You are on page 1of 2

Muscoli striati e muscoli lisci

Sulla base delle caratteristiche istologiche e fisiologiche il tessuto muscolare viene


suddiviso in tessuto muscolare liscio e tessuto muscolare striato.
MUSCOLO LISCIO

MUSCOLO STRIATO
SCHELETRICO

MIOCARDICO
(cardiaco)
Involontario
Volontario*
Involontario
Riveste le pareti di tutti quegli apparati Costituisce i muscoli
E'
devoluti alla vita vegetativa; lo
scheletrici e la muscolatura responsabile
troviamo nella parete dei vasi
di organi come il bulbo
della continua
sanguigni (arterie, vene), nella parete oculare e la lingua, quindi la e ritmica
degli organi cavi (stomaco, intestino), maggior parte della
contrattilit
all'interno del globo oculare, nei
muscolatura.
del cuore
muscoli erettori dei peli. La sua
Permette il movimento ed il
principale funzione di spingere
mantenimento della
materiali dentro e fuori dal corpo.
postura; concorre a
determinare le forme
corporee.
E' costituito da fibre lisce, che al
La particolare disposizione Possiede
microscopio non presentano le
delle proteine contrattili
caratteristiche
striature tipiche del muscolo cardiaco conferisce al muscolo un
funzionali e
o scheletrico
aspetto striato,
strutturali
caratterizzato da striature
intermedie
(bande chiare e scure
agli altri due
alternativamente ripetute); tipi di tessuto
da ci il termine Muscolo
muscolare.
Striato.
Per
Contrazione molta lenta, ma
Risponde con eccezionale approfondire
prolungate e pi efficiente (meno ATP velocit agli impulsi nervosi, vedi: muscolo
richiesto).
contraendosi rapidamente cardiaco
ed intensamente.
Non sono implicati nell'insorgenza
Non possono rimanere
della fatica muscolare.
contratti per molto tempo
con elevata intensit, sono
soggetti alla fatica
Sono spesso intrinseci, e come tali,
Di norma, si collegano allo
non si attaccano alle strutture
scheletro per mezzo di
scheletriche
tendini
(*) Sebbene sia sotto il controllo della nostra volont, in talune circostanze il muscolo scheletrico
pu essere responsabile di atti motori involontari (riflessi, come quello patellare o la deglutizione)
in risposta a stimoli esterni.

La denominazione dei muscoli molto varia e pu ad esempio riferirsi:


alla forma (muscolo deltoide, muscolo quadrato dei lombi, muscolo
romboide, muscolo trapezio ecc.);
all'azione che essi svolgono (muscoli flessori, muscoli estensori, muscoli
pronatori, muscoli adduttori, muscoli abduttori ecc.);
alla forma e alla funzione (muscolo pronatore rotondo, muscolo pronatore
quadrato);
all'organo servito (muscoli laringei, muscoli esofagei, muscoli gastrici);
alle ossa alle quali sono inseriti (muscoli tibiali, muscoli peronieri);
al numero dei capi d'inserzione (bicipiti, tricipiti, quadricipiti) o alla loro
direzione (obliqui, retti, trasversi).
Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/fisiologia/muscoli.html