Sei sulla pagina 1di 2

IL ROMANTICISMO COME "PROBLEMA" CRITICO E STORIOGRAFICO

Per Romanticismo si intende il movimento filosofico, letterario, artistico e culturale che


nato in Germania alla fine del XVIII secolo, ha poi trovato la sua massima fioritura, in
tutta Europa, nei primi decenni dell'Ottocento. Due interpretazioni di fondo:
1. Secondo Hegel, il Romanticismo sarebbe quell'indirizzo culturale che trova la sua
nota qualificante nell'esaltazione del sentimento e che si concretizza nei
rappresentanti del circolo di Jena e in tutti i letterati europei seguaci delle loro idee
anti classicistiche. Il rischio oggettivo di questa interpretazione quello di privilegiare
esclusivamente l'aspetto letterario ed artistico del Romanticismo, mettendone in
ombra le componenti filosofiche.
2. Il Romanticismo tende a configurarsi come una situazione mentale generale, che si
riflette nella letteratura come nella filosofia, nella politica come nella pittura, e di cui
fa parte integrante la corrente dell'idealismo post kantiano. Questa interpretazione
prospetta il Romanticismo in senso storico culturale, vedendo in esso una
costellazione di idee e di atteggiamenti che sorge in relazione a determinate situazioni
socio politiche e che si nutre di un tipo di cultura diversa o antitetica a quella dell'et
Illuministica. Il Romanticismo pieno di ambivalenze, poich in esso coesistono
principi antitetici, che nonostante ci cadono tutti in uno stesso orizzonte complessivo
e sono espressione di una stessa aria comune. L'esaltazione del sentimento da un lato,
e la celebrazione idealistica ed hegeliana della ragione dialettica dall'altro, non sono
due posizioni totalmente contrapposte, perch scaturiscono da un analogo
atteggiamento: la polemica contro l'intelletto illuministico. Entrambi, infatti, mirano a
risolvere lo stesso problema, ovvero il ritrovamento di una via per l'Assoluto. Il
problema del Romanticismo quello di delineare uno schema tipico ideale capace di
stringere o di raccogliere talune note ricorrenti della pluriforme e pluridirezionale
visione del mondo romantica.
IL RIFIUTO DELLA RAGIONE ILLUMINISTICA E LA RICERCA DI ALTRE VIE D'ACCESSO
ALLA REALTA' E ALL'ASSOLUTO
I Romantici ripudiano e respingono la ragione illuministica, ritenuta incapace di
comprendere la realt profonda dell'uomo, dell'universo e di Dio. I romantici cercano
quindi altre vie d'accesso alla realt e all'infinito.
LESALTAZIONE DEL SENTIMENTO E DELLARTE.
SENTIMENTO: - organo pi funzionale per rapportarsi alla vita e per penetrare
nell'essenza pi riposta dell'universo - principale eredit che il Romanticismo riceve
dallo Sturm und Drang - appare come un'ebbrezza indefinita di emozioni, in cui palpita
la vita stessa al di l delle strettoie della ragione - in grado di aprire a nuove
dimensioni della psiche e di risalire alle sorgenti primordiali dell'essere - appare talora
come l'infinito nella forma dell'indefinito - si configura come il valore supremo.
L'esaltazione del sentimento procede di pari passo con il culto dell'arte, vista come
sapienza del mondo e porta aurorale della conoscenza, ossia come ci che precede ed
anticipa il discorso logico e nello stesso tempo lo completa. Al poeta si conferiscono
delle doti quasi sovra umane e profetiche, che fanno di lui un esploratore
dell'invisibile, con poteri di intuizione superiori a quelli degli uomini comuni e della
ragione logica. Ripudiato il principio di imitazione e le regole classicistiche, l'estetica
romantica si configura come un'estetica della creazione. Questo primato dell'arte
creativa implica anche un primato del linguaggio poetico e musicale, visto come

parola magica in cui si concretizza l'essenza stessa dell'arte. La musica diviene la


regina delle arti, l'arte romantica per eccellenza, poich sprofondando l'ascoltatore in
un flusso indeterminato di emozioni e di immagini gli fa vivere l'esperienza stessa
dell'infinito.

L'AMORE COME ANELITO DI FUSIONE TOTALE E CIFRA DELL'INFINITO


L'esaltazione romantica dell'amore discende soprattutto dal privilegiamento del
sentimento e dalla ricerca di un'evasione dal grigiore del quotidiano. L'amore appare
come il sentimento pi forte e come l'estasi suprema, ovvero come la vita della vita
stessa. AMORE: - ricerca di sintesi fra anima e corpo, spirito e istinto, sentimento e
sensualit. globalit - ricerca nell'unit assoluta degli amanti, ossia della completa
fusione delle anime e dei corpi, in modo tale che ci che possa diventare uno tendenza a caricarsi di significati metafisici e simbolici. I romantici pensano che
l'amore, pur rivolgendosi a cose e creature infinite, scorga in esse manifestazioni o
cifre dell'Assoluto. Nell'amplesso degli innamorati vedono il mistero stesso della vita e
il simbolo dell'universale Armonia.
LA NUOVA CONCEZIONE DELLA STORIA
L'interesse ed il culto per la storia tende a prendere le forme di uno storicismo
antitetico all'anti storicismo illuministico. Mentre per l'Illuminismo il soggetto della
storia l'uomo, per il Romanticismo risulta essere la Provvidenza. L'esito fallimentare
della Rivoluzione francese e dell'impresa napoleonica aveva contribuito a generare
l'idea che a tirare le fila della storia non fosse l'uomo, bens una potenza extra umana
e sovra individuale, concepita come forza immanente o trascendente. La storia
appariva come il prodotto di un soggetto provvidenziale assoluto, che si viene
progressivamente rivelando o realizzando nella molteplicit degli avvenimenti, dei
quali costituisce il momento unificatore e totalizzante. La storia o un progresso
necessario e incessante, oppure una totalit perfetta. Lo storicismo romantico si
accompagna ad una forma di tradizionalismo, che non solo giustifica, ma in qualche
modo santifica il passato ritenendolo espressione del corso di Dio nella storia e linfa
vitale del presente e del futuro. Il Romanticismo si configura come una filosofia
giustificazionistica e tradizionalistica, che carica di un valore assoluto le istituzioni
basilari del passato in un'epoca di fede, di unit spirituale, di fantasie e di imprese
cavalleresche, in cui si forgiano le energie che daranno origine alle nazionalit
moderne.