Sei sulla pagina 1di 29

Impostazioni progettuali

Fabbricati

realizzazione di un impianto

Impianti Industriali e Sicurezza sul Lavoro

Impostazioni
progettuali

a.
b.
c.
d.
e.

Introduzione Imp. Ind.


Studio Mercato/Prodotto
Ubicazione
FABBRICATI
Plant Layout

Impianti
Industriali

Trasporti
interni
a.
b.
c.
d.

Politecnico di Torino

Carrelli
Trasp.tori mecc fissi
Trasp.tori mecc mobili
Trasporti automatici

Magazzini
industriali

Tipologie
Picking

Fabbricati per stabilimenti


industriali
Criteri di scelta e caratteristiche dei
fabbricati
Elementi principali dei fabbricati
industriali
Strutture varie

Criteri di scelta del fabbricato


Criteri di scelta del tipo di fabbricato pi
conveniente per un nuovo impianto
industriale:

plant layout
costi di costruzione del fabbricato
costi di acquisto del terreno occorrente
costi di gestione (riscaldamento, illuminazione,
ventilazione, ecc.)
esigenze dei macchinari e delle lavorazioni

Politecnico di Torino

Criteri di scelta del fabbricato


Fabbricato industriale a
pi piani:

Fabbricato industriale
a un piano:

Caratteristiche fabbricato
Caratteristiche principali di un fabbricato in funzione
del PLANT LAYOUT:

Politecnico di Torino

maglia
altezza netta sotto filo catena
posizione vie di corsa di un carro-ponte
posizione banchine di carico/scarico
posizione portoni e vie di accesso
carichi ai nodi
carichi a pavimento
ampliamenti futuri

Caratteristiche fabbricato
MAGLIA: posizione dei pilastri che costituiscono
lossatura portante; la dimensione della maglia
corrisponde allinterasse tra i pilastri lungo lasse
longitudinale e lungo lasse trasversale

Politecnico di Torino

Caratteristiche fabbricato
ALTEZZA NETTA SOTTO FILO CATENA (h.s.f.c.):
altezza libera compresa tra il piano pavimento e il
filo inferiore della struttura portante della copertura)

Suddivisione verticale
Suddivisione verticale presente in uno
stabilimento industriale:
Livello -1: posto al di sotto del piano campagna;
ospita alcuni servomezzi, fondazioni e alcuni
locali macchina
Livello 0: posto a livello del piano campagna; il
piano di disposizione dei macchinari, di transito
dei mezzi di trasporto interno e del personale
Livello 1: copre una fascia intermedia al di sopra
del piano dei macchinari; ospita i sistemi di
trasporto aereo
Livello 2: posto tra il livello 1 e il h.s.f.c.; ospita le
linee di distribuzione dei servomezzi

Politecnico di Torino

Fabbricati per stabilimenti


industriali
Criteri di scelta e caratteristiche dei
fabbricati
Elementi principali dei fabbricati
industriali
Strutture varie

Elementi principali

Un fabbricato industriale si compone di:


fondazioni
strutture

portanti
coperture e pareti
pavimentazione

Politecnico di Torino

Fondazioni
Tipologie di fondazioni del fabbricato:
superficiali:
- continue: platea, trave rovesciata
- discontinue: a plinti
profonde: a pali
La scelta dipende dai carichi da sopportare e
dalle caratteristiche del terreno (sondaggi
meccanici e geofisici)
- terreni compatti (rocce)
- terreni sciolti (sabbie, argille)
- terreni inconsistenti: opere speciali di fondazione

Fondazioni
Fondazioni dei macchinari:
devono

resistere a sollecitazioni dinamiche


occorre evitare risonanza e trasmissione
vibrazioni al terreno e alle strutture
devono avere grande massa e si impiegano
supporti elastici e antivibranti per macchine e
fondazioni

Politecnico di Torino

Tipi di strutture portanti


Sollecitazioni
carico

permanente o fisso
sovraccarichi sismici
sovraccarico del vento e della neve
sovraccarico dovuto a carichi sospesi

La struttura portante pu essere:


in

cemento armato normale


in cemento armato precompresso
in acciaio

Strutture portanti in c.a.


Principali caratteristiche delle strutture in
cemento armato in generale:

elevata resistenza al fuoco


non viene attaccata da agenti corrosivi
buona capacit termica
ridotta trasmissione di rumori e vibrazioni

Strutture precompresse
Vengono fabbricati fuori opera e montate direttamente
con cantieri altamente specializzati
Richiedono il minimo numero di pilastri
Rapidit di messa in opera
Rispondono alla esigenza di realizzare fabbricati a
maglie sempre pi ampie

Politecnico di Torino

Maglie strutture portanti


Le maglie di pi frequente adozione per i
fabbricati in cemento hanno i seguenti
interassi (valori in metri):
20 x 12
24 x 12
26 x 14

Con valori massimi fino a:


7,5 x 35
12 x 34

Strutture portanti in acciaio


Caratteristiche a favore delle strutture in acciaio
rispetto a quelle in cemento armato in generale:
maggior rapidit di costruzione
minor impiego di manodopera
elevate doti di leggerezza e resistenza degli elementi in
acciaio
possibilit di realizzare grandi luci
capacit di sopportare forti sovraccarichi

Svantaggi:
bassa

resistenza al fuoco
attacco agenti corrosivi (necessit di manutenzione)
bassa capacit termica

Politecnico di Torino

Maglie strutture in acciaio


Le maglie di pi frequente adozione per i
fabbricati in acciaio hanno i seguenti
interassi (valori in metri):
12 x 12
16 x 16
12 x 16
12 x 24
20 x 20

Di recente sono state


realizzate strutture con
maglie pi ampie:
12

x 30
12 x 36
14 x 28

Coperture
Principali prestazioni e
caratteristiche richieste alle
coperture:
impermeabilizzazione e
protezione dalle
intemperie
isolamento termico ed
acustico
resistenza meccanica e
pedonabilit
durata
leggerezza
illuminazione
ventilazione
evacuazione dei fumi

Politecnico di Torino

10

Schemi coperture
a

a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle


pareti perimetrali
b) con tetto a falde e fasce finestrate sul tetto

Schemi coperture
c

d
Tratto da A. Monte Elementi di Impianti Industriali Ed. Cortina

c) con tetto piano e lucernari a sezione


triangolare trasversali oppure semi-circolari
d) con tetto a shed o a denti di sega

Politecnico di Torino

11

Schema dinsieme

Tratto da A. Monte Elementi di Impianti Industriali Ed. Cortina

Fabbricati per stabilimenti


industriali
Criteri di scelta e caratteristiche dei
fabbricati
Elementi principali dei fabbricati
industriali
Strutture varie

Politecnico di Torino

12

Strutture varie
Le principali sono:

Uffici
Corridoi
Banchine/ parcheggi
Portoni industriali
Aree di servizio interne/esterne: locale
mensa, spogliatoi, isola tecnica
(compressori, cabina elettrica, servomezzi
in genere)

Uffici
La quasi totalit delle funzioni aziendali
richiede uno spazio destinato agli uffici
Ciascuna funzione pu presentare esigenze
diverse nei riguardi dello spazio richiesto
Una industria tipo deve provvedere spazio
per i seguenti settori:
uffici per personale dirigente
uffici generali
uffici di produzione

Politecnico di Torino

13

Corridoio

Criteri di dimensionamento corridoi


1.
2.
3.
4.
5.

Politecnico di Torino

Dimensioni corridoi principali (46 m)


Dimensioni corridoi secondari (24 m)
Dimensioni passaggi (0,702,5 m)
Rettilineit dei corridoi
Forme dei corridoi (aT, aH, a croce, a
rete)

14

Configurazioni Layout/ Corridoi/


Ampliamento

MAGAZZINO
MP

MAGAZZINO
PF

AMPLIAMENTO

Lineare

MAGAZZINO MP

OPERATIONS

MAGAZZINO PF

OPERATIONS

AMPLIAMENTO

AMPLIAMENTO

OPERATIONS

MAGAZZINO PF

MAGAZZINO MP

AMPLIAMENTO

AMPLIAMENTO

Forma U

Forma L

Banchine
Norma UNI EN 1398

Qualora i materiali vengano trasportati via


strada o via ferrovia, il carico e lo scarico
dei materiali avviene in determinate
posizioni, di solito di interfaccia con i
magazzini
Tali posizioni possono essere attrezzate con
diversi implement, per facilitare le
operazioni e vengono denominate
banchine
UNI- Ente Nazionale Italiano di Unificazione
EN: identifica le norme elaborate dal CEN
(Comit Europen de Normalisation).

Politecnico di Torino

15

Banchine
Le banchine hanno lo scopo di velocizzare
lattivit dei mezzi di trasporto, in
particolare:
garantire lo stesso livello tra il pianale del mezzo
(autocarro o carro ferroviario) e il piano di
scorrimento dei mezzi di trasporto (es. carrelli
elevatori)
guidare la sistemazione delle udc nel mezzo
sigillare la bocca di carico del mezzo rispetto al
fabbricato

Disposizione delle banchine


(D. Lgs. 81/2008, Allegato IV, punto 1.3)

Tratto da A. Monte,
Elementi di Impianti Industriali,
Ed. Cortina

Politecnico di Torino

16

Banchine Inclinate
Baia inclinata di 60 rispetto allo stabilimento

Baia inclinata di 45 rispetto allo stabilimento

Baia inclinata di 15
rispetto allo
stabilimento

Piazzali: pendenza verso


lesterno

Politecnico di Torino

17

Banchina: raccordo con rampa al


pianale

Banchine e rampe di carico

Disposizione di un piazzale, le cui


dimensioni
consentono
di
manovrare in retromarcia per
laccostamento a banchina tenendo
la sinistra

Politecnico di Torino

18

Banchine e rampe di carico

Quota minima di
rispetto per attracchi
di semirimorchi

Receiving and Shipping Equipment

Politecnico di Torino

19

Unit
tecnologiche:
Dock-House
UNI EN 1398

UNI- Ente Nazionale Italiano di Unificazione


EN: identifica le norme elaborate dal CEN
(Comit Europen de Normalisation).

Unit tecnologiche: Dock-House


Dock-House
inclinate di 45

Dock-House
ortogonali, staccate
ed in blocco

Politecnico di Torino

20

Banchina con sbancamento

Pianta e sezione di una banchina con sbancamento

PARCHEGGI
n parcheggi auto
area

0,4-0,6 * n dipendenti
20-25 m2 / posto auto

1 posto ogni 50 con larghezza 3,2 m per disabili


n parcheggi moto-bici coperti
area

0,1-0,15 * n dip.
2-5 m2 / posto

vie di accesso stradali - larghezze minime:


3,00 m flusso unidirezionale
5,50 m flusso bidirezionale
marciapiedi lungo il perimetro dello stabilimento:
larghezza 1-1,5 m

Politecnico di Torino

21

PARCHEGGI
O A
PETTINE

PARCHEGGIO
A SPINA

Portoni Industriali

Politecnico di Torino

Portoni flessibili
Portoni a due battenti
Portoni a libro
Portoni scorrevoli
Portoni sezionali
Portoni ad impacchettamento (verticale)
Megadoors

22

Portoni flessibili

Portoni a due battenti

Politecnico di Torino

23

Portoni a libro

Portoni
scorrevoli

Politecnico di Torino

24

Portoni sezionali

Portoni ad impacchettamento
(verticale)

Politecnico di Torino

25

Megadoors

DIMENSIONI CONSIGLIATE PER


ALCUNI LOCALI SPECIALI
RISTORANTE / MENSA
1,5 3 m2 * n dip contemporaneamente presenti
Cucina: 100 200 m2 minimo
INFERMERIA
0,1 m2 per dipendente
50 m2 minimo
SERVIZI IGIENICI - SANITARI
spogliatoio 0,70 - 0,75 m2 per dipendente
lavabi
0,05 - 0,10 m2 per dipendente
docce
0,05 - 0,15 m2 per dipendente
Totale
0,80 - 1,00 m2 per dipendente (area
non comprensiva di corridoi)

Politecnico di Torino

26

Impianti igienici e spogliatoi


Gli impianti igienici e gli spogliatoi, specie nei grandi
impianti devono essere decentrati, per facilitarne
laccesso da parte dei dipendenti. Essi devono
essere disposti in modo da evitare incroci dei
flussi del personale in ingresso o uscita e i flussi
dei materiali o dei mezzi di movimentazione

Gli spogliatoi devono essere collocati presso


lingresso dello stabilimento, facilmente
raggiungibili dai posti di lavoro, dotati di docce e
servizi igienici e armadietti metallici personali

Reparto manutenzione
Il reparto manutenzione deve:
consentire un facile accesso ai
reparti, ai magazzini ricambi ed
allesterno
usufruire in genere di una officina
centralizzata ben attrezzata
essere collocato in maniera tale
da garantire un servizio rapido

Politecnico di Torino

27

Impianti Industriali e Sicurezza sul Lavoro

Impostazioni
progettuali

a.
b.
c.
d.
e.

Introduzione Imp. Ind.


Studio Mercato/Prodotto
Ubicazione
FABBRICATI: PRG
Plant Layout

Impianti
Industriali

Trasporti
interni
a.
b.
c.
d.

Carrelli
Trasp.tori mecc fissi
Trasp.tori mecc mobili
Trasporti automatici

Magazzini
industriali

Tipologie
Picking

Piano Regolatore Generale

Il fabbricato si posiziona in un sito industriale


composto dai seguenti elementi:
corpo

fabbrica principale o edificio principale


edifici o costruzioni secondari : zona uffici,
mensa, isola tecnica, locali sorveglianza
parcheggi interni ed esterni
strade di circolazione interne
aree verdi
piazzali asfaltati
vie di accesso dallesterno
recinzioni

Politecnico di Torino

28

Schema P.R.G.
Lo schema dinsieme di un sito industriale viene
denominato Piano Regolatore Generale (P.R.G.)
Parcheggi

Isola tecnica
Trattamento
acque
Ampliamento
fabbricato principale

Nord
Fabbricato
uffici

Aree
verdi
Fabbricato principale

Ingresso
principale

Via di circolazione
interna

Politecnico di Torino

29