Sei sulla pagina 1di 48

D

La copertina La cultura L’incontro


C’era una volta L’eros brutale Il mito Veruschka
La la festa raccontato “La mia infanzia
omenica del Primo Maggio
NELLO AJELLO
E MIRIAM MAFAI
da Francis Bacon
BARBARA
BRIGANTI
nel lager”
GIUSEPPE
VIDETTI

Fondatore Eugenio Scalfari Direttore Ezio Mauro dom 25 apr


2010
1 2 www.repubblica.it
Anno 35 - Numero 98   1,00 in Italia domenica 25 aprile 2010
SEDE: 00147 ROMA, VIA CRISTOFORO COLOMBO, 90 - TEL. 06/49821, FAX 06/49822923. SPED. ABB. POST., ART. 1, LEGGE 46/04 DEL 27 FEBBRAIO 2004 - ROMA. CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ: A. MANZONI & C. MILANO - VIA NERVESA, 21 - TEL. 02/574941. PREZZI DI VENDITA ALL'ESTERO: AUSTRIA, BELGIO, FINLANDIA, FRANCIA, GERMANIA, GRECIA, IRLANDA, LUSSEMBURGO, MALTA, MONACO P.,
OLANDA, PORTOGALLO, SLOVENIA, SPAGNA € 2,00; CANADA $1; CROAZIA KN 15; DANIMARCA KR 15; EGITTO EP 16,50; MAROCCO MDH 24; NORVEGIA KR 20; POLONIA PLN 12,10; REGNO UNITO LST 1,50; REPUBBLICA CECA CZK 60; SLOVACCHIA SKK 80/€ 2,66; SVEZIA KR 18; SVIZZERA FR 3,00 (CON D O IL VENERDÌ FR 3,30); TUNISIA TD 3,50; TURCHIA YTL 4; UNGHERIA FT 495; U.S.A $ 1

MA L’UNITÀ Applausi al Capo dello Stato, qualche fischio al premier. Il Cavaliere: mai litigato con nessuno. Bersani apre al presidente della Camera, no dei finiani
DEL PAESE
È SOLTANTO
UN RICORDO “Federalismo senza dividere l’Italia”
EUGENIO SCALFARI
NapolitanoallaScalaperil25aprile.Berlusconi:sìariformecondivise
MILANO — Il federalismo va rea-

N
ELL’ARTICOLO di dome-
nica scorsa intitolato «Che lizzato «ma pensare di rompere Le idee
cosa farà Fini quando sarà l’unità dell’Italia è fuori dalla
grande» avevo cercato di capire
quale sarebbe stato lo sbocco po-
storia». Il secco monito arriva da
Giorgio Napolitano nel discorso Quanto conta in voti Resistenza, le parole
litico dello scontro tra Berlusconi tenuto al Teatro della Scala per la lo strappo di Fini che non diciamo più
e Fini partendo da un presuppo- celebrazione del 25 aprile, che
sto: il presidente del Consiglio ha chiesto alle forze politiche
ILVO DIAMANTI GUSTAVO ZAGREBELSKY
non ha alcun interesse alle future maggiori convergenze. Il moni-

L L
sorti del partito da lui fondato, to del Capo dello Stato è stato A ROTTURA tra Berlu- E LETTERE dei condan-
non è su di esso che si basa la sua immediatamente raccolto da sconi e Fini è avvenuta in nati a morte della Resi-
fortuna politica e il suo potere. Silvio Berlusconi che si è detto modo spettacolare. E ir- stenza non sono state
I fatti avvenuti subito dopo, la pronto a realizzare «riforme co- reparabile. Come la coabita- scritte per venire in mano a noi
drammatica e pubblica rottura stituzionali condivise». Il pre- zione all’interno dello stesso che le leggiamo. Sono state
con il cofondatore, le reazioni mier ha anche aggiunto di «non partito e, perfino, della stessa concepite in un momento del-
della Lega, hanno clamorosa- aver mai litigato con nessuno». coalizione. Anche se, in politi- la vita che solo a pochi è dato di
mente confermato quel presup- SERVIZI DA PAGINA 2 ca, non c’è nulla di irreversibile. vivere.
posto. Lo stesso Berlusconi ne ha A PAGINA 6 SEGUE A PAGINA 7 SEGUE A PAGINA 25
fornito la prova più evidente
quando ha ricordato che il Pdl
non si chiama «partito della li-
bertà» ma «popolo della libertà». Attacco della Csu. Gli Usa: subito gli aiuti. Tremonti: sul debito noi tra i migliori

Germania, fronte anti-Grecia


Il rapporto dunque non è tra lui e
un partito ma tra lui e il popolo,
un rapporto diretto, senza me-
diazioni, carismatico e populi-
sta.
Quale sia quel popolo è tutto
da vedere, ma le sue dimensioni
quantitative debbono esser ben
presenti: rappresenta (com-
prendendovi anche le liste colle-
gate nelle ultime elezioni regio-
“Atene va espulsa dall’euro”
nali) il 37 per cento dei votanti i
quali, a loro volta, sono stati il 65 BERLINO — La Grecia deve es-
per cento del totale del corpo L’analisi sere espulsa dall’euro. Lo chiede L’autore di Gomorra ai giovani
elettorale. Compresi in quel 37 a gran voce la Csu, il partito cri-
per cento anche gli elettori che Il raccolto stiano-sociale bavarese. La can-
“Non entrerò in politica”
simpatizzarono per Fini. Difficile
valutarne il numero ma il netto Silvio Berlusconi e Giorgio Napolitano al Teatro della Scala
degli speculatori celliera tedesca, Angela Merkel,
dice no alla cacciata di Atene. La Perugia, la lezione
dei berlusconiani doc è comun- dal nostro inviato situazione dell’economia greca
di Gore e Saviano
S
que al di sotto di un terzo di quel- ILVIO Berlusconi scarta di preoccupa moltissimo il mini-
li che hanno messo le schede nel- Il retroscena lato, getta il vecchio copione ANDREA BONANNI stro del Tesoro Usa, Geithner,
l’urna.
I dubbi del Colle
dello scontro diretto e si ri- BRUXELLES che sollecita un sostegno al pae-
“Scrivere la verità
L’
Molti osservatori sostengono presenta con un vestito nuovo. OPINIONE pubblica te- se vicino alla bancarotta. Il mini-
che la stragrande maggioranza Con l’opposizione e con Napoli- desca ha reagito male stro dell’Economia, Tremonti,
degli italiani non è interessata a
questi temi che sanno di muffa e
sul voto anticipato tano la trattativa la condurrà lui
stesso, non c’è bisogno della
alla richiesta greca di ac-
cedere alla linea di credito aperta
osserva che il debito italiano è
«messo meglio di altri».
ci rende liberi”
di politichese. triangolazione di Gianfranco Fini. dall’Unione monetaria e dal Fmi. LIVINI E TARQUINI CARLO BRAMBILLA
SEGUE A PAGINA 25 FRANCESCO BEI SEGUE A PAGINA 3 SEGUE A PAGINA 13 ALLE PAGINE 12 E 13 A PAGINA 4

L’intervista Il caso

Noemi: rifarei tutto Niente tacchi, capelli corti jan elizabeth


watson
la prigione
di neve
e Veronica ha sbagliato È il bon-ton del ferroviere «Un romanzo raffinato e intrigantissimo sulla maternità
e i guasti di un amore che, malgrado tutto,
sappiamo riconoscere come autentico».
CONCHITA SANNINO LUCIO CILLIS E ILARIA CIUTI
Maroni: stadi proibiti DIEGO DE SILVA
PORTICI

M
ETRO alla mano. La
ai calciatori violenti

U
N ANNO dopo, non gonna deve battere
chiedetele cosa voglia
fare da grande. L’ex
L’Inter vince esattamente su quei
pochi, precisi centimetri che
fanciulla si è allenata a spiaz-
zare. «Una cosa cui tengo
e torna in testa stanno tra metà e fine ginoc-
chio. Né mini né longuette.
molto. Essere felice. Io punto «La lunghezza della gonna de-
a quello». Noemi Letizia, l’a- ve essere compresa tra la metà
dolescente amica di “papi”, del ginocchio e la parte infe-
sorride. E dice che rifarebbe riore del medesimo», recita il
«tutto». La festa dei suoi di- nuovo «Regolamento divise
ciotto anni con il presidente del personale del gruppo», ov-
del Consiglio. NELLO SPORT vero di Ferrovie dello Stato. Fazi Editore
SEGUE A PAGINA 11 SEGUE A PAGINA 21
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 IL GOVERNO
POLITICA ALLA PROVA
INTERNA
■2

Berlusconi: “Riforme condivise”


Napolitano: “Basta contrapposizioni”
Il capo dello Stato sul federalismo: non contrasta con l’unità
tandola e «alle uscite sgangherate ni sono ormai mature per sbaraz- Dialettica

‘‘
ANDREA MONTANARI
di qualcuno sulle celebrazioni per zare il campo dalle divisioni e in-
MILANO — Uscire dalle contrap- il 150 anni dell’unità d’Italia». Na- comprensioni sul suo valore». Non si può mortificare una
posizioni e ritrovare l’unità per ri- politano insiste: «Pensare di rom- Berlusconi sembra raccogliere
solvere i problemi del paese, per pere l’unità nazionale è fuori dalla anche questo messaggio. Quando naturale dialettica tra forze
varare «riforme condivise». Il pre- storia. Sarebbe puro autolesioni- spiega di condividere la proposta di maggioranza e forze di
sidente della Repubblica Giorgio smo, farebbe precipitare il Paese del leader del Pd Pierluigi Bersani
Napolitano e il premier Silvio Ber- ai margini del mondo globalizza- di un patto repubblicano anche opposizione
lusconi, per la prima volta insie- to». E sottolinea che una concezio- con Gianfranco Fini. «Quando si
Il presidente Giorgio Napolitano
me ieri alle celebrazioni ufficiali ne federalista dello Stato «non pensa a una riforma dell’architet-
del 25 aprile, sono d’accordo. contrasta con l’unità nazionale». Il tura istituzionale del nostro Paese
«L’unità nazionale può essere il pubblico della Scala applaude fra- attraverso una legge costituziona-
punto di forza per uscire dalle gorosamente. A un palco, qualcu- le — chiarisce il premier — l’au- Nessuna burrasca

‘‘
contrapposizioni che bloccano il no addirittura appende un trico- spicio che dobbiamo avere tutti è
riconoscimento di temi e impe- lore. «Serve un nuovo clima — ag- che ci sia il massimo della condivi- Non ho litigato con Fini,
gni di più alto interesse naziona- giunge Napolitano — e può crear- sione e della partecipazione ad
le». Il Capo dello Stato lo dice dal si diffondendo tra gli italiani un una fase dialettica e poi a una fase per farlo bisogna essere in
palco del teatro alla Scala, dove ie- più forte senso dell’unità naziona- di approvazione, che se ci vedesse due. Non sono mai stato
ri è stato accolto e più volte inter- le. Cominciando dal modo di cele- tutti d’accordo realizzerebbe
rotto nel suo discorso da una pro- brare questi anniversari. Andan- quello che poi con le celebrazioni protagonista di burrasche
lungata standing ovation del do al di là degli steccati e delle quo- di oggi (ieri ndr.) abbiamo voluto Silvio Berlusconi
pubblico. Il premier, lo dimostra tidiane polemiche che segnano il sottolineare».
scattando in piedi per primo al terreno della politica. Le condizio- © RIPRODUZIONE RISERVATA
termine dell’intervento di Napo-
litano. «Un discorso assoluta-
mente positivo e apprezzabile e
per certi versi anche eccezionale La festa dell’Anpi
— commenta a caldo Berlusconi
— È stata una cerimonia commo- Tre momenti della
vente. Il presidente della Repub- celebrazione alla Scala
blica ha svolto un intervento toc- per il 25 Aprile. Da sinistra:
cante con dei riferimenti storici Berlusconi scherza
importanti». Poi la promessa di in platea con Rosy Bindi.
una riforma istituzionale da rea- La standing ovation
lizzare con «il massimo della con- per Napolitano. Spunta
divisione». un tricolore nel loggione
Si capisce che è rimasto molto dopo la proiezione
colpito dalla citazione del Capo di un video su Toscanini
dello Stato di un passaggio del suo
discorso un anno fa a Onna in oc-
casione del 25 aprile. Quando dis-
se, chiedendo rispetto per tutti i Martedì il presidente dei magistrati Palamara dal Presidente della Camera: serve una riforma equilibrata
caduti, senza che questo signifi- Il caso
casse neutralità o indifferenza, «il
nostro Paese ha un debito inestin-
guibile verso quei tanti giovani che
sacrificarono la vita per riscattare
l’onore della Patria». Napolitano,
Giustizia, l’Anm cerca una sponda in Fini
ieri lo ha riconosciuto ed ha usato LIANA MILELLA come ha sempre fatto in questi AVVOCATO arroccate, ma fare l’interesse di diritti dell’uomo. Il sindacato
la stessa metafora per sostenere due anni assai tormentati sulla Gaetano tutti». Il banco di prova è imme- spera, come le toghe, nelle divi-
che allora come oggi «è necessario ROMA — É un caso, un incontro giustizia, può diventare un argi- Pecorella diato, da mercoledì al Senato il sioni del centrodestra. Una si è
uscire dalla spirale di contrappo- in calendario da tempo. Ma ne alle riforme contro i magistra- legale di voto in commissione sulle inter- appalesata ieri, a Perugia, giusto
sizioni indiscriminate», attuando neanche a farlo apposta, desti- ti di Berlusconi. Il presidente Lu- Berlusconi: cettazioni e i 12 emendamenti in un dibattito del sindacato dei
le riforme. Riforme, però, «da nato a far rumore. L’Anm vede Fi- ca Palamara parte da un fatto: «Il no al del governo che l’Anm ha già giornalisti. Gaetano Pecorella,
troppo tempo in cantiere e che an- ni martedì. Ovviamente nella sua quadro politico è mutato». Per carcere per bocciato in un puntuale docu- l’avvocato di Berlusconi, d’ac-
che recenti tensioni politiche del- veste di presidente della Camera. stemperare un giudizio «politi- la stampa mento. Palamara ribadisce il no: cordo con Roberto Zaccaria (Pd),
la maggioranza rischiano di rin- Una breve riflessione sulle possi- co» con una constatazione: «La «Non devono limitare un fonda- boccia i due mesi di carcere per
viare ulteriormente». bili dietrologie il sindacato delle giustizia ha problemi reali che mentale strumento investigati- punire la stampa, «rea» d’aver
Berlusconi applaude, ma nega toghe la fa, ma a rinviare l’ap- vanno affrontati e che una politi- vo, ma adottare gli equilibrati pubblicato atti di un processo:
di aver mai litigato con Gianfranco puntamento (che segue quello ca seria deve tenere presenti». Centrodestra diviso correttivi per evitare la pubblica- «La sanzione detentiva va elimi-
Fini. «Per farlo, bisogna essere in con Renato Schifani) non ci pen- L’Anm continua a cercare il si aprono spazi per zione di materiale irrilevante e nata. Sono in totale disaccordo
due — dice — Non sono mai stato sa proprio. Il «parlamentino» si dialogo come ha fatto pur in mo- marginale rispetto alle inchie- ad introdurla». In cambio chiede
protagonista di burrasche». Lo fa riunisce, analizza i mutamenti menti difficili. Dice Palamara: limitare le norme ste». rettifiche puntuali e commisura-
anche più vigorosamente quando della situazione politica, soppe- «Dobbiamo parlare di giustizia capestro sulle Questo si augura l’Anm, per te. Ma il no apre il varco del dis-
il presidente della Repubblica tira sa i possibili vantaggi che ne po- superando i conflitti». E ancora: intercettazioni questo si batte la Fnsi, disposta a senso nel centrodestra.
una stoccata alle Lega, pur non ci- trebbero venire per i giudici. Fini, «Non dobbiamo avere posizioni ricorrere alla Corte europea dei © RIPRODUZIONE RISERVATA

Molti ti offrono la piscina termale. Noi ti offriamo anche il tramonto.

MEGLIO STARE MEGLIO.

Spring Rates
a partire da 95€* a persona
con trattamento BB e Percorso
Rigeneraquae compreso.
* OFFERTA SOGGETTA
A LIMITAZIONI E CONDIZIONI.

www.petriolosparesort.com
Petriolo SPA Resort
Loc. Grand Hotel Terme, 58045 Pari
Civitella Paganico (GR)
Tel +39.0564.9091
info@petriolosparesort.com
Gruppo Fondiaria SAI
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010
@ PER SAPERNE DI PIÙ
www.ilpopolodellaliberta.it
www.repubblica.it
■3

La protesta A Napolitano: “Presidente, non firmare la riforma degli enti lirici”

Protestano i dipendenti
premier fischiato alla Scala
MILANO — Anche se è stato fatto di tutto per evi- dal ministro Sandro Bondi, ma non ancora con-
tare contrapposizioni, la «pancia» dei milanesi ie- trofirmato dal presidente della Repubblica.
ri s’è fatta sentire. E dentro la Scala, quando il pre- «Non firmare», sono riusciti a gridare anche
sidente Giorgio Napolitano ha finito di celebrare i dentro il teatro. Mentre fuori, sia lungo i portici di
65 anni della Liberazione tra gli applausi, c’è stata via Filodrammatici, sia vicino alla sede del Comu-
una sola inversione di marcia: quando ha stretto ne, gruppi di lavoratori hanno tentato di esporre
la mano del premier Silvio Berlusconi. Appena è uno striscione, o di urlare slogan, ma si sono ritro-
successo, da qualche palco si sono levati fischi e vati di fronte poliziotti e carabinieri. Qualche spin-
«buh». tone e una manganellata. Protestavano in piazza
«Grande presidente, grande Napolitano», anche i dipendenti Italtel, azienda dove secondo i
«Grazie Presidente», «Meno male che Giorgio c’è»: manager ci sono 400 esuberi, e Pietro Ricca, sem-
questi alcuni slogan che si sono levati ieri, dalla pre in prima fila contro il Premier (da quando gli
iper-transennata piazza della Scala, dove non so- gridò «buffone» nel palazzo di giustizia non ha mai
no mancati momenti di tensione, soprattutto per perso l’occasione per contestare). Fischi sono ar-
la protesta dei dipendenti della Scala. I «reparti rivati all’uscita anche a Roberto Formigoni, go-
tecnici e artistici», come si sono definiti, temono il vernatore per la quarta volta della Regione. (p. c.)
decreto legge sullo spettacolo appena proposto © RIPRODUZIONE RISERVATA

I FISCHI
Fuori dalla
Scala un
gruppo di
dipendenti
del teatro ha
protestato
contro il
decreto
Bondi sullo
spettacolo
chiedendo a
Napolitano di
non firmarlo

Il retroscena

I dubbi del Quirinale sul voto anticipato


e la strategia per il dialogo bipartisan
Il Cavaliere: “Non modificheremo la Costituzione senza il centrosinistra”
(segue dalla prima pagina) rezione». plomatico. Raccontano che, die- E l’ipotesi di tornare di nuovo al dalla Scala, a questo alludeva pare ieri alla celebrazione del-
Insomma a poche ore dalla di- tro la svolta, ci siano anche i re- voto fa suonare il campanello chiedendo alle forze politiche l’Anpi (mentre qua e là per l’Italia
FRANCESCO BEI rezione del Pdl — dove Angelino centi colloqui avuti con Umberto d’allarme. Nella situazione che «ulteriori sforzi» verso «un impe- esponenti del Pdl e della Lega
Alfano si era invece spinto fino a Bossi, in cui entrambi hanno sta affrontando il Paese, insom- gno comune per superare i pro- mettono in discussione il valore

È
DA palazzo Chigi che biso- dare per scontato il referendum escluso le elezioni anticipate. ma, al Quirinale suscita preoccu- blemi per l’avvenire dell’Italia». della Resistenza partigiana) va
gna passare. Alla Scala, per costituzionale sulla riforma della Una soluzione che viene vista con pazione l’idea di chiamare alle Berlusconi non si vuole far co- letta in questa ottica. Così come il
ascoltare il discorso di giustizia — Berlusconi sembra preoccupazione dal capo dello urne i cittadini senza sosta. Non a gliere in ritardo e prova a ricucire video-messaggio che il premier
Giorgio Napolitano sulla Resi- battere una strada diversa. Persi- Stato, deciso a non interrompere caso il presidente della Repubbli- il rapporto personale con Napoli- ha registrato per il 25 Aprile e che
stenza, il Cavaliere dà corpo alla no sulla riforma della Giustizia, la legislatura (per la seconda vol- ca si è assunto in prima persona il tano e con una parte dell’opposi- andrà in onda questa mattina. Un
nuova strategia. Va incontro con perno del programma di gover- ta di seguito) dopo appena due compito di svolgere consultazio- zione. Un’operazione che, se an- intervento in cui Berlusconi si
un largo sorriso agli esponenti no, adesso si muove con cautela. anni. Negli ultimi giorni sul Colle, ni informali per capire se esistano dasse in porto, servirebbe anche presenterà in veste “bipartisan”,
dell’opposizione che incontra Riposta l’armatura nell’armadio, infatti, si segue con preoccupa- margini per arrivare a riforme a togliere spazio a Gianfranco Fi- esaltando la Liberazione come
nel foyer. Si avvicina con cautela il Cavaliere indossa l’abito del di- zione l’evolversi della situazione. condivise. E ancora ieri, uscendo ni. Anche la decisione di parteci- «una grande pagina della nostra

L’immagine
Il capo del governo Telefonata tra il
pronto a varare a premier e Bossi. Il
maggioranza solo Senatur vuole
le riforme della evitare il ricorso
giustizia e del fisco alle urne

persino a Rosy Bindi (mentre il Storia», senza tuttavia far manca-


pubblico la saluta con applausi: re una parola sui caduti «in buo-
«brava! resisti!»), la abbraccia e le na fede» di Salò. Nella svolta
presenta, dopo la battutaccia di “buonista” del premier — all’u-
qualche mese fa, le sue scuse: «Sa, scita della Scala ha persino evita-
mi sono confessato da solo che ho to di polemizzare con Bersani che
strapazzato la vicepresidente lanciava il suo C. l. n. contro di lui
della Camera». Un passo più in là — un ruolo lo ha svolto e lo sta
c’è Vannino Chiti, un altro gene- svolgendo Gianni Letta. Ieri il sot-
rale del Pd. E sono ancora battu- tosegretario ha chiamato Berlu-
te, barzellette, pacche sulle spal- sconi ad Arcore, mentre il pre-
le. Con tutti gli esponenti del cen- mier si stava rileggendo, infuria-
trosinistra stavolta usa toni di- to, la trascrizione dello scontro in
stensivi. «Sia io che Bossi — con- L’angelo della morte direzione con Fini. E, anche in
fida il premier — siamo convinti quella telefonata (come aveva
che le riforme istituzionali deb- «Quando vado a letto la sera fatto il giorno prima in Consiglio
bano essere fatte insieme a voi. e mi guardo allo specchio - ha dei ministri), ha insistito affinché
Da soli non si possono fare. Poi, detto Berlusconi -, dico che se il premier mettesse da parte i pro-
certo, sulla riforma della giustizia l’angelo della morte arriva, positi di vendetta contro il presi-
e sul fisco ricercheremo il massi- sono con la coscienza pulita. dente della Camera. «Ognuno di
mo confronto, ma poi la maggio- Per litigare, bisogna essere in noi ha un angelo — ha scherzato
ranza se ne assumerà la respon- due. Non sono mai stato ieri il sottosegretario uscendo da
sabilità». Dello scontro con il pre- protagonista di burrasche. una mostra — ma ci sono anche i
sidente della Camera, Berlusconi Sono sereno. Ho un’età in cui o demoni tentatori. In questi gior-
non fa il minimo accenno. Come si è in pace con se stessi o non ni, di questi tempi, gli angeli vive-
se Fini non esistesse più. E a chi gli lo si è. E io sono assolutamente vano un po’ nascosti. Ma, alla fi-
chiede se per la riforma della giu- in pace . Non ho rimpianti, non ne, sono gli angeli che vincono».
stizi abbia quindi rinunciato a ho rimorsi. Non ho mai fatto del Il compito del «diavolo», contro
toccare la Costituzione, il pre- male a nessuno. Anzi, cerco di Fini, Berlusconi lo lascia fare a
mier si fa sibillino, non dice di no: fare del bene». Bossi.
«Stiamo lavorando in questa di- © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 IL GOVERNO
POLITICA ALLA PROVA
INTERNA @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.partitodemocratico.it
www.algore.com
■4

Bersani: “Opposizioni unite e patto con Fini”


Di Pietro: bene, acceleriamo. Ronchi: volgare provocazione. Calderoli chiude
GIOVANNA CASADIO e Bruno Tabacci che ieri ha tenu- le nostre. Non so quanto potrà davanti alla suo piccolo apparta- Nichi Vendola
to la sua prima assemblea politi- durare la sua corrente». Quanto a mento privato, si tolgano da Pa-
ROMA — Bersani non esclude un ca. Rutelli ha lasciato il Pd dopo Montezemolo, osserva Rutelli, lazzo Grazioli che non è una casa
patto con Fini. Non significa «fa-
re governi insieme», ma il segre-
esserne stato uno dei cofondato-
ri e punta ora a costruire il “terzo
«spero che ci siano tante forze che
si mettano in campo con corag-
dello Stato». Dal palco dell’Api in-
terviene Sergio Talamo, editoria-
“Non tendiamo la mano alla destra
tario del Pd pensa alla possibilità
di un Cln, una sorta di comitato di
polo”. «Ho parlato con Fini, è sta-
to trattato troppo male per avere
gio ma non vedo un Clegg». Men-
tre Tabacci lancia a sua volta l’ap-
lista della Fondazione finiana
“Farefuturo: «Fini e Rutelli muo- un fronte comune e li batteremo”
salute pubblica che veda unite le espresso le sue idee in modo libe- pello: «Urge un Cln contro la cat- vono la politica». Bonelli (Verdi) e
opposizioni e «le altre forze ma ro. È senz’altro un interlocutore, tiva politica trasversale» e invita Ferrero (Fed): «Bersani va nella
anche energie sociali ed econo- gli debbo molto rispetto ma sarà al rigore morale: «Il presidente direzione giusta». ROMA — «Io non ho paura di elezioni anticipate». Nichi Ven-
miche su questioni fondamenta- lui a fare le sue scelte e noi faremo Pertini non aveva certo bandiere © RIPRODUZIONE RISERVATA
dola, il “governatore” della Puglia in pole position come can-
li, perché reagire a una democra- didato premier del centrosinistra (se il Pd fosse disposto a
zia plebiscitaria che ha dimostra- cedere il passo a un “papa straniero”), non è d’accordo con
to di non sapere decidere, non è Bersani. Non lo convince il “Cln”, il comitato di salute pub-
solo questione di opposizioni». blica allargato anche a Fini, che il segretario del Pd ha pro-
Un patto repubblicano su crisi e posto. Piuttosto, dice, ci vuole «un player contro la destra
riforme. Bersani insomma pren- in crisi, un giocatore per l’alternativa».
de la palla di fronte a un centro- Ma lei Vendola, vorrebbe elezioni anticipate?
destra terremotato. E la prima «Se una coalizione di gover-
mossa è incontrarsi a inizio setti- no si rompe in modo verticale,
mana con Pier Ferdinando Casi- su elementi strategici di fondo,
ni e Nichi Vendola, dopo avere vi- è oggettiva la conseguenza di
sto già Di Pietro e Nencini. Sul ta- tornare alle urne. Non dovreb-
volo la strategia da adottare, a co- bero essere uno spavento per
minciare dal dossier “legge elet- l’opposizione. Ma il centrosini-
torale” «architrave della deriva stra è più preoccupato del cen-
populista e da cambiare». Il ban- trodestra nello scongiurare le
co di prova comunque è già mar- elezioni anticipate e questo la
tedì alla Camera, sottolinea Ber- dice lunga sul fatto che il can-
sani, quando si voterà la proposta Nichi Vendola tiere dell’alternativa è tutto da
per dare reddito contro chi ri- costruire».
schia di restare a breve senza pro- Il governatore La proposta di un Cln allar-
tezione sociale e su cui «il gover- pugliese: “In caso gato anche a Fini, la condivi-
no si è messo di traverso». de?
Ha anche sentito il presidente di crisi di governo «Questa disponibilità mo-
della Repubblica, Giorgio Napo- non ho paura delle stra una contraddizione. La de-
litano. Il capo dello Stato rilancia elezioni anticipate” stra ci offre il più repellente dei
sempre l’appello al senso di re- terreni di confronto, cioè la mo-
sponsabilità istituzionale di cia- difica della Costituzione e la
scuna parte politica; e il segreta- deriva plebiscitaria passa proprio attraverso la rottura del-
rio del Pd ha concordato. «Non la cultura costituzionale del paese».
voglio le elezioni; ogni cosa a suo IL LEADER PD Il segretario del Pd, Bersani chiama a raccolta l’op-
tempo. Il ricorso alle urne ricom- Bersani chiama a raccolta posizione: già fissato l’incontro?
patterebbe il centrodestra — ha l’opposizione: incontri con «So che mi cercherà, sì. Penso anch’io che un primo in-
commentato poi Bersani — Scio- Casini e Vendola contro tra tutte le forze dell’opposizione sia molto impor-
gliere il Parlamento è esclusiva tante per un promemoria comune. Propongo la convoca-
facoltà del presidente Napolita- zione degli Stati generali dell’alternativa, non solo i partiti del
no che non va tirato per la giacca». centrosinistra ma anche movimenti, associazionismo...».
(g.c.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il segretario: no
alle elezioni
nessuno tiri per la
giacca il presidente Faccia a faccia al festival del giornalismo a Perugia. Lo scrittore: “Io in politica? Non è il mio mestiere”
Napolitano Il dibattito

Ma sono proprio i finiani a


sbattere la porta in faccia al lea-
der dell’opposizione. Andrea
“La mafia si sconfigge raccontandola”
Ronchi, ministro e braccio destro
di Fini, replica in modo durissi-
mo: «Un’offesa all’intelligenza e
una volgare provocazione, Fini
non vuole indebolire il centrode-
Saviano-Al Gore, allarme sull’informazione
stra». Italo Bocchino rincara:
«Un’ipotesi lunare, fantapoliti- CARLO BRAMBILLA IL CONFRONTO Il crescendo di Saviano è inter-
ca, Bersani è nostro avversario, il Al Festival del rotto dagli applausi. Per replicare
Pdl la nostra casa politica». E an- MILANO — Un teatro gremito. giornalismo alle accuse che in ultimo il presi-
che il leghista Roberto Calderoli, Tanti giovani. Due intellettuali a di Perugia dente del Consiglio Berlusconi
tutt’altro che tenero con il presi- confronto. Un premio Nobel e lo il dibattito tra gli ha rivolto, l’autore di Gomorra
dente della Camera, respinge al scrittore che meglio di altri sta rac- Al Gore e fa ricorso a un video che riprende
mittente l’offerta democratica contando la realtà criminale del Roberto un discorso di Paolo Borsellino,
definendola «una maionese im- Paese. Faccia a faccia tra Al Gore e Saviano (nelle registrato poco dopo l’omicidio
pazzita con in più un po’ d’ace- Roberto Saviano, al teatro Mor- foto qui di Falcone. Il magistrato, nel ’92,
to... Le riforme si fanno con la lacchi di Perugia. Per discutere di accanto) è poco prima di essere ucciso, sot-
maggioranza allargata, non con informazione. «Trovo assoluta- stato seguito tolineava la necessità di un movi-
le opposizioni allargate». mente sorprendente che in Italia soprattutto mento culturale per sconfiggere
La replica di Rosy Bindi, presi- si sia arrivati a sospendere un talk dai giovani le mafie. «Accendere le luci dà
dente dei Democratici, mira a show in campagna elettorale. speranza — spiega Saviano —
chiarire: «Bersani fa un chiaro di- Non mi sembra sia una cosa giu- raccontare il voto di scambio, che
scorso alle opposizioni di mag- sta. Negli Stati Uniti sarebbe asso- in Campania alle ultime elezioni
giore confronto e ribadisce che il lutamente impensabile». Rispon- ha visto voti pagati 22-25 euro,
Parlamento è il luogo, se poi ci so- de così, senza tentennamenti, l’ex me che c’è tra il pubblico, in modo una speranza di sconfiggere le famare il proprio paese». Incalza: aiuta il paese, non lo diffama», in-
no componenti più ragionevoli è vicepresidente Usa, a Fabio Fazio, particolare tra i giovani, di infor- mafie» ha affermato lo scrittore, «Come si fa a pensare che una fic- vece «qui quando c’è un incendio
bene che questo confronto sia il che poco prima lo aveva intervi- mazione indipendente. Io credo mentre centinaia di persone lo tion, le duecento pagine di un li- si dà la colpa a chi dà l’allarme,
più ampio possibile». Da Di Pie- stato a Che tempo che fa a propo- che questo sia uno dei motivi per vedevano e lo ascoltavano fuori, bro possano diffamare un paese non a chi lo ha appiccato». Per lo
tro invece una reazione pungen- sito del programma Annozero cui così tante persone, in Italia, dove era stato allestito uno scher- a differenza di altro», di un sotto- scrittore, sotto protezione per le
te: «Bene. Le idee di Bersani sono oscurato in campagna elettorale. vedono la nostra Current Tv sul mo gigante. Saviano torna sulla segretario all’Economia chiama- minacce di camorra, non basta-
la fotocopia carta carbone delle Ma che è stato mandato in onda, canale 103 di Sky». polemica con Berlusconi, con chi to in causa dai pentiti o di un se- no gli arresti dei latitanti, pur me-
nostre. Dobbiamo accelerare tra gli altri, da Current Tv, il Concetti che poi Al Gore ha ri- «incredibilmente ha detto che natore coinvolto in affari con la ritori, perché «le organizzazioni
nella scelta del candidato pre- network televisivo indipendente preso parlando in serata a Perugia scrivere di mafia è un modo di dif- criminalità organizzata. «La poli- non vanno decapitate, ma sradi-
mier del centrosinistra. Monte- fondato proprio da Gore. «In mol- al Festival del giornalismo. In un tica purtroppo è diventata que- cate» e per farlo «bisogna raccon-
zemolo? Allo stato vale quanto ti paesi l’informazione è in perico- teatro Morlacchi gremito, il pre- REPUBBLICA sto, in molte zone del paese» voto tare ciò che accade». Quindi, Sa-
Pippo o Pluto o come qualsiasi al- lo. Ci sono governi oppure alcuni mio Nobel ha ricordato la figura di RADIO TV di scambio, affari. «E raccontare viano risponde a Maria Latella
tro nome sull’agenda telefonica miliardari — ha detto Al Gore sen- Enzo Biagi e espresso ammirazio- come si fa politica in quelle zone che gli chiede se sarà lui il candi-
perché ha deciso di non fare poli- za citare esplicitamente il nome di ne per il giornalismo di Michele Il faccia a faccia del Paese fa onore, non vuol dire dato del centrosinistra fra tre an-
tica». Silvio Berlusconi — che possono Santoro. Prima di lui è stata la vol- Al Gore-Saviano denigrare la Campania o la Cala- ni. «Non saprei neanche dove co-
A flirtare con Fini, Monteze- di fatto arrivare a influenzare tan- ta di Saviano. è disponibile su bria o la Sicilia: scrivere di onco- minciare. Non è il mio mestiere»,
molo e Casini è l’Api, il neonato tissimo ciò che viene trasmesso in «Bisogna parlare, raccontare, Repubblica Tv logia non vuol dire favorire il can- ribatte lo scrittore.
movimento di Francesco Rutelli televisione. Questo alimenta la fa- farsi capire, solo cosi' abbiamo cro». © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 IL GOVERNO
POLITICA ALLA PROVA
INTERNA
■6

Fini accelera sul congresso


e prepara la maratona tv
Bossi: “Bugiardo, dimettiti”
E sulle adesioni è guerra di cifre tra gli ex An
CARMELO LOPAPA colo”, che torna sulla conta in di-
Generazione Italia Oggi il presidente rezione accusando i coordinatori
ROMA — Fini resta sotto assedio. annuncia: oltre 300 della Camera su di aver «evitato di contare le mani
E ancora una volta, a distanza di 24 alzate» di chi ha votato a favore del
ore, è il leader della Lega Bossi a amministratori RaiTre. Domani documento in favore del premier
chiederne la defenestrazione. Il locali con l’ex la riunione perché «il risultato più probabile
presidente della Camera «ha esa- leader di An della corrente sarebbe stato 50 a 13», coi finiani
gerato , ha detto bugie ed è un pro- dunque al 25 per cento. In queste
blema se resta, si dimetta», incal- ore però si litiga anche su altri nu-
za il Senatur dalle colonne della gli animi. In particolare, il passag- Obama». Provocazione, anzi «un meri. La Russa e Gasparri fanno
Padania oggi in edicola. Un’of- gio in cui si ipotizza una «rivolu- vero e proprio autogol dei finiani» filtrare la notizia dei 100 esponen-
fensiva che dal fronte berlusco- zione» per il ruolo del presidente secondo il portavoce Pdl Capez- ti locali ex An in sostegno dell’ap-
niana si è in parte attenuata, con della Camera, per «coniugarlo zone. E il berlusconiano Napoli: pello pro Pdl. Generazione Italia
Berlusconi che nega in pubblico con quello di un politico impe- «La Pelosi soccorre l’amministra- rilancia: «Più di 300 amministra-
di aver mai litigato col cofondato- gnato attivamente come Nancy zione Usa in difficoltà, l’esatto tori locali con Fini». Guerriglia
re del Pdl, ma il clima è da armisti- Pelosi» nel Congresso Usa, in contrario l’opposto di Fini». Il cli- continua.
zio armato, da guerra fredda. «rapporto a volte dialettico con ma è questo. Per non dire del “Se- © RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianfranco Fini si concede 24
ore di black out familiare, dopo la
tempesta di questi giorni. Ma è
giusto una parentesi, perché da L’inchiesta
oggi l’ex leader di An torna davan-
ti alle telecamere per ribattere al- G8, Scajola sarà ascoltato dai pm di Perugia
le accuse e difendere le sue tesi,
per quella che qualcuno interpre-
sui soldi in nero per la casa della figlia
ta come una nuova strategia me-
diatica. Oggi ospite di Lucia An- PERUGIA — Sarà sentito presto a Perugia il ministro del-
nunziata “In Mezzora”, martedì lo Sviluppo economico Claudio Scajola dai magistrati del-
con molta probabilità un’intervi- l’inchiesta sugli appalti del G8. Il ministro sarà convocato
sta per “Ballarò” su Raitre. Dopo come testimone sulla vicenda legata all’acquisto dell’ap-
l’affondo in direzione di Silvio CRITICHE ALLA LEGA partamento a Roma intestato alla figlia. L’appartamento,
Berlusconi contro i «troppi finiani Il “Secolo d’Italia” di ieri con vista sul Colosseo, sarebbe stato in parte pagato con
in tv», adesso è il leader della mi- dedicato al “day after” dello soldi del conto dell’architetto Zampolini del gruppo Ane-
noranza interna a esporsi in pri- scontro nel Pdl. Accuse a mone. L’architetto è indagato per riciclaggio. È stato l’av-
ma persona. Nessun intento pole- Bossi che irrompe nel dibattito vocato di Scajola a chiedere l’incontro con i pm.
mico, spiegano i suoi. I toni saran- pensando “al suo federalismo”
no bassi. Solo la necessità di spie-
gare al grande pubblico televisivo
le ragioni dello strappo. Ovvero, il
diritto a esprimere le proprie tesi, L’intervista Il direttore di Farefuturo, Campi. Intesa col Pd se prevarranno i falchi del Pdl e il ricorso al voto anticipato
seppure in minoranza, a dar voce
a una opposizione interna. Ma Fi-
ni intende anche confermare
l’apprezzamento per l’apertura
del premier alle «riforme condivi-
se». Come pure rilancerà la richie-
“Se salta tutto pronti al governo tecnico
sta di un congresso a breve. Ai
giornalisti che gli chiederanno
della proposta di Bersani («Patto
repubblicano») ribatterà che non
è tempo, che lui non è interessato
ma solo per rifare la legge elettorale”
per il semplice fatto che intende
«restare nel Pdl». Tenendo fermi i ALESSANDRA LONGO Barbarie politica salvezza pubblica. Le aspettati-
tre paletti che aveva già piantato ve del centrosinistra nei con-
in direzione: lealtà al programma
di governo, permanenza nel par-
ROMA — Alessandro Campi, di-
rettore scientifico di “Farefutu-
Le liste di proscrizione sono fronti di Fini sono un errore, so-
no indicative di una grande de-
tito, riconoscimento della leader- ro”, cioè della fondazione, con una roba da antica Roma, una bolezza. Non è Fini il grimaldel-
ship berlusconiana. Sempre che
la situazione non precipiti.
annessa rivista web, considera-
ta il quartier generale del pen-
visione barbarica della lo, non è lui che può togliere le
castagne dal fuoco alla sinistra.
Ai fedelissimi che lo sentono in siero finiano, e perciò temuta e politica. Spero non accada Non vedo la nascita di un pro-
queste ore, Fini continua a racco- detestata dai sacerdoti fedeli a gramma politico comune. Il co-
mandare cautela, invitandoli a Silvio, riassume lo stato attuale mitato di salvezza è un’altra for-
non cedere alle provocazioni, a del Pdl: «Siamo di fronte ad un Professor Campi, passano i zione difensiva dei “bersagli”». ma di radicalismo».
«non concedere alibi». Anche per grandissimo caos». Un caos do- giorni ma non tira aria di ri- Cioè? E che cosa si immagina?
questo andrà lui in tv, sarà lui oggi ve può succedere di tutto: dalla composizione tra Fini e Berlu- «Dovendo soccombere, uno «Credo che, al caso, l’unico
l’osservato speciale dallo «spetta- caccia agli uomini di Fini, in sti- sconi. Lei come la vede? Come vende cara la pelle. Il rischio è spazio di accordo possibile tra il
tore di Arcore». Domani, intanto, le «antica Roma», con inevitabi- andrà a finire? quello di una guerriglia tattico- centrosinistra e i finiani, come li
un nuovo vertice convocato dal le risposta dei braccati in Parla- «Sicuramente nessuno im- parlamentare che potrebbe poi chiamate voi, è quello che pre-
presidente della Camera con i mento, allo scenario ultimo, le maginava una chiusura così mettere in crisi il governo. Ma io vede il cambio di questa legge
suoi a Montecitorio. Chiamati a elezioni anticipate. Campi ra- netta, brusca, brutale, con la fir- spero che tutto questo non ac- elettorale. Un cambio nel nome
raccolta gli oltre cinquanta che la giona su quest’ultima ipotesi ma di quel brutto documento fi- cada. C’è anche un’altra ipotesi: e per conto del popolo italiano,
settimana scorsa avevano firmato che potrebbe albergare nella te- nale, il cui contenuto nega l’esi- che la drammatizzazione di così tanto evocato».
il documento di solidarietà. Sarà sta di Berlusconi: «Si aprirebbe- stenza stessa di un partito che si queste ore sia voluta, cercata, Un cambio affidato a chi?
l’occasione per rilanciare il tema ro grandiose incognite». Il diret- vuole liberale. Il Pdl e Berlusco- che Berlusconi si sia messo in «Ad un governo tecnico, di
sul quale ora gli uomini del «Presi- tore di “Farefuturo” non vede ni hanno perso un’occasione. Il testa di andare ad elezioni anti- transizione, con nessun valore
dente» hanno deciso di battere: il certo Fini appassionarsi alla premier ha vissuto come un af- cipate». politico. Comunque Fini ha al-
congresso a breve, da convocare «nascita di un programma poli- fronto personale il gesto di Fini. E allora? tro in testa».
entro l’anno. «Bisogna accelerare tico comune» con le opposizio- Ha un’idea cosmetica della lot- «Allora si andrebbe incontro Esattamente cosa?
il percorso che porterà al congres- ni, per intenderci la linea Cln di ta politica. E’ abituato solo agli a grandiose incognite. Il percor- «Vuol portare avanti il suo
so» ha ripreso ieri Bocchino. E Bri- queste ore. Ma se si arrivasse ad omaggi in pubblico». so per le elezioni anticipate, am- progetto politico di una destra
guglio: «Saremo leali, nessuna un passo dalle urne? Silenzio di E adesso è cominciata la cac- messo che il capo dello Stato lo alternativa a quella forzista-le-
imboscata. Ora però il congresso qualche secondo ed ecco che cia al finiano. conceda, non è così lineare. Qui ghista, una destra più morbida.
annunciato da Berlusconi, in cosa evoca il professore: «Un «L’ho letto sui giornali. Spero si inserisce lo scenario evocato Si è qualificato su alcuni temi
quella sede dimostreremo che l’a- governo tecnico, di transizione, non sia così, spero che siano vo- da Bersani, la chiamata alle ar- come la laicità, l’immigrazione.
la del dissenso rappresenta il 15- di nessun colore politico, con POLITOLOGO ci irresponsabili messe in giro mi...». Adesso inizia la fase due: deve
20 per cento del partito, altro che un solo punto all’ordine del Campi insegna Storia dai falchi del berlusconismo. Le Potrebbe interessare ai fi- allargare, aggregare. Non ha in
il 6». giorno: l’eliminazione di quel- delle dottrine politiche liste di proscrizione sono roba niani? mente una microcorrente di re-
Ieri invece è bastato un edito- l’obbrobio che è l’attuale legge all’Università di Perugia. da antica Roma, una visione «Si possono immaginare so- duci. Ha un obiettivo alto. Den-
riale sul sito web della finiana “Ge- elettorale». Messaggio chiaro È direttore scientifico barbarica della politica. Potreb- luzioni parlamentari di intesa, tro o fuori il Pdl lo perseguirà».
nerazione Italia” per riaccendere agli avversari interni. di Farefuturo bero innescare la legittima rea- di accordo, ma non in chiave di © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010
@ PER SAPERNE DI PIÙ
www.demos.it
www.farefuturo.it
■7

Il partito dei finiani vale il 7%


attira indecisi e elettori Pdl
Voti anche dalla Lega. In calo lo share personale
(segue dalla prima pagina) Per Fini. Il quale, come ab-
biamo detto, può svolgere
ILVO DIAMANTI un’azione corsara. Racco-
IL SONDAGGIO gliendo consensi a destra e al
IPENDE dagli interessi e dal- DI DEMOS centro, perfino a sinistra. Op-

D le convenienze. Basta ram-


mentare i rapporti tra Ber-
lusconi e Bossi. Spezzati e ricuci-
La
rilevazione è
stata
posizione e oppositore. Den-
tro il Pdl, nel centrodestra.
Ma anche in ambito naziona-
ti, dal 1994 al 2000. Per reciproca condotta da le. Fini. Anti-berlusconiano e
necessità. E utilità. La questione Demetra nei anti-leghista, in un sistema
intorno a cui ruota il futuro del giorni 14-22 politico in cui Berlusconi e la
Presidente della Camera, ma aprile 2010 Lega costituiscono i due
anche della legislatura, è, dun- (metodo principali fattori di divisione
que, principalmente una. CATI). Il e identità.
Quanto può costare, al centro- campione, di Per la stessa ragione, però,
destra, la defezione di Fini? E, in 2.058 egli appare esposto alla con-
parallelo, quanto può contare – persone, è correnza degli altri attori po-
e costare – la sua presenza e per- rappresentati-vo della litici. Di destra e di centro. So-
manenza nel PdL? Il sondaggio popolazione prattutto se e quando venisse
condotto da Demos nei giorni italiana di età “espulso” dal Pdl e, ancor di
scorsi offre alcune indicazio- superiore ai più, dal ruolo istituzionale
ni utili al proposito. 18 anni, per che ricopre.
Sotto Anzitutto, lo spazio del genere, età e Tuttavia, la posizione di Fi-
tiro partito di Fini. Circa il 7% de- zona ni può diventare pericolosa
gli elettori afferma che lo vo- geopolitica. anche per gli altri attori poli-
terebbe sicuramente. (Una Le domande tici. Per il centro e, ancor più,
BOCCHINO stima analoga a quella fatta di questo il centrosinistra. Che rischia-
È il vice da Renato Mannheimer). Un speciale sono no di venire oscurati da quel
capogruppo settore molto più ampio state rivolte a dito puntato contro il Pre-
del Pdl a (38%) lo “potrebbe” votare. Si un sotto mier (assoluto). Dall’accesa
Montecitorio tratta di un’area significativa, campione polemica lanciata dal co-
Si che incrocia diversi segmen- di 860 fondatore del Pdl contro la
raccolgono ti del mercato politico-elet- persone. Lega “egoista” e padana.
firme per torale, anche se gravita, prin- L’opposizione di Fini, però,
sfiduciarlo cipalmente, nel centrode- appare incompatibile, anzi-
stra. Il 26% degli elettori “cer- tutto, con la natura del Pdl,

URSO
Fa parte del Il presidente della Il consenso verso
governo Camera appare a di lui cresce
Berlusconi
con molti come leader in parallelo
la carica di di un altro partito nel popolo di
viceministro nel centrodestra centrosinistra
per il
Commercio
estero ti” e la stessa quota di quelli sibili” (circa il 13% del totale) tori, negli ultimi anni, la spie- Il Presidente della Camera che è un partito “personale”.
“possibili”, infatti, attual- sono di centrodestra; in par- gazione di questa tendenza beneficia, dunque, di una po- La versione allargata di FI. E
mente votano per il Pdl. Ma ticolare del Pdl, ma anche appare chiara. La quota degli sizione di rendita, che appa- non può sopportare, all’in-
RONCHI un altro 20% dei “certi” e una della Lega. Sufficienti a spo- orientamenti positivi nei re vantaggiosa e insidiosa, al terno, un’alternativa “perso-
L’ex quota limitata di “possibili” stare gli equilibri politici a confronti di Fini, negli ultimi tempo stesso. È figura istitu- nale”.
portavoce di votano per la Lega. Il che non sfavore della coalizione gui- due anni, tra gli elettori del zionale, leader di centrode- Infine, la sfida di Fini è
An fa deve stupire. Un’ampia data da Berlusconi e Bossi. Pdl scende, infatti, dall’89% stra, ma anche di opposizio- inaccettabile per la Lega di
parte del componente di elettori del La posizione di Fini, tutta- al 67%. Si attesta, quindi, allo ne. Apprezzato (in misura ca- Bossi. Che rischia di vedersi
governo con centrodestra ha, da sempre, via, oggi è rafforzata da tre stesso livello di Bossi. Leader lante) dagli elettori di centro- sottrarre il ruolo di opposi-
l’incarico di considerato la Lega un’alter- elementi: a) il ruolo istituzio- di un altro partito, per quan- destra, ma anche (in misura zione “nel” governo. Una ra-
ministro per nativa a FI, prima, e al Pdl, nale di Presidente della Ca- to alleato. Ma forse anche Fi- crescente) da quelli di cen- gione importante del succes-
le Politiche poi. Un modo per manifesta- mera; b) la collocazione – tut- ni, nel Pdl, appare a molti il trosinistra. Come appare so leghista, in passato e nel
comunitarie re la propria distanza da Ber- tora - interna al centrodestra leader di un altro partito. E chiaro se si osserva la mappa presente. L’assimilazione
lusconi e dal governo, senza e al Pdl; c) la conoscenza, non non necessariamente allea- che raffigura la posizione dei Lega-Pdl, Bossi-Berlusconi.
votare per gli “altri”. Tuttavia, ancora estesa a tutti gli eletto- to. La stessa tendenza emer- leader politici, nella perce- Il Giano bifronte che governa
BONGIORNO l’offerta politica di Fini attira ri, della rottura con Berlusco- ge se si considera la posizione zione degli elettori. Fini si il Paese. Una rappresenta-
Ricopre consensi anche da centrosi- ni. Anche per questo, Gian- nello spazio politico: fra gli colloca, infatti, vicino al cen- zione intollerabile per Bossi,
l’incarico, in nistra e in particolare dal Pd. franco Fini resta il leader più elettori di destra, il Presiden- tro, accanto a Casini. In fon- trasformato in un leader «ro-
scadenza, di Ma attrae, soprattutto, gli stimato dagli elettori. Ma an- te della Camera cala dall’83% do a destra: Berlusconi e Bos- mano». E, simmetricamente,
presidente elettori indecisi e meno coin- che quello i cui consensi per- al 55% e tra quelli di centro- si. Pressoché appaiati. Quasi per Berlusconi, ridotto a gre-
della volti (un terzo del totale). sonali sono calati maggior- destra dall’87% al 65%. In pa- un «unicum». Nel settore op- gario del Nord.
commissio- In definitiva, metà degli mente: quasi 10 punti, nel- rallelo, il suo consenso sale posto, Bersani e Di Pietro. Difficile che possa durare a
ne Giustizia elettori (che si dicono) “certi” l’ultimo anno. Se confrontia- tra quelli di centrosinistra. Di Non lontani da Grillo. Le di- lungo tutto ciò. Questo Pdl.
della di votare per il partito di Fini mo l’evoluzione del giudizio conseguenza, l’elettorato verse anime dell’opposizio- Questo centrodestra. Questa
Camera (cioè, il 3% dell’elettorato to- su Fini in base al voto e alla che gli è più favorevole oggi è ne di (centro)sinistra. legislatura.
tale) e un terzo di quelli “pos- posizione politica degli elet- quello di centro: 70%. Da ciò i problemi. © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA FESTA DELLA LIBERAZIONE
CRONACA
■8

25 aprile, il rammarico di Napolitano


“Per Pertini neanche un memorial”
Milano, il presidente si commuove. E la folla applaude

‘‘
ANDREA MONTANARI Berlusconi che lo ha applaudito dell’anniversario della Libera- L’incitamento
ripetutamente durante il suo in- zione al di là degli steccati. Per
MILANO — Al teatro alla Scala, tervento. Un discorso che ha toc- superare il campo delle divisioni Vorrei che l’omaggio che
nel pomeriggio si è commosso cato il cuore. Come quando ha ri- e incomprensioni a lungo pro-
più volte, come quando con la cordato Sandro Pertini. «Fu un trattesi sulla scelta e sul valore gli rendo fosse da stimolo
voce rotta dal pianto ha ricorda- combattente instancabile, sen- della Resistenza per ritrovarci in per un più deciso impegno
to Sandro Pertini: «È stato un za eguali per slancio, audacia e una comune consapevolezza
onore per l’Italia averlo come generosità. L’omaggio che ora gli storica della sua eredità più con- civile, impegno che negli
presidente della Repubblica. Un rendo, anche con forte senti- divisa e duratura. Questa potreb- ultimi anni è mancato
vero peccato che in Italia perfino mento personale per il rapporto be essere una presenza impor-
a lui che è stato così amato in vita che ci fu tra di noi, vorrei però che tante di quel libero lungimirante
non sia stato dedicato nemmeno confronto e di quello sforzo di

‘‘
un memorial come quelli che in raccoglimento unitario di cui il La generosità
grandi paesi democratici onora- Il capo dello Stato Paese ha bisogno». Un messag-
no i rappresentanti della loro al Teatro alla Scala gio che i milanesi sembrano aver Fu un combattente
storia». Al mattino, durante l’e- capito vista l’accoglienza che
secuzione all’Auditorium di Mi- per celebrare hanno riservato al Capo dello instancabile, senza eguali
lano del «Canto Sospeso» di Lui- l’anniversario Stato. per slancio, audacia,
gi Nono eseguito dall’orchestra della Liberazione Dopo la cerimonia alla Scala,
Verdi, ascoltando alcuni brani per Napolitano c’è stato il tempo generosità. L’Italia lo
delle lettere inviati ai famigliari anche per lungo colloquio con il dovrebbe ricordare meglio
dei condannati a morte per la Re- fosse incitamento e auspicio, per sindaco di Milano Letizia Morat-
sistenza prima di essere fucilati. un nuovo deciso impegno istitu- ti, il sovrintendente della Scala
«Una celebrazione meraviglio- zionale, educativo, culturale di- Stéhpane Lissner e il presidente

‘‘
sa». La giornata milanese del pre- retto a far conoscere e meditare della Provincia Guido Podestà. Il La memoria
sidente della Repubblica Giorgio vicende collettive ed esempi per- presidente della Repubblica è
Napolitano per partecipare alle sona che danno senso e dignità al stato, tra l’altro, invitato al con- Fu molto amato, ma non gli
celebrazioni ufficiali dell’Anpi nostro esser italiani». certo che il 4 giugno segnerà il ri-
per il 65° anniversario del 25 apri- Poi è tornato a ricordare l’im- torno alla Scala di Claudio Abba- abbiamo saputo dedicare
le è trascorsa così. Tra commo- portanza del valore dell’unità do dopo 24 anni di assenza dal un luogo di memorie che lo
zione, ricordi e l’ascolto dei lavo- nazionale per superare i proble- teatro di cui è stato direttore mu-
ratori vittime della crisi come i mi del paese. «È giusto che si con- sicale. celebri, come avviene negli
dipendenti della ex Eutelia o cepisca anche la celebrazione © RIPRODUZIONE RISERVATA Usa per i grandi uomini
quelli della Scala preoccupati
per le conseguenze del decreto
del governo sulle fondazioni liri- IL PRESIDENTE
co-sinfoniche. Anche durante il A sinistra, Napolitano si
suo discorso gli hanno urlato da commuove ieri a Milano.
dietro le quinte del teatro: «Non A destra Sandro Pertini
firmare». Ovunque, il capo dello
stato è stato accolto da applausi.
A cominciare da quello degli stu- Le tappe
denti che lo hanno accolto al suo
arrivo. Fino a quelli ripetuti del
premier Silvio Berlusconi an-
ch’egli presente alla cerimonia.
Stessa accoglienza nel pome-
riggio alla Scala. Accolto dall’or-
chestra che ha eseguito in suo
onore l’inno di Mameli diretto,
per l’occasione, da Daniel Ba-
renboim. La sua lezione «sulla fe-
sta della Liberazione che deve IL CONFINO LA RESISTENZA CAPO DELLO STATO
trasformarsi in festa della riunifi- Convinto antifascista, Pertini Personalità di primo piano Venne eletto presidente della
cazione» ha conquistato tutti. A fu imprigionato nel ’29 e poi della resistenza, da partigiano Repubblica italiana l’8 luglio
cominciare dal premier Silvio mandato al confino si distinse in diverse azioni 1978

Le reazioni La curatrice del museo dedicato all’ex capo dello Stato: in tanti mi dicono che il suo messaggio resta attuale

“In quegli anni squassati dal terrorismo


WANDA VALLI
GENOVA — Un «ricordo merita-
to» per un Presidente che ha uni-
fece rinascere l’amore per la Repubblica” dente nazionale dell’Anpi. Ora
sottolinea «i valori della Resisten-
za incarnati da chi, come Pertini,
è stato uno dei protagonisti».
to l’Italia squassata dal terrori- Fabio Morchio, storico, è l’as-
smo, l’omaggio «a un protagoni- Adesso lei commenta così l’o- sidente Napolitano: «Lo aspettia- sessore della giunta Burlando che
sta della Resistenza, a chi «ha im- maggio del capo dello Stato: «Ve- mo per vedere con lui il film su ha seguito l’acquisto della casa
posto dignità alla politica». Le pa- derlo commosso mi ha colpito, BELPAESE ALESSANDRA LONGO Pertini giovane», Carla Signoris, museo. Ragiona: «Pertini è stato
role che il Presidente Napolitano sono giorni difficili, questi, e cre- di quel film “Se ci sarà un giorno”, sempre il protagonista di grandi
ha avuto per Sandro Pertini, du- do, forse per il troppo amore che IL MARATONETA è stata una delle interpreti, come battaglie di libertà. Come antifa-
rante la celebrazione del 25 Apri- ho per Pertini, che lui avrebbe sa- n meeting nazionale di atletica leggera per Maurizio Crozza scelto per inter- scista, durante la Resistenza, do-
le a Milano, rimbalzano così, nel-
la sua Liguria, a Genova e a Stella
San Martino, il piccolo paese sul-
le alture sopra Savona, dove è na-
Lo storico Morchio:
Sandro fu sempre
U ricordare il presidente dei Radicali Italiani,
Luca Coscioni, morto quattro anni fa di Sla.
Prima di ammalarsi, e fare, in questo Paese di sordi
L’ex sindaco di
Genova Cerofolini:
po, nei moti del 30 giugno del ‘60,
e, soprattutto, al Quirinale quan-
do riesce a far tornare negli italia-
ni l’amore per la Repubblica». Per
to. e indifferenti, la sua battaglia politica sulle stami- tutto questo, Fulvio Cerofolini,
Proprio qui, qualcuno ancora protagonista di l’omaggio del socialista lombardiano, per dieci
nali, Coscioni era stato un maratoneta. Ed è per
ricorda quando lui, a 18 anni, grandi battaglie questo che i Radicali, con l’Associazione che porta
Quirinale arriva al anni sindaco di Genova, e poi de-
venne dichiarato sovversivo, per di libertà momento giusto putato, giudica l’omaggio a Perti-
aver versato del vino sulla ban- il suo nome, sponsorizzano un raduno sportivo. ni «un ricordo meritato». Per aver
diera rossa della squadra di L’appuntamento è per il primo maggio a Orvieto, unito l’Italia, «in un momento in
“Combattenti per la Libertà”, che puto imporre dignità a tutta la po- città natale di Coscioni. In calce all’invito, le sue pa- pretare Pertini giovane. Carla Si- cui le istituzioni della Repubblica
il parroco si era rifiutato di bene- litica. È un uomo d’altri tempi, ma role: «Certe volte mi domando cosa mi tiene in vi- gnoris, è Matilde Ferrari, la prima erano criticate»». Erano gli anni di
dire. Da quel momento Sandro il suo messaggio resta attuale, co- ta. È la maratona. È l’averla corsa che non mi fa mai fidanzata di Pertini. Dice l’attrice: piombo, Pertini si schierò subito
Pertini incomincia la sua vita di me il rimpianto. Me lo dicono in «Non l’ho conosciuto, ma l’ho contro le Br. Conclude Cerofoli-
esule. Ieri a Stella, alla sua casa tanti». Anche ieri, un visitatore ha chinare il capo. Sono nel fango, cado, mi rialzo e ca- amato come tutti gli italiani, ni: «L’omaggio del Presidente
natale che in parte è diventata confidato a Elisabetta Favetta: do. Ma ogni volta che mi rimetto in piedi, mi accor- quando è diventato il capo dello Napolitano è più attuale che
museo, da quando è stata acqui- «Da quando è morto Pertini, non go che il fango non mi si è attaccato addosso. Sono Stato. Sosteneva ideali, non ideo- mai». Con la politica che vive
stata dalla Regione, Elisabetta Fa- me la sento di andare a votare, lui pulito, devo esserlo». Lezione di coraggio. logie, la gente si sentiva rappre- giorni di tempesta, con un Paese
vetta, la curatrice non ha avuto era diverso, sapeva combattere © RIPRODUZIONE RISERVATA
sentata da lui come ora dal presi- che, ancora una volta, si stringe
modo di riposarsi. Per il gran nu- per le sue idee». E se la curatrice dente Giorgio Napolitano». Era a intorno al capo dello Stato.
mero di visitatori. del Museo, rinnova l’invito al pre- Milano, Raimondo Ricci, presi- © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010
@ PER SAPERNE DI PIÙ
www.quirinale.it
www.anpi.it
■9

“Gli ex partigiani sembrano vietcong”


L’affondo di Zaia. L’Anpi: può parlare grazie a chi è morto per la libertà
ORIANA LISO Milano il sindaco Letizia Morat-
Il governatore del ti, che sfilerà anche in corteo,
MILANO — Alla fine di una setti- Veneto: non si sono non parlerà però dal palco
mana di tensioni, accuse di revi- E anche al Sud le polemiche
sionismo, prese di posizione for- accorti che la non sono mancate, dopo che il
ti sulla Resistenza, patrocini ne- guerra è finita presidente del Senato Renato
gati, scritte ingiuriose e striscio- da 65 anni Schifani ha annunciato che
ni celebrativi, ci pensa il neo go- avrebbe partecipato, a Palermo,
vernatore del Veneto, il leghista a una celebrazione alternativa a
Luca Zaia, a riattizzare il fuoco. E quella tradizionale dell’Anpi.
lo fa scegliendo come obiettivo i GOVERNATORE Ma dopo le richieste di spiega-
partigiani dell’Anpi. «Sono come Il neo presidente zioni e i comunicati di dissenso
i vietcong, bisogna avvertirli che del Veneto Luca espressi dall’Anpi e dai sindaca-
la guerra è finita da 65 anni, visto Zaia, ex ministro ti, Schifani ha cambiato idea: og-
che ad ogni 25 Aprile continuano dell’Agricoltura gi deporrà una corona di fiori da-
a scatenare polemiche». vanti alla stele del partigiano Ni-
La colpa dell’Anpi, per Zaia — che chi inverte la rotta. Maddale- notte sono comparsi a Padova su quello delle Valli. Dicevano: colò Barbato ed alla lapide dei
che aggiunge prudentemente na Gottardo, neosindaco del co- striscioni con frasi come “25 “Alemanno e Anpi infami tutti Caduti di Cefalonia. «La decisio-
«massimo rispetto, io stesso ho mune di Dolo, nel Veneziano, e i Aprile: Bella Ciao!” e “Gloria eter- quanti” e “25 Aprile, onore alla ne del presidente del Senato —
avuto parenti partigiani» — sa- suoi sette assessori, avendo sco- na alla resistenza partigiana”. Rsi”. Il sindaco Alemanno, che dice una nota ufficiale — è un
rebbe quella di «fare politica sui perto gli scarsi fondi destinati al Non striscioni ma ingiurie e inni oggi sarà con il presidente Napo- forte richiamo all’Unità di tutte
morti, esasperando la divisione 25 Aprile, hanno tirato fuori 300 alla Repubblica di Salò, invece, litano all’Altare della Patria, le ha le forze politiche, nel ricordo di
tra destra e sinistra». Risponde euro a testa perché, ha spiegato, sono comparsi nella stessa notte liquidate come «episodi margi- una data che è alla base della no-
Antonio Pizzinato, segretario «crediamo fermamente nel va- sui muri di Roma: la polizia le ha nali rispetto a un evento condivi- stra identità repubblicana».
lombardo dell’Anpi: «Nel Vene- lore di questa festa». E venerdì scoperte sul ponte della Salaria e so da tutti». In piazza Duomo a © RIPRODUZIONE RISERVATA
to di Zaia sono morti centinaia di
partigiani combattendo per da-
re a lui come a tutti la libertà, an-
che di espressione». E tra paren-
tesi, fa notare Davide Zoggia del
Pd, erano i soldati giapponesi, e
non i vietcong, a non sapere che
la guerra era finita. Non conten-
to il governatore ha aggiunto che
«il 25 aprile per gli italiani e i ve-
neti è giorno di scampagnate nel
verde», per lamentare la buro-
crazia che impedirebbe al Piave
di essere meta clou dei gitanti.
Cicchitto ha rincarato la dose ri-
cordando che la «vera Liberazio-
ne l’hanno fatta gli americani,
non le forze che volevano porta-
re l’Italia sotto il dominio sovieti-
co». Ma nel centrodestra c’è an-

L’intervista

Raimondo Ricci, 89 anni, presidente dell’Anpi

“Quanta ignoranza
il suo è un tentativo
di riscrivere la Storia”
MARIA NOVELLA DE LUCA iscrizioni alle nostre sedi di gio-
vani, di ragazzi, coscienti che è
ROMA — «Ma che sciocchezza, dalla Resistenza che bisogna
ma che ignoranza, che poca co- partire per difendere oggi la de-
noscenza della Storia ha questo mocrazia. E poi vorrei suggerire
Luca Zaia». Raimondo Ricci, a Zaia di rileggersi la Costituzio-
presidente dell’Anpi, commen- ne».
ta così, con ironia, pacatezza e Perché?
dall’alto dei suoi 89 lucidissimi «Perché all’articolo 11 si affer-
anni, la battuta del governatore ma che l’Italia ripudia la guerra.
del Veneto Luca Zaia, che ha pa- E quel testo è stato scritto da
ragonato «i partigiani dell’Anpi molti ex combattenti, che hanno
ai Vietcong, bisogna avvertirli versato il sangue per liberare il
che la guerra è finita». In viaggio Paese dal fascismo e dal nazi-
da Milano verso Genova, ancora smo. Dunque noi partigiani, che
commosso, dice «per il discorso la guerra l’abbiamo fatta e patita,
di Napolitano» Ricci partigiano lo sappiamo bene che è finita...».
in Liguria, deportato nel lager di Che cosa c’è secondo lei die-
Mauthausen nel 1944, avvocato, tro gli attacchi al 25 aprile di
senatore del Pci, oggi anche pre- questi ultimi giorni?
sidente dell’Istituto per la Storia «C’è un tentativo di riscrivere
della Resistenza, definisce le pa- la Storia ai fini della politica di
role di Zaia, «una provocazione, oggi, per minare le basi stesse
una delle tante di questi giorni». della democrazia. Quello che mi
Ricci, i partigiani italiani so- preoccupa è proprio questo vo-
no ancora sulle montagne? ler cancellare la memoria, in
«Che assurdità. Per fortuna da modo che i più giovani non sa-
quelle montagne siamo scesi per pendo più che cosa sono stati il
costruire la pace, la democrazia fascismo e il nazismo diventino
e scrivere la Costituzione. Ma da meno attenti nel difendere i va-
queste battute si capisce quanto lori repubblicani. Chi come me
sia importante continuare a di- ha vissuto la guerra e la deporta-
fenderli quei valori, che l’attuale zione nei campi tedeschi sa che i
maggioranza sta mettendo in di- segnali non si devono mai sotto-
scussione». valutare. Comunque e nono-
Ma l’Anpi che ruolo può ave- stante la mia età, sono ottimista:
re oggi? le istituzioni italiane sono salde,
«Noi siamo più attivi che mai ma bisogna vigilare».
e lo dimostrano le centinaia di © RIPRODUZIONE RISERVATA
Novità.
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 POLITICA INTERNA
E SOCIETÀ @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.repubblica.it
http://espresso.repubblica.it/
■ 11

“Un errore il divorzio di Veronica E sul logo del profumo

non ho nulla di cui pentirmi spunta una farfalla


Il logo scelto da Noemi Letizia
per la sua linea di profumi. Una
farfallina, come quelle che il

e da Papi mi aspetto solo auguri”


premier regala alle sue ospiti.
«Potrei fare l’imprenditrice»,
dichiara la ragazza un anno
dopo la festa di Casoria

Noemi un anno dopo: “Stavolta festeggerò a Milano”


(segue dalla prima pagina) sono una semplice ragazza.
Le tappe Certo, rifarei tutto. Io ho fatto la
CONCHITA SANNINO classica festa dei 18 anni. Perché
Il party di Casoria mi dovrei pentire? Di cosa? È sta-
ANCHE l’esibizione me- to tutto molto bello, indimenti-

E diatica, le interviste con il


nomignolo e i dettagli del-
l’amicizia. Noemi non rinnega
Casoria, 26 aprile 2009.
In un locale per cerimonie,
Noemi Letizia festeggia (con
cabile. Sono stati i giornali a fare
il resto».
Veronica Lario ha divorziato
Berlusconi, ovviamente. E riba- un giorno di anticipo) il suo e la semplice festa è diventata il
disce che il divorzio voluto da 18esimo compleanno. Ospite Casoriagate.
Veronica è frutto di un «errore». eccellente, in «veste privata», «Ma si può anche cadere in
Domani, sarà un anno esatto il presidente del Consiglio equivoco, in errore. Ho già det-
da quegli scatti a Casoria, a Villa Silvio Berlusconi. to in passato che un matrimo-
Santa Chiara, periferia nord di nio non può mica finire per un
Napoli, nella notte dell’Italia compleanno. Forse Veronica ha
berlusconiana. Lei con il velo Il divorzio sbagliato». Interviene suo padre
bianco sul capo e il premier, ca- Elio: «La signora Lario sarà stata
lice in mano, stretto a una fami- Milano, 28 aprile. La Lario consigliata male, avrà avuto una
glia di sconosciuti, che festeg- detta alle agenzie il suo distorta visione dei fatti. Si può
giava i diciotto anni di un’aspi- stupore per la partecipazione sbagliare, purtroppo».
rante famosa. «È stato un perio- del premier alla festa. Poi Lei è giovanissima e carina.
do impegnativo, direi anche du- annuncia il divorzio a Eppure sembra che sia già ricor-
ro», dice Noemi. Repubblica: “Non sto con chi sa agli interventi del chirurgo.
Non chiude la porta, stavolta. frequenta minorenni” Seno, naso, labbra. Alcune foto
La ragazza parla cautamente dei ne sembrano prova implacabi-
suoi ultimi dodici mesi. E degli le, ma smentirà.
auguri che riceverà anche que- «Che sciocchezze. Il naso,
st’anno da Silvio Berlusconi, pur Le dieci domande guardate di profilo me e mio pa-
senza nominarlo. Racconta dei dre, è identico. Sempre avuto co-
suoi progetti, offre squarci di Dopo le contraddizioni in cui sì. E il seno? Figuriamoci. Le lab-
una vita da pendolare di lusso cade il premier per giustificare bra, poi. Le foto usate da qualche
per trovare il suo posto. Nello l’amicizia con Noemi, giornale sono prese da un mo-
spettacolo? «Chi l’ha detto? Ma- Repubblica rivolge a mento di vacanza, a Sharm El
gari imprenditrice, chi lo sa. Tra Berlusconi 10 domande. Il Skeik ero imbronciata, si posso-
poco lancerò un mio profumo». presidente non risponderà mai no costruire un sacco di falsità».
Nel logo, che stilizza il suo nome, direttamente, ma citerà quegli Viaggio con amici?
Noemi ha disegnato una farfalla. interrogativi in Tribunale «Certo, con la mia amica Ro-

sta. Ma i lavori che piacciono a to è possibile. Si fanno sacrifici manti. Stavolta, cosa desidere-
me si fanno tra Roma e Milano. per i figli». rebbe?
Sì, quest’anno festeggio nella di- Noemi, anche stavolta po- «Auguri, e basta. Il resto non
scoteca The Club. Ma verranno trebbe arrivare a brindare con mi interessa. Dagli amici voglio
Lo spettacolo anche gli amici napoletani al lei il presidente del Consiglio? gli auguri, l’affetto. Insomma la Berlusconi
nord, non sono mica una snob, Lo sguardo si fa teso, e cerca certezza di essere stata pensata
Lo spettacolo resta la ci mancherebbe. È solo un modo quello di suo padre. «Amici, par- in quel giorno, per la mia festa. È Lui alla festa? Avrà
mia passione. Seguo per divertirci, lo conosco quel liamo di amici. Io non guardo al- questo che conta». cose ben più importanti
posto, è molto figo». l’età, al ruolo. Comunque lui Sono note le conseguenze del
corsi di dizione e canto. Non costerà poco. avrà cose ben più importanti cui suo compleanno. Rivivrebbe da fare. Ora non voglio
Ma sto diversificando. Risponde suo padre, Elio, pensare». quella notte a Casoria, rifareb- sentire parlare di
messo part-time al Comune di L’anno scorso il dono del pre- be tutto?
Lancerò un profumo Napoli. «A diciannove anni, tut- sidente fu un collier con dia- Tornano gli occhi sgranati. «Io politica

A Portici è da poco trascorso berta, con altri. Eravamo una


mezzogiorno. In casa, con la ra- La curiosità quarantina».
gazza, c’è suo padre Elio e un in- Noemi, ha sempre voglia di
tenso odore di acrilico per co- Marinella Brambilla, storica assistente del Cavaliere, ha detto sì nel comune di Lesmo. Ricevimento a Villa Gernetto sfondare nello spettacolo?
smesi. Rilassata, Noemi sta in- «Lo spettacolo resta la mia
fatti porgendo le dita alla perizia
di una manicure che le tinteggia
«le unghie zebrate». I lunghi ca-
pelli sono tornati biondi. Una tu-
ta di ciniglia nera e i calzettoni
Si sposa la segretaria del premier, c’è la Lario passione. In questo anno ho se-
guito corsi di dizione e di canto.
Però voglio fare anche altro, non
è che mi fisso solo su un obietti-
vo. Sto diversificando».
rosa sono l’unica concessione LE NOZZE Cosa significa?
all’ordinario. Per il resto, occhi Marinella «Sto lavorando al lancio di un
truccati, sorriso, moine, l’imma- Brambilla, 48 profumo che si chiama “Noemi
gine perfettamente coincidente anni, ha detto sì L”. Ho un mio marchio, ho già
con quella dei rotocalchi rosa è a Luca Pandolfi, depositato il brevetto. E ho dise-
incarnata in un condominio di- 42 (qui gnato tutto io, mi raccomando!».
gnitoso dell’immensa periferia accanto). A A chi si rivolge, a quale target
metropolitana. Silenzioso edifi- destra, ha pensato?
cio. Se non fosse per i gridolini di Veronica Lario «I teenager, il mio pubblico.
Noemi che insegue per casa il al matrimonio Mi è piaciuto un sacco disegnar-
suo vivace «chihuahua messica- lo, glielo mostro».
no di pelo lungo, naturalmente C’è una farfalla. Inevitabile
femmina, colore champagne». riandare all’inflazionato omag-
Scianiiiii.È il diminutivo di Cha- gio che il premier consegna alle
nel. sue ospiti.
Chi è Noemi, un anno dopo? «Veramente, è un ghirigoro.
«Una ragazza che cerca la sua Io ho studiato, quattro anni di
strada. Semplice. Una che è ri- MILANO — Si sposa la segretaria di Berlusco- Luca Pandolfi, anche lui nello staff di Berlu- sua proverbiale efficienza: era lei ad affron- Istituto di grafica pubblicitaria».
masta se stessa, perché ha solo ni, e Veronica va al matrimonio. Ma niente sconi. Veronica Lario si è presentata in tail- tare con piglio deciso gli aspetti organizzati- Quanto costa un brevetto?
diciannove anni». incontro tra gli ex coniugi: il premier era a Ro- leur di pizzo blu notte, più serena e sorriden- vi della cerimonia. Unica sorpresa: nel corti- «Non poco». Ancora suo pa-
Quasi 19, appunto. La data ma, ha lasciato Palazzo Grazioli a metà mat- te che mai. Era al braccio di Luigi, il terzoge- le del municipio, una bicicletta con cartelli di dre: «Ma abbiamo fatto un inve-
del compleanno è dopodoma- tinata per raggiungere Milano, dove ha par- nito, c’erano anche le altre due figlie, Barba- auguri (in dialetto) per lei e il marito. Subito stimento per il suo futuro»
ni, ma lei festeggerà poco dopo tecipato, insieme a Napolitano, alla celebra- ra ed Eleonora, e i nipotini. L’aula consiliare dopo il rito civile, la festa nuziale a Villa Ger- Una volta diceva che il suo fu-
a Milano. Da Casoria alla zona zione del 25 Aprile in programma alla Scala. del Comune di Lesmo era aperta a tutti: nes- netto di Lesmo, una delle tante residenze di turo poteva essere anche la po-
Brera. È il salto che voleva? La sposa è Marinella Brambilla, 48 anni, e suna blindatura, considerata l’assenza del Berlusconi. Assenti sia lui che l’ex moglie Ve- litica.
«Portici resterà sempre nel da tempo immemorabile apprezzatisima premier. ronica. «La politica? Non ne voglio
mio cuore, ci sono nata. Casoria collaboratrice del Cavaliere. Ieri mattina ha Una cinquantina gli invitati. Marinella — (r. s.) sentire parlare, ora».
è stata solo la cornice di una fe- detto sì, nel municipio di Lesmo, al 42enne tailleur grigio-argento — non ha smentito la © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA CRISI DELL’ECONOMIA
ECONOMIA
■ 12

Grecia, sale la protesta tedesca


“Dobbiamo espellerla dall’euro”
Csu in pressing. No del governo: ma basta aiuti se viola i patti
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE ha detto a Spiegel online Hans- terna con uno sfondo elettorale».
ANDREA TARQUINI Peter Friedrich, uno dei massimi L’irritazione e l’imbarazzo del
esponenti della Csu. I problemi team di governo della Merkel so-
BERLINO — Tuoni, allarme ros- della Grecia, sostiene, sono no evidenti, e scomodi. La paura
so, ultimatum e campagne me- profondi, è necessario andare al- di perdere in Nordreno-Westfa-
diatiche made in Germany con- le estreme conseguenze. Atene, lia è fortissima, e spinge a fare la
tro la Grecia. La Csu, cioè l’Unio- spiega Friedrich, «non ha solo un voce grossa con Atene per piace-
ne cristiano-sociale bavarese problema di liquidità, ma anche re agli elettori.
(partito fratello della Cdu della un problema strutturale di cre- Le voci per una cacciata della
Cancelliera Angela Merkel) chie- scita e di debolezza strutturale». Grecia dall’euro si moltiplicano,
de apertamente che Atene esca È necessario «riflettere seria- nel fronte cristiano-conservato-
dall’Unione monetaria europea. mente sull’ipotesi di una sua re. Secondo Werner Langen, ca-
Non se ne parla, ribatte in so- uscita dall’eurozona, ciò non pogruppo Cdu-Csu all’Europar-
stanza il governo, per bocca del può essere dichiarato tabù». lamento, «c’è da essere molto
ministro delle Finanze in perso- Non se ne parla, replica subito scettici se gli aiuti europei siano
na, il senior leader democristia- Schaeuble, ministro delle Finan- conformi con la Costituzione te-
no Wolfgang Schaeuble. Ma ogni ze, decano della Cdu, molto più Si accende lo scontro politico desca, la vera alternativa seria è
giorno che passa, cresce la paura europeista del partito fratello ba- in vista delle elezioni in che la Grecia esca dall’unione
del centrodestra al potere a Ber- varese e potentissimo senior lea- monetaria e torni competitiva
lino di perdere le vitali elezioni der nel governo. Io rifiuto, ha Nordreno Westfalia. La stampa con dure riforme di struttura».
del 9 maggio nel Nordreno-We- detto alla Frankfurter Allgemei- accusa: così dovremo L’opposizione socialdemocrati-
stfalia, il più popoloso e centrale ne in edicola oggi, l’ipotesi di co- aiutare anche Italia e Spagna ca (Spd) coglie la palla al balzo e
dei sedici Stati della federazione. stringere la Grecia a uscire dalla accusa la Merkel di “miserabile
E pur di non alienarsi il consenso moneta unica o di imporle diktat gestione” della crisi greca. Ma
degli elettori, terrorizzati dall’i- sulle sue misure di consolida- CANCELLIERE scirà a centrare gli obiettivi di ri- molti media liberalconservatori
potesi di pagare per i debiti elle- mento dei conti pubblici. In Il cancelliere duzione di deficit e debito indi- o vicini al governo alzano il tiro.
nici, molti politici conservatori e un’altra intervista, al settimana- tedesco cati dalla Ue in cambio del suo Secondo l’autorevole Frankfur-
moderati parlano senza freni. le di Monaco Focus, Schaeuble Angela ampio pacchetto di aiuti. ter Allgemeine, «se salveremo la LA BORSA
Col forte rischio di esasperare le ha comunque aggiunto di rite- Merkel. In «L’ipotesi di esclusione di Ate- Grecia dovremo poi fare lo stes- La Borsa di Atene ad
tensioni tra Berlino e il resto del- nere che l’Unione europea do- Germania ne dall’unione monetaria non è so con Portogallo, Spagna e Ita- Athinon Street (nella foto)
l’Unione europea. vrebbe interrompere gli aiuti al- è acceso realistica e non è praticabile», ha lia». Bild, il quotidiano popolare venerdì ha chiuso sotto
«Un’uscita della Grecia dall’u- la Grecia, se da parte di Atene ci il dibattito aggiunto una fonte governativa più letto d’Europa, usa i toni più quota 1900 punti
nione monetaria europea, a saranno violazioni, se cioè il go- sugli aiuti parlando con Repubblica: «Que- brutali: «Allora è vero, i greci vo-
fronte della situazione, non può verno del premier socialista alla Grecia ste sortite della Csu sono cucina gliono i nostri soldi!».
più essere considerato un tabù», George Papandreou non riu- interna, dibattito di politica in- © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fatevi guidare dalla qualità.


Hyundai i10 tua da 7.490 euro con finanziamento a tasso 0,
anticipo 0 con due anni di assicurazione incendio e furto gratuita*.
Oppure con GPL gratis.

La compatta per la città con 5 porte e 5 posti veri.


Nelle concessionarie Hyundai ad aprile anche di domenica**.
i10: consumo max (l/100 km) urbano da 5,3 a 9,2/extraurbano da 3,8 a 6,3/combinato da 4,3 a 7,3. Emissioni CO2 max (g/Km): da 114 a 139.

www.hyundai-motor.it

*Hyundai i10 a 7.490 euro e Tasso Tan Zero con copertura Incendio e Furto per 24 mesi gratuita. Grazie al contributo della rete Hyundai. Hyundai i10: prezzo di vendita 7.490 euro, antic. 0, istruttoria 275 euro, finanziato 8.114,42
euro, 36 rate mensili da 225.50 euro comprensive di assicurazione del credito. Copertura Incendio e Furto per 24 mesi gratuita. Tan 0,03%, Taeg 2,94%. Imposta sostitutiva 0,25% dell’importo finanziato. Incasso rata euro 2.50 con
RID, euro 2.00 con boll. post. Invio comunicazioni periodiche euro 2.81. Condizioni contrattuali di finanziamento e polizza ass.va su Fogli Informativi e Nota Informativa in concessionaria. Salvo approvazione della banca erogante.
Messaggio promozionale. Offerta valida fino al 30/04/2010. Prezzo riferito a: i10 1.1 Like. Versione fotografata i10 1.2 Dynamic. **Per le concessionarie Hyundai aderenti all’iniziativa.
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010
@ PER SAPERNE DI PIÙ
www.bundeskanzlerin.de
www.ecb.int
■ 13

Il retroscena
La speculazione all’assalto
Bce contro le agenzie di rating
Prestito, probabile vertice il 10 maggio dopo il voto tedesco
(segue dalla prima pagina) Ancora non è possibile preve-
dere quanto attingerà Atene alla
DAL NOSTRO INVIATO linea di credito di 45 miliardi (tren-
ANDREA BONANNI ta dall’Uem e 15 dall’Fmi) stanzia-
ti per il 2010 come parte di un pia-
SPONENTI della CSU, il no di finanziamento triennale. Se,

E partito conservatore bava-


rese alleato di Angela
Merkel, hanno chiesto l’uscita di
una volta colpita la speculazione
di chi puntava al default, i tassi sui
titoli di stato scendessero a livelli
Atene dalla moneta unica. Ma i accettabili, il governo greco è de-
mugugni non dovrebbero co- ciso a tornare a finanziarsi sui
munque ostacolare l’approvazio- mercati. Così, del resto, è successo
ne unanime del prestito da parte nel corso della crisi ungherese.
dei capi di governo, che si riuni- Budapest ha attinto solo in par-
ranno in teleconferenza probabil- te ai 20 miliardi di crediti messi a
mente il 10 o l’11 maggio per dare disposizione dall’Fmi ed è rapida-
via libera al finanziamento. mente tornata a emettere titoli di
La Merkel ha posto solo una stato ad interessi accettabili.
condizione formale: che l’opera- Complessivamente, comunque,
zione ottenga l’approvazione del si calcola che sui tre anni sarà ne-
Fmi e che la Bce chiarisca che si cessario mettere a disposizione di
tratta di un passo indispensabile Atene un massimo di 80 miliardi.
per garantire la stabilità dell’euro. bond in scadenza. Atene conta di cativamente superiore a quella Ora molto dipende dalle di-
Ma la vera condizione pretesa dal- poterlo fare attingendo al prestito I segnali degli italiani, degli olandesi o dei scussioni in corso tra i rappresen-
la Cancelliera è che il via libera ar- e cancellando quindi la nuova asta contraddittori francesi. tanti del governo e gli emissari del-
rivi dopo le elezioni del 9 aprile nel di titoli di stato prevista per il 19. Ma la Merkel, che evidente- l’Fmi, della Commissione e della
Land cruciale del Nord Reno - We- Il via libera della Germania, hanno scatenato il mente conosce gli umori del pro- Bce. Il negoziato verte su una serie
stfalia. dunque, appare acquisito. Anche mercato dei “credit prio elettorato, preferisce invoca- di riforme strutturali che il parla-
Nella telefonata che hanno perché proprio le banche tede- default swaps” re la causa superiore della stabilità mento di Atene dovrebbe essere
avuto giovedì scorso, il primo mi- sche sono tra le più indebitate ver- dell’euro. La giustificazione uffi- chiamato ad approvare in tempi
nistro Papandreou accettato sen- so la Grecia, e l’idea di un default ciale è che il salvataggio della Gre- rapidi: prima tra tutte la riforma
za problemi la richiesta della del credito greco o di una uscita di piuttosto alto, per cui le casse fe- cia si rende necessario non per so- delle pensioni. Ma anche su que-
Merkel. Quello che interessa alla Atene rischierebbe di avere effetti derali, e dunque i contribuenti, fi- lidarietà, e neppure per non crea- sto punto il premier Papandreou
Grecia è avere in cassa una prima catastrofici per Berlino. Del resto niranno per guadagnarci. E poi re difficoltà alle banche tedesche, ha dato assicurazioni che, nono-
tranche del prestito prima del 19 l’ostilità tedesca appare del tutto perché la quota pro capite di fi- ma per evitare un effetto contagio stante il crescente malcontento
maggio, quando dovrà rimborsa- irrazionale. In primo luogo perché nanziamenti che i cittadini tede- che potrebbe alla fine danneggia- sociale, il parlamento farà la pro-
re quasi nove miliardi di euro di si tratta di un prestito con un tasso schi daranno ai greci non è signifi- re la valuta comune. pria parte.

Chi è chiamato a
valutare le misure
di Atene preferisce
attendere le mosse
dei mercati
Il prestito
Mentre la parte operativa della
COMMISSIONE E BCE CAPI DI GOVERNO EUROZONA I PARLAMENTI NAZIONALI IL CASO ITALIANO crisi greca sembra in via di solu-
Dopo che il governo greco A questo punto la parola A seconda dei casi (quindi Il governo italiano zione, restano aperti un paio di
ha formalizzato la richiesta passa ai capi di governo non sempre), i Parlamenti lavora a un decreto legge problemi che essa ha portato alla
del prestito, giovedì, ora la dell’Eurozona che dovranno nazionali saranno chiamati a (che avrebbe dunque effetto luce. Il primo, si osserva negli am-
Commissione Ue e la Bce pronunciarsi all’unanimità : pronunciarsi per sbloccare immediato). Il decreto dovrà bienti europei, è stato il pessimo
dovranno valutare se l’Sos in riunione formale oppure concretamente l’invio poi essere convertito in legge coordinamento dei messaggi che
di Atene sia giustificato in video o tele-conferenza dei fondi ad Atene dal Parlamento i governi dell’Unione hanno in-
viato ai mercati. Una serie di se-
gnali contraddittori, venuti in par-
ticolare dalla Germania, hanno
Il premier rassicurato al telefono dalla Merkel. Ma l’Fmi consegna una ricetta anti-crisi di lacrime e sangue permesso agli speculatori di ali-
Il caso mentare l’aspettativa di un possi-
bile default greco e addirittura di

Atene, lo sciopero si allarga ai privati un naufragio dell’euro. Aspettati-


ve, o meglio timori, che hanno ar-
ricchito chi, attraverso il meccani-
smo dei cds, i «credit default swa-

Papandreou: sotto tutela, ma ne usciremo ps», ha venduto sicurezza agli in-


vestitori dopo averne alimentato
le paure.
La seconda questione riguarda
proprio i «sensori» che il mercato
DAL NOSTRO INVIATO nerale dell’anno «contro i tagli a di un vasto appoggio. Antonis Sa- re pubblico, anche su evasione e utilizza per orientarsi, e in partico-
ETTORE LIVINI stipendi e pensioni». Mobilita- maras, leader dell’opposizione di corruzione, due voci che da sole lare le agenzie di rating. La loro du-
zioni stanno studiando pure i la- Nea Demokratia ha provato ad al- costano al paese 45 miliardi l’an- rezza nei confronti della Grecia e
ATENE — Nessuna risposta agli voratori del settori privati riuniti zare la voce («sono dei dilettan- no, quasi il 20% del Pil. «Cerche- delle sue misure di risanamento è
attacchi tedeschi. Messaggi tran- nel Gsee. ti»). «Ma è meglio che tacciano — remo di non far pagare chi non ha apparsa eccessiva anche alla Ban-
quillizzanti alla popolazione gre- La nuova Odissea di Atene — dice Maria — visto il disastro che colpe», ha detto ieri. ca centrale europea. Tanto che
ca. Il primo ministro ellenico come l’ha definita Papandreou — ci hanno lasciato in eredità». In agguato, tra l’altro, resta la Lorenzo Bini Smaghi, membro
Giorgos Papandreou — rassicu- parte dunque con il mare in tem- La prova del nove per la tenuta speculazione. Questa prima dell’executive board della Bce, in
rato da una lunga telefonata con pesta. Venerdì sera a due passi dal sociale di Atene arriverà nei pros- tranche di aiuti copre senza pro- un recente discorso pubblico a
Angela Merkel — ha ignorato ieri Parlamento ci sono state le prime simi giorni. La delegazione del blemi i debiti greci fino a maggio Kyoto, ne apertamente criticato il
la richiesta bavarese di espellere scaramucce tra manifestanti an- Fondo ha già consegnato venerdì 2011. Ma poi Atene dovrà trovare comportamento. «Abbiamo visto
Atene dall’euro e si è dedicato in- ti-Fmi e polizia con tanto di lancio all’esecutivo un minaccioso vo- altri 240 miliardi per rifinanziare agenzie di rating non comportarsi
vece a gettare acqua sul fuoco del- di lacrimogeni. Domani, dopo le lumetto intitolato «Provvedi- la sua esposizione nei cinque an- da agenzie di rating quando han-
le tensioni sociali interne. La ri- cannonate tedesche, ci sarà l’en- menti necessari per riportare sot- ni successivi. Un’impresa ciclo- no dichiarato di dover aspettare le
chiesta d’aiuto a Ue e Fondo Mo- nesima prova dei mercati. E la no- to controllo il bilancio naziona- pica per un Paese con il Pil in calo reazioni dei mercati prima di giu-
netario ha messo sul piede di stalgia della dracma spunta per- PREMIER le». Un vademecum di misure la- (—2,25% nel 2010) e i tassi ancora dicare se le misure correttive pre-
guerra tutti i sindacati nazionali. sino al mercato centrale della Ca- Il primo ministro greco crime e sangue per l’elefantiaco alle stelle. Che cosa succederà al- se dal governo greco fossero suffi-
«Ci sottoponiamo a una tutela pitale. «Vede queste fragole? — Giorgos Papandreou settore statale nazionale (sanità e lora? Sul mercato aleggia uno cienti per modificare la loro valu-
che non è piacevole — ha am- dice Maria Panagoulis indicando scuola in primis) cui saranno vin- spettro: l’Europa potrebbe ab- tazione». Insomma, se l’Europa
messo il premier — Ma lotteremo il bancone della verdura — . Sono colati con ogni probabilità i 45 bandonare la Grecia al suo desti- ha gestito male la crisi greca sul
per riconquistare la nostra auto- 2,7 euro la cassetta, sei volte di più miliardi di aiuti. Materiale molto no. E Papandreou sarà costretto a piano della comunicazione man-
nomia». di quanto le pagavo in dracme. E Nei mercatini è più esplosivo delle minacce dei proporre ai creditori una ristrut- dando segnali non univoci, chi
Il Paese però è già in fibrillazio- tra poco, se continuano a tagliare forte la nostalgia partiti bavaresi. Il compito per turazione del debito. L’ultima ar- avrebbe avuto il compito di legge-
ne. Domani scenderanno in piaz- gli stipendi di noi insegnanti, non Papandreou sarà complicatissi- ma a sua disposizione visto che, re e interpretare quei segnali ha
za i portuali del Pireo e il potente potrò nemmeno più permetter- della dracma: mo: convincere i suoi concittadi- senza dracma, è andata in soffita abdicato al proprio compito la-
sindacato dei dipendenti pubbli- le». Lamentele, per ora, e non “L’euro ci ha ni che l’austerity di oggi garantirà l’era delle svalutazioni competi- sciando campo libero alla specu-
ci dell’Adedy ha annunciato per molto più. Il pragmatismo del go- impoveriti” un futuro migliore, intervenendo tive. lazione.
martedì il suo quarto sciopero ge- verno gode ancora nei sondaggi con decisione, oltre che sul setto- © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA
DOMENICA 25 APRILE 2010

REGIONE TOSCANA - Giunta Regionale


SETTORE PATRIMONIO E LOGISTICA
Via di Novoli, 26 - 50127 Firenze.

AVVISO PUBBLICO
DI CONCESSIONE DI UNITÀ IMMOBILIARE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA
ai sensi della L.R. 77/04 e ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI,
dell’art.41 del D.P.G.R. n. 61/R del 23.11.2005 INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT
La Regione Toscana rende noto che SERVIZIO BENI CULTURALI
è disponibile per l’assegnazione in AVVISO PUBBLICO
regime di concessione il seguente E’ indetta la gara a procedura aperta per l’affidamento della prestazione di
bene di sua proprietà: servizi e forniture inerenti la realizzazione dell’allestimento del museo e cen-
unità immobiliare posta nel comune tro di documentazione della Sardegna giudicale di Oristano e Sanluri. Im-
di Firenze, Via Vittorio Emanuele II porto a base d’asta Euro 2.156.970,93. La documentazione e le relative of-
n.62-64, composta da vani quattro ferte dovranno pervenire all’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Cul-
più accessori, posti su due livelli, ter- turali, Informazione, Spettacolo e Sport - Direzione Generale dei Beni Cul-
reno e primo piano, per un totale di turali, Informazione, Spettacolo e Sport - Servizio Beni Culturali- Ufficio Pro-
46 mq circa, identificato al N.C.E.U. tocollo -Viale Trieste 186, 09123 Cagliari, entro e non oltre le h. 13:00 del
del medesimo comune al foglio 36 03.06.2010. RUP: Ing. Elisabetta Pisano. Il bando di gara è stato inviato al-
particella 160 da destinarsi ad attività la GUUE in data 21/04/2010. La documentazione integrale del Bando è di-
di piccola ristorazione ad esclusivo
sponibile sul sito www.regione.sardegna.it, con il seguente percorso Asses-
uso del parco di Villa Fabbricotti.
sorati - Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione,
Le modalità ed i tempi per la presen-
Spettacolo e Sport - Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spet-
tazione delle offerte sono indicate
tacolo e Sport - Servizi - Bandi e gare.
nell’avviso pubblicato al seguente
Il Direttore del Servizio
indirizzo www.regione.toscana.it/urp Dott. Antonio Salis
di cui al decreto n.1712 del
13/04/2010 che sarà pubblicato sul
Bollettino Ufficiale della Regione Comune di Maniace (CT) - Deposito Atti P.R.G.
Toscana n.17 del 28/04/2010. Si rende noto che, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 3, della Legge Regionale 27 dicembre 1978 n° 71 e s.m.i., presso
Gli interessati possono richiedere
la sergreteria comunale sono depositati a libera visione del pubblico, per venti giorni consecutivi decorrenti dalla pub-
informazioni telefoniche ai seguenti
numeri: 055-4384008/4384045.
blicazione del presente avviso sulla G.U.R.S., gli atti relativi al: - Piano regolatore generale, regolamento edilizio e norme
tecniche di attuazione; - Delibera di adozione del commmissario ad acta m° 01 del 25/03/2010. Chiunque può prendere
Il Dirigente visione dei sopra citati atti, e presentare osservazioni e opposizioni fino a dieci giorni dopo la scadenza del deposito.
(Dott.ssa Susanna Trambusti) IL RESPONABILE DELL’AREA TECNICA Geom. Giuseppe Trusso Cafarello Giuseppe

Tribunale di Roma UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO


CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO
CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE
REGIONE AUTONOMA
DELLA SARDEGNA

AVVISO PUBBLICO
Esecuzioni Immobiliari La Regione Autonoma della Sardegna – Centro Regionale di Programmazione – Autorità
di Gestione del POR FESR 2007/2013 rende noto che è indetta una procedura aperta per
l'affidamento del Servizio di “Assistenza Tecnica per il controllo di primo livello”, nell’am-
bito PO FESR della Regione Sardegna 2007/2013” (C.I.G. 046775861B). Importo a base
d’asta è di Euro 900.000,00 (novecentomila/00), IVA esclusa. L’aggiudicazione sarà ef-
TRIBUNALE DI ROMA fettuata secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi del D. Lgs.
ESEC. IMM. N. 74332/92 R.G.E. 163/06. L’avviso del Bando è pubblicato nella GUUE e sarà pubblicato nel BURAS e in-
G.E. Dott. Francesco Cottone - Vendita con incanto: 15/06/2010 ore 10.30 c/o Tribunale ci- viato per la pubblicazione nella GURI. Il Bando integrale è disponibile sul sito della Re-
vile di Roma, IV Sez. EE.II. Lotto 1: Comune di Roma, Via Lazio, 23. Piena proprietà su im- gione Autonoma della Sardegna www.regione.sardegna.it. Eventuali informazioni e chia-
mobile al piano terra. Attualmente libero. Prezzo base Euro 460.000,00. Rilancio minimo rimenti possono essere richiesti all’URP del Centro Regionale di Programmazione, Via Ma-
Euro 10.000,00. Domande entro 14/06/2010 ore 12.30. Custode: Dott. Augusto Bifano tel. meli n. 88 – 09123 Cagliari (Tel. 070/6067028, fax 070/6065161, e-mail crp.urp@regio-
3479531281. Maggiori info in cancelleria IV Sez. EE.II., su www.tribunale.roma.it e www.aste- ne.sardegna.it). Le offerte dovranno pervenire al seguente indirizzo: Regione Autonoma
giudiziarie.it (cod. A122213).
della Sardegna – Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del ter-
ritorio - Centro Regionale di Programmazione, Via Mameli 88 - 09123 Cagliari entro e non
TRIBUNALE DI ROMA
TRIBUNALE DI GROSSETO oltre le ore 12.00 del giorno 07.06.2010.
ESEC. IMM. N. 628/07 R.G.E.
AVVISO DI VENDITA CON INCANTO RESPONSABILE ASSE VII PO FESR 2007/2013
G.E. Dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca - Vendita con incanto: Procedura esecutiva: n. 03/2002 R.G. Graziella Pisu

17/06/2010 ore 11.30 c/o Tribunale civile di Roma, IV Sez. EE.II. Lotto 1: Il giorno 2 Luglio 2010 ore 11.00, presso il Tribunale di Grosse-
Comune di Roma, Lungotevere dei Mellini, 45. Appartamento sito al pia- to si procederà alla vendita con incanto del bene immobile come
no quarto, interno 10, composto da ampio ingresso, 4 camere grandi, ba- meglio descritto nella relazione di stima depositata presso la Can-
gno, cucina; Locale cantina n. 2 al piano seminterrato. Prezzo base Eu- celleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Grosseto, che
ro 1.215.000,00. Rilancio minimo Euro 20.000,00. Domande entro deve essere consultata dall’offerente ed alla quale si fa espresso rin-
16/06/2010 ore 12.30. Custode: Dott. Luca De Paola tel. 065291276. Mag- vio anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri e TRIBUNALE DI GROSSETO
giori info in cancelleria IV Sez. EE.II., su www.tribunale.roma.it e pesi a qualsiasi titolo gravanti sul bene.
www.astegiudiziarie.it (cod. A116465). Termine presentazione offerte 1 Luglio 2010 ore 12,30.
Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari
Bene sito nel Comune di Grosseto ESTRATTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE
loc. Rugginosa, accessibile dalla strada consortile Il giorno 02/07/2010 alle ore 11.00 dinanzi al Giudice delle Esecuzioni Immobiliari di
TRIBUNALE DI ROMA questo Tribunale Dott. Vincenzo Pedone si procederà alla vendita con incanto dei se-
ESEC. IMM. N. 1101/07 R.G.E. Rugginosa Vecchia guenti beni immobili relativi alla Procedura Esecutiva n. 198/05+115/06 R.E.I.:
G.E. Dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca - Vendita senza incanto: LOTTO unico: piena proprietà dell’opificio industriale costituito da COMUNE DI GROSSETO
07/07/2010 ore 09.30 c/o Tribunale civile di Roma, IV Sez. EE.II. Apertura bu- fabbricato per uffici, magazzini e abitazione sup. coperta mq LOTTO PRIMO: Diritti di proprietà per l’intero edificio a tre piani (compreso il piano
ste ore 09.30. Lotto 1: Comune di Roma, Loc. Torrino Sud, Via Mar della 758,14; fabbricato per officine e magazzini, deposito attrezzi e tet- terra) con destinazione d’uso ad albergo (Hotel a tre stelle), ubicato in Grosseto, Via Maz-
Cina, 183. Diritto di proprietà su ufficio al piano terra, scala A, interno 1, com- toie sup. coperta mq 2.949,98; carro ponte-tettoie sup. coperta mq zini n. 78 – 80, Piano Terra, Primo e Secondo, zona censuaria 1, cat. D/2 (senza indica-
posto da corridoio, 3 locali, bagno, ripostiglio e corpo scala interno; 5 locali, 1.500,96; autoclave acqua ind. e magazzini sup. coperta mq zione di classe, consistenza e superficie catastale), rendita catastale di Euro 5.791,50;
corridoio, 2 bagni, 2 spazi di disimpegno ed un locale archivio, al piano pri- 105,80; impianti sup. coperta mq 473,13; cabina enel sup. coperta L’immobile pignorato è composto da 13 camere di superficie variabile da un minimo di
mo sottostrada, oltre centrale termica al piano terzo - servizi. L'immobile ha mq. 8,12 ad un massimo di mq. 17,42. Le camere dispongono tutte di bagni individuali
4 ingressi, ad uno dei quali si accede dal civico, 187, insistente su un giardi-
mq 43,12; resede sup. scoperta mq 36.869,83 di cui mq 15.519,33
aventi superfici variabili da un minimo di mq. 1,78 fino ad un massimo di mq. 3,90. At-
no. L'immobile, libero salvo che per una porzione di mq. 78 concessa in lo- edificabili attuale normativa urbanistica. Immobili liberi, vincolo di de- tualmente sono arredate con la disposizione di un letto matrimoniale e un letto singolo
cazione, è oggetto di 2 concessioni in sanatoria. Prezzo base Euro stinazione d’uso industriale a titolo irrevocabile. Prezzo base Euro ciascuna. Al piano primo oltre alle camere vi sono: una stanza con bagno per spogliatoio
1.560.000,00. In caso di gara, rilancio minimo Euro 20.000,00. Offerte en- 3.440.000,00. Eventuali offerte minime in aumento non inferio- dei dipendenti, un locale dispensa, un doppio bagno con antibagno (a servizio del risto-
tro 06/07/2010 ore 12.30. Custode: Avv. Luca Bernardini tel. 068411777. Mag- ri a 100.000,00. rante gestito in locazione a piano terra, ma non compreso nel compendio pignorato). Fan-
giori info in cancelleria IV Sez. EE.II., su www.tribunale.roma.it e www.aste- La partecipazione all’asta presuppone la conoscenza integra- no parte dell’immobile anche una terrazza al piano terzo costituente anche la copertura
giudiziarie.it (cod. A134468). le dell’ordinanza di vendita e delle perizie di stima che sono agli piana dell’edificio e accessibile mediante una scala esterna collegata ad un terrazzo di
atti della procedura e consultabili presso la Cancelleria delle una camera al piano secondo. Nello stesso piano terzo della copertura è presente un bas-
so volume residuale dell’altezza media di m. 1,00, disposto lungo i due lati perimetrali su
esecuzioni immobiliari P.zza Albegna, 24 tel. 0564/419240 o sul
via Mazzini e Piazza dell’Abbondanza, destinato a ripostiglio. L’accesso all’albergo av-
sito www.astegiudiziarie.it (e-mail infovendite@astegiudizia- viene da Via Mazzini, dove immediatamente all’ingresso si trova anche la reception. Sul
rie.it) o al numero verde 848582031 (lun-ven 9,00-12,00 15,00- retro dell’edificio è compresa inoltre una corte esclusiva di mq. 23,50, accessibile anche
17,00). Per ulteriori informazioni rivolgersi al Curatore Fall. avv. da Piazza dell’Abbondanza e nella cui superficie di pertinenza si trova anche il locale de-
Alessandro Oneto (tel. 0564/418541, e-mail studionetocarol- stinato a centrale termica della superficie di mq. 3,60. PREZZO BASE LOTTO PRIMO:
lo@katamail.com.). Euro 1.048.800,00 (Unmilionequarantottomilaottocento/00) AUMENTO MINIMO
Grosseto, 25.4.2010 LOTTO PRIMO: Euro 30.000,00 (Trentamila/00).
Il Cancelliere LOTTO SECONDO: Diritti di proprietà pari all’intero su appartamento sito in Comune
Vodafone informa che a partire dal 28 Maggio 2010 entrerà in vigore di Grosseto, Via San Martino n. 62, piano primo, di vani 5, rendita catastale di Euro
una nuova modalità di rinnovo automatico della promozione Mobile 232,41 composto da: ingresso e corridoio, soggiorno, cucina, ripostiglio, due bagni, di-
Internet che consentirà di mantenere la promozione attiva anche in simpegno, camera singola, camera matrimoniale, terrazzo, il tutto per una superficie com-
caso di credito insufficiente. merciale di 125,00 mq. Condizione: libero. L’appartamento è dotato di affacci su Via San
Martino e sulla corte interna, ovvero il lato opposto a Via San Martino. L’accesso all’ap-
partamento avviene salendo la prima rampa di scale condominiali e girando a sinistra al
Rinnovare la promozione sarà più facile. Se al momento del rinnovo il raggiungimento del ballatoio del piano primo, quindi percorrendo il corridoio fino in fondo
credito disponibile sarà inferiore al costo della promozione, Mobile dove si trova frontalmente la porta di ingresso. PREZZO BASE LOTTO SECONDO: Eu-
Internet verrà comunque mantenuta attiva, la parte mancante sarà COMUNE DI PIEVE DI CADORE (BL) ro 400.000,00 (Quattrocentomila/00) Prezzo ribassato del 20% sul valore di stima
scalata alla prima ricarica e sarà possibile usufruire immediatamente AVVISO DI ASTA PUBBLICA PER ESTRATTO AUMENTO MINIMO LOTTO SECONDO: Euro 4.000,00 (Quattromila/00).
della promozione per i giorni restanti fino al rinnovo successivo. LAVORI DI REALIZZAZIONE DI NUOVO MARCIAPIEDE Termine deposito offerte l’1.07.2010 ore 12.30.
LUNGO VIA ARSENALE FINALIZZATO ALL'ACCESSIBI- I beni di cui sopra meglio descritti nelle relazioni di stima depositate presso la cancelle-
LITÀ IN CONDIZIONI DI SICUREZZA ALL'ISTITUTO COM-
I costi e le altre condizioni di utilizzo di Mobile Internet non subiranno PRENSIVO ED ALL'ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIO- ria, che deve essere consultata dall’offerente, ed alle quali si fa espresso rinvio anche per
modifiche. RE DI PIEVE DI CADORE. tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui
Si ricorda che per poter effettuare qualsiasi tipologia di traffico uscente Importo base: Euro 706.525,58# oltre Euro 5.500,00# per one- beni. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui il bene si trova con tutte le
ri dei piani di sicurezza non soggetti a ribasso d'asta; TOTA- eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitu’ attive e passive; la vendita del-
e usufruire della Mobile Internet è necessario avere un credito residuo LE DELL'APPALTO Euro 712.025,58#. Criterio di aggiudica- l’immobile è a corpo e non a misura; le eventuali differenze di misura non potranno dar
sulla scheda Ricaricabile maggiore di zero. zione: criterio del prezzo più basso determinato mediante of- luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è
ferta a prezzi unitari con esclusione automatica delle offerte
anomale ai sensi dell'art. 122 comma 9 del dlgs. 163/2006. Il soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà es-
È possibile disattivare la promozione in qualsiasi momento e senza bando integrale, cui si fa rinvio per quanto riguarda i requisi- sere revocata per alcun motivo. Per le informazioni sulle modalità di partecipazione alla
alcun costo, chiamando il numero gratuito 42071 oppure accedendo ti e le modalità di partecipazione è in visione e può essere ri- vendita con incanto e per ogni altro chiarimento rivolgersi:
all’area 190 Fai da te del sito www.vodafone.it. Per i clienti che hanno tirato presso l'Ufficio Tecnico Comunale Piazza Municipio 35 • alla Cancelleria dell’Ufficio Esecuzioni Immobiliari di Grosseto (ultimo piano) del Tribu-
attivato Mobile Internet chiamando il 42100 sarà possibile disattivarla Pieve di Cadore (BL) tel. 0435 500432, fax 0435 500432 nale di Grosseto, Piazza Albegna n. 24 Tel. 0564/419240;
@mail ut.pieve@cmcs.it. Sarà pubblicato per estratto sulla • al Professionista delegato (Custode Giudiziario) Dr. Giuseppe Ciccone Via Oberdan n.
chiamando lo stesso numero. GURI V serie speciale e sui siti www.comune.pievedicado-
re.bl.it e www.rveneto.bandi.it. Scadenza presentazione del- 17 – 58100 Grosseto, Tel. 0564/20080 Fax 0564/425740;
Tutte le informazioni relative alla nuova modalità di rinnovo sono a le offerte ore 12 di martedì 25 maggio 2010. • al numero verde 848582031 (lu.-ven. 9.00/13.00 15.00/17.00, Aste Giudiziarie Inlinea
Pieve di Cadore, 19 aprile 2010 S.p.a. – Posta Elettronica infovendite@astegiudiziarie.it).
disposizione al numero gratuito 42999 e sul sito www.vodafone.it Il responsabile del procedimento ing. Diego Olivotto IL CANCELLIERE
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA CRISI DELL’ECONOMIA
ECONOMIA @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.imf.org
www.sec.gov
■ 15

“Italia allineata alla Germania sul debito”


Tremonti: chiamati agli stessi sacrifici. Geithner e Draghi: subito riforme e aiuti ad Atene
DAL NOSTRO INVIATO zione ed evitare il rischio-contagio. rafforzare regole, paletti e vigilanza sui Dopo aver esortato i partner ad aiutare i
L’ostacolo viene dalla Germania, non
Le stime dell’Fmi mercati finanziari, allo studio di Draghi. greci, Tremonti si preoccupa dell’Italia.
ELENA POLIDORI
proprio orientata alla solidarietà e per que- Ancora di più adesso che impazza la crisi Per questo lancia un messaggio rassicu-
WASHINGTON — Giulio Tremonti si pre- sto criticata dallo stesso Tremonti. Ancora greca. «Bisogna fare in fretta con gli aiuti», rante con la sua tabellina. È uno studio teo-
senta davanti alle telecamere con una ta- ieri, attraverso esponenti della Csu, il par- esorta Geithner. E Draghi: «Servono misu- rico, sulla scia di quello elaborato dall’eco-
bellina del Fmi in mano e dichiara: «Sul de- tito conservatore bavarese, è tornata a fre- re forti e veloci per convincere i mercati». E’ nomista Carlo Cottarelli, che ipotizza cosa
bito pubblico siamo messi al fianco della nare sugli aiuti chiedendo persino l’espul- 4,8 3,4 una corsa contro il tempo: il timore è che bisogna fare per raggiungere un rapporto
Germania e meglio di tanti altri paesi, Usa sione di Atene dall’Unione monetaria. Ma nel vortice finiscano pure i paesi più debo- debito-Pil del 60% nel giro di dieci anni, la-
in testa. Questo non vuol dire che dobbia- dal governo tedesco arriva un secco no: ITALIA GERMANIA li dell’Unione. Non a caso il presidente del- vorando sull’aggiustamento del bilancio
mo mollare la presa e che possiamo ripren- «Non se ne parla». Piuttosto, avverte la si- Aggiustamento I punti di la Bce, Jean Claude Trichet, esorta «tutti i primario, al netto degli interessi e del ciclo
dere a spendere: è esattamente l’opposto. gnora Merkel, bisogna imbrigliare la spe- richiesto in 10 aggiustamento membri dell’Unione a rispettare il Patto di economico. Ebbene, per l’Italia questo ag-
Ma almeno è un investimento per tutti. Ed culazione e imporre una stretta al temibile anni per centrare richiesti per stabilità», mentre ripete che «la Spagna giustamento «è attorno al 4%, leggermente
è un merito del governo Berlusconi». Il mi- mercato dei prodotti derivati. l’obiettivo-debito centrare l’obiettivo non è la Grecia». A Washington si lavora superiore a quello della Germania e infe-
nistro dell’Economia è a Washington, per Si conclude così l’ennesima, febbrile perché il pacchetto di aiuti sia definito nel- riore a quello degli Usa», scandisce il mini-
partecipare ai negoziati sul salvataggio del- giornata di vertici al Fondo monetario do- le sue linee entro lunedì, prima della ria- stro. «Certo, i tedeschi hanno una grande
la Grecia. E’ questione urgente, caldissima. minata dalla vicenda greca ma anche da un che, attraverso l’imposizione, speravano pertura delle contrattazioni. In città c’è an- virtù.
Tanto da spingere Tim Geithner e Mario duro gioco di veti incrociati Europa-Usa di recuperare un po’ di denaro. Tra questi, che il ministro Papaconstatinou che, in Noi abbiamo dovuto fare di necessità
Draghi a lanciare un appello al Fmi e alla che finisce per congelare le tasse anti-crisi in prima fila, Usa e Gran Bretagna. Ma il re- una serie di incontri, sta tuttora cercando virtù. Siamo stati per tanti anni la pecora
Ue: «Bisogna fare presto per gli aiuti ad Ate- sulle banche. Nel chiuso del dibattito, han- sto d’Europa si è opposta, sostenuta anche di convincere i partner più riottosi. «Ho nera, ora ci troviamo nella parte migliore
ne». Il ministro Usa e il governatore italia- no appoggiato l’idea della tassazione solo i da Giappone e Canada. parlato con lui. Vi riferirò solo lla fine del delle classifiche e questo ci riempie di or-
no invocano il fattore «velocità» per con- paesi che hanno dovuto sborsare un fiume Dalla riunione dell’Imfc, il braccio ope- negoziato», taglia corto Dominique goglio».
vincere i mercati, squassati dalla specula- di miliardi per impedire i crac bancari e rativo del Fondo, emerge un nuovo sì a Strauss-Kahn, numero uno del Fmi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

I MERCATI
Gli Usa stanno spingendo
più dell’Europa per una
riforma della finanza

Il caso

Le e-mail che inchiodano Goldman


DAL NOSTRO INVIATO
FEDERICO RAMPINI
“Crollano i mutui, ora si guadagna” Dalla fine del 2008 invece biso-
gnava sottolineare di aver perso.
Perché questa sterzata? Un moti-
WASHINGTON — «E’ Franken- vo è politico: nell’atmosfera di in-
stein che si rivolta contro il suo genti della banca si congratulano sulla riforma dei mercati e ieri ha dignazione nazionale contro i
creatore». Così Fabrice Tourre, il per i profitti fatti grazie al tracollo dichiarato: «Wall Street è riuscita banchieri di Wall Street, non è
manager di Goldman Sachs al del mercato, che nel frattempo a danneggiare ogni settore dell’e- consigliabile vantarsi di aver spe-
centro dell’accusa di frode, in una sta rovinando l’America. conomia». culato sulla nave che affondava.
e-mail interna descriveva il titolo Il periodo cruciale è l’estate- Cade una difesa della banca Ma c’è un’altra ragione.
“tossico” che stava rifilando ai autunno 2007. Ogni annuncio contro la Securities and Exchange Goldman Sachs, una volta su-
clienti: grandi banche tedesche e drammatico che dai mercati fi- Commission (Sec). La Sec, l’orga- bodorato il disastro dei mutui,
olandesi. Mentre pochi mesi do- nanziari rimbalza sugli schermi no di vigilanza sulla Borsa, accusa trasferì gran parte del rischio (at-
po si vantava di aver piazzato dei Reuters e Bloomberg, nei mana- di frode la Goldman Sachs per traverso i credit default swaps)
titoli Abacus, di quelli ad alto ri- ger di Goldman Sachs scatena aver inflitto ai suoi clienti miliardi sulla compagnia assicurativa Aig.
schio, «a vedove ed orfani». Ormai l’entusiasmo, di cui è rimasta di dollari di perdite sul titolo Aba- La quale finì in bancarotta per
è uno scandalo al giorno il ritmo traccia in quelle e-mail. Esplode il cus. Dentro quel derivato c’erano avere assicurato i titoli legati ai
crac dei mutui erogati dalla ban- crediti inesigibili verso titolari di
ca Washington Mutual? «Buon Di certo non aiuta Blankfein, che di famiglie americane sprofonda- mutui subprime. Goldman na-
Le scommesse notizie» esultano due manager di questo martedì è atteso al Con- vano nell’insolvenza e subivano i scose ai clienti che a selezionare i E le agenzie di
al ribasso: “Oggi Goldman. Le agenzie di rating de- gresso nel ruolo dell’inquisito. pignoramenti delle abitazioni, contenuti del derivato era stato lo rating finiscono
classano il voto di solvibilità su 32 Il godimento dei vertici Gold- rafforza la posizione di Barack hedge fund di John Paulson, il
ho piazzato quei miliardi di titoli? «Siamo messi man in quel 2007, mentre milioni Obama. Il presidente accelera quale puntava ad arricchirsi pro- nell’inchiesta:
titoli a vedove bene, stiamo per fare soldi seri», prio per l’insolvenza di quei mu- “Manipolate da
e orfani” gongolano alla Goldman. tui. chi le pagava”
Le stesse agenzie di rating sono Goldman si è difesa presentan-
finite nel mirino dell’inchiesta:
AVVISO dosi come vittima lei stessa del
GARA PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA E SUP-
per Goldman Sachs. La più po- «Succubi di Wall Street, manipo- PORTO DA FORNIRSI AGLI UFFICI REGIONALI PER IL RAFFORZAMEN- crac dei mutui. «Quelle e-mail di- mutui. Il salvataggio pubblico di
tente delle banche di Wall Street si late da chi le pagava». Il 25 luglio TO DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO DELL’INTESA ISTITUZIONALE mostrano il contrario» ha detto Aig, tuttora controllata dallo Sta-
avvita in una perdita di credibilità 2007 il direttore finanziario di DELLA CAMPANIA E DEI SUOI ACCORDI DI PROGRAMMA QUADRO AT- ieri Carl Levin, il parlamentare to, è costato 180 miliardi ai contri-
che assume una dimensione Goldman, David Viniar, festeggia TUATIVI. democratico che presiede la buenti. Una congrua parte dei
La Regione Campania intende affidare i servizi di assistenza tecnica relativa alle
spettacolare, quasi romanzesca. un profitto di 51 milioni in un sol attività di attuazione e monitoraggio dell’Intesa Istituzionale di Programma della Commissione d’indagine. La sto- quali sono rifluiti nelle casse di
Mentre la Washington globale giorno e sbeffeggia gli altri inve- Campania e dei suoi Accordi di Programma Quadro attuativi. ria delle puntate ribassiste, con Goldman Sachs, la principale be-
s’interroga al summit del Fmi sul- stitori: «Ecco cosa succede a quel- A tal fine si avvisa che l’AGC “Programmazione, Piani e Programmi”, Settore “Pia- cui Goldman si arricchì mentre neficiaria degli aiuti ad Aig. «Ban-
la crisi greca “cucinata” dai mani- li che non sono corti come noi». nificazione e collegamento con le AGC” ha emesso un apposito bando di gara aven- l’America sprofondava nella re- che come Goldman Sachs — dice
te ad oggetto: “Affidamento dei servizi di assistenza tecnica e supporto da fornir-
polatori di bilanci della Goldman, Corti, nel gergo dei mercati, sono si agli uffici regionali per il rafforzamento del sistema di monitoraggio dell’Intesa
cessione, è piena di reticenze. I Levin — non erano intermediari
nella Washington federale il Con- gli investitori che vendono allo Istituzionale della Campania e dei suoi Accordi di Programma Quadro attuativi”. vertici della Goldman hanno al- di mercato al servizio dei clienti.
gresso lavora di sabato e domeni- scoperto e speculano sul ribasso. La documentazione di gara è visionabile e scaricabile dalla home page del sito ternato il trionfalismo e la dissi- Erano determinati, nel proprio
ca per scoprire altre menzogne di Il chief executive di Goldman, istituzionale della Regione Campania all’indirizzo www.regione.campania.it. mulazione. Alla fine del 2007 i top interesse esclusivo, a spingere i
Per informazioni è possibile contattare nell’orario di ufficio il Responsabile del pro-
Goldman. Ieri il bottino della Lloyd Blankfein, nel novembre cedimento arch. Olimpia Fischetti al numero di telefono 081.7962095 o all’indi-
manager della banca si vantava- clienti all’acquisto di prodotti fi-
Commissione parlamentare 2007 si compiace: «Abbiamo gua- rizzo e-mail o.fischetti@maildip.regione.campania.it. Data di invio del bando alla no di aver previsto il tracollo pri- nanziari complicati e rischiosi. E
d’inchiesta è stato ricco. Sono ve- dagnato grazie alle nostre posi- G.U.C.E.: 12.04.2010. ma degli altri, ne facevano un mo- loro scommettevano contro gli
nute alla luce le piccanti e-mail zioni corte». Il trionfalismo delle Il Responsabile del Procedimento tivo di orgoglio e di marketing, per stessi prodotti venduti ai clienti».
interne. In quei messaggi i diri- e-mail oggi ha un suono sinistro. Arch. Olimpia Fischetti rubare clienti alle concorrenti. © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 MONDO @ PER SAPERNE DI PIÙ
http://az.gov
http://www.whitehouse.gov
■ 16

ARRESTI TRASPORTO CLANDESTINI


La legge autorizza la Secondo la legge In Arizona ci sono
polizia ad arrestare è un crimine anche circa 500mila immigrati
anche senza accusa trasportare immigrati illegali, sui circa
formale chiunque sia clandestini o assoldare 11 milioni che vivono
sospettato di essere lavoratori giornalieri e lavorano in nero
immigrato illegalmente lungo le strade negli Stati Uniti

L’Arizona sfida Obama


“Ora basta clandestini” DUELLO
Sopra il
presidente
Obama e il
Immigrati come criminali. La Chiesa:“Nazisti” governatore
dell’Arizona
Jan Brewer

DAL NOSTRO INVIATO Messico e Arizona? merica. no diventa un criminale, e un spetti, e i cittadini il diritto di politica. L’elettorato latino,
ANGELO AQUARO L’assassinio di Robert La legge diventerà esecuti- crimine sarà non esibire i do- denunciare le amministra- che ha contribuito in manie-
Krentz è la morte del sogno va tra 90 giorni e sarà la più cumenti che danno la possi- zioni che non faranno rispet- ra determinante alla sua ele-
NEW YORK — Robert Krentz americano. Il governatore dura mai approvata negli bilità di risiedere. La polizia tare la legge. Per i sostenitori zione, è già in subbuglio. Altri
aveva il faccione burbero del Jan Brewer ha citato proprio Usa. L’immigrato clandesti- avrà il potere di fermare i so- dei diritti civili tutto questo stati potrebbero seguire la
ranchero ma il cuore tenero lui, il ranchero ucciso, per ha un nome: discriminazio- strada di Tucson e anche per
del timorato di Dio. «Se qual- giustifcare la firma a quella ne. Per gli Stati Uniti, è una questo la Casa Bianca sta ve-
cuno mi chiede dell’acqua, io legge anti-immigrazione a prova di secessione legislati- rificando l’eventuale incosti-
gli darò da bere. Tutti hanno cui per tre volte il suo prede-
New York va. Una sfida a Washington. E tuzionalità.
diritto a prendersi una fetta cessore, Janet Napolitano, Il cardinale di Los Angeles,
dell’American Pie». Povero oggi ministro di Barack Oba- Kamikaze contro la metro a Barack Obama.
Già prima che il governato- Roger Mahoney, ha definito
Robert. L’hanno trovato ma, aveva opposto il veto. «La re firmasse, il presidente ave- la legge «nazista». Il governo
morto ammazzato, lui col violenza intorno al confine e “Doveva essere una strage” va sostenuto che la legge del- messicano ha protestato uf-
suo cane, mentre pattugliava il crimine portato dall’immi- l’Arizona minacciava «di mi- ficialmente. Ma siamo appe-
il ranch che la sua famiglia grazione illegale sono que- NEW YORK — «Tornate a New York. Lì sare- nare le nozioni fondamenta- na agli inizi. Se i clandestini in
possedeva da tre generazio- stioni cruciali per la nostra te molto più utili alla nostra causa». Così due li di imparzialità tipicamente Arizona sono quasi 500 mila,
ni. L’ultima telefonata è stato gente. In Arizona siamo stati alti dirigenti di Al Qaeda ordinarono un atten- americane». La riforma del- 11 milioni sono ormai gli irre-
il suo testamento. «Ho intra- più che pazienti nell’attesa tato kamikaze contro la metropolitana di New l’immigrazione — dopo golari in tutti gli Usa. Una na-
visto un altro immigrato, che Washington agisse. Ma York a Zarein Ahmedzay, Najibullah Zazi e quella della sanità e di Wall zione invisibile di operai,
sembra abbia bisogno di aiu- decine di anni di inattività e Adis Medunjanin arrivati in Pakistan nell’ago- Street — è il terzo pilastro del- contadini, tassisti, colf e lavo-
to. Chiama le guardie di fron- politiche maldestre hanno sto 2008. È uno dei particolari emersi dalla la sua grande promessa di ratori di ogni campo (gli im-
tiera». Quanti clandestini creato una situazione peri- confessione di Ahmedzay, 25 anni, autista di cambiamento. La corsa in migrati regolari costituisco-
aveva aiutato Robert Krentz? colosa e inaccettabile». La taxi newyorkese, che si è dichiarato colpevo- avanti, e a destra, dell’Arizo- no il 12 per cento della forza
Quanti ne aveva aiutati a ti- guerra dei narcos non è più le di aver pianificato insieme agli altri due il na — «irresponsabile e mal- lavoro d’America) che aspet-
rarsi fuori da lì, mollati nel solo oltre confine. Omicidi, piano fallito, a suo dire «il miglior modo per destra» l’ha definita Obama ta solo di essere integrata.
suo ranch dai trafficanti di es- rapimenti: l’Arizona sta porre fine alle guerre». — rischia adesso di compli- Prima che sia troppo tardi.
seri umani, al confine tra sprofondando nel Centra- care ancora di più la partita © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 MONDO @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.spoe.at
www.fpoe.at
■ 17

L’Austria elegge il suo presidente


nelle urne l’incognita ultradestra
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE — aggiunge — che l’arcivescovo GLI SFIDANTI
ANDREA TARQUINI di Vienna, il cardinale Cristoph Sotto il presidente
Schönborn, riuscirà ad allonta- uscente, Heinz Fischer,
BERLINO — Nuovo test per la nare dalla Chiesa in Austria ogni socialdemocratico; di
forza della destra radicale in Eu- prelato incriminato». fianco, un poster con la
ropa. Oggi gli austriaci eleggono Ben più forte suona la sua leader dell’ultradestra,
a suffragio universale il loro nuo- preoccupazione per le inquietu- Barbara Rosenkranz
vo presidente della Repubblica. dini e le paure rafforzate nella so-
Oltre sei milioni e trecentocin- cietà austriaca dalla tempesta fi-
quantamila elettori sono chia- nanziaria ed economica interna- Rosenkranz, la candidata erede di Haider: io, fedele ai valori cristiani
mati a scegliere tra tre candidati zionale. «La crisi attuale», affer- L’intervista
per il mandato di sei anni, e la sfi- ma Fischer, «è anche frutto di un
da all’establishment viene da
Barbara Rosenkranz, la candida-
ta della Fpoe (destra radicale ap-
punto), in sostanza il partito che
egoismo senza limiti che sta de-
stabilizzando i mercati. Credo
che con una ferma politica co-
mune europea potremo stabiliz-
“Voglio un’Europa
sotto la guida di Hans Christian
Strache ha raccolto l’eredità po-
litica di di Joerg Haider.
Queste elezioni presidenziali
zare la crisi creare nuovi posti di
lavoro. È importantissimo ta-
gliare il debito pubblico, ma bi-
sogna anche puntare a una giu-
senza le moschee”
(il capo dello Stato resta in carica stizia sociale e a una simmetria LUCA FACCIO della Nsdap (il partito nazional- presidenziali. Cinquantadue an-
sei anni) sono le prime cui viene nei sacrifici, non pensare solo ai socialista) o proibiscono di nega- ni, divisa tra casa e politica, spo-
applicato il diritto di voto dai se- conti pubblici». VIENNA — Divieto assoluto per le re l’Olocausto. Ecco le posizioni sata con Horst Rosenkranz, noto
dici anni d’età in poi. Tenendo (ha collaborato Luca Faccio) moschee in Austria, e basta con le care a Barbara Rosenkranz, can- estremista di destra, da cui non ha
conto che tradizionalmente la © RIPRODUZIONE RISERVATA
leggi che vietano la rifondazione didata della destra radicale alle mai preso le distanze, mira a con-
destra radicale conquista eletto- quistare per il suo partito (la Fpoe)
ri soprattutto tra giovani e disoc- almeno il 17 per cento alle presi-
cupati, e sullo sfondo della previ- denziali di oggi. Un suo risultato
sione di un calo della partecipa- lusinghiero sarebbe un segnale a
zione di almeno il 10 per cento, tutta la destra radicale europea.
l’esito del voto potrebbe raffor- Se vincesse le elezioni presi-
zare l’ultradestra, sebbene l’at- denziali cosa farebbe nei primi
tuale presidente, il popolarissi- cento giorni?
mo socialdemocratico Heinz Fi- «Aprirei le porte dell’Hofburg,
scher, sia strafavorito. Un risul- il castello del centro di Vienna se-
tato sul 15 per cento od oltre sa- de del presidente, agli austriaci, e
rebbe comunque un successo li inviterei a venirmi a raccontare
per la destra radicale. i loro problemi».
Heinz Fischer, il presidente Quale sarà la sua linea politica
uscente, è uno statista di rara au- in Europa?
torità politica ed appare sicuro di «Io con la mia esperienza ven-
vincere, proponendosi come tennale in politica nella Fpoe, il
partito delle libertà, vorrei porta-
re avanti un discorso su un’Euro-
Heinz Fischer, pa delle nazioni rappresentando
capo dello Stato
uscente e favorito:
“Stop alla politica
dell’egoismo”
‘‘
I gruppi neonazisti
fanno la campagna
elettorale per me su
«presidente di tutti coloro che vi-
vono in Austria» (cioè anche de- Internet? Non posso
gli immigrati, non solo degli au-
striaci doc). È sicuro di vincere,
non teme certo uno schiaffone
elettorale.
,,
certo impedirlo

il mio Paese con più forza».


«Tra me e la signora Rosenk-
ranz, la mia rivale candidata del- Con la sua candidatura la de-
la Fpoe, non c’è alcun paragone», stra radicale vuole dare un se-
dice a Repubblica il presidente gnale all’Austria e all’Europa?
Heinz Fischer. E continua: «Io so- «Io non rappresento la destra,
no stato per 12 anni presidente io rappresento le tante famiglie
della Camera, ho appena termi- austriache e i loro problemi, che
nato un mandato da presidente vorrei fare miei da capo dello Sta-
della Repubblica, ritengo di ave- to. Le famiglie pagano la crisi in-
re un profilo internazionale non ternazionale più di ogni altro. E
eguagliabile alla candidata della voglio un’Europa cristiana, fede-
destra radicale anti-europeista, le ai suoi valori costitutivi, cristia-
che rappresenta esclusivamente ni e occidentali, non un’Europa
la destra e non tutto il Paese. Io piena di moschee».
voglio continuare a essere il pre- Non la disturba vedere appelli
sidente di tutti coloro che vivono a votare per lei sui siti Internet
in Austria, senza distinzioni né neonazisti?
discriminazioni, non mi ricandi- «Non posso vietarlo».
do per alzare steccati». Con il 1945 l’Austria venne li-
Fischer si mostra insomma si- berata dalla dittatura nazista. Lei
curo della vittoria, ma non igno- la pensa così o no?
ra che la tentazione di votare per «Nel 1945 vennero liberate le
l’ultradestra può essere conta- vittime del nazismo!».
giosa per molti elettori, in Austria Lei viene accusata da diverse
come nel resto dell’Unione Eu- media di aver cantato una canzo-
ropea. Ci dice: «Seguo con inte- ne nazista in un incontro con il
resse gli ultimi cambiamenti nel gruppo studentesco della destra
panorama politico europeo. Nei oltranzista. Cosa risponde?
periodi di crisi si ripetono certi ci- «Non è vero che sia una canzo-
cli storici. Ma sicuramente la si- ne nazista. È una canzone stu-
gnora Rosenkranz non vincerà, dentesca che all’epoca fu stru-
io mi fido dell’intelligenza degli mentalizzata dalla Nsdap, il parti-
elettori». to nazista».
Un altro problema che pesa Per quale motivo ha deposita-
sull’opinione pubblica austria- to un documento presso un no-
ca, pur non avendo collegamen- taio, dove lei prende le distanze
ti diretti con le elezioni presiden- dalle ideologie neonaziste? Cer-
ziali, è lo scandalo degli abusi pe- ca l’appoggio dei media popola-
dofili nella Chiesa cattolica. «So- ri?
no assolutamente sconvolto, «Volevo una volta per tutte di-
posso solo esprimere con fer- stanziarmi dalle ideologie di una
mezza la mia solidarietà per le dittatura terribile che si è resa re-
vittime», ci dice il presidente Fi- sponsabile di milioni di morti».
scher, «ma sono anche convinto © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 CRONACA
■ 18

Brescia, guida ubriaco in autostrada


uccide coppia, grave figlio di 18 mesi
SANDRO DE RICCARDIS
MILANO — Erano in viaggio ver-
so Borno, piccolo comune in ROMA FERRARA MILANO LATINA
provincia di Brescia, per trascor- A settembre, una Il 12 agosto 2009 Agosto 2009. Febbraio 2009.
rere un normale week-end in fa- donna 23enne un ubriaco Con due figli di 7 Filma col telefono
miglia coi nonni che aspettava- I casi è travolta da investe in auto tre e 9 anni in suo fratello
no di rivedere e abbracciare il ni- un’auto guidata ciclisti, ne uccide macchina, uccide 18enne che
potino. Erano quasi arrivati, da un 47enne uno, ferisce sul colpo un guida ubriaco.
viaggiavano sull’A4 tra i caselli di risultato positivo gli altri due. giovane e viene Poi lo schianto
Desenzano e Sirmione quando per alcol e droga Poi scappa. arrestato che lo uccide
la loro Renault Clio è stata tam-
ponata e travolta da una Bmw X5
guidata da un trentenne ubria- doppio e il triplo di quello con- vane coppia e al loro bambino. giovane padre aveva lasciato il IL ROTTAME
co, arrivata ad alta velocità a di- sentito. L’uomo è stato arrestato Nell’incidente sono state coin- paese per trasferirsi a Padova per La Renault
struggere l’auto e l’intera fami- per guida in stato di ebbrezza, e volte altre due auto e un furgone, studiare. Si era laureato, aveva Clio distrutta
glia. dovrà rispondere di duplice provocando tredici feriti lievi: trovato lavoro come manager al- dallo scontro
La coppia — l’uomo alla guida omicidio colposo. una carambola di auto e furgoni l’Ikea, aveva conosciuto Silvia, A bordo
e la moglie seduta accanto — Erano passate da poco le tre, sull’asfalto che ha obbligato alla due anni più giovane di lui, in- viaggiava
muoiono sul colpo. Il figlioletto quando l’X5 ha travolto la Re- chiusura del tratto di A4, con il contrata proprio all’università. la famiglia di
di 18 mesi resta incastrato tra le nault, che procedeva — secondo traffico deviato verso l’uscita di Poi il matrimonio e la nascita del Padova. A
le testimonianze di altri automo- Sirmione. La circolazione è ri- bambino. Una vita tra il Veneto, sinistra, le
bilisti — a una velocità netta- presa regolarmente soltanto alle l’Austria e il piccolo comune bre- due vittime
Nel tamponamento mente inferiore. L’impatto tra le sei di ieri mattina. sciano, sconvolta dalla folle cor- con il loro
sono rimaste ferite due auto è stato violentissimo e La famiglia era diretta a Borno, sa di un ubriaco in autostrada. bimbo di
non ha lasciato scampo alla gio- paese d’origine di Alessio Peci. Il diciotto mesi
tredici persone © RIPRODUZIONE RISERVATA

Trentenne arrestato
dopo il test Il fumo dal braciere: in ospedale madre e sorellina

lamiere dell’abitacolo e, forse


protetto dal seggiolino a cui era
Genova, dodicenne asfissiata dalla stufa
agganciato, si è salva anche se
ora è in pericolo di vita in ospe- gas tagliato, non pagavano le bollette
dale. Quando i soccorsi arrivano
sul tratto di autostrada, per i suoi
genitori — Alessio Peci, 34 anni, GENOVA — Il contatore del gas sigillato da cietà che assegna spesso degli alloggi. I ca-
e la moglie Silvia Marx, 32 anni, dodici giorni per morosità. Così una teglia di rabinieri vogliono capire cosa prevedesse il
austriaca — non c’era più nulla alluminio, piena di carbonella e trasformata contratto. Luca Baio dice che era la società a
da fare. Estratto dai rottami del- in braciere per riscaldare l’appartamento, di- pagare «però ora è in liquidazione e da un po’
la Clio, il piccolo viene trasferito venta una trappola mortale uccidendo non pagava più, così ci hanno tagliato il gas».
in gravissime condizioni all’o- Johaily, 12 anni. È successo a Busalla, vici- Proprio ieri la donna avrebbe dovuto versare
spedale di Brescia. Praticamen- no a Genova. La madre, Johanny Rivera Pe- la caparra per una nuova casa in affitto.
te illeso l’uomo alla guida della reira 34 anni di Santo Domingo, è ricoverata Secondo una prima ricostruzione, la ra-
Bmw, risultato in stato di eb- in gravi condizioni, mentre sta bene la sorel- gazzina probabilmente era in una stanza da
brezza dopo il test alcolemico. lina di sei mesi, Siria, figlia del nuovo compa- sola col braciere e la madre con la piccola in
Gli uomini della polizia stradale UNA VITTIMA NEL CROLLO DI UN PALAZZO A NAPOLI gno della donna. L’inchiesta chiarirà i detta- braccio sarebbe entrata in un secondo mo-
di Brescia e Padova hanno ri- Il corpo della donna polacca estratto dalle macerie. gli della vicenda e le responsabilità. mento.
scontrato un livello di alcol nel Il palazzo di via Gianturco crollato ieri era occupato Luca Baio, il compagno della donna era a (m. p.)
sangue compreso tra 0,8 e 1,5 da stranieri senza una casa. Ferite altre tre persone Milano per lavoro. È dipendente di una so- © RIPRODUZIONE RISERVATA
grammi per litri, quindi tra il

Edwine, Flavia e Diego annunciano la Un angelo è volato in cielo, ciao 2° ANNIVERSARIO


scomparsa di Francesco Dott. Il caso
Giovanni Ruiz De Ballesteros grazie per il tuo coraggio, la tua bellezza Gian Paolo Ziccardi
avvenuta il 23 aprile 2010. Una cerimonia
laica si terrà domani 26 aprile alle ore 11
e la tua gioia di vivere. Resterai per sem- Ogni giorno sei nei nostri pensieri; ogni
6 7 45 46 67 85 Roma, scarcerato il fotografo dell’aggressione all’attrice: “Era una furia”
pre nei nostri cuori. Ludovica e France- giorno crescono rimpianto e nostalgia.
nel Tempietto Egizio del cimitero Verano.
Roma, 25 aprile 2010
Le Croci - Tel. 800860260
sco con Vittorio, Carlo e Margherita
Roma, 25 aprile 2010
Mario e Renzo sono vicini ad Eugenia,
La moglie Damiana, i figli e le loro fami-
glie.
Con immutato amore, ricordiamo la tua
31 21 Il paparazzo e la Pandolfi
“Ho reagito sì, ma per paura”
La moglie Monica con i figli Marta, Sara e
Luisa, Giulio e famiglia per la perdita del scomparsa con una Messa in suffragio
Marco con la sorella Patrizia e il cognato
caro amico che si celebrerà lunedì 26 aprile 2010, al-
Norberto annunciano con dolore ma nel- 4.154.612,57 €
la speranza della Resurrezione la morte di Roberto Ciuni le ore 18.30 nella chiesa parrocchiale
Massimo Variali Roma, 25 aprile 2010 S.M. Assunta di Castelfranco Emilia.
Concorso n. 49 del 24-04-2010
ROMA — «Ho reagito così, perché ho avuto paura. Sono stato ag-
Un ringraziamento di cuore a tutti gli 25-04-2007 25-04-2010 Castelfranco Emilia, 25 aprile 2010
On. Fun. Graziano Ballestri
Superenalotto gredito per primo dalla Pandolfi: è venuta contro di me come una
amici e colleghi che ci hanno aiutato in Nel terzo anniversario della scomparsa Nessun vincitore con punti 6
questo momento. Le esequie si svolge- Castelfranco Emilia (MO) Al vincitore con punti 5+ 830.922,51 € furia. Pretendeva che le consegnassi la scheda della macchinetta
Enrico Greca ricorda la sua tanto amata Ai 24 vincitori con punti 5 25.966,33 €
ranno martedì 27 aprile 2010 alle ore 10 Tel. 059/926307 Ai 1.686 vincitori con punti 4 369,62 € digitale, con cui l’avevo fotografata».
presso la chiesa di San Roberto Bellar- Maria Grazia Ai 68.925 vincitori con punti 3 18,08 € Così il paparazzo Mauro Terranova, ieri, all'uscita del carcere
La famiglia Rossi ringrazia di cuore il dr.
mino, piazza Ungheria. Gargiulo Superstar di Regina Coeli, dopo l'interrogatorio di garanzia davanti a Car-
Francesco Menichetti, la Dottoressa Nessun vincitore con punti 5
Roma, 25 aprile 2010 Roma, 25 aprile 2010 Roberta Doria e il personale medico-in- Ai 13 vincitori con punti 4 36.962,00 € mine Castaldo, giudice per le indagini preliminari. Per il foto-
On. Fun. San Giacomo - Tel. 06/3222111 Ai 393 vincitori con punti 3 1.808,00 €
A 28 anni dalla dolorosa scomparsa dello fermieristico tutto dalla U.O. di malattie Ai 5.720 vincitori con punti 2 100,00 € grafo, arrestato tre giorni fa con l’accusa di lesioni gravissime, c’è
Francesco Saverio Architetto Ai 32.492 vincitori con punti 1 10,00 €
infettive, la Dottoressa Monica Lencioni Ai 68.015 vincitori con punti 0 5,00 € ora l'obbligo di dimora. Bocche cucite degli avvocati sul conte-
è stato con noi per diciotto bellissimi an- Andrea Reichlin della U.O. di Oncologia Medica e la Dot- PROSSIMO CONCORSO nuto delle foto. Non si sa se Claudia Pandolfi fosse in compagnia
ni. La sua vita è stata un inno alla gioia, al- Michele, addolorato e commosso, lo ri- IL JACKPOT CON PUNTI 6
toressa Angela Gioia della Asl 5 per il o stesse aspettando qualcuno. O se a innescare la lite e poi l’ag-
l’amore, all’amicizia, alla voglia di fare, di corda a tutti coloro che hanno avuto la 65.200.000,00 euro
prezioso sostegno e le amorevoli cure
studiare, di cercare una sua strada. Ades- fortuna di conoscerlo. gressione (l’attrice è stata sottoposta a intervento chirurgico ed è
so l’ha trovata, purtroppo lasciandoci da prestate al caro Mauro.
Roma, 25 aprile 2010 ancora ricoverata in ospedale) sia stata la richiesta dell’artista di
soli su questa Terra. Ma, da lassù, ci guar- Pisa, 25 aprile 2010
derà e ci benedirà. Ciao, Franci. Andrea, Sono vicini a Rosaria Moccia, alle sorel- Pubblica Assistenza Pisa 22 32 6 64 2 riavere indietro la scheda perché struccata. «Mi dispiace per co-
Maria Rosaria e Beniamino Caravita di To- le Cristina, Carmen per la prematura me sia finita la vicenda - dice il paparazzo - Ho reagito per timore.
ritto. I funerali avranno luogo mercoledì 28 scomparsa del loro amato fratello
Tel. 050/941511 84 59 10 22 72 Ho già subito due aggressioni: da Daniel Ducret, l'ex marito di Ste-
Nel primo anniversario della scomparsa
aprile 2010, ore 11, nella chiesa di S. Ro- Gennaro Moccia 59 55 89 63 78 fania Monaco, l’altra da Gigi D'Alessio e dalle guardie del corpo».
berto Bellarmino, piazza Ungheria, Roma. di
Antonio, Sabina, Sergio, Cristina, Fran-
Giovanni Barcaioli 28 19 24 23 4 (emilio orlando)
Tubinga, 25 aprile 2010
cesco, Luca, Francesca, Isabella, Cin-
Marcello e Giovanna Collevecchio, Ste- zia, Patrizia, Luca, Stefania, Anna, Raf- lo ricordiamo con immutato e perenne 52 87 55 54 26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

fano e Sara Boldi si stringono commos- faella, Reiner, Sophie, Guido, Vita. amore. Le figlie Anna Maria e Damiana e
si a Beniamino e Iaia Caravita di Toritto 82 55 26 41 68
Milano, 25 aprile 2010 la moglie Teresa.
per la tragica perdita di
Anna, Lorenza e Silvio salutano Prato, 25 aprile 2010
35 83 17 28 37 Milano
Francesco
Gabriele 58 77 63 71 78
Roma, 25 aprile 2010
Fulco Lanchester si stringe a Iaia e a Be- Che ha finito di soffrire. La cerimonia fu-
nebre sarà celebrata martedì 27 aprile
Il giorno 23 aprile è venuta a mancare
Vincenza Limoli 32 75 64 71 17 È morto il giornalista Roberto Ciuni
niamino per la scomparsa dell’adorato Le figlie Anna, Paola e Valeria, il marito 78 14 73 36 86
figlio nella chiesa della Certosa alle ore 15.
Raffaele, la sorella Giuse la rimpiangono MILANO — È morto il giornalista Roberto Ciuni, aveva 76 an-
Francesco Caravita di Toritto Bologna, 25 aprile 2010 con immenso dolore ricordando le sue NAZIONALE 22 37 90 51 60
Il Consiglio di Amministrazione, il Diret-
ni. Da tempo era ammalato ed era ricoverato all’ospedale
di cui ricorda le doti straordinarie. doti di generosità, grazia e signorilità.
tore, i collaboratori e i dipendenti tutti del Fatebenefratelli di Milano. Aveva cominciato la sua carriera
Roma, 25 aprile 2010
Centro Medico Specialistico Bolognese
Napoli, 25 aprile 2010 10 e LOTTO a “L’Ora” di Palermo, quindi era stato direttore de “Il Gior-
Cara Iaia, ci sono dolori ingiusti e in- Srl sono vicini al Dott. Andrea Cavalli e Emilio Pozzi COMBINAZIONE VINCENTE nale di Sicilia”, inviato speciale e caporedattore del “Corrie-
comprensibili. Non esistono parole che
alla Dott.ssa Daniela Cavalli per la per- Addio mio amato amico, che allora hai 6 10 14 19 22 re della Sera”, direttore de “Il Mattino”, vicedirettore de “Il
possano anche solo alleviare le inaudite
dita del padre
sofferenze per la perdita di
Prof.
rischiato la tua vita per salvare la mia. 28 32 35 52 55 Tempo” e direttore de “La Nazione”. Il presidente della Re-
Francesco Addio Emilio caro. 58 59 75 77 78 pubblica Napolitano ha espresso commossa partecipazio-
Giancarlo Cavalli
Ti sono vicina. Barbara Dotti Bologna, 25 aprile 2010 Nando Gazzolo 82 83 84 87 89 ne al cordoglio della famiglia e del mondo dell’informazione.
Roma, 25 aprile 2010 O.F. Golfieri Srl - Bologna - Tel. 051/228622 Riano, 25 aprile 2010
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 CRONACA @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.repubblica.it
www.medicinalive.com/.../la-sindrome-di-stoccolma
■ 19

Le tappe

IL “MARSIGLIESE”
Nel ’78 Daniel Nieto organizzò il
rapimento di Giovanna Amati, allora
diciottenne, figlia del proprietario di
una grossa catena di cinema a Roma

UNA VITA IN FUGA


Jean Daniel Nieto, dopo LA TRAPPOLA
una fuga dal carcere, era Durante la prigionia tra Nieto e la
latitante. Sopra, il rilascio Amati nacque una storia. Dopo il
di Giovanna Amati e rilascio, Nieto fu arrestato a Roma
l’arresto di Nieto nel ’78 proprio durante un incontro con lei

Preso Jean Daniel, il bandito gentiluomo


rapì Giovanna Amati e se ne innamorò LA SINDROME DI STOCCOLMA
Quando il prigioniero si invaghisce

Nieto tradito da un tatuaggio. L’arresto dopo 22 anni di latitanza del carceriere: successe a Giovanna
Amati (qui in una foto recente) come
a Patricia Hearst e a Clara Rojas

MASSIMO LUGLI ci anni passati da detenuto mo- un poliziotto ma scappò ancora. toso: un geco verde che gli spun- per ricostruire il suo curriculum è di quelli che non parlano.
dello (in cella dipingeva quadri di Sposato, nonno, due figli e tre ni- tava dal collo. «Se l’avessi visto su giudiziario. L’evasione, nel frat- Giovanna Amati, nel frattem-
ROMA — «Ci avete messo una certa bellezza e intratteneva poti, girava tranquillamente coi un ragazzo non mi sarei insospet- tempo, è stata condonata ma gli po, è uscita dalle pagine di crona-
vent’anni a trovarmi ed eccomi lunghe corrispondenze con alcu- documenti intestati a suo nome tito — racconta l’agente della restano dieci “gallinelle” (come ca nera, è entrata in quelle dello
qua... State tranquilli, ormai sono ne “ammiratrici”) ottenne un confidando che, dopo tutto que- Polfer — ma su quell’uomo così la mala chiama gli anni di carce- sport e poi è uscita anche da lì. Di-
vecchio. Un tempo sarebbe stato permesso premio e si rese uccel sto tempo, nessuno si sarebbe ri- anziano stonava, così ho pensato re) da scontare per il rapimento. ventata pilota professionista nel
diverso». Un bagliore dell’antica di bosco. Qualche tempo dopo lo cordato di lui. A tradirlo è stato di controllare più a fondo». Jean Cosa ci facesse in Italia è tutto da 1981, ha vinto diverse gare in For-
ferocia negli occhi di quell’uomo acciuffarono a Parigi e gli accolla- l’occhio allenato di un poliziotto Daniel è finito negli uffici di via scoprire ed è stato perfettamente mula Abarth, poi, quattro anni
di 63 anni, dal viso segnato e dal- rono una rapina con sequestro di e un tatuaggio da vecchio malavi- Principe e ci sono volute 12 ore inutile chiederglielo: Jean Daniel dopo, è passata in Formula 3, e fi-
l’impercettibile accento france- nalmente è approdata in Formu-
se, che si è fatto ammanettare do- la Uno dove ha partecipato a tre
cilmente su un treno Milano- gran premi senza riuscire a quali-
PROVINCIA
Ventimiglia. È stato arrestato per AUTONOMA ficarsi. Oggi si è riavvicinata alla
caso, durante un controllo della DI BOLZANO Chiesa e partecipa a molte inizia-
polizia ferroviaria, Jean Daniel AVVISO DI GARA tive benefiche.
Nieto, bandito marsigliese di AMMINISTRAZIONE AGGIUDICA- Per Jean Daniel, invece, il mas-
rango, protagonista di una delle TRICE - Denominazione ufficiale: simo della carriera si fermò al
vicende più “cinematografiche” Provincia Autonoma di Bolzano 1978, ai tempi in cui la banda dei
Indirizzo postale: Via Crispi, 2
degli anni Settanta: il rapimento 39100 Bolzano – (I) Marsigliesi o delle “Tre B” (dalle
di Giovanna Amati, finito con Punti di contatto: Ufficio Appalti 11.5 - iniziali del triumviro Bergamelli-
una turbinosa storia d’amore con Telefono: +39 0471 412504 Bellicini-Berenguer) s’impone-
Fax: +39 0471 412539 - Posta elettro-
la ragazza, allora diciottenne. nica: wettbewerbe-11.5@provinz.bz.it. va a scariche di mitra sulla mala
Dopo il rilascio dell’ostaggio, die- DESCRIZIONE DEL PROGETTO - romana e i “bravi ragazzi” della
tro il pagamento di un riscatto da Oggetto del concorso é l’elaborazione Magliana guardavano e impara-
del progetto preliminare per la realizza-
800 milioni, Nieto continuò a zione della circonvallazione di Castel- vano. Furono i francesi a impor-
mandare lettere, bigliettini e fiori bello e Calsano sulla S.S. 38 dello Stel- tare nella capitale il business del-
a Giovanna senza neanche pen- vio tra i km 176,50 e km 179,40 ca. la coca e dei sequestri di persona
sare di essere intercettato dai ca- NATURA DEL CONCORSO - Procedu- ma gli ostaggi tornavano vivi, in-
ra ristretta.
rabinieri. Lo arrestarono a via Ve- CRITERI DI SELEZIONE DEI PARTE- grassati, rilassati e raccontavano
neto, con un grosso mazzo di fio- CIPANTI - Si tratta di un concorso a due di cene sontuose e lunghe con-
fasi, entrambe in forma anonima.
TERMINI - Termine per il ricevimento
delle richieste di documenti o per l'ac-
IL GANGSTER cesso ai documenti: 21.05.2010, ore Preso sul treno
Jean Daniel 12.00.
Milano-Ventimiglia
Nieto, che oggi Termine per il ricevimento della docu-
ha 63 anni, in
mentazione richiesta nella prima fase: Ha detto: “Ce ne
19.07.2010, ore 12.00.
una vecchia foto Termine per il ricevimento della docu- avete messo di
segnaletica mentazione richiesta nella seconda fa-
se: 07.03.2011, ore 12.00.
tempo a trovarmi”
PARTECIPAZIONE RISERVATA - Am-
messe a partecipare sono persone che
ri in mano e una rivoltella alla cin- secondo la legislazione del rispettivo versazioni coi sequestratori. Con
tura, mentre andava a un appun- paese siano autorizzate a portare il tito- Giovanna Amati (rapita il 12 feb-
lo di “architetto” o “ingegnere”. Nel caso
tamento fissato, ingenuamente, in cui il titolo non fosse regolamentato nel braio sotto l’abitazione del papà,
per telefono. rispettivo paese, soddisfa i requisiti ri- Giovanni, proprietario di alcune
Giovanna cercò di difenderlo a chiesti per la partecipazione chi dispon- sale cinematografiche che mo-
ga di un diploma o altri requisiti di abili-
urla e graffi, saltò in moto, si pre- tazione, riconosciuti dalle direttive rirà qualche anno dopo investito
cipitò al nucleo operativo di via In 2005/36/EU. Ulteriori disposizioni ve- sulle strisce pedonali) le cose si
Selci urlando: «Lasciatelo stare, dasi il 'disciplinare del concorso'. complicarono. Tenuta prigionie-
CRITERI DI VALUTAZIONE - La gara si
maledetti» e rinnegò quell’amo- svolge in due fasi. Nella prima fase sa- ra e incatenata in un apparta-
re impossibile solo al processo. ranno selezionati 10 concorrenti che mento di viale Eritrea, la ragazza
Jean Daniel, una bellezza torva e saranno ammessi alla seconda fase. cedette alle premure del carce-
affascinante, un passato di rapi- Criteri di valutazione della prima fase: ve- riere che, tutte le domeniche, le
dasi disciplinare del concorso. Criteri di
ne ed evasioni, si prese 18 anni di valutazione della seconda fase: vedasi portava le paste e i rotocalchi e le
carcere per sequestro di persona il disciplinare del concorso. faceva ascoltare la sua amata di-
e violenza sessuale ma quest’ulti- DECISIONE DELLA COMMISSIONE sco music. «Non l’ho violentata,
VINCOLANTE PER L’AMMINISTRA-
ma accusa non riuscì mai a man- ZIONE - Sì sono ferito nel mio orgoglio di uo-
darla giù. «Io le donne non le ho PREMI/RIMBORSO SPESE - 1. mo, sono accusato di un delitto
mai forzate, sono un gentiluomo 25.000,00 Euro; 2. 20.000,00 Euro; 3. infame» scrisse, indignato, Jean
— raccontò a chi scrive in un’in- 15.000,00 Euro. Daniel ai giudici: dei 18 anni per il
Inoltre la giuria dispone di un importo
tervista-fiume nel supercarcere complessivo pari a Euro 30.000,00 as- sequestro non gli importava ma
di San Giminiano, aspirando con segnabile a titolo di rimborso spese e quell’accusa di stupro proprio
gusto l’ennesima Gauloise — io e suddivisibile a discrezione della Com- non gli andava giù. La corte con-
missione, a favore dei tre progetti che se-
Giovanna ci siamo innamorati, guono in graduatoria i progetti premiati. statò che una ragazza incatenata
nonostante tutto». E ancora: «Tu APPALTI CONSEGUENTI - Gli appalti e spaventata non può essere con-
magari sei nato per fare il giorna- conseguenti al concorso NON saranno siderata consenziente e gli ap-
aggiudicati al vincitore o ad uno dei vin-
lista. Io il rapinatore. Il bandito. citori del concorso pioppò anche la violenza. Lui in-
Non ho mai lavorato un giorno in DATA DI SPEDIZIONE DEL BANDO - cassò con dignità. Da vero bandi-
vita mia e non ho intenzione di 31.03.2010 to come si è sempre, orgogliosa-
farlo». IL DIRETTORE D’UFFICIO mente, definito.
f.to Dott. Georg TENGLER
Mantenne la parola. Dopo die- © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 MONDO @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.orlandofiges.com
www.amazon.co.uk
■ 20

Le recensioni

Difficile da leggere Un libro orrendo Un premio immeritato


È il genere di libro che spinge a Questo è un libro orrendo. È Non si capisce perché abbiano
chiederti perché sia mai stato scritto malamente, impossibile premiato questo libro, quando
pubblicato. Il suo stile è così da leggere. Non fornisce alcuna potevano scegliere “Sospetto e
denso e pretenzioso che è difficile illuminazione che dia un senso silenzio”, l’affascinante libro
da seguire per non dire da leggere all’avanzata tra la sua stucchevole di Orlando Figes sulla vita dei
con piacere prosa russi ordinari al tempo di Stalin
RACHEL POLONSKY ROBERT SERVICE KATE SUMMERSCALE
Una delle stroncature scritte in forma Recensione durissima anche per il libro Parole dure sul web anche per Kate
anonima su Amazon da Figes riguarda “Compagni”, storia del comunismo scritta Summerscale, storica della Ucl, vincitrice
“La lanterna magica di Molotov”, libro da Robert Service, professore di Oxford e del premio Samuel Johnson, che ha
di Rachel Polonski, storica di Cambridge rivale di Orlando Figes scritto il libro “I sospetti di Mr. Whicher”

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE


ENRICO FRANCESCHINI
LONDRA — Sospetto e silenzio
L’ignobile segreto del re degli storici
s’intitola, nell’edizione italiana,
il monumentale libro di Orlando
Figes, storico inglese, docente di
storia russa alla Birkbeck Univer-
sity, sulle delazioni, i tradimenti,
i complotti e le paure quotidiane
era lui lo stroncatore anonimo dei rivali
dei russi all’epoca dello stalini-
smo. The Whisperers è il titolo
della versione originale: coloro
Orlando Figes aveva persino cercato di accusare la moglie
che sussurrano, che mormorano
nel buio, per paura di essere sen-
titi dalle autorità o per non rive-
Le tappe
larsi come fonte delle odiose ac-
cuse che mandarono a morire nel LE STRONCATURE SMASCHERATO
Gulag milioni di innocenti. Mes- Su Amazon.co.uk Orlando Figes, storico
si insieme, i due titoli di un libro appaiono commenti pluripremiato, esperto di
diventato un best-seller in Gran devastanti ai libri Russia, denigrava i suoi
Bretagna e tradotto in numerosi degli specialisti rivali ricorrendo a uno
Paesi sembrano adesso riassu- di storia russa pseudonimo
mere la tragica verità che il loro
autore ha tenuto nascosta per
mesi: in forma anonima, celato GLI STUDIOSI
dietro un curioso pseudonimo, I drastici giudizi
Figes scriveva e metteva su siti In- riguardano Rachel
ternet come Amazon, la più gran- Polonsky, Kate
de libreria online del pianeta, ve- Summerscale,
lenose recensioni contro i suoi Robert Service
colleghi, facendone a pezzi le
opere e, non contento, esaltando
le proprie. L’ACCUSA
Non solo: quando i sospetti Gli studiosi colpiti
indagano.
L’avvocato di Figes
La verità scoperta brucia tutti dicendo:
grazie alle indagini “È stata la moglie”
dell’avvocato
di Rachel Polonsky, LO STUPORE
una delle vittime “Non ne sapevo
nulla”, dichiara
lo storico
della confraternita dei «sovieto- E agguiunge:
logi», come si chiamavano quan- “Sono costernato”
do esisteva ancora l’Urss, hanno brerebbe il modo migliore per at- mo tempo. Non è tutto, perché la in Russia, fatto per raccogliere te- Ora Figes si è messo in ferie
cominciato a concentrarsi su di tirare sospetti su se stesso, ma sua confessione è accompagnata stimonianze delle vittime del Gu- «per motivi di salute» e l’univer-
lui, Figes si è indignato, ha prote- LA VERITÀ che era anche una perversa auto- da una giustificazione da psico- lag. Le loro sofferenze, in altre pa- sità in cui insegna per il momen-
stato pubblicamente la propria Messo alle strette difesa, degna dei processi stali- dramma: a indurlo a questa pato- role, gli avrebbero fatto perdere to non fa commenti. È chiaro tut-
innocenza e ha minacciato di av- alla fine Figes niani o di Dostoevskij: «Non sarei logica forma di rivalsa verso gli la testa. «Che vergogna provare a tavia che ci saranno pesanti con-
viare azioni legali per diffamazio- confessa. Adesso così stupido da usare uno pesu- storici suoi colleghi sarebbe stata giustificare le proprie bassezze seguenze. La Polonsky, il cui libro
ne contro chi si permetteva simi- è in ferie “per motivi donimo del genere, se le scrivessi la profonda depressione psichi- con l’orrore del Gulag», osserva la Molotov’s Magic Lantern era sta-
li insinuazioni. Uno di essi, Ro- di salute” io», aveva obiettato lui in un pri- ca in cui è caduto dopo un viaggio Polonsky. to definito dall’anonimo recen-
bert Service, insigne docente di sore «così brutto da spingere a
storia russa a Oxford ma i cui ave- chiedersi perché sia stato pubbli-
ri ammontano a una modesta ca- Il caso cato», e il professor Service, il cui
setta nella cittadina universita- Comrades, una storia del comu-
ria, ha temuto per settimane di nismo mondiale, era stato bolla-
essere costretto a vendersela, se
l’avvocato di Figes lo avesse por-
tato in tribunale. Stranamente
però, la causa per diffamazione
In pezzi il fidanzamento reale svedese to come «orrendo, stucchevole,
impossibile da leggere», potreb-
bero fargli causa per danni. La

non è partita. E a quel punto a ri- ROSALBA CASTELLETTI Madeleine conosceva e frequentava
volgersi a un avvocato è stata Da tempo si rincorrevano Jonas dal 2002, ma — benché la regina Secondo la stampa
un’altra collega di Figes, Rachel UNA principessina dagli occhi azzurri e i gossip sulle scappatelle Silvia e il re Carlo XVI Gustavo conside- la brillante carriera
Polonsky, anche lei oggetto di dai capelli biondi e l’amore per un uomo rassero il brillante avvocato “il genero
anonime recensioni al vetriolo, borghese in grado di superare gli ostaco- del futuro sposo. Fino dei loro sogni” — aveva dovuto attende- di docente e autore
anche lei convinta che dietro ci li. Gli ingredienti per una storia da favo- alla recente intervista re lo scorso 11 agosto per poter sfoggia- dell’accademico
fosse Figes. L’avvocato, forse con la c’erano tutti, ma per Madeleine di Sve- della presunta amante re raggiante l’anello di fidanzamento di- è prossima alla fine
il supporto di un detective priva- zia non ci sarà alcun lieto fine. La Casa nanzi alle telecamere. Prima infatti ave-
to, ha cominciato a indagare e do- Reale di Svezia ha annunciato la rottura va dovuto convincere la sorella maggio-
po qualche giorno, a sorpresa, il del fidanzamento tra la loro figlia mino- re Vittoria a sposarsi perché lei, secondo carriera di docente e autore di Fi-
legale di Figes ha fatto una breve, re ventisettenne e l’avvocato trentunen- L’EX COPPIA il protocollo reale, potesse fare lo stesso. ges, predice la stampa londinese,
sorprendente dichiarazione: a ne Jonas Bergstrom. «Hanno deciso che La principes- E soprattutto aveva dovuto convincere il difficilmente potrà continuare.
scivere le recensioni, udite udite, la cosa migliore per loro fosse prendere sa Madeleine Re e la Regina ad accettare l’unione tra la Qualcuno dà la colpa allo star sy-
era la moglie di Figes, Stephanie due strade diverse», si limita a spiegare di Svezia (27 loro primogenita Vittoria e Daniel We- stem che ha preso piede anche in
Palmer, ricercatrice all’univer- lo stringato comunicato diffuso ieri. anni) e stling, semplice istruttore di ginnastica. campo accademico: a Figes non
sità di Cambridge. «L’ho scoper- Voci di una crisi tra i due si rincorreva- l’avvocato Alla fine gli sforzi diplomatici e pazienti bastava il pur considerevole suc-
to soltanto stasera», ha dichiara- no però da settimane sui tabloid e la Jonas Berg- di Madeleine avevano avuto la meglio e cesso ottenuto con i suoi libri, ne
to Figes medesimo, «non ne sa- scorsa settimana erano culminate nella strom (31) così la scorsa estate, dopo Vittoria, an- voleva ancora di più. Voleva il
pevo nulla, sono costernato». rivelazione di una presunta scappatella che lei aveva potuto annunciare il suo fi- successo tutto per sé, distruggen-
Senonché le indagini sono di Jonas. Il fidanzato della principessina Hoer. Nessuno, all’infuori della Corte, sa danzamento ufficiale. Il matrimonio tra do gli altri storici; e per salvarsi,
proseguite e la verità è venuta a l’anno scorso avrebbe trascorso una quale peso abbiano avuto queste indi- Vittoria e Daniel si celebrerà il 19 giugno. alla fine, era disposto a fare accu-
galla. Messo evidentemente alle notte di passione con una tale Tora Up- screzioni sulla rottura. Quel che è certo è Quello tra Madeleine e Jonas, che fino a sare perfino la propria moglie.
strette, lo storico ha confessato pstroem Berg in una località sciistica che ha colto tutti di sorpresa. Tanto la pochi mesi fa non faceva che osannare Forse, studiando Stalin, ha finito
che l’autore delle recensioni non svedese. O almeno così ha raccontato la coppia aveva lottato e pazientato prima gli occhi blu e «il meraviglioso sorriso» per farsi contagiare dalla stessa
era sua moglie: era lui. Le firmava sedicente amante in un’intervista rila- di poter annunciare le proprie nozze ot- della fidanzata, invece non si farà più. malattia del mostruoso oggetto
con lo pseudonimo «Historian sciata al settimanale norvegese Se og to mesi fa. © RIPRODUZIONE RISERVATA
dei suoi libri.
Orlando Birckbeck», che sem- © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 ATTUALITÀ @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.i-gret.it/divise/divise.html
www.ferroviedellostato.it
■ 21

Settant’anni di divise
1940 1940 1950 1960 1970 1985 1997 1997 2003 2003
Capotreno Verificatore Manovale Capotreno Conduttore Capostazione Capostazione Macchinista Capostazione Capotreno
LE DIVISE
In queste foto
le divise
storiche dei
ferrovieri
(dal sito
riportato in
alto, a cura di
Franco Lucia)

Treni, si cambia Le dieci regole


da rispettare

1 La divisa valorizza e qualifica


2 Non dimenticare

arriva il bon ton


nessun particolare: cappello
a pizza rigido o a bustina,
camicia, cravatta per gli uomini
e cachecol per le donne,
giacca, pantalone o gonna,
gilet, maglione, giacca a vento

del ferroviere
impermeabile
3 Nessuna aggiunta alla divisa:
spille, fasce, sciarpe, bracciali,
cavigliere
4 Giacca sempre abbottonata

Ecco il decalogo per un look perfetto Per le donne lunghezza


5 della gonna tra la metà
e la fine del ginocchio

6 Per gli uomini


(segue dalla prima pagina) orli dei pantaloni né troppo
corti né troppo lunghi
ILARIA CIUTI
LUCIO CILLIS 7 I capelli delle donne
non devono toccare le spalle.
ALTRA parte, i panta- Trucco naturale e discreto

D’ loni dei loro colleghi,


macchinisti o control-
lori, «non devono avere l’orlo né
8 I capelli degli uomini devono
avere un taglio classico.
Barba e mani ben curate
troppo lungo né corto». Le cin-
que paginette dei comandamen- 9 Scarpe, cinture e borse nere.
ti scritti in linguaggio minuzioso Calze da donna
e prescrittivo sono arrivati il 15 di colore naturale
aprile scorso ai ferrovieri d’Italia,
10 Scarpe da uomo classiche,
spedite dalla Direzione centrale IERI & OGGI scarpe da donne con tacco
delle risorse umane e dell’orga- Dal sito delle Ferrovie dello Stato fra i 3 e i 6 cm.
nizzazione delle Ferrovie. i treni di ieri e di oggi Calzini da uomo lunghi
Le Ferrovie vanno al contrat-
tacco e giocano d’anticipo. Di dello lunghi e di colore nero tinta «classiche» che uno si compra da to personale. Niente tagli sbaraz- cano le spalle». Un centimetro in dire, salvo incorrere «in azione
fronte alla concorrenza del pati- unita». Le signore con la gamba solo. Calcolando al millimetro: zini per lui: «I capelli e le basette più e vanno raccolti e, ci si racco- disciplinare come previsto alla
nato Italo, il treno di Ntv che rotondetta rinuncino alla calza proibiti per le ferroviere sia le bal- devono avere un taglio classico e manda, «fermati». Spazzolino da lettera c dell’articolo 51 (doveri
Montezemolo e Della Valle man- scura, il collant deve essere di lerine che il tacco dodici: «il tacco ordinato». Guai alle chiome unghie a sfare, le mani «devono del personale) del contratto na-
deranno sui binari nel 2011, le «colore naturale». Nere, borsa deve essere tra i 3 e i 6 centimetri». fluenti per lei: «I capelli devono essere ben curate». Spille, colla- zionale di lavoro delle attività fer-
Ferrovie provano a cambiare personale, cintura anti effetto Ma siccome l’abito non fa il esser sempre ordinati, possono ne, bracciali, niente. Figuriamo- roviarie del 16 aprile 2003».
aspetto. In attesa dell’attacco bracalone obbligatoria e scarpe monaco, ce n’è anche per l’aspet- essere portati sciolti se non toc- ci le cavigliere. Comunque obbe- © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gioco d’anticipo L’intervista


per contrastare
la concorrenza Gian Maria Testa, ex capostazione e ora cantautore
di Ntv e della
Deutsche Bahn “Il fascino del mestiere si è perso
delle agguerrite “colleghe” tede- perché non c’è lo spirito di corpo”
sche, la Deutsche Bahn che ha già
varcato la frontiera nord, man- IRENE MARIA SCALISE
dano a lucido il personale.
La premessa è che la divisa fa LUI che nelle ferrovie ci ha lavorato per 25 anni, sulla sto-
l’uomo, la donna e l’azienda. «La ria di rifare il look ai ferrovieri si fa una risata. Per Gian
divisa — esordisce il regolamen- Maria Testa, oggi cantautore di successo: «Il fascino di
to — è un elemento di fonda- quel mestiere si è perso dal momento che si è smesso di
mentale importanza che può de- prestare un servizio e cominciato a pensare ai viaggiato-
terminare il giudizio della clien- ri come a dei clienti».
tela nei confronti della società». Gianmaria Testa lei per 25 anni è stato capostazione
Scordatevi il macchinista scar- allo scalo ferroviario principale di Cuneo. Sentiva il ri-
ruffato, il ferroviere con il cappel- chiamo della divisa?
lo di traverso, le hostess vestite «Più che altro sentivo l’importanza di uno spirito di
come capita. È un mondo finito. corpo e di servizio. Quando si è deciso di privatizzare le
Ora il ferroviere è elegante e so- persone hanno cominciato ad essere considerate clien-
brio. Tutti con la «visiera in avan- CANTANTE ti cui vendere qualcosa. Ma ora si riconduce tutto all’im-
Gianmaria magine e si pensa di aggiustare le cose con una giacca o
ti», la cravatta o, per lei, il cache-
Testa ha una gonna più lunga».
col «perfettamente annodati».
lavorato 25
Niente petti villosi in vista, «la ca- Cosa succedeva anni fa?
anni nelle «Il macchinista si faceva un punto di orgoglio di far ar-
micia deve essere sempre abbot-
Ferrovie rivare la macchina puntuale perché si considerava al
tonata». Pochi sbalzi di peso: «La
giacca non deve essere troppo servizio dei viaggiatori. Certo era importante non met-
larga ma della misura giusta del- tersi le dita nel naso e non arrivare in bermuda al lavoro».
la persona che la indossa». Nien- Ci sono possibilità che si torni a pensare ai ferrovie-
te scambi se la giacca si è sporca- ri come ad una figura autorevole?
ta. Sporco, per carità, «la divisa va «Gli ex colleghi mi raccontano che chi viaggia di acca-
tenuta sempre pulita e in ordine» nisce contro di loro dimenticando che sono l’ultima ruo-
e indossata «in modo inappunta- ta del carro. Ma escludo che un diverso look garantisca
bile». Guai ai calzini corti, «i calzi- maggior rispetto».
ni da uomo devono essere di mo- © RIPRODUZIONE RISERVATA
ECONOMIA
FINANZA&MERCATI

Generali, si apre l’era Geronzi


Caltagirone terzo vicepresidente. Bernheim: “Cacciano i migliori”
DAL NOSTRO INVIATO
AFFARI & POLITICA ANDREA GRECO

GIUSEPPE TURANI TRIESTE — Finisce l’epoca di An-


toine Bernheim in Generali, inizia
quella di Cesare Geronzi. L’ultimo Le promesse mancate
SINDROME GIAPPONESE atto del finanziere parigino occu-
pa le prime due ore dell’assem- Berlusconi mi disse
E TENTAZIONE-CONDONO blea, con i toni operistici di una
“morte in scena”: «Non mi voglio-
no più, me ne vado — ha detto la-
che sarei rimasto fino
a che fosse durata questa
sciando l’assemblea dopo il voto
A “sindrome giapponese”, per quanto riguarda del nuovo cda — Andate a intervi- crisi economica
L l’Italia, comincia a prendere piede e aumenta il
numero di quelli che la ritengono un’ipotesi non
del tutto improbabile. La sindrome giapponese è pre-
stare le vedette, i nuovi ammini-
stratori. Non i perdenti. Hanno
tolto dal consiglio tutti quelli com-
ANTOINE BERNHEIM
È stato presidente di
sto spiegata: si tratta di una semi-stagnazione lunghis- petenti, e hanno messo nomi che Generali dal 1995 al ’99
sima (anche dieci anni). In sostanza, c’è chi comincia non conosco affatto». Nelle stesse e dal 2002 fino a ieri
a pensare, seriamente, che questo sia il destino più ore (sette) i protagonisti del nuovo
probabile per l’Italia, al di là delle tante dichiarazioni futuro definivano nelle foresterie da Mediobanca sono stati eletti cia guidò Mediobanca quand’era
ottimistiche del governo. L’altra sera in tv il ministro dell’assicuratore i ritocchi al nuo- (con ben il 10% di voti) i tre di mi- più anziano di me. Credo di aver
Mara Carfagna citava, con soddisfazione, l’aumento vo assetto triennale di potere, for- noranza espressi da Assogestioni: fatto un buon lavoro, ma per espe-
della produzione industriale (1,7 per cento nel primo malizzati dal cda insediatosi nel Cesare Calari, Carlo Carraro e Pao- rienza chi fa un buon lavoro viene
trimestre sul trimestre precedente), ma resta il fatto pomeriggio. L’esito dell’ultimo la Sapienza. Nell’assemblea che accantonato». Bernheim ha augu-
che rispetto ai livelli pre-crisi siamo ancora sotto di contendere è un riequilibrio tra i ha approvato un bilancio 2009 con rato il successo a Geronzi, che ri-
quasi il 20 per cento. Il che significa che un quinto del poteri del primo azionista Medio- utili di 1,3 miliardi, la cedola da tiene “non sia il regista” della sua
nostro sistema industriale è ancora lì che guarda i pas- banca e quelli degli investitori pri- 0,35 euro e il piano di incentivi ai uscita; e lo ha ringraziato per esse-
seri volare e non fa nulla. vati a Trieste; che pesano circa manager, Bernheim s’è congedato re stato l’unico banchiere, con Rai-
Ma a questo, forse, si porrà rimedio con il tempo. A quanto la merchant nell’aziona- — dopo 37 anni, 8 alla presidenza ner Masera, «a essersi rifiutato di
preoccupare sono le prospettive di medio periodo. Ad riato, e ottengono una terza vice- — con il consueto orgoglio, pure se partecipare alla cordata per aggre-
esempio, i maggiori centri di ricerca del mondo, le cui presidenza affidata a Francesco il compromesso dell’ultima ora ha dire Generali nel 2000, cercando
opinioni vengono raccolte e mediate da Consensus, Gaetano Caltagirone (detentore limato i toni critici, e spianato la anzi di calmare il gioco». Agli azio-
sono abbastanza espliciti: vedono un’Italia che da qui del 2%), e un consigliere esecutivo strada per la sua presidenza ono- nisti l’ad Perissinotto ha invece
al 2020 cresce in media dell’1,2-1,3 per cento. Non si va in più (Leonardo Del Vecchio, pa- raria, chiesta dall’assemblea e ap- parlato del buon andamento del
mai oltre la soglia dell’1,3 per cento. E’ questo è Giap- drone dell’1,9%). L’esecutivo avrà provata dal cda. Non senza qual- primo trimestre 2010, in cui i pre- IL BANCHIERE
pone puro, è semi-stagnazione da qui fino alla fine del più importanza e sarà affiancato che lacrima e ponderose ricostru- mi salgono del 16% a 20,8 miliardi, Cesare Geronzi, 75 anni,
prossimo decennio. da un nuovo comitato per gli inve- zioni di una storia finanziaria che e ancor meglio va in Italia (+22,6% è da ieri presidente
E’ probabile, quindi, che ormai ci sia qualcosa di stimenti, oltre ai tradizionali co- lo ha tra i protagonisti da mezzo se- a 5,4 miliardi), «grazie al forte svi- di Assicurazioni
profondo nel sistema produttivo italiano (e nella pub- mitati audit, governance e remu- colo. «La mia età è un pretesto, luppo del Vita e alla buona perfor- Generali
blica amministrazione, nei servizi) che non funziona. nerazioni. sembra che a 85 anni sia un vec- mance dell’auto nei Danni».
Se a questo si aggiunge un debito pubblico che è ben L’altra novità è la scansione dei chio rimbambito ma Enrico Cuc- © RIPRODUZIONE RISERVATA
oltre il 115 per cento del Pil, ci si rende conto che il pae- poteri tra i due attuali ad. Giovan-
se è di fatto chiuso in ceppi di acciaio: non si può muo-
vere. Dovrebbe innovare il suo apparato produttivo (di Saviotti (Banco Popolare): tempi brevi su Caripe
beni e di servizi) e dovrebbe trovare la for- Nominato il Il caso
za di fare un salto in avanti, ma ne è impe-
dito da una pubblica amministrazione che
è già vicina al collasso. E che quindi non
può permettersi di rinunciare nemmeno a
presidente. Nel cda
più poteri all’ad
Perissinotto. Arriva
Bpm, Ponzellini alla Lega
“Tra noi valori comuni”
un soldo di entrate fiscali. Una forte ridu- il country-manager
zione delle imposte sarebbe una bella fru-
stata di energia (probabilmente decisiva),
ma con questo bilancio pubblico si può fa- ni Perissinotto diventa “group VITTORIA PULEDDA
re solo se si tagliano le spese con una spe-
cie di gigantesco machete. Ma non si farà:
il governo non ha nessuna voglia di scon-
tentare i ceti che lo appoggiano.
ceo”, e primo dirigente del gruppo.
Sergio Balbinot mantiene le dele-
ghe dell’assicurazione all’estero, e
in Italia gli affari attuariali e riassi-
MILANO — Giornata di assem-
blee per le potenti banche Popo-
lari del Nord Italia, in quel bacino
L’addio di Mazzotta
D’altra parte, c’è anche chi comincia a sostenere che curativi. Ma il vero business italia- territoriale cui ha fatto riferimen-
i conti di quest’anno abbiano bisogno di nuove entra- no resta affidato a Perissinotto, to da poco Umberto Bossi, recla- soci essendo ormai in procinto di grandi gruppi bancari naziona-
te. La paura di fare la fine della Grecia è molto forte. E, che a quanto pare in futuro po- mando aspirazioni e appetiti per dimettersi, dopo aver assunto la li», ha detto riferendosi al matri-
comunque, i nuovi soldi se non sono urgenti que- trebbe affidarlo a un country ma- i propri rappresentanti. E ieri presidenza di Mediocredito ita- monio con Bper. Ma, ha aggiun-
st’anno, lo saranno l’anno prossimo (quando l’econo- nager per l’Italia. Come previsto, il Massimo Ponzellini, presidente liano a Intesa. «Ho un solo ram- to, «ci siamo sgambettati da soli».
mia crescerà ancora pochissimo). cda nomina presidente senza de- di Bpm e grande amico di Giulio marico: mi sarebbe piaciuto por- E qualche rigurgito territoria-
E, sui nuovi soldi, qui al Nord circolano due ipotesi. leghe esecutive Geronzi, e gli altri Tremonti, lo ha in una qualche tare Bpm ad essere uno dei più lista c’è stato anche all’assem-
La prima immagina un governo molto coraggioso che due suoi vice Vincent Bolloré e Al- misura rassicurato: c’è una «na-
in autunno dà una spallata ai conti pubblici, varando berto Nagel. «Sono soddisfatto di turale coincidenza dei valori» tra
una maxi-patrimoniale, accompagnata (per farla di- questo importante passo nel mi- quelli della banca e quelli del Car-
gerire) da una revisione delle aliquote fiscali (ridotte a glioramento della governance di roccio, ha detto ieri rivolgendosi
due). Ma molti non credono a questa ipotesi perché fa- Generali promosso da Medioban- ai soci, anche se «in cda non c'è
rebbe insorgere praticamente tutti gli elettori del cen- ca — ha detto l’ad di piazzetta Cuc- nessun leghista» e allo studio
trodestra, e non solo. E’ vero che non ci sono elezioni cia — Da oggi c’è più efficienza e li- «non c'è nessuna operazione» Unione Europea Repubblica Italiana Regione Calabria

REGIONE CALABRIA
alle porte, ma sui soldi la gente ha la memoria lunga. nearità dell’assetto di vertice della con la Lega. Perché Bpm «non è
Allora c’è l’altra ipotesi, nella quale credono molto compagnia. L’introduzione del mai stata politicizzata» ha prose- DIPARTIMENTO POLITICHE DELL’AMBIENTE
commercialisti, piccoli imprenditori e piccoli affaristi presidente non esecutivo, del ceo guito Ponzellini anche rispon-
del Nord. Il governo ha bisogno di soldi — dicono — e unico, e il rafforzamento dell’ese- dendo ai alla neonata Associa- AVVISO BANDO DI GARA
POR CALABRIA FESR 2007-2013
un po’ quest’anno li ha già trovato con lo scudo fisca- cutivo sono la migliore premessa zione Identità e Territorio (che ASSE III – Ambiente
le. Solo che quello è già stato fatto. Dove può pescare per una più univoca e incisiva ospita molti rappresentanti vici-
Sono aperti i termini per la partecipazione al bando di gara per il servizio di redazione dei
altri soldi? In un solo posto: in un bel condono fiscale. azione manageriale. Auguri a Ge- ni alla Lega) ma «certamente Piani di Caratterizzazione Ambientale dei Siti definiti a Medio e Basso Rischio del Piano
Il condono è l’unica tassa che gli italiani (tutti) pagano ronzi, che darà un contributo in- quello che dice la Lega, ovvero at- Regionale delle Bonifiche integrato con D.G.R. n. 454 del 24 luglio 2009 approvato con
volentieri perché si tolgono il fisco di torno per qualche telligente e di rilievo». Simile sod- tenzione alle famiglie, al territo- DDG n. 3662 del 23/03/2010.
Il bando è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 12 del 26/03/2010 Parte
anno. disfazione per il nuovo assetto si rio, non parlare l'inglese ma la III e sulla GUCE n. 089253 del 26/03/2010. Tutta la documentazione inerente il bando di gara
Nessuno di noi sa, ovviamente, che cosa il governo respira tra i soci Caltagirone e De lingua dei clienti, è quello che av- è disponibile al seguente indirizzo Internet: www.regione.calabria.it/ambiente.
Le domande di partecipazione dovranno essere inviate alla Regione Calabria – Dipartimento
deciderà di fare, alla fine. Quello che è certo è che, di Agostini. Il primo cda si è svolto viene, avveniva e avverrà anche Politiche dell’Ambiente – Viale Isonzo 414, 88100 Catanzaro entro le ore 12 del 22/05/2010.
fatto, siamo a una gestione della cosa pubblica di senza intoppi, in un clima di studio in futuro nella nostra banca». Eventuali informazioni e chiarimenti circa l’oggetto del servizio e/o le modalità di partecipazio-
emergenza: prima bisognava non crollare sotto l’urto tra facce nuove. Prossima riunio- Ponzellini ha di nuovo difeso la ne alla gara, potranno essere richieste esclusivamente alla Regione Calabria Dipartimento
Politiche dell’Ambiente. Le eventuali richieste di informazioni e chiarimenti circa l’oggetto del
della crisi, adesso non bisogna fare la fine della Grecia. ne il 12 maggio, per l’esame della scelta di sottoscrivere i Tremon- servizio, formulate in lingua italiana, dovranno pervenire via fax al seguente numero
Ma di una politica di forte sviluppo, di un cambiamen- trimestrale e le remunerazioni. ti-bond, valida difesa tra l’altro al 0961/33913 o, via e-mail al seguente indirizzo: m.buttiglieri@regcal.it entro e non oltre i cinque
possibile arrivo di soci stranieri. giorni precedenti alla scadenza del bando.
to di marcia, non si parla. Forse, allora, hanno proprio Anche quella di Geronzi, che in-
ragione gli economisti di Consensus: avanti piano fino tanto avrebbe chiesto al consiglio, L’ex presidente Roberto Maz- Dipartimento Politiche dell’Ambiente Viale Isonzo 414 – 88100 Catanzaro
al 2020, la stagnazione più lunga della nostra storia. e ottenuto, la stipula di una poliz- zotta ha colto l’occasione dell’as- Tel. 0961-737896 - Fax: 0961-33913
Responsabile del Procedimento Ing. Mario Buttiglieri - Tel 0961.854115
© RIPRODUZIONE RISERVATA
za vita e infortuni (simile a quella semblea Bpm, per la prima volta
del predecessore). in video-conferenza con Roma, Il Dirigente di Servizio Il Dirigente di Settore
Oltre ai 16 consiglieri proposti Bologna e Foggia, per salutare i Ing. Mario Buttiglieri Ing. Salvatore Corroppolo
la Repubblica
Il rapporto Il lutto DOMENICA 25 APRILE 2010
Boom di aziende straniere, marocchini in testa Addio a Antonio Carpenè, signore del prosecco
NEGLI ultimi 5 anni sono cresciute del 40,5% le aziende italiane aper- E' MORTO a Conegliano Veneto, all'età di 97 anni, Antonio Car-
te da cittadini stranieri, sfiorando quota 600.000. Anche nel 2009, l'au- penè, il “signore del Prosecco”. Era il capostipite della dinastia at-
mento è stato del 4,1%. La comunità più numerosa è quella maroc- tualmente al timone della storica casa di spumanti: a lui si deve
china (57.621 aziende), seguita da cinesi (49.854) e rumeni (49.132). la ricostruzione dell'azienda dopo la seconda guerra mondiale.
■ 23

Il retroscena

Cesare promette: “Farò grande il Leone”


ma l’asse Nagel-privati lo imbriglia
DAL NOSTRO INVIATO Come a scuola
GIOVANNI PONS
TRIESTE — «Non so nulla di assi-
Non so nulla di
curazioni, ma sono pronto a im- assicurazioni, ma
parare. Non conosco ancora il posso imparare.
mondo Generali, che mi appresto
diligentemente a conoscere a par- Lunedì è il mio primo
tire da lunedì, il mio primo giorno giorno di scuola
di scuola a Trieste». È un Cesare
Geronzi pimpante e per nulla reti-
cente quello che si presenta in
conferenza stampa da neo presi- Nessun potere
dente Generali. Una posizione a
cui puntava da tempo come coro- Mi occuperò di
namento di una carriera svolta
tutta all’interno del sistema ban- gestire gli organi
cario: «Non ho scelto nulla perché della società, non
molto spesso si è scelti, e questo è
il mio caso», ha detto conferman- avrò nessun potere
do che sarà un presidente non esecutivo individuale
operativo: «Io mi occuperò di ge-
stire gli organi della società —
spiega — non avrò nessun potere La sede di Generali
esecutivo individuale».
Il cda che lo ha nominato si è con- tagliato corto. anche politiche. «Le Generali devo- fugando così i dubbi di una prossi-
cluso da poco, echeggiano ancora le Si misurerà col tempo se l’imbri- no curare il proprio core business, ma fuoriuscita della galassia del
parole sferzanti di Antoine gliatura di Mediobanca e dei soci siamo una grande compagnia con nord. E confermando, se mai ve ne
Bernheim (in lacrime per la caccia- privati sarà sufficiente a domare il investimenti stabili e di lungo perio- fosse bisogno, che le Generali del fu-
ta, a suo dire, orchestrata da qualcu- Leone Geronzi. L’ultima mossa del- do — ha tenuto a rimarcare il neo turo si pongono traguardi ambizio-
l’astuto Nagel, sempre in accordo presidente — che al tempo stesso si: «Puntiamo a un’ulteriore cresci-
con i privati, è quella della creazione potrebbero coincidere con interes- ta, un forte radicamento in Italia e
Il gruppo non vuol del comitato investimenti, nel qua- si più ampi e generali che abbiamo porre le condizioni per una ancora
rimanere fuori le sono confluiti Francesco Saverio il dovere di tenere in considerazio- più vivace concorrenza nel campo
Vinci e il ceco Petr Kellner. Vale a di- ne». Il primo riferimento specifico delle assicurazioni».
dalle grandi re competenze tecniche per valuta- va all’operazione Telco-Telecom, Parole alate che però non sarà
partite come re eventuali investimenti anche nella quale Generali è un azionista facile mantenere, anche perché la
Telco- Telecom fuori dal core business che Geronzi importante ma al momento in per- battaglia interna sembra appena
non nasconde di poter proporre in dita. «Telco non è un investimento cominciata. L’ultimo sgambetto
nome di esigenze superiori, magari finanziario», ha scandito Geronzi ha riguardato l’area della comuni-
no di Mediobanca anche se resterà cazione, i cui budget di spesa sono
consigliere del Santander) ma fino rimasti sotto la competenza di Pe-
all’ultimo momento nella foresteria L’appello rissinotto considerato più affida-
del palazzo Generali sono prosegui- bile dai soci privati. Il soccorso, se
te le trattative sui poteri e sulla nuo- Decine di firme di giuslavoristi sarà necessario, potrebbe arrivare
va governance del Leone. I francesi di fama chiudono l’appello a ancora una volta dalla Francia, da
Vincent Bollorè e Tarak Ben Am- stralciare dal collegato sul quel Bollorè che ha già annuncia-
mar, futuri protagonisti anche a lavoro le norme relative to di voler acquistare azioni Gene-
Trieste, tentano di resistere al fian- all’arbitrato. Il documento sarà rali. O dalla Banca d’Italia se vorrà
co di Geronzi all’attacco dell’inedi- pubblicato oggi dal Sole24ore costringere Mediobanca a ridurre
to asse tra Alberto Nagel e i soci pri- in una pagina pubblicitaria la sua partecipazione.
blea del Banco Popolare, tenuta- vati, compattato già al cocktail della © RIPRODUZIONE RISERVATA
si a Novara proprio in base al sera prima. Francesco Gaetano Cal-
principio dell’alternanza: i soci, tagirone, Lorenzo Pellicioli, Leo-
chiamati a prendere atto di un bi- nardo Del Vecchio, e Angelo Mi-
lancio 2009 che segna il ritorno glietta (Fondazione Crt), tutti in for-
all'utile e la distribuzione di un te perdita con le azioni Generali,
dividendo di otto centesimi, hanno fatto sentire la propria voce
hanno assistito anche ad alcuni più che in passato. Ottenendo alcu-
interventi (compresi quelli del- ni riconoscimenti importanti come
l’associazione Una banca popo- la vicepresidenza a Caltagirone, la
lare per te) che chiedevano più terza, a fianco di Bollorè e Nagel, e Pagamento del dividendo
attenzione e rappresentanza per l’ingresso di Del Vecchio in comita- Documenti relativi al Bilancio per l’esercizio 2009
le varie anime territoriali della to esecutivo. Ma anche la proposta
banca. Dal canto suo il numero di un country manager modello Comunicazione ai sensi dell’ articolo 84 della
deliberazione CONSOB 14 maggio 1999, n. 11971
uno della banca, Pier Francesco “territori” sposato recentemente da
Saviotti, è tornato ad escludere la Unicredit e Intesa Sanpaolo. Si rende noto che l’Assemblea della Società, tenutasi a Trieste il 24 aprile 2010, ha deliberato
cessione del Credito Bergama- L’asse Nagel-privati è anche riu- l’assegnazione di un dividendo unitario per l’esercizio 2009 di Euro 0,35 lordi per azione in contanti.
sco, mentre è stato più possibili- scito ad affidare a Giovanni Perissi-
sta su Crema e Cremona e fidu- notto la responsabilità ultima delle Il dividendo sarà pagabile dal 27 maggio 2010 tramite gli intermediari aderenti al sistema di gestione
cioso di concludere in un paio di decisioni mentre Sergio Balbinot accentrata presso la Monte Titoli S.p.A., contro stacco della cedola 19. I titolari di azioni non ancora
mesi - in un verso o nell’altro - le sarà sostanzialmente il suo secondo dematerializzate potranno percepire il dividendo soltanto previa consegna, ad uno di tali intermediari,
trattative per la vendita di Caripe. anche se continuerà a occuparsi dei dei propri certificati azionari per la loro immissione nel sistema di gestione accentrata in regime di
I soci hanno approvato anche mercati esteri e se dovrà guardarsi dematerializzazione.
una riduzione dei compensi nel- dalla competizione con il direttore
l’ordine del 15-20% per i membri generale Raffaele Agrusti, portato in Si rammenta che, ai sensi del secondo comma dell’art. 2.6.7 del Regolamento dei Mercati Organizzati e
del consiglio di sorveglianza, mi- palmo di mano da Geronzi. «Certa- Gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A., le azioni saranno negoziate prive del diritto al dividendo a partire dal
24 maggio 2010, giorno di stacco della cedola.
sura analoga (anche se di impor- mente la volontà di crescere sui
to minore) approvata anche da mercati esteri è un obiettivo fonda- Il bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2009, corredati della documentazione
Ubi. Sempre ieri, i soci hanno rin- mentale e io lo perseguirò forte- prevista dalle vigenti disposizioni, sono a disposizione del pubblico oltre che presso la Sede Legale della
novato il mandato alla guida del mente», ha risposto il neo presiden- Compagnia in Trieste, piazza Duca degli Abruzzi 2, presso la Direzione per l’Italia di Mogliano Veneto (TV),
consiglio di sorveglianza a Corra- te alle varie domande sul consolida- via Marocchesa 14, l’Ufficio di Rappresentanza di Roma, piazza Venezia 11, l’Ufficio Azioni di Milano,
do Faissola mentre è entrato Giu- mento della compagnia triestina in piazza Cordusio 2, nonché presso il sito Internet della Compagnia all’indirizzo www.generali.com e quello
seppe Zannoni come esponente Russia come in Spagna, mostrando di Borsa Italiana, all’indirizzo www.borsaitaliana.it
della lista di minoranza. Sugli 895 comunque un cambio di passo ri-
esuberi da poco annunciati, infi- spetto al ruolo che aveva in Medio- Il verbale assembleare sarà reso pubblico entro i termini stabiliti dalla normativa vigente.
ne, è stato detto che nella tratta- banca. Ma glissando in maniera ele-
tiva sindacale «si terrà conto di gante sui futuri rapporti con il prin- Sede Legale e Direzione Centrale in Trieste
varie esigenze» mentre Giovani cipale azionista, piazzetta Cuccia Cap.soc. Euro 1.556.873.283,00 int.versato
Bazoli, consigliere di Ubi, ha con- appunto, vista ora come una longa Società costituita nel 1831 a Trieste
R.I. Trieste 00079760328
fermato la bontà del sistema manus da cui liberarsi in modo gra- Iscritta al numero 1.00003 dell’Albo delle imprese di assicurazione e riassicurazione
duale. duale. «Non è allo studio alcuna fu- Capogruppo del Gruppo Generali, iscritto al numero 026 dell’Albo dei gruppi assicurativi

© RIPRODUZIONE RISERVATA
sione Mediobanca-Generali», ha
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 LETTERE,COMMENTI&IDEE
■ 24

LA GRAN BRETAGNA I 150 ANNI CHE NESSUNO VUOLE FESTEGGIARE


E L’INCOGNITA CLEGG aro Augias, il governo ha emesso francobolli commemorativi dell’impresa dei Mille per il 150° an-

PIERO OTTONE
C niversario, forse il vero 150° dell’Unità d’Italia. Tuttavia, come non servono le strade e le piazze a
tenere viva la memoria, così a poco servono i francobolli. Nel ventennio fascista il Risorgimento era
ancora presente nell’animus della nazione (in modo non solo propagandistico). Basteranno oggi 4 fran-
ue caratteristiche colpiscono l’attenzione cobolli dispersi fra tanti altri nelle tabaccherie? Ci sono tre ministeri (Istruzione, Beni culturali e Comu-

D nella fulminea popolarità conquistata da


Nick Clegg, il giovane leader dei liberali ingle-
si, candidato alle prossime elezioni in lizza
con Brown, laburista, e con Cameron, conservatore. La
prima è il cosmopolitismo, che è, nel panorama inglese,
CORRADO AUGIAS
nicazioni), cinema, una televisione pubblica di tre canali, scrittori, registi e attori, musei. Verranno aller-
tati dallo Stato per il 150° dell’Unità o si cercherà solo di salvare la faccia, magari guardando di sottecchi
oltre Tevere per cogliere cenni o oltre Po per non spaventare certe trote? Il Risorgimento verrà tratto dal-
l’urna ove l’hanno confinato il cattolicesimo, il marxismo e il liberalismo postunitari? Si dirà: «Ma si cele-
bra l’Unità! Il Risorgimento viene prima». È ciò che temo, ma fu Marsala il nostro vero “bel suol d’amore”.
una novità. L’Inghilterra ha una forte identità naziona- c.augias@repubblica.it Giovanni Moschini giovanni.moschini4@tin.it
le. Fino al principio del Novecento è stata governata da
un’aristocrazia profondamente inglese; i rari elementi
estranei, come Disraeli, sono passati attraverso un pro- er la terza volta si celebra l’unificazione della sione aveva cominciato a unificare gli italiani. Fu
cesso di anglicizzazione prima di essere accettati. An-
cora nel Novecento molti governanti, da Churchill a
Eden, a Macmillan, a Home, appartenevano alla no-
P penisola diventata nazione. La prima fu nel
1911 per il Giubileo. Roma ne uscì trasforma-
ta e arricchita dal punto di vista urbanistico come
tutto sommato e per quanto lo permise il nostro
temperamento litigioso, una bella celebrazione,
l’aria del paese era tutto sommato festosa. Nel 2011
biltà, per nascita o per matrimonio. E anche quelli che ha mostrato, tempo fa, una bella esposizione alla dovrebbe esserci il 150°. Che nessuno abbia troppa
non vantavano nobili natali, come Margaret Thatcher, Galleria nazionale d’arte moderna. Anche allora ci voglia di celebrarlo è da mesi evidente comunque
erano comunque profondamente inglesi, di nascita e di furono controindicazioni tra le quali il fatto che al- vadano a finire le dimissioni dal comitato messo in
mentalità. le celebrazioni il governo Giolitti andò dimissiona- piedi per le celebrazioni. Frenano la Lega e il parti-
Ma adesso compare alla ribalta un personaggio ano- rio per una delle ricorrenti (anche allora) crisi di go- to di maggioranza che gli va a rimorchio, frena il Va-
malo, con la madre olandese, il padre mezzo russo, la mo- verno. Non mancarono neppure alcune contro- ticano che con il Risorgimento, e con Roma capita-
glie spagnola. Una rivoluzione. Per di più, Clegg parla celebrazioni sia di destra sia di sinistra. Poi in set- le, non ha ancora chiuso i conti. Il paese è turbato,
quattro o cinque lingue, e anche questo fatto avrebbe su- tembre ci fu la guerra di Libia (“Tripoli bel suol d’a- c’è la crisi, mancano i soldi soprattutto manca l’at-
scitato una certa diffidenza nell’Inghilterra tradizionale: more”, eccetera). La seconda volta fu nel 1961 il mosfera. Assistetti, nel 1976, alle celebrazioni per il
un vero inglese, si pensava allora, parla inglese, punto e ba- centenario, (a Torino e altrove). L’anno prima c’e- bicentenario degli Stati Uniti. Non voglio nemme-
sta. Churchill aveva addirittura difficoltà, nei suoi discor- rano state le Olimpiadi a Roma, era cominciato il no accennare a un confronto.
si, a pronunciare disinvoltamente Chargé d’Affaires. Si ag- boom economico, la lira era fortissima, la televi- © RIPRODUZIONE RISERVATA
giunga che Clegg è stato deputato europeo prima di esse-
re deputato inglese. Un personaggio senza un retroterra,
dunque: o con un retroterra così variegato da perdere rile-
vanza. Un fatto straordinario? O piuttosto un segno dei La pessima situazione di riforma organica del sistema, ma nulla di positivo in tutto questo. ro di gomma e non decide. Mi do-
tempi? Privo di un retroterra tradizionale è un grande pro- presenta dei limiti tali da offuscare i mando perché non agevolare l’eser-
tagonista della politica contemporanea: Barack Obama. dei nostri servizi pochi possibili vantaggi (segnalati Per il giuramento cizio di un diritto.
La seconda caratteristica di Nick Clegg, dopo il cosmo- da Mario Pirani, lunedì scorso). 4 mila chilometri
politismo, è l’esiguità del partito che egli guida, e l’assen- Nicola Cacace Prendiamo ad esempio la figura del Forse l’arbitro
za di un contenuto politico ben definito. O per lo meno di Roma ricercatore assunto con contratto di è meglio dell’arbitrio
una bandiera, di uno slogan. Fino a Macmillan c’era nel tre anni rinnovabile una sola volta Umberto Antolini
programma dei conservatori, al sommo di ogni concetto, L’ITALIA è ancora capace di avere per altri tre, e che alla fine del perio- Manakara, Madagascar
l’impero. Attlee e i laburisti avevano scritto sulla loro ban- do di “precariato” dovrebbe diven- Bruna Gazzelloni
consistenti attivi con l’estero nei
diera la sicurezza sociale: dalla culla alla tomba. Ma che prodotti manifatturieri (60 miliardi tare professore associato. I tagli e le ABITO in Madagascar da 5 anni e Roma
cosa promette Clegg? In sostanza si limita a dire: i conser- nel 2008), un discreto livello di occu- norme sul turnover rendono pro- mia moglie ha acquisito il diritto al-
vatori e i laburisti governano da settant’anni, guardate i ri- blematico anche solo pensare ad la cittadinanza italiana ma la nostra LEGGO che secondo i sindacati l’ar-
pazione industriale e di essere terza
sultati, è tempo di cambiare questo paese. Quasi sacrile- una sua promozione dei ricercatori. Ambasciata si trova in Sudafrica, a bitrato indebolirebbe i lavoratori.
esportatrice al mondo in settori hi-
go: uno slogan del genere, così poco lusinghiero per l’In- Avremo quindi una ristretta fascia di 4000 km da qui, e mia moglie do- Non lo so, ma so di certo che oggi un
tech come robot, macchine utensili
ghilterra com’è, dice tutto e non dice nulla. professori ordinari in procinto di vrebbe recarsi lì per giurare. Ho lavoratore è già debole ed esposto a
ed apparati industriali avanti a pae-
Queste premesse confermano, mi sembra, una deriva andare in pensione, contornata da quindi chiesto di poter fare giurare tre pericoli, quello del datore di la-
si come Usa, Gran Bretagna e Fran-
verso il populismo: un fenomeno politico che presenta in- una pletora di professori associati e mia moglie in Italia, in occasione voro che ti licenzia, quello del sinda-
cia. Purtroppo la bilancia commer-
finite varianti, perché apre la strada, secondo le circostan- ricercatori a tempo determinato e della nostra prossima venuta per cato che non ti aiuta e talvolta quel-
ciale dei servizi italiani peggiora da
ze, agli uomini per bene e agli avventurieri. Inutile osti- senza alcuna prospettiva. Non vedo una vacanza, ma il Ministero fa mu- lo di qualche legale, che ci prende la
anni, malgrado l’attivo del turismo.
narsi a rifare i partiti come erano nel passato: tutto dipen- sua cospicua «stecca».
Preoccupa il deficit crescente di
de dagli individui che si presentano al popolo, oggidì alla quasi tutti gli altri settori dei servizi,
televisione come venti secoli fa al Foro di Roma. Perso- trasporti marittimi ed aerei, comu-
L’intervento di Moreno
naggi senza un retroterra sociale, senza l’ancoraggio di un nicazioni, cine Tv, assicurazioni, L’AMACA MICHELE SERRA al Festival di Perugia
solido partito, senza un programma ben definito, conqui- informatica e servizi di consulenza.
stano l’attenzione e la fiducia degli elettori, magari in un li ottantamila partigiani italiani morti nella guerra di Libera-
programma di novanta minuti, perché sono disinvolti,
perché ispirano fiducia, perché sono simpatici. Clegg è
stato maestro di sci, gioca a tennis, ha un bel sorriso e le
Il passivo con l’estero dei servizi cre-
sce ad un ritmo impressionante, è
quintuplicato in 5 anni raggiungen-
do nel 2008 gli 8 miliardi di euro,
G zione sono stati cancellati con un tratto di pennarello dal pre-
sidente della Provincia di Salerno, tale Cirielli, ovviamente
del Pdl, secondo il quale il 25 aprile si devono celebrare i liberatori
L’articolo del direttore di “El Paìs”
Javier Moreno pubblicato ieri a pa-
gina 37 era una sintesi del suo inter-
vento di ieri al Festival del giornali-
mani in tasca. Forse gli inglesi, se questo giovanotto farà malgrado l’attivo di 10 miliardi del americani e non “i comunisti”. Ovviamente questa piccola epura- smo di Perugia sul tema “Giornali-
strada, sono fortunati. Sono certamente fortunati gli ame- turismo. Di questo passo in un de- zione dei morti vale zero dal punto di vista storico e (soprattutto) dal smo e corruzione politica”.
ricani, con Obama. A giudicare dalle ultime elezioni, i fran- cennio il passivo dei servizi potreb- punto di vista umano. E ci dice zero sul passato di questo paese. Ma
cesi non ritengono invece di essere stati fortunati con be diventare un fardello simile a ci dice qualcosa in più sull’Italia di oggi, e sull’infimo calibro politi- La persona nella foto
Sarkozy, anche lui un personaggio che, con quel nome po- co di un pezzo consistente e rumoroso della nuova classe dirigente.
quello petrolifero, 60 miliardi. non è Angelo Balducci
co francese e con certi comportamenti, può essere anno- Infimo, perché in termini politici la sortita di Cirielli è di un auto-
verato fra i populisti. Quanto a noi italiani, sapete come la I precari universitari lesionismo sconsolante. Serve solo a definire la grettezza di chi vive
penso. in questa Repubblica da perfetto estraneo, ignorandone la storia, le Per un errore, a pagina 16 di Repub-
© RIPRODUZIONE RISERVATA
un esercito di riserva ragioni costituenti, il carattere unitario (angloamericani e partigia- blica di ieri, al posto di una foto di
ni spesso entrarono assieme nelle città liberate), i simboli passati e Angelo Balducci, ex presidente del
Piero Graglia presenti, a partire dalla fotografia del comunista Napolitano che il Consiglio superiore dei lavori pub-
Università di Milano Cirielli dovrebbe avere nel suo ufficetto, per non dire dei suoi prede- blici coinvolto nell’inchiesta sugli
cessori Ciampi, Scalfaro e Pertini (azionista, cattolico, socialista, e appalti al G8 della Maddalena, è sta-
FACCIO parte di quella generazione tutti fieri antifascisti). Disprezzare i morti serve solo ad attirarsi il di- ta pubblicata un’immagine di Fran-
che ha fatto dottorato, postdottora- sprezzo dei vivi. Non è un buon affare neppure per un uomo di fa- cesco Karrer, nuovo presidente del-
to, assistente volontario e, alla fine, zione. Buon 25 aprile a tutti, perfino a Cirielli. l’organismo medesimo e completa-
ho vinto un concorso da ricercatore © RIPRODUZIONE RISERVATA mente estraneo all’indagine. Ce ne
“libero”. La riforma Gelmini è, per scusiamo con gli interessati e con i
giudizio unanime, il primo tentativo lettori.

Via Cristoforo Colombo, 90 ˜ 00147 Roma ˜ Fax: 06/49822923 ˜ Internet: rubrica.lettere@repubblica.it

FONDATORE EUGENIO SCALFARI

DIREZIONE REDAZIONI
Redazione centrale Roma 00147 - Via Cristoforo Colombo, 90 - tel. 06/49821 ● Redazione Milano 20144 - Via G. De
Ezio Mauro direttore responsabile Alessandri, 11 - tel. 02/480981 ● Redazione Torino 10123 - Via Bruno Buozzi, 10 - tel. 011/5169611
vicedirettori Gregorio Botta, Dario Cresto-Dina, ● Redazione Bologna 40125 - Via Santo Stefano, 57 - tel. 051/6580111 ● Redazione Firenze 50121 - Via Alfonso
Massimo Giannini, Angelo Rinaldi (art director) Lamarmora, 45 - tel. 055/506871 ● Redazione Napoli 80121 - Riviera di Chiaia, 215 - tel. 081/498111 ● Redazione
COMUNE DI VILLACIDRO - Provincia del Medio Campidano caporedattore centrale Fabio Bogo, Genova 16121 - Via XX Settembre, 41 - tel. 010/57421 ● Redazione Palermo 90139 - Via Principe di Belmonte,
103/c - tel. 091/7434911 ● Redazione Bari 70122 - Corso Vittorio Emanuele II, 52 - tel. 080/5279111.
Tel.07093442212 telefax 1782265175 caporedattore vicario Massimo Vincenzi, caporedattore internet Giuseppe Smorto
ESTRATTO BANDO DI GARA PUBBLICITÀ
GRUPPO EDITORIALE L’ESPRESSO Spa A. Manzoni & C. - Via Nervesa, 21 - 20139 Milano
Il Responsabile del Servizio Socio Assistenziale
TIPOGRAFIA
RENDE NOTO Consiglio di amministrazione Rotocolor SpA - 00147 Roma, Via Cristoforo Colombo, 90
Che è stata indetta procedura aperta, con il criterio dell’offerta economicamente più van- Presidente: Carlo De Benedetti STAMPA - Edizioni teletrasmesse:
taggiosa, per l’affidamento triennale, ai sensi dell’ art. 55, comma 5, del D. Lgs. 163/06 Amministratore delegato: Monica Mondardini ● Bari Dedalo Litostampa srl - Via Saverio Milella, 2 ● Catania ETIS 2000 Spa - Zona Industriale VIII strada
e art. 18 comma 1 lett. c L.R. n° 5/07 di Comunità Alloggio per cittadini ultrasessan- Consiglieri ● Livorno Finegil Editoriale - Via dell’Artigianato ● Mantova Finegil Editoriale presso Citem Soc. Coop. arl - Via G. F.
tacinquenni - Importo a base d’appalto: Euro 1.556.841,58 IVA ESCLUSA di cui Agar Brugiavini, Rodolfo De Benedetti, Giorgio Di Giorgio, Lucchini ● Paderno Dugnano (MI) Rotocolor SpA - Via Nazario Sauro, 15 ● Padova Finegil Editoriale - Viale della
3.600,00 per oneri rischi di interferenza. E’ richiesta l’iscrizione al Registro L.R. 4/88 art. Navigazione Interna, 40 ● Roma Rotocolor SpA - Via del Casal Cavallari, 186/192 ● Salerno Arti Grafiche Boccia SpA -
Francesco Dini, Sergio Erede, Mario Greco, Via Tiberio Claudio Felice, 7 ● Sassari “La Nuova Sardegna” SpA - Zona Industriale Predda Niedda Nord Strada n. 30
42 o Registro L.R. 16/97 o analoghi registri di altre regioni ed esperienza in medesima Maurizio Martinetti, Tiziano Onesti, Luca Paravicini Crespi s.n.c. ● Gosselies (Belgio) Europrinter S.A. - Avenue Jean Mermoz ● Toronto (Canada) “Newsweb Printing
tipologia di servizio. Termine per il ricevimento delle offerte: ore 12:00 del 26 maggio 2010. Corporation”, 105 Wingold Av. ● Norwood (New Jersey) 07648-1318 Usa - “Gruppo Editoriale Oggi Inc.”, 475 Walnut
La gara si svolgerà il 27 maggio 2010 alle ore 9:30 presso la Casa Comunale. Direttori centrali
Street. ● Malta Miller Newsprint Limited - Miller House, Airport Way - Tarxien Road - Luqa LQA 1814
Ufficio presso il quale possono essere acquisite informazioni: - Servizio Socio Assisten- Alessandro Alacevich (Amministrazione e Finanza),
ABBONAMENTI
ziale - telefono 07093442212 - 3204794792 – fax 1782265175 - posta elettronica: ser- Pierangelo Calegari (Produzione e Sistemi informativi), Italia (c.c.p. n. 11200003 - Roma): anno (cons. decen. posta) Euro 280,00 (sette numeri), Euro 245,00 (sei numeri),
vizisociali@comune.villacidro.ca.it. Stefano Mignanego (Relazioni esterne), Roberto Moro (Risorse umane), Euro 210,00 (cinque numeri). Tel. 06/4982.2982. Fax 06/4982.3217. E-mail: abbonamenti@repubblica.it
Il bando e il disciplinare sono stati inviati per la pubblicazione all’Albo Pretorio in data 22 Arretrati e servizio clienti: www.servizioclienti.repubblica.it, e-mail: servizioclienti@repubblica.it, tel. 199 744 744
Divisione la Repubblica - Via Cristoforo Colombo, 149 - 00147 Roma (02.60732459 per chi chiama da telefoni pubblici o cellulari), il costo massimo della telefonata da rete fissa è di 14,26 cent.
aprile 2010; sul sito www.comune.villacidro.ca.it, sul sito della Regione Autonoma della Direttore generale: Carlo Ottino al minuto + 6,19 cent. di Euro alla risposta, IVA inclusa.
Sardegna.
Villacidro, 22 aprile 2010
Il Responsabile del Servizio Socio-Assistenziale Certificato ADS n. 6672 RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DATI (D. LGS. 30-6-2003 N. 196): EZIO MAURO La tiratura de “la Repubblica” di sabato
del 1-12-2009 REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N. 16064 DEL 13-10-1975 24 aprile 2010 è stata di 523.285 copie
Dr. Roberto Spanu
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010
@ PER SAPERNE DI PIÙ
www.governo.it/governo/costituzione/principi.html
www.repubblica.it
■ 25

L’UNITÀ D’ITALIA È SOLO UN RICORDO


EUGENIO SCALFARI
(segue dalla prima pagina) storia repubblicana (giugno 1946) e mentre gioni d’età dalla presidenza del comitato cesso breve se la Corte costituzionale boc- Ho letto con molto interesse la proposta
si celebrerà il 5 maggio l’impresa garibaldi- per le celebrazioni dell’Unità d’Italia. Co- cerà la legge sul legittimo impedimento, e di Carlo De Benedetti (sul «Foglio» di gio-
oncordo, ma resta il fatto che il go- na, l’imbarco dei Mille a Quarto, il loro sbar- noscendolo io credo alla sua motivazione, sulla riforma della Giustizia così come l’ha vedì scorso) sulla riduzione delle imposte

C verno è comunque la sede dove


vengono decise le questioni che
toccano da vicino gli interessi di
tutta la nazione, dei ceti sociali che la com-
pongono e dei singoli individui.
co a Calatafimi e poi, in pochi mesi, la bat-
taglia del Volturno, l’incontro di Teano tra
Garibaldi e Vittorio Emanuele e infine la na-
scita di lì a poco dello Stato italiano; mentre
queste ricorrenze incalzano, quello Stato
ma proprio perché lo conosco da qua-
rant’anni posso testimoniare della sua
amarezza per il disfacimento morale e po-
litico che è sotto gli occhi di tutti. Dell’unità
nazionale e costituzionale Ciampi è stato
pensata e redatta il suo avvocato Ghedini.
Questo è lo scambio. Dopo la rottura con
Fini, che proprio su questi punti ha attac-
cato la politica del governo, Bossi ha mi-
nacciato le elezioni anticipate, poi ha tirato
sul reddito dei lavoratori, sul cuneo fiscale
e sulla tassazione «delle cose» (immobili,
cespiti patrimoniali) il fatto che sia l’edito-
re di questo giornale non mi impedisce di
dire che mi sembrano proposte valide che
Per tutto l’Ottocento il corpo elettorale che ha 150 anni di vita, si sta disfacendo sot- uno dei più validi assertori. Possiamo ben indietro la mano se i decreti attuativi del fe- un governo di centrosinistra dovrebbe far
delle nazioni europee non superava me- to i nostri occhi. comprendere la sua tristezza e l’amarezza deralismo saranno approvati con prece- proprie.
diamente il 15 per cento della popolazione Quelle ricorrenze hanno perso ogni si- che la pervade. denza assoluta. Il monito ha Fini come de- Quanto al presidente Napolitano, pun-
attiva. In Italia era nettamente al di sotto di gnificato epico non suscitano entusiasmi e *** stinatario: attento, se vorrai metterci del tare sulla sua “amichevole neutralità” co-
quella media: l’elettorato era soltanto ma- neppure tenerezza, neppure orgogliosa C’è chi guarda soltanto all’albero e chi è tuo nei decreti sul federalismo, se inceppe- me fanno Berlusconi e Bossi sarà una delu-
schile, c’era un limite di censo al di sotto del memoria, neppure condivisione di valori. responsabile della foresta. È normale che rai il meccanismo da noi pensato e voluto, sione per loro. Napolitano farà ciò che gli
quale si era esclusi dal voto, gli elettori era- «Una d’arme, di lingua, d’altare, di memo- un individuo ed una famiglia guardino al- andremo alle elezioni e addio Fini e finiani. compete senza guardare a chi giovi o chi
no per conseguenza nettamente al di sotto rie, di sangue e di cor» cantava il Manzoni. l’albero della propria felicità ed è normale Così funziona la diarchia tra Bossi e Ber- danneggi. Lo abbiamo sentito ieri alla Sca-
del 10 per cento. Un’oligarchia di proprie- Ma dove mai? Siamo mille miglia lontani da che una classe dirigente si dia carico dei lusconi. L’albero cui guardano è il medesi- la e lo sentiremo il 5 maggio dallo scoglio di
tari fondiari con una spolverata di profes- quell’unità auspicata dai nostri grandi, mai problemi dell’intera foresta, la faccia pota- mo: il loro potere e l’incrocio degli interes- Quarto. Nel discorso alla Scala ha incorag-
sionisti e di dirigenti aziendali, che si al- realizzata nel profondo se non nel fango re, ne faccia tagliare le piante secche e ne si, io guardo le spalle a te e tu le guardi a me. giato le riforme e in particolare il federali-
largò lentamente fino a comprendere una delle trincee, nei sacrifici dei più deboli, faccia germogliare nuovi arbusti. Fini deve essere distrutto, la sinistra è irrile- smo, purché condivise e nel quadro dell’u-
parte degli impiegati pubblici e di piccoli nelle speranze di quanti, malgrado tutto, Ciò che non è normale è una classe diri- vante, Napolitano dovrà rassegnarsi e avrà nità nazionale. Ha avuto gli applausi di Cal-
imprenditori e un primo nucleo di operai hanno costruito, hanno prodotto, hanno gente che guardi anch’essa soltanto ad un il nostro rispetto e perfino le nostri lodi fino deroli e Berlusconi. Buon segno ma di scar-
specializzati. dato un volto moderno, hanno tentato di suo albero mandando tutto il resto in ma- a quando sgombrerà il Quirinale. so significato poiché le riforme, a comin-
Non toglie che quei governi, sorretti da estirpare i vizi e seminare le virtù civiche. lora. Ciò che non è normale è quando il sen- *** ciare dal federalismo, sono finora scatole
un consenso così ristretto, decidessero del- Magro è stato il raccolto ma tuttavia suf- so civico si trasforma in puro egoismo e lo- Può funzionare questo sistema? Esso si vuote e la condivisione dovrà misurarsi con
la felicità o dell’infelicità dei governanti, in ficiente per continuare a sperare e ad avan- calismo e i paesi si cingono di torri e porte e basa sull’irrilevanza del centrosinistra, sul- i contenuti di merito. Napolitano dal canto
gran parte contadini, braccianti, manova- zare verso il futuro. Ma ora tutto sembra mura merlate e difendono il territorio dalla la rassegnazione del Presidente della Re- suo firmerà le leggi se può firmarle. Le re-
lanza generica. dissolto. Lo Stato si disfa sotto gli appetiti e contaminazione degli altri. pubblica e sull’indifferenza passiva dell’o- spingerà se non saranno conformi secondo
Bisogna dunque stare attenti quando si la cupidigia; la nazione sta cessando di esi- Una Chiesa cristiana dovrebbe denun- pinione pubblica democratica. quanto gli compete di accertare. Non farà
batte il tasto di interesse o non interesse de- stere nell’indifferenza sempre più diffusa. ciare chi compie questa strage dell’impe- Ebbene, pur con tutto il pessimismo che sconti. E se Bossi e Berlusconi pensano che
gli italiani. Il concreto individuale fa inevi- Non c’è un soprassalto collettivo contro ciò gno civico. La coscienza nazionale dovreb- mi rattrista io non credo che questi tre pre- sia facile ottenere dal Capo dello Stato lo
tabilmente parte del concreto collettivo; la che avviene sotto i nostri occhi. L’indigna- be denunciarla. supposti ipotizzati dal tandem Berlusconi- scioglimento anticipato delle Camere, stia-
politica del governo, sostenuto da una zione è diventata quasi una professione di La Lega di Bossi, dopo la vittoria che gli Bossi corrispondano alla realtà. no certi che il percorso non sarà affatto fa-
maggioranza parlamentare che vota a co- pochi. ha consegnato il comando delle Regioni del Bersani proprio ieri ha lanciato un ap- cile e se ci sarà una maggioranza parlamen-
mando, incide su quel concreto, lo mani- Quando questo avviene, quando l’indi- Nord, sta seguendo questa strada: torri e pello a tutte le forze d’opposizione inclu- tare per formare un nuovo governo, Napo-
pola lo indirizza, ne tiene conto o lo trascu- gnazione resta in appalto a poche voci, il se- mura merlate si moltiplicano nei Comuni e dendovi anche Fini, affinché stringano tra litano adempirà rigorosamente al dovere di
ra, distribuisce felicità e sacrifici. Se tutto gnale è quello d’una campana a morto nelle Province leghiste; le Regioni incorag- loro un patto in difesa della Costituzione re- accertarne e convalidarne l’esistenza.
questo non interessa – e spesso accade – si mentre ci vorrebbe il suono di campane a giano e danno senso politico a questo pubblicana di fronte alla deriva che si sta Quanto all’indifferenza della pubblica
tratta di incultura o di stato di ipnosi. Non è martello che battessero da tutti i campani- scempio. Da Palazzo Grazioli Berlusconi verificando. È un passo avanti nella giusta opinione democratica, quest’ipotesi ri-
bene. li. Quando il regionalismo arriva al limite di acconsente e chiede contropartite. direzione, ma contemporaneamente il se- guarda direttamente noi e quanti come noi
*** imporre nelle scuole maestri e docenti nati Alla Lega ha concesso il Piemonte ed il gretario del Pd dovrebbe indicare alcuni e ciascuno con le sue modalità considera-
Il fatto più evidente dell’attuale situazio- sul territorio e capaci di insegnare il dialet- Veneto, i suoi ministri, la Gelmini in testa, punti concreti che possano costituire il ner- no con preoccupazione il disfacimento del
ne consiste nel disfacimento diventato to locale come presupposto alla capacità di forniscono i necessari supporti legislativi; il bo di un nuovo futuro governo. L’alternati- paese e la deriva che ne risulta. Si tratta di
sempre più rapido in questi ultimi mesi del insegnare cultura, vuol dire che è in atto la federalismo fiscale, per ora rimasto scatola va non è soltanto un problema di schiera- un’ipotesi senza fondamento. I nostri let-
sentimento di unità nazionale. Mentre si scissione non più silenziosa ma dichiarata vuota, dovrà essere una priorità nelle pros- mento ma è soprattutto un problema di tori ci confortano a proseguire questa bat-
celebra proprio oggi la ricorrenza del 25 orgogliosamente dalla nazione e dallo Sta- sime settimane. In cambio Berlusconi contenuti. In questo caso i contenuti ri- taglia di democrazia e di libertà. È ciò che
aprile 1945, cioè la liberazione dal nazifa- to che la rappresenta. chiede analoga priorità per la legge sulle in- guardano soprattutto i temi dell’occupa- abbiamo sempre fatto e sempre faremo.
scismo e l’inizio della democrazia e della Carlo Azeglio Ciampi si è dimesso per ra- tercettazioni, per il lodo Alfano, per il pro- zione, della crescita, del fisco. © RIPRODUZIONE RISERVATA

RESISTENZA, LE PAROLE CHE NON DICIAMO PIÙ


GUSTAVO ZAGREBELSKY
(segue dalla prima pagina) coloro che non appartengono alla to ideale, per l’ideale della Patria più passaggio su questa terra». Altri an- nea alla nostra tradizione: una tradi- ro i propri averi e facendosi bello col
generazione di allora – può preten- libera e più bella», scrive un anonimo. cora invitano al perdono: «Perdono zione moderata, ostile agli eccessi, non partecipare ai dolori e ai mali

Q uel momento terribile e


solenne della contempla-
zione attuale della propria
morte, quando in lucidità
e coscienza si è faccia a faccia con se
stessi, spogliati di tutto ciò che non è
dere l’autorità del giudice. Se è vero
che ci si conosce soltanto nel mo-
mento decisivo della scelta esisten-
ziale e che solo lì ciò che di profondo
è latente in noi viene a galla, noi non
ci conosciamo. Non siamo stati
Gli orientamenti politici erano diver-
si, ma comune era l’idea, anzi la cer-
tezza di un riscatto morale imminen-
te, che avrebbe trasformato nel
profondo, e in meglio, la società ita-
liana. Le Letteresono un’elevatissima
a coloro che mi giustiziano perché
non sanno quello che fanno e non
sanno che l’uccidersi tra fratelli non
produrrà mai la concordia». Il di-
sprezzo, se mai, è verso gli inescusa-
bili, coloro che non prendono posi-
aperta a ogni aggiustamento e a ogni
compromesso, garantita da una pre-
senza moderatrice e stabilizzatrice
come quella della Chiesa cattolica.
Gli uni e gli altri, insieme alla lotta
mortale che combatterono e alle ra-
della patria; ma voleva che ognuno,
unendosi a coloro che agivano per la
causa migliore e più giusta, si espo-
nesse ai pericoli e portasse aiuto,
piuttosto che attendere al sicuro di
schierarsi dalla parte dei vincitori.
essenziale. Esse sono indirizzate al- messi alla prova. È facile, ma futile, testimonianza di questa tensione. In zione, coloro “che non furon ribelli gioni etiche e politiche che li con- Una simile legge sembra dettata
la cerchia delle persone più vicine e profferire giudizi e perfino esprime- tutte si legge la consapevolezza di vi- né pur fedeli” (Inferno, III, 38-39), trapposero, sarebbero così da con- da indignazione morale e non da pru-
care, in cui sono riposti gli affetti e da re adesione ideale, ammirazione per vere un momento di svolta nella sto- cioè gli ignavi, gli “attendisti”. Su dannare alla pubblica dimentican- denza politica. L’idea di una guerra
cui nascono e si alimentano le ener- gli uni e sdegno o condanne per gli ria d’Italia. Il dopo non avrebbe do- questo punto dobbiamo constatare za, come elementi accidentali e co- civile obbligatoria certo spaventa.
gie vitali che ci conducono ad agire altri. Dovremmo sempre chiederci vuto, né potuto assomigliare al pri- una grande distanza tra noi e chi ha me fattori di perturbazione della Ma giustificare l’ignavia e l’opportu-
nel mondo. Questi testi sconvolgen- chi siamo noi, per voler giudicare. ma. Ai figli piccoli, che non possono lasciato la vita per una ragione idea- storia che autenticamente appartie- nismo, farne anzi una virtù pubblica,
ti parlano della morte freddamente Dovremmo temere che qualcuno ci ancora comprendere, si dà l’appun- le sul fronte antifascista ma, allo ne al popolo italiano. In questo mo- è cosa diversa e incomprensibile, a
disposta da esseri umani nei con- dica: ti fai bello di ciò che è di altri; tu tamento a quando, cresciuti, sareb- stesso modo, anche chi ha combat- do, fascismo e antifascismo sono meno che si abbia in mente un popo-
fronti di altri esseri umani e questi ul- forse saresti stato dalla parte dei car- bero stati in grado di capire per quale tuto sul fronte opposto. Si estende prima accomunati in un medesimo lo prono e incapace perfino di avver-
timi colgono negli ultimi istanti del- nefici o saresti stato a guardare. E altra Italia i padri e le madri avevano ogni giorno di più un giudizio che giudizio di equivalenza, per poter tire d’esserlo. Ma, forse, Solone mira-
la loro vita, nell’attesa consapevole non sapremmo come rispondere. combattuto ed erano morti. In mo- non solo assolve, ma addirittura va- poi essere congiuntamente messi ai va a qualcosa di più profondo: non al-
della fine. Ogni facoltà spirituale de- Conosciamo le condizioni del no- menti critici come quelli degli anni lorizza l’atteggiamento di chi è stato margini della pubblica ricordanza. la guerra civile obbligatoria per legge,
ve essere stata provocata fino all’e- stro Paese all’8 settembre del 1943 e ’43-’45, non si poteva restare a guar- a guardare, per poi eventualmente All’antifascismo, quale fattore costi- ma alla prevenzione della guerra civi-
stremo. La psiche non può essere immaginiamo quali poterono esse- dare. Tutti dovevano contribuire. In godere dei frutti di libertà ottenuti tutivo delle istituzioni repubblica- le. Tutti devono sapere che, nel mo-
sollecitata più di così, dicono coloro re le molte ragioni, ideali e persona- molte lettere è testimoniata l’irresi- col sacrificio di altri. Nelle Lettere, ne, verrebbe così a sostituirsi qual- mento della crisi che precipita, nes-
i quali, per un motivo inaspettato, li, influenti sulle scelte che allora a stibilità dell’appello a prendere posi- leggiamo invece parole come que- cosa come un “nonfascismo-no- suno sarà giustificato se avrà fatto so-
sono scampati alla morte e hanno molti si imposero. Nessuno di noi zione. «Nel mio cuore si è fatta l’idea ste: «Quando penso che siamo vicini nantifascismo”, conforme al genio, lo da spettatore dei drammi e delle
potuto rendere testimonianza. Le può avere la certezza che, in quelle (purtroppo non da troppi sentita) molto vicini alla nostra ora, mi rac- che si pretende propriamente italia- tragedie dei suoi concittadini, da
parole scritte in quelle circostanze, condizioni ed esposti alle stesse che tutti più o meno è doveroso dare comando e son più che certo che tut- no, di procedere diritto tra opposti estraneo. Tutti allora operino per evi-
soprattutto quelle svuotate dall’uso pressioni, saremmo stati dalla parte il suo contributo», scrive una donna ti in quell’ora scatteranno in piedi, eccessi. Questa tendenza è piena- tare che quel momento arrivi; operi-
quotidiano – amore, affetto, perdo- giusta e non saremmo stati portati ai fratelli, per giustificare, anzi scusa- impugneranno qualsiasi arma e co- mente in atto nel senso comune, ali- no dunque preventivamente per la
no, casa, papà e mamma – , dalla re- dalle circostanze dalla parte dei cri- re la sua scelta. Molti sentono così di lui che non l’adopera sarà un vile e un mentata da una storiografia e da una concordia, per la pace, per isolare fa-
torica politica – patria, onore, uma- minali. Questo non significa affatto dover spiegare il perché del loro “aver codardo». Non risulta che l’accani- memorialistica sorprendentemen- natici, violenti e demagoghi.
nità, pace, fedeltà al giuramento – o parificare le posizioni o giustificare i preposto” l’Idea, la Patria o il dovere mento revisionistico di tutto ciò che te sicura di sé nelle definizioni del ca- Le Lettere contengono la voce
dall’estraneità alla nostra diretta crimini. Significa cercare di capire, ai legami familiari e domandano per- ha a che fare con i fatti e gli atti della rattere nazionale e nella qualifica- d’un altro popolo, di uomini e don-
esperienza – torturare, fucilare, im- dicendo con franchezza a noi stessi: dono di questo. Resistenza sia arrivato direttamente zione dell’attendismo come virtù di ne, d’ogni età e classe sociale, consa-
piccare, tradire – tornano d’un colpo rendiamo grazie alla provvidenza o Naturalmente, non tutti stavano ed esplicitamente alle Lettere, per saggezza pratica, invece che come pevoli del dovere della libertà e del
a riempirsi di forza e significato es- alla sorte perché ci è stato risparmia- dalla stessa parte. Nei confronti di sminuirne, relativizzarne, se non vizio di apatia: una storiografia che, prezzo ch’essa, in momenti estremi,
senziali. Sono parole ultime, desti- to di vivere in quel tempo. chi stava dall’altra, la disposizione negarne l’alto valore civile. Può esse- quando si avventura su simili strade, comporta. Chi le legge oggi vi trova
nate a restare chiuse entro cerchie La generazione che ha vissuto i fat- spirituale è molto varia. Alcuni chie- re che si arrivi anche a questo. Il pe- è più ideologia che scienza. un’Italia diversa dalla sua, cioè dalla
affettive limitate. Ma chiunque sia ti di cui parliamo non esiste più. Per le dono vendetta. Ma altri parlano del ricolo è rappresentato piuttosto da Chi ha sacrificato la vita, non im- nostra, dove non si esitava a correre
disposto a liberarsi per un momento nuove generazioni e, soprattutto, per nemico col rispetto dovuto a chi una un oblio che si vorrebbe giustificato porta da che parte, trarrebbe motivo pericoli estremi per parole che oggi
dall’abitudine della mediocrità che chi oggi è ragazzo, non si tratta di rivi- scelta, sbagliata ma non necessaria- da un’interpretazione pacificatrice di sconforto e offesa da questo giu- non si pronunciano più o, se le si pro-
tutto livella, smussa e ottunde, può vere o rievocare vicende in cui vi sia mente in malafede, ha pur fatto: da stendere su quegli avvenimenti. dizio liquidatorio. Sarebbe forse nunciano, lo si fa con il ritegno di chi
meditarle in sé, senza intermediari. stato un coinvolgimento anche sol- «Negli uomini che mi hanno cattu- Essi sarebbero il frutto di un’esaspe- portato a riportarsi a quanto stabili- teme d’appartenere a una genera-
Se affrontiamo questa lettura tanto indiretto, attraverso il ricordo rato ho trovato dei nemici leali in razione incompatibile con l’autenti- to da Solone, tra le cui leggi –riferisce zione di sopravvissuti. Sono quasi
emotivamente gravosa, facciamolo di chi le visse. Inevitabilmente questi combattimento e degli uomini buo- co nostro carattere nazionale, un ca- Plutarco (Vita di Solone, 20,1) – ve una sfida, un invito a misurarci ri-
col pudore di chi sa di accingersi a testi sono letti oggi con un’attutita ni durante la prigionia». Altri, anco- rattere rappresentato da quella par- n’era una, del tutto particolare e sor- spetto a quel tempo, il tempo della li-
qualcosa simile a una profanazione, percezione dell’originario significa- ra, si rimettono a una giustizia supe- te maggioritaria del popolo italiano prendente, che privava dei diritti ci- bertà e della democrazia riconqui-
in colloquio diretto e silenzioso, da to politico e impatto emotivo, nel riore, invitando chi resta a fare al- che ha assistito da estranea o con at- vili coloro i quali, durante una stasis state; un invito a domandarci quale
coscienza a coscienza. Soprattutto, momento della lotta per la liberazio- trettanto: coloro che mi uccidono teggiamenti di puro soccorso uma- (un conflitto tra i cittadini), non si strada abbiamo percorso da allora.
leggiamo col pudore di chi sa guar- ne dall’incubo totalitario, dal nazi- sono uomini e «tutti gli uomini sono nitario, nell’attesa dell’esito degli fossero schierati con nessuna delle Il testo è parte dell’intervento
darsi dalla presunzione del voler smo e dal fascismo, nel momento in soggetti a fallire e non hanno perciò eventi. Secondo questa visione, i parti contendenti. Egli voleva, a che sarà letto stasera alle 21
giudicare. Queste lettere chiedono cui si coltivava l’aspirazione a un’Ita- diritto di giudicare poiché solo un combattenti sui due fronti, fascista e quanto pare, che nessuno rimanes- all’Auditorium di Roma
di comprendere, non di giudicare. lia nuova, giusta, civile, pacificata. Ente Superiore può giudicare tutti antifascista, avrebbero rappresen- se indifferente e insensibile di fron- in occasione del 25 aprile
Nessuno di noi –intendo: nessuno di «Sappi che tuo figlio muore per un al- noi che non siamo altro che vermi di tato entrambi una deviazione estra- te al bene comune, ponendo al sicu- © RIPRODUZIONE RISERVATA
Un Mondo di Vacanze
Il Postale dei Fiordi

Danimarca • Finlandia • Norvegia • Svezia • Islanda • Repubbliche Baltiche • Russia


Crociere fluviali - da Mosca a San Pietroburgo - Ucraina - Danubio - Reno
Sudafrica • Namibia • Botswana • Madagascar • Mauritius • Seychelles
Spitsbergen • Groenlandia • Antartide • Patagonia • Canada • Alaska

Il Mondo dei Fiordi e del Sole di Mezzanotte Crociere fluviali


TOUR ESCLUSIVI CON ACCOMPAGNATORE IN LINGUA ITALIANA da Giver Viaggi e Crociere che ne cura la Direzione e l’assistenza turistica
NAVI INTERAMENTE NOLEGGIATE

Partenze settimanali da maggio a settembre giorni a partire da* pensione completa, visite guidate in lingua italiana incluse giorni a partire da*
• Il Mondo dei Fiordi 8 1.290
• Finlandia e Sole di Mezzanotte 8 1.690
La Via degli Zar®
con la M/n Lenin cat. 3 stelle superiore, da Mosca a San Pietroburgo navigando sui fiumi Volga e Neva
• Oslo, Caponord, Sole di Mezzanotte e Isole Lofoten 8 1.990
Partenze con voli di linea da tutta Italia dal 13 maggio al 20 settembre 11 1.510
• 3 Capitali Nordiche: Oslo, Stoccolma e Copenaghen e/o Helsinki 7/8 1.090
Italia - Mosca - Ouglitch - Jaroslavl - Goritzy - Kiji - Svirstroy - San Pietroburgo - Italia
• Helsinki, Tallin e la regione dei Laghi Finlandesi 7 1.450
• Meravigliosa Norvegia 11 2.790 l’Incanto del Reno e “Gran Tour d’Olanda”
• 3 Capitali - Caponord - Isole Lofoten e Fiordi Norvegesi 15 3.190 con le M/n Poseidon e Rigoletto cat. 4 stelle
Partenze con voli di linea da tutta Italia dal 31 luglio al 12 agosto 8/9 1.490
Lungo la Costa Norvegese con il Postale dei Fiordi Italia - Amsterdam - Rotterdam - Dusseldorf - Colonia - Coblenza - Strasburgo - Basilea - Italia
• Navigazione circolare da Bergen a Bergen in pensione completa 14 2.340
• Helsinki, Bergen, Lapponia e navigazione verso Sud o Nord in pensione completa 9/10 1.810 Il Danubio Blu
con le M/n Kleine Prinz e Rügen cat. 3 stelle superiore, e la M/n River Navigator cat. 4 stelle superiore
Tour individuali con navigazione - Partenze tutto l’anno Partenze con voli di linea da tutta Italia dal 28 giugno al 14 agosto 8/11 1.490
• Crociera circolare - Bergen - Kirkenes - Bergen in pensione completa 14 1.520 6 Paesi & 5 Capitali • Vienna - Bratislava - Budapest - Belgrado - Bucarest o Sofia
• Navigazione da Bergen a Kirkenes o viceversa in pensione completa 9/10 1.275

Vacanze in libertà - tour individuali • volo + hotel + auto In collaborazione con Orthodox Cruise Company
• Danimarca - Sulle orme dei Vichinghi 8 825 Dalla Terra dei Cosacchi al Mar Nero
• Svezia - Hotel di Charme 8 980 crociere da Kiev a Istanbul o Odessa con la M/n Marshall Koshevoy cat. 3 stelle superiore
• Norvegia - Le Perle dei Fiordi 9 1.260 Partenze con voli di linea da tutta Italia dal 5 maggio al 17 settembre 10/15 1.350
• Finlandia - Tra Foreste e Laghi 8 825 Italia - Kiev - Sebastopoli - Yalta - Odessa - Il delta del Danubio - Nesseber/Bulgaria - Istanbul - Italia

Islanda - Terra di Vulcani e Ghiacciai Alla scoperta delle Terre Artiche e Antartiche
Tour esclusivi con accompagnatore in lingua italiana giorni a partire da* Crociere d’Esplorazione con Hurtigruten giorni a partire da*
• Il Grande Panorama Islandese 10 2.290 • La Costa Ovest dello Spitsbergen con la M/n Fram 7/11 1.765
• L’Islanda Terra di Vulcani e Ghiacciai 8 1.700 • Le Terre dell’Orso Bianco con la M/n Polar Star 10 5.530
Tour con assistente locale parlante italiano • Groenlandia con la M/n Fram – La Disko Bay & Ultima Thule 10/17 4.965
• Altopiani meravigliosi / L’Islanda degli Incanti - con autopullman 4WD 8/10 2.250 • Antartide - da ottobre 2010 a febbraio 2011
• Self Drive in Islanda: volo a/r da Milano, Hotel e/o Fattorie, noleggio auto. da 8 a 15 1.360 Buenos Aires - Terra Del Fuoco - Falklands//Malvinas da 15 a 23 6.550

Il Canada - dal Quebec all’Alaska Il Grande Sud - La fantastica avventura


Tour con accompagnatore in lingua italiana - Partenze settimanali da maggio a settembre giorni a partire da* Tour con guida locale in lingua italiana - Partenze settimanali tutto l’anno giorni a partire da*
• Le grandi città dell’Est: Ontario e Québec, tra Natura e Storia 10 1.940 • Il Paese Arcobaleno - Mpumalanga, Parco Kruger, Cape Town 10 2.440
• Lac Saint Jean, fiordo di Saguenay, la Mauricie e le grandi città dell’Est 14 2.490 • Meraviglioso Sudafrica - Mpumalanga, Parco Kruger, Cape Town, Garden Route 13 3.140
• Il meglio dell’Est: balene, cascate di Niagara, • Namibia: la Terra dei Damara - Windhoek, Deserto del Namib, Swakopmund,
le grandi metropoli, Mont Tremblant 13 2.340 Skeleton Coast, Parco Etosha 11 3.580
• Tutto il Canada: Ontario, Quebec, i parchi e la costa dell’Ovest 16 3.490 Estensioni a: Victoria Falls, Parco Chobe, Delta dell’Okavango e vacanze mare: Mauritius - Mozambico

® ®
Il Grande Nord Crociere fluviali Il Postale dei Fiordi Canada Il Grande Sud

I cataloghi
Giver Viaggi e Crociere
non sono più disponibili Richiedete i cataloghi
presso le agenzie Giver Viaggi e Crociere
Bluvacanze alla vostra
e Cisalpina Tours Agenzia di Viaggi

Un Mondo di Natura www.giverviaggi.com


francocovizzi.it

Giver Viaggi e Crociere • giver@giverviaggi.com Numerose altre proposte, programmi e condizioni dettagliate sui cataloghi e sul sito

* Tutte le quote sono indicative in Euro “a partire da” e includono voli di linea dall’Italia - sistemazione in camere e/o cabine a due letti con servizi. I tour con accompagnatore includono visite ed escursioni,
trasferimenti e pasti principali ove previsti. Le Crociere fluviali includono pensione completa a bordo e visite/escursioni guidate.
Non sono incluse spese di iscrizione, tasse aeroportuali e polizza assicurazione. (1) Possibilità di partenze da tutta Italia: supplementi su richiesta
Domenica
l’attualità
San Francisco, ritorno a Treasure Island
La FEDERICO RAMPINI

cultura
L’eros brutale secondo Francis Bacon
DOMENICA 25 APRILE 2010/Numero 273 di Repubblica BARBARA BRIGANTI

C’era una volta


Primo Maggio il
La festa compie 120 anni. Una mostra ne racconta
la fase eroica, quando ad attendere i lavoratori in piazza
c’erano le truppe armate di mitragliatrici

NELLO AJELLO MIRIAM MAFAI spettacoli

«I
l giorno primo maggio prossimo non si dovrà per- oppressa, per volontà di Vittorio Emanuele III e di Serial tv, il bello di un genere vituperato
mettere alcuna processione sulle vie e nelle piaz-
ze», ordina, in data 20 aprile 1890, una direttiva
emanata dal ministero dell’Interno ai «Signori
Prefetti del Regno». Con il termine vagamente ca-
nonico di «processione» ci si riferisce a cortei, ra-
duni e assembramenti connessi alla celebrazione di quella data:
il primo maggio, appunto. Il documento è esposto su un pannel-
lo della mostra sulla storia di quella ricorrenza, che, intitolata Il
Primo Maggio tra festa e repressione, e organizzata dalla fonda-
S Mussolini, con un decreto del 19 aprile 1923, la festa
del primo maggio sopravviverà per molti anni, du-
rante il fascismo, nella memoria degli sconfitti. Era
stata, una volta, una festa, e qualcuno continuava a
celebrarla, infilandosi un garofano rosso all’oc-
chiello della giacca, o disertando il luogo di lavoro per andare in
qualche osteria con la famiglia e qualche amico. In quegli anni
in occasione del primo maggio, secondo la polizia, si registraro-
no attorno ad alcune fabbriche di Milano, Torino, Genova, lan-
i sapori
NATALIA ASPESI e DARIO PAPPALARDO

Amaro, un gusto da riscoprire


LICIA GRANELLO e MASSIMO MONTANARI

zione Pietro Nenni, verrà inaugurata il 30 aprile all’Archivio cen- ci di volantini e scritte sui muri: povere e pericolose manifesta- le tendenze
trale dello Stato. La ricorrenza del primo maggio — che ora com- zioni di protesta che si intensificheranno negli anni di guerra.
pie centoventi anni — cominciava a diventare in quella fine Ot- Ufficialmente soppresso insomma ma mai dimenticato, il La second life dei grandi magazzini
tocento, un appuntamento radioso o una rituale emergenza. E primo maggio, dopo aver vissuto timidamente, clandestina- IRENE MARIA SCALISE
non soltanto in Italia. Già nel 1889, nel congresso della Seconda mente anche nei venti anni del fascismo, riesploderà subito do-
Internazionale a Parigi, quel giorno di primavera dell’anno suc- po la Liberazione, come una grande festa dei lavoratori, secon-
cessivo viene per dar vita ad una festa nella quale i lavoratori ma- do la tradizione che prevedeva il corteo, canti popolari, un alle- l’incontro
nifesteranno — fra scampagnate, balli e bicchierate — il propo- gro sventolio di bandiere, distribuzione di garofani rossi e, a
sito di lottare per la giornata di otto ore. conclusione, il comizio dei dirigenti sindacali. Veruschka, la mia infanzia nel lager
GIUSEPPE VIDETTI
(segue nelle pagine successive) (segue nelle pagine successive)
28 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 25 APRILE 2010

la copertina
Primo Maggio

NELLO AJELLO ne identica per l’atto di «zufolare».


Ma torniamo al primo maggio. Sono così prevedibili gli
(segue dalla copertina) arresti che la Questura di Roma s’impegna per tempo a tro-
vare una sistemazione ai detenuti. E fa un po’ di conti. «Con
ella risoluzione approvata al congresso si ri- sfollamenti da farsi in questi giorni potranno aversi nelle

N corda che una manifestazione di quel tipo è


stata fissata per il primo maggio 1890 dalla
American Federation of Labor in un raduno
tenutosi a St. Louis. La mitologia del primo
maggio era stata segnata, in partenza, da un
evento drammatico: proprio in quel giorno, nel 1886, in
una fabbrica di Chicago, durante un comizio di protesta
contro dei licenziamenti, la polizia aveva fatto quattro vit-
time tra gli operai. Ci fu poi l’arresto di alcuni sindacalisti
carceri circa 70 posti disponibili». Se non bastano, si potrà
«usufruire delle Terme». A Napoli i questurini individuano
le fogne come possibile quartier generale dei sovversivi. Es-
se saranno sorvegliate «a cura di quest’Ufficio». Nel docu-
mento si censiscono con minuzia le «imboccature» cloaci-
ne da vigilare.
Come la ricorrenza è diventata una consuetudine, così
cominciano ad esserlo le repressioni. Del tutto consono a
questo clima è il telegramma inviato dal pur risoluto presi-
anarchici. Quattro di loro vennero impiccati l’11 novem- dente del Consiglio Luigi Pelloux al prefetto di Roma in oc-
bre. Non a caso, in una delle abituali direttive del nostro mi- casione di un primo maggio fine secolo: «Lascio alla Signo-

Le piazze insanguinate
del “sol dell’avvenir”
nistero dell’Interno — via telegrafo, stavolta — si vietava- ria Vostra provvedere come meglio crede purché sia
no, oltre che la festa di maggio, «manifestazioni illegali» mantenuto divieto pubbliche manifestazioni».
eventualmente indette «per anniversario morte anar- Anche alcuni fenomeni di crescita sociale acuisco-
chici Chicago». no gli scontri di piazza. La statizzazione delle ferrovie,
In Italia, comunque, la miccia s’è accesa. La più ad esempio. Nel 1905, a Foggia, durante una manife-
cruenta fra le manifestazioni del primo maggio si ha a stazione contro le norme antisciopero contenute nel
Roma nel 1891: qui, dopo un comizio, la polizia uccide disegno di legge per il riordino del traffico, l’intervento
l’operaio Antonio Piscistrelli. L’anno successivo, a Mila- della polizia causa quattro morti. Il successivo primo
no, i lavoratori vengono dispersi con durezza. Incidenti si maggio sono vietate in città perfino le processioni reli-
susseguono a Napoli. A Roma, quartiere Testaccio, così gli giose.
operai accolgono i militari inviati a reprimerli — dei pove- Tanto rigore andrà attenuandosi con il diffondersi di
racci che gli somigliano: «Eccoli, sono i fratelli che vengono municipi a maggioranza socialista. Sembra sbiadire, co-
contro i fratelli!». sì, il tabù del primo maggio e della relativa giornata di scio-
La dialettica fra manifestanti e autorità straripa. S’intito- pero. Nel 1912 il prefetto di Roma informa la Direzione del-
la ritualmente Primo maggioun “numero unico” de Il Mu- la P. S. sulle iniziative indette in ciascun paese della pro-
ratore, edito a Milano il 20 aprile 1892. «Ora va, o Primo vincia per celebrarlo. «Albano Laziale raccoglierà al Muni-
Maggio», si legge nell’editoriale, «nei ciechi abituri dei cam- cipio gli alunni delle elementari. Ad Anzio repubblicani e
pi, dove si soffre e si dispera. Porta una speranza nelle po- socialisti terranno separatamente banchetto».
vere case del proletariato cittadino». Ma che cos’è il primo Con l’impresa di Libia e poi con la Grande guerra, l’ac-
maggio?, incalza un altro articolo. «È una rivolta, una sedi- cento dei proletari cade sull’antimilitarismo. Con i maschi
zione? No. È invece la pubblicazione solenne della volontà al fronte, cresce la forza-lavoro delle donne. Risveglio fem-
dei lavoratori...». minile, supplemento al Lavorodi Busto Arsizio per il primo
“Il Primo Maggio e gli operai” è il titolo che cam- maggio 1916, si apre con un “neretto” in cui si ricordano le
peggia sull’Unione, organo dei repubblicani di ore che le redattrici di fabbrica hanno «sottratto al sonno»
Catania. È un veemente attacco alla borghesia per compilare quel foglio. Ma poi si va più sul concreto. «Di-
firmato da Camillo Prampolini: «Badate», così sertate le officine!», si ordina alle lettrici. «Riaffermate la vo-
egli sfida i moderati, «voi siete pochi e noi siamo stra fede nell’Internazionale».
la moltitudine!». Sullo stesso foglio l’anarchico Nel dopoguerra, gli scontri di piazza assumono una va-
Amilcare Cipriani esorta i lavoratori a «unirsi e lenza particolare. A tre giorni dal primo maggio del 1920, il
combattere pacificamente fino a quando la pa- questore di Roma decide di vietare il corteo, ipotizzando
zienza lo permetterà». «incidenti incresciosi» ad opera di «elementi antibolscevi-
Simili avvertimenti scuotono i paladini dell’or- chi e nazionalisti». Si avverte un’eco di guerra civile. Non
dine. Analogo allarme suscitano le canzoni «sov- per nulla il documento prevede di mettere a guardia di Re-
versive». A cominciare da quella, destinata a di- gina Coeli cento militari muniti di mitragliatrice e di desti-
ventare celebre, che porta la firma dell’«Avvocato narne venti a presidio delle Mantellate, il carcere femmini-
Filippo Turati di Milano». Comincia così: «Su fra- le.
telli, su compagni / su, venite in fitta schiera. / Sul- Il primo maggio è ormai in coma. Porterà la data del 19
la libera bandiera / splende il sol dell’avvenir». Nel aprile 1923 il decreto, firmato dal re Vittorio Emanuele III e
sequestrare l’inno, le autorità di polizia avvertono da Mussolini, con il quale «è soppressa la festa di fatto del
che, «ove esso si canti in pubblico» si procederà «al- primo maggio». Più avanti si stabilisce che «tutte le pattui-
l’arresto dei colpevoli». zioni intervenute tra industriali ed operai per la giornata di
Tanta severità riflette, è ovvio, il costume del tem- vacanza dovranno essere applicate per il 21 aprile (Natale
po. Nella mostra romana figura un “Regolamento di Roma, ndr)».
delle Cartiere Meridionali” in cui si elencano le pene Tra i manifesti a suo tempo sequestrati e ora presenti nel-
inflitte agli addetti per ciascuna mancanza. «Allonta- la mostra, uno m’è parso eloquente nella sua malinconia.
narsi dal proprio posto per fumare o dormire» com- Raffigura il sole dell’avvenire con falce e martello. Porta
porta quindici giorni di sospensione. «Dormire in pie- scritto: «Il 21 aprile sia maledetto. È la festa degli assassini».
di»: due ore e mezza di lavoro supplementare; sanzio- © RIPRODUZIONE RISERVATA
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 29

Manifesti, verbali di questura, bandiere, vecchi giornali


I primi anni della festa del lavoro in Italia vengono
ripercorsi da venerdì prossimo a Roma in una mostra
all’Archivio centrale dello Stato. Una storia di conflitti
sociali e di speranze politiche che Mussolini cercò
di cancellare per decreto e che tornò con la Liberazione

E adesso è musica
per ragazzi e ragazze
MIRIAM MAFAI
(segue dalla copertina)

C
osì lo vivemmo a Roma subito dopo la Libera-
zione: gli edili, i disoccupati, i dipendenti pub-
blici, le donne, i giovani arrivati a frotte, a pie-
LA MOSTRA di, in bicicletta, sulle camionette, occuparono sven-
Documenti, bandiere, antichi giornali... tolando cartelli e bandiere e cantando, tutta piazza
Sono i materiali della mostra del Popolo. L’unità sindacale era di freschissima da-
sulla storia del Primo Maggio (in parte ta e furono tre gli oratori: Pastore per i democristia-
riprodotti in queste pagine e in copertina) ni, Buschi per i socialisti e Di Vittorio per i comunisti.
che si apre venerdì 30 aprile a Roma-Eur, E, a sorpresa, alla fine, venne data la parola anche a
nelle sale dell'Archivio centrale dello Stato una donna, Maddalena Secco, responsabile, se non
Ha curato l'esposizione Gianna Granati sbaglio, della Commissione femminile della Cgil.
Tamburrano per la Fondazione Nenni, La grande festa del primo maggio — questa folla di
in collaborazione con l'Archivio centrale, operai e contadini felici — ispirò in quegli anni anche
le Fondazioni Di Vittorio e Buozzi poeti e pittori. Ricordo certi quadri pieni di bandiere
e l'Istituto di studi sindacali. Manifesti rosse; uno, in particolare, intitolato proprio Primo
e volantini, spiega la curatrice, facevano Maggio che Armando Pizzinato espose alla prima
parte dei reperti requisiti dalla polizia Biennale di Venezia dopo la Liberazione e che venne
Le bandiere rientrano nel bottino acquistato, con nostro stupore, dall’americana
conquistato dai fascisti nelle loro Peggy Guggenheim, e che da allora fa parte della sua
“spedizioni punitive”. L’arco temporale collezione.
va dagli esordi nel 1890 al 1923, La festa del lavoro ebbe, negli anni delle grandi lot-
quando la festa fu soppressa, te per la riforma agraria, anche le sue vittime. Il pri-
in Italia, con apposito decreto mo maggio del 1947 una folla di contadini, con le lo-
ro bandiere, le donne e i bambini, arrivarono a Por-
tella della Ginestra per celebrare la festa e chiedere la
riforma in Sicilia. All’improvviso fu la sparatoria, che
lascerà a terra quattordici vittime, di cui tre bambini.
Tre anni dopo in Abruzzo, a Celano, una folla di brac-
cianti era riunita in piazza il 30 aprile per festeggiare
una prima vittoria contro il principe Torlonia e pre-
parare la manifestazione del giorno dopo all’insegna
della richiesta della riforma agraria per il territorio
del Fucino. Ma qualcuno spara, e restano a terra due
braccianti. Non sarà una festa, quel primo maggio a
Celano, ma una celebrazione delle vittime.
Nel corso degli anni e delle generazioni il primo
maggio conserverà il suo carattere di festa e insieme
di lotta: per l’occupazione, per il salario, per le rifor-
me, segnando così le tappe della crescita, delle vitto-
rie o delle sconfitte del movimento sindacale. Ricor-
do, sul finire degli anni Sessanta e poi nel corso degli
anni Settanta le prime celebrazioni unitarie, l’emo-
zione provata vedendo sul palco, insieme, i dirigen-
ti delle tre organizzazioni sindacali, Cgil, Cisl, Uil, e
nella piazza sventolare, insieme, le loro bandiere. E
dopo gli anni feroci del terrorismo, indimenticabile
fu a Roma il primo maggio del 1981: una felice festa
popolare, grazie alla fantasia e alla iniziativa di Re-
nato Nicolini, assessore alla Cultura della giunta Pe-
troselli. Per l’intera giornata la città venne liberata
dal traffico, mentre su Villa Borghese, occupata da
una folla immensa di bambini e mamme, si alzarono
per tutta la giornata le mongolfiere, e alla sera i fuo-
chi d’artificio.
Poi, anche il primo maggio, o meglio la celebra-
zione del primo maggio è cambiata. Conobbe nuove
divisioni, negli anni del cosiddetto “decreto di San
Valentino”, e poi di nuovo la faticosa ricerca dell’u-
nità. Oggi si celebra dovunque, in modo unitario, co-
me una grande festa musicale che a Roma riempie di
giovani e ragazze piazza San Giovanni. Quest’anno è
affidata per la prima volta a una donna, Sabrina Im-
pacciatore. Un segno, anche questo, di felice cam-
biamento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
30 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 25 APRILE 2010

l’attualità
Utopie verdi
In omaggio a Stevenson fu costruita in mezzo alla baia di San Francisco
negli anni Quaranta. Prima accolse l’expo, poi divenne base militare, set
cinematografico e infine è stata messa in vendita. Ora il covo del pirata Long
John Silver diventa il più avanzato esperimento di Green Economy al mondo

1. Cityside Waterfront Park


6 Passeggiata e colpo
d’occhio sull’oceano

2. The Wilds
Area di studio
2 3 sull’habitat naturale

3. Sports Park
Centro sportivo
e campi da gioco attrezzati

4. Urban Agricultural Park


4 Allevamento
e coltivazioni biologiche

5. School Open Space


5 Una scuola nel verde
a impatto zero

6. Shoreline Park
L’isola è circondata
da lungomare e approdi

2010, ritorno
sull’isola del tesoro
FEDERICO RAMPINI legata a una crisi: la Grande depressione degli anni Tempi moderni di Charlie Chaplin. È costruita Dopo Pearl Harbor, con lo scoppio della Secon-
Trenta. Quando Franklin Delano Roosevelt lancia il usando terra di riporto, infilata sotto il Bay Bridge da guerra mondiale è la U. S. Navy a insediarsi nel-
New Deal, e un’audace politica di lavori pubblici che collega San Francisco all’altra sponda della l’isola. La Treasure Island Naval Base diventa un

D
SAN FRANCISCO
per risollevare l’America dal disastro economico, baia, a Berkeley e Oakland. La prima funzione del- centro di comunicazioni radio-elet-
i corsari veri Robert Louis Stevenson San Francisco raccoglie la sfida con entusiasmo. La l’isola artificiale è di accogliere la Golden Gate In- troniche puntato verso il Pacifico e
in vita sua non ne incontrò mai. fisionomia della città cambia di colpo, trasfigurata ternational Exposition. Nel 1939 San Francisco con una scuola di addestramento per gli
Quando nasce lui, nel 1850 a Edim- da opere pubbliche monumentali. È in quell’epoca quella expo vuole mettere in mostra proprio le sue operatori dei radar. Ci lavorano gli in-
burgo, l’epoca leggendaria della pi- che per dare lavoro a masse di disoccupati si edifi- grandi opere, una vetrina tecnologica e politica del diani Navajos, il cui idioma viene
rateria, degli assalti in mare ai galeoni carichi d’oro, cano infrastrutture avveniristiche come il Golden New Deal progressista. Finita l’expo, Treasure usato come linguaggio segreto per le
è tramontata da un secolo. Da ragazzo la sua fanta- Gate Bridge, autostrade, dighe, edifici che mescola- Island si scopre una seconda vocazione: diventa un comunicazioni cifrate. È anche una
sia avida deve accontentarsi di fonti libresche: i ro- no lo stile liberty con influenze spagnolesche o fran- aeroporto per idrovolanti, nell’epoca in cui quei ve- base di partenza per le navi militari
manzi di cappa e spada di Walter Scott, i paesaggi cesi: la Coit Tower, il grattacielo-castello Mark livoli sembrano avere un futuro brillante. Vi fa sca- verso l’Asia. E ben presto un punto di
tropicali di Daniel Defoe, i racconti di Edgar Allan Hopkins. E due isole: Yerba Buena e Treasure lo nei suoi voli di linea il mitico China Clipper della ritorno per le salme dei marinai ca-
Poe, i resoconti storici sulle gesta di Sir Francis Island. Quest’ultima nasce nel 1936, l’anno del film Pan American. duti nella grandi battaglie del Pacifi-
Drake, il grande predatore al servizio di Elisabetta I co. Dopo la guerra la U. S. Navy si tie-
d’Inghilterra. Solo quando l’attrazione fatale per ne l’isola ma il suo ruolo strategico declina. Resta
una donna lo strappa alla Scozia e lo trascina fino in potente invece l’attrazione di quel nome, una pro-
California, il mondo dei suoi sogni giovanili incro- messa. Grazie al fascino di Stevenson le major di
cia le tracce di storie vere. Accade nel 1879: inse- Hollwyood diventano ospiti frequenti. Gli hangar
guendo un’americana di cui è innamorato, Fanny aeronautici in disuso sono ideali come studios ci-
Osbourne, Stevenson sbarca a San Francisco. Città nematografici. Nel 1988 Steven Spielberg la trasfor-
di frontiera, avamposto sul Pacifico, San Francisco ma in una replica dell’aeroporto di Berlino per In-
a quei tempi viene ancora chiamata la Barbary Coa- diana Jones e l’ultima crociata. Tra le dozzine di film
st. È un porto impregnato di ricordi di bucanieri e girati lì ci sono il thriller Copycat con Sigourney
avventurieri, banditi e prostitute, cercatori di pepi- Weaver, un remake degli Ammutinati del Caine,
te sulla Sierra Nevada e Robber Barons, gli affaristi Matrix.
arricchiti con la febbre dell’oro e la costruzione del- Ma gli affitti versati alla U. S. Navy dal cinema non
la prima ferrovia intercontinentale. bastano. Con i tagli di bilancio la marina militare
È in quegli anni che l’immaginazione di Steven- inaugura le dismissioni. L’isola del tesoro è in ven-
son comincia ad accumulare il materiale narrativo dita. Ma chi può volere quel pezzo di terra così glo-
de L’isola del tesoro (1883), il suo romanzo più riu- rioso e così scomodo? Nell’era dell’automobile, il
scito, la più celebre storia di pirati mai narrata. Ci boom immobiliare di San Francisco non contagia
mette dentro i paesaggi aspri e selvatici del suo viag- l’isoletta: è collegata alla terraferma da un solo pon-
gio di nozze nella Napa Valley e a Mount Helena (de- te, perennemente intasato. Ha una vista stupenda
scritto anche in Silverado). Da San Francisco, met- su San Francisco e tutta la baia, un panorama da
tendo a dura prova la sua fragile salute, parte sullo
yacht Casco in una traversata del Pacifico alla sco-
perta delle isole più esotiche: Tahiti, le Samoa, le
Hawaii dove fa amicizia con il re Kalakaua.
È in omaggio a Stevenson che quarant’anni do-
po la sua morte la città di San Francisco decise di co-
struire davvero una Treasure Island: nel bel mezzo
della sua baia, in quel braccio di mare solcato da na-
vi che fanno la spola con l’Estremo Oriente. Ed è
quell’isola del tesoro che oggi, dopo strane vicissi-
tudini e anni di abbandono, sta per rinascere a nuo-
va vita. L’hanno scelta come il laboratorio di un
esperimento urbanistico eccezionale. Una terra
dell’Utopia, una città del futuro, progettata per vi-
vere in armonia con la natura: niente auto, niente ri-
fiuti, zero inquinamento, consumi d’acqua e di
energia ridotti ai minimi termini. Un’idea nata dal-
l’incontro di due emergenze, la recessione e la crisi
ambientale.
La prima nascita di Treasure Island è anch’essa
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 31

GOLDEN GATE
Due cartoline del ’37 e ’38 di Treasure Island durante
l’Esposizione universale nella baia di San Francisco;
in basso, l’isola come sarà e il pirata Long John Silver
in un’edizione del ’37 del libro di Stevenson
Il progetto

Orientamento Energia certificata


intelligente degli edifici a basso impatto

ILLUSTRAZ
IONE CORB
IS

Impianto Illuminazione
di ventilazione naturale efficiente

Vetri perfettamente Pavimenti grezzi


isolanti di colori chiari

0
01
-2
00
20
©
O
SC
CI
AN
FR
S AN
OF
TY
UN
D CO
AN

l’ecosistema CI
TY

Impianti di ventilazione Percorsi pedonali


sotterranei ombreggiati

Idem con il ciclo dei rifiuti solidi. L’obiettivo finale: biamento climatico. Google e l’agenzia per l’am-
l’indipendenza totale dalla terraferma. Treasure biente nelle simulazioni del software satellitare Cal.
Island deve diventare autosufficiente, non chie- Adapt calcolano che per l’effetto serra e l’innalza-
Il frassino americano derà risorse ai dirimpettai di San Francisco. Perfino mento degli oceani Treasure Island è uno dei primi
dal punto di vista alimentare: sull’isola sorgerà una terreni che rischiano di finire sommersi. Nell’inau-
fattoria agrobiologica. Al bando le automobili, tan- gurare il piano Arnold Schwarzenegger, governato-
to i negozi non disteranno più di dieci minuti a pie- re della California, è venuto su Treasure Island e ha
di. I trasporti pubblici saranno affidati soprattutto detto: «Tra cent’anni questo posto da cui vi parlo
ai traghetti, che non soffrono gli ingorghi del ponte. potrebbe essere sott’acqua. Questa è la battaglia
Per scoraggiare i più pigri e il turismo inquinante, ci che la scienza e la tecnologia del Ventunesimo se-
sarà un pedaggio d’accesso. colo devono riuscire a vincere». Il tesoro da salvare,
Il progetto è già premiato dall’American Institu- quello che il pirata Long John Silver indica con la
te of Architects e dalla Clinton Climate Initiative. La croce sulla mappa segreta, è proprio qui.
sfida più seria da vincere sarà proprio contro il cam- © RIPRODUZIONE RISERVATA

cartolina. È un delizioso ritrovo per innamorati, un


luogo magico nelle sere di luna piena, un belvedere L’ulivo europeo
tranquillo per appartarsi nell’intimità a osservare la
skyline dei grattacieli che s’illuminano là di fronte.
Andarci a vivere non attira.
Poi arriva l’ultima crisi. E con Obama il New Deal
si chiama Green Economy. San Francisco come tut-
ta la California è in bancarotta, ma i fondi federali
ILLUSTRAZIONE MARY EVANS PICTURE

non mancano per chi ha idee innovative nella dife-


sa dell’ambiente. Si fa avanti la Lennar Corporation,
colosso della pianificazione urbanistica. Nasce il
Treasure Island Development, un grandioso pro-
getto per ridare vita all’isola di Stevenson come La ghianda di leccio
quartiere residenziale. Dovrà accogliere ventiquat-
tromila abitanti, di cui il trenta per cento in case ri-
servate a famiglie con bassi redditi. Tutta l’energia
sarà generata da centrali eoliche e solari, ogni edifi-
cio avrà i suoi pannelli fotovoltaici e le sue turbine a
vento. Un impianto per il trattamento idrico punta
a riciclare fino al cento per cento delle acque usate.

La ghiandaia azzurra
STRADE E VIE
Ogni strada
di Treasure
Island prevede
corsie
per biciclette,
pedoni e mezzi
pubblici

Il grande airone blu


32 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 25 APRILE 2010

CULTURA*
Corpi maschili che lottano,
si torcono, si sfiorano
Questo mostrano le dozzine
di provini fotografici realizzati
da uno sconosciuto per il grande
pittore irlandese. È la scoperta
di un teatro privato, di ossessioni
divenute inquiete opere d’arte

Eros
L’

brutale
BARBARA BRIGANTI
Bacon
di

S
ono state una delle maggiori attrazioni alla Fiera europea dell’ar-
te di Maastricht del mese scorso: grandi fogli di carta, esposti nel-
lo stand del gallerista Michael Hoppen, sui quali sono fissati, in se-
quenze compatte, dozzine di provini fotografici in bianco e nero,
misura sei per sei. Le immagini rappresentano due uomini che
lottano in una stanza spoglia, segnata dalle linee rette di impianti
e tubature, su un tappeto un po’ sporco e sotto una luce troppo
forte. Due masse di carne, non molto giovani e neppure tanto in
forma. Due dilettanti apparentemente, quasi nudi, indossano so-
© MICHAEL HOPPEN GALLERY, LONDON

lo uno slip e un cappuccio di gomma piuttosto ridicolo che li fa


sembrare apparecchiati per un’operazione chirurgica, o pronti
per un bagno in una piscina pubblica. Le facce, quando si intra-
vedono, sono rozze, tipi da angiporto si sarebbe detto un tempo.
Sono i protagonisti di un piccolo teatro privato, uno degli spet-
tacoli che metteva in scena il pittore Francis Bacon, in parte per la-
voro e soprattutto per il proprio piacere. In quanto uomo e artista,
Bacon era un crogiolo di contrasti estremi, al contempo mite e vio-
lento, autodidatta e grandissimo pittore, distruttore e creatore. Si-
mile ad una temibile e minacciosa divinità orientale, mortifera e per l’appunto solo i provini. Sono immagini molto diverse l’una
potente, distrusse se stesso ed i suoi fedeli. Forse l’unica cosa su dall’altra, talvolta i lottatori sembrano, con ironia quasi scherzo-
cui tutti concordano è che sesso e violenza sono indissociabili dal- sa, inchiodati in pose artefatte più che colti da un’istantanea nel
la vita e dall’opera di Bacon. Droga, alcol, gioco d’azzardo, bruta- corso di un incontro reale. In alcune foto invece i due corpi si av-
lità hanno punteggiato la sua esistenza, segnata dall’attrazione fa- vinghiano con brutale violenza, si rivoltano in aria, con braccia e
tale per uomini apparentemente duri, in realtà fragilissimi e vitti- gambe scomposte nel volo che precede l’atterramento. Corpi di-
me di pulsioni suicide, che non riuscirono a sopravvivere al con- sfatti, anzi già quasi carcasse, gettati a terra esausti in una scatola
tatto con il mondo baconiano. Uomini che andava cercando nei spaziale spoglia, rigida e sovraesposta. Forse perché già così ri-
bassifondi londinesi, esseri semplici, grossolani, brutali, non cer- cordano uno dei suoi quadri, si ha la sensazione che dietro all’ob-
to gli asessuati modelli che lavoravano nelle accademie. I suoi biettivo ci sia stata una regia, ovviamente affidata allo stesso Ba-
amici e i soggetti delle sue tele erano scaricatori di porto, operai, con, che suggeriva ad ogni scatto posizioni, sfioramenti, prese.
boxeurs dilettanti, anime di un mondo scuro e angosciante a cui I provini sono montati su enormi fogli di carta che misurano an-
il pittore faceva talvolta recitare scene di violenza. In effetti spes- che due metri per un metro e mezzo. Bacon li voleva così, in mo-
so queste scene non erano affatto recitate, ma drammaticamen- do da poterli guardare comodamente mentre dipingeva. Portano
te reali e per lui indispensabili, dato che anche dalla violenza na- infatti i segni dell’intervento del pittore: tratti di pennarello, can-
sceva la sua creatività. cellature, evidenziature. Si sa che egli lavorava molto con le foto.
Durante una di queste sedute di studio e di voyeurismo eroti- Nell’indescrivibile caos del suo studio, la spessa coltre di materia-
co, avvenuta probabilmente nel corso di un viaggio a New York o le, spazzatura e carta che copriva il pavimento, era composta in
a Parigi nei primi anni Settanta, Bacon fece eseguire, da un foto- gran parte di foto. Immagini strappate da libri e riviste, istantanee,
grafo rimasto ignoto, questa serie di scatti, della quale rimangono ritratti. Tutte tagliuzzate, accartocciate, scarabocchiate e calpe-
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 33

state, in modo, come spiegava lui stesso, da rivelare grazie a que- Esibizionista ed introverso, timido e oltraggiosamente trucca-
sti segni aspetti nuovi ed inattesi. Le foto gli servivano per dipin- to, aristocratico e morbosamente attratto dalla plebe, Bacon nel-
gere, non perché le copiasse, ma perché lo aiutavano ad ap- le sue infinite sfaccettature non è sfuggito alla passione dei critici
profondire i risvolti morfologici di facce e movimenti. La pittura e degli storici dell’arte per gli abbinamenti funambolici e gli acco-
nasceva dopo, quasi in trance, anzi molto spesso in trance etilica. stamenti evocativi. Questi colti esercizi dovrebbero tentare di sti-
Le mosse e gli atteggiamenti dei lottatori di New York si ritrova- lare una genealogia nobile, una discendenza lineare e servire a de-
no forse in uno dei trittici che Bacon dipinse nel ‘76, posteriore di finire una nicchia logica in cui oggi, a quasi vent’anni dalla morte,
qualche anno, ma ancora sotto lo shock subito dopo il suicidio di riporre e catalogare con cura la sua opera. Via via è stato conside-
George Dyer. Dyer fu il secondo dei compagni della sua vita che, rato come “poète maudit”, osservatore delle estreme torsioni ero-
PROVA D’AUTORE
alla vigilia di una consacrazione ufficiale del pittore, si uccise. Da In queste pagine gli scatti serviti tiche che un corpo maschile può assumere, pittore della soffe-
quel momento la pittura di Bacon fu ancora più permeata del tra- da modello per Francis Bacon renza, del dolore, della violenza. È stato accostato a Michelange-
gico senso della morte e dell’abbandono. Forse nelle immagini (Unique vintage contact sheet lo, a Caravaggio, a Munch, agli espressionisti nordici, ai manieri-
del groviglio di corpi atterrati e avvinghiati rivide qualcosa di per- of wrestlers from the Francis sti toscani. Ma forse Bacon è stato prima di tutto e sopra qualsiasi
verso e di evocativo del disordine e del cedimento insiti in una Bacon studio C. 1975) altra cosa, con grande e sofferta semplicità, il pittore dell’espres-
morte violenta. e, a destra particolari di Triptych sione e del movimento espressivo, cristallizzato in un attimo an-
I grandi fogli dei provini con altri oggetti e ricordi finirono, do- August 1972 e, al centro goscioso che non si sa se definire paralisi o deformazione da in-
po la morte di Bacon, in mano a tal Robertson, elettricista ed ami- di Three Studies of Figure naturale accelerazione. Un linguaggio che fu solo suo, che non ha
co del pittore. Questi, nel corso degli anni, ha messo in vendita la on Beds, 1972, del pittore possibili riferimenti, e che, in piccola parte, è anche dovuto all’u-
personale collezione. È così che il mese scorso i lottatori sono ar- irlandese; a sinistra, Bacon so sapiente e raffinatissimo che egli seppe fare della fotografia.
rivati alla fiera di Maastricht. © RIPRODUZIONE RISERVATA
34 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 25 APRILE 2010

Da “La famiglia Addams” a “Lost”, passando per le relazioni


SPETTACOLI pericolose di “Dallas” o per la nuova rivoluzione sessuale guidata
dalle eroine di “Sex and the City”. In quarant’anni, il genere
della serie non ha mai conosciuto crisi. Adesso, un’opera in quattro volumi
cataloga i telefilm cult, mettendo in fila i protagonisti di oggi e raccontando
che fine hanno fatto quelli di ieri. E non per tutti si tratta di un happy end

olo a svelare i retroscena della meglio di saper rinnovare il proprio lin-

S Famiglia Addams, quella degli


anni Sessanta, ogni certezza
viene meno. Scopriamo così
che le cinque dita di Mano —
tanto per ottimizzare le risorse
— appartenevano allo stesso attore inter-
prete del maggiordomo Lurch (Ted Cas-
sidy, cestista mancato: due metri e sei).
Che il pelosissimo e squittente cugino Itt
guaggio. Ieri indagava il tenente Colombo,
oggi quelli di CSI. Una volta operava il dot-
tor Kildare (Richard Chamberlain, non
ancora Padre Ralph), adesso, con tutte le
differenze del caso, il dottor House. In-
somma, se il varietà è morto, la serie tv è vi-
va e lotta insieme a noi. Conquista lo spet-
tatore, lo affeziona, lo tiene ancora in
ostaggio sul divano. E poi lo lascia orfano.
era — ed è — italiano: Felix Silla, nato a Ro- Senza pietà. Come si può assistere impas-
ma, ma emigrato negli Stati Uniti per di- sibili alla scena dei sei amici di Friendsche,
ventare acrobata del circo Barnum. Che la nell’ultima puntata, spengono per sem-
piccola Mercoledì (Lisa Loring), uscita pre le luci del loro appartamento newyor-
dagli studi tv, ha imboccato il tunnel della chese? Va bene, due di loro sono ancora in
tossicodipendenza. E che Pugsley (Ken pista: Jennifer Aniston, ex signora Brad
Weatherwax) è cresciuto anche lui: già ar- Pitt, è una reginetta della commedia scac-
ruolatosi nell’esercito, adesso, a cinquan- ciapensieri. E Courteney Cox una cougar
tacinque anni, lavora di nuovo nelle pro- (donna quarantenne mangiatrice di gio-
duzioni, ma come tecnico delle luci. vani uomini) in un nuovo telefilm di suc-
A sfogliare le pagine di Serialmania, il cesso. Ma tutti, diciamo la verità, le prefe-
cofanetto di quattro libri dedicati ai tele- rivamo come Rachel e Monica.
film cult che Sagoma editore manda ora in Negli ultimi vent’anni, le serie america-
libreria, si rischia di incappare in brutte ne rappresentano il più grande laborato-
sorprese. È un po’ come ritrovare vecchi rio di idee della nuova narrativa occiden-
amici su Facebook: non sai mai quanto tale, lo dicono anche i francesi (vedere
siano cambiati nel frattempo. Raccolti co- L’Art des séries télédi Vincent Colonna, ap-
me in un album di figurine, ci sono i volti pena pubblicato Oltralpe da Payot). Per-
dei protagonisti di ieri e di oggi, ma anche ché osano dove il cinema di Hollywood,
le notizie sugli ultimi avvistamenti dei no- schiavo del botteghino, preferisce fer-
stri eroi. E di super poteri nemmeno l’om- marsi. Partendo da un cadavere, Twin
bra: alcuni, smessi i panni del personag- Peaks, con il suo inquietante e morboso
gio di turno, hanno finito per frequentare immaginario, ha segnato nel 1990 un
più i commissariati, della realtà, che il set. punto di non ritorno, proponendosi co-
Perché, per un George Clooney che sfon- me un prodotto prima impensabile per le
da a Hollywood grazie al camice televisi- quattro mura domestiche. E, sempre ri-
vo (quello di E. R.), ce ne sono cento rima- manendo a casa di David Lynch, pochi ri-
sti fermi al palo, dentro l’ingombrante co- cordano che anche il suo film più rivolu-
stume del loro alter ego. zionario, Mulholland Drive, nasceva co-
Prendete Arnold. Quello vero, l’attore me episodio pilota di un progetto di serie
Gary Coleman, ha combinato più guai che mai andato in porto.
nella sitcom degli anni Ottanta. Riferendo Oggi il mondo si divide tra gli amanti di
appena le cronache dei mesi scorsi: è en- Lost e quelli ancora in lutto per la chiusu-
trato e uscito dal carcere per aver tentato ra dei Soprano. I primi hanno già compra-
di investire un tizio in un parcheggio e per to i pop corn e i fazzoletti per assistere, il
presunte violenze domestiche. Ha divor- 23 maggio prossimo, alla fine della saga
ziato in diretta tv ed è stato allontanato da sulla Abc. E chissà se davvero i segreti del-
un talk show per essersi lasciato andare a
un insulto di troppo. Altro che: «Che cavo-
lo stai dicendo, Willis?». Sul cast della Fa-
miglia Bradford,poi, è meglio stendere un
velo pietoso.
E lo spettatore tv finì l’unica isola in grado di rivaleggiare con
quella dei reality — in termini di share —
saranno svelati una volta per tutte. Ma il
vero mistero, per Lost come per tutte le al-
tre serie, comincia sempre dopo la fine.

inchiodato alla poltrona


Ma al di là degli esiti fortunati o meno Cosa resterà di questi telefilm cult degli
delle singole carriere delle star, Serialma- anni Zero? Quando la polvere si sarà de-
nia racconta che siamo “tutti pazzi per le positata sui loro Emmy, Golden Globe e su
serie”. E pazienza se, detta così, sembra tutti i premi televisivi terrestri, i loro pro-
quasi il titolo di un successo italiano di tagonisti avranno intrapreso la strada di
questi giorni: Tutti pazzi per amore. Non Clooney o quella di Arnold?
c’è genere televisivo che abbia dimostrato DARIO PAPPALARDO © RIPRODUZIONE RISERVATA
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 35

STAR TREK
Il capitano Kirk e Spock,
vulcaniano dalle orecchie a punta,
sono i protagonisti del telefilm
fantascientifico più longevo
(l’esordio è del 1966)
che ha generato spin-off e film

LA FAMIGLIA ADDAMS HAPPY DAYS


Comici e funerei, gli Addams L’impomatato Fonzie
(Gomez, Morticia, lo zio Fester (con giubbotto di pelle nera) COLOMBO
e gli altri) nascono a fumetti e i suoi amici hanno portato Peter Falk è stato per oltre
sul New Yorker, poi arrivano in tv la nostalgia per gli anni trent’anni, dal 1968 al 2003,
in tv dal 1964 al ’66, Cinquanta. La serie è stata il più sciatto e arguto tenente
ma le repliche sono infinite prodotta dal 1974 al 1984 di Los Angeles. Sua moglie,
seppur citata in ogni singolo
episodio, non compare mai

A pranzo non ci sono per nessuno


tranne che per “Beautiful”
NATALIA ASPESI
ei tempi in cui si era radical chic e non ancora additati al pubblico lu-

N dibrio, solo a sentire nominare Dallas si veniva assaliti da brividi di


orrore. Ci fu poi un pentimento generale, perché si capì troppo tardi
di aver perso gli albori di un genere aculturale di per sé demente, ma di gran-
de soddisfazione viscerale. Dieci anni dopo arrivò alla televisione italiana
Beautiful. Si era molto meno radicali, e chic non era più nessuno; però an-
che questa volta i duri e puri (anzi le dure e pure) evitarono superbe di
confondersi con l’umanità che ogni giorno aspettava il suo momento di
esaltante nonsense. Cominciò nel 1990, tra i sei milioni di subitanei e acca-
niti fan c’era pure l’allora presidente della Repubblica Cossiga. Meno sve-
glia di lui, precipitai nella guerra tra le famiglie Logan e Forrester per puro
caso solo qualche anno dopo, e fu un rovinoso incantamento: a tutt’oggi,
massimo teatro dell’assurdo, con i protagonisti diventati rugosissimi e sem-
pre sulle soglie dell’incesto plurimo, non accetto mai una di quelle nefaste
I LIBRI “colazioni di lavoro” (o anche d’altro) per non perdere Ridge che ormai tut-
Serialmania è un cofanetto to tinto, vaga da vent’anni tra Brooke e Taylor e noi mai sazie di tanta dop-
in quattro volumi (Sagoma pia fedeltà (o infedeltà, che è lo stesso).
Editore, a cura di Carlo Amatetti, Beautiful è un reperto archeologico di un mezzo, la televisione, che ha
512 pagine, 33 euro) con schede spostato l’irrazionale e la psicopatia (anche sexualis, vedi il vecchio eroto-
e retroscena delle serie tv mane Krafft-Ebing) da questo ipnotico interminabile racconto ai talk show
dagli anni Sessanta a oggi sociopolitici e ai reality show. I quali sono responsabili del ritorno dall’Ade
dei radical chic dediti ormai al solo video, che ricommettono gli stessi erro-
ri di sempre rinunciando alla funzione principe della nostra televisione, che E.R.
è quella di confondere, distrarre, appiattire, sedare, rincitrullire: infatti non Il pronto soccorso di Chicago
I DVD hanno mai visto le isole dei famosi e neppure i pacchi, e da un po’ hanno creato da Michael Crichton
Ogni settimana con Repubblica smesso di vedere, dopo averli accanitamente seguiti, gli annozero e i ballarò è stato aperto dal 1994 al 2009,
e L’espresso in sei dvd la serie e i loro parenti, perché l’Italia e gli italiani orribili su cui gli ospiti spesso in- per 331 episodi. Nelle sue corsie
Romanzo Criminale sulla banda guardabili si accapigliano alla fine sono quelli che piacciono di più, tanto da sono passati in tanti,
della Magliana. Il terzo dvd non volerli affatto cancellare. E per chi invece li butterebbe giù da un grat- il più amato resta però il dottor
(con il quinto e il sesto episodio) tacielo, è ormai chiaro che è solo perdita di tempo e cattivo umore. Douglas Ross interpretato
è in edicola a 6,90 euro in più Quindi, viva le fiction, le miniserie, i telefilm, le soap-opera (la furba Sky da George Clooney, diventato
ha nuovi canali retrò e lady, dove si riscoprono antichità tipo I Jeffersone Mi- più famoso del suo personaggio
lagros). Ce ne è per tutti i gusti dell’opposizione clandestina ai minzolinismi,
che alternano leccate governative alla cronaca nera, con l’eterno carabinie-
re che gira di telegiornale in telegiornale, inginocchiato, a mostrare con la
mano guantata lo schizzo di cervello dell’assassinato. E per esempio, sem-
pre a causa del mio radicalismo scicchettoso, evito i padri pii e le com- SEX AND THE CITY
messe, cioè non vedo i prodotti italiani, soprattutto a causa degli inter- Ossessionate dalle scarpe
preti che sbagliano i toni di voce e parlano troppo in fretta per la mia ri- e dagli uomini, a cui tengono
posante sordità; non vedo i serial americani sul crimine per noia ver- testa, Carrie, Miranda, Charlotte
so gli agenti con le pistole puntate nascosti dietro l’angolo, né vedo e Samantha hanno incarnato
quelli ospedalieri, dove non mancano ad ogni puntata gli infermieri quattro modi diversi di essere
in verde che spingono correndo la barella con l’infortunato in fin di donna a New York, all’inizio
vita che si salverà. Per un po’ mi ero innamorata del dottor House, del- I SOPRANO del terzo millennio (1998-2004)
la sua bruttezza dolorosa e del suo passato di seduttore di signore in Raggiungere il successo
gran carriera (avvocata, direttrice ospedaliera); poi tutte quelle ma- con una serie comica
lattie rarissime hanno perso ogni appeal per me. che ha per protagonista
Per caso sono cascata su Mad Men e le tre magnifiche serie di tredici un boss mafioso italo-
(mi pare) puntate l’una, mi hanno convinto che il solo prodotto giusto americano? Il produttore
per la televisione è la fiction, quando è scritta benissimo, con e sceneggiatore David Chase
attori magnifici, collocata perfettamente in un’epoca, ha dimostrato che è possibile
scene e costumi accurati, priva di buonismi, di mo- È nato così Tony Soprano,
ralismi, di paure, stretta in quei cinquanta minu- interpretato da James
ti (anche raddoppiati) che la rendono meno Gandolfini dal 1999 al 2007
ostica di un film ritrasmesso sul video. Affe-
zionata alla sgangherata Ugly Betty, imma-
linconita per la fine prematura di Dirty Sexy
Money causa pubblico scarso, mai persa
una puntata di Desperate Housewives, l’i-
nimitabile capolavoro televisivo (non
quello cinematografico, una frana) resta
Sex and the City per intelligenza, realismo,
sfacciataggine, bei vestiti, vibratori e tutto
il resto. Lo continuano a ridare, e non si
smette mai di rivederlo, come un tempo si fa-
IL MIO AMICO ARNOLD
“Che cavolo stai dicendo, ceva con Il tenente Colombo che però ormai
Willis?”, è il tormentone ha superato il limite umano della trentesima
della serie con gli afro-americani replica, ed è impossibile reggerlo se non affetti da
Arnold e Willis, adottati smemoratezza senile. LOST
Scartati quindi i telegiornali, i talk show, i reality, i Un gruppo di sopravvissuti
dal bianco signor Drummond
film, i documentari, le escursioni storiche, i cuochi, i viag- a un disastro aereo si ritrova
Prodotta dal 1978 al 1986
gi esotici, la vita sessuale delle coccinelle, la caduta di Pompei, i ra- a vivere su un’isola
ri momenti all’alba dedicati all’opera, al teatro, alla musica classica, ai ma- misteriosa. Detta così,
tematici e agli astronomi, l’unica cosa che si può ancora chiedere alla tele- sembra semplice. Ma, nata
DALLAS visione è la fiction, se possibile il meglio della fiction. C’è un però: chi per va- nel 2004, è diventata la serie
Madre di tutti i feuilleton tv, rie ragioni si trova ad essere senza televisione per qualche giorno si accorge più innovativa degli ultimi
la saga dei petrolieri Ewing che, fiction o non fiction, si sta benissimo senza. Così velocemente disin- anni, ispirando saggi
va avanti per 357 episodi, dal 1978 tossicati, è tutta un’altra vita, non più claustrofobica, aperta al mondo e al- che ne analizzano i piani
al 1991. Nel mezzo, sparano a J.R., la realtà. narrativi paralleli e i sottintesi
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Bobby muore e poi resuscita filosofici. Il 23 maggio l’ultima
uscendo dalla doccia puntata negli Usa
36 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 25 APRILE 2010

i sapori Sono le papille che abitano la parte posteriore della lingua


Riscoperte a registrarlo e a spedire al cervello l’allarme-veleno:
un meccanismo ancestrale che ci difende dal cianuro
presente in oltre 2.500 piante e insetti. Ma ora il gusto
messo all’angolo dall’egemonia del dolce e del salato
sta passando una fase di grande rivincita gastronomica

itinerari
Il trevigiano Daniele Canzian è il giovane capo chef
de “Il Marchesino”, il locale milanese di Gualtiero Marchesi
Tra i piatti più golosi del menù, la zuppa di fragole,
gratin al limone e sorbetto al rabarbaro

Trieste Rodi Garganico (Fg) Rossano (Cs)


I torrefattori più esperti della città Rispetto per la terra, clima ideale La liquirizia, l’oro nero della Calabria
frequentano i magazzini del porto per la frutticultura: gli agrumi hanno trova in queste campagne
per scovare i carichi di caffè dagli aromi buccia sottile e polpa croccante, la sua terra d’elezione, anche grazie
amaricanti e setosi, in arrivo come quella del profumato al marchio che porta
da piccoli produttori arancio amaro il nome del suo primo mentore italiano

DOVE DORMIRE DOVE DORMIRE DOVE DORMIRE


RESIDENZA LE 6 A VILLA VITTORIA TENUTA SANTA CATERINA
Via S. Caterina 7 Contrada Petrara Contrada Santa Caterina
Tel. 040-6726715 Tel. 0884-965630 Tel. 338-2854958
Camera doppia da 65 euro Camera doppia da 78 euro Camera doppia da 70 euro
colazione esclusa colazione inclusa colazione inclusa

DOVE MANGIARE DOVE MANGIARE DOVE MANGIARE


SUBAN LA BUSSOLA (con camere) AGRITURISMO TRAPESIMI (con camere)
Via Comici 2D Lungomare di Via Trieste 85 Contrada Amica
Tel. 040-54368 Tel. 0884-965368 Tel. 0983-64392
Chiuso martedì, menù da 30 euro Menù da 25 euro Menù da 20 euro

DOVE COMPRARE DOVE COMPRARE DOVE COMPRARE


TORREFAZIONE LA TRIESTINA AGRUMARIA RICUCCI LIQUIRIZIA AMARELLI
Via di Cavana 2 Via Colombo 4 Contrada Amarelli
Tel. 040-306586 Tel. 0884-965043 Tel. 0983-511219

Gusto
amaro icono sia tutto merito delle papille circun- ferrata al volo dal mondo della pubblicità. Così, si è passa-

D vallate, quelle che abitano la parte poste-


riore della lingua e raccontano al cervello il
sapore amaro. Dicono anche che il gusto
amaro sia un meccanismo salvavita nato
insieme all’uomo, come difesa dai cibi po-
tenzialmente velenosi: oltre 2.500, tra piante e insetti,
pronti a rilasciare — attraverso le molecole di glicopirano-
sidi — micro-quantità di cianuro.
Ma attenzione, non tutto l’amaro viene per nuocere:
ti dal super amaro «che per essere amaro deve essere ama-
ro», al country chic del «gusto pieno della vita». Pieno, ap-
punto, non amaro. Perché amare sono le delusioni, i ricat-
ti, le lacrime, certe sorprese, certi ritorni. Tutto in negativo,
come l’acido, ovvero l’esatto contrario di zucchero e sale,
che ormai saturano piatti e palati, con conseguenze non
proprio salutari.
Per fortuna, a metà tra biologico e nuova gastronomia,
new age e rivisitazione di ricette d’antàn, una pattuglia
molte sostanze amaricanti, infatti, hanno anche valenza sempre meno timida di produttori e biochimici, ristorato-
medicinale. Così, in Africa la sensibilità all’amaro è geneti- ri e intellettuali del gusto sta riaprendo cervelli e palati al
camente bassa, l’ideale piacere del gusto ama-
per una dieta natural- ro. Un recupero che
mente anti-malarica.
Allo stesso modo, la me-
dicina tradizionale ci-
nese abbina il sapore
La sentinella salvavita piace anche ai dannati
della dieta: l’estate è
dietro l’angolo e amari
sono i cibi che aiutano a
amaro a cuore (parte
yin) e intestino tenue
(parte yang), delegando
il loro buon funziona-
mento alla dieta quoti-
che ispira i nuovi chef eliminare i liquidi,
rafforzano i reni, stimo-
lano l’azione brucia-
grassi di fegato e milza.
I magnifici sette — car-
diana, a base di rabarbaro e bardana, mandorla e tè, fegato LICIA GRANELLO ciofo, scalogno, cicoria, tarassaco, rucola, indivia, radic-
di coniglio e buccia d’arancia. chio, meglio se accompagnati da cereali integrali, spesso a
Al di là delle convinzioni scientifiche di Oriente e Occi- braccetto con pesci e crostacei — hanno riguadagnato spa-
dente, l’amaro (come l’acido) ha vita sempre più difficile zio e dignità gastronomica in cento ricette diverse, grazie al
sulle nostre tavole. Abbiamo smarrito le connessioni con la lavoro talentuoso e certosino dei cuochi di nuova genera-
tradizione culinaria contadina, che identificava l’amaro zione. Dal risotto gorgonzola e rabarbaro di Enrico Barto-
con la depurazione primaverile e la buona digestione. Una lini (Le Robinie, Montescano, Pavia) al torrone di foie gras
cultura millenaria, planetaria e inter-religiosa, dai tempo- al cioccolato fondente di Joan Roca (El Celler de Can Roca,
ra quaresimali al ramadàn, capace di alternare zuppe e de- Girona, Spagna) l’amaro non ha più bisogno di travestirsi
cotti, impacchi e frittate. da quasi dolce per farsi accettare. Chiedere conferma agli
Arrotondando sempre più la percezione dell’amaro, le entusiasti habitué di chinotto, Campari shakerato e amari
papille circunvallate sono state relegate a un lavoro di pic- così buoni da non dover chiedere altro alla vita.
colo cabotaggio, pressoché disoccupate. Una tendenza af- © RIPRODUZIONE RISERVATA
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 37

Carciofo
Le foglie della cynaria
scolymus, parente
stretto del cardo mariano,
contengono ferro
e cinarina, che abbassa
il colesterolo e stimola
la digestione

Rabarbaro
Il rheum officinale
ha gambi robusti, rossastri,
dal gusto acidulo e amaro Cardo e genziana
Si usa nelle salse agrodolci
(come il chutney indiano),
in confetture, gelati
All’Italia piace
e amari alcolici
MASSIMO MONTANARI

amaro è un sapore diffi-


Cicoria
La madre di tutte
le insalate amare va
L’ cile, ma utile. Difficile
perché spesso sgradevo-
le, e perché ci sono centinaia di sa-
pori diversi raccolti sotto questo
dal tenerissimo cicorino nome, centinaia di recettori in
alle lunghe foglie grado di riconoscerli (al contrario,
post-fioritura, con cui le varianti del dolce si contano in
si fanno decotti, sciroppi poche unità). Utile, perché il di-
e surrogati del caffè sgusto provocato dall’amaro è co-
me un avvertimento inviato dalle
papille gustative, che il cervello
decodifica in modo semplicissi-
Luppolo mo: attenzione a questo cibo, po-
L’humulus lupulus ha trebbe farti male. Perciò ha fatto
notizia, ed è stata duramente con-
cambiato storia e sapore testata, l’iniziativa di un gruppo di
della birra, grazie all’olio ricercatori americani che qualche
essenziale dall’odore anno fa ha proposto di eliminare
intenso e dal sapore dai cibi la percezione dell’amaro,
amaro. Con i germogli col rischio di disabituare il palato
si fanno frittate a riconoscerlo e valutarlo.
Ma anche la storia del gusto sa-
rebbe più povera senza l’amaro. Il
carciofo, il cardo, l’asparago, il ra-
Radicchio dicchio, la cicoria danno più sa-
Il più amato tra le varietà pore alla tavola, come gli italiani
di cicoria ha foglia rossa, ben sanno, visto che, in una vir-
tuale tabella comparativa delle
allungata o cuoriforme, tradizioni gastronomiche, il no-
ideale per insalate, risotti stro Paese si classificherebbe ai
o alla brace. La radice primi posti per capacità di ap-
bollita ha proprietà prezzamento dell’amaro. Molti
depurative osservatori l’hanno notato, da se-
coli: agli italiani l’amaro piace
molto. Peraltro, agli italiani piace
molto anche il dolce (anche que-
Liquirizia sto è stato notato da secoli: il gusto
Ha uno straordinario italiano è molto “zuccherino”) e
potere dolcificante, dunque non sorprende che pro-
prio in Italia abbia avuto partico-
l’amara glycyrrhiza glabra,
lare fortuna la tradizione dei li-
i cui stoloni (fusti quori alle erbe, di sapore tipica-
sotterranei) contengono mente dolce-amaro, aromatizza-
la glicirrizina, ti con profumi di vario genere, ma
dalle proprietà digestive sempre di retrogusto amaro: mir-
to, prugnolo, sorbo, noce, amare-
na, genziana, assenzio, rabarba-
ro, china...
Caffè Anche le preparazioni a base di
L’amaritudine caratteristica agrumi, come il limoncello, han-
della caffeina – maggiore no un tipico retrogusto amaro. E
nella varietà robusta poi ci sono gli “amaretti”, che me-
scolano il dolce dello zucchero al-
rispetto alla più elegante l’amaro delle mandorle. Per non
arabica – viene accentuata parlare del caffè, che i veri inten-
dalla tostatura ditori (o coloro che si ritengono
e dalla preparazione tali) assumono rigorosamente
amaro, e comunque non perde
mai, nella tipica tostatura italia-
na, l’aroma amaro e il sapore di
Pompelmo bruciato. Lo stesso cacao, che co-
Il pompel limoes (olandese) nosciamo preferibilmente nella
deve la sua fortuna versione addolcita, in certe ricette
alla narigina, sostanza compare come ingrediente natu-
dal gusto amaro, ricca ralmente amaro.
Faremmo torto alla natura se
di vitamina A, B e C, pensassimo l’amaro solo in ter-
con azione drenante mini negativi, come opposto del
e antinfiammatoria buono. È vero che, nel linguaggio
quotidiano, “amaro” è spesso si-
nonimo di tristezza, dolore, di-
spiacere. Ma i proverbi ci insegna-
Cioccolato no a trattarlo con rispetto: «Cose
La percentuale di cacao – amare, tienile care», recita un an-
da quota 45 all’elegante 70, tico adagio. Il senso è morale, vuol
fino all’amarissimo 100 dire che le difficoltà ci fanno cre-
per cento – determina scere, così come le medicine ama-
re possono farci guarire: «Erba
intensità e gusto,
ch’è amara stomaco rischiara».
bilanciati da zucchero Senza contare che «non si cono-
e burro di cacao sce il dolce se non per l’amaro»:
ancora una considerazione mo-
500 0,8-1,5 rale, non priva però di una sua ve-
rità gastronomica. In questa im-
le calorie di 100 grammi la percentuale di caffeina Melangolo magine dell’amaro che consente
di cioccolato fondente nel caffè arabica La polpa dell’arancia di apprezzare il dolce c’è l’idea
amara (citrus aurantium) molto semplice, molto vera, che
si utilizza per raffinate entrambi sono necessari per assa-
76.600 1,7-3,5 marmellate, mentre porare il gusto della vita.
i quintali di pompelmi la percentuale di caffeina la buccia è alla base © RIPRODUZIONE RISERVATA
prodotti in Italia nel caffè robusta di tonici, digestivi
e liquori (curaçao)
38 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 25 APRILE 2010

le tendenze Cominciata quasi un secolo fa, l’avventura commerciale di Coin,


Non solo guardaroba La Rinascente, Oviesse e dei loro fratelli made in Italy è entrata
in una nuova fase. Quelli che erano mercati costruiti a misura
di una clientela attenta al budget ora sono protagonisti
di una second life in nome del design e dei brand più raffinati
C
di U omo
pim de e
so C co
no
pe Con asa d lorat LE PO
rfe un ai iss LT
tte a c i R
pe mo olori me le ONC
r l’i rbi ch se IN
nte da ic d E
rno imb & c ute
e il ott hoc
ter itur
raz a
a zo
nc
nz bia
va uo re
in n s leg
ca la
rfe co o le to

a
tte co al
Pe fuo on vel
to. o i s s
as oss e c sso
ntr s r ent pa
co h’ c a
in hurc inas tate
C a R ’es E
a L r un ARP
Pe SC
LE

L’OROLOGIO LA BORSETTA
Per avere sempre Borsettina super chic
la “cognizione di Louis Vuitton
del tempo”, ecco in tessuto jeans
l’orologio Breil con monogramma
È in vendita ben in vista. La propone
a La Rinascente La Rinascente in varie
e piacerà agli sportivi fantasie e dimensioni
per le sue mille funzioni dal mini al maxi

IRENE MARIA SCALISE

uelliparigini sono il simbolo della Francia, esattamente co-

Q me i monumenti e i boulevard. In Inghilterra e in America


rappresentano il cuore della città, come i mercati di una vol-
ta. Sono i grandi magazzini. Territori d’incontro simili a mo-
che La Rinascente propone in tema di design
Le lampade Foscarini dal disegno intrecciato
Arredare la casa diventa un gioco con le idee

derni suk. Attrazione fatale per i turisti che, appena arriva-


ti, si mettono in fila pur di visitarli e di portare a casa alme-
no un piccolo ricordo. Anche in Italia, da qualche anno a questa parte,
sono disponibili in vari colori: dal rosso

la Rinascente, Coin e Oviesse si sono rifatti il look. E stanno vivendo una


second life fatta di vetrine luccicanti per oggetti del desiderio: abiti, ac-
cessori e tanto design. Diventano, insomma, “non luoghi” sempre più
simili a isole felici.
Quella dei grandi magazzini made in Italy è un’avventura comincia-
ta quasi un secolo fa, nel centro di Milano, con l’idea di vendere abiti pre-
confezionati. Il primo della serie, nel 1917, venne battezzato La Rina-
scente da un’idea niente meno che di Gabriele D’Annunzio. Debuttò a
al nero o al bianco

Padova, nel 1972, Oviesse. È datata 1916, invece, l’origine di Coin: in


LE LAMPADE

Shopping cinque stelle


una rivoluzione griffata
quell’anno il veneziano Vittorio Coin ottenne la licenza di venditore am-
bulante, anche se bisogna aspettare il 1957 per vedere il primo grande
magazzino della catena.
Rinascente, Oviesse, Coin, Standa e Upim sono stati a lungo il regno
di un prodotto scelto soprattutto per motivi di budget. Poi, negli ultimi
anni, è arrivata la rivoluzione. I grandi magazzini sembrano aver fatto
una sorprendente cura di fascino. E di strategia. Per esempio, la Rina-
scente ha puntato su un prodotto a cinque stelle ed internazionale. Ec-
co dunque, tra gli scaffali, Church’s, Louis Vuitton e Breil. Ma anche tan-
to design, con le lampade Foscarini e la cucina di Guzzini. Molti grandi
magazzini, poi, si sono omologati in termini di stile: designer e architet-
ti per griffare la rinascita dei department stores. Visitarli, oggi, equivale
a prendersi una mini-pausa dallo stress del mondo di fuori. Si sono tra-
sformati in luoghi accoglienti dove incontrare gli amici e, nella logica di
mercato, nei nuovi rivali delle tradizionali boutique. Non solo: danno al
cliente l’illusione di essere, un po’ di più, cittadino del mondo.
Sono i grandi magazzini internazionali ad aver aperto la strada a que-
sta rivoluzione. Le Bon Marché e Galeries La Fayette sono il regno dello
shopping più chic. Ma anche nomi come Harrods, Macy’s e Barney’s
fanno venire l’acquolina in bocca alle appassionate dello shopping. Per-
sino la Berlino dei primi anni del Novecento aveva subito il fascino di
queste strutture, rigorosamente a più piani, dalle accattivanti vetrine.
Nel 1907 l’elenco telefonico della città tedesca ne registrava quarantu-
no, nel 1911 lo scrittore Georg Heym scrisse un racconto dove il prota-
gonista scambiava un grande magazzino per una chiesa. E in effetti, già
allora i paradisi dello shopping si accingevano a diventare i templi della
nuova società di massa. Specchio non deformante di un popolo e delle
sue esigenze, della voglia di leggerezza e di allegro consumismo che col-
pisce senza discriminazioni di classe sociale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DOMENICA 25 APRILE 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 39

LA SACCA
È solare e allegra la sacca
Coccinelle ideata da Barbara
Hulanicki in vendita da Coin
Così spaziosa da contenere tutto
IL PROFUMO il necessario per la giornata
Un profumo delicato e inebriante:
lo propone La Rinascente
e si chiama Shisheido Zen
Accattivante la confezione
nei colori moda viola e fucsia

IL CESTO
Ha una linea avveniristica il cesto
contenitore Alessi che Coin propone
tra le idee per la casa. Un oggetto
design che si abbina perfettamente
a un arredamento moderno L’IMPERMEABILE
Rosa fucsia, leggero,
con cintura in vita
Ecco l’impermeabile
da indossare
in caso di improvviso
temporale estivo

IL SANDALO
Per l’estate
c’è il sandalo alto
di Oviesse Industry
con motivo intrecciato
sul davanti e laccio
stretto alla caviglia

L’ABBRONZANTE
Per un’abbronzatura
sicura anche in città
ecco la crema
Infinite Bronze
di Lancaster
in vendita da Coin
Dona un colorito
dorato ed uniforme

IL VESTITO
Da Oviesse un vestitino più che allegro
È giallo sole con un nastrino sul punto
vita e una gonna a balze in tessuto
leggero. Per un’estate al mare

Vittorio Radice/La Rinascente Stefano Beraldo/Coin, Oviesse, Standa


“Un posto dove la gente “L’importante è offrire
stia un’ora in vacanza” piaceri diversi per tutti”
H S
a unavisione di La Rinascente internazionale. La vor- otto il tradizionale nome Coin c’è ormai di tutto. Ovies-
rebbe un luogo felice, dove i visitatori accorrono co- se, Standa e, dal mese di gennaio, anche Upim. A capo di
LA CREMA me nei musei. Vittorio Radice, amministratore dele- quest’impero dei grandi magazzini è seduto Stefano Be-
Tutti i segreti dell’eterna giovinezza gato di La Rinascente, ha un sogno nel cassetto: «Trasfor- raldo. Per il suo target di pubblico, sempre più vasto, ha le idee
sono contenuti in questa preziosa marla in uno spazio dove la gente può andare in vacanza per molto chiare: «Vogliamo dare alle persone un posto che fac-
crema L’Oréal in vendita da Upim un’ora». cia venire la voglia di stare bene dentro».
e battezzata Chiave Giovinezza L’Italia è sempre stata assente nelle top ten dei concept C’è una rivoluzione in casa Coin. A che obiettivo punta?
store. «Dare al grande pubblico uno spazio piacevole dove pas-
«Purtroppo è vero. Negli altri paesi i grandi magazzini so- sare al meglio il proprio tempo: dalla toilette, ai ristoranti, al-
no più visitati dei monumenti ed è un bel modo di conoscere le vetrine. Una combinazione di segmenti diversi che garan-
un popolo, come si veste, cosa dice e cosa pensa. Diciamo che tiscano le migliori esperienze. Vorrei un contenitore che
in libreria sono i nuovi mercati e, esattamente come accadeva in questi rafforzi l’immagine del grande magazzino, esattamente co-
luoghi nell’antichità, il vero punto d’incontro. All’estero do- me succede all’estero, se pur con gusto italiano».
Éric Ezan cumentano il life style mentre da noi non hanno avuto la stes- Qual è la vostra formula?
sa sorte». «Differente per ogni marchio. La Coin ha un forte ecletti-
Perché questo destino di serie B? smo, in cui l’abbigliamento non supera il sessanta per cento
Come funzionano «Si tratta di scelte imprenditoriali ma, soprattutto, di una
difficile legislazione comunale in fatto di licenze. Se La Rina-
e lascia spazio a tanta musica, profumi e multisensorialità.
Siamo poi molto attenti al naturale e all’ecologia, pur con un
scente deve essere chiusa la domenica, o se non si riesce ad certo spirito chic. Il pubblico non ha dimenticato la sbornia
le medicine? ottenere la licenza per l’apertura di un caffè, è difficile tra-
sformarla in spazio del divertimento».
Però qualcosa sta cambiando.
del lusso e vorrei offrire un prodotto che è un buon compro-
messo tra questi due valori».
Per quel che riguarda la ristorazione, da sempre un caval-
«Effettivamente da cinque anni abbiamo attivato un pro- lo di battaglia dei grandi magazzini, come siete organizzati?
David Ruelle cesso di forte cambiamento e inaugurato quattordici nuovi «Offriamo formule che vanno dal vero e proprio ristorante
spazi. Bisogna però anche far passare, al legislatore, il con- al finger food. In ognuna ci sarà un’anima diversa ma sempre
cetto di strutture fisse che diventano autentici punti di riferi- molta attenzione».
Un viaggio divertente La mento. Un colosso di più di sessantamila metri quadrati, co- Cosa succederà della Upim dopo la vostra recente acqui-
me Harrods, non lo sposterà mai nessuno». sizione?
e istruttivo alla scoperta
del corpo umano,
mente Come s’immagina questa second life di La Rinascente?
«Un luogo dove andare in vacanza gratis per una sola ora.
«Alcuni saranno convertiti in Coin e altri trenta in depart-
ment store che io definisco pop. Cioè dei centri commerciali
Con tanti servizi e novità di prodotto ma, anche, uno spazio da città che siano in grado di rivalutare il centro storico e far
del suo funzionamento Funziona meglio un dove poter lavorare sull’architettura. Ma non dobbiamo ave- divertire il pubblico con prodotti che vanno dall'abbiglia-
e dei modi per curarlo. computer o il cervello
umano? Come nasce
re troppi vincoli altrimenti sarà difficile cambiare le cose». mento, ai libri, all’elettronica».
(i. m. s.) (i.m.s.)

www.edizionidedalo.it © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA


40 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 25 APRILE 2010

l’incontro
Miti Antonioni la volle nella scena
più celebre di “Blow-Up”. Avedon
la definì “la donna più bella del mondo”
Fu la prima vera top model,
ma a modo suo: costruendo
Veruschka un personaggio
che la proteggesse
dal passato. Suo padre
aveva preso parte
alla congiura per uccidere
Hitler, la sua famiglia finì
in campo di concentramento. “Non so
come ne sono venuta fuori”, dice oggi,
“come sono riuscita a sopravvivere”
GIUSEPPE VIDETTI di destra». li lasci stupefatti, non la solita modella- ma, almeno fino alla seconda metà degli in cui non proferivo parola mi abbiano
Rassicurata, opta per un quick lunch stampella, una di quelle a cui nessuno anni Cinquanta, in Germania eravamo dato tanta popolarità».
BERLINO da “Sale e Tabacchi”, un ristorante ita- chiederebbe mai un’opinione, neanche considerati dei criminali. La mia mae- Vive a Berlino est, fa una vita isolata. A

L e scolaresche sfilano da-


vanti a Checkpoint Charlie
incuranti della pioggerelli-
na fitta che funesta la gita.
Le maestre spiegano: «Era un punto di
passaggio tra i due settori nel Muro. In
funzione dal 1945 al 1990, collegava Mit-
te, il quartiere occupato dai sovietici, con
liano di Kochstrasse con vista su Check-
point Charlie. «Piacere, Vera Lehndorff»,
si presenta, «Non rilascio mai interviste,
anche perché sto preparando un’auto-
biografia che uscirà nel 2011», aggiunge.
«Non riesco neanche ad immaginare lo
sforzo che dovrò fare per promuovere il
libro, partecipare ai talk show e incon-
trare la stampa internazionale, dopo
sull’abito che indossa. In quel periodo
non c’erano top model russe o dell’est
europeo in circolazione, così nascosi i
miei drammi dietro quella donna enig-
matica in bilico tra est e ovest. Non fu so-
lo una questione di bellezza, di forme, di
misure».
Fu la diva di un decennio folgorante,
ma alle sue condizioni: protagonista
stra una volta disse: “Abbiamo in classe
la figlia di un traditore, di un assassino”.
Io mi guardai intorno, chiedendomi a
chi si riferisse. E lei: “Guarda carina che
sto parlando di te”. Così cominciai a
tempestare di domande mia madre:
“Ma papà era un traditore?”. “Ma che di-
ci piccola? Era un eroe. Però non parlar-
ne con nessuno, non tirare mai in ballo
volte per evitare seccature risponde al
telefono fingendo di essere la segretaria:
«Mi dispiace ma la signora non vede nes-
suno». Sta a casa con i suoi gatti e non di
rado si occupa degli animali dei vicini.
«Abito in una zona ancora considerata
povera, dove tutto costa meno e anche
affittare un appartamento è più conve-
niente che in qualsiasi altra parte d’Eu-
Kreuzberg, quello occupato dagli ameri- tanti anni che vivo lontana dal mondo sempre, mai fashion victim. «Avedon era tuo padre quando sei con gli altri”. Pove- ropa. Qui si è creata una società cosmo-
cani. Da qui si vede il tetto dell’Hotel Ad- della moda e dello show business». L’ul- fantastico, il più grande di tutti, si consi- ra donna, dopo la guerra, sopravvissuta polita che ama questa metropoli in con-
lon, un covo di spie tra le due guerre». Ve- tima volta si era fatta vedere a Venezia nel gliava con me, accettava le mie idee. Ir- al campo, era rimasta sola, isolata. Non tinua trasformazione, dove ognuno rie-
ruschka emerge dalla scala mobile del 2005, quando Paul Morrissey e Bernd ving Penn era completamente diverso, ebbe scelta: l’unica soluzione era il silen- sce a organizzarsi la vita come se vivesse
metrò col passo dinoccolato dell’eterna Böhm presentarono alla mostra il docu- molto professionale, ma distaccato, zio. Non se ne parlò più neanche in casa, in un open space».
ragazza fuori misura (1,85), basco di lana mentario Veruschka, di cui aveva scritto freddo. Ma non ricordo di aver visto in gi- se non occasionalmente. Diventò il no- La seconda vita dell’enigmatica top
e scarponi. L’eleganza, se è innata, resta personalmente la sceneggiatura. «Ero ro degli iceberg come Anna Wintour stro segreto. Ancora oggi non tutti sanno model è raccontata nei libri Veruschka:
anche quando si smette di fare la top mo- appena tornata da New York a Berlino», (l’attuale direttrice di Vogue America, che mio padre — che non ha neppure Transfigurationsdel 1986 (con prefazio-
del, anche a settantun anni (che compirà racconta, «una città che per me è insie- ndr)», dice. Un passato come il suo è im- una tomba perché il corpo non fu mai re- ne di Susan Sontag), in cui le immagini
il 14 maggio). Negli anni Sessanta il foto- me piacevole e spaventosa. Sto anche possibile da cancellare, camuffare sotto stituito alla famiglia — era impegnato esaltano le sue capacità trasformistiche
grafo Richard Avedon, folgorato dal suo preparando un film ispirato alla mia fard e toupet, mimetizzare con quel nella resistenza». grazie all’arte del body painting; nel mo-
carisma, disse: «È la donna più bella del città. È qui che mio padre fu giustiziato. body painting di cui pure è stata prota- Conversa amabilmente con i came- numentale, retrospettivo Veruschka,
mondo». E l’attore David Hemmings, Non è stato facile affrontare i fantasmi gonista, trasformandosi di volta in volta rieri di “Sale e Tabacchi”. L’Italia fu la pri- pubblicato due anni fa da Assouline; e
con lei nella scena-cult del film Blow-Up del passato». in zebra, aracnide, rettile, animale prei- ma tappa della sua vita nomade e per un nel progetto Veruschka Self-Portrait,
di Antonioni (1966): «Si muove come Tra gli Usa e la Germania corre la stes- storico. periodo la sua seconda casa. «Cos’ha fat- realizzato tra il 1992 e il 1996 con il foto-
nessun altro su questa terra». sa distanza che c’è tra Vera e Veruschka. «Solo dopo i trent’anni ho cominciato to Berlusconi alla mia Italia?», esclama. grafo Andreas Hubertus Ilse, sfociato in
Più fotogenica di Madonna, Carla La verità, quando era una fotomodella, a elaborare il mio dolore», riflette. «Pri- «I giovani sembrano anestetizzati, da una mostra itinerante. «È l’agonia del
Bruni e Kate Moss messe insieme, fu per non la conosceva nessuno. Nessuno sa- cosa? da questa televisione che giorno glamour, immagini molto malinconi-
dieci anni diva da copertina — Vogue e peva il suo vero nome, né che era figlia di per giorno, goccia dopo goccia, gli ha fat- che, alcune anche autobiografiche, co-
Harper’s Bazaar, ma anche Interview e Heinrich Graf von Lehndorff-Steinort Negli anni Cinquanta to il lavaggio del cervello. Una dittatura me quelle ambientate a New York», spie-
Life— musa di grandi fotografi (Ugo Mu-
las, Franco Rubartelli, Avedon, Irving
(1909-1944), membro della resistenza
tedesca che partecipò al fallito complot-
a scuola mi dicevano mediatica terrificante». Poi sprofonda di
nuovo nei ricordi: «Dopo quello che ac-
ga Vera, «una città che ho amato molto
ma che era diventata insopportabile. Fi-
Penn), idolo di hair stylist (Ara Gallant) e
fashion editor (Diana Vreeland), tenta-
to del 20 luglio contro Hitler al Wolfs-
schanze, denominato Operazione
che ero la figlia cadde alla mia famiglia... a ripensarci
ora… per anni sono vissuta sott’acqua...
nita l’epoca della pop art, della strari-
pante creatività di Warhol, è ora un po-
zione irresistibile di artisti geniali (Dalì la
scelse per le sue Shaving Cream Sculptu-
Valkiria. Vera non aveva neanche cinque
anni quando fu impiccato nella prigione
di un traditore non so neanche come ne sono venuta
fuori, come sono sopravvissuta. Forse
sto dove conta solo il denaro. Sono fug-
gita perché avevo bisogno di recuperare
res; Carmelo Bene la volle in Salomé), di-
vina, enigmatica creatura in bilico tra
di Plötzensee. Il giorno dopo, la famiglia
— Vera, sua madre Gottliebe von Kal-
Chiesi a mia madre: perché ho fatto finta che nulla fosse ac-
caduto. Mi chiedevo: come troverò un
un rapporto con la mia città. Io e Berlino
faccia a faccia».
glamour e controcultura. Ha lo stesso
accento e la stessa voce baritonale di Ni-
nein (1913-1993) e le tre sorelle — fu in-
ternata in un campo di lavoro della Ge-
“Che dici, piccola? modo di vivere in questo mondo? quale
sarà la mia patria? dove vivrò? Il mio ter-
Prima di essere inghiottita dalla scala
mobile del metrò, ha un’ultima racco-
co, la bionda teutonica dei Velvet Un- stapo. «Ogni giorno ci dicevano: doma- Papà era un eroe rore era sempre quello di venire dimen- mandazione: «Non si perda il concerto
derground di Andy Warhol, quando al ni vi ammazzeremo». Nessuno, allora, ticata in un angolo. Il primo posto dove che Blixa Bargeld e Alva Noto stanno
telefono chiede perentoria (in italiano): sapeva neppure dove si trovasse König- Ma non dirlo a nessuno” sbarcai fu Firenze, pensando di diventa- portando in giro per l’Europa. Sono ami-
«Lei lavora per un quotidiano di sinistra, sberg, il paese dove è nata, in quella Prus- re disegnatrice di tessuti. Erano i primi ci miei. Geniali». La compagna Vera è an-
vero? Perché io non parlo con giornalisti sia che alla fine del conflitto fu spartita tra anni Sessanta e lì incontrai Ugo Mulas. cora avanti.
Russia e Polonia e da allora si chiama Ka- Più tardi, a Roma, ebbi una relazione con © RIPRODUZIONE RISERVATA
liningrad. Agli americani raccontò che Franco Rubartelli e quella particina in
era un’espatriata sovietica di nobili ori-
gini, s’inventò un nome esotico. Quelli,
in piena guerra fredda, abboccarono. Al
resto pensarono la sua magnetica bel-
lezza e l’unica cosa su cui non aveva
mentito, le origini aristocratiche. Così
nacque Veruschka, la più originale, fan-
tasiosa e creativa top model del Nove-
cento.
«Ci sono dei momenti in cui per un ca-
so fortuito e fortunato diventi una star»,
minimizza, mentre sorseggia l’ennesi-
mo cappuccino. «Così accadde quando
partecipai a Blow-Up, e prima ancora
Blow-Up, che per la verità fu girata a Lon-
dra. Adoravo Antonioni, ma non sapevo
che fosse in studio a guardarmi quel
giorno. Stavo realizzando un servizio fo-
tografico con David Montgomery (il fo-
tografo di Elisabetta e della Regina ma-
dre, di Jimi Hendrix e dei Rolling Stones,
ndr), quando scorsi controluce la
silhouette di un uomo. Il regista cercava
ispirazione per la scena che doveva gira-
re con David Hemmings. Alla fine della
session ci presentarono. Mi sentii tal-
mente onorata dell’offerta che non osai
ribattere quando mi offrirono mille dol-
‘‘
FOTO CONTRASTO

quando arrivai a New York e m’inventai lari, una cifra ridicola per una top model
Veruschka. Mi dicevo: se vuoi andare (che all’epoca ne guadagnava diecimila
avanti nel mondo della moda, devi tro- al giorno, ndr). E ancora non riesco a ca-
vare un modo di esprimere qualcosa che pacitarmi del perché quei pochi minuti
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 PROGRAMMI @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.chetempochefa.rai.it
www.domenicain.rai.it
■ 41

Film del giorno Programmi


IL VENTO E IL LEONE
AVVENTURA, COL, 1975, USA, DURATA 119’
Da martedì su Canale 5 la serie poliziesca che vede il debutto di Corona come attore DOMENICA IN
Tra gli ospiti Mario Tozzi, Katia Ricciarelli, Simona Iz-

Torna la Squadra antimafia


Regia di John Milius. Con Sean Connery, Candi- zo, Lorella Cuccarini, Alex Zanardi, Paolo Villaggio,
ce Bergen. All’inizio del Novecento, in Marocco, Neri Marcorè e Fiorella Mannoia.
una tribù berbera rapisce una famiglia america- RaiUno — 14.00
na per denunciare la condizione di oppressione
in cui vive. I rapiti solidarizzeranno con i rapitori. IN 1/2 H

F
RaiTre — 17.00 ABRIZIO Corona fa il suo debutto presentazione della serie è stata tutta Lucia Annunziata intervista Gianfranco Fini.
da attore su Canale 5, nei panni di incentrata sul dibattito innescato dalle RaiTre — 14.30
A QUALCUNO PIACE CALDO uno spietato killer della mafia. Ar- parole del premier Silvio Berlusconi
COMMEDIA, B/N, 1959, USA, DURATA 119’ riva infatti martedì su Canale 5 “Squa- sull’effetto negativo di fiction e libri sul- CHE TEMPO CHE FA
Regia di Billy Wilder. Con Jack Lemmon, Tony dra antimafia 2”, la seconda serie della la magia sull’immagine dell’Italia. Fabio Fazio intervista Nichi Vendola e Enaiatollah Ak-
Curtis, Marilyn Monroe. Un capolavoro di com- fiction interpretata da Simona Cavalla- «Fiction come questa» ribadisce Val- bari, giovane rifugiato politico afghano, orfano di pa-
media che non stanca mai: due jazzisti in fuga da ri, Claudio Gioè e Giulia Michelini con secchi «non danneggiano l’immagine dre: la sua storia è raccolta nel libro di Fabio Geda “Nel
Chicago si rifugiano, travestiti, in una band al Ninni Bruschetta, Francesco Mandelli dell’Italia, anzi mostrano il grande la- mare ci sono i coccodrilli”. Musica con Max Gazzè,
femminile. Equivoci a cascata. Marilyn sublime. L’ATTRICE e Giordano De Plano, che vede l’agente voro delle forze dell’ordine contro il cri- comicità con Luciana Littizzetto.
La 7 — 18.00 Simona di fotografi recitare per la prima volta in mine organizzato». Anche per i prota- RaiTre — 20.10
Cavallari un cameo nei panni di un sicario di Co- gonisti Claudio Gioè e Simona Cavalla-
GLI OSTACOLI DEL CUORE nella fiction sa Nostra che uccide un poliziotto. «Co- ri questo tipo di fiction «non ha un ef- REPORT
DRAMMATICO, COL, 2009, USA, DURATA 99’ rona ha fatto un cameo e lo ha fatto be- fetto negativo: ce ne siamo accorti du- Milena Gabanelli si occupa delle pensioni.
Regia di Shana Feste. Con Susan Sarandon, ne», spiega il produttore Pietro Valsec- rante le riprese in Sicilia, dove, anzi, la RaiTre — 21.30
Pierce Brosnan. Drammone strappalacrime su chi «Se ci sarà una terza serie, vedremo gente ci ha incoraggiato moltissimo».
una ragazza rimasta incinta di un adolescente se resisterà il suo personaggio». Ma la © RIPRODUZIONE RISERVATA
CROZZA ALIVE
morto in un incidente. La famiglia di lui l’adotterà. Maurizio Crozza ospita Filippo Timi e Bruno Tabacci.
Canale 5 — 21.31 La7 — 21.35

RAI 1 RAI 2 RAI 3 CANALE 5 ITALIA 1 RETE 4 LA SETTE DEEJAY TV


6.00 Quello che 6.00 L’avvocato risponde 6.00 Fuori orario. Cose (mai) 6.00 Prima pagina 7.00 Ned - Scuola di sopravvi- 5.40 Boston Legal - Tf 6.00 TgLa7 6.00 Coffee & Deejay
6.30 Unomattina weekend - 6.10 Inconscio e Magia Psiche viste 7.55 Traffico venza - Tf 6.20 Tg4 - Rassegna stampa Meteo Weekend
Con S. Grey, F. Gatta, V. 6.45 Mattina in famiglia - Con- 7.00 Aspettando è domenica 7.57 Meteo5 7.45 Cartoni animati 6.30 Media Shopping Oroscopo 9.30 Deejay Hits
Carbone dotto da Tiberio Timperi e papà 10.55 Malcolm - Tf 7.00 Super Partes Traffico 13.30 The Club
8.00 Tg5 Mattina
9.30 Magica Italia - Con N. Miriam Leone. All’inter- 7.40 Mamme in blog 8.30 Tequila & Bonetti - Tf
no: 7.00-8.00-9.00 - Tg2 7.45 È domenica papà 8.51 Le frontiere dello spirito - 11.50 Grand Prix 9.25 Artezip 7.00 Omnibus Week-End 13.55 Deejay Tg
Prudente, F. Quaranta
Mattina / 9.30 Tg2 Matti- 8.20 L’arte con Matì e Dadà Rubrica di attualità reli- 12.25 Studio Aperto 9.30 Valle d’Aosta - Dal Gran 9.15 Omnibus Life - Week- 14.00 Fino alla fine del mondo
10.00 Linea verde Orizzonti -
Con F. Rocca na L.I.S. 8.30 Arturo e Kiw giosa 12.58 Meteo San Bernardo al Gran Pa- End 15.00 Deejay Hits
10.30 A sua immagine 10.05 Ragazzi c’è Voyager 8.40 Pipì, Pupù e Rosmarina 9.42 Tgcom 13.00 Guida al Campionato - radiso - Doc 10.05 Movie Flash 15.55 Deejay Tg
10.55 Santa Messa dalla Catte- 10.40 A come Avventura - Con 8.50 Mistery after Mystery 10.00 Dietro le quinte Conduce M. Taveri 10.00 Santa Messa - Santuario 10.10 La settimana - A cura di 16.00 50 Songs Weekend
drale di Crema (Cr) A. Barzaghi 9.00 Saddle Club - Tf 14.00 Tvm: Distruzione dal di Montevergine Merco- Alain Elkann 18.00 Rock Deejay (Only video)
11.30 Mezzogiorno in famiglia - 9.35 Film: Giovani mariti - Di 10.07 Verissimo di primavera - gliano (Av)
12.00 Recita del Regina Coeli Conduce S. Toffanin cielo - Di S. Furst. Con K. 10.25 Movie Flash 18.55 Deejay Tg
Conducono Amadeus, M. Bolognini. Con I. Co- 11.00 Pianeta mare - Conduce
da piazza San Pietro 13.00 Tg5 McKellar, D. Keith 10.30 La7 Doc “I segreti dell’ar- 19.00 F.A.Q. Best of
Claudia Barriales rey, A. Cifariello, F. Inter- T. Gelisio
12.20 Linea verde - Con M. Os- 13.00 Tg2 Giorno lenghi, A. Lualdi 15.55 Film: All’inseguimento 11.30 Tg4. All’interno: Meteo cheologia: Antiche città 20.00 The Club
13.39 Meteo5
sini, E. Crosetta 13.30 Tg2 Motori 11.10 Appuntamento al cinema della pietra verde - Di 12.00 Melaverde - Conducono ai confini del Lazio” 20.30 Dj Stories
13.30 Telegiornale 13.40 Domenica Cinque - Con-
13.40 Meteo2 11.15 Tgr Buongiorno Europa duce Barbara D’Urso R. Zemeckis. Con K. Tur- E. Bagordo e E. Raspelli 11.15 Pregara 21.30 Almost True - L’altra sto-
Tg1 Focus 13.45 Quelli che... aspettano 11.45 Tgr RegionEuropa ner, M. Douglas, D. De Vi- 13.30 Pianeta mare - Sulle rot- 11.50 Olanda, Assen - Super-
14.00 Domenica in - L’arena - 18.50 Chi vuol essere miliona- ria del rock
15.40 Quelli che il calcio e.... - 12.00 Tg3 - Rai Sport Notizie to, Z. Norman te dei gabbiani bike, Round 4, Gara1 22.30 Deejay chiama Italia Re-
Conduce Massimo Giletti Con Simona Ventura Tg3 persone rio - Condotto da Gerry 13.48 Vie d’Italia - Notizie sul
15.30 Domenica in - 7 giorni - 18.00 Mr. Bean - Tf 13.00 Tg La7 mix
17.05 Stadio Sprint - Con Enri- Meteo3 Scotti traffico
Conduce Pippo Baudo. co Varriale 12.25 TeleCamere 18.30 Studio Aperto 13.57 Ieri e oggi in tv 13.25 Sport 7 0.30 The Club
20.00 Tg5
All’interno: Che tempo fa 18.00 Tg2 12.50 Kilimangiaro Album 18.58 Meteo 14.05 Tvm: La signora Polli- 13.30 Movie Flash 1.30 Deejay Night
20.39 Meteo5
/ 16.30 Tg1 L.I.S Meteo2 13.10 Ciclismo: Gran Premio 19.00 La pupa e il secchione - Il fax - Di A. Pullen. Con A. 13.35 L'ispettore Barnaby - Tf
20.40 Striscia la Domenica
18.50 L’Eredità - Conduce Car- 18.05 90’ minuto - Con Franco Liberazione ritorno Lansbury, T. I. Griffith, E. 15.20 Olanda, Assen - Super-
lo Conti Lauro 14.00 Tg Regione 21.31 Film: Gli ostacoli del Bishop, P. Birchard MTV
19.35 Film: Dick & Jane: ope- bike, Round 4, Gara2
20.00 Tg1 19.05 Numero 1 - Con F. Bor- Tg Regione Meteo cuore - Di S. Feste. Con 16.10 Film: Il segreto di San-
razione furto - Di D. Pa- 16.40 Postgara 11.00 Love Test
20.35 Rai Tg Sport tuzzo 14.15 Tg3 C. Mulligan, P. Brosnan, ta Vittoria - Di S. Kra-
risot. Con J. Carrey, T. 17.05 Cuore d'Africa - Tf 12.00 Europe Top 10
20.40 Soliti ignoti - Conduce 19.35 Squadra Speciale Cobra 14.30 In 1/2 - Di L. Annunziata S. Sarandon, A. Johnson, mer. Con Q. Quinn, V. Li-
11 - Tf 15.00 Tg3 Flash L.I.S. Leoni si, A. Magnani, R. Rascel 18.00 Film: A qualcuno piace 13.00 Greek
Fabrizio Frizzi J. Simmons 14.00 10 Cose che odio di te
20. 30 Tg2 20.30 15.05 Ciclismo: Liegi-Basto- 21.30 La Pupa e il Secchione - Il 18.55 Tg4. All’interno: Meteo caldo - Di B. Wilder. Con
21.30 Tutti pazzi per amore 2 - 23.32 Film: A letto con il ne- 14.30 Taking the Stage
Con Emilio Solfrizzi, An- 21.00 N.C.I.S. - Tf gne-Liegi Ritorno - Con Paola Bara- 19.37 Colombo - Tf M. Monroe, T. Curtis, J.
21.45 N.C.I.S.: Los Angeles - Tf 17.00 Film: Il vento e il leone mico - Di J. Ruben. Con le, Enrico Papi 21.30 Quarto grado Lemmon 15.00 Randy Jackson Presents
tonia Liskova, Carlotta J. Roberts, P. Bergin, K. 16.00 Mtv News
Natoli 22.35 La Domenica Sportiva - - Di J. Milius. Con S. Con- 0.45 Mai dire Pupa - Con la 23.25 Contro Campo Antepri- 20.00 Tg La7
Con Massimo De Luca nery, C. Bergen Anderson ma 16.05 Love Test
23.45 Speciale Tg1 Gialappa’s band 20.30 S.O.S. Tata (r) 17.00 Mtv News
0.30 Domenica Sprint - Con 18.55 Meteo3 1.30 Tg5 Notte 1.10 Film: Tandem - Di Lucio 23.35 Contro Campo - Condu- 21.35 Crozza Alive - Conduce
0.50 Tg1 Notte 17.05 Hitlist Italia
Alessandro Tiberti 19.00 Tg3 1.59 Meteo5 cono Alberto Brandi e
1.10 Che tempo fa Pellegrini. Con Luca Biz- Maurizio Crozza 18.00 Mtv News
1.00 Tg2 19.30 Tg Regione 2.01 Striscia la Domenica (r) Melissa Satta
1.15 Applausi - Conduce Gigi 1.20 Sorgente di vita Tg Regione Meteo zarri, Maddalena Maggi, 1.20 Tg4 - Rassegna stampa 23.40 Reality - Programma a 18.05 Hitlist Italia
Marzullo 1.50 Almanacco 20.00 Blob 2.31 Media Shopping Paolo Kessisoglu, Fabri- 1.35 Clip Parade 14 cura di Tg La7 19.00 Mtv News
2.10 Sette note - Musica e mu- 1.55 Meteo 2 20.10 Che tempo che fa - Con- 2.45 Film: Un uomo in pre- zia Sacchi 2.10 Film: Dieci italiani per 0.35 Sport 7 19.05 Madonna Sticky and
siche 2.00 Inconscio e Magia Psiche duce F. Fazio stito - Di M. Lehmann. 3.00 Media Shopping un tedesco (via Rasel- 1.05 Tg La7 Sweet
2.35 Così è la mia vita... Sotto- 3.00 Film Tv: Delitti privati - 21.30 Report - Con M. Gabanel- Con U. Thurman, J. Garo- la) - Di F. W. M. Ratti. Con 21.00 Mtv News
3.15 The North Shore - Tf 1.25 Movie Flash
voce - Condotto da Gigi Con Edwige Fenech, Ga- li A. Checchi, C. D’Angelo, 21.05 Madonna Sticky and
falo, B. Chaplin 3.55 Reunion - Tf 1.30 Film: Passaporto per
Marzullo briele Ferzetti 23.20 Tg3 G. Cervi, M. C. Gajoni Sweet
3.20 SuperStar 5.01 Prima o poi divorzio- Sitcom 4.35 Media Shopping l’Oriente - Di R. Marcel- 21.30 Fabri Fibra in Italia
3.35 Videocomic 23.30 Tg Regione 3.52 Film: L’uomo che sfidò
4.00 Film: Lost in transla- 4.05 I nostri problemi 23.35 Glob, l’osceno del villag- 5.16 Media Shopping 4.50 Windfall - Tf l’organizzazione - Di S. lini. Con E. E. Reinert, W. 22.30 Tenacious D e il destino
tion - Di S. Coppola 4.10 Tempo Reale gio 5.31 Tg5 - Notte (r) 5.30 Mediashopping Grieco. Con H. Ross Staudte, M. Tully del rock
5.45 Euronews 4.15 NET.T.UN.O. 0.35 Tg3 5.59 Meteo5 Notte 5.45 Reba - Sitcom 4.42 Come eravamo 3.35 CNN News 0.30 Speciale Mtv News

Servizio Pay Per View 15.29 Material Girl Tf Mya


in esclusiva sullaTV Digitale Terrestre. 16.34 Packed to the Rafters Tf Joi
Info su www.mediasetpremium.it 16.35 Codice: Swordfish Film Steel
08.05 Special Unit Tf Steel 17.17 Entrapment Film Mya
08.54 Everwood Tf Joi 18.08 Leverage Tf Joi
10.06 Due settimane per... Film Mya 18.15 L’incredibile Hulk Film Steel
10.40 Spazio 1999 Tf Steel 19.12 Il matrimonio del mio... Film Mya
11.32 The Mentalist Tf Joi 20.07 E alla fine arriva mamma Sitcom Joi
11.52 Jane Eyre Film Mya 20.10 4400 Tf Steel
12.30 Il prigioniero Tf Steel 20.45 Roma-Sampdoria Calcio Premium C. €8
13.33 Nessuna verità Film Joi 21.00 The Vampire Diaries Tf Mya
14.10 Psych Tf Steel 21.00 Disco Film Joi
14.40 Una mamma per amica Tf Mya 21.50 Austin Powers in... Film Steel
15.00 Diretta Premium Calcio Premium C. € 8 22.43 La matassa Film Joi
15.00 Juventus-Bari Calcio Premium C. 1 € 8 23.32 Sophie Paquin Tf Mya
15.00 Napoli-Cagliari Calcio Premium C. 2 € 8 23.55 Tripping the Rift Tf Steel
15.00 Genoa-Lazio Calcio Premium C. 3 € 8 00.28 Sex and the City Film Mya

■ cinema / mattina ■ cinema / sera ■ sport ■ intrattenimento ■ ragazzi ■ documentari


09.15 Cheerleader Scandal - Di T. McLoughlin 19.00 Love Liza - A Comic Tragedy - Di T. Louiso 19.00 Burnley - Liverpool SKY Supercalcio HD 19.00 Celebrity Makeover - Brigitte Nielsen SKY UNO 18.40 Zack e Cody al Grand Hotel Disney XD 20.00 La guerra dei generali National Geographic
SKY Cinema 1 HD Cult 19.00 Supercars Nuvolari 19.00 Huracan Lady Channel 18.40 Teen Titans Cartoon Network 20.00 Lonely Planet: appunti di viaggio NatGeo
09.50 Cinque matti contro Dracula - Di J.P. Desagnat 21.00 Terrore dal deserto - Di J. Renfroe 19.00 Superbike: le gare indimenticabili Espn Classic 19.00 Missione impossibile Fox Retro 18.45 I Puffi Boomerang Adventure
SKY Cinema Classics SKY Cinema Max HD 19.00 NHL On The Fly ESPN America 19.00 Sky TG24 Cielo 18.50 Mega Mindy DeAkids 20.00 Effetto Nostradamus History Channel
10.00 Sister Act-Una svitata in abito da suora - Di E. 21.00 Il Padrino Parte II - Di F.F. Coppola 19.30 Euro Calcio Show (live) SKY Sport 1 HD 19.10 La vita secondo Jim Fox HD 18.55 Vai Diego Nick Jr 20.00 Dolcemente Gambero Rosso
Ardolino SKY Cinema Mania 19.30 Grip New Brand Nuvolari 19.35 La vita secondo Jim Fox HD 19.00 Sonny tra le stelle Disney Channel 20.00 Come è fatto Discovery Channel HD
SKY Cinema Family 21.00 Sei donne per l'assassino - Di M. Bava 20.00 Sky Calcio Prepartita (live) SKY Sport 1 HD 19.40 Ninja Warrior Chechi e Rossi GXT 19.05 Zeke e Luther Disney XD 20.00 Sale, pepe: quanto basta Alice
10.15 The Others - Di A. Amenábar SKY Cinema Italia 20.00 A-Z Nuvolari 20.00 David Letterman Show SKY UNO 19.05 Ben 10 - Forza aliena Cartoon Network 20.05 Come è fatto Discovery Science
SKY Cinema Mania 21.00 Frank McKlusky, C.I. - Di A. Sanford 20.00 Hall of Fame Espn Classic 20.00 Una donna in vendita Lady Channel 19.10 Baby Looney Tunes Boomerang 20.15 Australia: case da spiaggia Discovery Travel &
11.10 Che - L'argentino - Di S. Soderbergh SKY Cinema Family 20.00 A. Football: Pakers - Vikings ESPN America 20.00 Miami Vice Fox Retro 19.20 Vai Diego Nick Jr Living
SKY Cinema 1 HD 21.00 I magnifici sette - Di J. Sturges 20.15 Sky Basket Postpartita SKY Sport 2 HD 20.00 I Simpson Fox HD 19.20 Pippi Calzelunghe DeAkids 20.30 Bollicine sotto torchio Gambero Rosso
11.20 Angeli con la pistola - Di F. Capra SKY Cinema Classics 20.30 Volley: Bergamo - Perugia SKY Sport 2 HD 20.00 Dollhouse Cielo 19.25 Dance Time Disney Channel 20.30 Come è fatto Discovery Channel HD
SKY Cinema Classics 21.00 Che - Guerriglia - Di S. Soderbergh 20.30 Magazine Classic Nuvolari 20.05 Ninja Warrior Chechi e Rossi GXT 19.30 Phineas & Ferb Disney XD 20.30 Mattia: detto fatto! - Week end Alice
12.20 Don Camillo e i giovani d'oggi - Di M. Camerini SKY Cinema 1 HD 20.45 Euro Calcio (live) SKY Supercalcio HD 20.15 Masters of Magic Jimmy 19.30 Jonas Disney Channel 20.35 Come è fatto Discovery Science
SKY Cinema Italia 21.00 Hollywood Shuffle - Di R. Townsend 20.45 Roma - Sampdoria (live) SKY Sport 1 HD 20.20 I Survived a Japanese Game Show GXT 19.30 The Batman Cartoon Network 21.00 Megafabbriche National Geographic
13.00 Harry & Son - Di P. Newman MGM 21.00 Getafe - Siviglia (live) SKY Supercalcio HD 20.30 I Simpson Fox HD 19.40 La spada magica- Alla ricerca di Camelot 21.00 Cose strane dal mondo NatGeo Adventure
MGM 21.00 Kitchen Stories - Racconti di cucina - Di B. 21.00 Segreti di fabbrica Nuvolari 21.00 America's Next Top Model SKY UNO Boomerang 21.00 La storia dell'Universo 4 History Channel
13.40 Serpico - Di S. Lumet Hamer 21.00 Biliardo: Camp. del Mondo (live) Eurosport 21.00 Milagros Lady Channel 19.45 Miffy & Friends Nick Jr 21.00 Martha Stewart Gambero Rosso
SKY Cinema Mania Cult 21.00 Formula 1 Retro: 1972 Espn Classic 21.00 Un Natale esplosivo Jimmy 19.45 Pippi Calzelunghe DeAkids 21.00 Fascismo a colori Discovery Channel HD
21.30 Next New Brand Nuvolari 21.00 Get Smart Fox Retro 19.55 Team Umizoomi Nick Jr 21.00 Il mondo di Csaba Alice
■ cinema / pomeriggio ■ cinema / notte 22.00
22.00
Chopper Challenge Nuvolari
Moto GP 2005 Espn Classic
21.00
21.00
I Simpson Fox HD
Mental Cielo
19.55
19.55
Aaron Stone Disney XD
Disney's I maghi di Waverly Disney Channel
21.05 Medical incredible Discovery Science
21.15 Diva del fai da te Discovery Travel & Living
14.00 Il vigile - Di L. Zampa 22.30 Inseguendo la vittoria - Di S. Gillard 22.00 Ice Hockey: NHL Playoffs (live) ESPN America 21.05 Guinness World Records GXT 19.55 Zatchbell Cartoon Network 21.30 Una domenica speciale NatGeo Adventure
Cult SKY Cinema Family 22.30 Rugby: Terzo Tempo SKY Sport 2 HD 21.25 I Simpson Fox HD 20.15 Missione Cuccioli DeAkids 21.30 Martha Stewart Gambero Rosso
14.30 Equilibrium - Di K. Wimmer 22.35 Hidden Camera - Indagine pericolosa - Di B. 22.30 Primo piano Nuvolari 21.30 Get Smart Fox Retro 20.20 Olivia Nick Jr 21.30 I grandi maestri della cucina italiana Alice
SKY Cinema Max HD Goeres 22.45 Sky Calcio Postpartita (live) SKY Sport 1 HD 21.50 I Simpson Fox HD 20.20 Mio fratello Chip Disney XD 21.45 Diva del fai da te Discovery Travel & Living
15.10 La tenda rossa - Di M. Kalazotov SKY Cinema Max HD 23.00 Euro Calcio Show (live) SKY Supercalcio HD 21.55 The Contender Muay Thai GXT 20.20 Zack e Cody sul ponte di comando Disney 22.00 Megafabbriche National Geographic
SKY Cinema Classics 23.15 Papillon - Di F.J. Schaffner 23.00 WWE Experience SKY Sport 2 HD 22.00 Project Runway - Taglia, Cuci... Sfila! SKY UNO Channel 22.00 Una domenica speciale NatGeo Adventure
15.55 Detenuto in attesa di giudizio - Di N. Loy SKY Cinema Classics 23.00 Supercars Nuvolari 22.00 Pasion Morena Lady Channel 20.20 Teen Titans Cartoon Network 22.00 Samurai History Channel
SKY Cinema Italia 23.35 Operazione paura - Di M. Bava 23.00 FIFA: le partite storiche Espn Classic 22.00 La strana coppia Fox Retro 20.35 Olivia Nick Jr 22.00 Nigella Express Gambero Rosso
16.20 The Hurt Locker - Di K. Bigelow SKY Cinema Italia 23.30 Arsenal - Manchester City SKY Supercalcio HD 22.00 Lipstick Jungle Cielo 20.35 Asterix DeAkids 22.00 Fascismo a colori Discovery Channel HD
23.50 La carovana dell'Alleluja - Di J. Sturges 23.30 Gnok Calcio Show SKY Sport 1 HD 22.15 I Simpson Fox HD 20.45 Quelli dell'intervallo Cafè Disney Channel 22.00 Locanda D'Angelo Alice
SKY Cinema Max HD MGM 23.30 Vroom Nuvolari 22.25 Torchwood Jimmy 20.45 Le nuove avventure di Scooby Doo Cartoon 22.05 Malattie misteriose Discovery Science
17.10 In Good Company - Di P. Weitz 00.05 Un orso di nome Winnie - Di J. Kent-Harrison 00.00 SNAI Poker Cup SKY Sport 2 HD 22.30 La strana coppia Fox Retro Network 22.15 L'aggiustatutto a domicilio Discovery Travel &
SKY Cinema Family SKY Cinema Family 00.00 Mega Tuning Nuvolari 22.40 Guinness World Records Spagna GXT 20.50 Dora l'esploratrice Nick Jr Living
17.25 Two Lovers - Di J. Gray 00.10 The Rock - Di M. Bay 00.30 Euro Calcio Show SKY Sport 1 HD 22.45 Lie to Me Fox HD 21.00 Tom & Jerry Boomerang 22.30 Una domenica speciale NatGeo Adventure
SKY Cinema 1 HD SKY Cinema Max HD 00.30 Magazine Classic Nuvolari 23.00 In volo sull'Africa SKY UNO 21.05 Lizzie McGuire Disney Channel 22.30 Bollicine sotto torchio Gambero Rosso
17.30 Il piccolo Lord - Di J. Gold 01.00 Mollo tutto - Di J.M. Sanchez 00.45 SNAI Poker Cup SKY Sport 2 HD 23.00 Eredità d'amore Lady Channel 21.10 Shin Chan Cartoon Network 22.30 Peccati di gola Alice
SKY Cinema Classics Cult 00.50 FIFA World Cup Classic Players Espn Classic 23.00 Love Boat Fox Retro 21.20 Il piccolo regno di Ben e Holly Nick Jr 22.45 L'aggiustatutto a domicilio Discovery Travel &
17.40 Il Padrino - Di F.F. Coppola 01.45 Il ritorno di papà - Di E. Till 00.55 FIFA World Cup Classic Players Espn Classic 23.00 Genesis Cielo 21.25 Le fiabe di Hello Kitty e i suoi amici Boomerang Living
SKY Cinema Mania SKY Cinema Family 01.00 Juventus - Bari SKY Sport 1 HD 23.15 Torchwood Jimmy 21.30 Il fantastico mondo di Richard Scarry Nick Jr 23.00 I distruttori National Geographic
SPORT
A San Siro Atalanta avanti con Tiribocchi, poi la rimonta:
gol di Milito, raddoppio in coabitazione Mariga-Muntari,
chiude Chivu festeggiatissimo, mentre i tifosi cancellano
Balotelli. Nerazzurri a +2, stasera giallorossi contro la Samp
La volata 35ª 36ª 37ª 38ª
scudetto
Atalanta
73 Inter 3-1 Lazio Chievo Siena

71 Roma Sampdoria Parma Cagliari Chievo

La
in casa fuori casa

staffetta
L’Inter si riprende la vetta
la Roma non può sbagliare
Le pagelle STEFANO SCACCHI ANDREA SORRENTINO rossonero è» diventa una hit da la stagione sarà finita, si tireran- nessuno gli mette pressione e
perdere la testa, tutto lo stadio no le somme. indovina il corridoio per Tiri-
MILANO — La tigre è ancora vi- salta, le tribune tremano per Eppure il pomeriggio inizia bocchi, che sbuca alle spalle di

Eto’o e Zanetti sono instancabili va. E bisognerà farci i conti. Il se-


gnale è lo chapeau di Cristian
Chivu al pubblico: ora è lecito ri-
l’ardore e il furore, e c’è da giura-
re che parecchi pensano a quel
rossonero irrimediabile di Su-
male. Maicon non ce la fa: anco-
ra stordito per i farmaci dopo l’o-
perazione per installargli un
Materazzi e uccella Julio Cesar
(5’). Due minuti dopo ancora il
“Tir” sfiora il 2-0 di testa da sei
INTER MILITO 6.5 lassarsi, il bagliore in fondo al perMario. Pochi istanti dopo il dente nuovo (quello vecchio metri, in mezzo alla difesa ne-
Il gol in pallonetto sullo slancio rie- tunnel può diventare luce. E’ il tributo al Conducator: “Josè gliel’ha fatto saltare Messi con razzurra immobile. Così non va.
JULIO CESAR 6 voca la naturalezza di bomber come 32’ della ripresa, Chivu ha appe- Mourinho”, cantato sulle note una spallata), il brasiliano rima- Ci vuole più ardore, chiede
Un paio di parate tranquille. Il mo- Careca e Valdano. Dal 35’ st Ar- na infilato il 3-1 che piega l’Ata- di “Can’t take my eyes off you”. ne a riposo, e al suo posto c’è Ma- Mourinho, e più pressing, e più
mento più difficile del pomeriggio è nautovic sv: porta un po’ di sana lanta e che segna la fine del suo Tripudio, trionfo. Il popolo, se riga, con Zanetti che torna in di- inserimenti dei centrocampisti
lo scontro con Tiribocchi. follia nella disciplina prussiana del personalissimo calvario, dopo il ancora ci fosse bisogno di prove, fesa. E i primi minuti sono un di- senza palla. Solo dopo il quarto
ZANETTI 6.5 reggimento nerazzurro. grave incidente alla testa del 6 è tutto con Mourinho e con la sastro. L’Atalanta che deve sal- d’ora l’Inter si sblocca. Timidi
Non si lascia mai distanziare dallo ETO’O 6.5 gennaio scorso. Sinistro da 25 squadra. Chi viene allo stadio, varsi azzanna la partita, corre e segnali, più che altro. Poi un’in-
scattista Valdes. Entra nelle azioni dei primi due gol. metri e palla nell’angolo alto. almeno. Stretti intorno e addos- pressa a velocità doppia, il cen- certezza di Bianco, su un lancio
CORDOBA 6 La sua mole di lavoro è sempre im- Partita finita, Atalanta sconfitta, so alla Maglia, quella che il re- trocampo interista è una maglia di Sneijder, apre la strada a Mili-
Costretto a qualche equilibrismo di- pressionante. Balotelli rimosso. Al termine probo Balotelli ha vilipeso. Ora, slabbrata. Manfredini da metà to: pallonetto dolce sull’uscita di
fensivo. della solita prova tutta fuoco, e adesso, va così. Dopo, quando campo trova un varco perché Coppola e pareggio (21’). Ora
MATERAZZI 5.5 ATALANTA stupori e tremori, l’Inter torna in
Troppo ruvido su Ferreira Pinto. E testa al campionato per 20 ore Lo striscione
perde Tiribocchi sull’1-0. COPPOLA 6 almeno e oggi confida in Cassa-
CHIVU 7 Sorpreso dal tiro di Chivu. no. Sospirone di sollievo. Chivu TIFOSI ANCORA CONTRO
A un mese esatto dal ritorno in cam- CAPELLI 5.5 si toglie il caschetto protettivo e Lo striscione esposto dai tifosi
po dopo l’infortunio, segna il gol del- Qualche sbavatura. fa chapeau al popolo. Mourinho dell’Inter contro Balotelli: “Non
la definitiva rinascita. Lo festeggia BIANCO 5 fa “ok” col pollice, poi sussurra c’è tempo di pensare a un
togliendosi il caschetto e ricevendo Combina un pasticcio sull’1-1. chissà quali indicazioni nell’o- bambino che non rispetta la
decine di baci sulla cicatrice in testa. MANFREDINI 6 recchio di Eto’o. Il pubblico si maglia... Forza ragazzi, uniti
STANKOVIC 6 Trascinatore della difesa. Suo l’assi- scatena, ora sì. «Chi non salta verso la prossima battaglia”
Alcuni inserimenti pericolosi. Dal st per Tiribocchi.
25’ st Thiago Motta 6: entra per cu- PELUSO 5.5

Allarme Sneijder, Barça a rischio


cire qualche sfilacciatura nell’ordito Fatica un po’.
nerazzurro. FERREIRA PINTO 5 Il dopopartita
MARIGA 6.5 Mancano le sue accelerazioni. Dal
Corsa elegante da specialista dei 12’ st Amoruso 5: pochi palloni.
3000 siepi. Alterna giocate pulite a GUARENTE 7 MILANO — Mario Balotelli og-
errori di misura. Si inserisce come
un turbine: con una di queste folate
di fatto firma il sorpasso, anche se
sul tabellino finisce il nome di Mun-
Regia ordinata e massiccia. Perfetta
la coordinazione quando calcia di
poco alto a inizio ripresa.
PADOIN 5.5
gi è atteso alla Pinetina per l’al-
lenamento. Dopo il colloquio
con Moratti e il conseguente al-
lontanamento dal ritiro ve-
nerdì sera, il giocatore non è co-
E Balotelli va a vedere il Brescia
tari. Non tiene il ritmo. Vicino al cambio
MUNTARI 6 dopo una pedata di Eto’o. munque certo fuori rosa, e oggi città non sono mancati gli inco- IN TRIBUNA
Abbonato ai gol casuali, qui con de- VALDES 5 lavorerà con gli altri compagni raggiamenti. Prima di andarse- Mario
viazione involontaria. E’ il terzo do- Non è frizzante come al solito. Dal di squadra. Salvo ulteriori colpi ne, durante l’intervallo, ha in- Balotelli ha
po quelli con Juve (scorsa stagione) 12’ st Ceravolo 5: si adagia sul livel- di scena. E’ esclusa in ogni caso crociato il presidente del Bre- deciso ieri
e Catania. Ma se lo merita per ritro- lo del cileno. la sua convocazione per Barcel- scia Gino Corioni: «Sei un gran- di andare a
vare fiducia, visto che ogni suo er- DONI 5.5 lona. Il suo manager Raiola pre- de uomo, oltre che un grande vedere il
rore viene sottolieanto dal pubblico. Un bel passaggio per Tiribocchi. Ci cisa: «Non è stato cacciato dal giocatore: impara però a conta- Brescia
SNEIJDER 7 prova sempre, ma quasi si perde nel- ritiro, e non è detto che il suo re fino a dieci», le parole di Co- impegnato
Prestazione da prosecco efferve- la difesa interista. Finisce da centro- rapporto con l’Inter sia termi- rioni. contro la
scente nell’anticipo all’ora dell’ape- campista centrale. Dal 26’ st Rado- nato». Ieri Balotelli se n’è anda- A S. Siro perlopiù indifferen- Reggina
ritivo. Lancia Milito sull’1-1, avvia vanovic sv. to a casa, a Concesio, e nel po- za del pubblico, a parte un paio
l’azione del 2-1 e continua a inne- TIRIBOCCHI 7 meriggio è andato a vedere Bre- di striscioni. Nel dopopartita
scare i compagni fino a quando non Illude l’Atalanta e lotta come un toro. scia-Reggina con due amici, per Muntari si esprime così sulla vi-
viene messo ko da problemi mu- ARBITRO ORSATO 6 cercare di ritrovare un po’ di se- cenda: «Mario è un bravo ragaz-
scolari. Dal 1’ st Cambiasso 6: si Risparmia un’ammonizione a Eto’o renità. Al “Rigamonti” ha final- zo e tutti gli vogliamo bene, è sbaglia. Deve crescere, è molto re importante». A proposito di
piazza davanti alla difesa e sorve- che entra duro su Padoin. mente trovato un ambiente fortissimo e diventerà un gran- giovane. E spero possa crescere giocatori importanti, c’è grossa
glia. © RIPRODUZIONE RISERVATA
non ostile: nello stadio della sua de campione. Però ogni tanto nell’Inter: per noi è un giocato- preoccupazione per le condi-
Spagna Pugilato
Vince il Barcellona, Kakà torna e salva il Real Benvenuti abbraccia Griffith: “Lui farebbe lo stesso per me”
BARCELLONA — Con Messi in panchina, il Barcellona batte 3-1 lo Xerex tra- ROMA — L’abbraccio annunciato c’è stato ieri mattina all’aero-
scinato da Ibrahimovic. Rete capolavoro del baby Jeffren, poi Henry e lo sve- porto di Fiumicino: Emile Griffith (foto) e Nino Benvenuti inizieran-
dese. In classifica catalani avanti sempre di un punto sul Real Madrid che vince no il tour rievocativo della loro carriera destinato a raccogliere fon-
2-1 a Saragozza. Gol vittoria di Kakà (foto) a dieci minuti dalla fine: il brasiliano di per il 71enne pugile americano, malato e in difficoltà economi-
era appena entrato dopo 45 giorni di assenza, fra le polemiche, per pubalgia. che: «Faccio per lui ciò che lui avrebbe fatto per me».
■ 43

GOL N.20
Milito con un pallonetto
regala il pareggio all’Inter.
Per l’attaccante argentino
si tratta del 20° gol
in campionato

Rissa sfiorata a fine derby tra i giocatori della Roma e quelli della Lazio

L’anatema di Maroni
“Daspo per certi giocatori”
Il ministro: “Da loro pessimo esempio”
CORRADO ZUNINO stata da alcune tifoserie», ha det-
Il derby to, «di conseguenza da alcune so-
ROMA — Il ministro Roberto cietà succubi di quelle tifoserie. Il
l’Inter ritrova se stessa, può pun- La tegola arriva nell’interval- INTER 3 Maroni insiste: il calcio italiano è mondo dello sport deve far ces-
tellarsi sulle sue antiche sicurez- lo: Sneijder rimane negli spo- ATALANTA 1 violento, spesso un pessimo sare i comportamenti omertosi.
ze. Mariga è intelligente nell’al- gliatoi per un dolore muscolare, esempio. E i club non fanno ab- Molte società sono soggette a un
zare i ritmi, Stankovic lo segue e inizia l’ansia per Barcellona. En- INTER (4-3-1-2) bastanza per arginare gli ultras. A ricatto delle tifoserie organizza-
affonda gli inserimenti, Sneijder tra Cambiasso, Stankovic tre- Julio Cesar 6 – Zanetti 6.5, Cordoba 6, Pistoia, premiato al Memorial te. Se non ottengono un certo nu-
Materazzi 5.5, Chivu 7 – Stankovic 6(25’
ed Eto’o duettano a dovere, Mi- quartista, ma l’Atalanta parte st Thiago Motta 6), Mariga 6.5, Muntari Bardelli per l’impegno sulla Tes- mero di biglietti gratis, vanno al-
lito smista palloni. E’ la solita In- ancora bene e nei primi 3’ Gua- 6 – Sneijder 7 (1’ st Cambiasso 6) – Mi- sera del tifoso, il ministro detta- lo stadio e tirano i petardi».
ter, e infatti arriva il raddoppio: rente e Manfredini cercano Julio lito 6.5 (35’ st Arnautovic sv), Eto’o 6.5. glia e alza il tiro: «Ci vorrebbe il Il segretario dei Radicali, Ma-
Sneijder-Eto’o, cross basso, Cesar con pericolosità. Però ba- ATALANTA (4-4-1-1) Daspo anche per i giocatori, per IL GESTO DI TOTTI rio Staderini, ricorda come una
Sneijder liscia, Mariga irrompe e sta alzare di nuovo la linea difen- Coppola 6 – Capelli 5.5, Bianco 5, Man- loro l’etica è un optional, esiste A fine derby, rivolto alla legge già impone il Daspo ai gio-
spinge in rete, ma prima della li- siva, e i ritmi del pressing: l’Ata- fredini 6, Peluso 5.5 – Ferreira Pinto 5 solo l’etica dei soldi». Il leghista sua curva, Totti con i pollici catori, «sono i questori a non
(12’ st Amoruso 5), Guarente 7, Padoin
nea sfiora Muntari, dunque gol lanta si acquieta ben presto, e 5.5, Valdes 5 (12’ st Ceravolo 5) – Doni Maroni, «milanista fazioso che verso il basso augura comminarli, per ragioni e inte-
del ghanese, anche se alla fine lo anzi i cambi di Mutti, che rinno- 5.5 (26’ st Radovanovic sv) - Tiribocchi vorrebbe Balotelli in squadra», la serie B alla Lazio. ressi analoghi a quelli che porta-
stesso Muntari, cavalleresca- va le fasce senza esito, contribui- 7. non ha risparmiato gli esempi e Inevitabili le polemiche no a giocare di sera anziché di
mente, dirà che il gol è del giova- scono alla tranquillità dell’Inter, Arbitro: Orsato 6. ha parlato dell’ultimo derby di giorno le partite a rischio e ad au-
Reti: 5’ pt Tiribocchi, 24’ Milito, 35’
ne keniano, che sarebbe alla sua nonostante il fatto che Eto’o e Muntari, 32’ st Chivu Roma, trasmesso in mondovi- torizzare trasferte quando la città
prima rete ufficiale in A. Ma gli Milito cedano di schianto sul Note: ammoniti Bianco, Stanko- sione: «A gara appena finita un di provenienza è una roccaforte
statistici gliela negheranno. piano atletico. Mourinho ordina vic, Coppola, Cordoba, Manfredi- della Lega». Non ci sono reazioni
ni, Materazzi. Spettatori 63779 er
possesso palla ragionato e lo af- un incasso di 2.083.283,70 del nostro calcio all’affondo di
fida a Thiago Motta, che rileva “Per i calciatori Maroni. La Roma, al solito, decli-
Stankovic. A chiudere la giorna- l’etica è un optional na l’invito al commento. «Maro-
ta pensa Chivu. Poi chapeau al 35a GIORNATA ni — dice invece il senatore Anto-
pubblico, all’Inter, e a Mou- Ho visto uno nio Gentile, Pdl — sta facendo
rinho. Tutti insieme ora posso- INTER-ATALANTA 3-1 scalciare un altro tanto, ma se le società di calcio e
no muovere su Barcellona. Ma PALERMO-MILAN 3-1 IL FALLO DI RADU alcuni big non si comportano
BOLOGNA-PARMA oggi ore 15 che festeggiava”
prima occhi su Cassano. Derby appena concluso, adeguatamente tutto questo la-
FIORENTINA-CHIEVO
GENOA-LAZIO Perrotta corre verso voro rischia di essere vanificato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA JUVENTUS-BARI giocatore ha dato un calcio a un la sua panchina e Radu Pasquale Bruno, lo stopper
LIVORNO-CATANIA giocatore esultante». Si riferiva tira un calcio al giocatore. più cattivo del calcio italiano,
NAPOLI-CAGLIARI allo sgambetto del laziale Radu al L’arbitro era di spalle
UDINESE-SIENA romanista Perrotta, e alla rissa
ROMA-SAMPDORIA oggi ore 20.45
che ne è seguita. «Un cattivo Beretta, Lega
esempio per un mondo che do- calcio: “Dall’anno
LA CLASSIFICA * una partita in più vrebbe avere il dovere di educare
talogna credono nella rimonta, i ragazzi ai valori dello sport». Il prossimo trasferte
tutti. Ma attenzione a Mou- INTER* 73 BARI 43 ministro immagina un legame solo con la tessera
rinho, ha avvertito ieri uno dei ROMA 71 CAGLIARI 41 tra atteggiamenti sul campo co-
MILAN* 64 CHIEVO 41 del tifoso”
giornali più autorevoli del mon- PALERMO* 58 CATANIA 40
me questi e gli scontri selvaggi at-
do, nientemeno che il “Finan- SAMPDORIA 57 UDINESE 39 torno allo stadio (due feriti seri,
cial Times”. In un articolo di Si- NAPOLI 52 LAZIO 37 sedici arresti) consumati nella spiega che in carriera avrebbe
zioni di Wesley Sneijder: per lui mon Kuper, si analizza la carrie- JUVENTUS 51 BOLOGNA 36 notte. Maroni ha chiesto, ancora, GLI INCIDENTI meritato il Daspo: «Noi italiani
si parla di un «risentimento mu- ra di Mourinho, partita proprio GENOA 48 ATALANTA* 34 un Daspo per i genitori «che ai Fanno impressione siamo i giocatori più scorretti e io
scolare al retto femorale della da Barcellona come interprete FIORENTINA 46 SIENA 30 campetti incitano i bambini che gli incidenti prima e dopo sono stato il peggiore di tutti. So-
gamba sinistra», nei prossimi di Bobby Robson, e si arriva alla PARMA 46 LIVORNO 26 stanno giocando gridando: il derby. Auto date alle lo qui si cerca di fregare gli arbitri
due giorni si valuterà il danno. conclusione che il portoghese è “Spaccagli le gambe”». Solo in fiamme, due feriti seri, ed è stancante vedere una parti-
All’Inter c’è agitazione. Sneij- l’“anti-Barcellona” per defini- Champions questa stagione i Daspo per i tifo- 16 tifosi arrestati ta interrotta continuamente dai
der è il giocatore che ha regala- zione. “El traductor”, che colpì si, i provvedimenti di allontana- fischi perché i giocatori simula-
to in Europa una marcia in più. subito il giocatore Guardiola SEMIFINALI DI RITORNO mento dallo stadio, sono stati no». Il sindacalista dei calciatori
E guarda caso, nel tracollo più con il suo carisma e che poi è di- Si giocheranno martedì 1500, quattromila dal 1989. «So- stante il pesante derby e degli italiani, Sergio Campana, liquida
grave della stagione, lo 0-2 pro- ventato il più celebre allenatore e mercoledì le semifinali no preoccupato per il ritorno del- atalantini (a San Siro, ieri). Con la proposta del ministro come
prio a Barcellona del 4 novem- del mondo, per le sue idee calci- di ritorno della Champions la violenza nel calcio». queste scelte Maroni ha smenti- «una simpatica provocazione».
bre, Sneijder non c’era. Brutta stiche e per il suo percorso pro- League. Martedì sera, va in Nell’occasione di Pistoia il mi- to nei fatti la linea di pensiero an- Maurizio Beretta, presidente
storia. Si cercherà di metterlo in fessionale, è il vero anti-Barcel- scena Lione-Bayern Monaco nistro Maroni non ha voluto ri- nunciata, e ribadita a Pistoia. «La della Lega calcio, nega l’opposi-
condizioni di giocare a tutti i co- lona. Addirittura, in questa ve- (all’andata era finita 0-1). cordare le ultime contestate de- tessera del tifoso è stata contra- zione dei club alla Tessera del
sti, però ora prevale il pessimi- ste, ha sostituito il Real Madrid, Mercoledì tocca all’Inter che a cisioni del suo Viminale e del- tifoso e annuncia: «Sarà in vigore
smo. Intanto in Catalogna cre- nemico storico del Barça da un Barcellona deve difendere il l’Osservatorio sulla violenza: REPUBBLICA.IT dall’inizio della prossima stagio-
sce l’attesa per la sfida di mer- secolo. Tremate, catalani. 3-1 conquistato a San Siro hanno detto “sì” alla pericolosa Foto, commenti, ne, in trasferta potrà andare solo
coledì: c’è una vera e propria (a. s.) contro Messi e compagni. trasferta dei tifosi della Lazio a interviste e diretta chi possiede la tessera».
mobilitazione popolare. In Ca- © RIPRODUZIONE RISERVATA
Genova (contro il Genoa) nono- delle partite di A © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 SPORT @ PER SAPERNE DI PIU’
www.lega-calcio.it
www.asroma.it
■ 44

FABRIZIO BOCCA
ROMA — Sulla strada che porta al
Fulvio Bernardini, e che i tifosi spe-
Cassano sulla strada della Roma riprendevo, se lo sono coccolato».
Il tecnico lo ha persino colloca-
to tra i grandissimi, nel momento
in cui faceva gli elogi di Cassano,

Ranieri: “Decisivo ogni secondo”


rano porti pure alla scudetto, han- atteso per il grande ritorno all’O-
no appeso uno striscione che at- limpico, sempre abbastanza se-
traversa la carreggiata: “Non suc- parato in casa con Delneri, desi-
cede, ma se succede…”. E’ lo slo- deroso di Champions e soprattut-
gan scaramantico che la Roma ha to di mettere fuori gioco la Roma.
scelto. Ieri pomeriggio la gufata da Ma memore anche di quando Ra-
queste parti era talmente intensa DIRETTA TV ORE 20.45 - SKY SPORT 1 5 STAGIONI nieri voleva portarlo alla Juve:
da aver spinto il destro di Tiriboc- SKY CALCIO 1, DT MEDIASET, DT DAHLIA INSIEME «Antonio è una persona stupen-
chi manco fosse stato Totti. Ma l’il- ROMA SAMPDORIA Cassano e da, uno di quei giocatori come
lusione è durata poco. Avanti go- 4-2-3-1 4-4-2 Totti quando Totti, Del Piero e ora Menez per
mito a gomito, punto a punto: an- Julio Sergio 27 30 Storari giocavano cui vale la pena pagare il biglietto».
zi, come l’ultimo week end, ci vuo- Cassetti 77 8 Zauri insieme. Dalle curve pronte salve di fischi
le un altro controsorpasso, sotto Burdisso 29 28 Gastaldello L’attaccante per Cassano, sicuro.
gli occhi di Federer presente que- Juan 4 6 Lucchini della Samp L’unico confronto che Ranieri
sta sera in tribuna. Appena dicono Riise 17 3 Ziegler ha vestito i ha accettato con l’Inter è relativo
a Ranieri che la Samp sarebbe l’ul- Pizarro 7 77 Semioli colori della alla polemica dei “due pesi e due
timo grande ostacolo, gli si gonfia De Rossi 16 17 Palombo Roma dal misure” di Paolillo & C, per le ma-
la vena del collo, decisamente ro- Taddei 11 16 Poli 2001 al nette di Mourinho (tre giornate) e
mana. «L’ostacolo più difficile? Sì, Menez 94 18 Guberti gennaio i pollici versi di Totti (20.000 euro
così poi arrivano le altre e ce le Vucinic 9 99 Cassano 2006, di multa). «Giusto che ci siano sta-
danno. Sento parlare troppo di ul- Totti 10 10 Pazzini prima di ti due pesi e due misure, il gesto
timi ostacoli: Roma-Inter, il derby, passare al delle manette era rivolto alle isti-
ora Roma-Samp che sono le due ARBITRO: DAMATO Real Madrid tuzioni davanti a tutto il mondo,
sorprese del campionato, con loro quello di Totti ai tifosi romanisti
che vogliono la Champions a tutti gliamo che il sogno continui biso- sono i nervi a tenere in piedi la perché una o due di loro sono ab- to dalla partita con l’Inter. Passan- che avevano srotolato un enorme
i costi. Sono tutte difficili e tutte de- gna essere maniacali» sentenzia squadra. Nel frattempo ad esem- bastanza sfiatate. E quindi si va a do così a un tridente molto più leg- striscione con un imperatore che
cisive, fino all’ultimo secondo del- Ranieri. pio si è capito che il famoso triden- rotazione: dopo la mezza partita gero, con quel Jeremy Menez che faceva quel gesto. Ha semplice-
la partita col Chievo». A un mese La Roma sta correndo senza po- te, Toni-Totti-Vucinic, non regge di Totti nel derby (non segna da è uno di quei giocatori riscoperti e mente risposto loro. Quando sia-
dalla fine lo scudetto certamente ter tirare il fiato, qualche segno di non tanto perché le tre punte siano cinque mesi) adesso sembra pro- rilucidati da Ranieri: «Gran parte mo presi di petto bisogna rispon-
lo perderà la prima che inciampa stanchezza si è già visto a Bari, con un’eresia (Mourinho mette spesso prio che tocchi riposare a Toni, del merito va allo spogliatoio, i ra- dere».
anche solo in un pareggio. «Se vo- l’Atalanta e nel derby, ma ormai tre o quattro punte vere), quanto anche lui sulle gambe e all’asciut- gazzi, mentre io qualche volta lo © RIPRODUZIONE RISERVATA

Juventus-Bari, Marchisio recupera


Lazio, Zarate fuori anche a Genova
DIRETTA TV ORE 15 SKY CALCIO 5 DIRETTA TV ORE 15 SKY CALCIO 4
DT DAHLIA DT DAHLIA
BOLOGNA PARMA FIORENTINA CHIEVO
4-3-1-2 4-3-3 4-2-3-1 4-3-2-1
Viviano 1 83 Mirante Frey 1 28 Sorrentino
Raggi 84 5 Zaccardo Comotto 25 20 Sardo
Portanova 13 15 Dellafiore Gamberini 5 2 Morero
Moras 18 24 Paci Kroldrup 2 5 Mandelli
Lanna 23 7 Castellini Felipe 16 4 Mantovani
Buscè 24 80 Valiani Zanetti 15 19 Ariatti
Mudingayi 26 14 Galloppa Montolivo 18 16 Rigoni
Casarini 32 3 Antonelli Marchionni 32 7 Marcolini
Adailton 85 20 Biabiany Jovetic 8 6 Pinzi
Di Vaio 9 77 Crespo Vargas 6 31 Pellissier
Zalayeta 25 9 Lanzafame Gilardino 11 83 De Paula

ARBITRO: BERGONZI ARBITRO: PERUZZO

DIRETTA TV ORE 15 SKY CALCIO 3 DIRETTA TV ORE 15 SKY CALCIO 1


DT MEDIASET DT MEDIASET
GENOA LAZIO JUVENTUS BARI
3-4-3 3-5-2 4-3-1-2 4-4-2
Scarpi 73 86 Muslera Buffon 1 1 Gillet
Papastathopoulos 15 25 Biava Zebina 15 15 Belmonte
Bocchetti 26 80 Dias Cannavaro 5 27 Stellini
Moretti 24 26 Radu Chiellini 3 19 Bonucci
Tomovic 40 2 Lichtsteiner Grosso 6 17 S. Masiello
Milanetto 77 32 Brocchi Camoranesi 16 90 Alvarez
Juric 28 33 Baronio Poulsen 18 16 Donati
Criscito 4 5 Mauri Marchisio 8 4 Almiron
Palacio 8 81 Del Nero Diego 28 11 Koman
Acquafresca 9 20 Floccari Iaquinta 9 10 Barreto
Palladino 10 9 Rocchi Del Piero 10 6 Castillo

ARBITRO: MORGANTI ARBITRO: GERVASONI

DIRETTA TV ORE 15 SKY CALCIO 7, DIRETTA TV ORE 15 SKY SPORT 1,


DT DAHLIA SKY CALCIO 2, DT MEDIASET, DT DAHLIA
LIVORNO CATANIA NAPOLI CAGLIARI
3-5-2 4-1-4-1 3-4-2-1 4-3-1-2
De Lucia 1 21 Andujar De Sanctis 26 22 Marchetti
Galante 6 22 Alvarez Campagnaro 14 15 Marzoratti
Knezevic 13 6 Silvestre Cannavaro 28 21 Canini
Bernardini 44 23 Terlizzi Grava 2 13 Astori
Raimondi 77 33 Capuano Zuniga 16 31 Agostini
Moro 21 27 Biagianti Pazienza 5 4 Dessena
Mozart 24 13 Izco Gargano 23 5 Conti
Prutsch 22 4 Delvecchio Aronica 6 8 Biondini
Vitale 87 19 Ricchiuti Lavezzi 7 7 Cossu
Danilevicius 9 7 Mascara Hamsik 17 27 Jeda
Lucarelli 99 11 Lopez Denis 19 32 Matri

ARBITRO: PIERPAOLI ARBITRO: MAZZOLENI

DIRETTA TV ORE 15 - SKY CALCIO 6 SERIE B


DT DAHLIA Cesena-Empoli 2-3; Albinoleffe-
UDINESE SIENA Frosinone 4-1; Ascoli-Piacenza 1-1;
4-3-3 4-3-3 Brescia-Reggina 0-0; Cittadella-
Handanovic 22 85 Curci Mantova 6-0; Crotone-Torino 1-0;
Ferronetti 32 9 Malagò Gallipoli-Salernitana 3-2; Grosseto-
Domizzi 80 29 Cribari Lecce 0-3; Sassuolo-Ancona 1-0;
Lukovic 24 50 Pratali Vicenza-Padova 0-0.
Pasquale 26 3 Del Grosso Domani (20.45): Triestina-Modena.
Isla 3 8 Vergassola Classifica: Lecce 67; Sassuolo 61;
Inler 88 12 Ekdal Cittadella e Brescia 60; Cesena 59;
Asamoah 20 22 Tziolis Grosseto 57; Torino e Empoli 55;
Sanchez 11 7 Reginaldo Crotone 53 (-2); Ascoli 51; Ancona 50 (-
Di Natale 10 63 Larrondo 2); Albinoleffe 49; Reggina e Piacenza
Pepe 7 32 Maccarone 47; Modena 46; Vicenza 45; Frosinone
43; Triestina 42; Mantova e Padova 41;
ARBITRO: ROSETTI Gallipoli 40; Salernitana 17(-6).
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 SPORT @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.ilpalermocalcio.it
www.acmilan.com
■ 45

PALERMO 3 SETTE GIORNI GIANNI MURA


MILAN 1 DI CATTIVI PENSIERI
PALERMO (4-3-1-2)
Sirigu 6.5 – Cassani 6, Kjaer 7,
Bovo 7, Balzaretti 6 – Migliac-
cio 6 (20’ st Bertolo 6), Liverani
LA TOLLERANZA ZERO
7 (44’ st Blasi sv), Nocerino 6.5
– Pastore 6.5 – Hernandez 7
(12’ st Cavani 6.5), Miccoli 7.5.
MILAN (4-3-1-2)
È PREMIARE GLI ULTRÀ
Dida 6.5 – Zambrotta 5.5 (16’ st L MINISTRO Maroni, leggo su il suo ruolo. «Noi siamo guizzanti
Inzaghi 6), Oddo 4.5, Thiago
Silva 5.5, Antonini 5.5 – Gattu-
so 6, Pirlo 6.5, Jankulovski 5
(34’ De Vito sv) – Seedorf 5.5
(42’ st Mancini sv) - Huntelaar 5,
I Repubblica.it, vedrebbe di
buon occhio il Daspo ai calcia-
tori. Di cui non fa i nomi: «Ho visto
e lui non si direbbe», c’è scritto. E
poi: «Ci sentiamo umiliate». Igno-
rando i motivi, faccio il pesce in
un calciatore esultare dopo una barile.
Ronaldinho 5. partita e un altro che gli dà un cal- ra il giovane Balotelli e il gio-
Reti: 9’ pt Bovo, 18’ pt Hernandez,
10’ st Seedorf, 24’ st Miccoli.
Arbitro: Romeo 6.5.
Note: ammoniti Huntelaar, Gattu-
so; spettatori 26 mila circa.
cio, in mondovisione. Sono
esempi negativi». Se è per questo,
sono esempi negativi anche sen-
T vane Bossi l’accostamento
è improprio perché almeno
col pallone, quand’è in pace col
za mondovisione. Ne è consape- mondo (cioè quasi mai) Balotelli
vole Maroni, che vieterebbe i ci sa fare. Li avvicinano l’età e gua-
IL VANTAGGIO campi di calcio anche «a quei ge- dagni non disprezzabili. La trota
Bovo (a destra) esulta dopo nitori che incitano alla violenza i intasca meno, ma 15mila euro
il tocco vincente sotto porta: propri bambini, che giocano nei mensili in qualità di consigliere
il difensore ha appena campionati giovanili». Si potreb- regionale sono una discreta base
sbloccato il risultato contro be commentare come il generale di partenza in rapporto alle qua-
il Milan. E’ il suo secondo gol de Gaulle davanti allo slogan lità mostrate. Per Balotelli, mi
in questo campionato “mort aux cons”: “Vasto pro- sembrerebbe opportuno il silen-
gramma”. Si può commentare in zio-stampa, come si fa con gli
altri modi. Per quel che riguarda il ostaggi. Però Balotelli è ostaggio

Palermo super, il Milan affonda comportamento dei giocatori,


esultanze sfrenate e calci in mon-
dovisione, ci sarebbe la giustizia
sportiva. Uso il condizionale per-
ché la vedo a intermittenza. Anzi,
di se stesso e di una visione balo-
tellicentrica del calcio e del mon-
do. Solo lui può liberarsene, e chi
lo conosce veramente (famiglia,
amici, non certo il procuratore)

Miccoli, un gol da Champions ad essere sincero, più me l’aspet-


to e meno la vedo. Il giorno del
derby a Roma è stato un giorno di
guerriglia urbana. Con feriti, an-
che piuttosto gravi, morti evitati
per un pelo (una madre e due figli
può aiutarlo a liberarsene. Starò
dalla sua parte se ancora risuone-
ranno cori razzisti. Per il resto, è
indifendibile. Il calcio non è una
caserma, ma ci sono delle regole
da rispettare.
Rossoneri battuti 3-1, i siciliani tornano al quarto posto nell’auto incendiata da un petar-
do), sequestro di armi. Torno a ri-
proporre una vecchia domanda, F
uori, invece, pare di no. In-
difendibili, fra pochi anni,
saranno i valori della Resi-
mai passata d’attualità: che cosa stenza: molti di quelli che l’hanno
ENRICO CURRÒ Come ogni obiettivo prezioso, dall’area piccola. Poi un pallone do si sia arrabbiato con Ronal- deve succedere perché si squalifi- fatta sono morti, i più giovani che
a un certo punto la vittoria di ieri perso da Oddo sul pressing di dinho, che per un quarto d’ora ha chi l’Olimpico? È lecito o inutile l’hanno vista da vicino hanno
PALERMO — Se questo è il mese sera è stata anche sofferta. L’han- Hernandez aveva innescato la esibito, con Seedorf, un palleggio chiedere un po’ di coerenza? Non passato gli 80. E così è tutta una ce-
del congedo di Leonardo dal Mi- no resa tale, tentando la rimonta triangolazione Miccoli-Hernan- finalmente utile e non più solo solo non si sanzionano le tifose- lebrazione a rovescio: chi non ci
lan, l’addio è lungo e decisamen- sullo 0-2, gli orgogliosi superstiti dez e il diagonale del raddoppio, coreografico. I due hanno creato rie, ma si premiano: girino libera- va, chi nega le piazze, chi impone
te mesto. E se questo è il mese del di un Milan decimato: gli infortu- festeggiato dal ventenne con la l’apprezzabile azione dell’1-2 mente l’Italia romanisti e laziali, e la colonna sonora, chi va di qui ma
congedo del Milan dalla sua se- nati erano 11, incluso lo squalifi- cumbia, danza uruguaiana or- (taglio del brasiliano, rasoterra pure atalantini per non dare trop- anche di là perché i morti sono
conda, consecutiva stagione in- cato Ambrosini, e la moria di cen- mai il ballo favorito della Favori- da centro area dell’olandese) e il po nell’occhio con la filoroma- tutti uguali (ma le idee e le azioni
sulsa, il saluto è stanco e trava- trali difensivi aveva indotto Leo- ta. Palermo un po’ si è spaventato, nità. È questo forse un esempio, no), chi irride, chi sminuisce, chi
gliato: il portafoglio di Berlusco- nardo a convertire ancora Oddo In un altro tipo di danza si pro- inserendo Cavani per affiancare ministro Maroni, di tolleranza ze- scolora, chi fa manifesti. Mi ha
ni si è afflosciato e al successore in stopper, preferendolo all’im- ducevano Ronaldinho e Seedorf, il genietto Pastore, mentre il ri- ro? Se sì, mi adeguo col voto al re- colpito quello di Edmondo Ciriel-
dell’allenatore brasiliano servirà berbe Albertazzi, e a ripiegare sul con i loro ancheggiamenti sul po- corso a Inzaghi si rivelava tardi- sponsabile: 0. li, presidente della provincia di
parecchia fantasia, per restituire modulo ancelottiano, con See- vo. Nel frattempo, infatti, l’auto- n settimana, secondo me im- Salerno, che Repubblica defini-
entusiasmo a un ambiente fru-
strato dai propri insuccessi non-
ché, soprattutto, dai successi
dorf trequartista dietro Hunte-
laar e Ronaldinho. Dopo 18’ la
partita pareva già chiusa, appun-
sto, osservati dal placido e per-
plesso Huntelaar. Un destro da
fuori di Pirlo, deviato in volo da
Sirigu, esprimeva la frustrazione
nomia dei giocolieri rossoneri si
era esaurita. Miccoli l’ha messa a
nudo col colpo di genio del 3-1 e
I propriamente, sono stati ac-
costati Mario Balotelli e Renzo
Bossi. Forse per l’età, forse per il
sce “ex carabiniere”. Compli-
menti per la rapidità della carrie-
ra, avrà doti che mi sfuggono. La
dell’Inter. Di sicuro questo è il to per colpa di due sventatezze del regista, obbligato a sdoppiar- da allora ha avviato l’accademia, lancio della maglia: nerazzurra sostanza del manifesto è che sia-
mese più importante nella storia difensive. Prima, dimenticato in si in mediano accanto all’inesau- con Dida a evitare il peggio: epi- Balotelli, azzurra il delfino di Bos- mo liberi solo grazie agli Usa, che
del Palermo, che 12 anni fa venne area su un corner da Oddo e Thia- sto Gattuso. Nell’intervallo, co- logo paradigmatico di una sta- si, che il padre stesso, tempo fa, hanno salvato l’Italia dalla ditta-
ripescato dalla C2, dopo lo spa- go Silva, Bovo (al rientro da un’o- me già a Genova la settimana gione, più che di una serata. prontamente ribattezzò trota. A tura comunista. Non è una no-
reggio perso con la Battipagliese, perazione al piede) aveva colpito scorsa, è verosimile che Leonar- © RIPRODUZIONE RISERVATA
proposito: cosa sappiamo noi vità, di nuovo c’è la giustificazio-
grazie al fallimento dell’Ischia, e delle trote, a parte il modo di pe- ne del Cirielli: «Ho voluto dare
che Zamparini trovò in serie B nel scarle e cucinarle? Poco. Pure, un’interpretazione dinamica del
2002. Ieri, col 3-1 inflitto ai resti hanno i loro proverbi (chi cerca, 25 aprile, dinamica e futurista».
del Milan e col solito gol cesellato
da Miccoli, si è issato momenta-
Il dopopartita Leonardo: “Approccio sbagliato trota), giocano (con la trotola),
ballano (solo fox trot), girano il
Due aggettivi da meditare col do-
vuto (cioè nullo) rispetto. Poi, al-
neamente al quarto posto dei so-
gni. Tra due settimane lo attende ma non ho paura di un crollo” mondo (globetroter), scommet-
tono (trotocalcio, trotip), prega-
l’ex carabiniere, dico di mio pa-
dre: era carabiniere, ha fatto la Re-
al Barbera il duello con la Samp no (i trotomartiri), leggono (tro- sistenza, non era comunista, pen-
per la Champions, traguardo PALERMO — Il Milan adesso rischia an- l’allenatore e se non teme un crollo: «No tocalchi). E a volte scrivono. Gio- sava a liberare l’Italia e non alla
inedito per un’intera regione: av- che il terzo posto. Leonardo lo sa, e non — risponde secco —. Siamo concentrati vedì hanno preso carta e pinna e faccia di Stalin, e come lui ce n’e-
vezza al vassallaggio calcistico, la ha voglia di sorridere, stasera: «Abbiamo e tranquilli abbiamo solo sbagliato l’ap- mi hanno scritto a nome dei Sal- rano tanti. Al dinamico e futurista
Sicilia ha sempre fatto il tifo per le sbagliato l’approccio alla gara, siamo proccio al match. Il mio futuro? Finiamo monidi. Se ho capito bene (il fo- ex carabiniere nessun voto, solo i
grandi squadre del Nord, ma ora stati morbidi e abbiamo preso un gol che bene il campionato poi vediamo». glio era un po’ bagnato ma reale, sensi della mia più profonda e to-
può finalmente inorgoglirsi per potevamo evitare». Buona, invece, la Entusiasta Miccoli al 17° gol stagiona- non certo un’illusione ittica) era tale disistima. Stamattina mi alzo
quella di Delio Rossi, romagnolo reazione: «Abbiamo trovato il gol e ab- le e al 39° con il Palermo: «Mi manca so- una richiesta di strotizzazione. In e canto da solo “Pietà l’è morta”:
profeta in meridione, del quale biamo sfiorato il pareggio, poi però ci lo un gol per diventare il miglior marca- sintesi: le fario, le salmonate, le per ricordare mio padre e sforzar-
s’innamorò ai tempi di Foggia e hanno fatto la terza rete ed è finita». Gli tore nella storia del Palermo. Abbiamo sarde, le iridee, le marmorate fan- mi di dimenticare che esistono
dal quale, passando per Salerno e chiedono se non pensa che la squadra fatto una grande gara». no appello a Bossi padre perché quelli come Edmondo Cirielli.
Lecce, non si è più staccato. stia soffrendo l’incertezza sul futuro del- Delio Rossi © RIPRODUZIONE RISERVATA
definisca in altro modo il figliolo e © RIPRODUZIONE RISERVATA
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 SPORT @ PER SAPERNE DI PIÙ
www.internazionalibnlditalia.it
www.fedcup.com
■ 46

2-0 alla Rep.Ceca Il torneo In breve


Italia-Repubblica Ceca 2-0 Sorteggiato in Campidoglio
Pennetta b. Hradecka 6-4,7-5; ieri il tabellone del torneo.
Schiavone b. Safarova 6-0,6-2 Oggi via al torneo: terzo
Oggi, 12.30: match (non prima delle 17)
Pennetta-Safarova e il derby azzurro tra Seppi
Schiavone-Hradecka, e Fognini. Federer e Nadal
a chiudere il match di doppio si sfideranno eventualmente
in semifinale.

Ciclismo
Liegi-Bastogne-Liegi
GIANNI CLERICI torneo di Montecarlo, non solo
grazie a Soderling (5) ma con
c’è anche Contador
ROMA — Non faccio in tempo l’arrivo di Sua Maestà Roger Fe- OGGI la Liegi-Bastogne-Liegi:
a parcheggiare, ricevere le con- derer, che ha trascorso le va- tra i favoriti Contador (nella fo-
gratulazioni degli addetti ai la- canze post-americane ad alle- to), Gilbert ed Evans.
vori (a dottò, ancora ce stà) e ad narsi. I bene informati, dei qua- PREMIER LEAGUE — Man-
entrare nel nuovo Centrale li ahimè non faccio più parte, chester Utd-Tottenham 3-1,
Metallico, che lo trovo vuoto. disputano se gli allenamenti di Arsenal-Manchester City 0-0.
Ero qui per accreditarmi, e as- Federer tendano a portare S. M. Oggi Chelsea-Stoke City.
sistere all’incontro femminile alla forma migliore in occasio- BASKET — Anticipo A1: Avelli-
Italia-Cechia, ma nel mio cro- ne del binomio Roland Garros- no-Cantù 76-85. Oggi, ore 12:

Pennetta & Schiavone


nico stato di confusione men- Wimbledon, due scalini che Milano-Roma (Sky Sport 2). Ore
tale devo aver sbagliato giorno, potrebbero precedere l’ormai 18.15: Siena-Treviso, Teramo-
mi dico, nell’istante in cui vivis- irraggiungibile (a giudizio del- Pesaro, Ferrara-Montegrana-
sime strida gioiose mi giungo- lo scriba) Grande Slam. ro, Varese-Caserta (Sky Sport
no dal vicino campo Pietrange- Siano dunque gli Internazio- 2), Bologna-Cremona.
li. nali un riscaldamento, o già si VOLLEY — Semifinali scudetto,
Faccio appena a tempo a tra-
sferirmi in un sottoscala della
adiacente piscina che ospiterà
la mia vita per due settimane,
quando un conturbante profu-
mo di donna mi guida nelle im-
Roma comincia bene possa ammirare il vero Fede-
rer, rimane ferma la probabi-
lità di uno scontro tra lo svizze-
ro e l’apparentemente rinato
spagnolo in semifinale. Al ri-
guardo, qualcuno si doman-
oggi ore 18 gara 2: Trento-Ma-
cerata (sit: 2-0. Tv su Raisport+)
e Cuneo-Treviso (1-1).
RUGBY — Super 10: Gran Par-
ma-Treviso 10-36, Padova-Ro-

mediate vicinanze di Flavia


Pennetta. Dal bacio che, incre-
dulo, ricevo su una guancia ca-
Finale FedCup vicina, da oggi Internazionali derà se simile finale anticipata
non potesse venir evitata, di-
sattendendo la classifica Atp,
ma 32-6, Viadana-Parma 28-24,
Venezia-Prato 16-34. Classifi-
ca: Treviso 57, Viadana 53.
PALLANUOTO — A1: Latina-
pisco che il primo incontro di che costringe al sorteggio delle Imperia 7-7, Nervi-Florentia
Fed Cup è stato vinto, e mi ri- gap generazionale che mi ha se con quei poveri orfani dei lo- teste di serie che seguono le pri- 12-8, Savona-Sori 16-8, Boglia-
lasso, nell’ascoltare l’abituale, impedito di amar la Penna con Per l’ottantesima ro cugini maschietti. Giunge me due. Cosa che accade rego- sco-Roma 13-8, Lazio-Posillipo
lucidissima conversazione di qualche speranza di successo, edizione un nuovo nel frattempo dal Campidoglio larmente a Wimbledon. Pur- 10-9. Retrocedono Sori e Latina.
quella delizia, come sempre mi affretto sul campo, in cui notizia del sorteggio maschile troppo il regolamento del com- SUPERBIKE — Assen, gran pre-
autocritica nei propri riguardi, Leonessa Schiavone fa mostra Centrale. Il rischio: degli Ottantesimi Campionati puter è quello di un robot non mio di Superbike d’Olanda: su-
ma insieme positiva. E’ stata in- delle sue capacità strategiche, una semifinale maschili, che iniziano oggi. certo geniale, e l’Atp l’ha adot- perpole a Jonathan Rea (Hon-
dietro 4 a 1 in entrambi i set con non solo rendendosi conto che Federer-Nadal Non mi soffermo, in attesa di tato, a differenza dei dirigenti da), Max Biaggi undicesimo.
la Hradecka (lontana discen- l’avversaria è mancina, ma una articolessa che apparirà inglesi. Attendiamo quindi, col FISI — Giovanni Morzenti con-
dente del Generale), ma al con- rompendole il bel giochino con domani, sull’importanza del- permesso di Djokovic (2) e fermato presidente della Fede-
tempo ha trovato modo di ca- traiettorie diseguali. della Fed Cup, e nelle conferen- l’anniversario. Annoto soltan- Murray (4), una finale travesti- razione italiana sport invernali:
pire cosa dovesse fare per ve- Le nostre eroine sono dun- ze stampa troveranno addirit- to che la partecipazione è mi- ta da semifinale. l’ha spuntata su Ghilardi per
nirne a capo. Nel riflettere sul que per la terza volta in finale tura modo di mostrarsi genero- gliorata rispetto al precedente © RIPRODUZIONE RISERVATA 2700 voti.

Solo nei negozi che aderiscono alliniziativa.


Dal 20 aprile
al 2 maggio.
La bella stagione
dello shopping. -20% spring
promotion

DAL 20 APRILE AL 2 MAGGIO 2010

Solo nei Designer Outlet McArthurGlen.


Dal 20 aprile al 2 maggio ti aspettano le firme più prestigiose
con riduzioni a partire dal 20% sul prezzo outlet*.
*Il prezzo outlet è già ridotto dal 30% al 70% rispetto al prezzo di listino originario.

Barberino di Mugello (FI) • Castel Romano (Roma)


Marcianise (CE) • Noventa di Piave (VE) • Serravalle Scrivia (AL) www.mcarthurglen.it
la Repubblica
DOMENICA 25 APRILE 2010 METEO @ PER SAPERNE DI PIÙ
meteo.repubblica.it
■ 47

dati a cura di 3BMeteo.com - Elaborazione grafica: Centimetri.it

Bolzano
Meteo
Trento in tempo
Aosta
reale su
Torino
Milano
Venezia
Trieste Repubblica.it
Bologna

Genova
Ancona

Firenze
Mare e venti oggi
Mare Vento Perugia
Mattino km/h Prov. L’Aquila
Martedì
Mattina discreta su gran parte Ancona 18 N
Piogge e rovesci su centro ovest
dell'Italia, eccezion fatta per residui Valpadana, medio-alto Triveneto,
annuvolamenti su dorsale centro Anzio 14 O ROMA tirreniche ed interne adriatiche in
meridionale, medio-bassa Sardegna e Bari 23 NNO estensione pomeridiana a dorsale
Campobasso Bari
rilievi del Nord, in particolar modo quelli meridionale, Salento e centro est Sicilia.
centro orientali. Minime in ascesa al Cagliari 11 NO Migl