Sei sulla pagina 1di 3

CICLO DI INCONTRI

“I LINGUAGGI DELLA FORMAZIONE”

Questo nuovo ciclo di dedicato alle metodologie formative metaforico-esperienziali


basate sui linguaggi espressivi (ciclo peraltro già anticipato dall’incontro di
chiusura del programma 2009), si propone di esplorare - anche attraverso un setting
maggiormente interattivo e all’utilizzo di spazi decisamente evocativi- tematiche e
pratiche formative su cui sono in atto riflessioni e sperimentazioni che riteniamo di
grande interesse per la comunità professionale e per le aziende.

Gli appuntamenti in programma nel corso del 2010 sono:


• Cinema e linguaggi audiovisivi per la formazione – Spazio Sirin – 15 aprile
• La commedia dell’arte – Spazio Sirin – 12 maggio
• Dialoghi nel buio: la formazione attraverso i sensi - Istituto dei Ciechi – 13
ottobre
• Il cooking: gusto e formazione – Scuola di cucina – 13 dicembre

CINEMA E LINGUAGGI AUDIOVISIVI PER LA FORMAZIONE


Forme narrative, Format, Canali, Tecnologie
Giovedì 15 aprile 2010
ore 18.00 - 21.30
Spazio Sirin, Via Vela, 15 (MM Piola) - Milano

La creazione di narrazioni per immagini aventi finalità di tipo formativo è andata


assumendo in questi anni nelle aziende un rilievo crescente, come dimostrano anche le
esperienze presentate dal 2007 al FORFILMFEST AIF (nella sezione dedicata “The
Training Show”).
Questa produzione narrativa fa ricorso e trae ispirazione da differenti linguaggi
espressivi audiovisivi: non solo dagli sconfinati archivi dell’immaginario cinematografico,
ma anche da quello televisivo, nei suoi diversi “format”, come pure dall’universo dei social
media; mentre le strumentazioni tecnologiche e le modalità tipiche della rete e del web 2.0
offrono sempre nuove possibilità e prospettive operative e produttive. Si assiste poi a una
forte contaminazione e ibridazione tra forme narrative (fiction, docu-fiction, modelli
giornalistici, ecc.), come al moltiplicarsi dei mezzi e canali di fruizione e diffusione, nel
segno della cross-medialità e della digitalizzazione delle immagini.
Gli esiti di queste dinamiche narrative e produttive si pongono spesso come veicolo di
pratiche formative innovative, in molti casi peraltro tutt’altro che consolidate, ma
decisamente in progress.
D’altra parte, specialmente nei processi formativi, le scelte sull’utilizzo di un linguaggio o
di una forma narrativa, come anche di una tecnologia o di un canale mediatico piuttosto
che di un altro, non sono quasi mai casuali, né tantomeno neutre. A essere chiamate in
causa sono le dinamiche psicologiche rispetto al “tipo” di immagini e le questioni di
approccio metodologico; ma altrettanto evidenti sono le differenze sul piano dell’impatto
organizzativo.
Per parlare di queste tematiche e delle numerose “zone grigie” e “di confine” -tra linguaggi,
metodi, finalità, ecc.- abbiamo convocato alcuni esperti, di diverso background
professionale, ai quali abbiamo anche chiesto di mostrare “esempi visivi” di progetti
realizzati e di sperimentazioni in corso, in linea con le loro competenze ed esperienze
concrete. L’incontro, del resto, non vuole offrire tesi precostituite, ma suscitare spunti di
riflessione e di dialogo, anche rispetto alle competenze richieste ai formatori, stimolare
curiosità e fornire conoscenze e link rispetto alle pratiche in corso, nello spirito che
caratterizza gli incontri AIF e, a maggior ragione, questo ciclo, fortemente voluto e
promosso da AIF Lombardia.
Sergio Di Giorgi
Intervengono:
Vittorio Canavese, formatore sulle e con le tecnologie di rete per gli enti locali e i
cittadini, lavora per il CSI-Piemonte. Fa parte del Comitato di Progetto dell'AIF
FORFILMFEST e del Comitato Scientifico del Premio AIF “Filippo Basile” per la
Formazione nella Pubblica Amministrazione.

Elena Galeotto, Psicoanalista e Pedagogista, associata a “Studium Cartello”,


Associazione Psicoanalitica. Cura, con Luigi Ballerini, la rubrica "Man(i)ager" sul sito Job
24 del "Sole 24 Ore". Svolge interventi formativi in ambito aziendale (in particolare nel
settore sanitario) e destinati agli insegnanti. Si occupa di fiction cinematografica e
televisiva. E’ autrice (con Giancarlo Zappoli) de Lo specchio a puntate. Uomini e donne
nei serial tv, Effatà editrice.

Andrea Notarnicola, consulente di direzione, è partner di una innovativa società di


consulenza e formazione. Attraverso la contaminazione dei linguaggi progetta e gestisce
programmi internazionali di miglioramento organizzativo e innovazione. E’ autore di fiction
aziendali e di saggi sull’uso dei linguaggi teatrali e televisivi in azienda, tra i quali
Televisione e teatro in azienda. Usare nuovi linguaggi per innovare le imprese; Etas.

Francesco Varanini, antropologo di formazione, dopo aver trascorso lunghi anni in


azienda è oggi consulente, formatore, scrittore. Docente presso l’Università di Pisa. Cerca
di contaminare l’approccio “tecnico” nella gestione delle conoscenze con quello
“umanistico” nel narrare le organizzazioni. Autore di numerosi saggi, tra cui, da ultimo, Il
Principe di Condé. Nuovissimi romanzi per i manager, Edizioni Este. Dirige la rivista
“Persone & Conoscenze”.

Coordina:
Sergio Di Giorgi, formatore e critico cinematografico. Consigliere nazionale AIF, coordina
dal 2007 l' AIF "FORFILMFEST-Festival del Cinema per la Formazione" e la rivista
elettronica mensile dell’AIF “Learning News”. Cura la rubrica "Film" per il mensile
"L'Impresa" (Gruppo 24Ore).

Ai partecipanti sarà offerto un aperitivo di benvenuto!


Modalità di iscrizione:
Si prega di compilare la scheda allegata e inviarla entro giovedì 8 aprile 2010 alla
Segreteria Nazionale AIF, Corso Magenta, 46 – 20123 Milano (Fax 02/48195756 o e-mail:
aifitaly@tin.it).

Quota di iscrizione e modalità di pagamento:

• Gratuito per i Soci AIF


• Euro 65 (+IVA 20%) per i non Soci.

Il pagamento deve essere effettuato prima della partecipazione al corso tramite:

ƒ assegno bancario o circolare intestato ad AIF Milano


ƒ bonifico bancario - Credito Artigiano, Sede Milano Stelline
IBAN IT08C03512 01614000000000350,
ƒ versamento su c/c postale AIF n 18981209

LE ISCRIZIONI SARANNO CONSIDERATE IN BASE ALLA PRIORITA’ DI


TRASMISSIONE DELLA SCHEDA DI ADESIONE