Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Diocesi

Diocesi

Gioved 10 marzo 2016

Gioved
10 marzo 2016
anno XLIX (nuova serie)

numero 10
euro 1,30

10

Speciale

Chiesa

10

In preghiera
a Sarsina
per la famiglia

Amministratori
e politici in ritiro
al Monte di Cesena

Il vescovo Douglas
prosegue la visita
a SantEgidio

Uccise in Yemen
quattro suore
di Madre Teresa

na proposta di Caritas,
Pastorale della FamiU
glia e Pastorale della Salu-

omenica 6 marzo il vescovo Douglas ha proD


posto una densa riflessio-

elebrazioni e incontri
intensi, quelli che monC
signor Regattieri vive nel-

ttacco terrorista contro un convento. MorA


ti anche undici collabora-

te. Luned 14 marzo alle 21


in Concattedrale

ne allincontro promosso
dalla Gaudium et spes

la comunit di Cesena fino


a domenica 20 marzo

tori. La preghiera del Papa,


il silenzio della stampa

Editoriale
Il grande tranello

Universit, riprendono i lavori per la sede allex Zuccherificio a Cesena

di Francesco Zanotti

empre in affanno. Nonostante la


Quaresima, siamo tutti quanti, o quasi,
a rincorrere il tempo. Con lacqua alla
gola, quasi affogati dai troppi impegni della
nostra giornata a incastro. Ogni giorno una
partenza nuova, pi affaticata. Sempre a
inseguire qualcuno o qualcosa, con
lorologio in agguato e i minuti che
fuggono veloci. Troppo veloci.
Solo qualche giorno fa un mio caro amico
ha definito questo nostro modo di vivere
cos stressato un grande tranello. Me lo
sono appuntato subito. E ci ho riflettuto
sopra. Mi sono fermato un po. Mi sono
svegliato molto presto al mattino. Ci ho
pregato sopra e ci ho pensato non poco.
Poi ho deciso che valeva la pena scriverne
qualche riga per condividerla con i lettori.
Il periodo prima della Pasqua invita noi
credenti ad andare pi calmi, a curare
lessenziale, ad accorgersi di chi ci vive
accanto. Ad avere a cuore le relazioni, le
persone, chiunque esse siano. Dai pi
vicini a quelli che incontriamo per caso.
Vorrei non fosse retorico questo richiamo,
ma invogliasse ciascuno di noi a una
maggiore attenzione, ad avere realmente a
cuore il bene di chi ci vicino.
Rischiamo tutti il grande tranello.
verissimo. Le mamme costrette a lavorare
fuori casa. I padri invitati a dare sempre pi
di pi, a spingere al massimo, in virt di un
efficientismo fine a se stesso. Invece
perdiamo in umanit. Non ascoltiamo.
Non vediamo pi i colori. Non ci
emozioniamo pi come meriterebbe. I fiori
di questi giorni, anticipi di primavera, ci
invitano ad ammirare una bellezza che si
rinnova e che ci fa volgere lo sguardo verso
lAlto.
l che dobbiamo orientare la nostra vita.
Che vale alluomo guadagnare il mondo
intero se poi perde se stesso? Mi viene in
mente il libro dei coniugi Chiara Giaccardi
e Mauro Magatti, docenti alla Cattolica di
Milano. O si generativi, dicono insieme i
due prof, oppure che passiamo a fare da
questa vita e che ci stiamo a fare su questa
terra? Il quesito non per nulla banale.
Anzi, sollecita tutti noi a dare un senso al
nostro impegno quotidiano: invece di
perderci dietro alle urgenze (oggi tutto
urgente), vediamo di generare qualcosa
che vada oltre noi.
Allora, altroch grande tranello. Qui si
tratta di una enorme possibilit.
Fermiamoci. Ma sostiamo davvero, magari
davanti a un bel tramonto, con gli occhi
felici e increduli per lo stupore, capaci di
vedere Oltre. Da quellOltre passa la nostra
rinascita. E il tempo di Quaresima non sar
trascorso invano.

A tutto Campus

CESENA, AREA EX ZUCCHERIFICIO: LE FONDAMENTA DEL NUOVO CAMPUS


DEDICATO AI VARI CORSI DI LAUREA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

Un valore per tutto il territorio. Cos si esprime Luciano Margara,


coordinatore del polo universitario cesenate, commentando il Campus
che sorger nella zona dellEx Zuccherificio a Cesena. I lavori sono ripresi
nei giorni scorsi, dopo uninterruzione di parecchi mesi dovuta al
fallimento della ditta appaltatrice. Il coordinatore afferma che il polo sar
attrattivo per almeno 50 anni.
Intanto al Campus degli alimenti stato messo a punto un supersnack
a base di frutta che potrebbe avere ottimi risvolti commerciali. La ricerca
nata dalla collaborazione fra Scienze degli alimenti e le aziende del
settore.
Primo piano alle pagg. 4-5

Cesena

13

Cesenatico

Guardia medica
La chiedono
le mamme

Leurodeputato
si schiera contro
lutero in affitto

Bagno

Sarsina

17

Anche il vescovo
alla festa
del Perdono

Due domeniche
con la sagra
della Pagnotta

15

17

Opinioni

Gioved 10 marzo 2016

Settantanni dopo... una nuova Resistenza


FOTO ARCHIVIO SIR

ne
n
o
d
e
l
l
a
o
t
Vo

oddisfazione misurata e senso di responsabilit. Furono questi i


sentimenti, 70 anni fa, espressi dalle donne italiane in occasione del
diritto al voto. Non vi fu infatti la percezione di una grande conquista,
ma la convinzione che tale diritto, esercitato per la prima volta tra il 10
marzo e il 7 aprile 1946 per le elezioni amministrative, non fosse altro che un
risarcimento morale, un indennizzo per le grandi sofferenze e limpegno in
prima persona nella lotta durante la Resistenza. Maria Federici, leader
cattolica e presidente del Centro italiano femminile (Cif) dal 1944, a ricordare
come moltissime donne avessero partecipato alla lotta per la Liberazione dal
nazifascismo pagando a caro prezzo un alto contributo di vite umane e di
rischi nella clandestinit, in nome dei valori civili della libert personale e
sociale e della ricostruzione dellItalia repubblicana.
Dalle ceneri e dallorrore della guerra appena conclusa, la conquista del voto

Tra il 10 marzo e il 7 aprile di settant'anni fa, le donne italiane


erano ammesse per la prima volta al voto. La partecipazione,
vissuta come un dovere pi che un diritto, fu al di sopra delle
aspettative e l'impegno comune del fronte femminile in
Parlamento, oltre il partitismo, aiut le altre donne e il Paese
intero. Una trasversalit per il bene comune che oggi manca

A proposito distepchil adoption

Adozioni, di mamma
non ce n pi una sola
arallelamente e quasi in contemporanea al
movimentato iter parlamentare riguardante le
unioni civili, alcuni Tribunali per i Minorenni hanno
anticipato uno dei contenuti pi discussi e
controversi delloriginario disegno di legge Cirinn (forse
anche nellintento inconfessato di dimostrarne la
fattibilit giuridica), la c.d. stepchild adoption, che
consiste nelladozione da parte di uno dei conviventi del
figlio dellaltro, anche nel caso di unioni tra persone dello
stesso sesso. Si ricorre generalmente a uninterpretazione
estensiva dellart. 44 della legge n. 184 del 1983 e
successive modifiche, che prevede ladozione in casi
particolari. Unultima applicazione creativa di questa
norma si avuta la scorsa settimana da parte del Tribunale
per i minorenni di Roma, che ha concesso a una coppia di
donne ladozione incrociata di due bambine, una delle
quali nata da una delle due donne e l'altra dalla sua
compagna, in seguito a inseminazione avvenuta per
entrambe in Danimarca (comunicato Ansa dell1 marzo
2016). Si cercato cos di costruire artificialmente un
rapporto di filiazione-adozione reciproco, che riproducesse
(rectius: imitasse) in qualche modo i normali vicoli
coniugali e genitoriali, ma con la ineliminabile eccezione di
costituire due genitori entrambi mamma.
A dire il vero, il Tribunale per i minorenni di Roma non
nuovo a sperimentazioni del genere. In unaltra sentenza
non molto precedente (22 ottobre 2015) ebbe a ritenere
prova di riuscita integrazione familiare la circostanza che
una bambina allevata da due donne chiamasse entrambe
mamma, concedendo conseguentemente ladozione a
una di esse della figlia dellaltra.
Queste singolari sentenze dei giudici di merito hanno
daltra parte lavallo della Corte di Cassazione, che in una
sua pronuncia del 2013 (la n. 601) ha dichiarato (peraltro
apoditticamente e senza nullaltro argomentare) che
frutto di mero pre-giudizio ritenere che sia dannoso per
lequilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una
famiglia incentrata su una coppia omosessuale. Nessun
dubbio, dunque, per la Corte suprema di legittimit, circa la

La fotografia
Roma, 4 marzo
2016: Celebrazione penitenziale di papa
Francesco (foto
Siciliani-Gennari/Sir)

crescita di un bambino con due persone sessualmente omologhe, pertanto


impossibilitate per definizione a rappresentare e trasmettere la realt
antropologica della differenziazione sessuale, quando invece sarebbe stato
opportuno quantomeno un saggio ricorso al principio di precauzione, la cui
applicazione dovrebbe trovare un luogo di elezione proprio in questioni
eticamente sensibili e di notevole rilevanza come questa.
Unultima considerazione. Nel politically correct di questi giorni, lesistenza di
pronunce creative, come quelle sopra riportate, sovente chiamata a
testimonianza della necessit e urgenza di una regolamentazione legislativa della
materia. Ma appare del tutto evidente la diversit della fonte invocata, con tutte
le conseguenze che ne derivano. Nel caso della regolamentazione legislativa non
si tratta pi soltanto di sanare pi o meno ragionevolmente e prudentemente
situazioni pregresse e stati di fatto esistenti, ma di indicare una regola di azione
valevole per il futuro, un agire tutelato e garantito da una norma di grado
primario, un modello che viene additato ai cittadini come ordinariamente
praticabile. E non unargomentazione pretestuosa quella secondo cui in questo
modo viene incentivata la pratica della maternit surrogata (c.d. utero in
affitto): questa infatti lunica possibilit che hanno le coppie omosessuali
maschili di avere figli geneticamente propri (di uno dei due conviventi). Si
verrebbe altres a creare in questo modo una inconsueta nuova situazione
antropologica, che ha paradossalmente come protagonista un soggetto assente,
il bambino voluto da una sorta di desiderio prometeico di genitorialit della
coppia di persone omosessuali.
Condensando in un imperativo primario il discorso sin qui svolto, non esiterei a
inserire nella sfera dei diritti che naturalmente e normalmente competono a ogni
essere umano, a ogni bambino, quello di non essere privato di una delle facolt
pi belle e pi grandi che ogni uomo possiede: quella di poter pronunciare,
rispettivamente e distintamente, la parola mamma e la parola pap, due
parole che appartengono al lessico universale dellumanit.
Vincenzo Turchi

venne percepita pi come un dovere


che come un diritto.
Si trattava di partecipare
attivamente alla ripresa economica
e sociale del tessuto della societ
civile italiana, dilacerato e ferito, ma
pronto con le armi ideali del
sacrificio e della responsabilit ad
essere ricucito anche con lapporto
delle donne, che rappresentavano
allora il 52 per cento dellelettorato.
De Gasperi e Togliatti, che insieme
avevano firmato il 31 gennaio 1945 il
decreto che sanciva il voto
femminile, erano entrambi
preoccupati per il prevedibile
astensionismo. Le donne invece,
anche le molte analfabete pur
distanti dalla nuova sensibilit
sociale, andarono in massa a votare.
Si parla dell89 per cento delle aventi
diritto, dando unindicazione
precisa alle nuove classi dirigenti.
E se allassemblea costituente su 556
membri vennero elette solo 21
donne (9 democristiane, 9
comuniste, 2 socialiste, 1 delluomo
qualunque), la loro voce
minoritaria divenne forte e chiara a
favore di battaglie costruttive non
solo per le donne, ma per il bene del
Paese. Un elemento significativo va
al riguardo notato: in quegli anni i
due pi importanti schieramenti
femminili, lUdi (Unione donne
italiane) comunista e il Cif
democristiano svilupparono una
sinergia operativa oltre le
appartenenze partitiche, convinte
che ci fosse molto da fare e solo con
una strategia condivisa sarebbe
stato possibile ottenere buoni
risultati.
Sono almeno tre le lezioni per loggi:
la prima legata alla grande
partecipazione contro la tentazione
dellastensionismo, vera malattia
sociale che va neutralizzata dai
rischi del disimpegno e della
rassegnazione.
La seconda connessa allattuale
grettezza ideologica dei partiti che
non favoriscono in pieno le possibili
alleanze trasversali tra le donne. In
questo modo non possibile per le
parlamentari coagularsi a formare
unincisiva massa critica contro le
piaghe sociali di oggi: dal
femminicidio allutero in affitto.
Perch, ed il terzo e ultimo punto,
molto si fatto, ma non tutto.
Ancora c parecchia strada da
percorrere: forse siamo in una nuova
stagione di Resistenza.
Se saremo tutte unite, al di l delle
rispettive appartenenze, potremo
diventare ancora di pi parte attiva
per un risveglio morale e critico
delle coscienze.
Paola Ricci Sindoni

Gioved 10 marzo 2016

Primo piano

Universit Super-snack a base di frutta messo a punto al Campus degli Alimenti


Cristiano Riciputi

i parla tanto di "cervelli in


fuga", di ricercatori italiani che
vanno allestero. Poche volte
per si viene a conoscenza del
contrario, cio di laureati stranieri
che vengono in Italia per portare
avanti progetti di ricerca presso le
nostre universit. il caso di Ester
Betoret Valls, di Valencia in Spagna,
che ha due anni presso il Campus
degli alimenti di Cesena. Qui,
nellambito del progetto europeo
"Marie Cure Ief" coordinata dal
professor Marco Dalla Rosa e
dallassistente Pietro Rocculi, la
ricercatrice ha portato avanti uno
studio per ottenere uno snack ad alto
potere nutrizionale, a base di frutta.
"La definizione esatta - ha spiegato il
docente Marco Dalla Rosa durante
lintervista presso il Campus a Villa
Almerici - del lavoro svolto
incremento della funzionalit di uno
snack a base di frutta. Si tratta di un
progetto molto concreto che
potrebbe avere risvolti commerciali
interessanti".
I dettagli li spiega direttamente Ester
Betoret Valls: "Lidea era quella di
mettere a punto uno snack
salutistico, a base di frutta. Una
merenda, adatta soprattutto ai
bambini, che sia una valida
alternativa a prodotti poco salutari,
ipercalorici, oppure molto salati.
Siamo partiti da frutta porosa come

Invenzioni a Cesena

DA DESTRA MARCO DALLA ROSA, ESTER BETORET VALLS E PIETRO ROCCULI

mele e pere, ma possono andare bene


anche pesche, albicocche e perfino
alcune verdure. La frutta-base viene poi
riempita con una soluzione di succo di
mandarino di una particolare variet. Il
risultato finale un prodotto arricchito
di antiossidanti, sali minerali, vitamine,
polifenoli, flavonoidi, cio tutti elementi
che introdotti nella dieta fanno bene alla
salute. In pi vi un altro aspetto: con lo
snack si mangia un concentrato che
equivale a oltre 250 grammi di mela. A

Universit, la proposta
delle facolt cesenati
Open day anche per i corsi di laurea dellAlma Mater con sede
nel territorio. Si parte il 14 marzo con un seminario presso la sede
universitaria di via Sacchi a Cesena
Al via dal mese di marzo gli open day e le
lezioni aperte per gli studenti alle prese
con la scelta della facolt universitaria. Si
tratta di unoccasione per visitare le
strutture didattiche di Cesena
dellUniversit di Bologna, assistere alla
presentazione di corsi di laurea, incontrare
docenti e ricevere materiale informativo.
Alla scuola di Scienze, che ha la sede in via
Sacchi, il 14 marzo alle 14 si terr il
seminario "Da Arduino ad internet delle

campag
abbona na
menti

merenda nessun bambino mangerebbe


due mele, mentre con questa merendina
salutare aggiriamo il problema".
La giovane ricercatrice ha parole di
elogio per il Campus cesenate: "Mi sono
trovata bene qui a Cesena. Il livello
elevato, la strumentazione di
primordine, i laboratori pure, i docenti
e i colleghi sono molto preparati. Sono
stata bene anche come cittadina
acquisita. La citt tranquilla per
multiculturale grazie a tanti ricercatori e

cose: la programmazione di oggetti e


ambienti fisici con unanima digitale"
tenuto dal professore Alessandro Ricci. La
lezione si propone di fornire uno sguardo
introduttivo alla programmazione di
sistemi embedded e internet of things,
mediante un insieme di attivit pratiche in
laboratorio e sviluppando insieme un
semplice caso di studio nel contesto della
domotica. Il 18 aprile, a partire dalle 9 e
per tutta la giornata, la volta della lezione
su "Sviluppo app mobile" tenuta dal
professore Mirko Ravaioli, che
approfondir lo sviluppo di unapp
mobile. Lopen day del corso di laurea in
Ingegneria e scienze informatiche in
programma il 13 aprile alle 10.
Alla scuola di Agraria e medicina
veterinaria gli open day dei corsi di laurea
in Tecnologie alimentari e in Viticoltura ed
enologia sono previsti il 17 marzo alle 10 a
Villa Almerici (piazza Goidanich 60),
mentre quello in Acquacoltura e igiene
delle produzioni ittiche a Cesenatico il 12
aprile e il 10 maggio alle 10.30 nella sede in
via A. Doria. Il 19 aprile alle 15 nellaula

2016

studenti stranieri. Poi sono rimasta


sorpresa dal coinvolgimento
esistente fra imprese, anche piccole,
e il mondo della ricerca. In Spagna
solo le grandi aziende fanno richieste
alluniversit, mentre qua a Villa
Almerici ho notato una grande
interazione anche con piccole realt.
Il risultato di questi rapporti una
ricerca applicata che porta a benefici
commerciali per le aziende".
Buona parte delle ricerche sono state
effettuate presso i laboratori del
Tecnopolo, il nuovo centro di
ricerche costruito adiacente a Villa
Almerici a Cesena, fra le Vigne e
Martorano. Linaugurazione ufficiale,
alla presenza del rettore
delluniversit di Bologna e del
presidente della regione, dovrebbe
tenersi ai primi di maggio.
Partito nellaprile del 2014,
lintervento ha visto sorgere una
struttura di circa 1160 mq destinata
ad accogliere laboratori per la ricerca
agroalimentare. Qui si svolge lattivit
del Ciri (Centro interdipartimentale
di ricerca industriale)
agroalimentare, che ha il compito di
sviluppare i programmi di ricerca
imperniati sullarea di processo,
alimenti, consumi e salute e su
bioanalitica, bioattivit,
microbiologia e valorizzazione di
microrganismi a fini industriali, e del
Ciri Ict, rivolto allapplicazione
allinfomobilit, alla localizzazione e
al cibo.

magna della sede di Cesena si terr la


lezione aperta "Operazioni unitarie della
tecnologia alimentare e scienza delle
alimentazioni". Si parler, tra gli altri, della
filtrazione: operazione che consente di
separare una fase solida dispersa in un
fluido, che viene applicata nelle industrie
alimentari per eliminare uno o pi
componenti non desiderati da una
matrice, oppure per separare componenti
di interesse tecnologico che in seguito
potranno essere concentrati.
Alla scuola di Ingegneria e architettura, i
corsi di laurea in Ingegneria biomedica e
Ingegneria elettronica per lenergia e
linformazione si presenteranno il 21
marzo alle 9.30 in via Genova 181, mentre
il corso di laurea magistrale a ciclo unico
in Architettura il 5 maggio alle 10 in via
Cavalcavia 55.
Infine, alla scuola di Psicologia e scienze
della formazione, il corso di laurea in
Scienze e tecniche psicologiche aprir le
porte ai futuri studenti il 14 aprile in
piazza Aldo Moro (orario da definire).
Francesca Siroli

Settimanale dinformazione
fondato nel 1911
COME ABBONARSI:

Per tutti
gli abbonati,
ledizione digitale
(App)
per poter sfogliare
il settimanale
su smartphone
e tablet

- Utilizzando il bollettino di C.C.P. n. 14191472, intestato a Corriere Cesenate,


via del Seminario 85, Cesena
- Al Centro Pastorale di Palazzo Ghini, corso Sozzi 39, Cesena
- Presso la redazione del Corriere Cesenate in via del Seminario 85, Cesena
- Alla libreria San Giovanni, piazzetta Isei 13, Cesena
- Con bonifico bancario. Beneficiario: Corriere Cesenate.
Banca: Cassa di Risparmio di Cesena, sede. Iban: IT32Y 06120 23901 CC0010021712

QUOTE ABBONAMENTO:
- Ordinario: 48 euro - Sostenitore: 70 euro - Amico: 100 euro - Estero: 80 euro

Una voce locale con lo sguardo globale


Cronaca, attualit, vita della Chiesa, cultura, opinioni, solidariet, sport con lunico settimanale dinformazione del territorio. Ogni gioved direttamente a casa

Per informazioni: redazione e amministrazione, tel. 0547 300258, fax 0547 328812, via del Seminario, 85, Cesena, redazione@corrierecesenate.it

Primo piano

Sar un bel biglietto da visita


per Cesena. Stiamo parlando
del nuovo campus
universitario che sorger
nellarea ex zuccherificio,
come raccontiamo in questo
Primo piano. Dopo il blocco
dei lavori dovuti al fallimento
dellazienda appaltatrice, ora
il cantiere si rimesso in
moto. Un bel segnale per la

Gioved 10 marzo 2016

| Margara: Un valore per tutto il territorio


nostra citt e per tutta la
Romagna che fa del polo
universitario nei suoi quattro
centri maggiori uno dei fiori
allocchiello da mostrare con
orgoglio.
"Il nuovo rettore - dice il
coordinatore della sede di
Cesena, Luciano Margara - sta
tenendo fede agli impegni

presi in campagna elettorale.


Tra questi cera anche quello
di dare una conformazione
definitiva al campus cesenate.
Questione per nulla semplice
per i noti problemi relativi
allappalto. In pi, il nuovo
rettore riuscito nellimpresa
di fare arrivare i finanziamenti
giusti per il nuovo

studentato".
"La nuova sede di Psicologia
confermata - aggiunge
Margara -. Questo un
periodo fecondo per Cesena e
il suo polo universitario. Io
sono particolarmente
contento di questo. Anche il
sindaco Paolo Lucchi on si
mai tirato indietro sulle

proposte avanzate. In questo


modo daremo al territorio un
campus attrattivo per i
prossimi 50 anni. S, perch
non si vive di soli muri,
verissimo, ma anche vero
che i muri sono importanti. A
livello di didattica a Cesena
non temiamo confronti. Sono
necessari, per, anche spazi
adeguati".

Universit: riprendono i lavori per il nuovo polo

I lavori in corso per il nuovo


polo universitario

Cesena la nuova sede della Scuola di Ingegneria e Architettura


dellUniversit di Bologna non pi un miraggio. Sono ripartiti a
fine febbraio i lavori per la costruzione del nuovo edificio a forma
di C, che ospiter i corsi di laurea di Ingegneria Biomedica ed
Elettronica e il corso di laurea in Architettura. Una struttura di tre piani,
che sorger in via Machiavelli, nellarea dellEx Zuccherificio, in cui
troveranno posto aule, laboratori e studi dei docenti. La costruzione della
nuova sede, progettata dallarchitetto Gregotti, ha subito una battuta
darresto nel 2014 quando la ditta vincitrice dellappalto, la Gozzo
Impianti - Impresa generale di costruzione di Pianezza in provincia di
Torino, entrata in crisi fino a
dichiarare il fallimento nel 2015.
"Alla fine del 2014 - spiega Massimo
Cicognani, vice-presidente (preside)
della Scuola di Ingegneria e
Architettura a Cesena - era stato
realizzato solo un terzo del piano
interrato delledificio. Oggi grazie
allimpegno profuso dal nuovo
rettore Francesco Ubertini, e dal
coordinatore del Campus di Cesena
Luciano Margara, assieme al sindaco
Lucchi, possiamo sperare che in un
paio danni tutto possa essere
completato. Qualcuno ipotizza che
la nuova sede potrebbe essere
pronta gi per lanno accademico
Molti corsi, eccellenze
2017/2018 anche se io mi
accontenterei dellanno successivo.".
a livello nazionale,
"Unopera quella che riguarda
sono a numero chiuso
Ingegneria e Architettura - spiega il
sindaco di Cesena Paolo Lucchi - che
ha richiesto uno stanziamento di 27
milioni di euro. A questi si vanno ad
aggiungere altri 10 milioni dei quali
il Comune si far carico di 4 milioni
di euro. Questi fondi saranno
destinati alla realizzazione della
seconda parte dei lavori e
consentiranno di avere tutti i
dipartimenti dislocati nella stessa
Architettura. Si tratta della confluenza
area, a parte Scienze degli Alimenti
in un unico percorso delle precedenti
che rester a Villa Almerici, a poca
distinte lauree in Scienze
distanza dal Campus".
dellinformazione (Informatica) e
Questa seconda parte prevede la
Ingegneria informatica.
realizzazione di un edificio di circa
Il numero programmato fino a qualche
cinquemila metri quadrati dove
anno fa consentiva laccesso ad
troveranno sede definitiva il
Architettura ad uno studente su 3/4 che
Dipartimento di Psicologia e la
facevano domanda. Oggi, considerata
Scuola di Psicologia e Scienze
anche la crisi del settore, il numero
dellinformazione dove sono gi stati
delle domande sceso. In generale uno
avviati i lavori di recinzione e
studente su due accede al corso di
sistemazione del terreno. Una parte
studi. Per Ingegneria invece non
di fondi dovrebbe arrivare anche da
sembrano esserci problemi. Biomedica
un finanziamento del Ministero
di solito riesce a rispondere a tutte le
della Pubblica Istruzione. "Il
richieste, mentre ad Elettronica in
ministro Giannini - precisa il
genere avanzano dei posti. "Si tratta di
sindaco - ha fatto presente che il
un esame selettivo e orientativo. Misura
progetto del campus cesenate il
il grado di affinit dello studente con il
primo in graduatoria tra i progetti da
corso di studi".
finanziare, quindi credo che lo
Tasto dolente invece quello della
stanziamento sia quasi certo".
Ricerca in universit. "I nostri ragazzi Nellambito del Campus della zona
prosegue Cicognani - sono cos bravi
Ex Zuccherificio saranno realizzati
che le altre universit o enti allestero li
uno studentato e una biblioteca
vengono a cercare. Proprio perch i
(circa 4 milioni di euro, questi
nostri ricercatori sono brillanti e ben
finanziati dal ministero della
formati non reputo che le questioni
Pubblica istruzione, ndr). "Sono
legate alla Ricerca siano solo un
felicissimo che la situazione si sia
problema dellUniversit italiana. Si
sbloccata - sottolinea Lucchi - e di
tratta di un problema che riguarda tutto
questo dobbiamo ringraziare il
il Paese. La nostra Universit funziona. I
rettore Ubertini che si mosso con
nostri ricercatori si distinguono
grande concretezza per riavviare il
allestero. Noi li prepariamo molto
procedimento".
bene, ma a un certo punto non potendo
Nel giro di pochi anni Cesena avr al
offrire grandi opportunit di
suo interno una grande cittadella
inserimento, non riusciamo a
universitaria. "Un intero quartiere
trattenerli, non raccogliamo i frutti del
universitario attivo 24 ore su 24,
nostro "investimento" e siamo costretti
tutto dedicato agli studenti a lasciarli andare l dove ricevono
conclude Cicognani - dove saranno
proposte di alto livello. E necessario un
aperti luoghi di ristoro e servizi a
radicale cambio di mentalit e di
misura di studente. Il quartiere
priorit. Spero che prima o poi
dellEx Zuccherificio rivivr di nuova
qualcosa si sblocchi".
linfa vitale".
Barbara Baronio
Bb

A Cesena,
nel comparto
dellex Zuccherificio,
dopo lo stop di oltre
un anno dovuto
al fallimento
dellimpresa

Il vice preside Cicognani:


Numeri superiori
alla media nazionale

La Scuola di Ingegneria
e Architettura conta
2300 studenti

Gli ingegneri e gli architetti


trovano lavoro entro un anno

"O

ltre il 70 per cento degli


ingegneri che si formano
alla Scuola di Ingegneria
dellUniversit di Bologna
lavora gi entro a un anno dalla laurea.
Il 64 per cento degli architetti ha
unoccupazione nello stesso arco di
tempo. E anche vero che dopo la laurea
gli architetti devono affrontare un anno
di praticantato e che quindi questo
lavoro legato allesame professionale,
tuttavia il dato nazionale che riguarda i
laureati in Architettura nello stesso
intervallo di tempo riporta un 45 per
cento, dato inferiore del 20 per cento
rispetto a quello cesenate". Ecco alcuni
numeri che orgogliosamente riporta
Massimo Cicognani, vice-presidente
(preside) della Scuola di Ingegneria e
Architettura a Cesena (due facolt che
la Riforma Gelmini ha unito e che oggi
fanno parte della Scuola di Ingegneria e
Architettura). "I nostri laureati dopo tre
anni dallesame di laurea lavorano per
l88 per cento. In generale a distanza di
5 anni dal conseguimento del titolo
tutti gli studenti della Scuola di
Ingegneria e Architettura hanno per il
93/94 per cento un lavoro (il 100 per
cento impossibile poich vi sempre
una quota di alunni che o non cerca
lavoro o fa luniversit per interesse
personale e poi si occupa di altro). La
nostra Scuola garantisce in tempi
congrui unoccupazione con una
retribuzione media dignitosa. A livello
nazionale nella graduatoria di
Ingegneria e Architettura quella di
Bologna si colloca come una Scuola che
offre una ragionevole sicurezza di un
buon inserimento nel mondo del
lavoro, con percentuali oltre la media. I
nostri ragazzi di Ingegneria entro i tre
anni percepiscono uno stipendio

Studenti di Scienze
informatiche durante
una lezione a Cesena

medio che si aggira sui 1500 euro".


Attualmente gli studenti che gravitano
attorno alla Scuola di Ingegneria e
Architettura - Cesena (dove rientrano
anche i corsi di Ingegneria meccanica
ed aerospaziale di Forl) sono circa
2300. Ogni anno laccesso ai corsi a
numero programmato. Sono 100 i posti
disponibili per Architettura, 150
rispettivamente per Biomedica ed
Elettronica e 200 quelli per Ingegneria e
Scienze informatiche. In questo ultimo
corso il triennio gestito dalla Scuola di
Scienze, mentre la laurea magistrale a
capo della Scuola di Ingegneria e

Vita della Diocesi

Gioved 10 marzo 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Preghiera per la famiglia ferita


Luned 14 marzo alle 21, nella Concattedrale di Sarsina
In questo tempo di Quaresima, tutti sono maggiormente chiamati a intensificare la preghiera. In particolare necessaria
unattenzione alla famiglia e alle molteplici difficolt e incertezze che la attraversano: la povert socio-economica, il lutto,
la separazione, la malattia. Non ultimo quellimpoverimento
legato al non riconoscerle il dato naturale su cui si fonda: la
coppia uomo e donna.
Per questo la Caritas, la Pastorale della Famiglia e la Pastorale
della Salute propongono un momento di Preghiera per la Famiglia ferita luned 14 marzo, alle 21 presso la Concattedrale
di Sarsina.
Tutti sono invitati a partecipare a questo momento che vuole
essere una preghiera per e con la famiglia.

Per una casa-famiglia in Vescovado


Abbi cura di lui, la raccolta diocesana per la Quaresima
Per continuare a sostenere il Progetto Una casa-famiglia in Vescovado si possono fare offerte presso la segreteria della Caritas diocesana (via Martiri dUngheria 1, Cesena, tel. 0547 22423), oppure
con bonifico bancario (Iban: IT62B0612023901 CC0010012130) specificando la causale Una casa-famiglia in Vescovado.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Dio perdona non con un decreto, ma con una carezza
Domenica 13 marzo
Quinta Domenica di Quaresima - Anno C
Is 43,16-21; Sal 125; Fil 3,8-14; Gv 8,1-11

a liturgia della quinta domenica di


Quaresima ci propone il brano di Vangelo
dellincontro tra Ges e la donna adultera.
Ladulterio era considerato secondo la legge di
Mos un peccato gravissimo, punito con la
pena di morte per lapidazione, per il valore
simbolico del matrimonio: realt umana che
testimoniava il rapporto fedele di Dio col suo
popolo. Gli scribi e i farisei chiedono a Ges di
giudicare la donna con lintento di metterlo alla
prova. Conoscono la sua misericordia e il suo
amore per i peccatori e sono curiosi di vedere
come si comporter in questo caso, che
secondo la legge non presentava dubbi. il
Signore, in realt, che viene accusato e
giudicato. La sentenza emessa da Ges molto
chiara: il primo a lanciare la pietra sar chi
senza peccato. Egli risponde, quindi,
rispettando la legge. Non solo, ma con le sue
parole obbliga gli scribi e i farisei a guardare
dentro se stessi e a scoprirsi peccatori.
A questo punto gli accusatori se ne vanno e
comincia il dialogo tra Ges e la donna
adultera. SantAgostino nel Commento al
Vangelo di Giovanni (Omelia 33) afferm che
rimasero soltanto loro due: la misera e la
misericordia. una vera e propria confessione.
La donna non si proclama vittima di una falsa
accusa, n minimizza il suo peccato. Ges
lassolve invitandola a una nuova vita, alla
conversione. Condanna il peccato, non la

persona. A Ges non interessa vincere


una disputa con farisei e scribi
sull'interpretazione della legge, ma
rivelare che il suo obiettivo, il motivo per
cui morir in croce per poi risorgere, la
salvezza della persona, la nostra salvezza.
Ges non nega che ladulterio sia un
peccato, ma non condanna la donna con
la legge. Anzi la difende da una
condanna che, secondo la legge, sarebbe
stata giusta. La giustizia di Ges va oltre
la legge. Papa Francesco in unomelia
nella cappella della Casa Santa Marta ha
usato questa espressione: Dio perdona
non con un decreto, ma con una
carezza. Lo fa accarezzando le ferite dei
nostri peccati perch lui coinvolto nel
perdono, coinvolto nella nostra
salvezza. Il brano evangelico inizia con
un riferimento temporale vago: In quel
tempo. Potremmo dire che in quel
tempo oggi perch oggi il tempo
della misericordia che Ges ci mostra. E
perch oggi noi abbiamo bisogno di
contemplare il volto della misericordia.
Lo possiamo fare attraverso la Chiesa
che, nel Sacramento della
Riconciliazione, consente di avvicinare le
nostre miserie umane a Cristo e scoprire
che Dio non si stanca mai di perdonarci.
E noi, come ci ha ricordato papa
Francesco nel suo primo Angelus, non ci
dobbiamo stancare mai di chiedere
perdono.
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned 14 marzo
san Matilde
Dn 13,1-9.15-17.1930.33-62;
Sal 22; Gv 8,12-20
marted 15
san Luisa de M.
Nm 21,4-9;
Sal 101; Gv 8,21-30
mercoled 16
san Ciriaco
Dn 3,14-20.4650.91-92.95;
Cant. Dn 3,52-56;
Gv 8,31-42
gioved 17
san Patrizio
Gen 17,3-9;
Sal 104; Gv 8,51-59
venerd 18
san Cirillo
di Gerusalemme
Ger 20,10-13; Sal
17; Gv 10,31-42
sabato 19
san Giuseppe
2Sam 7,4-5a.1214a.16; sal 88;
Rm 4,13.16-18.22

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della
Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza, SantEgidio
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
San Bartolo
19.00 Ponte Pietra, Tipano
20.00 San Giovanni Bono,
San Pio X,
Torre del Moro, Gattolino
20.30 Villachiaviche

Sabato
e vigilie
15.00 Cappella cimitero Cesena,
Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Cappella
ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
San Vittore
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Osservanza, Santo Stefano,
San Paolo, SantEgidio,
Madonna delle Rose,
Villachiaviche, San Rocco,
Case Finali, Diegaro,
Torre del Moro, Borello,
San Mauro in Valle,
San Giorgio
18.30 Convento Cappuccini,
San Pietro, Bulgarn,
Santa Maria della Sper.
19.00 Ponte Pietra, Tipano
20.00 San Giovanni Bono,

San Pio X, Bulgaria,


Ruffio, Pioppa,
Pievesestina,
Calisese,
Gattolino, Ronta

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
8.45 San Martino in Fiume
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria,
San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
SantEgidio,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,

11.10
11.15
11.30

12.30
15.00
17.00
18.00
18.30
19.00

Basilica del Monte,


Osservanza,
San Domenico, Santo
Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio, San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in
Valle, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Rocco,
Istituto Lugaresi,
San Pietro, San Pio X,
Case Finali, Santa Maria
della Speranza
Torre del Moro (in inglese,
comunit nigeriani)
Cappella del cimitero
Cappella dellospedale
Bufalini
Cattedrale,
San Domenico, Osservanza
San Pietro, Cappuccini
San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)

Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina;
16,30 San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti,
Boschetto;
18 San Giacomo;
20 Sala;
Festivi:8 San Giacomo, Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
8,30 Sala;
9 Cappuccini;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta, Villamarina;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
17,30 Cappuccini;
18 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10/ 11,15 / 17.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11,15 / 17
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta; 20 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso

Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Concattedrale: 7,30 / 9
/ 11 / 17; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16; Alfero: 17
(sab.); 11,15; Pereto: 10;
Riofreddo: 10;
Corneto: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 80 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 9 del 3 marzo 2016: 8.065 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di marted 8 marzo 2016

Vita della Diocesi


Pellegrinaggio a Roma sabato 9 aprile

Gioved 10 marzo 2016

Al convento dei frati di Longiano


Nel deserto parler al tuo cuore
Tre giorni in preparazione alla Pasqua

Numerosi i lettori
del Corriere Cesenate
allincontro con il Papa

al 18 al 20 marzo, presso il Santuario del


Santissimo Crocifisso di Longiano, la
comunit dei frati minori conventuali
propone la tre giorni di preghiera aperta a tutti in
preparazione alla Pasqua.
Venerd 18 marzo alle 20 preghiera della Cordia
Pia; alle 20,30 la Messa presieduta dal vescovo
Douglas e a seguire esegesi artistica dellopera Il
Padre misericordioso.
Sabato e domenica sar possibile partecipare alla
preghiera comunitaria dei frati e ai momenti di
incontro e riflessione. Sabato pomeriggio
dedicato al sacramento della Riconciliazione e
Via Crucis; dalle ore 24 e per tutta la notte,
Adorazione eucaristica animata dai vari gruppi
che ruotano attorno alla realt francescana
longianese.
Per chi desidera possibile fermarsi a dormire in
convento avvisando per tempo (previsti pranzo,
colazione e cena). Per informazioni, fra Andrea:
347 3962798
www.santcrociflongiano.blogspot.it

ltre 200 lettori del Corriere Cesenate


O
parteciperanno a Roma al Giubileo
dei settimanali cattolici, in udienza in
piazza San Pietro sabato 9 aprile,
durante uno degli eventi in calendario per lAnno Santo.
Il ritrovo per quanti si sono prenotati alle 2 da piazzale Ambrosini (davanti
allippodromo di Cesena). Il viaggio in pullman prevede soste e arrivo a Roma, nei
pressi di piazza San Pietro, alle 7,30 (ingresso in piazza entro le 8). Lincontro con
papa Francesco inizier in piazza San Pietro alle 10 e per tutti riservato il posto a
sedere. Dopo ludienza, per chi lo desidera sar possibile varcare la Porta Santa
della Basilica di San Pietro. Partenza da Roma alle 16,30 e rientro in serata. Pranzo
al sacco. A tutti verr consegnato un gadget identicativo della Fisc (Federazione
italiana settimanali cattolici).
Al Santo Padre saranno portati due doni: unofferta per le sue opere di Carit e una
raccolta rilegata con una copia degli oltre 190 giornali che aderiscono alla Fisc.
Oltre ai due pullman di lettori che in queste settimane si sono prenotati, partiranno
altri due pullman da Cesena: uno organizzato dalla parrocchia di San Pio X alle
Vigne, che si fermer a Roma anche domenica 10 aprile, e un altro riservato ai
volontari della San Vincenzo de Paoli che fanno servizio nel carcere di Forl.
Per info: redazione Corriere Cesenate, tel. 0547 300258,
redazione@corrierecesenate.it

Al Monte lannuale ritiro dei politici guidato dal vescovo Douglas Regattieri

Vescovo Lanfranchi
Il libretto per gli abbonati
A un anno dalla morte
avvenuta il 17 febbraio
2015, stato
pubblicato un libretto
con il ritratto del
vescovo Antonio.
Per gli abbonati al
Corriere Cesenate, il
libretto ora
disponibile presso la
redazione (via del
Seminario 85, Cesena),
la libreria San Giovanni (piazzetta Isei,
Cesena) e presso il Centro pastorale di Palazzo
Ghini (corso Sozzi, Cesena).
Si tratta di 48 pagine curate da Lucia Romiti e
nate dalla collaborazione tra il settimanale della
diocesi di Piacenza-Bobbio e il nostro.

Pellegrinaggi a Longiano
nei venerd di Quaresima
Proseguono i tradizionali pellegrinaggi al
Santuario del Santissimo Crocisso di Longiano
nei venerd di Quaresima.
Venerd 11 marzo alle 20,30 appuntamento al
Santuario di Longiano con la Messa presieduta
da monsignor Giorgio Biguzzi, cesenate, vescovo
emerito di Makeni (Sierra Leone). Alla
celebrazione sono particolarmente invitati i
fedeli della Zona del Mare.
Venerd 18 marzo il vescovo di Cesena-Sarsina
monsignor Douglas Regattieri presieder la
Messa alla quale sono particolarmente invitati i
fedele delle Zone pastorali Urbana e RubiconeRigossa.

omenica 13
D
marzo alle 18, in
Cattedrale a Cesena, il vescovo Douglas

Siate sempre coraggiosi


radicati nella Grazia di Dio

In breve

In Cattedrale a Cesena
Messa
in ricordo
di Chiara
Lubich

DOMENICA 6 MARZO, SALA PIO VII


DELLABBAZIA DEL MONTE, A CESENA: UNA QUARANTINA I PARTECIPANTI ALLINCONTRO PER POLITICI
E AMMINISTRATORI PROMOSSO
DALLA COMMISSIONE GAUDIUM ET
SPES. A DESTRA, IL VESCOVO DOUGLAS REGATTIERI E MARCO CASTAGNOLI, DELLA GAUDIUM ET SPES
(FOTO SABRINA LUCCHI)

i trattato di un ritiro spirituale.


Lo ha messo subito in chiaro
domenica scorsa il vescovo
Douglas nei locali dellabbazia
del Monte, a Cesena. Riuniti con lui una
quarantina di politici, amministratori
locali e persone impegnate
nelleconomia e nel sociale. Una volta
allanno la Diocesi invita - tramite la
Commissione Gaudium et spes per i
problemi sociali, il lavoro, la giustizia, la
pace, la salvaguardia del Creato - quanti
hanno responsabilit pubbliche a una
giornata di riflessione e di confronto.
Il cristiano quello che dirige il mondo
orientandolo al bene, a Dio - ha detto
monsignor Regattieri -. colui che mette
Dio al centro, al primo posto nella sua
vita, ma che vive dentro al mondo. Nel
mondo, ma non del mondo, per dirla con
il capitolo 17 del Vangelo di san Giovanni.
S, perch la proposta cristiana non
consiste solo in una relazione personale
con il Padre. Ci comporterebbe vivere la
fede in maniera intimistica. Neppure ci si
pu accontentare di piccoli gesti
personali nei confronti di qualche

individuo bisognoso. Ci potrebbe


costituire una sorta di carit la carte.
Il Regno di Dio riguarda tutto luomo e
ogni uomo. Lannuncio di Cristo ha una
destinazione universale. Il suo mandato
della carit - ha aggiunto il vescovo abbraccia tutte le dimensioni
dellesistenza, tutte le persone, tutti gli
ambienti della convivenza e tutti i popoli.
Nulla di quanto umano pu risultargli
estraneo. In una parola, il cristiano non
un isolato, tuttaltro.
Il mondo il nostro habitat - ha
proseguito monsignor Regattieri -. Con
occhio vigile, dobbiamo saper stare nel
mondo. Certo la tentazione del potere
fortissima. Qualcuno dice che
impossibile resisterle. Ges stesso, nel
momento delle tentazioni, si
aggrappato alla Parola di Dio. Ecco
perch occorre un forte radicamento in
Cristo, per rimanere attaccati alla grazia
di Dio, come ci insegnano tanti testimoni
del recente passato, da La Pira a Lazzati,
da De Gasperi a Zaccagnini.
Il vescovo ha richiamato anche il
discorso di papa Francesco alla

Concerto
gospel
di beneficenza
a SantAgostino
di Cesena

Regattieri presieder la Messa in ricordo di


Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei
Focolarini, nellottavo anniversario della
morte e a un anno dallapertura della Causa
di beaticazione.
Animer la Messa il coro Alma Canta.

Confindustria del 27 febbraio scorso. Le


parole chiave sono state fare insieme e
mettere al centro la persona. Parole che
sono un programma di lavoro per chi
impegnato nel mondo. Ecco, allora, il
richiamo allapertura al dialogo,
allattenzione agli ultimi, ma anche alla
pazienza dei seminatore che fa
comprendere come sia importante
innescare processi perch il tempo
superiore allo spazio, con una citazione
di Bergoglio dalla Evangelli Gaudium.
Infine non poteva mancare un
riferimento allattualit politica. Ges
non fa sconti sulla verit - ha detto il
vescovo Douglas -. Occorre avere il
coraggio di annunciare la verit. Un
politico che si ispira ai principi cristiani
deve correre il rischio di schierarsi fuori
dal coro. Ma se si aggancia alla Grazia, ai
Sacramenti dellEucaristia e della
Confessione, al bisogno di andare a
Messa, ne riceve una fortezza incredibile.
Allora non si teme pi neanche il
pericolo dellimpopolarit.

na serata tra musica


U
spiritual e solidariet.
Sabato 12 marzo alle 21,
in centro a Cesena nella
chiesa di SantAgostino
(piazza Aguselli)
lIntercity Gospel Train
Orchestra terr un
concerto per il Centro
educativo di Cesena
Cantiere 411.
Levento, promosso

dallassociazione Il
Pellicano, sar con
ingresso a offerta libera.
Quanto raccolto andr
per le attivit del Cantiere
411, centro educativo per
bambini e ragazzi
promosso dalle Suore
della Sacra Famiglia.
Per info: 380 2120262,
www.cantiere411.com,
ass.ilpellicano@tiscali.it

Convegno
Maria Cristina di Savoia
Nuovo appuntamento con i Convegni di Maria
Cristina di Savoia. Marted 15 marzo alle 16, il
professor don Dante Piraccini terr una
conferenza su Le donne bibliche vanno in
guerra. Lincontro, aperto a tutti, si terr presso
la sala Eligio Cacciaguerra del Credito
cooperativo romagnolo (viale Bovio, 80,
Cesena).

Gruppo di preghiera
Padre Guglielmo Gattiani
Marted 15 marzo
appuntamento con il
gruppo di preghiera
Padre Guglielmo
Gattiani nella chiesa
del convento dei
cappuccini, a Cesena.
Alle 20,30 recita del
Rosario. Alle 21 la
celebrazione della
Messa.

Benedetta Bianchi Porro


Un cortometraggio
sulla venerabile
Domenica 20 marzo alle 15, a Sala di Cesenatico
nella casa della venerabile Angelina Pirini, sar
presentato il cortometraggio sulla venerabile
Benedetta Bianchi Porro Oggi Grazie.
Allincontro saranno presenti Manuela Bianchi
Porro, sorella di Benedetta, e il regista Franco
Palmieri.

Gioved 10 marzo 2016

Speciale Visita pastorale

ZONA PASTORALE DELLE VIE CESENATICO, CERVESE E RAVENNATE - 10 UNIT PASTORALE

Parrocchia di SANTEGIDIO
Prosegue la Visita del vescovo Douglas
econda settimana a SantEgidio per il
vescovo Douglas che conclude cos la
sua Visita nella Zona pastorale delle
vie Cesenatico, Cervese e Ravennate, iniziata nel novembre scorso.
Parrocchia tra le pi popolose della diocesi
San Zili vanta anche una variet di gruppi,
associazioni e proposte che ne hanno arricchito la comunit. Il lavoro per un sacerdote tanto - confessa don Gabriele
Foschi che, tra le altre cose, anche guida
per la terra Santa -. La gente molto esigente, in senso positivo naturalmente, e
questo uno stimolo forte per me e i miei
collaboratori. Don Gabriele, oltre alle tre
suore Adoratrici del Sangue di Cristo, si
avvale anche del prezioso aiuto e contributo del vicario parrocchiale don Filippo
Cappelli, dei quattro diaconi Valder Gimelli, Moreno Orlandi, William Tafani,
Corrado Amato, e di Ministri straordinari
dellEucarestia.
Al mio arrivo in parrocchia ho cercato di
dare una sorta di indirizzo, attraverso un
testo sul quale hanno lavorato tutte le realt presenti: La Comunit casa di Dio e
degli uomini. Lintento stato quello di
creare comunione, superando le difficolt
legate a temperamento e carattere, facendo capire limportanza di un servizio parrocchiale improntato alle relazioni e alla fraternit.
I giovani sono una delle realt pi numerose
e presenti in parrocchia. Alcuni cantano con
entusiasmo nel coro parrocchiale che anima le Messe domenicali e le feste principali. Tutte le fasce det sono presenti, formate con incontri settimanali e altri appuntamenti. A SantEgidio abbiamo tutte le
grandi proposte della Chiesa: lAzione Cattolica con le sue tre sezioni dellAcr, Acg e
adulti per un totale di 150 associati che
svolgono attivit in parrocchia e partecipano alle iniziative diocesane. Inoltre lAgesci, esperienza partita una ventina di anni
fa, poi perduta e ricostruita poco prima del
mio arrivo. Oggi una realt forte con la
presenza di lupetti, branco, reparto e, da
un paio di anni, il clan/noviziato e anche la
co.ca. Lattivit dei giovani delle superiori e
delluniversit si concretizza anche a livello
di animazione con la messa in scena di musical e recital. Questanno il gruppo sta lavorando alla realizzazione de La Bella e la
Bestia, specifica don Gabriele che racconta
anche come nato il gruppo denominato
Three Rivers: si tratta di ragazzi del postcresima, creatosi per coinvolgere chi non fa
parte di altri gruppi o associazioni definite,
tipo lAcr o gli Scout. Volevamo offrire a tutti
la possibilit di frequentare la parrocchia e
fornire una ulteriore proposta di aggregazione con ragazzi della stessa et. Il nome, I tre
fiumi, deriva dal pensiero secondo il quale
da ununica realt di fede possono nascere
tanti fiumi appunto, ognuno dei quali capace di portare il proprio contributo. Sono
comunque incontri aperti a tutti con la presenza anche di giovani dellAc o degli scout.
I bambini delle elementari e delle medie seguono il catechismo e sono organizzati nelle
classiche classi. Da qualche anno - precisa
don Gabriele - abbiamo modificato, in accordo col vescovo, la scansione sacramentale in questo modo: Confessione, Cresima (IV
elementare), Prima Comunione (fine V elementare). Si tratta di una cadenza pi teologica e pi rispondente alla nostra attivit
pastorale. Abbiamo rivisto lattivit catechistica per via dellet in cui si avvicinano ai
sacramenti, utilizzando proposte gi in atto
in altre diocesi, elaborandole e adeguandole
al nostro percorso.
Da svariati anni viene curata anche la pastorale familiare, gi attiva con i parroci precedenti. Due i gruppi, con una ventina di coppie ciascuno. Agli incontri, che si svolgono
mensilmente, vengono abbinate anche delle
uscite. Anche per gli anziani sono previsti
momenti di incontro, in particolare attivo
il gruppo Simeone e Anna: Sono momenti
di aggregazione per persone di una certa
et. Le attivit sono le pi svariate, da quelle
ludiche a quelle culturali, senza tralasciare

Prosegue fino a domenica 20 marzo la Visita pastorale


del vescovo Douglas nella comunit parrocchiale
di SantEgidio di Cesena
Monsignor Gabriele Foschi il parroco dal 2010
Don Filippo Cappelli il vicario parrocchiale dal 2014

LA STATUA DELLA MADONNA PELLEGRINA, E QUELLA DI SANTEGIDIO,


OPERA RECENTE DELLO SCULTORE (E PARROCCHIANO DI SANTEGIDIO)
ENRICO GUIDI (FOTO TERZO FOSCHI). SOTTO, DON FILIPPO CAPPELLI,
VICARIO PARROCCHIALE DI SANTEGIDIO DAL 2014

DOMENICA 6 MARZO, CERIMONIA DI INIZIO DELLA VISITA


PASTORALE DEL VESCOVO DOUGLAS A SANTEGIDIO.
DOPO LA BENEDIZIONE DI UN SUPPORTO PER IL CERO
PASQUALE, DI UN CROCIFISSO ARRIVATO DALLA
TANZANIA E DELLORGANO, MONSIGNOR REGATTIERI HA
RICEVUTO LE CHIAVI DI UNO DEGLI APPARTAMENTI
DELLA CASA ACCOGLIENZA LUCIANO GENTILI, A SUA
DISPOSIZIONE PER I 14 GIORNI DI VISITA PASTORALE IN
PARROCCHIA (FOTO PAOLO CASADEI)

incontri relativi alla salute.


Nel giornalino parrocchiale La Cerva, realizzato dalla segreteria della parrocchia e stampato
ogni settimana in 800 copie distribuite in fondo
alla chiesa, trovano spazio riflessioni, avvisi e
tutto quanto compone la vita della comunit.
Tra le opere che caratterizzano la parrocchia di
SantEgidio una menzione particolare va fatta
per la onlus Casa dellAccoglienza Luciano
Gentili. Promossa dallallora parroco don Pino
Zoffoli e costruita sotto la guida dellingegnere
Luciano Gentili, deceduto pochi mesi prima
dellinaugurazione (del 2007) e a cui dedicata, il progetto solidale cresciuto ancora sotto
la guida di don Foschi che ne ha fortemente
voluto la trasformazione in onlus. La nuova organizzazione potr meglio sostenere (attraverso donazioni e 5xmille) le attivit che ospita: la
Caritas parrocchiale, la comunit delle tre suore tanzaniane Adoratrici del Sangue di Cristo,
un appartamento a disposizione dei familiari
degli ammalati ricoverati allospedale Bufalini di Cesena. La struttura, che ha trovato forte
spinta grazie alla donazione anonima da parte
di un parrocchiano, stata pensata e realizzata in risposta alle necessit di chi ha bisogno di
essere sfamato o vestito, accolto o ascoltato, e
anche ospitato.
Nel suo incontro con la comunit di SantEgidio, monsignor Regattieri visiter anche alcune
imprese del territorio come le affermate Grillo, specializzata nella progettazione e vendita
di macchine per lagricoltura professionale,
manutenzione delle aree verdi, giardini e orti, e
La Cesenate, azienda leader nel settore delle
conserve alimentari.
Nello stesso territorio sono sorte scuole dellinfanzia, elementari, medie. Una sorta di polo
scolastico in via Anna Frank, molto funzionale
per i genitori che devono accompagnare a
scuola i figli con et diverse anche per la vicinanza dei vari plessi. Il rapporto tra la parrocchia e le scuole - ci tiene e a precisare il parroco - molto buono. Collaboriamo sia con la dirigenza, sia con gli insegnanti in un clima di re-

ciproca stima e rispetto. Sullo stesso territorio sorge anche lIstituto tecnico professionale Comandini, altra tappa della visita.
Sempre in tema di scuola ed educazione
partita questanno lesperienza dellOratorio, una sorta di dopo-scuola parrocchiale
che si svolge nel pomeriggio. Una responsabile, insieme ad altri volontari, si prende
cura tutti i giorni, dalla 14,30 alle 18, di un
gruppo di bambini con bisogni di studio e
socializzazione. Questanno siamo partiti
con i bambini della scuola elementare, ma
pensiamo il prossimo anno di allargare
lesperienza anche a quelli delle medie.
Le innumerevoli attivit di SantEgidio si
concretizzano anche grazie alla disponibilit di innumerevoli ambienti parrocchiali,
alcuni interessati da recenti lavori di ristrutturazioni e miglioramento come le aule e i
saloni nel seminterrato della chiesa. Tra le
opere parrocchiali una citazione merita il
teatro Bogart mantenuto in efficienza e
messo a norma con necessari lavori di manutenzione. Coi suoi trecento posti il secondo teatro della citt come grandezza, inferiore solo al Bonci. Svolge una funzione di
svago, intrattenimento e ci permette di interessare la cittadinanza a spettacoli ludici e
culturali. Famosa la rassegna dialettale
che si svolge nel periodo febbraio-aprile.
Viene inoltre utilizzato da Ater Emilia Romagna e dal Teatro Ragazzi di Cesena. Attiguo alla chiesa, inoltre, il Circolo parrocchiale Rumagna, che funge da bar e gestisce
anche il campo da tennis parrocchiale, e nel
retro il grande parco la cui realizzazione si
deve a don Pino Zoffoli, unarea verde molto bella, con giochi per bambini. completa, curata, custodita. Un punto di riferimento per i genitori specialmente nella bella
stagione. un piacere vedere questa variet
di proposte e questa armonia di voci e suoni.
Michela Mosconi

CALENDARIO VISITA PASTORALE

SANTEGIDIO
da domenica 6 marzo
a domenica 20 marzo
Gioved 10 marzo
ore 9,30-12 Visita agli anziani nelle case
ore 15,30-18 Visita agli anziani nelle case
ore 20,45
Incontro Clan e Noviziato Scout
Venerd 11 marzo
ore 16,30 Incontro Gruppo Bibbia
Sabato 12 marzo
ore 15 Incontro bambini del catechismo
e catechiste
ore 21 Incontro gruppo Amori in corso
Domenica 13 marzo
ore 9
Incontro Branco e Lupetti Scout
ore 10 Incontro Reparto Capi Scout
ore 11 Messa e Festa Famiglia
ore 20,45 Incontro gruppo Giovani
Luned 14 marzo
ore 10,15 Visita azienda Grillo
ore 11
Visita scuola media Anna Frank
ore 20,45 Corso biblico
Marted 15 marzo
ore 9,30 Visita istituto professionale Comandini
ore 15 Gruppo Simeone e Anna
ore 16 Oratorio
ore 20,45 Coro
Mercoled 16 marzo
ore 9-12 Udienze con singoli parrocchiani
Gioved 17 marzo
ore 9,30 Visita scuola elementare Munari
ore 11 Visita azienda La Cesenate
ore 12 Incontro con preti e diaconi
ore 16,30 Ministri straordinari Eucaristia, Cvs
ore 20,45 Incontro comunit capi scout
Sabato 19 marzo, San Giuseppe
ore 10 Visita casa accoglienza Luciano Gentili
ore 15 Acr, educatori
ore 16 Gruppo Thre Rivers
ore 18 Gruppi famiglia
ore 19,30 Focarina di San Giuseppe
Domenica 20 marzo, chiusura Visita pastorale
ore 8 Messa
ore 10 Processione e Messa solenne

Vita della Chiesa

Gioved 10 marzo 2016

La domenica del Papa. Il commento allAngelus di Francesco, di domenica 6 marzo

iceve i peccatori e
il grande dono della
mangia con loro:
libert. Sta a noi farne un
cos parlavano
buon uso. Questo dono
scribi e farisei
della libert che Dio ci d
vedendo che pubblicani e
mi stupisce sempre. Ma
peccatori si avvicinavano a
solo distacco fisico, il
Ges. Scandalo per i
padre lo porta sempre nel
benpensanti; buona notizia
cuore; attende fiducioso il
se, come ricorda Francesco,
suo ritorno; scruta la
ci sentiamo tutti peccatori.
strada nella speranza di
S perch le tre parabole, la
vederlo. Quando lo vede
pecora smarrita, la moneta
in lontananza, si
perduta e il figliol prodigo,
commuove e gli corre
forse, dovremmo dire il
incontro, lo abbraccia, lo
FOTO ARCHIVIO SIR
padre misericordioso, ci
bacia. Quanta tenerezza.
mettono di fronte una
La stessa accoglienza
verit: il Signore non
riserva al figlio maggiore:
abbandona, e sempre
il padre esce incontro
pronto ad accogliere.
anche a questo figlio e gli
Il brano del figliol prodigo
ricorda che loro sono stati
che torna alla casa del
sempre insieme, hanno
padre e chiede di essere
tutto in comune.
trattato come uno dei tanti
Commenta Francesco:
perdonare, accogliere, abbracciare e amare tutti i suoi figli
salariati, forse il testo
quando uno si sente
dove meglio si evidenzia la
peccatore si sente
misericordia del padre, dramma
figlio era ancora lontano, il padre lo
festeggia il ritorno di chi si era
davvero poca cosa allora il
profondo tra lamore del genitore e la
vide, ebbe compassione, gli corse
allontanato, ma non si dimentica chi
momento di andare dal Padre. Cos
prodigalit e il peccato del figlio.
incontro, gli si gett al collo e lo baci. rimasto accanto. Forse siamo un po
quando uno si sente giusto
Questi che riceve dal padre la
E chiede che si ammazzi il vitello pi
tutti figli maggiori in questa stagione
ugualmente il Padre viene a cercarci,
porzione di patrimonio che gli spetta e grasso. Ma c anche una terza
della vita; crediamo che abbiamo
perch quellatteggiamento di sentirsi
lascia la casa per sperperarla in un
persona: il fratello maggiore. Questi
diritti, se cos possiamo dire, che non
giusto un atteggiamento cattivo: la
paese lontano vivendo da dissoluto,
non ci sta, si sente in un certo senso
possono essere ignorati.
superbia. Il padre ci ama oltre ogni
in un certo senso luomo di tutti i
defraudato, e dice: da tanti anni ti
Il racconto di Luca, afferma papa
misura, aspetta sempre la nostra
tempi, scrive san Giovanni Paolo II
servo, ma non mi hai dato nemmeno
Francesco, ci dice che il padre
conversione ogni volta che sbagliamo;
nella Dives in misericordia. La
un capretto per festeggiare con gli
sempre pronto a perdonare e che
attende il nostro ritorno quando ci
parabola, si legge ancora
amici.
spera contro ogni speranza. Ci che
allontaniamo da lui pensando di
nellenciclica, tocca indirettamente
Prima immagine il servo, il servire. Il
colpisce anzitutto la sua tolleranza
poterne fare a meno; sempre pronto
ogni rottura dellalleanza damore,
figlio maggiore non ha mai
dinanzi alla scelta del figlio di lasciare
ad aprirci le sue braccia qualunque
ogni perdita della grazia, ogni
abbandonato il padre e ritiene di
la casa paterna: avrebbe potuto
cosa sia successa. Nella parabola,
peccato. Il patrimonio un bene
essere maggiormente ricompensato
opporsi, sapendolo ancora immaturo,
afferma papa Wojtyla nella sua
materiale, ricorda ancora papa
proprio in base a quanto ha fatto nella
un giovane ragazzo, o cercare qualche
enciclica, diviene palese che lamore
Wojtyla, ma pi importante di questi
casa del padre. Laltro, il minore, in
avvocato per non dargli leredit,
si trasforma in misericordia quando
beni era la sua dignit di figlio nella
un qualche modo il lontano, colui che
essendo ancora vivo. Invece gli
occorre oltrepassare la precisa norma
casa paterna.
torna e che vede nel volto di Dio il
permette di partire. Cos agisce Dio
della giustizia: precisa e troppo spesso
Luca usa poche parole per descrivere
padrone. Ma ecco che il padre rifiuta le con noi: ci lascia liberi, anche di
stretta.
la misericordia del padre: quando il
due immagini: nessuno servo. Si
sbagliare, perch creandoci ci ha fatto
Fabio Zavattaro

Il padre sa aspettare...

10

Vita della Chiesa

Gioved 10 marzo 2016

A Matera il convegno dellUnione cattolica della stampa italiana

Ucsi, la prima volta


di una presidente
al femminile
V

ania De Luca, giornalista vaticanista


di Rainews24, la nuova presidente
dellUnione cattolica stampa italiana
(Ucsi), eletta ad ampia maggioranza dai delegati giunti da tutta Italia a Matera per il
19esimo Congresso nazionale, svoltosi dal
3 al 6 marzo.
Vania De Luca, che succede ad Andrea Melodia, la prima donna presidente dellUcsi in quasi sessantanni di storia dellassociazione.
Dal Congresso nazionale torna con grande
soddisfazione e rinnovato impegno lUcsi
Emilia Romagna, presente a Matera con il

Nuove canonizzazioni
Concistoro pubblico
Madre Teresa di Calcutta
presto santa
apa Francesco presieder marted 15
alle 10, nella Sala del Concistoro
Pdelmarzo
Palazzo apostolico vaticano, la

presidente regionale Matteo


Billi, il consulente ecclesiastico don Marco
Baroncini e una delegazione composta in
tutto da nove giornalisti.
Gli eletti emiliano romagnoli - Francesco
Rossi e Gabriella Zucchi, entrambi di Bologna, rispettivamente redattore dellAgenzia
Sir e capo ufficio stampa del Centro editoriale dehoniano - sono stati eletti tra i 15
membri che compongono il consiglio nazionale. Ad Alberto Lazzarini, presidente
Ucsi Ferrara, direttore del mensile Il Centone e presidente commissione cultura del-

lOrdine dei giornalisti, stato invece affidato lincarico di tesoriere nazionale. Infine Roberto Zalambani, romagnolo di nascita e bolognese dadozione, segretario generale Unaga-Fnsi e consigliere nazionale dellOrdine dei giornalisti, stato scelto tra i
membri del collegio dei Revisori dei conti.

celebrazione dellOra Terza e il Concistoro


ordinario pubblico per la canonizzazione
dei beati: Giuseppe Snchez del Ro;
Stanislao di Ges Maria (al secolo:
Giovanni Papczynski); Giuseppe Gabriele
del Rosario Brochero; Maria Elisabetta
Hesselblad; Teresa di Calcutta (al secolo:
Agnese Gonxha Bojaxhiu).

Nella foto, da sinistra: don Marco Baroncini, Roberto Zalambani, Guido Mocellin, Alberto Lazzarini, Matteo Billi, Francesco Rossi, Gabriella Zucchi.

Attacco terrorista contro un convento in Yemen. Morti anche 11 collaboratori

Uccise quattro suore


di madre Teresa di Calcutta
U

ccise quattro suore e alcuni loro collaboratori:


questo il bilancio dellattacco terrorista di
sabato 5 marzo ad Aden, nello Yemen, al
convento della congregazione fondata da madre
Teresa di Calcutta.
Ne d notizia lagenzia Fides e rilanciata
dallagenzia Sir. Le quattro suore Missionarie della
Carit - riporta Fides - sono state trucidate da un
commando di uomini armati.
Lo confermano fonti del Vicariato apostolico
dellArabia meridionale. Oltre alle suore,
sono rimasti uccisi anche lautista e almeno due
altri collaboratori etiopi della comunit,
mentre scampata alla morte la superiora del
convento. Sono tutti vivi gli anziani e i disabili
ospitati presso la comunit, mentre per ora
non si hanno notizie del sacerdote salesiano
indiano Tom Uzhunnalil, che risiedeva
presso il convento delle suore, dopo che la chiesa
della Sacra Famiglia ad Aden era stata
saccheggiata e data alle fiamme da uomini armati
non identificati, lo scorso settembre.
Due delle suore uccise - spiega lagenzia di
stampa - erano ruandesi, una era indiana e la
quarta veniva del Kenya. Al momento, la superiora
del convento sta fornendo informazioni alla
polizia, che tiene in custodia i corpi delle povere
suore e delle altre vittime. Secondo Fides non si

hanno notizie sulla matrice dellaggressione


terroristica, ma noto che nella citt portuale
yemenita riconquistata mesi fa dalle forze fedeli al
presidente Abdel Rabbo Mansour Hadi, in lotta con
ribelli houthi, sono radicati gruppi legati alla rete di
al Qaida.
Pubblichiamo anche stralci dal telegramma di
cordoglio di papa Francesco per luccisione delle
quattro suore Missionarie della Carit e di altri
dodici ospiti in una casa per anziani a Aden.
Nel testo, a firma del segretario di Stato,
cardinale Pietro Parolin, il Pontefice si dice
scioccato e profondamente rattristato
nellapprendere la notizia e assicura preghiere
per le vittime e vicinanza spirituale alle loro
famiglie e a tutti i colpiti da questo atto
di violenza insensata e diabolica.
Papa Francesco prega affinch questo massacro
senza senso possa risvegliare le coscienze, portare

a una conversione del cuore e ispirare tutte le parti


a deporre le armi e a intraprendere la via del
dialogo. In nome di Dio - si legge nel testo -, il Papa
invita tutte le parti coinvolte nel presente conflitto
a rinunciare alla violenza e a rinnovare il loro
impegno per il popolo dello Yemen,
in particolare quelli pi bisognosi,
che le religiose e i loro cooperanti hanno
cercato di servire. Il Santo Padre invoca la
benedizione di Dio su tutti coloro che soffrono
questa violenza, e in modo speciale estende alle
Missionarie della Carit la sua vicinanza spirituale
e di solidariet.
Infine, una nota stonata: non solo la grande
stampa non ha riportato la notizia in prima
pagina, ma, come ha scritto marted scorso dal
quotidiano Avvenire, neanche una breve di
cronaca per ricordare le suore massacrate.
Quando si dice dello strabismo dei mass media...

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc)


tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141
e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura
chiavi in mano Impianti:
PETROLCHIMICI
AGROALIMENTARI
ECOLOGIA
DEPURAZIONE
ACQUEDOTTI
METANODOTTI
in ITALIA... nel MONDO

Attualit

Gioved 10 marzo 2016

11

Concerto

Libia

Uccisi due dei quattro italiani


rapiti in luglio
Due italiani uccisi in Libia. Due liberati
un paio di giorni dopo. questo il triste
bilancio del rapimento avvenuto il 20
luglio dello scorso anno. Salvatore
Failla, di Carlentini in provincia di
Siracusa, e Fausto Piano di Capoterra
(Cagliari) sono stati uccisi mercoled 2
marzo. Venerd 4 marzo sono stati

liberati gli altri due ostaggi che ancora non sapevano


della morte dei loro colleghi. Si tratta di Gino Pollicardo
di Monterosso in provincia di La Spezia e Filippo
Calcagno di Piazza Armerina in provincia di Enna. Tutti e
quattro gli italiani erano nel Paese africano per conto
della ditta Bonatti che l opera in un complesso dellEni,
a Mellitah, nella zona ovest della Libia. Sullo
svolgimento del rapimento, delle trattative,
delluccisione e della liberazione degli ostaggi italiani
restano ancora molti dubbi. Dubbi che le autorit
italiane stanno cercando di chiarire.

Per il Giappone dal Vaticano


a cinque anni dallo tsunami
Gioved 10 marzo alle 21, la basilica di San
Paolo fuori le mura a Roma ospita il concerto
Requiem di Mozart per il Giappone dal
Vaticano, progetto organizzato dal Comitato
esecutivo giapponese e patrocinato
dallAmbasciata del Giappone presso la Santa
Sede, in occasione del quinto anniversario dello
tsunami che nel 2011 ha devastato il Giappone

orientale. Protagonisti di questo dialogo interreligioso


che affida alla musica il suo messaggio di solidariet,
lorchestra sinfonica G. Rossini di Pesaro, diretta da
Daniele Agiman, e il coro San Carlo di Pesaro, diretto
da Salvatore Francavilla, a cui si aggiunge lHills Road
Chorus Tokyo, una formazione di settantacinque
elementi provenienti dal Sol Levante. Il concerto, a
ingresso gratuito, organizzato in collaborazione con
Digital Records, Incontri Mediterranei, Edizioni Musicali
Wicky, Scuola cattolica di Sendai Shyraiuri, Dogs Inc,
Emmenta co. Japan.

Lomicidio di Roma
Dove porta la ricerca
di emozioni forti
Volevamo uccidere qualcuno solo per vedere che effetto
fa". quanto Manuel Foffo, ha raccontato al giudice
in relazione allomicidio di Luca Varani,
avvenuto a Roma con modalit troppo crudeli
nel corso di un festino a base di droga e alcol

o, proprio no: sembra che non ci siano parole per esprimere leffetto
che questa notizia suscita. I commenti sui social oscillano tra la
rabbia urlata e volgare e la disperazione dellinsensatezza: insulti,
parolacce, voglia di vendetta, stupore, dolore, maledizioni, senso di resa,
violenza.
"Volevamo uccidere qualcuno solo per vedere che effetto fa".
quanto Manuel Foffo, ha raccontato al giudice in relazione allomicidio
di Luca Varani, avvenuto a Roma con modalit troppo crudeli nel corso di
un festino a base di droga e alcol.
"Eravamo usciti in macchina la sera prima - ha detto - sperando di
incontrare qualcuno. Poi abbiamo pensato a Varani che il mio amico
conosceva".
Sensation seeking: ricerca di emozioni forti. Questa potrebbe essere la
risposta dello psichiatra. S, lo so, non basta al popolo vorace del social e
allimpazzimento mediatico che la notizia suscita. Eppure la ricerca di
emozioni forti la stessa che ha prodotto vittime nelle cosiddette "sfide

La risposta dello psichiatra


che potrebbe trattarsi di sensation seeking,
ovvero di ricerca di emozioni forti.
Molto diffusa fra i giovani di oggi.
Non bisogna cedere alla disumanit
spettacolarizzando levento.
Cercare briciole di umanit
per ripartire

il Periscopio

non cedendo a unaltra forma di


emotivismo che fa dellorrido e delle
sensazioni che lorrido suscita un
ulteriore stimolo alla ricerca di
emozioni forti? Temo purtroppo che sia
una richiesta eccessiva: assisteremo
allorrorificio mediatico e al circo delle
interviste senza piet e delle
ricostruzioni suggestive.
Un invito: laccaduto sembra disumano,
e sicuramente lo . Per uccidere cos
occorre spogliare la vittima della sua
umanit, considerarla un oggetto
disponibile a soddisfare impulsi e
desideri inconfessabili. Tuttavia in ogni
storia c quel briciolo di umano da cui
ricominciare. Linvito questo:
ricominciare da quel briciolo. E c un
solo modo: tacere. Il silenzio consentir
a quella briciola di umanit, deposta
nelle mani di persone disponibili ad
aiutarla, a crescere. Trasformare la
vicenda in un ulteriore spettacolo
significa completare lopera di
disumanizzazione. Ecco, non ci sono
parole, ma solo il silenzio e loperosit
nascosta di chi vorr aiutare Manuel, il
suo amico e tanti altri come loro,
sprofondati nellabisso della ricerca di
emozioni forti, per evitare che accada
ancora.
Tonino Cantelmi

di Zeta

Si svolta venerd 4 marzo la camminata di 80 chilometri


per collegare le quattro Porte Sante presenti in Diocesi

Un giorno intero a piedi, per il Signore

alla morte" che la societ sembra voler


ignorare. Ricordate quei ragazzi dei
cavalcavia, che gettavano sassi assassini
sulle macchine che sfrecciavano in
autostrada? Oppure quei giovani che si
stendevano sui binari sfidandosi a chi si
sarebbe alzato per ultimo al passaggio
del treno e a volte troppo tardi? O
ancora le sfide alla morte delle corse
contro mano che in alcune notti
segnano le nostre citt? Anche queste
sono ricerche estreme di emozioni forti.
S, poi c il popolo dei sensation seekers
che si accontentano di sballi artificiali,
di sesso estremo, di pugni a caso su
passanti ignari, il famigerato knockout
game, e anche in tutti questi casi
ricordiamo vittime pi o meno
innocenti.
Ma siamo sicuri che Manuel e il suo
amico, cercatori di emozioni, e i tanti
altri sensation seekers non siano in
qualche modo essi stessi vittime di una
societ che sta eleggendo lemotivismo,
la soddisfazione immediata di ogni
bisogno, la tirannia del desiderio e il
narcisismo esasperato come modo di
essere privilegiato?
Sarebbe troppo chiedere di non
sacrificare sullaltare della insaziabile
spettacolarizzazione mediatica ci che
rimane di umano in questa vicenda,

ono partiti con la benedizione del vescovo Douglas. Venerd scorso, alle 7 davanti
alla Cattedrale di Cesena, si riunito un gruppone di oltre 50 persone. Tanti gli
appassionati che si sono dati appuntamento per la 24 ore per il Signore da
percorrere in 80 chilometri a piedi per collegare le quattro Porte Sante della nostra
Diocesi.
La proposta partita da Gilberto Graffieti e dal suo gruppo dei Mamo camminando,
esperti podisti che gi si sono cimentati in passato in imprese di non poco conto, come
il Cammino di San Vicinio e quello molto pi famoso e pi lungo di Santiago de Compostela. Mai nessuno per ha percorso 80 chilometri in un solo giorno, soprattutto in
un anno giubilare.
Lidea, partita qualche settimana fa dalle pagine del nostro giornale, ha preso lavvio
con una preghiera davanti al Duomo, guidata da monsignor Regattieri. Ci sono in citt
anche le telecamere di Tv2000, a dimostrazione di un evento non proprio comune.
Si sale subito verso il Monte, laltra Porta Santa cesenate. Poi ci si avvia verso le colline
per raggiungere il santuario del santissimo Crocifisso di Longiano. Qui i frati regalano
unaccoglienza molto calorosa, sia in chiesa sia nei loro locali dove hanno preparato la
colazione.
Il cammino prosegue con numerosi saliscendi. La giornata bellissima, dopo una vigilia da inverno pieno. difficile tenere un passo uguale per tutti. Landatura resa com-

DUOMO DI CESENA, VENERD 4 MARZO: IL


VESCOVO DOUGLAS BENEDICE IL GRUPPO
DEI PARTECIPANTI ALLA CAMMINATA 80
CHILOMETRI ATTRAVERSO LE 4 PORTE SANTE
DELLA DIOCESI (FOTO CRISTIANO RICIPUTI)
SUL SITO WWW.CORRIERECESENATE.IT
AMPIA FOTOGALLERY
E I VIDEO ANDATI IN ONDA SU TV2000

plicata anche dal fango e dalla neve,


sui sentieri pi alti verso Sogliano al
Rubicone e al passo dei meloni, vicino
alla sorgente dello storico fiume.
I chilometri per raggiungere Sarsina
sembrano pi del previsto. Qualcuno
si attarda, ma nella citt plautina arrivano tutti, anche se un po alla spicciolata. Qui nella Concattedrale in cui sono custoditi i resti del primo vescovo, il santo taumaturgo Vicinio invocato da
molti contro il demonio, prevista la Messa alle 20,30. I pellegrini-camminatori partecipano alla
celebrazione prima di riprendere il percorso che li riporta a Cesena. Immancabile il quarto timbro sulle credenziali, tipiche dei tragitti pi noti.
Diversi abbandonano, vista la grande fatica gi sostenuta. Io mi aggiungo assieme a un paio di
amici. Si sale verso Calbano e poi oltre fino allo scollinamento in direzione di Musella, nei pressi
del Monte di San Vicinio. Laria tersa, la serata limpidissima, il cielo stellato come nelle notti
destate, la compagnia in larga parte nuova. forse questo il dato pi bello, assieme al silenzio,
alla preghiera personale, al ritrovare se stessi nella fatica del cammino durante il quale non
manca mai il sostegno di un compagno di viaggio. (920)

12

Cesena

Gioved 10 marzo 2016

In Iraq

Bocciata lipotesi di un trasferimento

La Trevi a Mosul
per 273 milioni

Milano non piace


Macfrut sposa Rimini

acfrut resta a Rimini: lipotesi


di spostamento a Milano
stata bocciata dagli
espositori che giudicano
lattuale spazio adeguato e di grande
attrazione. Questo lesito del
"sondaggio" che Cesena Fiera ha
effettuato nelle ultime settimane verso
alcuni rappresentativi operatori della
filiera ortofrutticola in merito allipotesi
di ospitare ledizione 2017 di Macfrut a
Milano in occasione di Tuttofood. Preso
atto di ci, il consiglio di
amministrazione di Cesena Fiera ha
opzionato i padiglioni di Rimini Fiera
per le prossime tre edizioni di Macfrut,
lunica fiera del settore finanziata dal
Ministero dello Sviluppo Economico. In
sostanza, il percorso di Area Vasta della
Romagna si consolida ancor di pi.
Scrive il presidente di Cesena Fiera,
Renzo Piraccini, allindirizzo di Corrado
Perboni amministratore delegato di
Fiera Milano: "La proposta (di Macfrut
2017 a Milano, nda) non ha registrato il
gradimento di molti degli espositori
interpellati. In particolare quelli del
settore macchine e materiali sono

La Romagna
resta la culla
della fiera
dellortofrutta
leader in Italia
nettamente contrari, ma anche tra i
produttori il riscontro stato
prevalentemente negativo. La
preoccupazione comune quella che
Macfrut, nel contesto di una fiera
focalizzata sui prodotti come
Tuttofood, possa perdere la propria
caratteristica identit di fiera di filiera,
peculiarit che la caratterizza e che
rappresenta il grande valore alla base
della politica di rilancio della
manifestazione. Su questa ipotesi
inoltre non si ricompatterebbe la filiera,
ma si creerebbe una ulteriore frattura
tra i settori e tra gli espositori".
Il rischio quello di creare unulteriore
spaccatura in seno al settore
ortofrutticolo che ha trovato un punto

Neri nuovo presidente


di Confcooperative
Ha 54 anni ed di San Benedetto in Alpe. E presidente
della cooperativa Cta del settore forestale. Eletto anche il nuovo
Consiglio provinciale composto da 37 membri
Da destra, Neri e Gardini

Mauro Neri il nuovo presidente di


Confcooperative Forl-Cesena. E stato
eletto per acclamazione dai delegati al
congresso che si svolto venerd
pomeriggio a Castrocaro Terme.
Neri, 54 anni, padre di due figli, di San
Benedetto in Alpe. La sua storia di
cooperatore inizia oltre tre decenni fa,
quando diventa presidente della
cooperativa Cta che opera nellambito
ambiente e forestale.

di incontro proprio nel percorso di


rilancio e di internazionalizzazione di
Macfrut. Percorso ulteriormente
potenziato nelledizione 2016 che vedr
la presenza di un migliaio di buyer da
tutto il mondo.
"Gran parte degli operatori della filiera
sono convinti che il nostro Paese, il pi
importante produttore di ortofrutta
dEuropa, insieme alla Spagna, e leader
a livello mondiale nelle tecnologie e nel
packaging, debba avere una propria
fiera-vetrina in questo strategico
settore - spiega Piraccini -. La fiera
italiana dellortofrutta non pu che
essere Macfrut. Lindicazione in questa
direzione da parte degli operatori
molto chiara".

Mauro Neri stato vicepresidente di


Stefano Lazzarini come membro del suo
consiglio di presidenza e in precedenza
aveva partecipato al Consiglio di
presidenza del presidente Amedeo
Scozzoli. Una partecipazione che gli ha
consentito di vivere in prima persona
lorganizzazione, le sue sfide e il grande
lavoro di questi anni. Spero di essere
allaltezza dei miei predecessori, Stefano
Lazzarini e Amedeo Scozzoli. E un
impegno affascinante, ma molto
impegnativo, ma pensando alle persone
con cui mi trover a lavorare ad iniziare
dal direttore Mirco Coriaci, ho la certezza
di poter contare su una grande
collaborazione.
La mia vuole essere una presidenza di
continuit. Cercher di mettere a
disposizione la mia esperienza di
cooperatore, cercher di unire e non di
dividere.
Da questo territorio sono partiti il
presidente nazionale Maurizio Gardini e
il direttore regionale Pierlorenzo Rossi e
noi siamo fieri di questo. Vorrei

La Trevi di Cesena, specializzata in


fondazioni speciali e consolidamento
dei terreni, la scorsa settimana ha
rmato il contratto per la manutenzione
e messa in sicurezza della diga di Mosul
in Iraq. La predisposizione e la rma del
contratto, di un valore complessivo di
273 milioni di euro, avvenuta sotto la
supervisione del Ministero delle risorse
idriche iracheno (MWR).
Laggiudicazione fa seguito a una gara
internazionale emessa nello scorso
ottobre che ha seguito una procedura
durgenza per via della situazione critica
della diga.
"Questo contratto - affermano i vertici
dellazienda - conferma limportante
rapporto di stima che il Gruppo Trevi si
conquistato nel mondo grazie a una
consolidata esperienza in questo tipo di
opere specializzate e nellarea del Medio
Oriente. Nello specico, per questo
importante progetto prevista una
intensa attivit di perforazioni e
iniezioni di miscele cementizie per il
consolidamento delle fondazioni della
diga, oltre a lavori di riparazione e
manutenzione delle gallerie di scarico di
fondo della stessa, oggi danneggiate.
Con le prime mobilitazioni, inizieranno
anche corsi di specializzazione e
training di tecnici e personale locale per
lutilizzo di mezzi di perforazione
prodotti da SoilMec".
La presenza di un contingente militare
italiano e forze di sicurezza locali,
garantiranno la sicurezza degli oltre 450
tecnici e personale della Trevi.

concludere in questo momento


ricordando con grande affetto due
persone della cooperazione: Giuseppe
Maldini e don Dario Ciani che ci hanno
lasciato".
Il congresso ha eletto anche il Consiglio
provinciale, composto da 37 cooperatori
in rappresentanza di tutti i settori: Guido
Sassi, Pierluigi Vincenzi, Fiorenzo
Fioravanti, Paolo Pampanini, Pierangelo
Laghi, Realdo Mastini, Piovacari Paolo,
Francesco Marianini, Daniele Mambelli,
Carlo Alberto Miccoli Favoni, Stefano
Lazzarini, Enrico Prugnoli , Renzo
Bagnolini, Andrea Bassi, Anna Grazia
Giannini, Alessandro Gigliotti, Riccardo
Petrignani, Giorgia Rogante, Maria Giulia
Fellini, Maicol Mercuriali, Andrea Galli,
Giancarlo Babbi, Mauro Fabbretti,
Angelica Sansavini, Pamela Dellachiesa,
Davide Benini, Giuliano Galassi, Paola
Boattini, Maurizia Squarzi, Rosanna
Scalone, Mauro Marconi, Paolo
Dellacqua, Cristina Galinucci, Franca
Soglia, Christian Bartoletti, Cristina
Amadori, Lorenzo Paolucci.

Cesena

Gioved 10 marzo 2016

Calabrina
Larte
del cucito
prosegue
con amore

13

Le "Fettucce" di Calabrina continuano a coltivare larte


del cucito creativo con le "Gugliatine". Anche
questanno terminato con successo il corso di cucito
creativo in previsione della Pasqua. Il corso stato
avviato sempre da alcune signore della parrocchia San
Marco Evangelista di Calabrina di Cesena, "Le
Fettucce", assieme a un gruppo di fedelissime bambine
di 8/9 anni chiamate le "Gugliatine" imparano ogni
anno sempre di pi la bella arte del cucito. Nella foto,
il ritrovo finale durante il quale le ragazzine mostrano
orgogliose le loro creazioni.

San Vittore

La petizione di tre donne del cesenate

Non inquiniamo la famiglia

Guardia pediatrica
chiesta dalle mamme

La zona pastorale Valle Savio - Dismano


organizza, per gioved 10 marzo, un
incontro dal titolo Non inquiniamo la
famiglia. Interverr lavvocato Simone
Pillon, fondatore del Comitato Difendiamo i
nostri figli che parler di unioni civili,
gender e del futuro della societ.
Lappuntamento si terr alle 20,45 al teatro
Victor di San Vittore.

n poco pi di tre giorni ha


raggiunto oltre 500 firme. Le
mamme di Cesena sono scese in
campo e chiedono a gran voce
lattivazione di un servizio di guardia
medica pediatrica. Promotrici della
petizione sono tre mamme Alice
Papi di Cesena, Giuditta Barbieri di
Cesenatico e Micol Migani di
Gambettola. "Chiediamo che lAsl
accolga lappello delle mamme e che
istituisca la guardia medica
pediatrica. Crediamo che sia un
servizio necessario soprattutto nei
fine settimana e nei festivi. Ad oggi
non esiste e ogniqualvolta mamme e
bambini necessitano di assistenza
pediatrica devono rivolgersi alla
generica guardia medica oppure
mettersi in fila al pronto soccorso
per poi essere dirottati in reparto, in
attesa di essere presi in carico dal
medico di turno. Si chiede continuit
assistenziale per i propri figli. Quella
dei bambini una categoria di utenti
speciale che richiede il massimo
sforzo e, nel caso, servizi sanitari ad
hoc".

Richiesta allAsl
per il servizio medico
dedicato ai bambini
In tanti hanno
gi aderito online
Le tre mamme, che si sono
conosciute al corso preparto,
spronate anche dal fatto che a Forl e
a Ravenna sono nati altri gruppi per
richiedere lo stesso servizio, hanno
pensato di muoversi anche su
Cesena. "Abbiamo registrato subito
un ampio consenso. Crediamo che
sia una priorit e proprio per questo
abbiamo intenzione di allestire dei
banchetti di raccolta firme. Per il
momento possibile anche scaricare
dalla nostra pagina facebook
"Guardia medica pediatrica Cesena"
(che gi nelle prime 24 ore ha
raggiunto 1000 sostenitori) il modulo
pdf per la raccolta firme cartacea e le
relative date e luoghi in cui sar

Sabato 12 marzo

"Amici del Monte" in assemblea

possibile aderire alla petizione. Il 15


marzo a Ravenna lAsl si pronuncer
in merito al servizio e alle proposte
ad esso correlate. Incrociamo le
dita".
Per firmare la petizione collegarsi a:
https://www.change.org/p/auslcesena-guardia-medica-pediatricaa-cesena-rimediamo-a-questagrave-mancanza-di-servizio.
Barbara Baronio

A scuola si educa
al risparmio
Un particolare progetto didattico
sulleducazione al risparmio stato
sviluppato nelle classi 5 A e 5 B
della scuola primaria "Fiorita" di
Cesena grazie alla Bcc di Sala.
Nei giorni scorsi, sotto la supervisione
delle insegnanti Roberta Gasperoni,

Paola Battistini e Federica Mazzoli, i


40 alunni sono andati alla scoperta di
vari aspetti delleconomia,
esaminando ad esempio come nata
nel corso dei secoli la moneta, come si
trasformata lattivit della banca,
come confrontarsi con i moderni mezzi
di pagamento.
Presso laula magna della scuola, la
responsabile marketing della Bcc di
Sala, Michela Foschi, ha tenuto
unapprofondita lezione agli alunni
delle due classi, consegnando ad ogni

Tempo di assemblea per la "Societ Amici del


Monte" di Cesena. Il presidente Luciano Almerigi
invita i soci a partecipare allassemblea che si
terr sabato 12 marzo alle 16 nella sala Pio VII
dellAbbazia del Monte. Allordine del giorno, la
relazione del presidente e quella del segretario,
la programmazione delle attivit 2016,
discussione ed eventuali deliberazioni. Poi
elezione degli organi direttivi per il 2016-2018.

Universit terza et
Continuano gli incontri

Il prossimo appuntamento dellUte sar con lo


storico Maurizio Ridolfi su "Diario di Guerra di
Mussolini, soldato in grigioverde e leader del
Popolo dItalia (1915-1917)". Si terr alle
15,30 presso la Sala Fantini in via Renato
Serra 2. Marted 15 marzo (sala Vaienti Cisl)
alle 15,30 la dottoressa Valeria Zaccheroni
terr la conferenza su "La corretta
alimentazione nella terza et".

alunno materiale informativo adatto


alla loro giovane et. Gli scolari sono
apparsi da subito molto incuriositi
dalla storia delle banche e in
particolare da quella nata a Sala di
Cesenatico nel 1903. Sono cos state
varie le domande poste dai piccoli
studenti. Allincontro stato presente
anche il vice responsabile della filiale
Cesena Fiorita della Bcc di Sala,
Giorgio Magnani.

in collaborazione con

14

Cesena

Gioved 10 marzo 2016

Informatica
Itt: studenti
leader
a livello
nazionale

Si sono piazzati nella rosa dei migliori


studenti dItalia in Informatica.
Samuele Turci, Giacomo Aloisi,
Francesco Mistri, Simone Gazzoni e
Francesco Pretolani sono i 5
moschiettieri dellItt Blaise Pascal di
Cesena che luned scorso hanno
gareggiato nella nale nazionale delle
Olimpiadi di Informatica a squadre che
si tenuta a Bologna , portando a casa
il secondo posto. Gli studenti del Pascal
sono stati superati solo dalla squadra

del liceo di Cant che riuscita ad avere


la meglio nella risoluzione dei
problemi.
"Questanno le gare di classicazioni ci
hanno regalato grandi soddisfazioni spiegano le docenti Vanna Zabberoni e
Chiara Fusaroli che si sono occupate
anche degli allenamenti delle squadre . Abbiamo partecipato alle diverse
selezioni con 4 squadre del nostro
istituto e ben tre si sono classicate per
la prova nale del 29 febbraio. I ragazzi

8 marzo

Per il nuovo polo produttivo

Festa della donna


Eventi in citt

Orogel finanziata
dal credito cooperativo

ccrea Banca Impresa, la banca


corporate del Credito Cooperativo
(Gruppo bancario Iccrea), la
capofila di un pool di otto istituti
di credito (insieme a lei ci sono anche
sette Bcc) con cui stato finalizzato
un finanziamento nellambito dei
contratti di filiera e di distretto per il
settore agroalimentare.
Le altre Bcc coinvolte nel contratto
sono, oltre al Credito Cooperativo
Romagnolo - Bcc di Cesena e Gatteo,
con cui Iccrea Banca Impresa ha
avviato liniziativa sul territorio,
anche Banca di Forl Credito
Cooperativo, Bcc di Sala di
Cesenatico, Bcc Romagna Est, Banca
Malatestiana, Rimini Banca Credito
Cooperativo e Bcc Ravennate
Imolese.
Loperazione conclusa con la Orogel,
la prima azienda italiana nei surgelati
vegetali e la seconda nel "sottozero",
e con le sue aziende collegate
prevede un finanziamento di 42
milioni di euro destinato a
investimenti in strutture per la
logistica, macchinari e attrezzature

Capofila di una cordata


di otto istituti di
credito Icrrea Banca
impresa, da sempre
vicino alle istanze
del territorio
altamente innovative per il
consolidamento e sviluppo della
filiera ortofrutticola del "fresco" e del
"surgelato", nel polo di via Dismano.
Si tratta della seconda operazione di
questo tipo conclusa in Italia
nellambito dellultimo bando (il
terzo) promosso dal Ministero
dellagricoltura per i contratti di
filiera. Anche il primo finanziamento,
del 12 febbraio scorso (a favore
dellAssociazione frutticoltori estense
e le due societ collegate Alimenti
Naturali e Punto Frutta) aveva visto
Iccrea BancaImpresa nel ruolo di
banca capofila del pool di
finanziamento.

della nostra prima squadra si sono


impegnati tantissimo nella risoluzione
dei problemi che erano piuttosto
complicati e lunghi. Le altre due
squadre si sono piazzate nella parte
centrale della classica e anche questo
un ottimo risultato visto che si tratta
di una gara nazionale ".
Le gare sono costituite da problemi che
devono essere risolti e tradotti in un
linguaggio di programmazione (Pascal,
C o C++).

Complessivamente questo accordo di


filiera, oltre alle tre aziende
interessate dagli investimenti diretti,
avr ricadute su circa 1400 produttori
agricoli e oltre 15 regioni, e in termini
di prodotti agricoli impatter su un
volume di ortofrutta pari a circa
150.000 tonnellate. I contratti di
filiera sono sottoscritti tra i soggetti
della filiera agroalimentare e il
Ministero per la realizzazione di
investimenti a rilevanza nazionale
che, partendo dalla produzione
agricola, si sviluppano nei diversi
segmenti della filiera agroalimentare
basandosi su vincoli associativi e
statutari di conferimento.

Per l8 marzo torna puntuale una


riessione sul ruolo della donna. A
Cesena sono diverse le iniziative
promosse dal Forum Donne, con il
patrocinio del Comune di Cesena e
dellAsp Valle-Savio. Filo conduttore il
70 anniversario del diritto di voto alle
donne: era infatti il 1946 quando la
popolazione femminile andata alle
urne per la prima volta.
Il clou senzaltro liniziativa
istituzionale in programma sabato 12
marzo alle 10 nella sala del Consiglio
comunale dal titolo "Il voto alle donne
e la costruzione della Repubblica", a
cui parteciper la vice presidente del
Senato Valeria Fedeli. Con lei
interverranno la senatrice Mara
Valdinosi e la ricercatrice storica
dellUniversit di Bologna Giuliana
Bertagnoni.
Seguir domenica alle 17.30
nellauditorium di Palazzo Nadiani
lincontro "Donne che amano e sono
amate": viaggio musicale tra le gure
femminili nel melodramma. Il 18 marzo
alle 16 a Palazzo Nadiani la volta
dellincontro pubblico "Cittadinanza al
femminile - Dal voto alle donne al voto
per le donne". Entrambe le iniziative
sono curate da Fidapa, la Federazione
italiana donne arti professioni affari.
Il 19 marzo alle 17, sempre a Palazzo
Nadiani, il Laboratorio Donatello
rappresenter lo spettacolo "Antigone"
con la regia di Paola Rughi, a cura
dellassociazione Perledonne e Agor.
Fs

Confcommercio rilancia il marchio "Romagna"

San Mauro

Incontri sulla misericordia


A San Mauro in Valle proseguono gli incontri
dedicati alla Misericordia nella famiglia.
Venerd 11 marzo alle 21: "La Misericordia,
carezza di Dio nella famiglia". Seguir il 18
marzo: "La Misericordia , balsamo efficace
nelleducazione dei gli". A guidare le
riessioni saranno padre Francesco Giuliani, e
don Guido Rossi. Tutti gli appuntamenti si
svolgeranno nel salone parrocchiale.

Limprimatur del sottosegretario Gozi sul grande progetto del


marchio "Romagna", che sta sempre pi prendendo corpo. E stato
dato al Vox Populi promosso da Confcommercio cesenate a
Teleromagna a cui hanno preso parte Augusto Patrignani, presidente
dellUnione provinciale, il sottosegretario Sandro Gozi, Luigi
Angelini di Wellness Foundation, Teodoro Lonfernini, segretario di
Stato al Turismo della Repubblica di San Marino, Alessandro
Giorgetti, presidente regionale Federalberghi e Egisto DallAra,
presidente comprensorio cesenate degli albergatori di

Confcommercio. Gozi ha denito Patrignani "lideatore del brand


Romagna: siamo in buone mani e spero che il presidente della
Confcommercio abbia tutto il sostegno che deve avere, non solo
morale ma anche politico". Al sottosegretario piaciuta anche la
proposta del presidente Patrignani di valorizzare la valle dei laghi
dellAlto Savio. "Confcommercio fa bene a richiedere il rilancio del
lago di Quarto e dei laghi della Valsavio per rimarcare che il turismo
romagnolo non si esaurisce solo con lofferta marittima, ma ci sono
tante altre peculiarit da valorizzare".

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

Cesenatico

Gioved 10 marzo 2016

Iniziativa caldeggiata dalleurodeputato Damiano Zoffoli

Da Cesenatico un secco no
allutero in affitto

ronte comune di eurodeputati


contro lutero in affitto. Tra loro il
romagnolo Damiano Zoffoli, gi
sindaco di Cesenatico. Si tratta di
uniniziativa di nove parlamentari
europei del Pd (gruppo Alleanza
Progressista dei Socialisti e dei
Democratici), autori di una letteramonito ai loro colleghi dellAssemblea
parlamentare del Consiglio dEuropa
(Apce).
Assemblea, questultima, che pur

avendo sede a Strasburgo nulla ha a che


vedere con lUnione europea, essendo il
Consiglio dEuropa nato nel 1949 come
organizzazione internazionale
impegnata nella difesa dei diritti umani,
della democrazia e dello Stato di diritto.
Proprio questo uno dei punti cardine
delliniziativa, dato che gli eurodeputati
si rivolgono ai loro colleghi dellApce
auspicando "che lautorevole voce del
Consiglio dEuropa resti coerente con la
legge italiana e con la posizione espressa

dalla maggioranza del Parlamento


europeo, affermando chiaramente che
ogni forma di maternit surrogata debba
essere proibita, evitando di introdurre
pericolose distinzioni, attraverso la
presunta necessit di un inquadramento
regolamentare della pratica "non
commerciale", come, invece,
sembrerebbe raccomandare il progetto
di Relazione della senatrice De Sutter".
Il progetto di risoluzione e di
raccomandazione della belga Petra De
Sutter (Verdi) sar discusso in
commissione il 15 marzo e potrebbe
rompere quello che oggi un fronte
comune tra i diversi livelli istituzionali
europei, con pericolose concessioni. Pur
riconoscendo che "non esiste un diritto
al figlio", la relatrice raccomanderebbe
infatti di regolamentare il fenomeno
dove questa pratica autorizzata "a fini
altruistici".
Mentre il Parlamento europeo si gi
espresso in modo netto nel 2011 e nel
2015, prendendo posizione contro ogni
forma di maternit surrogata: "Siamo
convinti che un bambino - proseguono i
firmatari - non possa essere considerato
una cosa, un prodotto e che pertanto,
non possa assolutamente n essere
venduto n essere generato al solo fine
di essere donato".
Gli europarlamentari firmatari, oltre al
citato Zoffoli, sono Silvia Costa, Nicola
Danti, Isabella De Monte, Enrico
Gasbarra, Luigi Morgano, Patrizia Toia
(capodelegazione Pd al Parlamento
europeo), David Sassoli (ex
capodelegazione Pd), Flavio Zanonato.
MiB

E stata lanciata una petizione per promuovere un itinerario privilegiato

"SuperOtto", idee per il cicloturismo


Un nuovo percorso cicloturistico di 30
chilometri che coinvolge i Comuni di
Cesenatico, Gatteo, Savignano sul Rubicone, San Mauro Pascoli e Bellaria Igea
Marina.
Un itinerario enogastronomico e culturale oltrech sportivo, segnalato da
unapposita cartellonistica stradale che
guidi i turisti lungo un tragitto a forma
di otto che unisce il porto canale di Cesenatico, lo storico fiume Rubicone, il
ponte e la statua di Giulio Cesare, il castello di Gatteo, Casa Pascoli, Villa Torlonia, la casa Rossa di Panzini Bellaria
insieme alle aziende eno-gastronomiche, il distretto delle calzature, la casa
di Secondo Casadei, artigianato locale e
tanto altro.
questo il contenuto di una petizione
lanciata dal Consorzio Cesenatico Bellavita e GiroHotels ai Comuni di Cese-

natico, Gatteo, Savignano sul Rubicone,


San Mauro Pascoli e Bellaria-Igea Marina per la creazione dellitinerario cicloturistico battezzato SuperOtto (per via
della forma del percorso).
La proposta inizialmente lanciata a
questi Comuni ma il progetto in divenire e non si esclude di coinvolgere altri
Comuni.
Liniziativa avrebbe un potenziale turistico molto forte con benefici anche per
i residenti.
Da una parte i Comuni e le aziende dellentroterra potrebbero contare su un
afflusso continuo di cicloturisti dalla costa, dallaltra si consentirebbe di mettere in sicurezza alcuni tratti stradali molto frequentati anche dai ciclisti locali.
Tra le richieste contenute nella petizione oltre alla cartellonistica sono inserite anche aree a traffico ridotto e li-

mitato ai soli residenti in determinati


periodi e orari.
SuperOtto ha tra i vari obiettivi quello
di intercettare i turisti slow (coloro che
amano pedalare in un raggio breve) ma
pu rappresentare un percorso protetto anche per gli amanti delle lunghe distanze.
La raccolta firme sar aperta alladesione di altri consorzi locali, di tutte le societ sportive ciclo-turistiche e podistiche del territorio, associazioni di categoria, club service come Lions e Rotary,
Fondazioni del territorio, banche e associazioni culturali.
Il termine ultimo per la raccolta firme
fissato per il 31 marzo 2016.

15

Economia
Imprese, nl 2015
saldo negativo
Era nellaria, ma i numero forniti dalla
Camera di Commercio parlano chiaro:
nellarea Rubicone e Mare il bilancio tra
imprese aperte e chiuse nel 2015
peggiore del 2014.
In particolare nei nove comuni,
escludendo le imprese dellagricoltura,
nel 2015 hanno aperto 546 imprese
nuove, ma hanno chiuso 548 soggetti,
con un saldo negativo di -2, quindi di
sostanziale pareggio. Ricordiamo che,
nel 2014, le cose erano andate meglio,
dopo alcuni anni di sofferenza piena,
con un saldo di +34 e una lieve difficolt
per le imprese iscritte allalbo
artigiano.
Certo, la situazione non uguale tra
tutti i comuni e tra tutti i settori. Tra gli
estremi troviamo Longiano (-10), San
Mauro Pascoli (-7) da un lato e
Gambettola (+9) e Roncofreddo (+8)
dallaltro. Sostanziale stabilit per gli
altri comuni. Anzi, a onor del vero, i due
comuni pi grandi nel biennio hanno
registrato una tendenza positiva:
Savignano (+17) e Cesenatico (+22),
insieme con Gambettola, hanno
trainato il territorio.
Nei settori i numeri confermano quanto
ormai noto. A trainare verso il basso il
saldo imprese sempre il settore
delledilizia, in cui le chiusure superano
abbondantemente le aperture e qualche
segnale negativo dato anche dal
settore del commercio e alberghiero.
Preoccupante se pensiamo che questa
area vive molto di turismo.
I dati confermano che la lotta che
portiamo avanti da anni sottolinea
Marco Gasperini, presidente di Cna Est
Romagna a sostegno delle neo
imprenditoria, ampiamente motivata.
Leconomia, la cultura e il benessere del
nostro territorio vivono sulla piccola
impresa. Se si depaupera il sistema
imprenditoriale, diventa difficile
lavorare anche per le imprese che sono
gi attive. Noi come Cna cerchiamo di
coinvolgere e mettere in rete diversi
soggetti per sostenere le imprese.
Grazie alla collaborazione con la Cassa
di Risparmio di Ravenna, abbiamo due
milioni di euro per credito a tasso
agevolato per imprese aperte negli
ultimi tre anni, con nanziamenti no a
30.000 euro. Inoltre collaboriamo con
Assicoop-UnipolSai, che offre prodotti
dedicati allavvio dimpresa, con sconti
no al 50 per cento e rateizzazione dei
premi (no a 2.500 euro) con rate
mensili a tasso zero.
In questi ultimi due anni prosegue
Marco Lucchi, responsabile di Cna Est
Romagna abbiamo inoltre convinto
alcuni comuni a investire sulle neo
imprese. Gambettola, Savignano e
Longiano su tutti. Altre amministrazioni
si sono dimostrate un po meno
sensibili, ma noi siamo pi che
disponibili a riprendere il discorso".

16

Gioved 10 marzo 2016

Valle del Rubicone

Gambettola, domenica 13 assemblea Avis

Un super donatore
con 130 sacche di sangue
onare cultura". E lo
Mauro Galassi ricever lencomio
slogan scelto dallAvis
pi prestigioso. Con lui saranno
a livello nazionale per
promuovere e
premiati altri volontari per la
incentivare le donazioni di sangue,
costanza e la fedelt allimpegno
che la sezione comunale di
Gambettola presenter nel corso
preso verso il prossimo
dellannuale assemblea dei soci
donatori, in programma domenica
13 marzo dalle 10, nella sala
questo periodo, prima di tornare a donare, occorre
conferenze del centro "Fellini" in corso Mazzini.
fare le analisi del sangue".
"Donare sangue, oltre ad aiutare a salvare delle vite,
Il programma dellassemblea, a cui interverr la
deve entrare a far parte del bagaglio culturale di
dottoressa Paola Pieri, avr come preludio la Messa
ciascuna persona - precisa il presidente della
alle 8,30 nella chiesa parrocchiale a suffragio dei
sezione comunale gambettolese Enzo Sbrighi -. E
donatori defunti.
quanto stiamo cercando di fare a Gambettola,
nonostante non abbiamo raggiunto lobiettivo che ci A proposito delle premiazioni, da questanno
Gambettola avr un nuovo "super donatore": Mauro
eravamo prefissati lo scorso anno: quello delle 500
Galassi ne ha fatte 130 e sar premiato con la
donazioni. Confrontando i dati, le donazioni nel
massima onorificenza, la "Croce doro con
2015 sono state 496: 478 nel 2014: +10 di sangue
diamante".
intero, +6 di plasma e +2 di piastrine. I donatori
In precedenza questo traguardo era stato raggiunto
effettivi sono passati da 292 a 242 nonostante 17
da Enzo Sbrighi (127).
siano "nuovi". Donare sangue, in assoluta sicurezza,
Questo lelenco dei premiati oltre a Galassi: Daniele
deve partire proprio dal donatore. Per questo
Ferracuti (Croce doro con smeraldo, 100 donazioni);
motivo, anche a livello locale, stato deciso di
Ettore Fabbri (distintivo doro con rubino, 75
sospendere dalle donazioni per sei mesi, in maniera
donazioni); Marco Baldini, Ivana Bertozzi, Andrea
preventiva, coloro che hanno effettuato viaggi in
Calisesi e Davide Ventrucci (medaglia doro, 50
continenti e nazioni ad alto rischio infettivo. Passato

"D

donazioni); Francesca Agostini, Matteo Bacchi,


Elena Calisesi, Raffaele Maria DAltri, Eric
Domenichini, Marco Golinucci, Katia Maroni e
Gabriele Pedrelli (medaglia dargento dorato, 24
donazioni); Valerio Bonavita, Matteo Ioli, Lorenzo
Lontani, Alessandra Mancini, Cesarina Pasolini,
Tarcisio Pollini, Luca Selighini e Michela Teodorani
(medaglia dargento, 16 donazioni); Jessica Canfora,
Massimiliano Cantalupo, Silvia Cardarelli, Matteo
Consani, Luca Delvecchio, Alessandro Falsi, Denise
Forti, Marco Lombardi, Marcello Magnani, Gianni
Novelli, Dario Pavllo, Matteo Pier Antoni, Marco
Rossi, Vincenzo Russo, Romina Sampaoli, Marcello
Scarponi e Jader Zani (medaglia in rame, 8
donazioni).
Al termine dei lavori dellassemblea seguir il
pranzo sociale in un ristorante della zona.
Piero Spinosi

Longiano Voluta dalla fondazione Balestra, rimarr visitabile fino al 10 luglio

In mostra le opere dellartista giapponese Azuma


Tanta gente domenica 6 marzo allinaugurazione della mostra "Omaggio a Kengiro Azuma" alla fondazione "Tito Balestra" di Longiano.
Le opere esposte, nellex-chiesa Madonna di Loreto, vicino al castello
Malatestiano, si concentrano sulla
recente produzione lucana dellarista giapponese (classe 1926).
Si possono ammirare 28 incisioni, 14
disegni, 24 terrecotte, 6 maioliche e 3
forme di pane.
Per lo storico dellarte Giuseppe Appella, curatore della mostra, "larte di
Azuma nasce dalla ricerca del mistero della vita, dal tentativo di rendere
visibile linvisibile, attraverso piccoli
e semplici segni".
Dice di s Azuma, presente allinaugurazione: "Sono nato a Yamagata, in

Gambettola| I battezzati del 2015

Giappone, nel 1926. Ho frequentato


lAccademia militare. Allo scoppio
della seconda guerra mondiale sono
partito come pilota. Al termine del
conflitto perso dal Giappone ho vissuto un periodo di disorientamento.
Mi sono rifugiato nellarte in cerca di
serenit.
Vengo da una famiglia di artigiani del
bronzo. Mi sono laureato in scultura
alluniversit di Tokyo. Nel 1956, grazie a una borsa di studio, mi sono trasferito in Italia. Ho frequentato lAccademia di belle arti di Brera a Milano.
Sono stato prima allievo poi assistente di Marino Marini. Ero bravo a
copiare le opere del mio maestro.
Marini mi diceva di non dimenticarmi della mia identit giapponese.

Grazie a questo consiglio ho iniziato


a trovare la mia strada, affiancando
larte Zen dellOriente alla cultura occidentale. A 90 anni la mia ricerca
non ancora finita. La curiosit ancora tanta".
"La vita - dice Azuma - un mistero.
Abbiamo davanti a noi infinite possibilit. A formarci sono tanto le esperienze positive quanto quelle negative. Gli opposti convivono. La mia
scultura fatta di pieni e di vuoti.
Senza gli uni, gli altri non esistono.
Limportante trovare un equilibrio".
Lesposizione, realizzata in collaborazione con il Museo internazionale
della grafica di Castronuovo di SantAndrea (Potenza), rimarr aperta fino al prossimo 10 luglio.
Matteo Venturi

Savignano | Cittadini sempre pi attivi

Foto Mario Gambettola

A conclusione del mese dedicato alla famiglia organizzato dalla parrocchia di


Gambettola, si svolta domenica 6 marzo, nel Santuario della Madonna Consolata, la
Festa dei battezzati nellanno 2015. Nello scorso anno sono stati 28 i battezzati. In 14
hanno risposto allinvito. Poi per indisponibilit di varia natura, erano presenti solo:
Alessio Arcioni, Iliana Carigi, Edoardo Franchini,Tommaso Magnani, Marco Raggini,
Sebastian Sbrighi e Margherita Zani. (PS)

Per tutto il mese di marzo possibile iscriversi allAlbo di cittadinanza attiva, dichiarando
la propria disponibilit adare una manoper piccoli servizi come sfalcio e pulizia di
aiuole e parchi, pulizia di strade e marciapiedi, piccole manutenzioni a scuole, impianti
sportivi, centri civici, aree di gioco per bambini.A livello informale, in questi mesi - dice
lassessore allAmbiente Natascia Bertozzi - abbiamo raccolto la disponibilit di molti
cittadini volenterosi che si propongono per piccoli interventi.

Valle del Savio

Gioved 10 marzo 2016

Venerd 11 marzo una delle celebrazioni pi sentite della valle

Il Perdono a Bagno di Romagna


Venerd 11 marzo, secondo venerd del
mese, a Bagno di Romagna si celebra la
Festa del Perdono, sicuramente la pi
sentita e partecipata ricorrenza religiosa dei bagnesi.
La concelebrazione delle 11,15 sar presieduta dal vescovo monsignor Douglas
Regattieri e animata dalla Corale parrocchiale di Santa Maria Assunta.
Alle 16,30 si svolger la processione per
le strade del paese col Crocifisso "del
Perdono" accompagnata dalla Banda
Santa Cecilia; seguir la celebrazione
della Messa.
Venerd sono previste celebrazioni anche alle 7, 8, 9 e alle 10.
Durante tutta la settimana si tengono
incontri e visite agli ammalati, ai ragazzi delle scuole, agli anziani.
La Festa si concluder domenica 13 con
la celebrazione della Messa alle 11,15

celebrata dal vicario generale monsignor Pier Giulio Diaco. Alle 17 sar recitato il rosario, seguito dalla Messa; alle
19 rito del bacio al santissimo Crocifisso.
Al centro del culto vi il sacramento
della penitenza, che poi si declina con
la devozione al crocifisso "del Perdono", unopera in legno policromo realizzata attorno al 1460, il cui ritrovamento sarebbe anticamente avvenuto
lungo le rive del Savio.
I fedeli godono dellindulto e dellindulgenza anche nelle giornate di sabato 12 e alla domenica 13, mentre fino
allanno scorso erano concessi solo il 2
venerd di marzo.
Nella tradizione bagnese della Festa del
Perdono, inoltre, sulle tavole non pu
mancare il piatto di baccal.
Alberto Merendi

A Sarsina il 13 e il 20 marzo torna la dolcezza di un prodotto artigianale


Foto Claudio Pagliarani

Due domeniche di festa


con la sagra della pagnotta

ue chili di farina di grano, uno di


pasta lievitata, sette etti di
zucchero, un etto e mezzo di
strutto (o margarina), dieci uova,
buccia grattugiata di due o tre limoni,
due bustine di vaniglia, un pugno di
lievito di birra, un pizzico di sale e,
volendo, delluva secca.
Benvenuti a Sarsina, tempio della
Pagnotta pasquale. Quella citata la
ricetta tradizionale del pane dolcificato
tipico di Sarsina e dintorni. La si trova nel

libro dello storico locale Vittorio Tonelli,


"A tavola con il contadino romagnolo". In
valle la si pu gustare con molte varianti
a seconda della localit.
E puntuale torna anche la Sagra della
Pagnotta che come da tradizione si
rinnova nelle due domeniche prima della
Pasqua: questanno il 13 e il 20 marzo.
Ledizione la 32esima.
Da giorni ormai i forni locali sono
impegnati nella produzioni di pagnotte:
quelli storici della piazza, forno Rossi e

Bacciocchi, e ancora la pasticceria Walter.


A Ranchio il forno Moretti. Un piacere da
gustare anche con gli occhi: la pagnotta
unopera darte con la sua caratteristica
forma a cupola, alta, dicono gli esperti,
una ventina di centimetri e con un
diametro base di quaranta.
La sagra organizzata dalla Pro Loco di
Sarsina che in piazza Plauto avr un suo
stand di vendita e degustazione del
prodotto, mentre nella piazzetta Lucio
Pisone allestir uno stand gastronomico
con piadina e piatti della cucina
romagnola.
Il centro, come ogni anno, sar animato
da bancarelle di artigianato e prodotti
tipici. La musica itinerante sar a cura
della Banda Citt di Sarsina. Come da
tradizione, viene riproposto il trofeo
Magna Pagnotta: una pagnotta gigante
in palio a chi ne indoviner il peso (o a
chi ci andr pi vicino). La Consulta dei
Giovani di Sarsina ripropone, visto il
successo dello scorso anno, la mostra
fotografica ma con una novit. Si tratter
di foto antiche del paese plautino e del
suo comprensorio: gli scatti di "Sarsina e
dintorni,di una volta" saranno visibili
presso i locali dellex Cofam. Una novit
rappresentata dallesposizione degli
elaborati dei ragazzi dellIstituto
Comprensivo di Sarsina-Ranchio:
"Omaggio a Plauto", il nome
delliniziativa curata dal maestro Adriano
Maraldi con il contributo del Lions Club
valle Savio, Bcc Sarsina, Pro Loco,
Comune di Sarsina.
Michela Mosconi

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi


di novit e voglia di scoprire sapori particolari.
Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente
secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

17

Mercato Saraceno
Dolce Porcospino
Torna la Festa del Porcospino di Mercato
Saraceno, per la sua terza edizione, che si
terr sabato 12 marzo, a partire dalle 15,
nella centrale piazza Mazzini. C molta
attesa nel paese per questa festa, che ha
avuto molto successo nelle precedenti
edizioni, nata per valorizzare una delle
tradizioni gastronomiche locali pi forti del
periodo invernale. Il porcospino si fa con il
burro e il regolamento del concorso vieta
lutilizzo di margarina e olio di palma. La
gara a numero chiuso e riservata solo ai
nati, residenti o domiciliati (anche in
passato) a Mercato
Saraceno.
Durante la Festa ci sar
la possibilit di
assaggiare il porcospino
e altri dolci tradizionali
di produzione mercatese
(pagnotta pasquale,
brazadel, colomba di Pasqua, pinnacoli) nei
banchi allestiti in piazza. Ci sar anche uno
stand gastronomico della Pro Loco con
crescioni fritti (Gusun Fret), piadina con
prosciutto e squacquerone e i vini delle
cantine locali. Non mancheranno
intrattenimenti per bambini e il truccabimbi.
Ci sar inoltre lanimazione musicale a cura
di Arci Ragazzi Valle del Savio e il trio blues
Dave Blade Band. La partecipazione alla
festa gratuita.
La manifestazione organizzata da
Associazione Culturale "Fogli Volanti", Pro
Loco, ATI "Centro Commerciale Naturale di
Mercato Saraceno", Confesercenti Cesenate,
Comune di Mercato Saraceno e Slow Food
Cesena, con il contributo della Centrale del
Latte di Cesena.

San Piero
Incontro Acli
Acli Alto Savio e parrocchia di San Piero,
con la collaborazione delle Acli zonali
Cesena Valle Savio e il patrocinio del
Comune di Bagno di Romagna,
promuovono un incontro su "Costruire e
proteggere la casa comune. LEnciclica
Laudato si di papa Francesco".
Lappuntamento previsto per marted 15
alle 21 nella Sala consiliare a San Piero,
con la presentazione del tema da parte di
don Franco Appi, assistente ecclesiastico
delle Acli di Forl e responsabile per la
Pastorale Sociale e del Lavoro della
Diocesi di Forl-Bertinoro.
Papa Francesco, nellEnciclica, rivolge un
appello "a rinnovare il dialogo sul modo in
cui stiamo costruendo il futuro del
pianeta. Abbiamo bisogno di un confronto
che ci unisca tutti. Abbiamo bisogno di
nuova solidariet universale. E come
possibile costruire un futuro migliore
senza pensare alla crisi ambientale e alle
sofferenze degli esclusi?

18

Solidariet

Gioved 10 marzo 2016

Penelope, raccolta di firme I


nelle sedi dellAssiProv
MARISA DEGLI ANGELI, MAMMA DI CRISTINA GOLINUCCI
(SCOMPARSA NEL 1992), INSIEME AD ALCUNI
VOLONTARI DELLASSOCIAZIONE PENELOPE

Diamo
un nome
ai cadaveri
non
identificati.
Chiediamo
la
comparazione,
tramite esame
Dna, con
gli scomparsi

volontari dellassociazione Penelope


hanno organizzato una raccolta firme
sul tema Diamo un nome ai cadaveri
non identificati. Per tutto il mese di marzo
sar possibile depositare la propria firma di
sostegno presso la sede di Assiprov, a
Cesena in via Serraglio 18.
Il comitato Penelope Emilia Romagna
nato il 5 dicembre 2003 per volont di
Marisa Degli Angeli Golinucci, cesenate,
mamma della scomparsa Cristina.
Lassociazione nata per costituire
unoccasione di incontro per le famiglie che
hanno vissuto lesperienza della scomparsa
di un proprio congiunto, offrire un sostegno
legale e psicologico, organizzare iniziative
per sensibilizzare lopinione pubblica, fare
proposte alle autorit politiche per il
sostegno alle famiglie e per il reperimento
dei dati delle persone scomparse.
Il presidente di Assiprov Leonardo Belli
dichiara di aver accolto la richiesta della
sezione locale di Penelope, in quanto
sottoscrivere la petizione unazione di
civilt, non una questione puramente di
volontariato, ma di diritti che devono essere

garantiti a tutti i cittadini. In particolare, nel


caso specifico, ai familiari delle persone
scomparse. Non dimentichiamo che anche
nella nostra Provincia ci sono alcune
famiglie che sono ancora in attesa, dopo
decenni, di sapere che fine hanno fatto i
loro congiunti.
Assiprov mette a disposizione le sue sedi
per raccogliere firme a sostegno dei
familiari di persone scomparse che
vogliono confrontare il Dna con quello dei
1.421 cadaveri non identificati conservati
nelle celle frigo degli istituti di medicina
legale e negli obitori.
Riprendendo alcuni passaggi
dellinformativa trasmessa da Penelope
Italia, si possono rilevare dei dati
sconcertanti: In Italia abbiamo 1.421
cadaveri non identificati conservati nelle
celle frigo degli istituti di medicina legale e
negli obitori. A questi vanno aggiunti altri
2mila che si trovano sepolti nei cimiteri
italiani e sulla cui croce c scritto
anonimo o sconosciuto. In Italia sono
circa 4mila le persone decedute che non
hanno un nome.

Lo strumento medico di primo soccorso stato donato alla comunit parrocchiale dal ClubForza Cesenaaffiliato Coordinamento Cesena Clubs, in collaborazione con lagenzia Allianz di Cesena

Un defibrillatore per la parrocchia di SantEgidio

CHIESA PARROCCHIALE DI SANTEGIDIO DI CESENA,


DOMENICA 6 MARZO: IL VESCOVO DOUGLAS BENEDICE
IL DEFIBRILLATORE CONSEGNATO DA FABIO FOSCHI E
DANIELE GOZZI, CONSIGLIERE E PRESIDENTE DEL
CLUB FORZA CESENA SANTEGIDIO
(FOTO PAOLO CASADEI)

Isee: il Governo
apra un confronto
per modificare il decreto
stata pubblicata la sentenza
del Consiglio di Stato
da lungo tempo attesa,
relativa alla illegittimit di alcune
parti del Dpcm 159/2013 che
disciplina il nuovo Isee gi
evidenziata nella sentenza del Tar
del Lazio.
Tale pronuncia ribadisce quanto
gi stabilito in primo grado,
ovvero lillegittimit
dellintroduzione nel calcolo del
reddito disponibile dei
trattamenti indennitari o
risarcitori percepiti dai disabili,
volti ad attenuare tale oggettiva
condizione di svantaggio
(esempio: indennit
daccompagnamento o misure
risarcitorie per inabilit che
prescindono dal reddito).
Inoltre, si ribadisce lerroneit
della distinzione tra disabili
maggiorenni e minorenni per
quanto riguarda lentit delle
franchigie.
Maurizio Bernava, segretario
confederale della Cisl
con delega al Welfare,
commentando la sentenza del
Consiglio di Stato in materia di
Isee, ha dichiarato:
Avevamo gi espresso al Governo,
sin dal febbraio scorso, che subito
dopo le sentenze
del Tar del Lazio
era necessario intervenire
immediatamente
per non aggravare la situazione di
incertezza in cui cittadini e
famiglie con disabilit ed enti
gestori delle prestazioni sociali si

l Club Forza Cesena SantEgidio, affiliato al


Coordinamento Cesena Clubs, in collaborazione con
Stefano Fantini dellagenzia Allianz di Cesena, ha
donato un defibrillatore alla comunit di SantEgidio di
Cesena.
La consegna del prezioso strumento medico avvenuta
nel pomeriggio di domenica 6 marzo nella chiesa
parrocchiale di SantEgidio nel corso della celebrazione
di apertura della Visita pastorale. Davanti allassemblea
attenta, il vescovo Douglas ha benedetto il defibrillatore.
Al termine, nelladiacente tensostruttura, stato offerto
un buffet al quale hanno partecipato numerosi tifosi e
parrocchiani, durante il quale la dottoressa Daniela
Domeniconi del Pronto Soccorso dellospedale Bufalini
di Cesena che nel suo intervento ha sottolineato la
grande importanza di avere in dotazione un
defibrillatore: Noi medici di pronto intervento
ringraziamo per iniziative di questo tipo che ci
permettono di aiutarci ad aiutarvi.
Al pi presto, infine, verranno individuate alcune persone
che parteciperanno a uno specifico corso per il corretto

IL CONSIGLIO DIRETTIVO
DEL CLUB FORZA CESENA SANTEGIDIO

utilizzo del defibrillatore e che quindi servir per tutta larea


parrocchiale che, oltre alla chiesa, comprende anche il teatro
Bogart, il Circolo Rumagna e la casa daccoglienza Luciano
Gentili.

NOTIZIARIO PENSIONATI
sarebbero trovati con
lapplicazione del nuovo sistema
di calcolo dellIsee. Di fatto, il
Governo ha compiuto un azzardo
insistendo a proseguire nel ricorso
piuttosto che attivare subito la
procedura per la revisione della
normativa, cos come avevamo
sollecitato negli incontri tenutosi
dopo le sentenze del Tar. Adesso il
Ministero del Lavoro non perda pi
tempo, agisca e coinvolga
rapidamente le parti sociali
interessate, le istituzioni
competenti e le commissioni
parlamentari apportando le giuste
modifiche al decreto per non
alimentare confusione e
incertezza nellerogazione dei
servizi e delle prestazioni.

Ascensori
Nessuna nuova tassa
Con un comunicato, il Ministero
dello Sviluppo economico ha
fugato ogni dubbio in merito alle
recenti voci dellintroduzione di
una nuova presunta tassa sugli
ascensori.
Il Ministero ha precisato che sta
predisponendo un provvedimento
sugli ascensori, ma che
si tratta del recepimento
di una direttiva europea del 2014
in materia di sicurezza degli
ascensori, la quale
a sua volta richiama una
raccomandazione del 1995 sugli
impianti pi vecchi.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Salute: dal 1 marzo c la ricetta elettronica, valida in tutta Italia


Dal 1 marzo stata attivata la ricetta
nazionale elettronica, che sar valida in
tutte le farmacie italiane, non pi solo
regionale. Quindi se un medico di
famiglia di Roma prescrive un farmaco
rimborsabile, lo far elettronicamente sul
computer o tablet e dar al paziente un
tagliandino. Consegnandolo assieme alla
tessera sanitaria in una qualsiasi
farmacia italiana, il paziente ricever la
medicina di cui ha bisogno, pagando il
ticket che pagherebbe nella Regione di
provenienza.
La ricetta elettronica, oltre a garantire la
tracciabilit
delle
prescrizioni,
determiner notevoli risparmi per la Sanit sul costo della carta, vidimazione dei blocchetti
rossi, spedizione alle Asl. Inoltre, il paziente potr essere riconosciuto dal sistema informatico
con un codice corrispondente alla prescrizione consegnata dal medico, ovunque si trovi. Il
bigliettino da consegnare al farmacista non ci sar pi quando il sistema sar a regime.
Ma i medici di famiglia lamentano un appesantimento del lavoro. Il riferimento al contestato
decreto sullappropriatezza, cio sui limiti imposti a livello nazionale per evitare prescrizioni
inutili, circa 200 tra visite specialistiche, esami diagnostici e analisi sottoposti a note di
contenimento.
Da questa fase di avvio della ricetta nazionale sono esclusi alcuni farmaci, come gli
stupefacenti, lossigeno, i medicinali che possono essere ritirati solo in base a un piano
terapeutico stabilito da un centro specialistico.

Il decreto, in via di definizione,


prevede entro due anni, quindi nel
2018, lemanazione di un nuovo
provvedimento che indicher casi,
tempi e modalit per adeguare gli
ascensori pi obsoleti ai nuovi
requisiti minimi di sicurezza in
vigore in Europa.

Cultura&Spettacoli

Al teatroBoncidi Cesena
Il sindaco del rione Sanit
li ultimi spettacoli diProsa del Teatro Bonci di
G
Cesena vanno in scena: la volta, da gioved 10 a
domenica 13 marzo, del dramma di Eduardo De Filippo Il

un capo camorrista. La volont di De Filippo era di


raccontare un aspetto della civilt napoletana del tempo
(la commedia fu messa in scena la prima volta nel 1960),
raccontando come, nella realt, spesso i fatti siano pi
ambigui di quel che ci piacerebbe credere. Don Antonio,
diceva Eduardo un visionario che cerca di ristabilire nel
mondo un ordine andato fuori sesto. Sebbene frutto
dellimmaginazione, il personaggio ispirato a una
sindaco del rione Sanit, con Eros Pagni nel ruolo del
persona vera che De Filippo conobbe: Si chiamava
protagonista, uninterpretazione che gli valsa il premio
Campoluongo. Venivano da lui a chiedere pareri su come si
Le Maschere come miglior attore protagonista del 2015. dovevano comporre le vertenze nel quartiere Sanit e lui
Commedia discussa dello scrittore napoletano, in quanto il andava. Nel dramma, lo spettatore assiste al tentativo, da
protagonista Antonio Barracano potrebbe apparire come
parte di don Antonio, di dare ordine a un mondo caotico, in

cui le regole vengono sempre spezzate:


un tentativo, per, destinato al
fallimento. Non a caso De Filippo inser
questo testo nelle Cantate dei giorni
dispari, in cui comprese le sue opere pi
pessimistiche. Lo spettacolo diretto da
Marco Sciaccaluga. Prezzi: da 25 a 10
euro. Info: 0547 355959 info@teatrobonci.it
Paolo Turroni
Da venerd 11 marzo sul sito www.corrierecesenate.it a disposizione la recensione dello spettacolo

Dopo lincontro di papa Francesco con il patriarca Kirill

Viaggio in libreria
per conoscere la storia
della Chiesa Ortodossa Russa
L

incontro nellaeroporto di Cuba di


papa Francesco e del patriarca di
Mosca Kirill ha fatto registrare un
passo deciso nel cammino
dellecumenismo, nel camminare
insieme della Chiesa cattolica e delle
Chiese della Ortodossia, verso il
compimento della preghiera del Signore
Ges, nellultima cena.
Dopo i lunghi e tristi secoli di separazione
e di reciproca indifferenza (per non dire
ostilit), si riacceso il desiderio
dellincontrarsi riconoscendo la Signoria
dellunico maestro e salvatore, richiamati
alla grande impresa della
evangelizzazione.
Una storia iniziata con il guardarsi negli
occhi sollecitato da papa Giovanni XXIII (a
lungo ospite come nunzio apostolico
delle Chiese dOriente), poi gli incontri del
patriarca di Costantinopoli Atenagora con
papa Paolo VI a Gerusalemme e a Roma,
sulla tomba di San Pietro. In seguito si
sono moltiplicati questi appuntamenti di
grazia. Durante poi le ultime sessioni del
Concilio Ecumenico Vaticano II sono
ripresi i contatti con la Chiesa ortodossa
russa, patriarcato di Mosca, Chiesa madre
della evangelizzazione nel mondo slavo,
che aveva conosciuto lEvangelo fin dai
tempi della conversione al Cristianesimo
del principe di Kiev (Ucraina) Vladimiro,
avvalorata poi dalla missione apostolica
dei Santi fratelli Cirillo e Metodio.
Lincontro profetico dellAvana ha riacceso
la luce dello Spirito su questo cammino.
Pi che rispondere a un pur legittimo
interesse di carattere storico-culturale,
urgente allargare i cantieri della
conoscenza reciproca, dando cos
spessore al Mistero della comunione
ecclesiale, colmando quei vuoti che
hanno impoverito lungo i secoli del II
millennio la Teologia spirituale e

sacramentaria, larte e la liturgia, la vita


monastica e, ancor pi, la riscoperta della
collegialit sinodale nel governo della
Chiesa.
Le Edizioni Dehoniane di Bologna gi da
tempo hanno inserito nel loro catalogo
preziosi strumenti per recuperare e
approfondire questo dialogo. Un anno fa
segnalai il volume La Chiesa Ortodossa.
Profilo storico, autore il metropolita
Ilarion Alfeev (protagonista nella
organizzazione dellincontro di Cuba) che
introduce alla conoscenza non solo delle
vicende storiche del Cristianesimo delle
origini presso i popoli della Russia (Sec.
IX) e prima ancora nellepoca dei Concili
Ecumenici, con il diffondersi
dellEvangelo da Costantinopoli a Kiev e
poi a Mosca. Segue la trattazione delle
pesanti interferenze degli zar; ai tempi di
Pietro il Grande e ancor pi della
imperatrice Caterina II, viene soppresso il
ruolo di governo proprio del Patriarca di
Mosca, affidato a un Santo Sinodo ben
controllato dal governo imperiale. Una
storia che si allunga fino alle violenti
persecuzioni (quale martirologio!) del
Comunismo sovietico e oltre, con il
recupero (seppur parziale) delle libert
democratiche con lo sfaldarsi dellUrss.
Ultima parte del volume, lordinamento
canonico della Chiesa ortodossa russa.
Alla fine del 2015 sempre
dellarchimandrita Ilarion Alfeev, un
secondo (e corposo) volume che mette a
tema la teologia della tradizione
ortodossa, le fonti e gli sviluppi scanditi
da questi titoli: Dio nellAntico
Testamento e nel Nuovo Testamento,
nelle opere dei padri della Chiesa
Orientale; il mondo e luomo; la
Cristologia; la Chiesa (la cattolicitconciliarit della Chiesa); la Mariologia e
il culto dei santi; lEscatologia.

Un terzo
volume,
La
Chiesa
Ortodossa - Tempio, icona e musica
sacra, con la preziosa prefazione del
cardinale Gianfranco Ravasi che mette in
evidenza come larte non abbia
semplicemente una funzione didattica e
tanto meno ornamentale, ma sia una
componente essenziale dellazione
liturgica.
Rimaniamo in attesa del IV e V volume
dedicati alla Liturgia e ai Sacramenti.
Infine, una utile segnalazione della
autorevole studiosa del mondo russo,
litaliana Angelica Carpifave. Le Edb
hanno pubblicato Storia della Chiesa
Ortodossa Russa. Dalle origini (il
Battesimo della Rus), oltre la
secolarizzazione imposta da Pietro il
Grande e da Caterina II, riecheggiante il
secolarismo propagandato in Europa
dagli illuministi, fino al Concilio di Mosca
(1917-1918) che tende alla ricostituzione
dellautorit del Patriarca; le speranze del
patriarca Tichon su cui si abbatte
lateismo della Rivoluzione bolscevica.
Infine, la Rinascita favorita dal
dissolversi dellUnione Sovietica. Quasi
appendice, necessaria tuttavia,
Uniatismo e Chiesa greco-cattolica in
Ucraina; al primo posto (certamente)
nellagenda dellincontro (e degli incontri
che seguiranno) di papa Francesco e il
patriarca Kirill.
Altra opera della professoressa Carpifave,
Un concilio nella rivoluzione, religione e
politica nella Russia del primo 900, nei
tempi tragici della Rivoluzione bolscevica;
un capitolo dedicato a come la Chiesa
Ortodossa ha vissuto il massacro della
famiglia imperiale.
Piero Altieri

Gioved 10 marzo 2016

19

Cinema
di Filippo Cappelli
Uci Savignano

ROOM - di Lenny Abrahamson


Dopo diverse nomination agli Oscar, il pubblico italiano avr finalmente la possibilit di
vedere il film Room. Entrato nei candidati
della categoria Miglior film insieme ad alcuni
colossal come Revenant, Mad Max e The
Martian, la semplicit di Room faceva quasi
tenerezza. Bene quindi che almeno un premio
labbia ricevuto, anche se solo per lattrice Brie
Larson, altrimenti sarebbe stato probabilmente dimenticato, o avrebbe avuto comunque una diffusione ben minore.
Il film pesantissimo nel ricordo e nella volont: sceneggiato dal romanzo Stanza, letto,
armadio, specchio della scrittrice irlandese
Emma Donoghue, ispirato a sua volta dal
drammatico e tragicissimo Caso Fritzl, avvenuto in Austria nel 2008. Da qui nasce Room,
unintensa perla cinematografica.
La trama (volutamente minima per l'alto rischio di spoiler): c una stanza, una porta, un
lavandino e un armadio. Sono le sole cose che
il piccolo Jack (Jacob Tremblay) abbia mai
visto. Nella stanza, insieme a lui, c anche Ma
(Brie Larson), la madre: condividono dieci
metri quadri e il sole sparuto che entra dal lucernario. Tutto razionato da Old Nick (Sean
Bridgers) che porta loro il cibo e richiude la
porta andandosene allalba, ogni alba, dopo
essere stato a letto con Ma. Fino a quando?
Fin dalle prime battute il coinvolgimento emotivo prende il cuore e la gola. Da una parte per
essere stato ispirato a fatti reali, addirittura
assai pi crudi nella realt, dallaltra perch
davvero una faticosa tenerezza seguire nella
seconda parte la nascita al mondo dei due protagonisti. Il piccolo Jacob Tremblay rappresenta una piacevole scoperta, perfetto nella
performance e nel sostenere limportanza del
ruolo chiamato a ricoprire. Brie Larson trasmette, senza troppi filtri, il senso di sfinimento e lincapacit di aprirsi a una nuova vita
nella fase post-traumatica.
Lenny Abrahamson porta sullo schermo la complessa vicenda del Caso Fritzl per parlare di
rapporti umani scegliendo di filtrarli attraverso
lo sguardo inconsapevole del piccolo Jack, che
nulla conosce al di fuori degli abbracci e delle
parole materne.
Se lintero film poi pu contare su diversi attori
formidabili, Room essenzialmente un faccia a faccia tra Larson e Tremblay, e qui tutta
la bravura del regista: Abrahamson riuscito a
tirar loro fuori interpretazioni impressionanti.
E anche Tremblay riesce a fare una cosa assai
rara tra gli attori di et cos piccola: camminare
sul filo del rasoio che divide un ragazzino tra il
carino e linsopportabile.
Il film commuove e spaventa, e indaga con
precisi colpi di lama la banalit del male (la
scena del regalo di una macchinina al bambino
lasciata a s) e la malvagit delluomo. Ma
anche il grande attaccamento alla vita, il desiderio di scoperta, la naturale aspirazione delluomo a ricercare i contatti umani l dove
esistono e sono sani. Un film che vale davvero
la pena vedere, nonostante la pesantezza dell'argomento di partenza. E costringer a guardare la realt con occhi nuovi.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
LETTERE SUL DOLORE
Uno sguardo sul mistero della sofferenza
di Emmanuel Mounier
Casa Editrice: Rizzoli (i libri dello spirito cristiano) - euro 6,20
Emmanuel Mounier nasce a Grenoble l1 aprile 1905. A Grenoble si laurea in filosofia nel
1927. Lanno successivo si trasferisce a Parigi dove partecipa attivamente alla vita culturale; nel 1931 pubblica la sua prima opera su Il pensiero di Charles Pguy. Lanno dopo,
grazie allaiuto di amici tra cui Jacques Maritain, appare il primo numero di Esprit di
cui direttore. Nel 1935 sposa Paulette Leclercq. Nascer la figlia Francoise afflitta da una
grave malattia cerebrale. Iniziano gli anni del dolore e contemporaneamente di un fecondo lavoro intellettuale incentrato sul personalismo. Nel 1942-43 partecipa spiritualmente alla resistenza sostenendola con motivazioni ideali; per questo viene arrestato e
imprigionato dal governo di Vichy. Con la liberazione, si trasferisce in una piccola localit vicino a Parigi. Riappare la rivista Esprit, dove Mounier continua il suo impegno intellettuale orientando sempre pi le sue ricerche nellambito filosofico. Nel 1949
pubblica la sua opera fondamentale Le personalisme. Il 22 marzo 1950, nella notte,
muore dinfarto. Paulette riceve la sua eredit intellettuale curando ledizione dei quattro
volumi delle Oeuvres. Albert Bguin e Jean-Marie Domenach assumeranno la direzione
di Esprit. Questo libro unantologia tratta dai Diari e Lettere del filosofo profondamente cristiano, temprato nella fede proprio dal dolore fuori e dentro la sua famiglia e
capace di consolare anche il dolore degli altri. Il dolore, a 22 anni, per la perdita di un
carissimo amico, il solo che fosse penetrato nella mia intimit. Pguy diceva che la di-

sperazione il peccato pi grave, perch il rifiuto a trarre profitto dalle


infecondit dellinsuccesso. Le spiegazioni non diminuiscono il grande
scandalo della sofferenza. La sua grandezza sta nellaccettazione. E poi
c la ferita che riguarda continuamente il cristiano nel mondo, quella
della solitudine. Ci sono di quelli che Dio conduce sulle vie della ricchezza, altri come J., sulle vie del perenne insuccesso. Non ci resta altro
che amare, amare Dio per quello che fa, e amare intensamente quelli che
Egli spezza per amore. Io mi sento tanto piccolo di fronte a loro (a Paulette Leclecq). Bisogna trasformare in gioia tutto quello che la felicit ci
rifiuta Insieme dovremo rendere belle le ore che ci saranno date. Camminando per strada,
poco fa, ho cercato di far gioire il mio cuore. Non stato difficile. Mi bastato pensare che
ogni sofferenza assunta in Cristo perde la sua disperazione, la sua stessa negativit(a Paulette
Mounier). Che senso avrebbe tutto questo se la nostra bambina (Francoise) fosse soltanto una
carne malata, un po di vita dolorante, e non invece una bianca piccola ostia che ci supera
tutti, unimmensit di mistero e di amore. Dobbiamo essere forti con la preghiera, lamore,
labbandono, la volont di conservare la gioia profonda del cuore (a Paulette Mounier). La diagnosi definitiva. Encefalite acuta, una malattia che finir per devastare terribilmente la nostra
bambina, tanto che dovremo farci forza per non chiedere a Dio di riprenderla (a Jromine Martinaggi). Poi c il dolore della guerra, dolore condiviso: La guerra ha finito per guarirci dalla
malattia di Francoise. Quanti innocenti straziati, quanti innocenti calpestati! Questa piccola
bambina immolata giorno per giorno stata forse la nostra vera presenza nellorrore dei tempi.
Poi c il dolore della prigione (1943-44). Com secondario che si senta o non si senta Dio.
Poi le lettere ai genitori invitati a purificare laffetto. La natura vera dellaffetto non consiste
nellessere felici insieme, ma nellessere pi insieme. Infine, una lettera a unamica che
avendo adottata una bambina rischia di soffocarla con lansia. Illuminante lintroduzione di
Davide Rondoni sul significato cristiano della sofferenza.
Rino Casali

20

Cesena & Comprensorio

Gioved 10 marzo 2016

Savignano sul Rubicone

Gatteo

Sarsina

Cinema digitale

Convegno di Italia Nostra

La donna nelle guerre

In visione al cinema teatro


parrocchiale "Silvio Pellico" sabato
12 marzo alle 21 e domenica 13 alle
15,30 e alle 21 il lm di animazione
"Hotel Transylvania" di Genndy
Tartakovsky. Ingresso 3 euro per
bambini no a 10 anni, 5 dagli 11 in
su.

Avr luogo sabato 12 marzo alle 15,30


nelloratorio di San Rocco il convegno "E tempo
che accada. Ripensare il Castello".
Parteciperanno Marco Musmeci, Mara Bianchi,
Giovanni Maccioni, Alberto Monti, Elvezio Serena
e Giovanni Losavio. Lassessore Stefania
Bolognesi presenter il libro "Battista Antonelli
e il Monte Frumentario di Gatteo 1616-2016" di
Matteo Ottaviani.

Il Comune di Gatteo e la Rubiconia Accademia dei


Filopatridi hanno programmato un incontro sul
tema "La donna nelle due guerre mondiali. La
storia nascosta". Si svolger presso laula magna
dellAccademia in piazza Borghesi. Testi a cura di
Loretta Buda. Leggeranno Giorgia Ricci, Valentina
Brocculi, Sabrina Guidi e Monica Briganti.
Intervento musicale di Lucia Solferino e Tiziano
Paganelli.

Gambettola

Bertinoro

Raccolta di poesie

Bruno Bartoletti, domenica 13 marzo alle 16


al Palazzo della Cultura, presenter la
raccolta di poesie " OltreMisura" di Luciana
Raggi che sar presente. Originaria di
Sogliano al Rubicone, vive a Roma. Ha vinto
numerosi premi letterari.

Longiano

Longiano

Sogliano al Rubicone

Riunione della "Dante Alighieri"

Spettacolo Pastrocchio

Libro di Tiziano Scarpa

Musica jazz

Il nuovo Comitato della Societ Dante


Alighieri del territorio di Forl-Cesena
terr la prima riunione presso il Centro
residenziale universitario gioved 10 marzo
dalle 18. In votazione le cariche sociali. Si
raccoglieranno le iscrizioni per lanno
sociale 2016.

Per la rassegna "Folk de Bosch" al teatro


comunale gioved 10 marzo alle 21 lo
spettacolo "Pastrocchio" con Stefano
Delvecchio e Josena Paulson. Il duo
italo-svedese mescola le musiche
tradizionali dellEmilia Romagna con
quelle svedesi: valzer, polke, galloppe e
gighe. Ingresso 10 euro, ridotto (under 25
e over 65) 8.

Prosegue al Castello Malatestiano, sede della


Fondazione Balestra, il ciclo di incontri con gli
autori "Le ali della libellula" a cura di Flaminio e
Massimo Balestra. Sabato 12 marzo alle 18 Tiziano
Scarpa, vincitore del Premio Strega 2009,
presenter il suo ultimo romanzo "Il brevetto del
Geco" dove si mescolano il talento, lamore, la fede
e la capacit di creare.

Al Petrella venerd 11 marzo alle 21,30


sul palcoscenico lamericano "Johnny
ONeal trio", composto da Johnny ONeal
(piano e voce), Oli Hayhurst al basso e
Francisco Mela alla batteria. Ingresso
unico 15 euro.

Due appuntamenti: concerto lirico il 13 marzo e convegno il 18 marzo

Fidapa, donne
che amano
e sono amate
N

ei giorni successivi all8 marzo, sono


due gli appuntamenti promossi dalla
Sezione di Cesena della Fidapa (Federazione italiana donne arti professioni affari) aperti a tutti e con il patrocinio del Comune di Cesena, di Forum Donne Cesena e
Asp.
Donne che amano e sono amate. Viaggio
musicale tra le figure femminili nel melodramma il titolo del concerto lirico che si
terr domenica 13 marzo alle 17,30 nellauditorium dellIstituto di cultura musicale Arcangelo Corelli in via Dandini, 5
(ex Roverella), a Cesena.

Storia e presente
Il quarto incontro del "Percorso elementare
di cultura" si terr venerd 11 marzo alle
20,45 nella sala "Eligio Cacciaguerra" del
Credito cooperativo romagnolo in viale
Bovio. Il tema "Senza la storia non si vive il
presente" sar trattato da don Agostino
Tisselli e da Leonardo Lugaresi. Coordinatore
Stefano Spinelli dellassociazione "Il
Crocevia" promotrice del corso.

Dopo lintroduzione della presidente Fidapa di Cesena Maria Grazia Bartolomei e il


saluto dellassessore alle Politiche delle Differenze Francesca Lucchi, lesecuzione del
concerto lirico vedr protagonisti Leonardo
Ammirabile (tenore), Roberto Gentili (baritono), Valentina Pascale (soprano), Rachele
Vespignani (soprano), accompagnati al pianoforte da Pia Zanca. Verranno eseguite
musiche di Mozart, Rossini, Puccini, Verdi,
Bellini, Cimarosa. Letture a cura di Daniela
Savoia.
A settantanni dal voto alle donne, si terr
venerd 18 marzo il convegno Cittadinan-

Savignano

Cesenatico

za al femminile. Dal voto alle donne al voto


per le donne. Lappuntamento, aperto a tutti, per le 16 nellauditorium dellistituto
di cultura musicale Arcangelo Corelli in
via Dandini 5, a Cesena.
Dopo i saluti della presidente Fidapa Maria
Grazia Bartolomei e dellassessore Francesca Lucchi, le riflessioni a cura di Maria Laura Lanzillo dellUniversit di Bologna su Il
genere della cittadinanza. Una riflessione
storico-teorica; a seguire, Paola Dal Toso
dellUniversit di Verona illustrer la figura
di Antonietta Giacomelli, una cittadina impegnata.

Mercato Saraceno

Il ministro dai Filopatridi

Musical al Comunale

Spettacolo teatrale

Luned 21 marzo alle 11,30 il ministro


Dario Franceschini si recher
allAccademia dei Filopatridi in piazza
Borghesi. Domenica 13 marzo alle 10
labate Giustino Farnedi interverr su
"Il Giubileo". Farnedi, di origine
cesenate, abate dellabbazia di San
Pietro in Perugia.

La compagnia "Attori DiVersi" gioved 12


marzo alle 21 presenter lo spettacolo
musicale "Appuntamento con la luna".
Un soggetto originale di Giulia Babbi,
Donatella Missirini e Francesco Cocco che
permetter agli spettatori di viaggiare
nella musica Disco degli anni 80-90.
Ingresso palchi e platea 15 euro,
loggione 10.

Al Dolcini venerd 11 marzo alle 21,15


Maria Pia Timo presenter "Doppio
brodo show. Il manuale della donna
imperfetta". Nasce da una commossa
malinconia per lazdora romagnola
contrapposta alle gure delle moderne
mogli-madri-lavoratrici stressate.
Ingresso 15 euro, ridotto 10.

Cesena

Cesena

Cesena

Cesena

Ridere in dialetto

Paradisi fiscali

Storia della citt

Consulta agricola

Decimo appuntamento del XXIV


festival della commedia comico
dialettale romagnola al Bogart di
SantEgidio. Sabato 12 marzo
alle 21 la compagnia cesenate
"La Broza" metter in scena "E
testament" tre atti brillanti di
Antonio Guidetti. Regia di Andrea
Lelli. Ingresso 7 euro, ridotto 6.

Sar presentato sabato 12 marzo alle


16 nellaula magna della Biblioteca
Malatestiana "The heavens annual
report" un libro di fotograa
documentaria che esplora il mondo
dei paradisi scali, a cura di Paolo
Woods e Gabriele Galimberti.
Levasione costa allEuropa almeno
un trilione di dollari lanno.

Il nuovo Comitato dei territori di


Forl-Cesena dellassociazione
Societ Dante Alighieri ha
organizzato una conferenza nella
sala "Eligio Cacciaguerra" del Ccr
in viale Bovio per mercoled 16
marzo alle 17. Franco Spazzoli
parler di "Cesena curiosa: misteri
e delitti nella storia della citt".

Si parler di bonica e progetti


in cantiere durante la riunione
della Consulta agricola,
programmata per mercoled 16
marzo alle 18 nel palazzo
comunale di Cesena. Coordina i
lavori Marco Casali.

Cesena

Cesena

Cesena

La mobilit studentesca
Sar Gian Paolo Brizzi dellUniversit di
Bologna a tenere il quarto incontro del ciclo
"Viaggi di carta. Viaggiatori di ieri" venerd
11 marzo alle 17 nellaula magna della
Malatestiana. Largomento "Prima di
Erasmus. La mobilit studentesca
nellEuropa medievale e moderna".

Premio a due cesenati


Nella serata di venerd 11 marzo nella sede
del Rotary club saranno premiati col "Paul
Harris Fellow" Maurizio Gasperini per la
cultura e Caterina Lucchi per limprenditoria.
Il Club consegner a ciascuno un attestato e
una medaglia e verser due assegni di mille
dollari alla Rotary Foundation.

Film al Victor
Sullo schermo del cinema di San Vittore,
venerd 11, sabato 12, domenica 13 e
marted 15 marzo alle 21 il nuovo lm
western di Quentin Tarantino "The hateful
eight"(I detestabili otto). Domenica 13
marzo alle 15 e alle 17 in visione "Il piccolo
principe" di Mark Osborne. Ingresso 3,50
euro.

Incontro con Veneziani


Promosso dallassociazione Valori e Libert,
sabato 12 marzo alle 17 nella sala 1 del
cinema Eliseo, si svolger lincontro con
Marcello Veneziani. Prendendo spunto dal
suo ultimo libro "Lettera agli
italiani"(Marsilio), presenter il format
teatrale "Serata italiana". Lha denito
"Comizio damore. Pensieri e parole,
immagini e musica alla ricerca della patria
smarrita". Ingresso libero.

Cinema e conferenza

Cesena

Open day allEngim

Selfie e ragazzini

Toni Servillo legge Napoli

Porte aperte allIstituto Lugaresi sabato 12 marzo


dalle 10 alle 12. Docenti e allievi illustreranno ai
giovani dai 15 ai 18 anni attivit didattiche,
laboratori e spazi educativi a disposizione. Le
attivit gratuite sono nanziate dal Fondo sociale
europeo, dalla Regione e dal Piano italiano della
Garanzia giovani. Posti disponibili 30.
Informazioni presso la segreteria allo 0547
335328 o sul sito segreteria@engimcesena.it

A cura di A e centro famiglie "Benedetta Giorgi"


mercoled 16 marzo alle 20,45 nella sede del
quartiere Oltre Savio gli psicologi e psicoterapeuti
Francesco Rasponi e Viviana Venturi terranno una
conferenza sul tema "Adolescenti: sele e social
network. Il bisogno di apparire belli e la paura di
essere normali. Quali le opportunit e i rischi della
socializzazione digitale". Sono invitati genitori ed
educatori.

Al teatro Bonci, marted 15 e mercoled 16


marzo alle 21, Toni Servillo render
omaggio alla cultura partenopea. Novanta
minuti che lattore dedicher a dieci poeti e
scrittori: Salvatore Di Giacomo, Eduardo De
Filippo, Ferdinando Russo, Raffaele Viviani,
Mimmo Borrelli, Enzo Moscato, Maurizio De
Giovanni, Giuseppe Montesano, Antonio De
Curtis (Tot) e Michele Sovente.

Grande partecipazione alle proiezioni di lm


per famiglie allAstra a cura di A e del
centro "Benedetta Giorgi". Sabato 12 alle
16,30 e domenica 13 alle 15 e alle 17 sullo
schermo "Belle & Sebastien- lavventura
continua" di Christian Duguay. Ingresso
3,50 euro.

Saggio su Beppe Fenoglio


Nella sala lignea della Biblioteca
Malatestiana, sabato 12 marzo alle 17, il
trentino Alessandro Tamburini presenter
"Luomo al Muro. Fenoglio e la guerra nei
ventitr giorni della citt di Alba".

Sport

Calcio serie B, Cesena sfortunato

Gioved 10 marzo 2016

Il rigore di Ciano (Pippofoto)

Una partita speciale quella che si disputer


allOrogel Stadium Dino Manuzzi domenica
13 marzo. Il Romagna Centro, dalle 15,30,
affronter la corazzata Parma. Prezzi: 20
euro (tribuna centrale) e 15 euro (tribuna
laterale). Ridotti: 10 euro.

Contro la Salernitana
i bianconeri hanno
giocato con grinta
in 11 contro 10
ma non sono riusciti
nellimpresa

Calcio
Tornei giovanili
al Romagna Centro

Fallita la tredicesima vittoria casalinga


su 16 gare interne disputate, i
bianconeri proveranno a sbancare il
Sinigaglia per non perdere il contatto
con le prime. Smarrite ormai di vista il
Crotone, capolista, e il Cagliari staccato
di un solo punto, i romagnoli sono in
piena lotta per i play off.
Loccasione di agguantare il terzo posto
in solitaria, per, si infranta contro i
granata della Salernitana che luned
scorso sono riusciti a strappare un
risultato insperato a inizio gara. Luno a
due esterno dei campani apparso
come una beffa, concretizzatasi nei
minuti di recupero del secondo tempo.
Sembrava oramai il pareggio (per 1-1) il
risultato acquisito della gara quando al

94 un colpo di testa del granata


Bagadur ha gelato il Manuzzi. Un
Cesena che fino a quel momento non
aveva demeritato, giocando anzi fino
allo stremo e andando pi volte vicino
al gol nonostante linferiorit numerica
causata dallespulsione di Caldara dopo
soli 28 minuti di gioco. Il secondo giallo
(per dubbio fallo di mani in area) costa
caro al difensore bianconero che causa
il penalty dal quale nascer il pareggio
ospite con Coda. In precedenza (al 19)
il Cesena era passato in vantaggio
sempre su rigore (trasformato da Ciano)
sempre per fallo di mano (ma forse era
fuori area) di Bagadur, autore, poi, del
gol vittoria campano nei minuti finali.
Michela Mosconi

Pallavolo B1, una sconfitta da riscattare


Due set giocati alla pari, con qualche sprazzo
interessante. Ma, alla ne, la superiorit di Perugia
emersa nei momenti cruciali. Nella quinta giornata
di ritorno del campionato di B1 il Volley Club Cesena
stato superato in casa 0-3 (18, 23, 22) dal Perugia,
quarta forza del girone C, e lanciatissimo
allinseguimento dei playoff. Perso il primo set senza
colpo ferire (16-21), le cesenati si sono rimboccate
le maniche nel secondo parziale, perso sul lo di

Calcio serie D

Domenica arriva il Parma

Passo falso in casa


Ora trasferta sul lago
l Cesena riparte dal fanalino di coda
Como. La prima delle due trasferte
che attendono gli uomini di Drago
si gioca sulle sponde del Lario
sabato 12 marzo alle 15 (nel turno
successivo bianconeri di nuovo fuori a
Lanciano).
Partita dai mille risvolti contro i
biancocelesti a dispetto della classifica
dei lariani, ultimi a 23 punti, e che
nasconde mille insidie. Intanto perch il
Cesena in trasferta non ha mai brillato,
dimostrando, anzi, di soffrire
particolarmente la lontananza dal
Manuzzi. Inoltre gli uomini di Drago se
hanno fatto vedere cose egregie con le
prime in classifica, con le squadre sulla
carta pi abbordabili sono andati
spesso in difficolt. Non da ultimo sar
curioso vedere la risposta, anche a
livello psicologico, del Cavalluccio dopo
il capitombolo casalingo contro la
Salernitana. Tre punti doro per i
campani saliti a quota 30 e che hanno
potuto allungare proprio sui comaschi
sempre pi soli in fondo e con lo
spettro sempre pi concreto della Lega
Pro.

21

lana 23-25. Nel terzo set, liniziale vantaggio (8-7)


non ha avuto seguito (12-16, 16-21) anche se, nel
nale, dopo aver recuperato qualche break di
svantaggio, il Volley Club ha dato incoraggianti
segnali di ripresa.
In attesa dello scontro diretto contro Pescara che
caratterizzer il prossimo match casalingo del 20
marzo al Carisport, il Volley Club Cesena si prepara
per la trasferta di domenica prossima a San Giustino.

Tornano i grandi tornei nel cesenate.


Dal 25 al 28 marzo, al centro sportivo
di Martorano di Cesena, si svolger la
XIV edizione del torneo dellAdriatico.
Questo torneo vede protagonista, ogni
anno, pi di cento squadre provenienti
da ogni parte dellItalia e del Mondo
(nellultima edizione sono state
presenti ben 144 squadre). Si tratta
del trofeo di calcio giovanile numero
uno in Italia per il periodo di Pasqua,
appuntamento assolutamente da non
mancare che si svolge nellaccogliente
terra Romagnola.
Ecco il programma del torneo: il 25
marzo vi sar larrivo delle squadre
presso il centro sportivo di Martorano.
Sar consegnato il materiale di
cortesia e il riconoscimento atleti per
le categorie Pulcini ed Esordienti.
Dalle 15 ci sar il primo turno di gare
per le categorie a 11. Al termine delle
partite vi sar la sistemazione in hotel
e in serata la cerimonia inaugurale con
slata di tutti i club partecipanti.
Sabato 26 e domenica 27 marzo si
disputeranno le gare eliminatorie
come da programma. Inne luned 28
marzo le attesissime nali con, al
termine, premiazione per tutti i
partecipanti.
I tornei organizzati dal Romagna
Centro non niscono qui: dal 22 al 25
aprile ci sar la XVI edizione del torneo
"Cesenatico youth festival".
Federico Tamagnini

Ciclismo I giovani atleti si stanno preparando alla nuova stagione agonistica

Sidermec F.lli Vitali: Juniores su due Regioni


Sidermec Vitali: domenica scorsa
stata presentata a Milano Marittima la squadra Juniores. Tra le autorit sportive vi erano Daniela Isetti,
vice presidente vicario federale, Lino Secchi, presidente Comitato Regionale della FCI Marche, Rino De
Candido, Commissario tecnico
strada Juniores.
La manifestazione stata presentata da Elisa Gardini di Teleromagna.
La novit assoluta presentata consiste nel fatto che questanno, a
causa della penuria di Allievi in zona, si dovuto cercarli fuori regione, nelle Marche e precisamente
nella Societ Ciclistica Alma Juventus Fano che ha ceduto i suoi quattro allievi di 2 anno. In questo modo sono state presentate ambedue

le societ: la Sidermec-F.lli Vitali di sette


elementi e la Sidermec-Vitali- Fano di
quattro elementi. In totale 11 juniores di
cui otto di 1 anno e tre di 2 anno.
Il presidente Tarcisio Paolucci, introducendo la presentazione ha espresso il
convincimento che, nonostante le difficolt e lmpegno profuso per giungere alla formazione della squadra 2016, la nuova formazione potrebbe essere in grado
di dare notevoli soddisfazioni. Per questo
ha manifestato il suo ottimismo a tutti
aggiungendo: "Siate sempre prudenti, divertitevi e, se possibile, ritornate vincitori". In seguito Elisa Gardini ha inziato a
presentare tutti i ragazzi, i direttori sportivi Gianluca Maffi, Simone Righi, Massimo Belletti, Giovannino Brunelli e gli accompagnatori Riccardo Vincenzi e Mauro Borghesi.

22

Gioved 10 marzo 2016

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Si svolge domenica 20 marzo la cicloturistica di apertura del Circuito Strada CsiPedalando con gusto. Possibilit di scelta su tre percorsi

Asd Grama Pisignano-Cannuzzo: colpo di fulmine


A

more a prima vista tra il Centro Sportivo


Italiano e la gloriosa Associazione
sportiva e culturale Grama PisignanoCannuzzo. Il motivo risiede nella storia della
compagine, nata nel 1980 da un gruppo di
volontari delle frazioni di Pisignano e
Cannuzzo di Cervia, che sul terreno sempre
fertile della passione pura per lo sport hanno
saputo creare e mantenere vivo nel tempo un
ambiente di forti valori quali lamicizia e il
rispetto reciproco.
Uniti da profonda e reciproca stima, Csi e
Grama collaborano con profitto da anni per la
promozione del buon ciclismo e son liete di
presentare a tutti gli appassionati la
cicloturistica di domenica 20 marzo, valida
quale 3 prova del calendario provinciale Acsi
Forl-Cesena, nonch grande apertura del
Circuito Strada Csi Pedalando con Gusto.
Le iscrizioni si effettueranno dalle 7,30 alle 10
presso il Centro sportivo di Pisignano

Atletica

Scuola Calcio Under 10


Il primo posto del Dismano

on la giornata di gare di
domenica 6 marzo,
categoria Scuola CalcioUnder 10, si concluso
presso la palestra di Bagnarola il
Torneo Invernale di Calcio a 5 che
ha riguardato tutte le categorie
giovanili.
Notevole la partecipazione delle
societ Csi che svolgono lattivit
calcio per i giovani nelle proprie
societ e che hanno iscritto ben 46
squadre nelle varie categorie alla
manifestazione.
La categoria pi numerosa stata
quella della Scuola Calcio-Under 10
che con le societ Granata,
Longianese, Forza Vigne, Virtus
Cesena, Ponte Pietra, Romagna
Sport, Dismano e Ronta hanno
iscritto 12 formazioni al torneo.
Quattro le formazioni giunte alle
finali di domenica 6 marzo, dove la
Virtus Cesena si classificata al
terzo posto battendo il Granata B
per 4 a 0.
Finalissima intensa e molto
combattuta quella che si disputata
fra il Granata A e il Dismano per il
primo e secondo posto con i ragazzi
in campo incoraggiati dai tanti
sostenitori sugli spalti. Dopo una

Cannuzzo (tel. e fax 0544 951097); per


informazioni ci si pu rivolgere ad Andrea
(338 4961598) o Paolo (329 0554730). I
controlli verranno svolti a Fratta Terme,
Teodorano e allarrivo, mentre i ristori saranno
previsti al Ristorante il Portico di Cesena, a
Fratta Terme e a Teodorano. Tre sono i percorsi
a scelta dei ciclisti: il percorso lungo (Km. 70),
che parte dal Centro Sportivo di PisignanoCannuzzo per toccare poi la frazione di
Pievesestina di Cesena, il Bivio di Lizzano,
Collinello, Polenta, Fratta Terme, Meldola e
arrivo a Teodorano; il percorso medio 1, con la
medesima partenza, lesclusione di Polenta e
il ritorno al Centro sportivo gi ricordato, e
infine il percorso medio 2, che inizia da
Savignano sul Rubicone, prosegue per Cesena,
Bivio Lizzano, Collinello, Fratta Terme e
rientro sempre al Centro sportivo di
Pisignano-Cannuzzo, dove verr allestito un
polenta party.

Quarantasei le squadre iscritte nelle varie categorie.


Le finali si sono svolte domenica 6 marzo
a Bagnarola
GIUSEPPE DEGLI ANGELI PREMIA
IL DISMANO 1 CLASSIFICATO
SOTTO, A DESTRA: GRANATA A E B INSIEME
2 E 4 CLASSIFICATI
A SINISTRA, VIRTUS CESENA 3 CLASSIFICATO

prima fase di studio, ha aperto le segnature il centravanti del


Dismano Nicolas Forti verso la met del primo tempo. Pareggio
subito conquistato da Draco Alvisi del Granata che consente di
andare a riposo con le squadre sull1 a 1. Secondo tempo
contrassegnato dalle tante occasioni sfumate per un soffio sia da
una parte che dallaltra. Squadre sempre allattacco in cerca del gol

risolutore che
arrivato a soli tre
minuti dal termine
grazie alla velocit
di esecuzione
sempre di Nicolas
Forti che, con la
sua doppietta,
consente al
Dismano di
aggiudicarsi il
primo posto. Il 2 a
1 finale testimonia
il grande equilibrio
della gara che
comunque stata
intensa,
affascinante e in
costante equilibrio
fino allultimo.
Lattivit giovanile
di calcio continua
con la ripresa dei
campionati
allaperto.
Ma

Corsa campestre
Onore alla
Polisportiva San Pietro
di San Piero in Bagno
Otto gli atleti della Polisportiva San
Pietro di San Piero in Bagno che si sono
presentati al via al parco pubblico di Pieve
di Cento (Bologna), dove si svolta la
prima prova valida come campionato
regionale Csi di corsa campestre.
Il Comitato Csi di Cesena, rappresentato
dalla Polisportiva San Pietro, ha
partecipato alla manifestazione con:
- categoria ragazzi (metri 1.200): Paride
Fiaschetti 9 e Saul Cavalieri 17 su 26
partenti;
- categoria ragazze (metri 1.200):
Valentina Damiani 12, Nicole Pondini 14
e Chiara Martinetti 17 su 28 partecipanti;
- categoria cadette (metri 2.000):
Veronica Nigro 7 e Giulia Moretti 8 su 11
partecipanti;
- categoria master 45 (metri 5.000): il
presidente della Polisportiva San Pietro,
Giovanni Pretolani, arrivato 21 su 22
partecipanti, che ha dato ampia
dimostrazione di come lo sport sia sempre
a portata di tutti e per tutti: un
bellesempio per i suoi ragazzi.
La gara si svolta lungo il campo da rugby
locale e nei percorsi del parco pubblico
particolarmente sinuosi e con fondo
difficoltoso.
I giovani, pur provati dalla lunga
trasferta, hanno onorato i colori della
Polisportiva San Pietro e del Csi di Cesena
piazzandosi in buone posizioni.
La partecipazione a questa prova
regionale consente la qualicazione al
Campionato Nazionale che si terr in a
Cesenatico dall1 al 3 di aprile.

Pagina aperta

Gioved 10 marzo 2016

Il direttore risponde

LOcchio indiscreto

Poste: la consegna a giorni alterni non funziona


La testimonianza di unabbonata alle porte di Cesena

aro direttore, sono unabbonata che


abita nel territorio di Cervia, al confine
con Cesena, vicino a San Martino in Fiume.
Purtroppo le devo confermare le difficolt
nel ricevere il vostro giornale che prima arrivava sempre puntuale, ogni venerd. Proprio
oggi (marted 8 marzo, ndr) ne sono arrivati
due insieme: il numero 8 del 25 febbraio e
quello successivo del 3 marzo.
Ho letto di recente tutte le sue battaglie sia
locali sia a livello nazionale. Mi pare che con
la consegna a giorni alterni, ancorch non
ufficializzata da Poste, di fatto il giornale fatichi ad arrivare con regolarit. Tanto le volevo fare sapere in modo che lei possa
riferire di casi molto concreti. Spero bene
per il suo lavoro e anche per questo problema legato alla consegna postale che mi
pare decisivo per la vostra presenza e sopravvivenza.
Cordialit.
S.G. Cannuzzo di Cervia (Ra)

possibile praticare le necessarie potature


degli
alberi
(anche e soprattutto ad alto fusto) nel rispetto della
pianta stessa,
in sicurezza e
con praticit?
La risposta s,
e la tecnica in
questione - un
bel mix di giardinaggio e alpinismo- il tree
climbing. Nella
foto, la pratica
di una potatura con tree
climbing a un
grande cedro
nella zona di
Case
Finali
(Cesena).

Gentilissima abbonata, grazie per la sua segnalazione. Proprio nel giorno di uscita di
questo giornale (gioved 10 marzo) ho in calendario un incontro a Roma con Poste Italiane per discutere per lennesima volta della
consegna dei giornali. Noto che lattuazione
dei cosiddetti giorni alterni non funziona.
Anzi, direi che crea seri problemi ai nostri abbonati e di conseguenza a noi e al pluralismo
informativo di questo Paese. Riferir nelle
sedi opportune di questa sua testimonianza.
Grazie per il suo incoraggiamento. Speriamo
che qualcosa cambi in positivo per tutti noi.
Per parte mia, in tutte le sedi ne approfitto
per mettere in allerta circa il rischio che sta
correndo la stampa locale e in particolare
tutta quella quotidiana e settimanale consegnata tramite Poste.
A presto, spero con notizie
pi incoraggianti.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

Il popolo della famiglia


Nasce un nuovo partito

Intensa esperienza
del presepe meccanico

Caro direttore, il 3 marzo un nuovo soggetto


politico si inserito nel panorama partito
italiano. Si tratta del movimento Popolo della
Famiglia fondato dal direttore del quotidiano
La Croce, Mario Adinolfi e dal presidente
dellassociazioni Giuristi per la Vita, l avvocato
Gianfranco Amato.
Sui social network cos si presenta: Il Popolo
della Famiglia un movimento che si presenta
alle elezioni amministrative 2016 in tutte le citt
dItalia.
Cavalcando londata di entusiasmo prodotta
dalla manifestazione Family Day del 30 gennaio
al Circo Massimo di Roma questo nuovo
movimento vuole intercettare un popolo che ha
parlato, ma non stato ascoltato, si impegna a
rispondere a un consenso che ancora non ha una
rappresentanza. Ad oggi ha comunicato che il suo
programma politico si chiama Compendio della
Dottrina Sociale della Chiesa e che non
baratteranno la famiglia e vita per cariche o seggi.
Sar sufficiente rimandare a un testo cos
importante e al contempo complesso per
raccogliere adesioni in vista delle prossime
elezioni amministrative? Come si comporter il
comitato organizzatore del Family Day
Difendiamo i nostri figli rispetto a questo
nuovo soggetto politico? Proprio qualche giorno
prima in una conferenza stampa aveva ribadito
la sua intenzione di non volersi trasformare in
un soggetto politico. I due leader del Comitato,
Mario Adinolfi e Gianfranco Amato, hanno
creato questo movimento in comunit con
lentourage del comitato organizzatore del
Family Day? Riusciranno nella loro crociata dei
poveri, dove nel lontano maggio 1906 un
gruppo di gente comune guidata da Pietro
lEremita e Gualtieri Senza Averi decise
spontaneamente di agire in nome di Dio? Il
Popolo della Famiglia ha poco meno di sessanta
giorni per dare le prime risposte a questi
interrogativi.
A.D.C. - Cesena

Caro direttore, a poco pi di un mese dalla


chiusura del Presepe meccanico Gualtieri,
allestito nella Galleria darte ex Pescheria di
Cesena, appare naturale fermarsi e fare qualche
considerazione su questa bellissima esperienza
vissuta.
Innanzi tutto vorremmo ringraziare
infinitamente e di vero cuore il sindaco di
Cesena Paolo Lucchi che, per primo, ha avuto
lintelligenza e la lungimiranza di cogliere la
portata della proposta che gli veniva fatta e, con
coraggio, ci ha dato spazio e fiducia senza quasi
conoscere noi e il nostro lavoro.
Al suo fianco, insostituibile e brillante,
lassessore alla cultura Christian Castorri che,
sposata la nostra idea, ci ha affiancato e
supportato per mesi in ogni questione pratica,
organizzativa e burocratica. La capacit di
andare oltre il conosciuto e la consuetudine
dimostrata dal sindaco Paolo Lucchi e
dallassessore Christian Castorri ci ha permesso
di volare e di dimostrare ancora una volta che la
passione, lentusiasmo e il lavoro superano ogni
difficolt e permettono di realizzare i propri
sogni.
Per noi il fine di questo progetto non mai stata
la sola realizzazione di un Presepe Meccanico,
seppur grande ed apprezzato, bens la chiara
volont di coinvolgere lintera Citt di Cesena, le
sue Associazioni, le attivit commerciali, le
bellezze storico-artistiche, con lintenzione
ultima di realizzare, negli anni, una Cesena
citt del Natale apprezzata a livello nazionale.
A questo proposito, per noi stato davvero
emozionante accogliere visitatori provenienti
dalle varie citt italiane (Cesena e frazioni,
Bologna, Roma, Padova, Genova,
Ferrara, Pescara, Milano...), vederli
trascorrere la giornata visitando i pi bei
monumenti di Cesena e poi raccoglierne i
complimenti per lo stato di conservazione,
sicurezza e pulizia del centro storico; tutto
questo ci ha fatto sentire parte integrante della

23

Citt e non semplici ospiti. Questa, crediamo, sia la sola strada da seguire.
Per quello che concerne i risultati ottenuti da nostro Presepe Meccanico,
non possiamo nascondere che hanno di gran lunga superato le nostre pi
rosee aspettative: 16.000 visitatori, lesser sulla bocca di tutti i cesenati,
segnalazioni ed articoli da tutti i quotidiani locali, segnalazioni da diverse
testate e siti internet prestigiosi (Touring Club, Camper life), servizi su
Rai 3... ma non solo questo. Non stata solo una questione di numeri,
bens di emozioni. Da sempre, ed in particolar modo in quello della ex
Pescheria, con i nostri Presepi cerchiamo di trasmettere un messaggio di
Amore, unemozione che risvegli la Speranza. Tutto studiato in funzione di
questo fine: le luci, i tempi, la musica, il parlato, lallestimento esterno del
Presepe...tutto a servizio della magia che si deve creare, dellemozione che
si vuole trasmettere. Uno degli aspetti pi belli vissuti durante i 40 giorni di
apertura del Presepe della ex Pescheria, stato osservare come tutti i nostri
visitatori, alluscita dal Presepe, fossero sorridenti. Entravano normali, seri,
persi nei loro pensieri e ne uscivano sorridenti o con gli occhi lucidi dal
pianto. (...)
Marco e Caterina Gualtieri
per lAssociazione Culturale Presepi Famiglia Gualtieri

Al convento dei frati di Longiano


Quaresima con cene a pane e acqua
Caro direttore,
continuano dai frati del santuario di Longiano tutti i luned di
Quaresima, le cene a pane e acqua che si tengono alle 20,15. Segue poi alle
21 la Santa via Crucis allinterno del Santuario.
Una esperienza spirituale molto sentita da tutti i partecipanti.
Modestamente invito tutti a partecipare. Grazie per lospitalit.
Arnaldo Barocci

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

ROMA - Giubileo della Misericordia:


- PELLEGRINAGGIO DIOCESANO presieduto dal vescovo Douglas Regaeri (un giorno, 25 aprile 2016) 50 euro
- PELLEGRINAGGIO con le parrocchie di Budrio e di Longiano (due giorni, 24 e 25 aprile 2016)
150 euro
- PELLEGRINAGGIO con lUNITALSI Cesena

(due giorni, 24 e 25 aprile 2016, iscrizioni presso Umberto e Giovanna, 329 6484489, 333 2995808) 150 euro

LOURDES
- 3 giorni, dal 16 al 18 maggio 2016 - in aereo - con la parrocchia di San Domenico di Cesena

da 540 euro

SAN GIOVANNI ROTONDO


- 3 giorni, dal 2 al 4 giugno 2016 - Monte SantAngelo e Manoppello (con il gruppo di preghieraSan Pio da Pietrelcina) 190 euro

PROGRAMMI IN PREPARAZIONE
LISIEUX: 6 giorni (inizio luglio 2016), in pullman - La sant femminile in Francia e in parcolare Santa Teresa di Ges Bambino e i suoi
san genitori Luigi e Zelia Marn - Visite a Caen, Alenon, Nevers, Paray Le Monial
TERRA SANTA: 8 giorni, dal 6 al 13 oobre 2016 - aereo - Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, Lago di Tiberiade, Gerico, Betlemme, Gerusalemme

UNIVERSIT
UN CAMPUS
PROIETTATO
AL FUTURO
Un fine settimana
di feste e sagre
C.I.P. - Via del Seminario 85 - Corriere Cesenate 2016