Sei sulla pagina 1di 13

TEATRI RIFLESSI

FESTIVAL NAZIONALE DI CORTI TEATRALI


CITTÀ DI CATANIA

CATANIA 5-11 LUGLIO 2010


II EDIZIONE

WORKSHOP
8-10 LUGLIO 2010
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

Nei giorni 8, 9 e 10 luglio saranno effettuati, previo raggiungimento numero


minimo di partecipanti, i seguenti Workshop:

 Fanzine: corti d’arte e interculturalità


Metodologie, Tecniche e realizzazione di fanzine (mini riviste
amatoriali)
Le fanzine sono mini-riviste amatoriali realizzate con il solo aiuto della
fotocopiatrice in bianco e nero. Facili da realizzare e affatto costose, esse
sono un mezzo di comunicazione molto democratico, che può anche
dare voce ad individui o comunità che sono generalmente emarginati
dalla società. Un Fanzine workshop dedicato alla realizzazione delle
fanzine sarà un ottimo momento di socializzazione fra i suoi
partecipanti ed anche per l‟intera comunità circostante perché mostrerà
la semplicità di questo mezzo di comunicazione e incoraggerà
l‟espressione personale.
Il workshop della durata di 6 ore è offerto gratuitamente in
collaborazione con “La casa dei popoli”, Assessorato alla Famiglia del
Comune di Catania, che lo proporrà alle comunità di stranieri presenti a
Catania: un momento di incontro e socializzazione tra culture diverse
all‟insegna della creatività. Il workshop si svolgerà per i ragazzi di scuola
media inferiore e superiore presso la sala catering del Palazzo della
Cultura giovedì 8 luglio 2010 dalle ore 10.00 alle ore 16.00, invece per
giovani e adulti venerdì 9 luglio dalle ore 10.00 alle ore 16.00 presso la
sala catering del Palazzo della Cultura. Docente Daniela Maffeo.
Le Fanzine realizzate saranno esposte sabato 10 luglio presso il Cortile
Platamone, città di Catania.

2
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

 Corto su pagina
Tecniche creative di scrittura rapida teatrale
Scrivere un Corto non significa accorciare un testo, né cercare di
aggregare una serie di azioni brevi in modo da farle rientrare nel tempo
reale di 15/20 minuti. La scrittura di un Corto è prima di tutto il
risultato di un pensare rapido e sintetico, significa lavorare con materiali
di costruzione drammaturgica basati su un particolare ritmo sintattico e
gestuale. Sapere come organizzare uno spazio essenziale e funzionale
alla storia da mettere in scena. Dopo gli incontri dedicati all‟esercizio di
scrittura, ai quali sarà abbinata la visione di materiale teatrale, il gruppo
di studio realizzerà un personale Copione Corto. Un importante
momento conclusivo di confronto, scambio e conoscenza reciproca. Il
workshop della durata complessiva di 9 ore ha un costo di € 50 e si
svolgerà all‟Ex Monastero dei Benedettini nei giorni 8, 9 e 10 luglio 2010
dalle ore 10.00 alle 13.00. Docente Lina Maria Ugolini.

Lina Maria Ugolini è docente di Poesia per musica, Storia del teatro
musicale e Drammaturgia musicale presso l‟Istituto Superiore di studi
musicali V. Bellini di Catania. Fa parte del gruppo di ricerca del SagGEM, il
Saggiatore Musicale, Università di Bologna.
Unisce all‟attività di scrittrice, poetessa e contafiabe, quella di musicologa.
Lavora da anni con i bambini inventando progetti creativi per la
divulgazione della musica classica e per l‟ascolto interattivo delle sue storie
(Teatro Massimo Bellini, Istituto Musicale V. Bellini, Camerata Polifonica
Siciliana. I festival: Minimondi e Millecunti). Come autrice di favole per
musica e corti teatrali vince numerosi concorsi nazionali ed internazionali
(Musica e Fiaba, Sarzana 2005, Suoni di fiaba, Vittorio Veneto 2006, Schegge
D’autore, Roma 2007, La Corte della Formica, Napoli 2007 e 2008). Vince il
premio Majorana per il teatro sezione nuove proposte.
Dal 2005 collabora in qualità di drammaturgo, con il Piccolo Teatro di
Catania diretto da Gianni Salvo, regista di molti suoi lavori tra i quali: Un
prestigiatore molto mago (2006), Le messe in piega (2007), Le azioni ilari e
fabulanti…(2008), Oleandra porta due cuori (2008), Jeli il pastore in azioni
poetiche trasposto (2009). La riscrittura di Peter Pan nei giardini di Kensington
(2008) e Lucistella racconta di Peter Pan (2010).
Ha pubblicato diversi saggi di critica e sillogi poetiche. Il romanzo
gastronomico: Il Cavaliere del Superbo Palato (Robin, 2007), La foresta millepiedi
(A & B Editore, 2010). In corso di stampa il romanzo: La musica nel tempo dei
fiori di cappero (rueBallu, Edizioni) e Perfetti giorni qualunque, otto racconti per
la pagina e quattro per la scena (Robin, Edizioni).

3
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

 Flamenco. Danza
Il ritmo, la danza, il canto, la chitarra: questi gli elementi costitutivi del
flamenco, ognuno in stretta relazione con l‟altro, dialogano in una fitta
rete di codici espressivi derivati da culture tanto geograficamente
distanti, quanto capaci di convivere nella musica e nella danza. Il
workshop di flamenco si articola in due corsi a seconda del livello dei
partecipanti: per i principianti si terrà l‟8 e 9 luglio 2010 presso
l‟Auditorium dell‟Ex Monastero dei Benedettini, dalle ore 9.00 alle ore
10.30 per una durata complessiva di 3 ore; per il livello
intermedio/avanzato sempre l‟8 e 9 luglio nella stessa sede dalle ore
10.30 alle ore 12.00. La quota d‟iscrizione a ciascun corso, entrambi della
durata complessiva di 3 ore, è di € 40. Docente la ballerina e coreografa
Cristina Benitez.

Cristina Benitez
Specialità "Flamenco": comincia la carriera da ballerina di flamenco
studiando a Barcellona e ricevendo la menzione di Matricula de Honor. Riceve
nel 1995 il Premio Straordinario di Danza. La sua carriera si consolida
attraverso i seguenti spettacoli: in Tempo, con la direzione di Antonio Canales
(1994); in Pas a Pas con la direzione di Johen Ulrich, Barcelona (1995); in
Salomé y Yerma per la Compañía di Carmen Cortés della compagnia del
Teatro Calderon di Madrid, interpretando La Traviata y la Boheme (1999) della
Compagnia di Primitivo Danza. Come Ballerina solista: in La danza de los
locos, Palazzo del Congresso, Florencia (1995), della compagnia di Emilio
Hernandez; nell‟ ópera Carmen, rappresentata in Cina; in Salomé per la
Compagnia di Aida Gomez, rappresentata in España, Italia, Japon, China,
Chile, Grecia; nel film Iberia, de Carlos Saura. Prima Ballerina nell‟Opera
House de El Cairo, Egipto. Docente in diversi corsi di Flamenco in
differenti paesi d‟Europa. Direttrice, coreografa e ballerina dello spettacolo
di flamenco Secretos de Mujer e di Mi vida, musical flamenco con la compagnia
che ha istituito a Roma.

4
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

 Ritmica e primo approccio alla conoscenza del flamenco


Il corso-laboratorio che gli insegnanti Gabriele Gagliarini
(percussionista) e Alessandro Floridia (chitarrista) propongono, oltre ad
affrontare in generale lo studio della ritmica (compàs) nei vari stili (palos),
offre un quadro completo della loro corretta applicazione al ballo e al
canto; nonché un primo approccio al flamenco. Il corso è rivolto a
percussionisti , ma aperto anche a danzatori, cantanti, chitarristi etc. Sarà
indicativamente unico per tutti il livelli e tutte le età. Gli insegnanti,
individuate le diverse specificità e potenzialità dei partecipanti, li
guideranno in un percorso condiviso di approfondimento di quest‟arte
complessa e affascinante. Il workshop si svolgerà presso l‟Auditorium
dell‟Ex monastero dei Benedettini l‟8 e 9 luglio 2010 dalle ore 12.00 alle
ore 14.00. La quota d‟iscrizione al corso della durata complessiva di 4
ore è di € 50.
Gabriele Gagliarini
percussionista
Nato a Pisa il 23-08-1975 inizia a studiare percussioni nel 1994 al TIMBA.
Viaggia in Spagna per conoscere il flamenco. Studia con Diego Alvarez “ el
negro” a Madrid. Dal 2001 inizia a suonare con diverse formazioni in Italia,
partecipa alla fondazione del gruppo Rapsodia Flamenca (flamenco jazz) di
Daniele Bonaviri, suona con la Compagnia Lunares di Carmen Meloni e con
la Compagnia Ida y Vuelta. Insieme a Raffaella Tonelli si occupa
dell‟organizzazione di spettacoli e stage di flamenco con personaggi quali
Mercedez Ruiz, Manuel Linan, Andres Pena, Marco Flores, etc. Fa parte
della Compagnia di flamenco di Cristina Benitez ( attualmente con gli
spettacoli: “Mi Vida” e “Secretos de mujer”). Collabora inoltre con altri
personaggi del flamenco italiano quali: Lara Ribichini, Sabrina Logué, Dario
Carbonelli, Stefano Arrigoni. Da qualche anno si dedica alla divulgazione del
cajon in Italia, con stage e laboratori sulla percussione nel flamenco.
Attualmente insegna percussioni flamenche alla scuola di percussioni
TIMBA di Roma.

Alessandro Floridia
chitarrista
Inizia giovanissimo lo studio della chitarra classica perfezionando in seguito
la tecnica Flamenco in Spagna con diversi maestri di levatura internazionale
(G.Nunez, E. De Melchor, Vicente Cortez, Domingo Rubichi, M. Santiago,
etc). Dal 1994 lavora assiduamente come chitarrista in numerosi gruppi di
Flamenco e in spettacoli di danza per festival e teatri. Nel 2002 ottiene la
certificazione Steimberg come docente di Computer Music. Dal 2005 cura
laboratori musicali presso vari istituti scolastici della capitale. Si avvicina alla
didattica musicale insegnando chitarra in diverse scuole di musica della

5
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

capitale. Dal 2007 affianca il percussionista G.Gagliarini in un laboratorio sul


Flamenco presso la scuola di musica „ TIMBA‟ di Roma e dal 2009 dirige il
corso di „Chitarra e ritmica Flamenco‟ presso la scuola di musica e danza
„L‟OFFICINA‟ della stessa città.

6
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

 Danza Orientale. Danza col velo


Il workshop prevede un primo approccio al dialogo con il velo come
estensione del proprio corpo e attraverso la dialettica tra il corpo velato
e il corpo svelato conduce ad una sintesi tra il corpo e il velo nello
spazio, che troverà espressione finale in una composizione coreografica.
Il workshop, rivolto a chi abbia una preparazione di danza orientale di
livello intermedio, si svolgerà giovedì 8 luglio 2010 presso l‟Auditorium
dell‟Ex Monastero dei Benedettini dalle ore 15.00 alle ore 19.00 ed ha un
costo di € 60. Docente Anastasia Francaviglia.

 Danza Orientale. Danza con la spada


La Danza con la spada originariamente frutto di un allenamento con le
armi volto alla guerra diviene attraverso un gioco di equilibrio una danza
artistica ipnotica e di grande fascino legata allo spirito femminile
marziale. Il workshop di livello base, per il quale è richiesto almeno un
anno di studio della danza orientale si svolgerà venerdì 10 luglio 2010
presso l‟Auditorium dell‟Ex Monastero dei Benedettini dalle ore 9.00
alle ore 13.00 ed ha un costo di € 60. Docente Anastasia Francaviglia.

N. B. Per chi voglia iscriversi ad entrambi i workshop di danza orientale


la quota di partecipazione è di € 100.

Anastasia Francaviglia
Danzatrice, Fire Performer, Insegnante, Coreografa

7
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

Inizia i suoi studi di Danza Classica e Moderna a Gela e successivamente a


Catania all'età di cinque anni con Elena Toselli. Si dedica poi allo studio delle
Danze Etniche: Danza orientale, Flamenco, Danze indonesiane, Danza
Classica Indiana Baratha Natyam. Allo studio della danza avvicina il suo
interesse per il Teatro di Strada studiando Giocoleria, e in particolare l‟Arte
Pirotecnica. Da tre anni pratica Hatha yoga. Studia Danza contemporanea
con Caroline Bo, Jackie Meredin, Alexandra Manasse. Ha creato Oriental
Fire Dance (danza orientale con il fuoco) frutto di una fusione fra danza
orientale e pirogiocoleria della quale tiene seminari presso il Centro di
Danze Etniche Sanlo' a Roma.

Inizia la sua formazione in Danza Orientale in Sicilia nel 1999 con la


maestra algerina Abir Naighatef. Prosegue i suoi studi a Roma presso il
Centro di Danze Etniche Sanlo‟con Isabel De Lorenzo collaborando nella
didattica e perfezionando la sua formazione come interprete solista ed
insegnante (2000-2004). Ha studiato inoltre con Marialuisa Sales, Saad
Ismail, Lara Rocchetti ed ha affrontato diversi stili e linguaggi della danza
orientale seguendo seminari di approfondimento con artisti nazionali ed
internazionali: Leila Haddad (Tunisia), Hadia (Canada, Turchia), Kesia Elwin
(Puerto Rico), Geneva Bybee (USA), Gaia Scuderi e Roberta Bongini
(Firenze), Francesca Pedretti (Les Soeurs Tribales,Milano), Myriam Szabo
(Danza Duende,Belgio-Portogallo).

Nel settembre 2008 ha iniziato la Formazione Triennale per Danzatrici


Orientali Professioniste (teatro danza, aggiornamento e perfezionamento
della didattica, studio della musica per danza ed anatomia per danza) con
Roberta Bongini presso l‟Accademia di Danza Opus Ballet di Firenze.
Ha coreografato e interpretato performance di Danza Orientale per il
Centro Multimediale di Terni, per le Università di "Roma tre" e "La
Sapienza", per l‟Estate Romana (2006-2007), Teatro Verdi di Terni, Teatro

8
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

Greco di Roma, Teatro comunale di Labro (Rieti), per la trasmissione Rai


“Alle falde del Kilimangiaro”, per il film Genitori e Figli di Giovanni
Veronesi.. Collabora con registi teatrali di fama internazionale come Ivan
Tanteri e Berta Ceglie, Ha presentato Oriental Fire Dance al Festival
Europeo della Musica (Estate Romana 2005).”
Dal marzo 2008 è ospite dello spettacolo Al muallaqat in scena al Teatro
Greco ed al Teatro Casa delle Culture di Roma (novembre 2008) per la regia
di Isabel De Lorenzo.

Teatro
Fondamentale il suo incontro con il regista Ivan Tanteri con il quale studia
teatro e collabora nella realizzazione di diversi spettacoli dal 2005.

Musica
Ha studiato ritmica per danza orientale con i maestri Abdallah Mohammed e
Simone Pulvano,
melodia e storia della musica araba con il maestro Jamal Ouassini direttore
dell‟Orchestra arabo andalusa di Tangeri.

Creazioni
Ha creato Oriental Fire Dance (danza orientale con il fuoco) frutto di una
fusione fra danza orientale e pirogiocoleria in cui consolida il proprio
interesse per la sperimentazione.

SPETTACOLI 2008-09-10

Danze invisibili regia di Myriam Zsabo, Roma, 8 maggio 2010


Orizzonti regia di Ivan Tanteri con Nando Citarella e l‟ensemble La
Paranza, MariaFrancesca La Rosa soprano, Luca Mazzei tenore, Ivana
Comito violino, Meriangela Milone pianoforte, Fabio Tropea percussioni ed
effetti sonori Teatro comunale di Labro, Rieti – Lazio 25-26-27 Marzo 2010
Primo Festival Internazionale del Mondo Arabo con Takadum Orchestra e
Haoma Trio, Crotone, Italia, Spagna, Grecia 22,23,24 settembre 2009
Note viandanti regia di Ivan Tanteri Cortale, Calabria 12-13 agosto 2009
Incanti con la compagnia Teatro Immagini per la regia di Ivan Tanteri,
Crotone, 2 agosto 2009
Festival delle Danze orientali e tribali 3 edizione direzione artistica Sanlo‟,
Roma, 7 luglio 2009
Al muallaqat regia di Isabel De Lorenzo Teatro Greco, Roma, gennaio 2009,
Teatro casa delle culture, Roma novembre 2008
Zykraiati con Haoma Trio, lago di Bolsena, Viterbo, 18 agosto 2008

9
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

DIDATTICA

Insegna Danza Orientale presso il centro di danze etniche Sanlo‟ e il centro


di danza arte e cultura Insieme per fare (Roma), qui tiene regolarmente
seminari a cadenza mensile sulla ritmica per danza orientale in
collaborazione col maestro e percussionista Simone Pulvano.

ALTRE INFORMAZIONI

Nel 2007 Anastasia ha conseguito la Laurea in Antropologia Culturale


presso l‟Università La Sapienza di Roma con una tesi sulle origini e i caratteri
sincretici della Danza del Ventre. Questa è stata la prima tappa di una ricerca
storico-antropologica attualmente aperta con l‟obiettivo di realizzare la
stesura di un libro.
Attualmente vive e lavora a Roma.
Collabora con i musicisti Simone Pulvano, Martino Cappelli e Gianpaolo
Casella al progetto Haoma: percorso che nasce da una ricerca sul repertorio
classico orientale sia musicale sia coreutico verso la creazione di uno
spettacolo di interpretazione contemporanea. Da questo lavoro si
sviluppano le capacità espressive e coreografiche.
Nel suo percorso artistico è sempre alla ricerca di nuovi stimoli che possano
arricchire la tecnica di base della danza orientale e il proprio stile personale.
Avendo esplorato i linguaggi di molte danze: orientale, etniche classiche ed
etniche di espressione contemporanea la sua danza è oggi caratterizzata da
originalità di ricerca, da raffinatezza ed eleganza.
Anastasia si dedica inoltre alla poesia e al disegno.

10
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

 Capoeira
Nata come forma espressiva utilizzata dagli schiavi neri in Brasile, la
Capoeira può definirsi come una forma d‟arte afro-brasiliana che
comprende movimenti fisici, musica, canto, danza, lotta, elementi rituali
e perfino filosofici, religiosi e politici. Negli ultimi decenni la Capoeira in
Brasile ha conosciuto un vero e proprio boom: le academias si sono
moltiplicate, i praticanti sono sempre più numerosi e le autorità ufficiali
del Brasile tendono ormai a riconoscerla e ad accettarla come parte
integrante della cultura brasiliana. Il programma del workshop, aperto ai
principianti, prevede una breve storia della Capoeira, l‟introduzione dei
passi base e un approccio ritmico attraverso il canto e l‟uso degli
strumenti della Capoeira e la realizzazione della roda finale. Il workshop
è della durata di tre ore, si svolgerà in un‟unica giornata ed ha un costo
di € 15. Giorno e sede da definire.
Docente Contra Mestre Neném.

 Danza Afro-Brasiliana
La magia e il ritmo della danza Afro-brasiliana suscitano un‟atmosfera
suggestiva e carica di energia. Il mondo misterioso e affascinante dei
sacri rituali del Candomblè (religione nata dalla fusione tra il
Cristianesimo dei coloni portoghesi e i rituali appartenenti alla cultura
degli schiavi africani) si traduce in movimenti armoniosi del corpo che
evocano una gestualità sensuale e primitiva ed esprimono il meraviglioso
connubio esistente tra la danza e la dimensione spirituale dell‟uomo. Il
workshop, aperto ai principianti, è della durata di due ore, si svolgerà in
un‟unica giornata ed ha un costo di € 15. Giorno e sede da definire.
Docente Contra Mestre Neném.

N. B. Per chi voglia iscriversi ad entrambi i workshop tenuti dal Contra


Mestre Neném (Capoeira e Danza Afro-Brasiliana) la quota di
partecipazione è di € 25.

11
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

Conta Mestre Nenem

Luis Carlos Viera (Nenem) nasce a Salvador di Bahia il 4 Giugno del


1977, inizia a praticare la Capoeira dalla più tenera età con diversi maestri
(Mestre Rocky, Diamante Negro e Neto "Abadà"). All'età di sedici anni
inizia a studiare danza-afro e cultura brasiliana al S.E.S.C. con Mestre King e
Tania Bispo; e di seguito entra a far parte di diverse compagnie di folklore
brasiliano: Grupo culturale art' Bahia-Axè Bahia del Maestro Jacinto e
12
Via Caronda, 21 - 95029 Viagrande (CT)
P .IVA 04653220873
Sede Organizzativa via Napoli, 17/A – 95127 Catania
iterculture@live.it

Sergião- l'orchestra Afro Bahiana di Emilia Biancardi (una delle maggiori


conoscitrici della cultura afro brasiliana), e diverse altre ancora. Nel 2000
arriva in Europa con il gruppo Cõ do Brasil e tiene un corso di musica
folkloristica a Zurigo. Nel 1999 conosce il Mestre Zoi a Bahia, con il quale
istaura subito un rapporto di grande intesa e di collaborazione, che nel 2001
porterà Nenem a Palermo, dove entrerà a far parte ufficialmente del gruppo
Zumbì, ricevendo dal Mestre Zoi la corda di Istruttore di Capoeira. Il 16
Maggio 2008 ottiene la formatura di Contra Mestre dallo stesso Mestre
Zoinho.

Mestre Zoinho e il Gruppo Zumbì


Mestre Zoi Nascimento è nato il 9/11/1959 a Salvador da Bahia (la città
brasiliana che vide la nascita della capoeira) e pratica la capoeira fin da
ragazzino. E' allievo del grande Mestre Gato (Berimbau de Ouro). Si
specializza in danza afro e percussioni al SESC di Bahia con Mestre King;
studia percussioni anche con Mestre Prego e Mestre Vovò entrando a far
parte degli Olodum quando non erano ancora il gruppo musicale più
famoso del Brasile. Si diploma alla scuola di folklore afrobrasiliano SENAC
di Salvador e lavora a lungo in Brasile e all‟estero con diverse compagnie
folkloristiche.
Il Gruppo Zumbì nasce a Palermo nel Febbraio del 1997, grazie a Zoi
Nascimento che, trasferitosi nel '90 da Bahia a Palermo, credendo
fortemente nelle potenzialità della capoeira e nell'idea che tale arte dovesse
essere a portata di tutti e non solo retaggio del popolo Brasiliano, dopo anni
di duro e ostinato lavoro svolto in palestre con poche persone, riesce, con il
valido aiuto della sua compagna, la Contra-Mestre Xixarro, a fondare a
Palermo la prima accademia di capoeira in Sicilia. Lo spirito pionieristico e la
capacità di far fronte a molte situazioni difficili hanno permesso al Mestre
Zoi di creare nell'isola siciliana una Accademia che oggi rappresenta una
realtà a livello nazionale. Il punto di forza del gruppo è senza alcun dubbio
lo spirito di amicizia e unione presente tra gli allievi dell'accademia, Zoi
infatti ha sempre voluto che il suo gruppo rappresentasse una famiglia e che
ogni singolo individuo, bambino, adulto o anziano che sia, trovasse
all'interno di quest'ultima rispetto e attenzione.

13

Potrebbero piacerti anche