palline. Essiccare se si desiderano
dei falafel pi asciutti.

TORO
COLORE: rosa
ELEMENTO: Terra
PIANETA: Venere
ERBE E SPEZIE: chiodi di garofano, acetosella, menta verde
FIORI: rosa, papavero, digitale, margherita, primula, viola, aquilegia
ALIMENTI: frumento e altri cereali, bacche, mele, pere, uva, carciofi, asparagi, fagioli, spezie
CHIAVE: io conservo
SALE: iodio e il solfato di sodio, contenuto negli spinaci, negli anacardi, nei cetrioli, nelle cipolle,
nelle verze, nei rapanelli, nellindivia e nella zucca.
PARTE DEL CORPO: bocca, nuca, collo, faringe e laringe, tonsille, tiroide, labbra, trachea, ovaie
PATOLOGIE: ormonali, metaboliche, bulimia, tonsilliti, squilibri delle ghiandole, sordit
9

COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Il Toro, sensuale e raffinato, ama molto la buona tavola, ma


ci non giova alla sua salute, in quanto questa sua predilezione per i piatti prelibati genera,
sovente, obesit soprattutto se eccede nella quantit. Di solito si diletta personalmente in
cucina dimostrandosi, il pi delle volte, ottimo cuoco; ma anche se non lo fa per lavoro o
abitudine, sa giudicare con gusto raro la qualit dei piatti . Gusta con calma ed immenso piacere
ogni portata.

Formaggio (di anacardi)


Mettere in ammollo 250 gr di frutta secca a piacere per 4 o 5 ore.
Frullare poi con acqua sufficiente a formare un composto denso (1 tazza o poco pi) e
mescolare il tutto con di cucchiaino di probiotici in polvere (oppure il contenuto di una
capsula).
Lasciar fermentare il tutto circa 36 ore. Aggiungere sale e aromi a piacere all'impasto (lievito
alimentare, erbe aromatiche, peperoncino, cipolla...).
Foderare poi un colino abbastanza largo con un pezzo di garza o cotone, e filtrare il composto,
appoggiando un peso sopra per far uscire l'acqua in eccesso, per almeno 3 o 4 ore in
frigorifero. Rovesciare su di un piatto e conservare in frigorifero.

GEMELLI
COLORE: giallo
ELEMENTO: aria
PIANETA: Mercurio
ERBE E SPEZIE: semi di anice, maggiorana, cumino, cedronella, dulcamara
FIORI: mughetto, lavanda, capelvenere, mirto, felce
ALIMENTI: noci, ortaggi (tranne il cavolo), carote
CHIAVE: io comunico
SALE : CLORURO DI POTASSIO: equiseto, carote, cavolfiori, fagiolini verdi, sedano e prugne.
PARTE DEL CORPO: gabbia toracica, polmoni, bronchi, respirazione, braccia, avambraccia,
padiglione auricolare, tendini ed articolazioni
PATOLOGIE: dell'apparato respiratorio, allergie stagionali, nevrosi da stress, tic nervosi,
balbuzie, traumi articolari
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: I Gemelli sono pi attratti dal piatto estroso che da quello
sostanzioso, dalla golosit pi che dallappetito, stimolati, principalmente, dalla buona
compagnia.Ecco un segno per Il quale mangiare non un problema. I Gemelli prediligono le
soluzioni veloci, fast-food. Curiosi di specialit esotiche, i Gemelli pi che mangiare piluccano
qua e l e solo la tensione nervosa pu spingerli, in qualche caso, ad eccedere con il cibo.

Cavolfiore al formaggio
1 cavolfiore medio suddiviso in piccole cimette
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaio di olio d'oliva
1/2 cucchiaino di sale
un pizzico di curcuma
Mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola, massaggiare con le mani e lasciar marinare per 10
minuti.
10

Salsa al formaggio:
1 tazza e 1/2 di anacardi reidratati per 20 minuti
2 cucchiaini di rosmarino fresco tritato
2 cucchiai di olio d'oliva
2 cucchiai di succo di limone
6 cucchiai di acqua
3 cucchiai di lievito in scaglie
1/2 cucchiaino di sale
1 pizzico di peperoncino
1 pizzico di curcuma
1 cipollotto fresco finemente tritato
1 cucchiaio di erba cipollina
Frullare tutti gli ingredienti eccetto il cipollotto e l'erba cipollina, che verranno mescolate alla
salsa successivamente con un cucchiaio.
Per completare il piatto:
Mescolare con cura il cavolfiore e la salsa assieme e servire porzioni individuali, che possono
essere riscaldate in essiccatore per una o due ore prima di servire. Cospargere il piatto con erba
cipollina tritata.

CANCRO
COLORE: bianco
ELEMENTO: Acqua
PIANETA: Luna
ERBE E SPEZIE: sassifraga, verbena, dragoncello
FIORI: acanto, colvolvolo, geranio, giglio, ninfea, rosa bianca
ALIMENTI: latte, frutta, ortaggi con alta componente acquosa, cavolo, rapa
CHIAVE: io sento, mi emoziono
SALE: FLORURO DI CALCIO contenuto in segale, pane di segale, cipolle, verza, zucca, yogurth,
arance
PARTE DEL CORPO: stomaco, duodeno, piloro, mammelle, utero, pancreas esocrino
PATOLOGIE: obesit, diabete, squilibri endocrini femminili, metereopatie, somatizzazioni a
livello gastroduodenale dovuto a stress.
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Il forte appetito che caratterizza i nativi del Cancro li spinge
ad assaporare piatti elaborati ed talmente intenso quanto lo la loro inconfondibile abilit nel
prepararli. Inoltre non sanno davvero resistere alla tentazione di gustare i dolciumi e
soprattutto i pasticcini. La loro predilezione per i dolci spesso trova giustificazione in una forte
tensione psichica e in uno stato di profonda emotivit, ma comporta lemergere di squilibri del
metabolismo basale e unaccentuata ritenzione dei liquidi nei tessuti.Con il Cancro ci si siede a
tavola con calma, ad unora nella quale altri affamati segni hanno gi consumato il pasto.

Libido 2.0 al cocco e cioccolato


per la base:
1 tazza di mandorle
3 cucchiai di agave
3 cucchiai di burro di cocco liquefatto
11

vaniglia
frullare gli ingredienti e pressare l'impasto sul fondo di una tortiera da 24 cm
Per la crema:
2 tazze di cocco
tazza di burro di cocco liquefatto
vaniglia
4 cucchiai di agave
Frullare le 2 tazze di cocco grattugiato rendendolo una farina grossolana. Mescolare la farina
con i rimanenti ingredienti e versare sulla base. Far raffreddare in frigorifero per almeno
mezz'ora.
Per la copertura:
3 cucchiai di burro di cacao liquefatto
3 cucchiai di cacao in polvere
2 cucchiai di agave
mescolare gli ingredienti e versare sulla crema gi rassodata. Raffreddare il dolce in frigorifero
per almeno 1 ora e lasciarlo a temperatura ambiente almeno due ore prima di servirlo.

LEONE
COLORE: Oro, arancio/rosso
ELEMENTO: Fuoco
PIANETA: Sole
ERBE E SPEZIE: zafferano, menta piperita, ruta, rosmarino
FIORI: girasole, calendula, celidonia, fiore della passione
ALIMENTI: riso, miele, vite, ortaggi con alto contenuto di ferro
CHIAVE: io comando
SALE: FOSFATO DI MAGNESIO contenuto in alghe laminarie, cipolle, cetrioli, lattuga, mandorle,
mele, susine, mirtilli e noci.
PARTE DEL CORPO: cuore e pericardio, coronarie, nervo vago
PATOLOGIE: cardiocircolatorie, pressione, alterazioni ritmo cardiaco, vasculopatie, ernia del
disco
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: I nativi del Leone sono attratti in particolar modo dai cibi
grassi, molto conditi e ricchi di spezie. Una simile alimentazione predispone, per, al
colesterolo e di conseguenza a tutti i disturbi coronarici. Se il peso diventa un problema, corre
in palestra a smaltire gli eccessi, con costanza e determinazione. li suo spiccato senso estetico
non gli consente il lusso di sgradevoli eccessi di peso. Il Leone dovrebbe limitare soprattutto i
cibi troppo pesanti.
Se lui ad invitare, organizza cene grandiose, fa trovare sul piatto di ciascun invitato una
sorpresa, offre cibi di ottima qualit e con grande abbondanza.

Insalata di riso selvaggio


tazza di riso selvaggio
12

1 costa di sedano a fettine


1 carota a tocchetti
1 cipollotto a fettine
1 cucchiaio di semi di sesamo
prezzemolo fresco tritato
2 funghi a fettine
1 spicchio di aglio tritato
cipolla in polvere
1 cucchiaino di succo di limone
olio EVO
tamari
miso
Mettere a bagno il riso con 1 litro di acqua per 24 ore permettendogli di germinare. Scolare ed
aggiungere tutti i rimanenti ingredienti mescolando con cura. Lasciare insaporire almeno 1 ora
prima di servire.

VERGINE
COLORE: marrone scuro e verde scuro/marcio
ELEMENTO: Terra
PIANETA: Mercurio
ERBE E SPEZIE: vedi gemelli
FIORI: fiorellini con colori sgargianti, in particolare quelli blu e gialli
ALIMENTI: radici e tuberi
CHIAVE: io ordino il caos
SALE: SOLFATO DI POTASSIO che regola lassimilazione, la distribuzione dei liquidi nel corpo e
agevola il passaggio dellossigeno nelle cellule dellepidermide: quercia marina, equiseto,
cicoria, mandorle, farina intera di granoturco, pane integrale, molto indicati sono anche i cereali
integrali cos come i cibi fermentati che promuovono lo sviluppo di utilissimi bacilli intestinali e
introduce nellorganismo vitamine del gruppo B e varie proteine che aiutano la digestione.
PARTE DEL CORPO: parte inferiore dell'addome, intestino medio, valvola ileocecale
PATOLOGIE: tutte quelle derivanti dai difetti dei processi di assorbimento alimentare o da
infezioni batteriche, fungine o parassitarie, intossicazioni, appendicite, diabete.
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: La Vergine di solito molto attenta alla scelta dei cibi e sa
esattamente che cosa le piace e cosa le nuoce. La sua dieta la decide da s, perch conosce
meglio di chiunque propriet e calorie degli alimenti, I consigli per Lei sono inutili, basta
convincerla a mettere in pratica il suo sapere.

Insalata di mele e finocchi con olio al limone


1 finocchio affettato finemente
mela verde a fettine sottili
1 tazza di rucola
scorza di limone grattugiata
1 peperoncino rosso a pezzettini
olio al limone (vedi ricetta)
sale e pepe
Mescolare con delicatezza gli ingredienti.

13

Olio al limone
tazza di olio EVO
tazza di succo di limone
1 spicchio d'aglio diviso a met
sale
scorza di limone grattugiata
Mescolare tutti gli ingredienti in un vasetto ed agitare con cura prima di condire.

BILANCIA
COLORE: verde chiaro, rosa chiaro, colori pastello
ELEMENTO: Aria
PIANETA: Venere
ERBE E SPEZIE: menta, cayenna
FIORI: le rose piu' grandi, ortensia, fiori blu e quelli del toro
ALIMENTI: grano ed altri cereali, bacche, mele, pere, uva, carciofi, asparagi, fagioli, spezie
CHIAVE: io amo
SALE: FOSFATO DI SODIO, che mantiene stabili le funzioni dellorganismo e facilita
leliminazione delle scorie: riso integrale, carote, mandorle, mele, fragole
PARTE DEL CORPO: zona dorsolombare, reni e surreni, fegato
PATOLOGIE: malattie provocate dall'ambiente, patologie renali e surrenaliche, squilibri
ormonali
COMPORTAMENTO ALIMENTARE:La Bilancia notevolmente attratta dalla buona tavola e
anche se generalmente si presenta molto equilibrata, non sa resistere davanti a dolci squisiti e,
di conseguenza, facilmente soggetta al diabete.E molto importante per la Bilancia consumare
i pasti in un luogo tranquillo e piacevole: le sciocche conversazioni lurtano, mentre una dolce
musica in sottofondo la rilassa totalmente, a favore di unequilibrata digestione.

Torta di mele allo zenzero


Per la base:
2 tazze di noci brasiliane
di tazza di agave
1 cucchiaio di burro di cocco
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di zenzero fresco grattato
1 pizzico di sale
Per il ripieno alla mela e ribes:
1 tazza di mele a pezzi grossolani
di tazza di agave
1 cucchiaio di cannella
di cucchiaino di zenzero grattato
1 tazza di ribes o mirtilli
2 tazze di mela a pezzettini piccolini
4 cucchiai di semi di chia macinati

14

Procedimento per la base:


Macinare finemente le noci brasiliane, aggiungere i rimanenti ingredienti fino a formare in
impasto morbido e pressare sul fondo di una tortiera. Far raffreddare in congelatore.
Procedimento per il ripieno:
Frullare i pezzi di mela tagliati grossolanamente con l'agave, la cannella, lo zenzero. Aggiungere
i ribes alla purea e frullare leggermente (ma non troppo).
Aggiungere i pezzettini di mela e i semi di chia e mescolare con cura.
Versare sulla base e riporre in freezer per almeno 3 ore. Far scongelare completamente prima di
servire.

SCORPIONE
COLORE: rosso scuro/nero/marrone scuro
ELEMENTO: Acqua
PIANETA: Marte/Plutone
ERBE E SPEZIE: aloe, nocciolo, erba gattaia, erbe dell'ariete
FIORI: rododendro, geranio e gli altri fiori dell'ariete
ALIMENTI: i cibi dal sapore forte e deciso
CHIAVE: io ricerco
SALE: SOLFATO DI CALCIO: cavolfiori, aglio, asparagi, cipolle, prugne, noci di cocco e uva.
PARTE DEL CORPO: genitali interni ed esterni maschili, colon, sigma, retto e ano, vescica,
ureteri, milza
PATOLOGIE: dell'apparato riproduttore maschile e genito-urinario di entrambi i sessi, malattie
ereditarie, patologie del sestema linfatico
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Lo Scorpione decisamente un buongustaio e ama
mangiare cibi sostanziosi, ricchi di grassi, ma ci lo rende facilmente incline allobesit. Gli
Scorpioni dovrebbero rinforzare il loro regime alimentare con vitamina del gruppo C, unendola
a quelle del complesso B ed E. Per i pasti quotidiani preferisce avere pochi cibi saporiti senza
dover restare troppo a lungo a tavola. Dato che lo stato danimo per lui fondamentale, pu
alternare periodi di ascetismo[atenismo/digiunare] ad altri di grosse abbuffate: in questi casi si
lascia tentare da piatti saporiti e, soprattutto, da dolci e gelati.

Ginger Beer
il succo di 4 limoni
1 tazza di succo d'arancia
di tazza di succo di zenzero
tazza di agave
1 litro di acqua gassata
1 pizzico di cardamomo in polvere
1 pizzico di chiodi di garofano in polvere
Estrarre il succo dallo zenzero, dai limoni e dalle arance. Mescolare tutti gli ingredienti e servire
ghiacciato.

15

SAGITTARIO
COLORE: Blu scuro/porpora
ELEMENTO: Fuoco
PIANETA: Giove/Nettuno
ERBE E SPEZIE: salvia, semi di anice, balsamina, cedronella, mirtillo, borragine, cannella, romice,
muschio
FIORI: Dianto e garofano, dente di leone
ALIMENTI: bulbi vegetali, pompelmi, uva sultanina, sedano, cipolle, porri
CHIAVE: io insegno
SALE: OSSIDO DI SILICIO, La si pu trovare in tutte le bucce e le pelli che normalmente possono
essere mangiate, come quella degli ortaggi e dei fichi, delle fragole, delle prugne, anche secche,
e delle ciliegie
PARTE DEL CORPO: cosce, bacino, anca, femore, nervo sciatico, fegato, apparato muscolare
PATOLOGIE: della muscolatura, del nervo sciatico, del fegato, lussazioni all'anca, alcoolismo
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Il nativo del Sagittario solitamente dotato di un appetito
ineguagliabile ed portato a eccessi sia nei cibi che nelle bevande, frequentemente scontati
amaramente in et matura. La moderazione deve essere la regola primaria del Sagittario, per
non appesantire troppo il fegato e il sistema arterioso. Il fegato deve eliminare i veleni
dallorganismo e per il suo perfetto funzionamento occorre attenersi a un rigido regime
alimentare per non accumulare troppe calorie. La dieta non fa parte del suo stile di vita. Anche
quando dice di volerla fare, e il fegato uno dei suoi punti deboli, dopo pochi giorni riprende a
mangiare come prima, pi di prima.

Pane alla cipolla


700 gr di cipolle a fettine sottili
1 tazza di semi di girasoli macinati
1 tazza di semi di lino macinati
tazza di olio EVO
50 ml di Shoyu
Mescolare le cipolle coi rimanenti ingredienti e spalmare l'impasto su carta da forno. Essiccare
per circa 8 ore rigirando il pane dopo 5 ore.

CAPRICORNO
COLORE: Nero, grigio scuro, marrone scuro
ELEMENTO: Terra
PIANETA: saturno
ERBE E SPEZIE: canapa, consolida maggiore, centaurea, cicuta, alcanna
FIORI: edera, viola del pensiero, amaranto
ALIMENTI: patate, grano, spinaci, malto, cipolle, barbabietole, nespole, mele cotogne, cibi
amidacei
CHIAVE: io gestisco
SALE: FOSFATO DI CALCIO, necessario per un buon mantenimento del sistema osseo e per
evitare noiosi disturbi ai denti: verza, spinaci, lenticchie, fagioli, sedano, mandorle, cetrioli, pane
integrale, prugne, fragole, susine, mirtilli, infuso di equiseto, alghe laminarie, quercia marina
(alga bruna).
16

PARTE DEL CORPO: scheletro, ginocchia, tessuto osseo, cute, pelle, denti, cristallino
dell'occhio, la bile, le piastrine
PATOLOGIE: dei denti, le anemie, demineralizzazione ossea, fratture, sterilit, menopausa
precoce
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Il Capricorno, nonostante risenta sovente di disturbi cronici,
gode generalmente di una buona longevit.La sobriet la caratteristica pi evidente del
Capricorno a tavola, che a dieta fin dalla nascita: pi cresce e pi impara a regolarsi. Una
colazione frugale pu essere lideale per lui, anche per evitare il risveglio della sua colite. I suoi
peccati sono legati a cibi stimolanti, come i sottaceti, o comunque capaci di provocare
quellappetito che spesso non cos sicuro. Se assorbito da un lavoro importante, pu
benissimo dimenticarsi di mangiare.

Cavolo nero in crema di avocado


4 cespi di cavolo nero
2 cucchiai di sale
2 tazze di pomodorini a fettine
3 avocado
tazza di olio d'oliva
2 cucchiai di agave
di tazza di succo di limone
cipolla in polvere
aglio in polvere
peperoncino
shoyu
Tagliare il cavolo nero a pezzetti. Aggiungere il sale e massaggiare con le mani fino a rendere il
cavolo molto morbido. Aggiungere i pomodorini.
Frullare i rimanenti ingredienti e versare la crema sul cavolo nero come condimento.

ACQUARIO
COLORE: Turchese, azzurro chiaro
ELEMENTO: Aria
PIANETA: Urano
ERBE E SPEZIE: quelle dal sapore intenso ed insolito
FIORI: orchidea
ALIMENTI: cibi che si conservano bene, surgelati, mele, agrumi, frutta secca, mandarini cinesi,
kiwi, limetta
CHIAVE: io invento
CLORURO DI SODIO:sale marino, cavoli, spinaci, sedano, carote, ravanelli, lenticchie, pesce,
fragole, mele
PATE DEL CORPO: zona al disotto del ginocchio, gamber, caviglie, la fibula, la tibia, legamenti
della caviglia, midollo spinale, neuroni, la mielina, sistema nervoso generale
PATOLOGIE: del sistema circolatorio e pressorio, coaguli sanguigni, arteriosclerosi, patologie
del midollo e delle caviglie
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: La circolazione sanguigna, punto debole dellAcquario,
necessita di abbondanti vitamine del gruppo C ed E per frenare la fragilit capillare.
La frutta fresca, come le arance, le mele, le pere, luva, dovrebbe sempre far parte della sua
17

alimentazione quotidiana. Genio e sregolatezza lo slogan dietetico che meglio si addice


allAcquario. Connessi a questo segno che possiede una circolazione non sempre al meglio,
sono frequenti gli eccessi di zuccheri. LAcquario infatti mangia senza farsi problemi e senza
metodo: adora la birra, i cibi esotici e magari divora in pochi minuti quelle migliaia di calorie cui
aveva rinunciato nelle settimane precedenti.

Funghi ripieni di pat al basilico (per 10 funghi)


10 funghi champignon
100 gr di anacardi
20 gr di pinoli
una manciata di foglie di basilico
1 spicchio d'aglio
limone spremuto
1 cucchiaio di lievito in scaglie
1 cucchiaio di olio EVO
sale e pepe q.b.
Rimuovere i gambi dei funghi e marinare le cappelle in salsa di soia per circa 15 minuti. Riempire
il fungo con una salsa ottenuta frullando i gambi con gli anacardi, i m pinoli, il basilico, l'aglio, il
succo di limone, il lievito in scaglie, olio d'oliva, sale e pepe.

PESCI
COLORE: Verde acqua, viola
ELEMENTO: Acqua
PIANETA: Nettuno/Giove
ERBE E SPEZIE: saccarina, limetta, muschio
FIORI: ninfea, fiori di colore verde mare o viola
ALIMENTI: cetriolo, zucca, lattuga, melone
CHIAVE: io sento e vedo oltre
SALE: FOSFATO DI FERRO, quercia marina, lattuga, fragole, ravanelli, cetrioli, mandorle, noci,
spinaci, fagioli.
PARTE DEL CORPO: piedi, ossa del piede ed articolazione, legamenti, fasce, nervi dei piedi,
corteccia cerebrale, ipotalamo, pineale, ipofisi
PATOLOGIE: della sfera psichica, degenerative cerebrali e di origine ormonale, depressioni,
patologie dei piedi, congelamento, fratture.
COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Il nativo dei Pesci ha bisogno di unalimentazione molto ricca
di proteine, in grado di fornirgli le energie indispensabili per il buon funzionamento di tutte le
sue cellule organiche. Se nellorganismo di questi nativi si verifica una carenza di fosfato di
ferro, essi potranno soffrire di anemie, di stati depressivi o essere soggetti ad alterazioni
ghiandolari.
I Pesci non amano la forma, la puntualit, le costrizioni della vita mondana, le conversazioni
fasulle e vuote. Sono soprattutto le bevande che possono incrinare la dieta di un Pesci, anche
per la loro naturale propensione allaccumulo di liquidi. Quanto ai cibi, amano i piatti preparati
con cura.

18

Datteri alle mandorle e arancia ricoperti al cioccolato


24 mandorle
2 cucchiai di scorza d'arancia grattugiata finemente
4 cucchiai di agave
cucchiaio di cannella
1 pizzico di noce moscata
12 datteri
3 cucchiai di burro di cacao
5 cucchiai di cacao
Mescolare le mandorle con la scorza d'arancia, 1 cucchiaio di agave e le spezie in una ciotola.
Riempire ciascun dattero con due mandorle.
Sciogliere il burro di cacao a bagnomaria e poi mescolarlo col rimanente agave e la polvere di
cacao. Immergere i datteri nella salsa e far raffreddare in frigorifero per almeno 30 minuti.

19