Sei sulla pagina 1di 3

IL NUOTO:

Il nuoto l'attivit motoria che permette il galleggiamento e il moto del


proprio corpo nell'acqua. Esso uno sport antichissimo che in tempi
molto lontani era praticato solo come arte militare.
uno sport che ha valore agonistico ed etico sociale: esso ci consente
infatti di salvare la propria vita e quella di chi dovesse trovarsi in
difficolt, esso inoltre uno degli sport pi completi in quanto richiede
l'uso di tutti i muscoli coordinati con la respirazione.
Il campo di gara del nuoto la piscina, le cui dimensioni sono di 50
metri di lunghezza per 21 metri di larghezza e 1,80 m di profondit.
La piscina si divide in otto corsie (larghe 2,50 m ciascuna) delimitate
da galleggianti uniti tra loro e la temperatura dellacqua non pu
essere inferiore ai 24C.
Le gare ufficiali prevedono le seguenti specialit: stile libero, rana,
farfalla, dorso:
-Rana: Questo considerato lo stile pi faticoso e complesso ed tra i
quattro stili il pi lento. Un aspetto importante che le mani del
nuotatore devono essere spinte in avanti dal petto, e che i gomiti
devono rimanere sottacqua.

-Farfalla: Questo considerato da molti lo stile pi spettacolare, ma


allo stesso tempo difficile anche se non pi faticoso della rana. Esso
richiede un notevole sforzo fisico e una perfetta coordinazione sia di
gambe che di braccia, al nuotatore richiesto inoltre di mantentere un
movimento costante e simultaneo con simmetria bilaterale.
-Dorso: Questo l'unico stile dove il volto dell'atleta non rivolto
verso il fondo della piscina ma verso il soffitto. I nuotatori portano le
braccia sopra le loro spalle, alternativamente, e le respingono lungo i
fianchi sottacqua per fornire la propulsione
-Stile libero: E' l'unico dei quattro stili che non pone restrizioni
sull'azione che possono intraprendere i nuotatori
Le gare sono divise per sesso e possono essere sia individuali sia,
quando praticato in staffette di quattro atleti, di squadra.
La partenza da bordo vasca viene effettuata contemporaneamente da
tutti gli atleti grazie ad un ausilio sonoro del giudice di partenza ed
essa viene effettuata da appositi blocchi situati poco sopra il livello
dell'acqua. Una volta giunti a fine corsia bisogna effettuare una virata,
ovvero l'atleta deve toccare il muro, pena la squalifica. Normalmente
effettuano una capriola sott'acqua per potersi dare una spinta coni
piedi e ripartire a gran velocit.
Comunque in generale il nuoto viene praticato per diversi scopi come
per il benessere fisico in quanto riduce la massa grassa. Il nuoto era
indicato anche per la scoliosi ma recenti studi smentiscono questa
affermazione, in particolare sconsigliano gli stili rana e delfino (che
inducono la schiena a curvarsi). Comunque il motivo pi comune per
nuotare probabilmente lo svago.