Sei sulla pagina 1di 11

Universit degli Studi di Pisa

Anno Accademico 2001/2002


Corso di Laurea in Ingegneria Edile (Nuovo Ordinamento)
Insegnamento di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI (12 CFU)
Docente: Ing. Salvatore Sergio Ligar
(per segnalazioni e suggerimenti contattare s.ligaro@ing.unipi.it)
Parte III) CINEMATICA E STATICA DEI SISTEMI DI TRAVI ELASTICHE
TEMA 3a
Data la trave elastica mostrata in figura, incastrata ad un estremo, appoggiata
allaltro, e caricata uniformemente,

p
A

B
L

1. determinarne la linea elastica e tracciarne il grafico;


2. tracciare i diagrammi quotati ed in scala delle caratteristiche della
sollecitazione.
SOLUZIONE:
1.
a)

Determinazione della linea elastica


Posizione del problema

Per semplicit, si suppone che la trave sia prismatica e costituita da un materiale


elastico lineare, omogeneo ed isotropo. Sia EJ la sua rigidezza flessionale.
Inseriamo un numero sufficiente di sezioni al fine di isolare tutti i possibili punti
di discontinuit (di vincolo, di carico e geometriche) del sistema. Al termine di tale
operazione, sindividua la trave c ed i nodi A e B, connessi fra loro e coi vincoli nel
modo indicato nella figura seguente.

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

p
1

A=O
y,v

B
L

Lequilibrio elastico della struttura governato dalle relazioni:


in

0< z<L

EJ v iv = p

equazione differenziale della linea elastica

z=0

v(0) = 0

v' (0) = 0

condizione al contorno geometrica

z=L

v( L) = 0

M ( L) = 0

condizione al contorno geometrica

condizione al contorno geometrica


condizione al contorno statica

Attraverso il legame costitutivo M ( z ) = EJ v' ' , la condizione al contorno statica


diventa
in
b)

M ( L) = EJ v' ' ( L) = 0

z=L

condizione al contorno statica.

Integrazione dellequazione differenziale


Integrando quattro volte lequazione differenziale, si ottiene
EJ v iv = p

3) EJ v' = p

1) EJ v' ' ' = p z + c1 ,

z3
z2
+ c1 + c2 z + c3 ,
6
2

2) EJ v' ' = p

4) EJ v = p

z2
+ c1 z + c2 ,
2

z4
z3
z2
+ c1 + c2 + c3 z + c4 ,
24
6
2

in cui c1, c2, c3, e c4 sono delle costanti incognite da determinarsi attraverso le
condizioni al contorno.
Dalla condizione

v(0) = 0
v' (0) = 0

si ottiene

c4 = 0

c3 = 0

v ( L) = 0

pL4 / 24 + c1 L3 / 6 + c2 L2 / 2 = 0

EJ v' ' ( L) = 0

p L2 / 2 + c1 L + c2 = 0

per cui c1 = 5 / 8 p L e c2 = pL2 / 8 .

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

2.
Il tracciamento dei diagrammi
Sostituendo i valori delle costanti, e posto = z / L , con 0 1 , si hanno:

pL4
v ( ) =
2 4 5 3 + 3 2
48EJ

-0.5

inflessione:

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

1
0.5

-0.5

rotazione:

pL3
( ) = v' ( ) =
8 3 15 2 + 6
48EJ

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

1
0.5

-1/8

momento flettente:

M
z

pL2
M ( ) = EJ v' ' ( ) =
(4 2 5 + 1)
8

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

5/8

sforzo di taglio:
T ( ) = EJ v' ' ' ( ) =

pL
(8 5)
8

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

-3/8

i cui grafici, a meno delle quantit costanti, sono riportati accanto alle espressioni.
Di particolare interesse sono i valori che tali grandezze assumono negli estremi A e B
della trave, riportati nella tabella seguente:
Grandezza

Estremit A

Estremit B

Inflessione

v A = v ( 0) = 0

vB = v (1) = 0

Rotazione

= A = v ' ( 0) = 0

Momento flettente

M A = EJ v' ' (0) =

Sforzo di taglio

TA = EJ v' ' ' (0) =

pL2
8

5
pL
8

= B = v' (1) =

pL3
48EJ

M B = EJ v' ' (1) = 0

3
TB = EJ v' ' ' (1) = pL
8

A differenza dai casi precedenti questa volta la struttura una volta iperstatica, ma
non ci abbiamo fatto caso!
3

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

TEMA 3b
Data la trave elastica mostrata in figura, incastrata ad un estremo, appoggiata
allaltro, e soggetta ad un carico concentrato P nella sezione di mezzeria,

P
A

B
C
L/2

L/2

1. determinarne la linea elastica e tracciarne il grafico;


2. tracciare i diagrammi quotati ed in scala delle caratteristiche della
sollecitazione.
SOLUZIONE:
1. Determinazione della linea elastica
a)

Posizione del problema

Per semplicit, si suppone che la trave sia prismatica e costituita da un materiale


elastico lineare, omogeneo ed isotropo. Sia EJ la sua rigidezza flessionale.
Inseriamo un numero sufficiente di sezioni al fine di isolare tutti i possibili punti
di discontinuit (di vincolo, di carico e geometriche) del sistema. Al termine di tale
operazione, sindividuano le travi c e d ed i nodi A, B, e C, connessi fra loro e coi
vincoli nel modo indicato nella figura seguente.

P
1

A=O
L/2
y,v

2
L/2

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

Lequilibrio elastico della struttura governato dalle relazioni:


in c 0 < z < L / 2 EJ v1iv = 0

equazione della linea elastica: tratto c

d L / 2 < z < L EJ v2iv = 0

equazione della linea elastica: tratto d

z=0

z = L/2

condizione al contorno geometrica

v1 (0) = 0

v1 ' (0) = 0

condizione al contorno geometrica

v1 ( L / 2) = v2 ( L / 2)

condizione di raccordo geometrica

v1 ' ( L / 2) = v2 ' ( L / 2)

condizione di raccordo geometrica

M ( L / 2) = M + ( L / 2)

condizione di raccordo statica

T ( L / 2) = T + ( L / 2) + P condizione di raccordo statica

z=L

v2 ( L ) = 0

M ( L) = 0

condizione al contorno geometrica


condizione al contorno statica

Attraverso i legami costitutivi M ( z ) = EJ v' ' e T ( z ) = EJ v' ' ' , le condizioni statiche si
scrivono

in

b)

z = L/2

z=L

v1 ' ' ( L / 2) = v2 ' ' ( L / 2)

condizione di raccordo statica

EJ v1 ' ' ' ( L / 2) = EJ v2 ' ' ' ( L / 2) + P

condizione di raccordo statica

v ' ' ( L) = 0

condizione al contorno statica.

Integrazione dellequazione differenziale


Integrando quattro volte ciascuna equazione differenziale, si ottiene
Tratto c

Integrazione

Tratto d

iv

iv

0)

EJ v1 = 0

EJ v2 = 0

1)

EJ v1 ' ' ' = c1

EJ v2 ' ' ' = d1

2)

EJ v1 ' ' = c1 z + c2

EJ v2 ' ' = d1 z + d 2

3)

EJ v1 ' = c1 z 2 / 2 + c2 z + c3

EJ v2 ' = d1 z 2 / 2 + d 2 z + d 3

4)

EJ v1 = c1 z 3 / 6 + c2 z 2 / 2 + c3 z + c4

EJ v2 = d1 z 3 / 6 + d 2 z 2 / 2 + d 3 z + d 4

in cui le otto costanti incognite c1, c2, c3, c4 e d1, d2, d3, d4 devono essere determinate
attraverso le condizioni al contorno e di raccordo prima scritte.

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Da: v (0) = 0
1

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

risulta c = 0
4

v1 ' (0) = 0

c3 = 0

v1 ( L / 2) = v2 ( L / 2)

L3
L2
L
+ (c2 d 2 ) + (c3 d 3 ) + (c4 d 4 ) = 0
48
8
2
2
L
L
(c1 d1 ) + (c2 d 2 ) + (c3 d 3 ) = 0
8
2
L
(c1 d1 ) + (c2 d 2 ) = 0
2
(c1 d1 )

v1 ' ( L / 2) = v2 ' ( L / 2)
v1 ' ' ( L / 2) = v2 ' ' ( L / 2)
EJ v1 ' ' ' ( L / 2) = EJ v2 ' ' ' ( L / 2) + P

c1 d1 = P

v2 ( L ) = 0

L3
L2
d1 + d 2 + d 3 L + d 4 = 0
6
2

EJ v2 ' ' ( L) = 0

d1 L + d 2 = 0

ovvero,

L3

482
L
8
L

L2
8
L
2

L
2

L3
48
L2

8
L

L2
8
L

L
2

L3
6

L2
2

0
c1 0

1 c2 0
c 0
3
0 c 0
4
d = 0
0 1
d 2 P

0 d3 0

d 4 0
1

un sistema di otto equazioni algebriche lineari, non omogeneo per la presenza del
carico P, nelle otto incognite c1, c2, c3, c4 e d1, d2, d3, d4. Risolvendo otteniamo:
c1 = 11 / 16 P

d1 = 5 / 16 P

c2 = 3 / 16 PL

d 2 = 5 / 16 PL

c3 = 0

d 3 = PL2 / 8

c4 = 0

d 4 = PL3 / 48

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

Effettuiamo la verifica considerando le sole condizioni di raccordo


v1 ( L2 ) = v2 ( L2 )

(c1 d1 ) L3 / 48 + (c2 d 2 ) L2 / 8 + (c3 d 3 ) L / 2 + (c4 d 4 ) = 0

v1 ' ( L2 ) = v2 ' ( L2 )
in
z = L/2
C
M ( L2 ) = M + ( L2 )

ovvero

T ( L2 ) = T + ( L2 ) + P

(c1 d1 ) L2 / 8 + (c2 d 2 ) L / 2 + (c3 d 3 ) = 0


(c1 d1 ) L / 2 + (c2 d 2 ) = 0
c1 d1 = P

Risolviamole mediante sostituzione allindietro


c1 d1 = P

c1 = d1 P

da cui

c2 d 2 = PL / 2

c2 = d 2 + PL / 2

c3 d 3 = P L2 / 8

c3 = d 3 P L2 / 8

c4 d 4 = PL3 / 48

c4 = d 4 + PL3 / 48

Le restanti condizioni al contorno diventano


in A
in B

z=0

v1 (0) = 0

v1 ' (0) = 0

v1 (0) = 0
v1 ' (0) = 0

d 3 P L2 / 8 = 0

z=L

v2 ( L ) = 0

M ( L) = 0

v2 ( L ) = 0

d1 L3 / 6 + d 2 L2 / 2 + d3 L + d 4 = 0

v2 ' ' ( L ) = 0

d1 L + d 2 = 0

Ovvero d 4 + PL3 / 48 = 0

da cui, otteniamo
d1 = 5 / 16 P

c1 = 11 / 16 P

d 2 = 5 / 16 PL

c2 = 3 / 16 PL

d 3 = PL2 / 8

c3 = 0

d 4 = PL3 / 48

c4 = 0

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

2. Il tracciamento dei diagrammi


Sostituendo i valori delle costanti e posto = z / L , con 0 1 , si hanno:
Tratto
c
d

inflessione:
PL
( 11 3 + 9 2 )
96 EJ
PL3
v ( ) =
(5 3 15 2 + 12 2)
96 EJ
v ( ) =

0
0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

PL2
( ) = v' ( ) =
(11 2 + 6 )
32 EJ
PL2
( ) = v' ( ) =
(5 2 10 + 4)
32 EJ

Tratto

v2

0
0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

v1

-4

PL
(11 + 3)
16
PL
M ( ) = EJ v' ' ( ) =
5 (1 )
16

M ( ) = EJ v' ' ( ) =

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

5/32PL

sforzo di taglio:

11/16P

zx

0.9

-2

Momento flettente:

Tratto

0.8

-5/32PL

0.9

v2

0.8

rotazione:

Tratto
c

v1

11
T ( ) = EJ v' ' ' ( ) = P
16
5
T ( ) = EJ v' ' ' ( ) = P
16

0
0.1

0.2

0.3

z
0.4

0.5

- 0.6

0.7

0.8

0.9

-5/16P

i cui grafici sono riportati accanto alle espressioni, a meno delle quantit costanti.
Di particolare interesse tecnico sono i valori che tali grandezze assumono negli
estremi A e B della trave e nella sezione C di applicazione del carico, riportati nella
tabella seguente:
Grandezza
Estremit A
Estremit B
Sezione C
Inflessione
Rotazione
Momento
flettente
Sforzo di
taglio

v A = v ( 0) = 0
= A =

vB = v(1) = 0

Pa
a 2 3aL + 2 L2
6 EJL

M A = EJ v' ' (0) = 0

TA = EJ v' ' ' (0) = P

PL3 2
a L2
= B =
6 EJL

vC = v (a ) =

M B = EJ v' ' (1) = 0

a
( L a)
TB = EJ v' ' ' (1) = P
L
L
8

2
2
PL3 a a
a
2 + 1
3EJ L L
L

Pa
2a 2 3La + 2 L2
3EJL
a ( L a)
M C = M MAX = P
L

= C =

TC = TCs TCD = P

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

TEMA 3c
Data la trave elastica mostrata in figura, incastrata ad un estremo, appoggiata
allaltro estremo, e soggetta qui ad una coppia concentrata Q,

L
3. determinarne la linea elastica e tracciarne il grafico;
4. tracciare i diagrammi quotati ed in scala delle caratteristiche della
sollecitazione.
SOLUZIONE:
3.
a)

Determinazione della linea elastica


Posizione del problema

Per semplicit, si suppone che la trave sia prismatica e costituita da un materiale


elastico lineare, omogeneo ed isotropo. Sia EJ la sua rigidezza flessionale.
Inseriamo un numero sufficiente di sezioni al fine di isolare tutti i possibili punti
di discontinuit (di vincolo, di carico e geometriche) del sistema. Al termine di tale
operazione, sindividua la trave c ed i nodi A, e B, connessi fra loro e coi vincoli nel
modo indicato nella figura seguente.
1

A=O
y,v

Q z

B
L

Lequilibrio elastico della struttura governato dalle relazioni:


in

0< z<L

EJ v iv = 0

equazione differenziale della linea elastica

z=0

v(0) = 0

v' (0) = 0

condizione al contorno geometrica

z=L

v( L) = 0

M ( L) = Q

condizione al contorno geometrica

condizione al contorno geometrica

condizione al contorno statica


Attraverso il legame costitutivo M ( z ) = EJ v' ' , la condizione statica pu essere scritta
come
EJ v' ' ( L) = Q
in B
condizione al contorno statica.
z=L

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

b)

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

Integrazione dellequazione differenziale


Integrando quattro volte lequazione differenziale, si ottiene
Integrazione
0)
1)
2)
3)
4)

Tratto c
EJ v iv = 0
EJ v' ' ' = c1
EJ v' ' = c1 z + c2

EJ v' = c1 z 2 / 2 + c2 z + c3
EJ v = c1 z 3 / 6 + c2 z 2 / 2 + c3 z + c4

in cui le quattro costanti incognite c1, c2, c3, e c4 devono essere determinate attraverso
le condizioni al contorno prima scritte.
Dalla
v1 (0) = 0
condizione

si ottiene

c4 = 0

v1 ' (0) = 0

c3 = 0

v ( L) = 0

c1 L3 / 6 + c2 L2 / 2 + c3 L + c4 = 0

EJ v2 ' ' ( L) = Q

c1 L + c2 = Q

ovvero,
0
0

0
0
3
2
L / 6 L / 2

1
L

1 c1 0

0 c 2 0
=

1 c3 0

0 c4 Q

0
1
L
0

un semplice sistema di quattro equazioni algebriche lineari, non omogeneo per la


presenza della coppia Q, nelle quattro incognite c1, c2, c3, e c4 che ha per soluzione
c1 = 3Q / 2 L

c2 = Q / 2

c3 = 0

c4 = 0

10

Scienza delle Costruzioni Edili (N. O.), a.a. 2001/2002

Cinematica e statica dei sistemi di travi elastiche

3. Il tracciamento dei diagrammi


Sostituendo i valori delle costanti e posto = z / L , con 0 1 , si hanno:

v ( ) =

0.2

inflessione:

QL
2 ( 1)
4 EJ
2

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

1
-0.2

rotazione:

QL
( ) = v' ( ) =
(3 2)
4 EJ

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

1
-1

-Q

momento flettente:

Q
M ( ) = EJ v' ' ( ) = (3 1)
2

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

Q/2

sforzo di taglio:
T ( ) = EJ v' ' ' ( ) =

0.9

3Q
2L

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

0.9

-3Q/2L

i cui grafici, a meno delle quantit costanti, sono riportati accanto alle espressioni.
Di particolare interesse sono i valori che tali grandezze assumono negli estremi A e B
della trave, riportati nella tabella seguente:
Grandezza

Estremit A

Estremit B

Inflessione

v A = v ( 0) = 0

vB = v(1) = 0

Rotazione

= A = v ' ( 0) = 0

Momento flettente

M A = EJ v' ' (0) = Q / 2

Sforzo di taglio

TA = EJ v' ' ' (0) =

11

3Q
2L

= B = v' (1) =

QL
4 EJ

M B = EJ v' ' (1) = Q

TB = EJ v' ' ' (1) =

3Q
2L