Sei sulla pagina 1di 7

Valutazione delle propriet meccaniche della roccia

per mezzo dello sclerometro


O. Katz - Institute of Earth Sciences, Hebrew University, Israele
Z. Reches - Geological Survey of Israel, Israele
J.-C. Roegiers - Rock Mechanics Institute, University of Oklahoma, U.S.A.

Introduzione
Lo sclerometro stato creato nel 1948 per eseguire prove non distruttive sulla durezza dei superficiale dei calcestruzzi [1], successivamente
fu utilizzato per valutare la resistenza delle rocce [2, 3]. Consiste di una massa calibrata spinta
contro una superficie dura con forzo mediante
una molla. Il pistone colpisce la superficie e la
massa rimbalza; il valore del rimbalzo della
massa viene misurato elettronicamente o per
mezzo di un ago scorrevole. Le letture dei rimbalzi sclerometrici vengono considerate
affidabili e ripetibili [4-6]. Questo tipo di valutazione rapida, non distruttiva e in situ dei parametri meccanici della roccia riduce le spese per
il prelievo dei campioni e per le prove di laboratorio. Infatti, i parametri meccanici possono essere definiti con un ampio numero di misurazioni in situ che definiscono in modo reale la
non omogeneit intrinseca della masse rocciose
[7].
Gli sclerometri sono utilizzati per valutare la
resistenza a compressione di calcestruzzi e rocce [2, 8, 11] per mezzo di correlazioni empiriche
tra le letture di impatto e la resistenza a compressione determinata con prove standard [2, 8,
11].
Questa Nota Tecnica amplia il numero di queste
correlazioni e vengono presentate nuove
correlazioni per sette diversi tipi di roccia tra le
letture di impatto e i loro valori di moduli di
Young misurati in laboratorio, la loro resistenza
a compressione uniassiale e la loro densit. Le

rocce studiate includono gesso tenero, rocce


calcaree, arenaria e rocce dure ignee, che coprono unampia gamma di elasticit delle rocce.
Queste nuove correlazioni sono gi state utilizzate per uno studio dettagliato sul campo riguardanti le rocce degradate [7].

Analisi
Materiali e metodi
Sono stati analizzati sette tipi di roccia: gesso di
Maresha, calcare di Cordoba-Cream, arenaria di
Beres, calcare dellIndiana, marmo di Carrara,
sienite di Gevanim e granito del monte Scott. La
provenienza e le caratteristiche di queste rocce
sono elencate nella tabella 1.
stato utilizzato uno sclerometro digitale per
calcestruzzi, modello 58-C181/G, costruito da
Controls e con unenergia di impatto di 2.207
joule. Questo modello conforme ai seguenti
standard: ASTM C 805, UNI 9189-88, BS 1881,
NF P18-417, DIN 1048, TSO/DIN 8045.
Le letture sclerometriche sono state eseguite su
campioni aventi le seguenti dimensioni: misura
NX (54 mm di diametro) per le carote di gesso
di Maresha, calcare di Cordoba-Cream, arenaria
di Beres, sienite di Gevanim e granito del monte
Scott; lastra di 40 mm di spessore di marmo di
Carrara e blocco di 100 mm di spessore di calcare Indiana. Ciascun campione stato esaminato

Sclerometro digitale per calcestruzzi Controls modello 58-C181/G

al microscopio per cercare eventuali difetti allo


scopo di evitare di fare prove nelle vicinanze di
fratture o in presenza di materiale non omogeneo. In entrambe le geometrie, le superfici sottoposte a prove erano lisce e le prove con lo
sclerometro sono state eseguite attenendosi alle
Recommended Procedures indicate dalla
International Society for Rock Mechanics [9]. I
campioni a forma di carota sono stati messi in
un prisma a V di acciaio da 40 kg, mentre i campioni rettangolari sono stati addossati al lato piatto del prisma. Sono stati eseguiti dieci impatti
individuali su ciascun campione con uno spostamento minimo del punto di battuta. Questa
distanza garantisce che limpatto avvenga su roccia non danneggiata. Non sono state accettate
prove che potevano causare rotture o altri danni
visibili. Il valore di impatto riportato nella presente nota la media del 50% dei valori maggiori riguardanti 32-40 impatti individuali; le
medie e le deviazioni standard sono elencate in
tabella 2. I campioni di gesso di Maresha hanno
ceduto dopo alcuni colpi di sclerometro, e pertanto vengono utilizzate in questo studio solo le
prime sette letture.
Le propriet meccaniche delle rocce prese in esame (modulo di Young e resistenza) sono state
ottenute da fonti diverse come indicato in tabella 2. La resistenza a compressione uniassiale e
il modulo di Young della sienite di Gevanim e
del granito del monte Scott sono stati misurati
presso il Rock Mechanics Insitute, Universit
dellOklahoma, USA. Le densit del gesso di
Maresha, del calcaree di Cordoba-Cream,
dellarenaria di Beres, del calcare dellIndiana,
della sienite di Gevanim e del granito del monte
Scott sono state calcolate dal peso delle carote
essiccate al forno. La densit del marmo di
Carrara conforme a quella dichiarata da
Carmichael [12].

Risultati: parametri di correlazione empirica


I valori meccanici ottenuti mostrano unampia
escursione delle propriet misurate (tabella 2).
Il risultato sclerometrico (HR), compreso tra
23.9 e 73.4, corrisponde a moduli di Young compresi tra 2 e 76 GPa, la resistenza a compressione uniassiale varia da 11 a 259 MPa, e la densit

tra 1200 e 2650 kg m-3. I valori ottenuti e indicati nelle figure 1-3 sono stati usati per determinare le migliori correlazioni empiriche tra lindice
di rimbalzo e le propriet meccaniche. Le tre propriet possiedono tre diverse relazioni con HR
(indice di rimbalzo), come indicato nelle equazioni 1-3 riportate sotto. Queste equazioni mostrano i parametri e il fattore di correlazione R
per il modulo di Young E (in GPa), la resistenza
a compressione uniassiale U (in MPa), e la densit D (in kg m-3). Il terzo termine sulla parte
destra di ciascuna equazione lerrore standard
per la valutazione della variabile relativa.

ln (E) (in GPa) = - 8.967 + 3.091 * ln (HR)


0.101
(1)
(R2 = 0.994)
ln (U) (in MPa) = 0.792 + 0.067 * (HR) 0.231
(2)
2

(R = 0.964)
D (in kg m-3) = - 2874 + 1308 * In (HR) 164.0
(3)
(R2 = 0.913)

TABELLA 1

TABELLA 2

Applicazioni
Utilizzo dei valori di rimbalzo sclerometrico
Gli indici di rimbalzo riflettono una combinazione di propriet delle rocce quali modulo elastico, resistenza, durezza, levigatezza della superficie, densit e cementazione. Nel presente
studio abbiamo rilevato buone correlazioni tra i
valori HR e tre specifiche propriet della roccia:
il modulo di Young, la resistenza a compressione uniassiale e la densit (equazioni 1-3). Tuttavia, i valori HR mostrano anche una buona correlazione con una combinazione di varie propriet
meccaniche, per esempio, la correlazione di HR
con il prodotto fra logaritmo della resistenza e
densit [2]. Inoltre HR potrebbe essere correlato

a parametri pratici quali la prestazione nello scavo di gallerie o con i valori di RQD. Abbiamo
anche rilevato che la valutazione quantitativa di
una specifica propriet ottenuta dalle letture con
lo sclerometro richiede qualche precauzioni come
discusso pi avanti.

Modulo di Young (GPa)

q
q
q
q
q
q
q

Marmo di Carrara
Calcare dellIndiana
Granito del monte Scott
Calcare di Cordoba-Cream
Arenaria di Beres
Gesso di Maresha
Sienite di Gevanim

Indice di rimbalzo
Figura 1
Relazioni empiriche tra il rimbalzo sclerometrico e il modulo di Young. La linea spessa rappresenta
la migliore correlazione (equazione 1 nel testo). Le barre orizzontali indicano le deviazioni standard
delle battute sclerometriche; le fonti del modulo di Young sono elencate in tabella 2.

Condizioni in situ
Abbiamo usato lo sclerometro per unindagine
in situ eseguita su una roccia di tipo intrusivo
composta di sienite quarzifera a grana sottile (simile al granito), a Ramon nel sud dellIsraele
[7]. In questo luogo sono state rilevate in dettaglio le propriet e la struttura delle rocce allinterno di una regione con presenza di faglie. Le
misurazioni sul campo sono state eseguite su tre
tipi di superfici: superfici naturalmente degradate, superfici rocciose levigate a mano con la
pietra per levigature fornita dal costruttore dello
sclerometro (Controls S.r.L.) e superfici levigate con una molatrice elettrica. La levigatura rende liscia la superficie presa in esame in modo
efficiente, eliminando lo strato pi esterno degradato e portando in superficie la roccia sana. I
valori e la ripetitivit dei rimbalzi aumentano a

seconda della bont della levigatura. Per sei prove


sul posto secondo lISRM [9], la deviazione
standard era di 5.57 1.69 per le superfici naturalmente erose, di 3.80 1.41 per le superfici
levigate a mano, e di 1.92 1.34 per le superfici
levigate per mezzo della molatrice elettrica. Ovviamente, una levigatura pi accurata migliorava decisamente la qualit delle misurazioni eseguite sul campo.
Unaltra precauzione da adottare sul campo
quella di evitare la vicinanza a fratture che possono ridurre i valori delle letture HR dovuti a
spostamenti o vibrazioni. La misurazione effettuata su un campione di roccia isolato o degradato fornisce un valore di HR attendibile solo se
il peso del blocco di qualche decina di chili o
maggiore.

Tipi di roccia
il logaritmo della resistenza a compressione
uniassiale al prodotto della densit a secco, D, e
il rimbalzo sclerometrico, HR, cio:
log (U) k (D HR)
dove k una costante. Questi autori ottennero
due diverse curve, una per le arenarie e una per
le rocce sedimentarie, e arrivarono alla conclusione che i risultati variano a seconda del tipo di
roccia.

Resistenza uniassiale (MPa)

Riteniamo che le buone correlazioni osservate


in questo studio, e soprattutto ladeguatezza del
modulo di Young (figura 1 ed equazione 1), indichino che le rocce utilizzate sono ben cementate ed elastiche. Le rocce poco cementate e friabili, che si disintegrano o spezzano sotto limpatto del martello, forniscono correlazioni meno
attendibili. Questa differenza connessa al tipo
di roccia stata dimostrata da Cargill e Shakoor
[2].
Essi analizzarono i dati relativi allimpatto
sclerometrico per 13 tipi di roccia e correlarono

Indice di rimbalzo

Figura 2
Relazioni empiriche tra i rimbalzi sclerometrici e la resistenza a compressione uniassiale. La linea
spessa rappresenta la migliore correlazione (equazione 2 nel testo); le barre orizzontali indicano le
deviazioni standard delle battute; le battute sono eseguite nel presente studio (vedi testo); la fonte
dei valori della resistenza sono elencate in tabella 2. Per la didascalia vedi figura 1.

Densit (kg/m3)

Indice di rimbalzo
Figura 3
Relazioni empiriche tra i rimbalzi sclerometrici e la densit secca. La linea spessa rappresenta la
migliore correlazione (equazione 3 nel testo); le barre orizzontali indicano le deviazioni standard
delle battute; le battute e le misure della densit sono eseguite nel presente studio (vedi testo); la
densit del marmo di Carrara dopo [12]. Per la didascalia vedi figura 1.

Conclusioni
Sono state presentate le correlazioni empiriche
tra le battute sclerometriche e i valori misurati
in laboratorio del modulo di Young, la resistenza uniassiale e la densit secca (figure 1-3). Tali
correlazioni possono essere usate per valutare le
principali propriet meccaniche sia in situ che in
laboratorio, tenendo per presenti le seguenti
precauzioni:

levigare la roccia con una molatrice elettrica


per i lavori sul campo; e
4. i blocchi isolati (o i blocchi degradati) possono essere sottoposti a prova se il peso della parte sana del blocco almeno di qualche
decina di chili o maggiore.

1. la roccia che stata sottoposta alle prove era


fissa e apparentemente elastica;
2. non possibile sottoporre a prove significative le rocce che hanno la tendenza a disintegrarsi sotto limpatto del martello o i campioni che si rompono sotto gli impatti;
3. le battute sclerometriche devono essere eseguite su superfici levigate; si raccomanda di

Lo studio in laboratorio stato eseguito presso


il Rock Mechanics Institute, Universit
dellOklahoma, Norman, grazie allinestimabile aiuto e ai consigli di Gene Scott e Pete Keller.
Ringraziamenti vanno a Sankar Muhuri, Charles
Gilbert, Thomas Dewers e Yossef Hatzor che
hanno gentilmente fornito i campioni per questo
studio.

Riconoscimenti

Lo studio stato sostenuto da un Fondo Internazionale della Hebrew University per la cristallizzazione delle faglie, dal Geological
Survey for Israel Project 30255, dai fondi Eberly
Family Chair del signor Charles Gilbert, e dal
Rock Mechanics Institute, Universit
dellOklahoma, Norman.

Bibliografia
[1] Schmidt E. A non-destructive concrete tester. Con
crete 1951; 59 (8):34-5.
[2] Cargill JS, Shakoor A. Evaluation of empirical methods for measuring the uniaxial compressive strength
of rock. Int J Rock Mech Min Sci & Geomeech Abstr
1990;27:495-503.
[3] IsraeIy AA. Study of the engineering-geo1ogica1
characteristics of the bedrock in the Jerusalem area;
Geologicai map, scale 1:100000 (in Hebrew). MSc
thesis The Hebrew University Jerusalem 1973.
[4] Poole RW, Farmer IW. Consistency and repeatability
of Schmidt Hammer rebound data during field testing. Int J Rock Mech Min Sci & Geomech Abst
1980;17:167-71.
[5] Goktan RM, Ayday CA. Suggested improvement to
the Schmidt rebound hardness ISRM suggested methods with particular reference to rock machineability.
Int J Rock Mech Min Sci & Geomech Abstr
1993;30:321-2.
[6] Day MJ Goudie AS. Field assessment of rock hard
ness using the Schmidt Test Hammer. British
Geomorph Res Gp Tech Bull l997;I8:I9-29.
[7] Katz O. Rehes Z, Lyakhovsky V, Baer G. Rock damage at the proximity of smal faults: Field measurements of elastic wave velocity and elastic rebouud.
In: AGU 1999 Spring Meeting, EOS, Transacuon,
American Geophysical Union, 1999. 80. p.. 335-6.
[8] Huka V. A rapid method of deternining the strength
of rocks in situ. Int J Rock Mech Min Sci & Geomech
Abstr 1965;2:127-34.
[9] ISRM. Suggested methods for determining hardness
and abrasiveness of rocks. Int J Rock Mech Min Sci
& Geomech Abstr 1987;15:89-97.
[10] Kolaiti E, Papadopoulos Z. Evaluation of Schmidt
rebound hammer testing: a critical approach. Bulletin of the International Association of Engineering Geology 1993;48:69-76.
[11] Yaalon DH, Singer S. Vertical variation in strength
and porosity of calcrete (nari) on chalk, Shefela, Is
rael and interpretation
of its origin. Journal of Sedimentary Petrology
1974;44 (4):1016 23.
[12] Carmichael RC. In: CRC practical handhook of
physical properties of rock and minerals. Bola Raton,
FL: CRC Press, 1989. p. 226-7.
[13] Tsesarsky M. Stability of underground openings in
jointed chalk rock - A case study from bell shaped
caverns, Bet Guvrin Nationai Park. MSc Thesis, Ben
Gurion University of the Negev, Beer-Sheva, Israel,
1999.
[14] Azeemuddin M. Pore Collapse in weak rocks. PhD

[15]

[16]
[17]

[18]

dissertation, University of Oklahoma, Norman, OK.


1995.
Hart DJ. Wang HF. Laboratory measurements of a
complete set of poroelastic moduli for Berae Sandstone and Indiana Limestone. J Geophys Res 1995;
100(9): 17,741 51.
Fredrjch JT, Evans B, Wong JF. Micromechanics of
the brittle to plastic transition in Carrara Marble. J
Geophys Res 1989;94(4):4129-45.
Price JD, Hogan JP, Gilbert MC, Payne JD. Surface
and nearsurface investigation of the alteration of the
Mount Scott
Granite and geometry of the Sandy Creek Gabbro
pluton, Hale Sprng area, Wichita Mountains, Oklahoma. In: Basement Tectonics. Dordrecht: Kluwer,
1998. p. 79-122.
Wawcrsik WR, Fairhurst C. A study of brittle frac
tures in laboratory compressive experiments. Int J
Rock Mech Min Sci & Geomech Abstr 1970;7:56175.