Sei sulla pagina 1di 7

Costituzione,per quantolnattuatapet 9u9:

GtovnNNlDEMtt'tlco;Regole' Comandoe di
Gioppichelli,Torino,2005 sta parte, costruiice come vera fonte
consenso,
atltto, e cioè atto normativo con efficacia
di GíusePWUgoRescrgno
Recensione versoiutti i destinatari,e che oggi a parere
di molti, ed anchemio, è un v€ro e propflo
di
Il tema centraledel libro della De Mini- riio notmativo nel caso;lei contratti
co è costituito dalla analisi di un insiemedi h;; Jei dipendenti di enti pubblici; casi
i.nàà"re nel mondo della creazíonedelle ai ,i""i. Jdà leggíad aíttdi autorego1azio-
che hanno in comune da I.^.-q"l"A ai Iidit.tt a f'otmazionedel
;;;;giuridiche
;ht""it distacco da ffadizionali e consoli- Ari"" d" pu*. deg-liinteressati,eranoben
àrti m..canismi propri delle democrazie
pt.t.ttti
' cón g[ otdini professionali'
*od.rrr. (quei méccanismicioè incardinati Lu De Mlnico naturalmenteconosce
- perfettamente'e dà conto.di Cues;i!t-"t-Î;
,rri pot.ri nbrm ativi di autorità.politic amen grL
te ràppr.senrarive)e dall'altro il tentativo di àenti. Giustamenteper-osottollnea
il
r.nd.re i destinataridelle regole quanto più ur*tti di noviià: nori solo e non tanto
ilùtpt;;tti A questi fenomeni, quanto: a)
è oossibileautori o coautori o comunque
purt..ipi della f.ormazíonee deliberazíone Leteitizzaziont cheli accompagnano'che tt
ài tali iegole. Seguend! Questofilo rosso esaltanocome un modo nuovo' più giusto
vengonopresein ésamele àutorità indipen- .J.fi.uce, di crearediritto; b) la maggiore
al
den"ti,se e quando sono titolari di poteri attenzioneper gli aspetti procedimentali'
fit. di garÀtire una part ecípazíone di tutti
not*utilti (càmeawiene per lo pD,-lt Îor- effettiva
*. .t.u,e dai privati awàlendosi della loro d il.;essati che sia tempestiva,
autonomia, gli atti di autoregolamentazio- Eàirrfor* ata;c) Ia necessitàdi istituire con-
ne, i codici deontologlcí: il;i tra di essi,anchealla luce delle espe-
A rigor., ogrr,rriudi queste forme di tiànr., più ricche ed antiche, di-altri Paesi'
,ror*rrlone ha precedenti risalenti' Per oà, u.rificare se è possibile individuare o
qnut ro riguardaàd .t. le autorità indipe.n- ;l"ti*i d. i tt. .ot dito capacídiaffronta-
à."ti moiti ritengono' correttamente,che ,e . ,ciogliere lacunee difticoltà, o Plo^po-
andrebbe qualiflcata come tale la Banca ste de iuie condendoper superaredisfun-
d'Italn,scoprendo cosìche il fenomenoera ziom e contoindicazioni'
A me pare che1'esemp-io.più clamoroso
stato già colto, anchese diversamenteteo- d.eflatendenza in
rízzato,usandolo strumentoaeg{ ordina- e il caso iaradigmatico
menti sezionali(e quindi in generalela teo- utL ttiu óggi n.i'utt' 12 del P'Lgt' 2' 19.6
ria della pluralità degli ordinamentigiuridi- a.i zoo3\i^I titoloufficialeCodicein
ci; naturalmenteil riferimento p-9rqu3ltlo ;;;t di protezionedei dati personali)'
tig"ttdu gli ordinamenti sezionaliè a M'S' ampiamentèanalizzato dalLaDeMinico' In
Glannini,-eper quanto riguarda la pluralità qrrÉtroarticolo (che per la verità non brilla
il erezza,come.vedre-
Gil;úit à*.nti giuriaiciin generale i.t lhi" rezza. .o*pl
rifàrimento è a SantiRomano)' Pet quanto mo) ti prevede:1) che le categorieinteres-
tig";tdu il diritto creato dai p.rivati,il feno- satepossanoo debbano (ul primo punto
e
*".rro delle clausolegenerali di contratto ,*úig".l elaborarecodici di deontologia
di bu"onacondotta per determinati settori,
lÀport. dai conttu.nti più forti alla totalità
ancheché il Garante abbiaì1po-
a.i toto clienti è cosaantica,alla qualeave- ;pt;t;ie
proÀuovere la rcdazionedi tali
va tentato di porre rimediol Per-lave-ri1à ;.;; di
,iribil., lo st.iso codice civile del 1942
(a .oai.i (Àche in questocasonon è chiaro se
XrV'bis del i codici in tanto sono ammessiin -quanto
;;;;.-úgi I'intero nuovo capo dal Garante' oppure è sufficiente
ilbto IV; iltela dei consumatori,oggi ma- ;;;;ti
,i.riro di sedenel recentissimoCodice del itt. it Garanteli approvil àncheseproposti
e soprattutto
consumatore); in ogni casoè ben conosciu- direttamentedagli interessati)
di verificarne la confor-
to il contratto collettivo di lavoro, che la il ;;;";.-àou.té
I Libri 455

mità alle leggLe aLregolamenti,da condur- ufficiale. Una volta accertatoche tale atto
re ancheattraversol'esame<di osservazioni non è contrario aleggteregolamenti,e cioè
dei soggetti interessati>> (è da ritenere che che nella gerarchiadelle fonti è un atto per
per ciascrrnsettorevi debba essereun solo così dire teruiano,essodiventa pur sempre
codice,con il connessoproblema di comeil legge sostanzialeper tutti relativamenteal-
Garante selezionail codice da approvare I'oggettodisciplinato.
contro quelli da scartare,se ne vengono La De Minico non ricorda un aluo ca-
proposti più di uno; notevole il fatto che so, leggeîmentediverso, ma altrettanto si-
l'aft.12 subordinai codici di autodisciplina gnificativo.Laleggen. 146del 1990preve-
in essoprevisti non solo alle leggima anche de che le prestazíoniessenzialiin caso di
ai regolamenti,salvostabilire quali e quanti scioperonei servízipubblici essenzialisia-
sono tali regolamenti(altro punto ambi- no stabiliteda un accordotra le parti, valu-
guo); la domandache questadisposizione tato idoneo dalla Commissione gaîante.
suggerisce,e che qui non possottattare, è: Non possoqui trattare dei molti problemi
negli altri casi di poteri normativi attribuiti che la disposizioneha posto e continva a
ad autorità indipendenti, i regolamentida porre anchedopo la novellaintrodotta con
queste deliberati sono subordinati, oltre la leggen. 82 del 2000 (che ha trasfusoin
che alleleggi, ancheai regolamentidell'ese- disposizionidi leggemolte delle pratiche
cutivo?);2) che questicodici vengonopub- elaboratee seguitedalla Commissionesul
blicati nella Gazzettaufficiale e, con decre- punto): qui interessasottolinearecome
to del Ministro della giustiziasono riporta- anchein questocasocomportamentinon
ti nell'allegatoA) del codice (di nuovo una secondarinella vita assocíata(il modo di
ambiguità:a rigore I'allegatoA) è stato già scioperare,e cioè di awalersi di un diritto
pubblicato con la pubbli cazionedel Codi- costituzionalmentegatantito da parte di
ce,cosicchéil decretodel minisuo può solo milioni di lavoratori) vengono deliberati o
scrivereche, da un certo momento in poi, dagli interessati,se si accordano,e sia pure
I'originario allegatodeve comprendere,e con il controllo di una autorità pubblica,
quindi essereletto come se comprendesse che però non è politicamenterappresenta-
ancheil nuovo codicedi deontologia;non è tiva, oppure direttamentedallaCommissio-
chiaro a questopunto se I'inserzionenel- ne, se le parti non si accordanoo la Com-
I'allegatodiventa condizionenecessaria missione giudic a negattvamenteil loro
della pubblic azionelegale, o viceversa accordo(valela pena di ricordare che que-
seguela pubblicazione;non è chiaro per- sto potere della Commissionesi affermò di
tanto da che momento entra in vigore il fatto dal 1990aI2000,e vennepoi codifica-
codicedeontologico);J) comunquesia del to con la leggen. 82 del 2000).
punto precedente,le disposizionidei codi- I casiora ricordati, ed altri che si pos-
ci di cui sopra <<costituiscono condizione sono aggiungeree che la De Minico esami-
essenzialeper la liceità e correttezzadel na, sollevanodubbi di costituzionalitào
trattamento díe dati personali effettuato da comunquedi coetenzacon i principi tradi-
soggettiprivati e pubblicb>,cioè tali codici zionahdello Stato democraticocontempo-
diventanoobbligatori per tutti, con le con- raneo.ChiariamoI'origine del dubbio: ci
seguenzechene discendonoin casodi inos- troviamo di fronte a regolechesi impongo-
sefvanza, no a soggettichein nessunmodo e per nes-
Alla fine, quali che siano i dubbi e le sun aspettole hanno volute; regole cioè,
perplessitàsu alcunipunti tecnici e più spe- che,comele leggi deliberatedal Parlamen-
cifici, è chiaro che qui ci troviamo di fronte to, si applicanoergaomnes,indipendente-
ad un atto concettualmentenormativo (che mente dalla loro volontà (fatta salvala loro
contienecioè regolegeneralie astratte),ela- costituzionalità).Questo è il punto crucia-
borato da privati, vincolante etgaomnes,e le. Come si giustifica che soggettiprivati
per tale ragione pubblicato in Gazzetta possanocomandaresu altri, siapure relati-
456 I Libri

vamente a oggetti previamenteselezionati questionequi úattata diventa irrilevante;Ia


e circoscritti dalla leggeformale?L'unico distinzione ovviamenteresta rilevante
modo per salvarlida questaaccusamortale quandovengonopostealtre domande).Per
è quello di abbassarèil loro potere da pote- trattare questo punto debbo introdurre
r e d e l i b e r a n t ea p o t e r e d i p r o p o s t a , e due istituti fondamentali,uno ben noto, e
ricondurre la forua vincolante eîga omnes l'altro dall,acondizioneincerta e confusa:
di tali atti non alla volontà dei proponenti da un lato la riservadi leggeie dall'altro la
preferenzadtlegge. ì-
ma alLaapprovazionedella autorità pubbli-
ca che trova Ia proposta non contraria al La riservadi legge,cherientra nel gene-
diritto. Il contratto collettivo ex art.39 non re delle risenrein generale(ad es.la riserva
rienffa in questacostruzione,ma, appunto, di giurisdizione;si negacheesistauna riser-
in tanto sarebbelegittimo, sepraticabile,in va di amministrazione), prescrivechequan-
quanto previsto dalla Costituzione. Nel do la Costituzionedice che un certo ogget-
contratto dei dipendenti di enti pubblici to o una determin atr-materiava disciplina-
l'autorítà pubblica c'è: è l'Aran sotto la ta con legge,solo la legge(o un atto con for-
direzione del Governo. Nel caso dell'art. za dt legge:la qualifica f orza di leggesta
12 citato,l'autorità è il Garante;nello scio- appunto a significarequestapossibilità)
pero nei servizi pubblici essenzralièla può porre regole generalie astrattevalevoli
Commissione.Non mi pare che vi siano per tutti. Si fa poi, secondotradizione,
oggi casi,previsti da leggi ordinarie, di atti distinzionetra una riservaassolutaed una
normativi con effic acia ergaomnes diretta- riservarelativa:I'esperienza ha dimostrato
mente imputabili solo ai privati. I contratti che è impossibilecheil legislatoresi occupi
collettivi di lavoro ordinari riesconoin pra- totalmentedi tutte le materiea lui riservate.
tica ad aver efficacia ergaomnes,ma solo Restafermo che, quale che sia il limite tra
attraversovari marchingegni che escludo- ríservaassolutae riservarelativa, anchein
no sempre la loro diretta efficaci a etga quella relativaprima ha da esserciuna leg-
omnesper il solo fatto di esserestati sotto- ge che disciplina gli aspetti essenzialidel-
scritti dalle parti. l'oggettoregolato,e poi, in subordine,pos-
Se è così,si giustifica sotto una diversa sono o debbono intervenirealtri atti nor-
angolaturail fatto che la De Minico esami- mativi senzaf.orzadi leggeper completare
ni nello stessolibro, e metta tn rcIazione, la disciplina.
questi atti di autoregolamentazione,nel Del tutto diversoè l'istituto che va sot-
sensoora stabilito, con la autorità indipen- to il nome di prefetenzadi legge (e che noi
denti: la ragionesta nel fatto che si tratta dí riprendiamoanchenel nome dall'esperien-
atti normativi con effi caciagenerale che za tedescadi fine ottocento,calandoloperò
non provengono da autorità politicamente in un sistemadiverso e quindi in realtà
rappresentative,ma pur sempre autorità modificandolo).In quellaesperienzasi par
pubbliche. Nello stessotempo questeauto- tiva dal principio chedovenon c'erariserva
rità pubbliche non rappresentative,nel- di legge,rimanevail potere normativo del
I'emanareo approvareatti normativi, deb- sovrano,salvala preferenzadella legge,e
bono o possonoseguireprocedure che cioè la sovraordinazionedella leggeseque-
danno ampio spazio agli interessatialle sta interveniva.La preferenzadi leggedeve
regole, fíno al punto che in alcuni casi agli conciliarsioggi con il principio di legalità.
interessativiene addirittura dato il potere Se riteniamo che il principio di legalitàsia
di proporre f intero e completo contenuto di ordine costituzionalee che essoprescriva
normativo. che, salvala Costituzione,nessunpotere
Il problemaa questopunto si sposta.Su autoritativoè ammessosenon ha un fonda-
quale basesi fonda questopotere della mento legislativo, allora nessunopuò
autorità pubbliche non rappresentative imporre unilateralmentead altri regole se
(che siano o no indipendend, ai fini della non c'è un fondamentolegislativo.Appli-
I Libri 457

cato nel nostro campo ciò vuol dire che le casova chiarito dove sta l'elementonuovo'
autorità indipendenti, salvele riservedi leg- Anche il Parlamento,i Consigli regionali,in
ge, in tanto hanno un potere normativo in generalei cenui tradizionali produttori di
q,-trtrtola leggelo prevede.La leg99però, iegole giuridiche, si preoccupanodel con-
salvesempreleriservedi legge,può limitar- ,.lro, àd infatti tengono audizioni, forma-
si ad attribuire puramente e semplicemente no commissionidi inchiesta,predispongo-
tale potere, cosicchéla disciplina sostan- no libri bianchi, verdi, grigi, oÉquant'almo,
zialmenteprimaria dell'oggetto o della ma- tengono conto dei pareri delle otganLzza'
teria attribuita all'autorità indipendente sta zioni rappresentativedi interessi,si plegano
nell'atto normativo di tale autorità: un tale addirittur a allerichiestedei gruppi di pres-
atto, dal punto di vista contenutistico, sione.Nei casiesaminatídallaDe Minico è
prende il posto di u-n1- legge. Restaferma caratteristicoil fatto che tutta questaatti-
però la preferenzadella leg-ge:se-lalegge vità non viene lasciata alTatnízíativalibera
interviene, essaprevale sul regolamento del decisore,alle modalità, ai tempi ed ale
dell'autorità indipendente.Questo mi pare forme da questo stabilite: necessitàdella
cheresti ancoraoggi un principio insupera- consultarlone,forme, modalità e tempi
bile e non superato. sono in principio stabilite nelle leggi che
Il punto óggettivamenteimportante che prevedonotale potere.normativo. Dove la
rimanèe che qui non tratto è: le attuali nor- Î.gg. tace,o è incompletao oscura,sowie-
me di leggesui poteri normativi delle auto- nJf'uttulogta, o comunque I'esempio di
rità indipendenti vertono su materie non altre autoriià, cosicchéci si aspettache tut-
coperte da riserva di legge?Se vi è riserva te seguanoin questocampopnnclpl comu-
diiegge, e si tratta di riserva relatíva,la n- ni.
r.rrr, è ttutu rispettata?A me pare che que- Sembra che in tutto questo vi sia un
sti problemi non vengonoawertiti e meno ampliamentodella democrazia,sicurame-n-
che mai discussi,e che sull'onda delle ten- t. àe[, partecipazione.Ma tutti coloro che
denzepolitiche dominanti si stia creando si sonobccupati del fenomeno' e !a D9
,rtrurotta di fatto normativo che scavalcala Minico .on ioto, mettono in guardia:il
Costituzioneformale,ed apre spazisempre pericolo è la catturadella autorità da parte
più vasti a normazíontprovenienti da-orga- àeg[ interessati.Non più una autoritàindi-
ni t on rappresentativi.Se la tendenza pend.nte rispettoagli interesqiin gioco,.m-a
dovessestabilmenteaffermarsi, dovremo irnu urrtoriti subordin"t" agli interessidi
riorganizzate concettualmentela costitu- cui si occupa.Qui ricordo solo un punto: il
zioné vivente,nascondendola sua distanza fatto che in alcuni casinon è previsto alcun
dalla costituzioneformale. limite alla possibilitàche personeal servizio
Il punto però più interessanteed origi- della autorità possanopassareal servizio
nale del lavoro della De Minico non stanei dei soggetti ché le autorità controllano (ci
problemi prima discussie che, cornecosti- sono già stati casiclamorosíin questosen-
iuzionalista,mi intrigano particolarmente, so).Non riguardadirettamentequestaque-
ma nella attentaricognizione delle proce- stione,ma in qualchemodo è collegataP9I-
dure che seguonoo debbono seguirele ché riguarda pur sempreil significato {ella
autoritàpreposte ataletipo di normazione, indípànd,n i se un autorità fa parte { q"
delle ragioni di tali procedure,e nei pe-rico- circùito sovranazionaledi autorità eguali in
li che si annidanoin esse(e quindi negli attí altri Stati, certamentesi accrescela loro
che ne costituisconoil risultato finale). indipendenzarispetto al proprio Stato,ma
Come già ricordato, tuttí gli atti esaminati quanto cresceo rischia di crescerela loro
dalTaneUinico hanno in comuneil tenta- dipendenza dtfatto nei confronti di interes-
tivo, più o meno articolato,più o meno riu- . si -privati sovranazíonah?
scitol di coinvolgeregli interessatinella La conclusionedi questamia recensio-
confezionedelle regole. Anche in questo ne a questopunto diventa semplice:ci tro-
458 I Libri

viamo di fronte a fenomeniche esigonouna nei quali interessiparticolarivengonospac-


rigorosa e attenra analisiperché, anche ctatiper interessegeneralesenzapossibilità
ammeffendo che siano inevitabili e talvolta di controllo. Il libro della De Minico è pre-
utili, contraddiconoin tendenzala demo- zioso ancheper questo aspetto,perché
ctazia,oscuranola ffaspatenzaneiconfron- mette in luce puntigliosamentee con gran-
ti della intera comunità (ed anche talvolta de attenzionetutti i pericolí e le distorsioni
di alcune cerchie interessateche vengono che si annídanonei nuovi meccanismidi
e-sclusedail,apartecip azione)dei proiessi produzione del diritto, fino a vere e proprie
decisionali,creano circuiti autoreGrenziali incostituzionalità.
I Libri 459

Replico co del potere, ma non era attendibile un


risultatà diverso dal momento che il legisla-
dell'Autríce tore ha rinunciato a orientarla in anticipo
verso gli obiettivi pubblici desiderati e a
Ringrazio innanzitutto il Prof. Rescigno .orr.gi. rl,ain itinère per allin eatla ai tini
per I'atlenzione riservataal mio lavoro e prestabiliti.
^
per lu condivisiongdell'impianto argomen- Allo stato entrambi i nuovi canali di
iativo, slntettzzabile,come opportunamen- produzione del diritto difettano di un ade-
te rilevato, in quel <filo rosso>> che tiene e.tuto titolo legittimante e' per quanto
insiemela regolazione delle Autorità indi- iig"^taa I' autòregolazione' neanche-la
pendenti e il diritto dei privati: norme og- costruzionesuggelíta àaI Rescignorisulta
iettive non ríferibili àlla volontà
politico- soddisfacentellaltine. Si propone una let-
rappfesentativa.
^ tura dell'art. L2 (D.Lgs.n. 196 del 2003)
La creazionedi un Polo normativo molto suggestivama non convincente:la
autosufficienteha resonecessariala ricerca dequotazi*. dei codici da atto deliberati-
di un titolo giustificativo dell'attribuzione vo a mera proposta normativa,rimessaper
di poteri sostanzialmentepolitici ai nuovi l'approv urîonàdefinitiva ù Gatante' In tal
attàri del diritto. L'indagine si è articolata *óào il potere di ceare regoleergaonxnes,
su due versanti: la sedeprocedimentale, trasferitodai privatt ù Garante' non por-
dove il contraddittorio ira i regolati del rebbe più problemi di compatibilità costi-
pfocessonormativo si propone comesurro- tuzionàI" iott I'art. 4L, perché il soggetto
delle pubblico è il naturaledestinatariodi pote-
lrro della dialetticu politic!-Partitica
Iul. parlamentari; e la sede comunitatLa, stàd'imperio, diversamentedal privatg:h'
fonte originaria di conferimento di siffatto tron pub disporre della sfera giurídica
potere, e, come tale, possibileragionegiu- altrui.
itifi.rtiua della deroga al principio costitu- Due obiezioni si possonoperò muovere
zionaledella corrispondenzapotere politi- a questaricostruzione:in primo luogo essa
colresponsabilità. non ricorre nella fattispecie generalecon-
Quanto al primo livello di indagine la templatadall'art. 12, cióè -nellanorma base
.h. pto*uove I'aut-oregoLazíone a dignità
ricerca ha prodotto un esito negativo.a
livello teorilo, perché I'infungfuilit4 della di fùte, che identifica I'intervento autori-
rappresent^nza-politicacon quella di Tl:- tativo con il sindacatodi legittimità su di
r.iti comportu.h.la visionedi sintesidelle una decisionealtrui. Ne sia prova il fatto
istanzegèneralisteelaboîata dalle fotze che quando la leggeha-voluto affidare al
politico-partitiche non sia sostituibile con Garanteil potere di modificare la proposta
Î. ptotpéttazioni particolaristicheintrodot- regolativaàei privati, non si è-espresso.in
t. à*i iegolati. Né questeconclusionisono teímini di appiovazíonebensìdi codecisio-
statecorretteda esiti più equilibrati sul pia- ne prevabn;; sul'inizi ativaprivataJ:.il :3-
no operativo, dove inveceI'assenzadi una so àel codice dei giornalisti: an' I39)' Ma
disciplina generalesulla partecip azioneù anchea voler ,...ttut. la ricosruzione dei
,ulelmaktng delle A.I., le ha esposteal codici in termini di atto complessoa pote-
rischio della cattura da parte dei regolati stà diseguali- l'apporto del privato si toP-
tpellfounded and structured;in sintesila binerebLe con rrromenti di eteronormazio-
regolazionepartectpatanon ha assicurato ne prevalenti sul prim-o- si riproporrebbe
,rtir dit.iplina bilanciata dei contrapposti il problema di individuare il qiloJolegitti-
interessiin gioco. manteun soggetto,stavoltapubblico e non
A identica conclusionesi è pervenuti più priv"to, àlla decisionepolitica: cioè
rispetto all' auto t egolazto-t.,-in quanto it*bi.t.bbe solo I'oggetto di questaric-er-
I'aisegn azroneai privati di una potgtt.u ca,manonancheil tipó di indagine'In u\t1
d'império si è risolta in un esercizioegoisti- termini, non ci domandeîemmopiù perché
46A , I Libri

un prívato decidaper tutti, ma perché un che essanon si limiti alla nuda attribuzione
soggettoautoritativo, non rappresentativo, del potere, ma lo sostanzi in fini, lo guidi
assumadecisionipolitiche. verso obiettivi, lo delimiti entro i fermi
Neanche la via da altri percorsaper binari di una preventiva disciplina sostan-
combinarecon l'ordine costituzionaleque- ziale della materia, già espressivadella
ste fughe dal sistemasembra condurre a misura del contemperamentodei contrap-
'
risultati più soddisfacenti:intendiamo rife- posti interessiin gioco.
rirci alla tesi della comunit arrzzazionedelle Se ciò non è accadui{ possiamodoler-
fonti alternative. Questa.tesi certamente cene:ma la consegue nza nevttabileallo sta-
coglie un punto di verità: I'ordinamento to è I'incostituzionalitàdi questi processi
comunitario contemplail potere normativo alternativi di creazionedel diritto primario
delle A.I. e da ultimo dei gruppi di interes- almenofin quando rimarrà unico il canale
seprivati. Detto ciò, rimane inveceda spie- di conversionedelle istanzegeneralistein
garcsequanto dispostoin sedecomunitaria decisioni sul bene comune. Infine, anche
possabastarea rovesciarel'impostazionedi I'esperienza ù, altri Stati europei,parimenti
fondo del nostro ordinamento: cioè la cor- obbedienti al principio della prevalenza del
rispondenzapoterepolitic o/funzione.Rite- diritto comunitario,potrebbe indicarci una
niamo che que sta rclazione biunivoca sia possibile via per superarequestoimpasse:
un principio basilare dell'architettura della non quella dell'acritica accettazionedella
nostrarepubblica democtatica,insuperabi- superiorità del diritto comunitario, consi-
le tanto dal potere di revisione costituzio- derata l'impraticabilità dell'argomento
nale che da quello comunitario, la cui pre- dantescodel <<vuolsi così colà dove si puo-
valenzasul nostro sistemadelle fonti è telciò che si vuole, e più non dimandarer>,
subordinata al rispetto dei principi fonda- ma di una tempestivariconduzione del
mentali, tra i quali è difficile non includere nuovo diritto entro i confini dell'effettiva
quello della corrispondenzatra potere poli- secondarietàallalegge,il che dilatasimme-
tico e responsabilità.Il che, detto a contra- tricamentelo spaziodella decisionepoliti-
rio, comporta l' illegittimità dell'imp utazio- ca, che'deveintervenirein prima battuta
ne del potere politico ad autorità estranee sulla sceltadella misura di massima rcaJrz-
al circuito politico rappresentativo. zazionepossibiledei valori in gioco. E, per
Quindi, neancheI'argomentocomuni- quanto riguardaI'autoregolazione,la solu-
tario ritorna utile ai nostri fini. zione, anchequi già speriment^tada altri
A questopunto il cerchio non si chiu- (leggiRegnoUnito, la cui vicendadi corsi e
de, perché seil legislatoreinsistenel conse- ricorsi è estremamentesignificativasul
gnarerispettivamentealle A.I. poteri nor- punto) consistenel ridisegnareil diritto dei
mativi formalmentesecondari,ma sostan- privati in termini di funzione pubblica,
zialmenteprimarl, e aLgruppi privati dele- delegatanell'eserctzioai prívati, se e alle
ghe quasi in bianco di poteri normativi ci condizioni previamentestabilite dallo Sta-
giochiamoi principi di gerarchiae di prefe- to. Solo questaactiofinium regundorum
tenza della legge, come opportunamente chiuderebbeil cerchio,perchéfarebbesal-
rilevato dal Rescigno:il tutto con I'aggra- vala coerenzae la sistematicitàdi un ordi-
vante che si verte su materie coperte da namentogiuridico, capacesì di ricondume
riserva,che - per quanto la si voglia inter- il molteplice a unità senzaperò rinunciare
pretatecome relativa- quantomenorichie- al suo indeclinabileruolo di architetto e
de che vi sia una previa norma di legge e responsabileunico del progetto politico.