Sei sulla pagina 1di 8

IL BEBOP

Il Bebop cre numerose dispute tra pro e contro. Cerano numerose dispute tra chi
sosteneva il nuovo suono e chi era intransigente sostenitore della tradizione. Col
BeBop questultima fu profondamente cambiata. Il genere non nacque allimprovviso,
ma in qualche localino di Harlem, dove entravano solo neri, qualcosa iniziava gi ad
uscire. Tra i tanti ritrovi dei futuri bopper vi era il Mintons House, dellex sassofonista
Henry Minton.
Minton si affid alle jam session, assoldando una piccola house band composta da
Kenny Clarke, uno sconosciuto Thelonious Monk, il bassista Nick Fenton ed il
trombettista Joe Guy. A loro poteva unirsi chiunque volesse.
A quelle serate si presentarono musicisti affermati come Art Tatutm, Teddy Wilson e
Mary Lou Williams, giovani provenienti da altre zone come Charlie Christian,
chitarrista elettrico. Lester Young, tenorsassofonista dellorchestra di Count Basie,
Roy Eldridge, trombettista dallo stile acrobatico, Jimmy Blanton contrabbassista
scoperto da Ellington. Ma arrivarono altri giovani come Bud Powell, Tadd Dameron,
Dizzy Gillespie, Charlie Parker. Questultimo rivoluzion tutto.
Quando Kenny Clarke e Monk ascoltarono questo ragazzone, si stupirono che era
due volte pi veloce di Lester Young e molto pi capace armonicamente. Parker
aveva scoperto che utilizzando le note pi lontane degli accordi di un determinato
tema, si creavano melodie fresche, stimolanti e veloci. Kenny Clarke, dal canto suo,
alla batteria affid la ritmica solamente con i piatti, mentre la cassa dava accenti
isolati. Questa tecnica, che venne migliorata nel tempo, fu importante per sostenere
tempi velocissimi che venivano staccati spesso. Dizzy, Monk e Clarke si
incontravano il pomeriggio per elaborare delle armonie difficili, affinch i mediocri che
si presentavano al locale, venissero scoraggiati dal suonare con loro. Parker aveva
portato la sua enorme conoscenza del blues, immergendosi, dopo lo studio di
sassofonisti come Lester Young e Buster Smith.
La prima orchestra che permise la possibilit dello studio di questo nuovo Jazz fu
quella di Earl Hines composta dal trombettista Little Benny Harris, il trombonista
Bennie Green, Dizzy e, pi avanti, Charlie Parker, il cantante era Eckstine ed una
giovane Sarah Vaughan. Nel luglio del 1943, lorchestra inizi a sgretolarsi. Bird
suono con Cootie Williams e Dizzy con Hawkins e poi lorchestra di Ellington.
Poi Dizzy ebbe la possibilit, per la prima volta di mettersi in proprio con un
contrabbassista, Oscar Pettiford. Dizzy avrebbe voluto con s anche Parker, Powell e
Max Roach, ma solo questultimo pot e gli altri vennero sostituiti da George

Wallington (pianista) e Don Byas (tenorsax).


Il quintetto si esibi la prima volta allOnyx nel 1944 creando da un lato sgomento e
confusione, dallaltro entusiasmo. In quel quintetto tutte le sensazioni, gli studi e le
volont di ognuno circa quel cambiamento strumentale che inizi a crearsi, si
assommarono e si articolarono.
Tra le innovazioni apportate vi fu quella dellesposizione del tema ad inizio e fine
esecuzione con lunisono tra sax e tromba. Il nome Bebop nacque in quei giorni
come suono onomatopeico di due note vicine tra loro.
Dopo tre mesi di collaborazioni i due leader, Dizzy e Pettiford, si separarono. Il primo
prese con s Budd Johnson e Max Roach, il secondo rimpiazz i partenti con
musicisti minori come Joe Guy.
Intanto crebbe la fama di Eckstine ed il suo manager decise di costruirgli una grande
orchestra intorno a lui con Dizzy come direttore musicale. In questa orchestra vi
erano Dizzy, Bird, Budd Johnson, Bennie Green, Gene Ammons ed Art Blakey.
Lorchestra era molto difficile, poich cera questa musica nuova e molto avanzata
che doveva collaborare con ogni singolo elemento, ma dopo i primi sei mesi il
bilancio dellorchestra fu molto positivo. Dopo un anno molti andarono via e a questi
si aggiunsero giovanissimi come Miles Davis, Dexter Gordon, Lucky Thompson, Fats
Navarro.
Al Three Deuces Dizzy e Bird si unirono in un quintetto che diede spettacolo e
cominci a conquistarne di fama, anche fuori dagli addetti ai lavori. Cos Dizzy
decise di creare la sua seconda grande orchestra che ottenne subito successo e
spalanc le porte al Carnegie Hall ad uno spettacolo per Parker, Dizzy ed Ella
Filtzgerald, per il primo concertone Bop.
Se da un lato molti cominciarono ad apprezzarne il suono, altri come Armstrong, ed i
pi tradizionalisti, presero questa musica come puro esibizionismo con accordi che
non significano niente.
Il BeBop distrusse la musica da ballo e si presentava come musica colta da dover
ascoltare, con un un gusto prettamente negro. Si riesum, innanzitutto, tutto il blues
familiare a tutti i boppers, cresciuti perlopi a Kansas City e nel Sud Ovest. Spesso
sovrapponevano temi nuovi su accordi di alcuni standard adatti allimprovvisazione.
Cos nacquero melodie bizzarre, poco orecchiabili, con grande controllo di dinamica
e costante instabilit melodica ed armonica.
Fra i giri armonici pi utilizzati a quellepoca vi erano How high the moon, all the
tihings you are e Cherokee. Il forte utilizzo di cromatismi arriv al confine della
politonalit. Vi era in pi una metrica pi libera, una ritmica pi varia che dava spazio
a silenzi espressivi. La sezione ritmica cessa di avere solamente un ruolo di
accompagnamento, ma il beat diventa poliritmico con suoni puntati, legati e con la
scansione ritmica affidata ai piatti. La chitarra venne esclusa dalla sezione ritmica,
salvo rientrare, in seguito, come strumento solista. Il pianoforte divenne esente dal

raddoppio del basso, con la mano sinistra che faceva accordi con ritmi sincopati. Il
primo in assoluto ad adottare questa tecnica fu Count Basie, qualche anno prima,
ma venne messa appunto da Clyde Hart.
Quindi riassumendo, le caratteristiche principali furono: - gli unisono fra due o pi
strumenti a fiato, ad inizio e fine esecuzione; bruschi arresti ed improvvisi a capo;
canto scat portato alleccesso; intervalli di quinta diminuita ed accordi dissonanti. Ma
a caratteristiche musicali, per estromettersi dalla massa, i boppers aggiunsero anche
caratteristiche fisiche. Spesso suonava con facce inespressive, occhiali neri con
pesante montatura, la goatee (la mosca sotto il labbro), un bocchino per la sigaretta
e la cravatta alla Lavallire. Ma gli occhiali avevano anche un altro significato pi
profondo, cio quello di poter osservare tutto, senza che quel tutto potesse invadere
la propria sfera intima. A questi atteggiamenti, si aggiunse unenorme numero di
conversione, dei neri, alla religione musulmana. Questo per pi motivi: 1) Un arabo
musulmano riceveva pi rispetto di un nero schiavo; 2) il negro inizia a liberarsi della
religione dei propri oppressori; 3) riacquistavano finalmente una propria identit nello
stato americano. Tutti questi concetti vennero capiti prima da Elijah Muhammad,
capo dei Black Muslims, e in futuro dal suo discepolo Malcom X.
La cosa che va colta di pi che i giornalisti dellepoca non coglievano la grandezza
degli strumentisti, ma solamente la loro eccentricit. Solo in futuro questi riuscirono a
cogliere in questa musica segni di delusioni e frustrazioni dovute alla guerra ed alle
ennesime promesse non mantenute circa lintegrazione sociali, come quelle di
Roosevelt e le sue quattro libert. Altro cambiamento che, finalmente, questi
giovani, che divennero pi cinici, iniziarono a considerarsi musicisti seri a cui non
importava sapere se il pubblico apprezzasse o meno il proprio suono. La bocciatura
dei media per questo genere fu dovuto al fatto che la musica Bop si allontanava dalla
musica popolare e quindi si presentava come una musica alla pari, o addirittura
superiore, a quella dei bianchi. I bianchi che accettavano la musica suonata dai neri
lo accettavano perch spesso erano riconducibili a spirituals delle religioni dei
padroni.
Ma in quel periodo non vi era solamente Bop, ma vi erano anche orchestre bianche
che con Woody Herman crearono un Jazz pi divertente e rilassante, per stemperare
il clima post-guerra. In seguito, Woody Herman si fece, anchegli, influenzare da
questo BeBop, come fece successivamente, dopo molte resistenze, anche Benny
Goodman, facendo intendere la totale vittoria del Bop.
Nacque poi il Jazz progressista, di cui furono arrangiatori George Handy e Eddie
Finckel. Altra orchestra fu quella di Stan Kenton che si fece, tra 47 e 48, molto
influenzare dai ritmi afro-cubani e port alla creazioni di una musica piena di accordi
dissonanti, con ottoni squillanti e precisi e ricca di percussioni.
Altro ostruzionismo al nuovo genere fu quello di Rudi Blesh che credo la New
Orleans Revival, richiamando gli anziani pionieri, come Kid Ory, a riproporre quello

che fu il primo Jazz. La bandiera Dixieland venne invece mantenuta, in modo


provocatoria, da Eddie Condon.
Per la massa proletaria invece nacque un Jazz pi commerciale che permettesse
agli ascoltatori di ballare. Questa musica fu lantecedente del Rock and roll, ovvero
Rhythm and Blues. In questa musica vi era sempre un jazz dinamico e allegro, nei
quali i sassofonisti la facevano da padrone. Il genere si spingeva fino allerotismo ed
al selvaggio. Questo Jazz primitivo si proponeva come un variet, nel quale tutto era
per lo spettacolo, anche togliersi la giacca durante lesecuzione. Il jazz prorompente
per la massa proletaria, conferm il fatto che il Bop fosse una musica colta, ma tra le
due vi era un comune denominatore: il blues.
Poi vi erano altri tipi di Jazz come quello elegante di Nat King Cole, quello originale e
sfasato di Errol Garner e poi cera Norman Granz. Questultimo cominci a portare il
jazz eccitante in giro per gli Stati Uniti con il suo Jazz at the Philarmonic. Il suo
obiettivo era quello di dare al pubblico un Jazz che fosse a met tra il Jazz
Tradizionale e quello avveniristico. Ma in Europa venne molto criticato, perch non
era accettato che la musica non venisse presa sul serio e soprattutto avevano perso
di vista i valori della musica Jazz.
Lo stesso Granz fece registrare molti dischi a Dizzy e Bird e scopr Oscar Peterson.
Ma la crisi avanzava e il Jazz diminuiva di popolarit ed il BeBop venne accusato di
questa crisi, per aver oscurato quel Jazz che prima aveva portato chiunque ad
amarlo, ma intanto i vari Powell, Bird, Dizzy, Dameron e Clarke avevano fatto scuola.
La musica era completamente cambiata. Intorno al 1950 lunico che si salv da un
determinato modo di vivere fu Dizzy, poich con landare del tempo tra arresti e morti
per droga, la musica perse Bird, Powell, Fats Navarro, Gene Ammons e Red
Rodney.

CHARLIE PARKER
THE BIRD
Charlie Parker stato lo strumentista che pi di tutti ha rivoluzionato la musica nel
bene e nel male, tra il genio e la sregolatezza. Se da un lato, aveva unintelligenza
superiore agli altri che lo portava a paranoie, dallaltra inizi a drogarsi ed a lanciare,
inconsciamente, questa moda. Charlie Parker aveva un carattere scontroso che

portava spesso a tradire i propri amici, che gli perdonavano tutto in virt della sua
grandezza.
Ma se il suo genio arrivato, nonostante questi atteggiamenti, dove sarebbe potuto
arrivare se il suo colore della pelle non fosse stato ghettizzato e se Edgar Varse
avesse potuto effettivamente aiutarlo.
Parker era figlio di un padre che lo abbandon quando era ancora piccolo e che
rivide solo ai suoi funerali, quando venne ammazzato da una prostituta. Sua madre
invece lavorava come donna delle pulizie anche nelle ore notturne e questo gli
permetteva di sgattaiolare nei diversi locali che promuovevano Jazz. E cos che lui
trovo in Lester Young e Buster Smith degli inconsapevoli maestri. Tutti i locali della
zona erano tenuti da Tom Pendergast che associava la musica ad ingenti traffici di
droga. A soli 15 anni, Parker si spos con Rebecca Ruffin, di 19 anni. Due anni dopo
lui era gi un musicista affermato tanto da meritarsi delle scritture nelle orchestre di
Buster Smith e McShann. Le sue idee erano sempre state quelle di creare una
musica nuova, inconsapevolmente, ma intorno ai 17 anni le sue idee iniziavano ad
avere una certa consistenza. Gi allepoca si riteneva il sassofonista pi importante
del mondo. A 18 anni aveva gi una moglie ed un figlio, ma ci non fu importante
tanto da non partire per il mondo.
Si trasfer a New York, dove segu il suo vecchio maestro Buster Smith. Suonava
ogni notte al Clarke Monroes, ma faceva anche lo sguattero in un locale, il Jimmys
Chicken Shack. I clienti erano intrattenuti da Art Tatum e lui continu a lavorare l,
fino a quando questultimo non and ad Hollywood.
Pass in unorchestrina del Parisian Ballroom che facevano musiche da un minuto
che permetteva ai clienti di ballare con le ragazze taxi. Torn per un breve periodo a
Kansas City, per i funerali del padre, e torn a New York. Entr nellorchestra di Mc
Shann, nella quale mise a punto il proprio stile e fece molte tourne.
Viveva alla giornata e spendeva tutto ci che guadagnava per la sua
tossicodipendenza, che non gli permise la leva militare. Chi lo ascoltava suonare e
collegava il suo talento alla tossicodipendenza, iniziava ad assumere eroina,
sperando di poter suonare come lui, avendo come risultato solo la distruzione della
propria vita.
Un suo sostenitore, amico di Dizzy, lo present e fece assumere nellorchestra di
Earl Hines. La sua orchestra fu proprio la base della costituzione del BeBop, ma
Parker si fece riconoscere per la sua indisciplina che lo portava a presentarsi in
ritardo o, talvolta, a non presentarsi proprio. Lo tenne con s 10 mesi, quando Parker
stesso and via, convinto che lorchestra lo bloccasse. Arriv lofferta di Billy
Eckstine e la sua grande orchestra be-bop. Anche qui i guai che combinavano non si
fecero attendere, raggiungendo il culmine al Plantation Club di St.Louis dove ai neri
non era permesso entrare dalla porta principale e lui, mentre suonava, pass tra i
tavoli e rompeva tutti i bicchieri.

Le grandi orchestre non facevano per unindividualista come Parker che fu scritturato
al Three Deuces insieme ad uno sconosciuto Errol Garner. Iniziarono incisioni con
complessi occasionali con Tiny Grimes, chitarrista di Art Tatum, con Clyde Hart e poi
con Gillespie. Con la Guild, Dizzy e Parker diedero il meglio di s in Groovin high,
Dizzy atmosphere e All the things you are.
Migliori furono le incisioni con la Savoy con Koko, Billies Bounce e Nows the time.
Lattivit intensa non voleva dire che il BeBop ormai era per tutti, ma restava sempre
per gli hipster e pochi musicisti dalle larghe vedute.
Tra le tante ossessioni ci furono anche le donne. Si spos una seconda volta con
Geraldine Scott, da cui si separ presto; intanto si innamor in contemporanea con
Doris Snydor e Chan Richardson con cui convisse fino alla morte. Questultima
quella che lo cap di pi, anche perch conosceva bene le atmosfere BeBop.
Un Junkie, un tossicodipendente, creava molti problemi ai caporchestra, come
dovette rendersene conto Dizzy. In un suo quintetto, spesso Bird o si presentava in
ritardo o non si presentava tanto da dover assoldare anche un altro sassofonista di
nome Lucky Thompson. Chi lo ascolt in queste serate si ritrovo a vedere da un lato
un musicista incredibile e cordiale, dallaltro un musicista mediocre ed irascibile.
Il suo problema era ricavarsi la droga. Dean Benedetti, ex sassofonista che lo
adorava, gli cre un contatto con uno spacciatore, Moose the Mooche, a cui in futuro
Parker dedic una sua canzone devolvendogli il 50% del contratto con la Dial.
Quando, in febbraio, termin la scrittura a New York, solo Charlie rimase a Los
Angeles, precisamente in un locale chiamato Finale. Qui cre un giro di jazzisti non
da poco, con le jam session. Cos colp anche lattenzione di Russell che decise che
Bird era luomo giusto per la Dial. La prima sedata diede frutti come Moose the
Mooche, Yardbird suite e A night in Tunisia. Ma quando la polizia fece chiudere il
Finale, per smercio di droga ed il conseguente arresto di Mooche, port alla follia
Parker che sostitu alla droga, lalcool. Cos Mc Ghee decise di rilevare il Finale e
fece suonare con s lo stesso Parker, Red Callender (al basso), Roy Porter (batteria)
e Dodo Marmarosa (pianista).
Anche Norman Granz diede una mano al sassofonista facendolo apparire nella sua
Jazz at the Philarmonic.
A fine luglio Russell si fece convincere dal comporre intorno a lui un altro
complessino con la promessa che intorno a lui ci fossero McGhee e uno psichiatra.
Fu cos che nacque la pi drammatica seduta dincisione. Parker sudava e non
controllava bene i suoi movimenti, sbagli lattacco lasciando un lungo intro al piano.
Poi entr ed il suono, seppur imperfetto, era carico di tristezza, frustrazione ed
amarezza. Quellesecuzione di Lover man fu rimasta negli annali del Jazz, ma solo
la novella di Grennard attir lattenzione del pubblico, Russel si convinse a
pubblicare quel disco. Questo gesto Parker non glielo perdon mai, tanto da voler
rifare da capo una seconda volta quel disco, che fu perfetto tecnicamente, ma che

non ebbe la stessa carica di pathos.


Alla fine dellesecuzione, gli chiamarono un taxi e lo accompagnarono in albergo, per
farlo riposare. Ma Bird era fuori di senno, prima litig con la direzione dellalbergo e
poi appicc un incendio nellalbergo. Fu preso con forza da pompieri e polizia e lo
rinchiusero in un reparto psichiatrico. Dopo qualche mese la Commissione gli
riconcesse la libert e torn a suonare accanto a McGhee, perch non poteva
sopportare che fosse Dizzy quello che aveva i riflettori puntati addosso.
Cos registr due sedute per la Dial, una con Errol Garner ed un altro con McGhee e
Marmarosa. Tornato a New York, Bird cre un complesso con Miles Davis alla
tromba, Duke Jordan al piano, Tommy Potter al contrabbasso e Max Roach alla
batteria. In settembre ci fu uno scontro sonoro tra Dizzy e Parker al Carnegie Hall
che vide un incendio sonoro. Cos fece altre sedute dincisone proprio a New York,
dove si era trasferita la Dial, con ottimi risultati.
I lettori del Metronome votarono Parker come tra i pi forti altosassofonisti
dellepoca, questo fu una vera e propria vittoria. In seguito, registr con il suo
quintetto unultima registrazione per la Savoy.
Alla fine del 1948 il quintetto, che si era mantenuto a lungo insieme, si sciolse. Miles
Davis e Max Roach se ne andarono stanchi dellegocentrismo e larroganza di
Parker.
Bird fece la sua prima apparizione in Europa a Parigi, dove suon male e si
comport peggio in preda allalcool.
Quando torn a New York il Royal Roost venne chiuso, ma in contemporanea si apr
a Broadway il Birdland, in onore di Parker che venne anche l escluso. Ma quando
nacque il Birdland, il BeBop poteva considerarsi concluso. Parker era gi considerato
un musicista cool. Intanto intraprese delle registrazione con unorchestra in cui gli
archi dominavano e nella quale vi erano anche arpa, oboe e corno inglese, pi una
sezione ritmica jazz.
Nonostante questa orchestra, Bird non abbandon il suo quintetto che vide lingresso
di Red Rodney, il Negro albino.
Al pubblico per piaceva pi lorchestra che il quintetto, e Parker si dimostrava
ammaliato da quellorchestra tipicamente europea, visto che, a differenza degli altri
negri, lui ascoltava ed ammirava Debussy, Stravinsky e Hindemith. Anche per questo
restava molto felice delle attenzioni europee, che per spesso non venivano
ricambiato da un atteggiamento corretto come quando, a Parigi, la sera dello
spettacolo, senza avvisare nessuno, torn in America.
I motivi furono ricondotti ad unulcera allo stomaco che lo fece ricoverare in ospedale
per qualche giorno. I veri guai per Parker arrivarono con il ritiro della cabaret card e
larresto di Red Rodney. La verit che Parker non era pi il genio di prima. La
schiavit della droga e dellalcool lo peggiorava giorno dopo giorno, anche quando la
presenza di Chan sembrava averlo calmato. Ma durante una tourne a Los Angeles,

la moglie lo avviso della morte della sua piccola Pree, per una polmonite ed inizi ad
avere nuovi squilibri. Venne intanto cacciato anche da un locale a New York e tent il
suicidio con una tintura di iodio.
Fu ricoverato al Bellevue Hospital, dove rimase qualche giorno, con la promessa per
tornarci ogni giorno per un controllo. In settembre al Carnegie Hall si fece un altro
concertone con Sarah Vaughan, Billie Holiday ed il Modern Jazz Quartet. Le scritture
per gli spettacoli iniziarono a diminuire, la psiche peggiorava e gli squilibri erano
sempre pi frequenti. Unultima scrittura al Birdland con Powell, Mingus, Blakey e
Dorham, fin con il contrabbassista che si tir fuori dalle responsabilit dello schifo da
lui prodotto.
Qualche giorno dopo and a trovare una sua amica la baronessa Nica Rothschild
che lo vide male e lo fece visitare da un medico. Dopo tre giorni mor a casa sua, nel
1955, davanti alla televisione. La moglie fu avvisata prima che lavviso giungesse ai
giornalisti.
Ai suoi funerali ci furono centinaia di jazzisti che si incontrarono qualche giorno dopo
al Carnegie Hall in un concertone per raccogliere soldi per aiutare Chan Parker e la
figlia. Ma nacquero dispute tra le diverse mogli per una dissipata eredit.
Cos mor il creatore del Bop, colui che con la sua scomparsa, port con s il segreto
del vero Bop. Colui che cre delle abitudini negative, a chi associava il suo talento
alle droghe, e non alla sua immensa grandezza.