Sei sulla pagina 1di 7
Caprroro XVII RIVELATORE F LA SUA OPERA (0 SECONDO GIOVANNI clo ln tcolovia giovsnnea Ia storia degli vomini s svi ert cote a i oo cones fa porenra del Verb ci Di, creatore di id che esse. be coi pub die in wna cond laceazione de im del Verbo trait il quale nel quale © afermata in la oro reall, Questo Verbo pet, cui esi debbo- cits calls lwo ssstna, ent fi arione una seconda pare cote Vero storco in mezzo alla storia «E bosi foc carne c abit tra noi (x14). «Ela vita sma Gr. 13). Nel Verb fatto! carne sors dim jest voles ped a rezn al mond {etia dllo ses Verb cheer in principio’ e‘presso = Ma questo Verbo entrato ora neltambito del mondo Aelfunani, oel'ambito del ude, del vse © rile (1123; 3,6, 663). & divensato Gono conctet poco conreo. il Verbo x & fatto “azne™ nel womo acl ua in oan neal nace lm re & posta speato io reno dal esto Vangel. © Bai Nc un yiaes (49) A ia ok Gseppe di (1543), cal la gente canoe la made” «| fra yrs 6,42; 29,25 955 2,223 7,399), deni si pod ca sh (8.37), cut possono care percorsi ee lace ost, ee. F poh’ quest Goro i Verbo incama hallo stesso tempo cid che & questo Verbo: Dio presse Dio came Fptio di Dio. Ta guaith ai Filo i Dio pone lena, nel Vangel secondo Giovsani, fa comuniene di li amore del Filo con it Padre, nella quale iF 39 ee tere een cree en ore enna a ee a eee il Vest sno rsao scant Bag iLeoncetto & Aéyog non sia solo un ‘titolo’, maa abbia con: wong apo heal Gon i enna ear Sts lot ant wn goose ae strato dalle parole che l'evangelista pone espressamente gh Hope ioe eer ta Figlio, che & nel seno del Padre, egli ba rivelatos (x8 Ul rivelare non ha oggesto. E la rivelazione in senso assoll ees Sereaete eu aa ee cee ent ae on Cnr Toes fee alos eneann ea a fi aun ler ier et Se ice eos tae feces ina de een gern ree eek ec as oe ae fecconit ease sretlihentae (aaa bias eee ee eee Soa are Senna eae pak chee aes Feeaeaieai Ceca Epeeglnwtce oy oh pee Seana ae Secret tale cle ceo oa ees oe ease Tl Padze lascia aperto il cielo Fl sven un sbi ona, ok soot Hav (20,2598: 14,1005 17.10.21, Sono Bier 2, net cnt sola he See Vncore dono ce 5.355 24, aioe 27.5433 15.235 16,35 17,2) 1 Pade BEE iota sere amato (595; 120, £05275 13.95 X7, Be ends rtmonaes (3.3.68 8x8) © pe acai la soa oy Katos dela sc vt, Sen sella sua prsione(7,6.8.305 8,20; 22238 pe x7.1). Lo porrcbbe salvare da quest ora, sna in tal Sous ds oclen ae ec eset Gre slfotisone Sa ce 48 ae hehe ceca pots del Figo non soo in terr (8, Toe he eleva Figo neore ella more allo Balaton ghia (2228; 17,4 3.09; 2.7.99 1% ge Ke uto squsto, nel andare Fgh vel e Tanah ala mort, alla morte e dl ome. Vel aro alls gloss, Dio fa col Fig suo dono, i uu store por awa del womini: «Poké Dio nt fondo da dare i suo Fa Unigeait,afinche Geta nn ey a vet Beso; / Gv a,ros <9), Con ques Invi don Side pute del Pes realiztn nel mondo stu la Veni co sl ae Squats aso un axpeto delPayveninenso. Ualto RE chet Figo dito tl Pare st dh al Poe e nel 00 Ealgl Padre se agli vosn, 11 Figo assume come com: lo propo in ubbidiena, il dono-scrfici che pil Peds. Eglseso act, ed expressamente come 98, Jesse cfferto, e concede questo dono, cok se ste9, dice: «Sono seo dal cielo non pet i Bi vomint Cosi pu ®la mis volonta, ma lt volonta ei colui che mi ha mandate, ta& Ie vaicath di coli che mi ha mandato: che io non miessuo dl quelli che Ii oi ba dato, ma ehe Ii risusiti alfaleino geno, Poiché questa & la yolontd del Pace m che changhe vee il Figlio e cree ini, bin la vite ba.» (6.3852). ancora «Mio cb & fare la volont dg Iniiche mia macdato ed ecgure le sua opere> 4344 anche 530; 8.295 1437 23.10) 174) Il Figo ova ‘urimento nel fare Is volo del Pre, Eel iT Padre (17,25) ee 10,13). La ‘covosce ‘onm(S5) lo ame 4.30, me 13,325 17:4). Non cerca In propria losin (7.18) 8,304 on I cezea ia li vomin (5414 6,243), Non acct stanoniaaaa da loc, rna la sn testimoniaaca soem le se fa, che sore le opere del Pathe (3,36; 10,29), Noa fl Baia volo (5,30; 6,38). Coe pud cine: elo vivo per ama det Padie> (657). «ll Padto in me (ee i in iin; sa 14,10.20; 17/48) lo el Pee sa una cosa slay Cy 30; 17.11.21), Il suo lnvio di parce del Padre pud exer hime il sue ‘prctdere ds Doo (Bu 13.980) “dses (6,63, 3.13) 0 wens’ (5,43; 1onsen) eat tel mondo! (7¢¢; 3; 1968), La us compat tell un eicere rants tl redo: compere di ps Fe Dio e rome Dion (19: 2 bt4, 6) Ed Stimoniacza del Verba ela sora una 6, som ue ‘sce Sa wtp patie nod Pare eset de ‘Goo tempo. oiché eg ik ve neva Ct Pin, Eaaggo delenit oe Inciaio (x14) F quest entas nel mond pet andasene Zale nll loria cero el Pudre f com come 8B Alientedonosacricio di se ste, Egil suo ane af tu che Pade glia destino (xan7). Beye fea: dhe lh Padre gli porge (18,22), Adem; comando del Padre (10, 18; 14.9), lnpegmspontmeament popes ta sage 5.17.48), la sacrifica (12,25), muore come il geanello di fra iment che cade lla tera (22.24) Be'? prone face yea che ols dd ache wali vain Tl dowoacrcia £41 Padte dental tempo sts donosacrifes di sé Sori I domosacila dsp uontal non comple Ico iv ot Pate. 2d men comps Be a oie cavand mee ARPS Peg FS (asi) clos ae Be ca do antl FE ee egy Gants oe a | ee eter Do ms onc cea a Diy ee oe ech fame Ste Fee ee a Ti ae area Gig epee en ee Core camae pial Pee he conceit cestin dence che Te ed Gene Boop ee costs Gos Be era ccc omens epee ere cers Din cae none Re ie eG canna conte Te ei be cada nants jagli uomini che si riftatano. Bocce ase Rel sacrifcio ubbidiente: di Cristo. 1! dono-sacrifcio di Cri. Fe aia le: Ea pte Berth cence et cosas Been ar eects Ve. ee on oc oni le Bein et deer mec ume se Batches en peck aitna dies. Qa Cine ee oh eee en Fem a aie ee Cece Geto ak ida parte del Figlio consiste nell'avere il Figlio ‘manife- =

Potrebbero piacerti anche