Sei sulla pagina 1di 2

Nella scienza l'inglese ha da tempo staccato il tedesco.

Gli studiosi tedeschi vogliono salvare


ora, ci che ancora si pu salvare. L.M. Eichinger uno di loro. Il linguista mette al primo
posto l'essere poliglotta. Un'intervista.
Sig. Eichinger, dobbiamo intrattenerci in inglese?
Se Dio vuole, questo sarebbe adesso qualcosa di prematuro. Si, il tedesco per entrambi la lingua
madre, quindi dovremmo cercare di intrattenerci con essa.
Nella scienza la nostra lingua madre ha ad ogni modo perso molto di significato. Ancora solo l'1%
delle pubblicazioni scientifiche escono in tedesco. L'inglese da tempo anche qui la lingua franca.
Lei si batte molto per un ritorno del tedesco come una lingua scientifica, perch?
Non lo chiamerei un ritorno. Non riguarda questo, ossia scrivere adesso di nuovo in tedesco le
pubblicazioni scientifiche. Sarebbe illusorio. Per uno studioso oggigiorno autoevidente il
possedere la conoscenza dell'inglese. Si deve ad ogni modo prestare attenzione ad eleggere una
lingua,la quale esprima le rispettive discipline. La scienza deve in fondo rimanere ancorata anche
alla societ civile. In una lingua come il tedesco deve essere per questo possibile produrre scienza
comprensibile.
Tedesco come lingua scientifica: non questo un po' alienante rispetto al mondo, se si guarda la
realt degli odierni centri scientifici?
Il tedesco non deve affatto rimpiazzare l'inglese. Ma noi dovremmo trovare una nuova strada verso
un nuovo tipo di multilinguismo. Nelle scienze naturali funziona per i conti e le formule, e questo
va bene, che noi soprattutto comunichiamo in inglese. Ma nelle scienze umane va in un altro modo:
l si tratta di espressione orale; quindi dobbiamo utilizzare la lingua tedesca. Inoltre questa una
richiesta di eguale trattamento: gli scienziati che non parlano inglese sono in genere in svantaggio
rispetto ai madrelingua inglesi.
Cosa pu il tedesco rispetto all'inglese?
Il tedesco ha compiuto, come anche altre lingue, la modernizzazione europea dai secoli XVI e
XVII. Perci queste lingue possono in linea di principio assomigliarsi. Ma ogni lingua ha le proprie
tradizioni e una propria storia culturale, cos che si usano le diverse lingue per diverse cose. Questo
soprattutto visibile in materie dipendenti dal linguaggio come la Filosofia: i filosofi possono
trovare difficile non scrivere nella loro lingua madre, a differenza ad esempio dei matematici.
Ma come possono comunicare allora il filosofo cinese con quello francese?
Per la comunicazione internazionale quella inglese rimane inevitabilmente la lingua della scienza.
Ma all'interno dell'Europa si dovrebbe cercare di promuovere anche altre lingue. Non solo il
tedesco, ma anche il francese, l'italiano e cos via. Una volta sono stato pregato di scrivere un
giudizio in inglese riguardo ad un progetto sui dialetti tedeschi. Questo mi apparso cos senza
senso, che quindi ho pregato di lasciarlo tradurre da qualcuno. Nessuno uomo vorr che ora i
periodici internazionali vengano convertiti in tedesco. Ma ci sono due aree particolari, che ancora
hanno due tipi di periodici: uno orientato massimamente al pratico e uno al teoretico. Se almeno una
facesse partecipare il tedesco pi fortemente, anche la scienza rimarrebbe ancorata meglio alla
societ civile.

Gli studiosi che pubblicano le loro conoscenze in inglese hanno una maggior possibilit di
raggiungere colleghi.
Questo ha a che fare anche col fatto che gli indici internazionali, che al momento vengono
concordati negli USA, elencano solo periodici in lingua inglese. Qui abbiamo bisogno di
integrazioni, soprattutto nelle scienze umane.
Alcuni dicono che la lingua pi parlata nella scienza non sia l'inglese, ma un pessimo PidginEnglish.
Questo un buon tema. Una lingua straniera limita le possibilit di espressione. E se in germania i
corsi di lingua inglese sono tenuti da tedeschi, il cui inglese non buono, allora le lezioni saranno
naturalmente pessime.
Quale base possono avere gli studiosi non tedeschi per imparare il tedesco?
Io ho conosciuto pochi anni fa ad una conferenza un impiegato dell'ufficio brevetti. Lui diceva che
aveva studiato tedesco, perch voleva sapere sempre subito, cosa questi inventori svevi avessero
trovato. Se fossero stati pubblicati grandi dati in tedesco, sarebbe stato uno stimolo. Se si dovesse
comunque scrivere in inglese, per arrivare negli indici periodici importanti, questo sarebbe
insidiato.
Cosa vuole lei concretamente fare?
Ci sono diverse iniziative pensabili nelle Universit. Anzitutto dobbiamo noi ad ogni modo
decidere, quando sensato l'inglese e quando il tedesco. Inoltre deve essere animata la politica, per
dare spendere soldi nelle traduzioni. I libri tedeschi per professori devono essere accresciuti con
traduzioni inglesi, ma anche viceversa, cos che le conoscenze in entrambe le lingue siano
accessibili.
In ultima analisi, abbiamo bisogno di una lingua internazionale per la scienza, un Esperantoscientifico?
No, questo mai si imposto. Inoltre anche l'Esperanto stato composto da una base indoeuropea:
qui sarebbero svantaggiate le non europee come con l'inglese.