Sei sulla pagina 1di 4

!

!
Vademecum del medico appena abilitato!
Tutto (o quasi) ci che avreste voluto sapere ma all'universit
erano distratti e non ve lo hanno spiegato!

!
Versione del 14 Aprile 2014!
!

Piacere, mi presento. Mi chiamo Michele Bonizzi, sono dell'81, mi sono laureato nel 2006. Sono
uno dei 3 soci fondatori di DocGether, lassociazione di giovani medici che si imposta che
dallautunno del 2013 si imposta a Roma per la promozione di una buona e sana vita
professionale dei medici (giovani) della capitale (e non solo).!
Dopo qualche anno di infruttuose esperienze universitarie ho vinto il concorso per la MG e ho
concluso i tre anni di corso a novembre 2012. Ho frequentato al San Camillo Forlanini - ASL RM
D. Attualmente faccio diversi lavori in attesa di avere finalmente anche io i miei pazienti. Ho scritto
questo documento nellestate del 2013 e successivamente, documento stato poi integrato dai
contributi di alcuni colleghi del gruppo (Emanuele Maffongelli, Consulenza Fiscale, Gabriele
Bernardi).!

Quando si esce dall'universit si ha in mano la laurea (ed una cosa molto bella in realt).
Tuttavia nessuno ti spiega mai che la vita da medico diversa da quella da studente. Spero che!
questo vademecum possa essere un modo anche solo per capire alcuni meccanismi di base ma
importanti, ma anche uno spunto per approfondire. Non ci sono riferimenti "bibliografici" in questo
testo. Per scelta. Il contenuto frutto dell'esperienza personale, delle letture che mi capitato di
fare e di ci che mi stato insegnato durante il corso di MG e in generale nella mia attivit
professionale. Se ci sono imperfezioni sono certo che insieme le potremo limare. !

Ordine dei medici!


Una volta ottenuto il numero dell'ordine della provincia dove siamo residenti siamo ufficialmente
abilitati a fare i medici! E questo un bene! Il numero non si ottiene dopo aver superato la prova
ma solo dopo che la commissione dell'ordine si riunisce. Di solito ci vuole qualche settimana.
Recentemente l'ordine di Roma ha dato accesso a tutti i contenuti ebsco online (dynamed,
MedLine con articoli integrali, Cochrane, etc...). Inoltre per chi di Roma l'ordine fornisce il pin per
i certificati di malattia (vedi oltre). Ogni anno verso marzo si deve pagare la quota di iscrizione
all'ordine che aumenta con l'aumentare dell'et. !

Timbro!
Una volta ottenuto il numero dell'ordine si pu farsi fare un timbro. Si pu andare in un negozio che!
fa timbri oppure farselo fare in internet (costa meno ed totalmente customizzabile). Gli elementi
irrinunciabili del timbro sono: Nome, Cognome, numero di iscrizione all'ordine e provincia
all'ordine. Molti fanno aggiungere anche altre informazioni come il codice fiscale, l'indirizzo, il
numero di telefono, la partita IVA etc... Per esperienza utile avere un timbro light, con solo le
informazioni di base per timbrare le ricette rosse con il doppio timbro se fate sostituzioni di MG e
un timbrone con tutte le altre informazioni per fatture e come intestazione delle ricette bianche (se
non avete il ricettario personale che comunque si pu comprare anch'esso via internet). !

ENPAM!
L'enpam l'ente nazionale di previdenza ed assistenza dei medici ed odontoiatri. In effetti ENPAM
molto pi breve. Per farla corta la nostra cassa previdenziale che quando sar (e con i tempi
che corrono sar molto tardi) ci pagher la pensione. Per poter avere diritto alla pensione bisogna
annualmente versare i contributi alla nostra cassa.!
Esistono due tipi di contributi da pagare:!
La quota A: una quota fissa che tutti i medici e odontoiatri devono pagare. Di solito si versa ad!

aprile e l'importo aumenta con l'et. Quindi piano piano dovrete pagare sempre di pi. Il primo
scatto di aumento di quota a 30 anni. Vi mandano a casa i bollettini, o comunque potete
recuperarli entrando nella vostra area riservata sul sito www.enpam.it, il pagamento potr avvenire
in unica soluzione o rateizzato in 4 rate senza pagare nessuna maggiorazione. !
E' soggetto a contribuzione presso la "Quota B il reddito derivante dallesercizio, anche in forma!
associata, della professione medica e odontoiatrica, al netto delle spese sostenute per produrlo. In
pratica chi lavora in proprio o frequenta la scuola di formazione in medicina generale deve
provvedere al versamento della suddetta quota qualora il reddito netto professionale sia superiore
al reddito coperto dalla quota A (per il 2012 il reddito coperto dalla quota a ammontava a 5651 ).
Entro fine luglio bisogna inviare (consiglio la modalit telematica che davvero comoda) il modello
D che di fatto quello in cui si dichiara quanto si guadagnato l'anno prima. Per esempio:
quest'anno il medico Ciccio Baciccio dichiara che nel 2012 ha guadagnato 25000. Inoltre Ciccio
ha lavorato proprio lontano da casa e ha speso di automobile 5000. Rimangono 20000 che
Ciccio scrive sul modello D. A questi 20000 per calcolare l'imponibile vengono detratti 5651
(coperti con il pagamento della quota A). Restano 14349. Questi calcoli vengono fatti dell'ENPAM
stessa. Entro novembre e dopo comunicazione dell'ente, Ciccio Baciccio dovr versare entro il 31
ottobre e in una sola soluzione, il 13,5% di 19349. Questa percentuale molto probabilmente nei
prossimi anni verr ritoccata al rialzo. Consiglio comunque di andare a seguire i corsi di
Consulenza Fiscale a riguardo. !

Tasse!
Questo un argomento molto ampio. Consiglio fortemente di andare a seguire i corsi gratuiti di
Consulenza fiscale a riguardo (cercate il contatto su Facebook. Comunque di solito sono sempre
aperte le iscrizioni ai loro corsi, basta andare sul Gruppo di sostituzioni di medicina general a
Roma). !
Il senso generale delle tasse che pi si guadagna pi si paga. Io qui tuttavia mi soffermer solo
su due modalit di pagamento delle tasse. La prima legale per le prestazioni sanitarie di un
medico, la seconda no. Tuttavia ne parler per fare un confronto con la prima e per far capire
come sia poco conveniente continuare a usare la seconda, come tristemente molti fanno
(ribadisco in modo comunque illegale). !
Le tasse si pagano entro giugno/luglio dell'anno successivo a quello di produzione dei redditi (nel
2013 si paga per i redditi 2012). Ma ATTENZIONE: lo stato pretende entro novembre di ogni anno
un anticipo delle tasse calcolato in modo presuntivo rispetto ai redditi dell'anno precedente, che
viene poi scalato sul saldo di giugno 2013. !
IVA!
Per prima cosa bisogna capire cosa sia l'IVA. acronimo di imposta sul valore aggiunto ed
un'imposta che si paga sull'acquisto di beni e servizi (quindi sia sulla lavatrice sia sul montaggio
della lavatrice per capirci). Attualmente l'aliquota al 22%. Quindi se io compro una cosa che vale
100 la pago 100+22% 122. Di solito l'IVA compresa nel prezzo di listino delle cose. !
IMPORTANTE: le prestazioni sanitarie sono per LEGGE esenti dal pagamento IVA. A parte alcuni
casi quindi i medici NON devono aggiungere questo 22% alle proprie parcelle per prestazioni
sanitarie (qualora tenessero un corso di formazione per dovrebbero aggiungerla). I meccanismi di
versamento dell'iva esulano da questo vademecum e comunque come leggerete sotto non ci
riguardano nella maggior parte dei casi. Aprire una partita IVA OBBLIGATORIO per i
professionisti con obbligo di iscrizione all'ordine come i medici. Non opzionale. Avere una PIVA
aperta assolutamente compatibile con qualunque specializzazione o corso di MMG (vedi sotto
per incompatibilit).!
IRPEF !
l'imposta sui redditi. Tanto pi guadagni tanto pi paghi. Non mi soffermer sulle aliquote ma
comunque rappresenta il grosso delle tasse. Si paga tramite un modello chiamato f24 entro
giugno/luglio di ogni anno a cui si aggiungono altre tasse (per esempio l'IMU). !

!
Ora vediamo i due regimi fiscali di cui ho scritto sopra.!
!
Regime dei "superminimi"!

Prende nome dal vecchio regime dei minimi. un regime fiscale a partita IVA agevolato. Ora
anche se pu sembrare strano, questo regime esenta dal versamento dell'IVA. Quindi,
indipendentemente dalla tipologia di prestazione, chi aderisce a questo regime NON deve MAI
aggiungere l'IVA. La seconda agevolazione che il regime esenta dal versamento dell'IRPEF ma
obbliga al versamento di un'imposta sostitutiva del 5% sul reddito netto professionale. Quindi se
Ciccio Baciccio ha guadagnato i suoi 25000 ma ne ha spesi 5000 per la sua attivit
(assicurazione, ENPAM, fonendoscopio, benzina, etc...) paga il 5% su 20000 e cio 400 pi gli!
acconti (come scritto pi in alto lo stato pretende un pagamento supplementare a mo' di acconto
per l'IRPEF dell'anno in corso, quindi l'anno successivo a quello per il quale state pagando le
tasse, immaginando che i redditi siano uguali a quelli dell'anno precedente. Questi acconti
vengono poi scontati l'anno successivo). Come capite si tratta di pochissimi soldi. Ovviamente ci
sono dei criteri da rispettare per poter accedere a questo regime. I pi importanti:!
Incassi inferiori a 30000;!
si pu aderire al regime solo per svolgere una nuova attivit non svolta precedentemente;!
non bisogna essere soci di societ di persone;!
bisogna essere residenti in italia; !
durata massima 5 anni. Tuttavia se dopo il 5 anno non si ancora raggiunto il 35mo anno di et
si pu mantenere questo regime fino al compimento dei 35 anni, ovviamente continuando a
mantenere tutti i requisiti;!
acquisto di beni strumentali per massimo 15000 in un triennio(pc, materiale medico,
autovettura....).!

Regime a prestazioni occasionali!


Non un regime con p. IVA e quindi incompatibile con qualsiasi libero professionista iscritto ad!
apposito albo professionale ( quindi un medico). Lo stato prevede che se un ragioniere ogni tanto
va a fare dei lavori di giardinaggio presso un vicino di casa possa staccare una ricevuta (vedi
poi) con il proprio codice fiscale. Vediamo le caratteristiche salienti di questo regime:!
Ovviamente non c' iva!
Ritenuta d'acconto del 20%. Il datore di lavoro ritiene il 20% del totale della prestazione non
dandolo a chi compie la prestazione ma versandolo allo stato come acconto IRPEF del
lavoratore.!
Il datore di lavoro entro il 28 febbraio dell'anno successivo consegna un documento chiamato
certificazione dei compensi o CUD al lavoratore nel quale certifica di aver versato dette quote. Il
lavoratore quindi in sede di dichiarazione dei redditi pu utilizzare queste somme per ridurre il
debito con il fisco. Es: Ciccio Baciccio fa una sostituzione di 10 giorni a 100 lorde al giorno al
Dr. Poccio Pacioccio. Ciccio fa una ricevuta di 1000 ma ne riceve da Poccio solo 800. Poccio
chiama il suo commercialista e gli dice la cosa. Il commercialista versa entro il 16 del mese
successivo i 200 e alla fine dell'anno redige la certificazione dei compensi nella quale certifica il
versamento della ritenuta. Ciccio e Poccio si vedono dopo capodanno e Ciccio prende le
certificazioni che d al suo commercialista .!
Per poter usufruire di questo regime si possono effettuare ricevute per massimo 5000 lorde
annue, superata questa cifra bisogner non solo pagare le tasse ma anche versare i contributi
alla gestione separata dell' inps ( che molti medici specializzandi conoscono) che ammonta al
28%. !

Vediamo in inea di massima le differenze anche se ogni singolo contribuente ha una posizione
fiscale diversa da un altro quindi opportuno parlarne con un consulente. Se Ciccio avesse la
PIVA avrebbe incassato i 1000 e pagato il 5% di tasse l'anno successivo ma non su tutti e 1000
bens solo su 900 dato che lo studio di Poccio distante e lui ha usato 100 di benzina. Quindi
avrebbe pagato 45 di tasse portando a casa 955 che di fatto come averne incassate 1000.
Al contrario se avesse usato la prestazione occasionale avrebbe incassato 800. Inoltre si
sarebbe dovuto sbattere per andare a prendere le certificazioni e anche Poccio avrebbe dovuto
fare pi lavoro per chiamare il commercialista, pagare le ritenute etc.... Infine siccome chi usa il
secondo regime non guadagna molto rischia di far versare tramite ritenuta d'acconto PI di quanto !
poi dovr versare di IRPEF. Quindi di fatto va in credito con lo stato. I crediti si accumulano e poi!

vengono scalati quando sar possibile ma stupido pagare pi tasse di quelle che si devono
soprattutto all'inizio della propria carriera. !
C' una sorta di idea o mito per il quale la PIVA costosa o complicata da avere ma esattamente
il contrario come spero di aver chiaramente spiegato. Inoltre pi remunerativa.!

Assicurazioni!
Le assicurazioni professionali sono RC (responsabilit civile). Cio ci si assicura per fare in modo
che se si viene condannati ad un risarcimento lo paghi l'assicurazione. Attualmente c' stata una
proroga dell'obbligatoriet delle RC per i libero professionisti a luglio 2014. Un massimale
assicurativo la massima cifra che l'assicurazione copre. Quindi se ho un massimale di 500000
ma mi condannano a 700000 l'assicurazione paga 500 e io 200. Bisogna confrontarsi con
l'assicurazione per capire il massimale pi giusto per la nostra attivit. Tuttavia difficilmente
qualcosa di superiore al milione di nel nostro caso utile. !
Per i neo-iscritti allalbo, una ottima polizza per quanto riguarda il costo e le garanzie
rappresentata dalle varie Formule Young (in particolare della Milanese Assicuratrice) che per 250
euro lanno copre gli iscritti allalbo da meno di 3 anni, con un massimale di 2.000.000 (non ci
sono altri massimali maggiori o minori per questa formula). Una cosa importante per tutte le
polizze assicurative la Garanzia Postuma illimitata, che generalmente prevede il pagamento in
pi del 25% del premio. In pratica se io nellanno 2013 mi sono assicurato con la compagnia X,
visito un paziente e per qualche motivo decide di denunciarmi lanno successivo, io con questa
garanzia postuma risulter ugualmente coperto.!

Ricevute e Fatture!
Una ricevuta si stacca quando non si ha PIVA. Io parler solo delle fatture che si staccano se si ha
la PIVA . Una fattura deve essere numerata innanzitutto con un numero progressivo da 1 a pi
infinito e seguita dall'anno in corso. Quindi 1/2013, 2/2013 etc... Se vi rendete conto di averne fatta
una male ma avete gi staccato una fattura successiva non la dovete buttare ma barrare e scrivere
sopra annullata. Caratteristiche principali di una fattura:!
Intestazione con nome, cognome, numero di PIVA, CF, indirizzo del professionista. !
Data!
Dati del committente. Sempre nome, cognome, numero di PIVA, CF, indirizzo.!
Tipo di prestazione effettuata. Esempi: prestazione sanitaria per sostituzione di medicina
generale, certificazione anamnestica per la patente, certificazione per attivit sportiva non
agonistica, etc... A dx della descrizione della prestazione va scritto l'importo. !
In basso a dx vanno sommato gli importi delle prestazioni. !
Ora le cose cambiano a seconda del regime. Nel caso dei superminimi (vedi su) la fattura finita
dato che non ci sono IVA da aggiungere n ritenute d'acconto da sottrarre. !
Qualora vi fossero tuttavia sotto il totale che devono essere aggiunte. !

!
Se trovate imprecisioni o vorreste aggiungere qualcosa, non esistate a contattarci!!
!

DocGether