Sei sulla pagina 1di 6

VI GRANDEZZE OPERATIVE DELLE MACCHINE OPERANTI CON FLUIDI

COMPRIMIBILI.
VI-1) Lavoro di compressione e d'espansione.
Dall'equazione dell'energia per sistemi aperti:
v 22 v12
+ g( z2 z1 )
2
si possono dedurre alcune espressioni comunemente usate nel campo delle macchine operanti con
fluidi comprimibili.
qe le = h2 h1 +

Ventilatori.
E' nullo, o comunque trascurabile, la variazione d'energia potenziale gravitazionale e la variazione
di pressione generalmente contenuta, s da poter trascurare la variazione di densit. Analogamente
a quanto visto per le pompe e nell'ipotesi di trasformazione adiabatica, energia cinetica all'ingresso
della macchina trascurabile, il lavoro scambiato con l'esterno sar dato da:
v2 l
le = le = h2 h1 + 2 = m
2 i
2
p p1 v 2
+
dove con lm = 2
si indicata la prevalenza del ventilatore e con i il rendimento

2
idraulico. Per quanto riguarda la differenza di pressione ottenibile con un ventilatore, essa limitata
a 10 4 Pa per i ventilatori ad elevata prevalenza ( 1.1 a pressione atmosferica) ed inferiore
per quelli a media e bassa prevalenza. Per alcune applicazioni non inoltre trascurabile rispetto a
p2 p1
il termine relativo all'energia cinetica allo scarico della macchina, che costituisce, al

contrario, l'effetto utile, com' per le soffianti degli scambiatori a fasci tuberi, con aria a
circolazione forzata all'esterno del fascio, o in altre applicazioni.
Trasformazioni isoterme reversibili.
Trascurando le variazioni d'energia cinetica e potenziale gravitazionale, ed essendo per un gas
perfetto l'entalpia funzione della sola temperatura, per una compressione isoterma si potr scrivere:
(VI-1)
lc = le = qe = RT ln c
p
dove si introdotto il rapporto di compressione c = 2 .
p1
Mentre, per un'espansione ideale sar:
1
lt = le = RT ln
(V-1')
e
p
dove con e = 2 si indicato il rapporto d'espansione. Spesso nella pratica si definisce come
p1
p
rapporto d'espansione il suo inverso e = 1 , ed in tal caso sar, ovviamente, lt = le = RT ln e .
p2
Trasformazioni adiabatiche reversibili (isoentropiche).

38

Trascurando come sopra le variazioni d'energia gravitazionale e d'energia cinetica, il lavoro di


compressione sar dato da:
RT
lcid = le = h2' h1 = c p (T2' T1 ) = 1 ( c 1)
(VI-2)

k 1
dove =
. Il lavoro d'espansione varr:
k
RT
ltid = le = h1 h2' = c p (T1 T2' ) = 1 (1 e )
(VI-2'')

Dall'osservazione delle relazioni (VI-1) e (VI-2), si pu dedurre che il lavoro scambiato lungo una
trasformazione isoterma equivalente all'energia termica scambiata durante la trasformazione,
mentre, per una trasformazione adiabatica, il lavoro scambiato con l'esterno equivalente
all'energia termica scambiata lungo un'isobara che evolva tra le stesse temperature iniziali e finali
dell'adiabatica.
In fig. VI-1 sono rappresentate in un piano termodinamico (T, s) trasformazioni isoterme e
isoentropiche e i relativi lavori di compressione o d'espansione.

Fig. VI-1

In particolare, per una compressione (fig. VI-1 a), il lavoro per una compressione isoterma sar pari
2
all'area AAB1C = 1 Tds , mentre per l'isoentropica 1-2' sar pari all'area AAB 2'C = AAB1C + A1B 2' ; l'area
triangolare A1B 2' rappresenta il lavoro aggiuntivo rispetto all'isoterma dovuto all'aumento di volume
specifico del gas che si riscalda durante la compressione. In modo analogo si pu osservare che, a
causa del progressivo raffreddamento del gas durante l'espansione, il lavoro ottenibile da
un'espansione isoentropica inferiore al lavoro d'espansione di un'isoterma.
Trasformazioni reali. Lavoro di recupero e di controrecupero.
Pur nei limiti della rappresentabilit di una trasformazione reale su un piano termodinamico ed
attribuendo alle trasformazioni 1-2 solo un significato qualitativo, in fig. VI-1 sono rappresentate
anche le trasformazioni adiabatiche reali. Per una compressione, si pu osservare che:
lc = h2 h1 = c p (T2 T1 )
(VI-3)
e, in termini di aree sottese:
lc = AAB 2 D = AAB 2'C + AC12 D + A12' 2 = lcid + l p + la
Analogamente, per un'espansione sar:
lt = h1 h2 = c p (T1 T2 )
(VI-4)

39

e, ancora:

lt = AD 2 BC = AA 2' BC AA12 D + A2'12 = lcid l p + la


Il lavoro indicato con la ed evidenziato dall'area triangolare A12' 2 , rappresenta l'effetto indiretto
delle dissipazioni, legato alla natura del gas. Tale lavoro detto di controrecupero nella
compressione e di recupero nellespansione e gioca in modo diverso nei due casi (aumenta il lavoro
perso nella compressione mentre lo diminuisce nell'espansione). Questo si pu spiegare con il fatto
che l'aumento di temperatura da T2' a T2 rende comporta una variazione di volume specifico (un
lavoro di dilatazione) che contribuisce in maniera diversa al lavoro complessivo della
trasformazione.
VI-2) Rendimenti e potenze.
Si definisce rendimento isotermo di compressione il rapporto:
l
RT ln
l
is = cid
lc = cid =
da cui, per la (VI-1):
lc
is
is
e rendimento isoentropico o adiabatico di compressione il rapporto:
l
RT
l
is = cid
lc = cid = 1 ( c 1)
e per la (VI-2):
lc
is is
Per quanto gi visto in precedenza, la potenza all'asse del compressore sar data da:

(VI-5)

(VI-6)

m lc
m lcid
ml
(VI-7)
Pac =
=
= cid
mv mvis
gc
Dalle relazioni tra i lavori scambiati con l'esterno ed i salti entalpici, per una trasformazione
adiabatica si deduce immediatamente:
h h T T 1
compressione
(VI-8)
is = 2' 1 = 2' 1 = c
h2 h1 T2 T1 T2 1
T1
T
1 2
h h
T T
T1
is = 1 2 = 1 2 =
(VI-9)
espansione
h1 h2' T1 T2' 1 e
Si ricava ancora:
RT
lt = 1 is (1 e )
(VI-10)

Pac = m ltmv = m ltid mvis = m ltid gt


e:
(VI-11)
Per quanto sopra detto relativamente ai lavori di controrecupero e di recupero, appare chiaro che il
rendimento isoentropico non rappresenta un buon indice della qualit del comportamento
fluidodinamico del compressore o della turbina in quanto comprensivo di effetti legati alla natura
del fluido. Per chiarire meglio la questione possiamo fare riferimento alla fig. VI-2, in cui
rappresentata una compressione frazionata idealmente in pi stadi.
Riferendoci all'ultimo stadio di compressione e per la (VI-2), si avr:
RT
RT
h4 ' h3' = 3' ( 1)
h4 '' h3 = 3 ( 1)
e

da cui, essendo il medesimo per i due stadi:


h4 ' h3' T3'
=
<1
h4 '' h3' T3

40

da cui conseguirebbe che una macchina reversibile avrebbe un rendimento inferiore ad uno, il che
non pu essere imputato al comportamento fluidodinamico del compressore, avendo supposto nulle
le dissipazioni.

Fig. VI-2

Analoghe conclusioni possono essere tratte per l'espansione per cui un frazionamento in pi stadi
permette un lavoro disponibile maggiore che nel caso dell'espansione in un unico stadio.
Per caratterizzare il comportamento fluidodinamica del compressore preferibile, in alternativa al
rendimento isoentropico, utilizzare il rendimento politropico altrimenti definito come il rendimento
dh
dT
isoentropico dello stadio infinitesimo p = is = is , stadio per cui sono trascurabili gli effetti
dh
dT
dipendenti dalla natura del fluido. Attraverso i passaggi riportati nel cap. III, si perviene alla
relazione tra rendimento isoentropico e politropico:
c 1
(VI-12)
is =

p
c 1

da cui si deduce che, per una compressione e per un dato rendimento politropico, il rendimento
isoentropico diminuisce all'aumentare del rapporto di compressione. L'andamento della (VI-12)
riportato per un gas biatomico ( k = 1, 4 ) in fig. VI-3, l'opposto sar per l'espansione. Si pu notare

Fig. VI-3

41

dalla figura come gi per = 5 la diminuzione di rendimento isoentropico rispetto a quello


politropico sia notevolmente sensibile ( is .75 per p = 0.8 ).
VI-3) Compressione inter-refrigerata.
Nei compressori a flusso continuo la realizzazione di un raffreddamento continuo non agevole a
causa delle piccole superfici disponibili per lo scambio termico e dell'elevata velocit dei fluidi
all'interno della macchina. Al fine di ridurre le temperature del fluido e diminuire cos il lavoro di
compressione, s'interrompe la compressione ad una pressione intermedia tra quella iniziale e quella
finale e si estrae il fluido dalla macchina quando questi ha raggiunto una temperatura
eccessivamente elevata. Dopo un raffreddamento del gas mediante uno scambiatore di calore che lo
riporti pressoch alla temperatura iniziale, esso nuovamente inviato al compressore al fine di
completare la compressione. In fig. VI-4 sono riportati schematicamente gli stadi di compressione,
rappresentati separati per comodit di rappresentazione, e la successione delle trasformazioni
isoentropiche.

Fig. VI-4

L'area curvilinea tratteggiata in fig. VI-4 (b) rappresenta il lavoro di compressione risparmiato
rispetto al lavoro della compressione realizzata in un unico stadio. All'aumentare del numero di
inter-refrigerazioni tale lavoro risparmiato aumenta (il lavoro di compressione adiabatico tender al
lavoro isotermo per un numero infinito di inter-refrigerazioni), ma aumenta, evidentemente, anche
il costo dell'impianto. Per un dato rapporto di compressione, il numero di inter-refrigerazioni sar
stabilito in base ad un bilancio di ottimizzazione economica ed alla massima temperatura
ammissibile nel compressore, dipendente, quest'ultima, dal materiale impiegato.
Si pu osservare, inoltre, che per pi p1 , vale a dire per una inter-refrigerazione eccessivamente
anticipata, il lavoro di compressione risparmiato tende a zero, come pure tende a zero per pi p2 e
cio per una inter-refrigerazione troppo ritardata. La condizione ottimale per la scelta della
pressione intermedia deducibile per via analitica imponendo che sia massimo il lavoro risparmiato
o, il che lo stesso, minimo il lavoro di compressione. Facendo riferimento alla fig. VI-4 (b), per
trasformazioni isentropiche, gas ideali e nel caso di una sola inter-refrigerazione si ottiene
immediatamente:
1

p T 2
1 = i = 3

p1 T1
dove con si indicato il rapporto di compressione =

p2
. Per T3 = T1 si deduce:
p1

1 = 2 =

42

Il risultato ottenuto con la (VI-13) del tutto generalizzabile, nel senso che per trasformazioni
reversibili e nel caso in cui le temperature di fine inter-refrigerazione siano ricondotte alla
temperatura iniziale, per n inter-refrigerazioni si ricava analiticamente:
(VI-13)
i = cos t = n +1
dove con i si indicato il generico rapporto di compressione parziale.
In quest'ultimo caso, il lavoro di compressione sar dato da:
n +1
RT1
RT
lc =
i 1) = 1 ( n + 1)( i 1)
(VI-14)

(
i= 1

I risultati precedenti valgono rigorosamente solo nelle ipotesi sopra specificate, e cio:
Gas ideali
Trasformazioni reversibili
Temperatura d'inizio compressione costante per ogni compressione parziale.
Nel caso reale l'ottimizzazione risulter alterata e quindi avranno solo valore qualitativo, ma, nei
limiti di una buona approssimazione, si potranno ritenere ugualmente validi.
Anche per le turbine sar possibile realizzare un'espansione frazionata mediante un interriscaldamento o una post-combustione, la scelta del numero di frazionamenti e dei rapporti
d'espansione parziali segue, in linea generale, i criteri sopra esposti.

43