Sei sulla pagina 1di 2

6.

CATULLO E LA POESIA MODERNA


1. Il circolo di Lutazio Catulo
Contemporaneamente a Lucilio matura a Roma la nuova esperienza di un gruppo di poeti: Valerio
Edituo, Porcio Licino, Quinto Lutazio Catulo (chiamati preneoterici)
La loro produzione presenta caratteristiche molto simili che fanno pensare a un indirizzo comune e a una
comune intenzione di rinnovare la poesia latina sia nei temi che nelle forme espressive
Novit -> aver introdotto a Roma un genere poetico minore e relativamente recente: lepigramma
Nato come forma letteraria in et ellenistica (IV-III sec. a.C.)
Raccoglie due principali tradizione della poesia greca di piccole dimensioni:
Epigrafi funerarie e dedicatorie in versi
Lirica e elegia erotica
Genere aperto a tutto i patrimonio tematico della poesia simposiale greca
Unificato dalla concentrazione espressiva, concettosit e acutezza della frecciata in chiusura
Epigramma dei preneoterici-> rompe con questa tradizione e si apre ai temi erotici riconducibili al
sentimento individuale dellautore
MA il trattamento della tematica amorosa caratterizzato di schemi letterari e artificiosi e da un
sentimentalismo di maniera
(realt autobiografica: Liber de consulatu et de rebus gestis suis, libro memoriale di Catulo con cui ha
inizio lautobiografia in latino)
Lingua: tipica della commedia e soprattutto del monologo comico
Levio
Scherzi damore
Raccolta di componimenti sui miti damore pi patetici ridotti a dimensione borghese
-> cantati nel linguaggio amoroso n uso nella commedia e nellepigramma
Accentuata predilezione per lintrusione di arcaismi, neoformazioni e cumulo di diminutivi
Poesia colta, preziosa, al limite del preziosismo
Straordinaria variet metrica: metri della tradizione scenica arcaica romana e altri del tutto nuovi
Pubblico ridotto di destinatari
Poesia di pura evasione, disimpegno politico
Non si ripudiano forme poetiche di maggior impegno
Porcio Licino - opera di varia erudizione
Gneo Mazio - Mimiambi e una versione dellIliade
Sueio - Idilli e un poema epico
Varrone Atacino (neoterico) - elegie, traduzione delle Argonautiche di Apollonio Rodio e Bellum
Sequanicum, poema epico celebrativo delle imprese di Casare
Marco Furio Bibaculo - epigrammi e Annales Belli Gallici
2. I poetae novi
88-63 a.C. - vicende delle guerre contro Mitridate -> notevole accelerazione nella vita culturale a Roma
determinata da
Importazione di biblioteche a Roma
Arrivo di filosofi, retori, grammatici e poeti di primo piano (Partenio di Nicea, Callimaco, Euforione)
-> rinnovato clima culturale
-> irrompe nella scena letteraria un gruppo i giovani poeti (Valerio Catone, Licinio Calvo, Elvio Cinna,
Valerio Catullo) chiamati poetae novi o neoteroi (termine dispregiativo coniato da Cicerone)
Difficile credere allesistenza di una vera e propria scuola poetica con un capo e un preciso programma
Caratteristiche comuni
Aggregazione in una sorta di societ di amici in cui si crea il circolo riflessivo proprio della poesia greca
simposiale arcaica -> quello che conta davvero per i poeti il giudizio degli amici
Raccontano i fatti della propria vita e non curano (o lasciano sullo sfondo) i temi generali della civitas
Letteratura: la cosa pi importante, esperienza che richiede impegno e dedizione quasi esclusiva (poeti
novi sono tutti di buona famiglia)
Poesia soggettiva in cui il poeta assume una posizione sempre pi centrale
Poesia ricca di dottrina e raffinata nella forma
-> nasce a Roma uno speciale sermo lirico ottenuto raffinando e impreziosendo la lingua familiare
dellesperienza erotica della commedia
Epillio
poema epico di piccole dimensioni (500-600 versi)
Forma estremamente raffinata
Epica in miniatura
Esemplari ellenici:
Ecle di Callimaco
Europa di Mosco

Riduzione del mito a una dimensione non eroica e quasi giocosa


Attenzione allequilibrio strutturale del racconto
Poeti novi -> conservano la preziosit stilistica e strutturale de modelli greci, MA rovesciano il rapporto con

il mito: eroicizzano e divinizzano la loro esperienza esistenziale lasciandosi coinvolgere liricamente nelle
vicende damore pi tragiche e patetiche
Esempi nella poesia neoterica
Smyrna di Cinna
Carme 64 di Catullo
Io di Calvo
(nucleo pi compatto, caratterizzato da una pi stretta aderenza alla poetica di Callimaco e rifiuto del
poema epico dei valori politici e morali romani)

3. Catullo
Nasce a Verona nell84 a.C.
Ricca famiglia emigrata dal centro Italia a Verona, dove assume una posizione di rilievo
Non aveva la cittadinanza romana
Giunge giovane a Roma e si tiene ai margini della vita politica
57-56 a.C. - viaggio a Bitinia al seguito del governatore Gaio Memmio, dove era sepolto il fratello
54 a.c. muore
Il Liber
116 carmi
1) 1-60: polimetrici
2) 61-68: carmina docta, carmi pi lunghi tra cui epitalami e lepillio (carme 64)
3) 69-119: poesie in distici elegiaci
Poesia destinata alla cerchia degli amici ->
comune sentire etico-letterario
senso di una aristocratica superiorit nei confronti degli illetterati e di coloro che non condividono la loro
poetica
cerchia in cui si ricreano i rapporti di fide e di amicizia che vincolano la societ civile
il poeta confida i sentimenti pi profondi: dolore per la morte del fratello, vicenda travagliata dellamore
per Lesbia, episodi pi futili del vivere quotidiano
Ripropone motivi e forme della poesia epigrammatica ellenistica con la volont di far rivivere tutto il
patrimonio tematico e stilistico della poesia simposiale greca (modello: Archiloco)
Io lirico -> Catullo vuole dare unimmagine di s ben precisa: apparire come una figura drammatica
-> ha bisogno di una donna infedele e spergiura -> Lesbia (Clodia, sorella di Clodio, una protagoniste
della vita mondana di Roma)
Carmi 61-64 -> nella trasfigurazione mitica dei carmi sono proiettate le vicende esistenziali che
costituivano il tema dei carmi minori polimetrici e in distici
Carme 64 - epillio in cui Arianna abbandona da Teseo (inserite nel racconto principale delle nozze di
Peleo e Fetide), vicenda che riflette le dolore esperienze del poeta tradito dalla donna
Carme 68 - elegia in cui il mito dellamore di Protesilao (primo eroe greco morto nella Troade) per
Laodamia legato allamore per Lesbia e alla morte del fratello
4. Licinio Calvo
Amico e coetaneo di Catullo
Io, epillio arricchito dal tema metamorfico (la virgo infelix trasformata in giovenca da Giove)
Epitalami e carmi amorosi per Quintilia
Membro di una delle famiglie pi aristocratiche di Roma -> non disdegnava limpegno attivo nella via
politica e nemmeno la pratica di unoratoria di grande impatto sui contemporanei e apprezzata dai posteri:
Imitatore degli oratori attici
Si oppone allo stile esuberante ed eccessivamente ornato e ricco di pathos delloratoria tipica dei suoi
anni
Continuatori del neoterismo
Cornelio Gallo, discepolo di Partenio di Nicea, sviluppa lelegia latina
Domizio Marso, poeta epigrammatico
Mecenate, nei suoi frammenti palesa una maniera catalana preziosa e compiaciuta