Sei sulla pagina 1di 7

Emittente TV

VIDEO

Canale 678

Quotidiano della Provincia di Siracusa

66

Canale 286

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
www.libertasicilia.it
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
domenica 6 marzo 2016 Anno XXix N. 56 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00

Editoriale. Occorre buonissima accoglienza, prezzi modici e saper parlare la lingua inglese La refurtiva ha un valore di circa 300.000 euro

Il turismo e il futuro business


Accogliamo bene i turisti dalla Cina
Abbiamoilpigrandegiacimentoculturalealmondomapotrebbenonbastare
letteratura

di Giuseppe Bianca

L
e nostre riflessioni di oggi
si soffermano sulla visita

Fede, religione
e dottrina, gli
interrogativi

della delegazione cinese


del CPAFFC, The Chinese
People's Association for
Friendship with Foreign
Countries, venerd scorso
a Siracusa. La delegazione
si recata al parco archeologico e nel centro storico di
Ortigia, presenti Shen Xin,
vice direttore generale del
CPAFFC insieme a Yang
Yingzi, Staff del Dipartimento
Europeo del CPAFFC e a
Mao Jingxian.

di Andrea Bisicchia

Faccio Che cos la


fede? Banalmente si potrebbe rispondere: avere fiducia in qualcuno,
ma nel caso si volesse
tendere alla ASSOLUTEZZA, a qualcuno che
ci trascende, come raggiungerla? E sufficiente
utilizzare la preghiera o
mettere in pratica i dogmi delle religioni, abbandonandosi alle dottrine, alla disciplina, al
sacrificio? Si tratterebbe di istanze immateriali, di mezzi, attraverso
i quali, raggiungere, in
solitudine, Colui in cui si
crede.

uattro diverse gare


per la gestione di otto asili
nido comunali aggiudicate a
quattro diverse ditte (curiosa
coincidenza).

A pagina due

A pagina cinque

A pagina tre

politica

carabinieri

Asili nido:
8 marzo
discutibile utilizzo per dire basta
dei fondi Pac
alle violenze
Q

I carabinieri
scoprono un giro
di moto rubate

vermexio

Princiotta
e Sorbello sulla
II commissione

V
ogliamo ancora una volta
precisare che da mesi contestiamo la consigliera D'amico
per le modalit di convocazione della commissione e per
gli argomenti da trattare - lo
affermano I Consiglieri Comunali Simona Princiotta e Salvo
Sorbello - .

I Carabinieri del Comando Stazione di Solarino a ter-

mine di unattivit info-investigativa hanno proceduto


al fermo delle seguenti persone per associazione per
delinquere finalizzata alla ricettazione.
A pagina quattro

A pagina tre

La Polizia di Stato con le donne


domani incontro in Confindustria
I

8
marzo, giornata internazionale della donna, unulteriore

occasione per riflettere, unulteriore occasione per agire.


I Carabinieri di Siracusa.

n occasione dell8
marzo, giornata internazionale della donna, nellambito di una
pi ampia campagna
di informazione e sensibilizzazione indetta
dal Dipartimento della
Pubblica Sicurezza.

A pagina dodici

A pagina cinque

Il Libro della Domenica 2

Sicilia 6 marzo 2016, domenica

6 marzo 2016, domenica

La fede, la religione, la dottrina


ovvero glinterrogativi della vita
di Andrea Bisicchia
Faccio Che cos
la fede? Banalmente si potrebbe
rispondere: avere
fiducia in qualcuno,
ma nel caso si volesse tendere alla
ASSOLUTEZZA, a
qualcuno che ci trascende, come raggiungerla? E sufficiente utilizzare la
preghiera o mettere
in pratica i dogmi
delle religioni, abbandonandosi alle
dottrine, alla disciplina, al sacrificio?
Si
tratterebbe di
istanze immateriali,
di mezzi, attraverso
i quali, raggiungere,
in solitudine, Colui
in cui si crede. Tutto ci sufficiente? Secondo Ugo
Fabietti,
docente
di antropologia , la
risposta negativa, perch, a suo
avviso, senza una
dimensione materiale, senza ,cio, la
presenza di oggetti,
di immagini, di artefatti, di corpi, non
possibile aspirare
concretamente alla
trascendenza. Sappiamo che esiste
una fede mistica
che rifiuta il contatto col mondo delle
cose, ma se la fede
la si vuol vivere in
forma di partecipazione, secondo
Fabietti, necessario ricorrere alla sua
materialit.
Allora mi sembra
opportuno chiederci quale rapporto
esista tra fede e
religione e capire,
in che modo, luna
possa
dipendere
dallaltra, pur riconoscendo le difficolt della contaminazione, essendo
la fede un prodotto
immateriale, mentre la religione
un prodotto istituzionale e, pertanto, sottoposto alle
leggi della disciplina, dellautorit, soprattutto in unepoca durante la quale
il dualismo ontologico corpo-anima,
spirito-materia, non
pi sufficiente
per accedere allinvisibile e allinco-

vinciullo

Sul Galermi
ribadisco
la mia posizione
politica

Materia sacra il nuovo libro dellantropologo


Ugo Fabietti. Aspirare concretamente
alla trascendenza tramite la dimensione materiale

noscibile. Nellera
del
secolarismo
imperfetto la materialit a proporsi
come intermediario tra lumano e il

divino, proprio perch, solo attraverso


il corpo possibile
percepire lalterit.
Secondo
Fabietti
lelemento materiale

della religione non


da considerare
un semplice corredo destinato al culto, bens qualcosa
di intrinseco allesperienza religiosa
.Come si concretizza la religione se
non attraverso la liturgia e la ritualit?
Ma sia luna che
laltra non sono, forse, da ritenersi dei
fenomeni sociali?
Non si esplicano
attraverso le feste,
le offerte, le processioni? E queste,
bench guidate da
un sacerdote, non
vengono realizzate
dagli uomini? Come
dire che la religione non pu fare a
meno dellapporto
sociale, trattandosi
di una pratica attraverso la quale immagini, oggetti, segni, corpi, risultano

Andrea Bisicchia
necessari per creare la dimensione
della trascendenza.
Se Papa Francesco ha indetto un
sinodo sulla Misericordia, ritenendo
che sia compito
della religione predicare la mitezza,
la pace, lamore, ci
si chiede come mai
la religione ricorra
spesso alla violenza per pervenire
alla trascendenza?
A questo punto, pi
che di religione, bisognerebbe parlare
di religioni, ovvero
di legami che rivendicano una identit,
una appartenenza,

in nome delle quali,


ciascuna pu vantare un sistema di
comportamenti che
favorisce i conflitti,
proprio perch ogni
religione, pi che
una ideologia, una
disciplina, propone
una sua materialit,
una sua gestualit
che la rende diversa
dalle altre, sebbene
possano
esistere
delle contiguit tra il
mondo delle cose e
quello del trascendente.
Ugo Fabietti, Materia sacra, Cotina editore, pg 306,
euro 25.

Siracusa brillava un tempo per una intensa attivit internazionale

Il teatro comunale rimane chiuso


ci resta soltanto il teatro greco

Ma proliferano coi contributi comunali spettacolini di mediocre livello

a disastrata situazione
dell'impianto
elettrico
rifatto a nuovo e
non funzionante al
Teatro Comunale
lascia sbalorditi i
cittadini che hanno ancora a cuore
le sorti culturali e
artistiche di questa
citt.
Se vero che il
siracusano-tipo
specialista nel
piangersi
addosso, lamentando le
cose che non funzionano, anche
vero che in certi
casi ne ha tutto il
diritto, anche se il
"pianto greco" soltanto non porta a
nulla di concreto.
Davanti a queste
cose
sgradevoli
tornano in mente
i periodi positivi di

una Siracusa che, in


anni non lontani, brillava per una intensa
attivit di levatura internazionale.
Allora non c'erano
solo le Rappresentazioni classiche, ma
funzionavano l'Ara
di Ierone, l'Anfiteatro
romano ed alti siti urbani che ospitavano
spettacoli di grande
livello.
La fotografia riproduce il momento
della premiazione,
a fine spettacolo al
Vasquez, del ballerino allora famosissimo Paolo Bortoluzzi,
stella di prima grandezza nel balletto
classico mondiale,
pari solo a Nureiev.
L'evento in questione
appartiene
ad una fitta serie di
grandi eventi che

vedevano Siracusa
palcoscenico ideale.
Nella foto di consegna del premio si
vede Pippo Aiello

(a destra) presidente della Provincia.


Sembra un secolo
da quella foto, specialmente ora che il

lato culturale e artistico di levatura


mondiale scomparso dalle scene
siracusane.
vero che c' la
crisi, che riduce
drasticamente
le
possibilit di avere
grandi spettacoli,
anche dall'estero,
come prima, ma
anche vero che,
stranamente
per
l'uomo della strada,
che non sa spiegarselo, continuano a realizzarsi coi
contributi comunali
certi spettacoli (vogliamo
chiamarli
tali?) di illustri sconosciuti e di mediocre livello. Una
specie di crisi s e
di "crisi no", insomma, che lascia molto perplessi.
R.L.

N
on avendo potuto partecipare
alla riunione di questa mattina, da

me chiesta, presso il Genio Civile


di Siracusa, perch ancora a Palermo per problematiche legate alla
finanziaria, ribadisco la mia posizione sul Galermi, che stata oggetto
di un mio comunicato stampa del
23/02/2016, che qui si allega. Inoltre
allego la lettera da me inviata alling.
Capo del Genio Civile in occasione
della sopracitata riunione. Lo comu-

Sicilia 3

nica lOn. Vincenzo Vinciullo, Presidente della Commissione Bilancio e


Programmazione allARS.
Ribadisco, quindi, lesistenza di
385.200 euro che sono disponibili dal
2014, la possibilit, anche se remota, di avere ulteriori 150 mila euro in
overbooking, la necessit che Assessorato dellEnergia rinvesta nello
canale le somme che riscuote ogni
anno e che destina ad altre finalit,
ed infine la necessit di autorizzare

SiracusaCity

immediatamente gli agricoltori a realizzare i lavori per evitare di perdere 100 litri di acqua al secondo
e lobbligo di restituire, attraverso il
mancato pagamento delle quote del
canone, le risorse che gli agricoltori
spenderanno per realizzare i lavori
necessari.
Duole fare presente che, ha concluso lon. Vinciullo, a questo stato di
crisi arriviamo nonostante la disponibilit delle risorse.

Il turismo e il futuro business


Accogliamo bene i turisti dalla Cina

Abbiamo uno dei pi grandi giacimenti culturali al mondo, lenogastronomia siracusana,


shopping, citt pulita e servizi eccellenti.
di Giuseppe Bianca

L
e nostre riflessioni
di oggi si sofferma-

no sulla visita della


delegazione cinese
del CPAFFC, The
Chinese People's Association for Friendship with Foreign
Countries, venerd
scorso a Siracusa.
La delegazione si
recata al parco archeologico e nel centro
storico di Ortigia, presenti Shen Xin, vice
direttore generale
del CPAFFC insieme
a Yang Yingzi, Staff
del Dipartimento Europeo del CPAFFC
e a Mao Jingxian,
produttore di CCTV
(la pi grande rete
televisiva di stato
della Cina con circa
800 milioni di spettatori), intenzionato a
realizzare reportage
sulla Sicilia. Questo
ci fa rendere lidea
che parliamo di una
grande opportunit
di turismo. Le statistiche ci indicano che i
cinesi che viaggiano
allestero sono stati
80 milioni nel 2015 e
potrebbero diventare
molto di pi nel 2016.
Unoccasione doro
per lItalia e il nostro
territorio, che richiama un immaginario
fatto di arte e gusto del
buon vivere. Soprattutto di buonissima
accoglienza, prezzi
modici e saper parlare la lingua inglese,
quindi importante
farsi al pi presto un
corso, di scuole in citt ce ne sono diverse.
Siamo rimasti letteralmente senza fiato
ha detto Shen Xin,
vice direttore generale del CPAFFC
durante la visita al
Teatro Greco. E stata
una grande emozione
anche vedere dal vivo
una piazza splendida

che abbiamo conosciuto grazie al film


di Giuseppe Tornatore, Malena: piazza
Duomo davvero incantevole. Posso dire
che una citt come
Siracusa ha molto
da offrire al turista
cinese. Come captare una domanda
sempre crescente?
Come accogliere i
turisti cinesi?
Innanzitutto per i nostri
monumenti, abbiamo
uno dei pi grandi
giacimenti culturali al
mondo, la nostra ricca
storia, lenogastronomia siracusana,
shopping, citt pulita,
i servizi eccellenti.
Sono questi i tratti
che creano lappeal
agli occhi del turista
cinese. O meglio, dei
milioni di turisti cinesi
che ogni anno compiono viaggi internazionali, al punto che
il mercato turistico
cinese sta rapidamente diventando il
pi grande mercato
turistico del mondo.
Come captare la ri-

In foto e sotto,turisti cinesi a Siracusa.


chiesta proveniente
dal mercato del Sol
levante, accogliere
senza perdere la faccia e stringere affari
con businessman e
tour operator.
Nel 2015, la Cina si
piazzata al secondo
posto nel mondo per
la quantit di viaggi
(quasi 4 milioni) diretti
verso lEuropa. Un
milione di turisti cinesi
ha inserito lItalia tra
le proprie mete: lapproccio con i Paesi del
vecchio continente
rappresenta uno sta-

tus symbol per la classe media, formata da


persone tra i 30 e i 45
anni con una buona
cultura e un portafogli
abbastanza capiente
da sostenere un tour
che tocchi diverse
capitali europee.
A sorpresa, i cinesi
hanno scalzato i russi
dalla classifica degli
stranieri che spendono di pi per fare
shopping. Vestiario,
moda, accessori, ma
anche prodotti tipici
locali non possono
mancare in un pac-

chetto turistico che


voglia dirsi attrattivo.
Bene, anche, proporre itinerari particolari,
che mescolano le
mete classiche a destinazioni care alla
cultura cinese (ne un
esempio, a Verona, il
balcone di Romeo e
Giulietta, la cui storia
molto simile a una
nota leggenda cinese). E ancora, sport
(con il ping pong e il
golf in primo piano,
ma sono apprezzati
anche il calcio e la
Formula 1) e natura.
Crescono anche i
mercati di nicchia, a
cui si pu rispondere
con itinerari dedicati
allopera, ai vini (il cui
consumo porter la
Cina al sesto posto nel
mondo entro il 2016),
a corsi di italiano, wellness o viaggi di nozze.
Da non dimenticare,
infine, che la Cina
destinata a diventare
il secondo mercato
mondiale per i beni di
lusso: le vacanze con
destinazioni e servizi
esclusivi capteranno lattenzione di un
pubblico sempre pi
attento ed esigente.
Quindi, cari albergatori siracusani, occhio
allaccoglienza: un
elemento fondamentale, considerando
che gli europei, agli
occhi dei cinesi, hanno molte qualit ma
non certo quella di
essere calorosi ed
ospitali. Cartellonistica in lingua, brochure con informazioni
pratiche, personale
preparato agli usi e ai
costumi orientali sono
alcuni optional di cui
dotarsi, insieme a una
piccola serie di accortezze per rimanere in
sintonia con letichetta
orientale.
Prepariamoci, non
facciamoci cogliere
sprovveduti, perch
se sbagliamo i cinesi
o chi per essi, non
verranno pi, perdendo cos una grande
opportunit.

Simona Princiotta
e Salvo Sorbello
intervengono sulla
II commissione

ogliamo
ancora
una volta precisare che
da mesi contestiamo la
consigliera D'amico per
le modalit di convocazione della commissione e per gli argomenti
da trattare - lo affermano I Consiglieri Comunali Simona Princiotta e
Salvo Sorbello - .
Sul punto ci teniamo a
specificare che abbiamo
semplicemente chiesto
che le riunioni venissero convocate fuori dagli orari di lavoro, cos
come previsto dalla
nuova legge regionale,
per evitare al Comune
costi di rimborso ai datori di lavoro. Nello stesso tempo chiediamo di
discutere di argomenti
importanti che possano incidere in maniera
costruttiva sulla qualit
della vita dei siracusani. Ci riferiamo agli asili
nido, alla refezione scolastica, al piano finanziario 328, alla chiusura
della scuola di musica
Privitera e all'utilizzo dei
fondi per la rivalutazione
zone periferiche.
La presidente, dimenticando il vero scopo delle commissioni, ossia di
proposta ma di controllo
sugli atti gestionali, ha
avuto la temerariet di
comunicarci, anche a
mezzo stampa, il rifiuto
categorico a trattare gli
argomenti.
Senza voler violare il
diritto della D'Amico a
confrontarsi con il segretario del Pd Alessio
Lo Giudice, le ricordiamo che il presidente
di commissione viene
votato dai componenti
e non dal partito di appartenenza. La seconda commissione ormai
da mesi raccoglie il mal
contento di molti consiglieri e non solo d opposizione. Pi di un consigliere di maggioranza
infatti migrato in altre
commissioni, e si fa molta fatica a raggiungere il
numero legale.
Ci auguriamo che la
consigliera D'Amico invece di trincerarsi dietro
il suo ruolo di componente dellesecutivo del
partito democratico abbia la capacit e la lucidit di fare autocritica.

SiracusaCity 4

Sicilia 6 marzo 2016, domenica

6 marzo 2016, domenica

I Carabinieri scoprono deposito di moto


rubate: arrestati 3 ganesi e un catanese
stata sgominata unimportante
organizzazione dedita alla ricettazione nella provincia di Siracusa

I Carabinieri del Co-

mando Stazione di
Solarino a termine
di unattivit infoinvestigativa hanno
proceduto al fermo
delle seguenti persone per associazione per delinquere
finalizzata alla ricettazione di materiale
provento di furto:
Giuseppe Melliforo,
catanese, 50 anni,
pregiudicato
con
precedenti per associazione mafiosa;
Joseph
Aknamah,
ghanese, 21 anni,
residente a Novara,
incensurato; Ismael
Mumuni, ghanese,
36 anni, residente a
Floridia, con precedenti di polizia; Inusah Nuhu, ghanese,
26 anni, residente a
Catania, con precedenti per ricettazione. Nelloperazione
i Carabinieri di Solarino, a seguito di
diversi servizi di osservazione, controllo e pedinamento,
finalizzati a monitorare gli spostamenti
dei 4 fermati, hanno
scoperto due depo-

siti, uno a Solarino


e laltro a Floridia,
al cui interno erano
nascoste complessivamente 32 moto,
la maggior parte di
grossa
cilindrata,
tutte provento di furto, nonch numerose parti meccaniche
di moto, dalle quali
sono state asportati il numero del
telaio per impedire
i risalire ai legittimi
proprietari, nonch
decine di elettrodomestici, televisori e
computer, tutti avvolti con pellicola
per imballaggi. Inoltre lattivit dindagine ha permesso di
scoprire che il Melliforo, a bordo di un
furgone, faceva la
spola tra Solarino,
Floridia e Catania,
trasportando la refurtiva che poi veniva depositata nei
magazzini.
Tutto il materiale
era stato sapientemente occultato con
sacchi
contenenti
indumenti, scarpe e
scatolette di tonno,
in quanto lobiettivo

Un momento della conferenza stampa, sotto la refurtiva e i fermati


dei fermati era quello di caricare tutta la
refurtiva su un container che in brevissimo tempo sarebbe partito alla volta
dellAfrica.
Lintera
refurtiva,
del valore di circa
300.000 euro, stata sequestrata cos
come un furgone
che veniva utilizzato dallitaliano per
gli spostamenti tra
Solarino e Floridia e
per Catania.
I 4 fermati sono
stati tradotti presso
la Casa Circondariale di Cavadonna
cos come disposto
dallAutorit Giudiziaria di Siracusa

Sono in corso ulteriori indagini per


definire ulteriormente tutta la vicenda
nonch per risalire
ai proprietari delle
moto.
- Ten. Tamara Nicolai, comandante
del Nucleo radiomobile di Siracusa
stata sgominata
unimportante
organizzazione dedita alla ricettazione
nella provincia di
Siracusa.
Si i carabinieri della
stazione di Solarino
in breve tempo sono
riusciti a sgominare
questa organizzazione dedita alla ricettazione di moto,

pezzi di moto ed
anche di elettrodomestici provento di
furto. In particolare
parliamo di 32 moto
la maggior parte di
grossa cilindrata rubate da pochissimo
tempo la zona del
catanese addirittura
ancora con la targa ed ancora con
la benzina quindi
questo dimostra che
sono state rubate
veramente pochissimo tempo fa, inoltre
diversi gruppi motore e altri pezzi che
sono stati trovati avvolti nel cellophane
pronti per una rapida
spedizione alla volta
dell'Africa all'interno

Giuseppe Melliforo

Ismael Mumuni

di un container.
- Una un'operazione che ha un valore cospicuo di oltre
200.000 euro.
Si parliamo orientativamente di un
prezzo di 200.000
euro calcolando sia
il valore delle moto,
molte nuove, media
di grossa cilindrata,
vari elettrodomestici quindi l'ammontare della spesa
200.000 compreso
anche il sequestro
di un furgone che
veniva utilizzato dagli autori del reato
per fare la spola tra
Solarino, Floridia e
Catania.
- Avete effettuato
quattro fermi che
sono tre ghanese e
un italiano in questo
caso un catanese,
bene la correlazione
dovuta al fatto che
la mente era il catanese.
Si, sicuramente per
come abbiamo fatto
le indagini il catanese veramente tutta l'organizzazione
che utilizzava anche
il furgone per fare
la spola Solarino,
Floridia fino a Catania.
- Le indagine sono
ancora in corso
proprio il fatto che
lorganizzazione sia
ancora pi ampia.
Infatti, in tal senso sono ancora in
corso per delineare
l'intera vicenda le
condotte per definire
se ci sono ulteriori
soggetti coinvolti in
tutta la vicenda.

Joseph Aknamah

Inusah Nuhu

Sicilia 5

SiracusaCity

Un documento del portavoce di Progetto Siracusa

Asili nido di Siracusa: utilizzo


discutibile dei fondi Pac

La gestione di otto asili nido comunali aggiudicate


a quattro diverse ditte (curiosa coincidenza)
QUATTRO SPOSE PER QUATTRO FRATELLI.

uattro diverse gare per la gestione di


otto asili nido comunali aggiudicate a quattro diverse ditte (curiosa coincidenza). Tutti i
bandi di gara contengono la clausola del pagamento c.d. vuoto per pieno, il che significa
che le ditte che si aggiudicano il servizio ricevono dal Comune i pagamenti non in base
all'effettivo numero di bambini iscritti, ma alla
capienza massima di ogni asilo nido argomenta cos il portavoce di Progetto Siracusa,
avv. Ezechia Paolo Reale -. L'aumento delle tariffe ha poi comportato che quasi tutti gli
asili nido comunali, eccetto uno che addirittura non ha neanche aperto, hanno ricevuto
un basso numero di iscrizioni continuando a
ricevere il pagamento dal Comune come se
fossero pieni.
IL FANTASMA DEL REGOLAMENTO
Altra curiosa coincidenza: la delibera di Consiglio Comunale n. 43 del 4/3/2015 con la
quale era stato modificato il regolamento per
il funzionamento degli asili nido e' stata pubblicata allAlbo Pretorio on line in una versione ridotta rispetto al suo testo ufficiale.
Alla protesta formale dei consiglieri Milazzo e
Sorbello, il funzionario si scusato per quello
che ha definito un errore involontario ed ha
subito eliminato dallAlbo Pretorio il testo incompleto sostituendolo con quello ufficiale.
Le coincidenze, si sa, non esistono o sono
segni superiori per richiamare lattenzione.
E le parti di testo che mancavano nella prima
pubblicazione erano, guarda caso, da una
parte lintervento dei consiglieri di opposizione, ed in particolare di Salvo Sorbello di
Progetto Siracusa, dove era evidenziato che
il regolamento che si stava approvando era
diverso da quello approvato dallAssemblea
dei Sindaci del Distretto 328 e, dall'altro, le
rassicurazioni dellAssessore al ramo sul fatto
che i due regolamenti fossero tra loro complementari. La risposta avrebbe dovuto suonare
strana, almeno per gli addetti ai lavori, perch
l'Assemblea dei Sindaci non ha il potere di
emettere alcun regolamento, ma solamente
di approvare uno schema di testo da suggerire ai vari consigli comunali. Ma cos . La
maggioranza si accontentata della risposta
dell'Assessore ed ha votato il nuovo regolamento per gli asili nido.
Era il 4 marzo 2015.
PER UN PUGNO DI EURO
Per poter finanziare il servizio degli asili nido
e bandire le quattro gare lamministrazione
comunale ha ottenuto dal competente ministero lassegnazione di somme provenienti
dai Fondi PAC. Per avere diritto a tali somme,
per, oltre a dover prevedere un numero di
iscrizioni agli asili nido maggiore di quello degli anni precedenti (previsione, come abbiamo visto, rivelatasi, non sorprendentemente,
del tutto sbagliata) lamministrazione avrebbe anche dovuto approvare e trasmettere al
ministero entro il 31/12/2014 il nuovo regolamento relativo al funzionamento degli asili
nido. Ma il Consiglio Comunale, evidentemente troppo impegnato a trattare questioni
pi importanti, nonostante la proposta fosse
risalente al settembre 2014, ha adottato quel
regolamento, come detto, solo il 4 marzo del
2015. Come ha fatto, quindi, il Comune di
Siracusa ad ottenere ugualmente somme che
apparentemente non gli spettavano, avendo
dimenticato di approvare in tempo il regolamento?
La risposta potrebbe essere quella indicata

dalla sequenza di coincidenze. Il ministero


potrebbe aver ricevuto entro il 31/12/2014,
anzich un vero regolamento (quello effettivamente vigente risaliva al 1981), solo schema di testo che lassemblea dei Sindaci del
aveva suggerito di adottare a tutti i Comuni
del Distretto 328 ( schema che d'altronde lo
stesso assessore al ramo, nel rispondere ai
rilievi delle forze di opposizione sembra aver
scambiato per un vero e proprio regolamento). E plausibile anche pensare che il ministero, dove evidentemente le competenze
abbondano, possa esserci cascato ed abbia
erogato i fondi. Si potrebbe dire, poco male,
solo sicula furbizia. In fondo si solo inviato
nel dicembre 2014 un testo che di l a poco
sarebbe stato approvato dal Consiglio Comunale e si riusciti, almeno questa volta,
a non perdere la possibilit di finanziare un
servizio estremamente utile. Purtroppo non
potrebbe dirsi neanche questo, perch il regolamento poi approvato il 4/3/2015 dal Consiglio Comunale completamente diverso da
quello suggerito dallAssemblea dei Sindaci.
Se la ricostruzione che le coincidenze suggeriscono fosse vera saremmo di fronte ad
un pasticcio dilettantesco che rischierebbe,
a parte ogni altra valutazione, di far revocare
il finanziamento.
DOVE OSANO LE GIUNTE
Prevedendo la piena occupazione degli Asili
Nido comunali lamministrazione ha coerentemente previsto di acquistare dei posti da
asili nido privati. Peccato, per, che non solo
non stata bandita alcuna gara per l'acquisto d quei posti, ma il fornitore unico, perch
il solo in possesso di accreditamento regionale, stato nominativamente individuato
direttamente con una delibera di indirizzo
della Giunta, probabilmente senza verificare
neppure se il titolare di quegli asili fosse anche tra i soggetti che si erano o si sarebbero
aggiudicati anche la gara di gestione degli
asili nido comunali e se, quindi, potesse crearsi un potenziale conflitto di interessi che
rischiava di lasciare vuoti ( ma pagati con
il meccanismo del vuoto per pieno) gli asili
pubblici e riempire i due asili privati convenzionati. Salvo poi, ed notizia degli ultimi
giorni, fare una precipitosa marcia indietro
annullando l'acquisto di alcuni posti negli
asili nido privati e trasferendo coattivamente
i bambini negli asili pubblici effettivamente
rimasti vuoti, con il rischio di destabilizzare
e creare disagio ai bambini ed alle famiglie,
sballottati a met anno da un posto allaltro.
Inefficienza, incapacit di programmazione
ed insensibilit sembrano caratterizzare ancora una volta l'agire dell'amministrazione
comunale nel campo delle politiche sociali.
THE END
Per i titoli ci siamo ispirati alla cinematografia, ma nella nostra storia il lieto fine manca.
Dopo tutto questo, mentre lAssessore Scorpo ancora tranquillamente ed allegramente
al suo posto ed a rassegnare le dimissioni
non ci pensa proprio, ad essere penalizzati
sono ancora una volta i bambini e le loro famiglie. Ma in fondo l'Assessore ha ragione e
fa bene a restare seduta nella sua poltrona.
Siracusa ha da tempo il raro dono di non
conoscere il significato della parola controllo
sociale o istituzionale sulloperare delle figure pubbliche e, quindi, ogni loro volontaria
assunzione di responsabilit, se non imposta
dal fato o dai giochi di palazzo, sarebbe vista
come indice non di correttezza, ma di scarsa
sicula furbizia.

In foto, la locandina.

La Polizia di Stato con le donne


Incontro con gli operatori
delle forze dellordine
I

n occasione dell8 marzo, giornata internazionale


della donna, nellambito di una pi ampia campagna
di informazione e sensibilizzazione indetta dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, la Questura di
Siracusa, unitamente al Coordinamento Donne, ha
organizzato, alle ore 9.30 del 7 marzo, una conferenza presso la sede della Confindustria rivolta al personale della Polizia di Stato, dellAmministrazione Civile
dellinterno e agli operatori di altre forze di polizia presenti nella nostra provincia.
Lincontro, dal tema La Polizia di Stato con le donne,
vedr la partecipazione di rappresentanti delle Istituzioni e della magistratura nonch di Enti ed associazioni che operano nel sociale.
Nel corso della conferenza verr trattata levoluzione
del ruolo della donna nella Polizia di Stato, dalla riforma ad oggi, ed il determinante impegno dellIstituzione a salvaguardia delluniverso femminile.
In tale contesto sar approfondito il tema riguardante
le attivit istituzionali tese al contrasto del fenomeno
del femminicidio e si approfondiranno i risultati di una
indagine condotta in quattro paesi dellUnione Europea nellambito del programma Daphne III con lanalisi di campioni significativi di fascicoli giudiziari.

La Polizia denuncia
cinque persone
A

genti della Polizia di


Stato, in servizio alle Volanti della Questura di
Siracusa, nellambito dei
quotidiani controlli a coloro che in citt sono sottoposti a misure restrittive
della libert personale,
hanno denunciato quattro
persone per inosservanza a dette misure. Alle ore
11.40 di ieri, Agenti delle
Volanti sono intervenuti
in un esercizio commerciale in via Italia dove,
poco prima, un giovane,
travisato da passamontagna ed armato di pistola,
si faceva consegnare la
somma di euro 400\500,
incasso della giornata, e
si dava alla fuga. Indagini
in corso.
Ad Avola gli agenti in
servizio al Commissariato hanno denunciato un
uomo

K.C. di 43 anni, nato in


Algeria e residente a
Cassibile per il reato di
sottrazione consensuale
di minorenne. Infine un
giovane 19enne, avolese,
stato denunciato per i
reati di maltrattamenti in
famiglia, atti persecutori e
lesioni personali.

Nel

Siracusano 6

6 MARZO 2016, DOMENICA

Sicilia 6 MARZO 2016, DOMENICA

Pianeta Donna nella Biblioteca Comunale della Circoscrizione


Santa Lucia ha celebrato la Giornata Internazionale della Donna

Le

socie di Pianeta
Donna con una rappresentanza del Gruppo
Artigianato e dellAneb
con la presidente Giovanna Schembari, negli
spazi della Biblioteca
Comunale della Circoscrizione Santa Lucia
hanno ricordato Jessie
White Mario nel 110
anno dalla sua scomparsa (1906-2016), la
quale stata presentata
dalla scrittrice Vittoria
De Marco Veneziano
nella ricorrenza della
Giornata Internazionale della Donna. Dopo
il saluto della Responsabile della Biblioteca
Luciana Pannuzzo, che
si soffermata sul valore della Giornata , la
presidente di Pianeta
Donna Giovanna Marino ha evidenziato il
motivo della scelta in
quanto oggi si avverte
il bisogno di un nuovo
Risorgimento morale,
culturale,
economico e perch assieme a
Jessie White Mario si
vuole ringraziare tutte
le donne note e meno
note che nella famiglia,
nella scuola, nel sociale, nelle professioni
hanno lasciato un solco
profondo, importante
per levoluzione della
donna e il progresso
della propria nazione.
Jessie White Mario
stata unattenta giornalista e scrittrice di problematiche sociali oltre
che patriota assieme al
marito Alberto Marino, anchegli scrittore
e giornalista, al quale
Siracusa e Francofonte
hanno dedicato sin
dallinizio del XX secolo una strada. Mentre
in tante citt italiane ci
sono strade anche col
nome di Jessie.
Quindi ha presentato
loratrice Vittoria De
Marco Veneziano, una
donna ha detto, di grande valenza letteraria
oltre che umana nella
famiglia e nel sociale.
I suoi libri La farfalla dalle ali spezzate,
Lisola a forma di
quaglia, Tante Donne sono da leggere per
lentit del contenuto e

Ospiti la scrittrice Vittoria De Marco Veneziano per ricordare Jessie White Mario,
una patriota assieme al marito del Risorgimento Italiano

stile, per le informazioni e le riflessioni alle


quali inducono. Pertanto consequenziale
che Vittoria continui
a ricevere riconoscimenti ovunque tenga le

sue relazioni su personaggi di un certo spessore o presenti i suoi


libri. Oggi, Vittoria ci
fa conoscere un Donna, Jessie White Mario e la conosceremo
attraverso le parole e
le immagini che ci saranno mostrate, dalle
quali avremo spunti per
ammirarla dal suo operato assieme al marito
uniti nella vita e nelle
scelte a favore del benessere comune nella
costituenda
nazione
italiana da riordinare.
Prima di dare la parola alloratrice il nutrito
uditorio ha ascoltato le
liriche di Rita Cristillo,
Nunziatina Confalone
Mangiaficoi, di Anita
Popolo , di Laura Formica, riferite ad aspetti
diversi della Donna.
Che riportiamo in calce. Vittoria De Marco
Veneziano ha cominciato facendo conoscere lorigine inglese
di Jessie White Mario,
naturalizzata italiana.

Si interess alla causa


risorgimentale italiana
e conobbe Giuseppe
Garibaldi e Giuseppe
Mazzini che la defin la
nuova Giovanna DArco. Per le sue idee e il

suo operato fu incarcerata, dove conobbe il


marito Alberto Mario,
luomo con il quale
condivise gioie, malattia, ideali e alla fine
volle essere sepolta
accanto a lui a Lendinara. La conferenza
stata molto articolata
per le tante notizie raccontate con passione,
nel dovuto rispetto per

un personaggio dotato
di coraggio e di determinazione, preparata
e altruista. La narrazione ha conquistato il
pubblico dimostrando
il suo plauso anche in-

tervenendo al dibattito
mentre Luciana Pannuzzo e Giovanna Marino hanno consegnato
una targa alloratrice a
ricordo di un momento
tanto istruttivo e socializzante.
Ecco le poesie lette dalle stesse autrici:
Rita Cristillo Donna
Occhi spalancati sul
mondo/anelanti proget-

ti di vita/di cui sei albero possente/Sorgente di colori/Acqua nel


deserto/raccontatrice
di affetti/sogni/passioni/ossigeno inebriante/
compagna di viag-

gio./Quando la vita/ ti
sfida/e assapori/la sua
durezza diamantina/
fatica a vivere/il cuore privo di sole/E cos
vedi il cielo appassire/e
ti smarrisci/Il vuoto intorno/Il cielo nero/
finch in te risuona
la brama del sereno/e
affannosamente risorgi/Sirisorgi!Mani
bagnate di lacrime/ti

purificano/Il sole ricomincia a scaldarti/La


luce illumina/Il vento
ti sfioralorizzonte si
rischiara/ritorni a rincorrere i sogni/e/ti riconcili con laltra met
del cielo. Nunziatina
Confalone Mangiafico
8 Marzo 1985- Non
camminarmi avanti/potrei non seguirti./ Non
camminarmi dietro/e
insieme/ affronteremo
la Vita. Anita Popolo
Lentini La Crocerossina- E una brezza
marina/in un giorno
assolato/ lofferta di
chi/dona tutta se stessa/Piegata a lenire ferite profonde/invisibili
o no./Nel martirio di
un corpo/stritolato dal
male/ il tepor di una
mano/che accarezza e
rincuora/nel recupero
assurdo/di una vita gi
spenta./Quanti
notti
a pregare/per tentare
un rinvio/e giornate
pesanti/che conceda il
riposo/allattesa
tremenda/di un sol battito
in pi/Eun barlume
che entra/ un raggio
di sole/ una spada che
vibra/per il colpo finale/
alla morte assassina:/E
la Crocerossina.
Laura Formica: Il tempo delle danze- Quando per noi si aprirono
le danze/indossavamo
scarpette di cristallo/nitide, trasparenti/e molti
sguardi/molte ardenti
parole/le
attraversavano/inesistenti./Sognavamo di catturare/
il lieto fine/come nella
fiaba./Lo
chiamavamo amore/E molte
gi vedevano/con gli
occhi della mente/il
piatto ventre/lievitare come il buon pane/
per custodire/latteso,
amato/gomitolo
di
vita./Altre fraintesero/
caddero nellinganno/e
divennero pietre/che
le gocce/non riuscirono a scavare./E adesso
schiaffeggiate/o accarezzate dal destino/tutte
danziamo/sullonda dei
ricordi/e il nostro piede
stanco volteggia vorticoso/come trottola/
spinta da un bambino.
P. M.

Sicilia 7

Nel

Siracusano

Soddisfatto Corrado Basile dellesito della missione in Egitto appena conclusa

Il Museo del Papiro Corrado Basile


amplia il laboratorio di restauro dei papiri
Il Ministro egiziano delle Antichit ha dato la disponibilit
allampliamento del laboratorio nel Museo Egizio del Cairo
A

l Cairo Basile e Anna Di


Natale, fondatori del Museo
del Papiro, hanno incontrato il Ministro delle Antichit,
legittologo Mandouh Eldamaty, il quale conosce da anni
e sostiene con entusiasmo le
attivit del Museo del Papiro
in Egitto. Innanzitutto, il Ministro Eldamaty ha espresso il
desiderio di visitare il Museo
del Papiro di Siracusa. Inoltre,
dallincontro con il Ministro
sono scaturiti molti risultati importanti, tra cui la piena
disponibilit allampliamento
del Laboratorio di Restauro
dei Papiri che il Museo del
Papiro ha realizzato nel 2005
nel Museo Egizio del Cairo.
Come si ricorder fu proprio
il Ministro Eldamaty, al tempo in cui ricopriva la carica di
Direttore Generale del Museo
Egizio del Cairo, a concedere
i locali allinterno della struttura museale egiziana per la
realizzazione del laboratorio
di restauro dei documenti papiracei, il primo in Egitto. La
collaborazione tra listituzione
siracusana e il Museo di piazza Taharir risale al 1998. Oltre
alla creazione del Laboratorio,
il Museo del Papiro ha svolto
in questi anni in Egitto attivit
di restauro dei papiri e di for-

mazione nel campo del restauro; per questo impegno e per


i risultati prodotti listituzione
siracusana riceve lapprezzamento e la stima non solo delle varie istituzioni museali ed
universitarie ma anche delle
Autorit egiziane. Inoltre, per
il Museo del Papiro motivo
di orgoglio che due dei suoi
allievi egiziani ricoprano oggi
la carica di Direttori Generali
del Restauro in due musei in
Egitto, uno dei quali il prestigioso Museo Egizio del Cairo. Il Laboratorio di Restauro
dei Papiri del Museo Egizio
pienamente funzionante in
tutto larco dellanno, con
unquipe di giovani restauratori egiziani che eseguono
interventi di restauro su papiri
nei diversi stati di conservazione, utilizzando le metodologie pi avanzate messe

a punto dal Basile. Oggi, a


dieci anni dallapertura del laboratorio, per lincrementata
attivit gli spazi disponibili si
rivelano non pi sufficienti e
non consentono di soddisfare
le richieste, sempre crescenti, di restauratori sia egiziani
sia europei che desiderano far
parte dellquipe che opera nel
Laboratorio. Lesigenza di un
ampliamento dei locali stata
prontamente condivisa dal Ministro delle Antichit Eldamaty, il quale ha dato, unitamente
al Direttore Generale del Museo Egizio del Cairo Khaled El
Anany, la fattiva disponibilit
allampliamento del Laboratorio di Restauro dei Papiri, dato
il suo particolare rilevante interesse internazionale.
Il paradosso che, mentre nel
Museo Egizio del Cairo - che
possiede la pi grande collezione di papiri nel mondo - il
Museo del Papiro riceve la
massima disponibilit allampliamento del Laboratorio di
Restauro dei Papiri, a Siracusa
nella propria sede, lex convento di SantAgostino, al
Museo sono stati scippati
quei locali che nel progetto
approvato erano destinati a laboratori del Museo del Papiro,
che oggi non sono utilizzati

allo scopo per i quali sono stati finanziati i restauri. Questo


avvenuto - il Museo del Papiro non si stancher di ribadirlo sempre ed in ogni luogo
- nonostante lex convento di
SantAgostino sia stato finanziato, restaurato e collaudato
per farne, nella sua interezza,
la sede del Museo del Papiro
con annessi laboratori. Il Museo del Papiro unistituzione
riconosciuta a livello internazionale, che svolge sin dal
1987 attivit di promozione,
diffusione e valorizzazione
del patrimonio culturale del
papiro, attrattiva peculiare
non solo della citt di Siracusa
ma dellintera Sicilia, e possiede tra laltro unimportante
collezione di papiri prodotti a
Siracusa dal XVIII secolo e la
pi ampia collezione di papiri antichi (dal XV secolo a.C.
allVIII d.C.) dellItalia meridionale e lunica in Sicilia. La
mancanza o lindisponibilit
degli spazi, che nel progetto
approvato erano destinati al
Museo del Papiro, penalizza listituzione siracusana,
non permettendo di svolgere
appieno, nella propria sede
dellex convento di SantAgostino, le proprie attivit istituzionali.

Prima di lasciare la Si discusso del tema sulla formazione dei giovani siciliani nel settore del turismo
citt di Siracusa, la
razione Autonome
delegazione cinese del
che ha organizzato la
CPAFFC, The Chivisita della deleganese People's Assozione cinese nellIciation for Friendship
sola) Andrea Caf,
with Foreign Countriha assicurato cheil
es, in visita in questi
Governo regionale si
giorni in Sicilia, ha
impegner affinch
incontrato lassessore
il sistema della forregionale allIstruziomazione possa gane e alla Formazione
rantire progetti per i
Professionale, Bruno
giovani siciliani, nel
Marziano.
settore del turismo.
Al fine di aumentare le
La formazione in
competenze dei giovaquesto caso dovr
ni disoccupati,in tema
offrire le compedi accoglienza dei tutenze necessarie ad
risti, Marziano, rivolassicurare standard
gendosi al presidente
elevati
nellaccoCifa (la Confederazioglienza dei turisti.
ne Italiana delle Fede-

Lassessore regionale allistruzione


ha incontrato la delegazione cinese

CULTO

"Umani
e misericordiosi"
sono sinonimi
Se

come Dio misura il


mio essere e il mio agire, il
mio sentire e il mio operare, allora decisivo venire
a sapere com Dio. Per
noi cristiani, il riferimento a
Ges, a come ci ha parlato
di Dio, del Padre/Abb suo
vitale: cio una questione
di vita, di gioia nella vita, di
pienezza di vita. Che Dio abbia un volto oppure un altro,
non pu essere marginale o
indifferente, se desiderare
dessere come Dio la nostra vocazione allesistenza umana. Gi che siamo
nellAnno della misericordia,
consideriamo proprio quel
tratto del volto di Dio, detto misericordioso. E dove
sarebbe la novit rivelata da
Ges Cristo. Israele annuncia il Dio misericordioso e
pietoso, lento allira e grande
nellamore. Anche lIslam
adora Dio come misericordioso. E allora? Pare di capire che la novit dellevento
cristiano che nella croce di
Cristo scopro la verit del
volto di Dio-misericordia:
Dio misericordioso cos
e nel modo =come Ges lo
mostra. Insomma, la misericordia non un atteggiamento che Dio ha nei confronti
degli uomini (perch cos ha
deciso dalleterno =si dice
nella preghiera, infatti, eterna la tua misericordia),
ma piuttosto la sua santit,
la sua realt eterna: lEterno
misericordia. La sostanza
di Dio misericordia, il suo
essere eterno misericordia.
Ecco dunque: lessere umano, fatto a immagine e somiglianza di questo Dio,
desidera/vuole per vocazione creaturale essere come
Dio e, pertanto, vive di misericordia, perch misericordia. Secondo il classico
adagio- Agere sequitur esse
(lagire segue lessere)-, il
donare misericordia agli altri per noi, prima di essere
un imperativo etico, una
questione dessere, di vita, di
esistenza. Quando non siamo
misericordiosi, siamo di fatto
degli alienati. Possiamo allora invocare nella preghiera
il coraggio di contemplare il
volto vero di Dio annunciato
da Ges, per poter vivere
per poter essereumani
essere umani: umani e misericordiosi sono sinonimi.
+donTonino

Culto 8

Sicilia 6 MARZO 2016, DOMENICA

Misericordia e ravvedimento

di Roberto Tondelli

Ges

la manifestazione di quel
Dio che egli chiama
in modo familiare
Padre o Abb,
un nome che era il
modo intimo con
cui il bambino ebreo
si rivolgeva al suo
pap. I vangeli
non sono la biografia di Ges, il loro
scopo suscitare la
fede: Queste cose
sono scritte affinch
crediate che Ges
il Cristo, cio il
Figlio di Dio, e affinch credendo abbiate vita nel suo
nome, cio nella
sua persona (Giovanni 20,31). Ges
la parola di Dio che
stata fatta carne,
cio fatta persona...
piena di grazia e di
verit, una persona dotata di gloria,
gloria come quella
dellunigenito venuto da presso il
Padre
(Giovanni
1,14). Lespressione
piena di grazia
applicata dal Vangelo solo a Ges. Solo
lui davvero Parola
piena di grazia. La
sua gloria sta nella sua risurrezione,
intimamente legata alla morte, cos
come la spiga di grano legata al chicco
che muore (Giovanni 12,24) o come la
nascita di una nuova creatura legata
alle doglie del parto
(Giovanni 16,21).
La morte quindi
lora di Ges che
gi include in germe
la sua risurrezione
(Giovanni 2,3; 17,1).
Solo Ges risorto, garanzia di vita
per tutti quelli che
ubbidiscono a Lui.
Ges una realt
vera come lo siamo
noi, anzi pi di noi.
Lui infatti risor-

Accostarsi alla misericordia di Dio senza ravvedersi?


Alla gente sfiduciata dei nostri tempi occorre ricordare che la vita sta in Ges
to e vive gi la vita
piena di Dio, mentre noi siamo ancora
nei problemi e nelle
sofferenze. Talvolta,
anzi, rischiamo di

chiama ogni persona umana al ravvedimento, al cambiamento di mentalit


e di modo di vivere,
adeguando la pro-

Senza Cristo, il
mondo perduto. Lo
si vede nel caos che
regna nelle societ,
nei tentativi degli
uomini di unificare

Se Erode o Erodiade
avessero voluto avvicinarsi allamore
misericordioso
di
Dio, potevano restare in quella loro

Lespressione
piena di grazia
applicata dal
Vangelo solo a
Ges. Solo lui
davvero Parola
piena di grazia
la sua gloria
sta nella sua
risurrezione, intimamente legata
alla morte
scoraggiarci a causa
di ansie, preoccupazioni, malattie
Eppure Ges non
lontano da ciascuno
di noi, infatti, come
abbiamo letto sopra,
egli divenuto carne, quindi ha patito
e sofferto come noi,
ci pu capire perch
nella sua vita ha potuto esperimentare
le nostre stesse debolezze e miserie,
prove e tentazioni,
anche se a differenza di noi non commise peccato.
Ges ci manifesta
in modo unico e irripetibile lamore,
cio la misericordia
del Padre. Tale amore
misericordioso
buono, riguarda
ogni essere umano
in modo unico e si
concretizza (ripetiamolo) nella persona
di Ges Cristo, che

pria vita al volere


del Padre, proprio
come fece Ges.
Perci, una misericordia sbandierata
come se non ci fosse la necessit del
ravvedimento, non
la misericordia di
Dio: Dio infatti ha
tanto amato il mondo che ha dato il suo
unico figlio, affinch
chiunque crede in
lui non perisca ma
abbia vita eterna,
Dio infatti ha mandato il suo figlio nel
mondo non per condannare il mondo,
ma perch il mondo
sia salvato per mezzo suo. Chi crede
in lui (Cristo) non
condannato. Chi
non crede gi condannato, perch non
crede nella persona dellunico figlio
di Dio (Giovanni
3,16).

Sicilia 9

6 MARZO 2016, DOMENICA

i loro sforzi (sociali,


economici, politici);
tentativi che per un
po di tempo sembrano aver successo,
ma poi naufragano
per un motivo o per
laltro. Lamore misericordioso di Dio
attua quindi qui-eora una separazione,
una crisi: o la salvezza o la condanna. Sono le persone
stesse che si salvano
accogliendo Cristo e
la sua Parola, oppure si autocondannano respingendo lui e
la sua Norma vitale.
Erode Antipa aveva
preso la moglie di
suo fratello Filippo.
Giovanni Battista
rimprovera pubblicamente Erode ed
Erodiade per il loro
comportamento matrimoniale (e per
questo verr imprigionato e ucciso).

situazione? Zaccheo
riscuoteva le tasse
per conto dei Romani, e lucrava sul suo
lavoro, rubando a
man bassa. Se avesse voluto accostarsi
alla misericordia di
Dio, avrebbe potuto continuare a derubare tutti in quel
modo? La donna
Samaritana incontra Ges mentre lei
sta vivendo col suo
sesto marito. La parola misericordiosa
di Ges la persuade
che egli davvero
il Messia. Se quella
donna vuole gustare
la misericordia di
Dio, pu continuare a vivere col sesto
marito? La donna
colta in flagrante
adulterio non viene
condannata n dai
malvagi che lavevano condotta davanti a Ges (chi

senza peccato scagli


la prima pietra) n
da Ges stesso. Egli
la congeda per dicendole: Va, e non
peccare pi.
Come si vede, la
misericordia di Dio
non un sentimentalismo imbonitore
che integra tutto e
tutti. Ma una forza
che persuade il peccatore a confessare il
peccato a Dio, che lo
perdona, e a smettere di vivere nel peccato.
Alla gente sfiduciata
dei nostri tempi occorre ricordare che
la vita sta in Ges.
Non trovarono la
vita i rabbini che
cercarono col loro
zelo e con scrupolo
di osservare la legge (di Mos). Non
raggiunsero la vita
gli stoici (antichi e
moderni) coi loro
ideali di fratellanza umana. Anche il
cristianesimo puramente sociale non
pu servire allo
scopo di dare vita.
Occorre agire uniti
a Ges Cristo, rivivere il suo amore.
Cos il credente sar
capace di risollevare
le sorti della societ
odierna. Dio non si
ritirato, non malato e non morto.
Sono gli uomini che
non sanno pi appropriarsi e godere
del suo dono che
amore
misericordioso, e proprio per
questo amore serio. (Chiesa di Ges
Cristo Via Modica,
3 - di fronte ingresso
Istituto F. Insolera
mercoled e venerd
ore 19.30, conversazioni
bibliche;
domenica ore 10.30,
culto al Signore
info: 340.4809173
email: chiesadicristo@alice.it). cristo@alice.it).

Commercio

Risoluzioni del Ministero dello Sviluppo Economico in ordine allefficacia


territoriale dellautorizzazione per il commercio su aree pubbliche

Il Ministero dello Svi-

luppo Economico, nel


periodo luglio novembre 2015, ha formulato
alcuni pareri su richiesta
di aziende, Camere di
commercio e Comuni
ai sensi delle vigenti disposizioni di legge.
In sintesi le risoluzioni
pi significative emanate dalla competente Direzione Generale per il
Mercato, Concorrenza,
Consumatori, Vigilanza
e Normativa tecnica.
Risoluzione n. 128846
del 27.7.2015
Unazienda privata ha
ottenuto dal dicastero
risposta affermativa al
quesito se lautorizzazione amministrativa di
tipo a) rilasciata dallEnte locale per il commercio su aree pubbliche,
concernente nella fattispecie il posteggio in
area mercatale per un
solo giorno settimanale,
sia tale da abilitare il titolare nei restanti giorni
a svolgere il commercio
itinerante anche al di
fuori del relativo ambito
comunale.
A tal proposito, la Direzione interpellata si
limitata a confermare che ai sensi dellart.
28 D.Lgs Bersani n.
114/1998 e ss. modificazioni lautorizzazione
all'esercizio dell'attivit
di vendita su aree pubbliche tramite l'uso di
un posteggio, rilasciata
come noto dal Comune in conformit alle
norme dettate in materia dalla Regione competente, abilita di fatto
linteressato sia all'esercizio del commercio in forma itinerante
nell'ambito del proprio
territorio regionale (v.
comma 3), sia alla partecipazione a fiere ancorch organizzate in contesti regionali distinti da
quello di appartenenza
(comma 6). Pertanto, in
relazione al caso prospettato dal soggetto
interpellante e salve diverse disposizioni regionali, stato ribadito che
a norma della predetta
disciplina nazionale il
titolare di autorizzazione allesercizio di unat-

Rubrica a cura
della Confesercenti di Siracusa

tivit di vendita, su posteggio concesso per un


giorno a settimana dal
competente Ente locale, ha la duplice facolt
di: svolgere il commercio itinerante nei giorni

posto dei prodotti ai


sensi degli artt. 3 e 4 DL
Bersani n. 223/2006 e
ss., cos come illustrata
in numerose precedenti
Risoluzioni,
evidenziando anzitutto che

ne di cibi e bevande.
Ci premesso, lEnte
interpellante ha chiesto
nello specifico se nella descritta fattispecie
debba estendersi anche
alle aziende artigiane il

luogo che il consumo


immediato sul posto
dei prodotti alimentari e di gastronomia,
oggetto dellattivit di
vendita, ammissibile:
per gli esercizi di vici-

In merito
alla disciplina del
consumo
sul posto
di alimenti
di produzione artigianale

In alto, posteggio area mercatale;


a sinistra, consumo sul posto;
sopra, Distributori carburante

in cui non si effettua il


mercato,
nellambito
del territorio regionale
cui appartiene il Comune autorizzante; prender
parte alle fiere che si
svolgano in qualsivoglia Regione dellintero
territorio nazionale.
Risoluzione n. 174884
del 29.9.2015
Il Ministero su istanza
ad hoc di un Comune
ha fornito alcuni chiarimenti in merito allipotesi di consumo sul

in base allart. 2 L.R.


Lombardia n. 8/2009 e
ss. le imprese artigiane
possono vendere alla
clientela gli alimenti di
propria produzione per
limmediato consumo
nelle sale adiacenti, ad
eccezione degli spazi
esterni, tramite limpiego di arredi aziendali
con stoviglie e posate
a perdere escludendo
il servizio assistito che
contraddistingue le attivit di somministrazio-

vigente divieto di utilizzare tavoli e sedie


associati od associabili, tipici della somministrazione, essendo
permessa dal legislatore
nazionale come noto
la sola disponibilit di
alcune panchine o di
altre sedute non abbinabili, nonch la presenza di eventuali piani
di appoggio per i consumatori. A tal proposito,
la Direzione interpellata
ha ricordato in primo

nato, purch si svolga


tramite i predetti arredi nei locali dazienda
ed escluda il servizio
assistito di somministrazione [art. 3 comma
1 lett. f-bis) citato DL
223/2006 e ss.]; per i
titolari degli impianti di
panificazione, alla stessa condizione appena
richiamata [art. 4 comma 2-bis) medesimo DL
223/06]; per gli imprenditori agricoli, purch
ricorrano le predette

circostanze nel rispetto


delle vigenti prescrizioni generali di carattere
igienico-sanitario [art.
4 comma 8-bis D.Lgs n.
228/2001 e ss.].
Orbene, tale ammissibilit del consumo
immediato dei prodotti
sul posto non si estende
automaticamente alle attivit artigianali diverse
dalla panificazione, in
quanto non contemplate esplicitamente dalla
richiamata
disciplina
statale (ad es. gelaterie,
pizzerie al taglio, ecc.),
eccezion fatta per i casi
in cui le stesse svolgano
legittimamente presso
la propria sede anche la
vendita al dettaglio quali
esercizi di vicinato.
La Direzione ha ricordato altres di aver gi
chiarito in precedenza
le vigenti procedure
applicative del consumo diretto sul posto di
prodotti gastronomici a
cura di esercizi di vicinato legittimati a vendere alimenti (v. Circolare
esplicativa MSE 3603/C
del 28 settembre 2006,
punto 8.1), nonch di
aver confermato pi recentemente la possibilit
di ammettere nei relativi
locali un limitato numero di panchine o di altre
sedute non abbinabili, nonch di eventuali piani di appoggio, a
differenza dei bar e dei
ristoranti caratterizzati
come noto dalla consumazione seduti al tavolo con idonee attrezzature ancorch svolta
in modalit self service
(v. Parere MSE n. 75893
dell8 maggio 2013).
NB: la prevista non abbinabilit tra le sedute
ed i piani dappoggio
consiste nel fatto che il
loro impiego congiunto
deve risultare di norma
improbabile per reciproca incompatibilit
dimensionale, in modo
tale da permettere alla
clientela di consumare
cibi e bevande stando
seduti ma non al tavolo, od in alternativa
collocando tali prodotti
su di un piano utilizzabile unicamente in
piedi.

Inchiesta 10

Sicilia 6 MARZO 2016, domenica

65 marzo 2016, domenica

Cresce la disoccupazione giovanile in italia


2 mln di disoccupati, persi 76mila posti

Centomila

giovani
del Sud ogni anno
in fuga allestero per
cercare un futuro,
quasi due milioni di
giovani disoccupati di cui il 50% si
rifugia in Garanzia Giovani sperando nellofferta di
unopportunit. Da
Sciacca (Ag), dove
sono riuniti col presidente
nazionale
Marina Calderone, i
consulenti del lavoro
lanciano un allarme
sullaumento della
disoccupazione giovanile in Italia e soprattutto al Sud.
Il vicepresidente nazionale,
Vincenzo
Silvestri, spiega che
nel 2015 in Italia
nella fascia det
fra i 15 e i 24 anni si
sono persi 7mila posti di lavoro rispetto
al 2014, e addirittura
in quella compresa
fra 35 e 49 anni il
calo stato di 69mila
unit. A gennaio il
tasso di disoccupazione
giovanile
risalito al 39,3%.
Laumento delloccupazione nel 2015
registrato dallInps,
dallIstat e dal governo prosegue
Silvestri - riguarda prevalentemente
gli over 50, per via
dellinnalzamento
dellet pensionabile
e delle trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti
precari: nel 2015, in
Italia, dei 764.129
rapporti di lavoro a
tempo indeterminato in pi rispetto al
2014, ben 578.081
sono
trasformazioni; in Sicilia su
33.204 posti stabili
in pi, ben 18.123
sono trasformazioni
e solo circa 7mila
sono le assunzioni di
giovani.I consulenti
del lavoro denuncia-

Ogni anno 100mila giovani lasciano il sud


pari ad una citta intera

no anche che nel Paese la platea di giovani disoccupati sia


aumentata a quasi
2 milioni di soggetti nonostante ogni

Del bacino di giovani disoccupati che


restano in Italia, ben
1 milione e 723mila
sono
i
giovani
Neet (di et fra

finite, quasi la met,


424.170 riguardano
il Sud, con il boom
di adesioni in Sicilia pari a 147.710.
Del totale dei presi

gna, Toscana, Umbria e Lazio.


Ma solo a 288.719
giovani stato finora possibile proporre
una misura di ac-

Fra chi resta il


50% spera in
garanzia giovani, boom
in Sicilia
da questanno consulenti
in campo per
nuove assunzioni

anno sottolinea
Silvestri - 100mila
giovani, pari ad una
citt intera, lascino il Sud e vadano allestero o per
conseguire un titolo
universitario pi facilmente spendibile
oppure per lavorare.
Le mete pi gettonate sono Inghilterra,
Germania, Spagna,
Romania, Balcani,
Paesi Arabi e Cina.

15 e 29 anni che non


studiano e non cercano lavoro) censiti
dal Monitoraggio del
ministero del Lavoro
del 26 febbraio scorso
sullattuazione
del programma Garanzia Giovani. Di
questi il 55% (pari
a 979mila unit) si
sono registrati sulla piattaforma Garanzia Giovani. Su
862.747 adesioni de-

in carico (624.553),
312.148
ricadono
in regioni del Sud
(117.240 in Sicilia).
Se in Italia quelli
con profilazione alta
sono il 44,7%, salgono al 70% nel Sud
con la punta della
Sicilia all80,2%. E
sono il 3,7% coloro
che dal Sud hanno
scelto di svolgere un
tirocinio in Lombardia, Emilia Roma-

compagnamento al
lavoro. Alcuni esempi: su 47.812 soggetti che hanno iniziato
i moduli per accrescere le competenze
digitali, sono 3.255
quelli che potranno
ora svolgere un tirocinio presso unazienda o unagenzia web; a 131.208
giovani stato erogato un tirocinio, a
49.671 le altre misu-

re a carattere regionale (apprendistato,


servizio civile regionale, auto impiego
e auto imprenditorialit, mobilit professionale), a 5.215
il servizio civile nazionale e a 30.290 il
bonus occupazionale
(che ha consentito il
91,6% di assunzioni
incentivate a tempo
indeterminato). Di
questi bonus, 8.674
sono stati erogati al
Sud, ancora una volta col primato della
Sicilia (2.341).
In Sicilia i consulenti del lavoro
annuncia Leonardo
Giacalone,
presidente della Consulta
regionale Ordini dei
consulenti del lavoro
della Sicilia assieme alla Fondazione
consulenti del lavoro, grazie al loro
accreditamento per
legge quali agenzie
per il lavoro, hanno
reso possibili ben
900 tirocini altamente qualificanti presso
aziende clienti. In
pi da questanno,
sempre assieme alla
Fondazione, cureranno lattuazione della
misura Accompagnamento al lavoro
(Avviso 8) promuovendo lassunzione
incentivata di giovani Neet, della
misura Contratto di
ricollocazione che
assegna voucher per
il reinserimento lavorativo di inoccupati e disoccupati,
e del bando di Italia
Lavoro Botteghe di
mestiere e dellinnovazione.
Ci
comporter
anche
significativi investimenti da parte della
categoria per creare
una rete tra professionisti e una banca
dati per lincontro fra
domanda e offerta di
lavoro.

Sicilia 11

Comincia oggi lo sprint-promozione con la disputa della prima di otto finali

Il Siracusa pronto a superare


larcigna difesa del Due Torri

Assenze pesanti nelle due squadre: fra i biancorossi mancher Giacobbe e forse Matinella, nelle file azzurre assenti
Palermo e Sibilli. Lappuntamento per le 15,30

iconquistata
la
vetta, seppur in
compropriet, tutto
diventa
importante per il rilanciato
Siracusa. Dal punto
in pi o in meno al
gol in pi o in meno,
dalla classifica avulsa e perfino dal filo
derba o dal refolo
di vento in grado di
imprimere una traiettoria o laltra alla
palla. Finale dunque
col fiato in sospeso
e con il cuore in gola
che sembra uscito
dalla penna di Alfred Hitchcock, da
vivere attimo per attimo, secondo quella
che per il Siracusa,
dopo il campionato dellanno scorso, deciso allultimo
secondo dellultima
partita, diventata ormai una sorta
di tradizione. Nervi
saldi dunque e stop
anche alle critiche,
giuste o ingiuste che
siano, nei confronti di un allenatore
che pur con qualche
defaillance di troppo, che nel calcio
ci pu anche stare,
sta conducendo la
squadra verso il tra-

guardo fissato allinizio, forse con un


pizzico di ottimismo
di troppo. Lunica
certezza al momento solo quella che
il Siracusa c e che
parte da una posizione di privilegio.
Tutto il resto sono
solo gratuite illazioni, come quelle che
danno in frenata le
due pi forti contendenti della formazione in maglia azzurra,
ben conoscendo le
sette vite della Frattese e della Cavese,
troppe volte date per
spacciate e la domenica dopo miracolo-

Cristaldi e Granata sostituiranno i rispettivi titolari

samente risorte. E
allora il Siracusa non
deve troppo curarsi
dei risultati che arrivano dagli altri campi, ma concentrarsi
solo sui propri impegni e sullaccentuata
determinazione

di portarli a compimento. A cominciare


dallincontro di oggi
col Due Torri che
non per nulla agevole e che richiede
pertanto la massima
attenzione, trattandosi di una squadra
che partendo da un
collaudato assetto
difensivo imperniato sul quarantenne
Matinella, la cui presenza per oggi
in forte dubbio,
riuscita a trovare

Ventiquattro i convocati per la gara di oggi

Rifinitura pre gara per gli azzurri


Rifinitura pre gara al De Simone per
gli azzurri. Novanta minuti per curare aspetti tattici e palle inattive. Alla
seduta odierna non ha preso parte
il febbricitante Arena. Semplice precauzione perch il calciatore domani
sar a disposizione. Per la gara contro il Due Torri, calcio di inizio alle ore
15,30, Andrea Sottil ha convocato
24 giocatori, manca solo lo squalificato Sibilli. Questo, nel dettaglio
lelenco: Viola, DAlessandro, Serenari, Porcaro, Santamaria, Vindigni,
Chiavaro, Orefice, Barbiero, Marino,

Dentice, Marghi, Palermo, Giordano,


Baiocco, Spinelli, Trofo, Savanarola, Catania, Gallon, Longoni, Dezai,
Arena, Ricciardo. A fine seduta il
vice di Sottil, Gianluca Cristaldi si
intrattenuto con i cronisti. Ormai
siamo condannati a vincere tutte le
restanti gare- esordisce Cristaldi-
il dovere di una squadra che punta
alla vittoria finale. Il Due Torri una
squadra ostica ha subito solo 19 reti,
sar un osso duro. Tuttavia ci siamo
preparati bene, e sono convinto che
i ragazzi faranno una grande partita.

quegli equilibri che


le hanno consentito
di insediarsi al quarto posto e di fugare,
con la secca vittoria
di domenica scorsa,
le perplessit che
avevano fatto adombrare lipotesi di una
sua incipiente crisi.
Nella
formazione
biancorossa di oggi,
oltre
allassenza
probabile di Matinella,
rimpiazzato
da Tricamo al centro della difesa, c
quella certa di Mirko
Giacobbe che lascer allex Giovanni
Petrullo il compito
di impensierire la
difesa azzurra. Nel
Siracusa invece tutti disponibili, tranne
Palermo e Sibilli,
che comporter la
presenza dal primo
minuto del fantasista
Lucas Longoni, oltre
alle eventuali, altre
novit che la rega,
questa volta occulta,
di Sottil tirer fuori
dal cilindro.
Armando Galea

Tre punti importanti in chiave play out

C.C. Ortigia Carpisa


Yamamei Acquachiara 13-12
L

Ortigia torna alla vittoria


battendo 13-12 lAcquachiara
e portando a casa tre punti
importanti in chiave play out.
In difesa, partita quasi perfetta
dei biancoverdi con luomo in
meno. Ancora una volta, per,
ad incattivire gli animi sono
state alcune decisioni arbitrali che hanno fatto infuriare la
panchina aretusea e il pubblico della Caldarella.
Il match si gioca sin da subito a ritmi alti, gli ospiti non
sfruttano una superiorit ma
lOrtigia non riesce a concludere un contropiede sul capovolgimento di fronte. A 6:29
Gianmaria Siani porta in vantaggio lOrtigia ma pronta la
reazione dellAcquachiara che
segna con Michele Luongo e

Lanzoni. Di Luciano pareggia i


conti con luomo in pi e Camilleri porta avanti in biancoverdi
ma lAcquachiara segna con
Valentino e Stefano Luongo, su
rigore, chiudendo in vantaggio
la prima frazione. Il secondo
tempo si apre con un rigore per
gli ospiti che Stefano Luongo
segna. LAcquachiara allunga
con Koroljia, Siani segna ancora per lOrtigia ma gli ospiti
trovano la rete nuovamente con
Stefano Luongo. La frazione si
chiude infine con i gol di Camilleri e ancora Luongo su rigore.
Al rientro dal cambio campo
lOrtigia torna in acqua pi convinta e pareggia grazie ad una
doppietta di Abela e poi con
un gol di Lisi. Valentino riporta
avanti i suoi ma i biancoverdi

sfruttano luomo in pi con Casasola e chiudono in vantaggio


con la rete di Camilleri che, alla
fine del tempo, viene espulso
per proteste. Nel quarto e ultimo
tempo la partita si incattivisce e
lOrtigia finisce per schierare il
secondo portiere Andrea Negro
come giocatore di movimento a
causa delle espulsioni definitive
di Puglisi, Rotondo, Lisi, Ivovic

e Casasola. Il parziale si chiude


3-3, frutto dei gol biancoverdi
di Casasola e Di Luciano (doppietta) e di Marziali e Stefano
Luongo, doppietta anche per
lui. Abbiamo concluso con sei
uomini in acqua e con il secondo portiere come giocatore di
movimento ma abbiamo portato a casa il risultato con grinta e
determinazione.

Sport

Kylach Me If
U Can sfida
ancora la reginetta Rayos
De Sol

Suddivisi per
et, i protagonisti
dellIppodromo
del Mediterraneo
dovranno affrontare, tra le 7 cose
in programma,
anche due condizionate. E lo
scenario che
disegna il galoppo in programma
sabato 5 Marzo a
partire dalle ore
15:05, quando
scatter il via del
Premio Miss La
Rossa. Lattenzione, per,
tutta focalizzata
sul Premio Don
Orazio, condizionata sui 1500
metri della pista
piccola riservata
ai 4 anni e oltre.
Attesissimo il
rinnovo del confronto tra Rayos
De Sol e Kylach
Me If U Can che,
durante lultimo
combattuto arrivo
ha rubato il titolo
alla reginetta.
Valida alternativa
un buon Laguna
Drive. La quarta
corsa schiera,
invece, i 3 anni
sul doppio km in
pista piccola. Idomeneo si presenta con una buona
forma e ha capacit di adattarsi
bene su tracciato
e distanza, cos
come anche
Anfiarao. Buone performances nel periodo
anche per Blue
Prince, mentre
potrebbe far bene
Pretzel Logic.
Inizia cos lippica
siracusana del
mese di Marzo
che accompagner la grande
passione per il
galoppo i primi 3
sabati del mese e
il luned di Pasquetta.

Cronaca 12

Sicilia 6 MARZO 2016, domenica

8 marzo, tutti insieme per dire


basta alle violenze

8
marzo, giornata internazionale della donna,

unulteriore occasione
per riflettere, unulteriore occasione per agire.
Il Comando Provinciale
Carabinieri di Siracusa
per la festa della donna ha organizzato una
serie di iniziative, unitamente ad altri soggetti,
istituzionali e non, per
sensibilizzare lopinione
pubblica sul drammatico
fenomeno della violenza
sulle donne, un modo
anche questo per svolgere prevenzione.
In particolare:
Domenica 6, dalle ore
10.30, nella centralissima Piazza Duomo di
Ortigia, sar allestito
uno stand dove militari
in servizio ed in congedo
dellANC (Associazione
Nazionale Carabinieri),
lAssessore Troia, LA
Fondazione Eligia Ardita, psicologi dellASP
di Siracusa saranno a
disposizione dei cittadini per approfondimenti
sullo specifico tema;
nelloccasione saranno
distribuiti vademecum
informativi e, alle donne,
un rametto simbolico di
mimosa;
Lunedi 7, dalle ore
11.00, presso la sala
consiliare del Comune di Canicattini Bagni,
il Comandante della
Compagnia CC di Noto
incontrer tutti i ragazzi
del 4 e 5 anno delle
scuole superiori per un
confronto diretto sulla
problematica;
Marted 8, alle ore
11.30, presso questa
sede, alla presenza delle
autorit provinciali, verr
inaugurata la stanza dedicata alle donne che
accedono in caserma
per denunciare violenze
e/o soprusi; il locale
stato realizzato dintesa con il Soroptimist di
Siracusa e nellambito
di un progetto nazionale
tra Comando Generale
dellArma dei Carabinieri
e il Soroptimist International dItalia; allevento
sar presenta la Presidente Nazionale del
Soroptimist, Dottoressa
Leila Picco;
Marted 8, alle ore
09.00, presso il salone
Conferenze Scuole Medie di Cassibile, il Ten.
Tamara Nicolai, Comandante della Compagnia
CC di Siracusa, terr un
incontro con i giovani
ragazzi di quellIstituto;
sempre lo stesso giorno, il medesimo Ufficiale terr un incontro alle
ore 16.00 presso la sede
dellUnione Italiana Ciechi Onlus di Siracusa
trattando
largomento

Il Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa per la


festa della donna ha organizzato una serie di iniziative

delle violenze di genere;


Marted 8, alle ore 09.00,
presso lIstituto Industriale RUIZ di Augusta,
il Cap. Federico Lombardi, Comandante di
quella Compagnia far,
ai ragazzi delle quinte,
un approfondimento in

vulnerabili. Nel senso,


lazione dellArma sar
ferma e risoluta.
- Comandante provinciale dellarma dei Carabinieri di Siracusa, col.
Luigi Grasso, un importante incontro per parlare della violenza sulle

ha detto lei assolutamente vero, un fenomeno drammatico che colpisce anche il territorio
di questo provincia, sta
a noi cercare di individuare tutte le soluzioni
possibili per cercare di
contrastarlo non solo

dente nazionale di Soroptimist International


Italia oltre che la presidente di Soroptimist
Siracusa, perch il tutto
nasce proprio da una
collaborazione da un
progetto livello nazionale del nostro comando

Per sensibilizzare lopinione


pubblica sul
drammatico
fenomeno della
violenza sulle
donne, un modo
anche questo
per svolgere
prevenzione.

tema di violenze domestiche; nella medesima


circostanza sar proiettato il film un giorno
perfetto; allevento parteciper lAssociazione
N.E.S.E.A.;
Al riguardo il Comandante Provinciale Carabinieri, Col. Luigi Grasso,
dichiara: in occasione
di questa importante
giornata, abbiamo voluto diversificare, ancor di
pi, le attivit di sensibilizzazione e di vicinanza
ai cittadini coinvolgendo
Istituzioni e pi soggetti
del territorio in unazione capillare e multisettoriale. Il fine, oltre a
quello prioritario della
prevenzione, anche di
lanciare un segnale forte, un segnale di unione e di determinazione
nel voler contrastare
ogni forma di violenza
e di abuso, specie se
commessa ai danni di
persone maggiormente

donne, dell'8 marzo soprattutto ma quello che


importante focalizzare
il fenomeno malcelato
della violenza delle vessazioni in famiglia.
Si l'8 marzo un momento importante giornata internazionale della
donna meglio conosciuto come festa della donna, un'opportunit in pi
per noi un po' per tutta la
comunit per riflettere,
un'ulteriore opportunit
per agire, il comando
provinciale ha ritenuto
importante adoperarsi e
anche per questa giornata, adoperarsi con tutta una serie di iniziative
su tutto il territorio della
provincia, coinvolgendo istituzioni ed enti,
soggetti, associazioni,
abbiamo trovato un consenso massimo alla nostra idea e sono contento che il progetto possa
trovare una concreta realizzazione. Quello che

attraverso lattivit di polizia giudiziaria, che pur


ci sar, c' stata, c e ci
sar, ma con in altro tipo
di iniziative diversificate
su tutto il territorio.
- Colonnello, avete intrapreso una strada importante, soprattutto nell'atto della pianificazione di
contrasto a questo fenomeno, di dare ospitalit
alle donne che hanno
subito questa azione e
violenze con listituzione di una stanza che
voi dedicherete qui al
comando e marted ci
sar
l'inaugurazione,
dove offrirete alle donne
oggetto di violenza che
hanno bisogno di accoglienza di ospitalit,
dare il massimo dellassistenza.
Guardi, si tratta di una
stanza che verr inaugurata proprio giorno
otto, alla presenza delle
autorit provinciali, alla
presenza della presi-

generale con il Soroptimist Italia, si tratta di


una stanza con particolari accorgimenti estetico-logistici-funzionali e
operativi per rendere il
momento cos delicato
e sensibile del confronto della denuncia di una
vittima di violenza di genere con l'autorit con
la polizia giudiziaria per
conferire delle soluzioni di serenit di agio e
assistenza per mettere,
quindi, la vittima, nelle
migliori condizioni possibili, per interloquire
con serenit, per quella
che sar ovviamente la
situazione, consentire
con il nostro operatore.
- Domenica mattina
siete presenti in piazza
Duomo con uno stand
dove saranno distribuite
vademecum ai cittadini.
Questo
programma,
questo progetto, di iniziative diversificate il
territorio che vanno

dalla comincia da oggi


finiranno giorno otto con
conferenze delle scuole,
con i Comuni, con l'onlus
associazione dei ciechi
di Siracusa e saremo
nella piazza per distribuire vademecum informativi per incontrare e metterci a disposizione della
cittadinanza che magari
ha necessit, bisogno,
desiderio di un confronto
diretto con noi, per approfondire il tema della
violenza in modo specifico in questo caso sulla
donna, saranno con noi
il Comune di Siracusa,
che ringrazio, sar con
noi la fondazione Ardita,
saranno presenti i nostri
militari in servizio e in
congedo dell'associazione nazionale e psicologi
dell'Asp.

FONDAZIONE ARDITA
- Luisa Ardita, sorella di
Eligia a cui stata dedicata, insieme alla piccoletta Giulia, la fondazione, Voi parteciperete
a queste iniziative che
l'arma dei carabinieri sta
mettendo in atto.
Siamo onorati di essere
stati invitati dall'arma dei
carabinieri, ci troviamo
alleati appunto all'arma
dei carabinieri, condividiamo qualunque loro
decisione, perch l'unione fa la forza, quindi
queste donne ma anche
bambini vittime di violenza giusto che devono
sapere che non sono da
soli.
Saremo presenti anche
per la prossima presentazione della camera
che hanno costituito per
queste donne soprattutto vittime di violenza,
noi siamo qui presenti
per combattere insieme
a loro, ad essere incoraggiate e ad uscire da
quest'incubo, perch la
vita un diritto non deve
essere soppressa.
- Nel corso dell'incontro
ha affermato che la burocrazia un ostacolo,
che nuoce alla condizione della donna.
Si, purtroppo la burocrazia un grosso
ostacolo, non facilit il
compito per chi aiuta
una donna in difficolt.
La burocrazia un muro
di gomma perch se vogliamo aiutare veramente queste donne e poi ci
ritroviamo ad aspettare
dei tempi morti, questi si
riflettono contro le vittime. Quando una donna
chiede aiuto si deve attivare subito un programma di protezione, per
noi questo un obiettivo
che ci siamo imposti ad
ottenere, quindi, lotteremo insieme a loro e per
loro noi ci saremo.