Sei sulla pagina 1di 8

ISSN

2420-8612

5 0 7 0 2

772420 861004

www.lacrocequotidiano.it

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

1,50 | Anno 1 | Numero 119 | Gioved 2 luglio 2015 | Santo del Giorno: SantOttone di Bamberga, Vescovo, Santa Maria delle Grazie |
#FATTI |

2 luglio | 1555 Dragut assedia, distrugge e incendia la citt di Paola;


1679 Gli europei giungono nel Minnesota e vedono le sorgenti del Missisipi;
1777 Il Vermont diventa il primo stato americano ad abolire la schiavit;
1871Vittorio Emanuele II entra solennemente a Roma; 1897 A Londra, Guglieglmo Marconi brevetta la Radio; 1928 Le autorit fasciste creano la Dominante,
antenata della Sampdoria, dalla Andrea Doria e della Sampierdanese; 1990 Alla
Mecca 1426 pellegrini muoiono nella calca; 2001 Primo cuore artificiale

www.facebook.com/lacrocequotidiano

LA RIFORMA
SOSPETTA
DELLA
CROCE ROSSA

#STORIE |

#CULTURA |

di BENEDETTO MARCHESANI | pag. 3

di SABINO SABINI | pag. 4

di EMILIANO FUMANERI | pag. 6

COTELO RACCONTA
LA STORIA
DI RUBEN GARCIA

Renzi

IL GENDER
ARRIVA
A OXFORD

GREXIT |

Grecia, il #referendum si fa

di Mario Adinolfi

isogna essere chiari. Il compromesso alto sul ddl Cirinn di cui parlava il parlamentare Ncd Gaetano
Quagliariello dalle colonne di Avvenire
qualche giorno fa, non praticabile, non
unipotesi politicamente percorribile.
Semplicemente, non esiste. Il ddl Cirinn
non una proposta di legge come le altre,
su cui si pu discutere e trovare intese sui
dettagli. Il ddl Cirinn il tentativo di imporre una visione antropologica, un passaggio ideologico e rispetto a una norma
cos pensata ci sono solo due strade: farla
passare o opporsi e batterla. Il popolo di
piazza San Giovanni credo che abbia detto
chiaramente che intende opporsi. Si pu
ignorare quel popolo, far finta che non abbia dato vita alla pi partecipata e spontanea manifestazione degli ultimi cinque
anni che lItalia abbia visto. Non lo si pu
ingannare.
Renato Schifani, ex presidente del Senato e anchegli parlamentare Ncd, si dice
disponibile a trovare intese sulla legge
se vengono cancellate reversibilit della pensione e adozioni. Lo stesso, pi o
meno, dice il capogruppo di Area popolare (sarebbe sempre Ncd, con qualche aggiunta Udc e altri) Maurizio Lupi. Giorgio
Tonini, senatore cattolico del Pd, prova
a dire che il ddl Cirinn s emendabile,
ma su alcuni dettagli, non sulla sostanza.
Tende la mano apparentemente, ma aggiunge subito che Ncd deve rinunciare a
fare ostruzionismo, altrimenti scatter
un piano b. Che sarebbe per il Pd fare a
meno dellNcd, cio del suo decisivo alleato nella maggioranza di governo, puntando a cercare liberamente alleanze in Parlamento anche tra chi allopposizione.
La stessa Monica Cirinn parla di aperture in Forza Italia. In effetti in commissione Giustizia al Senato, luogo dove si sta
combattendo questa complessa partita
politica, Forza Italia si divisa tra contrari
e astenuti, al momento delladozione del
provvedimento come testo base di discussione.
Mi scuso di tutta questa premessa politicista, apprezzabile forse solamente dagli
addetti ai lavori, ma serve a spiegare il
quadro in cui ci si sta muovendo. La Croce ha fatto della battaglia contro il ddl
Cirinn il simbolo stesso di quella lotta
contro i falsi miti di progresso che ci caratterizza fin dalla testata. Papa Francesco
ha invitato le famiglie ad essere contro
la colonizzazione ideologica del gender
e il ddl Cirinn dellideologia gender
compimento e coronamento. Ora stiamo
arrivando allo snodo decisivo di questa
vicenda ed dunque necessario che gli
elementi di comprensione siano tutti sviscerati. Avendo il quadro completo, sar
chiaro perch il ddl Cirinn inemendabile e lunico lavoro che va richiesto ai parlamentari di Ncd-Area Popolare di essere
coerenti con la loro presenza in piazza San
Giovanni, agendo dunque con due leve:
ostruzionismo in commissione Giustizia,

crisi di governo se il Pd dovesse insistere


con il fantomatico piano b, comunque di
difficile se non impossibile praticabilit.
Dunque la crisi baster minacciarla (provo in questo modo a tranquillizzare i parlamentari che temono di perdere tre anni
di mandato e conseguenti emolumenti,
conosco le miserie umane e anche quelle
di deputati e senatori, ho avuto modo di
farne esperienza diretta).

LEGGE 40 |

FECONDAZIONE
ASSISTITA:
ECCO LE NUOVE
LINEE-GUIDA

Dunque un muro contro muro? Perch il


ddl Cirinn va considerato come inemendabile? Non basterebbe eliminare la questione della reversibilit della pensione e
il vergognoso articolo 5 che prevede persino la legittimazione dellutero in affitto,
purch praticata allestero?
No, non basterebbe. Marted 30 giugno
durante la trasmissione Coffee Break su La7, Monica Cirinn in persona ha
espresso tutto il suo sostegno alla pratica
di utero in affitto ed finalmente uscita
allo scoperto dopo aver tentato di ingannare il popolo italiano per mesi, negando
che larticolo 5 legittimasse tale pratica
e aggredendo nei dibattiti televisivi chi
provava a svelare limbroglio di quella
norma scritta in politichese-burocratese
e mascherata sotto la formula anglofona
della stepchild adoption. Larticolo 5 il
cuore della legge, voluto dal reale ispiratore del ddl Cirinn che si chiama Sergio
Lo Giudice, senatore del Partito democratico gi presidente di Arcigay, siede
nella stessa commissione Giustizia che sta
deliberando sullutero in affitto e sostiene
la norma perch lui stesso ha svolto quella
pratica negli Stati Uniti con il suo compagno. Tralasciando il palese conflitto dinteressi, appare evidente che larticolo 5
sulla legittimazione della pratica dellutero in affitto non sar lasciato andare molto facilmente. E quandanche accadesse e
magari saltasse anche la reversibilit della
pensione (cosa che non accadr mai perch il mondo delle associazioni Lgbt solo
a quei due punti mira, in realt) ci penserebbero le Corti, dai tribunali ordinari alla
Corte costituzionale, a introdurre quegli
istituti per via giurisprudenziale, secondo
il modello gi adottato con la legge 40.
Una legge, lo voglio ricordare, non solo
adottata dal Parlamento a vasta maggioranza, ma anche confermata dal voto referendario. Che le corti non hanno temuto di
smembrare, correggere, di fatto riscrivere
a loro piacimento. Da tutto questo derivano alcune conclusioni operative:
1. Dichiarare ai giornali che si disposti a
votare il ddl Cirinn a patto che sia modificato un atto politico grave, che va immediatamente ritirato. I punti di mediazione
richiesti su articolo 5, stepchild adoption
e reversibilit della pensione non sono disponibili, i proponenti non hanno alcuna
intenzione di discuterli. La teorica dichiarazione di disponibilit alla trattative di
per se stessa una manifestazione di preparazione al cedimento, di collocazione
della questione sul piano di una possibile
mediazione politica. Una mediazione che
assolutamente irricevibile, almeno da
chi stato in piazza a San Giovanni. E che
i parlamentari che in quella piazza erano
presenti sanno bene di non poter portare
avanti, pena il tradimento esplicito degli
impegni assunti in quel luogo. >> a pag. 2

Foto ANSA

PERCH
IL DDL CIRINN
INEMENDABILE

Foto ANSA

Angela Merkel domina lEurogruppo e ottiene che la trattativa riparta solamente dopo lesito della
consultazione di domenica in territorio ellenico, voluta da Alexis Tsipras. La cancelliera tedesca punta
su una buona affermazione degli europeisti e in un indebolimento del governo di Syriza, indicando le
riforme italiane del governo Renzi come modello da seguire

on sono ancora completamente soddisfatto, ma le riforme sono ripartite. La data chiave


il giugno 2016. Puntiamo a fare il referendum nel giugno del 2016. Cos
il premier Matteo Renzi parlando, a
Berlino, delle riforme costituzionali su
cui deve riprendere lesame in Senato, ha annunciato la possibile data del
referendum. E proprio il piano di riforme messo in atto in Italia ha riscosso i
complimenti della Merkel: il programma di riforme in Italia importante,
impressionante, come il jobs act. Le
prospettive per la crescita in Italia
sono buone e la direzione giusta,
ha detto la cancelliera, che aveva usato parole simili gi a marzo 2014, sempre rivolta a Renzi.

Limpressione che il premier greco non abbia pienamente


valutato limpatto della sua mossa. Il referendum, convocato
con intenti antieuropeisti, potrebbe trasformarsi in un
clamoroso boomerang per Tsipras

Il ministro della Salute,


Beatrice Lorenzin, ha
diramato le nuove linee
guida sulla fecondazione
assistita che includono anche
la fecondazione eterologa, a
seguito della sentenza della
Corte costituzionale che ne ha
rimosso il divieto dalla legge
40. Non potr essere scelto il
donatore n potranno essere
indicate le caratteristiche
fisiche del nascituro

#EDITORIALINO |

SCALFARI NON SA DI NON SAPERE


di HASHTAG

una cosa che proprio si fa fatica a capire: perch Scalfari tra le tante cose che
sa si incaponisce a volere scrivere di quel che non sa? Larticolessa su Papa
Francesco profeta tutta da leggere, zeppa non tanto e non solo di interpretazioni del tutto personali su Bergoglio, ma anche di veri e propri errori. Prima di tutto,
come si fa ad affermare che Francesco il primo Papa profeta della storia della Chiesa?
Che ne sa Scalfari di storia della Chiesa? Comunque, anche da semplice giornalista, senza
andare molto lontano nel tempo e chiedere al fondatore di Repubblica competenze che
non sa di non avere, cosa ne della carica profetica di San Giovanni Paolo II? Lintuizione
del 1978, linvito a non avere paura, ad affrontare i sistemi economici che rifiutano
Dio. Insomma, la visione profetica sul crollo del comunismo e anche lindicazione pur
essa profetica della crisi del capitalismo contenuta nella enciclica Centesimus annus,
che vediamo realizzarsi proprio in questi giorni. E vogliamo parlare di Benedetto XVI, del
tanto contestato discorso di Ratisbona? Cosa stato se non un discorso profetico che
stato ripreso non a caso dieci anni dopo con le recrudescenze della violenza del fondamentalismo islamico? Sembra che a Scalfari interessi solo affermare, lo fa pi volte nellarticolo, che lui amico di Papa Francesco, che lo incontra regolarmente e che una
sorta di suo consulente. Come sempre, in ogni articolo scalfariano, tutta una questione
di ego. Per carit, persino umanamente comprensibile, i giornalisti sono fatti cos. Ma
lasci stare Scalfari la storia della Chiesa. materia troppo complessa per chi egoriferito.

Gioved 2 luglio 2015 |

Impossibile emendare il ddl #Cirinn


A fronte di un diffuso (ma non convinto) tentativo di mediazione parlamentare circa il disegno
di legge sulle unioni civili, opportuno ricordare i motivi per cui ogni accordo non potr che essere
un compromesso al ribasso, tale da scontentare tutti. I giudici poi reintegrerebbero le parti cedute
in trattativa: perci il testo va bloccato in toto, anche a costo di aprire una crisi di governo

isogna essere chiari. Il compromesso


alto sul ddl Cirinn di cui parlava il
parlamentare Ncd Gaetano Quagliariello dalle colonne di Avvenire qualche
giorno fa, non praticabile, non unipotesi
politicamente percorribile. Semplicemente,
non esiste. Il ddl Cirinn non una proposta di legge come le altre, su cui si pu discutere e trovare intese sui dettagli. Il ddl
Cirinn il tentativo di imporre una visione
antropologica, un passaggio ideologico e
rispetto a una norma cos pensata ci sono
solo due strade: farla passare o opporsi e
batterla. Il popolo di piazza San Giovanni
credo che abbia detto chiaramente che intende opporsi. Si pu ignorare quel popolo,
far finta che non abbia dato vita alla pi partecipata e spontanea manifestazione degli
ultimi cinque anni che lItalia abbia visto.
Non lo si pu ingannare.
Renato Schifani, ex presidente del Senato e
anchegli parlamentare Ncd, si dice disponibile a trovare intese sulla legge se vengono cancellate reversibilit della pensione e
adozioni. Lo stesso, pi o meno, dice il capogruppo di Area popolare (sarebbe sempre
Ncd, con qualche aggiunta Udc e altri) Maurizio Lupi. Giorgio Tonini, senatore cattolico
del Pd, prova a dire che il ddl Cirinn s
emendabile, ma su alcuni dettagli, non sulla
sostanza. Tende la mano apparentemente,
ma aggiunge subito che Ncd deve rinunciare a fare ostruzionismo, altrimenti scatter un piano b. Che sarebbe per il Pd fare a
meno dellNcd, cio del suo decisivo alleato
nella maggioranza di governo, puntando a
cercare liberamente alleanze in Parlamento anche tra chi allopposizione. La stessa

La Croce ha fatto della


battaglia contro il ddl Cirinn
il simbolo stesso di quella lotta
contro i falsi miti di progresso
che ci caratterizza
fin dalla testata
Monica Cirinn parla di aperture in Forza
Italia. In effetti in commissione Giustizia al
Senato, luogo dove si sta combattendo questa complessa partita politica, Forza Italia si
divisa tra contrari e astenuti, al momento
delladozione del provvedimento come testo base di discussione.
Mi scuso di tutta questa premessa politicista, apprezzabile forse solamente dagli addetti ai lavori, ma serve a spiegare il quadro
in cui ci si sta muovendo. La Croce ha fatto
della battaglia contro il ddl Cirinn il simbolo stesso di quella lotta contro i falsi miti di
progresso che ci caratterizza fin dalla testata. Papa Francesco ha invitato le famiglie
ad essere contro la colonizzazione ideologica del gender e il ddl Cirinn dellideologia gender compimento e coronamento.
Ora stiamo arrivando allo snodo decisivo
di questa vicenda ed dunque necessario
che gli elementi di comprensione siano tutti
sviscerati. Avendo il quadro completo, sar
chiaro perch il ddl Cirinn inemendabi-

REFERENDUM ELLENICO |

L#EUROPA SI FERMA
E STA A GUARDARE
COSA PENSANO I GRECI
AllaGreciapotrebbeessererichiestodirimborsareimmediatamente
tutti i prestiti. Ora dopo ora si allarga, nel sentire comune, il fronte del s

Foto ANSA

di Mario Adinolfi

di Raffaele Dicembrino

ontinua la telenovela sulla permanenza della Grecia nellEuro. La sensazione sempre la stessa, si cerca
una mediazione che non metta in ridicolo
lUnione Europea ma che salvi la Grecia e
la sua permanenza nellUnione. Con questo
fine le parti continuano a lavorare e soprattutto a fare dichiarazioni. Ancora una volta a
pagare saranno i cittadini europei.
Il referendum convocato dal governo greco sulle condizioni poste dai creditori internazionali per riprendere i finanziamenti
non riguarda il restare o meno nelleuro. Il
referendum di domenica non riguarda il nostro posto nellEuro che dato per scontato e nessuno pu dubitarne, ha proseguito
Tsipras, lopzione democratica il nucleo
della tradizione europea e, purtroppo per la
Grecia, non mi sarei aspettato che lEuropa
democratica non desse al popolo greco lo
spazio per decidere. Ricattando il governo,
stanno ricattando ogni singolo cittadino, ha
ribadito il premier ellenico, che ha definito
una vergogna le immagini di banche chiuse. La nostra unica via duscita era rivolgersi
al popolo ed quello che stiamo facendo,
ha concluso Tsipras, che si preso la responsabilit di una piena soluzione dopo il
referendum.
le e lunico lavoro che va richiesto ai parlamentari di Ncd-Area Popolare di essere
coerenti con la loro presenza in piazza San
Giovanni, agendo dunque con due leve:
ostruzionismo in commissione Giustizia, crisi di governo se il Pd dovesse insistere con
il fantomatico piano b, comunque di difficile se non impossibile praticabilit. Dunque
la crisi baster minacciarla (provo in questo
modo a tranquillizzare i parlamentari che
temono di perdere tre anni di mandato e
conseguenti emolumenti, conosco le miserie umane e anche quelle di deputati e senatori, ho avuto modo di farne esperienza
diretta).
Dunque un muro contro muro? Perch il
ddl Cirinn va considerato come inemendabile? Non basterebbe eliminare la questione
della reversibilit della pensione e il vergognoso articolo 5 che prevede persino la
legittimazione dellutero in affitto, purch
praticata allestero?
No, non basterebbe. Marted 30 giugno
durante la trasmissione Coffee Break su
La7, Monica Cirinn in persona ha espresso
tutto il suo sostegno alla pratica di utero in
affitto ed finalmente uscita allo scoperto
dopo aver tentato di ingannare il popolo
italiano per mesi, negando che larticolo
5 legittimasse tale pratica e aggredendo
nei dibattiti televisivi chi provava a svelare limbroglio di quella norma scritta in
politichese-burocratese e mascherata sotto
la formula anglofona della stepchild adoption. Larticolo 5 il cuore della legge,
voluto dal reale ispiratore del ddl Cirinn
che si chiama Sergio Lo Giudice, senatore del Partito democratico gi presidente
di Arcigay, siede nella stessa commissione

Giustizia che sta deliberando sullutero in


affitto e sostiene la norma perch lui stesso ha svolto quella pratica negli Stati Uniti
con il suo compagno. Tralasciando il palese
conflitto dinteressi, appare evidente che
larticolo 5 sulla legittimazione della pratica
dellutero in affitto non sar lasciato andare
molto facilmente. E quandanche accadesse
e magari saltasse anche la reversibilit della
pensione (cosa che non accadr mai perch
il mondo delle associazioni Lgbt solo a quei
due punti mira, in realt) ci penserebbero le
Corti, dai tribunali ordinari alla Corte costituzionale, a introdurre quegli istituti per via
giurisprudenziale, secondo il modello gi
adottato con la legge 40. Una legge, lo voglio ricordare, non solo adottata dal Parlamento a vasta maggioranza, ma anche confermata dal voto referendario. Che le corti
non hanno temuto di smembrare, correggere, di fatto riscrivere a loro piacimento. Da
tutto questo derivano alcune conclusioni
operative:
1. Dichiarare ai giornali che si disposti a
votare il ddl Cirinn a patto che sia modificato un atto politico grave, che va immediatamente ritirato. I punti di mediazione
richiesti su articolo 5, stepchild adoption e
reversibilit della pensione non sono disponibili, i proponenti non hanno alcuna intenzione di discuterli. La teorica dichiarazione
di disponibilit alla trattative di per se
stessa una manifestazione di preparazione
al cedimento, di collocazione della questione sul piano di una possibile mediazione politica. Una mediazione che assolutamente
irricevibile, almeno da chi stato in piazza
a San Giovanni. E che i parlamentari che in

quella piazza erano presenti sanno bene di


non poter portare avanti, pena il tradimento
esplicito degli impegni assunti in quel luogo.
2. Gli strumenti da adottare sono, nellimmediato, lostruzionismo in sede di commissione Giustizia. Con centinaia anche di subemendamenti presentati e la disponibilit
espressa dai senatori Mario Mauro e Carlo
Giovanardi, si pu facilmente inchiodare
i proponenti per mesi alla discussione in
commissione. Non farlo vorrebbe dire che si
deciso di non farlo, la questione sarebbe
una scelta politica. Noi saremo vigili.
3. In qualsiasi forma il ddl Cirinn dovesse
essere varato, anche in forma emendata,
servir semplicemente da base per successive operazioni giurisprudenziali tramite i
vari tribunali e la Corte Costituzionale, che
ci condurranno rapidamente al matrimonio
omosesssuale con pieni diritti di filazione
e pensione di reversibilit, in ossequio agli
articoli 2 e 3 della Carta. La fine nota. Ad
oggi le corti non hanno potuto muoversi per
via dellassenza di uno strumento normativo
su cui far leva. Quello strumento normativo
non va in alcuna forma offerto.
La battaglia sul ddl Cirinn si pu vincere e
si pu perdere, ma di certo non si pu non
combattere, perch una battaglia su un
punto di principio. Le condizioni per vincerla ci sono tutte. Basta volerlo, basta una
seria determinazione a far seguire i fatti alle
parole belle ascoltate dai politici nel pomeriggio di entusiasmo del 20 giugno a piazza
San Giovanni. n

#POMIGLIANO |

OMOFOBIA E GIORNALISMO ITALIANO

Il governo greco resta al tavolo delle trattative e risponder immediatamente allEurogruppo se ci sara un risultato positivo, ha
detto il premier ellenico. Il fermo proposito
del governo trovare una soluzione, decideremo se approvare una qualsiasi soluzione sostenibile, ha dichiarato ancora Tsipras,
vogliamo unintesa ma che sia sostenibile.
Nel suo appello televisivo alla nazione, il primo ministro greco, Alexis Tsipras, ha chiesto
ai cittadini di votare no in occasione del referendum sulle condizioni poste dai creditori
per riprendere i finanziamenti. Votare non
il passo necessario per ottenere un accordo
migliore dai creditori, ha affermato Tsipras,
un no non equivale a una rottura con lEuropa, significa una pressione pi forte per un
accordo sostenibile economicamente e socialmente sostenibile che riporter il Paese
sui mercati internazionali. Vi chiedo di votare no alle ricette del piano di salvataggio
si alla prospettiva di una soluzione percorribile, ha concluso Tsipras. Per i cittadini greci
si preparano giorni difficili ma non una
situazione che durer a lungo e le pensioni
e i salari non verranno perduti.
Domenica ci sar il referendum. Noi riteniamo che prima si debba svolgere il referendum, poi vedremo se ci sar una nuova
situazione. Ad oggi non vedo una nuova situazione. Lo ha ribadito Angela Merkel, in
conferenza stampa a Berlino, parlando della
Grecia.
Il governo Renzi ha un programma molto ambizioso di riforme, le prospettive per
quanto riguarda la crescita in Italia sono
buone, la direzione quella giusta. E ora
abbiamo la necessit che ampie riforme
siano fatte in Grecia per arrivare ad una crescita sostenibile ha concluso il cancelliere
tedesco.

Spett.le
Intel Media Pubblicit s.r.l.
Via S. Antonio, 30
70051 BARLETTA (BA)

di HASHTAG
alla c.a.
n. fax

Barletta, 23 aprile 2015

Ns. Rif.:

C201500791/P201501102/SER/LU01

OGGETTO:

Prenotazione spazi pubblicitari (Legale)

Con la presente Vi preghiamo di prenotare il seguente spazio pubblicitario:


Testata

La Croce #quotidiano

Inerente il ns. cliente:

N Moduli

Data Pubblicazione

1 (1 X 1)

28 aprile 2015

Impon. Euro

35,00

Comune di Seravezza
Via XXIV Maggio 22
55047 Seravezza (LU)
P. IVA: 00382300465 CF

ed avente per oggetto esito: servizi di trasporto scolastico

Vi informiamo che la fattura relativa alla pubblicazione in oggetto e completa del giustificativo di stampa

dovr essere intestata alla ns. societ (P.IVA n. 04656100726) con pagamento
a 90 gg. d.f..

Distinti saluti.

INFO S.r.l.

www.lacrocequotidiano.it
Organo dellAssociazione Voglio la Mamma
registrato al tribunale di R oma al numero 235/2014 del 21 ottobre 2014
ISSN: 2420-8612
EDITORE: Social Network s.r.l.s. - Piazza del Ges 47 - 00186 Roma
DIRETTORE RESPONSABILE: Mario Adinolfi adinolfi@gmail.com
STAMPATO DA Stampa quotidiana s.r.l. - loc. Colle Marcangeli - 67063 Oricola (Aq)
Qualiprinters s.r.l. - Via Enrico Mattei 2- 20852 Villasanta (MB) - tel. 039/302992
DISTRIBUITO DA Press-di Distribuzione e Stampa Multimedia s.r.l.
Via Mondadori 1 - 20090 Segrate (Mi)
REDAZIONE: Piazza del Ges 47 - 00186 Roma
CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICIT COMMERCIALE:
Media Place s.r.l., Via della Moscova 6/8, 20121 Milano tel. +39 0229060342
Via Antonio Cantore 5, 00195 Roma tel. +39 0695583350
Per info su abbonamenti e inserzioni pubblicitarie scrivere a: lacrocequotidiano@gmail.com
Per la tua pubblicit legale su La Croce contatta Intel Media Pubblicit s.r.l.: info@intelmedia.it

tel. +39 0883347995 fax. +39 0883390606

seguici su

www.facebook.com/lacrocequotidiano

o hanno aggredito con calci e pugni prima in piazza, poi allinterno del
negozio di scarpe in cui si era rifugiato. Violenza fisica e insulti omofobi
urlati contro la vittima. Unaggressione cos brutale a Polignano non la
ricordo, ammette il comandante della polizia municipale Maria Centrone. Lepisodio avvenuto in piazza Aldo Moro, a Polignano a Mare, luned scorso. Repubblica
e tutti i quotidiani on line a seguire titolano indignati su questa aggressione omofoba a Polignano a Mare. Passano le ore per e cominciano ad emergere i dettagli della vicenda. E anche la dinamica dei fatti sembra molto lontana da quella di
unaggressione causata per ragioni omofobiche. Ovviamente intervengono subito
le associazioni Lgbt a cui non pare vero di avere unaltra vicenda da montare a panna. Ma passano altre ore e arriva un titolo da una testata locale: Rissa a Polignano,
lomofobia non centra. Quel povero trentottenne ha preso s gli schiaffoni dai
suoi giovani aggressori, ma per ragioni su cui i carabinieri di Monopoli hanno gi le
idee chiare. E lomofobia non centra nulla. Ora, domanda: ma di quella povera vittima dellaggressione, se decade lintento omofobo, qualcuno ancora interessato a
parlare? Ci sar qualche giornalista di Repubblica interessato a raccontare la storia
comunque, a prenderne le difese? Che strano giornalismo quello italiano, che strumentalizza tutto a fini ideologici e se non ti
ritrovi nella casella giusta di quelli da difendere, ti butta via e ti
va bene se ti ignora. Perch se sei addirittura nella casella dei
nemici, gli schiaffoni e le violenze diventano pure benefiche.
Basta ricordare quello che hanno dovuto subire le Sentinelle
in Piedi, con i Roberto Saviano che applaudivano i violenti e
scambiavano le vittime per carnefici. Che brutto il giornalismo
ideologico italiano, ormai diventato una piccola storia ignobile.

Foto ANSA

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

Frattanto, secondo lagenzia di rating Dbrs,


luscita dalleuro e un default sul debito detenuto dal settore privato sono ora lesito
pi probabile della crisi greca.
I commenti sono del capo analista sovrano
Fergus McCormick, allindomani della decisione di Dbrs di declassare ulteriormente il
rating della Grecia a CC, a seguito del mancato rimborso da parte di Atene della rata sul
debito da 1,6 miliardi di euro dovuta al Fmi.
Lanalista ha comunque aggiunto di non
aspettarsi che unuscita della Grecia dalleuro inneschi un generalizzato downgrade de-

I prestiti totali dellESFS ad


Atene si attestano sui 130,9
miliardi di euro, facendo della
Grecia di gran lunga il pi
grande debitore del fondo
gli altri paesi europei ad alto debito, quali
Italia e Spagna.
Alla Grecia potrebbe essere richiesto di
rimborsare immediatamente tutti i prestiti,
interessi inclusi, concessi dallEfsf, il fondo
europeo per la stabilit finanziaria. una
delle tre opzioni a cui pu ricorrere lEfsf,
poich la Grecia non ha rimborsato allFmi la
scadenza di giugno dei prestiti ottenuti, cosa
che costituisce un evento di default per alcuni prestiti dellEfsf, si spiega dal Fondo. Il
direttore generale del Fondo, Klaus Regling,
ha presentato le opzioni al consiglio direttivo dellEfsf, mentre la Commissione europea
ha fatto agli Stati membri la raccomandazione di non prendere azioni immediate e di
aspettare le decisioni dellEurogruppo sul
nuovo programma richiesto da Atene.
I prestiti totali dellEsfs ad Atene si attestatano a 130,9 miliardi di euro, ammontare che
fa della Grecia di gran lunga il pi grande
debitore del Fondo. LEfsf, oltre alla riscossione immediata di tutti i prestiti, ha altre
due opzioni: la rinuncia ai diritti di rimborso
per il mancato pagamento della scadenza
con lFmi e il rinvio di una decisione, per cui
il Fondo si riserva il diritto di agire in una fase
successiva.
Anche il Papa preoccupato dalle notizie
sulla crisi in Grecia e desidera far sentire la
propria vicinanza a tutto il popolo ellenico,
in specie alle famiglie. Chiede che la dignit della persona rimanga al centro di ogni
dibattito politico e tecnico e della assunzione di scelte responsabili.
Sono in contatto permanente con le autorit greche alla ricerca di soluzioni , ha detto
il numero uno della Commissione Ue, JeanClaude Juncker.
Si raggiunger laccordo? Il popolo greco
subir lennesima umiliazione, ed a pagare il
conto saremo ancora noi?
Le borse sembrano gi festeggiare. n

| Gioved 2 luglio 2015

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

CONTROVERSIE GIUDIZIARIE |

BERNIE SMITH,
PROLIFE IRLANDESE,
ASSOLTA IN TRIBUNALE
Era stata accusata di molestie nei confronti di Dawn Purvis, la
fondatrice e direttrice di Precious Life. Condannata in primo grado
a 100 ore di servizi socialmente utili e a 2000 sterline di multa,
stata assolta in appello con formula piena. Fuori dal tribunale ha
dichiarato soddisfatta: Giustizia stata fatta, ora posso continuare
il lavoro che sto facendo da 18 anni, cio difendere i bambini che
devono ancora nascere
di Elisabetta Pittino

ernadette Smyth, Direttore dellassociazione pro vita Precious Life e coordinatrice dellIrlanda del Nord per
Uno di Noi, stata prosciolta dallaccusa di
molestare/opprimere/vessare Dawn Purvis,
Direttore di Marie Stopes in Belfast.
Una vittoria per la nota pasionaria pro vita
irlandese, Bernadette Smyth, detta Bernie,
che si sempre battuta come una leonessa
a difesa della vita nascente e delle donne.
Precious Life, www.preciouslife.com, la
maggiore associazione pro vita dellIrlanda
del Nord combatte per difendere i diritti
umani dei pi deboli perch ogni vita
preziosa.
LIrlanda del Nord uno stato del Regno
Unito che per ha unampia autonomia di
governo in alcune materie, tra cui laborto. Per questo in Irlanda del nord laborto
possibile solo in casi limitati di grave peri-

La molestia era la protesta dei pro life fuori


della Marie Stopes di Belfast contro le attivit abortive praticate. Si pu essere daccordo o meno con questa scelta di manifestare fuori da una clinica abortiva, tanti
pro life adottano questo tipo di strategia,
in ogni caso difficile chiamare molestia
unattivit come questa.
Bernie Smyth comunque aveva negato di
avere molestato la Purvis.
Non stat presentata nessuna prova a sostegno dellaccusa molestia contro Bernadette Smyth durante il processo. Infatti le
rpve hanno messo invece in evidenza che
la Smyth non aveva mai approcciato Dawn
Purvis e che la sua condotta fuori dalla
Marie Stopes era sempre stata ordinata, di
roitine, pacifica, non intrusiva, senza ostruzionismo, dignitosa e rispettosa degli altri
ricorda il Life Institute.
Bernie, una donna di 52 con famiglia, impegnata come volontaria per la vita, era stata
dichiarata erroneamente colpevole e con-

PRIVATIZZAZIONI SELVAGGE |

Sparano sulla #Crocerossa:


in un anno la riforma sospetta
Un gruppo di politici ha visitato marted il campo di addestramento di Castenuovo di Porto
di Benedetto Marchesani

a distruzione di tutto ci che nobile,


antico, puro e improntato al sacrificio prosegue instancabile sotto il
rullo compressore del dio Denaro. stato
proprio il governo dei banchieri, quello
dellindimenticato Mario Monti, a condannare a morte uneccellenza italiana invidiataci da tutto il mondo: il Corpo Militare
della Croce Rossa Italiana. Immaginiamo
900 militari effettivi, pi altri 17.000 riservisti che lavorano gratis animati da
puro spirito di altruismo, per affrontare
emergenze come quelle dellimmigrazione, delle catastrofi naturali, del soccorso
ai feriti in guerra di ogni fazione.
Immaginiamo migliaia di medici, infermieri, logisti, farmacisti, psicologi, tecnici, autieri, che, gi addestrati, da un momento
allaltro vengono richiamati in servizio,
vestono luniforme e, inquadrati nella catena di comando di una struttura militare,
portano assistenza ai migranti, assistono
la popolazione civile colpita da alluvioni e
terremoti, e possono intervenire in caso di
attacchi terroristici. Immaginiamo inoltre
attrezzature allavanguardia per portare
sul campo, nelle condizioni pi difficili,
lassistenza sanitaria per qualsiasi emergenza: dalla contaminazione nucleare, alla
disinfezione, al soccorso durgenza, alla
potabilizzazione delle acque, al montaggio di strutture attendate, fino allassistenza psicologica per i parenti delle vittime e
alla gestione delle salme.
Eppure, tutto questo, verr spazzato via in
meno di un anno dal famigerato decreto
178 del 2012 che privatizza la Croce Rossa Italiana. Il Corpo sar smilitarizzato e
le sue attrezzature vendute al miglior offerente. Lo spirito di sacrificio e lamore
per il Paese di 17.000 volontari sar umiliato e mortificato. Centinaia di militari
in servizio saranno messi in mobilit non
protetta. Soprattutto si dovr cominciare

colo per la vita della madre o di serio pericolo di un danno permanente per la salute
fisica e mentale della madre. Gli aborti nel
2013 sono stati 51.
Contro queste restrizioni allaborto si
stanno battendo insieme Amnesty International e Marie Stopes perch le norme
dellIrlanda del Nord vanno contro ai diritti umani internazionali, compreso il diritto
delle donne a non essere discriminate, alla
salute, alla vita e allintegrit fisica.
stupefacente assistere allo svuotamento
delle parole, del loro significato, alla banalizzazione del linguaggio, alla creazione
dellantilingua.
Il diritto alla vita, alla salute e allintegrit
fisica spetta anche ai bambini, maschi e
femmine, anche a quelli non ancora nati,
che diventano vittime, discriminate di un
presunto diritto altrui.
Precious Life nel luglio 2014 aveva lanciato
il Progetto Campagna per la Giustizia a sostegno dellemendamento al Criminal Justice Bill di Mr Well che chiede la proibizione
di forniture commerciali a servizi abortivi
in Nord Irlanda, cio la chiusura di cliniche
come la Marie Stopes, e di assicurare a ogni
madre che si trova in difficolt durante la
gravidanza la migliore assistenza ostetrica
che gi disponibile gratuitamente.
La campagna ha avuto notevole successo.
La Marie Stpes stata la prima ONG nellIrlanda del Nord ad aprire tre anni fa per fornire aborti.
Proprio in occasione di questa campagna
Bernie era stata accusata dalla Purvis che si
era sentita estremante scossa e sconvolta
per le molestie fuori dal suo posto di lavoro.

a pagare per avere un servizio che prima


era gratuito. Tutto questo getta unombra
di sospetto sullintera operazione di riforma della CRI. Un gruppo di politici di varia
provenienza ha visitato, martedi scorso, il
campo addestramento del Corpo Militare,
presso il centro Polifunzionale
di Castelnuovo di Porto. Il Corpo, nellambito delladdestramento annuale della durata di
un mese per i suoi riservisti, ha
allestito per la visita due Nuclei
Sanitari di Primo Impiego, una
Postazione Sanitaria in moduli
ripiegabili, due Nuclei di Decontaminazione e Bonifica, unUnit
di Biocontenimento, unUnit
per la gestione dei Corpi Senza
Vita, una Squadra di disinfezione/disinfestazione, un Nucleo di
Vettovagliamento Campale, un
Nucleo Movimentazione Carichi
e un Nucleo Movimento Terra.

risultato allo spirito dappartenenza. ora


il Governo che deve sbloccare questa situazione.

rezza. Con laiuto dei dicasteri competenti


e con una maggiore sensibilit da parte
del Governo, troveremo la quadra. vitale mantenere un nocciolo duro di militari
effettivi per poter gestire le grandi risorse
offerte dal volontariato con le stellette.

di oggi, siamo uno a disposizione dellaltro.


La cosa principale che la privatizzazione non si pu giustificare col fatto che in
Europa le associazioni di Croce Rossa sono
in mano ai privati. Sappiamo anche che in
Italia i privati gestiscono le cose a volte in
modo poco trasparente. Credo che i miei
colleghi di parlamento non abbiano assolutamente ben chiari i numeri del risparmio offerti dal Corpo Militare.

Monica Gregori, da poco fuoriuscita dal


PD, ora nel Gruppo Misto: Con i colleghi

Con diverse sfumature, a seconda delle sensibilit, si verificato il raro caso in cui tutti i parlamentari sono stati concordi
su un unico obiettivo: salvare il
Corpo Militare.
In prima persona mi sono adoperato per la causa dichiara Maurizio Gasparri (FI) - essendo tra i promotori della
proroga al decreto 178 al quale ho convinto i Ministri della Sanit e della Difesa.
Ma la proroga non deve servire a ritardare
la soppressione, ma a riflettere sul danno
di una soppressione. La visita di oggi ci ha
dato pi forti argomenti e mi consentir
di rilanciare col ministro Pinotti, gi nelle
prossime ore, la necessit di correggere
norme sbagliate. Tra laltro, il Corpo Militare offre anche a tanti giovani una possibilit di formazione e di conoscenza dei valori
sia della militariet che della solidariet.
Aldo Di Biagio, senatore del Nuovo Centro
Destra, commenta: Di fatto non c alcun

Anche nel PD, per bocca di Roberto Morassut, sembra si sia colto lallarme: Insieme
ad altri parlamentari abbiamo segnalato
che il Corpo Militare della CRI una realt importante. Dalla visita di oggi siamo
ancora pi convinti di assumere lorientamento di conservarne una spina dorsale
pubblica e valutare in modo meno drastico
lapertura ai privati.
Tornando a destra, Fabio Rampelli, di Fratelli dItalia, apre alla
collaborazione bipartisan: Noi
abbiamo gi chiesto labolizione
del 178 da cui ha origine tutto. La valorizzazione del Corpo
Militare passa per una riforma,
ma non certo per la smilitarizzazione e privatizzazione. Questa
realt va salvaguardata sia per
ragioni funzionali, perch utile
allItalia e al mondo, sia per ragioni culturali, perch lItalia
stata fatta anche dal Corpo Militare CRI. Per quanto ci riguarda,
abbiamo dato limpegno alle altre forze politiche di anteporre il

dannata con una sentenza a 100 ore di servizi socialmente utili e a pagare una multa
di 2000 sterline.
La pasionaria per la vita, per, ha vinto lappello, che ha totalmente annullato la sentenza di primo grado.
Fuori dal tribunale, il 29 giugno scorso,
Bernie, accompagnata dalla famiglia e dai
suoi sostenitori, ha dichiarato Sento che
giustizia stata fatta. Ora posso continuare
il lavoro che sto facendo da 18 anni, cio
difendere i bambini che devono ancora nascere.

risparmio nella privatizzazione della CRI. Il


decreto 178 vuol dire la sua fine. Durante la visita abbiamo verificato leccellenza
del Corpo Militare di cui il Paese non pu
fare a meno, dato che siamo gi in emergenza sanitaria e in emergenza per la sicu-

Luca Frusone, membro della commissione


Difesa, del Movimento 5 Stelle, sottolinea le contraddizioni in atto: Lillogicit
della privatizzazione della Croce Rossa
completa, dato che priver il Paese di una
realt che oltre ai benefici porta diversi
risparmi. Assurdo peraltro, come il Corpo
Militare della CRI venga caricato di nuove responsabilit, (come la gestione della
Scorta nazionale antidoti e del disinnesco
degli ordigni bellici n.d.r.) nonostante abbia una data di scadenza. La prossima tappa dovr essere un incontro col ministro
della Difesa per un tavolo comune e dovremo vedere se dalla parte del Governo ci
sar la volont di rivedere queste scelte.
E mentre i parlamentari visitavano le attrezzature nuove di zecca, nellespressione dei ragazzi fattisi richiamati in servizio,
pure rigidi sullattenti, sotto al sole, si leggeva forte la speranza e lapprensione di
non vedere infranti i loro ideali. n

NCD, UN #COMPROMESSO SUL CIRINN TRADISCE


LA PIAZZA E SCONTENTA ANCHE GLI LGBT

Anche lassociazione irlandese Life Institute (http://www.thelifeinstitute.net/) ha


accolto con piacere il successo dellappello.

Il partito di Alfano si riunito per concertare linee dazione condivise su varie questioni, tra cui le unioni civili. Mentre gli attivisti
del mondo omosessualista paventano una vittoria mutilata, Schifani e gli altri rischiano di perdere la simpatia di piazza San Giovanni

Siamo felici che giustizia sia stata fatta e


che la corte abbia eliminato le ridicule accuse contro Bernadette Smyth che ha dato
la sua vita per sostenere le donne in crisi
e per fornire assistenza concreta alle madri
e ai bambini. Questo tentativo di fermare il
suo lavoro pro vita stato biasimevole e lei
non avrebbe mai dovuto essere trascinata
per i tribunali ad affrontare queste accuse senza fondamento dichiara Niamh U
Bhriain del Life Institute.

Bernadette Smyth pu andare a testa alta


ora che la Corte ha riabilitato il suo buon
nome e limportante lavoro che fa per
proteggere madri e bambini continua U
Bhriain che spera che lattezione dei media irlandesi ora si volga alle pratiche raccapriccianti della catena abortivaMarie
Stopes e in particolare sul caso in corso di
una donna irlandese che ha trovato tragicamente la morte dopo un aborto in una clinica londinese della catena Marie Stopes. n

di Mirko De Carli
altro ieri il partito di Angelino Alfano
si radunato in assise con tutti i propri parlamentari al fine di discutere
su i provvedimenti allordine del giorno del
parlamento italiano. Primo fra i molti presenti il disegno di legge Cirinn. Come abbiamo
descritto nei giorni scorsi i lavori in commissione giustizia al Senato si sono arenati grazie
al muro contro muro portato avanti dai parlamentari del fronte del no, a dispetto degli
appelli pi volte lanciati da esponenti del
partito democratico (non ultimo Tonini) e di
Forza Italia (Sen. Palma) tesi a trovare quel
compromesso pi volte rilanciato dal Ministro Boschi e sotto mentite spoglie da Renzi
tramite la penna della Meli sul Corsera.
Il problema semplice e, anche se posso
apparire ridondante nel ribadirlo, non consiste nella giusta e corretta opportunit di un
governo di regolamentare i diritti delle persone conviventi anche dello stesso sesso ma

nella volont di parificare il matrimonio eterosessuale con quello omosessuale, aprendo


le porte di fatto allutero in affitto. Il mondo
omosessuale (quello non ideologizzato dentro lassociazionismo pro-Lgbt) ha pi volte
ribadito che non ha prerogative in merito a
quanto regolamentato dal ddl Cirinn: non
cosa di loro interesse.
Per questo molti sono favorevoli ad una
semplice modifica del Codice Civile dove
estendere i diritti soggettivi delle persone
conviventi anche se non di sesso differente
fino ad essere parificati a quelli delle coppie
eterosessuali. Diritti soggettivi e non riconducibili al nucleo definito in Costituzione come
famiglia allart. 29 che non arrivano a prevedere la possibilit di adottare bimbi e attuare
pratiche nefaste come lutero in affitto. Perci non si accetta questa ipotesi che molti
del mondo Lgbt definiscono vittoria mutilata: perch non si arriva a legiferare il vero
obiettivo ovvero avere dei figli. Quindi risulta
infattibile una scelta politica di compromesso con chi ha in testa mire di questo genere:

non sono minimamente intenzionati a cedere


di un millimetro dalle loro posizioni. E la sen.
Cirinn, durante la trasmissione Coffe Break
dellaltro giorno, ha riconfermato quanto appena detto. A questo punto la partita si gioca
tutta sul fronte dei moderati che appoggiano
e compongono il governo Renzi: chiediamo
a loro il coraggio di porre come condizione
immutabile di sopravvivenza dellesecutivo il
ritiro del provvedimento. Schifani (Presidente
del Nuovo Centro Destra) ha dichiarato che
se saranno eliminati due temi delicati come
la reversibilit e ladozione dei bambini aperta anche alle coppie omosessuali una trattava
sul voto del ddl Cirinn sarebbe possibile.
Parole che sanno di prove dintesa che non
possiamo non definire gi fallimentari in partenza: il voto sul ddl di riforma della scuola
lo ha gi dimostrato. Anche se questi temi
venissero tolti dal disegno di legge si arriverebbe comunque alla regolamentazione delle
unioni civili omosessuali parificate a quelle
eterosessuali e, tramite sentenza o registro di
qualche sindaco, allestensione dei diritti an-

che alla reversibilit e adozione. Leuropa insegna e le sentenze sui registri comunali delle
unioni civili lo hanno gi dimostrato nei mesi
scorsi. Vogliamo veramente che i politici presenti in piazza San Giovanni sabato 20 giugno
siano complici di una deriva del genere? Spero proprio di no.
Quindi rivolgo tre domande al Presidente
Schifani: Lei ritiene che ci sia bisogno di una
legge dello stato per regolamentare le unioni
civili di coppie omosessuali e con quali diritti
in pi rispetto a quelli gi garantiti da codice civile? Lei pensa che sia pi importante
la stabilit di un governo a dispetto dellapprovazione di normative che minano lassetto
costituzionale fondato sulla famiglia costituta
da una mamma e da un pap? In ultimo, crede
sia possibile che lunica iniziativa parlamentare che viene portata a casa dal governo ad
oggi possa essere il ddl Cirinn? Spero il sen.
Schifani mi risponda e, soprattutto, risponda a
quel milione di persone che in piazza, sabato,
ha sperato in una politica capace di rappresentarlo e non di usarlo. n

Gioved 2 luglio 2015 |

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

omosessuali!
Inizia allora per lui un percorso di riflessione, approfondimento, pentimento e infine
cambio totale dello stile di vita. Oggi Ruben
serve Cristo e la Chiesa come evangelizzatore laico stato consacrato nel 2014 e
gira il suo paese di parrocchia in parrocchia,
portando la sua testimonianza di fede a
beneficio di tanti, soprattutto omosessuali che trovano pace nel sapere che la loro
condizione compresa dalla Chiesa e che
possono anchessi raggiungere la santit.
Questo punto di vista non nuovo nella
Chiesa ma da tempo proposto ed appoggiato anche con laiuto di un apostolato
come Courage, presente anche in Italia, che
aiuta le persone con attrazioni omosessuali
a prendere coscienza della loro chiamata
alla santit proponendo loro un percorso di
accompagnamento spirituale (per maggiori
informazioni www.courageitalia.it).

Cotelo racconta
la storia di #Ruben Garcia
Dal regista di Terra di Maria in arrivo Potrebbe succedere a te, un
docu-film che racconta la storia di un travestito che, quando sul punto
di affidarsi al bisturi di un chirurgo, sente e capisce che Dio lo ama
di Sabino Sabini

ubn Garca un travestito ed seduto su una panchina davanti ad una


chiesa proprio mentre la messa sta
finendo. Poco dopo la gente inizia ad uscire
e vedendolo l davanti ne resta scandalizzata: ... ma cosa ci fai qui? Questa una
chiesa, non certo un posto per depravati
come te! esclama un distinto signore con
tono molto inquieto. Subito dopo altre persone sopraggiungono ed inveiscono contro
di lui: una chiesa passano i bambini!!!,
non hai pudore, sei un degenerato... e
cos anche altri che man mano giungono
davanti alla panchina..
Un signore, senza scomodarsi, si siede accanto al ragazzo e sembra cercare qualcosa sul tablet. Ad un tratto, tra malumori
e mugugni, si rivolge alla gente chiedendo loro se sanno cosa ne pensa la Chiesa
degli omosessuali. Ma certo, lo sa tutto il
mondo rispondono, come a dire: la pensa
come noi. Eppure - prosegue - nel paragrafo 2358 del Catechismo della Chiesa
Cattolica si afferma: Le persone che vivono
unattrazione omosessuale devono essere
accolte con rispetto, compassione e delicatezza. A loro riguardo si eviter ogni marchio di ingiusta discriminazione. I presenti,
rimasti senza parole, si guardano imbaraz-

di Antonio Morra

n una recente intervista, seguita alla manifestazione Difendiamo i nostri figli,


lAvv. G. Amato ha dichiarato: Diciamo
che il tempo della fede a costo zero finita, labbiamo avuta per un lungo periodo ma
ora non c pi, adesso probabilmente arriveranno tempi difficili in cui molti saranno
chiamati a fare delle rinunce a causa della
loro fede [] Dico che bisogna cominciare
a chiedersi quale prezzo siamo disposti a
pagare per la nostra fede. Ad esempio, lobiezione di coscienza un dente che traballa sempre di pi, se dovessero toglierla i
medici cristiani che farebbero? Si farebbero
licenziare o inizierebbero a praticare aborti?
Stesso discorso per gli insegnati. Se passa
nelle scuole si adeguano ai nuovi programmi
scolastici oppure rischiano il posto di lavoro
pur di non concorrere a questa deriva ideologica? La gente ha il mutuo da pagare e non
tutti sono disposti a finire per strada per le
proprie idee. Sei disposto a perdere la tua
reputazione, amicizie, status e lavoro per
amore della verit?

Ges disse: Il servo non pi grande del


suo signore. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi (Giovanni 15:20).
Lapostolo Paolo afferma lo stesso concetto
scrivendo al suo discepolo Timoteo: Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente
in Cristo Ges saranno perseguitati (2 Timoteo 3:12).
Mentre le persecuzioni per i primi Cristiani
erano strettamente legate al seguire e predicare Ges Cristo, le persecuzioni che stiamo affrontando e affronteremo qui nelloc-

zati e vanno via. Il gentile signore si gira


verso Ruben chiedendogli Ti ha mai detto
nessuno che Dio ti ama???.
Inizia cos il secondo capitolo (primo in italia) della serie di docu-film Potrebbe succedere a te (https://www.facebook.com/
potrebbesuccedereate), prodotto dalla Infinito + 1, casa produttrice del film TERRA
DI MARIA, e rientrante nellevoluzione del
progetto editoriale di cui abbiamo descritto
i dettagli in un articolo-intervista a Cotelo
(regista ed ideatore del progetto) pubblicata su questo quotidiano il 28 aprile scorso.
In questo episodio Juan Manuel Cotelo,
affronta un argomento davvero attuale e
controverso: Omosessualit e fede. Pu un
omosessuale aspirare alla santit? Si pu liberamente parlare di omosessualit e fede
tra persone che la pensano diversamente,
senza tensioni e senza preconcetti, rispettosi del parere altrui? Il film procede con la
testimonianza vera del giovane messicano
Rubn Garca, che racconta la sua vita: descrive la difficolt di relazione con il padre,
duro e poco comprensivo, ed il suo rifugiarsi nella madre e nel mondo femminile con
il quale si immedesimava sempre di pi.
Questa situazione esistenziale comune
a molti omosessuali. Prosegue con la sua
adolescenza, i problemi di relazione con gli

altri, gli scherni ed i soprusi ricevuti per la


sua condizione sempre pi visibile - spesso
si sentiva chiamare femminuccia - i primi rapporti sessuali con uomini, spesso con
uomini anziani, la prostituzione. La morte
del padre, le difficolt della madre e labbandono della fede.
Descrive poi il periodo della consapevolezza e dellaccettazione di se con conseguente allontanamento dalla famiglia
e decisione di vivere liberamente la sua
omosessualit, travestendosi e frequentando ambienti e locali omosessuali.
Quando ormai aveva deciso di operarsi per
diventare transessuale, ecco che Dio bussa
alla sua porta e lo fa attraverso linvito di
unamica ad un ritiro spirituale che lo sconvolge. Durante una testimonianza dal pulpito, una donna, guardandolo, gli dice Dio
ti ama.
Ruben resta colpito da questa affermazione. Nei giorni successivi, tornato alla sua
vita normale, la sua mente rievoca spesso
la possibilit di essere amato da Dio malgrado tutto. Si fa strada in lui un turbamento profondo Ma forse questo Dio cieco,
non vede la vita che sto facendo? E allora
perch questa donna viene a dirmi che Dio
mi ama? Io pensavo che Dio non amasse gli

Queste proposte, spesso sconosciute ma


molto utili, sono scaturite dalla carit che
la Chiesa opera verso gli omosessuali, mediante le sue strutture e il suo magistero,
come ci insegna il catechismo della Chiesa
Cattolica ai punti 2357-2358-2358. Carit
tesa ad accogliere sempre e mai a discriminare come riporta un messaggio ai vescovi
per la cura pastorale di persone omosessuali della Congregazione per la dottrina
della fede:
Va deplorato con fermezza che le persone omosessuali siano state e siano ancora
oggetto di espressioni malevole e di azioni
violente. Simili comportamenti meritano la
condanna dei Pastori della Chiesa, ovunque
si verifichino. Essi rivelano una mancanza di
rispetto per gli altri, lesiva dei principi elementari su cui si basa una sana convivenza
civile. La dignit propria di ogni persona
devessere sempre rispettata nelle parole,
nelle azioni e nelle legislazioni.
Il messaggio che possiamo trarre da questo
film e dalla testimonianza di Rubn : Cristo
ci aspetta sempre a braccia aperte, anche
se i nostri peccati fossero come scarlatto
(Is 1:18). Quando ci pentiamo e ritorniamo
umilmente a Lui, ci riversa nella sua infinita
Misericordia doni ed intime gratificazioni.
Ogni nostra offerta, rinunce anche pesanti - e sforzi necessari alla nostra santificazione, non restano impagati, poich ci
restituisce, gi su questa terra, il centuplo
in grazie e benedizioni (Mt 19:28-29).
Accompagniamo allora con la preghiera ma
anche con il nostro diretto coinvolgimento
nella proiezione presso le nostre parrocchie di questo bellissimo film, contribuendo
ad aprire un dibattito costruttivo su questo
controverso tema, cercando di costruire
ponti e non barriere (come ci ha insegnato
Papa Francesco), di aprire le porte a strade
possibili verso la santificazione per qualsiasi fratello o sorella che viva questa condizione. Per informazioni sul docu-film contattate INFINITO+1 scrivendo a francesco@
infinitomasuno.org. n

NON C PI (MA C MAI STATA?)


LA FEDE A COSTO #ZERO
Aumentano ogni giorno le storie e le testimonianze di quanti
vengono irrisi o insultati per la loro fedelt allinsegnamento di Ges su
famiglia e amore. Il Vangelo, per, era sempre stato chiaro su questo
cidente sono molto pi subdole.
Il Pastore Paul Washer in un famoso video
Il Risveglio che ci attende parlando della
futura persecuzione della chiesa dice: La
chiesa sta per soffrire terribilmente, verranno
a prendere noi e i nostri bambini. Chiuderanno la rete intorno a noi mentre noi discutiamo
su tante cose futili. Sarete isolati dalla societ. Chiunque cerca di candidarsi in politica
e crede nella Bibbia sar considerato un lunatico e quindi zittito. Ci verranno attribuite
cose che non sono e NON saremo perseguitati perch siamo seguaci di Cristo ma perch
fondamentalisti radicali che non conoscono
la vera via di Cristo che amore e tolleranza.
Saremo considerati grandi fanatici e nemici
dellumanit, nemici dello stato che non hanno nulla da contribuire alla societ.
La nostra persecuzione non sar nobile,
quindi bisogna che le nostre menti siano ripiene della Parola di Dio. Non saremo perseguitati perch crediamo nella Bibbia ma
perch nemici dello stato, del progresso e
del modernismo. Persone che interpretano
la Bibbia in modo bigotto e non conoscono
il vero amore di Cristo che accetta chiunque. Saremo considerati ipocriti, quelli che,
come accaduto per la schiavit e il diritto

alle donne, sono sempre nel lato sbagliato


della storia.
I nostri stessi figli e nipoti (se indottrinati da
questa societ) ci grideranno contro. Forse
potrei sembrare troppo apocalittico ma basta guardarsi intorno per capire che certe
cose non sono cos lontane da noi. In molte
nazioni dellEuropa e negli USA, tanti Cristiani sono stati etichettati, denunciati e multati
a causa della verit denunciata o perch si
sono rifiutati di compromettersi.
Caso emblematico la pasticceria Sweet Cake
(Oregon, USA) gestista da Aaron and Melissa
Klein. La coppia stata multata 135000 dollari per essersi rifiutata di sfornare una torta
che celebrava un matrimonio gay. Addirittura quando hanno provato a chiedere offerte
per pagare la salatissima multa, GoFundMe
( unassociazione? Di che si occupa? Specificalo) si rifiutato di aprire un account per
loro.
Altro caso. Levangelista Tony Miano (Londra, UK) che stato arrestato per omofobia.
Miano predica per le strade di Londra denunciando il modo di vivere immorale della nostra societ, includendo lo stile di vita
omosessuale.

Miano stato intervistato da Fox News: Ho


parlato di donne dipendenti dalla TV, uomini
dipendenti dalla pornografia, concupiscenza della carne, fornicazione eterosessuale e
omosessualit. Quando ho detto che la Bibbia chiara che lomosessualit un peccato, una donna ha cominciato a filmarmi e
alcuni minuti dopo ha chiamato la polizia.
La polizia arresta Miano (prendendo campioni del suo DNA e impronte digitali) per
discorso omofobo quando invece si erano
denunciati tutti i peccati e non sono lomosessualit.
Miano continua: Io non sono omofobo, perch non ho paura degli omosessuali n li
discrimino. frustrante essere arrestato per
aver espresso il mio credo Cristiano.
Per concludere vorrei ricordare la manifestazione che si tenuta il 20 Giugno a Roma.
Centinaia di migliaia di persone hanno protestato contro lideologia gender, ma sono
state poi etichettate dai maggiori media
come omofobe, bigotte, inaccettabili.
Quanto sei disposto a pagare per la tua fede?
Costi quel che costi, Noi serviremo Dio disse
qualcuno! n

DINAMICHE ECCLESIALI |

UNA #CONTRADDIZIONE
SOLO APPARENTE
Si molto parlato, dal 20 giugno in qua, di stili di
testimonianza laicale e di appoggio pi o meno aperto dato dalle
autorit ecclesiastiche allazione dei laici. Bench si tenti sempre
di esaltare un presunto mai visto, i fatti che vediamo sono
invece intrinseci alla dialettica della fede e della comunit
di Lucia Scozzoli

n questi ultimi giorni stiamo assistendo


a un conflitto interno al mondo cattolico: da una parte chi si schierato apertamente e pubblicamente contro i ddl che
mirano a delegittimare la famiglia naturale,
dallaltra chi invece si appella alla necessit
di perseverare nel dialogo sulla via del compromesso.
Questo contrasto solo nel metodo, perch
i cattolici restano profondamente uniti per
quanto riguarda i contenuti: tutti riconoscono un primato indiscutibile alla famiglia
naturale classicamente intesa rispetto ad
ogni altra forma di unione di persone etero
o omosessuali, soprattutto nella prospettiva
del bene dei figli.
Davvero le leggi che stazionano in commissione e in parlamento in questi giorni sono
profondamente lesive di tale primato e mettono a rischio anche la tutela dei nostri figli,
attraverso lintroduzione nelle scuole di insegnamenti a dir poco equivoci.
Verrebbe spontaneo schierarsi palesemente
dalla parte di coloro che stanno dando battaglia, ci si aspetterebbe almeno dai vertici
ecclesiastici una unit di intenti, univocit
nelle dichiarazioni. Al massimo tra i fedeli
potremmo trovare dei timidi, pigri,minimizzatori, che si sottraggono allo scontro.
E invece leggiamo dichiarazioni di Galantino, segretario generale della Conferenza
Episcopale Italiana, che paiono quasi in contrasto con le dichiarazioni del Papa.
I cattolici si trovano cos divisi, tra chi spaesato e deluso, perch non si sente sostenuto dai propri pastori in una battaglia che
ritiene giusta e sacrosanta e chi si rifugia
nelle retrovie in obbedienza allinvito al dialogo (e alla sopportazione mesta) dei vertiti
ecclesiastici.
Ho pensato a Pio XII e alla sua opposizione
al nazismo e al fascismo, opposizione che
stata ferma e totale nei contenuti, vissuta concretamente il pi possibile accanto al
popolo, ma che non ha mai assunto i toni di
una chiamata alla mobilitazione, cosa che
pure molti cattolici auspicavano.
Perch lallora pontefice non emise atti di
condanna eccessivamente espliciti e pubblici ormai stato chiarito dagli storici: il timore di ritorsioni immediate contro la Chiesa e
i fedeli da parte dei regimi totalitari.
La strada della trattativa e del compromesso fu adottata come male minore per non
esporre i cattolici a gravi rischi.
Ecco, forse anche adesso questa apparente
contraddizione ha le stesse motivazioni.
In effetti se i cattolici assumessero in blocco
dietro ai vescovi una netta posizione contro
unioni civili, indottrinamento gender e introduzione del reato di omofobia, si verrebbe
a creare un conflitto tra lo Stato e la Chiesa
senza precedenti nella storia: unistituzione
religiosa e i suoi fedeli da una parte, lo Stato
e gli atei dallaltra. Una specie di guerra laici
contro credenti.
Questa guerra potrebbe avere conseguenze
pratiche immediate drammatiche, come lo

straccio del concordato, la fine della collaborazione tra Stato e Chiesa nelle opere assistenziali, nellistruzione privata e nellinsegnamento della religione cattolica a scuola.
Niente pi 8x1000, niente stipendio ai preti,
anche possibili espropri dei beni della Chiesa
per facili pretesti fiscali.
I fedeli si troverebbero discriminati nella societ, abbandonati nella fede da una Chiesa
ridotta al silenzio e senza mezzi per il proprio sostentamento.
Lo scenario forse un po apocalittico, ma
ricordo che Stati che hanno espropriato i
beni della Chiesa se ne sono visti parecchi
anche nella storia recente.
Inoltre tale contrapposizione screditerebbe
completamente la tesi che il cristianesimo
porta avanti istanze che hanno valore per
lumanit intera e non solo per i cattolici:
non saremmo pi il sale della terra, fusi e disciolti nella societ civile per dare ad essa
pi umanit e giustizia, ma saremmo una minoranza chiusa e ghettizzata, un po come lo
furono gli ebrei ai tempi del nazismo.
Il laicismo assumerebbe i toni di un ateismo
di stato, in netta contrapposizione a tutte le
religioni, con leliminazione di ogni simbolo
religioso, soppressione dei luoghi di culto,
relegazione della religiosit unicamente a
sfera privata e intimistica da vivere nel segreto. Daltra parte c gi chi auspica la realizzazione di questo progetto, proponendolo
come soluzione contro ogni fondamentalismo e la Francia in questa avanzata pioniera.
Il presidente dei vescovi francesi mons.
Georges Pontier, arcivescovo di Marsiglia,
ha osservato, parlando allassemblea dei
vescovi il 25 marzo scorso, che per assicurare la pace civile non si pu rinunciare
allespressione delle convinzioni religiose
e permettere poi ad altri di stigmatizzarle
(LOsservatore Romano 25 marzo), a dimostrazione del fatto che la preoccupazione
per questa deriva antireligiosa degli Stati
europei tangibile e profondamente sentita
negli ambienti ecclesiastici.
In questa lungimirante prospettiva di proclamare incessantemente i valori non negoziabili del cristianesimo, ma anche di non esacerbare lo scontro con la civilt laica, si pu
comprendere meglio lapparente contraddizione tra linvito di Papa Francesco a combattere contro le ideologie che minano a distruggere la famiglia e dallaltra il segretario
della CEI Galantino (nominato dal pontefice)
che invece afferma che la contrapposizione
non un metodo valido e che necessario
dialogare e costruire un compromesso.
La risposta dei cattolici deve essere dunque
quella di laicizzare i principi fondanti del cristianesimo, in quanto validi per il benessere
dellintera umanit, e combattere per la loro
difesa allinterno della societ civile in veste
di elettori e cittadini, non di cattolici, senza
bandiere religiose.
La difficolt sta proprio nel convincere gli
atei e gli gnostici che questi principi sono
gli unici che possono nutrire e far prosperare lumanit, senza appellarsi a Dio, e quindi
solo con lesempio e le opere, nostre e di chi
ci ha preceduti in questa battaglia, incarnandoli nella propria vita, e mostrando quanto
essi siano portatori di felicit e serenit per
s e per gli altri. n

| Gioved 2 luglio 2015

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

#SCOLA PARLA
DELLENCICLICA
ALLEXPO
DI MILANO
di Valerio Musumeci

stata presentata ieri ad Expo lEnciclica di papa Francesco Laudato


s sulla cura della Casa Comune.
A commentare il testo del pontefice,
nellincontro organizzato dalla Caritas,
dallArcidiocesi di Milano e dallUniversit Cattolica del Sacro Cuore, il cardinale
Arcivescovo di Milano Angelo Scola, alla
presenza del commissario unico Alessandro Sala e del moderatore Enrico Mentana.
Una singolare e non casuale coincidenza
di temi, quella tra il grande evento di Expo
dedicato allalimentazione pi precisamente il tema Nutrire il pianeta, energia per la vita - e lEnciclica che il Santo
Padre ha voluto dedicare ai temi dellecologia nellottica pi generale delligiene morale della persona umana. Un igiene che si riflette giocoforza nel rapporto
con la natura, secondo il cardinale Scola:
Lindividualismo dellepoca moderna
sta ormai diventando narcisismo puro. La
conseguenza che la libert rovescia se
stessa, invece di darci energia per rinsaldare legami solidi diventa un fattore di
rottura. Come se il semplice fatto di sperimentare, tutti noi, cosa significa amare o
essere amati bastasse a rendere superflua
limportanza di imparare ad amare.
O come se dedicare lesposizione al tema
del cibo rendesse superflua una riflessione
seria e compiuta sul bug alimentare mondiale punto sul quale il papa ha posto
laccento anche nel videomessaggio di

Lindividualismo dellepoca
moderna sta ormai diventando
narcisismo puro. La
conseguenza che la libert
rovescia se stessa invece di
rinsaldare i legami
saluto allinaugurazione di Expo: Anche
di questo dobbiamo ringraziare il Signore:
per la scelta di un tema cos importante,
cos essenziale purch non resti solo un
tema, purch sia sempre accompagnato
dalla coscienza dei volti: i volti di milioni di persone che oggi hanno fame, che
oggi non mangeranno in modo degno di
un essere umano. Un accorato invito che
nellEnciclica ha preso corpo e struttura,
rendendo il documento di fatto propedeutico alla riflessione medesima. La cura
del piano trascendente implica quella del
piano immanente: cos lecologia, uscendo dal tradizionale approccio sociale (e
minoritario), diventa strumento di consapevolezza in quanto effetto della cura che
ogni cristiano deve a se stesso.
Affrontando il tema dellecologia, Papa
Francesco ci ha fatto un grande dono e ci
ha chiamati a una conversione ecologica
ha detto Scola durante la presentazione
di Laudato si, di cui ha firmato la prefazione nelledizione pubblicata dal Centro
Ambrosiano. La genialit scientificoculturale dellEnciclica sta nel ricostruire
il puzzle in modo da unificare il pensiero
ecologico, unendo la crisi ambientale a
quella economica, andando a toccare lecologia della vita quotidiana, sia personale
che sociale, e inserendo in questo contesto il tema della povert, dello scarto, del
debole. La vita umana non raggiunge il suo
scopo, che la felicit, se ognuno non
capace di un rapporto adeguato con se
stesso, con il creato e con Dio. La prospettiva dellunit della persone tra loro e con
Dio la sola prospettiva capace di farci
superare il travaglio del Terzo millennio.

Larcivescovo
pellerossa
contro
la
sentenza
Charles Chaput, pastore di Filadelfia negli Stati Uniti, il primo nativo americano ad essere entrato nel collegio episcopale. Si
unito anche lui alle dichiarazioni di Joseph Kurtz riguardo alla dichiarazione sul Same-sex marriage: il peggio verr dice
quando la gente comune comincer a fare esperienza diretta e dolorosa degli effetti della distruzione che vediamo tutti
di Giuseppe Brienza

lla lista dei vescovi che hanno fulminato la sentenza Scotus che ha
imposto il matrimonio omosessuale negli Stati Uniti si aggiunto di recente
anche lArcivescovo della pi grande diocesi cattolica statunitense, Mons. Charles J.
Chaput O.F.M. Cap., arcivescovo di Filadelfia.
Monsignor Chaput, 70 anni, il primo Arcivescovo nativo americano, provenendo
dalla trib dei Potawatomi, popolo composto da circa 28.000 individui affine ai
Cheyenne. Religioso dellOrdine dei Frati
cappuccini, Chaput ha ricevuto lordinazione episcopale a 43 anni e, prima Vescovo
di Rapid City e dal 1997 per quasi 15 anni
di Denver, ha ricoperto durante questo periodo incarichi pastorali importanti come

70 anni, nativo dei Potawotomi


(popolo affine ai Cheyenne
composto da 28mila individui).
Religioso dellOrdine dei frati
Cappuccini, consacrato vescovo
a 43 anni
quello di visitatore apostolico dei seminari
degli Stati Uniti, della Diocesi australiana di
Toowoomba e della Legione di Cristo in Canada e negli Stati Uniti. Nel 1999 ha fondato
il Seminario Teologico San Giovanni Vianney, dipendente dal Pontificio Seminario
Lateranense, dal quale durante al sua guida sono usciti ben 71 sacerdoti incardinati
nellArcidiocesi di Denver. Alla fine del suo
incarico pastorale, quindi, quasi la met di
tutti i preti diocesani attivi nella sua diocesi
sono stati da lui formati e ordinati. Nel novembre 2010, quando i membri della Conferenza dei Vescovi degli Stati Uniti hanno
eletto monsignor Timothy Dolan, Arcivescovo di New York, presidente e monsignor

Joseph Kurtz vicepresidente, monsignor


Chaput riceve il numero maggiore di voti
(91) come secondo classificato alla carica
numero due della conferenza episcopale
statunitense. Papa Benedetto XVI lo nomina quindi, il 19 luglio 2011, Arcivescovo di
Filadelfia, diocesi che conta un milione e
mezzo di battezzati su 4 milioni di abitanti. Qui il vescovo cappuccino sostituisce il
Cardinal Rigali in piena crisi per lo scandalo
perle accuse di abusi sessuali dirette a mol-

questa la lotta che dobbiamo fare tutti


giorni perch le tecno-scienze e la finanza
ci costringono a stare dentro questa frammentazione.
LEnciclica ci pone
di fronte alle incapacit del nostro
sistema ad affrontare i problemi che
investono una vasta
fascia di umanit
sempre pi ampia.
La sua lettura non
facile per chi opera
nel mondo del credito e della finanza,
perch il parametro di giudizio il
Vangelo. Per noi
credenti questo testo non pu essere
considerato come
un rigurgito di Terzomondismo o una
lettera che arriva
fuori tempo dallAmerica latina. Un
invito ad affrontare
i grandi temi globali

ti esponenti del clero della diocesi.


Ritornando alle reazioni episcopali contro lultima dolorosa sentenza della Corte Suprema americana, in un comunicato
stampa pubblicato venerd scorso, anche
Mons. Chaput ha voluto prendere posizione e mobilitare i suoi fedeli contro una
decisione che emerge per la sua gravit
morale e anti-cristiana. Il vescovo cappuccino si innanzitutto dichiarato per nulla
sorpreso dalla decisione della Suprema
Corte perch, afferma, la vera peggiore
sorpresa giunger quando la gente comune comincer a fare esperienza diretta e di
prima mano, a quel punto in
modo terribilmente doloroso, degli effetti dellattuale
attivit di destabilizzazione
di tutto ci che abbiamo
sempre creduto a proposito
del matrimonio, della vita
familiare e delle istituzioni
che reggono la nostra vita
sociale.
Gli errori contenuti nella
rivoluzionaria sentenza della Corte aggiunge Mons.
Chaput non cambiano in
niente la natura degli uomini e delle donne e le verit affermate dalla Parola
di Dio. Il compito che spetta per ora a tutti i fedeli
quello di formare le proprie
famiglie ancor pi profondamente nellamore di Dio,
cos da riaffermare una sana
cultura del matrimonio e
della famiglia, ricominciando coppia dopo coppia, cos da ricostruire
tra le rovine lasciate dalla decisione della
Corte Suprema.
Gi sabato scorso su questo giornale avevamo pubblicato le reazioni di molti vescovi che, alla sequela dellattuale presidente
della Conferenza episcopale degli Stati
Uniti Mons. Kurtz, avevano denunciato che,
indipendentemente da ci che una maggioranza risicata della Corte Suprema ha
dichiarato in questo momento della storia,
la natura delle persone umane e il matrimonio rimangono immutabili (cit. in Antonio Morra, #Kurz: La Corte Suprema ha
sbagliato ancora, in La Croce quotidiano,
27 giugno 2015, p. 5). Il significato unico
del matrimonio come unione di un uomo e
una donna - ha rilevato in proposito Mons.
Kurtz - inscritto nei nostri corpi come
uomo e donna. La protezione del suo significato una critica dimensione dellintegrit ecologica che Papa Francesco ha
chiamato tutti noi a promuovere. Rispetto a questultimo importante pensiero del
presidente della Conferenza episcopale,
che denuncia la totale contraddizione fra
lantropologia del same-sex marriage ed
i principi enucleati nellultima enciclica di
Papa Francesco e riguardanti la sua concezione di ecologia integrale, sinseriscono
le dichiarazioni sulla sentenza Scotus di
Mons. Chaput. Infatti, fin dallelezione al
pontificato di Papa Francesco, il vescovo
cappuccino stato presentato fra i capofila dellopposizione dei vescovi americani
a Bergoglio. Se ben ricordiamo, infatti, al-

condivisi da tutti, con un riferimento netto alla congiuntura finanziaria europea e


alle sue implicazioni di questi giorni, con
un paese come la Grecia attraversato da
gravi difficolt primarie. Della finanza il
cittadino medio non capisce nulla e ho
limpressione che questo accada perch
non ce la dicono tutta. La tentazione della finanza di giocare sulla pelle delle
persone come in questi giorni in Grecia.
Il Papa entra in queste tematiche, in maniera organica, e ci invita a non dividere
le emozioni dal pensiero ha continuato il
porporato, riprendendo il filo che nellEnciclica lega lattenzione per la Casa Comune con le modalit di gestione dei mercati
da parte dei suoi abitanti. Una necessit
sentita anche dagli altri relatori e dal moderatore Enrico Mentana, che intervistato
a margine della presentazione ha parlato
del ruolo della Chiesa come di sacca di
consapevolezza nel corso di questExpo. In sostanziale accordo il commissario
Alessandro Sala: Papa Francesco sprona
Expo Milano 2015 a parlare a tutti, ci aiuta in modo concreto verso il dialogo tra i
popoli e ci rid la speranza che il mondo
possa migliorare. Il Papa sta aiutando Expo
Milano 2015 a essere se stessa, rivolgendo linvito a tutti coloro che lavorano e

cuni vaticanisti hanno cominciato accreditando tesi per cui, a fronte del diverso
modo di presentare la battaglia per laffermazione dei principi non negoziabili da
parte di Papa Francesco, sarebbe esistita
una divergenza non solo di linguaggio rispetto alla pastorale degli intransigenti
come Mons. Chaput (cfr. ad es. Matteo
Matzuzzi, Combattere laborto non un
optional. Chaput vs. Bergoglio, in Il Foglio,
23 ottobre 2013).
Peccato per che, nemmeno un anno dopo
la sua elezione al Soglio pontificio, cio
nel febbraio 2014, Bergoglio abbia nomi-

Questo vescovo-Cheyenne, insomma, sta


assumendo in questi ultimi mesi una vera
e propria leadership morale nella difesa
della Chiesa e dei diritti naturali attentati
e conculcati dallAmministrazione Obama.
Tanto pi che, nel marzo scorso, proprio ad
un suo ennesimo intervento che ha avuto
vasta eco nei media americani da ricondursi una delle pi forti requisitorie contro
la politica della Casa Bianca. Nel discorso
pronunciato al Seminario San Carlo Borromeo durante il convegno sulla Dignitatis
Humanae, la dichiarazione conciliare sulla libert religiosa, Mons. Chaput ha infatti

A chi lo ha accusato di
ingerenze nella sfera secolare
larcivescovo ha replicato
che la libert di culto implica
anche il diritto di impegnarsi
pubblicamente in dibattiti morali
definito lattuale presidenza democratica
quella probabilmente meno amica della
libert religiosa. Riferendosi soprattutto alla riforma sanitaria, il c.d. Obamacare, bocciato dallepiscopato statunitense
perch non tutela il diritto allobiezione di
coscienza nei casi di aborto e prescrizioni

contraccettive, nemmeno negli ospedali


cattolici, e alle novit introdotte nellinsegnamento scolastico in materia di sessualit umana, secondo mons. Chaput il
Governo federale in carica mina il concetto di verit nella distinzione tra maschio e
femmina.
A chi lo ha accusato di interferenze nelle
questioni politiche, larcivescovo di Filadelfia ha obiettato subito che la libert di
religione implica anche il diritto di impegnarsi pubblicamente in dibattiti morali ed
opere di pastorale sociale, e implica la libert di fare tutto questo senza interferenze negative da parte del governo. I credenti ha ricordato il presule durante il suo
intervento hanno giocato un grandissimo
ruolo nel fondare e costruire la nazione,
ed anche per questo una larga maggioranza degli americani crede in Dio e si identifica come cristiana.
Nessuna legge e nessuna Costituzione
ha concluso mons. Chaput tutela la libert religiosa se la gente non vive e pratica
la sua fede non solo in casa o in Chiesa, ma
anche in pubblico. Ma anche vero che
nessuno ci porter via tale libert, a meno
che non siamo noi a buttarla via. n

#POLONIA |

DUDA, IL SENATO E LA FIVET: NON


BASTA UN PRESIDENTE CATTOLICO
di MARIANNA ORLANDI

nato il vescovo cappuccino a membro di


uno dei Pontifici Consigli sul quale conta
di pi, cio quello dei Laici. Mons. Chaput,
poi, ospiter proprio nella sua diocesi lIncontro Mondiale delle Famiglie 2015, in
programma nel settembre prossimo nella
citt statunitense. La scorsa settimana, a
capo di una nutrita delegazione, questultimo ha incontrato Papa Francesco alla fine
delludienza di mercoled presentandogli il
punto della situazione a tre mesi dalliniziativa, che vedr al centro le famiglie, con
le loro storie, le gioie e speranze (cfr. Philadelphia a Roma. Definiti i dettagli dellVIII
Incontro Mondiale delle Famiglie, in http://
www.familiam.org/, 26 giugno 2015).
Per suggellare da ultimo la stima e lintesa reciproca con il Santo Padre, segnaliamo infine come, appena uscita lEnciclica
Laudato s, anche la voce dellArcivescovo di Filadelfia si unita al coro delle lodi
per il documento. In una lettera appositamente inviata al riguardo ai fedeli della sua
diocesi, infatti, Mons. Chaput ne ha elogiato i contenuti evidenziando come il Santo
Padre offra insegnamenti sullamore per il
Creato che si presentano in continuit con
il Magistero sociale della Chiesa. Del resto
in una recente intervista concessa al vaticanista John Allen, il vescovo aveva affermato di voler guidare la porzione di Chiesa
lui affidata nella direzione indicata da San
Francesco dAssisi, tornando quindi ad
abbracciare chiaramente il Vangelo, senza
compromessi, in ogni circostanza e in ogni
momento.

cooperano nellEsposizione Universale ad


essere uniti per proporre una nuova idea di
progresso, che trovi la strada per una vera
convivenza pacifica.
Laudato si pone dunque i suoi temi come
propedeutici per Expo ma inficia naturalmente tutto il dibattito attuale e futuro
sul delicato tema del rapporto tra la Casa
Comune e i suoi abitanti. Per affrontare
i problemi della temperie globale, non si
pu ripartire che dalle parole scritte dal
Santo Padre: Lambiente umano e lambiente naturale si degradano insieme, e
non potremo affrontare adeguatamente
il degrado ambientale, se non prestiamo
attenzione alle cause che hanno attinenza con il degrado umano e sociale. Attraverso questa consapevolezza il papa
ci guida l ove conclude lEnciclica: Alla
fine ci incontreremo faccia a faccia con
linfinita bellezza di Dio (cfr 1 Cor 13,12)
e potremo leggere con gioiosa ammirazione il mistero delluniverso, che parteciper insieme a noi della pienezza
senza fine. [] La vita eterna sar una
meraviglia condivisa, dove ogni creatura, luminosamente trasformata, occuper il suo posto e avr qualcosa da offrire ai poveri definitivamente liberati. n

n paese oscurantista, bigotto, ultra-cattolico: cos descrivono la Polonia i


tolleranti, quelli che credono nella libert di scelta, nellautodeterminazione individuale. A patto, ben si intende, che ci si determini (auto?) nel modo
che loro stessi ritengono opportuno. Cos, dopo il fantascientifico drone che
gioved scorso atterrato in suolo polacco, carico di pillole abortive (distribuite
come? Con prescrizione? Alle minorenni? In che quantit? Su responsabilit di
chi?) ecco che, nello stesso giorno, la camera bassa del Parlamento ha approvato una legge regolante la fecondazione in vitro.
Temevano Duda, in Europa. Quel Duda che ha dichiarato di essere contrario a
qualsiasi forma di manipolazione dellembrione, pratica anti umana ed incostituzionale. Quel Presidente Duda che si era opposto fermamente alla ratifica
della Convenzione di Istanbul, di
cui gi avevamo parlato, che apriva
inevitabilmente la strada a un concetto di diritti riproduttivi decisamente poco ortodossi. Bisognava
agire in fretta: vero che il Presidente della Polonia ha un potere
di veto sulle leggi approvate dal
Parlamento. Ma anche vero che
egli non si insedier fino al prossimo 6 agosto. La palla passa ora al
Senato, dal quale dipender ogni
cosa. I senatori polacchi potranno
decidere se rispettare la loro Costituzione ascoltando, peraltro, le
voci di una maggioranza che certo
non ad occhi chiusi ha votato alle
ultime presidenziali o se piegarsi
alle agenzie europee, alle richieste
delle sedicenti femministe: quelle
che credono di tutelare la donna togliendole proprio ci che pi di ogni altra
cosa la nobilita, la sua unica capacit di trasformare lamore in vita.
Secondo tale legge, anche le coppie non sposate potranno ricorrere allIVF e
potranno fertilizzare fino a sei embrioni. Quelli non utilizzati, gli scarti, non
potranno essere distrutti. Anche in Polonia, insomma, si proporr il problema
dei bambini congelati sino a quando non si sa.
Gli organizzatori del drone anti-life avevano parlato di quello come dun gesto simbolico. Alla luce dellevolversi dei fatti, tuttavia, pare molto pi di assistere alle ultime manovre di un generale in battaglia. Sono queste le mosse di un
esercito che, anzich arrendersi, decide di rischiare tutto quanto, di utilizzare
ogni risorsa rimasta. S, il nemico arrabbiato, agguerrito. Urla e si dimena contro un Presidente che salva il Pane consacrato dalla caduta al suolo. Noi confidiamo e crediamo che quel gesto meriti un premio. E speriamo che il Senato
polacco rispetti il volere dei cittadini pi di quanto non faccia quello nazionale.

><><><><><><><><><>

n quel tempo, salito su una barca, Ges pass allaltra riva e giunse
nella sua citt. Ed ecco, gli portavano un paralitico disteso su un letto. Ges, vedendo la loro fede, disse al paralitico: Coraggio, figlio, ti
sono perdonati i peccati.
Allora alcuni scribi dissero fra s: Costui bestemmia. Ma Ges, conoscendo i loro pensieri, disse: Perch pensate cose malvagie nel vostro
cuore? Che cosa infatti pi facile: dire Ti sono perdonati i peccati,
oppure dire lzati e cammina? Ma, perch sappiate che il Figlio delluomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: lzati disse allora al
paralitico , prendi il tuo letto e va a casa tua. Ed egli si alz e and a
casa sua.
Le folle, vedendo questo, furono prese da timore e resero gloria a Dio che
aveva dato un tale potere agli uomini.
<><><><><><><><><>< Matteo

9,1-8

Gioved 2 luglio 2015 |

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

Il gender sbarca a #Oxford (e LEspresso esulta)


Il prestigioso Oxford English Dictionary ha fatto posto ai neologismi anglo-latineggianti cisgender e transgender. Il genere, che pochi decenni fa
doveva affiancare il sesso a mo di sinonimo, si appresta a eclissarlo e distruggerlo: limpudica allusione biologica alla forma materiale del corpo viene
sostituita dalle corrispondenze tra i sensi della pulsione e la fallace apparenza. Una tappa importante della costruzione dellantilingua
di Emiliano Fumaneri

a lotta contro la realt segna unaltra piccola, grande vittoria. No, non
vi trovate sul set di Brian di Nazareth.
quanto annuncia LEspresso con accenti trionfali. Bisogna sapere infatti che
il prestigioso Oxford English Dictionary ha
deciso di adeguarsi allo spirito del tempo
accogliendo un nuovo termine. Il lessico
del gender, dicono, ormai entrato nel linguaggio quotidiano. Occorre aggiornarsi. E
allora diamo il benvenuto al cisgender.
il neologismo col quale viene designata la
vasta maggioranza di persone per le quali,
allopposto dei transgender, c sintonia
tra il genere e il sesso indicato sul proprio
certificato di nascita.
Nella sua traduzione letterale, cisgender
designa un individuo il cui senso di identit personale corrisponde al sesso e al genere assegnatogli/le alla nascita.
Secondo gli estensori del Dizionario, il termine cisgender appare per la prima volta alla fine degli anni Novanta. Il prefisso
cis-, che deriva dal latino, e significa al
di qua, il diretto opposto di trans-, che
sta invece per al di l. Cos ad esempio si
dice cisalpina o transalpina per indicare una localit che si trova al di qua o al di
l delle Alpi.
Allo stesso modo, si lascia intendere, c
chi si identifica totalmente col genere e il
sesso registrato sui documenti fin dalla nascita (e dunque al di qua, cisgender
appunto) e chi invece, non identificandosi col proprio sesso biologico, presumbilmente sceglier (anche se non in maniera
automatica) di cominciare un percorso di
transizione al di l del genere (transgender).
La new entry nel vocabolario del gender
stata salutata al grido delle solite parole
dordine: uguaglianza, diritti, progresso, rispetto, autodeterminazione, ecc.
La parola cisgender un utile termine
neutrale in grande crescita di popolarit da
oltre 20 anni dichiara James Morton al
quotidiano inglese The Independent. Mor-

ton fa parte dellassociazione Equality Network, che si batte per i diritti delle persone
LGBT. Il suo inserimento nel Dizionario di
Inglese di Oxford riflette la significativa
crescita degli ultimi anni nel dibattito sulla
diversit di genere.

e della menzogna, che non dice delle cose


perch queste siano vere, ma le dice perch vuole ottenere un certo effetto.

Torna alla mente un aforsima


di La Rochefoucauld: La
verit non produce tanto bene
nel mondo quanto male ne
producono le sue apparenze

Gli fa eco Bernard Reed, dellassociazione


inglese Gires (Gender Identity Research
and Education Society), per il quale linnovazione linguistica del Dizionario importante nellottica di unalleanza tra cisgender e trasgender. I secondi infatti hanno
bisogno dei primi per poter avanzare verso
luguaglianza dei diritti.
Chi gi sperimentava un certo effetto di
straniamento davanti allinfinita galassia di
sigle della neolingua gender dunque dovr
rassegnarsi e farsene una ragione: niente
pi differenze tra i cosiddetti normali e
i cosiddetti diversi. Tutti alla pari, tutti
cis- o transgender, tutti declinati lungo un
continuum dove non esistono distinzione
nette.
Grazie allintroduzione di un termine come
cisgender trova realizzazione la sempre
pi insistente proposta di un genere neutro
attraverso il quale le burocrazie economico-politiche occidentali sembrano intenzionate a sostituire le due identit umane:
maschile e femminile.

Chi si serve di unantilingua vuole propagare emozioni, suscitare stati danimo, predisporre gli animi ad accogliere una certa
visione del mondo, spingere gli uomini a un
determinato comportamento.

rivela pi il mondo, rendendolo comprensibile. I segni linguistici non si identificano


pi con le cose e il linguaggio non pi
una sorta di rappresentante della realt.
Nel mondo dellideologia valgono regole
assai diverse: il linguaggio considerato un
prodotto del pensiero, senza alcun legame
con la realt. il linguaggio anzi a definire
lessere delle cose. La lingua diventa cos

unantilingua, una sistematica manipolazione della parola che serve a mascherare


la manipolazione della realt.
Torna alla mente un aforisma di La Rochefoucauld: La verit non produce tanto
bene nel mondo quanto male ne producono le sue apparenze. Simulare la realt,
dandosi una semplice parvenza di verit: a
questo si adopera il linguaggio del potere

Ogni ideologia, insegna la storia, ha avuto


la sua antilingua. lespressione coniata da Italo Calvino, che ne individuava la
radice profonda nel terrore semantico.
Il pensiero ideologico nutre un autentico
terrore per il significato autentico delle
parole. Non gli preme che asservire a s la
parola per farne uno strumento di propaganda. cos che si plasma un linguaggio
del tutto sconnesso dalla realt: un nuovo
gergo fatto di vocaboli che, dice Calvino,
di per s stessi non vogliono dire niente o
vogliono dire qualcosa di vago o sfuggente.

Un esempio di questo uso ideologico della


lingua, di un linguaggio teso cio a persuadere le persone piuttosto che a comunicare loro qualcosa di vero e di reale, quello
sfoggiato in un dialogo di Humpty Dumpty, il gigantesco uovo parlante di Alice nel
mondo dello specchio. Quando io adopero una parola disse Humpty Dumpty
con un tono piuttosto sdegnoso essa ha
esattamente il significato che io le voglio
dare... n pi n meno. La questione
disse Alice se lei pu costringere le parole a significare cos tante cose diverse.
La questione disse Humpty Dumpty
chi che comanda... ecco tutto.
Si capisce pertanto che corrompere la
lingua equivale a impoverire il rapporto
delluomo col mondo. Significa rendere il
mondo uno spazio incomprensibile e caotico, facendone un luogo inospitale per
luomo. Il linguaggio ideologico non serve
che ad estraniarlo dalla realt. Non un
caso che uno dei primi effetti del peccato,
la rottura per eccellenza di un legame, sia
la confusione delle lingue seguita a Babele.
E difatti, come si addice a tutte le lingue
ideologiche, anche il gender-neutral Newspeak depaupera profondamente la realt.
Lantilingua del gender scaturisce con ogni
evidenza dallorizzonte del riduttivismo: da
quellatteggiamento volto cio a semplificare arbitrariamente la realt umana, dichiarando la superfluit di cose o valori che

Prende cos forma un linguaggio informe,


che pu assumere molti significati soggettivi, influenzati da stati emozionali. Il
linguaggio perde cos ogni riferimento alla
realt, non comunica pi nulla di reale. Non

allopposto esistono e hanno significato.


Come ha scritto lo psicoterapeuta Claudio
Ris, confondere lappartenenza di genere
(maschile o femminile) con la pratica sessuale impoverisce lidentit della persona
separandola da una ricchezza espressiva,
affettiva e spirituale per nulla riducibile al
solo sesso, come se avere una tendenza
omosessuale equivalesse ad essere meno
uomo o meno donna.
Le istituzioni occidentali tendono oggi a
proporre ladozione di una identit neutra
comune, assimilando lidentit di genere ai
comportamenti sessuali dichiarati, come
gay, lesbismo, bisessualismo, transgender,
ecc.
La sessualit viene cos ridotta al semplice
esercizio della genitalit, come cancellando quella misteriosa dimensione non strettamente genitale che permette di sublimare lamore fisico su un piano superiore.
tutto lordine dei pensieri, degli affetti,
dellimmaginazione, del sentimento, della
fedelt la dimensione che consente di
edificare la complessa architettura delle
relazioni umane, permettendo di oltrepassare la semplice congiunzione occasionale
dei corpi.
Lampiezza della personalit umana svilita dal retroterra arido e materialistico di
un simile sguardo, che si sostanzia di quello che Michel Foucault identificava come
biopotere. Questa maniacale ansia di
catalogare e descrivere i comportamenti
sessuali, fino ad appiattire su di essi i due
generi, maschile e femminile, appare effettivamente come lesercizio di un potere
che aspira a scrutare la vita fin nei suoi pi
reconditi recessi. Un potere che controlla
la vita attraverso la produzione di leggi,
regolamenti, discorsi, convenzioni, normative internazionali, programmi educativi,
ecc. Come sanno bene i genitori che hanno
manifestato il 20 giugno.
Strana libert, questa che si confonde con
un obbligo sociale sempre pi invasivo. Pasolini e Gaber lavrebbero forse chiamato
il regime della libert obbligatoria. Per
tutti. n

UNA MEDITAZIONE SUL #RELIQUIARIO DELLA GRANDE TRIBOLAZIONE


Giuseppe Langella evoca la vita quotidiana dei soldati della prima Guerra mondiale, costretti in angusti cunicoli, obbligati a vivere nella precariet
delle trincee, nelle quali poteva essere clemenza / morire in un fulgore, / neanche il tempo di dire muoio. Di tanti restano solo scarpe logore
di Andrea Vannicelli
Si sta come
dautunno
sugli alberi
le foglie
Giuseppe Ungaretti

on senza un po di emozione recensisco oggi una raccolta di poesie di


uno dei maggiori studiosi viventi di
letteratura italiana contemporanea, Giuseppe Langella. Reliquiario della grande tribolazione Via Crucis in tempo di guerra con
tavole dartista e nota di Franca Grisoni, Interlinea, Passio, Novara 2015 (50 pagine,
12 euro) raccoglie in dodici testi essenziali,
una via
crucis
c h e
L a n gella
dedica ai
drammatici
eventi
della
Prima
Guerra
Mondiale.
Come
avverte sin
dallinizio Franca Grisoni nella sua nota introduttiva, questopera nata dallincontro
tra il poeta e unopera darte plastica, la
suggestiva Croce che lo scultore camuno
Edoardo Nonelli ha composto a Ponte di Legno (Brescia) con reperti bellici recuperati

in alta quota lungo le trincee dellAdamello. Langella vi si ispirato per comporre


una sequenza poetica dedicata alla vita
quotidiana dei soldati al fronte, in perfetta
continuit ideale con quelle liriche che tutti ricordiamo, che un altro Giuseppe, Ungaretti, scriveva nei suoi anni al fronte.

Nel 2013, Langella ha dato alle stampe,


nella collana Lyra delleditore Interlinea
(Novara), La bottega dei cammei. 39 profili di donna dalla A alla Z. In Val Camonica, a Ponte di Legno (Brescia), che stato
chiamato paese della poesia, gli stato
dedicato un totem con incisa una sua lirica. Con Guido Oldani tra i fondatori del
Realismo terminale. Fa parte, inoltre, del

Giuseppe Langella nato a Loreto (Ancona) nel 1952 e vive a Milano. Insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea
allUniversit Cattolica e dirige il Centro di
ricerca Letteratura e cultura dellItalia unita. Studioso di Manzoni e di Svevo, della

tutti pi o meno figli, o perlomeno fratelli. Perch in parte la loro situazione di crisi
e di passione un po simile a quella che
stiamo vivendo oggi, se vogliamo credere
(e personalmente lo scrivente ci crede) che
siamo in una Terza Guerra Mondiale. Perch
Langella trasmette con breve incisivit lo
strazio che comunicano le tracce impresse
dalla guerra nei paesaggi naturali, nei luoghi
che furono testimoni del conflitto. Fedele a
un alto codice espressivo che si avvale di
figure retoriche (metafore, citazioni, correlativo oggettivo ecc.) e di ritmi fonici ben

gno, Torino 2008) ha vinto, tra laltro, il Premio Metauro. Il moto perpetuo era gi un
itinerario ascetico, come lo descriveva
lautore stesso, che, mentre irrobustisce la
fede e alimenta la carit, apre alla speranza del paradiso, pregustato in alcuni segni
anticipatori. Non era soltanto questo, ma
anche un itinerario segnato da un pudico
autobiografismo, in ascesa (con riferimento
metaforico alla passione alpinistica di Langella) e (per alludere a un lessico musicale
che allautore non dispiace) in crescendo,
con rimandi biblici visibili in trasparenza.

letteratura risorgimentale e dellermetismo,


si occupato anche di riviste militanti, di
scrittori cattolici e di prosa darte. Inoltre
autore di un aggiornato manuale scolastico ad uso del triennio nei licei, Letteratura.
it (Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, Milano 2012). Ha gi pubblicato varie
raccolte di poesia: Escursioni (nellopera
collettanea Ascensioni umane, Grafo, Brescia 2002); Giorno e notte. Piccolo cantico
damore (San Marco dei Giustiniani, Genova 2003); e Quasi una trenodia (Poesia,
marzo 2007). Con Il moto perpetuo (Ara-

modulati (rime, assonanze, allitterazioni


ecc.), il poeta ci presenta scenari di morte,
dove tuttavia permane aperto uno spiraglio
alla speranza in un aldil felice. Fedele al
realismo, Langella lascia parlare gli oggetti
e gli elementi naturali, come per esempio
nella seconda lirica, significativamente intitolata Reliquie: Assiti, pioli, stanghe, tavolacci, laria, i ghiacci, ceneri, muri
a secco, il vento, i nomi [] incisi sulle
croci. Fedele alla tragicit degli eventi, il
poeta non indulge mai al buonismo n mai
nasconde che la maggior parte di quei soldati morirono.

Le due vette alle quali ascendeva il poeta


erano quella dellamore coniugale e quello
della storia della salvezza cos come essa si
dipana nel Primo e nel Nuovo Testamento.

collettivo dei Pentagrammatici. Il suo interesse, umano oltrech storico-letterario,


per le vicende della Grande Guerra viene
da lontano, come testimonia il convegno
sugli Scrittori in divisa. Memoria epica e valori umani (Grafo, Brescia 2000) da lui organizzato in occasione della LXXIII adunata
dellAssociazione Nazionale Alpini. Tantissimi altri sono gli articoli e i libri che qui si
potrebbero citare.
Emozione, si diceva in limine. Perch di
questi soldati della Grande Guerra siamo

Altri titoli della silloge aiutano a capire: le


reliquie testimoniano limpresa di quei soldati e allo stesso tempo quello che fu il loro
martirio. Cos Langella scrive unElegia sopra una scatoletta arrugginita, parla di Vino
rosso e di Lamiere, di Brandello di stoffa e
Reticolati, di Chiodi e di Scarpe al sole, di
Pietra diaccia e di Cunicoli. La poesia Legno dei dolori, in posizione centrale, appunto ispirata alla Croce (2014), scultura
che Edoardo Nonelli ha realizzato a Ponte
di Legno componendo dei materiali recuperati in trincea, ed senzaltro il cuore di
tutta la raccolta. Le spalle larghe aveva /
e la forza mansueta dei pazienti, proprio
come Ges; il volontario che, stringendo i
denti, / ti ha portato fin qui dal fondovalle,
/ salendo con la croce al suo calvario. / Di
docili cristi tutta una leva (p. 29). Come
a dire che particolarmente partecipi della
croce di Cristo furono quei militari che morirono straziati dalle granate, asfissiati dal
tanfo delle trincee, trafitti dalle baionette
del nemico.
A fianco di ogni poesia stampata una tavola dartista, di cui si riportano i riferimenti, dedicata alla Grande Guerra. n

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

| Gioved 2 luglio 2015

Vedovo e medico: su La7


#maratona sordiana
di Valerio Musumeci

a mia comicit non mai stata


astratta, gratuita. Lho sempre
ricalcata sulla realt del momento. Con queste poche parole, tratte
da unintervista del 1975, il grande Alberto
Sordi (1920-2003) spiegava al pubblico il
segreto della sua maschera. Un viso grande ed iconico, il suo, capace di ridisegnarsi
ad ogni interpretazione nel giogo felice di
quella romanit cos struggente da diventare quasi una morale, di film, racconti e
aneddoti: Una volta ero in piazza Navona,
il cuore della citt. A un certo punto vedo
spuntare, prima a destra e poi a sinistra,
quattro ceffi che non promettevano niente di buono. Questi ti fanno blu, mi sono
detto. Per fortuna, arrivato a pochi passi da
me, uno dei ceffi mi riconosce: Albe grida Albertone bello, ma dove cavolo vai a
questora di notte?. E rimettendo in tasca
qualcosa, che poteva essere una pistola o
un coltello, mi d una gran botta sulla spalla.
Cos fanno anche gli altri manigoldi. Andiamo a bere qualcosa! dice uno coi baffi. No,
grazie mi difendo ho un gran mal di testa,
fate finta che ho accettato. Qualche volta
anche i teppisti hanno unanima.
Questanima romana, profonda e conte-

stuale anche in pellicole non proprio allamatriciana, la vedremo stasera su La 7 in


una maratona dedicata proprio a Sordi. Il
settimo canale trasmetter infatti, a partire dalle 21:10, due film emblematici della
carriera dellattore e di tutta la commedia
allitaliana. Si comincia con Il medico della
mutua, pellicola del 1968 firmata da Luigi
Zampa e dedicata alle peripezie di un giovane dottore, Guido Tersilli, alle prese con
il nuovo mestiere e con la necessit di fare
in fretta dei quattrini. Soprattutto per questa necessit Guido diverr medico della
mutua: tra sotterfugi e inganni cercher di
accaparrarsi leredit di pazienti mutuati di
un anziano collega in fin di vita, arrivando a
sedurre la moglie per garantirsi un futuro. Il
film sar un buon successo (Sordi ricever
il David di Donatello e il Globo dOro per il
Miglior attore) tanto che nel 1969 ne verr girato il sequel, diretto da Luciano Salce
con ancora Alberto Sordi nel ruolo del Tersilli, con un titolo wertmlleriano: Il prof.
dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa
Celeste convenzionata con le mutue. Il tipo
umano disegnato da Sordi in queste specifiche pellicole congruente con litaliano
medio non si perita di lucrare bassamente sui dolori dei pazienti e le necessit delle
famiglie: a vedere le cronache di oggi, il film
quasi profetico.
A seguire, La
7 riproporr Il
vedovo, diretto nel 1959
da Dino Risi.
Sordi vi interpreta Alberto
Nardi,
uno
scalcagnato
imprenditore
con problemi
di nervi ammogliato ad
una
donna
molto ricca

(una magnifica Franca Valeri)


che lo maltratta in pubblico e lo
ricatta in segreto. In seguito ad
un incidente ferroviario, Alberto
si ritrova vedovo e proprietario
di tutta la fortuna della moglie,
che si preoccuper subito di investire in unimpresa rovinosa.
Limprovviso ritorno della signora, scampata allincidente in
treno, lo costringer a ritirarsi in
convento, dal quale uscir con
propositi omicidi nei confronti della coniuge. Questultima
ancora una volta la scamper
mentre lo stesso Nardi rester vittima dello scherzetto. Per
combinazione, anche Il vedovo
ha avuto vicende successive:
oltre cinquantanni dopo la sua uscita, nel
2013 ne stato girato il remake, Aspirante
vedovo, diretto da Massimo Venier con Fabio De Luigi e Luciana Littizzetto.
Lopera attoriale di Sordi si presta naturalmente a fare da sostrato a un cinema italiano successivo, dai lavori di Carlo Verdone
alle commedie pi recenti (e scadenti) che
prospettano levoluzione del tipo umano
sordiano in personaggi come i romanacci alla Christian De Sica. Certo scompare
quel piglio facciale, quellespressivit cos
diversa dallo slapstick e dal mimo eppure
cos precisa nel disegnare i caratteri: solo
alzando un po le sopracciglia Sordi era lallegro e un po scemo cantante dopera di Mi
permette babbo? con Aldo Fabrizi, mentre
abbassandole fin quasi a mostrare noia diventava Il Marchese del Grillo per Mario Monicelli. Cos lo ricordava il regista: stato
lattore pi grande ma soprattutto stato
uno straordinario autore, lartefice del suo
personaggio con cui ha attraversato pi di
50 anni di storia italiana. Da regista dico
che era straordinariamente facile lavorare
con Sordi proprio perch era un grandissimo; bastavano poche occhiate e ci si capiva

Foto ANSA

Il palinsesto televisivo offre due dei maggiori capolavori dellAlbertone


nazionale allapice della sua carriera giovanile: la pellicola di Zampa
preceder quella di Risi nellesaltare la geniale maschera del comico che
seppe far piangere e ridere senza essere altro che se stesso Alberto Sordi
#TELEVISIONE |

QUANDO LA GUERRA SINSINUA


TRA I LEGAMI FRATERNI
di CLAUDIA CIRAMI

C
sul tono da dare alla sua interpretazione e
quindi al film. stato un comico capace di
contraddire tutte le regole del comico.
A cominciare dalla prima regola, ovvero la
tristezza nella vita, fuori dal set. Sordi non
era triste, era Alberto Sordi. Lasciava limpressione che oltre il lazzo e lo scherzo ci
fosse dellaltro, senza preoccuparsi di specificare che cosa. Tifoso della Roma, autenticamente cristiano e senza troppi grilli per
la testa: bello credere disse in unintervista del 2000 e non si crede facendo
tanti ragionamenti: io sono cristiano, la vita
mi ha sempre pi convinto che il cristianesimo vero. Che bisogno c di ragionarci
su? Una semplicit dimenticata, priva di
faciloneria e ricolma di vita. La vera vita di
generazioni passate, quando non comportava esclusione sociale e ritorsioni di varia
sorta dire una cosa semplice come questa:
Il mio rapporto con il Padreterno si basa
proprio sulleducazione che fin da piccolo i
miei genitori mi hanno dato, cos come mi
hanno insegnato a camminare e a parlare.
Oggi gliene avrebbero dette un carretto. E
lui magari gli avrebbe risposto: Mi spiace,
ma io so io. n

era una volta la guerra e c ancora. In varie parti del mondo. Siamo
entrati nella Terza guerra mondiale, solo che si combatte a pezzetti,
a capitoli, ha spiegato tempo fa Papa Francesco, aggiungendo che
stato raggiunto un livello di crudelt spaventosa. Ben vengano, dunque, i
film che, fuori da ogni retorica politica e mediatica al servizio delle parti in causa, mostrano lorrore di ogni conflitto. Sappiamo che il Catechismo della Chiesa
Cattolica permette che possa esserci, a certe condizioni, una guerra giusta
(n. 2309), ma sappiamo anche, dalla stessa fonte, che tutti i cittadini e tutti i
governanti sono tenuti ad adoperarsi per evitare le guerre (n. 2308). Perch la
guerra morte, rovina, inutile strage, come diceva Benedetto XV, e porta con
s conseguenze psicologiche devastanti. Come mostra la pellicola Brothers del
2009, di Jim Sheridan, in onda questa sera su Rai Movie alle 21:15.
Il film un remake del danese Non desiderare la donna daltri, uscito nel 2004
e premiato al
Sundance
Festival del 2005.
La durezza della
guerra si intreccia con la vicenda che lega i tre
protagonisti, un
soldato, sua moglie, il fratello di
lui. Lazione militare entra prepotentemente
nelle loro vite,
modificando
il
rapporto tra i tre.
Non una guerra
lontana nel tempo: il conflitto si svolge nellAfghanistan di qualche anno fa e la brutalit dei
talebani sembra la stessa dellISIS, le cui violenze, oggi, i media ci rimandano
continuamente. I cattivi, per, non sono solo gli altri: la guerra in se che scatena i peggiori istinti degli uomini, a qualsiasi popolo essi appartengano. Molto
bravi i tre attori: Jake Gyllenhaal, Natalie Portman e, su tutti, Tobey Mcguire, che
ha ricevuto la nomination al Golden Globe del 2010. Un film per riflettere, con
scene di guerra molto forti. I conflitti militari non sono avventure, non hanno toni
da epopea, non sono indolori. Se qualcuno ne fosse ancora convinto, questo film
potrebbe servire a dissuaderlo.

#PROGRAMMITV
#PROGRAMMITV
06:00 Euronews
06:10 Il caff di Raiuno
06:30 TG 1
06:43 CCISS Viaggiare informati
06:45 Unomattina
06:55 Parlamento Telegiornale
07:00 TG 1
07:10 Unomattina
07:30 TG 1 L.I.S.
07:33 Unomattina
08:00 TG 1
08:25 Che tempo fa
08:27 Unomattina
09:00 TG 1
09:03 Unomattina
09:30 TG1 FLASH
09:35 Unomattina
10:00 Storie Vere
10:58 Relazione annuale del Presidente
dellAutorit del Garante della Concorrenza e del
mercato
11:00 TG 1
11:05 Che tempo fa
11:10 A conti fatti
11:45 Mezzogiorno italiano
12:25 Don Matteo 7
13:30 TELEGIORNALE
14:00 TG1 Economia
14:05 Estate in diretta
17:40 Che Dio ci aiuti
18:50 Reazione a catena
20:00 TELEGIORNALE
21:20 Speciale Superquark
00:30 TG1 NOTTE
01:40 Sottovoce
01:50 Storie della letteratura speciale per Dante Paradiso
02:10 Mille e una notte cinema
03:00 Senza rete
05:00 DA DA DA
05:45 Rainews24

06:00 Detto Fatto


07:50 Streghe
08:30 Il nostro amico Charly
10:00 Tg2 Insieme
11:20 Il nostro amico Kalle
12:10 La nostra amica Robbie
13:00 TG2 GIORNO
13:30 TG 2 Costume e societ
13:50 Tg2 Medicina 33
14:00 Detto fatto
16:15 Ghost Whisperer
17:00 Cold Case - Delitti irrisolti
17:45 TG2
17:55 TG2 Flash
18:00 Rai TG Sport
18:20 TG2
18:50 Blue Bloods
19:40 NCIS
20:30 TG2 20:30
21:00 LOL :-)
21:15 Coppie in attesa
22:45 The good wife
23:50 Emozioni
01:15 2Next - economia e futuro
02:35 Videocomic Passerella di comici in tv
03:20 I fatti vostri
05:15 Detto Fatto

06:00 Morning News


06:27 Meteo
06:28 Traffico
06:30 Rassegna stampa italiana e internazionale
07:00 TGR Buongiorno Italia
07:30 TGR Buongiorno Regione
08:00 Agor
10:00 Primo applauso
12:00 TG3
12:45 The cooking show
13:10 Il tempo e la Storia - Napoleone a Waterloo
14:00 TG Regione
14:18 TG Regione Meteo
14:20 TG3
14:47 Meteo 3
14:50 TGR Leonardo
15:00 TG3 L.I.S.
15:05 TGR Piazza Affari
15:15 Terra nostra 2
16:00 Ruba al prossimo tuo
18:00 Geo
19:00 TG3
19:30 TG Regione
19:53 TG Regione Meteo
20:00 Blob
20:15 Kebab for breakfast
20:35 Un posto al sole
21:05 Cinema Rai3 presenta
23:10 Scandal
00:00 TG3 Linea notte
00:10 TG Regione
00:13 TG3 Linea notte
01:00 Meteo 3
01:05 RAI Parlamento
01:15 RAI CULTURA presenta Eco della Storia
01:45 Fuori Orario. Cose (mai) viste
02:00 RAInews
02:44 Next
03:04 RAInews
03:14 Next
03:34 RAInews
03:46 Riflettendo con...
03:51 USA 24 H
04:04 RAInews
04:16 Dentro la notizia
04:21 Magazine tematico di Rainews
04:34 RAInews
05:16 America today
05:21 Superzap
05:34 RAInews
06:00 RAInews

06:00 Prima pagina


07:55 Traffico
07:58 Meteo.it
08:00 Tg5 Mattina
08:45 Il mistero del lupo
10:00 TG5 - ore 10
11:00 Forum
13:00 Tg5 - Meteo.it
13:40 Beautiful
14:10 Rosamunde Pilcher - un amore quasi
impossibile (Germania 2009)
16:15 Il segreto
17:10 Baciamo le mani
18:45 Avanti un altro
19:55 Tg5 - Prima Pagina
20:00 Tg5 - Meteo.it
20:40 Striscia la notizia (la voce dellindecenza)
21:10 Le tre rose di Eva
23:15 Supercinema
23:45 Mio fratello figlio unico (Italia 2006)
01:20 Tg5 Notte - Meteo.it
02:00 Striscia la notizia
02:30 Internado (EL)
04:00 Telefilm
05:00 Mediashopping
05:15 Tg5 - Meteo.it
05:45 Mediashopping

06:05 Le regole dellamore


06:45 Cartoni animati
08:30 Smallville
10:30 Chuck
12:25 Studio Aperto
12:55 Meteo.it
13:00 Sport Mediaset
14:05 I Simpson
14:35 I Griffin
14:45 The big bang theory
15:45 The Vampire Diaries
16:35 Dr. House - Medical Division
18:30 Studio Aperto
19:25 CSI Miami
21:10 Special forces - liberate lostaggio
22:35 Luomo coi pugni di ferro
01:00 Premium Sport
01:45 Studio Aperto - La giornata
02:10 Trasformat
20:50 Mediashopping
03:05 Trasformat
03:45 Mediashopping
03:50 La terza madre
05:20 Mediashopping
05:35 Aaron Stone

06:00 Tg4 Night News


06:20 Mediashopping
06:50 Zorro
07:10 Hunter
08:05 Cuore ribelle
09:30 Carabinieri 7
10:35 Sai cosa mangi?
10:45 Ricette allitaliana
11:30 Tg4
11:55 Meteo.it
12:00 Un detective in corsia
13:00 La signora in giallo
14:00 Lo sportello di Forum
15:30 Hamburg - Distretto 21
16:35 Ieri e oggi in Tv
18:55 Tg4
19:30 Meteo.it
19:35 Tempesta damore
20:10 Centovetrine
20:45 Tempesta damore
21:15 Alive - la forza della vita
00:55 Tg4 Night News
01:15 Ieri e oggi in TV
02:55 Appuntamento con Toto Cutugno
05:35 Ieri e oggi in TV
05:00 Zig zag

06:20 SALMI
06:25 RECITIAMO IL CREDO assieme alle
Monache Benedettine di Orte
06:30 RASSEGNA STAMPA
06:50 Rosario dal Santuario di Pompei
07:30 BELTEMPO SI SPERA
08:30 SANTA MESSA
09:10 BELTEMPO SI SPERA
10:00 IL MIO MEDICO
11:00 QUEL CHE PASSA IL CONVENTO
11:54 ANGELUS DA LOURDES
12:00 TG 2000
12:15 LISPETTORE DERRICK La tentazione - la
figlia del poliziotto
14:10 REPARTO MATERNIT
14:50 ALLA SOGLIA DEL CUORE: LE STORIE
15:00 SALMI
15:05 LA CORONCINA DELLA DIVINA
MISERICORDIA
15:24 SIAMO NOI
17:00 IL DIARIO DI PAPA FRANCESCO in diretta
18:00 Rosario
18:30 TG 2000
19:00 ATTENTI AL LUPO
19:30 Borghi dItali
20:00 Rosario da Lourdes - in differita
20:30 TG TG
21:00 Maria Montessori - una vita per i
bambini
23:10 Rosario dal Santuario di Pompei

05:25 Omnibus La7


06:00 Tg La7 - Morning news
06:05 Meteo
06:10 Oroscopo/ Traffico
06:15 Tg La7 - Morning news
06:20 Meteo
06:25 Oroscopo/ Traffico
06:30 Tg La7 - Morning news
06:35 Meteo
06:40 Oroscopo/ Traffico
06:45 Tg La7 - Morning news
06:50 Meteo
06:55 Movie flash
07:00 Omnibus - Rassegna stampa
07:30 Tg La7
07:50 Omnibus meteo
07:55 Omnibus La7 (live)
09:45 Coffee Break (live)
11:00 Laria che tira (live)
13:30 Tg La7
14:00 Tg La7 Cronache
14:35 Anteprima Cuochi e Fiamme
14:40 Il commissario Navarro
16:25 Le strade di San Francisco
17:40 Lispettore Tibbs
18:05 Il commissario Cordier
19:55 Meteo
20:00 Tg La7
20:30 Otto e mezzo
21:10 Il medico della mutua
00:00 Il vedovo
00:15 Otto e mezzo
00:55 Coffee Break
02:15 Laria che tira (replica)
04:40 Omnibus La7 (replica)

per le frequenze consulta: www.radiomaria.it


00:00 Con voi nella notte - musicale
06:00 Santo del giorno
06:15 Orizzonti cristiani - meditazione
06:30 Lodi in latino
07:00 I giochi dellarmonia
07:30 Santa Messa in latino
08:00 Radiogiornale
08:50 Che tempo fa
08:56 Luce verde - traffico a Roma
09:06 Al di l della notizia - ledicola del giorno
09:44 Chiave di lettura - commento
09:56 Che treno fa
10:00 Radio Inblu notizie flash
10:04 Luce verde - Viabilit Lazio
10:06 Udienza del Papa
11:30 Luci verdi (viabilit Roma)
11:35 Udienza del Papa
11:56 Che treno fa

12:00 Radiogiornale italiano


12:15 Chiave di lettura
12:35 Magari - cooperazione internazionale
13:00 Radiogiornale francese
13:11 Al di l della notizia - cronache e commenti
14:00 Radiogiornale
15:06 Afrimusicultura
16:28 Focus on - salotto musicale
18:29 Il Funambolo - attualit
19:30 Radiogiornale italiano
19:50 Diapason - musica
20:40 Santo Rosario in latino
23:00 Radiogiornale italiano
23:20 Compieta in latino

00:00 S.Rosario
00:27 Commento alla stampa e catechesi
(p.Livio)
01:50 Lenigma della storia (card. Giacomo
Biffi)
02:50 Coroncina alla Divina Misericordia S.Rosario
03:40 Diario di suor Faustina Kowalska
(Dizione: Roberta)
04:30 I vizi capitali e le contrapposte virt
(P.Livio)
05:45 S.Rosario
06:10 Meditazioni (d. Divo Barsotti)
06:45 Il buongiorno di Radio Maria
07:00 Preghiere del mattino - Il Santo del
giorno
07:30 S.Rosario - S.Messa - Lodi Centro Rita
Tonoli - Istituto piccola opera per la salvezza del

fanciullo - Traona (Sondrio)


08:45 Commento alla stampa del giorno
(P.Livio)
09:30 Catechesi (P.Livio)
10:15 La presenza di Dio negli abissi del cuore
umano (Francesca Procaccini)
11:55 I Salmi
12:00 Regina coeli - Ora Media
12:25 Udienza generale del Santo Padre
12:30 Pneumologia (dott. Michele Piccolo)
13:30 Notizie dal mondo e dalla Chiesa Il
fatto del giorno
14:00 Pomeriggio insieme: dediche, saluti e
auguri dallItalia e dallestero
15:10 Per voi ragazzi: giochi e quiz italiano/
inglese
15:45 Ripartire da Cristo (don Ferdinando
Colombo)

16:40 Ora di spiritualit: S.Rosario - Vespri Benedizione Eucaristica


18:00 Temi di vita spirituale (Padre Amedeo
Cencini)
19:30 Notizie Radio Vaticana
20:00 Preghiere della sera. Preghiere dei
bambini in diretta telefonica
20:25 S. Rosario con le famiglie
21:00 Serata sacerdotale (don Tino Rolfi

Gioved 2 luglio 2015 |

MOBILITAZIONE NAZIONALE |

#quotidiano contro i falsi miti di progresso

SPEDITECI LE FIRME A PIAZZA DEL GES 47, 00186 ROMA

I #FIGLI NON SI PAGANO

Per una #moratoria Onu sullutero in affitto


AL SEGRETARIO GENERALE DELLE NAZIONI UNITE
BAN KI MOON
E per conoscenza
AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ITALIANO
MATTEO RENZI
AL PRESIDENTE DELLEUROPARLAMENTO
MARTIN SCHULZ
Roma, 28 gennaio 2015
Nel nome di Sushma Pandey ragazza 17enne indiana morta a causa dei trattamenti ormonali di stimolazione ovarica propedeutici alla fornitura di ovuli per una procedura di
utero in affitto acquistata da due ricchi occidentali i sottoscrittori di questo documento chiedono ai potenti della terra e alle Nazioni Unite di indire una moratoria sullapplicazione delle leggi che consentono di accedere a forme di genitorialit surrogata.
Nella neolingua di chi pensa che esista un diritto ad avere un figlio ignorando lunico vero diritto che quello di un figlio a non essere considerato un prodotto da acquistare tramite contratto di compravendita (oltre a quello di avere un pap e una mamma che non lhanno ridotto a cosa) alcuni governi hanno consentito al varo di normative
che prevedono la gestazione di sostegno, la gestazione per altri o, appunto, la maternit surrogata. Sono tutte espressioni che servono a mascherare la realt dei fatti.
Si chiama comunemente utero in affitto, perch questo : un passaggio di denaro tra un acquirente o locatario e un venditore o locatore, la cui finalit la consegna alla fine
del processo di un prodotto che per un essere umano. Un bambino.
I firmatari di questo documento affermano che le persone non sono cose, gli esseri umani non possono mai essere considerati oggetti, meno che mai i bambini. I figli non si
pagano. Il desiderio di avere un figlio un desiderio naturale che non pu travalicare i limiti della natura stessa e mai e poi mai legittima lattivazione di meccanismi di compravendita che reificano la persona umana.
Le procedure che portano alla nascita di questi bambini-oggetto sono terrificanti: dalla ricerca di donatrici di ovulo (eufemismo in neolingua: non donano alcunch, ci sono
dei ricchi borghesi che se li comprano, quegli ovuli, e costringono una donna in stato di bisogno ad accettare pochi denari per venderli sotto la pressione di agenzie specializzate le quali sono i veri lucratori di queste procedure); alla stimolazione ovarica via bombardamento ormonale, la quale porta danni pesantissimi alle donne che vi si sottopongono (fino alla morte, come nel caso di Sushma Pandey); alloperazione di agoaspirazione in sedazione profonda che viene attuata per catturare lovulo bombardato.
Dopo la fecondazione lovulo viene inserito nellutero affittato di unaltra donna, anche essa pagata dallagenzia intermediaria, in modo che il bambino che nascer non abbia
alcun riferimento a una figura materna essendo questa stata parcellizzata, nel frattempo, spezzata in due. E sia la donatrice di ovulo sia laffittatrice di utero firmano comunque contratti dove per pochi spiccioli rinunciano a qualsiasi contatto diretto con il nascituro.
Il momento del parto poi dolorosissimo, per donna e neonato. Il bambino, infatti, appena venuto al mondo viene adagiato solo per qualche secondo sul petto della madre
partoriente per tranquillizzarlo, e viene poi brutalmente strappato non appena cerca di avvicinarsi al suo seno, per essere consegnato nel pianto disperato alla coppia di ricchi
che quel bambino s comprato.
Questa una pratica barbara e noi sottoscrittori chiediamo ai governi di India, Cina, Bangladesh, Thailandia, Russia, Ucraina, Grecia, Spagna, Regno Unito, Canada e degli otto
Stati degli Stati Uniti dove consentita di aderire ad una moratoria immediata sullapplicazione delle proprie normative sullutero in affitto e di impedire che a tale pratica
possano accedere coppie di stranieri.
Le conseguenze terrificanti di queste pratiche, con bambini rifiutati perch nati affetti da qualche malattia, secondo la logica delleliminazione del prodotto fallato conseguente alla trasformazione delle persone in cose, ha gi interrogato molti governi. In Cina si sta procedendo con molta energia per impedire alle agenzie intermediarie, vere
responsabili dellampliamento di quello che viene considerato da loro un mero business, di operare; in India stato vietato laccesso alla maternit surrogata sia agli omosessuali sia ai single; in Thailandia si va verso labolizione totale della possibilit di ricorso a questa pratica, dopo lincredibile vicenda del piccolo Gammy rifiutato perch affetto
da sindrome di Down dalla coppia di australiani che avevano affittato lutero di una giovanissima thailandese e si sono poi portati in Australia solo la sorella gemella nata sana.
Solo in Europa, incredibilmente, la Corte di Strasburgo ha sanzionato lItalia perch non riconosce questa supposta genitorialit surrogata, affermando di conseguenza la
legittimit delle pratiche di utero in affitto. Ma unEuropa che dimentica le sue radici quella che acconsente allo sfruttamento del corpo della donna, alla mercificazione del
corpo della donna, alla trasformazione della persona in cosa, del figlio in oggetto di una compravendita.
Noi siamo italiani orgogliosi del nostro Paese che considera inaccettabile questa violazione plateale dei diritti elementari della donna e del bambino. Per questo diciamo e
chiediamo a tutti i cittadini del mondo di dire con noi in tutte le lingue per arrivare attraverso i governi nazionali e le associazioni interessate fino allassemblea generale
delle Nazioni Unite che i figli non si pagano e gli uteri non si affittano.
I firmatari di questo documento chiedono, signor Segretario generale dellOnu, di convocare lassemblea del Palazzo di Vetro per mettere in votazione la proposta di moratoria
delle pratiche di utero in affitto e di genitorialit surrogata in tutto il mondo, nel rispetto particolare che si deve ai soggetti pi deboli che pi fatica fanno a far valere i propri
diritti umani e civili come le donne in condizioni di bisogno e i bambini appena nati.
1. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

2. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

3. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

4. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

5. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

6. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

7. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

8. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

9. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

10. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

11. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

12. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

13. Nome e cognome

Indirizzo

tel e/o email

firma

I firmatari autorizzano ai sensi del D.lgs. 196/2003, in conformit dunque con la legge di tutela della privacy, lutilizzo dei propri dati personali che saranno trattati esclusivamente per le attivit connesse alla presente raccolta di firme promossa da La Croce quotidiano