Sei sulla pagina 1di 133

` degli Studi di Siena

Universita
Facolt`a di Ingegneria

Dispense
del Corso di
Comunicazioni Elettriche

Prof. Giuliano Benelli


Ing. Filippo Nencini

Indice
1 Richiami sui Segnali Deterministici ed Aleatori
1.1 Requisiti trigonometrici . . . . . . . . . . . . . . .
1.1.1 Numeri Complessi . . . . . . . . . . . . .
1.1.2 Formule di Eulero . . . . . . . . . . . . . .
1.1.3 Fasori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 Serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.1 Propriet`a della serie di Fourier . . . . . . .
1.3 Trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . .
1.3.1 Teorema di Parseval per segnali ad energia
1.3.2 Propriet`a della Trasformata di Fourier . .
1.3.3 Teorema di Poisson . . . . . . . . . . . . .
1.4 Processi casuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.4.1 Teoria della probabilit`a . . . . . . . . . . .
1.4.2 Variabili aleatorie . . . . . . . . . . . . . .
1.4.3 Segnali Aleatori . . . . . . . . . . . . . . .
1.4.4 Segnali aleatori Gaussiani e Bianchi . . . .
1.4.5 Rumore AWGN . . . . . . . . . . . . . . .
1.4.6 Banda equivalente e Banda a 3dB . . . .

. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
finita .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

2 Prestazioni di un collegamento
3 Rumore Introdotto dai Dispositivi Elettronici
3.1 Rumore Termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.1 Temperatura Equivalente di rumore per dispositivi due
porte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.2 Figura di rumore per dispositivi due porte . . . . . .
3.1.3 Rete Attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.4 Rete Passiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.5 Formule di Friis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.6 Temperatura di Sistema . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.7 Rumore nei Ripetitori . . . . . . . . . . . . . . . . .
i

1
1
1
2
2
2
3
4
5
5
9
9
9
11
14
18
18
19
21

22
. 22
.
.
.
.
.
.
.

24
25
26
27
27
29
29

ii

Facolt`
a di Ingegneria

3.2 Rumore Shot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30


3.3 Rumore Flicker . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4 Modulazioni di Ampiezza
4.1 Modulazione AM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.1.1 Caratteristiche del segnale AM . . . . . . . . . . . .
4.1.2 Spettro del segnale AM . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.1.3 Potenza del segnale modulato AM . . . . . . . . . . .
4.1.4 Modulatori AM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.1.5 Demodulatori AM . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.1.6 Rapporto segnale-rumore nella modulazione AM . . .
4.2 Modulazione DSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.1 Caratteristiche del segnale DSB . . . . . . . . . . . .
4.2.2 Spettro del segnale DSB . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.3 Potenza di un segnale DSB . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.4 Modulatore DSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.5 Demodulatore DSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.6 Rapporto Segnale/Rumore in una modulazione DSB
4.3 Modulazione SSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.1 Caratteristiche del segnale SSB . . . . . . . . . . . .
4.3.2 Modulatori SSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.3 Demodulatori SSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.4 Rapporto Segnale/Rumore per una modulazione SSB
4.4 Modulazione vestigiale VSB . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4.1 Caratteristiche del segnale VSB . . . . . . . . . . . .
4.4.2 Modulatore VSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4.3 Demodulatore VSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.5 Circuiti per il recupero della portante . . . . . . . . . . . . .
5 Modulazioni Angolari
5.1 Modulazione di fase e di frequenza . . . . . . . . . . . . . .
5.2 Spettro di un segnale FM . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2.1 Spettro di un segnale FM nel caso di un segnale modulante sinusoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2.2 Spettro di un segnale FM nel caso di un segnale modulante multitono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2.3 Banda di trasmissione di un segnale FM (Banda di
Carson) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.3 Modulatori di frequenza e di fase . . . . . . . . . . . . . . .
5.3.1 Modulatori FM Diretti (Modulatore di Hartley) . . .
5.3.2 Modulatori FM Indiretti (Modulatore di Armstrong)

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

33
34
34
34
36
37
38
40
43
43
44
45
46
46
47
48
48
50
53
54
55
55
56
57
58

62
. 62
. 65
. 65
. 70
.
.
.
.

70
71
71
72

iii

Facolt`
a di Ingegneria

5.4 Demodulatori FM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.4.1 Demodulatore FM con discriminatore di frequenza bilanciato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.4.2 Demodulatore FM con rivelatore di zero-crossing . .
5.4.3 Demodulatore FM con PLL . . . . . . . . . . . . . .
5.5 Rapporto Segnale/Rumore nella modulazione FM . . . . . .
5.6 Effetto Soglia nella modulazione FM . . . . . . . . . . . . .
5.7 Pre-enfasi e De-enfasi nella modulazione FM . . . . . . . . .
5.8 Rapporto Segnale/Rumore nella modulazione PM . . . . . .
5.9 Schema di Ricevitore Supereterodina per trasmissione FM radio broadcasting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.10 Schema di un modulatore ed un demodulatore FM stereo . .
6 Modulazioni Digitali
6.1 Rappresentazione vettoriale dei segnali . . . . . . . . . . . .
6.2 Procedimento di ortogonalizzazione di Gram-Schmidt . . . .
6.3 Trasmissione su canali vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . .
6.4 Ricevitore ottimo a massima verosimiglianza . . . . . . . . .
6.5 Criterio Maximum A Posteriori (MAP) . . . . . . . . . . . .
6.6 Limite superiore della probabilit`a di errore (Union Bound) .
6.7 Valutazione delle prestazioni nelle modulazioni digitali . . .
6.8 Modulazione On-Off Keying (OOK) . . . . . . . . . . . . . .
6.8.1 Demodulazione coerente di un segnale OOK e probabilit`a di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.9 Modulazioni Phase Shift Keying (PSK) . . . . . . . . . . . .
6.9.1 Modulazione BPSK e probabilit`a di errore . . . . . .
6.9.2 Modulazione QPSK e probabilit`a di errore . . . . . .
6.10 Modulazioni Frequency Shift Keying (FSK) . . . . . . . . .
6.10.1 Caratteristiche della modulazione FSK . . . . . . . .
6.10.2 Modulazione BFSK . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.10.3 Demodulazione coerente di un segnale FSK e probabilit`a di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.11 Modulazione Differential Phase Shift Keying (DPSK) . . . .
6.11.1 Probabilit`a di errore di un segnale DPSK . . . . . . .

. 74
.
.
.
.
.
.
.

74
78
80
82
86
87
90

. 92
. 92
.
.
.
.
.
.
.
.

95
96
97
100
103
105
109
110
111

.
.
.
.
.
.
.

112
114
114
116
119
119
120

. 122
. 124
. 126

Capitolo 1
Richiami sui Segnali
Deterministici ed Aleatori
In questo capitolo sono descritte alcune relazioni fondamentali di trigonometria, la rappresentazione di segnali periodici in serie di Fourier, la trasformata
di Fourier e la caratterizzazione di segnali aleatori. Tali argomenti saranno
trattati menzionando soltanto gli aspetti che serviranno per la trattazione
delle modulazioni analogiche e digitali. Maggiori approfondimenti e relative
dimostrazioni saranno affrontati in altri corsi di studio.

1.1
1.1.1

Requisiti trigonometrici
Numeri Complessi

Si definisce un numero complesso


z = a + j b = |z|ej

6 z

(1.1)

dove a e b rappresentano rispettivamente la parte reale ed immaginaria di


z mentre |z| e 6 z il modulo e la fase di z. Nel piano complesso il numero
complesso z pu`o essere rappresentato come un vettore mostrato in figura 1.1.
Il complesso coniugato di un numero complesso `e cos` definito
z = a j b = |z|ej

6 z

(1.2)

inoltre la parte reale e la parte immaginaria possono essere ottenute da


modulo e fase e viceversa

a = |z|cos(6 z)
(1.3)
b = |z|sen(6 z)
1

Facolt`
a di Ingegneria

Figura 1.1: Rappresentazione di un numero complesso sul piano x y

1.1.2

|z| = a2 +b2
6 z = arctan b
a

(1.4)

Formule di Eulero

Valgono le seguenti equazioni


ej = cos j sen
e

1.1.3

cos =
sen =

ej +ej
2
ej ej
2j

(1.5)

(1.6)

Fasori

Dato un segnale sinusoidale x(t) = Acos(2f0 t + ) si indica il fasore del


segnale x(t)
z = Aej .
(1.7)
Il segnale x(t) pu`o essere recuperato dal suo fasore mediante la seguente
relazione
x(t) = Re{z ej2f0 t }.
(1.8)

1.2

Serie di Fourier

Un segnale periodico x(t) di periodo T = f10 , come mostrato in figura 1.2,


pu`o essere rappresentato mediante una serie di Fourier
x(t) =

+
X
n=

Xn ej2 T t

(1.9)

Facolt`
a di Ingegneria

in cui Xn sono i coefficienti trasformati della serie di Fourier, ottenuti dal


segnale x(t) dalla seguente relazione
1
Xn =
T

T
2

x(t)ej2 T t dt.

(1.10)

T2

Figura 1.2: Segnale periodico x(t)

Dalle due precedenti equazioni si osserva che:


`e possibile calcolare Xn da x(t) e viceversa;
n

il segnale x(t) `e esprimibile mediante una base di funzioni ej2 T t . La


proiezione di x(t) su ogni versore della base `e Xn ;
le componenti Xn sono generalmente a valori complessi;
la componente X0 =

1
T

R T2

T2

x(t)dt corrisponde al valor medio di x(t);

i valori Xn corrispondono alle proiezioni del segnale x(t) su una base


con versori a frequenze multiple della fondamentale fn = Tn = nf0 .

1.2.1

Propriet`
a della serie di Fourier

Sono elencate in questo paragrafo le principali propriet`a della serie di Fourier:


Condizione Hermitiana.
Dato un segnale reale, x(t) = x (t), `e verificata la condizione Xn =

. Questo comporta che la parte reale ed il modulo della sequenza


Xn
dei coefficienti trasformati sono sequenze pari, mentre la parte immaginaria e la fase sono sequenze dispari

Re{Xn } = Re{Xn }

Im{Xn } = Im{Xn }
(1.11)
|Xn | = |Xn |

6 Xn = 6 Xn

Facolt`
a di Ingegneria

In pi`
u se il segnale nel tempo `e reale e pari, x(t) = x(t), allora Xn
`e reale e pari; al contrario se il segnale nel tempo `e reale e dispari,
x(t) = x(t), allora Xn `e immaginario e dispari.
Esempio. Calcolo dei coefficienti trasformati di unonda rettangolare
P
Dato il segnale x(t) = +
A rect (t nT ) con < T e rect (t) = 1
se |t| e 0 altrove, si vuole calcolare Xn . Applicando la definizione
RT P
n
t
j2 T
dt =
Xn = T1 2T +
A rect (t nT )e
2
R
n
= T1 2 Aej2 T t dt
=
2
n
j2 n
j2
(1.12)
T 2
A
e
= n
e T 2 2j
=
A
= n
sen( Tn )
=

n
= A T sinc( T )
.
Teorema di Parseval per segnali periodici
La potenza di un segnale periodico pu`o essere calcolata sia nel dominio
del tempo che nel dominio della frequenza
Z T
+
X
2
1
|x(t)|2 dt =
|Xn |2
(1.13)
Px =
T
T 2
n=

1.3

Trasformata di Fourier

Per segnali ad energia finita si definisce la trasformata di Fourier di un segnale


a tempo continuo
Z
+

x(t)ej2f t dt

(1.14)

e la rispettiva antitrasformata di Fourier


Z +
x(t) =
X(f )ej2f t dt.

(1.15)

X(f ) =

Esempio
La trasformata di Fourier di un rect, x(t) = A rect (t), `e
R +
X(f ) = A rect (t)ej2f t dt =
R
= 2 Aej2f t dt
=
2

j2f
A
ej2f 2
e 2 2j
f
A
sen( f )
f

=
=
= A sinc( f )

=
=
.

(1.16)

Facolt`
a di Ingegneria

1.3.1

Teorema di Parseval per segnali ad energia finita

Lenergia di un segnale pu`e essere calcolata sia nel dominio del tempo che
nel dominio della frequenza
Z +
Z +
2
x =
|x(t)| dt =
|X(f )|2 df
(1.17)

dove |X(f )|2 `e la densit`a spettrale di energia del segnale x(t).

1.3.2

Propriet`
a della Trasformata di Fourier

In questo paragrafo sono elencate le principali propriet`a della trasformata di


Fourier:
Condizione Hermitiana.
Dato un segnale reale, x(t) = x (t), `e verificata la condizione X(f ) =
X (f ). Questo comporta che la parte reale ed il modulo della trasformata di Fourier sono funzioni pari, mentre la parte immaginaria e
la fase sono funzioni dispari

Re{X(f )} = Re{X(f )}

Im{X(f )} = Im{X(f )}
(1.18)
|X(f )| = |X(f )|

6 X(f ) = 6 X(f )
In pi`
u se il segnale nel tempo `e reale e pari, x(t) = x(t), allora X(f )
`e reale e pari; al contrario se il segnale nel tempo `e reale e dispari,
x(t) = x(t), allora X(f ) `e immaginario e dispari.
Dualit`
a
Trasformata ed antitrasformta differiscono soltanto per un segno:
FT

t=f

FT

x(t) X(f ) = X(t) x(f )

(1.19)

nel dominio del tempo, mentre nel dominio della frequenza


IF T

t=f

IF T

X(f ) x(t) = x(f ) X(t).

(1.20)

Esempio. Calcolo dellEnergia.


Si vuole calcolare lenergia del segnale x(t) = A sinc( t). Per la prima
propriet`a della dualit`a `e noto che x(t) = A rect (t) ha come trasformata
di Fourier X(f ) = A sinc( f ) da cui X(t) = A sinc( t) ha come

Facolt`
a di Ingegneria

trasformata x(f ) = A rect (f ) = A rect (f ) essendo il rect una


funzione pari.
Sfruttando il teorema di parseval si ottiene che
Z +
Z +
2
2
A2 df = A2
(1.21)
x =
|X(f )| df =
2

Linearit`
a
La trasformata della somma di due o pi`
u segnali `e uguale alla somma
di ogni singola trasformata
F T {a x1 (t) + b x2 (t)} = a X1 (f ) + b X2 (f )

(1.22)

Valore medio e valore iniziale


Il valor medio del segnale x(t) `e uguale al valore della trasformata in
f =0
Z
+

mx =

x(t)dt = X(f = 0)

(1.23)

il valore del segnale in t = 0 corrisponde alla media nel dominio della


frequenza
Z +
x(t = 0) =
X(f )df
(1.24)

Traslazione nel tempo


FT

z(t) = x(t T ) Z(f ) = X(f )ej2f T

(1.25)

Traslazione in frequenza
IF T

Z(f ) = X(f f0 ) z(t) = x(t)ej2f0 t

(1.26)

Esempio
Si vuole calcolare lantitrasformata di Fourier per il seguente segnale
X(f f0 ) + X(f + f0 ). Applicando la propriet`a della traslazione in
frequenza si ottiene:
IF T

X(f f0 ) + X(f + f0 ) x(t)ej2f0 t + x(t)ej2f0 t = 2x(t)cos(2f0 t)


(1.27)
Cambiamento di scala
F T {x(at)} =

1 f
X
|a|
|a|

(1.28)

Facolt`
a di Ingegneria

Trasformate di:
delta di dirac.
Introducendo la definizione di delta di dirac

t=0
(t) =
0 altrimenti
e

(1.29)

(t)dt = 1

(1.30)

la trasformata di Fourier della delta `e uguale ad una costante


F T {A(t)} = A

(1.31)

F T {A} = A(f ).

(1.32)

costante.
Per la propriet`a duale

Esempio
Si vuole calcolare la trasformata di Fourier di x(t) = A cos(2f0 t+
):
x(t) =

A j(2f0 t+) j(2f0 t+) F T


A
e
+e
X(f ) = (ej (f f0 )+ej (f +f0 ))
2
2
(1.33)

Risposta impulsiva e convoluzione


In un sistema lineare tempo-invariante (LTI) che caratterizza un sistema fisico come ad esempio un mezzo trasmissivo (cavo elettrico, fibra
ottica, ecc...) pu`o essere calcolata la risposta impulsiva
h(t) = y(t)|x(t)=(t)

(1.34)

luscita per un generico segnale in ingresso `e data dal prodotto di


convoluzione tra la risposta impulsiva ed il segnale in ingresso
Z +
y(t) = h(t) x(t) =
h(t )x( )d
(1.35)

Moltiplicazione in frequenza e nel tempo

Facolt`
a di Ingegneria

Moltiplicazione in frequenza
FT

x1 (t) x2 (t) X1 (f ) X2 (f )

(1.36)

Esempio
Si vuole calcolare la trasformata di Fourier della funzione triangolo:

1 |fT | |f | T
x(t) = trianT (t) =
(1.37)
0
altrove
La funzione triangolo pu`o essere espressa come un prodotto di convoluzione tra due funzioni rect della stessa durata T2 , trianT (t) =
1
rectT (t) rectT (t). Applicando la propriet`a del prodotto in
T
frequenza si ottiene
X(f ) =

1
T sinc(T f ) T sinc(T f ) = T sinc2 (T f )
T

(1.38)

Moltiplicazione nel tempo


IF T

X1 (f ) X2 (f ) x1 (t) x2(t)

(1.39)

Esempio
Sono noti i segnali x1 (t) = A rectT (t) e x2 (t) = cos(2f0 t), si vuole
calcolare la trasformata di Fourier del segnale z(t) = x1 (t) x2 (t).
Sfruttando la propriet`a della moltiplicazione nel tempo si ottiene
Z(f ) = X1 (f ) X2 (f )
=
1
= T sinc(T f ) 2 ((f f0 ) + (f + f0 )) =
= T2 sinc(T (f f0 ) + T2 sinc(T (f + f0 )) .

(1.40)

Derivazione ed integrazione nel tempo


Derivata
d x(t) F T
j2f X(f )
dt

(1.41)

Esempio
Si vuole verificare la propriet`a della derivata per x(t) = cos(2f0 t).
La derivata del segnale `e uguale a 2f0 sen(2f0 t), nel dominio
spettrale invece la trasformata della derivata del coseno vale
=
j2f 21 ((f f0 ) + (f + f0 ))
= j2f0 12 ((f f0 ) (f + f0 )) =
= 2f0 2j1 ((f f0 ) (f + f0 )) =

Facolt`
a di Ingegneria

Il risultato ottenuto antitrasformando lultima espressione `e uguale alla funzione coseno derivata nel tempo.
Integrale
Z

FT

x( )d

1.3.3

X(f )
j2f

(1.42)

Teorema di Poisson

Un segnale periodico x(t) con periodo T ha la seguente trasformata di Fourier


X(f ) =

+
n
1 X n
f
G
T n=
T
T

(1.43)

dove G(f ) `e la trasformata di Fourier del segnale g(t) corrispondente al segnale x(t) su un solo periodo T .
Il risultato delleq.(1.43) si ottiene dal teorema di Poisson di cui non viene
svolta la dimostrazione. Tale teorema afferma che la trasformata di un serie
infinita di delta `e ancora nel dominio trasformata una serie infinita di delta
1 X
1
n
T (t) =
(t nT ) 1 (f ) =
f
T
T
T
T

+
X

1.4
1.4.1

FT

(1.44)

Processi casuali
Teoria della probabilit`
a

Il concetto di probabilit`a `e legato al concetto di esperimento casuale in cui


il valore di uscita non pu`o essere definito con certezza ed in cui eventi elementari sono ritenuti equiprobabili. La probabilit`a di un evento, secondo la
definizione classica, `e il rapporto tra il numero di casi favorevoli ed il numero
di casi possibili, purch`e questi ultimi siano ugualmente possibili:
PA =

nA
.
ntot

(1.45)

Alcuni esperimenti casuali legati al concetto di probabilit`a sono ad esempio il


lancio di una moneta per testa o croce, il lancio di un dado a sei facce oppure
la scelta di una carta da un mazzo di carte. In ognuno dei tre esperimenti
elencati non `e possibile stabilire quale sar`
SaNlesito esatto dellesperimento.
Lo spazio delle possibili uscite = i=1 i pu`o essere a valori discreti
quando il numero delle possibili uscite `e finito, mentre `e a valori continui

Facolt`
a di Ingegneria

10

quando il numero di uscite `e infinito.


Con E inoltre viene indicato un evento di un sottoinsieme di , in modo da
poter definire la probabilit`a di quellevento, P (E).
Consideriamo adesso le propriet`a principali della probabilit`a:
La probabilit`a di un evento `e sempre compresa tra 0 ed 1
0 P (E) 1;

(1.46)

La probabilit`a di un evento nullo `e 0


P (E = null) = 0;

(1.47)

La probabilit`a di un evento che contiene tutte le possibili uscite `e uguale


ad 1
P (E = ) = 1;
(1.48)
La probabilit`a di un evento complementare `e uguale ad 1 meno la
probabilit`a dellevento stesso
P (E) = 1 P (E);

(1.49)

La probabilit`a dellunione di due eventi `e uguale alla somma delle


probabilit`a dei due eventi meno la probabilit`a dellintersezione
P (E1 E2 ) = P (E1 ) + P (E2 ) P (E1 E2 );

(1.50)

Se E1 E2 allora
P (E1 ) P (E2 )

(1.51)

La Probabilit`
a condizionata di due eventi E1 e E2 con rispettive
probabilit`a P (E1 ) e P (E2 ) `e definita come
(
P (E1 E2 )
P (E2 ) 6= 0
P (E2 )
P (E1 |E2 ) =
(1.52)
0
altrimenti
se i due eventi sono statisticamente indipendenti allora P (E1 |E2 ) =
P (E1 ) e P (E1 E2 ) = P (E1 ) P (E2 );
Teorema della Probabilit`
a Totale S
N
Dato un insieme N di eventi {Ei }N
i=1 con
i=1 Ei = e Ei Ej = null
i, j con i 6= j, la probabilit`a di un evento generico A `e calcolata come
somma pesata delle probabilit`a condizionate agli eventi Ei :
P (A) =

N
X
i=1

P (A|Ei ) P (Ei )

(1.53)

Facolt`
a di Ingegneria

11

Teorema di Bayes
Dati due eventi A e B il Teorema di Bayes consente di scambiare i
termini sulle probabilit`a condizionate
P (B|A) =

1.4.2

P (A|B) P (B)
P (A)

(1.54)

Variabili aleatorie

Una variabile aleatoria x `e il risultato numerico di un esperimento quando


questo non `e deterministico. Ad esempio il risultato del lancio di un dado
a sei facce pu`o essere matematicamente modellizzato come una variabile casuale che pu`o assumere uno dei sei possibili valori 1, 2, 3, 4, 5, 6.
Pi`
u formalmente dato , la variabile aleatoria x `e una funzione misurabile
dallo spazio allo spazio Euclideo.
Ad ogni variabile aleatoria X `e associata la sua funzione distribuzione cumulativa, Fx (x), che assegna ad ogni sottoinsieme, dellinsieme dei possibili
valori di x, la rispettiva probabilit`a:
Fx (x) = P (x x).

(1.55)

Sono elencate di seguito alcune propriet`a della Fx (x):


0 Fx (x) 1;
Fx (x) non `e una funzione decrescente;

lim Fx (x) = 0 e lim Fx (x) = 1;

n+

P (a x b) = Fx (b) Fx (a).
Si definisce inoltre la funzione densit`a di probabilit`a:
fx (x) =

d Fx (x)
dx

Alcune propriet`a della funzione densit`a di probabilit`a:


fx (x) 0 x;
R +
fX (x)dx = 1;

Rb

fx (x)dx = P (a x b);
Rx
Fx (x) = fx (x)dx.
a

(1.56)

Facolt`
a di Ingegneria

12

Esempio (Variabile aleatoria uniforme)


Una variabile aleatoria uniforme ha la seguente funzione densit`a di
probabilit`a
1
a<x<b
(ba)
fx (x) =
(1.57)
0
altrimenti
come mostrato in figura 1.3(a), e la seguente funzione distribuzione

x<a
0
(xa)
a<x<b
(1.58)
Fx (x) =
(ba)
1
x>b
Esempio (Variabile aleatoria gaussiana)
Una variabile aleatoria gaussiana ha la seguente funzione densit`a di
probabilit`a
(xm)2
1
fx (x) =
(1.59)
e 22
2 2
come mostrato in figura 1.3(b), e la seguente funzione distribuzione
Z x
(xm)2
1

(1.60)
Fx (x) =
e 22 dx.
2 2

I termini m e determinano la posizione e lallargamento dellandamento a campana della funzione. Per caratterizzare una variabile aleatoria
gaussiana spesso si indica N(m, ), cio`e si specificano i due termini m
e .
Lespressione della FX (x) pu`o essere scritta anche nella forma:
Z +
x m
(xm)2
1

Fx (x) = 1
(1.61)
e 22 dx = 1 Q

2 2
x
dove

Q(x) =
x

t2
1
e 2 dt.
2

(1.62)

Nel caso in cui si abbiano funzioni di variabili aleatorie y = g(x), la densit`a


di probabilit`a di y pu`o essere determinata dalla densit`a di probabilit`a di x
mediante la seguente equazione:
X fx (xi )

(1.63)
fy (y) =

0
i |g (x)|
x=xi

dove gli zeri di xi = g 1 (yi ) si ottengono invertendo la relazione y = g(x).

13

Facolt`
a di Ingegneria

Figura 1.3: Variabile aleatoria con: a) densit`a di probabilit`a uniforme; b) densit`a di


probabilit`a gaussiana

Esempio
Si consideri la seguente variabile aleatoria composta y = a x + b, la
densit`a di probabilit`a di X `e N(0, 1), si vuole determinare la densit`a di
probabilit`a di Y.

0

Noto che |g (xi )| = |a| e che xi =


quindi fy (y) = N(b, a).

yb
,
a

si ottiene fy (y) =

fx

yb
a

|a|

Sono elencate adesso le principali statistiche che possono essere calcolate su


una variabile aleatoria:
Media dinsieme
Z

mx = E[x] =

x fx (x)dx

(1.64)

Facolt`
a di Ingegneria

dove il termine E[] `e indicato come il valore aspettato.


Se la variabile aleatoria `e una funzione composta allora
Z +
my = E[y = g(x)] =
g(x) fx (x)dx;

14

(1.65)

Valore Quadratico Medio (V.Q.M.)


Z +
2
V.Q.M. = E[x ] =
x2 fx (x)dx

(1.66)

e nel caso di funzione composta


Z
2

V.Q.M. = E[y ] =

g 2 (x) fx (x)dx;

(1.67)

Varianza
x2 = E[(x mx )2 ] = V.Q.M (x) m2x

(1.68)

e nel caso di funzione composta


y2 = E[(y my )2 ] = V.Q.M (y) m2y .

1.4.3

(1.69)

Segnali Aleatori

Un segnale aleatorio, indicato con il termine x(t), pu`o avere le due seguenti
definizioni:
1. una collezione infinita di segnali deterministici ottenuti fissando, per
ogni realizzazione, il termine aleatorio;
2. una serie infinita ed ordinata nel tempo di variabili aleatorie.
Per caratterizzare completamente un segnale aleatorio `e necessario fornire
la densit`a di probabilit`a congiunta su ogni possibile combinazione di istanti
temporali:
(t1 , t2 , ..., tn ) fx(t1 ),x(t2 ),...,x(tn ) (x1 , x2 , ..., xn )

(1.70)

valido t1 , ..., tn .
Un segnale aleatorio `e descritto dalle sue statistiche di ordine M quando
leq.(1.70) vale n M . Nei sistemi di telecomunicazioni si richiede tipicamente M = 2, in modo da conoscere fx (x) e fx(t1 ),x(t2 ) (x1 , x2 ).
Sono riportate adesso le principali misure statistiche di un segnale aleatorio:

Facolt`
a di Ingegneria

15

Media dinsieme
Z

mx(t) = E[x(t)] =

x fx(t) (x)dx

(1.71)

e per segnali aleatori composti


Z

my(t) = E[y(t) = g(x(t))] =

g(x)fx(t) (x)dx

(1.72)

Esempio
Si consideri il seguente segnale aleatorio y(t) = A cos(2f0 t + ) di cui
si conosce le densit`a di probabilit`a della variabile aleatoria
1
0 2
2
f () =
0 altrimenti
Si vuole calcolare la media dinsieme. Applicando la definizione si
ottiene
Z 2
1
A
my(t) = E[y(t)] =
A cos(2f0 t+) d =
sen(2f0 t+)|2
0 = 0
2
2
0
(1.73)
Funzione di Autocorrelazione
Rx(t1 ),x(t2 ) (t1 , t2 ) = E[x(t1 ) x(t2 )] =
R + R +
= x1 x2 fx(t1 ),x(t2 ) (x1 , x2 )dx1 dx2

(1.74)

e per segnali aleatori composti


Ry(t1 ),y(t2 ) (t1 , t2 ) = E[y(t1 ) y(t2 )]
R + R +
= g(x1 )g(x2 ) fx(t1 ),x(t2 ) (x1 , x2 )dx1 dx2

(1.75)

Si elencano alcune propriet`a della funzione di autocorrelazione:


La funzione di autocorrelazione `e una funzione pari
Rx(t1 ),x(t2 ) (t1 , t2 ) = Rx,x ( = t2 t1 ) = Rx,x ( );

(1.76)

Il massimo della funzione di autocorrelazione `e in = 0


|Rx,x ( )| Rx,x (0);

(1.77)

Se si verifica che T0 tale che Rx,x (T0 ) = Rx,x (0) allora k vale
che Rx,x (T0 ) = Rx,x (0).

Facolt`
a di Ingegneria

16

Esempio
Si vuole calcolare la funzione di autocorrelazione dellesercizio precedente:
Ry(t1 ),y(t2 ) (t1 , t2 ) = E[A cos(2f0 t1 + ) A cos(2f0 t2 + )] =
2
= A2 E[cos(2f0 (t2 t1 )) + cos(2f0 (t1 + t2 ) + 2)] =
2
2
= A2 cos(2f0 (t2 t1 )) = A2 cos(2f0 ).
(1.78)
Valore Quadratico medio (V.Q.M.)
V.Q.M. = E[x2 (t)] = Rx,x (t1 , t1 ).

(1.79)

Il V.Q.M di un segnale aleatorio corrisponde alla potenza media del


processo.
Varianza
2
x(t)
= E[(x(t) mx(t) )2 ] = E[x(t)2 ] m2x(t) ;

(1.80)

Funzione di Crosscorrelazione
Rx,y (t1 , t2 ) = E[x(t1 )y(t2 )];

(1.81)

Funzione di Covarianza
Cx,x (t1 , t2 ) = E[(x(t1 ) mx(t1 ) ) (x(t2 ) mx(t2 ) )];

(1.82)

Funzione di Crosscovarianza
Cx,y (t1 , t2 ) = E[(x(t1 ) mx(t1 ) ) (y(t2 ) my(t2 ) )].

(1.83)

Sono elencate adesso le principali propriet`a dei segnali aleatori:


Stazionariet`
a di un processo.
Un processo si dice stazionario in senso stretto quando si verifica che la
densit`a di probabilit`a congiunta su n istanti temporali dipende soltanto
dalla posizione relativa degli istanti temporali e non dai valori stessi
fx(t1 ),x(t2 ),...,x(tn ) (x1 , x2 , ..., xn )
=
= fx(t1 +),x(t2 +),...,x(tn +) (x1 , x2 , ..., xn )

(1.84)

valido t1 , t2 , ..., tn . Un processo si dice stazionario in senso lato


quando si verificano le due condizioni:

17

Facolt`
a di Ingegneria

1. la media dinsieme non dipende dal tempo


mx(t) = mx

(1.85)

2. la funzione di autocorrelazione dipende soltanto dalla distanza


relativa tra t2 e t1 e non dai valori stessi
Rx(t1 ),x(t2 ) (t1 , t2 ) = Rx(t1 ),x(t2 ) (t2 t1 = )

(1.86)

Densit`
a spettrale di potenza media di un segnale aleatorio
Per un segnale aleatorio la Trasformata di Fourier non pu`o essere calcolata. Per avere quindi una rappresentazione spettrale si valuta la densit`a spettrale di potenza media ottenuta dalla trasformata di Fourier
della funzione di autocorrelazione:
Z +
Px,x (f ) =
Rx,x ( )ej2f d.
(1.87)

E definita anche lantitrasformata di Fourier della densit`a spettrale di


potenza media
Z +
Rx,x ( ) =
Px,x (f )ej2f df.
(1.88)

Per la densit`a spettrale di potenza media `e sempre verificato che:


Px,x (f ) 0 f ;
Px,x (f ) = Px,x (f );
Px = Rx,x ( = 0) =
media del processo.

R +

Px,x (f )df corrispondente alla potenza

Esempio
La densit`a spettrale di potenza media di un segnale aleatorio la cui
2
funzione di autocorrelazione `e Rx,x ( ) = A2 cos(2f0 ) vale
Px,x (f ) =

A2
((f f0 ) + (f + f0 ))
4

Segnali aleatori in ingresso a sistemi lineari tempo-invarianti


Un segnale aleatorio x(t) stazionario in senso lato in ingresso ad un
sistema LTI caratterizzato dalla risposta impulsiva h(t) genera in uscita
al sistema un segnale, y(t), anchesso stazionario in senso lato in cui la
media, la funzione di crosscorrelazione e la funzione di autocorrelazione
valgono:

Facolt`
a di Ingegneria

Media

18

my = mx

h(t)dt = mx H(f = 0)

(1.89)

Crosscorrelazione
FT

Rx,y ( ) = Rx,x ( ) h( ) Px,y (f ) = Px,x (f ) H (f ) (1.90)


Autocorrelazione
FT

Ry,y ( ) = Rx,x ( ) h( ) h( ) Px,y (f ) = Px,x (f ) |H(f )|2


(1.91)
Esempio
Un segnale aleatorio la cui funzione di autocorrelazione `e y(t) = A cos(2f0 t+
) viene posto in ingresso ad un sistema derivatore. Si vuole calcolare
la funzione di autocorrelazione del segnale aleatorio alluscita del sistema.
La trasformata di Fourier di un sistema derivatore `e H(f ) = j2f ,
sfruttando leq.(1.91) si ottiene
Px,x (f ) = |H(f )|2 Px,x (f ) =
2
= 4 2 f 2 A4 ((f f0 ) + (f + f0 )) = 4 2 f02

A2
((f
4

f0 ) + (f + f0 ))

da cui antitrasformando
Ry,y ( ) = 2 2 f02 A2 cos(2f0 )

1.4.4

Segnali aleatori Gaussiani e Bianchi

Un segnale aleatorio si definisce gaussiano e bianco quando la densit`a di


probabilit`a congiunta per ogni ordine n `e gaussiana e quando la densit`a
spettrale di potenza media `e costante f , Px,x (f ) = C.
Il rumore termico, trattato nel capitolo 3, `e un esempio di segnale aleatorio
gaussiano e bianco.

1.4.5

Rumore AWGN

Il rumore AWGN, n(t), `e un segnale aleatorio che soddisfa le seguenti condizioni:


rumore stazionario in senso lato;
segnale aleatorio additivo sul segnale utile;

Facolt`
a di Ingegneria

19

segnale aleatorio gaussiano e bianco;


segnale aleatorio con media dinsieme nulla.
La costante della densit`a spettrale di potenza media viene indicata con il
termine N20 se viene fatto riferimento alla densit`a bilatera, altrimenti N0 se
viene fatto riferimento alla densit`a monolatera.

1.4.6

Banda equivalente e Banda a 3dB

Banda equivalente
La definizione di Banda equivalente per un sistema LTI con risposta
impulsiva h(t) `e la seguente:
R +
|H(f )|2 df
Beq = 0
.
(1.92)
max|H(f )|2
Il significato di banda equivalente `e quello di avere un sistema LTI equivalente in cui Heq (f ) ha un andamento passa-basso ideale con banda
(Beq , Beq ) ed ampiezza max|H(f )|2 ed in cui, se in ingresso `e posto
un segnale aleatorio bianco, la potenza media dei due sistemi (reale ed
equivalente) `e uguale:
Z
N0
N0 +
|H(f )|2 df
Py =
max|H(f )|2 2Beq
(1.93)
2
2
Banda a 3dB
E definita come la frequenza del filtro H(f ) di un sistema LTI che
verifica la condizione:
1
|H(f3dB )|2 =
(1.94)
2
Esempio
Sia h(n) la risposta impulsiva di un sistema LTI la cui risposta in frequenza
`e
1
.
(1.95)
H(f ) =
1 + j ffc
Si richiede di calcolare la banda equivalente e la banda a 3dB.
Per quanto riguarda la banda equivalente:
|H(f )|2 =
1+

1
2
f
fc

Facolt`
a di Ingegneria

20

con
max|H(f )|2 = 1 in f = 0
e
Z

+
0

1+

1
2 df =f fc
f
fc

v= f

+
0

1
dv = fc atan(v)|+
= fc .
0
2
1+v
2

La banda equivalente `e quindi uguale a Beq = 2 fc .


Per quanto riguarda invece la banda a 3dB si ottiene

1+

1
1
2 =
2
f
fc

da cui B3dB = fc . Da cui si osserva che in questo esempio la Beq > B3dB

Capitolo 2
Prestazioni di un collegamento
Si faccia riferimento alle slides Prestazioni di un collegamento consultabili
alla Home Page del corso.

21

Capitolo 3
Rumore Introdotto dai
Dispositivi Elettronici
In questo capitolo sono descritte le principali fonti del processo di rumore presenti nei sistemi di telecomunicazione, e di come ne venga tenuto in
considerazione in fase progettuale. Vedremo che il rumore `e modellato matematicamente come un segnale aleatorio, da cui `e possibile calcolare la potenza
media, utile nel calcolo del rapporto segnale-rumore caratterizzante il sistema di trasmissione. Principalmente tratteremo il rumore termico in quanto
in ogni collegamento tra modulatore e demodulatore avremo sempre a che
fare con questa forma di rumore.

3.1

Rumore Termico

Ogni elemento conduttore `e caratterizzato da perdite resistive, che circuitalmente indichiamo con R. Un resistore che si trova ad una temperatura
superiore allo zero Kelvin (0 K) produce ai suoi capi una tensione rumorosa
misurabile a circuito aperto. Tale tensione rumorosa `e dovuta allagitazione termica degli elettroni che si muovono in modo caotico allinterno della
resistenza. La resistenza rumorosa, Rn , `e possibile rappresentarla equivalentemente come un resistore non rumoroso in serie ad un generatore di tensione,
figura 3.1. Il generatore produce un segnale aleatorio di tensione, v(t), la cui
densit`a spettrale di potenza media `e
Pv,v (f ) =

2Rh|f |
h|f |

e kT 1

(3.1)

dove h `e la costante di Plank, uguale a 6.63 1034 , T `e la temperatura del


resistore espressa in gradi Kelvin e k `e la costante di Boltzmann, uguale a
22

Facolt`
a di Ingegneria

23

1.38 1023 .
La trasformazione che consente di esprimere una temperatura da gradi centigradi a gradi kelvin `e la seguente
T k = T C + 273.

(3.2)

Inoltre la temperatura T = 17 C corrispondente a T = 290K `e indicata come


temperatura ambiente T0 .
|
Se si considera a temperatura ambiente la condizione h|f
<< 1 che corrikT0

Figura 3.1: Resistenza rumorosa e rappresentazione equivalente

sponde a |f | << kTh0 = 6 1012 , `e verificata per ogni modulazione che tratteremo nei successivi capitoli, quindi lespressione delleq.(3.1) pu`o essere cos`
approssimata:
2Rh|f |
= 2RkT
(3.3)
Pv,v (f )
=
|
1 + h|f
1
kT
Si osserva quindi che il rumore termico sulle frequenze che interesseranno
le modulazioni trattate pu`o essere considerato come un segnale aleatorio
bianco in quanto nellespressione della densit`a spettrale di potenza media
non compare dipendenza dalla frequenza.
Il massimo trasferimento di potenza della resistenza rumorosa ad un carico
Zc si verifica quando Zc = R, figura 3.2. La massima potenza sul carico `e
Pc =

E[v2 (t)]
.
4R

(3.4)

Facolt`
a di Ingegneria

24

Se la densit`a spettrale di potenza media del rumore termico `e calcolata sulla


banda del segnale utile modulante (cio`e il segnale informativo che deve essere
trasmesso), si ottiene
RB
Pv,v (f )df
2RkT (2B)
kT
Pc = B
=
=
(2B) = kT B
(3.5)
4R
4R
2
dove il termine
bilatera).

kT
2

viene indicato con

N0
2

(densit`a spettrale di potenza media

Figura 3.2: Trasferimento di potenza della resistenza rumorosa ad un carico Zc

3.1.1

Temperatura Equivalente di rumore per dispositivi due porte

Si consideri una rete due porte mostrata in figura 3.3 in cui sono note le
tensioni e le correnti in ingresso ed in uscita, Vi , Vu , Ii e Iu . Per tale dispositivo pu`o essere definito il guadagno in tensione, in corrente o in potenza del
dispositivo:
GV = VVui
GI = IIui
(3.6)
GP = PPui
Nella trattazione successiva faremo sempre riferimento al guadagno in potenza, GP = G.
Per definire la temperatura equivalente consideriamo quindi di avere un

Facolt`
a di Ingegneria

25

Figura 3.3: Dispositivo due porte

dispositivo due porte al cui ingresso `e posta una resistenza rumorosa e che le
impedenze viste dalla porta di ingresso e di uscita siano poste in condizione
di massimo trasferimento di potenza, figura 3.4(a). Per tale dispositivo la
potenza media in uscita `e uguale a
Pu = G Pi + Pd = GkTi B + Pd

(3.7)

dove Pd `e la potenza media di rumore, di cui non ne conosciamo la natura,


introdotta dal dispositivo.
La temperatura equivalente rappresenta lincremento di temperatura che deve essere fornita al resistore di ingresso in modo tale da ottenere la stessa
potenza media di rumore in uscita al dispositivo supposto non rumoroso,
3.4(b),:
Pu = Gk(Ti + Teq )B = GkTi B + GkTeq B = GkTi B + Pd .

(3.8)

Il termine
Tu = G (Ti + Teq )

(3.9)

prende il nome di temperatura di uscita del dispositivo due porte.

3.1.2

Figura di rumore per dispositivi due porte

La figura di rumore serve per avere una misura di rumorosit`a del dispositivo
due porte. E definita come il rapporto tra la potenza media di rumore
alluscita del dispositivo due porte e la potenza media di rumore alluscita
del dispositivo supponendo che la rete due porte non introduca rumore:
F =

Pu
G Pi

(3.10)

Esprimendo con Si ed Su le potenze medie in ingresso ed uscita al dispositivo


del segnale utile, leq.(3.10) pu`o essere scritta anche come
F =

Pu
Pu
Si
SN Ri
Si

=
.
Si G P i
G Si P i
SN Ru

(3.11)

Facolt`
a di Ingegneria

26

Figura 3.4: Temperatura equivalente: a) dispositivo rumoroso; b) rappresentazione


equivalente con dispositivo due porte non rumoroso ed incremento della temperatura di
ingresso di Teq

Leq.(3.10) `e sempre maggiore o uguale ad 1 visto che la potenza media di


rumore in uscita potr`a essere uguale al limite alla potenza media di rumore
in ingresso amplificata in potenza.

3.1.3

Rete Attiva

Il guadagno in potenza pu`o essere maggiore di 1, in quel caso si parla di rete


attiva o di amplificatore figura 3.5(a), mentre quando `e minore di 1 si ha una
rete passiva (attenuatore) figura 3.5(b). Una rete attiva `e costituita circuitalmente da resistenze, condensatori e induttanze mentre una rete passiva da
sole resistenze. Svolgendo leq.(3.10) relativa alla figura di rumore si ottiene:
F =

Gk(Ti + Teq )B
Teq
=1+
.
GkTi B
Ti

(3.12)

Poich`e in tale espressione la figura di rumore, che rappresenta una misura


di rumorosit`a del solo dispostivo, dipende anche dalla temperatura della resistenza in ingresso, si fissa la Ti alla temperatura ambiente, ottenendo cos`
lespressione della figura di rumore e della temperatura equivalente per una
rete attiva:
Teq
F =1+
(3.13)
T0
Teq = T0 (F 1).
(3.14)
Se si vuole calcolare il SN Ru noto il SN Ri e la figura di rumore `e necessario
utilizzare la seguente equazione
SN Ru =

SN Ri
1+

Teq
Ti

SN Ri
1+

Teq
T0

T0
Ti

SN Ri
1 + (F 1)
T0
Ti

(3.15)

27

Facolt`
a di Ingegneria

Figura 3.5: Rappresentazione a blocchi di: a) un amplificatore; b) un attenuatore

3.1.4

Rete Passiva

In una rete passiva il guadagno `e minore di 1 e quindi esprimibile anche come


G=

1
A

(3.16)

dove A `e indicata con il termine di attenuazione.


Supponiamo ora tutti i componenti alla stessa temperatura e quindi Ti = Tu ,
si ottiene
Tu = G (Ti + Teq ) = Ti
(3.17)
e quindi le espressioni della temperatura equivalente e della figura di rumore
di una rete passiva valgono
1 G
Teq = Ti
= Ti (A 1)
(3.18)
G
F =1+

3.1.5

Teq
=1+A1=A
Ti

(3.19)

Formule di Friis

Se pi`
u dispositivi due porte sono posti in cascata, figura 3.6, `e noto che il
guadagno in potenza complessivo `e dato da
G=

N
Y

Gi .

(3.20)

i=1

Si vuole determinare anche la temperatura equivalente e la figura di rumore


complessiva di tutte rle reti due porte.

Facolt`
a di Ingegneria

28

Consideriamo per il momento di avere soltanto due dispositivi e di estendere


successivamente i risultati ottenuti ad N dispostivi. Con due dispositivi,
figura 3.6, vale

Tu1 = G1 (Ti + Teq1 )


Tu2 = G2 (Tu1 + Teq2 )
(3.21)

Tu2 = G1 G2 (Ti + Teq )


da cui

Figura 3.6: Due dispositivi due porte in cascata

Tu2 = G2 (G1 (Ti +Teq1 )+Teq2 ) = G1 G2 Ti +G1 G2 Teq1 +G2 Teq2 = G1 G2 (Ti +Teq )
(3.22)
e quindi
Teq2
Teq = Teq1 +
(3.23)
G1
con la figura di rumore complessiva
F2 1
.
(3.24)
G1
Dalle due equazioni determinate si osserva che se il dispositivo a monte `e
una rete passiva, G = 1/A < 1, il secondo termine della somma pu`o crescere
proporzionalmente in funzione di A. Per limitarne gli effetti viene posto a
monte di un attenuatore, se possibile, un amplificatore a basso rumore (LNA)
in modo da ridurre la rumorosit`a complessiva del sistema.
Estendendo i risultati ad N dispositivi, figura 3.7 , si ottengono le formule
di Friis
F = F1 +

N
X

Teq2
Teq3
Teqi
= Teq1 +
+
+ ...
Qi1
G
G
G
G
1
1
2
j
j=1

(3.25)

N
X
F2 1 F3 1
Fi 1
F = F1 +
= F1 +
+
+ ....
Qi1
G1
G1 G2
j=1 Gj
i=2

(3.26)

Teq = Teq1 +

i=2

Facolt`
a di Ingegneria

29

Figura 3.7: N dispositivi due porte in cascata

3.1.6

Temperatura di Sistema

In un sistema con N dispositivi due porte la temperatura di sistema `e definita


allingresso del primo dispositivo come
Tsist1 = Ti + Teq

(3.27)

mentre allingresso del secondo dispositivo


Tsist2 = G1 Tsist1

(3.28)

allingresso del terzo dispositivo


Tsist3 = G2 Tsist2 = G2 G1 Tsist1

(3.29)

e cos` via...
La temperatura di sistema `e utile nel calcolo del rapporto segnale rumore in
uscita a tutti i dispositivi in quanto
SN Ru = SN Ri |Ti =Tsist1

(3.30)

cio`e utilizzando la temperatura di sistema il SN R si mantiene costante ed


uguale a quello di uscita.

3.1.7

Rumore nei Ripetitori

Analizziamo il problema con riferimento ad un collegamento radio, anche se la


trattazione pu`o essere estesa ad altre tecniche trasmissive. Supponiamo che il
collegamento da effettuare tra la stazione trasmittente e la stazione ricevente
sia molto lungo, tanto da impedirne la realizzazione mediante ununica tratta,
o a causa delleccessiva attenuazione disponibile, oppure per la mancanza di
condizioni di visibilit`a. In questo caso `e necessario suddividere il collegamento
in pi`
u tratte (consideriamo M tratte). Tra ogni coppia di tratte si trova un
ripetitore,che pu`o essere non rigenerativo oppure rigenerativo.

30

Facolt`
a di Ingegneria

Ripetitori non rigenerativi


Nel caso di ripetitori non rigenerativi il segnale tra una tratta ed unaltra viene semplicemente amplificato. Di solito lamplificatore ha un
guadagno tale da compensare le perdite dellattenuatore, Gamp = Aatt .
Nel caso in cui si utilizzi per la trasmissione una modulazione analogica,
il SN R complessivo `e il seguente
SN R = PN

1
i=1 SN Ri

(3.31)

dove SN Ri `e il rapporto segnale-rumore ottenuto su ogni singola tratta.


Per le modulazioni digitali invece il rapporto energia per bit su densit`a
spettrale di potenza media monolatera `e
Eb
1
= PN
N0
i=1

(3.32)

Eb
|
N0 i

Ripetitori rigenerativi
Nei ripetitori rigenerativi il segnale non soltanto viene amplificato,
ma anche demodulato. In particolare vengono eseguite le seguenti
operazioni:
1. Il segnale `e amplificato con un amplificatore a basso rumore;
2. Successivamente `e demodulato;
3. Elaborato e rimodulato ad una frequenza f2 diversa dalla frequenza di arrivo f1 per non generare interferenza;
4. Amplificato con un amplificatore ad elevato guadagno in potenza.
Nel caso di modulazioni digitali la probabilit`a di errore pu`o essere
approssimata con la seguente espressione
Pe
=

N
X

Pei

(3.33)

i=1

dove Pei sono le probabilit`a di errore calcolate su singola tratta.

3.2

Rumore Shot

Il rumore shot `e causato da dispositivi elettronici o fotoelettronici quali diodi


o fotodiodi; leffetto che si ottiene da un punto di vista circuitale `e che la

Facolt`
a di Ingegneria

31

corrente non ha un andamento deterministico ma `e soggetta anche ad una


componente aleatoria
iN (t) = I0 + i(t)
(3.34)
Tale rumore si presenta quando la corrente che fluisce in un determinato
dispositivo `e costituita da portatori discreti, che vengono emessi in istanti
casuali e si muovono liberamente per un certo tratto prima di essere raccolti. La condizione, in sostanza, `e che ciascun elettrone, sotto lazione di un
campo elettrico, attraversi lo spazio compreso fra gli elettrodi conservando
la sua individualit`a, senza cio`e che avvengano collisioni o ricombinazioni con
altri portatori di carica. Il caso tipico che illustra questo comportamento `e
quello di un diodo a vuoto: gli elettroni vengono emessi dallanodo per effetto
termoionico in istanti casuali, si muovono nello spazio fra gli elettrodi con un
moto di deriva uniformemente accelerato e poi vengono raccolti al catodo.
Questo meccanismo shot viene definito di tipo macroscopico, poich`e `e possibile separare nettamente lemissione dei portatori ed il moto libero. Anche il
rumore che ha origine nella zona di giunzione in un diodo a semiconduttore
`e dello stesso tipo.
La densit`a spettrale di potenza media di tale corrente rumorosa detta granulare `e
Pi,i (f ) = qI0
(3.35)
dove q `e la carica di Coloumb, q = 1.59 1019 .
La potenza media di rumore `e quindi Pi = qI0 2B

3.3

Rumore Flicker

E un rumore presente nei semiconduttori e in alcuni tipi di resistori. A


differenza del rumore termico e del rumore shot che sono rumori bianchi, il
rumore flicker presenta la seguente densit`a spettrale di potenza media
Pi,i (f ) =

aI02
|f |

(3.36)

Esso compare in modo significativo a frequenze molto basse (al di sotto della
decina di hertz) e la sua densit`a spettrale cresce al diminuire della frequenza.
Il rumore flicker `e legato a fenomeni provvisti di un certo grado di memoria. Infatti, landamento dello spettro, che cresce andando verso le basse
frequenze, ci dice che due misure successive di una grandezza affetta da rumore flicker sono fra loro correlate. In sostanza, anche se in modo piuttosto
approssimativo, possiamo dire che la frequenza dei disturbi di questo tipo `e
inversamente proporzionale alla loro intensit`a. Questo fatto, daltra parte,

Facolt`
a di Ingegneria

32

non `e certo sorprendente se si suppone che il sistema sia dotato di una certa
memoria, infatti, un disturbo pi`
u intenso lascia una traccia pi`
u duratura.
Il rumore flicker, inoltre, `e estremamente dannoso per le misure di precisione.
Infatti, se non esistesse il rumore flicker, sarebbe possibile ottenere misure
accurate a proprio piacimento semplicemente allungando il tempo di osservazione.
Vale la pena ricordare che questo rumore compare in una serie di fenomeni
estremamente disparati: non solo le fluttuazioni di resistenza nei materiali
semiconduttori, ma anche il battito cardiaco, il flusso delle correnti oceaniche, le oscillazioni dellasse terrestre, il flusso della sabbia che scende in una
clessidra, ecc...

Capitolo 4
Modulazioni di Ampiezza
Loperazione di modulazione viene generalmente effettuata sul segnale informativo prima di trasmetterlo nel canale di comunicazione e ha lo scopo di
trasformare il segnale stesso in una forma pi`
u adatta per la sua trasmissione
a distanza.
La modulazione consiste nel far variare le caratteristiche di un segnale sinusoidale, detto portante, in funzione del segnale informativo s(t), detto segnale
modulante. Le modulazioni si distinguono in modulazioni analogiche e modulazioni digitali ; le prime sono utilizzate per trasmettere segnali analogici,
mentre le seconde segnali digitali. In questo capitolo e nel prossimo saranno
descritte le principali tecniche di modulazione per i segnali analogici, mentre
nel capitolo 6 saranno descritte le modulazioni digitali.
Indichiamo con s(t) il segnale informativo da trasmettere; s(t) prende il nome
di segnale modulante. Consideriamo quindi un segnale sinusoidale v(t) con
ampiezza V0 , frequenza f0 e fase 0 , cio`e:
c(t) = V0 cos(2f0 t + 0 )

(4.1)

Il segnale c(t) rappresenta la portante ed il processo di modulazione consiste


nel far variare lampiezza V0 , la frequenza f0 e la fase della portante in funzione del segnale modulante s(t).
In questo capitolo sono descritti diversi tipi di modulazione di ampiezza,
in cui cio`e lampiezza del segnale trasmesso varia in modo proporzionale al
segnale modulante, mentre la frequenza e la fase rimangono costanti. Per
semplicit`a consideriamo successivamente 0 = 0. Nel capitolo 5 saranno invece descritte le modulazioni di frequenza e di fase, in cui la frequenza o la
fase del segnale trasmesso variano proporzionalmente al segnale modulante,
mentre lampiezza rimane costante.

33

Facolt`
a di Ingegneria

4.1
4.1.1

34

Modulazione AM
Caratteristiche del segnale AM

Una tecnica di modulazione di ampiezza molto utilizzata nelle applicazioni


pratiche `e quella indicata con il termine AM (Amplitude Modulation). Dato
il segnale modulante s(t), il segnale modulato AM pu`o essere espresso nella
seguente forma:
y(t) = V0 [1 + k s(t)]cos(2f0 t)
(4.2)
dove k `e una costante tale che
|k s(t)| 1

(4.3)

Con m viene indicato lindice di modulazione AM ed `e cos` definito


m = k max|s(t)|.

(4.4)

Nel caso in cui m 1, il termine V0 [1 + k s(t)] `e sempre positivo. Si definisce inviluppo superiore del segnale y(t) la curva che unisce i valori assunti
dal segnale y(t) in corrispondenza degli istanti in cui c(t) = V0 , mentre si
definisce inviluppo inferiore la curva che unisce i valori del segnale y(t) in
corrispondenza agli istanti in cui c(t) = V0 . Nel caso in cui m 1 linviluppo superiore `e sempre positivo, mentre linviluppo inferiore risulta sempre
negativo o uguale a 0. Il motivo per cui m deve essere minore o uguale a 1
risulta chiaro anche dei segnali rappresentati nella figura 4.1. La portante
(4.1) `e mostrata nella figura 4.1(a) ed il segnale modulante s(t), supposto
di tipo sinusoidale, `e mostrato nella figura 4.1(b). Nella figura 4.1(c) viene
rappresentato il segnale modulato y(t) nel caso in cui m = 0.7, mentre il caso m = 1 `e rappresentato in figura 4.1(d). Come si pu`o osservare da queste
figure linviluppo superiore ed inferiore del segnale modulato sono proporzionali al segnale modulante, per cui s(t) pu`o essere correttamente recuperato
dallinviluppo. Questa propriet`a sar`a particolarmente utile per effettuare la
demodulazione di y(t) e quindi per il recupero del segnale modulante. Nella
figura 4.1(e) `e mostrato il caso in cui m = 1.3. Linviluppo superiore e quello
superiore interferiscono luno con laltro ed in questo caso non `e pi`
u possibile
recuperare il segnale modulante dallinviluppo (condizione valida per tutti i
valori di m > 1). Nel caso in cui m = 1 si dice che il segnale `e modulato al
100% mentre quando m > 1 si ha sovramodulazione.

4.1.2

Spettro del segnale AM

Lo spettro di un segnale modulato AM pu`o essere facilmente calcolato in


funzione di quello del segnale modulante s(t). Supponiamo che s(t) abbia

Facolt`
a di Ingegneria

35

Figura 4.1: Modulazione AM: a) portante; b) segnale modulante; c) segnale AM con


m = 0.7; d) segnale AM con m = 1; e) segnale m = 1.3

Facolt`
a di Ingegneria

36

uno spettro S(f ) tra (B, B), come `e schematicamente mostrato in figura
4.2(a). Essendo s(t) un segnale reale, si ha:
Z B
s(t) = 2
|S(f )|cos(2f0 t (f ))df
(4.5)
0

dove S(f ) e (f ) rappresentano rispettivamente lo spettro di ampiezza e di


fase di S(f). Il segnale modulato AM, y(t), pu`o essere scritto nella forma:
Z B
h
i
y(t) = V0 cos(2f0 t)+kV0
|S(f )| cos(2(f +f0 )t(f ))+cos(2(f f0 )t(f )) df.
0

(4.6)
Lo spettro del segnale AM `e quindi costituito (analizzando le sole frequenze
positive) da una delta di dirac a frequenza f0 con un valore pari a V20 e da
due bande laterali, superiore ed inferiore, come mostrato schematicamente in
figura 4.2(b). La banda di tramissione necessaria a trasmettere un segnale
AM `e quindi 2B, essendo B la massima frequenza del segnale s(t).

Figura 4.2: Spettro del segnale AM: a) spettro del segnale modulante; b) spettro del
segnale AM

4.1.3

Potenza del segnale modulato AM

La potenza media, Ptx , necessaria per trasmettere un segnale modulato AM


dipende dal segnale modulante. Applicando la definizione di potenza di un

Facolt`
a di Ingegneria

segnale, si ha:
Ptx =

i
V02 h
1 + k 2 s2 (t) + 2k s(t) .
2

37

(4.7)

purch`e f0 >> 2B.


In molte applicazioni il valor medio s(t), cio`e s(t), `e uguale a 0, per cui:
i
V 2h
Ptx = 0 1 + k 2 Pm
(4.8)
2
dove Pm = s2 (t) rappresenta la potenza del segnale modulante s(t). Essendo
m 1, il termine k 2 Pm risulta minore o uguale ad 1, per cui la potenza
spesa per trasmettere la portante risulta maggiore di quella utilizzata per
trasmettere le due bande laterali, che rappresentano il segnale informativo
utile per lutente.
Esempio
Se il segnale modulante `e sinusoidale s(t) = Vm cos(2fm t) allora la potenza
del segnale trasmesso in AM `e uguale a
V 2 k 2 Vm2 V02
(4.9)
Ptx = 0 +
2
4
essendo Pm =

4.1.4

2
Vm
.
2

Modulatori AM

Lo schema di principio di un modulatore AM `e mostrato nella figura 4.3(a) e


prende il nome di modulatore quadratico, cio`e un dispositivo in cui il segnale
di uscita v2 (t) pu`o essere rappresentato in funzione di quello di ingresso v1 (t)
nella seguente forma:
v2 (t) = a1 v1 (t) + a2 v12 (t)
(4.10)
dove a1 e a2 sono due costanti: la caratteristica del dispositivo quadratico `e
mostrata nella figura 4.3(b). Nel nostro caso si ha:
v1 (t) = V0 cos(2f0 t) + s(t).

(4.11)

Il segnale alluscita del dispositivo quadratico pu`o essere scritto nella forma:
h 2a
i
h
a2 V02 i a2 V02
2
2
+
cos(4f0 t)+a1 V0 1+
s(t) cos(2f0 t)
v2 (t) = a1 s(t)+a2 s (t)+
2
2
a1
(4.12)
Se B `e la massima frequenza contenuta in s(t), s2 (t) occupa una banda tra
(2B, 2B), per cui il segnale alluscita del filtro passa-banda centrato su f0
risulta:
h
i
2a1
y(t) = a1 V0 1 +
s(t) cos(2f0 t)
(4.13)
a2
2
.
da cui si ottiene lespressione del segnale modulato in AM posto k = 2a
a1

Facolt`
a di Ingegneria

38

Figura 4.3: Modulatore AM: a) schema a blocchi del modulatore; b) caratteristica del
dispositivo non lineare

4.1.5

Demodulatori AM

Loperazione di demodulazione viene generalmente effettuata al ricevitore


per recuperare dal segnale ricevuto il segnale informativo s(t). La modulazione AM presenta il vantaggio di richiedere circuiti di demodulazione molto
semplici. Esistono due tipi di demodulatori:
Con recupero della portante (f0 )
Lo schema di demodulazione `e riportato in figura 4.4. Com `e si osserva per demodulare correttamente il segnale `e necessario conoscere
esattamente la frequenza e la fase della portante c(t). Una volta nota
il segnale ricevuto `e moltiplicato per cos(2f0 t) cos` da ottenere:
v(t) = cos(2f0 t) y(t) =

V0
(1 + k s(t))(1 + cos(4f0 t))
2

(4.14)

Il segnale v(t) `e successivamente filtrato passa-basso e dal segnale filtrato `e sottratto il termine V20 in modo da ottenere il segnale modulante:
u(t) = (v(t)

hlp (t))

V0
V0
V0
V0
= (1 + k s(t))
= k s(t) (4.15)
2
2
2
2

Senza recupero della portante (f0 )


Il circuito pi`
u utilizzato per demodulare un segnale AM `e quello mostrato nella figura 4.5(a), che prende il nome di rivelatore di inviluppo.
Tale circuito `e formato da un diodo, che viene polarizzato in modo da
lasciar passare soltanto le semionde positive (oppure quelle negative)

Facolt`
a di Ingegneria

39

Figura 4.4: Demodulatore AM con recupero della portante

del segnale modulato. La capacit`a del condensatore, C, si carica seguendo landamento delle semionde positive; quando lampiezza della
semionda diminuisce, il condensatore tende a scaricarsi sulla resistenza
R, per cui anche la tensione ai capi di C tende a diminuire. Tuttavia, scegliendo opportunamente il valore della costante di tempo RC,
si pu`o fare in modo che la capacit`a si scarichi lentamente. Quando la
successiva semionda del segnale torna a crescere, la tensione ai capi del
condensatore `e diminuita di poco. In questo modo la tensione ai capi
del condensatore segue approssimativamente landamento dellinviluppo del segnale modulato. Alcuni esempi sono mostrati nella figura 4.5.
Il segnale ricostruito mediante il rivelatore di inviluppo `e distorto rispetto al segnale s(t). La distorsione dipende dalla scelta della costante
di tempo RC. Se RC `e troppo grande, il demodulatore non riesce a
riprodurre in modo corretto rapide variazioni presenti nel segnale modulante; al contrario se `e troppo piccolo, il condensatore si scarica rapidamente durante i periodi di semionda negativi ed il segnale riprodotto
presenta forti distorsioni. In generale occorre scegliere RC in modo tale
che:
1
1
<< RC <<
(4.16)
f0
B
In termini matematici, dato un segnale con le rispettive componenti in fase
e quadratura
v(t) = v1 (t)cos(2f0 t) v2 (t)sen(2f0 t)
(4.17)
il rivelatore di inviluppo recupera il seguente segnale
q
R(t) = v12 (t) + v22 (t).

(4.18)

Facolt`
a di Ingegneria

40

Figura 4.5: Demodulatore AM: a) demodulatore AM di inviluppo; b), c) e d) esempi di


segnali modulati per diversi valori di RC

Per il segnale modulato AM, il rivelatore di inviluppo quindi recupera, se


ben progettato, il segnale
R(t) = |V0 (1 + k s(t))|.

4.1.6

(4.19)

Rapporto segnale-rumore nella modulazione AM

Loperazione di demodulazione influenza il rapporto segnale/rumore, SNR,


il quale caratterizza la qualit`a del segnale ricevuto e quindi del sistema di comunicazione. Il calcolo di SNR `e spesso difficile da effettuare in modo esatto:
per questo motivo sar`a considerato un rumore AWGN visto che rappresenta
il tipo di rumore pi`
u semplice da analizzare. Infatti, come noto, i valori di
rumore in istanti temporali diversi risultano essere incorrelati.
Consideriamo il segnale modulato AM secondo leq.(4.2). Il segnale ricevuto
pu`o essere cos` scritto:
r(t) = y(t) + n(t)
(4.20)
dove n(t) rappresenta il rumore introdotto dal sistema di comunicazione che
supporremo AWGN con densit`a spettrale di potenza media bilatera uguale

Facolt`
a di Ingegneria

41

a N20 . Il rumore allingresso del demodulatore risulta essere limitato in banda dopo aver attraversato numerosi stadi di amplificazione e conversione di
frequenza. Nel seguito si suppone che la banda occupata dal segnale ricevuto r(t) sia coincidente con quella del segnale modulato. Lo schema del
ricevitore pu`o quindi essere considerato quello mostrato nella figura 4.6(a).
Il filtro passa-banda, supposto ideale, serve per limitare
h lo spettro del sei
Btx
Btx
gnale ricevuto e quindi anche del rumore nella banda f0 2 , f0 + 2 ,
dove Btx rappresenta la banda del ricevitore, figura 4.6(b). Utilizzando la

Figura 4.6: Circuito di demodulazione AM considerato per il calcolo del rapporto


segnale-rumore: a) schema del ricevitore; b) funzione caratteristica del filtro passa-banda

rappresentazione a banda stretta del rumore, `e possibile scrivere:


h
i
r(t) = V0 (1 + k s(t)) + a(t) cos(2f0 t) b(t)sen(2f0 t)

(4.21)

dove a(t) e b(t) sono le componenti in fase e quadratura del rumore (due segnali aleatori scorrelati, a media nulla, con densit`a di probabilit`a gaussiana
e densit`a spettrale di potenza media uguale ad N0 nella banda (B, B).
Per valutare leffetto delloperazione di demodulazione sulla qualit`a del segnale, conviene confrontare il SNR alluscita del demodulatore con quello
allingresso del demodulatore. Tale rapporto prende il nome di fattore di
merito:
SN Ru
(4.22)
Fm =
SN Ri
e misura quanto il rapporto SNR alluscita del demodulatore migliora o peggiora rispetto al SNR allingresso del demodulatore.

Facolt`
a di Ingegneria

42

Il calcolo della potenza del segnale nelleq.(4.21) non `e semplice a causa dei
termini misti in cui compare sia il segnale che il rumore. Per questo motivo
il SNR viene determinato considerando le seguenti ipotesi:
1. la potenza del segnale utile `e calcolata in assenza di rumore, cio`e n(t) =
0;
2. la potenza del rumore `e calcolata in assenza di segnale utile, cio`e y(t) =
0;
3. La potenza media del rumore allingresso del demodulatore `e calcolata
nella banda del segnale modulante (B, B) in modo tale da ottenere
una misura indipendente dalla banda di trasmissione.
In queste ipotesi la potenza del segnale utile, per la modulazione AM, allingresso del demodulatore risulta, come determinato gi`a nelleq.(4.8)
Si =

i
V02 h
1 + k 2 Pm
2

(4.23)

La potenza media del rumore allingresso del demodulatore AM risulta uguale


a
Z B
Z B
N0
Ni =
Pn,n (f )df =
df = N0 B
(4.24)
B
B 2
Il SNR allingresso del demodulatore AM risulta cos` uguale a
h
i
V02 1 + k 2 Pm
SN Ri =
2N0 B

(4.25)

Un demodulatore AM ideale recupera il segnale ks(t). In presenza di rumore,


il segnale alluscita di un demodulatore AM ideale risulta uguale a:
0

r (t) = V0 k s(t) + a(t).

(4.26)

In assenza di rumore il segnale r (t) ha una potenza uguale a


Su = V02 k 2 s2 (t)

(4.27)

mentre per la potenza media di rumore, annullando il segnale utile, si ottiene


Z B
Z B
Nu =
Pa,a (f )df =
N0 df = 2N0 B
(4.28)
B

Facolt`
a di Ingegneria

43

considerando la densit`a spettrale di potenza media della


componente in fase
f
(e quadratura) uguale a Pa,a (f ) = Pb,b (f ) = N0 rect 2B
.
Il SNR alluscita del demodulatore `e cos` uguale a
SN Ru =

V02 k 2 s2 (t)
.
2N0 B

(4.29)

Combinando le eq.(4.25) e (4.29), la Fm del demodulatore AM risulta uguale


a
SN Ru
k 2 s2 (t)
k 2 Pm
Fm =
=
=
(4.30)
SN Ri
1 + k 2 Pm
1 + k 2 s2 (t)
per cui Fm < 1 e quindi il SN Ru `e sempre minore allSN Ri . Si pu`o concludere quindi affermando che il processo di demodulazione AM degrada la
qualit`a del segnale ricevuto.
Esempio
Si consideri il segnale modulante sinusoidale. Dato m = k Vm e la potenza
2
Pm = V2m , si ottiene
m2
Fm =
.
(4.31)
2 + m2
Considerando che 0 m 1, il massimo valore di Fm per un segnale sinusoidale in una modulazione AM si verifica quando m = 1 e risulta uguale a
Fm = 13 .

4.2
4.2.1

Modulazione DSB
Caratteristiche del segnale DSB

Come abbiamo visto in precedenza, nella modulazione AM classica una notevole parte della potenza generata dal trasmettitore viene utilizzata per
trasmettere la portante a frequenza f0 . Tuttavia, tale portante non contiene
nessuna informazione relativa al segnale modulante, per cui si pu`o evitare di
trasmetterla. In queto caso si ottiene una modulazione di ampiezza a doppia
banda laterale con la portante soppressa, indicata generalmente con la sigla
DSB (Double Side Band ).
Dato il segnale modulante, il segnale modulato DSB `e:
y(t) = V0 s(t)cos(2f0 t)

(4.32)

Nella figura 4.7(a) viene mostrata la portante e nella figura 4.7(b) un segnale
modulante di tipo sinusoidale. Il segnale modulato DSB corrispondente `e

44

Facolt`
a di Ingegneria

mostrato nella figura 4.7(c). Come si pu`o notare linviluppo superiore del
segnale non `e pi`
u distinto da quello inferiore, per cui non sar`a possibile
recuperare correttamente il segnale dellinviluppo del segnale modulato, al
contrario di quanto non accade nella modulazione AM classica.

Figura 4.7: Segnale DSB: a) portante; b) segnale modulante; c) segnale modulato

4.2.2

Spettro del segnale DSB

Lo spettro Y (f ) del segnale DSB pu`o essere calcolato facilmente utilizzando


alcune propriet`a della trasformata di Fourier. Dalleq.(4.32) si ottiene:
Y (f ) =

V0
[S(f f0 ) + S(f + f0 )]
2

(4.33)

dove S(f ) `e lo spettro del segnale modulante. Come esempio, lo spettro


S(f ) del segnale modulante `e mostrato nella figura 4.8(a), mentre lo spettro

Facolt`
a di Ingegneria

45

Y (f ) del segnale DSB corrispondente `e rappresentato nella figura 4.8(b). Lo


spettro Y (f ) di un segnale DSB differisce da quello di un segnale AM per la
mancanza delle due delta di dirac centrate a frequenza f0 e f0 . La banda
di trasmissione di un segnale DSB `e uguale alla banda di trasmissione di un
segnale AM, cio`e Btx = 2B.

Figura 4.8: Spettro di un segnale DSB: a) spettro del segnale modulante; b) spettro del
segnale DSB

4.2.3

Potenza di un segnale DSB

La potenza di un segnale DSB pu`o essere calcolata facilmente dalleq.(4.32)


e risulta uguale a :
V 2 s2 (t)
V 2 Pm
Ptx = 0
= 0
(4.34)
2
2
Tutta la potenza Ptx viene utilizzata per trasmettere le due bande laterali.
Esempio
Dato un segnale modulante sinusoidale, il segnale DSB risulta:
V0 Vm
V0 Vm
cos(2(f0 fm )t)+
cos(2(f0 +fm )t).
2
2
(4.35)
La potenza richiesta a trasmettere questo segnale `e:
y(t) = V0 Vm cos(2fm t)cos(2f0 t) =

V02 V2m
V 2V 2
Ptx =
= 0 m.
2
4

(4.36)

46

Facolt`
a di Ingegneria

4.2.4

Modulatore DSB

La modulazione DSB `e ottenuta effettuando semplicemente il prodotto tra il


segnale modulante s(t) e la portante. Lo schema del modulatore prodotto `e
mostrato nella figura 4.9.

Figura 4.9: Modulatori DSB: a) modulatore prodotto; b) modulatore bilanciato

4.2.5

Demodulatore DSB

Il segnale DSB non pu`o essere demodulato mediante circuiti a rivelazione


di inviluppo, come nel caso del segnale AM. In questo caso `e necessario
rigenerare al ricevitore la portante utilizzata dal trasmettitore, ricostruendo
in modo esatto sia la fase, sia la frequenza (demodulazione coerente).
Lo schema generale di un demodulatore DSB `e mostrato nella figura 4.10.
Il segnale ricevuto viene moltiplicato per la portante ricostruita al ricevitore
e filtrato mediante un filtro passa-basso. Nel caso in cui la frequenza e la
fase del segnale generato in ricezione dalloscillatore locale sia uguale a quella
generata dal trasmettitore, il segnale z(t) dopo il moltiplicatore risulta:
z(t) =

V0
s(t)[1 + cos(4f0 t)]
2

(4.37)

per cui il segnale z (t) dopo loperazione di filtraggio passa-basso `e


0

z (t) =

V0
s(t)
2

(4.38)

che risulta proporzionale al segnale modulante s(t). Il precedente demodulatore funziona correttamente nel caso in cui il ricevitore ricostruisce perfettamente la fase e la frequenza della portante. Nel caso in cui questa condizione

Facolt`
a di Ingegneria

47

Figura 4.10: Demodulatore DSB


0

non sia verificata, il segnale recuperato z (t) risulta distorto. Supponiamo ad


esempio che la portante ricostruita c0 (t) ricostruita al ricevitore sia
c0 (t) = cos(2(f0 + f )t + )

(4.39)

dove f e rappresentano rispettivamente la differenza di frequenza e di


fase tra la portante generata al trasmettitore e quella al ricevitore. In questo
caso si ottiene
V0
z(t) = s(t)cos(2f t + )
(4.40)
2
per cui il segnale modulante non `e recuperato correttamente. Ad esempio
se 2f t + = 2 il segnale alluscita del demodulatore risulter`a nullo indipendentemente dal segnale trasmesso. Per eliminare questi inconvenienti si
possono utilizzare opportuni circuiti per il recupero della portante.

4.2.6

Rapporto Segnale/Rumore in una modulazione


DSB

Nel caso di una modulazione DSB, il segnale ricevuto in presenza di rumore


pu`o essere scritto nella forma:
r(t) = V0 s(t)cos(2f0 t) + n(t).

(4.41)

Rappresentando il rumore nella sua forma a banda stretta si ottiene:


h
i
r(t) = V0 s(t) + a(t) cos(2f0 t) b(t)sen(2f0 t).
(4.42)

Facolt`
a di Ingegneria

48

La potenza Si del segnale allingresso del demodulatore risulta:


V02 s2 (t)
V02
Si =
=
Pm
2
2

(4.43)

La potenza di rumore Ni `e ancora determinata dalleq(4.24), per cui il SN Ri


`e uguale a
V 2 s2 (t)
V 2 Pm
SN Ri = 0
= 0
.
(4.44)
2N0 B
2N0 B
La demodulazione viene effettuata mediante il circuito della figura 4.10. Il
segnale ricevuto `e moltiplicato per la portante rigenerata al ricevitore e filtrato mediante un filtro passa-basso. Il segnale alluscita del demodulatore
0
z (t) risulta:
V0 s(t) a(t)
0
z (t) =
+
.
(4.45)
2
2
Per cui la potenza del segnale in assenza di rumore `e
Su =

V02 s2 (t)
V 2 Pm
= 0
4
4

mentre la potenza media di rumore `e


Z B
N0
1
Nu =
df = N0 B
2
B 4

(4.46)

(4.47)

da cui il SN Ru `e uguale a
SN Ru =

V02 Pm
4
1
N
B
2 0

V02 Pm
.
2N0 B

(4.48)

Si osserva che SN Ru = SN Ri quindi per la modulazione DSB la figura di


merito vale
Fm = 1
(4.49)
cio`e loperazione di demodulazione non cambia il SN R.

4.3
4.3.1

Modulazione SSB
Caratteristiche del segnale SSB

Nella modulazione AM come in quella DSB sono trasmesse ambedue le bande laterali. Queste tecniche richiedono una banda di trasmissione doppia
rispetto a quella del segnale modulante.

Facolt`
a di Ingegneria

49

La modulazione a singola banda laterale, indicata brevemente con la sigla


SSB (Single Side Band ), richiede per la trasmissione del segnale s(t) una
banda B, cio`e uguale a quella del segnale modulante s(t) stesso e rappresenta, da questo punto di vista la modulazione ottima. Un segnale SSB pu`o

Figura 4.11: Spettro di un segnale SSB: a) spettro del segnale modulante; b) spettro del
segnale SSB nel caso in cui venga scelta la banda laterale superiore; c) spettro del
segnale SSB nel caso in cui venga scelta la banda laterale inferiore

essere rappresentato nella forma:


y(t) = V0 s(t)cos(2f0 t) V0 sb(t)sen(2f0 t)

(4.50)

dove sb(t) rappresenta la trasformata di Hilbert di s(t). Scegliendo il segno


si ottiene la sola banda superiore, mentre con il segno + viene selezionata la
banda inferiore. Nel calcolo dello spettro del segnale SSB con soppressione

Facolt`
a di Ingegneria

50

della banda inferiore, si pu`o facilmente dimostrare che:


Y (f ) =

V0
V0
S(f + f0 )[1 + segn(f + f0 )] + S(f f0 )[1 + segn(f f0 )] (4.51)
2
2

ponendo F{b
s(t)} = jsegn(f ) S(f ). Per cui si ha

V0 S(f + f0 ) per f < f0


0 per f0 < f < f0
Y (f ) =

V0 S(f f0 ) per f > f0

(4.52)

Dato un segnale modulato con lo spettro uguale a quello mostrato nella figura
4.11(a), lo spettro del segnale y(t) `e rappresentato nella figura 4.11(b) nel
caso in cui si sopprime la banda inferiore, nel caso invece della soppressione
della banda superiore si ottiene lo spettro della figura 4.11(c).
Esempio
Nel caso di un segnale modulante sinusoidale, lespressione del segnale SSB
con banda laterale inferiore soppressa `e
y(t) = V0 Vm cos(2fm t)cos(2f0 t)V0 Vm sin(2fm t)sen(2f0 t) =

4.3.2

V0 Vm
cos(2(f0 +fm )t)
2
(4.53)

Modulatori SSB

Un segnale SSB pu`o essere generato utilizzando due diversi schemi che sono
basati sulla descrizione in frequenza o nel tempo dei segnali SSB. Questi schemi sono indicati con il nome di discriminatori di frequenza e discriminatori
di fase. In questo paragrafo saranno descritte brevemente le caratteristiche
principali di tali modulatori.
Il modo pi`
u ovvio da un punto di vista concettuale di generare un segnale SSB `e quello ottenuto partendo da un segnale DSB in cui viene
eliminata una banda laterale, inferiore o superiore, mediante unoperazione di filtraggio passa-banda. In questo caso lo schema del demodulatore SSB `e quello mostrato in figura 4.12. In linea di principio questo
schema di modulazione SSB `e molto semplice. Tuttavia, la realizzazione del filtro passa-banda, richiesto per eliminare una delle due bande
laterali, pu`o porre notevoli problemi da un punto di vista pratico. Il
filtro passa-banda deve avere una banda di transizione minore o uguale
a 2fm , cio`e uguale al doppio della minima frequenza contenuta nel segnale modulante 4.13(b). Questo modulatore richiede perci`o in molti

Facolt`
a di Ingegneria

51

Figura 4.12: Modulatore SSB ottenuto da un modulatore DSB

casi lutilizzo di filtri notevolmente selettivi, che possono essere difficili


o costosi da realizzare. Per facilitare loprazione di filtraggio passabanda nel caso in cui fm sia piccola, si preferisce spesso effettuare la
modulazione SSB mediante due o pi`
u operazioni successive di modulazione, come mostrato schematicamente nella figura 4.13(a). In questo
caso il segnale s(t), il cui spettro `e mostrato nella figura 4.13(b), subisce una prima operazione di modulazione DSB a frequenza intermedia
f1 << f0 , come mostrato nella figura 4.13(c). Mediante unoperazione
di filtraggio passa-banda si pu`o eliminare una banda laterale del segnale
DSB, nella figura 4.13(c) si suppone di eliminare le due bande inferiori
(rappresentate dagli spettri tratteggiati). Il segnale SSB cos` ottenuto
viene nuovamente modulato DSB a frequenza f0 mediante la moltiplicazione per una portante a frequenza f2 = f0 f1 , come mostrato
nella figura 4.13(d) dove `e disegnato soltanto lo spettro per f > 0. Le
due bande laterali sono separate da una banda di transizione uguale
a 2(f1 + fm ) e quindi sufficientemente grande da poter utilizzare filtri
reali per eliminare una delle due bande laterali. Lo spettro del segnale
SSB, supponendo di utilizzare la banda laterale superiore in ambedue
le operazioni di conversione di frequenza, `e mostrato nella figura 4.13(e)
per f > 0.
Un altro possibile schema di un modulatore SSB pu`o essere ottenuto considerando lespressione delleq.(4.50) e viene mostrato in figura
4.14. Tale modulatore, detto modulatore di Hartley, consente di ottenere direttamente il segnale SSB senza richiedere nessuna operazione
di filtraggio passa-banda. Esso risulta composto da due modulatori
prodotto, che operano in parallelo su s(t) e sulla trasformata di Hilbert

Facolt`
a di Ingegneria

52

Figura 4.13: Modulatore SSB mediante due operazioni di modulazione DSB: a) schema
del demodulatore; b) spettro del segnale modulante; c) spettro del segnale modulato
dopo la prima operazione di modulazione; d) spettro del segnale DSB dopo la seconda
operazione di modulazione; spettro del segnale SSB; e) spettro del segnale SSB sulle sole
frequenze positive

di s(t), sb(t). Il precedente circuito pu`o essere utilizzato per qualunque


segnale s(t) e quindi anche segnali con componente continua o vicina
alla continua, che invece non possono essere modulati SSB mediante lo
schema precedente a causa delloperazione di filtraggio passa-banda.
Da un punto di vista pratico lelemento pi`
u critico nel modulatore di

53

Facolt`
a di Ingegneria

Hartley `e rappresentato dal blocco che determina sb(t). Effettuare la


trasformata di Hilbert significa sfasare di 2 tutte le frequenze positive
di s(t) e contemporaneamente non introdurre distorsioni di ampiezza. Poich`e lo spettro di s(t) `e spesso ampio, pu`o non essere semplice
realizzare un dispositivo che soddisfi queste condizioni.

Figura 4.14: Modulatore di Hartley

4.3.3

Demodulatori SSB

La demodulazione di un segnale SSB pu`o essere effettuata mediante il circuito di figura 4.10, gi`a utilizzato per la demodulazione di segnali DSB. Il
segnale z(t) dopo loperazione di moltiplicazione con la portante rigenerata
al ricevitore pu`o essere scritto
V0
V0
s(t) + [s(t)cos(4f0 t) + sb(t)sen(4f0 t)]
2
2

z(t) =

(4.54)

per cui il segnale z (t) dopo loperazione di filtraggio passa-basso risulta


0

z (t) =

V0
s(t).
2

(4.55)

Il segnale z (t) `e quindi proporzionale al segnale modulante s(t).


Come nel caso della demodulazione DSB, occorre che la portante ricostruita
al ricevitore abbia la stessa fase e frequenza di quella del trasmettitore per
evitare lintroduzione di distorsioni. Supponiamo ad esempio che il ricevitore
0
ricostruisca la portante v (t) data nelleq.(4.39). In questo caso si ha:
z(t) =

V0
[s(t)cos(2f t + ) + sb(t)sen(2f + )]
4

(4.56)

Facolt`
a di Ingegneria

54

per cui il segnale di uscita `e una combinazione del segnale informativo s(t)
e della sua trasformata di Hilbert sb(t). Per ovviare a questo inconveniente
si utilizza generalmente un circuito per il recupero della portante, che sar`a
descritto successivamente.

4.3.4

Rapporto Segnale/Rumore per una modulazione


SSB

Un segnale modulato SSB, y(t), pu`o essere scritto nella forma delleq.(4.50).
La trasformata di Hilbert sb(t) del segnale s(t) ha una densit`a spettrale di
potenza uguale a quella di s(t), come si dimostra utilizzando la definizione
di densit`a spettrale di potenza Psb,bs (f ) = | j segn(f )|2 Ps,s (f ) = Ps,s (f ).
Inoltre i segnali s(t) e sb(t) sono scorrelati.
Consideriamo il caso del segnale SSB con soppressione della banda inferiore. La potenza del segnale allingresso del demodulatore SSB, in assenza di
rumore risulta
Si =

V02 2
V2
V2
V2
s (t) + 0 sb2 (t) = 0 s2 (t) + 0 s2 (t) = V02 s2 (t) = V02 Pm .
2
2
2
2

(4.57)

La potenza del rumore allingresso `e ancora esprimibile mediante leq.(4.24).


Il SN Ri risulta cos`
V 2 s2 (t)
SN Ri = 0
.
(4.58)
N0 B
Valutiamo adesso il SN Ru . La banda del segnale modulato SSB `e uguale
a B, per cui la banda risulta centrata sulla frequenza f0 + B2 , avendo supposto di trasmettere la banda laterale superiore; il rumore n(t) nella sua
rappresentazione a banda stretta pu`o essere cos` scritto
"
!#
"
!#
B
B
n(t) = a(t)cos 2 f0 +
t b(t)sin 2 f0 +
t
(4.59)
2
2
La demodulazione del segnale viene effettuata mediante il demodulatore prodotto di figura 4.10. Il segnale z 0 (t) dopo il moltiplicatore per cos(2f0 t) e il
filtraggio passa-basso risulta:
z 0 (t) =

a(t)
b(t)
V0
s(t) +
cos(Bt) +
sen(Bt).
2
2
2

(4.60)

La componente sb(t) viene eliminata dal demodulatore; tuttavia si pu`o notare


una differenza rispetto ai demodulatori AM e DSB: ambedue le componenti
del rumore, quella in fase e quella in quadratura, influenzano il segnale demodulato, contrariamente ai casi precedenti in cui soltanto la componente in

Facolt`
a di Ingegneria

55

fase a(t) contribuiva al segnale di uscita.


In assenza del rumore, la potenza del segnale demodulato risulta
Su =

V02 s2 (t)
.
4

(4.61)

Valutiamo la potenza del rumore in assenza del segnale. Posto:


x(t) = a(t)cos(Bt)

(4.62)

la densit`a spettrale di potenza media Px,x (f ) risulta uguale a


"

!#
1
B
B
Px,x (f ) =
Pa,a f
+ Pa,a f +
4
2
2

(4.63)

da cui si ottiene, come rappresentato in figura ??(c),


N0
per B f B
4
Px,x (f ) =
0
altrimenti
La potenza media di rumore di x(t) `e uguale a Px = N40 2B =
la potenza media del rumore alluscita del demodulatore

(4.64)
N0 B
2

1
1
1
N0 B
Nu = Px + Px = Px =
4
4
2
4
da cui SN Ru
SN Ru =

V02 s2 (t)
4
N0 B
4

V02 s2 (t)
= SN Ri
N0 B

e quindi

(4.65)

(4.66)

La figura di merito, Fm , `e uguale a 1 come nella modulazione DSB.

4.4

Modulazione vestigiale VSB

4.4.1

Caratteristiche del segnale VSB

La modulazione SSB richiede una banda di trasmissione uguale a quella del


segnale informativo. Tuttavia, come abbiamo visto in precedenza, la sua
realizzazione pu`o risultare alquanto critica. Il modulatore SSB richiede ad
esempio luso di filtri passa-banda notevolmente selettivi o di trasformatori
di Hilbert. Per ovviare a questi inconvenienti senza aumentare in modo significativo la banda di trasmissione si pu`o utilizzare la modulazione con banda
laterale residua, VSB (Vestigial Side Band ).

Facolt`
a di Ingegneria

56

Consideriamo il caso in cui il segnale modulante s(t) abbia uno spettro di frequenze diverso da 0 nella regione (B, B), come mostrato in figura 4.15(a).
Nella modulazione VSB una banda laterale (superiore o inferiore) viene trasmessa completamente mentre laltra viene trasmessa soltanto in piccola parte. Nella figura 4.15(b) viene mostrato lo spettro di un segnale VSB. La
larghezza della banda di trasmissione, Btx , in questo caso risulta
Btx = B + fv

(4.67)

dove fv rappresenta la larghezza della banda residua, che generalmente viene


scelta molto minore di B.

Figura 4.15: Spettro di un segnale VSB: a) spettro del segnale modulante; b) spettro del
segnale VSB

4.4.2

Modulatore VSB

Un segnale VSB pu`o essere ottenuto da un segnale DSB mediante unopportuna operazione di filtraggio passa-banda. Lo schema di un modulatore VSB

Facolt`
a di Ingegneria

57

`e quindi quello mostrato nella figura 4.16. Indicando con H(f ) la funzione

Figura 4.16: Schema di un modulatore VSB

di trasferimento del filtro passa-banda, lo spettro Y (f ) del segnale alluscita


del modulatore `e
Y (f ) =

V0
[S(f f0 ) + S(f + f0 )]H(f ).
2

(4.68)

La funzione di trasferimento H(f ) deve essere scelta in modo opportuno per


poter recuperare in ricezione il segnale s(t) senza distorsione. Le caratteristiche di tale filtro sono illustrate nel successivo paragrafo.

4.4.3

Demodulatore VSB

Lo schema generale di un demodulatore VSB `e mostrato nella figura 4.17.


Supponendo di effettuare una demodulazione coerente, il segnale alluscita
del modulatore prodotto risulta uguale a
v(t) = y(t)cos(2f0 t)

(4.69)

1
V (f ) = [Y (f + f0 ) + Y (f f0 )].
2

(4.70)

e il suo spettro `e

Sostituendo nellequazione precedente il risultato delleq.(4.68), si ottiene:


V0
{S(f )[H(f f0 )+H(f +f0 )]+S(f 2f0 )H(f f0 )+S(f +2f0 )H(f +f0 )}.
4
(4.71)
0
Dopo il filtro passa-basso lo spettro V (f ) `e uguale a
V (f ) =

V (f ) =

V0
{S(f )[H(f f0 ) + H(f + f0 )]}.
4

(4.72)

58

Facolt`
a di Ingegneria

Figura 4.17: Schema di un demodulatore VSB


0

Per avere una riproduzione esatta del segnale s(t) occorre che V (f ) sia uguale
a S(f ) a parte una costante moltiplicativa e quindi deve risultare
H(f f0 ) + H(f + f0 ) = 2H(f0 ) = c per

B f B

(4.73)

dove c `e una costante. Un esempio di filtro passa-banda che soddisfa la precedente condizione `e mostrato nella figura 4.18. La funzione di trasferimento
di tale filtro ha una simmetria dispari intorno a f0 .

Figura 4.18: Caratteristica H(f ) di un filtro passa-banda utilizzato per la modulazione


VSB

4.5

Circuiti per il recupero della portante

Come `e stato visto in precedenza per la demodulazione dei segnali DSB o


SSB `e necessario ricostruire al ricevitore la portante e quindi conoscere la sua
fase e la sua frequenza con esattezza. Queste informazioni sono generalmente
estratte dallo stesso segnale modulato ricevuto mediante un opportuno circuito, detto circuito per il recupero della portante. In questo paragrafo sono
descritti i due schemi pi`
u utilizzati per questo scopo.
Ricevitore di Costas
Lo schema generale di un ricevitore di Costas viene mostrato nella figura 4.19. Il segnale ricevuto y(t) viene inviato a due canali, che operano

Facolt`
a di Ingegneria

59

in parallelo. Il primo canale, detto canale in fase, moltiplica y(t) per


un segnale sinusoidale generato da un opportuno oscillatore locale del
tipo V0 cos(2f0 t + ), che risulta sfasato di un angolo rispetto alla
portante generata al trasmettitore. Ovviamente rappresenta sia una
differenza di fase, sia una differenza di frequenza tra le portanti generate al trasmettitore e al ricevitore. Nellaltro ramo, detto canale in
quadratura, il segnale y(t) viene moltiplicato per V0 sen(2f0 t + ). I
segnali dopo la moltiplicazione e dopo il filtraggio passa-basso sono:

z1 (t) = V20 s(t)cos()


.
(4.74)
z2 (t) = V20 s(t)sen()
Il segnale v(t) dopo il moltiplicatore risulta:
v(t) =

V02 2
s (t)sen(2).
4

(4.75)

Il filtro di loop `e un filtro passa-basso con frequenza di taglio molto


vicina a 0, per cui il segnale di uscita contiene soltanto la componente
continua e frequenze molto vicine allo 0. Pertanto il termine s2 (t) pu`o
ritenersi costante dopo il filtro e quindi il valore delluscita dipende
sostanzialmente soltanto dal valore della fase . Il segnale alluscita del
filtro di loop viene inviato allingresso di un oscillatore che genera una
frequenza determinata dallampiezza del segnale al suo ingresso. Tale
oscillatore, indicato con la sigla VCO (Voltage Controlled Oscillator ),
genera la portante da moltiplicare per il segnale ricevuto, sia sul canale
in fase che su quello in quadratura.

Figura 4.19: Ricevitore di Costas per il recupero della portante

Facolt`
a di Ingegneria

60

Ricevitore Quadratico
Un altro schema che pu`o essere utilizzato per recuperare la portante
del segnale ricevuto `e quello che prende il nome di ricevitore a loop
quadratico, mostrato nella figura 4.20. Il segnale ricevuto y(t) viene

Figura 4.20: Ricevitore a loop quadratico per il recupero della portante

prima di tutto inviato ad un dispositivo quadratico e successivamente


ad un filtro passa-banda centrato sulla frequenza 2f0 con una banda
passante molto stretta in modo da far passare soltanto la frequenza
2f0 e quelle vicine. Il segnale z(t) alluscita dellelemento quadratico
risulta:
V2
z(t) = 0 s2 (t)[1 + cos(4f0 t)].
(4.76)
2
Se indichiamo con f la banda del filtro, il segnale s2 (t) pu`o ritenersi
costante in tale banda, per cui
Z

2f0 + f
2
2f0 f
2

s2 (t)dt
= Ef

(4.77)

dove E rappresenta lenergia del segnale modulante s(t). Il segnale


alluscita del filtro `e quindi
z (t)
=
0

V02
Ef cos(4f0 t).
2

(4.78)

Il segnale z (t) ha una frequenza doppia rispetto a quella della portante, a causa delloperazione di elevazione a quadrato. Questo segnale

Facolt`
a di Ingegneria

61

viene inviato allingresso di un circuito PLL (Phase Locked Loop), che


`e formato da un moltiplicatore, un filtro passa-basso ed un VCO. Il se0
gnale z (t) viene moltiplicato per un segnale a frequenza 2f0 generata
localmente dal VCO, cio`e per un segnale
w(t) = sen(4f0 t).

(4.79)

Il segnale dopo il filtro passa-basso risulta


e(t)
=

V02
f sen().
4

(4.80)

Questo segnale pilota il VCO, genera w(t) e viene inviato al moltiplicatore del PLL ed a un blocco che divide la frequenza per 2. La
frequenza recuperata in questo modo `e quella utilizzata per effettuare
la demodulazione coerente del segnale ricevuto.

Capitolo 5
Modulazioni Angolari
5.1

Modulazione di fase e di frequenza

La modulazione angolare consiste nel far variare la fase o la frequenza della


portante proporzionalmente al segnale modulante s(t). In questo caso lampiezza della portante viene mantenuta costante. Le modulazioni angolari
presentano caratteristiche molto interessanti, soprattutto perch`e consentono
di ottenere migliori prestazioni in presenza di rumore rispetto alle modulazioni di ampiezza viste nel capitolo precedente.
Consideriamo il segnale y(t)
y(t) = V0 cos(i (t))

(5.1)

dove i (t) `e la fase istantanea. Si definisce pulsazione istantanea, i (t), la


grandezza
di (t)
i (t) =
(5.2)
dt
e la frequenza istantanea, fi (t),
fi (t) =

1 di (t)

.
2
dt

(5.3)

Le modulazioni angolari possono essere divise in due classi:


Modulazione di Fase (PM)
Nella modulazione PM la fase istantanea i (t) viene fatta variare proporzionalmente al segnale modulante s(t), per cui
i (t) = 2f0 t + k s(t)

62

(5.4)

Facolt`
a di Ingegneria

63

dove k rappresenta lindice di sensitivit`a in fase. Il segnale modulato


pu`o quindi essere scritto nella forma
y(t) = V0 cos(2f0 t + k s(t)).

(5.5)

Un esempio di segnale modulato in fase, ottenuto modulando la portante, `e mostrato nella figura 5.1(a) con il segnale modulante sinusoidale
mostrato nella figura 5.1(b), `e mostrato nella figura 5.1(c).
La massima deviazione di fase, max , `e il max|k s(t)| = k max|s(t)|
e prende anche il nome di indice di modulazione di fase.
Modulazione di Frequenza (FM)
Nella modulazione FM la frequenza della portante viene fatta variare
proporzionalmente al segnale modulante, per cui
fi (t) = f0 + kf s(t)

(5.6)

essendo kf lindice di sensitivit`a in frequenza. In questo caso la fase


istantanea risulta
Z t
Z t
i (t) = 2
fi (t)dt = 2f0 t + 2kf
s(t)dt = 2f0 t + (t) (5.7)
0

per cui

Z t

s(t)dt .
y(t) = V0 cos 2f0 t + 2kf

(5.8)

Il segnale modulato FM nel caso in cui la portante ed il segnale modulante siano quelli nelle figure 5.1(a) e 5.1(b) rispettivamente, `e mostrato
in figura 5.1(d). La massima deviazione di fase `e uguale al massimo
valore di (t). Si definisce massima deviazione di frequenza, fmax , il
massimo valore della derivata (t). Lindice di modulazione della FM
`e definito come
fmax
m=
.
(5.9)
B
Esempio
Consideriamo il caso in cui il segnale modulante `e sinusoidale, cio`e
s(t) = Vm cos(2fm t). In questo caso il segnale trasmesso in PM `e
y(t) = V0 cos(2f0 t + k Vm cos(2fm t)).

(5.10)

La massima deviazione di fase `e quindi uguale a k Vm e rappresenta


lindice di modulazione di fase.
Il segnale modulato in FM risulta

kf Vm
sen(2fm t) .
(5.11)
y(t) = V0 cos 2f0 t +
fm

Facolt`
a di Ingegneria

64

Figura 5.1: Esempi di segnali modulati in fase ed in frequenza: a) portante; b) segnale


modulante; c) segnale modulato in fase; d) segnale modulato in frequenza

La massima deviazione di frequenza `e


fmax = kf Vm

(5.12)

per cui lindice di modulazione in frequenza risulta:


m=

fmax
.
fm

(5.13)

Le modulazioni PM e FM sono strettamente legate tra di loro. Infatti, dalle


precedenti relazioni, un segnale modulato FM pu`o essere ottenuto da un modulatore di fase aggiungendo al suo ingresso un integratore, come mostrato

Facolt`
a di Ingegneria

65

nella figura 5.2(a). Analogamente un segnale modulato in fase pu`o essere


generato da un modulatore di frequenza inserendo al suo ingresso un derivatore, come mostrato in figura 5.2(b). Per questo motivo le due modulazioni
presentano aspetti molto simili e quindi saranno analizzate insieme. Nel seguito si parler`a della modulazione FM, che risulta maggiormente utilizzata
nelle applicazioni pratiche. Tuttavia, le propriet`a della modulazione, salvo
non sia detto esplicitamente in modo contrario, possono considerarsi estese
al caso della modulazione PM.

Figura 5.2: Modulatori di fase e di frequenza: a) uso di un modulatore PM come


modulatore FM; b) uso di un modulatore FM come modulatore PM

5.2

Spettro di un segnale FM

Lo spettro di un segnale modulato in fase o in frequenza ha unestensione


infinita e risulta generalmente molto complesso da calcolare anche nel caso in
cui s(t) sia un semplice segnale. In questo paragrafo consideriamo in primo
luogo alcuni esempi di segnali molto semplici e valutiamo lestensione dello
spettro del segnale FM (o PM) in funzione delle caratteristiche della modulazione. Successivamente viene fornita unespressione empirica per calcolare
in modo approssimato la banda di trasmissione di segnali FM o PM per un
qualsiasi segnale modulante.

5.2.1

Spettro di un segnale FM nel caso di un segnale


modulante sinusoidale

Consideriamo il caso pi`


u semplice in cui il segnale modulante sia sinusoidale,
s(t) = Vm cos(2fm t). Il segnale modulato FM pu`o quindi essere scritto nella
forma
y(t) = V0 cos(2f0 t + m sen(2fm t)).
(5.14)

Facolt`
a di Ingegneria

66

A seconda del valore dellindice di modulazione lo spettro pu`o assumere forme


molto diverse. Vediamo i due casi:
Spettro di un segnale a banda stretta (m << 1)
Sviluppando il segnale delleq.(5.14) e tenendo conto che m << 1 si
ottiene
y(t) = V0 (cos(2f0 t)cos(msen(2fm t))sen(2f0 t)sen(msen(2fm t)))
(5.15)

cos(m sen(2fm t) = 1
(5.16)
sen(m sen(2fm t))
(5.17)
= m sen(2fm t)
per cui il segnale FM modulato a banda stretta risulta
mV0
(cos(2(f0 fm )t) cos(2(f0 + fm )t))
2
(5.18)
Lo spettro di questo segnale, mostrato nella figura 5.3(a) `e molto simile
a quello di un segnale AM. Si osserva che un segnale FM a banda
stretta richiede la stessa banda di un segnale AM. Nella figura 5.3(b)
viene rappresentato graficamente il segnale y(t) nel caso FM a banda
stretta. Come si pu`o notare la risultante `e sfasata di un certo angolo
rispetto alla portante, indicata con V0 . Nel caso invece del segnale AM
la risultante si trova lungo la stessa direzione della portante.
y(t) = V0 cos(2f0 t)

Spettro di un segnale a banda larga (m >> 1)


La modulazione di frequenza viene generalmente utilizzata con alti valori dellindice di modulazione, quindi le considerazioni precedenti hanno un interesse limitato. Il calcolo dello spettro di un segnale FM
per un qualsiasi valore di m risulta molto pi`
u complesso. Per questo
consideriamo
n
o
y(t) = Re V0 ej[2f0 t+msen(2fm t)] .
(5.19)
Posto

y (t) = V0 ej[msen(2fm t)]

(5.20)

si pu`o facilmente osservare che y (t), detto inviluppo complesso di y(t),


`e un segnale periodico di periodo T = f1m , per cui pu`o essere sviluppato
in serie di Fourier, cio`e
0

y (t) =

+
X
n=

Yn0 ej

2nt
T

(5.21)

Facolt`
a di Ingegneria

67

Figura 5.3: Segnale FM a banda stretta nel caso di segnale modulante sinusoidale: a)
spettro del segnale FM; b) rappresentazione vettoriale del segnale FM

dove

Z
Yn0

= V 0 fm

1
2fm

ej[msen(2fm t)n2fm t] dt.

(5.22)

2f1
m

Il precedente integrale non pu`o essere calcolato in forma chiusa. Si


definisce funzione di Bessel di prima specie e di ordine n la funzione
Z pi
1
ej[msen(x)nx] dx.
(5.23)
Jn (m) =
2
Posto x = 2fm t si ottiene:
Yn0 = V0 Jn (m)

(5.24)

per cui
0

y (t) = V0

+
X
n=

Jn (m)ejn2fm t .

(5.25)

Facolt`
a di Ingegneria

68

Il segnale modulato FM pu`o quindi essere scritto per qualsiasi valore


di m
+
X
y(t) = V0
Jn (m)cos[2(f0 + n fm )t].
(5.26)
n=

Lo spettro di un segnale FM viene quindi a dipendere dalle funzioni di


Bessel; tali funzioni godono delle seguenti propriet`a

Jn (m) = (1)n Jn (m)


P+
(5.27)
2
n= Jn (m) = 1
Nella figura 5.4 sono mostrate alcune funzioni di Bessel al variare di
m. Lo spettro del segnale FM a larga banda nel caso di un segnale

Figura 5.4: Funzioni di Bessel di prima specie

modulante sinusoidale `e composto da infinite delta di dirac a frequenza f0 + n fm con n intero ed ampiezza V0 Jn2(m) . Lo spettro dipende
in modo significativo dallindice di modulazione. Nelle figure 5.5(a),
5.5(b), 5.5(c) e 5.5(d) sono mostrati gli spettri di ampiezza del segnale
FM per m = 0.25, m = 1, m = 2 e m = 5 rispettivamente, supponendo
V0 = Vm = 1. Come si pu`o notare nel caso di indice di modulazione
piccolo (m = 0.25) sono presenti soltanto tre delta significative: una
delta a frequenza f0 e due delta a frequenza f0 fm e f0 +fm ; lo spettro
`e simile a quello di un segnale AM. Nel caso m = 1 si hanno oltre alla
portante quattro delta con ampiezza non trascurabile rispetto a quella
della portante, per cui lo spettro del segnale FM `e praticamente raddoppiato rispetto al caso AM. Allaumentare di m lo spettro aumenta

Facolt`
a di Ingegneria

69

in modo significativo. Per certi valori dellindice di modulazione si ha


J0 (m) = 0, per cui lo spettro non presenta nessuna componente alla
frequenza della portante.
La potenza necessaria per trasmettere il segnale modulato FM risulta:
+
V02 X 2
V2
Ptx =

Jn (m) = 0
2 n=
2

(5.28)

Figura 5.5: Spettri di segnali FM nel caso di segnale modulante sinusoidale: a) m = 0.25;
b) m = 1; c) m = 2; d) m = 5

Facolt`
a di Ingegneria

5.2.2

70

Spettro di un segnale FM nel caso di un segnale


modulante multitono

Consideriamo il caso in cui il segnale modulante sia formato dalla somma di


N sinusoidi, cio`e:
N
X
s(t) =
Vi cos(2fi t).
(5.29)
i=1

Il segnale FM risulta
N
h
i
X
y(t) = V0 cos 2f0 t +
mi cos(2fi t)

(5.30)

i=1

essendo
mi =

kf Vi
fi

(5.31)

lindice di modulazione relativo alli-esimo segnale sinusoidale contenuto in


s(t). Utilizzando le precedenti considerazioni si ottiene
P
P+
P+
y(t) = V0 h +
n1 =
n2 = . . .
nN = Jn1 (m1 )J
i n2 (m2 ) . . . JnN (mN )
cos 2(f0 + n1 f1 + n2 f2 + . . . + nN fN )t
(5.32)
Per cui lo spettro contiene tutte le possibili combinazioni tra le frequenze
f1 , f2 , ..., fN .

5.2.3

Banda di trasmissione di un segnale FM (Banda


di Carson)

La banda di trasmissione di un segnale FM `e teoricamente infinita. Tuttavia


le ampiezze delle delta tendono generalmente a 0 quando si `e sufficientemente
lontani dalla portante. Queste frequenze sono perci`o insignificanti e possono
essere trascurate. La larghezza di banda, Btx , necessaria per trasmettere un
segnale FM `e tuttavia difficile da definire in modo univoco.
Nelle applicazioni pratiche si utilizza generalmente le seguente formula empirica ricavata da Carson corrispondente alla banda minima necessaria a
trasmettere almeno il 98% della potenza di y(t)
Btx = BCarson = 2(fmax + fm ) = 2(m + 1)fm

(5.33)

dove fm rappresenta la massima frequenza contenuta nel segnale modulante.


Esempio

Facolt`
a di Ingegneria

71

Nelle radio commerciali operanti nella banda FM le norme internazionali


impongono che fmax = 75kHz e fm = 15kHz, per cui m = 5. Con questi
valori si ottiene una banda di trasmissione per ciascuna stazione uguale a
Btx = 180kHz.

5.3

Modulatori di frequenza e di fase

La modulazione di frequenza pu`o essere effettuata con due metodi diversi:


1. Modulatore Diretto;
2. Modulatore Indiretto.
Nel metodo diretto la frequenza della portante viene fatta variare direttamente dal circuito in funzione del segnale modulante. Nel metodo indiretto
il segnale modulante viene prima inviato a un modulatore FM o PM a banda
stretta e successivamente viene trasformato in modo da ottenere indici di
modulazione elevati.

5.3.1

Modulatori FM Diretti (Modulatore di Hartley)

I modulatori FM diretti sono costituiti sostanzialmente da un oscillatore


controllato in voltaggio, in cui la frequenza generata varia proporzionalmente
al segnale modulante. Il Modulatore di Hartley, figura 5.6(a), `e composto da
un condensatore con capacit`a fissa C 0 , da uninduttanza L e da un diodo
varicap, in polarizzazione inversa, la cui capacit`a C 00 varia con la tensione
applicata al suo ingresso.
Il valore definito dalla capacit`a C di figura 5.6(c) si ottiene dal parallelo dei
due condensatori di figura 5.6(b) ed `e uguale a
C = C 0 + C 00 = C 0 + k0 s(t).

(5.34)

Il circuito di figura 5.6(c) `e un circuito risonante LC del secondo ordine la


cui frequenza istantanea vale
fi (t) =

1
1
1
1

=
= p
q
0
0
2 LC
2 LC
2 L(C + k0 s(t))
1 + Ck00 s(t)

(5.35)

se | Ck00 s(t)| << 1 la radice del secondo termine pu`o essere sviluppato con
Taylor fino al primo ordine e quindi

k0
k0
1
1
s(t)
=
f

s(t)
(5.36)
fi =
0
2C 0
2C 0
2 LC 0

Facolt`
a di Ingegneria
0 f0
posto kf = k2C
0 si ottiene lespressione del segnale trasmesso
Z
Z
su (t) = s0 cos(2 fi (t)dt) = s0 cos(2f0 t + 2kf s(t)dt)

72

(5.37)

Figura 5.6: a) Modulatore di Hartley; b) rappresentazione equivalente con capacit`a C 00


funzione del segnale informativo; c) rappresentazione equivalente con ununica capacit`a C

5.3.2

Modulatori FM Indiretti (Modulatore di Armstrong)

Un circuito molto utilizzato nelle applicazioni pratiche `e rappresentato dal


Modulatore di Armstrong, mostrato schematicamente nella figura 5.7(a). Questo modulatore, che effettua una modulazione di fase, pu`o operare correttamente soltanto per bassi valori dellindice di modulazione. Tuttavia, attraverso opportuni accorgimenti, si pu`o togliere questa restrizione. Il circuito
di figura 5.7(a) utilizza un modulatore prodotto ed il segnale y(t) alluscita
del sommatore risulta:
y(t) = V0 cos(2f0 t) + V0 k s(t)sen(2f0 t).

(5.38)

La rappresentazione grafica del segnale y(t) `e mostrata nella figura 5.7(b). Il


segnale y(t) pu`o essere espresso nella forma
y(t) = R(t)cos(2f0 t (t)).
dove

p
R(t) = V0 1 + k 2 s2 (t)
(t) = atan(k s(t))

(5.39)

(5.40)

Facolt`
a di Ingegneria

73

Il segnale y(t) risulta perci`o modulato sia in ampiezza sia in fase. Nel caso
in cui |k s(t)| << 1, si ha:

R(t)
= V0
(5.41)
(t) = atan(k s(t))
= k s(t)
In prima approssimazione si pu`o supporre che il segnale y(t) sia modulato

Figura 5.7: Modulatore di Armstrong: a) schema del modulatore di Armstrong; b)


rappresentazione vettoriale dei segnali; c) schema del modulatore di Armstrong per alti
valori dellindice di modulazione

soltanto in fase, essendo la fase proporzionale a s(t). Il limitatore di ampiezza


dopo il modulatore di Armstrong viene generalmente inserito per eliminare
le piccole variazioni di ampiezza presenti in y(t). Il parametro m rappresenta
lindice di modulazione di fase.
Il modulatore di Armstrong `e un modulatore di fase. Per ottenere un modulatore di frequenza `e sufficiente introdurre un integratore prima di inviare
s(t) al modulatore bilanciato. In questo caso m rappresenta lindice di modulazione in frequenza.
La limitazione imposta sullindice di modulazione (cio`e m << 1) nel precedente schema non pu`o essere verificata nelle applicazioni pratiche, poich`e i
principali vantaggi offerti dalla modulazioni PM e FM possono essere ottenuti
per alti valori dellindice di modulazione. Per ovviare a questo inconveniente
si pu`o introdurre dopo il modulatore di Armstrong un moltiplicatore di frequenza, come viene mostrato nella figura 5.7(c).

Facolt`
a di Ingegneria

74

Il moltiplicatore di frequenza `e un dispositivo che moltiplica la frequenza


del suo ingresso per n. Se il segnale y(t) allingresso del moltiplicatore `e un
segnale FM o PM, cio`e:
y(t) = V0 cos(2f0 t + (t))

(5.42)

la sua frequenza istantanea risulta


1 d(t)
(5.43)
2 dt
Il segnale y 0 (t) alluscita del moltiplicatore di frequenza ha una frequenza
f1 = nf0 , per cui
y 0 (t) = V0 cos(2nf0 t + n(t)).
(5.44)
fi (t) = f0 +

La massima deviazione di frequenza del segnale e lindice di modulazione


risultano moltiplicati per n. Attraverso unopportuna scelta di n, `e possibile
ottenere un qualunque valore dellindice di modulazione.

5.4

Demodulatori FM

Ci sono vari metodi per demodulare un segnale FM e vengono generalmente


raggruppati in due categorie:
Diretti
Si ottengono andando a recuperare la frequenza istantanea del segnale
trasmesso FM. Nel seguito sono considerati due diversi demodulatori:
Discriminatore di frequenza bilanciato;
Rivelatore di zero-crossing.
Indiretti
Il segnale modulante viene recuperato mediante lutilizzo di retroazioni allinterno del circuito utilizzato. Nel seguito sar`a descritto il
demodulatore PLL del 1 e del 2 ordine.

5.4.1

Demodulatore FM con discriminatore di frequenza bilanciato

Si consideri un sistema LTI al cui ingresso si trova il segnale modulato FM,


yF M (t). Tale sistema ha la seguente funzione di trasferimento

Btx

f0 B2tx f f0 + B2tx
j2a
f

f
+

0
2

H1 (f ) =
(5.45)
j2a f + f0 B2tx
f0 B2tx f f0 + B2tx

0
altrimenti

Facolt`
a di Ingegneria

75

con a costante e Btx la banda di Carson, come mostrato in figura 5.8. Per

Figura 5.8: Funzione di trasferimento del filtro H1 (f )

determinare luscita del sistema consideriamo gli inviluppi complessi del segnale di ingresso e della risposta impulsiva. Per quanto riguarda il filtro,
e 1 (f ), `e determinato dal pre-inviluppo complesso
linviluppo complesso, H

e quindi

b 1 (f ) = 2H1 (f ) f > 0
H

(5.46)

e 1 (f ) = H
b 1 (f + f0 )
H

(5.47)

2 ja f +
0

(5.48)

(
e 1 (f ) =
H

Btx
2

|f | B2tx
altrimenti

come mostrato in figura 5.9. Per il segnale FM, essendo un segnale sinusoidale, linviluppo complesso, yeF M (t), `e determinato come
ybF M (t) = V0 ej[2f0 t+2kf
yeF M (t) = V0 ej2kf

Rt
0

Rt
0

s( )d ]

s( )d

(5.49)
(5.50)

purch`e il segnale modulante sia un segnale a banda stretta.


Il segnale trasmesso FM pu`o quindi essere determinato dallinviluppo complesso con la seguente equazione
o
n
j2f0 t
(5.51)
.
yF M (t) = Re yeF M (t)e

Facolt`
a di Ingegneria

76

e 1 (f )
Figura 5.9: Funzione di trasferimento del filtro H

Luscita del sistema, z(t), pu`o quindi determinata dal suo inviluppo complesso, ze(t). La trasformata di fourier dellinviluppo complesso delluscita
`e
e ) = 1H
e 1 (f )YeF M (f ) = j2af YeF M (f ) + jaBtx YeF M (f )
Z(f
(5.52)
2
la sua antitrasformata
ze(t) = a d yeFdtM (t) + jaBtxR yeF M (t)
=
R
j2kf 0T s(t)dt
j2kf 0T s(t)dt
=
= aj2V0 kf
s(t)e
+ ajBtx V0 e
= jaBtx V0 1 +

2kf
Btx

j2kf

s(t) e

RT
0

(5.53)

s(t)dt

e quindi luscita del sistema LTI


Z T

2kf
z(t) = aBtx V0 1 +
s(t) sen 2f0 t + 2kf
s(t)dt .
Btx
0

(5.54)

Valutiamo il modulo del seguente termine:

2kf

2kf
kf max|s(t)|
1
m

s(t)

=
(5.55)
Btx
2(m + 1)fm |s(t)|
fm
(m + 1)
m+1
possiamo affermare quindi che per ogni segnale modulante e per ogni m il
modulo del termine delleq.(5.55) `e sempre minore o uguale ad 1. Leq.(5.54)
ci mostra come a partire dallinformazione del segnale modulante contenuta
nelle variazioni di frequenza del segnale FM si sia ottenuto unespressione in
cui tale informazione `e contenuta anche nelle variazioni di ampiezza. Per recuperare completamente il segnale s(t) pu`o quindi essere utilizzato in cascata

Facolt`
a di Ingegneria

77

al sistema LTI un rivelatore di inviluppo che produrr`a in uscita il seguente


segnale

2kf
v1 (t) = aBtx V0 1 +
s(t) .
(5.56)
Btx
Per eliminare il termine in continua delleq.(5.56) si utilizza una struttura
bilanciata del demodulatore, come mostrato in figura 5.10. Il filtro H2 (f ) ha

Figura 5.10: Rappresentazione a blocchi del demodulatore FM bilanciato

il seguente inviluppo complesso

(
j2a f +
e 2 (f ) =
H
0

Btx
2

|f | B2tx
altrimenti

(5.57)

e 2 (f ), figura 5.12.
vedi figura 5.11 ed il corrispondente inviluppo complesso, H
Il segnale v2 (t) ha quindi la seguente espressione,

Figura 5.11: Funzione di trasferimento del filtro H2 (f )

2kf
s(t)
v2 (t) = aBtx V0 1
Btx

(5.58)

78

Facolt`
a di Ingegneria

da cui si ottiene il segnale v(t) proporzionale al segnale modulante s(t)


v(t) = v1 (t) v2 (t) = 2aBtx V0

2kf
s(t).
Btx

(5.59)

Il circuito di Foster-Sealy rappresenta unimplementazione pratica del di-

e 2 (f )
Figura 5.12: Funzione di trasferimento del filtro H

scriminatore di frequenza bilanciato, figura 5.13. Tale circuito `e formato da


due circuiti risonanti, accordati sulla frequenza f0 della portante e da due
rivelatori di inviluppo. Il funzionamento di questo discriminatore dipende
dalla differenza di fase tra le tensioni ai capi dei due circuiti rivelatori di inviluppo: questa differenza di fase varia con la frequenza del segnale ricevuto.
Alla frequenza f0 le tensioni presenti ai capi dei due rivelatori di inviluppo
hanno la stessa ampiezza e quindi il segnale di uscita, rappresentato dalla
differenza delle tensioni ai capi dei due circuiti, `e uguale a 0; al contrario si
avr`a una tensione di uscita non nulla. Le variazioni di frequenza del segnale
di ingresso sono convertite in tale circuito in variazioni di ampiezza e la curva
di trasferimento `e lineare attorno a f0 , figura 5.14.

5.4.2

Demodulatore FM con rivelatore di zero-crossing

La frequenza istantanea di un segnale modulato FM risulta uguale a


fi (t) = f0 + kf s(t)

(5.60)

da cui si osserva che il segnale modulante pu`o essere ricostruito a meno di


una costante uguale alla portante f0 .
Poich`e il segnale trasmesso con una modulazione FM risulta sinusoidale, supponiamo di poter approssimare la frequenza istantanea del segnale con la
seguente espressione
1
fi (t)
(5.61)
=
2t

Facolt`
a di Ingegneria

79

Figura 5.13: Circuito di Foster-Sealy

Figura 5.14: Funzione di trasferimento del discriminatore

dove t `e lintervallo presente tra due nulli della sinusoide.


Il demodulatore funziona ricostruendo il segnale modulante s(t) su intervalli
T in cui tale valore `e scelto opportunamente in modo che:
T <<

1
B

in modo che su ogni intervallo il segnale modulante si possa

80

Facolt`
a di Ingegneria

considerare costante;
T >> f10 in modo che nel periodo T sono contenuti molti cicli della
portante.
Per sempllicit`a poniamo T = n0 t da cui si ottiene
1
n0
fi (t)
=
.
=
2t
2T

(5.62)

Il circuito demodulatore deve quindi contare il numero di attraversi negli zeri


del segnale modulato, figura 5.15. Una volta che il segnale modulato `e stato

Figura 5.15: Rappresentazione a blocchi del demodulatore FM con rivelatore di


zero-crossing

limitato in ampiezza entra nel blocco indicato con il termine generatore di


impulsi il quale produce in uscita un impulso ogni volta che il segnale ingresso
ha un attraversamento sullo 0. Infine lintegratore somma nellintervallo T il
numero di impulsi in modo da ottenere alla fine del periodo n0 .

5.4.3

Demodulatore FM con PLL

Il funzionamento del demodulatore a PLL si basa su una retroazione come


mostrato in figura 5.16. Se indichiamo con v(t) il segnale in ingresso al
Voltage Controller Oscillator (VCO), in uscita si ottiene
Z t

r(t) = VB sen 2f0 t + 2kv


v(t)dt
(5.63)
0

Facolt`
a di Ingegneria

81

Figura 5.16: Rappresentazione a blocchi del demodulatore FM con PLL

con

2 (t) = 2kv

v(t)dt

(5.64)

mentre 1 (t) `e la fase del segnale yF M (t) con


Z t
1 (t) = 2kf
m(t)dt

(5.65)

del segnale modulato in ingresso al demodulatore.


Il filtro di anello `e un filtro passa-basso a banda stretta con risposta impulsiva
H(f ).
La fase errore viene cos` indicata e (t) = 1 (t) 2 (t) ed il segnale e(t) in
ingresso al filtro danello
e(t) =

V0 VB
V0 VB
sen(1 (t) 2 (t))
sen(2(2f0 )t + 1 (t) + 2 (t)) (5.66)
2
2

da cui

V0 VB
h(t) sen(e (t))
(5.67)
2
essendo la componente del segnale errore in alta frequenza filtrata dal filtro
passa-basso.
Si vuole esprimere adesso la fase errore in funzione del segnale modulante
m(t) e successivamente il segnale demodulato v(t) in funzione di m(t). Per
questo motivo la derivata della fase errore vale
Z +
Z +
d1 (t)
de (t)
d1 (t)
h(t )e( )d =
h(t )sen(e ( ))d
=
2kv
2k0
dt
dt
dt

(5.68)
kv V0 VB
posto k0 =
. Con lipotesi e (t) 0 si sviluppa con Taylor fino al
2
primo ordine lespressione di sen(e (t))
= e (t). Leq.(5.68) `e unequazione
integro-differenziale e dato che non `e semplice da risolvere direttamente nel
tempo si calcola la soluzione nel dominio della frequenza
v(t) =

j2f 1 (f ) = j2f e (f ) + 2k0 e (f )H(f )

(5.69)

82

Facolt`
a di Ingegneria

da cui si ottiene
e (f ) =

1
1+

)
k0 H(f
jf

1 (f ) =

1
1 (f )
1 + L(f )

(5.70)

)
posto L(f ) = k0 H(f
la funzione di trasferimento ad anello aperto.
jf
Sostituendo leq.(5.70) nelleq.(5.67) trasformata in frequenza, si ottiene

V (f ) =

jf
jf
L(f )
k0
H(f ) e (t) =
L(f ) e (f ) =

1 (f ).
kv
kv
kv 1 + L(f )

(5.71)

Se sulla banda del segnale modulante |L(f )| >> 1 allora e 0 e V (f )


jf
(f ). Antitrasformando lultima espressione si ottiene
kv 1
v(t) =

1 d1 (t)
kf
=
m(t)
2kv dt
kv

(5.72)

e quindi il segnale risulta demodulato correttamente.


La progettazione del filtro ad anello semplice, L(f ), determina quindi la
corretta demodulazione del segnale. Tipicamente L(f ) `e scelta in modo da
P (f )
essere espresso come L(f ) = Q(f
dove P (f ) e Q(f ) sono due polinomi. Il
)
grado del polinomio di Q(f ) determina il grado del demodulatore PLL. Si
indica cos` una PLL del primo ordine se il polinomio Q(f ) = b0 + b1 f , PLL
del secondo ordine se Q(f ) = b0 + b1 f + b2 f 2 , ecc.... Mediante opportuni
calcoli che in queste dispense non sono considerati `e possibile dimostrare che
per demodulare correttamente il segnale non `e sufficiente un circuito PLL del
primo ordine, ma `e necessario utilizzare almeno un PLL del secondo ordine.

5.5

Rapporto Segnale/Rumore nella modulazione FM

Lo schema di principio del demodulatore FM che consideriamo per valutare


il SNR `e mostrato nella figura 5.17. Il filtro passa-banda, centrato su f0 ,
serve a limitare la banda del rumore e ha una banda passante uguale a Btx .
Il limitatore di ampiezza viene introdotto per rendere costante lampiezza
del segnale da demodulare, mentre il discriminatore produce un segnale in
uscita proporzionale alla deviazione di frequenza del segnale al suo ingresso.
Il filtro passa-basso ha una banda B uguale a quella del segnale modulante.
Il segnale ricevuto r(t) pu`o essere scritto:
r(t) = V0 cos(2f0 t + (t)) + n(t)

(5.73)

Facolt`
a di Ingegneria

83

Figura 5.17: Schema di principio del demodulatore FM

con

(t) = 2kf

s(t)dt.

(5.74)

Allingresso del demodulatore la potenza Si del segnale `e


Si =

V02
2

(5.75)

mentre la potenza del rumore `e


Z

Ni =
B

N0
df = N0 B.
2

(5.76)

Il SN Ri `e quindi

V02
.
(5.77)
2N0 B
Il rumore pu`o essere espresso mediante la forma a banda stretta per cui
SN Ri =

r(t) = [V0 cos((t))+a(t)]cos(2f0 t)[V0 sen((t))+b(t)]sen(2f0 t). (5.78)


Il segnale ricevuto r(t) pu`o essere rappresentato mediante il suo inviluppo
R(t) e la fase (t), cio`e
r(t) = R(t)cos(2f0 t + (t))
essendo
(

R(t) =

p
2
2
(V0cos((t)) + a(t))
+ (V0 sen((t)) + b(t))

(t) = atan

V0 sen((t))+b(t)
V0 cos((t))+a(t)

(5.79)

(5.80)

Il discriminatore di frequenza produce un segnale in uscita, v(t), proporzionale alla derivata della fase (t), cio`e
v(t) = c

(t)
dt

(5.81)

Facolt`
a di Ingegneria

84

essendo c una costante di proporzionalit`a.


Calcoliamo prima di tutto la potenza Su del segnale utile alluscita del
discriminatore in assenza di rumore. In questo caso si ottiene
Z t
(t) = (t) = 2kf
s(t)dt
(5.82)
0

e quindi
v(t) = c2kf s(t)

(5.83)

La potenza media del segnale utile in uscita al demodulatore `e


Su = c2 4 2 kf2 s2 (t)

(5.84)

Nel caso in cui si consideri presente soltanto il rumore, si ottiene


(t) =

b(t)
V0 + a(t)

(5.85)

Per ottenere il calcolo della potenza media di rumore supponiamo di trattare


situazioni con alti SNR, in modo tale che sia valida la condizione V0 >>
a(t), b(t). Si ottiene cos`
b(t)
(t)
.
(5.86)
=
V0
Come abbiamo detto in precedenza, il discriminatore effettua la derivata della
fase (t), per cui il derivatore pu`o essere schematizzato come un sistema
lineare con funzione di trasferimento H(f ) uguale a
H(f ) = j2f c.

(5.87)

La densit`a spettrale di potenza media del segnale di rumore alluscita del


discriminatore risulta
f
4 2 c2 f 2
Pv,v (f ) =
N
rect
.
(5.88)
0
V02
Btx
Tale densit`a spettrale `e mostrata in figura 5.18. Il filtro passa-basso a valle del
discriminatore di frequenza ha una banda (B, B), per cui lespressione della
densit`a spettrale di potenza media dopo loperazione di filtraggio diventa
f
4 2 c2 f 2
Pu,u (f ) =
N
rect
(5.89)
0
V02
2B
da cui la potenza media di rumore
Z B
8 2 c2 N0 B 3
Nu =
Pu,u (f )df =
3V02
B

(5.90)

Facolt`
a di Ingegneria

85

Figura 5.18: Schema di principio del demodulatore FM

La potenza di rumore `e direttamente proporzionale a B 3 e inversamente


proporzionale a V02 e quindi alla potenza della portante. In una modulazione
FM laumento della potenza della portante riduce la potenza del rumore.
Questo risultato non trova analogie nelle modulazioni di ampiezza e risulta
legato alla struttura del rivelatore FM. Il SN Ru vale quindi
3V02 kf2 s2 (t)
SN Ru =
2N0 B 3

(5.91)

La figura di merito, Fm , nella modulazione FM risulta cos`


Fm =

3V02 kf2 s2 (t)


2N0 B 3
V02
2N0 B

3kf2 s2 (t)
=
.
B2

(5.92)

Esempio
Dato un segnale modulante sinusoidale, s(t) = Vm cos(2fm t), lindice di
k V
modulazione FM risulta essere, m = ffmm , e la potenza media del segnale
modulante Pm = s2 (t) =

2
Vm
.
2

Fm =

La figura di merito del demodulatore FM vale

3kf2 s2 (t)
3kf2 Vm2
3
=
= m2
2
2
B
2B
2

(5.93)

86

Facolt`
a di Ingegneria

Mentre nel caso della modulazione AM si ottiene al massimo Fm = 1/3,


la figura di merito nella modulazione FM pu`o essere anche maggiore di 1 e
comunque risulta migliore di quella di un segnale modulato AM.

5.6

Effetto Soglia nella modulazione FM

Leq.(5.91) risulta valida soltanto nei casi con alto SN R. Quando la potenza
del rumore allingresso del demodulatore diviene comparabile con la potenza
del segnale utile, non sono pi`
u valide le approssimazioni per il calcolo di
SN Ru . In particolare, quando SN R diviene piccolo, a(t) e b(t) non risultano
trascurabili rispetto a V0 .
Per una descrizione qualitativa definiamo in primo luogo il rapporto NCIF tra
la potenza della portante e la potenza effettiva del rumore allingresso del
demodulatore (a Frequenza Intermedia) sulla banda di trasmissione, Btx . Si
ha
C
V02
=
(5.94)
NIF
2N0 Btx
Analisi teoriche e misure sperimentali hanno mostrato che generalmente la
formula del SN Ru in funzione di SN Ri ricavate precedentemente sono valide se il rapporto NCIF `e maggiore di 10dB. Per valori superiori a 10dB,
SN Ru aumenta linearmente con NCIF , mentre per valori inferiori diminuisce
rapidamente con NCIF . Il rapporto NCIF `e collegato con SN Ri allingresso del
rivelatore FM dalla relazione
C
Si B
=

NIF
Ni Btx

(5.95)

dove B rappresenta la banda del segnale modulante. Indicando con la


soglia sopra la quale il ricevitore funziona correttamente, si ottiene
Si
Btx

Ni
B

(5.96)

Utilizzando la formula di Carson per la banda di trasmissione si ottiene


Si
2(m + 1)
Ni
Nel caso in cui = 10dB, il ricevitore opera sopra la soglia se
Si
13 + 10log10 (m + 1)
Ni dB

(5.97)

(5.98)

Facolt`
a di Ingegneria

87

Quando il ricevitore opera sopra la soglia il SN Ru aumenta linearmente con


C
, mentre per valori inferiori alla soglia SN Ru decresce rapidamente con
NIF
C
. Alcuni esempi della variazione di SN Ru in funzione di NCIF per diversi
NIF
valori di m sono mostrati nella figura 5.19.

Figura 5.19: Rapporto segnale-rumore nella modulazione di frequenza

5.7

Pre-enfasi e De-enfasi nella modulazione


FM

Come abbiamo visto in precedenza, la densit`a spettrale di potenza media


alluscita del demodulatore FM, Pu,u (f ), delleq.(5.89) cresce con il quadrato
della frequenza. A causa di questo fatto, durante la demodulazione le frequenze pi`
u elevate contenute nel segnale modulante sono affette da un rumore

Facolt`
a di Ingegneria

88

con una densit`a spettrale di potenza media maggiore rispetto a quello che
altera le componenti a bassa frequenza. Le componenti in frequenza pi`
u alte
presenti nel segnale utile demodulato sono perci`o maggiormente degradate
dal rumore. Questo inconveniente, tipico delle modulazione FM, pu`o essere
eliminato modificando in modo opportuno lo spettro del segnale modulante
prima che questo venga trasmesso. Questa operazione, che prende il nome di
pre-enfasi, consiste nellesaltare la potenza delle componenti di frequenza pi`
u
alte contenute nel segnale modulante. Al ricevitore viene ripristinato, dopo
loperazione di demodulazione, lo spettro del segnale modulante mediante
loperazione inversa, detta de-enfasi. Lo schema di principio di un sistema
FM `e mostrato nella figura 5.20. I circuiti di pre-enfasi e di de-enfasi han-

Figura 5.20: Rapporto segnale-rumore nella modulazione di frequenza

no le seguenti funzioni di trasferimento Hp (f ) e Hd (f ). Tali circuiti devono


essere tali che, in assenza di rumore, il segnale utile dopo loperazione di
de-enfasi risulti uguale a s(t) e quindi
Hp (f ) Hd (f ) = c

(5.99)

con c costante per B f B.


La funzione Hp (f ) viene generalmente scelta imponendo che la potenza media
del segnale dopo il circuito di pre-enfasi risulti uguale a quella del segnale
modulante s(t), per cui la Btx del segnale FM risulti la stessa sia in presenza
che in assenza di pre-enfasi. La funzione di trasferimento del circuito di preenfasi deve variare cos` in modo proporzionale a f 2 , come la densit`a spettrale
di Pu,u (f ). Una funzione che soddisfa la seguente condizione `e
Hp (f ) = j2f

(5.100)

cio`e un derivatore. In questo caso, facendo precedere al circuito di modulazione FM un derivatore, si ottiene una modulazione PM. Tuttavia la scelta
della modulazione PM nella sua versione classica pone numerosi problemi
da un punto di vista realizzativo; perci`o si preferisce utilizzare una tecnica
che pu`o considerarsi unopportuna combinazione delle due modulazioni. Un
dispositivo adatto per realizzare loperazione di pre-enfasi e di de-enfasi ha
quindi una funzione di trasferimento uguale ad una costante per basse frequenze e si comporta come un derivatore per le alte frequenze. Un esempio

89

Facolt`
a di Ingegneria

Figura 5.21: Funzioni caratteristiche dei circuiti di pre-enfasi e di de-enfasi: a) funzione


caratteristica del circuito di pre-enfasi; b) funzione caratteristica del circuito di de-enfasi

tipico della caratteristica Hp (f ) `e mostrato nella figura 5.21(a) in cui |Hp (f )|


`e costante fino ad una certa frequenza f1 ed aumenta linearmente tra f1 e la
massima frequenza B del segnale modulante. La frequenza f1 viene generalmente scelta come la frequenza per cui la densit`a spettrale di s(t) `e inferiore
a 3dB rispetto al massimo valore (f = 0). Il corrispondente circuito di deenfasi deve avere la funzione di trasferimento Hd (f ) mostrata nella figura
5.21(b).
Lintroduzione dei circuiti di pre-enfasi e di de-enfasi influenza il SN Ru . Per
determinare in modo qualitativo leffetto, calcoliamo la potenza media Nu(d)
del rumore in presenza del circuito di de-enfasi. Si ottiene quindi
Z B
Z
4 2 c2 N0 B 2
2
Nu(d) =
|Hd (f )| Pu,u (f )df =
f |Hd (f )|2 df.
(5.101)
2
V0
B
B
Nel caso ideale, le operazioni di pre-enfasi e di de-enfasi per leq.(5.99) non
alterano la potenza del segnale modulante. Il SN R vien quindi migliorato
da un fattore di miglioramento del SNR
R
RB 2
Su(d)
Su
4 2 c2 N0 B
f 2 df
f df
SN Ru(d)
Nu
Nu(d)
Nu(d)
B
V02
=
= Su = Su =
= 42 c2 N R B
= R B B
0
SN Ru
Nu(d)
f 2 |Hd (f )|2 df
f 2 |Hd (f )|2 df
2
Nu
Nu
V0

(5.102)

Esempio
Un esempio di circuito utilizzato per effettuare la pre-enfasi `e mostrato nella
figura 5.22(a); la sua funzione di trasferimento `e
Hp (f ) =

R2 (1 + j2f CR1 )
.
R1 + R2 + j2f CR1 R2

(5.103)

Nel caso in cui R2 << R1 e 2f CR2 << 1, si ha


R2
f
R2

(1 + j2f CR1 ) =
1+j
.
Hp (f ) =
R1
R1
fc

(5.104)

90

Facolt`
a di Ingegneria

1
dove fc = 2CR
.
1
Il circuito corrispondente di de-enfasi `e mostrato nella figura 5.22(b); la sua
funzione di trasferimento risulta

Hd (f ) =
1 + j ffc

(5.105)

per cui si ottiene

R2
=k
Hp (f ) Hd (f )
=
R1
ed il delleq.(5.102) vale
= RB
B

2 3
B
3
f2

2 df

1+

f
fc

2 3
B
3

=
fc2 (v

B/fc

atan(v))

(5.106)

B 3
1
fc
.
= B
3 fc atan fBc

B/fc

(5.107)

Figura 5.22: Esempi di circuiti di pre-enfasi e di de-enfasi: a) circuito di pre-enfasi; b)


circuito di de-enfasi

5.8

Rapporto Segnale/Rumore nella modulazione PM

Il calcolo del SN R per la modulazione PM `e analogo al procedimento utilizzato per la modulazione FM. Il segnale in ingresso al demodulatore pu`o
essere scritto secondo leq.(5.78). Il ricevitore produce un segnale proporzionale a (t), cio`e z(t) = c (t) con c una costante di proporzionalit`a. In

Facolt`
a di Ingegneria

91

assenza di rumore, si ha che z(t) = cks(t) e quindi la potenza del segnale


utile alluscita del demodulatore `e
Su = c2 k 2 s2 (t).

(5.108)

Consideriamo adesso il caso in cui sia assente il segnale e si abbiano alti


SN R, per cui alluscita del demodulatore si ottiene
(t)
=c

b(t)
.
V0

(5.109)

La densit`a spettrale di potenza media alluscita del demodulatore `e cos`


espressa
f
c 2 N0
Pu,u (f ) =
rect
(5.110)
V02
2B
e la potenza media di rumore ottenuta in uscita `e
Z +
c 2 N0
Nu =
Pu,u df =
2B.
V02

(5.111)

Il SN Ru vale quindi
V02 k 2 s2 (t)
.
(5.112)
2N0 B
e, dato che SN Ri `e uguale a SN Ri della modulazione FM, si ottiene la
seguente figura di merito
SN Ru =

Fm =

V02 k2 s2 (t)
2N0 B
V02
2N0 B

= k 2 s2 (t).

(5.113)

Esempio
Nel caso in cui il segnale modulante sia sinusoidale, il SN Ru delleq.(5.113)
risulta
V 2 k 2 Vm2
SN Ru = 0
.
(5.114)
4N0 B
Posto lindice di modulazione delle modulazione PM, m = kVm , si ottiene
Fm =

k 2 Vm2
m2
=
.
2
2

(5.115)

Confrontando con il risultato ottenuto nella modulazione FM (Fm = 32 m2 ),


a parit`a di SN Ri e di m (e quindi di banda occupata), la modulazione FM
presenta un SN Ru tre volte superiore rispetto alla modulazione PM. Per
questo motivo la modulazione FM `e pi`
u utilizzata nelle applicazioni pratiche.

Facolt`
a di Ingegneria

5.9

92

Schema di Ricevitore Supereterodina per


trasmissione FM radio broadcasting

In un sistema di trasmissione FM radio broadcasting pi`


u stazioni radio modulate singolarmente in FM sono trasmesse con portanti distinte in modo da non
generare interferenza. La banda complessiva di tutte le stazioni radio `e tra
88M Hz e 108M Hz. Le portanti di ogni segnale modulato FM sono separate
di 200kHz, la fmax = 75kHz e la banda utile di ogni segnale modulante (segnali audio per trasmissioni radio) `e 15kHz. Si ottiene quindi che ogni segnamax
le modulato FM ha un indice di modulazione uguale a m = f
= 75k
=5
fmax
15k
e la banda di trasmissione `e Bc = 2(m + 1)fmax = 180kHz.
Considerando che le portanti sono spaziate di 200kHz e che ogni banda di
trasmissione vale 180kHz, non viene generata interferenza dato che tra ogni
trasmissione `e presente un margine di banda pari a 20kHz.
Nel sistema trasmissione/ricezione sono utilizzati i circuiti di pre-enfasi e di
de-enfasi in modo tale da incrementare le prestazioni del demodulatore in
termini di SN R.
Lo schema del demodulatore `e mostrato in figura 5.23. Si osserva che `e
costituito principalmente da:
Un circuito a super-eterodina;
Un demodulatore FM a discriminatore di frequenza;
Un circuito di de-enfasi ed un amplificatore audio.
Il circuito a super-eterodina consente di selezionare tra tutte le stazioni radio
quella desiderata e portarla, variando la frequenza fx delloscillatore locale,
a frequenza intermedia la cui frequenza fI `e uguale a 10.7M Hz, vedi figura
5.24. Il filtro corrispondente allamplificatore a frequenza intermedia elimina
tutte le altre stazioni radio.

5.10

Schema di un modulatore ed un demodulatore FM stereo

Un sistema di trasmissione stereo consente di trasmettere due segnali generati da due sorgenti distinte senza che si generi interferenza tra i due segnali
ed in modo che la compatibilit`a con i sistemi di trasmissione ad un solo segnale siano garantiti. Nel caso di segnali audio le bande dei due segnali sono
rispettivamente (15kHz, 15kHz) e fanno riferimento tipicamente al canale

Facolt`
a di Ingegneria

93

Figura 5.23: Ricevitore FM radio broadcasting

Figura 5.24: Funzione di trasferimento del filtro a frequenza intermedia

destro (dx) ed al canale sinistro (sx). Lo schema del modulatore e del demodulatore sono riportati nelle figure 5.25 e 5.27.
Nel modulatore FM i due segnali sono combinati insieme in modo da generare due nuovi segnali corrispondenti alla somma ed alla differenza, successivamente si utilizzano i circuiti di pre-enfasi ed infine il segnale w(t) che viene
inviato allingresso del modulatore FM classico `e ottenuto come
w(t) = (mr (t) + ml (t))|pre + (mr (t) ml (t))|pre cos(238k t) + cos(219k t)
(5.116)
Lo spettro del segnale w(t) `e mostrato in figura 5.26.
Per recuperare i due segnali, dopo la demodulazione FM classica, sul ramo

Facolt`
a di Ingegneria

94

superiore si filtra tra (15kHz, 15kHz) e successivamente si utilizza un filtro di de-enfasi, sul ramo inferiore invece si filtra tra (53kHz, 23kHz) e
(23kHz, 53kHz), successivamente si demodula DSB il segnale con frequenza della portante recuperata dal filtro a banda stretta a 19kHz ed infine
si utilizza il circuito di de-enfasi. I due segnali sono di nuovo combinati in
modo da ottenere mr (t) e ml (t). Nel caso di segnali monofonici invece di segnali stereofonici la compatibilit`a viene garantita in quanto viene recuperato
soltanto la somma delle due sorgenti audio.

Figura 5.25: Schema di modulatore FM stereo

Figura 5.26: Spettro di ampiezza, W (f ), del segnale FM stereo

Figura 5.27: Schema di demodulatore FM stereo

Capitolo 6
Modulazioni Digitali
Il principale problema nel progetto di un sistema di comunicazione `e quello
di individuare strutture ottime dei segnali e dei ricevitori, che minimizzano
la probabilit`a di errore al ricevitore in presenza di rumore e di distorsioni nel
canale di comunicazione.
La struttura generale di un sistema di comunicazione numerico `e mostrata
nella figura 6.1. La sorgente genera simboli appartenenti a un alfabeto discreto A di dimensione M , avente cio`e M simboli diversi, che saranno indicati
con 0, 1, ..., M 1. Ad esempio, nel caso binario si ha M = 2 e quindi i
simboli sono 0 e 1, mentre nel caso M = 4 i simboli sono 0, 1, 2, 3. Nel seguito con ai sar`a indicato il simbolo i-esimo generato dalla sorgente. I simboli
ai possono rappresentare i dati generati da una sorgente discreta oppure i
simboli corrispondenti ai campioni di un segnale analogico discretizzato. I

Figura 6.1: Schema generale di un sistema di comunicazione digitale

simboli ai vengono inviati a un modulatore digitale, che ha lo scopo di convertirli in forme donda continue nel tempo adatte alla loro trasmissione su
95

96

Facolt`
a di Ingegneria

un canale di comunicazione. La scelta della forma donda si (t) utilizzata per


la trasmissione del simbolo ai `e un problema molto importante, perch`e pu`o
influenzare diversi parametri, quali la banda, la complessit`a del sistema di
comunicazione e la probabilit`a di errore.
Supporremo, come per le modulazioni analogiche, che il rumore introdotto
dal canale sia AW GN .

6.1

Rappresentazione vettoriale dei segnali

Consideriamo un segnale si (t) definito sullintervallo [0, T ], essendo T il tempo richiesto per trasmettere un simbolo. Il segnale si (t) viene utilizzato
per trasmettere nel canale di comunicazione il simbolo ai . Lenergia Ei del
segnale si (t) `e definita come
Z

Ei = ksi (t)k =
0

s2i (t)dt.

(6.1)

Nel seguito saranno considerati segnali ad energia finita, cio`e tali che Ei < .
Due funzioni m (t) e n (t) definite sullintervallo [0, T ] si dicono ortogonali
se
Z T
m (t)n (t)dt = 0
(6.2)
0

Un insieme di funzioni

{m }+
m=1

si dice ortonormale se
Z

< m (t), n (t) >=

m (t) n (t)dt = m,n

(6.3)

dove m,n , rappresenta la delta di Kronecher, cio`e

1 se m = n
m,n =
.
0 se m 6= n

(6.4)

Un insieme di funzioni ortonormali `e quindi costituito da segnali ortogonali


tra loro e con energia unitaria.
Un qualunque segnale si (t) pu`o essere espresso in modo univoco mediante
un insieme di funzioni ortonormali. In particolare si pu`o sviluppare si (t) in
serie di Fourier generalizzata mediante le funzioni m (t), cio`e:
si (t) =

+
X
m=1

si,m m (t)

(6.5)

Facolt`
a di Ingegneria

97

dove si,m rappresenta la componente di si (t) proiettata sulla funzione m (t),


cio`e:
Z T
si,m =< si (t), m (t) >=
si (t) m (t)dt.
(6.6)
0

Come conseguenza dello sviluppo in serie di Fourier generalizzato, un segnale si (t) pu`o essere rappresentato in modo univoco mediante le componenti
si,m e quindi ad esso si pu`o considerare associato un vettore si con infinite
componenti definito come
si = (si,1 , si,2 , si,3 , si,4 , ...)

(6.7)

Valutiamo la quantit`a < si (t), sj (t) >:


Z

< si (t), sj (t) >=

si (t) sj (t)dt =
0

+
X

si,m sj,m

(6.8)

m=1

per cui essa `e equivalente al prodotto scalare tra i vettori si e sj e viene perci`o
anche indicata con il nome di prodotto scalare tra i due segnali si (t) e sj (t).

6.2

Procedimento di ortogonalizzazione di GramSchmidt

Il procedimento di Gram-Schmidt consente di costruire un insieme di funzioni


ortonormali partendo da un insieme qualsiasi di funzioni si (t) e quindi sar`a
utilizzato nel seguito per costruire una base di funzioni ortonormali adatta
per descrivere le forme donda utilizzate per trasmettere i simboli dellalfabeto A.
Si considerino M segnali {si (t)}M
i=1 definiti sullintervallo [0, T ] e nulli al di
fuori di tale intervallo. Si vuole determinare un insieme di N funzioni ortonormali definite sullintervallo [0, T ], tali che un qualunque segnale si (t)
possa essere espresso come combinazione lineare di tali funzioni. La cardinalit`a di tali funzioni ortonormali sar`a inferiore o uguale alla cardinalit`a dei
possibili segnali trasmessi, N M .
Il procedimento di Gram-Schmidt opera nel seguente modo:
Si pone v1 (t) = s1 (t) e successivamente si determina la prima funzione
ortonormale:
v1 (t)
1 (t) = p
(6.9)
Ev1
dove Ev1 `e determinata secondo leq.(6.1);

98

Facolt`
a di Ingegneria

Si calcola la seconda funzione ortonormale, 2 (t), definendo la funzione


v2 (t) nel seguente modo
v2 (t) = s2 (t) < s2 (t), 1 (t) > 1 (t)

(6.10)

cio`e si sottrae a s2 (t) la sua componente lungo la funzione 1 (t). La


funzione 2 (t) `e cos` ottenuta
v2 (t)
2 (t) = p
Ev2

(6.11)

Si continuano a calcolare i segnali vi (t) per ogni segnale si (t) della


costellazione degli M segnali
vi (t) = si (t)

i1
X

< si (t), j (t) > j (t)

(6.12)

j=1

e successivamente si determinano le restanti funzioni ortonormali


vi (t)
i (t) = p
Evi

(6.13)

Pu`o accadere che per una o pi`


u funzioni si verifichi la condizione vi (t) =
0. In questo caso il segnale si (t) viene descritto dalle funzioni della base
precedentemente costruite e quindi non `e necessario utilizzare la funzione
i (t). In questo caso si ottiene che N < M .
Esempio. Segnali Antipodali
Due segnali s1 (t) e s2 (t) si dicono antipodali se s1 (t) = s2 (t). In questo
caso per descrivere i due segnali `e sufficiente una sola funzione 1 (t), per cui
M = 2 e N = 1. Nel caso in cui i due segnali abbiano la stessa energia E, si
ottiene la seguente rappresentazione
grafica, figura6.2. La rappresentazione

dei due
segnali `e quindi s1 (t) = E1 (t) (s1 = E) e s2 (t) = E1 (t)
(s2 = E)
Esempio. Segnali Ortogonali
Gli M segnali s1 (t), s2 (t), ..., sM (t) sono detti ortogonali se < si (t), sj (t) >=
0 i j con i 6= j. In questo caso occorre utilizzare N = M funzioni orto`
normali per descrivere i segnali. La funzione i (t) per 1 i M definita
come
si (t)
i (t) = p .
(6.14)
Esi
Se tutti gli M segnali si (t) hanno la stessa energia E, il vettore corrispondente
a si (t) risulta

si (t) = (0, 0, ..., 0, si,i = E, 0, ..., 0).


(6.15)

99

Facolt`
a di Ingegneria

Figura 6.2: Segnali antipodali: a) rappresentazione vettoriale; b) esempio di segnali


antipodali

Figura 6.3: Esempio di funzioni ortogonali e corrispondente rappresentazione vettoriale.

si veda figura 6.3.


Esempio. Segnali Biortogonali
Si considerino quattro segnali che soddisfano le seguenti condizioni:

s1 (t) = s3 (t)
s2 (t) = s4 (t)

(6.16)

Facolt`
a di Ingegneria

100

Questi segnali, detti segnali biortogonali, possono essere descritti mediante


una base di due funzioni ortonormali 1 (t) e 2 (t) definite nel seguente modo
si (t)
i (t) = p
Esi

(6.17)

per i = 1 e i = 2. Nel caso in cui i quattro segnali abbiano la stessa energia


E, possono essere rappresentati nello spazio bidimensionale come

E,
s
=
(

1
0)

s2 = (0, E)
(6.18)

s3 = ( E,
0)

s4 = (0, E)
si veda figura 6.4.

6.3

Trasmissione su canali vettoriali

Si consideri il caso in cui M segnali diversi sono trasmessi. Questi segnali


possono essere descritti mediante N funzioni ortonormali con N M . Ad
ogni segnale si (t) pu`o essere associato un vettore si = (si,1 , si,2 , ..., si,N ) dove
si,m rappresenta la proiezione del segnale sulla funzione ortonormale m (t).
Si supponga inoltre che il canale di trasmissione introduca un rumore AWGN
cos` che il segnale ricevuto, trasmesso il simbolo ai ,:
r(t) = si (t) + n(t)

(6.19)

dove n(t) `e il rumore. I due segnali r(t) e n(t) possono essere rappresentati
mediante una serie generalizzata di Fourier utilizzando un insieme di funzione
ortonormali, che indichiamo con m (t). In questo caso sono necessarie infinite
funzioni ortonormali per descrivere i due segnali r(t) e n(t). Definendo
(
RT
rm = 0 r(t) m (t)dt
RT
(6.20)
nm = 0 n(t) m (t)dt
r(t) e n(t) possono essere descritti mediante i due vettori r = (r1 , r2 , r3 ...) e
n = (n1 , n2 , n3 ...), rispettivamente.
Le funzioni m (t) possono essere qualsiasi, tuttavia una scelta ovvia `e quella
di considerare m (t) = m (t) per 1 i N e m (t) per m > N un insieme
qualsiasi di funzioni ortonormali. In queste ipotesi si pu`o scrivere

rm = si,m + nm per 1 m N
(6.21)
r m = nm
per
m>N

Facolt`
a di Ingegneria

101

Figura 6.4: Segnali biortogonali: a) rappresentazione vettoriale dei segnali biortogonali;


b) esempio di segnali biortogonali

Nellipotesi di canale AWGN, le varie componenti di rumore nm sono scorrelate tra di loro, per cui dallosservazione della componente nm non si nessuna
informazione sulle altre componenti. Pertanto, le componenti rm = nm per
m > N non forniscono informazioni sulle prime N componenti e quindi sulla

Facolt`
a di Ingegneria

102

scelta del segnale trasmesso. In questo caso si dice che le prime N componenti
costituiscono una statistica sufficiente per la scelta del segnale. Naturalmente, questa ipotesi non risulta pi`
u valida quando cambia il tipo di rumore
introdotto dal canale di comunicazione. Definiamo i seguenti due vettori r e
n:

r = (r1 , r2 , r3 , ..., rN )
(6.22)
n = (n1 , n2 , n3 , ..., nN )
leq.(6.19) pu`o essere scritta in forma vettoriale
r = si + n

(6.23)

sulle prime N componenti. Di conseguenza si pu`o supporre di trasmettere


segnali vettoriali e quindi che il ricevitore operi su vettori. Questa rappresentazione `e molto utile sia per valutare le prestazioni dei segnali in presenza
di rumore, sia per individuare la struttura ottima del ricevitore.
Consideriamo adesso le statistiche delle componenti ni del rumore nel caso
in cui il canale di comunicazione introduca un rumore AWGN a media nulla
e varianza N20 . La componente ni , ottenuta dalleq.(6.22), `e una variabile
aleatoria di tipo gaussiano e risulta perci`o completamente definita una volta
noto il suo valor medio e la sua varianza.
Il valor medio di ni risulta uguale a
hZ T
i Z T
mni = E[ni ] = E
n(t) i (t)dt =
E[n(t)] i (t)dt = 0
(6.24)
0

essendo E[n(t)] = 0 per ipotesi. La varianza di ni `e


n2 i = E[n2i ] m2ni = E[n2i ]
per cui
n2 i

hZ

=E
0

n(t1 ) i (t1 )dt1

(6.25)

n(t2 ) i (t2 )dt2

(6.26)

Scambiando loperazione di integrazione con loperatore di media, si ottiene


Z TZ T
2
ni =
E[n(t1 ) n(t2 )]i (t1 )i (t2 )dt1 dt2 .
(6.27)
0

La funzione di autocorrelazione del rumore AWGN risulta uguale a Rn,n (t1 , t2 ) =


E[n(t1 ) n(t2 )] = N20 (t1 t2 ), quindi leq.(6.27) pu`o essere scritta come
Z Z
Z
N0 T 2
N0
N0 T T
2
(t1 t2 )i (t1 )i (t2 )dt1 dt2 =
i (t1 )dt1 =
ni =
2 0 0
2 0
2
(6.28)
essendo le funzioni ortonormali, i (t), ad energia unitaria. Le componenti ni
mantengono la stessa media e varianza di n(t).

Facolt`
a di Ingegneria

6.4

103

Ricevitore ottimo a massima verosimiglianza

Il ricevitore deve decidere quale simbolo `e stato trasmesso osservando il segnale ricevuto r(t) o il corrispondente vettore r. Supponiamo che il simbolo
trasmesso sia ai e che il canale sia di tipo AWGN. Il ricevitore ottimo `e quello che minimizza la probabilit`a di errore. Pertanto si vuole determinare il
criterio da seguire per decidere sul simbolo ricevuto in modo da minimizzare
la probabilit`a di errore. Per questo definiamo
P (si |r) = P (ai |r)

(6.29)

la probabilit`a che sia stato trasmesso il simbolo ai condizionata al fatto che


sia stato ricevuto il segnale r.
Il ricevitore effettua una decisione non corretta se sceglie il simbolo aj con
j 6= i come simbolo trasmesso. Indicando con Pe|r la probabilit`a di errore
condizionata ad aver ricevuto r, si ha
Pe|r = 1 Pc|r

(6.30)

dove Pc|r rappresenta la probabilit`a di corretta ricezione supponendo di aver


ricevuto r. La probabilit`a di errore risulta quindi uguale a
Z
Pe = Pe|r p(r)dr
(6.31)
r

dove p(r) rappresenta la densit`a di probabilit`a di r e lintegrale si intende


esteso a tutto lo spazio a N dimensioni di r.
Poich`e p(r) risulta non negativa, la probabilit`a di errore Pe `e minimizzata
se per ogni valore di r il ricevitore sceglie il simbolo aj per cui P (aj |r) `e
massima. La regola ottima di decisione sceglie il simbolo aj per cui
P (aj |r) = max P (ak |r).
1kM

(6.32)

Se esistono uno o pi`


u simboli aj , che hanno lo stesso valore massimo P (aj |r),
si pu`o scegliere in modo arbitrario uno qualsiasi di questi simboli.
Per poter applicare la regola di decisione ottima, occorre conoscere P (aj |r)
u semplice valutare la
per tutti i simboli aj e i segnali r. Spesso risulta pi`
densit`a di probabilit`a p(r|aj ). Utilizzando la formula di Bayes, eq.(1.54), la
regola ottima di decisione delleq.(6.32) risulta uguale a
p(r|aj ) P (aj )
p(r|ak ) P (ak )
= max
1kM
p(r)
p(r)

(6.33)

Facolt`
a di Ingegneria

104

dove P (aj ) rappresenta la probabilit`a a priori del simbolo aj . Essendo r e n


indipendenti tra di loro, dalleq.(1.63), si ha
p(r|aj ) = p(r|sj ) = pn (r sj ) = pn (n)

(6.34)

dove pn (n) rappresenta la densit`a di probabilit`a di n. Pertanto la regola di


decisione ottima risulta
pn (r sj )P (aj ) = max pn (r sk ) P (ak )
1kM

(6.35)

Un ricevitore che utilizza la precedente regola di decisione minimizza la probabilit`a di errore e prende il nome di ricevitore a massima verosimiglianza.
Consideriamo il caso in cui n(t) `e AWGN a media nulla e varianza N20 . In questo caso, dato che le componenti sono scorrelate tra di loro e gaussiane, quindi indipendenti, la densit`a di probabilit`a congiunta di tutte le componenti `e
espressa dal prodotto della densit`a di probabilit`a di ogni componente:
1 N2
pn (n) = pn (rsj ) =
pn (rk sj,k ) =
e
N0
2
2
k=1

PN
2
k=1 (rk sj,k )
N0
2 2

1 N2 krsj k2

N0
=
e
.
N0
(6.36)
Tenendo presente che ln(x) `e una funzione monotona crescente di x si pu`o
considerare il logaritmo naturale di ambedue i membri nelleq.(6.34) e cambiando di segno si ottiene

r sj 2 N0 ln[P (aj )] = min {kr sk k2 N0 ln[P (ak )]}. (6.37)


N
Y

1kM

Definendo

Z
Cj = r sj =

r(t) sj dt

(6.38)

tenendo presente che Esi = ksi (t)k2 e sviluppando i termini quadratici delleq.(6.37) la regola di decisione ottima pu`o essere alternativamente scritta
come
r sj

Esj N0
Es
N0
+
ln[P (aj )] = max {r sk k +
ln[P (ak )]}. (6.39)
1kM
2
2
2
2

Le due regole (eq.(6.37) e eq.(6.39)) rappresentano due metodi equivalenti


per effettuare la decisione ottima e quindi possono essere utilizzate per la
realizzazione del ricevitore ottimo.
Si definisce distanza euclidea tra due segnali r e sj la grandezza
s
Z T

De = r s j =
[r(t) sj (t)]2 dt.
(6.40)
0

105

Facolt`
a di Ingegneria

Nei casi di segnali con la stessa energia, di definisce la distanza euclidea


normalizzata
De
de = .
(6.41)
2E
La struttura ottima del ricevitore `e quella mostrata nella figura 6.5(a) nel
caso in cui si utilizza la regola di decisione delleq.(6.37). Tale ricevitore
viene detto ricevitore a distanza minima. Analogamente, poich`e leq.(6.38)
corrisponde al prodotto di correlazione tra i segnali r(t) e sj (t), il ricevitore delleq.(6.39) prende il nome di ricevitore a massima correlazione, come
mostrato in figura 6.5(b). Le due strutture sono equivalenti da un punto di
vista delle prestazioni.
Nel caso in cui i segnali abbiano la stessa energia e la stessa probabilit`a a
priori, la regola di decisione delleq.(6.37) diventa

r sj 2 = min {kr sk k2 }
(6.42)
1kM

come mostrato in figura 6.6(a), mentre per leq.(6.39) diventa


r sj = max {r sk }
1kM

(6.43)

come mostrato in figura 6.6(b).

6.5

Criterio Maximum A Posteriori (MAP)

In molti casi pu`o risultare conveniente visualizzare i diversi segnali e le regioni di decisione utilizzate per la scelta dei diversi simboli. Per questo motivo
introduciamo alcune definizioni, che sono particolarmente utili per il calcolo
della probabilit`a di errore e per la realizzazione di strutture ottime di ricezione.
Il criterio MAP permette di determinare nello spazio vettoriale ottenuto con
il procedimento di Gram-Schmidt, paragrafo 6.2, le regioni di decisione. Si
definisce regione di decisione relativa al simbolo i-esimo (1 i M ), indicata con Ii , linsieme di tutti i vettori r che sono demodulati nel simbolo
ai in modo tale da massimizzare la probabilit`a di corretta ricezione, come
nelleq.(6.32):
Ii = {r S : p(r|si )P (si ) = max P (ak |r) j = 1, ..., M } =
1kM

= {r S : p(r|si )P (si ) p(r|sj )P (sj ) j = 1, ..., M }

(6.44)

Facolt`
a di Ingegneria

106

Figura 6.5: Ricevitore Ottimo: a) ricevitore a distanza minima; b) ricevitore a


correlazione

La regione di decisione Ii pu`o essere alternativamente calcolata come lintersezione di pi`


u regioni di decisione calcolate tra coppie di segnali secondo la
relazione
M
\
Ii =
Ii,j
(6.45)
j=1 (j6=i)

Facolt`
a di Ingegneria

107

Figura 6.6: Ricevitore ottimi per segnali iso-energetici ed equiprobabili: a) ricevitore a


distanza minima; b) ricevitore a correlazione

con
Ii,j = {r S : p(r|si )P (si ) p(r|sj )P (sj )}.

(6.46)

Facolt`
a di Ingegneria

108

Supponendo il rumore AWGN e sfruttando i risultati delle eq.(6.35) e (6.36),


si ottiene

=
=
=
=

{p(r/si )P (si ) p(r/sj )P (sj )} =


(
)

N2 krsi k2

N2 krsj k2

1
N0
e N0 P (si ) N1 0
e
P (sj )
=
N0

2
{ kr si k2 + N0 ln[P (ai )] r sj + N0 ln[P (aj )]}
=
{E
) sj + N0 ln[P (aj )]} =
( si + 2r si + N0 ln[P (ai )] Esj + 2r
h
i E E
si
sj
P (a )
r (si sj ) N20 ln P (aji ) +
2
(6.47)

e quindi
(
Ii,j =

"
#
!)
Esi Esj
N0
P (aj )
r S : r (si sj )
ln
+
. (6.48)
2
P (ai )
2

Osservazione: Propriet`
a geometriche delle regioni di decisione
Le regioni di decisione sono molto utili nellanalisi di un sistema di segnali, sia per caratterizzare le propriet`a di essi, sia nel definire la struttura del
ricevitore ottimo. In vari casi non sono facilmente definibili ed utilizzabili;
tuttavia, esse godono di alcune propriet`a che consentono di semplificare la
loro struttura
Propriet`
a1
Linsieme delle probabilit`a condizionate, p(r Ii /aj ), dipende esclusivamente dallinsieme dei vettori si (t) e dalle probabilit`a a priori P (aj ),
ma non dalla scelta delle funzioni ortonormali, j (t).
Propriet`
a2
Dato un arbitrario insieme di segnali, linsieme delle probabilit`a condizionate `e uguale a quello di un qualunque altro insieme di segnali
ottenuto dal precedente mediante un moto rigido. In altre parole, una
trasformazione che lasci inalterate le posizione relative dei segnali non
modifica la probabilit`a di errore. Pertanto traslazioni rigide o rotazioni
rigide non influenzano la probabilit`
a di errore.

109

Facolt`
a di Ingegneria

6.6

Limite superiore della probabilit`


a di errore (Union Bound)

In molti casi il calcolo esatto della probabilit`a di errore pu`o risultare impossibile o molto complesso da effettuare. In questi casi si preferisce spesso fornire
limiti inferiori e superiori sulla probabilit`a di errore. In questo paragrafo descriviamo un limite superiore sulla probabilit`a di errore, detto Union Bound,
che risulta generalmente semplice da calcolare e che perci`o viene spesso utilizzato nelle applicazioni pratiche. Questo limite risulta stretto (cio`e fornisce
unindicazione della probabilit`a di errore vicina a quella reale) soltanto per
alti rapporti segnale rumore, mentre per bassi rapporti segnale rumore il limite `e spesso inutilizzabile.
Indichiamo con I i la regione complementare della regione di decisione Ii
relativa al simbolo ai
I i = {r S : p(r|si )P (si ) p(r|sj )P (sj ) j = 1, ..., M }

(6.49)

con I i = S Ii . Tale regione pu`o essere espressa anche come


M
[

Ii =

I i,j

(6.50)

j=1 (j6=i)

dove
I i,j = {r S : p(r|si )P (si ) p(r|sj )P (sj )}.

(6.51)

Dal teorema della probabilit`a totale (eq.(1.53)), la probabilit`a di errore pu`o


essere espressa come
M
X
Pe =
Pe|si P (si )
(6.52)
i=1

supponendo i simboli emessi dalla sorgente in modo equiprobabile


P (si ) =

1
i = 1, ..., M
M

(6.53)

da cui

M
M
M
1 X
1 X
1 X
Pe =
Pe|si =
P (r I i /si ) =
P r
M i=1
M i=1
M i=1

M
[

!
I i,j |si

j=1 (j6=i)

(6.54)

Facolt`
a di Ingegneria

110

e considerando che la probabilit`a dellunione di pi`


u eventi pu`o essere maggiorata con la somma delle probabilit`a dei singoli eventi, eq.(1.50),

!
M
M
M
M
[
1 X
1 X X
Pe =
P r
I i,j |si
P (r I i,j |si ) (6.55)
M i=1
M i=1
j=1 (j6=i)

j=1 (j6=i)

Il calcolo di P (r I i,j /si ) `e molto semplice una volta nota la distanza


euclidea, De(i,j) , tra i due segnale si e sj . Infatti si ottiene
s
P (r I i,j /si ) = Q

2
De(i,j)

!
(6.56)

2N0

Lespressione dellUnion Bound `e quindi


M
M
1 X X
Q
UB =
M i=1
j=1 (j6=i)

2
De(i,j)

2N0

!
.

(6.57)

Leq.(6.57) pu`o essere approssimata anche con la seguente espressione


s
!
2
D
2
e,min
UB
Q
(6.58)
=
M
2N0
dove De,min `e la distanza euclidea minima tra tutte le possibile coppie di
segnali e `e il numero di coppie di segnali a distanza euclidea minima.

6.7

Valutazione delle prestazioni nelle modulazioni digitali

La trasmissione di segnali numerici (dati o segnali campionati) richiede lo


sviluppo di tecniche di modulazioni diverse rispetto a quelle utilizzate per
segnali analogici. Anche in questo caso il segnale informativo modula una
portante generalmente di tipo sinusoidale analoga a quella utilizzata nelle
modulazioni analogiche. Tuttavia, esistono numerose differenze tra modulazioni analogiche e digitali, per cui `e necessario trattare separatamente i due
tipi di tecniche.
I principali parametri che caratterizzano una modulazione digitale sono la
probabilit`a di errore, il tipo di demodulatore richiesto e la banda occupata.
Questi parametri possono variare in modo significativo a secondo del tipo di

Facolt`
a di Ingegneria

111

modulazione utilizzata.
Il simbolo informativo trasmesso nelli-esimo intervallo pu`o assumere un valore tra gli M simboli dellalfabeto A. Naturalmente se M = 2 si ha una
trasmissione binaria, che rappresenta il caso pi`
u frequente. I sistemi non binari consentono in generale di ottenere maggiori velocit`a di trasmissione (bit
rate)
dlog2 (M )e
(6.59)
Rb/s =
Tsimb
(Tsimb durata del simbolo), ma tipicamente presentano probabilit`a di errore
pi`
u elevate rispetto ai sistemi binari. In particolare la probabilit`a di errore
pu`o essere espressa in funzione del rapporto energia per bit/densit`a spettrale
Eb
Eb
di potenza media di rumore, N
, cio`e Pe = f ( N
). Lespressione esatta della
0
0
Eb
funzione della Pe dipende dal tipo di modulazione utilizzata. Il termine N
0
pu`o essere calcolato nel sistema di trasmissione numerico di figura 6.7 nel
seguente modo
Ptx Gtx Grx
Eb
Ptx Gtx Grx
Lf s
=
=
(6.60)
N0
N0 Rb/s
Lf s N0 Rb/s
dove N0 = k Tsistema (Tsistema relativa ai quadripoli dopo lantenna ricevente
(se presenti)) ed in scala logaritmica

Eb
= Ptx (dB) +Gtx (dB) +Grx (dB) Lf s (dB) 10log10 (N0 )10log10 (Rb/s ).
N0
dB
(6.61)

Figura 6.7: Trasmissione e ricezione in un sistema digitale

6.8

Modulazione On-Off Keying (OOK)

Come nel caso dei segnali analogici, le modulazioni che consideriamo consistono nella variazione dellampiezza o della fase o della frequenza della portante
in funzione del segnale informativo. Data quindi una portante sinusoidale, la
modulazione OOK consiste nel far variare lampiezza della portante in funzione del segnale informativo. Indicando con Tsimb la durata del simbolo, il

Facolt`
a di Ingegneria

112

segnale s1 (t) corrisponde al simbolo 0, mentre il segnale s2 (t) corrisponde al


simbolo 1:
(
s1 (t) = 0q [0, Tsimb ]
(6.62)
2E
s2 (t) = Tsimb
cos(2f0 t) [0, Tsimb ]
Un esempio di segnale OOK `e mostrato nella figura 6.8, in cui si suppone
di trasmettere la sequenza 0, 1, 0, 1, 1. Se ai = 0 non viene trasmesso alcun segnale, mentre per ai = 1 viene trasmessa una sinusoide a frequenza
f0 per una durata Tsimb . Un segnale OOK pu`o essere demodulato sia con

Figura 6.8: Segnale Modulato OOK

una tecnica coerente (cio`e con il recupero della portante), sia mediante una
tecnica incoerente (senza recupero della portante). Valuteremo soltanto il
primo caso.

6.8.1

Demodulazione coerente di un segnale OOK e


probabilit`
a di errore

I due segnali corrispondenti s1 (t) e s2 (t) possono essere descritti mediante


una sola funzione ortonormale 1 (t) definita come
r
2
1 (t) =
cos(2f0 t) [0, Tsimb ].
(6.63)
Tsimb
La rappresentazione vettoriale di questi segnali `e mostrata nella figura 6.9(a).
La distanza euclidea normalizzata tra i due segnali `e uguale ad 1. La demodu-

113

Facolt`
a di Ingegneria

lazione coerente di un segnale OOK pu`o essere effettuata mediante il circuito


mostrato nella figura 6.9(b). Il segnale ricevuto r(t) viene moltiplicato per il
segnale 1 (t). Se indichiamo z il segnale alluscita del filtro passa-basso, in
assenza di rumore si ottiene

0
se ai = 0
z=
(6.64)
E se ai = 1
1
posto f0 = Tsimb
.
Come stabilito nel criterio MAP, nel caso di segnali equiprobabili
(P (a1 ) =

E
P (a2 ) = 0.5) il ricevitore sceglie il simbolo 1 se z > 2 , mentre nel caso
opposto sceglie il simbolo 0. Supponiamo che il simbolo da trasmettere sia

Figura 6.9: Modulazione OOK: a) rappresentazione vettoriale dei segnali; b)


demodulatore OOK

1 e quindi venga trasmesso il segnale s2 (t). Nel caso di canale AWGN, il


segnale ricevuto `e uguale
a r(t) = s2 (t) + n(t). Il ricevitore effettua una

E
decisione errata se z < 2 , per cui la probabilit`a di errore condizionata alla
trasmissione del bit 1 risulta



E
Pe|s2 = P
E + n < 2 = P n < 2E
=
=

R E
2

= Q

q 1
N
2 20

n2
N
2 20

dn =

E
2N0

v
1 e 2
2

dv =

(6.65)

E
2N0

e considerando che
posto nel cambio di variabile dellintegrale v = n
N0 /2
q
E
lintegrale della gaussiana da [, 2N
] `e uguale allintegrale della guas0
q
E
siana da [ 2N
, +] poich`e la funzione `e pari. Dato che i simboli sono
0
equiprobabili e che Pe|s1 = Pe|s2 , per il teorema della probabilit`a totale vale
che Pe = 0.5 Pe|s1 + 0.5 Pe|s2 = Pe|s1 .
Lenergia media per bit Eb nel caso della modulazione OOK risulta uguale a
Eb =

Es1 + Es2
0+E
E
=
=
2
2
2

(6.66)

Facolt`
a di Ingegneria

114

Eb
per cui lespressione della probabilit`a di errore in funzione del rapporto N
0
pu`o essere scritta come
r !
Eb
Pe = Q
(6.67)
N0

6.9

Modulazioni Phase Shift Keying (PSK)

Una tecnica di modulazione digitale molto utilizzata nelle applicazioni pratiche `e la modulazione di fase, in cui la fase della portante assume valori diversi
a seconda del simbolo da trasmettere. Questa modulazione viene spesso indicata con la sigla PSK e nel caso in cui lalfabeto di sorgente sia costituito
da M simboli si usa spesso la notazione M-PSK. Quando M = 2 si ottiene
la modulazione BPSK e per M = 4 la modulazione QPSK. Tali modulazioni
presentano spesso buone prestazioni per la trasmissione dati.
In una modulazione M-PSK si hanno M differenti fasi, ciascuna delle quali viene associata ad un diverso simbolo. Il segnale si (t) corrispondente al
simbolo ai = (i 1) per 1 i M , pu`o essere scritto
r

2E
(i 1)
[0, Tsimb ]
(6.68)
si (t) =
cos 2f0 t +
Tsimb
M
il segnale si (t) pu`o essere scritto anche come
r
(i 1)
r 2E
(i 1)

2E
si (t) =
cos
cos 2f0 t
sen
sen 2f0 t [0, Tsimb ]
Tsimb
M
Tsimb
M
(6.69)
I segnali M-PSK con M > 2 possono essere descritti mediante le due funzioni
ortonormali

q
2
1 (t) =
cos(2f0 t) [0, Tsimb ]
q Tsimb
.
(6.70)
2
2 (t) =
sen(2f
t)
[0,
T
]
0
simb
Tsimb
La demodulazione di un segnale PSK pu`o essere effettuata soltanto in modo
coerente, cio`e ricostruendo la fase e la frequenza della portante.

6.9.1

Modulazione BPSK e probabilit`


a di errore

Nel caso in cui M = 2, i somboli informativi possono assumere soltanto due


valori, 0 e 1. I segnali modulati risultano perci`o

q
2E
s1 (t) =
cos(2f0 t) [0, Tsimb ]
q Tsimb
q
(6.71)
2E
2E
s2 (t) =
cos(2f
t
+
)
=

cos(2f
t)
[0,
T
]
0
0
simb
Tsimb
Tsimb

Facolt`
a di Ingegneria

115

Un esempio di segnale modulato `e mostrato in figura 6.10(a), in cui si suppone


di trasmettere la sequenza 0, 1, 0, 1, 1. Come si pu`o osservare tutte le volte
che il simbolo informativo cambia, la fase del segnale modulato presenta una
variazione di . In questi istanti il segnale modulato ha forti discontinuit`a,
per cui la banda necessaria alla trasmissione di un segnale BPSK risulta
elevata.
Essendo s1 (t) = s2 (t), i due segnali sono antipodali e possono essere scritti

Figura 6.10: Modulazione BPSK: a) segnale modulato BPSK; b) rappresentazione


vettoriale di un segnale BPSK

mediante ununica funzione ortonormale


r
2
1 (t) =
cos(2f0 t)
Tsimb

(6.72)

La rappresentazione grafica dei due segnali nello spazio S `e mostrata nella


figura 6.10(b). I due segnali hanno la stessa energia E, per cui la distanza
euclidea normalizzata tra i due segnali risulta d21,2 = 2.
La probabilit`a di errore per i due segnali risulta Pe = 0.5 Pe|s1 + 0.5 Pe|s2
considerando i due segnali equiprobabili. Come stabilito dal criterio MAP,
lerrore in ricezione `e commesso se il segnale `e minore di 0 se `e stato trasmesso
s1 (t) mentre maggiore di 0 se `e stato trasmesso s2 (t). Si ottiene quindi

Pe|s1 = P ( E + n < 0) = P (n < E)


=
q
n2

2E

R E
R N
N0
v2
= q 1 N0 e 2 2 dn = 0 12 e 2 dv =
2 2
(6.73)
!

q
2E
= Q
N0

Facolt`
a di Ingegneria

Lo stesso risultato si ottiene considerando Pe/s2 e cos`


r !
r
!
2E
2Eb
Pe = Q
=Q
N0
N0

116

(6.74)

dato che Eb = E. Landamento della probabilit`a di errore `e mostrato in


Eb
figura 6.11 (curva a) in funzione di N
.
0

Figura 6.11: Probabilit`a di errore di alcune modulazioni binarie

6.9.2

Modulazione QPSK e probabilit`


a di errore

La modulazione QPSK utilizza 4 fasi diverse per trasmettere 4 possibili valori


per ogni intervallo di simbolo, Tsimb , e quindi `e una modulazione PSK con
M = 4. I quattro segnali risultano sfasati di 2 luno rispetto allaltro. Nella
figura 6.12(a) viene rappresentato un esempio di segnale modulato QPSK
nel caso in cui la sequenza informativa sia {0, 2, 1, 0, 3, 1}; sono visibili le
discontinuit`a di fase presenti allinizio dellintervallo di simbolo. I segnali
trasmessi possono essere rappresentati con due funzioni ortonormali, per cui
possiedono una componente in fase e una componente in quadratura. La
rappresentazione vettoriale per i quattro segnali corrispondenti ai simboli

Facolt`
a di Ingegneria

117

dellalfabeto A sono mostrati nella figura 6.12(b). Questi segnali soddisfano


le seguenti condizioni:

s1 (t) = s3 (t)
(6.75)
s2 (t) = s4 (t)
e quindi sono segnali bi-ortogonali. La loro rappresentazione vettoriale coincide con quella mostrata nella figura 6.12(b).
La distanza euclidea normalizzata tra due segnali si (t) e sj (t) dipende da i
e j. In particolare, si ha d21,2 = d21,4 = 1, mentre d21,3 = 2. Le distanze tra gli
altri segnali sono analoghe alle precedenti. Lo schema per la demodulazione
di un segnale QPSK `e mostrato nella figura 6.12(c) e risulta formato da quattro rami paralleli, in ciascuno dei quali si valuta la correlazione tra il segnale
ricevuto ed uno dei possibili segnali trasmessi. Uno schema alternativo per la
demodulazione di un segnale QPSK `e mostrato nella figura 6.12(d), in cui si
hanno due rami paralleli. Il primo ramo consente di valutare la componente
in fase, mentre sul secondo ramo la componente in quadratura. Il circuito di
decisione ha lo scopo di individuare il simbolo trasmesso.
La probabilit`a di errore della modulazione QPSK `e uguale a
"
r !#2
E
Pe = 1 1 Q
(6.76)
N0
dove E rappresenta lenergia per simbolo. Per confrontare il risultato ottenuto con la BPSK, conviene esprimere E in funzione di Eb . Poich`e lalfabeto
`e composto da 4 simboli, la trasmissione di un simbolo nella modulazione
QPSK `e equivalente alla trasmissione di due simboli binari, per cui Eb = E2 ,
quindi
"
r
!#2
r
!
2Eb
2E
b

Pe = 1 1 Q
(6.77)
=2
N0
N0
Eb
La probabilit`a di errore di una modulazione QPSK in funzione di N
`e mo0
strata nella figura 6.13; per completezza nella figura viene riportata anche
la probabilit`a di errore di una modulazione BPSK. Si pu`o notare che per
Eb
un fissato valore di N
, una modulazione QPSK presenta una probabilit`a di
0
errore Pe leggermente superiore a quella della BPSK (Pe QP SK = 2Pe BP SK ).

Facolt`
a di Ingegneria

Figura 6.12: Modulazione QPSK: a) esempio di segnale modulato QPSK; b)


rappresentazione vettoriale dei segnali; c) demodulatore QPSK con quattro rami
paralleli; d) demodulatore QPSK con due rami paralleli

118

Facolt`
a di Ingegneria

119

Figura 6.13: Probabilit`a di errore di una modulazione QPSK

6.10

Modulazioni Frequency Shift Keying (FSK)

6.10.1

Caratteristiche della modulazione FSK

Come nel caso analogico si pu`o utilizzare una modulazione di frequenza per
trasmettere segnali digitali. La modulazione FSK utilizza M frequenze diverse per trasmettere gli M simboli dellalfabeto A, per cui il segnale modulato
pu`o essere scritto
r
2E
cos(2fi t) [0, Tsimb ]
(6.78)
si (t) =
Tsimb
dove fi per 1 i M rappresenta la frequenza utilizzata per trasmettere
li-esimo simbolo. La scelta delle frequenze fi `e molto importante, in quanto
influenza sia la banda di trasmissione, sia la probabilit`a di errore.

Facolt`
a di Ingegneria

6.10.2

120

Modulazione BFSK

Nel caso binario (M = 2) i due segnali s1 (t) e s2 (t) risultano

q
2E
s1 (t) =
cos(2f1 t) [0, Tsimb ]
q Tsimb
2E
s2 (t) =
cos(2f2 t) [0, Tsimb ]
Tsimb

(6.79)

Generalmente si sceglie f1 = f0 f e f2 = f0 +f , dove f0 prende il nome di


frequenza della portante. Un esempio di segnale modulato FSK `e mostrato
nella figura 6.14, supponendo di trasmettere la sequenza {0, 1, 0, 1, 1} (nel
disegno si `e supposto f2 = 4f1 per evidenziare la differenza tra il segnale
corrispondente al simbolo 0 e quello corrispondente al simbolo 1). Valutiamo

Figura 6.14: Esempio di segnale modulato FSK

adesso le caratteristiche di un segnale BFSK al variare di f . Per questo si


definisce coefficiente di autocorrelazione, , tra i due segnali s1 (t) e s2 (t) il
parametro
Z
1 Tsimb
=
s1 (t) s2 (t)dt.
(6.80)
E 0
La correlazione `e legata alla distanza euclidea normalizzata tra i due segnali
dalla seguente relazione
d21,2 = 1 .
(6.81)

Facolt`
a di Ingegneria

121

Per un segnale BFSK si ha

!Tsimb
Z Tsimb
Z Tsimb

2E
t
sen(4f
t)
2E

1
Es1 =
s21 (t)dt =
+
cos2 (2f1 t)dt =

T
T
2
4f
simb 0
simb
1
0
0
(6.82)
posto 4f1 Tsimb = k1 vale Es1 = E e

!Tsimb
Z Tsimb
Z Tsimb

2E
t
sen(4f
t)
2E

2
Es2 =
s22 (t)dt =
+
cos2 (2f2 t)dt =

T
T
2
4f
simb 0
simb
2
0
0
(6.83)
posto 4f2 Tsimb = k2 vale Es2 = E; mentre
R Tsimb
2
= Tsimb
cos(2f1 t) cos(2f2 t)dt
=
0
!Tsimb

(6.84)
sen(4(f2 f1 )t)
sen(4(f2 +f1 )t)
2
= Tsimb
+

4(f2 f1 )
4(f2 +f1 )

Essendo f0 =

f1 +f2
2

e 2f0 Tsimb = k, si ottiene

sen(2(f2 f1 )Tsimb )
2(f2 f1 )Tsimb
Si definisce indice di modulazione h
=

h = (f2 f1 )Tsimb

(6.85)

(6.86)

per cui

sen(2h)
.
(6.87)
2h
La correlazione `e mostrata nella figura 6.15 in funzione dellindice di mo2
dulazione h. La correlazione assume il valore minimo uguale a 3
per
h = 0.715. Si pu`o notare che = 0 per h = 0.5 e h = 1, per h 1. Per
questi due valori di h i due segnali s1 (t) e s2 (t) sono ortogonali tra di loro.
Definendo 1 (t) e 2 (t) le due seguenti funzioni ortonormali

q
2
1 (t) =
cos(2f1 t) [0, Tsimb ]
Tsimb
q
(6.88)
2
2 (t) =
cos(2f
t)
[0,
T
]
2
simb
Tsimb
=

Per h = 0.5 e h = 1 si ha che la distanza euclidea normalizzata `e uguale


a 1. Le modulazioni FSK con h = 0.5 e h = 1 hanno la stessa probabilit`a
di errore; tuttavia il caso h = 0.5 `e di particolare interesse perch`e la banda
di trasmissione risulta minore rispetto al caso h = 1. Quando h = 0.5 la
modulazione viene indicata con la sigla FFSK (Fast FSK) e la distanza tra
1
, mentre nel caso h = 1 si ha
le due frequenze `e uguale a f2 f1 = 2Tsimb
1
f2 f1 = Tsimb .

Facolt`
a di Ingegneria

122

Figura 6.15: Correlazione tra i segnali FSK in funzione dellindice di modulazione

6.10.3

Demodulazione coerente di un segnale FSK e


probabilit`
a di errore

Il valore di h influenza la banda di trasmissione, poich`e allaumentare di h


le due frequenze h1 e h2 sono maggiormente distanti, allo stesso tempo h
influenza la probabilit`a di errore. Valutiamo quindi la proabilit`a di errore
nel caso di canale AWGN. Lo schema del ricevitore ottimo `e quello mostrato
nella figura 6.16 considerando i segnali equiprobabili. Supponiamo di aver
trasmesso il segnale s1 (t) e di aver ricevuto r(t) = s1 (t) + n(t), dove n(t)
rappresenta il rumore gaussiano introdotto dal canale di comunicazione, che
per le ipotesi fatte risulta a valor medio nullo e densit`a spettrale di potenza
media pari a N0 /2. Indichiamo con u1 e u2 le variabili aleatorie alluscita del
primo e del secondo ramo dopo i due integratori, si ha:
(
RT
RT
u1 = 0 simb s21 (t)dt + 0 simb s1 (t)n(t)dt
RT
RT
(6.89)
u2 = 0 simb s1 (t) s2 (t)dt + 0 simb s2 (t)n(t)dt
Per cui D = u1 u2 risulta
D = E(1 ) + N

(6.90)

Facolt`
a di Ingegneria

dove N `e la variabile aleatoria


Z Tsimb
N=
n(t) [s1 (t) s2 (t)]dt

123

(6.91)

a media nulla
hZ

Tsimb

mN = E[N] = E

Tsimb

n(t)[s1 (t)s2 (t)]dt =


0

E[n(t)][s1 (t)s2 (t)]dt = 0


0

(6.92)

2
e varianza N
uguale a

E[N2 ]
=
R Tsimb R Tsimb
E[n(t1 )n(t2 )][s1 (t1 ) s2 (t1 )][s1 (t2 ) s2 (t2 )]dt1 dt2 =
R0Tsimb N00
[s1 (t1 ) s2 (t1 )]2 dt1
=
2
0
N0

2E(1

)
=
2
N0 E(1 )
(6.93)
Poich`e n(t) `e un segnale aleatorio con densit`a di proabbilit`a gaussiana, a
media nulla e varianza N20 , la variabile aleatoria D ha una densit`a di proba2
bilit`a, pD (D), gaussiana con media E(1 ) e varianza N
. Lerrore viene
commesso quando u1 < u2 , cio`e D < 0, per cui la probabilit`a di errore Pe/s1
risulta
Z 0
Z q E(1)
[DE(1)]2
N0
v2
1
1

p
e 2 dv
Pe/s1 = P (D < 0) =
e 2E(1)N0 dD =
2
2E(1 )N0

(6.94)
DE(1)
con il seguente cambio di variabili v =
.
2
N
=
=
=
=
=

E(1)N0

Si ottiene quindi
s
Pe = 0.5 Pe|s1 + 0.5 Pe|s2 = Pe|s1 = Q

!
Eb (1 )
.
N0

(6.95)

considerando che Eb = E. La minima probabilit`a di errore si ottiene per


segnali antipodali (BPSK) con = 1, mentre nel caso di FSK la minima
probabilit`a di errore si ottiene quando h = 0.715 con = 0.212. Le precedenti considerazioni si riferiscono allo schema di demodulazione mostrato
nella figura 6.16, che rappresenta uno schema di demodulazione coerente. La
probabilit`a di errore di un segnale FSK ortogonale ( = 0) vale
r !
Eb
Pe = Q
(6.96)
N0

Facolt`
a di Ingegneria

124

Figura 6.16: Schema ottimo per la demodulazione coerente di un segnale FSK binario

ed `e riportata nella figura 6.11(curva d). Si pu`o osservare che la modulazione FSK ortogonale ha sempre prestazioni inferiori rispetto a quelle di una
modulazione BPSK; in particolare per ottenere la stessa probabilit`a di errore
Eb
una modulazione FSK ortogonale richiede un valore di N
superiore di 3dB
0
rispetto alla modulazione BPSK. Nella figura 6.17 `e mostrata la probabilit`a
di errore di un sistema FSK per diversi valori della correlazione . La minima probabilit`a di errore si ottiene per h = 0.715; tuttavia la riduzione della
probabilit`a di errore rispetto al caso h = 0.5 `e compensato dal fatto che per
h = 0.5 lo spettro del segnale modulato risulta pi`
u compatto.

6.11

Modulazione Differential Phase Shift Keying (DPSK)

La modulazione PSK richiede il recupero della fase e della frequenza della


portante, poich`e linformazione `e contenuta nel valore assoluto della fase della portante. Tuttavia, in diversi sistemi di comunicazione, il recupero della
portante con la richiesta precisione pu`o risultare difficile a causa di disturbi o
delle caratteristiche del canale di comunicazione. In questo caso le prestazioni
di una modulazione PSK possono degradare facilmente a valori intollerabili e
pu`o risultare conveniente o necessario utilizzare modulazioni che non richiedono il recupero della portante. Un esempio di questo tipo di modulazione `e
rappresentato dalla DPSK. In un segnale DPSK linformazione da trasmettere `e contenuta nelle variazioni di fase da un intervallo al successivo, per cui
non risulta necessario ricostruire il valore assoluto della fase della portante.

Facolt`
a di Ingegneria

125

Figura 6.17: Probabilit`a di errore di un segnale FSK demodulato in modo coerente in


Eb
funzione di N
per diversi valori dellindice di modulazione h
0

Il segnale modulato DPSK pu`o essere scritto nella forma


r
2E
si (t) =
cos(2f0 t + i ) [0, Tsimb ]
Tsimb

(6.97)

dove i rappresenta la fase utilizzata per trasmettere il simbolo ci nelli-esimo


intervallo. Anche in questo caso, come nella modulazione BPSK, il simbolo
0 `e sempre associato alla fase 0 ed il simbolo 1 alla fase , nella modulazione
DPSK per`o il valore della fase i dipende dal valore ci e da i1 secondo la
seguente regola

i = i1
se ci = 0
(6.98)
i = i1 + se ci = 1
In questo modo il simbolo 0 corrisponde ad una fase costante da un intervallo
a quello successivo, mentre il simbolo 1 corrisponde ad una variazione di .
Un esempio della codifica delle fase i in un segnale DPSK `e mostrato nella
figura 6.18(a), in cui sono riportate la sequenza informativa e la corrispondente sequenza di fasi ad essa associata. Lo schema di demodulazione di un
segnale DPSK `e mostrato nella figura 6.18(b). Il segnale ricevuto r(t) viene
moltiplicato per una versione ritardata di Tsimb dello stesso segnale. Dopo
lintegrazione ed il filtraggio passa-basso si ha
z = E cos(i i1 )

(6.99)

Facolt`
a di Ingegneria

126

Figura 6.18: Modulazione DPSK: a) sequenza di simboli e corrispondenti fasi del segnale
modulato; b) demodulatore DPSK

per cui in assenza di rumore risulta

z=E
se ci = 0
z = E se ci = 1

(6.100)

La decisione sul simbolo trasmesso viene perci`o effettuata mediante una soglia centrata sullo 0.
La demodulazione di un segnale DPSK non richiede la ricostruzione della
portante e quindi il circuito di demodulazione risulta semplificato. Tuttavia,
le prestazioni di una modulazione DPSK sono inferiori rispetto a quelle di
un segnale BPSK con recupero della portante. Prima di determinare la probabilit`a di errore di un segnale DPSK, evidenziamo un inconveniente della
demodulazione differenziale. Consideriamo il caso in cui la sequenza trasmessa sia quella mostrata nella figura 6.18(a) e supponiamo che le differenze di
fase ricevute siano {0, , , 0, , 0, , 0} per cui si `e verificato un errore sulla sesta fase; il demodulatore sceglie come sequenza trasmessa la seguente
{0, 1, 0, 1, 1, 1, 1, 1}; dal confronto con la sequenza trasmessa, si osserva che
la sequenza demodulata contiene due errori, mentre il canale ha introdotto
soltanto un errore. Questa propagazione dellerrore `e tipica della demodulazione differenziale ed `e dovuta al processo di memoria introdotto durante
loperazione di scelta delle fasi rappresentato dalleq .(6.98).

6.11.1

Probabilit`
a di errore di un segnale DPSK

Valutiamo adesso la probabilit`a di errore di un segnale DPSK nel caso di


canale AWGN. Senza perdita di generalit`a si pu`o supporre che l(i 1)-esimo

Facolt`
a di Ingegneria

127

e li-esimo simbolo trasmesso sia uguale a 0, per cui i1 = i . Inoltre


se ni1 (t) e ni (t) rappresentano il rumore introdotto nell(i 1)-esimo e
nelli-esimo intervallo, si:

ni (t) = ai cos(2f0 t) bi sen(2f0 t)


(6.101)
ni1 (t) = ai1 cos(2f0 t) bi1 sen(2f0 t)
Posto

r
Ac =

2E
Tsimb

xj = Ac + aj
y j = bj

(6.102)
(6.103)

con j = i 1 o j = i, il segnale z alluscita del filtro passa basso di figura


6.18(b) `e
1
z = (xi xi1 + yi yi1 )
(6.104)
2
Il demodulatore commette un errore se z < 0, avendo supposto di trasmettere
il simbolo c1 = 0. Si pu`o facilmente osservare che

i
1 h
(xi +xi1 )2 +(yi +yi1 )2 (xi xi1 )2 +(yi yi1 )2
xi xi1 +yi yi1 =
4
(6.105)
Posto

u1 = xi + xi1 ; u2 = xi xi1
(6.106)
v1 = yi + yi1 ; v2 = yi yi1
le variabili u1 , u2 , v1 e v2 sono gaussiane con varianza 2 2 , inoltre u1 ha valor
medio uguale a 2Ac , mentre le altre tre variabili aleatorie hanno un valor
medio uguale a 0. La covarianza delle quattro variabili aleatorie `e uguale a 0
dato che tali variabili sono statisticamente indipendenti. Possiamo indicare
con i termini aleatori R1 e R2 le seguenti espressioni
p

R1 = pu21 + v21
(6.107)
R2 = u22 + v22
La variabile aleatoria R1 ha una densit`a di probabilit`a di Rice, mentre R2
ha una densit`a di probabilit`a di Rayleigh. La probabilit`a di errore quindi `e
Pe = P (z < 0)
=
R21 R22
= P ( 4 < 0)
=
= P (R1 < R2 )
=
!
R +
R +
= 0 pR1 (R1 ) R1 pR2 (R2 )dR2 dR1

(6.108)

Facolt`
a di Ingegneria

128

avendo considerato che R1 e R2 sono maggiori o uguali a 0 per definizione.


Poich`e

!
R1 A22c
Ac R1
pR1 (R1 ) = 2 e I0
(6.109)
2
2
e
pR2 (R2 ) =
con

+
R1

si ha

R1 R222
e 4
2 2

R2
R1 R222
1
4 dR = e 4 2
e
2
2 2

!
2
c
R1 R12 +4A
A

R
c
1
e 42 I0
dR1 .
Pe =
2
2
2

Effettuando il cambiamento di variabile t = 2R1

!
Z
2
1 A22c +
t
Ac t
t2

Pe = e
e 4 I0
dt
2
2 2 2
2 2
0
e posto A1 =

2A
c,
2

(6.110)
(6.111)

(6.112)

(6.113)

si ha

1 A2c A21
Pe = e 2 e 42
2

+
0

!
t t2 +A2 21
Ac t
e 4 I0
dt.
2 2
2 2

(6.114)

Il termine dentro lintegrale rappresenta una distribuzione di Rice e quindi,


integrando su tutti i valori di t, risulta uguale ad 1, per cui
1 A2c2
Pe = e 2 .
2

(6.115)

Essendo 2 la varianza e quindi la potenza media di rumore alluscita del


filtro passa-basso con banda (B, B), si ottiene che 2 = N20 2B = N0 B. La
probabilit`a di errore pu`o quindi essere scritta come
1 A2c
Pe = e 2N0 B .
2

(6.116)

Come si pu`o osservare da questa relazione, la probabilit`a di errore dipende


dalla banda B del filtro ed al diminuire di B diminuisce anche la probabilit`a
di errore. Il valore minimo della banda ncessario a non avere interferenza
1
, per cui
inter-simbolica `e B = Tsimb
1 E
Pe = e N0
2

(6.117)

Facolt`
a di Ingegneria

ed essendo E = Eb si ha

129

1 Eb
Pe = e N0 .
(6.118)
2
La probabilit`a di errore della modulazione DPSK `e mostrata nella figura
6.11(curva b). Come si pu`o notare la modulazione DPSK presenta una
probabilit`a maggiore rispetto alla modulazione BPSK demodulata in modo
Eb
coerente; tuttavia si avvicina ad essa per alti rapporti di N
.
0