Sei sulla pagina 1di 42

Analisi della strategia di comunicazione

delle Regioni italiane sui social media


Versione 1.1 Settembre 2015

consulting.derev.com

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

(CC) DeRev 2015 - Tutti i diritti riservati.

Questopera stata realizzata in modo totalmente indipendente da DeRev al fine di produrre una relazione,
quanto pi approfondita ed esauriente, con finalit scientifiche di studio e ricerca sullo stato dellarte e
sullutilizzo dei social media da parte degli enti pubblici regionali in Italia.
Per quanto concerne lanalisi dei siti web e dei canali attivi sui social media e lo studio della strategia di
comunicazione adottata per ciascuno, DeRev non si assume alcuna responsabilit giuridica e professionale
nei confronti dei fruitori del presente manuale.
DeRev non ha partecipato a bandi di gara, n ricevuto fondi pubblici o privati per la realizzazione del progetto,
svolgendo tale attivit come ricerca scientifica e per nessun fine commerciale. Tutti i dati contenuti nellopera
e su cui stato elaborato lo studio provengono dalle informazioni raccolte e liberamente disponibili in rete
al 31 luglio 2015.
Lopera distribuita gratuitamente in formato digitale e pu essere scaricata esclusivamente dallarea
Download di DeRev (http://blog.derev.com/download). La pubblicazione di questopera e i suoi contenuti
non intendono violare in alcun modo l'attivit di marchi coperti da copyright, o svolgere ruoli e compiti non
inerenti a quelli di analisi scientifica.

Quest'opera e tutti i suoi contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Non
commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0).
DeRev consente il download, la riproduzione, la distribuzione e la condivisione gratuita di questopera o parti
di essa alle seguenti condizioni:
Attribuzione: obbligatorio riconoscere e attribuire la paternit dell'opera con una menzione adeguata, che
includa la citazione completa dellautore nella dicitura DeRev Social Media Consulting e un link al sito
http://consulting.derev.com, oltre a fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle
modifiche. Ci pu essere effettuato in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalit tali da
suggerire che il licenziante avalli tale utilizzo del materiale.
Non commerciale: E espressamente vietato lutilizzo di tale opera o parti di essa per fini commerciali.
Non opere derivate: E espressamente vietato alterare o trasformare quest'opera in qualsiasi modo, oppure
utilizzare lopera o parti di essa per crearne un'altra.

Per ogni utilizzo differente o non previsto, si prega di contattare DeRev allindirizzo consulting@derev.com.

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Questa pagina stata lasciata intenzionalmente bianca.

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Indice
DeRev Lautore

Social Media Consulting


La Startup
Network e numeri
Collaborazioni e contatti

6
6
7
7

1. Visione e obiettivi dello studio

Un nuovo luogo per lattivismo politico


Social media e politica
Oggetto e obiettivi dello studio

9
9
10

2. Risultati

11

Il valore dei social per la politica chiaro ai Presidenti


La differenza Presidenti-Regioni sul piano social enorme
La comunicazione istituzionale ha un enorme margine di crescita
Le tre tipologie di approccio ai social media delle Regioni
La grande occasione ancora non colta: il linguaggio dei video

3. Indicatori e parametri

11
11
11
12
12

13

Premessa
Dati quantitativi
Dati qualitativi
Dati ulteriori
Computo della classifica finale delle Regioni italiane
Speciale Presidenti di Regione

13
13
13
14
15
15

4. Classifica delle Regioni italiane sui social media

16

Classifica per numero di iscritti in valore assoluto


Classifica per numero di iscritti in rapporto alla popolazione
Classifica per valutazione qualitativa della gestione
Classifica per tasso di coinvolgimento degli utenti su Facebook
Classifica per tasso di efficacia della comunicazione su Twitter
Classifica per media delle visualizzazioni ai video su YouTube
Classifica finale delle Regioni italiane sui social media
Distribuzione geografica della classifica finale delle Regioni sui social media

16
17
18
19
20
21
22
23

5. Analisi delle Regioni italiane sui social media

24

6. Classifica dei Presidenti di Regione sui social media

36

Contatti

42

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Questa pagina stata lasciata intenzionalmente bianca.

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

DeRev - Lautore
Social Media Consulting
DeRev una startup italiana leader nella comunicazione strategica e nel marketing sui social media.
Realizza soluzioni innovative per aiutare brand, aziende, politici ed enti pubblici a dialogare con la propria
community, raggiungere nuovi utenti online ed essere protagonisti delle conversazioni sul web.

Social media: Aiutiamo i brand a immergersi nei social media, gestire i canali di comunicazione sul web
e creare conversazioni per interagire con la propria community raggiungendo il pubblico di interesse.
Web marketing: Progettiamo campagne di marketing virale sul web, basate su un accurato processo di
profilazione del pubblico in grado di massimizzare il rendimento degli annunci.
Comunicazione politica: Affianchiamo i principali leader politici nazionali e gli enti pubblici nellutilizzo
del web come strumento per costruire un rapporto di fiducia, dialogo e confronto costruttivo con i
cittadini.
Grandi Eventi: Elaboriamo progetti per manifestazioni pubbliche, sportive e culturali in grado di
amplificare e far interagire le attivit online con quelle offline, misurando i risultati con report e
statistiche.
Social innovation/RSI: Strutturiamo progetti per partner privati e pubblici in grado di migliorare
reputazione, credibilit e identit del brand, utilizzando anche strumenti per il crowdfunding e la
democrazia partecipativa.
Sviluppo locale: Elaboriamo strumenti e format per la realizzazione delle politiche di sostegno e sviluppo
dellimprenditorialit e delloccupazione a livello territoriale, con una possibile caratterizzazione
tematica del percorso su una o pi filiere.
Strategia e consulenza: Offriamo supporto strategico per ogni esigenza legata allidentit, alla
reputazione e alla comunicazione sul web, riuscendo a raggiungere obiettivi ambiziosi grazie a creativit
e innovazione.

La startup
DeRev una startup innovativa fondata da Roberto Esposito. Il 3 agosto 2012, DeRev chiude una delle pi
rilevanti operazioni di early stage siglate in Italia, ricevendo un investimento di 1,25 milioni di euro da Vertis
Venture e da un gruppo di prestigiosi business angel, tra cui Giulio Valiante (JobRapido, Buongiorno Vitaminic,
SaldiPrivati) e Michele Casucci (Lycos Italia, Certilogo) riuniti nel brand Withfounders. Nel 2014 DeRev riceve
un secondo investimento da Digital Magics, venture incubator quotato sul mercato AIM di Borsa Italiana, che
acquisisce il 17,5% del capitale sociale.
DeRev ha costruito un network di relazioni operative a livello internazionale e dialoga quotidianamente con
soggetti istituzionali, brand, partiti politici, associazioni di categoria, operatori culturali, universit e
incubatori di impresa per contribuire a diffondere la cultura e la pratica della comunicazione sui social media,
del crowdfunding, della sharing economy e della social innovation con una particolare attenzione ai settori
di arte e cultura, startup e tecnologia, politica e democrazia partecipativa, attivismo e no-profit.

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

La startup opera nel mercato europeo con sedi a Napoli e Milano, dove un team di giovani talenti impegnato
quotidianamente ad inventare strategie, prodotti e servizi innovativi.

Network e numeri
In attesa del lancio ufficiale, avvenuto nel febbraio 2013, DeRev ha raccolto oltre 100.000 preiscrizioni in
pochi mesi, generando un enorme interesse mediatico da parte di testate e organi di informazione italiani e
internazionali. Con circa 6 milioni di utenti italiani iscritti al proprio network sui social media, i progetti
lanciati sulla piattaforma di crowdfunding di DeRev hanno raccolto oltre tre milioni di euro e oltre 25.000
persone hanno contribuito per finanziare progetti culturali, artistici, benefici, politici e tecnologici.
DeRev detiene inoltre il record per la pi grande campagna di crowdfunding mai realizzata in Italia, lanciata
nel marzo 2013 con una richiesta di 100.000 euro per la ricostruzione di Citt della Scienza e che oggi ha
raggiunto 1.463.000 euro. Grazie ai risultati e allesperienza maturata, DeRev ha prodotto e pubblicato la
prima edizione del Crowdfunding World, il report internazionale sullo stato del crowdfunding, che include
lanalisi, le metriche e i trend del mercato trattando la teoria ma soprattutto la pratica della raccolta fondi su
Internet.
DeRev si propone anche come active media della comunit degli innovatori, in qualit di strumento di
sperimentazione e ricerca nel campo dei media non tradizionali. Nellaprile del 2013, con una rubrica
indipendente sullAmericas Cup World Series Napoli, la piattaforma ha pubblicato il primo report per una
valutazione di impatto social sulloperazione di democrazia partecipativa collegata allevento sportivo, che
ha raggiunto un risultato di 1.960.000 utenti unici sui social network e 80.000 spettatori alle regate in diretta
streaming.
Nel 2014 DeRev ha curato la candidatura di Siena a Capitale Europea della Cultura, ottenendo risultati
deccellenza riconosciuti da tutti gli operatori del settore, mentre il ramo dedicato alla comunicazione politica
sul web ha visto la nascita di importanti collaborazioni con i principali partiti ed esponenti nazionali, tra cui
Vincenzo De Luca per la sua campagna elettorale da record dalle primarie allelezione a Presidente della
Regione Campania.
Inoltre, DeRev stata nominata Digital Democracy Leaders da Parlamento Europeo e Microsoft e, in tre anni
dalla sua nascita, ha costruito un network di relazioni operative a livello nazionale e internazionale con
soggetti istituzionali, partiti politici, aziende multinazionali, operatori culturali, organizzazioni no profit,
universit e incubatori di impresa.

Collaborazioni e contatti
Per proporre nuovi progetti di ricerca o per partecipare come sponsor e partner alle attivit di DeRev,
possibile contattare il team scrivendo allindirizzo E-Mail consulting@derev.com.

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Questa pagina stata lasciata intenzionalmente bianca.

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

CAPITOLO 1

Visione e obiettivi dello studio


Un nuovo luogo per lattivismo politico
"Il ruolo dei social media nella vita delle persone continua ad evolversi e cambiare. Mentre una volta i social
erano in primo luogo uno strumento sociale per la formazione di amicizie e la condivisione di contenuti, oggi
sempre di pi sono un canale attraverso il quale consumare le notizie, perseguire interessi di nicchia, formare
nuovi gruppi, identit e appartenenze, e anche coordinare attivit offline.
Le persone usano sempre pi i social media per impegnarsi in politica e per dedicarsi all'attivismo politico. I
social stanno cominciando a influenzare la politica ufficiale nel modo in cui si i partiti si formano, organizzano
e comunicano, nel modo in cui i politici possono trasmettere il loro messaggio agli elettori, oltre che ascoltare
i potenziali elettori. Il 'Clicktivismo' emerso come un nuovo tipo di attivismo politico, distinto ed
esclusivamente on-line."
(tratto da "Vox digitas: Social media is transforming how to study society - a cura di Demos, "Britains
leading cross-party think tank" (www.demos.co.uk), 2014)

Social media e politica


Dal punto di vista delle istituzioni: trasparenza e coinvolgimento
Il rilievo dei social media per la politica ormai universalmente riconosciuto, grazie all'enfasi con cui il loro
ruolo stato sottolineato nel raccontare fenomeni globali come la prima elezione di Barack Obama a
Presidente degli USA o rivoluzionari come la Primavera Araba. Se per fin qui l'accento stato posto
sull'importanza di saper parlare con gli elettori nella fase della campagna elettorale, non ancora esplorato
appieno almeno in Italia il potenziale dello strumento social nell'ambito della comunicazione istituzionale.
Una gestione virtuosa dei canali social pu contribuire a costruire e consolidare il rapporto di fiducia tra
istituzioni e cittadini in nome della trasparenza e del coinvolgimento degli stessi nei processi democratici,
oltre che a migliorarne l'informazione.
Dal punto di vista dei cittadini: capacit e possibilit di incidere
L'Unione Europea in particolare attraverso il programma Horizon 2020 sta cercando di codificare tutte le
modalit di espressione della "social innovation", la creazione di valore per la comunit proposta e generata
dai cittadini, in un'ottica e con strumenti collaborativi e partecipativi. Il focus pi recente dedicato alla
Digital Social Innovation (http://digitalsocial.eu/), ovvero agli effetti positivi che in questo settore le nuove
tecnologie e i nuovi strumenti di comunicazione sono in grado di generare, stimolando la partecipazione. I
social media sono ovviamente essenziali nello sviluppo di un discorso del genere, contribuendo al dialogo, al
confronto e all'elaborazione di idee che possano diventare pratiche concrete capaci di cambiare la vita di
tutti, in un percorso comune con le amministrazioni.
Dal punto di vista di DeRev: osservare l'evoluzione della comunit
In occasione delle elezioni primarie e della successiva campagna elettorale per le regionali del 2015, DeRev
ha curato la strategia di comunicazione sul web e i social media di Vincenzo De Luca, Sindaco di Salerno e

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

candidato Presidente in Campania, poi eletto alla carica. Un percorso durato oltre dieci mesi in cui stato
necessario osservare, archiviare e studiare molti dati rivelatori di comportamenti, tendenze e fenomeni
sociali. Il settore Ricerca e Sviluppo di DeRev il DeRev Lab, gi attivo in progetti del genere come quello
sull'America's Cup World Series Napoli 2013 (http://blog.derev.com/2013/09/coppa-america-napoli-2013valutazione-impatto-attraverso-studio-indipendente-derev-web/) e il report di rilevanza internazionale
Crowdfunding World (http://blog.derev.com/2013/10/pubblicato-crowdfunding-world-2013-report-analisitrend-raccolta-fondi-online/) stato impegnato in un'analisi capace di distillare, attraverso la classificazione
dei dati, i punti salienti della comunicazione istituzionale delle amministrazioni locali sui social media.

Oggetto e obiettivi dello studio


Questo report propone un'analisi dello stato dell'arte della comunicazione istituzionale degli enti locali, e
delle Regioni in particolare, sui social network.
L'osservazione dei canali social attivi e la raccolta dei dati mira ad evidenziare aspetti positivi e negativi della
gestione del sistema di comunicazione politica territoriale calata nell'ordinaria amministrazione nella
prospettiva dei social media.

10

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

CAPITOLO 2

I risultati
1) Il valore dei social per la politica chiaro ai Presidenti
I personaggi politici comprendono perfettamente quanto rilevanti siano i social network nella formazione del
consenso e nel posizionamento competitivo sullo scenario politico, come dimostra il fatto che ciascuno di
loro ha in genere canali social assolutamente attivi, funzionanti e funzionali.
E' indubbio che i profili di chi amministra possano contribuire alla causa della comunicazione istituzionale del
territorio, ma attivare nel modo pi efficace i relativi canali, specie in considerazione dello scenario descritto,
quanto mai opportuno e rispondente ai principi della buona amministrazione.

2) La differenza Presidenti-Regioni sul piano social enorme


Colpisce infatti il divario che sussiste tra i numeri ottenuti dai singoli Presidenti e quelli delle Regioni che
governano. Ai 1.633.862 iscritti ai canali "personali" dei governatori corrispondono i 462.759 che invece
seguono quelli delle Regioni, in un rapporto di 1/4. E' il motivo per cui si scelto di proporre due classifiche,
una comprendente tutti gli indicatori di riferimento per le Regioni, e una rivolta a misurare esclusivamente il
pubblico dei Presidenti di Regione.

3) La comunicazione istituzionale ha un enorme margine di crescita


Osservando i dati salta subito all'occhio come sia possibile oltre che auspicabile una decisa crescita
dell'impatto dei social e della relativa comunicazione nei confronti della popolazione. Il tasso di impatto
percentuale sui residenti delle singole regioni indicativo. Mettendo in relazione il numero degli iscritti
(senza nemmeno considerare se alcuni di essi siano iscritti a pi canali contemporaneamente) e la
popolazione, i risultati raccontano di un tasso di coinvolgimento pur estremamente approssimativo
compreso tra il 5,83% della Basilicata e lo 0% virtuale delle regioni sul fondo della classifica, se si esclude la
Valle dAosta che rappresenta lunica eccezione.
Nella piena consapevolezza del fatto che non tutti gli abitanti di un territorio abbiano l'et e i dispositivi adatti
per essere parte attiva sui social, e pur tenendo conto dei limiti della connessione in alcune zone d'Italia,
l'indicatore vuole semplicemente dimostrare che un margine di crescita nell'uso virtuoso dei social per la
comunicazione istituzionale esiste, se si mettono insieme alcuni fattori:
a) I numeri raggiunti dai Presidenti delle Regioni sono ben superiori a quelli dei territori amministrati
(vedere punto precedente);
b) Il mobile consente di superare molti dei problemi di connessione, almeno per la navigazione sui
social, tenendo conto che:

11

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

L'Italia il paese leader nelle economie occidentali per la penetrazione del mobile, con un tasso
di account pari al 158% della popolazione complessiva. Il 54% delle famiglie italiane possiede uno
o pi smartphone (Fonte: AllBrain 2015, ISTAT 2014);
In Italia l'accesso a Internet via mobile supera quello via desktop, con 17,2 milioni di persone (di
et compresa tra 15 e 74 anni) connesse al web tramite mobile ogni mese una quota pari al
37% della popolazione e 14,5 milioni di persone (di et compresa tra 15 e 74 anni) connesse al
web tramite mobile al giorno (Fonte: AllBrain 2015, Audiweb 2014, ISTAT 2014).

4) Le tre tipologie di approccio ai social media delle Regioni


I risultati delineano essenzialmente tre tipologie di approccio ai social, cui corrispondono naturalmente anche
i risultati della classifica. Non c' sostanziale omogeneit tra le Regioni in ragione della loro dimensione
geografica e demografica, con realt diverse che confluiscono in tutti e tre i gruppi.
- L'approccio "virtuoso": le migliori nell'interpretazione della filosofia e della pratica dei social network sono
Emilia Romagna, Valle dAosta, Puglia, Piemonte, Lazio, Lombardia e Umbria. La comunicazione istituzionale
segue ritmi costanti e calibrati su principi di resilienza, come raccontano anche i singoli profili tracciati.
- L'approccio "conservativo": Basilicata, Marche, Campania, Sardegna, Veneto, Abruzzo, Molise hanno
predisposto dei canali social quasi per onor di firma, senza presidiarli realmente secondo le necessarie regole
d'ingaggio degli utenti. Sono importanti le lacune che emergono da tutti i punti di vista nel profilo di ciascuna.
- L'approccio "disinteressato": Toscana, Trentino Alto Adige, Sicilia, Liguria, Calabria, Friuli Venezia Giulia
dimostrano un marcato disinteresse per il panorama dei social network - con un tasso di coinvolgimento dello
0% - concentrandosi spesso su uno solo di essi e specializzandolo (in chiave turistica come nel caso di Toscana
e Val d'Aosta, o istituzionale, come la Sicilia).

5) La grande occasione ancora non colta: il linguaggio dei video


Tutte le proiezioni raccontano che nell'arco di due/tre anni i video costituiranno l'80% dei contenuti del web,
una massa critica di informazioni veicolate con un linguaggio diretto, semplice e veloce. Un'evenienza favorita
anche dalla continua crescita della presenza del mobile nelle abitudini degli italiani (e descritta dalle
statistiche riportate al punto 3).
La piattaforma social network generalista per eccellenza, Facebook, ha nel corso dell'ultimo anno mutato il
proprio algoritmo in modo da favorire la visualizzazione dei contenuti video da parte dei suoi utenti, andando
in concorrenza con Youtube e principalmente confermando che buona parte della sfida della
comunicazione si gioca su quel terreno. Anche le regioni che hanno gi da tempo scelto di concentrare i loro
sforzi di comunicazione su questo tipo di messaggio mostrano per limiti evidenti, se il numero di
visualizzazioni massimo ottenuto per ciascun video (su Youtube) di poco superiore alle 8000, nel caso della
Toscana, la cui comunicazione di tipo esclusivamente turistico. Risultato discreto, che pure denota la
pochezza degli altri, relegati a parte il Lazio con quasi 2700 visualizzazioni a poche centinaia di riscontri.

12

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

CAPITOLO 3

Indicatori e parametri
Premessa
Per la realizzazione di questo studio e l'elaborazione dei risultati sono stati adottati i seguenti parametri:
a) Il report tiene conto esclusivamente delle pagine e account ufficiali delle Regioni, senza considerare quelle
eventualmente dedicate a singole attivit, assessorati, dipartimenti o agenzie. L'obiettivo quello di
determinare l'impatto dei canali primari della comunicazione istituzionale delle amministrazioni regionali.
In alcuni casi come per la pagina Facebook della Valle dAosta stata presa in considerazione la pagina a
carattere turistico, che tuttavia viene presentata dalla Regione stessa come unico riferimento ufficiale (anche
nellhomepage del sito istituzionale); al contrario come nel caso della pagina Facebook Visit Tuscany della
Regione Toscana la pagina a carattere turistico non stata considerata come un valido riferimento in
quanto esplicitamente riferita e gestita dallente turistico di promozione territoriale.
b) L'analisi svolta in merito ai tre principali social media Facebook, Twitter e YouTube. La rilevanza dei canali
stata definita in ragione di alcune considerazioni generali:
-

Facebook il social network generalista con pi iscritti in Italia (oltre 26 milioni di utenti);
Twitter uno dei principali canali di reperimento informazioni per i media tradizionali e
strumento rilevante per gli influencer, con 4,7 milioni di utenti registrati;
YouTube merita un focus peculiare in quanto principale piattaforma di pubblicazione e
condivisione video, con 24 milioni di utenti attivi.

(Fonte: JuliusDesign - www.juliusdesign.net/28700/lo-stato-degli-utenti-attivi-e-registrati-sui-social-mediain-italia-e-mondo-2015)

Dati quantitativi
Il valore quantitativo calibrato su due dati essenziali e sulle relative graduatorie:
A) Coinvolgimento: il numero complessivo assoluto degli utenti iscritti ai canali social (sommati tra di loro).
B) Penetrazione: il rapporto tra numero complessivo di utenti iscritti e la popolazione di ciascuna Regione.

Dati qualitativi
I risultati relativi ai quattro indicatori successivamente indicati sono accorpati per stilare un'ulteriore
classifica che tenga conto della complessiva qualit nella gestione dei canali:

13

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

C) Presenza: il numero di canali presidiati (10 punti assegnati per ogni canale). Il non aggiornamento di un
canale per un periodo di tempo superiore ai tre mesi viene considerato come un'assenza tout-court, andando
addirittura a creare un danno d'immagine, considerando che il canale rimane reperibile ma immobile quanto
a contenuti.
D) Link: la presenza di pulsanti, connessioni o riferimenti ai canali social ufficiali sul sito istituzionale della
Regione (10 punti assegnati).
E) Continuit: la frequenza di aggiornamento dei canali, indice di qualit nella gestione delle interazioni con
gli utenti, secondo lo schema:
- Quotidiana (almeno una pubblicazione al giorno): 10 punti per ogni social network
- Settimanale (meno di una pubblicazione al giorno): 6 punti per ogni social network
- Bisettimanale (meno di una pubblicazione a settimana): 4 punti per ogni social network
- Sporadica (meno di una pubblicazione ogni 15 giorni): 2 punti per ogni social network
Per verificare la frequenza su un lasso temporale plausibile si tiene il conto della media degli ultimi mesi, a
partire dal 1 aprile 2015 fino al 30 luglio 2015.
F) Coerenza: la qualit della gestione dei canali social, misurata tenendo conto dei seguenti fattori:
1.
2.
3.
4.

Variet dei contenuti (alternanza tra immagini, testi, video, link);


Qualit del corredo grafico (misura delle immagini, variet, risoluzione);
Uso dei video (variet dei contenuti e qualit);
Coordinamento e connessione tra i canali (ripubblicazione di contenuti sui diversi canali e
compatibilit tecnica).
5. Presenza ed efficacia evocativa della "call to action" (chiamata all'azione) degli utenti;
6. Specifico per Facebook: presenza di video "nativi" (pubblicati direttamente sulla piattaforma e non
tramite link, strumento privilegiato dagli algoritmi di visualizzazione). Questo criterio, laddove
rispettato, comporta 1 punto in pi rispetto alla valutazione degli altri parametri.
Computo: Voto complessivo espresso da 1 a 30
Relativamente a ciascun canale, allinterno delle schede sulle singole Regioni vengono poi indicate senza
che influenzino la classifica e i punteggi, in quando giudizio tecnico formulato sulla base di esperienza
professionale note a margine circa la gestione della comunicazione social.

Dati ulteriori
G) Efficacia: la relazione tra il numero o le interazioni con i contenuti pubblicati e gli utenti fidelizzati.
1. Facebook: il tasso di coinvolgimento, calcolato come il rapporto in percentuale tra il numero di utenti
che hanno interagito con la pagina e i suoi contenuti nellultima settimana e il numero complessivo
di iscritti alla pagina stessa;

14

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

2. Twitter: il tasso di coinvolgimento, calcolato tenendo in considerazione il numero medio di tweet


pubblicati al giorno, il numero medio di interazioni generate da ciascun tweet e il rapporto in
percentuale tra il numero di follower e la popolazione della Regione di riferimento;
3. Youtube: il numero medio delle visualizzazioni, calcolato come il rapporto tra il numero di
visualizzazioni complessive al canale e il numero di video pubblicati.

Computo della classifica finale delle Regioni italiane


Il calcolo dei punti in ciascun settore produce una graduatoria, e ogni regione ottiene il numero di punti
corrispondente alla posizione ottenuta (1 punto per la prima, 2 punti per la seconda e cos via). La classifica
finale si ottiene con la somma dei punti ottenuti in ciascuna graduatoria, premiando in base al criterio
illustrato chi ottiene meno punti in assoluto, quale indice di posizioni elevate nei diversi settori.

Speciale Presidenti di Regione


In merito alla graduatoria dei Presidenti di Regione, si deciso di non prendere in considerazione la frequenza
delle pubblicazioni n alcun dato qualitativo ma di limitarsi alla classifica per numero di iscritti in valore
assoluto, in ragione di tre fattori:
-

Puglia, Campania, Liguria, Marche, Toscana, Umbria e Veneto hanno votato il 31 maggio 2015
per il governo della propria regione, e i dati inerenti possono risentire naturalmente di un diverso
impegno dei candidati alla carica (risultati poi vincitori) nell'articolare la loro promozione sui
social media;
DeRev ha curato la campagna di Vincenzo De Luca, neo Presidente eletto della Regione
Campania, e non sarebbe dunque appropriato esprimere qualsiasi giudizio di tipo qualitativo sul
profilo della comunicazione dei diversi candidati che possa influire sul punteggio finale;
Si prende in considerazione solo il numero complessivo degli utenti iscritti ai diversi canali social
in quanto alcuni presidenti hanno un profilo che va oltre la dimensione territoriale di riferimento
della Regione (Debora Serracchiani in primis), e si ritiene interessante la capacit di mobilitazione
generale che i Presidenti sono in grado di attivare.

15

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

CAPITOLO 4

Classifica delle Regioni italiane sui social media


Classifica per numero di iscritti in valore assoluto
#

REGIONE

FACEBOOK

TWITTER

YOUTUBE

TOTALE

Puglia

50.678

31.709

308

82.695

Lombardia

31.921

39.961

466

72.348

Emilia Romagna

21.274

36.273

459

58.006

Piemonte

11.609

39.648

520

51.777

Valle dAosta

43.253

2.179

457

45.889

Basilicata

31.099

2.233

255

33.587

Lazio

17.854

4.304

409

22.567

Veneto

19.646

377

20.023

Umbria

13.450

2.311

42

15.803

10

Campania

4.471

9.970

90

14.531

11

Marche

5.276

8.687

13.963

12

Abruzzo

4.813

8.129

296

13.238

13

Sardegna

9.878

187

10.065

14

Molise

3.355

604

3.963

15

Trentino Alto Adige

2.107

59

2.166

16

Toscana

1.068

1.068

17

Sicilia

611

611

18

Friuli Venezia Giulia

304

304

19

Liguria

155

155

20

Calabria

16

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Classifica per numero di iscritti in rapporto alla popolazione (percentuale)


#

REGIONE

ISCRITTI

POPOLAZIONE

PERCENTUALE

Valle dAosta

45.885

128.196

35,79

Basilicata

33.563

576.196

5,82

Puglia

82.586

4.088.322

2,02

Umbria

15.795

894.084

1,77

Emilia Romagna

57.933

4.448.582

1,30

Molise

3.959

313.348

1,26

Piemonte

51.729

4.422.180

1,17

Abruzzo

13.230

1.330.814

0,99

Marche

13.954

1.549.866

0,90

10

Lombardia

71.987

10.001.398

0,72

11

Sardegna

10.065

1.662.370

0,61

12

Veneto

19.977

4.925.737

0,41

13

Lazio

22.510

5.892.866

0,38

14

Campania

14.506

5.858.331

0,25

15

Trentino Alto Adige

2.166

1.055.958

0,21

16

Toscana

1.068

3.750.498

0,03

17

Friuli Venezia Giulia

304

1.226.351

0,02

18

Sicilia

611

5.089.497

0,01

19

Liguria

155

1.581.127

0,01

20

Calabria

1.975.503

0,00

17

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Classifica per valutazione qualitativa della gestione


#

REGIONE

PRESENZA

LINK

FREQUENZA

COERENZA

TOTALE

Emilia Romagna

30

10

30

27

97

Lazio

30

10

26

20

86

Valle dAosta

30

10

26

18

84

Lombardia

30

10

26

16

82

Puglia

30

10

22

13

75

Piemonte

30

10

22

12

74

Marche

30

10

20

10

70

Abruzzo

30

26

13

69

Basilicata

30

30

68

10

Umbria

20

16

20

66

11

Sardegna

20

10

14

21

65

12

Campania

30

10

57

13

Molise

30

10

10

53

14

Trentino Alto Adige

20

10

41

15

Veneto

20

10

36

16

Toscana

10

18

32

16

Sicilia

10

10

12

32

17

Liguria

10

10

23

17

Friuli Venezia Giulia

10

10

23

20

Calabria

18

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Classifica per tasso di coinvolgimento degli utenti su Facebook (percentuale)


#

REGIONE

ISCRITTI

PERSONE CHE
NE PARLANO

ENGAGEMENT

Molise

3.355

3.487

103,93

Valle dAosta

43.253

5.145

11,90

Marche

5.276

583

11,05

Lazio

17.854

1.618

9,06

Sardegna

9.878

761

7,70

Emilia Romagna

21.274

1.372

6,45

Abruzzo

4.813

240

4,99

Lombardia

31.921

1.573

4,93

Campania

4.471

146

3,27

10

Umbria

13.450

176

1,31

11

Puglia

50.678

568

1,12

12

Basilicata

31.099

253

0,81

13

Piemonte

11.609

90

0,78

14

Trentino Alto Adige

2.107

10

0,47

20

Veneto

0,00

20

Friuli Venezia Giulia

0,00

20

Toscana

0,00

20

Sicilia

0,00

20

Liguria

0,00

20

Calabria

0,00

19

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Classifica per tasso di efficacia della comunicazione su Twitter


#

REGIONE

MEDIA TWEET
AL GIORNO

INTERAZIONI
PER TWEET

% FOLLOWER
POPOLAZIONE

TASSO DI
EFFICACIA

Emilia Romagna

15,4

1,2134

0,8154

15,2369

Lombardia

17,7

1,2175

0,3996

8,6102

Puglia

7,6

0,8098

0,7756

4,7736

Piemonte

3,9

1,1003

0,8966

3,8474

Basilicata

17,8

0,5300

0,3875

3,6561

Valle dAosta

4,2

0,4304

1,6997

3,0726

Marche

3,0

1,3462

0,5605

2,2636

Abruzzo

2,8

0,8987

0,6108

1,5371

Lazio

8,1

1,1735

0,0730

0,6943

10

Umbria

1,4

1,0675

0,2585

0,3863

11

Veneto

0,2

1,4835

0,3988

0,1183

12

Molise

0,0

0,0000

0,1928

0,0000

12

Campania

0,0

0,0000

0,1702

0,0000

20

Sardegna

0,00

20

Trentino Alto Adige

0,00

20

Friuli Venezia Giulia

0,00

20

Toscana

0,00

20

Sicilia

0,00

20

Liguria

0,00

20

Calabria

0,00

20

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Classifica per media delle visualizzazioni ai video su YouTube


#

REGIONE

VIDEO

VISUALIZZAZIONI

MEDIA

Toscana

85

687.767

8.091

Lazio

55

144.271

2.623

Piemonte

285

263.765

925

Emilia Romagna

958

674.708

704

Valle dAosta

1.226

612.810

500

Liguria

193

76.902

398

Sicilia

254

76.122

300

Puglia

309

88.074

285

Veneto

561

132.803

237

10

Lombardia

158

29.554

187

11

Campania

266

36.697

138

12

Molise

409

136

13

Sardegna

415

52.927

128

14

Trentino Alto Adige

85

10.388

122

15

Umbria

41

4.336

106

16

Friuli Venezia Giulia

1.604

137.625

86

17

Basilicata

4.329

358.885

83

18

Abruzzo

1.536

120.273

78

19

Marche

66

17

20

Calabria

21

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Classifica finale delle Regioni italiane sui social media


#

REGIONE

PUNTEGGIO

Emilia Romagna

20

Valle d'Aosta

22

Puglia

33

Piemonte

35

Lazio

36

Lombardia

37

Basilicata

50

Marche

56

Umbria

57

10

Molise

58

11

Abruzzo

63

12

Campania

68

13

Sardegna

73

14

Veneto

75

15

Toscana

89

16

Trentino Alto Adige

92

17

Sicilia

98

18

Liguria

101

19

Friuli Venezia Giulia

108

20

Calabria

120

22

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Distribuzione geografica della classifica finale delle Regioni sui social media

23

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

CAPITOLO 5

Analisi delle Regioni italiane sui social media


1. Emilia Romagna
Popolazione: 4.448.582
L'Emilia Romagna vince su tutte le altre regioni italiane nella classifica generale. Il rating in tutti i segmenti
elevato, con particolare riferimento alla variet dei contenuti e alla relativa declinazione dei linguaggi adatti
per dialogare sugli utenti di ciascun canale. Efficaci e di buona qualit le grafiche utilizzate, presenza di video
nativi su Facebook con un buon riscontro in termini di interazioni.
Buono anche il numero totale di iscritti (che la vede in terza posizione), pure considerato in relazione al
numero di abitanti. Una delle migliori esperienze in assoluto nel panorama italiano, anche relativamente ai
riscontri specifici su Youtube.
21.274 iscritti

facebook.com/RegioneEmiliaRomagna

Ottima gestione dei contenuti, aggiornati quotidianamente anche nei fine settimana, con
FACEBOOK grafiche coerenti e diversi video nativi. Buona la decisione di configurare la pagina anche
come luogo, cos da consentire agli utenti di effettuare il check-in, ed efficace utilizzo di
hashtag, immagini e tag allinterno dei post.
36.273 iscritti

twitter.com/RegioneER

TWITTER Ottima gestione dei contenuti, con grafiche coerenti e la pubblicazione quotidiana di nuovi
tweet contenenti tag agli altri utenti, hashtag e immagini.
459 iscritti - 674.708 visualizzazioni

youtube.com/user/videoermes

YOUTUBE Il canale YouTube, attivo da febbraio 2008, curato sotto laspetto grafico e contenutistico
e viene aggiornato quasi quotidianamente con nuovi video organizzati in playlist.

24

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

2. Valle dAosta
Popolazione: 128.196
La Valle d'Aosta si posiziona al secondo posto della classifica generale, principalmente grazie ad un enorme
pubblico sui social media rispetto alla popolazione della regione. Tutta la comunicazione della Valle dAosta
strettamente legata al profilo turistico, tanto che lunica pagina Facebook ufficiale raggiungibile anche dai
link nellhomepage del sito istituzionale si occupa esclusivamente di promozione del territorio.
Un'imponente opera di produzione oltre 1.200 video e una pubblicazione serrata non garantisce molti
iscritti (cosa comprensibile, essendo il canale uno strumento eminentemente diretto ai possibili visitatori)
ma un enorme ritorno in termini di visualizzazioni complessive.
43.253 iscritti

facebook.com/visitdaosta

FACEBOOK La pagina Facebook si occupa esclusivamente di promozione turistica. Ottima la gestione dei
contenuti, rappresentati quasi sempre da fotografie senza per alcun video nativo.
2.179 iscritti
twitter.com/ustampavda
TWITTER Buona la gestione dei contenuti, che vengono aggiornati quotidianamente, ma il profilo fa
riferimento allUfficio stampa e non direttamente alla Regione Valle dAosta.
457 iscritti - 612.810 visualizzazioni
YOUTUBE

youtube.com/user/RegVdA

Il canale si chiama RegVdA anzich Regione Valle dAosta, rendendone pi complicata la


ricerca, e viene aggiornato molto frequentemente con nuovi video organizzati in playlist.

25

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

3. Puglia
Popolazione: 4.088.322
Il punto di forza della Puglia la capacit di mobilitazione, con una delle percentuali pi elevate di iscritti
rispetto alla popolazione regionale. Per quanto concerne la gestione, i canali social della Puglia puntano al
semplice "riverbero" delle notizie tratte dal sito istituzionale tramite link, senza seguire le norme di
declinazione dei contenuti per l'ambito specifico dei social network.
In pi - come si nota in particolare su Facebook - i link pubblicati non presentano un'adeguata preview grafica
(l'immagine che accompagna il post sempre la stessa icona statica e sgranata del sito istituzionale). La scelta
di pubblicare i tweet riprendendo il comunicato stampa (o meglio il suo incipit) mal si concilia con il format
della piattaforma di microblog, limitata a 140 caratteri.
50.678 iscritti

facebook.com/pages/Regione-Puglia/74217848665

FACEBOOK I contenuti e gli aggiornamenti sul sito non contengono immagini, e dunque tutti i link
pubblicati sulla pagina Facebook presentano come immagine unicona statica e sgranata del
sito istituzionale. aggiornato quotidianamente ma senza alcuna immagine n video nativi.
31.709 iscritti

twitter.com/RegionePuglia

TWITTER L'account Twitter, aggiornato quotidianamente, propone dei testi ripresi per lo pi da
comunicati stampa, che spesso rimandano a file Pdf o al sito istituzionale con limiti per la
comprensione da parte di chi non sappia gi di cosa si stia parlando.
YOUTUBE

308 iscritti - 88.074 visualizzazioni

youtube.com/user/comunicazioneist

Aggiornato circa una volta al mese, il canale YouTube non contiene nessuna testata grafica.

26

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

4. Piemonte
Popolazione: 4.422.180
Buona puntualit nella pubblicazione dei contenuti sui diversi canali, non corroborata almeno per quanto
riguarda Facebook dalla necessaria attenzione ai particolari. La gestione del corredo grafico poco accurata
e i testi non sono di immediata comprensione, con pubblicazione esclusiva di link abbreviati al sito ufficiale,
quindi dall'aspetto ancora meno definito, e senza lutilizzo di alcun video nativo. Su Facebook vengono inoltre
ripubblicati i tweet senza alcun adattamento, riportando quindi hashtag, menzioni e altri elementi non
riconosciuti da Facebook.
L'account Twitter fornisce risultati del tutto diversi, che contribuiscono a migliorare la posizione generale in
modo deciso. Risultati apprezzabili (sempre nell'ottica relativa del panorama italiano) della resa dei video,
con quasi 1.000 visualizzazioni per ciascuno, che frutta una terza posizione assoluta nella categoria.
11.609 iscritti

facebook.com/regione.piemonte.official

Pessima gestione del corredo grafico e testi di non immediata comprensione.


FACEBOOK Laggiornamento quotidiano vede la pubblicazione esclusiva di link al sito istituzionale e
tweet riportati senza adattamento, che quindi contengono menzioni e altri elementi non
riconosciuti da Facebook.
39.648 iscritti

twitter.com/regionepiemonte

TWITTER Aggiornato quotidianamente, il profilo presenta una buona gestione della comunicazione
con un corretto utilizzo di hashtag, immagini e link.
520 iscritti - 263.765 visualizzazioni
YOUTUBE

youtube.com/user/LaRegionePiemonte

Aggiornato mediamente ogni due settimane, presenta un logo sgranato come immagine
del canale YouTube.

27

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

5. Lazio
Popolazione: 5.892.866
Quinta posizione tra le regioni italiane, grazie anche al "contributo" di Nicola Zingaretti, Presidente
particolarmente efficace con la sua comunicazione sui social media. Nota positiva per la gestione della pagina
Facebook, con una plausibile e variegata alternanza di contenuti e una buona costruzione dei post, anche se
sono assenti del tutto video nativi. La pecca maggiore relativa all'account Twitter, che dichiara di essere
"attivo dalle 9 alle 19, dal luned al venerd", secondo una filosofia di comunicazione lontana anni luce dai
social. Molto buona (anche se solo in proporzione ai risultati delle altre regioni) la resa dei video sul canale
Youtube in termini di visualizzazioni.
17.854 iscritti
facebook.com/RegioneLazio
FACEBOOK Buona gestione del corredo grafico e dei contenuti, aggiornati quotidianamente, ma nessuna
presenza di video nativi e altri elementi di eccellenza.
4.304 iscritti

twitter.com/RegioneLazio

TWITTER Il profilo contiene un avviso con gli orari di apertura e chiusura in base ai giorni lavorativi
e gli orari di ufficio, che poco si sposa con la filosofia dei social media.
YOUTUBE

409 iscritti - 144.271 visualizzazioni

youtube.com/user/regionelazio

Aggiornato in media ogni settimana, il canale non presenta nessuna grafica di copertina.

6. Lombardia
Popolazione: 10.001.398
La Lombardia una delle "prime della classe" per quanto riguarda la qualit della gestione dei suoi canali
social per la comunicazione istituzionale: propone una buona alternanza di contenuti, utile a tenere elevato
il numero di visualizzazioni e interazioni degli utenti. Ogni piattaforma viene gestita con linguaggio dedicato
e il corredo grafico in generale sempre di buona qualit. Anche la tempistica di pubblicazione (oltre alla
frequenza) risponde alle esigenze della migliore comunicazione sui social network, con la giusta scelta delle
fasce orarie da presidiare per poter intercettare il pubblico. Una delle poche pecche il mancato uso di video
nativi su Facebook, che si rivelano oggi pi che mai strumento efficace per muovere le visualizzazioni e
raggiungere i cittadini.
31.921 iscritti
facebook.com/Regione.Lombardia.official
FACEBOOK Viene aggiornato quotidianamente e non vengono utilizzati video nativi, ma la gestione dei
contenuti buona ed caratterizzata dallalternanza di post, testi e link.
39.961 iscritti
twitter.com/LombardiaOnLine
TWITTER La gestione dei contenuti buona ed caratterizzata da un linguaggio chiaro che ben si
adatta al canale e alla sua brevit.
YOUTUBE

466 iscritti - 29.554 visualizzazioni

youtube.com/user/regionelombardia

Aggiornato circa ogni settimana, contiene video che vengono per visti da poche persone.

28

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

7. Basilicata
Popolazione: 576.196
L'elemento migliore della Basilicata in termini di posizionamento il secondo posto nella graduatoria relativa
al numero di iscritti in rapporto alla popolazione. Dallaltro lato, sono parecchi i punti critici dell'attivit
istituzionale sui social media. La comunicazione costruita sul rimbalzo automatico dei comunicati stampa,
che su Facebook vengono pubblicati come link senza alcuna immagine e con una didascalia identica al titolo
mentre su Twitter vengono tagliati perch superano i 140 caratteri consentiti.
31.099 iscritti

facebook.com/regione.basilicata.it

FACEBOOK La pagina Facebook si limita a pubblicare automaticamente un enorme quantit di contenuti


(oltre 42 al giorno) dal sito istituzionale, senza alcuna immagine o descrizione e una
didascalia che ricopia il titolo del post stesso.
2.233 iscritti

twitter.com/regbasilicata

TWITTER Vengono rimbalzati i comunicati stampa senza essere rielaborati secondo il linguaggio
consono al canale e senza alcun utilizzo di hashtag o menzioni.
255 iscritti - 358.885 visualizzazioni
youtube.com/user/tgbasilicatanet
YOUTUBE Il canale aggiornato quasi quotidianamente e fa riferimento alla Web TV della Regione,
ma non contiene alcun corredo grafico n unimmagine del canale.

8. Marche
Popolazione: 1.549.866
Altra regione che si inserisce nel segmento "conservatore", con canali attivi e aggiornati ma senza tutti gli
accorgimenti necessari per poter raggiungere in maniera ottimale gli utenti. In particolare, su Facebook si
notano contenuti ricavati da comunicati stampa e non adattati, grafica di bassa qualit, assenza quasi totale
di video nativi. Su Twitter viene usato lunico hashtag #Marche allinizio di ogni tweet, e sono proposti
contenuti standardizzati e con pochissimi link. La performance specifica relativamente a Facebook rimane
per notevole, con un terzo posto nella classifica relativa al tasso di interazione degli utenti iscritti. Il canale
Youtube costituisce invece un elemento negativo, rimanendo presente sul web pur con soli 4 video e 66
visualizzazioni totali, a rendere evidente l'abbandono.
5.276 iscritti

facebook.com/PaginaUfficialeRegioneMarche

FACEBOOK Vengono pubblicate frequentemente Note molto lunghe e ricavate dai comunicati stampa,
con immagini estremamente piccole e pochissimi video nativi.
8.687 iscritti

twitter.com/RegioneMarcheIT

TWITTER Aggiornato quotidianamente con tweet adattati correttamente al formato di Twitter, ma


con poche immagini, nessun link e lhashtag #Marche ripetuto allinizio di ogni tweet.
YOUTUBE

0 iscritti - 66 visualizzazioni

youtube.com/channel/UC7o7anNR-pferQA0OVfLzDA

Nessun iscritto, pochissime visualizzazioni e lultimo video risalente a 7 mesi fa.

29

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

9. Umbria
Popolazione: 894.084
L'Umbria l'esempio perfetto di regione demograficamente "piccola" ma capace di generare buoni risultati
in termini di coinvolgimento, con un nono posto nella classifica degli iscritti totali che diventa addirittura il
quarto gradino del podio per quanto riguarda il rapporto con la popolazione. La gestione dei canali discreta,
ma spicca in particolare un fatto da tenere sotto osservazione: gli aggiornamenti su Facebook oggi
frequenti, con cadenza quotidiana erano solo un mese fa settimanali. Un dato che fa sperare che il nuovo
trend, certamente pi consono ai criteri della buona gestione social, possa perdurare nel tempo. L'account
Twitter, con apprezzabile alternanza dei contenuti e buone scelte di linguaggio, uno dei fattori che
contribuisce a far guadagnare posizioni in classifica.
13.450 iscritti

facebook.com/Regione.Umbria.official

FACEBOOK Buona gestione della pagina, anche se aggiornata in maniera irregolare. Vengono pubblicati
molti link verso il sito web istituzionale, accompagnati da buone immagini ma poche
didascalie, e qualche video nativo che aumenta le interazioni da parte degli utenti.
2.311 iscritti

twitter.com/RegioneUmbria

TWITTER Pur non essendo aggiornato quotidianamente, la gestione del profilo sostanzialmente
buona, con un corretto utilizzo di immagini, link e hashtag.
YOUTUBE

42 iscritti - 4.336 visualizzazioni

youtube.com/user/regioneumbriabrand

I video vengono pubblicati periodicamente, anche a distanza di mesi.

10. Molise
(Popolazione: 313.348)
Il Molise si posizione alla decima posizione grazie al pi elevato tasso di coinvolgimento degli utenti su
Facebook e ad un buon rapporto di iscritti ai social in rapporto alla popolazione. Tuttavia, un account Twitter
esistente ma sostanzialmente abbandonato dal luglio 2014 (con tutte le conseguenze del caso legate a un
canale reperibile dagli utenti tramite ricerca web ma inattivo) e un canale Youtube fermo da oltre sei mesi e
mai realmente animato, n in termini di produzione n di promozione, penalizzano molto il risultato
generale.
3.355 iscritti

facebook.com/pages/Regione-Molise/1459559137605732

FACEBOOK La gestione della pagina molto buona, grazie allutilizzo di video nativi, hashtag e frequenti
menzioni ad altre pagine, generando il pi alto tasso di coinvolgimento tra le Regioni italiane.
TWITTER

604 iscritti

twitter.com/Regione_Molise

Il profilo Twitter fermo da oltre un anno ed stato sostanzialmente abbandonato.


YOUTUBE

4 iscritti 409 visualizzazioni

youtube.com/channel/UCFTR3lPPR-Xxd28l0XQfDaA

Senza alcun corredo grafico, il canale YouTube fermo da sette mesi con soli 3 video.

30

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

11. Abruzzo
Popolazione: 1.330.814
L'Abruzzo undicesimo nella classifica generale in ragione di una serie di parametri quasi incoerenti tra loro.
Se infatti il canale Facebook mostra contenuti con immagini ma presi dai comunicati stampa senza essere
adattati, l'account Twitter rivela testi di buona comprensibilit ma assenza totale di un corredo grafico. Sul
fronte video, il canale ufficiale della Regione gestito dalla Web TV dedicata e produce oltre 1.200 video
relativi a tutti gli ambiti, dal turismo al segmento istituzionale agli eventi locali.
4.813 iscritti

facebook.com/pages/Regione-Abruzzo/397879510257269

FACEBOOK La maggior parte dei contenuti pubblicati contiene almeno unimmagine, ma i testi sono
ricopiati dai comunicati stampa, estremamente lunghi e non adattati al formato di
comunicazione dei social network.
8.129 iscritti
twitter.com/Regione_Abruzzo
TWITTER Lassenza di unimmagine di copertina penalizza laspetto del profilo, che viene aggiornato
quotidianamente con un corretto utilizzo di hashtag e menzioni ma poche immagini.
296 iscritti 120.273 visual.
YOUTUBE

youtube.com/user/WebtvRegioneAbruzzo

Nonostante lassenza di un testata grafica nel canale, lAbruzzo dispone di una Web TV
ufficiale che pubblica molti video con oltre 1.500 visualizzazioni ciascuno.

12. Campania
Popolazione: 5.858.331
Nonostante il risultato del suo neo Presidente, terzo nella graduatoria relativa ai Governatori, la Campania si
posiziona nella seconda met della classifica generale a causa di una gestione quasi assente (e comunque
sbagliata) dei social media. La scelta della presenza su tutti i canali non sostenuta da un'adeguata politica
di aggiornamento costante, considerando linattivit totale dal maggio 2014 interrotta solo da due post di
promozione delle elezioni regionali di maggio 2015. Molto basso il numero di iscritti in rapporto alla
popolazione, con interazioni quasi nulle.
4.471 iscritti

facebook.com/RegCampania

FACEBOOK Oltre a pochi post pubblicati per le regionali 2015, la pagina non viene aggiornata dal 2014
e contiene quasi solo link al sito beta.regione.campania.it che rimanda al sito istituzionale.
Assenza totale di video nativi o immagini, e pochi iscritti in rapporto alla popolazione.
9.970 iscritti

twitter.com/Reg_Campania

TWITTER Oltre a due tweet relativi alle elezioni regionali, il profilo Twitter non viene aggiornato dal
maggio 2014 e comunque presenza un uso inesistente della grafica, contenuti non ben
comprensibili e interazioni nulle.
90 iscritti 36.697 visualizzazioni
YOUTUBE

youtube.com/user/RegCampania

Oltre allassenza di un corredo grafico, il canale stato ripreso nellultima settimana ma


non veniva aggiornato da oltre un anno.

31

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

13. Sardegna
Popolazione: 1.662.370
Tipico esempio di "impegno parziale": pur non avendo neanche creato un profilo Twitter, la Sardegna riesce
a guadagnare la tredicesima posizione in classifica. La pagina Facebook ottiene addirittura la quinta posizione
per quanto riguarda le interazioni e il tasso di coinvolgimento, grazie alla qualit dei contenuti e della sua
gestione, con una buona cadenza di pubblicazione, giusta alternanza, grafiche di buona risoluzione e uso di
video nativi. A met classifica per numero di iscritti in rapporto alla popolazione e qualit della gestione, offre
l'occasione di riflettere su quanto di buono potrebbe essere fatto implementando una strategia puntuale ed
operativa per i cittadini su tutto il fronte dei social.
9.878 iscritti
facebook.com/regioneautonomasardegna
FACEBOOK Aggiornamento quotidiano con una buona gestione de contenuti attraverso, grafica curata
e presenza di video nativi.
TWITTER (Non presente)

YOUTUBE

187 iscritti - 52.927 visualizzazioni

youtube.com/user/RASUfficioStampa

Aggiornamento settimanale, con un buon numero di video ma poche visualizzazioni.

14. Veneto
Popolazione: 4.925.737
Il Veneto concentra tutte le sue (relative) energie comunicative su Twitter e YouTube, mentre Facebook
rimane non presidiata e senza neanche una pagina ufficiale. Nonostante ci siano circa 20mila iscritti su
Twitter, anche il microblog da 140 caratteri non sembra in cima ai pensieri dell'amministrazione, con un uso
della grafica abbastanza rarefatto unito a testi di buona comprensione e hashtag efficaci, che meriterebbero
pi di un ultimo aggiornamento al marzo 2015.
FACEBOOK (Non presente)
19.646 iscritti

twitter.com/RegioneVeneto

TWITTER Ottima gestione dei contenuti, con testi e hashtag efficaci ma poco uso della grafica.
Tuttavia, lultimo tweet risale al 31 marzo 2015.
YOUTUBE

377 iscritti - 132.803 visualizzazioni

youtube.com/user/RegioneDelVeneto

Nessuna immagine di testata e ultimo video caricato oltre 4 mesi fa.

32

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

15. Toscana
Popolazione: 3.750.498
La Toscana conquista il quindicesimo posto in classifica grazie esclusivamente alla prima posizione del suo
canale YouTube, con video a carattere turistico estremamente efficaci in termini di visualizzazioni. Oltre
quello, la Toscana assente dai social e lascia a guardia del forte in termini di comunicazione istituzionale
il solo Presidente Rossi, che si piazza in quinta posizione nella classifica dei Governatori.
FACEBOOK (Non presente)

TWITTER (Non presente)


1.068 iscritti 687.767
youtube.com/user/visittuscany
visualizzazioni
YOUTUBE
Aggiornato mediamente ogni 3 mesi, raggiunge il massimo numero di visualizzazioni oltre
687mila anche in rapporto al numero di video pubblicati.

16. Trentino Alto Adige


Popolazione: 1.055.958
Il Trentino Alto Adige si colloca stabilmente e con intenzione nell'ultima fascia della classifica. La pagina
Facebook conta solo due migliaia di iscritti e presenta alcuni elementi decisamente negativi, come
l'aggiornamento a frequenza mensile e la pubblicazione di link duplicati prima in italiano e poi in tedesco
a tutti gli utenti della pagina, senza dunque limitarne la visibilit solo agli utenti che parlano la rispettiva
lingua. Il canale Youtube non offre significativi spunti di riflessione n di analisi ulteriore.
2.107 iscritti

facebook.com/regionetaa

FACEBOOK Aggiornata solo una volta al mese, prevede la pubblicazione duplicata dello stesso contenuto
prima in italiano e poi in tedesco senza alcuna strategia di targeting in base alla lingua
dellutente, che vede dunque comparire entrambi i post indistintamente a tutti gli utenti.
TWITTER (Non presente)

YOUTUBE

59 iscritti 10.388 visualizzazioni

youtube.com/user/RegioneTAA

Buona presentazione del canale, ma ultimo aggiornamento risalente a 8 mesi fa.

33

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

17. Sicilia
Popolazione: 5.089.497
La Sicilia si posiziona a pieno titolo nell'ultima fascia della classifica, con il solo canale YouTube a raccontare
la vita istituzionale e amministrativa, tra l'altro dal punto di vista dell'Assemblea Regionale Siciliana (il
consiglio regionale, ndr), con la Giunta che rimane "invisibile" sui social network. Una scelta che pare pi un
ripiego, visto che il medesimo canale non "sfonda" oltre la settima posizione in termini di efficacia,
nonostante trasmetta in diretta streaming le varie sedute dellAssemblea. Il numero di iscritti non consente
di smuovere il rapporto iscritti/popolazione dallo zero virtuale.
FACEBOOK (Non presente)

TWITTER (Non presente)


611 iscritti 76.122 visualizzazioni
YOUTUBE

youtube.com/user/arswebtv

Il canale fa riferimento allAssemblea Regionale Siciliana ed aggiornato quasi ogni giorno


con gli streaming in diretta delle varie sedute dellAssemblea.

18. Liguria
Popolazione: 1.581.127
La Liguria si salva dallultima posizione in classifica solo grazie al proprio canale YouTube, dove vengono
pubblicati quotidianamente nuovi video, di diverso argomento ed efficacemente organizzati in playlist,
riuscendo anche ad ottenere un ottimo rapporto in termini di visualizzazioni medie. Peccato che la stessa
strategia e la stessa dedizione non siano applicate agli altri social media, dove la Liguria totalmente assente.
FACEBOOK

(Non presente)

TWITTER (Non presente)

YOUTUBE

155 iscritti 76.902 visualizzazioni

youtube.com/channel/UCuy-MnzK5cyJNGy_rbv2YAQ

Buona presentazione del canale e un ottimo rapporto tra visualizzazioni e video pubblicati.

34

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

19. Friuli Venezia Giulia


Popolazione: 1.226.351
Il Friuli Venezia Giulia vive in pieno la contraddizione emergente da questo studio: la diversa disposizione tra
singole personalit politiche e amministrazioni da loro governate. Debora Serracchiani, peraltro personaggio
di rilievo nazionale anche prima di entrare nell'agone politico, prima nella classifica dei Presidenti, potendo
contare anche su un notevole distacco rispetto a tutti gli altri in termini di iscritti, un patrimonio consistente
su cui costruire un posizionamento utile. Nel contempo, la regione da lei governata virtualmente assente
dai social, con la sola eccezione di Youtube, animato da molti video (oltre 1.500) non particolarmente efficaci,
con circa 193 visualizzazioni ciascuno.
FACEBOOK (Non presente)

TWITTER (Non presente)

YOUTUBE

304 iscritti 137.625 visualizzazioni

youtube.com/user/RegioneFVG

Aggiornato quasi quotidianamente con tantissimi video che raggiungono per pochi utenti.

20. Calabria
Popolazione: 1.975.503
La Calabria chiude la classifica delle regioni con un meritatissimo ultimo posto, considerando che la Regione
non presente su nessun social network e non effettua dunque alcun tipo di comunicazione sul web al di
fuori dal sito istituzionale.
Questa politica di assenza dai social media in parte assecondata dal Presidente della Regione Calabria, che
presente su Facebook con 9.488 iscritti e su Twitter con 3.368 iscritti, ma del tutto inattivo su YouTube,
posizionandosi agli ultimi posti nella classifica dei Governatori.
FACEBOOK (Non presente)

TWITTER (Non presente)

YOUTUBE (Non presente)

35

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

CAPITOLO 6

Classifica dei Presidenti di Regione sui social media


Classifica per numero di iscritti in valore assoluto
#

REGIONE

FACEBOOK

TWITTER

YOUTUBE

TOTALE

Debora Serracchiani

134.231

199.291

224

333.746

Nicola Zingaretti

174.210

156.924

159

331.293

Vincenzo De Luca

153.744

16.777

576

171.097

Michele Emiliano

66.489

75.207

289

141.985

Enrico Rossi

98.630

26.383

162

125.175

Luca Zaia

107.929

16.638

261

124.828

Rosario Crocetta

67.279

27.460

94.739

Roberto Maroni

25.310

61.602

225

87.137

Giovanni Toti

27.778

20.965

48.743

10

Marcello Pittella

23.173

12.547

84

35.804

11

Stefano Bonaccini

9.816

19.078

28.894

12

Francesco Pigliaru

10.944

16.926

27.870

13

Sergio Chiamparino

19.466

5.290

24.756

14

Catiuscia Marini

11.494

3.222

11

14.727

15

Luciano D'Alfonso

12.226

2.378

14.605

16

Gerardo Mario Oliverio

9.488

3.368

12.863

17

Ugo Rossi

6.896

2.901

9.799

18

Paolo di Laura Frattura

6.879

997

14

7.890

19

Luca Ceriscioli

4.339

1.155

5.494

20

Augusto Rollandin

1.905

1.905

36

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

1. Debora Serracchiani
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
FACEBOOK 134.231 iscritti

facebook.com/serracchiani

TWITTER 199.291 iscritti

twitter.com/serracchiani

YOUTUBE 224 iscritti - 33.315 visualizzazioni

youtube.com/user/Serracchiani

2. Nicola Zingaretti
Regione Lazio
FACEBOOK 174.210 iscritti

facebook.com/nicolazingaretti

TWITTER 156.924 iscritti

twitter.com/nzingaretti

YOUTUBE 159 iscritti - 208.417 visualizzazioni

youtube.com/user/nicolazingaretti

3. Vincenzo De Luca
Regione Campania
FACEBOOK 153.744 iscritti

facebook.com/vincenzodeluca.it

TWITTER 16.777 iscritti


YOUTUBE 576 iscritti - 210.768 visualizzazioni

twitter.com/VincenzoDeLuca
youtube.com/channel/UCgCJaR1UuDgnIRhB4AZBFPA

4. Michele Emiliano
Regione Puglia
FACEBOOK 66.489 iscritti

facebook.com/micheleemiliano

TWITTER 75.207 iscritti

twitter.com/micheleemiliano

YOUTUBE 289 iscritti - 322.793 visualizzazioni

youtube.com/user/micheleemilianotv

5. Enrico Rossi
Regione Toscana
FACEBOOK 98.630 iscritti

facebook.com/enricorossipresidente

TWITTER 26.383 iscritti

twitter.com/rossipresidente

YOUTUBE 162 iscritti - 169.116 visualizzazioni

youtube.com/user/enricorossivideo

37

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

6. Luca Zaia
Regione Veneto
FACEBOOK 107.929 iscritti

facebook.com/zaiaufficiale

TWITTER 16.638 iscritti

twitter.com/zaiapresidente

YOUTUBE 261 iscritti - 33.260 visualizzazioni

youtube.com/channel/UCsHPIs6oMDvcOWpICsI5oLg

7. Rosario Crocetta
Regione Sicilia
FACEBOOK 67.279 iscritti

facebook.com/rosariocrocetta

TWITTER 27.460 iscritti

twitter.com/rosariocrocetta

YOUTUBE (Non presente)

8. Roberto Maroni
Regione Lombardia
FACEBOOK 25.310 iscritti
TWITTER 61.602 iscritti
225 iscritti - 1.776.314
YOUTUBE
visualizzazioni

facebook.com/maroni.leganord
twitter.com/RobertoMaroni_
youtube.com/channel/UCyFfRUz5NNP4DVvTMBKnFsg

9. Giovanni Toti
Regione Liguria
FACEBOOK 27.778 iscritti

facebook.com/giovatoti

TWITTER 20.965 iscritti

twitter.com/GiovanniToti

YOUTUBE (Non presente)

10. Marcello Pittella


Regione Basilicata
FACEBOOK 23.173 iscritti

facebook.com/marcepittella

TWITTER 12.547 iscritti

twitter.com/marcepittella

YOUTUBE 84 iscritti - 21.861 visualizzazioni

youtube.com/user/marcellopittella

38

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

11. Stefano Bonaccini


Regione Emilia Romagna
FACEBOOK 9.816 iscritti

facebook.com/stebonaccini

TWITTER 19.078 iscritti

twitter.com/sbonaccini

YOUTUBE 0 iscritti - 3.064 visualizzazioni

youtube.com/user/stebonaccini

12. Francesco Pigliaru


Regione Sardegna
FACEBOOK 10.944 iscritti

facebook.com/francesco.pigliaru

TWITTER 16.926 iscritti

twitter.com/F_Pigliaru

YOUTUBE (Non presente)

13. Sergio Chiamparino


Regione Piemonte
facebook.com/pages/SergioChiamparino/263544377156823
twitter.com/SergioChiampa

FACEBOOK 19.466 iscritti


TWITTER 5.290 iscritti
0 iscritti 1.403
YOUTUBE
visualizzazioni

youtube.com/user/SergioChiamparino

14. Catiuscia Marini


Regione Umbria
FACEBOOK 11.494 iscritti

facebook.com/catiuscia.marini

TWITTER 3.222 iscritti


YOUTUBE 11 iscritti - 2.436 visualizzazioni

twitter.com/CatiusciaMarini
youtube.com/channel/UCQjD9pC3_hfqJGYeeo3aIVA

15. Luciano DAlfonso


Regione Abruzzo
FACEBOOK 12.226 iscritti

facebook.com/luciano.dalfonso.14

TWITTER 2.378 iscritti

twitter.com/lucianodalfonso

YOUTUBE 1 iscritto - 536 visualizzazioni

youtube.com/user/lucianodalfonso

39

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

16. Gerardo Mario Oliverio


Regione Calabria
FACEBOOK 9.488 iscritti

facebook.com/OliverioMarioG

TWITTER 3.368 iscritti

twitter.com/Oliverio_MarioG

YOUTUBE 7 iscritti - 8.078 visualizzazioni

youtube.com/user/SegreteriaPolitica

17. Ugo Rossi


Regione Autonoma Trentino Alto Adige
FACEBOOK 6.896 iscritti

facebook.com/ugorossi63

TWITTER 2.901 iscritti

twitter.com/UgoGma
youtube.com/channel/UCgkmgJKG0ldtMmRoHZL8NQ

YOUTUBE 2 iscritti - 1.583 visualizzazioni

18. Paolo di Laura Frattura


Regione Molise
FACEBOOK 6.879 iscritti

facebook.com/paolo.dilaurafrattura

TWITTER 997 iscritti

twitter.com/PaoloFrattura

YOUTUBE 14 iscritti - 8.505 visualizzazioni

youtube.com/user/PaoloFrattura

19. Luca Ceriscioli


Regione Marche
FACEBOOK 4.339 iscritti

facebook.com/lucacerisciolipresidente

TWITTER 1.115 iscritti

twitter.com/ceriscioliluca

YOUTUBE 0 iscritti - 1.491 visualizzazioni

youtube.com/channel/UCBPoC7dJy4QD9GrImZOtV2g

20. Augusto Rollandin


Regione Autonoma Valle dAosta
FACEBOOK (Non presente)
TWITTER 1.905 iscritti

twitter.com/ARollandin

YOUTUBE (Non presente)

40

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

Questa pagina stata lasciata intenzionalmente bianca.

41

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting

Analisi della strategia delle Regioni italiane sui social media

http://consulting.derev.com
E-MAIL: consulting@derev.com
WEB:

facebook.com/about.DeRev
TWITTER: twitter.com/DeRevOfficial

FACEBOOK:

DeRev S.r.l.
Via dei Mille, 1 80121 Napoli, Italia
Via B. Quaranta, 40 20139 Milano, Italia
Codice Fiscale / Partita IVA: 07255501210

42

2015 (CC) DeRev Social Media Consulting