Sei sulla pagina 1di 154

INTRODUZIONE ALLESTENSIMETRIA

ALCUNI CASI DI APPLICAZIONI ESTENSIMETRICHE


SU COMPONENTI INDUSTRIALI

Angelo FINELLI

________________________________________________________________________________________________

Dipartimento di Ingegneria e Architettura Universit di Trieste


22 novembre 2012

ANGELO FINELLI
ESPERIENZA PROFESSIONALE

1972 1983
1983 1988

1989 1993
1994 2010

1991 1997 -

AGIP NUCLEARE S.p.A.


Laboratori di Medicina (Medicina BO)
AGIP S.p.A.
Centro Ricerche Tecnologie Avanzate - Medicina (BO)
TEMAV S.p.A.
Centro Ricerche Bologna - Medicina (BO)
ENEA
Unit Tecnica Tecnologie dei Materiali Faenza
Consulenze nel campo della Meccanica Sperimentale
3 Livello CICPND - Esperto Misure Estensimetriche
ISO 9712:2005 (Doc. 317 Rev. 2)
2

Introduzione allestensimetria
Meccanica del continuo
Propriet meccaniche dei materiali
Estensimetri elettrici a resistenza

Meccanica del Continuo


Studio dellequilibrio elastico di un corpo continuo

Definizione del continuo


Si definisce continuo un corpo il cui volume e occupato da
materia in ogni sua parte.
Vogliamo studiare la trasformazione che un corpo continuo
subisce quanto e sottoposto ad un insieme di forze e
distorsioni.
Questa trasformazione porta alla variazione dellassetto
geometrico del corpo e alla comparsa di stati tensionali.
5

Diagramma di flusso
Tale trasformazione pu essere rappresentata
dal seguente diagramma di flusso

P
P

s
e
S

Insieme delle forze interne e superficiali che agiscono sul corpo,


Insieme delle tensioni che si sono destate in ogni punto del corpo,
Insieme delle deformazioni che si misurano allinterno del corpo,

Insieme degli spostamenti di ogni punto del corpo.


6

I tre legami

Questo legame e fornito da condizioni di


equilibrio,

Questo legame e fornito da leggi


costitutive del materiale,
Questo legame e fornito da condizioni di
congruenza.

La deformazione del continuo

Il legame s

e:

Relazioni di Navier
(Equazioni di elasticit)

- Modulo di elasticit
normale o modulo di Young,

- Modulo di Poisson,

G = E /2 (1 + n)

Modulo di elasticit
tangenziale.

Il legame s

e: Relazioni inverse di Navier

10

Proprieta meccaniche
dei materiali
Concetto di deformazione, di tensione, modulo di
Young, modulo di Poisson.

11

12

13

14

Modulo di Young

Dipende dal tipo di materiale

Diminuisce allaumentare della temperatura (cosi come diminuiscono


la tensione di snervamento y e la tensione di rottura r )

15

16

Modulo di Poisson

17

18

Estensimetri elettrici a
resistenza
Cosa misuriamo, come funziona lestensimetro, il ponte di
Wheatststone, configurazione del ponte, influenza della
temperatura

19

Ma cosa misuriamo
sperimentalmente?

Lunica grandezza che e possibile misurare la deformazione.


Misurata la deformazione e possibile ricavare tutte le altre grandezze
(tensioni meccaniche, modulo di Young, modulo di Poisson,)
La misura delle deformazioni pu essere effettuata con laiuto
dellestensimetria

20

Che cose lestensimetria?


E un metodo per lanalisi sperimentale delle deformazioni.

Definizione di estensimetro
Lestensimetro e un dispositivo in grado di misurare la deformazione,
nella direzione assegnata, delloggetto su cui posizionato.

21

Estensimetro elettrico a resistenza


E costituito da una griglia di sottilissimo filo metallico rigidamente
applicata su di un supporto di materiale plastico. Venne inventato da
Edward E. Simmons e Arthur C. Ruge nel 1938.
L'estensimetro viene utilizzato incollandolo sulla superficie del corpo
di cui si vogliono misurare le deformazioni. Il filo dell'estensimetro
segue le deformazioni della superficie a cui incollato, allungandosi
ed accorciandosi insieme ad essa; queste variazioni dimensionali
causano una variazione della resistenza elettrica del filo. Misurando,
tramite un ponte di Wheatstone tali variazioni, si pu risalire all'entit
della deformazione che le ha causate.
Le dimensioni di un estensimetro possono variare da pochi micron
ad alcuni centimetri. Quelli di dimensioni minori sono utilizzati per
misure puntuali, cio per conoscere il valore delle deformazioni in un
punto preciso, mentre quelli di maggior lunghezza sono utili per
rilevare la deformazione media relativa ad un'area pi estesa.
22

Ma come funziona?

23

Ma come funziona?

24

Deformazione vs variazione di
resistenza
Cio alla deformazione del provino prodotta dalla forza F si associa
una variazione della resistenza elettrica dellestensimetro incollato sul
provino stesso.
Qual e la relazione che lega deformazione e variazione di resistenza?

25

26

27

Misura di una resistenza elettrica

Per misurare la deformazione dobbiamo eseguire una

misura di resistenza elettrica,


Per misurare in modo preciso il valore di una resistenza

elettrica si usa il Ponte di Wheatstone che fu inventato da


Samuel Hunter Christie e perfezionato da Charles
Wheatstone.

28

Il ponte di Wheatstone
E = tensione di alimentazione del
ponte,
eo = tensione di uscita,
R1, R2, R3 e R4 = resistenze,
P+ P- = diagonale di alimentazione
(P = Power)
S+ S- = diagonale di uscita (S =
Signal)
P+S-, S-P-, P-S+ e S+P+ = rami del
ponte. (Per definizione rami
adiacenti hanno segno opposto,
rami opposti segni uguali).
29

Il ponte di Wheatstone
Il ponte di Wheatstone un circuito elettrico in grado di rilevare piccole
variazioni di resistenza. Per questa sua propriet, viene utilizzato per
misurare la variazione di resistenza degli estensimetri. Il ponte, come
visto nella slide precedente, costituito dal collegamento di quattro
resistori. Supponiamo che:
R1 = R2 = R3 = R4, oppure
R1 x R3 = R2 x R4
Quando una qualunque tensione viene applicata fra P+ e P-, il segnale
di uscita fra S+ e S- pari a zero. In questo stato il ponte viene definito
bilanciato. Quando viene meno questa condizione, la tensione di uscita
direttamente proporzionale alla variazione di resistenza.

30

Il ponte di Wheatstone

31

Unita di misura della deformazione


La deformazione e una grandezza
adimensionale (rapporto tra una
variazione di lunghezza su lunghezza
iniziale)
E uso comune esprimerla come
(Non e una unita di misura del S.I.)
Ulteriore modo di esprimerla %

32

Configurazioni del ponte

33

Collegamento a quarto di ponte


Collegamento a tre fili: Non consentito
da tutti gli strumenti di misura.
Compensa le variazioni termiche e di
resistenza dovute alla lunghezza dei
cavi ma non compensa le variazioni di
temperatura del campione

Il collegamento prevede lutilizzo di un solo


estensimetro attivo ma collegato a mezzo ponte
con un estensimetro "dummy" .
Vengono compensate le variazioni termiche e di
resistenza dovute alla lunghezza dei cavi e le
variazioni di temperatura del campione
34

Variazione del gage factor con la


temperatura

35

Deformazione apparente vs
temperatura

36

Non sempre usiamo lestensimetro


singolo
Si pu usare quando noto lo stato di deformazione della
struttura (si conoscono le direzioni principali di deformazione):
Trave soggetta a sforzo normale, a flessione pura, a torsione.
Su strutture complesse, non conoscendo a priori lo stato di
deformazione (non sono note le direzioni principali), usiamo le
rosette.

37

Tipi di rosette estensimetriche


T

2 griglie a 90

Chevron

2 griglie a 90 rispetto
allasse centrale

Rettangolari

3 griglie a 45

Delta

3 griglie a 60

38

Quando usarle?
Le rosette T: quando sono note le direzioni
principali di deformazione,

Le Chevron: per misurare il taglio o la torsione,

Le Rettangolari o le Delta: quando non sono


note le direzioni principali di deformazione.
Storicamente quelle pi usate sono le rosette
rettangolari perch sono caratterizzate da
formule pi semplici.

39

Altre rosette

Le griglie affiancate dissipano meglio il calore,


quelle sovrapposte occupano meno spazio.

Esistono anche rosette a 4 griglie che


permettono una misura ridondante.

40

Schemi di collegamento

Trazione
e
Compressione

41

Schemi di collegamento

Torsione
e
Taglio

43

Alcuni casi di applicazioni


estensimetriche
su componenti industriali
Storie di vita vissuta

44

Estensimetri, quali ?

45

Estensimetri,
cosa ?

Celle di carico

46

Accelerometri

Estensimetri,
cosa ?

Torsiometri

Trasduttori di
spostamento

Trasduttori
di pressione

Sensori speciali

Estensometri

47

Estensimetri, dove ?

48

Estensimetri
in laboratorio

49

50

51

52

53

Estensimetri a supporto
dellattivit industriale

54

La gru edile

55

Capacit di sollevamento

56

Curva di sicurezza
100

Carico sollevabile [%]

90
80

Area di rischio

70
60
50

40
30

Area di lavoro

20
10
0
0

20

40

60

80

100

Posizione carrello [%]


57

SAIPEM 7000

Lifting facilities main crane:


2 twin S 7000
Main blocks tandem lift: 14,000 t
Main block single lift: 7,000 t at 40 m rad./41 m
Lowering capability to 450 m below sea level

Carichi sempre maggiori

Dimensions:
Length: 198 m
Breadth: 87 m
Depth to main deck: 45 m
Transit draft: 10.5 m
Operational draft: 27.5 m

58

.. Scarse condizioni di visibilit

59

.. il lavoro notturno

60

.. bracci sempre pi lunghi

61

.. i riferimenti

62

.. i riferimenti ????

63

.. le conseguenze ieri !!!!!!!!

64

.. le conseguenze oggi !!!!!!!!

65

.. I disastri !!!!!!

66

Ricerca di una soluzione

67

Ricerca di una soluzione

Tiro in
seconda

Tiro in
quarta

68

69

Idea Progettuale

70

Disegno esecutivo

71

Strumentazione

72

73

74

Incollaggio e
cablaggio
estensimetri

75

Azzeramento

76

Il prodotto finito

77

Nuovi prodotti

Celle di carico per


usi particolari

78

Per carri ponte anche di notevole


dimensione (la cella pesa 48 Kg)

79

11 metri

27 metri

La ricerca e
produzione di
idrocarburi

80

81

Disposizione
estensimetri

82

Schema collegamenti

83

Protezione del punto di misura

La protezione del punto di misura deve essere in grado di


resistere alleffetto combinato di:
Erosione del fango durante lo spiazzamento dello stesso
Temperatura crescente durante lo spiazzamento del fango
(150 C a regime)

Deve essere inoltre in grado di sopportare, senza deteriorarsi,


lazione aggressiva del gasolio che viene utilizzato per lo
spiazzamento del fango ed il lavaggio finale della colonna

84

Protezione del punto di misura

85

Taratura dellestensimetro

86

87

Calibrazione del punto di misura

88

89

Pup joint
strumentato
e protetto

90

Discesa in
pozzo

91

Flangia passacavo

92

Isolamento
interno
sulla
flangia

93

Cablaggio sulle flangie e


montaggio su Christmas tree

94

Il predistributore per turbina

95

96

97

98

Lalbero della turbina

99

100

101

Schema
collegamento

102

103

104

105

106

La gru semovente da banchina

107

108

Il carro ferroviario

109

110

Preparazione della superficie

111

Tracciatura

112

Incollaggio

113

( Divagazione

114

Divagazione

115

Divagazione

116

Divagazione

117

Divagazione )

118

Lammortizzatore
e la molla del freno

119

120

121

122

123

Lauto

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

Porosit interdendritiche
da fusione

struttura del materiale


139

I rinominabili (?) impianti


nucleari

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

151

152

153

Prove non distruttive

Controllo mediante estensimetri elettrici a resistenza


Termini e definizioni

UNI 10478-1

Scelta degli estensimetri e dei componenti accessori

UNI 10478-2

Installazione estensimetrica e sua verifica

UNI 10478-3

Circuiti di misura, elaborazione e presentazione dei risultati

UNI 10478-4

Controllo delle caratteristiche

UNI 10478-5

154

Grazie per lattenzione


ANGELO FINELLI
angelo.finelli@alice.it

155