Sei sulla pagina 1di 7

Emittente TV

VIDEO

Canale 286

Canale 678

Quotidiano della Provincia di Siracusa

Sicilia

66

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
sabato 19 marzo 2016 Anno XXix N. 67 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00
www.libertasicilia.it

Nel bunker di nuova costruzione di viale Epipoli sono operativi tutti i macchinari

Attivo il servizio
di Radioterapia
Per il territorio siracusano si tratta di un momento storico
A

FOCUS

A Noto aperto
il Museo del mare
e Siracusa aspetta
di Salvatore Maiorca

Una

La sentenza emessa ieri mattina

Omicidio Romano
Ergastolo
per Mazzarella

politica

l via a Siracusa il Servizio di Radioterapia nellarea


dellospedale Rizza realizzato con i Fondi europei Po
Fesr 2007-2013 e con il contributo del Fondo Sociale Ex
Eternit per le attrezzature
complementari. Dopo listituzione della Pet/Tcallospedale Umberto I di Siracusa
la scorsa settimana, la provincia aretusea supera un
gap storico con lattivazione
di questo importante servizio
di Radioterapia. Ieri mattina il
direttore generale dellAsp di
Siracusa Salvatore Brugaletta ha fatto gli onori di casa.

uali atti sono stati compiuti ai fini della realizzazione


delle opere di depurazione
dei reflui nella citt di Augusta
e quali siano i tempi previsti
per il loro completamento, visto che ogni ritardo nel merito
mantiene la procedura di infrazione europea.

Processo Liberante Romano, la Corte dassise di Siracusa dopo


due ore e mezzo di camera di consiglio, ha emesso sentenza di
condanna allergastolo a carico del siracusano Pasqualino Mazzarella, ritenuto coinvolto nellomicidio dellesponente del clan BottaroAttanasio, ucciso il 25 maggio 2002 e il cui cadavere carbonizzato.

A pagina quattro

A pagina tre

A pagina cinque

A quando
il depuratore
di Augusta?
Q

nuova istituzione a
Noto ormai realt: il Museo del mare, voluto dal
sindaco Corrado Bonfanti e allestito da Edoardo
Bruni, archeologo romano,
che ne il direttore, nella
ex caserma della Guardia
di finanza in contrada Calabernardo, sul mare. Invece per il Museo del mare
di Siracusa, che dovrebbe
essere allestito nella tonnara di Santa Panagia e
nella vicina ex casermetta
della Guardia di finanza ed
atteso da decenni, lattesa non finisce mai. Grazie
alla indifferenza della politica di questa citt.

ontinua il braccio di ferro


tra la circoscrizione Ortigia e
l'amministrazione comunale, oggetto del contendere,
nuovamente la spiaggetta.

ono state rigettate dal tribunale di Catania, sezione


specializzata Imprese, le domande riproposte dalla curatela del fallimento.

nche le societ partecipate del Comune vedranno


un'ulteriore rivisitazione rispetto all'azione di contenimento e razionalizzazione
della spesa gi avviata nel
corso di questo mandato. In
attuazione delle norme contenute nella legge di stabilit
dello scorso anno.

A pagina due

A pagina tre

A pagina cinque

A pagina tre

Ortigia

Calarossa
La diatriba
continua
C

cronaca

Rigettata la richiesta
di Sai8 risarcimento
milionario dai comuni
S

Anci, un risultato positivo


l'assistenza anziani e bambini
A

Focus 2
di Salvatore Maiorca

Una

nuova istituzione a Noto ormai realt: il Museo


del mare, voluto dal
sindaco
Corrado
Bonfanti e allestito
da Edoardo Bruni,
archeologo romano,
che ne il direttore,
nella ex caserma della Guardia di finanza
in contrada Calabernardo, sul mare. Invece per il Museo del
mare di Siracusa, che
dovrebbe essere allestito nella tonnara di
Santa Panagia e nella vicina ex casermetta della Guardia di finanza ed atteso da
decenni, lattesa non
finisce mai. Grazie
alla indifferenza della politica di questa
citt. Ma questa citt
non dovrebbe vivere
di turismo? E vabb.
Aspettiamo, gente.
Aspettiamo.
Il Museo del mare di
Noto stato gi presentato al recente
Subinitaly, il salone
delle attivit subacquee, a Roma, dal
sindaco Bonfanti e
dal direttore Edoardo
Bruni. E una nuova
attrattiva si aggiunta alle gi tante e tanto note suggestioni di
Noto e del suo mare,
oltre che del suo barocco. A Siracusa invece si aspetta.
Qui ci sono le condizioni per lavorare
bene e al fianco di
persone che vedono
lontano ha affermato
Edoardo Bruni parlando di Noto ed elogiando il sindaco netino Corrado Bonfanti.
A Siracusa invece si
aspetta. Ringraziamo
per lattesa perpetua
il sindaco di Siracusa
e tutta la classe politica siracusana. Loro
hanno cose pi grandi da fare (magari
dannose per la citt,
ma pi grandi per
loro).
Bruni ha pure istituito un gemellaggio tra
il Museo del mare di
Noto e quello di Santa
Severa, nel Comune
di Santa Marinella (in
provincia di Roma).
E stata predisposta
una bella rete - afferma. - Al Subinitaly ho
radunato tutti i miei
contatti, tra cui il professor Montanari che
un luminare alla
Sapienza di Roma:
lui doveva fare un
progetto a Vendicari e mi ha detto: Sai
che c una similitudine tra Santa Severa

Sicilia 19 marzo 2016, sabato

19 marzo 2016, sabato

In meno di un
anno elaborato il
progetto e pronta la struttura.
Collaborazione
con il museo
di Santa Severa,
nel Comune di
Santa Marinella
Il Museo del mare di
Calabernardo (sotto) e
uno dei reperti esposti

Aperto a Calabernardo
il Museo del mare di Noto
A Siracusa invece si aspetta

Quello di Siracusa dovrebbe essere allestito nella tonnara


di Santa Panagia e nella vicina ex casermetta della Guardia
di finanza. Ma atteso da decenni. E lattesa non finisce mai

Il museo ha il suo book shop. E si sta cercando di allestirvi anche un coffee point. Sia luno che laltro portano
soldi. Intanto a Siracusa la tonnara di Santa Panagia
e la vicina ex casermetta della Finanza aspettano soltanto
di esser consumate dallusura del tempo e dellabbandono
e Noto? Il museo di
Santa Severa allinterno di un castello,
con una bella oasi naturale che ha lo stesso
problema di Vendicari: unoasi a terra ma
non protetta a mare.
Quindi simile come
territorio, come parco
e bene archeologico.
Questa cosa molto
curiosa, tant che mi
ha spinto a pensare

di poter fare il Museo


del mare.
Bruni assicura che
il Museo del mare di
Noto non sar una
struttura statica bens
dinamica, in continua
evoluzione.
Organizzeremo laboratori
con le scuole, - afferma - la mostra Shark
Life sugli squali del
Mediterraneo,
progetti Caretta-Caret-

ta. E anche previsto


un convegno dal titolo Studium maris:
il tema sar il garum
(una salsa di interiora di pesce e pesce
salato che gli antichi
Romani aggiungevano come condimento
a molti primi piatti e
secondi piatti, ndr.)
con il coinvolgimento
di chi lo produce qui;
coinvolger anche un

primario di Diabetologia, che specialista


di Archeologia dellalimentazione e che
parler dellevoluzione delluomo in base
a ci che mangia. Si
chiama Franco Gregorio ed stato allExpo di Milano a parlare
del porco di mare
che il tonno.
Il museo di Calabernardo articolato in
due sale, su due piani. Al piano terra sono
esposti reperti di archeologia navale, testimonianze di Capo
Passero una mostra
delle navi di Santa Severa, che gi stata a
Nizza, a Helsinky, al
Vittoriano di Roma e
altrove, e ora rester
a Calabernardo fino al
prossimo novembre.
Altre mostre si susseguiranno assicura Bruni. Questo
devessere un centro
dinamico di testimonianza e ricerca sul
mare: su tutto ci che
riguarda il mare.
C inoltre una sala di
malacologia, con una
mostra di conchiglie
donate da Ada Iuvara.
Ma anche per questo settore ci sar un
aggiornamento continuo. E ci sono anche
dei percorsi didattici
esplicativi.
Altri
reperti
sono

esposti al primo piano, dov, fra laltro,


allestito un percorso
dalla sala principale
alla torre di avvistamento. Nel corridoio
campeggia una mostra dellUniversit La
Sapienza di Roma sugli squali. Nella torre
stato installato un
binocolo col quale
possibile
ammirare
il golfo di Noto, lisola di Capo Passero,
perfino Capo Murro di
porco.
Il museo ha il suo
book shop mare. E si
sta cercando di allestirvi anche un coffee
point. Sia luno che
laltro portano soldi,
che servono alla gestione e manutenzione del museo.
Abbiamo elaborato il
progetto e allestito il
museo in meno di un
anno sottolinea con
legittima soddisfazione il direttore Edoardo
Bruni. E abbiamo
anche messo su un
centro di immersioni
turistiche.
In prospettiva ci sono
unampia attivit di divulgazione, una intensa collaborazione con
la Soprintendenza del
mare e con la Soprintendenza di Siracusa
e una ricerca marina
senza interruzione.
Intanto a Siracusa
la tonnara di Santa
Panagia e la vicina
ex casermetta della
Finanza
aspettano
soltanto di esser consumate dallusura del
tempo e dellabbandono.
Questo si fa a Noto.
A Siracusa invece si
aspetta. Si aspetta
un bel Godot. Che
non arriva mai. E dire
che a Siracusa c
un sito naturalmente
vocato per accogliere
il Museo del mare: la
tonnara di Santa Panagia, con la vicina
ex casermetta della
Guardia di finanza.
E sulla tonnara sono
state gi buttate vagonate di soldi: stato
ripristinato il tetto, e
qualche giorno dopo
sono state rubate le
tegole; sono stati rimessi in opera glinfissi, e qualche giorno
dopo non cerano pi.
Uno stanziamento regionale di 4 milioni e
216 mila euro, risalente al 21 giugno 2012,
non ha prodotto utili
effetti.
Ma questa citt non
dovrebbe vivere di
turismo? E vabb.
Aspettiamo,
gente.
Aspettiamo.

regione

A quando ad Augusta
il depuratore?
Interrogazione
Di Marco all'Ars

uali atti sono stati compiuti ai fini


della realizzazione delle opere di depurazione dei reflui nella citt di Augusta
e quali siano i tempi previsti per il loro
completamento, visto che ogni ritardo
nel merito mantiene la procedura di infrazione europea e aggrava di costi la
comunit. E quanto ha chiesto la deputata regionale Marika Cirone Di Marco in uninterrogazione allassessore
allEnergia, Vania Contrafatto, nomina-

Sicilia 3

ta dal governo nazionale Commissaria


per la depurazione.
Con Delibera CIPE 60/2012 sono stati
finanziati 183 interventi relativi al settore del collettamento e della depurazione delle acque in molte regioni tra
le quali anche la Sicilia cui destinata la maggior parte degli stanziamenti, per oltre un miliardo di euro. Tra le
93 opere da realizzare in tutta lIsola,
sono compresi ben 12 interventi nella

SiracusaCity

citt di Augusta, finalizzati a raccogliere e depurare tutti i reflui generati dal


centro citadino, dall'agglomerato urbano di Montetauro, dalla ex frazione di
Brucoli e dalla ex frazione di Agnone
Bagni. Per il suddetto impianto di depurazione previsto uno stanziamento di oltre 30 milioni di euro. Si chiede,
inoltre, quali fondamento abbia la notizia che lallaccio della citt di augusta
al depuratore non risulti percorribile.

Ancisicilia-Autorit di gestione per


lassistenza agli anziani e allinfanzia

Un risultato pi che positivo che eviter


il disimpegno delle risorse e consentir unaccelerazione della spesa ed una semplificazione

Iraggiunto
mportante traguardo
ieri a Roma

durante la riunione tra


lAutorit di gestione dei
fondi PAC (destinati, in
particolare, allassistenza
agli anziani e allinfanzia), lAnci nazionale,
lAnciSicilia e la Regione
Siciliana. Un risultato pi
che positivo che eviter il
disimpegno delle risorse
e consentir unaccelerazione della spesa ed
una semplificazione delle
operazioni di rendicontazione.
In particolare, nel corso
dellincontro presieduto dal Prefetto Silvana
Riccio, cui hanno partecipato, tra gli altri, anche
Maria Antonietta Bullara,
dirigente generale della
Regione Sicilia, e Paolo
Amenta, vice presidente
dellAnciSicilia, si stabilito che, fermo restando la
scadenza del 30 giugno,
le attivit del I Riparto potranno essere prorogate
al 30 agosto e che le
eventuali economie potranno essere rimodulate
nel II Riparto.
Dal 21 marzo, inoltre,
attraverso un nuovo sistema informatico (SANA
2) le operazioni di rendicontazione saranno
semplificate.
Tutto ci spiegano
Leoluca Orlando e Paolo
Amenta, presidente e
vice presidente dellAnciSicilia consentir
unaccelerazione rispetto
al pagamento delle tante
cooperative che hanno
realizzato servizi ma
che attendono da mesi
laccredito dei compensi.
Si , inoltre, deciso
concludono Orlando e
Amenta di avviare
unimportante e strategica attivit di supporto
e formazione nei 55 distretti che, gestita da Anci
nazionale, AnciSicilia e
Regione Sicilia, servir
a rafforzare le capacit
amministrative. Ammontano a 548 milioni di euro
le risorse economiche

finanziate dal Ministero


dellInterno nellambito del Piano di Azione
Coesione Programma
nazionale per i servizi di
cura allinfanzia e agli
anziani ultrasessantacinquenni non autosufficienti.
E un grande risultato
ha affermato il ministro
dellInterno, Angelino
Alfano - perch con
queste risorse gli oltre
200 distretti, capofila dei
1608 Comuni interessati
delle regioni Campania,
Puglia, Calabria e Sicilia,
potranno potenziare i
servizi primari destinati
ad alcune fasce pi
deboli come quelle legate allinfanzia e agli

In foto, un anziano ricorre alle cure di un medico

anziani, in unottica di
partecipazione concreta
dello Stato alla vita dei
territori. Con tali risorse, il
Governo mette in campo,

quindi, interventi aggiuntivi per dare immediato


ristoro alle necessit e
alle urgenze dei cittadini.
Tutti i Piani di intervento

presentati dai Comuni


sono stati esaminati e
valutati ai fini dellammissibilit al finanziamento e,
in particolare, sono stati
approvati 767 progetti
(390 per gli anziani e
377 per linfanzia) per
complessivi 548milioni di
euro di cui 244 milioni per
gli anziani e 304 milioni
relativi allinfanzia.
Per quanto riguarda gli
interventi destinati agli
anziani ultrasessantacinquenni non autosufficienti, le risorse approvate
potranno consentire di
fornire assistenza domiciliare per un numero complessivo di ore superiore
a 13milioni.
Le risorse approvate
interesseranno, inoltre,
servizi relativi a nidi
pubblici e privati per un
numero di posti/bambino
pari a circa 61.900 unit.

La rivendicazione dei sindacati Flai-Cgil e Uila per un incontro risolutore

Richiesta convocazione problematiche


Forestali del Servizio Antincendio

sindacati di categoria Flai-Cgil e Uila-Uil,


ritornano sull'argomento dopo aver inoltrato lo scorso 10 febbraio una comunicazione
al dirigente dellIspettorato Ripartimentale
delle Foreste di Siracusa apposita nota per
una richiesta di incontro, utile per vagliare
e affrontare una serie di problematiche del
comparto Antincendio per lanno in corso e
quindi per lavvio dellanno silvano ed anche per conoscere quanto lIspettorato sta
mettendo in atto nei confronti dei Lavoratori del Servizio Antincendio senza alcuna
interlocuzione e confronto preliminare con
le scriventi, peraltro con gravi ripercussioni
che stanno emergendo nei Comuni della
zona montana tra gli Addetti e le loro famiglie, avuto contezza della probabile volont da parte dellIspettorato a non voler
dialogare con il Sindacato Unitario che
rappresenta i Lavoratori, come dimostra
il mancato riscontro alla Ns. richiesta, essendo i Contratti Ccnl e Cirl chiari in materia di contrattazione tra il datore di lavoro
e le organizzazioni sindacali di categoria e
apparendo la vicenda che qui solleviamo
a Sua Eccellenza evidente nei confronti di
Flai, Fai e Uila, nel senso che si ravvisa

la mancanza di interlocuzione tra le forze


sociali e lIrf sollecitano la disponibilit ad
un incontro formale e ufficiale quindi una
convocazione tra le parti ad opera di Sua
Eccellenza il Prefetto, per analizzare e discutere quanto espresso in premessa, con
i Funzionari Responsabili dellUfficio e\o
delle Unit Operative attualmente in carica, ancorch si ravvisi un intenzionale accanimento di disgregazione e annullamento sociale dei Lavoratori interessati. Questi
comportamenti unilaterali stanno creando
tensioni nei Comuni del siracusano pertanto, non escludendo possibili momenti
di intemperanza tra gli Addetti al Servizio
Antincendio e lIrf, chiediamo di riportare la
discussione nei termini previsti che il buon
senso ci pone.
La presente viene trasmessa, oltre che a
Sua Eccellenza il Prefetto e allIspettore
Ripartimentale delle Foreste, anche a tutti
i Lavoratori Forestali del Servizio Antincendio della provincia per le vie brevi ed
anche, alle Segreterie Regionali di Flai,
Fai e Uila affinch anche loro prendano
cognizione di cosa avviene nella provincia
di Siracusa.

Calarossa
La diatriba
ancora
continua

ontinua il braccio
di ferro tra la circoscrizione Ortigia e
l'amministrazione comunale, oggetto del
contendere,
nuovamente la spiaggetta di
Calarossa ma questa
volta non si parla della
possibilit di costruire
un solarium, ma del
semplice accesso alla
spiaggia.
I consiglieri di circoscrizione,
Salvatore
Gibilisco,
Raffaele
Grienti e il presidente
Salvo Scarso, lamentano come a pochi
giorni dalle festivit Pasquali il cancello della
scala di accesso alla
spiaggia di Calarossa sia ancora chiuso
a causa di un pericolo rappresentato dal
mancato riposizionamento di alcune pedate degli ultimi gradini della scala. Oggi
- commentano i tre - i
gradini non sicuri sono
solamente tre e procura rabbia sapere che
un gruppo di cittadini
virtuosi hanno chiesto
al comune, da oltre
due mesi(prot.866 del
o5.01.2016), di provvedere a proprie cure
e spese alla sistemazione della scala.
Gibilisco, cos come
Grienti si chiedono
perch la richiesta sia
rimasta lettera morta,
senza alcuna risposta
da parte del Comune.
Dal canto suo, il presidente Scarso insieme
a tutta la circoscrizione
preme
l'amministrazione e gli uffici competenti, sottolineando
in pi occasioni limportanza
strategica
della spiaggia che rappresenta lunico parco
naturale del quartiere,
"dove anche in inverno i bambini possono
giocare - affermano i
tre-. Vietare per quasi
tre mesi laccesso alla
spiaggia per banali disattenzioni o peggio
superficialit una
cattiveria gratuita che
non sar mai avallata
dai sottoscritti.

SiracusaCity 4

Sicilia 19 marzo 2016, sabato

19 marzo 2016, sabato

La Radioterapia in citt
da oggi una realt
La nuova struttura si prepara
ad accogliere i pazienti siracusani
in un ambiente professionale

l via a Siracusa il
Servizio di Radioterapia
nellarea dellospedale
Rizza realizzato con i
Fondi europei Po Fesr
2007-2013 e con il contributo del Fondo Sociale
Ex Eternit per le attrezzature complementari.
Dopo listituzione della
Pet/Tcallospedale
Umberto I di Siracusa
la scorsa settimana, la
provincia aretusea supera un gap storico con
lattivazione di questo
importante servizio di
Radioterapia.
Ieri mattina il direttore generale dellAsp di
Siracusa Salvatore Brugaletta ha fatto gli onori
di casa per la cerimonia
di inaugurazione del
Reparto di Radioterapia
ubicato nellarea del presidio ospedaliero di viale
Epipoli 72.
Levento ha visto la presenza di autorit regionali con dellassessore
regionale alla Salute Baldassare Gucciardi e del
presidente nazionale del
Fondo Sociale ex Eternit
Astolfo Di Amato insieme
con le autorit religiose,
civili, politiche e militari,
rappresentanti delle organizzazioni sindacali,
del terzo settore e della sanit. A benedire la
struttura stato larcive-

La

scovo di Siracusa mons.


Salvatore Pappalardo.
Sala dattesa, dotata di
ogni comfort, ma anche
le vetrate d'ingresso
che rendono moderno
il reparto: stato dato
il via questa mattina
l'apertura della Radioterapia
all'ospedale
Rizza di viale Epipoli.
Completati i lavori edili al bunker, sistemato
l'ampio parcheggio che
circonda l'edificio, da
cui si accede da via di
Villa Ortisi, collaudati
tecnicamente sia l'acceleratore lineare, che
servir per le prestazioni di radioterapia, che
la Tac per le diagnosi
dei pazienti, donata dal
Fondo sociale Ex Eternit, con un impegno di
500 mila euro. E proprio
per migliorare le prestazioni di questo moderno
macchinario, il Fondo
sociale ha donato un
puntatore laser, un accessorio che servir per
rendere pi precise le
analisi effettuate dall'apparecchiatura. L'opera
diventata operativa per
tutti i pazienti della provincia che potranno usufruire di queste delicate
prestazioni nella propria
citt e non pi spostarsi
in altri centri come avvenuto finora.

cerimonia di inaugurazione del Centro di radioterapia a Siracusa importante.


Non solo per levento in s, in
quanto implica la disponibilit
da parte della popolazione di
un importante presidio terapeutico. Ma anche perch d
evidenza e porta allattenzione
dellopinione pubblica una storia di uomini di buona volont.
Lutilizzo dellamianto stato
una tragedia per tutti i paesi
del mondo occidentale. Su tale
tragedia si sono costruiti conflitti sociali, e talvolta giudiziari,
che in Italia si sono riversati
soprattutto sul piano penalistico. Conflitti che spesso, al di l
della risonanza mediatica, sono
restati fine a s stessi.
A Siracusa vi stata la felice
convergenza verso un intento
comune: quello di preoccuparsi di una reale assistenza alle
vittime e di dare un contributo
effettivo a tutta la collettivit. Ecco perch lo sbocco del
possibile conflitto tra gli ex dipendenti Eternit ed il Gruppo
Svizzero Eternit, che faceva
capo a Stephan Schmidheiny,
invece che esplodere in una
sterile contrapposizione si
indirizzato verso una proficua
collaborazione.
un risultato che ha portato

Plauso per quanto


fatto, vinta una
battaglia di civilt

Sentenza del tribunale di Catania favorevole a 11 comuni

In una nota lOrdine dei Medici


di Siracusa accoglie con favore
linaugurazione Radioterapia

La stessa societ aveva chiesto la condanna dei comuni


al risarcimento dei danni per un ammontare di 20 milioni di euro

L
a notizia della inaugurazione della Radioterapia a Siracusa viene accolta con grande favore

In foto, lingresso del Servizio di Radioterapia.

Breve riepilogo

Il Fondo Sociale ex Eternit nasce intorno al 2008 in seguito


alla disponibilit da parte della societ svizzera BECON AG,
pur non essendo direttamente responsabile perch costituitasi solo nel 1997, alle richieste dei lavoratori e alla famiglie
degli operai morti. Si tratta di una lunga ed impegnativa battaglia che vede un altrettanto importante risultato da parte degli
operai e dei legali dopo circa venti anni.
Limporto complessivo messo a disposizione stato di
8.750.000 (ottomilionisettecentocinquantamila) e di questo importo oltre un milione destinato ad iniziative sociali
nellambito della comunit di Siracusa, iniziative che, in parte,
sono state gi realizzate e di cui linaugurazione della radioterapia costituisce un momento centrale.
Il Fondo Sociale ex Eternit presieduto dal legale di fiducia
di Shmidaney l'avvocato Astolfo D'Amato e dagli avvocati Ezechia Paolo Reale e Silvio Aliffi, in rappresentanza dei
lavoratori. La maggiore donazione stata quella garantita
all'azienda sanitaria provinciale di Siracusa con un assegno
di 500mila euro per l'acquisto di macchinari di supporto al
Servizio di Radioterapia. La cerimonia di donazione avviene
nel febbraio 2014.
Ancora prima alla Lilt stato donato un mammografo e per
la Ciao onlus due autovetture. Interventi, dunque, indirizzati
al settore oncologico. E stato, inoltre, garantito un anno di
affitto locali e la rete informatica alla Oltre onlus.

dallOrdine dei Medici di Siracusa che, come


noto, ha fatto di questo argomento una propria
battaglia.
Si tratta in realt di una vera battaglia di civilt - dichiara il presidente dellOrdine dei Medici
Anselmo Madeddu - che stata vinta da tutto un
territorio che ci ha creduto da tempo e che si
battuto per questo. Si colma cos un gap storico
importante che allinea la provincia di Siracusa a
standard sanitari finalmente adeguati ai bisogni
della popolazione, specie in una provincia, come
questa, da anni caratterizzata da una particolare
incidenza dei tumori e da una forte mobilit sanitaria oncologica.
Un plauso ed un sentito ringraziamento, dunque
al Governo Regionale, al Presidente e allAssessore alla Salute, ma anche un plauso al Direttore
Generale dellASP Salvatore Brugaletta. Ma un
ringraziamento va anche a coloro che li hanno
preceduti nella realizzazione di questo sogno,
alle forze politiche, e alle istituzioni tutte che si
sono spese davvero tanto per questo progetto,
con un particolare riferimento anche alla Associazione dei familiari delle vittime dellamianto.
Siamo certi che questa sar una tappa di avvicinamento della sanit siracusana a standard di
assoluta eccellenza.
Sentirsi pienamente utili alla comunit in cui
si vive. Sono proprio questi momenti che restituiscono per intero il senso pi autentico della
missione connessa alla professione medica. Da
presidente dellOrdine devo dire che, se lorgoglio, ben canalizzato, pu diventare una importante molla psicologica nella tensione verso il
miglioramento di se stessi, allora vorremmo veramente risvegliare in tutti noi lorgoglio di essere
Siracusani, figli di una civilt millenaria, unitamente a quello di appartenere ad una categoria
che, se ispirata dalla vocazione e dal pi profondo senso di umanit, ha il privilegio di esercitare
una delle pi belle professioni del Mondo.

Sulleventounadichiarazione
Radioterapia, dichiarazione
Ezechia Paolo Reale
del prof. avv. Astolfo Di Amato dellavv.
Il Legale siracusano Componente del Comitato
Presidente del Comitato di distribuzione Fondo Eternit
e avvocato del dott. Stephan Schmidheiny

In foto, il Presidente, prof. avv. Astolfo Di Amato.


frutti positivi a tutti e che testimonia, ancora una volta, che la
ricerca del bene comune non
passa attraverso un inutile disconoscimento delle ragioni
degli altri, ma attraverso la ricerca di punti di convergenza
alimentata dalla volont di costruire e non di distruggere.
Vorrei ringraziare tutti voi - an-

che a nome di Becon - per lo


spirito costruttivo e per la volont di trovare delle giuste soluzioni. Desidero esprimere un
ringraziamento speciale allAvv.
Reale e allAvv. Aliffi, che stanno dedicando molto tempo a
costruire un futuro migliore per
questa comunit. un onore lavorare con persone cos.

di distribuzione Fondo sociale ex-Eternit


Q

uesta del servizio di Radioterapia una bellissima


conquista per la citt. Noi del
Fondo sociale ex-Eternit siamo estremamente contenti
di dare ai cittadini siracusani
una possibilit che per tanto
tempo mancata.
Non vogliamo oggi parlare di
risarcimento ma di una collettivit che rinasce da un momento negativo con un fiore
di speranza verso il futuro.
Questo momento voglio dedicarlo a tutti quelli che hanno
lavorato per questo ma, principalmente, a tutti gli operai
deceduti o ammalati, ai lavoratori ex-Eternit che, avendo
partecipato alle attivit del
Fondo sociale, hanno consentito alla citt di ottenere
questo risultato. un loro regalo alla citt e dobbiamo ringraziarli in modo particolare
per questo. Tra tutti ne voglio

Lavv.Ezechia Paolo Reale

ricordare uno, Antonio Lena,


che deceduto per asbestosi
dopo aver iniziato questa lunga attivit e per tanto tempo
stato il leader carismatico
di queste persone che restano oscure ma che, in realt,
sono i veri protagonisti di
questa giornata.

Sicilia 5

SiracusaCity

Rigettata la richiesta di Sai8


al risarcimento milionario
S

ono state rigettate dal tribunale di Catania, sezione specializzata Imprese, le


domande riproposte dalla curatela del fallimento della Sai 8, la societ che gestiva
il servizio idrico integrato in provincia di
Siracusa, e dalla Sds, quale detentrice di
quote della SAI 8, nei confronti dellAto
idrico, nonch degli undici comuni che non
avevano consegnato gli impianti idrici alla
Sai 8, i relativi sindaci e i dirigenti, citati in
giudizio con una corposa richiesta di risarcimento danni. In particolare la SAI 8, ed
il relativo giudizio era stato riassunto dalla
curatela fallimentare, aveva citato in causa
il consorzio Ato idrico, lassessorato regionale dellEnergia, i comuni di Carlentini,
Ferla, Melilli, Palazzolo Acreide, Rosolini,
Avola, Cassaro, Buscemi, Canicattini Bagni, Sortino, Francofonte e i relativi sindaci
e dirigenti tecnici.
Nelle cinquantatre pagine di cui si compone la sentenza, il tribunale ha accolto, nei
fatti, leccezione formulata dalle difese dei
convenuti della nullit del contratto stipulato con Sai 8, condannando la stessa al
pagamento delle spese processuali.
La vicenda trae spunto dallaffidamento
nel 2008 della gestione del servizio idrico
integrato alla Sai 8 per superare la frammentazione delle gestioni precedenti. La
stessa societ aveva chiesto la condanna
degli enti al risarcimento dei danni per un
ammontare di 20 milioni di euro per quanto

riguarda la perdita del valore della quota


di partecipazione nel capitale di Sai 8; di
28 milioni per quanto riguarda il mancato utile per lesecuzione dei lavori di cui
al piano dambito. In particolare le parti
attrici avevevano poggiato la domanda
sullerronea determinazione della tariffa
iniziale, che aveva poi determinato ripercussioni anche negli esercizi successivi,
deducendo altres la nullit della clausola con cui stato determinato il canone
di concessione. Per la ricorrente, il consorzio Ato idrico non avrebbe attivato il
meccanismo di revisione tariffaria. La Sai
8 ha insistito poi sullobbligo contrattuale
da parte di tutti i comuni aderenti allAto
idrico di consegnare gli impianti, arrecando danni al gestore consistenti, tra le altre
cose, nellaggravio dei costi fissi per il personale e di struttura non compensati dai
ricavi di tariffa. Nel motivare la sentenza, il
collegio, invece, ha ritenuto insussistenti i
presupposti previsti dalla legge per configurare la responsabilit del consorzio Ato,
ritenendo erronee le argomentazioni delle
parti attrici secondo le quali Sai 8 sarebbe stata soggetta al controllo esterno da
parte del consorzio. E una decisione
favorevole di enorme importanza spiega lavvocato Paolo Blanco, che in questa
vocenda giudiziaria ha assistito il comune
di Avola che pone sindaci, dirigenti e comuni al riparo da ogni pretesa.

La sentenza emessa ieri mattina

Omicidio Liberante Romano


ergastolo per Mazzarella
P

rocesso Liberante Romano, la Corte dassise di Siracusa dopo due ore e mezzo di camera
di consiglio, ha emesso sentenza di condanna
allergastolo a carico del siracusano Pasqualino Mazzarella, ritenuto coinvolto nellomicidio
dellesponente del clan Bottaro-Attanasio, ucciso
il 25 maggio 2002 e il cui cadavere carbonizzato
stato rinvenuto nel cofano della sua Ford Focus, due giorni dopo nelle campagne di contrada
Gallina nel territorio di Avola. I giudici hanno
accolto la richiesta avanzata dal pubblico ministero Andrea Ursino, della direzione distrettuale
antimafia, il quale aveva concluso la requisitoria
sollecitando la condanna al carcere a vita nei
confronti dellimputato.
La corte dassise ha inflitto la condanna allisolamento diurno per la durata di due mesi, linterdizione perpetua dai pubblici uffici e ha anche
ordinato che, dopo lesecuzione della pena, Mazzarella venga sottoposto alla libert vigilata per
un periodo non inferiore a tre anni.
Il processo ruota attorno alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, in particolare quelle
di Salvatore Lombardo il quale, pur non essendo
stato testimone oculare dell'omicidio, ha riferito il
racconto che gli avrebbe fatto Pasqualino Mazzarella. Il collaboratore di giustizia ha riferito che
il 25 maggio 2002, Liberante Romano, dopo aver
pranzato, prese in prestito lauto della moglie per
dirigersi a Fontane Bianche. All'altezza del bar
Agip di Corso Gelone, avrebbe incontrato Francesco Toscano, e, dopo avergli chiesto di fargli
compagnia, si recato in una villa della zona balneare dove aveva appuntamento con Calabr,
Calabrese e Mazzarella. Seduti attorno a un tavolo, Calabr dalla tasca avrebbe prelevato una

A sinistra Liberante Romano e Pasqualino Mazzarella


mazzetta di banconote, consegnandola a Romano, denaro che gli sarebbe servito per darsi alla
macchia, visto che era imminente la sentenza di
condanna definitiva a sette anni di reclusione,
inflitta dalla corte d'assise di Siracusa, poi confermata in appello e in attesa di conferma dalla
corte di cassazione. Mentre la vittima contava il
denaro, Calabrese, con una scusa avrebbe preso in cucina una pistola, esplodendo alla testa
di Romano due colpi. Dopo l'omicidio, Calabr e
Calabrese avrebbero lasciato la villa, mentre rimanevano Mazzarella e Fiorino (la cui posizione
stata archiviata), i quali, a dire del collaboratore
di giustizia, si sarebbero occupati di pulire tavolo
e muri dalle macchie di sangue, di avvolgere in
un tappeto il corpo di Romano e di adagiarlo nel
cofano della Ford Focus. L'indomani, domenica
26 maggio, i due sarebbero tornati in quella zona,
per versare nell'abitacolo della vettura della benzina e appiccare il fuoco. L'auto con il cadavere carbonizzato della vittima, stata rinvenuta
il luned mattina 27 maggio da un pastore che
conduceva il gregge al pascolo. Le dichiarazioni
di Salvatore Lombardo sono state confermate,
ma con alcuni distinguo, da Attilio Pandolfino.
Lavv. Antonio Lo Iacono, che difende limputato,
ha gi preannunciato ricorso in appello perch a
suo giudizio vi sarebbero molti elementi a favore
della difesa non opportunamente valutati dai giudici.

In foto, Adelfio Pulia.

Ad Avola denunciato un giovane in possesso di coltello

La polizia denuncia 4 persone


Lentini eseguito ordine carcerazione

genti della Polizia di Stato, in servizio alle Volanti


della Questura di Siracusa, nellambito dei quotidiani
controlli a coloro che in citt sono sottoposti a misure
restrittive della libert personale, hanno denunciato
quattro persone per inosservanza a dette misure.
A Lentini nel pomeriggio di ieri, nellambito delloperazione di Polizia denominata Trinacria, Agenti in
servizio al Commissariato unitamente ai colleghi del
Reparto Prevenzione Crimine, hanno eseguito un
servizio straordinario di controllo del territorio, eseguendo, altres, un ordine di carcerazione, emesso
dal Tribunale di Siracusa, nei confronti di Adelfio Pulia
29 anni, lentinese. Luomo dovr scontare una pena
residua di 2 anni, 1 mesi e giorni 2 di reclusione, per
i reati di rapina aggravata in concorso e possesso di
arma clandestina, nonch di evasione, commessi tra
il 2013 ed il 2015.
Sempre a Lentini gli agenti del Commissariato hanno
denunciato 2 persone S.S. 45 anni, di Lentini, per il reato di minacce gravi nei confronti di alcuni dipendenti
di un supermercato e S.C. 26 anni, anchegli lentinese, gi noto alle forze di polizia, per il reato di ricettazione di un cellulare.
Ad Avola nella serata di ieri, nellambito delloperazione di Polizia denominata Trinacria, gli agenti in
servizio al Commissariato, unitamente ai colleghi del
Reparto Prevenzione Crimine di Catania, hanno eseguito un servizio un servizio straordinario di controllo
del territorio. Nellambito dei controlli stato denunciato un giovane B.D. 22 anni, di Avola, per il reato di
porto di oggetti atti ad offendere, coltello a serramanico della lunghezza complessiva di cm 21,5 con lama
a punta.

Siracusa non smart?


Ancora lacune in citt

Nella classifica delle citt "pi intelligenti" d'Italia,

basato sui servizi che servono a migliorare la qualit


della vita dei cittadini e quindi sullo sviluppo di reti e
infrastrutture smart delle citt italiane, misurandone la
capacit di innovare e offrire servizi di qualit ai cittadini, Siracusa posizionata purtroppo all89 posto lo
afferma il consigliere Sorbello -.
Il rapporto Ernst & Young "Smart city index" ha analizzato, in tutte le citt capoluogo, ben 470 indicatori
(tra cui servizi, infrastrutture, scuola, turismo, mobilit
pubblica e privata), e la nostra citt posizionata nella
terza ed ultima fascia.
Dopo tanto parlare di iniziative smart, con semafori
che hanno peggiorato la situazione, refezione e asili
nido con mille problematiche e cos via, i dati imparziali
bocciano purtroppo la nostra citt. Mi sembra quindi,
oggi pi che mai, il momento di lavorare davvero per
una Siracusa con qualit della vita crescente e a costi
sostenibili.
in flagranza nel settembre 2001 dai Carabinieri di
Pachino; 1 per il reato di furto con strappo consumato
nellaprile 2005 e per il quale era stato tratto in arresto
in flagranza dagli stessi militari; 1 per furto aggravato
commesso nel settembre 2009 a Portopalo di Capo
Passero. Espletate le formalit di rito, larrestato stato
tradotto presso la casa circondariale Cavadonna di
Siracusa a disposizione dellAutorit Giudiziaria.

Nel

Siracusano 6

Sicilia 19 MARZO 2016, SABATO

19 MARZO 2016, SABATO

La cerimonia
stata impreziosita dalla
presenza della
nota attrice
Giuliana Accolla
che ha letto alcune pagine del
libro evocando
un caleidoscopio con chiara
e professionale
espressivit
A sinistra, Concetto Scandurra;
Sotto Salvo Adorno

Applausi e consensi al libro di Concetto Scandurra


Cunti, ntisi diri e curtigghiarati

Con

una attenta e
coinvolgente
disamina da parte del
prof. Salvo Adorno, ha avuto luogo
la presentazione del
nuovo libro di Concetto Scandurra intitolato Cunti, ntisi
diri e curtigghiarati.
Un pubblico numeroso accorso partecipando allavvenimento e affollando la
sede della Provincia
in via Brenta. Adorno, ben noto come
studioso e ricercatore
culturale del territorio, ha esposto con
lineare chiarezza i
pregi letterari del libro, addentrandosi
nei vari capitoli cos
ricchi di reminiscenze e di coloriti personaggi, tratteggiando
sociologicamente i
periodi storici vissuti dalla citt nella
descrizione di Scandurra. Un mondo del
quale si stanno perdendo le tracce rivive nel libro di Scandurra, quel mondo
brulicante di vita che
larrembante tecnologia sta relegando nel
dimenticatoio. Rivivono con palpitante
immediatezza usi e
costumi, figure irripetibili, avvenimenti

Un pubblico numeroso accorso partecipando allavvenimento


e affollando la sede della Provincia in via Brenta
storici, fatti che hanno segnato tradizioni
consacrate nel tempo,
gli autarchici giochi
dei bambini, le osterie frequentate da una
umanit che consumava lesistenza nella diuturna fatica del
lavoro. La cerimonia
stata impreziosita
dalla presenza della
nota attrice Giuliana
Accolla che ha letto alcune pagine del

In occasione della Festa del Pap


di oggi, ritornano nella Biblioteca
comunale
G. Agnello di
Canicattini
Bagni, diretta dalla
Dottoressa Paola
Capp, Diri-gente
del 6 Settore, le
iniziative di Nati
per Leggere.
La Biblioteca infatti oggi pomeriggio dalle ore 17:00
ospiter
Pap,
leggimi una storia!, il progetto di
promozione della
lettura riservato ai
bambini dai 4 ai 6
anni.
Le Volontarie di

libro evocando un
caleidoscopio
con
chiara e professionale
espressivit. Gradevole il supporto musicale di flauto, chitarra
e voce di tre giovani
esecutori. Al termine
il prof. Scandurra, visibilmente commosso
per la festosa presenza di tanto pubblico,
ha ringraziato il prof.
Adorno, la signora
Accolla, i tre musicisti, lasciando parole
di commiato da parte
delleditore Morrone
Alfor

Biblioteca di Canicattini Bagni in occasione della pesta del pap

Pap, leggimi una storia!


Appuntamento con la lettura

Nati per Leggere


e non solo, leggeranno ad alta voce,
pertanto, alcu-ne
delle tante storie
delle letteratura per
linfanzia.
A leggere ci sar
anche il Vice Sindaco, Pietro Savarino, che ha accolto
con entusia-smo
linvito di Nati per
Leggere, e la storia
che ha scelto Il
Gatto e il Pesce di
Andr Dahan.

Lindividuo
come maschera
versus la realt
della persona

ggi la gente ti giudica


per qualche immagine hai,
vede soltanto le maschere
non sa nemmeno di chi
sei. Tutti i ragazzi conoscono questo incipit della
canzonetta di Mengoni
Credo negli esseri umani. Corrisponde a verit.
In giro ci sono milioni di
maschere e pochissimi volti, ricordate Pirandello. La
maschera ricorrente, la pi
diffusa quella dellindividuolindividuo come
maschera, messa addosso
alla faccia della persona,
per nascondere il suo vero
volto. Da qui, anzitutto, la
gente non sa chi sei (=la
realt che sei tu, cio una
persona umana). E tutto
in funzione del grande
burattinaio, del suo lavoro
sporco. Pi individui ha tra
le mani, pi riesce a orientarli, nella stessa direzione,
con la sua regia. Tanto meglio se gli individui sono
isolati attraverso la maschera dei socialnetwork
che regala loro la sensazione di essere connessi,
cio in collegamento (in
qualche modo, formando una sorta di comunit
virtuale che pur evoca la
realt vera che sono, cio
persone e non individui),
cos costruendo la trappola
della irrealt apparente (la
scena globale dellunico
mondo degli inebetiti e degli eterodiretti delle societ
liquide dellipermercato).
Nella visione di questalienante paese dei balocchi,
verrebbe quasi da gridare:
fortunato chi non ha soldi
e viene scartato da questo
gioco nero del grande burattinaio. Esiste un modo
per rivoltarsi e resistere al
degrado dellindividualismo nei rapporti umani:
esercitare la potenza della persona che consiste
nellamare, nello stringere
rapporti di affetto (anche
unilaterali e incondizionati) nei quali sviluppare
la forza della relazione
(la persona--relazione,
lindividuo--contrapposizione) nelle tante forme
della vicinanza al dolore di
fratelli malati, della solidariet verso gli immiseriti,
nella lotta per la giustizia
vera, per la dignit umana
di tutti, per i diritti personali (e non individuali, che
non esistono in natura, ma
solo costruzioni mentali
del grande burattinaio).
donTonino

TRIBUNALE DI SIRACUSA

Sicilia 7

Aste Giudiziarie

PROSSIMA INSERZIONE:

26/03/2016

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI www.astetribunale.com


TRIBUNALE DI SIRACUSA

Sezione fallimenti
AVVISO DI VENDITA FALLIMENTO N 81/91 Si
rende noto che il Giudice Delegato Dr. S. Cassaniti
il 6 maggio 2016 le ore 12,00 presso il Tribunale
di Siracusa sez- fall. 3 piano aula ordinarie ,
vender senza incanto il seguente bene:
- Immobile sito in Ferla via Pestalozzi n1 angolo
via Papa Giovanni XXIII, piano terra e primo piano
. N.C.E.U. del Comune di Ferla al fg. 32 p.lla 1595.
Limmobile viene venduto nello stato di fatto e diritto
in cui si trova, senza garanzia da parte della massa
dei creditori con tutte le accessioni, pertinenze,
servit attive e passive. Prezzo base 116.500,00.
Minima offerta in aumento di 2.000,00.
Lofferta in busta chiusa dovranno presentarsi
entro e non oltre il 5.5.2016 ore 12,00 presso
la cancelleria del Giudice della sezione
fallimentare , dovranno contenere una
dichiarazione in bollo contenente, a pena di
inefficacia, lindicazione del prezzo, del tempo
e del modo di pagamento e copia di valido
documento di identit o valida documentazione
comprovante i poteri e la legittimazione, se
necessario (es. procura speciale o certificato
camerale), oltre che, in caso di persone fisiche, il
regime patrimoniale dellofferente. Lofferta, da
ritenersi irrevocabile, non efficace se perviene
oltre il termine stabilito, se inferiore di oltre
un quarto al prezzo sopra determinato, se non
accompagnata da un deposito per spese pari
al 20% del prezzo offerto e al 10% a titolo di
cauzione a mezzo n2 assegni circolari N.T.
intestati alla curatela con indicazione numerica
della procedura. I predetti assegni dovranno
essere inseriti nella busta chiusa contenente
lofferta. Entro il termine massimo di centoventi
giorni dallaggiudicazione, laggiudicatario dovr
versare la differenza prezzo, dedotta cauzione, con
le stesse modalit di cui sopra , pena decadenza e
confisca cauzione. Tutte le spese comprese quelle
di pubblicit della presente ordinanza saranno a
carico dellaggiudicatario, le spese di cancellazione
delle ipoteche e delle altre formalit sanno a carico
della curatela. Esame del bando di vendita e perizia
sul sito www.astegiudiziarie.it. Maggiori info presso
il curatore tel.0931 414115 e sul sito internet: www.
astegiudiziarie.it, www.tribunale.siracusa.it
Siracusa il 1.3.2016

IL CANCELLIERE
Dr. Renato Chinig

INSERZIONI GRATUITE

CERCO LAVORO
DIPLOMATA 35enne
residente in Siracusa
con esperienza cerca
lavoro come segretaria
Tel. 392/6004182
DIPLOMATO geometra
30enne, in possesso di
patente C - D - K e CQC,
con diverse esperienze
lavorative soprattutto nel
settore trasporti e viaggi turismo, valuterebbe
offerte di lavoro presso
serie aziende di trasporti.
Massima seriet e professionalit. Referenziato. Astenersi perditempo
Tel. 320/6563766
DIPLOMATO geometra, 20enne, padre di
una piccola bambina
cerca qualsiasi tipo di
lavoro purch serio Tel.
0931/756554 chiedere
di Gianluca
DISPONIBILE tutto fare,
giardiniere, lavapiatti,
pulizie abitazioni, alber-

ghi, scale condominiali,


badante, guardiano. Disponibile in qualsiasi momento Tel. 366/5918932
OPERATORE informatico con certificazione Ecdl
cerca lavoro in qualsiasi
settore Tel. 328/3217501
RAGAZZA cerca lavoro
per volantinaggio, pulizie
uffici, assistenza anziani,
solo donne. No perditempo Tel. 339/4620974
RAGAZZA 35enne residente in Siracusa con
esperienza cerca lavoro
come commessa Tel.
392/6004182
RAGAZZO serio con
buona volont cerca
lavoro come magazziniere o supermercato,
carrozzeria e imprese di
pulizia, lavapiatti o aiuto
chef Tel. 347/4092546
RAGAZZO magazziniere
con esperienza lavorativa nel campo degli elettrodomestici cerca lavoro

TRIBUNALE CIVILE DI SIRACUSA

AVVISO DI VENDITA ex art. 570 cpc


PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE n. 287/98 REI
LAvv. Davide ADORNO, con studio in Siracusa,
nella Via Europa 26 (davide.adorno@cert.ordineavvocatisr.it), professionista delegato ai sensi
dellart. 591 bis c.p.c. dal G.E., giusta sue ordinanze del 21/02/12 e 14/01/16,
AVVISA
che presso il proprio studio (o altra sede da designarsi), in data 21/05/16, alle ore 13,00 e seguenti, si venderanno senza incanto e con offerta
ai sensi dellart. 571 cpc, i seguenti immobili:
LOTTO 1
Casaterrana per uso abitativo in Palazzolo
Acreide, Via Galeno 50 (A/6, cl. 2^, 2,5 vani) e
Via Galeno 52 (A/5, cl. 2^, 1,5 vani) al NCEU,
fg. 73, p.lle 786-787, inagibile ed in stato di
degrado ed abbandono.
PREZZO BASE (ribassato): 11.727,00
- OFFERTA MINIMA, a pena di inefficacia della
stessa ai sensi dellart. 571 c.p.c.: 8.795,25
AUMENTO MINIMO per lipotesi di gara ex
art. 573 cpc: 600,00.
LOTTO 2
Casa terranaper uso abitativo in Palazzolo
Acreide, Via Giardinello 1-3 (A/5, cl. 3^, 2
vani), al NCEU, partita 1000173, fg. 73, p.lle
790 e 791. Sono necessari importanti interventi di manutenzione.
PREZZO BASE (ribassato): 11.891,25
OFFERTA MINIMA, a pena di inefficacia della
stessa ai sensi dellart. 571 c.p.c.: 8.918,44 AUMENTO MINIMO per lipotesi di gara ex art.
573 cpc: 600,00.
Gli immobili sono posti in vendita nello stato di
fatto e diritto in cui si trovano, come descritto nella
perizia in atti.
Lofferta, non inferiore di oltre un quarto rispetto
al prezzo base di vendita, va presentata con
dichiarazione in bollo ( 16,00), recante le
indicazioni del tempo e modo di pagamento,
nonch ogni informazione utile alla valutazione,
da depositarsi, entro e non oltre le ore 18:00
del giorno precedente, non festivo, alla data
di vendita, in busta chiusa contenente valido
documento didentit e cod. fisc., nonch due
assegni circolari non trasferibili, di cui uno pari
al 10% (a titolo di cauzione) del prezzo offerto e
laltro pari al 20% per le spese, intestati ad Avv.
Davide Adorno. Lofferta irrevocabile, salvo che
sia disposto lincanto e comunque qualora non
sia accolta entro 120 gg. dalla presentazione.
Qualora vi siano pi offerte valide, si proceder
a gara ex art. 573 cpc sulla base dellofferta
pi alta ed il bene verr aggiudicato a chi avr
effettuato laumento pi alto. Laggiudicatario
dovr depositare il saldo del prezzo di aggiudicazione, dedotta la sola cauzione versata,
nonch leventuale integrazione del deposito
per spese se richiesto e - qualora necessario il
certificato di destinazione urbanistica in corso di
validit relativo allimmobile aggiudicato, entro il
termine perentorio di 120 gg. dallaggiudicazione, pena la revoca della stessa e la perdita
della cauzione ex art. 587 cpc. Tutte le spese
connesse e successive al decreto sono a carico
dellaggiudicatario. Ulteriori informazioni presso il
professionista delegato (339.4123394 - davide.
adorno@cert.ordineavvocatisr.it).
Su www.astegiudiziarie.it sono pubblicati lavviso integrale di vendita, lordinanza di vendita
con le modalit di partecipazione e la relazione
tecnica e di stima del bene.
Siracusa, l 27/02/2016

Il Professionista Delegato
Avv. Davide Adorno

anche part time. Max


seriet Tel. 347/8057567
RAGAZZO 20enne cerca
lavoro come muratore, presso pub, pulizie, bar e ristoranti Tel.
339/4620974
RAGAZZO diplomato,

20enne cerca lavoro


come muratore o barista.
Prima esperienza lavorativa Tel. 339/4620974
RAGAZZO 30enne cerca
lavoro come cameriere. Gi esperiente Tel.
346/3198738

Le ASTE GIUDIZIARIE saranno inserite dalla data di pubblicazione del bando fino alla data prevista per l'asta sul sito:

TRIBUNALE DI SIRACUSA

Avviso di vendita
Concordato Preventivo n. 5/13 R. Conc. Prev.
Si rende noto che giorno 12/5/16, ore 11.00, presso il
proprio studio sito a Siracusa nel viale Santa Panagia
136/N, lavv. Giuseppe Librizzi proceder allesame
delle offerte di acquisto senza incanto, e se del caso
allaggiudicazione, dei seguenti beni:
LOTTO 3: locale destinato a magazzino sito a
Priolo Gargallo con accesso dalla via Brenta
44/46, piano seminterrato, esteso mq. 117 ca., cat.
C/2; in catasto Fg. 79 p.lla 582 sub 10. Prezzo base
dasta 28.265,62. Valore minimo dellofferta a
pena di inefficacia della stessa ex art. 571 c.p.c.
21.199,21. Minima offerta in aumento 2.000,00.
LOTTO 4: lotto di terreno sito a Siracusa in via
Augusta 38 (progetto costruttivo approvato
secondo le specifiche meglio descritte in
perizia) esteso mq. 1.536 ca. risultante dalla
demolizione di un fabbricato gi censito nel
C.d.F. del Comune di Siracusa al foglio 30, p.lla
71, insistente sulla particella censita al C.d.T. nel
foglio 30, p.lla 71 (ente urbano), ricadente in zona
omogenea B4b del vigente P.R.G.. Prezzo base
dasta 319.361,62. Valore minimo dellofferta
a pena di inefficacia della stessa ex art. 571
c.p.c. 239.521,21. Minima offerta in aumento
10.000,00.
LOTTO 7: appartamento destinato ad ufficio sito
a Siracusa nel viale Tica 160-162, piano 1, vani
4, esteso mq. 77 ca. con terrazza di pertinenza
estesa mq. 115 ca., cat. A/10; in catasto Fg. 33
p.lla 2792 sub 48. Prezzo base dasta 118.968,75.
Valore minimo dellofferta a pena di inefficacia
della stessa ex art. 571 c.p.c. 89.226,56. Minima
offerta in aumento 5.000,00.
LOTTO 8: appartamento destinato ad ufficio sito
a Siracusa nel viale Tica 160-162, piano 1, vani
4, esteso mq. 92 ca. con terrazza di pertinenza
estesa mq. 95 ca., cat. A/10; in catasto Fg. 33 p.lla
2792 sub 49. Prezzo base dasta 130.359,37.
Valore minimo dellofferta a pena di inefficacia
della stessa ex art. 571 c.p.c. 97.769,53. Minima
offerta in aumento 5.000,00.
LOTTO 9: appartamento destinato ad ufficio sito
a Siracusa nel viale Tica 160-162, piano 2, vani
4, esteso mq. 103 ca. con terrazze di pertinenza
estese mq. 71 e mq. 43 ca., cat. A/10; in catasto
Fg. 33 p.lla 2792 sub 53. Prezzo base dasta
147.234,37. Valore minimo dellofferta a pena
di inefficacia della stessa ex art. 571 c.p.c.
110.425,78. Minima offerta in aumento 5.000,00.
LOTTO 10: posto auto sito a Siracusa nel viale
Tica 160-162, piano terra, esteso mq. 15 ca., cat.
C/6; in catasto Fg. 33 p.lla 2792 sub 10. Prezzo
base dasta 2.109,37. Valore minimo dellofferta
a pena di inefficacia della stessa ex art. 571 c.p.c.
1.582,03. Minima offerta in aumento 1.000,00.
LOTTO 20: appartamento in villa con annesso
terreno di pertinenza esteso mq. 940, in catasto
Fg. 34 p.lla 1218 sito a Siracusa in via Filisto 93,
piano T, vani 5,5, esteso mq. 158 ca. (comprensivi
delle pertinenze), cat. A/3; in catasto Fg. 34 p.lla
1079. Prezzo base dasta 245.953,12. Valore
minimo dellofferta a pena di inefficacia della
stessa ex art. 571 c.p.c. 184.464,84. Minima
offerta in aumento 10.000,00.
Nel caso in cui il G.D. dovesse ordinarlo, il 28/7/16,
ore 12.00, sempre presso il proprio studio, lavv.
Giuseppe Librizzi proceder alla vendita allincanto
dei suddetti beni. Le offerte o le domande di
partecipazione dovranno essere depositate in busta
chiusa, presso lo studio del suddetto professionista,
entro le ore 19.00 del giorno precedente a quello
fissato per la vendita, accompagnate da cauzione
del 10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni
circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe
Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto
disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it ovvero
presso lo studio predetto.
Il Liquidatore
avv. Giuseppe Librizzi

Nel

Siracusano 8

Lindicibile tortura
dellinfibulazione
di Raffaella Mauceri

Era

il lontano 1985
quando per la prima volta una testata siracusana
pubblic un articolo
sullinfibulazione.
Larticolo era firmato
dalla sottoscritta Raffaella Mauceri e fece
molto scalpore perch
largomento, oltre che
scabroso, era del tutto
sconosciuto. E tuttavia,
sebbene ormai se ne parli molto, linfibulazione
ancora largamente
sconosciuta e altrettanto
scandalosamente sconosciuta la legge italiana
che la dichiara reato!
Linfibulazione infatti
una tortura fra le pi efferate, crudeli ed oscene
che mente maschile e
patriarcale poteva concepire per dilaniare il
corpo e lanima delle
donne. Una pratica barbara, devastante e vessatoria impunemente perpetrata su 130 milioni di
donne nel mondo cui si
aggiungono ogni anno
due milioni di bambine
innocenti. Linfibulazione - Si divide grosso
modo in due tipi: lescissione che consiste
nellasportazione di una
parte o di tutta la clitoride, e linfibulazione
integrale detta faraonica
che consiste nell'asportazione della clitoride
e anche delle piccole
labbra, dopodich si incidono le grandi labbra
per creare una superficie
viva da cucire insieme
e formare una sorta di
copertura della vagina
lasciando un microscopico foro per la fuoriuscita dellurina e del
sangue mestruale. Scopo ufficiale: eliminare le
parti maschili del corpo femminile che vengono ritenute portatrici
di sventure a chi dovesse venirne a contatto.
Scopo reale: privare le
donne del diritto alla
sessualit, prostrarle e
annientarle fisicamente
e psicologicamente.
Let - Queste mutilazioni vengono eseguite
in un momento qualsiasi
compreso fra la nascita
(In questo caso la clitoride viene strappata
direttamente con le unghie) e il primo parto,
ma solitamente va dai 4
agli 8 anni, in occasione
di feste o riti iniziatici.
Gli strumenti - Quelli
classici sono del tutto

Anni fa nata unquipe medica che si dedica


alla de-infibulazione delle donne che ne fanno richiesta
rudimentali: forbici, rasoi, pezzi di vetro o coperchi di latta. Per cucire le grandi labbra, poi,
si usano spine e per la
cicatrizzazione si usano
collanti a base di erbe,
cenere, latte, uova e
sterco. Gli effetti - Quelli fisici immediati sono:
dolori devastanti, shock
profondo e danni multipli agli organi vicini
ai genitali. Ovviamente
subentrano
infezioni,
ritenzione urinaria, violente emorragie a volte
fino alla morte. Le donne che sopravvivono alla
mutilazione, ne portano
tragiche conseguenze
per il resto dei loro giorni. Tutte hanno mestruazioni
dolorosissime,
sanguinamento intermittente, ascessi e tumori
del nervo, cistiti croniche, calcoli alla vescica
e alluretra, cheloidi,
dermoidi, sterilit, mag-

in nessuna figura n familiare n sociale. La


storia dellumanit insegna che gli schiavi si ribellano solo se e quando
prendono coscienza del
loro stato di schiavit. In
questi ultimi anni, infatti, alcune madri africane
per salvare le figlie fuggono dai paesi in cui si
pratica linfibulazione
e si danno per disperse,
altre si rivolgono alle
associazioni femminili
che si battono per leliminazione di questa
piaga. Anni fa nata
unquipe medica che

si tratta semplicemente
di un pronto soccorso.
Gi: un pronto soccorso
alla rovescia!
Ma queste notizie non
vanno mai in prima pagina, con tanto di foto,
pubblica denuncia e sollevamento dellopinione
pubblica, al contrario
vengono relegate in fondo ai quotidiani, liquidate in poche righe e subito
dimenticate. Facendo un
raffronto con il Viagra,
la pilloletta che per mesi
tenne banco su tutti i
giornali e i telegiornali,
si capisce chiaramente

Una tortura fra le pi efferate, crudeli ed oscene che mente maschile


e patriarcale poteva concepire per dilaniare il corpo e lanima delle donne
giore facilit a contrarre
lAids. Inoltre, poich
dopo ogni parto i mariti
pretendono la re-infibulazione, spesso il tessuto
vaginale diventa coriaceo e di volta in volta
pi difficile da scucire e
ricucire. Sul piano psicologico gli effetti sono
assolutamente devastanti: le donne vivono in
un continuo stato dansia, terrore e umiliazione che contribuiscono
a plasmare il carattere
cosiddetto docile e remissivo tipico delle musulmane le quali, com
noto, sopportano ogni
genere di negazione dei
diritti umani e accettano
tali torture come un destino riservato al genere
femminile. Soprattutto riportano una sorta
di inebetimento che le
riduce ad uno stato di
"incapacit
mentale".
Alcune madri infatti assistono passivamente, e
a volte addirittura collaborano, alla infibulazione delle figlie spezzando irrimediabilmente il
rapporto di fiducia e di
protezione che le bambine non ritrovano pi

19 MARZO 2016, SABATO

Sicilia 19 MARZO 2016, SABATO

si dedica alla de-infibulazione delle donne


che ne fanno richiesta,
cercando come possono
di recuperarle ad una
qualche normalit. Ma
gli interventi massicci
quelli che spetterebbero
alle organizzazioni internazionali governative, non arrivano ancora.
C chi dice, senza vergogna, che non si pu e
non si deve interferire in
nome di un fantomatico
e peloso rispetto delle
culture altrui. E c chi
ha semplicemente paura.
Una volta, nel corso di
unintervista, chiesi a
Francesco Alberoni, celebre sessuologo-scrittore, perch lui e altri intellettuali come lui non
facevano una pubblica
denuncia. Lo studioso
mi rispose che temeva
di essere ucciso dagli
integralisti islamici. Che
altro aggiungere? Intanto, dentro le moschee,
di tanto in tanto i carabinieri scoprono ambulatori clandestini dove si
praticano circoncisioni
e infibulazioni. In questi casi il presidente del
centro islamico dice che

come la stampa giudichi


questo tipo di notizie:
assolutamente
prioritarie se riguardano un
potenziamento della sessualit maschile e assolutamente trascurabili se
riguardano una efferata
repressione della sessualit femminile!
A queste condizioni, inutile dirlo, nessuno pu
ragionevolmente aspettarsi che la piaga venga
combattuta come si dovrebbe. Al contrario, chi
chiede perch nessuno
fa niente, puntualmente si sente rispondere la
solita manfrina: che
una questione di cultura nella quale non
possibile interferire.
Pensiero probabilmente
condiviso anche dalla
chiesa cattolica, a giudicare dal suo profondo silenzio e dalla sua totale
indifferenza. Ennesima
prova di quanto stiamo
dicendo anche il convegno che si tenne anni
fa allISISC: rappresentanti di sedici paesi arabi discussero per giorni
e giorni per sviluppare
una cooperazione internazionale contro alcuni

crimini come il narcotraffico e il riciclaggio.


Linfibulazione non fu
neppure
menzionata.
Perch la verit che
quando si tratta della
vita e dellintegrit delle donne, nessuno vuole
correre rischi. I musulmani, infatti, sarebbero
pronti a scatenare anche
una guerra atomica se
qualcuno osasse mettere
soltanto in discussione il
loro strapotere sulle donne. Molte delle quali, dal
canto loro, terrorizzate
sulle conseguenze, terrene e ultraterrene, di una
improbabile ribellione, e
indottrinate sulla valenza sacra della infibulazione, si sottopongono
a questo orrendo abuso,
come vittime sacrificali.
Noi confidiamo invece
che la ribellione si allarghi a macchia dolio finch questa barbarie avr
fine. Va detto, tuttavia
che nel nostro Paese c'
una legge del 2006 che
vieta queste pratiche,
ma continuano ad essere
pratica illegalmente. Il
direttore del centro per
le Mgf dell'ospedale di
Careggi ha infatti recentemente dichiarato alla
stampa che: "Il numero
di donne con mutilazioni con cui veniamo
a contatto cresciuto di
pari passo con laumento degli sbarchi". E a tal
proposito, qui di seguito, riportiamo un passo
tratto dalla Trilogia della
grande Oriana Fallaci:
Non illustre presidente
della regione toscana
Non illustre assessore
alla salute pubblica della
medesima
Non illustre ginecologo
somalo della maternit
di Careggi
Non illustre presidente
dellordine dei medici della Toscana ecc
ecc sette volte eccetera
Non mi disturber a
spiegarvi che letica si
basa sui principii, che i
principii non si possono
aggirare coi compromessi o con le furbizie,
che quindi il punto non
rendere linfibulazione
meno dolorosa e meno
pericolosa: il punto
proibirla, impedirla, punirla in qualsiasi modo
essa avvenga. Visto che
i principii voi li accantonate, e ad essi preferite i riti antichissimi,
spiegarvelo sarebbe inutile. Non mi disturber
nemmeno a ricordarvi
che linfibulazione
lequivalente della castrazione ossia dellaltro
antichissimo rito che
trasforma i galli in capponi, i tori in bovi, gli
uomini in eunuchi.

Che in occidente si pratic per molti secoli allo


scopo di ottenere le voci
bianche, e che nel 1700
gli illuministi riuscirono
a fare abolire bollandolo
con la parola barbarie.
Suppongo che lo sappiate gi. Per mio diletto
mi disturber invece a
ricordarvi che esistono
due forme di castrazione. Una cruenta e una
incruenta o soft. Quella cruenta avviene, in
sostanza, nel modo in
cui avviene linfibulazione con le forbici o
col coltello. Consiste
nellasportare i testicoli
come si asporta la clitoride. E per asportarli si
afferra ciascun cordone
testicolare con una tenaglia a orli arrotondati,
si interrompe il flusso
del sangue, e zac-zac!
Cosa forse non dolorosa quanto il taglio della
clitoride e delle piccole
labbra o quanto la sutura
delle grandi labbra, per
molto spiacevole. Quella
incruenta o soft consiste
invece nelleliminare i
testicoli senza asportarli,
cio nellatrofizzarli con
sostanze chimiche. E costa poco dolore come la
bucatura di spillo. In
entrambi i casi per gli
effetti sono devastanti
sia in senso fisico che
psicologico, neurologico, mentale, caratteriale.
Perch in entrambi i casi
il castrato diventa obeso,
perde la barba e i capelli
e i peli, perde i desideri
sessuali e cade in preda a violentissime crisi
isteriche o precocemente senili. Peggio: la sua
intelligenza si spegne.
Degenera in ebetismo o
follia, inutile che gorgheggi come un angelo
le lodi del Signore o gli
assolo di Violetta ne La
Traviata. Quale essere
umano non vale pi nulla, e per campare deve
rassegnarsi a fare leunuco in un harem dello Yemen o del Sudan.
Appellandomi alla par
condicio, io vi auguro
dunque di finire in un
harem dello Yemen o del
Sudan a fare gli eunuchi.
Tutti e quattro. Castrati,
obesi, pelati, rincoglioniti, uomini non pi uomini. E non solo ve lo
auguro ma, a nome delle
bambine musulmane infibulate o da infibulare
con le forbici o lo spillo, nonch su incarico
delle donne musulmane
che mi ringraziano e mi
vogliono bene, mi offro
come giustiziere. Non
col sistema soft, sia
chiaro, ma con quello
che richiede le tenaglie
a orli arrotondati. Zaczac! Zac-zac! Zac-zac!

Sicilia 9

Nel

Mostra al via nella chiesa di San Domenico

Tradizioni popolari
e riti Religiosi Pasquali

Il sindaco Bonfanti: Le tradizioni rivivono grazie


alla sinergia di tutti, perch tutti sanno fare squadra
S

i chiama "Exultet" (dal


nome del canto liturgico della Chiesa cattolica cantato la
notte di Pasqua nella solenne
Veglia), la mostra di tradizioni popolari e riti religiosi pasquali negli Iblei, inaugurata
questa mattina nella chiesa di
San Domenico. Una kermesse che sar possibile visitare
fino al 10 aprile dalle 10 alle
18 e resa possibile grazie
alla sinergia di tanti soggetti:
Comune di Noto, Diocesi,
Soprintendenza di Siracusa
ai Beni Demoetnoantropologici, Miur, Assessorato Regionale dei Beni Culturali e
dell'Identit siciliana, Istituto
Matteo Reali, Basilica Cattedrale San Nicol e Cooperativa Etica Oqdany.
Don Ignazio Petriglieri, vicario episcopale per la Cultura,
ha presentato gli ospiti di
questa prima nella chiesa
di San Domenico, sottolineando limportanza di manifestazioni come queste perch servono a recuperare le
tradizioni grazie anche alle
sinergie create con altri musei quali quelli di Palazzolo
Acreide, Buscemi, Scicli,
Floridia, Cassaro, Canicatti-

l Sindaco di Canicattini
Bagni, Paolo Amenta, e
lAssessore alla Pubblica Istruzione, Marilena
Miceli, tramite lUfficio
Pubblica Istruzione del
Comune, rendono noto
che sono pronte le nuove
domande per la fornitura dei libri di testo degli
alunni che fre-quentano
la Scuola secondaria di
primo e secondo grado,
statale e paritaria, apparte-nenti a nuclei familiari il cui reddito annuo
ISEE non superi il limite fissato di 10.632,94
euro.
Le domande, da presentare nellapposito modulo da ritirare presso
la lIstituto scola-stico
frequentato o da scaricare dal sito Internet del

In foto, la mostra
ni Bagni, Sortino. Ringraziamenti particolari sono poi
stati rivolti, per l'allestimento, a Salvatore Maiore, direttore dellUfficio Diocesano
dei Beni Culturali e Salvatore Celeste, presidente della
Cooperativa Oqdany.
Interessante contributo
stato poi fornito dal Vescovo Mons. Antonio Staglian
che ha parlato di festa vissuta
come rappresentazione este-

tica della bellezza dell'amore di Dio, quindi c stato il


saluto del sindaco Corrado
Bonfanti.
Essere qui insieme con i
rappresentanti delle forze
dell'ordine, della scuola,
della Soprintentenza e della
Curia una cosa molto importante, perch testimonia
ancora una volta dellunit
dintenti che ci porta a realizzare manifestazioni cos
belle. Belle perch sono legate al passato ha aggiunto
il sindaco di Noto - ma rivolte al presente e al futuro,
segno di una comunit che
come sempre legata alle
tradizioni e si spende, tutta
insieme, per il rilancio culturale e storico attraverso
tante manifestazioni. Tutte le
attivit poste in essere sono
la testimonianza di ricerca
continua e approfondimento,
che produce nuovi stimoli. E
la nostra chiesa di San Domenico rivive grazie anche
all'impegno della cooperativa Oqdany.
Su questa strada dobbiamo
continuare, una comunit
deve conoscere per bene e
interpretare la realt.

Il dirigente scolastico Concetto Veneziano ha garantito


un numero sempre maggiore
di studenti affinch attraverso la loro presenza possano
apprendere il passato e farne tesoro per il futuro per
quel concetto di identit del
territorio sempre pi forte e
costante; contributo significativo stato poi fornito dalla soprintendente Mariella
Musumeci, da Rita Insolia,
dirigente del settore dei Beni
Demoetnoantropologici, da
Cetty Bruno, direttore del
Museo di Floridia, da Anna
Primofiore del Comune di
Cassaro, da Rosario Acquaviva, direttore del Museo dei
luoghi del lavoro contadino
di Buscemi e della soprintendente Rosalba Panvini:
Oggi diversi Comuni sono
presenti e mi riempie di gioia ha detto la Panvini -,
perch questa condivisione
una sorta di arricchimento
personale per ognuno di noi.
Pensate ai tanti piccoli oggetti, alcuni in mostra qui, attraverso i quali questa grande
festa che riunisce i cristiani ci
trasmette. Riuniamoci tutti in
queste occasioni.

Le domande devono essere presentate entro il 16 aprile

Fornitura gratuita o semigratuita dei libri


di testo per lanno scolastico 2015/2016

Comune www.comunedicanicattinibagni.it dal


men Uffici e Procedimenti sezione Pub-blica
Istruzione e Universit o
dal men Atti e Documenti sezione Avvisi e
Do-mande, va presentata entro il 16 Aprile 2016
presso la Scuola frequentata, che prov-veder a
trasmetterla al Comune di
residenza degli alunni.
Alla domanda va allegata la fotocopia del documento di riconoscimento
e del codice fiscale del richiedente il beneficio.

Siracusano
TERRITORIO

Floridia, si amplia il
sistema di videosorveglianza comunale

Il Sindaco di

Floridia Orazio
Scalorino ha chiesto la convocazione in Prefettura del
C.P.O.S.P. - Comitato per lordine e la sicurezza pubblicaperch esamini il progetto di
ampliamento del sistema di videosorveglianza del territorio
comunale. Sono tredici le telecamere gi installate in siti del
paese ritenuti particolarmente
sensibili, quali le aree adiacenti
gli Istituti Scolastici, gli accessi
alla citt e alcuni luoghi spesso
soggetti ad atti vandalici. Il sistema gi funzionante ha sicuramente accresciuto la capacit di controllo del territorio da
parte delle Forze dellOrdine
nonch il senso di sicurezza dei
cittadini. Esso inoltre esercita
un forte effetto deterrente relativamente al perpetrarsi di atti
vandalici a danno degli edifici scolastici o dei cassonetti di
raccolta dei rifiuti .
LAmministrazione ha ritenuto
perci importante completare
lopera intrapresa e intervenire
con linstallazione di nuove 10
videocamere cos da assicurare
la completa sorveglianza di tutti i plessi scolastici, nonch di
altri luoghi dove spesso si formano delle discariche abusive.
Le nuove telecamere saranno
infatti installate nei siti di seguito indicati:
N. 1 Piazza della Repubblica
(Scuola Volta)
N. 1 Via Amato (Scuola Amato)
N. 1 Viale Vittorio Veneto
(Scuola Quasimodo)
N. 1 Via Colombo (Scuola
Boschetto) t
N. 1 V.le De Amicis (Scuola
Pirandello)
N. 1 Piazza Colonna (Scuola
De Amicis);
N. 1 Viale Turati (Centro
AVIS)
N. 1 Interno zona lottizzazione
Agricola
N. 1 Via Roma angolo Via
Matteotti (Ponte Mulinello
uscita per Canicattini / Cassibile)
N. 1 Via Scalorino / Strada
Belfronte
La presenza delle telecamere
ben accetta e a volte sollecitata dai cittadini come strumento
di prevenzione di azioni delittuose in quanto permette un
controllo del territorio poco
invasivo della privacy e molto
efficace.
Dal prossimo anno, lAmministrazione comunale inizier ad
installare le telecamere anche
nelle piazze cittadine.

Culto 10

Sicilia 19 MARZO 2016, SABATO

di Roberto Tondelli

LEvangelo

di Giovanni registra un momento


dellultima
pasqua festeggiata da
Ges coi discepoli:
La gran folla che era
venuta per la festa,
udito che Ges veniva
a Gerusalemme, prese dei rami di palme
e usc incontro a lui
gridando: Osanna! /
Benedetto colui che
viene nel nome del
Signore,/ il re dIsraele! Ges, trovato un
asinello, vi mont sopra, come sta scritto:
Non temere, figlia di
Sion!/ Ecco, il tuo re
viene, / seduto sopra
un puledro dasina. Sul
momento i suoi discepoli non compresero
queste cose; ma quando Ges fu glorificato, si ricordarono che
questo era stato scritto di lui e questo gli
avevano fatto. Intanto
la gente che era stata
con lui quando chiam Lazzaro fuori dal
sepolcro e lo risuscit
dai morti, gli rendeva
testimonianza. Anche
per questo la folla gli
and incontro, perch
aveva udito che aveva
compiuto quel segno.
I farisei allora dissero
tra di loro: Vedete che
non concludete nulla?
Ecco che il mondo gli
andato dietro! (Gv
12,12 ss.).
I capitoli precedenti
della narrazione giovannea mostrano come
la polemica fra Ges e
le autorit religiose sia
andata montando fino
a raggiungere lesasperazione. Di qui la
decisione di uccidere
Ges (Gv 11,50 s.).
Fino a questo momento, Ges riuscito a
evitare larresto e la
morte rifugiandosi a
Betania (poco fuori da
Gerusalemme), in casa
degli amici Marta, Maria e Lazzaro. Qualche
giorno prima, la decisione di Ges di risuscitare lamico Lazzaro era coincisa con la
sua determinazione di
affrontare decisamente
il proprio destino mortale. E Ges va a Gerusalemme.
Lingresso di Ges
in citt descritto secondo i canoni degli
ingressi trionfali dei
sovrani: folle osannan-

Ges, Messia
montato sopra u sceccu
Dopo la distruzione di Gerusalemme (70 d.C.) Tito entra
a Roma trionfante su una biga imperiale. Ma si mai visto
un generale vittorioso entrare nella capitale a dorso dasino? Cristo Ges nostra pasqua tutti i giorni dellanno
ti, acclamazioni regali,
braccia che si agitano
in segno di saluto...
eppure, a ben guardare, in questa scena c
qualcosa di diverso rispetto ai soliti applausi
che accolgono capi e
leader.
1. Ges monta uno
sceccu, un asinello.
Giovanni, che scrive
ispirato da Dio dopo
gli eventi, ricorda la
profezia di Zaccaria
secondo cui il re di
Gerusalemme sarebbe
entrato in citt montato sopra un asino.
Questo re sarebbe
stato umile (Zaccaria
9,9). Ges re, ma un
re atipico e ben diverso
da tutti gli altri re della
terra. I grandi ritornavano trionfanti dalle
loro campagne belliche montati su cavalli
bianchi, o su bighe dorate trainate da scalpitanti cavalli di razza.
Tito entra a Roma su
una trionfale biga imperiale dopo la distruzione di Gerusalemme
(70 d.C.). Napoleone
ritratto sul un rampante
cavallo bianco...

Sport
Per la trasferta del 30 Marzo allo studio un inedito 4-5-1 LAlbatro
dubitare.Con queCi sono cambiasta soluzione per Teamnetwork
menti in vista nelle
Dezai si potrebbe
strategie che Sottil
avvalere della cre- Siracusa
sta sviluppando per
ativit di due fantala trasferta di Aversisti della caratura
sa del prossimo 30
di Catania e Lon- perde
Marzo , cambiagoni per portare lo
menti che se dascompiglio
nella a Conversano
ranno buoni risultati
difesa
avversaria.
potrebbero essere
19 marzo 2016, sabato

Si mai visto un generale vittorioso entrare


nella capitale a dorso dasino? Le statue
equestri, antiche e moderne, parlano da sole
di trionfi! Ges dunque un re molto diverso. Fa del tutto per correggere ed eliminare le
aspettative delle folle
che si attendono un
duce politico, un capo
economico, un leader
religioso, un uomo della provvidenza le folle non cambiano mai.
Ma Ges monta uno
sceccu! Gi una volta,
dopo aver sfamato migliaia di persone, Ges
se ne era andato da solo
su un monte, abbandonando le folle che volevano acclamarlo re sul
posto (Giovanni 6,14
s.).
Lumilt di Ges non
fittizia. Non si veste
n si atteggia a persona umile per meglio
accattivarsi le masse e
per guidare cos la pubblica opinione. Egli
davvero contro poteri e
potenze di questo mondo, per questo non si
allea con loro. Egli non

sfrutta la sua popolarit


neppure per scopi che
potrebbero sembrare
buoni. Non un leader politico-religioso.
il re di un regno del
tutto diverso dai regni
di questo mondo una
lezione dimenticata da
molti, purtroppo. Entrando ora a Gerusalemme, Ges accetta
le acclamazioni delle
folle, ma senza farsi
illusioni. Sa bene che
dietro langolo c per
lui larresto e la morte.
Potrebbe sfruttare quel
momento di esaltazione collettiva per evitare
la vergogna dellarresto, la sofferenza e lumiliazione della crocifissione. Ma non lo fa.
Come diverso Ges ,
vero? Proprio del tutto
diverso.
2. Giovanni informa
che sul momento i suoi
discepoli non compresero queste cose.
Spesso i discepoli non
capiscono Ges. E, almeno in questo, molti
che oggi si definiscono
discepoli di Cristo somigliano a quei primi
discepoli: non comprendiamo. Giovanni
scrive per che i discepoli capirono quelle
cose solo dopo: dopo
che Ges fu crocifisso
e risuscitato, cio dopo
che fu glorificato. E
le capirono perch si
ricordarono delle cose
che erano state scritte
di lui. Per comprendere Ges occorre
uscir fuori dalle folle
plaudenti e considerare
bene le cose scritte
per nostro ammaestramento nelle Sacre
Scritture. Solo cos dimostreremo di avere
la volont di credere e
ubbidire allumile re di
gloria il quale nostra
pasqua tutti i giorni
dellanno, affinch impariamo a credere e ubbidire non ad altri che
a Lui, per avere da Lui
perdono, grazia, vita
e per sopportare come
Lui i sacrifici della fede
fiduciosa in Dio (Chiesa di Ges Cristo via
Modica 3 di fronte
allingresso Istituto F.
Insolera conversazioni bibliche: mercoled
e venerd ore 19:30;
culto al Signore domenica ore 10:30 info:
3404809173 email:
chiesadicristo@alice.
it).

adottati in pianta
stabile per questo
finale di campionato . Il tecnico partito da una constatazione che sotto
gli occhi di tutti e
cio dalla fragilit
della difesa capace
di incassare ben 28
reti , un po troppe
per una squadra
che aspira alla promozione. E allora
meglio
costruirle
attorno un argine
che dovrebbe garantirle una migliore tenuta , sfruttando la presenza in
organico di due fra
i migliori incontristi
del girone come
Spinelli e Giordano e di un centrale
come Porcaro che
contro il Due Torri
non ha per ripetuto la bella prova
del suo esordio.
In tal caso, ai due
trequartisti, probabilmente Catania e
Longoni, andrebbe
il compito di dare
manforte allunica
punta che potrebbe
essere Dezai, oltre
a quello di bloccare
sul nascere le proiezioni in avanti di
Cioccia e di Bosco
dalle cui avanzate lAversa ricava
nove volte su dieci

Notti agitate quelle di Sottil


per Aversa nuove strategie

Il mister sta pensando ad un radicale cambiamento


del modulo da trasferta con lutilizzo di un centrocampo
a cinque che dovrebbe assicurare pi tenuta alla difesa

Andrea Sottil, allo studio nuove strategie

quella superiorit
numerica che le
ha permesso exploit tipo Marsala.
Da un assetto del
genere resterebbe

fuori Baiocco che


Sottil intenderebbe
risparmiare in vista
del finale incandescente che si profila allorizzonte. Il

problema se la
squadra pu fare
a meno dellesperienza del capitano , cosa di cui
non sono pochi a

Lallenatore era stato allontanato dopo una serie di risultati negativi

Gaspare Cacciola torna a guidare il Noto


Gaspare Cacciola
tornato da oggi alla
guida tecnica del Noto.
Lallenatore era stato
allontanato dopo una
serie di risultati negativi, sostituito da Pippo Romano, che per
ha deciso di lasciare
la squadra alla vigilia

della trasferta di Fratta


Maggiore, conclusa
con un inatteso pari.
Cacciola ha allenato il
Noto per tutta la stagione, fino a quando
non stato sollevato
dallincarico, alla vigilia del derby contro il
Citt di Siracusa.

Sicilia 11

Dovendo fronteggiare, infine, elementi in possesso


di rapidit di movimenti come Diallo
, Ramaglia e DUrsi
necessario serrare le maglie dei
difensori che potrebbero schierarsi
con Dentice e Barbiero sulle fasce e
con Chiavaro e il rientrante Orefice in
difesa.E a proposito della terza linea
bisogna
stabilire
una volta per tutta
chi ne coordiner la sincronia dei
movimenti quando
c da mettere ,per
esempio, in offside
gli attaccanti avversari o quando
c da disporre,le
marcature
sulle
palle inattive. La
sensazione che
Aversa non sia
soltanto una tappa
difficile di questo
elettrizzante finale,
ma anche il banco di prova per un
nuovo e definitivo
assetto della squadra , in grado di
mettere in campo e
di saper sviluppare
meno prevedibili e
scontate di quelle
offerta negli ultimi
tempi.
Armando Galea

Sar una trasferta insidiosa

A2 Femminile, lOrtigia
in trasferta contro il Flegreo
D

opo il turno di sosta della


settimana scorsa, lOrtigia
rosa torna in vasca domenica pomeriggio, alle 14:30
contro lo Sporting Club Flegreo, per l8a di andata del
Girone Sud di A2 femminile
(arbitro Sig. Rotunno).
Per le ragazze di Valentina
Ayale, tornate al successo
due settimane fa alla Caldarella contro la Coser Nuoto,
sar una trasferta insidiosa
perch, nonostante i due
punti di vantaggio in classifica, dovranno stare attente a
non perdere la concentrazione. Una vittoria in Campania,
infatti, regalerebbe alle aretusee tre punti importanti in
chiave salvezza e servirebbe
a tenere alto il morale in vi-

sta del prossimo impegno casalingo del 3 Aprile contro la


F&D H2O.
Lallenamento di rifinitura
previsto per domani mattina
mentre, la partenza per Pozzuoli, stata anticipata a domani sera. Nessun dubbio di
formazione per Valentina Ayale eccetto quello di Giordana
Iuppa, ancora ferma ai box.
Lallenatrice romana, potr
quindi contare anche sulla
presenza della giovane Carla
Bucisca, alla prima esperienza in biancoverde e da poco
convocata al raduno collegiale
che definir la rappresentativa
siciliana per il prossimo Trofeo
delle Regioni. Sono molto
contenta di giocare nellOrtigia
ha esordito -, perch una

In foto, Carla Bucisca.

societ prestigiosa che milita


da anni nei massimi campionati nazionali. Ringrazio la
dirigenza, che mi sta dando la
possibilit di giocare sia in A2
che con le squadre di B e Under 17, ma anche le mie compagne e soprattutto Valentina
Ayale, perch, essendo la pi
piccola del gruppo, mi hanno
subito fatta sentire a casa, mi
stanno aiutando tanto e stanno credendo in me. Mi sto tro-

vando molto bene, lambiente


sereno e, da parte mia, sto
mettendo tutto limpegno possibile, viaggiando tutti i giorni
per svolgere gli allenamenti,
conciliandoli anche con i miei
impegni scolastici. Domenica
affronteremo il Flegreo, che ci
segue a due punti di distanza
in classifica, e sar quindi una
gara difficile ma anche determinante per il nostro cammino.

sordio casalingo
nella poule playoff del
massimo campionato
di pallamano girone
C per lAlbatro Teamnetwork Siracusa,
che attende domani
sera al PalaLobello
il Citt SantAngelo.
La gara, che sar diretta da Chiarello e
Pagaria, comincer
alle 18,30. Dopo la
sconfitta
rimediata
sabato scorso a Conversano, gli aretusei
non possono sbagliare. Servir una prestazione maiuscola
contro un avversario
alla loro portata e
che, avendo chiuso
la regular-season al
quarto posto e perso
partita iniziale contro
lo Junior Fasano, in
caso di nuova sconfitta, sarebbe quasi
aritmeticamente fuori
dai giochi per il secondo posto, dato
che ancora fermo
a 0 punti (i siracusani sono a quota 6).
Tutti a disposizione
in casa bianconera,
tranne gli infortunati
Mattia e Andrea Calvo.
Nei due precedenti
di campionato, altrettante vittorie per la
formazione aretusea,
sulla carta superiore
rispetto agli avversari
di turno, ma consapevole di non poter
abbassare la guardia
contro una squadra
che avr ben poco da
perdere. Dobbiamo
vincere si limita a
dire il terzino sinistro
Dinko Dedovic Dovremo approcciarci
bene alla gara ma
sono certo che non
falliremo, anche perch in casa abbiamo
sempre vinto. A dare
una marcia in pi alla
squadra penseranno
i tifosi (che si prevedono abbastanza
numerosi) pronti ad
incitare i propri beniamini sin dal primo
minuto per spingerli
al successo. Quella
di domani per lAlbatro sar la prima di
due gare interne di
fila. Sabato prossima
sfider in casa lo Junior Fasano.

Commenti 12

Sicilia 19 MARZO 2016, SABATO

Stessa tempesta, stesso obiettivo,


palazzo Chigi, chiave di apertura

di Salvatore Fontana

Ci

siamo. Stessa
tempesta,
stesso
obiettivo,
palazzo Chigi, chiave di
apertura del processo. Avvio delle operazioni. Stessi attori. I segnali ci sono
tutti. La banca centrale tedesca mette
in vendita i titoli
italiani, i mercati si
allarmano e la borsa
italiana va gi. Ci
sta tutta. Renzi ha
detto qualche parola in pi, fuori del
decalogo e non
va. Bisogna intervenire prima che la
situazione generale
fra gli associati del
club della finanza, facesse proseliti. Premesso che, i
nostri lettori ricorderanno che quando dalla piccionaia
dello status amorfo
della politica italiana, venuto fuori
un giovane che col
suo dire comiziale
si faceva ascoltare,
anche noi abbiamo
e tanto sperato che
dalle parole passasse ai fatti. Cos non
stato.
Si dice che allingresso di Montecitorio ci sono due
porte, una da dove
entrano quasi tutti
ed una da dove passano chi, per natura,
soffre la patologia
del raffreddore e
danno ascolto agli
incaricati della sicura terapia. Chiediamo scusa ai nostri
lettori per la distrazione di questa nota
chimica.
Questo
per ha comportato
che Renzi s autosoprastimato e di
quanto discusso e
convenuto con Berlusconi, patto del
Nazzareno, nella
sua invincibile magalomania, s fatto
trainare dai voltagabbana , al secolo
alfaniani e verdiniani e di quantaltra
frattaglia., in cerca
di poltrone tutti ac-

La banca centrale tedesca mette in vendita i titoli italiani,


i mercati si allarmano e la borsa italiana va gi

contentati. Parte il
piano Merkel. A chi
si rivolge? A Giorgio
Napolitano,
ascoltato e seguito
dal giovin signore (anche se Parini

tano al quotidiano
Repubblica.
Nel
contesto un richiamo a Renzi, di
usare una maggiore
accortezza con
lEuropa e con la

ex premier, Romano Prodi, Massimo


DAlema ed Enrico Letta. Di intesa
non scritta, ma di
convergenza
politica partitica, al

legislative avanzate per disciplinare


le pensioni. Lunica voce che la politica non ascolta.
Una stretta ai diritti
acquisiti con i con-

Bisogna
intervenire
prima che la
situazione
generale fra
gli associati
del club
della finanza,
facesse proseliti
pensava
unaltra
cosa) messo a Palazzo Chigi baipassando gli artt. 1 e
3 della Carta. Chi
se ne frega, ben
chiusa in cassaforte
e non va applicata,
scripto iure, mai
interpretata, e il
sacerdote allinterpretazione pi fedele e qualificato
alla bisogna Re
Giorgio 1. Questi
nel leggere il timore
della tempesta che
si affaccia allorizzonte apre i giuochi.
Ai margini di Palazzo Chigi si ragiona sulle misure da prendere,
studiano, si fa per
dire, le contromisure da prendere e
visto che Renzi ha
avviato un dialogo
di opposizione con
la
Commissione
dellU.E., si affaccia lo spettro della
repressione manu
mercati. Prima pedina da muovere,
come
significato
sopra, unintervista
di Giorgio Napoli-

Merkel, invitando
luditorio per a non
fare analogia con la
situazione del 2011,
con Berlusconi e
Renzi di oggi. La
mano leggera usata
oggi con Renzi da
capire perch Renzi
il terzo prodotto
della sua circoncisione politica per
mandare a casa Berlusconi, come nei
voleri della Merkel
e Sarkozy, perch
questi era propositivo nella soluzione dei problemi
dellU.E. e nel contesto, in particolare
dellItalia.
Questa volta a Napolitano si rompono
le uova nel paniere. Lex Capo dello Stato avvertito
che il mormorio
generale della situazione laria
gelida attorno a
Renzi, si premura
a smentire che non
cera alcuna intenzione di fare saltare
il Governo Renzi.
Questo non scongiur il costituirsi
di una triade degli

fine di sottomettere Renzi, con una


maggioranza
nel
partito sotto la spinta della coalizione
interna;
neanche
questa scritta, ma
obiettivo di intesa
per mandare Renzi fuori da Palazzo
Chigi. Per il giovanotto ha avvertito
la dolce filippina,
quale figlioccio di
Napolitano, ha moderato i termini dei
suoi interventi, contro, si fa per dire,
gli
orientamenti
bruxelliani, sotto la
spinta del 4 Reik
in pectore. I segnali
sono concreti, borsa, pil e quantaltro.
Il nome pi quotato
nella borsa dei panchinari, al momento
emerge il Presidente dellINPS, Boeri.
Questi, come orientamento economico
politico, fa il paio
con Mario Monti. Dunque, come
suggerisce Bruxelles, fare cassa senza traumatizzare i
mercati. Come si
vede le proposte

tributi versate dai


lavoratori. Lo Stato
ha fatto e fa cassa e
poi dautorit, nega
il dovuto, parametrato al cumulo di
quanto versato. Per
queste operazioni
dautorit, il sig.
Boeri, come abbiamo detto prima, il
soggetto giusto. Al
trio, non delle meraviglie milaniste,
ma della politica
politicante, venuto mai in mente che
la ricetta pensioni
di Boeri espropria
i diritti dovuti a chi
per accumulo, ha
versato parte del
proprio lavoro monetizzato, per avere una pensione in
rapporto al versato,
o trattenuta diretta,
in stato di quiescenza? Tuttavia, queste
manovre e manovrette per arrivare
al dunque. Il dunque Renzi fuori da
Palazzo Chigi. Ma
i manovratori non
hanno considerato,
o non gli interessa,
chi paga le conseguenze. Detto subi-

to: il ceto medio che


scivola verso il pantano della povert.
E cos, loro forse
non lhanno ancora
capito, realizzano
lo status sociale che
scappato di mano
a Stalin;: burocrazia, binomiata come
grande ricchezza e
grande povert. Per
completare il benservito a Renzi,
si espone luomo
emerito di Bruxelles, Monti.
Attacca Renzi a
muso duro. Lo invita allubbidienza e non fare, in
tale modo, danni
irreversibili allU.E.
Renzi, altrettanto a
muso duro, ricorda
a Monti che il danno allUnit dEuropa lo fa chi va a
Bruxelles a prendere ordini e non a
proporre soluzioni
per portare fuori del
pantano lU.E. in
cui i burocrati della Commissione la
costringono. Questo
percorso distrugge
lItalia e lUnione
Europea, ascoltando e soltanto ascoltando, e con essa
innanzitutto lItalia.
Noi non siamo per
luno o per laltro.
Noi siamo per una
U.E, diversa. Molto semplicemente:
una Unione Europea federata di
Stati sovrani, come
qualcuno la pensava. Non trov lintesa con Francia ed
Inghilterra. E da
qui si formularono
le condizioni che
aiutarono ad aprire
un varco nel 1933,
che ha portato, non
soltanto lEuropa,
ma il mondo intero
al 1945. Periodo
questo molto intricato per gli storici.
Ne emerge comunque che il buonismo
da tutto il negativo;
lazione attivit
propositiva, bilanciamento delle problematiche e intese
durature.