Sei sulla pagina 1di 336

UNIVERSITA FEDERICO II NAPOLI

FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA

DISPENSE DEL CORSO DI

SEMEIOTICA
CHIRURGICA
VETERINARIA

(Anno

Accademico 2007-2008)

Prof. Gerardo FATONE

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE

Premessa ............................................................................................................................................5
PARTE GENERALE ..........................................................................................................................6
VISITA CLINICA .....................................................................................................................................6
ESAME OBIETTIVO GENERALE ..........................................................................................................9

Stato del sensorio .............................................................................................................................................................................. 9


Atteggiamenti e segni particolari ................................................................................................................................................ 10
Cute e connettivo sottocutaneo..................................................................................................................................................... 11
Mucose apparenti ............................................................................................................................................................................. 13
Mucosa nasale.................................................................................................................................................................................... 13
Linfonodi esplorabili ........................................................................................................................................................................ 15
Temperatura ...................................................................................................................................................................................... 17
Polso ..................................................................................................................................................................................................... 17
Respiro ................................................................................................................................................................................................ 17
Grandi funzioni organiche .............................................................................................................................................................. 19

ESAME OBIETTIVO PARTICOLARE ................................................................................................ 20


Ispezione ........................................................................................................................................................................................... 20
Palpazione .......................................................................................................................................................................................... 20
Percussione ........................................................................................................................................................................................ 21

Esame obiettivo delle tumefazioni. .......................................................................................... 23


Esame semiologico dellapparato locomotore dei piccoli animali ........................................ 36
Segnalamento........................................................................................................................................... 36
Anamnesi ................................................................................................................................................... 38
Esame clinico ............................................................................................................................................ 42
1a) Ispezione con il soggetto in movimento .............................................................................................................................. 43
1b) Ispezione con il soggetto in stazione .................................................................................................................................. 46
2) Palpazione in stazione................................................................................................................................................................ 49
3) Esame in decubito ...................................................................................................................................................................... 52

SEMEIOLOGIA DELLE FRATTURE E LUSSAZIONI ................................................................... 65


Fratture ed eventi patologici associati ..................................................................................................................................... 65
Lussazioni .......................................................................................................................................................................................... 68

Zoppie sostenute da affezioni neurologiche..................................................................................... 69


Esami collaterali ...................................................................................................................................... 74
Esami ematologici-ematochimici .................................................................................................................................................. 74
Esame radiologico ............................................................................................................................................................................ 76
Radioscopia (Fluoroscopia) ............................................................................................................................................................ 87
Ecografia ........................................................................................................................................................................................... 87
Scintigrafia ....................................................................................................................................................................................... 90
Tomografia computerizzata (T.C.) e risonanza magnetica (R.M.) ....................................................................................... 90
Esame bioptico .................................................................................................................................................................................. 91
Artroscopia ....................................................................................................................................................................................... 93
Valutazioni di Biostatica e biocinematica .................................................................................................................................. 94
Esame del liquido sinoviale ............................................................................................................................................................ 95

Esame semiologico dellapparato locomotore dei grossi animali. ....................................... 111


ISPEZIONE DA FERMO .............................................................................................................................................................. 119
ISPEZIONE IN MOVIMENTO ..................................................................................................................................................120

ANESTESIE DIAGNOSTICHE......................................................................................................... 142

ESAME DELL'OCCHIO ............................................................................................................. 154


Anamnesi ................................................................................................................................................. 154
Esame clinico .......................................................................................................................................... 156
ESAME DELLE PALPEBRE .................................................................................................................. 157
ESAME DELLA CONGIUNTIVA ....................................................................................................... 159
ESAME DEL GLOBO OCULARE ......................................................................................................... 160
ESAME DELLA SCLERA ...................................................................................................................... 162
ESAME DELLA CORNEA .................................................................................................................... 163
Camera anteriore .................................................................................................................................. 166

Pagina 2 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE

Camera posteriore ................................................................................................................................ 168


Pupilla....................................................................................................................................................... 168
Cristallino ................................................................................................................................................ 171
Corpo vitreo ............................................................................................................................................ 171
Fondo ....................................................................................................................................................... 172
Occhio rosso. ......................................................................................................................................... 177
Occhio blu. .............................................................................................................................................. 178
Cecit....................................................................................................................................................... 179
ESAME STRUMENTALE DELLOCCHIO.......................................................................................... 181

Esame dellorecchio .................................................................................................................... 194


Esame neurologico (piccoli animali) ......................................................................................... 202
Finalit dellesame clinico .................................................................................................................... 202
Definizioni .............................................................................................................................................. 202
Segnalamento ed anamnesi ................................................................................................................. 202
Esame in stazione .......................................................................................................................................................................... 204
Esame in decubito laterale........................................................................................................................................................... 211

Dov' la lesione? ................................................................................................................................... 219


Segmentazione funzionale............................................................................................................................................................219
Sindrome neuropatica .................................................................................................................................................................. 220
Sindromi spinali .............................................................................................................................................................................. 222

Quant' grave la lesione spinale? .................................................................................................... 227


Sindromi cerebrali ................................................................................................................................ 228
Sindrome pontomidollare ............................................................................................................................................................. 228
Sindrome vestibolare ................................................................................................................................................................... 229
Sindrome mesencefalica .............................................................................................................................................................. 230
Sindrome ipotalamica ................................................................................................................................................................... 230
Sindrome cerebellare ....................................................................................................................................................................231
Sindrome corticale........................................................................................................................................................................ 232

Dov' la lesione? Un approccio alternativo. .................................................................................... 233

Elettromiografia ......................................................................................................................... 237


ELETTROMIOGRAFIA ................................................................................................................................................................ 238
ELETTRONEUROGRAFIA .......................................................................................................................................................... 239

Potenziali uditivi evocati ........................................................................................................... 241


Esame neurologico (cavallo) ...................................................................................................... 245
Esame obiettivo generale .................................................................................................................... 247
Sviluppo scheletrico ..................................................................................................................................................................... 247
Stato di nutrizione e tonicit muscolare................................................................................................................................. 247
Stato del sensorio ......................................................................................................................................................................... 248
Atteggiamenti particolari ........................................................................................................................................................... 248
Cute e connettivo sottocutaneo................................................................................................................................................. 249
Mucose apparenti .......................................................................................................................................................................... 249
Linfonodi esplorabili ..................................................................................................................................................................... 249
Temperatura ................................................................................................................................................................................... 250
Polso e respiro ................................................................................................................................................................................ 250
Grandi funzioni organiche ........................................................................................................................................................... 250

Esame obiettivo particolare- esame neurologico ........................................................................... 250


Comportamento ...............................................................................................................................................................................251
Stato mentale..................................................................................................................................................................................251
Postura e coordinazione della testa ......................................................................................................................................... 252
Valutazione dei nervi cranici ...................................................................................................................................................... 253
Andatura .......................................................................................................................................................................................... 253
Valutazione dei nervi spinali ....................................................................................................................................................... 255
Valutazione dei riflessi spinali ................................................................................................................................................... 257
Paralisi simpatica ........................................................................................................................................................................... 260

APPARATO DIGERENTE .......................................................................................................... 262


Prensione dell'alimento e delle bevande .......................................................................................... 262

Pagina 3 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE

Vomito ..................................................................................................................................................... 264


Esame del cavo orale ............................................................................................................................ 268
Esame dell'esofago............................................................................................................................... 271
Esame del rumine .................................................................................................................................. 274
Esame del reticolo ................................................................................................................................ 275
Esame dell'omaso .................................................................................................................................. 279
Esame dell'abomaso ............................................................................................................................. 280
Esame dello stomaco ............................................................................................................................ 282
Esame dell'intestino e del peritoneo ................................................................................................ 286
Esame del retto e dellano .................................................................................................................. 290

APPARATO RESPIRATORIO................................................................................................... 293


Esame delle cavit nasali ..................................................................................................................... 293
Seni frontali e mascellari .................................................................................................................... 299
Esame del laringe .................................................................................................................................. 300
Esame della trachea ............................................................................................................................. 302
Esame semeologico dei polmoni.......................................................................................................... 303
Ispezione del torace..................................................................................................................................................................... 303

APPARATO URINARIO ............................................................................................................. 311


Palpazione dei reni e della vescica .............................................................................................................................................314
Modificazioni dei caratteri dellurina ........................................................................................................................................316
Esplorazione rettale ......................................................................................................................................................................317
Tecniche diagnostiche complementari ......................................................................................................................................319

APPARATO GENITALE MASCHILE ...................................................................................... 321


Esame del pene e del prepuzio ....................................................................................................................................................321
Esame dello scroto e del testicolo ............................................................................................................................................ 324
Esame della prostata .................................................................................................................................................................... 329

Pagina 4 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Premessa
Queste dispense nascono dallesigenza di fornire allo studente il materiale didattico
aggiornato ed idoneo allo studio della Semeiotica Chirurgica Veterinaria.
La mancanza di un testo recente e lesigenza degli studenti di reperire materiale
didattico mi ha convinto ad effettuare una revisione degli appunti e delle sbobinature delle
lezioni.
I contenuti di queste dispense costituiscono solo parte del materiale didattico
necessario per la preparazione dellesame di Semeiotica Chirurgica; risulta indispensabile,
infatti, la frequenza al corso e luso delle slide che vengono proiettate a lezione e che, in
formato .pdf, vengono distribuite annualmente.
Mi scuso in anticipo per eventuali errori ed imprecisioni, saranno gradite le
segnalazioni in tal senso e/o le richieste di approfondimento-integrazione per le parti ritenute
carenti.
Un ringraziamento e la gratitudine mia e, spero, di coloro che usufruiranno di queste
dispense va al gruppo di studenti che hanno eseguito lattivit preparatoria di registrazione e
trascrizione delle lezioni del corso mettendo a disposizione di tutti il proprio lavoro.
Gerardo FATONE

Pagina 5 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

PARTE GENERALE

VISITA CLINICA

Lo svolgimento di una visita clinica comprende il rispetto di alcune norme


generali che sono necessarie affinch si voglia giungere alla diagnosi corretta.
In corso di esame clinico bisogna adottare una serie di precauzioni che
permettono di ridurre al minimo i rischi di lesioni iatrogene al paziente, ma
anche di lesioni accidentali determinate dallanimale a chi conduce la visita o
agli osservatori.
Il rispetto di queste regole assume maggiore significato in virt del fatto che,
in sede giuridica, chi conduce la visita responsabile (e quindi perseguibile!)
dellincolumit dei presenti, compreso dei proprietari.
I mezzi e le precauzioni per evitare tali situazioni devono, per, essere
applicate senza ostacolare o falsare le rilevazioni cliniche. Per questi motivi
non si pu costantemente ricorrere alla sedazione ma, ad esempio nel cane
sempre opportuno applicare la museruola, anche se il proprietario ci rassicura
sulla docilit dellanimale. Per quanto riguarda il cane, il proprietario deve
costantemente occuparsi della testa dellanimale, sia per evitare che possa
mordere, sia per rassicurarlo e quindi ridurre lo stato di ansia del paziente.
Per il gatto, ove necessario, oltre a mettere in atto un opportuno contenimento
fisico, a volte utile proteggersi con spessi guanti o utilizzare la gabbia di
Pagina 6 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

contenimento in modo da poter somministrare sedativi senza correre rischi.


Un elemento determinante rappresentato dalle sensazioni che siamo in grado
di trasmettere al nostro paziente. Sia che si tratti di un animale daffezione
sia che si tratti di un animale da reddito, fondamentale prendere contatto
con il paziente prima che si cominci con le manovre cliniche. Il contatto con
lanimale deve tendere a rassicurarlo, bisogna avvicinarsi lentamente, usare un
tono di voce calmo, evitare di effettuare movimenti bruschi che potrebbero
essere interpretati come una minaccia ecc.
Com noto, opportuno evitare di sostare o passare dietro un cavallo, invece
utile accarezzare il soggetto trasmettendo sicurezza, cominciare dal garrese
per poi passare al collo e alla faccia, fino alle narici, in modo che oltre al
nostro avverta anche il proprio odore.
Bisogna comunque fare attenzione perch il cavallo, oltre a scalciare, pu
essere mordace. La palpazione dei segmenti distali degli arti, in fase di
appoggio, deve essere effettuata senza accovacciarsi piegando le ginocchia,
ma flettendo il busto, infatti, nel primo caso i tempi di reazione sono pi
lunghi.
In caso di cavalli poco docili o necessit di manovre cliniche dolorose
necessario ricorrere a mezzi di contenimento fisico come:
Corde: utilizzate per legare il soggetto addossandolo alla parete o ai due venti.
Balze: bracciali che applicati ai 4 arti e congiunti tra loro, ne impediscono il
Pagina 7 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

movimento reciproco.
Sollevamento di un arto in modo che il cavallo non possa scalciare, pena la
perdita dellequilibrio.
Torcilabbro: catena che si stringe sul labbro e, in virt del fatto che dolore
maggiore placa dolore minore consente di effettuare manovre che provocano
fastidio come, ad esempio, lintroduzione dellendoscopio attraverso le narici.
Gabbia: utile per effettuare lesplorazione rettale.
Molte di queste forme di contenimento fisico sono applicate anche per i
ruminanti.
Altro punto fondamentale riguarda il rispetto delle norme igieniche, in base
alle quali bisogna sempre utilizzare guanti monouso, effettuare la visita in
luoghi puliti per ridurre il rischio di trasferire germi da un animale allaltro o
di contrarre malattie trasmissibili alluomo.
Se dal punto di vista didattico auspicabile una divisione delle discipline
(medica-chirurgica-ostetrica), ci non si realizza nella pratica, infatti,
esistono una serie di correlazioni tra patologie di natura differente. Ad
esempio il diabete o alcune malattie infettive possono essere causa di
alterazioni dei processi riparativi richiesti in seguito ad un intervento
chirurgico o ad un trauma, per cui la valutazione generale del paziente un
elemento fondamentale.

Pagina 8 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ESAME OBIETTIVO GENERALE


Stato del sensorio
Il carattere dell'animale e la risposta agli stimoli esterni permettono di
valutare lo stato di vigilanza del soggetto e la sua capacit reattiva.
Per una obiettiva valutazione dello stato del sensorio bisogna sempre tenere
conto dell'indole e del carattere del soggetto; accade spesso, infatti, che
anche in caso di una lesione minima, il paziente pu avere una reazione
abnorme. Bisogna considerare, inoltre, che ci sono degli aspetti caratteriali
legati alla razza o alla morfologia strutturale del soggetto.
In generale, per quanto riguarda i piccoli animali, presente una variabilit
individuale determinata dal fatto che alcuni soggetti sono aggressivi e non
accettano assolutamente il contatto con l'uomo. In questi casi, per sottoporre
il paziente a particolari procedure dell'esame clinico, si costretti ad
effettuare una lieve sedazione.
La valutazione del sensorio consiste nellesaminare la capacit dellanimale di
rispondere a stimoli esterni che possono essere accidentali o indotti. molto
indicativo, infatti, la risposta del soggetto che al richiamo vocale (meglio se
effettuato dal proprietario) volge lattenzione verso la fonte dello stimolo.
Lo stato del sensorio pu essere compromesso in molte patologie sistemiche
come

la

setticemia,

encefalopatia

epatica,

chetoacidosi

diabetica,
Pagina 9 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

insufficienza renale terminale, ecc. ma soprattutto in patologie del sistema


nervoso centrale (localizzazione corticale).
Le alterazioni dello stato mentale, in certi casi, costituiscono lunico elemento
clinico per differenziare patologie endocraniche da lesioni neurologiche
extracraniche.
La definizione dello stato mentale consente la classificazione in 5 livelli:
Depressione: stato di letargia, scarsa attenzione agli stimoli.
Disorientamento: stato di confusione mentale.
Stupore (semi-coma): stato di torpore e di parziale incoscienza dalla quale
possibile il risveglio sotto stimolazione.
Coma: incoscienza con incapacit di risvegliarsi anche dopo stimolazione.
Ipereccitabilit: eccessiva risposta agli stimoli.

Atteggiamenti e segni particolari


E' necessario valutare determinati atteggiamenti:
Facies sardonica: condizione particolare che solitamente si associa ad
intossicazione da tossina tetanica. Questa caratterizzata dalla contrazione
dei muscoli della faccia, quasi come se il soggetto ridesse.
Facies ippocratica: si verifica in caso di stati patologici cronici in cui vi sono
delle condizioni di infossamento dell'occhio, conseguenti al consumo del
cuscinetto adiposo retrobulbare.
Pagina 10 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Facies peritonitica:. Il soggetto sembra manifestare dolore, presente


contrazione dei muscoli della faccia, dell'addome ed il dorso inarcato.
Diagnosi differenziale nei piccoli animali: molto spesso cani, in cui gli unici
sintomi evidenti sono la falsa cifosi e la contrazione dei muscoli dell'addome,
sottoposti a cure specifiche per coliche addominali o peritoniti non presentano
alcun

miglioramento.

In

questi

casi,

bisogna

sempre

prendere

in

considerazione la possibilit di una "Discopatia acuta di tipo I di Hansen" in


quanto questa, nelle forme con scarso interessamento della funzione motoria,
pu manifestarsi con una sintomatologia dolorosa che porta ad incurvamento
della colonna vertebrale (Discopatia toracolombare).
Ptosi del labbro inferiore: dovuta a paralisi del facciale.
Ptosi della lingua.
Atteggiamento viziato.
Le fratture degli arti si associano ad una serie di atteggiamenti che sono la
risultante tra il mancato appoggio per lalgia, la dislocazione dei monconi, il tipo
di frattura e la contrazione delle masse muscolari.

Cute e connettivo sottocutaneo


Tutto quello che nella semiologia umana va osservato sulla cute, negli animali
domestici risulta notevolmente attenuato e sovente nascosto sia perch la
cute ricoperta di peli, sia perch spesso pigmentata per cui, colorazioni
Pagina 11 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

anomale, non sono sempre osservabili. Si rimanda questo esame a quello delle
mucose apparenti.
Allesame della cute si deve valutare:
Lucentezza del pelo: espressione di uno stato di benessere.
Opacit: spesso segno di affezione sistemica
Elasticit della cute: riflette lo stato di idratazione. Nei soggetti ben
idratati, sollevando una plica cutanea, si assister ad un suo immediato ritorno
alla posizione naturale. Nelle malattie gastrointestinali (vomito, diarrea
profusa) o nelle malattie renali (poliuria e polidipsia) in cui presente una
condizione di disidratazione, la plica cutanea sollevata stenter a ritornare
nella sua posizione normale.
Aree alopeciche: si osserva in corso di affezioni dermatologiche.
Edemi, flemmoni, piaghe, ferite, cicatrici. Queste ultime, se presenti in
soggetti randagi o con anamnesi muta, possono testimoniare un intervento
chirurgico avvenuto in precedenza (cicatrici lineari). Alcune lesioni cutanee
possono essere espressione di malattie sistemiche (allergie, affezioni
infettive o infestive).
Segni di focature, trapanazioni, tracheotomie etc.: sono importanti,
soprattutto nei cavalli per poter stabilire se, per esempio, in un soggetto
stata praticata una nevrectomia.
Non sempre le lesioni cutanee indicano un problema dermatologico, ma spesso
Pagina 12 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sono secondarie a patologie di interesse chirurgico. Ad esempio la presenza di


aree alopeciche con neoformazioni alla base della coda, possono essere
correlate

a patologie di origine ormonale che si associano ad affezioni

prostatiche e/o neoplasie in sede paranale.


Lesame della cute comprende anche la valutazione di eventuali masse o ulcere
nella regione mammaria che sono frequentissime nelle cagne e nelle gatte. In
virt di questa incidenza cos elevata, la palpazione delle mammelle va
effettuata costantemente.

Mucose apparenti
Nel primo approccio al paziente si valutano:
Mucosa oculo-congiuntivale: le cui alterazioni sono da differenziare con
processi patologici locali (blefaro-congiuntiviti, cheratiti ecc.)
Mucosa orale: escludere che eventuali stati iperemici siano legati a processi
locali quali: stomatiti, gengiviti ecc.
Mucosa

vulvo-vaginale,

prepuziale

(soprattutto

in

caso

di

soggetti

particolarmente aggressivi per i quali non possibile esaminare le mucose della


regione

della

testa):

alcune

alterazioni

locali,

correlate

processi

infiammatori o alla fase estrale, possono falsare lesito dellesame.

Mucosa nasale.
Questo esame va eseguito, quindi, su pi siti al fine di non essere forviati da
Pagina 13 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

eventuali patologie locali.


Le condizioni riscontrabili sono:
Mucosa normale: di aspetto uniforme, rosea e umida .
Mucosa cianotica: di colore bluastro. In genere quando le mucose assumono
questa colorazione ci si trova di fronte ad una condizione di emergenza
(soggetto da rianimare). Pu trattarsi di un problema primitivo dell'apparato
respiratorio

(problema

ostruttivo,

infiammatori

grave)

dellapparato

cardiovascolare.
Mucosa itterica: di colore giallastro.
Gli itteri di interesse chirurgico sono:
Ittero ostruttivo: "calcolosi biliare" o ostruzione che si pu verificare in caso
di trauma addominale acuto (condizioni che verranno poi confermate da
ulteriori esami collaterali, come l'ecografia etc). Pu essere di grande ausilio
diagnostico la biopsia epatica (sotto controllo ecografico) per valutare una
eventuale condizione di sofferenza primitiva del fegato (per es. cirrosi).
L'ittero pu insorgere anche in seguito ad una malattia infettiva come la
Leptospirosi (ittero emolitico).
Mucosa pallida: di colore tendente al bianco.
Si possono osservavate fenomeni di anemia ad insorgenza acuta con maggior
frequenza in seguito a "rinorragie" dovute a problemi di coagulazione, rilevabili
nella specie canina soprattutto nei mesi estivi. In questa specie, infatti,
Pagina 14 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

liperemia legata alla funzione termoregolatrice rende questa regione molto


sensibile ad ogni piccolo disturbo della coagulazione. Tra le patologie
responsabili di epistassi ricordiamo quelle parassitarie (leishmaniosi ed
ehrlichiosi).
E' importante poter differenziare un pallore anemico da un pallore di altra
natura, come quello dovuto a vasocostrizione periferica in corso di shock. A
scopo diagnostico pu essere effettuato un esame semplice e di rapida
esecuzione quale la determinazione del valore ematocrito: normalmente quest
valore 40-45%. Nei soggetti giovani fisiologicamente pi basso (intorno al
35-40%), nei soggetti anziani pu raggiungere valori del 50-55%.

Linfonodi esplorabili
Nel cavallo e nel bovino sono:
-linfonodi del pacchetto intermascellare
-linfonodi prescapolari
-linfonodi retrofaringei
-linfonodi inguinali superficiali
-linfonodi sovramammari
Inoltre, attraverso lesplorazione rettale possibile valutare i linfonodi
lomboaortici ed alcuni linfonodi del pacchetto intestinale.
Nei piccoli animali i linfonodi esplorabili sono:
Pagina 15 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

-linfonodi intermascellari
-linfonodi retrofaringei
-linfonodi prescapolari
-linfonodi inguinali superficiali
-linfonodi poplitei
Ogni linfonodo deve essere valutato per:
Dimensioni
Forma
Consistenza
Temperatura
Spostabilit
Dolorabilit

L'esame dei linfonodi regionali importante cos come importante la loro


valutazione complessiva per distinguere una malattia regionale da una patologia
sistemica.
Un aumento di volume del linfonodo deve comunque essere differenziato dalle
altre possibili cause di tumefazione sottocutanea. Ad esempio un aumento di
volume del linfonodo inguinale pu suscitare confusione con neoplasie
mammarie o ernie inguinali.

Pagina 16 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Temperatura
La temperatura corporea pu presentare variazioni rispetto alla norma sia
verso lalto che verso il basso. In generale le variazioni verso lalto sono legate
a processi febbrili o a lavoro muscolare intenso o ancora a colpo di calore.
Lipotermia, al contrario, pu essere legata a condizioni di shock (posttraumatico), pu essere presente negli stadi terminali di gravi malattie.
Il riscontro dellipertermia febbrile consente di inquadrare un fenomeno
localizzato in una patologia sistemica. Infatti, alcune forme di zoppie legate a
processi infettivi si accompagnano ad aumento della temperatura corporea
(artropatie da borrellia, osteomieliti metafocali).
Il

rilievo

termometrico

pu

essere

utile

anche

per

evidenziare

la

generalizzazione di un processo locale (batteriemia da artrite settica


primitiva) o la comparsa di sepsi post-operatoria.

Polso
Si valuta la frequenza la regolarit e l'ampiezza.
Un polso molto frequente si ha in corso di ipertermia. Polso piccolo, quasi
impercettibile (filiforme) e molto frequente, si pu osservare in stato di
shock.

Respiro
Accanto alla frequenza e al tipo di respiro, si valuta anche la presenza di
Pagina 17 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

eventuali rumori che, nel cavallo, possono essere espressione di patologie delle
prime vie respiratorie.
Nei cani di piccola taglia, soprattutto nei mesi estivi, si pu riscontrare un
rumore caratteristico chiamato "verso d'oca" espressione del c.d. collasso
tracheale
Il collasso tracheale una patologia caratterizzata dal cedimento del muscolo
tracheale dorsale e dal suo abbassamento, quasi ad occludere il lume
tracheale. Il passaggio della colonna d'aria, al momento della inspirazione,
provoca una vibrazione di tale muscolo ed il conseguente caratteristico
rumore.
Nellernia

diaframmatica

si

osserva

un

respiro

di

tipo

addominale,

particolarmente irregolare, dicroto e con breve pausa tra inspirazione ed


espirazione.
La valutazione della profondit e della frequenza del respiro un importante
mezzo di monitoraggio in corso di shock, pazienti traumatizzati ed in
particolare in pazienti con traumi toracici.
Le soluzioni di continuo della parete toracica, con lacerazione pleurica
comportano il collasso del polmone, evidenziabile dallassenza di murmure
allascoltazione e suono a pentola fessa.

Pagina 18 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Grandi funzioni organiche


Appetito: valutare stati di anoressia, polifagia, pica.
Minzione: da considerare stati di poliuria, anuria, disuria, pollachiuria,
stranguria, ematuria.
Defecazione: pu essere aumentata, diminuita, assente, inoltre ci pu essere
diarrea, melena, presenza di sangue vivo, muco,

pseudomembrane, parassiti,

corpi estranei.
Molte patologie sistemiche o accompagnate da dolore sono caratterizzate
dalla riduzione o perdita di appetito. Molto spesso le condizioni di malessere
vengono individuate dal proprietario dell'animale non tanto perch il soggetto
manifesta dei sintomi particolari, ma perch c' perdita dell'appetito.
Anche la minzione e la defecazione sono aspetti importanti; per esempio una
"calcolosi vescico-uretrale" pu determinare un'interruzione improvvisa della
minzione, stranguria o pollachiuria, cio minzione dolorosa o minzione
difficoltosa. Allo stesso modo una patologia prostatica pu determinare una
minzione frequente e a gocce.
La presenza di corpi estranei intestinali pu determinare l'interruzione della
peristalsi, l'interruzione della defecazione e comparsa del vomito. Nel caso in
cui alle paratopie sia associato un invaginamento si pu osservare a volte
l'emissione di una ridotta quantit di feci sanguinolente.

Pagina 19 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ESAME OBIETTIVO PARTICOLARE


Ispezione
Riguarda tutto ci che si apprezza con la vista e lolfatto.
necessario acuire lattenzione e la capacit di cogliere particolari che
possono sembrare insignificanti ad un esame superficiale. Ad esempio nel
cavallo, una piccola tumefazione della parete addominale, con sollevamento dei
peli e sintomatologia colica, pu essere ascrivibile ad unernia da pizzicamento.
La presenza di odore di pus o di putrefazione deve portarci ad individuare la
fonte di tali emissioni, che potrebbero originare da focolai purulentogangrenosi, flemmoni ecc. .

Palpazione
Consente di individuare delle tumefazioni superficiali, di valutarne la
consistenza, la forma o la positivizzazione di sfondati articolari. In presenza
di un'artrite o un'artropatia degenerativa la palpazione dell'articolazione
interessata pu evidenziare un aumento del liquido sinoviale.
Ogni lesione evidente deve essere palpata per coglierne i caratteri di forma,
dimensioni,consistenza, temperatura, limiti, rapporti con i tessuti circostanti,
dolorabilit, spostabilit, fluttuazione.
La palpazione dell'addome consente di evidenziare la presenza di corpi
Pagina 20 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

estranei, di neoplasie e/o masse in addome.


Quest'ultimo esame pu essere bimanuale e strumentale.
Nei grandi animali lesplorazione rettale permette la valutazione tattile di
numerosi organi dellapparato uro-genitale e digerente.

Percussione
La percussione consente di valutare lo stato fisico del contenuto di una cavit ,
di un organo e di apprezzarne i limiti.
Si effettua percuotendo una superficie con le dita o con martelletto e
plessimetro e valutando il tipo di suono che ne deriva.
Le possibili varianti sono:
Suono ottuso: si percepisce in presenza di organi parenchimatosi o di visceri
cavi repleti di materiale solido (parte bassa del rumine, fegato ecc.)
Suono subottuso: condizione tra lottuso e il chiaro, si avverte in presenza di
organi cavi contenenti materiale semi-solido misto a liquidi o gas
Sonorit chiara: fisiologica sonorit che si osserva alla percussione del
torace, ovvero in presenza di visceri contenenti discrete quantit di gas o aria.
Suono sovrachiaro: in presenza di quantit maggiori di gas o aria
Suono timpanico: si osserva in presenza di visceri iperdilatati da gas (
timpanismo del rumine ecc.)

Pagina 21 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Una particolare manovra semiologia applicabile alla cavit addominale dei


piccoli animali la succussione, che si effettua percuotendo a piccoli colpi la
cavit addominale con una mano e percependo gli effetti della percussione con
laltra mano disposta dallaltro lato.
Tale manovra si effettua per riconoscere dei versamenti in cavit addominale
che saranno percepiti come delle onde dalla mano esaminatrice.

Pagina 22 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esame obiettivo delle tumefazioni.


Tumefazione: condizione patologica, imputabile a perturbamenti di vari
apparati e sistemi ed apprezzabile spesso allesame ispettivo.
Sebbene le varie tumefazioni abbiano diversa origine o sede, queste sono
trattate assieme a causa della comunanza di aspetti semiologici; ci,
chiaramente, pone spesso problemi di diagnosi differenziale. La percussione e
lauscultazione hanno scarso significato nella diagnostica delle tumefazioni.
Infatti, quasi sempre, sufficiente il solo esame ispettivo e palpatorio; nel
caso la tumefazione sia provocata da tessuti molli disposti in profondit ci si
pu avvalere dellesame ecografico.
Le tumefazioni possono essere:
a

localizzazione

prevedibile (quando sono correlate a strutture

anatomiche) come in caso di:


- ernie, eccezion fatta per le e. traumatiche;
- brusiti;
- estasie articolari, cio positivizzazione degli sfondati articolari per
accumulo di liquido sinoviale (artrite, artrosi, instabilit articolare);
a localizzazione casuale:
- ascesso;
- ematoma;
Pagina 23 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

- neoplasia linfomi, mastocitomi, (nel gatto ad esempio possibile riscontrare


il Sarcoma vaccinale o post-iniettivo, che in genere origina dai tessuti molli
del sottocute della regione dorsale del collo o tra le scapole, punto in cui
solitamente si somministrano i vaccini. Raramente possono avere altra
localizzazione in relazione a sedi casuali di somministrazione del vaccino.
Lorigine di questa neoplasia sarebbe da ascrivere allazione di alcuni adiuvanti
impiegati nei vaccini.)
- granuloma;
- varice;
- aneurisma, il quale si caratterizza per un movimento spontaneo della
tumefazione dovuto alla pulsazione dellarteria dilatata.

La metodica dellesame obiettivo delle tumefazioni inizia, come sempre,


dallesame ispettivo; si osserva: la sede di origine, la forma, il volume, i limiti,
le modificazioni del rivestimento, la superficie, movimenti spontanei (autonomi
o indotti), rapporti con le regioni vicine.
1)

SEDE: si individua la localizzazione secondo le regioni anatomo-

topografiche e, nellambito di queste, si possono utilizzare reperi anatomici


per precisare ulteriormente la localizzazione.
2)

FORMA e VOLUME: per quanto riguarda la forma, si fa riferimento a

forme geometriche note (ad esempio rotonda, ovalare, ecc.); mentre per il
Pagina 24 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

volume ci si riferisce ad oggetti di volume noto, quali: arancia, noce, ecc.


3)

LIMITI: la tumefazione pu essere:


-Circoscritta, quando possibile individuarne i limiti (ad esempio

neoplasie testicolari, tumefazioni linfonodali senza alterazioni della capsula


esterna, ecc.)
SEMINOMA: tumefazione circoscritta in cui possibile individare le
strutture ed i limiti della lesione.
-Diffusa, quando non possibile apprezzarne con precisione i limiti; ne
sono un esempio le neoplasie a carattere infiltrante e le masse infiltranti
del sottocute. In tal caso si valuta la tumefazione per comparazione con la
regione controlaterale.
E anche importante conoscere la BASE DIMPIANTO che pu essere:
1) SESSILE, quando ampia quanto la tumefazione stessa; in tal caso la
prognosi spesso sfavorevole.
2) PEDUNCOLATA, quando meno ampia della tumefazione stessa, in
questo caso, in genere, la prognosi pi favorevole sia perch risulta pi
facilmente asportabile, sia perch con questi caratteri raramente risulta
infiltrante.
4)

MODIFICAZIONI DEL NORMALE ASPETTO DEL RIVESTIMENTO

CUTANEO o MUCOSO SOVRASTANTE, queste possono essere:


DIRETTE, quando il tessuto che causa la tumefazione sostituisce il
Pagina 25 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

normale rivestimento della regione


INDIRETTE, quando c un condizionamento indotto dai tessuti che
sostengono la tumefazione dellaspetto del normale rivestimento cutaneo o
mucoso.
Le modificazioni possono anche interessare il COLORITO, che pu essere:
ROSSO, in caso di forme flogistiche acute;
VIOLACEO, in caso di forme flogistiche croniche.
Ancora, si pu avere DISTENSIONE, nel caso di una tumefazione ampia con
conseguente cute pallida e lucida e con diradamento degli annessi. Il pallore
dovuto alla compressione dei vasi sanguigni.
5)

QUALITA DELLA SUPERFICIE:


UNIFORMITA della superficie:
uniformemente liscia, come avviene nei casi di neoplasie benigne,
ipertrofie o infiammazioni;
bozzellata, come nel caso di neoplasie maligne;
ineguale, parzialmente liscia;
parzialmente nodulare.

6)

ASPETTO pu essere:
granuloso
a cavolfiore (papillomatosi orale)

7)

MOVIMENTI SPONTANEI possono essere:


Pagina 26 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

PULSAZIONE che a sua volta pu essere distinta in:


- vera, in caso di aneurisma;
- trasmessa, nel caso in cui la tumefazione sia a contatto
con un vaso arterioso.
MOVIMENTI PERISTALTICI possono aversi nel caso di ernie a
contenuto intestinale;
MOVIMENTI DA CAMBIAMENTO DI POSIZIONE, si osservano
in caso di ernie parietali addominali in cui i visceri possono impegnarsi
nel sacco in relazione alla posizione assunta al corpo.
8) RAPPORTI CON LE REGIONI VICINE ED I TESSUTI CIRCOSTANTI,
sono importanti da considerare perch permettono di diagnosticare la reale
sede dorigine di una tumefazione (esempio: una tumefazione dura e non mobile
in prossimit di un osso potrebbe essere ascrivibile ad una neoplasia ossea).
Non sempre, inoltre, i tessuti o la struttura anatomica da cui origina la
tumefazione si trovano nella stessa sede in cui presente la tumefazione
stessa.

Una volta effettuata lesame ispettivo, si passa alla PALPAZIONE per poter
valutare: modificazioni termiche, la sede, la forma ed il volume, i limiti, la
superficie, la scorrevolezza, la sollevabilit della cute in pliche, la consistenza,
la fluttuazione, la dolorabilit, la riducibilit, le sensazioni tattili anomale.
Pagina 27 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

1)TERMOTATTO: si effettua palpando con la superficie dorsale della


mano; importante valutare per confronto anche le aree circostanti. Nel caso
vi sia un aumento della temperatura si potrebbe trattare di un ascesso, cos
come avviene in tutte le tumefazioni a carattere infiammatorio (ernie
complicate). Talvolta un lieve aumento di temperatura si pu avere in caso di
neoplasie ad accrescimento molto rapido (in tal caso la modificazione termica
dovuta al maggior afflusso di sangue nella zona interessata che sostiene il
metabolismo e la moltiplicazione tumultuosa delle cellule neoplastiche). Nel
caso in cui la temperatura sia normale, invece, si potrebbe trattare di ernie
non complicate, di lesioni neoplastiche, di flogosi croniche o, ancora, di un
ematoma.
2)SEDE: si valuta meglio alla palpazione, soprattutto se si tiene conto
dei reperi circostanti; inoltre con la palpazione possibile valutare la
profondit della tumefazione, la quale pu essere:
cutanea;
sottocutanea, quando si presenta staccata dalla cute ( possibile
sollevare una plica cutanea sopra la tumefazione) ed possibile anche palpare
il confine della parte pi profonda;
sottofasciale, quando si verifica solo un aumento di volume locale, ma
non possibile definirne il limite della parte pi profonda, si presenta fissa e
non staccabile dai tessuti sottostanti, poco scorrevole. In tal caso anche
Pagina 28 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

lapproccio chirurgico sar pi complesso.


Tumefazioni molto profonde, che non provocano il sollevamento dei
tessuti sovrastanti.
3)FORMA e VOLUME: anche queste sono meglio valutabili con la
palpazione, in quanto allesame ispettivo tali caratteri possono essere
influenzati dalla presenza dei peli o pliche cutanee.
4)LIMITI: valutabili sicuramente meglio alla palpazione.
5)SUPERFICIE pu essere:
LISCIA;
SCABRA;
NODULARE (con noduli di varie dimensioni);
BERNOCCOLUTA (con noduli particolarmente rilevabili);
LOBATA (insieme di tumefazioni separate da profondi solchi).
6)SCORREVOLEZZA: dipende dai limiti e dalla profondit. Le masse
peduncolate sono pi scorrevoli rispetto alle sessili. Questo carattere si valuta
applicando sulla tumefazione movimenti di traslazione con le dita e con le mani
in tutte le direzioni. Nel caso la massa sia poco scorrevole e quindi fortemente
adesa ai tessuti circostanti si potrebbe trattare di lesioni neoplastiche
infiltranti o a localizzazione sottofasciale o, ancora, di lesioni infiammatorie
molto adese ai tessuti sottostanti.
7)SOLLEVABILITA DELLA CUTE IN PLICHE: pu essere indice
Pagina 29 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dellelasticit della cute, del trofismo rispettato, dellassenza di aderenze


rispetto alla tumefazione e quindi della non origine cutanea della tumefazione.
Se sollevando la cute non si riscontra nessuna continuit al di sotto di questa,
allora la massa ha origine dalla cute; altrimenti ha origine pi profonda.
8)CONSISTENZA: un carattere valutabile correttamente in relazione
alla profondit della tumefazione, infatti considerato attendibile per le
tumefazioni superficiali, mentre lo di meno o non lo affatto per quelle
sottofasciali o pi profonde poich queste ultime si presentano sovrastate da
vari strati, come la fascia, il sottocute ed il derma, che ne condizionano la
consistenza. Naturalmente sono ancor meno attendibili le valutazioni sulla
consistenza di tumefazioni che originano a livello muscolare in quanto queste
presentano ulteriori strati di tessuti molli sovrapposti.
Tale consistenza, comunque, pu essere:
OSSEA;
DURO-LIGNEA;
FIBROSA;
DURO-ELASTICA (pi o meno come un pneumatico di bicicletta: duro
ma comprimibile anche in base alla forza dellesaminatore);
PARENCHIMATOSA;
MOLLE-ELASTICA (come una camera daria poco gonfia: facilmente
comprimibile ma con un ritorno elastico);
Pagina 30 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

MOLLE-PASTOSA;
MOLLICA DI PANE (quando per un po rimane limpronta della
compressione, detta FOVEA, solitamente questo carattere dovuto ad
edema);
FLACCIDA.
9)FLUTTUAZIONE: indice di raccolta liquida e quindi pu essere utile
per la diagnosi differenziale tra un lipoma ed una cisti a contenuto liquido.
Per valutare la fluttuazione si deve porre una mano su un lato della
tumefazione e con laltra mano imprimere un colpo o una pressione sullaltro
lato della tumefazione in modo da percepire laumento di tensione, londa
liquida o il sollevamento della parete provocata dal colpo.
10)DOLORABILITA:

si

deve

valutare

non

solo

livello

della

tumefazione, ma anche ai margini di questa, in modo da considerare anche


lestensione del dolore. Talvolta, infatti, il dolore pu essere inavvertito
nellambito della tumefazione stessa, ma essere presente ai margini di questa
dove si trova larea infiammatoria (alone infiammatorio perifocale), che
presenta le caratteristiche tipiche del focolaio flogistico come arrossamento,
dolore o altro.
Alla valutazione della dolorabilit si pu avere una risposta:
POSITIVA, in caso di flogosi acute;
NEGATIVA, in caso di ernie non complicate, flogosi croniche o neoplasie
Pagina 31 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ad eccezione dei neurinomi (swannomi) (tumori che prendono origine dalle


guaine nervose e che sono caratterizzate da dolore; la prima manifestazione
clinica di questa patologia una zoppia con una piccola tumefazione a livello
della zona interessata; molto dolorosa!). Comunque anche neoplasie o flogosi
croniche possono provocare dolore se determinano compressione di fibre
nervose.
11)RIDUCIBILITA: una caratteristica delle tumefazioni apprezzabili
allesterno, come ernie non complicate, prolassi, ascessi comunicanti, ecc., che
possono essere ricondotte, tramite canali o comunicazioni naturali, nella loro
sede dorigine.
Quando possibile la manovra andrebbe fatta col paziente in posizione declive
rispetto alla tumefazione (cio con la sede dorigine dellorgano erniato posta
pi in basso rispetto alla sede dellernia).
Cause dIRRIDUCIBILITA sono le COMPLICANZE ERNIARIE, come:
Infiammazione (aderenze);
intasamento;
strozzamento;
perdita del diritto di domicilio.
La manovra palpatoria volta a valutare la riducibilit di unernia si chiama
TAXIS. Consiste in una serie di manualit effettuate con entrambe le mani e
con molta attenzione al fine di evitare complicanze ulteriori nel focolaio
Pagina 32 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

erniario. Questa manovra viene compiuta ponendo il paziente in maniera da


posizionare la porta erniaria in basso rispetto al contenuto (es: paziente con
ernia inguinale in decubito dorsale).
E importante differenziare un idrocele (accumulo di liquido nella borsa
scrotale)

da

unernia

inguino-scrotale.

Previa

riduzione

effettuata

mantenendo il testicolo con la mano sinistra e ponendo indice e medio intorno


al funicolo , si effettua una manovra dal basso verso lalto fino a riportare il
contenuto in cavit addominale, in caso di idrocele, essendo un accumulo di
liquido, la tumefazione ricompare dal basso per poi portarsi verso lalto; il
contrario accade in caso di ernia, dove la tumefazione ricompare a partire
dalla radice dello scroto e prosegue verso il fondo.
12) SENSAZIONI TATTILI ANOMALE: possono essere:
il crepitio gassoso, il quale indica un enfisema sottocutaneo e d
una sensazione di neve schiacciata (rottura della trachea e passaggio di aria
nel sottocute del collo)
lo scroscio, caratteristico della frattura;
il crepitio articolare, il quale indica artropatie degenerative.
LIPEZIONE e la PALPAZIONE sono le prove pi efficaci per la diagnosi di
una tumefazione, tuttavia si possono effettuare anche:
PERCUSSIONE, nel caso di ernie costituite da visceri ripieni di gas (ad
esempio anse intestinali);
Pagina 33 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ASCULTAZIONE, nel caso di ernie voluminose sulle quali possibile ascoltare


rumori utili per poter diagnosticare il contenuto erniario (borborigmi per anse
intestinali).
Oltre agli esami di tipo ispettivo, talvolta, sono particolarmente utili alcuni
ESAMI STRUMENTALI, quali:
1)PUNTURA ESPLORATIVA, in cui si preleva del materiale dalla
tumefazione per analizzarlo sia dal punto di vista macroscopico che
microscopico,

poich

non

sempre

possibile

distinguere

solo

macroscopicamente, la natura di un essudato


2)SPECILLAZIONE DI TRAMITI, tecnica utile per comprendere il
percorso e lorigine di una tumefazione; consiste nellintrodurre uno specillo
allinterno di fistole o altri tramiti presenti a livello della tumefazione
3)INIEZIONE

CON

COLORANTI

VITALI

NEI

TRAMITI

per

individuare comunicazioni patologiche con altri visceri o per avere dei punti di
riferimento per la resezione di tessuti patologici, in caso dinterventi
chirurgici.
Uno dei coloranti usati il blu di metilene.
4)BIOPSIA, prelievo di tessuti per lesame istologico.
5)ECOGRAFIA, per una valutazione non invasiva del contenuto della
tumefazione.
6)RADIOGRAFIA, utile soprattutto per confermare la diagnosi di
Pagina 34 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

tumefazioni che originano dai tessuti duri.


A questi esami strumentali si devono aggiungere quelli di laboratorio sul
materiale prelevato, che sono:
1)PESO

SPECIFICO

DEL

FLUIDO

CONTENUTO

NELLA

TUMEFAZIONE: questo parametro condizionato dalla presenza e dalla


quantit e qualit delle proteine, tramite questo parametro possibile
differenziare il trasudato (p.s.<1014) dallessudato (p.s.>1018).
2)PROVA DI RIVALTA, anche questa usata per differenziare il
trasudato dallessudato; questa si effettua mettendo una goccia dacido
acetico nel materiale prelevato, se si forma una nubecola si tratta
dessudato, altrimenti di trasudato.
3)ESAME MICROSCOPICO DEL SEDIMENTO, il quale ottenuto per
centrifugazione.

Pagina 35 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esame semiologico dellapparato locomotore dei piccoli animali

Segnalamento

Il segnalamento consiste nella raccolta di una serie di dati utili per quanto
concerne

lidentificazione

del

paziente

la

correlazione

di

alcune

caratteristiche di questo con la patologia intercorrente. Tralasciando gli


aspetti specificamente zoognostici utili ai fini identificativi (colore del
mantello, segni particolari etc.), per lesame segnaletico del paziente con
problemi allapparato locomotore, vengono considerati la razza, la taglia, let,
il sesso e l attitudine lavorativa.
Razza: vi sono delle condizioni patologiche geneticamente determinate. In
particolare, nel cane, vi unampia variabilit e molte razze sono predisposte a
malattie specifiche. Il Labrador, il retriver, il rottweiler sono predisposte alla
displasia del gomito; mentre il Terranova ed il San Bernardo sono predisposti
alla displasia danca, il Bassotto un condrodistrofico e va incontro a patologie
del disco intervertebrale, etc.
Taglia: vi sono cani che pesano meno di un chilo, mentre altri, come lalano ed il
Mastino napoletano che possono raggiungere e superare il peso di 70 kg.
Questi ultimi, nella fase dello sviluppo corporeo, hanno delle variazioni di peso
che sono notevolissime. Nei cani di taglia piccola (toy) possiamo osservare con
frequenza il morbo di Legg Perthes, displasia del ginocchio con lussazione
mediale di rotula, incongruit del gomito. Nei soggetti di taglia grande sono
Pagina 36 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

frequenti le lesioni osteoarticolari da osteocondrosi, la displasia danca, il genu


valgum, il radio curvo, losteodistrofia ipertrofica. Sar pressoch impossibile
osservare un caso osteodistrofia ipertrofica (morbo di Moller Barlow o
scorbuto osseo) in un soggetto di taglia piccola, o un caso di morbo di LeggPerthes in un soggetto di grossa taglia.
Et: vi sono patologie che hanno una correlazione pi o meno stretta con una
determinata et. Tipiche patologie giovanili sono le affezioni dei dischi
epifisari, le patologie dello sviluppo accrescitivo (displasia dellanca, del
ginocchio, osteocondrosi, morbo di Legg Perthes Calv). E molto difficile il
determinarsi, in esito ad un trauma, in soggetti giovani o giovanissimi, la
rottura del legamento crociato craniale.

Infatti,

in

un

soggetto

in

accrescimento, vi sono strutture in questa regione, meno resistenti, come il


disco epifisario distale del femore, che cederebbero prima del legamento
stesso. Nei soggetti anziani pi frequente lartropatia degenerativa
primitiva.

Anche

se,

va

sottolineato,

che

vi

sono

alcune

patologie,

caratteristiche dellet giovanile, che, raramente, possono manifestarsi in


soggetti adulti.
Sesso: In genere il sesso non ha particolare importanza al fine dellesame
ortopedico. Va ricordato, che vi pu essere, per ragioni di temperamento, una
maggiore frequenza di riscontro delle affezioni ortopediche nei maschi. Cos
come sono noti gli aggravamenti di instabilit articolari in femmine in calore.
Pagina 37 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Attitudine: Una prima grossa distinzione pu essere effettuata tra cani da


lavoro (guardia, caccia etc. ) e cani da salotto o da compagnia. E intuibile che
un problema ortopedico non grave pu costituire motivo di riforma dallattivit
lavorativa per un soggetto adibito ad attivit agonistica mentre pu costituire
unevenienza facilmente tollerabile per soggetti da compagnia. Va considerato
anche che le affezioni non significativamente invalidanti vengono segnalate pi
precocemente in un soggetto da lavoro.

Anamnesi

Lanamnesi consiste nellacquisizione di una sequenza di informazioni, dal


proprietario, che possono chiarire molti aspetti della storia recente e passata,
individuale e familiare del paziente che si sta esaminando. In primo luogo
importante conoscere quale arto stato individuato dal proprietario quale
sede di zoppia.
Altre possibili domande da porre al proprietario sono:
1) traumi subiti in precedenza. E necessario porre particolare attenzione
nellinterpretare criticamente le informazioni fornite dal proprietario. Vi
possono essere delle condizioni traumatiche legate, realmente, alla patologia
dellarto per il quale il paziente viene portato a visita. Talvolta, per, il
proprietario pu fornire indicazioni circa traumi pregressi omettendo, dal
racconto, correlazioni temporali o di sede anatomica che le renderebbero

Pagina 38 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

improbabili da rapportare con la lesione in atto.


2) terapie effettuate in precedenza e, eventualmente, il tipo di risposta ai
farmaci somministrati. Unattenuazione della sintomatologia conseguente ad
una terapia a base di anti-infiammatori pu instradare verso una zoppia legata
al dolore pi che ad una zoppia meccanica; se la risposta stata positiva a
bassi dosaggi di antiinfiammatori si pu considerare il problema come non
altamente invalidante. La risposta alla somministrazione di antibiotici potrebbe
indurre a formulare una ipotesi settica.
3) sintomi pregressi e presenza o meno di fattori che possono condizionare la
zoppia. Se la zoppia peggiora su terreni ghiaiosi, duri ed irregolari, possibile
pensare a lesioni alle falangi o ai cuscinetti che, in tali circostanze, subiscono
sollecitazioni pi marcate.
Difficolt a salire le scale: siccome, per la salita delle scale, indispensabile la
piena

efficienza

dellapparato

di

propulsione

che

costituito,

fondamentalmente, dal treno posteriore, in caso di difficolt ci si orienta su


una patologia localizzata agli arti posteriori. In questi casi, per, va posta la
diagnosi differenziale rispetto ad affezioni neurologiche (sindrome lombosacrale) che talvolta possono essere confuse con affezioni ortopediche
mentre, altre volte, possono coesistere aggravandone la sintomatologia. In
particolare, nella sindrome lombosacrale, presente dolore alliperestensione
della colonna vertebrale; ci spiegherebbe la riluttanza al salire le scale.
Pagina 39 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

4) zoppia stabilizzata su un solo arto o su pi arti


5) la zoppia persistente, continua, intermittente o recidivante. Vi sono
delle zoppie che sono continue ed altre intermittenti. In un caso o nellaltro,
queste informazioni possono essere utili dal punto di vista diagnostico. La
zoppia continua sostenuta da una lesione abbastanza grave che non si
modifica o si modifica poco nel tempo come fratture, lussazioni, marcata
instabilit articolare dovuta a rotture capsulari o legamentose.
Se, invece, la zoppia intermittente, vi possono essere delle condizioni
esogene, come il cambio di clima (un clima umido o freddo pu determinare un
peggioramento di determinati tipi di zoppie, in particolare quelle articolari),
che possono modificare la gravit della zoppia stessa. Una condizione endogena
che pu modificare la zoppia la fase del movimento. Vi sono delle zoppie
definite a caldo e altre a freddo. Le zoppie a caldo si manifestano o
peggiorano con il lavoro, mentre quelle a freddo sono le zoppie che
manifestano il massimo dellintensit appena comincia il lavoro e, poi, man
mano, con lesercizio, si attenuano o scompaiono. Generalmente le zoppie a
freddo sono di origine articolare come lartropatia degenerativa. In questo
caso il proprietario riferir che il soggetto fa fatica ad alzarsi, zoppica ai
primi passi, dopo di che, la deambulazione diviene sempre pi sicura. Le zoppie
a caldo, invece, sono dovute, generalmente, ad affezioni muscolari, tendinee.
Altra condizione endogena rappresentata dalla possibile modificazione, nel
Pagina 40 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

tempo, della meccanica che sostiene la zoppia. Nella lussazione di rotula, ad


esempio, la zoppia sostenuta dalla posizione paratopica della rotula, mentre,
quando questa si riporta in posizione normale spontaneamente (lussazione di I
e II grado), la zoppia scompare.
6) modificazioni delle condizioni generali. Affezioni sistemiche, spesso di
natura infettiva o parassitaria, possono determinare il coinvolgimento di
strutture dellapparato locomotore. E importante sapere riconoscere queste
condizioni, perch, in tali casi, lapproccio terapeutico potrebbe mutare
completamente rispetto ad altre patologie dellapparato locomotore. Tra le
affezioni sistemiche pi comuni responsabili di artriti vanno citate la
Borrelliosi e la Leismaniosi. Similmente, in corso di batteriemia, si possono
osservare delle localizzazioni ossee metafocali responsabili di zoppia.
7) modalit di insorgenza. Alcune affezioni insorgono improvvisamente mentre
altre

in maniera progressiva. Tra le prime vanno considerate le lesioni di

origine traumatica, come fratture e lussazioni, ma non vanno escluse, a priori,


quelle lesioni su cui un trauma, spesso banale e non segnalato allanamnesi, pu
agire come fattore scatenante, come nel caso della riacutizzazione di un
focolaio di artropatia degenerativa conseguente a frattura di un osteofita.
Tra le cause di zoppia ad insorgenza progressiva vanno ricordate affezioni a
carattere evolutivo come la displasia dellanca, del ginocchio, il morbo di Legg
Perthes, le manifestazioni articolari di osteocondrosi o, ancora, le neoplasie
Pagina 41 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

primitive o secondarie dellosso o delle strutture articolari fatto salvo i casi in


cui lesordio lespressione di una frattura patologica secondaria alla neoplasia
stessa.
Unaltra condizione responsabile di zoppia ad insorgenza acuta che va,
sicuramente, sottolineata, in quanto unevenienza clinica frequentemente
riscontrabile nella pratica, la zoppia connessa alla rottura del legamento
crociato craniale in soggetto, generalmente di piccola taglia, affetto da
displasia del ginocchio (lussazione mediale di rotula). In questi casi la displasia
sinstaura in fase di sviluppo corporeo (5-7 mesi). A circa 7-8 anni det,
lalterazione spesso ben compensata, soprattutto per lo scarso peso corporeo
di questi soggetti, diviene, improvvisamente, manifesta e lesame clinico mette
in evidenza, in prima istanza, una lussazione ricorrente mediale di rotula per
cui, si attribuisce spesso, alla paratopia rotulea, la causa della zoppia.
Analizzando pi a fondo larticolazione ci si pu rendere conto che alla
lussazione di rotula si associa la rottura del legamento crociato craniale che ha
reso improvvisamente instabile larticolazione.

Esame clinico

Un corretto approccio clinico al paziente ortopedico prevede lesecuzione


dellesame in varie fasi:
1) ISPEZIONE
1a - con il soggetto in movimento
Pagina 42 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

1b - in stazione (in piedi)


2) PALPAZIONE
del soggetto in piedi per le valutazioni
generali e della simmetria delle strutture anatomiche.

Con la prima parte dellesame clinico, ed i dati


forniti dal segnalamento ed anamnesi, si acquisiscono
dati sufficienti sul/i possibile/i arto/i coinvolto/i e,
quindi si passa alla seconda fase:

3) ESAME IN DECUBITO
focalizzato

sullarea/e

ritenuta/e

coinvolta/e.

1a) Ispezione con il soggetto in movimento


Molte di queste fasi dellesame clinico, con lesperienza, sono svolte in maniera
pressocch automatica; mentre si raccolgono i dati anamnestici, si osserva il
soggetto che si muove in ambulatorio e ci si comincia ad orientare sullarto
sede della zoppia, o di come viene utilizzato larto claudicante. Si fa muovere il
cane con e senza guinzaglio in quanto, il movimento con guinzaglio, pu
condizionare, in taluni casi, la modalit di deambulazione. Si fa camminare il
soggetto al passo ed al trotto, poich le zoppie, soprattutto quelle lievi, sono
pi evidenti al trotto che al passo. Ci dovuto a due motivi: il primo che
nella deambulazione al passo sono poggiati sempre tre arti a terra e, quindi,
larto coinvolto condivide il carico con gli altri due; mentre al trotto sono

Pagina 43 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

poggiati solo due arti per volta, per cui, la condivisione del carico dellarto
zoppo avviene solo con il controlaterale dellaltro bipede.
Il secondo motivo che essendo il trotto, unandatura pi veloce del passo,
laccelerazione di gravit cui sottoposto larto che viene in contatto con il
suolo maggiore e, quindi, la forza di reazione del suolo aumenter. Tutto
questo esita in un incremento delle sollecitazioni meccaniche sulle strutture
dolenti (sede della lesione) con aggravamento della zoppia.
Si pu far camminare il soggetto in cerchi pi o meno stretti e, se larto
coinvolto disposto allinterno del cerchio la zoppia pu peggiorare.
Anche la prova delle scale utile: le affezioni localizzate agli arti posteriori
sono caratterizzate da una maggiore difficolt a salire le scale.
Durante la deambulazione bisogna osservare:
1) trasferimento del carico dal bipede anteriore al posteriore o viceversa;
se vi zoppia bilaterale localizzata agli arti posteriori coesister il
trasferimento di parte del

carico sugli arti anteriori. In questi soggetti,

infatti, si pu avere una tendenza a sovraccaricare gli arti anteriori mediante


lo spostamento del baricentro in avanti, assumendo una posizione di falsa
cifosi, il bipede anteriore viene portato sotto di s, il collo e la testa
abbassati. E molto evidente questo atteggiamento in caso di artropatia
bilaterale delle anche (displasia) o delle ginocchia.
2) oscillazione della testa (c.d. colpo di testa): nel momento in cui caricato
Pagina 44 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

un arto anteriore zoppo, il soggetto solleva la testa per alleviare il peso


sullarto sede della lesione mentre quando carica il controlaterale sano, la
abbassa.
3) trasferimento del moto su unaltra articolazione. In corso di displasia
danca, landatura del soggetto si esplica con una discreta oscillazione in senso
laterale del rachide lombare. Questa modalit di movimento consente un
minore impegno delle articolazioni coxofemorali in quanto, la fase anteriore
del passo (spostamento in avanti dellarto), viene agevolata dalla flessione
laterale del rachide riducendo cos i movimenti dolorosi dellarticolazione
coxofemorale. Ne consegue che il soggetto con artropatia bilaterale assume un
atteggiamento ondeggiante con il treno posteriore.
4) riduzione del range di flesso-estensione: in casi di dolore articolare, il
soggetto nella fase anteriore del passo, anzich flettere larticolazione
coinvolta per portare larto in avanti, modifica il movimento ampliando
loscillazione di unaltra articolazione, per cui larto portato in avanti con un
movimento di rotazione esterna, definito falciante. Quando la sede della
zoppia il gomito, si ha spesso una sensibile riduzione della mobilit di questa
articolazione che viene mantenuta, durante le varie fasi della deambulazione,
con angolo pressoch invariato. Talvolta aumenta la mobilit del carpo come
fenomeno compensatorio.
5) accorciamento del passo: la fase anteriore del passo pu risultare pi
Pagina 45 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

corta in caso di affezioni articolari che determinano dolore allestensione


dellarticolazione coinvolta. Pi chiaramente, in corso di OCD della spalla o di
frammentazione del processo coronoideo mediale dellulna lestensione,
rispettivamente, della spalla o del gomito si verifica con dolore e la fase
anteriore del passo dellarto coinvolto sar pi breve.
6) rumore di strofinio dellunghia sul terreno. questo fenomeno legato ad
un deficit della propriocezione e, quindi, a problemi neurologici. E un
parametro da considerare ai fini di diagnostica differenziale.
7) durata della fase dappoggio: ridotta nellarto coinvolto.

1b) Ispezione con il soggetto in stazione


Si considerano:
lo stato di nutrizione
la conformazione fisica
latrofia

muscolare. Lindividuazione di atrofia muscolare, pu essere

utilizzata quale parametro sia per lindividuazione dellarto sede di zoppia, sia
per la datazione della patologia. In un soggetto a pelo corto, nel quale le
dimensioni dellarto non sono condizionate dalla presenza del pelo abbondante,
si pu avere, gi allispezione, un orientamento diagnostico ben preciso; tale
parametro pu anche essere dirimente rispetto alleventuale cronicit
dellaffezione che sostiene la zoppia. Molto spesso, lindividuazione dellatrofia
muscolare pu fornire informazioni sul tempo di comparsa della malattia che
Pagina 46 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

talvolta sono contraddittorie rispetto a quanto riferito dal proprietario


nellanamnesi. Alcune affezioni, infatti, presentano un esordio scarsamente
sintomatico e non individuabile con sufficiente tempestivit dal proprietario.
Tumefazioni localizzate, possono essere lespressione, per esempio, della
positivizzazione degli sfondati articolari, cio aumento della quantit di liquido
sinoviale in corso di artropatie e distensione della capsula articolare. Ci sono
dei punti test, propri di ciascuna articolazione per valutare questo fenomeno.
Per esempio, nel gomito, questi punti test sono disposti postero-lateralmente e
postero-medialmente tra lolecrano e il tendine del tricipite, nel ginocchio ai
lati del tendine tibio-rotuleo etc.
Tumefazione diffuse degli arti si possono osservare in casi di osteopatia
ipertrofizzante pneumica (morbo di Cadiot) oppure in soggetti giovani in
accrescimento di grossa taglia con localizzazione prevalente alla porzione
distale degli avambracci e delle gambe (osteodistrofia ipertrofica).
Allineamento delle articolazioni: le articolazioni sono arrangiate, nel paziente
in stazione, in maniera che le ossa disegnino degli angoli ben precisi. Nella
specie canina esiste una certa variabilit razziale. In corso di malattie
dellapparato locomotore si pu avere unalterazione di tali angoli. In casi di
osteocondrosi del tarso abbiamo che i posteriori sono portati diritti (c.d. arti
stangati). In corso di affezioni del gomito (osteocondrosi) si pu osservare
una modica rotazione della regione metacarpo-falangea verso lesterno. Il
Pagina 47 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

proprietario, spesso, riferisce in maniera abbastanza chiara questo sintomo


che spesso lunico segno precoce della lesione.
Stato delle unghie: importante perch un iperconsumo di una o pi unghie
pu far propendere per un deficit neurologico. Questa situazione si osserva,
spesso, nei pastori tedeschi anziani affetti da mielopatia degenerativa.
Lallungamento

delle

unghie,

invece,

associato

ad

atrofia

muscolare,

ispessimento dei cuscinetti digitali ed allungamento dei peli nella regione


interdigitale sono frequentemente espressione di un prolungato scarso impiego
dellarto.
Modificazioni anatomiche: fenomeno osservabile in soggetti affetti da
patologie specifiche. Eccessiva prominenza dorsale della scapola per rottura
del grande dentato, aumento del segmento bis-trocanterico in soggetti affetti
da grave displasia danca.
Alterazione dellangolo del carpo che normalmente compreso tra 90 e 100.
Tra le alterazioni si possono riscontrare liperestensione (> 100) e
liperflessione (< 90). Le sindromi da iperestensione ed iperflessione del carpo
sono molto frequenti e vanno inquadrate dal punto di vista semiologico. Si
tratta, solitamente, di patologie rilevabili in animali in accrescimento, poich
muscoli flessori della regione metacarpo-falangea sono spesso soggetti alla
perdita di tono o allaccorciamento relativo.
Valutazione della seduta (sit test): normalmente i cani si siedono con le
Pagina 48 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

tuberosit ischiatiche che toccano i tarsi, con tutta la regione metatarsea che
tocca il suolo e con le ginocchia in flessione. Questa normale seduta pu essere
modificata in presenza di unaffezione dolorosa del ginocchio o del tarso. A
volte, infatti, il soggetto si siede con le ginocchia estese e portate fuori di s.
Questo atteggiamento pu essere legato alla artropatia del ginocchio
conseguente alla rottura del legamento crociato craniale.

2) Palpazione in stazione
Mediante la palpazione si valuta la tonicit muscolare, la simmetria delle
strutture, la presenza di tumefazioni di cui alcune gi individuate allispezione
in stazione. La palpazione si effettua in senso prossimo-distale sugli arti
anteriori e posteriori. La palpazione viene eseguita con una mano per arto
contemporaneamente e simmetricamente per le stesse strutture, in maniera
da apprezzare qualsiasi modificazione della normale simmetria. Naturalmente
il paziente deve essere in stazione e piazzato in maniera simmetrica.
Nelleffettuare la palpazione degli arti anteriori si considerano, quali punti di
repere: il margine superiore della scapola, la spina scapolare, lacromion, i
muscoli sopra ed infraspinato, i muscoli bicipite e tricipite, brachiale, il
trochitere, la doccia bicipitale, lepicondilo e lepitroclea dellomero. Ancora, a
partire

dal

gomito

si

considerano

lolecrano,

le

diafisi

di

radio

(anteromedialmente) e dellulna (posterolateralmente), il processo stiloideo


Pagina 49 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dellulna e del radio, losso pisiforme, disposto posteriormente, i metecarpei e


le falangi.
Nellarto posteriore i reperi da considerare sono: la cresta iliaca, la tuberosit
ischiatica, il grande trocantere del femore, il muscolo quadricipite, i muscoli
posteriori della coscia, i condili femorali e la rotula. Si palpa inoltre, il
legamento tibiorotuleo, la tuberosit tibiale, i condili della tibia, la diafisi, i
malleoli, il tendine di Achille, il calcaneo i metatarsi e le falangi.
Del ginocchio si effettua la valutazione degli sfondati articolari, lateralmente
al legamento tibio-rotuleo. Con il soggetto in decubito laterale si individua la
tuberosit tibiale. Da questa, procedendo in senso prossimale, si ha il
legamento tibio-rotuleo, poi la rotula, poi, ancora, il quadricipite femorale. Il
legamento tibio-rotuleo avvertibile quando sotto tensione (soggetto in
piedi) come una struttura anatomica di un certo spessore con margini sottili.
In caso di affezioni al ginocchio, sia per aumento del liquido sinoviale, sia
perch sullarto grava meno peso, il tendine si presenta meno teso e con
margini sfumati. La palpazione della regione mediale del ginocchio, nei cani che
hanno subito la rottura del legamento crociato craniale, gi da tempo,
evidenzier un tumefazione (ispessimento compensatorio).
Si pu effettuare, poi, la valutazione della lunghezza degli arti posteriori
ponendo le mani sulla porzione anteriore di entrambi i muscoli quadricipiti, si
solleva il treno posteriore, si iperestende larticolazione coxo-femorale e si
Pagina 50 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

valuta la lunghezza dei due arti sia a livello della sommit dei calcanei, sia a
livello dei cuscinetti plantari. Il soggetto va tenuto in perfetta simmetria. La
lussazione coxo-femorale, fratture del collo del femore e fratture del bacino,
possono rendersi responsabili di unasimmetrica lunghezza degli arti posteriori
non sempre percepibile sul soggetto in stazione.
Si pu valutare anche il trasferimento del carico ed asimmetria nellappoggio.
In genere larto sede di patologia, meno caricato, anche se lappoggio al suolo
effettuato. Se si esercita una contemporanea pressione dietro ai carpi in
appoggio, si avr una flessione a scatto dellarticolazione. Per provocare tale
flessione sar necessaria una forza tanto maggiore quanto pi elevato sar il
carico sullarto in questione. Quindi, se per indurre la flessione dei carpi la
forza da esercitare per i due arti differente, si potr concludere che larto
dove necessaria minore forza meno caricato. Talvolta, in casi di zoppia
abbastanza grave, localizzata ad un arto anteriore, si pu osservare, nel
paziente in stazione, un differente angolo disegnato dalle articolazioni dei
carpi, che sar maggiore per larto sano in virt del maggiore carico e minore
(tendente a 90) per larto coinvolto sul quale il paziente far gravare meno
carico.
Per larto posteriore si pu eseguire una manovra con le stesse finalit che
consiste nellagganciare entrambi gli arti posteriori con le dita poste davanti
alle regioni tarso-metatarsiche disponendosi dietro il soggetto ed effettuare
Pagina 51 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

una trazione contemporanea. Larto che si sposter in senso posteriore pi


facilmente (con minore forza) sar quello meno caricato. Le prove per la
valutazione dellentit del carico sugli arti anteriori e posteriori vanno ripetute
pi volte e sono diagnostiche quando la risposta sar coerentemente ripetitiva.
Unaltra prova valida per lindividuazione di algia presente alle estremit
(regione metacarpo-tarso falangea) consiste nellafferrare larto in appoggio
dalla regione distale dellavambraccio o della gamba a seconda se si vuole
valutare un arto anteriore o posteriore, e lo si comprime sulla superficie
dappoggio: in caso di positivit vi sar unintolleranza alla manovra. E
opportuno

effettuare

la

manovra,

per

comparazione,

anche

sullarto

controlaterale.
Valutazione della risposta algica. Gran parte delle affezioni responsabili di
zoppia sono accompagnate da manifestazioni algiche. La palpazione sistematica
degli arti e linduzione di movimenti passivi, nellambito del range fisiologico, di
varie articolazioni, pu evidenziare la presenza di dolore e/o la differente
risposta alla sollecitazione di strutture simmetriche.

3) Esame in decubito

Arto anteriore
Piede e carpo
Valutazione delle unghie e delle articolazioni interfalangee distali. A volte una
Pagina 52 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

zoppia abbastanza grave, pu originare da una lesione ungueale, della terza


falange, o dellarticolazione interfalangea distale.
Valutazione dei tessuti molli, cuscinetti e spazi interdigitali: si possono
osservare escoriazioni dei cuscinetti digitali o lesioni ulcerative, che possono
sostenere delle zoppie gravi; normalmente tali lesioni conseguono a lunghe
corse sullasfalto riscaldato dal sole. E stata riportata lulcera del cuscinetto
metacarpale da lesione a carico del nervo ulnare.
Palpazione delle falangi e delle articolazioni interfalangee prossimali
Flesso-estensione delle articolazione metacarpo-falangee e palpazione dei
sesamoidi. I sesamoidi completano posteriormente larticolazione metacarpofalangea e sono sedi di patologie, in particolare nel Rottweiler (malattie dei
sesamoidi). Alla palpazione dei sesamoidi nei soggetti affetti da tale problema
si pu provocare dolore.
Flesso-estensione del carpo con movimenti di lateralit: per valutare lintegrit
del legamento plantare, che disposto posteriormente e dei legamenti
collaterali,

che

sono

disposti

lateralmente

medialmente

al

carpo.

Lestensione, in appoggio, del carpo maggiore di 100, pu essere ascrivibile ad


una rottura della fibrocartilagine plantare oppure ad una debolezza dei
flessori (frequente nei soggetti giovani per bendaggi prolungati applicati
sullarto anteriore, in corso di rachitismo, nei soggetti di grossa taglia in
accrescimento che vivono per lungo tempo su terreni particolarmente duri).
Pagina 53 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

La tumefazione da distensione della capsula articolare, in particolare presente


anteriormente al carpo espressione di aumento del liquido sinoviale e di
sofferenza articolare
Se si flette a 90 il carpo, in unarticolazione normale, si percepisce
distintamente il margine distale anteriore del radio. Quando il margine appare
sfumato si in presenza di aumento del liquido sinoviale e/o ispessimento della
capsula articolare.
Regione dellavambraccio
La base scheletrica data da radio e ulna. Nei soggetti in accrescimento in
questa regione si possono osservare delle deformit assiali. Queste sono
dovute alla prematura chiusura, parziale o totale, di dischi epifisari.
Tumefazioni dure disposte lungo la diafisi possono essere sostenute da
neoplasie. Un prevalente coinvolgimento distale della struttura ossea (radio e
ulna) si pu individuare nei soggetti giovani affetti da osteodistrofia
ipertrofica o da rachitismo.

Gomito
Per il gomito si possono effettuare movimenti passivi quali:
Estensione: si pu elicitare dolore, in caso di mancata unione del processo
anconeo (in rapporto con la fossa sopratrocleare).
Torsione e pressione mediale: in questo caso il dolore pu essere provocato in
Pagina 54 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

casi di frammentazione del processo coronoideo mediale dellulna.


Alla palpazione della regione posterolaterale dellarticolazione (tra lolecrano,
il tendine del tricipite e lepicondilo) si pu percepire, se presente, la
sopradistensione della capsula.
Braccio e cavo ascellare
Si valuta il trofismo muscolare. Si pu palpare in maniera quasi diretta lomero
sulla superficie antero-laterale: in questa sede losso presenta minore
copertura muscolare. Il riscontro di algia, alla palpazione, pu essere
determinato da un focolaio di osteomielite metafocale o, pi frequentemente,
da panosteite: in corso di queste affezioni, caratteristiche dei soggetti
giovani, la zoppia pu essere riferita dal proprietario, talvolta, come migrante.
Alla palpazione del cavo ascellare possono essere individuate masse di origine
neoplastica o meno che possono coinvolgere primitivamente o secondariamente
il plesso brachiale e determinare zoppia. Possono inoltre essere percepite
lesioni muscolari gravi come la lacerazione dei muscoli adduttori.

Spalla
Si effettuano movimenti di flesso-estensione. Il dolore in questo caso si pu
avere per lesioni articolari ascrivibili allosteocondrosi disseccante della spalla,
caratteristica degli animali di grossa taglia in accrescimento e si manifesta
intorno agli 8-9 mesi di et. Alla palpazione del tendine bicipite, disposto nella
Pagina 55 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

doccia omonima, medialmente al trochitere dellomero, si pu avere dolore per


lesioni quali tenosinoviti o per lesioni traumatiche con avulsione o lacerazione.

Arto posteriore
Moltissime lesioni ortopediche localizzate agli arti posteriori possono rendersi
responsabili di zoppie.

Piede
Viene valutato allo stesso modo dellarto anteriore
Tarso
Si eseguono movimenti di flesso-estensione (dorso-plantare) e lateralit per
valutare sia lesioni dei legamenti plantari e della fibrocartilagine tarsale che
dei legamenti collaterali. I legamenti plantari e la fibrocartilagine tarsale sono
disposti posteriormente tra le articolazioni del tarso ed i metatarsei. La
lacerazione, pu determinare un movimento abnorme che la flessione
dellarticolazione intertarsica o tarso metatarsica.
La flessione dellarticolazione tibio-tarsica una manovra utile a valutare
lintegrit del tendine di Achille. In caso di iperflessione dellarticolazione
tibio-tarsica si pu sospettare una lesione a carico questo tendine. Il tendine
dAchille origina dai muscoli gemelli della gamba che, prendono attacco dalla
superficie posteriore del femore distalmente. Nei carnivori il muscolo tricipite
Pagina 56 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

surale costituito da tre capi, due dei quali sono indicati come muscolo
gastrocnemio o gemelli della gamba, e il muscolo soleo. Questi tre muscoli
terminano con un unico grosso tendine sul calcaneo: il tendine di Achille o
corda del garretto. La flessione dellarticolazione tibio-tarsica limitata
dallazione del tendine di Achille. In caso di rottura del tendine di Achille con
la flessione passiva, si riesce a far aderire, quasi completamente, la faccia
anteriore della regione metatarsea alla tibia.
Gamba
Si pu valutare la presenza di una tumefazione come in corso di morbo di
Cadiot (porzione distale della tibia), per neoplasie o osteodistrofia ipertrofica
(giovanile). Possiamo avere dolore alla palpazione in caso di panosteite. La tibia
presenta, sulla superficie mediale, una scarna copertura da tessuti molli, quindi
facilmente palpabile in maniera pressocch diretta.
Ginocchio
Una causa frequente di zoppia, nei cani di piccola taglia, la displasia di
ginocchio con conseguente lussazione di rotula. La lussazione di rotula pu
essere:
-mediale nei soggetti di piccola taglia ed accompagnata da varismo
-laterale nei soggetti di grossa taglia con valgismo
Per valutare la tendenza alla lussazione della rotula si effettuano delle
manovre con il ginocchio in estensione: per la lussazione mediale, con una mano
Pagina 57 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

si mantiene la regione del metatarso su cui si applica una modica rotazione


verso linterno con il pollice dellaltra mano viene forzata la rotula medialmente
In un soggetto con ginocchio normale tale manovra non produce la dislocazione
della rotula. Questa manovra pu essere eseguita per una lussazione di primo
grado, in cui la rotula normalmente albergata sulla troclea e pu essere
dislocata medialmente. In una lussazione di II grado vi una tendenza
maggiore alla lussazione. Nelle lussazioni di III e IV grado la rotula
permanentemente lussata e tale manovra risulta non utile. Nella lussazione di
IV grado non possibile, con manovre di riduzione, riportare la rotula in sede.
La manualit pu risultare dolorosa relativamente allo stato di artrosinovite
concomitante.
Nel ginocchio pu essere valutata la stabilit in senso postero-anteriore e di
rotazione interna della tibia sul femore. Tale stabilit legata allintegrit del
legamento crociato craniale. La manualit da effettuare per valutare tale
integrit consiste nellesecuzione del test del cassetto. Ponendo una mano sulla
porzione distale del femore e laltra sulla porzione prossimale della tibia, si
imprimono,

questultima,

dei

movimenti

in

senso

antero-posteriore.

Unescursione di 0,5 - 1 cm in un cane di media taglia, accompagnata spesso da


dolore, sar espressione di positivit. In determinate condizioni il segno del
cassetto considerato normale come nei cani al di sotto di un anno di et. In
condizioni particolari si pu avere il segno del cassetto senza la rottura del
Pagina 58 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

legamento crociato craniale anche oltre lanno di et e, cio, in concomitanza di


patologie che determinano dolore allanca, al ginocchio, al tarso. Vi sono dei
segni che aiutano a distinguere una lassita legamentosa da rottura di crociato,
rispetto ad una lassita legamentosa fisiologica giovanile. In presenza di
rottura del legamento crociato craniale con il test del cassetto, larresto, in
senso anteriore, della traslazione della tibia sul femore, morbido e
progressivo mentre in senso posteriore e brusco (resistenza offerta dal
legamento crociato caudale). Quando, invece, effettuando questo test in un
soggetto giovane al di sotto dellanno di et, con i legamenti crociati integri,
larresto in senso anteriore brusco, perch si raggiunge la fine
dellescursione, quando, il legamento si distende, ed lo stesso legamento
disteso ad offrire la resistenza.
Il segno del cassetto pu, inoltre, essere positivo per lesione legamentose
multiple che coinvolgono anche il legamento crociato cranale, pu essere
accentuato da condizioni ormonali particolari, come la sindrome di Cushing, che
determina uninstabilit articolare diffusa o nelle femmine in fase estrale.
Per eseguire il test del cassetto in soggetti portatori di una lussazione mediale
della rotula, si deve prima effettuare la riduzione della rotula nel solco
trocleare. In alternativa o meno alla manovra del cassetto, per valutare la
rottura del legamento crociato craniale, pu essere eseguito il test della
compressione tibiale. Con una mano davanti alla parte distale del femore ed il
Pagina 59 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dito indice della stessa mano posto sul legamento tibio-rotuleo fino alla
tuberosit tibiale si effettua, con laltra mano, la flessione dellarticolazione
tibio-tarsica, agendo sulla regione del metatarso. Con tale flessione si ottiene
una tensione sui gemelli della gamba e sul tendine di Achille, per cui, la tibia
forzata alla traslazione anteriore. In caso di rottura del legamento crociato
craniale, lassenza dellinibizione alla traslazione anteriore della tibia sul
femore permetter lo spostamento in avanti della tibia (cassetto indiretto)
che sar avvertito dal dito posto sulla tuberosit tibiale. Il test della
compressione tibiale sar, quindi, positivo in presenza di rottura del legamento
crociato.
Per valutare lintegrit dei legamenti collaterali possono essere eseguite delle
manovre in stress varo o valgo sul ginocchio. In caso di rottura del legamento
collaterale

laterale

mediale

possibile

ottenere

rispettivamente

unadduzione o unabduzione della tibia sul femore. In genere, in presenza di


rottura di un legamento collaterale vi sar anche rottura dei legamenti
crociati sia craniale che caudale.
Nel caso di lesioni a carico del menisco si pu avere un rumore di clic
elicitabile ai movimenti di flesso-estensione del ginocchio; talvolta, il
proprietario a riferire di questo rumore avvertito durante la deambulazione
del cane in ambiente particolarmente silenzioso. Nella maggior parte dei casi,
questo rumore avvertibile come sensazione tattile, durante lesame clinico alla
Pagina 60 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

flesso-estensione

del

ginocchio.

Frequentemente,

per

un

eccesso

di

sollecitazioni a carico del menisco mediale in esito alla rottura del legamento
crociato craniale, le due lesioni si realizzano in rapida successione temporale e
possono coesistere al momento dellesame clinico. Tale fenomeno ascrivibile
alla dinamica dei menischi allinterno dellarticolazione. Talvolta, la lesione
meniscale, non presente allatto della rottura del legamento crociato, si
realizzerebbe successivamente rendendosi responsabile della riacutizzazione
della zoppia al ginocchio.

Anca e pelvi
Movimenti possibili nellarticolazione dellanca

sono flesso-estensione,

adduzione e abduzione.
Una manovra da effettuare quando si sospetta la lussazione coxofemorale
supero-esterna (tra tutte le lussazioni danca possibili, la pi frequente),
consiste nellinserire il pollice tra il grande trocantere e la tuberosit
ischiatica. In condizioni fisiologiche, dopo aver effettuato questa manovra
extra-ruotando il femore lo spazio in cui stato inserito il pollice si riduce. Si
avr, quindi, la sensazione come se il pollice fosse spinto fuori. In caso di
lussazione coxo-femorale supero-esterna, la dislocazione anteriore della parte
prossimale del femore determina un incremento dello spazio tra grande
trocantere e tuberosit ischiatica e la sensazione prima descritta non sar
Pagina 61 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

avvertibile.
Si possono avvertire dei crepitii alla flessoestensione in esito al Morbo di Legg
Perthes; in questi casi le manualit risulteranno molto dolorose.
La riduzione del range di movimento associata a dolore in corso di flessoestensione ed allabduzione, pu essere lespressione di unartropatia
degenerativa.
Altra manualit importante per la valutazione della pelvi lesplorazione
rettale: pu fornire informazioni riguardanti le dislocazioni ossee conseguenti
a frattura di bacino.
Vi una manovra specifica che pu essere eseguita in casi di lassit
dellarticolazione coxo-femorale (solitamente da displasia danca): la manovra
dellOrtolani. In un normale rapporto articolare tra femore e acetabolo, il
margine acetabolare dorsale contribuisce a contenere la testa del femore
allinterno della stessa cavit. Quando vi displasia, nelle fasi iniziali, il primo
elemento che compare la lassit articolare. Purtroppo questa una
situazione autoaggravante che coinvolge anche il legamento rotondo il quale, in
esito allallungamento occupa maggiore spazio in sede intrarticolare e concorre
alla persistenza della sub-lussazione.
Il test dellOrtolani si esegue con il soggetto in decubito sul lato sano (o
dorsale), flettendo il ginocchio si spinge il femore, tenendolo parallelo al piano
del tavolo, verso lalto (verso il bacino). Se vi lassit della capsula, la testa
Pagina 62 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

del femore tender a prendere contatto con il margine dorsale dellacetabolo


ed a scavalcarlo. Successivamente, continuando a mantenere spinto il femore
in senso prossimale, lo si porta progressivamente in abduzione inducendo, cos,
una tensione sulla parte ventro-mediale della capsula articolare; la testa del
femore sar forzata, da questa tensione, a ritornare nella cavit acetabolare.
Il rientro della testa del femore accompagnato da un rumore di schiocco.
Siccome, quando si esegue questa manovra, mentre con una mano si spinge sul
femore laltra viene tenuta sul grande trocantere, avvertiremo la sensazione
tattile del rientro della testa del femore nella cavit acetabolare. In effetti,
la prima parte della manovra serve a sub-lussare il femore, la seconda, di
abduzione, riporta il femore in posizione di riduzione. Il tempo desecuzione di
questa manovra breve ma, poich pu essere dolorosa, talvolta risulta
indispensabile lesecuzione sul paziente in sedazione. Talvolta, per poter
percepire bene la sensazione di riduzione, si pu disporre il soggetto in
decubito dorsale mantenendo il femore ortogonalmente al piano del tavolo, lo
si spinge in basso e, quindi, si abduce.
La prova dellOrtolani, oltre ad essere qualitativa anche quantitativa, cio,
oltre a fornire informazioni relativamente alla presenza o meno di una lassit
legamentosa, in casi positivi pu fornire anche indicazioni sulla gravit del
problema. Se la manovra abduttoria, che consente il rientro della testa del
femore, eseguita con una escursione con angolo poco ampio, la situazione
Pagina 63 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

meno grave rispetto a quando necessaria unescursione pi ampia.


Se il soggetto non affetto da displasia la manovra dellOrtolani sar
negativa. Sar altres negativa in caso di displasia grave in quanto, la
modificazione del margine dorsale della cavit acetabolare, non consentir il
caratteristico schiocco alla riduzione in quanto il dislivello si appianato, ed il
rientro sar morbido senza il superamento di alcun sbalzo, oppure la testa
del femore supera il cotile acetabolare e permane lussata durante la manovra.

Pagina 64 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

SEMEIOLOGIA DELLE FRATTURE E LUSSAZIONI


Fratture ed eventi patologici associati
Vi sono alcune condizioni ortopediche, come le fratture, che presentano delle
analogie sintomatologiche, indipendentemente dalla sede che coinvolgono, per
cui non vengono trattate per regioni.
Allanamnesi, spesso, vi il racconto dellevento traumatico, vi una zoppia di
quarto grado, cio il soggetto non carica larto. Le fratture, di per s,
raramente

costituiscono

unemergenza

perci,

anche

se

si

individua

rapidamente la lesione o larto fratturato, in fase acuta non va omesso lesame


clinico generale, perch la frattura potrebbe mascherare una condizione ben
pi grave relativamente alla vita del paziente. Si sa, infatti, che spesso le
fratture di omero sono accompagnate da fratture costali, da pneumotorace,
da trauma toracico, da emotorace. Quindi, la frattura di omero di per s non
unemergenza, ma lemergenza costituita da tutto ci che, contestualmente
alla frattura, si realizza. Alle fratture pelviche possono associarsi la rottura
della vescica, la rottura delluretra, che vanno quindi escluse, con opportuni
esami, prima di trattare la frattura. A tal proposito va ricordato che studi
recenti hanno evidenziato che circa il 37% di cani con fratture coinvolgenti un
osso risultavano affetti da trauma toracico. Un altro studio ha rilevato che nel
40% circa delle fratture pelviche era presente un coinvolgimento delle vie
Pagina 65 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

urinarie.
Lematoma di frattura non un elemento secondario. In una frattura del
femore, per la lacerazione di vasi coinvolti nel focolaio e dellarteria nutritizia,
si pu avere una perdita di sangue significativa che pu mettere a rischio
lemodinamica del paziente. Pertanto, se si individua un ematoma di grosse
dimensioni pu essere di grande utilit la determinazione del valore
ematocrito.

Allispezione si pu osservare:
1) arto sollevato, (zoppia di IV grado)
2) arto ciondolante, come per le fratture di tibia. Larto risulta ciondolante
per quei segmenti anatomici che hanno una scarsa copertura di tessuti molli. Il
femore, lomero, sono pi contenuti da muscoli e possono meglio resistere alle
sollecitazioni del movimento.
3) Tumefazione della regione coinvolta: pu essere dovuta allematoma o alla
sovrapposizione dei monconi (dislocazione ad latus)
4) Accorciamento del segmento anatomico coinvolto rispetto al controlaterale,
perch, nella maggior parte dei casi, alla frattura fa seguito la dislocazione
ad latus, la muscolatura circostante, contraendosi, produce una dislocazione
nel senso descritto;
5) Deformazione angolare
Pagina 66 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

6) Ematomi superficiali dovuti ad impatto diretto; oltre allematoma da


frattura che si realizza sul focolaio per lacerazione dellarteria nutritizia, dei
vasi periostali etc., si pu avere un ematoma per traumi a carico di vasi
superficiali. Lematoma superficiale non deve essere confuso con lecchimosi
secondaria, che consiste in un affioramento in superficie del sangue
stravasato a livello del focolaio di frattura che, attraverso gli spazi
perimisiali, raggiunge il sottocute ed assume la colorazione dellemoglobina e
dei suoi cataboliti. Lecchimosi secondaria si presenta a margini sfumati e
compare dopo 24-48h dallevento traumatico, relativamente alla profondit
dellematoma da frattura. Nel cane si hanno ridotte possibilit di individuare
modificazioni cromatiche cutanee sia per la pigmentazione che per la presenza
di peli. Risulta per importante la conoscenza di tali eventi per poter datare,
quando possibile, con maggiore precisione un trauma ad anamnesi muta o vaga.
Lematoma primario nella regione dimpatto caratterizzato da una
tumefazione che non presente nellecchimosi, in questultima si individua solo
la tipica colorazione dovuta al sangue proveniente dalla profondit che infiltra
i tessuti. Lecchimosi, per gravit, tende ad affiorare pi in basso rispetto al
focolaio di frattura.
7) Ferite cutanee causate dallagente traumatizzante che produce la frattura
stessa, oppure da un urto contro un corpo tagliente o, ancora, dovute a
schegge, monconi dosso fratturato, possono costituire la via attraverso la
Pagina 67 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

quale losso viene in contatto con il mondo esterno (frattura esposta). La


gravit della frattura esposta pu oscillare dal I al IV grado.
Lesposizione dellosso costituisce motivo che fa ritenere la frattura, in quanto
tale, emergenza clinica.
Palpazione del focolaio di frattura Si pu determinare dolore alle manovre
passive. La palpazione pu evidenziare rumori palpabili (scroscio o crepitio) e
movimenti abnormi associati a dolore e, nella maggior parte dei casi il soggetto
reagir tendendo a sottrarsi a tali manovre. Questo ultimo dato ha molta
importanza, perch, lassenza di dolore a fronte di movimenti abnormi, in un
paziente in cui lanamnesi non molto chiara, probabilmente ascrivibile non
ad una frattura recente, ma a pseudoartrosi.
Trattazione a parte meritano le fratture incomplete per le loro peculiarita
semiologiche. Sono fratture, infatti per le quali non possibile osservate
laccorciamento dellarto e la tumefazione, quando presente, non di
dimensioni rilevanti (solitamente ematoma sottoperiostale). Queste fratture
sono frequenti nei soggetti giovani. Il dolore intenso, per cui larto
sottratto al carico (zoppia di IV grado).

Lussazioni
I segni clinici delle lussazioni possono mimare quelli delle fratture. Anche
durante un esame fisico pu essere difficile distinguere tra frattura e
Pagina 68 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

lussazione, infatti, il dolore alla palpazione, la deformit, linstabilit dei


segmenti interessati e lo scroscio possono essere molto simili. Solo alcuni
atteggiamenti caratteristici assunti dallanimale con lussazione di gomito e/o
danca possono aiutarci nella diagnosi, poich, la rigidit con la quale larto
affetto portato pu mascherare la diagnosi di lussazione. Molte fratture
iuxta-articolari o intra-articolari possono simulare una lussazione e viceversa.
Talvolta possono addirittura coesistere frattura e lussazione. Per la corretta
valutazione di una lussazione perci importante ricorrere ad ausili
diagnostici come lesame radiologico, che deve essere eseguito sempre in
doppia proiezione per evitare che possano sfuggire lussazioni laterali.

Zoppie sostenute da affezioni neurologiche


Le affezioni che pi frequentemente causano zoppia nei piccoli animali, oltre a
quelle ortopediche, sono i disturbi neurologici. In particolare, vanno
considerate nellambito della diagnosi differenziale le miopatie, le patologie
dei nervi periferici, alcune patologie spinali. Particolare importanza deve quindi
essere posta alla diagnostica differenziale tra affezioni ortopediche e
neurologiche in quanto suscettibili di in approccio clinico-terapeutico, a volte,
completamente diverso.
Alcune

affezioni

neurologiche

sono

caratterizzate

dallaspetto

clinico

Pagina 69 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

difficilmente distinguibile da lesioni di origine ortopediche ma, la risposta a


determinati test pu avere una funzione dirimente per la diagnosi
differenziale.
In particolare la risposta a test del posizionamento propriocettivo, alle
reazioni posturali ed allesame dei riflessi, in corso di lesioni neurologiche,
alterata.
Purtroppo, non sempre, al cospetto di manifestazioni cliniche caratterizzate
da intenso dolore possibile lesecuzione di prove tese a valutare le reazioni
posturali. Comunque, compatibilmente con le condizioni del paziente, in caso di
dubbio, non andrebbe omesso il test di posizionamento propriocettivo che
risulta

poco

invasivo

di

grande

attendibilit

diagnostica

nella

differenziazione tra paraparesi e riluttanza o incapacit di deambulazione per


condizioni ortopediche.
Altri test rilevanti da impiegare, per la diagnosi differenziale, sono quelli della
valutazione della sensibilit. Molte affezioni neurologiche spinali sono
contraddistinte da modificazioni della sensibilit, in quanto caratterizzate da
iperestesia locale (sede del processo patologico - muscolatura paraspinale) o
riferita (solitamente ad un arto), ipoestesia, parestesia, anestesia. Un
incremento della sensibilit riscontrabile anche in corso di affezioni
ortopediche mentre la riduzione della sensibilit e lanestesia caratteristica
abbastanza esclusiva delle lesioni neurologiche.
Pagina 70 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Lesame per lindividuazione di aree di ipersensibilit si esegue palpando


accuratamente i processi spinosi e la muscolatura paraspinale per il tratto
toracico e lombare, i processi traversi delle vertebre cervicali per il tratto
omonimo (parte ventro-laterale del collo) e, infine, la parte dorsale della
giunzione lombosacrale. Queste manovre eseguite costantemente durante
lesame ortopedico, possono rilevare una positivit alla risposta in casi di
affezioni spinali o midollari con coinvolgimento delle radici nervose quali:
discopatie, neoplasie spinali, instabilit lombosacrale, spondilomielopatia
cervicale posteriore.
Talvolta, in corso di discopatie o di affezioni lombosacrali, la sintomatologia
clinica pu essere caratterizzata da zoppia ad un arto anteriore, se
interessato il tratto cervicale oppure, di un arto posteriore se interessato il
tratto lombosacrale. La sintomatologia sostenuta dal dolore riferito allarto
interessato. Soprattutto per lesioni cervicali, quando il segno clinico principale
rappresentato dalla zoppia di un arto anteriore, un reperto anamnestico
abbastanza costante la saltuaria manifestazione di dolore spontaneo (esibito
mediante vocalizzazioni improvvise), il collo risulta contratto e la testa
portata abbassata.
La compressione di una radice nervosa si rende responsabile del c.d. segno
della radice caratterizzato oltre che dal dolore locale e/o riferito, da
movimenti di calpestio ripetuti e ridotto tempo di carico dellarto coinvolto.
Pagina 71 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Risulta ardua, talvolta, la differenziazione tra manifestazioni cliniche agli arti


posteriori

sostenute

da

sindrome

della

cauda

equina

ed

artropatia

degenerativa dellanca. In entrambi i casi si pu osservare riluttanza alla


deambulazione, a saltare, difficolt a salire le scale, zoppia. Una manovra
indicata in questi casi quale la iperestensione dellarticolazione lombosacrale,
mediante estensione della coscia, pu determinare una risposta algica sia per
lesioni allanca che dellarticolazione lombosacrale. In queste circostanze la
manovra di iperestensione dellarticolazione lombosacrale va eseguita con
lanca in flessione onde evitare interferenze nella risposta. Inoltre, pu essere
daiuto la palpazione della parte ventrale dellarticolazione lombosacrale
mediante esplorazione rettale. Altro elemento semiologico probante per la
differenziazione

la

valutazione

del

range

si

flessoestensione

dellarticolazione coxofemorale che, in corso di artropatia degenerativa,


risulta ridotto.
In

determinate

circostanze

la

sindrome

neurologica

da

discopatia

toracolombare pu risultare allesame clinico non facilmente differenziabile


dallartropatia bilaterale delle ginocchia, ed in particolare da rottura
bilaterale del legamento crociato craniale. In queste circostanze pu essere
determinante lesecuzione del test del cassetto oltre che la valutazione della
risposta del posizionamento propriocettivo.
Altri segni tipici delle lesioni neurologiche sono modificazioni del tono
Pagina 72 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

muscolare (muscoli scheletrici e sfinteri), atrofia. Latrofia, quando sostenuta


da lesioni del motoneurone inferiore (radice, nervo periferico, placca
neuromuscolare), rapida e molto intensa.
Tra le affezioni dei nervi periferici che possono ingenerare il dubbio va
considerata la paralisi del nervo radiale. In soggetti affetti da frattura
recente di omero latteggiamento antalgico caratteristico consiste nel portare
larto anteriore con larticolazione del gomito estesa e quella del carpo flessa.
Tale postura sovrapponibile a quella assunta in caso di paralisi del nervo
radiale. In queste circostanze la diagnosi differenziale pu essere effettuata
clinicamente, mediante la valutazione della sensibilit nelle regioni cutanee
innervate dal radiale (faccia dorsale della mano e dellavambraccio) e mediante
esame elettromiografico. Non si deve sottovalutare che un certo grado di
neuroprassia pu coesistere in corso di paralisi del radiale a causa della
contiguit anatomica.
In determinate circostanze, quando lesecuzione parziale di test per
laccertamento di affezioni neurologiche dovesse essere insufficiente e
risolvere il dubbio tra affezione neurologica ed ortopedica, si esegue lesame
neurologico

completo

con

relativi

esami

complementari

(ematologici,

radiologici).

Pagina 73 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esami collaterali

Lesame clinico del paziente ortopedico fornisce importanti informazioni che


consentono, spesso, di effettuare una diagnosi di presunzione. Anche in
presenza di segni molto chiari e suggestivi di una determinata patologia
indispensabile effettuare degli esami complementari a conferma del sospetto
diagnostico. Inoltre, gli esami complementari, ed in particolare la diagnostica
per immagini, forniscono delle informazioni quali-quantitative che permettono
di descrivere la lesione in maniera pi precisa, di pianificare un eventuale
trattamento e di esprimere una corretta prognosi. Ad esempio, la diagnosi
clinica di una frattura di un osso lungo spesso agevole, tuttavia, lesame
radiologico permette di valutare il tipo di frattura, il tempo trascorso, i
caratteri di uneventuale dislocazione dei monconi, la presenza di schegge ed
altri parametri che influenzano la prognosi e lapproccio terapeutico.
Esami ematologici-ematochimici
Lesame emocromocitometrico ed il profilo biochimico costisuiscono valutazioni
di orientamento nella diagnostica differenziale e consentono di valutare le
condizioni generali del paziente, lopportunit di effettuare lanestesia e
leventuale intervento chirurgico.
La leucocitosi pu essere indice di una patologia su base infiammatoria
(osteomielite, artrite, miosite ecc.) ma tale reperto pu anche indicare una
Pagina 74 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

patologia sistemica che produce effetti secondari sullapparato locomotore.


Le setticemie batteriche o le batteriemie possono derivare da focolai
localizzati nel tratto genito-urinario, digerente, cute, endocardio, cavo orale,
faringe e, nel contesto di tali diffusioni, possibile la localizzazione
secondaria in ossa ed articolazioni.
Leosinofilia indica, spesso, una patologia su base parassitaria e, soltanto in
alcuni casi, si pu riscontrare anche nella panosteite eosinofilica sclerosante
che, clinicamente, si esprime con zoppia e dolore localizzato in uno o pi
segmenti scheletrici.
Alcune patologie a sfondo infestivo, micotico o infettivo, come la malattia di
Lyme, le rickettsiosi, la leishmaniosi, la blastomicosi, ecc., determinano spesso
delle artropatie immunomediate ed, in tali casi, gli esami ematologici e
lindagine sierologia costituisce un valido ausilio diagnostico al fine della
definizione delleziologia.
Alcune

patologie

metaboliche

possono

determinare

delle

alterazioni

dellequilibrio Calcio-Fosforo o dellattivit degli osteoclasti e pertanto indurre


delle modificazioni della mineralizzazione della sostanza osteoide. Tale
evenienza contemplata, ad esempio, nellosteodistrofia fibrosa che, in certi
casi, pu essere secondaria ad insufficienza renale cronica che valutabile con
lausilio di opportune indagini di laboratorio.
Molto importante, inoltre, la valutazione del quadro siero-proteico per la
Pagina 75 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

individuazione di incrementi anticorpali legati a malattie che coinvolgono


lapparato locomotore quali leishmania, erlichia, lyme.
Esame radiologico
Lesame clinico fornisce gli elementi utili per riconoscere la sede della
patologia e studiare le caratteristiche di regioni controlaterali simmetriche a
quella della lesione, in modo da ottenere un elemento di confronto.
Per lesecuzione di un buon esame radiologico opportuno effettuare una
sedazione che, tuttavia, da evitare in soggetti con sensorio depresso, in
stato di shock o in grado di essere contenuti adeguatamente dai proprietari.
La sedazione si rende invece necessaria per evitare uneccessiva reattivit
legata alle condizioni emotive mutate in conseguenza del trauma o dellalgia
durante il posizionamento e soprattutto per contrastare la tonicit muscolare
che spesso esaltata dalla presenza di dolore.
Normalmente lindagine radiologica prevede almeno due proiezioni ortogonali e
che comprendano anche le articolazioni prossimale e distale al segmento
scheletrico in studio.
Le proiezioni sono descritte in relazione al percorso dei raggi (dorsoventrale,
ventrodorsale, lateromediale, mediolaterale ecc.).
Lesame

radiologico

pu

essere

diretto

(esame

in

bianco)

oppure

contrastografico (artrografia, mielografia) per il quale necessario un mezzo


di contrasto, in genere radiopaco, che consente di visualizzare strutture
Pagina 76 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

anatomiche altrimenti non riconoscibili.


Nella valutazione delle immagini radiografiche si deve tenere conto dellet del
soggetto: negli animali giovani, ad esempio, la presenza di dischi epifisari
potrebbe ingenerare, in osservatori poco esperti, confusione con linee di
frattura come pure esistono delle patologie legate allet.
Tra queste patologie il rachitismo una delle pi classiche, anche se
infrequente. E caratterizzata da insufficiente calcificazione dellosteoide e si
esprime clinicamente con ispessimento delle giunzioni costo-condrali (rosario
rachitico), deviazione mediale degli avambracci e laterale delle gambe,
fratture patologiche e disturbi dellossificazione.
Radiologicamente possibile riconoscere tale patologia da alcuni segni
abbastanza caratteristici: Lipping o Prominenza a labbro per acciaccamento
metafisario, deformazione epifisaria a Testa di fungo e metafisi concava che
viene definita a coppa.
Losteodistrofia ipertrofica (morbo di Moller-Barlow, scorbuto scheletrico),
pure frequente in soggetti a rapido accrescimento, si rende radiologicamente
evidente mediante lidentificazione di una linea radiotrasparente parallela al
versante

metafisario,

neoproduzione

di

osso

in

sede

subperiostale

prevalentemente a livello delle metafisi distali di radio e di tibia.


Tra le patologie degli animali giovani opportuno soffermarsi sulle condizioni
patologiche conseguenti allosteocondrosi. Lepifisiolisi traumatica (distacco
Pagina 77 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

epifisario, Salter-Harris) pu avere caratteristiche cliniche e quadri


radiologici differenti in relazione al meccanismo del trauma, alla direzione e
allentit della forza agente sullepifisi e allepoca di insorgenza. Lesame
radiologico permette di riconoscere molte di queste variabili che influenzano
sensibilmente la prognosi ed il tipo di trattamento.

Linterpretazione delle immagini deve, inoltre, essere metodica e ogni lesione


deve essere descritta per:
Densit
Dimensioni
Forma
Contorno
Coinvolgimento di strutture adiacenti.

Variazioni della Densit radiologica


Le modificazioni della densit possono essere rappresentate da un incremento
o una riduzione.
La perdita della normale radiopacit ossea esprime un indice dellattivit degli
osteoclasti che determinano il riassorbimento della matrice mineralizzata
mediante alcuni enzimi litici (fosfatasi acida ecc.).
Lentit di questa risposta reattiva dipende da molte variabili tra cui, le
Pagina 78 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

condizioni omeostatiche dellosso al momento dello stimolo litico.


Il periodo di latenza che intercorre tra lo stimolo litico e la sua precoce
visualizzazione di circa 7 giorni.
Una riduzione dellopacit del tessuto osseo pu essere, poliostotica
(interessamento di pi ossa), monostotica (a carico di un osso) con lesioni
diffuse a tutto il segmento oppure focali e, tra queste ultime, multiple o
singole.

Riduzione focale della radiopacit a carico di un solo osso


Le lesioni di questo tipo sono, fondamentalmente, ascrivibili ad osteolisi
localizzata.
Losteolisi comune a molte forme tumorali, infatti, un reperto
frequentissimo nellosteosarcoma, inoltre, tale situazione si osserva anche in
presenza di cisti ossee nelle osteomieliti e negli ascessi.
Le lesione tumorali sono, in molti casi, responsabili di gravissime alterazioni
osteolitiche, tuttavia, una stessa neoplasia pu determinare anche delle lesioni
di tipo proliferativo. In alcuni condizioni le lesioni tumorali del tessuto osseo
possono essere legate allestensione di processi neoplastici a partenza dai
tessuti molli adiacenti.
In presenza di lesioni osteolitiche si impone la diagnosi differenziale tra
neoplasia ossea e osteomielite che, in molti casi, possibile solo facendo
Pagina 79 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

riferimento ai dati segnaletici, anamnestici e clinici.


Losteomielite si esprime radiologicamente con osteolisi associata a reazione
proliferativa periostale, endostale con edema dei tessuti molli adiacenti.
Il frammento dosso coinvolto, nelle fasi successive alla risposta flogistica
primitiva diventa pi radiopaco del tessuto osseo normale e viene circondato
da tessuto di granulazione e tessuto osseo neoprodotto di origine periostale o
meno (Involucro, sarcofago o cassa da morto).
Losteomielite secondaria ad utilizzo di fiches di fissatori esterni mal
introdotte (con trapano ad elevato numero di giri e susseguente produzione di
calore) pu produrre un sequestro c.d. ad anello caratterizzato da unarea di
lisi che circoscrive un altra di tessuto osseo necrotico disposta intorno alla
sede di introduzione della fiche.

Lesioni focali multiple a carico di un unico osso


La presenza di lesioni multiple in uno stesso segmento scheletrico, indica una
probabile diffusione ematogena di un processo primitivo localizzato in altra
sede. In tale contesto, quindi si impone la diagnosi differenziale tra infezione
batterica (osteomielite ematogena) e neoplasia metastatica.
Come si detto in precedenza, i quadri radiologici sono spesso sovrapponibili e
solo il quadro clinico generale o indagini pi approfondite, in particolare di tipo
ematologico, possono essere dirimenti.
Pagina 80 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Riduzione generalizzata della radiopacit ossea.


Una riduzione diffusa della densit, si pu osservare in relazione al prolungato
mancato uso di un arto, ad esempio in presenza di algia per lesioni inveterate o
lesioni neurologiche.
La sottrazione al carico comporta una riduzione del turn-over che caratterizza
la mineralizzazione dellosso e un incremento del riassorbimento di matrice.
La maggiore espressione della perdita della densit, si osserva nella
osteogenesi imperfetta, nella quale la ridottissima densit ossea giustifica la
definizione di ossa di vetro.
Il rinvenimento di una ridotta densit ossea pu anche essere correlato ad una
patologia

sistemica

su

base

metabolica

carenziale.

Ad

esempio

lipoparatiroidismo che pu essere primitivo (neoplasie secernenti o iperplasia


delle paratiroidi), o secondario (nefropatie, enteropatie) si associa a
osteopenia diffusa e tendenza a fratture patologiche che spesso interessano
precocemente la mandibola.
Anche la deplezione proteica che caratterizza le enteriti proteinodisperdenti, alterato assorbimento di minerali o altre patologie su base
endocrina, pu esitare in un difetto della mineralizzazione dellosso che si
traduce in una perdita diffusa della radiopacit.

Pagina 81 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Forme Poliostotiche
Tra le cause pi comuni si deve considerare losteomielite ematogena.
Da un focolaio settico primitivo, localizzato in qualunque sede dellorganismo,
possono originare degli emboli che si impiantano nel tessuto osseo producendo
unosteomielite.
Losteomielite ematogena si caratterizza per la presenza di lesioni osteolitiche
focali che sono testimoniate da riduzione della radiopacit accompagnata,
talvolta, da proliferazione ossea reattiva.
Anche le neoplasie, in talune circostanze, hanno carattere poliostotico, ed in
particolare le forme metastatiche, il mieloma multiplo, il linfosarcoma, il
sinovioma ed il sarcoma reticolo-cellulare.
Una riduzione della radiopacit pu essere, inoltre, legata a patologie di
sviluppo. Tra queste ultime va presa in considerazione la ritenzione della
cartilagine encondrale che frequentemente interessa le epifisi distali dellulna
e, pi raramente, del radio, ma che pu interessare anche altri segmenti
scheletrici.

Incremento della densit radiologica


Un incremento della radiopacit si osserva nellosteopetrosi, nellosteosclerosi
e nellosteoblastosi che, a volte, si riscontrano in talune forme tumorali, ma
pu anche realizzarsi in condizioni diverse da quelle neoplastiche. Cos come
Pagina 82 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

per la riduzione della radiopacit, anche in questo caso le lesioni si distinguono


in focali e diffuse e in base al coinvolgimento di una o pi ossa.

Forme focali poliostotiche: si riscontrano in caso di neoplasie, panosteite,


micosi e nella fase di guarigione di fratture, necrosi e di osteodistrofia
ipertrofica, osteocondromatosi.
Lesioni focali multiple monostotiche: condizione tipica di alcune neoplasie
metastatiche e dellosteocondromatosi.
Lesioni singole a carico di un osso: fratture in via di guarigione, fessure,
neoplasie,

periostite

(post-traumatica

post-infettiva),

osteomielite,

osteocondromatosi (caratterizzata anche da calcificazioni eterotopiche)


La frattura rappresenta la lesione traumatica che pi frequentemente
motiva lesecuzione dellindagine radiologica.
Attraverso la valutazione delle immagini possibile stabilire il tipo di
frattura (completa-incompleta), la sede (epifisaria, diafisaria, articolare,
metafisaria ecc.), la morfologia della/e linea/e (traversa, obliqua, spiroide
ecc.), la presenza di complicanze (dislocazione dei monconi, avulsione di
tuberosit, lesioni dei tessuti molli ecc.), la presenza di stati patologici
dellosso (osteopenie), il tempo trascorso dal trauma.
Tutte queste variabili influenzano la scelta terapeutica.
La valutazione del tempo trascorso dallinsorgenza di una frattura ha
Pagina 83 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

grande importanza, infatti, esistono diverse patologie della riparazione del


tessuto osseo che devono essere differenziate tra loro e trattate in maniera
specifica.
La presenza di linee di frattura ben definite indicano una lesione
recente. Se si evidenziano elementi del callo osseo, margini meno netti, aree di
sclerosi,alternate ad aree di riassorbimento osseo, occlusione parziale o totale
del canale midollare, siamo al cospetto di una frattura meno recente ed in fase
di guarigione.
In questa ultima circostanza pu essere daiuto, per la differenziazione
tra una condizione di guarigione in fase evolutiva ed una pseudartrosi franca la
valutazione clinica; infatti, come gi accennato, in caso di pseudoartrosi manca
il dolore ai movimenti passivi dei monconi mentre, in corso di progressione
della guarigione o anche in caso di ritardo di consolidamento, il dolore alle
manovre passive conservato.
La valutazione radiologica del tipo di pseudoartrosi sar utile a
definirne la vitalit e quindi la prognosi ed il trattamento chirurgico.

Esame radiologico delle articolazioni.


La diagnosi di molte patologie articolari pu essere confermata e meglio
valutata attraverso lesame radiologico. Per lesecuzione di tali studi risulta
fondamentale ottenere limmobilit del soggetto e contrastare lipertono
Pagina 84 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

muscolare.
Spesso lo studio radiologico delle articolazioni si arricchisce di
specifiche proiezioni che, in concorso con le proiezioni standard, consentono di
riconoscere alcune patologie, specifiche di unarticolazione, con maggiore
attendibilit. E il caso dellosteocondrosi dissecante della spalla, la cui
valutazione resa agevole utilizzando la proiezione mediolaterale con il corpo
leggermente ruotato in maniera da evitale la sovrapposizione di qualsiasi
struttura anatomica.
Le lussazioni, in alcuni casi, possono creare dei dubbi diagnostici in
quanto, sul piano clinico, possono presentare analogie sintomatologiche con
fratture intra o iuxtaarticolari: in tali casi lesame radiologico conferma il
sospetto e consente una precisa definizione quali-quantitativa della lesione.
Lartropatia degenerativa pu essere riconosciuta attraverso alcuni
segni:
periostosi (osteofiti)
alterazioni dellosso sottocondrale
irregolarit dellinterlinea tra i capi articolari
modificazioni di ampiezza dello spazio articolare
modificazioni di densit dellepifisi
presenza di topi liberi articolari e mineralizzazione intrarticolare
spessore sinoviale e alterazioni dei tessuti molli periarticolari
Pagina 85 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Nello studio del rachide la valutazione dello spazio articolare sia


intersomatico che tra i processi articolari, ed il confronto con gli spazi
articolari adiacenti, di fondamentale importanza per il riconoscimento di una
protrusione/estrusione discale.
La displasia danca, forse per la sua diffusione e per limpatto genetico
che assume in alcune razze, si pu considerare come la patologia articolare pi
corredata da metodiche radiologiche e morfometriche utili ad una valutazione
quali-quantitativa.
Le proiezioni VD a rana (arti abdotti e flessi allanca e al ginocchio fino a
toccare laddome), VD standard (arti iperestesi con femori paralleli e
leggermente intrarotati) e DV (posteriori flessi allanca ed estesi a ginocchio e
tarso) consentono di focalizzare lattenzione del clinico su precise strutture
anatomiche e sui loro reciproci rapporti in modo da effettuare la diagnosi,
valutare leventuale grado e stabilire la migliore alternativa terapeutica.
Anche la necrosi asettica della testa del femore (morbo di LeggPerthes-Calv), al pari della displasia danca o pi in generale dellartrosi, pu
essere considerata una patologia progressiva la cui evoluzione evidenziabile
attraverso lesame radiologico. Nelle prime fasi della malattia, infatti, si rileva
una perdita della radiopacit a focolai della testa femorale che, in fasi
successive, presenta aree cistiche (radiotrasparenti) che tendono poi a
Pagina 86 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

confluire fino a quando la testa diventa di morfologia irriconoscibile e


coesistono gravissimi segni di artropatia degenerativa.

Radioscopia (Fluoroscopia)

La radioscopia (fluoroscopia) aggiunge ad alcuni vantaggi offerti


dallesame radiologico la capacit di fornire immagini dinamiche con un
assunzione di raggi relativamente inferiore ed attraverso una visualizzazione
diretta e immediata.
Gli intensificatori di brillanza hanno superato i limiti dei vecchi apparati
per radioscopia (scarsa sensibilit e percettibilit visiva e alto numero di
radiazioni), infatti, nei moderni apparecchi il fascio di raggi X attraversa la
parte da esaminare e colpisce uno schermo fluorescente a grani fini di Ioduro
di cesio, le cui emissioni luminose sono amplificate (intensificate) da un
fotomoltiplicatore e trasmesse ad un teleschermo.
Lutilizzo di questapparecchiatura trova particolare indicazione nella
verifica intraoperatoria o postoperatoria della mobilit articolare o del
corretto posizionamento di un apparato di osteosintesi interna.

Ecografia
Lecografia pu essere utilizzata raramente per la diagnosi di patologie
scheletriche, il suo impiego limitato dalla impossibilit di ottenere immagini
Pagina 87 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

chiare e utili a fini diagnostici di tessuti duri. Nelle fratture lecografia pu


essere utile per la definizione delle lesioni secondarie perifocali dei tessuti
molli pi che per evidenziare i caratteri della soluzione di continuo dellosso.
Gli ultrasuoni sono in grado di definire con maggiore precisione, rispetto
alla radiografia, le lesioni tendinee e muscolari.
Per lo studio di queste strutture, essendo molto superficiali, sono
necessarie delle sonde ad elevata frequenza (7,5 Mhz o 10 Mhz) associate o
meno allimpiego di un cuscino distanziatore.
Lo studio dei tendini deve essere eseguito in maniera sistematica,
evidenziando la struttura dalla sua origine alla terminazione e ci,
particolarmente importante per il tendine dAchille che, com noto, presenta
tre origini (Tendine dAchille proprio, Flessore superficiale e tendine
accessorio) che dovranno essere tutte esaminate.
In condizioni normali i tendini sono delle strutture nastriformi pi
ecogene rispetto ai muscoli, in cui si evidenziano delle bande parallele. In
scansione trasversale attraverso una valutazione dinamica possibile
evidenziare la guaina tendinea che pi ecogena rispetto alle fibre del tendine
stesso.
In presenza di flogosi acuta si osserva una riduzione dellecogenicit. In
alcune condizioni, in scansione trasversale, si pu identificare la vaginale
tendinea che, per la presenza di essudato o sangue determina la formazione di
Pagina 88 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

una banda ipoecogena che si determina per lallontanamento della guaina dal
fascio tendineo. Nelle tendiniti acute, inoltre, le fibre tendinee risultano pi
distanti e disposte irregolarmente per la presenza di edema.
Le lesioni croniche associate a fenomeni riparativi sono caratterizzate
da un aumento dellecogenicit legato alla possibile metaplasia condroide o
ossea.
La lacerazione di un tendine pu essere evidenziata in maniera agevole,
ma quando si realizza la discontinuazione delle fibre senza lacerazione della
vaginale, la diagnosi si effettua valutando la presenza di edema e verificando
lallontanamento dei capi in fase dinamica.
Il muscolo, in condizioni normali presenta una struttura dotata scarsa
ecogenicit, in cui sono distinguibili delle linee ecogene.
Le lesioni muscolari devono essere descritte per dimensioni, posizione,
forma, distribuzione (lesioni diffuse/circoscritte), limiti con il tessuto
circostante, ecogenicit.
Le

miositi

acute

si

caratterizzano

per

una

perdita

diffusa

dellecogenicit, mentre le lesioni localizzate come ascessi, ematomi e


neoplasie focali possono avere ecogenicit ridotta, aumentata o mista in
relazione alle diverse fasi evolutive della lesione.
Lindagine ecografia pu, inoltre, essere utile per la diagnosi di patologie
articolari, infatti, possibile evidenziare la distensione capsulare secondaria a
Pagina 89 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

emartro,

artrite

traumatica

settica,

oppure

riconoscere

delle

discontinuazioni della cartilagine dincrostazione.

Scintigrafia
Tra le metodiche di diagnostica per immagini, la scintigrafia assume una
diffusione ancora abbastanza limitata.
La scintigrafia scheletrica prevede la somministrazione di una sostanza
radioattiva, in genere metilendifosfonato (99mTc-MDP), che si lega alle aree di
tessuto osseo a pi intensa attivit osteoblastica. Tutte le lesioni, tumorali e
non, caratterizzate da attivit osteoblastica, si evidenzieranno attraverso un
accumulo di tale sostanza in contrapposizione con la scarsa presenza nelle aree
osteolitiche. Mediante questa pratica, oltre a diagnosticare neoplasie ossee, si
possono identificare aree in cui, anche per finalit riparative, sussiste una
neoproduzione di tessuto osseo.

Tomografia computerizzata (T.C.) e risonanza magnetica (R.M.)


La Tomografia computerizzata in grado di fornire una risoluzione di
contrasto sufficiente ad evidenziare alterazioni localizzate del tessuto osseo,
tuttavia, anche se sono indiscussi i vantaggi legati alla diagnosi di patologie del
rachide.
La risonanza magnetica unaltra metodica di diagnostica per immagini,
poco diffusa in medicina veterinaria, estremamente utile soprattutto per la
Pagina 90 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

diagnosi di patologie articolari.

Esame bioptico
In molti casi la diagnostica per immagini consente di emettere una
diagnosi di certezza, soprattutto in relazione a quadri molto caratteristici,
tuttavia, in particolare per le lesioni neoplastiche o degenerative,
indispensabile escludere qualsiasi dubbio diagnostico. Tale esigenza viene
soddisfatta attraverso lesecuzione di un esame istologico o citologico.
Le tecniche di biopsia possono essere pi o meno invasive. Le tecniche
classiche, sia per biopsie dei tessuti molli che duri, prevede un accesso
chirurgico che consenta di esporre il tessuto patologico e di prelevare un
campione rappresentativo (biopsia incisionale) o di compiere lexeresi totale
(biopsia escissionale).
Il prelievo di tessuti molli (muscoli, tendini, capsula articolare) si esegue
incidendo la cute ed i tessuti molli sovrastanti la sede della lesione, effettuato
il prelievo ed il controllo di eventuali emorragie si sutura la soluzione di
continuo. La biopsia dellosso pu essere resa agevole in presenza di riduzione
della mineralizzazione e della compattezza tissutale, tuttavia quando queste
non fossero compromesse si pu ricorrere ad una pinza ossivora o al trapano di
Michelle che consente di ottenere sezioni cilindriche di osso.
Le tecniche meno invasive prevedono, invece, linfissione percutanea di
Pagina 91 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

aghi che consentono il prelievo di piccoli frammenti di tessuto patologico.


In presenza di lesioni localizzate o, pi in generale, per ovviare a
possibili complicanze iatrogene, possibile eseguire il prelievo mediante guida
ecografia. In questo contesto lago aspirazione ecoguidata, seguita da esame
citologico, consente di abbattere i tempi dellesame istologico, di poter
effettuare lesame anche senza anestesia.
BIOPSIA SINOVALE - Quando la diagnosi di artropatia immunomediata
dubbia possiamo ricorrere all esame istologico dei tessuti sinoviali .
Occorre prelevare non solo il tessuto sinoviale ma anche una sezione del
margine osteo-cartilagineo articolare .
La biopsia sinoviale permette di distinguere le forme erosive da quelle
non erosive; nelle forme erosive presente un ispessimento della capsula
articolare con ipertrofia dei villi associato a tessuto di granulazione
fibrovascolare che invade larticolazione e distrugge osso e cartilagine.
Nellarea subsinoviale dellarticolazione colpita ci sono linfociti, plasmacellule e
piccoli vasi sanguigni con perdita di cartilagine ed osso sottocondrale.
Nelle forme non erosive, non si evidenzia la formazione del panno
fibrovascolare, n la distruzione di osso e cartilagine; vi comunque
lispessimento della capsula e accumuli di plasmacellule, linfociti e neutrofili
nella regione subsinoviale.
Nei sarcomi sinoviali del cane, l esame bioptico fondamentale ai fini
Pagina 92 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

diagnostici. In questi casi, infatti, lesame citologico del liquido sinoviale


potrebbe non essere diagnostico, in quanto difficilmente il tumore esfolia nella
componente liquida.

Artroscopia
Lartroscopia una tecnica di diagnostica per immagini che consente una
visualizzazione

diretta

ed

in

tempo

reale,

delle

strutture

interne

allarticolazione, verificando cos il loro stato e la presenza di alterazioni


patologiche.
Per mettere in pratica tale esame necessario unartroscopio,
costituito da un obiettivo montato su di una sonda telescopica di dimensioni
sufficienti a raggiungere il cavo articolare senza determinare lesioni
iatrogene.
Lobiettivo, attraverso dei collegamenti a fibre ottiche, connesso ad
un oculare per la visualizzazione diretta o ad una telecamera che trasferisce
limmagine su uno schermo a tubo catodico.
Per lesecuzione dellartroscopia necessario ottenere la massima asepsi
attraverso unaccurata preparazione chirurgica della cute: le complicanze
legate allimmissione di germi nel cavo articolare possono creare dei danni
gravissimi ed inficiare qualsiasi trattamento terapeutico.
Il Trocar viene introdotto attraverso delle vie daccesso specifiche per
Pagina 93 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ogni articolazione; linfissione di aghi e lintroduzione di soluzione fisiologica


sterile nel cavo articolare consente la distensione della capsula ed una migliore
definizione delle immagini.
Durante lesame possibile introdurre degli strumenti per il prelievo di
campioni per esame istologico o eseguire un prelievo di sinovia.
Lindagine artroscopica trova applicazione nella diagnosi dellartropatia
degenerativa, dellosteocondrosi dissecante, delle patologie da mancata
fusione di nuclei di ossificazione, delle neoplasie e delle artropatie
infiammatorie immunomediate.
Inoltre,

tale

tecnica

pu

essere

utilizzata

anche

per

finalit

terapeutiche.

Valutazioni di Biostatica e biocinematica


Lanalisi della locomozione deve essere eseguita in maniera critica
avvalendosi di parametri di confronto e di riferimento che siano della massima
oggettivit. Tale esigenza ha condotto allintroduzione delle pedane di forza
ovvero, dei supporti che consentono di descrivere, analizzare e documentare
tutte le forze che si generano in ciascun arto durante lappoggio statico e nel
contesto della locomozione.
Il principio di partenza di tale indagine deriva dal noto principio di
azione e reazione; valutando la reazione della pedana, si ottiene un grafico
Pagina 94 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

che descrive le forze verticali ed orizzontali misurandole in funzione del


tempo di applicazione e della loro entit riferita in percentuale del peso
corporeo.
Lapplicazione pratica di questa metodica consente di identificare la
sede della patologia e di riferire ciascuna alterazione patologica a specifiche
curve grafiche in modo da fornire una descrizione quali-quantitativa della
zoppia.

Esame del liquido sinoviale


Il liquido sinoviale prodotto dalla membrana sinoviale. un dializzato
del plasma modificato da un processo di trasudazione operato dallendotelio
vascolare e dall interstizio sinoviale. Il costituente principale l acido
ialuronico, un mucopolisaccaride costituito da acido glicuronico e Nacetilglucosamina, responsabile delle propriet viscoelastiche del liquido
sinoviale.

Lacido

ialuronico

possiede

anche

propriet

antalgiche

antinfiammatorie, infatti ha la capacit di inibire la fagocitosi dei macrofagi ,


la migrazione dei polimorfonucleati neutrofili e dei linfociti verso il focolaio
infiammatorio; inoltre inibisce la proliferazione dei fibroblasti della membrana
sinoviale e delle cellule cartilaginee. Il liquido sinoviale trasparente,
tendente al giallo e caratterizzato da una notevole viscosit. Il quantitativo
normale di liquido nel cavo articolare di 0.1-1 ml. E un liquido scarsamente
Pagina 95 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

cellulare, privo di fibrinogeno e della maggior parte dei fattori della


coagulazione, per questo non coagula neppure in vitro. Contiene soprattutto
cellule mononucleate, 20-30 %

di linfociti, 30-40% di istiociti e cellule di

desquamazione del rivestimento

interno sinoviale che istologicamente

appaiono come grosse cellule basofile rotonde con contorno a spazzola e di


colore rosa chiaro.
Oltre

alla

componente

cellulare

vi

sono

anchepiccole

molecole

plasmatiche, glicoproteine, lipidi, zuccheri (glucosio, fruttosio, galattosio). La


concentrazione di proteine totali e relativamente bassa, mentre gli eritrociti
sono virtualmente assenti.
Le principali funzioni del liquido sinoviale sono due: provvedere al
nutrimento della cartilagine

articolare, che un tessuto avascolare,

lubrificare le superfici articolari favorendone lo scorrimento.

PRELIEVO DI LIQUIDO SINOVIALE


L artrocentesi una tecnica diagnostica di facile esecuzione, poco
costosa, con rischi minimi per il paziente. Gli animali
adeguatamente

devono essere

contenuti per evitare traumi iatrogeni con conseguente

contaminazione ematica del liquido prelevato.


Pu essere perci necessaria una sedazione del paziente o lanestesia
generale. Innanzitutto necessario effettuare la tricotomia dell area del
Pagina 96 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

prelievo e disinfettare accuratamente secondo le regole della asepsi


chirurgica, utilizzando

esclusivamente dei guanti sterili. Per il prelievo del

liquido si utilizzano siringhe sterili da 1-2.5-5 ml con aghi da 20-22 gauge. Se


lo spazio

articolare da sottoporre

centesi

piccolo ( es . carpo ),

preferibile un ago spinale da 25 gauge perch ha una bietta pi corta. L ago


della siringa viene introdotto nell articolazione delicatamente. La perdita di
resistenza indica l entrata nel cavo articolare. Per il prelievo

si procede

effettuando una lieve depressione che deve terminare quando si retrae lago
dallarticolazione. Il liquido prelevato viene trasferito in due provette, una
con EDTA ed una senza . L EDTA impedisce la formazione di coaguli di
fibrina e favorisce la conservazione delle cellule. Normalmente il liquido ha un
comportamento tixotropico cio ritorna

liquido

per

scuotimento

della

provetta. Per processi infiammatori o per pregresse emorragie , nel liquido si


rileva del fibrinogeno, per cui coagula se non c EDTA.

VIE DI ACCESSO ARTICOLARI


Generalmente le artrocentesi sono eseguite con l animale posto in
decubito laterale sull arto opposto allarticolazione da campionare, ad
eccezione dellarticolazione del carpo (decubito sternale) e dellanca (decubito
dorsale ). E necessario palpare l arto coinvolto, durante la flessione e l
estensione, per poter identificare lo spazio in cui entrare.
Pagina 97 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ARTICOLAZIONE DELLA SPALLA


Flettere leggermente la spalla e inserire l ago

medialmente e

centralmente alla cresta del tubercolo maggiore e poi procedere in direzione


ventrocaudale .

ARTICOLAZIONE DEL GOMITO


Flettere il gomito e inserire l ago dalla faccia caudolaterale dell
articolazione in modo che risulti caudale e mediale al condilo laterale dell
omero.

ARTICOLAZIONE RADIO CARPICA


Flettere il carpo e inserire l ago cranialmente tra radio e osso carpale
radiale .
ARTICOLAZIONE INTERCARPICA
Flettere il carpo e inserire l ago cranialmente tra osso carpale radiale e
il secondo - terzo osso carpale .

ARTICOLAZIONE DELL ANCA

ACCESSO LATERALE
Addurre il femore , ruotarlo cranialmente e inserire l ago cranialmente
Pagina 98 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

al grande trocantere del femore facendolo procedere caudoventralmente .


ACCESSO MEDIALE
Posizionare il paziente in decubito
posizionarlo

dorsale, abdurre il femore e

perpendicolarmente al piano mediano. I reperi sono il muscolo

pettineo , l eminenza ileopettinea della pelvi .L ago procede cranialmente


con angolazione di 45.

ARTICOLAZIONE DEL TARSO

ACCESSO ANTERIORE
Palpare lo spazio tra tibia e astragalo sul versante anterolaterale del
garretto, inserire l ago nella lieve depressione apprezzabile.
ACCESSO LATERALE
Flettere parzialmente l articolazione ed inserire l ago sotto il malleolo
laterale della fibula .

ARTICOLAZIONE DEL GINOCCHIO


Inserire l ago appena lateralmente al tendine tibiorotuleo distalmente
alla rotula. Dirigere l ago medialmente e prossimalmente verso il centro dell
articolazione.

Pagina 99 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ESAME

DELLE

CARATTERISTICHE

FISICHE

DEL

LIQUIDO

SINOVIALE

COLORE
Normalmente il colore chiaro, tendente al giallo, spesso,

per,

possiamo ritrovare dei campioni con presenza di sangue; infatti bisogna saper
distinguere il sangue da contaminazione iatrogena da quello patologico .
Il

sangue contaminante colora

solo a tratti

il

liquido che stiamo

prelevando, in caso contrario il liquido risulta costantemente rossastro.


Se centrifughiamo il liquido in un capillare, possiamo avere un PVC
minore del 2% con supernatante trasparente che indica una contaminazione
iatrogena. Allesame citologico si rilevano delle piastrine .
Se il PVC maggiore del 5 % con supernatante emolitico, vi sar una
emorragia recente (12-48 ore). Citologicamente avremo il fenomeno dell
eritrofagocitosi.
Il supernatante itterico indica una emorragia meno recente insorta da
pi di 48 ore . Citologicamente ritroveremo eritrofagociti e emosiderofagi .

QUANTITA
Dipende dalla taglia dell animale e dal tipo di articolazione. Esiste un
rapporto diretto tra il volume di

liquido sinoviale e le dimensioni dell


Pagina 100 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

articolazione. La quantit di liquido aumenta sempre in caso di artropatia.

VISCOSITA
La viscosit

direttamente proporzionale

alla

concentrazione

di

acido ialuronico. Normalmente il liquido molto viscoso .


La viscosit si pu valutare mettendo una goccia di liquido sinoviale tra
pollice e indice e allontanando lentamente le dita .
Se la viscosit buona si forma un filamento di 2-2.5 centimetri
di lunghezza.
Da un punto di vista citologico, se la viscosit normale, gli
elementi cellulari presenti si distribuiscono in filiere molto regolari, in
caso contrario la distribuzione non continua. La viscosit diminuisce
quando

l acido

articolare

ialuronico

o se viene

viene

degradato

diluito

in

da enzimi

seguito

a un versamento

proteolitici o

ialuronidasi

batteriche.

PROTEINE TOTALI
Normalmente la concentrazione di proteine totali bassa (2-4 g/dl).
La misurazione si effettua con un refrattometro. La membrana sinoviale
semipermeabile alle proteine plasmatiche, per cui queste aumentano in
presenza di una degradazione della membrana sinoviale o se localmente
Pagina 101 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sono prodotti mediatori dellinfiammazione. E necessario confrontare sempre


i parametri

proteici

livello

articolare

con quelli a livello sierico

plasmatico per capire se un problema di tipo sistemico.

RAPPORTO GLUCOSIO EMATICO E DEL LIQUIDO SINOVIALE


Un rapporto vicino allunit indica un normale utilizzo metabolico del
glucosio.
Il rapporto minore di 0.5 lespressione di una infiammazione settica;
se i valori sono compresi tra 0.5-0.8 spesso segno di una infiammazione
asettica.

ESAME DEL LIQUIDO SINOVIALE

ESAME CITOLOGICO
Si pu effettuare uno striscio di liquido sinoviale ponendone una
goccia su un vetrino; un secondo vetrino viene utilizzato per distendere
delicatamente la goccia .Si procede colorando lo striscio con tecnica
Giemsa o Wringht e poi conteggio cellulare. I vetrini preparati con liquido
sinoviale normale e colorati con metodo Wright presentano uno sfondo
granulare

di

colore

rosato

dovuto

alla

presenza

di glicoproteine. Si

possono anche osservare delle strutture falciformi colorate dovute ad


Pagina 102 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

artefatti

di

allestimento

del campione. Normalmente, i neutrofili e gli

eritrociti sono rari, mentre prevalgono le cellule mononucleate. Si ritrovano


sinoviociti, poche cellule simili a linfociti e grandi cellule con vacuoli
citoplasmatici simili ai macrofagi. Se si ha a disposizione

un

quantitativo

maggiore di liquido sinoviale, possibile un conteggio mediante emocitometro


utilizzando, come

diluente, la

soluzione

fisiologica, in

quanto

l acido

acetico al 2 % che viene generalmente impiegato per la conta delle cellule,


precipita lo ialuronato presente nel liquido sinoviale, determinando la
formazione di un coagulo di mucina. Il metodo con contaglobuli elettronico
preferibile a quello

che

utilizza lemocitometro, poich

risultati

sono

ottenuti pi facilmente. La conta normale di eritrociti di 0- 320.000 /


microlitro .
E necessario inviare al laboratorio sia strisci di liquido sinoviale che
campioni di liquido conservati in EDTA perch con il tempo le cellule
vanno incontro a fenomeni degenerativi . Nel cane il liquido sinoviale
normale contiene fino a 3000 x 106/ l di cellule nucleate; i neutrofili sono
il 12 % delle

cellule

nucleate;

gli eosinofili

sono

assenti

e i linfociti

rappresentano il 44 %.

ESAME COLTURALE
La coltura delle cellule sinoviali si allestisce ogni qualvolta che dall
Pagina 103 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

esame citologico si evidenziato un incremento del numero di cellule ed in


particolare di neutrofili .
Il liquido sinoviale rimasto nella siringa viene aggiunto o ad un
brodo di arricchimento a base di TIOGLICOLATO o ad una capsula con
SOIA TRIPICASEINA
Lallestimento avviene in condizioni di anaerobiosi o aerobiosi;

incubazione avviene a temperatura di 37 gradi per 12- 24 ore.


Se si evidenzia una crescita microbica si realizzano delle subcolture
in agar sangue o agar blu eosina metilene di Levine e poi si procede a
reincubare alla stessa temperatura.

TEST DEL COAGULO DI MUCINA


Questo test prevede l utilizzo di campioni conservati

in eparina, a

cui si aggiunge una soluzione di acido acetico glaciale al 2-2.5 % con un


rapporto di 1:4.
Dopo un ora si forma un coagulo che viene classificato come:
BUONO: se il coagulo compatto in soluzione trasparente.
DISCRETO: se meno compatto in soluzione leggermente torbida.
POVERO: se piccolo e friabile in soluzione torbida .
ASSENTE: se si formano piccoli flocculi in soluzione torbida .
Questa prova valuta la quantit e qualit della mucina presente nel
Pagina 104 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

liquido sinoviale. Nelle artropatie infiammatorie

la qualit del coagulo di

mucina diminuisce .
In corso di artriti settiche o artrite reumatoide vi degradazione
della mucina
La

qualit

del

coagulo rimane invariata

in

corso

di

artropatie

traumatiche o degenerative .

ESAME CITOLOGICO IN CORSO DI ARTROSI


Le modificazioni microscopiche osservabili sono :

MICROEMORRAGIE: presenza di eritrofagociti, emosiderofagi e


cristalli di ematoidina.
IPERPLASIA DELLA MEMBRANA SINOVIALE: I

sinoviociti sono

disposti in cluster di 6-10 elementi, sono aumentati di numero e con notevole


basofilia .
EROSIONE CARTILAGINEA: presenza di frammenti cartilaginei con
affinit tintoriali basofile o eosinofile .
EROSIONE DELL OSSO SUBCONDRALE : presenza di osteoclasti .
INFIAMMAZIONE: riscontro di polimorfonucleati neutrofili colpiti da
processi degenerativi (cariolisi).
Nella malattia articolare degenerativa c un aumento del contenuto
Pagina 105 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

cellulare, soprattutto di mononucleati, istiociti, linfociti e clasmatociti; vi sono


solo alcuni neutrofili,pochi eritrociti e occasionalmente detriti cartilaginei.
Inoltre c diminuzione della viscosit del liquido sinoviale, un lieve aumento di
volume, della torbidit, una lieve xantocromia, un

aumento delle proteine

differenti dalla mucina ed un coagulo di mucina definito normale povero.

ARTROPATIE INFIAMMATORIE
Possono

essere

suddivise

in

due

gruppi: INFETTIVE

NON

INFETTIVE
Si caratterizzano per la presenza di un versamento e citologicamente
si osserva un aumento dei neutrofili, moderato o marcato, ed un aumento
delle grandi cellule mononucleari spesso vacuolizzate; pu essere presente una
lieve emorragia per diapedesi. Il liquido pi o meno torbido a seconda del
grado di infiammazione, minore la viscosit. Le proteine totali sono
aumentate e sono presenti intrecci di fibrina .

ARTRITI INFETTIVE
Nel cane e nel gatto non sono molto frequenti ma sono solitamente di
origine batterica.
Generalmente sono monoarticolari, si caratterizzano per la presenza di
Pagina 106 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

una zoppia non migrante. Le forme poliarticolari si sviluppano per diffusione di


microrganismi per via ematogena. Clinicamente, gli animali presentano febbre,
letargia, inappetenza e aumento di volume dell articolazione. Gli esami di
laboratorio evidenziano una leucocitosi. Citologicamente si osserva un aumento
di cellule nucleate, soprattutto neutrofili. Se sul vetrino non si evidenziano
batteri, necessario effettuare un esame colturale, utilizzando un campione
bioptico di membrana sinoviale. I microrganismi pi frequenti sono la
Pasteurella,

la

Salmonella,

Stafilococchi,

Streptococchi,

Coliformi,

Corynebacterium. La degenerazione dei neutrofili dimostrata dalla cariolisi,


dalla picnosi e carioressi anche se i neutrofili di solito sono intatti.
Tra le artriti

infettive ricordiamo : Artrite da borrelia burdoferi

(malattia di lyme) trasmessa da zecche, caratterizzata da una zoppia migrante


che interessa una o pi articolazioni. Le spirochete non si evidenziano nei
normali strisci. Il liquido sinoviale mostra un moderato aumento di cellule
(l85% costituito da neutrofili non degenerati).
Artrite da Ehrlichiosi : campioni di liquido mostrano presenza dell 6080% di neutrofili; le morule di Ehrlichia sono presenti solo nell 1-2% dei
neutrofili del liquido. Clinicamente si rileva zoppia e ipertono muscolare.
Artrite da micoplasma: rara nei nostri animali. Si caratterizzano per
una flogosi purulenta senza elementi degenerativi. Nel gatto causata da M .
FELIS e GATAE; nel cane da M. SPUMANS .
Pagina 107 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Artriti protozoarie :A. da leishmania . Si effettua l esame microscopico


degli strisci di liquido sinoviale che rileva una percentuale normale di cellule
nucleate. Il protozoo stato riscontrato nei macrofagi presenti nel liquido.
Artriti virali: nei gatti affetti da calicivirus il liquido sinoviale contiene
100.000 x 106, con l 80% di monociti, 14% di neutrofili e 6% di grandi cellule
mononucleate.

ARTROPATIE NON INFETTIVE

ARTRITE REUMATOIDE: E una malattia autoimmune, caratterizzata


da poliartrite erosiva progressiva e polisinovite. Il cane presenta febbre,
linfoadenomegalia, letargia. Il liquido sinoviale presenta un aumento variabile
di cellule, soprattutto neutrofili non degenerati. La coagulazione scarsa. La
presenza di sinoviociti indice di iperplasia sinoviale .
FORME NON EROSIVE E NON INFETTIVE: LUPUS ERITEMATOSO
SISTEMICO: Patologia sistemica, immunomediata; anche in questo caso
prevalgono i neutrofili non degenerati con una piccola percentuale di linfociti,
macrofagi e sinoviociti; il test di coagulazione della mucina normale. Si
possono ritrovare le cellule LE (cellule in attiva fagocitosi in genere neutrofili,
con nucleo in periferia e strutture intracitoplasmatiche tonde omogenee, rosa
o viola costituite da DNA fagocitato o degradato.
Pagina 108 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

POLIARTRITE
causa

EOSINOFILICA: Altra

patologia immunomediata; La

sconosciuta ma risponde molto bene a terapia con

antinfiammatori. La conta cellulare lievemente aumentata, con un

farmaci
52% di

eosinofili, 48% di neutrofili, 75% di cellule mononucleari e incremento dell


attivit fagocitaria.
SINOVITE

LINFOPLASMACELLULARE: E una forma che non si

inserisce in nessun gruppo essendo minimamente erosiva e proliferativa. Si


rileva un incremento di cellule 5000-20000/microlitro, 10-40% di neutrofili e
il resto cellule linfoidi.
IPERSENSIBILITA DA

FARMACO:

Si

manifesta

1-3 settimane

dopo una terapia a base di trimetoprin/sulfonamide. Sono colpite le razze di


grossa taglia (doberman). Le cellule nel liquido sinoviale raggiungono i valori di
44.000 x 106/l; il 90% sono neutrofili e il 50% grandi cellule mononucleate .

FLOGOSI POSTRAUMATICHE
Per differenziare il trauma da una malattia articolare degenerativa,
fondamentale l anamnesi. Il liquido pu essere da trasparente a giallastro o
addirittura emorragico; il numero di cellule lievemente aumentato rispetto
alla norma, le cellule nucleate hanno una distribuzione normale; il test della
mucina normale.
Una emorragia iatrogena

indicata dalla

presenza

sul vetrino di
Pagina 109 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

piastrine ed eritrociti; leritrofagocitosi indica una emorragia pregressa .

Pagina 110 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esame semiologico dellapparato locomotore dei grossi animali.


STRUMENTARIO per lesame clinico diretto:
MARTELLETTI CLINICI GOMMATI, che presentano un gommino
allestremit;
MARTELLETTI COMUNI PESANTI, per lesame dello zoccolo;
TENAGLIE A BRANCA LARGA, per la palpazione profonda del piede ed
in particolare per quella del navicolare;
CUNEO DI LUNGWITZ, per levidenziazione di patologie dellapparato
tenodesmico e dellosso navicolare.
STRUMENTARIO per esami collaterali:
SIRINGHE e SOLUZIONI ANESTETICHE LOCALI, per evidenziare la
sede di zoppia in un arto si procede anestetizzando i tronchi nervosi, dellarto
sede di zoppia, in senso distalo-prossimale, ad ogni inoculo si osserva, alla
deambulazione (trotto o passo) se la zoppia persiste. In caso negativo, la sede
della zoppia da localizzare nellarea innervata dal tronco nervoso su cui
stata eseguita lultima anestesia.
APPARECCHIO RADIOLOGICO PORTATILE;
ARTROSCOPIA OPERATORIA.
Per evidenziare eventuali problemi e patologie a carico dellapparato
locomotore

dei

grossi

animali

si

devono

effettuare

alcune

PROVE

Pagina 111 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

FUNZIONALI definite STATICHE in quanto eseguite con lanimale in


STAZIONE LIBERA. Normalmente il cavallo nel box alterna lappoggio degli
arti posteriori, mentre quello di entrambi gli anteriori fisso. Quindi se uno
dei due posteriori dovesse restare in appoggio per un tempo pi lungo rispetto
al controlaterale, ipotizzabile che questultimo abbia dei problemi.
Per poter osservare il soggetto in STAZIONE FORZATA, o obbligatoria, lo si
deve piazzare, porsi di fronte e far compiere un passo indietro in modo che
lanimale sia costretto a poggiare tutti e quattro gli arti. Questa manovra si
effettua per assicurarsi che il mancato appoggio di un arto posteriore sia
dovuto ad un problema effettivo e non ad un fatto casuale. Una volta piazzato
il soggetto in stazione obbligatoria si deve far compiere la deviazione laterale
della testa verso larto malato in modo da sovraccaricarlo; per fare questo si
deve flettere il collo dal lato dellarto anteriore che si vuole sovraccaricare,
mentre per sovraccaricare un arto posteriore si deve sollevare la testa. Infine
si effettuano delle manovre che provocano dolore ed osservare la risposta
dellanimale: se larto gi dolente, il dolore sar intollerabile.
Successivamente vengono eseguite le prove funzionali DINAMICHE, si
costringe lanimale al passo e, se si tratta di un cavallo, anche al trotto, poich
spesso alcune zoppie non sono evidenziabili al passo, ma lo sono al trotto.
In queste PROVE FUNZIONALI DINAMICHE vanno valutate:
1.

FASI DEL PASSO: si considera la lunghezza di tali fasi (craniale e


Pagina 112 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

caudale); se una corta, laltra sar necessariamente pi lunga per compensare


e poter compiere unandatura rettilinea.
a)FASE CRANIALE (corrisponde a quando lanimale porta in avanti
larto): quando corta indice di navicolite, fratture ed affezioni dei
tendini estensori, gonite (infiammazione del ginocchio);
b) FASE CAUDALE (corrisponde a quando larto, dopo la prima
fase craniale, si trova indietro rispetto al controlaterale): quando
corta indice di lesione ai tendini flessori ed ai legamenti anulari.
2.

ARCO DI SOSPENSIONE DEL PIEDE: corrisponde al momento, tra

fase craniale e caudale, in cui il piede risulta sollevato da terra. Questarco va


confrontato col controlaterale ed inoltre se ne valuta lampiezza, se pi
basso del normale (talvolta, nei casi estremi, si pu avere addirittura
strisciamento della punta del piede) indica che lanimale prova dolore
nellappoggio dellarto al suolo e quindi tende a sollevarlo poco per rendere
meno impegnativo lappoggio.
3.

TRAIETTORIA DEL PIEDE DURANTE LA SOSPENSIONE, la quale pu

essere:
Verso linterno, in tal caso si corre il rischio dautocontusioni, poich lo
zoccolo dellarto deviato potrebbe urtare il controlaterale;
Verso lesterno, in tal caso si osserva un movimento falciante,
sicuramente meno grave e pi innocuo dal punto di vista delle contusioni.
Pagina 113 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Per valutare le fasi del passo e larco di sospensione, lesaminatore deve porsi
lateralmente allanimale, mentre per valutare la traiettoria si deve porre di
fronte.
4.

MODO DATTERRARE DEL PIEDE: la tendenza a raggiungere il terreno

con sottrazione della parte dolente indica la sede della manifestazione


patologica causa di zoppia: se laffezione riguarda strutture anatomiche
disposte sulla punta del piede, il raggiungimento del suolo avviene sui talloni;
viceversa, se laffezione riguarda i talloni, sulla punta.
5.

ANGOLI DI FLESSIONE DELLE GIUNTURE: si pu avere una riduzione

della

flessione

dellarticolazione

dolente

(in

caso

laffezione

riguardi

unarticolazione) con conseguente sovrautilizzazione di unaltra articolazione.


Ad esempio se il problema a carico del ginocchio, lanimale tenta di
sovrautilizzare lanca e sottoutilizzare il ginocchio, per cui la flessione che
dovrebbe compiere il ginocchio, viene effettuata dallanca con conseguente
diminuita o mancata flessione dellarticolazione femoro-tibio-rotulea. In caso
di artrite tarsica, invece, lanimale tende a non flettere il tarso.
6.

SIMMETRIA ED INNLZAMENTO GLUTEO: in questo caso si valuta il

c.d. COLPO DANCA che identifica una zoppia ad un arto posteriore e si valuta
osservando il maggior sollevamento di unanca dovuto al tentativo dellanimale
di non sovraccaricare larto dolente.

Pagina 114 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Le zoppie presentano una diversa frequenza nella distribuzione della loro


origine ed in particolare i 2/3 riguardano gli arti anteriori, forse a causa della
loro funzione di sostegno (nellambito degli stessi arti anteriori, il 5% ha
origine al di sopra del carpo, mentre il 95% al di sotto o sul carpo stesso);
mentre solo 1/3 delle zoppie riguarda larto posteriore, il quale ha funzione
propulsiva. Di queste zoppie agli arti posteriori, la maggior parte hanno origine
a livello della grassella (cio larticolazione del ginocchio) e del garretto (cio
larticolazione del tarso).
Uneccezione rappresentata dai cavalli sottoposti ad andature simmetriche
(come i trottatori, che alternano i bipedi diagonali, e gli ambiatori, che
alternano quelli laterali) nei quali la frequenza di zoppie agli arti anteriori /
posteriori 1.5/1.
Naturalmente se la lesione interessa i bipedi posteriori, lanimale tende a
sovraccaricare quelli anteriori, e viceversa.

ZOPPIA: locomozione abnorme con alterata ripartizione del peso del corpo
durante le fasi dappoggio degli arti, con possibili alterazioni del ritmo
dellandatura, e della traiettoria degli arti. Le cause di zoppia possono essere:
Algiche, pi frequenti;
Meccaniche, ad esempio se un arto pi corto dellaltro.
Naturalmente le anestesie diagnostiche (tronculari o articolari) fanno
Pagina 115 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

scomparire le zoppie algiche, ma non quelle meccaniche.

Le zoppie, o zoppicature o claudicazioni, possono essere:


1.

CONTINUE, quando sono costanti in ogni condizione, sempre e

comunque;
2.

REMITTENTI,

quando

presentano

attenuazioni

occasionali,

periodiche;
3.

INTERMITTENTI, quando si alternano periodi di zoppia a periodi

di normalit.

Le zoppicature possono essere differenziate anche in:


1.

ZOPPIE A FREDDO: quelle che si verificano quando, dopo un

periodo pi o meno lungo di riposo, si mette di nuovo al lavoro lanimale e


questo presenta immediatamente zoppia. Di solito sono causate da lesioni
articolari e possono a loro volta essere:
INTERMITTENTI, quando scompaiono completamente a caldo;
REMITTENTI, se a caldo si attenuano soltanto.
2.

ZOPPIE A CALDO: quelle che non si osservano subito, appena

lanimale messo al lavoro, ma dopo un certo periodo. Spesso sono legate a


problemi muscolari ed anche queste possono essere distinte in:
INTERMITTENTI, se sono assenti a freddo;
Pagina 116 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

REMITTENTI, se sono attenuate a freddo

Le claudicazioni sono classificate, in ordine crescente di gravit, in quattro


gradi:
ZOPPIA DI PRIMO GRADO: la pi lieve, osservabile solo al
trotto e non al passo, caratterizzata da un accorciamento dei tempi
dappoggio e sostegno dellarto dolente. Quando il soggetto in stazione
libera, larto portato pi a lungo in posizione di riposo potrebbe essere larto
malato.
ZOPPIA DI SECONDO GRADO: osservabile al passo in modo
lieve, ma pi marcatamente al trotto; si nota, talvolta, un risparmio
nellappoggio dellarto coinvolto.
ZOPPIA DI TERZO GRADO: presenta appoggio e propulsione
limitati; evidente sia al passo sia al trotto (non necessario far trottare
lanimale, per non far peggiorare le sue condizioni). Sono osservabili, inoltre:
una modificazione della lunghezza del passo e dellaltezza dellarco (che risulta
pi basso); colpo di testa (corrisponde al momento in cui lanimale abbassa la
testa cercando di sovraccaricare larto sano, mentre la alza quando poggia
larto malato per evitare di sovraccaricarlo) o danca.
ZOPPIA DI QUARTO GRADO: la pi grave; spesso dovuta a
fratture o ad artrite settica grave; caratterizzata dal totale mancato
Pagina 117 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

appoggio dellarto interessato o, in casi eccezionali, lappoggio dura tempi


brevissimi.

Unaltra classificazione delle zoppie quella di Dollar, che le distingue in:


1.

ZOPPIA DELLARTO IN APPOGGIO: quella che si verifica

quando larto sotto carico e pu essere dovuta a lesioni ossee, articolari o dei
legamenti collaterali, o ancora a problemi a carico dei nervi motori o del piede.
2.

ZOPPIA DURANTE LOSCILLAZIONE DELLARTO, dovuta a

problemi a carico dei tessuti molli, ossia ad alterazioni patologiche delle


capsule articolari, dei muscoli, dei tendini, delle guaine tendinee o delle borse
sinoviali.
3.

ZOPPIA MISTA: si verifica sia durante la fase di appoggio sia

durante quella di propulsione e sono coinvolti i tessuti duri ed i molli.


4.

ZOPPIA COMPLEMENTARE: dovuta alla ripartizione anomala del

carico a causa della zoppia ad un arto che pu determinare zoppia anche


nellarto sano controlaterale, poich questo sovraccaricato.

Per fare diagnosi di zoppia importante la precisa raccolta dellANAMNESI e,


quindi, porre alcune domande riguardo la durata della claudicazione, cio da
quanto tempo lanimale manifesta il problema, per poter valutare leventuale
cronicit. E anche importante sapere se il soggetto, nonostante la zoppia, sia
Pagina 118 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

stato messo al lavoro oppure no; se la zoppicatura si aggravata, rimasta


immutata o si attenuata col tempo, cos da valutarne la tendenza. Si
dovrebbe anche domandare cosa ha determinato linsorgenza della zoppia e
cercare di capire se lesordio stato improvviso oppure progressivo: nel primo
caso la causa molto probabilmente di tipo traumatico; nel secondo potrebbe
essere degenerativa. Inoltre va indagata la correlazione tra zoppia ed
esercizio: se la zoppia si attenua durante lesercizio, compare o peggiora con
questo, in modo da identificare se si tratta di zoppia a caldo o a freddo e
quindi se il problema di tipo muscolare o articolare. Se il cavallo durante la
deambulazione incespica allora si potrebbe trattare di una modificazione del
sinergismo tra estensori e flessori oppure di atassia (alterazione dellandatura
di tipo neurologico: incoordinazione motoria). E anche importante sapere se
sono state effettuate gi altre terapie e quale esito hanno dato; cos com
importante sapere se il cavallo stato ferrato di recente, per individuare
eventuali correlazioni tra ferratura e zoppia.
Si esegue, quindi, lISPEZIONE e la PALPAZIONE; la prima va fatta con il
soggetto sia fermo che in movimento.
ISPEZIONE DA FERMO.
Losservazione dellanimale in stazione da una certa distanza consente
lispezione del soggetto nel suo insieme: si osserva il paziente da vicino, di
profilo, davanti e da dietro, per individuare eventuali asimmetrie degli arti
Pagina 119 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

(come quelle legate ad atrofie muscolari o a frattura dellala dellileo, che


determina unasimmetria ben valutabile osservando lanimale da dietro).
Durante questispezione si considera:
-

La costituzione del cavallo (dolicomorfo, brachimorfo, mesomorfo);

La conformazione;

Le condizioni generali (stato del mantello, del pelo, idratazione), in

quanto le zoppie non sono sempre imputabili a fatti ortopedici;


-

Lappoggio degli arti (se in punta, disceso* o fuori di s);

Le masse muscolari ed eventuali atrofie.

*DISCESO: animale col nodello basso; quando un arto pi caricato del


controlaterale ha il nodello basso; quindi larto meno disceso quello meno
caricato e verosimilmente dolente.
ISPEZIONE IN MOVIMENTO.
Si effettua osservando a distanza landatura sia degli arti anteriori sia dei
posteriori; i primi si valutano ponendosi lateralmente ed anteriormente, i
secondi lateralmente e posteriormente. Questa osservazione importante per
valutare eventuali asimmetrie di carico. E anche importante lispezione in
movimento fatta sui terreni duri. Su questi, infatti, c maggiore forza di
concussione e quindi migliore percezione del rumore in appoggio (battuta):
larto sede di zoppia produce un rumore pi debole a causa del minor carico e
della minor forza con cui viene appoggiato. Sui terreni duri, inoltre, la zoppia
Pagina 120 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

tende ad accentuarsi.
Durante il movimento si valuta anche il colpo di testa, il quale, per, pu
anche verificarsi in caso di zoppia grave agli arti posteriori poich lanimale
tende a spostare il baricentro in avanti ed il carico sugli anteriori abbassando
la testa: in tal caso labbassamento della testa corrisponde al momento in cui
lanimale carica larto zoppo (al contrario di quanto avviene in caso di zoppia ad
un arto anteriore). Per evitare confusioni durante lindividuazione dellarto
sede di zoppia, importante valutare anche altri parametri, tra cui il colpo
danca e la discesa del nodello.
Lispezione in movimento va fatta anche su animali al trotto e non solo al passo,
per evitare di confondere la zoppia ad un arto posteriore con quella ad uno
anteriore omolaterale. Infine si deve valutare la lunghezza della fase
anteriore

posteriore

del

passo,

facendo

un

confronto

con

larto

controlaterale, ed anche laltezza dellarco del piede.


Durante lispezione in movimento si possono osservare anche alcune
INTERFERENZE, ossia difetti nellandatura che comportano il contatto tra
due arti; come:
1.

SFIORAMENTO, caratterizzato da contatti lievi tra gli arti,

specialmente il forgiare e lattingersi;


2.

INCROCIAMENTO, tipico dei trottatori, caratterizzato dal

contatto tra le pareti interne del bipede diagonale.


Pagina 121 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

3.

COLPIRSI

AL

GOMITO, evenienza piuttosto rara poich

richiede uneccessiva flessione dellarto; il cavallo si colpisce il gomito con la


suola dello stesso arto.
4.

FORGIARE, quando la punta di un posteriore colpisce la suola

dellanteriore ipsilaterale;
5.

COLPIRSI AL GINOCCHIO, anche questa piuttosto rara,

uninterferenza alta ed caratteristica soprattutto dei trottatori;


6.

INTERFERIRE o ATTINGERSI, contatto che avviene ad un

qualsiasi livello tra cercine coronario e stinco, con il piede opposto in


movimento;
7.

RAGGIUNGERSI, quando la punta del piede posteriore raggiunge

lanteriore ipsilaterale, generalmente a livello del tallone;


8.

SCOTENNAMENTO, quando la punta del piede anteriore colpisce

il posteriore ipsilaterale a livello del cercine coronario o pi sopra;


9.

INTAGLIATURA, qualsiasi interferenza che si verifica in corso

di andature veloci, non ha caratteri di specificit per cui difficilmente


definibile.
Tutti questi problemi dandatura non hanno origine precisa, ma sono
probabilmente riferibili a difetti dappiombo.
Durante losservazione laterale degli arti posteriori si valuta larco di
sospensione del piede ed il colpo di testa; mentre durante lispezione mediante
Pagina 122 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

osservazione

posteriore,

si

deve

valutare

lasimmetria

la

durata

dellinnalzamento dei glutei (movimento della groppa, il quale in condizioni


normali simmetrico).
Per quanto riguarda il COLPO DANCA, o innalzamento gluteo, vi sono tre
diverse situazioni da riconoscere:
1.

diminuito innalzamento gluteo da un lato accompagnato da una

minore durata dellinnalzamento stesso, legato al minor sollevamento degli


arti, spesso dovuto a problemi allanca (anche se non sono molto frequenti).
2.

normale innalzamento gluteo da un lato, ma minore durata;

indica zoppie di lieve entit;


3.

incremento dellinnalzamento gluteo da un lato, dovuto al dolore

durante lappoggio dellarto e pu essere talvolta accompagnato da un colpo di


testa.
Va sottolineato che, le lesioni agli arti posteriori nei cavalli non sono molto
frequenti e, quando si verificano, hanno, di solito, origine a livello del tarso.

PALPAZIONE E MANIPOLAZIONE DELLARTO ANTERIORE.


Si compie in senso distalo-prossimale a partire dal piede, poi la pastoia, il
nodello, il metacarpo, il legamento sospensore, la briglia carpica, i tendini
flessori, il carpo, lavambraccio, il gomito, la spalla ed infine la scapola.
PIEDE: se ne valuta la forma e le dimensioni, confrontandolo col
Pagina 123 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

controlaterale. Sul piede, inoltre, si possono presentare delle CERCHIATURE


sulla muraglia di un solo zoccolo (traumi) o bilaterali (affezioni sistemiche:
laminite,

avvelenamento

da

selenio);

oppure

si

pu

osservare

la

CONTRAZIONE DEI BULBI DEI TALLONI ed ATROFIA DEL FETTONE,


le quali indicano proprio il mancato carico del piede. In caso di navicolite
cronica, latrofia del fettone sar grave, infatti, la patologia del sesamoide
distale determina lo spostamento del carico sulla punta per evitare che ci sia
una sovrasollecitazione da parte delle strutture flessorie (flessore profondo
delle falangi) messe in trazione quando larto poggiato normalmente.
Tutto questo fa s che i talloni si avvicinano ed il fettone si atrofizza perch
meno sollecitato.
La valutazione della suola e del fettone va fatta previa pulizia (rimozione del
terriccio e di frammenti di lettiera). Allosservazione una suola normale deve
apparire concava: se questa piatta risulta soggetta a sobbattiture, mentre
se convessa sta ad indicare probabilmente una rotazione anteriore della
terza falange, infatti, poich il margine di questultima non si trova pi in
corrispondenza del margine dello zoccolo, ma verso la parte centrale,
determina la convessit della suola, soprattutto in caso di patologie a carico
del tessuto cheratogeno.
SOBBATTITURA: compressione acuta ed improvvisa del tessuto vivo del
piede, delle strutture profonde della suola, tra la terza falange ed un corpo
Pagina 124 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

non in grado di penetrare, ma solo di comprimere.


Per valutare le strutture contenute nella scatola cornea dello zoccolo si deve
applicare una tenaglia (anche detta sonda) da piede, in maniera sistematica su
tutta la suola e sul fettone, e poi confrontare anche le risposte ottenute sul
sondaggio del piede controlaterale. Leventuale risposta algica deve essere
confermata

con

valutazioni

ripetute,

poich tali risposte potrebbero

dipendere solo da un carattere piuttosto nevrile del soggetto e non da un


effettivo

dolore.

Valutazioni

ripetute

potrebbero

far

cambiare

latteggiamento del soggetto che , prendendo confidenza con lesaminatore,


comprende che non vi una situazione di pericolo. Infine si valuta
lIPERSENSIBILITA che pu essere:
-

DIFFUSA, in caso di frattura della terza falange, pododermatite,

osteite diffusa della terza falange, laminite (la quale pu causare la


rotazione della terza falange);
-

LOCALIZZATA, dovuta a sobbattiture, ecchimosi soleare, ferite da

punta (dovute a chiodo da strada), navicolite.


Per valutare losso navicolare una branca della tenaglia va posta sul margine del
fettone ed unaltra sulla parete in modo da sollecitare losso navicolare. In
caso di navicolite si ha una risposta algica piuttosto intensa.
Un altro strumento per lesame del piede il CUNEO DI LUNGWITZ. Questo
strumento pu essere sostituito da unasse di legno che, sollevata da una
Pagina 125 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

estremit, pu creare un piano dappoggio inclinato. La manovra si effettua con


larto da saggiare in appoggio ed il controlaterale sollevato, per aumentare
lentit del carico sullarto in contatto con il cuneo.
Il cuneo applicato sotto il piede, con la punta verso il tallone, per ottenere
iperestensione con conseguente trazione e sovrasollecitazione delle strutture
flessorie che prendono appoggio sul navicolare. In caso di navicolite lanimale
non tollera la posizione, e la zoppia, valutata pria della prova, peggiora. Una
volta rimesso a terra il piede, si valuta la muraglia dello zoccolo mediante
percussioni con la sonda in maniera da valutarne la sensibilit (molto elevato in
caso di laminite). Inoltre, sempre sulla parete dello zoccolo, si valuta
leventuale presenza di SETOLE (fessurazioni longitudinali).
Lesame clinico a partire dalle regioni pi distali verso le pi prossimali, va
fatto quando non si hanno delle chiare indicazioni diagnostiche allesame
ispettivo ed alla palpazione non sindividua subito la sede di zoppia.
La palpazione del piede comprende anche quella del CERCINE CORONARIO
(zona di confine tra cute e zoccolo), questa palpazione si effettua mediante
pressione eseguita con i pollici. Si valuta il CALORE, la TUMEFAZIONE ed il
DOLORE alla compressione. Il dolore che si pu riscontrare alla palpazione pu
essere:
-

DIFFUSO, come in caso di laminite;

LOCALIZZATO,
Pagina 126 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Un aumento di temperatura accompagnato da dolore indice di laminite,


uninfiammazione del tessuto cheratogeno che pu indurre, nel tempo, per
prevalenza del tono flessorio, il distacco della terza falange.
Quando si effettua la palpazione con i pollici, si pu elecitare dolore nella
parte laterale e posteriore del cercine nel caso della calcificazione delle
cartilagini alari; questa pu essere causa di zoppia.
Un dolore intenso si riscontra anche in caso di frattura del processo
estensorio della terza falange. Alla palpazione della parte dorsale delle
articolazioni inter-falangee e metacarpo-falangee si possono ritrovare delle
ossificazioni sulla parte anteriore della capsula articolare, dette FORMELLE,
la cui palpazione pu provocare dolore. Queste possono essere:
-

ALTE, quando si trovano a livello della prima articolazione interfalangea

BASSE, quando si trovano a livello della seconda articolazione

interfalangea.
Successivamente si passa alla palpazione della PASTOIA (regione posta tra
nodello e cercine coronario) e si valutano ingrossamenti o aumenti di
temperatura delle facce: dorsale, mediale e laterale. Poi ad arto sollevato si
effettua la palpazione profonda dei legamenti sesamoidei distali e dei tendini
flessori allaltezza dei grandi sesamoidi. Si palpano, inoltre, i legamenti
prossimali, gli intersesamoidei ed i distali i quali possono andare incontro a
lesioni o fratture in seguito a sovrasollecitazioni e di conseguenza provocare
Pagina 127 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dolore. Sempre ad arto sollevato si deve compiere la palpazione profonda delle


eminenze laterali e mediali (ali) della seconda falange, oltre ad effettuare un
controllo del sostegno dei legamenti collaterali. In questo caso si pu
osservare una risposta algica legata alla sovrasollecitazione. Questultima
provocata dai movimenti di lateralit che si effettuano tenendo fermo il
metacarpeo principale e spostando il piede lateralmente: se questi movimenti
sono possibili allora c sicuramente una lesione a carico dei legamenti
collaterali.
Per evidenziare eventuali patologie a carico del nodello, invece, si devono
compiere solo movimenti di flesso-estensione. Allesame del nodello si palpa la
faccia dorsale prossimale per evidenziare uneventuale tumefazione: se c
positivizzazione degli sfondati articolari, ossia eccesso di liquido sinoviale in
cavit, allora si tratta di un processo acuto, come la sinovite idiopatica o
molletta articolare; se, invece, alla palpazione si nota ispessimento della
capsula articolare si tratta di un processo cronico, come la capsulite cronica
proliferante.
La sinovite idiopatica pu determinare sovradistensione del recesso articolare
palmare evidenziabile tramite palpazione. In realt il termine sinovite non
del tutto corretto, poich questo non un vero e proprio processo
infiammatorio a carico della sinovia, ma solo un aumento del liquido sinoviale
che non porta zoppia.
Pagina 128 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Per quanto riguarda il legamento sospensore del nodello od organo elastico


del Ruini, importante effettuare una palpazione sulla branca laterale e su
quella mediale, facendo una pressione su ciascuna di queste, subito sopra la
loro inserzione sulle ossa sesamoidee. In caso di risposta algica positiva si
deve fare una diagnosi differenziale tra desmite, sesamoidite, frattura
apicale dei sesamoidi, tale diagnosi si effettua con lesame radiologico: in caso
di frattura dei sesamoidi si individua la linea di frattura; mentre in caso di
sesamoidite, si osserva rarefazione delle ossa sesamoidee.
Alla palpazione dei tendini flessori superficiali e profondi e della guaina,
invece, si pu osservare sovradistensione di questultima dovuta a mollette
articolari, frequenti nei cavalli sportivi; oppure, se presente dolore, tenite o
tenosinovite, frequente nei cavalli da corsa.
Successivamente si deve palpare il legamento anulare e poi, con larto
sollevato, si deve compiere una pressione digitale sulle porzioni basilari,
abassiali ed apicali delle ossa sesamoidee. In caso dipersensibilit si in
presenza, molto probabilmente, di fratture (le pi frequenti sono quelle
apicali).

METACARPO
Sulla faccia dorsale dello stinco (osso metacarpale terzo) vengono palpati i
tendini estensori per rilevare la presenza di una tumefazione; i tendini vengono
Pagina 129 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

manipolati per identificare la presenza di aderenze. La presenza di aderenze o


di una tumefazione dovuta ad un trauma sulla faccia dorsale dello stinco. In
questo caso langolo di flessione del nodello durante lesercizio ridotto e il
test di flessione positivo.
Il calore, il dolore, la tumefazione localizzati in corrispondenza della parte
dorsale del terzo medio del metacarpo, possono indicare la presenza di
malattia metacarpale dorsale (MAL DI STINCHI).
Successivamente sono palpate le due ossa metacarpali rudimentali ; la
palpazione avviene prima con lanimale in stazione e poi con larto sollevato e il
nodello flesso, in modo che le superfici palmari e mediali dei metacarpali siano
palpate spingendo il legamento sospensore verso il lato opposto.
Il calore, il dolore e la tumefazione, possono indicare una frattura di un
metacarpiano rudimentale o una alterazione detta SCHINELLA.
La schinella interessa i cavalli giovani , si manifesta sotto forma di
tumefazione di consistenza ossea a carico del terzo prossimale del
metacarpiano rudimentale mediale.

LEGAMENTO SOSPENSORE
Il legamento si trova posteriormente alle ossa metacarpali , nel solco
metacarpale. Si palpa con lanimale in stazione quadrupedale e con larto flesso.
Si palpano con particolare cura le branche del legamento, a livello del terzo
Pagina 130 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

distale del metacarpo, frequentemente sede di lesioni oltre alle inserzioni


prossimali disposte sul metacarpo.

CARPO
Lispezione consente di valutare la presenza di tumefazioni sulla faccia dorsale
o palmare.
In caso di frattura parcellare si pu riscontrare una tumefazione in
corrispondenza degli spazi articolari della radio-carpica ed inter-carpica,
medialmente al tendine estensore radiale del carpo. In caso di artrosi o
esostosi proliferative la tumefazione risulta pi diffusa.
Una tumefazione diffusa in corrispondenza della faccia dorsale del carpo, pu
essere dovuta ad un ematoma, seroma o ad igroma.
Una tumefazione della faccia palmare, prossimalmente e medialmente allosso
accessorio del carpo, pu indicare una frattura dellosso stesso, una
tenosinovite o la formazione di un osteocondroma della faccia caudale
dellestremit distale del radio.
Una tumefazione bilaterale della faccia dorsale del carpo espressione della
rottura del tendine estensore comune del dito nel puledro.
La valutazione delle singole ossa del carpo viene effettuata flettendo
larticolazione. Normalmente nel cavallo, questa manovra pu portare la
superficie posteriore dello stinco quasi a contatto di quella dellavambraccio.
Pagina 131 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

In caso di riduzione del range di flessione e/o dolore alla manovra possibile
ipotizzare

una

sofferenza

articolare

secondaria

ad

artrite,

frattura

intraarticolare, tenosinovite, artrosi.


I legamento collaterali sono valutati applicando allarticolazione delle manovre
di lateralit agendo, come perno, sul metacarpeo .

AVAMBRACCIO (base scheletrica del radio-ulna)


Si valutano i tessuti molli e la base scheletrica. Una tumefazione dura a carico
dei muscoli flessori pu essere osservata in corso di miopatia fibrosa o
ossificante.
La parte distale del radio viene palpata per rilevare fratture oblique articolari
che interessano la radiocarpica e fratture da strappamento associate delle
inserzioni dei legamenti collaterali.

GOMITO
Una tumefazione dura non dolorosa, fluttuante, sullolecrano indica un igroma
del gomito o bursite olecranica.
Labbassamento del gomito associato a tumefazione rilevante della parte, si
pu avere in casi di frattura dellulna o del processo olecranico.
Le manovre di abduzione e adduzione del gomito sono utili per esaminare i
legamenti collaterali. In caso di fratture dellomero, con le stesse manovre si
Pagina 132 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

pu elicitare dolore intenso e rumori di crepitio.


In caso di fratture dellolecrano il dolore pu essere elicitato con la flessione
del gomito mettendo in tensione il tricipite brachiale che prende attacco
sullolecrano stesso.

SPALLA
La palpazione profonda della regione della borsa bicipitale utile per valutare
la presenza di dolore; tale manovra risulter positiva in caso di bursite o di
calcificazione della borsa e del tendine bicipitale.
Altra

manovra

per

rilevare

la

presenza

del

dolore

la

flessione

dellarticolazione della spalla (TEST DELLA FLESSIONE), ponendo una mano


sul processo olecranico e tirando caudalmente larto.
La flessione deve essere mantenuta per un minuto e mezzo, dopodicch il
cavallo viene fatto trottare per valutare il grado di zoppia.
Le cause di zoppia o dolorabilit alla palpazione possono essere: osteocondrosi
dellarticolazione

della

spalla,

fratture

della

scapola

dellestremit

prossimale dellomero.

SCAPOLA
Allesame clinico possibile notare latrofia dei muscoli infraspinato e
sopraspinato, la quale potrebbe essere legata alla paralisi del nervo
Pagina 133 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

soprascapolare.

ESAME DELLARTO POSTERIORE


Lesame per le regioni dal piede fino al garretto viene effettuato come larto
anteriore.

TARSO
Lispezione e la palpazione permettono di valutare:
1)

idrartro dellarticolazione tibiotarsica (spavenio acquoso)

2)

ispessimento della capsula articolare fibrosa

3)

proliferazioni ossee a carico delle articolazioni intertarsiche

distali (spavenio osseo artrite tarsica)


4)

distensione della guaina tarsica

5)

infiammazione del legamento plantare lungo (corba)

6)

lussazione del tendine flessore superficiale del dito

7)

igroma calcaneale

Alla palpazione le tumefazioni identificabili dei tessuti molli del tarso sono di
tre tipi:
-SPAVENIO ACQUOSO: distensione dellarticolazione tibio tarsica, da
incremento di liquido sinoviale causata da una sinovite.
Pagina 134 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

-DISTENSIONE DELLA CAPSULA ARTICOLARE DELLARTICOLAZIONE


TIBIO TARSICA: una tumefazione consistente , causata da una sinovite
cronica.
-La terza tumefazione si caratterizza per un gonfiore diffuso, di consistenza
dura, di tutta larticolazione tarsica; la causa principale il grave trauma da
stiramento sia della capsula articolare fibrosa, sia dei legamenti che la
circondano.

PALPAZIONE

DELLARTICOLAZIONE

INTERTARSICA

DISTALE

TARSOMETATARSICA
La palpazione si effettua sul lato mediale ; nel cavallo normale il profilo liscio
e si assottiglia in corrispondenza delle giunture tarsiche dove queste
raggiungono la parte prossimale del metatarso.
La palpazione continua per rilevare una eventuale tumefazione della guaina
tendinea del tendine flessore profondo del dito, causata da una sinovite o
tenosinovite.

PALPAZIONE DELLA FACCIA PLANTARE DEL CALCANEO: consente di


valutare la presenza di infiammazione del legamento plantare (corba), di una
lussazione del tendine flessore superficiale del dito, di una tumefazione
liquida della sommit calcaneale.
Pagina 135 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

TEST DI FLESSIONE DEL GARRETTO (prova delliperflessione di Hering)


Lesaminatore deve posizionare le mani sulla superficie plantare del metatarso,
evitando le ossa sesamoidee, sollevare larto in modo da flettere il garretto
fino a portare il nodello quasi a contatto con la parete addominale. Questa
posizione deve essere mantenuta per circa un minuto per poi far trottare il
cavallo e controllare laumento della zoppia; se ci si verifica il test positivo
ma non patognomonico di spavento osseo, in quanto sono messe in flessione le
giunture del nodello e della grassella. Questo accade perch con liperflessione
, si detende la branca cuneana del flessore del metatarso, per il successivo
movimento

ristabilendo

rapporti

anatomici

originari,

determina

compressione del tendine sulla faccia mediale del tarso con comparsa di dolore
e zoppia. Durante lesecuzione del test importante la valutazione del
ginocchio.
Lo spevenio osseo o artrite tarsica secca processo infiammatorio ad
evoluzione cronica, non essudativo, che colpisce preminentemente il comparto
medio e distale delle ossa del tarso , dando luogo ad estese anchilosi
conseguenti a fenomeni distruttivi del tessuto osseo e delle cartilagini
articolari.
Le ossa principalmente coinvolte sono lo scafoide e il grande cuneiforme,
larticolazione intertarsica distale e tarsometatarsica, ma il processo ha
Pagina 136 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

unevoluzione centrifuga con il conseguente coinvolgimento dei comparti


articolari superiori fino allarticolazione tibio-astragalica.
Lo scafoide e il grande cuneiforme si trovano compressi tra lastragalo e il
metatarseo principale , per cui durante la flesso-estensione , la maggior parte
delle pressioni si scaricano proprio sul compartimento articolare mediale .
Quindi, con il tempo si instaurano fenomeni ischemici, microfratture
trabecolari fino allanchilosi tra lo scafoide e il grande cuneiforme.
Clinicamente si evidenzia una zoppia improvvisa o graduale; larto colpito
leggermente spostato in avanti, abdotto e semiflesso al tarso e al nodello;
lappoggio in punta e i talloni si trovano in prossimit della punta dello zoccolo
controlaterale .
Quindi, a lungo andare, si nota , un accentuato consumo della punta e una
evidente sproporzione dello zoccolo tra punta e talloni (RAMPINISMO).
In relazione alla gravit , si pu osservare sulla faccia anteromediale del
garretto , una tumefazione dura pi o meno evidente (SPAVENIO).
Altra prova il test PARADOSSO che consiste nel far poggiare (spostare il
treno posteriore nel senso della lateralit) il cavallo dal lato dellarto colpito e
poi dal lato sano .
I cavalli con artrite tarsica non hanno difficolt a spostarsi verso il lato
colpito, mentre sono riluttanti a poggiare verso quello sano .
Lo spostarsi verso larto sano richiede ladduzione dellarto colpito e limpegno
Pagina 137 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

di muscoli quali il flessore del metatarso che sollecita il cuneiforme e provoca


algia.
Al trotto i cavalli colpiti da artrite tarsica flettono larticolazione coinvolta
con un movimento a scatto (arpeggio).
Anche lesame radiografico fondamentale a scopo diagnostico; si eseguono le
proiezioni classiche per valutare gli spazi articolari.

TIBIA
La tibia deve essere osservata da tutte le angolazioni per valutare la presenza
di tumefazioni.
Linfiammazione dei malleoli pu essere la conseguenza di una frattura o
contusione dellosso oppure di uno stiramento del legamento collaterale
mediale.
Una frattura completa si caratterizza per mancato appoggio dellarto,
tumefazione, dolore e crepitio alla palpazione; inoltre larto appare accorciato.

GRASSELLA (art. femorotibiorotulea)


Si osserva lateralmente la grassella per apprezzare una eventuale distensione
della capsula articolare femoro-patellare; in seguito si palpano i 3 legamenti
patellari per rilevare una desmite, il recesso articolare femoro-patellare per
rilevare un versamento o una capsulite. Un eccessivo versamento associato alla
Pagina 138 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

capsulite si ha in casi di lesione al menisco, ai legamenti crociati, per frattura


intrarticolare o artrosi.
Per una eventuale presenza di dislocazione importante palpare la rotula.
La prova di dislocazione della rotula si esegue mantenendo la base della
rotula tra pollice e indice; la rotula viene spinta dorsalmente e lateralmente in
modo da agganciare il legamento patellare mediale sopra al labbro mediale
della troclea. Se la rotula disloca facilmente superiormente e si blocca, si fa
camminare il cavallo. Se la fissazione superiore completa, durante la
deambulazione il cavallo trasciner larto con il ginocchio in estensione (per
incapacit alla flessione). Se il blocco incompleto, si avvertir crepitio e
distensione della capsula articolare.
Test per la valutazione dellintegrit del legamento crociato craniale. Ci si
pone posteriormente al cavallo con le mani a livello dell'estremit prossimale
della tibia ed il ginocchio dietro al calcaneo (punta del garretto); si tira
caudalmente la tibia e la rilascia per valutare la lassit del movimento o il
crepitio craniale o caudale in caso di rottura. Se c rottura del crociato
posteriore, la lassit e il crepitio si avvertono quando la tibia tirata
caudalmente, mentre nella rottura del crociato anteriore avvertiremo uno
scivolamento in direzione craniale.
Unaltra modalit di esecuzione del test prevede che lesaminatore si pone
davanti larto colpito, che deve essere posto in appoggio medante la trazione
Pagina 139 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

della coda lateralmente verso larto da esaminare, e con la mano a livello della
tuberosit

prossimale

della

tibia,

che

viene

spinta

caudalmente

immediatamente rilasciata.
Dopo aver ripetuto la manovra per circa 20-25 volte , si fa trottare il cavallo
per valutare la zoppia .
Prova del legamento collaterale mediale : si esegue ponendo la spalla a livello
della faccia laterale dellarticolazione femoro-tibiale e abducendo la parte
distale ; se c rottura del legamento questa prova risveglia un dolore tale da
far cadere il cavallo sul lato opposto

FEMORE
Si pu palpare larteria femorale. Un polso debole pu essere associato alla
trombosi delliliaca.
La pressione sul grande trocantere se accompagnata da dolore pu indicare
una bursite trocanterica .

ANCA
Si valuta la localizzazione del grande trocantere del femore e la simmetria
delle distanze tra la tuberosit ischiatica e il grande trocantere e tra la
tuberosit sacrale e il grande trocantere. Lasimmetria pu aversi in caso di
lussazione coxofemorale.
Pagina 140 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Se la lussazione craniale la distanza tra tuberosit ischiatica e grande


trocantere maggiore rispetto allarto opposto, mentre quella tra tuberosit
sacrale e grande trocantere sar diminuita; queste modificazioni si associano
ad un apparente accorciamento dellarto evidenziabile dallabbassamento del
cavallo verso il lato colpito; inoltre al passo la grassella e la punta del piede
sono ruotate verso lesterno, mentre il garretto verso linterno.
In caso di rottura del legamento rotondo, al passo si noter che la grassella e
la punta del piede sono ruotati allesterno e il garretto verso linterno.

PELVI
Si procede con lispezione delle tuberosit dellanca e di quelle ischiatiche di
ogni lato; lasimmetria pu far sospettare una frattura di queste strutture. In
caso di frattura della sinfisi pubica si avr la presenza di tumefazione dei
tessuti perivaginali o edema della mucosa vaginale.

SCHIENA
Per saggiare la reattivit dellanimale si fanno scorrere le dita di entrambe le
mani dal garrese alla base della coda ; i soggetti ipersensibili tendono ad
acquattarsi; si procede poi valutando la presenza di atrofia, di tumefazione
muscolare.
Con il palmo delle dita si esercita una pressione sui muscoli dorsali : la risposta
Pagina 141 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

consiste in una ventroflessione della schiena.


E necessario palpare i processi spinosi delle vertebre dorsali per identificare
eventuali infossamenti o protrusioni che possono indicare la presenza di
sublussazioni o fratture.

RISPOSTA AL DONDOLAMENTO
Questa prova serve per valutare una eventuale debolezza degli arti posteriori
indicativa di atassia spinale locomotoria .
Consiste nel tirare il cavallo da un lato allaltro oppure per la coda; i cavalli
normali sono resistenti alla trazione, quelli atassici appaiono deboli e
oppongono scarsa resistenza .

ANESTESIE DIAGNOSTICHE

Nella pratica ippiatrica viene utilizzata lanestesia locale per identificare la


sede del dolore e per oggettivare la sede di origine di una zoppia. Le tecnica
attualmente in uso sono ben codificate.
Lanestesia diagnostica pu essere :
1) Regionale - Blocco nervoso tronculare (infiltrazione perineurale)
2) Locale
a) Sinoviale
b) Articolare

Pagina 142 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

c) Tendinea
Gli anestetici locali agiscono a livello dei tronchi nervosi inibendo la
trasmissione sia afferente che efferente. Essi agiscono, in particolare a livello
dei nodi di Ranvier aumentando la permeabilit di membrana al sodio eed
inibendo,cos la depolarizzazione. Vengono utilizzati la Lidocaina (durata
dazione 1 ora), la Procaina (durata dazione 1 ora e mezza), la Mepivacaina
(meglio tollerata a livello articolare).
Gli anestetici agiscono in maniera completa dopo 10 minuti e la valutazione
della desensibilizzazione si effettua mediante pressione con un dito sulla cute.
Gli anestetici locali agiscono prima sui piccoli tronchi nervosi scarsamente
mielinizzati piuttosto che sui grossi tronchi altamente mielinizzati.
Lanestesia diagnostica pu essere inefficace per varie cause:
1) anatomiche
variazioni anatomiche individuali nella distribuzione dei nervi

2) tecniche
errore anatomico del sito di inoculo
sedazione prima dellinoculo dellanestetico locale
3) insufficiente anestesia
volume di inoculo insufficiente
diluizione (da sangue) o riassorbimento rapido dellanestetico
Pagina 143 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

presenza

di

fibrosi

locale

che

impedisce

la

diffusione

dellanestetico
impiego di anestetico scaduto

4) tipo di zoppia
zoppia meccanica
sedi multiple di dolore
dolore intenso non completamente controllato dallanestesia
Le

complicanze

delle

anestesie

diagnostiche

sono

rappresentate

fondamentalmente dalla sepsi articolare. Questa complicanza costituisce


unevenienza clinica gravissima ed prevenibile mediante il pieno rispetto delle
misure di asepsi (preparazione chirurgica della regione dinoculo mediante
tricotomia, lavaggio e disinfezione della cute).
Lindicazione

dellanestesia

diagnostica

fondamentalmente

linsensibilizzazione selettiva di una parte anatomica affetta da dolore che


sostiene una zoppia (la zoppia scompare dopo lanestesia).
Tra le controindicazioni dellanestesia locale diagnostica vanno considerate
-il sospetto di frattura incompleta (la desensibilizzazione potrebbe
determinare un uso improprio dellarto coinvolto e la trasformazione della
frattura da incompleta a completa o addirittura esposta)
-le infezioni cutanee del sito di inoculo (potrebbero essere veicolari dei
Pagina 144 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

germi in sottocute o, addirittura in articolazione).

La procedra di desensibilizzazione selettiva mediante anestesia tronculare


deve essere eseguita in senso distalo-prossimale partendo dai tronchi nervosi
periferici e portandosi, in maniera centrifuga, mediante inoculi successivi
verso il tronco nervoso principale. Pi chiaramente: si desensibilizzano i nervi
digitali posteriori, si attende 10, si fa muovere il cavallo e si valuta se la
zoppia scomparsa o persiste; nel primo caso la sede della zoppia sar nel
territorio di innervazione dei nn. Digitali posteriori (strutture allinterno della
scatola cornea) nel secondo caso si procede allinoculo per lanestesia dei nervi
digitali comuni e si prosegue cos fino allindividuazione della sede della zoppia.
Il blocco nervoso (tronculare) e di campo vengono usati per localizzare lorigine
del dolore causa di zoppia
Gli altri sono usati per identificare il coinvolgimento di una struttura specifica
.
Dovrebbe essere usata la minore quantit possibile di anestetico ; inoltre
sarebbe opportuno aggiungere degli steroidi in rapporto 1: 10

per ridurre

leffetto irritante.
E necessario tricotomizzare larea e applicare una sostanza antisettica
mediante uso di guanti sterili .
Lanimale deve essere contenuto da un aiutante esperto ed utilizzare un
Pagina 145 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

torcilabbro ; inoltre per le anestesie locali di un arto posteriore utile


fasciare la coda .

PROCEDURA
Generalmente lago viene infisso rapidamente e la siringa viene connessa al
cono dellago; la soluzione anestetica dovrebbe essere inoculata a velocit
moderata , ma se si incontra resistenza opportuno ritentare nuovamente
linoculazione.
Quando si esegue unanestesia intrasinoviale si deve prelevare tanto liquido
sinoviale quanta soluzione anestetica da iniettare .

ANESTESIA PERINEURALE
Viene eseguita dopo che altre manovre non hanno accertato la sede della
lesione o quando si sospettano pi regioni interessate.
E indispensabile la conoscenza della neuroanatomia .
Non sempre la sensibilit cutanea un segno attendibile dellefficacia
dellanestesia perineurale; infatti molto spesso la zoppia e il dolore scompare ,
ma la sensibilit cutanea non del tutto annullata .
Per controllare la sensibilit cutanea consigliabile non usare oggetti
acuminati ma oggetti a punte smusse , evitando cosi reazioni improprie in
cavalli nevrili .
Pagina 146 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

I blocchi cerchianti sono usati per accertare la regione sede di dolore.


Lanestesia perineurale e cerchiante vengono effettuate nella medesima
maniera nellarto anteriore e posteriore , distalmente al carpo e al tarso.

BLOCCO DEI NERVI DIGITALI PALMARI


Il blocco del nervo digitale palmare determina la desensibilizzazione del tratto
palmare del piede ; questo tipo di blocco serve a localizzare lorigine del dolore
che il cavallo percepisce .
Negli equini , il dolore a livello della faccia palmare del piede pu essere dovuto
a varie cause :
-affezioni della parete dello zoccolo e dei tessuti cheratogeni
-affezioni della terza falange
-affezioni della regione podotrocleare
Tra le patologie dello zoccolo rientrano: i difetti della parete (le setole, le
fenditure, i distacchi, le infiammazioni laminari, le contusioni dello zoccolo, le
pododermatiti).
Le zoppie della terza falange che vengono temporaneamente eliminate
dallanestesia digitale palmare possono essere dovute a fratture dei processi
delle cartilagini alari o a una tenopatia inserzionale del flessore profondo delle
dita.
Le affezioni della regione podotrocleare sono: la sinovite interfalangea distale,
Pagina 147 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

la tendinite del flessore superficiale delle falangi, losteopatia navicolare.


Tutte queste patologie sono accomunate dalla presenza di un dolore localizzato
alla faccia caudale dello zoccolo.
I nervi digitali palmari vengono anestetizzati a met circa della regione della
pastoia ; il punto di iniezione corrisponde al solco tra il legamento dello
sperone e i tendini flessori.
Dopo 10 dalliniezione, si controlla la sensibilit cutanea e profonda nella
regione dei bulbi dei talloni con uno strumento smusso.
Con una sonda da piede si controlla se il blocco completo e quindi lassenza di
reazione dellanimale ,condizione che pu far sospettare una malattia
navicolare.

STRUTTURE INSENSIBILIZZATE DAL BLOCCO DEI NERVI


DIGITALI PALMARI
-osso navicolare e la borsa navicolare
-legamenti sesamoidei distali
-porzioni distali dei tendini flessore superficiale e profondo del dito
-cuscinetto digitale
-corium del fettone

Pagina 148 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

-faccia palmare delle giunture interfalangee


-terzo palmare della falange distale

BLOCCO CERCHIANTE DELLA PASTOIA


Se dopo il blocco tronculare digitale palmare il cavallo zoppica ancora , si pu
iniettare dellanestetico lungo tutta la circonferenza della pastoia ottenendo
un blocco di campo.

Il blocco dei nervi digitali palmari alla base delle ossa sesamoidee prossimali
detto BLOCCO SESAMOIDEO ABASSIALE , insensibilizza tutte e tre le
falangi, la giuntura interfalangea prossimale e distale il tendine estensore del
dito, le branche dorsali del legamento sospensore(briglia digitale) .

Qualora non ci sia stata risposta ai blocchi nervosi precedenti , si pu


effettuare un blocco dei nervi palmari e metacarpali palmari (BLOCCO BASSO
IN 4 PUNTI) a livello dellestremit distale delle ossa metacarpali II e IV, i
primi si trovano tra legamento sospensore e tendine flessore profondo del
dito, i secondi scorrono parallelamente e profondamente alle ossa metacarpali.
Questo blocco permette la insensibilizzazione delle strutture profonde della
regione del nodello .
Pagina 149 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Se il cavallo zoppica ancora dopo questo tipo di blocco, il passo successivo


quello di effettuare un BLOCCO ALTO IN 4 PUNTI cio dei due digitali
palmari e dei due metacarpiali palmari, quindi un blocco al di sotto del carpo
che insensibilizza le strutture profonde del metacarpo ad eccezione della
porzione prossimale del legamento sospensore .
La zoppicatura che non scompare dopo i blocchi alti suscita un giustificato
sospetto di alterazioni a carico dellorigine del legamento sospensore o
dellestremit prossimale dei metacarpali rudimentali.
Lanestesia perineurale pi usata per i blocchi a livello del carpo il blocco di
vari nervi: il mediano, sulla faccia caudale del radio; il cutaneo mediale
dellavambraccio prossimalmente e caudalmente alla vena cefalica; il nervo
ulnare, localizzato 10 cm al di sopra dellosso accessorio del carpo.
Anestetizzando il nervo ulnare si ottiene linsensibilizzazione della cute della
faccia laterale dellarto compresa nel tratto subito distalmente al punto di
iniezione ed il nodello
Quindi, lesioni dellosso accessorio del carpo e del legamento sospensore, sono
interessate da questo blocco.
Per quanto riguarda larto posteriore, per le porzioni distali si procede allo
stesso modo come per larto anteriore mentre, per le porzioni prossimali si
procede al blocco del nervo tibiale che si localizza a circa 10 cm al di sopra
della punta del garretto, medialmente, tra tendine di Achille e tendine
Pagina 150 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

flessore profondo. Generalmente insieme al nervo tibiale si bloccano anche i


due nervi peronei (superficiale e profondo) , per una diagnosi di zoppia di
garretto, soprattutto di spavenio osseo.
Liniezione si pratica nel solco tra i ventri muscolari dellestensore laterale del
dito e lestensore lungo del dito.

ANESTESIE INTRASINOVIALI
Le anestesie intrasinoviali vengono effettuate quando si sospetta che le
strutture sinoviali come le capsule articolari, le guaine tendinee e le borse
siano coinvolte nel quadro della zoppia .
Lanestesia intraarticolare viene generalmente impiegata nelle articolazioni al
di sopra dellestremit prossimale del metacarpo e del metatarso;
fondamentale non danneggiare la superficie articolare .

BORSE E GUAINE TENDINEE SOTTOPOSTE AD ANESTESIA


INTRASINOVIALE
ARTO ANTERIORE

ARTO POSTERIORE

-borsa bicipitale

-Borsa trocanterica

-sinoviale della guaina carpica e -borsa cuneana

Pagina 151 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

digitale

-sinoviale della guaina tarsica e

-borsa navicolare

digitale

ARTICOLAZIONI SOTTOPOSTE AD ANESTESIA SINOVIALE

ARTO ANTERIORE:
-Articolazione del carpo: il punto di iniezione si trova nella depressione posta
sia lateralmente che medialmente al tendine estensore radiale del carpo.
-Articolazione

del

gomito:

lartrocentesi

si

effettua

cranialmente

caudalmente al legamento collaterale laterale .


-Articolazione della spalla : il punto di iniezione si trova tra la prominenza
craniale e caudale della tuberosit laterale dellomero .

ARTO POSTERIORE:

-Articolazione del garretto : vi sono 4 compartimenti sinoviali ( cruro-tarsico,


intertarsico prossimale , distale, tarso-metatarsale), ma quello pi ampio
quello CRURO-TARSICO, liniezione si esegue sulla faccia mediale della
giuntura , distalmente e dorsalmente al malleolo mediale della tibia .
-Articolazione della grassella : costituita dalle cavit femoro patellare e
Pagina 152 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

femoro tibiale ; la prima si raggiunge infiggendo lago lateralmente o


medialmente al legamento patellare medio; per la seconda esistono due
compartimenti: laterale, raggiunto inserendo lago caudalmente al legamento
patellare laterale; quello mediale, inserendo lago tra il legamento patellare
mediale e i legamenti collaterali mediali .
-Articolazione coxo-femorale : si inserisce lago a livello dellincisura
trocanterica posta tra la sommit e la convessit del trocantere.

ALTRI

ESAMI

DIAGNOSTICI:

ESAME

RADIOGRAFICO

LA

SCINTIGRAFIA
E molto utile ai fini diagnostici e prognostici effettuare un esame
radiografico; questo ci permette di valutare i limiti tra una neoformazione
ossea e la superficie articolare, oppure se una tumefazione di natura fibrosa
o ossea, la presenza di fratture del carpo e della falange distale .
La scintigrafia una tecnica che misura lemissione di raggi gamma da un
nuclide radioattivo iniettato nellanimale ; consente di ottenere informazioni
sulla vascolarizzazione relativa e sullattivit metabolica di un tessuto .
Risulta utile nello studio di patologie ossee e pu differenziare le varie sedi di
lesioni del piede .

Pagina 153 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ESAME DELL'OCCHIO

Anamnesi

L'esame dell'occhio deve essere sempre preceduto da un esame obiettivo


generale, in quanto molte delle patologie che colpiscono questa struttura sono
secondarie ad affezioni presenti in altre sedi.
Esistono infatti malattie infettive che coinvolgono l'occhio, per cui solo
risalendo alla causa primaria della patologia possibile controllare i suoi
effetti sull'occhio. Ne un esempio la Leishmania, responsabile di "uveiti"
(infiammazioni del tratto anteriore dell'occhio).
Anche per la piastrinopenia indotta da ehrlichia, si riscontrano con una certa
frequenza, soprattutto nei mesi estivi, delle lesioni oculari, come emorragie in
camera anteriore (ifema). Lanamnesi fondamentale per chiarirci il tempo di
comparsa della patologia , linsorgenza, lambiente in cui vive lanimale ,il tipo di
alimentazione.
L'esame dell'occhio, inoltre, importante perch ci permette di valutare
anche lesioni di tipo neurologico (alterazione del riflesso fotomotore,
modificazioni oculari in corso di sindrome di Horner). Limportanza dellimpiego
dellocchio a scopo semiologico per la valutazione di lesioni del sistema nervoso
ha fatto in modo che la neurooftalmologia divenisse una scienza a parte.
Le

patologie

dell'occhio

possono

essere

"monolaterali"

"bilaterali".

Frequentemente quelle monolaterali sono ascrivibili a lesioni di natura


Pagina 154 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

traumatica locale, mentre le bilaterali conseguono a lesioni di carattere


sistemico.
All'esame clinico dell'occhio va valutata anche la presenza di un eventuale
scolo oculare, se presente "diacrorrea" (aumentata produzione di secrezione
lacrimale al punto che questo non viene drenato dai dotti nasolacrimali e
fuoriesce

dalla

fessura

palpebrale) o

il

tipo

di

scolo:

purulento

mucopurulento(congiuntiviti da clamidia, da micoplasmi, da herpes virus felino,


da adenovirus canino tipo 1 , da batteri ) emorragico.
Si tiene conto delle eventuali manifestazioni di dolore oculare legate o
all'aumento di tensione dell'occhio (glaucoma), o alla presenza di fenomeni
flogistici.
Il dolore o la parestesia oculare si manifesta con:
Strofinio della regione perioculare su pareti, sul suolo o con gli arti: con
queste manovre il soggetto cerca di porre fine allo stimolo pruriginoso sulle
palpebre, producendo per, delle lesioni secondarie da autotraumatismo sulle
palpebre, congiuntiva e cornea.
Dolore alla palpazione
Blefarospasmo: spasmo del muscolo orbicolare delle palpebre. Il soggetto si
presenta con occhi socchiusi. Spesso questo si associa a "fotofobia"(dolore da
luce ambientale).
Difficolt all'apertura della mandibola: dovuta alle correlazioni che ci sono tra
Pagina 155 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

l'articolazione temporo-mandibolare, il ramo ventrale della mandibola e le


strutture oculari.
E fondamentale anche la valutazione del visus:
LAMAUROSI la cecit senza coinvolgimento delle strutture oculari, legata
ad affezioni neurologiche (es. affezione a localizzazione corticale); In questi
casi il problema insorge improvvisamente e, allesame clinico, il paziente si
presenta solitamente spaventato e disorientato in quanto viene a mancare uno
dei meccanismi di difesa fondamentale, cio quello di poter percepire per
tempo, attraverso la visione, il pericolo da cui difendersi.

Esame clinico

L'esame clinico deve essere effettuato in un ambiente tranquillo ed


oscurabile. Occorrono degli strumenti particolari tra cui ricordiamo la
"penlight", cio una penna che emette un raggio luminoso concentrato
abbastanza intenso da poter osservare le strutture oculari. Si pu fare a meno
di questa penna quando si utilizza un oftalmoscopio perch questo emette un
raggio di luce sufficiente all'osservazione delle strutture superficiali
dell'occhio.
Il soggetto deve essere contenuto, utilizzando il "bindello" o la museruola,
anche per quei soggetti che si dimostrano apparentemente tranquilli.
Nel ricorrere alla sedazione bisogna sapere quali siano gli effetti che un

Pagina 156 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

determinato farmaco provoca sull'occhio, altrimenti si rischia di confondere


un effetto farmacologico con una la patologia esistente o, addirittura, si
rischia di aggravare la patologia stessa.
La medetomidina pu determinare aumento della PIO, perci se il soggetto in
esame affetto da glaucoma, questo farmaco non va somministrato. Il
tiopentale provoca rotazione ventro mediale del globo; L acepromazina
determina sollevamento della terza palpebra .Nel gatto la chetamina pu
aumentare la pressione oculare .

ESAME DELLE PALPEBRE

Le patologie che si possono osservare a carico delle palpebre sono:


-Entropion:

rovesciamento

verso

l'interno

della

palpebra.

Colpisce

frequentemente il cane, occasionalmente il gatto (frequentemente il persiano).


A seguito del continuo contatto del pelo (del margine esterno della palpebra)
con la cornea, la sclera e la congiuntiva, si determina una congiuntivite
associata o meno a cheratite. E' presente una certa predisposizione di razza
(es. Shar pei) in tal caso viene definito congenito o primario. Quello acquisito o
secondario pu essere spastico, conseguente ad un affezione dolorosa della
cornea, o cicatriziale, da precedente lesione palpebrale. Il trattamento
chirurgico e prevede la rimozione di un frammento lineare di cute molto vicino
alla rima palpebrale (a qualche mm) e nel risuturare i margini con materiali di

Pagina 157 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sutura non assorbibili.


-Ectropion: il rovesciamento verso l'esterno della palpebra a cui si
accompagna il lagoftalmo, cio la formazione di una sorta di spazio tra
palpebra inferiore e cornea in cui si accumula del liquido lacrimale. E'
caratterizzato dalla impossibilit di chiudere l'occhio e da un ammiccamento
non efficiente per la distribuzione del film lacrimale, quindi anche in questo
caso, possono comparire delle lesioni a carico della cornea. L'ectropion pu
essere dovuto non solo alla presenza di un eccesso di cute, ma anche per un
enoftalmo (retrazione del globo) in un soggetto particolarmente denutrito per
riassorbimento del grasso retrobulbare. Anche l ectropion pu essere
congenito (S. BERNARDO , CANI DA CACCIA , COCKER SPANIEL),
cicatriziale quando secondario a traumatismi o paralitico quando originato
da una lesione del nervo facciale .
BLEFAROSPASMO: solitamente legato a dolore. E' una condizione piuttosto
frequente spesso accompagnata da un entropion non funzionale, infatti un
dolore molto intenso agli occhi pu indurre contrazione spastica del muscolo
orbicolare ed introflessione secondaria della palpebra. Tale condizione
determinare un peggioramento della introflessione da entropion anatomico.
EPIFORA: un eccesso di produzione di liquido lacrimale e fuoruscita di
queste dalla fessura palpebrale .Le cause possono essere tante : atresia dei
punti lacrimali , entropion, distichiasi, pieghe nasali.
Pagina 158 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

DISTICHIASI la presenza di ciglia ectopiche sul margine palpebrale,


responsabili della comparsa di congiuntiviti o cheratiti (quindi di diacrorrea
e/o blefarospasmo).

PATOLOGIE DELLA TERZA PALPEBRA


Il PROLASSO DELLA GHIANDOLA DELLA MEMBRANA NITTITANTE
(colpisce il cane giovane, soprattutto il pechinese, il bulldog); la ghiandola
protunde al di sopra del margine libero della terza palpebra, diviene sede di
flogosi e aumenta di volume .
La

PROCIDENZA DELLA MEMBRANA NITTITANTE: leziologia varia

(riduzione della massa oculare, congiuntivite, dolore oculare , cimurro,


tetano,encefalite). E idiopatica nel gatto: in questa specie spesso correlabile
ad unalterazione del sistema simpatico a localizzazione nota (enterite); eltre
volte, invece compare in casi di grave alterazione delle condizioni generale per
malattie gravi o altro. Talvolta per, nel gatto, la protrusione della terza
palpebra non ha correlazione apparente con altre malattie.

ESAME DELLA CONGIUNTIVA

-BULBARE

-PALPEBRALE: si esamina rovesciando la palpebra. E' importante per la


valutazione delle mucose apparenti.

Pagina 159 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esistono delle condizioni patologiche che moltiplicano il numero, la dimensione


e l'orientamento dei vasi congiuntivali. In caso di uveite, di aumento della PIO
o di congiuntivite, questi vasi diventano numerosi, tortuosi e congesti. I segni
clinici della congiuntivite sono: l iperemia, la chemosi, la presenza di follicoli,
il dolore, il prurito, lo scolo oculare .
Quelli di glaucoma sono: lalgia, il buftalmo, la midriasi, la congestione dei vasi
episclerali, la degenerazione corneale. Nelluveite invece abbiamo la miosi,
lintorbidimento della camera anteriore, un eventuale cambiamento di aspetto
o colore delliride.

ESAME DEL GLOBO OCULARE

Nell'esame del globo oculare bisogna valutare:


Orientamento dei globi: i globi sono mantenuti nelle cavit orbitarie in
posizione simmetrica grazie all azione di muscoli (4 retti e 2 obliqui e il
retrattore del bulbo). Lesaminatore posto di fronte all animale deve
considerare se i bulbi oculari sporgono pi della norma dalla cavit orbitale
(esoftalmo) o vi rientrano (enoftalmo). Le cause di esoftalmo sono:tumori
infra-orbitali; cisti parassitarie, ascessi, ematomi, eccitazione del simpatico.
Le cause dell enoftalmo: trauma diretto,

dimagrimento rapido, paresi o

paralisi del simpatico cervicale, tetano.


Simmetria dei movimenti oculari: in caso di glaucoma monolaterale osserviamo

Pagina 160 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

un aumento di volume di un globo rispetto all'altro. Anche un grave trauma pu


determinare un aumento del volume dellocchio in quanto si instaura
rapidamente una chemosi e le palpebre si ripiegano verso linterno.
A volte il globo oculare pu essere espressione di manifestazioni cliniche di
pertinenza neurologica, come il "nistagmo". Il nistagmo caratterizzato da un
oscillazione del globo oculare per contrazione degli elementi muscolari; pu
essere orizzontale, verticale o rotatorio e, inoltre, congenito o acquisito.
Quello acquisito rappresenta un epifenomeno legato ad altre manifestazioni
patologiche, quali sindromi labirintiche, lesioni cerebellari. L'oscillazione segue
un certo ritmo e si compone di una fase rapida e di una lenta. La lenta si
verifica quando l'occhio si sposta, la fase rapida di accomodamento.
Enoftalmo: globo disposto pi in profondit.
Esoftalmo: globo disposto pi in avanti a causa di un aumento di volume del
globo stesso che spinge l'occhio verso l'esterno o di imbibizione del grasso
retrobulbare o, ancora, di neoplasie localizzate in sede retrobulbare.
Lo strabismo consiste in una deviazione del globo oculare che pu avvenire in
tutte

le

direzioni

(superiore,inferiore,laterale,mediale).Ead

eccessiva

distensione o tensione di un muscolo del globo.


Dimensione: nell'esame delle dimensioni del globo oculare possiamo osservare:
-Microftalmia: una condizione congenita ed dovuta ad un ridotto sviluppo
del globo oculare. Se esercitando una pressione sul globo oculare riusciamo ad
Pagina 161 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

evidenziare la terza palpebra, questa si presenter completamente prolassata.


Talvolta locchio pu essere normale oppure presentare delle anomalie
strutturali tali da compromettere la funzione visiva.
-Ftisi bulbare: un'altra condizione di globo oculare piccolo ma dovuta ad una
patologia acquisita. Si osserva frequentemente nei gattini, soprattutto in
quelli che nascono nei mesi freddi dell'anno e in condizioni di randagismo, in cui
si creano delle condizioni di immunosopressione che facilitano l'attacco di
herpes virus che determinano una cheratocongiuntivite. Quest'ultima pu
complicarsi con l'impianto di batteri con conseguente formazione di un ulcera
corneale, che pu essere tanto grave da produrre perforazione della cornea e
fuoriuscita dell'umor acqueo. Oltre alla possibilit di complicanze come una
condizione di panoftalmite, esiste anche la possibilit che alla fuoriuscita
dell'acqueo faccia seguito quella di altre strutture e, quindi, il collasso
subtotale o totale del globo oculare.

ESAME DELLA SCLERA

E quella parte del globo oculare ricoperta da congiuntiva, di colore bianco,


disposta dietro il confine con la cornea, essa presenta una vascolarizzazione
propria .Della sclera si devono valutare:
ALTERAZIONI DI COLORE (liperemia della sclera si verifica in corso di
flogosi;si pu notare anche un ispessimento dellepisclera e algia).

Pagina 162 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

TUMEFAZIONI (i tumori sono estremamente rari)


VASI INIETTATI

La presenza di iniezione vasale va considerata

attentamente nellambito della diagnostica differenziale. Liniezione vasale pu


essere sostenuta da: glaucoma, uveite, episclerite, neoplasia. Bisogna valutare
la regione bulbare dorsale e la corrispondente regione limbale sclerocorneale.
I vasi episclerali sono orientati a 90 rispetto al limbo e la loro congestione
caratteristica di affezioni intraoculari quali uveite e glaucoma, in questi casi i
vasi sono grossi e tortuosi e non attraversano mai il limbo sclerocorneale. In
caso di congiuntivite, invece, i vasi coinvolti sono pi superficiali e rettilinei.
Talvolta i due fenomeni possono coesistere.

ESAME DELLA CORNEA

E la parte trasparente disposta nella zona pi anteriore ed uno dei mezzi


diottrici dellocchio. E un tessuto particolarmente delicato, linnervazione
sensitiva data dal trigemino che la rende molto sensibile alle stimolazioni
esterne; priva di vasi.
In condizioni normali la cornea :

Trasparente;
Con film lacrimale integro ed uniformemente distribuito;
Senza soluzioni di continuo;

Pagina 163 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Liscia;
Sferica;
Riflettente;
Sensibile agli stimoli
L esame della cornea va eseguito in ambiente oscuro, con la luce a fessura e
loftalmoscopio diretto (+20; +40).
Le modificazioni patologiche a carico della cornea possono essere:

Edema corneale: la cornea perde parzialmente la trasparenza e diviene bianca.


Ledema pu essere diffuso o localizzato. Un esempio di edema localizzato
quello che si osserva come condizione perifocale intorno ad unulcera corneale.
Unaltra condizione di alterazione della trasparenza da non confondere con
ledema il leucoma che, invece, una cicatrice corneale, (tessuto cicatriziale
bianco con un colorito pi marcato) Altre cause di edema diffuso sono: il
glaucoma, lepatite infettiva del cane, cheratite posteriore.

Lipidosi o distrofia corneale: la presenza di piccole aree biancastre tendenti


alla confluenza, le quali nei soggetti giovani sono associate a depositi di calcio;
mentre in quelli adulti o anziani sono dovute a precipitazioni di sali di
colesterolo.

Pigmentazione: legata frequentemente a fattori traumatici o infiammatori


cronici. Un esempio la patologia della piega cutanea del naso: i pechinesi,
infatti, presentano una piega cutanea sullangolo nasale dellocchio i cui peli che
Pagina 164 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

determinano una stimolazione cronica della cornea cui segue una pigmentazione
patologica scura. La patogenesi della pigmentazione congenita che si verifica in
razze

come

shitzu,

pechinesi,

carico

della

superficie

corneale

congiuntivale, sconosciuta ma probabilmente secondaria allo stretto


contatto con le palpebre. La pigmentazione a carico della superficie interna
della cornea dovuta a sinechie anteriori, a goniosinechie e a persistenza della
membrana pupillare.

Disepitelizzazione:

la

perdita

parziale

dellepitelio

superficiale,

accompagnata in genere da dolore e blefarospasmo;

Vascolarizzazione corneale: pu conseguire a fenomeni infiammatori focali


come lulcera corneale;

Ulcera corneale: caratterizzata da un infossamento con un alone edematoso


perifocale (biancastro) e con una vascolarizzazione neoformata (vasi sulla
cornea indicano sempre una condizione patologica). Talvolta pu essere
accompagnata da un descemetocele, cio una protrusione della membrana del
Descemet (membrana di rivestimento interno della cornea) verso lesterno,
spinta dalla normale pressione dellumor acqueo.

MICROCORNEA: E un anomalia congenita rara che colpisce alcune razze di


cani (Collie, Barboncino, s. Bernardo, P.australiano). Si parla di microcornea
quando il diametro corneale nel soggetto adulto inferiore a 12 mm;c
microftalmia.
Pagina 165 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

MEGALOCORNEA: E un difetto mai segnalato nel cane ed secondario al


buftalmo congenito.

Cheratiti : Dobbiamo ricordare la cheratite superficiale cronica (Sindrome di


Uberreiter) che colpisce il pastore tedesco ; bilaterale ma non
necessariamente simmetrica; colpisce in genere il quadrante temporale. E
caratterizzata da un invasione dei vasi sanguigni e delle cellule infiammatorie
mononucleate all interno dello stroma corneale anteriore, per cui, la cornea
diverr completamente pigmentata. La cheratite micotica caratterizzata da
placche biancastre nella cornea, mentre quella puntata superficiale data
dalla presenza di ulcere microscopiche, superficiali, e infiltrati epiteliali che
conferiscono un aspetto punteggiato. Nella cheratite erpetica felina c
neovascolarizzazione

superficiale

iniezione

congiuntivale

ulcere

dendritiche.

Camera anteriore

E situata dietro la cornea ed delimitata posteriormente dalliride; contiene


lumor acqueo e normalmente trasparente e permette la visione delliride.
Precipitati, opacit, coaguli di sangue possono essere indicativi di uveite,
(infiammazione delle strutture poste nella camera anteriore). La diagnosi di
uveite importante perch questa patologia molto spesso lespressione
locale di unaffezione sistemica come la Leishmaniosi nel cane o affezioni virali

Pagina 166 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

nel gatto. Luveite si pu manifestare con generico intorpidimento dellumor


acqueo, sempre associato ad uniperemia dei vasi sclerali. Talvolta, per, il
materiale che determina questo intorpidimento tende a formare dei coaguli,
che, per gravit, si depositano nelle parti pi basse (ad esempio grumi di pus
che si depositano nellangolo ventrale dellocchio).
Oltre queste evenienze, anche possibile laccumulo di sangue nella camera
anteriore che detto ifema.
In questi casi la vista non sempre pregiudicata, ma dipende dalla rapidit con
cui sinterviene poich luveite pu essere seguita da altre condizioni
patologiche le quali possono interferire con la vista.
A livello di camera anteriore, inoltre, si possono avere:
Cisti delliride o dei corpi ciliari, caratterizzate da piccole sfere fluttuanti in
camera anteriore o adese al margine della pupilla; Neoplasie delluvea
anteriore: si presentano come aree rilevate, pigmentate o decolorate sulla
superficie delliride
Alterazioni della profondit, cio della distanza tra endotelio corneale e
superficie anteriore delliride: se questa distanza maggiore del normale,
allora si tratta di lussazione posteriore del cristallino; se minore, allora la
lussazione anteriore. Se la lente subisce una dislocazione laterale ,si osserva
una mezzaluna brillante posta tra il perimetro del cristallino e la pupilla.

Pagina 167 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Camera posteriore

E disposta dietro liride, solitamente non ispezionabile, ma se presente una


massa che spinge liride anteriormente, questa sar visibile in camera
posteriore consentendo anche lispezione di questultima.

Pupilla

Il foro pupillare disposto nella porzione centrale delliride e consente il


passaggio della luce. Posteriormente si trova il cristallino, il quale a sua volta
posto davanti al vitreo. Lesame del foro pupillare, delle sue dimensioni e della
sua reattivit alla luce, sono importanti e costituiscono valutazioni importanti
sia per la diagnostica di affezioni oftalmologiche che neurologiche.
In un ambiente semioscuro la pupilla deve reagire mediante costrizione (miosi)
in 2-3 secondi ad un fascio di luce diretto (riflesso diretto); anche locchio
controlaterale deve reagire, ma con qualche secondo di ritardo (riflesso
consensuale). Questi due riflessi si possono realizzare grazie alla presenza di
interconnessioni neuroanatomiche. Limmagine percepita dalla retina dopo
essere passata attraverso i mezzi diottrici (cornea, umor acqueo, cristallino e

vitreo). Dalla retina, limmagine giunge, attraverso il nervo ottico, al chiasma


ottico dove una parte di fibre del nervo ottico si porta nel tratto ottico
omolaterale, mentre laltra parte va verso il tratto ottico controlaterale. Si
determina, in tal modo, la DECUSSAZIONE DELLE FIBRE.
Da qui, poi, limmagine arriva ai corpi genicolati laterali e successivamente,
Pagina 168 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

attraverso le radiazioni ottiche, alla corteccia occipitale dove avviene la


percezione cosciente dellimmagine. Tutto ci che percepito dallangolo
temporale dellocchio sinistro e dallangolo nasale del destro, passa nel lobo
occipitale destro; mentre tutto quello che percepito dallangolo nasale
dellocchio sinistro e dal temporale del destro va al lobo occipitale sinistro.
Questo vuol dire che le immagini percepite da un occhio non passano
completamente nella corteccia omolaterale, ma una parte raggiunge anche
quella controlaterale. Tutto ci fa s che il nucleo delloculomotore di un lato
(nucleo di Hedinger-Westphal che media la miosi)* condizionato dal tratto
ottico che porta con se parte delle fibre dellocchio omolaterale e parte del
controlaterale per cui si ha miosi sia che sia stato stimolato locchio
omolaterale che il contrlaterale. Inoltre, essendoci delle connessioni tra i due
nuclei, quando un occhio stimolato, si ha una risposta sia nellocchio
direttamente stimolato (riflesso diretto) sia in quello controlaterale (riflesso
consensuale).
*Per lanatomia delle vie ottiche fare riferimento allo schema in diapositiva
proiettato al corso
A livello della pupilla si possono verificare fenomeni aderenziali:
-

sinechia posteriore, tra pupilla e cristallino;

sinechia anteriore, tra pupilla e cornea.

Frequentemente nel gatto affetto da ulcera corneale perforante si ha


Pagina 169 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

passaggio dellumore acqueo verso lesterno. Liride, attratto dalla pressione


negativa determinata dallo svuotamento si porta sui margini dellulcera sulla
faccia interna della cornea impedendo la fuoruscita di ulteriore umore acqueo.
Quando questa condizione perdura nel tempo, lulcera cicatrizza, ma liride
rimane adesa alla cornea venendosi cos a creare una sinechia anteriore.
La miosi un sintomo comunemente osservabile in corso di uveite o di
sindrome di Horner; mentre la midriasi pu essere dovuta alla disfunzione
della branca afferente dellarco riflesso, della retina, del nervo ottico, del
cervello, del nervo oculomotore oppure ad un glaucoma.
Lanisocoria una condizione patologica caratterizzata da asimmetria
pupillare. La miosi associata alla procidenza della terza palpebra, ptosi
palpebrale (caduta della palpebra superiore), enoftalmo ed aumento della
temperatura a livello della cute della regione della faccia omolaterale,
prende il nome di Sindrome di Horner, consegue al coinvolgimento del
simpatico omolaterale proveniente dagli primi segmenti toracici e che
attraverso il collo va ad innervare locchio. La perdita dellinnervazione da
parte del simpatico fa s che locchio resti sempre in miosi. E importante
conoscere questa condizione, poich consente lindividuazione di alcune
sindromi neurologiche.
IRIDE: liride normale si presenta di solito pigmentata (nel gatto siamese pu
essere blu, mentre bianca nei cani portatori del gene blu merle. Tra le
Pagina 170 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

anomalie congenite delliride : aniridia, membrana pupillare persistente, cisti


iridea, coloboma, melanosi iridea. Lernia delliride una complicanza dellulcera
corneale e consiste nella procidenza delliride attraverso la membrana di
Descemet. Il prolasso delliride una procidenza delliride attraverso soluzioni
di continuo perforanti della cornea.

Cristallino

Lesame del cristallino si effettua in ambiente oscurato con la lampada a


fessura, poi ripetere lesame in midriasi(somministrare una goccia di
tropicamide allo 0.5%) Del cristallino si devono valutare:
-

Dimensioni: afachia, macrofachia, microfachia;

Posizione: lussazione, sublussazione;

Opacit: sclerosi nucleare, cataratta. Per cataratta si intende

lopacit totale o parziale della lente o della capsula; pu essere nucleare,


perinucleare, centrale, polare anteriore e posteriore. Leziologia pu essere
traumatica, tossica diabetica, degenerativa, congenita, giovanile.

Corpo vitreo

Struttura abbastanza profonda, non semplice da indagare; si trova dietro il


cristallino e per poterlo esaminare si devono attraversare tutti i mezzi
diottrici anteriori. Lesame del corpo vitreo si effettua con la lampada a
fessura e pu presentare diverse condizioni patologiche: arteria ialoidea
Pagina 171 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

persistente (struttura normalmente presente solo nella vita fetale) al centro


del polo posteriore del cristallino, in tal caso si osservano dei filamenti
biancastri; depositi di colesterolo che determinano la presenza di formazioni
cristalline brillanti; opacit legata a varie condizioni patologiche come
essudato, sangue, membrane, vasi, residui tissutali oppure ad uveite
posteriore, distacco di retina, neoplasie intraoculari (gravi). In questultimo
caso non ci si deve fermare alla semplice indagine visiva, ma si deve ricorrere
ad esami pi approfonditi, come lecografia.

Fondo

E la struttura posta pi posteriormente; si esamina con loftalmoscopio


diretto, in midriasi o anche senza midriasi se si somministrano farmaci che
determinano la dilatazione della pupilla, facilitando lesame. Il fondo distinto
in due porzioni: un emisfero superiore dove si trova il tapetum lucidum (area
tappetale), che riflette la luce ; il colore varia da giallo-arancio a verde-blu
(nel gatto il tappeto molto riflettente e pi grande che nel cane); ed una
restante porzione detta tapetum nigrum (area non tappetale), non riflettente
ed intensamente pigmentata (bruna). Negli individui albini o parzialmente
albini, il pigmento ridotto o assente del tutto nellarea non tappatale e
questultima appare rossa perch si evidenziano i vasi della coroide. Negli
animali molto giovani, prima della completa maturazione del tappeto, lintero
fondo dellocchio ha un colore blu porpora scuro.

Pagina 172 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Il disco ottico o papilla ottica si trova in posizione ventro-mediale (verso


langolo nasale); larea dove le fibre del nervo ottico entrano nellocchio. E
rotondeggiante (sia nel cane che nel gatto) oppure ovoidale (nel cavallo); ha una
importanza semiologicamente rilevante poich in caso di edema cerebrale o di
compressione intracranica, si verifica un edema (c.d. edema della papilla).
In questi casi la papilla ottica si presenta pi sollevata rispetto alle strutture
circostanti ed i vasi presentano un percorso tortuoso nel punto di passaggio
tra la retina e la papilla.

Sulla papilla convergono i vasi disposti sul fondo

dellocchio. Si deve valutare, soprattutto, la dimensione dei vasi: esistono


alcune patologie come latrofia retinica progressiva caratterizzata da una
riduzione drastica del volume dei vasi. Sul fondo sono osservabili arteriole
sottili e rosso brillanti e venule spesse e rosso scure: nel cane le venule
possono essere anastomizzate a livello del disco, sopra la papilla; mentre nel
gatto i vasi scompaiono nella papilla gi a livello del margine esterno.
Nei soggetti albini c una modificazione cromatica del fondo dellocchio
relativa alla mancata pigmentazione della retina.
Nel cane presente una correlazione tra il colore del tappeto, quello del
mantello e la pigmentazione delliride:
- manto color fegato, marrone scuro (Weimaraner)

tappeto bruno-

arancio;
- mantello marrone ed iride giallastro

il fondo tappetale appare


Pagina 173 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

parzialmente albino (rosso);


- nel Siberian Husky manca generalmente il tappeto ed il pigmento nellepitelio
pigmentato della retina, ha aspetto uniforme ed omogeneo (subalbino,
tendente al rosso).
Nell'esame del fondo dellocchio dobbiamo tener presente due variabili
fondamentali:
specie
et
All'esecuzione dell'esame clinico, bisogna comprendere se, relativamente
all'et e alla specie del soggetto, la condizione riscontrata normale o
anomala.
Nell'ambito dell'oftalmologia, infatti, esistono delle variabili anche anatomiche
che si modificano con l'et.
Nel cane, per es., il colore del fondo dell'occhio cambia in relazione all'et; a
quattro settimane il fondo avr una colorazione azzurro-grigiastra, dopo
compare una colorazione lilla. Col passare del tempo il fondo tende a schiarirsi
e all'et di dieci settimane, il tappeto diventa di un colore oscillante tra il
verde e il giallo.
Per una pi semplice osservazione conviene instillare qualche goccia di
soluzione midriatica che consente la dilatazione della pupilla.
Nei gatti, poich esiste una capacit funzionale di specie ad una dilatazione
Pagina 174 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

pupillare ampia, lesame abbastanza semplificato;il fondo appare pi uniforme


perch l'area del tappeto lucido pi ampia e il fondo non tappetale pu
essere privo di pigmento soprattutto nel Siamese, nei soggetti con occhi
azzurri e nei soggetti a mantello bianco.
Questa condizione normale nel Siberian husky o nei cani definiti albini o
parzialmente albini, dove il fondo poco pigmentato lascia trasparire i vasi della
coroide per cui pi difficile valutare la colorazione.
Nel gatto le modificazioni dalla nascita alla maturit variano nel primo anno di
vita; i soggetti nascono con gli occhi chiusi, intorno ai 5-10 giorni il fondo
grigio rosato, verso i 14 giorni si comincia ad intravedere la differenza tra la
zona tappetale e la zona non tappatale. A tre settimane il colore comincia ad
essere lilla e, successivamente, compare il tappeto di colore definitivo verdegiallo.
L'esame del fondo oculare ci permette di evidenziare diverse condizioni
patologiche.
Questo esame viene effettuato per affezioni:
neurologiche
oftalmologiche.
Nel primo caso l'esame del fondo viene eseguito per valutare l'edema della
papilla presente in corso di neoplasie cerebrali, di edema cerebrale, cio
quando presente un aumento di tensione intracranica. In questi casi, infatti,
Pagina 175 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

la papilla tende ad essere pi rilevata, possibile percepire tale modificazione


seguendo l'andamento dei vasi che, in quel punto, subiscono delle inflessioni
piuttosto marcate.
Una condizione abbastanza frequente che si verifica in corso di alcune
malattie infettive la "corioretinite", caratterizzata da una raccolta di un
essudato tra coroide e retina che determina il distacco di quest'ultima.
Nella maggior parte dei casi in veterinaria, al contrario di quanto avviene in
umana, il distacco di retina viene diagnosticato quando gi subtotale e,
spesso, irreversibile.
Un'altra condizione che determina cecit, l'atrofia retinica progressiva.
Questa patologia, abbastanza frequente nel barboncino e in altre razze
geneticamente

predisposte,

all'esame

oftalmologico

si

evidenzia

con

l'aumentata capacit di riflessione (iperriflessivit) dell'area tappatale ed una


riduzione di spessore dei vasi retinici.

Pagina 176 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Alcune patologie oftalmiche sono state riunite in gruppi secondo alcune


analogie sintomatologiche ed anatomocliniche:

Occhio rosso.
Si parla di occhio rosso in caso di iperemia dei vasi congiuntivali e quindi in
corso di:
Cheratite, congiuntivite, cheratocongiuntivite
Glaucoma
Uveite
Bisogna effettuare la diagnosi differenziale poich si tratta di tre patologie
che hanno eziologia completamente diversa e che richiedono un approccio
terapeutico specifico e rapido per evitare complicanze gravi fino alla cecit.
In caso di "glaucoma" compare edema corneale, iperemia, aumento della
pressione intraoculare (percepibile palpando col pollice entrambi gli occhi per
comparazione) e midriasi (pupilla dilatata).
In caso di "congiuntivite " o di "cheratocongiuntivite" si osserva iperemia della
congiuntiva e in alcuni casi edema corneale. Non si osserva n miosi n midriasi
ed in genere, nella camera anteriore l'umore acqueo limpido.
In caso di "uveite", invece, si ha una certa tendenza alla miosi, pu comparire
iperemia dei vasi dell'iride (oltre all'iperemia dei vasi della congiuntiva

Pagina 177 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sclerale) e possono esserci intorbidimento dell'umore acqueo e, a volte,


accumulo di materiale purulento in camera anteriore (in genere nelle parti
basse).
L'uveite, frequentemente, secondaria a malattie infettive sistemiche e per
questo va diagnosticata e trattata rapidamente, cos come il glaucoma che pu
determinare buftalmo e perdita della vista.
Ai fini di una corretta diagnosi differenziale tra congiuntivite, uveite e
glaucoma vanno valutati anche lorientamento e la profondit dei vasi.
In corso di iperemia da congiuntivite i vasi si presentano turgidi, tortuosi, di
color rosso brillante, mobili (seguono la congiuntiva con lo spostamento), sono
coinvolti anche i vasi del fornice congiuntivale, la cornea solitamente
risparmiata. Nel caso di iperemia da glaucoma i vasi sono pi profondi, ad
orientamento rettilineo, diretti verso il limbo, interessata la regione limbale
non altre, i vasi si presentano di colore roseo o rosso scuro, la cornea
solitamente coinvolta e presenta edema.

Occhio blu.

Questa condizione, comune a molte malattie, viene definita cos in quanto la


cornea assume un colore bianco-bluastro. Tale colorazione pu essere diffusa
e irregolare, a volte con margini poco netti e distinti, come in caso di glaucoma,
di cheratite (se c' semplicemente infiammazione della cornea, ci pu essere

Pagina 178 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ulcera corneale e c' un alone bianco bluastro perifocale che l'edema


corneale) e in caso di uveite. In quest'ultimo caso possiamo trovarci in
presenza di cheratite posteriore perch la parete posteriore della cornea
direttamente interessata dal processo infiammatorio.
L' occhio blu si pu osservare nel cane in presenza di epatite infettiva.
Quando questa colorazione marcata e ben delimitata, ci troviamo
verosimilmente al cospetto di un leucoma, cio una cicatrice, esito di un'ulcera
o di una ferita corneale, che assume un colore biancastro per cui la cornea in
quel punto perde la sua normale trasparenza. Questa una condizione non
molto preoccupante perch non ha grosse capacit evolutive se non quella della
progressiva regressione e riacquisizione della trasparenza.
Possono determinare colorazioni biancastre anche gli accumuli patologici (Sali
di calcio o di colesterolo). Gli accumuli si presentano come aree biancastre,
disposte in maniera pi o meno diffusa nello stroma corneale, quando sono
presenti su tutta la cornea interferiscono con la normale capacit visiva.
Questi accumuli non rispondono al trattamento farmacologico.

Cecit.

E una condizione comune a molte malattie per cui richiede una diagnosi
differenziale che va fatta tra:
1)Corioretinite e distacco della retina (retina totalmente distaccata

Pagina 179 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dalla coroide sottostante, tranne che intorno alla papilla)


2)Atrofia retinica progressiva
3)Cataratta: opacit del cristallino che impedisce il passaggio della luce.
Quando presente una cataratta va valutato sempre anche il fondo
dell'occhio, perch molto spesso a questa si associa un'atrofia retinica. La
corioretinite

unaffezione

di

tipo

infiammatorio

che

interessa

contemporaneamente la retina e la coroide; pu essere di tipo granulomatoso e


non. La prima associata ad una malattia sistemica o una grave uveite. Si
caratterizza per la presenza di essudato, materiale subretinico, lesioni a bordi
irregolari. Quella non granulomatosa dovuta a reazioni virali, batteriche e
parassitarie.
Il fondo dell'occhio si valuta ricorrendo all'uso di un fascio di luce ristretto
ed intenso per verificare la presenza del riflesso fotomotore. In questo modo
possibile capire se c' funzionalit retinica e se un eventuale intervento di
cataratta restituirebbe la vista al paziente.
4)Uveite
5)Glaucoma
6)Lesione intracranica.
Una lesione diffusa sulla corteccia occipitale (responsabile della percezione in
maniera cosciente dell'immagine visiva) pu determinare uno stato di cecit
senza

coinvolgere

l'integrit

anatomica

delle

strutture

dell'occhio
Pagina 180 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

("amaurosi"). In questi casi si ha conservazione dei riflessi (riflesso pupillare,


diretto e consensuale).

ESAME STRUMENTALE DELLOCCHIO

Complementare allesame diretto; si effettua con loftalmoscopio e permette


di osservare strutture, come la retina, che non sono visibili allosservazione
diretta, a causa del principio della reversibilit delle vie ottiche. Questo
principio afferma che: se illuminiamo locchio, la luce passa attraverso i mezzi
diottrici e giunge alla retina per ritornare poi al punto da cui partita;
essendo questo spazio occupato dalla fonte luminosa, limmagine non riflessa
dove si trova losservatore e di conseguenza con lesame diretto non possibile
guardare il fondo dellocchio (non c allineamento tra fonte luminosa ed occhio
dellosservatore e la luce proveniente dalla retina, la luce pu compiere solo il
cammino che la riporta alla sorgente originaria (vedi disegno diapositiva). Il
principio delloftalmoscopio (Helmotz, 1851) vuole che la sorgente luminosa e
locchio dellosservatore siano sullo stesso asse: losservatore, quindi, guarda
locchio del paziente attraverso un foro posto al centro di uno specchio
concavo, il quale riflette la luce proveniente da una sorgente luminosa situata
di fronte lo specchio. In questo modo come se la luce partisse dal foro,
anche se posta da unaltra parte, e quindi possibile, attraverso il foro,
osservare la retina che riflette i raggi luminosi lungo linee parallele.

Pagina 181 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Questa tecnica si evoluta nel tempo ed oggi lo strumento non pi fatto in


questo modo. Anche se gli oftalmoscopi moderni si basano sul principio di
Helmotz, sono pi piccoli, pi maneggevoli e con una fonte di luce propria. I
moderni oftalmoscopi hanno lenti con diottrie diverse e possono compensare
eventuali deficit visivi dellosservatore, oltre ad essere capaci di mettere a
fuoco strutture a profondit diverse. In questi strumenti la luce origina
dallinterno e, attraverso una lente prismatica, giunge nellocchio, cos che la
luce riflessa dal fondo dellocchio pu essere percepita mettendosi dietro lo
strumento. Nella testa dellapparecchio sono contenute 14 lenti, da interporre
sullasse dosservazione, per correggere i difetti rifrattivi e modificare la
profondit del fuoco nellocchio. Per cambiare lente basta ruotare una rotellina
col dito; in una finestrella compaiono dei numeri, corrispondenti alle diottrie
della lente inserita:
-

in rosso, lenti negative (divergenti, per correggere la miopia);

in nero, lenti positive (convergenti, per correggere lipermetropia).

Limmagine che si osserva dritta, e non invertita, ed ingrandita di 15 volte


(potere di risoluzione 70 micron), perci permette di fare diagnosi, anche
molto precise, sul fondo dellocchio.
Le lenti servono:
-

per correggere un eventuale difetto refrattivo dellosservatore: se

loggetto non risulta bene a fuoco, ruotare il disco delle lenti correttive fino
Pagina 182 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ad ottenere unimmagine nitida. Il numero che appare sullindicatore delle lenti


corrisponde a quello di diottrie prescritte per il difetto visivo;
-

per correggere un eventuale difetto refrattivo del paziente, mettendo

a fuoco la retina durante losservazione da distanza ravvicinata, ruotando il


disco delle lenti correttive.
Lesame si effettua in una stanza buia o scarsamente illuminata, soprattutto
se non si utilizzano colliri midriatici, i quali ampliando il foro pupillare
permettono di osservare meglio il fondo. Con locchio destro si esamina locchio
destro del paziente, mentre con la mano sinistra si divaricano le palpebre,
loftalmoscopio si tiene con la mano corrispondente allocchio in esame e con
lindice

di

questa

mano

si

pu

ruotare

la

rotellina

delle

diottrie.

Loftalmoscopio ha anche una rotella che manda una luce a fessura, utile per
osservare la camera anteriore ed altre strutture meno profonde (cristalloide
per diagnosticare la cataratta capsulare); in questo caso si usa solo come
illuminatore e ci si mette a distanza.
C anche la possibilit di utilizzare una luce blu per meglio evidenziare
leventuale impiego della fluoresceina, la quale serve ad osservare lesioni
corneali come ulcere o disepitelizzazioni.
Per effettuare lesame, losservatore, con loftalmoscopio sullo 0, deve porsi
a circa 60 cm. di distanza e poi avvicinarsi man mano: il fondo visibile da 15 a
2 cm.
Pagina 183 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Una volta evidenziato il fondo a circa 2.5 cm. di distanza, ruotare il disco
verso le lenti negative fino a vedere la zona del fondo adiacente al disco ottico
(o papilla ottica, la quale, invece, si osserva con la lente a 0): corrisponde alle
lenti da 2 a 4 diottrie. Anche per visualizzare i vasi vicino al centro del disco
sinseriscono le lenti negative: massimo una diottria di differenza dalla lente
per visualizzare il fondo.
Per

evidenziare

opacit

alterazioni

dei

mezzi

ottici

(cristallino),

losservatore deve posizionare la lente sullo 0 e porsi a 25 cm. dal paziente;


mentre ad una distanza di 2-3 cm. si localizza il disco ottico, se necessario,
ruotare il disco delle lenti correttive negative per mettere a fuoco il fondo.
Sebbene loftalmoscopio sia utilizzato prevalentemente per osservare il fondo
dellocchio, pu essere usato anche per esaminare altre strutture, ma occorre
utilizzare la lente adeguata per ciascuna struttura:
-

per la retina: -3;

per il vitreo: +5;

per il cristalloide posteriore: +8;

per il cristallino: misure intermedie tra +8 e +12;

per il cristalloide anteriore: +12;

per la camera anteriore: +15;

per la cornea: +20.

Utilizzando questi parametri possibile fare una diagnosi pi precisa, ad


Pagina 184 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

esempio di cataratta; infatti, mentre alcune cataratte sono ben evidenti


perch pi diffuse e coinvolgenti tutto il cristallino, altre riguardano una
semplice opacizzazione della sola cristalloide posteriore (membrana posteriore
del cristallino).

OFTALMOSCOPIO INDIRETTO: costituito da una lente dingrandimento


convessa (10-30 D) posta tra locchio del paziente e quello dellosservatore, il
quale deve stare ad una certa distanza. Il fascio luminoso passa attraverso la
lente dingrandimento e va direttamente nellocchio del paziente. Si crea
unimmagine realistica invertita tra la lente e locchio dellosservatore; con una
lente 20 D si ottiene un ingrandimento 4x-5x che consente di esaminare
unampia area del fondo. Questo tipo d'oftalmoscopio garantisce una maggiore
profondit di campo e permette di evidenziare lesioni del fondo e del vitreo
contemporaneamente, ma fornisce un minor ingrandimento (1/3, 1/4) rispetto
alloftalmoscopio diretto; inoltre indispensabile, in questo caso, il midriatico.
E, quindi, un apparecchio meno sofisticato e che fornisce ingrandimenti meno
vantaggiosi.
Loftalmoscopio indiretto monoculare piccolo e fornisce unimmagine dritta;
pi facile da usare per i principianti e la lente condensatrice allinterno
dello strumento, per cui impegnata una sola mano, poich non necessario
fornire luce dallesterno.
Pagina 185 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Tuttavia non c percezione della profondit, poich losservatore utilizza un


solo occhio.
Oftalmoscopio indiretto binoculare: losservatore utilizza entrambi gli occhi e
quindi pu percepire la profondit; la lente frapposta tra paziente ed
osservatore e la fonte di luce utilizzata si trova sulla testa di chi osserva. Con
una mano si posiziona la testa del paziente alla distanza di un braccio,
divaricando le palpebre; con laltra si posiziona la lente (che non posta
allinterno dello strumento): in tal modo si ottiene unimmagine del fondo
ingrandita da 2 a 4 volte ed invertita.
FONTI DI LUCE
Una semplice penlight (strumento a forma di penna che emette luce
concentrata da una estremit) (soprattutto una con lente focalizzante)
consente di valutare strutture poste fino a livello della camera anteriore
dellocchio, ma non oltre, anche se il fascio di luce forte.
Si pu utilizzare come fonte di luce anche un otoscopio cui si possa attaccare
una lente dingrandimento mobile.
Altra fonte di luce pu essere un transilluminatore di Finoff collocato sul
manico delloftalmoscopio: in un ambiente buio, la luce si posiziona sulla sclera,
subito posteriormente al limbo; in tal modo la luce passa attraverso la sclera
ed evidenzia corpi ciliari, corpi estranei, essudato o tumori.

Pagina 186 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

MAGNIFICAZIONE
Occhiali ingranditori (ingrandimento 2x-4x): utili, ad esempio, per la diagnosi
di distichiasi (presenza di ciglia ectopiche nellocchio).
Microscopio

operatorio: utile per alcuni interventi chirurgici, come il

trattamento delle distichiasi; strumento molto sofisticato.


Lampada a fessura (ingrandimento 10x-40x): strumento specialistico e
sofisticato, un sistema ottico dosservazione con un microscopio binoculare
ad immagine dritta e messa a fuoco micrometrica, ossia con una scala
estremamente sensibile e specifica. Presenta un sistema dilluminazione il cui
fascio passa attraverso una fessura regolabile in altezza ed in larghezza, e dei
dispositivi per variare il colore dei raggi luminosi (filtri) o lintensit. Permette
di osservare fino alla camera anteriore.

Coloranti

vitali: permettono di rilevare alcune lesioni altrimenti non

evidenziabili; infatti, essendo trasparenti, la cornea e la congiuntiva sono


difficili da osservare, perci indispensabile luso di tali coloranti.
1.

Fluoresceina: molto utilizzata, si trova sotto forma di collirio, oppure

come striscette monouso imbevute. Permette di evidenziare le zone in cui la


cornea ha perso strati superficiali e zone di disepitelizzazione corneale. La
fluoresceina si applica sulla superficie corneale ed diluita dalle lacrime ed
eliminata attraverso le vie lacrimali (dotti nasolacrimali). Si fissa nei punti di
Pagina 187 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

disepitelizzazione corneale e persiste per qualche minuto prima di essere


eliminata del tutto. La floresceina pu anche essere utilizzata per valutare se i
dotti nasolacrimali o i punti lacrimali sono ostruiti. Per valutare la perviet si
instillano poche gocce di questo colorante nel sacco congiuntivale e si osserva
la comparsa della fluoresceina a livello del tartufo.
2.

Rosa bengala: si utilizza in soluzione all1%, colora le cellule epiteliali

necrotiche, evidenzia le zone corneali secche. Usato per evidenziare alcune


patologie del gatto come il nigrum corneale (mummificazione corneale).

TAMPONE

COLTURALE: si utilizza per isolare germi responsabili di

congiuntivite e cheratocongiuntivite, e per valutare la loro sensibilit agli


antibiotici. Il prelievo si effettua con un tampone sterile a livello di
congiuntiva palpebrale o di quella della sclera, poi il materiale prelevato si
immette in un terreno colturale per trasportarlo in laboratorio. Il prelievo,
comunque, va fatto sempre dal sacco congiuntivale, e, solo se indispensabile, si
effettua sulla cornea (ad esempio in caso d'ulcera corneale). I prelievi per la
ricerca di miceti sono effettuati mediante scarificazione corneale o cutanea.
Spesso per effettuare questo tipo desami indispensabile sottoporre a
sedazione il paziente, per ridurre la reattivit da dolore, soprattutto in caso
di lesioni corneali, sia per ridurre lo stato dagitazione, che pu risultare
pericoloso per le possibili lesioni iatrogene in corso di manualit .
Pagina 188 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

SCARIFICAZIONE, effettuata per:


-

Esami citologici;

Esami immunocitologici;

Colorazione di Gram.

Si pu fare su un animale sedato, o con lausilio danestetici locali; consente


lidentificazione del numero e del tipo di cellule presenti, in modo da poter
risalire alleziologia e valutare lo stadio del processo infiammatorio in corso.
Per la scarificazione si pu utilizzare la spatola al platino di Kimura.

TEST LACRIMALE DI SCHIRMER: si effettua con striscette sterili di carta


bibula con lestremit ripiegata e che presenta delle tacche dove si pu
leggere la quantit della carta imbibita di secrezione lacrimale. Questo test
un metodo semiquantitativo per misurare la produzione del film lacrimale
precorneale; si deve effettuare prima di altre procedure che possono alterare
le caratteristiche del film lacrimale.
La manovra si compie con il pollice di una mano che estroflette la palpebra
inferiore e con laltra mano che inserisce la carta; poi si richiude lo spazio
precedentemente aperto e si aspettano 60 secondi, prima di rimuovere la
striscia. Successivamente si valuta la lunghezza della porzione inumidita, a
partire dalla tacca. I valori normali:
Pagina 189 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Nel Cane, 13-23 mm.

Nel Gatto, 10-20 mm.

Valori <9 mm. (nel cane) e <6 mm. (nel gatto), sono fortemente indicativi di
positivit per la KCS= cheratocongiuntivite secca. Tale condizione patologica
si caratterizza per una riduzione della secrezione lacrimale, con conseguente
secchezza ed infiammazione della cornea.

CONTROLLO PERVIETA DEL DOTTO LACRIMALE


La perviet dei dotti lacrimali si valuta con:
-

Test del passaggio della floresceina, il quale si fa anche per fare un

confronto tra la perviet dei due punti lacrimali, uno dorsale e laltro ventrale;
punto

Inserimento di una cannula o di un catetere venoso in polietilene nel


lacrimale

che si vuole esaminare, occludendo laltro. In caso

dimpossibilit nella cateterizzazione, si deve fare una dacriocistorinografia;

Lostruzione dei punti lacrimali, spesso, dipende da condizioni meccanoanatomiche e non da infiammazioni; un esempio lentropion angolare in cui
langolo nasale dellocchio, in particolare a livello della palpebra inferiore,
introflesso, ostruendo o determinando stenosi, del punto lacrimale. In tal
modo questo punto risulta in contatto con la cornea e con la congiuntiva e, di
conseguenza, non pi libero.
Pagina 190 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

TONOMETRIA: serve per determinare la PIO (pressione intra-oculare); la


pressione allinterno dellocchio appare come una tensione a livello di sclera e
cornea e tale tensione utilizzata in vari modi per determinare la PIO. Ad
esempio un metodo poco accurato e piuttosto empirico quello della palpazione

digitale del globo: si compie una pressione laterale sui entrambi i bulbi oculari
e se ne valuta per comparazione una differenza di tensione. Quando c un
glaucoma bilaterale, per, mancher un parametro di riferimento della
normalit. Sicuramente il metodo migliore e pi attendibile quello della

tonometria indiretta fatta con il tonometro di Scholtz. Questo strumento ha


un pistoncino che posto a contatto con la cornea e fa muovere una lancetta,
la quale indica il valore della pressione; valori normali:
-

Cane, 14-28 mm Hg;

Gatto, 14-26 mm Hg.

Altri due metodi sono: la tonometria per applanazione e lutilizzo di tonometri


elettronici.

GONIOSCOPIA: esame dellangolo di filtrazione irido-corneale; serve per


identificare la causa del glaucoma. Quando c glaucoma, talvolta, si ha la
chiusura dellangolo irido-corneale, dove avviene il riassorbimento dellumor
acqueo (spazi del Fontana). La chiusura di questo spazio determina uno
Pagina 191 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

squilibrio tra la produzione ed il riassorbimento dellumore acqueo; tale


squilibrio, a sua volta, si ripercuote sulla PIO.
Normalmente la cornea e lumor acqueo si comportano come un prisma; per
questo la luce, riflessa dallangolo irido-corneale, giungendo in questarea (al di
sotto della parte interna della cornea) subisce una riflessione interna totale
(come avviene in un prisma). Questo avviene a causa della differenza tra
lindice di rifrazione della cornea e quello dellaria, ma anche a causa
dellelevato angolo dincidenza dei raggi luminosi da quello di drenaggio.
Applicando una lente (con un indice di rifrazione simile a quello della cornea)
sulla cornea, si modifica questangolo e si favorisce il passaggio della luce verso
lesterno, in modo da poter valutare langolo irido-corneale e fare una corretta
diagnosi di glaucoma ad angolo aperto o ad angolo chiuso.
Per la gonioscopia nel cane possibile utilizzare diversi strumenti come la

lente per gonioscopia (diretta o indiretta) o i biomicroscopi (lampada a


fessura); per i Gatti, invece, poich la camera anteriore molto profonda,
possibile utilizzare un transilluminatore (pen-light) guardando attraverso
locchio dal limbo.

ELETTRORETINOGRAFIA: valuta la funzionalit retinica e, dunque consente


di valutare la percezione dellimmagine da parte della retina. Questa tecnica
consiste nel registrare lattivit elettrica dellocchio quando la retina risponde
Pagina 192 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

ad uno stimolo luminoso: si pone un elettrodo a contatto con la cornea ed un


altro a contatto con la regione frontale, poi si stimola la retina con un flash
luminoso. In tal modo si registrano:
-

Onda a (negativa);

Onda b (positiva) che quella con maggiore significato clinico;

Onda c (positiva);

Onda d (stimolo finale).

Questa tecnica permette di diagnosticare lesioni al nervo ottico.


Altro metodo per valutare la persistenza della capacit visiva della retina in
modo indiretto il controllo del riflesso fotomotore

Pagina 193 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esame dellorecchio
Lesame particolare dellorecchio, costituisce un mezzo fondamentale
per la diagnosi di patologie che interessano tale distretto anatomico.
Tale esame deve pertanto essere condotto in maniera metodica e
sistematica.
Lorecchio esterno costituito dal padiglione auricolare, struttura che
presenta uno scheletro cartilagineo, in pi punti attraversato da fori, che
permettono il passaggio di vasi. Il padiglione auricolare si continua con il
condotto uditivo esterno, rivestito di epitelio stratificato squamoso con
ghiandole sebacee (superficiali) ed apocrine (profonde, nel derma). Il cerume
una mescolanza del secreto di questi tipi di ghiandole. Il condotto uditivo si
compone di una parte verticale che si continua con una parte orizzontale fino
al timpano; questultima struttura separa lorecchio esterno dallorecchio
medio. Il calibro del condotto variabile e la perviet assicurata dalle pareti
osteocartilaginee.
Lispezione si effettua dalle porzioni pi esterne per proseguire con la
parte pi profonda del condotto uditivo e del timpano.
Lesame otoscopico si esegue utilizzando un imbuto che, associato ad una
fonte luminosa, consente di ispezionare la mucosa del condotto, il contenuto ed
infine il timpano. La presenza di essudato o secreto ceruminoso ostacola
Pagina 194 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

lesecuzione dellesame, quindi dobbligo che la pulizia, la detersione del


condotto eventualmente preceduta dalla raccolta di essudato per esami
batteriologici, va eseguita prime delle successive manovre.
Lesame microscopico del cerume o delleventuale essudato fornisce
numerose direttive diagnostico-terapeutiche.
Il temperamento dei nostri animali (carnivori domestici)e lapproccio ad
un condotto infiammato e dolente impone spesso una sedazione profonda o,
meglio ancora, una breve anestesia.
Le patologie dellorecchio esterno possono interessare il padiglione, il
condotto uditivo o entrambe le strutture:
1.

il

padiglione

auricolare

pu

essere

sede

di

tumefazione:

lotoematoma.
Lotoematoma, frequentemente legato ad otiti pruriginose, consiste in
una raccolta ematica che si localizza sulla parte interna del padiglione
auricolare.
2.

In presenza do otiti ricorrenti, ed in particolare in soggetti

affetti da Leishmaniosi si pu osservare un ulcera che interessa il margine


libero del padiglione auricolare (formichella). Nei casi pi gravi la formichella
si caratterizza per lesposizione della cartilagine.
Nei giovani equini, alla base dellorecchio pu essere localizzato un
tragitto fistoloso (fistola congenita) che drena materiale mucoso biancoPagina 195 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

grigiastro. Alla specillazione tale tramite patologico si arresta a livello della


teca ossea dove possono essere infissi uno o pi denti eterotopici.
Neoplasie: possono essere presenti adenomi ed adenocarcinomi delle
ghiandole ceruminose ma frequente il polipo infiammatorio del gatto, di
natura benigna, ma che richiede comunque lasportazione chirurgica a partire
dalla base che prende origine dalla bolla timpanica.
Il condotto uditivo esterno spesso sede di flogosi (otite esterna ) che
si manifestano con produzione di cerume, essudato e prurito. Non
infrequente la presenza di ulcere legate a patologie sistemiche (atopia,
insufficienza renale, leishmaniosi).
Le otiti possono essere sostenute da diversi agenti eziologici e tra
questi, i batteri, sono spesso veicolati da corpi estranei. Soprattutto nei mesi
estivo-autunnali, ed in particolare nei cani che svolgono attivit di caccia, tale
evenienza da considerarsi molto probabile: le ariste di graminacee (Hordeum
murinum) possono penetrare attraverso il condotto uditivo e veicolare cos
germi e miceti. Le ariste hanno la capacit di compiere movimenti attivi che
esitano nella ulteriore penetrazione del corpo estraneo.
Il processo infiammatorio che ne deriva spesso di natura purulenta e
per una corretta terapia, necessario un antibiogramma che indichi il
chemioterapico pi efficace per i germi responsabili dellotite.
La sintomatologia caratterizzata da scuotimento della testa,
Pagina 196 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

deviazione della testa verso lorecchio interessato, guaiti e prurito che pu


esitare nella formazione di un otoematoma nei casi inveterati.
In molti casi le otiti sono sostenute da lieviti ( genere malassezia) o da
batteri ubiquitari che pullulano in virt di una iperproduzione di cerume (otite
ceruminosa).
Lesame macroscopico del cerume pu fornire direttive diagnostiche
importanti il cerume si presenter:
- colore fondo di caff nelle otiti parassitarie,
- umido e marrone nelle infezioni sostenute da lieviti e/o stafilococchi
- purulento/cremoso nelle infezioni perpetuate da batteri Gram
negativi.
- cereo, oleoso con detriti nelle otiti da Malassezia
La presenza di proliferazioni della mucosa sono da correlare con un otite
cronica che, in alcuni casi culmina nella ossificazione del condotto.

Un esame approfondito associato ad un lavaggio auricolare (Flushing),


necessita dellanestesia generale e tale pratica indispensabile per la corretta
visualizzazione del timpano.
importante utilizzare sostanze ceruminolitiche, ma in presenza di
segni di sindrome vestibolare e quindi di sospetta lesione del timpano,
opportuno usare solo soluzione salina sterile tiepida.
Pagina 197 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Attraverso lesame otoscopico si valuta anche la mobilit, lo spessore e


la flessibilit del condotto oltre che la presenza di iperemia, erosioni e ulcere
della mucosa.
Il timpano composto da tre lamine: una cutanea esterna, una fibrosa
intermedia ed una mucosa interna, inoltre possibile distinguere una pars
flaccida in posizione dorsale che si distingue da una pi ampia pars tensa.
La presenza di fori nella membrana timpanica da considerarsi segno di
progressione di un otite che dal condotto uditivo coinvolge lorecchio medio.

Lorecchio medio composto dalla bolla timpanica: una camera che


lateralmente si apre con il timpano, sono poi presenti lo sbocco della tromba di
Eustachio e gli ossicini di trasmissione: staffa, incudine e martello, il cui
manubrio poggia sul timpano.
Altra struttura importante la corda del timpano, branca del facciale,
che pu essere interessata secondariamente da processi infiammatori
primitivi. Il nervo facciale decorre nel canale omonimo dellosso petroso; tale
canale separato dalla bolla timpanica da una sottile parete che pu essere
disgregata dallessudato, esponendo cos il nervo.
Secondo alcuni autori il nervo facciale pu essere interessato da
patologie solo in presenza di coinvolgimento dellorecchio interno.
In prossimit della bolla timpanica, poi, decorrono le fibre post-gangliari
Pagina 198 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

del simpatico, destinate allinnervazione intrinseca dellocchio.


La paralisi del facciale caratterizzata da ptosi palpebrale omolaterale
con lagoftalmo e cheratite secondaria, deviazione del labbro superiore verso il
lato sano, stenosi della narice omolaterale, ptosi della pinna auricolare e del
labbro inferiore.
Il coinvolgimento dellorecchio medio spesso testimoniato anche da
rialzo termico e depressione del sensorio
Tale evento si esprime spesso con una sintomatologia neurologica
(sindrome vestibolare) che, in molti casi, costituisce un elemento che da solo
giustifica lesame approfondito dellorecchio.
Altra frequente complicanza neurologica rappresentata dalla sindrome
vestibolare periferica. Il coinvolgimento del nervo vestibolare si attua in
relazione alla contiguit anatomica con lorecchio medio.
La sindrome vestibolare periferica caratterizzata da movimenti di
maneggio (circling), decubito sul lato interessato, perdita dellequilibrio,
nausea, strabismo (di solito ventrolaterale), coinvolgimento di altre branche
nervose (facciale, simpatico) e nistagmo orizzontale o rotatorio con
componente rapida verso il lato opposto a quello della lesione.
In virt del coinvolgimento secondario delle fibre simpatiche, si pu
osservare la Sindrome di Horner, caratterizzata da miosi, enoftalmo,
procidenza della terza palpebra, ptosi palpebrale e ipertermia cutanea della
Pagina 199 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

regione facciale omolaterale, per vasodilatazione periferica.


Lesame radiologico delle bolle timpaniche pu essere di grande aiuto ed
il confronto della bolla presumibilmente interessata con la controlaterale
consente di identificare modificazioni di forma, volume e densit legate alla
presenza di essudato e spessore delle pareti (cronicit della lesione).
Lotite media pu poi coinvolgere lorecchio interno.
Lorecchio interno costituito dal una serie di strutture canalicolari
ossee

(labirinto

osseo)

nellosso

petroso

che

rivestono

un

labirinto

membranoso. Il labirinto osseo formato dalla coclea, dal vestibolo e dai


canali semicircolari. Nel vestibolo sono contenuti lutricolo ed il sacculo che a
loro volta contengono le macule. Nei canali semicircolari sono presenti le
ampolle con le creste ampollari. Le macule e le creste ampollari sono dei
recettori che afferiscono al nucleo vestibolare le sensazioni legate alla
posizione della testa e del corpo rispetto allambiente circostante.
Nel vestibolo sono presenti dei fluidi, perilinfa ed endolinfa, che
derivano dal drenaggio del liquido cefalorachidiano.
Nel labirinto membranoso, contenuto nella coclea, presente un liquido
contenente gli otoliti che stimolano i recettori che fanno capo al nervo
coclearie trasferendo le sensazioni uditive.
Quando un processo infiammatorio della bolla coinvolge le strutture
dellorecchio interno si pu realizzare una meningoencefalite per migrazione
Pagina 200 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dellessudato nello spazio subaracnoideo.


Lotite interna, in relazione al coinvolgimento della coclea, pu sfociare
in ipoacusia o anacusia.
La valutazione delludito un esame complesso e caratterizzato da ampi
margini di errore. La capacit di reagire a stimoli acustici direttamente
correlata al sensorio dellanimale, quindi la valutazione delludito pi difficile
in animali depressi. Il volger la testa verso la fonte di uno stimolo acustico
improvviso ed intenso, costituisce un buon test che deve essere effettuato
con attenzione, evitando che la reazione sia legata allo spostamento daria, al
contatto con i peli o agli altri sensi.
Una valutazione oggettiva dellacusia si pu effettuare attraverso
lanalisi delle risposte uditive evocate del tronco encefalico (BAER). Tale
esame si esegue provocando dei suoni metallici che, se percepiti dalla coclea,
stimolano unattivit elettrica encefalica che sar registrata mediante degli
elettrodi cutanei.
Questo sistema collegato ad un monitor che permette di registrare
lattivit elettrica ed lunico sistema per diagnosticare un anacusia
unilaterale.

Pagina 201 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esame neurologico (piccoli animali)

Finalit dellesame clinico


Lesame clinico si effettua per valutare i segni, localizzare la lesione e per
individuare le cause. Tutto ci finalizzato alla formulazione della prognosi e
di conseguenza alla pianificazione di un eventuale trattamento.

Definizioni
1.

PLEGIA o PARALISI: impossibilit nel compiere movimenti volontari.

2.

PARESI: debolezza nei movimenti volontari.

3.

PARAPARESI: paresi riguardante il bipede posteriore.

4.

EMIPARESI: paresi riguardante il bipede laterale.

5.

ATASSIA: incoordinazione motoria.

Segnalamento ed anamnesi
Il

segnalamento

lanamnesi

consistono

nella

raccolta

dinformazioni

riguardanti: specie, razza, et, sesso, modalit dinsorgenza, progressione dei


sintomi, risposta ai trattamenti effettuati. Queste informazioni, insieme agli
esami ematologici e del liquido cefalorachidiano (esame LCR), ed a quelli
complementari, come lesame radiologico, permettono dindividuare il tipo di
lesione. Naturalmente si devono tener presenti anche i deficit riscontrati
allesame neurologico, i quali non sono altro che i segni clinici. Questi ultimi
Pagina 202 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

consentono di stabilire la localizzazione e la gravit della lesione, soprattutto


se associati ad un corretto esame radiologico, il quale funge da ponte tra la
raccordo dei dati anamnestici e lesame neurologico vero e proprio. Infatti,
lesame radiologico, consente di ottenere informazioni utili sia per la
localizzazione della lesione che per il tipo di lesione. Tutto questo,
naturalmente, permette di formulare la DIAGNOSI.

In genere, una lesione neurologica pu essere di natura:


Infiammatoria;
Degenerativa;
Neoplastica;
Congenita;
Metabolica.
Lesame clinico di un soggetto con affezioni neurologiche prevede la
valutazione di:

Stato mentale (stato dattenzione);


Locomozione;
Reazioni posturali;
Nervi cranici;
Riflessi spinali;
Tono muscolare;
Pagina 203 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Valutazione della sensibilit.

Lesame neurologico si esegue in due tempi:


1) In stazione, attraverso procedure poco invasive, come la valutazione della
deambulazione, delle reazioni posturali, ecc.
2) In decubito laterale: in questa fase si eseguono quelle procedure che
comportano disagio; viene eseguita alla fine dellesame in quanto lo stato
dansia e la reattivit potrebbero minare la cooperazione per il resto
dellesame.

Esame in stazione
Lo stato mentale ci che si osserva per prima, sia direttamente sia
indirettamente (attraverso lanamnesi); anche definito stato dattenzione o
stato di coscienza e corrisponde alla capacit del soggetto di rispondere in
modo appropriato e proporzionale agli stimoli imposti. E condizionato dalla
correlazione tra il tronco encefalico ed i centri corticali superiori (corteccia
cerebrale). Si considera normale la risposta quando lanimale sveglio ed
attento e reagisce in maniera congrua agli stimoli visivi, uditivi e tattili;
mentre le condizioni abnormi sono classificate come: isteria, depressione,
confusione, delirio o coma. In questultimo caso lo stato mentale indicativo di
lesioni a livello di corteccia cerebrale, ipotalamo o mesencefalo.
Normalmente, infatti, gli stimoli provenienti dal midollo spinale

giungono a
Pagina 204 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

livello della formazione reticolare, disposta nellambito del midollo allungato


(ponte e mesencefalo). Questa formazione, a sua volta, stimola la corteccia
cerebrale, rendendo cosciente la percezione degli stimoli provenienti
dallesterno.
Dopo lo stato mentale, si valuta la simmetria nella postura e la locomozione.
Di solito gli stimoli alla locomozione originano dalla corteccia cerebrale e dal
mesencefalo, il cervelletto, invece, provvede a coordinare i movimenti, mentre
il sistema vestibolare controlla la postura del corpo durante tali movimenti. Il
midollo spinale ha, tra laltro, funzione di conduzione per:
Messaggi motori (dal cervello ai nervi periferici e poi ai muscoli);
Messaggi sensitivi (dalla cute, dai muscoli e dalle articolazioni al cervello),
importanti per unulteriore coordinazione dei movimenti corporei, grazie alla
propriocezione.
Quindi, una normale locomozione, per potersi estrinsecare, necessita
dellintegrit di tutte le strutture nervose, sia quelle disposte nella scatola
cranica, sia nel midollo spinale sia nei nervi periferici. Questi ultimi sono
importanti non solo per trasmettere ai muscoli gli impulsi provenienti
dallencefalo, ma anche perch percepiscono la posizione del corpo nello spazio
e la trasmettono allencefalo, permettendo leventuale correzione dei
movimenti.
Purtroppo, per, lalterazione della deambulazione non d nessunindicazione
Pagina 205 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

riguardo la sede della lesione, perci indispensabile fare ulteriori prove per
individuare se la lesione a carico di un nervo periferico, del midollo spinale,
del cervelletto, del sistema vestibolare, del tronco encefalico o della corteccia
cerebrale. Queste prove consistono nelle reazioni

posturali, le quali

consentono di:
a)Valutare le vie riflesse (inclusa la risposta agli stimoli tattili e pressori ed
allo stiramento dei recettori articolari, muscolari e tendinei) e la presenza
deventuali deficit a carico di queste vie;
b) Valutare i tratti di fibre ascendenti e fibre discendenti del midollo spinale
e del cervello;
c) Individuare sottili deficit asimmetrici, i quali possono sfuggire ad un esame
grossolano della locomozione.
Lalterazione delle reazioni posturali, inoltre, pu essere espressione di:
Lesioni cerebrali e/o mesencefaliche, le quali possono determinare:
andatura normale;
alterazioni delle reazioni posturali, osservate dal lato opposto rispetto alla
sede della lesione (controlaterali).
Lesioni del ponte o del midollo allungato, le quali possono determinare un
deficit dellandatura a reazioni posturali anomale dallo stesso lato della lesione
(ipsilaterali).

Pagina 206 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Prove per la valutazione delle reazioni posturali

Emistazione ed emideambulazione: si sollevano gli arti dello stesso lato ed il


soggetto viene spinto lateralmente; se saltella cercando di mantenere
lequilibrio, lanimale non presenta difetti neurologici a questo livello. In caso
contrario, lanimale non compie i saltelli e perde lequilibrio; in caso
d'emiparesi, invece, si pu osservare una risposta asimmetrica, ossia quando si
effettua questa prova da un lato, il soggetto saltella e mantiene lequilibrio;
mentre dallaltro lato non si hanno saltelli e c perdita della stabilit, quindi il
soggetto tende a cadere dal lato in cui presenta lemiparesi.

Prova del saltellamento: fatta mantenendo il soggetto su un solo arto,


sollevando gli altri tre e spingendolo verso il lato dellarto in appoggio. La
reazione normale quella dadattamento, lanimale compie saltelli per riuscire a
mantenere lequilibrio; in caso contrario il soggetto cade. Naturalmente se si
riscontrata una prova dellemideambulazione alterata a destra, la prova del
saltellamento non potr che essere alterata sullarto anteriore destro e su
quello posteriore destro; quindi questa prova fornisce unulteriore conferma
dellaltra reazione posturale osservata.
Test per la propriocezione:

Per valutare le parti pi alte dellarto: si pone un foglio di carta o cartone


sotto la zampa e si tira. La reazione normale prevede che il piede segua il
foglio fino ad un certo grado dabduzione, poi il piede riportato nella
Pagina 207 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

posizione normale per evitare di perdere lequilibrio. Nella reazione alterata,


invece, il piede scivola insieme al foglio senza essere riportato in posizione
normale ed il soggetto tenda a cadere dal lato del foglio.

Per valutare le parti pi basse dellarto: si pone in appoggio larto sul dorso del
piede. Quando si effettua questa prova, la reazione normale quella di
riportare larto nella giusta posizione in 1-3 secondi, se ci non avviene, oppure
avviene in ritardo la risposta considerata patologica.

Prova della carriola a collo libero: serve per valutare, in generale, eventuali
problemi a carico del midollo spinale cervicale. Si effettua sollevando gli arti
posteriori e spingendo lanimale a camminare; la deambulazione, anche se fatta
a passi corti e incerti, normale. Talvolta, per, questa prova non riesce ad
evidenziare dei deficit lievi, poich la possibilit di vedere dove andare
permette allanimale di compensare eventuali deficit lievi della propriocezione.

Prova della carriola a collo esteso: questa prova permette devidenziare anche i
deficit lievi della propriocezione, poich consiste nella stessa prova
precedente, ma con il collo mantenuto dritto in avanti, impedendo la visione
davanti a se.

Prova del piazzamento visivo: si effettua prendendo il soggetto in braccio ed


avvicinandolo al margine del tavolo; la reazione normale prevede lestensione
degli arti anteriori da parte dellanimale prima che questo arrivi a toccare il
tavolo. Naturalmente in caso contrario, si tratter di unalterazione della
Pagina 208 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

propriocezione. Questa prova permette anche di valutare, qualitativamente e,


solo parzialmente, quantitativamente, un deficit visivo; infatti, se la perdita
della visione non completa lanimale estender gli arti allultimo momento,
quando vedr il tavolo.

Prova del piazzamento tattile: la stessa prova precedente con lunica


differenza che in questo caso gli occhi del paziente devono essere coperti; in
tal modo lestensione degli arti da parte del soggetto avviene solo quando le
zampe dellanimale toccano il margine del tavolo (in caso di reazione normale).

Prova della spinta posturale estensoria: serve per evidenziare lesioni toracolombari; il soggetto calato dallalto solo sulle zampe posteriori e la reazione
normale prevede che lanimale compia 2-3 passetti allindietro subito dopo aver
raggiunto il pavimento, estendendo gli arti.

Valutazione dei nervi cranici.


I nervi cranici prendono attacco, quasi tutti, sul tronco dellencefalo (ad
eccezione dellolfattorio e dellaccessorio spinale) e sono convenzionalmente
numerati dal I al XII.

Valutazione della simmetria della faccia: consiste nel valutare se le fessure


palpebrali sono uguali; i forami pupillari sono delle stesse dimensioni; la lingua
si trova sul piano mediano; le orecchie e le labbra sono simmetriche; ecc

Valutazione dellolfatto: si effettua ad occhi coperti per evitare che la


Pagina 209 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

reazione sia influenzata da uno stimolo ottico; si avvicina un batuffolo di


ovatta imbevuto di formalina (sostanza con un odore pungente e sgradevole) o
alcool. La reazione normale prevede la retrazione della testa da parte del
paziente.

Valutazione della percezione visiva: si effettua facendo cadere un batuffolo di


ovatta ed osservando la reazione del soggetto; un animale normale segue con lo
sguardo loggetto che cade.

Valutazione del riflesso fotomotore: questo riflesso riguarda il nervo


oculomotore (per la componente motoria) ed il nervo ottico (per la componente
sensitiva); se c una risposta normale, i due nervi sono integri. Normalmente,
quando la luce colpisce la retina, il nervo ottico invia linformazione allencefalo
e poi, dal nucleo del parasimpatico associato al nervo oculomotore, parte lo
stimolo per la chiusura della pupilla. In un soggetto normale il riflesso si ha sia
nellocchio fotostimolato (riflesso diretto) sia nel controlaterale (riflesso
consensuale).

Valutazione del trigemino e del facciale: il trigemino si valuta inserendo la


punta di un moschito nel naso del paziente; la reazione normale sar quella di
retrarre la testa.
La componente sensitiva del V paio di nervi cranici insieme al VII paio
(facciale: componente motoria) si pu valutare o strisciando con un moschito la
cute della guancia oppure esercitando una pressione sulla cute del labbro
Pagina 210 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

superiore con una pinza emostatica.


In un soggetto con paralisi del trigemino si ha insensibilit delle aree
sopradescritte ed una evidenziazione notevole dellarcata zigomatica, in
seguito ad amiotrofia intensa dei muscoli massetere e temporale.
E importante ripetere queste prove pi volte, e considerare alterate o sane le
risposte solo in base alla riproducibilit .

Esame in decubito laterale


Valutazione dei riflessi spinali
La valutazione dei riflessi spinali costituisce un elemento estremamente
importante nell'esame neurologico. La conoscenza della neuroanatomia del
riflesso spinale e dei riflessi in generale, alla base di una corretta
interpretazione di una sindrome neurologica.
In generale si pu dire che i riflessi spinali formano l'unit di base di
integrazione e funzionalit del SNC. Quando uno stimolo attraverso le vie della
sensibilit giunge al midollo spinale, il neurone posto nel ganglio della radice
dorsale, contrae un rapporto sinaptico diretto con un motoneurone dislocato
nelle corna ventrali del midollo stesso. Il motoneurone integra l'informazione
ricevuta e con il suo prolungamento neuritico, attraverso una sinapsi
neuromuscolare, attiva la contrazione del muscolo.
L'esame di un riflesso non testa nessun'altra porzione del SNC se non gli
Pagina 211 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

specifici segmenti spinali coinvolti nel riflesso stesso.


Prendiamo in esame un riflesso semplice: il riflesso patellare.
Il motoneurone inferiore che innerva il muscolo quadricipite femorale
disposto nei metameri L4 e L6 del midollo spinale,

nel momento in cui noi

andiamo a stimolare il riflesso patellare non testiamo altro che questo tratto
di midollo spinale.
Se abbiamo un soggetto paraplegico con riflesso patellare normale si deve
ritenere che la lesione, responsabile della paraplegia, non interessa quella
parte del midollo spinale e dei nervi periferici direttamente coinvolti per il
normale estrinsecarsi dello stesso riflesso patellare.
Tutti i riflessi sono per influenzati da centri di controllo superiori, per
questo motivo, se la lesione a monte dei tratti indicati (metameri midollari
L4 e L6), il riflesso patellare sar conservato e, dato il mancato controllo di
tipo inibitorio superiore, sar pi accentuato (iperriflessia da lesione del
motoneurone superiore. Tutto ci viene spiegato dal fatto che l'azione del
motoneurone superiore quella di "inibire" il riflesso stesso. Accade dunque
che, quando il motoneurone superiore normale, anche il riflesso sar normale,
quando alterato ci sar iperriflessia, perch viene a mancare l'inibizione
prossimale.
Per poter elicitare dei riflessi normali e quindi attendibili, l'animale deve
essere tranquillo.
Pagina 212 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

L'attendibilit dei riflessi variabile, per l'arto anteriore valuteremo il


riflesso estensore radiale del carpo e il riflesso flessore.
Per il riflesso estensore radiale del carpo si percuote con un martelletto
gommato il ventre muscolare disposto sulla porzione prossimale anteriore dell'
avambraccio e si ottiene cos l'estensione del carpo.
Dopo aver posizionato il dito, sul ventre del bicipite e del tricipite, si effettua
la percussione per valutare, rispettivamente il riflesso bicipitale (flessione del
gomito) o tricipitale (estensione del gomito).
Per il riflesso flessore dell'arto anteriore si pizzica una falange e si ha come
reazione normale la retrazione dell'arto.
Per l'arto posteriore abbiamo il riflesso dei gemelli della gamba e, pi
importanti e attendibili, il riflesso patellare e il riflesso flessore dell'arto
posteriore.
Quest'ultimo si elicita come quello dell'arto anteriore, si pizzica il dito e il
soggetto, in condizioni normali, retrarr l'arto.
Il riflesso anale o perineale si elicita stimolando con un ago o con una pinzetta
la cute intorno all'ano; la reazione normale sar la contrazione dello sfintere
anale, questo riflesso mediato dal pudendo, a cui corrispondono i metameri
S1-S2 e S3.
Il riflesso patellare, invece, si estrinseca colpendo il tendine tibiorotuleo. I
metameri coinvolti, sia per l'afferenza che per l'efferenza, sono quelli del
Pagina 213 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

nervo femorale, quindi i metameri spinali L4-L6.


Per il riflesso flessore, poich mediato dalla sciatico per l'afferenza e per
l'efferenza, i metameri midollari sono L6-L7 e S1.
E' facile dedurre che, in caso di alterata risposta ad uno di questi riflessi
possibile fare una diagnosi molto precisa di localizzazione.
- Riflesso del pannicolo
Si pinzetta la cute in senso postero-anteriore e si valuta dove compare una
contrazione del muscolo pannicolare del dorso.
Il riflesso mediato da fibre sensitive che, partendo dalla cute, si portano ai
vari metameri del midollo spinale. La componente motoria, invece, richiede
l'integrit del nervo che emerge tra T1 e T2.

Funzioni viscerali
Si valuta la defecazione.
La sopradistensione del retto stimola la componente sensitiva dei nervi pelvici
(parasimpatico), che emergono dai segmenti vertebrali sacrali. Attraverso
queste fibre sensitive lo stimolo nervoso giunge attraverso il midollo fino
allencefalo, provocando la contrazione della muscolatura liscia del retto

quindi il suo svuotamento.


In caso di interruzione dell'innervazione sacrale, lo svuotamento si verifica
comunque (indotto dall'innervazione intrinseca della parte intestinale) ma non
Pagina 214 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

condizionato dai centri superiori e, quindi, non consapevolmente determinato.


In genere nelle lesioni del midollo spinale cervicale, cervico-toracico, toracolombare, si ha perdita del controllo cosciente della defecazione, mentre
conservato il riflesso dello sfintere anale.
Quando invece la lesione riguarda il midollo spinale lombo-sacrale, avviene la
perdita di entrambi.
Nel controllo della minzione importante l'esistenza dell'integrit del muscolo
detrusore che determina la contrazione della vescica e dello sfintere vescicale
esterno.
Quest'ultimo a sua volta determina la dilatazione delladito alluretra o il
restringimento, e quindi il controllo del flusso di urina.
Gli impulsi sensitivi (parasimpatico) partono dalla vescica, mediati dalla
sopradistensione, viaggiano lungo il midollo spinale, arrivano al tronco
dell'encefalo e poi alla corteccia cerebrale dove c' la percezione cosciente
dello stato di riempimento della vescica.
Dalla corteccia, cos stimolata, originano degli impulsi motori; alcuni di questi
viaggiano nei nervi pelvici (parasimpatico) e determinano
detrusore della vescica, altri

la costrizione del

viaggiano nel nervo pudendo e provocano il

rilasciamento dello sfintere vescicale.


Se presente una lesione a livello toraco-lombare (T3-L3 nei piccoli animali),
non si ha la percezione dello stato di riempimento della vescica n lo
Pagina 215 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

svuotamento cosciente per, siccome lo sfintere resta contratto, a causa


dellinteressamento del motoneurone superiore, la vescica prima di svuotarsi
deve raggiungere un grado di distensione notevole.
Quando invece il problema riguarda il tratto lombo-sacrale e quindi
interessato il nervo pudendo, perdendo quest'ultimo la funzionalit, lo sfintere
sar permanentemente rilasciato quindi, man mano che passa urina in vescica,
questa viene espulsa.
In realt entrambi i casi sono caratterizzati dal mancato controllo dello
sfintere; nel primo caso presente una sopradistensione della vescica, mentre
nel secondo vi una continua perdita di urina.

Tono muscolare
Il tono muscolare viene mantenuto dai muscoli striati e dalle loro connessioni
midollari. I tratti corticospinali e i tratti rubrospinali esercitano una funzione
inibitoria sul tono muscolare, mentre i tratti vestibulospinali hanno azione
opposta di facilitazione del tono.
Esso pu

essere facilmente testato con il soggetto in decubito laterate

facendo dei movimenti di flesso-estensione delle articolazioni degli arti


(manipolazione passiva).
Quando questo movimento si verifica con grande facilit, il tono muscolare
scarso; il tono conservato quando si oppone una resistenza non di tipo
Pagina 216 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

volontario ma naturale ai movimenti e quando alla palpazione si individua un


certo tono della muscolatura, mentre se il muscolo flaccido il tono andato
perduto.

Esame della sensibilit


L'esame neurologico consente di localizzare la lesione, stabilire quanto questa
sia grave e di formulare una prognosi.
Esistono una sensibilit tattile, una sensibilit termica, una sensibilit al
dolore etc. Negli animali domestici viene valutata in particolare la sensibilit al
dolore, perch le altre sensazioni sono difficili da oggettivare e quantificare.
Le vie di trasmissione del dolore partono da fibre mieliniche o scarsamente
mie linizzate dei nervi periferici e, attraverso i tratti spinotalamici laterali
posti nel funicolo laterale del midollo spinale (vie lunghe ascendenti),
conducono lo stimolo lungo il midollo spinale fino ad attraversare il tronco
encefalico. Di qui si congiungono al lemnisco mediale e terminano sul talamo
proiettandosi sulla corteccia cerebrale somatosensitiva, dove viene percepito
coscientemente il dolore. chiaro, dunque, che per essere conservata la
percezione del dolore, devono essere integre tutte queste vie. Nel momento in
cui presente una lesione, in qualsiasi punto essa si verifichi, viene perduta, in
maniera pi o meno grave, la capacit di percepire il dolore.
Quest'ultima viene valutata mediante la percezione del dolore superficiale
Pagina 217 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

pizzicando con una piccola pinza emostatica la cute e facendo attenzione alla
reazione del soggetto.
Successivamente si valuta la percezione del dolore profondo attraverso il
clampaggio o della base di un cuscinetto digitale o di una falange.
Questa seconda prova, ovviamente, va fatta se con la prima non vi stata
alcuna risposta poich, se conservato il dolore superficiale, sar conservato
sicuramente anche quello profondo.
La percezione del dolore profondo l'ultima funzione ad andare perduta, in
seguito ad un danno midollare, perch mediata dalle vie spinotalamiche che
sono fibre molto sottili e quindi pi difficilmente comprimibili, sono meno

mielinizzate ed hanno quindi meno esigenze metaboliche. Se c' ischemia da


compressione le vie spinotalamiche sono le ultime a risentirne e, essendo le pi

profonde, se la compressione lieve, non vengono coinvolte.


La scomparsa del dolore profondo costituisce, quindi, un elemento prognostico
negativo:
- infausto o estremamente riservato se la percezione del dolore profondo
perduta da pi di 48 ore;
- se perduta da meno di 18 e si rimuove la compressione c' una possibilit di
guarigione del 40-50%
- se perduta da oltre 18 ore la possibilit di guarigione scende al di sotto del
25%.
Pagina 218 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Nei cani i centri della deambulazione, sono presenti oltre che a livello
cerebrale anche a livello spinale(spinal walkers); soggetti che hanno perso la
capacit di percepire il dolore profondo, dunque, a volte possono riacquistare,
anche se in maniera non coordinata, una discreta capacit a camminare.
Questa situazione, per, si verifica molto raramente, un'eccezione e non la
regola.

Dov' la lesione?
Segmentazione funzionale
Poich necessario individuare la sede della lesione in maniera abbastanza
precisa, si diviso il sistema nervoso in parti anatomiche per analogia
funzionale. Per quanto riguarda il midollo spinale la segmentazione prevede la
distinzione in 4 parti:
tratto lombo-sacrale che va da L4 a S3,
tratto toraco-lombare che va da T3 a L3,
tratto cervico-toracico che va da C6 a T2
tratto cervicale anteriore che va da C1 a C5.
Nel tratto cervico-toracico e lombo-sacrale c' l'emergenza rispettivamente
del plesso brachiale e del plesso lombo-sacrale.
Il riflesso, testa solo il tratto di midollo spinale interessato, quindi, poich il
plesso lombo-sacrale innerva gli arti posteriori e quello brachiale gli arti
anteriori, quando si valuta il riflesso agli arti si valutano rispettivamente i due
Pagina 219 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

plessi.
-Se interessato dalla lesione il tratto lombo-sacrale si avr una
ipo/ariflessia degli arti posteriori.
-Se interessata la zona cervico-toracica si avr ipo/ariflessia degli arti
anteriori.
-Se la lesione nel tratto toraco-lombare si avr un' iperriflessia degli arti
posteriori
-Se la lesione interessa la zona cervicale anteriore si avr un'iperriflessia
degli arti posteriori e degli arti anteriori.

Sindrome neuropatica
In relazione alle aree colpite la sintomatologia sar diversa.
In presenza di una sindrome neuropatica, conseguente ad una lesione del
sistema nervoso periferico, si distinguono:
-

Una neuropatia periferica motoria;

Una neuropatia periferica sensoriale;

Una neuropatia periferica autonoma;

La neuropatia periferica pu essere focale o diffusa; un esempio di neuropatia


periferica focale la paralisi del nervo radiale, che pu presentarsi come
complicanza, in tutte le specie animali, della frattura di omero. Il nervo radiale
passa sul braccio nella porzione distale e si porta dalla parte mediale a quella
Pagina 220 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

laterale girando anteriormente in senso prossimo-distale.


La paralisi, pu essere temporanea, quando c' un interessamento solo
funzionale

del

nervo

(neuroprassia)

pu

diventare

una

condizione

difficilmente reversibile, quando c' una assonotmesi (lesione delle fibre con
guaina integra) o irreversibile neuronotmesi (lesione delle fibre e della guaina).
Tale neuropatia sia motoria che sensoriale, in quanto, nel nervo radiale sono
presenti entrambi le componenti.
Un'altra affezione neurologica periferica la miastenia gravis; questa
dovuta ad un problema della placca neuromuscolare, colpita la giunzione
neuroeffettorile, una neuropatia quasi esclusivamente motoria.
La "poliradicoloneurite" o paralisi da morso del procione; in realt stato
evidenziato che la paralisi non strettamente legata al morso di
quest'animale, ma probabilmente una situazione di origine autoimmune,
scatenata anche dalla saliva del procione. Questa neuropatia colpisce le radici
dei nervi nel punto in cui emergono dal midollo spinale ed una neuropatia
esclusivamente motoria.
Sintomi delle neuropatie motoria, sensoriale e autonoma.
La neuropatia motoria colpendo il motoneurone inferiore o le sue componenti,
determina:
paresi/paralisi flaccida delle strutture innervate, cio una paralisi con perdita
del tono muscolare; atrofia muscolare neurogena (l'atrofia muscolare indotta
Pagina 221 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dal motoneurone inferiore a rapida evoluzione, grave ed intensa); iporiflessia


o ariflessia, perch essendo interessato il motoneurone inferiore non pu
essere chiuso l'arco riflesso; fascicolazione muscolare.
In presenza di neuropatia sensoriale abbiamo:
ipoalgesia; deficit della propriocezione; parestesie: sensazioni anomale che
accompagnano le neuropatie periferiche (prurito, formicolio) e che portano il
soggetto

lambirsi

insistentemente

fino,

talvolta,

ad

automutilarsi;

ipo/ariflessia senza atrofia neurogena;


Le neuropatie autonome che interessano il sistema nervoso vegetativo sono
accompagnate da: anisocoria o midriasi; ridotta secrezione lacrimale; ridotta
salivazione; bradicardia.

Sindromi spinali
Sono quattro:
a) Sindrome lombo-sacrale, tratto di midollo spinale dal quale origina il plesso
lombo-sacrale;
b) Sindrome toraco-lombare, tratto compreso tra la porzione dove origina il
plesso brachiale e la porzione dove origina il plesso toraco-lombare;
c) Sindrome cervico-toracoica, tratto dal quale origina il plesso brachiale;
d)Sindrome cervicale anteriore, tratto disposto tra il midollo allungato e il
tratto dove origina il plesso brachiale;
Pagina 222 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Queste aree si distinguono per analogie funzionali, in quanto nel momento in


cui colpito il tratto lombo-sacrale avremo una sindrome da motoneurone
inferiore agli arti posteriori; se colpito il tratto toracolombare avremo una
sindrome da motoneurone superiore agli arti posteriori; se colpito il midollo
cervico-toracico avremo una sindrome da motoneurone inferiore agli arti
anteriori e da motoneurone superiore agli arti posteriori e, se colpito il
midollo cervicale, avremo una sindrome da motoneurone superiore sia agli arti
anteriori che posteriori.

Quando colpito il midollo lombo-sacrale avremo:


Paresi o paralisi flaccida degli arti posteriori;
Ipo/ariflessia degli arti posteriori;
Atrofia dei muscoli degli arti posteriori (rapida, intensa e grave)
Deficit delle reazioni postrurali agli arti posteriori
Paralisi flaccida dello sfintere anale;
Incontinenza urinaria e fecale;

La sindrome toraco-lombare la pi frequente e si presenta con:


Paresi o paralisi spastica agli arti posteriori;
Iper/normoriflessia degli arti posteriori (per es. il soggetto risponde in
maniera pi intensa e pi pronta rispetto ad un soggetto normale stimolando il
Pagina 223 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

riflesso patellare); Amiotrofia degli arti posteriori


Deficit delle reazioni posturali ai posteriori
Depressione del riflesso pannicolare;
Iperestesia a livello della lesione;
Ipo/anestesia posteriormente alla lesione;
Ritenzione fecale;
Incompetenza urinaria non caratterizzata, come per la sindrome lombosacrale, da produzione ed eliminazione di urina, ma da accumulo di una grande
quantit di urina. Laccumulo dovuto allaumento del tono dello sfintere
vescicale esterno, per cui la vescica si svuota solo quando ha raggiunto un
livello di notevole distensione;
Postura di Shiff-Sherrington, si osserva soprattutto per lesioni traumatiche
ed caratterizzata da incremento del tono degli estensori degli arti anteriori.
I soggetti presentano paralisi agli arti posteriori, che sono in semiflessione e
iperestensione agli arti anteriori. Tale condizione perdura per 24-72 ore.
Questa iperestensione agli arti anteriori, che non sono direttamente
interessati da un problema di paresi o paralisi, dovuta alla presenza, a livello
lombosacrale, di neuroni con funzione inibitoria circa lestensione degli arti
anteriori. In caso di lesione toracolombare (che coinvolge le fibre ascendenti
che originano da tali neuroni), mancando l'inibizione, gli arti anteriori vanno
incontro ad iperestensione. Il problema comunque limitato nel tempo, si
Pagina 224 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

osserva soprattutto nelle forme acute ed l'unica situazione in cui una lesione
posteriormente agli arti anteriori pu determinare un interessamento degli
arti anteriori stessi. In genere, infatti, le lesioni neurologiche determinano
perdita della funzione posteriormente alla sede della lesione;

Nella sindrome cervico-toracica avremo:


Paresi o paralisi flaccida agli arti anteriori con ipo/ariflessia associata ad
amiotrofia

degli arti anteriori e normo/iperriflessia degli arti posteriori

senza amiotrofia. Questi ultimi saranno anche paralizzati, ma non sar una
paralisi flaccida ma con aumento del tono muscolare;
Iperestesia a livello della lesione;
Ipo/anestesia posteriormente ala lesione;
Depressione del riflesso panni colare;
Incontinenza urinaria;
Ritenzione fecale;
Sindrome di Horner, che si esprime con manifestazioni prevalentemente
oftalmiche, legata al coinvolgimento del simpatico che innerva l'occhio che
origina nel punto dove presente la lesione neurologica;

Anche il tratto cervicale anteriore frequentemente interessato da sindromi


neurologiche, in particolare osserveremo:
Pagina 225 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Paresi/paralisi spastica ai quattro arti o a due arti dello stesso lato;


Normo/iperriflessia ai quattro arti;
Deficit delle reazioni posturali ai quattro arti o a due arti dello stesso lato;
Spasmo, dolore rigidit dei mm. cervicali;
Ritenzione fecale;
Incontinenza urinaria;
Difficolt respiratoria per interessamento dell'innervazione dei muscoli
intercostali;
Sindrome di Horner;

Ricapitolando: il midollo spinale divisibile in quattro aree di cui la cervicale


anteriore va da C1 a C5, la cervico-toracica da C6 a T2, la toraco-lombare da
T3 a L3, la lombo-sacrale da L4 a S3.
Se interessata l'area cervicale anteriore si verifica una lesione da
motoneurone superiore sia all'arto anteriore sia all'arto posteriore, in quanto
non sono coinvolti n i nuclei n i nervi che originano da questa sede.
Per metameri spinali si intendono i metameri del midollo spinale e non quelli
della colonna vertebrale, in quanto, durante lo sviluppo, la colonna vertebrale si
accresce maggiormente rispetto al sistema nervoso, per cui, per poter
individuare una lesione, bisogna far riferimento esclusivamente al metamero
midollare che non sempre combacia col quello vertebrale.
Pagina 226 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

In linee generali il midollo spinale termina a met corpo di L6 ma esistono delle


piccole differenze nei vari soggetti. Nei cani di piccola taglia, infatti, esso
termina pi posteriormente rispetto ai cani di grossa taglia.

Quant' grave la lesione spinale?


E riportato che la lesione da motoneurone inferiore, caratterizzata da
ariflessia, sia pi grave della lesione da motoneurone superiore, quando cio i
riflessi sono intatti. Studi pi recenti, per, hanno smentito in parte questa
tesi.
Molto pi seria attendibile l'informazione che riguarda la conservazione
della percezione del dolore profondo.
Se applicando una pinza emostatica o sulla base dell'unghia o su una falange il
soggetto non risponde o risponde semplicemente retraendo l'arto senza
emettere gemiti, allora vuol dire che la sensibilit profonda persa, quindi la
lesione deve essere trattata il pi presto possibile.
Quando invece la sensibilit profonda conservata, la lesione pu essere
trattata con meno urgenza (ma comunque nel giro di pochissimi giorni).
In caso di lesione toracolombare, occorre evidenziare come lincremento di
gravit della lesione sia accompagnata dalla comparsa dei seguenti sintomi
elencati in ordine di gravit:
Iperestesia;
Pagina 227 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Atassia, deficit della propriocezione, paraparesi;


Paraplegia;
Paraplegia con disturbi della minzione;
Paraplegia con disturbi della minzione e perdita della sensibilit profonda;
Questa la scala con cui si manifestano le lesioni ingravescenti . La stessa
scala va considerata in maniera inversa in corso di guarigione.

Sindromi cerebrali
Sindrome pontomidollare
La sindrome pontomidollare una condizione molto grave, che spesso mette in
pericolo la vita. E' frequentemente legata a fenomeni traumatici, perch in
genere un trauma accompagnato da edema cerebrale; il cervello, per,
contenuto in una scatola inestensibile tender ad espandersi (soprattutto la
corteccia) sotto il tentorio del cervelletto (lamina ossea che separa gli
emisferi dal cervelletto). Questo passaggio esiter in una compressione sia del
cervelletto che del midollo allungato.
Inoltre durante un trauma cranico, si osservano delle microemerragie a livello
del ponte. L'emorragia intracranica, comunque, pur essendo un evento possibile
nel cane a differenza dell'uomo, piuttosto rara.
Tra i sintomi possiamo osservare:
Deficit dei nervi cranici: riduzione sensibilit facciale V, iporiflessia
palpebrale V VII, paralisi facciale VII, nistagmo e/o rotazione testa VIII,
Pagina 228 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

paralisi laringe/faringe IX X, paralisi linguaXII;


Respiro irregolare;
Alterazione delle reazioni posturali;
Depressione del sensorio;
Tetraparesi/plegia o paresi/plegia in due arti dello stesso lato della lesione;
Normo/iporiflessia ai quattro arti.

Sindrome vestibolare
E' una sindrome che si osserva molto frequentemente. Esaminando il soggetto,
piuttosto difficile stabilire se tale sindrome centrale o periferica.
Sia nelle forme centrali che in quelle periferiche possono osservarsi i
seguenti segni clinici: perdita dellequilibrio, rotazione della testa, movimenti
di maneggio, nistagmo (movimento ritmico e oscillatorio dell'occhio, costituito
da una fase rapida, di accomodamento, e da una fase lenta) orizzontale e
rotatorio; strabismo ventrolaterale, deficit del nervo facciale. Solo nella
sindrome vestibolare centrale, invece possibile riscontrare deficit del V e
del VI nervo cranico, segni di interessamento cerebellare, depressione del
sensorio, emiparesi con deficit delle reazioni posturali ipsilaterali, nistagmo
posizionale e verticale.
La Sindrome di Horner pu ritrovarsi in alcuni casi di sindrome vestibolare
periferica, non si osserva, invece, nelle forme centrali.

Pagina 229 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Sindrome mesencefalica
I segni clinici che caratterizzano le lesioni localizzate a livello mesencefalico
sono:
Paresi/paralisi spastica dei quattro arti o dei due arti contro laterali alla sede
della lesione ( per via dellavvenuta decussazione delle fibre nervose);
Iporiflessia;
Deficit delle reazioni posturali sugli arti contro laterali alla sede di lesione;
Depressione mentale/coma;
Iperventilazione;
Deficit

del

III

nervo

cranico

ipsilaterale

che

comporta

strabismo

ventrolaterale, midriasi con visione normale, ptosi palpebrale.;


Talvolta si pu osservare miosi bilaterale e , nel gatto, tendenza a comprimere
la testa contro ostacoli fissi.

Sindrome ipotalamica
Le lesioni ipotalamiche, generalmente, non si accompagnano a disturbi
dellandatura , ma pi spesso provocano:
Alterazione dello stato mentale (disorientamento, letargia, coma);
Modificazioni del comportamento( aggressivit, ipereccitabilite);
Alterazione del movimento/postura ( circolo, pressione della testa contro gli
angoli, tremore, nascondersi),
Pagina 230 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Anomalie della termoregolazione;


Anomalie dellalimentazione;
Disturbi endocrini : diabete mellito o diabete insipido, iperadrenocorticismo,
acromegalia;
Convulsioni

Sindrome cerebellare
E' abbastanza caratteristica e contrassegnata da:
Ipermetria: andatura con passo d'oca, cio sollevamento dell'arto molto pi di
quanto sia necessario, con violenta messa a terra dell'arto;
Oscillazione del tronco;
Tremore intenzionale: si osserva soprattutto quando il soggetto inizia ad
effettuare un movimento;
Stazione con larga base di appoggio,
Ritardo delle reazioni posturali;
Deficit della reazione di minaccia (ipsilaterale),
Anisocoria ( dilatazione della pupilla controaterale),
Talvolta opistotono e segni vestibolari.
Conoscendo tale sindrome possiamo diagnosticare una patologia frequentissima
nel gatto, l' ipoplasia cerebellare perinatale da parvovirosi congenita.
Il parvovirus un virus in grado di attaccare soprattutto le cellule in attiva
fase di moltiplicazione, infatti attacca spesso le cellule della mucosa
Pagina 231 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

intestinale.
Quando la madre contrae la parvovirosi durante la gravidanza, possono nascere
dei cuccioli affetti da ipoplasia cerebellare perch il virus si moltiplica nel
cervelletto e ne impedisce la formazione. Questi soggetti sono notevolmente
atassici e goffi nel compiere i movimenti, ma, riescono comunque a crescere, a
svilupparsi ed a condurre una vita di durata normale.

Sindrome corticale
E'

caratterizzata

da

coinvolgimento

della

corteccia.

sintomi

sono

rappresentati soprattutto da:


Normale andatura;
Alterazione dello stato mentale ( disorientamento, letargia, coma);
Modificazioni del comportamento (aggressivit, ipereccitabilit, incapacit a
riconoscere il proprietario);
alterazioni del movimento e della postura (maneggio, compressione della teste
negli angoli, tremore, vagare senza meta, nascondersi);
Anomalie della vista;
Convulsioni;
Occasionalmente papilledema;
Occasionalmente respiro irregolare, modificazioni comportamentali, perdita
delle abitudini acquisite, perdita della visone e, pi raramente, problemi
Pagina 232 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dell'andatura. Nelle fasi acute l'animale spinge la testa contro le pareti.

Dov' la lesione? Un approccio alternativo.


Unaltra modalit di approccio schematica ed abbastanza celere per
individuare la sede anatomica delle lesioni neurologiche quella proposta da
Vandevelde e coll. che consiste nel partire dalla valutazione dei riflessi spinali
seguendo poi diversi percorsi valutativi sulla base dei riscontri clinici ottenuti
di volta in volta.
Se i riflessi spinali estensori e flessori (radiale, patellare, tibiale, femorale)
risultano ridotti su tutti e quattro gli arti la lesione da ricondurre al sistema
nervoso periferico. Una riduzione generalizzata dei riflessi spinali, infatti,
indicativa di alterazioni a carico di tutte le efferenze nervose che si portano
agli arti.
In

tali casi si parla clinicamente di sindrome da motoneurone inferiore

generalizzata, e la lesione neurologica pu localizzarsi a livello di:


radice dei nervi periferici o qualsiasi punto lungo il loro decorso;
placche neuromuscolari o muscoli stessi.
Esempi di patologie generalizzate del motoneurone inferiore sono le
polineuropatie o le polimiopatie.
Esistono anche patologie del motoneurone inferiore non generalizzate che
possono interessare un solo nervo spinale o cranico; queste, tuttavia, sono
Pagina 233 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

relativamente semplici da localizzare in quando i segni neurologici si osservano


solo sulle aree anatomiche servite dal nervo e/o muscolo danneggiato.
Se, al contrario, i riflessi spinali non sono ridotti in modo generalizzato la
lesione deve localizzarsi nel sistema nervoso centrale (encefalo e midollo
spinale). Si passa, allora, a valutare la reazione alla minaccia e la funzionalit
dei nervi cranici per differenziare le lesioni

intracraniche da quelle

extracraniche. In presenza di riflessi cranici e/o risposta alla minaccia


anormali la lesione localizzata nellencefalo, viceversa essa interesser il
midollo spinale. Nel primo caso, per indagare pi approfonditamente il
distretto encefalico coinvolto si passa a valutare landatura dellanimale, in
quanto, specifiche anomalie dellandatura consentono di far corrispondere la
lesione a precise porzioni cerebrali (encefalo, tronco encefalico, cervelletto).
Landatura pu risultare normale oppure pu essere caratterizzata da ambio
e/o

movimenti

compulsivi

quando

la

lesione

ha

sede

nellencefalo.

Generalmente, tuttavia, i disturbi legati al coinvolgimento di tale area sono


principalmente

di

tipo

comportamentale-cognitivo

non

sempre

si

accompagnano ad alterazioni delle funzioni motorie. Il riscontro di ipermetria


e/o di tremore intenzionale, invece, fa propendere verso disturbi a carico del
cervelletto.
Se lanomalia dellandatura

si esprime attraverso una tetra o emiparesi

lecito supporre che la lesione sia localizzata a carico del tronco encefalico.
Pagina 234 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Nel caso in cui il segno principale riferibile ad un problema neurologico sia


rappresentato dalla rotazione della testa, sia in movimento che da fermo, si
parla di sindrome vestibolare. Per differenziare la sindrome vestibolare
periferica da quella centrale, bisogna indagare la risposta al posizionamento
propriocettivo dellanimale e i nervi cranici. Nel caso in cui

non sussistano

deficit a riguardo la lesione sar ascrivibile al sistema vestibolare


periferico(orecchio esterno e medio); viceversa, i deficit di posizionamento
propriocetivo e dei nervi cranici indicheranno un coinvolgimento del sistema
vestibolare centrale (orecchio interno) e, anche in questo caso, la lesione avr
sede nel tronco encefalico.
Come gi accennato in precedenza,

un corretto funzionamento dei nervi

cranici e una normale risposta alla minaccia permettono di escludere una


localizzazione intracranica della lesione spostando linteresse verso la porzione
extracranica del sistema nervoso centrale rappresentata dal midollo spinale.
In questi casi si devono valutare le reazioni posturali e di posizionamento
propriocettivo, nonch i riflessi spinali, di tutti gli arti per capire in quale
segmento midollare ha sede la lesione.

In caso di risposte anormali

generalizzate (arti anteriori e posteriori) la lesione potr interessare il


midollo spinale da C1 a T1. Nel caso in cui siano presenti i segni da
motoneurone superiore ( assenza del controllo inibitorio: iperriflessia,
ipertono muscolare etc.) sia sugli arti anteriori che su quelli posteriori, la
Pagina 235 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

lesione pu coinvolgere qualsiasi punto del midollo tra C1 e C5 (sindrome


cervicale). Se sugli arti anteriori si osservano i segni da motoneurone inferiore
(iporiflessia, ipotono muscolare etc.) e sui posteriori quelli da motoneurone
superiore la lesione interessa il midollo spinale compreso tra C6 e T1 (
sindrome cervico-toracica).
Nel caso in cui le reazioni posturali e di posizionamento non sono alterate su
tutti e quattro gli arti, ma solo sugli gli arti posteriori la lesione si localizza
tra T2 e S3.
Gli

arti

posteriori,

nello

specifico,

mostrano

segni

neurologici

da

coinvolgimento del motoneurone superiore se la lesione interessa i segmenti


vertebrali traT2 ed L3 (sindrome toracolombare); oppure mostrano i segni
legati al danno del motoneurone inferiore se la lesione si localizza tra L4 ed
S3( sindrome lombosacrale).
Nei casi in cui la sintomatologia neurologica complessa e non possibile farla
corrispondere ad una singola regione anatomica del SN, si parla di disturbi
multifocali, disseminati o diffusi. Questi sono generalmente causati da
malattie infettive che coinvolgono il sistema nervoso.

Pagina 236 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Elettromiografia
Lo studio elettromiografico un esame strumentale che permette di
evidenziare lesioni alle radici nervose, ai nervi periferici, alla giunzione
neuromuscolare e alla muscolatura striata. Contribuisce, quindi, a fornire
indicazioni circa la localizzazione e la gravit della patologia.

Apparecchio

Pagina 237 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Lelettromiografo un apparecchio in grado di registrare lattivit elettrica


del muscolo o quella evocata attraverso la stimolazione di un nervo. E
composto da:
-aghi che hanno la funzione di registrare lattivit muscolare (ago-elettrodo
esplorante), isolare il paziente (ago-elettrodo di terra) e stimolare il nervo
periferico.
-computer che grazie a un software visualizza i dati acquisiti in forma di
tracciato, li elabora e li archivia.
-elettromiografo che acquisisce e amplifica il segnale elettrico, lo commuta in
suono e lo invia al computer.
Questo test elettrodiagnostico si divide in:
-elettromiografia propriamente detta che si basa sullanalisi dellattivit
muscolare a riposo
-elettroneurografia che si basa sullo studio della conduzione nervosa

ELETTROMIOGRAFIA
E lo studio dellattivit elettrica del muscolo striato. Si esegue ponendo il
paziente in anestesia generale per ottenere un totale rilassamento muscolare
ed evitare la registrazione di interferenze derivate dalla registrazione
dellattivit volontaria.
La tecnica di esecuzione prevede prima il posizionamento dellago-elettrodo di
terra nel sottocute in prossimit dellago elettrodo esplorante e poi
linserimento dellago-elettrodo esplorante nel ventre muscolare per via
transcutanea.

Tracciato normale
In un tracciato di un muscolo sano non si rileva nessuna attivit ad eccezione
dellattivit inserzionale che segue immediatamente linserimento e il
Pagina 238 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

movimento dellago nel ventre muscolare e lattivit di placca che si evidenzia


se lago si trova in prossimit di una placca neuromuscolare.

Tracciato patologico
La maggior parte dellattivit spontanea presente associata ad anomalie
neuromuscolari. Queste alterazioni compaiono in un muscolo denervato per un
disordine di origine neurologica o in un muscolo affetto da una miopatia
primaria. Lattivit spontanea pu comprendere diverse tipologie di potenziali.
Quelle che si riscontrano pi comunemente sono i potenziali di fibrillazione e
le onde acute positive. I potenziali di fibrillazione sono brevi potenziali
spontanei con iniziale deflessione positiva, di breve durata e ampiezza
variabile. Producono un suono simile allo sfrigolio delle uova che friggono. Le
onde acute positive sono onde positive con ampiezza variabile e producono un
suono pi basso rispetto ai potenziali di fibrillazione.

Interpretazione clinica
Bisogna ricordare che i tracciati EMG nella maggior parte dei casi non sono
patognomonici di specifiche patologie, ma forniscono un quadro della
funzionale neuromuscolare interpretabile unicamente all'interno dei dati
forniti dall'esame neurologico.

ELETTRONEUROGRAFIA
Questo test consiste nello stimolare un nervo periferico e nel registrare i
potenziali dazione cos evocati. Lo stimolo impiegato una corrente elettrica
che depolarizza il nervo, inducendo la comparsa di un potenziale dazione.
Limpulso si propaga lungo lassone, dove viene registrato dagli elettrodi di
Pagina 239 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

registrazione. Il potenziale dazione evocato viene visualizzato come un grafico


su un piano cartesiano, nel quale in ascissa riportato il tempo (in msec) e in
ordinata il voltaggio (in mV). Questo test fornisce informazioni oggettive sulla
funzionalit del nervo esaminato ed considerato lo strumento diagnostico di
scelta nella valutazione dei pazienti con alterazioni dei nervi periferici.

Equipaggiamento
Si utilizza un elettromiografo dotato di stimolatore nervoso. Sia per la
stimolazione che per la registrazione si impiegano elettrodi ad ago. La
stimolazione viene effettuata generando una differenza di potenziale, e quindi
una corrente elettrica, tra i due elettrodi di stimolazione.

Preparazione del paziente


Il soggetto da testare viene solitamente anestetizzato al fine di ridurre il pi
possibile gli artefatti dovuti alle contrazioni muscolari, che andrebbero a
compromettere la leggibilit del tracciato.

Tecnica di esecuzione
La tecnica d esecuzione consiste nello stimolare il nervo in due punti, uno
prossimale e uno distale e ogni punto si stimola separatamente. Gli elettrodi di
registrazione vengono posizionati nel muscolo innervato dal nervo. Un
parametro importante la latenza, che definita come il tempo (in msec) che
intercorre tra lapplicazione dello stimolo e la prima deflessione del potenziale
dazione del muscolo. La latenza viene calcolata per la stimolazione prossimale
e distale mantenendo immutata la posizione degli elettrodi di registrazione. La
differenza tra queste due latenze rappresenta il tempo di conduzione
Pagina 240 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dellimpulso nelle fibre pi veloci del nervo tra il punto di stimolazione


prossimale e quello distale; dividendo la lunghezza del segmento di nervo
(misurata in mm) per il tempo di conduzione si ottiene la velocit di conduzione
(in metri per secondo). Altro importante parametro preso in considerazione
lampiezza del potenziale dazione. I nervi pi studiati sono: il radiale, lulnare e
il mediano per larto anteriore, il peroneo e il tibiale per il posteriore.

Interpretazione clinica
Spesso, nei casi in cui lesame neurologico da solo non fornisce informazioni
sufficientemente chiare, la neurografia insieme allelettromiografia consente
di differenziare le patologie muscolari da quelle dei nervi periferici, e
nellambito di questultime tra neuropatie assonali e demielinizzanti. La
degenerazione assonale caratterizzata da una normale velocit di conduzione
nervosa e da una riduzione dellampiezza del potenziale evocato. Essa si
osserva in casi di compressione, tumori, patologie ereditarie, intossicazioni,
malattie sistemiche (ipotiroidismo, diabete, carenza vitamina B12). In
generale, le patologie demielinizzanti sono caratterizzate da una diminuzione
della velocit di conduzione, da un notevole aumento della latenza, in presenza
di unampiezza del potenziale normale. La demielinizzazione si osserva
maggiormente nella neuropatia diabetica del gatto e nelle polineuropatie del
cane.

In

molte

neuropatie

si

riscontrano

entrambi

processi

contemporaneamente, come ad esempio nella neuropatia associata al diabete


mellito.

Potenziali uditivi evocati

Premessa
Pagina 241 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Questo

test

consiste

nellapplicare

al

paziente,

ad

ogni

orecchio

separatamente, uno stimolo acustico e nel registrare contemporaneamente i


cambiamenti nellattivit elettrica del cervello evocati da ogni stimolo
(potenziali acustici).
Stimoli uditivi di breve durata vengono trasmessi al canale uditivo esterno e le
risposte vengono registrate da elettrodi ad ago. Subito dopo lapplicazione di
ciascuno stimolo, vengono normalmente registrati 5-7 potenziali consecutivi.

Preparazione del paziente


Prima dellesame necessario rimuovere il cerume e la sporcizia eventualmente
presenti nel condotto uditivo del paziente. Durante il test lanimale deve
restare il pi possibile immobile, poich ogni contrazione muscolare
interferisce notevolmente con la registrazione dei potenziali uditivi. Per
questo si rende necessario limpiego di una anestesia generale al fine di
ottenere dei tracciati leggibili.

Equipaggiamento:
-elettrodi ad ago;
-cuffie audiometriche;
-stimolatore acustico regolabile per intensit (decibel) e polarit dello stimolo;
-computer in grado di amplificare, filtrare e rielaborare il segnale registrato.

Pagina 242 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Tecnica di esecuzione
Il test viene effettuato in una stanza il pi possibile insonorizzata ed il
soggetto si pone in decubito sternale. Gli elettrodi ad ago vengono infissi nel
sottocute in corrispondenza del vertice della testa (vertex) e dellestremit
caudodorsale dellarco zigomatico ipsilaterale rispetto allorecchio stimolato; si
utilizza inoltre una terra ad ago per ridurre gli artefatti.
Si

testa

ciascun

orecchio

separatamente,

mascherando

lorecchio

controlaterale con un rumore bianco. Si effettuano solitamente 2 serie di


500/1000 stimolazioni; lattivit elettrica, rilevata dagli elettrodi, viene
registrata per i 10 msec successivi allo stimolo. Le registrazioni ottenute
durante ciascuna serie di stimolazioni sequenziali vengono automaticamente
filtrate, amplificate e sommate algebricamente tra loro dal computer; il
risultato di questa elaborazione un grafico riportato in un piano cartesiano
avente in ascissa la latenza (msec) e in ordinata lampiezza (V).

Tracciato normale
Il tracciato BAEP normale consiste di 5-7 onde consecutive.
Le onde che compongono un tracciato normale sembrano corrispondere a
precise strutture anatomiche: londa I al nervo acustico, la II al nucleo
cocleare, la III al corpo trapezoide e/o nucleo dorsale del corpo trapezoide, la
IV e la V rispettivamente al lemnisco laterale e al collicolo inferiore, la onda
VI al corpo genicolato mediale e la VII alle radiazioni acustiche.
Nellimpiego clinico di questo test, si prende in considerazione la latenza
assoluta delle varie onde, le latenze tra i picchi (IPL), e la differenza tra le
Pagina 243 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

IPL delle due orecchie (DIPL). Le ampiezze assolute delle onde sono troppo
variabili per un impiego clinico. Pi utile da questo punto di vista il rapporto
tra le ampiezze V/I.

Interpretazione clinica
In linea generale, possiamo dire che lassenza o lanomalia di unonda
(soprattutto per quanto riguarda la latenza) indice di una lesione nella
struttura anatomica corrispondente.

Indicazioni
Attualmente, il principale impiego dei BAEP in medicina veterinaria nella
diagnosi di sordit. Questa una patologia frequente e difficile da evidenziare
con altre metodiche, nella quale i BAEP si sono rivelati uno strumento
indispensabile per localizzare la sede della lesione e per effettuare una
valutazione quantitativa e qualitativa della patologia.

Pagina 244 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Esame neurologico (cavallo)

Nel cavallo con problemi neurologici lesame clinico deve partire dal
segnalamento e da una attenta raccolta dei dati anamnestici e proseguire con
un accurato esame obiettivo generale e con lesame obbiettivo particolare del
sistema nervoso.

Il segnalamento pu fornire importanti suggerimenti diagnostici in caso di


patologie neurologiche.
Alcune di esse, infatti, possono essere condizionate dalla et, dalla razza e dal
sesso e, non ultimo, dallutilizzo che luomo fa dellanimale.
A tal proposito, la malformazione occipito-atlantoidea una patologia
congenita che si manifesta in et giovanile e colpisce soprattutto i cavalli di
razza araba; la mielopatia stenosica vertebrale cervicale (sindrome di
Wobbler) si osserva prevalentemente nei soggetti giovani di razza purosangue
ed stata anche dimostrata una sua maggiore incidenza nei maschi dovuta alla
probabile influenza del testosterone nella sua patogenesi; la malattia da
motoneurone degli equini sembra correlata solo allet dellanimale e si
riscontra con maggiore frequenza nei soggetti adulti.
I cavalli impiegati per il salto in velocit pi di altri vanno incontro a

Pagina 245 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sublussazioni e stiramenti sacroiliaci acuti, mentre la sovrapposizione dei


processi spinosi si riscontra pi spesso nei cavalli impiegati nei concorsi ippici;
le lesioni spinali traumatiche hanno, invece, una incidenza casuale.

Lanamnesi deve essere raccolta in maniera meticolosa.


Le domande da rivolgere al proprietario o allallevatore dellanimale sottoposto
a visita devono far luce: sul tipo di ambiente in cui esso vive (da solo o a
contatto con altri animali) ; su eventuali cambiamenti

del temperamento

(spesso il dolore pu rendere intrattabili animali solitamente molto docili);


sulla comparsa di atteggiamenti particolari (difficolt ad allargare gli arti
durante la minzione e la defecazione, rifiuto a sollevare gli arti durante la
ferratura, insofferenza al grooming, scuotimento continuo del capo e della
coda); sul momento della comparsa dei sintomi, sulla loro durata ed evoluzione
nel tempo; sulla risposta ad eventuali trattamenti terapeutici intrapresi.
Levoluzione della sintomatologia neurologica pu variare in dipendenza
delleziologia. I sintomi di origine traumatica mostrano una improvvisa
insorgenza e spesso si stabilizzano senza aggravarsi ulteriormente o
addirittura possono mostrare miglioramento nel tempo. Le patologie nervose
di origine infettiva , invece, possono avere un decorso cronico o acuto e la
severit delle manifestazioni cliniche pu oscillare considerevolmente. Le
patologie neurologiche conseguenti a disturbi metabolici, intossicazioni e
Pagina 246 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

carenze alimentari, in genere, hanno insorgenza subacuta o acuta e decorso


progressivo. I sintomi nervosi di eziologia neoplastica, invece, mostrano
raramente esordio improvviso, ma insorgono ed evolvono pi spesso in modo
progressivo.

Esame obiettivo generale


Esso comprende la valutazione di: sviluppo scheletrico, stato di nutrizione e
tonicit muscolare, stato del sensorio, atteggiamenti particolari, cute e
sottocute, mucose apparenti, linfonodi esplorabili, temperatura, polso e
respiro e grandi funzioni organiche.

Sviluppo scheletrico
In corso di patologie neurologiche la valutazione dello sviluppo scheletrico
dellanimale pu mettere in luce deformit della colonna vertebrale (cifosi,
lordosi, scoliosi) o dello splancnocranio e del neurocranio, di natura congenita o
acquisita, che potrebbero essere correlate o meno al disturbo neurologico per
il quale il veterinario chiamato ad intervenire.

Stato di nutrizione e tonicit muscolare


Solitamente lo stato di nutrizione degli animali con problemi neurologici non
Pagina 247 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

compromesso a meno che la lesione non sia di gravit tale da impedire i normali
movimenti di prensione e masticazione dellalimento o da costringere lanimale
al decubito, oppure sia di natura sistemico-infettiva.
Pi frequente, invece, il riscontro di ipotrofia o atrofia muscolare,
soprattutto in corso di patologie spinali. I pi colpiti sono soprattutto i mm
glutei e lunghissimi del dorso. Lipotrofia di questi ultimi porta alla formazione
del cos detto cappello del prete che corrisponde allevidenziazione delle
protuberanze ossee (processi spinosi) lungo la linea dorsale mediana del tratto
spinale lombare e sacrale.
La ipotrofia muscolare, comunque pu riscontrarsi anche negli animali anziani o
in quelli tenuti a riposo per lunghi periodi.

Stato del sensorio


Il sensorio del cavallo affetto da patologie spinali generalmente eccitato a
causa dellintenso dolore che spesso accompagna tali condizioni; le lesioni
neurologiche encefaliche, quelle di origine infettiva e metabolico-carenziale,
oppure di gravit tale da provocare infermit, invece, spesso si accompagnano
a depressione del sensorio.

Atteggiamenti particolari
Esistono atteggiamenti caratteristici di alcune patologie nervose del cavallo. I
Pagina 248 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

puledri affetti da malformazione occipito-atlantoidea, ad esempio, mostrano


rigidit

del

collo

associata

ad

iperestenzione

della

testa,

mentre

latteggiamento da cane bastonato caratterizzato da abbassamento della


testa e del collo e avvicinamento, in stazione, dei quattro arti tipico dei
soggetti affetti da malattia da motoneurone.

Cute e connettivo sottocutaneo


Traumi meccanici di tipo cronico o traumi di tipo acuto possono lasciare segni
sulla cute dellanimale sotto forma di ferite, cicatrici, calli o peli bianchi, ed
offrire una conferma diagnostica in caso di sospetta lesione traumatica.

Mucose apparenti
A meno che le condizioni generali dellanimale affetto da patologia neurologica
non siano scadenti le mucose apparenti non mostrano segni di alterazione.

Linfonodi esplorabili
Nel cavallo i linfonodi esplorabili sono gli intermascellari e i prescapolari, i
retrofaringei e gli inguinali superficiali. In corso di patologie neurologiche non
si apprezza un aumento del loro volume accetto che in quelle di natura
infettiva.

Pagina 249 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Temperatura
Il valore normale della temperatura corporea del cavallo di 37,5 -38
centigradi. Un suo aumento si pu riscontrare nelle fasi acute di infezioni virali
quali le encefalomieliti da Arbovirus, la mieloencefalopatia da Herpesvirus in
cui si possono registrare anche valori di 41.

Polso e respiro
La frequenza del polso e del respiro pu risultare alterata in caso di dolore
acuto in genere associato a gravi lesioni spinali.

Grandi funzioni organiche


I deficit neurologici possono essere tali da impedire la normale minzione e la
defecazione, in quanto possono limitare la capacit dellanimale ad abdurre gli
arti.
Se le lesioni spinali sono localizzate nel tratto caudale a T3 si osserva
incontinenza urinaria.

Esame obiettivo particolare- esame neurologico


Quando il segnalamento, lanamnesi e lesame obiettivo generale suggeriscono
lesistenza di disturbi funzionali a carico del sistema nervoso, si effettua
lesame neurologico seguendo un preciso schema logico consequenziale.
Pagina 250 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Un buon esame neurologico inizia soffermandosi nuovamente su alcuni punti


dellanamnesi

dellesame

obiettivo

generale,

come

mutamenti

comportamentali e lo stato del sensorio, per meglio svilupparli, e prosegue


valutando con attenzione: postura e la coordinazione della testa, i nervi
cranici, l andatura, i nervi spinali.

Comportamento
Per valutare cambiamenti nel comportamento dellanimale importante sapere
come generalmente esso risponde agli stimoli esterni perch in virt di
condizionamenti precedenti i cavalli possono sviluppare temperamenti molto
diversi tra loro. Esistono tuttavia dei comportamenti inequivocabilmente
patologici: aggressivit, movimenti di maneggio, leccamento continuo di
oggetti, vagabondaggio, alterazioni della voce e dellappetito, digrignamento
dei denti, in genere si riscontrano nelle patologie neurologiche intracraniche;
ansia, timore, reazione esagerata agli stimoli tattili e visivi, nervosismo si
manifestano in genere a causa del dolore in corso di patologie neurologiche
spinali.

Stato mentale
Questa valutazione utile per differenziare le patologie dellencefalo da
quelle del midollo spinale e dei nervi periferici. La depressione del sensorio in
genere una conseguenza delle lesioni encefaliche mentre nelle patologie
Pagina 251 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

spinali, anche quando costringono

al decubito, lanimale appare lucido e in

allerta.

Postura e coordinazione della testa


Queste valutazioni devono essere fatte quando il cavallo in stazione, si
muove per cibarsi e quando cammina, poich alcuni segni, quali la tendenza a
ruotare la testa (danno vestibolare) si evidenziano solo quando lanimale
tranquillo, altri invece, quali i tremori intenzionali (danno cerebellare), si
osservano con lanimale in movimento.
Una postura deviata della testa pu essere indicativa di lesioni coinvolgenti sia
il sistema vestibolare sia lencefalo. Generalmente, nel primo caso la testa
appare soltanto deviata dal lato della lesione, mentre nel secondo caso
lanimale porta la testa completamente ruotata rispetto allasse mediano del
corpo. Le lesioni spinali possono condizionare la postura della testa solo quando
localizzate a livello cervicale, si pensi ai puledri affetti da malformazione
atlanto-occipitale che portano il collo rigido con la testa iperestesia, o ai
cavalli affetti da osteoartrosi cervicale che hanno difficolt ad abbassare la
testa.

Pagina 252 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Valutazione dei nervi cranici


Questo esame deve essere eseguito per confermare o escludere lesioni
localizzate a livello del tronco encefalico o del cervello. Si deve partire dai
nervi pi rostrali (olfattivo, ottico, oculomotore) e proseguire con i pi caudali
( trigemino, facciale, glossofaringeo, etc.).

Andatura
La valutazione dellandatura e della postura costituisce uno dei punti di
maggiore importanza dellesame neurologico. Il cavallo deve essere osservato
al passo e al trotto su un terreno a fondo compatto. Per accentuare anomalie
anche lievi dellandatura, lanimale deve essere costretto a compiere frequenti
e bruschi cambiamenti di direzione, a muoversi in cerchi a corto raggio, a
camminare con testa e collo esteri e a retrocedere.
Generalmente i disturbi dellandatura dovuti a deficit neurologici si esprimono
con debolezza o atassia. Questultima spesso caratterizzata da ipometria o
ipermetria.
Debolezza
Questa condizione frequente in caso di paresi da lesioni spinali e si
manifesta principalmente con il trascinamento degli arti durante il movimento
al passo o al trotto. Inoltre, frequente riscontrare fascicolazioni

cedimenti a carico degli arti pi deboli quando lanimale carica su questi il peso
del corpo. I movimenti in circolo vengono compiuti con difficolt e lanimale
Pagina 253 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

spesso incespica e si tocca con i nodelli oppure tende a cadere sotto di se. La
debolezza pu essere evidenziata anche tirando la coda del cavallo da un lato e
dallaltro del corpo quando esso in stazione o al passo. Se lanimale debole
sar spostato con facilit verso il lato in cui tirata la coda.
Atassia
Atassia sinonimo di incoordinazione motoria. Essa

viene messa meglio in

evidenza facendo muovere il cavallo in circoli stretti: lanimale atossico


tender a tenere fermo un arto sul quale far perno per girare, incrociando
larto controlaterale.
Alla base dellandatura atassica c un disturbo della propriocezione. Poich nel
cavallo le prove di riposizionamento che si effettuano nei piccoli animali non
possono essere eseguite per motivi legati alle dimensioni corporee, i deficit
propriocettivi vengono messi in risalto facendo bruscamente arrestare
lanimale dopo averlo costretto a compiere repentini cambiamenti di direzione.
In caso di disturbi propriocettivi il cavallo si bloccher in posizioni innaturali e
tender ad assumere la posizione corretta in tempi molto lunghi.
Tirando la coda da un lato del corpo durante la stazione o il movimento il
soggetto atossico tender a perdere lequilibrio. Come detto in precedenza,
latassia pu associarsi ad ipometria o ipermetria. Nel primo caso sar evidente
un accorciamento delle fasi del passo, con maggiore rigidit degli arti. Nel
secondo caso, al contrario, saranno evidenti movimenti abnormi sia durante il
Pagina 254 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sollevamento dellarto sia durante lappoggio, con ampliamento del passo.

Valutazione dei nervi spinali


Questo esame comprende la valutazione del tono e del volume muscolare, della
sensibilit cutanea e dolorifica, dei riflessi spinali.
Con il cavallo in stazione possono essere osservate e palpate le masse
muscolari, valutata la sensibilit cutanea, il riflesso cutaneo, il tono anale e
della coda e alcune risposte riflesse. In decubito, invece, si apprezza meglio la
tonicit muscolare degli arti e si possono elicitare i riflessi muscolo-tendinei.
Va ricordato, comunque, che tono muscolare e riflessi possono risultare
depressi negli animali rimasti immobili o in decubito per lunghi periodi.
Tono muscolare
In genere, latrofia neurogena si sviluppa in tempi molto pi brevi dellatrofia
da disuso, tuttavia, non sempre facile differenziare i due tipi di atrofia.
Quando la perdita dellinnervazione totale latrofia muscolare che ne
consegue si instaura rapidamente ed completa nel giro di due settimane. La
perdita parziale dellinnervazione invece, porta ad una iniziale ipotrofia che
progressivamente, ma in tempi pi lunghi peggiora. Latrofia neurogena tipica
delle disfunzioni del motoneurone inferiore.
Sensibilit cutanea
Per testare la sensibilit cutanea del cavallo solitamente si utilizza uno
Pagina 255 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

strumento appuntito, anche una matita, che viene poggiato con una certa
pressione su diversi punti della cute dellanimale, provocando nei soggetti in cui
la sensibilit conservate contrazione della pelle. Questa risposta assente
o compare solo a seguito si forti pressioni in presenza di deficit neurologici.
Nelle aree interessate da riduzione o assenza della sensibilit cutanea va
testata la sensibilit dolorifica utilizzando un paio di pinze emostatiche per
pizzicare pliche cutanee di un certo spessore. La mancanza di risposta a tale
manovra indice di perdita della sensibilit dolorifica e si riscontra in caso di
lesioni neurologiche molto gravi. Prima di poter considerare la presenza di
ipoalgesia o analgesia la prova va eseguita pi volte ed anche in aree differenti
da quella individuata come patologica. Frequentemente, infatti, alcuni animali
mostrano una soggettiva sopportazione al dolore che non legata a problemi
neurologici.
La risposta alle prove di sensibilit pu anche essere abnorme. Questo accade
sia in presenza di un processo flogistico a carico del midollo spinale o delle
radici nervose tributarie dellarea esaminata, sia quando la flogosi coinvolge i
muscoli, i tendini, le ossa e i legamenti sottostanti la cute sottoposta a
stimolazione.
Poich la valutazione della sensibilit cutanea non un dato molto attendibile
nei grossi animali, preferibile effettuare anche la palpazione profonda dei
muscoli cervicali, epiassiali del tronco e della groppa e

dei glutei.
Pagina 256 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Atteggiamenti di rigidit e/o di sottrazione a tali manovre vanno interpretati


come anormali e legati al dolore. Nei cavali con problemi sacroiliaci
(soprattutto trottatori) la palpazione profonda della groppa si accompagna ad
un cedimento degli arti posteriori.

Valutazione dei riflessi spinali


In un cavallo con problemi neurologici di natura spinale i riflessi da testare
sono: riflesso cervico-fcciale, riflesso di adduzione laringea, riflesso
pannicolare, riflesso patellare, riflesso perineale e tono della coda, riflessi
flessori.
La valutazione dei riflessi fornisce il maggiore contributo per la localizzazione
della lesione.

Riflesso cervico-facciale
Questo riflesso specie specifico e consente di rilevare lesioni spinali
localizzate a livello cervicale. Pu essere elicitato stringendo con una pinza
emostatica la cute delle parti laterali del collo comprese tra le ali dellatlante
e la scapola. In questo modo in un soggetto normale si induce per riflesso la
contrazione della muscolatura labiale e a volte il movimento dellorecchio dallo
stesso lato su cui viene effettuata la prova. Se sussiste un danno a carico del
midollo cervicale il riflesso scompare nelle porzioni a valle rispetto alla lesione.

Riflesso di adduzione laringea


Anche questo riflesso pu essere di aiuto nel localizzare lesioni spinali
Pagina 257 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

cervicali. Si valuta utilizzando un endoscopio che consente di osservare il


laringe mentre un aiutante imprime una serie di 3-4 colpi consecutivi con il
palmo della mano caudalmente alla spina scapolare. In un soggetto normale ad
ogni colpo si osserver una lieve adduzione delle cartilagini aritenoidi.
Questa risposta assente dal lato interessato dalla lesione midollare
cervicale.
Se la lesione midollare e bilaterale non sar presente il riflesso da nessun lato.

Riflesso pannicolare
Come accade nei piccoli animali, la stimolazione tattile della cute sul dorso e
sulla groppa dellanimale produce di riflesso la contrazione del muscolo
pellicciaio del tronco. Questo arco riflesso origina da fibre nervose sensitive
localizzate sulla cute che veicolano limpulso alle corna dorsali del midollo
spinale. Tale impulso si porta rostralmente fino ai segmenti C8-T1 del midollo,
stimolando il motoneurone inferiore del nervo toracico laterale che innerva il
pellicciaio del tronco. Se sussiste una lesione a carico delle fibre sensitive
sulla cute del tronco e della groppa il riflesso non sar presente nelle zone a
valle della lesione spinale; invece, se la lesione coinvolge il motoneurone
efferente localizzato tra C8- T1 il riflesso non sar evidenziabile in nessun
sito lungo il tronco e la groppa.

Riflesso perineale e tono della coda


Questo riflesso viene evocato pizzicando delicatamente la cute del perineo
Pagina 258 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dellanimale. Questa manovra provoca di riflesso la contrazione dello sfintere


anale esterno e la flessione della coda. L assenza di questo riflesso pu
indicare la presenza di lesioni a carico del nervo pudendo, che emerge tra S1
ed S3, oppure dei nervi sacrali e coccigei. Le fibre sensitive del perineo,
infatti, viaggiano nel nervo pudendo, mentre le efferenze motorie dello
sfintere anale sono allinterno del ramo rettale caudale del nervo pudendo e
quelle dei muscoli flessori della coda viaggiano nei nervi sacrali e coccigei.

Riflesso patellare.
Questo riflesso viene valutato con lanimale in decubito laterale mantenendo
larto rilassato in semiflessione ed esercitando con il martelletto neurologico
una adeguata pressione sul legamento patellare. Il riflesso e quello di
contrazione del quadricipite femorale ed estensione del ginocchio. Questa
risposta riflessa diminuita in caso di lesione del motoneurone inferiore ed
aumentata se coinvolto il motoneurone superiore.

Riflessi flessori
Si valutano pizzicando la cute dorsalmente al cercine coronario dello zoccolo di
ogni arto. Questa stimolazione provoca di riflesso la contrazione di tutti i
flessori dellarto esaminato, che si esprime con la flessione di tutte le
articolazioni ad eccezione di quella del nodello. Il riflesso flessorio a livello di
arti anteriori coinvolge un elevato numero di nervi periferici( mediano, ulnare,
muscolocutaneo, ascellare) che emergono tra C6 e T2.
Pagina 259 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Negli arti posteriori, invece, esso coinvolge lo sciatico ed altri nervi spinali
emergenti tra L6 e S2.
Sia per gli arti anteriori che per i posteriori una riduzione dellentit di questa
risposta riflessa consegue a lesioni del motoneurone inferiore, invece, un suo
incremento consegue a danni a carico dei motoneurone superiore.

Paralisi simpatica
Questa condizione anche nota come sindrome di Horner. Essa si osserva in
presenza di lesioni a carico della colonna grigia intermedia posta nel midollo
spinale tra T1 e T3, in caso di gravi lesioni del funicolo laterale del midollo
spinale cervicale, che coinvolgono il motoneurone superiore del sistema
simpatico, o ancora a seguito di lesioni del mediastino anteriore e del collo.
In presenza di sindrome di Horner facile osservare una sudorazione pi
intensa a carico delle aree cutanee innervate dalle fibre del simpatico
danneggiate. Se la lesione focale e coinvolge il motoneurone inferiore la
sudorazione pu manifestarsi in circoscritte aree servite appunto dalle fibre
danneggiate. In caso di lesioni del motoneurone superiore, invece, tutto il lato
omolaterale del collo fino alla spalla sar interessato da una abnorme
sudorazione. Le lesioni del motoneurone superiore del simpatico e quelle del
motoneurone inferiore si accompagnano ai segni tipici della sindrome di Horner
a carico dellocchio: miosi, ptosi palpebrale, enoftalmo, e

protrusione della
Pagina 260 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

nittitante.

Pagina 261 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

APPARATO DIGERENTE

Prensione dell'alimento e delle bevande


Negli equini e nei ruminanti la prensione delle bevande avviene, immergendo la
rima buccale leggermente beante, ed imprimendo movimenti antero-posteriori
alla lingua: in questo modo la lingua assume il ruolo di uno stantuffo in grado di
creare una pressione negativa sufficiente allassunzione di liquidi.
Per gli alimenti solidi, invece, la prensione avviene con le labbra che, in queste
due specie, sono dotate di una grossa motilit. Questa testimoniata
dall'ampia rappresentanza, nell'ambito della corteccia cerebrale, di aree che
innervano la regione delle labbra.
I carnivori per assumere i liquidi utilizzano la lingua ripiegata a cucchiaio,
mentre l'alimento viene preso con i canini e con gli incisivi.
Nei lattanti la lingua consente la pressione del capezzolo che viene spinto
contro il palato in modo da consentire leiezione del latte. Nella palatoschisi,
affezione spesso congenita caratterizzata da una soluzione di continuo
palatina, i lattanti non riescono a compiere questi movimenti per cui,
lassunzione di latte ridotta. La quota lattea assunta migra, in parte, nelle
cavit nasali fuoriuscendo dalle narici e sviluppando delle riniti: questi
soggetti, per la scarsa assunzione di latte, sono spesso pi piccoli rispetto ai
fratelli della stessa nidiata.

Pagina 262 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Tutto questo importante per capire quando presente una difficolt della
prensione. Quando, ad esempio, nel cane presente la paralisi del facciale si
possono osservare delle alterazioni soprattutto nell'assunzione dei liquidi,
oltre che degli alimenti; mentre quando presente la paralisi del trigemino, pi
che la prensione, risulta stentata la masticazione.
Tra le varie cause di alterazioni della prensione e della masticazione, troviamo
anche la presenza di tartaro. Questo pu rendere difficoltosa la masticazione
sia a causa di impedimenti meccanici (quando raggiunge certi livelli di spessore)
sia per il dolore (quando c' una stomatite). E' importante, inoltre, ricordare
che quando il tartaro invade il colletto si ha la retrazione della gengiva, i germi
cominciano a risalire nello spazio tra alveolo e dente determinando, cos, una
perdita della normale resistenza del legamento che connette lo stesso dente
all'alveolo. La riduzione di questa resistenza determina la "piorrea alveolare
espulsiva", una patologia caratterizzata dalla formazione di pus nello spazio
tra alveolo e dente, che esita nella caduta del dente stesso.
Tutte le fasi intermedie che precedono questo evento finale sono
rappresentate da processi flogistici che determinano dolore e quindi difficolt
nella prensione e nella masticazione.
Tali focolai si rendono inoltre responsabili di diffusione di germi per via
ematogena e, in

tal caso spesso si determinano delle nefriti o delle

valvulopatie del cuore sinistro (valvulopatia mitralica) che sono frequenti nelle
Pagina 263 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

razze toy proprio perch in queste sono spesso affette da patologie dentarie.
Difficolt di prensione indotta anche dalle discopatie cervicali perch
l'abbassamento della testa risulta difficoltoso e doloroso.
Altre cause di difficolt o impossibilit nella prensione sono legate a patologie
della mandibola (fratture) o dellarticolazione temporo-mandibolare.
Larticolazione temporo-mandibolare (unica articolazione mobile del cranio) pu
essere sede di lussazioni che limitano il movimento della mandibola: in tali casi
si osserva unasimmetria di tale osso e una difficolt nel compiere movimenti
passivi di apertura e chiusura della bocca.
Losteopatia craniomandibolare costituisce un'altra patologia caratterizzata
da alterazione della mobilit dellarticolazione temporomandibolare e di
conseguenza, della prensione degli alimenti.

Vomito

Consiste nello svuotamento delle sostanze liquide e solide contenute nello


stomaco mediante movimenti antiperistaltici dello stomaco e la contrazione dei
muscoli addominali e del diaframma. Gli stimoli che determinano il riflesso del
vomito possono essere centrali o periferici.
Gli stimoli di origine centrale sono legati alla presenza di recettori localizzati
nel sistema nervoso centrale e quindi, le lesioni di questi distretti (idrocefalo,
tumori, colpo di sole, commozione ed edema) possono esprimersi con il vomito.

Pagina 264 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Il vomito pu , inoltre, essere legato al movimento (vomito da kinetosi), come


ad esempio capita in animali trasportati in auto, infatti la stimolazione dei
recettori dei canali semicircolari ne responsabile.
In corrispondenza dellipotalamo esiste poi, unarea detta CTZ (zona
chemiosensibile di controllo) che capta leventuale presenza di sostanze
tossiche nel sangue siano esse esogene o endogene (urea, ammoniaca, chetoni,
pus, veleni ecc. ).
La stimolazione della CTZ comporta lattivazione del centro del vomito che da
origine allimpulso sufficiente al suo espletamento.
Altri recettori, in connessione con il centro del vomito sono presenti nel
faringe nello stomaco, nellintestino e in altri organi addominali (fegato,
pancreas ecc.).
Lo stimolo del vomito pu quindi originare da una faringite, da una gastrite, per
la presenza di corpi estranei; da una tonsillite; da una condizione di replezione
gastrica eccessiva; da una peritonite e da occlusione dell'intestino tenue (per
corpi estranei, volvolo, intuscepto).
Quest'ultima condizione pu determinare vomito perch presente ileo
paralitico, ovvero l'arresto del transito intestinale, con conseguente mancata
progressione dell'alimento e svuotamento dello stomaco. Da quanto detto si
evince che il vomito non una malattia, ma un segno clinico da interpretare e
correlare agli altri rilievi dellesame clinico.
Pagina 265 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Una delle pratiche pi diffuse e nel contempo errate, consiste nella


somministrazione di antiemetici quali la Metoclopramide (azione centrale e
periferica) senza una diagnosi precisa, infatti nel caso in cui il vomito fosse
legato ad ostruzione intestinale, tale farmaco potenzia le onde peristaltiche e
promuove lo svuotamento gastrico aumentando il rischio di perforazione
intestinale.
Il vomito deve essere differenziato dal rigurgito. Il primo, prevede
un'inspirazione, la contrazione della muscolatura addominale e la fuoriuscita
dell'alimento. Cosa ben diversa il rigurgito in cui l'alimento passa all'esterno
in assenza della contrazione muscolare e di movimenti antiperistaltici esofagei,
il soggetto, abbassa la testa ed emette l'alimento che non era passato nello
stomaco ma si era arrestato nell'esofago.
Anche lanamnesi ci aiuta nella diagnosi differenziale, infatti il rigurgito si
osserva solo dopo i pasti (da qualche minuto a

tre ore) e si caratterizza

dallemissione di alimento indigerito

Quando c' rigurgito inoltre, a differenza del vomito, i soggetti sono affamati,
non hanno nausea e, addirittura, tendono a riassumere l'alimento espulso.
Quest'ultimo, infatti, non essendo passato nello stomaco e non essendosi
quindi arricchito di succhi gastrici, comunque appetibile ( ancora bolo e non
ancora chimo!)..
Pagina 266 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Il rigurgito un sintomo rilevante che si osserva frequentemente nel cane, il


"megaesofago". Esistono vari tipi di megaesofago e, di questi, alcuni richiedono
un trattamento chirurgico, altri no.
Lesame radiologico in bianco non consente di valutare lesofago, ma solo di
ipotizzarne il decorso in relazione alla disposizione della silouette tracheale.
In condizioni normali, all'esame radiologico, dopo somministrazione del mezzo
di contrasto, si osservano le striature delle pliche prodotte dalla mucosa nel
momento in cui l'esofago in una situazione di riposo. In caso di megaesofago,
invece, si vedono delle saccature dovute alla mancata dilatazione dello sfintere
cardiale (cui segue una difficolt di passaggio dell'alimento dall'esofago allo
stomaco) oppure alla persistenza del IV arco aortico. Quest'ultima una
condizione congenita che si rende evidente quando i soggetti passano
dall'alimentazione materna a quella solida. Infatti il latte riesce a passare la
stenosi (stenosi relativa e non assoluta); quando invece comincia ad essere
assunto dell'alimento solido, questo ristagna e determina la formazione di una
saccatura, individuabile anteriormente al VII spazio intercostale.
Altre strettoie anatomiche dellesofago sono: il punto in cui da dorsale passa a
sinistra della trachea (tra terzo prossimale e terzo medio del collo),
allentrata del petto,in corrispondenza dello iato esofageo del diaframma.
Tra le altre cause di megaesofago esistono delle condizioni acquisite come la
"miastenia gravis", nel corso della quale la capacit contrattile dell'esofago si
Pagina 267 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

attenua fino ad essere perduta.


Anche le esofagiti o le occlusioni da corpi estranei si possono esprimere con il
rigurgito.

Esame del cavo orale


Ispezione: deve essere completa e accurata, comprendere lesame del
vestibolo, delle gengive, guance, pavimento, palato e lingua.
-

Palpazione;

Ausili diagnostici:
lesame radiologico permette di evidenziare le lesioni dei tessuti duri, o

un loro coinvolgimento secondario.


Spesso utile porre la cassetta radiografica tra mandibola e mascella
(ponendo nella parte superiore la regione da studiare), esistono, inoltre delle
pellicole di dimensioni e caratteristiche tali da consentire lesame radiologico
di un singolo dente.
La scintigrafia molto indicata per lo studio delle ghiandole salivari

Per poter effettuare questo esame, in alcuni casi, necessario il ricorso alla
sedazione.
Una condizione abbastanza frequente che interessa solo la porzione apicale
dei denti, non il colletto, l'ipoplasia dello smalto conseguente a cimurro. Lo
Pagina 268 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

smalto consumato e si evidenzia il cemento, che assume una colorazione


scura (marrone).
Con l'ispezione del cavo orale si valuta l'entit del flusso salivare, ci pu
essere infatti scialorrea, ossia l'iperproduzione di saliva associata o meno alla
mancata deglutizione della saliva stessa. Questa condizione frequente nella
stomatite da tartaro, nelle neoplasie del cavo orale e nelle osteomieliti dovute,
ad esempio, a fratture e in presenza di corpi estranei.
Esistono inoltre delle condizioni, che impediscono l'espletamento della
deglutizione per cui compare scialorrea, per esempio lesioni a carico del
faringe oppure la presenza di un corpo estraneo esofageo.
Si valuta anche l'aspetto della saliva, pu essere:
-

Chiaro;

Opalescente;

Torbido; Spesso striato di sangue o con pus.

Le neoplasie possono determinare scialorrea non in quanto tali, ma per


l'infiammazione della mucosa orale che compare a seguito della comparsa di
aree di necrosi superficiali.
Si valutano poi, la simmetria e la mobilit: lapertura orale risulta asimmetrica
in corso di paralisi del facciale o di lussazione temporomandibolare.
Oltre all'asimmetria pu essere presente l'ipomotilit, come avviene in corso
di paralisi del trigemino. La componente motoria del trigemino innerva i
Pagina 269 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

masseteri ed i temporali e, in caso di plegia si ha impossibilit nella chiusura


della bocca. In caso di "miosite eosinofilica" si pu riscontrare impossibilit
allapertura della bocca. Questa miosite una condizione abbastanza grave che
andrebbe diagnosticata con una certa rapidit, perch la diagnosi precoce
migliora le possibilit terapeutica. La miosite eosinofilica caratterizzata da
un'atrofia ad insorgenza rapida ed intensa dei muscoli masseteri e dei muscoli
temporali e dall'incapacit ad aprire la bocca (incapacit anatomica e non
funzionale, in quanto si verifica una vera e propria fibrosi a carico dei muscoli).
Nell'ispezione del cavo orale si valuta anche l'aspetto delle labbra e della
cavit:
-

Presenza di soluzioni di continuo;

Presenza di neoformazioni (carcinomi, epulidi ecc);

Alterazioni dentali;

Utilizzando un cucchiaio per tenere ferma la lingua, ed una luminosa, si


esplorano le tonsille, ubicate nel retrobocca, e lorofaringe.
Le flogosi di tali strutture si esprimono con disfagia, odinofagia (disfagia
conseguente a dolore), vomito.
Alcune patologie si caratterizzano da asincronia tra le strutture che
presiedono alla deglutizione.
La deglutizione un evento complesso, infatti essa si estrinseca mediante la
Pagina 270 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

coordinazione dei muscoli intrinseci ed estrinseci di faringe e laringe, dalla


lingua , del palato molle e dellesofago.
Il palato molle occlude le coane per impedire il passaggio di materiale nelle
cavit nasali, cos come lepiglottide occlude ladito laringeo.
Progressivamente la lingua spinge il bolo nellorofaringe che si solleva
riducendo ulteriormente il laringofaringe, poi la contrazione delle pareti
faringee e lapertura dellostio cricofaringeo consente il passaggio degli
alimenti nellesofago.
Per cause strutturali o lesioni neurologiche questi eventi possono essere
impediti o in coordinati, determinando cos un ostacolo allassunzione di
alimento o il passaggio di questo nelle vie respiratorie.
La diagnosi di queste patologie possibile attraverso uno studio dinamico
contrastografico mediante un intensificatore di brillanza.

Esame dell'esofago
L'esofago la sruttura di comunicazione che si estende dal faringe fino allo
stomaco; si distingue in un tratto cervicale e uno intratoracico e presenta una
muscolatura striata che favorisce, con delle contrazioni attive, la progressione
del cibo. C' uno sfintere crico-esofageo, prossimalmente, che rappresenta il
punto di transizione tra il faringe e l'esofago ed il cardias, disposto in
prossimit dello stomaco.
Pagina 271 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Le disfunzioni esofagee nei quadrupedi hanno degli esiti preoccupanti rispetto


a ci che avviene nei primati. In questi ultimi, infatti, la disfunzione esofagea
conserva un discreto grado di compatibilit con una vita normale dato che i
primati stazionano in posizione eretta per cui, per gravit, l'alimento
facilitato nel raggiungere lo stomaco. La disfunzione esofagea in un
quadrupede, invece, determina la formazione di dilatazioni sacciformi e quindi
la comparsa del rigurgito.
L'esame dell'esofago comprende:
L'ispezione;
La palpazione;
Ausili diagnostici;
Questi ultimi comprendono:
- l'endoscopia, facilmente praticabile essendo l'esofago una
struttura relativamente prossima ad un'apertura naturale.
- l'esame radiologico con o senza mezzo di contrasto, anche
se l'esame con mezzo di contrasto d delle informazioni utili,
soprattutto in caso di patologia da dilatazione.
In alcuni casi, lesame dinamico contrastografico con intensificatore di
brillanza indispensabile per la diagnosi di acinesie, ipocinesie o discinesie.

Il tratto cervicale dell'esofago disposto nella porzione sx della regione


Pagina 272 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

cervicale (a sx della trachea).


Il tratto intratoracico passa al di sopra della base del cuore e in prossimit
dei grossi vasi; questo spiega come nel cane, possa comparire una patologia
come il megaesofago da persistenza del IV arco aortico.
A carico della doccia giugulare sx possono essere evidenziate:
a)Tumefazioni circoscritte, dovute a corpi estranei. Soprattutto nei
grossi animali, in particolare nei bovini che spesso ingoiano tuberi o frutti
interi che possono essere bloccati nella progressione e determinare queste
tumefazioni. La sintomatologia estremamente

evidente, l'ostruzione

impedisce la deglutizione della saliva prodotta (i bovini possono produrre


centinaia di litri di saliva al giorno), per cui comparir una scialorrea
intensissima.
b) Tumefazioni sacciformi (diverticoli);
c) Tumefazioni fusate (ectasie);
d) Tumefazioni diffuse a limiti indefiniti (lacerazioni) con un'area
perifocale di edema abbastanza marcata;
Con la palpazione si valuta la consistenza delle tumefazioni.
Le tumefazioni dolenti, calde e pastose, talvolta possono essere svuotate
(diverticoli ed ectasie).
Nel caso di corpi estranei le tumefazioni si presenteranno dolenti e dure
oppure, qualora ci siano lacerazioni, possono essere crepitanti, sia per una
Pagina 273 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

possibile invasione da parte di germi che producono gas sia per la presenza di
aria.
Nel caso sia presente un corpo estraneo, questo pu essere evidenziato
mediante esame radiologico semplice o con mezzo di contrasto. Il mezzo di
contrasto da utilizzare potrebbe essere il bario, ma soltanto quando esclusa
la presenza di una perforazione, perch in questo caso, il passaggio di bario al
di fuori dell'apparato digerente determinerebbe delle gravi intossicazioni
(sono preferibili i mezzi di contrasto ionici iodati).

Esame del rumine


Il rumine occupa quasi interamente lemiaddome di sx.
Lispezione possibile in corrispondenza della regione del fianco, la cui
convessit o concavit sono espressione dello stato di ripienezza dellorgano.
La palpazione consente di distinguere la presenza di gas che dilata e tende la
parete del rumine (meteorismo gassoso a bolla unica), dalla presenza di
materiale semifluido con gas disperso (meteorismo schiumoso), o di materiale
solido (sovraccarico o replezione) che conferisce una certa pastosit rilevabile
nella regione del fianco.
La percussione evidenzia una sonorit sovrachiara nella parte superiore, chiara
nella parte media-superiore, subottusa nella parte media inferiore, ottusa
nella parte inferiore, in virt del differente stato fisico del materiale
Pagina 274 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

endoruminale.
La sonorit pu, in casi patologici, essere timpanica (meteorismo gassoso),
diffusamente ottusa (sovraccarico) o uniformemente subottusa (meteorismo
schiumoso).
Lascoltazione consente di valutare i gorgoglii continui, legati alla risalita delle
bolle di gas di fermentazione, e i rumori di cascata (12 ogni 5 minuti) legati alla
contrazione del reticolo.
Lassenza di tali reperti da considerarsi patologica.

Esame del reticolo


Il reticolo non accessibile all'ispezione e alla palpazione ma si possono
eseguire percussione, auscultazione, prove del dolore ed ausili diagnostici.
Il reticolo disposto davanti al sacco anteriore del rumine, sul lato sx,
ventralmente, dietro l'area polomonare, intorno alla VI-VIII costa.
Alla percussione presenta un suono ottuso. L'aumento dell'area di risonanza
attribuibile alla presenza di aderenze; quando, presente un suono timpanico,
questo pu essere dovuto ad una forma acuta di "reticoloperitonite
tramautica".
Il reticolo disposto dietro il diaframma e pi avanti disposto il cuore per
cui la distanza tra reticolo, pericardio e cuore minima. Questa premessa
consente di capire la patogenesi della "reticoloperitonite da corpo estraneo",
Pagina 275 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

che si verifica frequentemente nei bovini.


L'auscultazione viene fatta sul lato sx, nell'estremo ventrale della VI-VII
costa. Per individuare tale area si traccia una linea che va dalla tuberosit
olecranica alla cartilagine xifoidea dello sterno, un'altra linea che va
dall'ombelico alla punta della spalla, mentre l'altro margine descritto dal
margine posteriore del polmone (fig. pag 12).
A destra l'area di auscultazione pi piccola che a sinistra perch il reticolo
disposto un po' pi a sinistra.
Con l'auscultazione a volte si riesce a sentire un gemito sincrono alla
contrazione dell'organo.
La diagnostica che accompagna le patologie del reticolo associata
soprattutto alla reticoloperitonite traumatica da corpo estraneo la cui
diagnosi pu essere effettuata facilmente con le prove del dolore che sono:
- Prova del garrese.
- Prova del bastone.
- Percussione pesante: si effettua nellarea algogena di Lies, unarea
triangolare che ha per vertici lombelico, lintersezione del diaframma con la
VII costa e lapofisi xifoidea.
- Prova di Kalchshmidt.
- Deambulazione in salita e in discesa.
A volte in seguito all'ingestione di un corpo estraneo (per es. fili di ferro),
Pagina 276 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

questo pu infiggersi ed attraversare la mucosa del reticolo, la sottomucosa


fino ad arrivare alla tunica muscolare. Una volta perforata la muscolare, il
corpo estraneo giunge sotto il peritoneo viscerale del reticolo e peritoneo
parietale del diaframma; a questo punto parte del contenuto del reticolo pu
versarsi nello spazio tra reticolo e diaframma.
In genere i bovini hanno una buona capacit di difesa a queste modificazioni; si
forma cos, una peritonite che tende ad essere saccata e non diffusa, cio
compare una reazione perifocale responsabile di un'aderenza che fa s che
tutto resti delimitato nello spazio. Il corpo estraneo, per, pu progredire
ulteriormente, determinando perforazione del diaframma, e coinvolgimento il
pericardio determinare una pericardite traumatica da corpo estraneo.
Mentre tutto questo, in molte specie animali condurrebbe a morte, nei bovini
determina spesso una sintomatologia poco appariscente. A volte presente
solo una sintomatologia generica (perdita del peso corporeo, riduzione della
produzione di latte e riduzione dell'incremento ponderale) per cui, per fare la
diagnosi si ricorre ad alcune prove.
- La prova del garrese, consiste nel sollevare una plica cutanea a livello dei
processi spinosi del garrese. La reazione normale l'inarcamento verso il
basso del rachide, questo determina uno sfregamento tra peritoneo viscerale
(reticolo) e peritoneo parietale (diaframma) e, di conseguenza, in caso di
reticoloperitonite, dolore. Il dolore non evidentissimo, infatti, una seconda
Pagina 277 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

persona deve posizionarsi con l'orecchio vicino alla bocca per poter ascoltare
un eventuale gemito.
- Prova del bastone. Due persone si pongono da un lato e dall'altro del soggetto
sollevando, quanto possibile, un bastone passato dietro il margine posteriore
dello sterno, sull'area di proiezione esterna del reticolo (fig. pag 13).
Improvvisamente si lascia cadere il bastone e, in caso di positivit della prova
il soggetto emetter un gemito.
- La percussione con martello pesante viene effettuata dietro il limite
polmonare e si valuta anche qui l'emissione del gemito.
- La prova di Kalchschmidt o prova di zona consiste nel determinare
l'emissione di un gemito con una piccola palpazione. Si parte da un concetto
molto semplice secondo il quale lo stesso metamero spinale che innerva la
regione dove presente dolore (area interessata del reticolo), innerva la cute
sovrastante il dorso. Carezzando semplicemente la cute sovrastante la VIIVIII vertebra o pizzicandola leggermente si provoca un'apnea o un gemito se
la prova positiva. In altre parole la sommatoria dello stimolo algico basale
(legato al corpo estraneo) + uno stimolo di modesta entit induce la risposta
dellanimale.
- Come ultima prova si pu far camminare il soggetto in salita e in discesa: si
osserver la riluttanza dellanimale che sar pi manifesta in salita a causa
della trazione esercitata dal peso del reticolo sulle pareti dellascesso.
Pagina 278 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Queste prove non vanno fatte tutte, se solo una di queste d una risposta
chiara; se, invece, la risposta dubbia vanno fatte le altre.
A volte anche dopo aver fatto tutte le prove non si riesce a fare la diagnosi,
per cui si pu ricorrere alla metalloscopia, all'endopalpazione del reticolo
(endopalpazione: intervento esplorativo dagli scarsi effetti collaterali che si
effettua poggiando il dorso della mano sul margine superiore del sacco dorsale
del rumine fino a portarsi nel reticolo per verificare l'eventuale presenza di
corpi estranei e all'esame radiologico (che comunque nei bovini una tecnica
poco diffusa perch costosa e perch richiede delle apparecchiature
estremamente potenti e delle esposizioni notevoli per consentire il passaggio
delle radiazioni attraverso il torace del bovino).

Esame dell'omaso
Data la sua posizione non facilmente accessibile, si esegue:
Palpazione profonda;
Percussione;
Auscultazione;
Puntura esplorativa;
Tra le patologie che interessano l'omaso ricordiamo l'intasamento dell'omaso.
L'area di proiezione dell'omaso sul lato destro, ventro-lateralmente
all'altezza della VII-IX costa.
Pagina 279 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

La comparsa del dolore si pu avere nella distensione acuta e nella


costipazione;

quest'ultima,

si

verifica

quando

vengono

somministrati,

all'animale, alimenti con poche fibre, finemente tagliuzzati, quasi in polvere,


rimasti nel fondo del silos. Tale materiale, una volta ingerito, tende a
disidratarsi, ad inserirsi tra le fini lamine dell'omaso e quindi ad assumere una
consistenza

abbastanza

dura.

Attraverso

la

ruminotomia

si

procede

all'asportazione di questo materiale, che a volte non si stacca facilmente,


quando per staccarlo vengono fuori anche pezzi di mucosa misti a sangue, la
prognosi infausta.
L'area di proiezione viene esaminata col martello pesante, il suono ottuso,
difficile da evidenziare per la profondit dell'organo. Quando presente un
aumento dell'area di ottusit c' dilatazione o costipazione dell'organo.
All'auscultazione sono presenti anche dei rumori crepitanti (non sempre
apprezzabili). Anche qui spesso si pu ricorrere alla ruminotomia esplorativa, si
pu fare una puntura esplorativa con ago cannula, valutando i movimenti
dell'ago stesso nell'omaso. Quando l'ago cannula non si muove probabile che
ci sia un'ipomotilit dell'omaso (dilatazione acuta e costipazione).

Esame dell'abomaso
-Ispezione;

Pagina 280 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

-Palpazione;
-Esplorazione rettale;
-Auscultazione;
-Percussione;
-Puntura esplorativa (centralmente,dietro lo sterno);
-Ausili diagnostici;
L'ispezione possibile in condizioni patologiche, quali una dilatazione
dell'abomaso oppure per una sua dislocazione a dx.
In condizioni normali labomaso si trova quasi del tutto a dx ma una piccola
porzione, accomunabile funzionalmente alla bolla gastrica dei monogastrici, si
trova nellemiaddome sx anteriormente al sacco ventrale del rumine.
A volte l'abomaso, in seguito a dilatazione, pu passare al di sotto del sacco
ventrale del rumine e migrare verso sx; in questo caso si ha dislocazione a sx e
aumento di volume dell'addome a sx. Questa una condizione patologica che si
osserva soprattutto negli allevamenti intensivi ed dovuta a degli errori
alimentari, in seguito ad alimentazioni sbilanciate, per promuovere una crescita
pi rapida dei soggetti con diete ricche di carboidrati fermentescibili in grado
di fornire grosse quantit di AGV.
Il gas si deposita nel recesso sx dellabomaso che dilatandosi, disloca
portandosi tra rumine e parete addominale sx.
Il materiale (liquido o semifluido misto a gas) risulta bloccato per locclusione
Pagina 281 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

del piloro, infatti si osserva una fase di stipsi. Quando poi, la pressione
endoabomasale,

alimentata

dalle

fermentazioni,

vince

la

resistenza

dellocclusione pilorica, si ha il passaggio in duodeno di grosse quantit di


liquidi che si rendono responsabili di diarrea: pertanto si ha alternanza tra
stipsi e diarrea.
Si osservano inoltre:
-aumento

localizzato

della

convessit

nella

parte

anteriore

dellemiaddome sx
-sonorit timpanica diffusa che sostituisce lalternanza di suoni che
contraddistingue la percussione del rumine (dallalto al basso: suono
sovrachiaro, chiaro, subottuso, ottuso )
-scomparsa di rumori di cascata e presenza di tintinnio legato alla
presenza di bolle di gas.
-allesame combinato di percussioneascoltazione si ode un suono
metallico legata alla rottura meccanica delle bolle.
In condizioni patologiche, all'esplorazione rettale l'abomaso percepibile:
-Come un pallone teso nel quadrante dorsale dx della cavit addominale,
in caso di dislocazione a dx, paratoia che riconosce un eziopatogenesi simile a
quella della dislocazione sx;

Esame dello stomaco

Pagina 282 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

-Ispezione
-Palpazione
-Percussione
-Paracentesi (indagine eseguita mediante puntura)
-Ausili diagnostici
All'ispezione si valuta l'ipocondrio sinistro e la regione epigastrica, dove si
cerca di individuare delle possibili modificazioni di volume.
Aumenti di volume sono attribuibili a patologie piuttosto frequenti nei cani di
grossa taglia, ossia alla "dilatazione gastrica" o alla "torsione gastrica"; in
questi casi, infatti, si ha l'aumento del diametro traverso con maggiore
evidenziazione del lato sinistro della parete addominale.
possibile osservare anche una diminuzione del volume in seguito a riduzione
del contenuto alimentare, soprattutto nei soggetti molto giovani. Nei cuccioli,
infatti, subito dopo l'assunzione di alimento presente un aumento di volume
del diametro traverso dell'addome, soprattutto nella regione ipogastrica, per
poi passare alla riduzione del volume nel momento in cui terminano i processi di
svuotamento gastrico.
La palpazione si effettua sempre sull'ipocondrio sinistro e sull'epigastrio, dove
possibile evidenziare:
-Aumento della tensione della parete
-Riduzione della tensione della parete
Pagina 283 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

-Algia
La percussione consente di valutare la sonorit in risposta alla percussione
stessa (attivit percussoria).
L'area interessata sempre la stessa e la sonorit relativa alla quantit di
alimento presente.
Esistono delle situazioni particolari, rappresentate dalla dilatazione e dalla
torsione, in cui all'ispezione si ha un aumento di volume del diametro traverso
dell'addome, alla palpazione si ha l'aumento di tensione, mentre all'esame
percussorio si ha una risonanza di tipo timpanico.
Questa risonanza timpanica conseguente all'accumulo di una notevole
quantit di gas nell'ambito della cavit gastrica. E' una sindrome che insorge in
seguito all'assunzione di un pasto abbondante consumato in maniera vorace.
Altro fattore predisponente legato alla profondit del torace (doberman,
alano, p.t.) che consente ampie escursioni dello stomaco in relazioni a
movimenti bruschi effettuati a stomaco pieno.
In questa patologia sono concomitanti segni di shock, legato alla presenza di
tossine in circolo e dal ridotto precarico ventricolare destro causato dalla
compressione dellorgano sulla vena cava caudale.
Tra gli ausili diagnostici vanno ricordate:
- la paracentesi che, quando lo stomaco vuoto, una procedura di
difficile esecuzione, anche perch lo stomaco disposto ad una certa
Pagina 284 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

profondit e la parete non ha la tensione idonea da contrapporre all'ago che


tenta di penetrare. Nel caso in cui lo stomaco sopradisteso, la paracentesi
pu essere un approccio oltre che diagnostico, anche terapeutico, che si
effettua in corso di sindrome da "dilatazione" e "torsione". Si esegue la
tricotomia nella parte sx della parete addominale, e si pu infiggere un
catetere di grosse dimensioni; sfilando l'anima del catetere (parte metallica)
si ascolter dall'ago un sibilo rappresentato dal gas che fuoriesce. La
riduzione di tensione che segue oltre a confermare la diagnosi, pu anche
facilitare un'ulteriore procedura semiologica che quella del sondaggio
esofago/gastrico, altro esame diagnostico che serve a rendere pi efficiente
lo svuotamento dello stomaco dal suo contenuto di gas e liquidi.
Quanto stato descritto, per, non possibile in caso di torsione perch
quando lo stomaco ruota, gira intorno al suo asse maggiore, il cardias risulta
torto e la sonda non passa.
A volte, anche in caso di dilatazione presente un minimo di rotazione dello
stomaco indotta dalla presenza di gas per cui la sonda non riesce a passare lo
sfintere cardiale. In quest'ultimo caso, per, se si esegue un parziale
svuotamento dello stomaco mediante la paracentesi, si crea lo spazio
sufficiente al passaggio della sonda.
- l'endoscopia, una tecnica che amplia notevolmente gli orizzonti
diagnostici rispetto al solo esame clinico e all'esame radiologico, soprattutto
Pagina 285 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

relativamente

quelle

patologie

difficilmente

evidenziabili

con

altre

procedure. Tali patologie sono rappresentate dalle "neoplasie della parete


gastrica", dalle ulcere della mucosa e dalle patologie caratteristiche di
soggetti brachicefali legate ad una riduzione del lume pilorico (poliposi pilorica
e ipertrofia del piloro).

Esame dell'intestino e del peritoneo


Tra le varie prove da effettuare per la realizzazione di questo esame c' la
succussione, eseguita quasi esclusivamente per la cavit addominale; una
percussione modificata, che serve a mettere in evidenza l'eventuale presenza
di liquidi in cavit addominale.
Nei piccoli animali si esegue:
-si chiude una mano e con dei piccoli colpi inferti da un lato della parete
addominale, con l'altra mano posta sul lato opposto della parete si avverte
l'onda liquida eventualmente prodotta.
All'ispezione possibile evidenziare un aumento di volume dell'addome dovuto
al meteorismo delle anse intestinali, oppure alla presenza di liquido nel
peritoneo; altre volte pu essere dovuto all'aumento della quantit totale di
ingesta.
La presenza di liquido nel peritoneo pu conseguire ad emoperitoneo, a
peritonite o ad ascite.
Pagina 286 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Quando si verifica aumento di volume in toto della cavit addominale, oltre alla
succussione, la presenza di liquidi pu essere evidenziata sollevando il soggetto
prima sugli arti anteriori poi sui posteriori per valutare se la tumefazione si
sposta per gravit. Se ci accade vuol dire che verosimilmente vi presenza di
liquido libero in addome.
Spesso la presenza di liquido in addome ascrivibile ad ascite; quest'ultima
dovuta ad un aumento della pressione del circolo portale, a seguito di patologie
epatiche o ad un insufficienza cardiaca destra (aumento di pressione nella
vena cava).
La peritonite, invece, dovuta ad un accumulo di essudato in peritoneo,
raramente legato a pus. Pi raramente si pu avere emoperitoneo o
uroperitoneo (rottura della vescica).
L'aumento di volume delladdome pu

anche essere conseguente ad un

aumento del materiale contenuto nelle anse intestinali, come accade in caso di
fecaloma, materiale intestinale che tende col tempo a disidratarsi, a
compattarsi ed a ristagnare determinando una dilatazione delle anse
intestinali.
Molto spesso queste situazioni sono dovute ad un'alterata peristalsi o
patologie che determinano subostruzioni del retto(osteodistrofia fibrosa,
pregresse fratture del bacino).
Lanamnesi, consente di verificare lavvenuta defecazione che escluder la
Pagina 287 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

presenza

di

unocclusione

intestinale

totale,

per

contro

lassenza

di

defecazione per oltre 24 ore deve essere considerata come una spia dallarme
che impone delle indagini ulteriori.
La percussione normalmente si effettua su tutta la lunghezza della parete
addominale. Sulla porzione pi anteriore, sui fianchi e sul mesogastrio
presente una risonanza che tende a sonorit pi acute.
Se presente una risonanza timpanica (presenza di gas nelle anse da ileo
paralitico) possibile che ci sia occlusione o torsione.
Una risonanza ottusa si ha in caso di costipazione (es. fecaloma).
Nei grossi animali si pu continuare l'esame dell'intestino e del peritoneo con
l'auscultazione; si possono ascoltare i borborigmi, i quali possono essere
assenti, in caso di occlusione o torsione, oppure aumentati, in caso di trombosi
dell'arteria mesenterica del cavallo indotta da parassiti.
Alla succussione possiamo avere una risposta positiva in caso di presenza di
liquido nel peritoneo, per peritonite o emoperitoneo (per lacerazione di una o
pi anse).
Una delle possibili cause di lacerazione di un'ansa la torsione, questo perch
con la torsione si ha l'ischemia dell'ansa stessa, che va incontro a necrosi e
rottura.
Altra condizione patologica l'intuscepto o invaginamento intestinale. Si
osserva pi frequentemente nei cuccioli perch l'esito di un'alterata motilit
Pagina 288 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

intestinale, un iperperistaltismo che pu conseguire ad una parassitosi ma, pi


frequentemente, a diarree profuse (ad es. in corso di parvovirosi).
La diagnosi pu essere fatta mediante palpazione, si sente un cordone duroelastico di una certa lunghezza presente in cavit addominale, oppure
mediante esame ecografico.
In corso di ostruzione intestinale presente ileo, ossia assenza di movimenti
peristaltici.
Tra gli esami collaterali che consentono di valutare lintestino bisogna
considerare: radiografia con mezzo di contrasto, ecografia, endoscopia. In
presenza di addome acuto, ileo o sospetto di ostruzione, auspicabile
lindagine ecografia, in quanto immediata, innocua e non invasiva. Lendoscopia
necessita di una preparazione che consiste in digiuno e somministrazione di
soluzioni che allontanano il contenuto intestinale. Anche la radiografia con
mezzo di contrasto necessita tempi di attesa lunghi e quindi non compatibili
con lesigenza di una diagnosi precoce.
In alcuni casi, i corpi estranei sono radiopachi e quindi, la radiografia diretta
in grado di consentire la diagnosi.
Alla palpazione si possono individuare corpi estranei; frequenti nei cuccioli di
cani sono i corpi estranei rotondeggianti.
Al volte i cuccioli ingeriscono dei corpi estranei lineari (spago, nastri di
musicassette), che formando dei nodi possono bloccarsi in corrispondenza del
Pagina 289 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

piloro o della valvola ileocecale. La parte distale del corpo estraneo, spinta
dalla peristalsi pu anche fuoriuscire dal retto ma, non essendo possibile il
superamento del nodo prossimale, il corpo estraneo non pu essere eliminato.
Le anse, in questo caso, si dispongono a fisarmonica intorno al filo teso, che
intanto induce la necrosi della mucosa intestinale con cui viene a contatto.
Nei grandi animali lesplorazione rettale consente di palpare direttamente le
anse , che possono essere sede di paratopie, come versioni o flessioni.
Tali paratopie interessano spesso il cieco e sono responsabili di sintomatologia
colica.

Esame del retto e dellano


Lultima parte dellintestino pu essere sede di numerose patologie.
Lesame visivo e importante, cos come quello palpatorio mediante esplorazione
rettale.
Tra gli esami collaterali si deve includere la radiografia con mezzo di
contrasto (clisma opaco).
Tra le patologie pi frequenti, in particolare nei cuccioli, c il prolasso rettale.
Tale paratopia, spesso conseguente a diarrea cronica su base infettiva o
parassitaria, si caratterizza per la fuoriuscita di parte del retto, di cui
visibile la mucosa. Nella diagnosi differenziale bisogna considerare lintuscepto
prolassato: in questo caso pi agevole la riduzione mediante posizionamento
Pagina 290 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

antigravitario e inoltre, possibile introdurre il dito esploratore tra la parte


prolassata e lapertura anale avvertendo cos la corretta posizione delle pareti
del retto.
Nei grandi animali il prolasso rettale frequente nelle femmine come
complicanza di parti distorcici o comunque caratterizzati da premiti abnormi e
prolungati.
La regione perineale, pu essere sede di tumefazioni che possono avere
diversa natura:

1.

Ernia perineale, pu essere monolaterale, bilaterale o a ferro di

cavallo. Si caratterizza per la presenza di visceri (intestino, epiploon, vescica,


prostata) attraverso una diastasi dei muscoli del diaframma pelvico (sfintere
anale, elevatore dellano, sacro-coccigeo).
2.

Diverticolo rettale: presenza di una sacca, spesso ripiena di feci,

che si evidenzia esternamente. Lesplorazione rettale possibile e consente la


definizione morfologica del diverticolo.
3.

Flessione rettale: paratopia che consiste nellinginocchiamento

dellultimo tratto del retto. La semplice ispezione esterna non consente di


differenziarla dalle precedenti paratoie, ma in questultimo caso il dito
esploratore no progredisce in senso anteriore ma costretto a seguire la
curvatura anomala del retto.
Pagina 291 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

4.

Neoplasie, empiemi dei sacchi anali, fistole, che a volte,

riconoscono uneziologia su base autoimmunitaria, ma spesso sono da correlarsi


con patologie prostatiche.

Pagina 292 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

APPARATO RESPIRATORIO

Esame delle cavit nasali


Le cavit nasali sono frequentemente sede di patologia, in particolare nel cane
e nel cavallo.
Gli aspetti semiologici che vanno valutati con questo esame sono:
-

Ispezione

Palpazione

Percussione

Ausili diagnostici

All'ispezione si pu valutare la mobilit e la simmetria delle narici. possibile,


infatti, avere un'asimmetria per masse occupanti spazio e un'ipomobilit o
un'immobilit monolaterale in seguito a paralisi del facciale. Nel cane una delle
forme pi frequenti di paralisi del facciale la cosiddetta p. idiopatica; altre
forme sono causate da:il cimurro,le neoplasie e i traumi encefalici. Nel cavallo
la paralisi del facciale spesso dovuta ad adenite, traumi, flogosi parotidee e
faringee. Nel bovino la causa principale la tubercolosi, lactinomicosi della
regione parotidea;nel suino lotite media.
Si pu ancora valutare la presenza di scolo nasale, elemento semiologico
estremamente importante , pu essere bilaterale o monolaterale.
-Lo scolo nasale bilaterale generalmente sostenuto da una patologia

Pagina 293 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sistemica oppure da una patologia delle cavit nasali, come una rinite.
-Quando lo scolo monolaterale dobbiamo cercare di individuare la
causa tra patologie specifiche, quali una neoplasia oppure un corpo estraneo
(che pu determinare epistassi), per es. le ariste di graminacee. Queste
ultime, dette anche in gergo forasacchi, hanno una struttura particolare
(hanno un seme in punta, varie alette laterali, una struttura lanceolata con
tante piccole protuberanze orientate tutte in senso prossimo-distale) che
risponde alla loro funzione; sono, infatti, dei semi che devono penetrare nel
terreno, sempre nella stessa direzione, per permettere la perpetuazione della
specie. Quando vanno nella narice queste progrediscono in un'unica direzione e,
se non vengono rimosse rapidamente, possono essere aspirate e passare
attraverso la trachea nei polmoni. Da qui, attraverso la perforazione del
polmone e del diaframma, possono raggiungere la sede di attacco del pilastro
del diaframma (2a vertebra lombare) fino a determinare la formazione di un
ascesso e delle fistole da corpo estraneo nella regione lombare o nella regione
del fianco. In caso di scolo nasale da corpo estraneo questo, oltre ad essere
monolaterale, sieroso, purulento, talvolta frammisto a sangue, abbondante e
provoca starnuti.
A volte l'essudato pu essere ematico, ci accade in caso di neoplasia o di
corpi estranei, anche se talvolta non facile differenziare un essudato
catarrale emorragico e una vera e propria epistassi.
Pagina 294 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

L'epistassi va individuata con una certa precisione perch va trattata con


urgenza. piuttosto frequente nei mesi estivi quando, nei piccoli animali,
presente un'iperemia della mucosa delle cavit nasali in virt della funzione di
termoregolazione che le stesse cavit nasali hanno.
Esistono delle condizioni patologiche particolari, ossia la Leishmaniosi e
l'Herlichiosi, che determinano spesso epistassi sia perch provocano una
trombocitopenia, sia perch provocano una modificazione della parete del vaso.
Si pu osservare anche un essudato misto ad alimento in caso di palatoschisi o
di fistola oro-nasale. La presenza di uno scolo nasale mucoso o purulento mono
o bilaterale un reperto anamnestico frequente in caso di turbinatopatia nel
cane
All'ispezione si valutano inoltre:
-Il profilo nasale; eventuali alterazioni possono essere dovute a
neoplasie (es. carcinoma delle cavit nasali).
-La presenza di starnuti; se ad accessi ed improvvisi spesso legata a
corpi estranei in cavit nasale o alla presenza di parassiti come la linguatula
rinaria e lestrus ovis.
Allascoltazione si evidenziano dei rumori respiratori.
L'occupazione delle cavit nasali pu dare luogo a rumori respiratori
classificati in:
- Russante inspiratorio, in seguito a paralisi della falsa narice del cavallo
Pagina 295 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

- Russante inspiratorio ed espiratorio, in seguito a neoplasie o riniti


La falsa narice una struttura sacciforme, a fondo cieco, disposta
lateralmente alla narice che, in condizioni normali, in fase di inspirazione segue
la narice (vi una sorta di abduzione delle pareti, di allontanamento dalla linea
mediale); se presente paralisi si crea un vortice d'aria, addirittura si crea
un'aspirazione della parete della falsa narice verso la cavit nasale e quindi si
verifica il rumore inspiratorio.
Alla palpazione notiamo la consistenza della teca ossea. Alterazioni della teca
ossea si hanno soprattutto in caso di neoplasie, pi raramente in caso di riniti a
meno che queste non siano croniche.
Alla percussione, se si ha un coinvolgimento monolaterale, si avvertir una
sonorit diversa in una narice rispetto all'altra. Nella narice coinvolta dal
processo patologico si avr una sonorit pi tendente all'ottuso rispetto alla
controlaterale in cui la sonorit tendente al chiaro.
Tra gli ausili diagnostici ricordiamo:
-L'esame radiografico e la TAC
-La rinoscopia
-Il prelievo bioptico
-Il tampone nasale
-Il lavaggio delle cavit nasali
Allesame radiografico (effettuato disponendo la cassetta radiografica in
Pagina 296 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

bocca); si possono individuare lesioni di tipo proliferativo quali neoplasie, o


flogosi di natura micotica. In questi casi si individua una alterazione della
normale trama dellosso con focolai di lisi di varia morfologia. Costituisce un
prezioso aiuto la comparazione con la narice controlaterale sana. Nelle
radiografie nasali occorre valutare laumento della radiopacit dei fluidi, la
scomparsa dei turbinati, la lisi delle ossa facciali, la radiotrasparenza degli
apici delle radici dentarie e la presenza di corpi estranei radiopachi. Laumento
di radiopacit dei fluidi pu essere causato da muco, sangue, essudato o masse
di tessuto molle come polipi, tumori o granulomi. Un sottile margine di lisi con
intorno un addensamento focale pu far rilevare la presenza di un corpo
estraneo. Le radiografie possono rivelare lesistenza di precedenti fratture
traumatiche ed osteomieliti secondarie. La tomografia computerizzata viene
effettuata soprattutto in caso di affezioni neoplastiche nasali, per valutare i
limiti dei tumori. La tomografia consente uneccellente visualizzazione dei
turbinati ,del setto nasale, del palato duro e della lamina cribrosa.
La rinoscopia permette la valutazione della cavit nasale mediante luso di un
endoscopio a fibre ottiche rigido o flessibile oppure di un cono otoscopico. La
rinoscopia viene utilizzata per visualizzare e rimuovere i corpi estranei,
valutare macroscopicamente il grado di infiammazione della mucosa nasale, di
erosione dei turbinati, le placche micotiche o la presenza di masse, ed utile
per il prelievo dei campioni nasali destinati alla coltura ed alle indagini
Pagina 297 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

istopatologiche. E necessario ricorrere allanestesia generale prima di iniziare


lesame rinoscopico al quale, deve essere immediatamente anteposta la
radiografia nasale. Lapice dello strumento, ben lubrificato, viene introdotto
nella narice e diretto medialmente. Si valuta ogni singolo meato nasale,
iniziando ventralmente e procedendo in direzione dorsale per impedire che si
sviluppi unemorragia durante la procedura. Altra tecnica utilizzata a scopo
diagnostico la biopsia nasale, che viene effettuata dopo la radiografia e la
rinoscopia, con il paziente in anestesia. Le tecniche bioptiche includono: il
tampone nasale, il lavaggio nasale, la biopsia con pinzettamento, la biopsia a
core e la turbinectomia. Il tampone nasale indicato per identificare
citologicamente i microrganismi criptococcici; il lavaggio nasale una tecnica
poco invasiva, consiste nellintrodurre attraverso il cavo orale e linterno delle
narici, nella regione caudale della cavit nasale un catetere morbido,
dirigendone rostralmente lestremit. Attraverso il catetere viene iniettata
circa 100 ml di soluzione fisiologica sterile, ad intervalli regolari. Il materiale
fluido che fuoriesce dalle narici esterne viene raccolto in una provetta per
essere sottoposto ad esame citologico.
Per eseguire un lavaggio nasale traumatico, necessario introdurre alla cieca
un catetere rigido contro la mucosa nasale, affinch si stacchino piccoli
frammenti da destinare allesame istologico. Per prelevare campioni di mucosa
o masse di varia natura si ricorre alla biopsia con forbici bioptiche a
Pagina 298 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

coccodrillo o strumenti ad apice endoscopico mediante pinzettamento oppure


alla biopsia a core prelevando il tessuto per aspirazione con la guaina di un
catetere montato su siringa.

Seni frontali e mascellari


All'ispezione si valuta il profilo osseo. In un soggetto con una neoplasia del
seno di limitate dimensioni, il profilo presenter delle alterazioni poco visibili.
Quello che invece si pu vedere in un soggetto con un processo patologico
grave e non recente, una importante alterazione del profilo, poich il
processo pu determinare la perforazione dell'osso.
Quando presente una neoplasia, soprattutto se maligna, si formano delle
aree di necrosi centrale che spesso si infettano in quanto i seni frontali sono
in comunicazione, attraverso le cavit nasali, con l'esterno.
Le alterazioni del profilo osseo sono dovute anche a collezione (ossia accumulo
di materiale fisiologico o patologico in cavit naturale), a delle cisti dentarie o
ad empiema (raccolta di pus in cavit preformata).
Una frequente causa di empiema del seno mascellare, nel cane, linfezione
dentaria; esiste, infatti, una contiguit tra la radice del IV premolare, il
molare e il seno mascellare. Per questo motivo un'infezione, a partire dal
dente, pu determinare la lisi di quella esile struttura ossea che separa la
radice dentaria dal seno mascellare e pu determinare empiema.
Pagina 299 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

L'empiema del seno mascellare induce la distruzione della parete ossea e


formazione di una fistola cutanea. Lo sbocco disposto sotto langolo nasale
dell'occhio e la patologia prende il nome di fistola odontopatica. In genere
questa affezione viene diagnosticata solo quando si forma la fistola. Nel
cavallo lempiema colpisce entrambi i seni frontale e mascellare perch sono
comunicanti; la causa pu essere dentaria, traumatica, ossea, nasale.
Laccumulo di materiale patologico pu determinare compressione della cavit
nasale, con relativo disturbo respiratorio, e della parete ossea esterna dei
seni, con conseguente atrofia e deformazione.
All'ascoltazione

si

pu

evidenziare

un

rumore

respiratorio

russante,

soprattutto nel cavallo, in seguito a cisti dentarie del seno mascellare.


Alla palpazione si pu invece avere algia oppure un'alterazione della normale
consistenza.

Esame del laringe


I rumori respiratori costituiscono un elemento semiologico fondamentale e
possono essere di due tipi:
1) Russante
1a) espiratorio
1b) inspiratorio ed espiratorio
2) Sibilante
Pagina 300 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

E' espiratorio in caso di dislocazione del palato molle nel cavallo, Questo
infatti passando al di sopra dell'epiglottide al momento dell'espirazione vibra
e, quindi, produce il rumore.
Altro caso di rumore espiratorio, nel cane, si ha nell'allungamento del palato
molle, il quale protrude ed interferisce con la meccanica dell'epiglottide.
Il rumore sia inspiratorio che espiratorio in caso di presenza di corpo
estraneo, cisti mucose laringee nel cavallo e dislocazione dell'arco palatofaringeo nel cavallo.
I rumori sibilanti, invece, sono soprattutto inspiratori e si hanno nella paralisi
laringea del cavallo e del cane, nell'iperplasia delle pliche ariepiglottidee nel
cavallo. Queste ultime sono delle pliche disposte al di sotto del laringe e
passano al di sopra dell'epiglottide rendendosi responsabili di rumori
respiratori.
Alla palpazione del laringe, in corrispondenza delle cartilagini aritenoidi e dei
primi anelli tracheali, si riconnette la provocazione del sintomo tosse. Se la
tosse si determina con facilit siamo in presenza di un processo locale a
carattere acuto o subacuto. Nella

porzione ventrale del collo possiamo

osservare pneumoderma, ossia passaggio di aria in sottocute che ha come


riscontri semiologici una tumefazione alla cui palpazione si ha la sensazione di
neve schiacciata per la rottura di piccole bollicine d'aria formatesi nel
sottocute. Allascoltazione ne risulta un suono chiaro timpanico per la
Pagina 301 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

presenza di aria.

Esame della trachea


All'ispezione della trachea, possibile osservare eventuali cambiamenti di
forma e di posizione, meglio apprezzabili poi con la palpazione manuale.
Una modificazione della normale architettura dell'organo si pu osservare in
caso di rottura della trachea, a seguito di aggressioni o a ferite da morso ed
caratterizzata, all'esame radiologico, dalla presenza di zone radiotrasparenti
al di sotto della trachea, non presenti normalmente. Tali aree sono ascrivibili al
passaggio di aria che migra verso il tessuto sottocutaneo del collo; il tessuto
cervicale appare rigonfio e lenfisema sottocutaneo rilevato dal rumore
crepitante che fa la cute dellanimale.
La presenza di un corpo estraneo nella porzione prossimale dell'esofago
determina compressione della trachea sottostante, il cui diametro si riduce in
senso dorso-ventrale.
Altre modificazioni di forma della trachea si riscontrano in caso di tumori:
osteocondroma o la displasia osteocondrale, di collasso tracheale, di ipoplasia
congenita, di masse nel tratto craniale del mediastino, tumori della base
cardiaca che tendono a modificare la posizione della trachea.
Il collasso tracheale una patologia frequente nelle razze nane e toy, dovuta
al cedimento del muscolo dorsale della trachea, che protrude all'interno della
Pagina 302 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

trachea. Al passaggio della colonna d'aria il muscolo vibra. La vibrazione


diventa sempre pi pronunciata, soprattutto quando i soggetti vanno incontro a
scompensi nei mesi caldi e si esprime attraverso il caratteristico verso d'oca.
Il collasso tracheale cervicale caratterizzato da tosse, dispnea inspiratoria
e stridore associati ad anomalie strutturali delle cartilagini tracheali
extratoraciche; il collasso tracheale intratoracico caratterizzato da tosse
intermittente, stridore espiratorio scatenati da irritazione tracheale dovuta
ad uneccessiva compressione dinamica delle vie respiratorie, sia durante
lespirazione normale che la tosse. Lipoplasia congenita un difetto congenito
che colpisce le razze brachicefale e provoca lo sviluppo inadeguato o anomalo
di tutti gli anelli cartilaginei e\o dei bronchi principali. Gli anelli cartilaginei
sono saldati nella parte posteriore o sovrapposti per cui ne risulta una
diminuzione del lume della trachea.

Esame semeologico dei polmoni


Ispezione del torace
Allispezione del torace si valuta la forma e la simmetria. Vanno sicuramente
ricordate, a questo proposito, lasimmetria, le modificazioni del respiro e
l'algia della parete toracica, che possono conseguire a fratture multiple delle
coste, soprattutto in caso di ferite da morso. Il respiro sar prevalentemente
diaframmatico. Le forme aperte interne di fratture costali possono provocare
Pagina 303 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

lesioni polmonari con emorragie nasali,dispnea e tosse. In genere nelle ferite


del polmone si osserva tosse superficiale, ad accessi piuttosto rari, ma
irregolarmente intervallati, con possibile emissione dalle narici di sierosit
spumosa rossastra. Si osserver una ottusit alla percussione nei settori
ventrali dellemitorace, nettamente delimitabile dal restante campo polmonare
che presenta risonanza timpanica causata dal pneumotorace da aspirazione,
per ferita toracica e da pulsione, per lesione del parenchima polmonare. Nella
rottura della parete toracica, si evidenzia una localizzata alterazione della
parete che si modifica durante i movimenti respiratori: durante lespirazione la
parte aumenta di volume diventando una formazione rotondeggiante della
grandezza di una mela;nellinspirazione la formazione scompare e si evidenzia
un incavo.

ESAME FUNZIONALE DEL RESPIRO


I parametri da valutare sono:
FREQUENZA: gli atti respiratori nellunit di tempo riferita al minuto primo.
Laumento patologico(tachipnea) causata da varie affezioni delle vie
respiratorie,
perturbamenti

anatomiche
di

ordine

funzionali
generale,

dellapparato

ostacoli

circolatorio,

meccanici

dei

da

muscoli

respiratori(dilatazione-torsione gastrica,meteorismo,algia).
La bradipnea si verifica per gravi turbe nervose a carattere depressivo che
Pagina 304 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

coinvolgono i centri respiratori (neoplasie centrali,trauma cranico).


AMPIEZZA:si riferisce allespansione toraco addominale durante latto
respiratorio; normalmente le escursioni inspiratorie sono prevalentemente
diaframmatiche, per cui dallesterno si apprezzano solo lievi movimenti toraco
addominali.
Il respiro diviene profondo per necessit dossigeno o affezioni dolorose della
pleura o di muscoli intercostali.
CELERITA: indica la durata di ogni atto respiratorio;il respiro diventa celere
se tra un atto e laltro c una pausa prolungata.
RITMO:il regolare succedersi degli atti respiratori
Le disfunzioni del ritmo sono il respiro periodico e quello di Cheyne-Stokes:
nel primo, al respiro normale si alterna lapnea; nel secondo c un
rallentasmento del ritmo fino allapnea.
TIPO :fisiologicamente il respiro prevalentemente addominale ma diviene
costale nei processi acuti endoaddominali come le peritoniti,le enteriti,le
metriti. E nettamente addominale nelle difficolt espiratorie.
Altra condizione respiratoria da valutare il respiro costale che si realizza in
corso di ernia diaframmatica .Questa paratopia si verifica frequentemente nel
cane e nel gatto. Il sintomo clinico pi caratteristico la dispnea che pu
essere pi o meno grave ed legata agli alterati rapporti anatomici e alla
compressione dei visceri toracici. Allispezione si rileva una notevole
Pagina 305 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

diminuzione del volume delladdome; alla percussione aree di ottusit alternate


ad aree di risonanza, mentre alla ascoltazione c la scomparsa del murmure
vescicolare ed eventuale presenza di borborigmi nellemitorace sede di ernia.
Allispezione possiamo anche valutare che normalmente la fase espiratoria
leggermente pi lunga della inspiratoria ;il prolungamento di una delle due
prende il nome di dicrotismo. Il dicrotismo espiratorio si verifica per perdit
della elasticit polmonare, per deficiente tono della muscolatura respiratoria,
per ostacoli o lesioni nei piccoli bronchi; quello inspiratorio per ostacoli nelle
prime vie respiratorie e lungo il decorso dei bronchi.
La discontinuit della fase inspiratoria prende il nome di respiro interciso, per
vari ostacoli allingresso dellaria nellalbero respiratorio(algia toracica, corpi
estranei, neoplasie).
Quando i movimenti del torace e delladdome risultano alternati parliamo di
respiro discordante causato da lesioni nervose o muscolari del diaframma, da
versamenti pleurici e pericardici, dal pneumotorace.
La dispnea si caratterizza per una respirazione ampia, frequente e
difficoltosa, ed espressione di gravi ostacoli della funzione respiratoria
come si verifica nelle mediasteniti da corpo estraneo, nel pneumotorace,nelle
pericarditi essudative.
PALPAZIONE DEL TORACE
Ci permette di stabilire la presenza di dolorabilit intercostale legata a
Pagina 306 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

processi pleurici, di edemi e fatti enfisematosi sottocutanei; si effettua negli


spazi intercostali con le dita o il martelletto. La pleurodinia si manifesta nelle
fratture

delle

coste,

nei

versamenti

pleurici,

nelle

reticoloperitoniti

traumatiche.
PERCUSSIONE DEL TORACE
Ci permette di stabilire la sonorit del torace e i limiti polmonari. La sonorit
toracica aumenta (iperfonesi) man mano che aumenta la quantit di aria nel
polmone (vari tipi di enfisemi): il suono dal chiaro soprachiaro pu diventare
timpanico; il suono anforico tende a superare quello timpanico ed tipico del
pneumotorace.
Il suono di pentola fessa lo ritroviamo nelle bronchiectasie e nelle caverne
polmonari.
Lipofonesi espressione di atelettasia e indurimento polmonare.
Lottusit assoluta legata alla presenza di liquidi o essudati nel cavo pleurico
o sacco pericardico.
ASCOLTAZIONE DEL TORACE
Normalmente allascoltazione del torace percepiamo il murmure vescicolare
ossia il rumore funzionale del polmone provocato dallattrito dellaria per
arrivare allalveolo e dalla tensione delle pareti alveolari. E un rumore dolce e
continuo ma talvolta risulta rinforzato nei versamenti pleurici, pericardici,
nelle compressini diaframmatiche; invece risulta affievolito per patologie
Pagina 307 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

polmonari che riducono lattrito dellaria al suo ingresso negli alveoli(enfisema


polmonare). Il

murmure pu divenire discontinuo per difficolt frazionate

presenti nellalbero respiratorio allingresso dellaria.


La scomparsa del murmure legata allassenza di aria in alcune parti del
polmone come nelle condizioni atelettasiche, nelle epatizzazioni.
Espressione di abnormi secrezioni e essudazioni bronchiali e alveolari, con
eventuali lesioni della mucosa bronchiale, sono i rantoli. La presenza di corpi
estranei nei bronchi provoca una flogosi bronchiale e comparsa di rantoli.
Lanimale presenta accessi dispnoici improvvisi, scolo nasale e starnuti. Invece
i rumori di provenienza pleurica o pericardica sono indicati come sfregamenti o
gorgogliamenti;

primi

versamento(peritoniti,reticoloperitoniti

sono
traumatiche),

processi
i

senza

secondi

sono

espressione di aderenze pleuriche e versamenti.


Le tecniche diagnostiche per le affezioni respiratorie inferiori sono: la
broncoscopia e il lavaggio broncoalveolare. La broncoscopia indicata nella
valutazione delle vie aeree principali nei pazienti con sospette anomalie
strutturali, per la visualizzazione dellinfiammazione delle vie aeree o
dellemorragia polmonare e come mezzo per il prelievo di campioni nei soggetti
con patologie non diagnosticate a carico del tratto respiratorio inferiore. Essa
consente di identificare alterazioni strutturali quali il collasso tracheale, i
corpi estranei, le torsioni lobari, il collasso bronchiale. Il broncoscopio viene
Pagina 308 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

introdotto nelle vie aeree attraverso il tubo orotracheale; la localizzazione


delle aperture dei bronchi rispetto alla carena costante. Il bronco craniale
destro

si

trova

proprio

al

di

sotto

della

carena,

estendendosi

ventrolateralmente dal bronco principale destro. Il bronco del lobo accessorio


si estende medialmente dal bronco principale. Quello craniale sinistro prende
origine dalla parete ventrolateraledel bronco principale sinistro. Nellanimale
normale la sezione del lume tracheale circolare; gli anelli cartilaginei sono
appena visibili al di sotto della mucosa e la membrana tracheale dorsale tesa;
la carena cio la divisione tra bronchi principali di destra e sinistra, netta; la
mucosa rosea e uniforme.
Il lavaggio broncoalveolare una semplice procedura diagnostica che valuta
una porzione relativamente vasta di polmone e ci permette di seguire il
decorso della malattia o la risposta terapeutica. Vengono sottoposti a lavaggio
diversi lobi, in modo da massimizzare la probabilit di identificare un processo
attivo. Il broncoscopio viene introdotto nel lobo da esaminare finch la punta
non riesce pi a procedere. Si instillano nel polmone con una siringa raccordata
allendoscopio, 25 ml di soluzione fisiologica sterile, poi si provvede ad
aspirare. Nel gatto si impiegano 3 aliquote di soluzione salina da 5 ml\kg di
peso ciascuna. Il lavaggio broncoalveolare provoca una transitoria riduzione
della concentrazione arteriosa di ossigeno, per cui bisogna fornire ossigeno al
100%. Il liquido raccolto viene messo nel ghiaccio e analizzato dopo 30 minuti.
Pagina 309 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Si procede ad esaminare il fuido microbiologicamente e citologicamente.

Pagina 310 di 336


Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

APPARATO URINARIO
Per la valutazione semiologica dellapparato urinario innanzitutto si prendono in
considerazione le alterazioni dellemissione di urina.
Tra le alterazioni dell'emissione di urina ricordiamo la disuria, ossia
l'emissione difficoltosa di urina, che pu essere legata a stenosi dell'uretra.
Questa condizione frequente nei soggetti maschi, in cui luretra
normalmente pi lunga rispetto alle femmine. Esistono inoltre delle sedi in cui
presente una fisiologica riduzione del calibro oppure una naturale riduzione
dellestensibilit o una tortuosit come nellosso penis del cane o nella flessura
del toro, dove possono bloccarsi i calcoli determinando difficoltosa emissione
di urina.
Solitamente alla disuria si accompagna la stranguria, ossia l'emissione dolorosa
di urina che si pu avere in corso di cistite, uretrite, calcolosi uretrale,
patologie della prostata e, nel cane, in corso di tumori uretrali e
parauretrali,contusioni del glande, ernia della vescica e frattura dellosso
penis.
Nel cane l'uretra, per un tratto, albergata in quest'osso che ha una forma di
doccia e che pu fratturarsi, per cui la dislocazione pu produrre una stenosi
ulteriore del condotto uretrale con dolorosa emissione di urina. La stranguria
iniziale si riscontra in caso di affezioni delluretra;se perdura per tutto il
Pagina 311 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

corso della minzione, la causa una patologia della vescica, mentre se


terminale vi un interessamento della vescica e delluretra pelvica.
La calcolosi uretrale quasi esclusiva del maschio e la sede in
corrispondenza del tratto uretrale perineale. Il sintomo clinico pi importante
la stranguria con urina mista a sangue. Si instaura in breve tempo unectasia
delluretra perineale a monte del calcolo il quale pu essere evidenziato con la
semplice palpazione. Nelle forme occlusive complete, larresto dellurinazione
quasi improvvisa. Frequenti sono i dolori colici. Nelle calcolosi da struvite del
cane si former un calcolo simile a un corpicciolo tondo, mentre nel gatto
caratteristica la formazione di un materiale sabbioso all'estremit del pene;
quest'ultimo si accumula soprattutto nei soggetti castrati precocemente,che
hanno unuretra poco sviluppata, piccola; inoltre nel gatto lestremit
delluretra di forma conoide. E in questo punto che principalmente nei mesi
estivi, quando normalmente gi c una disidratazione relativa, esiste la
possibilit che la struvite occluda luretra.
Lanimale anurico o produce solo poche gocce di urina.
Per stabilire se c ostruzione necessario palpare la vescica la quale in caso
positivo di ostruzione sar tesa e aumentata di volume, globosa; laddome sar
voluminoso; inoltre nei maschi si noter una tumefazione della regione
perineale.
Se introduciamo un dito nellapertura prepuziale sentiremo la presenza di
Pagina 312 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

sabbietta; il cateterismo uretrale risulta impossibile per larresto dello


strumento a livello del punto di occlusione.
Lesplorazione digito rettale rivela il turgore delluretra pelvica e la
distensione della vescica.
Nelle uretriti acute lanimale urina con difficolt ,infatti le prime gocce
vengono emesse con tenesmo, poi la minzione diviene pi agevole, quasi
normale, con ulteriori difficolt nella fase terminale.
Anche le prostatiti si rendono responsabili di difficolt nellemissione
dellurina: pollachiuria e stranguria, inoltre molto frequente la presenza di
ematuria e di frustoli di essudato nellurina.
Una cistite acuta si caratterizza non solo per la stranguria e pollachiuria ma
per lemissione di urina molto torbida,di colore rossastro, con presenza di
coaguli emessi nelle ultime fasi della minzione.
Lanuria ossia larresto nellemissione dellurina pu essere espressione di una
rottura della vescica per traumi della parete addominale o sovradistensione
per occlusione uretrale da litiasi.
Lesplorazione rettale della vescica evidenzia lorgano collassato Possono
instaurarsi fenomeni peritonitici con tossiemia.
Altra causa di anuria lurolitiasi vescicale; nelle forme parziali non si arriva
ancora allanuria, ma c solo una condizione di oliguria, stranguria ed ematuria.
Invece

la

poliuria

pu

dipendere

da

un

aumento

della

pressione
Pagina 313 di 336

Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

endoglomerulare (iperemia renale), da nefrite cronica, da diabete mellito.


Lenuresi, lincontinenza urinaria pu essere dovuta a paralisi della vescica per
patologie del tratto lombosacrale o a ectopia uretrale cio gli ureteri non
sboccano pi in vescica ma direttamente vicino allo sbocco delluretra.
Nelle femmine ovarioisterectomizzate, a volte pu essere presente un
incontinenza urinaria temporanea su base ormonale da trattare con sostituti
ormonali.
Palpazione dei reni e della vescica
Nei piccoli animali, possibile palpare i reni disposti nella regione lombare.
Nei gatti, grazie a questo esame possibile effettuare una diagnosi sospetta
di rene policistico, patologia piuttosto frequente in questa specie.
Nel cane la situazione un po' pi complessa e il rene destro, disposto in sede
anatomicamente pi nascosta, diventa palpabile solo in corso di patologie. Con
la palpazione addominale possiamo valutare anche la presenza di nefroptosi,
ossia un abbassamento del rene, dovuta a un difetto congenito dellapparato
sospensore del rene. Il rene fluttuante nelladdome; lanimale presenta
scomparsa della defecazione e vomito.
La vescica pu essere palpata, nei cani di media e piccola taglia, con una sola
mano; si valutano le sue dimensioni e lo stato di tensione.
Nei cani di grossa taglia, invece, la palpazione deve essere bimanuale.
Si valuta lo stato di replezione che pu essere modificato, come avviene in
Pagina 314 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

corso di ostruzione uretrale o spasmo dello sfintere; inoltre si pu valutare la


posizione della vescica nella cavit addominale, la sua consistenza e la presenza
in essa di neoformazioni e calcoli.
Nei gatti la palpazione una prova importantissima perch, andando
frequentemente incontro ad ostruzione uretrale acuta da struvite, l'aumento
di tensione della vescica consente di effettuare una diagnosi precoce, che
permette di intervenire e salvare la vita al soggetto.
L'uretra pu essere palpata solo nella porzione perineale; l'uretra intrapelvica
pu essere palpata solo mediante esplorazione rettale.
Ancora nella zona perineale si possono palpare delle tumefazioni che possono
essere dovute a litiasi uretrale nei grossi animali o ad unernia perineale.
L'ernia perineale una condizione da valutare con attenzione nei cani, perch
la vescica pu ribaltarsi e restare incarcerata nella sede dell'ernia, di
conseguenza si avr aumento di volume dell'organo, aumento di tensione e il
soggetto sar anurico. La diagnosi clinica (tumefazione mono o bilaterale a
lato o sotto lo sfintere anale,non calda, non dolente) ma anche radiografica
(CISTOGRAFIA ASCENDENTE:il mezzo di contrasto si localizza nella vescica
erniata.)
E' importante effettuare questa diagnosi in tempo, ossia prima che si instauri
un aumento di pressione tale da ridurre la capacit di filtrazione renale
determinando un'insufficienza renale acuta. La tumefazione pu essere anche
Pagina 315 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

dovuta ad un ascesso o a un ematoma prostatico. Lascesso prostatico inizia


sempre da una prostatite purulenta; si forma per mancanza delle normali vie di
drenaggio. Nelle forme ascessuali limitate, alla palpazione rettale si evidenzia
un aumento della prostata per la presenza di una tumefazione calda ,tesa e
dolente.
L'aumento di volume dell'addome all'ispezione si pu evidenziare per rottura
del rene o emoperitoneo oppure per rottura di vescica o di uretra
(uroperitoneo).
In questi casi, soprattutto per rottura della vescica che frequentemente si
accompagna a frattura di bacino, pu essere di aiuto diagnostico il controllo
dellazotemia e la creatininemia; l'assorbimento di urina attraverso il
peritoneo determina infatti, un incremento immediato di questi parametri.

Modificazioni dei caratteri dellurina


In caso di ematuria importante capire se la presenza di sangue si realizza
durante tutto l'atto della minzione, se si verifica solo all'inizio o solo alla fine,
ma importante soprattutto capire se l'emissione di sangue attraverso lo
sbocco uretrale avviene in dipendenza o meno della minzione. Nelluretrite le
prime gocce di urina vengono emesse con evidente tenesmo, in seguito la
minzione diviene pi agevole, quasi normale, con possibile difficolt nella fase
terminale della minzione. Anche laspetto dellurina importante per la
Pagina 316 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

diagnosi delluretrite: inizialmente emorragica e torbida con coaguli di fibrina


poi diviene normale e nellultima fase compaiono coaguli di catarro e fibrina.
Nella cistite lurina si presenta molto torbida, rossastra con coaguli emessi
nelle ultime fasi della minzione.
A volte allesame clinico di un soggetto in decubito laterale si pu osservare
l'emissione di qualche goccia di sangue, ovvero di secreto prostatico misto a
sangue, questo avviene nell' iperplasia o in caso di neoplasia prostatica.
In caso di ematuria l'urina sar di colore rosso scuro; in caso di emoglobinuria
sar color caff. La presenza di sangue durante tutta la minzione
espressione di patologie che interessano le alte vie urinarie (bacinetto, reni,
ureteri), solo allinizio della minzione indice di una lesione uretrale, oppure
negli ultimi getti di urina, si tratta di sangue proveniente da lesioni vescicali .
Lanamnesi pu riferire della presenza nellurina di materiali abnormi come
grumi di sangue, cenci necrotici che la rendono torbida.
Questo si verifica spesso nella pielonefrite o nei processi infiammatori
purulenti della vagina e dellutero.

Esplorazione rettale
Mediante lesplorazione rettale possibile esaminare la vescica, che se vuota
si apprezza in condizioni fisiologiche ai margini anteriori del bacino come un
corpo piriforme, pastoso e indolente; se ripiena di urina si riscontra pi avanti
Pagina 317 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

come un corpo globoso, a pareti pi o meno tese, attraverso le quali facile


percepire il senso di fluttuazione.
Lesplorazione dei reni, attraverso la parete rettale, anche se possibile solo in
parte, tuttavia di fondamentale importanza. Nel cavallo il rene di sinistro
quasi tutto esplorabile e nei soggetti di piccola e media taglia possibile anche
la palpazione di parte del rene destro; nei bovini il rene sinistro facilmente
palpabile ma a causa della sua facile spostabilit, pu talvolta reperirsi al
centro o a destra della colonna vertebrale,per cui scambiato per il destro.
Allesplorazione rettale possibile palpare, nel cane, la prostata, la quale in
condizioni normali, si trova sul pavimento del bacino; presenta le dimensioni di
una castagna, con una sorta di incisura mediana che la divide in due lobi delle
stesse dimensioni e simmetrici.
Alla palpazione si pu avvertire la presenza di unasimmetria, nel caso di
neoplasie o di un ascesso prostatico, oppure un aumento di volume in caso di
ipertrofia o iperplasia prostatica.
A volte, quando la prostata aumenta di volume, determina una stenosi
delluretra per compressione; inoltre anche la vescica aumenta di volume e per
gravit tende a spostarsi in addome determinando una trazione della prostata
verso la cavit addominale.
Quindi la semplice esplorazione rettale non sar pi sufficiente per palpare la
prostata.
Pagina 318 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

E necessario effettuare una palpazione addominale per respingere indietro la


vescica e unesplorazione rettale per palpare la prostata.

Tecniche diagnostiche complementari


ESAME RADIOGRAFICO: nelle radiografie dirette della cavit addominale
risulta sempre difficile mettere bene in evidenza i reni, tenendo presente che
il destro pi difficile da visualizzare del sinistro a causa della sua stretta
vicinanza con il lobo caudato del fegato. Le radiografie ventrodorsali della
cavit addominale dovrebbero essere impiegate per accertare numero,
collocazione, forma e radiopacit dei reni.
I reni sono caratterizzati dalla radiopacit propria dei tessuti molli o dei
liquidi ed appaiono pi radiopachi del grasso perirenale.
Una qualsiasi area di maggiore radiopacit al loro interno deve essere
considerata anormale.
La prassi preparatoria alla valutazione radiografica dellapparato urinario
dovrebbe prevedere il digiuno nelle 24 ore precedenti e lapplicazione di un
clistere depurativo la sera prima e il mattino stesso dellesame.
Lecografia pu fornire ulteriori informazioni su particolari interni dei reni. La
corticale dellorgano risulta ipoecogena rispetto alla milza, mentre la midollare
ipoecogena a confronto della corticale. Il bacinetto renale iperecogeno. Un
urogramma per inoculazione del mezzo di contrasto pu essere utile per la
Pagina 319 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

valutazione del bacinetto, del parenchima e dei vasi renali; inoltre fornisce una
valutazione qualitativa della funzionalit escretoria del rene.
Se gli ureteri sono normali, non possono essere messi in evidenza con una
radiografia diretta, ma se si pratica una urografia per inoculazione del mezzo
di contrasto per via endovenosa,gli ureteri normali si presentano come delle
linee radiopache di 1-2 mm di diametro che si estendono dal rene alla regione
del trigono vescicale . Questo esame consigliabile in caso di sospetta
uropatia ostruttiva, traumi, calcoli, neoplasie, ectopie degli ureteri.
Con una radiografia diretta e unecografia possiamo valutare la forma ,le
dimensioni, la posizione e la presenza al suo interno di zone di maggiore
opacit.
Per eseguire una cistografia per contrasto si pu fare uso di un mezzo di
contrasto positivo (mezzo iodato) o negativo (aria o anidride carbonica).
La cistografia per contrasto ci permette di mettere in evidenza la vescica
nella sua totalit; invece per evidenziare le lesioni della mucosa vescicale o
difetti di riempimento o riflussi di urina dalla vescica negli ureteri, si ricorre
alla cistografia a doppio contrasto. Luretrografia per contrasto il sistema
pi usato per svelare la presenza di ostruzioni uretrali e\o di lacerazioni.

BIOPSIA RENALE - La biopsia renale e lesame istopatologico del tessuto


renale costituiscono un ausilio diagnostico e prognostico di notevole valore.
Pagina 320 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2007-08 Prof. G. FATONE


- da usare in associazione agli stampati delle diapositive proiettate al corso -

Deve essere presa in considerazione qualora la diagnosi clinica sia


particolarmente incerta (glomerulonefrite da immunocomplessi,amiloidosi).
La biopsia renale pu essere eseguita per via percutanea, oppure mediante
laparascopia. Per ottenere un campione bioptico di parenchima renale si pu
ricorrere ad una laparoscopia. La tecnica di prelievo consiste nellasportare
una parte di corticale renale, per evitare i vasi e i nervi localizzati nella
midollare.

APPARATO GENITALE MASCHILE


Lesame dellapparato genitale maschile si compone di un esame fisico, rivolto in
particolare sulla regione inguinale, scrotale e peniena, al quale si deve affiancare
lesplorazione rettale, particolarmente indicativa nei grandi animali e di esami
collaterali costituiti da indagini di laboratorio e diagnostica per immagini.
Per tale finalit risultano particolarmente importanti il segnalamento, la raccolta
dellanamnesi, soprattutto in relazione alla trasmissibilit di alcune patologie per via
orizzontale e/o verticale.
Lutilizzo di guanti durante la visita clinica si impone ancor di pi per la possibilit di
diagnosticare patologie trasmissibili alluomo.

Esame del pene e del prepuzio


Pagina 321 di 336
Queste dispense sono sottoposte ad aggiornamento. E necessario verificare l utilizzo la versione pi recente.

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

Lesame di queste strutture deve essere effettuato con particolare delicatezza e


posizionandosi in modo da ridurre la possibilit di reazioni violente del paziente. Si
proceder quindi ad un contenimento fisico adeguato mentre in caso di particolare
dolorabilit delle lesioni o in presenza di un soggetto poco collaborativo si ricorre
anche al contenimento farmacologico o, nei grandi animali, allanestesia epidurale che
favorisce lesteriorizzazione del pene.
Lesame fisico comincia con un ispezione visiva, dopodich si procede con la
palpazione, tuttavia, nei grandi animali, quando si rende necessario, la raccolta delle
secrezioni prepuziali deve precedere la palpazione. Le secrezioni sono raccolte
attraverso una pipetta sterile collegata ad una peretta di gomma che permetter di
aspirare tale secreto. Il cavo prepuziale sar poi irrigato con soluzione fisiologica
sterile a 37 C ed il liquido raccolto sar posto in provetta sterile.
Lesame del liquido utilizzato per effettuare lesame batteriologico, eventualmente
corredato da antibiogramma, ma pu essere sottoposto anche ad esame citologico
previa centrifugazione, o ad esame microscopico diretto per la ricerca di parassiti
come Thricomonas foetus, responsabile della tricomoniasi bovina e Tripanosoma
equiperdum agente del morbo coitale maligno degli equidi.
Lesame visivo del prepuzio, del glande e del pene permettono di verificare la presenza
di lesioni circoscritte o diffuse, la cui caratterizzazione si avvale della valutazione del
colore, forma, dimensioni, margini.
Queste regioni sono spesso sede di ferite, ulcere, contusioni, che possono essere
Pagina 322 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

secondarie al coito, a traumi accidentali o essere lespressione di patologie infettive,


neoplastiche, vascolari etc. a carattere sistemico o locale.
Frequenti sono le flogosi del glande (balanite) e del prepuzio (postite) caratterizzate
da iperemia, presenza di essudato ed eventualmente di lesioni focali (petecchie,
ulcere, pustole, granulomi ecc.).
La presenza di qualche goccia materiale bianco-giallastro (smegma) sul foro prepuziale
del cane non deve essere considerato patologico.
Lo sfoderamento del pene deve avvenire agevolmente cos come i riposizionamento,
tali operazioni risultano difficoltose o impedite, rispettivamente nella fimosi e nella
parafimosi.
Lesame del pene permette di identificare la presenza di ipospadia, ovvero lectopia
dello sbocco delluretra che, in questa malformazione pu sfociare in qualsiasi punto
lungo il suo percorso intrapenieno.
Lesteriorizzazione del pene mediata anche dai muscoli retrattori del pene che, in
qualche caso e specialmente nel bovino possono essere sede di disfunzioni o rotture
che impediscono lestensione e/o la flessione dellesse penieno, la cui palpazione si
effettua dorsalmente allo scroto.
La paralisi del pene caratterizzata dalla persistente ptosi del pene che si presenta
ciondolante; costituisce una condizione frequente nellequino ed legata a lesioni dei
nn. pudendi o del n. dorsale del pene.
Ledema del pene condizione frequente che spesso si osserva dopo il coito o in esito
Pagina 323 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

a traumi, disturbi di circolo, parafimosi o iatrogena, ovvero indotta da contraccettivi


fisici per cavalli, anelli di gomma, dispositivi antierezione etc. In caso di persistenza
della causa si pu realizzare la necrosi.
Molte patologie del pene si accompagnano a disturbi della minzione per coinvolgimento
secondario delluretra: tale evenienza si pu osservare anche nelle fratture dellosso
penieno che si pu accompagnare ad ematuria, disuria o anuria in relazione alla gravit
della lesione uretrale che pu essere valutata attraverso attento cateterismo o
attraverso la diagnostica per immagini.
Quando si sospetta una lesione uretrale secondaria a frattura dellos penis,
opportuno utilizzare cateteri morbidi, di calibro ridotto ed effettuare il cateterismo
con cautela dopo accurata lubrificazione.
Attraverso il catetere verr poi introdotto il mezzo di contrasto per lurografia
ascendente, tuttavia in caso di ostruzione spesso necessario effettuare
unuretrografia discendente per disegnare lostruzione anche a monte.
Relativamente frequenti sono anche le forme neoplastiche: rari gli epiteliomi ed i
sarcomi (ad eccezione di quello di Sticker, ammesso che sia un sarcoma!), pi spesso si
osservano i papillomi.

Esame dello scroto e del testicolo

Una premessa anatomica fondamentale necessaria relativamente alla localizzazione


topografica dello scroto che nel cane e nel verro, si trova nella regione inguinale,
Pagina 324 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

mentre nello stallone e nei ruminanti e nel gatto la loggia scrotale si localizza in una
sottoregione della regione perineale.
Evenienza abbastanza frequente osservare la dermatite dello scroto, che pu
essere di natura traumatica (prurito!) o lespressione di patologie sistemiche. Le
flogosi dello scroto (oscheiti) sono quasi sempre di origine traumatica, o secondarie a
patologie della gonade.
La palpazione trans-scrotale utile a valutare il contenuto dello scroto, identificando
le gonadi (con il relativo funicolo) di cui si osserver: numero, forma, dimensioni,
consistenza, mobilit, dolorabilit, temperatura. importante ricordare che la
temperatura del testicolo (valutata con il dorso della mano) pi bassa rispetto al
resto del corpo, inoltre, il rilievo pu essere falsato nel caso in cui il paziente si sia
seduto su una superficie pi fredda (tavolo da visita).
La palpazione dello scroto e del suo contenuto pu essere utile anche per svelare dei
versamenti cavitari di piccola entit, in particolare nei piccoli animali anche una certa
pastosit della parete dello scroto pu essere considerato indice di una condizione
preedemigena.
Il criptorchidismo una condizione in cui non si realizza la discesa di una gonade
(criptorchidismo monolaterale) o di entrambe (criptorchidismo bilaterale) nello
scroto.
Il

termine

monorchidismo

sebbene

largamente

usato

per

identificare

il

criptorchidismo monolaterale, non del tutto corretto perch implica laplasia di un


Pagina 325 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

testicolo.
Si realizza pi frequentemente nel cane e nel cavallo.
In relazione alla posizione del testicolo si pu distinguere

criptorchidismo addominale. quando la discesa della gonade si arresta prima di


imboccare il canale inguinale

criptorchidismo inguinale vero: quando la gonade si ferma nel canale inguinale, ovvero
tra lanello inguinale interno e quello esterno.

Criptorchidismo inguinale falso: quando il testicolo oltrepassa il canale inguinale ma


non raggiunge la loggia testicolare disponendosi nel sottocute

Questa distinzione risulta valida soprattutto per il cavallo che presenta il canale
inguinale conformato anatomicamente in maniera particolare.
Per identificare quale sia il testicolo criptico, in caso di monorchidismo, basta
esaminare lo scroto: il lato da cui sar possibile identificarne il rafe mediano sar il
lato in cui non disceso il testicolo.
La diagnosi nel cane pu essere emessa a due-tre mesi: in realt gi alla nascita i
testicoli dovrebbero essere in sede, mentre nel cavallo si deve superare lanno di et
per una diagnosi definitiva.
Pagina 326 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

Il testicolo criptico, in virt della temperatura non idonea ipoplastico per il mancato
sviluppo delle cellule di Leydig e la degenerazione delle cellule germinali.
Linvoluzione neoplastica del testicolo ritenuto frequente nel cavallo, come nelluomo,
pi rara nel cane.
La diagnosi si avvale dellesplorazione rettale, che nei grandi animali permette di
identificare il canale inguinale e riconoscere cos la posizione della gonade in tale sede,
oppure l eventuale localizzazione addominale, pi difficilmente svelabile, a partire dal
funicolo o dal deferente.
Nel cane, pi facile identificare il criptorchidismo inguinale falso, in cui il testicolo
ipoplasico si dispone nella regione sottocutanea tra scroto ed anello inguinale esterno.
Lesame ecografico rende pi agevole la diagnosi di sede
Nel cavallo sportivo il criptorchidismo inguinale, determina la rottura dellandatura in
curva, infatti ladduzione che si realizza in tale momento determina una maggiore
pressione sul testicolo e quindi dolore, inoltre labduzione dellarto il momento in cui
si realizza una maggiore corrispondenza degli anelli inguinali, e quindi un maggiore
ampliamento del canale stesso.
Le orchiti possono avere diversa origine, spesso di natura infettiva ed in tal caso
sempre utile effettuare uno screening sierologico.
Nelle orchite acuta il testicolo si presenta aumentato di volume, caldo, dolente, di
consistenza pastosa, a volte con superficie irregolare. Nelle fasi pi avanzate i
caratteri delle flogosi acute possono scomparire e si realizzano spesso processi
Pagina 327 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

aderenziali tra gli invogli testicolari, inoltre il testicolo diventa meno voluminoso e di
consistenza dura, segno della prevalenza dei processi produttivi su quelli essudativi.
Altra patologia osservabile spesso nel cavallo, meno frequente nel cane, la torsione
del testicolo sul funicolo. La paratopia si realizza soprattutto dopo il coito o dopo il
lavoro. Il testicolo sinistro pi interessato in virt del funicolo pi lungo del
controlaterale.
La torsione pu essere parziale o totale (360) e ne deriva un quadro sintomatologico
pi grave quanto pi alto langolo di torsione.
Nelle forme lievi si possono osservare solo sintomi locale che vanno dallanomala
posizione della gonade, che pi prossimale fino a disturbi di circolo.
Nelle torsioni totali si ha una sintomatologia simil-colica, con addome acuto, fino alla
necrosi ischemica della gonade.
Lectasia delle vene testicolari prende il nome di varicocele, e si accompagna a
tumefazione dello scroto.
Le neoplasie testicolari possono derivare da trasformazione di linee germinali, dalle
cellule del Sertoli o da quelle di Leydig.
Il testicolo neoplastico pu o meno presentare alterazioni della sua struttura fisica,
ma in alcuni casi il testicolo sano si presenta atrofico in virt di uninfluenza ormonale
anomala.
Lincrezione anomala di androgeni si pu riflettere sullo stato generale modificando il
metabolismo o inducendo delle dermatiti generalizzate.
Pagina 328 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

Il sertolioma si accompagna spesso a segni di femminilizzazione (ginecomastia,


iperplasia del prepuzio e dello scroto), inoltre, nel cane molto indicativa la presenza
di una linea di colore rossastro che decorre longitudinalmente sulla superficie esterna
del pene.
Lecografia

rende

pi

agevole

la

diagnosi

ed

in

alcuni

casi

permette

la

caratterizzazione del tumore.


sempre dobbligo valutare anche i linfonodi regionali.

Esame della prostata

La ghiandola prostatica nel cane spesso sede di patologie che ricorrono pi


frequentemente nei pazienti geriatrici, tuttavia alcune patologie sono tipiche dellet
adulta.
Allesplorazione rettale possibile palpare la prostata la quale, in condizioni normali, si
trova sul pavimento del bacino; presenta le dimensioni di una castagna, con unincisura
mediana che la divide in due lobi delle stesse dimensioni e simmetrici.
Nelluomo la prostata aumentata di volume produce una significativa compressione del
collo della vescica, riducendone le capacit contenitive e stimolando una minzione
frequente, inoltre la compressione che si esercita su retto e colon, spinti contro il
rachide lombo-sacrale, a causa della posizione eretta, determina la formazione di feci
nastriformi e tenesmo. Nel cane la posizione quadrupedale e la differente disposizione
della prostata comportano una diversa sintomatologia, infatti la prostata ingrandita
Pagina 329 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

disloca cranialmente in esito a trazione da parte della vescica che si presenta


aumentata di volume per un aumento del volume residuo di urina (compressione
esercitata dalla prostata sulluretra). Le patologie prostatiche che si associano subostruzione uretrale o ad incontinenza urinaria. Talvolta, il sintomo pi precoce di
affezione prostatica lemissione di sangue dallo sbocco uretrale indipendentemente
dalla minzione; tale sintomo viene riferito dal proprietario quale problema principale
per cui in cane portato a visita.
Alla palpazione si pu avvertire la presenza di unasimmetria, nel caso di neoplasie, di
una cisti o di un ascesso prostatico, oppure un aumento di volume in caso di ipertrofia
o iperplasia prostatica.
Quando sussiste unipertrofia/iperplasia prostatica con dislocazione della ghiandola,
lesplorazione rettale digitale pu non essere sufficiente alla palpazione dellorgano,
tuttavia producendo una pressione con laltra mano sulladdome, si spinge la vescica
posteriormente, permettendo cos lindividuazione della prostata
Lipertrofia prostatica benigna (IPB), sebbene si accompagni alla sintomatologia
summenzionata, considerata unevenienza quasi parafisiologica, in virt della
diffusione che alcuni studi stimano essere presente nell 80% dei cani di 6 anni e nel
95% di quelli di 9 anni. Levoluzione neoplastica pi rara rispetto alluomo, mentre pi
frequente lo sviluppo di cisti.
Le cisti prostatiche vengono scolasticamente distinte in:
- Cisti associate ad IPB, derivate dallostruzione dei dotti escretori,
Pagina 330 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

generalmente in comunicazione con luretra che drena materiale normale o patologico


con una possibile componente emorragica.
- Cisti da ritenzione, spesso associate a prostatiti o calcoli che comprimono i
dotti. Generalmente non comunicano con luretra.
- Cisti paraprostatiche che secondo alcuni derivano da vestigia dei dotti di
Muller, secondo altri sono esiti di traumi o prostatiti. Sono disposte frequentemente
sulla superficie dorsale.

Le prostatiti sono spesso lesito della colonizzazione di batteri che vi giungono per via
ematogena o urinaria (ascendente o discendente), possono avere i caratteri della
flogosi acuta o cronica e, nel primo caso possono essere responsabili di sepsi
conclamata.
La metaplasia squamosa e le neoplasie sono patologie meno frequenti e condizionate
sovente dallinfluenza di ormoni endogeni o esogeni.
La diagnosi delle affezioni prostatiche si avvale della diagnostica per immagini, ed in
particolare dellesame radiografico, ma soprattutto dellecografia che permette
spesso la diagnosi definitiva, anche offre la possibilit effettuare biopsie o prelievi di
materiale proveniente da cisti o ascessi consentendone il drenaggio terapeutico
quando sia opportuno. Una tecnica diagnostica scarsamente invasiva il massaggio
prostatico. Tale procedura prevede la raccolta di secreto prostatico attraverso un
catetere

uretrale

inserito

con

la

punta

fino

alluretra

prostatica,
Pagina 331 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

contemporaneamente, attraverso esplorazione rettale viene massaggiata la prostata


in maniera da indurne la secrezione. Il secreto raccolto viene sottoposto a
centrifugazione a basso numero di giri per 1-2 minuti ed il sedimento viene strisciato
su vetrino, sottoposto a colorazione ed esame citologico.

Pagina 332 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

A
a caldo (zoppia) ................................................................... 40
a freddo (zoppia) ................................................................. 40
accorciamento del passo ...................................................... 45
acromegalia ....................................................................... 231
ago-elettrodo di terra .................................................. 238
ago-elettrodo esplorante ............................................. 238
Alterazioni della profondit ............................................... 167
amaurosi ............................................................................ 156
amiotrofia ......................................................................... 211
anacusia ............................................................................. 201
anamnesi .............................................................................. 38
anestesia intraarticolare ..................................................... 151
anestesie intrasinoviali....................................................... 151
anisocoria .......................................................................... 170
Anisocoria ......................................................................... 231
Arbovirus

encefalomieliti da................................................. 250


area non tappetale .............................................................. 172
area tappetale ..................................................................... 172
arti stangati .......................................................................... 47
arto ciondolante ................................................................... 66
artrocentesi .......................................................................... 96
artrografia ............................................................................ 76
artroscopia ........................................................................... 93
ascesso prostatico ...................................................... 316; 330
asimmetria nellappoggio .................................................... 51
assonotmesi ....................................................................... 221
atassia ................................................................................ 202
atrofia muscolare ................................................................. 46
atrofia retinica progressiva ................................................ 173
attingersi ............................................................................ 122
Attitudine............................................................................. 38
attivit inserzionale ...................................................... 238
attivit spontanea ......................................................... 239

Cisti delliride ....................................................................167


cisti dentarie .......................................................................299
cisti prostatiche ..................................................................330
cistografia ascendente ........................................................315
clisma opaco ......................................................................290
colpirsi al ginocchio ...........................................................122
colpirsi al gomito ...............................................................122
colpo danca .......................................................................114
colpo di testa ........................................................................44
Coma ....................................................................................10
confusione ..........................................................................204
continua (zoppia) .................................................................40
corda ......................................................................................7
Corioretinite .......................................................................179
corpi genicolati ..................................................................168
crepitio gassoso ....................................................................33
criptorchidismo ..................................................................325
cuffie audiometriche ....................................................242
cuneo di lungwitz .......................................................111; 125

D
dacriocistorinografia ..........................................................190
defecazione ..................................................................19; 214
delirio .................................................................................204
Depressione..........................................................................10
descemetocele ....................................................................165
diabete insipido ..................................................................231
diabete mellito....................................................................231
dicroto (respiro) ...................................................................18
dilatazione gastrica ............................................................283
discesa del nodello .............................................................121
Disorientamento ...................................................................10
distichiasi ...........................................................................159
disuria ................................................................................311
Diverticolo rettale ..............................................................291
Dollar (classificazione di) ..................................................118
dolore profondo..................................................................218
dolore superficiale..............................................................217

B
balanite .............................................................................. 323
balza ...................................................................................... 7
bernoccoluta (tumefazione) ................................................. 29
biopsia renale..................................................................... 320
blefarospasmo.................................................................... 158
blocco sesamoideo abassiale ............................................. 149
blu di metilene ..................................................................... 34
bursite olecranica ............................................................... 132

C
calcolosi uretrale................................................................ 312
cane bastonato

atteggiamento del ................................................. 249


cappello del prete............................................................... 248
capsulite cronica proliferante............................................. 128
carriola

prova della ........................................................... 208


cerume ............................................................................... 197
cheratocongiuntivite secca ................................................. 190
chiasma ottico .................................................................... 168

E
Ectropion............................................................................158
Edema corneale .................................................................164
edema della papilla ............................................................173
ehrlichiosi ............................................................................15
elettromiografo..............................................................238
ELETTRONEUROGRAFIA .............................................239
elettroretinografia...............................................................192
ematoma sottoperiostale.......................................................68
emideambulazione .............................................................207
emiparesi ............................................................................202
Emistazione ........................................................................207
endopalpazione del reticolo ...............................................279
enfisema sottocutaneo ..........................................................33
enoftalmo ...........................................................................160
Entropion ...........................................................................157
entropion angolare .............................................................190
epifora ................................................................................158
epistassi ..............................................................................295
ernia diaframmatica .............................................................18
ernia inguino-scrotale...........................................................33
Ernia perineale ...................................................................291
Pagina 333 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

esame dei riflessi ................................................................. 70


esame otoscopico ............................................................... 194
esoftalmo ........................................................................... 160
Et ....................................................................................... 37

F
Facies ippocratica ................................................................ 10
Facies peritonitica................................................................ 11
Facies sardonica .................................................................. 10
fase anteriore del passo ........................................................ 45
fibre ascendenti.................................................................. 206
fibre discendenti ................................................................ 206
fistola odontopatica ........................................................... 300
Flessione rettale ................................................................. 291
fluoresceina ....................................................................... 183
Fluoresceina ...................................................................... 187
fluttuazione .......................................................................... 31
forasacchi .......................................................................... 294
forgiare .............................................................................. 122
formazione reticolare ........................................................ 205
formelle ............................................................................. 127
fovea .................................................................................... 31
fratture incomplete............................................................... 68
Ftisi bulbare ....................................................................... 162

L
lattivit di placca ..........................................................239
Lampada a fessura .............................................................187
latenza ..............................................................................240
latenza assoluta..............................................................243
lavaggio auricolare .............................................................197
leishmaniosi .........................................................................15
lesioni del menisco...............................................................60
leucoma .............................................................................164
linfonodi del pacchetto intermascellare................................15
linfonodi inguinali superficiali .......................................15; 16
linfonodi intermascellari ......................................................16
linfonodi poplitei..................................................................16
linfonodi prescapolari ....................................................15; 16
linfonodi retrofaringei ....................................................15; 16
linfonodi sovramammari ......................................................15
Lipping o Prominenza a labbro ............................................77
liquido sinoviale...................................................................95
liscia (tumefazione)..............................................................29
lobata (tumefazione) ............................................................29
lussazione coxofemorale ......................................................61
lussazione del cristallino ....................................................167
lussazione della rotula ..........................................................57
lussazione temporomandibolare .........................................269

G
Gabbia ................................................................................... 8
gonioscopia........................................................................ 191

H
Herpesvirus

mieloencefalopatia da .......................................... 250


Hordeum murinum ............................................................ 196

I
idrocele ................................................................................ 33
ifema .................................................................................. 167
ileo ..................................................................................... 289
incrociamento .................................................................... 121
Infiammazione ..................................................................... 32
intagliatura ....................................................................... 122
intasamento.......................................................................... 32
intermittente (zoppia) .......................................................... 40
intuscepto .......................................................................... 288
intuscepto prolassato ......................................................... 290
iperadrenocorticismo ......................................................... 231
Ipereccitabilit ..................................................................... 10
ipermetria .......................................................................... 254
iperriflessia ........................................................................ 212
ipertermia febbrile ............................................................... 17
ipertrofia prostatica benigna .............................................. 330
ipometria............................................................................ 254
ipoplasia dello smalto ........................................................ 268
ipospadia............................................................................ 323
ipotermia.............................................................................. 17
isteria ................................................................................. 204
Ittero ostruttivo .................................................................... 14

M
maneggio

movimento di ....................................................... 251


manovra dellOrtolani ..........................................................62
massaggio prostatico ..........................................................331
masticazione ......................................................................263
megaesofago ......................................................................267
megalocornea .................................................................... 166
metalloscopia .....................................................................279
meteorismo gassoso ...........................................................274
meteorismo schiumoso.......................................................274
Metoclopramide .................................................................266
miastenia gravis .................................................................221
microcornea .......................................................................165
Microftalmia ......................................................................161
Microscopio operatorio ......................................................187
midriasi ..............................................................................170
mielografia ...........................................................................76
minzione ......................................................................19; 215
miosi ..................................................................................170
miosite eosinofilica ............................................................270
molletta articolare ..............................................................128
monorchidismo ..................................................................325
motoneurone inferiore........................................................212
motoneurone superiore.......................................................212
muscolo denervato .........................................................239

N
nervi cranici .......................................................................209
nervo digitale palmare........................................................147
nervo facciale .....................................................................198
nervo oculomotore .............................................................210
nervo ottico ........................................................................210
nervo pudendo ...................................................................216
neurinoma ............................................................................32
neurocranio ........................................................................247
neuronotmesi......................................................................221
Pagina 334 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

neuroprassia ....................................................................... 221


nistagmo ............................................................................ 199
nodulare (tumefazione) ........................................................ 29

O
odinofagia .......................................................................... 270
oftalmoscopio .................................................................... 181
oftalmoscopio indiretto ...................................................... 185
olfatto:

valutazione del ..................................................... 209


omaso ................................................................................ 279
onde acute positive ....................................................... 239
orchite ................................................................................ 327
orecchio esterno ................................................................. 194
orecchio medio .................................................................. 198
os penis .............................................................................. 324
oscheite .............................................................................. 325
osso petroso ....................................................................... 198
otoematoma ....................................................................... 195

P
palatoschisi ........................................................................ 262
papilla ottica ...................................................................... 173
papilledema ....................................................................... 232
paracentesi ......................................................................... 284
paralisi ............................................................................... 202
paralisi del facciale ............................................................ 293
paraparesi .......................................................................... 202
paresi ................................................................................. 202
parvovirosi congenita ........................................................ 231
peduncolata (tumefazione) .................................................. 25
pene ................................................................................... 321
penlight .............................................................................. 156
percezione visiva

valutazione della .................................................. 210


percussione con martello pesante ...................................... 278
perdita del diritto di domicilio ............................................. 32
persistente (zoppia).............................................................. 40
piazzamento tattile

prova del .............................................................. 209


piazzamento visivo

prova del .............................................................. 208


picchi (IPL)...................................................................... 243
plegia ................................................................................. 202
poggiare ............................................................................. 137
polimiopatie ....................................................................... 233
polineuropatie .................................................................... 233
poliradicoloneurite............................................................. 221
pollachiuria .......................................................................... 19
posizionamento propriocettivo ............................................ 70
postite ................................................................................ 323
potenziale dazione ........................................................ 239

ampiezza del ........................................................ 241


potenziali di fibrillazione ............................................. 239
Potenziali uditivi evocati ................................................... 241
prensione ........................................................................... 262
prepuzio ............................................................................. 321
procidenza della terza palpebra ......................................... 170
procione / paralisi da morso del ......................................... 221
propriocezione ............................................................. 46; 207
prostata .............................................................................. 329
prostatite ............................................................................ 331
prova di Hering ................................................................. 136

Prova del bastone ...............................................................278


prova del garrese ................................................................277
prova di dislocazione della rotula ......................................139
prova di Kalchschmidt .......................................................278
prova di rivalta .....................................................................35
prova di zona......................................................................278
pseudoartrosi ........................................................................68

R
radioscopia (fluoroscopia)....................................................87
raggiungersi .......................................................................122
rampinismo ........................................................................137
range di flesso-estensione ....................................................45
Razza ...................................................................................36
reazioni posturali..................................................70; 206; 207
recidivante (zoppia) .............................................................40
reticolo ...............................................................................275
reticoloperitonite da corpo estraneo ...................................275
reticoloperitonite tramautica ..............................................275
reversibilit delle vie ottiche ..............................................181
riducibilit ..........................................................................32
riflessi spinali .....................................................................211
riflesso consensuale ...................................................168; 210
Riflesso del pannicolo .......................................................214
riflesso diretto ............................................................168; 210
riflesso fotomotore

valutazione del ..................................................... 210


riflesso patellare .................................................................212
rigurgito .............................................................................266
rinoscopia...........................................................................297
Rosa bengala ......................................................................188
rottura del legamento collaterale ..........................................60
rumine ................................................................................274
ruminotomia esplorativa ....................................................280
rumori di cascata ................................................................275

S
saliva ..................................................................................269
saltellamento

prova del .............................................................. 207


scabra (tumefazione) ............................................................29
schinella .............................................................................130
scialorrea ............................................................................269
scintigrafia ...........................................................................90
scolo nasale ........................................................................293
scotennamento ..................................................................122
scroscio ................................................................................33
scroto .................................................................................324
segmento bis-trocanterico ....................................................48
segnalamento .......................................................................36
sensorio ..................................................................................9
sessile (tumefazione)............................................................25
Sesso ....................................................................................37
setole ..................................................................................126
sfioramento ........................................................................121
Shiff-Sherrington / postura di ............................................224
Sindrome cerebellare .......................................................231
Sindrome cervicale anteriore .............................................222
Sindrome cervico-toracoica ...............................................222
Sindrome corticale ...........................................................232
Sindrome di Horner ................................................... 170; 225
sindrome di Wobbler..........................................................245
Sindrome ipotalamica ........................................................230
Sindrome lombo-sacrale ....................................................222
Pagina 335 di 336

Dispense del Corso di Semeiotica Chirurgica A.A. 2002-03 Prof. G. FATONE

Sindrome mesencefalica .................................................... 230


sindrome pontomidollare ................................................... 228
Sindrome toraco-lombare .................................................. 222
sindrome vestibolare.......................................................... 199
Sindrome vestibolare ....................................................... 229
sinechia anteriore ............................................................... 169
sinechia posteriore ............................................................. 169
sinovite idiopatica.............................................................. 128
smegma ............................................................................. 323
sobbattitura ........................................................................ 124
Sonorit chiara .................................................................. 21
spavenio acquoso ............................................................... 134
spinal walkers .................................................................... 219
spinta posturale estensoria

prova della ........................................................... 209


splancnocranio ................................................................... 247
stato mentale ................................................................ 10; 204
Sticker ............................................................................... 324
stimolatore nervoso ...................................................... 240
stranguria ..................................................................... 19; 311
strozzamento........................................................................ 32
struvite ............................................................................... 312
Stupore ................................................................................ 10
Suono ottuso ....................................................................... 21
Suono sovrachiaro ............................................................. 21
Suono subottuso ................................................................. 21
Suono timpanico ................................................................ 21

T
Taglia................................................................................... 36
tartaro ................................................................................ 269
taxis ..................................................................................... 32
tentorio .............................................................................. 228
termotatto ............................................................................ 28
test del cassetto .................................................................... 58
test della compressione tibiale ............................................. 59

test di Schirmer ..................................................................189


test paradosso .....................................................................137
Thricomonas foetus............................................................322
timpano ..............................................................................194
Tomografia computerizzata .................................................90
tono muscolare ...................................................................216
tonometria ..........................................................................191
tonometro di Scholtz ..........................................................191
torcilabbro ..............................................................................8
torsione gastrica .................................................................283
transilluminatore di Finoff .................................................186
trasferimento del carico..................................................44; 51
trasferimento del moto .........................................................45
tratti corticospinali .............................................................216
tratti rubrospinali................................................................216
tratti vestibulospinali..........................................................216
Tumefazione .......................................................................23
turbinatopatia .....................................................................295

U
Ulcera corneale ..................................................................165
urografia.............................................................................320
uveite .................................................................................166

V
vagabondaggio ...................................................................251
Valutazione della seduta (sit test) ........................................48
varicocele ...........................................................................328
verso d'oca ...........................................................................18
vertex ...............................................................................243
vie spinotalamiche .....................................................217; 218
visita.......................................................................................6
Vomito ................................................................................264

Pagina 336 di 336