Sei sulla pagina 1di 72

Prof.

ssa Carla Fiori

Appunti di Algebra I
Versione non definitiva
(Lavori in Corso)

Univertisà di Modena e Reggio Emilia


Dipartimento di Matematica Pura e Applicata
Anno Accademico 2006/07
Questo documento é stato scritto in LATEX utilizzando l’editor LYX. I diagrammi invece sono
stati prodotti utilizzando XY-Pic.

Quest’opera é stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-


Non opere derivate 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito web

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/

o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, Califor-
nia, 94105, USA. Per ulteriori informazioni si prega di contattare Emanuele Bardelli, Marco Cor-
ghi e Dario Prandi agli indirizzi <mailto:51242@unimore.it>, <mailto:korg86@virgilio.it>
o <mailto:disabile@gmail.com>.

Alcuni diritti riservati


BY:
$
= 2006-2007
\

This work is licensed under the Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative


Works 2.5 Italy License. To view a copy of this license, visit

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/

or send a letter to Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California,
94105, USA. For further information, please contact Emanuele Bardelli, Marco Corghi e Dario
Prandi at these e-mail addresses <mailto:51242@unimore.it>, <mailto:korg86@virgilio.it>
or <mailto:disabile@gmail.com>.

Some Rights Reserved


BY:
$
= 2006-2007
\
Prefazione

Questi appunti raccolgono le lezioni del corso di Algebra I (di quaranta ore) tenute dalla Pro-
fessoressa Carla Fiori presso l’Università di Modena e Reggio Emilia durante l’anno accademico
2006/07. La presente stesura elettronica é opera di Emanuele Bardelli, Marco Corghi e Dario
Prandi, studenti del corso. Ad essi va il ringraziamento della Prof.ssa Fiori che rende reperibili
questi appunti nella propria pagina web perché siano a disposizione di tutti gli studenti quale
ausilio didattico.

i
Indice

1 Gruppi 1
1.1 Definizioni ed Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.1.1 Non condradditorietà degli assiomi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.1.2 Indipendenza degli assiomi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2 Proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.3 Potenze e Multipli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.4 Definizioni equivalenti di Gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.5 Leggi di Cancellazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

2 Sottogruppi 10
2.1 Sottogruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.2 Unione e intersezione di sottogruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.3 Sottogruppi generati da un elemento. Gruppi ciclici. . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.3.1 Gruppo dei Quaterioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.4 Laterali e Indice di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

3 Teoremi di Lagrange, Sylow e Cauchy 19


3.1 Teorema di Lagrange . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3.2 Conseguenze del teorema di Lagrange . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.3 Teorema di Sylow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.4 Teorema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.5 Casi in cui il teorema di Lagrange é invertibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

4 Il gruppo simmetrico e gruppo alterno 24


4.1 Gruppo Simmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.2 Cicli e classi di permutazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.3 Gruppo Alterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

5 Sottogruppi normali 31
5.1 Definizione e Principali Proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

6 Omomorfismi e Automorfismi di Gruppi 36


6.1 Definizione e Proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
6.2 Proprietà degli omomorfismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
6.3 Proprietà degli isomorfismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
6.4 Centro e centralizzante di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

ii
INDICE

6.5 Automorfismi di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41


6.6 Sottogruppi caratteristici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

7 Gruppi Risolubili 43
7.1 Derivato di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
7.2 Derivato primo del gruppo simmetrico Sn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
7.3 Risolubilità di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
7.4 Risolubilità e Gruppi Simmetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
7.5 Condizioni per la Risolubilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

8 Prodotto diretto di Gruppi 48


8.1 Definizione e Proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

9 Reticoli 51
9.1 Relazione d’ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
9.2 Reticoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
9.2.1 Legge di dualità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
9.3 Sottoreticoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
9.4 Diagramma di un reticolo finito (diagramma di Hasse) . . . . . . . . . . . . . . . 54
9.5 Reticoli modulari e reticoli distributivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
9.6 Catene. Decomposizione per ∪ e ∩ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
9.7 Reticoli complementati e Algebra di Boole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64

iii
Capitolo 1

Gruppi

1.1 Definizioni ed Esempi


Definizione 1.1.1. Sia G 6= ∅ e sia data in G una operazione binaria interna:

◦ : G × G −→ G
(a, b) 7−→ a ◦ b

Si dice che (G, ◦) é un gruppo se valgono le seguenti proprietà:

1. Proprietà associativa: a ◦ (b ◦ c) = (a ◦ b) ◦ c ∀a, b, c ∈ G

2. Elemento unità: ∃ u ∈ G tale che a ◦ u = u ◦ a = a ∀a ∈ G (u é detto elemento unità)

3. Elemento inverso: ∀a ∈ G , ∃! a−1 ∈ G tale che a ◦ a−1 = a−1 ◦ a = u (a−1 é detto l’inverso
dell’elemento a)

L’operazione “◦” é detta “prodotto” di a ◦ b e, di norma, scriveremo semplicemente ab.


Se l’operazione gode della ulteriore proprietà commutativa a ◦ b = b ◦ a ∀a, b ∈ G allora
(G, ◦) si dice gruppo abeliano o commutativo.

Definizione 1.1.2. Se l’operazione del gruppo é indicata con la notazione “+” additiva, allora
si parla di:

• Zero come elemento neutro: a + 0 = 0 + a = a, ∀a ∈ G


• Opposto −a di un elemento a: a + (−a) = (−a) + a = 0, ∀a ∈ G

Definizione 1.1.3. Un gruppo (G, ◦) con un numero finito n di elementi si dice di ordine n.

Esempio 1.1.4.

• Dato l’insieme G = N \ {0}, e l’operazione a ◦ b = ab , (G, ◦) non é un gruppo perché non


c
vale la proprietà associativa: a(bc) = a(bc ) = ab e (ab)c = ab c = (ab )c = abc .

• (R∗ , ·) é un gruppo.

• Di seguito sono riportati insiemi numerici con le usuali operazioni di somma o prodotto:

1
Capitolo 1 - Gruppi

1. (Z, +) é un gruppo additivo abeliano;


2. (N, +) non é un gruppo (non vale la proprietà (3) a pagina 1);
3. (Q, +), (Q∗ , ·) sono gruppi;
4. (Q, ·) non é un gruppo;
5. Come si vedrà nell’esempio 2.3.10, per ogni n esistono gruppi di ordine n.

Nota 1.1.5. (Z, ·) non é un gruppo perché valgono (1) e (2) ma non vale la (3). Questo assicura
che l’assioma (3) non dipende da (1) e (2).

1.1.1 Non condradditorietà degli assiomi


Quando si definisce una struttura con degli assiomi, é importante verificare che gli assiomi siano
non contradditori (o compatibili) fra loro.
La non contradditorietà di una assiomatica si prova dimostrando l’esistenza di un modello
che verifica tutti gli assiomi.

1.1.2 Indipendenza degli assiomi


E’ meno importante della precedente ma non trascurabile: nelle definizioni si deve cercare di
mettere solo gli assiomi che sono indipendenti tra loro.

1.2 Proprietà
Proposizione 1.2.1. In un gruppo (G, ·) l’elemento neutro é unico.
Dimostrazione. Supponiamo che, oltre a u, esista anche v ∈ G tale che va = av = a, ∀a ∈ G;
dimostriamo che allora v = u.
v · u = v per (2) della definizione di gruppo;
v · u = u per l’ipotesi su v.
Dal confronto delle ugualianze segue v = u.
Proposizione 1.2.2. In un gruppo (G, ·) l’elemento inverso é unico.
Dimostrazione. Sia a ∈ G, supponiamo che oltre ad a−1 esista anche ā ∈ G tale che aā = āa = u.
Allora:

¯ a−1 = ā aa−1 = āu = ā



(aa)

¯ a−1 = ua = a−1
(aa)
da cui ā = ā−1 .
Teorema 1.2.3. Sia (G, ·) un gruppo e a ∈ G. Si ha ∀a−1 ∈ G si verifica che (a−1 )−1 = a
Dimostrazione. Risulta
a−1 · (a−1 )−1 = u

a−1 · a = u
dal confronto delle ugualianze si deduce che (a−1 )−1 = a

2
Capitolo 1 - Gruppi

Proposizione 1.2.4. Sia (G, ·) un gruppo; ∀a, b ∈ G, si ha che (ab)−1 = b−1 a−1

Dimostrazione. Risulta
(ab)−1 (ab)b−1 = ub−1 = b−1

(ab)−1 (ab)b−1 = (ab)−1 a(bb−1 ) = (ab)−1 au = (ab)−1 a


dal confronto delle ugualianze si ha b−1 = (ab)−1 a =⇒ b−1 a−1 = (ab)−1

La proposizione ora dimostrata si generalizza alla seguente

Proposizione 1.2.5. Sia (G, ·) un gruppo. Comunque presi a1 , a2 , . . . , an ∈ G si ha:


−1 −1 −1
(a1 a2 . . . an )−1 = a−1
n an−1 . . . a2 a1

Dimostrazione. La dimostrazione si effettua per induzione su n. Il caso base (n = 2) é verificato


per la proposizione 1.2.4, quindi, supposta vera per n dimostriamo che vale per n + 1:

(a1 a2 . . . an an+1 )−1 = [(a1 a2 . . . an )an+1 ]−1 = a−1


n+1 · (a1 a2 . . . an )
−1
=
= a−1 −1 −1 −1
n+1 an . . . a2 a1 .

Corollario 1.2.6. Se (G, ·) é gruppo abeliano allora:

(ab)−1 = a−1 b−1 e (a1 a2 . . . an )−1 = a−1 −1 −1


1 a2 . . . an

1.3 Potenze e Multipli


Definizione 1.3.1. Potenze: quando la legge di gruppo é data moltiplicativamente, in (G, ◦) si
definiscono le potenze di x ∈ G ad esponente m ∈ Z ponendo:

x0 = u
x1 = x
..
.
xm = x
| ◦ x ◦{z. . . ◦ x} per m > 1
m volte

x−1 = inverso di x
x−2 = x−1 ◦ x−1
..
.
x−m = |x−1 ◦ x−1{z◦ . . . ◦ x−1} per m > 1
m volte

3
Capitolo 1 - Gruppi

Proposizione 1.3.2. In un gruppo (G, ·) valgono le seguenti proprietà:

xm xn = xm+n = xn xm , (xm )n = xmn = (xn )m


e nel caso di (G, ·) abeliano vale anche:

(xy)m = xm y m

Definizione 1.3.3. Multipli: quando la legge di gruppo é data additivamente, si scrive x − y


al posto di x + (−y); inoltre in (G, +) si definiscono i multipli mx di x ∈ G secondo un intero
m ∈ Z, ponendo:

0·a= 0
1·a= a
2·a= a+a
..
.
m · a = a + a + . . . + a per m > 1
| {z }
m volte

(−1) · a = −a
(−2) · a = −a − a
..
.
(−m) · a = −a − a − . . . − a per m > 1
| {z }
m volte

Proposizione 1.3.4. In un gruppo (G, +) valgono le proprietà:

ma + na = (m + n)a , n(ma) = (nm)a

1.4 Definizioni equivalenti di Gruppo


Nota 1.4.1. Al posto di (2) della definizione 1.1.1 si può scrivere pi· semplicemente: ∃ u ∈ G tale
che a ◦ u = a, ∀a ∈ G.
Nota 1.4.2. Al posto di (3) della definizione 1.1.1 si può scrivere pi· semplicemente: ∃ a−1 ∈ G
tale che a ◦ a−1 = u, ∀a ∈ G.

Teorema 1.4.3. (G, ◦) é un gruppo se:

1.
(a ◦ b) ◦ c = a ◦ (b ◦ c), ∀a, b, c ∈ G

2.
∃ u ∈ G : a · u = a, ∀a ∈ G

3.
∃ a−1 ∈ G : a · a−1 = u, ∀a ∈ G

4
Capitolo 1 - Gruppi

Dimostrazione. Basta provare che u ◦ a = a e a ◦ a−1 = u per ogni a ∈ G. Per 1.4.2 del teorema
si ha a−1 ◦ (a−1 )−1 = u, allora

a−1 ◦ a = (a−1 ◦ a) ◦ u
= (a−1 ◦ a) ◦ [a−1 ◦ (a−1 )−1 ]
= a−1 ◦ (a ◦ a−1 ) ◦ (a−1 )−1
= a−1 ◦ u ◦ (a−1 )−1
= a−1 ◦ (a−1 )−1
= u

Inoltre:

u◦a = (a ◦ a−1 ) ◦ a
= (a ◦ a−1 ) ◦ a
= a ◦ (a−1 ◦ a)
= a◦u
= a

Nota 1.4.4. Nell’enunciato del teorema precedente occorre fare attenzione all’ordine con cui si
scrivono gli elementi, infatti come mostra l’esempio 1.4.5 si ha che (G, ◦) non é un gruppo se:

1.
a ◦ (b ◦ c) = (a ◦ b) ◦ c, ∀a, b, c ∈ G

2.
a ◦ u = a, ∀a ∈ G

3.
a−1 ◦ a = u, ∀a ∈ G

◦ u a
Esempio 1.4.5. Dato l’insieme G = {u, a}, e la seguente operazione u u u
a a a
In (G, ◦) valgono (1), (2) e (3) della nota 1.4.4 ma non é un gruppo perché da a−1 = u segue

a−1 ◦ a = u ◦ a = u

=⇒ a−1 ◦ a 6= a ◦ a−1
a ◦ a−1 = a ◦ u = a

Teorema 1.4.6. Sia (G, ◦) un gruppo; comunque presi a, b ∈ G esiste uno ed uno solo x ∈ G
tale che a ◦ x = b ed esiste uno ed un solo y ∈ G tale che y ◦ a = b.

5
Capitolo 1 - Gruppi

Dimostrazione. Dati a, b ∈ G se esiste x ∈ G tale che a ◦ x = b possiamo scrivere

a−1 ◦ (a ◦ x) = a−1 ◦ b

(a−1 ◦ a) ◦ x = a−1 ◦ b
u ◦ x = a−1 ◦ b
x = a−1 ◦ b
ossia rimane determinato in unico modo l’elemento x. Ma dati a, b ∈ G, l’elemento a−1 ◦b ∈ G
esiste e verifica a ◦ x = b, infatti

a ◦ (a−1 ◦ b) = (a ◦ a−1 ) ◦ b = b

Dunque dati a, b ∈ G esiste ed é unico l’elemento x ∈ G tale che a ◦ x = b, anzi possiamo dire
che risulta
x = a−1 b
Analogamente, supponiamo esista y ∈ G tale che y ◦ a = b. Allora y = b−1 a, ma dati a, b ∈ G
l’elemento b−1 a esiste in G e verifica y = ba−1 infatti

(b ◦ a−1 ) ◦ a = b ◦ (a−1 ◦ a)
= b

Dunque esiste ed é unico in G l’elemento y tale che

y◦a=b

Nota 1.4.7. L’unicità segue dall’esistenza.


Nota 1.4.8. Se il gruppo G é commutativo allora risulta x = y.
Le proprietà del teorema 1.4.6 sono caratteristiche di un gruppo, ossia:
Teorema 1.4.9. (G, ·) é un gruppo se valgono:
1.
a · (b · c) = (a · b) · c ∀a, b, c ∈ G

2.
∃ x ∈ G tale che a · x = b ∀a, b ∈ G

3.
∃ y ∈ G tale che y · a = b ∀a, b ∈ G

Dimostrazione. Preso a ∈ G, per (2) esiste u ∈ G tale che a · u = a. Considerato un qualunque


b ∈ G, esiste y ∈ G tale che y · a = b. Risulta

b·u = (y · a) · u
= y · (a · u)
= y·a
= b ∀b ∈ G

6
Capitolo 1 - Gruppi

e pertanto u ∈ G é tale che


b·u=b ∀b ∈ G
−1
Infine pero ogni a ∈ G esiste ed é unico a ∈ G tale che
a · a−1 = u
perché, sempre per (2), a · x = u ha una ed una sola soluzione.

1.5 Leggi di Cancellazione


Teorema 1.5.1. Sia (G, ◦) un gruppo; per ogni a, b, c ∈ G si ha che:
a ◦ b = a ◦ c =⇒ b = c

b ◦ a = c ◦ a =⇒ b = c
Dimostrazione. I modo. Sia d = a ◦ b = a ◦ c, poiché in un gruppo a ◦ x = d ha una e una sola
soluzione, deve essere b = c.
Sia d = b ◦ a = c ◦ a, poiché in un gruppo y ◦ a = d ha una e una sola soluzione, deve essere
b = c.
Dimostrazione. II Modo. Sia a · b = a · c, allora si ha
a−1 (ab) = a−1 (ac)
(a−1 a)b = (a−1 a)c
ub = uc
b = c
Sia b · a = c · a, allora si ha:

(ba)a−1 = (ca)a−1
b(aa−1 ) = c(aa−1 )
bu = cu
b = c

Quelle dimostrate ora si chiamano leggi di cancellazione.


Nota 1.5.2. Come mostra l’esempio seguente il fatto che in un insiame (G, ◦) valga la proprietà
associativa e valgono le leggi di cancellazione non assicura che (G, ◦) sia un gruppo. Se si aggiunge
l’ipotesi che G sia finito allora le tre condizioni sono sufficienti perché (G, ◦) sia un gruppo.

Esempio 1.5.3. In (N∗ , ·) valgono:


1. Proprietà associativa (1);
2. n · x = n · y =⇒ x = y;
3. x · n = y · n =⇒ x = y.
ma (N∗ , ·) non é un gruppo perché se n 6= 1 non esiste in N∗ l’elemento neutro.

7
Capitolo 1 - Gruppi

1.6 Esercizi
1. Trovare esempi che dimostrano che nella definizione di gruppo:

(a) L’assioma 1 non dipende da 2 e 3;


(b) L’assioma 2 non dipende da 1 e 3.
√ √ 2
Soluzione. (R+
0 , ◦) con a ◦ b = ( a − b) :
• Non é associativa
• Ha elemento neutro “0”
• Ogni elemento ammette opposto: l’opposto di a é a stesso.

2. In Q∗ consideriamo la seguente operazione:


1
a◦b= ab ∀a, b ∈ Q∗
2
Dimostrare che (Q∗ , ◦) é un gruppo abeliano.
3. Nell’insieme G = {Q × {1, −1}} sia data l’operazione:

(a, n) ◦ (b, m) = (a · b + a · m + b · n, n · m)

dove a, b ∈ Q e m, n ∈ {1, −1}. Di quali proprietà gode l’operazione?


Soluzione. L’insieme G gode delle proprietà:
• Associativa;
• Elemento Neutro;
• Commutativa;
• Non tutti i suoi elementi ammettono inverso.
4. Considerando l’operazione descritta nel punto 3, e l’insieme G = {Q − {1, −1}} × {1, −1},
dimostrare che (G, ◦) é un gruppo abeliano.
5. Dimostrare che l’operazione di prodotto righe per colonne sull’insieme GLn (K) delle matrici
di determinante non nullo a coefficienti nel campo K costituisce una struttura di gruppo.
6. Dimostrare che l’insieme Sn delle applicazioni invertibili dall’insieme 1, 2, ..., n in se stesso
é un gruppo rispetto all’operazione di composizione.
7. Se X é un insieme dotato di una legge di composizione associativa e di una identità, allora
il sottoinsieme di X costituito dagli elementi invertibili é un gruppo.
8. Sia G un insieme non vuoto, chiuso rispetto ad un prodotto che sia associativo e che soddisfi
inoltre le seguenti condizioni:

• Esiste un elemento u ∈ G tale che a · u = a, per ogni a ∈ G.


• Dato a ∈ G, esiste un elemento y ∈ G tale che a · y = u.
Dimostrare che allora G é un gruppo rispetto a questo prodotto.

9. Dimostrare con un esempio che la conclusione dell’esercizio 8 é falsa se supponiamo invece


che:

8
Capitolo 1 - Gruppi

• Esiste un u ∈ G tale che a · e = a, per ogni a ∈ G.


• Dato a ∈ G, esiste y ∈ G tale che y · a = u.

10. Mostrare che i gruppi S2 e GL(K1 ) non sono abeliani.

11. Se G é un gruppo nel quale (ab)i = ai bi per tre interi i consecutivi e per ogni coppia di
elementi a, b ∈ G, allora G é abeliano.

12. Dimostrare che la conclusione dell’esercizio 11 non vale pi· se la relazione sussiste solo per
due interi consecutivi.

9
Capitolo 2

Sottogruppi

2.1 Sottogruppi
Definizione 2.1.1. Sia (G, ·) un gruppo e H ⊆ G, H 6= ∅. Si dice che H é sottogruppo di G se
H é gruppo rispetto alla stessa operazione definita in G.

Definizione 2.1.2. Ogni gruppo ammette almeno due sottogruppi banali: G, {1} con 1 elemento
neutro di G.

Nota 2.1.3. Se H é sottogruppo di G si scrive anche

H≤G

Nota 2.1.4. Se (G, ·) é abeliano, ogni suo sottogruppo é abeliano.

Esempio 2.1.5. Di seguito sono elencati alcuni esempi di sottogruppi:

1. Sia P = {2n : n ∈ Z} l’insieme dei numeri pari in Z; (P, +) é sottogruppo (abeliano) di


(Z, +).

2. Sia D = {2n + 1 : n ∈ Z} l’insieme dei numeri dispari in Z; (D, +) non é sottogruppo di


(Z, +). perché “+” non é un’operazione in D, quindi non ha senso chiedersi se (D, +) sia
un gruppo.

3. Fissato n ∈ Z, sia nZ = {nh : h ∈ Z} =< n >; (nZ, +) é sottogruppo di (Z, +);

4. Sia H = {x ∈ Q∗ : x > 0} l’insieme dei numeri razionali positivi; risulta (H, ·) sottogruppo
di (Q∗ , ·);

5. Sia A = {x + 2y : x, y ∈ Q}; risulta (A, +) sottogruppo di (R, +).

Teorema 2.1.6. Sia (G, ·) un gruppo; un sottoinsieme non vuoto H di G, con H ⊆ G e H 6= ∅


, é un sottogruppo di G se e solo se per ogni a, b ∈ H risulta a · b ∈ H, a−1 ∈ H.

Dimostrazione.

=⇒ Se H é sottogruppo di G é ovvio che a · b ∈ H, a−1 ∈ H per ogni a, b ∈ H.

10
Capitolo 2 - Sottogruppi

⇐= Sia H 6= ∅ tale che per ogni a, b ∈ H risulta a · b ∈ H, a−1 ∈ H. Per dimostrare che H é
sottogruppo rimane solo da dimostrare che in H c’é elemento neutro:

a ∈ H ⇒ a−1 ∈ H ⇒ a · a−1 = 1 ∈ H

Teorema 2.1.7. Sia Sia (G, ·) un gruppo; un sottoinsieme non vuoto H di G é un sottogruppo
di G se e solo se per ogni a, b ∈ H risulta a · b−1 ∈ H.
Dimostrazione.
=⇒
a, b ∈ H ⇒ a, b−1 ∈ H ⇒ ab−1 ∈ H

⇐= Sia H 6= ∅ allora:
∃a ∈ H ⇒ a · a−1 ∈ H ⇒ 1 ∈ H
Da a ∈ H e 1 ∈ H segue 1 · a−1 ∈ H, allora a−1 ∈ H.

Esempio 2.1.8. Consideriamo (Z, +) e nZ =< n >= {xn : x ∈ Z} per un fissato n ∈ Z.


Risulta:
a, b ∈< n >=⇒ a + (−b) ∈< n >
infatti:

a, b ∈< n >⇒
a = x · n, b = y · n ⇒
a − b = x · n − y · n = (x − y) · n ∈ G

Questo prova che < n > é sottogruppo di (Z, +).

Proposizione 2.1.9. Sia (G, ·) un gruppo e sia H ⊆ G, H 6= ∅, H finito. H é un sottogruppo


di G se e solo se a · b ∈ H, ∀a, b ∈ H.
Dimostrazione.
=⇒ Se H é sottogruppo di G é ovvio che a · b ∈ H per ogni a, b ∈ H.
⇐= Sia H = {a1 , a2 , . . . , an }, dimostriamo che per ogni ai , aj ∈ H esistono e sono unici x, y ∈ H
tali che ai · x = aj e y · ai = aj . Infatti considerando i prodotti

ai a1 , ai a2 , . . . , ai an

questi prodotti per ipotesi stanno in H, ma sono anche a due a due distinti perché se

ai ah = ai ak
−1
ai ai ah = a−1
i ai ak
uah = uak
ah = ak

11
Capitolo 2 - Sottogruppi

I precedenti n prodotti sono dunque tutti e i soli gli elementi di H, allora esiste ed é unico
ah tale che
ai · ah = aj
ed esiste ed é unico ak tale che
ak · ai = aj

Nota 2.1.10. E’ indispensabile l’ipotesi che H sia finito.

Esempio 2.1.11. (Z, +) gruppo, N ⊆ Z é tale che N 6= ∅ e a, b ∈ N =⇒ a + b ∈ N. Ma (N, +)


non é un gruppo.

2.2 Unione e intersezione di sottogruppi


Proposizione 2.2.1. Siano H1 , H2 , . . . , Hn sottogruppi del gruppo (G, ·). Allora:
n
\
Hi
i=1

é un sottogruppo di G (dove ∩ rappresenta l’intersezione insiemistica);


n
[
Hi
i=1

non é detto che sia sottogruppo di G (dove ∪ rappresenta l’unione insiemistica).


Proposizione 2.2.2. Sia (G, ·) un gruppo e H un sottoinsieme non vuoto di G. Sia

F = {H1 , H2 , . . . ; Hn }

l’insieme dei sottogruppi di G che contengono H. Certamente F =


6 ∅ perché almeno G ∈ F.
Posto \
< H >= Hi
Hi ∈F

allora < H > é sottogruppo di G perché é intersezione di sottogruppi di G, inoltre < H >⊆ Hi
per ogni Hi ∈ F.

• Queste proprietà caratterizzano < H > che prende il nome di sottogruppo generato da
H.
• Si dice anche che H é un sistema di generatori di < H >.
• Se H = {x1 , x2 , . . . , xn }, anziché < H > si scriverà

< x1 , x2 , . . . , xn >

• Sia H ⊆ G un sottoinsieme di (G, ·) gruppo. In G si può allora considerare il sottoinsieme

H −1 = {x−1 : x ∈ H}

12
Capitolo 2 - Sottogruppi

Nota 2.2.3. Risulta H = H −1 solo quando H é sottogruppo di G.

Proposizione 2.2.4. Sia H ⊆ G, H 6= ∅, un sottoinsieme non vuoto di G. Il gruppo < H >


generato da H é costituito dai prodotti

x1 · x2 · · · · · xn

al variare di n ∈ N e di xi ∈ H ∪ H −1 .
Dimostrazione. Sia H̄ il sottoinsieme di G formato dai prodotti di cui nell’enunciato.
Da x1 · x2 · · · · · xn ∈ H̄ e y1 · y2 · · · · · ym ∈ H̄ segue che:
−1
(x1 · x2 · · · · · xn )−1 (y1 · y2 · · · · · ym ) = x−1
n · · · · · x1 · y1 · y2 · · · · · yn ∈ H̄

e perciò H̄ é sottogruppo di G.
Inoltre é ovvio che ogni sottogruppo di G che contiene H contiene H̄ e pertanto

H̄ =< H >

Nota 2.2.5. Un gruppo (G, ·) si dice finitamente generato se G =< H > con H finito.Un gruppo
(G, ◦) finitamente generato é finito o numerabile.
Dimostrazione. Sia G =< x1 , . . . , xm >. Ogni x ∈ G é tale che x = xni11 ◦ xni22 ◦ . . . xniss con ni ∈ Z
e i1 , i2 , . . . , is ∈ {1, 2, . . . , m}. Per ogni x si ponga hx = |n1 | + |n2 | + . . . + |ns |. Gli x ∈ G tali
che hx ≤ n per un S assegnato n ∈ N, formano un sottoinsieme finito Gn di G e quindi la tesi segue
dall’essere G = n∈N Gn
Corollario 2.2.6. Un gruppo generato da un insieme numerabile é numerabile

Nota 2.2.7. Un sottogruppo di un gruppo finitamente generato può non essere finitamente
generato.

Esempio 2.2.8. Si seguito sono elencati alcuni esempi:

1. (R, +), (R∗ , ·), (C, +), (C ∗ , ·) non sono finitamente generabili.

2. (Z, +) é finitamente generato: Z =< 1 >


r1 r2 rn
3. (Q, +) non é finitamente generato. Infatti, siano , ,··· , ∈ R.
s1 s2 sn
ri 1
Ogni = ki · con ki = ri s1 s2 . . . si−1 si+1 . . . sn . Ne segue che
si s1 s2 . . . sn
r1 r2 rn 1
< , ,··· , >⊆< >6= Q
s1 s2 sn s1 s2 . . . sn

13
Capitolo 2 - Sottogruppi

2.3 Sottogruppi generati da un elemento. Gruppi ciclici.


Teorema 2.3.1. Sia (G, ·) un gruppo e sia a ∈ G; < a >= {an |n ∈ Z} é un sottogruppo di G.
Dimostrazione.
a = a1 ∈< a > ⇒ < a >6= ∅
Presi ar , as ∈< a > si ha che ar · as = ar+s ∈< a >. Inoltre se as ∈< a > allora (as )−1 =
a−s ∈< a >.
Dunque < a > é un gruppo, sottogruppo di (G, ·).
Nota 2.3.2. < a > é commutativo; sia che G lo sia, sia che G non lo sia perché ar as = ar+s =
as+r = as ar . Infatti in Z si ha che r + s = s + r.
Definizione 2.3.3. < a >si chiama sottogruppo ciclico generato da a, detto quindi generatore
del gruppo.

Esempio 2.3.4. Alcuni esempi:


1. In (Z, +), < 5 >= {n · 5|n ∈ Z} = 5Z é un gruppo ciclico generato da 5.
2. In (Q∗ , ·) si ha < 1
3 >= {( 13 )n |n ∈ Z} sottogruppo ciclico generato da 31 .

Definizione 2.3.5. Se (G, ◦) é un gruppo ed esiste a ∈ G tale che < a >= G, allora G si dice
ciclico. In tal caso l’elemento a si chiama generatore del gruppo.
Nota 2.3.6. Se a é generatore di (G, ◦) allora anche a−1 genera (G, ·).
Nota 2.3.7. Ogni gruppo ciclico é abeliano.

Esempio 2.3.8. Alcuni esempi:


1. (Z, +) é gruppo ciclico generato da 1 oppure da −1: Z =< 1 >=< −1 >.
2. Dato un triangolo equilatero, sia G = {r0 , r1 , r2 } l’insieme delle rotazioni di centro O che
mutano in sé il triangolo:
     
1 2 3 1 2 3 1 2 3
r0 = , r1 = , r2 =
1 2 3 2 3 1 3 1 2

(G, ◦) é un gruppo ciclico generato da r1 oppure da r2 : G =< r1 >=< r2 >.


3. Gruppo ciclico di ordine n, n ∈ N∗ , ottenuto ruotando un qualunque poligono regolare di
n lati come fatto per il triangolo equilatero in (2).
4. Gruppo ciclico di ordine 2:
   
1 2 1 2
G = {r0 , r1 } =< r > con r0 = , r1 =
1 2 2 1

◦ r0 r1
r0 r0 r1
r1 r1 r0

14
Capitolo 2 - Sottogruppi

5. Gruppo ciclico di ordine 1: G = {1}, G =< 1 >

Nota 2.3.9. Esistono gruppi ciclici di ogni ordine.


Sia (G, ◦) =< a >= {. . . , a−2 , a−1 , a0 = 1, a1 , a2 , . . .}. Si possono dunque due casi:

1. Per ogni n 6= m risulta an 6= am .

2. Esistono n, m, n 6= m per i quali an = am

Nel primo caso il gruppo G é infinito.


Se si verifica il secondo caso, supposto n > m, si ha:

an = am ⇒ an ◦ a−m = am ◦ a−m = a0 = 1 ⇒ an−m = 1


ossia ∃k ∈ N tale che ak = 1.
Sia h ∈ N il pi· piccolo intero positivo tale che ah = 1. Dimostriamo che |G| = h e G =<
a >= {a0 = 1, a1 = a, a2 , . . . , ah−1 }. Per farlo basta dimostrare che gli elementi sono tutti
distinti e che an ∈< a >, ∀n ∈ Z.
Considerati r, s ∈ N, con 0 ≤ r < s ≤ h − 1, se

ar = as ⇒ a−r ◦ ar = a−r ◦ as ⇒ as−r = 1

con s − r < h e ciò é assurdo per l’ipotesi di minimo su h. Quindi gli elementi sono tutti distinti.
Sia ora n ∈ Z, sarà n = hq + r con 0 ≤ r < h e risulta

an = ahq+r = ahq ◦ ar = (ah )q ◦ ar = 1 ◦ ar = ar

Se due gruppi ciclici hanno lo stesso numero di elementi sono sostanzialmente la stessa cosa,
sia nel caso finito che in quello infinito. Dunque é sufficiente prendere un solo modello per ogni
ordine.

Esempio 2.3.10. Alcuni esempi:

1. (Z, +) é ciclico infinito: Z =< 1 >. Γ =< 15 >= {( 15 )n |n ∈ Z} é ancora un gruppo ciclico
infinito, apparentemente diverso da (Z, +), ma, come gruppi, questo non é vero.

2. Analogamente se G = {[0], [1], [2]} con l’operazione [n] + [m] = [n + m], questo é un gruppo
ciclico di ordine 3, ma nella sostanza é lo stesso gruppo dell’esempio 2.3.8 sulle rotazioni
di un triangolo equilatero intorno al centro.

+ [0] [1] [2]


[0] [0] [1] [2]
[1] [1] [2] [0]
[2] [2] [0] [1]

Proposizione 2.3.11. Ogni sottogruppo di un gruppo ciclico é un gruppo ciclico.

15
Capitolo 2 - Sottogruppi

Dimostrazione. Sia G un gruppo ciclico e g un suo generatore: G = {g n |n ∈ Z}. Sia A un


sottogruppo di G; se A = {g 0 } allora A é banalmente ciclico; se A 6= {g 0 } sia h il pi· piccolo
intero positivo tale che g h ∈ A. Ovviamente é < g h >⊂ A, ma risulta anche A ⊂< g h > ossia ogni
elemento di A é una potenza di g h , infatti sia g n ∈ A e sia n = hq + r con q, r ∈ Z , 0 ≤ r < h.
Si ha
g n = g hq+r = g hq ◦ g r ∈ A
e quindi g r ∈ A ma allora per l’ipotesi di minimo fatta su h, risulta r = 0 e dunque

g n = g hq = (g h )q ∈< g h >

Resta cosÌ dimostrato che A =< g h > e quindi A é ciclico, anzi si é anche trovato da quale
elemento é generato.

Nota 2.3.12. Esistono gruppi non ciclici tali che ogni sottogruppo proprio é ciclico.

Esempio 2.3.13. (Z, +) é ciclico ⇒ ogni suo sottogruppo é ciclico⇒ tutti i sottogruppi di Z
devono essere del tipo < n >= {hn : h ∈ Z}.

2.3.1 Gruppo dei Quaterioni


Sia Q = {1, −1, i, −i, j, −j, k, −k} un insieme e sia definita su Q la seguente operazione

· 1 −1 i −i j −j k −k
1 1 −1 i −i j −j k −k
−1 −1 1 −i i −j j −k k
i i −i 1 −1 k −k −j j
−i −i i −1 1 −k k j −j
j j −j k −k 1 −1 i −i
−j −j j −k k −1 1 −i i
k k −k j −j i −i 1 −1
−k −k k −j j −i i −1 1

che può essere riassunta con le seguenti leggi i · j = k, j · k = i, k · i = j, j · i = −k, k · j = −i,


i · k = −j, e i2 = j 2 = k 2 = −1.
(Q, ·) é un gruppo che prende il nome di gruppo dei quaterioni. Questo é un gruppo di ordine
8, non abeliano (da cui non ciclico per 2.3.7).
Studiamo ora i suoi sottogruppi:

• Ordine 2:
H1 = {1, −1} =< −1 >

• Ordine 4,
H2 = {1, −1, i, −i} =< i >
H3 = {1, −1, j, −j} =< j >
H4 = {1, −1, k, −k} =< k >

Si può verificare che quelli sopra sono tutti e i soli sottogruppi di (G, ·). Si veda come questi
siano tutti ciclici, seppur G non sia ciclico e neppure abeliano.

16
Capitolo 2 - Sottogruppi

2.4 Laterali e Indice di un gruppo


Fissato n ∈ N − {0}, abbiamo visto che in (Z, +) la relazione a ≡ b (mod n) se a − b ∈< n > é
di equivalenza ed é definita a partire dai sottogruppi di (Z, +). Per dimostrare le proprietà della
relazione non si é mai fatto uso della ciclicità di Z e dei suoi sottogruppi. Ci chiediamo allora se
quanto visto per (Z, +) possa valere per ogni gruppo G e ogni suo sottogruppo H.
Definizione 2.4.1. Sia (G, ·) un gruppo e H un sottogruppo di G. Definiamo in G la relazione
a ≡ b mod H se e solo se a · b−1 ∈ H. Questa é una relazione di equivalenza. Infatti:
1. Proprietà riflessiva
a ≡ a mod H ⇐⇒ a · a−1 ∈ H e poiché H é sottogruppo, certamente 1 = a · a−1 ∈ H per
ogni a ∈ H.
2. Proprietà simmetrica
Se a ≡ b mod H allora a · b−1 ∈ H, ma allora anche (a · b−1 )−1 = b · a−1 ∈ H e quindi
b ≡ a mod H.
3. Proprietà transitiva
Se a ≡ b mod H e b ≡ c mod H allora a · b−1 ∈ H e b · c−1 ∈ h ed essendo sottogruppo anche
(a · b−1 ) · (b · c−1 ) ∈ H, a · (b−1 · b) · c ∈ H, allora a · c−1 ∈ H e pertanto a ≡ c mod H.
Definizione 2.4.2. Se H é sottogruppo di G e a ∈ G definiamo:
• Ha = {ha : h ∈ H} classe laterale destra di H in G;
• aH = {ah : h ∈ H} classe laterale sinistra di H in G.
Proposizione 2.4.3. Le classi di equivalenza della relazione di equivalenza modulo H (“≡
mod H”) sono classi laterali destre di H.
Dimostrazione. Sia [a] = {x ∈ G : a ≡ x (mod H)} la classe di equivalenza in cui sta a.
[a] ⊂ Ha infatti x ∈ [a] ⇒ x ≡ a (mod H) ⇒ x · a−1 ∈ H ⇒ x−1 · a = h ∈ H ⇒ x = h · a ⇒ x ∈
Ha;
Ha ⊂ [a] infatti x ∈ Ha ⇒ x = h · a ⇒ x · a−1 = h ∈ H ⇒ x ≡ a (mod H) ⇒ x ∈ [a].

Quanto visto assicura che due laterali di H in G o coincidono o non hanno elementi in comune
e l’unione
( insiemistica di tutti i laterali é G.
Hx ∩ Hy = ∅ per x ∈ / Hy
S
Hx = G

Proposizione 2.4.4. Hx e Hy hanno lo stesso numero cardinale (finito o no) di elementi.


Dimostrazione. Segue dal fatto che per ogni a ∈ G esiste un’applicazione biettiva ϕ : H → Ha
definita da ϕ(h) = ha.
ϕ iniettiva ϕ(h1 ) = ϕ(h2 ) ⇒ h1 · a = h2 · a ⇒ h1 = h2 ;
ϕ suriettiva ∀ha ∈ Ha si ha ϕ(h) = h · a.
Pertanto H e Ha hanno lo stesso numero di elementi per ogni a ∈ G. Questo significa anche
che qualunque siano a, b ∈ G i laterali Ha e Hb hanno lo stesso numero cardinale di elementi e
quindi esiste una applicazione biunivoca ψ : Ha → Hb.

17
Capitolo 2 - Sottogruppi

Lemma 2.4.5. Nel caso finito se |H| = n allora |Ha| = n qualunque sia a ∈ G.

Analogamente a quanto dimostrato nel caso del gruppo (Z, +) se H é un sottogruppo di G,


posso definire la relazione a ≡ b se e solo se a−1 b ∈ H. Questa é una relazione di equivalenza e
le classi si equivalenza sono i laterali sinistri di H, ossia ∀a ∈ G si ha:

[x] = xH = {xh : h ∈ H}

Inoltre esiste una applicazione biettiva dell’insieme dei laterali destri nell’insieme dei laterali
sinistri tale che é l’applicazione α
α(Hx) = x−1 H
Dunque il numero dei laterali destri di H in G é uguale al numero dei laterali sinistri di H in G.
Si può allora porre la seguente definizione.

Definizione 2.4.6. Sia (G, ·) un gruppo e sia H un sottogruppo di G. Si definisce indice di Hin
G il numero dei laterali destri (o sinistri) di H in G.

Nota 2.4.7. Se G é un gruppo finito e H un suo sottogruppo, é ovvio che l’indice di H in G é un


numero naturale, ma anche nel caso in cui G sia infinito, l’indice dio un suo sottogruppo H puo
essere un numero finito. Per esempio l’indice di H =< 5 > in (Z, +) é cinque.

2.5 Esercizi
1. Ogni gruppo ciclico é abeliano.

2. Se l’ordine di G é pari, allora G contiene qualche elemento di ordine 2.

3. Il numero degli elementi di ordine 2 in un gruppo finito G é dispari.

4. Se ogni elemento g 6= u di un gruppo G ha ordine 2 allora G é abeliano.

18
Capitolo 3

Teoremi di Lagrange, Sylow e


Cauchy

3.1 Teorema di Lagrange


Teorema 3.1.1 (di Lagrange). Sia G un gruppo di ordine finito n, sia H un sottogruppo di G
e sia i l’indice di H in G. Si ha n =| H | ·i.

Dimostrazione. I laterali destri di H sono i e ognuno di essi ha m =| H | elementi. Poiché i


laterali formano una partizione di G, risulta n = m · i.

Conseguenza immediata del teorema di Lagrange é che ogni gruppo finito avente per ordine
un numero primo é ciclico e ogni suo elemento diverso dall’elemento neutro é un generatore del
gruppo.
Nota 3.1.2. Se G é un gruppo finito di ordine n, allora, per il teorema di Lagrange, ogni sotto-
gruppo di G ha per ordine un divisore di n, ma in generale non vale il viceversa, cioé non é vero
che per ogni divisore m di n esiste in G un sottogruppo di ordine m. Come vedremo, il viceversa
del teorema di Lagrange vale nei gruppi abeliani finiti e in altri casi particolari.

Teorema 3.1.3. Un gruppo G, G 6=< 1 > ha come sottogruppi i soli sottogruppi banali se e solo
se é finito ed ha per ordine un numero primo.

=⇒ Se G ha per ordine un numero primo, per il teorema di Lagrange i soli sottogruppi di G


sono quelli banali.

⇐= Supponiamo che G sia privo di sottogruppi propri e G 6=< 1 >. Sia a ∈ G, a 6= 1,


per l’ipotesi fatta deve essere G =< a > e quindi G é ciclico. Se fosse infinito, allora
< a2 > sarebbe un sottogruppo non banale di G contro l’ipotesi. Dunque G é finito e
G = a0 = u, a, a2 , ..., an−1 ; se n non é primo allora sia n = r · s con 1 < r, s < n.
Allora < ar > é un sottogruppo non banale di G e ciò é contro l’ipotesi. Pertanto n é un
numero primo.

Definizione 3.1.4. Sia G gruppo e sia a ∈ G. Si dice che a ha periodo (o ordine) finito n se n
é il più piccolo intero positivo e tale che an = 1. Si dice che a non ha periodo finito se é an 6= 1
per ogni n ∈ N∗ .

19
Capitolo 3 - Teoremi di Lagrange, Sylow e Cauchy

Nota 3.1.5. Se la notazione del gruppo é additiva, la definizione precedente dice che a ha periodo
n se n é il più piccolo intero positivo tale che n · a = a + a + · · · + a = 0.
| {z }
n volte

Esempio 3.1.6.
• Nel gruppo (Q∗ , ·) gli unici elementi di periodo finito sono 1, che ha periodo 1, e −1 che
ha periodo 2.
• Se G é un gruppo ciclico infinito nessun elemento diverso dall’elemento neutro ha periodo
finito. (Z, +) il suo unico elemento di periodo finito é lo zero. Ogni altro elemento h é tale
che n · h = h + h + · · · + h 6= 0.
| {z }
n volte

3.2 Conseguenze del teorema di Lagrange


Proposizione 3.2.1. Sia (G, ·) un gruppo finito di ordine n ogni elemento a ∈ G ha periodo
finito m con m | n.
Dimostrazione. Considerato a ∈ G, se a non avesse periodo finito il gruppo G avrebbe infiniti
elementi perché conterrebbe almeno tutte le potenze di a.
Anzi se |G| = n e a ha periodo m (quindi am = 1), deve essere m | n per il teorema di
Lagrange. Infatti se am = 1 allora < a >= {a0 , a1 , a2 , . . . , am−1 } é un sottogruppo di G e quindi
m | n, con m = | < a > | e n = |G|.
Sia (G, ·) un gruppo ciclico finito, |G| = n e sia ai ∈ G. Come deve essere i affinché ai sia un
generatore? Se m é il periodo di ai , ossia (ai )m = 1 si ha ai·m = 1 allora ai genera G quando i e
n sono primi tra di loro.

Esempio 3.2.2. Consideriamo il gruppo ciclico di ordine 8 tale che G =< a >, |G| = 8,
Gli elementi a1 , a3 , a5 , a7 sono i generatori del gruppo.

Teorema 3.2.3. Sia G un gruppo ciclico finito di ordine n. Per ogni divisore m di n esiste uno
e un solo sottogruppo di G avente ordine m.
Dimostrazione. Se m | n allora n = q · m ⇒ 1 = an = (aq )m allora o (aq ) = m e pertanto esiste
il sottogruppo H =< aq >, con |H| = m.
Dimostriamo che é unico: supponiamo per assurdo che esista H̄ tale che |H̄| = m, con
H̄ =< ak >. Deve essere (ak )m = 1 allora k · m = λ · m · q, k = λ · q da cui ak = (aq )λ ∈ H, di
conseguenza H̄ ⊂ H ed essendo |H̄| = |H| = m (finito) si ha che H̄ = H.

3.3 Teorema di Sylow


Definizione 3.3.1. Se A, B sono sottoinsiemi di un gruppo (G, ·), rispettivamente (G, +), si
chiama prodotto, rispettivamente somma, di A e B l’insieme
A · B = {a · b : a ∈ A, b ∈ B}
rispettivamente
A + B = {a + b : a ∈ A, b ∈ B}

20
Capitolo 3 - Teoremi di Lagrange, Sylow e Cauchy

Teorema 3.3.2. Sia (G, ·) un gruppo e siano H e K sottogruppi del gruppo G.


H · K é un sottogruppo di G se e solo se H · K = K · H.

Dimostrazione. Si considerino i due casi:

=⇒ Sia H · K un sottogruppo di G. Sia k · h ∈ K · H; si ha k · h = (h−1 · k −1 )−1 con


h−1 ∈ H e k −1 ∈ K e quindi h−1 · k −1 ∈ H · K e poiché H · K é sottogruppo di G si ha
(h−1 · k −1 )−1 ∈ H · K ossia k · h ∈ H · K e dunque K · H ⊆ H · K.
Consideriamo ora h · k ∈ H · K; si ha (h · k)−1 ∈ H · K e dunque (h · k)−1 = h1 · k1 con
h1 ∈ H e k1 ∈ K. Si ha cosÌ h · k = (h1 · k1 )−1 = k1−1 · h−1
1 ∈ K · H ossia H · K ⊆ K · H.
Allora H · K = K · H.

⇐= Sia H · K = K · H.
presi h1 · k1 , h2 · k2 ∈ H · K, dalle ipotesi segue h1 · k1 · (h2 · k2 )−1 = h1 · k1 · (k¯2 · h¯2 )−1 =
−1 −1 −1
h1 · k1 · h¯2 · k¯2 = h1 · h3 · k3 · k¯2 ∈ H · K e dunque H · K é sottogruppo di G.

Corollario 3.3.3. Se G é un gruppo abeliano e H, K sono suoi sottogruppi, allora H · K é


sottogruppo di G.

Il teorema 3.3.2 ci permette di dimostrare il teorema di Sylow (3.3.4), fondamentale nella


teoria dei gruppi. Abbiamo visto che in generale non vale il viceversa del teorema di Lagrange
(3.1.1), ossia se G é un gruppo di ordine n ed m é un divisore di n non é detto che esista in G
un sottogruppo di ordine m.

Teorema 3.3.4 (di Sylow o primo teorema di Sylow). Sia G un gruppo finito di ordine |G| =
ph · r, p primo, h ∈ N∗ . Esiste in G almeno un sottogruppo di ordine ph .

Dimostrazione. 1 Sia I = {k1 , k2 , . . . , km } l’insieme di tutti i sottoinsiemi di G ciascuno dei quali


é costituito da ph elementi. Sarà

ph · r · (ph · r − 1) · · · · · (ph · r − λ) · · · · · (ph · r − ph + 1)


 h 
p ·r
m= h = (3.1)
p ph · (ph − 1) · · · · · (ph − λ) · · · · · 1

per ogni λ, con 0 ≤ λ ≤ ph − 1, la massima potenza di p che divide λ coincide con la massima
potenza di p che divide (ph · r − λ) perché (ph · r − λ) é divisibile per p se e solo se λ é divisibile
per p.
Nella espressione 3.1 semplificando numeratore e denominatore, rimane che la massima po-
tenza di p che divide m coincide con la massima potenza di p che divide r; questa massima
potenza sia pt (t ∈ N e t = 0 nel caso in cui r, e quindi anche m, sia primo con p), cioé pt | m, r
ma pt+1 - m, r.
Nell’insieme I definiamo la relazione: ki ∼ kj se esiste g ∈ G tale che kj = g ·ki . Questa é una
relazione di equivalenza e perciò gli elementi di I si possono ripartire nelle classi di equivalenza.
Poiché pt+1 - m, esiste almeno una classe di equivalenza avente n elementi con pt+1 - n, ossia
C = {k1 , k2 , . . . , kn }.
Consideriamo l’insieme H = {g ∈ G : g ·k1 = k1 }, ovviamente risulta H 6= ∅ e H sottogruppo
di G, sia |H| = v.
Per come é stata definita la relazione di equivalenza, ogni elemento di C é in relazione con k1
e quindi per ogni i : 2 ≤ i ≤ n esiste gi ∈ G tale che ki = gi · k1 .
1 Questo teorema fu dimostrato da Sylow nel 1872; la dimostrazione proposta é di Wielandt del 1959.

21
Capitolo 3 - Teoremi di Lagrange, Sylow e Cauchy

Fissato i, contiamo gli elementi di G in base al loro effetto su ki :

g · k1 = ki ⇔ g · k1 = gi · k1 ⇔ gi−1 · g · k1 = k1 ⇔ gi−1 · g ∈ H ⇔ gi−1 · g = ḡ ∈ H ⇔ g = gi · ḡ, ḡ ∈ H

Dunque gli elementi g ∈ G tali che g · k1 = ki sono tanti quanti sono i ḡ (essendo gi fisso), ossia
sono v.
Poiché questo vale per ogni i = 2, . . . , n e anche per k1 , gli elementi di G sono v + v + · · · + v ,
| {z }
n volte
ossia |G| = v · n e pertanto risulta
ph · r = v · n
Ricordando che pt | r, si ha ph+t = ph · pt | ph · r = v · n, ma pt+1 - n (cioé al massimo pt | n
e quindi almeno ph | v) e perciò ph | v da cui ph ≤ v.
Fissiamo k1 ∈ K1 , si ha H · k1 ⊂ H · K1 = K1 e quindi |H · k1 | = |K1 | ossia v ≤ ph .
Confrontando le due disugualianze si conclude pertanto che v = ph . Si é dunque costruito un
sottogruppo H di G con |H| = ph .
Nota 3.3.5. L’enunciato del Teorema di Sylow (3.3.4) ora dimostrato può anche essere espresso
nel seguente modo:
Teorema 3.3.6. Se G é un gruppo finito e ph divide l’ordine di G, con p primo e h ∈ N∗ , allora
esiste in G un sottogruppo di ordine ph .

3.4 Teorema di Cauchy


Dal teorema di Sylow (3.3.4), come caso particolare, discende il seguente:
Teorema 3.4.1 (di Cauchy). Se G é un gruppo finito; per ogni numero primo p divisore
dell’ordine di G esiste in G un sottogruppo di ordine p.
Dimostrazione. Vale per il teorema di Sylow (3.3.4), ma riportiamo anche la seguente dimostra-
zione indipendente del teorema di Sylow.
Sia |G| = n e p | n, p primo. Sia I = {(x1 , x2 , . . . , pp ) : xi ∈ G, x1 · x2 · · · · · xp = e}; ogni
elemento di I é univocamente determinato quando si fissano i primi p−1 elementi x1 , x2 , . . . , xp−1
della p-upla, perciò gli elementi di I sono tanti quante sono le (p − 1)-uple di G di elementi non
necessariamente distinti, ossia |I| = np−1 . Definiamo in I la seguente relazione ∼:

(a1 , . . . , ap ) ∼ (ai , ai+1 , . . . , ap , a1 , . . . , ai−1 )

cioé due p-uple sono in relazione quando una si ottiene dell’altra permutando ciclicamente i suoi
elementi. Questa relazione é di equivalenza.
Le classi di equivalenza sono constituite da 1 o da p elementi: la classe di equivalenza cui
appartiene (e, e, . . . , e) é formata da un solo elemento; se esiste a ∈ G di periodo p anche la classe
di equivalenza di (a, a, a, . . . , a) é costituita da un solo elemento; se (a1 , . . . , ap ) contiene almeno
due elementi distinti la classe di equivalenza é cosÌ costituita da p elementi.

3.5 Casi in cui il teorema di Lagrange é invertibile


Abbiamo detto che in generale non vale l’inverso del teorema di Lagrange (3.1.1). Per alcuni
gruppi o famiglie di gruppi vale anche l’inverso del teorema di Lagrange. Ad esempio per tutti i
gruppi abeliani finiti.

22
Capitolo 3 - Teoremi di Lagrange, Sylow e Cauchy

Teorema 3.5.1. Se (G, ·) é un gruppo abeliano finito di ordine n allora per ogni divisore h di n
esiste in G un sottogruppo di ordine h.

Dimostrazione. Sia G un gruppo abeliano di ordine n = pr11 · pr22 · · · · · prss , con pi numeri primi
diversi fra loro, i = 1, . . . , s. Sia h | n, h = phi11 · pih22 · · · · · phitt , con pij numeri primi diversi
fra loro. Per il teorema di Sylow (3.3.4) esistono in G i sottogruppi A1 , A2 , . . . , At di ordine
rispettivamente pih11 , phi22 , . . . , phitt e tali che Ai ∩ Aj =< 1 > perché |Ai | e |Aj | sono primi tra loro,
per ogni i, j = 1, . . . , t, i 6= j.
Poiché G é abeliano risulta A1 · A2 = A2 · A1 e perciò A1 · A2 é sottogruppo di G. Inoltre é
|A1 · A2 | = phi11 · pih22 perché gli elementi prodotto a · b con a ∈ A1 e b ∈ A2 sono tutti distinti fra
loro, infatti a·b = c·d, a, c ∈ A1 , b, d ∈ A2 ⇔ c−1 ·a = d·b−1 , ma c−1 ·a ∈ A1 e d·b ∈ A2 e dunque
c−1 · a = d · b−1 ∈ A1 ∩ A2 =< 1 >; ne segue che a · b = c · d ⇔ c−1 · a = d · b−1 = 1 ⇔ a = c, b = d.
Analogamente A1 · A2 · A3 = (A1 · A2 ) · A3 é sottogruppo di G di ordine phi11 · phi22 · phi33 e cosÌ
sia A1 · A2 · · · · · At é un sottogruppo di G di ordine h.
Esistono anche gruppi finiti non abeliani per i quali si inverte il teorema di Lagrange (3.1.1),
ad esempio il gruppo dei Quaterioni, ma ciò non vale per tutti i gruppi finiti non abeliani.

23
Capitolo 4

Il gruppo simmetrico e gruppo


alterno

4.1 Gruppo Simmetrico


Sia A un insieme non vuoto e sia S l’insieme delle permutazioni (ossia applicazioni biunivoche)
su A. L’insieme S rispetto all’operazione “prodotto operatorio” é un gruppo detto gruppo sim-
metrico (o totale) su A e si indica con Sym A oppure con SA . In generale il gruppo simmetrico
é non abeliano.
Nel caso in cui A sia finito di ordine n, |A| = n, il gruppo simmetrico su A é indicato anche
con Sn e risulta |Sn | = n! essendo costituito da tutte e sole le permutazioni su n elementi ossia
da tutte le disposizioni senza ripetizioni su n oggetti. Da ciò segue anche |Sn | = n · |Sn−1 |.

Esempio 4.1.1. Gruppo simmetrico Sn per n = 1, 2, 3.


 
1
• S1 = {a} con a = , |S1 |=1 .
1
   
1 2 1 2
• S2 = {a1 , a2 } con a1 = , a2 = , |S2 | = 2! = 2;
1 2 2 1

◦ a1 a2
a1 a1 a2
a2 a2 a1
     
1 2 3 1 2 3 1 2 3
• S3 = {a1 , a2 , a3 , a4 , a5 , a6 } con a1 = , a2 = , a3 = ,
1 2 3 1 3 2 3 2 1
     
1 2 3 1 2 3 1 2 3
a4 = , a5 = , a6 = , |S3 | = 3! = 6;
2 1 3 2 3 1 3 1 2

◦ a1 a2 a3 a4 a5 a6
a1 a1 a2 a3 a4 a5 a6
a2 a2 a1 a6 a5 a4 a3
a3 a3 a5 a1 a6 a2 a4
a4 a4 a6 a5 a1 a3 a2
a5 a5 a3 a4 a2 a6 a1
a6 a6 a4 a2 a3 a1 a5

24
Capitolo 4 - Il gruppo simmetrico e gruppo alterno

a4 ◦ a3 = a5 6= a6 = a3 ◦ a4 dunque S3 non é commutativo.

Esempio 4.1.2. S4 = {a, b, c, d, e, f, gh, i, l, l−1 , m, m−1 , n, n−1 , o, o−1 , p, p−1 , q, q −1 , r, r−1 , p2 , q 2 , r2 }
con
1 =identità a = a−1 = ( 1 2 ); b = b−1 = ( 1 3 );
c = c−1 = ( 1 4 ); d = d−1 = ( 2 3 ); e = e−1 = ( 2 4 );
f = f −1 = ( 3 4 ); g = g −1 = ( 1 2 )( 3 4 ); h = h−1 = ( 1 3 )( 2 4 );
i = i−1 = ( 1 4 )( 2 3 ); l = ( 2 3 4 ); l−1 = l2 = ( 2 4 3 );
m = ( 1 3 4 ); m−1 = m2 = ( 1 4 3 ); n = ( 1 2 4 );
n−1 = n2 = ( 1 4 2 ); o = ( 1 2 3 ); o−1 = o2 = ( 1 3 2 );
p = ( 1 2 3 4 ); p−1 = p3 = ( 1 4 3 2 ); q = ( 1 2 4 3 );
q −1 = q 3 = ( 1 3 4 2 ); r = ( 1 4 2 3 ); r−1 = r3 = ( 1 3 2 4 );
p2 = h q2 = i r2 = g

• Sottogruppi di ordine 12: C’é il solo sottogruppo alterno

A4 = {1, g, h, i, l, m, n, o, l−1 , m−1 , n−1 , o−1 }

sottogruppo normale di S4 . A4 non é semplice, infatti il sottogruppo H = {l, g, h, i} é un


sottogruppo normale di A4 .

• Sottogruppi di ordine 2: Sono nove, ossia tanti quanti gli elementi di periodo 2: W = {l, α}
con α = a, b, c, d, e, f, g, h, i. Nessuno é sottogruppo normale di S4 .
• Sottogruppi di ordine 3: Sono quattro, ossia tanti quanti gli elementi di periodo 3: K =
{l, α, α−1 } con α = l, m, n, o. Nessuno é sottogruppo normale di S4 .

• Sottogruppi di ordine 4: Devono avere elementi di periodo 2 o 4:

H1 = {l, g, h, i} H2 = {l, a, f, g} H3 = {l, b, e, h} H4 = {l, c, d, i}


H5 = {l, h, p, p−1 } H6 = {l, g, q, q −1 } H7 = {l, i, r, r−1 } H8 = {l, p, p2 p3 }
H9 = {l, q, q 2 , q 3 } H10 = {l, r, r2 , r3 }

H1 é sottogruppo normale (vedi Capitolo 5) di S4 tutti gli altri non lo sono .

• Sottogruppi di ordine 6: W = {l, a} , K = {l, n, n−1 } G = W × K. Da vedere se ne


esistano altri, sempre del tipo W × K.

• Sottogruppi di ordine 8: W = {l, a} , H1 = {l, a, g, h, i, f, r, r−1 } G = W × H1 . Da


vedere se ne esistano altri, sempre del tipo W × H1 .

4.2 Cicli e classi di permutazioni


Definizione 4.2.1. Sia A un insieme non vuoto e sia r ≥ 1, r ∈ N. Viene detto ciclo di
lunghezza r (o r-ciclo) ogni elemento di α ∈ Sym A che permuta ciclicamente r elementi di A e
fissa tutti i rimanenti.
Possiamo definire equivalentemente α ∈ SymA un r-ciclo nel caso in cui in A esistano r
elementi distinti i1 , i2 , . . . , ir tali che

α(i1 ) = i2 , α(i2 ) = i3 , . . . , α(ir−1 ) = ir , α(ir ) = i1

25
Capitolo 4 - Il gruppo simmetrico e gruppo alterno

e α(x) = x ∀x ∈ A \ {i1 , i2 , . . . , ir }.
Un r-ciclo di rappresenta con la scrittura α = ( α1 α2 . . . αr ). Ad esempio se A =
{1, 2, 3, 4, 5, 6} la permutazione su A data da:
 
1 2 3 4 5 6
α=
3 2 4 6 5 1

é un ciclo di lunghezza 4 e pertanto si scrive:

α=( 1 3 4 6 )=( 3 4 6 1 )=( 4 6 1 3 )=( 6 1 3 4 )

Un ciclo di lunghezza 2 é detto trasposizione

Nota 4.2.2. L’identità é l’unico ciclo di lunghezza 1.

Esempio 4.2.3. In S7 le permutazioni:


 
1 2 3 4 5 6 7 
a= = 1 2 5 4 6 3
2 5 1 6 4 3 7
 
1 2 3 4 5 6 7 
b= = 1 3 5 6 2
3 1 5 4 6 2 7
 
1 2 3 4 5 6 7 
c= = 1 2
2 1 3 4 5 6 7
sono rispettivamente un 6-ciclo, un 5-ciclo e una trasposizione.
La permutazione:  
1 2 3 4 5 6 7
d=
2 1 3 4 6 7 4
non é un r-ciclo per nessun r ∈ N.

Definizione 4.2.4. Due cicli α, β ∈ Sym A sono detti disgiunti se sono disgiunti i due insiemi:

{x ∈ A | α(x) 6= x} e {x ∈ A | β(x) 6= x}

Esempio 4.2.5. Consideriamo in S7 i cicli:


 
1 2 3 4 5 6 7 
a= = 1 2 3 5 7
2 3 5 4 7 6 1
 
1 2 3 4 5 6 7 
b= = 4 6
1 2 3 6 5 4 7
 
1 2 3 4 5 6 7 
c= = 4 5 6
1 2 3 5 6 4 7

I cicli a e b sono disgiunti; i cicli a e c non sono disgiunti, cosÌ come i cicli b e c.

26
Capitolo 4 - Il gruppo simmetrico e gruppo alterno

Nota 4.2.6. Dalla definizione segue immediatamente che se α e β sono cicli disgiunti, allora
α(x) 6= x implica β(x) = x. Inoltre risulta anche αβ = βα ossia due cicli disgiunti commutano.
Teorema 4.2.7. Sia A di ordine finito, |A| = n; ogni permutazione α ∈ Sn si può decomporre
in modo univoco nel prodotto di cicli disgiunti.
Dimostrazione. Sia α ∈ Sn ; definiamo in A la relazione

x ∼ y ⇔ y = αm (x) , m∈N

Questa é una relazione di equivalenza e quindi gli elementi di A vengono ripartiti in classi
di equivalenza. Una classe di equivalenza ha un solo elemento x se e solo se α(x) = x; in caso
contrario gli elementi della classe sono permutati ciclicamente da α.
Siano C1 , C2 , . . . , Ct le classi di equivalenza aventi ciascuna pi· di un elemento. Per ogni Ci
definiamo la funzione βi : A 7−→ A tale che βi (x) = α(x), ∀x ∈ Ci e βi (x) = x, ∀x ∈ A \ Ci .
In questo modo si ha una decomposizione di α in cicli disgiunti α = β1 β2 . . . βt (l’ordine non
ha importanza, in quanto cicli disgiunti sono commutativi).
La decomposizione di αin cicli disgiunti cosÌ ottenuta é unica, infatti sia α = γ1 γ2 . . . γs con
γi , i = 1, . . . , s cicli disgiunti. Sia γi = x1 x2 . . . xh , risulta

α(x1 ) = x2 , α(x2 ) = x3 = α2 (x1 ), . . . , αh−1 (x1 ) = xh , αh (x1 ) = x1

e perciò x1 , x2 , . . . , xh sono tutti e soli gli elementi di una classe Ch e pertanto γi = βh . Ne segue
s = t e che le decomposizioni α = β1 . . . βt e α = γ1 . . . γt coincidono a meno dell’ordine dei
fattori.

 
1 2 3 4 5 6 7
Esempio 4.2.8. In S7 considerata la permutazione: α = si ha
2 1 4 5 3 7 6
  
α= 1 2 3 4 5 6 7

o anche   
α= 3 4 5 1 2 6 7

Nota 4.2.9. Se f ∈ Sn \ {id} e f = σ1 σ2 . . . σt é una decomposizione di f in cicli disgiunti, allora


il periodo di f é il m.c.m. della lunghezza dei cicli di σi .
Teorema 4.2.10. Ogni permutazione é il prodotto di trasposizioni.
Dimostrazione. Basta provare che un ciclo é prodotto di trasposizioni. Consideriamo il ciclo
( a1 a2 . . . am ), risulta

( a1 a2 ... am ) = ( a1 am )( a1 am−1 )( a1 am−2 ) . . . ( a1 a2 )

Nota 4.2.11. La decomposizione di un ciclo nel prodotto di trasposizioni non é univocamente


determinata; per esempio in S4 si ha:
  
α= 1 2 3 = 1 3 1 2
ma anche     
α= 1 2 3 = 1 4 1 3 3 4 1 2

27
Capitolo 4 - Il gruppo simmetrico e gruppo alterno

Col teorema seguente dimostreremo che, tuttavia, il numero di trasposizioni in cui si può
decomporre una permutazione é o sempre pari o sempre dispari.

Teorema 4.2.12. Sia α ∈ Sn , α = α1 α2 . . . αh e α = β1 β2 . . . βk con αi e βj trasposizioni per


i = 1, 2, . . . , h e j = 1, 2, . . . , k. Allora risulta h ≡ k mod 2.

Dimostrazione. Poiché ogni trasposizione coincide con la propria inversa si ha α−1 = βk . . . β1 e


1E = α ◦ α−1 = α1 α2 . . . αh ◦ βk βk−1 . . . β1 . Nel caso in cui h e k siano uno pari e l’altro dispari é
possibile scrivere 1E come prodotto di un numero dispari (h + k) di trasposizioni. Dimostriamo
come questo porti ad un assurdo.
Fra tutte le decomposizioni di 1E nel prodotto di un numero dispari di trasposizioni conside-
riamo quella con il minor numero di fattori, e chiamiamola:

1E = γ1 γ2 . . . γ2t+1 , t>0 (4.1)

Osserviamo che se due trasposizioni non sono disgiunte allora si ha (bc)(ab) = (ac)(bc) mentre se
sono disgiunte commutano, ossia (ab)(cd) = (cd)(ab). Questa osservazione ci permette di scrivere
la 4.1 in modo da ottenere:
1E = δ1 δ2 . . . δr δr+1 . . . δ2t+1
  
con δ1 = a yr , δ2 = a yr−1 , . . . , δr = a y1 , e con a che non figura, e quindi
fisso, nelle rimanenti trasposizioni δr+1 , . . . , δ2t+1 .
A questo punto se gli elementi y1 , . . . , yr che sono tutti  distinti da a sono anche distinti
tra loro si ha δ1 ◦ . . . ◦ δr = a y1 y2 . . . yr−1 yr e poiché a é fisso per il prodotto
δr+1 ◦ . . . ◦ δ2t+1 si ha 1E (a) = δr+1 ◦ . . . ◦ δ2t+1 (a) = y1 che é assurdo poiché 1E non può mandare
a in y1 . Dunque almeno due delle trasposizioni δ1 , . . . , δr coincidono, sia quindi δv = δs (v 6= s);
ricordando l’osservazione precedente possiamo allora trasformare il prodotto δ1 ◦ . . . ◦ δr in modo
da trovare δv e δs come fattori consecutivi. A questo punto, poiché δv δs = 1E , i fattori δv e δs
si possono eliminare e l’identità 1E si può allora rappresentare come prodotto di un numero p
dispari di trasposizioni, con p = 2t − 1 e quindi p < 2t + 1, ma ciò va contro l’ipotesi di minimo
fatta per il numero dispari 2t + 1.
La proprietà invariante dimostrata nel teorema precedente permette di dare la seguente:

Definizione 4.2.13. Sia α una permutazione su A finito. Si dice che α é di classe pari (rispetti-
vamente classe dispari ) se α coincide con il prodotto di un numero pari (rispettivamente dispari)
di trasposizioni.

Nota 4.2.14. Dalla definizione ora posta segue che un ciclo di lunghezza r é pari se e solo se r é
dispari.

4.3 Gruppo Alterno


Definizione 4.3.1. L’insieme delle permutazioni pari di Sn forma un sottogruppo di Sn detto
gruppo alterno su n elementi e indicato con An .

Teorema 4.3.2. Se n > 1 si ha:

n!
|An | =
2

28
Capitolo 4 - Il gruppo simmetrico e gruppo alterno

Dimostrazione. Sia An = {p1 , p2 , . . . , pt }, |An | = t l’insieme delle permutazioni di classe pari e


sia Sn − An = {q1 , q2 , . . . , qv }, |Sn − An | = v l’insieme delle permutazioni di classe dispari. Sia
poi α una qualunque trasposizione.
L’insieme αAn = {αp1 , αp2 , . . . , αpt } é costituito da t permutazioni dispari, e quindi t ≤ v.
Analogamente α (Sn − An ) = {αq1 , αq2 , . . . , αqv } é costituito da v permutazioni pari e quindi
v ≤ t. Ne consegue che v = t e quindi v = t = 21 |Sn | = 12 n!.

Teorema 4.3.3. SiaE = {1, 2, . . . , n}, per ogni


 fissato i ∈ E il gruppo Sn é generato dalle n − 1
trasposizioni i 1 , i 2 , . . . , i j , . . . , i n con i 6= j.

Dimostrazione. Per n = 1 e n = 2 la tesi é banalmente vera. Sia n > 2 e sia r s una
  
trasposizione con i 6= r, s. Si ha r s = i r i s i r e pertanto ogni elemento
di Sn può essere decomposto nel prodotto di trasposizioni del tipo
   
i 1 , i 2 ,..., i j ,..., i n

con i 6= j.

Corollario 4.3.4. Sn é generato dalle trasposizioni.

Teorema 4.3.5. Sia E = {1, 2, . . . , n} con n ≥ 3, siano poi i, j due elementi distinti fissati in
E. Il gruppo alterno An é generato dagli n − 2 cicli di lunghezza 3:
   
i j 1 , i j 2 ,..., i j k ,..., i j n

con k 6= i, j.

Dimostrazione. Fissato i ∈ E il gruppo Sn é generato dalle n − 1 trasposizioni


   
i 1 , i 2 ,..., i h ,..., i n

con h 6= i perciò ogni elemento di An può essere espresso come prodotto di un numero pari
di dette trasposizioni, ma due fattori consecutivi possono essere associati e diventare quindi un
3-ciclo (a meno che i fattori
 non siano uguali, nel qual caso il loro prodotto dà l’identità), ad
esempio i s i r = i r s con (r 6= s ; i 6= r, s).
Dunque An é generato dai 3-cicli (si ricordi anche che
ogni 3-ciclo 
appartiene ad An ).
Se n = 3 il teorema é banalmente vero, essendo An = 1 2 3 . Sia n ≥ 4 e sia j ∈ E,
i 6= j; si ha   
i r j = i j r i j r
inoltre se r, s ∈ E \ {i, j} si ha
   
i r s = i j s i j r i j r

e pertanto ogni 3-ciclo si può scrivere come prodotto di 3-cicli del tipo
   
i j 1 , i j 2 ,..., i j k ,..., i j n

con k 6= i, j ed essendo An generato dai 3-cicli, si conclude che An é generato dai 3-cicli del tipo
   
i j 1 , i j 2 ,..., i j k ,..., i j n

con k 6= i, j.

29
Capitolo 4 - Il gruppo simmetrico e gruppo alterno

Corollario 4.3.6. An é generato dai 3-cicli.

Teorema 4.3.7. Sia G un sottogruppo


 di Sn generato da un n-ciclo σ = ( i1 i2 ... in ) e
dalla trasposizione τ = ik ik+1 . Allora G coincide con Sn .
Dimostrazione. Ordinando opportunamente {1, 2, . . . , n} si può assumere

σ = ( 1 2 ... n ) e τ = 1 2 .
Si ha σ −1 1 2 σ = 2 3 , σ −1 2 3 σ = 3 4 , . . . , σ −1 n − 2
    
n−1 σ=
n − 1 n e ancora
   
1 2 2 3 1 2 = 1 3
   
1 2 2 3 1 2 = 1 4
..
.
   
n−1 n 1 n−1 n−1 n = 1 n
  
Poiché le trasposizioni 1 2 , 1 3 ,..., 1 n generano Sn , rimane provato che G =
hσ, τ i = Sn .

Proposizione 4.3.8. Sia p un numero primo, Sp é generato da τ e ρ con τ una qualunque


trasposizione e ρ un p-ciclo.

Dimostrazione. per un opportuno ordinamento di {1, 2, ..., p} si può ritenere


r= 1 2 .
Essendo ρ un ciclo di lunghezza p primo, esiste k tale che ρk =σ tale che σ(1)=2 con σ p-ciclo
e pertanto per la proposizione precedente risulta
< τ, σ >=< τ, ρ >= Sp .

 
1 2 3 4 5 6 7
Esempio 4.3.9. α: si scompone in
2 3 1 6 7 5 4
      
1 2 3 4 6 5 7 = 1 3 1 2 4 7 4 5 4 6
7 inversioni ⇒ α di segno dispari
(d’altra
 parte 7 - 2 (norbite) = 5 dispari)
1 2 3 4 5  
β: = 1 2 3 4 (5)
2 1 4 3 5
2 trasposizioni ⇒ β di segno pari
(d’altra
 parte 5 - 3 = 2 dispari (n
 - n orbite))
1 2 3 4 5 6 7 8 
γ: = 1 2 3 5 7 4 (6) (8)
2 3 5 1 7 6 4 8
8 − 3 = 5 dispari ⇒ γ di segno
 dispari   
infatti γ: 1 4 1 7 1 5 1 3 1 2
 
1 2 3 4 5 6     
δ: = 1 2 3 4 5 (6) = 1 3 1 2 4 5
2 3 1 5 4 6
3 trasposizioni ⇒ δ di segno dispari
oppure: δ ha tre cicli disgiunti e quindi 6 − 3 = 3 da cui δdi segno dispari
n − a = b, con a n di cicli disgiunti, bdà il segno.

30
Capitolo 5

Sottogruppi normali

5.1 Definizione e Principali Proprietà


Sia (G, ·) un gruppo e H un suo sottogruppo.
In che relazione stanno le classi laterali destre e le classi laterali sinistre?
Ha = {ha | h ∈ H} , aH = {ah | h ∈ H}
Non sempre aH = Ha. Studiamo i casi in cui vale l’uguaglianza.

Definizione 5.1.1. Un sottogruppo N di un gruppo (G, ·) é detto normale (o invariante) in G


se gng −1 ∈ N per ogni g ∈ G e per ogni n ∈ N . In tal caso si scrive N / G.

1. Ogni sottogruppo di un gruppo abeliano é normale

2. I sottogruppi banali sono normali

3. Il gruppo alterno An é sottogruppo normale del gruppo simmetrico Sn


  
a b
4. Sia G = | a, b, c, d ∈ Q, ad − bc 6= 0 , G é un gruppo rispetto al prodotto righe
c d
per colonne.
  
a b
(a) H = | a, b, c, d ∈ Q, ad − bc = 1 . Risulta H . G. Segue dalle pro-
c d
prietà del determinante di una matrice, in particolare ∀A ∈ G e ∀B ∈ H risulta
1
det(ABA−1 ) = det(A) · det(B) · = det(B) = 1
det(A)
  
a b 2 2
(b) K = | a, b, c, d ∈ Q, a + b 6= 0 . Risulta K sottogruppo di G, ma K
−b a
non normale in G.

Teorema 5.1.2. Poniamo gN g −1 = gng −1 | n ∈ N ; allora possiamo dire che: N . G ⇔




gN g −1 ⊂ N per ogni g ∈ G.
−1
Dimostrazione. Infatti se per ogni g ∈ G risulta gN g −1 ⊂ N , poiché g −1 ∈ G si ha g −1 N g −1 ⊂
N , gN g −1 ⊂ N ossia per ogni n ∈ N si ha gN g −1 = n̄ ∈ N da cui n = gn̄g −1 ∈ gN g −1 , dunque
N ⊂ gN g −1 . Unitamente all’ipotesi gN g −1 ⊂ N ciò significa gN g −1 = N per ogni g ∈ G e
quindi N / G.

31
Capitolo 5 - Sottogruppi normali

Teorema 5.1.3. Si può anche dire: N / G ⇔ gN = N g per ogni g ∈ G.


Dimostrazione. Da quanto visto prima, N / G se e solo se per ogni g ∈ G risulta gN g −1 = N e
quindi se e solo se gN = N g.
Riassumendo, dato un gruppo (G, ·), un suo sottogruppo N si definisce normale (N / G) se é
verificata una delle seguenti condizioni:

1. gng −1 ∈ N , per ogni g ∈ G, per ogni n ∈ N .


2. gN g −1 ⊂ N , per ogni g ∈ G.
3. gN g −1 = N , per ogni g ∈ G.
4. gN = N g, per ogni g ∈ G.

Dalla definizione segue che:

• Se G é un gruppo abeliano allora ogni suo sottogruppo é normale.


• In ogni gruppo G i sottogruppi banali sono normali.

Proposizione 5.1.4. Sia (G, ·) un gruppo, se H é un sottogruppo di indice 2, allora H é


sottogruppo normale di G.
Dimostrazione. Dire che H ha indice 2 significa che 2 é il numero di laterali destri (ed anche
sinistri) di H. Essendo H di indice 2, per ogni x ∈ G, x ∈
/ H si ha Hx = G − H e xH = G − H e
pertanto xH = Hx per ogni x ∈ G − H. E’ ovvio che per ogni x ∈ H risulta xH = Hx e quindi
si conclude che xH = Hxper ogni x ∈ G, ossia H / G.

 
1 2 3
Esempio 5.1.5. Consideriamo il gruppo simmetrico S3 = {a1 , a2 , a3 , a4 , a5 , a6 }. a1 = ,
1 2 3
         
1 2 3 1 2 3 1 2 3 1 2 3 1 2 3
a2 = , a3 = , a4 = , a5 = , a6 = .
1 3 2 3 2 1 2 1 3 2 3 1 3 1 2
H = {a1 , a2 } é sottogruppo di S3 , ma H non é normale in S3 perché, per esempio, Ha4 =
{a4 , a5 } 6= a4 H = {a4 , a6 }; analogamente K = {a1 , a3 }, R = {a1 , a4 } sono sottogruppi non
normali in S3 , V = {a1 , a5 , a6 } é sottogruppo di S3 ed é normale in S3 perché é di indice 2 = 36
e quindi abeliano.
Esempio 5.1.6. Cercare sottogruppi normali e non di S3 e S4 .

Perché i sottogruppi normali sono cosÌ importanti?


Se G é un gruppo e N / G, allora a partire da G ed N si può costruire un altro gruppo.
Vediamo come:
G G
sia N = {xN | x ∈ G} (si legge “G modulo N ”, o “G quoziente N ” analogamente se in N si
considerassero le classi laterali destre).
G
In N definiamo l’operazione ”·” : xN · yN = xyN
Verifichiamo anzi tutto che la definizione é ben posta, ossia se xN = x1 N e yN = y1 N
dobbiamo accertare che xyN = x1 y1 N .
Infatti xN = x1 N implica x1 = xg con g ∈ N e yN = y1 N implica y1 = yh con h ∈ N ;
perciò x1 y1 = xgyh = xyḡh con ḡ ∈ N (perché N / G e quindi N y = yN ), dunque x1 y1 ∈ xyN
ossia x1 y1 N = xyN .

32
Capitolo 5 - Sottogruppi normali

Nota. La condizione che N sia normale é essenziale perché l’operazione sia ben definita. Infatti
se in S3 = {a1 , a2 , a3 , a4 , a5 , a6 } consideriamo H = {a1 , a2 } e x = a2 , x1 = a1 , y = a3 , y1 = a5 .
Risulta a2 H = a1 H, a3 H = a5 H, ma a2 a3 H 6= a1 a5 H. Questo perché H non é normale in S3 .
G G
Proposizione 5.1.7. Siano G un gruppo, N / G, N = {xN | x ∈ G}. N é gruppo rispetto
all’operazione xN · yN = xyN .

Dimostrazione. Si é già visto che l’operazione é ben definita, inoltre

• vale la proprietà associativa: (xN · yN ) · zN = xyN · zN = xyzN = x (yz) N = xN ·


(yzN ) = xN · (yN · zN )

• esiste l’elemento neutro: 1 · N = N

• esiste l’elemento inverso: ∀xN esiste x−1 N tale che xN · x−1 N = xx−1 N = N

Esempio 5.1.8.

1. (Z, +) gruppo abeliano allora ogni suo sottogruppo é normale: < n > /Z
(Z,+)
<n> = {< n > +m | m ∈ Z} = Zn
  
a b
2. Rispetto al prodotto riga per colonna G = | a, b, c, d ∈ Q, ad − bc 6= 0 é un
c d
  
a b G
gruppo, N = | a, b, c, d ∈ Q, ad − bc = 1 é tale che N / G, allora N é un
c d
gruppo i cui elementi sono le classi di matrici aventi lo stesso determinante. Infatti se
g 0 ∈ gN allora g 0 = gn e poiché det(n) = 1, det(g 0 ) = det(gn) = det(g) · det(n) segue
det(g 0 ) = det(g).

Da quanto visto e definito segue anche:


G
1. Se H / G, H di indice finito i, allora H =i
G n
2. Se H / G con |G| = n finito, |H| = m, allora H =
m

Definizione 5.1.9. Un gruppo si dice semplice se ha come sottogruppi normali solo i sottogruppi
banali.
Esistono gruppi semplici? Si.
Ogni gruppo finito di ordine un numero primo é semplice.
Si conoscono tutti i gruppi semplici finiti (il lavoro é stato terminato intorno al 1980). Esistono
18 famiglie infinite di gruppi semplici finiti e inoltre 26 gruppi non inclusi in nessuna di queste
famiglie e perciò detti ”sporadici”. Fra questi gruppi sporadici ve ne é uno scoperto nel 1982 da
R.Griess ed avente 8 · 1053 elementi.
Studiamo per quali valori di n il gruppo alterno An é semplice.

Proposizione 5.1.10. Sia n ≥ 3; se un sottogruppo normale N di An contiene un 3-ciclo allora


N = An .

33
Capitolo 5 - Sottogruppi normali

Dimostrazione. Sia n = 3; gli elementi di A3 sono l’identità, a = 1 2 3 , a−1 = 1 3 2


 

per cui se N contiene a (rispettivamente a−1 ) contiene −1


 anche a (rispettivamente a) e dun-
que N = A3 .  Sia n > 3 e supponiamo 1 2 3 ∈ N / An ; consideriamo in An l’ele-
mento 3 k 1 2 con k 6= 1, 2, 3 (esiste certamente perché é una permutazione pari e
   −1  
n > 4). Essendo
 N / An , 1 2  3 ∈ N , 3 k

1 2 = 1 2 3 k , si
ha 3 k 1 2 · 1 2 3 · 1 2 3 k ∈ N , ossia 2 1 k ∈ N per ogni
−1  
k 6= 1, 2, 3; inoltre 1 2 3 = 2 1 3 . Quindi i cicli 1 2 j ∈ N per ogni
j 6= 1, 2 e questi n − 2 3-cicli generano An (come già visto) e pertanto N = An .
Proposizione 5.1.11. Se n ≥ 5 An é semplice.
6 < 1 >, sia α ∈ N , α 6= 1, α elemento fra quelli che fissano
Dimostrazione. Sia N / An , N =
il massimo numero di elementi e consideriamo una decomposizione di α nel prodotto di cicli
disgiunti. Dimostriamo che
1. ogni ciclo della decomposizione di α é di lunghezza ≤ 3;
2. se nella decomposizione di α esiste un ciclo di lunghezza 3 allora esso é l’unico ciclo di α;
3. nella decomposizione di α in cicli disgiunti non possono esistere due cicli di lunghezza 2.
Da 1), 2), 3) segue che α é un 3-ciclo oppure una trasposizione. Poiché α é di classe pari non
può essere una trasposizione e perciò α é un 3-ciclo. Dalla proposizione precedente segue allora
N = An .
Dimostrazione 1). Supponiamo per assurdo che esista α ∈ N nella  cui decomposizione
 fi-
guri un ciclo di lunghezza almeno 4, sia α = 1 2 3 4 ... i j ... ... e sia β =
−1
. Essendo N / An si ha β ∈ N , β −1 α ∈ N con

1 2 3 α 1 2 3
i j ... ... e β −1 α = (2) 3 1 ... ....
  
β = 2 3 1 4 ...
Inoltre se α(x) = x allora anche β(x) = x e β −1 α(x) = x. Si ha β −1 α ∈ N , β −1 α 6= id. e poiché
β −1 α(2) = 2, la permutazione β −1 α fissa almeno un elemento in pi· di α contro l’ipotesi fatta su
α.
Dimostrazione 2). Supponiamo per assurdo che nella decomposizione di α ci sia un ciclo
   −1
di lunghezza 3, sia α = 1 2 3 4 5 ... ... e sia γ = 4 1 2 α 4 1 2
  .
Si ha γ ∈ N perché
 N / A n , γα ∈ N , γα 6
= id., γ = 1 5 ... 2 4 3 ..., γα =
(2) 1 4 ... .... Inoltre se α(x) = x allora anche γ(x) = x e γα(x) = x; poiché γα(2) = 2 in
N si ha che γα fissa pi· elementi di α contro l’ipotesi.
Dimostrazione 3). Supponiamo per assurdo che nella decomposizione di α in cicli disgiunti
   −1
ci siano due cicli di 1 2 3 4 ... e δ = 1 2 5 α 1 2 5
 lunghezza
 2: α =  .
Si ha δ = 2 5 3 4 ..., δα = (3) (4) 2 1 5 ..., δ ∈ N , δα ∈ N , δα 6= id.. Ora solo
l’elemento 5 può risultare fisso per α e non per δ, ogni altro elemento fissato da α é anche fissato
da δ. Dunque δα fissa tutti gli elementi fissati da α tranne al pi· l’elemento 5, ma δα fissa sia il
3 che il 4 e perciò δα fissa pi· elementi di α e ciò é assurdo.
Studiamo ora il caso An quando n=1,2,3,4. A1 , A2 , A3 sono semplici perché non hanno
sottogruppi diversi da quelli banali. A4 non é semplice. Infatti
 | A4 |= 12 e in A4 ci sono tre

elementi di periodo 2: α = 1 2 3 4 ,β= 1 3 2 4 ,γ= 1 4 2 3 .
Gli altri elementi di periodo 2 di S4 sono semplici trasposizioni e quindi non appartengono ad
A4 , dunque α, β, γ sono tutti e soli gli elementi di A4 di periodo 2. Sia H = {id., α, β, γ}, H
é sottogruppo di A4 ed é normale in A4 , infatti se σ ∈ A4 , allora σασ −1 , σβσ −1 , σγσ −1 hanno
periodo 2 e sono di classe pari e quindi stanno in H.

34
Capitolo 5 - Sottogruppi normali

Proposizione 5.1.12. Per ogni n ≥ 5, An é l’unico sottogruppo normale di Sn .

Dimostrazione. Sia N / Sn , N 6=< 1 >, e sia α ∈ N , α 6= 1, α elemento tra quelli che fissano il
massimo numero di elementi. Per quanto dimostrato in 1), 2), 3) della proposizione precedente,
α risulta un 3-ciclo oppure una trasposizione. Se α é un 3-ciclo si ha α ∈ An e quindi α ∈ M =
N ∩ An . Ma M / An e quindi M = An ossia N ∩ An = An e quindi An ⊂ N . Se N non ha
permutazioni di classe dispari si ha N = An ; se in N esiste una permutazione γ di classe dispari
allora N = Sn perché γAn ⊂ N , | γAn |=| An |, γAn ∩ An = ∅ e quindi N = γAn ∪ An ,
| N |=| Sn |=| γAn | + | An |.

35
Capitolo 6

Omomorfismi e Automorfismi di
Gruppi

6.1 Definizione e Proprietà


Abbiamo visto che un gruppo é una struttura algebrica, ossia un insieme con una operazione.
Pertanto per confrontare due gruppi non é sufficiente confrontare i due insiemi, ma il confronto
deve coinvolgere gli insiemi e le operazioni.

Definizione 6.1.1. Siano (G, ·) e (G; ∗) due gruppi e sia φ una applicazione di G in G0 . Si
dice che φ é un omomorfismo di G in G0 se ∀a, b ∈ G si ha φ(a · b) = φ(a) ∗ φ(b). Si parla di
omomorfismo iniettivo, suriettivo, biiettivo se l’applicazione che lo definisce é, rispettivamente,
iniettiva, suriettiva, biiettiva. Un omomorfismo biiettivo si dice isomorfismo e in questo caso i
due gruppi G e G0 si dicono isomorfi. Un isomorfismo di G in G si dice automorfismo.
Per semplicità di scrittura, di norma le operazioni dei due gruppi coinvolti si indicheranno
con lo stesso simbolo.

Esempio 6.1.2.

• φ : (Z, +) → (Z, +) | x 7→ 2 · x é un omomorfismo perché é una applicazione ed é tale che


φ(x − y) = 2 · (x + y) = 2 · x + 2 · y = φ(x) + φ(y).
• ϕ : (G, ·) → (G, ·) | x 7→ 1 (dove 1 é l’identità di G) e ψ : (G, ·) → (G, ·) | x 7→ x. ϕ e ψ
sono omomorfismi qualunque sia il gruppo (G, ·). Sono detti omomorfismi banali.

• ϕ : (R, +) → (R∗ , ·) | x 7→ 2x é un isomorfismo. ϕ(x + y) = 2x+y = 2x · 2y = ϕ(x) · ϕ(y).

• ϕ : (Q∗ , ·) → (Q∗ , ·) | x 7→ 21 x. ϕ(x · y) = 12 · x · y mentre ϕ(x) · ϕ(y) = 1


2 ·x· 1
2 ·y = 1
4 · x · y.
Quindi ϕ(x · y) 6= ϕ(x) · ϕ(y) e perciò ϕ non é un omomorfismo.
G G
• N / G, gruppo quoziente. ϕ : G → | g → gN é un omomorfismo suriettivo.
N N
φ (g) φ (h) = (gN ) (hN ) = (ghN ) = φ (gh). Questo omomorfismo é detto omomorfismo
G
naturale di G su .
N

36
Capitolo 6 - Omomorfismi e Automorfismi di Gruppi

6.2 Proprietà degli omomorfismi


Proposizione 6.2.1. Siano (G, ·) e (G0 , ·) gruppi aventi come elemento neutro 1 e 10 rispetti-
vamente. Sia φ un omomorfismo di G in G0 , si ha:

1. φ(1) = 10
2. φ(x−1 ) = φ(x)−1

3. Se H < G e K < G0 allora φ (H) < G0 e φ−1 (K) < G

Dimostrazione. 1. Siaa ∈ G : φ(a) = φ(a · 1) = φ(a) · φ(1), ma anche φ(a) = φ(a) · 10 allora
φ(a) · φ(1) = φ(a) · 10 , da cui φ(1) = 10 .

2. Sia x ∈ G : φ x · x−1 = φ (x) · φ x−1 , ma anche φ x · x−1 = φ (1) = 10 , allora


  

φ (x) φ x−1 = 10 e dunque φ(x−1 ) = φ(x)−1 .

3. Sia H un sottogruppo di G e sia φ (H) = {φ (h) | h ∈ H}; poiché ∀φ (h1 ) , φ (h2 ) ∈ φ (H),
−1
si ha φ (h1 ) φ (h2 ) = φ h1 h−1
2 ∈ φ (H), si ha φ (H)sottogruppo di G0 . Sia K sotto-
gruppo di G0 e sia φ−1 (H) = {x ∈ G | φ (x) = K}. Si ha φ−1 (K) 6= ∅ perché almeno
1 = φ−1 (10) ∈ φ−1 (K) , inoltre se x, y ∈ φ−1 (K) allora φ (x) , φ y −1 ∈ K e perciò
φ (x) φ y −1 ∈ K, φ xy −1 ∈ K, xy −1 ∈ φ−1 (K). Dunque φ−1 (K) é un sottogruppo di
G.

Nota 6.2.2. Dalla (1) sopra dimostrata segue, per esempio, che non può esserci un omomorfismo
di (Q∗ , ·) in (Q∗ , ·) che mandi 1 in 2.

Definizione 6.2.3. Sia φ un isomorfismo fra i gruppi G e G0 e sia 1’ l’elemento neutro di G0 .


Si chiama nucleo di φ l’insieme ker φ = {x ∈ G | φ (x) = 10 } .

Proposizione 6.2.4. Siano G, G0 gruppi e φ un omomorfismo di G in G0 .

1. ker φ é un sottogruppo normale di G

2. φ é iniettivo ⇐⇒ ker φ = 1

Dimostrazione. 1. E’ immediato che ker φ é sottogruppo di G; inoltre se x ∈ G e y ∈ ker φ si


−1
ha φ xyx−1 = φ (x) φ (y) φ (x) = 10 e pertanto ker φ / G.
2. Sia φ iniettivo, allora se x ∈ Geφ (x) = 10 per l’iniettività deve essere x = 1 e quindi
−1
ker φ = 1. Viceversa sia ker φ = 1 e siano x, y ∈ G; se φ (x) = φ (y) allora φ (x) φ (y) =
10 , φ xy −1 = 10 , allora xy −1 ∈ ker φ e quindi per l’ipotesi fatta xy −1 = 1 ossia x = y e
pertanto φ é iniettivo.

G
Nota 6.2.5. Dato N / G, l’omomorfismo naturale φ : G → definito da φ (x) = xN ha come
N
nucleo N perché x ∈ ker φ ⇐⇒ φ (x) = N ⇐⇒ xN = N ⇐⇒ x ∈ N. Dunque si può affermare
G
che ogni gruppo quoziente é immagine omomorfa del gruppo G. Con il teorema seguente
N
proveremo anche che ogni immagine omomorfa di un gruppo G é un quoziente di G (a meno di
isomorfismi).

37
Capitolo 6 - Omomorfismi e Automorfismi di Gruppi

Teorema 6.2.6 (Primo teorema di omomorfismi per gruppi). Se φ é un omomorfismo suriettivo


G
del gruppo G nel gruppo G0 , allora G0 é isomorfo a .
ker φ
G
Dimostrazione. Sia φ : G → G0 un omomorfismo suriettivo, K = ker φ e definiamo ψ : →
0
K
G , ψ (gK) = φ (g). E’ una buona definizione (e quindi ψé una applicazione) perché se gK = hK
allora g = hk con k ∈ K e quindi φ (g) = φ(hk) = φ(h)φ(k) = φ(h)  · 1 = φ (h) . La ψ é iniettiva,
infatti se ψ (gK) = ψ (hK) allora φ (g) = φ (h) da cui φ g −1 h = 10 , allora g −1 h ∈ K da cui
h ∈ gK e quindi gK = hK. La ψ é suriettiva, infatti se y ∈ G0 allora y = φ (g) con g ∈ G e quindi
y = ψ (gK). La ψ é un omomorfismo, infatti ψ (gKhK) = ψ (ghK) = φ (gh) = φ (g) φ (h) =
ψ (gK) ψ (hK) .
G
φ
/ G0
~~>
~~
λ ~~~
 ~ ψ
G
ker φ
Dove φ omomorfismo suriettivo, ψ isomorfismo, λ omomorfismo naturale.

  
a b
Esempio 6.2.7. G = | a, b, c, d ∈ Q, ad − bc 6= 0 é un gruppo rispetto al prodotto
c d
righe per colonne. φ : G −→ Q∗ , φ (M ) = det M é un omomorfismo e
  
a b
ker φ = | ad − bc = 1
c d

G
allora Q∗ ≈ (isomorfismo). Segue anche che le matrici con determinante uguale a 1 formano
ker φ
un sottogruppo normale di G perché sono il nucleo di un omomorfismo.

Corollario 6.2.8. Sia G un gruppo e H un suo sottogruppo. H / G ⇐⇒ H = ker φ, con φ


omomorfismo
Nota 6.2.9. Come struttura algebrica, due gruppi isomorfi possono anche essere considerati lo
stesso gruppo. Se consideriamo i gruppi ciclici, si ha che per ogni ordine r (anche non finito)
esiste un solo gruppo ciclico di ordine r. Infatti se G =< g > e Ḡ =< ḡ > sono due gruppi
ciclici con lo stesso numero di elementi, l’applicazione φ : G −→ Ḡ, definita da φ(g n ) = ḡ n é un
isomorfismo. Pertanto tutti i gruppi infiniti sono isomorfi a (Z, +) e ogni gruppo ciclico finito
con m elementi é isomorfo a (Zm , +) .

6.3 Proprietà degli isomorfismi


Proposizione 6.3.1. Se G é un gruppo isomorfo sia al gruppo H che al gruppo K, allora H e
K sono isomorfi.

Dimostrazione. Sia φ un isomorfismo di G su H e ψ un isomorfismo di G su K, allora ψφ−1 é


un isomorfismo di H su K.

38
Capitolo 6 - Omomorfismi e Automorfismi di Gruppi

G G/K
Teorema 6.3.2. Sia G un gruppo, N / G, K / G, K ⊂ N . é isomorfo a .
N N/K
G G
Dimostrazione. Basta dimostrare che esiste un omomorfismo suriettivo da su avente per
K N
N G G
nucleo . Definiamo φ : −→ , φ (gK) = gN . E’ una buona definizione, ossia φ é una
K K N
applicazone; infatti se gK = hK allora h−1 gK = K ⊂ N , allora h−1 g ∈ N e quindi gN = hN
da cui φ (gK) = φ (hK). La φ é suriettiva: segue dalla definizione. La φ é un omomorfismo:
N
infatti φ (gKhK) = φ (ghK) = ghN = gN hN = φ (gK) φ (hK) . Il nucleo di φ é : infatti
K
N
gK ∈ ker φ ⇐⇒ φ (gK) = N ⇐⇒ gN = N ⇐⇒ g ∈ N . Dunque ker φ = gK | g ∈ N = .
K
−1
(K / G ⇒ K / N perché se gkg ∈ K ∀g ∈ G in particolare vale ∀g ∈ N ).

Esempio 6.3.3. G = (Z, +), N =< 3 >, K =< 6 >, essendo (Z, +) abeliano, N e K sono
Z Z <3>
normali e = Z3 , = Z6 , = {a· < 6 >| a ∈< 3 >, a = 3t con t ∈ Z}⇒ a =
 <3> <6> <6>
3 · 2h = 6h | h ∈ Z <3>
⇒ a· < 6 >mi da due classi: < 6 > e < 3 >⇒ = Z2 .
3 · (2h + 1) = 6h + 3 | h ∈ Z <6>
Z Z6 ∼
Z3 = ≈ = Z3 .
<3> Z2

6.4 Centro e centralizzante di un gruppo


Definizione 6.4.1. Sia (G, ·) un gruppo, si chiama centro di G l’insieme

Z (G) = {x ∈ G | xg = gx, ∀g ∈ G}

.
Il centro di un gruppo é dunque l’insieme degli elementi di G che sono permutabili con ogni
elemento di G. Ovviamente si ha:

Z (G) = G ⇐⇒ G è abeliano

Proposizione 6.4.2. Sia G un gruppo e Z (G) il suo centro. Si ha Z (G) / G.

Dimostrazione. Qualunque sia il gruppo G, si ha 1 ∈ Z (G) che quindi non é mai vuoto. Siano
x, y ∈ Z (G), per ogni g ∈ G si ha (xy) g = x (yg) = x (gy) = (xg) y = (gx) y = g (xy)
e quindi xy ∈ Z (G). Sia ora x ∈ Z (G), per ogni g ∈ G si ha xg = gx e quindi anche
x−1 (xg) x−1 = x−1 (gx) x−1 , da cui gx−1 = x−1 g e pertanto x−1 ∈ Z (G). Dunque Z (G)
é un sottogruppo di G. Z (G) é sottogruppo normale, infatti se x ∈ Z (G) e g ∈ G si ha
gxg −1 = xgg −1 = x ∈ Z (G).

Definizione 6.4.3. Sia G un gruppo; fissato a ∈ G si chiama centralizzante di a l’insieme


C (a) = {g ∈ G | ga = ag}.

Proposizione 6.4.4. Se G é un gruppo ed a ∈ G, il centralizzante di a é un sottogruppo di G.

39
Capitolo 6 - Omomorfismi e Automorfismi di Gruppi

Dimostrazione. C (a) 6= ∅perché qualunque sia a ∈ G si ha 1 ∈ C (a). Se g, h ∈ C (a) si ha


(gh) a = g (ha) = g (ah) = (ga) h = (ag) h = a (gh) e dunque gh ∈ C (a). Inoltre
 se g ∈ C (a)
da ga = agsi ha g −1 a = g −1 agg −1 = g −1 (ag) g −1 = g −1 (ga) g −1 = gg −1 ag −1 = ag −1 e
pertanto g −1 ∈ C (a). Rimane cosı̀ provato che C (a) é un sottogruppo di G.
Nota 6.4.5. E’ ovvio che Z (G) ≤ C (a).
Definizione 6.4.6. Sia G un gruppo e siano a, b ∈ G. Si dice che a e b sono coniugati se esiste
x ∈ G tale che b = xax−1 .
La relazione di coniugio ora definita é una relazione di equivalenza in G. Essa determina
una partizione di G. Le classi di equivalenza costituite da un solo elemento sono quelle che
contengono un elemento del centro di G.
Teorema 6.4.7. Se G é un gruppo finito ed a ∈ G allora il numero degli elementi di G coniugati
ad a é uguale all’indice del centralizzante di a in G.
Dimostrazione. Sia C (a) il centralizzante di a. Per ogni x ∈ G l’elemento xax−1 é coniugato ad a,
ma gli elementi xax−1 al variare di x ∈ G non sono tutti distinti, ossia due coniugati di a possono
coincidere. Si ha xax−1 = yay −1 ⇐⇒ y −1 xa = ay −1 x ⇐⇒ y −1 x ∈ C (a) ⇐⇒ x ∈ yC (a), ma
anche y ∈ yC (a) e dunque risulta xax−1 = yay −1 se e solo se x e y stanno nello stesso laterale
sinistro di C (a). Dunque il numero dei coniugati di a é uguale al numero dei laterali (sinistri)
|G|
di C (a) ossia é l’indice di C (a) in G, cioé .
| C (a) |
|G|
Nota 6.4.8. Se a ∈ Z (G) allora = 1.
| C (a) |
Teorema 6.4.9. Il centro di un gruppo finito G di ordine pn con p primo, n ∈ N∗ , non si riduce
al sottogruppo identico.
Dimostrazione. Consideriamo larelazione di coniugio e contiamo gli elementi di G contando gli
elementi di ogni classe di equivalenza e poi sommando. Una classe é costituita da un solo elemento
a se e solo se a ∈ Z (G), quindi se | Z (G) |= r ci sono r classi con un solo elemento. Se G = Z (G),
cioé se G é abeliano, banalmente é Z (G) 6=< 1 >. Se G 6= Z (G), sia a ∈ G − Z (G); per quanto
dimostrato nella proposizione precedente, il numero dei coniugati di a é dato dall’indice di C (a)
|G| |G|
in G ossia . Da a ∈
/ Z (G) segue C (a) 6= G e perciò é = pi con i > 0. Allora gli
| C (a) | | C (a) |
elementi di G − Z (G) si ripartiscono in classi disgiunte ciascuna avente un numero di elementi
dato da una potenza di p ad esponente positivo, ossia | G |=| Z (G) | +pi + pj + ... + ps =⇒ pn =
r + pi + pj + ... + ps e poiché tutti gli addendi diversi da r sono divisibili per p, per ottenere pn
deve essere divisibile per p anche r, ossia r 6= 1, cioé Z (G) 6=< 1 > .
Dal teorema ora dimostrato seguono importanti risultati quali quelli enunciati nelle due
seguenti proposizioni.
Proposizione 6.4.10. Se G é un gruppo di ordine pn , con p primo, n ∈ N∗ , esiste in G un
sottogruppo normale di ordine p.
Dimostrazione. Sia | G |= pn , n > 0; per il teorema precedente si ha | Z (G) |= ph con h > 0.
Per il teorema di Sylow (3.3.4) esiste allora in Z (G) un sottogruppo N di ordine p e poiché gli
elementi di N permutano con ogni elemento di G (appartenendo al centro di G) si ha N / G.
Proposizione 6.4.11. Ogni gruppo di ordine p2 , p primo, é abeliano.

40
Capitolo 6 - Omomorfismi e Automorfismi di Gruppi

Dimostrazione. Sia G un gruppo di ordine p2 . Supponiamo Z (G) 6= G, si ha | Z (G) |= p per


il teorema precedente. Sia a ∈ G − Z (G), il centralizzante C (a) di a deve avere per ordine un
divisore di p2 e poiché a ∈ C (a) e Z (G) ⊂ C (a) si ha | C (a) |= p2 ossia C (a) = G e quindi
a ∈ Z (G), contro l’ipotesi. Dunque non può essere Z (G) 6= G, ma deve essere Z (G) = G e
quindi G é abeliano.

6.5 Automorfismi di un gruppo


Definizione 6.5.1. Un isomorfismo di G in se stesso si dice automorfismo.
Definizione 6.5.2. Per ogni a ∈ G, l’automorfismo φa : G → G definito da φa (x) = a · x · a−1
é detto automorfismo interno del gruppo.
Teorema 6.5.3.
1. L’insieme A(G) degli automorfismi di un gruppo G é un gruppo rispetto al prodotto opera-
torio.
2. L’insieme I(G) degli automorfismi interni di G é un sottogruppo normale del gruppo A(G).
Dimostrazione.
1. A(G) é un gruppo perché il prodotto di due automorfismi é ancora un automorfismo di G,
l’inverso di un automorfismo é ancora un automorfismo.
2. I(G) non é vuoto perché contiene l’automorfismo identità; inoltre presi φa , φb ∈ I(G) si
ha:
(φa ◦ φ)(x)b = φa ◦ (φb (x)) = a · (b · x · b−1 ) · a−1 = (a · b) · x · (b · a)−1 = φa·b (x) dunque
φa ◦ φb = φa·b ∈ I(G). Inoltre φ−1 −1
a · φa (x) = x per ogni x e quindi φa = φa−1 ∈ I(G).
Dunque I(G) é sottogruppo di A(G).
Infine se α ∈ A(G) e φa ∈ I(G) si ha (α◦φa ◦α−1 )(x) = α·(a·α−1 ·a−1 ) = α(a)·x·α(a−1 ) =
α(a) · x · α(a)−1 = φα(a) (x) e quindi αφa (x) = φα(a) ∈ I(G) e pertanto I(G) / A(G).

G
Proposizione 6.5.4. é isomorfo a I(G).
Z(G)
Dimostrazione. Sia f : G → I(G) definita da f (x) = φa con φa (x) = a · x · a−1 . La f é un
G
omomorfismo suriettivo di nucleo Z(G) e pertanto ≈ I(G).
Z(G)

6.6 Sottogruppi caratteristici


Definizione 6.6.1. Un sottogruppo H di un gruppo G é detto caratteristico (o pienamente
invariante) se é mutato in sé da ogni automorfismo di G.
Ovviamente se H é caratteristico é anche normale perché essendo mutato in sé anche dagli
automorfismi interni, risulta a · H · a−1 = H, a · H = H · a per ogni a ∈ G.
Esistono però sottogruppi normale che non sono caratteristici.

Esempio 6.6.2. (Z, +) / (Q, +) ma Z non é caratteristico in Q; infatti φ : (Q, +) → (Q, +) tale
1
che φ(x) = · x é un automorfismo di (Q, +) ma φ(Z) 6= Z, infatti φ(3) = 23 .
2

41
Capitolo 6 - Omomorfismi e Automorfismi di Gruppi

Proposizione 6.6.3.

1. Se H é un sottogruppo di G e φ(H) ⊂ H per ogni φ ∈ Aut(G), allora H caratteristico in


G.

2. Il centro Z(G) di un gruppo é caratteristico in G.

Dimostrazione.

1. Poiché φ(H) ⊂ H per ogni φ ∈ Aut(G), essendo φ−1 ∈ Aut(G) si ha anche φ−1 (H) ⊂ H
ossia H ⊂ φ(H) per ogni φ ∈ Aut(G) ossia H é caratteristico.

2. Per quanto dimostrato al punto (1) basta provare che per ogni φ ∈ Aut(G) e per ogni
c ∈ Z(G) si ha φ(c) ∈ Z(G). Infatti preso g ∈ G, sarà g = φ(h) per in certo h ∈ G, si ha
φ(c) · g = φ(c) · φ(h) = φ(c · h) = φ(h · c) = φ(h) · φ(c) = g · φ(h) e quindi φ(c) ∈ Z(G) da
cui φ(Z(G)) da cui φ(Z(C)) ⊂ Z(G) ossia Z(G) é caratteristico.

Teorema 6.6.4 (di Cayley). Ogni gruppo G é isomorfo ad un gruppo di permutazioni sui suoi
elementi.

Dimostrazione. Il teorema é provato perché esiste un omomorfismo iniettivo di G nel gruppo


Sym G delle permutazioni sugli elementi di G.
L’omomorfismo iniettivo é l’applicazione f : G → Sym G, f (G) = φg , dove φg : G → G é la
permutazione (applicazione biettiva) degli elementi di G definita da φg (x) = g · x per ogni x ∈ G.
Rimane cosı̀ provato che f (G) é un sottogruppo di Sym G isomorfo a G.

Questo teorema mostra l’importanza dei gruppi di permutazioni perché da esso segue che
ogni gruppo si può pensare come gruppo di permutazioni.

42
Capitolo 7

Gruppi Risolubili

7.1 Derivato di un gruppo


Definizione 7.1.1. Sia (G, ·) un gruppo; per ogni coppia (a, b) di elementi di G chiamiamo
commutatore di (a, b) l’elemento k(a, b) = b−1 · a−1 · b · a.
Segue immediatamente che:

1. k(a, b) = 1 ⇔ a · b = b · a
2. a · b · k(a, b) = b · a, ossia moltiplicando a · b per il suo commutatore si ottiene b · a (da questa
proprietà il nome commutatore).

In generale, l’insieme dei commutatori di un gruppo G non é un sottogruppo di G.


Definizione 7.1.2. Sia G un gruppo; si chiama derivato (primo) di G il sottogruppo G0 di G
generato dai commutatori di G.
Proposizione 7.1.3. Il derivato primo del gruppo G é il gruppo G0 = {k1 · k2 · · · · · kn : n ∈
N∗ ; ki commutatore}.
Dimostrazione. Consideriamo l’insieme G0 = {k1 · k2 · · · · · kn : n ∈ N∗ ; ki commutatore}, esso
é chiuso rispetto al prodotto di G e G0 6= ∅. Inoltre se k = b−1 · a−1 · b · a é un commutatore
si ha k −1 = a−1 · b−1 · a · b = k(b, a) cioé l’inverso di un commutatore é un commutatore e
(k1 · · · · · kn )−1 = kn−1 · · · · · k1−1 é ancora il prodotto di un numero finito di commutatori. G0
é quindi un sottogruppo di G, inoltre G0 é contenuto in ogni sottogruppo di G che contiene i
commutatori do G. G0 é il più piccolo sottogruppo di G che contiene tutti i commutatori.
La proposizione 7.1.3 ora dimostrata assicura che il derivato G0 di G é il più piccolo sotto-
gruppo di G che contiene tutti i commutatori.
Il derivato G0 di un gruppo G é un sottogruppo di G che può essere proprio oppure no. E’
immediata conseguenza della definizione di commutatore che:

G0 =< 1 > ⇐⇒ G abeliano


si può dire che la non abelianità di G é tutta racchiusa in G0 . Cosı̀ come tutta l’abelianità di G
é racchiusa nel centro Z(G).
Proposizione 7.1.4. G0 é un sottogruppo caratteristico di G.

43
Capitolo 7 - Gruppi Risolubili

Dimostrazione. Per provare che per ogni φ ∈ Aut(G) risulta φ(G0 ) = G0 , basta provare che φ
trasforma elementi di G0 in elementi di G0 .
Sia φ ∈ Aut(G) e sia k1 ·k2 ·· · ··kn ∈ G0 ; allora si ha φ(k1 ·k2 ·· · ··kn ) = φ(k1 )·φ(k2 )·· · ··φ(kn ).
Ma ogni φ(ki ) é un commutatore, infatti φ(ki ) = φ(y −1 ·x−1 ·y ·x) = φ−1 (y)·φ−1 (x)·φ(y)·φ(x) =
k(φ(x), φ(y)) ossia se k1 é il commutatore di (x, y), allora φ(ki ) é il commutaore di (φ(x), φ(y)).
Risulta pertanto φ(k1 · k2 · · · · · kn ) ∈ G0 .
Teorema 7.1.5. Sia G un gruppo e N un sottogruppo di G. N / G e G/N abeliano se e solo se
G0 ⊂ N .
Dimostrazione.
=⇒ Sia N / G e G/N abeliano; per ogni x, y ∈ G si ha x · N · y · N = y · N · x · N , x · y · N = y · x · N ,
x−1 · y −1 · y · x · N = N da cui x−1 · y −1 · y · x ∈ N . Da ciò significa che N contiene tutti i
commutatori ed essendo un sottogruppo normale di G anche i loro prodotti ossia G0 ⊂ N .
⇐= Sia G0 ⊂ N ; per ogni g ∈ G e ogni h ∈ N si ha g −1 ·h−1 ·g·h ∈ G0 e dunque g −1 ·h−1 ·g·h ∈ N ,
ma N é un gruppo, h−1 ∈ N e quindi g −1 · h−1 · g · h · h−1 = g −1 · h · g ∈ N ossia N / G.
Inoltre per ogni x, y ∈ G si ha x−1 · y −1 · x · y ∈ G0 e dunque x−1 · y −1 · x · y ∈ N ossia
x−1 · y −1 · x · y · N = N , x · y · N = y · x · N , x · N · y · N = y · N · x · N e pertanto G/N é
abeliano.

Definizione 7.1.6. Sia G un gruppo, si chiama derivato secondo di G, e lo si indica con G00
(oppure G(2) ), il derivato primo di G0 .
In generale, darivato r-esimo di G é il derivato del derivato (r − 1)-esimo e si indica con G(r) .
Proposizione 7.1.7. G(r) é un sottogruppo caratteristico di G.
Dimostrazione. Abbiamo già dimostrato che G0 é sottogruppo caratteristico di G(7.1.4), ciò
implica che ogni automorfismo di G é anche un automorfismo do G0 . Ma G00 é sottogruppo
caratteristico di G0 e quindi ogni automorfismo di G0 é anche automorfismo di G00 , allora ogni
automorfismo di G00 ossia G00 é sottogruppo caratteristico di G.
Cosı̀ proseguendo si ha che G(r) é sottogruppo caratteristico di G per ogni r ≥ 1.

7.2 Derivato primo del gruppo simmetrico Sn


Proposizione 7.2.1. Sia Sn il gruppo delle premutazioni su n elementi, allora Sn0 = An per
ogni n ∈ N ∗ .
Dimostrazione. Suddividiamo la dimotrazione in quattro parti:
1. Sn0 / An .
Infatti ogni commutatore di Sn é una permutazione di classe pari e quindi é un elemento
di An ; risulta quindi Sn0 ⊂ An e anche Sn / An (Ricordare che g, g −1 ∈ Sn sono entrambe
di classe pari o dispari e quindi g −1 · h−1 · g · h é sampre di classe pari qualunque sia la
classe di g ed h).
2. Caso n ≥ 5.
Per n ≥ 5, An é semplice quindi i suoi sottogruppi normali sono solo quelli banali, deve
allora essere Sn0 = An oppure Sn0 =< 1 >. Sn0 =< 1 > non può essere perché significherebbe
Sn abeliano e perciò si colclude che per n ≥ 5 risulta Sn0 = An .

44
Capitolo 7 - Gruppi Risolubili

3. Caso n = 4.    
1 2 3 4 1 2 3 4
Consideriamo α, β ∈ S4 , con α = eβ = . Si ha α−1 ·
2 3 1 4 1 3 2 4
 
1 2 3 4
β −1 · α · β = ∈ S 0 4 con α−1 · β −1 · α · β 3-ciclo e dunque Sn0 = An perché
2 3 1 4
Sn0 contiene un 3-ciclo ed é un sottogruppo normale di An .

4. Caso n ≤ 3.
Per n = 3 da Sn0 ⊂ An segue |S30 | = 1 oppure |S30 | = 3. Se fosse |S30 | = 1 sarebbe S3
abeliano e ciò é assurdo e pertanto deve essere |S30 | = 3 ossia S30 = A3 .
Per n ≤ 2 si ha banalmente Sn0 = An .

7.3 Risolubilità di un gruppo


Definizione 7.3.1. Un gruppo G si dice risolubile se esiste un intero r ≥ 1 tale che G(r) =< 1 >.

Esempio 7.3.2.

• Banalmente ogni gruppo abeliano é risolubile perché G0 =< 1 >.

• Il gruppo dei quaterioni é risolubile perché Gx =< 1 >.

Definizione 7.3.3. Si chiama catena di un gruppo G ogni successione finita di sottogruppi


G = G1 ⊃ G2 ⊃ · · · ⊃ Gi ⊃ · · · ⊃ Gn =< 1 >.
La catena é detta normale se Gi / Gi−1 per ogni i = 2, 3, . . . , n ed in questo caso i gruppi
Gi−1 /Gi saranno detti fattoriali della catena.

Esempio 7.3.4. Se G é risolubile, il gruppo G ed i suoi derivati formano una catena normale
(anzi ogni elemento é sottogruppo caratteristico del gruppo che lo precede): G . G0 . · · · . G(i) .
· · · . G(r) =< 1 >.

Teorema 7.3.5. Un gruppo G é risolubile se e solo se possiede una catena normale a fattoriali
abeliani.

Dimostrazione.

=⇒ Se G é risolubile, allora la catena dei suoi derivati é una catena normale a fattoriali abeliani.

⇐= Viceversa supponiamo che G possieda una catena normale a fattoriali abeliani: G = G1 .


G2 . · · · . Gi . · · · . Gn =< 1 >. Da G/G2 abeliano segue G01 ⊂ G2 ; da G2 /G3 abeliano
segue che G02 ⊂ G3 ; ma G01 ⊂ G2 significa anche (G01 )0 ⊂ G02 ossia G001 ⊂ G02 da cui
(n−1)
G001 ⊂ G3 . Procdendo in questo modo si ottiene G1 ⊂ Gn e poiché Gn =< 1 > si ha
(n−1)
G1 =< 1 > ossia G é risolubile.

45
Capitolo 7 - Gruppi Risolubili

Proposizione 7.3.6. Sia G un gruppo; H / G tale che H e G/H siano risolubili; allora G é
risolubile.
Dimostrazione. Essendo H /G é di immediata verifica che (G/H)0 = (G0 ·H)/H. Procedendo per
induzione si r si ottiene (G/H)(r) = (G(r) · H)/H. Per ipotesi G/H risolubile, esiste n ∈ N∗ tale
che (G/N )(n) =< 1 > ossia (G(n) · H)/H =< 1 > e quest’ultima ugualianza comporta G(n) ⊂ H.
Per l’ipotesi H risolubile esiste un m ∈ N∗ tale che H (m) =< 1 >; risulta allora G(n+m) =< 1 >
e quindi G é risolubile.
Proposizione 7.3.7. Se G é risolubile ogni sottogruppo di G é risolubile.
Dimostrazione. Sia G un gruppo risolubile, allora esiste r ∈ N∗ tale che G(r) =< 1 >. Sia H un
sottogruppo di G; da G ⊃ H si ha G(r) ⊃ H (r) e quindi H (r) =< 1 > ossia h é risolubile.
Come agisce l’omomorfismo sulla risolubilità di un gruppo?
Proposizione 7.3.8. Sia G un gruppo risolubile. Ogni immagine omomorfa di G é un gruppo
risolubile.
Dimostrazione. Sia φ un omormofismo suriettivo di G nel gruppo H e sia G(r) =< 1 >. Si ha
φ(G0 ) = H 0 , φ(G00 ) = H 00 , . . . , φ(G(r) ) = H (r) e poiché G(r) =< 1 > e φ omomorfismo, si ha
φ(G(r) ) =< 1 > ossia H (r) =< 1 > e pertanto H é risolubile.
Proposizione 7.3.9. Ogni quoziente di un gruppo risolubile é risolubile.
Dimostrazione. Segue dalla proposizione 7.3.8 perché ogni quoziente di un gruppo é una sua
immagine omomorfa per il teorema 6.2.6.

7.4 Risolubilità e Gruppi Simmetrici


Teorema 7.4.1. Sn risolubile ⇐⇒ n = 2, 3, 4
Dimostrazione. Procediamo per casi:
1. n = 2:
S2 é risolubile perché é abeliano.
2. n = 3:
S3 é risolubile perché possiede una catena normale a fattoriali abeliani: S3 . A3 . < 1 >.
3. n = 4:
S4 é risolubile perché possiede la catena normale a fattoriali abeliani: S4 . A4 . H. < 1 >,
dove H = {1, α, β, γ},α = (1 2)(3 4), β = (1 3)(2 4), γ(1 4)(2 3).
4. n ≥ 5:
Per n ≥ 5 abbiamo dimostrato che An é semplice; poiché An non é abeliano, non può essere
A0n =< 1 > e quindi deve essere A0n = An ; perciò An non é risolubile per n ≥ 5. Essendo
An non risolubile, anche Sn ⊃ An non é risolubile per n ≥ 5.

Nota 7.4.2. La risolubilità dei gruppi simmetrici Sn con n ≤ 4 e la non risolubilità dei gruppi
simmetrici Sn con n ≥ 5 sta alla base del fatto che solo le equazioni algebriche di grado n ≤ 4
ammettono una formula risolutiva radico-razionale.

46
Capitolo 7 - Gruppi Risolubili

7.5 Condizioni per la Risolubilità


Proposizione 7.5.1. Un gruppo semplice é risolubile se e solo se é finito ed ha per ordine un
numero primo.

Dimostrazione. Sia G un gruppo semplice. Se |G| = p con p primo allora G é ciclico e quindi
abeliano e quindi risolubile.
Viceversa, se G é risolubile si ha G0 6= G e poiché G0 / G e G é semplice, risulta G0 =< 1 > e
quindi G é abeliano. Essendo G abeliano, ogni suo sottogruppo é normale e poiché G é semplice
ne consegue che G é privo di sottogruppi propri. Pertanto G é finito ed ha per ordine un numero
primo.

Proposizione 7.5.2. Ogni gruppo di ordine pn con p primo, n ∈ N∗ , é risolubile.

Dimostrazione. Per n = 1 il risultato é vero perché il gruppo di ordine primo é ciclico e quindi
é aveliano e perciò risolubile.
Procediamo per induzione su n, supponiamo vero il risultato per (n − 1) e dimostriamo che
vale per n. Sia G un gruppo di ordine pn , n > 1. Allora esiste N / G tale che |N | = p; il gruppo
N é risolubile perché ciclico, il gruppo G/N é risolubile per l’ipotesi di induzione essendo di
ordine pn−1 e eprciò per una proposizione precedente G é risolubile.

Proposizione 7.5.3. Ogni gruppo di ordine p · q con p, q numeri primi, é risolubile.

Dimostrazione. Sia G un gruppo di ordine p · q, com p, q numeri primi. Se p = q allora |G| = p2


e pertanto G é abeliano e quindi risolubile.
Se G ha ordine p · q con p < q, allora G ha un solo sottogruppo do ordine q: infatti per il
teorema di Sylow (3.3.4) G ammette almeno un sottogruppo di ordine q; supponiamo per assurdo
che esistano A, B ⊂ G con |A| = |B| = q e A 6= B. Si ha A ∩ B =< 1 > e |A · B| = q 2 perché i
prodotti a · b com a ∈ A, b ∈ B sono a due a due distinti poiché se fosse a · b = c · d con a, c ∈ A,
b, d ∈ B si avrebbe c−1 · a = d · b−1 ∈ A ∩ B e quindi a = c, b = d. Ovviamente A · B ⊂ G ma
questo é assurdo perché |A · B| = q 2 e |G| = p · q con p < q.
Dunque in G esiste un solo sottogruppo A di ordine q; questo implica x · A · x−1 = A per ogni
x ∈ G e quindi A / G. Il gruppo G é pertanto risolubile perché possiede una catena normale a
fattoriali abeliani: G . A. < 1 >.

Nel 1960, Feit e Thompson hanno dimostrato il seguente teorema

Teorema 7.5.4. Ogni gruppo finito di ordine dispari é risolubile.

Di conseguenta se G é un gruppo semplice finito, allora G é ciclico di ordine primo oppure é


non abeliano ed ha ordine pari. Infatti se G é abeliano allora é ciclico di ordine primo, se G non
é abeliano non può avere ordine dispari perché se cosı̀ fosse non potrebbe essere semplice (questo
perché G0 sarebbe sottogruppo normale di G, G0 6= G).

47
Capitolo 8

Prodotto diretto di Gruppi

8.1 Definizione e Proprietà


Considerati due gruppi (A, ·), (B, ∗), nel prodotto cartesiano A × B = {(a, b)| a ∈ A, b ∈ B} si
può considerare l’operazione “◦” definita da:

(a, b) ◦ (c, d) = (a · b, b ∗ d) , ∀a, c ∈ A, ∀b, d ∈ B


Si verifica facilmente che questa operazione:

1. é associativa;

2. ammette elemento neutro: (1A , 1B );

3. ogni elemento ammette inverso: (a, b)−1 = (a−1 , b−1 ).

Rispetto a questa operazione, A × B risulta dunque un gruppo detto prodotto diretto di A e B.


Il gruppo A × B ha due sottogruppi “speciali”:

A = {(a, 1B )| ∀a ∈ A}

B = {(1A , b)| ∀b ∈ B}.

A risulta un sottogruppo di A × B isomorfo al gruppo A nell’isomorfismo:

φ = A 7−→ A
a 7−→ (a, 1B )
Allo stesso modo B risulta un sottogruppo di A × B isomorfo al gruppo B nell’isomorfismo:

ψ = B 7−→ B
b 7−→ (1A , b)
Inoltre A e B sono sottogruppi normali in A × B, e ogni elemento di A × B si può scrivere
in modo univoco come prodotto di un elemento di A e uno di B: (a, b) = (a, 1B ) ◦ (1A , b).
Questo legame di A e B con A × B, tenuto conto degli isomorfismi φ e ψ, porta alla seguente:

Definizione 8.1.1. Un gruppo G si dice prodotto diretto dei suoi sottogruppi A e B, e si scrive
G = A × B se:

48
Capitolo 8 - Prodotto diretto di Gruppi

1. A / G , B / G;

2. ogni elemento di G si scrive in uno ed un solo modo come prodotto di un elemento di A


per un elemento di B.

Quanto detto sino ad ora si generalizza al caso di un numero finito di sottogruppi e si può
quindi porre la seguente definizione:

Definizione 8.1.2. Un gruppo G si dice prodotto diretto dei suoi sottogruppi A1 , A2 , . . . , An , e


si scrive G = A1 × A2 × . . . × An , se:

1. Ai / G per ogni i = 1, 2, . . . , n.

2. Per ogni g ∈ G sono univocamente determinati gli elementi ai ∈ Ai , i = 1, 2, . . . , n, tali che


g = a1 a2 . . . an .

Proposizione 8.1.3. Se G = A1 × A2 × . . . × An si ha Ai ∩ Aj =< 1 > per ogni i 6= j.

Dimostrazione. Se x ∈ Ai ∩ Aj con i 6= j e x 6= 1 si ha una contraddizione perché in tal caso x


si esprimerebbe in due modi diversi come prodotto degli elementi Ai , i = 1, . . . , n. L’elemento
x si può infatti considerare prodotto di fattori tutti uguali a 1 tranne il fattore i-esimo, uguale
a x. Ma x si può anche considerare prodotto di fattori tutti uguali a 1 tranne il fattore j-esimo
uguale a x.

Proposizione 8.1.4. Se G = A1 × A2 × . . . × An , gli elementi di Ai commutano con gli elementi


di Aj , comunque siano scelti i, j = 1, . . . , n, i 6= j.

Dimostrazione. Sia i 6= j e sia x ∈ Ai , y ∈ Aj . Essendo Ai e Aj normali in G, si ha y −1 Ai y,


x−1 Aj x = Aj da cui y −1 xy ∈ Ai , x−1 y −1 x ∈ Aj e pertanto poiché x−1 ∈ Ai e y ∈ Aj risulta
x−1 y −1 xy ∈ Ai e x−1 y −1 xy ∈ Aj . Poiché Ai ∩ Aj =< 1 >, deve essere x−1 y −1 xy = 1 cioé
xy = yx.
Proposizione 8.1.5. Sia G = A1 ×A2 ×. . .×An ; comunque presi Ai1 , Ai2 , . . . , Aih ∈ {A1 , A2 , . . . , An },
Ai1 · Ai2 · . . . · Aih é un sottogruppo di G.

Dimostrazione. Per la proposizione precedente si ha Ar As = As Ar per ogni r 6= s, inoltre é


Ai Ai = Ai per ogni i, possiamo quindi considerare il prodotto Ai1 · Ai2 · . . . · Aih come il prodotto
di k fattori a due a due distinti: Ar1 · Ar2 · . . . · Ark . Da Ar1 Ar2 = Ar2 Ar1 segue che Ar1 Ar2 é un
sottogruppo di G, sia B1 = Ar1 Ar2 . Risulta B1 Ar3 = Ar3 B1 e quindi B1 Ar3 = Ar1 Ar2 Ar3 é un
sottogruppo di G. Cosı̀ procedendo si ha la tesi.
Proposizione 8.1.6. Sia G = A1 × A2 × . . . × An e siano 1 ≤ i1 , i2 , . . . , ih ≤ n. Si ha
Ai1 ∩ (Ai2 · Ai3 · . . . · Aih ) =< 1 >.

Dimostrazione. Sia ai1 ∈ Ai1 ∩ (Ai2 · Ai3 · . . . · Aih ); poiché ai1 ∈ Ai1 esso si può scrivere come
prodotto di n fattori uguali a 1 tranne il fattore i1 -esimo uguale ad ai1 .
Per la commutatività dei fattori Ai possiamo scrivere Ai2 · . . . · Aih = Aj2 · Aj3 · . . . · Ajh con
j2 < j3 < . . . < jh . Da ai1 ∈ Ai2 · Ai3 · . . . · Aih ossia ai1 ∈ Aj2 · Aj3 · . . . · Ajh si può scrivere ai1
come prodotto di n fattori dei quali quello di posto jp sta in Ajp , p = 2, . . . , h, mentre tutti gli
altri sono 1.
Poiché ai1 si può esprimere in un solo modo come prodotto di elementi di G = A1 × A2 × . . . ×
An , deve essere ai1 = 1.

49
Capitolo 8 - Prodotto diretto di Gruppi

Proposizione 8.1.7. SiaQGun gruppo e siano A1 , . . . , An sottogruppi normali di G tali che


i6=r
G = A1 A2 . . . An e Ar ∩ ( 1≤i≤n Ai ) =< 1 > per ogni r.
Allora G é il prodotto diretto dei suoi sottogruppi A1 , A2 , . . . , An . G = A1 × A2 × . . . × An .

Dimostrazione. Vedere Quattrocchi-Rinaldi pag. 86.

Dalle ultime due proposizioni segue il seguente teorema, di cui non forniamo la dimostrazione.

Teorema 8.1.8. Si ha G = A1 × A2 × . . . × An se e solo se:

1. Ai / G, i = 1, 2, . . . , n;
Y
2. G = Ai ;
1≤i≤n

i6Y
=r
3. Ar ∩ ( Ai ) =< 1 > per ogni r, 1 ≤ r ≤ n.
1≤i≤n

Per n = 2 il teorema diventa:

Teorema 8.1.9. G = A1 × A2 se e solo se

1. A1 / G, A2 / G;

2. G = A1 A2 ;

3. A1 ∩ A2 =< 1 > .

Un esempio di gruppo prodotto diretto dei suoi sottogruppi é dato da un qualunque gruppo
abeliano finito di ordine m quando m non é potenza di un numero primo.
Infatti sia m = pr11 pr22 · . . . · prnn con n ≥ 2, ri > 0 e pi numeri primi distinti. Per il Teorema
di Sylow, per ogni pri i esiste in G un sottogruppo Ai di ordine pri i .
Si ha Ai / G per Qi6=ogni i = 1, 2, . . . , n, inoltre vale la 3. del Teorema 8.1.8 perché gli ordini
r
dei gruppi Ar e ( 1≤i≤n Ai ) sono primi tra loro; da questo segue che a1 a2 . . . an = b1 b2 . . . bn
con ai , bi ∈ Ai , i = 1, . . . , n. Ma questo implica ai = bi e perciò il numero degli elementi di
A1 A2 . . . An é pr11 pr22 . . . prnn e quindi vale anche la 2. del Teorema 8.1.8.

50
Capitolo 9

Reticoli

Quella di reticolo é una struttura algebrica ottenuta a partire da una relazione d’ordine. Questa
struttura può essere ulteriormente arricchita fino a giungere alla struttura della algebra di Boo-
le. La struttura di reticolo trova particolari applicazioni in logica matematica e in molti rami
dell’informatica.

9.1 Relazione d’ordine


Definizione 9.1.1. Sia A un insieme e sia R ⊂ A × A una relazione in A. La relazione R é
detta di ordine parziale se sono soddisfatte le seguenti proprietà:
1. (a, a) ∈ R per ogni a ∈ A (prop. riflessiva);
2. se (a, b) ∈ R e (b, a) ∈ R allora a = b (prop. antisimmetrica);
3. se (a, b) ∈ R e (b, c) ∈ R allora (a, c) ∈ R (prop. transitiva).
Di norma una realzione R di ordine parziale si indica con “≤” e pertanto la scrittura delle
proprietà precedenti diventa:
1. a ≤ a per ogni a ∈ A;
2. a ≤ b, b ≤ a ⇒ a = b;
3. a ≤ b, b ≤ c ⇒ a ≤ c.
Si dice che A é un insieme parzialmente ordinato se in A é definita una relazione “≤” di ordine
parziale e in tal modo si scrive (A, ≤).

Esempio 9.1.2.
1. (N, ≤) é in insieme parzialmente ordinato rispetto alla relazione cosı̀ definita: “a ≤ b se
b − a ∈ N”. Questa relazione é detta ordinamento naturale;
2. N∗ = N \ {0}, (N∗ , ≤) é un insieme parzialmente ordinato rispetto alla relazione “a ≤ b se
a | b” (relazione di divisibilità);
3. Z∗ = Z \ {0}, (Z∗ , ≤) non é un insieme parzialmente ordinato rispetto la relazione “a ≤ b
se a | b” perché non vale la prorpietà antisimmetrica (−1 | 1, 1 | −1, 1 6= −1).

51
Capitolo 9 - Reticoli

Definizione 9.1.3. Una relazione “≤” definita nell’insieme A si dice di ordine totale se:
1. é una relazione di ordine parziale;

2. per ogni a, b ∈ A si ha a ≤ b oppure b ≤ a.

Si dice che (A, ≤) é un insieme totalmente ordinato se “≤” é una relazione di ordine totale in A.

Ancora qualche definizione:

Definizione 9.1.4. Sia (A, ≤) un insieme parzialmente ordinato e sia B ⊆ A, B 6= ∅. Si


definisce sup B (estremo superiore di B in A) ogni elemento v ∈ A tale che :

1. b ≤ v per ogni b ∈ B;

2. se x ∈ A e b ≤ x per ogni b ∈ B allora é v ≤ x.

Se esiste v = sup B e si ha v ∈ B allora v si chiama massimo di B.


Si definisce inf B (estremo inferiore di B in A) ogni elemento u ∈ A tale che:

1. u ≤ b per ogni b ∈ B;

2. se x ∈ A e x ≤ b per ogni b ∈ B allora x ≤ u.

Se esiste u = inf B e si ha u ∈ B allora u si chiama minimo di B.

Esempio 9.1.5. Sia (R, ≤) l’insieme dei numeri reali e “≤” l’ordinamento naturale,
√ sia B ⊆ R
l’insieme B = {x | x ∈ Q∗ , x2 ≤ 2}. L’insieme B ha estremo superiore sup B = 2 ma non ha
massimo. L’insieme B ha estremo inferiore inf B = 0 ed ha minimo 0.

9.2 Reticoli
Definizione 9.2.1. Un insieme parzialmente ordinato (A, ≤) é detto reticolo se ogni sottoinsieme
di A formato da due elementi ammette in A sia estremo superiore che estremo inferiore.
Si osservi che se x, y sono confrontabili esiete sempre inf(x, y) e sup(x, y). Precisamente se
x ≤ y si ha inf(x, y) = x e sup(x, y) = y.

Esempio 9.2.2. I seguenti insiemi parzialmente ordinati sono reticoli:

1. (N∗ , ≤), a ≤ b se a | b;

2. (S, ≤), S = {s | s = ∅ oppure s punto o retta di un piano affine π, oppure s =


π}={sottospazi di un piano affine π}, a ≤ b se a é sottospazio di b;

3. (P(I), ≤) , P(I) insieme delle parti dell’insieme I, A ≤ B se A ⊆ B;

4. (S(G), ≤), S(G) é l’insieme di tutti i sottogruppi del gruppo G, H ≤ K se H ⊆ K;

5. (D(n), ≤), D(n) insieme dei divisori di un fissato numero naturale n 6= 0,x ≤ y se x | y,
inoltre inf{x, y} = M CD(x, y) e sup{x, y} = mcm(x, y).

52
Capitolo 9 - Reticoli

Proposizione 9.2.3. Sia (L, ≤) un reticolo. Se B ⊆ L, B 6= ∅, B finito, allora B ha in L sia


estremo superiore che estremo inferiore.

Dimostrazione. Il risultato é vero per ogni B tale che |B| = 1 o |B| = 2. Procediamo per
induzione: supponiamo vero il risultato per ogni B, |B| = n, e proviamo che vale per ogni H,
tale che |H| = n+1. Sia H = {a1 , . . . , an+1 }; siano v = sup{a1 , . . . , an } e u = {a1 , . . . , an }, allora
esistono in L il sup{v, an+1 } e inf{u, an+1 } e questi sono rispettivamente sup H e inf H.

Corollario 9.2.4. Ogni reticolo finito ammette massimo e minimo.

I reticoli si possono caratterizzare mediante opportune operazioni interne al reticolo. Con


questa caratterizzazione si mette in luce l’aspetto di struttura algebrica del reticolo.

Teorema 9.2.5. Sia (L, ≤) un reticolo. Si considerino in L le seguenti due operazioni dette
rispettivamente unione e intersezione. Per ogni a, b ∈ L si definisce:

• a ∪ b = sup{a, b}

• a ∩ b = inf{a, b}

Le operazioni sopra definite soddisfano le seguenti proprietà di immediata verifica:


(1) a ∪ a = a (1’) a ∩ a = a Prop. di idempotenza
(2) a ∪ b = b ∪ a (2’) a ∩ b = b ∩ a Prop. commutativa
(3) a ∪ (b ∪ c) = (a ∪ b) ∪ c (3’) a ∩ (b ∩ c) = (a ∩ b) ∩ c Prop. associativa
(4) a ∪ (a ∩ b) = a (4’) a ∩ (a ∪ b) = a Prop. di assolvimento
Teorema 9.2.6. Sia L un insieme non vuoto con due operazioni “∪” e “∩” tali che per ogni
a, b, c ∈ L risulta:
(1) a ∪ a = a (1’) a ∩ a = a
(2) a ∪ b = b ∪ a (2’) a ∩ b = b ∩ a
(3) a ∪ (b ∪ c) = (a ∪ b) ∪ c (3’) a ∩ (b ∩ c) = (a ∩ b) ∩ c
(4) a ∪ (a ∩ b) = a (4’) a ∩ (a ∪ b) = a
Il L rimane definita una relazione “≤” tale che (L, ≤) é un reticolo.

Dimostrazione. Definiamo in Lla seguente relazione a ≤ b se a ∩ b = a. Osserviamo che da


a ∩ b = a si trae a ∪ b = (a ∩ b) ∪ b = b e viceversa da a ∪ b = b si ha a ∩ b = a ∩ (a ∪ b) = a;
dunque si ha a ≤ b e e solo se a ∪ b = b. Inoltre

• a ≤ a poiché a ∩ a = a;

• a ≤ b, b ≤ b ⇒ a = b poiché a ∩ b = a, b ∩ a = b ⇒ a = b;

• a ≤ b, b ≤ c ⇒ a ≤ c poiché a∩b = a e b∩c = b ⇒ a∩c = (a∩b)∩c = a∩(b∩c) = a∩b = a.

Quindi (L, ≤) é un insieme parzialmente ordinato. Inoltre, é a∪b = sup{a, b} infatti da a∪(a∪b) =
a ∪ b segue a ≤ a ∪ b e da b ∩ (a ∪ b) = b segue b ≤ a ∪ b; da a, b ≤ x segue a ∪ x = x, b ∪ x = x
e quindi (a ∪ b) ∪ x = a ∪ (b ∪ x) = a ∪ x = x cioé a ∪ b ≤ x. Analogamente si prova che é
a ∩ b = inf{a, b}.

La caratterizzazione fornita dai teoremi 9.2.5 e 9.2.6 permette di definire il reticolo anche nel
seguente modo:

53
Capitolo 9 - Reticoli

Definizione 9.2.7. Sia L un insieme non vuoto e siano “∪” e “∩” due operazioni in L. La
struttura (L, ∪, ∩) é detta reticolo se per ogni a, b, c ∈ L si ha:
(1) a ∪ a = a (1’) a ∩ a = a
(2) a ∪ b = b ∪ a (2’) a ∩ b = b ∩ a
(3) a ∪ (b ∪ c) = (a ∪ b) ∪ c (3’) a ∩ (b ∩ c) = (a ∩ b) ∩ c
(4) a ∪ (a ∩ b) = a (4’) a ∩ (a ∪ b) = a
Nota 9.2.8.

• Gli assiomi della definizione 9.2.7 non sono indipendenti perché 1) e 1’) sono conseguenze
di 4) e 4’); infatti a ∪ a = a ∪ [a ∩ (a ∪ b)] = a, a ∩ a = a ∩ [a ∪ (a ∩ b)] = a. Si é comunque
solito riportare la definizione di reticolo come sopra per ragioni storiche.

• Le operazioni di ∩ e ∪ di un reticolo L non sono da confondersi con le operazioni di unione


e intersezione insiemistica.

9.2.1 Legge di dualità


Definizione 9.2.9. Considerata la definizione di reticolo (L, ∪, ∩), se in essa si scambiano i
simboli di ∪ e ∩ gli assiomi che vi figurano non cambiano. Questo comporta che se in un reticolo
vale la proprietà P allora nel reticolo vale anche la proprietà duale P d ossia la proprietà che si
ottine da P scambiando i simboli di ∪ e ∩.

9.3 Sottoreticoli
Come tutte le altre strutture algebriche, anche per il reticolo si può definire la nozione di
sottoreticolo.

Definizione 9.3.1. Se (L, ∪, ∩) é un reticolo e L0 ⊆ L, L0 6= ∅, allora L0 é un sottoreticolo di


L se e solo se a ∪ b ∈ L0 e a ∩ b ∈ L0 per ogni a, b ∈ L0 .

Esempio 9.3.2. D(60) = L sia l’insieme dei numeri naturali divisori di 60, sia a∩b = M CD(a, b)
e a ∪ b = mcm(a, b) per ogni a, b ∈ L. (L, ∪, ∩) é un reticolo.

• Sia L0 = {1, 3, 5, 20}; L0 non é un sottoreticolo di L perché 3 ∪ 5 ∈


/ L0 .

• Sia L00 = {1, 2, 3, 6}; L00 é un sottoreticolo di L.

Definizione 9.3.3. Siano (L, ∪, ∩) e (L0 , ∪, ∩) due reticoli e sia ϕ un’applicazione di L in L0 ; ϕ


é detta omomorfismo se per ogni a, b ∈ L si ha ϕ(a ∪ b) = ϕ(a) ∪ ϕ(b) e ϕ(a ∩ b) = ϕ(a) ∩ ϕ(b).
L’omomorfismo ϕ si dice monomorfismo, epimorfismo, isonorfismo a seconda che l’applicazione
ϕ sia rispettivamente iniettiva, suriettiva, biettiva.

9.4 Diagramma di un reticolo finito (diagramma di Hasse)


Sia (L, ∪, ∩) un reticolo finito; poiché si può definire in L una relazione ≤ di ordine parziale,
la struttura del reticolo può essere descritto mediante un diagramma. Gli elementi di L si
rappresentano come punti del piano cartesiano con le seguenti convenzioni:

54
Capitolo 9 - Reticoli

• se x ≤ y, scegliamo l’ordinata di x minore di quella di y

• se x ≤ y e non esiste z tale che x ≤ z ≤ y, x 6= y, x 6= z, y 6= z, allora si collega x con y


mediante un segmento.

Nota. Due reticoli finiti sono rappresentabili con lo stesso diagramma se e solo se sono isomorfi

Esempio 9.4.1.

• P (I) insieme delle parti di I = {1, 2, 3} é un reticolo rispetto alla relazione di inclusione e

?
si visualizza con il seguente diagramma:
{1,2,3}

 ???
 ??
? ? 
{1,2} {1,3}
 ??{2,3}
??  ?? 
?? ??
?  
{1} 
 ???  ??? {3}
?? {2} 
?? 
?? 

? 

• Sia I = {a, b, c, d} ordinato come segue: a ≤ b, a ≤ c, a ≤ d, b ≤ d, c ≤ d, b e c non

d 
confrontabili. (I, ≤) é un reticolo rappresentato con il diagramma:

 ???
 ??
b  
 ??
 ? c
?? 
?? 
?? 

?? 

a

• L’insieme D (42) dei divisori di 42 ordinato con la relazione x ≤ y se x | y é un reticolo

42
rappresentabile dal seguente diagramma.
 ??
  ???
14
??  ?? 
6 
 ??
? 21
??  ?? 
? ?
2    3
 ???  ???
?? 
?? 7 
?? 

?? 

1

• Il diagramma seguente non rappresenta un reticolo perché non é univocamente definito


inf {2, 3}, che potrebbe essere sia 4 che 5.

55
Capitolo 9 - Reticoli

1 
?
 ???
 ??
2   3
 ??
OOO
OOO ooo o o
Oo
4 o O 5
oooooOOOOO
o
??
?? 
?? 

??  
6

• Per capire se un diagramma rappresenta un reticolo occorre stabilire se esistono il sup e


l’inf degli insiemi formati da due elementi non collegati direttamente, perché se gli elementi
sono collegati il supé quello con ordinata maggiore e l’inf é quello con ordinata minore.

a 
• Il diagramma non rappresenta un reticolo perché non esiste inf {b, c}
?
 ???
 ??
 
 ??
 
b c

• Il diagramma rappresenta un reticolo perché gli unici elementi non collegati direttamente

1 
sono 3 e 4 ma sup {3, 4} = 2 e inf {3, 4} = 5

2 
?
 ???
 ??
3   4
 ??
?? 
?? 
?? 

?? 
5

• Il diagramma rappresenta un reticolo. Gli elementi non collegati sono {2, 3}, {3, 4} e risulta

1 
sup {2, 3} = sup {3, 4} = 1, inf {2, 3} = inf {3, 4} = 5

 ???
 ??
2  
 ??
? 3
 
4  
??  
??
?? 

?? 
5

• Sia L il reticolo delle parti di A = {x, y}; sia D (15) il reticolo dei divisori di 15 con
a ∪ b = mcm (a, b) e a ∩ b = M CD (a, b). Dimostrare che i due reticoli sono isomorfi.

56
Capitolo 9 - Reticoli

A 15
? ?
 ???  ???
 ??  ??
x   5   3
 ?? y  ??
?? ??
??  ?? 
??  ?? 
 
??  ?? 
∅ 1

• Dati i due reticoli sopra, questi sono isomorfi perché hanno lo stesso diagramma. L’isomor-
fismo non é unico; sono infatti isomorfismi ϕ e ψ con:

ϕ : A → 15 {x} → 3 {y} → 5 ∅ → 1

ψ : A → 15 {x} → 5 {y} → 3 ∅ → 1

• Sia L il reticolo delle parti di A = {1, 2, 3} e sia D (30) il reticolo dei divisori di 30 rispetto
le usuali relazioni. Dimostrare che i due reticoli sono isomorfi.

30 ?
Soluzione. I reticoli sono isomorfi perché sono rappresentati da diagrammi uguali.
{1,2,3}
 ??  ???
  ???   ??
15 10
??  ??  ? ? 
 ??  ??{2,3}
? 6 {1,2} {1,3}
??  ??  ??  ?? 
? ? ?? ??
5    2 ?  
 ???  ??? {1} 
 ???  ??? {3}
??  ?? {2}
?? 3  ?? 
??  ?? 

 
??  ? 
1 ∅

• Sia f un omomorfismo non biiettivo fra due reticoli. Dimostrare che se a ≤ b allora
f (a) ≤ f (b) ma non vale il viceversa.
Soluzione. Ricordiamo che a ≤ b se a ∩ b = a. Se a ≤ b risulta f (a ∩ b) = f (a) e per le
proprietà dell’omomorfismo f (a ∩ b) = f (a) ∩ f (b); pertanto f (a) ∩ f (b) = f (a) e quindi
f (a) ≤ f (b).
Dimostriamo che non vale il viceversa portando un controesempio:
1  a 
f
)
 ??
 ???
2  
 ??
? 3
?? 
?? 
?? 
 b 
?? 
4

f : 1 → a 2 → a 3 → b 4 → b f cosı̀ definita é un omomorfismo, risulta f (2) ≤ f (3) ma


non é 2 ≤ 3.

Definizione 9.4.2. Siano (L, ∪, ∩) e (L0 , ∪, ∩) due reticoli; se esiste una applicazione ϕ biiettiva
di L in L0 tale che ϕ (a ∩ b) = ϕ (a) ∪ ϕ (b) e ϕ (a ∪ b) = ϕ (a) ∩ ϕ (b) per ogni a, b ∈ L allora ϕ é
detta antisomorfismo (o isomorfismo inverso) e i reticoli L e L0 sono detti antisomorfi.

57
Capitolo 9 - Reticoli

Esempio 9.4.3.

1  5 
• I reticoli aventi i seguenti due diagrammi sono antisomorfi.

 ???
 ??
2  3  
 ??
? 4
 ??? ??
? 
 ??? ??? 
3  
 
 
 
 
 

 ?? ?? 
??
4 
?? 

2
??
 
??  
5 1

 
• I due reticoli aventi i seguenti due diagrammi sono sia isomorfi sia antisomorfi.
 ??  ??
 ???  ???
?  ? 
 ??  ??
 ?  ?
 ??   ?? 
 ???   ??? 
   
?  ? 
 ??   ?? 
??  ?? 
??  ?? 
??  ?? 
 
?  ? 

9.5 Reticoli modulari e reticoli distributivi


Definizione 9.5.1. Un reticolo (L, ∪, ∩) é detto modulare se per ogni a, b, c ∈ L con b ≤ a
risulta a ∩ (b ∪ c) = b ∪ (a ∩ c).

Nota 9.5.2.

1. Se (L, ∪, ∩) é un reticolo modulare allora lo é anche ogni suo sottoreticolo (L0 , ∪, ∩). Infatti
l’unione e l’intersezione di elementi in L0 coincidono con l’unione e l’intersezione degli stessi
elementi in L.

2. Poiché b ≤ a implica a ∩ b = b, si ha che un reticolo é modulare se e solo se per ogni


terna (a, b, c) di suoi elementi con b ≤ a vale la proprietà distributiva dell’intersezione
rispetto all’unione: a ∩ (b ∪ c) = (a ∩ b) ∪ (a ∩ c). Questa proprietà evidenzia che il ruolo
degli elementi b e c risulta interscambiabile e pertanto se c ≤ a allora risulta a ∩ (b ∪ c) =
(a ∩ b) ∪ (a ∩ c).

3. L’osservazione 2 permette di affermare che un reticolo é modulare se e solo se per ogni


terna di suoi elementi (a, b, c) con a ≤ b risulta a ∪ (b ∩ c) = b ∩ (a ∪ c) o equivalentemente
se e solo se per ogni terna di suoi elementi (a, b, c) con a ≤ c risulta a ∪ (b ∩ c) = c ∩ (a ∪ b).

4. Sia I il reticolo (detto reticolo pentagonale) rappresentato dal seguente diagramma di


Hasse:

58
Capitolo 9 - Reticoli

d 
?
ooooo ???
o
c ooo
o ??
ooo ??
??
??
??
 e
??


b  
OOO 
OOO
OOO 
O
OOO 
a

Risulta b ∪ (e ∩ c) = b ∪ a = b, (b ∪ e) ∩ c = d ∩ c = c e pertanto il reticolo non é modulare.


Proposizione 9.5.3. Un reticolo é modulare se e solo se é privo di sottogruppi pentagonali.

Esempio 9.5.4.

• Il reticolo P (I) delle parti di un insieme é modulare.

• Il reticolo D(n) dei divisori di n ∈ N∗ é modulare.

• Il reticolo dei sottospazi di un piano proiettivo π é modulare.

• Il reticolo dei sottospazi di un piano affine π ∗ non é modulare.

• Il reticolo formato dai sottogruppi normali di un gruppo é modulare. Siano H, K, J tre


sottogruppi normali del gruppo G con H ≤ J (e dunque H ⊆ J), si ha:

1. H ∪ (K ∩ J) ≤ (H ∪ K) ∩ J. Infatti se x ∈ H ∪ (K ∩ J) si ha x = hy con h ∈ H,
y ∈ K, y ∈ J. Poiché H ⊆ J, x ∈ J e poiché x = hy ∈ H ∪K, risulta x ∈ (H ∪ K)∩J.
2. (H ∪ K) ∩ J ≤ H ∪ (K ∩ J). Infatti se x ∈ (H ∪ K) ∩ J si ha x ∈ J e x = hk con
h ∈ H e k ∈ K. Si ricava k = h−1 x e dunque k ∈ J perché h−1 ∈ H e per ipotesi
H ⊆ J. Pertanto x = hk con h ∈ H e k ∈ K ∩ J ossia x ∈ H ∪ (K ∩ J).

• Da 1 e 2 segue H ∪ (K ∩ J) = (H ∪ K) ∩ J e perciò il reticolo considerato é modulare. Si


noti che l’esempio ora riportato assicura che se G é un gruppo abeliano allora il reticolo
dei suoi sottogruppi é modulare.

Definizione 9.5.5. Un reticolo (L, ∪, ∩) é detto distributivo se per ogni a, b, c ∈ L vale la


proprietà distributiva dell’unione rispetto all’intersezione (o equivalentemente per il principio di
dualità dell’intersezione rispetto all’unione). In simboli:

1. a ∪ (b ∩ c) = (a ∪ b) ∩ (a ∪ c)

2. a ∩ (b ∪ c) = (a ∩ b) ∪ (a ∩ c)

Nota 9.5.6. Se (L, ∪, ∩) é un reticolo distributivo allora lo é anche ogni suo sottoreticolo.

Esempio 9.5.7.

59
Capitolo 9 - Reticoli

• Ogni insieme totalmente ordinato é un reticolo distributivo

• Il reticolo P (I) delle parti di un insieme é un reticolo distributivo

• Il reticolo dei sottospazi di un piano proiettivo πnon é distributivo

Proposizione 9.5.8. Se (L, ∪, ∩) é un reticolo distributivo allora (L, ∪, ∩) é un reticolo modu-


lare. Non vale il viceversa.

Dimostrazione. Sia L distributivo, se a, b, c ∈ L con b ≤ a allora la 1. della definizione di reticolo


distributivo assicura che b ∪ (a ∩ c) = (b ∪ a) ∩ (b ∪ c) = a ∩ (b ∪ c) e pertanto L é modulare. Il
viceversa non vale, ad esempio il reticolo rappresentato dal seguente diagramma é modulare ma


non distributivo.
 ??
 ???
?  
 ??
 ?
?? 
?? 
?? 

? 

c 
Nota 9.5.9. Il reticolo rappresentato dal diagramma
?
 ???
 ??
b  e   d
 ??
?? 
?? 
?? 
a 
?? 
é detto reticolo trirettangolo perché é il reticolo dei sottogruppi del gruppo trirettango-
lo (o gruppo quadrinomio o gruppo di Klein). Questo reticolo é modulare perché il gruppo
trirettangolo é abeliano, ma non é distributivo;

Proposizione 9.5.10. Un reticolo (L, ∪, ∩) é distributivo se e solo se esso non contiene sotto-
reticoli isomorfi al reticolo pentagonale o al reticolo trirettangolo.

9.6 Catene. Decomposizione per ∪ e ∩


Definizione 9.6.1. Sia L un reticolo e siano a, b ∈ L: scriviamo a ≥ b se e solo se é b ≤ a; se é
a ≥ b diciamo catena finita di estremi a e b ogni insieme finito {a1 , a2 , . . . , an } di elementi di L
tali che a = a1 ≥ a2 ≥ . . . ≥ an = b.

Definizione 9.6.2. Sia L un reticolo e siano a, b ∈ L; diciamo che a copre b e scriviamo a ` b


se a ≥ b, a 6= b e se x ∈ L, a ≥ x ≥ b ⇒ x = a oppure x = b.

Definizione 9.6.3. Diciamo che una catena a1 ≥ a2 ≥ . . . ≥ an di elementi di un reticolo é


massimale se a1 ` a2 ` . . . ` an .

Esempio 9.6.4. Il reticolo pentagonale é tale che la catena a ≥ b ≥ c ≥ d e la catena a ≥ e ≥ d


sono massimali, mentre la catena a ≥ b ≥ d non lo é.

60
Capitolo 9 - Reticoli

d 
?
ooooo ???
o
c ooo
o ??
ooo ??
??
??
??
 e
??


b  
OOO 
OOO
OOO 
O
OOO 
a

L’esempio ora dato é quello di un reticolo avente due catene massimali con gli stessi estremi
ed un diverso numero di elementi. Dimostreremo ora che nei reticoli modulari questo non può
succedere perché in essi vale il seguente teorema.

Teorema 9.6.5 (Condizione di Jordan-Dedekind per reticoli modulari). In un reticolo modulare


due catene massimali finite aventi gli stessi estremi hanno lo stesso numero di elementi.

Cominciamo con il dimostrare i seguenti lemmi:

Lemma 9.6.6. Sia (L, ∩, ∪) un reticolo e siano a, b, c, d ∈ L; se a ` c e b ` c allora é a ∩ b = c


oppure a = b.

Dimostrazione. Si ha a ≥ a ∩ b ≥ c e b ≥ a ∩ b ≥ c e poiché a copre c e b copre c si ha a ∩ b = c


oppure a ∩ b = a e a ∩ b = b cioé a = b.

Lemma 9.6.7. Sia (L, ∩, ∪) un reticolo modulare e siano a, b ∈ L; si ha b ` a ∩ b ⇔ a ∪ b ` a.

Dimostrazione. Basta provare che b ` a ∩ b ⇒ a ∪ b ` a in quanto il viceversa segue per dualità.


Si ha a ∪ b 6= a; infatti se fosse a ∪ b = a avremmo a ≥ b e dunque a ∩ b = b contro l’ipotesi
b ` a ∩ b. Proviamo ora che da a ∪ b ≥ x ≥ a segue x = a ∪ b oppure x = a. Infatti sia

a∪b≥x≥a (9.1)
intersecando poi con b si ha b ≥ x ∪ b ≥ a ∩ b e poiché b ` a ∩ b segue

x∩b=b oppure x ∩ b = a ∩ b (9.2)


Inoltre, essendo L modulare e a ≥ x si ha x ∩ (a ∪ b) = a ∪ (x ∩ b) ed essendo per la 9.1
x ∩ (a ∪ b) = x abbiamo x = a ∪ (x ∩ b) e, tenendo conto della 9.2, x = a ∪ b oppure x = a.

Possiamo quindi passare alla dimostrazione del teorema 9.6.5.


Dimostrazione. Sia L un reticolo modulare e siano C 1 e C 2 due catene finite massimali di
elementi di L aventi gli stessi estremi; siano n gli elementi di C1 e mgli elementi di C2 ; supponiamo
n ≤ m; dimostreremo che é n = m.
Procediamo per induzione su n. Se n = 2 il risultato é banalmente verificato. Supponiamo
che il risultato sia vero per n = h − 1 e proviamo che é vero anche quando n = h.

61
Capitolo 9 - Reticoli


a1 =b1
??


 
 

 ?
 ch−2 ?
 oooo OOOOO ? ?
 oo OOO
OO o
ah−1 ooo
 ooo OOO?
OO?bh−1
o
OOO ooo
OOO oo

OOO oo
OO ooooo
ah =bh
Siano a1 ` a2 ` . . . ` ah e a1 = b1 ` b2 ` . . . ` bk = ah con h ≤ k e proviamo che é h = k. Se é
bk−1 = ah−1 si ha h−1 = k−1 vero per l’ipotesi induttiva e quindi h = k. Se é invece bk−1 6= ah−1
allora essendo ah−1 ` ah = bk e bk−1 ` bk = ah , dal lemma 9.6.6 segue ah−1 ∩ bk−1 = ah = bk .
Quindi, poiché L é modulare, posto ch−2 = ah−1 ∪ bk−1 , per il lemma 9.6.7 si ha ch−2 ` ah−1 e
ch−2 ` bk−1 . Se é ch−2 = ah−2 le catene massimali b1 = a1 ` a2 ` . . . ` ah−2 = ch−2 ` bk−1 e
b1 ` b2 ` . . . ` bk−1 hanno gli stessi estremi e per l’ipotesi d’induzione hanno lo stesso numero
di elementi cioé h − 1 = k − 1 e dunque h = k. Se é invece ch−2 6= ah−2 , da questa e dalle
ch−2 ` ah−1 e ah−2 ` ah−1 segue, per il lemma 9.6.6, ah−2 ∩ ch−2 = ah−1 .
Poniamo ch−2 = ah−2 ∪ ch−2 ; per il lemma 9.6.7 si ha ch−3 ` ch−2 e ch−3 ` ah−2 . . . Cosı̀
procedendo o troveremo un indice i, 1 < i < h − 1, tale che ch−i = ah−i e quindi le due
catene a1 ` . . . ` ah−i = ch−i ` . . . ` ch−2 ` bk−1 e a1 = b1 ` b2 ` . . . ` bk−1 hanno, per
l’ipotesi d’induzione, lo stesso numero di elementi h − 1 = k − 1 e dunque risulta h = k oppure
é ch−i 6= ah−i per ogni i con 1 < i < h − 1. In questo ultimo caso, risulta a2 ∩ c2 = a3 , c2 ` a3
e a2 ` a3 ; posto c1 = a2 ∪ c2 per il lemma 9.6.7 si ha c1 ` c2 e c1 ` a2 . Ma da c1 = a2 ∪ c2 ,
c2 = a3 ∪ c3 , . . . , ch−2 = ah−1 ∪ bk−1 segue a1 ∪ c1 = a1 ∪ a2 ∪ . . . ∪ ah−1 ∪ bk−1 = a1 e
quindi a1 ≥ c1 ` a2 e poiché a1 ` a2 ne segue a1 = c1 . Abbiamo allora le catene massimali
a1 = c1 ` c2 ` . . . ` ch−2 ` bk−1 e a1 = b1 ` b2 ` . . . ` bk−1 e, sempre per l’ipotesi induttiva, si
ha h − 1 = k − 1 e quindi h = k.

Corollario 9.6.8. In ogni reticolo modulare vale la condizione di Jordan-Dedekind, ma non é


vero il viceversa.
Dimostrazione. Se un reticolo é modulare il teorema 9.6.5 assicura che in esso valga la condi-
zione di Jordan-Dedekind. Il viceversa non vale, perché il reticolo rappresentato dal diagramma

?
seguente soddisfa la condizione pur non essendo modulare.

 ???
 ??
 
 ??

? 
?? 
?? 
?? 

? 

Definizione 9.6.9. Sia L un reticolo. Un elemento a ∈ L é detto irriducibile per intersezione


(rispettivamente per unione) se non é possibile esprimere a come intersezione (risp. unione) di
un numero finito di elementi di L tutti distinti da a. Un elemento a ∈ L é detto riducibile per
intersezione (risp. per unione) se esistono a1 , a2 , . . . , an ∈ L tali che ai 6= a per i = 1, 2, . . . , n e
a = a1 ∩ a2 ∩ . . . ∩ an (risp a = a1 ∪ a2 ∪ . . . ∪ an )

62
Capitolo 9 - Reticoli

Esempio 9.6.10. Ecco alcuni esempi:

1. Nel reticolo dei sottospazi di un piano affine ogni retta é riducibile per unione ma non per
intersezione; ogni punto é riducibile per intersezione ma non per unione.

2. Nel reticolo (N∗ , ∪, ∩) con a ∪ b = m.c.m.(a, b) e a ∩ b = M.C.D.(a, b), ogni n ∈ N∗ é


riducibile per ∩ mentre esistono interi riducibili e interi irriducibili per unione.

Definizione 9.6.11. Sia L un reticolo e siano a, a1 , . . . , an ∈ L tali che:


(1) a = a1 ∩ a2 ∩ . . . ∩ an (risp. (2) a = a1 ∪ a2 ∪ . . . ∪ an )
Diremo che la (1) (risp. la (2)) é una decomposizione irriducibile per intersezione (risp. per
unione) dell’elemento a se si ha:

1. ai é irriducibile per intersezione (risp. per unione) per ogni i, con 1 ≤ i ≤ n;

2. non é possibile cancellare nella (1) (risp. nella (2)) alcun elemento ai (1 ≤ i ≤ n) senza
ledere l’eguaglianza.

Dimostriamo ora il seguente

Lemma 9.6.12. Sia L un reticolo modulare e siano a, b, c1 , c2 , . . . , cn ∈ L tali che b ≤ ci ≤ a ∪ b


per i = 1, 2, . . . , n.
Si ha allora: a ∩ (c1 ∪ c2 ∪ . . . ∪ cn ) = (a ∩ c1 ) ∪ . . . ∪ (a ∩ cn ).

Dimostrazione. Procediamo per induzione:


Se n = 2 da b ≤ c1 e dalla modularità di L segue b ∪ (a ∩ c1 ) = (b ∪ a) ∩ c1 = c1 e quindi
b ∪ (a ∩ c1 ) ∪ (a ∩ c2 ) = c1 ∪ (a ∩ c2 ). Analogamente (scambiando c1 con c2 ) b ∪ (a ∩ c2 ) ∪ (a ∩ c1 ) =
c2 ∪ (a ∩ c1 ) cioé c1 ∪ (a ∩ c2 ) = c2 ∪ (a ∩ c1 ), unendo con c2 otteniamo c1 ∪ c2 = c2 ∪ (a ∩ c1 ).
Intersecando con a e sfruttando la modularità di L: a ∩ (c1 ∪ c2 ) = (a ∩ c2 ) ∪ (a ∩ c1 ).
Supponiamo ora vero il risultato per n = h − 1 e proviamo che esso é vero anche per n = h.
Si ha a ∩ (c1 ∩ . . . ∩ ch ) = a ∩ [(c1 ∪ . . . ∪ ch−1 ) ∪ ch ] con b ≤ c1 ∪ . . . ∪ ch−1 ≤ a ∪ b e b ≤ ch ≤ a ∪ b;
per il passo iniziale si ha allora a ∩ (c1 ∪ . . . ∪ ch ) = [a ∩ (c1 ∪ . . . ∪ ch−1 )] ∪ (a ∩ ch ) e, per l’ipotesi
induttiva: a ∩ (c1 ∪ . . . ∪ ch ) = (a ∩ c1 ) ∪ . . . ∪ (a ∩ ch−1 ) ∪ (a ∩ ch ).

Possiamo ora provare il seguente:

Teorema 9.6.13. In un reticolo modulare due decomposizioni irriducibili per unione (risp. per
intersezione) di uno stesso elemento hanno lo stesso numero di componenti.

Dimostrazione. Sia L un reticolo modulare e sia a ∈ L. Supponiamo che esistano decomposizioni


irriducibili per unione di a e sia a = a1 ∪ a2 ∪ . . . ∪ an una di quelle aventi il minimo numero di
componenti; sia a = a01 ∪ a02 ∪ . . . ∪ a0m un’altra decomposizione irriducibile per unione di a; si ha
m ≥ n; proveremo che é m = n.
Poniamo b1 = a2 ∪ . . . ∪ an e ci = b1 ∪ a0i (i = 1, 2, . . . , m). Si ha a = a1 ∪ b1 e b1 ≤ ci ≤ a =
a1 ∪ b1 (infatti é a0i ≤ a, b1 ≤ a e quindi ci = b1 ∪ a0i ≤ a). Per il lemma 9.6.12 abbiamo allora
a1 ∩(c1 ∪c2 ∪. . .∪cm ) = (a1 ∩c1 )∪. . .∪(a1 ∩cm ). Ma é a1 ∩(c1 ∪c2 ∪. . .∪cm ) = a1 ∩(b1 ∪a) = a1
e quindi a1 = (a1 ∩ c1 ) ∪ . . . ∪ (a1 ∩ cm ).
Poiché a1 é irriducibile per unione esiste j tale che a1 = a1 ∩ cj unendo con b1 otteniamo
a = b1 ∪(a1 ∩cj ) e poiché b1 ≤ cj ed L é modulare si ha a = b1 ∪(a1 ∩cj ) = (b1 ∪a1 )∩cj = a∩cj = cj
si ha cosı̀ a = b ∪ a0j = a0j ∪ a2 ∪ . . . ∪ an .
Gli elementi a0j , a2 , . . . , an sono tutti irriducibili per unione e per l’ipotesi di minimo di n
la decomposizione a = a0j ∪ a2 ∪ . . . ∪ an é irrudicibile per unione. Ripetendo a partire da
questa decomposizione il ragionamento precedentemente fatto arriveremo a sostituire a2 con

63
Capitolo 9 - Reticoli

un altro elemento a0h della decomposizione a = a01 ∪ a02 ∪ . . . ∪ a0m ; cosı̀ procedendo otteniamo
una decomposizione di a nell’unione di n elementi degli a01 , a02 , . . . , a0m ; allora, perché la a =
a01 ∪ a02 ∪ . . . ∪ a0m sia irriducibile deve essere m = n.
Per dualità si ha poi che due decomposizioni irriducibili per intersezione di uno stesso elemento
hanno lo stesso numero di componenti.
Teorema 9.6.14. In un reticolo distributivo ogni elemento ammette al più una decomposizione
irriducibile per unione (risp. per intersezione).
Dimostrazione. Sia L un reticolo distributivo e sia a ∈ L; se esistono due decomposizioni ir-
riducibili per unione di a esse hanno, per il teorema 9.6.13, lo stesso numero di componen-
ti: si ha cioé a = a1 ∪ a2 ∪ . . . ∪ a2 a = a01 ∪ a02 ∪ . . . ∪ a0n . Poiché L é distributivo si ha
a1 = a1 ∩ a = a1 ∩ (a01 ∪ . . . ∪ a0n ) = (a1 ∩ a01 ) ∪ . . . ∪ (a1 ∩ a0n ) e poiché a1 é irriducibile per unione
esiste un indice i, 1 ≤ i ≤ n, tale che a1 = a1 ∩ a0i cioé é a1 ≤ a0i ; analogamente si prova che esiste
h, 1 ≤ h ≤ n, tale che a0i ≤ ah e dunque é a1 ≤ ah ; dalla ipotesi di irriducibilità segue 1 = h e
dunque a1 ≤ a0i ≤ a1 cioé a1 = a0i . Abbiamo provato cosı̀ che a1 coincide con un elemento della
seconda decomposizione; analogamente ogni componente della prima decomposizione coincide
con un componente della seconda e il teorema risulta dimostrato.
Per dualità si ottiene che due decomposizioni irriducibile per intersezione di uno stesso
elemento hanno le stesse componenti.

Esempio 9.6.15. Ecco alcuni esempi:


1. Nel reticolo dei sottospazi di un piano proiettivo π si ha:

• Ogni decomposizione irriducibile per unione di π é costituita da tre punti non allineati;
• Ogni decomposizione irriducibile di una retta é costituita da due punti distinti.

2. Nel reticolo (N∗ , ∪, ∩) con a ∪ b = m.c.m.(a, b) e a ∩ b = M.C.D.(a, b), un elemento é


irriducibile per unione se e solo se é la potenza di un numero primo.

Il teorema 9.6.14 assicura il noto


Teorema 9.6.16. Teorema della fattorizzazione unica. Ogni intero n ≥ 2 si scrive in uno ed un
solo modo come prodotto di potenze di numeri primi distinti.

9.7 Reticoli complementati e Algebra di Boole


Definizione 9.7.1. Sia (L, ∪, ∩) un reticolo. Se esiste un elemento 0 ∈ L tale che a ∪ b =
a, ∀a ∈ L, allora l’elemento 0 é detto zero del reticolo (o elemento neutro rispetto all’unione).
Se esiste un elemento 1 ∈ L tale 1 ∩ a = a, ∀a ∈ L allora l’elemento 1 é detto unità del reticolo
(o elemento neutro rispetto all’intersezione).
Nota 9.7.2. Alcune osservazioni:
1. Ricordando che in ogni reticolo si può definire una relazione di ordine parziale (a ≤ b se
a ∩ b = a o, equivalentemente, a ∪ b = b) si ha che:

• Lo zero di un reticolo, se esiste, é il minimo del reticolo;


• L’unità di un reticolo, se esiste, é il massimo del reticolo.

64
Capitolo 9 - Reticoli

2. Ogni reticolo finito ha zero e unità.

3. Se due reticoli L e L0 sono isomorfi allora L ha zero (risp. unità) se e solo se L0 ha zero
(risp. unità).

4. Se due reticoli L e L0 sono antimorfi allora L ha zero (risp. unità) se e solo se L0 ha unità
(risp. zero).

Definizione 9.7.3. Sia (L, ∪, ∩) un reticolo dotato di zero e di unità. Per ogni x ∈ L si chiama
complemento di x ogni elemento x̄ ∈ L tale che x ∩ x̄ = 0 e x ∪ x̄ = 1.

Definizione 9.7.4. Un reticolo (L, ∪, ∩) si dice complementato se ogni suo elemento ha in


L almeno un complemento. Se ogni elemento ha un unico complemento, il reticolo é detto
unicamente complementato.

Nota 9.7.5. Alcune osservazioni:

1. Se x̄ é complemento di x allora x é complemento di x̄.

2. Gli elementi 0 e 1 sono uno il complemento dell’altro.

3. Ogni insieme totalmente ordinato finito con più di due elementi contiene elementi che non
ammettono complemento.
Esempio 9.7.6. Alcuni esempi su quanto detto:

1 
1. Il reticolo rappresentato dal seguente diagramma é univocamente complementato.
?
 ???
 ??
x  
 ?? y
??
?? 
?? 

?? 
0

2. Il reticolo pentagonale é complementato ma non univocamente. L’elemento z ch come

1 
complemento sia x che y.

ooo ??
ooo ??
2 ooo
ooo ??
o ??
??
??
??
 3
??


4 

OOO 
OOO 
OOO 
O
OOO 
5

3. Il reticolo trirettangolo é complementato ma non univocamente. Ogni elemento della terna


x, y, z ha come complementi gli altri due.

65
Capitolo 9 - Reticoli

1 
?
 ???
 ??
x    z
 y ??
?? 
?? 
?? 

?? 
0

Proposizione 9.7.7. Sia (L, ∪, ∩) un reticolo distributivo dotato di zero e di unità. Ogni
elemento di L ha al più un complemento

Dimostrazione. Sia x ∈ L; supponiamo che x̄ e x̂ siano complementi di x e proviamo che é x̄ = x̂.


Si ha

x̄ = x̄ ∩ 1 = x̄ ∩ (x ∪ x̂) = (x̄ ∩ x) ∪ (x̄ ∩ x̂) = 0 ∪ (x̄ ∩ x̂) = x̄ ∩ x̂


x̂ = x̂ ∩ 1 = x̂ ∩ (x ∪ x̄) = (x̂ ∩ x) ∪ (x̂ ∩ x̄) = 0 ∪ (x̂ ∩ x̄) = x̄ ∩ x̂

e pertanto x̄ = x̂.

Corollario 9.7.8. Un reticolo distributivo e complementato é un reticolo univocamente comple-


mentato.

Definizione 9.7.9. Si chiama algebra di Boole un reticolo distributivo, dotato di zero e unità e
tale che ogni suo elemento ha complemento.

Osserviamo che, per la proposizione precedente, in un algebra di Boole ogni elemento ammette
uno ed un solo complemento.

Esempio 9.7.10. Alcuni esempi di algebre di Boole

1. Il reticolo P(I) delle parti dell’insieme I é un’algebra di Boole.

2. Il reticolo pentagonale e il reticolo trirettangolo non sono algebre di Boole.

Teorema 9.7.11. Sia (L, ∪, ∩) un’algebra di Boole e per ogni x ∈ L sia x0 il suo complemento.
Su L valgono le seguenti due proprietà dette Leggi di De Morgan.

(a ∪ b)0 = a0 ∩ b0 (9.3)

(a ∩ b)0 = a0 ∪ b0 (9.4)

Dimostrazione. Poiché (9.3) e (9.4) sono una duale dell’altra, basta dimostrarne una sola. Di-
mostreremo la (9.3).

(a ∪ b) ∩ (a0 ∩ b0 ) = [(a ∪ b) ∩ a0 ] ∩ b0 = (a0 ∩ b) ∩ b0 = a0 ∩ (b ∩ b0 ) = 0


(a ∪ b) ∪ (a0 ∩ b0 ) = [(a ∪ b) ∪ a0 ] ∩ [(a ∪ b) ∪ b0 ] = (a ∪ b) ∪ b0 = a ∪ (b ∪ b0 ) = 1

Corollario 9.7.12. In un’algebra di Boole l’applicazione che ad ogni elemento fa corrispondere


il suo complemento é un antimorfismo.

66
Indice analitico

C Trirettangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
Commutatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Condizione di Jordan-Dedekind . . . . . . . . . . . 61 S
Sottogruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
E Caratteristico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Elemento Inverso Classe Laterale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Unicità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Intersezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Elemento Neutro Normale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Unicità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Unione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

G T
Gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 Teorema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Alterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 Teorema di Cayley . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Derivato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Teorema di Lagrange . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Risolubile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 Inverso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Simmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Teorema di omomorfismi per gruppi, primo 38
S1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Teorema di Sylow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
S2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
S3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
S4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Risolubilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

M
Multipli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

N
Nucleo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37

O
Omomorfismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

P
Potenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Prodotto diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

R
Reticolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
Complementato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Diagramma di Hasse . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Distributivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Modulare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Pentagonale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58

67