Sei sulla pagina 1di 4

0(5&$72

L’Open Source
e la pietra filosofale
Imparare a conoscere il passato ed immaginare il futuro di un programma open source

ROBERTO GALOPPINI

In tempi di crisi il mercato guarda GL WURYDUH XQD ULVSRVWD GHÀQLWLYD DO terre de roi” che riuniva università,
con maggiore interesse a piattaforme problema. aziende di consulenza, player dell’in-
e servizi basati su tecnologie open Il primo tentativo è del 2003, ad opera dustria ed editori diede vita ad una
source, che per il livello di maturità di David Wheeler che per l’ente no- metodologia aperta ai contributi, nota
raggiunto sono spesso funzionalmen- SURÀWVWDWXQLWHQVH0,75(HODERUzLO FRO QRPH GL %XVLQHVV 5HDGLQHVV 5D-
te e prestazionalmente equivalenti ai primo elenco di piattaforme ritenute ting4. Questo approccio, anche se più
prodotti commerciali più blasonati. PDWXUHHVLFXUH *5$062, General- dettagliato, non ebbe miglior fortuna,
Un’indagine1 di Gartner evidenzia che O\5HFRJQL]HG$V6DIH0DWXUH 7DOH probabilmente a causa dell’onere
7 aziende su 10 non hanno politiche elenco in seguito non fu aggiornato, e associato al suo utilizzo, peraltro non
e procedure per regolamentare l’ado- un paio di anni dopo la società Navica scevro dai limiti della soggettività già
zione di tecnologie open source, con descrisse il primo modello per valu- HYLGHQ]LDWLSHU2600
il risultato che parte del software open tare il grado di maturità di una piat- 8OWLPR QDWR q LO 46265, redatto da
source utilizzato in azienda non segue WDIRUPD GHQRPLQDWR 2SHQ 6RXUFH $WKRV 2ULJLQ SL VRÀVWLFDWR GHL
un vero e proprio iter di acquisizione. 0DWXULW\0RGHO3. Il modello ebbe un precedenti e caratterizzato dalla pre-
Il “procurement fai-da-te”, evitando limitato successo, furono analizzate cisa volontà di superare i limiti della
ogni e qualunque forma di controllo, poche piattaforme con quel metodo, soggettività, indicando soglie e possi-
permette di velocizzare l’acquisizio- fortemente limitato dalla soggettività bili valori per le diverse domande del
ne di prodotti e tecnologie, ma può che lo caratterizzava. questionario. Il risultato è una meto-
esporre a rischi dovuti all’introduzione $YDOOHGLTXHVWDHVSHULHQ]DXQ´SDU- dologia comunque onerosa, anch’essa
di tecnologie immature, scarsamente
VXSSRUWDWHRGRFXPHQWDWHGLIÀFLOLGD
integrare o non legalmente riutilizza-
bili nel contesto di riferimento.
Quello che occorre è quindi esten-
GHUH LO SURFHVVR GL TXDOLÀFD]LRQH H
selezione, con l’introduzione di pro-
cedure e strumenti che consentano
GL LGHQWLÀFDUH YDOXWDUH H VFHJOLHUH OH
piattaforme open source più idonee
tenendo conto di tutte le condizioni al
contorno (tecnologiche, organizzative
e legali).

UN PO’ DI STORIA
'HÀQLUH XQ HOHQFR GL SLDWWDIRUPH
DIÀGDELOL H VLFXUH SXz FRQVLGHUDUVL
OD ´SLHWUD ÀORVRIDOHµ LQ DPELWR RSHQ
source, e numerosi sono gli “alchimi-
sti” che si sono cimentati nel tentativo

iged.it 04.2009 39
priva di strumenti in grado di velociz- Occorre quindi una metodologia pra- la popolarità, i case study, libri e
]DUHLOSURFHVVRGLTXDOLÀFD]LRQH WLFDFKHUHQGDHIÀFLHQWHLOSURFHVVRGL documentazione;
selezione, visto che solo SourceForge la maturità, la stabilità e la vitalità;
FRQWLHQHFLUFDSURJHWWLDFXL la formazione ed il supporto com-
SCORCIATOIE? aggiungendo altri repository, quale merciale;
In rete si trovano alcuni elenchi di ad esempio quello di Google8 con- la qualità del codice e la reattività
applicazioni open source alternative a WHQHQWH ROWUH  SURJHWWL VL SXz alla segnalazione di bachi;
quelle proprietarie, come ad esempio arrivare a contare qualche milione di le piattaforme su cui è disponibile;
OSALT, gestito da Anders Ingeman DSSOLFD]LRQL i linguaggi di programmazione, la
Rasmussen, o il directory di open Non esistendo best practice che indi- modularità del codice;
source enterprise EOS, originaria- chino puntualmente passo per passo la roadmap e le possibilità di inci-
mente reso disponibile dalla società quali azioni debbano essere condotte GHUHQHOODVXDGHÀQL]LRQH
di consulenzaOptaros ed ora gestito SHU TXDOLÀFDUH H VXFFHVVLYDPHQWH le informazioni relative al licen-
GDO VXR LGHDWRUH %UXQR YRQ 5RW] selezionare piattaforme open source, VLQJ
Purtroppo simili iniziative non sono negli ultimi mesi ho elaborato una Ad esempio, comparando due piat-
il risultato di uno sforzo collaborativo metodologia pratica che raccoglie il taforme open source di e-learning
ed il livello di aggiornamento e la loro meglio delle metodologie esistenti, quali Docebo e Moodle, è possibile
DPSLH]]DVRQROLPLWDWL includendo alcuni risultati provenienti effettuare scelte ponderate basandosi
Di maggiore interesse, soprattutto da 8 diversi progetti europei e ben 60 sul grado di industrializzazione rag-
per dimensione, è il repository di VWUXPHQWLOLEHUDPHQWHGLVSRQLELOL JLXQWR &RPH VL YHGH QHOOR VFKHPD
applicazioni open source più grande riportato, le due piattaforme in questo
del mondo, SourceForge6, purtrop- L’approccio scelto è veloce e garan- FDVRSUHVHQWDQROLYHOOLVLPLOL/DSULQ-
po ricettacolo di numerosi progetti tisce l’oggettività dei risultati grazie cipale differenza è che Moodle risulta
in stato embrionale, o scarsamente all’utilizzo di strumenti a supporto maggiormente manutenibile (per via
documentati o con livelli di supporto delle decisioni, e permette di racco- GHOFRGLFHEHQGRFXPHQWDWR 
commerciale inadeguati ad un impie- gliere metriche tipiche delle piattafor- &RQIURQWDQGROHSLDWWDIRUPHULVSHWWR
go di classe industriale, come risulta me open quali: a parametri “strategici” relativi a para-
da alcuni studi di settore7 la dimensione ed il tipo di comunità; metri quali la roadmap di prodotto, la

40 iged.it 04.2009
  
    


  ,/$%.)),(%.1$('$) +%% --.+(--$$-$(.& '-$&""# ' $-+--& '-( %% 
$&&"$'$&#" !!'(%-+ / '-''$2$,,$('35%-+,!(+&1$('  $-$)+ , '-$,.$(.& '-$
+- $$' % --+('$$! '(+$,)+&$+ - &)(  '+() +#5$% ' )$.)+ 1$(,(5$%- &)( 5$'.-$% ) + +%(
' %%$"$-1$('  ,) +$ '1*.$,$-#) +& ,,(%+ %$111$(' $,$,- &$# ,$)('"('($)$6%-$%$/ %%$$ !!$$ '1
) +%$'- +)+ -1$('

" !"%' %%% --.+(--$


"(-(-%  $-$*.$,$-$
!!"""( %% ,(%.1$('$,('("%$
% & '-$# +-- +$11'(% '(,-+ )+()(,- ) +%+(%-/ %( $-$+ %-$/$

--.+  (%% *.$,-(  --.+(%% --$'$


. ,-$('+$  ,-$('  %%  % 1$('$
 ,-$(' $('(+,$ (%-(+$'$
 ,-$('  %)+(-((%%( (%-)(%$11
 ,-$('  %) +,('%  ('-+(%%$$*.%$-4
$% /1$(' )+ , '1 (%--$$)+(.1$('
 ,-$&&$,,$('  ,-$(' +$ -- !+& .-$#
$ +# $& +-( (%--$!$,%$

  '- & '- %


  #)+ , '--($%'.(/(&!"$ !#!% ""' !  
'.(/,(%.1$(' )(' !$' %%.-$%$11( %%  -$# -- +( ' %% )+( .+ $-+--& '-( %2 $%(,,$/(3 ) +$%
2+(-((%%('!(+&-$(3 #!!!" , '1 !! --.+ %.'&($!$%%))%$-$/(($ .,-$ 
)/$,$('$'(0, 5)(,,$$% ,-&)+ $-$$)+(-((%%1$(' ,.%(.& '-(#!  $
-$$'$ ) +.')+( ,,(,$.+( !!$$% $& $%#"' $&! $%!""#"$'

% ,(%.1$(' #,.,$--(/,-($'- + ,, !+"%$() +-(+$ %, --(+ (& - ,-$&('$'(% '.& +(, $',-%%1$('$"$4
!! --.- $'&$ '-$$/+$-$)(%("$*.%$-$%$-$ ,.%$ &&$'$,-+1$(' '$-4 ,,$.+1$('$'.,-+$   '# 


SRVVLELOLWjGLLQÁXHQ]DUODHODJHVWLRQH D FRQVXOHQWL VSHFLDOL]]DWL q SRVVLELOH UDWDHTXHVWHYDOXWD]LRQLYDQQRRSH-
GHOOD SURSULHWj LQWHOOHWWXDOH FRPH VHJXLUH DOFXQL VHPSOLFL FRQVLJOL SHU UDWHQHOORVSHFLÀFRFRQWHVWRWHQHQGR
VL YHGH QHO JUDÀFR GHOOD ÀJXUD  OD HYLWDUHHUURULPDFURVFRSLFL FRQWR GHOOH FRPSHWHQ]H LQWHUQH GHO
SLDWWDIRUPD 0RRGOH RIIUH PDJJLRUL $G HVHPSLR q EHQH GLIÀGDUH GD VXSSRUWR FRPPHUFLDOH HVLVWHQWH
JDUDQ]LH Ë EHQH SHUz VRWWROLQHDUH VROX]LRQL ´RSHQ VRXUFHµ UHDOL]]DWH GHOO·HVSDQGLELOLWj GHOOD VROX]LRQH H GL
FKH O·LPSRUWDQ]D GL TXHVWL FULWHUL H VXSSRUWDWH GD XQ XQLFR IRUQLWRUH WXWWL JOL LQGLFDWRUL SUHFHGHQWHPHQWH
GHYH HVVHUH FDODWD QHO FRQWHVWR GL UL- 3HU HOLPLQDUH LO ULVFKLR GHO ORFNLQ ² PHQ]LRQDWL
IHULPHQWRDGHVHPSLRSDUWHFLSDUHDOOD RYYHURGLULPDQHUHOHJDWLDGXQXQLFR
GHÀQL]LRQH GHOOD URDGPDS SRWUHEEH IRUQLWRUH  QRQ EDVWD VFHJOLHUH XQ NOTE
HVVHUHIRQGDPHQWDOHLQXQFRQWHVWRH SURJUDPPDRSHQVRXUFHPDRFFRUUH 1
KWWSZZZJDUWQHUFRPLWSDJHMVS"LG 

LUULOHYDQWHLQDOWUL YHULÀFDUH FKH HVLVWD XQD FRPPXQLW\ KWWSZZZHJRYRVRUJSGIGRGIRVVSGI
3HUXOWLPDPDQRQXOWLPDODGLPHQ- SDUWHFLSDWDGDSLIRUQLWRUL 3
KWWSZZZQDYLFDVRIWFRPSDJHVRVPPKWP

VLRQHGHOOD´6RVWHQLELOLWjµLQFXLFRPH 6L RVVHUYL LQROWUH FKH OH VROX]LRQL KWWSZZZRSHQEUURUJ
VL YHGH GDO JUDÀFR OH SLDWWDIRUPH RSHQVRXUFHFKHQDVFRQRGDOOD´LQGX- 5
KWWSTVRVRUJ
KDQQR UDJJLXQWR HQWUDPEH XQ EXRQ VWULDOL]]D]LRQHµ GL SURJHWWL QRQ VROR 6
KWWSVRXUFHIRUJHQHW
OLYHOORGLPDWXULWjPDLOOLYHOORGLDGR- ULFKLHGRQRXQDVLJQLÀFDWLYDDWWLYLWjGL 7
KWWSZZZRSHQORJLFFRPQHZVSUHVV
]LRQH²LQWHUPLQLGLSRSRODULWjFDVH LQWHJUD]LRQH H SHUVRQDOL]]D]LRQH PD SKS

VWXG\ H OLEUL ² UDJJLXQWR GD 0RRGOH FUHDQR L SUHVXSSRVWL SHU XQ ´ORFNLQ KWWSFRGHJRRJOHFRPKRVWLQJ
VXUFODVVDTXHOORGL'RFHERFRPHGHO VXLVHUYL]LµLQTXDQWRO·XQLFRLQJUDGR
UHVWRDQFKHODOHDGHUVKLSFRPPXQLW\ GLVXSSRUWDUHLOFOLHQWHqO·DXWRUHRULJL-
OHG GL 0RRGOH UHQGH LO SURJHWWR SL QDOHGHOODVROX]LRQH
VRVWHQLELOH SRLFKp L VXRL GHVWLQL QRQ
VRQROHJDWLLQGLVVROXELOPHQWHDTXHOOL ,OIDWWRFKHQRQVLGHEEDQRDIIURQWDUH
GLXQDHGXQDVRODD]LHQGD FRVWLXSIURQWLQGXFHSURFHVVLGLVHOH-
]LRQHGHOVRIWZDUHPHQRDWWHQWLPDq
EHQHULFRUGDUHFKHXQHYHQWXDOHHUUDWD
CONSIGLI DI CARATTERE YDOXWD]LRQHLQTXHVWDIDVHSXzFRVWDUH
GENERALE PROWR DO PRPHQWR GHO GHSOR\PHQW ROBERTO GALOPPINI
$QFKHSHUFKLQRQKDVYLOXSSDWRXQD HGHOVXFFHVVLYRHVHUFL]LR,OFRVWRGL
2SHQ6RXUFH6WUDWHJLVWHVHJUHWDULR
SURSULDPHWRGRORJLDGLTXDOLÀFD]LRQH LPSOHPHQWD]LRQH H JHVWLRQH LQIDWWL
GHOOD)HGHUD]LRQH),'$,QIRUP
H VHOH]LRQH H QRQ LQWHQGH ULYROJHUVL GLSHQGH IRUWHPHQWH GDOOD VFHOWD RSH-

42 iged.it 04.2009