Sei sulla pagina 1di 19

Corso di Laurea:

Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

LEZIONE 11 Esempi di determinazione delle reazioni vincolari


con le Equazioni Cardinali della Statica.
Nucleo
tematico

Lez.

Contenuto

11

Esempi i determinazione delle reazioni vincolari con le


Equazioni Cardinali della Statica.

Sono risolti nel seguito alcuni esempi di determinazione delle reazioni


vincolari con le Equazioni Cardinali della Statica.
Sono opportune alcune precisazioni preliminari.
1. Negli esempi che seguono ed in generale, salvo precisazione
contraria, le grandezze sono espresse rispetto ad un sistema di
riferimento (xOy) con lasse x parallelo al lato corto e lasse y
parallelo al lato lungo del foglio. Le direzioni identificate dagli assi x
ed y vengono brevemente dette anche orizzontale e verticale,
rispettivamente. Cos, ad esempio con la dizione equazione di
equilibrio alla traslazione verticale si intende lequazione cardinale
della statica che impone luguaglianza a zero della somma delle
componenti secondo lasse y delle forze applicate.
2. Negli esempi che seguono necessario evidenziare le reazioni
vincolari, cio indicarle nello schema di riferimento mediante i
vettori che le rappresentano ed identificarle mediante simboli. Nel
fare questa operazione il verso assunto per vettore che
rappresenta la reazione incognita del tutto arbitrario; le equazioni
di equilibrio devono poi essere scritte coerentemente con i versi
arbitrari assunti. Alla fine del procedimento un valore positivo di
una incognita trovata indica che il verso arbitrariamente scelto
effettivamente quello della reazione incognita; viceversa un valore
negativo indica che la reazione incognita ha verso opposto rispetto
a quello arbitrariamente scelto.
3. Nella lezione precedente si visto che relativamente ad una
struttura staticamente determinata costituita da n elementi rigidi le
reazioni dei vincoli interni ed esterni possono essere trovate come
soluzione di un sistema lineare avente 3n equazioni che sono le tre
Equazioni Cardinali della Statica relative agli n elementi rigidi
costituenti la struttura. Lapplicazione di questo procedimento pu
comportare la necessit di risolvere sistemi con un notevole
numero di equazioni, operazione che pu talvolta essere piuttosto
laboriosa e foriera di banali errori di calcolo in quanto il controllo
della correttezza dei risultati pu avvenire solo a soluzione
completata attraverso il diagramma di corpo libero della struttura,
introdotto nel seguito. In molti casi possibile, invece del sistema
di equazioni descritto coinvolgente tutte le incognite, evidenziare
solo alcune di queste che possono essere determinate scrivendo
2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 1/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

opportune equazioni di equilibrio (disaccoppiamento delle


equazioni). In questo modo il problema diventa analiticamente pi
agevole, i risultati sono controllabili ad ogni passo ed eventuali
errori possono essere identificati immediatamente tendo sotto
controllo il problema fisico. Naturalmente questo non sempre
possibile; vale comunque la pena, prima di iniziare la soluzione di
un problema coinvolgente molte incognite, di effettuare valutazioni
di questo tipo per scegliere la strategia di soluzione pi
opportuna. Negli esempi che seguono sono spesso proposti
procedimenti di questo tipo, accanto a quello pi generale ed
automatico.
4. Negli esempi che seguono talvolta descritta anche la soluzione
grafica del problema. Questo tipo di soluzione di grande
importanza in quanto consente di ben comprendere il problema
fisico ed eventualmente di controllare i risultati ottenuti per via
analitica.
5. Nella lezione 5 si visto che le reazioni vincolari esercitate da un
vincolo interno sui punti delle due aste da questo collegate sono
uguali in modulo hanno la stessa retta di azione e verso opposto.
ora opportuno specificare che questa affermazione valida a
meno che non siano applicate forze esterne in corrispondenza del
vincolo. In questo caso infatti la somma delle forze esercitate dal
vincolo ai punti vincolati pari alla forza esterna applicata al
vincolo. Questa evenienza si esprime talvolta affermando che la
forza F applicata al vincolo si ripartisce tra le aste da questo
collegate. tipico il caso di una forza applicata ad una cerniera
interna che connette due aste (figura 11.1a); in questo caso si pu
immaginare di isolare un sistema costituito dal vincolo e da due
tratti molto piccoli delle aste collegate. Con riferimento alla figura
11.1a le equazioni di equilibrio di questo sistema sono:

R x1 + R x 2 = Fx
R + R = F
y2
y
y1

(11.1)

essendo Rx1 ed Ry1 le componenti della reazione vincolare


esercitata dalla cerniera sullestremo dellasta 1, Rx2 ed Ry2 le
componenti della reazione vincolare esercitata dalla cerniera
sullestremo dellasta 2 ed Fx ed Fy le componenti della forza F
applicata al vincolo secondo gli assi x ed y. Le (11.1) mostrano
chiaramente quanto affermato.
Ovviamente nel caso particolare in cui F = 0 si ritrova con le (11.1)
quanto gi visto nella lezione 5.
Analoghe considerazioni valgono ovviamente nel caso in cui la
forza F una reazione vincolare esterna (figura 11.1b).

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 2/19

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

FACOLT DI INGEGNERIA

2
F

Fy

Fx

Ry2

Rx2

(a)

Ry2
F

Rx2

Fx

Rx1
Fy

Rx1

Ry1

1
Ry1

R
Ry

Ry2

Rx

Rx2

x
O

(b)

Ry2
R

Rx2

Rx

Rx1 Rx1
Ry

Ry1

Ry1

Figura 11.1.

6. Generalizzando quanto sopra pu affermarsi che se un vincolo


interno connette pi elementi la somma delle reazioni vincolari
trasmesse agli elementi collegati deve eguagliare la forza esterna
applicata al vincolo. Con riferimento allo schema di figura 11.2a in
cui si hanno tre aste connessa da una cerniera deve cio aversi
R x1 + R x 2 + R x 3 = Fx
R + R + R = F
y2
y3
y
y1

(11.2)

essendo Rx3 ed Ry3 le componenti della reazione vincolare


esercitata dalla cerniera sullestremo dellasta 3 secondo gli assi x
ed y. Anche in questo caso le stesse considerazioni valgono nel
caso in cui F una reazione vincolare. Nel caso particolare di
F = 0 lequilibrio del sistema costituito dal vincolo e dai piccoli tratti
delle aste collegate impone ovviamente (figura 11.2b)
R x1 + R x 2 + R x 3 = 0
R + R + R = 0
y2
y3
y1

(11.3)

cio la somma delle reazioni esercitate dal vincolo sui punti delle
aste da questo collegati nulla. Le equazioni di equilibrio (11.1) (11.3), relative ad un sistema costituito da un vincolo e da piccoli
tratti delle aste da questo collegate sono dette equazioni di
equilibrio del nodo (si ricordi la definizione di nodo data nella
lezione 1).
2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 3/19

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

FACOLT DI INGEGNERIA

2
F

Fy

Fx

Ry2

Rx2
3

(a)
3

Ry2
Rx2
Fx

Rx3
Ry3

Ry3
Rx3
Rx1

Fy

1
Ry1

y
z

Rx1

Ry1

Ry2

Rx2
3

(b)
3

Ry2
Rx2

Rx3
Ry3

Ry3
Rx3

Rx1

Rx1

Ry1

1
Ry1

Figura 11.2.

Esempio 11.1
Relativamente alla struttura di figura 11.3 si determinino le
reazioni dei vincoli esterni ed interni.
A

L/2

Figura 11.3.

immediato riconoscere che la struttura isostatica. Evidenziando le


reazioni vincolari incognite (figura 11.4) si possono scrivere le
equazioni di equilibrio di ogni elemento rigido (si considera il polo A
per la valutazione dei momenti relativamente allelemento 1 ed il polo
C per la valutazione dei momenti relativamente allelemento 2)

x1 + x 4 = 0
x + x + x = 0
2 3 5
x L + 2 x5 L = 0
3
x 4 = 0
x 5 + x 6 F = 0

3
x 6 L F L = 0

(e.1.1)

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 4/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

x1

C
x4
x5

x2

x3

x5
2

x4

C
x6
L

L/2

Figura 11.4.

Queste equazioni costituiscono un sistema lineare di 6 equazioni (3


per ogni elemento costituente la struttura) nelle 6 incognite x1, x2,...,x6
la cui soluzione :

F
2
F
x5 =
2

x1 = 0

x 3 = F

x2 =

x4 = 0

(e.1.2)

3
x6 = F
2

che corrisponde alla reazioni vincolari di figura 11.5.


Talvolta pu essere utile tracciare per la struttura il diagramma
di corpo libero, che si costruisce sostituendo ai vincoli le relative
reazioni vincolari. Questo diagramma pu essere tracciato sia per i
singoli elementi costituenti la struttura, rimuovendo sia i vincoli interni
che quelli esterni (figura 11.6a), che per la struttura completa,
rimuovendo solo i vincoli esterni (figura 11.6b).
A

C
F/2

F/2

F/2

C
3F/2
L

L/2

Figura 11.5.

Il diagramma di corpo libero consente una immediata visualizzazione


delle condizioni di equilibrio del sistema ed utile per un rapido
controllo dei risultati ottenuti. Inoltre, come si vedr nelle lezioni
successive, un utile riferimento per tracciare i diagrammi delle
sollecitazioni.

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 5/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

(a)

C
F/2

F/2

F/2

F
C

(b)

3F/2

F/2

3F/2

F
L

L/2

Figura 11.6.

Il procedimento adottato del tutto generale e nel caso di strutture


isostatiche conduce sempre alla determinazione delle reazioni
vincolari. Come anticipato al precedente punto 3, in molti casi
possibile identificare una strategia di soluzione che eviti la scrittura
simultanea di tutte le equazioni di equilibrio necessarie. Ad esempio
nel presente caso, per lequilibrio alla traslazione orizzontale
dellelemento 2, si deduce immediatamente che la reazione x4 nulla;
le altre reazioni esercitate sullelemento 2 si determinano con
riferimento allo schema di figura 11.7 mediante le equazioni di
equilibrio alla rotazione ed alla traslazione verticale

FL
2
x6 x5 F = 0
x5 L =

x5 =

da cui

F
2

x5
2

3
x6 = F
2

(e.1.3)

C
x6
L

L/2

Figura 11.7.

Lequilibrio dellelemento 1 pu essere ora imposto considerando i


risultati gi ottenuti, quindi trattando la reazione interna x5 appena
determinata come una forza esterna applicata al punto C
(rappresentata in colore arancio in figura 11.8) e tenendo conto che,
essendo x4 nulla, deve essere nulla anche x1 per lequilibrio alla
traslazione orizzontale; le equazioni di equilibrio alla rotazione ed alla
traslazione verticale dellelemento 1 sono
x2 L =

FL
2

F
x2 + x3 + = 0
2

da cui

F
2
x 3 = F

x2 =

(e.1.4)

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 6/19

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

FACOLT DI INGEGNERIA

C
F/2

x2

x3
L

Figura 11.8.

Esempio 11.2
Relativamente alla struttura di figura 11.9 si determinino le
reazioni dei vincoli esterni ed interni.
qL
q
1

2L/3

L/3

L/2

2L/3

L/3

Figura 11.9.

immediato riconoscere che la struttura isostatica.


Sostituendo al carico distribuito le sue risultanti applicate agli elementi
2 e 3 ed evidenziando le reazioni vincolari incognite (figura 11.10) si
riconosce immediatamente che la reazione x3 deve essere nulla per
lequilibrio alla traslazione orizzontale dellelemento 1; ovviamente,
essendo nulla x3 devono essere nulle x5 ed x8.
qL
1

x2

x6
x5

x3

qL/3

B
x3

x9
x7

x2

x8

D
2qL/3

x1

x5
x6

x4
L/2

L/3

2L/3

2L/3

L/3

Figura 11.10.

Lequilibrio alla rotazione rispetto al polo A dellelemento 1 consente di


determinare x2
x2 L
L
= qL
3
2

da cui

3
x 2 = qL
2

(e.2.1)

lequilibrio alla traslazione verticale dellelemento 1 consente di


determinare x1

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 7/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

x 1 + x 2 = qL

5
qL
2

x1 =

da cui

(e.2.2)

Sostituendo alle incognite questi risultati (le reazioni gi trovate sono


rappresentate in colore arancio) si ha lo schema di figura 11.11.
qL
3qL/2
1

x6

qL/3

A
B

D
2qL/3

B
5qL/2

x9
x7

D
x6

3qL/2
x4
L/2

2L/3

L/3

2L/3

L/3

Figura 11.11.

Le equazioni di equilibrio alla rotazione rispetto al polo D ed alla


traslazione verticale dellelemento 2 consentono la determinazione di
x4 ed x6

3
4
2
2
L
qL L + x 4 L = qL
2
3
3
3
3
3
2
qL + x 4 + x 6 qL = 0
2
3

8
x 4 = qL
3
11
x 6 = qL
6

da cui

(e.2.3)

Infine (figura 11.12) pu affermarsi che per lequilibrio alla traslazione


verticale e per lequilibrio alla rotazione dellelemento 3 deve aversi

11
qL 13
qL +
= qL
6
3
6
qL L
L

+ x7 + x9 = 0
3 6
3

13
qL
6
2 2
x 9 = qL
3

x7 =

x7 =
da cui

qL

11qL/6

3qL/2
1

qL/3

(e.2.4)

A
B

2qL/3
B
5qL/2

x9
x7

3qL/2

11qL/6
8qL/3

L/2

L/3

2L/3

2L/3

L/3

Figura 11.12.
2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 8/19

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

FACOLT DI INGEGNERIA

I diagrammi di corpo libero sono tracciati in figura 11.13.


qL

11qL/6

3qL/2
1

qL/3
E

B
B

5qL/2

2qL/3
2

3qL/2

2qL /3

3
13qL/6

D
11qL/6

8qL/3
qL

2qL/3
A

5qL/2
L/2

qL/3
3

8qL/3
L/3

2L/3

2qL /3
13qL/6

2L/3

L/3

Figura 11.13.

Il secondo schema di figura 11.13, relativo allintera struttura soggetta


ai carichi ed alle reazioni esterne, rende evidente che le reazioni dei
vincoli esterni costituiscono con i carichi un sistema di forze
equilibrato.
Naturalmente le stesse reazioni vincolari avrebbero potuto essere
determinate sulla base dello schema di figura 11.10 scrivendo un
sistema lineare di 9 equazioni nelle 9 reazioni vincolari incognite.

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 9/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

LEZIONE 11 Sessione di studio 1


Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica.
Si propongono nel seguito tre esempi. Si consiglia al lettore di
risolverli autonomamente e di confrontare successivamente i risultati
trovati con la soluzione descritta nella successiva sessione di studio.
Relativamente alla soluzione grafica si consiglia lutilizzo di un
programma di CAD.
Esempio 11.3
Relativamente alla struttura di figura 11.14 si determinino le
reazioni dei vincoli esterni.
F

L
A

L/2

L/2

Figura 11.14.

Esempio 11.4
Relativamente alla struttura di figura 11.15 si determinino le
reazioni dei vincoli esterni ed interni.
F
1

L/2

C
L/2

A
L

L/2

L/2

Figura 11.15.
2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 10/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

Esempio 11.5
Relativamente alla struttura di figura 11.16 si determinino le
reazioni dei vincoli esterni ed interni.
q
B

1
L
A

C
L

2L

Figura 11.16.

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 11/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

LEZIONE 11 Sessione di studio 2


Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica.
Sono commentate nel seguito le soluzioni degli esempi proposti nella
precedente sessione.
Soluzione dellesempio 11.3
La struttura di figura 11.14 isostatica. Le reazioni vincolari
incognite sono evidenziate in figura 11.17.
F

L
xB

A
yA

B
yB

L/2

L/2

Figura 11.17.

Queste reazioni si determinano con le equazioni di equilibrio

xB + F = 0

y A + yB = 0
2L y A + 3F L = 0

da cui

xB = F

3
y A = F
2

y = 3 F
B 2

(e.3.1)

in cui i momenti sono valutati rispetto al polo B. Si ottengono le


reazioni di figura 11.18a ed il diagramma di corpo libero di figura
11.18b.
Il problema avrebbe potuto agevolmente essere risolto per via
grafica ricordando che la retta di azione della reazione R A del carrello
che vincola punto A deve essere la retta r verticale per A; detto K il
punto intersezione tra r e la retta di azione di F , la retta di azione s
della reazione RB della cerniera che vincola il punto B deve passare
2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 12/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

per B e, per equilibrare la risultante tra R A ed F , per K. In altre parole,


R A , RB ed F possono costituite un sistema di forze equilibrato solo se
le loro rette di azione hanno un punto in comune.
F

F
(b)

(a)
L

L
B

3F/2
3F/2

3F/2

3F/2
L/2

L/2

L/2

L/2

Figura 11.18.

I moduli ed i versi delle reazioni R A ed RB si determinano poi


costruendo il poligono delle forze (figura 11.19).
F

//s

//r
r

F
RB

RA
F

A
RA

B
RB

Figura 11.19.

Soluzione dellesempio 11.4


La struttura di figura 11.15 isostatica. Le reazioni vincolari
incognite sono evidenziate in figura 11.20.
2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 13/19

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

FACOLT DI INGEGNERIA

x5
B
x4

L/2

x4
2

x5

x6

C
L/2

x1

L/2

L/2

x3
x2
L

Figura 11.20.

Si riconosce come la reazione x5, essendo lunica reazione


vincolare verticale applicata allelemento 2 debba avere modulo pari
ad F ed essere diretta verso lalto (equilibrio alla traslazione verticale).
Inoltre le reazioni x4 ed x6 devono da sole soddisfare lequilibrio alla
traslazione orizzontale, non essendo applicate allelemento 2 altre
forze orizzontali e quindi devono avere uguale modulo e verso
opposto. Pertanto alla reazione x5 pu sostituirsi una forza di modulo
F diretta verso lalto ed alla reazione x6 pu sostituirsi la reazione x4
con verso opposto (figura 11.21a). Devono quindi essere ancora
determinate solo le incognite rappresentate in blu in figura 11.21a
mentre quelle gi determinate sono rappresentate in color arancio e
possono venire trattate come forze note.
(a)
1

B
F

x4
x4

(b)

C
x1

L/2

B
F

F
F

F
B

F
2
F

x4

L/2

x1

A
x3

x3
x2

x2

Figura 11.21.

Si osserva ora che le due forze di modulo F applicate allelemento 2 di


figura 11.21a costituiscono una coppia di verso orario momento di
modulo FL/2; per soddisfare lequilibrio alla rotazione le due forze di
modulo x4 devono costituire una coppia di verso antiorario e momento
di modulo FL/2, pertanto il modulo della reazione x4 deve essere pari
ad F; questo ulteriore risultato rappresentato in figura 11.21b nella
quale x4 sostituita con F. infine immediato determinare le reazioni
dellincastro che vincola il punto A
x1 = F

x 2 = F
x 3 = 2FL

(e.4.1)

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 14/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

Si hanno cos i diagrammi di corpo libero di figura 11.22.

B F
1

F B

F
2
C

L/2
F

C
L/2

A
2FL

2FL
F

L/2

L/2

Figura 11.22.

Anche in questo caso le reazioni vincolari avrebbero potuto


vantaggiosamente determinarsi graficamente. La retta di azione della
reazione R C del carrello che vincola il punto C la retta r, orizzontale
per C; detto K il punto intersezione tra r e la retta di azione di F , la
retta di azione s della reazione R B della cerniera interna deve passare
per B e, per equilibrare la risultante tra R C ed F , per K. I moduli ed i
versi delle reazioni RB ed R C si determinano poi costruendo il
poligono delle forze (figura 11.23).
//r
F

//s

B
2

L/2

L/2

RB

L/2

L/2

RB

F
2

F
K
A

RC

s
K

RB

RBd

RC

RA = RB

Figura 11.23.

La retta di azione della reazione dellincastro A ancora s e la


reazione R A dellincastro la stessa R B esercitata sullelemento 2.
Ricordando infine i criteri di equivalenza tra sistemi di forze, si osserva
che questa forza equivalente ad un sistema di forze costituito da R A
pensata applicata al punto A e da una coppia di momento M pari alla
distanza tra la retta s ed il punto A (figura 11.23).
Soluzione dellesempio 11.5
La struttura di figura 11.16 isostatica. Sostituito il carico
distribuito con la sua risultante si evidenziano le reazioni vincolari
esterne tenendo conto del fatto che, per lequilibrio alla traslazione
orizzontale dellintera struttura, le componenti orizzontali delle reazioni

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 15/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

delle cerniere A e B sono uguali in modulo ed opposte in verso (figura


11.24).
qL
B

(b)
2

1
L
A

xC = xA

xA

yC

yA
2L

Figura 11.24.

In questo modo sono state rimosse dal problema una incognita


(componente xC) ed una equazione (equilibrio alla traslazione
orizzontale). Le equazioni di equilibrio dellintero sistema costituito
dagli elementi 1 e 2 sono:
y A + y C = qL

3 y C L = qL 2

5
y A = 6 qL

qL
y C =
6

da cui

(e.5.1)

queste equazioni non consentono la determinazione della reazione xA,


per la determinazione della quale necessaria una equazione di
equilibrio relativa ad uno dei due elementi da cui la struttura formata.
Ad esempio, lequazione di equilibrio alla rotazione dellelemento 2
rispetto al polo B fornisce subito (figura 11.25):
x AL =

qL
2L
6

xA =

da cui

qL
3

(e.5.2)

avendo tenuto conto del valore di yC gi determinato.


qL
B
yB

xB

yB
xB

1
L
xA

xC = xA

qL/6

5qL/6
L

2L

Figura 11.25.

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 16/19

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

FACOLT DI INGEGNERIA

Mediante le equazioni di equilibrio alla traslazione di uno dei due


elementi poi immediato determinare

xB =

qL
3

yB =

qL
6

(e.5.3)

e quindi tracciare i diagrammi di corpo rigido di figura 11.26.

qL

qL
B qL/3

B
2

qL/6
1
qL/3

qL/6
qL/3

L
2

5qL/6

qL/3

qL/3

5qL/6
qL/3

qL/6
2L

qL/6

Figura 11.26.

Anche in questo caso le reazioni vincolari avrebbero potuto


vantaggiosamente determinarsi graficamente. La retta di azione della
reazione R C della cerniera che vincola il punto C deve passare per il
punto C stesso; la retta di azione della reazione RB della cerniera
interna deve passare per B; siccome lelemento 2 non soggetto a
forze queste reazioni devono costituire una coppia di braccio nullo e
quindi avere la stessa retta di azione. Questa, dovendo passare per B
e per C, non pu che essere la retta r contenente il segmento BC
(figura 11.27). Lelemento 1 allora soggetto alla reazione della
cerniera interna B avente retta di azione r ed alla risultante qL del
carico; la reazione della cerniera nel punto A deve equilibrare la
risultante tra la reazione della cerniera in B e la forza qL e quindi la
sua retta di azione deve necessariamente passare A e per il punto K,
intersezione tra r e la retta di azione della risultante del carico.
qL
B
s
1

B
r
r

Figura 11.27.

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 17/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

Al solito i moduli e i versi delle reazioni vincolari si determinano


costruendo il poligono delle forze (figura 11.28).
qL
K
2

s
1
L

r
A
L

//s

RC

qL

//r

2L

RA
qL

RA

RB

B
RB

qL

RC
2

1
r
A

RC

RA

Figura 11.28.

2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 18/19

Corso di Laurea:
Insegnamento:
n Lezione:
Titolo:

INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Meccanica delle strutture
11
Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica

FACOLT DI INGEGNERIA

LEZIONE 11 Sessione di studio 3


Esempi di determinazione delle reazioni vincolari con le
Equazioni Cardinali della Statica.
Si propongono nel seguito due esempi. Si consiglia al lettore di
risolverli autonomamente e di confrontare successivamente i risultati
trovati con la soluzione descritta nella prossima lezione.
Relativamente alla soluzione grafica si consiglia lutilizzo di un
programma di CAD.
Esempio 11.6
Relativamente alla struttura di figura 11.29 si determinino le
reazioni dei vincoli esterni ed interni.
F

C
3

B
L

1
A

L/2

L/2

L/2

L/2

Figura 11.29.

Esempio 11.7
Relativamente alla struttura di figura 11.30 si determinino le
reazioni dei vincoli esterni ed interni.
F
E
3

L/3
B

/4

C
2L/3

2
D
1

L/3
A
L/3

L/3

L/3

L/3

Figura 11.30.
2007 Universit degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it

Pagina 19/19