Sei sulla pagina 1di 165

Corso di Topografia

Istituto Agrario S. Michele

Elementiditopografia

Classe 4^S a.s. 2009-10


con il coordinamento e la supervisione
del prof. Maines Fernando
Giugno 2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 1

Maines Fernando

Sommario
1
2
3

Introduzione alla topografia................................................................................................3


Il processo topografico. ........................................................................................................9
2.1
Esercitazione Sopralluogo e realizzazione eidotipo ..........................................15
Elementi di cartografia .......................................................................................................17
3.1
Classificazione delle carte ..........................................................................................28
3.2
Metodi di rappresentazione ......................................................................................31
3.3
Cartografia italiana .....................................................................................................33
3.4
Carta Tecnica Regionale CTR ....................................................................................36
3.5
Cartografia catastale ...................................................................................................37
3.6
Mappe tematiche.........................................................................................................39
Il Catasto ed il Libro Fondiario .........................................................................................41
4.1
Suddivisione e formazione del catasto ....................................................................48
4.2
Fasi di realizzazione del catasto................................................................................49
4.3
Mappe catastali............................................................................................................51
4.4
Schedari catastali.........................................................................................................52
4.5
Requisiti per gli edifici rurali.....................................................................................52
4.6
Ufficio libro fondiario.................................................................................................53
Strumenti semplici ..............................................................................................................56
5.1
Paline.............................................................................................................................59
5.2
Filo a piombo ...............................................................................................................59
5.3
Livella sferica ...............................................................................................................59
5.4
Livella torica ................................................................................................................60
5.5
Squadri ottici................................................................................................................61
5.6
Squadro agrimensorio agrimensorio graduato ...................................................61
5.7
Rotella contagiri ..........................................................................................................62
5.8
Asta graduata...............................................................................................................63
5.9
Triplometro ..................................................................................................................63
5.10 Corda metrica ..............................................................................................................63
Rilievo per allineamenti .....................................................................................................65
6.1
Rilievo topografico......................................................................................................68
6.2
Fasi del rilievo..............................................................................................................68
6.3
Rilievi per allineamento .............................................................................................69
6.4
Distanze considerate per il rilievo ............................................................................70
Rilievi per triangolazioni e trilaterazioni.........................................................................72
7.1
Rilievi per triangolazioni ...........................................................................................76
7.2
Rilievi per trilaterazione.............................................................................................79
Rilievi per intersezione.......................................................................................................80
8.1
Intersezione in avanti .................................................................................................83
8.2
Intersezione laterale....................................................................................................84
8.3
Problema di Snellius Photenot ..................................................................................84
8.4
Applicazione di Hansen.............................................................................................86
Rilievi per poligonazione ...................................................................................................87

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 2

Maines Fernando

10

Angoli topografici e loro misura...................................................................................93


10.1 Strumenti e unit di misura.......................................................................................96
11
Stazione totale..................................................................................................................98
11.1 Condizioni di correttezza.........................................................................................105
11.2 Distanziometro a onde .............................................................................................105
12
Coltellazione e trilaterazione con corda metrica (esercitazione)............................108
12.1 Coltellazione ..............................................................................................................111
12.2 Trilaterazione con corda metrica ............................................................................114
13
Rilievo con stazione totale (esercitazione).................................................................117
13.1 Scelta della stazione e preparazione della monografia .......................................122
13.2 Scelta dei punti di dettaglio .....................................................................................123
13.3 Messa in stazione ......................................................................................................124
13.4 Adattamento alla vista .............................................................................................126
14
Rilievi per la misura dei dislivelli...............................................................................127
14.1 Livellazioni senza visuale ........................................................................................133
14.2 Livellazioni geometriche o con visuale orizzontale (di tipo diretto).................133
14.3 Livelli ..........................................................................................................................135
14.4 Livellazioni con visuale inclinata (misura indiretta) ...........................................139
15
Aerofotogrammetria e GPS..........................................................................................141
15.1 Aerofotogrammetria .................................................................................................144
15.2 GPS ..............................................................................................................................146
16
Rilevamento degli appezzamenti di piccola o media estensione...........................150
16.1 Rilevamento per allineamenti .................................................................................153
16.2 Rilevamento per coordinate cartesiane..................................................................153
16.3 Rilevamento per coordinate polari o radiometrico o per irradiamento............154
16.4 Rilevamento per coordinate bipolari o per intersezione .....................................155
16.5 Metodo per coordinate rettilinee ............................................................................155
16.6 Metodi per il rilievo della lunetta ...........................................................................156
17
Tracciamento del sesto dimpianto.............................................................................158
17.1 Parametri di progettazione ......................................................................................160
17.2 Fasi operative.............................................................................................................161

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 3

Maines Fernando

Introduzione alla topografia

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 4

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 5

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 6

Maines Fernando

La Topografia una scienza applicata che ha il compito di sviluppare metodologie per


la misura del territorio al fine di predisporre rappresentazioni (bidimensionali o
tridimensionali) di porzioni pi o meno ampie di superficie terrestre.
Si tratta di un lavoro reso complesso dal fatto che la superficie terrestre ha una forma
irregolare1 e non sviluppabile su di un piano. Tale forma viene definita geoide,
intendendo con tale termine la superficie equipotenziale del campo gravitazionale terrestre,
passante per il livello medio del mare. Pertanto il geoide rappresenta la forma che
assumerebbe un mare universale in grado di permeare anche la crosta terrestre.
Le variazioni della densit e dello spessore della
crosta terrestre, determinano delle irregolarit nel
campo gravitazionale prodotto dalla massa terrestre
e pertanto il geoide ha un andamento caratterizzato
da oscillazioni, con valori massimi di 50 m,
misurate e mappate studiando le traiettorie dei
satelliti artificiali in orbita attorno alla terra.
Tale complessit non consente di dare al geoide
una rappresentazione matematica di sufficiente
semplicit per poter essere usata nelle applicazioni
topografiche (rilievi topografici, costruzioni di cartografie, ). Per questo sono state
definite apposite superfici di riferimento2 pi semplici per approssimare il geoide:
ellissoide di rotazione: la superficie che si ottiene facendo ruotare unellisse
attorno al suo asse minore. Corrisponde ad una sfera schiacciata lungo lasse che
unisce i due poli e perci caratterizzata da paralleli di forma circolare e da
meridiani di forma ellittica. Per definire la posizione di un punto sullellissoide si

1 La terra presenta un piccolo schiacciamento ai poli e lemisfero settentrionale leggermente pi ridotto


rispetto a quello boreale.
2 Superficie utilizzata per proiettare il terreno naturale e tutti gli oggetti (naturali ed antropici) presenti su
di esso. Rispetto ad essa vengono definite e calcolate le coordinate dei punti sulla superficie terrestre.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 7

Maines Fernando

utilizzano generalmente le coordinate


geografiche (latitudine , longitudine
e quota ) 3;
sfera locale: la sfera di raggio pari al
raggio medio terrestre (circa 6372,80
km). Laggettivo locale indica che per
ogni punto della superficie terrestre si
prende in considerazione la sfera
tangente al geoide proprio in quel
punto;
piano topografico: per ogni punto
della superficie terrestre si utilizza il piano orizzontale tangente in quel punto al
geoide.
Tali superfici di riferimento si caratterizzano per una crescente semplicit, rispetto al
geoide, dellespressione matematica che le rappresenta; viceversa decresce la precisione
vista il progressivo aumento di approssimazione. Perci ogni superficie di riferimento pu
essere utilizzata in sostituzione del geoide fintantoch gli errori connessi
allapprossimazione sono minori della precisione degli strumenti di misura adottati.
Lentit degli errori indotti da una superficie di riferimento dipende principalmente da
due fattori:
lestensione
della
superficie
misurata:
maggiore la distanza
misurata, maggiore la
differenza fra una retta o
un arco di circonferenza
oppure un arco di ellisse e
la corrispondente linea
ondulata sul geoide;
il tipo di rilievo: questo
infatti
pu
essere
planimetrico (la superficie terrestre viene schiacciata su di una superficie piana
ottenendo una rappresentazione vista dallalto) oppure altimetrico (di ciascun
punto della superficie terrestre si ricerca la terza coordinata, quella relativa
allaltezza rispetto alla superficie di riferimento). Per ora basti sapere che gli
errori relativi al rilievo altimetrico crescono molto pi velocemente.
Pertanto ciascuna superficie di riferimento si caratterizza per uno specifico campo di
validit che rappresenta lestensione della superficie (espressa mediante il raggio di una
porzione circolare attorno al punto di misura) entro la quale gli errori connessi
allapprossimazione sono considerati accettabili. Tali campi di validit sono riassunti nella
seguente tabella.

3 La latitudine rappresenta la distanza angolare che separa il punto dallequatore. Il valore varia da 0 a
90 (Sud o Nord), mentre la longitudine rappresenta la distanza angolare che separa il punto dal meridiano
di Greenwich. Il valore varia da 0 a 180 (Est o Ovest).

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

Metodologia risolutiva

campo di
validit

pag. 8

Maines Fernando

Geoide

Ellissoide di
rotazione

Sfera locale

Piano
topografico

nessuna

trigonometria trigonometria trigonometria


ellissoidica
sferica
piana

rilievo
planimetria

----------------

nessuna
limitazione

110 km

10 15 km

rilievo
altimetria

nessuna
limitazione

50 100 km

10 15 km

150 250 m

Dallanalisi dei dati risulta evidente che per le applicazioni topografiche relative
allagricoltura, se si escludono casi particolari di grandi opere relative a grandi aziende o a
consorzi; ci si pu riferire al piano topografico per i rilievi planimetrici ed alla sfera locale
per quelli altimetrici.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 9

Maines Fernando

Il processo topografico.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 10

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 11

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 12

Maines Fernando

Le applicazioni topografiche in ambito tecnico sono un processo complesso composto


da diversi passaggi operativi:
1. contatti con il committente: vengono spiegate le richieste e definiti gli obiettivi.
Si stimano inoltre, in prima approssimazione, i tempi di esecuzione e i costi
delloperazione;
2. sopralluogo nellarea da rilevare: il tecnico topografo analizza larea da rilevare
per identificare gli elementi caratteristici e le eventuali difficolt operative. Tutti
questi elementi vengono raccolti in una rappresentazione grafica (eidotipo)
arricchita di annotazioni e didascalie utili per le successive fasi operative. Il
disegno viene fatto a mano libera utilizzando eventualmente un estratto
cartografico in scala idonea per il livello di precisione grafica richiesta;

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 13

Maines Fernando

3. raccolta di informazioni: si tratta soprattutto di estratti cartografici (carta


catastale, carta tecnica regionale o carta topografica provinciale, carte tematiche,
dati relativi ai punti fiduciali), di foto aeree o di documentazione relativa a rilievi
in aree limitrofe. Tali informazioni consentono di eseguire una analisi preventiva
pi esaustiva e sicura, riducendo il rischio di errori di valutazione
nellorganizzazione del rilievo; si riesce, inoltre, ad aumentare lefficienza e la
precisione; il lavoro risulter pi preciso e veloce;
4. organizzazione preliminare delle operazioni di rilievo: in questa fase vengono
definiti le tecniche di rilievo, gli strumenti da utilizzare, lentit delle risorse
umane da utilizzare in funzione della precisione richiesta e della scala di
rappresentazione nella restituzione grafica;
5. scelta e segnalazione dei punti da rilevare: la rappresentazione della superficie
viene realizzata a partire da una serie di punti utilizzati come base per le
misurazioni. La scelta di tali punti ed il loro numero dipende dallobiettivo del
rilievo, dallestensione della superficie da rappresentare, dalla precisione
richiesta, dalla scala di rappresentazione. Si devono, pertanto, individuare i
punti significativi in funzione degli obiettivi e del tipo di rilievo (planimetrico,
altimetrico o plano-altimetrico). Si distinguono tre tipi di punti (di importanza
decrescente):
a. punti di inquadramento: servono per collegare il rilievo al territorio
circostante, fissandolo ad un sistema di riferimento assoluto. Sono in
numero molto ridotto (due o tre per piccole aree da rilevare) ma devono
essere misurati con molta precisione (si utilizzano soprattutto punti
fiduciali del Catasto);
b. punti di appoggio (o di stazione): sono i punti sui quali verr posto in
stazione lo strumento di misura. Il numero dipende dallestensione
dellarea, dalla sua regolarit e dalla gittata dello strumento utilizzato.
Richiedono anchessi una buona precisione per evitare la propagazione
dellerrore. Ogni stazione verr individuata da un nome; molto utilizzata
la convenzione di adottare sigle composte dalla lettera S e da un numero
progressivo (S100, S200, S300, );
c. punti di dettaglio: rappresentano la grande famiglia dei punti significati
per il rilievo. Vengono misurati a partire dalla stazione di competenza.
Il loro numero (preponderante rispetto a quello delle due precedenti
tipologie) dipende dalla precisione richiesta, dallestensione dellarea,
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 14

Maines Fernando

dalla sua irregolarit e dalla scala di restituzione. Ciascun punto verr


identificato da un numero e un codice per definirne la tipologia (spigolo
casa, bordo strada, termine di confine, ). Il numero progressivo bene
che dipenda da quello della stazione. Ad esempio se ci riferiamo alla
convenzione precedente, per i punti di pertinenza della stazione S200 si
utilizzeranno i numeri 2001, 202, 203, (purch per nessuna stazione si
superi i 99 punti misurati).

In tutti i tre casi i punti vengono segnalati con elementi (chiodi, picchetti, spray,
...) e con cura proporzionali alla loro importanza e al tempo di permanenza. A
titolo di esempio un punto di dettaglio ha un tempo di vita molto breve (il
giorno stesso di misurazione) mentre una stazione deve essere individuabile per
tutto il periodo di rilievo e di successiva elaborazione per poter consentire
misure di controllo o ripetizioni per eliminare eventuali errori. Per questo
motivo, per i punti di inquadramento e per i punti di stazione, vengono eseguite,
se non esistono gi, apposite monografie che riportano tutti i dati grafici e le
misure per poter ricostruire la posizione del punto in caso di danni riportati dal
segnale;

6. operazioni di rilevo: rappresenta linsieme delle fasi di misurazione vere e


proprie. Attualmente si utilizzano stazioni totali, GPS; in casi particolarmente
favorevoli si possono utilizzare anche strumenti semplici (corde metriche,
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 15

Maines Fernando

squadri, ...). In ogni caso di effettuano misure di distanze e di angoli, i cui valori
vengono raccolti e conservati in apposite memorie annesse agli strumenti o
riportati su appositi moduli di campagna;
7. elaborazione dei dati di rilievo: i dati di rilievo vengono scaricati direttamente
nel computer dove specifici software svolgono i calcoli di elaborazione. Il
risultato finale rappresentato dalle coordinate cartesiane (x,y,z) o dalle
coordinate polari (d,,z) dei punti misurati;

8. restituzione grafica o informatica: altri software o specifici moduli del software


di elaborazione effettuano lelaborazione grafica dei dati. Il risultato finale pu
essere una rappresentazione cartografica (mediante programmi della famiglia
dei CAD) o lallestimento di una banca dati per la costruzione di sistemi
informativi geografici (GIS).
*****

2.1 Esercitazione Sopralluogo e realizzazione eidotipo


1.
2.

obiettivo: raccogliere tutte le informazioni utili per la successiva fase di


progettazione ed organizzazione delle operazioni di rilievo;
procedura:
definizione e presa visione dei confini dellarea del rilievo;

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 16

Maines Fernando

analisi degli elementi macroscopici presenti (edifici, viabilit, reti, );


individuazione delle principali problematiche (presenza di ostacoli, occupazioni
temporanee, attivit presenti, );
valutazione approssimativa (a passi, ) delle dimensioni principali e delle
principali relazioni (di parallelismo, perpendicolarit;
elaborazione eidotipo:
si riportano a mano su carta gli elementi principali e le informazioni
significative mediante:
elementi grafici;
simboli;
didascalie.
si procede in modo reiterativo dal generale al particolare per
raccogliere pi informazioni utili alla fase di progettazione del rilievo.
risultato finale:
eidotipo che deve consentire:
il riconoscimento dellarea di rilievo anche agli operatori che
non hanno effettuato il sopralluogo.
la messa in evidenza delle principali problematiche che si
devono affrontare nella realizzazione del rilievo topografico
dellarea in esame.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 17

Maines Fernando

Elementi di cartografia

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 18

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 19

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 20

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 21

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 22

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 23

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 24

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 25

Maines Fernando

La cartografia una disciplina che ha come scopo


quello di rappresentare la superficie terrestre su
supporto cartaceo o informatico; una scienza che si
avvale di competenze scientifiche, tecniche e artistiche
per rappresentare in maniera simbolica informazioni
geografiche, statistiche, demografiche, economiche,
politiche, culturali in relazione al luogo.
La recente evoluzione informatica ha messo a
disposizione della cartografia strumenti per raccogliere,
conservare, rappresentare e trasmettere grandi quantit
di informazioni. Gli oggetti spaziali sono rappresentati per mezzo di punti, linee e aree, e
altri simboli scelti in base alla scala secondo principi di generalizzazione e di
semplificazione.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 26

Maines Fernando

Le principali tecniche di rappresentazione cartografica utilizzano:


colori e di tonalit fredde e calde in base alle caratteristiche fisiche (cromatismo)
oppure tecniche di saturazione (si varia la percentuale di bianco contenuto in un
colore o la densit del tratteggio);
curve di livello (o isoipse) per la rappresentazione della quota;
lumeggiamento da nord-ovest (illuminazione fittizia della carta da nordovest);
tratteggi, sfumatura.

Ogni cartografia richiede la scelta di una superficie di riferimento e lutilizzo di


trasformazioni matematiche per passare dalle coordinate geografiche latitudine e
longitudine ( ,) a coordinate locali (x o E, y o N) e alle corrispondenti distanze metriche
sul piano cartesiano.
Il processo per costruire una carta prevede tre fasi:
rilievo sul terreno: inizialmente viene realizzata una rete geodetica i cui vertici
servono da capisaldi e punti di riferimento per le acquisizioni successive;
successivamente si effettua il rilievo al fine di acquisire le coordinate planoaltimetriche dei punti della zona considerata a partire dai capisaldi (i vertici della
rete di triangoli). Per lesecuzione delle misurazioni si utilizza soprattutto il GPS
e le stazioni totali;
telerilevamento (Remote Sensing) basato su tecniche di aerofotogrammetria e/o
di rilevamento satellitare;
redazione della carta mediante sistemi computerizzati e/o costruzione di un
sistema informativo territoriale (GIS).
Le metodiche attuali sono orientate alla produzione di cartografia numerica, dove la
geometria degli oggetti rappresentati viene indicata tramite dei numeri protatori di
diverse informazioni (coordinate cartesiane, codifica di riconoscimento, tipologia di punto,
). I dati possono cos essere rappresentati sia su carta che su video e si possono applicare
metodiche per eliminare gli errori dovuti alla soggettivit della misura delle coordinate
dei punti a partire dal disegno ed alle deformazioni del supporto cartaceo sul quale
riprodotta la mappa. Mediante lelaborazione dei dati inoltre possibile calcolare
superfici, volumi e parametri urbanistici ed effettuare classificazioni, selezioni, calcoli
statici, ... .
Si tratta della premessa necessaria per giungere alla costruzione di un GIS (sistema
informativo territoriale), ossia di un database che integra i dati cartografici con molte altre
informazioni. Si attua la cos detta georeferenziazione delle informazioni che consente di
associare a ciascun punto sulla mappa (dei quali si conoscere le coordinate geografiche,
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 27

Maines Fernando

qualunque tipo di informazione. E possibile inoltre tracciare percorsi (insieme ordinato di


singoli punti), memorizzarli ed esportarli come lista di coordinate. Per raggiungere questi
risultati necessario conoscere la coordinata di un punto sulla mappa (in genere langolo
alto-sinistro), il pixel-spacing (risoluzione in metri di un pixel) e le coordinate di due punti
sulla mappa. Tali coordinate possono essere ricavate dalla mappa stessa, da una seconda
mappa, oppure acquisite sul posto tramite GPS.
La cartografia numerica viene gestita in modo digitale mediante due possibili formati:
raster: sono costituite da una matrice di celle, in ciascuna delle quali contenuta
uninformazione sotto forma di uno o pi numeri (esempio: immagini, in cui
ogni cella rappresenta il colore del pixel); sono generalmente pi semplici da
costruire (pu bastare anche uno scanner) e da rappresentare; occupano
maggiore memoria e si caratterizzano per la difficolt nellessere scalate o
ridimensionate;

vettoriale: sono costituite da oggetti geometrici ed entit elementari (linee, punti,


rettangoli, toponimi, quote, ...). Sono pi difficili da costruire (occorre di solito un
riconoscitore di pattern) ma presentano numerosi vantaggi:
minore memoria occupata;
facili da combinare;
scalabili e ridimensionabili a piacere;
indicizzabili ( possibile effettuare ricerche) secondo le metodiche proprie
dei MSDB.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 28

Maines Fernando

3.1 Classificazione delle carte


La cartografia pu essere distinta in varie categorie, soprattutto in base alla scala, alle
deformazioni o al tipo di rappresentazione. Unulteriore classificazione pu esser fatta in
base al contenuto. Si distinguono:
carte generali: vengono riportate le fattezze naturali e/o aspetti politici della
distribuzione dei territori.
carte speciali: svolgono uno scopo specifico (le carte idrografiche, carte
aereonautiche, carte turistiche, );
carte tematiche: rappresentano solo alcuni aspetti fisici, biologici, antropici ed
economici del territorio (carte geomorfologiche, le carte climatiche, le carte della
vegetazione e del suolo, ).
Infine, la cartografia pu distinguersi in base al metodo costruttivo in:
carte rilevate: si ottengono elaborando e restituendo i dati raccolti
mediante misure in campo;
carte derivate: sono ottenute modificando (mediante metodiche
grafiche e/o matematiche) altra cartografia;
carte ottenute dallutilizzo delle immagini satellitari: sono molto
utilizzate per la realizzazione di studi particolari del territorio e per la
realizzazione di carte tematiche a carattere speciale.
La cartografia viene redatta in base ad una scala: il rapporto numerico fra la
dimensione di una distanza sulla carta e la stessa dimensione corrispondente nella realt,
espresse con la medesima unit di misura. Pertanto per ottenere la lunghezza reale di una
certa distanza, non serve far altro che misurare il segmento a cui si interessati e
moltiplicarlo per il fattore di scala.

Usualmente la si indica con 1: n, ove n detto fattore di scala. Tanto pi grande n,


tanto pi piccola la scala.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 29

Maines Fernando

La scala di solito indicata in basso a destra, vicino alla scala grafica, segmento diviso
in centimetri o millimetri con a fianco le indicazioni sulla lunghezza reale.
Ad esempio un segmento di 50 mm in una carta realizzata con scala 1:25000
corrisponde nella realt a 50 mm * 25000 = 125000 mm c equivalgono a 250 m.

In base alla scala la cartografia pu essere classificata nel seguente modo:


carte geografiche: il fattore di scala maggiore di 1.000.000; vengono utilizzate per
rappresentare ampie porzioni della superficie terrestre, tant che ne fanno parte
mappamondi e planisferi;

carte corografiche: il fattore di scala compreso tra .1.000.000 e 150.000. Sono carte
mediamente particolareggiate con estensione solitamente regionale; pertanto le
caratteristiche topografiche del territorio non vengono rappresentate con un elevato
indice di precisione;

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 30

Maines Fernando

carte topografiche: il fattore di scala compreso tra 10.000 e 5.000; rappresentano le


fattezze del territorio con un buon indice di precisione;
mappe piante: il fattore di scala minore di 5000; rappresentano aree di
estensione limitata, con grande precisione.

Riassumendo:
Tipo di carta
Carta geografica
Carta corografica
Carta topografica
Mappa
Pianta

Fattore di scala
1000000
100000 1000000
10000 100000
500 5000
100 500

Il fatto che la Terra non sia una superficie sviluppabile sul piano determina la presenza
di deformazioni nella rappresentazione cartografica.
Tre sono le tipologie di deformazioni:
deformazione relativa alle distanze (lineare), definita mediante il coefficiente
Il=dc/dr dove dc la distanza sulla carta e dr la corrispondente distanza reale.
Quando questo coefficiente di deformazione lineare uguale a uno, significa che
non vi sono deformazioni; una carta che rispetta tale condizione detta
equidistante;
deformazione relativa agli angoli (angolare), definita mediante il coefficiente Ia=cr dove c langolo sulla carta e r il corrispondente angolo reale. Una carta che
non presenta deformazioni angolari (il coefficiente di deformazione lineare uguale
a zero) viene detta conforme o isogona o ortoforme;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 31

Maines Fernando

deformazione relativa alle aree (superficiale), definita mediante il coefficiente


Is=Sc/Sr dove Sc la superficie sulla carta e Sr la corrispondente superficie reale.
Una carta priva di deformazione superficiale (il coefficiente di deformazione
superficiale uguale a uno) viene detta equivalente o autalica.
Le tre deformazioni possono essere annullate singolarmente ma non tutte e tre
contemporaneamente; una carta, invece, che le presenta ridotte al minimo detta afilattica.

3.2 Metodi di rappresentazione


Per rappresentare la superficie terrestre sulla carta si utilizzano delle particolari
rappresentazioni che si basano su metodiche fondate su specifiche convenzioni
geometriche mediante le quali si riesce a individuare in maniera univoca il punto sulla
superficie terrestre e di riportarlo sulla carta. Il passaggio dalle coordinate geografiche
(basate sul sistema di meridiani e paralleli), alle coordinate cartografiche viene ottenuto
mediante apposite formule matematiche.
Le metodiche pi applicate si dividono in:
azimutali: la rete di meridiani e paralleli proiettata su di un piano tangente alla
sfera in un punto che diviene il centro della proiezione (polare, equatoriale,
obliqua);
cilindriche: la rete viene proiettata lungo un cilindro tangente lequatore o
secante due paralleli (il reticolo sul cilindro sviluppato assume una struttura
ortogonale);
coniche: la rete viene proiettata lungo un cono tangente un parallelo o secante
due paralleli (il reticolo sul cono sviluppato presenta i meridiani sotto forma di
rette convergenti ed i paralleli costituiti da archi di circonferenza).
In tutti i casi si ottengono buoni risultati nella riproduzione di piccole porzioni di
superficie terrestre (ad esempio attorno ad un polo oppure una striscia ridotta attorno ad
un meridiano) in quanto le deformazioni vanno aumentando mano a mano che ci si
allontana dal punto di tangenza.
Le rappresentazioni maggiormente usate sono:
proiezioni prospettiche: il quadro di
proiezione un piano tangente alla
superficie della Terra; si proiettano poi i
punti della superficie terrestre su questo
piano partendo da un punto, detto centro
di proiezione; in funzionme della
posizione di tale centro abbiamo diverse
rappresentazioni:
o centrografiche: il centro di proiezione
coincide col centro della Terra;
o stereografiche: il centro di proiezione
si trova in corrispondenza del punto
diametralmente opposto a quello di
tangenza del quadro di proiezione
o scenografiche: il centro di proiezione allesterno sulla perpendicolare al
quadro passante per il centro della Terra;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 32

Maines Fernando

ortografiche: il centro di proiezione allinfinito sulla perpendicolare al


quadro passante per il centro della Terra.
Unaltra suddivisione pu essere fatta in base alla posizione del quadro; abbiamo
quindi proiezioni:
o polari, se il quadro tangente ai poli;
o equatoriali o meridiane se il quadro tangente allequatore;
o oblique negli altri casi.
proiezioni cilindriche: in questo tipo di rappresentazione la Terra viene
considerata allinterno di un cilindro
ad essa tangente, e il centro di
proiezione si trova sullasse del
cilindro stesso, in corrispondenza
del centro della terra. Anche in
questo caso si hanno tre tipi di
proiezione:
o diretta: lasse del cilindro
coincide con lasse polare, il
cilindro tangente allequatore;
o inversa: lasse del cilindro giace
sul piano equatoriale e il
cilindro tangente ai poli;
o obliqua: lasse del cilindro ha
orientamento qualsiasi.
Le pi utilizzate per la cartografia moderna
la proiezione cilindrica inversa (o di Mercatore) mediante la quale lellissoide viene
proiettato su un cilindro tangente ad un meridiano (detto meridiano di tangenza). A tale
metodologia il grande matematico tedesco Gauss ha dato una veste matematica; in
particolare per contenere le deformazioni viene introdotto un coefficiente di contrazione
delle coordinate k=0.9996 e si limita la proiezione in longitudine introducendo delle
porzioni di superficie terrestre, detti fusi corrispondenti a uno spicchio della superficie
terrestre di ampiezza in longitudine pari a 6 (3 a ovest e 3 a est del meridiano di
tangenza). Vengono inoltre escluse le zone polari che si estendono oltre il parallelo di
latitudine 80 Nord e 80 Sud.
Ogni fuso un sistema cartografico a se stante, con un suo sistema di riferimento:
asse Est (o X) coincidente con la trasformata piana dellEquatore;
asse Nord costituito dalla trasformata piana del meridiano di tangenza.
o

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 33

Maines Fernando

3.3 Cartografia italiana


In Italia troviamo molteplici enti che si sono
occupati e si occupano di cartografia: Regioni,
Comuni, Catasto ISTAT, T.C.I., ACI ed altri ancora.
La cartografia ufficiale per redatta dallI.G.M.I.,
lIstituto Geografico Militare Italiano con sede a
Firenze, utilizzando una rappresentazioni di Mercatore
secondo il modello di Gauss, opportunamente rivista
dal topografo Boaga per adattarla allItaliae per questo
detta rappresentazione di Gauss-Boaga.
LItalia risulta suddivisa in due fusi (denominati Est ed Ovest), ognuno di 6 di
longitudine, con una leggera sovrapposizione di grado; il fuso Est stato inoltre
allargato per comprendere Salento. Il cilindro sul quale
viene effettuata la proiezione dellellissoide tangente
al meridiano centrale del fuso considerato. Il fuso viene
rappresentato sul piano, ed un punto rimane
individuabile con le sue coordinate cartesiane rispetto
ad un sistema di riferimento ortogonale avente come
asse delle ascisse (y) lequatore, e come asse delle
ordinate (x) il meridiano centrale del fuso. Lorigine del
sistema di riferimento data dallintersezione fra
lequatore ed il meridiano passante per Roma - Monte Mario (latitudine 415525.51 N e
longitudine 122708.40 E). Per assicurare una maggiore leggibilit delle coordinate,
vengono introdotte delle false origini per la coordinata x: 2.520 km per il fuso Est e 1.500
km per il fuso Ovest.
La Carta dItalia (completata negli anni quaranta del secolo scorso) costituisce la pi
importante rappresentazione dell I.G.M.I, ed composta da:
fogli, in scala 1:100.000 (sono 278),
individuati
da
un
numero
progressivo e dal nome della localit
o del fenomeno pi rilevate
compreso; ogni foglio rappresenta
una porzione di territorio di 30 di
longitudine e di 20 di latitudine;
quadranti, in scala 1:50.000, ottenuti
dalla suddivisione del foglio in
quattro parti uguali, indicate con
numeri romani a partire dallangolo
in alto a destra e procedendo in senso
orario; ogni quadrante individuato
dal numero del foglio a cui
appartiene, dal numero romano e dal nome della localit pi importante. Ogni
quadrante rappresenta una porzione di territorio di 15 di longitudine e di 10 di
latitudine;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 34

Maines Fernando

tavolette, in scala 1:25000, ottenute dalla suddivisione di un quadrante in quattro


parti uguali, indicate dalla posizione geografica assunta allinterno del quadrante
(N.E. - S.E. - S.O. - N.O.); ogni tavoletta viene individuata dal numero del foglio a
cui appartiene, dal numero romano del quadrante, dalla posizione geografica
assunta allinterno del quadrante e dal nome della localit pi importante
compresa. Ogni tavoletta rappresenta una porzione di territorio di 730 di
longitudine e di 5 di latitudine;
sezioni, in scala 1:10000, ottenute dalla suddivisione delle tavolette in quattro
parti uguali indicate dalle lettere A B C D a partire dallangolo in alto a destra e
procedendo in senso orario; le sezioni non ricoprono tutto il territorio nazionale,
ma vengono realizzate solo per zone di particolare interesse.
Attualmente lIGM sta lavorando alla predisposizione di nuova cartografia:
636 fogli al 50000 dove ogni quadrante rappresenta una porzione di territorio di
20 di longitudine e di 12 di latitudine, con curve di livello con equidistanza 25
m a 3 o 6 colori; ogni quadrante diviso in 4 elementi;
2298 sezioni al 25000: ogni tavoletta rappresenta una porzione di territorio di 6
di longitudine e di 10 di latitudine; con curve di livello con equidistanza 25 m a 4
colori.
Con la fine del secondo conflitto mondiale si ritenuto necessario uniformare le
rappresentazioni cartografiche dei diversi Paesi. Per questo stato definito un nuovo
standard cartografico chiamato U.T.M. (Universal Transverse Mercator) nel riferimento
europeo ED 50 (elissoide internazionale 1924 orientato a Potsdam, Helmert Tower,
Germania lat 522251.4456 e Lon=130358.9283).
Il globo terrestre stato suddiviso in 60 fusi meridiani ciascuno di ampiezza di 6.
Vengono numerati progressivamente a partire dallantimeridiano di Greenwich; per
ciascun fuso viene adottata la proiezione cilindrica trasversa di Mercatore (Gauss)
tangente al meridiano centrale di ogni fuso.

Il globo inoltre diviso in 20 fasce parallele (10 a N e 10 a S dellEquatore) ciascuna di


ampiezza di 8. Nelle 1.200 zone derivanti dallintersezione di fusi e fasce vi un reticolato
chilometrico ortogonale di 1 km di lato sovrapposto ad ogni carta con falsa origine (false
easting) di 500 km (valore assegnato al meridiano centrale di ogni fuso); per lemisfero
meridionale utilizzata anche una falsa origine (false northing) di 10.000 km. Le
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 35

Maines Fernando

coordinate di un punto vengono espresse in metri, e il primo Meridiano quello di


Greenwich (longitudine 0). L' Italia occupa le zone 32 T, 33 T, 32 S, 33 S definite da:
fuso 32 (6 - 12E) con meridiano centrale di 9E e fuso 33 (12 - 18E) con meridiano
centrale di 15E;
fascia T (40 - 48N) e fascia S (32 - 40N).

Ladeguamento della cartografia dItalia secondo Gauss-Boaga stato svolto applicando


un muovo reticolo (di colore viola per distinguerlo dal precedente di color nero) che
consente di ricavare per ciascun punto presente sulla carta le coordinate UTM. Nella
leggenda, infatti sono riportate le coordinate geografiche, le coordinate secondo GaussBoaga e le coordinate UTM di ciascun vertice del foglio.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 36

Maines Fernando

Per quanto riguarda le quote altimetriche il livello medio mare per lItalia stato
misurato e fissato a Genova nel periodo 1939 - 1945 (Mareografo di Genova Istituto
Idrografico della Marina). Partendo dal livello Genova 1942, la quota stata trasportata
su tutto il territorio italiano tramite livellazione geometrica di alta precisione (Rete
Geodetica Altimetrica con raffittimento in corso).

3.4 Carta Tecnica Regionale CTR


Per le applicazioni tecniche (progettazioni, studio del territorio ecc.), la cartografia IGM
presenta due difetti particolarmente significativi: scale troppo piccole (1:100000, 1:50000,
1:25000) e tempi daggiornamento eccessivamente lunghi. Per questo motivo negli anni 70
stato dato incarico alle Regioni (da poco istituite) il compito di redigere una cartografia
con caratteristiche prettamente tecniche, per questo detta Cartografia Tecnica Regionale. In
provincia di Trento tale cartografia ha preso il nome di Carta Topografica Provinciale
(CTP).
Per la CTR stata scelta una rappresentazione in bianco e nero con scala 1:10000 o
1:5000 per la rappresentazione delle zone pi complesse (centri abitati, ...). Lutilizzo delle
nuove tecnologie (informatica, aerofotogrammetria, telerilevamento, ...) garantisce alla
CTR una discreta velocit di aggiornamento; inoltre tutti gli elementi grafici presenti sono
definiti mediante coordinate, caratteristica che fa della CTR una cartografia numerica.
La realizzazione basata sui fogli IGM del nuovo 50000 (sono 687); ciascun foglio
stato diviso in 16 parti per ottenere le sezioni CTR al 10000, a loro volta divise in 4 per gli
elementi al 5000 (in Trentino sono state adottate solo le sezioni al 10000). Ciascuna sezione
viene indicata da un numero di 7 cifre: le prime tre indicano il numero del foglio IGM al
50000, le successive due (da 01 a 16) il numero delle sezioni, seguite da 2 zeri o,
eventualmente da 01 a 04 per specificare lelemento al 5000.
1620400: indica la sezione 04;
1620402: indica il secondo elemento della sezione 04.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 37

Maines Fernando
1

4
01

02

03

04
3

05

06

07

08

162
09

10

11

12

13

14

15

16

Nella legenda sono presenti molte informazioni (confini amministrativi, strisciate per le
riprese aerofotogrammetriche,...); per linterpretazione della cartografia, in particolare
presente una tabella riportante le coordinate Gauss-Boaga e UTM dei quattro vertici della
sezione o del foglio.

3.5 Cartografia catastale


Si caratterizza per la rappresentazione delle sole particelle presenti sul territorio del
Comune Catastale (che quasi sempre coincide con il Comune Amministrativo) visto che il
Catasto nato allo scopo di definire le propriet fondiarie ed edificiali esistenti sul
territorio. Si utilizza una rappresentazione equivalente (senza deformazioni superficiali),
basata sul sistema Gauss-Boaga, in bianco e nero, senza curve di livello. Da diversi anni
in atto una continua opera di aggiornamento per trasformare lesistente in cartografia
numerica.
La Cartografia Catastale (lasse x orientato a nord e lasse y a est) comprende:
1. quadro dunione dellintero Comune Catastale in scala 1:25000 (pi raramente
1:10000 o 1:20000);
2. fogli di mappa, riportati e numerati sul quadro dunione, in scala 1:1000 e 2000.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 38

Maines Fernando

Foglio di mappa 1:2000 con relativo allegato 1:1000.

Nei fogli di mappa sono rappresentate le particelle (con il relativo numero). Ogni
particella costituisce una porzione di terreno che ha n solo proprietario, che presente in
un unico Comune Catastale, che coltivato ad ununica coltura e unica qualit. Si tratta in
questo caso di fondiarie (p.f.), dalle quali si differenziano le edificiali (p.ed.).
I fogli di mappa son riportati su fogli 70 x 100 cm, con perimetro dei fogli chiuso e
quindi non esistono particelle presenti su due fogli. Le scale utilizzate sono:
1:1000 per centri abitati, 1:2000 per il restante territorio;
1:4000 per le zone con particelle molto grandi (superfici maggiori di 5 ha).
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 39

Maines Fernando

In provincia di Trento e Bolzano dove vige un catasto detto ex-austroungarico, i fogli di


mappa sono stampati su fogli 62,5 x 52,5 cm (ex 20 x 25 pollici), con perimetro di ogni
foglio aperto (ci significa che una stessa particelle pu risultare sul bordo di due fogli). Le
scale utilizzate sono 1:2000, 1:1000, 1:500 per i centri abitati, ma esistono ancora fogli di
mappa in scala 1:2880, 1:1440.
Vengono inoltre utilizzati particolari simboli e specifiche convenzioni grafiche per
descrivere particolari situazioni (pertinenze, confini, ...).

3.6 Mappe tematiche


La carta tematica una cartografia sviluppata, nella quale vengono evidenziati
elementi relativi ad un particolare argomento (densit di popolazione, piovosit media,
altitudine). Molti sono gli esempi di cartografia tematica con applicazioni in campo
agricolo (carta dei suoli, carte geomorfologiche, ).
Vengono generalmente riprodotte partendo da cartografia IGM o CTR, integrate poi
con colori, simboli, elementi grafici, didascalie, sigle, tratteggi per linterpretazione dei
quali sono necessarie appendici e legende esplicative.

Pertanto due sono le fasi per la costruzione di una carta tematica: nella prima si
raccolgono preventivamente tutte le informazioni provenienti da archivi specifici gi
esistenti (biblioteche storiche, GIS, Catasto, IGM, universit, ) che possono essere
utilizzate come base di partenza (dati cartografici, fotografici, provenienti da database in
possesso a enti pubblici, universit); nella seconda invece vengono svolte indagini in
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 40

Maines Fernando

campo per raccogliere dati, campioni e informazioni da interpretare o esaminare in


laboratorio; tutti i dati verranno poi ordinati e raccolti in specifici database per la
georeferenziazione, lelaborazione e la restituzione.
Nelle figure si possono osservare alcuni esempi come Carta geologica dItalia e Carta
dei Suoli.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 41

Maines Fernando

Il Catasto ed il Libro Fondiario

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 42

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 43

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 44

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 45

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 46

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 47

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 48

Maines Fernando

Il catasto linventario dei beni immobiliari esistenti nel territorio nazionale ed ha lo


scopo fondamentale di accertare le propriet immobiliari, di tenerne in evidenza le
variazioni e soprattutto di perequare limposta fondiaria a carico dei loro possessori
(rendere equa limposta rispetto alla redditivit dei beni).
Lufficio del catasto non prova leffettiva propriet di un bene immobile, ma ha solo
funzioni fiscali e per fare ci utilizza gli strumenti e le metodologie messe a disposizione
dalla topografia e dallestimo rurale. Nella nostra regione lufficio catastale affiancato al
libro fondiario. Infatti in Trentino Alto Adige, cos come in altri territori appartenenti
allImpero Austro-Ungarico fino al 1918, vige un catasto diverso definito catasto ex
austroungarico che, grazie al libro fondiario, fornisce la prova giuridica della propriet.
Ci consente, prima di acquistare un bene, di verificare se effettivamente il venditore pu
disporre del bene stesso.
Gi gli egiziani avevano cominciato a stimare i terreni e a dividerli secondo specifici
criteri in modo da poterli ripristinare al termine della piena del Nilo, tecnica poi
perfezionata dai romani costantemente alle prese con lespansione dei propri territori. Ma
con Napoleone che nasce il concetto moderno di catasto.
In Italia il catasto nella sua forma moderna nasce nel 1886 come catasto terreni, per
essere suddiviso nel 1939 in Nuovo Catasto Terreni (NCT) che si occupava di beni
immobili e nel Nuovo Catasto Edilizio Urbano (NCEU) che si
occupava dei beni mobili. Lattuale struttura stata completata nel
1956 e a partire dal 2000 i due catasti hanno assunto il nome di
Catasto terreni e Catasto fabbricati.
Il catasto ex austroungarico, propostoinizialmente da Carlo VI,
stato realizzato dalla figlia Maria Teresa dAustria. I rilievi sono
stati fatti a partire dal 1817 interessando il Tirolo nel periodo tra il
1855 e il 1861. Le relative mappe catastali hanno lorigine degli
assi cartesiani corrispondente con il campanile sud del duomo di
Innsbruck.

4.1 Suddivisione e formazione del catasto


Sia il catasto italiano che quello ex austroungarico sono di tipo geometrico particellare e
sono basati sulla misura mediante il rilievo topografico e sulla stima mediante la
determinazione del reddito imponibile ai fini fiscali. Lelemento di base la particella, che
corrisponde ad una porzione di terreno situata in un solo comune appartenente ad un
unico possessore ad assoggettata ad ununica specie di coltura e con eguale grado di
qualit.
Fino al 1939 limposta su un bene immobile era costituita dal reddito disponibile,
mentre a partire da quellanno, il reddito stato diviso in:
reddito dominicale: corrisponde al reddito lordo medio annuo che il possessore
dellazienda ricava in quantit totale al netto delle spese medie annue di
produzione e al lordo delle imposte sul reddito fondiario e agrario. Le formule
principali per la sua determinazione sono le seguenti:
RD = Rpl Q/fond;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 49

Maines Fernando

dove:
Rpl = PLV (Q/agr + Sv + Sa + St + I);
dove:
RpL = reddito padronale lordo;
Q/fond. = quote fondiarie;
PLV = produzione lorda vendibile;
Sv = spese varie;
Sa = salari;
St=stipendi
I = interessi.
reddito agrario: corrisponde al reddito lordo medio annuo che il conduttore
dellazienda ricava in quanto imprenditore e in quanto direttore, fornitore cio
del capitale di esercizio, di anticipazione e della prestazione di direttore e
coordinatore delle attivit produttive aziendali.
RA = I + ST/dir
dove: ST/dir. = stipendio attivit direzione.
Questi redditi vengono calcolati poche volte. Il primo calcolo di essi stato effettuato
nel 1940, basandosi sul triennio 1937-1939. Nel 1980 sono stati calcolati per la seconda
volta, basandosi sui dati relativi al biennio 1978-1979 e nel 1990 il calcolo si basato sul
biennio 1988-1989. Dal 1990 ad oggi i redditi vengono calcolati ogni 10 anni e aggiornati
per coefficiente. Negli ultimi anni si assistito ad un aumento progressivo dellimposta sui
redditi agrari, tanto che il frutteto entrato a fare parte di questi solo a partire dal 1998 e la
sua imposta stata raddoppiata sin da subito.

4.2 Fasi di realizzazione del catasto


Nella realizzazione del catasto si possono individuare 4 fasi:
1. formazione;
2. pubblicazione;
3. attivazione;
4. conservazione;
La formazione il passaggio che ha richiesto la maggior quantit di lavoro, sia per
quanto riguarda il rilievo che la stima. Per il rilievo topografico sono state istituite delle
commissioni composte da tecnici catastali e rappresentanti comunali che hanno eseguito la
terminazione, delimitando le singole propriet di terreno con cippi. E stato eseguito solo il
rilievo planimetrico che comporta una riduzione delle dimensioni rispetto a quelle reali,
nel caso di particelle in pendenza. Per le operazioni di rilievo si fatto riferimento ai
vertici trigonometrici IGMI (punti di 1,2, 3 ordine e di dettaglio) ai quali il catasto ha
aggiunto ulteriori vertici per ottenere un miglior raffinamento (vertici di rete, sottorete e di
dettaglio). I simboli per rappresentare le diverse tipologie di vertice sono riportati nella
tabella sottostante:

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 50

Maines Fernando

La densit di vertici misurati tale da potersi riferire ad almeno tre di essi nelle
operazioni di rilievo delle particelle. Questo ha consentito di operare commettendo errori
nellordine di 10-15 cm ogni 100 m. Attualmente mediante stazioni totali lerrore si riduce
a 4-5 cm ogni 70 km (lato dei triangoli di 1ordine). Per quanto riguarda le operazioni
estimative si proceduto nel modo seguente:
fase di suddivisione: tutto il territorio italiano stato suddiviso in 21 zone
censuarie, a loro volta, sono state divise in circa 300 circoli ciascuno di 7-8
comuni;
fase di qualificazione: ad ogni particella fondiaria stata attribuita una qualit di
coltura secondo uno schema predeterminato. Il catasto italiano ha identificato 30
qualit di coltura, mentre laustroungarico solamente 8 che sono diventate poi 9
nel 1998 con laggiunta del frutteto (arativo, prato, orto, pascolo, alpe, palude e
stagni, bosco, frutteto);
fase di classificazione: ogni qualit di coltura stata suddivisa in classi di
produttivit a seconda della zona. La prima classe, naturalmente, la pi
produttiva e le altre seguono in ordine decrescente. Anche qui, per, si
riscontrano delle differenze; il catasto italiano prevede dalla prima alla quinta
classe con la possibilit di estensione fino alla settima classe, mentre il catasto ex
austroungarico ne possiede 8;
stima: per ogni tipologia di qualit e di classe stato definito il reddito
dominicale ed agrario in modo tale che le imposte calcolate su di essi risultino
essere distribuite egualmente a seconda del reddito;
classamento: ad ogni particella, in base alla propria qualit e classe di coltura,
stato attribuito il proprio reddito dominicale ed agrario.
La pubblicazione: tutti i documenti (mappe e schedari) vengono pubblicati allalbo
pretorio del comune amministrativo interessato e nella sede del catasto per 60 giorni,
durante i quali i dati catastali sono visibili gratuitamente a chiunque ne fosse interessato.
Sempre gratuitamente ed entro questo termine si possono segnalare eventuali errori.
Lattivazione: questa fase scatta trascorsi i 60 giorni della pubblicazione. In questa fase
tutti i documenti vengono ritirati e dei tecnici catastali specializzati procedono a verificare
tutte le segnalazioni ricevute.
La conservazione: dopo lattivazione il catasto provvede a mantenere aggiornati i suoi
dati. Per questo vige lobbligo per il possessore della particella catastale di comunicare
eventuali variazioni relative a cambio di coltura, tipo di frazionamento (variazione nello
stato) o ai diritti reali (variazioni nel possesso). Tutti i documenti conservati al catasto sono
consultabili, non pi gratuitamente, ed assumono validit legale ai fini fiscali.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 51

Maines Fernando

4.3 Mappe catastali


Successivamente alla sua nascita, il catasto ha pubblicato le mappe catastali che
comprendono il quadro dunione e i fogli di mappa. Il quadro dunione rappresenta
lintero territorio comunale e riporta la suddivisione in fogli di mappa contraddistinti da
un numero in progressione. La scala del quadro dunione 1:25000 o pi raramente
1:10000 o 1:20000.

Per quanto riguarda le mappe, il catasto italiano utilizza fogli con dimensione pari a 100
x 70 cm e le scale di proporzione adottate sono:
1:2000;
1:4000 se la superficie maggiore ampia;
1:1000 oppure 1:500 adottate per gli allegati utilizzati per rappresentare aree
(come i centri storici cittadini), che richiedono una risoluzione maggiore vista la
presenza di molte particelle di piccole dimensioni.
Queste mappe sono a perimetro chiuso e quindi non si possono accostare i vari fogli per
avere una rappresentazione globale del territorio. Per questo alcune propriet vengono
leggermente modificate per farle rientrare in un unico foglio di mappa.
Ogni particella viene numerata con un numero intero. Se una propriet viene divisa,
una porzione di essa mantiene il numero originario, mentre le altre assumono numeri
immediatamente successivi al numero pi alto fino a quel momento utilizzato in quel
Comune Catastale.
Le mappe catastali ex austroungariche hanno invece dimensioni pari a 62.5 x 52.5 cm.
Contrariamente a quello italiano, si utilizzava come unit di misura il Klafter (1 Klafter =
1,896484 m) che in seguito alla trasformazione nel sistema metrico ha determinato
lutilizzo della scala 1:440 e 1:880, scale ancora oggi presenti nei fogli di mappa pi vecchi.
La numerazione delle particelle progressiva e il loro numero viene mantenuto anche a
divisioni, mediante luso di numeri frazionari.
I fogli di mappa sono a perimetro aperto e quindi alcune propriet possono essere
divise su pi fogli.
Infine le particelle edificiali vengono evidenziate con un punto davanti al numero,
mentre il numero di particella viene posto fra parentesi (se la particella non ha parentesi
ed particolarmente lunga, si tratta di un corso dacqua).

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

4.4

pag. 52

Maines Fernando

Schedari catastali

Per semplificare la consultazione dei dati catastali sono stati predisposti tre schedari:
il primo schedario viene definito schedario particelle (protocollo particelle nel
catasto ex austroungarico). Contiene lelenco in ordine numerico progressivo di
tutte le particelle di ogni Comune Catastale. Ad ogni numero vengono riportati
la superficie, la qualit della coltura, la classe di produttivit, il reddito
dominicale ed agrario ed il numero della partita catastale. Nel catasto ex
austroungarico lelenco diviso in due parti: la prima per le particelle edificiali e
la seconda per le particelle fondiarie;
il secondo schedario viene definito scheda possessori (elenco alfabetico
possessori nel catasto ex austroungarico). Racchiude in ordine alfabetico lelenco
di tutte le persone fisiche o giuridiche che sono intestatarie di partite catastali
suddivise per Comune Catastale. Oltre al nome e cognome o societ del
possessore, esso include la data di nascita, il codice fiscale e il numero di partita
catastale;
il terzo schedario viene chiamato scheda partite (elenco beni immobili nel catasto
ex austroungarico). Comprende lelenco delle partite catastali in ordine numerico
ed a sua volta suddiviso in 3 quadri (A, B, C) che riportano le seguenti
informazioni:
quadro A: riporta il numero di partita, il nome del intestatario e laliquota di
possesso del reddito dominicale di ogni intestatario;
quadro B: comprende lelenco delle particelle che fanno parte di questa partita
integrato da due colonne che evidenziano da dove queste particelle
provengono e dove vanno a finire quando escono. Vicino ad ogni particella vi
sono tutti i dati censuari, ovvero la superficie, la qualit, la classe di coltura ed
il reddito dominicale ed agrario;
quadro C: riporta eventuali riferimenti alle mutazioni e variazioni avvenute
nelle particelle nel quadro B.

4.5

Requisiti per gli edifici rurali

I fabbricati rurali a differenza di tutti gli altri edifici sono esenti da imposte perch
comprese nel reddito dominicale e agrario dellazienda. Fino al 1996 i fabbricati rurali non
venivano iscritti al catasto fabbricati ma solamente inseriti nella mappa catastale; dopo
questa data scattato lobbligo di iscrizione al catasto fabbricati in caso di ristrutturazione
o di edificazione di nuovi fabbricati.
Limprenditore agricolo che chiede lesenzione delle imposte deve essere iscritto alla
camera di commercio; inoltre per essere considerati rurali i fabbricati devono possedere i
seguenti requisiti:
possesso: il fabbricato deve essere posseduto dal proprietario dellazienda
agricola o dellaffittuario della stessa;
servizio dutilizzazione: ledificio deve essere utilizzato come abitazione o per
funzioni strumentali allattivit agricola. Se viene impiegato come appartamento
per dipendenti essi devono dimostrare di lavorare almeno 101 giorni allanno;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

4.6

pag. 53

Maines Fernando

superficie poderale: la superficie del fondo a cui il fabbricato asservito deve


essere di almeno 1 ha, se si tratta di coltivazione a pieno campo o di 3 000 m2 in
caso di coltivazioni a serra;
economico reddituale: il volume daffari dellimprenditore derivante dallattivit
agricola deve essere superiore al 50% del reddito complessivo;
tipologico: le abitazioni che hanno le caratteristiche per essere iscritte al catasto
come fabbricati di lusso non possono essere riconosciute come rurali;
dimensionale: nel caso di unit abitative, limprenditore pu possedere 80 m2,
pi 20 m2 per ogni componente del nucleo familiare;
limite territoriale: il fabbricato deve trovarsi o nello stesso comune catastale del
fondo o in uno dei comuni catastali confinanti.

Ufficio libro fondiario

Lufficio del libro fondiario lufficio che rende probatori tutti i dati del Catasto (tutti
gli atti acquistano valore legale). In particolare tale ufficio svolge le attivit di ripristino,
controllo, verifica e ispezione delle attivit connesse alla tenuta del libro fondiario. Inoltre,
in Trentino, gestisce anche il Sistema informativo elettronico provinciale per permettere di
consultare tutti i dati in maniera informatica.
presente nei territori italiani che facevano parte dellimpero austro-ungarico e che
sono entrati a far parte dellItalia dopo la Prima Guerra Mondiale. Questi territori sono:
Trentino Alto Adige, le province di Trieste, Gorizia e
alcuni comuni delle province di Udine, Brescia, Belluno
e Vicenza.
LIstituto del Libro Fondiario deriva dal diritto
germanico ed regolato dalla legge tavolare entrata in
vigore nel 1929 con il Regio Decreto n449 del 28 marzo
1929. Questa norma di diritto speciale; significa che,
qualora entrasse in contrasto con qualsiasi legge del
codice civile, prevale su questultimo.
Per garantire un corretto funzionamento, lUfficio del Libro Fondiario si basa su tre
principi:
principio delliscrizione: le propriet e gli altri diritti sui beni immobili non si
acquistano se non con liscrizione del diritto nel Libro Fondiario;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 54

Maines Fernando

principio della legalit (chiamato anche principio della trascrizione): latto viene
letto e controllato da un giudice tavolare che ne accerta la legalit ed emette una
sentenza con la quale ordina la trascrizione dellatto;
principio della pubblica fede: tutto ci che iscritto al Libro Fondiario vale
giuridicamente.
AllUfficio del Libro Fondiario si possono trovare i seguenti documenti:
mappe catastali: sono tutte suddivise nei diversi fogli di mappa. Ricercando la
particella interessata si pu risalire alla partita tavolare. bene per evitare
questo tipo di ricerca perch le mappe catastali non vengono sempre aggiornate;
schedario alfabetico unico: contiene tutti i nomi in ordine alfabetico dei
proprietari delle particelle fondiarie ed edificiali, con il numero delle partite
tavolari e il comune di riferimento. Ogni schedario diviso per Comune
Catastale e nella provincia di Trento, dal 2009, interamente informatizzato per
permettere un facile e veloce accesso ai dati da consultare;
registro reale: contiene tutte le particelle edificiali e fondiarie in ordine numerico
con lindicazione del numero del foglio di mappa, della localit, della superficie,
della coltura e della partita tavolare in cui sono comprese;
libro maestro: formato da volumi che raccolgono le partite tavolari ed
suddiviso in due sezioni:
o la prima comprende le partite tavolari che si riferiscono alle unit agrarie
chiamate masi chiusi ed esistenti solo nella provincia di Bolzano;
o la seconda riguarda tutti gli altri beni immobili.
ogni partita tavolare a sua volta suddivisa in tre fogli contrassegnati dalle
lettere A, B, C:
o foglio A (o foglio della consistenza) suddiviso in due sezioni:
sezione A1 contenente unintestazione della partita tavolare, nome del
Comune Catastale, nome del mandamento giudiziario, descrizione dei
beni, numero delle particelle, qualit di coltura e categoria
delledificio, indicazione del foglio di mappa, localit e destinazione;
sezione A2 contenente le giustificazioni delle iscrizioni e delle
variazioni presenti nella sezione A1.
o foglio B (o della propriet): contiene i nomi dei titolari del diritto di
propriet; vengono evidenziate le quote di propriet e le eventuali
limitazioni allesercitazione del diritto di propriet (nel caso di interdizione,
inabilitazione, fallimento, );
o foglio C (o foglio degli aggravi): contiene tutti i diritti reali che gravano sul
corpo tavolare (usufrutto, ipoteca, servit passive, ).
Per registrare un bene allUfficio del Libro Fondiario ci sono tre tipologie di iscrizioni:
intavolazione: si ha nel caso in cui liscrizione riguarda lacquisto, la perdita o la
modificazione dei diritti reali in via definitiva;
prenotazione: si ha nel caso in cui liscrizione riguarda lacquisto, la perdita o la
modificazione dei diritti reali condizionati alla produzione successiva di una
giustificazione che renda definitiva liscrizione. Con questo tipo di iscrizione,
viene effettuata la piombatura della partita tavolare da parte del conservatore del
libro fondiario, ponendo un asterisco (*) sul foglio della propriet (foglio B)
allinterno del libro maestro;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 55

Maines Fernando

annotazione: si ha nel caso in cui loggetto delliscrizione un fatto o un atto


giuridico da portare a conoscenza di tutti (interdizione, fallimento, pignoramento
immobiliare, ).
Lintero processo di iscrizione allUfficio del Libro Fondiario ha una durata variabile. In
Trentino questo processo ha una durata di circa 20 giorni.
Il procedimento segue delle tappe ben precise e di seguito elencate:
il notaio compila un atto notarile e la domanda tavolare;
il conservatore controlla latto notarile e ne verifica lattendibilit;
viene inviata una comunicazione al tribunale;
il giudice tavolare emette una sentenza con la quale ordina al conservatore di
effettuare liscrizione;
infine viene fatta liscrizione vera e propria.
LUfficio del Libro Fondiario in stretto contatto con lUfficio del catasto e comunica a
questultimo le operazioni svolte emettendo un decreto tavolare. Il catasto, invece,
comunica le variazioni mediante un foglio di notifica.
In Trentino sono dislocate dodici sedi dellUfficio Libro Fondiario per offrire ai cittadini
un servizio decentrato sul territorio. Le dodici sedi si trovano nei seguenti comuni: Borgo
Valsugana, Cavalese, Cles, Fiera di Primiero, Fondo, Mal, Mezzolombardo, Pergine
Valsugana, Riva del Garda, Rovereto, Tione di Trento e Trento.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 56

Maines Fernando

Strumenti semplici

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 57

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 58

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 59

Maines Fernando

Gli strumenti semplici sono dispositivi utilizzati per compiere misurazioni mediante
tecniche semplici e tendenzialmente veloci, ma caratterizzate da livelli di precisione
piuttosto approssimati.
Gli strumenti semplici possono essere classificati secondo vari aspetti. In base al tipo di
misurazione effettuata o in base al principio di funzionamento abbiamo:
paline;
strumenti che individuano il campo gravitazionale (filo a piombo e livelle);
squadri (ottici, agrimensori, agrimensori graduati);
longimetri come la rotella contagiri, lasta graduata, il triplometro e la corda
metrica.

5.1 Paline
Le paline sono degli strumenti molto semplici costituiti da unasta lunga 1,5 oppure 2
metri. Possono essere di sezione circolare o poligonale e sono costruite in legno o materiale
plastico. Per renderle facilmente individuabili sul terreno sono colorate a bande alternate
di 20 centimetri di colore rosso e bianco o nero e bianco. Lestremit inferiore, dovendo
essere conficcata nel terreno, appuntita e pu avere un rivestimento metallico.
Servono per individuare un punto da lontano e per visualizzare un allineamento.

5.2 Filo a piombo


Questo strumento, tra i pi antichi, utilizza il campo gravitazionale terrestre per
materializzare la direzione della verticale in ogni punto del campo.
costituito unicamente da un grave (generalmente di piombo) sospeso ad un filo.

5.3 Livella sferica


E costituita da una fiala di vetro, con la superficie superiore conformata secondo una
calotta sferica, parzialmente riempita di un liquido (etere o alcool) in modo da formare
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 60

Maines Fernando

una bolla di vapore e da un basamento orientabile mediante tre viti di rettifica o di


registro. La bolla, osservata dallalto, ha la forma di un cerchio: pertanto anche le incisioni
di riferimento assumono la medesima forma.
La livella sferica viene impiegata per porre un piano orizzontale o per porre una palina
verticale.

5.4 Livella torica


La livella torica composta da una fiala di vetro a forma di toro, riempita di un liquido
che include al suo interno una bolla di vapore del liquido stesso (etere o alcool).
Il toro una superficie tridimensionale generata
dalla rotazione di una circonferenza attorno ad un
asse esterno ad essa; nelle livelle la curvatura
principale talmente piccola che la superficie
dellampolla, ad occhio nudo, appare come
cilindrica.
Il liquido contenuto nella livella a bassissima
viscosit, quindi molto mobile e a basso punto di
congelamento per consentirne limpiego alle basse
temperature. La bolla di vapore, essendo pi
leggera del liquido, si dispone per gravit nella
parte alta della fiala. La valutazione viene inoltre facilitata da una apposita graduazione
che semplifica la stima della centratura.

Questo strumento utilizzato per individuare una retta o un piano orizzontale; per fare
ci necessario che la livella sia rettificata ovvero che la posizione della bolla non cambi
girando di 180 la livella.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 61

Maines Fernando

La precisione (comunque maggiore di quella delle livelle sferiche) migliorabile con il


sistema a coincidenza di immagini: il principio di funzionamento di questo tipo di livella
identico a quello della livella appena descritta, salvo che per le modalit con le quali viene
osservata la posizione della bolla. Non sono presenti in questo caso le tacche di
riferimento, ma una serie di veicoli ottici che riportano in un unico oculare le immagini dei
due menischi estremi della bolla. Fecendo coincidere le due immagini si assicura una
notevole precisione di lettura.

5.5 Squadri ottici


Gli squadri ottici possono essere a prisma o a riflessone.
Sono sostituiti da una scatola cilindrica avente ununica finestra entro la quale vengono
a formarsi le immagini provenienti da destra, da sinistra e dal centro. In questo modo
possibile traguardare contemporaneamente tre diverse paline. Qualora le immagini delle
tre paline apparissero allineate nella finestra, significa che lo squadro si trova
sullintersezione delle due direzioni perpendicolari fissate dalle paline.
Il vantaggio principale di questi squadri la velocit operativa alla quale corrisponde
una scarsa precisione.

5.6 Squadro agrimensorio


graduato

agrimensorio

Lo squadro agrimensorio costituito da una scatola


cilindrica avente otto fessure, a 45 tra loro, entro le quali si
possono traguardare i segnali. Infatti le fessure formano delle
coppie, poste in posizione opposta, dove una delle quali
costituita da una apertura pi larga perch munita di un filo
per traguardare.
generalmente usato per individuare direzioni
perpendicolari (o inclinate di 45) ad allineamenti esistenti.
Con lo squadro agrimensorio possibile realizzare ad esempio lallineamento dei filari in
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 62

Maines Fernando

nuovi vigneti. Inoltre possible effettuare misurazioni di distanze con una tolleranza
accettabile.

Questo tipo di squadro pu anche essere graduato; in tal caso costituito da una parte
cilindrica fissa sulla quale fissato un cerchio orizzontale graduato (goniometro) e una
parte mobile posta sopra alla prima e in asse con essa, libera di ruotare, provvista di un
indice che consente la misura di angoli orizzontali: entrambe presentano una coppia di
fessure con filo per traguardare.
possibile utilizzare tale squadro per individuare direzioni formanti un angolo voluto
e anche per individuare le direzioni rispetto al nord grazie alla presenza di una bussola
posta superiormente alla parte fissa.

P
B
A

AOB

5.7 Rotella contagiri


La rotella contagiri costituita da una ruota di diametro variabile e da un contagiri.
utilizzato per misurare distanze in particolare nei cantieri stradali.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 63

Maines Fernando

5.8 Asta graduata


Lasta graduata usata per le misure in verticale; pu essere di legno (ormai in disuso)
o metallica telescopica munita di una livella sferica per la messa in verticale.

5.9 Triplometro
Il triplometro costituito da tre aste di un metro ciascuna con la possibilit di essere
avvitate luna allaltra; inoltre presente una livella torica inserita nellasta centrale che
consente di disporre il triplometro in orizzontale in modo corretto.
Questo strumento importante per lesecuzione della coltellazione, operazione con la
quale vengono misurate sia le distanze che il dislivello lungo una determinata direzione.

5.10 Corda metrica


La corda metrica costituita semplicemente da una fettuccia graduata in tela avvolta in
un contenitore con unetichetta che ne indica la metratura che generalmente non supera i
50 metri di lunghezza. Con tale strumento si possono misurare le distanze topografiche
con molta imprecisione vista la difficolt nel disporre il metro in orizzontale soprattutto in
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 64

Maines Fernando

presenza di dislivelli significativi o di condizioni metereologiche avverse (vento); perci


usato prevalentemente per misure indicative.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 65

Maines Fernando

Rilievo per allineamenti

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 66

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 67

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 68

Maines Fernando

6.1 Rilievo topografico


Il rilievo topografico linsieme delle operazioni con le quali si eseguono le misure di
angoli e di distanze fra punti, scelti per la loro significativit, con i quali il tecnico in
grado di ricostruire tutti i particolari del
terreno utili alla sua rappresentazione.
Lo scopo ultimo del rilievo topografico
quindi quello di giungere alla determinazione
delle coordinate cartesiane o polari dei punti
per definire una rappresentazione planoaltimetrica del terreno. Da un punto di vista
planimetrico sono significativi i vertici dei
confini, i bordi di strade, gli spigoli delle case,
gli alberi, i pali della luce, i lampioni, i
tombini, ecc. Per laltimetria invece si
considerano le cime di alture, il fondo di
avvallamenti, i cambi significativi di
pendenza in genere.
Il rilievo pu essere effettuato seguendo vari metodi a seconda dellestensione del
territorio da rilevare, dellandamento morfologico del terreno e degli strumenti impiegati.
Le tipologie pi frequentemente usate sono:
rilievo per allineamento;
rilievo per triangolazione e trilaterazione;
rilievo per poligonazione;
rilievi celerimetrici.

6.2 Fasi del rilievo


In generale un rilievo costituito da tre fasi, che possono essere eseguite in successione
oppure contemporaneamente.
La prima fase costituita dal rilievo di inquadramento, utilizzato per collegare larea
oggetto del rilievo, al territorio circostante. Esso avviene tramite punti di inquadramento,
che sono in numero relativamente limitato e molto spesso costituiti da Punti Fiduciali del
catasto o da vertici IGM. Dato che costituiscono gli elementi di riferimento di tutto il
rilievo (rete di base) devono essere verificati e agganciati con elevata precisione.
La seconda fase rappresentata dal rilievo di appoggio, utilizzato per determinare i
punti di stazione, cio le postazioni dove verr posizionato lo strumento per il rilievo dei
punti di dettaglio; il numero dei punti deve essere relativo alle dimensioni del rilievo e alla
gittata dello strumento; inoltre da ogni stazione deve essere visibile quella precedente e
quella successiva e solitamente vengono indicate con la sigla S100, S200, S300, ecc.
La terza e ultima fase costituita dal rilievo di dettaglio, utilizzato per la
determinazione dei punti scelti per la rappresentazione planimetrica e/o altimetrica del
terreno e di tutti gli elementi significativi presenti; questi punti, detti di dettaglio, sono in
numero nettamente superiore rispetto ai precedenti e vengono determinati con metodi pi
veloci e quindi meno precisi.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 69

Maines Fernando

Il rilievo pu essere eseguito con strumentazioni diverse in base alla precisione


richiesta:
strumenti semplici come squadri, corde metriche, triplometri, ecc;
stazioni totali;
livelli;
GPS;
fotogrammetria aerea.

6.3 Rilievi per allineamento


Il rilievo per allineamento una tipologia di rilievo che pu essere chiamato anche
rilievo semplice perch vengono utilizzati strumenti e metodologie semplici; inoltre pu
essere effettuato su una porzione territorio in cui le distanze non siano eccessive, il terreno
sia regolare e la visibilit alta.
Questo tipo di rilievo molto frequente in campo agricolo, con lo scopo di effettuare
determinazioni di superfici, determinare la posizione di punti caratteristici ai fini
planimetrici (vertici di confine, limiti naturali, perimetri artificiali, ...) e tracciare le
direzioni per la realizzazione di nuovi impianti.

Il rilievo per allineamento pu essere eseguito secondo due differenti metodologie, a


seconda delle misure effettuate: con misure di sole distanze su allineamenti ortogonali,
oppure sia con misure di distanze e di angoli.
Nel primo caso vengono svolte le seguenti operazioni:
si determinano i punti significativi per gli obiettivi del rilievo;
si scelgono le direzioni che corrisponderanno con gli assi x e y;
si individuano, mediante gli squadri, le proiezioni di ciascun punto sugli assi di
riferimento con delle paline;
si misurano direttamente le coordinate cartesiane di ciascun punto con la corda
metrica;
si riportano le misure su apposita tabella.
Gli strumenti utilizzati per il rilievo per allineamento misurando solo distanze sono:
squadro semplice o agrimensorio, paline e longimetri (corde metriche o triplometro ).
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 70

Maines Fernando

M
L

I
H

E
C
D

La seconda metodologia, che prevede anche la misurazione di angoli, si compone delle


seguenti fasi:
la scelta dei punti;
la scelta di una direzione di riferimento (ad esempio in direzione nord);
la collimazione di tutti i punti;
la misura delle distanze (diretta o indiretta);
la misura degli angoli con lo squadro.
In questo caso gli strumenti impiegati nelle operazioni sono: lo squadro agrimensorio,
le paline e i longimetri come le corde metriche, i distanziometri laser, il triplometro.
NORD

F
B

M
G

L
I
H
E

C
D

6.4 Distanze considerate per il rilievo


Nel rilievo per allineamento vengono misurate distanze che, in base alle modalit
esecutive degli strumenti adottati, sono differenti. Infatti abbiamo la distanza reale, la
distanza orizzontale e la distanza topografica.
La distanza reale (dr), indica la lunghezza del segmento che unisce tra loro due punti della
superficie terrestre, e per questo viene anche chiamata distanza in linea dara.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 71

Maines Fernando

La distanza orizzontale (do), invece


definisce la lunghezza del segmento
che unisce tra loro due punti
adottando come superficie di
riferimento il piano orizzontale
passante per il piano di osservazione.
Fra la distanza reale e quella
orizzontale
esiste
la
seguente
relazione:
do = dr * sen
Infine la distanza topografica (dt)
tra due punti della superficie
terrestre, definisce la lunghezza del
segmento che ha per estremi le
proiezioni dei due punti sulla superficie di riferimento adottata nelle operazioni
topografiche. Pertanto vale la seguente relazione:

dt =
Dove:

d o RT
RT + QA

dt = distanza topografica
do = distanza orizzontale
RT = raggio della Terra
QA = quota del punto di stazione

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 72

Maines Fernando

Rilievi per triangolazioni e trilaterazioni

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 73

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 74

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 75

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 76

Maines Fernando

7.1 Rilievi per triangolazioni


La triangolazione una tecnica che pu essere utilizzata per rilievi di diversa estensione
e di diverso livello di precisione. Pertanto pu essere applicato nel caso di rilievi di
dettaglio (dette anche triangolazioni tecniche, sono rilievi di basso livello applicate ad
rappezzamenti, edifici, piccoli giardini, eseguiti con strumenti semplici), rilievi di
appoggio oppure rilievi di inquadramento.
Le triangolazioni si basano sullindividuazione di una rete di triangoli dei quali
verranno misurati tutti gli angoli; sono invece ridotte al minimo (fino ad una sola) le
misurazioni di distanze. Si tratta, infatti, di una metodologia molto utilizzata nel passato,
quando gli strumenti pi efficienti erano i goniometri (teodoliti) che assicuravano misure
molto precise e relativamente veloci degli angoli, a differenze delle distanze che, invece,
richiedevano procedure molto lente e attrezzature molto complesse.

Le operazioni di rilievo per eseguire una triangolazione richiedono la seguente


successione di fasi:
1. scelta dei punti su cui si baser il reticolo: questi punti devono essere distribuiti sul
territorio e devono essere reciprocamente visibili. I vertici saranno punti
significativi da un punto di vista planimetrico e/o altimetrico (in funzione degli
obiettivi del rilievo). Collegando i punti bisogna riuscire a creare dei triangoli i pi
equilateri possibili. Lobiettivo del rilievo la determinazione delle coordinate di
tutti i vertici;
2. in funzione dello schema con il quale i triangoli sono collegati tra di loro, si possono
avere:
o triangolazioni a catena: partendo dalla base, si pu percorrere la sola serie di
triangoli in un solo senso ed inoltre ogni vertice pu, al massimo,
appartenere a due triangoli;
o triangolazioni a maglia: si possono individuare pi percorsi, e pertanto
consentito un controllo nella fase di elaborazione potendo calcolare uno
stesso elemento considerando triangoli diversi. Inoltre possibile avere
vertici appartenenti a pi di due triangoli (vertici interni);

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 77

Maines Fernando

3. misura dellampiezza degli angoli di tutti i triangoli con una stazione totale o con
uno squadro;
4. misura di un solo lato del primo triangolo detto base. Questa misura deve essere
fatta con grande precisione, in quanto rappresenta il punto di partenza di tutti i
successivi calcoli; e per tanto contribuisce per la legge di proporzione degli errori in
maniera molto significativa alla precisione del risultato finale;
5. verifica della somma degli angoli interni di ciascun triangolo (con eventuale
compensazione dellerrore) e verifica della somma degli angoli relativi ad eventuali
vertici interni;
6. a cascata si calcolano tutti i lati dei triangoli partendo dal triangolo al quale
appartiene la base;
7. calcolo delle coordinate di tutti i punti, dopo aver fissato le coordinate del punto
dorigine e l angolo di un lato del primo triangolo (scelta del sistema cartesiano di
riferimento).

*****
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 78

Maines Fernando

Il rilievo per triangolazione consente di eseguire rilievi con elevata precisione. Per
questo motivo stata adottato dallIGM per la realizzazione della rete sulla quale basare
lintera cartografia ufficiale italiana (la Rete Geodetica Italiana). Tale rete si compone di
quattro ordini, ognuno dei quali rappresenta un sistema che infittisce il precedente e sul
quale si appoggia:
triangolazione del I ordine:
o lati di 30 - 60 km;
o errore sulle coordinate: 30 cm.
triangolazione del II ordine:
o seconda serie di vertici in prossimit dei baricentri dei triangoli della rete
del I ordine;
o lati di 20 - 30 km;
o errore sulle coordinate: 30 cm.
triangolazione del III ordine:
o lati di 10 - 20 km;
o errore sulle coordinate: 30 cm.
triangolazione del IV ordine o di dettaglio:
o errore sulle coordinate: 100 cm.

Negli ultimi anni lI.G.M ha aggiornato tale rete rilevando la Rete tridimensionale
IGM95, costituita da 1236 punti determinati plano-altimetricamente con interdistanza
media di circa 20 km, mediante misure satellitari. Lerrore sulle coordinate di 5 cm.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 79

Maines Fernando

Successivamente stato iniziato corso un raffittimento, in collaborazione con le Regioni


cheporter ad una densit media di un punto ogni 7 km.
Anche il Catasto ha operato delle triangolazioni, per costituire una rete che si compone
di tre ordini:
punti di rete (reti IGM di I, II, II ordine);
punti di sottorete:
o sostituiscono i punti IGM di IV ordine;
o ogni 5 7 km.
punti di dettaglio:
o ogni 2 5 km.

7.2 Rilievi per trilaterazione


Il rilievo per trilaterazione un metodo generalmente utilizzato in casi in cui richiesta
unalta precisione (si possono adottare le stazioni totali o i rilevatori GPS); non tuttavia
infrequente utilizzarlo anche in rilievi semplici eseguiti con corda metrica.
In entrambi i casi lobiettivo finale la determinazione delle coordinate cartesiane dei
vertici scelti.
Il procedimento molto semplice e si divide in 5 fasi:
1. scelta dei punti, chiamati punti di vertice,
sui quali si costruisce il reticolo di triangoli;
i punti vanno scelti in modo da assicurare
la completa copertura dellarea da rilevare
con una rete di triangoli il pi possibile
tendenti allequilatero. Inoltre tutti i punti
vanno individuati con segnali (picchetti,
chiodi, vernice, ) in modo da assicurare
una durata almeno pari a quella delle
operazioni di rilievo e di elaborazione;
2. ogni
punto
va
segnato
su
una
rappresentazione
cartografica
(anche
semplificata) dove si riporta il reticolo dei
triangoli; nel caso di un rilievo di elevata
precisione per ogni vertice viene eseguita
una monografia con le misure per poter
ripristinare il segnale in caso di danneggiamento;
3. esecuzione delle misure in campo di ogni lato per triangolo, mediante luso di:
stazione totale o rilevatore GPS;
corda metrica.
4. calcolo degli angoli interni di ogni triangolo mediante luso delle specifiche
formule (formula inversa del coseno, );
5. definizione del sistema di riferimento (assi cartesiane), delle coordinate del
punto di origine e dellangolo azimutale del primo lato.
Sono, a questo punto, disponibili tutti gli elementi per calcolare le coordinate cartesiane
di ogni vertice.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 80

Maines Fernando

Rilievi per intersezione

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 81

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 82

Maines Fernando

Nel corso di rilievi per triangolazione pu accadere che venga scelto un vertice per la
sua particolare visibilit (cima di un campanile, culmine di un tetto, ), a cui per
corrisponde limpossibilit di raggiungerlo con lo strumento per fare stazione. I rilievi per
intersezione consentono di determinare le coordinate di tali punti, utilizzando almeno due
punti di coordinate note. Si utilizza il medesimo principio anche per inserire punti di
dettaglio in un sistema di riferimento, rappresentato da triangolazioni o poligonali.
I rilievi per intersezione si suddividono in:
intersezioni semplici, fra cui si distinguono intersezioni in avanti e intersezioni
laterali;
problema di Snellius Photenot (intersezione inversa);
applicazione di Hansen.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 83

Maines Fernando

8.1 Intersezione in avanti


Lintersezione in avanti consente di individuare la posizione di un punto P non
raggiungibile rispetto a due punti A e B, raggiungibili e di coordinate note appartenenti ad
una poligonale o ad una trilaterazione.
Le condizioni per le quali si pu effettuare unintersezione in avanti sono due:
P deve essere visibile da A e B;
A e B sono entrambi raggiungibili e reciprocamente visibili.

Le fasi operative da seguire sono le seguenti:


si fa stazione (con stazione totale o comunque con un goniometro) in A e si
collima in P e in B per determinare langolo alfa;
si fa stazione in B e si collima in A e in P per determinare langolo beta.
Il processo risolutivo per la determinazione delle coordinate il seguente:
1. si calcola la distanza AB:
AB =

2.

(XB X A ) 2 (YB YA ) 2

si calcola langolo di direzione (AB):


(AB) = arctan

3.

(X B X A )
(YB YA )

con il teorema dei seni calcolo il lato AB (oppure BP):


AP = AB sin / sin( + )

4.

dato che langolo di direzione (AB), ne consegue:


(AP) = ( AB)

5.

(BP) = ( AB)

infine si ottiene:
xP = x A + AP sin(AP )

x P = xB + BP sin(BP )

y P = y A + AP cos( AP )

y P = y B + BP cos(BP )

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 84

Maines Fernando

8.2 Intersezione laterale


E una variante dellintersezione in avanti e consente di determinare le coordinate di un
punto P raggiungibile mediante due punti noti A e B di cui uno solo raggiungibile.
Il processo pratico da seguire per eseguire un intersezione laterale il seguente:
si fa stazione (con stazione totale) in A, punto noto e raggiungibile e si collima in
B, punto noto non raggiungibile, per determinare langolo alfa;
si fa stazione in P e si collima in A e in B per determinare langolo beta.
Per i calcoli si utilizzano le medesime formule dellintersezione in avanti.

8.3 Problema di Snellius Photenot


Questa metodica consente di determinare le coordinate di un punto P raggiungibile
mediante tre punti A, B e C di coordinate planimetriche note ma irraggiungibili.

Le condizioni necessarie per applicare questa metodica sono:


P accessibile;
A, B, C visibili da P.
Innanzitutto si fa stazione in P e si collimano i punti A, B e C ottenendo i due angoli con
vertice in P. Successivamente si calcolano le distanze AB, BC e AC utilizzando le loro
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 85

Maines Fernando

coordinate. A questo punto, utilizzando diverse procedure di calcolo, che in questa sede
non analizziamo, possibile ottenere le coordinate di P operando sui triangoli APB, BPC e
ABC.

Tra le soluzioni del problema di Pothenot-Snellius nota quella graficadenominata


delle due circonferenze, proposta da Jacques Cassini. La denominazione, assegnata al
metodo dovuta al fatto che il punto incognito P viene individuato graficamente
dallintersezione di due circonferenze opportunamente costruite. In sostanza si tratta di
trovare sul grafico, dove in precedenza sono stati collocati i tre punti A, B, C, mediante le
loro coordinate cartesiane, il punto incognito P dal quale si vedono i segmenti AB e BC,
rispettivamente, sotto gli angoli misurati e .
La procedura la seguente: dal punto A si traccia la semiretta AE formante con AB,
dalla parte opposta di P, un angolo uguale ad . Si traccia poi lasse del segmento AB e in
A la perpendicolare ad AE. Questultima pu anche essere tracciata col rapportatore
costruendo langolo BAO1 =100c . Il punto dincontro O1 il centro di una
circonferenza che passa per A e per B ed tangente in A alla semiretta AE. Tutti i punti di
questa circonferenza compresi nellarco AB dalla parte di P fanno vedere il segmento AB
sotto angoli uguali (angoli alla circonferenza sottesi alla stessa corda AB), e in particolare
essi sono tutti di ampiezza . Per rendersene conto occorre ricordare dalla geometria che
langolo al centro AO1B, sotteso alla corda AB, il doppio dellangolo che la stessa corda
forma con la tangente alla circonferenza in un suo estremo, e perci vale 2. Peraltro,
sempre dalla geometria delle circonferenze, noto che gli angoli con vertice sulla
circonferenza sottesi a una stessa corda AB sono la met del corrispondente angolo al
centro, e quindi nel nostro caso valgono . Pertanto il punto P cercato dovr trovarsi sulla
circonferenza tracciata.
Con procedimento del tutto analogo, ma utilizzando langolo , si traccia una seconda
circonferenza di centro O2 passante per i punti B e C. I punti di questa seconda
circonferenza, compresi nellarco BC dalla parte di P, fanno vedere la corda BC sotto
langolo , pertanto il punto P dovr trovarsi anche su questa seconda circonferenza. Le
due circonferenze passano entrambe per B e si incontrano in un secondo punto che il
punto P cercato. Esso gode, infatti, della propriet di far vedere simultaneamente il
segmento AB sotto langolo e quello BC sotto langolo .

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 86

Maines Fernando

8.4 Applicazione di Hansen


Consente di determinare la distanza fra due punti irraggiungibili, mediante due punti,
A e B di coordinate note ma raggiungibili (per questo lapplicazione di Hansen detta
anche problema della distanza inaccessibile).
Facendo stazione in A e successivamente in B, si collima verso P e Q (punti visibili ma
non raggiungibili), ottenendo le misurare degli angoli A1, A2, B1 e B2.. Applicando le
formule della trigonometria ai triangoli PQA, PQB, PAB e QAB possibile giungere alla
determinazione delle coordinate del punto P.

Con la stessa metodologia e possibile determinare le coordinate di un punto A


raggiungibile, mediante due punti, P e Q di coordinate note ma non raggiungibili.
Il processo risolutivo richiede lutilizzo di un punto ausiliario B raggiungibile e posto
nelle vicinanze di A (distanza AB pertanto nota).

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 87

Maines Fernando

Rilievi per poligonazione

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 88

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 89

Maines Fernando

Il rilevo per poligonazione una metodologia di rilevo per determinare le coordinate


dei punti di stazione da utilizzare successivamente per il rilievo di dettaglio nellarea di
pertinenza.
Il rilievo di appoggio viene eseguito insieme al rilievo di inquadramento allo scopo di
collegare larea del rilievo al territorio circostante utilizzando almeno due punti di
coordinate note (punti fiduciali del catasto) e al rilievo di dettaglio.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 90

Maines Fernando

Le poligonali si classificano in aperte e chiuse. Nel primo caso il primo punto non
coincide con lultimo mentre nelle poligonali chiuse il primo e l ultimo punto coincidono.

Inoltre si possono distinguere in vincolate se uno o pi vertici delle poligonali vengono


collegati ad uno o pi punti di coordinate note (punti fiduciali o vertici IGM) o non
vincolate.
I punti di stazione devono essere scelti in base a 3 regole:
da ogni stazione si deve vedere la stazione precedente e quella successiva;
larea di rilevo deve essere completamente coperta dalle aree di pertinenza delle
stazioni (approssimate ad aree circolari di raggio pari alla gittata massima
prevista per il livello di precisione adottato);
le distanze misurate devono essere minori della met gittata dello strumento per
assicurare alti livelli di precisione.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 91

Maines Fernando

Scelti i punti di stazione (secondo una successione che forma una spezzata) si eseguono
da ciascun punto di stazione le seguenti misure:
le distanze dalla stazione successiva e dalla stazione precedente; pertanto per
ciascun lato della poligonale si avranno due misure:
si utilizzer il valor medio solo se la differenza fra le due misure risulta inferiore
alla tolleranza fissata:
per il catasto la tolleranza (espressa in cm) data da (0,5 + 0,5D) dove D
la distanza in km misurata con distanziometro;
nel caso, invece, di misure con corda metrica la tolleranza (espressa in m) :
t = 0,0018 D + 0,002 D (terreno piano)

t = 0,010 D + 0,002 D (terreno ondulato);

t = 0,015 D + 0,002 D (terreno sfavorevole).


gli angoli rispetto alle direzioni della stazione precedente e di quella successiva.
Pi precisamente si misurano gli angoli che il lato precedente deve percorrere in
senso orario per sovrapporsi al lato successivo:
tali angoli nelle poligonali chiuse corrispondono a quelli interni se i vertici
vengono numerati in senso antiorario, mentre corrispondono a quelli
esterni se i vertici vengono numerati in senso orario.
con i valori ottenuti possibile ricavare lampiezza degli angoli interni:
ad esempio langolo 2 si pu ottenere con le seguenti formule:
2= 0203 - 0201 (se 0203 - 0201 < 0);
2= 0203 - 0201 + 2 (se 0203 - 0201 < 0).

In fase di elaborazione, fissato un sistema di assi cartesiani, le coordinate del punto


origine e langolo azimutale del primo lato, possibile con un processo di calcolo
determinare le coordinate di ogni vertice.
In funzione del tipo di poligonale cambia il numero di misure che vengono eseguite nel
corso del rilievo, come riportato nella seguente tabella:

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 92

Maines Fernando

lati

angoli

totale

aperta non vincolata

n-1

n-2

2n-3

dati in esubero (per la


compensazione degli errori)
--------

aperta vincolata (ad un punto)

n-1

2n-1

chiusa non vincolata

2n

chiusa vincolata (ad un punto)

n+1

n+1

2n+2

Nel caso di poligonale aperta non vincolata vengono misurati 2n-3 elementi, numero
appena sufficiente per risolvere trigonometricamente la figura e determinare le ccordinate
cartesiane dei vertici.
Negli altri tre casi il rilevo mette a disposizione un numero maggiore di misure oltre
quelle sufficienti per la risoluzione (2n-3). Ogni misura in esubero consente di applicare
metodiche matematiche di compensazione degli errori, come verr spiegato nella seconda
parte del programma.
Il risultato della formula deve essere sempre positivo. In caso sia negativo si deve
sommare 2.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

10

pag. 93

Maines Fernando

Angoli topografici e loro misura

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 94

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 95

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 96

Maines Fernando

In topografia si osservano (si collimano) i punti sotto angoli solidi. Questi vengono
definiti come la porzione di spazio presente tra due semipiani che passano per i punti
collimati, aventi uno spigolo (una retta) in comune rappresentata dallasse passante per
la verticale allo strumento. Da un punto di vista pratico, per lindividuazione del punto
collimato, pi semplice convertire gli angoli solidi
in una coppia equivalente di angoli piani: un angolo
verticale e uno orizzontale.
Gli angoli verticali vengono definiti (e usati) due
diversi tipi di angoli verticali:
langolo compreso tra lasse verticale passante
per lo strumento e lasse di collimazione del
punto; prende il nome di angolo zenitale ed
compreso tra 0 e 200 gon;
langolo compreso tra il piano orizzontale e
lasse di collimazione del punto; prende il
nome di angolo delevazione ed compreso
tra +100 e -100 gon.
Gli angoli orizzontali vengono definiti come
langolo compreso tra la direzione di riferimento e la direzione della proiezione del punto
sul piano orizzontale e, pertanto, possono assumere un valore compreso tra 0 e 400 gon.
Qualora la direzione di riferimento coincida con quella del nord questangolo assume il
nome di angolo azimutale o azimut (si indica con AB dove A indica il punto di
osservazione e B il punto collimato); se invece la direzione di riferimento diretta in una
direzione qualsiasi, viene chiamato angolo di direzione e si indica con (AB).

10.1 Strumenti e unit di misura


Gli strumenti utilizzati per misurare gli angoli sono i goniometri. Questi possono
esprimere la misura in varie unit:
radianti: questa unit di misura (1R) definita come lampiezza dellangolo alla
circonferenza sotteso ad un arco di lunghezza pari al raggio; di conseguenza
langolo retto pari a /2R, langolo piatto a R e langolo giro a 2 R;
gradi sessagesimali (esempio 35 15 32): un grado sessagesimale definito
come la 90 parte dellangolo retto; i sottomultipli sono espressi in primi (la 60
parte di un grado) e in secondi (la 60 parte di un primo). Di conseguenza
langolo retto pari a 90, langolo piatto a 180 e langolo giro a 360:
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 97

Maines Fernando

per semplificare i calcoli si esprime la parte non intera in decimali,


operando quindi la decimalizzazione della parte frazionaria; per fare questo
devo dividere i primi per 60, i secondi per 3600 e poi sommare i numeri
decimali ottenuti alla parte intera in gradi;
esempio: 35 14 31: 35 +(14/60)+( 31/3600)
=
35+0,2333+0,0086 = 35,2419;
il processo inverso (sessagesimalizzazione) e si opera moltiplicando i
decimali per 60, trovando cos i primi; i decimali residui vengono
moltiplicati ancora per 60, trovando cos i secondi:
esempio: 35,2419 = 35(0,2419*60) = 35 14 (0,514*60) = 35 1431
gradi centesimali: un grado centesimale (1 gon) definito coma la 100 parte
dellangolo retto; i sottomultipli sono espressi in decimali. Di conseguenza
langolo retto pari a 100 gon, langolo piatto a 200 gon e langolo giro a 400 gon.
Le operazioni di passaggio da un sistema allaltro si possono eseguire automaticamente
utilizzando specifici tasti della calcolatrice (diversi modelli sono in gradi di eseguire
correttamente i calcoli anche usando direttamente i valori sessagesimali), oppure si
possono usare delle proporzioni basate sui valori della seguente tabella.
angolo retto

angolo piatto

angolo giro

RAD

/2

DEG

90

180

360

GRAD

100gon

200gon

400gon

c = R*200/2; c = *200/180;
= R*180/2 ; = c*180/200;
R = C* /200; R = * /180.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 98

11

Maines Fernando

Stazione totale

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 99

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 100

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 101

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 102

Maines Fernando

E uno strumento che consente di misurare con elevata


precisione angoli, distanze e dislivelli.
Infatti composto da un goniometro universale, per la
misurazione di angoli e da un distanziometro a onde, per
la misurazione di distanze e coordinate. E presente
inoltre un computer per il calcolo dei dislivelli e delle
coordinate e per la gestione delle misure (elaborazione
dei dati, del loro salvataggio in apposite memorie di
massa e il trasferimento sul personal computer).
I goniometri universali sono strumenti che consentono
di misurare angoli, verticali e orizzontali, con estrema
precisione.
Nato come strumento ottico meccanico ha subito una
profonda evoluzione, in particolare con lintroduzione di
molti componenti elettroniche che riducono notevolmente i
tempi esecutivi.
I goniometri universali si dividono in:
teodoliti: rappresentano la tipologia in grado di
operare con maggiore precisione (fino al secondo
centesimale);
tacheometri: sono meno precisi (misurano gli angoli
con una precisione del primo centesimale) e sono
associati a strumenti semplici adatti ad applicazioni
di cantiere.

Gli organi fondamentali che costituiscono i goniometri universali sono:


piatto di base: costruito in modo tale da consentire il fissaggio dello strumento
al treppiedi mediante un vitone verticale mobile inserito in una staffa per
permettere piccoli movimenti;

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 103

Maines Fernando

tre viti calanti;


basamento con cerchio orizzontale: consente, mediante lutilizzo delle viti calanti
e di due livelle (una sferica e una torica), la messa in stazione dello strumento;
per rendere pi precisa questoperazione, lo strumento pu essere dotato di un
piombino ottico. Inoltre il basamento contiene il cerchio orizzontale per la lettura
del corrispettivo angolo;

alidada con cerchio verticale: un organo a forma di U che, posto sopra al


basamento, ruota attorno ad un asse verticale (asse principale); il suo movimento
pu essere bloccato mediante un apposita vite (vite macrometrica). Per la lettura
dellangolo verticale lalidada contiene (nel braccio sinistro) il cerchio verticale;

cannocchiale: lo strumento che consente di collimare il punto da misurare


mediante un apposito mirino e un sistema di messa a fuoco per mezzo di
apposito comando a ghiera. Il cannocchiale collegato allalidada e ruota attorno
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 104

Maines Fernando

ad un asse orizzontale (asse secondario) e sulloculare presente una ghiera per


consentire ladattamento alla vista che loperatore deve eseguire prima di
incominciare le collimazioni. Nella stazione totale questorgano associato al
distanziometro a onde;
viti macro e micrometriche: le prime consentono di bloccare i movimenti
dellalidada e del cannocchiale, mentre le viti micrometriche permettono di
apportare piccoli movimenti al cannocchiale e allalidada per migliorare la
collimazione del punto quando questultimo si trova nel campo di osservazione
del cannocchiale; le viti micrometriche funzionano solo se le rispettive
macrometriche sono bloccate;
computer e banco memorie: controlla lesecuzione delle misure e richiede i valori
per la loro correzione; i dati rilevati e quelli calcolati vengono salvati nel banco
delle memorie in file o cartelle gestibili dalloperatore. Questo blocco consente
inoltre un collegamento diretto con un computer per scaricare i dati di rilievo in
appositi programmi di elaborazione;
batterie.
Come gi accennato la struttura della stazione totale si basa sulla presenza di tre assi:
lasse primario: lasse attorno al quale ruota lalidada, passante nel centro del
cerchio orizzontale; perpendicolare al basamento perci lo strumento in
posizione corretta se questasse verticale;
lasse secondario: perpendicolare allasse verticale e passante
(perpendicolarmente) per il centro del cerchio verticale;
lasse di collimazione: lasse del cannocchiale che pertanto risulta
perpendicolare allasse secondario. Deve inoltre passare per lintersezione fra
asse principale e asse secondario. Tale punto di intersezione detto centro dello
strumento.

I cerchi in vetro a lettura ottica sono stati sostituiti da cerchi a lettura elettronica che
permettono di rappresentare, su apposito visore, il dato misurato con diverse unit di
misura (sessagesimale, sessa decimale, centesimale, radianti, e con graduazione destrorsa
o sinistrorsa). I cerchi possono essere:
a misura statica: in questo caso sono suddivisi in un numero di tratti (ricordano
quelli dei codici a barre) piuttosto elevato che vengono conteggiati mediante un
fotodiodo;
a misura dinamica: il cerchio suddiviso in un numero inferiore di parti rispetto
al precedente; due lettori ottici, uno fissato al basamento (che fornisce lo zero) e
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 105

Maines Fernando

laltro solidale allalidada eseguono la lettura. Il cerchio, alimentato da una


batteria, ruota velocemente consentendo la lettura differenziata delle tacche.

11.1 Condizioni di correttezza


Per un corretto funzionamento dello strumento, il costruttore deve garantire (con un
sufficiente grado di precisione) le seguenti condizioni:
perpendicolarit fra gli assi principale e secondario;
perpendicolarit fra lasse primario e il cerchio orizzontale;
perpendicolarit fra lasse secondario e lasse di collimazione;
perpendicolarit fra lasse secondario e il cerchio verticale;
passaggio dellasse secondario per il centro del cerchio verticale;
passaggio dellasse principale per il centro del cerchio orizzontale;
una corretta graduazione dei cerchi.
Il livello di precisione di tali condizioni di correttezza peggiora nel tempo a causa
dellutilizzo dello strumento, in funzione del livello di attenzione adottato nella gestione
dello strumento nel corso della movimentazione, della manipolazione e dellutilizzo in
fase di rilievo. Ad intervalli di 2 - 4 anni lo strumento deve essere sottoposto a revisione e
rettifica presso laboratori specializzati.
Loperatore, invece, in sede di rilievo, deve garantire altre condizioni:
posizionamento assoluto o relativo (altra stazione o punto di inquadramento).
messa in verticale dellasse principale, applicando specifiche procedure che
utilizzano le viti calanti e le livelle, dopo aver collegato lo strumento al treppiede
posizionato approssimativamente sul punto di stazione con filo a piombo o con il
piombino ottico;
adattamento alla vista del cannocchiale, osservando uno sfondo chiaro e agendo
su unapposita ghiera posta sulloculare fino a quando limmagine del reticolo
risulta nitida e ferma;
(per il distanziometro) prima di effettuare il rilievo vanno inseriti i dati relativi
alla temperatura, alla pressione atmosferica, laltezza dello strumento e laltezza
del prisma.

11.2 Distanziometro a onde

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 106

Maines Fernando

E uno strumento che consente di misurare distanze mediante lemissione di unonda


elettromagnetica che viene riflessa verso lo strumento da un prisma. Lo strumento emette
due o tre onde, la prima per effettuare una misura grossolana mentre le altre per avere un
valore pi preciso; un dispositivo ricevente in grado di calcolare la distanza fra il
riflettore e il punto dal quale stata emessa londa.

Per assicurare una maggiore efficienza di penetrazione dellatmosfera si utilizza un


segnale sinusoidale modulato su una portante infrarossa ( = 0,78 m), nel caso dei
geodimetri (strumenti che operano per, o a microonde herziane con lunghezza donda di
alcuni centimetri nel caso dei tellurometri.
In particolare i geodimetri applicano una modulazione in ampiezza delle onde
elettromagnetiche, che consente di ottenere unonda portata di lunghezza nellordine della
gittata massima dello strumento. I tellurometri, invece, utilizzano una modulazione di
frequenza.

Un prisma retro riflettore riceve una parte della radiazione emessa che ritorna dopo la
riflessione del prisma.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 107

Maines Fernando

La distanza percorsa dallonda pari al numero di lunghezze donda percorse dalla


radiazione pi una frazione di lunghezza donda corrispondente allo sfasamento tra il
segnale emesso e quello di ritorno.
Il distanziometro a onde quindi composto da:
un emettitore;
un prisma riflettore;
e un ricevitore-discriminatore;
processore, memorie, batterie.

La precisione di un distanziometro data da una componente fissa ed una dipendente


dalla distanza da misurare. Ne risulta un valore che varia da 5 mm 5 ppm a 0,2 mm
0,2 ppm. Tale valore inoltre influenzato dalle condizioni atmosferiche. Per questo
presente nel software di gestione un algoritmo che apporta una correzione in base al
valore di temperatura e di pressione atmosferica forniti dalloperatore. La gittata, invece,
pu giungere 4 5 km per i geodimetri e ad una distanza oltre i 10 km per i tellurometri.
Infine ricordiamo gli EDM ad impulsi che utilizzano un metodo pi semplice: la
distanza viene ottenuta misurando il tempo di viaggio di un impulso nel percorso di
andata e ritorno della luce infrarossa. Ci consente una maggiore gittata (distanza
massima misurabile) a parit di energia emessa (fino a 15 km).

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

12

pag. 108

Maines Fernando

Coltellazione e trilaterazione con corda metrica


(esercitazione)

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 109

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 110

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 111

Maines Fernando

12.1 Coltellazione
La coltellazione una metodologia di rilievo che consente di determinare landamento
del terreno lungo una specifica direzione; viene delineato in tal modo il profilo altimetrico
mettendone in evidenza i dislivelli tra i diversi punti lungo la direzione scelta.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 112

Maines Fernando

Per eseguire la coltellazione sono necessari pochi semplice strumenti:


un triplometro: questo strumento, composto da due o tre spezzoni muniti di viti per
l assemblaggio, munito di livella torica che consente di disporlo in orizzontale
appoggiato al terreno. In tal modo possibile visualizzare la pendenza del terreno e
i relativi dislivelli;
unasta graduata utilizzata per la misura del dislivello lungo la verticale. Lasta
graduata viene poste in posizione verticale mediante una livella sferica;
paline.

Si opera il rilievo procedendo nel seguente modo:


si fissa il percorso lungo il quale misurare, visualizzando lallineamento con paline,
chiodi, picchetti, punti di colore, , in funzione del tipo di terreno (naturale,
asfalto, ...) e dalla lunghezza del percorso;
si parte dallestremo posto alla quota maggiore;
si verifica che il triplometro sia allineato con la direzione prefissata;
si mette in bolla la livella torica del triplometro, mantenendo almeno un punto di
contatto con il terreno;

si fissa la posizione del secondo estremo con una palina;


si misura laltezza rispetto a terra lungo la verticale in corrispondenza dellestremo
non a contatto con il terreno; pu accadere che il triplometro tocchi il suolo in un
suo punto intermedio, in tal caso necessario misurare entrambi i dislivelli in
corrispondenza degli estremi da riportare con segno diverso;

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 113

Maines Fernando

si misurano e si riportano eventuali distanze e dislivelli parziali per punti


significativi posti lungo i tre metri;
si sposta il triplometro ponendo il primo estremo in corrispondenza della seconda
palina in modo da tener conto dello spessore della seconda palina stessa.

Tutte le misure effettuate vanno raccolte in una apposita tabella, per essere
successivamente utilizzati per il tracciamento del profilo del terreno lungo la direzione
presa in esame. Per ogni singola triplometrata si devono riportare:
il numero di successione;
il dislivello totale;
le distanze parziali di eventuali punti intermedi significativi con il relativo
dislivello.
La rappresentazione dellandamento altimetrico deve comprendere ogni variazione
significativa del terreno messa in evidenza dalle triplometrate e dalle eventuali misure
parziali.

Per eseguire correttamente il profilo necessario rispettare diverse convenzioni relative


alla rappresentazione grafica. Di seguito si riassumono quelle principali assieme a qualche
consiglio pratico:
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

1.
2.
3.
4.
5.

6.

7.
8.
9.

pag. 114

Maines Fernando

pulire mani e attrezzatura prima di iniziare e se necessario ripetere loperazione


durante lesecuzione del disegno;
utilizzare due matite diverse ad esempio per il primo passaggio 2H e per il ripasso
finale HB;
niente squadratura e nessun tratto deve essere presente per un centimetro lungo il
bordo;
eseguire con attenzione e precisione tutte le scritte e i simboli grafici;
la tabella deve riportare le informazioni pi importanti (titolo, scala) e deve essere
posizionata possibilmente in basso a destra e centrata nel corrispondente formato
A4. Ogni scritta presente nella tabella deve essere centrata (orizzontalmente e
verticalmente) nello spazio a essa dedicato; laltezza del carattere varier con
limportanza della scritta;
gli assi cartesiani devono essere rappresentati con tratto leggero. Per lasse verticale
di solito si usa una scala 10 volte maggiore rispetto a quella adottata per lasse
orizzontale;
sullasse orizzontale vengono riportate le distanze progressive;
il dislivello per ciascuna triplometrata va riportato a fianco del relativo tratto in
modo da mettere bene in evidenza le variazioni di quota;
il profilo del terreno cos ottenuto va evidenziato con una linea marcata che passi
anche per i particolari incontrati nel percorso.

12.2 Trilaterazione con corda metrica


La trilaterazione una metodologia di rilievo che prevede la misura di tutti i lati di una
maglia di triangoli ottenuti a partire da una serie di punti (vertici) scelti in base ai seguenti
criteri:
la maglia di triangoli deve assicurare la copertura di tutta larea interessata dal
rilievo;
i vertici vengono scelti tra quelli pi significativi (da un punto di vista planimetrico
e/o altimetrico) in base agli obiettivi del rilievo;
il numero dei triangoli non deve essere eccessivo (le operazioni di rilievo diventano
eccessivamente onerose) ne troppo ridotto (ne risentirebbe la precisione).
Anche nel caso della trilaterazione il principale obiettivo la determinazione delle
coordinate (cartesiane o polari) dei vertici. A questi inoltre si aggiungeranno tutta una
serie di punti, detti di dettaglio, necessari per definire gli elementi plano-altimetrici
significativi non definiti con la trilaterazione. Questi punti vengono individuati mediante
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 115

Maines Fernando

unintersezione in avanti a partire da due punti noti (vertici dei triangoli o altri punti di
dettaglio gi definiti).

Gli strumenti necessari per eseguire una trilaterazione semplice sono:


corda metrica;
paline, picchetti e chiodi utilizzati per segnare i vertici dei triangoli;
gessi e spray, per segnalare eventuali punti non definiti materialmente, utilizzati
per la trilaterazione e per i dettagli.
Preliminariaente necessario preparare il rilievo predisponendo un elaborato grafico
dellarea, ad esempio utilizzando leidotipo eseguito durante il primo sopralluogo. In
particolare si effettua la scelta dei punti per la trilaterazione fissando lattenzione sul fatto
che i triangoli vanno individuati seguendo dei criteri ben precisi:
devono assicurare la copertura dellintera area;
devono condividere sempre un lato intero;
devono essere il pi possibile tendenti allequilatero;
devono essere numerati in successione, possibilmente senza interruzione.
I punti di dettaglio invece vengono individuati per completare la rappresentazione
dellarea con elementi significativi non coincidenti con i vertici dei triangoli.

Si predispone infine la tabella dove, nel corso delle fasi di rilievo, verranno raccolti i
seguenti dati:
per ciascun triangolo indicato con un numero progressivo si riportano i lati secondo
uno specifico ordine (ad esempio antiorario a partire dal lato in comune con il
triangolo precedente);
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 116

Maines Fernando

per ciascun punto di dettaglio si riportano i punti utilizzati per lintersezione in


avanti e le relative distanze.

A questo punto si passa allesecuzione del rilievo secondo le seguenti fasi esecutive:
individuazione dei punti significativi (vertici) mediante appositi segnali;
misura dei lati di tutti i triangoli;
individuazione dei punti di dettaglio;
misura delle distanze da punti noti (intersezioni in avanti).
Nel corso delle misurazioni per migliorare la precisione importante assicurarsi che la
corda metrica sia il pi possibile orizzontale; in caso contrario si cerca di stimare l'errore
(in eccesso) considerando anche quello dovuto alla catenaria secondo la quale si dispone la
corda qualora non fosse disposta sul terreno.
Il prodotto finale delle operazioni di rilievo (esercitazione) dato dagli elementi grafici
riprodotti sulleidotipo (vertici e punti di dettaglio con relativa sigla, triangoli unenti i
vertici con numerazione) e dalle tabelle con i relativi dati (lati dei triangoli e distanze per
intersezioni in avanti per ciascun punto di dettaglio).

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

13

pag. 117

Maines Fernando

Rilievo con stazione totale (esercitazione)

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 118

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 119

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 120

Maines Fernando

Lobiettivo del rilievo determinare, con un buon livello di precisione, le coordinate


cartesiane (x, y, z) o polari( d, , z) dei punti significativi per la rappresentazione planoaltimetrica dellarea in esame. Questi punti significativi sono:
i punti di stazione rilevati mediante poligonazione;
i punti di dettaglio rilevati mediante celerimensura.
Lelevato livello di precisione, maggiore rispetto a quello raggiunto nel rilievo con
corda metrica, garantito dalluso della stazione totale. Completano la dotazione
strumentale il prisma, la corda metrica e le paline.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 121

Maines Fernando

Nel corso delle fasi di rilievo, i dati relativi a ciascun punto collimato vengono raccolti
(e salvati nella memoria dello strumento). In particolare si misurano:
langolo orizzontale e langolo verticale;
la distanza dalla stazione;
il dislivello rispetto alla stazione.
Ogni punto viene contraddistinto da un nome (che dia anche indicazione della stazione
utilizzata per la misura). In particolare si devono poter identificare facilmente (mediante
note o opportuni simboli) la stazione precedente e successiva e i punti comuni4.
Le informazioni relative ai punti collimati sono:
la loro rappresentazione grafica sulleidotipo (meglio se si utilizza un
ingrandimento dellarea di pertinenza della stazione);
la tabella riportante i punti collimati e le relative misure. Tali dati saranno
utilizzati per la determinazione delle coordinate cartesiane o polari dei punti
mediante le specifiche metodiche di elaborazione che verranno descritte nelle
prossime sezioni.

Il processo di rilievo si sviluppa secondo le seguenti fasi:


fasi preparatorie:
scelta delle stazioni e relativa documentazione;
scelta dei punti di dettaglio per ciascuna sezione.
fasi esecutive:
messa in stazione dello strumento;

Si tratta di uno o due punti (per ciascuna coppia di stazioni adiacenti) che vengono misurati da
entrambe le stazioni per poter effettuare le opportune verifiche dei risultati ottenuti in fase di elaborazione.
4

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 122

Maines Fernando

inserimento dei dati di temperatura, pressione atmosferica e altezza


strumentale;
predisposizione del file per la raccolta dei dati;
adattamento alla vista;
inserimento dei dati della stazione (nome, orientamento, );
collimazione, misurazione e salvataggio dei dati per la stazione precedente
e per la stazione successiva;
collimazione, misurazione e salvataggio dei dati per tutti i punti di dettaglio
scelti per coprire lintera area di pertinenza della stazione.

13.1 Scelta della stazione e preparazione della monografia


Le stazioni vanno scelte seguendo dei criteri ben precisi:
da ogni stazione si deve vedere la stazione precedente e quella successiva;
le distanze devono essere tali da garantire unelevata precisione in relazione alle
caratteristiche (gittata, ) dello strumento utilizzato;
la superficie del rilievo deve essere completamente coperta dallarea di
pertinenza di ciascuna stazione. Questa rappresentata da unarea circolare con
centro nella stazione, di raggio pari alla gittata massima adottata per il rilievo.
Data limportanza dei punti di stazione e la loro influenza sulla precisione del rilievo
necessario fissarne la posizione, in modo da poterle ripristinare in caso di manomissione
(accidentale o intenzionale).

Viene pertanto redatta una monografia per documentare le principali caratteristiche


riportandone:
titolo (monografia stazione S);
rappresentazione grafica;
eventuale documentazione fotografica;
descrizione della localizzazione;
descrizione del segnale utilizzato e descrizione dettagliata della posizione.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 123

Maines Fernando

La rappresentazione grafica deve comprendere:


posizione della stazione con nome e opportuno simbolo (triangolo);
indicazione della direzione verso la stazione precedente e la stazione successiva
(con linea tratteggiata e nome della stazione);
tre punti fissi di riferimento scelti per la loro facilit dindividuazione e per la
minima precariet (spigoli di case, pali della luce, cordoli di marciapiede,
manufatti, ). Per ognuno di essi si riporta:
rappresentazione (anche non in scala) in modo da poter individuare con
precisione e senza incertezze lesatto punto di riferimento per la misura;
una descrizione didascalica per eliminare qualunque possibilit di
confusione.
ogni elemento grafico e didascalico utile per la corretta descrizione del luogo;
descrizione del punto che deve essere facilmente individuato anche da chi non
ha eseguito la monografia.

13.2 Scelta dei punti di dettaglio


Per ogni stazione, durante la fase preliminare, si scelgono gli elementi (punti) pi
significativi dellarea circostante, necessari per la realizzazione del rilievo. Ognuno di
questi punti viene riportato sulleodotipo.
In particolare vengono scelti (e segnati in modo opportuno) uno o due punti in comune
fra ciascuna coppia di stazioni adiacenti per le operazioni di verifica in fase di
elaborazione dei dati.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 124

Maines Fernando

13.3 Messa in stazione


La messa in stazione della stazione totale unoperazione piuttosto complessa che
consiste in diverse fasi:

posizionamento approssimativo del treppiede mediante filo a piombo sulla


verticale al segnale, agendo sulle tre punte telescopiche che consentono un buon
adattamento al terreno in modo che la piastra basale risulti il pi orizzontale
possibile;

fissaggio dello strumento sul piatto del treppiede mediante il vitone;

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 125

Maines Fernando

perfezionamento della posizione dello strumento sulla verticale al segnale


reiterando le seguenti operazioni:
verifica della verticalit della stazione tramite il piombino ottico, ed
eventuale correzione con i movimenti consentiti dalla staffa dopo aver
parzialmente aperto il vitone;
messa in bolla della livella sferica operando nel seguente modo:

si allinea lalidada a due viti calanti;


si porta la bolla verso il centro agendo in contro rotazione sulle due viti;
si ruota lalidada di 100 gon (angolo retto);
si centra la bolla agendo con la terza vite;
si reitera il punto 2 e il punto 3 fino a centramento con il livello di
precisione richiesto;
si verifica se la livella rettificata ruotando lalidada di 100 gon e
successivamente di altri 100 gon: la bolla deve mantenere la stessa
posizione.
messa in bolla della livella torica operando nel seguente modo:
1. si allinea lalidada a due delle tre viti calanti;
2. si porta la bolla verso il centro agendo sulle due viti in contro rotazione;
3. si ruota di 200 gon per verificarne se la livella rettificata (la bolla rimane
in posizione centrata);
4. si ruota la livella di 100 gon e si centra la bolla agendo sulla terza vite;
5. si reiterano il punto 2 e il punto 4 fino al raggiungimento di un
centramento soddisfacente.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 126

Maines Fernando

misurazione dellaltezza dello strumento mediante corda metrica.

13.4 Adattamento alla vista


Prima di incominciare le operazioni di collimazione necessario che ciascun operatore
esegua le operazioni di adattamento alla vista del cannocchiale:
si collima verso una superficie di colore omogeneo e chiaro (cielo) oppure si pone
un foglio bianco davanti allobbiettivo;
agendo sullapposita ghiera posta sulloculare (non quella della messa a fuoco) si
regola la visione fino a vedere in modo nitido il reticolo; limmagine deve
rimanere ferma anche se si sposta la visuale con piccoli movimenti dellocchio.
Nel corso delle fasi di rilievo loperatore con il prisma deve disporre lasta con
precisione sul punto prescelto e dovr accertarsi, mediante lapposita bolla sferica, che il
porta prisma sia il pi possibile verticale. Inoltre per rendere la misura pi veloce e precisa
dovr assicurarsi che il prisma sia rivolto nella direzione dello strumento modificandone,
eventualmente, linclinazione e il direzionamento. Infine, in funzione del tipo di terreno,
dovr evitare uneccessiva penetrazione della punta nel terreno ed eventualmente
compensarla agendo sulla sezione telescopica graduata dellasta.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

14

pag. 127

Maines Fernando

Rilievi per la misura dei dislivelli

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 128

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 129

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 130

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 131

Maines Fernando

Questi rilievi rappresentano linsieme dei procedimenti operativi topografici che


consentono di determinare i dislivelli fra i diversi punti del terreno. Chiamati anche
livellazioni, sono eseguiti mediante lutilizzo di stazioni totali e prismi (una volta si
usavano i teodoliti con stadie ora in disuso) o di strumenti specifici detti livelli (con
stadia).
Il dislivello fra due punto definito come la differenza fra la quota del punto verso cui
guardo (B) e la quota del punto in cui mi trovo (A). Questa differenza, e pertanto anche il
dislivello, positiva se QB > QA (si guarda verso lalto) e negativa se QB < QA (si guarda
verso il basso). Ricordiamo, inoltre, che la quota o quota assoluta, la distanza fra il punto
P sulla superficie terrestre e la sua proiezione Po sulla superficie di riferimento, lungo la
verticale passante per P.

In realt il concetto di dislivello reso pi complesso dal fatto che il suo valore
determinato dalla gravit, e pertanto risente delle caratteristiche del corpo gravitazionale
terrestre che come sappiamo, ha un andamento irregolare, dovuto al fatto che la terra non
un corpo di forma perfettamente sferica (le superfici equipotenziali non sono pi
parallele per distanze superiori a 30-50 km). Pertanto il dislivello tra due punti assume
valori diversi a seconda del percorso che scegliamo per andare da A a B.

Per questo motivo vengono definite la quota dinamica (data dal lavoro necessario per
spostare lunit di massa dal geoide al punto considerato) e la quota geopotenziale (data
dalla quota dinamica diviso10 m/s2).
Le differenze indotte da tale fenomeno diventano significative su grandi distanze
(almeno alcune decine di km), decisamente superiori a quelle che caratterizzano le
applicazioni topografiche di interesse agricolo.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 132

Maines Fernando

La superficie di riferimento, nel caso di livellazioni ad alta precisione, il geoide, cos


come nel caso della rete di livellazione di Alta Precisione dellIGM. Lungo tale rete sono
state eseguite delle livellazioni con una precisione di 40 metri per un totale di 1800 km di
livellazioni eseguite lungo le principali vie di comunicazione, essa ha sede a Genova.

Si possono adottare altre superfici di riferimento, pi semplici da utilizzare nelle


rielaborazioni dei dati di rilievo, ma che assicurano livelli di precisione progressivamente
minori. Inoltre tali superfici si possono usare su porzioni di superficie via via minori. In
particolare lellissoide pu essere utilizzato per aree di raggio fino a 110 km, la sfera con
aree di raggio fino a 15 km e il piano topografico che pu essere utilizzato per aree di
raggio fino a soli 150 m.
Le livellazioni possono essere classificate nei seguenti modi:
al metodo impiegato:
o diretto: il dislivello viene ottenuto direttamente dalle misure ottenute dallo
strumento (livelli);
o indiretto: il dislivello deriva dallapplicazione di una formula che lega
grandezze (angoli e distanze) misurate dallo strumento (stazione totale).
alla visuale:
o inclinata (si usano teodoliti o tacheometri);
o orizzontale (si utilizzano i livelli);
o senza visuale:
livelli ad acqua secondo il principio dei vasi comunicanti;
livelli barometrici.
alla precisione (ek = errore medio in mm/chilometro):
o tecniche: ek > 5 mm;
o di media precisione: 2 mm ek < 5 mm;
o di precisione: 0,5 mm ek < 2 mm;
o di alta precisione: ek < 0,5 mm.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 133

Maines Fernando

14.1 Livellazioni senza visuale


Livellazione idrostatica (livellazione diretta): viene eseguita, utilizzando un livello ad
acqua, soprattutto per applicazioni in cantiere, quando necessario individuare piani
orizzontali. Un tubo flessibile, contenente acqua, collega due contenitori trasparenti posti
alle due estremit; per il principio fisico dei vasi comunicanti, lacqua nei contenitori alle
due estremit si porta allo stesso livello. Risulta cos possibile misurare dislivelli con una
precisione piuttosto ridotta.

Livellazioni barometriche (livellazione indiretta): utilizzando apposite formule


possibile risalire alla quota a partire dal valore della pressione atmosferica misurata con
un barometro. La precisione piuttosto scarsa.

14.2 Livellazioni geometriche o con visuale orizzontale (di tipo diretto)


Sono diverse e si effettuano mediante appositi strumenti detti livelli. Sono dei
dispositivi ottico meccanici muniti di cannocchiale che viene mantenuto con lasse di
collimazione orizzontale e pu ruotare attorno allasse primario ( munito di cerchio
orizzontale). I livelli consentono di effettuare delle letture su apposite stadie graduate di 4
m sulle quali si effettua la battuta con lo strumento.

Tre sono i metodi di rilievo geometrico:


livellazione da un estremo;
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 134

Maines Fernando

livellazione dal mezzo;


livellazione reciproca.

1) livellazioni geometrica da un estremo: per misurare il dislivello AB si


dispongono il livello in A e la stadia in B; misurata laltezza hA, tra il punto A e il
centro del livello, si collima col filo centrale del reticolo del livello, la stadia in B e
si misura laltezza LB. Il valore del dislivello dato da hstrumento lstadia. Il
principale limite di tale metodo rappresentato dal fatto che non possibile
quantificare e compensare gli eventuali errori di non orizzontalit del
cannocchiale; inoltre il massimo dislivello misurabile pari allaltezza dello
strumento;
2) livellazione geometrica dal mezzo: con questo metodo il livello viene posto, il
pi possibile, in posizione intermedia (e non necessariamente sullallineamento
AB), purch alla stessa distanza sia da A che da B. Da tale posizione si effettuano
le letture alla stadia posta in A e in B: il dislivello AB dato dalla differenza delle
due letture(lA lB). Rispetto al primo metodo i dislivelli misurabili sono doppi e
le battute sono pi lunghe; inoltre gli errori che si commettono nelle due letture
per la non orizzontalit dellasse di collimazione sono pressoch uguali in
modulo e di segno opposto.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 135

Maines Fernando

3) livellazione geometrica reciproca: se non fosse possibile applicare le due


precedenti metodologie, si ricorre a questo metodo che consiste nel posizionare il
livello in due diverse postazioni in prossimit di A e B in modo che dA e dB siano
il pi possibile uguali (anche se non in allineamento con A e B). Da ciascuna
postazione si leggono le stadie ottenendo quattro misure (lA, lA, lB, lB) dalle
quali si ricava il dislivello. Anche in questo caso, pi dA e dB sono uguali, pi gli
errori di non orizzontalit do autoelidono;

4) livellazioni composte: si esegue una successione di livellazioni dal mezzo (ogni 40


m), seguendo un determinato percorso. Per verificare la validit della livellazione,
terminata la misurazione si sceglie diverso percorso e si ritorna al punto di partenza.
Il secondo dislivello (in valore assoluto) dovrebbe differire dal primo meno di una
determinata tolleranza.
AB<= T

dove T = 3 ek d AB

14.3 Livelli
I livelli sono strumenti a visuale orizzontale utilizzati in abbinamento ad una stadia
graduata o ad un prisma (se elettronici) per la misurazione dei dislivelli.
La struttura base dello strumento presenta i seguenti elementi:
due assi (verticale e orizzontale);
basamento con tre viti calanti e cerchio orizzontale;
cannocchiale orizzontale;
vite di elevazione;
livella torica.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 136

Maines Fernando

Esistono varie tipologie di livelli:


livello con vite di elevazione;
livello senza vite di elevazione;
livello autolivellante;
livello digitale;
livello laser.
Livello con vite di elevazione: costituito da una traversa T, girevole intorno allasse
perpendicolare A, imperniata su una base B provvista di viti calanti che permettono di
rendere verticale lasse A. Il cannocchiale collegato alla traversa dalla cerniera O e pu
compiere piccole rotazioni comandate dalla vite di elevazione E. Al cannocchiale
collegata, inoltre, una livella torica L, necessaria per verificare lorizzontalit del
cannocchiale. Infatti lo strumento risulta rettificato quando lasse di collimazione e la
tangente centrale della livella sono paralleli.
Per mettere in stazione lo strumento si centra prima la livella sferica montata sulla
traversa utilizzando le viti calanti nella base. Dopo aver collimato, si centra anche la livella
torica del cannocchiale manovrando la vite di elevazione E, rendendo cos orizzontale
lasse di collimazione. Seguendo questa modalit si garantisce lorizzontalit dellasse di
collimazione anche se lasse a reso verticale in modo approssimato.
Ruotando il cannocchiale su un piano orizzontale per una nuova collimazione la bolla
non rimane centrata ed quindi necessario rendere orizzontale lasse di collimazione,
agendo sulla vite di elevazione.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 137

Maines Fernando

Livello senza vite di elevazione: il livello sprovvisto di vite di elevazione e il


cannocchiale rigidamente vincolato alla traversa.
Il livello rettificato quando lasse di collimazione perpendicolare allasse A. La
livella torica centrata con le viti calanti.

Livello autolivellante: lorizzontalit dellasse di collimazione avviene in modo


automatico. Il meccanismo, che funziona a gravit, detto compensatore. Un sistema
ottico interno materializza lasse di collimazione. Se il cannocchiale troppo inclinato il
compensatore impedisce il funzionamento dello strumento, cosicch necessario centrare
la livella sferica. Questo strumento non raggiunge elevate precisioni ma pratico in rilievi
speditivi.
Livello ad alta precisione: sono
strumenti
che
assicurano
elevati
standard di precisione grazie alla
presenza dei seguenti dispositivi:
sistema a manicotto: consente di
eseguire due letture coniugate, la
seconda delle quali ottenuta dopo
aver ruotato, mediante apposito
manicotto, il cannocchiale di 200
gon (angolo piatto) attorno
allasse di collimazione. Le due
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 138

Maines Fernando

letture saranno affette dello stesso errore di non orizzontalit dellasse di


collimazione, ma di segno opposto. Pertanto lerrore sar compensato facendo la
media delle due letture:
sistema di lettura della stadia mediante micrometro lastra piana parallela. E un
sistema ottico meccanico che consente di stimare con maggiore precisione la
lettura alla stadia con una precisione al millimetro;
livella a coincidenza dimmagine: allinterno del cannocchiale presente una
livella torica ed un sistema ottico che invia ad un apposito oculare le immagini
delle due semi-estremit opposte della livella. Agendo su una apposita ghiera e
possibile muore lasse del cannocchiale fino a far coincidere le due immagini,
condizione che assicura (purch la livella sia rettificata) una precisione
decisamente maggiore rispetto al sistema tradizionale di centratura che si basa su
una stima soggettiva.

Livello digitale: sono livelli di recente introduzione nel mercato che si presentano come
gli autolivelli, ma la lettura alla stadia (graduata con un particolare sistema di barre)
avviene in modo automatico pur essendo sempre possibile la lettura ottica tradizionale in
caso di malfunzionamento del sistema o di esaurimento delle batterie.

Livello laser: utilizzano lemissione di un raggio laser che materializza la linea di


mira del cannocchiale e vengono ampiamente utilizzati nei cantieri e comunque dove non
sono richieste elevate precisioni, bens elevate velocit di esecuzione.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 139

Maines Fernando

Questi strumenti, che normalmente sono autolivellanti, si dividono in livelli laser fissi e
livelli laser a rotazione. I primi permettono una lettura diretta alla stadia del raggio
luminoso, mentre i secondi non richiedono lintervento delloperatore allo strumento; una
volta messo in stazione con lausilio di una livella sferica, un motore fa ruotare in
continuazione, tramite un prisma deviatore, il raggio laser. In questo modo un unico
operatore pu eseguire un lavoro su un area di raggio di circa 200 300 m.

14.4 Livellazioni con visuale inclinata (misura indiretta)


Si dividono in:
trigonometriche: sono metodiche basate su misure esclusivamente angolari che
necessitano di lunghe sessioni di misura e di una mole significativa di calcoli.
Dipendono inoltre dalla distanza che deve essere misurata con altri sistemi. Per
questo si applicavano in contesti caratterizzati da grandi distanze.
tacheometriche: sono le pi usate in ambito tecnico. Il dislivello viene ottenuto
mediante una misurazione della distanza AB e dellangolo zenitale A. Lo
strumento utilizzato la stazione totale che in grado di operare entrambe le
misure e di effettuare le necessarie correzioni per tener conto della sfericit della
Terra e della rifrazione dovuta allatmosfera.
AB = d cotan + hs hp+ (1 K) d2/2R
dove:

hs = altezza strumento;
hp = altezza prisma.
R = raggio terrestre;
d = distanza misurata;
K = costante di rifrazione dellatmosfera (0,14 per il nord Italia).

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 140

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 141

15

Maines Fernando

Aerofotogrammetria e GPS

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 142

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 143

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 144

Maines Fernando

15.1 Aerofotogrammetria
La fotogrammetria una tecnica di rilievo nata nell800, ma solo in tempi pi recenti,
grazie allelettronica, diventata una metodologia facilmente applicabile in diversi ambiti.
Questa tecnica permette di ottenere rappresentazioni mediante lutilizzo di fotografie che
consente di trovare le coordinate cartesiane di un numero di punti mediante i principi
delle intersezioni in avanti, grazie alle quali si arriva ad una rappresentazione bi- o
tridimensionale dellarea oggetto di rilievo.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 145

Maines Fernando

Le principali applicazioni di questa tecnica sono:


il restauro di monumenti o di edifici;
la rilevazione di incidenti;
lelaborazione cartografica mediante fotogrammetria aerea (si caratterizza per la
velocit di esecuzione);
varie applicazioni mediche.

Per il restauro dei monumenti ad esempio si utilizzano particolari macchine


fotografiche posizionate a terra con le quali vengono scattate fotografie in cui siano
presenti una serie di punti (evidenziati con speciali segnali) rilevati con tecniche
tradizionali. Ogni punto inoltre deve essere presente almeno in due foto.
In seguito, grazie alle coordinate di queste coppie di punti e a complesse tecniche
inizialmente ottico-meccaniche ed ora prevalentemente elettroniche, i dispositivi di
restituzione sono in grado di definire landamento spaziale di tutti i punti visibili sulle
fotografie.

Laerofotogrammetria, invece, il metodo di rilievo pi utilizzato per la costituzione e


laggiornamento della cartografia. Utilizza particolari aerei che viaggiano a velocit ridotta
(circa 150 km/h), muniti di macchina fotografica posta nel sottopancia con la quale si
riescono ad ottenere delle fotografie con una buona risoluzione. Poich anche in questo
caso vige la necessit per ciascun punto di essere presente in almeno due fotogrammi, le
fotografie devono sovrapporsi di un 60 - 80% lungo la direzione di volo.
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 146

Maines Fernando

Questo risultato viene ottenuto organizzando un corretto piano di volo mediante la


definizione dellaltezza di volo, della velocit di crociera e dellintervallo di scarto. Laereo
sorvola la superficie da rilevare eseguendo strisciate che si devono sovrapporre anche
longitudinalmente del 10-20%.
Le migliori condizioni di volo per il rilievo sono nel corso dei giorni sereni, dalle 9 alle
11.30 del mattino e dalle 14 alle 17 del pomeriggio, in modo tale da avere un minimo di
ombre che permettono una migliore definizione delloggetto.

La successiva fase di restituzione prevede in primo luogo che le immagini fotografiche


vengono corrette per eliminare le deformazioni determinate della posizione non
perfettamente allineata dellaereo rispetto al terreno dovuto alle oscillazioni di volo.
Inoltre, mediante luso di restitutori digitali correlati da specifici sistemi informatici che
hanno sostituito i vecchi sistemi ottico meccanici, le immagini fotografiche vengono
trasformati in elementi cartografici. Per eseguire correttamente tale operazione
necessario ricostruire la posizione relativa ed assoluta dei fotogrammi utilizzando la
posizione di almeno sei punti ben individuabili lungo il bordo della zona di
sovrapposizione.
Tutti i dati ottenuti (coordinate dei punti e andamento delle isoipse) possono, a questo
punto, essere archiviati in appositi database.

15.2 GPS
Il GPS (o Global Position System) una tecnologia che consente di determinare la
posizione di un punto sulla terra mediante luso di segnali elettromagnetici inviati da
satelliti. Tale sistema stato messo a punto dalla NASA ed di propriet del Ministero
della Difesa Americano (esiste anche un analogo sistema russo GLOSNAST - ed uno
europeo GALILEO - attualmente in fase di messa in orbita).
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 147

Maines Fernando

Tutti questi sistemi consentono la determinazione


delle coordinate 3D (X, Y, Z) del punto rilevati,
espresse in un sistema di riferimento globale
(ellissoide di rotazione WGS-84), assicurando
precisioni dellordine del metro nelle misure in
tempo reale e del centimetro o del millimetro nelle
misure
con
trattamento
successivo.
Il
posizionamento avviene mediante diverse tecniche
(misure di pseudo-range o misure di fase).
il sistema GPS costituito principalmente da tre
componenti:
la componente satellitare;
la componente di controllo;
la componente dutenza.

La componente satellitare formata da 32 satelliti di cui 24 operativi e otto di riserva


alimentati da pannelli solari. Questi sono in rotazione su sei orbite (poste ad una quota di
a 26000 km) ed impiegano 12 ore per effettuare un giro completo della terra mentre il loro
funzionamento viene controllato da un orologio atomico. Il segnale inviato a terra
piuttosto complesso e costituito da due portanti (L1 e L2) e da specifici codici (C/A o P).
La componente di controllo formata da cinque stazioni posizionate lungo lequatore,
le quali comunicano con la stazione centrale che si trova a Sprinfield in Colorado. La loro
funzione, in sintesi, quella di controllare, verificare e correggere lorologio atomico, le
coordinate della posizione, i segnali inviati e lorbita dei satelliti.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 148

Maines Fernando

Infine la componente di utenza costituita da coloro che possiedono un ricevitore cio


un dispositivo che elabora il segnale ricevuto dal satellite e calcola la posizione in cui si
trova.

Tale posizione pu essere determinata utilizzando il segnale proveniente da almeno 4


satelliti e la precisione del GPS dipende da diversi fattori come il numero di satelliti visibili
e dalla loro configurazione (posizione dei satelliti), definito da un parametro (Gdop) che
consente di prevedere i migliori periodi per effettuare il rilievo.
I ricevitori GPS trovano una naturale applicazione in campo topografico, in quanto si
caratterizzano per il fatto che non risentono delle condizioni atmosferiche e che non
necessaria la visibilit tra i punti; inoltre i tempi per le operazioni preliminari sono ridotti.
La precisione dei risultati di rilievo dipende da diversi fattori:
numero di satelliti visibili;
configurazione dei satelliti in cielo, definita mediante un parametro (DOP) che
consente di prevedere i migliori periodi per effettuare il rilievo. Sono da preferire
configurazioni aperte che si caratterizzano per un DOP minore di 7;
modalit di rilievo;
tipo di ricevitore.

I ricevitori si differenziano anche a seconda della precisione che si pu ottenere. Quelli


utilizzati per la topografia raggiungono la precisione del millimetro e si distinguono anche
in base alla modalit di rilievo: quelli statici pi precisi o quelli dinamici meno precisi ma
pi veloci. In ogni caso consentono la misura delle distanze degli angoli applicabili in
qualsiasi tipo di rilievo (di inquadramento, di appoggio e di dettaglio.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 149

Maines Fernando

I rilievi in modalit statica sono i pi precisi, consentendo di raggiungere precisioni


subcentimetriche, ma anche la pi lenta, a causa dei lunghi periodi in cui i ricevitori
vengono lasciati in acquisizione dei segnali.
Una metodologia diversa prevede il posizionamento statico relativo con due ricevitori
di cui quello di riferimento sar collocato su punto di coordinate note (ad esempio un
punto rete IGM95).

I dati acquisiti sono trasferiti su un calcolatore e mediante programmi dedicati, vengono


elaborati.
Il metodo dinamico consiste nel tenere fisso uno dei due ricevitori (base) e nel
trasportare il secondo (rover) lungo un percorso da determinare muovendosi con
continuit. Il tracciato seguito viene determinato per punti, a intervalli di tempo regolari
corrispondenti allintervallo di campionamento fissato nei due ricevitori.
Il metodo stop and go una variante operativa del metodo dinamico con cui i punti da
determinare vengono occupati successivamente dal rover tenendolo fermo per un certo
tempo. Tale metodo consente di ottenere maggiori precisioni del precedente grazie.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 150

Maines Fernando

16 Rilevamento degli appezzamenti di piccola o media estensione

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 151

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 152

Maines Fernando

(a cura del prof. V. Corradini e del I.T.P. M. Tonidandel)


una delle operazioni di rilievo pi frequenti in campo agricolo che prevedono
misurazioni sul terreno, allo scopo di determinare la posizione di punti significativi dal
punto di vista planimetrico (vertici di confine, limiti naturali, perimetri artificiali, ...).
Lobiettivo pi naturale la riproduzione su carta in scala appropriata.
Il rilevamento topografico si esegue con strumenti semplici quali paline, picchetti,
longimetri (cordella metrica, triplometro), filo a piombo e squadri (agrimensorio,
graduato, ecc.).
I metodi di rilevamento utilizzabili sono:
per allineamenti;
per coordinate cartesiane;
per coordinate polari o radiometrico;
per coordinate bipolari o per intersezione;
per coordinate rettilinee.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 153

Maines Fernando

16.1 Rilevamento per allineamenti


Lappezzamento da rilevare viene suddiviso -mediante allineamenti congiungenti i
diversi vertici- in triangoli, dei quali si misurano tutti i lati. Larea si determiner a
tavolino con la formula di Erone.
Si = p ( p a )( p b)( p c) [m2]
dove: a, b, c sono i lati e p il semiperimetro
Strumenti necessari: paline e longimetri.

A
S3

S1

S2

C
S tot

S1 + S 2 + S 3 (m2)

16.2 Rilevamento per coordinate cartesiane


Internamente, lungo un lato o esternamente allappezzamento da rilevare si sceglie un
allineamento quale direzione fondamentale, a cui si fa corrispondere lasse delle x, sul
quale si fissa unorigine e un verso. Mediante uno squadro agrimensorio sindividuano i
piedi delle perpendicolari abbassate dai punti da rilevare e mediante i longimetri si
procede alla misura progressiva delle lunghezze dallorigine ai piedi delle perpendicolari
(ascissa del punto) e della distanza di ogni singolo vertice dallasse (ordinata del punto).
Strumenti occorrenti: squadri e longimetri.
Lappezzamento originale suddiviso in figure geometriche elementari: triangoli e
trapezi. Larea del terreno risulter dalla somma delle singole superfici.

H1

H3

H2

Rilevamento con allineamento secante

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 154

Maines Fernando
D

Rilevamento con allineamento coincidente


con un lato

E
B

H1 H 2

H3

H4

Rilevamento con allineamento esterno

B
A
H1

H2

H3

H4

H5

H6

16.3 Rilevamento per coordinate polari o radiometrico o per irradiamento


Questo metodo richiede luso di uno strumento topografico munito di goniometro
(cerchio orizzontale) e la contemporanea misurazione diretta delle distanze. Si fa stazione
in un punto dal quale sia visibile e accessibile la zona da rilevare in tutti i suoi punti di
dettaglio. Il punto di stazione, detto polo, pu essere: interno, oppure coincidere con un
vertice o anche esterno alla zona stessa e da esso si irradiano le collimazioni a tutti i vertici.
Dei punti rilevati vengono determinate le coordinate polari: azimut e distanze polari.
Larea di ogni triangolo si calcola con la seguente formula:

S1 =

a b sen
[m2]
2

01
05

04

Rilievo radiometrico con polo interno

06
B

02
03
C

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 155

Maines Fernando

Rilievo radiometrico con polo esterno

E
01
02
03

04
06 05

F
01
02
E
4
05 0

Rilievo radiometrico con polo su un


vertice

03

C
D

16.4 Rilevamento per coordinate bipolari o per intersezione


Dagli estremi di una base (distanza orizzontale misurata) sirradiano le collimazioni ai
punti di dettaglio, rilevando gli angoli orizzontali, senza misure lineari. Queste saranno
calcolate con le note formule trigonometriche. Si ricorre a questo metodo quando i punti
del terreno pur essendo visibili, non sono facilmente accessibili. I punti sono determinati
dallintersezione delle doppie collimazioni effettuate dagli estremi della base.

A2

A3

A1

2
3

S1

S2

16.5 Metodo per coordinate rettilinee

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 156

Maines Fernando

Si utilizza in una serie di allineamenti fra loro perpendicolari che delimitano la zona
interessata. Al termine della poligonazione opportuno verificare la perpendicolarit
dellultimo allineamento con il primo.
Si ricorre a questo metodo per il rilevamento di laghetti, stagni o boschi inaccessibili.
Strumenti usati: segnali, squadri e longimetri.

*****
La scelta di un metodo rispetto ad un altro, va ponderata sulla base di molteplici
considerazioni: natura e configurazione del terreno, strumentazione a disposizione,
obiettivo del rilievo stesso. In alcuni casi, nello stesso rilievo, sono utilizzati
contemporaneamente pi metodi, al fine di migliorare la qualit del risultato finale.
La scelta del metodo pi favorevole per il rilievo di dettaglio comunque non mai
scontata o facile, data limprevedibilit di numerosi fattori, che possono creare
allagrimensore inesperto notevoli difficolt nel lavoro di campagna. A tale proposito si
sottolinea limportanza di effettuare un accurato sopralluogo sul terreno, seguito dalla
stesura di un fedele schizzo onde evitare intralci nel rilievo.

16.6 Metodi per il rilievo della lunetta


In questa sede prenderemo in considerazione due modalit per il rilievo della lunetta: la
centinatura e le perpendicolari.
Nel caso della centinatura, la lunetta viene delimitata con il tracciamento della corda
AB. Successivamente si individua il punto di mezzo di AB (M1) e da questo si traccia un
segmento retto fino ad incontrare in N1 la lunetta. Quindi si congiunge N1 con A si
individua il nuovo punto di mezzo (M2), si traccia la perpendicolare M2N2 e si procede allo
stesso modo fin tanto che la perpendicolare si riduce a pochi centimetri (meno di 10). Per
esperienza possibile affermare che loperazione si completa al terzo, massimo quarto
tentativo.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 157

Maines Fernando

Per il disegno della lunetta si fissa il punto di mezzo e si riporta sulla normale il
segmento fino ad individuare N1. Ora si congiunge N1 con gli estremi della corda AB e si
ripete fino a completare la figura della lunetta.
Unico strumento da utilizzare il longimetro.
N5
M5

N2
3

N6

M6

M2

N7
M7

N9
M9 N 8
M
8

M1

2'

3'

4'

1
3

' 9' 10'


'
11' 12' 13'
' 7 8
5' 6
14' 15'

'

A12

Metodo della centinatura

N1
0
M1

N4
M4

N1

4 5 6

7 8

16'

17 '

Metodo delle perpendicolari

18 '
19 '
20 '

9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Laltra modalit operativa (metodo delle perpendicolari) richiede oltre al longimetro


anche lo squadro. Anzitutto si suddivide la corda AB in segmenti di lunghezza variabile a
seconda dellarcatura della lunetta. Pi accentuata questa e pi corti saranno i segmenti.
In seguito da ogni punto della corda si tracciano le proiezioni rispetto alla lunetta. Le
lunghezze del segmento sulla corda e quelle delle perpendicolari costituiscono le
coordinate cartesiane attraverso le quali si potr ricostruire la lunetta.
Per esperienza possibile affermare che tra i due metodi descritti quello della
centinatura si dimostrato pi valido in quanto riduce notevolmente i tempi di lavoro, in
campagna e a tavolino, assicurando una buona restituzione complessiva.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 158

Maines Fernando

17 Tracciamento del sesto dimpianto

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 159

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 160

Maines Fernando

(a cura del prof. V. Corradini e del I.T.P. M. Tonidandel)


Per realizzare un vigneto razionale e funzionale per lintero suo sviluppo, le piante
devono essere ordinatamente distribuiti allinterno dellappezzamento secondo una
sistemazione geometrica che prevede lallestimento di filari paralleli tra i quali si
delineano gli interfilari lungo i quali deve essere reso agevole il passaggio dei macchinari
utilizzati nelle diverse pratiche colturali dalla potatura alla fertilizzazione, dalla
pacciamatura alla raccolta.
Gli schemi di piantagione sono molti a seconda della forma di allevamento e della
densit di impianto. In ogni caso si possono tutti considerare della famiglia dei sesti a
rettangolo cio con le piante disposte ai vertici di un rettangolo;
Attualmente si sono abbandonati gli schemi rigidi preferendo la piantagione continua
in successione, trascurando il geometrico rispetto dellallineamento in tutte le direzioni,
mantenendo fermo quello lungo i filari, sui quali, peraltro, le distanze tra pianta e pianta,
possono essere anche diverse.
Per la scelta del sesto dimpianto, (distanze tra le piante lungo la fila e lampiezza
dellinterfila), sono determinanti:
il vigore vegetativo delle singole piante (dipende dalla specie, dalla cultivar e dal
portainnesto prescelto);
il livello di fertilit del terreno;
il sistema di allevamento adottato;
le condizioni di luminosit ambientale;
le necessit della tecnica colturale, con particolare riguardo per la
meccanizzazione.
La densit dimpianto, per ettaro, pu oscillare tra le 2000 e le 8500 piante/ettaro.

17.1 Parametri di progettazione


Lorientamento ideale dei filari Nord-Sud (dato il migliore sfruttamento della luce) non
sempre possibile, a causa della forma e giacitura che caratterizzano i nostri
appezzamenti. In genere le loro limitate dimensioni, obbligano a realizzare i filari
..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 161

Maines Fernando

parallelamente al lato pi lungo per utilizzare al meglio la superficie a disposizione e


ridurre al minimo i tempi accessori nelle lavorazioni con le macchine e le attrezzature.
Per quanto riguarda le distanze dalle strade e dai confini, valgono le regole contenute
nel Codice civile, che per sono spesso integrate da normative locali come, ad esempio, il
Regolamento comunale per la disciplina delle coltivazioni agricole e piantagioni per il
transito lungo le strade comunali ad uso agricolo5.

17.2 Fasi operative


Una volta stabilite le distanze dai confini (in seguito a verifica delle disposizioni in
materia da parte dellAmministrazione comunale di competenza e previo accordo con i
proprietari confinanti), possibile avviare la squadratura dellappezzamento attraverso
modalit diverse a seconda della strumentazione a disposizione:
cordella metrica;
squadri agrimensorio, graduato, a prismi, ;
laser, sensori, GPS.
Si traccia sul terreno il primo allineamento parallelo al lato pi lungo alla distanza
prefissata dal confine, mediante il posizionamento di due picchetti alle estremit. Se la sua
lunghezza superasse la misura della corda metrica si inseriranno, lungo lallineamento,
altri picchetti entro lo sviluppo della corda.
Successivamente dovr costruire il rettangolo pi ampio possibile in funzione della
configurazione della particella. Individuato un punto sul primo filare, che diventer il
primo vertice del rettangolo gi descritto, con lausilio della corda metrica costruir un
angolo retto applicando il teorema di Pitagora.

Questa operazione sar ripetuta, allaltra estremit del primo filare, in corrispondenza
del secondo vertice del rettangolo. Ora, lungo i due allineamenti retti posti alle estremit
del primo filare, si riporteranno le distanze precedentemente stabilite tra le file
dellimpianto (interfila). Sul primo e sullultimo filare si segnaler, con appositi picchetti,
la posizione che assumeranno i pali di sostegno secondo un sesto adeguato alla

5 Art. 3 Distanze dalle strade comunali:


Lungo le strade comunali, la distanza da mantenere dal ciglio della strada, per gli impianti con porta innesto
debole, non potr essere inferiore a metri 1,5 (uno e mezzo).
Lungo le strade comunali, la distanza da mantenere dal ciglio della strada per gli impianti con porta innesto forte,
non potr essere inferiore a metri 3 (tre).
E obbligo del proprietario del fondo evitare che piante o rami invadano la proiezione della sede stradale.
Per le siepi, come previsto dallart. 892, comma 3, del Codice Civile, la distanza da mantenere dal ciglio stradale
di metri 0,50.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 162

Maines Fernando

piantagione, e traguardando con laiuto di alcuni collaboratori, si inseriranno i punti


corrispondenti lungo tutti i filari.

Si proceder secondo questo schema fin tanto che lintera superficie coltivata risulta
picchettata anche lungo gli spezzoni che oltrepassano il rettangolo base.

Per assicurare una veloce e sicura collocazione delle piante lungo i filari si suggerisce di
utilizzare un filo avvolto a matassa su due chiodi disposti alla distanza stabilita. Con un
colore spray si marcano le interdistanze in modo da avere a disposizione un comodo
supporto per la messa a dimora delle piante. Evitare di riportare lo spazio tra un albero e
laltro con un bastone, perch ad ogni riporto c il concreto rischio di commettere uno
sbaglio anche piccolo, ma attraverso repliche successive lerrore pu assumere consistenza
intollerabile.
Con il progresso tecnico e tecnologico di settore possibile effettuare
contemporaneamente la squadratura dellappezzamento e la messa a dimora di piantine e
barbatelle in modo impeccabile grazie a laser, sensori, GPS. In ogni caso lazione
delluomo rimane determinante nella progettazione e nella realizzazione di un moderno
arboreto.

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 163

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010

Elementi di meccanica agraria

pag. 164

Maines Fernando

..................
Classe III^S

Istituto Agrario S. Michele a/A

a.sc. 2009/2010