Sei sulla pagina 1di 122

RIFERIMENTI NORMATIVI

NORMATIV PER
TIRANTI PERMANENTI E PROVVISORI
PER USO GEOTECNICO ATTIVO

D.M. del 14 gennaio 2008,


2008 Decreto n. 12391 del 22.12.2011, dalla
Linea Guida per il rilascio della certificazione di idoneit tecnica
allimpiego di tiranti per uso geotecnico di tipo attivoe EN 1537 2013

INDICE

Sezione 1
Sezione 2
Sezione 3
Sezione 4
Sezione 5
Sezione 6
Sezione 7
Sezione 8
Sezione 9
Sezione 10
Sezione 11
Sezione 12
Sezione 13
Sezione 14
Sezione 15
Sezione 16
Sezione 17
Sezione 18
Sezione 19
Sezione 20
Sezione 21
Sezione 22
Sezione 23
Sezione 24
Sezione 25
Sezione 26
Sezione 27
Sezione 28

Approvazione Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche per
le costruzioni
30 giugno 2009 fine regime transitorio.
Comunicazione verifiche in stabilimento nei giorni 8 e 9 novembre 2010.
Verbale visita ispettiva.
Istanza per il conseguimento dellattestazione di qualifica di tiranti permanenti e
provvisori.
Comunicazione riguardante il Voto 3 della Prima Sezione del CSLP con integrati i
Considerato.
Verifiche ispettive di sorveglianza semetrale.
Nulla osta per esecuzione prove presso Universit di Trento.
Pubblicazione linea guida per la certificazione dei tiranti per uso geotecnico per
tiranti di tipo attivo.
Comunicazione pubblicazione linea guida per tiranti uso geotecnico di tipo attivo.
Comunicazione di visita ispettiva presso lUniversit di Trento e definizione delle
programma delle prove.
Nulla osta per esecuzione prove presso Politecnico di Milano.
Assicurazione responsabilit civile prodotti, compresa la garanzia ritiro prodotti.
Comunicazione programma prove sui materiali e componenti plastici da eseguire
presso Universit di Trento.
Comunicazione di termine esecuzione prove su testate di ancoraggio eseguite
presso Politecnico di Milano.
Comunicazione di termine esecuzione prove su manicotti monotrefolo 1GX15
eseguite presso Politecnico di Milano.
Comunicazione di termine esecuzione prove su testate di ancoraggio eseguite
presso Politecnico di Milano.
Comunicazione di termine esecuzione prove su materiali plastici eseguite press
Universit di Trento.
Certificazione ISO 9001:2008.
Euro Norma EN 1537.
ETAG 013 Guideline for European Technical approval for Post-Tensioning
system
Benestare tecnico Europeo ETA-09/0013 per ancoraggi TTM e TTM-F
Benestare tecnico Europeo ETA-09/0012 per manicotti 1G15 e 1GX15.
Dichiarazione di conformit CE 0969-CPD-001/09-PT.
Dichiarazione di conformit CE 0969-CPD-002/09-PT.
Comunicazione del STC in merito allobbligatoriet dellapplicazione del DP.
12391
Conclusioni del voto n. 68/2013 reso dalla Prima Sezione del Consiglio Superiore
dei lavori pubblici nelladunanza del 12.11.2013
Conclusioni del voto n. 88/2013 reso dalla Prima Sezione del Consiglio Superiore
dei lavori pubblici nell'adunanza del 12.11.2013

Revisione catalogo: C
Data di emissione: Luned 8 aprile 2013

1
7
9
11
23
25
31
33
35
51
53
55
59
61
69
71
73
77
81
85
87
91
95
99
103
107
111
115

Sezione 1
Data: 14 gennaio 2008
Oggetto: Approvazione Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche per le
costruzioni.

Nuove norme tecniche per le costruzioni, Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2008
(NTC 2008) con riferimento alle applicazioni di tiranti per uso geotecnico.

Pagina 1

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE


di concerto con

IL MINISTRO DELL'INTERNO
e con

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE


Vista la legge 5 novembre 1971, n. 1086, recante norme per la disciplina delle opere
in conglomerato cementizio armato, normale e precompresso e da struttura metallica;
Vista la legge 2 febbraio 1974, n. 64, recante provvedimenti per le costruzioni con
particolari prescrizioni per le zone sismiche;
Vista la legge 21 giugno 1986, n. 317 recante Procedura di informazione nel settore
delle norme e regolamentazioni tecniche delle regole relative ai servizi della societ
dellinformazione in attuazione della direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 22 giugno 1998, modificata dalla direttiva 98/48/CE del Parlamento europeo e
del Consiglio del 20 luglio 1998;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 21 aprile 1993, n. 246, recante
Regolamento di attuazione della direttiva 89/106/CEE relativa ai prodotti da costruzione;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, recante conferimento di funzioni e
compiti amministrativi allo Stato, alle regioni e agli enti locali in attuazione del capo I della
legge 15 marzo 1997, n. 59;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, testo unico
delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia;
Vista la legge 17 luglio 2004, n. 186, di conversione del decreto-legge 28 maggio
2004, n. 136 ed in particolare l'art. 5, comma 1, che prevede la redazione, da parte del
Consiglio superiore dei lavori pubblici, di concerto con il Dipartimento della protezione
civile, di normative tecniche, anche per la verifica sismica ed idraulica, relative alle
costruzioni, nonch per la progettazione, la costruzione e l'adeguamento, anche sismico ed
idraulico, delle dighe di ritenuta, dei ponti e delle opere di fondazione e sostegno dei terreni,
per assicurare uniformi livelli di sicurezza;
Visto il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 14 settembre 2005, con
il quale sono state approvate le Norme tecniche per le costruzioni;
Visto lart. 14-undevicies del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115, convertito, con
modificazioni, in legge 17 agosto 2005, n. 168, che inserisce il comma 2-bis all'art. 5 del
citato decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito, con modificazioni, dalla legge 27
luglio 2004, n. 186, il quale prevede che al fine di avviare una fase sperimentale di
applicazione delle norme tecniche di cui al comma 1, consentita, per un periodo di diciotto
1
Pagina 2

mesi dalla data di entrata in vigore delle stesse, la possibilit di applicazione, in alternativa,
della normativa precedente sulla medesima materia, di cui alla legge 5 novembre 1971, n.
1086, e alla legge 2 febbraio 1974, n. 64, e relative norme di attuazione, fatto salvo,
comunque, quanto previsto dall'applicazione del regolamento di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 21 aprile 1993, n. 246;
Considerata la necessit di procedere al previsto aggiornamento biennale delle
Norme tecniche per le costruzioni di cui al citato decreto ministeriale 14 settembre 2005;
Visto il voto n. 74 con il quale lAssemblea generale del Consiglio superiore dei
lavori pubblici nelle adunanze del 13 e 27 luglio 2007 si espresso favorevolmente in
ordine allaggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni, di cui al citato decreto
ministeriale 14 settembre 2005;
Vista la nota del 7 agosto 2007, n. 2262, con la quale il Presidente del Consiglio
superiore dei lavori pubblici ha trasmesso allUfficio legislativo del Ministero delle
infrastrutture il suddetto aggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni licenziato
dallAssemblea generale del Consiglio superiore dei lavori pubblici;
Visto l'art. 52 del citato decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n.
380, che dispone che in tutti i comuni della Repubblica le costruzioni sia pubbliche sia
private debbono essere realizzate in osservanza delle norme tecniche riguardanti i vari
elementi costruttivi fissate con decreti del Ministro per le infrastrutture, di concerto con il
Ministro dell'interno qualora le norme tecniche riguardino costruzioni in zone sismiche;
Visti gli articoli 54 e 93 del citato decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 e lart.
83 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, i quali prevedono che
l'esercizio di alcune funzioni mantenute allo Stato, quali la predisposizione della normativa
tecnica nazionale per le opere in cemento armato e in acciaio e le costruzioni in zone
sismiche, nonch i criteri generali per l'individuazione delle zone sismiche, sia realizzato di
intesa con la Conferenza unificata, tramite decreti del Ministro delle infrastrutture, di
concerto con il Ministro dell'interno;
Visto il concerto espresso dal capo del Dipartimento della protezione civile, espresso
con nota prot. n. DPC/CG/75468 del 12 dicembre 2007, ai sensi del citato art. 5, comma 2,
della legge 17 luglio 2004, n. 186, di conversione del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136;
Visto il concerto espresso dal Ministro dell'interno con nota prot. n. 30-18/A - 4 bis
del 18 dicembre 2007, ai sensi dell'art. 1, comma 1, del citato art. 52 del decreto del
Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380;
Vista l'intesa con la Conferenza unificata resa nella seduta del 20 dicembre 2007,
ai sensi dei citati articoli 54 e 93 del decreto legislativo n. 112/1998 e 83 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 380/2001;
Vista la nota prot. n. 76703 del 21dicembre 2007, con la quale il Ministero dello
sviluppo economico ha comunicato la notifica 2007/0513/I, contenente il parere
circostanziato emesso dallAustria ai sensi dellarticolo 9.2 della direttiva 98/34/CE,
secondo il quale la misura proposta presenterebbe aspetti che possono eventualmente creare
ostacoli alla libera circolazione dei servizi o alla libert di stabilimento degli operatori di
servizi nellambito del mercato interno;

2
Pagina 3

Considerato che lemissione di un parere circostanziato da parte di uno Stato membro


determina il rinvio delladozione del provvedimento contenente le regole tecniche di quattro
mesi a decorrere dalla data in cui la Commissione ha ricevuto la comunicazione del progetto
di regola tecnica, termine fissato al 20 marzo 2008, e comporta lobbligo di riferire alla
Commissione sul seguito che si intende dare al parere stesso;
Ritenuto, tuttavia, di procedere allapprovazione delle Norme tecniche per le
costruzioni, ad esclusione delle tabelle 4.4.III e 4.4.IV e del Capitolo 11.7, concernenti il
legno, oggetto del parere circostanziato sopra citato, in considerazione dellurgente ed
indefettibile aggiornamento delle Norme tecniche di cui al decreto ministeriale 14 settembre
2005;

DECRETA
Art. 1
E approvato il testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni, di cui alla
legge 5 novembre 1971, n. 1086, alla legge 2 febbraio 1974, n. 64, al decreto del Presidente
della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, ed alla legge 27 luglio 2004, n. 186, di conversione
del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, allegato al presente decreto, ad eccezione delle
tabelle 4.4.III e 4.4.IV e del Capitolo 11.7. Le presenti norme sostituiscono quelle approvate
con il decreto ministeriale 14 settembre 2005.
Art. 2
Le norme tecniche di cui allart. 1 entrano in vigore trenta giorni dopo la
pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Il presente decreto ed i relativi allegati sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.

IL MINISTRO

3
Pagina 4

11.5 SISTEMI DI PRECOMPRESSIONE A CAVI POST-TESI E TIRANTI DI


ANCORAGGIO
11.5.1

SISTEMI DI PRECOMPRESSIONE A CAVI POST TESI

Le presenti norme si applicano a qualsiasi sistema a cavi post-tesi, usato per la precompressione di
strutture in conglomerato cementizio.
A tali sistemi di precompressione si applica quanto specificato al punto C) del 11.1, sulla base
della Linea Guida di benestare Tecnico Europeo ETAG 013. Ad integrazione di quanto indicato al
punto C del 11.1, ai fini dellimpiego essi sono tenuti a depositare presso il Servizio Tecnico
Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici:
a) copia del certificato di conformit al Benestare Tecnico Europeo (ETA);
b) copia del Benestare Tecnico Europeo (ETA)
c) i disegni degli ancoraggi con la esatta indicazione delle dimensioni, dei materiali impiegati,
delle tolleranze ammesse e di ogni altra caratteristica;
d) la resistenza caratteristica del calcestruzzo da utilizzare in corrispondenza degli ancoraggi;
e) le armature accoppiate agli ancoraggi con esatta specifica delle dimensioni, delle caratteristiche,
ed una relazione tecnica giustificativa, illustrante anche le particolari modalit di
posizionamento e fissaggio degli ancoraggi, sia per ci che riguarda il loro accostamento, sia per
la loro distanza dai lembi della struttura.
f) le specifiche tecniche dei condotti da utilizzare, nonch le istruzioni per il posizionamento e
fissaggio;
g) le specifiche tecniche delle attrezzature e dei prodotti da utilizzare nelle operazioni di tensione,
iniezione e sigillatura, nonch le procedure di esecuzione delle suddette operazioni.

Il Servizio Tecnico Centrale attesta il deposito della documentazione.


Le modalit di esecuzione delle prove di accettazione sono riportate nella Linea Guida di Benestare
tecnico Europeo ETAG 013.
11.5.2

TIRANTI DI ANCORAGGIO

Per quanto riguarda i tiranti permanenti e provvisori di ancoraggio per uso geotecnico, tutti i
materiali e componenti utilizzati devono essere conformi alle prescrizioni contenute nelle presenti
norme, per quanto applicabili.

390

Pagina 5

Pagina 6

Sezione 2
Data: 30 giugno 2009
Oggetto: 30 giugno 2009 fine regime transitorio.

Il 30 giugno 2009 per effetto del Decreto legge 39/2009 convertito nella Legge
77/2009, terminato il regime transitorio per loperativit della revisione delle
norme tecniche per le costruzioni e pertanto, dal 1 luglio 2009 obbligatoria
lapplicazione delle nuove NTC 2008 approvate con il D.M. 14/01/2008.

Note:
Sul Supplemento Ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 27 giugno 2009 stata pubblicata la Legge 24 giugno 2009, n.
77, conversione del Decreto Legge per l'emergenza in Abruzzo (D.L. 28 aprile 2009, n. 39).
quindi ora ufficiale lentrata in vigore (dal 1 luglio 2009) delle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni approvate con il D.M.
14 gennaio 2008.
Durante la conversione in Legge, infatti, il testo originario ha subito alcune modifiche tra le quale lintroduzione dellart. 1 bis.
Misure urgenti in materia antisismica.
Tale articolo ha anticipato di un anno, rispetto al 30 giugno 2010, l'entrata in vigore del D.M. 14 gennaio 2008 attraverso la
modifica allarticolo 20, comma 1, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248.
Ricordiamo che lanticipazione dellentrata in vigore delle nuove norme tecniche era stata prevista nello schema di decreto legge sul
piano casa; a causa del mancato accordo preliminare tra governo e Conferenza delle regioni il governo ha inserito la
disposizione nel D.L. per lemergenza in Abruzzo.
Le norme tecniche approvate con il decreto ministeriale del 14 gennaio 2008 sono da pi parti ritenute la pi avanzata espressione
normativa, forse a livello mondiale, in materia di tutela della pubblica incolumit nel settore delle costruzioni.
Pagina 7

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per lapplicazione delle Nuove norme tecniche
per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008

Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella G.U. del 4 febbraio 2008,
n.29, sono state approvate le Nuove norme tecniche per le costruzioni, testo normativo che
raccoglie in forma unitaria le norme che disciplinano la progettazione, lesecuzione ed il collaudo
delle costruzioni al fine di garantire, per stabiliti livelli sicurezza, la pubblica incolumit.
Tali norme rappresentano la pi avanzata espressione normativa a tutela della pubblica
incolumit nel settore delle costruzioni, secondo unimpostazione coerente con gli eurocodici e con
contenuti allavanguardia, riguardo alla puntuale valutazione della pericolosit sismica del territorio
nazionale e quindi alle esigenze di una moderna progettazione sismoresistente delle opere di
ingegneria civile da realizzare o ristrutturare in Italia; impostazione condivisa dal mondo
accademico, professionale e produttivo-imprenditoriale.
In considerazione del carattere innovativo di dette norme, si ritenuto opportuno emanare
la presente circolare esplicativa che ha cercato di privilegiare, con una trattazione maggiormente
diffusa, gli argomenti pi innovativi e per certi versi pi complessi trattati dalle Nuove norme
tecniche.
Il testo, pur essendo articolato e corposo, non travalica i compiti e i limiti propri di una
circolare, e quindi non modifica argomenti trattati dalle Nuove norme tecniche, n aggiunge nuovi
argomenti, se non per informazioni, chiarimenti ed istruzioni applicative.
Con le presenti istruzioni si inteso fornire agli operatori indicazioni, elementi informativi
ed integrazioni, per una pi agevole ed univoca applicazione delle Nuove norme tecniche per le
costruzioni.
La presente circolare e' stata sottoposta al parere dell'Assemblea generale del Consiglio
superiore dei lavori pubblici che si e' espressa favorevolmente in data 11 aprile 2008 con voto n.
305/07.

Roma, 2 febbraio 2009

Il Ministro: MATTEOLI

Pagina 8

Sezione 3
Data: 8 novembre 2010
Oggetto: Comunicazione verifiche in stabilimento nei giorni 8 e 9 novembre 2010.

Con riferimento al D.M. 14/01/2008, Direttiva 08/106/CEE, DPR 246/1993, STC


comunica che svolger nei giorni 8 e 9 novembre 2010 le verifiche ispettive in
stabilimento alle quali prender parte con propri funzionari (ing. Pietro Ciaravola
e ing. Bruno Santoro).

Pagina 9

Pagina 10

Sezione 4
Data: 8 novembre 2010
Oggetto: Verbale visita ispettiva.

Verbale di visita ispettiva del 8 novembre 2010 condotta dal servizio tecnico centrle.

Pagina 11

Pagina 12

Pagina 13

Pagina 14

Pagina 15

Pagina 16

Pagina 17

Pagina 18

Pagina 19

Pagina 20

Pagina 21

Pagina 22

Sezione 5
Data: 11 gennaio 2011
Oggetto: Istanza per il conseguimento dellattestazione di qualifica di tiranti permanenti e
provvisori.

L11 gennaio 2011 STC comunica che proceder allinoltro della documentazione
predisposta da TTM alla Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

Pagina 23

Pagina 24

Sezione 6
Data: 12 Aprile 2011
Oggetto: Comunicazione riguardante il Voto 3 della Prima Sezione del CSLP con integrati i
Considerato.

D.M. 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni. Richiesta di


certificazione di idoneit tecnica per tiranti di ancoraggio per uso geotecnico.
Comunicazione riguarda il voto N3 reso dalla prima Sezione del Consiglio
Superiore dei lavori pubblici nelladunanza del 12/04/2011.

Pagina 25

Pagina 26

Pagina 27

Pagina 28

Pagina 29

Pagina 30

Sezione 7
Data: 22 Novembre 2011
Oggetto: Verifiche ispettive di sorveglianza semetrale.

Linea guida ETAG013 verifiche periodiche di sorveglianza: dichiarazione del Politecnico di


Milano relativamente alla conduzione di audit di sorveglianza in riferimento a quanto prescritto
nel paragrafo 8 dell ETAG013.

Pagina 31

Pagina 32

Sezione 8
Data: 23 Novembre 2011
Oggetto: Nulla osta per esecuzione prove presso Universit di Trento.

D.M. 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni. Nulla osta per
esecuzione, presso il dipartimento di ingegneria meccanica e strutturale
dellUniversit di Trento, delle prove di funzionalit e di caratterizzazione dei
materiali e dei componenti che costituiscono i tiranti geotecnici prodotti da TTM.

Pagina 33

Pagina 34

Sezione 9
Data: 22 Dicembre 2011
Oggetto: Pubblicazione linea guida per la certificazione dei tiranti per uso geotecnico per tiranti di
tipo attivo.

D.M. 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni. Approvazione


Linea guida per la certificazione di Idoneit tecnica dei tiranti di ancoraggio per
uso Geotecnico di tipo attivo. Voto 62 della prima sezione del Consiglio Superiore
dei lavori pubblici adunanza del 15/11/2011 approvato con Decreto N 12391 del
22/12/2011 il testo della linea guida.

Pagina 35

Pagina 36

Pagina 37

Pagina 38

Pagina 39

Pagina 40

Pagina 41

Pagina 42

Pagina 43

Pagina 44

Pagina 45

Pagina 46

Pagina 47

Pagina 48

Pagina 49

Pagina 50

Sezione 10
Data: 09 Gennaio 2012
Oggetto: Comunicazione pubblicazione linea guida per tiranti uso geotecnico di tipo attivo.

D.M. 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni. Con riferimento
alla pratica in oggetto, si fa presente che il Presidente del Consiglio Superiore dei
lavori pubblici, a seguito del parere favorevole reso con voto N 62 dalla Prima
sezione del Consiglio Superiore nelladunanza del 15/11/2011, ha approvato con
decreto N 12391 del 22/12/2011, il testo della Linea guida per il rilascio della
certificazione di idoneit tecnica allimpiego di tiranti per uso geotecnico di tipo
attivo
Il testo di detta Linea Guida pu essere scaricato dalle NOVITA del sito
istituzionale del Consiglio Superiore dei lavori pubblici: www.cslp.it

Pagina 51

Pagina 52

Sezione 11
Data: 14 Febbraio 2012
Oggetto: Comunicazione di visita ispettiva presso lUniversit di Trento e definizione delle
programma delle prove.

D.M. 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche punto 11.1 lettera C. Comunicazione
visita ispettiva ai laboratori dellUniversit degli studi di Trento fissata in data 14
febbraio 2012 e definizione programma prove.

Pagina 53

Pagina 54

Sezione 12
Data: 5 Marzo 2012
Oggetto: Nulla osta per esecuzione prove presso Politecnico di Milano.

Comunicazione autorizzazione e programma prove per ancoraggi TTR-E presso il Politecnico di


Milano Dipartimento di Ingegneria strutturale Laboratorio prove e materiali, secondo: D.M. del 14
gennaio 2008, Line guida ETAG013 e Decreto N 12391 linea guida per la certificazione di
Idoneit tecnica dei tiranti dancoraggio per uso geotecnico di tipo attivo.

Prove da svolgere sulla gamma di ancoraggi da 2 a 8 trefoli e con le seguenti


tipologie di trefolo:
- T15 diam. 15,2 mm sez. 139 mm2 tensione caratteristica di rottura 1.860 MPa,
- T15S diam. 15,7 mm sez. 150 mm2 tensione caratteristica di rottura 1.860 Mpa,
- T15 diam. 15,2 mm sez. 165 mm2 tensione caratteristica di rottura 1.860 Mpa,

Caratteristiche del trefolo:


Diametro
mm
15.2
15,7
prEN
10138
prEN
10138
Norma
Trefolo tipo
Normale
Super
Diametro nominale
T15
T15S
mm2
139,00
150,00
Area nominale
N/mm2
1.860
1.860
Carico di rottura fptk
N/mm2
1.670
1.670
fp(1)k
gr./m
1.093
1.172
Massa
KN
234
251
Tensione 1% di allungamento
KN
260
279
Carico di rottura (Ptk)
KN
230
248
Limite elastico allo 0,1% (Pt0,1k)
Rilassamento dopo 1.000 h.0,7 fpt
%
2,5
2,5
Rilassamento dopo 1.000 h.0,8 fpt
%
4,5
4,5
KN/mm2 196 +/- 10
196 +/- 10
Modulo delasticit
Tiro massimo di bloccaggio Po = 0,60xPtk EN 1537-2002 paragrafo 9.8
Tiro totale per cavo 260KN T15
KN
156
Tiro totale per cavo 260KN T15
Kgf.
15.907,00
Tiro totale per cavo 279KN T15S
KN
167,50
Tiro totale per cavo 279KN T15S
Kgf.
17.069,25
Tiro totale per cavo 307KN T15C
KN
Tiro totale per cavo 307KN T15C
Kgf.

15,2
prEN 10138
Compatto
T15C
165,00
1.860
1.670
1.289
270
307
264
2,5
4,5
196 +/- 10

184,20
18.782,50

Tiro massimo di bloccaggio EN 1537-2002 paragrafo 9.8


Il tiro massimo di bloccaggio (Po)deve essere limitato a 0,6 Ptk
Po = 0,6 Ptk
Prove di indagine preliminare EN 1537-2002 paragrafo 9.5
Il tirante deve essere caricato a rottura (Ra)oppure al carico di prova che corrisponde al minor valore fra
0,80 Ptk oppure 0,95 Pt0,1k. Ra = 0,80 Ptk oppure 0,95 Pt0,1k

Pagina 55

Pagina 56

Pagina 57

Pagina 58

Sezione 13
Data: 15 Marzo 2012
Oggetto: Assicurazione responsabilit civile prodotti, compresa la garanzia ritiro prodotti.

Ottenimento assicurazione responsabilit civile prodotti, compresa la garanzia


ritiro prodotti.

Pagina 59

Pagina 60

Sezione 14
Data: 3 Aprile 2012
Oggetto: Comunicazione programma prove sui materiali e componenti plastici da eseguire presso
Universit di Trento.

Comunicazione programma di prima fase delle prove sui materiali e sui


componenti plastici che costituiscono i tiranti geotecnici prodotti dalla societ
TTM.

Pagina 61

Pagina 62

Pagina 63

Pagina 64

Pagina 65

Pagina 66

Pagina 67

Pagina 68

Sezione 15
Data: 13 Aprile 2012
Oggetto: Comunicazione di termine esecuzione prove su testate di ancoraggio eseguite presso
Politecnico di Milano.

Dichiarazione in lingua inglese di ultimazione test di efficienza e fatica su


ancoraggi 2TTR-E, 3TTR-E, 4TTR-E, 5TTR-E, 6TTR-E, 7TTR-E e 8TTR-E.
La dichiarazione riporta che gli ancoraggi TTR-E sono stati qualificati secondo:
- Line guida ETAG013,
- Decreto N 12391 line guida per la certificazione di Idoneit tecnica dei tiranti
dancoraggio per uso geotecnico di tipo attivo,
- EN 1537,
- D.M. del 14 gennaio 2008.
Test svolti sulle seguenti tipologie di trefolo:
- T15 diam. 15,2 mm sez. 139 mm2 tensione caratteristica di rottura 1860 MPa,
- T15S diam. 15,7 mm sez. 150 mm2 tensione caratteristica di rottura 1860 MPa,
- T15 diam. 15,2 mm sez. 165 mm2 tensione caratteristica di rottura 1860 MPa.

Pagina 69

Pagina 70

Sezione 16
Data: 14 Maggio 2012
Oggetto: Comunicazione di termine esecuzione prove su manicotti monotrefolo 1GX15 eseguite
presso Politecnico di Milano.

Dichiarazione di ultimazione test di efficienza e fatica su manicotti di giunzione


trefolo 1GX15 secondo Linee guida ETAG013.
La dichiarazione riporta che i manicotti 1GX15 sono stati qualificati secondo:
- Line guida ETAG013,
e testato staticamente determinando un efficienza > di 0,95 superando 2 milioni id
cicli.
Test svolti sulle seguenti tipologie di trefolo:
- T15 diam. 15,2 mm sez. 139 mm2 tensione caratteristica di rottura 1.860 MPa,
- T15S diam. 15,7 mm sez. 150 mm2 tensione caratteristica di rottura 1.860 MPa,
- T15 diam. 15,2 mm sez. 165 mm2 tensione caratteristica di rottura 1.860 MPa.

Pagina 71

Pagina 72

Sezione 17
Data: 14 dicembre 2012
Oggetto: Comunicazione di termine esecuzione prove su testate di ancoraggio eseguite presso
Politecnico di Milano.

Dichiarazione in lingua italiana di ultimazione test di efficienza e fatica su


ancoraggi 2TTR-E, 3TTR-E, 4TTR-E, 5TTR-E, 6TTR-E, 7TTR-E e 8TTR-E.
La dichiarazione riporta che gli ancoraggi TTR-E sono stati qualificati secondo:
- Line guida ETAG013,
- Decreto N 12391 line guida per la certificazione di Idoneit tecnica dei tiranti
dancoraggio per uso geotecnico di tipo attivo,
- EN 1537,
- D.M. del 14 gennaio 2008.
Test svolti sulle seguenti tipologie di trefolo:
- T15 diam. 15,2 mm sez. 139 mm2 tensione caratteristica di rottura 1860 MPa,
- T15S diam. 15,7 mm sez. 150 mm2 tensione caratteristica di rottura 1860 MPa,
- T15 diam. 15,2 mm sez. 165 mm2 tensione caratteristica di rottura 1860 MPa.

Pagina 73

Pagina 74

Pagina 75

Pagina 76

Sezione 18
Data: 30 gennaio 2012
Oggetto: Comunicazione di termine esecuzione prove su materiali plastici eseguite press Universit
di Trento.

Dichiarazione di ultimazione test su materiali plastici.


La dichiarazione riporta che i materiali sono stati qualificati secondo:
- Line guida ETAG013,
- Decreto N 12391 line guida per la certificazione di Idoneit tecnica dei tiranti
dancoraggio per uso geotecnico di tipo attivo,
- EN 1537,
- D.M. del 14 gennaio 2008.

Pagina 77

Pagina 78

Pagina 79

Pagina 80

Sezione 19
Oggetto: Certificazione ISO 9001:2008.

ISO 9001-2008 documento N 39061031 Codice EA: 17/29

ISO 9001-2008 documento N 39061031 Codice EA: 28

Pagina 81

Pagina 82

Pagina 83

Pagina 84

Sezione 20
Oggetto: Euro Norma EN 1537.

La norma Euro Norma EN 1537 1999 stabilisce e definisce i principi relativi alla
tecnologia degli ancoraggi. Si applica allinstallazione, al collaudo e al controllo
dei tiranti di ancoraggio permanenti e temporanei dove la capacit di carico
sottoposta a prova. Il termine "Terreno" comprende sia il suolo sia la roccia.

Note:

La Norma EN UNI 1537 1999 rimanda, la responsabilit della verifica del prodotto, prima
dellacquistato, al Responsabile tecnico del cliente che deve richiedere al produttore dei tiranti,
tutti i test svolti a supporto del materiale venduto e da Lui acquistato. La EN UNI 1537 1999
rimanda agli Euro codici ed il suo contenuto in accordo con Decreto N 12391 line guida per la
certificazione di Idoneit tecnica dei tiranti dancoraggio per uso geotecnico di tipo attivo.
Pagina 85

Pagina 86

Sezione 21
Oggetto: ETAG 013 Guideline for European Technical approval for Post-Tensioning system

Il Presidente del Consiglio Superiore dei lavori pubblici, a seguito del parere
favorevole reso con voto N 62 dalla Prima sezione del Consiglio Superiore
nelladunanza del 15/11/2011, ha approvato con decreto N 12391 del 22/12/2011,
il testo della Linea guida per il rilascio della certificazione di idoneit tecnica
allimpiego di tiranti per uso geotecnico di tipo attivo, i test sugli ancoraggi
devono essere svolti secondo le linee guida Europee ETAG013, dove richiesta per
la qualifica per gli ancoraggi, test svolti con efficienze > dello 0,95, sullancoraggio
pi piccolo, sullancoraggio medio e sullancoraggio pi grande. I test dovranno
essere svolti con la tipologia/e di trefolo/i oggetto della qualifica.
Il decreto N 12391 del 22/12/2011, lascia la libert al produttore di ancoraggi di
qualificare gli stessi a due milioni di cicli o il produttore dichiarer il numero di
cicli effettivamente effettuati in difformit a quanto richiesto dalla linea guida
stessa.

Note:

Qualora le prove di resistenza a fatica siano svolte, con le metodologie di cui alla linea guida
ETAG 013, effettuando un numero di cicli inferiori a quelli previsti nel predetta linea guida, il
produttore dichiarer il numero di cicli effettivamente effettuati in difformit a quanto
richiesto dalla linea guida stessa.
In riferimento agli specifici casi duso, sar compito del progettista indicare, negli elaborati
progettuali, la necessit dellutilizzo di tiranti, le cui testate siano state provate a fatica, nel
caso in cui ritenga che i tiranti stessi possano essere sottoposti a tale tipo di sollecitazione.
Pagina 87

Pagina 88

Pagina 89

Pagina 90

Sezione 22
Data: 18 dicembre 2012
Oggetto: Benestare tecnico Europeo ETA-09/0013 per ancoraggi TTM e TTM-F

Benestare tecnico Europeo ETA-09/0013

Note:

Per le applicazioni su tiranti permanenti e provvisori con impiego di ancoraggi TTM o TTM-F.
Pagina 91

Pagina 92

Pagina 93

Pagina 94

Sezione 23
Data: 18 dicembre 2012
Oggetto: Benestare tecnico Europeo ETA-09/0012 per manicotti 1G15 e 1GX15.

Benestare tecnico Europeo ETA-09/0012

Note:

Per le applicazioni su tiranti permanenti e provvisori con impiego di manicotti di giunzione 1G15
e 1GX15.
Pagina 95

Pagina 96

Pagina 97

Pagina 98

Sezione 24
Data: 18 dicembre 2012
Oggetto: Dichiarazione di conformit CE 0969-CPD-001/09-PT.

Trasmissione del Certificato di Conformit CE 0969-CPD-001/09-PT Revisione


1/2013

Pagina 99

Pagina 100

Pagina 101

Pagina 102

Sezione 25
Data: 18 dicembre 2012
Oggetto: Dichiarazione di conformit CE 0969-CPD-002/09-PT.

Trasmissione del Certificato di Conformit CE 0969-CPD-002/09-PT Revisione


1/2013

Pagina 103

Pagina 104

Pagina 105

Pagina 106

Sezione 26
Data: 17 settembre 2013
Oggetto: Approvazione DP. 12391

Comunicazione del STC in merito allobbligatoriet dellapplicazione del DP.


12391

Pagina 107

'

'

,_9fe<Jc(:h;v,i;('? r:d/'(i(;:7lof/dJ;, ,9f0tr:i:.1.?/.> cd& c z2'1! i'.? ,~/%~


0

,_r;{;~z1Jii{r:(' /~x:m~' r/Wl/4.ad .

AnJkipa tavia-fax

Alla
M ;JNF.~cs:LP

ConsigliO'St~periqre _LL.PP.
. CSLP STC .
REGSTRO UFFIiALE'.
Prot: 0001JOJ-71091ioi3~usciT A

Societ TTM Tet1sion Technolgy Srl


Via AlbertQ da Gi.ussano, 9
20,o:I 1. COl(BETTA (MI)
fax 02,9727752-J

65 . 0~ . 01

Applicazione m1ove Norme tecniche per le costrnzioni - D.M. 14. 1,2008 - ~C.~pit.olq
11.1 , lettera C)- "Lihea m,dd conceinente la qualificazione cie tiranti di ancoraggio
per uso geotecnico'\ approvata: con DP rt. 12391 del 22. 12.201 L
Rifermenfo nota TTM-l3.oc_DL del 1.2.2013

Si fa, rifedmento alla richiesta di parere che codesta Societ ha so,ttoposto a qtisto Servizio
TcncoCenttalecon lettetan. (HO TTM-::13.qoc:__))L del l.2.20J3; :acqnsitaal protcollo il.951 cle~
5.2.2013.; relativamente alla 11 Lnea guida per la qbalifioazio)1e dei tiranti di ancoraggio per uso
geoteiniC", -appl!O\lta con Decreto del Presidente del Coilsigho Superior dei lavori pubbll.cj
n.12391 dl 22.12'.iOll.
..
.
AI' dguardo, fa prese.nte che in merito a tale t ithiesta stata sentita. la Prima Sezione di
qnestoCotl,s'iglio Super~o:redei layofi pubblicila quale, nell'adunanza d1 26.6.201J, ha teso il voto
n. 34/'.Wf3.
.
In detto vot9 la Sez~Qne preliminarmente ha evdenziato .che: "L ''nianazione delle pre.dette
Linee gulll si resa ne?:etsal:ia in q11anto, ai sensi d~{ punto Il.5,.2 delle NTC 2008 per hl
reqNzia.zi<me. di tiranti permanenti' e provvisori di ancoraggio per uso geotecnicq '' .. tutti i
materiali e tompn.nti utilizzqti devono essere conformi alle prescriZioni contenute nelle presenti

si

norme; per qitanto'applicbili".


La finplit di tale atto era quindi quella di colmare il vuoto normativo, nazionale ed eutopeo,
oncetnente i tiranti per uso geotecnico, definendone i componenti, le carQttristiche prestazionali
e 1e wr{fcl:ie da eseguirsi ai .fini della qualificazione e fissando la procedura per / 'ottenimento del.
nce~'sario Certifi'c:ato di idO,neit tecnica, all'impiegoJ'.
Con ri!etimento, poi, all Ji.chie.st'. li :l{i'lJim<::nti ci.i co~d~sta soQie~~' la Sezfone, nel
~ori.cordai:~ con qanto rnppresentato da. qt~esto Servizio tecnic centrale in s:e~e di ~struJtpria,
''ricorda che /e, Lineegu,ida f,:./tjbqrtjte: r.j.aJ CQnsig(io S.uperior~ d,ej Lavori Pubblici in relaiione ai
mi,teriali e.~ prodotti per. us.<rstruttural; stibiliscono; af sen.fi del pJ:tnto 11.1, lettera C) delle NTC
2008, le pro'cf!re per le; qiralijcqzione per-i. mro1terietli .e prodotti pet cui non 'e:siftd un:a norrna
europea armnizzattt onazionale di rifnMt.

. ~~~.Y4~~
.E.ss<J .s.ono vige11ti e nond(1rof{abili;''.
~NZA
a!J. x,Bv ,~,r~
~cJv r;..v 'Z!. Co-t.

'~ 6

'

'_. : . .
'!J' .

1\\~

~ ~~

~i1
~~1

~~f;q

"--- M ------H~-----,.._...

~
.

........

~.-----

-tr

or.~

<b~ DE~ COPlA t:ONPORMP


~o
~DlRIGENTt.

~~/,I

------..---------

,.._,---..,.. . .

T~Ciaratk__

~------ ---- -- -----------

Pagina 108

M-- - .,., - '' -

Lq, Sezione dcorda, inoltre, ':ch i matridli ed i prodotli per uso strutturale, utilfazati nelle
NTC. ?OQ8; ai se:ns:i d~l punto 11.1 .delle norme predette, devono essere
identificati. a cura del produttore, qul(ftcdti dcil prodilttorr;, secondo le procedure applicabili e
accettati dal' Direttore dei lavori rnedant l 'acquisiZion e la ver~fica della documentazione di

j)f'. soggette' dll~

qualificazione;'.

Dm1que, la citata Linea guida . cogente ai fini del rlasyio del Certificato di idoneit tecnica
all'impiego qi tira.tlti per uso geotecnico,,di cui al p\lrtto 1L1, lettra C), delle NTC 2008. Pertanto,
e,ssa.. costituis:te il riferimento sia _pei' i Produtfori, che intendono qulitlcare (attraverso
l'acq'()isizione del Certificato di idoneit: tecnica ali'ilnpiego) e, quir1di; , >tnn1eric.izzare i propri
prodbtti ~ e si per gli alti:i ~cigg~t1i che frnpeganp detti prodotti per gi1 usi strutturati.

lnfipe,. circa J,_obbiigatoriet della norm EN l 53};2092 "Es~cuzioi:i.~: di lavori getecnici


spci(lli - Tirpnt~. di, a;i~cpraggio;", la. Sezione ha ossetvto che "la siessii. non un.a YJOrma
armortitz(lta, tna volontaria,: pe-Ptdnto essa non, cogente 'a livello europeo e., non essendo
rchamat n.elle NTC 2008; non lo a livella nazfohate: .Qul' ,on,tenu}a in documenti di
progtto essapu? ss'Umere; ogenzt, in virt. degll specifici obblighi contrattuali;"

Pagina 109

Pagina 110

Sezione 27
Data: 12 novembre 2013
Oggetto: Conclusioni del voto n. 68/2013 reso dalla Prima Sezione del Consiglio Superiore dei
lavori pubblici nelladunanza del 12.11.2013

Con riferimento allistanza di codesta Societ relativa al rilascio del Certificato di idoneit tecnica
allimpiego per i tiranti di ancoraggio per uso geotecnico serie TTR-E di cui alloggetto, si
comunica che la Prima Sezione di questo Consiglio Superiore dei lavori pubblici ha esaminato e
valutato la predetta istanza rendendo, nelladunanza del 12.11.2013, il voto n.68/2013 (giusta
comunicazione della Prima Sezione prot. 255 del 28.11.2013 acquisita al protocollo del Servizio al
n. 457 del 28.11.2013) di cui si riportano le conclusioni:
Ci evidenziato, vista la documentazione trasmessa, i risultati delle prove eseguite, il sistema di
controllo di produzione in fabbrica adottato ed i controlli effettuati dal Servizio Tecnico Centrale,
la Sezione ritiene che, con le osservazioni, raccomandazioni e prescrizioni di cui ai suesposti
Considerato, possa essere espresso avviso favorevole al rilascio del Certificato di Idoneit Tecnica
per i tiranti in esame, prodotti dalla Societ TTM Tension Technology Srl, condizionatamente per il solo tirante tipo TPE 13 - allesecuzione di controlli dimensionali pi estesi sulla guaina
corrugata tipo DD-DK utilizzata per la produzione del tirante tipo TPE-13 a seguito dellentrata in
produzione della guaina stessa, demandando la verifica dei risultati di tali controlli al STC, senza
ulteriore passaggio in Sezione.
Infine si raccomanda la verifica del pagamento, da parte del Produttore, della relativa quota
prevista per il Rilascio del Certificato di Idoneit Tecnica dal Regolamento riguardante i proventi
delle attivit del Servizio tecnico centrale della Presidenza del Consiglio superiore dei lavori
pubblici.
Tutto ci premesso e considerato, la Sezione allunanimit
E' DEL PARERE
che sullistanza di rilascio del Certificato di Idoneit Tecnica allimpiego per i Tiranti di
ancoraggio per uso geotecnico serie TTR-E da 2 a 8 trefoli: Tiranti provvisori tipo TPR-00, TPR01 e TPR-04; Tiranti permanenti tipo TPE-02, TPE-02SP, TPE-03, TPE-08, TPE-13 prodotti dalla
Societ TTM Tension Technology Srl con sede in Via A. da Giussano 9 Corbetta (MI), con le
osservazioni, raccomandazioni e prescrizioni di cui ai suesposti Considerato, possa essere espresso
avviso favorevole al rilascio del Certificato di Idoneit Tecnica, condizionatamente - per il solo
tirante tipo TPE 13 - allesecuzione di controlli dimensionali pi estesi sulla guaina corrugata tipo
DD-DK utilizzata per la produzione del tirante tipo TPE 13 a seguito dellentrata in produzione
della guaina stessa, demandando la verifica dei risultati di tali controlli al STC.

Pagina 111

Pagina 112

Pagina 113

Pagina 114

Sezione 28
Data: 12 novembre 2013
Oggetto: Conclusioni del voto n. 88/2013 reso dalla Prima Sezione del Consiglio Superiore dei
lavori pubblici nell'adunanza del 12.11.2013

Con riferimento allistanza di codesta Societ relativa al rilascio del Certificato di idoneit tecnica
allimpiego per i tiranti di ancoraggio per uso geotecnico serie TTM di cui alloggetto, si comunica
che la Prima Sezione di questo Consiglio Superiore dei lavori pubblici ha esaminato e valutato la
predetta istanza rendendo, nelladunanza del 12.11.2013, il voto n.88/2013 (2013 (giusta
comunicazione della Prima Sezione prot. 256 del 28.11.2013 acquisita al protocollo del Servizio al
n.461 del 29.11.2013), di cui si riportano le conclusioni:
Ci evidenziato, vista la documentazione trasmessa, i risultati delle prove eseguite, il sistema di
controllo di produzione in fabbrica adottato ed i controlli effettuati dal STC ed parere favorevole
espresso dal Servizio stesso, la Sezione ritiene che, con le osservazioni, raccomandazioni e
prescrizioni di cui ai suesposti Considerato, possa essere espresso avviso favorevole al rilascio del
Certificato di Idoneit Tecnica per i tiranti in esame, prodotti dalla Societ TTM Tension
Technology Srl, condizionatamente:
per le testate TTM-F, allesecuzione di una prova a trazione ed una prova a fatica,
utilizzando un campione predisposto per un numero di trefoli intermedio fra il numero minimo
(2) e massimo (15) di trefoli utilizzabili;
per il solo tirante tipo TPE 13 - allesecuzione di controlli dimensionali pi estesi sulla
guaina corrugata tipo DD-DK utilizzata per la produzione del tirante tipo TPE 13 a seguito
dellentrata in produzione della guaina stessa;
demandando la verifica dei risultati di tali prove e controlli al STC, senza ulteriore parere della
Sezione.
Infine si raccomanda la verifica del pagamento, da parte del Produttore, della quota prevista per il
Rilascio del Certificato di Idoneit Tecnica dal Regolamento riguardante i proventi delle attivit
del Servizio tecnico centrale della Presidenza del Consiglio superiore dei lavori pubblici.
Tutto ci premesso e considerato, la Sezione allunanimit
E' DEL PARERE
che sullistanza di rilascio del Certificato di Idoneit Tecnica allimpiego per i Tiranti di
ancoraggio per uso geotecnico serie TTM da 2 a 15 trefoli: Tiranti provvisori tipo TPR-00, TPR-01
e TPR-04; Tiranti permanenti tipo TPE-02, TPE-02SP, TPE-03, TPE-08, TPE-13 prodotti dalla
Societ TTM Tension Technology Srl con sede in Via A. da Giussano 9 Corbetta (MI), con le
osservazioni, raccomandazioni, prescrizioni e condizioni di cui ai suesposti Considerato, possa
essere espresso avviso favorevole al rilascio del Certificato di Idoneit Tecnica.

Pagina 115

Pagina 116

Pagina 117

Pagina 118

TTM

tension technology s.r.l.

Uffici operativi:
Via Alberto da Giussano, 9 - Corbetta (MI) Italy
Tel. +39 02 97277811 fax +39 02 97277523
info@ttmsrl.it - www.ttmsrl.it
Sede legale:
Via Oger Martin, 21 03024 Ceprano (FR) Italy
Tel. +39 0775 91991 fax +39 0775 9199222
C.F. P.IVA 02183230602