Sei sulla pagina 1di 11

LETTERATURA ITALIANA

PENTAMESTRE A.S.

2005/06

LUDOVICO ARIOSTO
N a c q u e a Re g g i o E m i l i a n e l 1 4 7 4 . S i t r a s f e r p r e s t o a Fe r r a r a , t a n t o c h e s i d i c h i a r s e m p r e
f e r r a r e s e . Pe r v o l o n t d e l p a d r e s t u d i g i u r i s p r u d e n z a , p o i , a b b a n d o n a t i t a l i s t u d i , s i d e d i c a l l a
letteratura latina e greca sotto la guida del maestro Elladio da Spoleto. La morte prematura del
padre fece in modo che, essendo primogenito, egli dovesse dedicarsi ai suoi nove fratelli, di cui
u n o , G a b r i e l e , c o s t r e t t o d a l l a p a r a l i s i , g l i f u a c c a n t o p e r t u t t a l a v i t a . Pe r m a n t e n e r e l a
numerosa famiglia egli entra al servizio degli Estensi e in particolare del cardinale Ippolito
D'Este, che egli doveva accudire e seguire in tutte le missioni diplomatiche.
Questo incarico gli grav molto, anche perch lo costringeva ad interrompere gli studi e
l'attiv it letteraria , ma soprattutto perch lo portava in giro per l'Italia. Infatti egli fu in
m i s s i o n e d i p l o m a t i c a n e l l e g u e r r e c o n t r o i v e n e z i a n i e p o i a Ro m a a p l a c a r e l e i r e d e l Pa p a
G i u l i o I I c o n t r o g l i E s t e n s i , c h e s i e r a n o a l l e a t i c o n i Fr a n c e s i n e l l a g u e r r a d e l l a l e g a s a n t a ;
durante tale missione egli ricorda di aver dovuto fare una fuga avventurosa attraverso gli
A p p e n n i n i . Q u a n d o v e n n e e l e t t o Pa p a L e o n e X ( d e i M e d i c i ) e g l i s i r e c a Ro m a s p e r a n d o d i
o t t e n e r e u n c o l l o c a m e n t o p r e s s o l a c u r i a p o n t i fi c i a , m a i l Pa p a , c h e p r i m a d i e s s e r e e l e t t o e r a
stato molto generoso di promesse, lo accolse freddamente e gli tolse ogni speranza.
Q u a n d o i l c a r d i n a l e I p p o l i t o D ' E s t e v e n n e n o m i n a t o v e s c o v o d i B u d a , A r i o s t o s i r i fi u t d i
seguirlo, adducendo diverse scuse come il freddo e il cattivo cibo. In realt egli voleva una vita
pi tranquilla sia per dedicarsi agli studi, sia per stare vicino alla sua donna Alessandra
B e n u c c i , c h e e g l i a v e v a s p o s a t o s e g r e t a m e n t e p e r n o n r i n u n c i a r e a i b e n e fi c i e c c l e s i a s t i c i c h e
gli provenivano dall'aver preso gli ordini minori.
Entra cos al servizio del duca Alfonso D'Este, servizio pi leggero e che quindi gli consentiva
d i d e d i c a r s i a i s u o i i n t e r e s s i . I l d u c a g l i a ffi d p e r i l g o v e r n o d e l l a G a r f a g n a n a , z o n a m o n t u o s a
a i c o n fi n i d e l l a To s c a n a , d o v e d o v e t t e r i m a n e r e a l u n g o p e r u l t i m a r n e l a p a c i fi c a z i o n e . I l
c o m m i s s a r i a t o p e r g l i p e r m i s e d i s c r e t i g u a d a g n i c o n i q u a l i , t o r n a t o a Fe r r a r a , c o m p r c a s a e
podere ritirandosi a vita privata.
La sua vita, che pu essere riassunta nel motto Oraziano dell' "aurea mediocritas"
(mediocrit dorata), testimonianza anche della sua visione del mondo bonaria e tranquilla,
alla ricerca dei piaceri pi semplici e dotata di dell'ironia sottile che fa apprezzare il bello della
quotidianit.

LORLANDO FURIOSO
L a s t o r i a d e l l a c o m p o s i z i o n e d e l l ' O r l a n d o Fu r i o s o i m p o r t a n t e p e r c o m p r e n d e r e l e
c a r a t t e r i s t i c h e e l a s t r u t t u r a d e l p o e m a . I n f a t t i , l e t r e r e d a z i o n i p r e s e n t a n o p r o f o n d e d i ff e r e n z e
sia nella struttura che nel linguaggio, perch la stesura dell'opera accompagno l'Ariosto lungo
t u t t a l a v i t a . I l p o e t a p u b b l i c l ' O r l a n d o Fu r i o s o a Fe r r a r a n e l 1 5 1 6 .
L'opera era composta da 40 canti ed era dedicata al cardinale Ippolito D'Este (al cui servizio
si trovava l'Ariosto). Lo scopo del poeta era quello di fare una aggiunta al poema Orlando
Innamorato che il Boiardo (un autore precedente) aveva scritto rielaborando i temi dell'epopea
carolingia e poi lasciandolo interrott o.
La seconda edizione esce nel 1521 con una generale ripulitura linguistica e con qualche
aggiunta o soppressione di episodi. Non contento del testo, il poeta lo ripubblic quattro anni
dopo, nel 1525, (da Encarta la terza edizione risulta del 1532) con un ulteriore adeguamento
l i n g u i s t i c o s u l l a b a s e d e l l e n u o v e t e o r i e c h e Pi e t r o B e m b o a n d a v a f o r m u l a n d o , i n c e n t r a t e s u u n a
m a g g i o r e p u r e z z a l i n g u i s t i c a . Pe r c u i l ' A r i o s t o t o l s e q u e i d i a l e t t a l i s m i l o m b a r d i , e m i l i a n i e q u e i
francesismi e latinismi che rendevano il testo poco "italiano". Il lavoro sulla lingua fu fatto
anche per dare maggiore decoro a quei cantori popolari (racconti perlopi orali delle gesta
epiche del ciclo carolingio e bretone) che circolavano di corte in corte. L'argomento ripreso
dai cantori precedenti, insieme ai personaggi principali, ma l'Ariosto si propone sia di usarlo
p e r e s a l t a r e l a c a s a d e g l i E s t e n s i ( E r c o l e I v i e n e c o l l e g a t o a l m i t i c o Ru g g i e r o , p a l a d i n o ,
attraverso una lontana discendenza) si di utilizzare la materia cavalleresca come divertimento
per la corte, sia di rappresentare la realt cinquecentesca attraverso la materia cavalleresca
che fonde il ciclo bretone con quello carolingio. Ne un esempio il titolo, che presenta Orlando
severo eroe carolingio, paladino integerrimo arturiamente innamorato e per di pi furioso, per
amore; il titolo, che un ossimoro, presenta la chiara intenzione del poeta di mostrare come il
vecchio codice d'amore della cavalleria sia completamente decaduto.
I l t e m a c h e f a d a s f o n d o e d a fi l o c o n d u t t o r e a t u t t o i l p o e m a q u e l l o d e l l a g u e r r a t r a
S a r a c e n i e C r i s t i a n i a l t e m p o d i C a r l o M a g n o . I S a r a c e n i , g u i d a t i d a l r e d ' Af r i c a A g r a m a n t e ,
h a n n o a t t a c c a t o l a Fr a n c i a c o n l ' a i u t o d e l r e d i S p a g n a M a r s i l i o e d e l p o t e n t e g u e r r i e r o
Ro d o m o n t e . L a z i o n e h a i n i z i o a Pa r i g i n e l c a m p o c r i s t i a n o q u a n d o l a b e l l i s s i m a A n g e l i c a ,
principessa del Catai, di cui sono innamorati sia Orlando che suo cugino Rinaldo, fugge dal
padiglione dove era stata rinchiusa come preda di guerra: qui inizia la lunga serie di avventure
attraverso le quali passano tutti i personaggi. Infatti, Orlando, il principale paladino, per non
rinunciare alla donna, lascia il campo di battaglia dimenticando i suoi doveri di guerriero e la
i n s e g u e p e r u n a g e o g r a fi a d i l u o g h i s i a r e a l i s t i c a c h e f a n t a s t i c a ; A n g e l i c a , d o p o e s s e r e p a s s a t a
a t t r a v e r s o u n a s e r i e d i a v v e n t u r e ( p r e d a d e i c o r s a r i , v i e n e o ff e r t a c o m e p a s t o a d u n o r c o ,
riceve un anello magico che permette linvisibilit , beve alla fontana dellodio e poi a quella
dellamore) , si imbatte in un semplice soldato saraceno ferito: Medoro. Lo cura con erbe
magiche e se ne innamora tanto da sposarlo e portarlo con se nel Catai. Orlando che,

inseguendo Angelica, ha compiuto straordinarie imprese, arrivato per caso nel luogo degli amori
di Angelica e Medoro preso da improvvisa pazzia e, dopo aver perso il senno, inizia a correre
nudo per il mondo, distruggendo qualsiasi cosa gli si pari davanti. Sar necessario che suo
cugino Astolfo, a cavallo di un Ippogrifo, raggiunga la luna per recuperare il senno che,
successivamente inalato da unampolla e ritornato nella calotta cranica di Orlando, permetter
a l l e r o e d i r i n s a v i r e . A Pa r i g i s i c o n c l u d e i l r a c c o n t o , c o n l a s t e s s a s c e n a c o n c u i s i e r a a p e r t o e
alla maniera dei tradizionali poemi epici, cio con il campo di battaglia in cui si scontrano i due
c a m p i o n i d i p a r t e a v v e r s a , Ro d o m o n t e e Ru g g i e r o ( e r o e c r i s t i a n o ) .
In una materia cos varia, cos ricca di personaggi ed episodi, non solo non si pu trovare un
personaggio principale (anche se si parla prevalentemente di Orlando), ma nemmeno un tema
principale, perch quello dellamore si mescola allavv entura, la storia alla favola, lallegoria
a l l a r e a l t , l a g e o g r a fi a d e i l u o g h i a l l i n v e n z i o n e e t u t t o q u e s t o v o l u t a m e n t e , p r o p r i o p e r c h i l
criterio della variet sia la formula dominante. La trama infatti si articola sul principio della
v a r i e t a s c h e a p p a r t e n e v a g i a l l a t r a d i z i o n e c a v a l l e r e s c a e s e r v i v a a f a r e i n m o d o c h e i
cantori non annoiassero troppo il loro uditorio cambiando continuamente scena, personaggi,
s i t u a z i o n i , t e n e n d o d e s t a l a t t e n z i o n e . L A r i o s t o u s a i n v e c e q u e s t o c r i t e r i o a ffi a n c a n d o l o a
q u e l l o d e l l i n c h i e s t a , c i o d e l l a r i c e r c a : c i a s c u n o d e i p e r s o n a g g i i m p e g n a t o n e l l a r i c e r c a
di qualcosa che non ha o ha perduto, donna, cavallo, elmo, anello, ecc. (Orlando cerca Angelica,
R i n a l d o c e r c a i l s u o c a v a l l o B o i a r d o , Fe r r a c e r c a l e l m o , Ru g g i e r o c e r c a B r a d a m a n t e , i l m a g o
A t l a n t e c e r c a i l s u o fi g l i o a d o t t i v o ) . L a r i c e r c a d i q u a l c o s a i l m o t i v o d i n a m i c o d e l l a z i o n e ,
m a i l s i g n i fi c a t o p ro f o n d o d e l l a r i c e r c a i l c a m m i n o d i c o n o s c e n z a c h e t u t t i g l i u o m i n i f a n n o
nella vita e attraverso il quale maturano, facendo delle scelte, raggiungendo degli obiettivi e
addirittura non escludendo nemmeno la pazzia. In sostanza le storie dei paladini e dei
personaggi non sono altro che il palcoscenico sul quale lAriosto proietta la societ del 500 con
le sue problematiche e la sua visione del mondo.

PERSONAGGI; NARRATORE E TECNICA NARRATIVA.


Essendo la variet il criterio fondamentale per la dinamica relazione del poeta, cio la
velocit dei cambiamenti di scena, di personaggi, di situazioni, di temi, chiaro che ad Ariosto
non interessava il tratteggio psicologico dei personaggi, cio a scavare approfonditamente
d e n t r o i l c a r a t t e r e d e i p r o t a g o n i s t i . E g l i v o l l e c r e a r e i n v e c e d e i t i p i , c i o d e l l e fi g u r e c h e
r i fl e t t e s s e r o s o l t a n t o u n a s p e t t o t i p i c o d e l l a fi g u r a u m a n a ( l i n n a m o r a t o , i l t r a d i t o r e , i l f u r b o , l o
s c i o c c o ) e p e r q u e s t o l a v i t a a ff e t t i v a d e i p e r s o n a g g i n o n m a i a p p r o f o n d i t a , p e r e v i t a r e c h e l a
simpatie o le antipatie dei lettori si concentrino troppo su questo o su quel personaggio, a
discapito della visione dinsieme, dato che le storie dei paladini non sono altro che la
proiezione su uno sfondo cavalleresco della realt cinquecentesca in continua trasformazione.
Pe r q u e s t o , q u e l l i c h e n e l l a t r a d i z i o n e e p i c a e r a n o d e i m o d e l l i d i r i f e r i m e n t o p e r i l c o d i c e d i
onore e fedelt, rischiano di essere etichettati non pi validi soprattutto se eccessivamente
idealizzati: la tragedia di Orlando nasce da un eccesso di idealizzazione delloggetto amato.
Orlando testardamente insegue una donna che non vuole essere sua e quindi, non accettando la
realt, diventa un predestinato alla follia, alla tragedia, raggiunta attraverso altri personaggi
ed altre storie. Ariosto vuol far capire ai lettori che la coerenza e la costanza sono valori
positivi per rischiano di sfociare nel dogmatismo e nel pregiudizio; la fedelt damore
positiva ma spesso accompagnata dalla volubilit e dal tradimento. La misura lideale
necessario e doveroso che luomo deve seguire sia nei rapporti con i propri simili sia nelle sue
e s p e r i e n z e ; v i e n e q u i n d i r i b a d i t a d a l l A r i o s t o l a s t e s s a n e c e s s i t d i a d e g u a r s i a i t e m p o r a l i c h e
Machiavelli predicava.
Il narratore, che generalmente nascosto dietro il racconto dei fatti e quindi considerato
onnisciente, spesso si rivolge ai lettori in prima persona. Questi interventi si concentrano
nellesordio di ciascun canto. Egli spesso parla di s confrontando ironicamente la propria vita
con quella degli eroi narrati, oppure si serve del suo intervento per esprimere dei giudizi e
d e l l e r i fl e s s i o n i c r i t i c h e s u i f a t t i e s u i p e r s o n a g g i d e l l a v i t a i t a l i a n a c o n t e m p o r a n e a o p p u r e i l
s u o i n t e r v e n t o s i p u d e fi n i r e d i r a c c o r d o , c i o s e r v e a r e c u p e r a r e i fi l i d i u n d i s c o r s o
interrotto in precedenza (ma vediamo Angelica che fugge oppure dunque Rinaldo).
N e i p r o l o g h i a r i o s t e s c h i l u s o d e l l i r o n i a h a l e ff e t t o d i i m p e d i r e a l l e t t o r e d i i d e n t i fi c a r s i c o n i
f a t t i r a c c o n t a n t i , g i a c c h i l fi n e d e l l o s c r i t t o r e n o n i l p u r o d i v e r t i m e n t o , n o n l e v a s i o n e o i l
p i a c e r e d i s e n t i r e b e l l e s t o r i e , m a l a r i fl e s s i o n e c r i t i c a s u l r e a l e e s u l m o n d o c h e l o c i r c o n d a .
L a t e c n i c a n a r r a t i v a q u e l l a d e i c a n t o r i m e d i e v a l i i n c u i l a fi n e d e l c a n t o n o n c o i n c i d e c o n l a
fi n e d i u n e p i s o d i o , m a c o n u n a s u a v o l u t a i n t e r r u z i o n e . C q u i n d i u n a s e g m e n t a z i o n e c o n t i n u a
d e fi n i t a e n t r e l a c e m e n t , i n t r e c c i o c o n t i n u o . E l a t e c n i c a d i i n t r e c c i a r e c o n t i n u a m e n t e s t o r i e
t r a l o r o a l fi n e d i d i v e r t i r e i l p u b b l i c o e d i s u s c i t a r e l a c u r i o s i t p r o p r i o s u l p i b e l l o
dellepisodio. Lo schema metrico usato, cio quello dellottava , non esaurisce il discorso, ma
s p e s s o l a s u a fi n e r i m a n d a a l l a s t r o f a s u c c e s s i v a , i n u n a t e c n i c a d i r i m a n d i i n fi n i t a c h e s i
sussegue lungo tutto il poema.

INTRODUZIONE AL PRIMO CANTO


In questesordio solenne legato alla maniera dei poemi etici si notano alcune caratteristiche
nella prima ottava. Il periodo sintattico copre tutta la strofa. Lincipit costituito da un largo
chiasmo che d ampiezza al discorso; frequente luso tecnico dellenjambment che serve a
prolungare il discorso oltre la rima nel verso successivo. Nella seconda strofa oltre alla
presentazione del protagonista presentata lavv entura toccatagli (da innamorato diventato
f u r i o s o ) c o n a l l u s i o n e i r o n i c a a s e s t e s s o e a l l a s u a d o n n a . N e l l a t e r z a s t r o f a c l e ff e t t o

encomiastico, cio la lode cortigiana del poeta al suo protettore , tipico della lettera tura di un
tempo.

TORQUATO TASSO
To r q u a t o Ta s s o n a s c e a S o r r e n t o l 1 1 m a r z o 1 5 4 4 . D o p o l a p r i m a i n f a n z i a t r a s c o r s a i n s i e m e
alla madre e alla sorella, egli fu costretto a lasciarle bruscamente per seguire il padre in esilio
(esperienza che la segner precocemente). Il padre infatti aveva seguito in esilio il principe di
Salerno che era stato dichiarato ribelle dal vice- re di Napoli per aver difeso la volont dei
napoletani che si erano dichiarati contrari ad introdurre a Napoli il tribunale dellInquisizione.
C o n i l t r i o n f o d e l l e l i b e r t i n d i v i d u a l i e i l r u o l o d e l l u o m o c o m e a r t e fi c e d e l l a p r o p r i a s o r t e
d e fi n i t i v a m e n t e t r a m o n t a t a c o n l a v v e n t o d e l l a c o n t r o r i f o r m a c a t t o l i c a e c o n i l r i p r i s t i n o d i
alcuni dogmi e variet indiscutibili conseguentemente alla perdita della libert di pensiero,
m e s s a i n d i s c u s s i o n e s i a d a l t r i b u n a l e d e l l I n q u i s i z i o n e , s i a d a l l i n d i c e d e i l i b r i p ro i b i t i .
L i n f a n z i a d e l p o e t a f u s e g n a t a d a l l e s i l i o e d a l l a r i c e r c a d i u n p o r t o , d i u n p u n t o f e r m o a l l e
p e r e g r i n a z i o n i c o n t i n u e . D o p o u n b r e v e s o g g i o r n o a B e r g a m o p r e s s o a l c u n i p a r e n t i , To r q u a t o s i
r i c o n g i u n g e c o n i l p a d r e a d U r b i n o p r e s s o i D e l l a Ro v e r e . L a c o r t e , n e l l e s p e r i e n z a d e l Ta s s o ,
destinata ad occupare un ruolo centrale, perch si carica di una doppia valenza. Da una parte
r a p p r e s e n t a i l l u o g o s i c u r o , d o v e p o s s o n o e s s e r c i p r o fi c u i s c a m b i c u l t u r a l i , d a l l a l t r o u n a f o n t e
d i i n g a n n i e d i a m a r e z z e p e r i v i n c o l i s t r e t t i e n t r o i q u a l i s i e r a s o t t o p o s t i . Ta s s o l a s c i a U r b i n o
p e r s e g u i r e i l p a d r e a Ve n e z i a d o v e e g l i c u r a v a l e d i z i o n e d e l s u o p o e m a c a v a l l e r e s c o
A m o d i g i . E a Ve n e z i a To r q u a t o c o n c e p i s c e i l s u o p o e m a s u l l e c r o c i a t e c h e p o i s a r l a
G e r u s a l e m m e L i b e r a t a , p e r c h Ve n e z i a e r a a l l o r a a n c h e p a r t i c o l a r m e n t e s e n s i b i l e a l l a
minaccia turca.
D a Ve n e z i a s i t r a s f e r i s c e a Pa d o v a , i s c r i v e n d o s i a l l u n i v e r s i t e f r e q u e n t a n d o l a m b i e n t e d e l l e
a c c a d e m i e . A n c h e l a c c a d e m i a r a p p r e s e n t a p e r l u i u n p o r t o s i c u r o , c i o u n l u o g o d o v e
o b b e d i r e a l l e r e g o l e ( e r a s t a t a d a p o c o s c o p e r t a l a Po e t i c a d i A r i s t o t e l e , i n c u i g l i i n t e l l e t t u a l i
d e l t e m p o a v e v a n o t r o v a t o c o d i fi c a t e l e r e g o l e d e l l a s c r i t t u r a c h e p o i v e n n e r o d e fi n i t e u n i t
aristoteliche, cio unit di tempo, di luogo e di azione; lazione narrata doveva infatti
svolgersi in un unico arco di tempo e nello stesso luogo con, preferibilmente, un unico eroe). Le
certezze si incarnano nel potere politico (lautorit del principe allinterno della corte),
nellautorit artistica (le leggi del maestro Aristotele), nellautorit della legge morale e
religiosa (che coincide in questo periodo della controriforma con lortodossia cattolica), nella
s t a b i l i t s e n t i m e n t a l e ( c h e n o n r i u s c i r a t r o v a r e m a i ) . S i s p o s t a d a Pa d o v a a Fe r r a r a a l l a c o r t e
dapprima di Luigi poi di Alfonso II DEste. Nei primi tempi la vita di corte si dimostra felice e ne
t e s t i m o n i a n z a l a s u a p r i m a o p e r a A m i n t a , f a v o l a p a s t o r a l e c h e n a r r a g l i a m o r i d e l p a s t o r e
Aminta per la ninfa Silva.
S u c c e s s i v a m e n t e c o m i n c i a a v e r i fi c a r s i n e l Ta s s o q u e l l o s q u i l i b r i o n e r v o s o c h e s f o c e r i n
m a n i e d i p e r s e c u z i o n e , e q u i l i b r i o i n s t a b i l e , r i s s e e t e n t a t i v i d i f u g a . Av e v a i n i z i a t o n e l
f r a t t e m p o l a s t e s u r a d e l s u o p o e m a e p i c o ( q u e l l o c h e a v e v a p r o g e t t a t o a Ve n e z i a ) m a d a l
m o m e n t o c h e s i t r a t t a v a d i u n a r g o m e n t o c r i s t i a n o , o v v e r o l a c r o c i a t a g u i d a t a d a G o ff r e d o d i
Buglione, egli si ritenne inadeguato a trattare argomenti cristiani, per cui si sottopose
s p o n t a n e a m e n t e a l g i u d i z i o d e g l i I n q u i s i t o r i p r i m a d i B o l o g n a p o i d i Fe r r a r a e s e b b e n e f o s s e
stato da loro assolto, non sicuro dei suoi scritti, li sottopose al giudizio critico di diversi
letterat i del tempo perch riteneva di aver troppo mescolato argomenti sacri con profani ed
a r r i v a l p u n t o d i t a g l i a r e m o l t i s s i m i a ff a s c i n a n t i e p i s o d i p u r c o n v i n t o d e l l a l o r o q u a l i t . D o p o
u n a f u g a d a Fe r r a r a p e r r e c a r s i a S o r r e n t o t r a v e s t i t o p e r m e t t e r e a l l a p r o v a l a ff e t t o d e l l a
sorella, rientra a corte nel momento in cui si stanno celebrando le nozze del duca Alfonso.
Deluso dallaccoglienza ricevuta, egli si scaglia contro il duca e contro la corte cos
v i o l e n t e m e n t e c h e i l d u c a c o s t r e t t o a f a r l o i n c a r c e r a r e , u ffi c i a l m e n t e c h i u d e n d o l o
nellospedale di S.Anna adducendo il motivo di curare le sue smanie, dove rimase per sette
anni. La permanenza cos lunga in un ospedale che era una prigione, motivata da cause
p o l i t i c h e : a Fe r r a r a n o n s i e r a a n c o r a s p e n t a l e c o d e l l o s c a n d a l o s u s c i t a t o d a l c i r c o l o c a l v i n i s t a
d i Re n a t a d i Va l o i s , m a d r e d e l D u c a A l f o n s o , c h e e r a s t a t a a l l o n t a n a t a p e r t i m o r e d e l l e r e a z i o n i
p o n t i fi c i e ; g l i s c r u p o l i r e l i g i o s i d e l Ta s s o e l e s u e m a n i e , u n i t e a l l e s u e f u g h e i m p r o v v i s e
rischiavano di mettere in cattiva luce la corte ferrarese che essendo priva di un erede legittimo
r i s c h i a v a d i e s s e r e i n g l o b a t a n e l t e r r i t o r i o p o n t i fi c i o .
D u r a n t e g l i a n n i d i p r i g i o n i a i l m a n o s c r i t t o d e l l a G e r u s a l e m m e L i b e r a t a p a s s
improvvisamente in mano agli editori che lo pubblicarono tagliandolo e attribuendogli un altro
t i t o l o . I l l i b r o r i s c o s s e u n v a s t o c o n s e n s o d i p u b b l i c o e q u a n d o Ta s s o u s c d a l c a r c e r e , i l p a p a
C l e m e n t e V I I I l o a c c o l s e s o t t o l a s u a p r o t e z i o n e , p ro m e t t e n d o g l i d i l a u r e a r l o p o e t a i n
Campidoglio, ma la morte lo colse nel 1595.

LA GERUSALEMME LIBERATA
L e m o t i v a z i o n i c h e s p i n s e r o Ta s s o a s c r i v e r e l o p e r a s o n o l e g a t e :
1. Ad una concezione alta della poesia che doveva quindi trattare di gesta alte ed eroiche
in conformit alle regole aristoteliche;
2. Al desiderio di gloria che spinse il poeta a competere con Ariosto nello stesso campo,
quello del poema cavalleresco;
3. Alle esperienze personali legate al pericolo delle incursioni saracene e turche lungo le
coste sorrentine;
4. Alla frequentazione dellambiente veneziano nel momento in cui si ristampavano le
antiche cronache delle crociate tratte dai testi e dai manoscritti del tempo;
5 . A l d e s i d e r i o d i m e t t e r s i a l l a p r o v a s u u n a r g o m e n t o c r i s t i a n o p e r v e r i fi c a r e l a p r o p r i a
ortodossia.

Lopera dedicata al duca Alfonso II DEste, composta da venti canti e presenta come
a r g o m e n t o p r i n c i p a l e l a p r i m a c r o c i a t a o r g a n i z z a t a d a Pi e t r o l E r e m i t a e g u i d a t a d a G o ff r e d o d i
Buglione (1096-1099).
Lazione si apre sul campo dei cristiani davanti a Gerusalemme quando, dopo inutili tentativi,
v i e n e d e c i s o d i p u n t a r e s t r a t e g i c a m e n t e s u a l c u n i e r o i s c e l t i : Ta n c r e d i e R i n a l d o ( i l m i t i c o
progenitore della casata DEste), mentre nel campo saraceno si punta su Argante e Clorinda.
Intrecci e storie sono guidati dalle forze del bene e del male (queste ultime vedono in
particolare il mago Ismeno e Satana in persona mobilitarsi per fare incantesimi).
Ta n c r e d i a m a , n o n r i c a m b i a t o , C l o r i n d a e d a s u a v o l t a a m a t o d a E r m i n i a , p r i n c i p e s s a c h e
egli ha catturato e poi liberato per generosit. NellIntreccio della storia interviene la maga
A r m i d a , g i o v a n e e b e l l i s s i m a . C h e s i r i v o l g e a G o ff r e d o fi n g e n d o s i p r o f u g a e p e r s e g u i t a t a p e r
avere attenzione. In realt, accolta nellaccampamento cristiano, seduce tutti i guerrieri pi
v a l o r o s i c h e l a s e g u o n o a b b a n d o n a n d o l a c c a m p a m e n t o s t e s s o . Tr a q u e s t i v i R i n a l d o c h e s a r
poi decisivo e risolutivo per le sorti della guerra.
Durante unimprovvisa sortita notturna, dalla mura di Gerusalemme, Clorinda e Argante
penetrano nel campo cristiano ed incendiano tutte le macchine da guerra. Scoperti, vengono
i n s e g u i t i d a Ta n c r e d i , m a m e n t r e A r g a n t e r i e s c e a r i e n t r a r e a G e r u s a l e m m e , C l o r i n d a r e s t a
c h i u s a f u o r i d a l l e m u r a e v i e n e a ff r o n t a t a e u c c i s a d a Ta n c r e d i i l q u a l e d a p p r i m a n o n l a
riconosce a causa di uno scambio darmi (quelle di Clorinda erano state rubate). Le operazioni
militari si interrompono perch il mago Ismeno ha incantato la selva che forniva il legname
necessario per ripristinare le macchine da guerra: i cavalieri cristiani che tentano di entrare nel
bosco, infatti, si imbattono in fantasmi e presenze demoniache che li cacciano. Lunico in grado
di vincere gli incantesimi Rinaldo, che verr richiamato dalli rretim ento amoroso di Armida,
p u r i fi c a t o d a i s u o i p e c c a t i d i l u s s u r i a e f a t t o p e n e t r a r e n e l l a s e l v a p e r a p r i r e l a s t r a d a a g l i a l t r i .
L a z i o n e s i c o n c l u d e c o n l o s c o n t r o fi n a l e s o t t o l e m u r a d i G e r u s a l e m m e t r a Ta n c r e d i e
Argante, che vede la morte di questultimo per mano dellaltro , con il conseguente sfondamento
della porta e la conquista del Santo Sepolcro.

IL BIFRONTISMO DELLA GERUSALEMME LIBERATA


Molti critici hanno messo in evidenza come allinte rno della <Gerusalemme Liberata sia
presente una sorta di bifrontismo, una presenza, antitetica ed opposta, di valori, linguaggi,
codici di comportamento diversi. In particolare, i personaggi cristiani sembrerebbero meno
r i u s c i t i p o e t i c a m e n t e d i q u e l l i p a g a n i , c o m e s e l a s i m p a t i a d e l Ta s s o r i c a d e s s e n o n t a n t o s u i
r a p p r e s e n t a n t i d e l l i d e o l o g i a c r i s t i a n a ( G o ff r e d o e Pi e t r o l E r e m i t a ) , q u a n t o s u i s a r a c e n i . Q u e s t o
venne notato anche dai contemporanei del poeta ed a costituire uno scandalo fu proprio la cura
che lautore prest al tratteggio dei personaggi pagani.
Ta s s o f u d u n q u e c o s t r e t t o a s c r i v e r e , d o p o l a p u b b l i c a z i o n e d e l l i b r o , l A l l e g o r i a d e l l a
Liberata nella quale spiegava le su intenzioni. Il libro non racconta lo scontro tra i cristiani e i
p a g a n i , c i o t r a D i o e M a o m e t t o , m a , c o m e d i c e Ta s s o , t r a D i o e S a t a n a , c i o t r a l a f e d e
cristiana e la sua negazione. Quindi non si tratta di uno scontro tra Occidente e Oriente, ma di
u n c o n fl i t t o , a l l i n t e r n o d e l l o s t e s s o O c c i d e n t e , t r a d u e o r i e n t a m e n t i c u l t u r a l i , o v v e r o i l p r i m o
500, portatore di ideali laici di felicit , edonismo, individualismo, ed il secondo 500, portatore
degli ideali controriformistici e quindi di un ideologia pi oppressivo e meno libertario.
Naturalmente i cristiani sono i portatori del codice controriformista , i pagani di quello
r i n a s c i m e n t a l e . Q u e s t o n o n s i g n i fi c a c h e i v a l o r i d e l l a f e d e c r i s t i a n a n o n c o n t i n o o c h e s i a n o
n e g a t i d a l Ta s s o , m a c h i a r o c h e l a u t o r e n o n l i c o n s i d e r a p i e n a m e n t e s u ffi c i e n t i r i s p e t t o a l s u o
racconto.
Rispetto al poema dellAriosto, si registra un mutamento culturale allinterno del poema. Non
c i s o n o p i l a f e l i c i t , l a l l e g r i a n e l r a c c o n t a r e , e l a v i s i o n e b o n a r i a d e l l a v i t a . Ta s s o p i c u p o
e tormentato, la sua visione della vita pi tetra. Gli ideali ariosteschi della cavalleria,
dellonore, dellamore, dellinchiesta, hanno perso la loro importanza ed anche laggettivo
errante , usato dallAriosto per descrivere la natura dei suoi cavalieri , ha perso la sua valenza
g e o g r a fi c a p e r a c q u i s i r e s o l t a n t o q u e l l a , d i c h i a r a t a m e n t e m o r a l e , d e l l e r r o r e , d e l l o s b a g l i o .
Lopera rispetta chiaramente il clima oppressivo della controriforma, sia nella necessit del
poeta di esaltare valori cristiani, sia nellansia umana e tutta sua di evadere da loro. Ci si nota
soprattutto nel canto IV del libro, quando Satana pronuncia unappassionata difesa dei valori di
libert, di tolleranza e di pluralismo: in un conciliabolo di demoni, Satana pronuncia contro Dio
gravi accuse di prevaricazione e di intolleranza rispetto a tutte le altre forme di religione del
pianeta. Come Dio cacci i suoi angeli ribelli perch avevano osato opporsi ai suoi voleri, cos i
cristiani pretendono di ridurre sotto il loro dominio tutto il mondo abitato e di modellare tutte
le altre civilt con le quali vengono a contatto e loro immagine e somiglianza. Questo discorso,
chiaramente scandaloso per lepoca, rappresenta un atto di audacia, di estrema libert politica,
d a p a r t e d e l Ta s s o . E g l i p e r , c o n t e m p o r a n e a m e n t e , s o t t o l i n e a n d o i c a r a t t e r i m o s t r u o s i d e l
d e m o n i o ( p e r e v i t a r e i d e n t i fi c a z i o n e e s o l i d a r i e t d e l l e t t o r e ) s i c r e a u n a l i b i s u ffi c i e n t e e
necessario.
Altri esempi di bifrontismo, in forma pi o meno velata:
Q u a n d o u n c r i s t i a n o f e r i s c e a l c o l l o C l o r i n d a d u r a n t e u n c o r p o a c o r p o , Ta n c r e d i s i
scaglia su di lui come contro un nemico;
Nellepisodio della morte di Clorinda sono presenti da una parte lesaltazione della
verit cristiana, dallalt ro della sensualit corporea.
Nel libro dellAriosto non cera, tra i cristiani ed i pagani, nessuna contrapposizione
i d e o l o g i c a o m o r a l e . N e l l a G e r u s a l e m m e L i b e r a t a , i n v e c e , c u n a d i v i s i o n e n e t t i s s i m a : d a u n a
p a r t e c l a g i u s t i z i a , d a l l a l t r a l e r r o r e . L e t r a s g r e s s i o n i c h e s i v e r i fi c a n o n o n s a r a n n o d o v u t e
alla volont dei personaggi, ma frutto dellintervento soprannaturale. La magia occupa, infatti,
un ruolo principale allinte rno del testo, dato che in tutto il 400 e 500 le era stato dato largo

c r e d i t o , o l t r e a d e s s e r e s t a t a r i c o n s i d e r a t a a n c h e d a l n e o p l a t o n i s m o . S e c o n d o l a fi l o s o fi a d e l
tempo, cera una distinzione sostanziale tra la magia naturale e quella diabolica, che ritroviamo
nel mago cristiano di Ascalona e nel pagano Ismeno. Il sapere del primo quello tipico del
fi l o s o f o n a t u r a l e , i n d a g a t o r e d e i m i s t e r i d e l l a s c i e n z a , t i p i c o e s e m p i o d i u n m o d e r n o s c i e n z i a t o .
L a l t r o l e s p o n e n t e d e q u e l l a m a g i a n e r a f a t t a d i f a n t a s m i , p r e s e n z e d i a b o l i c h e e t e r r i fi c a n t i
ossessioni, che sono le stesse rappresentate dal malessere esistenziale che costitu
l a e g r i t u d o d e l Ta s s o .

INTRODUZIONE AL PROEMIO
N e l p r o e m i o v i e n e p ro p o s t o l a r g o m e n t o c h e i l p o e t a a ff r o n t e r i n t u t t i i v e n t i c a n t i : l a
conquista di Gerusalemme, gli ostacoli che si frappongono tra limpresa e la sua realizzazione
ed i traviamenti morali che i crociati dovranno patire. Allinterno della prima ottava gi
presente in forma evidente il bifrontismo politico che oppone lInferno al Cielo, il popolo misto
d e i p a g a n i a l l e a r m i d e i c r o c i a t i , i c r o c i a t i e r r a n t i a l l i n t e g r o e r e t t o c a p i t a n o G o ff r e d o d i
Buglione.
Nella seconda ottava troviamo linvocazione della musa Urania, cristianizzata dal poeta, nello
s f o r z o d i g i u s t i fi c a r s i d e l Ta s s o .
N e l l a t e r z a s t r o f a v i e n e e s p r e s s o i l fi n e d e l p o e m a , q u e l l o d i m i s c e r e u t i l e d u l c i , d i
mescolare il fantastico e divertente con lintento di educare.
N e l l a q u a r t a s t r o f a c o n t e n u t a l a d e d i c a d e l p o e t a a d A l f o n s o I I D E s t e d i Fe r r a r a

INTRODUZIONE ALLA FUGA DI ERMINIA


E r m i n i a , c h e e r a s t a t a l i b e r a t a d a Ta n c r e d i e d a v e v a t r o v a t o r i f u g i o a G e r u s a l e m m e , p r e s a
dalla nostalgia, dalla voglia di rivedere luomo di cui innamorata, ruba armi e corazza a
Clorinda ed esce di soppiatto dalla citt per recarsi nel campo cristiano. Mentre per vicina
a l l a t e n d a d i Ta n c r e d i , l a l u n a , s o r t a a l l i m p r o v v i s o , l a i l l u m i n a , r i v e l a n d o l a a d u n g r u p p o d i
c r i s t i a n i c h e l a i n s e g u e . Fu g g e n d o a t t e r r i t a , g i u n g e p r e s s o l e a c q u e d e l fi u m e G i o r d a n o , s m o n t a
da cavallo e si riposa.
A l m a t t i n o s v e g l i a t a d a l s u o n o d i u n fl a u t o e d a u n d o l c e c a n t o . Ve d e u n v e c c h i o p a s t o r e
con dei ragazzi (in una rappresentazione idilliaca e rasserenante) e chiede della loro vita. Il
p a s t o r e l e r a c c o n t a l a s u a s t o r i a , r i v e l a n d o l e d i a v e r v i s s u t o i n g i o v e n t a l l a c o r t e d i M e n fi e d i
a v e r c o m p r e s o l a m a l v a g i t d e i c r i s t i a n i s u ffi c i e n t e m e n t e i n t e m p o d a a b b a n d o n a r l i , s c e g l i e n d o
d i v i v e r e n e l l a q u i e t e d e l l a c a m p a g n a . I l m o n d o b u c o l i c o l o s t e s s o c h e s o g n a v a i l Ta s s o i l
quale mette in bocca al vecchio pastore la sua concezione di vita, il sogno di una pace lontana
dagli intrighi di palazzo.

INTRODUZIONE ALLA MORTE DI CLORINDA


Dopo una sortita notturna durante la quale Argante e Clorinda hanno incendiato le macchine
da guerra dei cristiani, mentre Argante riesce a rientrare in citt, Clorinda resta chiusa fuori
d a l l e m u r a . Ta n c r e d i , c h e l i s t a i n s e g u e n d o , s i t r o v a d a v a n t i a l n e m i c o e l o s fi d a . I l d u e l l o
a v v i e n e d i n o t t e e d n e l r a c c o n t o q u a s i p a r a g o n a t o d a l p o e t a a d u n b a l l e t t o d a m o r e . Te r m i n a
s o l o v e r s o l a l b a , q u a n d o i l f e r r o d i Ta n c r e d i e n t r a n e l p e t t o d e l n e m i c o .
A q u e l p u n t o , r i m u o v e n d o l a r m a t u r a e s c o p r e n d o u n b e l l i s s i m o s e n o f e m m i n i l e , l u o m o s fi l a
lelmo e riconosce la donna amata. Clorinda, morente, persona luccisore e gli chiede la piet
d e l b a t t e s i m o . Ta n c r e d i c o r r e a l r u s c e l l o v i c i n o , r i e m p i o d a c q u a l e l m o e b a t t e z z a C l o r i n d a , c h e
s i t r a s fi g u r a d i u n a n u o v a g i o i a e , c o n l a m a n o o r m a i f r e d d a , d o n a a l s u o u c c i s o r e u n s e g n o d i
pace.

INTRODUZIONE AL PALAZZO DI ARMIDA


Rinaldo, irretito dalla maga Armida, tenuto prigioniero in un giardino incantato nelle isole
Fo r t u n a t e . D u e c r o c i a t i m a n d a t i d a G o ff r e d o s i s p i n g o n o o l t r e l e c o l o n n e d E r c o l e e g i u n g o n o
a l l i s o l a , s c o n fi g g e n d o m o s t r i , r e s i s t e n d o a l l e i n s i d i e d e l l e s i r e n e , s u p e r a n d o i l l a b i r i n t o a t t o r n o
al giardino dov segregato Rinaldo, per poi riportare il paladino a Gerusalemme, dove c
bisogno di lui.
Questo episodio racconta quanto si presenta ai due crociati quando arrivano al giardino
segreto. Lepisodio del giardino di Armida segna una svolta determinante nel poema. Rinaldo
u n p e r s o n a g g i o c e n t r a l e , p e r c h fi n d a l l i n i z i o s t a t o p r e d e s t i n a t o a p o r t a r e i c r i s t i a n i a l l a
vittoria,
per

anche
destinato
al
traviamento
morale,
che
si
traduce
anche
nellallontanamento dal centro gravitazionale della storia: Gerusalemme.
Lepisodio del giardino lultima vittor ia del codice pagano (naturalismo, amore, gloria
individuale, primato dei sensi), destinata ad essere repressa dal codice cristiano. Il labirinto,
con la sua vegetazione lussureggiante ed i suoi percorsi, di cui molti senza uscita, rappresenta
gli abissi della conoscenza in cui si annidano i pi biechi istinti.

LILLUMINISMO
L i l l u m i n i s m o u n m o v i m e n t o c u l t u r a l e - fi l o s o fi c o c h e s o r g e i n I n g h i l t e r r a , m a c h e t r o v a l a s u a
s i s t e m a z i o n e r a z i o n a l e i n Fr a n c i a p e r o p e r a d i g r a n d i fi l o s o fi c o m e C a r t e s i o ( r a z i o n a l i s m o ) e
L o c ke ( e m p i r i s m o ) . I l t e r m i n e d e r i v a d a l l a v o l o n t d i i l l u m i n a r e l e m e n t i u m a n e f u g a n d o l e
tenebre dei dogmi e delle superstizioni religiose, sottolineando una ben precisa volont di
rivalutare la ragione di cui tutti gli uomini sono dotati, contro ogni forma di ignoranza.
I temi principali, che vengono sviluppati in maniera diversa dagli autori delle varie nazioni,
hanno matrici comuni:
1.

2.

3.

4.

5.

6.

7.

L A F E D E A S S O LU TA N E L L A RA G I O N E . E s s a , c o s t i t u e n d o i l f a t t o r e e s s e n z i a l e d e l p r i m a t o
delluomo sui bruti, sugli animali, il risultato della rivalutazione delluomo partita dal
Rinascimento e che sembrava bandita nel periodo dellassolutismo secentesco (quando
lunica logica prevalente era la ragion di stato).
I L T E I S M O , I L D E I S M O , L AT E I S M O. I l t e i s m o c o n s i s t e n e l c r e d e r e i n u n u n i c o D i o ,
contrariamente al politeismo, ma che non necessariamente deve coincidere con quello
espresso dalla dottrina cristiana. Il deismo consisteva nel credere in un Dio principio
delluniverso, senza ammettere per n la rivelazione n la provvidenza. Lateismo la
n e g a z i o n e a s s o l u t a d i u n a d i v i n i t . C o n i l p r e v a l e r e d e l l a fi d u c i a n e l l a r a g i o n e u m a n a , l a
fede religiosa viene perlopi negata, o si crede in un Dio meccanicistico, coesistente con
i l c o s m o , u n a f o r z a n a t u r a l e .
CONCEZIONE
MECCANICISTICA
DELLA
N AT U RA .
Si
pensa
che
esista
una
forza
meccanicistica che trasformi le cose dalla vita alla morte e viceversa, in un processo
continuo, seguendo il criterio che nulla si distrugge, ma tutto si trasforma ( la
c o n c e z i o n e m e c c a n i c i s t i c a d i Lu c r e z i o e d e g l i a n t i c h i fi l o s o fi a t o m i s t i ) . N o n e s i s t e
n e s s u n a fi n a l i t s e n o n q u e l l a d e l n a s c e r e e m o r i r e , p e r d a r e v i t a a d a l t r i e s s e r i .
A N T I - S T O R I C I S M O. L a s t o r i a d e l p a s s a t o v a r i fi u t a t a p e r c h u n a s e q u e l a d i e r r o r i
dettati da false ideologie e credenze e soprattutto dal fatto che luomo, seguendo la via
d e l l a c i v i l i z z a z i o n e , h a d i m e n t i c a t o d i v i v e r e s e c o n d o n a t u r a . S e c o n d o i l fi l o s o f o
Ro u s s e a u , v i v e r e i n d i r e t t o c o n t a t t o c o n l a n a t u r a p e r m e t t e v a d i e s p l i c a r e a l m e g l i o l e
proprie qualit, da tempo represse e vincolate allinte rno degli schemi istituzionali.
Inoltre, luomo ha perso la sua felicit anche perch dal contatto con i suoi simili,
perdendo la bont originaria, ha imparato larroganza, la violenza, legoismo (diventando
l h o m o h o m i n i l u p u s d e s c r i t t o d a H o b b e s ) . S e m p r e Ro u s s e a u r i c o r d a c h e l o s t a t o f u
creato come contratto sociale per eliminare le prepotenze dei forti e dunque, se i
monarchi tradiscono il popolo, il popolo tenuto a riprendersi il potere.
I L C I C LO D E L L E S C I E N Z E E D E L L E D U C A Z I O N E S O C I A L E . L e g a t o a l l a r i v a l u t a z i o n e d e l l a
r a g i o n e u m a n a i l c u l t o v e r s o t u t t o c i c h e c d i s c i e n t i fi c o e c h e p e r m e t t e d i
e s p l o r a r e i s e g r e t i d e l l a n a t u r a , s o p r a t t u t t o s u l l a s c i a d e l m e t o d o g a l i l e a n o . Pe r
o r g a n i z z a r e m e g l i o i l s a p e r e e s o p r a t t u t t o p e r d i v u l g a r l o , p e r d i ff o n d e r l o a fi n i c u l t u r a l i
e d e d u c a t i v i , v i e n e c o m p i l a t o u n d i z i o n a r i o s c i e n t i fi c o c h i a m a t o l E n c i c l o p e d i a ( 1 7 5 0 )
curato da Diderot e da DAlembert. In Italia ne vennero pubblicate due edizioni, con lo
s c o p o d i d i ff o n d e r e q u a n t a p i c o n o s c e n z a p o s s i b i l e e d i l l u m i n a r e l e m e n t i . B e r s a g l i o
polemico degli enciclopedisti furono il Medioevo e tutti i periodi di oscurantismo.
I L F I L A N T R O P I S M O. D a l l a r i v a l u t a z i o n e d e l l a n a t u r a n a c q u e l a m o r e p e r i l p r i m i t i v o e l o
studio dei popoli barbari e incivili, fondato sulla convinzione che tutti gli uomini sono
uguali per diritto naturale (giusnaturalisti), perch pi vicini alla natura e non alla
civilt. Da questa convinzione nascono due conseguenze importanti: A) la dichiarazione
dei diritti delluomo (libert, uguaglianza, fratellanza, propriet privata), B) la futura
rivoluzione francese che elimin il dispotismo e lingerenza del clero nella societ.
I L C O S M O P O L I T I S M O. Te o r i e , s e c o n d o c u i , e s s e n d o g l i u o m i n i f r a t e l l i v e n g o n o a b o l i t e l e
nazioni
e di conseguenza le barriere tra civilt e civilt, ogni uomo cittadino del
m o n d o . D a l l a Fr a n c i a , d o v e i t e o r i c i d e l m o v i m e n t o , c h e f u r o n o d e t t i p h i l o s o p h e s , i l
movimento si sposta anche in Italia, in particolare a Milano e a Napoli. A Milano
lIlluminismo assunse un carattere pratico e specialmente economista e riformista,
i n f a t t i s i p r o p o s e d i a c c u l t u r a r e g l i s t r a t i m e n o d o t t i d e l l a p o p o l a z i o n e e d i r i f o r m a r e l a
m e n t a l i t v e c c h i o t t a d e l l e p o c a . I d u e f a u t o r i d e l m o v i m e n t o f u r o n o Pi e t r o Ve r r i e C e s a r e
B e c c a r l a . I l p r i m o f o n d i l C a ff , g i o r n a l e c h e . s u l l a s c i a d e l l o S p e c t a t o r ( g i o r n a l e
inglese), e delle abitudini dei pub, dove ci si riuniva per parlare di cultura, proponeva
dibattiti sullattualit e sulla cultura, facendo passare un messaggio innovatore. Di
B e c c a r i a s i r i c o r d a i l t r a t t a t o D e i d e l i t t i e d e l l e p e n e , i n c u i l o s c r i t t o r e p r o p o n e v a
labolizione della pena di morte e della tortura, a vantaggio di una pena che servisse a
riabilitare e restituire dignit al colpevole. A Napoli il movimento ebbe un carattere pi
t e o r i c o e fi l o s o fi c o . I r a p p r e s e n t a n t i p i a u t o r e v o l i f u r o n o G e n o v e s i e Fi l a n g i e r i , c h e
incisero poco sul rinnovamento culturale perch si dovettero scontrare con una realt
d i v e r s a d a q u e l l a l o m b a r d a ( d o v e M a r i a Te r e s a d A u s t r i a n o n s o l o f a v o r i v a l a c i r c o l a z i o n e
della cultura, ma si asteneva dalloperare grande censura), caratterizzata da fortissimi
p r i v i l e g i d i c l e r o e n o b i l t , a n a l f a b e t i s m o p r o f o n d o e d i n e ffi c i e n z a d e l l a b u r o c r a z i a
l o c a l e . Pe r q u e s t o m o t i v o , q u a n d o n e l 1 7 9 6 N a p o l e o n e B o n a p a r t e s c e n d e r i n I t a l i a
sventolando la bandiera della rivoluzione francese, mentre nella zona lombarda trover
grandi consensi che favorirono il sorgere delle repubbliche, nel napoletano, invece,
linsurrezione porter ad un terribile bagno di sangue.

Gli illuministi si convinsero che la trasmissione di questo messaggio necessitasse di un tipo di


linguaggio adeguato, cio che la letteratura dovesse essere adeguata al rinnovamento della

s o c i e t c h e s i s t a v a p r o p o n e n d o . Pe r q u e s t o e s s i v o l l e r o u n a l e t t e r a t u r a d i c o s e , c h e s i
c o n t r a p p o n e s s e a d u n a d i p a r o l e , a d e g u a t a a n c h e a d u n a t e r m i n o l o g i a d i t i p o s c i e n t i fi c o .
N e l l a c u l t u r a e u r o p e a c i s i s t a v a a p p o g g i a n d o a l s e n s i s m o ( m o v i m e n t o fi l o s o fi c o c h e f a c e v a
d e r i v a r e t u t t e l e c o n o s c e n z e u m a n e d a l l e s e n s a z i o n i fi s i c h e , t o g l i e n d o o g n i a t t i v i t d i
coscienza). I principi fondamentali di questo movimento furono teorizzati da Condillac, secondo
cui anche larte una sensazione, per il fatto che tutto sensazione; questo comport in
letteratura alcune novit:
1.
2.
3.
4.

Il recupero del reale, spariscono cio gli argomenti mitologici o di fantasia, o quelli
legati ad ambienti immaginari o inverosimili, perch non vengono considerati credibili,
quindi si preferiscono problemi di vita quotidiana.
Diletto e utile tornano come accoppiata vincente (miscere utile dulci) per il fatto che
lintento educativo dellarte deve convivere con la piacevolezza della sua lettura.
Limitazione della natura da cui deriva unargomentazione, una letteratura, vicina alla
realt quotidiana.
La cura verso una lingua che sia pi legata a canoni estetici trecenteschi superati, ma
c h e s i a a g g i o r n a t a s u t e r m i n o l o g i e s c i e n t i fi c h e e s u e s p r e s s i o n i d u s o q u o t i d i a n o , c o n l o
scopo di elevare culturalmente il pubblico e trasmettergl i nuovi valori legati al
cambiamento dei tempi.

Quindi lintellettuale non pi il topo di biblioteca o il cortigiano o laccademico, ma colui


che dal quotidiano, dal reale, trae argomenti per la sua letteratura.

LA COMMEDIA DELLARTE, IL TEATRO, LA RIFORMA GOLDONIANA


Pe r t u t t o i l s e i c e n t o , i l t e a t r o a v e v a r i s c o s s o g r a n d e s u c c e s s o , a d e c c e z i o n e d e l l I t a l i a ( d o v e
brevi e sporadici erano stati i tentativi) , nelle varie nazioni europee, dove venne considerato un
genere di grande importanza. Esso portava sulla scena grandi personaggi (perlopi di ceto
elevato e nobiliare) e passioni drammatiche, forti (o damore o di lotte per il potere). In Italia
esso venne considerato un genere minore anche perch si privilegiava la commedia dellarte ,
u n a f o r m a d i t e a t r o p ro d o t t a d a c o m p a g n i e i t i n e r a n t i , c h e m e t t e v a n o i n p i a z z a i l o r o s p e t t a c o l i .
Arte voleva dire mestiere, o anche perizia, abilit di quei gruppi girovaghi che si
specializzavano su alcuni testi e personaggi. Infatti si recitava non in base ad un copione
scritto, ma sopra un canovaccio su cui lattore era libero di improvvisare e nel quale lattore
i n t e r p r e t a v a r u o l i fi s s i , c o s c i a s c u n o s i s p e c i a l i z z a v a a s e c o n d a d e l l e p ro p r i e a b i l i t , n o n s o l o
recitati ve, ma anche acrobatiche e mimiche.
I personaggi portati sulla scena incarnavano delle caratteristiche tipiche:

PA N TA LO N E , r i c o p r i v a i l r u o l o d e l p a d r o n e v e c c h i o , r i c c o , a v a r o e , a v o l t e , u n p o
rimbambito.
BAL ANZONE, incarnava il dotto, il professore pesante.
ARLECCHINO, incarnava le virt e i difetti tipici dei veneti: chiacchierone, ma in fondo
dedito al prossimo, rappresenta la tipologia del servo, assieme a Colombina.
PULCINELL A, era il fanfarone ridanciano, rappresentava le verit nascoste sotto le false
apparenze.

Il mestiere dellat tore era considerato di bassa lega, soprattutto per il fatto che sulla scena
venivano rappresentate situazioni e personaggi perlopi comici. Il mestiere dellattore era
negato alle donne, sempre in virt del fatto che era considerato un mestiere disdicevole,
perch sembrava sconveniente vedere donne viaggiare, girovagare, da sole.
A l l e p o c a d i G o l d o n i , e i n p a r t i c o l a r e a Ve n e z i a , c e r a n o m o l t i s s i m i t e a t r i s t a b i l i e a Ve n e z i a
ce nerano addirittura quattordici, moltissimi dei quali aperti contemporaneamente, a
testimonianza di quanto fosse gradito il teatro nel 700. Questi teatri appartavano a privati che,
o d a v a n o i n a ffi t t o a l c u n i p a l c h i , o p p u r e v e n d e v a i b i g l i e t t i q u o t i d i a n a m e n t e . L a s t a g i o n e
t e a t r a l e a Ve n e z i a e r a l u n g h i s s i m a ( s e t t e m b r e / g i u g n o ) , m a l a f r e q u e n z a d e g l i s p e t t a c o l i
a u m e n t a v a a C a r n e v a l e . Ve n e z i a f u p e r G o l d o n i l o s c e n a r i o p r e d i l e t t o p e r l a m b i e n t a z i o n e d e i
suoi lavori. I teatri di Goldoni portarono grandissime innovazioni nel teatro contemporaneo.
1.
2.
3.

4.

5.

Dopo un esordio in cui Goldoni scrisse la parte solo per la protagonista nella commedia
L a d o n n a d i G a r b o , e g l i s c r i s s e i l c o p i o n e p e r t u t t i i p r o t a g o n i s t i .
La parte femminile assunse una connotazione forte, infatti moltissime donne sono
protagoniste dei testi goldoniani, il che permette al personaggio femminile di uscire
dalla sua subalternit rispetto a quello maschile.
L a m b i e n t a z i o n e r e a l i s t i c a m e n t e c o n n o t a t a , a d i ff e r e n z a d e l l a t r a d i z i o n e t e a t r a l e
p r e c e d e n t e c h e u t i l i z z a v a s c e n a r i fi n t i o d i n v e n z i o n e , c h e p o t e v a n o e s s e r e u t i l i z z a t i p e r
diversi argomenti; con Goldoni lo scenario assunse le caratteristiche della realt. La
m a g g i o r p a r t e d e l l e c o m m e d i e s i i n a m b i e n t a z i o n i v e n e z i a n e : n e l l e b o t t e g h e d e l c a ff ,
nei campielli (piccole piazze, corti, campi circolari delimitati da case al cui centro era
posto un pozzo) e negli interni domestici.
Lo stesso Goldoni dichiar di ispirarsi al teatro e al mondo, cio sia alla realt, sia alle
e s i g e n z e t e a t r a l i , c h e i m p o n e v a n o a i t e s t i s c r i t t i u n g r a n d e d e c o r o . Pe r q u e s t o e g l i t o l s e
le oscenit, i lazzi pesanti e il basso linguaggio, dando maggiore dignit al suo lavoro,
pur portando il dialetto veneziano alla ribalta.
L o s c o p o p r i n c i p a l e d e l s u o l a v o r o f u p r e t t a m e n t e i l l u m i n i s t i c o , c i o l a fi n a l i t d e l t e a t r o
era prettamente educativa. Infatti egli riprese lantico motto oraziano castigat ridendo

mores, nel senso che, divertendo gli spettatori, egli si proponeva di far passare un
messaggio pi alto, cio svecchiare la societ. Il messaggio era rivolto soprattutto
allaristocrazia, che si trincerava dietro privilegi ormai anacronistici, diversamente dalla
borghesia, che, attiva e imprenditorialmente dinamica, rappresentava ormai il cuore
pulsante della societ.

GIUSEPPE PARINI
G i u s e p p e Pa r i n i n a s c e a g l i i n i z i d e l 7 0 0 i n B r i a n z a , d a u n a f a m i g l i a d i b a s s a e s t r a z i o n e
sociale e di disagiata condizione economica. Nonostante tutto, il padre lo manda a studiare a
Milano ospite presso la casa di una zia. Egli studia nel collegio religioso dei Barnabiti.
Cresciuto, decide di abbracciare la carriera ecclesiastica, non per vocazione, ma perch la zia,
morendo, gli aveva lasciato delle rendite, a condizione che scegliesse questa vita.
Allimpostazione religiosa della sua vita comunque egli rimase sempre fedele, anche se la
rendita economica non gli bast per allontanare la paura della povert, a tal punto che egli si
a d a t t a d a l t r i m e s t i e r i e i n p a r t i c o l a r e f u p r e c e t t o r e d e i fi g l i d e g l i a r i s t o c r a t i c i .
Nel frattempo aveva iniziato la pubblicazione delle sue prime opere: perlopi rime (poesie
damore) , ma anche testi polemici contro gli intellettuali del tempo che facevano un tipo di
letteratura disimpegnata (senza grandi contenuti) e in particolare contro la classe aristocratica,
a c c u s a t a d a l Pa r i n i d i p a r a s s i t i s m o i m p r o d u t t i v o .
Intorno al 1754, egli fu precettore a casa dei duchi Serbelloni e un giorno, avendo preso le
d i f e s e d e l l a fi g l i a d e l m a e s t r o d i m u s i c a c h e e r a s t a t a s c h i a ff e g g i a t a d a l l a c o n t e s s a , v e n n e
cacciato. Questo fatto accentu le sue convinzioni democratiche ed egualitarie , ispirandogli
l o p e r a c h e s a r e b b e s t a t a p o i i l p ro d o t t o m i g l i o r e t r a i s u o i l a v o r i , c i o I l G i o r n o : u n p o e m e t t o
i r o n i c o i n c u i , fi n g e n d o s i p r e c e t t o r e d i u n g i o v a n e s i g n o r e e fi n g e n d o d i d a r g l i i n s e g n a m e n t i s u
come trascorrere la giornata, egli in realt irrideva il ceto nobiliare, mettendone in luce
limproduttivi t e le smanie di apparire. Dal 63 al 65 uscirono le prime due parti, intitolate Il
M a t t i n o e I l M e z z o g i o r n o ( a c u i s a r e b b e r o d o v u t e s e g u i r e I l Ve s p r o e L a N o t t e , p u b b l i c a t e
successivamente, postume).
Questa satira contro la nobilt gli procur subito una grandissima fama, sia allinterno della
r e g i o n e , s i a p r e s s o i l g o v e r n o a u s t r i a c o e d i n p a r t i c o l a r e p r e s s o M a r i a Te r e s a d A u s t r i a , c h e g l i
g a r a n t p r o t e z i o n e e d u n a r e n d i t a l e g a t a a l l a d i r e z i o n e d e l l a G a z z e t t a d i M i l a n o , i n s i e m e a d
u n a c a t t e d r a d i e l o q u e n z a a Pa v i a . Q u i n d i , i n u n m o m e n t o i n c u i l e i d e e i l l u m i n i s t i c h e s i
a n d a v a n o d i ff o n d e n d o , Pa r i n i n e d i v e n t a i l p o r t a v o c e , a n c h e s e e g l i s e m p r e m o d e r a t o e n o n
r i v o l u z i o n a r i o ( i n f a t t i l a s u a c r i t i c a a l l a r i s t o c r a z i a c o r r o t t a n o n t a n t o fi n a l i z z a t a a l
rovesciamento di questa classe, ma tesa al suo rinnovamento tramite la rinuncia ai vecchi
privilegi). Quando gli austriaci vengono cacciati da Milano dallarrivo dei francesi guidati da
Napoleone Bonaparte, non viene messo in discussione il suo prestigio, perch entra a far parte
della nuova municipalit.
N e l 1 7 9 9 m o r a p o c h i m e s i d i d i s t a n z a d a l r i t o r n o d e g l i a u s t r i a c i . L a s u a fi g u r a a s s u m e s u b i t o
il ruolo di forte identit morale e patriottica, perch con la sua letteratura egli ha contribuito a
svegliare al coscienza del popolo, inculcandogli una coscienza civile (scrisse, infatti, anche
delle odi civili attraverso le quali port avanti una battaglia non solo democratico-umanitaria,
m a a n c h e i g i e n i c o - s a n i t a r i a , s c r i v e n d o t r a l e t a n t e o d i q u e l l a S u l l i n n e s t o d e l v a i o l o , l i n v i t o
alla vaccinazione, e quella Sulla salubrit dellaria.