Sei sulla pagina 1di 9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

Home modulo ricerca risultati ricerca

Sezione giurisdizionale d'appello per la Sicilia


sent. n. 32 del 05/02/2015
Presidente: A. BASTA
Estensore: G. PETRIGNI
ep. |

fatto |

diritto |

disp.

Filtra

Collegati

Appunti

http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

1/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

[Omis
sis]
[Omis
sis]
DI
RIT
TO
In via pre
giu
di
zia
le si os
ser
va, come ec
ce
pi
to dalla Pro
cu
ra Ge
ne
ra
le, che, ai sensi del
lart. 107, se
con
do comma, del R.D. n.
1038/1933, il ri
cor
so per re
vo
ca
zio
ne deve es
se
re de
po
si
ta
to in se
gre
te
ria, nel ter
mi
ne di legge, in
sie
me con la copia della de
ci
2ti
sio
ne im
pu
gna
ta, mu
ni
ta del re
go
la
r<<
e re
fer
t<o di no
fi
ca
z>io
ne e>>
con i do
cu
men
ti sui quali il ri
cor
so si fonda.

Nel caso in esame la copia della sen


ten
za im
pu
gna
ta de
po
si
ta
ta dal ri
cor
ren
te ri
sul
ta sprov
vi
sta del re
go
la
re re
fer
to di no
ti
fi
ca.
Ora, com noto, ai sensi del
lart. 8 del re
go
la
men
to di pro
ce
du
ra di cui al R.D. n. 1038/1933, i ter
mi
ni sta
bi
li
ti per la pro
po
si
zio
ne
dei gra
va
mi sono pe
ren
to
ri, con
se
guen
do
ne, quale lo
gi
co co
rol
la
rio, in caso di vio
la
zio
ne, li
nam
mis
si
bi
li
t del gra
va
me.
Or
be
ne, la pro
po
si
zio
ne del ri
cor
so per re
vo
ca
zio
ne si per
fe
zio
na, ai sensi del pre
det
to art. 107, con il de
po
si
to in se
gre
te
ria del
lat
to in
tro
dut
ti
vo del giu
di
zio, in
sie
me con la copia della de
ci
sio
ne im
pu
gna
ta, mu
ni
ta del re
go
la
re re
fer
to di no
ti
fi
ca
zio
ne e con i
do
cu
men
ti sui quali il ri
cor
so si fonda.
Lo
mis
sio
ne o lin
com
ple
tez
za del
la
dem
pi
men
to (come nel caso di spe
cie, ove la copia della sen
ten
za ri
sul
ta priva del re
fer
to di
no
ti
fi
ca) de
ter
mi
na li
nam
mis
si
bi
li
t del gra
va
me.
Pe
ral
tro, da sem
pre la giu
ri
spru
den
za ha ri
te
nu
to ap
pli
ca
bi
li tutte le di
spo
si
zio
ni con
te
nu
te negli ar
ti
co
li 395 e ss del c.p.c. e,
quin
di in via pre
li
mi
na
re lart. 399 del c.p.c., norma, que
stul
ti
ma, che con mag
gio
re pun
tua
li
t ri
spet
to al
lart. 107 del re
go
la
men
to n. 1038/1938, san
ci
sce lim
pro
ce
di
bi
li
t della re
vo
ca
zio
ne qua
lo
ra non si segua la pro
ce
du
ra re
la
ti
va alla in
stau
ra
zio
ne del giu
di
zio ivi in
di
ca
ta, so
lu
zio
ne che por
te
reb
be a ri
te
ne
re, ai sensi del
lart. 399 del c.p.c. e del
lart. 107, 2^ comma r.d. n. 1038/1933, il
ri
cor
so per re
vo
ca
zio
ne, de
po
si
ta
to con la copia della sen
ten
za priva della re
la
ta di no
ti
fi
ca
zio
ne, im
pro
ce
di
bi
le, con con
se
guen
ze, in
ve
ro, non dis
si
mi
li dalla pro
nun
cia di
nam
mis
si
bi
li
t per la quale, in
ve
ce, il Col
le
gio ha ri
te
nu
to di do
ve
re op
ta
re, evi
tan
do
lin
te
gra
zio
ne ete
ro
no
ma delle spe
ci
fi
che di
spo
si
zio
ni pro
ces
sua
li che re
go
la
no il rito in
nan
zi a que
sta Corte.
Il Col
le
gio non ri
tie
ne, per
tan
to, di do
ver
si di
sco
sta
re dalla giu
ri
spru
den
za di que
sta Se
zio
ne (ex mul
tis: Corte dei conti, Sez. Giur.
Ap
pel
lo Si
ci
lia nn. 410/2014, 42/2014, 60/2013, 78/2010 e Corte dei Conti III Se
zio
ne Cen
tra
le n. 485/2007), alla luce della
http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

2/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

quale il ri
cor
so deve es
se
re di
chia
ra
to inam
mis
si
bi
le.
Giova tut
ta
via, ri
le
va
re come, a pre
scin
de
re dal
ler
ro
re pro
ce
du
ra
le che im
pe
di
sce lul
te
rio
re corso del giu
di
zio (ed as
su
me va
len
za di
ri
men
te ai fini del de
ci
de
re), sia stato am
pia
men
te chia
ri
to in giu
ri
spru
den
za che lec
ce
zio
na
le ri
me
dio della re
vo
ca
zio
ne
am
mis
si
bi
le quan
do, tra lal
tro, sia ef
fet
to del
ler
ro
re di fatto e, cio, uni
ca
men
te nel
l'i
po
te
si in cui il fatto che si as
su
me er
ro
neo
co
sti
tui
sca il fon
da
men
to della de
ci
sio
ne da re
vo
ca
re o rap
pre
sen
ti l'im
pre
scin
di
bi
le, oltre che esclu
si
va, pre
mes
sa lo
gi
ca di essa.
Di tal guisa in
ter
cor
re, tra il fatto er
ro
nea
men
te per
ce
pi
to (o non per
ce
pi
to) e la sta
tui
zio
ne adot
ta
ta, un nesso di ne
ces
si
t lo
gi
ca
e giu
ri
di
ca tale da de
ter
mi
na
re, se la per
ce
zio
ne fosse stata cor
ret
ta, una di
ver
sa pro
nun
cia (cfr. Cass. SS.
UU., or
di
nan
za n. 1666
del 23/01/2009; Sez. III, sent. 09/07/2009, n. 16136; C. conti, Sez. I Centr.
le dap
pel
lo, sent. 28.05.2003, n. 162/A).
Es
sen
do cau
sa
to, ap
pun
to, da un di
fet
to nella per
ce
zio
ne sen
so
ria
le di un ele
men
to della real
t (C. Conti, sez. III Centr.
le dap
pel
lo, sent. 02/10/2007, n. 282), l'er
ro
re re
vo
ca
to
rio si con
fi
gu
ra, so
stan
zial
men
te, in una falsa per
ce
zio
ne della real
t stes
sa, obiet
ti
va
men
te e im
me
dia
ta
men
te ri
le
va
bi
le, con esclu
sio
ne di ogni ap
prez
za
men
to in or
di
ne alla va
lu
ta
zio
ne in di
rit
to delle ri
sul
tan
ze
pro
ces
sua
li (Cass. sez. I, sent. 25/06/2008, n. 17443). Esso pre
sup
po
ne, per
ci, la di
ver
gen
za ov
ve
ro il con
tra
sto tra due di
ver
se
rap
pre
sen
ta
zio
ni dello stes
so og
get
to - emer
gen
ti l'una dalla sen
ten
za, l'al
tra dagli atti e do
cu
men
ti pro
ces
sua
li - e non anche la
(pre
te
sa) er
ra
ta va
lu
ta
zio
ne di fatti esat
ta
men
te rap
pre
sen
ta
ti (Cass. sez. L., sent. 29/10/2010, n. 22171 e or
di
nan
za
26/02/2008, n. 5075; sez. V, sent. 20/11/2009, n. 24512; sez. II, sent. 22/06/2007, n. 14608; C. conti, SS.
RR., sent. 18.02.2003, n.
1/A e sez. I Centr.
le dap
pel
lo, sent. 24.09.2003, n. 318/A), fermo re
stan
do che la real
t de
su
mi
bi
le dalla sen
ten
za deve es
se
re
frut
to di sup
po
si
zio
ne e non di va
lu
ta
zio
ne ov
ve
ro di giu
di
zio.
In altre pa
ro
le, deve trat
tar
si di er
ro
re - ri
sul
tan
te in modo in
con
tro
ver
ti
bi
le dagli atti - che non in
ve
ste di
ret
ta
men
te la for
mu
la
zio
ne del giu
di
zio, sul piano lo
gi
co/giu
ri
di
co, poi
ch ri
cor
re solo in pre
sen
za di mere "svi
ste" ov
ve
ro per
ce
zio
ne di fatti, in con
tra
sto con le ri
sul
tan
ze della causa, che ab
bia
no avuto de
ci
si
va in
fluen
za sul con
vin
ci
men
to del Giu
di
ce (C. conti, sez. II Centr.
le
dap
pel
lo, ord. 25/03/2004, n.101) senza aver co
sti
tui
to punto con
tro
ver
so og
get
to di pro
nun
cia (cfr. ex mul
tis Cass. sez. I, sentt.
09.03.1995, n. 2737; C. conti, sez. II Centr.
le dap
pel
lo, sent. 30/11/2007, n. 405; sez. III Centr.
le dap
pel
lo, sent. 11/07/2007, n.
226 e SS.
RR., sent. 03.04.1997, n. 36) o di con
te
sta
zio
ne delle parti (Cass. sez. III, sent. 24.11.1994, n. 9979).
Tale er
ro
re, dun
que, avreb
be in
dot
to il giu
di
ce a fon
da
re la va
lu
ta
zio
ne della si
tua
zio
ne pro
ces
sua
le sulla sup
po
sta esi
sten
za o
http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

3/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

ine
si
sten
za di un fatto de
ci
si
vo la cui ve
ri
t ri
sul
ti, in
ve
ce, in modo in
di
scu
ti
bi
le, esclu
sa o ac
cer
ta
ta nella real
t del pro
ces
so in
base al te
no
re degli atti e do
cu
men
ti di causa (Cass. Sez. I, sent. 19.06.2007, n. 14267; C. conti sez. II Centr.
le dap
pel
lo, sent.
30.11.2007, n. 405; sez. I Centr.
le dap
pel
lo, sent. 09/07/2007, n. 193).
In con
clu
sio
ne, non es
sen
do con
se
guen
za di un er
ro
re di di
rit
to, l'ac
cer
ta
men
to pre
li
mi
na
re circa l'e
si
sten
za del
l'in
vo
ca
to er
ro
re
va ese
gui
to sulla base delle prove ac
qui
si
te nel pro
ce
di
men
to chiu
so
si con la sen
ten
za im
pu
gna
ta (C. conti, sez. II Centr.
le dap
pel
lo, sent. 20/11/2008, n. 368) sic
ch il Giu
di
ce della re
vo
ca
zio
ne non deve pro
ce
de
re a nuove va
lu
ta
zio
ni di me
ri
to degli stes
si
fatti og
get
to di giu
di
zio bens deve va
lu
ta
re, per la prima volta, fatti non con
tro
ver
si nel giu
di
zio che hanno dato luogo alla sen
ten
za im
pu
gna
ta (C. conti, sez. I Centr.
le dap
pel
lo, sent. 27/06/2007, n. 181).
Eb
be
ne, nel caso di spe
cie, il ri
cor
ren
te avreb
be pre
te
so, tra lal
tro, di ri
met
te
re in di
scus
sio
ne un punto della con
tro
ver
sia del
quale, in ef
fet
ti, il Giu
di
ce del
lap
pel
lo si era gi oc
cu
pa
to, ri
te
nen
do re
go
la
re in via im
pli
ci
ta (Cass. 25 ago
sto 2003, n. 12483) la
no
ti
fi
ca della sen
ten
za fatta ad un sog
get
to che si era di
chia
ra
to (ov
ve
ro cos ha per
ce
pi
to o ha in
te
so luf
fi
cia
le giu
di
zia
rio) ad
det
to alla ri
ce
zio
ne del
lat
to, quan
do, vi
ce
ver
sa, era me
ra
men
te il por
tie
re dello sta
bi
le.
Il ri
cor
ren
te, sulla base della que
re
la pre
sen
ta
ta, e quin
di del ver
ba
le di spon
ta
nee di
chia
ra
zio
ni rese dal
luf
fi
cia
le giu
di
zia
rio,
dott.
ssa Ni
co
let
ta Scian
na, rese il 23 gen
na
io 2014, nel
lam
bi
to del pro
ce
di
men
to pe
na
le av
via
to nei con
fron
ti del pre
det
to uf
fi
cia
le giu
di
zia
rio per il reato di cui al
lart. 476 c.p., ha af
fer
ma
to che la sen
ten
za n. 259/A/2013 di que
sta Se
zio
ne di Ap
pel
lo, sa
reb
be in via de
fi
ni
ti
va af
fet
ta da er
ro
re di fatto (av
ve
nu
ta no
ti
fi
ca) che in
ve
ce, ove esat
ta
men
te per
ce
pi
to, avreb
be de
ter
mi
na
to
una va
lu
ta
zio
ne di
ver
sa della si
tua
zio
ne pro
ces
sua
le.
Tale op
zio
ne ese
ge
ti
ca non af
fat
to re
ce
pi
bi
le.
In
ve
ro, re
pu
ta il Col
le
gio che non si trat
ti di un er
ro
re di fatto, at
te
so che que
stul
ti
mo si ma
ni
fe
sta al di fuori di ci che stato il
di
bat
ti
to pro
ces
sua
le, estrin
se
can
do
si (se del caso) in un er
ro
re me
ra
men
te per
cet
ti
vo che non coin
vol
ge in alcun modo la va
lu
ta
zio
ne del giu
di
ce di si
tua
zio
ni pro
ces
sua
li per
ce
pi
te esat
ta
men
te nella loro og
get
ti
vi
t.
Parte at
tri
ce nel ri
cor
so si duol, poi, del fatto che, sol
tan
to nel corso del
lu
dien
za del 25 giu
gno 2013, avreb
be ap
pre
so della tar
di
vi
t della no
ti
fi
ca del
lim
pu
gna
ti
va e, per
tan
to, non ha po
tu
to, ade
gua
ta
men
te, svol
ge
re at
ti
vi
t di
fen
si
va per op
por
re la nul
li
t
o fal
si
t di quan
to at
te
sta
to.
http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

4/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

Tut
ta
via, come ri
sul
ta dagli att, si ri
le
va che detta ec
ce
zio
ne era stata sol
le
va
ta dal Pm con la me
mo
ria di re
pli
ca del 3 giu
gno
2013 ri
vol
ta a MAI
SA
NO MAR
CEL
LO, Cen
tor
ri
no Mario e Verde Maria Jos, Fio
ri
no Ca
te
ri
na, sog
get
ti tutti evo
ca
ti nel me
de
si
mo giu
di
zio di ap
pel
lo che ha in
te
res
sa
to lo
dier
no ri
cor
ren
te (come ri
sul
ta dalla nota tra
smes
sa dal di
fen
so
re del sig. Campo Ge
sual
do in data 25 giu
gno 2013 ai com
po
nen
ti del Col
le
gio giu
di
can
te).
Ora, pre
mes
so che lap
pel
lo (di
chia
ra
to, poi, inam
mis
si
bi
le) ve
ni
va pre
sen
ta
to il 61gior
no, ossia un gior
no dopo il ter
mi
ne pe
ren
to
rio fis
sa
to nor
ma
ti
va
ment, il PM ha chia
ra
men
te in udien
za ri
fe
ri
to (rec
tius, ec
ce
pi
to) quale gra
va
me fosse tar
di
vo, tan
t vero
che il di
fen
so
re del sig. Campo ha, co
mun
que, di
spie
ga
to di
fe
sa con
tra
stan
do detta ec
ce
zio
ne. Ci ri
sul
ta sia dal ver
ba
le di udien
za del 25 giu
gno 2013, sia dalla nar
ra
ti
va in fatto ri
por
ta
ta nella sen
ten
za di cui oggi pre
di
ca
ta la re
vo
ca
zio
ne.
Ora, in di
spar
te la con
si
de
ra
zio
ne che la ve
ri
fi
ca dei ter
mi
ni per pro
por
re ap
pel
lo, come di tutti gli altri atti, spet
ta ex of
fi
cio, al
Giu
di
ce, era onere del ri
cor
ren
te con
te
sta
re la no
ti
fi
ca della sen
ten
za de
du
cen
do, con ri
tua
le mo
ti
vo di gra
va
me, la nul
li
t della
no
ti
fi
ca per er
ro
nea in
di
vi
dua
zio
ne del sog
get
to che aveva ri
ce
vu
to la no
ti
fi
ca della sen
ten
za di primo grado, poi ap
pel
la
ta al 61
gior
no: nes
su
na do
glian
za, in
ve
ce, stata fatta con lap
pel
lo sul punto.
Va poi ag
giun
to che, sul
lu
ti
liz
za
bi
li
t dello stru
men
to re
vo
ca
to
rio in caso di ir
re
go
la
re no
ti
fi
ca, po
treb
be non es
ser
vi dub
bio al
cu
no, ma tale ri
me
dio at
ti
va
bi
le solo lad
do
ve lo
mes
sa no
ti
fi
ca sia ri
le
va
bi
le ictu oculi e non nel caso in cui, come nella fat
ti
spe
cie, tale omis
sio
ne si pre
ten
de
reb
be far de
ri
va
re da com
ples
si ed ar
ti
co
la
ti ra
gio
na
men
ti er
me
neu
ti
ci che non esclu
do
no la ma
te
ria
li
t del
lat
to ma solo la sua ido
nei
t giu
ri
di
ca a pro
dur
re gli ef
fet
ti di le
ga
le co
no
scen
za ri
chie
sti dal
lor
di
na
men
to; il mo
ti
vo ap
pa
re al
lo
ra ma
ni
fe
sta
men
te in
fon
da
to non es
sen
do
vi ra
gio
ni per du
bi
ta
re della re
go
la
ri
t della no
ti
fi
ca
zio
ne.
La cir
co
stan
za che l'uf
fi
cia
le giu
di
zia
rio abbia di
chia
ra
to che il Pan
ta
no era "in
ca
ri
ca
to" della ri
ce
zio
ne as
si
sti
ta da pub
bli
ca
fede e pu, per
tan
to, es
se
re su
pe
ra
ta solo da que
re
la di falso (come non ac
ca
du
to).
Giova ri
le
va
re, in
fat
ti, che una cosa la que
re
la- de
nun
cia per un fatto che si as
su
me abbia i con
tor
ni del
lil
le
ci
to pe
na
le, altro la
que
re
la di falso che as
su
me altra con
no
ta
zio
ne.
Ci ri
le
va, per
ch solo in pre
sen
za di que
re
la di falso, que
stor
ga
no giu
di
can
te, in di
spar
te la pre
li
mi
na
re e di
ri
men
te que
stio
ne
af
fe
ren
te li
nam
mis
si
bi
li
t del ri
cor
so per re
vo
ca
zio
ne, per
ch non mu
ni
ta del re
fer
to di no
ti
fi
ca, avreb
be do
vu
to so
spen
de
re il
giu
di
zio.
http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

5/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

Ai sensi del
lart. 221 c.p.c., in
fat
ti, se nel giu
di
zio d'ap
pel
lo pro
po
sta que
re
la di falso il giu
di
ce, quan
do ri
tie
ne il do
cu
men
to im
pu
gna
to ri
le
van
te per la de
ci
sio
ne della causa, so
spen
de con or
di
nan
za il giu
di
zio, e fissa alle parti un ter
mi
ne pe
ren
to
rio entro il
quale de
vo
no rias
su
me
re la causa di falso da
van
ti al Tri
bu
na
le.
Del resto noto che, men
tre la
zio
ne ci
vi
le di falso di
ret
ta ad in
va
li
da
re la par
ti
co
la
re ef
fi
ca
cia di prova le
ga
le di un do
cu
men
to,
nel pro
ce
di
men
to pe
na
le viene in ri
lie
vo lat
to pe
nal
men
te ri
le
van
te della fal
si
fi
ca
zio
ne. La que
re
la di falso non pu es
se
re so
sti
tui
ta dalla que
re
la, in quan
to si trat
ta di atto che d ori
gi
ne ad un pro
ce
di
men
to ca
rat
te
riz
za
to da una di
ver
sa strut
tu
ra, da mezzi
pro
ba
to
ri retti da re
go
le di am
mis
si
bi
li
t di
ver
se ri
spet
to al pro
ce
di
men
to ci
vi
le, il quale, es
sen
do fi
na
liz
za
to a di
mo
stra
re li
nef
fi
ca
cia di un atto di
sci
pli
na
to in tutti i suoi aspet
ti.
In tal senso la Cas
sa
zio
ne ha ri
le
va
to che la pro
du
zio
ne, a so
ste
gno della nul
li
t della sen
ten
za im
pu
gna
ta, di una de
nun
cia-que
re
la di falso pre
sen
ta
ta alla Pro
cu
ra della Re
pub
bli
ca in epoca suc
ces
si
va alla pro
po
si
zio
ne del ri
cor
so ir
ri
le
van
te non co
sti
tuen
do que
re
la di falso a norma del
l'art. 221 c.p.c. (Cas
sa
zio
ne 18 no
vem
bre 2010 n. 23333).
Per
tan
to e con
clu
si
va
men
te, in ra
gio
ne della di
chia
ra
zio
ne resa dal
luf
fi
cia
le giu
di
zia
rio, deve ri
te
ner
si ope
ran
te una pre
sun
zio
ne le
ga
le (sia pure iuris tan
tum) del
l'ef
fet
ti
vi
t di tale in
ca
ri
co.
In ma
te
ria , in
fat
ti, ap
pli
ca
bi
le il se
guen
te prin
ci
pio: nella ipo
te
si in cui il por
tie
re di un con
do
mi
nio ri
ce
va la no
ti
fi
ca della copia
di un atto uni
ca
men
te quale "ad
det
to" alla ri
ce
zio
ne, di
chia
ran
do
si in
ca
ri
ca
to del de
sti
na
ta
rio a tale man
sio
ne, ed in detta veste
venga in
di
ca
to sul
l'o
ri
gi
na
le che ri
por
ta la re
la
ta del
l'Uf
fi
cia
le giu
di
zia
rio pro
ce
den
te, senza alcun ri
fe
ri
men
to alle con
co
mi
tan
ti
fun
zio
ni con
nes
se al
l'in
ca
ri
co af
fe
ren
te al por
tie
ra
to, ri
cor
re la pre
sun
zio
ne le
ga
le (iuris tan
tum) della qua
li
t di
chia
ra
ta, la quale
per es
se
re vinta ab
bi
so
gna di ri
go
ro
sa prova con
tra
ria da for
nir
si da parte del de
sti
na
ta
rio.
La ca
ren
za di tale prova com
por
ta l'ap
pli
ca
zio
ne alla fat
ti
spe
cie no
ti
fi
ca
to
ria della di
sci
pli
na pre
vi
sta dal
lart. 139 c.p.c. comma 2,
e non di quel
la spe
cia
le fis
sa
ta dal quar
to comma della me
de
si
ma di
spo
si
zio
ne, re
la
ti
va alla no
ti
fi
ca
zio
ne a per
so
ne di
ver
se dal
de
sti
na
ta
rio (Cass. 24 no
vem
bre 2005, n. 24798; Cass. 25 giu
gno 1999, n. 6602).
In par
ti
co
la
re, ad
di
rit
tu
ra, non pu quin
di ri
te
ner
si suf
fi
cien
te a vin
ce
re la pre
sun
zio
ne che il con
se
gna
ta
rio sia in
ca
ri
ca
to della ri
ce
zio
ne degli atti di
ret
ti al de
sti
na
ta
rio della no
ti
fi
ca la prova, da parte di que
st'ul
ti
mo, del
l'e
si
sten
za di un rap
por
to di la
vo
ro su
bor
di
na
to del con
se
gna
ta
rio alle di
pen
den
ze esclu
si
ve di altro sog
get
to (sia pure nella me
de
si
ma sede), ov
ve
ro del
lin
sus
si
sten
za
http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

6/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

di qual
sia
si rap
por
to di su
bor
di
na
zio
ne del pre
det
to con il de
sti
na
ta
rio, se non ac
com
pa
gna
ta dalla ul
te
rio
re, ri
go
ro
sa prova che il
me
de
si
mo con
se
gna
ta
rio non era ad
det
to ad alcun in
ca
ri
co per conto o nel
l'in
te
res
se del de
sti
na
ta
rio nel
l'am
bi
to dello stes
so
sta
bi
le (Cfr. Cass., n. 9875/1998. Cass. civ., Sez. VI - 3, 05/03/2014, n. 5220).
Nes
sun ele
men
to utile si trae dagli atti pro
dot
ti dal ri
cor
ren
te.
Nella spe
cie parte ri
cor
ren
te ha con
te
sta
to non la cir
co
stan
za che il Pan
ta
no fosse ad
det
to alla ri
ce
zio
ne, bens solo che, in quan
to por
tie
re dello sta
bi
le, altra do
ve
va es
se
re la pro
ce
du
ra no
ti
fi
ca
to
ria (invio rac
co
man
da
ta, dopo le
spe
ri
men
to di tutte le altre
for
ma
li
t).
N mi
glior sorte, alla luce di quan
to sopra, avreb
be avuto le
si
to del giu
di
zio sol con
si
de
ran
do il te
no
re delle di
chia
ra
zio
ni rese
dal
luf
fi
cia
le giu
di
zia
rio, nel
lam
bi
to del pro
ces
so pe
na
le, il quale ha di
chia
ra
to : In re
la
zio
ne alla no
ti
fi
ca che mi mo
stra avr
sba
glia
to in quan
to non me ne sono resa conto, avrei do
vu
to in
di
car
lo come por
tie
re. E stato un mio er
ro
re. A di
stan
za di tanto
tempo per non ri
cor
do il mo
ti
vo. Vo
glio chia
ri
re che per il segno che ho trac
cia
to nella no
ti
fi
ca, il Pan
ta
no stato in
di
ca
to come
in
ca
ri
ca
to ad
det
to alla ri
ce
zio
ne degli atti.
Anche sotto tale pro
fi
lo, per
tan
to, il gra
va
me non avreb
be po
tu
to tro
va
re, co
mun
que, ac
co
gli
men
to.
Per tutte le ar
go
men
ta
zio
ni dian
zi espo
ste il ri
cor
so per re
vo
ca
zio
ne va di
chia
ra
to inam
mis
si
bi
le.
Re
sta
no as
sor
bi
ti tutti gli altri mo
ti
vi di ri
cor
so, anche quel
lo po
stu
lan
te una de
cla
ra
to
ria di ces
sa
zio
ne della ma
te
ria del con
ten
de
re, non sot
ta
cen
do
si, anzi ri
ba
den
do quan
to gi espo
sto nella sen
ten
za di cui viene pre
di
ca
ta la re
vo
ca
zio
ne, che, in ogni caso,
delle somme gi re
cu
pe
ra
te ri
fe
ri
te al giu
di
zio in esame e delle ul
te
rio
ri somme che nelle more po
treb
be
ro es
se
re re
cu
pe
ra
te,
potr te
ner
si conto in sede di ese
cu
zio
ne della sen
ten
za di ap
pel
lo og
get
to del
lo
dier
no ri
cor
so per re
vo
ca
zio
ne.
La con
dan
na alle spese segue la soc
com
ben
za.
[Omis
sis]

http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

7/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

Contatti
Richiesta di informazioni

Inserisci l'indirizzo email...

Inserisci messaggio... (max 1000 car)

Invia

Newsletter
L'iscrizione totalmente gratuita alla newsletter d l'opportunit di rimanere informati circa tutte le novit giurisprudenziali
in materia di responsabilit amministrativa, e non solo!
Iscriviti

http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

8/9

24/1/2016

Sezionegiurisdizionaled'appelloperlaSicilia,sent.n.32del05/02/2015

Segui @respamm

Collaborazioni e blog
Su Respamm.it potrai pubblicare i tuoi contributi, le note ed ogni forma di collaborazione sar la benvenuta. Anche le
semplici segnalazioni, i suggerimenti o le critiche sono bene accette e ci aiuteranno a migliorare il servizio che offriamo
gratuitamente e con passione.
Se desideri avere un tuo spazio blog contatta l'amministratore ed invia un breve curriculum.

Respamm2011-2016Tutti i diritti riservati.

http://www.respamm.it/1201500032262giurisdizioneappellisicilia/

9/9