Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Diocesi

7 e 24

Chiesa

Gioved 21 aprile 2016

Gioved
21 aprile 2016
anno XLIX (nuova serie)

numero 16
euro 1,30

16

Cesena

13

Gambettola

16

Congresso
Eucaristico
alle porte

Papa Francesco
a Lesbo
tra i rifugiati

Tutti al cinema
con il Corriere
Cesenate

Centro Fulgor
presto
operativo

al 22 al 29 maggio celebrazioni su Se condiD


vidiamo il Pane Celeste,

opo Lampedusa, altra


storica visita del PonD
tefice alle porte dellEuro-

uattro luned allEliseo


(ore 20,30) con pellicoQ
le da non perdere. In que-

resentato il bilancio
2015 della parrocchia.
P
Linvestimento di 2 milio-

come non condivideremo


quello terreno?

pa. Nel viaggio di ritorno


tre famiglie di profughi

sto numero il primo coupon-sconto da ritagliare

ni di euro possibile grazie


ai fondi 8xmille della Cei

Editoriale
Zaccheo e il giudizio finale

CARITAS DIOCESANA: presentato il primo Dossier povert e inaugurati i nuovi locali

di Francesco Zanotti

l Papa a Lampedusa, porta dEuropa. Il Papa


nellisola di Lesbo, altro ingresso nel vecchio
continente. Due gesti eloquenti, dirompenti,
rivoluzionari per certi versi. Francesco si fa
prossimo alluomo pi bistrattato e
abbandonato. Lo abbraccia, si china sulle sue
ferite, lo porta con s a Roma. Pi che i discorsi,
in entrambe le occasioni, valgono i gesti.
Comportamenti che vanno controcorrente e
mettono in crisi le politiche continentali dei
nuovi muri. Quelle politiche della
conservazione di uno status quo che lascia fuori
lo straniero, il diverso da noi, e lo considera un
pericolo, una minaccia, un terrorista. Lo ha
ricordato sabato scorso a Cesena il presidente
della Caritas nazionale, larcivescovo di
Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro.
Solo chi diverso da noi ha detto il
porporato pu prestarci occhi nuovi per
guardare realt note. Solo chi non abbiamo mai
incontrato prima pu stimolarci a guardare le
cose in modo diverso. Cos possono cadere
abitudini incancrenite, situazioni paralizzate e
possono essere rimessi in discussione giudizi
senza appello.
Siamo noi i farisei di oggi, ha detto il
vaticanista Andrea Tornielli qualche giorno fa in
un incontro a cui ho partecipato a Roma. Siamo
noi incapaci di scrutare nel volto dellaltro il
povero che ha bisogno. Siamo noi che voltiamo
le spalle sul ferito lungo la strada e deve ancora
transitare uno straniero, un samaritano, perch
qualcuno se ne prenda cura. Siamo noi gli
insensibili, quella con la pancia piena e la
coscienza sporca.
Ges invita Zaccheo a scendere dal sicomoro.
Ha deciso di andare a casa sua. Tutti iniziano a
mormorare. Ges a pranzo da un peccatore. Va
in compagnia di uno che ruba, che sfrutta gli
altri, li tiranneggia. Noi oggi rischiamo lo stesso
atteggiamento. Ci siamo dimenticati il Vangelo.
Anzi, lo ascoltiamo almeno ogni domenica, ma
passa come acqua sul vetro. Zaccheo, a vedere
Ges per curiosit, non era andato pentito.
stato dopo averlo incontrato che totalmente
cambiato. Loccasione, quasi fortuita, stata
per lui decisiva.
Zaccheo e il giudizio finale, due brani evangelici
che ci inchiodano, soprattutto davanti alle
tragedie di oggi, con il mar Mediterraneo
trasformato in cimitero davanti alla nostra
indifferenza. Quando vediamo il pane
Eucaristico ha sottolineato ancora il cardinale
Montenegro durante il suo intervento nella
nostra citt ci chiediamo se consacrato. Se lo
, l troviamo Ges. Ma dov che lo
incontriamo sempre e di sicuro? Nel povero. E
in quel caso non dobbiamo neppure porre
domande. S, perch non possiamo
dimenticare che ero straniero e mi avete
accolto Tutto quello che non avete fatto a uno
solo di questi pi piccoli non lavete fatto a me.

Chiamati
allaccoglienza
FOTO ARCHIVIO SIR

Il vescovo Douglas ha rivolto un nuovo pressante appello ad aprire le case


allaccoglienza verso i profughi e gli stranieri. Lo ha fatto sabato scorso durante
il convegno della Caritas diocesana nel quale stato presentato il dossier 2015
sulla situazione delle povert nel nostro territorio.
Il cardinale Francesco Montenegro, presidente di Caritas italiana, ha svolto una
lunga riflessione con la quale ha richiamato tutti al bisogno e al dovere di farci
prossimi verso i fratelli pi poveri e svantaggiati. Non possiamo fingere di non
sapere, ha ammonito. Papa Francesco nellisola greca di Lesbo si chinato su
chi costretto a rimanere alle porte dellEuropa. E il segretario della Cei, luned
scorso, ha affermato che accogliere i profughi solo un atto di restituzione.
Primo piano alle pagg. 4 e 5 e servizi a pag. 9

Cesenatico

15

SantAlberico 17

Macchine
per scrivere
in mostra

Il nuovo
eremita
si presenta

Solidariet

18 Sport Csi

Dalla 2xBene
12mila euro
a 4 associazioni

Luciano Morosi
confermato
presidente

22

Opinioni

Gioved 21 aprile 2016

Da un referendum a un altro, italiani alle urne. Forse


orum
u
q
e
t
n
e
i
n
,
Trivelle
TRIVELLA NEL MARE DI PUGLIA
(FOTO ARCHIVIO SIR)

al referendum abrogativo di primavera sulle trivelle a quello confermativo di


autunno sulla riforma costituzionale, passando per le elezioni amministrative di
giugno. Questa la road map della politica italiana che ha archiviato la vicenda
referendaria con soli tre cittadini su dieci che si sono recati alle urne per
esprimere il proprio s o il proprio no. La netta prevalenza dei si segnala, comunque,
una sensibilit ambientale di cui chi governa non pu non tener conto per le grandi
scelte che si profilano allorizzonte. E in particolare la possibilit di fare dellItalia il paese
leader in Europa nel settore delle energie rinnovabili, cos come ha promesso il
presidente del Consiglio Matteo Renzi, subito dopo la chiusura delle urne.
Ma sarebbe da sciocchi non calcolare gli effetti collaterali di questo voto, o meglio di
unaltra esibizione muscolare del partito dellastensione, in un Paese che di elezione in

Archiviato il referendum ambientalista con due italiani su tre che non si


sono presentati alle urne, la road map politica italiana prevede altri due
appuntamenti: le imminenti elezioni amministrative e il referendum
confermativo sulla riforma costituzionale in programma in autunno.
Due partite difficili, considerato il partito dell'astensione. Questo tempo
deve essere investito nel dibattito pubblico al quale ci si augura che anche
i cittadini cattolici possano portare il loro contributo originale. Nella
consapevolezza di avere a cuore il bene comune del popolo italiano e di
poter lasciare agli altri l'odio politico

Al femminile
Donne, nonne, consumatrici
Lemblema della 94enne Iris Apfel
na volta la nonnina pi famosa della tv era quella
che serviva il caff. Dimostrava unet indefinita,
tendente allinfinito, nel senso che era una di quelle
vecchine angeliche, silenziose e accuditive che
hanno centanni da che ne avevano settanta e di cui si
aggirano ancora alcuni rari esemplari in fortunate famiglie.
Ma i tempi cambiano e oggi lepoca della nonna sprint
della pubblicit di una nota casa automobilistica, la
novantaquattrenne Iris Apfel, che si aggiusta gli occhiali
esagerati e parte alla conquista del mondo. La Apfel una
famosa collezionista, arredatrice di interni, imprenditrice e,
come sottolinea lo spot, unicona nel mondo della moda,
che vanta la bellezza di 195mila followers su Instagram.
Con lironia e il distacco che le arrivano dallet della
saggezza, lei preferisce definirsi una starlet geriatrica, ma
il suo stile eccentrico e inconfondibile, sovrabbondante e
vistoso, tuttaltro che minimale, la rendono amatissima da
stilisti e giornalisti di moda e costume. E lo stile qualcosa
che laccompagna da sempre, un tratto distintivo che
supera bellezza ed et. una fonte di ispirazione dal 2005,
da quando, per un imprevedibile caso, al Costume institute
del Metropolitan museum of art di New York (il Moma, per
capirsi), venne cancellata una mostra. Il direttore, alle prese
con una sostituzione dellultimo minuto, decise di esporre
la collezione di abiti e accessori di Iris Apfel. Il successo fu
straordinario e la Apfel ha iniziato una fruttuosa
collaborazione con varie aziende di moda, ospite fissa di
ogni sfilata e insegna moda alluniversit di Austin, in Texas.
testimonial di marchi famosi e una casa di makeup lha
scelta per presentare una collezione dedicata a quella che si
potrebbe definire la nuova categoria di donne, le
nonnescenti: senza et, o che quantomeno non si
riconoscono in quella anagrafica che, per la Apfel, parte dal
29 agosto del 1921.
Insomma, c una buona fetta di Occidente che ha smesso
di fare figli, in cui i giovani non hanno lavoro, gli adulti
lhanno perso ma dove gli unici in grado di disporre di
denaro da spendere sono gli anziani. Lo chic senior avanza
e la civilt dei consumi strizza locchio agli over 60, quelli

La fotografia
Papa Francesco,
Bartolomeo I
e Ieronymos
hanno lanciato
in mare tre corone
di fiori per
le vittime delle
migrazioni
(isola di Lesbo,
16 aprile,
foto
LOsservatore
Romano
(www.photo.va) /
Sir
dal capello silver (argento) ma che possono disporre del gold (oro, nel senso
del denaro). Secondo alcune stime, entro il 2050 gli ultra sessantacinquenni
saranno pi numerosi dei bambini di et inferiore ai 5 anni, con tutte le
implicazioni del caso.
Se altamente probabile che laumento dellet media porter con s un
crescente bisogno di assistenza, anche vero che la popolazione sar attiva pi a
lungo, con una salute nettamente migliore rispetto alla generazione precedente e
con desideri di spesa differenti. Sono quelli che non vogliono fare cose da
anziani o vestirsi da vecchi e questo porta allapertura di una fetta di
consumatori che sono tuttaltro che nicchia. Il target preferito, ovviamente, sono
le donne. Alla base c la crescente consapevolezza dellinfluenza delle donne di
et ragguardevole, perch consumatrici con rilevante potere dacquisto e
notevole sprezzo delle convenzioni. Nel campo bellezza aumenta let delle
testimonial, per dire, vivaddio, che si pu essere belle anche con lavanzare degli
anni, ma il messaggio ovvio che luso di quella crema sicuramente aiuta.
Calare tutto questo nella nostra Italia pare quasi fantascienza. Nella maggior
parte dei casi che conosciamo, quel poco di pensione che viene percepita dai
nonni serve a mantenere un welfare famigliare che altrimenti tracollerebbe, non a
togliersi sfizi costosi. Ma la vecchietta terribile che guida in mezzo alle farfalle ha
in s qualcosa del vecchietto giramondo del film Up. Tutti e due paiono
rivolgersi ironici ai giovani anestetizzati dalla dipendenza da smartphone:
mentre voi guardate in basso, noi guardiamo ancora in avanti. Non provate a
prenderci, non ce la fareste mai.
Emanuela Vinai

elezione vede ingrossare lesercito di


chi rinuncia a scegliere per via
democratica chi debba governare
oppure respinge mediante il non voto
la possibilit di esercitare in forma
diretta una scelta in grado di cambiare
il corso di una legge attraverso appunto
lo strumento referendario.
E un processo pressoch irreversibile
che forse registrer una battuta
darresto se la riforma costituzionale
sar approvata.
E cio se verr accolta la riforma dello
strumento referendario prevista dal ddl
Boschi. Ricordiamo infatti la previsione
di referendum popolari propositivi e
dindirizzo che costituiscono,
oggettivamente, una novit assoluta
per il nostro ordinamento, ma che
richiederanno lapprovazione di
unapposita legge costituzionale. A
rendere poi i referendum abrogativi pi
efficaci prevista lintroduzione di un
quorum ridotto rispetto a quello
attuale del 50% pi uno degli aventi
diritto. Si prevede, infatti, che il
quorum venga calcolato sulla base
della maggioranza dei votanti alle
ultime elezioni della Camera. Infine,
cosa non da poco, vengono innalzate a
800mila le firme necessarie per
promuovere il referendum abrogativo,
rispetto alle attuali 500mila. Un aspetto
non secondario, che oggettivamente
render pi difficile la promozione di
referendum abrogativi.
Ma veniamo alle partite politiche da
giocare.
La domenica sera, ad urne chiuse,
Renzi ha voluto segnare subito il punto
a suo favore, sintetizzabile
nellaffermazione che non hanno perso
i cittadini che hanno votato, bens quei
pochi consiglieri regionali e qualche
presidente di Regione che hanno
cavalcato questo referendum per
esigenze personali, particolari,
politiche.
E trattandosi anche di molti esponenti
del suo partito, laffermazione ha il
sapore di una resa dei conti interna al
Partito democratico. Ma sicuramente
ha pi valore politico unaltra sua
richiesta, cio quella di mettere fine alle
polemiche e fino alle elezioni del 2018
rimbocchiamoci le maniche e
lavoriamo tutti insieme per il Paese.
Ecco bypassati i due appuntamenti
politici pi gravidi di conseguenze che
si consumeranno tutti nellarco del
2016: le imminenti elezioni
amministrative e il referendum
confermativo sulla riforma
costituzionale. Aldil della consueta
retorica presidenziale, questo il dato
pi significativo: lesibizione di una
certezza non solo pura scaramanzia
quella di Renzi di uscire indenne, anzi
rafforzato, da questi due tornanti delle
vita politica italiana prossima ventura.
Domenico Delle Foglie

Gioved 21 aprile 2016

Primo piano

SALONE DI PALAZZO GHINI (Cesena). Pubblichiamo ampi stralci dellintervento del


cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Lampedusa e presidente di Caritas italiana,
intervenuto sabato 16 aprile a Cesena al convegno Misericordia accoglienza

Non possiamo fingere di non sapere


I
ntensa giornata cesenate,
sabato scorso, per
larcivescovo di Agrigento,
Francesco Montenegro.
Creato da papa Francesco dopo
la visita a Lampedusa per
limpegno della diocesi siciliana
e in particolare dellisola
nellaccoglienza verso i
migranti, il cardinale giunto a
Cesena anche nella sua qualit
di presidente della Caritas
italiana. In citt ha preso parte
al convegno organizzato dalla
Caritas diocesana per la
presentazione del Dossier
2015, poi ha inaugurato i
nuovi locali di via don Minzoni
e in serata in Cattedrale ha
presieduto la veglia per la
giornata mondiale delle
vocazioni.
Nel pomeriggio, nel salone di
palazzo Ghini, ha svolto un
lungo e appassionato
intervento sul tema
dellimmigrazione,
dellaccoglienza, della
condivisione, della solidariet.
Il testo integrale disponibile
sul sito www.corrierecesenate.it.
Di seguito ne pubblichiamo
alcuni stralci, anche se per
larghi tratti il cardinale
andato a braccio.
Mettiamo alla porta il povero
perch ci disturba - ha detto fra
laltro, oltre al testo scritto -. Ci
ricorda che esiste la povert e
questo ci d fastidio. Sono
morti in mare pregando. Sono
morti abbracciati: cos sono
stati trovati sul fondo del mare.
Davanti a quelle bare a
Lampedusa ho avuto la mia
crisi di fede. Accogliere
sempre rischiare. Ges non si
fa riconoscere dai paramenti
sacri. Non possiamo fingere di
non sapere.
Noi siamo abitualmente
tentati di rifiutare ci che
diverso da noi e non in
sintonia con il nostro mondo,
non rendendoci conto che
agendo cos lasciamo cadere
grandi occasioni di crescita. Se
si ergono paletti per garantirsi
sicurezza, succede anche nelle
comunit ecclesiali - ha detto il

CESENA, SALA DI PALAZZO GHINI, CONVEGNO MISERICORDIA ACCOGLIENZA


CON IL CARDINALE E PRESIDENTE DI CARITAS ITALIANA FRANCESCO MONTENEGRO (NELLA FOTO IN ALTO A DESTRA).
SOPRA, LA TESTIMONIANZA DI LAURE DAMANE, DEL BURKINA FASO, PROFUGO
OSPITE NELLA VALLE DEL SAVIO, INSIEME A ISRAEL DE VITO, GOVERNATORE
DELLE MISERICORDIE DELLA VALLE DEL SAVIO. SOTTO. MATTEO GAGGI, DIRIGENTE SERVIZI SOCIALI DELLUNIONE COMUNI VALLE SAVIO
(FOTOSERVIZIO PIERGIORGIO MARINI)

cardinale Montenegro - la fede


rischia di diventare una forma di
narcisismo, di
autocompiacimento. Perch ci
non avvenga necessario che
laccettazione dellaltro non si
limiti al rispetto formale delle
regole della buona educazione,
ma sia vera sul piano umano.
Lospitalit, ha ricordato il
presidente Caritas soprattutto
capacit di accogliere la ricchezza
di stimoli che lospite introduce
nelle nostra vita. La nostra cultura
individualistica raramente accetta
il diverso. La nostra cultura ci
rende accoglienti/tolleranti solo

con chi riesce ad adeguarsi alle


nostre abitudini, ma senza
creare problemi.
Il cardinale Montenegro ha
anche evidenziato che oggi in
gioco non c solo laccoglienza
degli immigrati, ma il modello
di civilt del futuro. La difesa
degli interessi dei forti, facendo
pagare il prezzo ai deboli,
indebolisce la struttura della
stessa societ. Probabilmente,
pi che la paura dello straniero,
limmigrazione fa venire a noi
la paura dello straniero che in
noi. Dimmi chi escludi e ti dir
chi sei. Ci siamo sempre

considerati la civilt. Oggi


questa convinzione vacilla. La
migrazione sta mettendo
accanto tante civilt. Ognuno
ha qualcosa da imparare e da
donare agli altri. Sino a quando
limmigrazione sar
considerata un problema di
sicurezza (lo , ma non il
solo!), sar sempre pi
oscurato laspetto umanitario e
si terr sempre meno conto dei
diritti umani. tempo che per
gli stranieri oltre che dare aiuti,
si rivendichi giustizia - ha
esortato Montenegro -. Con i
soli aiuti uno straniero acquista
una mentalit da disuguale, da
assistito. In un contesto di
giustizia lo straniero si sente
pi uguale e impara ad essere
creativo, a mantenere il proprio
equilibrio personale e a
salvaguardare la propria
identit culturale.

Alla politica di immigrazionezero - ha aggiunto ancora il


cardinale - si accompagna la
realt di unimmigrazione a zerodiritti. Questo vuol dire che il
respingimento rischia di far
diventare clandestini gli
immigrati. Questi uomini - il Papa
la chiama schiavit moderna servono a far arricchire i
proprietari italiani che li pagano
con stipendi da fame, li fanno
vivere in condizioni disumane, in
case diroccate, ammassati, senza
acqua ed elettricit, con affitti alti.
Condizioni che poi li portano ad
ammalarsi, senza potersi
permettere cure adeguate.
Il credente sa che la sua fede - ha
concluso larcivescovo - gli chiede
di osare la giustizia, la pace, la
solidariet. Quando i popoli si
spostano sono come una parola
di Dio che si leva dalla storia,
sono un urlo che giudica, esorta,
chiede e spinge verso nuove terre
promesse. Con lincarnazione
tutto ormai sacro (luogo degno
di Dio): non solo il tempio, ma
anche la baracca, la strada,
lospedale, il barcone,
lemarginazione, la prigione. Dice
Frei Betto: Noi lo cerchiamo nel
tempio, Lui si trova nella stalla; lo
cerchiamo tra i sacerdoti, si trova
in mezzo ai peccatori; lo
cerchiamo libero, prigioniero; lo
cerchiamo rivestito di gloria,
sulla croce ricoperto di sangue.
seduto sulle scale delle nostre
portinerie, aspettando un tozzo di
pane. Limmigrazione va
considerata come un luogo
teologico, un luogo frequentato
da Dio, luogo in cui certamente
possiamo trovarLo e incontrarLo.

Primo piano

Alla presentazione del primo Dossier


povert presentato dalla Caritas
diocesana, il vescovo Douglas ha rivolto un
nuovo appello alla comunit diocesana:
Possiamo e dobbiamo fare di pi

NUOVA SEDE DELLA CARITAS DIOCESANA, IN VIA DON MINZONI A CESENA (GI ISTITUTO SUORE DELLA SACRA FAMIGLIA). IL CARDINALE
FRANCESCO MONTENEGRO TAGLIA IL NASTRO DINAUGURAZIONE DEI
LOCALI. ALLA SUA SINISTRA IL VESCOVO DOUGLAS REGATTIERI E
ALLA SUA DESTRA DIRETTORE DELLA CARITAS DIOCESANA IL DIACONO IVAN BARTOLETTI STELLA (FOTO PIERGIORGIO MARINI)

La Misericordia si
occupa degli 11
ragazzi accolti a
Taibo di Mercato
Saraceno, delle 6
ragazze a Sarsina
e altre 6 ospitate
a SanVittore,
arrivate a Cesena
pochi giorni fa.
Parte fondante
dellaccoglienza
lintegrazione: le
giornate di questi
giovani, condivise
con i volontari,
sono suddivise
tra corsi di
italiano, attivit
sportive,
sartoriali, cucina
o di giardinaggio,
ma anche attivit
di volontariato
civico per i
Comuni ospitanti

laccoglienza porta ricadute sul territorio. E ha


snocciolato qualche dato utile a comprendere
la dimensione del fenomeno. Nel 2015
abbiamo messo a disposizione per
laccoglienza 152 posti - prosegue -. Attualmente ospitiamo 179
profughi e secondo le previsioni della Prefettura dobbiamo
aspettarci l80 per cento di arrivi in pi rispetto lanno passato:
saliranno cos a 250 i posti entro la fine del 2016. Ci richieder
lallestimento di nuove strutture di accoglienza. Il dirigente
comunale sfata poi il luogo comune sulla correlazione tra larrivo dei
profughi e laumento dei residenti stranieri in citt. A Cesena la
presenza degli stranieri in calo ed pari al 9,45 per cento della
popolazione. Nel 2014 era il 9,69 e nel 2012 il 10,02, anno in cui c
stata la punta massima. Anche ai servizi sociali le famiglie straniere
sono calate del 7 per cento, conclude.
Tra i protagonisti dellaccoglienza c la Misericordia Valle del Savio,
che fin da subito si fatta apprezzare per i risultati positivi. Dopo
lappello di papa Francesco nellomelia del 6 settembre scorso, ci
siamo subito attivati per dare il nostro contributo con quello spirito
cristiano che accomuna il nostro Movimento da 770 anni - dice
Israel De Vito, governatore della Misericordia Valle del Savio -. Ne
scaturito il progetto di accoglienza Profumo di carit, la cui parte
integrante il coinvolgimento delle altre realt presenti sul
territorio. Attualmente la Misericordia si occupa degli 11 ragazzi
accolti a Taibo di Mercato Saraceno, delle 6 ragazze a Sarsina e altre 6
ospitate a San Vittore, arrivate a Cesena giusto qualche giorno fa. Il
costo giornaliero per laccoglienza di ciascuna persona di circa 30
euro. Ai profughi va un pocket money di 2,5 euro. Parte fondante
dellaccoglienza lintegrazione: le giornate di questi giovani,
condivise con i volontari, sono suddivise tra corsi di italiano, attivit
sportive, sartoriali, cucina o di giardinaggio, ma anche attivit di
volontariato civico per i Comuni ospitanti. Non dobbiamo solo
insegnare litaliano agli stranieri, ma anche insegnare lo straniero
agli italiani - sottolinea De Vito -. Chiediamo a ciascuno di toccare
con mano questa esperienza: solo condividendo del tempo con loro
si coglie la loro sofferenza. Il grande coraggio di queste persone, che
li ha portati a solcare il mare su un gommone, deve essere per noi
uno stimolo nel dare loro una speranza per un futuro migliore.
Francesca Siroli

Reddito di solidariet
Speranza per ragazzi fragili
Dallanno scorso a oggi la disoccupazione diminuita di quasi un punto percentuale
La povert assoluta riguarda il 3 per cento della popolazione, circa 73mila nuclei
familiari. A Cesena sono 1.500 le famiglie con 800 minori che si trovano sotto
la soglia di povert. La presentazione in un incontro promosso dal Pd cesenate
ombattere la povert assoluta: debutter in autunno il reddito di solidariet, la
nuova misura sostenuta da un finanziamento regionale pari, a regime, a 35
milioni allanno. Liniziativa stata presentata lo scorso gioved nellincontro
organizzato a Cesena dalla consigliera Lia Montalti, con la presenza della
vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elisabetta Gualmini.
Nel bilancio 2016 la Regione ha destinato 16 milioni di euro per avviare il percorso,
che scaturir in un progetto di legge che sar approvato dallAssemblea legislativa
entro lestate - spiega Lia Montalti -. In Emilia-Romagna la disoccupazione
passata dal 2,9 per cento del 2007 all8,4 per cento del 2014, con una perdita di Pil
del 7 per cento. Dallanno scorso a oggi la disoccupazione diminuita di quasi un
punto percentuale. La povert assoluta riguarda il 3 per cento della popolazione,
circa 73mila nuclei familiari. A Cesena sono circa 1.500 famiglie con 800 minori che
si trovano sotto la soglia di povert. Questa misura vuole dare una speranza

Dossier Caritas
Dati significativi

Apriamo
ancor pi
le nostre case
ai migranti
inaugurazione della nuova sede della
Caritas stata loccasione per fare il
punto sullaccoglienza in citt di chi
scappa dalla guerra o da una vita di stenti.
Fedele al suo stile, il vescovo Douglas Regattieri
parla chiaro. prevedibile che tra qualche
settimana ci sia un ulteriore arrivo dei nostri
fratelli profughi - afferma -. Voglio lanciare un
secondo appello affinch ci sforziamo di pi per
aprire le nostre porte. Dopo il mio primo
appello c stata una bella risposta, non tanto di
disponibilit di strutture ma di persone che, in
sinergia con le istituzioni e associazioni del
terzo settore, si sono impegnate ad accogliere i
migranti e integrarli nella nostra societ. Ma
possiamo e dobbiamo fare di pi. Nel corso del
suo intervento, il vescovo ha ricordato in
particolare due iniziative solidali della Diocesi.
Le diaconie della carit, con sei diaconi
coordinatori per far crescere le piccole Caritas
parrocchiali e gruppi di solidariet a vivere
meglio la propria vocazione. E la casa-famiglia
in vescovado gestita dalla Papa Giovanni XXIII,
che spero fra qualche mese possa andare a
buon fine, il suo auspicio.
Matteo Gaggi, dirigente dei servizi sociali
dellUnione dei Comuni Valle del Savio, ha
illustrato il Sistema di protezione per richiedenti
asilo e rifugiati (Spar) finalizzato a integrare nel
tessuto sociale coloro che hanno ottenuto lo
status di rifugiato e hanno scelto di rimanere a
vivere in Italia. Liter di istruttoria per ottenere lo
status dura in media 7-8 mesi, ma non di rado
ha tempistiche pi lunghe. Laccoglienza dei
profughi nel territorio, coordinata dallAzienda
dei servizi alla persona (Asp), caratterizzata da
scelte ben precise. Si scelto di non
ammassare i profughi, ma di ospitarli in piccole
strutture dalla capienza massima di 25 posti:
questo per dare loro una sistemazione dignitosa
e non urtare lequilibro territoriale - spiega
Gaggi -. Inoltre sono coinvolti solo enti non
profit e nessun imprenditore. una grande
esperienza di economia sociale perch

Gioved 21 aprile 2016

soprattutto ai bambini e ragazzi poveri.


La vicepresidente Elisabetta Gualmini la
descrive come la seconda gamba del Patto
per il lavoro al fine di compensare le
diseguaglianze nella popolazione e
compartecipare cos allobiettivo della
Giunta regionale di dimezzare la
disoccupazione entro la fine della
legislatura. Sono 65.640 i nuclei familiari
considerati gli ultimi degli ultimi: un pezzo
di popolazione che rischiamo di perdere se
non viene recuperato - afferma -. Dai nostri
dati emerge come il rischio di povert
correlato allaumentare del numero dei figli
ed una fragilit che spesso parte dalla
vulnerabilit della casa.
Il reddito di solidariet regionale va ad
aggiungersi al fondo nazionale per
lestensione del Sostegno allinclusione
attiva, riservato esclusivamente ai nuclei con
minori, con un reddito inferiore ai 3mila
euro. In pratica si tratta di una carta
prepagata erogata dallInps con 80 euro a
persona per 12 mesi, per cui il Governo ha
stanziato per il 2016 e 2017 rispettivamente
800 milioni e 1,2 miliardi di euro. Ma chi
acceder a questa misura dovr impegnarsi a

Istituzioni e associazioni, pubblico e


privato, tutti sono chiamati alla sfida
per contrastare la crescita esponenziale
dei bisogni. La Caritas di Cesena-Sarsina, diretta da Ivan Bartoletti Stella, ha
condensato in un Dossier lattivit
svolta nel 2015. Complessivamente sono state 1.292 le persone che si sono rivolte al Centro dascolto (quasi il 10
per cento in pi rispetto lanno precedente) e 32.649 gli interventi attivati. I
bisognosi sono soprattutto maschi, con
unet compresa tra i 35 e 44 anni, e in
prevalenza stranieri: i pi numerosi
provengono dai Paesi africani del Maghreb, in primis il Marocco, ma una
quota consistente viene anche dallUnione Europea, in particolare dalla Romania. Dalla fotografia scattata dalla Caritas, emerge come si tratta in
maggior parte di disoccupati
(e coglie di sorpresa il dato che
tra gli occupati, i pi numerosi siano gli stranieri) e persone
che vivono sole, con un basso
grado di istruzione.
Le richieste sono di tre tipologie: mancanza di lavoro, problemi economici e quelli legati allabitazione.
La Caritas ha risposto mettendo a disposizione soprattutto beni e servizi materiali,
volti in prevalenza alla soddisfazione
del bisogno primario dellalimentazione (con buoni pasto e distribuzione di
pacchi viveri), e poi c lofferta di alloggio.
Di impoverimento strutturale parla
lassessore ai Servizi per le persone del
Comune di Cesena, Simona Benedetti.
Le famiglie prese in carico dai Servizi
sociali sono passate dalle 1.000 nel
2009 a 1.897 nel 2015. Nel territorio
provinciale si contano circa 40mila disoccupati. La crisi nel nostro territorio
scoppiata nel 2010 e ha trovato un sistema di servizi inadeguato. La spesa
sociale passata da 8 milioni di euro
del 2009 a 11 milioni attuali, afferma
Benedetti.
Anche Cesena ha dovuto fare i conti
con lavanzamento della povert assoluta e ha risposto mettendo in campo
maggiori investimenti su nuovi servizi.
Al dormitorio notturno permanente,
aperto tutto lanno, e allunit di strada impegnata a portare conforto, coperte e viveri a chi sceglie di stare in
strada, si aggiunto anche il centro
diurno per i senza fissa dimora. Una
particolare attenzione rivolta ai pi
piccoli. A Cesena sono 857 i bambini
in stato di povert: non hanno la possibilit di mangiare la carne tutte le
settimane, non possono svolgere attivit sportive o partecipare alle gite scolastiche, sottolinea.
Fs

essere preso in carico dai Centro per


limpiego o dai servizi sociali.
Rispetto alle altre regioni che lo hanno
previsto, lEmilia-Romagna quella che ha
messo sul piatto pi risorse: 35 milioni, a cui
si aggiungono i 35 milioni stanziati dal
Governo - spiega Gualmini -. Contiamo di
coprire 20-30mila nuclei. Stiamo decidendo i
meccanismi e i requisiti da adottare in
collaborazione con lUniversit di Modena.
Fondamentale, anche in questo caso sar il
patto con il cittadino. Sar una scommessa
sui diritti e sui doveri.
Tra le azioni regionali di welfare mirate di
contrasto alla povert, la Guelmini ha
ricordato anche la riforma dei requisiti per
accedere e uscire dallErp, gli alloggi
popolari. Abbiamo un tasso di rotazione
dello 0,5 per cento e 34mila famiglie con i
requisiti in attesa di ricevere un alloggio,
sottolinea. E poi la revisione della legge sui
servizi dellinfanzia 0-6 anni: a fronte del
calo delle iscrizioni negli asili nido e delle
esigenze di flessibilit delle famiglie, si
stanno rivedendo i modelli organizzativi.
Fs

Vita della Diocesi

Gioved 21 aprile 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Colletta straordinaria per la Chiesa dellUcraina


Domenica 24 aprile, in tutte le chiese della Diocesi
Le parole di papa Francesco pronunciate domenica 3
aprile, prima della preghiera mariana del Regina Coeli:
In questo giorno, che come il cuore dellAnno Santo della Misericordia, il mio pensiero va a tutte le popolazioni che pi hanno
sete di riconciliazione e di pace. Penso, in particolare, al dramma
di chi patisce le conseguenze della violenza in Ucraina: di quanti
rimangono nelle terre sconvolte dalle ostilit che hanno causato
gi varie migliaia di morti, e di quanti pi di un milione sono
stati spinti a lasciarle dalla grave situazione che perdura. Ad essere coinvolti sono soprattutto anziani e bambini. Oltre ad accompagnarli con il mio costante pensiero e con la mia preghiera,
ho deciso di promuovere un sostegno umanitario in loro favore. A
tale scopo, avr luogo una speciale colletta in tutte le chiese cattoliche dEuropa domenica 24 aprile prossimo. Invito i fedeli ad
unirsi a questa iniziativa del Papa con un generoso contributo.
Questo gesto di carit, oltre ad alleviare le sofferenze materiali,
vuole esprimere la vicinanza e la solidariet mia personale e
dellintera Chiesa allUcraina. Auspico vivamente che esso possa
aiutare a promuovere senza ulteriori indugi la pace e il rispetto
del diritto in quella terra tanto provata.
Anche la nostra Diocesi accoglie linvito del Papa e aderisce al
suo progetto di umana e cristiana solidariet, in comunione
con la Chiesa italiana. Domenica 24 aprile, in tutte le chiese
della Diocesi si terr una Colletta straordinaria, il cui frutto sar
da versare presso gli uffici della Curia vescovile in tempi rapidi,
per poter far arrivare a destinazione laiuto.

Festa del lavoro ai Magazzini Generali di Cesena


Sabato 30 aprile alle 16 la Messa presieduta dal vescovo
Eucaristia e lavoro. Crescere nella carit il titolo della
Festa diocesana per il lavoro che sar celebrata sabato 30
aprile alle 16 presso la Mwm Montalti Worldwide Moving di
Cesena (gli storici Magazzini Generali), in via Cavalcavia
157. La Messa sar presieduta dal vescovo Douglas. A seguire, Adorazione eucaristica e conclusioni con un buffet. Il
tradizionale appuntamento con la Festa del lavoro promosso dalla Commissione Gaudiut et Spes per i problemi
sociali, il lavoro, la giustizia, la pace, la salvaguardia del
Creato.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Lamore per Dio e quello per il prossimo sono inseparabili
Domenica 24 aprile (Anno C)
V Domenica di Pasqua
At 14.21b-27; Sal 144; Ap 21,1-5a;
Gv 13,31-33a.34-35

l Vangelo della quinta domenica di Pasqua ci


offre una parte del testamento che Ges
consegna ai suoi discepoli riuniti nel cenacolo
per lultima cena. Siamo alla vigilia della Passione
e il brano evangelico ci ricorda che la
glorificazione del Figlio dell'uomo inizia proprio
nel momento in cui Giuda esce dal cenacolo, non
dopo la Risurrezione. La gloria che Ges manifesta
la quella dell'amore. Durante la sua Passione il
Signore ha amato il Padre e ha compiuto la sua
volont fino in fondo, ha amato l'umanit dando
la sua vita per ciascuno di noi. Nel saluto ai suoi
discepoli Ges d ad essi un comandamento
nuovo: Che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho
amato voi, cos amatevi gli uni gli altri. Se ci
amiamo gli uni gli altri, il Cristo continua ad essere
presente in mezzo a noi e ad essere glorificato nel
mondo. Il Signore parla di un comandamento
nuovo. Nuovo perch, anche se presente come
comando dellamore fin dallAntico Testamento,
ora, Ges vi ha apportato unaggiunta molto
importante: il nostro amore preceduto dal suo
amore e si riferisce a questo, si inserisce in questo
amore, si realizza proprio per questo amore. La
misura dell'amore lui: Come io ho amato voi.
Egli ha amato sempre, tutti, con tutto se stesso,
sino a dare la vita. Solo praticato cos, il suo
comandamento nuovo. Sempre in occasione
dell'ultima cena il Signore, con la lavanda dei
piedi, ha voluto anche dare l'esempio su come

mettere in pratica il comandamento


nuovo: facendosi servo. Il servizio la via
concreta per vivere la fede in Lui e dare
testimonianza del suo amore. Papa
Francesco nellUdienza dello scorso 12
marzo, centrata su Misericordia e Servizio,
ha affermato: Lamore non sono parole,
sono opere e servizio. Amare significa
mettere a disposizione i doni ricevuti dallo
Spirito Santo per il bene della comunit ma
anche condividere i beni materiali, perch
nessuno sia nel bisogno, pregare gli uni
per gli altri per saperci perdonare di cuore.
La vera novit portata da Ges consiste
proprio nel mettere insieme i due
comandamenti: lamore per Dio e lamore
per il prossimo, rivelando che essi sono
inseparabili e complementari, sono due
facce di una stessa medaglia. Sempre papa
Francesco in occasione dellAngelus del 26
ottobre 2014 aveva affermato che il
comandamento dellamore a Dio e al
prossimo il primo non perch sta in cima
allelenco dei comandamenti, ma, citando
Benedetto XVI, perch sta al centro,
perch il cuore da cui tutto deve partire e
a cui tutto deve ritornare e fare
riferimento. Siccome tutta la vita cristiana
un rispondere allamore di Dio, il Signore
in questo compito non ha voluto lasciarci
soli, ma ci offre il suo aiuto attraverso la
sua Parola, i sacramenti, lesempio suo e
dei tanti che hanno saputo imitarlo (Santi,
Martiri, ecc.).
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned 25 aprile
san Marco
1Pt 5,5b-14; Sal 88;
Mc 16,15-20
marted 26
santi Anacleto
e Marcellino
At 14,19-28; Sal
144; Gv 14,27-31a
mercoled 27
santa Zita
At 15,1-6; Sal 121;
Gv 15,1-8
gioved 28
santa Gianna
B. Molla
At 15,7-21; Sal 95;
Gv 15,9-11
venerd 29
santa Caterina
da Siena
1Gv 1,5-2,2; Sal 102;
Mt 11,25-30
sabato 30
san Pio V
At 16,1-10; Sal 99;
Gv 15,18-21

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della
Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
SantEgidio, San Bartolo
20.00 San Giovanni Bono,
San Pio X, Ponte Pietra,
Torre del Moro, Gattolino,
Tipano
20.30 Villachiaviche

Sabato
e vigilie
15.00 Cappella cimitero Cesena,
Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Cappella
ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano,
San Paolo, Osservanza,
Madonna delle Rose,
Villachiaviche, San Rocco,
Case Finali, Diegaro,
Torre del Moro, Borello,
San Mauro in Valle,
San Giorgio, San Vittore
18.30 Convento Cappuccini,
San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.30 Bulgarn
20.00 Bulgaria, Tipano
Ruffio, Pioppa,
Pievesestina,

Ponte Pietra,
Gattolino, Ronta
20.30 San Pio X, Calisese,
San Giovanni Bono

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
8.45 San Martino in Fiume
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria,
San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
SantEgidio,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,
Osservanza,

11.10
11.15
11.30

12.30
15.00
17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

San Domenico, Santo


Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio, San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in
Valle, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Rocco,
Istituto Lugaresi,
San Pietro, San Pio X,
Case Finali, Santa Maria
della Speranza
Torre del Moro (in inglese,
comunit nigeriani)
Cappella del cimitero
Cappella dellospedale
Bufalini
Cattedrale, Osservanza,
San Domenico
San Pietro, Cappuccini
Villachiaviche
San Bartolo

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)

Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina;
16,30 San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti,
Boschetto;
20 Sala;
20,30 San Giacomo
Festivi:8 San Giacomo, Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
8,30 Sala; 9 Cappuccini;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,15 Cannucceto;
10 Villalta, Villamarina;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
17,30 Cappuccini;
18 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10 / 11,15 / 18.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11 / 18
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso

Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10

Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).

Montiano
ore 20 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 19 (sabato), 10,30

Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16; Alfero: 17
(sab.); 11,15; Pereto: 10;
Riofreddo: 10;
Corneto: 11

Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 15 del 14 aprile 2016: 8.136 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di marted 19 aprile 2016

Vita della Diocesi

Gioved 21 aprile 2016

La Chiesa rende al mondo,


insieme con lannuncio
del Vangelo, il servizio
fondamentale della
celebrazione dellEucaristia,
sacramento
della Pasqua del Signore

In breve
Amici di Angelina, incontro
a Sala di Cesenatico
Domenica 24 aprile alle 15, nella casa della
Serva di Dio Angelina Pirini a Sala di Cesenatico
(adiacente alla chiesa parrocchiale), si terr un
incontro promosso dallassociazione Amici di
Angelina e dalla parrocchia di Sala. Le riessioni
su Anziani a scuola di santit da Angelina
saranno guidate da Giannina Sotgiu.

Congresso
eucaristico.
Un evento
per la Chiesa
locale
a Chiesa di Cesena-Sarsina si
appresta a celebrare, dal 22 al 29
maggio 2016, il Congresso
Eucaristico diocesano: un evento
particolarmente importante, che si
realizza non di frequente e che necessita
di essere riscoperto, rinverdito e
motivato (a pagina 24 il programma
completo).
Che cosa un Congresso Eucaristico?
Secondo il Rituale Romano (Rito della
comunione fuori della Messa e culto
eucaristico, 1973, n. 109) esso deve
considerarsi come una stazione a cui
una Chiesa locale invita le altre e mira a
incrementare la comprensione e la
partecipazione al Mistero eucaristico in
tutti i suoi aspetti: dalla celebrazione al
culto fuori della Messa, fino alla
irradiazione nella vita personale e
sociale. Tali Congressi, introdotti nella
vita della Chiesa quale manifestazione
tutta particolare del culto eucaristico, si
devono considerare come una sosta
dimpegno e di preghiera per
approfondire insieme un qualche
aspetto del mistero eucaristico e prestare
ad esso un omaggio di pubblica
venerazione, nel vincolo della carit e
dellunit (ivi, n. 105). dunque un
convenire di persone, un fatto di popolo,
di comunione, per confrontarsi con il
mistero eucaristico che, per i cristiani,
il mistero centrale della propria fede.
Una grande occasione, un grande
avvenimento che ci convoca e ci mette

davanti al sacramento
dellEucarestia.
La storia dei Congressi,
lunga ormai 135 anni (il
primo si svolse in Francia
a Lille nel 1881, per far
sempre meglio conoscere,
amare e servire Nostro Signore Ges
Cristo nel suo Mistero Eucaristico), li
documenta in forme e ambiti vari:
internazionale, nazionale, diocesano,
interdiocesano e parrocchiale. I numeri
sono molto eloquenti: 51 Congressi
internazionali (lultimo celebrato
questanno a Cebu nelle Filippine, il
prossimo sar a Budapest in Ungheria
nel 2020), 254 nazionali (90 in Europa, 25
in Italia). Fu proprio lItalia la prima
nazione del mondo a celebrare un
Congresso Eucaristico nazionale, a
Napoli, nel 1891: lultimo ad Ancona nel
2011; il prossimo (LEucaristia sorgente
della missione) si svolger a Genova il 1518 settembre 2016.
Sono tre gli scopi principali: a)
promuovere la consapevolezza del ruolo
centrale dellEucarestia nella vita e nella
missione della Chiesa Cattolica; b)
aiutare a migliorare la nostra
comprensione e celebrazione della
liturgia; c) mettere in evidenza la
dimensione sociale dellEucarestia. In tal
senso il Magistero della Chiesa ha
fornito puntuali indicazioni, specie a
partire dal postconcilio: da Paolo VI nel
1965 con il decreto conciliare
Presbyterorum Ordinis. Tutti i
sacramenti, come pure tutti i ministeri
ecclesiastici e le opere dapostolato, sono
strettamente uniti alla sacra eucaristia e
ad essa sono ordinati. Infatti, nella
santissima eucaristia racchiuso tutto il
bene spirituale della Chiesa, cio lo

Madonna del Buon Consiglio


Domenica 24 aprile nella chiesa del convento
dei Cappuccini, a Cesena, si festeggia la
Madonna del Buon Consiglio. Alle 10 Messa;
alle 17,45 Rosario e alle 18,30 Messa solenne
presieduta dal vescovo Douglas, con
benedizione della citt dal piazzale.

Dal 2 maggio in Seminario


Tutti al Centro
Corso per animatori
stesso Cristo, nostra pasqua, lui il pane
vivo che, mediante la sua carne vivificata
dallo Spirito Santo e vivificante d vita
agli uomini i quali sono in tal modo
invitati e indotti a offrire assieme a lui se
stessi, il proprio lavoro e tutte le cose
create. Per questo leucaristia si presenta
come fonte e culmine di tutta
levangelizzazione, cosicch i
catecumeni sono introdotti a poco a
poco a parteciparvi, e i fedeli, gi segnati
dal sacro battesimo e dalla
confermazione, ricevendo leucaristia
trovano il loro pieno inserimento nel
corpo di Cristo (n. 5); a san Giovanni
Paolo II nel 2003 con lenciclica Ecclesia
de Eucaristia; a Benedetto XVI con i suoi
profondi richiami al rapporto tra Liturgia
e bellezza del mistero celebrato. La
bellezza della liturgia parte di questo
Mistero; essa espressione altissima
della gloria di Dio e costituisce, in un
certo senso, un affacciarsi del Cielo sulla
terra La bellezza, pertanto, non un
fattore decorativo dellazione liturgica;
ne piuttosto elemento costitutivo, in
quanto attributo di Dio stesso e della
sua Rivelazione (Esortazione apostolica
Sacramentum caritatis, 2007, n. 35).
Ancora oggi - come afferma monsignor
Piero Marini, presidente del Pontificio
Comitato per i Congressi Eucaristici
Internazionali, fra i protagonisti della
nostra settimana eucaristica - tali eventi
continuano a ricordare che il servizio
fondamentale che la Chiesa rende al
mondo, insieme con lannuncio del
Vangelo, la celebrazione
dellEucaristia, sacramento della Pasqua
del Signore che lega i credenti in
comunione mirabile con Cristo
allinterno di una comunit fraterna.
Marino Mengozzi

utti al centro 2016. Ritornano gli


Tperappuntamenti
per il corso di formazione
animatori e coordinatori di centri estivi e
di campi scuola.
Lappuntamento per i luned 2, 9, 16 e 23
di maggio alle 20,30 in Seminario. Il primo
luned sar caratterizzato da un momento di
presentazione a cui seguir uno spettacolo
interattivo. Nelle altre tre serate si lavorer a
gruppi. Ci saranno quelli per coordinatori ed
educatori e quattro gruppi per gli animatori.
Il corso, promosso dalla Pastorale giovanile
in collaborazione con Testa e Croce, si
avvarr delle competenze dei professionisti
di Creativ formazione.
possibile iscriversi individualmente
compilando il modulo on line, disponibile sul
sito www.pg-x.org.
I coordinatori potranno iscrivere un gruppo
in maniera collettiva rivolgendosi al 328
1891770, oppure scrivendo a
corsotuttialcentro.gmail.com.

Gandolfini a Longiano
Il video sul sito del Corriere
on line sul sito del Corriere Cesenate il video
dellintervento che il neurochirurgo Massimo
Gandolni ha fatto lo scorso 8 aprile sui temi del
Fine vita presso il convento dei frati francescani
di Longiano "Linee sottili di conne" il titolo
dellincontro, incentrato su vari temi di bioetica
legati al termine dellesistenza. Fra questi,
Gandolni si soffermato sul cosiddetto "stato
vegetativo", grave forma di disabilit che
riguarda circa 3.500 persone in Italia.
Collegandosi al sito del Corriere Cesenate nella
sezione sussidi e documenti
(http://www.corrierecesenate.com/documenti/
documenti-2016/) possibile accedere al video
dellintervento di Gandolni.

Liniziativa di sei giovani dellUnit pastorale Mercatese per contribuire alle spese del viaggio a Cracovia, nel prossimo luglio con duecento giovani della Diocesi

Le torte che profumano di Gmg


U
na dolce iniziativa per autofinanziarsi il viaggio alla prossima
Giornata Mondiale della Giovent a Cracovia (26-31 luglio).
Arriva dai giovani dellUnit Pastorale mercatese, gi iscritti
allevento. Sono in sei e domenica scorsa, dopo la Messa delle 11,30,
nello spazio antistante alla pieve di San Damiano, hanno allestito un
banchetto di vendita torte e altre leccornie per contribuire alle spese
del viaggio in Polonia al seguito di papa Francesco e che li vedr
protagonisti insieme ad altri duecento giovani della diocesi CesenaSarsina. La stessa proposta stata realizzata qualche domenica fa dai
giovani della parrocchia di Bulgarn.
Ottimo il successo riscontrato dalla variet di dolci confezionati dai
ragazzi, dalle loro famiglie e dai tanti amici e simpatizzanti: torte al
cioccolato, biscotti, cupcakes, torta mantovana, torta sbriciolata alla
nutella, brownies sono andati letteralmente a ruba e finiti sulle tavole
dei mercatesi a conclusione del pranzo domenicale. Un bellimpulso ad
una Gmg che si prospetta piena di energia e gioia. "Ho sempre
desiderato partecipare alla Giornata Mondiale della Giovent - svela
Alessandra, 20 anni, studentessa di lingue ad Urbino - ma gli anni
passati ero troppo piccola. Questanno non ho voluto lasciarmi sfuggire
loccasione. Ho tante aspettative verso questesperienza dalla quale

torner sicuramente
arricchita. Non vedo
lora di partire". Oltre
ad Alessandra dal
territorio mercatese
partiranno Elisa,
Carolina, Filippo,
Dylan e Lorenzo che
parteciperanno anche
alle giornate nelle

diocesi dal 20 al 25 luglio prossimi.


Intanto continuano gli incontri in
preparazione a Cracovia. Sabato 30 aprile
(alle 9 in Seminario a Cesena) si
incontreranno tutti i capigruppo delle
Diocesi della Romagna per definire aspetti
tecnici e logistici del viaggio. Sar presente
anche don Michele Falabretti, responsabile
del Servizio nazionale di Pastorale
Giovanile.
Michela Mosconi

DIOCESI DI CESENA-SARSINA
Commissione Gaudium et Spes
per i problemi sociali, il lavoro, la giustizia, la pace, la salvaguardia del Creato

Eucaristia e lavoro
Crescere
nella carit
Festa diocesana
per il lavoro
Sabato 30 aprile 2016 alle 16
Celebrazione eucaristica e Adorazione
presieduta dal vescovo monsignor Douglas Regattieri
presso MWM Montalti Worldwide Moving
(storici Magazzini Generali di Cesena) via Cavalcavia, 157 - 47521 Cesena - Italy
Seguir un momento di convivialit

Vita della Chiesa

Gioved 21 aprile 2016

Convegno nazionale

La giornata di Francesco a
Lesbo con Bartolomeo I e
Ieronymos II. Il messaggio ai
rifugiati delMria refugee
camp:Non siete soli. E
ancora:Non perdete la
speranza. Il gesto delle corone
di fiori in mare. La decisione di
accompagnare a Roma con
laereo papale tre famiglie di
rifugiati dalla Siria, 12 persone
in tutto, di cui 6 minori

Caritas diocesane
Monsignor Galantino:
Accogliere i profughi
atto di restituzione

esbo
L
i
d
a
c
e
r
g
sola
i

l
l
e
n
a
p
a
P
Il

PAPA FRANCESCO, BARTOLOMEO I


E IERONYMOS II
AL MRIA REFUGE CAMP (LESBO, 16 APRILE )
(FOTO AFP/SIR)

Un viaggio diverso.
Ai profughi:Non perdete la speranza
D

estaci dal sonno


dellindifferenza, apri i nostri
occhi alle loro sofferenze, e
liberaci dallinsensibilit, frutto del
benessere mondano.
Duemilacinquecento persone chiuse nel
centro di Moria, rifugiati, richiedenti
asilo. Molti i bambini, i ragazzi.
Papa Francesco entra nel campo con il
patriarca ecumenico Bartolomeo, con
larcivescovo di Atene Ieronymos. I
profughi non sono numeri, ma volti,
persone, storie; uomini e donne con le
loro sofferenze, con le ferite dovute a
guerre, violenze, privazioni, umiliazioni.
Un viaggio diverso dagli altri, dice il
Papa ai giornalisti sullaereo; viaggio
segnato dalla tristezza. Andiamo a
vedere tanta gente che soffre e non sa
dove andare. questo lo stato danimo
con il quale ha affrontato la visita
Francesco.
Siamo tutti migranti, ricorda Francesco,
che percorre lentamente gli spazi del
centro, per stringere pi mani possibile,
per accarezzare volti segnati dalle rughe
e dalla sofferenza, volti di bambini, di
ragazzi.
Una donna piange in ginocchio e chiede
al Papa di aiutarla. Un uomo con voce
rotta dal pianto chiede una benedizione.
Non sembra voler smettere di piangere,
di chiedere. Poi un bambino che gli
consegna un disegno; ne arrivano altri.
Li porter con me, dice Francesco: Lo
terr sulla mia scrivania.
Stringe mani Francesco, gesti di

tenerezza, di condivisione: Siamo


venuti per richiamare lattenzione del
mondo su questa grave crisi umanitaria
e per implorarne la soluzione.
E ancora: Speriamo che il mondo si
faccia attento a queste situazioni di
bisogno tragico e veramente disperato, e
risponda in modo degno della nostra
comune umanit.
Larcivescovo di Atene Ieronymos
denuncia le politiche che hanno
portato queste persone a trovarsi in
questa situazione senza uscita. E parla
di bancarotta dellumanit e della
solidariet che lEuropa ha dimostrato in
questi ultimi anni a queste persone e
non soltanto a loro.
Persone, non numeri. Cos il patriarca
ecumenico Bartolomeo dice: Abbiamo
viaggiato fin qui per guardare nei vostri
occhi, sentire le vostre voci e tenere le
vostre mani. Abbiamo viaggiato fin qui
per dirvi che siamo solidali. Abbiamo
viaggiato fin qui perch il mondo non vi
ha dimenticato.
Non perdete la speranza, dice loro
papa Francesco.
E i suoi passi nel campo di Moria sono
passi lenti, sofferti; passi che parlano di
vicinanza, solidariet - una parola che fa
paura al mondo moderno, aveva detto al
Centro Astalli, che accoglie a Roma
profughi e richiedenti asilo - che
invitano a un impegno concreto verso
questi fratelli. In tanti hanno
attraversato il mare per raggiungere
lEuropa, patria dei diritti.

Ma per molti lEuropa resta un sogno. Lo


gridano a papa Francesco. Gli chiedono
di aiutarli a raggiungere i loro parenti, in
Germania e in altre nazioni. Di qui
lappello contenuto nella Dichiarazione
congiunta firmata dai tre leader religiosi:
Vogliamo contribuire perch venga
concessa una accoglienza umana e
dignitosa a queste parsone.
Appello allEuropa perch quella dei
migranti una crisi mondiale, la pi
grave dalla fine del secondo conflitto che
ha insanguinato il Vecchio Continente.
facile, dice ancora Francesco, lo
sappiamo per esperienza facile per
alcune persone ignorare le sofferenze
degli altri e persino sfruttarne la
vulnerabilit.
Ma non sono numeri, questi uomini e
donne. La loro sofferenza ci interroga. A
tal punto che Francesco, nel viaggio di
ritorno a Roma, fa salire in aereo dodici
profughi, tutti di religione islamica. Tre
famiglie, sei minori.
Prega Francesco al porto, dove lancia in
mare una corona di alloro, cos come
Bartolomeo e Ieronymos.
Lo aveva fatto a Lampedusa luglio 2013.
Lo fa qui a Lesbo, memoria per le tante
vittime sepolte in questo cimitero che
il mare Egeo. Si rivolge al Signore, il
Papa: Fa che, prendendoci cura di loro,
possiamo muovere un mondo dove
nessuno sia costretto a lasciare la
propria casa e dove tutti possano vivere
in libert e dignit.
Fabio Zavattaro

Alla Fiera di Rimini dal 22 al 25 aprile


Rinnovamento nello Spirito Santo
Convocazione nazionale dei gruppi e delle comunit

Alla Fiera di Rimini, da venerd 22 a luned 25 aprile, si terr la 39 Convocazione


nazionale dei gruppi e delle comunit del Rinnovamento nello Spirito Santo, sul
tema Ges, volto della misericordia del Padre. In programma momenti di
preghiera, relazioni, testimonianze e comunicazioni sulla vita del movimento.
La Messa di domenica 24 aprile alle 18,30 sar presieduta dallarcivescovo di
Bologna Matteo Maria Zuppi. Presieder la Messa di luned 25 aprile, a ne
mattina, larcivescovo di Napoli cardinale Sepe.

Laccoglienza ai profughi
solo un atto di
restituzione per aver
impoverito queste
persone. La visita di papa
Francesco a Lesbo e il
dolore per lennesima
tragedia nel Mediterraneo che ha causato
probabilmente 400 morti hanno dato lo spunto a
monsignor Nunzio Galantino, segretario generale
della Cei, per rispondere ad alcune polemiche e
precisare meglio quale deve essere latteggiamento
delle comunit cristiane nellinclusione sociale dei
poveri, compresa laccoglienza dei migranti. Orecchie
pi attente non poteva trovare, visto che luditorio
era composto dai 600 rappresentanti di 174 Caritas
diocesane di tutta Italia, riuniti a Sacrofano, in
provincia di Roma, no al 20 aprile per il 38esimo
convegno nazionale delle Caritas diocesane, sul tema
Misericordiosi come il Padre.
GUERRE E POVERT SPINGONO MIGRANTI A
FUGGIRE. In risposta a chi accusa il Papa di
incentivare limmigrazione con gesti come la visita a
Lesbo monsignor Galantino ha precisato: Chi fa
queste affermazioni mostra di avere una intelligenza
un po al di sotto della media. Perch chi spinge
questa povera gente a scappare sono le guerre, la
povert, come quelle che si stanno combattendo in
questo momento in Libia, in Siria, in Iraq. Per noi
inclusione sociale dei poveri signica anche imparare
con coraggio che il primo elemento che favorisce
limmigrazione non il Papa che va a Lampedusa o a
Lesbo ha puntualizzato .
Ci vuole intelligenza e capacit di capire, di
convincerci e di dire che ci che sta succedendo oggi,
con molta probabilit, anche nostra
responsabilit.
Inclusione sociale dei poveri ha precisato
signica fare cultura, imparare a leggere bene la
storia, perch la prima spinta allimmigrazione il
risultato di un certo tipo di politica. Solo con un
impegno teso a restituire al povero la dignit che gli
stata sottratta e chiamando per nome le mani che gli
hanno tolto questa dignit possiamo riuscire a
potenziare una cultura che capisca quello che
facciamo. Parlando pi in generale
dellatteggiamento della Chiesa nei confronti dei
poveri, monsignor Galantino ha ribadito ci che papa
Francesco ricorda da tempo: Una Chiesa che, nel suo
stile, nelle sue scelte e nelle sue parole, si percepisce
come un potere accanto ad altri poteri, che non usa
strategie accorte.
LA CARIT NON UN GINGILLO, MA LA TUTA DI
OGNI GIORNO. Anche perch, aveva detto poco
prima nella prolusione il cardinale Francesco
Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente di
Caritas italiana, la carit non un gingillo da
indossare ogni tanto, la tuta di ogni giorno e
compito della Caritas aiutare il povero e aiutare la
comunit a comprendere. Bisogna moltiplicare gli
sforzi ha affermato e stimolare sempre di pi la
politica. Se i modelli di sviluppo sono ancora
dominati dal mito della crescita indenita e persiste
una cultura individualistica dellognuno per s che
crea ingiustizia e lascia morire e se gli uomini di
governo e di potere non sono in grado di sottrarsi a
questo mito e a questa cultura, le comunit cristiane
non possono non sentirsi interpellate da questi fatti.
Non possibile costruire un futuro migliore senza
pensare alla crisi ambientale e alle sofferenze degli
esclusi, perch sappiamo che le cose possono
cambiare. Da qui linvito a unazione pedagogica, per
creare una cittadinanza ecologica che non si limiti
a informare, ma riesca a far maturare e a cambiare le
abitudini in unottica di responsabilit.
23 MILA PROFUGHI ACCOLTI NELLE STRUTTURE
ECCLESIALI. Lufficio immigrazione di Caritas italiana
presenter un dossier aggiornato con i numeri
dellaccoglienza nelle strutture ecclesiali in Italia: al
15 aprile 2016 sono accolti circa 23 mila profughi, di
cui 13.896 in strutture convenzionate con le
Prefetture-Cas (fondi Ministero interno), 4184 in
strutture Sprar (fondi Ministero interno), 3.477 nelle
parrocchie (fondi diocesani), 491 in famiglia o in
altre tipologia di accoglienza (fondi privati e
diocesani). Le regioni con il pi alto numero di
accoglienze sono la Lombardia, con oltre 4 mila
persone accolte, il Triveneto con oltre 2.750,
Piemonte-Val dAosta con circa 2.400 e Sicilia (pi di
2.100). La rete ecclesiale si fa carico di 1/5 dellintero
sistema di accoglienza in Italia, che attualmente
ospita oltre 80mila persone. Lo scorso anno sono
sbarcate in Italia 154mila persone, circa 24mila
dallinizio del 2016 a oggi.
Patrizia Caiffa

Attualit

Limpegno
della Chiesa
in aiuto
alle persone

SABATO 16 APRILE
UNA SCOSSA DI TERREMOTO
DINTENSIT 7,9 DELLA SCALA RICHTER
HA COLPITO LA ZONA NORDOVEST
DEL PAESE SUDAMERICANO
(FOTO AFP/SIR)

ale di ora in ora il bilancio del disastroso terremoto


che sabato scorso 16 aprile ha colpito la zona
costiera dellEcuador, nel nordovest del Paese. Si
contano, secondo lultimo rilevamento fornito nelle
prime ore di marted 19 aprile, 272 vittime, oltre 2mila feriti,
numerose migliaia di sfollati e tanti danni alle infrastrutture.
Il sisma, che ha avuto unintensit di 7,9 della scala Richter,
ha avuto come epicentro un punto a 27 chilometri a sud-est
di Muisne, a circa 170 chilometri dalla capitale Quito e a 200
dallaltra metropoli del Paese, Guayaquil. Le localit pi
colpite sono Manta, Padernales, Portoviejo, Esmaraldas,
Guayas, Manab, Los Ros, Santo Domingo e Santa Elena.
stato avvertito anche nel sud della Colombia, a Popayan e
Cali. Cessata lallerta tsunami.

Colpite zone tra le pi povere del Paese. Sollecita la risposta


della Chiesa ecuadoriana, che ha immediatamente
promosso una colletta attraverso la Caritas. Il segretario
esecutivo di Caritas Ecuador, Mauricio Lopez, ha
confermato limpegno della Caritas in coordinamento con la
pastorale sociale. Si stanno coinvolgendo le Caritas delle
diocesi colpite per rilevare i bisogni pi urgenti. A causa
delle piogge, molte strade sono inagibili ed difficile
raggiungere le zone colpite.
Pedro Snchez, di Caritas Ecuador, fa sapere che la Caritas

il Periscopio

Dalla
Caritas
Italiana
un primo
contributo
di 100mila
euro
per gli
interventi
di urgenza

sta mobilitando i suoi volontari e


organizzando la solidariet della Chiesa verso il
popolo ecuadoriano. Questo laggiornamento
della situazione, nel momento in cui lo
sentiamo (nella serata del 17 aprile): Le
province pi colpite sono quelle di Manab ed
Esmeraldas. I dati ufficiali parlano di oltre 200
vittime nel Manab, di 22 nella zona di Muisne,
2 nel Santo Domingo de los Tschilas, 2 nel
Guayas e 1 nel Pichincha. Oltre alle vittime e ai
feriti, sono moltissimi gli edifici, i ponti e le
strade lesionati. I dati ufficiali parlano di 370
edifici distrutti, 151 edifici e 26 scuole sono
state danneggiate. Il comune di Pedernales il
pi colpito. In pratica totalmente devastato ed
rimasto solo un cumulo di macerie. Anche
alcune chiese sono state colpite dal sisma.
Aggiunge Snchez: Si tratta di zone tra le pi
povere dellEcuador. La popolazione del
Manab e dellEsmeraldas vive di turismo,
commercio, pesca e piccola imprenditoria
locale. Dentro uneconomia di mera
sussistenza. La provincia di Esmeraldas e gli
altipiani andini della vicina provincia
Imbambura sono tra le regioni pi sismiche
dellEcuador. Per ridurre la vulnerabilit della
popolazione in caso di catastrofi naturali, la
Caritas aveva avviato negli ultimi anni progetti
di preparazione alle emergenze, attivit di
prevenzione e piani di evacuazione che sono
stati presentati anche nelle scuole.
Dai dintorni di Quito, nella cui diocesi presta
servizio come missionario fidei donum, don
Giuliano Vallotto, originario della diocesi di
Treviso, scrive: LEcuador era gi un Paese in
crisi a causa della caduta a picco del prezzo del
petrolio, sua principale risorsa. Ora alla crisi si
aggiunge la tragedia. Abbiamo chiamato il
vescovo di Esmeraldas per avere alcune notizie
soprattutto di Muisne. Era appena rientrato da
Muisne dove aveva celebrato la Messa della
domenica del Buon Pastore. La polizia non gli
ha permesso di entrare nellisola perch il paese
semidistrutto ed stato temporaneamente
abbandonato dai suoi abitanti. Il vescovo ci

diceva che sono state principalmente le


abitazioni dei pi poveri a risentirne.
Lappello dei vescovi. La Conferenza
episcopale dellEcuador (Cee) si rivolta
direttamente al Paese attraverso un
comunicato stampa: Di fronte al forte
movimento tellurico sentito in tutto
lEcuador, la morte di numerose persone e i
danni materiali che hanno coinvolto
numerose citt, noi vescovi dellEcuador
vogliamo far arrivare al popolo ecuadoriano
una parola di fiducia nel Signore, padrone
della natura, perch nella sua infinita
misericordia abbia compassione di quanti tra
noi sono stati colpiti dal sisma. Il nostro
pensiero va in special modo ai nostri fratelli
delle province di Manabi ed Esmeraldas, che
sembrano essere le zone pi colpite.
Invitiamo tutti a unirsi a una colletta
nazionale in favore delle persone pi colpite,
al fine di soccorrerle nelle loro necessit pi
immediate.
Un primo contributo dallItalia. Caritas
Italiana, che gi da diversi anni collabora
con Caritas Ecuador con il sostegno alle
attivit istituzionali e la realizzazione di
micro progetti di sviluppo in tutte le diocesi
del Paese, ha subito espresso tramite Caritas
Ecuador solidariet e vicinanza alle
comunit colpite. Don Francesco Soddu,
direttore di Caritas Italiana, afferma in una
nota: Mentre ci accingiamo a iniziare
insieme a tutte le Caritas diocesane il nostro
38 Convegno nazionale sul tema della
misericordia, apprendiamo di questo
violento terremoto che ha colpito lEcuador.
Sentendoci pienamente parte dellunica
famiglia umana, assicuriamo vicinanza nella
preghiera e come segno concreto mettiamo a
disposizione di Caritas Ecuador un primo
contributo di 100mila euro per gli interventi
di urgenza.
Bruno Desidera

di Zeta

Dare voce a chi non ce lha pu apparire uno slogan


Parlare di carcere mettere in pratica quanto si racconta

Il suo nome ... Boris Gentile

11

oto
m
e
r
r
e
t
a
z
n
Emerge
in Ecuador

Il bilancio di morti e feriti sale di ora in ora.


La Chiesa ecuadoriana ha immediatamente
promosso una colletta nazionale,
al fine di soccorrere le persone pi colpite
nelle loro urgenti necessit

Stato di emergenza in sei province. Il vicepresidente


ecuadoriano Jorge Glas ha disposto lo stato di emergenza in
sei province del Paese. Al momento del sisma il presidente
Rafael Correa si trovava in Vaticano, dove ha partecipato a
un convegno sulla Centesimus Annus. Nella serata di ieri
rientrato atterrando direttamente nella zona colpita dal
sisma. Dal Vaticano, via Twitter, aveva invitato tutta la
popolazione alla calma e a stare uniti come mai prima.
Il Governo ha immediatamente inviato nelle regioni colpite
10mila uomini dellesercito. La priorit scavare tra le
rovine, per cercare di salvare il maggior numero possibile di
vite umane. Poi si tratta di provvedere quanto prima alle
migliaia di senza tetto e di riattivare i collegamenti elettrici e
la viabilit, spesso interrotta (molte immagini mostrano
strade letteralmente inghiottite dal sisma e ponti crollati).
Papa Francesco al Regina Coeli di domenica 17 aprile ha
inviato a tutta la popolazione un messaggio di solidariet,
invocando laiuto di Dio e dei fratelli per la popolazione in
difficolt.

Gioved 21 aprile 2016

l nome di Boris Gentile ai pi non dir nulla. Non mi lascio sfuggire loccasione per
spendere qualche parola per lui. un 38enneromano che da qualche tempo si trova
nel carcere di Pesaro. Perch parlo di lui, qualcuno a questo punto si sar chiesto. Lo
cito perch due sabati fa era con tutti noi dei settimanali cattolici in piazza San Pietro,
a Roma, alludienza giubilare con papa Francesco in occasione dei 50 anni di vita della
Fisc, la Federazione nazionale che raggruppa 192 testate diocesane.
Al Santo Padre, nel breve volgere dei pochi attimi durante veloci ma intensi saluti,
stato spiegato che questi fogli sono giornali che danno voce alle periferie. E lo fanno da
pi di un secolo, da quando, sul finire dellOttocento, nacquero in Italia centinaia di
settimanali e decine di quotidiani. Poi gli stato anche fatto notare che nella mission
sempre molto ben presente il desiderio di dare voce a chi non ce lha. Unespressione
che a volte pu apparire come uno slogan vuoto se alle parole non corrispondono i
fatti.
Sono stati pochi i saluti a papa Francesco concessi alla Fisc. Tra questi quello riservato
a Boris Gentile e con lui Roberto Mazzoli, giornalista del Nuovo Amico delle diocesi di
Pesaro-Fano-Urbino, che lo aveva in custodia straordinaria per tutta la giornata, vista
leccezionalit dellevento. Nessuno sapeva che Boris avrebbe incontrato il Papa. Ma a
quel punto, come non far comprendere al Santo Padre la vocazione dei nostri giornali
con un esempio da toccare con mano?

ROMA, PIAZZA SAN PIETRO,


SABATO 9 APRILE.
IL SECONDO DA SINISTRA
BORIS GENTILE

I lettori sanno molto bene


che su queste colonne ogni
tanto diamo spazio al mondo
della detenzione. Abbiamo
ospitato pi volte scritti o
abbiamo raccontato di
incontri con Carmelo
Musumeci, un ergastolano
diventato per tanti il simbolo
di chi non vuole arrendersi al
carcere a vita. Incontri anche
fugaci, come quello avvenuto qualche settimana fa nei pressi del casello di Cesena nord. Pochi
minuti intrisi di amicizia, di condivisione, di gioia di rivedersi e riabbracciarsi.
Carmelo mi ha fatto avere un breve diario del suo primo permesso avuto in occasione delle festivit
pasquali. La prima volta in famiglia per la festa della Resurrezione di Cristo dopo 25 anni dietro le
sbarre. Unemozione e una fatica al tempo stesso, con i figli diventati mamme e pap e i nipoti cui
Carmelo non sempre riesce a stare dietro. Ma soprattutto la felicit per la libert, limitata a qualche
giorno, riconquistata. E la dignit da uomo libero ritrovata contro ogni speranza.
Scrive Carmelo: Non smetter mai di lottare per farcela. Non so se ci riuscir. Ora sono di nuovo
nella mia tomba, ma non sono solo. Ho portato con me i sorrisi della mia compagna, dei miei figli,
dei miei nipotini e di tutte le persone che in questi giorni ho visto e sentito al telefono. (925)

12

Gioved 21 aprile 2016

Cesena

A Madonna del Fuoco la testimonianza della famiglia siriana Daoud

a festa della famiglia nella


parrocchia di Madonna del
Fuoco a Cesena ha visto,
domenica scorsa, la presenza di
ospiti speciali. Un arricchimento per tutta
la comunit stata la testimonianza
portata da Samaan Daoud, siriano, e dalla
sua famiglia, la moglie Rim e i due figli
adolescenti, sulle difficolt di essere
cristiani in Siria oggi e sulla situazione di
quel Paese martoriato dalla guerra.
Oggi la famiglia Daoud vive in Italia,
ospite di una parrocchia romana. Sono
qui con regolare visto anche se, hanno
detto, il nostro cuore lo abbiamo lasciato
in Siria.
Samaan, 46 anni, riuscito a portare in
salvo la famiglia grazie anche agli studi
compiuti. Nel suo paese, prima della
guerra, svolgeva la professione di guida
turistica per gruppi di pellegrini,
specializzato in storia della chiesa.
Questo dopo che, negli anni 90, ha
studiato lingua italiana allUniversit per
stranieri di Perugia e ha conseguito il
diploma dal Ministero del Turismo come
guida turistica in lingua italiana. Con lo
scoppio della guerra, nel 2011, ha iniziato
ad accompagnare giornalisti inviati di
guerra, sia italiani che stranieri, nelle
varie zone del suo Paese, coltivando
amicizie e contatti.
La sua famiglia cristiana di rito greco
melchita cattolico, cantiamo in greco
antico, siamo discendenti del re di
Bisanzio, e siamo cattolici uniti al Papa di
Roma, spiega in un italiano perfetto,
sottolineando, poi, come quando si parli
di cristiani in Siria si parli di una presenza
millenaria in Medio Oriente. Non siamo

Viadallapersecuzione

diventati cristiani ieri. Siamo originari di questa terra. A Damasco San Paolo ha avuto la sua
conversione. Da l nata tutta la sua vita cristiana che dalla Siria lo ha portato in Occidente.
Anche Samaan originario di Damasco e i ricordi di cui parla, sin da ragazzo, sono quelli di
una convivenza pacifica tra cristiani delle varie confessioni e musulmani. Invece di
considerare le diversit una ricchezza del Paese, stanno cercando di metterci gli uni contro gli
altri. la storia millenaria di una convivenza fra genti di fede diverse a essere messa in
discussione. Quando lo straniero andato via, nel 1917, non ci sono mai state guerre
religiose. Oggi in Siria ci sono combattenti arrivati da 83 paesi diversi. Se ne contano 40 mila,
tremila provengono dallEuropa, sono musulmani di seconda generazione, i cosiddetti
Foreign Fighters. Allora non date ascolto a chi dice che quella siriana una guerra civile
perch la maggior parte dei capi jihadisti non sono siriani.
I cristiani sono tra i gruppi pi perseguitati. Prima abitavamo alla periferia di Damasco.
Quando in quel quartiere sono caduti quattromila colpi di mortaio e sono state fatte saltare in
aria 17 autobombe abbiamo deciso di trasferirci in un quartiere centrale della citt, a
maggioranza cristiana, sotto il controllo di Assad. Perch sotto il governo di Damasco i
cristiani possono esercitare pi liberamente la propria fede.
Ma poi anche l i cristiani sono stati presi di mira. Abbiamo resistito quattro anni e mezzo, e

SAAMAN E LA SUA FAMIGLIA (NELLA FOTO,


CON LA MOGLIE RIM E I DUE FIGLI) SONO
STATI OSPITI DA UNA FAMIGLIA DELLA PARROCCHIA ED STATO POSSIBILE REALIZZARE
QUESTO INCONTRO ANCHE GRAZIE
AL CONTRIBUTO DI ALCUNE AZIENDE
DELLA COMUNIT, IN PARTICOLARE
DEL SALUMIFICIO DEL VECCHIO, BRUNELLI
PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI, PULZONI AUTO
CONCESSIONARIE, ZOFFOLI BANANE,
BAR ESQUISITO, AZIENDA ZAVALLONI-VINI TIPICI DI ROMAGNA E FORNO BRUNELLI

pensando al pericolo soprattutto per i


nostri figli, siamo andati via e abbiamo
trovato accoglienza in Italia. Un colpo di
mortaio caduto nellingresso del suo
palazzo, un altro ha colpito un muro
dellaula della scuola del figlio. La pi
grande paura per noi era quando
mandavamo i figli a scuola.
Samaan ha visto la comunit cristiana
dimezzarsi, e chiama martiri viventi
quelli decisi a rimanere e resistere nella
fede.
Lidea di abbracciare le armi per
difendersi dal nemico non mai stata
contemplata. I cristiani in oriente sono
sempre stati portatori di pace, testimoni
di Cristo che mai ha usato armi contro
nessuno. Il cristiano non abituato a
usare la spada. Inoltre, difendersi da chi?
Da cosa? Quando lItalia era occupata dal
nazifascismo cera un nemico ben
visibile. Qui in Siria parliamo di gruppi
armati, che si fanno guerra lun con
laltro. Non c un nemico definito. Anche
le grandi potenze mondiali hanno grosse
responsabilit.
Infine un appello: Rivolgo a tutti voi un
invito a pregare per i cristiani
perseguitati. La preghiera ha una grande
forza, veramente una cosa bella e
lunica arma potente contro il male.
Michela Mosconi

Madonna del Fuoco | Famiglia in festa

Calisese| In festa per gli anniversari di nozze

La comunit parrocchiale di Madonna del Fuoco di Cesena, guidata dal parroco don Lorenzo
Arakkathara, si fatta vicina alle numerose coppie di sposi che domenica 17 aprile hanno
festeggiato particolari anniversari di nozze, in occasione della Festa della famiglia.
Dopo la celebrazione della Messa, per i festeggiati e per tutta la comunit parrocchiale la
giornata proseguita con un pranzo preparato dai volontari della parrocchia, nel salone intitolato al precedente parroco don Primo Venturi.
Durante il pranzo, la testimonianza di una famiglia di siriani (vedi articolo sopra).

La parrocchia di Calisese-Casale ha celebrato la festa della famiglia domenica 10 aprile. Nella


Messa delle 11 hanno rinnovato la promessa di amore e fedelt gli sposi che festeggiavano
particolari anniversari: 25 anni di matrimonio per Gabriele Faedi e Rossana Calesini, Maurizio
Farabegoli e Lorella Torri, Vittorio Ghirardi e Nives Faedi, Gilberto Paganelli e Gabriella Borgelli;
50 anni per Oliano Montanari ed Elide Lucchi, Roberto Rossi e Rossella Guerra, Luigi Cellarosi
e Romana Casadei, Vittorio Angeloni e Gabriella Lanzarotti, Primo Baiardi e Silvana Picciau, Amleto Ceccarelli e Alba Cellarosi; 65 anni per Pasquale Faedi e Cesarina Zanuccoli, Dino Berti
e Ada Gridella, Angelo Bocchini e Adele Valdinocci..

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

ROMA - Giubileo della Misericordia (ulmi pos):


- PELLEGRINAGGIO DIOCESANO presieduto dal vescovo Douglas Regaeri (un giorno, 25 aprile 2016) 50 euro
- PELLEGRINAGGIO con le parrocchie di Budrio e di Longiano (due giorni, 24 e 25 aprile 2016)
150 euro
- PELLEGRINAGGIO con lUNITALSI Cesena

(due giorni, 24 e 25 aprile 2016, iscrizioni presso Umberto e Giovanna, 329 6484489, 333 2995808) 150 euro

TERRASANTA - Giubileo della Misericordia (8 giorni, dal 6 al 13 oobre):


- In aereo da Bologna: Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, i Santuari del Lago di Tiberiade, Gerico, Betlemme, Gerusalemme

con il passaggio della Porta Santa nella Basilica del Getzemani sul Monte degli Ulivi. Trasferimen per Bologna, pensione
completa, ingressi, accompagnatore e guida da 1.120 euro

LOURDES: 4 giorni, dal 16 al 19 maggio 2016 - in aereo - con la parrocchia di San Domenico di Cesena
SAN GIOVANNI ROTONDO

da 540 euro

- 3 giorni, dal 2 al 4 giugno 2016 - Monte SantAngelo e Manoppello (con il gruppo di preghieraSan Pio da Pietrelcina) 190 euro

FATIMA e SANTIAGO DE COMPOSTELA


- 5 giorni, dal 18 al 22 giugno 2016 - Voli e pullman da Rimini: Oporto, Sanago, Coimbra, Fama. Pensione completa da 730 euro

Cesena

METODO BILLINGS
La via naturale dellamore
Al Consultorio Don Adolfo Giorgini di Cesena al via un
nuovo percorso per la regolazione naturale della fertilit
l via un nuovo perCorso sul metodo Billings per la
regolazione naturale della fertilit.
Presso il Consultorio Don Adolfo Giorgini di Cesena
prosegue lesperienza ormai pluridecennale di proposta del
metodo Billings. Il ciclo di incontri rivolto a coppie di
fidanzati e sposi avr inizio il 6 maggio alle 20,45 con
lappuntamento dedicato al tema I metodi naturali di
regolazione della fertilit: significati e ragioni di una scelta. Il
13 maggio alle 20,45 sar la volta de I tempi della fertilit.
Fondamenti scientifici del metodo Billings. Dati di
affidabilit e di efficacia. Infine il 20 maggio (alle 20,45) la
serata sar loccasione per assistere al racconto di esperienze

Gioved 21 aprile 2016

di regolazione naturale della fertilit come


cammino di crescita verso un amore
fecondo.
La proposta chiara dei metodi naturali spiegano le insegnanti del Centro di
regolazione naturale della fertilit - come
unica via capace di permettere, presidiare e
promuovere lamore di coppia come
donazione e accoglienza totali luno
dellaltra parte integrante della possibilit
di fare esperienza di tale verit: di verificare,
nella carne degli sposi, quello che avvenuto
nella celebrazione del matrimonio.
bene puntualizzare - proseguono - che i
metodi naturali non sono un dono per i
credenti, e anche se forse solo la Chiesa ha
investito molto in questa direzione e
promosso e sollecitato la ricerca scientifica
sui metodi naturali, senzaltro vero che essi
non sono un prodotto della Chiesa, n una
sua invenzione. I metodi naturali poggiano
sulla struttura stessa dellessere umano, sulla
sua differenza di maschile e femminile e
sulla dinamica naturalmente inscritta
nellunica verit della sessualit coniugale
possibile, quella tra uomo e donna, in ogni

QUATTRO LUNED AL CINEMA. la proposta delCorriere Cesenate, dellUfficio per la pastorale della famiglia
e delle Comunicazioni sociali. Primo appuntamento luned 2 maggio alle 20,30 conCome saltano i pesci
FOTO ARCHIVIO SIR

Famiglie al cinemaEliseo
per un posto in prima fila
Q

uattro luned al cinema, con film


di assoluto valore. liniziativa
promossa dallUfficio diocesano
per la pastorale della famiglia, da quello
per la Comunicazioni sociali e dal nostro
giornale, in collaborazione con il cinema
Eliseo di Cesena. Unidea che nasce dal
desiderio di offrire unoccasione per
riflettere sulla famiglia, gustandosi
quello che di buono il cinema italiano
ed estero sa proporre.
Di seguito, il programma della rassegna

Luned al cinema Eliseo. Si inizia il 2


maggio, alle 20,30, con Come saltano i
pesci, un film di Alessandro Valori,
appena uscito nelle sale
cinematografiche. Una dolce parabola
sul peccato e la redenzione, che entra
di diritto nel dibattito contemporaneo
sul ruolo dei genitori. Il 9 maggio si
prosegue con Il condominio dei cuori
infranti, una commedia drammatica
di 100 minuti diretta da Samuel
Benchetrit, con le bravissime interpreti

Isabelle Huppert e Valeria Bruni


Tedeschi. Parabola umanista, narrata
con irreale leggerezza, Il condominio
dei cuori infranti trasforma in poesia
la banalit del quotidiano,
sospendendo i suoi protagonisti tra
prigione del reale e sogno di fuga. I
protagonisti escono dallanonimato
attraverso lamore perch lo slancio
verso laltro a dare senso alla vita. Il 16
maggio verr proiettato
Fuocoammare di Gianfranco Rosi. Si
tratta di un documentario. Il regista
inquadra vita e morte senza alcun
compiacimento estetizzante, ma con la
consapevolezza che nessuno unisola
e nessuna isola, oggi, come
Lampedusa. Il film risultato vincitore
dellOrso doro al festival di Berlino di
questanno. Lultimo luned al cinema
sar il 23 maggio con Malala. Film
statunitense di Davis Guggenheim in
cui viene presentato il ritratto intimo e
personale del Premio Nobel per la pace
Malala Yousafzai, divenuta un obiettivo
dei talebani per la sua battaglia a favore
dellistruzione femminile. Ingresso a 5
euro per tutti. Due euro di sconto
dietro presentazione del coupon
Corriere Cesenate (da ritagliare in
pagina). Ingresso gratuito per i figli
minorenni accompagnati dai genitori.
Ogni visione sar preceduta da una
breve presentazione da parte del nostro
esperto di cinema, don Filippo
Cappelli.

Coupon valido
per max 2 ingressi
alla rassegna

Luned al cinema Eliseo


al prezzo di 3 euro a persona
luned 2 maggio alle 20,30
Come saltano i pesci
(un film di Alessandro Valori)

13

suo atto. Chi pensa che il metodo naturale


sia lennesima imposizione dallalto,
moralistica della Chiesa cattolica dimostra di
non aver compreso affatto cosa siano i
metodi naturali. La Chiesa da sempre ha
voluto occuparsi della sessualit degli sposi
e, quindi, delluomo: non per una forma di
espressione di potere e di controllo sociale,
non per una pruriginosa ossessione per il
sesso, ma perch in tale dimensione intima
si gioca una grossa parte della felicit degli
uomini e delle coppie, perch in tale
dimensione possibile fare lesperienza
della grandezza dellamore coniugale, fonte
di ogni amore umano.
Gli incontri si svolgeranno presso il Centro di
regolazione naturale della fertilit presso il
Consultorio per la Famiglia D. Giorgini (via
Canonico Lugaresi, 202).
Per iscrizioni e informazioni, tel. 0547
333300 il marted e venerd dalle 10 alle 12 e
il mercoled dalle 16,30 alle 17,30. Oppure
rivolgersi a Chiara 329 1348583 (dalle 12 alle
14), Cinzia 348 9042688 (dalle 20 alle 21) e
Manuela 320 8928559 (dalle 14 alle 17 ).
Barbara Baronio

Il s dellAusl
Medici formati
per la guardia medica
pediatrica
Alla ne le
mamme
hanno avuto
la meglio:
grazie al loro
impegno
lAusl della
Romagna sta
approntando il servizio di Continuit
assistenziale (ex Guardia medica)
pediatrica. Lo scorso marted le promotrici
della richiesta, sostenuta da ben 12mile
rme a livello romagnolo e dal voto
allunanimit in Assembla legislativa
regionale della risoluzione presentata dal
Pd, hanno incontrato il direttore sanitario
Giorgio Guerra che ha illustrato loro la
bozza del progetto.
Il servizio non sar svolto dai pediatri (in
quanto il loro numero non sufficiente),
ma da medici formati. Il percorso
formativo del personale addetto al servizio
di Continuit assistenziale sar studiato ad
hoc e comprender laffiancamento nel
reparto di pediatria, con al termine un
esame nale per valutare lidoneit a
esercitare per utenza pediatrica. Al
momento si stanno vagliando le
disponibilit dei medici e non ci sono
tempi certi sulla partenza del servizio,
spiega Giuditta Barbieri, una delle mamme
che ha promosso liniziativa nel Cesenate e
che era presente allincontro coni vertici
dellAusl Romagna.
Francesca Siroli

14

Cesena

Gioved 21 aprile 2016

La 5 edizione della manifestazione sportivo-solidale si correr domenica 18 settembre


Tra conferme e novit, unir Mercato Saraceno al parco Levante di Cesenatico

Maratona Alzheimer
di corsa per solidariet
S

carpette ai piedi, gambe allenate e,


soprattutto, desiderio di correre - e
camminare - con spirito di
condivisione.
La quinta edizione della manifestazione
dei valori, come lha chiamata il sindaco
di Cesena Paolo Lucchi alla
presentazione, nei giorni scorsi, nella sala
del Consiglio comunale (nella foto), si
svolger domenica 18 settembre.

Tra conferme e novit, ci saranno le gare


competitive sui percorsi di Mercato
Saraceno-Cesenatico di 42 chilometri
(con partenza dalla Pieve dei Santi Cosma
e Damiano e con la prima parte del
percorso tra i vigneti delle aziende
vinicole che ne caratterizzano il
panorama) e i 30 chilometri con partenza
da Borello. E anzich la competitiva sui 16
chilometri Cesena-Cesenatico, un

percorso ad anello di otto


chilometri Walking in
Cesenatico. Per tutti, arrivi e
festa nel parco di Levante, a
Cesenatico.
Ledizione 2015 ha visto la
partecipazione di mille
runner impegnati sulle
diverse lunghezze, e ben
3mila camminatori. Circa
400 i volontari che in varie
forme e modi hanno
prestato attenzione e
impegno affinch tutta la
macchina organizzativa
funzionasse in sicurezza e al
meglio. Quanto raccolto
dalle iscrizioni, donazioni e
sponsorizzazioni - circa
50mila euro - stato destinato in parte ai
progetti di Amici di Casa Insieme associazione con sede a Mercato
Saraceno - nellambito della prevenzione
e assistenza, e in parte nellacquisto di un
termociclatore, macchinario scientifico
che permette di analizzare i processichiave della malattia Alzheimer. Obiettivo
2016 quello di potenziare la
collaborazione con il Centro di ricerca
Iret di Ozzano dellEmilia finanziando
una borsa di studio.
La Maratona Alzheimer tra gli
appuntamenti della Settimana del Buon
Vivere che dal 24 settembre al 2 ottobre
proporr incontri e manifestazioni sul
tema Unidea di futuro.
Sabrina Lucchi

Sacro Cuore informa

Concerto di musica irlandese al Verdi


A taste of Ireland ecco il concerto musicale del
gruppo Road to Kilkenny che sabato 23 aprile
alle 21 presso il Teatro Verdi proporr una serata
di musica irlandese. Il ricavato andr a sostegno
della sistemazione del Giardino della scuola della
Sacra Famiglia (previsto per linizio del prossimo
anno scolastico), che verr intitolato a don Ezio
Casadei. I biglietti sono in prevendita presso la
segreteria della scuola della Fondazione del
Sacro Cuore in via don Minzoni (tel. 0547 21966).
Il costo del biglietto di 15 euro per gli adulti, 10
euro per i ragazzi no ai 18 anni.

Festa di Primavera e della psicomotricit


Alunni , insegnanti e famiglie della Fondazione
del Sacro Cuore si ritroveranno insieme il
pomeriggio del 25 aprile nel cortile del Seminario
a partire dalle 16 per una grande festa di
Primavera. In programma gare sportive,
animazione e giochi per bambini condotti da
Roberto Fabbri, percorsi di psicomotricit per i
bambini e i genitori dellInfanzia e nale del
torneo di Dodgeball. Saranno in vendita le torte
fatte da un gruppo di mamme e le tigelle di
Daim.
Bab

20ANNIVERSARIO
22
aprile
1996

22
aprile
2016

Gambe e cuore, i runner solidali alla Maratona di Roma

uestanno la Maratona Alzheimer partita simbolicamente da Roma, con la


Q
sua presentazione ufficiale, venerd 8 aprile, dal palco conferenze del
Marathon Village allestito nella capitale. Sempre al villaggio, dal gioved al
sabato, stato presidiato uno stand promozionale di Maratona Alzheimer, per
invitare in Romagna i 18mila runner presenti, magari col proposito di godersi
una vacanza al mare in occasione della manifestazione. Levento pi

importante consistito nella partecipazione alla Maratona di Roma di


Lorenzo, Riccardo, Alex, Gianni, Luca, Teresa, Monica, Manrico, Davide,
Alessandro, Stefano, Maria Chiara, Norberto ed Emiliano (nella foto
con il presidente di Amici di Casa Insieme Stefano Montalti): i runner
solidali Maratona Alzheimer hanno corso il 10 aprile coi colori della
gara promossa da Amici di Casa Insieme, mettendoci gambe, cuore,
passione... e non solo! Si sono impegnati, attraverso Rete del Dono, per
raccogliere una quota del Fondo Alzheimer 360 destinato
allassistenza, alla prevenzione e alla ricerca sulla malattia.
Dopo lesperienza di Roma, ora lobiettivo creare un gruppo
permanente di runner che affrontino in maniera solidale le loro sde
future, rendendo continuativo il connubio sda sportiva-sda a donare.
Lappuntamento per il 18 settembre con la Maratona Alzheimer,
questanno per le distanze 42, 30, 10 chilometri competitive e 16 km
non competitiva. Iscrizioni su www.maratonaalzheimer.it

don FRANCESCO CACCIAGUERRA


Nel ventesimo anniversario della salita al Cielo,
i nipoti Francesco ed Elisabetta e la cognata
lo ricordano a quanti lo hanno conosciuto
e gli hanno voluto bene.
Una Messa in suffragio
sar celebrata domenica 24 aprile alle 11
nella chiesa parrocchiale
di San Carlo di Cesena

Cesenatico

Gioved 21 aprile 2016

Dal 22 al 25 aprile, a Cesenatico, la 16esima edizione della kermesse gastronomica

Un fine settimana
Azzurro come il pesce
T

orna a Cesenatico la rassegna


gastronomica Azzurro come il
pesce. La sedicesima edizione della
kermesse, organizzata dal Comune in
collaborazione con le associazioni di
categoria, Confesercenti e
Confcommercio, e con il sostegno
finanziario di Gesturist Cesenatico spa,
si svolger da venerd 22 a luned 25
aprile, lungo i due rami del porto canale,
nelle piazze e nelle vie del centro storico.
Sar possibile gustare piatti a base di

ANNIVERSARIO

pesce fresco dellAdriatico cucinati sul


momento secondo la tradizione marinara
locale.
Lo scopo della manifestazione - dicono
dal Comune - promuovere la citt e il
prodotto. Non ammesso lutilizzo da
parte degli operatori di pesce di
importazione.
La festa, per la prima volta, si svolger
tutta nel centro di Cesenatico e sar
condensata in quattro poli: piazza
Ciceruacchio, zona mercato ittico, piazza

Pisacane e cortile del museo della


Marineria.
Saranno attivi undici punti di ristoro, tre a
cura dellassociazione Pescatori
(Cavalluccio marino, la Tavola dei
pescatori, Tra il cielo e il mare), cinque a
cura dellassociazione Ristoratori (Arte Associazione ristoratori Confcommercio,
Arice - Associazione ristoratori
Confesercenti e Chef to chef), una
postazione dei volontari della Ccils (Il
pesce della solidariet) e due motonavi
(New Ghibli e Windtour), ormeggiate
lungo il porto canale, che accoglieranno a
bordo gli ospiti con le specialit al
profumo di mare.
A questi andranno ad aggiungersi cinque
ristoranti che proporranno i men della
festa.
Non mancheranno musica e
intrattenimento, presenti in tre punti
della citt.
Il Porto canale e le vie del centro storico,
partendo da viale Anita Garibaldi, per
tutta la durata della manifestazione,
saranno animate dalle bancarelle di
Mediterranea, la tradizionale fiera di
primavera dedicata ai prodotti tipici
dellartigianato e della gastronomia con
180 operatori ambulanti.
Saranno predisposti cartellonistica e
pieghevoli con lindicazine di tutti i ristori
della festa, segnalati con colori diversi, a
seconda della tipologia dellassociazione
di appartenenza.
Tutti gli stand resteranno aperti dalla
cena di venerd 22 aprile alla cena di
luned 25 aprile con orari dalle 11,30 alle
15,30 e dalle 18,00 alle 22,00.
Matteo Venturi

Percorso cicloturistico di trenta chilometri

Nasce il SuperOtto, giro del Rubicone


sulle tracce di Giulio Cesare
opo la petizione lanciata dai Consorzi
Cesenatico Bellavita-Giro Hotels di Cesenatico,
con cui si chiedeva il supporto ai Comuni della
zona per la realizzazione di un nuovo percorso
cicloturistico, storico e gastronomico di 30 chilometri
che coinvolge i territori di Cesenatico, Gatteo,
Savignano sul Rubicone, San Mauro Pascoli e BellariaIgea Marina, ecco la fase operativa con il primo incontro tecnico in programma il prossimo 27 aprile presso
lufficio del sindaco di Cesenatico Roberto Buda. Nellincontro con i sindaci, si approfondiranno gli aspetti
tecnici e la fattibilit del progetto. Lidea di semplice realizzazione e a costo minimo - cartelli e segnaletica - di
impatto e ricaduta economica per tutto il territorio. Allincontro parteciper il referente dellApt Emilia Romagna
dipartimento ciloturismo, che terr unintroduzione sul mercato del cicloturismo in Emilia Romagna. Lincontro
sar utile per capire in che modo realizzare il percorso e dove poter fare alcuni tratti con indicazione di traffico
ridotto, dice Giuseppe Ricci, presidente del consorzio Cesenatico Bellavita - GiroHotels. Le adesioni raccolte
sono molte. Abbiamo gi realizzato la parte graca facendo il logo e ipotizzando delle prove di cartellonistica
stradale. Presentiamo alle istituzioni un progetto completo, di facile realizzazione per far vivere il territorio in
maniera wellness ed ecologico, cos da intercettare, con una proposta concreta, un mercato in grande crescita.
Ricordo che il percorso SuperOtto ha tra i vari obiettivi quello di interessare i cosiddetti turisti slow, coloro che
amano pedalare in un raggio breve ad andatura moderata, ma pu rappresentare anche un percorso protetto
anche per gli amanti delle lunghe distanze da percorrere in circuito, oltre a un percorso lungo per i runner.

SIMONE ROMAGNOLI
25.04.2010 - 25.04.2016

Passano gli anni. Il dolore aumenta.


Ma la tua voce e la tua allegria
ci accompagnano fino al giorno
in cui ci ritroveremo.
Nel sesto anniversario
della morte, una Messa
in suffragio sar celebrata domenica
24 aprile alle 10 nella chiesa
parrocchiale di Villalta

Vela

15

23 e 24 aprile
Scrittura
meccanica
Mostra a Cesenatico
al Palazzo del turismo
Cesenatico capitale della scrittura
meccanica: si entra nel vivo. La mostra a
ingresso gratuito che si terr il 23 e 24 aprile
al Palazzo del Turismo (dalle 9 alle 19) ha
unanteprima che si sta gi svolgendo in citt.
Settanta vetrine dei negozi di Cesenatico sono
arricchite da una macchina per scrivere, un
folder e una locandina che richiamano al
grande evento organizzato. Nei giorni scorsi si
tenuta la consegna delle macchine ai
negozianti aderenti a Confcommercio da parte
dei collezionisti organizzatori Cristiano
Riciputi, Paolo Ingretolli, Urbano Laghi e
Roberto Fantini di Confcommercio. La
manifestazione organizzata
dallAssociazione italiana collezionisti
macchine per ufficio.
Le macchine distribuite sono per lo pi
Olivetti, come la mitica Lettera 22 utilizzata
anche dal celebre giornalista Indro
Montanelli; la Lettera 32 degli anni 60; la M20
degli anni 20, e poi la tedesca Mignon e
lamericana Yost.
Fra negozianti e collezionisti nata una
collaborazione costruttiva, per fare di
Cesenatico, per due giorni, la Capitale della
scrittura meccanica. I commercianti che hanno
aderito, grazie alle loro vetrine a tema e alle
locandine, pubblicizzano levento, e i
collezionisti organizzano, gratuitamente, una
mostra unica nel suo genere che piacer di
certo a turisti e visitatori occasionali.
Fra le macchine esposte al Palazzo del Turismo
sono da annoverare la famosa Enigma, la
macchina che decise le sorti della seconda
guerra mondiale, la Programma 101
considerato il primo computer desktop
programmabile del mondo (1965), la prima
macchina Olivetti, la M1, e tantissime
macchine americane mai esposte prima.
Abbiamo scelto Cesenatico - spiega il
piemontese Domenico Scarzello, presidente
dellAssociazione nazionale dei collezionisti perch ci permette di abbinare la nostra
passione collezionistica allaspetto pi
turistico della Riviera. Buona parte dei nostri
soci sono piemontesi, lombardi, emiliani, per
cui Cesenatico rappresenta una citt ideale per
qualche giorno di relax.
Nella foto, la consegna di una macchina a un
negoziante da parte di Roberto Fantini di
Confcommercio (a destra).

A colloquio con Marco Dalla Rosa, armatore. A Marina di Ravenna si concluso il campionato invernale

Il KwSailing vola con il vento in poppa


K

wSailing Asd: esordio positivo


di Intrepid Witz a Marina di Ravenna. Sabato 19 marzo si
svolto lultimo atto del 34mo Campionato invernale in cui sono impegnate imbarcazioni fra le pi veloci e
competitive.
Su sette prove previste - spiega
lesperto di vela Marco Dalla Rosa - da
novembre a febbraio solo lultima
saltata causa maltempo, dovendo rinunciare al secondo scarto, ma nelle
altre domeniche si potuto regatare
anche in condizioni abbastanza impegnative soprattutto a inizio anno,
con due prove svolte in gennaio con
18-22 nodi di vento in una giornata
invernale per condizioni del mare e
pioggia.
Dopo sei anni di Albo doro come vincitore della classe Charlie lequipaggio di Witz, il Delta84 portacolori del-

la KWSailing Asd plurivittorioso in


Romagna, in questo 34esimo invernale di Marina di Ravenna sceso in
acqua nella classe Open Echo con la
nuova barca armata sempre da Marco
Dalla Rosa, socio KWSailing e del Circolo Nautico Cesenatico. La nuova
barca la Intrepid Witz, un Solaris 36
OD riadattato alle condizioni marine
dopo anni di uso in acque gardesane,
timonata dallesperto Ivan Sorbo.
Velocissima in condizioni di vento
debole - precisa Dalla Rosa - Intrepid
Witz e il suo equipaggio hanno dovuto affrontare le condizioni di Marina
di Ravenna in un campionato invernale abbastanza ventoso, con equipaggi concorrenti ben preparati e
affiatati. Ad ogni modo ci siamo classificati terzi in una classe del tutto
nuova per noi e siamo molto soddisfatti.

Cos dopo aver primeggiato in classe


Charlie dei campionati invernali di
Marina di Ravenna dal 2008-09 al
2014-15, solo con linterruzione del
2013-14, lesordio nella classe superiore risultato comunque abbastanza soddisfacente.
Insomma - conclude larmatore -
stata una bella soddisfazione, anche
perch dopo lultimo atto del Delta 84
WITZ in Adriatico, il suo successore
pi grande e impegnativo Intrepid
Wirtz ha dimostrato una grande potenzialit in quanto a velocit pura.
Inoltre il nuovo equipaggio, cresciuto
da 5-6 a 9-10 elementi, avr modo per
poter regatare con la nuova barca KW
Sailing nei prossimi mesi, per potersi
presentare con ancora pi chance di
podio nelle regate autunnali e invernali del 2016.
Cristiano Riciputi

16

Gioved 21 aprile 2016

Valle del Rubicone

Gambettola.Presentato il bilancio 2015 della parrocchia. A colloquio con Mauro Foiera, del Consiglio degli affari economici

a parrocchia di Gambettola ha presentato il bilancio economico a tutta la comunit.


A illustrarlo lamministratore del Cpae
(Consiglio Pastorale Affare Economici)
Mauro Foiera.
Quali sono le voci pi importanti del bilancio parrocchiale 2015?
Come premessa va detto che il bilancio
2015, approvato dal Cpae il 18 febbraio
scorso, non comprende le spese della
canonica alle quali fa fronte direttamente
il parroco don Claudio Turci. Tra le voci
importanti ne voglio segnalare tre in
entrata e due in uscita. In entrata: il
ricavato della vendita dello stabile in cui
c il bar Centrale prospicente la chiesa
(400mila euro di cui 300mila nel 2015 e
100mila nel 2016 non inseriti a bilancio) e
della casetta con terreno che Mario
Andrea Lugaresi ha lasciato in donazione
(168mila euro al netto delle spese) e la
prima delle 4 rate a fondo perduto
derivante dall8xmille dalla Cei (216mila
euro). In uscita: il pagamento di alcune
commesse riguardanti i lavori del nuovo
centro polivalente Fulgor di 550mila euro,
pi 165mila euro (totale 715 mila euro
solo nel 2015) che, sommati a quelli gi
pagati negli anni precedenti, fanno la
bella cifra di 900mila euro gi liquidati.
Questi numeri, insieme atutti gli altri in
entrata e uscita, hanno fatto s che il
bilancio 2015 si sia chiuso in attivo di
15.600 euro.
A proposito dei lavori del nuovo Centro
polivalente Fulgor, a che punto sono?

Il CentroFulgor
presto operativo
A GAMBETTOLA PROCEDONO CELERMENTE I LAVORI AL CENTRO POLIVALENTE FULGOR. A SETTEMBRE, IN
OCCASIONE DELLA FESTA PARROCCHIALE, SI POTRANNO INAUGURARE GLI AMBIENTI RELATIVI AL CATECHISMO,
QUELLI RISERVATI ALLA CUCINA, DISPENSA, MAGAZZINO E ALLA SALA PROVE PER I GRUPPI MUSICALI. IN UN
TEMPO SUCCESSIVO, IL TEATRO/SALA POLIVALENTE, IL CAMPO DI CALCETTO/PALLAVOLO E LA SISTEMAZIONE
ESTERNA CON I GIOCHI PER I PI PICCOLI

Nonostante lalluvione del febbraio dello scorso anno, i lavori stanno procedendo celermente
nei tempi programmati e, se non subentreranno nuovi ostacoli, dovremmo inaugurare gli
ambienti relativi al catechismo, quelli riservati alla cucina, dispensa, magazzino e alla sala
prove per i gruppi musicali, in settembre in occasione della festa parrocchiale. In un tempo
successivo, presumibilmente entro la fine dellanno, il teatro/sala polivalente e a seguire il
campo di calcetto/pallavolo e la sistemazione esterna con i giochi per i pi piccoli e il verde.
Questa prima inaugurazione sar fruibile in massima sicurezza, coperta anche da
assicurazione, perch non saranno presenti pi cantieri.
Oltre a quanto gi speso, per completare i lavori, quanto occorrer stanziare?
Dai nostri conti per completare tutto lintervento comprensivo di mobili/arredi e
sistemazione esterna, serviranno ancora un milione e 800mila euro. Pu sembrare una
somma enorme, ma bisogna immaginarla distribuita nel lungo periodo (40/50 anni) e poi

La fondazione presente alla Biennale del disegno di Rimini con una mostra collaterale

Il doppio argine
del torrente
sar presto
rinforzato

Al castello Malatestiano possibile visitare lesposizione permanente di arte


contemporanea della fondazione, la pi consistente della Regione con opere di De Pisis,
Guttuso, Morandi, Goya e Chagall. Il 24 aprile alle 11 inaugurazione deI disegni nascosti
Fazzini con 66 disegni e 9 manoscritti,
due cartelline di Toti Scialoja con 53
disegni appartenenti ai cicli Disegni
parigini del 1938 e Segni dello zodiaco
del 1939, 22 fogli di Antonietta Raphal
dallalbum Disegni di Genova, un
taccuino di Fabrizio Clerici con 39 disegni
preparatori e appunti manoscritti per
lallestimento dellopera Dido and
Aeneas, Il Menghi illustrato, una bozza
di lunario per lanno 1953 di Mario Mafai,
e infine due album e un calepino del 1980
di Guido Strazza.
Per loccasione, parte dei fogli stata
slegata da album e taccuini per favorirne
la visione. Altri, invece, saranno esposti in
bacheca nella loro integrit e saranno
sfogliabili virtualmente.
Al castello Malatestiano di Longiano, oltre
alla Biennale del disegno, possibile
visitare lesposizione permanente di arte
contemporanea della fondazione Tito
Balestra, la pi consistente della Regione
con opere, fra gli altri, di De Pisis,

Esondazioni del Rigossa


Intervento a SantAngelo di Gatteo
asta esondazioni dal torrente Rigossa: il Comune di Gatteo decide di
B
mettere ne al rischio di allagamenti nel territorio di SantAngelo
provvedendo, con proprie risorse, al rinforzo di oltre dieci metri lineari di
argine. Per evitare che si ripetano disagi simili a quelli avvenuti a febbraio
2015 lAmministrazione comunale ha deciso di stanziare risorse proprie per
rifare entrambe le sponde e il fondo del corso dacqua, nel tratto a nord
dellautostrada, costeggiato dalle omonime vie Rigossa Destra e Rigossa
Sinistra.

Riguardo alla copertura di tale cifra, come pensate di provvedere?


Una parte arriver dalle altre rate a fondo
perduto dall8 xmille della Cei (648 mila
euro), con un mutuo ventennale per fare
in modo da avere rate che non mettano in
difficolt economica la parrocchia (fino a
un massimo di un milione di euro) e con
entrate straordinarie che contiamo di
ricevere dalla nostra comunit. A
proposito di ci ci sono due modalit di
aiuto alla parrocchia: offerte in denaro
(per chi pu farlo) che consentono un
recupero fiscale del 26 per cento, cio ogni
100 euro 26 saranno restituiti tramite le
tasse (ogni 2 domenica del mese anche il
ricavato delle questue durante le Messe va
a favore dei lavori) o tramite una semplice
firma quella relativa alla destinazione del
5xmille nella dichiarazione dei redditi a
favore del circolo/oratorio Anspi Casa del
Ragazzo (90058740409), che poi saranno
girati alla parrocchia per sostenere i lavori
relativi al teatro e al campetto tramite le
voci investimenti per cultura e sport.
Questo aiuto possibile a tutti senza
nessun costo perch firmando la
destinazione del 5xmille non si fa altro
che far tornare da Roma a Gambettola, e
quindi alla parrocchia, parte delle nostre
tasse gi pagate.
Piero Spinosi

In breve
A Montiano il Festival
del libro per ragazzi

Tito Balestra
Fermento a Longiano
a fondazione Tito Balestra di
Longiano partecipa alla seconda
Biennale del disegno di Rimini con
una propria mostra collaterale.
Dal titolo I segni nascosti, sar visitabile,
al piano terra del castello Malatestiano di
Longiano, dal 23 aprile al 10 luglio
prossimi. Linaugurazione ufficiale fissata
per le 11 di domenica 24 aprile, alla
presenza dei curatori Giuseppe Appella,
Flaminio Balestra e Massimo Balestra.
Saranno esposti, per un totale di circa
trecento opere accuratamente selezionate,
taccuini e album degli artisti Roberto Melli,
Pericle Fazzini, Toti Scialoja, Antonietta
Raphal, Fabrizio Clerici, Mario Mafai e
Guidio Strazza, coprendo un periodo che
va dal 1905 al 1980.
Settantacinque anni di disegno - spiegano
i curatori - relegato in fogli segreti, in
massima parte inediti, con i quali
attraversare le esperienze e le atmosfere
del Novecento dalla porta nascosta degli
studi degli artisti, l dove, in silenzio, spesso
su piccoli fogli, come in un diario intimo, si
compie il vero lavoro di ricerca e le
intuizioni prendono corpo inseguendo il
tragitto del pensiero.
Le opere esposte comprendono una
selezione di 48 bozzetti e disegni di
Roberto Melli, un taccuino di Pericle

nessuno ci obbliga a terminare tutto e


subito. probabile che alcune
sistemazioni (arredi/impianto fonico del
teatro e larea esterna), verranno
completate in seguito, come gi
ipotizzato.

Guttuso, Morandi, Maccari, Goya e


Chagall.
In questo periodo la Balestra partecipa
anche alla mostra Visioni trasversali
della fondazione Sorrento a Villa
Fiorentino (Napoli) con una tela di
Maccari e una di De Pisis.
Si tratta di un periodo molto vivace per la
fondazione longianese. Rimarr aperta
fino al prossimo 10 luglio, nella ex-chiesa
Madonna di Loreto, la mostra Omaggio a
Kengiro Azuma con terrecotte e opere
grafiche dellartista giapponese.
Dal 14 maggio fino al 19 giugno, si
aggiunger, al piano superiore del
Castello, la mostra di criografie
Serendipity di Nanni Menetti, 19
tempere lavorate dal gelo naturale.
Lesposizione permanente, la Biennale e
le altre mostre sono visitabili dal marted
alla domenica e i festivi con orari 10-12 e
15-19. Lingresso intero costa 7 euro.
gratuito per tutti i longianesi.
Matteo Venturi

In accordo con il Consorzio di bonica - di


fatto competente sullarea - lintervento
creer una struttura di contenimento per il
corso dacqua in cemento armato,
proseguendo lopera di messa in sicurezza e
riduzione del rischio idrogeologico gi
avviato a SantAngelo sul primo tratto di via
Allende. Obiettivo primario del lavoro di
rinforzo la prevenzione di ogni forma di
allagamento dei vicini campi agricoli, che
nel 2015 portarono lacqua n nel centro
abitato.

Librincollina a Montiano. Il primo festival


del libro per ragazzi si svolger sabato 23
aprile, giornata mondiale del libro, nel
centro storico di Montiano.
In piazza Maggiore, dalle 15, sar attivo il
mercatino dei libri. Sar possibile donare un
libro alla pediatria di comunit
consegnandolo allo stand Nati per leggere.
Alle 16, nella biblioteca comunale, si
realizzer un libro partendo dai disegni dei
bambini della scuola materna di Montenovo.
Alle 17 previsto lappuntamento con Sono
un elefante quando, installazione
estemporanea in piazza ispirata alla storia
di Elmer lelefantino, a cura della scuola
primaria di Montiano. Alle 18, in biblioteca,
incontro con lautrice Manuela Mapelli
(Casa casina) e laboratorio per bambini
dai 4 agli 11 anni.
Il festival si chiuder alle 19 con il lancio
delle lanterne volanti dalla rocca
Malatestiana. Lingresso a tutte le attivit
libero. (Mv)

A Longiano la mostra
Il senso dei luoghi
Due conferenze e una mostra fotograca su
Il senso dei luoghi, a cura di Centrale
fotograa di Fano, in programma a
Longiano, nella sala San Girolamo.
Venerd 22 aprile, alle 21,15, Roberta
Valtorta, direttore scientico del Museo
della fotograa contemporanea di Cinisello
Balsamo terr la conferenza Alla ricerca
dei luoghi (non si tratta solo di paesaggi).
Sabato 23 aprile, alle 17, sar la volta di un
dialogo Sul senso dei luoghi fra Roberta
Valtorta e due fotogra romagnoli di fama
internazionale, Guido Guidi di Cesena e
Giovanni Zaffagnini di Fusignano.
Al termine dellincontro, nei sotterranei
della San Girolamo, sar inaugurata una
mostra di 130 immagini realizzate dai 50
partecipanti al corso di fotograa Il senso
dei luoghi, organizzato a Longiano dalla
Centrale di Fano nelle scorse settimane.
La mostra, che immortala nuove
prospettive e luoghi insoliti di Longiano,
sar visitabile ogni sabato, domenica e
festivi dalle 15 alle 18 no al prossimo 2
giugno. (Mv)

Valle del Savio


SARSINA. Nei cinque luned di maggio recita del Rosario e piccoli pellegrinaggi

LA BADIA DI MONTALTO
SI TROVA A CIRCA 4 CHILOMETRI
DAL CENTRO DI SARSINA

Preghiera e cammino
verso la Badia di Montalto
T

orna a vivere la Badia di Montalto.


Lo fa grazie alle tante persone di
buona volont che hanno avuto a
cuore le sorti di questo luogo
incontaminato e pieno di fede nelle
colline sopra Sarsina. Sono ex residenti
di quelle campagne oggi in gran parte
spopolate, ma anche tanti amici,
simpatizzanti, amanti della natura e del
trekking. Si sono messi insieme con un

intento preciso: fare rivivere lantica


chiesa (dalle origini antichissime, pare
anteriori al Mille) di San Salvatore in
Summano, attiva fino agli anni 60 e poi
andata in rovina con lo spopolamento
di quei luoghi, valorizzandone il ricco
patrimonio di fede, di cultura, senza
tralasciare laspetto naturalistico dato
dal paesaggio incontaminato in cui la
pieve immersa.

Lo scorso 12 marzo si ufficialmente


costituita lassociazione Amici della
Badia con presidente Secondo Zattini.
Perch tanto lavoro per questa chiesa?
- sono le prime sue parole -. Perch
crediamo possa diventare un luogo
importante di incontro, prima di tutto
per camminare sulle orme di San
Vicinio, ma anche per tante altre cose
ancora: incontri, letture, concerti e
anche luogo di svago per giovani e
famiglie.
La scrittrice Tonina Facciani, che in
questi luoghi ha trascorso linfanzia,
la vicepresidente, Ines Camagni la
segretaria e Antonio Turrisi il tesoriere.
Dopo la camminata del Luned di
Pasqua che ha coinvolto persone da
Sarsina e anche da Cesena, Ravenna,
Bologna e altre parti della Romagna, il
sodalizio ha messo a punto un nuovo
appuntamento che si svolger le sere
dei luned di maggio (2, 9, 16, 23 e 30),
mese mariano.
Alla serata di luned 30 maggio
parteciper anche il vescovo di CesenaSarsina Douglas Regattieri.
Le serate si svolgeranno in questo
modo: alle 20 verr recitato il Rosario
camminando da Montalto alla Badia.
Alle 19, per chi vuole, prevista una
partenza a piedi da piazza Plauto a
Sarsina (per un percorso di circa
quattro chilometri). Alle 19,40 la
Misericordia metter a disposizione
una navetta gratuita dalla piazza fino a
Montalto.
Michela Mosconi

Bagno di Romagna
A conti fatti le tipicit
della Valle del Savio

Eremo di SantAlberico (Balze di Verghereto)


Cos posso provare a corrispondere a tanto amore
Leremita Giambattista Ferro scrive di se stesso

Rai1 si collegata in diretta nei giorni scorsi

rmai da una settimana il nuovo eremita Giambattista Ferro ha preso possesso


delleremo di SantAlberico, a Balze di Verghereto.
Alcuni amici della zona, conosciuti nei mesi scorsi, ogni tanto vanno a
trovarlo.
Lui stesso spiega come nata questa scelta, in modo tutto legato alla imperscrutabile
volont divina. Sono nato in un paesino della bergamasca - scrive Gianbattista - ho
sessantasette anni. Dopo i primi approcci con la scuola elementare, a met anno
scolastico la mia famiglia si trasfer in Romagna, dove ho vissuto tutta la giovinezza.
Sono queste le uniche note autobiografiche dettagliate che Giambattista comunica.
Ho conosciuto il vuoto pi assoluto e totale, lisolamento, la derisione,
lemarginazione pi ostile, la falsa amicizia, confessa, ed ha finito per rimanere
contagiato da un mondo che nei rapporti con gli altri vede solo il profitto personale.
In quella tenebra assoluta - continua leremita - incapace di un qualsiasi progetto, il
Signore Ges venuto a me! Oggi riconosco che tutto stato necessario affinch
potessi sperimentare la Sua infinita Misericordia.
Cos, lontano da tutto e da tutti, e prossimo a tutto e a tutti, posso provare a
corrispondere a tanto amore. Questo il sentire che coinvolge tutto il mio essere:
vivere unesperienza eremitica di semplicit e solitudine allEremo di SantAlberico,
al servizio della Chiesa, per ogni uomo e sorella senza distinzione alcuna.
E Giambattista ringrazia coloro che gli sono stati vicini, il vescovo Douglas Regattieri
e il parroco don Edero Onofri per la disponibilit, il sostegno e lincoraggiamento.
Alberto Merendi

con la piazza di Bagno di Romagna nel corso


della trasmissione A conti fatti condotta da
Elisa Isoardi, in onda dalle 11,10 alle 12.
Il tema presentato con lintervento di ospiti in
studio ha riguardato la produzione del miele e
linvasione di miele straniero.
In un rapido collegamento con Bagno di
Romagna sono stati presentati piatti con
lutilizzo di miele, piadina al miele, gelati e dolci
e naturalmente i produttori della zona; una
serie di esempi riguardanti lutilizzo del miele
nella cucina romagnola.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi


di novit e voglia di scoprire sapori particolari.
Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente
secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Gioved 21 aprile 2016

17

Santi patroni
Pagno
Nel Sarsinate
si festeggia Santa Eurosia
Dopo un
periodo di
sosta, con
lultima
domenica di
aprile inizia il
periodo
durante il quale
le piccole
comunit del
Sarsinate si daranno il cambio nel festeggiare i
loro santi patroni o la Beata Vergine Maria.
Apre il ciclo la parrocchia di Pagno che,
domenica 24 aprile, festeggia Santa Eurosia, che
non la patrona della parrocchia, ma viene
venerata pi che il patrono stesso, San Gallicano.
Per le 16 ssata la Messa solenne, celebrata dal
parroco don Renato Serra, accompagnata da
canti popolari. Seguir la processione che nel
2012, dopo decenni di sospensione, stata
ripristinata, giungendo alla Mistedia collocata
tra la parrocchiale e loratorio della Madonna,
restaurato due anni fa. I presenti saranno
allietati, sul sagrato, da un ricco rinfresco e da
musica romagnola tradizionale. Nel 2011 la
chiesa parrocchiale ha ricordato il 250
anniversario di costruzione, pubblicando un
pieghevole con la storia della piccola comunit.
La sede parrocchiale n da prima del Mille era
presso Santa Cristina, a pochi metri dal letto del
torrente Rio Maggio, no allo scorso anno in
territorio marchigiano, dove ancor oggi visibile
la cripta con alcuni resti mortali. Leccessiva
asperit del luogo e lumidit, la difficolt degli
abitanti a raggiungere la chiesa in quanto
risiedevano in posizione pi elevata di oltre 300
metri di quota, fecero nascere lidea di costruire
una nuova chiesa, spostandola dai 334 metri di
Santa Cristina ai 603 metri della chiesa attuale,
collocandola in posizione pi centrale rispetto
alle abitazioni. Nellarchivio diocesano di Sarsina
esiste lelenco degli uomini che si prestarono
nella costruzione, e fa davvero meraviglia
constatare come questi cognomi siano ancora
presenti, dopo 250 anni, nelle poche famiglie
rimaste: Cangini, Peruzzi, Olivieri, Fabbri. Nel
1791 e 1861 nuovi lavori alla canonica, da come
si pu leggere da due mattonelle sulla facciata.
La chiesa veramente ricca di suppellettili e ha
paramenti del 700. Nel 1922 don Igino Caggiati
sistema totalmente casa e canonica, acquistando
nel 1931 due nuove campane dal suono
argentino e squillante presso la ditta Brighenti
di Bologna. Nel 1969 si interrompe la lunga
catena di parroci residenti, dopo la partenza per
il Kenya di don Paolo Raggi. Da allora no al
2009 vi si sono recati vari sacerdoti la domenica.
Da Pasqua del 2009 si celebra saltuarialmente,
con la presenza della quasi totalit dei residenti.
Nel 1971 vengono venduti la canonica e
quarantun ettari di terreno della parrocchia. In
pochi decenni da quattrocento persone si
arrivati a quindici. Purtroppo il futuro ormai
prossimo non sar roseo, in quanto i pochi
ragazzi stanno partendo e alcuni anziani si sono
trasferiti a Sarsina, vista la difficolt di vivere
sempre nella solitudine.
Daniele Bosi

18

Gioved 21 aprile 2016

Solidariet

La 2xBene
taglia il traguardo
della beneficenza
La manifestazione ciclistica che da anni si svolge a Longiano
nel mese di settembre ha distribuito quanto raccolto alla Caritas
di Longiano, alla comunit terapeutica San Luigi di Balignano,
alla fondazione La nuova famiglia di Cesenatico e alla casa
famiglia Papa Giovanni XXIII di Santa Paola di Roncofreddo

erata conviviale della 2xBene, la manifestazione longianese che


unisce ciclismo e beneficenza. La cena, durante la quale sono stati
consegnati i fondi raccolti nella scorsa edizione, si svolta venerd
15 aprile presso lhotel ristorante delle Colline di Longiano.
Presenti 141 persone, fra amici e collaboratori della manifestazione
organizzata dal Panathlon club di Cesena con la societ ciclistica Fausto
Coppi di Cesenatico. Fra i tanti cera anche Osvaldo Fernandez,
testimonial di Soffia la vita, che grazie alla bicicletta ha superato un
problema di dipendenza dallalcol, e vincitore, assieme a Dalia Muccioli,
dellultima 2xBene.
Ledizione 2015 - ha comunicato Roberto Landi, patron della
manifestazione e mattatore della serata - stata particolarmente fortunata.
Il ricavato stato di 12mila euro. Durante la cena, la cifra stata devoluta
in parti uguali a quattro realt benefiche del territorio: la Caritas di
Longiano, la comunit terapeutica San Luigi di Balignano, la fondazione
La nuova famiglia di Cesenatico e la casa famiglia Papa Giovanni XXIII
di Santa Paola di Roncofreddo. Avanzati 200 euro che sono stati offerti alla

parrocchia di Longiano per i lavori di


restauro della collegiata.
Ogni mese forniamo tutto il necessario
a venticinque famiglie - ha detto la
responsabile della Caritas di Longiano,
Stefania Meschiari, ricevendo lassegno -. Sei di queste sono italiane e
quattro sono senza reddito. Il
contributo della 2xBene prezioso.
Negli ultimi mesi, fra le famiglie che
seguiamo, sono nati sei bambini e le
incombenze sono aumentate.
Beneficenza anche alla casa famiglia
Papa Giovanni XXIII di Santa Paola.
La nostra priorit - ha detto la
referente, Franca Franzetti - accogliere
la vita. Nellultimo anno abbiamo
NELLA FOTO SOPRA, I
REFERENTI DELLE ASSOCIAZIONI CHE
HANNO RICEVUTO
3MILA EURO CIASCUNO, FRUTTO
DELLA MANIFESTAZIONE 2XBENE DEL
2015 (INSIEME AI PATRON DELLEVENTO)
LA SERATA AL RISTORANTE DELE COLLINE DI LONGIANO
STATA ALLIETATA
DALLANIMAZIONE
DEL CORO DELLA COMUNIT DI BALIGNANO

Canone Rai
Varie info
Con la Legge di stabilit 2016 il
canone Rai verr addebitato sulla
bolletta elettrica. Il canone stato
ridotto a 100 euro pagabili nel 2016
dal primo di luglio, mentre dal 2017
in 10 rate mensili da gennaio a
ottobre. stata inoltre introdotta la
presunzione di detenzione
dellapparecchio televisivo nel caso in
cui esista unutenza per la fornitura
di energia elettrica nel luogo in cui
una persona ha la propria residenza
anagrafica.
Dovr quindi pagare il canone Rai
chiunque detenga un apparecchio
televisivo, chi utilizza la Tv anche solo
come monitor per computer o
strumento di visione per cassette,
Dvd, chi guarda anche solo emittenti
private o straniere oppure anche chi
guarda solo trasmissioni legate a
contratti via satellite o via cavo (ad
esempio Sky).
Anche i residenti allestero devono
pagare il canone se detengono
unabitazione in Italia dove
presente un apparecchio televisivo.
Chi invece esente dal pagamento
del canone sono gli over 75 con
reddito fino a 6.713,98 euro, cifra che
probabilmente verr elevata a 8mila
euro, ma manca ancora il decreto

NOTIZIARIO PENSIONATI
attuativo. Sono esclusi dal
pagamento anche i proprietari di
seconda casa o chi possiede computer
che permettono di ascoltare
programmi radiotelevisivi
esclusivamente via Internet.
Nel caso in cui nessun componente
della famiglia anagrafica sia in
possesso di un apparecchio televisivo,
necessario compilare il Quadro A
della dichiarazione sostitutiva per il
non possesso, che si trova presso le
nostre sedi Cisl o sul sito
www.agenziadelleentrate.gov.it, e
inoltrare tale dichiarazione
allAgenzia delle Entrate. Tale
operazione da ripetere ogni anno
ed soggetta a responsabilit
penale. Pu presentare la
dichiarazione di non detenzione il
titolare di utenza o anche il suo
erede.
La dichiarazione si pu presentare
mediante una applicazione web
presente sul sito di Agenzia delle
entrate o tramite i CAF o Adiconsum.
Si pu altres presentare in forma
cartacea, mediante spedizione a
mezzo del servizio postale al Sat c.p.22 Torino- per plico
raccomandato senza busta
unitamente a copia di un valido
documento di riconoscimento.
Per il 2016, la dichiarazione di non
detenzione deve essere presentata
mediante raccomandata entro il 30
aprile, oppure in via telematica entro
il 10 maggio, ed esonera dallobbligo
di pagamento del canone per tutto
lanno.

aiutato una mamma, ex ragazza schiava,


a fare nascere un bambino. Il contributo
della 2xBene ci aiuta ad acquistare
una nuova macchina per gli
spostamenti.
Fondi anche alla comunit terapeutica
di Balignano che ospita una ventina di
ragazzi provenienti da tutta Italia con
diversi problemi di dipendenza. Il
contributo - ha fatto sapere la
responsabile, Sofia Brigliadori - ci
aiuter a provvedere ai tanti bisogni
quotidiani.
Aiutata per la prima volta anche la
Nuova famiglia onlus di Cesenatico. Il
presidente Roberto Casali ha
comunicato che i fondi della 2xBene
serviranno a fare funzionare la
struttura che si prende cura di anziani e
disabili.
Non solo beneficenza. La serata stata
allietata dalla musica dei Nadimobil,
band locale che propone canzoni degli
anni 30, 40 e 50 in chiave rivisitata. Per
lintrattenimento si sono aggregati
anche i ragazzi della comunit
terapeutica di Balignano con vari canti e
balli.
Il prossimo appuntamento con le
pedalate di solidariet della 2xBene
fissato per il 17 e il 18 settembre 2016,
sedicesima edizione della corsa
benefica.
Matteo Venturi

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Bonfanti: il governo elimini la norma sul taglio della reversibilit


Il governo non provi a far entrare dalla finestra ci che ha fatto finta di far uscire dalla porta: le pensioni
di reversibilit non si toccano. questo il duro commento del segretario generale della Cisl Pensionati, Gigi
Bonfanti, riguardo ai contenuti del Def che conterrebbero, ancora una volta, la norma su un possibile
intervento sulla reversibilit.
Non possiamo certo accontentarci di dichiarazioni che cercano di tranquillizzarci, utilizzando lalibi di
refusi o strumentalizzazioni di sorta: la norma deve essere stralciata e il governo conclude il segretario
generale della Fnp Cisl deve dire esplicitamente come vuole agire in difesa dei pensionati, piuttosto che
a loro danno come fa puntualmente ogni volta che ha bisogno di recuperare risorse. Su questo non
molleremo di un centimetro, proseguendo la nostra battaglia a difesa della dignit dei pensionati, vertenza
questa che porteremo avanti insieme a Spi Cgil e Uilp Uil a cominciare dalla mobilitazione del 19 maggio
a piazza del Popolo.

Cultura&Spettacoli

A Cesenatico la mostra
Luoghi del mare
uoghi del mare il titolo della mostra darte
figurativa che si terr al Museo della Marineria di
Cesenatico da venerd 22 a luned 25 aprile (apertura
10-12; 15-19).
In mostra opere degli artisti Gino Balena, Nicoletta
Ballarin, Giovanna Barcia, Loris Branzaglia, Nilde
Capelletti, Luciano Cantoni, Luisella Ceredi, Fernando
Fabbri, Arnaldo Gallinucci, Gabriella Gridelli, Meris

Manuzzi, Lidia Mongiusti, Lidia Marchetti, Loris Pasini,


Piero Pineroli, Piero Romagnoli, Leonardo Rossi, Daniela
Sacchetti, Alessandro Tum, Gilberto Turroni, Giancarlo
Turroni, Dea Valdinocci, Elisabetta Venturi.
Negli spazi della mostra, sabato 23 aprile alle 17 si
terr un incontro nel quale il direttore del Museo della
Marineria Davide Gnola proporr la riflessione Per
grazia ricevuta. Alla scoperta degli ex voto marittimi, e
il giornalista Paolo Turroni parler del Il mare color del
vino. Arte e cultura nel Mediterraneo antico.
La mostra a cura della Societ Amici del Monte, Museo
della Marineria e Gesturist, con il patrocinio del
Comune di Cesenatico.

Pubblicati gli atti di un convegno tenutosi nel settembre 2014 al Monte, a Cesena

I confini delle diocesi


di Ravennatensia
Tra storia e geografia
Limportante volume (15 contributi, 270 pagine), a cura
di MaurizioTagliaferri, vede la luce grazie al sostegno della Diocesi
di Cesena-Sarsina, fautrice di attivit culturale,
in modo particolare dindagini mirate allapprofondimento
della conoscenza di storia, radici e identit

el settembre 2014, ospite della


diocesi di Cesena-Sarsina e
dellabbazia di Santa Maria del
Monte, il Centro Studi e Ricerche
Antica Provincia Ecclesiastica
Ravennate ha svolto il suo 33esimo
convegno, con un tema suggestivo e
innovativo: I confini delle diocesi di
Ravennatensia. Tra storia e geografia.
Per la terza volta nel corso delle
proprie vicende il Centro ha scelto
Cesena quale sede della sua
benemerita attivit storico-culturale:
cos tornato nella citt di fondazione,
allorch con il 1 convegno celebrato
nel 1966 e focalizzato su La Provincia
ecclesiastica ravennate dava inizio a un
lungo corso dindagini scientifiche. Da
allora, a cadenza biennale, il Centro ha
via via svolto le proprie assise (in
analogia alla Societ di Studi
Romagnoli che annualmente visita e
studia le localit romagnole) nelle sedi
che costituivano lantica circoscrizione
ecclesiastica, la cui vastissima
giurisdizione comprendeva, come
noto, le diocesi dellattuale Emilia e
Romagna con due appendici: una
veneta, Adria, e laltra marchigiana, il
Montefeltro. Il sodalizio era approdato
ancora a Cesena nel 1986 per il
ventennale di fondazione con il
18esimo convegno (un bilancio di due
decenni di attivit) e a Sarsina nel 2001
con la XXVI assise (Santuari locali e
religiosit popolare nelle diocesi di
Ravennatensia).

Ora, con buona e lodevole


puntualit, ecco gli Atti di quelle
giornate di studio (26-27
settembre), che costituiscono il tomo
XXVII di Ravennatensia, a cura di
Maurizio Tagliaferri. Questo
importante volume (15 contributi, 270
pagine) vede la luce grazie al
contributo della nostra diocesi,
convinta sostenitrice di attivit
culturale, in modo particolare
dindagini mirate allapprofondimento
della conoscenza di storia, radici e
identit. La tematica affrontata - come
ben sintetizza il vescovo Douglas nella
sua presentazione - si snoda su una
vasta gamma argomentativa, con
sondaggi storico-problematici che
incrociano pi livelli: dal metodologico
al tipologico, dallarchivistico al
cartografico, in un costante e
imprescindibile riferimento alle fonti.
Nel corso dei secoli le circoscrizioni
ecclesiastiche emiliano-romagnole
hanno visto fluide trasformazioni
confinarie, seguite in parallelo
allevolversi delle circostanze storiche
e al mutare delle esigenze pastorali
(basti citare le ultime in ordine
cronologico, in gran parte frutto
dellinnovativa stagione del Concilio
Vaticano II): ma la mutazione
limitanea non ha mai inficiato la
sostanza storica. Nellottica del nostro
territorio, va segnalato il saggio a tre
voci (M. Abati, M. Mengozzi, C. Riva) I
mutamenti di confine delle diocesi di

Sarsina e Cesena, ricco dinformazioni


e impreziosito da cartografia.
Il beato Paolo VI, ricevendo l11 ottobre
1972 alcuni rappresentanti del Centro
Studi che gli omaggiarono i volumi
degli Atti dei convegni, esprimeva il
suo compiacimento per lopera
altamente benemerita nel campo della
ricerca storica ecclesiastica,
marcando limportanza di indagini
che non si limitano alla pura
erudizione storica e alla possibilit
dilluminare un passato degno di
essere conosciuto e investigato.
Inoltre egli rilevava in tale contributo
un aiuto prezioso alla riscoperta
dellautentica tradizione della Chiesa,
la quale nella sua dottrina, nella sua
vita e nel suo culto, perpetua e
trasmette a tutte le generazioni tutto
ci che essa ha, e tutto ci che essa
crede (Dei Verbum, 8). Intesa in
questo senso, la ricerca storica,
specialmente in questo periodo postconciliare, potr trasformarsi in vitalit
pastorale per lauspicato
rinnovamento della Chiesa. Da ultimo,
additava lesempio di Ravennatensia a
modello e a sprone in un settore di
ricerche e di studi che si presenta
quanto mai vasto e fecondo.
Rileggiamo oggi quelle parole come
prezioso sigillo.
Marino Mengozzi

Gioved 21 aprile 2016

19

Cinema
di Filippo Cappelli
Eliseo Cesena, Aladdin Cesena,
Uci Savignano

IL LIBRO DELLA GIUNGLA


di Jon Favreau
In principio era il film danimazione solare, allegro e giocherellone targato Walt Disney. Poi,
di fronte alla carica decisa e severa che la storia
di Rudyard Kipling portava in s, lo stesso Disney ne progett una versione pi dura. Ma
non se ne fece nulla. Probabilmente la versione attuale di Favreau attinge a quella idea
primigenia. Recuperando lo spirito generale
del Libro, epurandolo da tutto ci che la Disney cambi e invent di sana pianta (il personaggio di Re Luigi, assente nel libro, o il
carattere giocoso di Baloo). A Jon Favreau, in
fondo, interessa lidea di un uomo non appartenente alla giungla, capace per di abitarla
con i suoi mezzi. Se il cartone Disney sponsorizzava lidea secondo cui necessario ricongiungersi al proprio mondo e ai propri simili, il
film di Favreau afferma invece lesatto contrario: si pu essere diversi e vivere insieme mantenendo la propria individualit. Vista lattuale
migrazione dei popoli e il bisogno di trovare
linee di accoglienza pi che barriere, levoluzione del film rispetto al cartone lo specchio
di un cambiamento culturale profondo.
La trama: il cucciolo duomo Mowgli cresciuto con il branco di lupi di Akela e mamma
Raksha, nel rispetto della legge della Giungla.
Al termine della tregua dellacqua, per, la
tigre Shere Khan torna a cercarlo: lei non ha rispetto del territorio altrui e finch non avr
Mowgli tutti i lupi saranno in pericolo. Il bambino decide allora, con laiuto dellorso Baloo,
di lasciare il branco, per proteggerlo. La pantera Bagheera, che per prima lo port ai lupi
quando era piccolissimo, simpegna a condurlo l da dove venuto: al villaggio degli uomini
Il film una fedele e spettacolare trasposizione
del libro. Oltretutto, pur sviluppandone la morale, non si oppone al cartone che la precede,
ma ne condivide i punti cardine. Finalmente la
giungla una casa e non un problema per
Mowgli, un luogo in cui non deve essere per
forza lupo, ma pu diventare uomo. A caratterizzare il bambino cresciuto dai lupi per tutto il
film la sua capacit di usare lambiente intorno a s e cos sovvertire molte regole. Gli
altri animali li chiamano trucchi, ma sono lo
specifico umano: utilizzare arnesi e manufatti
per fare ci che il corpo non consente, dalle
armi alle trappole fino ai salvataggi. Questo era
assente nel cartone, qui invece si sposa in toto
lidea di un uomo che piega la natura alle proprie esigenze pur seguendone e rispettandone
le leggi.
Esemplare anche il lavoro sulla computer grafica. Gli animali sono reali e credibili, protagonisti sin dalla prima scena in un ambiente
selvaggio e curato nel dettaglio. Solo un appunto: chiunque abbia frequentato gli scout rimarr deluso nel vedere il pitone Kaa dipinto
ancora una volta come un nemico di Mowgli. Il
film piacer anche ad ex-lupetti ed ex-lupette,
ma sar meglio tenere a portata di mano il
libro di Kipling.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
LUOMO DEL FUTURO
Sulle strade di don Lorenzo Milani
di Eraldo Affinati
Casa Editrice Mondadori (euro 18)
Eraldo Affinati, nato a Roma nel 1956, scrittore molto prolifico. Nel quarto di copertina sono elencati tutti i suoi numerosi libri. Per brevit e anche per suscitare
una sana curiosit nei suoi confronti, cito solo Un teologo contro Hitler. Sulle
tracce di Dietrich Bonhoeffer. Ha una sterminata cultura letteraria italiana e straniera. Ha letto Guerra e pace in 48 ore senza interruzione. un giramondo cosmopolita. cattolico e qui in libreria mi dicono che in corsa per il premio
Strega.
Questo volume scritto benissimo alterna capitoli dei suoi viaggi in Gambia, Berlino, Marocco, New York, Pechino, Benares, Citt del Messico, Volgograd, Hiroshima, a capitoli in cui racconta di don Milani attraverso i luoghi della sua vita
(Firenze, Montespertoli, Castiglioncello, Milano, San Donato di Calenzano, Barbiana) e incontri con persone che lhanno conosciuto di persona.
Il libro si chiude con una lunghissima bibliografia che Affinati ha letto.
Insieme alla moglie Anna Luce Lenzi ha fondato a Roma la Scuola Penny Wirton
dove insegna la lingua italiana ai ragazzi stranieri. Questa originale iniziativa gli
deriva certamente dallaffinit con lesperienza del priore di Barbiana. Infatti condivide con don Lorenzo la convinzione che la conoscenza della lingua fondamentale per uscire dallemarginazione, sostenendo che oggi i ragazzi di Barbiana

sono i ragazzi provenienti dal Magreb, Medio Oriente, ecc.


Oltre alla grande competenza linguistica, Affinati ha una spiccata sensibilit educativa, attenta al cammino umano di ogni
ragazzo. Sa perfettamente che insegnare non innanzitutto un
fatto tecnico, ma soprattutto mettere in gioco la propria vita
con i suoi valori e convinzioni. Sa altrettanto bene che questi
ragazzi sono chiamati a vivere in una societ multietnica, multiculturale e multitreligiosa. Questo il motivo dei suoi viaggi
in tante parti del mondo.
Lammirazione di Affinati per don Lorenzo grandissima,
senza essere fanatica. Non nasconde anche i suoi limiti di temperamento, della sua provenienza da una condizione borghese
che fa risaltare maggiormente la sua scelta radicale degli umili,
sfruttati ed emarginati. Affinati non teme di rilevare pi di una
volta lincomprensione del cardinal Ermenegildo Florit e del suo vicario generale e, al contrario, la stima verso don Lorenzo di papa Francesco. Lautore rileva che a Barbiana ci sono andati tutti, che stato strumentalizzato, usato e frainteso, che non era comunista, che era
consapevole del suo carisma e perci molto sofferente per lingiustizia subita dalla gerarchia
fiorentina e ciononostante ubbedientissimo, fedele alla direzione spirituale e alla confessione,
grato alla Chiesa per il perdono dei peccati.
Affinati racconta anche la storia della criticatissima Lettera ai cappellani militari e la vicenda dei due libri: Esperienze pastorali e Lettera a una professoressa, scritta insieme ai
ragazzi, pubblicata poche settimane prima della morte avvenuta nel 1967 quando don Lorenzo aveva quarantaquattro anni.
Rino Casali

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 21 aprile 2016

Osservanza

Difendiamo i nostri figli


Incontro con lavvocato Pillon

Bibbia Festival, accoglienza e arte

bambini soggetti a Dsa.


Alle 17, presso la sala mostre Severini in
corso Mazzini 46, a Cesena, inaugurazione
della mostra di pittura sul tema della pace
Larte come simbolo di accoglienza. La
realizzazione di unopera pittorica sar a cura
di ragazzi di etnie e religioni diverse guidati
dagli artisti cesenati Luciano Navacchia e
Adriano Maraldi. La realizzazione dellevento
resa possibile grazie alla collaborazione del
Lions Club di Cesena.

Sabato 23 aprile, presso la Chiesa Cristiana


Avventista del 7 Giorno di Cesena, in via Carlo Emilio
Gadda, 300 , il Bibbia Festival si concentrer sui
bambini soggetti a Dsa. La dottoressa Elisa Civardi,
laureata in Scienza dellEducazione e collaboratrice
del MiB (Ministero in Favore dei Bambini per la Chiesa
Avventista), alle 10,30 proporr la riessione
Accogliamo le diversit che non si vedono. Alle 15
approfondimento su come agire e operare verso i

Gioved 21 aprile alle 20,45 negli spazi


della parrocchia dellOsservanza, a
Cesena, si terr lincontro Famiglia tra
indifferentismo sessuale e naturalit delle
relazioni, con lavvocato Simone Pillon,
membro e fondatore del comitato
Difendiamo i nostri gli.

Chiesa cristiana Avventista

Gatteo

Gambettola

Cesenatico

CESENA
Lucia di Lammermoor
In diretta dalla Royal Opera House di
Londra, luned 25 aprile alle 20,15, sar
trasmesso al Victor di San Vittore il
capolavoro di Gaetano Donizetti Lucia di
Lammermoor, un dramma in tre atti. Per la
programmazione cinematograca sullo
schermo gioved 21, sabato 23, domenica 24
e marted 26 aprile alle 21 il lm di Paolo
Genovese Perfetti sconosciuti. Venerd 22
alle 21 sar proiettato nellambito del
cineforum Film Family. Ingresso 3,50 euro.

Musical al Teatro Comunale

Spettacolo sulla Resistenza

Fra storia e memoria

Serata tra musica e teatro

Il nuovo musical Il pi bel casino


del Texas della compagnia Qaos di
Alberto Ricci sar presentato
domenica 24 aprile alle 21.
A cura dellassociazione Ncd,
New dance organization,
di Ivan Boschi.
Ingresso palchi e platea 15 euro,
loggione 10.

Andr in scena al teatro comunale, luned 25


aprile alle 21, lo spettacolo Agenda
Resistente, ispirato ai racconti della
staffetta partigiana Elide Cenacchi. Lopera
narra della donna e del suo incontro con un
giovane poeta napoletano che rivive il
dramma dei ragazzi che rinunciarono alla
giovinezza e alla vita.
Ingresso 10 euro, ridotto 8.

A cura di Italia Nostra-sezione


delle Vallate del Rubicone e dellUso, gioved
21 aprile alle 21 presso la biblioteca
comunale Giuseppe Ceccarelli
si svolger lincontro
Paesi fra storia e memoria.
Saranno presentati i libri Andar per storie
a Meldola e Il paese ritrovato. Gatteo si
racconta.

A Palazzo Ghini, marted 26 aprile alle 21, a


cura del conservatorio Bruno Maderna
sar rappresentato il Combattimento di
Tancredi e Clorinda di Claudio Monteverdi
su testo di Torquato Tasso e verr eseguito
lintermezzo musicale Don Chisciotte del
bolognese padre Giambattista Martini.
Levento rientra nelle celebrazioni per il
170esimo del teatro Bonci.

Oltre 300 studenti hanno partecipato al progetto con recensioni di spettacoli al Bonci

Teatro in classe
Vince il Liceo Monti

a mattina di sabato 16 aprile si chiusa al


teatro Bonci di Cesena la quarta edizione del progetto Teatro in classe promosso da Emilia Romagna Teatro, Teatro Bonci e il quotidiano il Resto del Carlino. Sono
stati ben 335 gli studenti coinvolti nella produzione di testi giornalistici sugli spettacoli
della stagione teatrale del Bonci, che sono stati pubblicati dal Carlino.
Fra i sei Istituti partecipanti, la giuria - composta da Luciana Berretti, Giovanna Botti,
Emanuele Chesi, Gabriele Marchesini e Franco Pollini - ha assegnato il primo premio alla
classe 5Ds del Liceo Vincenzo Monti (che ha
recensito lo spettacolo Ti regalo la mia morte,
Veronika), il secondo premio allIstituto Tecnico Garibaldi/ Da Vinci che ha recensito lo
spettacolo Questa sera si recita a soggetto, e il

Gatteo

La galleria darte contemporanea Il Vicolo


in contrada Chiaramonti ospiter no al 25
giugno la mostra di Gian Ruggero Manzoni
Eroi barbari, a cura di Marisa Zattini e
Augusto Pompili. Apertura: dal luned al
sabato dalle 9 alle 12,30 e dalle 15,30 alle
19,30 (chiuso il gioved).

Lezioni allUte

terzo allIstituto
Renato Serra
che ha recensito
lo
spettacolo
Danza macabra,
valutando, secondo i criteri
esposti nel regolamento del concorso, lefficacia giornalistica e la capacit di
lettura del linguaggio teatrale.
Il Liceo Monti ha cos vinto un tablet, mentre gli studenti che hanno realizzato larticolo
riceveranno il prossimo anno un abbonamento omaggio alla stagione teatrale del Bonci. I redattori dei testi classificati al secondo e
terzo posto riceveranno, invece, un ingresso
omaggio per uno spettacolo a scelta della

Longiano

Opere di Gian Ruggero


Manzoni

Nella sala Fantini in via Renato Serra,


venerd 22 aprile alle 15,30, Vincenzo
Andreucci parler di La Democrazia in Italia
dopo le riforme. Marted 26 aprile alle
15,30 nella sala Dallapiccola del
Conservatorio, Gabriele Raspanti terr una
relazione su Musica e guerra, XVII secolo:
Tasso e Monteverdi, il Combattimento di
Tancredi e Clorinda.
prossima stagione di prosa. Di tutti i gruppi di
studenti che hanno partecipato, guidati in
modo eccellente dai docenti responsabili del
progetto, la giuria ha comunque riconosciuto
lalto livello di preparazione e il grande impegno.
Nella foto, la classe 5Ds del Liceo Vincenzo
Monti di Cesena, vincitrice del concorso.

Gatteo

Il cibo e la terza et

Piero della Francesca

Festa della Liberazione

Si terranno alcuni incontri nella sala della


casa di accoglienza Arturo Fracassi a
SantAngelo sul tema Nutriamoci. Il cibo e
la terza et, promossi da Caima e
parrocchia. Gioved 21 aprile alle 20,45 il
dottor Francesco Baldinini parler sul Ruolo
del cibo nella persona anziana:
approfondimento sugli aspetti emotivi e
corporei. La partecipazione gratuita.

In occasione della mostra ai Musei di San


Domenico di Forl Piero della Francescaindagine su un mito, nella sala San Girolamo a
Longiano, mercoled 27 aprile alle 20,30,
Alessandra Brocculi terr una conferenza sul
tema Piero della Francesca, la Romagna e il
Montefeltro. Liniziativa della cooperativa
Koin in collaborazione dellAgt, associazione
guide turistiche della Romagna.

LAmministrazione comunale ha organizzato per luned 25


aprile la festa della Liberazione. Alle 15 partir da piazza
Vesi il corteo sino al monumento nel parco XXV Aprile con
deposizione di corona dalloro e discorso commemorativo.
Alle 16,30 nelloratorio di San Rocco lo spettacolo di
Gianfranco Miro Gori in cui la recitazione si alterner alla
musica classica. Per tutto il pomeriggio esposizioni delle
associazioni e mercatino dei bambini. Dalle 15,30 alle 22 a
Gatteo a Mare IV edizione de Il mio canto libero.

Sarsina| Ritrovo e ricordi con don Renzo Marini

Cesena
Giornalisti in citt
i svolge gioved 21 aprile a Cesena un
Consiglio nazionale straordinario della Fisc
(Federazione italiana settimanali cattolici) di
cui presidente il direttore del Corriere
Cesenate Francesco Zanotti. Gli oltre novanta
partecipanti - direttori e amministratori di
periodici diocesani - saranno ospiti del
Technogym Village, in via Calcinaro a Cesena.
Le riessioni e i confronti vertono sul tema
Quale futuro per i nostri giornali?.
Gioved 21 si conclude a Cesena, per la prima
volta, la due giorni di premiazioni del
concorso nazionale Fare il giornale nelle
scuole promosso dallOrdine nazionale dei
giornalisti. Cinquecento le scuole italiane che
vi hanno partecipato. Gioved 21 aprile alle
10,30 al teatro Bonci, cerimonia di
premiazione. Dopo i saluti del sindaco di
Cesena Paolo Lucchi e lintroduzione del
vicepresidente dellOrdine nazionale dei
Giornalisti Santino Franchina, seguir l
intervento dellospite donore Marco Tarquinio
(direttore del quotidiano Avvenire), che si
confronter con gli studenti su Comunicare la
scuola oggi.

UN RITROVO DI AMICI. ATTORNO AL LORO PRETE STORICO. A Sarsina lex parroco monsignor Renzo
Marini stato contorniato venerd scorso, per la Messa nella Concattedrale di Sarsina e un ritrovo
conviviale, da un gruppo dei suoi ragazzi di sempre, che devono al sacerdote la loro crescita spirituale
e umana. Sono stati ricordati i campeggi, i momenti di vita parrocchiale di una comunit viva come
quella di Sarsina che, specialmente negli anni '70 e '80, contava la presenza di molti giovani. Diversi
dei partecipanti ora abitano in Romagna o in Toscana, e sono venuti appositamente per ringraziare
il loro parroco di sempre.

Libro di Lorenzo Desanti


Nella sala della Pace del quartiere Rubicone
a Calisese, venerd 22 aprile alle 21,15 sar
presentato il libro di Lorenzo Desanti Da
grande far... il bravo. Interventi musicali
di Daniele Orlandi e Matteo Maestri.

Mercato Saraceno
Festa degli sport

Si terr nellarena degli orti di Bora, sabato 23


aprile dalle 14, la Festa degli sport Mettiti in
gioco... scegli lo sport. Larena diventer uno
spazio di festa allaperto, dove bambini,
ragazzi e adulti si potranno cimentare in
diverse discipline: tiro a segno, tennis,
ciclismo, rugby, mountain bike, baseball,
danza.

Longiano

71 della Liberazione
Il programma delle celebrazioni per la
Liberazione, luned 25 aprile, prevede la
Messa alle 10 in piazza Tre Martiri in suffragio
dei Caduti di tutte le guerre; a seguire discorso
commemorativo e deposizione di corone
dalloro ai cimiteri di Longiano, Balignano,
Roncofreddo e al monumento ai Caduti.

Ranchio di Sarsina
Sagra della fiorentina

A Ranchio, domenica 24 aprile, si svolger la


tradizionale sagra della bistecca alla
orentina di razza romagnola e del pane di
farina di grano romagnolo. In funzione stand
con prodotti locali, come la pagnotta
pasquale. Inoltre la mostra mercato
dellartigianato, lo stand gastronomico
gestito dalla Pro loco che presenter come
piatto principe la bistecca alla orentina, il
concorso fotograco Immagini dal mondo.
Al pomeriggio intrattenimento musicale con
lorchestra Stefania Ciani.

Sport

Gioved 21 aprile 2016

Dopo la vittoria casalinga contro la capolista Crotone, i bianconeri giocheranno


sabato 23 aprile alle 15
contro la squadra allenata da Serse Cosmi
OROGEL STADIUM MANUZZI,
LUNED 19 APRILE:
ROSSETI IN AZIONE
(PIPPO FOTO)

Cesena a Trapani
per continuare
a sognare la serie A
I
l Cesena vola a Trapani con lobiettivo
play-off in testa. Dopo la brillante
vittoria sulla capolista Crotone luned
sera 19 aprile per 2-1, i bianconeri sono
ora attesi da un turno di fuoco sabato 23
aprile alle 15. La trasferta in Sicilia contro
la formazione allenata da Serse Cosmi,
dir parecchio sulle ambizioni dei ragazzi
allenati da Massimo Drago. Il Trapani
infatti una delle pi serie candidate a un
posto di rilievo allinterno della griglia
play-off. I granata hanno risalito la china
portandosi in classifica nei primissimi
posti scavalcando anche il Cesena. Un
Cesena che, dopo lo scivolone di Pescara
di venerd scorso, era uscito addirittura
dalla zona play-off dopo avervi
soggiornato sin dallinizio del torneo. La
vittoria sul Crotone stato un toccasana,
quanto sar stata salutare, per, lo si
sapr dopo il viaggio al Provinciale di
Erice, dove i granata di Cosmi
costituiranno un banco di prova di
altissimo livello per i colori bianconeri di

Romagna.
Intanto i tre punti
ottenuti contro la
prima della classe
hanno sicuramente
alzato il morale alla truppa di Drago.
Trascinati da un ex di turno in gran
spolvero come Camillo Ciano, capace di
segnare una doppietta tra il 17 e il 33 del
primo tempo, il Cesena ha preso da subito
le misure ad un Crotone salito al Manuzzi
forse con la pancia gi piena visti i 74
punti contro i 55 del Cesena e la serie A
solo una questione di matematica. E
invece la maggior determinazione dei
bianconeri ha avuto la meglio nella prima
frazione di gioco. Una punizione magica
di Ciano dopo poco pi di un quarto dora
faceva gi presagire una notte di gala. Che
lo poi divenuta, nonostante una ripresa
pi sulle gambe da parte cesenate e un
crescendo da parte calabrese che poteva
sapere di beffa dalle parti di Gomis. Il gol
ospite di Budimir al 17 della ripresa per

non bastava agli uomini di Juric. Perch a


sollevare le braccia in segno di liberazione
erano i giocatori in casacca bianconera,
mentre del giallo fluorescente dei
pitagorici rimaneva solo il ricordo del
bagliore accecante. Nella citt che fu di
Pitagora si celebrer ad ogni modo una
promozione storica in serie A, mentre a
Cesena si spera sempre nei play-off. Per
conquistarli la squadra di Drago dovr
cercare il risultato anche lontano dalle
mura amiche. Quale migliore occasione di
Trapani, contro una diretta concorrente.
Accaparrarsi un posto tra le prime otto,
ma soprattutto cercare di prendere parte
agli spareggi con la miglior posizione
possibile lascerebbe ancora una porta
aperta verso il sogno promozione.
Em

21

In breve
Virtus Cesena
Nordic walking
Soddisfazioni in gara
Grandi soddisfazioni per i Walkers della
Virtus Cesena alla prima gara ufficiale di
nordic walking a cui hanno partecipato.
Domenica scorsa, sullanello dei giardini
Margherita di Bologna, si sono cimentati
sei atleti nostrani, quattro uomini e due
donne. Sotto la guida attenta e
lincoraggiamento dellistruttrice Mara
Fullin, giunto un bellissimo terzo posto
assoluto tra le donne (secondo posto
nella categoria F45) per Simonetta
Manuzzi che ha coperto i 5 chilometri nel
tempo di 37 minuti e 43 secondi.
Un podio che vale come un primo posto
tenuto conto che le prime due classicate
sono istruttrici di nordic walking.
Tutti bravi i walkers cesenati che non
hanno mai ricevuto una sola paletta di
penalizzazione per lo stile, altro
importante elemento nelle gare. Il
merito va assegnato in particolare alle
due istruttrici, Mara Fullin e Francesca
Tarantini, che nelle scorse settimane
hanno preparato a dovere gli atleti
impegnati nella competizione bolognese.
Ecco i loro nomi: Simonetta Manuzzi e
Barbara Tumedei (impegnate su 5
chilometri); su distanza doppia hanno
gareggiato Alberto Bondi, Giorgio
Giovannini, Fabrizio Lelli (classicatosi
secondo nella categoria M45) e Roberto
Mariani.

Ciclismo
Tris di Gozzi

Cesena Danze | Ballo e medaglie a Citt di Castello

Cesena
Calcio, la Gazzetta Cup
ha fatto tappa
a Ponte Abbadesse
a fatto tappa a Cesena,domenica 17
H
aprile, la Gazzetta Cup 2016, un
grande torneo di calcio che coinvolge

BALLERINI CESENATI FANNO IL PIENO DI MEDAGLIE. Cerano anche venti ragazzini del Cesena Danze,
sodalizio sostenuto dalla Bcc di Sala di Cesenatico, tra i 240 ballerini scesi in pista nei giorni scorsi per
il primo trofeo di danza sportiva della Uisp di Citt di Castello. La competizione si svolta presso il Pala
Joan, appositamente attrezzato per le gare di modern contemporary, hiphop, disco dance, boogie woogie, balli caraibici e swing. Abbiamo ospitato 12 scuole da 4 regioni dItalia, per un totale di 240 ballerini dagli 8 anni in su informa Stefano Moscetti, responsabile della Lega danza Uisp -. La nostra
associazione finalizzata a diffondere lo sport, ma annovera tra le sue file anche campioni del mondo e
ballerini che in questi giorni prendono parte a Ballando con le stelle su Rai Uno. Il gruppo di Cesena
Danze risultato tra le scuole che hanno meglio figurato. I cesenati erano capitanati dal maestro di
ballo Ivano Pollini e al termine sono risultati premiati in molte categorie con vari primi e secondi posti.

Calcio Serie D
Il Romagna
Centro
torna
alla vittoria

tto punti in quattro partite, numeri da playoff?


O
Purtroppo no, ma nelle ultime settimane il Romagna
Centro sta alzando i giri del motore, con lobiettivo della

40mila ragazzi su tutto il territorio


nazionale.
A Cesena, presso il centro sportivo di
Ponte Abbadesse, si svolta la fase
provinciale del torneo organizzato dalla
Gazzetta dello Sport insieme al Centro
sportivo italiano e dedicato ai ragazzi dai
9 ai 12 anni. Il torneo per due categorie:
Junior per i nati nel 2006 e Young per i
nati nel 2004.
Hanno partecipato 11 squadre e centinaia
di genitori.
Una festa del calcio che ha decretato in
entrambe le categorie il successo della
Virtus Cesena, qualicatasi per la fase
regionale il 15 maggio a Parma allo stadio
Tardini e dove si giocher laccesso alla
nale allOlimpico di Roma.

lImolese. Per il resto quasi nulla da segnalare,


a parte un buon intervento di Semprini e un tiro
alto di Morena.
salvezza, senza passare dal calvario dei play out, nel
Nella seconda frazione gli uomini di mister
mirino. Sabato 17 aprile, i biancazzurri nella sda contro
Rossi entrano in campo motivati per vincere, e
lImolese valida per la trentacinquesima giornata del
al 65 arriva la rete di Ridol, che segna con
campionato di serie D, riuscito a portare a casa i tre punti freddezza, di sinistro, davanti al portiere su
con una prestazione positiva e nalmente una certa dose di assist al bacio di Luzzi, sugli scudi ormai da un
cinismo offensivo, oltre che una fondamentale attenzione paio di partite. I cesenati si sentono appagati e
in fase difensiva. Il primo tempo piuttosto anonimo da
non aggrediscono la partita. Cos subiscono il
parte di entrambe le formazioni, almeno no al 37, quando ritorno degli ospiti, che segnano anche un gol
Pasi prende il secondo giallo per simulazione e lascia in 10 annullato per fuorigioco, ma non riescono mai

Nicol Gozzi della Sidermec-F.lli Vitali


salito sul primo gradino del podio per la
terza volta in questa stagione.
Domenica 17 aprile ha vinto a Reda
(Ravenna) la gara per juniores di 104
chilometri alla media dei 38,365 orari.
Gli ha tirato la volata il compagno di
squadra Federico Corvini che si
classicato al 9 posto. Quarto al
traguardo il montianese Simone Buda di
Italia Nuova di Borgo Panigale
(Bologna).
Ancora brillanti affermazioni degli
esordienti della Fausto Coppi di
Cesenatico. Domenica 17 aprile nella
corsa disputata a Vignola (Modena) si
imposto allo sprint Diego Molisso che ha
percorso i 25 chilometri alla media oraria
dei 32,967.
Tra i primi dieci anche i suoi compagni di
squadra Simone Garuffi e Tommaso
Vincenzi. Diego era giunto 2
domenica 10 aprile nella gara per
esordienti di primo anno
ad Arezzo. Domenica scorsa a Vignola ha
sorato il podio Mattia Casadei nella gara
di 30 chilometri per esordienti
di 2 anno.

a impensierire la difesa avversaria. Con questa


vittoria il Martorano si porta a 38 punti, a soli
due in meno del Ravenna, 14 e fuori dalla
zona playout. Ora la data cerchiata in rosso nel
calendario dei cesenati l1 maggio, quando si
disputer il fondamentale scontro diretto
contro il Ravenna.
A tre giornate dalla ne, credere nella salvezza
diretta quasi un dovere.
La prossima sda si disputer a Castelfranco
contro la Virtus il 24 aprile.
Andrea Pracucci

22

Gioved 21 aprile 2016

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Comitato Centro s p o r t i v o C e s e n a

Luciano Morosi
confermato
presidente
Si tratta di un vero e proprio record: Morosi il
primo a essere confermato per il terzo mandato.
La panoramica dellattivit sportiva condotta
dal Csi Cesena e i 12 consiglieri eletti
per il quadriennio 2016-2020

i svolta la sera di venerd 15 aprile, presso


la sede di via Canonico Lugaresi,
lassemblea delle societ sportive affiliate
al Csi Cesenate per il rinnovo delle cariche
sociali per il quadriennio 2016-20.
Lappuntamento stato preparato con cura da
parte della presidenza uscente gi allinizio
dellanno e ha dato modo a tutte le societ di
soppesare le nuove candidature, espresse per
tempo e preparare con la dovuta calma e
riflessione questo importante passaggio
associativo.

LA RELAZIONE DEL PRESIDENTE


La serata si aperta con la relazione del
presidente uscente Luciano Morosi, allo scadere
del quadriennio 2012/16 e del suo secondo
mandato. Gli otto anni vissuti da presidente hanno rappresentato una
vera lezione di vita, ha ricordato Morosi, poich ha imparato a essere
pi uomo. Tutto questo stato possibile grazie allaiuto di uomini e
donne capaci di far raggiungere un grande obiettivo: organizzare sul
territorio attivit sportive, ricreative e sociali a misura duomo, capaci
di soddisfare le aspettative e i desideri dei pi deboli, dei pi piccoli,
dei meno dotati. E fotografando complessivamente questi otto anni di
vita associativa, penso di poter dire - ha proseguito Morosi - che il
comitato cesenate ha saputo crescere e innovarsi in maniera costante,
conseguendo obiettivi sportivi, organizzativi e quantitativi di assoluto
rilievo, non solo a livello locale, ma anche in quello regionale e
nazionale.
Morosi ha fatto una rapida carrellata delle discipline sportive che in
questi anni sono state svolte, ricordando il grande lavoro delle varie
Commissioni tecniche e, soprattutto, quello delle societ sportive: vere
cellule viventi, cuore pulsante dellassociazione. Il calcio, se da un lato
ha registrato la diminuzione delle squadre partecipanti nel
campionato dilettanti (calcio a 11), con il discreto numero di societ
che aderiscono al calcio a 7 e a 5, ha bilanciato il numero complessivo
dei tesserati. Attorno allattivit del calcio ruota un indotto molto
grande e articolato: le commissioni tecniche e disciplinari, il giudice
unico, gli arbitri e naturalmente la segreteria e lufficio
amministrazione. Uno stuolo di persone che assicura unottima
organizzazione e una buona integrazione con le societ sportive, tali
da permetterne il regolare svolgimento. Lattuale situazione del
Gruppo arbitri, ha proseguito il presidente uscente, nasconde qualche
preoccupazione, in quanto registriamo unet media sempre pi alta e
una difficolt sempre maggiore a reperire nuove leve. Ma il comitato di
Cesena non vive di solo calcio, ha rammentato Morosi, e nella sua
relazione si parlato di ciclismo, che ha raggiunto ormai i 350 tesserati
con 12 societ sportive iscritte. Il merito va a una persona in
particolare, Fabrizio Merli, il quale con passione commovente e grinta,
ha saputo promuovere e portare avanti questa non facile attivit
sportiva. La pallavolo unaltra bella realt del Csi di Cesena, che
insieme a quelli di Forl, Ravenna e Faenza (esempio di splendida
collaborazione e sinergia da applicarsi con maggiore frequenza), porta
avanti diversi campionati, che interessano anche il settore giovanile. Si
passati poi a illustrare lattivit relativa alla ginnastica artistica, alla
ginnastica ritmica e ai centri estivi al mare (la qualit dei servizi di
trasporto, vitto, alloggio e delle attivit sportive e propedeutiche ha
implementato i consensi e le adesioni), curati dallinstancabile
Giovanni Boschi, in cui sono coinvolti centinaia di ragazzi di ambo i
sessi e il servizio, offerto alle famiglie del comprensorio, veramente

LASSEMBLEA ELETTIVA DEL CENTRO SPORTIVO DI CESENA


( VENERD 15 APRILE)

buono sotto ogni profilo. Gli


scacchi e il pattinaggio a
rotelle sono altre due belle
discipline sportive che da
diversi anni vengono
promosse a Cesena. In
questo caso occorre
ringraziare nellordine due
mitiche persone che,
silenziosamente e
umilmente portano avanti
tutto il lavoro: Patrizio Di
Piazza e Giuseppe Degli
Angeli. Questi, con altri
LUCIANO MOROSI
(FOTO MAURO ARMUZZI)
collaboratori del comitato,
saranno impegnati anche
nel difficile e delicato
ambiente del carcere. Dopo gli accordi stipulati qualche
settimana fa con i dirigenti della Casa circondariale di
Forl, si dovrebbero promuovere allinterno di tale
struttura, lattivit degli scacchi, del biliardino, del tennis
tavolo e forse anche della pallavolo femminile. Da
qualche anno a questa parte, ha fatto capolino presso il
Csi Cesenate anche il beach tennis, che, grazie al lavoro
appassionato e instancabile di Giuseppe Corzani, ha
raggiunto livelli qualitativi e numerici di tutto rispetto.
Arti marziali, quali il judo e altre specialit di difesa
personale, danza sportiva, corsa campestre e nuoto
(questultimo sia competitivo che terapeutico),
potrebbero apparire discipline minori, ma non lo sono
affatto, poich si sta registrando un discreto interesse,
partendo dai pi piccoli per arrivare addirittura anche
agli anziani. Unaltra attivit molto importante portata
avanti dal comitato di Cesena quella inerente i circoli
ricreativi, circa una dozzina che in diverse parti del nostro
territorio svolgono la loro attivit sotto legida del Csi. In
questo ambito va riconosciuto il grande lavoro di
Alessandro Santini che ha creduto fin dallinizio nella
possibilit di ampliare il gi vasto panorama delle
iniziative associative. Al termine della sua relazione
Morosi ha ricordato il lavoro che alcuni si sobbarcano
ogni giorno per migliorare laspetto strutturale della sede;
a titolo di esempio, aggiornare la rete informatica e
telefonica, rendere pi efficienti e razionali gli uffici,
seguire i corsi per la sicurezza, la prevenzione sul lavoro e
lintervento di primo soccorso. Questa situazione, ha
concluso il presidente uscente, uno dei motivi per cui
egli si rende disponibile a restare al suo posto per il
successivo quadriennio e cedere poi il testimone a
qualcun altro, fermo restando che la sovranit e
lautonomia delle decisioni spetta al voto dei presidenti
delle societ sportive. Lobiettivo futuro sar quello, ha
commentato Morosi, di mantenere e possibilmente
perfezionare gli standard e i traguardi raggiunti, non
cullandosi sugli allori, ma nemmeno facendosi prendere
dalla smania di strafare, con la fermezza e la
determinazione dei cristiani impegnati per continuare a
offrire tempo, competenze e cuore ai tanti bambini,
ragazzi e adulti che attendono dal Csi cesenate risposte
concrete e quotidiane alle loro esigenze.

IL DIBATTITOE LAPPROVAZIONE
Al termine della relazione del presidente
uscente gli interventi dellassemblea hanno
evidenziato un sostanziale accordo con le
linee e le indicazioni della stessa e messo in
luce la positivit dellultimo quadriennio,
2012-16. stato in particolare approfondito il
tema delle strategie da approntare per cercare
di risolvere il problema arbitrale, suggerendo
di stimolare le societ sportive a individuare
tra gli ex calciatori (fascia det dai 30 ai 40
anni) le persone pi adatte e a ricoprire tale
ruolo, che per il Csi ha la funzione
fondamentale di educatore in campo. Nel
comitato milanese dellassociazione si
sperimentata in questi ultimi anni la figura
dellarbitro di societ (un dirigente sportivo
viene sollecitato a seguire il corso arbitrale),
da spendere soprattutto nei campionati
giovanili. Lattuale presidente del Gruppo
Arbitri di Cesena, Valerio Fabbri, ha
richiamato lattenzione sul rapporto di
collaborazione da instaurare tra i vari comitati
Csi della nostra regione e creare un vero e
proprio gruppo arbitrale regionale, da cui
attingere per la direzione di alcune partite.
Luciano Morosi ha comunicato allassemblea
che, a fronte dei numerosi impegni pastorali
che impediscono un pieno coinvolgimento
del consulente ecclesiastico nella vita del
comitato cesenate, il nostro vescovo ha
concesso come aiuto un diacono permanente,
Marco Casali, unico caso che si registra in
Italia. intervenuto successivamente
lamministratore del Csi Cesena, Alessandro
Santini, che ha illustrato il conto consuntivo
del bilancio 2015, evidenziando uno stato
patrimoniale solido (nonostante la
diminuzione drastica dei contributi pubblici)
e un numero complessivo di tesserati davvero
ragguardevole, 8436 (riferito allanno sportivo
2014/15).

I RISULTATI DELLA VOTAZIONE


Hanno partecipato al voto 57 societ affiliate,
che hanno riconfermato nella carica di
presidente Luciano Morosi (si tratta di un vero
e proprio record in quanto nessuno ha mai
ricoperto tale ruolo per tre mandati
consecutivi) ed eletto i seguenti 12 consiglieri:
Fiorenzo Antolini, Christian Valbonesi,
Giovanni Pretolani, Fabrizio Merli (alla loro
prima esperienza nel Consiglio Direttivo),
Adriano Flamminj, Alessandro Santini,
Alfredo Cola, Paolo Calbucci, Stefano
Cecchini, Giovanni Ceccarelli, Renato
Quadrelli, Stefano Battistini, mentre primo
dei non eletti risultato Gabriele Agostini.
Come revisore dei conti stato eletto
Massimo Danesi e supplente Valerio Bertozzi.

Pagina aperta

Gioved 21 aprile 2016

Il direttore risponde

23

LOcchio indiscreto

In udienza in piazza San Pietro con il Corriere


a trovare un padre, un amico, un fratello maggiore

arissimo direttore, grazie per la generosa


proposta del Corriere Cesenate di offrirci il
viaggio a Roma.
Noi vicenziani del Consiglio Centrale di Cesena
sezione carceri, in pellegrinaggio a Roma a trovare una padre, un maestro, una guida, un
amico, un fratello maggiore. Abbiamo avuto la
possibilit di invitare gli operatori della Casa
Circondariale, al pellegrinaggio con la missione e
il compito di portare a papa Francesco le opere
(disegni e scritti) dei detenuti ai quali gi da alcuni mesi avevamo recapitato la lettera del Papa
ai carcerati. Quelle parole piene di tanta tenerezza, la tenerezza di un padre verso il figlio
quando varcate la porta della vostra cella
sono state un tuffo al cuore, un improvviso respiro di sollievo, un raggio di sole che ha raggiunto anche le fredde mura del carcere.
arrivato l dove pi serve. L dove tutti lo cercano
e ne hanno tratto il maggior giovamento. Il mio
pensiero va anche ai carcerati, che sperimentano
la limitazione della loro libert. Il Giubileo ha
sempre costituito lopportunit di una grande
amnistia, destinata a coinvolgere tante persone
che, pur meritevoli di pena, hanno tuttavia preso

coscienza
dellingiustizia
compiuta
e desiderano sinceramente
inserirsi
di nuovo
nella societ portando il
loro contributo onesto. A tutti costoro giunga concretamente la misericordia del Padre che vuole stare
vicino a chi ha pi bisogno del suo perdono. Nelle
cappelle delle carceri potranno ottenere lindulgenza, e ogni volta che passeranno per la porta della
loro cella, rivolgendo il pensiero e la preghiera al
Padre, possa questo gesto significare per loro il passaggio della Porta Santa, perch la misericordia di
Dio, capace di trasformare i cuori, anche in grado
di trasformare le sbarre in esperienza di libert.
Luigi DallAra
coordinatore regionale
Societ di San Vincenzo De Paoli

Marted 19 aprile, ore 8. Questa la situazione alla rotonda dello stadio,


con vista da via Abruzzi. Il traffico completamente bloccato, come capita spesso negli orari di punta. Lincrocio dei veicoli che giungono da via
Abruzzi con quelli che si devono immettere in via del mare pare abbastanza assurdo, come abbiamo messo in evidenza in altre occasioni. Non
sarebbe male rivedere il senso di marcia di alcuni sensi unici

Gli abbonati al Corriere Cesenate


dallaltra parte delloceano
Carissimo direttore,
ti abbiamo visto in televisione su RaiItalia da Panama.
Ti stavano intervistando in Piazza San Pietro, a Roma, dopo ludienza con il Santo
Padre. Un abbraccio.
Renato Scaini, via email

Sono stati pi di 200 i lettori del Corriere Cesenate che hanno accettato
l'invito del nostro giornale e sono partiti da Cesena con il desiderio di incontrare il
Papa. All'una di notte di venerd 9 aprile tre pullman (di cui uno messo a disposizione della Societ San Vincenzo de Paoli) sono partiti dall'Ippodromo di Cesena e
alle due anche uno dalla parrocchia delle di San Pio X alle Vigne la cui comunit ha
colto l'occasione dell'udienza dedicata ai settimanali diocesani della Fisc (Federazione nazionale dei settimanali cattolici) per organizzare un pellegrinaggio giubilare a Roma. I lettori del Corriere Cesenate hanno trovato posto nelle prime file in
piazza San Pietro. Molti hanno potuto incrociare lo sguardo di papa Francesco
molto da vicino. Terminata lUdienza c stata anche lopportunit di attraversare la
Porta Santa e pregare sulla tomba di Giovanni Paolo II che posizionata proprio a
fianco della magnifica Piet di Michelangelo in San Pietro . In pagina, i volti di una
buona parte dei pellegrini cesenati. Sul sito www.corrierecesenate.it ampia fotogallery della giornata.

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

Invito al cinema
Coupon
per un posto
allEliseo
Caritas diocesana
Dossier povert
e nuovi locali
C.I.P. - Via del Seminario 85 - Corriere Cesenate 2016

Potrebbero piacerti anche