Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Papa Francesco

3-8-9

Referendum

10

Questione trivelle
alla prova
del voto

Tutti al cinema
per quattro luned
con il Corriere

opo due Sinodi, il Pontefice ha indicato nuoD


ve linee pastorali: accom-

quesito riguarda labrodi una norma


Ichelgazione
conceda di estrarre

amiglia sullo schermo:


dal 2 al 23 maggio, al ciFnema
Eliseo a prezzi scon-

pagnare, discernere e integrare

idrocarburi sino allesurimento dei giacimenti

tati quattro pellicole di assoluto valore

Editoriale
Speriamo qualcosa si muova

anno XLIX (nuova serie)

numero 15
euro 1,30

15

Cesena

Amoris laetitia
Lesortazione
sulla famiglia

Gioved 14 aprile 2016

Gioved
14 aprile 2016

12

AgriRomagna
Nuovo inserto
Con questo numero
8 pagine dedicate
ad agricoltura
alimentazione
e ambiente
pagine centrali

50ESIMO FISC A ROMA: papa Francesco incoraggia i settimanali cattolici italiani

di Francesco Zanotti

orniamo a parlare di recapito postale. Lo


facciamo dopo la lunga lettera con cui i
sindaci del territorio si sono rivolti ai
parlamentari locali e ai consiglieri regionali
perch si attivino visto lallargarsi della
consegna a giorni alterni. Dopo la
sperimentazione avviata a Cesena nel febbraio
scorso, avvenuta nella sorpresa generale, da
aprile la consegna della posta a singhiozzo
viene estesa ai territori della valle del Savio.
In redazione non trascorre giorno senza che
arrivino lamentale da parte degli abbonati. Al
momento non siamo in grado di stabilire con
esattezza quanto sia estesa la mancata
consegna del nostro giornale. Per noi ogni
abbonato ha un valore incredibile, sia per il
sostegno al giornale sia per il costante
collegamento che tiene uniti tutti noi in una
trama di amicizie e di rapporti che costituisce
il tessuto connettivo dellesperienza della
Chiesa impegnata nelle difficile mondo delle
comunicazioni sociali.
Ecco perch la consegna della posta diventa per
noi fondamentale. Rischiamo, non solo noi del
Corriere Cesenate, ma anche il vasto mondo dei
periodici nostri cugini e il quotidiano Avvenire
in particolare, di vedere compresso il nostro
futuro. Non lo diciamo per la nostra
sopravvivenza, si intende, ma per il pluralismo
di questo Paese, sempre pi messo a repentaglio
da normative che di fatto limitano la libert di
espressione. Ammettiamo la buona fede, e ci
mancherebbe. Ma di fronte alla presa di
coscienza di ci che accade in conseguenza a un
dato provvedimento non si pu pi fare finta di
non sapere. A questo punto chi non interviene
per evitare distorsioni e conseguenze non
previste se ne rende responsabile. E poi,
scriviamolo ancora una volta di pi: non solo
questione di giornali. Si tratta di un servizio
pubblico universale, in numerosi casi essenziale
per i cittadini.
Lo ammetto: ormai non so pi trovare parole
adatte per descrivere questa situazione che ha
del paradossale. Lo scrivono anche i sindaci: I
nostri cittadini devono poter contare su un
trattamento uguale a tutti gli altri, con servizio
certo, in grado di offrire qui le stesse garanzie e
le stesse funzionalit che offre altrove. Ecco il
punto: non ci sono cittadini che appartengono
a serie diverse. Tutti devono poter godere dello
stesso trattamento.
Anzi, aggiungerei. Chi si trova in situazioni
oggettive di maggiore difficolt dovr essere
aiutato a superare questi svantaggi. Lampia
estensione dei territori, la presenza di molte
frazioni lontane dai capoluoghi, la scarsa
copertura telematica e di banda larga.
Non mi pare resti molto da aggiungere. La
preoccupazione rimane, tutta intera. Speriamo
si muova qualcosa a tutela dei cittadini e delle
loro libert.

FOTO PIPPO E SABRINA LUCCHI

Avanti cos

stata una festa di popolo. Sabato scorso, in piazza San Pietro a Roma, durante la mensile
udienza giubilare, papa Francesco ha ricevuto la Fisc, la Federazione italiana settimanali
cattolici in occasione dei 50 anni della fondazione. Quasi seimila i partecipanti da tutta Italia,
in rappresentanza delle 192 testate diocesane, fra cui il Corriere Cesenate. Da CesenaSarsina sono partiti quattro pullman che hanno portato nella capitale oltre duecento
pellegrini. Sul sagrato, con il Pontefice, anche il vescovo Douglas e il vicario episcopale per
la pastorale, monsignor Walter Amaducci ad accompagnare il folto gruppo di lettori e amici
del nostro giornale.
Il presidente della Fisc, in una lettera a papa Francesco, ha espresso il grazie di tutta la grande
famiglia dei periodici cattolici e ha rinnovato limpegno di dare voce a chi non ce lha.
Primo piano alle pagg. 4 e 5

Preghiera

Davanti al Duomo
per i cristiani
perseguitati

Cesena
Otto trekking
sulle orme
di San Vicinio

Diocesi

Giornata vocazioni
Il messaggio
del vescovo

13 Bcc Sarsina
A colloquio
con il presidente
Alberto Giannini

17

Opinioni

Esortazione
apostolica

Gioved 14 aprile 2016

AMORIS LAETITIA E SINODO

La pastorale matrimoniale non la pastorale delle eccezioni


a pastorale matrimoniale e familiare non la
pastorale delle eccezioni. Potrebbe essere
sintetizzato in questo slogan uno dei messaggi
principali forse il pi atteso dellEsortazione
apostolica post-sinodale Amoris laetitia, sullamore nella
famiglia di papa Francesco. E conviene partire proprio da
qui nellaccostarsi alla lettura del testo per stemperare
entusiasmi o fughe in avanti e mitigare lamenti e critiche
per ci che non stato e poteva essere. Il perch? Lo si
legge in maniera chiara al n. 307 del documento:
Oggi, pi importante di una pastorale dei fallimenti lo
sforzo pastorale per consolidare i matrimoni e cos
prevenire le rotture.

questione di sensibilit con cui si guarda alla realt


matrimoniale e familiare. questa, nella sua
complessit, a non accettare discussioni vane e futili tra
vincitori e vinti, che peraltro non appartengono alla
natura stessa della Chiesa. Ci che, invece, costruttivo
lo sguardo in
profondit sulla
DI VENERD 8 APRILE LA PRESENTAZIONE
vita familiare,
DELLESORTAZIONE APOSTOLICA POSTSINODALE
dopo laltra, o se vi cercheranno quello di cui avranno
sul matrimonio,
AMORIS LAETITIA
bisogno in ogni circostanza concreta. () Spero che
sul popolo di
(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)
ognuno, attraverso la lettura, si senta chiamato a
Dio, chiamato a
prendersi cura con amore della vita delle famiglie.
vivere la propria
Nelle parole del Papa ritornano due accenti forti: lo
vocazione in
sguardo secondo la spiritualit ignaziana (prendersi
tempi difficili e
cura) e la pastorale attenta alla concretezza della
complessi.
vita familiare. Ma non solo. Amoris laetitia porta
In questo il
iscritto, in modo indelebile e a chiare lettere, il
titolo stesso
cammino sinodale, compiuto nel 2014 e nel 2015,
scelto per
con due assemblee dedicate allo stesso tema: la
lEsortazione
famiglia, appunto.
Amoris laetitia
Senza rischio di essere smentiti, si pu allora affermare che
(La gioia dellamore) suggerisce uno spirito positivo e
davvero Amoris laetitia unEsortazione post-sinodale
propositivo. Si sa che lincipit dei principali documenti
papali indica generalmente lintenzione principale del testo, nel senso autentico del termine. espressione del
il suo cuore, il punto dominante. Cos per Amoris laetitia: camminare insieme (Sinodo) laici, pastori, vescovo di
Roma generatore di quel dinamismo di comunione che
La gioia dellamore che si vive nelle famiglie anche il
dovrebbe stare alla base di tutte le decisioni ecclesiali.
giubilo della Chiesa, si legge al n. 1. Non si sta parlando di
E qui non siamo alla teoria, ma alla realt originaria e
astrazioni o proiezioni ideali, ma della bellezza della vita
profonda della Chiesa (mistero di comunione) che deve
matrimoniale e familiare, nonostante tutte le sfide che
manifestarsi in ogni comunit ecclesiale e deve funzionare
questa comporta. Il testo, dunque, sorprende per la sua
come norma di vita.
concretezza: basta leggere i nn. 32-57 per rendersene conto
oppure i capitoli quarto, quinto e sesto. Ancora una volta,
La sinodalit e la collegialit emergono pure dal
papa Francesco, con il cuore del Pastore, entra nelle realt
cosiddetto apparato critico, ossia dalle note del testo. Vi
quotidiane della vita familiare in maniera semplice, ma
profonda e, a tratti, poetica e romantica. Come, ad esempio, sono quelle consuete in un documento di questo genere: il
precedente magistero pontificio e gli altri interventi della
al n. 163 quando parla della trasformazione dellamore e
Santa Sede. Importanti i riferimenti a Tommaso dAquino e
della necessit di ritornare a scegliersi a pi riprese.
a Ignazio di Loyola. Colpiscono le citazioni ecumeniche,
Un documento concreto e, pure, denso, variegato,
come Martin Luther King e Dietrich Bonhoeffer, e quelle di
multiforme, che colpisce per la sua ampiezza e articolazione personalit significative, tra cui lo psicanalista Erich
(nove capitoli e 325 paragrafi).
Fromm, i poeti Jorge Luis Borges e Octavio Paz, i filosofi
A causa della ricchezza dei due anni di riflessioni che ha
Antonin Sertillanges e Josef Pieper. Particolare la citazione
apportato il cammino sinodale spiega Francesco al n. 7
del film Il pranzo di Babette, utilizzata per spiegare il
lEsortazione affronta, con stili diversi, molti e svariati temi.
concetto di gratuit. E, come gi avvenuto per altri testi di
Questo spiega la sua inevitabile estensione. Perci non
Francesco, ci sono i contributi di diverse Conferenze
consiglio una lettura generale affrettata. Potr essere meglio
episcopali del mondo: Spagna, Corea, Argentina, Messico,
valorizzata, sia dalle famiglie sia dagli operatori di pastorale
Colombia, Cile, Australia, Celam (Consiglio episcopale
familiare, se la approfondiranno pazientemente una parte
latinoamericano), Italia, Kenya.

Un documento concreto, denso,


variegato e multiforme.
Ancora una volta papa
Francesco, con il cuore
del Pastore, entra nelle realt
quotidiane della vita familiare
in maniera semplice,
ma profonda e, a tratti,
poetica e romantica.
La sfida principale per le
comunit ecclesiali racchiusa
in quei tre verbi che danno
il titolo al capitolo ottavo:
Accompagnare,
discernere e integrare
il respiro della cattolicit che, assimilata la lezione del
Concilio Vaticano II, si apre sempre pi alla sua
dimensione reale, ovvero planetaria. Le conseguenze, a
livello ecclesiologico, sono rilevanti e impegnative. E
Francesco lo sa bene. Per questo, al n. 3 ricordando che
il tempo superiore allo spazio, ribadisce che non tutte
le discussioni dottrinali, morali o pastorali devono essere
risolte con interventi del magistero. Naturalmente, nella
Chiesa necessaria una unit di dottrina e di prassi, ma
ci non impedisce che esistano diversi modi di
interpretare alcuni aspetti della dottrina o alcune
conseguenze che da essa derivano. Questo succeder
fino a quando lo Spirito ci far giungere alla verit
completa (cfr Gv 16,13), cio quando ci introdurr
perfettamente nel mistero di Cristo e potremo vedere
tutto con il suo sguardo. Inoltre, in ogni paese o regione
si possono cercare soluzioni pi inculturate, attente alle
tradizioni e alle sfide locali. Pi avanti, al n. 300,
chiarisce: comprensibile che non ci si dovesse
aspettare dal Sinodo o da questa Esortazione una nuova
normativa generale di tipo canonico, applicabile a tutti i
casi. Anche perch, evidenzia al n. 304, meschino
soffermarsi a considerare solo se lagire di una persona
risponda o meno a una legge o a una norma generale.
Insomma, la sfida principale per le comunit ecclesiali
racchiusa in quei tre verbi che danno il titolo al capitolo
ottavo: Accompagnare, discernere e integrare. Tre
atteggiamenti di fondo che si completano e si
richiamano a vicenda, modificando lorientamento verso
le fragilit: I Pastori che propongono ai fedeli lideale
pieno del Vangelo e la dottrina della Chiesa devono
aiutarli anche ad assumere la logica della compassione
verso le persone fragili e ad evitare persecuzioni o giudizi
troppo duri e impazienti (n. 308). la logica della
misericordia pastorale, la sola in grado di dare risposta
al desiderio di salvezza che c nel cuore di ognuno, di
ogni famiglia.
Vincenzo Corrado

Gioved 14 aprile 2016

Primo piano

Sabato 9 aprile anche il Corriere Cesenate in udienza da papa Francesco. Festa di popolo
in piazza San Pietro per il Giubileo della Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) che ha dato inizio
al 50 anniversario di fondazione dellassociazione che conta 192 testate diffuse in tutto il Paese

Il Papa incoraggia i settimanali cattolici


Andate avanti cos
Dopo la catechesi
delludienza giubilare,
il Papa ha salutato una
rappresentanza della Fisc
e ha consegnato
al presidente Francesco
Zanotti, lincoraggiamento.
Circa 6mila le persone
presenti in rappresentanza
delle testate aderenti
alla Federazione.
Segno di riconoscimento:
i cappellini rossi,
che hanno colorato
tutti i settori della piazza.
Al centro della catechesi
del Papa: lelemosina
come misericordia

ndate avanti cos!. da


poco finita ludienza
giubilare di aprile in
piazza San Pietro, e papa
Francesco consegna al popolo della
Fisc (Federazione Italiana Settimanali
Cattolici) - salutando il presidente (e
nostro direttore) Francesco Zanotti - un
incoraggiamento che suona come
viatico in vista dei prossimi traguardi. Il
Giubileo dei settimanali cattolici segna
linizio ufficiale delle celebrazioni per il
50 della Federazione. Un cammino
iniziato 50 anni fa con un altro Papa,
Paolo VI, a cui la Fisc aveva chiesto
subito unudienza. Oggi, nella stessa
piazza, tra i 40mila fedeli cerano circa
6mila persone in rappresentanza di 80
delle 192 testate aderenti alla Fisc: per il
popolo dei lettori, che hanno
accompagnato i vertici della
Federazione, stata la prima volta in
piazza San Pietro con papa Francesco.
Tra le persone che hanno avuto la
possibilit di salutarlo personalmente,
nella delegazione della Fisc, cera anche
Boris Gentile, un detenuto
del carcere di Pesaro che in
questa giornata speciale era
sotto la custodia di Raffaele
Mazzoli, direttore del
settimanale Il Nuovo
Amico (Pesaro, Fano e
Urbino).
Sono 6mila e hanno
viaggiato in pullman da
tutta Italia per poter essere
presenti allappuntamento
sabato 9 aprile con papa
Francesco. I cappellini rossi,
il segno di riconoscimento:
nel primo corridoio centrale
tra le transenne, davanti al
palco, lo striscione bianco e
amaranto che il simbolo
della Federazione. Al
termine delludienza il
presidente della Fisc, Francesco Zanotti,
ha consegnato al Papa una raccolta dei
settimanali cattolici, rappresentativa
della loro storia di avamposti della
Chiesa locale sul territorio,
accompagnata da una lettera con le
linee di impegno per il futuro.
Nel saluto ai fedeli di lingua italiana, il
Papa ha salutato i pellegrinaggi
dellUniversit Cattolica del Sacro
Cuore; della Caritas di Casale
Monferrato e della Federazione italiana
settimanali cattolici. I seimila berretti
rossi, per tutta risposta, hanno
sventolato festosamente le copie dei loro
settimanali.
Tra gli striscioni, spiccano quello blu e
bianco dellUniversit Cattolica del
Sacro Cuore, giunta in pellegrinaggio a
Roma alla vigilia della 92ma Giornata

CAPPELLINI ROSSI
E CORRIERE CESENATE IN MANO:
I LETTORI DEL NOSTRO GIORNALE
IN ATTESA DELLARRIVO DI PAPA
FRANCESCO, IN PIAZZA SAN PIETRO, SABATO 9 APRILE (FOTO SABRINA LUCCHI)

PAPA FRANCESCO
HA DEDICATO
CIRCA 20 MINUTI
AL GIRO DELLA PIAZZA
(FOTO SIR)

universitaria, che si celebra in tutta Italia


domenica 10 aprile. Alla guida della
delegazione della Cattolica e del
Policlinico Gemelli, composta da oltre
1.500 persone, il rettore Franco Anelli e
lassistente ecclesiastico generale
monsignor Claudio Giuliodori.
Lelemosina una parola che deriva dal
greco e significa misericordia. A
ricordarlo ai 40mila fedeli presenti oggi
per ludienza giubilare di questo mese
stato il Papa, che ha fatto il suo ingresso
in piazza sulla jeep bianca scoperta alle
10.10. Come la misericordia ha mille
strade, mille modalit, cos lelemosina
si esprime in tanto modi, per alleviare il
disagio di quanti sono nel bisogno, ha
proseguito Francesco spiegando che il
dovere dellelemosina antico quanto la
Bibbia, ed esige la capacit di

rispondere alle
esigenze dei
destinatari di quello
che nelle Scritture
un ritornello
continuo, ha detto il
Papa esprimendosi a
braccio, come ha
fatto in gran parte
della catechesi.
Offrire misericordia
non pu essere un
peso o una noia da
cui liberarsi in fretta,
come da un ubriaco a cui non si d
lobolo perch forse andr a comprare
vino per ubriacarsi. Ci chiede di non
fare lelemosina per essere lodati e
ammirati dagli uomini per la nostra
generosit. Non lapparenza che
conta, ma la capacit di fermarsi per
guardare in faccia la persona che chiede
aiuto. Di qui linterrogativo rivolto ai
40mila in piazza: Sono capace di
fermarmi e guardare in faccia, guardare
negli occhi, la persona che mi sta
chiedendo aiuto?. Misericordia
coinvolgersi con il povero, ha
sintetizzato il Papa, concludendo
ludienza giubilare con un aneddoto a
braccio, che racconta di come una
mamma argentina abbia insegnato ai
suoi tre figli a condividere ci che si ha
con i poveri: chiedendo loro di dare
met della cotoletta impanata al povero

che ha appena bussato alla porta.


Ho chiesto unintervista al Papa. A rivelarlo
don Giorgio Zucchelli, gi presidente della Fisc
(Federazione italiana settimanali cattolici) e
direttore del settimanale diocesano di Crema, Il
Nuovo Torrazzo, che salutando Francesco al
termine delludienza giubilare ha confidato di
avergli chiesto unintervista perch rilanci i
nostri giornali. Siamo una Chiesa in uscita,
entriamo nelle case della gente: Viviamo tutti
un momento difficile, la lucida analisi, e con
laiuto e lincoraggiamento del Papa vogliamo
trovare insieme nuove strade per farci compagni
di strada agli uomini di oggi. Unoccasione per
condividere la gioia con un Papa che ti
guarda negli occhi. Cos don Vincenzo Rini,
past presidente della Fisc, direttore del
settimanale La vita cattolica di Cremona e
presidente del Cda del Sir, racconta la giornata
di oggi, caratterizzata dalla grande disponibilit
dimostrata dal Papa dopo la catechesi.
passato a salutarci, ha ascoltato tutti, ha dato la
mano a tutti. E lo ha fatto guardandoci negli
occhi uno per uno, con un grande atto di carit
nellascoltarci. Per il Sir - il bilancio di Livio
Gualerzi, amministratore delegato del Sir -
stata una bella occasione per sentirsi al centro
di un contesto ecclesiale di servizio, a favore di
uneconomia del dono. Il tema scelto dal Papa
per la catechesi - lelemosina - stata una
testimonianza di quanto sia essenziale e cosa
significhi veramente per il cristiano la capacit
di donarsi, di rendersi un elemento di crescita
per gli altri. quello che fa quotidianamente il
Sir, ricorda Gualerzi, che uno strumento di
servizio al centro di un sistema - quello dei
settimanali cattolici - che, pur in difficolt, trova
nel Sir una forte motivazione a proseguire nel
proprio impegno sul versante comunicativo
ecclesiale.
M. Michela Nicolais

Primo piano

LETTERA AL PAPA.IL 9 APRILEA ROMAIL GIUBILEODEISETTIMANALICATTOLICICONPAPA FRANCESCO

Santit,
in occasione delludienza che
ci ha concesso oggi per i 50
anni della nostra Federazione,
le abbiamo portato una
raccolta con tutti i giornali che
compongono la grande
famiglia della Fisc.
Si tratta di 192 testate con
diffusione locale che danno
voce a gran parte delle Diocesi
italiane. Giornali in diversi casi
molto radicati nel territorio.
Tanto radicati che vengono
spesso definiti giornali di
popolo visto come si
identificano con le citt e i
paesi di cui narrano le vicende
dalla fine del 1800.
Questi fogli nacquero per lo
pi dopo il Non expedit di
Papa Pio IX ed ebbero notevole
impulso con lenciclica Rerum
Novarum di papa Leone XIII. I
cattolici, ritiratisi dalla politica
attiva, si impegnarono nel
sociale. Tra le numerose opere
cui diedero vita, ci furono
centinaia di settimanali e
decine di quotidiani.

Gioved 14 aprile 2016

Giornali capaci di fare alzare lo sguardo


in alto, fin sopra le stelle
Noi siamo gli eredi di questa
gloriosa tradizione. Nel 1966
un gruppo di sacerdotidirettori e alcuni laici diedero
vita alla Fisc. Fu uno dei primi
frutti del Concilio vaticano II.
Papa Paolo VI incoraggi
questa esperienza, in modo
che ne avesse anche un rilievo
nazionale, come poi si
verificato negli anni successivi.
A noi ora resta il compito di
portare avanti questo
avvenimento in un
cambiamento depoca, come
Lei ha ricordato a Firenze
durante il decennale Convegno
nazionale della Chiesa italiana.
Stretti tra i grandi network e

Oltre 200 persone da Cesena-Sarsina


per ludienza giubilare
con papa Francesco

linvadenza della Rete, spesso


ci interroghiamo sul futuro. I
nostri, comunque, rimangono
giornali che intendono dare
voce a chi non ce lha, ma
anche e soprattutto a quella
parte dItalia che troppo spesso
rimane nascosta e non fa
notizia.
Siamo comunque sempre
attenti a leggere la realt dal
punto di vista del Vangelo.
Impegnati a suscitare
domande, pi che a fornire
risposte, ben piantati per terra,
ma desiderosi di fare alzare lo
sguardo in alto, fin oltre le
stelle. E come operatori nei
mass media, parafrasando la

sua nota espressione pastori


con lodore delle pecore, noi
vorremmo essere giornalisti
con lodore dei lettori.
Giornalisti che non rimangono
nel chiuso delle redazioni, ma
consumano le scarpe lungo le
strade delle nostre citt, capaci
di saper scrutare ci che ci
circonda per poi raccontarlo
con occhi e cuori attenti alle
persone. Attenti in particolare
alle storie dei santi di tutti i
giorni, come da Lei definiti
due giorni fa durante la Messa
in Santa Marta, di cui sono
ricche le nostre comunit
locali.
Santit, ci ha molto

Sul sagrato di San Pietro


anche il vescovo Douglas
e monsignor Walter Amaducci

I lettori del Corriere Cesenatein piazza


per festeggiare il 50esimo della Fisc

ltre duecento i cesenati


a Roma da papa
Francesco con il
Corriere Cesenate. Ludienza
concessa sabato dal Santo
Padre alla Fisc, la Federazione
nazionale che raggruppa le 192
testate diocesane, coincisa
con il sabato mensile dedicato
al giubileo straordinario della
Misericordia. Unoccasione
ancora pi propizia per unire
due eventi di grande impatto
emotivo, di fede e di preghiera.
Quasi seimila i lettori, i
giornalisti, i direttori, gli
amministratori e i
simpatizzanti in piazza con i
cappellini rossi con il logo
dorato del 50esimo della Fisc.
Fra loro, nelle primissime file,
dopo un viaggio durato tutta la
notte, i pellegrini in partenza
da Cesena. Tra questi anche i
volontari della San Vincenzo
De Paoli che svolgono servizio nella
casa circondariale di Forl
accompagnati da Luigi DallAra e la
direttrice della struttura, Palma
Mercurio. Pi di 50 i partecipanti
dalla parrocchia di San Pio X alla
Vigne di Cesena.
Il vescovo Douglas non voluto
mancare allappuntamento, tenuto
conto anche che il nostro direttore il
presidente nazionale della
Federazione dei giornali diocesani.
Con lui alcuni amici di Sarsina e il
vicario episcopale per la pastorale,
monsignor Walter Amaducci. Tutti
insieme per celebrare il giubileo e per

IL VESCOVO DOUGLAS REGATTIERI E DON


WALTER AMADUCCI ACCOLTI SUL SAGRATO

festeggiare limportante anniversario


dellassociazione che dal 1966 tiene
uniti tanti periodi diffusi in tutto il
Paese.
Festosa e gioia apparsa la piazza che
ha messo insieme provenienze
diverse, accomunate dalla medesima
appartenenza ecclesiale attorno al
settimanale cattolico. Bellissimo il
colpo docchio dal sagrato, con la
distesa di cappellini rossi a indicare la
folta partecipazione da numerose
diocesi italiane.
Da notare un episodio curioso. Prima
delludienza, come di consueto il

Papa ha attraversato pi volte la


piazza per salutare pi gente
possibile. In uno dei suoi giri,
transitando accanto ai giornalisti del
Corriere Cesenate che hanno tenuto
esposto il cartello con impressa la
testata, al Papa stato lanciato il
cappellino del 50esimo Fisc e il
Pontefice, con uno scatto da fare
invidia a un giovanotto, lo ha
afferrato al volo. Un gesto che anche
una consegna, oltre a ci che ha detto
al presidente-nostro direttore. Io
sono con voi. Andiamo avanti
insieme.
FOTO DI PIPPO FOTO
E SABRINA LUCCHI
SUL SITO
WWW.CORRIERECESENATE.IT
AMPIA FOTOGALLERY
DELLUDIENZA
DI SABATO 9 APRILE
CON PAPA FRANCESCO

incoraggiato quanto lei ha


sottoscritto e consegnato ai
vescovi italiani durante
lassemblea Cei del maggio
2014. Ha fatto distribuire la
Nota dominante del suo
predecessore Paolo VI. Quattro
i punti messi in evidenza da
Papa Montini. Il quarto
relativo alla stampa cattolica
che, si legge, ancora tanto
necessaria, tanto importante
per la diffusione dei principi
cristiani tanto opportuna per
la formazione di unopinione
pubblica sana e favorevole ad
ogni buon causa; ma ancora
tanto bisognosa di unit, di
sostegno, di vigore, di
diffusione.
Grazie, Santo Padre. Ci
affidiamo alle sue preghiere.
Noi, per parte nostra e per
quanto possono valere, le
assicuriamo le nostre.
Francesco Zanotti

Voci dai pullman


Il sorriso contagioso
di Francesco
Tanti i cesenati che hanno visto
il Pontefice da vicino
Sono stati oltre 200 i lettori del Corriere Cesenate che
hanno accettato linvito del giornale e sono partiti da
Cesena con il desiderio di incontrare il Papa. Molti lo
avevano visto solo in televisione. Pochi si erano ritrovati
gi in piazza san Pietro con lui a pregare.
Alluna di notte del 9 aprile tre pullman sono partiti
dallIppodromo di Cesena e alle due anche uno dalla
parrocchia delle Vigne la cui comunit ha colto loccasione
dellUdienza dedicata ai settimanali diocesani della Fisc
per organizzare un pellegrinaggio a Roma.
I pellegrini cesenati hanno raggiunto di buon mattino i
varchi dingresso in piazza San Pietro e nel giro di unora
hanno trovato posto tra le sedute poste dinnanzi alla
scalinata che conduce sul sagrato di San Pietro. stata
una giornata molto emozionante - afferma Lucia Giorgini
di Cesena -. Non ero mai stata cos vicina al Papa. Mi
trovavo in terza la, dopo gli ammalati. stato toccante
osservare quanta cura abbia Francesco verso i pi deboli e i
sofferenti. Papa Francesco che ha anche preso al volo un
cappellino rosso della Fisc (Federazione italiana
settimanali cattolici) lanciato da una pellegrina cesenate
non si risparmiato nei saluti e questo ha entusiasmato la
folla.
C anche chi in questa giornata ha festeggiato
lanniversario di matrimonio. Quando mi sono recato in
redazione per il rinnovo dellabbonamento e mi hanno
avvisato che ci sarebbe stato questo pellegrinaggio spiega Adelmo Alessandri di Pioppa - ho subito pensato
che sarebbe stato il modo pi bello per ricordare i 44 anni
di matrimonio. Rosa e io ci siamo infatti sposati proprio il 9
aprile del 1972 e festeggiare in compagnia di papa
Francesco stato speciale e indimenticabile. Sono anche
riuscito a lmarlo da vicinissimo e mi ha colpito vederlo
sostare cos a lungo con le persone sul sagrato di San
Pietro. Nel gruppo dei cesenati c stata anche un super
nonna di 83 anni che per vedere meglio il Papa
addirittura salita su una sedia. Si tratta di Teresa Antimi,
classe 1933, che con la glia Paola ha raggiunto molto
agilmente piazza san Pietro. Temevo di avere delle
difficolt - spiega Teresa - e invece la giornata stata
bellissima. Era da tempo che non tornavo a Roma. Qui ho
ricordi meravigliosi, del mio viaggio di nozze nel 1954 e di
una gita parrocchiale nel 1989. Mi sono trovata molto bene
e ho capito che, nonostante let, viaggiare non mi crea
alcun problema.
Barbara Baronio

Diocesi

Gioved 14 aprile 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Cristiani perseguitati, preghiera davanti al Duomo


Anche a Cesena lesperienza dei Comitati Nazarat
Appuntamento a mercoled 20 aprile alle 19
Inizia anche a Cesena lesperienza dei Comitati Nazarat
(cos vengono chiamati i cristiani dallIsis) che da quasi tre
anni si trovano il 20 di ogni mese in piazza a recitare il
Rosario e ad ascoltare testimonianze di cristiani perseguitati.
Liniziativa, partita da alcuni di Rimini, oggi si allargata a
molte citt italiane ed europee e a 13 monasteri di clausura.
Le persone che si trovavano a pregare il secondo luned di
ogni mese nel Santuario del Suffragio, in via Zefferino Re in
centro a Cesena, hanno deciso di unirsi a questo coro di
preghiere. Il primo appuntamento per mercoled 20 aprile
alle 19, in piazza Giovanni Paolo II, a Cesena.

Cresima degli adulti, inizia una catechesi


Presso le opere parrocchiali del Duomo. Inizio a maggio
Nel mese di maggio inizia un nuovo corso di catechesi in
preparazione alla Cresima degli adulti.
Il corso sar tenuto da don Giordano Amati e si svolger
presso le opere parrocchiali della Cattedrale di Cesena (ingresso piazzetta don Ravaglia, accanto alla chiesa dei Servi),
dalle 16 alle 17, con il seguente calendario: 7, 14, 21 e 28
maggio; 4 e 11 giugno.
La Cresima sar conferita dal vescovo Douglas domenica 19
giugno alle 18.
Per info e iscrizioni al corso, rivolgersi a don Giordano Amati
(339 4228650).

CHIESA INFORMA

Gruppo di preghiera
Padre Guglielmo Gattiani
Venerd 15 aprile appuntamento del
gruppo di preghiera Padre Guglielmo
Gattiani al convento dei cappuccini, a
Cesena. Alle 21 recita del Rosario.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Il buon pastore conosce le sue pecore per nome
Domenica 17 aprile (Anno C)
IV Domenica di Pasqua
At 13,14.43-52; Sal 99; Ap 7,9.14b-17;
Gv 10,27-30

n quel tempo, Ges disse: Le mie pecore


ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi
seguono. Io do loro la vita eterna e non
andranno perdute in eterno e nessuno le
strapper dalla mia mano. Il Padre mio, che me le
ha date, pi grande di tutti e nessuno pu
strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre
siamo una cosa sola.
La liturgia della quarta domenica di Pasqua ci
propone un brano breve ma intenso del Vangelo
di Giovani in cui si evidenziano alcune
caratteristiche di Ges buon pastore, una delle
figure pi conosciute ed amate dai cristiani.
una delle immagini che meglio ci aiuta a cogliere
la relazione tra Ges e noi, i suoi discepoli. Il
buon pastore conosce per nome le sue pecore
cio il Signore conosce i suoi discepoli nella loro
intima essenza e li ama. Non si tratta di una
conoscenza intellettuale ma di una conoscenza
del cuore. Ges conosce il vero bisogno
dell'uomo che di essere amato ed ama i suoi
discepoli con un amore personale come se
ciascuno fosse l'unico. Le caratteristiche delle
sue pecore sono due: ascoltare e seguire. I
discepoli del Signore sono quelli che ascoltano la
sua voce. la voce di uno che ha parlato e parla
al profondo del cuore dell'uomo. Ascoltare non
solo udire perch nellascolto coinvolta tutta la
persona. L'ascolto l'atteggiamento proprio di
chi crede e comporta il seguire Ges che ha gi

tracciato la direzione del suo cammino.


Seguire Ges che da la vita per i suoi e li
custodisce significa essere al sicuro, avere
la vita eterna. Il Vangelo odierno ci dice
che nessuno potr rapire le pecore del
buon pastore. Sono saldamente nelle
sue mani. Il nostro destino inseparabile
da quello di Dio. Essere fra le mani di Dio
la vita eterna. Questo il motivo della
sicurezza, sulla quale si fonda tutta la
speranza dei discepoli e della Chiesa. La
Pasqua il momento in cui Cristo ha
dimostrato pienamente di essere il buon
pastore che da la vita per le sue pecore. La
vita eterna di cui parla il Vangelo non
riferita solo ad un tempo futuro ma ci
gi stata data. dentro di noi fin dal
giorno del nostro Battesimo. La
redenzione ci offerta nel senso che ci
stata donata la speranza affermava
Benedetto XVI nell'introduzione
dell'Enciclica Spe Salvi. la speranza di
conoscere Dio. La vita eterna non
continuare a vivere senza una termine.
la vita piena, la vita beata. Papa Francesco
nell'Angelus del 10 novembre del 2003 ha
affermato: Non questa vita a fare da
riferimento alleternit, allaltra vita,
quella che ci aspetta, ma leternit a
illuminare e dare speranza alla vita
terrena di ciascuno di noi! [...] Noi siamo
in cammino, in pellegrinaggio verso la vita
piena, e quella vita piena quella che ci
illumina nel nostro cammino!.
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned 18 aprile
san Galdino
At 11,1-18; Sal 41
e 42; Gv 10,1-10
marted 19
san Leone IX papa
At 11,19-26; Sal 86;
Gv 10,22-30
mercoled 20
santa Adalgisa
At 12,24-13,5;
Sal 66; Gv 12,44-50
gioved 21
santAnselmo
At 13,13-25; Sal 88;
Gv 13,16-20
venerd 22
san Leonida
At 13,26-33; Sal 2;
Gv 14,1-6
sabato 23
san Giorgio m.
At 13,44-52; Sal 97;
Gv 14,7-14

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della
Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
SantEgidio, San Bartolo
19.00 Tipano
20.00 San Giovanni Bono,
San Pio X, Ponte Pietra,
Torre del Moro, Gattolino
20.30 Villachiaviche

Sabato
e vigilie
15.00 Cappella cimitero Cesena,
Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Cappella
ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano,
San Paolo, Osservanza,
Madonna delle Rose,
Villachiaviche, San Rocco,
Case Finali, Diegaro,
Torre del Moro, Borello,
San Mauro in Valle,
San Giorgio, San Vittore
18.30 Convento Cappuccini,
San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Tipano
19.30 Bulgarn
20.00 San Bartolo, Bulgaria,
Ruffio, Pioppa,

Pievesestina,
Ponte Pietra,
Gattolino, Ronta
20.30 San Pio X, Calisese,
San Giovanni Bono

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
8.45 San Martino in Fiume
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria,
San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
SantEgidio,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,

11.10
11.15
11.30

12.30
15.00
17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

Osservanza,
San Domenico, Santo
Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio, San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in
Valle, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Rocco,
Istituto Lugaresi,
San Pietro, San Pio X,
Case Finali, Santa Maria
della Speranza
Torre del Moro (in inglese,
comunit nigeriani)
Cappella del cimitero
Cappella dellospedale
Bufalini
Cattedrale, Osservanza,
San Domenico
San Pietro, Cappuccini
Villachiaviche
San Bartolo

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)

Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina;
16,30 San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti,
Boschetto;
20 Sala;
20,30 San Giacomo
Festivi:8 San Giacomo, Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
8,30 Sala; 9 Cappuccini;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,15 Cannucceto;
10 Villalta, Villamarina;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
17,30 Cappuccini;
18 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10 / 11,15 / 18.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11 / 18
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso

Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 19 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16; Alfero: 17
(sab.); 11,15; Pereto: 10;
Riofreddo: 10;
Corneto: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 14 del 7 aprile 2016: 8.134 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di marted 12 aprile 2016

Vita della Diocesi


Sabato 16 aprile il cardinal Montenegro (presidente Caritas nazionale) a Cesena

Misericordia
accoglienza
A

ppuntamento di grande prestigio per


la Caritas diocesana. In qualit di presidente della Caritas nazionale, sar a
Cesena, sabato 16 aprile, larcivescovo di
Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro. Verr a parlare di Misericordia accoglienza nellambito di un appuntamento che
nel salone di Palazzo Ghini (corso Sozzi, 39, a
Cesena) con inizio alle 15,30 prevede lillustrazione di un dossier sulle povert nel nostro territorio. Curato dal sociologo Giancarlo DallAra, la presentazione dello studio
svolto sar di certo unoccasione importante per raccontare lattivit del Centro di ascolto e non solo, come dice il direttore della Caritas diocesana, il diacono Ivan Bartoletti
Stella. Una situazione, quella delle povert

- Alle 15,30 a Palazzo Ghini (corso Sozzi)


incontro-presentazione Dossier sulle povert
- Alle 18 trasferimento nuova sede Caritas, in via
don Minzoni
- Alle 21, in Cattedrale a Cesena, il cardinale
Montenegro presieder la Veglia per le Vocazioni
nel Cesenate,
non
certo
migliorata
negli ultimi tempi. Anzi, aggiunge Bartoletti
Stella, peggiorata sicuramente, visti i pasti
consumati ogni giorno alla nostra mensa. Infatti siamo passati da una media di 35-40, ad
almeno 50. Sono sufficienti questi scarni numeri per comprendere le difficolt che ancora attanagliano la Romagna, non risparmiata dalla crisi economica globale.
Dopo lintroduzione da parte del vescovo
Douglas e il saluto dellassessore ai servizi per
le persone del Comune di Cesena Simona Benedetti, seguir lintervento sulle povert
2015 da parte di DallAra a cui succeder la
prolusione del cardinale.

Lintenso pomeriggio prevede altri interventi. Il dirigente dei servizi sociali dellUnione
dei Comuni della Valle del Savio, Matteo Gaggi, tratter della situazione dei richiedenti
asilo. Israel De Vito, governatore delle Misericordie della Valle del Savio si occuper del
Progetto Profumo di carit. Infine, il pastore della Chiesa Avventista, Miguel Guttierez,
narrer delle loro esperienze di accoglienza.
Attorno alle 18, i partecipanti allappuntamento proposto dalla Caritas diocesana si
sposteranno nei locali di via don Minzoni per
linaugurazione ufficiale della nuova sede.
In serata, con inizio alle 21, il cardinale Montenegro presieder in Cattedrale la veglia di
preghiera per la Giornata mondiale per le
vocazioni.

Messaggio del vescovo Douglas per la Giornata mondiale delle vocazioni che si celebra
domenica 17 aprile

Preghiera
testimonianza
e impegno
L

a 53esima Giornata mondiale per le


vocazioni una giornata di
preghiera. Cos nata nel cuore e nel
pensiero del beato Paolo VI. La nostra
comunit diocesana, perci, in
comunione con tutto il mondo cattolico,
nella quarta domenica di Pasqua, grazie
anche alla Parola del Vangelo che verr
proclamato in quel giorno (cfr Gv 10, 2730), rifletter e pregher per le vocazioni
al sacerdozio.
Siamo convinti che la preghiera ha una
grande importanza. Essa necessaria per
vivere momenti decisivi della vita
ecclesiale; Ges stesso ci ha dato
lesempio: prima di scegliere gli apostoli
passa una intera notte in preghiera (cfr Lc
6,12); gli Undici, dopo lascensione del
Signore al cielo, scelgono il sostituto di
Giuda Iscariota dopo aver pregato (cfr At
1, 23-26).
La preghiera ha una forza del tutto
particolare anche per ottenere da Dio
grazie speciali. Pensiamo a Mos che sul
monte, dopo quaranta giorni e quaranta
notti di preghiera, riceve le tavole della
Legge (cfr Es 24,18; 31,18), oppure
quando con le mani alzate prega per la

vittoria del popolo (cfr Es 17, 8-13); ma


pensiamo anche agli Undici apostoli che
con Maria e i fratelli del Signore pregano
perseveranti e concordi (At 1,14) in
attesa dello Spirito Santo.
La preghiera per le vocazioni sacerdotali
la via principale, tra laltro esplicitamente
indicata da Ges nel vangelo (cfr Lc 10,2),
per unefficace animazione vocazionale.
Essa tuttavia deve essere accompagnata
da unintensa testimonianza personale di
vita cristiana e da un solido impegno di
vita ecclesiale. Il tema della comunione
ecclesiale sottolineata dal messaggio del
Santo Padre sia nel titolo (La Chiesa,
madre di vocazioni) che nei contenuti.
Auspichiamo che anche per noi si realizzi
ci che il Papa ha scritto nel messaggio:
Tutti i fedeli sono chiamati a rendersi

consapevoli del
dinamismo ecclesiale
della vocazione,
perch le comunit di
fede possano
diventare, sullesempio
della Vergine Maria,
seno materno che
accoglie il dono dello
Spirito Santo (cfr Lc
1,35-38). La maternit
della Chiesa si esprime mediante la
preghiera perseverante per le vocazioni e
con lazione educativa e di
accompagnamento per quanti
percepiscono la chiamata di Dio.
NellAnno giubilare straordinario della
Misericordia il Signore conceda a tutti noi
di vivere con gioia lappartenenza alla
Chiesa perch dal suo grembo nascano e
fioriscano sempre nuove vocazioni.
A Maria, Madonna del popolo, la cui festa
abbiamo appena celebrato, protegga il
nostro Seminario, i nostri seminaristi e
tutti quei giovani su cui si posato lo
sguardo compassionevole di Ges (Dal
messaggio papale per la 53 Giornata di
preghiera per le vocazioni).
Cesena, 11 aprile 2016
Douglas Regattieri
vescovo

Gioved 14 aprile 2016

In breve
Artiste celebri,
incontro del Convegno
Maria Cristina
Luned 18 aprile alle 16, il professor Fernando
Lanzi relazioner sul tema Artiste celebri del
ventesimo secolo: Frida Kahlo. La conferenza,
promossa dal Convegno Maria Cristina di
Savoia e aperta a tutti, si terr presso la sala
Cacciaguerra della Banca di Credito
cooperativo romagnolo, in viale Bovio a
Cesena.

Ai Cappuccini di Cesena
Festa della Madonna
del Buon Consiglio
omenica 24
D
aprile, al
convento dei

Cappuccini di
Cesena, si celebra la
festa della Madonna
del Buon Consiglio.
In preparazione, il
triduo prevede
gioved 21 aprile
alle 17,30 il
trasporto della venerata immagine dalla
rinnovata celletta alla chiesa dei Cappuccini
e, alle 18,30, celebrazione della Messa.
Venerd 22 e sabato 23 aprile, alle 17,45
Rosario meditato e alle 18,30 la Messa.
Domenica 24 aprile, giorno della festa della
Madonna del Buon Consiglio, alle 10 la
celebrazione della Messa; alle 17,45 Rosario
meditato e alle 18,30 Messa solenne
presieduta dal vescovo Douglas Regattieri,
con benedizione della citt dal piazzale. A
seguire, processione di ritorno della
immagine nella celletta.

I colori dello Spirito


Giornate di fraternit
a La Verna
Le suore francescane della Sacra Famiglia
propongono I colori dello Spirito: una quattrogiorni di preghiera, fraternit e servizio (rivolta
a giovani) presso la casa La Roccia a La Verna
(Arezzo), dal 22 al 25 aprile. unopportunit di
condivisione, riposo e fraternit ai piedi del
Monte Santo di La Verna.
Per info e iscrizioni: suor Nadia, tel. 0546
941033, nadia79p@tiscali.it.

Anno dellEucaristia
Incontro a San Lorenzo
Nellanno dellEucaristia, lUnit pastorale di
Budrio-Crocetta-Montilgallo-Longiano-San
Lorenzo propone un ciclo di incontri. Il secondo
incontro si terr marted 19 aprile alle 21 a San
Lorenzo in Scanno. Don Pier Giulio Diaco, vicario
generale, guider la riflessione su Eucaristia
cuore della Chiesa.

Il vescovo Douglas ha guidato sacerdoti, diaconi e seminaristi in una tre giorni tra Orvieto, Roma e Grottaferrata

Presbiterio, giorni di fraternit nei luoghi che parlano di Dio


D

FOTO DI GRUPPO NELLA BASILICA DI SAN PIETRO PER I PARTECIPANTI ALLA TRE GIORNI DI FRATERNIT DEL PRESBITERIO (30 MARZO-1 APRILE)

a Orvieto a Roma fino a Grottaferrata:


ecco le tappe principali della tre giorni
della fraternit del clero che si tenuta
dal 30 marzo all1 aprile e che ha visto la
partecipazione di 26 tra sacerdoti, diaconi e
seminaristi della Diocesi di Cesena-Sarsina
guidati dal vescovo Douglas Regattieri in un
pellegrinaggio verso Roma che li ha portati a
visitare luoghi che parlano di Dio, della sua
presenza nella storia.
Siamo partiti mercoled 30 marzo - spiega
Michele Galassi, seminarista della diocesi - e
la prima tappa stata Orvieto dove abbiamo
celebrato la Messa nella cappella in cui
custodito il miracolo eucaristico di Bolsena.
Da Orvieto ci siamo spostati a Roma: qui
abbiamo celebrato la Messa sulla tomba di
San Pietro e abbiamo visitato la necropoli.
Dopo la visita alla basilica vaticana, nel
pomeriggio la guida ci ha accompagnati per
Roma facendoci scoprire la piccola cappella
della Madonna dellArchetto, vicino alla

basilica dei Santi Dodici Apostoli. Il terzo


giorno ci siamo fermati a Grottaferrata dai
monaci basiliani greco-cattolici di rito
bizantino.
Sono state giornate molto intense, piene di
silenziose testimonianze di fede che
vengono da lontano nel tempo ma che sono,
ancora oggi, pi vive che mai. Di questo
pellegrinaggio credo che la cosa pi bella sia
stata la fraternit, il camminare insieme,
laspettarsi quando qualcuno rimaneva
indietro, il condividere i pasti e i momenti di
svago. Per noi seminaristi - sottolinea
ancora Galassi - stata una testimonianza
fondamentale nel nostro cammino. Ci siamo
sentiti a casa, accolti in questa grande
famiglia che il presbiterio. Da questo
pellegrinaggio torniamo a casa pi ricchi
non solo delle tante cose che abbiamo visto
ma anche di questa bellissima esperienza di
condivisione che abbiamo fatto in questi
pochi giorni.

Gioved 14 aprile 2016

Esortazione
apostolica

Vita della Chiesa

Don Saulo Scarabattoli uno dei due parroci che hanno partecipato al Sinodo sulla
famiglia su nomina del Papa: Nelle parrocchie dobbiamo accogliere le speranze,
soprattutto quando l'esempio che i ragazzi hanno davanti non sano

Amoris laetitia, Tutte le porte sono aperte


I

l cinquantesimo di sacerdozio,
celebrato qualche giorno fa a Roma,
stato per don Saulo Scarabattoli non
soltanto loccasione per rivedere i vecchi
compagni di corso. Dopo la Messa a
Santa Marta, il parroco di Perugia che ha
partecipato al Sinodo sulla famiglia
stato ricevuto da Francesco per un
saluto: Sono tornato a casa con una
bellissima sensazione di speranza e di
apertura. Ho ringraziato il Papa, perch
noi parroci possiamo contare sulla sua
benedizione e la sua esortazione a uscire.
Se mi avesse detto: devi portare
larmatura di ferro della dottrina e farla
indossare alle persone, sarei stato
angosciato perch non avrei trovato
nessuno a cui larmatura sarebbe stata
adeguata. Ma Francesco ci invita a curare
le persone, allora posso andare con
fiducia. Porto un vestito adatto a
ciascuno, cucito su misura per coprire la
nudit della desolazione, dellamarezza,
della solitudine. un vestito di festa.
DallEsortazione apostolica si apprende
che la logica dellintegrazione la chiave dellaccompagnamento pastorale delle situazioni dette irregolari.
Discernimento e integrazione sono i
termini forti per quel che riguarda
laccoglienza delle situazioni difficili.
LEsortazione la fioritura dei semi gettati
durante il Sinodo, anche tra qualche
erbaccia.
Tutte le porte sono aperte. Questo non
significa che il Papa percorra ogni
sentiero, ma che lascia a noi parroci la
libert di andare incontro alle persone in
carne e ossa.
Se ci fossero state porte chiuse, la dottrina
sarebbe stata unarmatura di ferro
conservata in un castello e noi parroci
saremmo diventati i custodi del museo.

DON SAULO SCARABATTOLI (FOTO ARCHIVIO SIR)

Nellaccompagnamento dei giovani al


matrimonio, Francesco suggerisce un
maggiore coinvolgimento dellintera
comunit privilegiando la
testimonianza delle stesse famiglie.
Dobbiamo comunicare alle coppie di
fidanzati la bellezza di quello che il
Signore promette e che possibile vivere
il per sempre. I giovani non devono
temere di impegnarsi: spesso si
domandano Cosa succeder? e non
Cosa posso fare perch accada il bene?.
La preparazione fondamentale, perch
se butto nei campi il loglio non posso
attendermi fiori sgargianti. Le famiglie e i
genitori dei fidanzati sono la prima
scuola esistenziale per convincersi che
valga la pena.
Nelle parrocchie dobbiamo accogliere le
speranze, soprattutto quando lesempio
che i ragazzi hanno davanti non sano.
La Chiesa non manca di valorizzare gli
elementi costruttivi in quelle situazioni
che non corrispondono ancora o non
pi al suo insegnamento sul matrimo-

nio. Perch molti giovani non hanno fiducia nel matrimonio e scelgono la convivenza?
Non credo che la convivenza sia un
dramma per quanti non sono arrivati
alla maturit della scelta matrimoniale.
Piuttosto che un matrimonio avventato,
meglio una onesta convivenza in cui
iniziare a sperimentare valori umani
positivi. Considero la convivenza come
una fase iniziale per chi non si sente
ancora pronto. E poi parliamo
apertamente: se i messalizzanti bene che
vada sono il 25 per cento degli italiani,
anche i matrimoni cattolici dovrebbero
essere di analoga percentuale. Io invito le
persone a celebrare il matrimonio, ma le
aiuto a scegliere partendo dalle loro
condizioni di vita.
Adeguato discernimento personale e
pastorale richiesto anche nei confronti dei divorziati che vivono una nuova unione.
Da quando sono andato al Sinodo, ho
incontrato soltanto due situazioni

irregolari che sto seguendo. Li


accompagno fino ai piedi dellaltare.
Tendere le mani per prendere
lEucarestia dipende dalla singola
persona, non il prete che pu decidere
se darla o meno. Io mi limito a chiedere
di interrogare la coscienza davanti al
Signore, perch nessuno escluso. Come
prete dar sempre lEucarestia.
Se vedo mani aperte, penso che anche il
cuore lo sia. E allora chi sono io per
decidere chi non pu prendere
lEucarestia?
Lei anche cappellano della sezione sezione femminile del carcere di Perugia.
Si pu parlare di famiglia anche dietro le
sbarre?
La famiglia, in carcere, soprattutto una
nostalgia. Non c la possibilit di avere
contatti quotidiani. Quando va bene si
parla di una telefonata a settimana.
possibile conservare dei legami, ma
faticoso. Gran parte delle persone in
carcere non sono sposate.
Una buona parte delle donne ha
compagni e non mariti, sono convivenze
di fatto virtuali. Molte di loro non hanno
esperienza di famiglia, n in quella di
origine n in quella che hanno provato a
costruire.
Riccardo Benotti

Vita della Chiesa

Gioved 14 aprile 2016

LA FAMIGLIA SECONDO PAPA FRANCESCO

SOTTO, IL CARDINALE SCHNBORN


LLA PRESENTAZIONE DELLESORTAZIONE APOSTOLICA
AMORIS LAETITIA
(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Umanit da integrare
nella vita della Chiesa
con discernimento
pastorale
Pubblicata lesortazione del Papa Amoris laetitia che raccoglie il
lavoro dei due anni di cammino del Sinodo sulla famiglia.
Integrare tutti, la frase guida. Parlare alle famiglie cos come
sono, la consegna. Niente pi distinzioni tra situazioni regolari
o irregolari: accompagnare, discernere e integrare linvito ai
vescovi e ai pastori, chiamati a valutare caso per caso

re verbi - accompagnare, discernere e


integrare - e un imperativo: Integrare
tutti, cio aiutare ciascuno a trovare il
proprio modo di partecipare alla
comunit ecclesiale, perch si senta oggetto di
una misericordia immeritata, incondizionata e
gratuita. Amoris laetitia, lesortazione
apostolica di papa Francesco firmata il 19 marzo,
ma pubblicata l8 aprile e indirizzata ai vescovi,
ai presbiteri e ai diaconi, alle persone consacrate,
agli sposi cristiani e a tutti i fedeli laici sullamore
nella famiglia. Non tutte le discussioni
dottrinali, morali o pastorali devono essere
risolte con interventi del magistero, esordisce
Francesco nel documento - 260 pagine, 325
paragrafi articolati in nove capitoli - in cui
definisce un prezioso poliedro il contributo
offerto dai padri sinodali nei due anni di
cammino del Sinodo sulla famiglia, il primo del
suo pontificato. E proprio le due Relatio Synodi
del 2014 e del 2015, insieme alle 28 catechesi del
mercoled nel periodo intersinodale (menzionate
50 volte), sono i testi maggiormente citati da
Francesco, insieme agli interventi dei suoi
predecessori - san Giovanni Paolo VI, Paolo VI e
Benedetto XVI - in testi basilari per la pastorale
familiare come la Familiaris consortio e
lHumanae vitae. Parlare delle famiglie cos
come sono, la consegna del Papa improntata a
un sano realismo cristiano e alla tradizione
gesuitica delleducazione alla responsabilit
personale: di qui la necessit di una salutare
autocritica sul modo in cui abbiamo parlato del
matrimonio, facendone a volte un ideale troppo
astratto. No, allora, alla distinzione tra famiglie
regolari e irregolari: Non pi possibile dire
che tutti coloro che si trovano in qualche
situazione cosiddetta irregolare vivono in stato
di peccato mortale. S, invece, nellAnno del
Giubileo, allo sguardo positivo sulla famiglia,
improntando a quella stessa misericordia che
Ges ha usato con la samaritana.
Se si tiene conto dellinnumerevole variet di
situazioni concrete - laffermazione di sintesi del
Papa sullimpostazione di fondo del documento -

comprensibile che non ci si dovesse


aspettare dal Sinodo o da questa
Esortazione una nuova normativa
generale di tipo canonico applicabile a
tutti i casi.
Per le situazioni difficili, complesse e
irregolari delle famiglie la legge da
seguire quella della gradualit, gi
sancita da san Giovanni Paolo II 35 anni
fa, nella Familiaris consortio.

Non pi possibile dire


che tutti coloro che si
trovano in qualche
situazione cosiddetta
irregolare vivono in stato
di peccato mortale.
NellAnno del Giubileo,
bisogna tenere i piedi per
terra e adottare uno
sguardo positivo sulla
famiglia. I divorziati
risposati devono essere pi
integrati nelle comunit
cristiane nei diversi modi
possibili, evitando ogni
occasione di scandalo.
Il Papa non nomina mai
esplicitamente il tema
dellaccesso alla comunione
per i divorziati risposati ma
- in una nota dellottavo
capitolo -, a proposito
dellaiuto della Chiesa, fa
presente che in certi casi,
potrebbe essere anche
laiuto dei sacramenti

convinto il Papa, che nellultima sezione


dellottavo capitolo del testo spiega in
questi termini la logica della misericordia
pastorale.

Tiene i piedi per terra il Papa, nel


secondo capitolo, dedicato allanalisi della
situazione delle famiglie. Labuso sessuale
sui bambini ancora pi scandaloso nelle
istituzioni cristiane, tuona Francesco, che
stigmatizza lideologia del gender, la
I divorziati che vivono una nuova
pratica dellutero in affitto, la violenza
unione possono trovarsi in situazioni
sulle donne e in fatto di migrazioni esorta a
molto diverse, scrive il Papa esortando i vescovi e i distinguere tra mobilit umana e
pastori a coniugare discernimento personale e
migrazioni forzate. Nel sesto capitolo,
discernimento pastorale. I divorziati risposati, in ampio spazio alla preparazione remota e
particolare, devono essere pi integrati nelle
prossima al matrimonio. Tra le proposte,
comunit cristiane nei diversi modi possibili,
istituire nelle parrocchie un servizio
evitando ogni occasione di scandalo.
dinformazione, di consiglio e di
la logica dellintegrazione: Sono battezzati,
mediazione, legato alla pastorale familiare.
sono fratelli e sorelle, non devono sentirsi
Una trattazione a parte meriterebbero il
scomunicati, e la loro partecipazione pu
quarto e il quinto capitolo, definiti
esprimersi in diversi servizi ecclesiali, attraverso
centrali dallo stesso Francesco: un tributo
la capacit di discernere quali delle diverse forme allamore umano in tutti i suoi aspetti,
di esclusione attualmente praticate in ambito
comprese la fecondit e la generativit.
liturgico, pastorale, educativo e istituzionale
possano essere superate.
Il divorzio un male, ed molto
Credendo che tutto sia bianco e nero, a volte
preoccupante la crescita del numero dei
chiudiamo la via della grazia e della crescita e
divorzi. A ribadirlo il Papa, che nel
scoraggiamo percorsi di santificazione che danno capitolo sesto dellAmoris laetitia, tra le
gloria a Dio.
situazioni complesse, cita i matrimoni tra
NellAmoris laetitia, non si nomina mai
cattolici e altri battezzati, i matrimoni misti
esplicitamente il tema dellaccesso alla
e quelli con disparit di culto.
comunione per i divorziati risposati ma - in una
nota dellottavo capitolo - a proposito dellaiuto
Imparare a educare i figli senza
della Chiesa, si fa presente che in certi casi,
lossessione del controllo. uno dei
potrebbe essere anche laiuto dei sacramenti.
consigli del Papa ai genitori, contenuto nel
Linvito ai pastori al discernimento pratico caso capitolo settimo, dedicato a questo tema.
per caso: Un piccolo passo, in mezzo a grandi
limiti umani, pu essere pi gradito a Dio della
S alleducazione sessuale, il titolo di un
vita esteriormente corretta di chi trascorre i suoi
paragrafo, in cui il Papa propone un esame
giorni senza fronteggiare importanti difficolt.
di coscienza: Dovremmo domandarci se le
Oggi, pi importante di una pastorale dei
nostre istituzioni educative hanno assunto
fallimenti lo sforzo pastorale per consolidare i
questa sfida.
matrimoni e cos prevenire le rotture. Ne
M. Michela Nicolais

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

ROMA - Giubileo della Misericordia (ulmi pos):


- PELLEGRINAGGIO DIOCESANO presieduto dal vescovo Douglas Regaeri (un giorno, 25 aprile 2016) 50 euro
- PELLEGRINAGGIO con le parrocchie di Budrio e di Longiano (due giorni, 24 e 25 aprile 2016)
150 euro
- PELLEGRINAGGIO con lUNITALSI Cesena

(due giorni, 24 e 25 aprile 2016, iscrizioni presso Umberto e Giovanna, 329 6484489, 333 2995808) 150 euro

TERRASANTA - Giubileo della Misericordia (8 giorni, dal 6 al 13 oobre):


- In aereo da Bologna: Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, i Santuari del Lago di Tiberiade, Gerico, Betlemme, Gerusalemme

con il passaggio della Porta Santa nella Basilica del Getzemani sul Monte degli Ulivi. Trasferimen per Bologna, pensione
completa, ingressi, accompagnatore e guida da 1.120 euro

LOURDES: 4 giorni, dal 16 al 19 maggio 2016 - in aereo - con la parrocchia di San Domenico di Cesena
SAN GIOVANNI ROTONDO

da 540 euro

- 3 giorni, dal 2 al 4 giugno 2016 - Monte SantAngelo e Manoppello (con il gruppo di preghieraSan Pio da Pietrelcina) 190 euro

FATIMA e SANTIAGO DE COMPOSTELA


- 5 giorni, dal 18 al 22 giugno 2016 - Voli e pullman da Rimini: Oporto, Sanago, Coimbra, Fama. Pensione completa da 730 euro

10

Attualit

Gioved 14 aprile 2016

Referendum abrogativo
Si vota solo domenica 17 aprile

S o no
La questione
delle trivelle
Il quesito verte sullabrogazione di una
norma che, oggi, concede di prolungare
le concessioni per estrarre idrocarburi,
entro 12 miglia nautiche dalle coste italiane,
sino allesaurimento dei giacimenti

pochi giorni dal referendum


abrogativo di domenica 17 aprile (si
vota dalle 7 alle 23), sulle cosiddette
trivelle, in molti non sono ancora
riusciti a farsi unidea esatta del tema in
oggetto. Uno smarrimento comprensibile, se
si pensa che quella data in pasto agli elettori
materia da addetti ai lavori.
Il quesito verte sullabrogazione di una norma
che oggi concede di prolungare le concessioni
per estrarre idrocarburi, entro 12 miglia
nautiche dalle coste italiane, sino
allesaurimento dei giacimenti.
Se alle urne vinceranno i S (e il referendum
raggiunger il quorum di votanti, pari alla
met pi uno degli aventi diritto) la norma
sar abrogata e le concessioni giungeranno
alla scadenza prevista senza poter essere
rinnovate. Se il quorum mancasse, o
dovessero prevalere i No, nei giacimenti dove
gi si lavora si continuer a farlo fino
allesaurimento degli stessi.
Il referendum, comunque, segna gi alcuni
primati ancor prima che vengano aperte le
urne. Primo tra questi, il numero di firme
raccolte tra i cittadini per metterlo in piedi:
zero. Sar, infatti, il primo referendum
abrogativo richiesto da almeno cinque
Consigli regionali, una facolt concessa
dallarticolo 75 della Costituzione e mai
sfruttata sino ad oggi.
A interessare i Consigli regionali della materia
sono state, nellestate scorsa, diverse
associazioni ambientaliste riunitesi in
coordinamento nazionale. Sei i quesiti
proposti inizialmente, che toccavano dalla
dichiarazione di strategicit delle attivit di
ricerca ed estrazione di idrocarburi alle norme
di approvazione delle aree; dalla disciplina
delle concessioni fino ai poteri sostitutivi dello
Stato di autorizzare (in caso di rifiuto delle

Monsignor Galantino:
Sulle trivelle
non c un s o un no

Se alle urne
vinceranno i S
(e il referendum
raggiunger il quorum
di votanti, pari
alla met pi uno
degli aventi diritto) la
norma sar abrogata
e le concessioni
giungeranno
alla scadenza prevista
senza poter essere
rinnovate. Se il
quorum mancasse,
o dovessero prevalere
i No, nei giacimenti
dove gi si lavora
si continuer a farlo
fino allesaurimento
degli stessi

Regioni) infrastrutture,
insediamenti strategici e
attivit di estrazione degli
idrocarburi.
La richiesta delle
associazioni stata fatta
propria dai Consigli
regionali di Abruzzo (poi
ritiratosi), Basilicata,
Calabria, Campania,
Liguria, Marche, Molise,
Puglia, Sardegna e Veneto.
Regioni in larga parte (8 su
10) governate dal centrosinistra. E questo ha costituito un ulteriore primato,
dato che il presidente del Consiglio Matteo Renzi
(Pd) si pronunciato pubblicamente per
lastensione (lasciando comunque libert di voto
agli iscritti al proprio partito).
Tutti e sei i quesiti sono stati giudicati legittimi dalla
Corte di Cassazione nel novembre scorso. A gennaio,
per, cinque di essi sono stati respinti a causa delle
modifiche apportate in materia da Governo e
Parlamento.
La Regione Emilia-Romagna non si fatta
promotrice del referendum e questa posizione
stata illustrata di recente dal segretario regionale del
Pd (e consigliere regionale) Paolo Calvano alla
direzione nazionale del suo partito, alla presenza di
Matteo Renzi: Per lEmilia-Romagna il referendum
non inutile, residuale. Tutto quello che ci
premeva cambiare gi stato inserito nella
Finanziaria.
Eppure allinterno del Pd in tanti guardano con
favore alle ragioni del S (a partire dallonorevole
cesenate Enzo Lattuca) per lanciare un segnale
politico e di attenzione alle energie rinnovabili.
Trasversale il fronte a favore del S tra i diversi partiti
allopposizione, con il No caldeggiato solo da tecnici
(Ordine dei geologi, Cnr) e addetti ai lavori.

ulle trivelle non c un s o un no, e la questione non


lastensione. Con questa parole monsignor Nunzio Galantino,
segretario generale della Cei, ha illustrato uno dei temi di cui si
occupato il Consiglio episcopale permanente. Su queste questioni ha spiegato gli slogan non funzionano, n pro n contro.
Bisogna coinvolgere la gente a interessarsi di pi a queste realt,
creando spunti di incontro e confronto su temi che sono di straordinaria importanza. Spesso le persone sono state informate a
posteriori, la denuncia del vescovo, secondo il quale in Italia
manca la capacit di coinvolgere le persone e di stare insieme
non per contarci, ma per capire. Bisogna chiedersi, per il segretario generale della Cei, se riusciamo in Italia a non risolvere i
problemi solo dividendoci tra favorevoli e contrari, a capire che
alcuni problemi sono la spia di un malessere a vari livelli. Nel nostro Paese, in sintesi, manca la passione culturale che ha sempre
caratterizzato lItalia e di cui ci ha parlato il Papa a Firenze. Prima

Urne aperte
e Consulta regionale
La Consulta regionale per la Pastorale
sociale e del lavoro della Conferenza
Episcopale Emilia Romagna, in occasione del referendum di domenica 17
aprile, sottolinea che lespressione della volont dei cittadini nelle forme
previste dallistituto referendario che
contempla anche lastensione costituisce un significativo momento di vita democratica, per la quale occorre
unadeguata e previa informazione.
Ogni consultazione va vissuta come
responsabilit nei confronti del
bene comune e, in questo caso, dellambiente.
Va comunque sottolineato come occorra guardare oltre al risultato possibile
della consultazione, che inevitabilmente condizionata dai pregi e dai difetti dellistituto referendario.
Qualunque sia lesito, resta aperto il
problema delle decisioni politiche che
comunque dovranno essere prese. In
particolare bisogner tenere presente:
1. il problema del lavoro di chi coinvolto nel settore;
2. la necessit e lurgenza di un graduale ma deciso passaggio alle energie
rinnovabili, cos come sollecita lenciclica Laudato si;
3. la promozione di adeguate politiche
di sostegno allindustria delle energie
rinnovabili;
4. da parte del Governo, porre un limite temporale allo sfruttamento dei giacimenti.

che dilapidare la terra, laria, lambiente, stiamo dilapidando la


capacit dellItalia che viene dalla Magna Grecia di ragionare
sulle cose, perch tutti ne abbiamo da guadagnare. La questione
ambientale, si legge nel comunicato finale, ha occupato i vescovi
a Genova: sulle trivelle, in particolare, ossia sulla questione se
consentire o meno agli impianti gi esistenti entro la fascia costiera di continuare la coltivazione di petrolio e metano fino allesaurimento del giacimento, anche oltre la scadenza delle
concessioni, i vescovi hanno concordato circa limportanza che
essa sia dibattuta nelle comunit per favorirne una soluzione appropriata alla luce dellenciclica Laudato si di papa Francesco. A
domanda precisa sulla posizione espressa nei giorni scorsi da
Avvenire, in cui si afferma che basterebbero le parole della Laudato si per comprendere come mai la Chiesa, in vista del referendum del 17 aprile, si trovi schierata sulle posizioni dei comitati
No triv, si detto daccordo.

Attualit
Ogni giorno arrivano sullisola greca in
media mille migranti. In compenso in una
settimana si riusciti a trasferire in Turchia
duecento espulsi. In pratica come
cercare di svuotare un lago alimentato
da un fiume con un rigagnolo. Nel
frattempo coloro che sono arrivati dopo
il 18 marzo sono di fatto dei detenuti
che scontano la lentezza della procedura
con quella che di fatto una prigione
dietro inferriate e reticolati

Gioved 14 aprile 2016

MIGRANTI SULLA COSTA


DELLISOLA DI LESBO (GRECIA)
(FOTO AFP/SIR)

Guardare a Lesbo con coscienza inquieta


L

il Periscopio

tutto, compresa la decisione finale, per


iscritto, fare scortare gli espulsi ai luoghi
pi o meno distanti di destinazione.
Cos anche a Lesbo, dove pure il lavoro
era stato studiato e organizzato con i
suggerimenti dellEuropa, i tempi del
vaglio e della selezione dei migranti non
tornano.
Ogni giorno arrivano sullisola in media
quasi mille migranti. In compenso in una
settimana si riusciti a trasferire in
Turchia circa duecento espulsi. In pratica
come cercare di svuotare un lago
alimentato da un fiume con un
rigagnolo. Nel frattempo coloro che sono
arrivati dopo il 18 marzo sono di fatto dei
detenuti che scontano la lentezza della
procedura con quella che di fatto una
prigione dietro inferriate e reticolati.
La questione di Lesbo e laccordo con la
Turchia perch porti fuori dallEuropa
diverse decine di migliaia di migranti in
cambio di 3 miliardi di euro da stanziare
subito (e altri 3 entro il 2018 sulla base
dei risultati conseguiti) la conclusione
mercantile dellimpossibilit di risolvere
il problema dei profughi in Europa
attraverso la solidariet. Si ricorder
certamente che nel settembre dellanno
scorso a Bruxelles si era raggiunto un
accordo a maggioranza per distribuire fra
i vari paesi europei 120mila profughi che
erano arrivati nei paesi del sud in primo
luogo in Italia e in Grecia. Ebbene, dopo
sei mesi da quellaccordo, non centomila
e nemmeno diecimila profughi, ma solo
appena poco pi di mille sono stati
delocalizzati dallItalia e dalla Grecia in
altri paesi. Contro quellaccordo
votarono contro Ungheria, Repubblica
Ceca, Slovacchia e Romania. La Finlandia
si astenne. Dopo gli attentati di Parigi e di
Bruxelles il presidente ungherese Victor
Urban, il presidente ceco Milos Zeman, il
primo ministro polacco Beata Zrydlo, il
presidente slovacco Robert Fico hanno

di Ernesto Diaco

accentuato la loro opposizione


allemigrazione affermando che i
terroristi sono tutti profughi, anche se
finora le indagini hanno dimostrato che
gli autori degli attentati in Francia e
Belgio sono belgi di origine marocchina
nati sul suolo belga.
Daltra parte questa teoria per cui con
lemigrazione si importa il terrorismo
in contraddizione con laltra posizione di
chi, per limitare al minimo lemigrazione,
si dichiara disposto ad accettare solo i
profughi dalla Siria e dallIraq che sono
paesi in guerra, ma anche i paesi che
ospitano il terrorismo dellIsis.
Comunque alle parole sono seguiti i fatti.
LUngheria in tutto il 2015 ha concesso il
diritto dasilo solo a 146 persone dopo
aver creato muri antimmigrati lungo tutti
i confini del paese. La Slovenia ha imitato
lUngheria costruendo una barriera al
confine con la Croazia. Ora anche
lAustria minaccia di chiudere il
Brennero dopo aver buttato l la cifra di
300mila migranti che nel 2016
arriverebbero in Italia, mentre finora
dallinizio dellanno ne sono arrivati
19mila. La Polonia con il nuovo governo
di destra ha detto no anche
allaccoglienza dei 7.500 migranti che era
stata decisa dal precedente governo e
finora ha accolto solo 150 profughi
cristiani provenienti dalla Libia. Anche la
Slovacchia dichiara di prendere dei
profughi solo se sono cristiani oltre che
siriani e nel 2014 ha concesso asilo
politico appena a 14 richiedenti. Regno
Unito e Danimarca hanno deciso di non
partecipare alla redistribuzione.
Germania, Francia e Spagna hanno
promesso di redistribuirsi fra loro circa
sessantamila profughi, ma solo se hanno
lo statuto di rifugiati politici e nel
frattempo a questo fine rafforzano i loro
controlli alle frontiere.
Romanello Cantini

Ma vero che
luso di internet e
della tecnologia
digitale diverso
se ad accendere il
computer un
uomo o una
donna? Oppure il
fantastico mondo del web ha il potere di annullare nella navigazione digitale ogni disuguaglianza tra maschile e femminile,
realizzando cos la tanto desiderata polverizzazione delle differenze?
A porre la domanda Tonino Cantelmi, direttore dellIstituto di terapia cognitivo interpersonale di Roma, nella rubrica che
tiene ogni settimana sul periodico RomaSette. Prima di sciogliere lenigma, lo psichiatra sottolinea che il digital divide di
genere finalmente abbattuto: gli ultimi
dati attestano che uomini e donne hanno le
stesse opportunit di accesso alla tecnologia. Ma come la utilizzano? Come abitano il
continente digitale?
a questo punto che intervengono i ricercatori della Universit di Bath, nel Regno
Unito, che gi nel 2002 realizzarono un
primo studio sul tema, mettendo in evidenza le nette differenze fra i due sessi
nelluso di internet. Allepoca le donne sembravano cercare online soprattutto sentimenti e comunicazione, mentre gli uomini
bramavano in primo luogo sesso e giochi.
Lindagine stata poi ripetuta dieci anni
dopo, mentre nel web esplodevano i social
network e un radicale cambiamento nel
modo di comunicare.
Che cosa cambiato dallinizio del millennio ad oggi? Il dottor Richard Joiner, leader
dello studio denominato Gender Internet
Experience, ha diffuso i risultati ottenuti da
cui emerge che lutilizzo di Internet da parte
di uomini e donne riflette, e in alcuni casi
addirittura esalta e incrementa, le differenze
di genere che caratterizzano le nostre societ.
In particolare, i dati evidenziano che dieci
anni di socializzazione virtuale e tecnoliquida hanno reso ancora pi divergente rispetto al passato il modo di utilizzare le
tecnologie da parte di maschi e femmine. I
social network mostrano come le differenze
invece di appiattirsi si siano accentuate. La
ricerca americana le riassume cos: gli uomini continuano a utilizzare il web pi per
fare, le donne pi per essere.
La maggior parte di queste ultime, infatti,
preferisce trascorrere il tempo interagendo
online con gli amici, seguendo pettegolezzi
interessanti, pubblicando foto o guardando
le foto postate da altri. Le donne sono pi
interessate alla comunicazione e alla condivisione. La maggior parte degli uomini, invece, preferisce i siti di giochi, scommesse
sportive e musica. Anche il tempo trascorso
connessi diverso: le donne collezionano
pi ore di presenza online.

di Zeta

Dalla Virtus Basket Cesena arrivano emozioni e riemergono ricordi


La grinta e la bravura delle giocatrici insieme alla squadra dei S.E.M.P.R.E.

Canestri, sorrisi ed emozioni

Villaggio globale
UOMINI E DONNE SONO DIVERSI
ANCHE SU INTERNET

rile
p
a
6
1
l
i
o
c
nces
a
r
F
a
v
e
v
o
D
esbo, lisola in cui arriva il Papa,
stata finora forse la porta pi
importante da cui i profughi
entravano in Europa. Ed stata anche il
varco meno insicuro visto che per
arrivarci bastava attraversare i dieci,
quindici chilometri del tratto di mare che
separa questa isola greca dalla costa della
Turchia che si lascia alle spalle. Si dice
che negli anni scorsi la met degli
ottocentomila profughi che sono giunti
in Grecia abbiano fatto tappa a Lesbo.
Ma ora, dopo laccordo per il rimpatrio a
pagamento dei profughi europei in
Turchia, diventata per interesse un
ricovero per popoli quando gi ha
accolto pi di due milioni di siriani,
perfino fra i disperati di Lesbo si creata
una apartheid fra i meno e i pi
sfortunati. Quelli arrivati prima del 18
marzo rimangono liberi. Quelli arrivati
successivamente sono raccolti nel grande
campo di Moria in attesa di decidere se
hanno diritto a restare in quanto rifugiati
politici oppure se devono essere respinti
in Turchia come emigrati irregolari.
In realt
questa storia dellespulsione dei
cosiddetti immigrati irregolari, anche se
un ritornello costante di chi si oppone
in tutto o in parte allemigrazione, una
operazione pi facile a dirsi che a farsi.
Per decidere chi pu godere del diritto
dasilo e chi no bisogna trovare le tante
persone che conoscono le mille lingue
della Babele di chi arriva, interrogare i
migranti uno o per uno, identificarli ammesso che vogliano essere identificati
- dichiarando il loro vero nome e
cognome e offrendo le loro impronte
digitali, sapere da quale Paese
provengano - ammesso che anche in
questo caso gli emigranti vogliano dare la
versione pi vera o quella pi comoda -,
fare eventualmente verifiche
burocratiche e diplomatiche, mettere il

11

na carissima amica, appassionata di basket, mi ha inviato una email che merita


un po di questo spazio settimanale. Lo faccio volentieri, anche perch credo
che su questo giornale, e anche in questa rubrica, abbiano sempre trovato
posto coloro che faticano non poco nel farsi ascoltare. Proprio come stato ricordato
sabato scorso a papa Francesco, nel corso dellincontro in occasione dei 50 anni della
Fisc, la Federazione nazionale che riunisce tutti i periodi diocesani.
Ieri, oggi, domani per tutti, mi consiglia di titolare la lettrice alcune sue
considerazioni su una partita di serie C femminile della Virtus Cesena disputata sabato
scorso al Carisport. Il risultato dice di una superiorit delle giocatrici cesenati che non
ha lasciato scampo alle avversarie: un 75 a 35 contro il Casalgrande che vale lingresso
ai quarti di finale.
E' stata una serata esemplare per lo sport prosegue la lunga lettera con il tecnico
Lisoni che ha messo in campo dopo met del primo quarto Giulia Comandini, una
delle ragazze del settore giovanile. La giocatrice dopo pochi minuti ha realizzato un
paio di tiri da 3 punti, mentre Ivana Donadel ha saputo utilizzare l'esperienza, la classe
e la caparbiet nei momenti opportuni. Sul parquet anche Anna Chiara Samor,
unaltra ragazza del vivaio che si amalgamata subito col gruppo.
Oltre alla vittoria della compagine cesenate, la vera notizia della serata venuta da
quanto accaduto nellintervallo tra il primo e il secondo tempo. E stato presentato

prosegue lo scritto - il
progetto basket di quelli di
S.E.M.P.R.E., una squadra
composta da ragazzi
"speciali" che hanno
disputato qualche minuto di
gara. Questi giovani sono
stati in grado, grazie alla loro
frizzante e spontanea
energia, di sensibilizzare ed
emozionare il folto pubblico
presente. Con i loro sorrisi e
il loro modo maldestro ma
efficace di andare a segno hanno realizzato canestri e hanno giocato divertendosi e facendo
divertire che li seguiva con passione, ma anche con trepidazione.
C a Cesena un ritorno di pubblico attorno alla pallacanestro femminile che nel 1991 arriv sul
tetto dEuropa con la conquista di una indimenticabile Coppa dei Campioni. Ritornano quelli
che hanno nostalgia di questo sport e la Virtus Basket Cesena sta infondendo il massimo
impegno per non fare rimpiangere quei bei tempi. In una serata conclude la lettrice - si visto
il passato (ieri) con Ivana Donadel in campo e la memoria che corre e quelle fantastiche partite
che hanno portato a vittorie indimenticabili. L'oggi, con tutte le ragazze della Virtus Cesena che
con il loro impegno e la loro dedizione, nonostante siano tutte lavoratrici, hanno portato la
squadra a queste finali. E il domani, le giovani puntualmente messe in campo dal tecnico Lisoni.
Infine, ma andrebbe per primo, il per tutti, la squadra speciale dei S.E.M.P.R.E. Che dire di pi,
caro Zeta? La Virtus basket Cesena prosegua con questo entusiasmo e torneranno anche i
risultati di un tempo. (924)

12

Gioved 14 aprile 2016

Cesena

Quattro luned al cinema, con film di valore. la proposta che arriva dallUfficio diocesano per la
Pastorale della famiglia, da quello per la Comunicazioni sociali e dalCorriere Cesenate
FOTO ARCHIVIO SIR

Un invito per le famiglie


al cinema Eliseo
Q

uattro luned al cinema, con film di


assoluto valore. liniziativa
promossa dallUfficio diocesano
per la pastorale della famiglia, da quello
per la Comunicazioni sociali e dal nostro
giornale, in collaborazione con il cinema
Eliseo di Cesena. Unidea che nasce dal
desiderio di offrire unoccasione per
riflettere sulla famiglia, gustandosi quello
che di buono il cinema italiano ed estero
sa proporre.
Il programma della rassegna Luned al

cinema Eliseo.
Si inizia il 2 maggio, alle 20,30, con
Come saltano i pesci, un film di
Alessandro Valori, appena uscito nelle
sale cinematografiche. Una dolce
parabola sul peccato e la redenzione, che
entra di diritto nel dibattito
contemporaneo sul ruolo dei genitori.
Il 9 maggio si prosegue con Il
condominio dei cuori infranti, una
commedia drammatica di 100 minuti
diretta da Samuel Benchetrit, con le

bravissime interpreti Isabelle Huppert e


Valeria Bruni Tedeschi. Parabola
umanista, narrata con irreale leggerezza,
Il condominio dei cuori infranti
trasforma in poesia la banalit del
quotidiano, sospendendo i suoi
protagonisti tra prigione del reale e sogno
di fuga. I protagonisti escono
dallanonimato attraverso lamore perch
lo slancio verso laltro a dare senso alla
vita.
Il 16 maggio verr proiettato
Fuocoammare di Gianfranco Rosi. Si
tratta di un documentario. Il regista
inquadra vita e morte senza alcun
compiacimento estetizzante, ma con la
consapevolezza che nessuno unisola e
nessuna isola, oggi, come Lampedusa. Il
film risultato vincitore dellOrso doro al
festival di Berlino di questanno.
Lultimo luned al cinema sar il 23
maggio con Malala. Film statunitense
di Davis Guggenheim in cui viene
presentato il ritratto intimo e personale
del Premio Nobel per la pace Malala
Yousafzai, divenuta un obiettivo dei
talebani per la sua battaglia a favore
dellistruzione femminile.
Ingresso a 5 euro per tutti. Due euro di
sconto dietro presentazione del coupon
Corriere Cesenate (il coupon sar
disponibile dalla prossima settimana).
Ingresso gratuito per i figli minorenni
accompagnati dai genitori.
Ogni visione sar preceduta da una breve
presentazione da parte del nostro esperto
di cinema, don Filippo Cappelli.

Romagna Wine Festival


Incontri e degustazioni
con Luca Gardini
sommelier profeta in patria
Il miglior sommelier del mondo 2010 Luca Gardini
il Profeta in patria del Romagna Wine Festival
2016. Il riconoscimento per una carriera dedicata al
vino e come protagonista del made in Italy
enologico nel mondo gli verr consegnato sabato 16
aprile nella Biblioteca malatestiana, a Cesena.
Gardini riceve il testimone dalla grande rma
della cucina Paolo Teverini (Profeta in Patria 2015),
patron del ristorante Tosco Romagnolo di Bagno di
Romagna, dalla direttrice della rivista La Madia
Elsa Mazzolini (2014) e dal giornalista di Sky
Gianluca Semprini (2013).
Formatosi alla scuola di Giorgio Pinchiorri e
direttore del ristorante Cracco di Milano dal 2005 al
2011, Gardini si affermato nel 2010 sulla scena
internazionale come Miglior sommelier del mondo
nel concorso promosso dalla Wsa (Worldwide
sommelier association). Il 35enne romagnolo
residente a Cesena pu contare su una carriera
densissima di successi e riconoscimenti.
Il tributo gli sar consegnato nel corso del convegno
Lo stato dellarte. Il mio vino fra stile, terroir e
tendenze di mercato, in programma alla Biblioteca
malatestiana a partire dalle 15. Nella stessa
giornata alle 18 Gardini condurr una degustazione
guidata Ais sotto il loggiato comunale di piazza del
Popolo, Rossi da sogno: alla scoperta di miti ed
emergenti. Sempre a proposito di degustazioni
sabato 16 aprile dalle 18 al Palazzo del Ridotto
apertura dei banchi dassaggio con oltre 200
etichette romagnole (ingresso 15 euro).
Tutto questo al Romagna Wine Festival (Cesena 1517 aprile), tre giorni di assaggi, degustazioni,
convegni, confronti fra produttori, giornalisti, show
cooking, food market per le vie del centro storico,
visite guidate.

Stessa classe | Per la gita saltata 40 anni fa

Gran ballo di primavera| Cesenati protagonisti

Lelenco rigorosamente alfabetico. La classe la 5D dellItc Renato Serra di Cesena. 40 anni dopo si
sono ritrovati per una gita portata a termine secondo il motto non mai troppo tardi. Con destinazione Mondolfo e Marotta, nelle Marche, domenica 3 aprile si sono ritrovati in 23. Ecco i loro nomi:
Gian Luigi Babbi, Maurizio Battistini, Agostino Belletti, Roberto Bertelli, Antonella Berveglieri, Gabriele
Biondi, Elena Brasini, Lorenza Cannizzo, Giovanna Caselli, Carlo Castagnoli, Marina Cedioli, Gabriella
Collini, Pio Cuni, Walter Gori, Clelia Guidi, Ornella Lanzi, Nadia Lucchi, Laura Maestri, Patrizia Marchionni, Augusto Mazzoli, Renata Nardi, Massimo Roversi, Enzo Valdifiori.

C stato posto solo


per nove danzatori
della Societ di
Danze Ottocentesche
di Cesena al Gran
Ballo di Primavera organizzato dalla Societ di Danza
Imolese presso il circolo Sersanti di
Imola domenica
scorsa. In tanti
hanno chiesto di partecipare, ma lo spazio ristretto della
sala, situata nello
storico palazzo Sersanti, non ha consentito ai tanti
ritardatari di essere
presenti. Una cinquantina i fortunati
provenienti dai diversi circoli della Societ di Danza distribuiti sul territorio nazionale quali Bologna, Ferrara, Imola, Faenza, Trieste, Milano,
Mantova.
Dame avvolte nei classi costumi ottocenteschi e uomini rigorosamente in frack hanno danzato sulle
musiche proposte e le coreografie studiate durante lanno, tra cui il valzer spagnolo, la marcia Varsavia,
la quadriglia francese. Un inteso programma che ha consentito ai danzatori di passare un pomeriggio
di altri tempi, immersi in unatmosfera che solo leleganza e gli atteggiamenti cortesi del tempo possono creare. (Ma)

Cesena

Gioved 14 aprile 2016

Lidea di Gilberto Graffieti del gruppo MAmo camminando. Lo stesso che a inizio marzo
ha condotto la 80 chilometri per il Signore per unire le quattro Porte Sante della Diocesi
GILBERTO
GRAFFIETI
(PRIMO
A DESTRA)
ALLARRIVO
ALLA BASILICA
DEL MONTE,
PRIMA TAPPA
DELLA 80
CHILOMETRI
PER IL SIGNORE
PROMOSSA
DAL SUO
GRUPPO
MAMO
CAMMINANDO
IL 4-5 MARZO
(FOTO ARCHIVIO
CRISTIANO
RICIPUTI)

Il Cammino di San Vicinio


proposto in otto tappe

e domeniche di San
Vicinio. questa la
proposta messa in campo
dal camminatore cesenate
Gilberto Graffieti e dal suo gruppo
Mamo camminando. Si inizia l8
maggio. Ogni domenica un percorso
diverso per completare in otto giornate,
in genere una al mese, tutto il Cammino
di San Vicinio. Non unimpresa

semplicissima, ma di certo alla portata


dei tanti appassionati della natura, del
silenzio, della contemplazione, del
desiderio di ritrovare se stessi.
Gli oltre 300 chilometri in totale sono
stati suddivisi in base allaltimetria e alla
difficolt del tracciato. In questo modo le
tappe pi impegnative saranno anche
quelle meno lunghe. Si parla, in ogni
caso, di frazioni di almeno 28 chilometri,

la pi corta, quella che va da Badia


Prataglia a La Verna, fino alla pi lunga,
lultima, da Cesena a Sarsina, che conta
una distanza di poco pi di 39
chilometri.
I promotori hanno gi un calendario da
proporre, anche se fanno sapere che il
gruppo che si former alla prima
domenica poi potr decidere come
organizzarsi in seguito. Su queste
colonne terremo aggiornati sugli
sviluppi. In caso di maltempo, la tappa
verr recuperata la domenica successiva.
Ecco, in sintesi la proposta. Domenica 8
maggio, Sarsina-Bagno di Romagna, 37,5
chilometri, tappa molto impegnativa. Il
12 giugno in calendario la frazione
Bagno di Romagna-Badia Prataglia,
lunga 32 chilometri. Domenica 10 luglio
si andr da Badia a La Verna con un altro
tragitto definito dalla guida molto
impegnativo. Il 31 luglio si
collegheranno due eremi, La Verna e
SantAlberico, per 32 chilometri. Il 21
agosto con 36 chilometri di cammino si
andr da SantAlberico a Monte Fagnano.
Poi l11 settembre con 38 chilometri da
Monte Fagnano si arriver fino a Borghi.
Da questultima localit il 2 ottobre si
partir per la frazione fino a Cesena, 36
chilometri. Infine lultima, gi citata, con
partenza da Cesena si far ritorno a
Sarsina, ancora con una tappa molto
impegnativa di 39 chilometri, vista la
lunghezza.
Per informazioni rivolgersi a Gilberto
Graffieti, cellulare 333 9914258.

La credenziale della 80 chilometri. Per chi rimasto senza...


iubileo della Misericordia e 24 ore
G
non stop. Non si ancora spenta leco
in citt degli 80 chilometri percorsi a piedi
dagli oltre 50 marciatori messi insieme dal
cesenate Gilberto Graffieti e dai suoi amici
della Mamo camminando, iniziata la
mattina di venerd 4 marzo e conclusa 24
ore dopo, sabato 5. Si trattato di una
vera e propria impresa, con una marcia di
quasi 24 ore, dalla Cattedrale di Cesena
per poi transitare dalla Basilica del Monte,
il Santuario del Crocisso di Longiano, la
Concattedrale di Sarsina e il ritorno a

Cesena. Un percorso scandito dai passi, dalla


fatica, anche in mezzo alla neve, e dal
raccoglimento per chi ha deciso di farne un
itinerario di fede.
Vista la buon affluenza di marciatori, le
credenziali predisposte dagli organizzatori
non sono state sufficienti. Graffieti ha
pensato di ristamparle per accontentare tutti
coloro che hanno partecipato a un evento del
tutto straordinario e che rimarr nella storia
locale del Giubileo della Misericordia.
Chi fosse interessato pu contattare il
Corriere Cesenate allo 0547 300258.

13

Osservanza

FESTA DELLA FAMIGLIA


Alla parrocchia dellOsservanza, a Cesena,
torna la Festa della famiglia. Al via sabato
16 aprile alle 19,30 con lOktober Fest
Osservanza: festa bavarese nel pratone
accanto lex convento francescano a base di
hot dog, patatine, birra e musica. La
domenica seguente durante la Messa delle
11 rinnoveranno le promesse nuziali gli
sposi residenti in parrocchia che
festeggeranno il 1, 10, 25, 50 e 60
anniversario di matrimonio. Al termine
della funzione religiosa, segue il pranzo
comunitario con estrazione della lotteria
parrocchiale.
Difendiamo i nostri figli
Incontro con lavvocato Pillon
Il programma non nisce qui: gioved 21
aprile alle 20,45 si terr lincontro dal
titolo Famiglia tra indifferentismo sessuale
e naturalit delle relazioni, con lavvocato
Simone Pillon, membro e fondatore del
comitato Difendiamo i nostri gli. Sabato
invece la volta del Giubileo della
misericordia: alle 16 si parte
dallOsservanza per giungere alla Basilica
del Monte percorrendo via delle Scalette,
dopo aver passato la Porta Santa per i
pellegrini ci sar la possibilit di
confessarsi. Inne, domenica dalle 14,30
un appuntamento per i pi piccoli: nel bel
chiostro si terr il mercatino dei bambini
con scambio di giocattoli, libri e lavoretti.

Madonna del Fuoco

Famiglia siriana in parrocchia

Una famiglia siriana di Damasco, padre, madre e due


gli maschi domenica 17 aprile saranno ospiti della
parrocchia di Madonna del Fuoco a Cesena in
occasione della festa delle famiglie. Alle 11 del 17
aprile si terr la celebrazione della Messa con il
ricordo degli anniversari di nozze a cui seguir il
pranzo in parrocchia. Alle 14,30 nel salone
parrocchiale Samaan Daoud, la moglie Rim e i gli
racconteranno la loro storia, del loro essere
cristiani in Siria e della terra martoriata dalla
guerra. Lincontro con Saaman possibile grazie ad
alcune aziende della parrocchia che hanno
contribuito alle spese del viaggio, in particolare
Salumicio Del Vecchio, Brunelli prodotti
ortofrutticoli, Pulzoni Auto concessionaria Fiat, bar
Esquisito e Azienda Zavalloni vini di Romagna.
Bab

Con il nuovo Accordo per la bilateralit


aumentano le opportunit per imprese e lavoratori
Presentazione Accordo a Cesena
Luned 18 aprile ore 14,30 - sala riunioni Confesercenti
Viale 4 Novembre 145 - Cesena
LEnte Bilaterale Territoriale Emilia-Romagna costituito da Filcams CGIL,
Fisascat CISL, Uiltucs UIL e Confesercenti. Beneficiano dei servizi erogati da
EBTER le imprese e i lavoratori, con sede di lavoro in Emilia-Romagna, che
applicano integralmente il Contratto di Lavoro Turismo o il Contratto di
lavoro Terziario sottoscritto fra le parti che siano in regola con le condizioni
associative ed i versamenti previsti.
Con il nuovo Accordo, EBTER ha predisposto numerosi interventi.
Nellarea sostegno al reddito interventi economici temporanei per il mantenimento occupazionale, per la sospensione dellattivit lavorativa e altre casistiche. Nellarea welfare contrattuale sussidi economici sulla salute
(aspettativa non retribuita non indennizzata dallInps), famiglia (periodi
di congedo parentale non indennizzati dallInps, inserimenti al nido o alla

materna di uno o pi figli, spese sanitarie per figli disabili), cultura (contributo
per acquisto di libri di testo, contributo per tassa iscrizione allUniversit).
Nellambito della Salute e sicurezza su luogo di lavoro viene sviluppata
tutta la parte relativa al Rappresentante Territoriale dei Lavoratori per la Sicurezza (RLST) e allOrganismo Paritetico Territoriale (OPT).
Nel campo della Formazione si prevede lorganizzazione di seminari e
corsi per prevenire i rischi e tutelare salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
SEGRETERIA PER ADESIONI E INFORMAZIONI:
CST Cesena, viale 4 Novembre 145
Tel. 0547 415155 - info@ebter-cstcesena.it - www.ebter-cstcesena.it

14

Gioved 14 aprile 2016

Gi dalla fine del 1600


documenti storici
ne attestano la venerazione

Cesena
La guida artistica dellopera e della
chiesa di San Giuseppe artigiano si pu
trovare alla libreria San Giovanni

Documentario

A Villachiaviche si festeggia
il Crocifisso miracoloso

esta del Crocifisso miracoloso


alla parrocchia di Villachiaviche.
In occasione delle Messe di
sabato 16 aprile alle 18
domenica 17 aprile alle 7,30, 9,30, 11 e
19 sar recitata la preghiera del
Crocifisso e sar cantato linno
appositamente composto. Si tratta di
unopera che risale ai secoli XVI - XVII sottolinea il parroco di Villachiaviche
don Daniele Bosi - ben scolpita e
curata nei dettagli. Questo crocifisso
non aveva una sua storia particolare
fino a quando, lo scorso anno,
consultando lArchivio di Stato non
stato scoperto che gi dalla seconda
met del 1600 presso la comunit di
San Giuseppe artigiano esisteva un
crocifisso che era venerato e
considerato miracoloso.
La scoperta avvenuta in occasione di
ricerche storiche compiute per
raccogliere informazioni sulla chiesa di
San Giuseppe artigiano che in origine
era la chiesa de Falegnami di una
confraternita. La chiesa era collocata
in corso Sozzi dove ha sede lattuale
Banca Popolare, esattamente dove ora
c la galleria. Questo perch nel 1961,
costruendo la chiesa di Villachiaviche,
venne trasferito il titolo alla nuova
chiesa e consegnati tutti gli arredi
mobili e suppellettili esistenti, prima
della demolizione. Tra questi cera
anche un crocifisso di medie
dimensioni, in legno, che raffigura il
Cristo ligneo agonizzante, dai tratti
molto particolari specie in volto,
insieme alla Croce, anche questa molto
rara per la presenza di spine e spirali
bianche e blu nei bracci orizzontale e
verticale. Venne scolpito da un
francese, del quale non conosciamo il
nome, e commissionato da Sebastiano

LA GUIDA ARTISTICA
DELLA CHIESA DI SAN GIUSEPPE
ARTIGIANO IN VILLACHIAVICHE
STATA CURATA
DAL PARROCO
DON DANIELE BOSI

Brazzi, patrizio di Cesena. Tra i


documenti dellArchivio di Stato
apparso un opuscoletto del 1752
redatto in occasione di una lite tra il
parroco di San Zenone dal quale si
potuto apprendere che questo
Crocifisso in legno era considerato
miracoloso, e gi nel 1684 veniva
venerato e portato in processione varie
volte lanno nella citt di Cesena. In
origine era custodito dentro una
nicchia aperta nel muro e coperta dalla
tela raffigurante le donne al sepolcro.

Tale tela veniva abbassata


per rendere visibile il
Crocifisso contenuto nella
nicchia. Poi con
trasferimento degli arredi
stata trasportata a
Villachiaviche anche la
grande ancona secentesca
con tanto di baldacchino
incorporato. Non
sappiamo quante persone
abbiano ricevuto miracoli o
grazie in seguito alla
preghiera davanti a questo
crocifisso - spiega il parroco
-. Chiediamo di donare a
noi, gente del Terzo
Millennio, grazie e miracoli
secondo il suo cuore, senza
negarci il dono pi grande:
la fede in Lui.
Don Daniele ha anche
composto, approvata dal
vescovo, la preghiera al
crocifisso di Villachiaviche e un canto
al Crocifisso, con nuovo testo e musica.
Domenica 17 aprile alle 20,30 si terr
un concerto in chiesa tenuto dal coro
di voci bianche San Marco di
Calabrina e il gruppo giovanile The
Nightingales Ensemble sempre di
Calabrina.
In chiesa, e alla libreria San Giovanni,
possibile trovare la guida artistica della
chiesa di Villachiaviche, con le
immagini e notizie del Crocifisso
Miracoloso.

Costruzioni, ambiente e territorio


Gara nazionale a Cesena
Gioved 14 e venerd 15 aprile presso lindirizzo Costruzioni,
ambiente e territorio (Cat, ex istituto per geometri) di
piazzale Sanguinetti 44, si terr la gara nazionale Cat 2016 che
vedr coinvolti oltre 60 allievi provenienti da tutta Italia.
Si svolgeranno due prove scritte, la prima di progettazione e la
seconda di estimo, sicurezza cantieri e topografia.
LIstituto, in qualit di vincitore delledizione 2015, ha ricevuto
dal Miur lonore e lonere di organizzare ledizione 2016 della

La Romagna in Tv
Una troupe di Geo&Geo
a Cesena e dintorni
La Basilica del Monte e alcuni dei luoghi
pi suggestivi di Cesena saranno al centro
di un documentario che andr in onda
nella prossima stagione di Geo&Geo. Due
documentaristi che operano per Geo&Geo, Piero Cannizzaro e Leonardo Cimeri
Lombroso - per quattro giorni andranno
alla scoperta di Cesena e della Romagna
bella da vedere e buona da gustare.
Questo documentario - spiega il registra
Cannizzaro - vuole essere un grande
quadro da cui emerger lidentit di una
terra. Un percorso tra architettura, cibo,
arte e artigianato che parte da Cesena e
conduce al mare. Questi sono giorni
intensi perch Cesena ha tante cose belle
da vedere.
Bab

gara e potr partecipare, ma solo fuori


concorso.
Lallieva Francesca Renato, ora frequentante
la classe 5 C, vincitrice delledizione scorsa,
gioved 14 aprile, sar ricevuta al Miur per un
nuovo riconoscimento dopo quello ricevuto a
ottobre presso il Senato della Repubblica.
La sera del 14 aprile, presso il convitto
dellIstituto agrario, alle 20 si terr una cena
aperta ad allievi, accompagnatori e
commissione giudicatrice e alle 21 in aula
magna ci sar il saluto delle autorit e la
consegna degli attestati di partecipazione.

Bulgaria | In festa con le famiglie

Domenica 10 aprile la comunit di Bulgaria ha partecipato numerosa alla celebrazione della Festa degli Sposi.
La Messa solenne delle 11 stata celebrata dal parroco don Enzo Vitali, con lausilio dei diaconi William Tafani
e Umberto Venanzoni. Erano presenti 21 coppie che celebravano le dati giubilari di matrimonio (10, 25, 40,
50 e 60 anniversario di matrimonio). Alle spose stato donato un bouquet di rose e al termine della funzione
religiosa a ogni coppia stata consegnata una targa ricordo. La festa proseguita presso un agriturismo locale
per un piacevole pranzo conviviale. (foto Mario Gambettola)

Cesenatico

Gioved 14 aprile 2016

Cesenatico premia
gli sportivi pi bravi
i svolta sabato 2 aprile al Palazzo del
Sedizione
Turismo di Cesenatico la diciassettesima
della Festa dello Sport, nel corso
della quale sono stati riconosciuti i meriti di
atleti e societ di Cesenatico che si sono
particolarmente distinti nella stagione
agonistica 2015.
Tra i campioni cesenaticensi premiati dal

sindaco Roberto Buda e dal vice sindaco e


assessore allo Sport Pier Luigi Donini, spiccano
i nomi di Margherita Boschetti, campionessa
italiana di Stand Up Paddle (SUP) Wave per il
terzo anno consecutivo; suo fratello Lorenzo
Boschetti, 3 classicato ai campionati italiani
assoluti e campione italiano juniores nella
stessa disciplina; Nadir Giunchi della Societ
Asd Taekwondo Baek Ho, campione italiano
forme di taekwondo nella categoria Master 1;
Enrico Rossi, atleta della nazionale di beach
volley, vincitore della Coppa Italia, terzo
classicato ai campionati italiani assoluti e

Sabato scorso lapertura della campagna elettorale del sindaco uscente


e ricandidato del Centro destra. Il 5 giugno le elezioni amministrative
IL SINDACO DI CESENATICO
ROBERTO BUDA INSIEME ALLA FAMIGLIA
ALLA PRESENTAZIONE
DELLA CAMPAGNA ELETTORALE
(GRAND HOTEL DA VINCI, CESENATICO)

Roberto Buda sindaco bis


ora di raccontare il bello
O

ltre duecento persone, fra


sostenitori e amici, hanno
affollato sabato 9 aprile la sala
congressi del grand hotel Da Vinci
di Cesenatico per lapertura della
campagna elettorale di Roberto
Buda, sindaco uscente e ricandidato
del centro-destra per le elezioni
amministrative del 5 giugno
prossimo.
La presentazione della candidatura,
strizzando locchio alle convention

americane, stata introdotta dalle


note della canzone Parole in
circolo di Marco Mengoni, dalla
proiezione di spezzoni di alcuni film,
dallesibizione delle Santiago
Sisters e dalla testimonianza di vari
imprenditori locali.
Sono stati cinque anni durissimi ha ammesso Buda quando salito
sul palco -. Avevo intenzione di
lasciare la politica e di tornare a
insegnare matematica e fisica al

liceo, ma molti mi hanno detto di


non mollare perch ero riuscito a
buttare gi le vecchie logiche di
interesse.
Amo Cesenatico - ha continuato -.
ora di cominciare a raccontare il
bello che c.
Da qui Buda ha enumerato i risultati
della sua amministrazione:
labbattimento del 25 per cento del
debito pubblico, il sostegno alla
disabilit nelle scuole con fondi e
personale del Comune, il ripristino
delle porte vinciane, lacquisizione
del Parco di Levante dal Comune di
Cesena, il sostegno agli imprenditori.
Buda ha poi parlato dei progetti
futuri, in caso di secondo mandato.
Fra questi c la demolizione della
colata di cemento del sovrappasso
della Statale da sostituirsi con una
rotonda rialzata che consenta a chi
arriva di vedere il bello della citt.
C poi un progetto per valorizzare il
parco archeologico, allargare il
museo della Marineria, acquisire dai
privati e restaurare la chiesetta della
Madonna della Vena e collegare il
tutto attraverso un apposito
percorso. Per farlo sono in arrivo 4
milioni di euro dal Ministero dei
Beni culturali.
Matteo Venturi

15

vincitore di due tappe del circuito zonale


europeo in coppia con il cesenate Marco
Caminati; Sharon Simoncini delle Sirene
Danzanti, vice campionessa italiana danze
folk in coppia con Edoardo Silvi; Luca
Vecchietti Poltri e Cristian Coccolini del Roller
skating club Cesenatico, rispettivamente
primo e secondo classicato nella gara sprint
di pattinaggio corsa ai campionati nazionali;
Soa Bonoli e Alice Monti della Libertas
Cesenatico, prime classicate nella gara a
squadre di Easy Gym ai campionati nazionali
di ginnastica acrobatica.

Avis di Cesenatico
Donare sangue
Un gesto che fa la differenza
I dati del primo trimestre 2016
Levoluzione delle tecniche terapeutiche
permette il miglioramento delle cure e
della qualit di vita degli ammalati, ma
porta anche a un aumento del fabbisogno
del sangue. Basti pensare al trattamento
dei traumi pi gravi, delle malattie
congenite del sangue (come lanemia
mediterranea), alle cure per gli ammalati di
tumore ad uno stadio avanzato, agli
interventi chirurgici di vario genere, e
quelli pi complessi come i trapianti di
organo, e agli interventi demergenza. Per
il primo trimestre del 2016, il lavoro svolto
dallAvis comunale Cesenatico risultato
positivo grazie alla collaborazione di tutti i
suoi donatori. Sono state raccolte ben 384
donazioni, di cui 296 di sangue intero e 88
di plasma da aferesi.
Chi volesse iniziare deve avere unet
compresa tra i 18 e i 60 anni, e deve pesare
almeno 50 chilogrammi, sufficiente che si
presenti la mattina a digiuno di un qualsiasi
gioved mattina, dalle 8 alle 10,40 presso la
sede dellAvis comunale di Cesenatico,
situata allinterno dellospedale Marconi.
Deve essere munito di tessera sanitaria e di
documento didentit valido, subito verr
sottoposto ad un prelievo di sangue,
necessario per eseguire gli esami di
laboratorio preliminari, e ricever un
appuntamento per la visita medica.
Per ulteriori informazioni:
segreteria Avis comunale di Cesenatico
(aperta tutti i giorni dalle 8,30 alle 12,30),
tel. 0547 674832.

16

Valle del Rubicone

Gioved 14 aprile 2016

Nellarea ex Ediltubi via libera alla costruzione di un supermercato. Un parcheggio a Montilgallo e nuovo fabbricato a Ponte Ospedaletto

Piano Regolatore: a Longiano tempo di manovre


A

dottata dal Consiglio


comunale di Longiano una
variante parziale al Piano
regolatore del Comune.
Il sindaco Ermes Battistini, nella
seduta dello scorso 7 aprile, ha
elencato i motivi che lhanno resa
necessaria: Correggere alcuni errori
cartografici, recepire le normative sovraordinate, soddisfare il maggior numero di
richieste provenienti dai cittadini, con lesigenza di poter realizzare modesti
interventi allinterno di fabbricati esistenti, soprattutto in zona agricola.
Il tecnico che ha redatto la variante, larchitetto Angela Cotta, ha fatto sapere: A
tutto il 2015 sono pervenute al Comune 47 richieste, di cui 5 proposte di accordi
pubblico-privato, 10 richieste di modifiche cartografiche, 32 domande di
modifiche normative. Sostanzialmente tutte le proposte sono state recepite.
Gli accordi pubblico-privato riguardano le frazioni del Comune. A Ponte
Ospedaletto viene sanata una situazione di fatto, andando a modificare la
destinazione di un terreno privato da agricolo ad area adibita al parcheggio e alla
movimentazione di automezzi. In cambio il Comune ottiene 5mila euro per
larredo urbano del parco pubblico di Ponte Ospedaletto.
Due accordi riguardano la frazione di Montilgallo. In cambio di concessioni

TEMI FINE VITA


Uno Stato civile
se si prende cura
dei pi deboli
Massimo Gandolfini, neurochirurgo e presidente del comitato
Difendiamo i nostri figli (motore del Family Day)
stato ospite di un incontro promosso dai frati
del Santuario del Santissimo Crocifisso di Longiano
A SINISTRA,
IL RELATORE
DELLINCONTRO
LINEE SOTTILI
DI CONFINE
CHE SI TENUTO
VENERD 8 APRILE
NEGLI SPAZI
DEL SANTUARIO
DEL SANTISSIMO
CROCIFISSO DI LONGIANO (FOTO MV)

irca trecento persone


hanno partecipato
venerd 8 aprile
allincontro con il
neurochirurgo Massimo
Gandolfini organizzato a
Longiano presso il convento
dei frati francescani.
Gandolfini, nato a Roma nel
1951, direttore del
dipartimento di Neurochirurgia-Neurologia dellistituto ospedaliero
Poliambulanza di Brescia e presidente del comitato Difendiamo i nostri figli,
motore del Family Day.
Linee sottili di confine il titolo dellincontro, incentrato su vari temi di bioetica
legati al fine-vita. Fra questi, Gandolfini si soffermato sul cosiddetto stato
vegetativo, grave forma di disabilit che riguarda circa 3.500 persone in Italia.
Lo stato vegetativo - ha detto - una condizione per la quale la funzione di
veglia-vigilanza rimane conservata, mentre gravemente danneggiata la
consapevolezza.
Gandolfini ha spiegato, mostrando i risultati di esami scientifici, che una
persona in questo stato sveglia, sogna quando dorme, conserva la funzione
uditiva, sente il dolore, pu elaborare un pensiero, ma non in grado di

edilizie ai privati, arriveranno un paio di


opere pubbliche attese da anni: un
parcheggio di 500 metri quadri e il
rifacimento del tetto del centro sociale della
frazione.
Via libera, nei pressi della rotonda di Case
Missiroli, alla costruzione di un
supermercato di 1.500 metri quadri nellarea
ex-Ediltubi (nella foto), in cambio della
compartecipazione del privato (la ditta Atos
Lombardini srl) allonere finanziario
correlato al completamento della pista
ciclopedonale di Budrio-Badia.
Ancora a Ponte Ospedaletto, ci sar la
costruzione di un fabbricato a uso
rottamazione. A seguito di accordi gi
sottoscritti tra il privato e la Provincia, si avr
lacquisizione gratuita, da parte del
Comune, dellarea utilizzata per la
realizzazione della rotonda Cocif.
Per quanto riguarda le modifiche normative,

comunicare.
Il termine vegetativo - ha detto il
neurochirurgo - orribile. Una persona in
questo stato, pur gravemente disabile,
rimane una persona: non diventata una
pianta o un sasso. Dobbiamo trattarla con
tutto il rispetto che proprio della persona
umana e, perch disabile, ha bisogno di una
cura ancora maggiore.
Per Gandolfini una societ incivile se
come risoluzione alle gravi disabilit
ammette lopzione eutanasica, cio
unazione o unomissione che di natura
propria procura la morte del malato. La
funzione della medicina - ha spiegato
citando il Codice di deontologia medica - la
tutela della vita, la cura della salute e il
lenimento del dolore. Per un medico
inaccettabile lassassinio del suo paziente.
Gandolfini si poi soffermato sulla
distinzione fra terapia e cura: Terapia
linsieme dei presidi e dei rimedi per il
trattamento di una malattia. Cura significa
occuparsi e farsi carico dellaltro come
persona. Per comprendere meglio la
differenza fra malattia e cura si pu adottare
il criterio di analogia per estensione con il
neonato sano: tutto ci che si somministra al
neonato sano per vivere, come il biberon con
il latte artificiale, cura vitale e non terapia
in senso stretto. Il principio non cambia se
lidentica cura viene prestata a un adulto
disabile. Perci
idratazione e
alimentazione non sono
terapia, ma cura vitale e
questa non si pu mai
sospendere. Esistono
malattie inguaribili.
Non esistono malattie
incurabili.
Larticolo 3 della
Costituzione - ha detto
in conclusione
Gandolfini - afferma
che tutti i cittadini
hanno pari dignit. La dignit non si misura
in base alla capacit di compiere azioni
qualificanti. La persona umana dotata di
una dignit totale e propria solo per il fatto
di esistere in vita, senza aggettivazioni
particolari. Uno Stato realmente civile nella
misura in cui sa prendersi cura delle persone
pi deboli e fragili. Finch avr un globulo
rosso, mi batter perch non passino derive
eutanasiche, che sono una violazione della
dignit umana.
Matteo Venturi

Pet therapy a scuola


per i bimbi della primariaPascoli
A Gambettola
et therapy a scuola con il sostegno della Banca di
si ripete il progetto credito cooperativo di Sala. Nei prossimi giorni
alcune classi della scuola primaria Pascoli di
promosso
Gambettola inizieranno un percorso che vedr
con il sostegno
lingresso fra i banchi di un amico a quattro zampe,
della Bcc
per andare alla scoperta del mondo della natura e dei
di Sala
doveri nei confronti del proprio animale domestico.
di Cesenatico
Il progetto prevede esperienze dirette con cani

nelle zone residenziali B1, negli edifici


esistenti sempre consentito il cambio
duso da ufficio ad alloggio.
In zona agricola, nei fondi con superficie di
almeno 5mila metri quadri, consentita la
realizzazione di box in legno per ricovero
attrezzi con una superficie coperta massima
di 16 metri quadri.
Soddisfatta la maggioranza, che ha votato
compatta: La variante riduce limpatto
urbanistico complessivo e il rapporto costibenefici degli accordi positivo per il
Comune.
Il gruppo di minoranza Aria fresca si
astenuto e si detto preoccupato per
limpatto sul traffico della via Emilia indotto
dalle nuove aree commerciali.
Aria fresca ha anche stigmatizzato la
tempistica di adozione della variante, in
prossimit delle elezioni amministrative.
Matteo Venturi

Lavori in corso
Gatteo Mare
si prepara allestate
Gatteo Mare si tira
a lucido per
affrontare al
meglio
limminente
stagione turistica.
Al via in questi
giorni i lavori di
riqualicazione
delle strade
perpendicolari al
mare che collegano via Matteotti e via Gramsci, ossia
via Bologna, via Milano, via Ferrara, via Firenze, via
Trento, nonch lultimo stralcio di intervento sulla
via Matteotti stessa. Mezzi al lavoro per eliminare
ogni eventuale criticit e rendere anche questi tratti
stradali privi di buche e asperit. Anche per questa
primavera, per il terzo anno consecutivo - spiega il
sindaco Gianluca Vincenzi - abbiamo stanziato fondi
per la riqualicazione stradale a Gatteo Mare, dando
compimento a un progetto che, anno dopo anno, ha
interessato lintera area turistica. Dopo essere
intervenuti su via Matteotti nel 2014 e su via Gramsci
nel 2015, procediamo ora riqualicando anche le vie
perpendicolari, per far s che lintero reticolato in
prossimit del mare sia privo di asperit e ristagni
dacqua per i tanti pedoni e ciclisti ospiti ogni estate
dei nostri alberghi.
Gli oltre centomila euro stanziati permettono il
completo ripristino del manto stradale per un
chilometro complessivo di carreggiata. Per non
creare disagi alla circolazione si preferito
organizzare i lavori in tre tranche: dapprima le vie
Trento e Firenze, poi il lotto composto da via Forl,
via Milano e via Bologna (circa 150 metri luna) e
inne il breve tratto di via Ferrara (75 metri che da
via Gramsci terminano direttamente nella
centralissima piazza della Libert) e il pi
consistente tratto nale di via Matteotti, dove verr
prolungato il percorso ciclopedonale dedicato
allutenza debole della strada. Come gi fatto
nelle vie limitrofe, un tracciato lievemente rialzato e
segnalato in azzurro garantir la completa
percorribilit in sicurezza, a piedi o in bici, no
allarea del mercato ambulante e alla foce del
Rubicone. Le piante causa di disagio per sporgenza
delle radici e ingombro sulla carreggiata verranno
rimosse e sostituite con alberature pi idonee al
contesto urbano.
Portiamo avanti il progetto di una Gatteo Mare continua Vincenzi - a misura di turista, dove
spostarsi in totale sicurezza a piedi, in bici o tramite
il trenino che quotidianamente circola in tutto
labitato per lintera stagione estiva.

addestrati, per favorire la condivisione delle


regole di buona educazione per cani e padroni.
Insegnanti e bambini - commenta lassessore
alla scuola del Comune di Gambettola Angela
Bagnolini - hanno partecipato con entusiasmo
alliniziativa dellanno scorso. Abbiamo voluto
rioffrire di nuovo questa opportunit
didattica. Laspetto interessante del progetto
proprio laccrescimento del senso di
responsabilit tra i bambini che, sollecitati da
questa esperienza di protezione e cura, sono
incoraggiati a sviluppare il senso di rispetto
dellaltro.

Agli incontri partecipano esperti in


educazione cinola: Anna Convertino e
Valeria Siniscalchi, operatrice
zooantropologiche, Samantha Paolini,
psicoterapeuta e consulente di Pet therapy.
Ringrazio tutti i collaboratori - conclude
lassessore Bagnolini - che rendono possibile
questiniziativa senzaltro innovativa.
Il progetto promosso da Amministrazione
comunale, in collaborazione con Istituto
comprensivo di Gambettola, associazione
sportiva Amici con do e con il sostegno
della Bcc di Sala.

Valle del Savio

Gioved 14 aprile 2016

17

Bcc di Sarsina: dopo quindici anni di presidenza della banca locale, Alberto Giannini lascia lincarico.
Il Cda ha proposto per la successione Mauro Fabbretti, attuale vice

a Bcc di Sarsina in assemblea tra


elezioni per il rinnovo delle cariche
e autoriforma del Credito
Cooperativo. Si terr domenica 8 maggio
(presso il cineteatro Silvio Pellico)
lannuale incontro dei soci della banca
per discutere e approvare il bilancio
relativo allanno 2015, eleggere il nuovo
presidente, i membri del consiglio di
amministrazione e del collegio sindacale.
Sar lultima assemblea in veste di
presidente per Alberto Giannini, classe
33, che dopo quindici anni di attivit ha
deciso di non ricandidarsi.
In carica dal maggio 2001, per lui cinque
mandati e tanta strada percorsa insieme
alla direzione e ai suoi collaboratori.
Quindici anni impegnativi, attraverso
una congiuntura economica non sempre
favorevole, ma nei quali ha traghettato
listituto di credito plautino verso il
raggiungimento di ottimi risultati. Oggi la
troviamo a essere ai vertici per numeri e
solidit tra i crediti cooperativi emilianoromagnoli.
La Cassa rurale, con una storia centenaria
alle spalle, oggi guidata dal direttore
Mauro Freschi che nellassemblea del
prossimo maggio snoccioler i dati di un
bilancio pi che soddisfacente con un
utile di 560mila euro, una percentuale di
sofferenze nette pari allo 0,6 per cento e
con il Tier One al 23 per cento. Un
indicatore, questultimo, che rappresenta
la capacit che ha una banca di far fronte,
con il proprio capitale, ai principali rischi
generati dalla propria attivit. Pi
lindicatore alto, pi la banca solida (il

Un riferimento
per il territorio
ALBERTO GIANNINI
PRESIDENTE USCENTE
DELLA BCC DI SARSINA
DA QUINDICI ANNI

Il presidente uscente:
Me ne vado contento
perch, nonostante la
crisi, la banca solida
e si conquistata
la fiducia
di tanta gente

requisito minimo stabilito dalla normativa il 10,5 per


cento).
Vado via contento perch lascio una banca in salute - dice
Giannini -. La banca solida, diventata un riferimento nel
territorio dove si conquistata fiducia degli abitanti di questa media e alta montagna. Ho sempre pensato - continua che questo istituto, nel solco dellenciclica Rerum Novarum,
dovesse educare la gente alla dignit del lavoro e della
famiglia, favorire lincremento del territorio nel quale
nasceva, promuovendo lo sviluppo dellanima delle persone
attraverso il lavoro. Ho sempre avuto lidea di una banca che
permettesse anche ai poveri di lavorare per poter migliorare
la propria qualit della vita, che aiutasse la gente, che desse

Fusioni dei Comuni


Se ne parla in un incontro
a San Piero in Bagno

Tante perplessit
Anche in Valle
la consegna della posta
a giorni alterni

usioni: quali prospettive?: ecco il titolo dellincontro


fissato per luned 18 aprile alle 20,45 nella sala consiliare
nel palazzo municipale in San Piero in Bagno in cui
interverr lassessore regionale con delega al Riordino istituzionale
Emma Petitti. Oltre che a tutti i cittadini, linvito rivolto a sindaci
e consiglieri comunali dei Comuni dei sub-ambiti montani delle
due Unioni dei Comuni, Valle Savio e della Romagna forlivese, ai
consiglieri regionali e ai parlamentari dellarea cesenate e forlivese,
ai rappresentanti delle associazioni di categoria e sindacali.
Lincontro - spiega il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini
- ha lobiettivo di creare una prima occasione di approfondimento
sul tema delle fusioni dei Comuni, quale strumento di nuove
politiche territoriali per i Comuni di minore peso demografico che
merita una riflessione circa le strategie che ci consentano di
mantenere unefficace erogazione dei servizi a fronte dei
progressivi vincoli e limiti imposti agli enti locali. Nellinvito
Baccini ricorda lintervento del presidente della Repubblica Sergio
Mattarella allassemblea nazionale dei Comuni italiani, nel quale
ha esortato i piccoli Comuni a dare avvio a processi aggregativi,
quali strumenti per portare maggiore efficienza nella gestione dei

risposte a quelli che ne avevano bisogno.


A proposito della compagine sociale,
Giannini spiega che uno degli obiettivi a
cui ho sempre tenuto in maniera
particolare era di riuscire a fare in modo
che la famiglia dei soci si allargasse. Oggi
la Bcc di Sarsina ne conta 858, 26 sono i
dipendenti. Una crescita continua.
Ritengo gli ultimi anni quelli pi
produttivi per il sottoscritto. Merito di un
gruppo che ha saputo fare comunione tra
lapparato di indirizzo e lapparato
esecutivo per cui a livello regionale i
risultati che abbiamo ottenuto ci
classificano ai primi posti. Siamo
considerati banca del territorio. Questo
il nostro orgoglio, anche se una cosa
che d fastidio a parecchi, ma viene
ripresa anche nel discorso
dellautoriforma.
Le Bcc, secondo il decreto, passeranno da
una gestione individuale a una struttura
di gruppo attraverso ladesione a una
holding nazionale da cui saranno
controllate e vigila-te. Sono contento per
il fatto che, nonostante i cambiamenti
che si prospettano, abbiamo tutta la
garanzia di rimanere indipendenti e
autonomi. Secondo la riforma le banche,
anche se piccole, hanno diritto a
partecipare direttamente al gruppo,
soprattutto se sono virtuose e meritevoli
come la nostra.
Il candidato del Cda alla successione
lingegner Mauro Fabbretti, attuale
vicepresidente dellistituto di credito
plautino.
Michela Mosconi

servizi resi. E viene richiamata anche


la relazione della Corte dei Conti da
cui emerge che le fusioni possono
costituire unopportunit di
razionalizzazione organizzativa al fine
del conseguimento di pi elevati
standard di efficienza ed efficacia.
Per queste ragioni - conclude Baccini ho ritenuto opportuno organizzare un
incontro, nella consapevolezza e nella
responsabilit di non poter rimandare
valutazioni cos determinanti per il
futuro dei nostri enti.
Alberto Merendi

Ponte Giorgi
I PROSSIMI APPUNTAMENTI:
SABATO

16 APRILE
concerto live dei NADIMOBIL
particolare musica degli anni 20
unallegria coinvolgente
e una voce che vi stupir
necessaria prenotazione cena allo 0547 96581

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

La riorganizzazione del servizio


postale dal mese di maggio
coinvolger anche il territorio di
Bagno di Romagna, insieme agli altri Comuni dellUnione Valle
Savio.
A quanto riferito da Poste italiane - comunica il sindaco di Bagno
di Romagna Marco Baccini - la consegna degli invii postali e la
raccolta dalle cassette di impostazione avverr a giorni alterni, su
base bisettimanale. Il luned, mercoled e venerd una settimana e il
marted e il gioved in quella successiva, mentre resteranno
invariate le modalit di raccolta e di invio presso gli uffici postali. Il
progetto non incider invece sulla rete di questi ultimi.
Il progetto di riorganizzazione postale - commenta il sindaco - ci
desta molta preoccupazione, sia in termini di garanzia e certezza
del medesimo che di eguaglianza di trattamento tra i cittadini. E
Baccini si riferisce alle caratteristiche del territorio montano, molto
vasto e sfornito di collegamenti telematici. Ci stiamo attivando conclude Baccini - per chiedere ai nostri rappresentanti in Regione
e in Parlamento di interessarsi alla questione, con impegno ad
approfondire gli impatti negativi che il riassetto potrebbe avere.
Al.Me.

18

Solidariet

Gioved 14 aprile 2016

Servizio civile comunale


A Cesena presto il bando
Sar proposto a ragazzi fra i 18 e i 24 anni.
I progetti di servizio civile comunale avranno una durata
di sei mesi e prevedono un impegno complessivo di 500 ore

esena si prepara a lanciare il servizio civile comunale. Nei giorni scorsi la


Giunta ha approvato le linee guida che dovranno essere seguite per la
presentazione dei progetti, stanziando 30mila euro per coprire le indennit
mensili dei ragazzi che aderiranno alliniziativa.
Listituzione di un servizio civile comunale - ricordano il sindaco Paolo Lucchi e
lassessore al Lavoro, Sviluppo e Giovani Tommaso Dionigi - una delle azioni
indicate nel Piano di mandato per favorire il protagonismo e la partecipazione
giovanile. Un obiettivo strategico che riteniamo prioritario, specialmente in questa
fase storica, in cui la prolungata situazione di crisi economica rischia di segnare in
modo indelebile unintera generazione, prigioniera dellesplosione della
disoccupazione giovanile, della precariet professionale, dellimpossibilit a
progettare il proprio futuro con la necessaria serenit. In questo quadro a rimetterci

lintera comunit,
perch tarpare le ali ai
giovani, alle loro
aspettative, alle loro
competenze, alle loro
energie, significa
rinunciare al loro
apporto come fattore
di crescita e di dinamismo sociale. Ecco
perch riteniamo fondamentale mettere in
campo ogni intervento utile a promuovere
opportunit di formazione e di crescita
individuale, che possano tradursi in momenti
di crescita personale, ma anche avere rivolti
positivi per la collettivit: la proposta di
servizio civile comunale va appunto in questa
direzione.
Il progetto di Impegno civile volontario
rivolto a ragazze e ragazzi fra i 18 ei 24 anni
residenti nel Comune di Cesena, e mira a
offrire loro la possibilit di formarsi, acquisire
conoscenze ed esperienze e maturare una
propria coscienza civica allinterno di progetti
di solidariet, cooperazione, assistenza,
sviluppato allinterno degli enti accreditati che
operano nel territorio del Comune di Cesena e
aderiscono al Coordinamento provinciale

A Mercato Saraceno e a Sarsina

Immigrati, al via attivit socialmente utili


S

i stanno attivando progetti di impegno in attivit socialmente utili, nei


Comuni di Mercato Saraceno e di Sarsina, che prevedono limpiego dei profughi
ospitati nei rispettivi territori per la manutenzione e la pulizia degli spazi pubblici.
I progetti si realizzano con la collaborazione
della Confraternita della Misericordia Valle
del Savio, responsabile della gestione e dellaccoglienza dei rifugiati ospitati nei due
Comuni, dellUnione dei Comuni, dellAsp
Cesena Valle Savio e degli Uffici Tecnici comunali.
Gli interventi a Mercato Saraceno sono gi
iniziati, con gli 11 richiedenti asilo che a
gruppetti e con lassistenza dei volontari
della Misericordia, operano sul territorio in
accordo con gli uffici comunali ed i referenti di frazione.
A Sarsina, dove sono ospitate sei donne, gli
interventi devono iniziare.

Over 65 i pi sinistrati
Campagna per informarli
Le prime vittime degli incidenti stradali in
Emilia Romagna sono gli over 65. Tra di loro
si trova il 66 per cento dei pedoni deceduti
sulle strade della Regione, il 40 per cento
dei ciclisti uccisi dagli incidenti e il 30 per
cento dei conducenti morti.
In base ai dati diffusi dalla Regione - che
prescindono dalle responsabilit
dellincidente - la fascia di et degli over 75
di gran lunga quella con pi alta
mortalit stradale. Per questo la Regione
ha lanciato la campagna informativa
Incroci di vita, per diffondere nozioni di
sicurezza stradale rivolte alla terza et,
attraverso le Universit della terza et, i
sindacati anziani e i centri sociali della rete
Ancescao.
Secondo il Pm Walter Giovannini,
testimonial della campagna, quella sulle
strade una guerra che si combatte tutti i
giorni e che ha un incremento di lutti nel
ne settimana. Forse il 90 per cento degli
utenti della strada - prosegue il
procuratore aggiunto di Bologna - non si
rende conto che con la nuova legge
sullomicidio stradale cambiato
veramente tutto. Dunque ogni iniziativa
per affrontare un tema cos rilevante
benvenuta. Benissimo dare attenzione agli
over 65, ma senza perdere di vista le fasce
pi giovani.
Lassessore alle Infrastrutture e ai Trasporti
Raffaele Donini ha ricordato che per
rendere le strade pi sicure la Regione ha
investito lo scorso anno 30 milioni di euro.

Tra le attivit previste, sia a Mercato


Saraceno che a Sarsina, la pulizia
degli spazi pubblici, piccoli interventi di manutenzione, la manutenzione delle attrezzature da gioco nei
giardini pubblici e laiuto nelle pulizie e nella sistemazione di locali
pubblici.
A Sarsina - spiega Israel De Vito, governatore della Misericordia Valle
del Savio - stiamo cercando di costruire un progetto ad hoc. Queste
attivit sono importanti come momento di impegno nella comunit
che li ospita, perch non rimangano fermi e paralizzati. Finora sul territorio non abbiamo avuto nessun
problema. I ragazzi sono bravi, si
impegnano e molti hanno imparato
litaliano.
Alberto Merendi

NOTIZIARIO PENSIONATI
Continua il nostro impegno per rendere le
strade pi sicure e diminuire gli incidenti e
i morti sulle strade. I dati del 2014 e del
2015 sono positivi, ma dobbiamo
continuare con campagne mirate.
Nel 2014 gli incidenti in Emilia Romagna
sono calati del 3,8 per cento, mentre i
morti sono scesi del 4,1 per cento rispetto
allanno precedente. Ma la popolazione
invecchia e in Emilia Romagna gi oggi ci
sono 665.015 patentati tra i 65 e gli 85
anni: quelli sopra i 75 anni sono 271.613.
Oggi in ogni caso, sostiene Mauro Sorbi,
presidente dellOsservatorio regionale
sulla sicurezza stradale: Il nemico numero
uno il telefonino, per scrivere un
messaggio di cinque secondi alla guida
perdiamo di vista 300 metri di strada.

80 euro a pensioni minime


Basta con gli annunci
Se veramente fossimo in una stagione di
cambio di rotta, per far s che i frutti
diventino maturi, bisognerebbe riaprire
tavoli di confronto da troppo tempo
chiusi. Cos il segretario dei pensionati
Cisl Bonfanti commenta le dichiarazioni
del presidente Renzi in merito allipotesi di
versare gli 80 euro alle pensioni pi basse.
Il bonus di 80 euro da estendere alle
pensione minime di cui ha parlato il
premier Renzi, per la verit, una proposta
della Cisl, ma riguarda una platea di
pensionati ben pi ampia, ha ricordato
Annamaria Furlan. La Cisl ha sempre
sostenuto lutilit di allargare il bonus,
attualmente riservato ai lavoratori
dipendenti con reddito no a 26mila euro,
anche ai pensionati, per migliorare la

degli enti di servizio civile. Ampio il ventaglio


dei possibili ambiti progettuali: assistenza,
protezione civile, ambiente, patrimonio
artistico e culturale, educazione e
promozione culturale.
Da un punto di vista pratico, i progetti di
servizio civile comunale avranno una durata
di sei mesi, prevedendo un impegno
complessivo di 500 ore; questo significa per i
volontari circa 20 ore di servizio alla
settimana, suddivise su 4 o 5 giorni. A fronte
di questo impegno, lAmministrazione
comunale di Cesena coprir lindennit a
favore dei volontari, per un importo di 300
euro mensili, e provveder a liquidarla
direttamente ai giovani volontari.
Dal canto loro, invece, gli enti che
ospiteranno i volontari dovranno garantire
tutti gli aspetti organizzativi, il tutoraggio del
volontario, la formazione specifica relativa al
progetto, ecc.
Sulla base delle linee guida approvate
dallAmministrazione, a breve sar
pubblicato lavviso rivolto agli enti
accreditati per ladempimento delle
procedure richieste. Il passaggio successivo
sar il bando rivolto ai giovani interessati.

A Cesena, gioved 14 aprile


Reddito di solidariet
Incontro promosso dal Pd
eddito di solidariet e politiche regionali
di contrasto alla povert. Se ne parler
R
nellincontro di gioved 14 aprile alle 20,45
nella sala Cacciaguerra della banca Credito
cooperativo romagnolo (viale Bovio 76).
Alliniziativa, organizzata dalla locale
sezione del Pd, parteciper, tra gli altri, la
vicepresidente della Regione EmiliaRomagna e assessore al welfare Elisabetta
Guelmini.
Nel bilancio di previsione 2016, la Regione
ha istituito un fondo per misure di contrasto
alla povert estrema, pari a 35 milioni
allanno, che andr ad aggiungersi
alla quota stanziata dal Governo nazionale,
per un totale complessivo
di circa 70 milioni di euro.
Tra le novit previste, lintroduzione del
reddito di solidariet per le famiglie pi
povere: a beneciare saranno tra le 20 e le
35mila persone. Il provvedimento sar
approvato dallAssemblea legislativa entro
lestate.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

19 maggio A testa alta: sindacati dei pensionati a Roma


I sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil hanno presentato la
manifestazione del 19 maggio a Roma in piazza del Popolo, con la quale
inizia la vertenza dei pensionati contro Governo e Parlamento.
La manifestazione ha il titolo A testa alta e sar solo linizio di un
movimento - afferma Bonfanti, segretario generale dei pensionati Cisl che porteremo avanti fino a che non si aprir un tavolo per affrontare i
problemi.
I pensionati italiani pagano il doppio delle tasse degli altri Paesi europei e
perdono potere dacquisto come i lavoratori, mentre gli evasori sono
garantiti. I sindacati chiedono inoltre la tutela del potere d'acquisto delle
pensioni, il recupero del danno prodotto dal blocco della rivalutazione 20122013 per le pensioni superiori a tre volte il minimo e la modifica della legge
Fornero. Modificare la legge Fornero significa per i sindacati dei pensionati
permettere una maggiore flessibilit, che sia per collegata allingresso dei
giovani nel mondo del lavoro. Altri temi al centro della mobilitazione
saranno lequiparazione della no tax area tra pensionati e lavoratori,
estensione del bonus di 80 euro mensili alle pensioni pi basse, separazione
della spesa previdenziale da quella assistenziale, nessun nuovo intervento
sulla reversibilit e una legge-quadro per la non autosufficienza.
Polemici poi riguardo le affermazioni del presidente dellInps Tito Boeri, che ogni volta vengono prontamente
smentite dal ministro del Lavoro Poletti. In un momento difficile come questo non bisogna promettere
qualcosa e smentirsi il giorno seguente. Continua Bonfanti: Giovani e anziani sono i due lati negativi di un
sistema che non pu andare avanti cos.
capacit di spesa e alleviare il disagio
economico delle famiglie con redditi
medio-bassi.
Pur condividendo la proposta, la Cisl spera
che laffermazione del Governo non sia il
solito annuncio. Sar opportuno lavorare
a un intervento pi strutturale - afferma
Furlan - per evitare che leccessiva
segmentazione delle agevolazioni scali
produca iniquit fra chi pu beneciare del
bonus e chi ne resterebbe escluso. Il
Governo sembra aver compreso che la

riduzione della pressione scale, a


cominciare dai redditi medio-bassi,
rappresenta la via maestra per rilanciare la
domanda interna, come condizione per
consolidare la crescita del Paese. Per
questo chiediamo che lEsecutivo rompa gli
indugi e avvii con le parti sociali un
confronto a tutto campo per anticipare la
revisione delle aliquote Irpef e realizzare
una riforma scale strutturale in grado di
intercettare lenorme capacit economica
oggi evasa, ridistribuendola

prioritariamente a benecio del


mondo del lavoro e dei pensionati.
Aspettiamo poi di vedere se nel Def si
affronter il tema della riforma delle
pensioni oppure no. Dopo le
manifestazioni sindacali del 2 aprile cos
riuscite e numerose in tutte le piazza
italiane, il Governo apra subito un
confronto con il sindacato per discutere
di come cambiare la legge Fornero: non
abbiamo pi bisogno di parole,
attendiamo fatti concreti.

Cultura&Spettacoli
on Porpora, rito sonoro per cielo e
C
terra, nuova produzione del cesenate
Teatro Valdoca, si avvia a conclusione il

La magia
della
poesia
al Bonci

cartellone del Teatro Bonci di Cesena.


In scena, sul palcoscenico del Teatro
(insieme al pubblico) soli si trovano
Stefano Battaglia e Mariangela Gualtieri.
Regia, scene e luci sono, come di consueto,
curate da Cesare Ronconi. I testi sono stati
scritti e vengono recitati da Mariangela
Gualtieri, mentre le musiche sono state
composte e sono eseguite dal vivo da
Stefano Battaglia. Porpora - scrive

Mariangela Gualtieri, fondatrice nel 1983


della compagnia cesenate con Cesare
Ronconi - per me il colore dei doni, il
colore della festa e delle vesti magnifiche,
il colore degli antichi solenni riti. Un rito
sonoro spalancato sul mondo, sulle facce
del mondo, con i loro tormenti e splendori,
ma senza paura di sondare una pi lunga
gittata, fino al cielo.
Lo spettacolo andr in scena dal 18 al 23
aprile (inizio ore 21).
Info: tel. 0547 355959.
Paolo Turroni

Li racconta il ravennate Enzo Tramontani in un libro delle Edizioni del Girasole

Preti romagnoli
nella Resistenza

vvicinandosi il giorno che fa


memoria della Liberazione
(25 aprile 1945), per sottrarsi
alle insidie della retorica, per
riallacciarsi a quelle - ormai lontane
nel tempo - vicende, nella verit di
quanti le hanno vissute, per cogliere
senza revisionismi o nostalgie l
significati di una stagione
drammaticamente vissuta
nellimpegno della Resistenza contro i
regimi neopagani del nazifascismo,
viene opportuno prendere o
riprendere in mano quei libri che
hanno delineato figure di sacerdoti, di
preti della nostra terra di Romagna
che con la loro gente seppero
resistere a ogni ideologia che vuole
umiliare la dignit delluomo.
Su queste pagine hanno trovato posto
la recensione di numerosi diari
scritti da sacerdoti romagnoli che
hanno permesso alle giovani
generazioni di rivivere, quasi in presa
diretta, giorni e notti devastati dalla
furia crudele di lupi rapaci, ormai
senza speranza.
Recentemente le Edizioni del Girasole
(Ravenna) hanno pubblicato La
Resistenza immaginifica. Preti, amore
e fantasia, di Enzo Tramontani. Al di
l del titolo un poco felliniano, il
volume propone quindici microstorie
di preti ravegnani, cresciuti in quel
clima di libert e giustizia, che hanno
in capite allelenco il nome di don
Giovanni Minzoni (+1924), e con loro
una serie di laici responsabilmente
impegnati nelle file dellAzione
Cattolica, operanti poi, dopo l8
settembre 1943, nelle organizzazioni
della Resistenza, feconda e dolorosa
premessa ai cantieri della
ricostruzione; un nome fra tutti,

Il volumeLa Resistenza
immaginfica. Preti, Amore e fantasia
propone quindici microstorie
di preti ravegnani, cresciuti
in un clima di libert
e giustizia.Tra loro,
la figura di don Giovanni Minzoni,
insieme a una serie di laici impegnati
nelle file dellAzione Cattolica
lonorevole Benigno Zaccagnini.
Quando papa Giovanni Paolo II venne
nel maggio del 1986 in visita pastorale
alle Chiese della Romagna,
incontrando la mattina del 10 maggio
a Santa Maria del Monte i sacerdoti
della nostra terra, ebbe a dire:
Volendo sintetizzare in poche frasi la
fisionomia tipica dei sacerdoti
romagnoli, penso di poter dire che voi
costituite un clero che ha sofferto a
motivo dellambiente difficile e i
momenti di ostilit in cui ha dovuto
lavorare. Quanti sacerdoti della
Romagna hanno dato la loro vita per
rimanere fedeli al loro dovere di
pastori! un lungo e drammatico
martirologio che voi ben conoscete.
Vorrei ricordare don Giovanni
Minzoni, don Sante Perin, don
Francesco Babini, don Pietro Tonelli,
don Luciano Missiroli, don Primo
Montanari, don Antonio Lanzoni, don
Fortunato Trioschi, padre Vicinio da
Sarsina, cappuccino, e tanti altri.
Specialmente durante la seconda
guerra mondiale, e soprattutto,

durante loccupazione, tutti i


sacerdoti della Romagna si sono
prodigati a favore delle popolazioni,
rischiando anche la vita per il loro
impegno di carit e di dedizione.
Buoni pastori, davvero con lodore
delle pecore! Maestri ed educatori dei
loro fratelli per vivere e testimoniare
la gioia del Vangelo, energie che
fanno crescere i cantieri della citt
delluomo. Allora e ancora oggi.
Vale la pena di annotare che le
schede dei quindici profili riportati
nel libro di Tramontani (e anche la
copertina) sono illustrate da disegni
di Giuliano Giuliani, che dalla sua
casa a Castiglione di Cervia continua
a dare volto, con la sua simpatica
matita, a personaggi e storie di
Romagna, suggerendo suggestioni
che rimandano allanima pi vera
della nostra terra, ai lettori de La
Ludla, la rivista pubblicata dalle
Edizioni Il Ponte Vecchio per
lassociazione di cultura romagnola
Istituto Friederic Schrr.
Piero Altieri

Gioved 14 aprile 2016

19

Cinema
di Filippo Cappelli
Eliseo Cesena, Uci Savignano

VELOCE COME IL VENTO


di Matteo Rovere
Non raro trovare, anche negli ultimi tempi,
film italiani splendidamente congegnati. pi
raro invece farlo quando i film italiani calcano i
terreni tipici del cinema americano. Se qualche
settimana fa abbiamo applaudito lo splendido
film su un supereroe tutto italiano (!), Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, questa volta tocca al cinema sportivo con auto che
sfrecciano come in Rush pur essendone lontanissimi nei tempi, nei modi e nella misura.
Realizzando un vero gioiello in salsa emilianoromagnola.
La trama: la passione per i motori scorre da
sempre nelle vene di Giulia De Martino (Matilda De Angelis). Come una preghiera. Viene da
una famiglia che da generazioni sfodera campioni di corse automobilistiche. Anche Giulia
un pilota, un talento eccezionale che a soli diciassette anni partecipa al Campionato GT,
sotto la guida del padre Mario. Ma un giorno
tutto cambia e Giulia si trova a dover affrontare
da sola la pista e la vita. E un fratellino pi piccolo a carico. A complicare le cose ci pensa il
fratello Loris (Stefano Accorsi), ex pilota appena
tornato nella casa di famiglia, tossicodipendente e ormai inaffidabile. Ma pilota straordinario che non ha perso il tocco magico nella
guida. Fratello e sorella saranno obbligati a lavorare insieme, in un susseguirsi di emozioni
che far loro scoprire quanto sia difficile e importante provare a essere una famiglia. Lei con
gli occhi duri della determinazione (e una rasatura blu da applausi), lui con una vita da rimettere sui binari giusti.
C molto di Rocky nel film di Rovere. E anche
di The Wrestler. Con una differenza. Non
solo la lotta di un uomo contro il resto del
mondo, ma anche contro se stesso e il proprio
corpo. Combattendo contro un fisico non
adatto allo scopo. Unidea esposta benissimo da
Giulia (donna in un mondo superbamente maschile) e soprattutto da Stefano Accorsi: drogato, emaciato e sudicio nel volto e nel corpo,
con capelli perennemente unti, denti guasti ed
espressione da sinapsi in fumo. Forse solo il fisico appare troppo palestrato, ma unaltra storia. Perch guarda caso la trama si ispira a una
storia vera. Quelle che Giovanni Guareschi
avrebbe detto della bassa, bagnate di nebbia e
sussurrate dal grande fiume. Una storia nata nei
dintorni di Imola, quella di Carlo Capone, un
vero ex pilota nato nel 1957 e che nel 1984 vinse
il Campionato Europeo Rally con una Lancia
Rally 037. E che oggi si trova in una struttura
psichiatrica del Piemonte.
In ogni caso, si tratta di un film che vale la pena
vedere, schietto e sincero come un bicchiere di
Lambrusco, con pochissima computer grafica e
molte auto, piloti veri del campionato GT a fare
da controfigure, scene riprese durante vere gare
e altre girate apposta. E alla fine il film si porta a
casa un grande risultato con scene di automobilismo di tutto rispetto, una credibilit al di l
delle aspettative e leccitazione dellazione. In
poche parole: uno dei migliori film sullautomobilismo costruiti in Italia.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
LEVIATAN

sato con una donna che non ama pi perch non pi giovane e bella (ma
anche lui non pi giovane e bello), dopo molte avventure e un dissesto fidi Julien Green - Casa Editrice: Corbaccio (euro 14,50)
nanziario a Parigi, si trasferisce a Chanteilles, vicino al villaggio di Lorges. L
Julien Green, nato a Parigi, da genitori americani fu volontario nella grande guerra.
Madame Londe, una baldracca di mezza et, proprietaria di un modesto riCongedato nel 1918, and in America e si iscrisse allUniversit della Virginia, dedican- storante, prostituisce la giovane e ingenua Angle a tutti i suoi clienti. Angle
dosi al contempo alla pittura fino al 1922. Nel 1925 inizi la sua attivit di romanziere.
si concede anche al sessantenne signor Grosgeoge proprietario della Villa
Di lui, tempo addietro, ho letto Mont-Cinre che purtroppo non pi ristampato.
Mon Ide, la cui sposa non pi amata perch non pi giovane vive di rabbia
Mont-Cinre (Monte-Cenere) ambientato in America, in contesto evangelico-meto- e di vendetta. Guret far da insegnante ad Andr, il loro figlio bambino che sua madre picchia
dista. la storia di tre donne che si trovano a vivere in una splendida villa, circondato
selvaggiamente. Sulla riva del fiume Sommeillante, Guret incontra Angle e se ne infatua. Lei
da un bellissimo parco. Mrs Fletcher, vedova di un uomo non amato che, per, le ha la- vive nei suoi confronti un rapporto di attrazione e ripugnanza ( brutto e ultraquarantenne) ma le
sciato un notevole conto in banca, preda di una divorante avarizia che suscita lodio
d segretamente appuntamento perch lui, almeno per ora, molto gentile e le regala un anello.
di sua figlia Emily. Quando anche la nonna Mrs Elliot, madre di Mrs Fletcher, viene
Quando Guret entra nel ristorante, Madame Londe cerca subito di impadronirsi di questo
ospitata nella villa perch anziana e malata, lodio a due diventa odio a tre. Lavarizia
nuovo avventore, taciturno e cos diverso dagli altri. Impadronirsi dei suoi avventori e curiodella prima assume modalit allucinanti (niente riscaldamento, niente lenzuola, poco sare sulla vita di ciascuno, mediante Angle, lo scopo della sua vita. In nessuno dei personaggi
cibo, ecc.). Emily prende contatto col pastore metodista, un uomo integerrimo, circon- del romanzo c qualche traccia di religione, anzi, siccome le cose andranno a rovescio per tutti,
dato per da donne ambigue. Si convince a sposare un giovane vicino di casa, vedovo c da parte loro ironia su Dio e sulla Provvidenza. Una sera, sulla riva del fiume, Guret che cerca
con una bambina, solo per poter dominare sua madre. Mrs Elliot teme di essere avvele- meno lamore che la pace dei sensi aggredisce Angle, la violenta, le sfigura il volto e la lascia
nata da sua figlia. In effetti muore e il sospetto di omicidio cova nel cuore della nipote
mezzo morta. Poi, incontrando un vecchio, lo ammazza. Guret, braccato, una sera suona il camEmily, ripetutamente aizzata contro la madre. Il suo matrimonio , per, un fallimento panello della signora Grosgeoge che gli promette danaro e impunit, perch pure lei ne infae lodio dilaga ancora di pi. Mrs Fletcher per salvare il conto in banca fugge dalla villa tuata. Ma quando si rende conto che lui ama Angle, mediante lettera ad Angle, intercettata da
che precipita in una irrimediabile miseria. Emily si chiude in camera. Mont-Cinre va Madame Londe, si vendica denunciandolo e si suicida con una rivoltella. Il grande pregio di quein fiamme. La casa bruci fino allalba cos si conclude questo splendido romanzo
sti due romanzi laccuratissima introspezione psicologica dei meandri e dei labirinti del miche la sua prima opera narrativa. Se lodio il clima dominante e claustrofobico di
stero del male, senza mai compiacimento, anzi con limplicito desiderio della grazia salvatrice.
Mont-Cinre, la passione sensuale domina interamente il romanzo Leviatan, mo- Julien Green scrittore cattolico, molto apprezzato da Bernanos. Fa pensare a Dostoevskij.
stro marino, simbolo del caos e del male. Questa volta siamo in Francia. Guret, spoRino Casali

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 14 aprile 2016

Cesenatico

Archeologia navale a convegno


Il Museo della Marineria ospiter dal 15 al 16
aprile il 3 convegno nazionale di Archeologia,
storia ed etnologia navale. Il programma delle
due giornate prevede una quarantina di
relazioni. Venerd 15 aprile alle 10, dopo il
saluto del sindaco Roberto Buda, lintervento
introduttivo sar dedicato allAlbania, Paese
ospite. La partecipazione del pubblico come
uditore libera e gratuita.

Montiano

Premio letterario

Lassociazione culturale La Casa dei Pavoni di


Montenovo ha indetto la VII edizione del premio
letterario Sauro Spada per brevi racconti
inediti in dialetto (con versione in italiano).
Lopera dovr essere inviata per posta ordinaria
entro il 30 aprile a Premio Sauro Spada c/o
Alberto Spada via padre Vicinio da Sarsina 42,
Cesena. La premiazione si svolger il 10 giugno.

Gatteo

San Piero in Bagno

Incontro sullAfrica con Michelangelo


Severi

I piccoli maestri al cinema

Con il lm di Daniele Luchetti


I piccoli maestri si concluder
al teatro Garibaldi sabato 16 aprile alle 20,30
il cineforum organizzato
dallAmministrazione comunale.
Introdurr Roberto Greggi.
una storia di giovani universitari partigiani tra
Padova e lAltopiano di Asiago nel 1943-45.
Ingresso 3 euro.

Avr luogo gioved 14 aprile alle 21 nella


biblioteca comunale Giuseppe (Pino)
Ceccarelli lincontro LAfrica vista da vicino
con il chitarrista Michelangelo Severi e la
moglie Gabriella. Racconteranno la loro
esperienza di solidariet nelle missioni africane.
Liniziativa dallassociazione Italia Nostrasezione Vallate del Rubicone e dellUso.

Cesenatico

Gatteo

Corsari nel nostro mare

Torneo di Burraco

il titolo della mostra curata da Davide Gnola,


direttore del Museo della Marineria che, dopo il
successo di pubblico a Cesenatico, Marsiglia e
Ancona, sar allestita al Museo del Mare di
Pirano in Slovenia. Attraverso riproduzioni di
dipinti, incisioni e documenti racconta la storia
della guerra in Mediterraneo tra la ne del XVI e
linizio del XIX secolo, lasciando tracce negli
archivi, nel paesaggio, nel folklore.

Lassociazione Valori e Libert ha programmato per


domenica 17 aprile dalle 16 presso il circolo Acli
Achille Grandi a SantAngelo il torneo di Burraco a
scopo beneco. Iscrizione 10 euro al 340 6274757 o
associazione@valorieliberta.it.
Al termine tagliatelle per tutti.
Il ricavato sar destinato alla ristrutturazione della
celletta dedicata a san Benedetto allAbbazia del
Monte.

Luned 25 aprile alle 21. Il ricavato andr alla Terapia intensiva neonatale delBufalini

LAida di Giuseppe Verdi


in scena al Bonci di Cesena

uned 25 aprile alle 21 va in scena una


delle opere pi conosciute del melodramma italiano Aida di Giuseppe
Verdi per festeggiare i 170 anni del teatro
Bonci di Cesena. Un ambizioso progetto
operistico organizzato dal Coro lirico M.
Callas di Cesena, in collaborazione con il
Teatro, il Comune e lErt. Sul palco del Bonci ci saranno 150 artisti tra cui 80 coristi, 20
ballerini 45 orchestrali, un cast di altissimo
livello. Tra gli interpreti, Aida sar impersonata da Raffella Battistini, Radames da Walter Fraccaro, Amneris da Claudia Del Pian, Il
Messaggero da Paolo Gabellini. Sul palco le
orchestre Citt di Ferrara; i cori A. Galli di
Rimini e M. Callas si Cesena, il corpo di
Ballo Danza di Gambettola; scene di Artescenica Reggio Emilia; costumi Maria Teresa

Cesena

Cinque artisti in mostra


a Santa Cristina
Sar inaugurata sabato 16 aprile alle 18
nella chiesa di Santa Cristina
la mostra Dentro lo stesso momento
degli artisti Giuseppe Cavallini,
Daniele Degli Angeli, Roberto Dudine,
Pietro Lenzini e Claudio Pesci.
Rester aperta no al 30 aprile dalle
16,30 alle 19,30.

Musica irlandese
Il gruppo Road to Killarney torner sabato 21
aprile alle 21,15 al teatro Verdi. Le canzoni in
gaelico e in inglese vogliono immergere il
pubblico nella realt irlandese. Il ricavato del
concerto sar devoluto al nanziamento dei
progetti scolastici della Fondazione Sacro Cuore.
Per info e prevendite: 335 7438029.

Viaggio nella Malatestiana


Si terr venerd 15 aprile alle 17 alla Biblioteca
Malatestiana il secondo incontro del ciclo
Magistri dedicato alla cultura classica da parte
di una guida di oggi. Leonardo Lugaresi tratter
il tema Pensare la crisi: Agostino e la Citt di
Dio. Nelloccasione saranno esposti codici
connessi allargomento trattato.

Concerto al Bonci
Toccher allensemble di ottoni London Brass
chiudere la stagione dei concerti al teatro
comunale venerd 15 aprile alle 21. Andrey
Crowley, Gareth Smail, John Barclay e Alistair
Mackie alla tromba, Richard Bissill al corno,
Adrian Miotti alla tuba, Lindsay Shilling e Byron
Fulcher al trombone e David Stewart al trombone
basso eseguiranno musiche di Bach, Vivaldi,
Britten, De Falla e Liszt.

Libro di Sara Rattaro

Nanni e Laura Donini. Il tutto diretto dal maestro Fabrizio Da Ros. La


regia di Alberto Umbrella prevede
unAida classica e spettacolare con
la particolarit di non prevalere sulla qualit canora e musicale. Aida
rimane unopera profondamente
intima, in cui si vive il dramma di
una donna combattuta tra lamore
per la patria lontana e per leroe
della nazione nemica: entrambi
non possono coesistere, una scelta
schiaccia laltra dolorosamente in
una cornice di esotismo in voga allepoca.
Lo spettacolo in beneficenza per il reparto
di Terapia Intensiva Neonatale dellospedale Bufalini di Cesena.

Savignano sul R.

CESENA

A cura dellassociazione Perledonne e


dellIstituto storico per la Resistenza, gioved 14
aprile alle 17,30 nellaula magna della
Malatestiana sar presentato il libro di Sara
Rattaro Splendi pi che puoi (Garzanti) in
libreria dal 31 marzo. Si tratta del nuovo
romanzo della scrittrice genovese, vincitrice del
premio Bancarella nel 2015 col libro Niente
come te.

In compagnia del dialetto


Lassociazione Te ad chi sit e ol offre
loccasione per riscoprire la cultura contadina e
le radici del dialetto romagnolo, proponendo
incontri nellaula magna della Malatestiana.
Domenica 17 aprile dalle 17 alle 19 Gianfranco
Miro Gori presenter sue poesie dialettali.
Legger Ilario Sirri.
Prevendita biglietti presso il botteghino del
Teatro Bonci dal luned al venerd dalle 10
alle 12 e dalle 16 alle 19 (tel 0547 355959), oppure su Vivatiket.it

Cesena

Le malattie dei grandi

Nuovo spazio per larte

Nellaula magna della Rubiconia


Accademia dei Filopatridi,
domenica 17 aprile alle 10
il dottor Francesco Maria
Galassi, della Facolt
di Medicina a Zurigo,
parler delle Le malattie dei
grandi: Giulio Cesare e larte
patograca.

Sar inaugurata sabato 16 aprile alle 18,


alla Galleria Almerici nel centro storico di Cesena,
la mostra collettiva "In hoc signo", graca da una
collezione.
in collegamento con la Biennale del Disegno,
di Rimini. In mostra opere degli artisti Fioravanti,
Testori, Pulini, Piovaccari, Bertelli, Mitsuuchi,
Lorenzini, Cassinari, Luzzati.
Lesposizione rimarr aperta no all8 maggio.

Alla stazione di Savignano sul Rubicone | I murales per la pace


Rubicone di Savignano con le sagome di persone di differenti
etnie, culture e religioni titolato da
un colorato Let's bridge! (Creiamo ponti) non solo fisici ma
anche umani, e infine una frase
che ricorda che siamo Cittadini
del mondo.
Quest'ultimo murales stato realizzato anche grazie alla collaborazione dei passanti di varie
nazionalit, che si sono fermati a
tradurre la frase e a scriverla direttamente sul muro, in modo che
chiunque passi possa comprendere e sentirsi partecipe di questo
piccolo grande progetto di unit.
Domenica 10 aprile si tenuta
linaugurazione dei murales siti
nel corridoio attiguo alla stazione
Un anno e mezzo di progetti ha dato alla luce un bellissimo corridoio
di Savignano; erano presenti, tra
colorato da murales per la pace; il tutto nato grazie all'impegno dei
gli altri, il sindaco di Savignano FiRagazzi per lUnit della zona di Savignano sul Rubicone e allo spazio lippo Giovannini, leuroparlamendonato dal Comune di Savignano.
tare Damiano Zoffoli, il presidente
Lidea dei murales nata nell'adesione a un progetto mondiale chiadel gruppo Ivas Werther Colonna
mato Living Peace, nato in Egitto e diffuso in tutto il mondo, in cui viene che ha fornito la vernice gratuitarichiesto ai giovani di creare degli eventi che coinvolgano tutti ed espri- mente, e i tantissimi ragazzi che
mano la fraternit e la pace.
hanno partecipato al progetto, seI murales, interamente ideati dai ragazzi, sviluppano i temi della pace e guiti da familiari e cittadini che
dellunione di culture diverse. I murales della stazione di Savignano rap- hanno voluto celebrare questo
presentano il simbolo universale della pace, il simbolo del ponte sul
momento di festa (nelle foto).

Film al Victor
In visione al cinema di San Vittore gioved 14,
sabato 16, domenica 17 e marted 19 aprile alle
21 il lm di Massimo Gaudioso Un paese quasi
perfetto. Venerd 15 alle 21 per il cineforum
Film Family, condotto da don Filippo Cappelli,
sullo schermo A testa alta di Emmanuelle
Berlot. Ingresso 3,50 euro.

Antiquariato a Cesena Fiera


Nei padiglioni della Fiera a Pievesestina, sabato
16 e domenica 17 aprile dalle 10 alle 19 saranno
presenti oltre 250 espositori di antiquariato,
brocantage, vintage e collezionismo. Si tratta
dellultima mostra-mercato della stagione prima
della pausa estiva. Ingresso 3 euro; parcheggio
gratuito.

Passeggiata al rifugio
La Pro loco Calisese inVita, in collaborazione
con lassociazione culturale Pro Rubicone e
Tuttinsieme per la scuola, propone una
passeggiata al rifugio bellico del rio San Michele
per domenica 17 aprile con partenza dalla chiesa
parrocchiale di Calisese alle 15. Una guida
illustrer la storia del rifugio.

Asta darte
Nella chiesa di San Zenone, sabato 16 aprile alle
16,45, sar effettuata unasta darte. Il ricavato
andr per la realizzazione del giardino in
memoria di don Ezio Casadei presso la
Fondazione del Sacro Cuore. Dal 17 al 23 aprile si
terr una mostra mercato con opere di una
trentina di artisti romagnoli.

Lezioni allUte
Nella sala Fantini in via Renato Serra, venerd 15
aprile alle 15,30, larchitetto Giampiero
Teodorani parler della programmazione
urbanistica di Cesena. Marted 19 alle 15,30
nella sala Vaienti della Cisl, larcheologa Maria
Grazia Maioli terr una lezione sul tema Il
periodo e larte bizantina: vita, cucina e
abbigliamento.
Pagina a cura di Terzo Spada

Sport

VOLLEY B2 MASCHILE
La Fenice Cesena salva e promossa
Tutto in una partita
Salvezza con 4 turni di anticipo, terzo posto solitario e
promozione nella nuova serie B per la squadra di coach Casadei
una salvezza che vale una
promozione. Al di l del
gioco di parole, la sostanza
che, col 3-1 (25-18, 24-26, 25-18,
25-17) inferto al Sesto Fiorentino,
la Fenice Cesena, in un colpo
solo, ha ottenuto la salvezza nel
campionato di B2 con quattro
giornate di anticipo, salita al
terzo posto solitario e si
garantita allo stesso tempo la
promozione, ovvero laccesso alla
nuova serie B unificata della

Gioved 14 aprile 2016

prossima stagione.
Limpresa tanto pi significativa se si
tiene conto dellorganico limitatissimo
col quale coach Raffaele Casadei ha
dovuto fare i conti per buona parte della
stagione e, in particolare, per la gara
decisiva contro Sesto Fiorentino,
affrontata in pratica con otto giocatori,
compreso il libero Marchini, senza
Celetti, e con Venturini e Mughetti
infortunati. Onore a questo gruppo di
atleti - ha commentato coach Casadei per quello che ha fatto durante tutto
larco della stagione. I miei giocatori?
Pochi e buoni. Il traguardo raggiunto
dalla Fenice Cesena meritato e sta
anche nei numeri, visto che i bianconeri
hanno mosso la classifica in 10 delle
ultime 11 giornate, conquistando
complessivamente 25 punti sui 33 a
disposizione.
Sabato 16 aprile la Fenice Cesena sar di
scena ad Albareto di Modena contro il
Puntozero Modena, gi sconfitti 3-2
allandata in rimonta da 1-2.
Nella foto: la Fenice Cesena.

Calcio Serie B: dopo l1-1 casalingo, appuntamento a venerd 15 aprile sul campo del Pescara
SABATO 9 APRILE, OROGEL STADIUM
DINO MANUZZI:
IL CESENA SOTTO LA CURVA MARE
(PIPPO FOTO)

Il Cesena non spicca il volo


Col Vicenza solo pari
D

opo la vittoria di venerd sera 8


aprile del Pescara, avversario per la
qualificazione ai playoff, ci si
aspettava una risposta convincente da
parte del Cavalluccio e dalle altre
concorrenti (8 squadre in 7 punti). I
bianconeri per, nella sfida di sabato
pomeriggio 9 aprile in casa contro i
veneti, non riescono a portare a casa il
bottino pieno, causa una prestazione pi
che dignitosa dei ragazzi di Lerda, che,
subentrato un mese fa a Marino, si ritrova

in mano una squadra con un potenziale


molto pi alto rispetto a ci che dice la
classifica (18 posto). I padroni di casa
devono fare ancora a meno di Sensi e
Djuric infortunati, e Valzania squalificato.
Ciano parte dalla panchina per un virus
influenzale che ha colpito in settimana
mezza squadra. Lo sostituisce Ragusa,
che affianca Rosseti e Garritano in un
inedito tridente, e a centrocampo Drago
si affida a Cascione per sopperire
allassenza dei due under-21. Un 4-3-3,

schierato dal mister ex-Crotone, che si


trasforma in 4-3-1-2, con Garritano da
trequartista, e con il quale il Cesena si rende
pericoloso, grazie a un paio di occasioni per
Ragusa e una proprio per Garritano,
imprecisi sotto porta. Il Vicenza invece non
si fa trovare impreparato, e in una delle
poche occasioni, al 35, Ebagua mostra il suo
fiuto del gol, e sfruttando un errore di Gomis
insacca facilmente a porta vuota su cross di
Galano. Gli uomini di Drago non ci stanno e
tentano la riscossa, che arriva dalla
panchina: allinizio del secondo tempo il
tecnico decide di inserire Ciano al posto di
Garritano. Lattaccante campano regala al 52
lassist a Rosseti, che, a tu per tu con Benussi,
di destro lo buca sotto le gambe e segna la
rete dell1-1. Dopo un altro bel tiro di sinistro
di Ciano, neutralizzato in angolo da Benussi,
il Cesena trema a due minuti dalla fine,
quando Galano fa esplodere un sinistro da
fuori area che centra il palo.
La partita si conclude in parit, fra i
rimpianti dei bianconeri, che scendono con
55 punti al 6 posto (ma solo a -2 dalla terza
posizione del Bari). Ora si devono guardare
anche alle spalle dallarrivo di Entella (54
punti) e Brescia (50), fuori dalla zona playoff,
ma vicinissime. Il Vicenza rimane in piena
lotta per non retrocedere, al 18 posto, a solo
un punto dalla zona salvezza, grazie al trend
positivo da quando arrivato il nuovo
allenatore.
Prossimo appuntamento per il cavalluccio
sul campo del Pescara, venerd 15 aprile alle
21, per continuare a lottare per la serie A.
Andrea Pracucci

21

In breve
Ciclismo
Gozzi concede il bis
Nicol Gozzi della Sidermec-F.lli Vitali
ha vinto allo sprint, domenica 10 aprile,
la gara per juniores a Basilicagoiano
(Parma) di 102 chilometri percorsi alla
media dei 42,290 orari. Era salito sul
primo gradino del podio anche nella
prima corsa della stagione il 20 marzo a
Cassanigo di Ravenna.
Podio anche per Saramano Sala della
Fiumicinese-Fait Adriatica. giunto 3
nella gara di 58 chilometri per allievi
domenica 10 aprile a Foiano della
Chiana (Arezzo). Domenica 3 aprile a
Villamarina di Cesenatico 1 e 3 posto
rispettivamente per Davide Crociati e
Samuele Facja.
Brillanti affermazioni per gli esordienti
della Fausto Coppi di Cesenatico. Dopo
la vittoria di Manuel Vannucci e il 3
posto di Tommaso Vincenzi domenica 3
aprile a Villamarina di Cesenatico, Diego
Molisso salito sul 2 gradino del podio
tra gli esordienti di 1 anno domenica
10 aprile a Foiano della Chiana (Arezzo)
e Mattia Casadei giunto 4 nella gara
per gli esordienti di 2anno.

Nordic walking
Per la Virtus Cesena
la prima gara ufficiale
La prima volta di una gara ufficiale per gli
appassionati del Nordic walking della
Virtus Cesena. Lappuntamento per
domenica 17 aprile a Bologna. Si
confronteranno con il cronometro sui 5
chilometri le atlete Simonetta Manuzzi e
Barbara Tumedei. Tra gli uomini, sulla
distanza di 10 chilometri scenderanno sul
circuito dei Giardini Margherita a Bologna
Alberto Bondi, Giorgio Giovannini,
Fabrizio Lelli e Roberto Mariani.
Nella fase di preparazione i partecipanti
alla gara sono stati seguiti dalle
istruttrici Mara Fullin e Francesca
tarantini.
Il nordic walking sbarcato a Cesena da
qualche anno e conta gi decine e decine
di camminatori. Le uscite sono
programmate quasi tutti i giorni, sempre
con le istruttrici. Il nordic walking una
disciplina che si pratica aiutati dai
bastoncini. Nato come allenamento estivo
per lo sci di fondo, sta diventando una
vera e propria sana mania per
mantenersi in forma. Rispetto alla
normale camminata, il nordic walking
richiede lapplicazione di una forza ai
bastoni a ogni passo. Ci implica luso
dellintero corpo (con maggiore
intensit) e determina il coinvolgimento
di gruppi muscolari del torace, dorsali,
tricipiti, bicipiti, spalle, addominali e
spinali, assente nella normale
camminata.

CALCIO SERIE D.Michele Luzzi, classe 1997, un promettente attaccante del Romagna Centro. Originario di Novi di Modena, cos ricorda i giorni del sisma

A Cesena per coltivare un sogno nel cassetto


L

a terra tremava forte in Emilia nel


2012. E tanti paesi nel modenese, nel
reggiano, ma anche nel ferrarese e nel
mantovano, hanno visto edifici crollare di
fronte allimprevisto della natura. Da uno di
quei paesi, Novi di Modena, proviene
Marcello Luzzi (nella foto), attaccante
classe 97 del Romagna Centro, la seconda
squadra cesenate che milita in serie D.
La sua una piccola grande storia legata al
calcio dilettantistico. Ricordare quei giorni
e trovare le parole per descrivere quello che
stato, davvero ancora molto difficile. A
mente fredda, dopo quattro anni posso solo
dire che non stata affatto una bella
esperienza. Io e la mia famiglia siamo
rimasti senza tetto e cos ci siamo trasferiti
in Romagna, dove per tre mesi siamo stati
accolti in un hotel a Tagliata di Cervia. Poi
ho trascorso un anno in convitto, e solo ora

la nostra casa di Novi tornata a essere


agibile.
Marcello fin dalla tenera et ci sa fare coi
piedi e a 9 anni viene notato sui campi
modenesi dalla Reggiana che lo porta a
Reggio Emilia dove fa la trafila nelle
giovanili granata per sei anni. Sono
rimasto anche tifoso della Reggiana ammette il giovane attaccante - ma ora
posso dire di sentirmi un romagnolo
acquisito. Abito a Cesenatico (dove
mamma Gaetana e il fratello maggiore
Riccardo hanno aperto unattivit
ristoratrice, ndr) e frequento lIstituto
professionale Comandini di Cesena. A
parte gli amici che ho lasciato a Novi, posso
dire che nonostante quello che successo
dalle mie parti, non potevo trovare miglior
posto in cui vivere. E sul campo, dopo una
parentesi nelle giovanili del Bellaria e una

stagione in Eccellenza nella Savignanese,


ecco il biancazzurro del Romagna Centro.
Sotto la guida del tecnico Roberto Rossi,
seppur utilizzato a sprazzi, ha gi siglato 5
reti di cui una al Ravenna e ben 4 al
Legnago Salus tra andata e ritorno. Qui a
Cesena sto vivendo una bella esperienza.
Mi trovo molto bene con i compagni e
voglio dare il mio contributo alla salvezza
della squadra. La differenza di categoria
con lEccellenza c e si sente: giocare
contro squadre come il Parma al Tardini
sicuramente galvanizzante, e per me che
tifo Reggiana stato come un derby. Lo
studio importante, ma il calcio ha sempre
il suo appeal: Frequento il quarto anno
del Comandini, ma il calcio alla mia et
ancora un sogno nel cassetto e, perch no,
da inseguire.
Eric Malatesta

22

Gioved 14 aprile 2016

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Sara Amati, Manuel Capacci, Giuseppe Mautone, Raffaele Onofri, Andrea Pandolfi e Giulio Saccaro hanno superato lesame finale

Sei nuovi arbitri al Centro sportivo di Cesena


L

a settimana scorsa si concluso il corso


arbitri di calcio 2015/2016 organizzato
dal Csi di Cesena e portato avanti dai due
istruttori Domenico Montalti e Riccardo Ulivi,
con incontri settimanali durante gli ultimi
quattro mesi.
Sono sei i nuovi arbitri che hanno completato il
difficile percorso fatto di studio del
regolamento del calcio e di prove teoriche e
pratiche relative
alla compilazione
del referto di gara.
Lesame finale
condotto
dallosservatore
arbitrale dellAia
(Associazione
italiana arbitri)
Gabriele Andreoli
e dal responsabile
arbitri del Csi
Valerio Fabbri ha

Cinque atleti della Pol. San Pietro alle finali del 19esimo Campionato nazionale Csi

e
r
t
s
e
p
m
a
c
Corsa

PARCO LEVANTE DI CESENATICO (1-3 APRILE),


SOTTO: VERONICA NIGRO, SAUL CAVALIERI,
PARIDE FIASCHETTI, GIOVANNI PRETOLANI
DELLA POL. SAN PIETRO DI SAN PIERO IN BAGNO
(FOTO MAURO ARMUZZI)

San Piero in Bagno


tra i protagonisti di Cesenatico

erano anche cinque atleti della Pol. San Pietro, societ del Centro
Sportivo Italiano di Cesena di San Piero in Bagno, fra i 1.882 atleti
provenienti da tutta Italia che hanno partecipato alla 19esima
edizione del Campionato nazionale di corsa campestre che si svolta
a Cesenatico lo scorso 2 aprile.
Purtroppo, a causa di un guasto al pullman nel viaggio di ritorno dalla gita
scolastica, quattro atlete gi iscritte non hanno fatto in tempo a scendere da San
Piero in Bagno fino a Cesenatico per la gara. Comunque la piccola realt podistica
della citt appenninica riuscita a conquistarsi la partecipazione alla gara
nazionale qualificandosi alle prove regionali, e questo gi un lusinghiero
risultato. Poi la partecipazione a una prova nazionale sempre una medaglia da
aggiungere al palmares della societ, indipendentemente dai risultati in classifica
dei propri atleti che sono stati:
- Paride Fiaschetti Cat. Ragazzi maschile, 110 su 199 partecipanti col tempo di
5.19.43;
- Seul Cavalieri Cat. Ragazzi maschile, 131 su 199 partecipanti col tempo di
5.28.08;
- Veronica Nigro Cat. Cadette, 84 su 207 partecipanti col tempo di 7.19.90;
- Daniel Silvani Cat. Amatori A, 72 su 76 partecipanti col tempo di 26.32.35;
- Giovanni Pretolani Amatori B, 136 su 150 partecipanti col tempo di 27.41.08
Un gran bel risultato per la piccola societ del Csi di Cesena.

laureato arbitri del Csi Cesena a tutti gli


effetti: Sara Amati, Manuel Capacci,
Giuseppe Mautone, Raffaele Onofri, Andrea
Pandolfi, Giulio Saccaro (nella foto di
Mauro Armuzzi).
Il presidente del Csi Luciano Morosi si
congratulato con ognuno dei partecipanti e,
consegnando loro lattestato in pergamena
del corso, ha ricordato come questo esame
sia solo la prima parte del percorso
formativo perch gi da domani inizia la
parte pi difficile: la prova del campo.
infatti sul campo che un arbitro completa la
sua preparazione imparando a relazionarsi
in maniera corretta con giocatori e dirigenti,
fase di preparazione pi o meno
equivalente alla conoscenza del
regolamento, solo con una buona
conoscenza del regolamento e un
comportamento ineccepibile un allievo
arbitro potr definirsi un Arbitro con la A
maiuscola.

Assemblea elettiva
Tempo di elezioni
Il Comitato Csi Cesena
vota venerd 15 aprile
convocata per venerd
15 aprile alle 20,30
presso la sede del
Comitato Csi in via C.
Lugaresi, 202 di Cesena
lassemblea delle
societ sportive in
regola con
laffiliazione.
Lappuntamento
importante perch dovranno essere eletti i
consiglieri che guideranno il Comitato di Cesena per
il quadriennio 2016/2020.
Ogni societ sportiva potr votare attraverso il suo
presidente o il vice presidente o altro suo
consigliere delegato; inoltre ogni societ presente
potr rappresentare per delega altre due societ.
Se per lelezione del presidente il risultato gi
scontato in quanto solo la candidatura del
presidente uscente Luciano Morosi stata
presentata nei termini consentiti dallo statuto, per i
consiglieri ci sono quattordici candidature per
dodici posti.
Questo lelenco dei candidati a consigliere in ordine
alfabetico: Agostini Gabriele, Antolini Fiorenzo,
Battistini Stefano, Calbucci Paolo, Ceccarelli
Giovanni, Cecchini Stefano, Cola Alfredo, Comandini
Massimiliano, Flamminj Adriano, Quadrelli Renato,
Merli Fabrizio, Pretolani Giovanni, Santini
Alessandro, Valbonesi Christian. Si candidano al
ruolo di revisore dei conti Danesi Massimo e
Fiumana Marco.
La Commissione Verica Poteri sar operativa n
dalle 19,30 presso la segreteria al primo piano. Si
invitano i presidenti di societ a passare prima dalla
segreteria per gli adempimenti burocratici per poi
spostarsi nella sala ex-Acli al piano terra dove si
svolger lassemblea.
Fulcro della giornata sar la relazione del
presidente e il successivo dibattito per poi passare
alle votazioni.
Al termine dei lavori prevista una visita ai locali
da poco rinnovati della sede con inaugurazione dei
nuovi uffici ultimamente predisposti per la
commissione ciclismo, la commissione calcio e per il
giudice unico.
Un rinfresco offerto dal Comitato sancir il termine
dei lavori assembleari e il festeggiamento dei nuovi
eletti con laugurio di un buon lavoro per il
quadriennio che verr.
Ma

Pagina aperta

Il direttore risponde

Gioved 14 aprile 2016

23

LOcchio indiscreto

Grazie al Corriere Cesenate e ai settimanali cattolici


abbiamo vissuto con papa Francesco una giornata da incorniciare

arissimo direttore, desideriamo vivamente ringraziare il Corriere Cesenate


per la bella esperienza che ci avete fatto
vivere sabato scorso in occasione del 50 anniversario della Federazione italiana settimanali cattolici partecipando alludienza
giubilare con papa Francesco.
stata sicuramente una di quelle giornate
che non si dimenticheranno pi, che ci porteremo nel cuore e nellanima come ricordo
vivo e che racconteremo a tutte le persone a
noi care.
Organizzazione perfetta e viaggio tranquillo.
Appena arrivati in piazza San Pietro sabato
mattina presto gi si respirava qualcosa di
speciale. Mi soffermo solo un attimo per ricordare che appena arrivati il tempo era nuvoloso, grigio, con una temperatura intorno
ai 10 gradi. Allimprovviso spuntato un raggio di sole che ha illuminato la facciata della
Basilica e ha scaldato i nostri corpi e i nostri
cuori. Un caloroso benvenuto da parte del Signore
Preso posto in piazza a ridosso del sagrato,
abbiamo vissuto ogni istante in attesa che arrivasse il Santo Padre con gioia e serenit in
unatmosfera bellissima e con tantissime persone come noi che volevano in qualche modo
unirsi ai festeggiamenti della Fisc, sfoggiando
il bel cappellino rosso. Vedere una macchia
rossa cos vasta in piazza ha suscitato in noi
ancora pi voglia di essere partecipi a un
evento tanto importante.
Lapice di tutta questa giornata stata raggiunta allarrivo di papa Francesco, per le parole che ci ha trasmesso, per la gioia che ha
saputo espriemere e per la disponibilit che
ha avuto con tutti, soprattutto con gli amma-

lati davanti a
noi. Durante la
riflessione ci ha
parlato dellelemosina, di
come dobbiamo
interpretarla e
di non giudicare mai gli
altri. Il Papa ci
ha invitati a donarci alle persone bisognose.
Ci ha colpito
tantissimo questo passaggio e ci far meditare
per il futuro.
Una giornata da incorniciare, da tenere nei ricordi pi cari. Tutto stato possibile grazie al
Corriere Cesenate e alla Federazione italiana
settimanali cattolici e alle persone chi ci lavorano che si sono rese molto disponibili nellorganizzare un evento di questa portata.
Infine, un ringraziamento particolare lo riserviamo a un grande amico che ci ha invitato ad
assaporare questa giornata particolare: grazie
mille, caro direttore (nonch presidente della
Fisc).
Saluti cordiali.
Cristina e Massimo Rossi
(Cesena)
Carissimi,
sono io che ringrazio voi per aver deciso di
condividere questa giornata di preghiera e di
celebrazione che si trasformata in una festa
di popolo. Alla maniera di papa Francesco.
A presto.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

La Corale Vox Animae di San Vittore


alla Basilica di San Pietro, a Roma
La Corale Vox Animae ha cantato domenica 10 aprile nella cornice della maestosa Basilica di San Pietro,
nel suo pieno splendore artistico e spirituale. Per tutti rappresenta il centro della cristianit. Una vera
emozione per tutti, a cominciare dalla maestra Antonella Casalboni, dallorganista Alberto Salimbeni che
ha potuto suonare un organo Tamburini di grande valore, ma anche per i coristi che con impegno si dedicano
settimanalmente alla cura del canto liturgico e non solo.

Al parco dellIppodromo, a Cesena, domenica scorsa 10 aprile. Bellissimo


colpo docchio con tanti scout delle parrocchie cittadine di San Paolo, San
Rocco e Santa Maria della Speranza.

Festa dellApparizione a Romagnano

Cari amici,
sul Corriere Cesenate della scorsa
settimana
la
notizia
dellanniversario dellapparizione
di Maria a una pastorella di
Romagnano (e Montepetra).
Nelloccasione tradizione fare
una processione con la statua
della Madonna.
Vi allego una foto della
processione dell8 aprile 1951: il
chierichetto che si vede sono io
(avevo 5 anni e mezzo) e alla mia
sinistra c mia sorella Caterina
che allora aveva 20 anni.
Sotto, una foto di 7 anni fa.
Piergiorgio Marini

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

Udienza a Roma
I lettori
del Corriere
accolti dal Papa
Trekking e fede
San Vicinio
in otto tappe
C.I.P. - Via del Seminario 85 - Corriere Cesenate 2016