Sei sulla pagina 1di 7

Opinioni

Regime patrimoniale

Comunione legale

Beni personali e acquisto


di immobili dopo il matrimonio
di Valerio Sangiovanni

L’art. 179, comma 2, c.c. costituisce una delle disposizioni di più controversa interpretazione dell’intero di-
ritto di famiglia. In questo articolo si relaziona sulle diverse posizioni assunte al riguardo da giurisprudenza e
dottrina, cercando di proporre soluzioni interpretative ragionevoli, le più vicine possibili alla lettera nonché al-
la ratio della disposizione.

1. Comunione legale e beni personali quisto ricada nel regime di comunione legale è
quello di modificare previamente il regime patri-
La legge prevede che “l’acquisto di beni immobili, o
moniale sussistente fra i coniugi. La Corte di cassa-
di beni mobili elencati nell’articolo 2683, effettuato
zione ha difatti stabilito che i coniugi in regime di
dopo il matrimonio, è escluso dalla comunione, ai
comunione legale, al fine di effettuare l’acquisto
sensi delle lettere c), d) ed f) del precedente comma,
anche di un solo bene in regime di separazione (ta-
quando tale esclusione risulti dall’atto di acquisto se
le essendo l’eventuale acquisizione in comunione
di esso sia stato parte anche l’altro coniuge” (art.
ordinaria, che esige un regime di separazione), so-
179, comma 2, c.c.). Questa disposizione, che non
no tenuti a previamente stipulare una convenzione
brilla certo per chiarezza, ha dato adito a diverse in-
matrimoniale (2) derogatoria del loro regime ordi-
terpretazioni giurisprudenziali e dottrinali. In questo
nario, ai sensi dell’art. 162 c.c., sottoponendola al-
articolo si analizza tale norma, collocandola nel suo
la specifica pubblicità per essa prevista, non essen-
corretto contesto sistematico, e si cerca di interpre-
do al riguardo viceversa sufficiente una più o meno
tarla nel modo più possibile conforme alla lettera e
esplicita indicazione contenuta nell’atto di acqui-
al senso della regola.
sto, posto che questo non viene sottoposto alla
Bisogna premettere che, nel nostro ordinamento,
pubblicità delle convenzioni matrimoniali, le quali
il regime di comunione legale è strutturato su di
solo conferiscono certezza in ordine al tipo di regi-
un doppio binario (1). Da un lato la legge identi-
me patrimoniale cui sono sottoposti gli atti stipula-
fica espressamente i beni che rientrano nella co-
ti dai coniugi (3). Analoga la soluzione cui era
munione: “costituiscono oggetto della comunio-
giunta la medesima Corte di cassazione un anno
ne: a) gli acquisti compiuti dai due coniugi insie-
prima: nella pendenza del regime di comunione le-
me o separatamente durante il matrimonio, ad
gale, il coniuge non può rinunciare alla compro-
esclusione di quelli relativi ai beni personali; b) i
prietà di singoli beni acquistati durante il matrimo-
frutti dei beni propri di ciascuno dei coniugi, per-
nio (e non appartenenti alle categorie elencate
cepiti e non consumati allo scioglimento della co-
nell’art. 179, comma 1, c.c.), salvo che sia previa-
munione; c) i proventi dell’attività separata di
mente o contestualmente mutato, nelle debite for-
ciascuno dei coniugi se, allo scioglimento della
comunione, non siano stati consumati; d) le Note:
aziende gestite da entrambi i coniugi e costituite (1) In materia di comunione legale cfr. i recenti contributi di F. Fa-
dopo il matrimonio” (art. 177 c.c.). Dall’altro la- rolfi, Litisconsorzio necessario nell’azione revocatoria su beni ac-
to il legislatore identifica, sempre in modo espli- quistati in regime di comunione legale tra coniugi, in questa Rivi-
sta, 2009, 1105 ss.; M. Paladini, La comunione legale come
cito, quali beni sono esclusi dalla comunione (art. “proprietà solidale”: le conseguenze sistematiche e applicative,
179 c.c.). in questa Rivista, 2008, 685 ss.
La distinzione operata dalla legge fra i beni in co- (2) In tema di convenzione matrimoniale v., fra i tanti, M. Do-
munione e i beni personali è alquanto rigida. Tan- gliotti, Le convenzioni matrimoniali, in Giur. mer., 1991, 187 ss.
to è vero che l’unico modo per evitare che un ac- (3) Cass., 24 febbraio 2004, n. 3647.

422 Famiglia e diritto 4/2010


Opinioni
Regime patrimoniale

me di legge e nel suo complesso, il regime patrimo- viene effettuata a beneficio di uno specifico coniu-
niale della famiglia (4). ge, e non di entrambi. Il legislatore tuttavia, oppor-
L’art. 179, comma 2, c.c. elenca i beni personali. Se- tunamente, prevede la possibilità che l’atto di libe-
gnatamente, non costituiscono oggetto della comu- ralità o il testamento specifichino che i beni sono
nione e sono beni personali del coniuge: “a) i beni di attribuiti alla comunione. Anche nel caso di dona-
cui prima del matrimonio il coniuge era proprietario zione e successione (come nel caso di cui alla lett.
o rispetto ai quali era titolare di un altro diritto rea- a), l’altro coniuge non contribuisce in alcun modo
le di godimento; b) i beni acquisiti successivamente all’acquisto e - anche per tale ragione - il legislatore
al matrimonio per effetto di donazione o successio- esclude il regime di comunione legale.
ne, quando nell’atto di liberalità o nel testamento La terza categoria di beni aventi natura personale
non è specificato che essi sono attribuiti alla comu- sono quelli di uso strettamente personale di ciascun
nione; c) i beni di uso strettamente personale di cia- coniuge e i loro accessori (art. 179, comma 1, lett. c,
scun coniuge ed i loro accessori; d) i beni che servo- c.c.). In questo caso è la natura stessa dei beni che
no all’esercizio della professione del coniuge, tranne sconsiglia di farli ricadere in comunione. A ciò si ag-
quelli destinati alla conduzione di un’azienda facen- giunga che l’assegnazione alla comunione di tali be-
te parte della comunione; e) i beni ottenuti a titolo ni significherebbe limitare in modo eccessivo il di-
di risarcimento del danno nonché la pensione atti- ritto del coniuge interessato ad autodeterminarsi e a
nente alla perdita parziale o totale della capacità la- esprimere la propria personalità. Il caso tipico di be-
vorativa; f) i beni acquisiti con il prezzo del trasferi- ni strettamente personali è quello dei capi di abbi-
mento dei beni personali sopraelencati o col loro gliamento. Al riguardo non sussiste alcun dubbio,
scambio, purché ciò sia espressamente dichiarato al- non potendo tali oggetti essere utilizzati dall’altro
l’atto dell’acquisto” (art. 179, comma 1, c.c.). coniuge. Vi sono però dei beni che potrebbero teori-
Nulla vieta alle parti di ampliare l’oggetto della co- camente essere utilizzati da ambedue i coniugi, ma -
munione legale, facendovi rientrare alcuni dei beni di fatto - vengono utilizzati da uno solo di essi. Se-
personali. Tuttavia, per espresso divieto di legge condo un’interpretazione anche tali beni sarebbero
(art. 210, comma 2, c.c.), i beni di cui all’art. 179, di uso strettamente personale e non potrebbero rica-
comma 1, lett. c, d ed e, c.c. non possono essere com- dere nella comunione. La giurisprudenza tende ad
presi nella comunione convenzionale. accedere a questa tesi e considera di uso strettamen-
te personale anche i beni che potrebbero, astratta-
2. Le singole categorie di beni personali mente, essere utilizzati da ambedue i coniugi, ma - di
(art. 179, comma 1, c.c.) fatto - vengono utilizzati da uno solo di essi.
Volendo ora passare brevemente in rassegna i beni Il quarto gruppo di beni personali sono quelli che
considerati “personali” dalla legge, si tratta anzitutto servono all’esercizio della professione del coniuge
dei beni di cui prima del matrimonio il coniuge era (art. 179, comma 1, lett. d, c.c.). La ratio di questa
proprietario (art. 179, comma 1, lett. a, c.c.). Secon- disposizione risiede nel favore del legislatore per la
do la ratio del legislatore, nella comunione devono possibilità dei coniugi di esercitare in piena libertà
rientrare solo i beni che sono il risultato dello sforzo l’attività lavorativa. Da un lato l’esercizio di una
comune di ambedue i coniugi durante il matrimo- professione costituisce un mezzo importante per l’e-
nio. Ciò non avviene per i beni di cui uno dei co- strinsecazione della personalità. Sotto un profilo
niugi era proprietario prima del matrimonio. “macro-economico”, il lavoro crea ricchezza e la ri-
La seconda categoria di beni esclusi dalla comunio- caduta in comunione dei beni destinati alla profes-
ne è quella dei beni acquisiti successivamente al ma- sione potrebbe rivelarsi contraria (non solo all’inte-
trimonio per effetto di donazione o successione (art. resse del coniuge, ma anche) allo sviluppo dell’inte-
179, comma 1, lett. b, c.c). Rispetto alla previsione ra economia. Si pensi al fatto che, laddove i beni
della lett. a, qui si tratta di beni acquisiti dopo il ma- funzionali alla professione cadessero in comunione,
trimonio (e non prima di esso). I due meccanismi al si porrebbero significati problemi nella gestione de-
quale il legislatore si riferisce sono la donazione e la gli stessi che potrebbero rendere più difficile, se non
successione. Per quanto riguarda la donazione, si addirittura - in casi estremi - arrivare a impedire, lo
vuole far prevalere l’elemento personale: chi effet-
tua la donazione vuole “arricchire” il soggetto nei
Nota:
cui confronti la compie e non ambedue i coniugi.
(4) Cass., 27 febbraio 2003, n. 2954, in Giur. it., 2004, 281 ss.,
Un discorso analogo vale per l’acquisto per causa di con nota di P. Cerolini; in Giust. civ., 2003, I, 2107 ss., con nota
successione: anche in questo caso la disposizione di M. Finocchiaro.

Famiglia e diritto 4/2010 423


Opinioni
Regime patrimoniale

svolgimento della professione. Per tacere poi delle beni personali possano essere liberamente trasferiti e
conseguenze negative che si verificherebbero in ca- sostituiti con altri, in un’occasione unica (al bene
so di scioglimento della comunione. A livello inter- Alfa si sostituisce il bene Beta) oppure anche più
pretativo sussiste incertezza sul significato dell’e- volte (al bene Alfa si sostituisce il bene Beta e poi, a
spressione “professione” utilizzata dal legislatore nel- seguito di un ulteriore operazione di trasferimento, il
la disposizione in esame. A me pare che tale termine bene Gamma). La norma serve, da un lato, a garan-
debba essere inteso quale “attività lavorativa” in tire la libertà di autodeterminazione economica del
senso lato, vuoi sotto forma di lavoro autonomo coniuge titolare unico di certi beni. Del resto è qua-
vuoi sotto forma di lavoro dipendente. Un’interpre- si superfluo ricordare che il proprietario ha diritto di
tazione maggiormente letterale, nel senso che sareb- disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo (art.
bero interessati dalla disposizione solo coloro che 832 c.c.). La disposizione sottende peraltro un’esi-
esercitano una professione (appunto, i “professioni- genza di tutela non solo del singolo coniuge, ma an-
sti” in senso stretto), produrrebbe l’effetto di esclu- che del buon funzionamento dell’economia nel suo
dere la stragrande maggioranza dei lavoratori; e pro- complesso. Il coniuge che teme che i proventi della
babilmente questo non era il risultato perseguito dal vendita di beni personali ricadano in comunione
legislatore. Bisogna tuttavia riflettere che la disposi- potrebbe essere indotto a non vendere tali beni, de-
zione si occupa dei beni che servono alla professione terminando un fenomeno di cristallizzazione delle
e, nel caso di lavoratori dipendenti, tali beni non risorse, nocivo al sistema economico. Dunque, da un
esistono: nel caso di lavoro dipendente, difatti, i be- punto di vista macro-economico - al fine di incenti-
ni vengono messi a disposizione dal datore di lavoro. vare la circolazione dei beni - si deve assicurare che
Anche il prevalere dell’interpretazione più letterale il soggetto titolare di un bene continui a rimanere
non dovrebbe dunque avere conseguenze pratiche di tale anche se lo sostituisce con un altro.
grande rilievo (5). Si rifletta sul fatto che i beni personali elencati nel-
La quinta categoria di beni personali è costituita da l’art. 179, comma 1, lett. da a ad e, c.c. vengono ac-
quelli “ottenuti a titolo di risarcimento del danno quisiti dal coniuge in un dato momento. Si pensi al
nonché la pensione attinente alla perdita parziale o caso di un immobile di cui uno dei coniugi era pro-
totale della capacità lavorativa” (art. 179, comma 1, prietario prima del matrimonio (lett. a). Se, succes-
lett. e, c.c.). I beni ottenuti a titolo di risarcimento sivamente al matrimonio, tale bene viene venduto,
del danno vanno a ristorare direttamente il coniuge il prezzo ottenuto è di spettanza e nella libera dispo-
che ha subito il nocumento; non si tratta di frutti nibilità del coniuge interessato. Tuttavia gli acquisti
dell’attività svolta dai coniugi durante il matrimo- che il coniuge dovesse fare con il ricavato della ven-
nio. Nell’ipotesi poi della pensione attinente alla dita, ricadrebbero - secondo la regola generale (art.
perdita della capacità lavorativa, la legge è preoccu- 177, comma 1, lett. a, c.c.) - nella comunione. Per
pata rispetto al rischio che l’interessato - mettendo evitare questo risultato (che appare ingiusto in
in comunione la pensione con l’altro coniuge - si quanto pregiudica la posizione di uno dei coniugi), il
trovi in una situazione di eccessiva debolezza econo- legislatore fissa un’eccezione, stabilendo che gli ac-
mica, alla quale non può sopperire lavorando, essen- quisti fatti con il prezzo del trasferimento non rica-
do - appunto - incapace a farlo. dono in comunione. A ben vedere, tecnicamente
non si tratta nemmeno di un incremento patrimo-
3. I beni personali “per surrogazione” niale, ma di una nuova composizione del patrimonio
(art. 179, comma 1, lett. f, c.c.) personale di un coniuge (il quale potrebbe, ad esem-
Merita un esame separato la sesta e ultima categoria pio, vendere l’abitazione di proprietà personale sita
di beni qualificati come personali dalla legge. Si nella città Alfa per comprarne un’altra nella città
tratta dei “beni acquisiti con il prezzo del trasferi- Beta in cui si è trasferito) (6).
mento dei beni personali sopraelencati o col loro
scambio, purché ciò sia espressamente dichiarato al- Note:
l’atto dell’acquisto” (art. 179, comma 1, lett. f, c.c.). (5) Un’altra questione interpretativa dubbia è se i beni che ser-
vono alla professione siano quelli effettivamente usati oppure
A questa fattispecie ci si riferisce usualmente indi- quelli che possono essere utilizzati per la medesima. Vi possono
candoli come beni personali “per surrogazione”, nel cioè essere dei beni teoricamente usabili per la professione (si
senso che al bene personale originario se ne sostitui- pensi a uno studio) che, però, non vengono utilizzati a tal fine.
Secondo l’opinione prevalente, decisiva è l’effettiva utilizzazione
sce (“surroga”) un altro che mantiene la medesima del bene per la professione.
natura personale. (6) C. Rimini, Commento all’art. 179, in Commentario breve al di-
La ratio di questa disposizione è di consentire che i ritto della famiglia (a cura di A. Zaccaria), Padova, 2008, 479.

424 Famiglia e diritto 4/2010


Opinioni
Regime patrimoniale

Il meccanismo previsto dall’art. 179, comma 1, lett. esattamente quali sono i beni personali che sono
f, c.c. si compone di due passaggi: dapprima un certo stati venduti per procurarsi i mezzi con cui viene ora
bene viene venduto (le legge dice, letteralmente, comprato il nuovo bene, anche se - per evitare suc-
“trasferito”), poi - con il ricavato - viene acquistato cessive difficoltà probatorie - è preferibile tale indi-
un altro bene. cazione.
Brevemente qualche parola sul primo passaggio. La dichiarazione relativa alla “personalità” dell’ac-
La vendita del bene personale, trattandosi appun- quisto deve qualificarsi come dichiarazione di
to di un bene personale del coniuge, può essere li- scienza. Il coniuge rende noto, nell’atto di acquisto,
beramente effettuata dal medesimo. Inoltre il rica- che il danaro usato per l’acquisto è di origine perso-
vato (in danaro) della vendita è di esclusiva perti- nale. Il problema, come per ogni dichiarazione di
nenza del coniuge interessato. In questo senso si è scienza, è che essa può sì corrispondere alla realtà
espressa la Corte di cassazione, secondo la quale - delle cose, ma può anche risultare falsa. Nel caso in
in tema di comunione legale fra coniugi - il dana- cui la dichiarazione corrisponda al vero, non si po-
ro ottenuto a titolo di prezzo per l’alienazione di ne alcun particolare problema interpretativo: l’ac-
un bene personale rimane nella esclusiva disponi- quisto è valido, è stato effettuato con risorse perso-
bilità del coniuge alienante anche quando esso nali e - nella sostanza - si è solo verificata una sur-
venga dal medesimo accantonato sotto forma di rogazione del primo bene personale con un secondo
deposito bancario sul proprio conto corrente, dal bene personale. I problemi sorgono quando la di-
momento che non è configurabile come un acqui- chiarazione non corrisponde al vero. In questa ipo-
sto nel senso indicato dall’art. 177, comma 1, lett. tesi l’acquisto non può considerarsi personale in
a, c.c., cioè come un’operazione finalizzata a deter- quanto il coniuge che afferma il falso (dichiarando
minare un mutamento effettivo nell’assetto patri- di comprare il bene usando beni personali) utilizza
moniale del depositante (7). Pertanto il coniuge, in realtà beni facenti parte della comunione e gli
conclude la Cassazione, può utilizzare le somme acquisti fatti dai coniugi in regime di comunione ri-
accantonate sul di lui conto corrente, provenienti cadono in comunione.
dall’alienazione di un bene personale, ai fini della Vi è da chiedersi cosa succede se l’acquisto viene ef-
surrogazione reale di cui all’art. 179, comma 1, fettuato senza la dichiarazione richiesta dalla legge.
lett. f, c.c. Secondo l’opinione prevalente, l’assenza di tale di-
Il secondo passaggio è la “surrogazione” in senso chiarazione fa sì che il bene non venga acquistato a
stretto: con il ricavato della vendita il coniuge com- titolo personale (e ricada invece in comunione) (9).
pra un nuovo bene, che “surroga” il bene personale La conseguenza di questa tesi sarebbe che, per il me-
originario (si noti che fra la vendita del primo bene ro fatto di avere omesso una dichiarazione relativa
e l’acquisto del secondo può intercorrere anche un alla provenienza personale, il bene acquistato ca-
lungo lasso di tempo). La legge contiene una speci- drebbe in comunione, con corrispondente automa-
ficazione, stabilendo che nell’atto di acquisto debba tico depauperamento di uno dei coniugi a beneficio
essere espressamente dichiarato che il bene è com-
dell’altro. Si noti che la dichiarazione potrebbe esse-
prato con il ricavato della vendita di beni personali.
re omessa anche solo per dimenticanza, distrazione o
Dal momento che, secondo la regola generale del-
ignoranza del coniuge, determinando effetti estre-
l’art. 177, comma 1, lett. a, c.c., gli acquisti effettua-
mamente negativi per il suo patrimonio personale.
ti durante il matrimonio ricadono automaticamente
A chi scrive pare più equilibrata la soluzione per cui,
in comunione, il legislatore esige che l’origine per-
sonale dei fondi sia dichiarata espressamente all’atto
Note:
di acquisto, per escludere tale effetto.
(7) Cass., 20 gennaio 2006, n. 1197.
In merito alla forma della dichiarazione resa dall’ac-
(8) Per un approfondimento delle questioni probatorie cfr. M. Se-
quirente, la legge non prescrive requisiti particolari. sta, Titolarità e prova della proprietà nel regime di separazione
Teoricamente la dichiarazione potrebbe pertanto es- dei beni, in Familia, 2001, 871 ss.
sere resa anche in forma orale. Per ragioni probato- (9) In questo senso si è espressa, ad esempio, Cass., 25 ottobre
rie è però ovviamente preferibile che la dichiarazio- 1996, n. 9307, in Giust. civ., 1997, I, 2887 ss., con nota di F. Pi-
cardi. Secondo questa sentenza l’art. 179, comma 2, c.c. impo-
ne venga resa in forma scritta (8). ne tassativamente, quando un coniuge intenda procedere all’ac-
In merito al contenuto di tale dichiarazione la legge quisto di un bene immobile (o mobile registrato) come bene per-
esige che essa sia “espressa”. Ne consegue l’onere sonale e all’acquisto partecipi l’altro coniuge, l’inserimento nel-
l’atto di acquisto di una dichiarazione bilaterale di esclusione dal-
d’indicare nell’atto l’origine personale dei beni. la comunione, se si vuole evitare l’inserimento in essa fin dall’o-
Non dovrebbe invece essere necessario indicare rigine.

Famiglia e diritto 4/2010 425


Opinioni
Regime patrimoniale

in caso di mancata dichiarazione all’atto di acquisto, una dichiarazione del coniuge, riproponendo pro-
è vero che il bene ricade in comunione, ma è sempre blemi simili a quelli comma 1.
possibile provare il contrario. Se l’acquisto è stato Anzitutto è bene procedere a una limitazione del-
fatto senza tale dichiarazione, si presume che il bene l’ambito di applicazione dell’art. 179, comma 2, c.c.
ricada in comunione; rimane però ferma la possibi- in relazione all’oggetto dell’acquisto. La norma si ri-
lità di dimostrare il contrario. A tal fine il coniuge ferisce difatti solo ai beni immobili e ai mobili regi-
dovrà provare la provenienza personale delle risorse strati. Agli altri beni non si applica la disposizione in
utilizzate per l’acquisto. commento. Sotto il profilo della ratio, è evidente
È pertanto nella sostanza condivisibile il ragiona- che il legislatore - nell’art. 179, comma 2, c.c. - det-
mento svolto dalla Corte di cassazione in una re- ta una disciplina particolare per i beni che risultano
cente sentenza (10). Da un lato la Cassazione ha af- avere un valore particolarmente elevato. Nella pras-
fermato che, in tema di comunione legale dei co- si, le controversie tendono a riguardare soprattutto
niugi, la dichiarazione di cui è onerato il coniuge gli immobili.
acquirente, prevista dall’art. 179, comma 1, lett. f, L’art. 179, comma 2, c.c., al fine di escludere la rica-
c.c., al fine di conseguire l’esclusione dalla comu- duta in comunione, esige che “tale esclusione risulti
nione dei beni acquistati con il trasferimento di be- dall’atto di acquisto se di esso sia parte anche l’altro
ni strettamente personali, avendo natura ricogniti- coniuge”.
va della sussistenza dei presupposti per l’acquisto Iniziando a esaminare questa frase, si deve anzitutto
personale, è necessaria solo quando la natura del- rilevare che - per l’acquisto di immobili - è necessa-
l’acquisto sia obiettivamente incerta, per non esse- rio l’atto pubblico oppure la scrittura privata ai sen-
re accertato che la provvista necessaria costituisca si dell’art. 1350 c.c. Nel contratto scritto è dunque
reinvestimento del prezzo di beni personali. Nella necessario inserire la specificazione che il bene è
fattispecie, relativa al deposito di titoli in custodia e escluso dalla comunione.
amministrazione che uno dei coniugi riteneva di Ma il passaggio della legge che solleva i maggiori
sua proprietà esclusiva perché acquistati con dana- problemi interpretativi è quello secondo cui l’acqui-
ro ricavato dalla vendita di beni personali, in assen- sto è escluso dalla comunione “se di esso [cioè del-
za della dichiarazione di cui all’art. 179, comma 1, l’atto di acquisto] sia stato parte anche l’altro coniu-
lett. f, c.c. la Corte di cassazione ha ritenuto che la ge”.
cointestazione dei titoli anche all’altro coniuge e la Va subito premesso che il coniuge non è parte in
sua partecipazione all’atto di cointestazione costi- senso tecnico dell’atto; il secondo coniuge non è di-
tuissero indici inequivoci della volontà di mettere fatti l’acquirente dell’immobile, ma solo una perso-
in comune l’acquisto, con conseguente appartenen- na che “presenzia” a un atto compiuto fra altri sog-
za dei titoli alla comunione. La Cassazione non si getti (l’altro coniuge come acquirente e un terzo co-
sofferma però su di un ulteriore aspetto, cui è inve- me venditore).
ce opportuno fare riferimento: il caso in cui i beni Che il coniuge non acquirente non sia “parte” del-
vengono acquistati non solo in assenza della dichia- l’atto risulta anche esaminando le altre disposizioni
razione di cui all’art. 179, comma 1, lett. f, c.c. ma che regolano la materia. Ai sensi dell’art. 177, com-
anche in assenza di indici inequivoci della volontà ma 1, lett. a, c.c. gli acquisti possono essere compiuti
di mettere in comune l’acquisto. In questa ipotesi dai coniugi “insieme” o “separatamente”, ad esclusio-
mi pare debba operare solo una presunzione di rica- ne di quelli relativi ai beni personali. Secondo l’art.
duta in comunione, con la possibilità per il coniuge 180, comma 2, c.c. “il compimento degli atti ecce-
interessato di dimostrare il contrario (ossia la pro- denti l’ordinaria amministrazione, nonché la stipula
venienza personale del danaro con cui è stato effet- dei contratti con i quali si concedono o si acquistano
tuato l’acquisto). diritti personali di godimento e la rappresentanza in
giudizio per le relative azioni spettano congiunta-
4. L’art. 179, comma 2, c.c. mente ad entrambi i coniugi”. Non esiste una defini-
Abbiamo appena visto quali beni vengono conside- zione legislativa degli atti di ordinaria e di straordi-
rati dal legislatore come personali e non ricadenti naria amministrazione. Sul punto è peraltro interve-
nella comunione. Abbiamo anche visto che l’art. nuta la giurisprudenza stabilendo che l’acquisto di un
179, comma 1, lett. f, c.c. esige una dichiarazione immobile configura un atto eccedente l’ordinaria
del coniuge e che sussiste incertezza in merito agli
esatti effetti conseguenti all’assenza di essa. Vedre- Nota:
mo ora come anche l’art. 179, comma 2, c.c. esiga (10) Cass., 25 settembre 2008, n. 24061.

426 Famiglia e diritto 4/2010


Opinioni
Regime patrimoniale

amministrazione (11). L’acquisto di un immobile de- ne si presume caduto in comunione. In questo caso
ve pertanto essere posto in essere congiuntamente da spetta al coniuge che intendeva effettuare un acqui-
ambedue i coniugi che versino in regime di comu- sto personale dimostrare la natura personale dell’ac-
nione legale. Tanto è vero che la legge si premura di quisto. Secondo questa interpretazione, la disposi-
specificare che “gli atti compiuti da un coniuge sen- zione in commento si giustifica con il fatto che la
za il necessario consenso dell’altro coniuge e da que- partecipazione del coniuge all’acquisto - partecipa-
sto non convalidati sono annullabili se riguardano zione peraltro eventuale - può ingenerare confusio-
beni immobili o beni mobili elencati nell’art. 2683” ne in ordine all’appartenenza “alla persona” piutto-
(art. 184, comma 1, c.c.). Tanto premesso, e tornan- sto che “alla comunione” del bene acquistato. Pro-
do all’analisi del nostro problema, se l’acquisto deve prio il fatto che intervengano ambedue i coniugi po-
essere posto in essere congiuntamente da ambedue i trebbe portare a pensare che il bene debba ricadere
coniugi, non si capisce il senso di una disposizione in comunione. Per evitare questo risultato, occorre
come l’art. 179, comma 2, c.c. che pare indicare co- che il coniuge che avrebbe interesse alla caduta del
me facoltativa (“se” partecipa anche l’altro coniuge) bene in comunione attesti con la sua presenza che -
la partecipazione del secondo coniuge. in realtà - l’acquisto avviene a titolo personale del-
In realtà si deve riflettere sul fatto che l’art. 180 c.c. l’altro coniuge.
disciplina l’amministrazione dei beni della sola co- Non convince invece la diversa opinione, secondo
munione, non l’amministrazione dei beni personali cui la partecipazione del coniuge all’atto di acquisto
del coniuge. Nel caso di beni personali, la disposi- sarebbe necessaria. Secondo questa prospettazione,
zione decisiva è l’art. 185 c.c. (“all’amministrazione se il coniuge non partecipa all’atto di acquisto il be-
dei beni che non rientrano nella comunione o nel ne ricadrebbe automaticamente - e irreversibilmen-
fondo patrimoniale si applicano le disposizioni dei te - in comunione. Questa tesi non convince in
commi secondo, terzo e quarto dell’articolo 217”). quanto essa confligge con il sistema di comunione
A dire il vero l’art. 185 c.c. non richiama l’art. 217, legale previsto nel nostro ordinamento. Il legislato-
comma 1, c.c. (“ciascun coniuge ha il godimento e re distingue chiaramente fra beni che rientrano nel-
l’amministrazione dei beni di cui è titolare esclusi- la comunione (art. 177 c.c.) e beni che non vi rien-
vo”). Tuttavia mi pare che, stante la natura di bene trano (art. 179 c.c.). Dei beni che non rientrano in
personale, non possa valere una regola diversa. In al- comunione il coniuge titolare può disporre, da solo,
tre parole: del bene che risulta personale in quanto nel modo che ritiene più opportuno. E anche del ri-
rientrante nella lista dell’art. 179, comma 1, c.c. il cavato di tali beni può disporre come preferisce. La
coniuge proprietario può disporre in piena autono- tesi che vede un’automatica e definitiva caduta in
mia. Data la titolarità esclusiva in capo a uno dei co- comunione del bene nel caso all’atto non partecipi
niugi, tale coniuge può vendere l’immobile (e poi l’altro coniuge configura un’enorme limitazione del-
comprarne un altro) senza che all’atto intervenga la libertà del coniuge proprietario unico del bene, il
l’altro coniuge. Anzi, l’altro coniuge non può nem-
quale si vedrebbe privato della titolarità del bene
meno partecipare all’atto, in quanto si tratta di un
per il solo fatto che all’atto di acquisto non ha par-
immobile rispetto al quale non può vantare alcuno
tecipato l’altro coniuge.
diritto.
Complessivamente pare condivisibile l’orientamen-
Dunque: parte del contratto è esclusivamente il co-
to giurisprudenziale in materia. Sull’art. 179, com-
niuge acquirente; l’altro coniuge ha solo una funzio-
ne di partecipazione all’atto (e di “attestazione”).
Va inoltre premesso che la partecipazione all’atto Nota:
dell’altro coniuge non significa necessariamente ri- (11) Cass., 23 luglio 2008, n. 20296, in questa Rivista, 2009, 351
ss., con nota di F. Farolfi, ha stabilito che l’alienazione di un bene
lasciare una dichiarazione. Può darsi che il coniuge immobile in comunione legale fra i coniugi non può considerarsi
si limiti a essere presente “silente” all’atto: in questo atto di ordinaria amministrazione, rimesso all’iniziativa di uno so-
caso nell’atto si dà conto della sua presenza e del fat- lo dei contitolari, tenuto conto della sua attitudine a incidere
profondamente sulla composizione del patrimonio comune. La
to che non solleva contestazioni relativamente alla serietà e l’irreversibilità delle conseguenze di una tale scelta, in
intestazione all’altro coniuge del bene. coerenza con il principio della pari dignità fra i coniugi e del favo-
re verso la conservazione dei beni comuni, cui è improntato il di-
Secondo l’opinione preferibile, la partecipazione del sposto di cui all’art. 177 c.c., comportano che la stessa non pos-
coniuge all’acquisto non è necessaria al fine di esclu- sa che essere rimessa alla comune volontà dei coniugi, con la
dere il regime di comunione in capo al bene. La fun- conseguenza che l’atto dispositivo compiuto da uno solo degli
stessi, in violazione dell’art. 180, comma 2, c.c., e non convali-
zione della disposizione è solo probatoria, nel senso dato dall’altro, è impugnabile da quest’ultimo entro il termine di
che - se il coniuge non ha partecipato all’atto - il be- cui all’art. 184, comma 2, c.c.

Famiglia e diritto 4/2010 427


Opinioni
Regime patrimoniale

ma 2, c.c. è intervenuta recentemente la Corte di sé sufficienti a escludere l’acquisto dalla comunio-


cassazione (12). La sentenza si è occupata di quali ne, ma hanno carattere ricognitivo degli effetti del-
siano gli effetti dell’intervento all’atto del coniuge il la dichiarazione, resa dall’altro coniuge, circa la na-
quale abbia confermato la natura personale del bene tura personale del bene, se e in quanto questa og-
acquistato dall’altro coniuge. Secondo la Cassazio- gettivamente sussista (15). Da ciò consegue che,
ne la mancata contestazione ovvero la esplicita ove tale natura personale dei beni manchi, la cadu-
conferma da parte del coniuge non acquirente di ta in comunione legale non è preclusa da detta par-
quella dell’acquirente in ordine alla natura persona- tecipazione e dichiarazione, tanto più che, nella
le del bene costituisce un atto cui il legislatore legge pendenza di tale regime, il coniuge non può rinun-
attribuisce la valenza di testimonianza privilegiata, ciare alla comproprietà di singoli beni acquistati du-
ricollegandovi l’effetto di una presunzione iuris et de rante il matrimonio, salvo che sia previamente o
iure di esclusione della contitolarità dell’acquisto. Il contestualmente mutato, nelle debite forme di leg-
vincolo derivante da tale presunzione non è assolu- ge e nel suo complesso, il regime patrimoniale della
to, potendo essere rimosso per errore di fatto o per famiglia.
violenza (13). La medesima Corte di cassazione, nel
2004, ha deciso che la partecipazione all’atto del co-
niuge non acquirente ha natura ricognitiva del ri-
corso dei presupposti oggettivi che giustificano l’e- Note:
sclusione della comunione e, dunque, la personalità (12) Cass., 6 marzo 2008, n. 6120, in Dir. fam. pers., 2009, 33 ss.
dell’acquisto (14). La sentenza del 2004 si colloca (13) Già Cass., 19 febbraio 2000, n. 1917, in Giust. civ., 2000, I,
1365 ss., con nota di M. Finocchiaro, aveva deciso che la dichia-
sulla stessa linea di un precedente della Corte di razione dell’altro coniuge di conferma della sussistenza dei pre-
cassazione del 2003, secondo il quale, in regime di supposti oggettivi indicati nell’art. 179, comma 1, lett. c, d o f,
comunione legale, la partecipazione alla stipula del c.c. oppure il mero comportamento di non contestazione deter-
mina una presunzione iuris et de iure di esclusione della contito-
contratto di acquisto di un bene immobile o di un larità dell’acquisto che può essere rimossa solo per errore di fat-
mobile registrato del coniuge formalmente non ac- to o violenza.
quirente e l’eventuale dichiarazione di assenso, da (14) Cass., 24 settembre 2004, n. 19250, in Giur. it., 2006, 275
parte sua, all’intestazione personale del bene all’al- ss., con nota di S. Sorrentino; in Giur. it., 2006, 494 ss., con no-
ta di A. Buldini.
tro coniuge non hanno efficacia negoziale o disposi-
(15) Cass., 27 febbraio 2003, n. 2954, in Giur. it., 2004, 281 ss.,
tiva, sotto forma di rinuncia, del diritto alla comu- con nota di P. Cerolini; in Giust. civ., 2003, I, 2107 ss., con nota
nione sul bene acquisendo né sono elementi di per di M. Finocchiaro.

428 Famiglia e diritto 4/2010