Sei sulla pagina 1di 288

2000 Access Music GmbH, Germany. Virus un marchio di fabbrica della Access Music GmbH.

Tutti gli altri marchi di fabbrica


contenuti in questo documento
appartengono ai rispettivi proprietari. Tutte le caratteristiche e le
specifiche sono soggette a modifica senza preavviso.
Scritto da Christoph Kemper, Uwe
G. Hnig, Wiland Samolak e Marc
Schlaile.
Traduzione in Inglese di Thomas
Green.
Traduzione in Italiano di Pierpaolo
Punzo, con la supervisione di
Franco Turesso di SoundWawe
Graphic Design e DTP di
Babylonwaves Media.
Distributore per lItalia:
SOUNDWAVE - Via Pastrello, 11
31059 Zero Branco (TV)
phone 0422/485631
e-mail: soundwave@soundwave.it
web: www.soundwave.it
http://www.access-music.de
info@access-music.de

2 Capitolo 1
Sommario

SOMMARIO
INTRODUZIONE

- 15

Il Virus .......................................................16

GESTIONE

- 59

LInviluppo dellAmplificatore ........... 20

Selezione dei Parametri ed


Immissione dei dati..............................60

Il Primo Filtro...........................................23

Knob Mode ............................................. 63

La Modulazione del Filtro.....................25

Visualizzazione dei Valori................... 64

Lo Stadio Saturation..............................27
Il Secondo Filtro ..................................... 28
Filter Routing ..........................................32

TUTTO SULLA MEMORIA

- 67

Il Primo Oscillatore ............................... 34

Store ......................................................... 68

Il Secondo Oscillatore............................37

Compare..................................................69

La Sezione MIXER .................................. 39


Gli LFO ....................................................... 41
LFO 2 ......................................................... 46
Velocity .................................................... 48

MATRICE DI MODULAZIONE E
MANOPOLE DEFINIBILI

- 71

Unison Mode.......................................... 49

Creare Configurazioni di
Modulazione Tramite Assign..............72

LEffetto Chorus/Flanger..................... 50

Le Manopole Definibili .........................74

LEffetto Delay ........................................ 51


Ci che Segue ..........................................52

MASTER CLOCK E MIDI-CLOCK - 77


Master Clock e Midi-Clock ...................78

TEORIE DI BASE E FUNZIONAMENTO - 53


I ModI Operativi..................................... 54
Il Modo
Multi-Single.............................................55
Gli Edit Buffer..........................................57

LA SEZIONE EFFETTI

- 81

La Sezione Effetti .................................. 82

ACCESS VIRUS OS4 3

- 83

Oscillator 2
Pannello Frontale.................................105

Gli Ingressi Audio .................................. 84

OSCILLATOR 1 Menu EDIT............... 106

OSC Volume / Input.............................. 85

Parametri del Menu


dellOscillator-2 ....................................107

GLI INGRESSI AUDIO

Indicatore del Livello di Ingresso.......86

Parametri del Menu


dellOscillator-3 ................................... 109

I COLLEGAMENTI AUDIO
INTERNI

Parametri del Menu del


Suboscillatore .........................................111

- 87

I Bus Aux.................................................. 88

Parametri del Mixer nel Menu


Oscillator-edit ........................................112

Le Uscite Audio ......................................89

Mixer ........................................................ 113


Filter Pannello.....................................114
Menu Filter-Edit ....................................118

FUNZIONI AGGIUNTIVE

- 91

Amplifier ................................................ 122

Funzione panic....................................... 92

Menu Edit Principale (Common)...... 123

Funzione Audition ................................ 92

Assign......................................................129

Funzione Reset....................................... 92

Velocity................................................... 133

I PARAMETRI

- 93

IL MENU CTRL

- 135

Parametri del Suono con un elemento


di controllo dedicato ............................ 94

COMMON ..............................................136

LFO 1 Pannello ..................................... 95

DEFINABLE 1 / DEFINABLE 2 .............. 140

LFO 1 Menu EDIT ................................. 97

Parametri MULTI MODE ..................... 142

LARPEGGIATORE.................................. 137

LFO 2 - Pannello ................................... 100


LFO 2 Menu Edit.................................... 101
LFO 3 ........................................................102
OSCILLATOR 1 Pannello Frontale................................ 104

PARAMETRI DEL MENU


EFFETTI

- 149

Gli Effetti interni ..................................150

4 Capitolo 1
Sommario

Input ........................................................150

Local off e Tre in Uno...................... 190

Follower (Envelope-Follower) ........... 154

Keyboard & Company.....................192

Ringmodulator ..................................... 155

I Keyboard-Mode..................................195

Vocoder...................................................156
Distortion ............................................... 157
Analog Boost ......................................... 158

IL VOCODER DEL VIRUS

- 201

Phaser .....................................................159

Il Vocoder .............................................. 202

Chorus..................................................... 161

I parametri del vocoder del VIRUS ..204

Delay/Reverb.........................................162

Note riguardo al vocoder: ..................210

I PARAMETRI GLOBAL, MIDI


E SYSTEM

IL VIRUS E I SEQUENCER

- 213

- 173

Controllo dei Parametri via MIDI ..... 214

I Parametri Global................................ 174

Informazioni Generali......................... 214

System ................................................... 180

Gestire il Controllo dei


Parametri MIDI ..................................... 217

GENERATORE CASUALE DI
PATCH

Note sullAdaptive Parameter


Smoothing ............................................. 218

- 183

Patch Casuali.........................................184

CATEGORIE

- 187

Le Categorie di Suoni ..........................188

Problemi Relativi al Controllo dei


Parametri ............................................... 221
DUMP: i Suoni della Song ..................222

CONSIGLI, TRUCCHI ED ALTRE


PERLE DI SAGGEZZA
- 227
Modo MULTI SINGLE .......................... 228
I Tasti Value .......................................... 229

LE VERSIONI A TASTIERA
DEL VIRUS

- 189

Il Virus kb e il Virus Indigo ................ 190

Tutto sugli Ingressi............................. 229


Riguardo al Delay/Riverbero............. 231

ACCESS VIRUS OS4 5

Il Virus come Dispositivo Effetti.......232


Envelope Follower................................233
Oscillatori .............................................. 234
I FiltRI.......................................................237
SATURATION per un Suono pi
Sporco e Grintoso................................ 239
Gli LFO ....................................................240
Controllo del Volume......................... 242
ASSIGN e le Manopole DEFINABLE .... 243

LARPEGGIATORe................................. 244
MIDI ........................................................ 245
PRIORITY ................................................ 247
Installare Un Aggiornamento del
sistema operativo ............................... 247
Caricare il Sistema Operativo da
Un Virus ad Un Altro ..........................249
Aggiornamenti
Software................................................ 250

APPENDICE

- 251

Dati System Exclusive .........................252


Descrizione dei Parametri ................ 258
Tabella dei Multi Dump......................273
Classi ...................................................... 276
Sorgenti della Mod Matrix ...............280
Destinazioni della Mod Matrix ........281
Destinazioni delle Manopole
Definibili ............................................... 282

TABELLA DI IMPLEMENTAZIONE
MIDI ........................................................ 284
Standard Europei ................................286

6 Capitolo 1
Sommario

ACCESS VIRUS OS4 7


IMPORTANTI ISTRUZIONI DI SICUREZZA

IMPORTANTI ISTRUZIONI DI SICUREZZA


Leggete ed attenetevi alle
seguenti norme di sicurezza!
Di seguito troverete un breve
elenco di regole fondamentali da
osservare per una corretta
gestione dei dispositivi elettronici.
Leggete con attenzione tutte le
note prima di accendere lo strumento.

Installazione e montaggio
 Utilizzate e riponete lo strumento solamente in ambienti
chiusi.

 Non lasciate mai lo strumento


esposto ad ambienti umidi.

 Non utilizzate o riponete lo strumento in ambienti estremamente


polverosi o sporchi.

 Assicuratevi che laria possa circolare liberamente attorno al


dispositivo, specialmente se montato a rack.

 Non posizionate lo strumento


nelle immediate vicinanze di sorgenti di calore.

 Non esponete lo strumento alla


luce solare diretta.

 Non esponete lo strumento a


forti vibrazioni o urti.

Collegamenti
 Usate esclusivamente il trasformatore incluso.

 Collegate lo strumento solamente a prese di corrente dotate di


una corretta messa a terra, conforme alle norme di legge vigenti.

 Non modificate mai il cavo di alimentazione incluso. Se la spina


non adatta alla presa che avete a
disposizione, consultate un elettricista.

 Scollegate sempre lalimentazione quando lo strumento non


viene utilizzato per lunghi periodi
di tempo.

8 CAPITOLO 2
IMPORTANTI ISTRUZIONI DI SICUREZZA

 Non toccate mai la spina con le


mani bagnate.

 Nello sfilare il cavo di alimentazione dalla presa di corrente, afferratelo sempre dalla spina.

Funzionamento
 Non appoggiate bevande o altri
contenitori di liquidi sul dispositivo.

 Controllate che lo strumento si


trovi su un supporto stabile. Ponetelo su un tavolo o montatelo a
rack.

 Accertatevi che nessun oggetto


estraneo cada o finisca allinterno
del dispositivo. Se ci accadesse,
spegnete lo strumento e sfilate la
spina di alimentazione. Poi contattate un rivenditore autorizzato.

 Utilizzato da solo, o insieme ad


amplificatori, diffusori o cuffie,
questo dispositivo in grado di
generare livelli sonori tali da produrre danni irreversibili alludito.
Per questa ragione, usatelo sempre
a livelli di volume ragionevoli.

Sostituzione della batteria


tampone della memoria
Il Virus memorizza i dati dei suoni
in una RAM alimentata tramite
batteria. Questa batteria (tipo:
CR2032) devessere sostituita ad
intervalli che vanno dai tre ai cinque anni. Bisogna aprire lo strumento per sostituire la batteria,
per cui rivolgetevi ad un centro di
assistenza autorizzato. Fate la
vostra parte nella difesa
dellambiente e portate lo strumento in un laboratorio che smaltisce le batterie secondo le norme
di legge.
Prima di far sostituire la batteria,
salvate in un sequencer lintero
contenuto della memoria RAM,
tramite un "Total Dump". Ricordate
che il contenuto della RAM va
perso quando cambiate la batteria
(vedi Midi Dump TX a
pagina 174).

ACCESS VIRUS OS4 9


IMPORTANTI ISTRUZIONI DI SICUREZZA

Cura e manutenzione
 Non aprite lo strumento,
allinterno non vi sono parti sostituibili dallutente. Riparazioni e
manutenzione devono sempre
essere eseguite da personale autorizzato.

 Usate solo un panno morbido e


asciutto per pulire lo strumento.

 Non usate alcool, solventi o prodotti chimici simili. Questi possono


danneggiare la superficie dello
strumento.

Idoneit ad impieghi specifici


Questo dispositivo stato progettato esclusivamente per generare
segnali audio a bassa frequenza
per la produzione musicale. Qualsiasi altro uso non permesso, ed
annulla automaticamente la
garanzia offerta da Access Music
Electronics GmbH.

10 CAPITOLO 2
IMPORTANTI ISTRUZIONI DI SICUREZZA

ACCESS VIRUS OS4 11


Prologo

PROLOGO
A Tutti gli Utenti Virus,
Congratulazioni per la vostra scelta
del nuovo Virus. Avete acquistato
un sintetizzatore allavanguardia,
pieno di caratteristiche rivoluzionarie. Eccovi un semplice assaggio:
Virus offre le caratteristiche sonore
e i timbri dei tradizionali sintetizzatori analogici - per esempio il
Prophet 5 o il Memorymoog, solo
per citare due esempi famosi unite a una facilit di utilizzo e a
una qualit senza precedenti. Non
stiamo scherzando, il Virus riproduce fedelmente la risposta di un
synth analogico grazie ad un chip
digitale, bench le capacit di creazione dei timbri e le voci a
disposizione superino di molto
quelle dei suoi predecessori storici.
Il Virus esce di fabbrica con 512
memorie che contengono i suoni
che chiameremo SINGLE. Questi
sono organizzati in quattro bancchi. I primi due (A e B) si trovano
nella RAM, e potete sovrascriverli
con nuovi suoni. Gli altri due ban-

chi sono programmati nella FLASH


ROM e non possono essere sovrascritti.
Il Virus offre un massimo di 24 voci.
In Multi Mode, queste sono allocate dinamicamente ai sedici suoni
disponibili simultaneamente.
Avete sempre a disposizioni tre
oscillatori audio pi un suboscillatore, un generatore di rumore e un
modulatore ad anello, due filtri
Multi Mode, due inviluppi, un VCA
stereo, tre LFO ed uno stadio di
saturazione (SATURATOR) per creare vari effetti di distorsione.
Il Virus offre un vero arsenale di
effetti. Potete utilizzare sette
potenti funzioni per scolpire il
suono, inclusi chorus, phaser e
distorsione, con ogni effetto disponibile separatamente per ogni
suono. Perci, in modo MULTI a 16
parti, il Virus offre 80 effetti, non
uno di meno! Avete anche ununit
di riverbero/delay globale che permette di creare effetti di riverbero
di alta qualit e delay con ripeti-

12 3
Prologo

zioni ritmiche. Il tempo di ritardo


pu essere sincronizzato al clock
MIDI.
Col vantaggio di due ingressi audio
esterni, il Virus pu anche servire
da unit effetti e processore di
segnale, che potete usare creativamente per generare tutti i tipi di
effetti. I segnali esterni possono
essere processati dal filtro, dagli
effetti gate e lo-fi, indirizzati alla
sezione effetti del Virus e fungere
da sorgente di modulazione per
effetti di frequency e ring modulation.
Inoltre, potete usare segnali
interni o esterni come sorgenti per
la funzione vocoder incorporata
nel Virus. Il vocoder dispone di un
filtro con un massimo di 32 bande,
ed offre diverse opzioni di manipolazione e di modulazione.
I tre oscillatori principali producono 66 forme donda, tre delle
quali sono miscelabili dinamicamente cos da poter creare effetti
che agiscono sullo spettro sonoro
usando un singolo oscillatore. Nei
sintetizzatori convenzionali, questo tipo di effetto (spectral)
richiede luso di pi oscillatori. La

sincronizzazione, la modulazione
di frequenza e la modulazione ad
anello tra gli oscillatori audio
offrono complessi effetti aggiuntivi che alterano lo spettro sonoro,
utilizzabili per dar forma ai vostri
suoni.
I filtri possono essere posti in serie
o in parallelo allinterno delle voci,
grazie alle diverse opzioni. Collegando i filtri in serie, lo stadio di
saturazione viene posto tra i filtri.
Di conseguenza, la risonanza di un
filtro che ha subito la saturazione
pu essere rifiltrata allinterno
della stessa voce! Un filtro con un
massimo di sei poli (con una pendenza di 36 dB!) permette manipolazioni timbriche radicali.
Gli LFO dispongono ognuno di 68
forme donda a variazione continua, inclusa una forma donda
triangolare con simmetria variabile ed oscillazioni aperiodiche
variabili in modo continuo, per creare variazioni casuali dei parametri
controllati. Gli LFO sono in grado di
generare oscillazioni sia polifoniche che monofoniche. In altre
parole, se sono attive pi voci, gli
LFO possono funzionare sia in
modo indipendente che sincroniz-

ACCESS VIRUS OS4 13


Prologo

zato. Le numerose opzioni di innesco da tastiera vi consentono di


avviare le forme donda degli LFO
con lunghezze di fase variabili
allinizio di una nota e/o di effettuare un solo ciclo, facendoli comportare come un inviluppo.
Oltre alle numerose configurazioni di modulazione preimpostate o fisse, potete assegnare tre
sorgenti di modulazione ad un
massimo di sei destinazioni di
modulazione differenti tramite la
Modulation Matrix. Per le sorgenti
di modulazione, avete gli LFO, la
velocity, il pitch bender, laftertouch, la modulation wheel,
numerosi controller MIDI ed altre
sorgenti tra cui scegliere. Per le
destinazioni di modulazione,
potete selezionare qualsiasi parametro dei suoni del Virus sia
adatto ad un controllo dallesterno.
Disponete di un massimo di 16
arpeggiatori in modo MULTI, che
offrono infinite opzioni per creare
gli arpeggi, sincronizzabili anche al
clock MIDI.

I suoni e gli effetti vengono emessi


tramite sei uscite audio che naturalmente possono essere usate
anche per tre segnali stereo.
Al di l ed oltre il suo killer sound,
il Virus stato progettato per
offrire la massima comodit di
controllo e gestione. dotato di
manopole e tasti dedicati per le
funzioni cruciali del sintetizzatore,
con ulteriori parametri accessibili
tramite procedure di immissione
dati. Abbiamo distinto tra questi
due livelli di modifica dei timbri,
per consentirvi di creare suoni
complessi pur mantenendo linterfaccia utente il pi semplice e
chiara possibile.
Molto modestamente, siamo particolarmente orgogliosi di una
caratteristica da noi sviluppata,
che chiamiamo Adaptive Parameter Smoothing. Per la prima volta
nella storia dei sintetizzatori dotati
di memorie, potete agire su una
manopola o su un controllo senza
incrementi o salti udibili. In altre
parole, il suono cambia in modo
ASSOLUTAMENTE LINEARE. Niente
pi zipper noise! Il Virus risponde

14 3
Prologo

dolcemente come i synth analogici


prima dellintroduzione delle
memorie digitali.
E gli utenti degli odierni sequencer
software apprezzeranno il fatto
che il Virus trasmetta immediatamente tutti i comandi che alterano
il suono sotto forma di dati di Controller MIDI o Poly Pressure (e naturalmente accetti tutti i messaggi
dei Controller e di SysEx corrispondenti). Questa caratteristica vi consente di controllare
dinamicamente il Virus e tutte le
sue funzioni tramite computer.
Bench rappresentino un ritratto
appena abbozzato, le caratteristiche elencate sopra indicano gi
che vi trovate di fronte a uno strumento musicale di alta qualit ed
eccezionalmente versatile, che vi
dar infinite soddisfazioni per
molti anni a venire. Siamo certi che
potrete sfruttare al meglio
lenorme potenziale di questo strumento superiore.
Buon divertimento!
Il Team di Sviluppo del Virus

Tra laltro: un kit di montaggio a


rack disponibile come accessorio
opzionale per il Virus b. Contattate
il rivenditore autorizzato pi vicino
per maggiori informazioni.
Tutti i nostri ringraziamenti vanno
a:
Ben Crosland, Thomas Green, Axel
Hartmann, Uwe G. Hnig, Jrg
Httner, Oliver Kser, Andrea
Mason, Thorsten Matuschowski,
Paul Nagel, Kai Niggemann, Rob
Papen, Wieland Samolak, Howard
Scarr, Hans-Jrg Scheffler, Jenny
Simon, Matt Skags, Joeri Vankeirsbilck, Jay Vaughan, Jens Wegerhoff e Daniel Wewer.

Introduzione

16 4
Introduzione

IL VIRUS
Questo capitolo offre istruzioni
passo-a-passo sul funzionamento
del Virus, per coloro che si affacciano per la prima volta al mondo
dei sintetizzatori e del MIDI.
Quanto segue spiega operazioni di
base, come il collegamento del
Virus ad una sorgente di alimentazione, al vostro sistema MIDI e
sistema audio. Poi vi guideremo
attraverso una serie di esperimenti concepiti per dimostrare i
diversi gruppi di funzioni, le loro
caratteristiche di controllo ed i
compiti che svolgono.
Terminata la lettura di questa
sezione, sarete in grado di gestire
virtualmente tutte le funzioni di
generazione e di modifica del
suono del Virus. Tutte vengono
descritte grazie ad esempi pratici,
insieme alle loro caratteristiche di
controllo. Viene spiegata anche la
maggior parte delle funzioni meno
significative, accessibili dai menu.
Troverete una descrizione dettagliata e completa di tutte le funzioni del vostro nuovo
sintetizzatore nei capitoli che
seguono questa introduzione.

Ricordate che, restando nei limiti di


questa introduzione, non possiamo impartire tutte le conoscenze di acustica, sulla sintesi del
suono e sul controllo MIDI che
potreste dover o voler acquisire.
Per conoscere questi argomenti in
modo pi approfondito, considerate lidea leggere abitualmente
una o pi pubblicazioni di settore
presenti nel vostro paese. Il vostro
rivenditore di strumenti musicali o
dei musicisti pi esperti possono
consigliarvi le migliori riviste. E
inoltre vi unampia scelta di libri
che trattano questi argomenti.
Se decidete di leggere questa
sezione, vi consigliamo di farlo
dallinizio alla fine, invece che partire da un capitolo intermedio che
vi interessa particolarmente. Una
metafora adatta a spiegare le basi
illustrate in questa sezione
potrebbe essere una casa, in cui
ogni informazione in un capitolo
successivo un mattone che si
appoggia su un mattone precedente, e si collega a quelli vicini.
Volete che la vostra base di conoscenze sia una struttura solida, per
non avere problemi se vi accorgeste che manca un mattone.

ACCESS VIRUS OS4 17


Il Virus

I Collegamenti
Prima di collegare il Virus ad una
presa di corrente e al resto del
vostro impianto, controllate che
tutti i dispositivi siano SPENTI. Se il
vostro Virus non dotato di
tastiera, collegate la MIDI OUT del
dispositivo di trasmissione MIDI
desiderato (tastiera, computer,
sequencer hardware, etc.) alla
MIDI IN del Virus.
Collegate le uscite audio del Virus
agli ingressi audio del vostro
sistema. Per poter ricevere un
segnale, dovete come minimo collegare la presa OUT 1 R/MONO.
Per, consigliamo di collegare
anche luscita OUT 1 L, per sfruttare
i suoni stereo del Virus.
Effettuati i collegamenti desiderati, accertatevi che i controlli di
volume di tutti i dispositivi collegati (Virus: MASTER VOLUME,
posto in alto a sinistra sul pannello
di controllo) siano regolati al
minimo. Accedete i dispositivi in
questa sequenza: il dispositivo che
trasmette i dati MIDI (computer,
master keyboard, etc.) per primo,
poi i generatori sonori (il Virus e le
altre sorgenti di segnale), seguiti

dalla consolle di missaggio ed in


fine dallamplificatore.
Ora, mentre trasmettete le note
sul canale MIDI 1 al Virus, alzate il
volume master dei dispositivi nello
stesso ordine in cui li avete accesi.
Tenete docchio gli indicatori dei
misuratori di livello della vostra
consolle di missaggio.

Ascoltare i Suoni Impostati


dal Costruttore
Le memorie dei programmi del
Virus contengono programmi
sonori (SINGLE PROGRAM) e combinazioni di suoni (MULTI PROGRAM) impostati in fabbrica. Per
ascoltare i SINGLE PROGRAM (ed
avere unimpressione iniziale delle
possibilit che il vostro nuovo strumento offre in termini sonori), controllate che la sorgente dei dati
MIDI trasmetta sul canale MIDI 1.
Premete il tasto SINGLE. Un
numero, una lettera, il numero ed il
nome del programma appaiono nel
display. Questi indicano rispettivamente il canale MIDI, il Program

18 4
Introduzione

Bank corrente (da A a D) ed il


numero e il nome del suono corrente. Se ora eseguite delle note
dovreste poter sentire questo timbro, mentre appare una nota nel
display (il punto alla fine della
stanghetta rappresentato in nero
pieno) ogni volta che premete e
rilasciate un tasto. Se non sentite il
suono ma vedete una nota da 1/2
(la testa della nota bianca) controllate di non trasmettere sul
canale MIDI sbagliato.
Premete il tasto VALUE per richiamare in sequenza i 128 single program del Bank A. (La manopola
VALUE inattiva in questo modo
operativo.) Per poter ascoltare i
programmi sonori nei banchi B, C e
D, usate semplicemente i tasti
PARAMETER/BANK per passare da
un banco di programmi ad un
altro.
Troverete certi programmi contrassegnati dalle abbreviazioni INP o
VOC. Questi usano lingresso
audio esterno come sorgenti di
segnale per la sezione del filtro
(INP) o per il vocoder (VOC). Perci
non sentirete nulla sino a quando
non indirizzate un segnale audio
negli ingressi audio esterni.

Ascoltare i Multi Program


Il Virus non ha solo la capacit di
produrre i SINGLE PROGAM, ma
anche delle combinazioni, consistenti di pi suoni simultanei
(MIDI Multi Mode). Per richiamare i
MULTI PROGRAM, premete il tasto
MULTI e selezionate queste combinazioni di programmi con il tasto
VALUE. Il Virus ha solo 128 MULTI
PROGRAM, per cui non dovete
cambiare banco, come avete fatto
con i single program.
La maggioranza dei MULTI PROGRAM disponibili contengono
combinazioni di suoni controllate
da un solo canale MIDI. In questi
MULTI PROGRAM, i suoni coinvolti
sono allocati uno a fianco allaltro
(split) o uno sopra laltro (layer)
sulla tastiera. In altri MULTI PROGRAM, i suoni sono divisi su pi
canali MIDI, per semplificare il
lavoro con i sequencer. Se attivate

ACCESS VIRUS OS4 19


Il Virus

un MULTI PROGRAM e sentite un


solo suono, potete controllare quel
MULTI PROGRAM su pi canali.

Il Vostro Primo Suono


Se non avete mai creato o modificato il suono di un sintetizzatore,
abbiamo ora il piacere di introdurvi
a questo affascinante processo.
Selezionate il single program A127
- START -. Premete un tasto qualsiasi della tastiera collegata. Dovreste sentire un timbro che, in
mancanza di una descrizione
migliore, un po aspro o acido, ma
soprattutto completamente statico. Dovrebbe avviarsi immediatamente dopo aver premuto un tasto
e restare in risonanza indefinitamente sino a quando il tasto
abbassato. Non appena rilasciate il
tasto, il suono dovrebbe terminare
bruscamente. Questo suono non
pensato per essere particolarmente piacevole; stato concepito
per essere il pi neutrale possibile
e fornire una base da cui iniziare a
creare i vostri suoni.

20 4
Introduzione

LINVILUPPO
DELLAMPLIFICATORE
Una lunga esposizione a questo
suono non pu avere che un pessimo effetto sui vostri nervi, per cui
iniziamo a trasformarlo in un
segnale che potrebbe essere piacevole da ascoltare, partendo dalle
caratteristiche del volume. Trovate
la sezione AMPLIFIER in basso a
destra sul pannello del Virus. Qui vi
sono cinque potenziometri chiamati rispettivamente ATTACK,
DECAY, SUSTAIN, TIME e RELEASE.
Questi controlli vi aiutano ad
immettere le caratteristiche del
volume, chiamate inviluppo
dellamplificatore e a porre fine a
questo fastidioso ronzio che pu
ricordare uno di quegli organi che
si ascoltano nelle colonne sonore
dei film di serie B degli anni 60.

Ruotate ATTACK mentre premete


ripetutamente un tasto per sentire
una nota. Pi alzate il potenziometro, maggiore il tempo necessario
affinch il suono raggiunga il
volume massimo, dopo linizio
della nota. Per cui possiamo dire
che ATTACK controlla laumento
iniziale del volume del suono.
Presumibilmente il potenziometro
ATTACK si trovava in una posizione
casuale prima di effettuare la
prima regolazione. Ciononostante
il volume saliva automaticamente
al livello massimo prima di aver
iniziato a ruotare la manopola. Il
motivo che un valore di ATTACK
pari a 0 salvato nel programma
sonoro - START - e questo valore
resta valido sino a quando non
determinate un nuovo valore regolando la posizione del potenziometro, anche spostandolo appena.
Date unocchiata al display del
Virus per avere unimpressione
della differenza tra questi due
valori. Il display mostra due numeri
quando agite su un potenziometro: a sinistra il valore salvato nel
programma sonoro e a destra
lequivalente numerico al valore

ACCESS VIRUS OS4 21


LInviluppo dellAmplificatore

determinato dalla posizione corrente del potenziometro.

 Ricordate sempre che per un sintetizzatore programmabile la posizione del controllo o del
potenziometro con indica necessariamente il valore reale della funzione relativa. Il motivo che
quando attivate un suono, questo
riflette i valori programmati.
Dovete regolare il controllo prima
che il valore programmato sia sostituito dal valore determinato
manualmente.

Ora provate col potenziometro del


DECAY mentre premete ripetutamente un tasto per attivare una
nota. Tenete premuto il tasto per
un po. Noterete che il volume,
dopo aver raggiunto il livello massimo alla fine della fase di attacco
(ATTACK), si abbassa sino a raggiungere il livello minimo. Il potenziometro DECAY determina la
velocit, o nel gergo dei synth, il
rate di riduzione del volume.
Per, il livello di DECAY non sempre
scende al minimo; potete determinare un valore intermedio tra mas-

simo e minimo a cui il volume resta


costante. Questo livello controllato a sua volta dal potenziometro
SUSTAIN.
Se il livello di SUSTAIN impostato
al massimo, il volume non pu
scendere durante la fase di DECAY;
in altre parole, in questa situazione
il potenziometro DECAY inattivo.

 Le singole funzioni di un sintetizzatore sono progettate per interagire; molte funzioni sono
dipendenti da altre funzioni. In
alcuni casi ci significa che certe
funzioni sono subordinate ad altre,
cio lefficacia di un controllo viene
alterata, modificata o persino completamente annullata da altre funzioni ad essa in relazione.
Lultimo potenziometro, RELEASE,
determina la velocit di riduzione
del volume quando rilasciate il
tasto: con valori bassi il suono si
interrompe in modo relativamente brusco, e con valori alti, termina in modo pi lungo e
graduale. La durata della fase di
RELEASE dipende anche dal livello a
qui si trova la curva dellamplifica-

22 4
Introduzione

tore quando rilasciate il tasto: pi


basso il livello, pi breve la fase di
RELEASE. Se avete impostato una
fase breve di DECAY o SUSTAINTIME che gi terminata mentre il
tasto ancora abbassato, allora
naturalmente non esiste una fase
di RELEASE udibile.
La fase successiva dellinviluppo
dellamplificatore determinata
dal potenziometro SUSTAIN-TIME:
se il potenziometro si trova al centro (ore 12) indicato dal simbolo
matematico di infinito, il livello di
SUSTAIN (risonanza) resta costante
fino alla fine della nota.
Se lo ruotate in senso antiorario a
sinistra (verso FALL), il livello si
abbassa ad una velocit che
aumenta verso il livello minimo in
modo molto simile quanto avvenuto per il potenziometro DECAY;
se ruotate il potenziometro in
senso orario a destra (verso RISE), il
livello si alza a una velocit che
aumenta verso il livello massimo e
vi resta sino a quando non rilasciate il tasto.
Linviluppo dellamplificatore pu
essere descritto come una curva
variabile che, a seconda del tipo e

della durata dei dati di attack, hold


e release, influenza automaticamente un immaginario potenziometro del volume (lo alza o lo
abbassa). Allinizio della nota,
ATTACK controlla la salita o la velocit dellincremento sino al livello
massimo. Una volta raggiunto il
livello massimo, DECAY determina
la caduta o la velocit della riduzione sino al valore SUSTAIN, che
pu variare in modo infinito tra i
livello minimo e massimo. Linviluppo dellamplificatore pu
restare a questo valore sino alla
fine della nota, scendere sino al
livello minimo secondo quanto
determinato dal valore variabile
TIME, o anche alzarsi verso il livello
massimo. Dopo la fine della nota,
RELEASE controlla labbassamento
o la velocit di riduzione sino al
livello minimo. Di conseguenza, i
potenziometri di controllo ATTACK,
DECAY, TIME e RELEASE controllano
una velocit o rate, mentre
SUSTAIN controlla effettivamente
un livello.

ACCESS VIRUS OS4 23


Il Primo Filtro

IL PRIMO FILTRO
Ora diamo unocchiata ad un componente dei sintetizzatori considerato generalmente come lunit
funzionale pi importante, poich
consente di modificare in modo
drastico il suono: il filtro - o nel
caso del Virus, i due filtri.
Ma prima ci concentriamo su uno
solo dei due filtri.

Trovate il potenziometro CUTOFF


(non confondetevi con CUTOFF 2!)
nella sezione FILTERS, direttamente
sopra alla sezione AMPLIFIER. Ruotate il potenziometro a sinistra e a
destra e notate come il suono

diviene pi scuro o chiaro in risposta alla direzione in cui ruotate il


potenziometro. (Per esser certi che
leffetto e gli esperimenti sonori
successivi siano pi pronunciati,
regolate linviluppo dellamplificatore cos che il Virus generi un
livello costante mentre tenete premuto il tasto).
Ecco come funziona un filtro passa
basso: sopprime, o in gergo tecnico, attenua le frequenze acute di
un segnale, e permette il passaggio delle frequenze pi basse. Pensate al potenziometro CUTOFF
come ad un buttafuori, ed al Virus
come al vostro locale. Potete indicare quali frequenze far entrare e
quali tener fuori. Le frequenze
sopra alla cosiddetta frequenza di
cutoff (di taglio), o frequenza del
filtro, vengono soppresse, quelle al
di sotto restano immutate. Ora trovate linterruttore FILT 1 MODE,
sempre nella sezione FILTERS. Questo permette di selezionare un
modo operativo del filtro, tra le
quattro opzioni disponibili:

 L P il filtro passa basso (low


pass filter) appena spiegato.

24 4
Introduzione

 H P il filtro passa alto (high


pass filter) che funziona in modo
opposto al filtro passa basso: sopprime le frequenze pi basse di un
segnale e permette il passaggio
delle frequenze pi acute.

 B P il filtro passa banda che


sopprime entrambe le estremit
dello spettro tonale e permette il
passaggio di una banda ristretta
del suono originale.

 B S il filtro a reiezione di banda


o notch che funziona in modo
opposto al filtro passa banda. Permette il passaggio delle frequenze
del segnale, ad eccezione di una
banda ristretta di frequenze
attorno alla frequenza di cutoff. Il
termine notch (tacca) sufficientemente descrittivo; si pu dire che
questo filtro ritagli una tacca nello
spetto del suono.

Ora attivate i diversi modi operativi


e ruotate il potenziometro CUTOFF

per farvi unidea del modo in cui


funziona ogni filtro.
Insieme al potenziometro CUTOFF,
il potenziometro RESONANCE il
controllo pi importante di un filtro. La risonanza del filtro (filter
resonance) aumenta il volume
delle frequenze vicino alla frequenza di cutoff e sopprime le frequenze pi remote. Questa
caratteristica di modellazione del
suono ha un effetto impressionante - specialmente se viene
usata insieme al low pass filter:
produce un tono nasale o da
papera che aumenta alzando la
resonance. Sperimentate variando
limpostazione di RESONANCE nei
diversi modi operativi, insieme a
valori differenti di CUTOFF. Scoprirete che leffetto del potenziometro RESONANCE
notevolmente differente per il filtro a reiezione di banda rispetto
agli altri tipi di filtro: aumentando
la resonance, lampiezza di banda
si riduce; in altre parole, possono
passare pi frequenze su entrambi
i lati della frequenza del filtro.

ACCESS VIRUS OS4 25


La Modulazione del Filtro

LA MODULAZIONE DEL
FILTRO
Naturalmente non necessario
modificare manualmente il suono
agendo sulle manopole. Tutti i tipi di
modifiche del suono nel Virus possono essere eseguite automaticamente come per i precedenti
esperimenti con i controlli di volume:
linviluppo dellamplificatore pu
essere descritto come una curva
variabile che, a seconda del tipo e
della durata dei dati di attack, hold e
release, influenza automaticamente
un immaginario potenziometro del
volume (lo alza o lo abbassa).
Procedure simili sono applicabili
alle frequenze del filtro. La sezione
FILTERS ha il suo inviluppo indipendente, la cui struttura identica
allinviluppo dellamplificatore, che
si trova direttamente sotto linviluppo dellamplificatore sul pannello di controllo. Proprio come
linviluppo dellamplificatore, linviluppo del filtro ruota automaticamente il potenziometro CUTOFF.
Vi per una differenza significativa tra i due inviluppi. Con linviluppo dellamplificatore, avete

sempre a che fare con un livello di


volume iniziale pari a 0, poich
naturalmente volete che vi sia
silenzio assoluto prima dellinizio
di una nota. Dopo la fase RELEASE,
di nuovo essenziale che vi sia
silenzio. Con linviluppo del filtro,
la situazione un po diversa:
linviluppo parte sempre dal valore
di CUTOFF determinato manualmente. E non sempre detto che la
frequenza del filtro debba giungere al livello massimo.
Di conseguenza, avete bisogno di
uno strumento che limiti lintervallo di azione effettivo del filtro.
Ecco perch il Virus ha un controllo
chiamato ENV AMOUNT (abbreviazione di Envelope Amount).
Quando il potenziometro ruotato
in senso antiorario tutto a sinistra,
il filtro non ha effetto sulla cutoff
frequency; ruotando il potenziometro verso destra, aumenta
leffetto che linviluppo del filtro ha
sulla frequenza del filtro. Il livello
dellinviluppo potrebbe trovarsi al
di fuori dello spettro udibile
quando il filtro gi stato parzialmente aperto col potenziometro
CUTOFF o stato manipolato da
altri controlli. Nei casi estremi in
cui il filtro gi completamente

26 4
Introduzione

aperto, la frequenza del filtro non


pu essere aumentata, indipendentemente da come impostate
ENV AMOUNT.
Sperimentate con impostazioni
differenti di ENV AMOUNT, CUTOFF
e RESONANCE per i diversi modi
operativi del filtro. Provate anche a
variare le impostazioni dellinviluppo dellamplificatore. Scoprirete
che gi con questi pochi parametri
siete in grado di ottenere una
vasta quantit di impostazioni del
suono. Se siete tra i molti musicisti
che associano naturalmente timbri
e strumenti, potrete notare come
molte impostazioni producono
suoni che ricordano strumenti a
corda: alcuni pizzicati in vari modi,
altri suonati con larchetto.
Per il prossimo esperimento impostate linviluppo dellamplificatore
cos da sentire un livello costante
quando premete e tenete una
nota. Ora disattivate linviluppo del
filtro impostando ENV AMOUNT a
0. Impostate Filter-1 sul modo low
pass e riducete la frequenza del filtro sino a quando non avvertite
appena un segnale impastato
quando suonate nel registro
medio.

Ora suonate note un poco pi acute


e basse. Troverete che le note pi
basse hanno un maggior contenuto
armonico, mentre quelle pi acute
suonando pi scure ed il loro
volume si riduce sino a che le note
sono completamente inudibili.
Potreste gi sospettare la ragione di
questo comportamento: suonando
note pi basse, porzioni pi grandi
del segnale vengono a trovarsi al di
sotto della frequenza di taglio
(cutoff frequency), mentre le note
pi acute hanno porzioni del
segnale crescenti che vengono a
trovarsi al di sopra della cutoff frequency e di conseguenza vengono
soppresse sino a quando la fondamentale e lultima porzione udibile
del segnale non silenziata.

Per evitare questo effetto - o se desiderate, per amplificarlo - potete


influenzare la cutoff frequency con
lintonazione (altezza) della nota,
cio (in termini MIDI) il note number
(numero della nota). Lintensit di
questa influenza determinato dal
potenziometro KEY FOLLOW.
KEY FOLLOW il tipico parametro
bipolare: il suo raggio di azione
non limitato alla direzione positiva dello spettro (da 0 ad un mas-

ACCESS VIRUS OS4 27


Lo Stadio Saturation

simo di 127). I controlli bipolari


agiscono anche sui valori negativi,
in questo caso dal massimo negativo di -64 sino a 0 e su fino al massimo positivo di +63. Perci, se il
potenziometro si trova al centro
(ore 12, o 0) laltezza delle note corrispondenti ai tasti della vostra
tastiera non ha effetto sulla cutoff
frequency. Ruotando invece il
potenziometro KEY FOLLOW in
senso orario verso lintervallo di
controllo positivo, il filtro si apre
maggiormente per le note pi
acute. Per le note pi basse, il filtro
si richiude. Se ruotate il potenziometro in senso antiorario verso
lintervallo di controllo negativo,
leffetto del KEY FOLLOW viene
invertito. Nel Virus, incontrerete di
nuovo questa caratteristica - controllo dellintensit con un parametro bipolare - insieme ad altre
sorgenti e destinazioni di modulazione.
Ora sperimentate liberamente con
impostazioni di KEY FOLLOW differenti ed agite sulle impostazioni
tramite il potenziometro CUTOFF. E
ricordate anche di far entrare in
gioco tutti gli altri parametri che
avete incontrato sino a qui.

LO STADIO
SATURATION
Nella catena del segnale del Virus,
il Filter-1 viene seguito da uno stadio detto saturation. Grazie ad
esso potete aggiungere armonici
al segnale filtrato tramite la distorsione. Trovate e premete il tasto
EDIT nella sezione FILTERS.
01111111111111111112

1 SATURATION
Curve
Off
61111111111111111154

Il display indica SATURATION


CURVE OFF, il che significa che la
curva di saturazione disattivata.
Con i tasti VALUE o col potenziometro VALUE, ora potete selezionare
tra diverse curve di saturation/
distorsione. Oltre alle distortion
curve, lo stadio SATURATION offre
altri effetti DSP come shaper, rectifier e filter. Questi vengono spiegati
dettagliatamente nel capitolo sullo
stadio SATURATION.
Ora vorremmo citare il potenziometro OSC VOL nella sezione
MIXER. La porzione dellintervallo
di controllo dallestrema sinistra

28 4
Introduzione

sino al centro (ore 12) determina il


volume del segnale in ingresso
della sezione del filtro. La porzione
dellintervallo di controllo che si
trova a destra del centro (oltre ore
12) non produce un aumento di
volume: incrementa semplicemente lintensit di saturation o
distorsione. Questo effetto si
ottiene solo se attivate una curva
di saturation. Anche lintensit dei
restanti effetti DSP disponibili
viene controllata dalla manopola
OSC VOL.

Fate tutti gli esperimenti che desiderate con le diverse curve saturation, e ricordate di variare le
impostazioni di OSC VOL. Notate
come impostazioni differenti di
CUTOFF e RESONANCE influenzando la curva saturation.

IL SECONDO FILTRO
Avrete probabilmente notato che
aggiungendo un po di saturation
al segnale ottenete un suono piuttosto pesate ed aggressivo - specialmente con un basso livello
della frequenza del filtro ed una
risonanza elevata. Penserete probabilmente che questi tipi di suoni
sono buoni candidati per un ulteriore filtraggio. Abbiamo avuto la
stessa idea, e questa una delle
ragioni per cui il Virus dotato di
un altro filtro per voce.

ACCESS VIRUS OS4 29


Il Secondo Filtro

Il design tecnico del secondo filtro


identico al primo, per cui non lo
spieghiamo con lo stesso dettaglio
dedicato al primo. Per, vi sono
alcune differenze nella gestione
del secondo filtro:

parametri agiscano sui due filtri.


Per, dovete ancora sentire realmente leffetto del Filter-2 sul
segnale, poich viene escluso dal
percorso del segnale udibile del
Virus.

 Solo due controlli del Virus sono

Prima di iniziare il prossimo esperimento, disattivate SATURATION,


impostate lENV AMOUNT dellinviluppo del filtro a zero e impostate
CUTOFF 2 al centro (ore 12) cos che
il Filter-2 abbia sempre la stessa
cutoff frequency del Filter-1 (spiegheremo CUTOFF 2 fra poco). Impostate CUTOFF su un valore
intermedio e ruotate il potenziometro RESONANCE in senso antiorario tutto a sinistra per ottenere
un suono relativamente scuro. Ora
trovate il potenziometro FILTER
BALANCE sul lato superiore destro
del pannello di controllo e ruotatelo da sinistra a destra. Noterete
che il suono diviene pi opaco ruotando il potenziometro verso il
centro (ore 12) e in qualche modo
pi brillante allestrema destra
dellintervallo di controllo, rispetto
allestrema sinistra.

dedicati esclusivamente al Filter-2:


CUTOFF 2 e FILT 2 MODE.

 Le manopole RESONANCE, ENV

AMOUNT e KEY FOLLOW possono


essere allocate ad uno dei due filtri
o ad entrambi simultaneamente.
Usate i due tasti SELECT posti tutti
a destra nella sezione FILTERS per
selezionare il modo operativo desiderato. Per esempio, se premete il
tasto FILT 2 SELECT, i valori impostati con i potenziometri RESONANCE, ENV AMOUNT e KEY
FOLLOW si applicano solo al Filter2. I parametri corrispondenti del
Filter-1 restano invariati. Se invece
premete entrambi i tasti SELECT
contemporaneamente, i valori
immessi si applicano nello stesso
modo ai Filter 1 e 2.
Nel programma sonoro usato per i
nostri esperimenti, i LED di
entrambi i tasti sono illuminati,
cos che tutte le regolazioni dei

La ragione di questo effetto che


quando ruotate il potenziometro
FILTER BALANCE tutto a sinistra,

30 4
Introduzione

udibile solo il Filter-1. Quando ruotate il potenziometro a destra, il


Filter-2 entra a far parte, seguendo
il Filter-1, della catena del segnale.
Quando ruotate il potenziometro
FILTER BALANCE in senso orario, il
Filter-1 viene escluso dalla catena
del segnale sino a quando, nella
posizione tutta a destra, attivo ed
udibile solo il Filter-2.

differenti pendenze. Ruotate il


potenziometro CUTOFF o attivate
linviluppo del filtro (per entrambi i
filtri!) per sentire i filtri in azione.

Ogni filtro del Virus offre normalmente 2 poli. Per nel modo operativo FILTER ROUTING SER 6, il Filter1 funziona a 4 poli, cos che il
segnale che attraversa il Filter-1
(FILTER BALANCE tutto a sinistra)
viene tagliato pi drasticamente
quando attraversa il Filter-2 (FILTER
BALANCE tutto a destra). Quando
impostate il potenziometro FILTER
BALANCE al centro (ore 12) - come
abbiamo detto prima - i due filtri
sono collegati in serie, il che significa che rispondono come un singolo filtro a 6 poli e di
conseguenza di una pendenza
molto forte. Ecco perch il segnale
in ingresso viene tagliato in modo
sostanziale, regolando il potenziometro in questa posizione.

Il potenziometro CUTOFF 2 una


caratteristica speciale: controlla la
cutoff frequency del secondo filtro,
ma subordinato al potenziometro CUTOFF posto appena sopra. In
altre parole, nella posizione centrale (ore 12) la frequenza selezionata manualmente del Filter-2
identica a quella del Filter-1.
Quando ruotate il potenziometro a
sinistra il livello della cutoff frequency del Filter-2 viene incrementato relativamente al Filter-1,
quando ruotate il potenziometro a
destra il livello della cutoff frequency viene ridotto relativamente. Ora quando regolate il
potenziometro CUTOFF, agite sulla
cutoff frequency di entrambi i filtri
nella stessa misura! Questa caratteristica vi permette di determinare una differenza di valore nelle
frequenze dei filtri (chiamato offset) col potenziometro CUTOFF2,
che resta costante quando regolate il potenziometro CUTOFF.

Sperimentate con posizioni diverse


di FILTER BALANCE per provare le

Ecco un altro esperimento in cui


scoprirete nuove caratteristiche di

ACCESS VIRUS OS4 31


Il Secondo Filtro

filtraggio che sono tipiche del


Virus:
Impostate il potenziometro FILTER
BALANCE al centro (ore 12) e
CUTOFF 2 al livello massimo. Il
modo operativo FILTER ROUTING
deve restare SER 6. Impostate
CUTOFF e RESONANCE su un valore
intermedio e selezionate una curva
di SATURATION chiaramente udibile.
Ora potete filtrare questo segnale
complesso prodotto da una combinazione dello stadio saturation ed
ancora dal Filter-1. Ruotate il
potenziometro CUTOFF 2 lentamente verso il centro (ore 12). Ora
potete sentire come il Filter-2
modifica gradualmente il segnale
distorto. Ora potete impostare un
valore di RESONANCE per il Filter-2
se premete il tasto FILT 2 SELECT e
ruotate il potenziometro RESONANCE nella posizione desiderata.
Impostate il potenziometro
CUTOFF 2 in un posizione a destra
del centro. Questa configurazione
pu essere descritta come un set
up complesso non-lineare del filtro, in cui la cutoff frequency controllata col potenziometro CUTOFF.
Potete immettere unampia

gamma di opzioni che modificano


il suono tramite CUTOFF 2. Provate
anche a modificare le risonanze di
entrambi i filtri e la curva di SATURATION per scoprire caratteristiche
di filtraggio differenti.
Ora sperimentate con i diversi
modi operativi del filtro ed ascoltate attentamente leffetto dei
parametri RESONANCE, ENV
AMOUNT e KEY FOLLOW insieme al
tasto SELECT. Ricordate che le probabilit di escludere completamente il suono sono
sostanzialmente maggiori usando
entrambi i filtri: per esempio, se il
primo filtro viene usato come
passa basso con una cutoff frequency bassa ed il secondo come
passa alto con una cutoff frequency elevata, il Virus non genera
un segnale udibile quando impostate il potenziometro FILTER
BALANCE al centro (ore 12).

 Indipendentemente dallopzione
di FILTER ROUTING scelta, lo stadio
SATURATION si trova sempre a valle
del Filter-1, cio dopo Filter nella
catena del segnale.

32 4
Introduzione

FILTER ROUTING
Il parametro finale che spieghiamo
ora FILTER ROUTING. Questa
caratteristica offre diverse opzioni
di collegamento dei filtri che permettono di far funzionare i filtri in
serie, cio collegati uno dopo laltro
nella catena del segnale, o in parallelo, che significa fianco a fianco
nel percorso del segnale:
SER-4 I filtri sono collegati in
serie; con due poli ognuno (12dB/
Ott.), entrambi i filtri hanno la
stessa pendenza per un totale di
un filtro a quattro poli (24dB/Ott.).
SER-6 I filtri sono collegati in
serie; il Filter-1 ha quattro poli
(24dB/Ott.), il Filter-2 ha due poli
(12dB/Ott.) per cui la pendenza
totale equivale a sei poli (36dB/
Ott.).
PAR-4 I filtri sono collegati in
parallelo ed hanno due poli
ognuno (12dB/Ott.).

SPLIT I filtri sono collegati in


parallelo ed hanno due poli
ognuno (12dB/Ott.). Inoltre, ricevono segnali in ingresso indipendenti (pi avanti ci spiegheremo
meglio). Ognuno dei due oscillatori
invia il suo segnale in uno dei due
filtri, i cui segnali possono essere
diffusi nel panorama stereofonico
tramite un parametro chiamato
UNISON Pan Spread.

ACCESS VIRUS OS4 33


Filter Routing

Ecco le possibilit di collegamento dei filtri (filter routing) del Virus.

34 4
Introduzione

IL PRIMO OSCILLATORE
Sino ad ora, abbiamo rivolto la
nostra attenzione esclusivamente
alle funzioni di modifica del suono
e siamo sempre partiti dallo stesso
materiale di base: la cosiddetta
forma donda a dente di sega. Questa forma donda particolarmente adatta come punto di
partenza neutrale poich contiene
tutta la scala naturale degli armonici, e da al filtro molto materiale
di qualit su cui lavorare.
I filtri, eccetto il notch filter o il filtro a reiezione di banda (band stop
- BS), tagliano le estremit dello
spettro sonoro, per cui, per esempio, un segnale suona pi cupo
dopo aver attraversato un filtro
passa basso (low pass). Potete
facilmente immaginare che questo
tipo di modifica del suono
sostanziale ma insufficiente per
creare differenze timbriche pi sottili. Per esempio il timbro di una
tromba differisce significativamente da quello di un saxofono,
anche se nessuno potrebbe sostenere seriamente che uno dei due
strumenti abbia un tono pi scuro
dellaltro.

Ci che ci serve una possibilit di


modifica del suono per la porzione
di un segnale che il filtro lascia passare. E naturalmente ci serve anche
uno strumento per determinare
lintonazione di un segnale. Nei sintetizzatori, entrambi questi compiti vengono svolti dagli oscillatori.
Essi oscillano ad unaltezza variabile
che pu essere modulata e generano anche forme donda differenti
che danno ai filtri una variet di
materiale pi ampia su cui lavorare.
Il Virus dotato di due oscillatori
principali e di un cosiddetto suboscillatore. Diamo prima unocchiata
allOscillator 1, che loscillatore che
avete gi sentito in azione durante i
vostri esperimenti sino ad ora.
Selezionate lo stesso suono di base
con cui abbiamo iniziato. Ora
modificate linviluppo dellamplificatore cos da lavorare con un
suono meno ruvido, ma non eseguite modifiche col filtro o con
saturation per sentire il suono pi
puro del segnale delloscillatore.
Trovate la sezione 1, posta in
unarea separata a sinistra nella
sezione OSCILLATORS. Ora controllate i due potenziometri SHAPE e

ACCESS VIRUS OS4 35


Il Primo Oscillatore

WAVE SEL/PW. Questi permettono


di determinare la forma donda e di
conseguenza lo spettro tonale
dellOscillator 1.

Nel programma sonoro, SHAPE


preimpostata al centro (ore 12), che
equivale al valore 64. Sul potenziometro, questa posizione identificata tramite una rappresentazione
grafica di unonda a dente di sega.
Ora potete capire chiaramente perch questa forma donda si chiama
a dente di sega. Tenete premuto
un tasto e ruotate lentamente il
potenziometro in senso orario.
Dovreste poter sentire come il tim-

bro suona progressivamente pi


vuoto. Potreste dire che questo
effetto smagrisce il suono, ma in
ogni caso, lintero spettro del timbro viene modificato in misura
uguale, con un risultato sullaudio
che i filtri non possono ottenere.
La forma donda che udibile
quando ruotate il potenziometro
SHAPE tutto a destra la cosiddetta onda impulsiva (pulse wave).
La rappresentazione grafica di questa forma donda sul pannello di
controllo vi da una buona idea del
suo aspetto. unica perch la
durata dellimpulso negativo
uguale alla durata dellimpulso
positivo: ha unampiezza
dellimpulso pari al 50%. Il timbro
di unonda impulsiva differente
da quello di unonda a dente di
sega perch non contiene tutte le
armoniche della scala naturale
delle armoniche, ma solo quelle
dispari, cio la prima (la nota fondamentale che determina lintonazione), la terza, la quinta, e cos via.
Ruotando il potenziometro SHAPE
dallintervallo di controllo
dellonda a dente di sega verso
quello dellonda impulsiva, state
effettivamente escludendo tutte le
altre armoniche dal mix, ed ecco

36 4
Introduzione

perch il suono diviene meno corposo.


Potete continuare a modificare il
suono riducendo la simmetria
dellonda impulsiva. Col Virus,
potete eseguire questa modifica al
suono tramite il potenziometro,
WAVE SEL/PW (PW = pulse width)
A CONDIZIONE CHE IL POTENZIOMETRO SHAPE SI TROVI IN UNA
POSIZIONE NELLA MET DESTRA
DELLINTERVALLO DI CONTROLLO
(OLTRE ORE 12). Ruotate il potenziometro WAVE SEL/PW lentamente
da sinistra a destra e lasciate il
potenziometro SHAPE tutto a
destra. Ora potete sentire come il
contenuto di acuti del suono
aumenta mentre il suono diviene
ancor pi fine. Allestrema destra, il
segnale non pi udibile perch
lampiezza dellimpulso equivalente a 0% e di conseguenza londa
non oscilla pi.
Partendo dalla posizione centrale
(ore 12) indicata dallonda a dente
di sega, ruotate il potenziometro
SHAPE in senso antiorario verso
sinistra. Ora potete sentire come
gli armonici vengono progressivamente esclusi dal segnale sino a
sentire solo la nota fondamentale.

Questo suono viene prodotto da


una cosiddetta onda sinusoidale
(sine wave), una delle altre 64
forme donda che avete a disposizione per generare i suoni. Queste
forme donda possono essere
anche attivate tramite WAVE SEL/
PW (WAVE SEL: Wave Select), A
CONDIZIONE CHE IL POTENZIOMETRO SHAPE SI TROVI IN UNA POSIZIONE NELLA MET SINISTRA
DELLINTERVALLO DI CONTROLLO
(PRIMA DELLE ORE 12). Indipendentemente dallimpostazione corrente di SHAPE, potete anche
selezionare unonda nel menu EDIT
alla voce OSCILLATOR 1 WAVE.
Procedete e controllate le diverse
forme donda. La seconda delle 64
onde unonda triangolare, e le
forme donda restanti rappresentano ognuna una miscela timbrica
caratteristica. Dopo che vi siete
familiarizzati con questa materia
prima, sperimentate con i parametri
delle sezioni FILTERS e AMPLIFIER
con cui avete gi lavorato (non
dimenticate SATURATION e la funzione corrispondente del potenziometro OSC VOL), per iniziare a capire
come le diverse forme donda
rispondono alle modifiche dei i filtri,
di saturation e dellamplificatore.

ACCESS VIRUS OS4 37


Il Secondo Oscillatore

IL SECONDO
OSCILLATORE
Come gi affermato, oltre alle altre
sorgenti sonore, il Virus offre un
secondo oscillatore. A giudicare
dalla quantit di controlli nella
sezione di questo oscillatore sul
pannello di controllo, avrete probabilmente gi intuito che ha pi
opzioni per la modifica del suono
di Oscillator 1.
Selezionate il timbro di base usato
allinizio; cambiate linviluppo
dellamplificatore secondo i vostri
gusti. Nel programma, il potenziometro OSC BAL (Oscillator Balance)
nella sezione MIXER preimpostato tutto a sinistra. Per sentire
lOscillator 2, ruotate a destra il
potenziometro OSC BAL (Oscillator
Balance) nella sezione MIXER.
Verso la posizione centrale (ore 12)
sentirete come si modifica il timbro, e ruotando il potenziometro
verso destra, come si riduce lintensit di questa modifica. Questo
effetto conosciuto come effetto
comb filter (filtro a pettine).
Avviene quando vengono mixati
due segnali con la stessa frequenza
ma lunghezze di fase differenti.

Premete pi volte lo stesso tasto


della vostra tastiera con OSC BAL al
centro (ore 12). Dovreste notare che
ogni nota ha un tono leggermente
differente. Gli oscillatori sono la
causa di questo effetto. Gli oscillatori del Virus oscillano liberamente, di conseguenza per ogni
nota suonata, la fase tra i due oscillatori differente. Per ora, lasciate
la manopola OSC BAL al centro (ore
12).
Conoscete gi le manopole SHAPE
e WAVE SEL/PW dellOscillator 1. Le
loro funzioni sono identiche per
lOscillator 2, per cui non torneremo a spiegarle.

Trovate il potenziometro DETUNE e


ruotatelo lentamente a destra
dalla posizione tutta a sinistra (che

38 4
Introduzione

preimpostata nel programma


sonoro). Potete sentire il timbro
che inizia ad oscillare ruotando il
potenziometro pi verso destra, e
come questo effetto di vibrato
aumenti sino a quando lOscillator
2 non suona distintamente scordato rispetto allOscillator 1. Questa oscillazione o effetto di vibrato
ha una tradizione molto popolare
nei sintetizzatori. Viene usato per
ottenere effetti di chorus, creare
suoni che ricordano strumenti a
corda/ sezioni di archi o semplicemente per irrobustire il suono.
Il potenziometro SEMITONE vi permette di trasporre lOscillator 2 di
+/- 4 ottave in intervalli di semitono mentre lOscillator 1 mantiene lintonazione. Questa
caratteristica particolarmente
interessante se usata insieme ad
altre due funzioni delloscillatore:
sincronizzazione e frequency
modulation.
Trovate e attivate il tasto SYNC
nella sezione dellOSCILLATOR 2 (il
LED deve illuminarsi). La funzione
synchronization forza lOscillator 2
a riavviare il ciclo della sua onda
nello stesso momento in cui la
forma donda dellOscillator 1 inizia

il suo ciclo. Leffetto iniziale di questa misura, che il timbro oscillante che risultava scordando e
mixando i segnali degli oscillatori
scompare.
Leffetto SYNC diventa davvero
interessante quando trasponete
lOscillator 2 verso lalto rispetto
allOscillator 1 con il potenziometro
SEMITONE. Ci che avviene che il
ciclo dellonda dellOscillator 2
viene interrotto non appena
lOscillator 1 inizia il suo ciclo.
Lintonazione del secondo oscillatore non ha pi leffetto che ci si
aspetta, genera invece timbri speciali, in certi casi per mancanza di
una descrizione migliore, degli
effetto urlanti.
Laltro effetto che deriva dalla
manipolazione dellintervallo tra
gli oscillatori la modulazione di
frequenza (FM). Essa genera nuovi
spettri sonori in cui il segnale del
primo oscillatore controlla la frequenza del secondo oscillatore in
modo simile a come i filtri possono
essere controllati dagli inviluppi. E
anche qui avete un potenziometro
che permette di controllare lintensit: FM AMOUNT. Di base, questo
effetto simile a un vibrato, ben-

ACCESS VIRUS OS4 39


La Sezione MIXER

ch si tratti di un vibrato estremamente veloce con una frequenza


allinterno dello spettro udibile.
Questo segnale non viene realmente percepito come un effetto
di vibrato. Invece, sentite una
modulazione del suono, in certi
casi, anche drastica. Scegliete
londa sinusoidale pura per lOscillator 2. Unita ad unonda sinusoidale, la frequency modulation
genera spettri sonori cristallini, in
certi casi scampanellanti.

Nel Virus potete combinare le due


funzioni chiamate oscillator synchronization (SYNC) e frequency modulation (FM AMOUNT), per generare un
nuovo spettro armonico. Attivate
SYNC e sperimentate con FM
AMOUNT. Provate anche impostazioni differenti di SEMITONE e
diverse forme donda dellOscillator.
Il Virus ha un terzo oscillatore principale che vi permette di creare
ulteriori oscillazioni e spettri
sonori. Potete accedere ai parametri di questo oscillatore, che sono
descritti in un capitolo successivo,
dal menu OSCILLATOR EDIT.

LA SEZIONE MIXER
Avete gi incontrato due parametri
della sezione MIXER: OSC BAL
determina il rapporto di miscelazione tra gli Oscillatori 1 e 2; nella
met sinistra del suo intervallo di
controllo, OSC VOL determina il
volume complessivo del mix degli
oscillatori. Nella met del suo
intervallo di controllo che va dalla
posizione centrale allestrema
destra, OSC VOL aumenta lintensit di saturation quando stata
attivata una curva SATURATION.
Ora daremo unocchiata pi ravvicinata allelemento di controllo
finale, il potenziometro SUB OSC:
controlla il volume del quarto oscillatore, il cosiddetto SubOscillatore, che funziona sempre
unottava sotto allOscillator 1.
Il SubOscillator viene mixato al
segnale del mix principale degli
Oscillatori 1 e 2 secondo quanto
determinato dal potenziometro.
OSC BAL. Il volume complessivo del
mix composito viene controllato
dal potenziometro OSC VOL. Lunico
altro parametro disponibile per il
SubOscillator accessibile dal

40 4
Introduzione

menu OSCILLATOR EDIT dove


potete selezionare una forma
donda triangolare o impulsiva
(SUB OSCILLATOR WAVE SQUARE/
TRIANGLE).

Unaltra sorgente di segnale


interna del Virus non ha controlli
visibili sul pannello: il Noise Generator (generatore di rumore). I
parametri dedicati sono il suo
volume e colorazione (NOISE
Volume e Color nel menu OSCILLATOR EDIT). Nella posizione centrale
di NOISE Color il Noise Generator

produce rumore bianco. Ricordate


che il livello del Noise Generator
non soggetto al volume generale
controllato dal potenziometro OSC
VOL. In altre parole, udibile anche
se OSC VOL impostato a zero.
Il ring modulator (modulatore ad
anello) del VIRUS una nuova sorgente sonora. Luscita dei due oscillatori viene moltiplicata per creare
suoni interessanti ricchi di sovratoni enarmonici. Questi sovratoni
dipendono molto dalla coerenza di
frequenza di entrambi gli oscillatori e dalle forme donda. La coerenza di frequenza pu essere
cambiata, per esempio col parametro SEMITONE dellOSC2. Per sentire anche il ring modulator usate
EDIT: RINGMODULATOR VOLUME
(nel Menu OSCILLATOR EDIT). Se il
RINGMODULATOR VOLUME a
zero, il ring modulator inattivo.
OSC VOL non influenza il livello del
ring modulator (o il volume del
rumore). Perci il livello del segnale
originale delloscillatore pu essere
regolato indipendentemente dal
ring modulator. Controllate cosa fa
il ring modulator quando selezionate unonda sinusoidale per Oscillator 1 e 2.

ACCESS VIRUS OS4 41


Gli LFO

Ora possiamo proseguire e risolvere i misteri del flusso del segnale


determinato dal modo operativo
SPLIT di FILTER ROUTING: qui
lOscillator 1 ed il SubOscillator
sono indirizzati al Filter-1, mentre
Oscillator 2 ed il Noise Generator
sono indirizzati al Filter-2. Bench
le sorgenti sonore vengano suddivise in due percorsi di segnale,
potete ancora controllare i livelli di
volume dei differenti elementi cos
come OSC VOL nel solito modo.

GLI LFO
Quando abbiamo iniziato questa
serie di esperimenti con i suoni,
abbiamo promesso che molte delle
funzioni del Virus possono essere
programmate cos da venire eseguite automaticamente. Avete gi
imparato come controllare il
volume e le frequenze di cutoff di
entrambi i filtri, cos come lintonazione e lintensit della modulazione di frequenza dellOscillator 2
tramite inviluppi preprogrammati. Queste possibilit sono
ottime, ma avete gi incontrato
numerose funzioni che sarebbe
utile poter programmare cos che
siano eseguite automaticamente.
E naturalmente gli inviluppi sono
sorgenti di modulazione perfette,
ma dovete suonare una nota ogni
volta che volete avviare un inviluppo. Durante i vostri esperimenti avrete probabilmente
incontrato una funzione o due che
vorreste controllare in modo periodico - indipendentemente dalle
note. Certe caratteristiche che vengono in mente sono tecniche tradizionali come il vibrato (oscillazione
periodica dellintonazione) e il tremolo (oscillazione periodica del

42 4
Introduzione

volume). Unaltra opzione che


potreste voler avere a disposizione il controllo casuale dei
parametri.
Col Virus, questi compiti vengono
svolti dagli LFO (low frequency
oscillator - oscillatori a bassa frequenza) che oscillano a frequenze
al di sotto dello spettro udibile. Un
LFO simile agli oscillatori gi
incontrati, ma oscilla molto pi
lento, cos che il suo segnale in
uscita non udibile dallorecchio
umano. Perci, a cosa servono se
non possiamo sentirli? Gli LFO
sono usati in modo molto simile
agli inviluppi, con la differenza
principale che si ripetono indefinitamente.

LFO 1
Partite dal solito suono di base o
scegliete un suono modificato di
vostro gusto. Trovate il potenziometro RATE nella sezione dellLFO 1
del pannello di controllo. Il potenziometro RATE ha un LED che
indica la velocit dellLFO e la sua
forma donda. Ruotate il potenziometro RATE e controllate come il
lampeggiare del LED indica il cam-

biamento di velocit mentre ruotate il potenziometro.

Per ora non siete in grado di sentire


leffetto dellLFO poich la sua
intensit di modulazione impostata a 0 nel programma sonoro.
Per cambiare questa impostazione,
dovete usare il tasto AMOUNT che
funziona insieme alla fila di cinque
LED verticali OSC 1, OSC 2, PW 1+2,
RESO 1+2 ed ASSIGN: premete il
tasto AMOUNT ripetutamente e
osservate come i LED lampeggiano
in successione (i LED OSC 1 e OSC 2
lampeggiano separatamente ed
anche allunisono). Le destinazioni
di modulazione corrispondenti
appaiono nel display, assieme ai

ACCESS VIRUS OS4 43


Gli LFO

valori dellintensit di modulazione determinati dal potenziometro VALUE e dai tasti VALUE.
(Potete scorrere tra le destinazioni
di modulazione tramite il tasto
PARAMETER dopo aver premuto
una volta il tasto AMOUNT.) Dopo
aver immesso un valore diverso da
0 per una destinazione di modulazione, il LED corrispondente si illumina in modo continuo. Ci vi
indica immediatamente che in
corso una modulazione anche
quando il display indica altri tipi di
operazioni.

Ecco le definizioni delle destinazioni di modulazione


(modulation target):
OSC-1 si riferisce alla frequenza
delloscillatore 1
OSC-2 si riferisce alla frequenza
delloscillatore 2
PW 1+2 significa che lampiezza
dellimpulso di entrambi gli oscillatori viene controllata allunisono

RESO 1+2 si riferisce alla risonanza di entrambi i filtri. Ricordate


che bench ad ogni gruppo di questi parametri sia assegnata
unintensit di modulazione
comune, potete comunque immettere manualmente impostazioni
differenti che modificano il suono.
In altre parole, il risultato udibile di
una modulazione comune varia a
seconda dei valori determinati per
gli altri parametri.
ASSIGN Qui potete selezionare
liberamente qualsiasi destinazione
di modulazione.
Modulate i cinque parametri separatamente e in combinazione con
intensit differenti. Provate a
immaginare il suono che otterrete
quando modulate il primo oscillatore, il secondo oscillatore o
entrambi contemporaneamente, e
vedete se il risultato corrisponde
alle aspettative. Se potete predire
in modo abbastanza affidabile il
risultato delle modifiche del
suono, avete compreso chiaramente le informazioni spiegate
sino ad ora, e potete usare le vostre
conoscenze per creare i suoni specifici che avete in mente.

44 4
Introduzione

Durante il corso degli esperimenti,


perfettamente possibile che
abbiate generato modulazioni che
non hanno alcun effetto sul suono,
per esempio se modulate la frequenza dellOscillator 2 bench sia
escluso dal mix degli oscillatori.
Quando incorrete in questo tipo di
problema, controllate il percorso
del segnale, se una configurazione
in conflitto con le altre, e memorizzate la situazione, il problema e
la soluzione. Se questa diventa
unabitudine, non sarete colti dal
panico quando vi trovate in situazioni simili; restate freddi, analizzate il suono inaspettato e
correggete il mix.
Ora state usando una forma donda
triangolare per lLFO. Non dovreste
avere problemi ad associare le fluttuazioni periodiche verso lalto e
verso il basso del parametro di
destinazione con questa forma
donda. Ora attivate le altre forme
donda disponibili per lLFO 1 e provate a immaginare la rispettiva
forma donda e ad associarla ai
risultati della modulazione.
La terza forma donda una dente
di sega discendente. Potete convertirla in una dente di sega ascen-

dente semplicemente immettendo


le intensit di modulazione negative richieste (AMOUNT).
Nellimpostazione WAVE, avete
accesso a 64 forme donda per
lLFO. Selezionatele nel display con
i tasti VALUE:
S&H (Sample and Hold) una
modulazione casuale a gradini.
Qui vengono generati valori di
modulazione casuali. Il valore
viene mantenuto sino al beat successivo, poi salta bruscamente ad
un nuovo valore casuale.
S&G (Sample and Glide) una
modulazione casuale continua.
Qui valori casuali si alternano
senza soluzione di continuit, alla
velocit determinata dalla modulazione casuale del valore RATE.
Le seguenti 62 forme donda sono
identiche alle onde digitali della
sezione delloscillatore. Queste
possono essere usate per creare
interessanti effetti ritmici.
Continuate i vostri esperimenti con
differenti forme donda dellLFO.
Sappiate che dopo un breve intervallo di tempo non percepite pi
chiaramente le intensit di modu-

ACCESS VIRUS OS4 45


Gli LFO

lazione minime - a seconda della


forma donda e dalla destinazione
della modulazione (per es. S&G a
+1 per OSC 1 o 2). Queste per animano il suono, donandogli una
certa vitalit. La chiave di molti
grandi suoni sta in questi tipi di
modulazioni minime.
Potreste esservi accorti che gli LFO
del Virus sono polifonici:
se vengono eseguite pi note
simultaneamente, queste sono
controllate da LFO dedicati,
ognuno con una velocit leggermente variata. Questo effetto da
vita al suono degli accordi, specialmente quando vengono mantenuti in risonanza. Per aumentare
questo effetto, attivate LFO 1 KEY
FOLLOW nel Menu LFO-EDIT.
Questa funzione vi permette di
controllare la velocit degli LFO
tramite lintonazione, o per essere
pi precisi, tramite i note number
MIDI, cos che le note pi acute
generino velocit maggiori
dellLFO. Di conseguenza, quando
premete e tenete pi note, sentirete tutti i tipi di fluttuazioni periodiche sostanzialmente differenti.

In fine, gli LFO possono essere usati


come inviluppi aggiuntivi. Il controllo di questo effetto il tasto
ENV MODE. Quando premete questo tasto, avvengono due cose: per
prima cosa, lLFO non inizia pi i
suoi cicli periodicamente, ma solo
una volta, e in sincrono con linizio
di una nota, poi, lintervallo di controllo attivo dellLFO passa da bipolare (in entrambe le direzioni dalla
posizione zero) a unipolare (da zero
in una sola direzione). Sappiate che
ci si applica alla destinazione di
modulazione ma non allintensit
di modulazione. Per essa potete
ancora determinare un valore
nellintero intervallo bipolare.
Questo effetto particolarmente
evidente se usato insieme ad un
onda a dente di sega, che rende
possibili effetti di dissolvenza
(quando immettete un valore di
AMOUNT positivo) o un effetto di
oscillazione del volume (AMOUNT
negativo) per le destinazioni di
modulazione disponibili. Usando il
parametro LFO Curve posto nel
menu LFO EDIT, potete far si che la
rampa salga o scenda esponenzialmente. Se scegliete un triangolo come forma donda, il
dispositivo genera una fase ascen-

46 4
Introduzione

dente (attack - attacco) e una fase


discendente (decay - decadimento). LFO Curve vi permette
anche di determinare la relazione
temporale tra attack e decay; in
altre parole, le loro rispettive velocit. Immettete la velocit desiderata tramite il potenziometro RATE.
Potete anche usare S&H e S&G in
ENV MODE per raggiungere risultati ancor pi interessanti: S&H
genera un singolo valore casuale
allinizio di una nota (in questo
caso, il potenziometro RATE non ha
effetto); S&G funziona nello stesso
modo, ma in questo il valore RATE
cruciale: determina il tempo necessario per passare in modo lineare
dal valore casuale precedente a
quello successivo.

LFO 2
Il design del secondo LFO essenzialmente lo stesso del primo, per
cui vi risparmiamo la ripetizione
dei dettagli. SHAPE 1 e 2 sono
disponibili come destinazione di
modulazione riunite; le frequenze
del filtro e la posizione nel Panorama possono essere manipolate
individualmente. Potete anche
selezionare liberamente un parametro per la vostra destinazione di
modulazione.

ACCESS VIRUS OS4 47


LFO 2

Volume e Posizione nel


Panorama Stereofonico

menti di volume quando avete a


che fare con suoni molto filtrati.

Avrete probabilmente notato che


molte delle opzioni disponibili per
la modifica del suono nel Virus
influenzando occasionalmente il
livello di volume. Per esempio, una
dente di sega non filtrata suona
naturalmente pi forte di una
dente di sega molto filtrata perch
ogni qual volta escludete dal mix
una parte dello spettro di frequenze, state automaticamente
riducendo il volume complessivo
del segnale. Ecco perch il Virus
dotato di un potenziometro del
volume programmabile per ogni
SINGLE PROGRAM. Esso vi permette di bilanciare i livelli di
volume dei programmi sonori.

Avete gi visto la posizione nel


Panorama come destinazione di
modulazione dellLFO 2. Qui potete
non solo modularla, ma anche
determinare le impostazioni
manualmente. A questo scopo,
usate il parametro PANORAMA che
si trova anche nella sezione
OUTPUT del menu EDIT. Come
molti altri parametri, Panorama
un punto iniziale per le modulazioni. Per esempio potete modulare la posizione nel Panorama
tramite lLFO 2 anche se avete gi
impostato il Panorama tutto a sinistra. In questo caso, naturalmente,
potrete solo sentire la posizione
nel Panorama spostarsi verso
destra.

Trovate il parametro PATCH


VOLUME nella sezione COMMON
del menu EDIT.
01111111111111111112

1 COMMON
PatchVolume 100
61111111111111111154

Il suo valore impostato a 100 cos


da lasciare a disposizione una
riserva o headroom di 27 incre-

48 4
Introduzione

VELOCITY

RESONANCE 2

La Velocity (dinamica) una delle


sorgenti di modulazione preferite
dei tastieristi: un tocco leggero del
tasto genera un valore di velocity
basso per quella nota, mentre un
tocco pesante genera un valore di
velocity elevato. Col Virus avete
dieci destinazioni di modulazione
disponibili per la Velocity. Individuate la sezione VELOCITY nel
menu EDIT.

PANORAMA

VOLUME

01111111111111111112

1 VELOCITY
Osc1Shape

+0

61111111111111111154

Qui troverete le intensit di modulazione per:


OSC 1 SHAPE
OSC 2 SHAPE
PULSE WIDTH
FM AMOUNT
FILT 1 ENV AMT
FILT 2 ENV AMT
RESONANCE 1

che potete manipolare indipendentemente tra loro nel gi noto


intervallo di controllo bipolare.
Un tocco leggero del tasto genera
un valore di velocity basso per
quella nota, mentre un tocco
pesante genera un valore di velocity elevato.

ACCESS VIRUS OS4 49


Unison Mode

UNISON MODE
Quando abbiamo parlato degli
oscillatori, abbiamo detto che scordando leggermente i segnali,
potete rendere pi corposi i suoni
ed ottenere suoni di archi. Il Virus
dotato di caratteristiche che permettendo di portare questo tipo di
manipolazione timbrica un passo
pi avanti. Uno di questi il cosiddetto UNISON MODE. Permette di
avviare due o pi voci per ogni
nota eseguita, che a sua volta consente di scordare molti oscillatori.
UNISON MODE offre anche
lopzione di diffondere le voci
generate da una nota nel panorama stereo e di spostare le fasi dei
loro LFO, cos che tutti i tipi di
effetti periodici possano essere
usati per produrre un segnale
ancor pi interessante.
Trovate il gruppo di parametri
UNISON nel menu EDIT.
01111111111111111112

1 UNISON
Mode

Twin

61111111111111111154

UNISON Mode determina quante


voci del Virus vengono usate per
riprodurre una nota eseguita. In
poche parole, determina quanto
sar grosso il suono. Potete usare
il parametro UNISON Detune per
determinare in che grado sono
scordate tra loro le voci attive. UNISON PanSpread le distribuisce uniformemente nel panorama stereo,
un processo tramite il quale potete
anche determinare lampiezza
della base stereo di un suono.
Quando attivate UNISON Mode
per un suono, potete comunque
suonare polifonicamente. Per, a
seconda del numero di voci che
avete impostato, la polifonia sar
considerevolmente ridotta in UNISON mode. Limpostazione standard e pi efficiente UNISON
mode = Twin, dove vengono suonate due voci per ogni nota. Nella
posizione OFF, suona una voce
per nota.

50 4
Introduzione

LEFFETTO CHORUS/
FLANGER
Unaltra funzione che offre ottimi
effetti basati sulle fluttuazioni di
intonazione leffetto chorus. Il chorus consiste in realt di un breve
ritardo (generalmente sino a circa 50
ms) che viene fatto variare periodicamente. Modulando il ritardo (delay),
il segnale ritardato viene leggermente scordato rispetto al segnale in
ingresso (il cosiddetto effetto Doppler). Questa inconsistenza di intonazione tra il segnale originale e quello
delleffetto la fonte delleffetto chorus. Il feedback nella linea di delay
aumenta questo effetto. Il lato sinistro del segnale viene modulato
automaticamente in modo diverso
dal lato destro, per cui leffetto chorus perfetto per convertire segnali
mono in segnali stereo.
Se il ritardo inferiore a circa 10 millisecondi, leffetto chiamato flanging o effetto flanger invece che
chorus. In questo caso il feedback
ancor pi importante poich genera
risonanze che possono essere
modulate ed perci unaltra sorgente di effetti sonori radicali. Se
determinate valori elevati di feed-

back, potete sentire chiaramente


come i due lati del segnale vengono
modulati in modo differente - con
fasi inverse - dallLFO.
Trovate il gruppo di parametri
CHORUS nel menu EFFECTS.
01111111111111111112

1 CHORUS
Dir/Eff

OFF

61111111111111111154

CHORUS DIR/EFF determina il


bilanciamento tra il segnale originale ed il segnale processato. I
parametri RATE e SHAPE controllano un altro LFO che stato installato specificamente come LFO del
chorus. DELAY viene usato per,
DEPTH determina lintensit di
modulazione, e FEEDBACK controlla il livello di feedback. Per
generare un effetto flanger, lintervallo di controllo negativo del parametro FEEDBACK vi permette di
immettere caratteristiche pi morbide per il flanger. Ricordate che la
sezione del Chorus nel Virus completamente stereofonica: le posizioni stereo, le modulazioni del
panorama e i valori di diffusione
stereo immessi altrove restano
intatti nel segnale degli effetti.

ACCESS VIRUS OS4 51


LEffetto Delay

ferenti attraversano lo stesso


effetto di delay.

LEFFETTO DELAY
Leffetto di delay (ritardo) viene
usato tradizionalmente per generare un eco del segnale in ingresso.
Trovate il gruppo di parametri
DELAY nel menu EDIT.
01111111111111111112

1 DELAY
EffectSend

61111111111111111154

Qui trovate dei parametri che sono


virtualmente identici a quelli del
gruppo CHORUS. Non fatevi confondere dalla terminologia leggermente differente: il tempo di
ritardo viene impostato col parametro chiamato TIME (equivalente
a DELAY nella sezione del CHORUS); le altre caratteristiche sono
FEEDBACK con un LFO dedicato i
gi noti parametri RATE, DEPTH e
SHAPE.
Solo due funzioni nella sezione
Delay sono differenti dalla sezione
del Chorus: la prima che il Delay
ha un parametro EFFECT SEND al
posto del parametro di bilanciamento DIR/EFF. EFFECT SEND particolarmente significativo in MULTI
MODE, dove pi PART con livelli dif-

LENGTH, invece, vi permette di creare tempi di ritardo sostanzialmente pi lunghi, per esempio per
ottenere echi completi (per un
massimo di 693 ms) che siano interamente udibili. LLFO permette di
modulare il delay come fareste col
chorus per ottenere effetti di scordatura simili. Un effetto stereo si
ottiene tramite modulazioni differenti dei lati sinistro e destro del
segnale.

52 4
Introduzione

CI CHE SEGUE
Siamo arrivati alla fine di queste
istruzioni dettagliate per i novizi.
Speriamo di essere stati in grado di
aiutarvi a familiarizzare un po di
pi col vostro nuovo sintetizzatore,
e di avervi fatto guadagnare una
maggiore confidenza nella sua
gestione. Come gi affermato,
questa solo unintroduzione, e
non copre tutte le funzioni e caratteristiche del Virus, ma solo le componenti di base, e come queste
influenzano il suono del Virus. Ora
dovreste essere in grado di poter
gestire le descrizioni approfondite
del Virus che troverete nella
sezione successiva.

Teorie di Base e Funzionamento

54 5
Teorie di Base e Funzionamento

I MODI OPERATIVI
Nel Virus potete selezionare tra
due modi operativi di base, SINGLE
MODE e MULTI MODE.
In SINGLE MODE, il Virus in grado
di generare un singolo programma sonoro. Tutte e 24 le voci,
tutti gli effetti e, ancor pi importante, tutte le caratteristiche di
controllo (ad eccezione del tasto
MULTI) sono dedicati a questo singolo programma sonoro. Possiamo dire che un programma
SINGLE una combinazione di
tutte le funzioni ed effetti che
determinano il suono del Virus. In
altre parole: un programma SINGLE un suono del Virus, che pu
essere memorizzato e richiamato.
Il Virus dispone di 512 suoni SINGLE. Oltre ai 256 suoni in RAM
(divisi in Bank A e Bank B), avete
due banchi con un totale di 256
suoni impostati in fabbrica. Questi
banchi, C e D, sono memorizzati
nella FLASH ROM e non possono
essere sovrascritti tramite STORE.

Il canale di ricezione MIDI in SINGLE MODE e detto Global Channel.


Potete cambiare il Global Channel
nel menu CTRL.
In MULTI MODE, il Virus pu combinare sino a 16 programmi sonori
(SINGLE), a cui vengono allocate
dinamicamente le 24 voci disponibili. Tutti i suoni disponibili simultaneamente possono essere
manipolati in tempo reale; a questo scopo il pannello di controllo vi
permette di selezionare tra le 16
cosiddette PART (parti).
In MULTI MODE, ai normali parametri dei suoni se ne aggiungono
altri, relativi al modo in cui i programmi SINGLE coinvolti sono
strutturati o organizzati. Tra questi
vi sono i livelli di volume dei singoli
programmi, i loro canali MIDI, le
assegnazioni di uscita, etc.
Nel Virus, la differenza operativa
tra il modo SINGLE e il modo MULTI
fondamentale. Questa distinzione si riflette nei contenuti dei
menu: se il LED sul tasto SINGLE
acceso, i menu CTRL ed EDIT vi
danno accesso ai parametri del
suono del programma SINGLE corrente. Se acceso il LED sul tasto

ACCESS VIRUS OS4 55


Il Modo Multi-Single

MULTI, i menu CTRL ed EDIT contengono i parametri amministrativi appropriati al programma


MULTI corrente. Per esempio, avete
lopzione di selezionare il programma SINGLE per ognuna delle
16 MULTI PART.

IL MODO
MULTI-SINGLE
In modo MULTI, i menu EDIT ed
CTRL sono dedicati allamministrazione delle 16 PART. Di conseguenza, qui non potete accedere
direttamente ai parametri dei programmi SINGLE. Inoltre, qui non
potete cambiare direttamente i
programmi SINGLE, il che (lo
ammettiamo) sarebbe unopzione
utile quando lavorate con un
sequencer. Questo il motivo per
cui il Virus dotato di un modo
MULTI SINGLE, che, a voler ben
vedere, rappresenta pi unaltra
versione del modo MULTI piuttosto
che un modo operativo indipendente.
Attivate il modo MULTI SINGLE premendo simultaneamente i tasti
MULTI e SINGLE. Il nome del programma MULTI selezionato scompare e vedete al suo posto il nome
del programma SINGLE della PART
selezionata. Ora potete scorrere tra
le 16 PART usando i tasti PART e
selezionare un programma SINGLE
per ogni canale. Potete agire sulla
PART correntemente selezionata
per modificarne il suono, usando le

56 5
Teorie di Base e Funzionamento

caratteristiche di controllo. I menu


CTRL ed EDIT danno accesso ai normali parametri SINGLE. In questo
modo operativo, potrete vedere
che il menu CTRL stato espanso
per includere certi parametri organizzativi, per esempio, il livello di
volume, il pan (posizione stereo) e
le assegnazioni di uscita della
PART. Potete sempre vedere il
numero della PART selezionata
nella zona superiore sinistra del
display. I tasti PART non cambiano i
suoni, semplicemente impostano
linterfaccia utente del Virus sulla
PART desiderata. Indipendentemente dalle impostazioni presenti, tutte le PART possono essere
controllate simultaneamente via
MIDI. Di conseguenza, il modo
MULTI SINGLE, che rende molto pi
semplice la gestione, la scelta
ideale lavorando con un sequencer.
Ricordate che il modo MULTI SINGLE solo unaltra versione del
normale modo MULTI. Il modo
MULTI SINGLE non dispone di un
suo proprio tipo di dati per salvare i
suoni, lavora sempre sul programma MULTI correntemente
selezionato nel normale modo
MULTI. Tutti i normali parametri
del modo MULTI (zone di tastiera,

etc.) restano intatti ed attivi anche


se non potete visualizzarli o modificarli nel modo MULTI SINGLE.
Potete riportare il dispositivo al
normale modo MULTI in qualsiasi
momento premendo il tasto
MULTI. Per tornare al modo MULTI
SINGLE, basta di nuovo premere
simultaneamente i tasti MULTI e
SINGLE.
Lavorando con un sequencer, partite con un programma MULTI che
abbia impostazioni neutrali per i
suoi parametri amministrativi,
per esempio, il programma MULTI
M0 Sequencer. Qui i numeri delle
PART sono identici ai canali MIDI
delle PART. Ora quando lavorate in
modo MULTI SINGLE, il Virus
risponde come se fosse in modo
SINGLE, ad eccezione del fatto che
avete a disposizione 16 suoni
simultaneamente sui 16 canali
MIDI. Usate i tasti PART per selezionare questi suoni.
necessario solo uscire dal modo
MULTI SINGLE quando volete salvare il programma MULTI, per
esempio, per memorizzare limpostazione corrente globale di delay/

ACCESS VIRUS OS4 57


Gli Edit Buffer

riverbero. In modo MULTI, queste


impostazioni non vengono memorizzate assieme ai suoni SINGLE.
Inoltre, potete attivare un altro
programma MULTI completo solo
dal modo MULTI.

GLI EDIT BUFFER


Quando suonate o modificate un
programma SINGLE, i suoi dati vengono posti in un edit buffer. Questa una locazione di memoria
individuale per i programmi SINGLE che non ha nulla a che fare con
le memorie nei banchi dei suoni.
Quando attivate un nuovo SINGLE,
i suoi dati vengono copiati nelledit
buffer. Potete modificarli come
preferite mentre loriginale resta
intatto nel banco. Premendo STORE
(i dettagli fra breve), il contenuto
delledit buffer viene copiato nella
locazione originale nel banco (o, se
volete, in un altra memoria).
In modo MULTI, avete a disposizione un edit buffer MULTI e 16 edit
buffer SINGLE per le PART. Quando
attivate un altro programma
MULTI, i suoi dati vengono copiati
dal banco MULTI alledit buffer
MULTI. Il programma MULTI a sua
volta contiene informazioni sugli
indirizzi dei SINGLE utilizzati, in
altre parole, i numeri di banco e di
programma. Questi indirizzi vengono copiati dai banchi SINGLE nei
16 edit buffer SINGLE delle PART.

58 5
Teorie di Base e Funzionamento

Quando salvate un programma


MULTI, vengono memorizzati solo
gli indirizzi delle locazioni originali
dei programmi SINGLE, e non i dati
dei suoni dei 16 edit buffer SINGLE.
Questi vanno salvati separatamente nei banchi dei programmi
SINGLE.
Questi tipi di edit buffer vengono
usati nella maggior parte del sintetizzatori; i loro vantaggi sono molteplici:

 Permettono di modificare copie


dei suoni senza sacrificare i suoni
originali.

 Gli edit buffer possono essere


salvati in un sequencer e trasmessi
da questo al Virus indipendentemente dal suoni memorizzati nel
dispositivo (vedi DUMP: i Suoni
della Song a pagina 222).

 In modo MULTI (o in modo


MULTI-SINGLE) lo stesso programma SINGLE pu essere richiamato e modificato per pi parti
differenti. In questo caso, tutti gli
EDIT buffer coinvolti contengono
variazioni dello stesso suono originale.

Gestione

60 6
Gestione

SELEZIONE DEI PARAMETRI ED IMMISSIONE


DEI DATI
Nel Virus, distinguiamo tra due tipi
di parametri. Da una parte, vi sono
parametri essenziali alla generazione o sintesi del suono, dallaltra
vi sono parametri dei suoni e parametri organizzativi che sono di
natura pi periferica. Questa
distinzione evidente operando
col Virus: tutti i parametri essenziali dei suoni hanno una manopola o tasto dedicato, cos da
potervi accedere direttamente,
specialmente mentre suonate!
Solo in pochi casi (dove appropriato o dove facilita una migliore
gestione), i controlli hanno due
funzioni.

I parametri secondari, invece, sono


raccolti nei menu. I menu principali
sono EDIT, CTRL (abbreviazione di
Control) ed EFFECTS, cos come i

quattro menu EDIT locali nei singoli blocchi funzionali. I menu EDIT
contengono parametri che vengono usati meno frequentemente,
ma alcuni di essi sono cionondimeno indispensabili alla programmazione dei suoni. I menu EDIT
locali hanno lo scopo di aiutarvi a
distinguere chiaramente tra i vari
parametri. Qui troverete parametri che influenzano direttamente la
relativa sezione funzionale, ma
non sono dotati di controlli dedicati.
Indipendentemente dal modo operativo in cui vi trovate, il menu EDIT
contiene i parametri del suono del
programma SINGLE selezionato (in
modo SINGLE e in modo MULTI
SINGLE) o parametri organizzativi
del modo MULTI. Nei modi SINGLE
e MULTI SINGLE, il menu CTRL contiene ulteriori parametri SINGLE,
come larpeggiatore, etc.
Nel menu CTRL, trovate anche,
indipendentemente dal modo operativo, numerosi parametri globali.
Questi vengono chiamati MIDI,
SYSTEM e cos via, e non vengono
memorizzati con i programmi SINGLE o MULTI.

ACCESS VIRUS OS4 61


Selezione dei Parametri ed Immissione dei dati

Posti vicino a questi parametri,


vedete le abbreviazioni ENA e
DIS. ENA significa abilitato
(attivo) e DIS significa disabilitato
(inattivo).
Potete richiamare i menu semplicemente premendo il tasto corrispondente. Dopo aver aperto il
menu e dopo che questo apparso
nel display, potete scorrerne i parametri uno dopo laltro usando i
tasti PARAMETER, e modificarli
usando i tasti e le manopole
VALUE.
Se premete brevemente i tasti
PARAMETER, potete scorrere uno
ad uno i parametri contenuti in
ogni dato menu nella direzione
desiderata. Se tenete premuto un
po pi a lungo i tasti dei parametri, il display scorre automaticamente la lista dei parametri in ogni
dato menu. Se tenete premuto un
tasto PARAMETER e poi premete
laltra tasto PARAMETER, il display
fa scorrere i menu in gruppi di
parametri nella direzione del tasto
che state tenendo premuto. Questa utile caratteristica vi permette
di passare facilmente da un tipo di
parametri ad un altro, per esempio,
da tutti quelli relativi al chorus a

tutti quelli relativi al delay. Se


tenete premuto anche il secondo
tasto del parametro, i menu scorrono automaticamente nella direzione selezionata. Quando arrivate
al gruppo di parametri desiderato,
selezionate semplicemente il parametro desiderato premendo brevemente il tasto. Potete anche
avanzare tra i parametri premendo
ripetutamente lo stesso tasto
menu.

I menu, particolarmente il menu


EFFECTS, contengono gruppi di
parametri in relazione per lo loro
funzione, per esempio, tutti i parametri che sono usati per control-

62 6
Gestione

lare il phaser. Quando disattivate il


phaser (PHASER Dry/Eff = OFF),
tutti i parametri del Phaser divengono naturalmente irrilevanti, e
non appaiono pi nel menu. In
altre parole, quando il phaser
disattivato, non potete visualizzarne i parametri. Questo per rendere i menu pi chiari e meno
affollati.
I tasti VALUE +/- vi permettono di
cambiare il valore di un parametro
passo a passo. Quando tenete premuto uno di questi tasti, il valore
cambia automaticamente, e sino a
quando il tasto resta premuto, il
valore cambia pi velocemente.
Potete aumentare ulteriormente la
velocit tenendo premuto un tasto
VALUE e premendo simultaneamente laltro. Se premete e rilasciate simultaneamente i tasti
VALUE, il parametro viene impostato al suo valore di default (il pi
delle volte zero). Questo avviene
per i parametri unipolari (il cui
valore va da 0 a 127) e per quelli
bipolari (valore da -64 a +63).
Potete anche usare la manopola
VALUE per cambiare il valore del
parametro selezionato. La mano-

pola VALUE risponde alle impostazioni KNOB MODE come descritto


nel paragrafo sotto.
Licona triangolare posta vicino al
valore del parametro indica in
quale direzione dovete cambiare il
valore per riportare il parametro al
valore memorizzato sino a quel
momento. Per i parametri che
hanno una manopola dedicata,
vengono visualizzati il valore del
parametro memorizzato precedentemente ed il valore corrente.

ACCESS VIRUS OS4 63


Knob Mode

KNOB MODE
Per tutte le manopole ad eccezione
di MASTER VOLUME, potete selezionare tra quattro modi operativi
nel menu CTRL. Questi sono rappresentati della voce KNOB MODE
del menu:

 OFF Le manopole sono inattive.


 JUMP In modo Jump, il parametro salta direttamente ed in modo
assoluto al valore determinato
dalla posizione corrente della
manopola.

 SNAP Quando regolate una


manopola in modo Snap, limpostazione originale determina il
valore sino al momento in cui il
movimento della manopola non
oltrepassa la sua posizione. In altre
parole, il parametro non salta al
valore come avviene in modo
JUMP. Per, tenete a mente che le
vostre regolazioni non hanno
effetto sul parametro sino a
quando la manopola non ha
agganciato la posizione equivalente al valore originale. In modo
SNAP, un simbolo appare alla
destra del numero. Indica in quale
direzione dovete ruotare la manopola VALUE per superare il valore
corrente del parametro.

 RELATIVE Quando regolate una


manopola in modo RELATIVE, il
parametro viene influenzato
immediatamente, ma non in modo
assoluto. In altre parole, il valore
cambia dal valore originale al
valore che riflette in modo preciso
la quantit di regolazione eseguita da un dato controllo. Generalmente, questo modo operativo
vi permette di regolare un parametro immediatamente, senza sbalzi
radicali. Per, lo svantaggio che in
una condizione sfavorevole - nel

64 6
Gestione

peggiore dei casi se il valore del


parametro gi al massimo e la
manopola invece al minimo - non
avete a disposizione lintero intervallo di controllo della manopola.
Per modificare la situazione,
dovete ruotare la manopola nella
direzione opposta per regolare la
posizione della manopola fisica
cos che sia equivalente al valore
attuale del parametro. In modo
RELATIVE, il triangolo a destra del
numero indica se la manopola
VALUE coincide col valore del parametro () o no ().
01111111111111111112

1 SYSTEM
KnobMode

Jump

61111111111111111154

VISUALIZZAZIONE DEI
VALORI
Quando attivo un menu, sono
disponibili opzioni di visualizzazione differenti per i parametri che
hanno una manopola dedicata.
Queste possono essere selezionate alla voce del menu KNOB
DISPLAY nel menu CTRL:

 OFF I movimenti delle manopole non vengono visualizzati; i


contenuti correnti del display
restano intatti quando ruotate una
manopola.

 ON La riga inferiore del display


viene sovrascritta dal valore del
parametro.

 SHORT Quando ruotate una


manopola, i contenuti correnti
della riga inferiore del display vengono sovrascritti dai dati che rappresentano il cambiamento nel
valore del parametro; una volta
completata lazione, i contenuti
originali riappaiono nella riga inferiore del display.

ACCESS VIRUS OS4 65


Visualizzazione dei Valori

 LONG Uguale a SHORT, ad eccezione del fatto - avete indovinato che il display mostra i dati della
manopola per un periodo di tempo
pi lungo.

 ON I contenuti del display vengono sovrascritti quando ruotate


una manopola; il menu originale
non riappare nel display.
01111111111111111112

1 SYSTEM
KnobDispl Short
61111111111111111154

66 6
Gestione

Tutto sulla memoria

68 7
Tutto sulla memoria

STORE
La struttura dei modi operativi SINGLE, MULTI e MULTI SINGLE viene
riflessa dalla funzioni STORE: in
SINGLE MODE, STORE salva il SINGLE PROGRAM corrente; in MULTI
MODE, STORE salva il MULTI PROGRAM corrente; e in MULTI SINGLE
MODE, salva il SINGLE PROGRAM
della PART.
Il processo STORE uguale in tutti i
modi operativi: premete il tasto
STORE. Avete cos accesso al menu
STORE. L potete usare i tasti PARAMETER per muovervi tra le singole
lettere nella riga inferiore di
immissione del nome ed il numero
della locazione di memoria di
destinazione, cos come al numero
del banco nella riga superiore.
Usate il tasto VALUE per effettuare
le impostazioni. Il campo nella riga
superiore del display indica il nome
della locazione di memoria che
sovrascrivete quando salvate il
programma.
Una volta che tutti i dati corrispondono a quanto avete in mente, premete di nuovo STORE per
concludere il processo e tornare al

modo operativo precedente del


Virus. Se per qualsiasi ragione
cambiate idea e volete cancellare
loperazione, basta premere SINGLE o MULTI per tornare al modo
operativo precedente senza salvare
il programma.

 Vogliamo sottolineare che


quando salvate un programma
MULTI, vengono salvati solo i contenuti delledit buffer MULTI, non per
i programmi sonori nelle PART. Questi devono essere salvati individualmente in modo MULTI SINGLE.

ACCESS VIRUS OS4 69


Compare

Per salvare i programmi SINGLE


delle PART tutti insieme nelle loro
locazioni originali allinterno dei
banchi SINGLE, basta premere
STORE e 1 C126 - Init
01111111111111111112

1 C126 - Init
[STORE] TO...
61111111111111111154

modificato e, contemporaneamente, di ascoltare il suono che


state per sovrascrivere. Il suono
modificato non viene alterato o
sovrascritto durante questo processo. Premete STORE per memorizzare il suono modificato.
Premete MULTI o SINGLE per uscire
dal processo STORE e/o dal modo
Compare.
01111111111111111112

COMPARE
Quando premete STORE e poi EDIT
o CTRL, attivate il modo Compare
(di comparazione). Dopo aver programmato o modificato un suono
SINGLE, il modo Compare vi permette di ascoltare il suono originale non modificato che si trova in
memoria. Premete EDIT o CTRL
ripetutamente per alternare il
suono Compare e quello modificato, cos da poter - sorpresa, sorpresa comparare i due suoni.
Usate i tasti PARAMETER/BANK e i
tasti VALUE per scorrere tra i
numeri di banco e di programma
del suono Compare. Ci vi permette di cercare una nuova locazione di memoria per il suono

1 C126 -Init compare


61111111111111111154

70 7
Tutto sulla memoria

Matrice di Modulazione e Manopole Definibili

72 8
Matrice di Modulazione e Manopole Definibili

CREARE CONFIGURAZIONI DI MODULAZIONE TRAMITE


ASSIGN
In generale, naturalmente desiderabile poter creare configurazioni di indirizzamento della
modulazione su un sintetizzatore.
In altre parole, vorrete avere la
libert di combinare differenti sorgenti e destinazioni di modulazione come preferite. In certi casi,
potreste avere idee per modulazioni standard che le configurazioni di indirizzamento della
modulazione preimpostate in fabbrica non possono soddisfare. Questa la ragione per cui abbiamo
equipaggiato il Virus con una versatile matrice di modulazione
(Modulation Matrix) siamo certi
la troverete unutile aggiunta. Sul
Virus, potete creare liberamente le
configurazioni di indirizzamento
della modulazione che vi servono
usando le opzioni ASSIGN. Si trovano nel menu EDIT, dove appaiono sotto il nome avete
indovinato di nuovo di ASSIGN.

Le tre opzioni ASSIGN vi permettono di controllare sino a sei destinazioni di modulazione tramite un
massimo di tre sorgenti di modulazione. Andate semplicemente in
ASSIGN, selezionate una delle sorgenti di modulazione (SOURCE) e
una o pi destinazioni di modulazione (DESTINATION). Ognuna di
queste configurazioni ha un parametro che determina lintensit
della modulazione (AMOUNT).
ASSIGN 1 pu controllare una destinazione di modulazione, ASSIGN 2
pu controllarne due e ASSIGN 3
pu controllare tre destinazioni di
modulazione, ognuna con
AMOUNT indipendenti.
Queste opzioni ASSIGN hanno
diversi scopi: per primo, permettono di assegnare un controller
MIDI esterno, per esempio, la
modulation wheel di una tastiera,
al parametro desiderato. Potete
anche scegliere di usare i modulatori interni del generatore sonoro,
come LFO ed inviluppi, come sorgenti di modulazione. Lintervallo
di controllo della sorgente pu
essere limitato tramite i valori
AMOUNT o invertito cos che la
modulazione avvenga solo
allinterno dellintervallo di valori

ACCESS VIRUS OS4 73


Creare Configurazioni di Modulazione Tramite Assign

desiderato per il parametro di


destinazione. Per i parametri di
destinazione, potete scegliere virtualmente qualsiasi parametro del
suono che abbia un intervallo di
controllo variabile in modo continuo perci, avete oltre 100 destinazioni di modulazione a vostra
disposizione! Poich sorgenti e
destinazioni possono essere selezionate indipendentemente,
potreste anche modulare un singolo parametro usando sino a tre
sorgenti di modulazione simultaneamente. A questo scopo, i
segnali di controllo delle sorgenti
di modulazione vengono assommati o sovrapposti. Sullaltro versante, potete anche modulare sino
a sei parametri con un solo controller, il che vi offre tutti i tipi di sofisticate opzioni di morphing del
suono. Per far questo, selezionate
la stessa sorgente per tutte e tre le
opzioni ASSIGN cos che moduli
tutte e sei le destinazioni possibili.
Questo vi permette di cambiar
forma al suono in modo radicale, e
persino di trasformarlo in un
suono completamente differente.
Oltre alle tre opzioni ASSIGN,
linterfaccia utente offre come
spiegato prima una destinazione

di modulazione per LFO 1 e 2 chiamata ASSIGN. Qui si applica lo


stesso principio: potete selezionare una destinazione di modulazione e variare lintensit di
modulazione come preferite. La
sola differenza qui che la sorgente di modulazione, cio i rispettivi LFO, sono un valore fisso che
non potete modificare.
01111111111111111112

1 ASSIGN
Source

OFF

61111111111111111154

 Trovate una lista delle sorgenti e


delle DESTINATION disponibili
nellappendice. (vedi Appendice a
pagina 251).

74 8
Matrice di Modulazione e Manopole Definibili

LE MANOPOLE
DEFINIBILI
Il Virus dotato di due manopole
che, invece di essere dedicate a
compiti predefiniti, possono essere
assegnate a parametri differenti
da voi. Questa opzione molto
utile, perch vi permette di controllare direttamente i molti parametri dei menu che non hanno una
manopola dedicata.

Le manopole DEFINABLE agiscono


in tre modi differenti:

 GLOBAL La manopola controlla


il parametro che avete impostato
su Global nel menu DEFINABLE
indipendentemente dalle altre
impostazioni e dal programma
SINGLE selezionato.

 SINGLE La manopola controlla


il parametro che avete impostato
su Single nel menu DEFINABLE.
Limpostazione di questo parametro contenuta nel programma
SINGLE e viene richiamata ogni
qual volta selezionate questo programma. Se, per, non avete selezionato un parametro per questo
programma (DEFINABLE Single =
OFF), viene abilitata automaticamente limpostazione DEFINABLE
Global.

ACCESS VIRUS OS4 75


Le Manopole Definibili

 MIDICONTRL Qui viene trasmesso il controller number


immesso nel menu DEFINABLE
MIDI indipendentemente dalle
altre impostazioni e dal programma SINGLE selezionato. Comparabile ad un fader MIDI, questo
modo viene usato per controllare i
dispositivi MIDI collegati. Sappiate
che questa informazione non viene
elaborata internamente nel Virus.
Limpostazione del modo DEFINABLE globale. In circostanze normali, dovreste impostare
DEFINABLE mode su Single poich questo il modo pi versatile.
Quando selezionate un suono SINGLE il cui DEFINABLE mode impostato su Single, viene abilitata
naturalmente questa impostazione. Altrimenti, viene abilitato il
modo Global DEFINABLE.
01111111111111111112

1 DEFINABLE 1
Mode
Single
61111111111111111154

76 8
Matrice di Modulazione e Manopole Definibili

Master Clock e Midi-Clock

78 9
Master Clock e Midi-Clock

MASTER CLOCK E MIDICLOCK


Il Virus dotato di un generatore di
clock globale, che vi permette di
sincronizzare gli LFO, gli arpeggiatori e il delay ad un tempo e ritmo
della song comuni. Il generatore di
clock funziona sia internamente
con una velocit variabile liberamente o pu, invece, essere sincronizzato al MIDI clock di un
sequencer esterno. Questa sincronizzazione avviene automaticamente quando il dispositivo riceve
un segnale di clock MIDI tramite la
sua presa MIDI In. Potete variare la
velocit del generatore di clock
nellintervallo che va da 63 a 190
BPM (beats per minute - movimenti al minuto) tramite il CLOCK
TEMPO. Quando il dispositivo sincronizzato al clock MIDI, il generatore di clock accetta
automaticamente la velocit
imposta dal sequencer collegato;
limpostazione del tempo interna
in questo caso non significativa e
viene perci disabilitata. Le singole sezioni del Virus sono sincronizzate al generatore di clock a
intervalli ritmici come 1/16, 1/4 e
cos via. Questi valori sono asse-

gnati individualmente per ogni


sezione. (ARPEGGIATOR CLOCK,
CLOCK LFO 1, CLOCK LFO 2, CLOCK
LFO 3, DELAY CLOCK, vedi le rispettive sezioni).
In SINGLE MODE, il CLOCK TEMPO
appartiene al SINGLE PROGRAM
corrente ed memorizzato al suo
interno. In MULTI MODE, le impostazioni CLOCK TEMPO dei SINGLE
PROGRAM coinvolti vengono ignorati. Invece, tutti i SINGLE PROGRAM coinvolti vengono
controllati dallo stesso generatore
di clock. Il suo CLOCK TEMPO viene
salvato nel MULTI PROGRAM (come
le impostazioni delleffetto di delay
globale).

ACCESS VIRUS OS4 79


Master Clock e Midi-Clock

Questa caratteristica vi permette


di controllare gli LFO e gli arpeggiatori di pi MULTI PART in un
contesto ritmico comune.

 Un piccolo appare nel display


quando il Virus riceve dati di Clock
MIDI. Se siete certi di NON volere
che il dispositivo sia sincronizzato
automaticamente al clock MIDI,
impostate MIDI CLOCK RX su Off
(nel menu CTRL). Per evitare confusioni, ricordate che il Clock MIDI
non la stessa cosa del Time Code
MIDI. Questultimo non ha per
nulla a che fare col tempo metronomico, ma con informazioni relative al tempo che sono strutturate
in ore, minuti, secondi, etc., inutili
in questo contesto.

80 9
Master Clock e Midi-Clock

La Sezione Effetti

82 10
La Sezione Effetti

LA SEZIONE EFFETTI
Per ogni programma SINGLE ed
ogni PART, potete accedere individualmente ad un massimo di 5
effetti stereo differenti. Trovate
questi effetti ring modulator,
distortion, analog boost, phaser e
chorus (modulatore ad anello,
distorsore, booster analogico, phaser e chorus) nel relativo menu
EFFECTS. In modo MULTI, avete
perci un totale di 80 effetti disponibili simultaneamente.
Il vocoder e la sezione delay/riverbero sono disponibili ognuna solo
una volta, ma potete raggiungerle
individualmente tramite il parametro Effect Send (mandata) di
ogni PART. Nel percorso del
segnale, tutti gli effetti sono collegati in serie secondo la loro
sequenza nel menu Effects.
Ogni programma SINGLE contiene
le sue impostazioni per la sezione
delay/riverbero. In modo MULTI, i
programmi sonori coinvolti condividono la stessa sezione di delay/
riverbero. Per questa ragione, i
valori dei parametri sono determi-

nati dalle impostazioni del programma MULTI correntemente


attivo.
Parametri del menu effetti a
pagina 149

Gli Ingressi Audio

84 11
Gli Ingressi Audio

GLI INGRESSI AUDIO


Potete anche scegliere di usare
segnali audio esterni al posto degli
oscillatori interni per i programmi
sonori delle MULTI PART. Il Virus
dotato di due ingressi per i segnali
esterni. Potete indirizzarli ai componenti di generazione sonora (i
filtri, lo stadio saturation cos come
lo stadio volume e pan) o collegarli
direttamente alla sezione effetti
del Virus. I segnali audio esterni
possono anche essere usati come
segnali portanti o di modulazione
per il vocoder. Qualsiasi PART che
usate per processare un segnale
audio esterno in modo MULTI pu,
come ogni altra PART, essere indirizzata liberamente ad una o a due
delle sei uscite audio.
Di regola, quando processate
segnali audio esterni, dovete
distinguere tra i due seguenti modi
operativi:

 DYNAMIC Per rendere udibili i


segnali esterni in questo modo
operativo, linviluppo del volume
devessere innescato tramite una
nota. Questa opzione, per esempio, vi permette di creare i tipici
effetti gater. Il modo INPUT Dynamic anche polifonico. Se impostate il valore KEYFOLLOW dei filtri
al 100%, le frequenze risonanti dei
filtri e gli oscillatori possono essere
suonati in modo temperato tramite i segnali INPUT. Ci vi permette di suonare accordi interi e
linee dellarpeggiatore usando i filtri. Anche il generatore di rumore
(noise generator) attivo in modo
INPUT Dynamic.

ACCESS VIRUS OS4 85


OSC Volume / Input

 STATIC In modo Input Static, i

 TOEFFECTS Unalternativa al

segnali audio esterni sono udibili


tramite le uscite senza dover innescare una nota. Tenete a mente che
gli oscillatori, cos come tutte le
funzioni che hanno a che fare con
trigger e pitch (innesco e intonazione), sono disabilitate (inviluppi,
LFO Env mode, keyfollow...) in
modo INPUT Static. Quando
ponete il dispositivo in questo
modo, viene attivata automaticamente una voce del Virus. Se selezionate una sorgente stereo (L+R)
per INPUT Select, vengono attivate
due voci, come avviene in modo
UNISON. In questo caso, potete
anche usare il parametro UNISON
Pan Spread per determinare
lampiezza di base del pan e UNISON LFO Phase per spostare la
posizione della fase dellLFO tra le
voci.

modo INPUT Static, in cui il segnale


audio viene indirizzato direttamente alla sezione effetti del programma SINGLE o PART. Questo
modo non usa voci del Virus, il che
significa che la sua polifonia resta
intatta e completamente disponibile. La sezione del filtro non
disponibile in questo modo.
01111111111111111112

1 INPUT
Mode
Dynamic
61111111111111111154

OSC VOLUME / INPUT


Quando attivato uno dei due
modi INPUT, la manopola OSC VOL
invece che gli oscillatori controlla il
livello del segnale INPUT prima
della sezione Filter e naturalmente
anche il guadagno dello stadio
SATURATION. In modo INPUT Dynamic, il livello aumenta piuttosto
rapidamente quando suonate pi
voci polifonicamente. La ragione
che in contrasto a quando avete a
che fare con diversi segnali degli
oscillatori le voci sono correlate

86 11
Gli Ingressi Audio

perch stanno ricevendo un


segnale in ingresso identico. Nel
caso in cui il Virus generi distorsione quando usate questo tipo di
indirizzamento del segnale, abbassate un poco il livello di ingresso
con la manopola OSC VOL.

INDICATORE DEL
LIVELLO DI INGRESSO
In alternativa, i LED RATE degli LFO
1 e 2 possono anche servire come
indicatori di livello degli ingressi
audio esterni sinistro e destro. Il
Virus attiva automaticamente gli
indicatori di livello quando il programma SINGLE accede agli
ingressi audio esterni. I LED lampeggiano rapidamente per indicare che gli ingressi sono in
sovraccarico. Dovreste impostare il
livello adatto sul dispositivo che
trasmette i segnali analogici. In
questo modo potete fornire il
livello del segnale pulito pi elevato possibile ai convertitori analogico/digitali del Virus cos che
possano offrire le migliori prestazioni possibili.

I Collegamenti Audio Interni

88 12
I Collegamenti Audio Interni

I BUS AUX
Il Virus dotato di diversi ingressi
ed uscite analogici. Abbiamo
immaginato che potreste voler collegare un ingresso ad unuscita con
un cavo, per poter processare una
parte indirizzata a questa uscita
tramite unaltra parte collegata a
questo ingresso, per esempio, per
filtrare la parte col filtro dellaltra
parte.
Potete farlo se volete, ma la buona
notizia che non dovete usare cavi
di collegamento esterni, perch il
Virus vi offre le opzioni di indirizzamento interno sotto forma di bus
stereo ausiliari (bus un sinonimo
di circuito) che vi permettono di
eseguire questo tipo di configurazione per due o pi PART. I due bus
aux appaiono come uscite virtuali
nel menu OUTPUT Select e come
ingressi virtuali nel menu INPUT
Select. In modo MULTI, il segnale in
uscita da una PART (o da pi PART)
pu essere indirizzato tramite
OUTPUT Select ad uno dei due bus
aux. Per rendere udibile questo
segnale, dovete selezionare lo
stesso bus aux per unaltra PART (o
pi PART) tramite INPUT Select ed

impostare il relativo programma


SINGLE su Input mode (Static o
Dynamic). Potete poi processare il
segnale inviato a questa PART tramite il bus aux esattamente nello
stesso modo in cui processate i
normali segnali analogici collegati
tramite gli ingressi esterni.
Esiste, per, unopzione pi semplice per collegare direttamente le
PART una allaltra: potete usare
uno dei bus aux come seconda
uscita per la PART. Spiegheremo
questa funzione un poco pi avanti
nella sezione SECOND OUTPUT.

ACCESS VIRUS OS4 89


Le Uscite Audio

LE USCITE AUDIO
In modo MULTI, potete scegliere
unuscita audio mono o stereo nel
menu OUTPUT Select indipendentemente per ogni PART. Il segnale
pu essere anche indirizzato ai bus
aux spiegati prima.
Inoltre, potete anche definire una
seconda uscita mono o stereo nel
menu SECOND OUTPUT (nel menu
CTRL). Questa seconda uscita globale, in altri termini, si applica a
tutte le PART. Usando il parametro
SECOND OUTPUT Balance, potete
impostare i livelli a cui i segnali in
uscita delle PART vengono indirizzati individualmente a questa
seconda uscita.
Insieme alluscita convenzionale di
ogni dato suono, potete ottenere
un segnale quadrifonico adatto ad
applicazioni Surround. Usando
Panorama (sinistra, destra) e
SECOND OUTPUT Balance (avanti,
indietro), potete creare un vero
mix quadrifonico nel Virus, ed
automatizzarlo con un sequencer.

Quando scegliete di usare uno dei


bus aux come seconda uscita, il
bus aux pu anche servire da loop
FX (effetti). Potete indirizzare il
segnale aux ad una PART e far si
che questa PART elabori ulteriormente questo segnale (tramite i
filtri, gli effetti, etc.).
Al contrario della maggior parte
degli altri effetti, la sezione delay/
riverbero non disponibile individualmente per ogni PART. Processa
invece i segnali delle PART collettivamente. Potete, per, controllare
lintensit delleffetto individualmente per ogni PART usando i
rispettivi parametri Effect Send. Di
conseguenza, la sezione delay/
riverbero emette un solo segnale,
che non pu essere distribuito alle
uscite delle singole PART.
Questo il motivo, per esempio,
per cui leffetto delay di una PART
che indirizzata alla coppia di
uscite OUT 2 comunque udibile
da OUT 1. Questo pu essere desiderabile, ma anche fonte di confusione. Affinch questo non generi
problemi, impostate il parametro
Effect Send della PART a zero
quando usate uscite individuali.

90 12
I Collegamenti Audio Interni

In modo MULTI, la sezione delay/


riverbero ha il suo parametro
OUTPUT Select indipendente dalle
PART.

Funzioni aggiuntive

92 13
Funzioni aggiuntive

FUNZIONE PANIC

FUNZIONE AUDITION

Il Virus dotato di una funzione


Panic per interrompere le eventuali
note bloccate a causa di errori di
parit nella trasmissione MIDI e
simili. Quando premete simultaneamente i due tasti TRANSPOSE,
tutte le voci del Virus che stanno
suonando correntemente vengono interrotte.

Sul pannello del Virus, potete innescare le note senza usare una
tastiera. Quando premete simultaneamente i tasti OSCILLATOR EDIT
e SYN, il Virus suona la nota C3
(DO3). Se tenete premuti i tasti per
oltre un secondo, la nota continua
a suonare anche dopo aver rilasciato i tasti.

Un doppio click su entrambi i tasti


avvia un reset dei controller. Le
varie voci che stanno suonando
correntemente vengono tagliate
istantaneamente e i controller
come modulation wheel, channel
volume e pitch bender vengono
reimpostati ai valori di default.

FUNZIONE RESET
Se avete limpressione che il VIRUS
si stia comportando in modo instabile o davvero strano, suggeriamo
di eseguire un system reset.
Tenendo premuti i tasti LFO 1
SHAPE mentre accendete il VIRUS,
si reimposta il sistema. Nessun
dato va perso durante questa procedura, bench vengano reimpostati alcuni valori dei parametri
globali, come Global Channel.

I Parametri

94 14
I Parametri

Il capitolo che segue elenca tutti i


parametri del Virus, ognuno con
una breve definizione o spiegazione. Per una maggior chiarezza,
abbiamo ordinato i parametri che
hanno un elemento di controllo
dedicato secondo il modulo in cui li
troverete.

PARAMETRI DEL
SUONO CON UN ELEMENTO DI CONTROLLO DEDICATO
MASTER VOLUME Controlla il
volume complessivo del Virus.
Questo controllo determina il
volume del segnale che viene
emesso da Output 1 prima che
venga convertito in un segnale
analogico. Ci significa che, in circostanze normali, dovreste alzare
al massimo il Master Volume per
ottenere dal Virus il segnale pi
dinamico possibile.
DEFINABLE 1/2 Queste due manopole sono definibili liberamente.
Potete assegnare le funzioni tramite il menu CTRL (DEFINABLE 1/2
MODE). Le impostazioni possono
essere salvate globalmente ed
individualmente nei programmi
SINGLE.
(vedi Le Manopole Definibili a
pagina 74).

ACCESS VIRUS OS4 95


LFO 1 Pannello

TRANSPOSE Traspone di ottave


lintero programma SINGLE. Se il
vostro Virus dotato di tastiera
incorporata, il programma SINGLE
selezionato non viene trasposto. Al
suo posto, viene trasposta la
tastiera in modo globale.
(vedi Il Virus kb e il Virus Indigo a
pagina 190).

LFO 1 PANNELLO
RATE Determina la velocit o frequenza dellLFO.
Nei suoni polifonici, il valore RATE
selezionato manualmente devia
leggermente da voce a voce, per
rendere pi vivo il suono degli LFO,
che oscillano polifonicamente.
Quando lLFO sincronizzato al
master clock, il valore di nota desiderato viene selezionato tramite la
manopola RATE.
SHAPE Determina la forma donda
dellLFO. Potete selezionare tra
onda sinusoidale, triangolare o
impulsiva. WAVE apre un menu
locale. Qui potete selezionare altre
64 forme donda per lLFO nel
display con la manopola VALUE o i
tasti VALUE. Potete scegliere tra
una modulazione casuale a gradini (S&H; abbreviazione di Sample & Hold), una modulazione
casuale lineare (S&G; abbreviazione di Sample & Glide) e 62
modulazioni cicliche basate sui
modi delloscillatore. Queste ultime
permettono di creare interessanti
modulazioni ritmiche con gli LFO.

96 14
I Parametri

ENV MODE Attiva un modo operativo in cui lLFO oscilla come un


inviluppo: lLFO effettua solo un
ciclo seguendo linizio della nota;
la risposta dellLFO passa da bipolare a unipolare. Se attiva la
forma donda S&H (Sample &
Hold) dellLFO, allora allLFO viene
assegnato un nuovo valore casuale
per ogni nuova nota. Questo nuovo
valore valido per lintera durata
della nota.
AMOUNT Questo tasto non controlla effettivamente un parametro, ma apre un menu locale.
Questo menu contiene intensit di
modulazione indipendenti per
controllare i seguenti parametri
tramite lLFO 1:
OSC 1 Intonazione dellOscillatore 1
OSC 2 Intonazione dellOscillatore 2
PW 1+2 Entrambe le ampiezze
degli impulsi insieme
RESO 1+2 Le risonanze di entrambi i
filtri

ASSIGN (Dest) Un parametro del


suono liberamente selezionabile
per la modulazione dellLFO
ASSIGN (Amount) Intensit di
modulazione del parametro del
suono selezionato liberamente

 Mentre agite sui parametri spiegati qui, il LED corrispondente lampeggia. Se al parametro
assegnato un valore diverso da 0, il
LED si illumina in modo continuo
quando uscite dal menu. Posizionato tra OSC 1 e OSC 2, troverete
OSC 1+2. Vi permette di determinare
lintensit di modulazione in modo
collettivo per entrambi gli oscillatori. Quando lo selezionate, i LED di
OSC 1 e OSC 2 lampeggiano.

ACCESS VIRUS OS4 97


LFO 1 Menu EDIT

LFO 1 MENU EDIT


LFO contour
Tramite LFO Contour potete alterare o trasformare (quasi) tutte le
forme donda dellLFO. Ecco una
breve descrizione delle opzioni di
LFO Contour per i differenti modi
dellLFO:
01111111111111111112

1 LFO 1
Contour

+0

61111111111111111154

Sine Contour trasforma unonda


sinusoidale in unonda triangolare
(Contour verso sinistra) o in
unonda quadra (Contour verso
destra).
Triangle Contour trasforma
unonda triangolare in unonda a
dente di sega discendente (Contour verso sinistra) o ascendente
(Contour verso destra).

Sawtooth Contour trasforma


unonda a dente di sega discendete
lineare o decay in unonda decay
che discende in modo esponenziale (Contour verso sinistra) o in
unonda quadra (Contour verso
destra).
Square Contour modula lampiezza
dellimpulso dellonda quadra.
Waves Contour ingrandisce
londa, riducendo in questo modo
la durata del loop dellonda stessa
(Contour verso destra).

Clock
Con limpostazione OFF, lLFO
oscilla nel modo normale, indipendentemente dal Master Clock globale (CLOCK TEMPO). Se qui
immettete un valore di nota, la
velocit dellLFO si sincronizza al
master clock globale. La lunghezza
del ciclo della forma donda corrisponde cos al valore della nota che
avete immesso. Potete anche
impostare la velocit con il CLOCK
TEMPO (vedi il relativo paragrafo) o
sincronizzarlo al MIDI clock

98 14
I Parametri

esterno. Quando lLFO sincronizzato al master clock, potete anche


selezionare il valore della nota
desiderato con la manopola LFO
RATE.
01111111111111111112

1 LFO1
Clock

1/24

61111111111111111154

Mode

Seleziona la posizione lungo il ciclo


dellonda - cio la posizione di fase
- da cui lLFO inizia ad oscillare in
risposta allinizio della nota.
Lintervallo di controllo da 1 a 127
equivalente alle posizioni di fase
da 0 a 360 gradi; il valore 0 disattiva completamente la funzione
KEY TRIGGER cos che lLFO oscilli
liberamente, ed appaia in posizioni
di fase casuali allinizio delle note.
01111111111111111112

 POLY In modo polifonico, ad


ognuna delle voci viene assegnato
un LFO dedicato. GLi LFO oscillano
con posizioni di fase differenti per
ogni voce. Ci rende pi viva la
modulazione degli LFO.

 MONO In modo monofonico,


tutte le voci sono assegnate allo
stesso LFO. Ci accentua la modulazione dellLFO, rendendola pi
pronunciata.
01111111111111111112

1 LFO1
Clock

Trigger Phase

Poly

61111111111111111154

1 LFO1
TrigPhase

Off

61111111111111111154

Key Follow
Controlla lintensit della funzione
KEY FOLLOW- cio la velocit con
cui lLFO segue lintonazione della
nota eseguita. Col valore 0, il KEY

ACCESS VIRUS OS4 99


LFO 1 Menu EDIT

FOLLOW disattivato. Col valore


127, la velocit raddoppia per ogni
ottava.
01111111111111111112

1 LFO1
Keyfollow

Off

61111111111111111154

Filter Gain
Una destinazione di modulazione
aggiuntiva dellLFO 1. Qui viene
modulato il livello di ingresso della
sezione del filtro (e perci il successivo livello di saturazione). Leffetto
della modulazione FILT GAIN un
cambiamento periodico nel livello
di saturazione che legato ad un
tremolo corrispondente (cambiamento periodico del volume). Se il
segnale non viene saturato in
alcun modo, lunico effetto udibile
un effetto tremolo. Abbiamo
posto volontariamente il punto di
modulazione davanti alla sezione
del filtro nel percorso del segnale.
Ci significa che viene modulata
anche la quantit di distorsione
cio lintensit delleffetto
quando attivate SATURATION. Inoltre, potete usare oscillazioni rapide
dellLFO per generare brevi impulsi

(transienti) nel segnale delloscillatore che eccita le frequenze risonanti dei filtri. I filtri effettuano
liberamente la loro dissolvenza,
poich il loro segnale in uscita non
viene influenzato dalla modulazione del volume FILT GAIN.
01111111111111111112

1 LFO1 AMOUNT
FilterGain
+0
61111111111111111154

100 14
I Parametri

LFO 2 - PANNELLO

FILTER -2 La frequenza del secondo


filtro

RATE Uguale a LFO 1

PAN Posizione stereofonica

SHAPE Uguale a LFO 1

ASSIGN (Dest) Un parametro del


suono liberamente selezionabile
per la modulazione dellLFO

ENV MODE Uguale a LFO 1


Amount Questo tasto non controlla effettivamente un parametro, apre un menu locale. Questo
menu contiene intensit di modulazione indipendenti per controllare i seguenti parametri tramite
LFO 2:
01111111111111111112

1 LFO 2
Shape 1+2

+0

61111111111111111154

SHAPE 1+2 I parametri SHAPE di


entrambi gli oscillatori insieme
FILTER -1 La frequenza del primo filtro

ASSIGN (Amount) Intensit di


modulazione del parametro del
suono selezionato liberamente
01111111111111111112

1 LFO 2
Dest

Off

61111111111111111154

Mentre agite sui parametri spiegati qui, il LED corrispondente lampeggia. Se al parametro
assegnato un valore diverso da 0, il
LED si illumina in modo continuo
quando uscite dal menu.

Posizionato tra Filter-1 e FILTER-2,


troverete Filter-1+2. Questo vi permette di determinare lintensit di
modulazione in modo collettivo

ACCESS VIRUS OS4 101


LFO 2 Menu Edit

per entrambi gli oscillatori.


Quando lo selezionate, i LED di Filter-1 e Filter-2 lampeggiano.

LFO 2 MENU EDIT


I parametri CONTOUR, CLOCK,
MODE, TRIG PHASE e KEYFOLLOW
corrispondo a quelli dellLFO-1 (vedi
sopra).
AMOUNT FM Amount. Una destinazione di modulazione aggiuntiva dellLFO-2. Viene modulata
lintensit della modulazione di
frequenza dellOscillatore 2.

102 14
I Parametri

 PW 2 Lampiezza dellimpulso

LFO 3

dellOscillatore 2

RATE Determina la velocit


dellLFO.
01111111111111111112

1 LFO3
Rate

 SYNCPHASE Determina la posizione di fase dellOscillatore 2


quando sincronizzato allOscillatore 1 tramite la funzione SYNC.
01111111111111111112

+92

61111111111111111154

1 LFO3
Dest

Osc1+2

61111111111111111154

DESTINATION
Determina la destinazione di
modulazione dellLFO. Potete selezionare tra:

 OSC 1 Lintonazione dellOscillatore 1

 OSC 1+2 Lintonazione di


entrambi gli oscillatori

 OSC 2 Lintonazione dellOscillatore 2

 PW 1 Lampiezza dellimpulso
dellOscillatore 1

 PW 1+2 Lampiezza dellimpulso


di entrambi gli oscillatori

OSC AMOUNT Controlla lintensit


di modulazione dellLFO.
01111111111111111112

1 LFO3
OscAmount

+0

61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 103


LFO 3

FADE IN Questo parametro vi permette di iniziare automaticamente


unassolvenza ritardata della
modulazione dellLFO3 impostata
tramite OSC AMOUNT (vedi il paragrafo sopra). FADE IN controlla il
tempo complessivo di ritardo e
assolvenza.
01111111111111111112

1 LFO3
FadeIn

61111111111111111154

SHAPE Determina la forma donda


dellLFO. Potete selezionare tra le
forme donda sinusoidale, triangolare a dente di sega, impulsiva, S&H
(abbreviazione di Sample & Hold),
S&G (abbreviazione di Sample &
Glide). Qui potete anche selezionare altre 62 forme donda cicliche
basate sulle forme donda delloscillatore.
01111111111111111112

1 LFO3
Shape Triangle
61111111111111111154

CLOCK Uguale a LFO 1; vedi il paragrafo sopra.


MODE Alterna i due modi operativi degli LFO:

 POLY In modo polifonico, ad


ognuna delle voci viene assegnato
un LFO dedicato.

 SINGLE In modo monofonico,


tutte le voci sono assegnate allo
stesso LFO.
KEYFOLLOW Uguale a LFO 1; vedi il
paragrafo sopra.

104 14
I Parametri

OSCILLATOR 1 PANNELLO FRONTALE


SHAPE Questo controllo vi permette di determinare la forma
donda della sezione WAVE (una
delle 64 forme donda a spettro
variabile). La forma donda variabile in modo continuo da dente di
sega sino allonda impulsiva. La
selezione dellonda o dellampiezza
dellimpulso viene eseguita tramite i controlli SHAPE e WAVE SEL/
PW (vedi il relativo paragrafo): se
SHAPE ha un valore inferiore al
valore della posizione centrale,
allora WAVE SEL/PW determina la
forma donda; se il valore di SHAPE
superiore al valore della posizione centrale, allora WAVE SEL/
PW determina lampiezza
dellimpulso.
WAVE SEL/PW ha due funzioni, a
seconda del valore di SHAPE (vedi il
relativo paragrafo):

Quando SHAPE ha un valore inferiore al valore della posizione centrale, allora WAVE SEL/PW vi
permette di selezionare tra le 64
forme donda a spettro variabile
presenti nella ROM del Virus. La
forma donda 1 unonda sinusoidale; la N 2 unonda triangolare e
il resto delle onde offre differenti
combinazioni di frequenze.
Quando SHAPE ha un valore inferiore al valore della posizione centrale, allora WAVE SEL/PW
determina lampiezza dellimpulso:
nella posizione tutta a sinistra
lampiezza dellimpulso pari al
50%, nella posizione tutta a destra
0%, il che significa che londa non
oscilla pi.

ACCESS VIRUS OS4 105


Oscillator 2 Pannello Frontale

OSCILLATOR 2
PANNELLO FRONTALE
SHAPE Uguale a OSCILLATOR 1; vedi
il paragrafo sopra.
WAVE SEL/PW Uguale a OSCILLATOR 1; vedi il paragrafo sopra.
SEMITONE Determina lintervallo
tra il secondo oscillatore e il primo
oscillatore: intervallo di controllo
+/-48 semitoni, assegnati in intervalli di un semitono.
DETUNE Scorda il secondo oscillatore rispetto al primo. Con questo
parametro, potete ottenere da leggere deviazioni di intonazione a
grandi fluttuazioni relativamente
agli altri oscillatori.

SYNC Sincronizza il secondo oscillatore col primo: la funzione SYNC


forza lOscillatore 2 ad interrompere il ciclo della sua onda e a riavviarlo nello stesso momento in cui
lOscillatore 1 inizia il suo ciclo.
Leffetto di questa misura che
deviazioni di intonazione ed intervalli non sono pi percepibili come
tali: ci che sentite sono modifiche
nel timbro: interruzioni ripetute
del ciclo dellonda dellOscillator 2
generano nuovi spettri timbrici
con un elevato contenuto di armonici. Il timbro di un determinato
spettro pu essere influenzato tramite la manopola SEMITONE, e da
altri controlli.

106 14
I Parametri

FM AMOUNT Controlla lintensit


della modulazione di frequenza del
secondo oscillatore provocata dal
primo oscillatore. A seconda della
FM AMOUNT selezionata e
dellintervallo tra gli oscillatori, la
modulazione di frequenza genera
spettri sonori che vanno da spettri
leggermente arricchiti a spettri
arricchiti in modo radicale. Con il
Virus avete la possibilit di combinare due funzioni chiamate sincronizzazione degli oscillatori (SYNC)
e modulazione di frequenza (FM
AMOUNT) per generare nuovi
spettri armonici. Le caratteristiche
della modulazione di frequenza
possono essere modificate col
parametro FM Mode (nel menu
OSCILLATOR EDIT). Potete anche
selezionare un segnale audio
esterno e far si che lOscillatore 2
modulali la sua frequenza.

OSCILLATOR 1 MENU
EDIT
WAVE Seleziona tra le 64 forme
donda spettrali. Questo parametro
identico a WAVE SEL/PW (vedi il
relativo paragrafo) quando SHAPE
(vedi il relativo paragrafo) impostato nella met sinistra del suo
intervallo di controllo. Per, al contrario di WAVE SEL/PW, WAVE
sempre disponibile indipendentemente dallimpostazione corrente
di SHAPE.
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 1
Wave
Sin
61111111111111111154

SEMITONE Traspone lOscillatore 1


in intervalli di semitono. Intervallo
di controllo: +/-4 ottave.
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 1
Semitones
+0
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 107


Parametri del Menu dellOscillator-2

KEY FOLLOW Determina lintensit del controllo dellintonazione


tramite la tastiera: col valore +32
(impostazione standard) loscillatore viene controllato in modo normale, cio lottava che suonate
identica allottava delloscillatore;
col valore +63, ogni ottava suonata
verso lacuto traspone loscillatore
di due ottave verso lacuto (scala a
note intere); +15 traspone loscillatore verso lacuto di unottava ogni
due ottave ascendenti eseguite
(scala a quarti di tono); a 0 il controllo tramite la tastiera viene
disattivato. Valori negativi generano intensit di controllo opposte.
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 1
Keyfollow
+32
61111111111111111154

PARAMETRI DEL MENU


DELLOSCILLATOR-2
WAVE 1 KEYFOLLOW: Uguale a
OSCILLATOR 1; vedi il paragrafo
sopra.
FM MODE La modulazione di frequenza dellOscillator 2 pu essere
eseguita in una variet di modi
usando un segnale o sorgenti di
modulazione differenti. Potete
anche selezionare un segnale
audio esterno per la modulazione
di frequenza. Impostate lintensit
della modulazione tramite la
manopola FM AMOUNT. Scegliete
unonda sinusoidale per lOscillator
2 per ottenere la forma pi trasparente di modulazione di frequenza.
Diamo unocchiata alle sorgenti di
FM che avete a disposizione:
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 2
FmMode
PosTri
61111111111111111154

1.

108 14
I Parametri

 POSTRI FM in una sola direzione con unonda triangolare


positiva generata da Osc1.

 TRI FM lineare con unonda

FILT ENV -> PITCH Questo parametro determina lintensit con cui
linviluppo del filtro controlla
lintonazione del secondo oscillatore (PITCH OSC 2).

triangolare bipolare generata da


Osc1.

 WAVE La forma donda selezionata per lOsc1 la sorgente


dellFM. Ci vi permette in certi
casi di creare i tipici suoni DX7-FM
(qui OSCILLATOR 1 SHAPE dovrebbe
essere impostato su WAVE).

 NOISE Il generatore di rumore


la sorgente dellFM (vedi anche
NOISE Color). Eccellente per i suoni
di batteria.

 INPUT Qui il segnale mono o


stereo dagli ingressi esterni analogici o da un bus aux interno pu
essere indirizzato alla modulazione di frequenza. Input FM in
stereo, anche se collegato col
modo UNISON.
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 2
FltEnv~Ptch +0
61111111111111111154

FILT ENV -> FM Determina lintensit con cui linviluppo del filtro
controlla la modulazione di frequenza (FM AMOUNT). Questo e il
parametro precedente sono
uneredit del modello precedente del Virus. Modulazioni come
queste possono anche essere
implementate tramite la Modulation Matrix (vedi il paragrafo
ASSIGN sotto).
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 2
FltEnv~Fm
+0
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 109


Parametri del Menu dellOscillator-3

PARAMETRI DEL MENU


DELLOSCILLATOR-3
MODE Il Virus offre un terzo oscillatore principale per voce che
potete attivare quando vi serve. Vi
permette di creare suoni ancor pi
complessi aggiungendo altre oscillazione e spettro al segnale.
Quando attivate lOscillator 3, (cio
lOSCILLATOR 3 mode non nella
posizione OFF), la polifonia del
Virus si riduce di un massimo di sei
voci, a seconda di quante voci
usano il terzo oscillatore in MULTI
mode.
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 3
Mode
Off
61111111111111111154

La seconda posizione di OSCILLATOR 3 mode chiamata SLAVE. Qui


lOscillator 3 attivo, ma come
quando impostato su OFF non
vi sono altri parametri disponibili e
visibili. In questo modo operativo,
lOscillator 3 il gemello
dellOscillator 2. Aggiunge ulteriori
oscillazioni, rendendo il suono pi
robusto ed animato. Gli Oscillator 2

e 3 vengono gestiti insieme usando


i controlli dellOscillator 2 come se i
due fossero un singolo oscillatore.
Tutte le impostazioni eseguite per
Oscillator 2 si applicano allOscillator 3, con una sola eccezione
DETUNE. Questo parametro si
muove in direzione opposta a
quella dellOscillator 2.
Potete selezionare le forme donda
individualmente per lOscillator 3
tramite le seguenti opzioni
dellOSCILLATOR 3 mode: a dente di
sega, quadra (pulse width modulation), sinusoidale, triangolare e
tutte le ulteriori forme donda
spettrali. Avete tre ulteriori parametri disponibili una volta impostato lOscillator 3 su una specifica
forma donda. Questi vengono
spiegati meglio sotto. Tutti gli altri
parametri cos come le impostazioni delle modulazioni delloscillatore (LFO pulse width modulation
e cos via) sono dettate dallOscillator 2. Questo non limita di molto
(se non di nulla) le funzionalit del
terzo oscillatore ma facilita certamente una gestione pi intuitiva.
Le funzioni FM, Sync e Ring Modulator non sono disponibili per il
terzo oscillatore.

110 14
I Parametri

Come tutti gli altri oscillatori, il


livello dellOscillator 3 controllato
tramite OSCVOL.
VOLUME Il livello di volume individuale delloscillatore 3. Inoltre il
livello controllato da OSC VOL.
(Non disponibile se OSCILLATOR 3
MODE = OFF o SLAVE.)
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 3
Volume
64
61111111111111111154

SEMITONE Traspone lOscillator 3


in intervalli di semitono. Intervallo
di controllo: +/-4 ottave. (Non
disponibile se OSCILLATOR 3 MODE
= OFF o SLAVE.)
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 3
Semitones
+0
61111111111111111154

DETUNE Scorda il terzo oscillatore


rispetto al primo. Con questo parametro, potete ottenere da leggere
deviazioni di intonazione a grandi
fluttuazioni relativamente agli
altri oscillatori.
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 3
Detune
+0
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 111


Parametri del Menu del Suboscillatore

OSCILLATORS PHASE INIT Questa


caratteristica vi permette di selezionare la posizione di fase
delloscillatore allinizio di una
nota. Col valore 0, tutti gli oscillatori oscillano liberamente come sui
tradizionali synth analogici. Col
valore 1 e superiori, Oscillator 1 inizia la nota con la fase con un
angolo pari a 0, mentre la posizione della fase del secondo oscillatore viene spostata sempre pi
con valori ascendenti. La posizione
della fase delloscillatore 3 viene
spostata nella direzione opposta.
Con questo parametro, la fase
dellattacco di tutte le note identica, caratteristica utile per programmare suoni di batteria e
percussioni. Usando insieme Oscillator 3 e PHASE INIT, potete creare
armonici prominenti che vengono
generati allinizio della nota.
01111111111111111112

1 OSCILLATOR 3
PhaseInit
Off
61111111111111111154

PARAMETRI DEL MENU


DEL SUBOSCILLATORE
WAVE Alterna la forma donda del
SubOscillator tra SQUARE e TRIANGLE.
01111111111111111112

1 SUB OSCILLATOR
Shape
Square
61111111111111111154

112 14
I Parametri

PARAMETRI DEL MIXER


NEL MENU OSCILLATOR-EDIT

Trovate un altro ring modulator


nella sezione effetti del Virus. Questo, per, elabora segnali in
ingresso completamente differenti.
01111111111111111112

RINGMODULATOR VOLUME Il ring


modulator (modulatore ad anello)
moltiplica tra loro le uscite degli
oscillatori 1 e 2 per creare suoni
interessanti con ricchi sovratoni
enarmonici. Questi sovratoni
dipendono molto dalla coerenza di
frequenza di entrambi gli oscillatori e dalle loro forme donda. La
coerenza di frequenza pu essere
cambiata, per esempio, usando il
parametro OSC2 SEMITONE. Se il
RINGMODULATOR VOLUME a
zero, il ring modulator viene disattivato. OSC VOL NON influenza il
livello del ring modulator. Perci il
segnale delloscillatore originale
pu essere regolato indipendentemente dal ring modulator.

1 RINGMODULATOR
Volume
0
61111111111111111154

MEDIO Neutrale (Rumore


bianco, tutte le frequenze sono
distribuite in modo omogeneo.)
NEGATIVO Passa-basso
(Rumore rosa, scuro e pi basso)
POSITIVO Passa-alto (Rumore
brillante e sottile)

Quando il noise generator viene


usato dallOscillator 2 per la modulazione di frequenza (vedi FM
mode), limpostazione NOISE
COLOR influenza anche il suono
della modulazione di frequenza.
01111111111111111112

1 NOISE
Color

61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 113


Mixer

MIXER
OSC BAL Determina il bilanciamento tra i livelli di volume degli
Oscillatori 1 e 2.
SUB OSC Determina il livello di
volume del SubOscillator.

OSC VOL Questa manopola ha due


funzioni:

 Nella met sinistra del suo intervallo di controllo sino alla posizione centrale (valore MIDI 64),
OSC VOL determina il volume
master dei tre oscillatori prima
dellingresso della sezione di filtraggio. Noise Generator e Ringmodulator non sono influenzati
dalla manopola del volume master
OSC VOL. Il loro livello controllato
separatamente nel menu OSCILLATOR EDIT (vedi il relativo paragrafo).

 Nella met destra del suo intervallo di controllo partendo dalla


posizione centrale, OSC VOL
aumenta lintensit della saturazione (Gain) per lingresso dello
stadio SATURATION (vedi il relativo
paragrafo); per questa regolazione viene compensata dopo lo
stadio SATURATION cos che regolando il guadagno non aumentiate
realmente il volume, ma manipoliate solo lo spettro timbrico in termini di saturazione. Lintensit
degli effetti DSP restanti nello stadio SATURATION viene controllata
dalla manopola OSC VOL.

114 14
I Parametri

FILTER PANNELLO
CUTOFF Determina la frequenza
dai taglio dei Filter-1 e 2 (con eccezioni; vedi CUTOFF 2).
RESONANCE Controlla la risonanza (detta anche filter feedback
o fattore Q). A seconda dellimpostazione FILT SELECT, RESONANCE
agisce sul primo filtro, sul secondo
filtro o su entrambi.
ENV AMOUNT Determina lintensit di modulazione dellinviluppo
della frequenza di taglio del filtro.
A seconda dellimpostazione FILT
SELECT, ENV AMOUNT agisce sul
primo filtro, sul secondo filtro o su
entrambi. Al contrario di tutti gli
altri parametri dellintensit di
modulazione nel Virus, ENV
AMOUNT un parametro unipolare. La polarit della modulazione
pu essere cambiata individualmente per ogni filtro tramite la
funzione ENV POLARITY nel menu
FILTER EDIT.

KEY FOLLOW Determina in che


grado la frequenza del filtro segue
lintonazione (Note Number) e il
Pitch Bend. A seconda dellimpostazione FILT SELECT, KEY FOLLOW
agisce sul primo filtro, sul secondo
filtro o su entrambi. La funzione
usa C 1 (MIDI Note Number 36)
come punto di partenza neutrale o
nota di base: indipendentemente
dal valore di KEY FOLLOW, la frequenza del filtro non viene influenzata a questa intonazione. Nel
menu FILTER EDIT potete definire
liberamente la nota di base tramite KEYTRACK BASE.
FILTER BALANCE Ha funzioni differenti a seconda dellimpostazione
FILTER ROUTING (vedi anche il relativo paragrafo): nei modi operativi
di FILTER ROUTING in parallelo PAR
4 e SPLIT, controlla il bilanciamento
dei livelli di volume tra i due filtri cio in pratica SATURATION e Filter2.

ACCESS VIRUS OS4 115


Filter Pannello

Tecnicamente, nei modi operativi


di FILTER ROUTING in serie SER 4 e
SER 6, la met sinistra e quella
destra dellintervallo di controllo
agiscono su parametri differenti:
quando la manopola ruotata
tutta a sinistra, sentite solo Filter1/Saturation, mentre il Filter-2
entra a far parte del mix mentre
ruotate la manopola verso il centro. Quando la manopola ruotata
tutta a destra, sentite solo il Filter2, mentre Filter-1/Saturation entra
a far parte del mix mentre ruotate
la manopola verso il centro.
Di conseguenza, dovete impostare
FILTER BALANCE al centro se volete
entrambi i filtri in serie (in quantit
uguali) nel percorso del segnale.

CUTOFF 2 (OFFSET) Controlla la


cutoff frequency (frequenza di
taglio) del Filter-2. Normalmente,
CUTOFF 2 non agisce in modo assoluto, ma relativo rispetto a CUTOFF:
la cutoff frequency del secondo filtro subordinata al valore CUTOFF
determinato per il primo filtro.
Per, potete usare la manopola
CUTOFF 2 per ottenere una deviazione relativa (+/-) nelle frequenze,
cio una frequenza pi acuta o pi
bassa (OFFSET). Quando impostate CUTOFF 2 nella posizione centrale, entrambi i filtri hanno la
stessa CUTOFF frequency. Nel
Menu FILTER EDIT, potete accedere
a CUTOFF LINK ON/OFF per interrompere il legame tra CUTOFF e
CUTOFF 2. In questo caso le due
manopole CUTOFF e CUTOFF 2 sono
controlli di taglio indipendenti per
i Filter 1 e 2, rispettivamente.
FILT 1 MODE & FILT 2 MODE Seleziona il modo operativo del filtro
indicato:

 LP il filtro passa basso sopprime


le frequenze pi acute della frequenza di CUTOFF (vedi il relativo
paragrafo) e permette il passaggio
delle frequenze pi basse.

116 14
I Parametri

 HP il filtro passa alto funziona


in modo opposto al filtro passa
basso: sopprime le frequenze pi
basse di un segnale e permette il
passaggio delle frequenze pi
acute.

 BP il filtro passa banda sop-

pendenza per un totale di un filtro


a quattro poli (24dB).

 SER-6 I filtri sono collegati in


serie; il Filter-1 ha quattro poli
(24dB), il Filter-2 ha due poli (12dB)
per cui la pendenza totale equivale
a sei poli (36dB).

prime entrambe le estremit dello


spettro tonale e permette il passaggio di una banda ristretta del
suono originale.

parallelo ed hanno due poli


ognuno (12dB).

 BS il filtro a reiezione di banda

 SPLIT I filtri sono collegati in

o notch funziona in modo opposto


al filtro passa banda. Permette il
passaggio delle frequenze del
segnale, ad eccezione di una banda
ristretta di frequenze attorno alla
frequenza di cutoff. Il termine
notch (tacca) sufficientemente
descrittivo; si pu dire che questo
filtro ritagli una tacca nello spetto
del suono.

parallelo ed hanno due poli


ognuno (12dB). Inoltre, ricevono
segnali in ingresso indipendenti
(pi avanti ci spiegheremo meglio).
La posizione stereo dei segnali pu
essere anche manipolata col parametro TWIN MODE PAN SPREAD
(vedi il relativo paragrafo) nel
menu EDIT.
Indipendentemente dallopzione
FILTER ROUTING scelta, lo stadio
SATURATION si trova sempre a valle
del Filter-1.

FILTER ROUTING Questa caratteristica offre quattro opzioni di collegamento dei filtri che permettono
di far funzionare i filtri in serie o in
parallelo:

 SER-4 I filtri sono collegati in


serie; con due poli ognuno (12dB),
entrambi i filtri hanno la stessa

 PAR-4 I filtri sono collegati in

ACCESS VIRUS OS4 117


Filter Pannello

FILT 1 SELECT & FILT 2 SELECT Questa caratteristica di controllo viene


usata per allocare le tre manopole
RESONANCE, ENV AMOUNT e KEY
FOLLOW al primo filtro, al secondo
filtro o ad entrambi. Le assegnazioni correntemente attive sono
indicate dai LED integrati. Per controllare entrambi i filtri simultaneamente tramite le manopole,
dovete prima premere simultaneamente entrambi i tasti. SELECT si
riferisce alle manopola corrispondente posta sul Virus, ma non ai
parametri del suono che questa
controlla. Questi parametri sono
separati in entrambi i filtri, indipendentemente dallimpostazione SELECT. Ecco perch per
esempio dovreste controllare la
risonanza dei rispettivi filtri tramite Controller MIDI differenti. In
realt SELECT determina solo se la
manopola in questione invia il suo
valore al primo filtro, al secondo o
ad entrambi.

ATTACK Determina la quantit di


tempo necessario per linviluppo
del filtro per giungere sino al livello
massimo. Pi altro il valore di
ATTACK, pi tempo necessario
allinviluppo per raggiungere il
volume massimo dopo linizio di
una nota.
DECAY Determina la quantit di
tempo necessario per linviluppo
del filtro per abbassarsi. Pi alto il
valore di DECAY, pi tempo necessario allinviluppo per scendere dal
suo livello di picco al valore
SUSTAIN.

SUSTAIN Determina un livello


variabile per linviluppo del filtro a
cui restare dopo la fine della fase di
DECAY (vedi il relativo paragrafo).
La durata della fase SUSTAIN
dipende dal valore TIME (vedi il
relativo paragrafo).

118 14
I Parametri

TIME Imposta il parametro bipolare del tempo per linviluppo del


filtro. Determina la risposta
dellinviluppo una volta che ha raggiunto la fase SUSTAIN (vedi il relativo paragrafo): se la manopola in
posizione centrale (ore 12) indicata
dal simbolo matematico di infinito,
il livello SUSTAIN resta costante
fino alla fine della nota; se la ruotate in senso antiorario verso sinistra (verso FALL), allora il livello si
abbassa con velocit crescente
verso il livello minimo; se ruotate
la manopola in senso orario verso
destra (verso RISE), il livello si alza
con velocit crescente verso il
livello massimo.
RELEASE Determina la velocit con
cui il volume dellinviluppo del filtro si riduce alla fine della nota. Pi
elevato il valore di DECAY, pi
tempo necessario allinviluppo
per passare dal suo livello corrente
al livello minimo, quando viene
rilasciato il tasto.

MENU FILTER-EDIT
SATURATION CURVE Lo stadio
SATURATION nella sezione del filtro, offre una selezione di differenti
caratteristiche di saturazione o
distorsione. Potete usarle per
aggiungere armonici al suono.
Inoltre, siete liberi di alterare radicalmente i suoni usando ulteriori
effetti DSP. Lintensit della distorsione o degli effetti DSP pu essere
variata considerevolmente tramite
la seconda met dellintervallo di
controllo di OSC VOL. Per le curve di
distorsione, questo intervallo di
intensit equivalente ad un
aumento di guadagno di 12 decibel, e nel caso della curva Digital
ad un guadagno di 24 decibel. Una
caratteristica speciale dello stadio
SATURATION del Virus che, nonostante il suo guadagno venga
incrementato, il livello del segnale
resta costante grazie ad OSC VOL,
cos che cambi solo il colore o timbro del suono.
Lo stadio SATURATION si trova sempre dopo (a valle) il Filter-1 indipendentemente dallindirizzamento
del filtro. Di conseguenza, quando i

ACCESS VIRUS OS4 119


Menu Filter-Edit

filtri sono in serie, lo stadio SATURATION si trova sempre in mezzo ai


due filtri. Potete perci filtrare il
segnale delloscillatore in modo
convenzionale col primo filtro,
distorcere il segnale, e processare il
segnale distorto tramite il secondo
filtro come preferite.
La sezione Effetti del Virus ha un
ulteriore modulo di distorsione
chiamato DISTORTION. Il suo
design identico a quello di SATURATION, ad eccezione di una differenza sostanziale: mentre
SATURATION agisce su ogni voce
separatamente, DISTORTION processa tutte le voci insieme nella
sezione effetti. Ci crea unenorme
differenza timbrica.
Diamo unocchiata ai modi di
SATURATION:

 OFF Il segnale non viene processato.

 LIGHT, SOFT, MIDDLE, HARD


Differenti curve di distorsione analogica con caratteristiche ed intensit differenti.

 DIGITAL Distorsione digitale

con forte clipping.

 SHAPER Curva dalle caratteristiche sinusoidali con molti cicli


dellonda. Con Shaper, potete
distorcere drasticamente i segnali.
In certi casi, i risultati sono simili
allo spettro delle modulazioni di
frequenza lineari.

 RECTIFIER Raddrizzamento continuo del segnale; questo tipo di


distorsione indipendente dal
livello fornito.

 BITREDUCER Riduzione continua del numero di bit del segnale


digitale; genera rumore di quantizzazione digitale.

 RATEREDUCER Riduzione continua della frequenza di campionamento digitale; genera aliasing


digitale.

 RATE+FLW Il RateReducer con


keyfollow: la frequenza di campionamento segue lintonazione delle
note eseguite.

 LOWPASS Filtro passabasso ad


1-polo per processare moderatamente le frequenze acute.

120 14
I Parametri

 LOW+FLW Il filtro passabasso


con keyfollow; la cutoff frequency
segue lintonazione delle note eseguite.

 HIGHPASS Filtro passa-alto ad


1-polo per processare moderatamente le frequenze basse.

Filter-1 ENV POLARITY Alterna tra


ENV AMOUNT positive (POS) e
negative (NEG) per il Filter-1 (vedi il
relativo paragrafo).
01111111111111111112

1 Filter-1
EnvPolarity Pos
61111111111111111154

 HIGH+FLW Il filtro passa-alto


con keyfollow; la cutoff frequency
segue lintonazione delle note eseguite.
Vogliamo sottolineare che la quantit di distorsione, lintensit degli
effetti DSP, e le frequenze di cutoff
del filtro a 1- polo vengono controllate tramite la manopola OSC VOL.
01111111111111111112

1 SATURATION
Curve
Off
61111111111111111154

FILTER-2 ENV POLARITY Alterna tra


ENV AMOUNT positive (POS) e
negative (NEG) per il Filter-2 (vedi il
relativo paragrafo).
FILTER-2 CUTOFF LINK Alterna la
manopola e il parametro CUTOFF 2
(vedi il relativo paragrafo) tra due
modi operativi:

 ON In questo modo, CUTOFF 2


funzione relativamente al valore
della manopola CUTOFF invece che
in modo assoluto (OFFSET): la cutoff
frequency del secondo filtro come per il primo filtro - determinata dal valore CUTOFF. Potete per
ottenere un scostamento (deviazione relativa ascendente o discendente) della frequenza con la
manopola CUTOFF 2. Nella posizione
centrale (ore 12) di CUTOFF 2, le frequenze dei due filtri sono identiche.

ACCESS VIRUS OS4 121


Menu Filter-Edit

 OFF Ora, le manopole CUTOFF e

CUTOFF 2 non sono pi legate tra


loro, e CUTOFF 2 agisce in modo
assoluto nellintervallo di controllo
da 0 a 127. In questo caso le manopole CUTOFF e CUTOFF 2 sono due
controlli indipendenti che determinano le rispettive cutoff frequency dei Filter-1 e 2.

CUTOFF LINK si riferisce esclusivamente alla manopola CUTOFF 2 e al


parametro corrispondente. CUTOFF
2 non ha influenza sugli altri parametri del secondo filtro.
01111111111111111112

1 FILTER-2
CutoffLink

On

61111111111111111154

KEYFOLLOW BASE Determina la


nota di base per il KEYFOLLOW del
filtro: quando premete il tasto
selezionato qui, la frequenza del
filtro determinata manualmente
ha la priorit - cio non viene
influenzata in alcun modo - indipendentemente dallimpostazione KEY FOLLOW (vedi il relativo
paragrafo) dei filtri. Con laumento
dellintervallo tra il valore KEYFOLLOW BASE e i tasti che avviene spostandosi verso la parte pi acuta
della tastiera, linfluenza di KEY
FOLLOW aumenta conformemente. KEYFOLLOW BASE
influenza entrambi i filtri simultaneamente.
01111111111111111112

1 FILTERS
KeyflwBase

C1

61111111111111111154

122 14
I Parametri

AMPLIFIER
ATTACK Determina la quantit di
tempo necessario per linviluppo
dellamplificatore per giungere
sino al livello massimo. Pi alto il
valore di ATTACK, pi tempo
necessario allinviluppo per raggiungere il volume massimo dopo
linizio di una nota.
DECAY Determina la quantit di
tempo necessario per linviluppo
dellamplificatore per abbassarsi.
Pi alto il valore di DECAY, pi
tempo necessario allinviluppo
per scendere dal suo livello di picco
al valore SUSTAIN.
SUSTAIN Determina un livello
variabile per linviluppo dellamplificatore a cui restare dopo la fine
della fase di DECAY (vedi il relativo
paragrafo). La durata della fase
SUSTAIN dipende dal valore TIME
(vedi il relativo paragrafo).

TIME Imposta il parametro bipolare del tempo per linviluppo


dellamplificatore. Determina la
risposta dellinviluppo una volta
che ha raggiunto la fase SUSTAIN
(vedi il relativo paragrafo): se la
manopola in posizione centrale
(ore 12) indicata dal simbolo matematico di infinito, il livello SUSTAIN
resta costante fino alla fine della
nota; se la ruotate in senso antiorario verso sinistra (verso FALL),
allora il livello si abbassa con velocit crescente verso il livello
minimo; se ruotate la manopola in
senso orario verso destra (verso
RISE), il livello si alza con velocit
crescente verso il livello massimo.
RELEASE Determina la velocit con
cui il volume dellinviluppo
dellamplificatore si riduce alla fine
della nota. Pi elevato il valore di
DECAY, pi tempo necessario
allinviluppo per passare dal suo
livello corrente al livello minimo,
quando viene rilasciato il tasto.

ACCESS VIRUS OS4 123


Menu Edit Principale (Common)

MENU EDIT PRINCIPALE


(COMMON)
PATCH VOLUME Volume master
memorizzabile per il programma
SINGLE. Il suo valore nominale
impostato a 100 cos da avere una
riserva di 27 incrementi di volume
quando avete a che fare con impostazioni del livello del suono eccezionalmente basse. Oltre ad usare
PATCH VOLUME, potete anche controllare il livello via MIDI usando i
controller #7 (Channel Volume) e
#11 (Expression). Per, questi non
vengono salvati col programma
SINGLE. In MULTI MODE, potete
anche accedere a PART VOLUME
(vedi il relativo paragrafo), che
offre ulteriori riserve di volume
(headroom).

PANORAMA Determina la posizione nel Panorama sonoro stereofonico del programma SINGLE.
Questo Parametro pu essere
anche controllato via Midi col Controller #10 (Panorama).
01111111111111111112

1 COMMON
Panorama

+0

61111111111111111154

Second Output/Surround
La funzione SECOND OUTPUT permette di selezionare unaltra uscita
mono o stereo indipendentemente
dalle altre assegnazione di uscita.
Il bilanciamento dei livelli tra
luscita normale e questa seconda
uscita variabile in modo continuo.

01111111111111111112

1 COMMON
PatchVolume 100
61111111111111111154

SELECT Questo parametro controlla il bilanciamento dei livelli tra


luscita normale e la seconda
uscita. Questo significa che, a
seconda dellapplicazione particolare, SECOND BALANCE pu servire come manopola per la
mandata effetti quando collegato un dispositivo esterno colle-

124 14
I Parametri

gato tramite la seconda uscita (o


unaltra PART del Virus collegata
tramite i bus aux). Serve anche
come manopola avanti/dietro
quando create un segnale quadrifonico.
01111111111111111112

1 SECOND OUTPUT
SELECT
OFF
61111111111111111154

BALANCE Con questo parametro,


potete mixare individualmente i
segnali in uscita delle PART con la
seconda uscita che scegliete per
mezzo dellopzione SELECT.
Quando impostato su OFF, sentite solo luscita convenzionale;
quando impostato a 127, il
segnale indirizzato esclusivamente alla seconda uscita. I valori
intermedi determinano il bilanciamento pesato tra luscita convenzionale e la seconda uscita.
Insieme alluscita convenzionale
del suono, potete ottenere un
segnali quadrifonico adatto ad
applicazioni Surround. Usando
Panorama (sinistra, destra) e

SECOND OUTPUT Balance (avanti,


dietro), potete creare un vero mix
quadrifonico nel Virus.
La seconda uscita pu servire
anche come loop FX. In questo
caso, dovete solo collegarla
alleffetto esterno. Il parametro
Balance ora serve da manopola
della mandata effetti che determina il bilanciamento tra il
segnale diretto o dry e quello wet o
segnale delleffetto. Quando scegliete di usare uno dei bus aux
come seconda uscita, anche il bus
aux pu servire da loop FX. Potete
indirizzare il segnale aux ad una
PART e far si che la PART processi
ulteriormente questo segnale.
Se non stata selezionata alcuna
uscita per SECOND OUTPUT Select
(Off), il parametro Balance disabilitato.
01111111111111111112

1 SECOND OUTPUT
BALANCE
OFF
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 125


Menu Edit Principale (Common)

Key Mode

 MONO 4 (Single-Trigger;

Determina come il suono risponde


alle note eseguite. Potete scegliere
tra:

Legato-Glide): Il suono viene prodotto monofonicamente; quando


suonate legato, gli inviluppi vengono riavviati solo per la prima
nota e proseguono nelle loro fasi
successive quando suonate altre
note (modo Single-Trigger); il Portamento attivo solo se suonate
legato.

 POLY Il suono viene prodotto


polifonicamente.

 MONO 1 (Multi-Trigger): Il
suono viene prodotto monofonicamente. Quando suonate legato, gli
inviluppi vengono riavviati ogni
volta che suonate una nota (modo
Multi Trigger); il Portamento
sempre attivo.

 MONO 2 (Multi-Trigger; LegatoGlide): Il suono viene prodotto


monofonicamente. Quando suonate legato, gli inviluppi vengono
riavviati ogni volta che suonate
una nota (modo Multi Trigger); il
Portamento attivo solo se suonate legato.

 MONO 3 (Single-Trigger): Il
suono viene prodotto monofonicamente; quando suonate legato, gli
inviluppi vengono riavviati solo per
la prima nota e proseguono nelle
loro fasi successive quando suonate
altre note (modo Single Trigger); il
Portamento sempre attivo.

 HOLD Il suono pu essere eseguito polifonicamente. Per, le


note suonate vengono tenete da
un pedale di risonanza virtuale
anche dopo aver rilasciato i tasti.
Solo quando rilasciate tutti i tasti e
premete un nuovo tasto le note
tenute sino a quel momento vengono rilasciate.
01111111111111111112

1 COMMON
KeyMode

Poly

61111111111111111154

126 14
I Parametri

PORTAMENTO Determina il tempo


necessario affinch lintonazione
glissi dalla nota corrente alla successiva nota eseguita. Il PORTAMENTO una importante
caratteristica del KEY MODE (vedi il
paragrafo sopra); i due sono in
stretta relazione.
01111111111111111112

1 COMMON
portamento

BEND DOWN Determina lintervallo di alterazione dellintonazione quando spostate la leva del
Pitch Bender verso il basso sino al
massimo. Intervallo di controllo: 64 semitoni a +63 semitoni.
01111111111111111112

1 COMMON
BendDown

-2

61111111111111111154

61111111111111111154

BEND UP Determina lintervallo di


alterazione dellintonazione
quando spostate la leva del Pitch
Bender verso lalto sino al massimo. Intervallo di controllo: da -64
semitoni a +63 semitoni.
01111111111111111112

1 COMMON
BendUp

+2

61111111111111111154

BEND SCALE Determina la forma


della curva che a sua volta determina leffetto dei dati di Pitch
Bend. Potete scegliere tra:

 LIN Partendo dal valore 0, (posizione centrale) il pitch bend lineare. In altre parole, alzando
lintonazione sino alla met
dellintervallo massimo della leva
del pitch bend, lintervallo che sentite equivale esattamente alla
met del valore che impostate per
BEND UP (vedi il paragrafo sopra).

 EXP Partendo dal valore 0,


(posizione centrale) il pitch bend
esponenziale - allinizio il bend
graduale ed allontanandovi dalla
posizione centrale, lintonazione

ACCESS VIRUS OS4 127


Menu Edit Principale (Common)

viene alterata ancor pi radicalmente. In questo modo potete


ottenere leggere fluttuazioni
dellintonazione, per esempio un
vibrato manuale, a patto che manteniate un tocco leggero, ed avere
ancora la possibilit di generare
intervalli maggiori grazie allincremento esponenziale dellintervallo.
01111111111111111112

1 COMMON
BendScale

Exp

61111111111111111154

SMOOTH MODE Questo un modo


adaptive parameter smoothing
(Adaptive Control Smoothing). Troverete una spiegazione dettagliata di questo parametro in Il
Virus e i Sequencer a pagina 213.
Avete le seguenti opzioni tra cui
scegliere:

 OFF LAdaptive Control Smoothing disabilitato e i cambiamenti dei parametri avvengono in


incrementi, senza leffetto di linearit generato dellAdaptive Control
Smoothing.

 ON LAdaptive Control Smo-

othing abilitato e i cambiamenti


dei parametri sono lineari.

 AUTO LAdaptive Control Smoothing analizza le caratteristiche


dei cambiamenti del parametro in
ingresso li esegue in modo continuo (lineare) o in modo incrementale.

 NOTE LAdaptive Control Smoothing viene eseguito continuamente (transizioni lineari), ma


salta a gradini quando viene suonata una nuova nota.
01111111111111111112

1 COMMON
SmoothMode

On

61111111111111111154

Modo Unison
Determina quante voci usa il Virus
per riprodurre la nota eseguita. In
due parole, determina quanto
risulta grasso o grosso il suono.
Quando attivate il modo UNISON
per un suono, pu essere comunque eseguito polifonicamente.
Per, a seconda del numero di voci
impostate, la sua polifonia viene
naturalmente ridotta considerevol-

128 14
I Parametri

mente in modo UNISON. Limpostazione pi efficiente e standard


UNISON mode = Twin, dove suonando due voci per ogni nota.
Nella posizione OFF, suona una
voce per nota.
01111111111111111112

1 UNISON
Mode

Twin

61111111111111111154

opzione di FILTER ROUTING (maggiori informazioni nel paragrafo


FILTER ROUTING). Cos questa
opzione viene abilitata indipendentemente dal fatto che il modo
UNISON sia attivo o meno. Questa
caratteristica permette di creare
un suono stereo con una sola voce.
01111111111111111112

1 UNISON
PanSpread

127

61111111111111111154

DETUNE Scorda leggermente tra


loro le voci utilizzate nel modo
UNISON.
01111111111111111112

1 UNISON
Detune

48

61111111111111111154

PAN SPREAD Crea un panorama


stereo delle voci utilizzate nel
modo UNISON. Usatelo insieme al
UNISON DETUNE per creare intensi
effetti stereo.
Inoltre, PAN SPREAD permette di
allargare il panorama stereo dei
due oscillatori o filtri, a condizione
che selezioniate SPLIT come

UNISON LFO PHASE Sposta le fasi


delle due voci del TWIN MODE
degli LFO in modo relativo. Questo
effetto ravviva la modulazione.
Lintervallo di valori da -64 a +63
equivalente a quello tra -180 e
+180 gradi. LFO PHASE si riferisce a
tutti gli LFO e non modifica la
risposta di fase degli LFO
allinterno di ognuna delle due
voci.

ACCESS VIRUS OS4 129


Assign

PUNCH INTENSITY Qui potete


influenzare lattacco dellinviluppo
dellamplificatore per migliorare il
suono con un effetto di maggior
percussivit. Potreste aver indovinato che PUNCH INTENSITY determina lintensit di questo effetto.
PUNCH effettivo solo quando
avete impostato valori di ATTACK
piuttosto brevi per linviluppo
dellamplificatore.
01111111111111111112

1 PUNCH
Intensity

64

61111111111111111154

ASSIGN
Le tre opzioni di ASSIGN vi permettono di controllare sino a sei destinazioni di modulazione tramite un
massimo di tre sorgenti di modulazione. Basta andare in ASSIGN,
selezionare una delle sorgenti di
modulazione (SOURCE) e una o pi
destinazioni di modulazione
(DESTINATION). Ognuna di queste
configurazioni ha un parametro
che determina lintensit di modulazione (AMOUNT). ASSIGN 1 pu
controllare una destinazione di
modulazione, ASSIGN 2 pu controllarne due e ASSIGN 3 pu controllare tre destinazioni di
modulazione, ognuna con
AMOUNT indipendenti.
Per SOURCE, potete avere due tipi
differenti di sorgenti di modulazione tra cui scegliere. Il primo tipo
comprende i controller MIDI
esterni come una modulation
wheel o un breath controller. Li
chiamiamo performance controller (controlli esecutivi) per distinguerli dai parametri dei suoni
come CUTOFF e REVERB a cui si pu
accedere direttamente tramite
controller MIDI. (Bench a rigor di

130 14
I Parametri

logica siano dispositivi incorporati,


le modulation wheel del Virus kb e
Virus indigo sono considerate
anche come controller MIDI esterni
poich non sono realmente parti
che compongono il sistema di
generazione sonora).
Il secondo tipo comprende i modulatori interni del sistema di generazione sonora, per esempio, LFO e
inviluppi. Questi hanno anche
assegnazioni di modulazione fisse
(LFO AMOUNT, ENV AMOUNT), ma
solo disponibili liberamente
insieme alla Modulation Matrix.
Diamo unocchiata alle sorgenti di
modulazione interne:

 AMPENV & FILTENV Linviluppo corrispondente la sorgente


di modulazione.

 LFO1, LFO2, LFO3 LLFO corrispondente la sorgente di modulazione.

 VELOON La note on velocity


(velocit con cui abbassate il tasto)
la sorgente di modulazione.

 VELOOFF La note off velocity


(velocit con cui rilasciate il tasto)

la sorgente di modulazione. Poich la note off velocity conosciuta solo quando rilasciate il
tasto, qui, il VIRUS usa la note on
velocity mentre il tasto viene
tenuto abbassato. Perci qui sono
attive entrambe: note on- e off
velocity.

 KEYFLW Il note number, cio


lintonazione, viene usato come
sorgente di modulazione (Keyfollow)

 RANDOM Qui viene usato


come sorgente di modulazione un
numero casuale che resta attivo
per lintera durata della nota.
Lintervallo di controllo della sorgente pu essere limitato tramite i
valori AMOUNT o invertito cos che
la modulazione avvenga solo
allinterno dellintervallo di valori
desiderato per il parametro di
destinazione. Per i parametri di
destinazione, potete scegliere virtualmente qualsiasi parametro del
suono che abbia un intervallo di
controllo variabile in modo continuo perci, avete oltre 100 destinazioni di modulazione a vostra
disposizione.

ACCESS VIRUS OS4 131


Assign

Se non avete selezionato una sorgente per una delle opzioni


ASSIGN (SOURCE = OFF), i parametri subordinati non vengono visualizzati.
Oltre alle tre opzioni ASSIGN,
linterfaccia utente offre come
spiegato prima una destinazione
di modulazione definibile liberamente per LFO 1 e 2 chiamata
ASSIGN.

ASSIGN 1 DESTINATION Seleziona


la destinazione di modulazione per
la prima assegnazione della modulazione.
01111111111111111112

1 ASSIGN 1
Dest
Panorama
61111111111111111154

Controlla lintensit della prima


modulazione assegnata.
01111111111111111112

1 ASSIGN 1
Amount
+10
Trovate una lista delle SOURCE e
delle DESTINATION disponibili
nellappendice. (vedi Appendice
a pagina 251).
ASSIGN 1 SOURCE Seleziona la sorgente di modulazione per la prima
assegnazione della modulazione.
01111111111111111112

1 ASSIGN 1
Source ChanPres

61111111111111111154

ASSIGN 2 SOURCE Seleziona la sorgente di modulazione per la


seconda assegnazione della modulazione.
ASSIGN 2 DESTINATION 1 Seleziona la prima destinazione di
modulazione per la seconda assegnazione della modulazione.

61111111111111111154

ASSIGN 2 AMOUNT 1 Controlla


lintensit della seconda assegnazione della modulazione per la
prima destinazione di modulazione.

132 14
I Parametri

ASSIGN 2 DESTINATION 2 Seleziona la seconda destinazione di


modulazione per la seconda assegnazione della modulazione.

ASSIGN 3 DESTINATION 2 Seleziona la seconda destinazione di


modulazione per la terza assegnazione della modulazione.

ASSIGN 2 AMOUNT 2 Controlla


lintensit della seconda assegnazione della modulazione per la
seconda destinazione di modulazione.

ASSIGN 3 AMOUNT 2 Controlla


lintensit della terza assegnazione della modulazione per la
seconda destinazione di modulazione.

ASSIGN 3 SOURCE Seleziona la sorgente di modulazione per la terza


assegnazione della modulazione.

ASSIGN 3 DESTINATION 3 Seleziona la terza destinazione di


modulazione per la terza assegnazione della modulazione.

ASSIGN 3 DESTINATION 1 Seleziona la prima destinazione di


modulazione per la terza assegnazione della modulazione.
ASSIGN 3 AMOUNT 1 Controlla
lintensit della terza assegnazione della modulazione per la
prima destinazione di modulazione.

ASSIGN 3 AMOUNT 3 Controlla


lintensit della terza assegnazione della modulazione per la
terza destinazione di modulazione.

ACCESS VIRUS OS4 133


Velocity

VELOCITY
 Oltre alle seguenti destinazioni
fisse, qualsiasi parametro pu
essere controllato tramite la velocity (dinamica) per mezzo della
Modulation Matrix (ASSIGN).
VELOCITY OSC 1 SHAPE Determina
lintensit del controllo tramite la
VELOCITY per il parametro SHAPE
del primo oscillatore (vedi il relativo paragrafo).
01111111111111111112

1 VELOCITY
Osc1Shape

+4

61111111111111111154

VELOCITY OSC 2 SHAPE Determina


lintensit del controllo tramite la
VELOCITY per il parametro SHAPE
del secondo oscillatore (vedi il relativo paragrafo).
01111111111111111112

1 VELOCITY
Osc2Shape
-10
61111111111111111154

VELOCITY PULSE WIDTH Determina lintensit del controllo tramite la VELOCITY dellampiezza
dellimpulso (vedi il relativo paragrafo) di entrambi gli oscillatori.
01111111111111111112

1 VELOCITY
PulseWidth +20
61111111111111111154

VELOCITY FM AMOUNT Determina


lintensit del controllo tramite la
VELOCITY della modulazione di frequenza.
01111111111111111112

1 VELOCITY
FmAmount
+32
61111111111111111154

VELOCITY FILT 1 ENV AMT Determina lintensit del controllo tramite la VELOCITY per la
modulazione della cutoff frequency del Filter-1 che avviene per
mezzo dellinviluppo del filtro.
01111111111111111112

1 VELOCITY
Filt1EnvAmt

+4

61111111111111111154

134 14
I Parametri

VELOCITY FILT 2 ENV AMT Determina lintensit del controllo tramite la VELOCITY per la
modulazione della cutoff frequency del Filter-2 che avviene per
mezzo dellinviluppo del filtro.
01111111111111111112

1 VELOCITY
Osc2Shape
-20
61111111111111111154

VELOCITY RESONANCE 1 Determina lintensit del controllo tramite la VELOCITY della risonanza
del Filter-1.
01111111111111111112

1 VELOCITY
Resonance1 +30
61111111111111111154

VELOCITY RESONANCE 2 Determina lintensit del controllo tramite la VELOCITY della risonanza
del Filter-2.
01111111111111111112

1 VELOCITY
Resonance2

+0

61111111111111111154

VELOCITY VOLUME Determina


lintensit del controllo del volume
tramite la VELOCITY.
01111111111111111112

1 VELOCITY
Volume
+20
61111111111111111154

VELOCITY PANORAMA Determina


lintensit del controllo tramite la
VELOCITY della posizione stereofonica (Pan).
01111111111111111112

1 VELOCITY
Panorama
+30
61111111111111111154

Il Menu CTRL

136 15
Il Menu CTRL

COMMON
CLOCK TEMPO Il Virus dotato di
un generatore di clock globale, che
vi permette di sincronizzare gli
LFO, gli arpeggiatori e il delay ad
un tempo e ritmo della song
comuni. Il generatore di clock funziona sia internamente con una
velocit variabile liberamente o
pu, invece, essere sincronizzato al
MIDI clock di un sequencer
esterno. Questa sincronizzazione
avviene automaticamente quando
il dispositivo riceve un segnale di
clock MIDI tramite la sua presa
MIDI In. Potete variare la velocit
del generatore di clock nellintervallo che va da 63 a 190 BPM (beats
per minute - movimenti al minuto)
tramite il CLOCK TEMPO. Quando il
dispositivo sincronizzato al clock
MIDI, il generatore di clock accetta
automaticamente la velocit
imposta dal sequencer collegato;
limpostazione del tempo interna
in questo caso non significativa e
viene perci disabilitata. Le singole sezioni del Virus sono sincronizzate al generatore di clock a
intervalli ritmici come 1/16, 1/4 e
cos via. Questi valori sono asse-

gnati individualmente per ogni


sezione. (ARPEGGIATOR CLOCK,
CLOCK LFO 1, CLOCK LFO 2, CLOCK
LFO 3, DELAY CLOCK, vedi le rispettive sezioni).
01111111111111111112

1 CLOCK
Tempo (bpm) 120
61111111111111111154

In SINGLE MODE, il CLOCK TEMPO


appartiene al SINGLE PROGRAM
corrente ed memorizzato al suo
interno. In MULTI MODE, le impostazioni CLOCK TEMPO dei SINGLE
PROGRAM coinvolti vengono ignorati. Invece, tutti i SINGLE PROGRAM coinvolti vengono
controllati dallo stesso generatore
di clock. Il suo CLOCK TEMPO viene
salvato nel MULTI PROGRAM (come
le impostazioni delleffetto di delay
globale). Questa caratteristica vi
permette di controllare gli LFO e gli
arpeggiatori di pi MULTI PART in
un contesto ritmico comune.
Una piccola c appare nel display
quando il Virus riceve dati di Clock
MIDI.

ACCESS VIRUS OS4 137


LARPEGGIATORE

Se siete certi di NON volere che il


dispositivo sia sincronizzato automaticamente al clock MIDI, impostate MIDI CLOCK RX su Off (nel
menu CTRL).
Per evitare confusioni, ricordate
che il Clock MIDI non la stessa
cosa del Time Code MIDI.
Questultimo non ha per nulla a
che fare col tempo metronomico,
ma con informazioni relative al
tempo che sono strutturate in ore,
minuti, secondi, etc., inutili in questo contesto.

LARPEGGIATORE
ARPEGGIATOR MODE Seleziona il
modo operativo dellArpeggiatore.
Potete scegliere tra:

 OFF LArpeggiatore inattivo.


 UP Le note che tenete premute
sono arpeggiate in ordine ascendente.

 DOWN Le note che tenete premute sono arpeggiate in ordine


discendente.

 UP & DOWN Le note che tenete


premute sono arpeggiate alternativamente in ordine ascendente e
discendente.

 AS PLAYED Le note che tenete


premute sono arpeggiate nella
sequenza in cui sono state eseguite. possibile far continuare
lArpeggiatore col pedale di risonanza.

 RANDOM Le note che tenete


premute sono arpeggiate in una
sequenza casuale.

138 15
Il Menu CTRL

 CHORD PLAYS Le note vengono


eseguite come accordi.
01111111111111111112

1 ARPEGGIATOR
Mode
AsPlayed
61111111111111111154

ARPEGGIATOR OCTAVES Controlla


la trasposizione verso lalto degli
arpeggi in unit di ottava. Intervallo di controllo: 1 - 4 ottave.
01111111111111111112

1 ARPEGGIATOR
Octaves
2
61111111111111111154

ARPEGGIATOR CLOCK Questo parametro determina il tempo di base


dellArpeggiatore in riferimento al
generatore di clock. Limpostazione
standard 1/8 e normalmente non
necessario cambiarla. Il tempo
effettivo determinato dal generatore di clock globale, la cui velocit
pu essere variata tramite il CLOCK
TEMPO (vedi il paragrafo sul CLOCK
TEMPO). Inoltre, il generatore di
clock sincronizzabile al Clock
MIDI esterno.
Il valore 1/4 dimezza la velocit
dellArpeggiatore; 1/16 la raddoppia. Altre posizioni di CLOCK creano suddivisioni ritmiche piuttosto
esotiche rispetto al tempo del
generatore di clock.
01111111111111111112

1 Arpeggiator
Clock
1/16
61111111111111111154

ARPEGGIATOR HOLD Attivando


questo parametro, larpeggiatore
continua a suonare anche dopo
aver rilasciato i tasti. Per interromperlo dovete rilasciare tutti i tasti e
suonare una nuova nota.
01111111111111111112

1 ARPEGGIATOR
Hold
Off
61111111111111111154

ARPEGGIATOR PATTERN Questo


parametro seleziona uno dei pattern ritmici per lArpeggiatore.
01111111111111111112

1 ARPEGGIATOR
Pattern
2
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 139


LARPEGGIATORE

ARPEGGIATOR NOTE LENGTH Questo parametro cambia la durata


delle note del pattern ritmico. La
posizione centrale lascia intatte le
note. Valori positivi le allungano e
valori negativi le accorciano
rispetto alle durate originali.

Col valore massimo, 75%, la durata


di una nota da 1/8 viene divisa con
un fattore di 3:1. Le note da 1/16
dispari vengono allungate diventando note da 1/16 puntate, le note
da 1/16 pari vengono accorciate
diventando note da 1/32.

01111111111111111112

01111111111111111112

1 ARPEGGIATOR
NoteLength
+10

1 ARPEGGIATOR
Swing
50.0%

61111111111111111154

61111111111111111154

ARPEGGIATOR SWING Questo


parametro controlla il fattore di
swing dei pattern ritmici. Elevati
valori di SWING ritardano i movimenti pari o in levare; cio, le
seconde note da 1/16. Ci da al
ritmo una sensazione di swing.

 Allinterno della lista, trovate dei

Quando SWING impostato al


minimo (50%), lintervallo tra i singoli movimenti in sedicesimo
identico, e la durata di una nota da
1/8 viene divisa in due movimenti
identici; in altre parole, il ritmo
binario.
Al 66%, il ritmo ternario, la
durata di una nota da 1/8 viene
divisa con un fattore di 2:1.

punti di riferimento, come 16A-16F,


presi dalla serie Logic Audio di Emagic.

 Ogni pattern dellarpeggiatore


contiene informazioni sulla note
velocity (dinamica) che rendono pi
compiuto il significato ritmico del
pattern. La velocity dellarpeggiatore sostituisce completamente la
velocity delle note. Nel caso
vogliate assegnare la velocity ad un
certo parametro, basta usare la
Modulation Matrix.

140 15
Il Menu CTRL

DEFINABLE 1 / DEFINABLE 2
Il Virus dotato di due manopole
che, invece di essere dedicate a
compiti predefiniti, possono essere
assegnate a parametri differenti
da voi. Questa opzione molto
utile, perch vi permette di controllare direttamente i molti parametri dei menu che non hanno una
manopola dedicata.
Queste manopole DEFINABLE agiscono in tre modi differenti:

DEFINABLE MODES
 GLOBAL La manopola controlla il parametro che avete impostato su Global nel menu
DEFINABLE indipendentemente
dalle altre impostazioni e dal programma SINGLE selezionato.

 SINGLE La manopola controlla il


parametro che avete impostato su
Single nel menu DEFINABLE. Limpostazione di questo parametro contenuta nel programma SINGLE e
viene richiamata ogni qual volta

selezionate questo programma. Se,


per, non avete selezionato un parametro per questo programma (DEFINABLE Single = OFF), viene abilitata
automaticamente limpostazione
DEFINABLE Global.

 MIDICONTRL Qui viene trasmesso il controller number


immesso nel menu DEFINABLE
MIDI indipendentemente dalle
altre impostazioni e dal programma SINGLE selezionato. Comparabile ad un fader MIDI, questo
modo viene usato per controllare i
dispositivi MIDI collegati. Sappiate
che questa informazione non viene
elaborata internamente nel Virus.
Limpostazione del modo DEFINABLE globale. In circostanze normali, dovreste impostare
DEFINABLE mode su Single poich questo il modo pi versatile.
Quando selezionate un suono SINGLE il cui DEFINABLE mode impostato su Single, viene abilitata
naturalmente questa impostazione. Altrimenti, viene abilitato il
modo Global DEFINABLE.
01111111111111111112

1 DEFINABLES
Mode
Single
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 141


DEFINABLE 1 / DEFINABLE 2

DEFINABLE 1 SINGLE Qui effettuate lassegnazione del parametro alla manopola DEFINABLE 1.
Questa impostazione fa parte del
SINGLE PROGRAM corrente e viene
memorizzata con esso. Limpostazione attiva solo quando DEFINABLE 1 MODE impostato su SINGLE.
Quando DEFINABLE 1 SINGLE OFF,
viene attivata la pagina di display
dellimpostazione DEFINABLE 1
GLOBAL.
01111111111111111112

1 DEF 1 SINGLE
DelayTime (ms)
61111111111111111154

DEFINABLE 1 GLOBAL Qui effettuate lassegnazione del parametro alla manopola DEFINABLE 1. Il
valore resta valido indipendentemente dal SINGLE PROGRAM correntemente selezionato.
Limpostazione attiva solo
quando DEFINABLE 1 MODE
impostato su GLOBAL o SINGLE;
bench nellultimo caso DEFINA-

BLE 1 SINGLE nel SINGLE PROGRAM


corrente debba essere su OFF affinch limpostazione sia attivata.
01111111111111111112

1 DEF 1 GLOBAL
ClockTempo
61111111111111111154

DEFINABLE 1 MIDI Qui effettuate


lassegnazione del parametro alla
manopola DEFINABLE 1. Il Controller viene trasmesso dalla MIDI Out
per controllare un dispositivo MIDI
collegato. Limpostazione attiva
solo quando DEFINABLE 1 MODE
impostato su MIDI.
DEFINABLE 2 MODE Uguale a DEFINABLE 1; vedi il paragrafo sopra.
DEFINABLE 2 SINGLE Uguale a
DEFINABLE 1; vedi il paragrafo
sopra.
DEFINABLE 2 GLOBAL Uguale a
DEFINABLE 1; vedi il paragrafo
sopra.

142 15
Il Menu CTRL

DEFINABLE 2 MIDI Uguale a DEFINABLE 1; vedi il paragrafo sopra.

PARAMETRI MULTI
MODE

 I seguenti parametri nel menu


CTRL vengono descritti pi dettagliatamente nella sezione Parametri Global / Parametri Midi /
Parametri System. Questi agiscono
globalmente e sono sempre accessibili nel menu CTRL indipendentemente dal modo operativo.

 Ricordate che i parametri relativi


a PART e/o MULTI descritti di
seguito sono disponibili solo in
modo MULTI.
SELECT BANK Attiva il banco per il
SINGLE PROGRAM della PART corrente.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
SelectBank
B
61111111111111111154

SELECT NUMBER Attiva un SINGLE


PROGRAM per la PART corrente.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
SelctNumber 36
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 143


Parametri MULTI MODE

PART TRANSPOSE Traspone la PART


in intervalli di semitono.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
PartTransp +0
61111111111111111154

PART DETUNE Accordatura fine


della PART.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
PartDetune +10
61111111111111111154

PART VOLUME Controlla il livello di


volume della PART. Oltre alla PATCH
VOLUME (nel menu EDIT, vedi il
paragrafo relativo), MIDI Volume
(Controller #7) e Expression (Controller #11), PART VOLUME la
quarta opzione per determinare il
livello di volume di una PART in un
programma MULTI. Ricordate che
PART VOLUME un parametro
bipolare: nella met negativa
dellintervallo di controllo (da -64 a
0) il livello del segnale viene controllato nel modo normale - cio il
suono va scomparendo allincremento del numero negativo; dal
valore centrale in su (da 0 a +63), i
segnali ad un livello estremamente
basso vengono amplificati. Impostando valori maggiori di 0 per i
suoni gi forti, potreste avvertire
unindesiderabile distorsione digitale.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
PartVolume
+0
61111111111111111154

144 15
Il Menu CTRL

OUT 1 L

La presa sinistra della doppia Uscita 1 (mono)

OUT 1 L+R

Entrambe le prese della doppia Uscita 1 (stereo)

OUT 1 R

La presa destra della doppia Uscita 1 (mono)

OUT 2 L

La presa sinistra della doppia Uscita 2 (mono)

OUT 2 L+R

Entrambe le prese della doppia Uscita 2 (stereo)

OUT 2 R

La presa destra della doppia Uscita 2 (mono)

OUT 3 L

La presa sinistra della doppia Uscita 3 (mono)

OUT 3 L+R

Entrambe le prese della doppia Uscita 3 (stereo)

OUT 3 R

La presa destra della doppia Uscita 3 (mono)

AUX 1 L

Il canale sinistro del bus Aux 1 (mono) interno

AUX 1 L+R

Entrambi i canali del bus Aux 1 (stereo) interno

AUX 1 R

Il canale destro del bus Aux 1 (mono) interno

AUX 2 L

Il canale sinistro del bus Aux 2 (mono) interno

AUX 2 L+R

Entrambi i canali del bus Aux 2 (stereo) interno

AUX 2 R

Il canale destro del bus Aux 2 (mono) interno

01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
OutSel Out1 L+R
61111111111111111154

Se luscita selezionata monofonica, le impostazioni Panorama e le


modulazioni nel programma
sonoro sono inattive.

ACCESS VIRUS OS4 145


Parametri MULTI MODE

OUTPUT SELECT Quando selezionate un bus aux interno come


uscita del segnale, dovete naturalmente indirizzare il segnale di
unaltra PART a questo bus aux tramite INPUT SELECT per poter stabilire un collegamento dei segnali
delle due PART. Pi PART possono
accedere simultaneamente
alluscita esterna o ai bus aux
interni tramite OUTPUT SELECT.

MIDI CHANNEL Seleziona il canale


MIDI della PART. Se due o pi PART
sono selezionate per lo stesso
canale MIDI, queste PART suonano
simultaneamente. Ci crea la configurazione chiamata generalmente layer.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
MidiChannel
1
61111111111111111154

In SINGLE MODE, OUTPUT SELECT


non appare nel menu; in questo
caso viene preselezionato Output 1
(stereo).
PART ENABLE Imposta il modo di
ricezione MIDI di una data PART su
ON e OFF, cio abilita la ricezione
dei dati MIDI.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
Part Enable On
61111111111111111154

PRIORITY Questo parametro vi permette di controllare in che modo il


Virus ruba le note quando viene
esaurita la sua polifonia. Nella
prima posizione, LOW, le voci di
tutte PART hanno la stessa priorit
quando viene interrotta una voce
per riprodurne una nuova. Quando
impostate la Priority di una PART
su High, il Virus non interrompe
alcuna nota delle voci di questa
PART. Usate questo parametro con
parsimonia. In altre parole, se
impostate tutte le Part su High,
annullate lo scopo di questo para-

146 15
Il Menu CTRL

metro che in questo caso non ha


alcun effetto, poich la priorit di
tutte le voci uguale.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
Priority
Low

LOW KEY Determina la nota MIDI


pi bassa a cui risponde la PART.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
LowKey
C-2
61111111111111111154

61111111111111111154

KEYRANG In modo MULTI, potete


limitare lintervallo di note delle
singole PART. Usate i parametri
LowKey e HighKey per definire i
limiti inferiore e superiore
dellintervallo di note a cui
risponde la PART. Ci vi permette di
assegnare il suono di pi PART che
ricevono sullo stesso canale MIDI a
zone della tastiera differenti, per
creare i cosiddetti split.
Se, per, impostate di due parametri cos che il valore di LowKey si
trovi sopra ad HighKey, lintervallo
di note tra questi due limiti superiore ed inferiore viene disabilitato
e la PART risponde solo alle note
che si trovano sopra e sotto questa
zona.

HIGH KEY Determina la nota MIDI


pi acuta a cui risponde la PART.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
HighKey
G8
61111111111111111154

MIDI VOLUME ENABLE Attiva (ON)


e disattiva (OFF) per una data PART
la ricezione del Controller MIDI #7
(volume).
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
MidiVolume Off
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 147


Parametri MULTI MODE

HOLD PEDAL ENABLE Attiva (ON) e


disattiva (OFF) per una data PART la
ricezione dei messaggi hold pedal
(pedale di risonanza - Controller
MIDI #64).
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
HoldPedal
Ena
61111111111111111154

PRG CHG ENABLE Attiva (ON) e


disattiva (OFF) per una data PART la
ricezione dei messaggi MIDI di Program Change.
01111111111111111112

1 B36 101BASS RP
ProgChange Ena
61111111111111111154

 I seguenti gruppi di parametri


del Menu MULTI-CTRL sono gi stati
descritti nel Menu SINGLE-CTRL
(sono identici): CLOCK TEMPO, DEFINABLES-1, DEFINABLES-2, MIDI,
SYSTEM

148 15
Il Menu CTRL

Parametri del menu effetti

150 16
Parametri del menu effetti

GLI EFFETTI INTERNI


Il menu Effects contiene i parametri della sezione effetti e degli
ingressi audio (INPUT). I seguenti
effetti sono disponibili individualmente per ogni PART cio, avete
16 versioni disponibili, tutte in stereo:
RINGMODULATOR
DISTORTION
ANALOG BOOST
PHASER
CHORUS

Il vocoder e la sezione delay/riverbero sono disponibili ognuno solo


una volta, ma possono essere raggiunti individualmente dalle PART.
Nel percorso del segnale, tutti gli
effetti sono collegati in serie
secondo la sequenza del menu
Effects.

INPUT
INPUT DIRECT THRU (GLOBAL) Il
segnale stereo collegato agli
ingressi esterni pu essere indirizzato alla doppia presa Output 1
senza venir processato in alcun
modo. Per esempio potete mixare
il segnale di un altro generatore
sonoro col segnale in uscita dal
Virus ed inviare il segnale complessivo ad Output 1 senza dover usare
un mixer esterno. INPUT DIRECT
THRU controlla i livelli del percorso
del segnale diretto.
Questo un parametro globale,
cio non viene salvato insieme al
SINGLE PROGRAM.
01111111111111111112

1 INPUT GLOBAL
DirectThru
0
61111111111111111154

INPUT BOOST (GLOBAL) Con INPUT


BOOST, potete aumentare il livello
del segnale dei due ingressi esterni
sino a 36 dB. Il segnale viene enfatizzato nella sezione digitale del

ACCESS VIRUS OS4 151


Input

Virus, per cui il livello di rumore del


convertitore analogico-digitale
aumenta automaticamente. Perci dovete immettere il segnale pi
pulito e forte possibile dal generatore sonoro esterno. Il Virus ha un
indicatore del livello del segnale
che permette di monitorizzare visivamente il livello del segnale: vedi
LED MODE nel menu CTRL (vedi
LED MODE a pagina 181). Alzate
INPUT BOOST sono quando non
riuscite ad immettere un livello di
segnale sufficiente negli ingressi.
Col valore 0, il livello del segnale
non viene enfatizzato.
Questo un parametro globale,
che vale per tutte le PART e INPUT
DIRECT THRU (vedi il paragrafo
sotto). Non viene salvato insieme
al SINGLE PROGRAM.
01111111111111111112

1 INPUT GLOBAL
Boost
0
61111111111111111154

Input Mode
Col Virus potete usare ingressi
esterni analogici al posto degli
oscillatori interni come segnale

sorgente che viene processato dai


filtri, dagli inviluppi e dagli effetti
interni. Oltre agli ingressi esterni
analogici, avete anche due bus stereo ausiliari interni (o subgroup)
disponibili come sorgenti di
segnale in MULTI MODE. I segnali
in uscita delle altre PART possono
essere collegati tramite le rispettive OUTPUT SELECT (vedi il paragrafo relativo) a questi percorsi
aux.
Potete scegliere tra:

 OFF La PART non assegnata


ad un ingresso esterno, ma funziona con le sue sorgenti sonore
(gli oscillatori ed il Noise Generator) come su un synth analogico
convenzionale.

 DYNAMIC Al posto delle sorgenti sonore interne, una sorgente


di segnale esterna viene indirizzata alla sezione dei filtri. Gli inviluppi restano funzionali per cui
dovete suonare delle note per
poter sentire la sorgente di segnale
esterna. Per esempio, in questo
modo potete manipolare il volume
cos che tronchi il segnale in
ingresso in un modo molto simile
ad un gate. Se attivate FILTER KEY

152 16
Parametri del menu effetti

FOLLOW, il segnale in ingresso


viene filtrato da una frequenza del
filtro differente a seconda del tasto
suonato. Il programma sonoro pu
essere ancora suonato polifonicamente e potete allocare pi frequenze dei filtri differenti e
inviluppi indipendenti simultaneamente (!) al segnale in ingresso tramite la tastiera.

 STATIC Al posto delle sorgenti


sonore interne, una sorgente di
segnale esterna viene indirizzata
alla sezione dei filtri. A differenza
del modo DYNAMIC, in modo STATIC una o due voci (a seconda
dellimpostazione INPUT SELECT,
vedi il paragrafo relativo) del Virus
vengono attivate automaticamente senza che dobbiate suonare
delle note su questa PART. I filtri e
lamplificatore vengono tenuti permanentemente aperti, gli inviluppi
sono disattivati e le note in
ingresso vengono ignorate. Di conseguenza potete usare il filtri e
lamplificatore come una sezione
effetti per il segnale in ingresso.

 TO EFFECTS Il segnale audio


viene indirizzato direttamente alla
sezione effetti del programma SINGLE o della PART. Questo modo non
usa voci del Virus, il che significa
che la sua polifonia resta intatta e
completamente disponibile. La
sezione del filtro non disponibile
in questo modo.
01111111111111111112

1 INPUT GLOBAL
Mode
Dynamic
61111111111111111154

Input Select
Seleziona la sorgente di segnale
esterna per gli INPUT MODE.
La sorgente di segnale selezionata
qui viene usata sia per il vocoder
che per il ring modulator nella
sezione effetti.

ACCESS VIRUS OS4 153


Input

IN L

Il canale sinistro del doppio ingresso audio esterno.

IN L+R

I due canali del doppio ingresso audio esterno (stereo).

IN R

Il canale destro del doppio ingresso audio esterno.

AUX 1 L

Il canale sinistro del bus Aux 1 interno

AUX 1 L+R

Entrambi i canali del bus Aux 1 (stereo) interno

AUX 1 R

Il canale destro del bus Aux 1 interno

AUX 2 L

Il canale sinistro del bus Aux 2 interno

AUX 2 L+R

Entrambi i canali del bus Aux 2 (stereo) interno

AUX 2 R

Il canale destro del bus Aux 2 interno

01111111111111111112

1 INPUT
Select
In L+R

UNISON PAN SPREAD e LFO PHASE


(vedi il paragrafo relativo) sono
attivi.

61111111111111111154

Se la sorgente di segnale selezionata una sorgente stereo - cio


IN L+R, AUX 1 L+R o AUX 2 L+R allora il programma sonoro viene
automaticamente impostato internamente su UNISON-MODE =
Twin, indipendentemente
dallimpostazione del parametro
UNISON MODE, cos che il segnale
in ingresso venga processato in
stereo. In questo caso, i parametri

Quando selezionate un bus aux


interno come sorgente di segnale,
dovete naturalmente indirizzare il
segnale di unaltra PART a questo
bus aux tramite OUTPUT SELECT
per poter stabilire un collegamento dei segnali delle due PART.
Pi PART possono accedere simultaneamente allingresso esterno o
ai bus aux interni tramite INPUT
SELECT.

154 16
Parametri del menu effetti

FOLLOWER (ENVELOPEFOLLOWER)
Lenvelope follower genera un
segnale di modulazione da un
segnale audio. Questo segnale di
modulazione pu essere usato per
controllare i parametri dei suoni.
Quando lenvelope follower attivato, prende il posto dellinviluppo
del filtro (filter envelope). Ci significa che potete modulare i filtri con
la manopola ENV AMOUNT nella
sezione dei filtri. Lenvelope follower disponibili anche come sorgente di modulazione nella
sezione ASSIGN con lopzione chiamata FiltEnv.
MODE Attiva lenvelope follower. In
posizione OFF, lenvelope follower
inattivo ed il filter envelope funziona normalmente.

Le restanti impostazione del modo


FOLLOWER vi permettono di attivare lenvelope follower e, contemporaneamente, scegliere una
sorgente di segnale. Selezionate le
sorgenti di segnale nello stesso
modo usato per INPUT SELECT
(vedi sopra). Sappiate che questa
opzione di selezione completamente indipendente dai singoli
ingressi.
Quando selezionate un segnale
stereo e allo stesso tempo attivate
il modo UNISON (Twin), lenvelope
follower funziona in stereo.
Tre manopole dellinviluppo del filtro vengono usate per controllare
lenvelope follower quando
attivo:
Envelope Follower Attack (Manopola: FILTER ATTACK) Controlla la
velocit dellattacco dellenvelope
follower. Con questo parametro,
potete determinare quanto velocemente lenvelope follower
risponde agli aumenti nel livello
del segnale. Valori pi elevati rallentano lenvelope follower e ne
ritardano la risposta.

ACCESS VIRUS OS4 155


Ringmodulator

Envelope Follower Release (Manopola: FILTER DECAY) Controlla il


tempo di decadimento dellenvelope follower. Con questo parametro, potete determinare quanto
velocemente lenvelope follower
risponde agli abbassamenti nel
livello del segnale. Valori pi elevati permettono al Follower di perdurare.
Envelope Follower Gain (Manopola: FILTER SUSTAIN) Controlla il
livello dingresso dellenvelope follower direttamente. Il valore nominale la posizione centrale (64).
01111111111111111112

1 INPUT FOLLOWER
Mode
Off

RINGMODULATOR
Permette di modulare ad anello il
segnale residuo del programma
SINGLE o della PART con un segnale
audio esterno. Leffetto moltiplica
le ampiezze di entrambi i segnali, il
che vi da come risultato le somme
e le differenze tra le frequenze. Pi
il segnale in ingresso contiene
armonici, pi distinta la modulazione. Specialmente i loop di batteria modulati con unonda
sinusoidale creano suoni interessanti. Il segnale in ingresso viene
determinato con INPUT SELECT. A
seconda del segnale in ingresso, il
ring modulator funziona in mono o
in stereo.

61111111111111111154

Dir/eff
 LEFT Il ring modulator inattivo, ed udibile solo il segnale
diretto.

 CENTER udibile solo il segnale


del ring modulator.

 RIGHT udibile il segnale audio


esterno.

156 16
Parametri del menu effetti

Trovate un altro ring modulator


nella sezione Oscillatori del Virus.
Agisce individualmente per ogni
voce usando i segnali degli Oscillatori 1 e 2.
01111111111111111112

1 INPUT RINGMOD
Dir/Eff
Off

VOCODER
Vocoder Mode
Qui attivate e disattivate il Vocoder
e selezionate la sorgente di
segnale per il Carrier Bank.

61111111111111111154

Per maggiori informazione sul


Vocoder, fate riferimento a Il
Vocoder del VIRUS a pagina 201

ACCESS VIRUS OS4 157


Distortion

DISTORTION
Curve Ecco una breve descrizione
dei vari modi di DISTORTION:

 OFF Il segnale non viene pro-

digitale; genera rumore di quantizzazione digitale.

 RATEREDUCER Riduzione continua della frequenza di campionamento digitale; genera aliasing


digitale.

cessato.

 LOWPASS Filtro passabasso ad

 LIGHT, SOFT, MIDDLE, HARD

1-polo per processare moderatamente le frequenze acute.

Differenti curve di distorsione analogica con caratteristiche ed intensit differenti.

 DIGITAL Distorsione digitale


con forte clipping.

 SHAPER Curva dalle caratteristiche sinusoidali con molti cicli


dellonda. Con Shaper, potete
distorcere drasticamente i segnali.
In certi casi, i risultati sono simili
allo spettro delle modulazioni di
frequenza lineari.

 RECTIFIER Raddrizzamento continuo del segnale; questo tipo di


distorsione indipendente dal
livello fornito.

 BITREDUCER Riduzione continua del numero di bit del segnale

 HIGHPASS Filtro passa-alto ad


1-polo per processare moderatamente le frequenze basse.
01111111111111111112

1 DISTROTION
Curve
Light
61111111111111111154

Intensity Per le curve di distorsione, questo intervallo di intensit


equivalente ad un aumento di
guadagno di 12 decibel, e nel caso
della curva Digital ad un guadagno di 24 decibel. Una caratteristica speciale dello stadio
SATURATION del Virus che, nonostante il suo guadagno venga
incrementato, il livello del segnale

158 16
Parametri del menu effetti

resta costante grazie ad OSC VOL,


cos che cambi solo il colore o timbro del suono.

ANALOG BOOST

La sezione Effetti del Virus ha un


ulteriore modulo di distorsione
chiamato SATURATION. Il suo
design identico a quello di
DISTORTION, ad eccezione di una
differenza sostanziale: mentre
SATURATION agisce su ogni voce
separatamente, DISTORTION processa tutte le voci insieme nella
sezione effetti. Ci crea unenorme
differenza timbrica.

Questo effetto produce la tipica


botta sui bassi dei sintetizzatori
analogici, e con la corrispondente
impostazione TUNE potete enfatizzare la spinta nelle frequenze
medie o anche abbassare le frequenze acute. In quantit moderata ANALOG BOOST adatto per
quasi tutti i suoni, collabora bene
con la sezione di distorsione, e se
necessario pu essere impostato a
valori estremi.

01111111111111111112

1 DISTORTION
Intensity
0
61111111111111111154

INTENSITY Controlla la quantit di


ANALOG BOOST.
01111111111111111112

1 ANALOG BOOST
Intensity
17
61111111111111111154

TUNE Controlla la frequenza di


ANALOG BOOST.
01111111111111111112

1 ANALOG BOOST
Tune
32
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 159


Phaser

RATE Determina la velocit


dellLFO del Phaser.

PHASER

01111111111111111112

DIR/EFF Controlla il bilanciamento


dei livelli di volume tra il segnale
diretto e il segnale del Phaser: col
valore 0, udibile solo il segnale
diretto, col valore 127, udibile solo
il segnale del Phaser. I valori tra
questi due estremi determinano il
mix dei due segnali.
Il puro segnale del phaser viene
generato da spostamenti di fase
dipendenti dalla frequenza (PHASER Frequency) e modulazioni
dellintonazione degli LFO interni
del phaser (PHASER Rate e Depth).
Il tipico effetto phaser non viene
generato sino a quando il segnale
diretto o dry (PHASER Dir/Eff) non
viene mixato al segnale wet
delleffetto.
01111111111111111112

1 PHASER
Dir/Efx

30

61111111111111111154

1 PHASER
Rate

36

61111111111111111154

DEPTH Controlla lintensit della


modulazione della frequenza del
Phaser prodotta dallLFO.
01111111111111111112

1 PHASER
Depth

112

61111111111111111154

FREQUENCY La frequenza caratteristica del filtro a pettine del phaser. Le frequenze dei lati sinistro e
destro vengono leggermente spostate per creare un vero effetto stereo.
01111111111111111112

1 PHASER
Frequency

48

61111111111111111154

160 16
Parametri del menu effetti

FEEDBACK Controlla la quantit di


feedback nel Phaser. Sul phaser,
FEEDBACK permette di enfatizzare
specifiche frequenze nel segnale
dalla fase alterata. Il parametro
FEEDBACK bipolare: valori di feedback positivi o negativi permettono di ottenere caratteristiche del
phaser differenti.
01111111111111111112

1 PHASER
Feedback

+0

61111111111111111154

STAGES Usate STAGES (1-6) per


selezionare il numero di stadi del
phaser o poli del filtro. Questo
determina direttamente il numero
degli avvallamenti e picchi nel
segnale del phaser.
01111111111111111112

1 PHASER
Stages

61111111111111111154

SPREAD Usate SPREAD per aumentare o ridurre la distanza tra gli


avvallamenti e i picchi nello spettro delle frequenze. In altre parole,
potete regolare lampiezza di
banda delleffetto phaser.
01111111111111111112

1 PHASER
Spread

127

61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 161


Chorus

RATE Determina la velocit


dellLFO del Chorus.

CHORUS

01111111111111111112

DIR/EFF Controlla il bilanciamento


dei livelli di volume tra il segnale
diretto e il segnale del Chorus: col
valore 0, udibile solo il segnale
diretto, col valore 127, udibile solo
il segnale del Chorus. I valori tra
questi due estremi determinano il
mix dei due segnali.
Il puro segnale del chorus viene
creato da un delay (ritardo - CHORUS delay) e una modulazione
dellintonazione degli LFO interni
del chorus (CHORUS Rate e Depth).
Il tipico effetto chorus non viene
generato sino a quando il segnale
diretto o dry (CHORUS Dir/Eff) non
viene mixato al segnale wet
delleffetto.
01111111111111111112

1 CHORUS
Dir/Efx

20

61111111111111111154

1 CHORUS
Rate

69

61111111111111111154

DEPTH Controlla lintensit della


modulazione del delay dellLFO.
LLFO modula i lati sinistro e destro
del segnale del Chorus con fasi
opposte, generando un vero
effetto stereo.
01111111111111111112

1 CHORUS
Depth

16

61111111111111111154

DELAY Controlla il tempo di ritardo


del Chorus.
01111111111111111112

1 CHORUS
Delay

127

61111111111111111154

162 16
Parametri del menu effetti

FEEDBACK Controlla la quantit di


feedback nel Chorus. Sul chorus,
FEEDBACK permette di enfatizzare
specifiche frequenze nel segnale
ritardato per creare un effetto flanger. Il parametro FEEDBACK bipolare: valori di feedback positivi o
negativi permettono di ottenere
caratteristiche del flanger differenti.
01111111111111111112

1 CHORUS
Feedback

+0

61111111111111111154

SHAPE Determina la forma donda


dellLFO del chorus. Potete selezionare tra 68 forme donda (come
per gli LFO principali).
01111111111111111112

1 CHORUS
Shape Triangle
61111111111111111154

DELAY/REVERB
Come indica il nome, la sezione
DELAY/REVERB (delay/riverbero)
genera due effetti differenti:
Leffetto DELAY ritarda il segnale in
ingresso per creare echi. In modo
molto simile al chorus, potete
modulare il tempo di delay (il
ritardo) per creare oscillazioni e
spostamenti di fase nel panorama
stereo. Il Delay time pu anche
essere sincronizzato al generatore
di clock globale. Di conseguenza, il
ritmo delle ripetizioni pu essere
essere fatto corrispondere al
tempo della song. Inoltre, il dispositivo offre diversi algoritmi di pattern di delay, dove i segnali sinistro
e destro sono ritardati in modo
tale che gli echi vengano ripetuti
su movimenti differenti. Variando i
valori di FEEDBACK, potete ottenere interessanti pattern ritmici.
Leffetto REVERB (riverbero), invece,
simula le riflessioni che avvengono
in spazi naturali. Questo effetto
particolare ha diversi parametri
che permettono di ottenere effetti
che vanno oltre le semplici simulazioni di ambienti. Per esempio,

ACCESS VIRUS OS4 163


Delay/Reverb

potete usare lunit di DELAY


descritta sopra per impostare il
pre-delay desiderato per le simulazioni di ambienti. Leffetto DELAY
posto prima della simulazione di
ambiente nel percorso del segnale.
Delay time e feedback sono variabili in modo continuo e possono
essere sincronizzati al generatore
di clock globale. Ci significa che
potete creare effetti REVERB che
corrispondono perfettamente al
contesto ritmico.
In modo PARAMETER, potete selezionare vari algoritmi di DELAY e
REVERB. Alcuni degli algoritmi
REVERB lavorano con parametri
non utilizzati dagli algoritmi del
DELAY e viceversa, per cui spiegheremo questi parametri speciali in
un paragrafo separato.
In SINGLE MODE, tutte le impostazioni del Delay o Reverb si applicano al SINGLE PROGRAM nel
modo convenzionale e vengono
salvate col programma.
Per, in MULTI MODE, tutte e 16 le
PART accedono allo stesso effetto
di Delay o Reverb. In questo caso, il
solo parametro dedicato che avete
per ogni parte EFFECT SEND; tutti

gli altri parametri si applicano alla


stessa unit di Delay/Reverb ed
agiscono su tutte le PART.
Di conseguenza, se impostate il
Virus su MULTI MODE o MULTI SINGLE MODE, tutte le impostazioni
che eseguite per Delay o Reverb
(incluso EFFECT SEND) agiscono sul
MULTI PROGRAM e vengono salvate con esso. Se il Virus in MULTI
MODE o MULTI SINGLE MODE e
attivate un nuovo SINGLE, i parametri Delay/Reverb del SINGLE
vengono ignorati e vengono attivati i parametri del Delay/Reverb
del MULTI PROGRAM corrente.
Di regola, in MULTI MODE tutte le
impostazioni SINGLE relative a
Delay/Reverb vengono ignorate, ad
eccezione di EFFECT SEND.

EFFECT SEND
Regola il livello a cui il suono viene
inviato alleffetto DELAY o REVERB
(livello di mandata).
EFFECT SEND identico al bus
effetti post-fader di una consolle di
mixaggio. Quando muovete il controllo verso la fine del suo inter-

164 16
Parametri del menu effetti

vallo di controllo, il segnale dry


viene escluso ed udibile solo il
segnale wet del DELAY/REVERB.

MODE
Qui selezionate lalgoritmo della
sezione DELAY/REVERB.
Ecco i differenti algoritmi:
OFF Sorprendentemente (si fa per
dire), questa impostazione disattiva la sezione DELAY/REVERB.
DELAY Eco mono. Stesso tempo di
ritardo sui lati sinistro e destro.
REVERB Simulazione di stanza.
REV+FEEDB1 Questa la simulazione di stanza pi caratteristica
del Virus. Qui potete usare il controllo FEEDBACK per generare un
pre-delay nel feedback. Leffetto del
feedback genera ripetizioni ritmiche del segnale del REVERB, ripetute agli intervalli determinati dal
tempo di pre-delay assegnato.

REV+FEEDB2 Simulazione di stanza


con feedback e REV+FEEDB1. Qui il
segnale del REVERB udibile
immediatamente dopo aver sentito il segnale dry, invece che dopo
la quantit di tempo definita con
pre-delay. Le ripetizioni ritmiche
sono variabili in modo indipendente a seconda del tempo di predelay e dellintensit del feedback
(FEEDBACK).
DELAY X:Y Delay ping-pong. Bench i tempi di ritardo dei lati sinistro e destro siano differenti,
hanno una relazione fissa tra loro.
Per esempio, 2:1 significa che il
delay time del lato sinistro del
segnale del delay dura il doppio del
lato destro. Il delay time assoluto si
riferisce al delay time pi lungo dei
due. determinato da DELAY TIME
o DELAY CLOCK. Anche il feedback
viene generato usando il segnale
col tempo di ritardo pi lungo dei
due.
PATTERN X+Y Gli algoritmi PATTERN del delay usano anche delay
ping-pong, ma qui i tempi di delay
sono sincronizzati al master clock.
Per questa ragione, qui non trovate

ACCESS VIRUS OS4 165


Delay/Reverb

i parametri DELAY Time o DELAY


Clock. Di conseguenza, i tempi di
delay assoluti sono determinati dal
tempo del generatore di clock globale (CLOCK SPEED) o dal tempo
della song ricevuto da un sequencer collegato che trasmette un
segnale di clock. I due numeri rappresentano incrementi di note da
1/16 e indicano il delay dei lati sinistro e destro sulla base delle note
da 1/16. Usato insieme al parametro FEEDBACK, questi algoritmi
groove creano interessanti pattern ritmici e accenti quando fornite segnali ritmici appropriati, per
esempio degli arpeggi.
Il tipico carattere sonoro degli
algoritmi PATTERN del delay
dovuto - tra le altre cose - a suddivisioni ritmiche dispari (basate sui
valori di note da 1/16).
Ogni algoritmo di delay vi mette a
disposizione una di queste opzioni.
Il feedback viene generato sempre
tramite la linea di delay sinistro.
01111111111111111112

1 DELAY/REVERB
MODE
REVERB
61111111111111111154

I seguenti parametri appaiono nel


display solo quando lavorate con
gli algoritmi di DELAY.

DELAY TIME
Questo il tempo di ritardo assoluto delleffetto di delay in millisecondi (ms). Usatelo per
determinare lintervallo tra ogni
ripetizione sino ad un tempo di
ritardo massimo di 693 ms. Il Delay
time variabile in modo continuo.
Cambiando il delay time si altera
lintonazione del segnale del delay.
Il parametro DELAY TIME non
appare nel display quando il delay
time determinato dal DELAY
CLOCK (vedi sotto). Se attivato il
PATTERN delay, i parametri DELAY
TIME e DELAY CLOCK non sono visibili; in questo caso, i tempi di delay
sono sempre sincronizzati al generatore di clock globale.
01111111111111111112

1 DELAY
Time (ms) 349.5
61111111111111111154

166 16
Parametri del menu effetti

DELAY CLOCK

DELAY FEEDBACK

Quando lo impostate su OFF, il


tempo di ritardo assoluto determinato in millisecondi. Se selezionate un valore di nota, allora il
delay time impostato sul valore
di questa nota. La lunghezza assoluta di questo valore di nota
dipende dal valore immesso come
CLOCK TEMPO nel generatore di
clock globale (vedi il relativo paragrafo). In questo caso, il tempo di
ritardo assoluto in millisecondi
viene ignorato.

Controlla la quantit di feedback


del Delay.

01111111111111111112

1 DELAY
Clock

Off

61111111111111111154

Se il delay time determinato dal


generatore di clock supera il valore
massimo di 693 ms, il delay time
viene impostato automaticamente a un valore equivalente a
met del valore immesso.

01111111111111111112

1 DELAY
Feedback

22

61111111111111111154

DELAY COLOR
Viene posto un filtro sulluscita del
delay, che agisce anche sul percorso del feedback. Pu essere
fatto passare gradualmente tra
Lowpass (intervallo negativo) ed
Hipass (intervallo positivo). Il filtro
fa si che le ripetizioni del delay
divengano sempre pi smorzati,
come su un eco a nastro, o per un
simpatico effetto innaturale,
diventare pi sottile con aumento
degli armonici (Hipass).
01111111111111111112

1 DELAY
Color

+10

61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 167


Delay/Reverb

DELAY RATE

DELAY SHAPE

Determina la velocit dellLFO del


Delay.

Determina la forma donda


dellLFO del Delay. Potete selezionare tra 68 forme donda (come
per gli LFO principali).

01111111111111111112

1 DELAY
Rate

61111111111111111154

01111111111111111112

1 DELAY
Shape

61111111111111111154

DELAY DEPTH
Controlla lintensit della modulazione del delay eseguita dallLFO.
Come lLFO del Chorus, lLFO del
Delay modula i lati sinistro e destro
del segnale con fasi opposte, generando un vero effetto stereo.
Quando il Delay viene usato per
effetti ritmici, lintensit della
modulazione dovrebbe avere valori
bassi o essere impostata a 0, poich la modulazione dellLFO influisce sulla temporizzazione dei
Delay.
01111111111111111112

1 DELAY
Depht

15

61111111111111111154

DELAY OUTPUT SELECT


Qui potete selezionare luscita del
Delay esterna o interna. Sono
disponibili le stesse destinazioni
dei segnali PART. Questa caratteristica permette di indirizzare il
segnale del Delay ai bus aux
interni per ulteriori elaborazioni.
01111111111111111112

1 DELAY
OutSel Out 1+2
61111111111111111154

168 16
Parametri del menu effetti

I seguenti parametri appaiono nel


display solo quando lavorate con
gli algoritmi REVERB.

temente dalla dimensione della


stanza che scegliete. Potete selezionare tra:
01111111111111111112

REVERB TYPE
Questo parametro vi permette di
selezionare tra quattro differenti
dimensioni di stanze per creare il
tipo di simulazione che volete. La
dimensione della stanza decisiva
perch determina la densit di
riflessioni della stanza, che a loro
volta influenzano il carattere della
simulazione dellambiente. In
ambienti pi grandi, il suono viaggia per distanze maggiori che in
una piccola stanza, il che significa
che gli intervalli tra le riflessioni
che rimbalzano sulle pareti virtuali sono pi lunghi. La simulazione di ambienti pi grandi
richiede pi memoria per il delay,
che vi lascia con meno memoria
disponibile per gli effetti di predelay (PREDELAY, vedi sotto).
Potete invece determinare il
tempo di decadimento della simulazione dellambiente indipenden-

1 REVERB
Type
Ambience
61111111111111111154

REVERB DECAY TIME


Questo parametro determina il
tempo di decadimento per ogni
stanza.
In una vera stanza, il suono rimbalza su diverse pareti e copre una
distanza considerevole prima di
raggiungere il vostro orecchio. Pi
a lungo il suono viaggia e pi
spesso viene riflesso, pi smorzato
diviene. Possiamo dire che questo
effetto comparabile ad una palla
da bigliardo che viaggia per una
certa distanza, rimbalzando sui
bordi imbottiti lungo il percorso.
Questa frizione riduce lenergia e
fa rallentare la palla. La perdita di
energia del suono viene controllata
tramite DECAY TIME. Quando
immettete il valore minimo, il

ACCESS VIRUS OS4 169


Delay/Reverb

decay time estremamente breve


per cui sentite solo le prime riflessioni. Al valore di picco, non si

perde energia, per cui il decay time


infinito, cosa fisicamente impossibile nella realt.

Reverb Type

Pre-delay

Ambience

con un max. di 500 ms di pre-delay

SmallRoom

con un max. di 400 ms di pre-delay

LargeRoom

con un max. di 300 ms di pre-delay

Resonance

con un max. di 150 ms di pre-delay

01111111111111111112

1 REVERB
DecayTime

16

61111111111111111154

REVERB DAMPING
Questo parametro controlla le
attenuazioni delle frequenze acute
dovute alle successive riflessioni
del suono.
In una vera stanza, le pareti non
riflettono le frequenze acute tanto
quanto riflettono le frequenze
basse, un effetto che pu essere
paragonato ad un filtraggio passabasso naturale del suono. Pi a
lungo viaggia il suono, pi rimbalza

sulle pareti e pi intenso questo


effetto di filtraggio. Per questa
ragione, la quantit di smorzamento degli acuti dipende da
quanto tempo viaggia il segnale - il
segnale rimandato indietro dalla
stanza diviene pi cupo con lo scorrere del tempo. Questo effetto pi
intenso per le pareti con superfici
morbide (legno, tappezzeria) che
per quelle con superfici dure (vetro,
piastrelle). Di conseguenza, lo
smorzamento degli acuti ha
uninfluenza significativa sul calore
del suono della stanza.
01111111111111111112

1 REVERB
Damping

12

61111111111111111154

170 16
Parametri del menu effetti

REVERB COLOR
Questo parametro influenza la
risposta in frequenza statica della
stanza.
Il riverbero naturale ha sempre una
certa attenuazione delle frequenze
acute perch il suono rimbalza
almeno su una parete. REVERB
COLOR identico a DELAY COLOR;
qui agite su un filtro variabile che
pu agire da filtro passa-basso
(nella parte negativa dellintervallo
di controllo) e o filtro passa-alto
(nella parte positiva dellintervallo
di controllo). Per una simulazione
di ambiente dal suono naturale,
dovreste sempre impostare
REVERB COLOR su un valore leggermente negativo per smorzare le
frequenze acute del segnale della
stanza. Ci fa suonare pi autentico leffetto e scalda il suono.
Potete, per, scegliere di creare
interessanti effetti dal suono artificiale tagliando radicalmente le frequenze basse. Per far questo,
sperimentate variando il filtro
passa-alto nellintervallo di controllo positivo di REVERB COLOR.
REVERB COLOR un filtro statico, il
che significa che genera un effetto
differente da quello di REVERB

DAMPING, in cui la quantit di


smorzamento degli acuti un fattore del tempo.
Nel percorso del segnale, il filtro
posto alluscita del pre-delay. Ci
significa che il filtro influenza
anche il pre-delay feedback
(REVERB FEEDBACK, vedi sotto)
quando usate questo parametro.
01111111111111111112

1 REVERB
Color

-10

61111111111111111154

REVERB PREDELAY
Questo parametro controlla il
tempo di pre-ritardo di ogni data
simulazione di ambiente.
In una stanza vera, il suono viaggia
per una distanza considerevole e
viene riflesso almeno una volta
prima di raggiungere il vostro orecchio. Ci significa che trascorre un
certo tempo prima di sentire le
prime riflessioni del segnale della
stanza. Pi grande lambiente, pi
tempo impiega il suono riflesso
per raggiungere il vostro orecchio.
Questo effetto viene emulato in

ACCESS VIRUS OS4 171


Delay/Reverb

una simulazione di stanza per


mezzo di un parametro chiamato
pre-delay. Indipendentemente dai
valori impostati per gli altri parametri REVERB, la quantit di predelay ha un impatto decisivo sulla
nostra percezione della dimensione dellambiente.

stessa memoria. Il tempo di predelay variabile in modo continuo.


Cambiando il delay time si altera
lintonazione del segnale del riverbero. REVERB PREDELAY non
appare nel display quando il predelay viene determinato tramite
REVERB CLOCK (vedi sotto).

Quando impostate un valore elevato di pre-delay - alcuni dicono


100 millisecondi - state in realt
creando una stanza innaturalmente grande. La simulazione
della stanza suona slavata o molto
simile ad un eco diffuso. Il predelay ha un effetto essenziale sulla
simulazione, perch - come per gli
algoritmi di DELAY puri - potete
usarlo per far corrispondere
leffetto di riverbero al contesto ritmico. E come i parametri del DELAY,
pre-delay variabile in modo continuo, adatto per generare feedback, ed sincronizzabile al
generatore di clock globale.

01111111111111111112

REVERB PREDELAY controlla il


tempo di pre-delay assoluto in millisecondi (ms). Il valore massimo
dipende dalla dimensione della
stanza (REVERB TYPE, vedi sopra)
selezionata, perch la simulazione
della stanza e il pre-delay usano la

1 REVERB
PreDelay

500.0

61111111111111111154

REVERB CLOCK
Quando lo impostate su OFF, il
tempo di ritardo assoluto determinato in millisecondi. Se selezionate un valore di nota, allora il
delay time impostato sul valore
di questa nota. La lunghezza assoluta di questo valore di nota
dipende dal valore immesso come
CLOCK TEMPO nel generatore di
clock globale (vedi il relativo para-

172 16
Parametri del menu effetti

grafo). In questo caso, il tempo di


ritardo assoluto in millisecondi
viene ignorato.
01111111111111111112

1 REVERB
Clock

Off

61111111111111111154

dente quando impostate un tempo


di decadimento breve e un tempo
di pre-delay lungo.
01111111111111111112

1 REVERB
Feedback

50

61111111111111111154

REVERB FEEDBACK

REVERB OUTPUT SELECT

Disponibile esclusivamente per gli


algoritmi Rev+Feedb1 e
Rev+Feedb2, questo parametro
controlla la quantit di pre-delay
feedback. Qui il segnale della
stanza viene ripetuto a intervalli
determinati dal tempo di predelay. Sappiate che il livello del
segnale si riduce gradualmente.
REVERB COLOR influenza anche il
feedback. Lintensit del filtraggio
generato dal filtro passa-basso o
passa-alto aumenta con ogni ripetizione. Il feedback leggero
quando il tempo di decadimento
della stanza (REVERB DECAY TIME)
lungo. Leffetto diviene pi evi-

Qui potete selezionare luscita


esterna o interna della sezione
REVERB.
01111111111111111112

1 REVERB
OutSel
Out1+2
61111111111111111154

I parametri Global, MIDI e System

174 17
I parametri Global, MIDI e System

I PARAMETRI GLOBAL
I seguenti parametri sono globali e
sono accessibili in qualsiasi
momento dal menu CTRL indipendentemente dal modo operativo
corrente. Se avete una versione a
tastiera del Virus, a questo punto
appaiono i parametri della tastiera
ed altri dispositivi di controllo
manuali. Questi sono spiegati in
dettaglio nel capitolo Le versioni a
tastiera del Virus a pagina 189

Midi Dump TX
Questa caratteristica trasferisce i
dati dei suoni di un Virus ad un
altro Virus, ad un computer o a
sequencer hardware via MIDI. Il
dump (trasferimento) viene eseguito tramite i cosiddetti dati di
system exclusive (SysEx - sistema
esclusivo). Potete scegliere tra le
seguenti opzioni di dump:

 TOTAL Tutti i dati nella RAM del


Virus, in altre parole, i SINGLE Bank
A e B, i programmi MULTI, gli EDIT
buffer e le impostazioni dei parametri globali.

 GLOBAL Qui trasferite tutti i dati


globali (cio tutti i parametri che
non vengono salvati con i Single o i
Multi, per es. Global Channel).

 CONTROLLER DUMP Questa


opzione vi permette di trasmettere
un Single dalla MIDI Out sotto
forma di controller dump. Qui tutti
i parametri sono inviati in successione come cambiamenti del singolo parametro. I parametri
vengono trasmessi come messaggi
di controller, polypressure o SysEx,
a seconda dellimpostazione CTRL:
MIDI CONTROL LoPage / HiPage.
Questa funzione trasmette il programma SINGLE che state elaborando correntemente (i contenuti
del buffer Edit).
Controller Dump non unalternativa ad un Single Dump normale,
perch richiede molto pi tempo
per trasmettere i dati. Per, vi permette di inviare un suono Single
completo ad editor basato su parametri (Logic Environment, Cubase
Mixer) compatibile col Virus per
aggiornare leditor.

 SINGLE BUFFER Questa opzione


invia i dati del programma SINGLE
che state processando (lEdit buffer).

ACCESS VIRUS OS4 175


I Parametri Global

 SINGLE BANK A Trasmette i 128


programmi sonori del Bank A.

 SINGLE BANK B Trasmette i 128


programmi sonori del Bank B.

 MULTI BUFFER Trasmette i dati


del programma MULTI usato correntemente (lEdit buffer del
MULTI). Ricordate che con questa
opzione, vengono trasmessi solo i
parametri MULTI, e non i suoni SINGLE associati.

 ARRANGEMENT Il MULTI corrente ed in relativi programmi SINGLE possono essere trasmessi in


una volta sola con questa opzione.
Per accorciare il tempo richiesto
per questo dump, vengono trasmessi solo i suoni delle PART che
hanno Part Enable impostato su
On.

 MULTI BANK Con questa


opzione vengono trasmessi tutti i
MULTI program. Ricordate che con
questa opzione, vengono trasmessi solo i parametri MULTI, e
non i suoni SINGLE associati. Per
salvare tutti i dati del Virus in un
sequencer, potete selezionare
lopzione di dump Total.

Dopo aver selezionato il tipo di dati


desiderato, il dump viene iniziato
con STORE.
01111111111111111112

1 MIDI DUMP TX
SingleBank A
61111111111111111154

Midi Dump RX
Per trasmettere i dati MIDI al Virus,
non sono necessarie procedure
particolari. Il Virus accetta automaticamente i dati in ingresso tramite
la sua porta MIDI In. Per, potete
determinare dove vengono memorizzati i dati dellintero banco in
arrivo. Al contrario, i suoni single
vengono sempre prima trasmessi
allEdit buffer; dovete salvarli
manualmente in unaltra locazione, altrimenti vengono cancellati al program change successivo.

 DISABLE I dati in arrivo dalla


MIDI IN vengono ignorati.

 ENABLE I dati del Bank vengono


ricaricati nel banco da cui sono
stati originariamente trasmessi,
indipendentemente dal banco correntemente selezionato.

176 17
I parametri Global, MIDI e System

 FORCE TO BANK A I dati del


Bank vengono caricati esclusivamente nel Bank A.

 FORCE TO BANK B dati del Bank

01111111111111111112

1 MIDI DUMP RX
ForceToBankA
61111111111111111154

vengono caricati esclusivamente


nel Bank B.

 FORCE TO EDIT Carica i pro-

Global Channel

grammi single del bank nellEdit


buffer uno alla volta, ed ogni
suono precedente viene cancellato
dal successivo. Questa funzione
tratta un bank dump come una
successione di suoni single e torna
utile per esplorare un bank sconosciuto o caricare singoli suoni
senza dover caricare lintero bank.

Seleziona i canali MIDI per il SINGLE MODE e lopzione di selezione


dei programmi per gli interi MULTI
PROGRAM in MULTI MODE. In
MULTI SINGLE MODE, lopzione di
selezione del MULTI MODE bloccata (permanentemente disattivata). Il numero nella parte
superiore sinistra del display
mostra il MIDI Global Channel in
Single Mode ed il numero della
Part corrente se il Virus in MULTI
MODE o in MULTI SINGLE MODE.

 VERIFY Compara il MIDI dump


in ingresso ai contenuti della
memoria del Virus. Controlla se un
dump stato registrato correttamente sul sequencer e se pu
essere riprodotto correttamente.
Caricate i dati dal sequencer nel
Virus mentre Verify abilitato. Il
display del Virus indica se il dispositivo sta ricevendo i dati e
richiama la vostra attenzione ad
ogni errore di trasmissione eventualmente presente. I dati salvati
nel Virus non vengono alterati da
questa operazione.

01111111111111111112

1 MIDI
GlobalChan

61111111111111111154

Midi Panel Destination


 INTERNAL Tutti i tipi di opera-

ACCESS VIRUS OS4 177


I Parametri Global

zioni di controllo vengono inviati


direttamente ai componenti di
generazione del suono del Virus e
non alla MIDI Out.

funzione utile solo quando volete


raggiungere altri generatori sonori
via MIDI.
01111111111111111112

 INT+MIDI Tutti i tipi di operazioni di controllo vengono inviati


direttamente ai componenti di
generazione del suono del Virus e
simultaneamente alla MIDI Out.

 MIDI Tutti i tipi di operazioni di


controllo vengono inviati esclusivamente alla MIDI-Out, e il percorso del segnale interno viene
interrotto. Questa posizione
equivalente alla classica funzione
Local Off per linterfaccia utente.
01111111111111111112

1 MIDI
Panel Int+Midi
61111111111111111154

Arpeggsend
Questo parametro determina se
larpeggiatore trasmette o meno
(rispettivamente ON o OFF) le note
generate dalla MIDI Out. Questa

1 MIDI
ArpeggSend

Off

61111111111111111154

Se volete registrare le note generate dallArpeggiatore in un


sequencer, assicuratevi che queste
non vengano ritrasmesse direttamente al Virus. Se non lo fate,
lArpeggiatore potrebbe non essere
pi in grado di suonare correttamente in queste condizioni. Per
evitare questa situazione, indirizzate i dati tramite un altro canale
MIDI o disattivate la funzione MIDI
Thru del sequencer.

Clock RX
Questo parametro attiva o disattiva la ricezione del MIDI-Clock globalmente. Il Virus rileva
automaticamente la presenza del
MIDI-Clock (Auto). Perci questo
parametro non va usato per atti-

178 17
I parametri Global, MIDI e System

vare la ricezione del MIDI-Clock,


ma per disattivarla se necessario
(Off).
01111111111111111112

1 MIDI
ClockRx

Auto

61111111111111111154

Midi Volume Enable


Attiva (ENA) o disattiva (DIS) globalmente la ricezione dei dati di
Volume (Controller #7).
01111111111111111112

1 MIDI
MidiVolume

Ena

61111111111111111154

01111111111111111112

1 MIDI
ProgChange

Ena

61111111111111111154

Multi Program Change Enable


Questa funzione controlla se il
VIRUS riceve i program change dei
multi-setup. Se abilitato, il VIRUS
seleziona un intero multi-setup
alla ricezione del program change.
Il global MIDI channel (canale MIDI
globale) devessere usati per ricevere il program change. Ricordate
che il multi program change non
funziona nel modo single-multi,
perch, in questo modo, il display
non in grado di mostrare i cambiamenti.
01111111111111111112

Program Change Enable


Attiva (ENA) o disattiva (DIS) globalmente la ricezione dei dati di
Program Change per i programmi
SINGLE.

1 MIDI
MultiPrgChg Dis
61111111111111111154

ACCESS VIRUS OS4 179


I Parametri Global

Midi Device Id
Qui potete immettere il numero
identificativo per il trasferimento
dei dati di sistema esclusivo. Per
abilitare la comunicazione tra due
Virus - cio per scambiare dati di
sistema esclusivo - dovete assegnare ad entrambi lo stesso MIDI
DEVICE ID.

impostate Contr, vengono ricevuti sia i dati dei controller che


quelli di SysEx.
01111111111111111112

1 MIDI CONTROL
LowPage
Contr
61111111111111111154

01111111111111111112

1 MIDI
DeviceId

Midi Control High Page


Omni

61111111111111111154

Midi Control Low Page


Qui potete determinare se volete
che i primi 128 parametri (Page A)
vengano trasmessi dalla MIDI-Out
come dati di system exclusive
(SysEx) o come Controller MIDI
(Contr). Quando impostate SysEx,
i dati dei controller vengono disabilitati dalla parte ricevente; se

Qui potete determinare se volete


che i secondi 128 parametri (Page
B) vengano trasmessi dalla MIDIOut come dati di system exclusive
(SysEx) o come dati MIDI di PolyPressure (PolyPrs). Quando impostate SysEx, i dati polypressure
vengono disabilitati dalla parte
ricevente; se impostate PolyPrs,
vengono ricevuti sia i dati polypressure che quelli di SysEx.
01111111111111111112

1 MIDI CONTROL
HiPage PolyPrs
61111111111111111154

180 17
I parametri Global, MIDI e System

LCD Contrast

SYSTEM

Permette di regolare il contrasto


del display LC a seconda delle differenti condizioni di illuminazione e
angolo visivo.

Master Tune
Determina lintonazione complessiva del Virus. 0 = A 440 Hz. Potete
scordare il dispositivo di un semitono al massimo verso lacuto e
verso il basso.

01111111111111111112

1 SYSTEM
LCDContrast

64

61111111111111111154

01111111111111111112

1 SYSTEM
Mastertune

+0

61111111111111111154

Memory Protect
Blocca (ON) o sblocca (OFF) la
memoria dei suoni del Virus. Impostando MEMORY PROTECT su On,
potete evitare sovrascritture accidentali dei programmi se premete
il tasto STORE per errore.
01111111111111111112

1 SYSTEM
MemProtect

Off

61111111111111111154

Knob Mode
Offre una selezione di diversi modi
di funzionamento delle manopole
che potete attivare a seconda delle
preferenze personali o dellapplicazione corrente:

 OFF Le manopole sono inattive.


 JUMP () In modo Jump, il
parametro salta direttamente ed
in modo assoluto al valore determinato dalla posizione corrente
della manopola.

 SNAP () Quando regolate una


manopola in modo Snap, limpostazione originale determina il
valore sino al momento in cui il
movimento della manopola non

ACCESS VIRUS OS4 181


System

oltrepassa la sua posizione. In altre


parole, il parametro non salta al
valore come avviene in modo
JUMP.

 RELATIVE ()Quando regolate


una manopola in modo RELATIVE, il
parametro viene influenzato
immediatamente, ma non in modo
assoluto. In altre parole, il valore
cambia dal valore originale al
valore che riflette in modo preciso
la quantit di regolazione eseguita da un dato controllo.
01111111111111111112

1 SYSTEM
KnobMode

Jump

61111111111111111154

 SHORT Quando ruotate una


manopola, i contenuti correnti
della riga inferiore del display vengono sovrascritti dai dati che rappresentano il cambiamento nel
valore del parametro; una volta
completata lazione, i contenuti
originali riappaiono nella riga inferiore del display.

 LONG Uguale a SHORT, ad eccezione del fatto - avete indovinato che il display mostra i dati della
manopola per un periodo di tempo
pi lungo.

 ON I contenuti del display vengono sovrascritti quando ruotate


una manopola; il menu originale
non riappare nel display.
01111111111111111112

KNOB DISPLAY
Quando attivo un menu, SYSTEM
KNOB DISPLAY offre diverse
opzioni di visualizzazione per i
parametri che hanno una manopola dedicata:

 OFF I movimenti delle manopole non vengono visualizzati; i


contenuti correnti del display
restano intatti quando ruotate una
manopola.

1 SYSTEM
KnobDispl Short
61111111111111111154

LED MODE
Qui potete scegliere tra due modi
operativi per i LED RATE di LFO 1 e 2:

 LFO I LED indicano le oscillazioni degli LFO.

182 17
I parametri Global, MIDI e System

 INPUT I LED indicano il livello


dei due ingressi audio esterni
(RATE 1 = Input L; RATE 2 = Input R).
La brillantezza dei LED indica i
livello dingresso corrente; la saturazione viene indicata dai LED che
lampeggiano rapidamente. Per
ottenere la miglior qualit sonora
del sistema, dovreste impostare il
segnale in ingresso ad un livello il
pi vicino possibile alla soglia di
saturazione. Evitate per di impostare il livello oltre questa soglia,
altrimenti il segnale sar distorto.
Potete anche usare gli indicatori di
livello per vedere se collegato un
segnale in ingresso.

 AUTO Attivando AUTO, i LED LFO


Rate indicano automaticamente il
livello dingresso quando selezionate un SINGLE o PART che accede
a un ingresso audio esterno.

 OUTPUT1
 OUTPUT2
 OUTPUT3
 AUX1
 AUX2 Come con limpostazione ExtIn, potete far indicare ai
LED LFO Rate i livelli del segnale di
5 ulteriori bus di segnali. Potete
cos controllare visivamente se un

segnale indirizzato ad un dato


bus e vedere i circuiti in sovraccarico. Attivando questa opzione, il
LED dellLFO1 indica il canale sinistro e il LED dellLFO21 il canale
destro del bus di segnali selezionato. I LED lampeggiano rapidamente per indicare un bus
sovraccaricato.

 STEAL Limpostazione Steal


indica se una voce viene interrotta
per fornire le voci richieste dalle
nuove note, se la polifonia del
Virus esaurita. Se il dispositivo
deve tagliare una nota, seleziona
la voce con il livello del segnale pi
basso. Considerando che una voce
si riduce nellintervallo da 0 a -144
decibel, ma a seconda del contesto sonoro il segnale scompare
sullo sfondo a -32 / -48 decibel,
questo processo di interruzione
delle note che stanno scomparendo praticamente inudibile. La
brillantezza del LED LFO Rate fluttua per indicare il livello corrente
dellinviluppo del volume della
nota interrotta dal Virus.
01111111111111111112

1 SYSTEM
LeadMode

Auto

61111111111111111154

Generatore Casuale di Patch

184 18
Generatore Casuale di Patch

PATCH CASUALI
Il generatore casuale di patch
(RANDOM PATCH GENERATOR) pu
essere usato per generare automaticamente un nuovo suono o per
modificarne uno esistente in modo
casuale (random). I parametri PAR
DEPTH e AMOUNT vi permettono
di determinare quanto radicalmente viene cambiato il suono. A
seconda dei valori impostati qui, il
RANDOM PATCH GENERATOR in
grado di effettuare qualsiasi modifica dei parametri del suono: da
leggere variazioni a trasformazioni in un suono completamente
differente.
Il RANDOM PATCH GENERATOR
viene attivato quando premete il
tasto STORE mentre il display
mostra uno dei due parametri
RANDOM. I risultati del calcolo
vengono immagazzinati nellEdit
buffer e possono essere ascoltati
immediatamente. Potete anche
premere pi volte STORE per creare
cambiamenti successivi nel suono.
Per memorizzare in modo permanente un suono creato dal RANDOM PATCH GENERATOR, basta
salvarlo in una memoria SINGLE

nel solito lodo. A questo scopo, premete il tasto SINGLE per attivare il
modo PLAY (modo SINGLE o modo
MULTI-SINGLE) cos da ripristinare
la funzione originale del tasto
STORE.
Se volete riavviare il processo con
le impostazioni del suono originali,
basta tornare al modo PLAY e selezionare di nuovo il suono desiderato.
PAR DEPTH Questo parametro
determina il numero di parametri
del suono che vengono influenzati
dal RANDOM PATCH GENERATOR.
Con un valore basso di PAR DEPTH,
vengono modificati pochi parametri. Inoltre, il modo in cui i pochi
parametri vengono modificati assicura che vengano manipolati
organicamente. Ci significa
semplicemente che non cambiano
radicalmente, cos che, per esempio, il dato timbro possa essere
suonato ancora in modo tonale.
Aumentando il valore di PAR
DEPTH, vengono modificati altri
parametri che hanno un maggior
impatto sul timbro. Con valori ele-

ACCESS VIRUS OS4 185


Patch Casuali

vati, il RANDOM PATCH GENERATOR tende a generare suoni simili a


rumori o effetti speciali.

mendo il tasto STORE. Valori pi


elevati introducono cambiamenti
fondamentali nel suono.

01111111111111111112

01111111111111111112

1 RANDOM [STORE]
ParaDepth
0

1 RANDOM [STORE]
Amount
0

61111111111111111154

61111111111111111154

AMOUNT Questo parametro determina lintensit delleffetto del


RANDOM PATCH GENERATOR sui
parametri del suono. Con valori
bassi, i cambiamenti del suono
sono abbastanza leggeri, ma
potete intensificare leffetto pre-

 Sappiate che RANDOM PAR


DEPTH e RANDOM AMOUNT non
sono veri parametri dei suoni.
Impostano semplicemente i parametri del RANDOM PATCH GENERATOR ed hanno effetto solo
attivando il RANDOM PATCH GENERATOR. Solo allora il suono viene
modificato.

186 18
Generatore Casuale di Patch

Categorie

188 19
Categorie

LE CATEGORIE DI
SUONI
Il Virus vi da la possibilit di classificare in categorie i suoni SINGLE
memorizzati. Grazie a queste categorie, potrete trovare il suono desiderato molto pi velocemente.
Avete a disposizione le seguenti
categorie:

Off, Lead, Bass, Pad, Decay, Plug,


Acid, Classic, Arpeggiator, Effects,
Drums, Percussion, Input, Vocoder,
Favourite 1, Favourite 2, Favourite 3
Tutti i suoni SINGLE possono essere
assegnati ad un massimo di due
categorie per mezzo dei parametri
CATEGORY 1 e CATEGORY 2. Per
esempio, potete assegnare gli
attributi "Bass" e "Acid" o "Lead" e
"Favorite 1" ad un dato suono. Queste categorie possono essere cambiate in qualsiasi momento e
salvate col suono. Ai suoni preimpostati sono assegnate categorie
di default.

Dopo aver assegnato le categorie,


potete cercare i suoni in una categoria specifica in modo SINGLE e in
modo MULTI-SINGLE:
Tenete premuto il tasto SINGLE, e
usate i tasti PARAMETER per selezionare la categoria in cui volete
cercare i suoni. Tenete premuto il
tasto SINGLE e usate i tasti VALUE
per selezionare i suoni assegnati
alla categoria correntemente selezionata. Non importa se questo
suono stato assegnato alla categoria tramite CATEGORY 1 o CATEGORY 2: in ogni caso, appare nella
lista. Mentre selezionate i suoni, i
SINGLE che non appartengono alla
categoria correntemente selezionata vengono semplicemente saltati quando tenete premuto il
tasto SINGLE.

Le versioni a tastiera del Virus

190 20
Le versioni a tastiera del Virus

IL VIRUS KB E IL VIRUS
INDIGO

LOCAL OFF E TRE IN


UNO

Bench il Virus kb o il Virus Indigo


siano semplicemente un Virus con
la tastiera, vi sono alcune caratteristiche da considerare, che rappresentano largomento di questo
capitolo.

Per sfruttare al meglio il vostro


Virus kb / Indigo, e per usarlo con
cognizione di causa, vale la pena di
suddividere teoricamente la macchina nei suoi componenti:
tastiera, pannello e generatore
sonoro. La tastiera e il pannello trasmettono i dati, dei tasti suonati e
delle rotelle e potenziometri che
ruotate. Il cuore invisibile del Virus,
il generatore sonoro, riceve questi
dati.
Il trasmettitore e il ricevitore
comunicano tramite lo standard
MIDI, perci, il fatto che il generatore sonoro riceva i messaggi note
dalla tastiera o dalla MIDI-In non
rappresenta una reale differenza.
Lo stesso vale per i dati inviati dai
potenziometri sul pannello al
generatore sonoro: vengono trasmessi normali dati MIDI, come se
arrivassero al generatore sonoro
dalla MIDI-In.
Perch vogliamo far rivolgere la
vostra attenzione a queste circostanze in modo cos esplicito? Semplice: potreste aver gi incontrato il

ACCESS VIRUS OS4 191


Local off e Tre in Uno

modo Local-Off su altri sintetizzatori: quando attivato la tastiera


invia i dati alla MIDI-Out, ma non
al generatore sonoro. Questo ha
senso quando usate il synth con un
sequencer, e volete usare il synth
come Masterkeyboard nel vostro
setup. In questo caso il sequencer
decide quale macchina riceve i dati
della tastiera, e potreste non desiderare affatto che la tastiera invii
direttamente i dati al generatore
sonoro interno. Infatti non vorrete
trasmettere i dati due volte (direttamente e tramite il sequencer), ne
vorrete che il generatore sonoro
interno suoni quando state cercando di riprodurre i suoni di un
altro sintetizzatore.
Per cui ovviamente anche il Virus
kb / Indigo ha un modo Local-Off
(Parametro: KEYBOARD Local (Off,
On)). Quando attivato, tutti i dati
della tastiera, cio aftertouch, i
dati dalle rotelle e dai due pedali,
vengono trasmessi dalla MIDI-Out,
e non al generatore sonoro.
Come sul Virus senza la tastiera, il
Virus kb / Indigo ha uno speciale
modo Local-Off per il pannello
(Parametro: MIDI Panel: Internal,
Int+MIDI, MIDI). Potete scegliere se

i dati dal pannello di controllo


vanno trasmessi solo al generatore
sonoro, al generatore sonoro e alla
MIDI-Out, o solo alla MIDI-Out.
Separare il modo Local-Off per il
pannello da quello della tastiera
pu sembrare fonte di confusione
e inutilmente complicato allinizio,
ma ha senso - come illustrato nel
seguente esempio:
Supponiamo che vogliate usare il
Virus kb / Indigo come Masterkeyboard col vostro sequencer e siate
passati al Local-Off. Se questo
modo fosse valido per la tastiera e
per il pannello, i dati di entrambi i
trasmittenti non verrebbero inviati
al generatore sonoro del Virus, ma
solo alla MIDI-Out. Questo pu
essere desiderabile per i dati della
tastiera, ma non necessariamente
per quelli del pannello di controllo:
se voleste improvvisamente ruotare il potenziometro Cutoff del
Virus per smorzare il suono del
Virus, i dati del potenziometro non
arriverebbero al generatore
sonoro, ma solo al sequencer. Da l
potrebbero passare ad un synth
completamente differente, dove
potrebbero provocare cambiamenti dei suoni del tutto indeside-

192 20
Le versioni a tastiera del Virus

rati - poich non vi unallocazione


standard dei dati control ai parametri.
Per farla breve: pu essere molto
pratico e utile per i vostri nervi
poter attivare il modo Local-Off per
la tastiera, mentre i potenziometri
controllano solo il Virus - e
nientaltro. Solo se volete registrare i dati di controllo nel
sequencer, o volete influenzare
unaltra macchina con i controlli
del Virus, ha senso inviare i dati di
controllo simultaneamente - o
esclusivamente - alla MIDI-Out.
Dopo esservi familiarizzati con
entrambi i modi Local-Off del Virus
kb / Indigo, il momento di dare
unocchiata alle altre caratteristiche delle versioni a tastiera.

KEYBOARD & COMPANY


La tastiera non la sola differenza
tra un Virus kb / Indigo e un Virus
senza tastiera. Dopo tutto la
tastiera ha due rotelle e due interfacce a pedale. La tastiera del Virus
kb dotata di una funzione di
aftertouch; questa caratteristica
non presente sul Virus Indigo.
La rotella del Pitch-Bend viene
usata principalmente per alterare
lintonazione, ma pu anche essere
usata per controllare altri parametri con la modulation matrix. Il
Pitch Bend una sorgente di controllo bipolare, il che significa che il
parametro di destinazione pu
essere alterato, partendo da un
valore centrale, verso lalto e verso
il basso. (Una molla riporta automaticamente la rotella al valore
centrale quando la lasciate
andare).
Questo avviene per la rotella Modulation: questa rotella trasmette il
valore 0 quando viene ruotata
completamente verso il basso, e il
valore massimo quando viene ruotata verso lalto. Il parametro di

ACCESS VIRUS OS4 193


Keyboard & Company

destinazione pu essere alterato


solo in una direzione. Lapplicazione
classica della Modulation Wheel
per aggiungere il vibrato a un
suono. Normalmente assegnata al
MIDI-Controller N 1 (Modulation).
Naturalmente la Modulation Wheel
pu controllare altre cose al posto
del vibrato, per es. lapertura di un
filtro. La modulation wheel pu
essere anche usata per controllare
pi parametri contemporaneamente, perch pu essere assegnata
a destinazioni di modulazione differenti tramite la modulation matrix il che vale anche per altri controlli.
Queste capacit di assegnazione
multiple permettono di creare cambiamenti del suono molto complessi, che potremmo chiamare
Sound - Morphing.

 Il Virus kb / Indigo vi permette di


scegliere liberamente il controller
trasmesso dalla Modulation Wheel,
nel caso vi serva (Parametro KEYB
MODWHEEL (Off, 1...127)). Lo standard, (preimpostato in fabbrica) per
la Modulation Wheel - come gi
indicato sopra - il MIDI-Controller 1.
Potete controllare ogni parametro
del Virus assegnando la rotella al
controller corrispondente.

Bench possibile, vi sconsigliamo


fortemente di farlo. Se assegnate
un controller differente da 1 alla
Modulation Wheel, il software del
Virus non riconosce pi la Modulation Wheel come tale, e i collegamenti nella modulation matrix,
(ASSIGN-Menu) che usano la
modulation wheel come sorgente
di modulazione non hanno pi
effetto. La cosa giusta da fare, che
raccomandiamo caldamente, di
lasciare la Modulation Wheel sul
Controller 1, e di selezionare la
destinazione di modulazione corrispondente alla rotella nella
matrice. Dato anche che le regolazioni sono valide per ogni suono,
tutto funziona come deve.
Torniamo alle interfacce a pedale:
vi permettono di collegare interruttori a pedale (on/off) o pedali di
controllo (segnale di controllo
costante). Potete scegliere un
MIDI-Controller per i pedali (Parametro: KEYB PEDAL 1 o 2 (Off,
1...127)). Lo standard sono i Controller 64 (hold o sustain pedal, la nota
suonata resta in risonanza) e 7
(Channel- o MIDI-volume, il
volume del suono eseguito). Come
per la Modulation Wheel, i pedali

194 20
Le versioni a tastiera del Virus

possono essere usati per controllare parametri differenti tramite la


modulation matrix (ASSIGN).
Interruttori e pedali di controllo
sono disponibili dal vostro di rivenditore di strumenti musicali. I soli
pedali di controllo adatti sono i
tipici pedali di controllo per sintetizzatore con una singola spina a
tre poli (simile a quella delle cuffie). Non funzionano invece i pedali
del volume o Wahwah usati dai
chitarristi. Inoltre, i pedali di controllo di certi costruttori hanno
una polarit differente, per cui non
funzionano correttamente col
Virus kb / Indigo (nessun effetto di
controllo o controllo errato). Suggeriamo di provare il pedale di controllo prima di comprarlo. Anche
gli interruttori a pedali di certi
costruttori hanno una polarit differente. Il Virus kb / Indigo per
riconosce questa polarit quando
lo accendete o premete PanicReset. Fate un doppio-click su
entrambi i tasti Transpose. Funzione panic a pagina 92.

Aftertouch
(Chiamato anche comunemente
Channel Pressure), un segnale
di controllo generato premendo
ulteriormente il tasto gi abbassato (non troppo forte, o la funzione cambia in riparazione
necessaria) Pi forte premete i
tasti, pi forte diviene il segnale di
controllo; eccellente per modulare
qualsiasi parametro mentre suonate il Virus tramite la sua modulation matrix (ASSIGN). La
sensibilit della funzione Aftertouch viene impostata col parametro KEYBOARD PRESSURE
Sensitivity (Off, 1...127). La sensibilit normale attorno a 64, e permette di sfruttare interamente
laftertouch. Se state usando la
tastiera per registrare i dati MIDI
con un sequencer, pu essere utile
disattivare laftertouch, (Sensitivity=Off), per evitare di registrare
dati MIDI indesiderati. Come gi
affermato sopra, solo il Virus kb ha
la funzionalit dellaftertouch.
La tastiera del Virus pu essere trasposta in semitoni. Se pu interessarvi, la trasposizione avviene nel
trasmittente (la tastiera) e non nel
ricevente (il generatore sonoro).
Il parametro della trasposizione

ACCESS VIRUS OS4 195


I Keyboard-Mode

chiamato KEYBOARD Transpose


(-64...+63). KEYBOARD Transpose
pu essere cambiato in ottave con i
tasti TRANSPOSE sul pannello. Col
parametro KEYB TRANSPOSE Button potete scegliere se i tasti
TRANSPOSE cambiano la trasposizione del programma SINGLE
(posizione ricevente) o della
tastiera (posizione trasmittente).

I KEYBOARD-MODE
Sarete particolarmente interessati
nella funzione Keyboard-Mode del
Virus se intendete usare il Virus kb
/ Indigo come Masterkeyboard per
gestire altri generatori sonori MIDI
collegati. Per spiegarla, dobbiamo
dare unocchiata pi ravvicinata: se
usate il Virus in MULTI MODE,
potete suonare diverse parti su
canali MIDI differenti. Potete
anche assegnare diverse parti allo
stesso canale MIDI, facendo suonare solo una parte nella zona
inferiore della tastiera, e una parte
differente nella zona superiore.
Ci permette di ottenere una
variet di variazioni split e layer. La
met inferiore della tastiera suona
un basso, quella superiore un
suono di pad mixato con uno di
brass - e cos via. Le parti sono
assegnate alle aree della tastiera
nel Multi del Virus, dove vengono
anche salvate - il che significa nel
generatore sonoro o in altre parole
il ricevitore (come spiegato nella
nostra definizione Tre in Uno). La
tastiera trasmette semplicemente

196 20
Le versioni a tastiera del Virus

i dati, e le varie note vengono


distribuite alle relative parti nel
generatore sonoro.

lorganizzazione e lassegnazione
delle funzioni si applicano solo ai
generatori sonori interni.

Con laiuto del Parametro Keyboard-Mode, potete invertire lintera


situazione. Pu rilocare lassegnazione delle note Multi di nuovo al
trasmittente, cio alla tastiera. Le
note vengono controllate e assegnate nella tastiera e non nel
generatore sonoro. Lidea dietro
questa opzione che un modo
facile ed elegante per includere
generatori sonori esterni nelle configurazioni split e layer.

La funzione Keyboard Mode vi permette di selezionare tra OneChannel e Multichannels. Questo il


funzionamento:

Il basso menzionato nellesempio


sopra, era attivo solo nella met
inferiore della tastiera. Ora il suono
non deve pi necessariamente provenire dal Virus, e qualsiasi altro
sintetizzatore controllabile via
MIDI pu funzionare allo scopo. Le
zone di tastiera selezionate possono essere inviate alla MIDI-Out
prima che raggiungano il generatore sonoro del Virus. Durante
unesecuzione dal vivo potete suonare generatori sonori esterni
usando il Virus come una masterkeyboard. Questo non possibile
nel normale MULTI MODE perch

Se selezionato Onechannel, la
tastiera trasmette sul canale MIDI
della parte selezionata (o sul Global Channel in modo Single) al
generatore sonoro e alla MIDI-Out.
Questa limpostazione normale
per tutte le applicazioni con i
sequencer e col Virus da solo. Se
selezionato MultiChannels, i
segnali della tastiera vengono
inviati generalmente a tutte le
Multipart. Tutte le parti attive (PartEnable=On) sono controllate dalla
tastiera, indipendentemente dal
canale MIDI impostato. Se i dati
vengono trasmessi via MIDI
dipende dal parametro KeybToMidi
(Off, On) che potete trovare nei
Parametri Part in Multimode: se
KeybToMidi attivato (On) per una
o pi parti, la tastiera trasmette
alla MIDI-Out su ognuno dei canali
MIDI delle parti. Ora viene considerato quale area della tastiera viene

ACCESS VIRUS OS4 197


I Keyboard-Mode

usata dalla parte (LowKey,


HighKey), e la trasposizione di ogni
singola parte (PartTranspose).
Le impostazioni del numero del
banco e del programma corrente e
il volume della parte vengono
anchesse trasmesse tramite la
MIDI-Out. Il parametro attivato
precedentemente dal lato ricevente ora pu essere usato dal lato
del trasmettitore; le 16 Multi-Part
ora sono a vostra disposizione per
un controllo esteso dei generatori
sonori esterni. Il parametro PartEnable viene anche attivato dal lato
trasmittente, e determina se la
tastiera suona la parte interna (On)
o no (Off). In altre parole PartEnable la controparte del parametro
KeybToMidi, e pu essere considerato un Local-Off individuale per
ogni parte.
Ecco di nuovo le varie applicazioni:

La Parte passiva
PartEnable =Off
KeybToMidi =Off:
La tastiera non trasmette i dati ne
alla MIDI-Out ne al generatore
sonoro, ed di conseguenza disattivata dal lato trasmittente. La
parte riceve per i dati dalla MIDIIn, e pu essere controllata sul suo
canale MIDI da una tastiera o
sequencer esterni.

La zona interna della tastiera


PartEnable =On
KeybToMidi =Off:
La tastiera trasmette i suoi segnali
al generatore sonoro della parte
corrispondente, ma non alla MIDIOut.

La zona esterna della tastiera


PartEnable =Off
KeybToMidi =On:
La tastiera trasmette i suoi segnali
alla MIDI-Out, ma non al generatore sonoro della parte corrispondente. Ci vi permette di
controllare una macchina esterna
con la zona di tastiera appropriata.

198 20
Le versioni a tastiera del Virus

La zona interna + esterna


della tastiera
PartEnable =On
KeybToMidi =On:
La tastiera trasmette i suoi segnali
al generatore sonoro e alla MIDIOut. In una singola zona della
tastiera potete combinare una
parte del Virus un generatore
sonoro esterno sullo stesso canale
MIDI.
Poich PartEnable non funziona sul
lato ricevente nel modo MultiChannel, le parti suonano le note
che arrivano dalla MIDI-In sui
canali MIDI corrispondenti! Se ci
crea problemi nel vostro setup
MIDI, potrebbe essere necessario
impostare canali MIDI differenti
per trasmettere e ricevere su ogni
macchina. Alternativamente una
parte pu essere disattivata se i
parametri LowKey e HighKey sono
impostati su C-2. Rispondono solo
alla nota MIDI pi bassa C-2, che
viene usata raramente nelle situazioni comuni.
Ricordate che il parametro KeybToMidi visibile solo se KEYBOARD
Mode impostato su MultiChannels.

Ricordate anche quanto segue: con


limpostazione OneChannel, suonando i tasti si ha leffetto che la
tastiera e il pannello agiscano sulla
parte selezionata. Il Part-Select
quando impostato MultiChannels valido solo per il pannello,
non per la tastiera.

ACCESS VIRUS OS4 199


I Keyboard-Mode

Ecco un riassunto dei parametri


speciali della versioni a tastiera:
KeybToMidi (per PART)

(Off, On)

KEYBOARD

Local (Off, On)

KEYBOARD MODE

(OneChannel, MultiChannels)

KEYBOARD Transpose

(-64...+63)

KEYB TRANPOSE Buttons

(Single, Keyb)

KEYB MODWHEEL

Destination Controller

KEYB PEDAL 1

Destination Controller

KEYB PEDAL 2

Destination Controller

KEYB PRESSURE
Sensitivity

(Off, 1...127, Default #64)

Tutti questi parametri eccetto KeybToMidi sono parametri globali.


Questi parametri sono visibili solo
nelle versioni a tastiera del Virus.

200 20
Le versioni a tastiera del Virus

Il Vocoder del VIRUS

202 21
Il Vocoder del VIRUS

IL VOCODER
Bench i suoni dei vocoder siano
recentemente riapparsi in molte
produzioni musicali, molti musicisti non sanno precisamente come
funzionano o, cosa ancor pi
importante, come suonano! Troverete vari preset di Vocoder
nellultima sezione del banco SINGLE D (sigla VOC). Questi programmi SINGLE richiedono la
presenza di un segnale audio dagli
ingressi esterni. Anche la tastiera
devessere suonata nella maggior
parte dei preset. Il Vocoder del
Virus non necessariamente facile
da gestire. Dovreste sempre far
riferimento ad un preset di Vocoder esistente per le modifiche.
Il Vocoder una delle sezioni pi
complesse del Virus. Per questa
ragione, raccomandiamo di usare i
suoni impostati in fabbrica che utilizzano il Vocoder come punto di
partenza e di modificare questi per
ottenere il vostro suono. Ci significa che non dovete partire da zero
e che i parametri del Vocoder sono
gi impostati cos da facilitare considerevolmente la programmazione.

Un Vocoder crea un nuovo suono


combinando due segnali. Il timbro
del cosiddetto segnale di analisi (o
segnale modulatore) da forma al
segnale portante. Un tipico esempio di segnale modulatore la voce
umana, mentre un segnale portante adatto pu essere un suono
costante ricco di armonici.
Le caratteristiche del suono vengono trasformate nel nuovo suono
da due serie di filtri passa-banda: il
segnale modulatore viene inviato
attraverso diversi filtri passabanda in parallelo, che lasciano
passare solo una certa parte
dellintero spettro. Ogni filtro
passa-banda seguito da un envelope follower che usa il livello del
segnale per creare un segnale di
controllo. Questa parte del vocoder
chiamata banco modulatore
(modulator bank).
Il segnale portante viene trattato
in un modo simile. Viene suddiviso
in diverse bande da una catena di
filtri passa-banda. Diversamente
dalla tecnica usata sopra, i filtri
passa-banda non sono seguiti
dagli envelope follower. Il circuito
usa amplificatori che vengono
regolati dal segnale di controllo

ACCESS VIRUS OS4 203


Il Vocoder

emesso dagli envelope follower dei


modulator bank. Questa parte del
vocoder chiamato carrier bank o
synthesis part.
Non appena il modulatore rileva
un segnale in una certa gamma di
frequenze, il suo envelope follower
regola la banda corrispondente
nella synthesis part. In altre parole:
solo la banda di frequenze del
segnale portante (il tono costante),
che una parte del segnale modulatore (la voce parlante) in questo
secondo, viene passato alluscita.
Ecco perch il tono costante inizia
a parlare. Lintonazione del segnale
in uscita dipende dalla portante. Se
viene usato un accordo, per es. un
suono di pad polifonico al posto di
un tono singolo, potete ascoltare
un tipico coro di vocoder. Naturalmente, potete usare un Modulatore differente da una voce che
parla. Provate con un drumloop!

delle bande del filtro e molto altro


ancora. Usando una patch Multi e
le mandate ausiliarie, i suoni possono essere filtrati o combinati
(vedi sopra). Il vocoder sostituisce
lintera sezione del filtro dei suoni
single. Perci, potete accedere ai
parametri del vocoder tramite la
sezione del filtro del pannello frontale (vedi Filter Envelope Release e
le note aggiuntive).
Il vocoder del VIRUS consiste di
sezioni differenti che svolgono
compiti differenti:

Il Modulator Bank
Questi filtri passa-banda in cascata
suddividono lo spettro di frequenze del modulatore in bande,
in modo molto simile ad un analizzatore di frequenza da studio.

LEnvelope Follower
Tutto quel che vi serve, lo trovante
anche nel sintetizzatore interno
del Virus. anche possibile processare segnali esterni. Il vocoder del
VIRUS include: 32 bande del filtro,
che spostano la relazione tra le frequenze di modulatore e portante,
risonanza regolabile (Q-factor)

Il livello alluscita del filtro passabanda viene misurato dal modulator bank. Il segnale di controllo
risultante pu essere modificato
da un parametro ATTACK e DECAY.
Questi segnali non sono segnali
audio, poich contengono il
segnale che stato analizzato.

204 21
Il Vocoder del VIRUS

Il Carrier Bank
Il segnale viene trattato in modo
simile al segnale che attraversa il
modulator bank. In questo caso, il
segnale portante (carrier) viene
suddiviso dai filtri passa-banda.
Ogni passa-banda del carrier bank
corrisponde a un passa-banda del
modulator bank. Normalmente,
entrambi i passa-banda usano la
stessa suddivisione di frequenze.
In modo simile allinviluppo di un
sintetizzatore, il livello del segnale
misurato dagli envelope follower
del modulatore, viene usato per
controllare il livello del filtro della
portante. In fine, ma non meno
importante, i segnali controllati
individualmente del carrier bank
vengono riuniti per creare il suono
in uscita dal vocoder.

I PARAMETRI DEL
VOCODER DEL VIRUS
 I parametri relativi al Vocoder si
trovano nel Menu EFFECT
Vocoder Mode Qui potete attivare
il vocoder e scegliere contemporaneamente la sorgente del segnale
del carrier bank:

 OSC Questo modo usa lintera


sezione degli oscillatori del Virus,
incluso il generatore di rumore
come segnale portante. Gli oscillatori possono essere suonati polifonicamente il che fa funzionare
normalmente linviluppo
dellamplificatore. La differenza
nella sezione dei filtri. Il segnale
delloscillatore non passa per la
sezione dei filtri, poich questa
sezione usata per controllare il
vocoder. possibile alimentare il
vocoder con un singolo suono che
usa lintera sezione del filtro. Basta
usare le mandate aux in modo
multi per alimentare lingresso del
vocoder con un singolo suono creato in unaltra parte. Usate questo
segnale ausiliario come segnale
portante nel vocoder.

ACCESS VIRUS OS4 205


I parametri del vocoder del VIRUS

 OSC-HOLD Questa impostazione identica ad OSC bench


sia attivato il modo hold (disponibile anche con COMMON/KeyMode).

 NOISE Del rumore bianco viene


usato come portante. La sezione
delloscillatore disabilitata.

 IN (L / In L+R / In R / Aux L ...) Gli


ingressi analogici o le mandate
aux sono il segnale portante. Se
viene scelta una sorgente stereo,
come L+R, i segnali sinistro e
destro vengono mixati per creare
un segnale mono.
OSC VOL (Default: 0 (centro)) OSC
VOL regola il livello di uscita del
vocoder. Questo indipendente
dalla sorgente del segnale (che pu
essere assegnata usando il parametro vocoder mode)
INPUT SELECT (nel menu Edit) Mentre INPUT Select assegna normalmente la sorgente in ingresso per
lINPUT Mode, qui assegna
lingresso del modulator bank,
quando attivo il vocoder. Anche
qui, le sorgenti stereo come L+R
sono mixate in un segnale mono.

Vocoder Band Quantity (Manopola: FILTER RELEASE) possibile


controllare il numero delle bande
di filtraggio tra 1 e 32. Questo parametro cambia la complessit
sonora del timbro, usando pi o
meno bande del filtro. Meno
bande producono il tipico suono di
vocoder. Pi bande del filtro
aumentano la qualit della riproduzione del segnale (per es.
quanto facilmente riuscite a
capire una voce passata attraverso il vocoder). La polifonia del
Virus potrebbe variare a seconda
del numero di bande del filtro
attive.

206 21
Il Vocoder del VIRUS

Center Frequency (Manopola:


CUTOFF, Default: 64 (centro)) La
frequenza centrale dei filtri passabanda nel modulator- e carrier
bank. Usando un valore elevato di
Q (parametro filter quality, che
viene controllato da KEYFOLLOW)
potete regolare la frequenza centrale dello spettro che modificate.
Frequency Spread (Manopola:
KEYFOLLOW, Default: +63 (destra))
La larghezza delle bande del filtro
usate dai bank modulator e carrier.
Questo parametro pu regolare i
due bank insieme o separatamente. Il modo dipende dallimpostazione dei tasti di selezione dei
filtri. FILT1 assegnato al carrier, e
FILT2 controlla il modulator. Col
KEYFOLLOW massimo (+63) i filtri
coprono lintero spettro di frequenza. Riducendo KEYFOLLOW si
restringono le bande, per cui viene
coperta solo una parte della frequenza dello spettro. CUTOFF 1+2
definisce la frequenza centrale.
Legando insieme FILT1 e FILT2 si
producono frequenze identiche per
il modulator e il carrier. Se viene
ridotta solo lampiezza del carrier
bank, lo spettro analizzato viene
riprodotto su una parte del

segnale portante. Se viene ridotta


lampiezza del modulator bank
(FILT2), viene analizzata solo una
parte del segnale modulatore, ma
viene applicata allintero segnale
portante. Ci porta ad un allargamento dello spettro. Se uno dei
due parametri KEYFOLLOW ha una
quantit negativa, lo spettro del
modulatore viene applicato allo
spettro del carrier con una simmetria a specchio. Ci provoca un
cambiamento molto interessante
nelle bande. Le frequenze acute del
modulatore controllano le frequenze basse del carrier e viceversa, per esempio una voce
umana ha ancora il suono di una
voce umana ma virtualmente
impossibile comprendere qualcosa. Vogliamo incoraggiarvi a sperimentare con i suoni con
simmetria a specchio usando
questa funzione. Meritano davvero
una prova!

ACCESS VIRUS OS4 207


I parametri del vocoder del VIRUS

Questa illustrazione mostra la sezione del


filtro in modo vocoder.

Modulator Frequency Offset


(Manopola: CUTOFF 2, Default: 0
(centro)) Uno spostamento lineare
delle frequenze centrali del modulator bank verso il carrier bank,
produce alterazioni dellintonazione ed effetti da Topolino.
CUTOFF2 crea uno scostamento del
modulator rispetto al carrier bank.
Q-Factor (Manopola: RESONANCE,
Default: 0 (sinistra) Il parametro
resonance controlla la qualit delle

bande del filtro (come il q-factor di


un equalizzatore). A seconda delle
impostazioni dei tasti di selezione
dei filtri, i bank sono regolati
insieme o indipendentemente.
FILT1 assegnato al carrier, e FILT2
controlla il modulator. Un quality
factor basso del carrier bank produce una riproduzione piuttosto
neutrale del segnale carrier. Valori
pi alti creano una maggior risonanza nelle bande del filtro, rendendo il suono complessivo pi
artificiale. Leffetto meno efficace
sul modulator bank. Qui, la qualit
del filtro controlla la distanza tra
i singoli filtri. A seconda del
segnale modulatore, se allargate o

208 21
Il Vocoder del VIRUS

restringete la distanza, potreste


ottenere cambiamenti interessanti, bench nella maggior parte
dei casi si producano cambiamenti
quasi impercettibili.

del parlato, bench sia possibile


creare tappeti di synth dal suono
veramente piacevole.

Vocoder Attack (Manopola: FILTER


ATTACK, Default: 0 (sinistra) Il
tempo di attacco dellenvelope follower. Questo parametro controlla
quanto velocemente le bande del
carrier reagiscono ai cambiamenti
di energia della frequenza del
segnale del modulatore. Valori pi
elevati producono una rallentamento e persino dei ritardi nella
risposta del vocoder.
Vocoder Release (Manopola: FILTER DECAY, Default: 0 (sinistra) Il
tempo di rilascio dellenvelope follower. Questo parametro controlla
quanto le bande del carrier reagiscono velocemente se scompare
una certa banda di frequenze dallo
spettro del segnale del modulatore. Qui, valori pi elevati producono una sorta di prolungamento
della durata delle bande del carrier.
Tempi elevati di attack e release
producono meno riconoscimento

Vocoder Source Balance (Manopola: FILTER BALANCE, Default: 0


(centro)) FILTER BALANCE crea un
mix del segnale portante del vocoder e del modulatore. Ruotando
FILTER BALANCE a sinistra si
aggiunge una certa quantit di
segnale carrier al segnale del voco-

ACCESS VIRUS OS4 209


I parametri del vocoder del VIRUS

der. Ruotandolo a destra si


aggiunge il segnale del modulatore.
Ruotando FILTER BALANCE molto a
sinistra o a destra potete monitorizzare i soli segnali in ingresso nel
vocoder.
Vocoder Spectral Balance (Manopola: FILTER SUSTAIN TIME, Default:
64 (centro)) Il bilanciamento nello
spettro tra le frequenze acute e
basse del segnale del vocoder. Questo parametro funziona in modo
simile ad un semplice equalizzatore, che per esempio in grado di
aumentare la qualit del parlato.
Spectral Balance influenza grandemente il carattere complessivo del
vocoder.
Diversi parametri relativi al vocoder possono essere modulati da
LFO-1 e LFO-2

 LFO 1 RESO 1+2 modula la qualit del filtro passa-banda del


modulator e del carrier bank.

 LFO 2 FILT 1 modula la frequenza del filtro passa-banda del


carrier bank.

 LFO 2 FILT 2 modula la frequenza del filtro passa-banda del


modulator bank.

210 21
Il Vocoder del VIRUS

NOTE RIGUARDO AL
VOCODER:
Il vocoder pu essere anche controllato da una qualsiasi parte del
modo multi. Se pi di una parte del
multimode contiene un vocoder
attivato, attivo solo il vocoder
della parte col numero di parte pi
basso.
Il vocoder consuma molta capacit
di calcolo. Ci riduce il numero
massimo di voci a seconda del
numero di bande del vocoder utilizzate. Un vocoder con 32 bande
consuma circa 4 voci, bench il
vocoder inizi a ridurre il numero di
voci solo quando vi un segnale
audio allingresso del vocoder. 10
secondi dopo che il segnale diminuito, il VIRUS libera di nuovo le
voci per ripristinare la polifonia
massima.
Come spiegato sopra, lintera
sezione dei filtri dedicata ai parametri del vocoder, e i parametri
come saturation o filter routing
non sono pi disponibili.

Se volete usare il vocoder come


unit effetti esterna, scegliete un
ingresso esterno nella pagina del
parametro VOCODER MODE
(segnale modulatore) e il segnale
carrier nella pagina INPUT SELECT.
Unoperazione simile devessere
eseguita per usare diverse parti del
modo multi per alimentare il vocoder. Usate lOUTPUT SELECT (OutSel) delle parti del multimode
desiderate, per indirizzarle alle
mandate ausiliarie. Poi selezionate queste nella pagina VOCODER
MODE e INPUT. Facile, no?
Le mandate ausiliarie di pi di una
parte vengono mixate automaticamente (come su una consolle di
mixaggio). Perci, unintera traccia
di batteria (che consiste di pi parti
del programma Multi dedicate ai
vari strumenti) pu essere usata
tutta insieme per alimentare gli
ingressi del vocoder. Usando FILTER BALANCE potete bilanciare il
livello del segnale originale.
La sezione effetti (chorus, delay) e
la selezione delluscita possono
essere usate in una patch di vocoder.

ACCESS VIRUS OS4 211


Note riguardo al vocoder:

Il vocoder attivo solo quando


viene rilevato un segnale esterno e
si disattiva 10 secondi dopo la fine
dellultimo segnale in ingresso. Ci
assicura che il Virus abbia a disposizione tutta la sua polifonia mentre il vocoder attivo, ma non
viene applicato un segnale in
ingresso.

212 21
Il Vocoder del VIRUS

Il Virus e i Sequencer

214 22
Il Virus e i Sequencer

CONTROLLO DEI PARAMETRI VIA MIDI

INFORMAZIONI GENERALI

Virtualmente tutti i parametri del


Virus sono accessibili via MIDI cos
da poter, per esempio, manipolare
tasti e manopole e registrare i
movimenti in un sequencer. Potete
poi ritrasmettere questi comandi
al Virus, che risponde automaticamente a queste istruzioni. I controller MIDI si sono dimostrati
efficaci per questa opzione di controllo dallesterno, poich a questi
comandi al contrario del dati di
sistema esclusivo la risposta
sempre molto rapida. Inoltre, sono
facili da modificare graficamente
in tutti i programmi di sequencer
standard.

Per poter registrare i movimenti


delle manopole ed i cambiamenti
di stato dei tasti del Virus su un
sequencer, dovete collegare la
MIDI Out del Virus alla MIDI In del
computer o sequencer. Dovete
anche abilitare la ricezione dei controller MIDI e dei comandi MIDI
polypressure nel sequencer, cos
che questi dati non vengano
esclusi da un possibile filtro. Ogni
qual volta necessario, dovete
anche abilitare la ricezione di questi dati di automazione sul Virus.
Per farlo, andate nel menu Cntrl e
date unocchiata ai parametri
MIDI. Troverete un parametro chiamato Panel che offre le opzioni
Internal, Internal+Midi e MIDI. Qui
determinate la destinazione a cui
manopole e tasti trasmettono i
loro dati. Internal significa che
manopole e tasti inviano i dati
esclusivamente al generatore
sonoro e non al MIDI. Perci, selezionate Internal+Midi o MIDI cos
che i dati siano inviati al sequencer
via MIDI. Ricordate che lopzione
MIDI scollega manopole e tasti dal
sistema interno di generazione del

ACCESS VIRUS OS4 215


Informazioni Generali

suono del Virus. Quando questa


impostazione abilitata, i dati
generati da manopole e tasti vengono riconosciuti dal Virus quando
gli vengono ritrasmessi dal computer/sequencer (il Virus devessere
selezionato come strumento su
una traccia del sequencer e la funzione Thru del sequencer
devessere attivata).
Ora scorrete ai due parametri chiamati LoPage e HiPage: LoPage
dovrebbe essere impostato su
Contr (MIDI controller), HiPage su
PolyPrs (MIDI polypressure). Vi sono
solo 128 numeri di controller per
canale MIDI, per cui non tutti i
parametri di una PART del Virus
possono essere coperti dai controller. Sul Virus, questo problema
stato risolto suddividendo questi i
suoi parametri in tre Parameter
PAGE (pagine di parametri) al fine
di trasferire i dati. Ognuna di queste tre PAGE pu contenere sino a
128 parametri. Un programma SINGLE consiste dei parametri delle
prime due PAGE. I parametri della
prima PAGE sono assegnati ai controller MIDI, e quelli della seconda
PAGE sono trasmessi e ricevuti dai
cosiddetti dati polypressure. La
struttura di questo tipo di dati

identica a quella dei controller;


polypressure supportato anche
dai sequencer software. (Questo
tipo di dati stato inizialmente creato per consentire la trasmissione
della pressione esercitata sui tasti
in modo polifonico, ma ci richiedeva uno speciale approccio allesecuzione che non ha mai preso
veramente piede. Il Virus il primo

216 22
Il Virus e i Sequencer

strumento a sfruttare questo tipo


di dati per mettervi a disposizione
pi controller.)

 Ricordate che il Virus vi permette


di controllare pi PART sullo stesso
canale MIDI. Questo significa che
un controller in ingresso agisce su
questo parametro collettivamente
in tutte le PART. Ci naturalmente
rende inutile la possibilit di indirizzare pi PART sullo stesso canale,
per raddoppiare certi suoni. Per
questa ragione, la convenzione nel
Virus che, quando pi PART sono
disponibili per un singolo canale
MIDI, solo la PART col numero di
PART pi basso viene raggiunta dai
controller in ingresso; tutte le altre
PART ignorano questi dati. Questo
si applica solo ai parametri del
suono e non ai cosiddetti performance controller come la modulation wheel.

Come alternativa al controllo dei


parametri tramite dati di controller
e polypressure, avete a disposizione lopzione di controllo convenzionale tramite sistema esclusivo
(vedi lImplementazione MIDI
nellappendice e Il Virus e i

Sequencer a pagina 213). Questa


opzione di controllo via system
exclusive pu essere attivata indipendentemente per le prime due
Parameter PAGE (sotto a MIDI nel
menu CTRL), nel qual caso questo
modo di controllo il solo tipo di
opzione di controllo dallesterno
attiva potete usare solo il system
exclusive. Il terzo parametro PAGE,
a sua volta, vi permette di controllare i parametri del MULTI PROGRAM corrente cos come dei
parametri global e/o system. Questa terza PAGE accessibile solamente tramite messaggi MIDI di
system exclusive. Il vantaggio del
controllo via system exclusive
che potete raggiungere le PART
individualmente senza tener conto
dalle assegnazioni correnti dei
canali MIDI.
Trovate una lista di tutte le assegnazioni di controller e polypressure nellappendice.

ACCESS VIRUS OS4 217


Gestire il Controllo dei Parametri MIDI

GESTIRE IL CONTROLLO DEI PARAMETRI MIDI


Se avete configurato il vostro
sistema MIDI secondo le istruzioni
nella sezione precedente, potete
attivare il modo di registrazione
del sequencer e registrare i movimenti di manopole e tasti come
preferite. Controllate lEvent o il
List editor del vostro sequencer per
vedere se la vostra operazione di
registrazione ha avuto successo.
Informazione utile: non registrate
movimenti di manopole e tasti
sulla stessa traccia che contiene le
note di un qualsiasi passaggio.
Usate invece una nuova traccia che
invia i suoi dati alla stessa uscita
MIDI e canale della traccia contenente le note. Bench il sequencer
riunisca internamente questi due
flussi di dati, separare le due tracce
rende pi facile distinguere tra le
informazioni che contengono. Inoltre, potete modificare e copiare la
registrazione dei movimenti di
manopole e tasti senza alterare le
note su quella traccia.

Se vogliamo portare alle sue conseguenze estreme questo concetto,


potete anche registrare i movimenti di ogni manopola e tasto su
una traccia separata. Bench ci
possa apparire esagerato, pu facilitare il processo di modifica delle
sequenze registrate: ricordate che
il sequencer non indica per nome i
parametri relativi ai controlli del
Virus; indica invece semplicemente
i numeri del controller e/o polypressure. Se suddividete i controlli
registrandoli in tracce differenti e
dando a queste tracce nomi che vi
danno unidea di cosa contengono, sar molto pi facile lavorare
con quelle tracce.

218 22
Il Virus e i Sequencer

NOTE SULLADAPTIVE
PARAMETER SMOOTHING
Abbiamo sviluppato una caratteristica chiamata Adaptive Parameter
Smoothing per il Virus, che assicura che i movimenti automatizzati delle manopole, e di
conseguenza i cambiamenti dei
parametri, non avvengano a
scatti, producendo il cosiddetto
zipper noise, ma bens in modo
lineare
Questo significa che il Virus
risponde alle vostre azioni in modo
assolutamente lineare, esattamente come facevano i sintetizzatori analogici prima
dellintroduzione delle memorie. A
questo scopo, la risposta del Virus
viene manipolata cos da rendere
lineari i cambiamenti nel valore del
parametro. Inoltre, questa caratteristica dinamica, cio tiene conto
del modo in cui cambiano i valori.
Per, la linearit in molti casi
indesiderabile. Per esempio,
lasciata a s, questa caratteristica
renderebbe lineari anche i movimenti deliberatamente radicali

delle manopole, dove un valore


salta al successivo, creando dei
problemi. Per esempio, questo tipo
di risposta annullerebbe lo scopo
degli effetti generati dai messaggi
di controller di uno step sequencer
o degli effetti di gate che potreste
aver programmati nel sequencer.
Potete regolare lAdaptive Parameter Smoothing tramite una funzione chiamata Control Smooth
mode (nel menu EDIT; COMMON:
SmoothMode) per adattarlo a
situazioni sonore differenti:
OFF LAdaptive Control Smoothing (cambiamento lineare del
parametro) disabilitato.

Applicazione: I salti nei valori dei


parametri vengono eseguiti senza
cambiamenti lineari. Questa
opzione ideale quando volete
creare effetti di gate e simili (per
es. con uno step sequencer) dove il
valore del parametro cambia bruscamente.

ACCESS VIRUS OS4 219


Note sullAdaptive Parameter Smoothing

Effetto collaterale: I cambiamenti


continui del parametro sia che si
tratti di movimenti controllati da
manopole automatizzate o via
MIDI - sono incrementali, il che
significa che potrebbe verificarsi
dello zipper noise.
ON LAdaptive Control Smoothing abilitato.

Applicazione: I cambiamenti dei


parametri vengono effettuati in
modo continuo e lineare.

Effetto collaterale: Anche i salti


nei valori dei parametri vengono
eseguiti in modo continuo.
AUTO LAdaptive Control Smoothing analizza la natura dei cambiamenti del parametro in ingresso
e li esegue in modo lineare o brusco, a seconda del caso.

Applicazione: Sia cambiamenti


continui che improvvisi del parametro possono essere implementati nello stesso suono.

Effetto collaterale: Questa analisi


dei cambiamenti radicali nel parametro non riesce a tenere il passo
con i cambiamenti che avvengono
in rapida successione.

NOTE LAdaptive Control Smoothing funziona sempre, ma salta


quando suonate una nuova nota.

Applicazione: Possono essere


implementati sia cambiamenti
continui che improvvisi, a patto
che i salti siano sempre inseriti
allinizio di una nuova nota. Di conseguenza, questa opzione adatta
per controllare i suoni con uno step
sequencer.

Effetto collaterale: Quando suonate polifonicamente, i salti dei


parametri influenzano anche le
note suonate precedentemente e
stanno ancora suonando quando
eseguite una nuova nota.

220 22
Il Virus e i Sequencer

Il parametro Control Smooth mode


fa parte dei suoni SINGLE e viene
salvato con essi.

 Gli step sequencer vi permettono


di assegnare un nuovo valore di
cutoff per ogni nota. Potete creare
lo stesso effetto su un sequencer
convenzionale. Per far questo, basta
programmare nel sequencer un
controller che agisce sul cutoff per
ogni nota. Ricordate per che i
sequencer convenzionali possono
introdurre un problema: se la temporizzazione di questo tipo di controller coincide esattamente con la
temporizzazione di una nota, il
sequencer trasmette prima il
comando note, cos che la temporizzazione non venga alterata dai
comandi dei controller. Nel nostro
esempio, questo significa che il
nuovo valore di cutoff non arriva
sino a dopo che la nota stata suonata. Questo pu generare qualche
problema. Raccomandiamo di registrare i controller separatamente
dalla traccia che contiene le note
(controllate che la traccia sia sullo
stesso canale MIDI) e di assegnare
un leggero predelay a questa traccia (per es. impostate Track Delay a
-1). In questo modo il valore del

cutoff viene aggiornato appena


prima dellarrivo della nuova nota.
Tra laltro, questo fenomeno non
unico del Virus, un problema inerente al design proprio di tutti i sintetizzatori.

ACCESS VIRUS OS4 221


Problemi Relativi al Controllo dei Parametri

PROBLEMI RELATIVI AL
CONTROLLO DEI PARAMETRI
Se vi divertite a sperimentare con
la registrazione dei cambiamenti
dei parametri, prima o poi, incontrerete il seguente problema:
quando registrate sequenze di controller in un sequencer, lultimo
valore registrato resta valido sino a
quando non viene trasmesso un
altro valore per quel controller. Per
esempio, se aprite gradualmente
un filtro per un suono a met della
song e registrate questo cambiamento del parametro, il filtro resta
aperto sino alla fine della song se
non lo chiudete manualmente o
tramite controller. Inoltre, quando
avviate la song dallinizio, sentite
ancora il suono col filtro aperto,
perch il Virus non ha ricevuto un
comando allinizio della song per
chiudere il filtro. Solo quando la
song arriva nella posizione in cui
inizia levento registrato, il Virus
riceve il primo valore del controller
per il filtro. Se, invece, la song viene
avviata con la versione salvata e
non modificata del suono del filtro,
tutto va bene: il filtro viene chiuso

e non viene aperto sino a quando


levento registrato non indica al
Virus di farlo.
Se comprendete questo collegamento tra i cambiamenti di parametri registrati e lo stato corrente
del parametro del Virus, sar facile
trovare soluzioni per questo tipo di
problemi. Restando al nostro
esempio, potreste trasmettere un
valore di controller al Virus che
richiude il filtro in un punto adatto
nella song, per esempio, in un
punto successivo allapertura del
filtro o allinizio della song. Per,
questa procedura pu diventare
velocemente noiosa se avete registrato molti cambiamenti di parametri dopo tutto, ci che state
effettivamente facendo letteralmente copiare i valori originali dei
differenti parametri per immetterli
nel sequencer. Potete anche naturalmente attivare il suono allinizio
della song con un messaggio di
program change, che reimposta i
parametri ai loro valori originali
memorizzati. Cosa accade, per, se
ad un certo punto cambiate o
sostituite il suono nel Virus? Il messaggio di program change nella
song richiama il suono sbagliato.
La soluzione pi affidabile e certa-

222 22
Il Virus e i Sequencer

mente pi elegante memorizzare


il suono(i) nella song. Il Virus riceve
cos tutte le impostazioni dei suoni
allinizio della song, evitando cos
sin dallinizio ogni problema di
suoni sbagliati, valori bloccati e
salti. Nel prossimo paragrafo, scoprirete come fare.

DUMP: I SUONI DELLA


SONG
Archiviare tutti i suoni usati in una
song non una buona idea solo
per prevenire potenziali problemi
che possono avvenire quando i
parametri vengono controllati in
tempo reale. Rende anche pi semplice tornare sul proprio lavoro in
un secondo tempo. Assumendo
che abbiate collegato la MIDI Out
del Virus alla MIDI In del computer,
potete, esempio, in qualsiasi
momento trasmettere un singolo
suono o il contenuto dellintera
memoria via MIDI sotto forma di
un cosiddetto bulk dump al
sequencer e registrare l quei dati.
Questo presenta un chiaro vantaggio: tutti i dati dei suoni possono
essere salvati con la song e lo stato
del Virus necessario per la song
pu essere ripristinato in qualsiasi
momento semplicemente trasmettendo i dati registrati al dispositivo.
Trovate il menu per i dump di SysEx
andando nel menu CTRL e poi in
MIDI DUMP TX.
Quando registrate un bulk dump in
un sequencer, potete procedere
nello stesso modo usato per regi-

ACCESS VIRUS OS4 223


DUMP: i Suoni della Song

strare le tracce contenenti le note.


Per esempio, potete spostare un
bulk dump in qualsiasi posizione
nellarrangiamento. Per essere
certi che la song sia riprodotta dal
Virus con i suoni giusti, raccomandiamo di posizionare i dati memorizzati prima della song. Spostate
avanti tutti i componenti della
song vera e propria, cos da avere
abbastanza spazio per contenere il
dump prima delle posizione iniziale della song. Poi quando
avviate il sequencer sulla prima
battuta, i dati relativi ai suoni vengono inviati al Virus prima dellinizio effettivo della song. Il dump di
un singolo suono molto breve; un

dump composto da un intero


banco di memoria si estende su pi
battute.

 Durante un bulk dump, il Virus


trasmette dati MIDI di SysEx al
computer. Se avete problemi registrando un bulk dump, controllate
se il vostro sequencer rifiuta i dati di
SysEx a causa di un suo filtraggio
interno. Potete controllare se
stato registrato qualcosa dando
unocchiata allEvent o al List editor del vostro sequencer. In questo
editor, i dati MIDI vengono visualizzati numericamente invece che graficamente; in un normale Note
editor (Key Edit, Matrix Edit o simili)
i dati di SysEx NON sono visibili.
Dopo aver registrato con successo il
dump, cercate nella lista le voci contrassegnate da SysEx.

Il Virus vi permette di trasmettere


lintero contenuto della memoria o
solo parti della memoria al
sequencer. La soluzione pi affidabile trasferire lintera memoria
(MIDI DUMP RX: Total). Vi , per,
un problema: Poich vengono trasmessi molti dati (Total, dopo
tutto, significa tutti i programmi

224 22
Il Virus e i Sequencer

SINGLE, tutti i MULTI, e cos via), il


dump piuttosto esteso e richiede
parecchio tempo. Alternativamente, potete trasmettere solo
singoli suoni, MULTI o i cosiddetti
arrangiamenti.
Laltra opzione veramente affidabile per archiviare i suoni il dump
di un arrangiamento (MIDI DUMP
RX: Arrangement). In questo caso,
viene trasmesso il MULTI corrente.
Poich un MULTI contiene gli indirizzi dei suoni SINGLE usati
nellarrangiamento e non i dati dei
SINGLE veri e propri, i suoni di tutte
le PART attive vengono trasmessi
separatamente (per maggiori
informazioni, vedi il paragrafo sul
MULTIMODE). Questa opzione
conveniente e veloce, ma ha problema intrinseco: questo tipo di
dump dellarrangiamento non
tiene conto del fatto che la song
usa i messaggi di program change
per cambiare i suoni nel MULTI.
Solo i sedici suoni a cui fa riferimento il MULTI nellarrangiamento
vengono trasmessi, il che logico
se considerate che il Virus non pu
prevedere che vogliate cambiarli
ad un certo punto durante la riproduzione.

Il dump di un arrangiamento
unottima possibilit quando vi
servono solo i 16 suoni a cui si riferisce il MULTI. Se volete o se dovete
cambiare i suoni, dovreste registrare lintero contenuto della
memoria nel sequencer. La trasmissione di singoli MULTI per
archiviare i suoni senza senso,
perch questi non contengono i
dati dei suoni veri e propri. La trasmissione dei suoni individuali, a
sua volta, utile solo se il Virus sta

ACCESS VIRUS OS4 225


DUMP: i Suoni della Song

funzionando in modo SINGLE e


avete scelto di uno usare messaggi
di program change nella song.

 Procedete con estrema attenzione quando lavorate con i dati di


SysEx! Se trasmettete qualcosa di
diverso dai suoni SINGLE o dai singoli MULTI dal sequencer al Virus, i
DATI CORRISPONDENTI NEL VIRUS
VENGONO IRRIMEDIABILMENTE
SOVRASCRITTI! Perci prima di eseguire, per esempio il dump di un
bank nel Virus, fate una copia di
backup dei bank user presenti nel
Virus (i banchi RAM) trasferendoli
nel sequencer, sempre naturalmente che vogliate preservare i
suoni che contiene. Tra laltro, non
pu farvi alcun male salvare regolarmente tutti i dati Virus come
backup.

Troverete un riassunto di tutte le


opzioni di dump e la loro spiegazione nei capitoli dedicati ai parametri, e specificamente, nei
parametri globali.

226 22
Il Virus e i Sequencer

Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

228 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

MODO MULTI SINGLE


In modo MULTI, i menu EDIT e CTRL
servono ad amministrare le 16
PART. Di conseguenza, non potete
accedere ai parametri del programma SINGLE direttamente da
qui. Inoltre, non potete cambiare
direttamente i programmi SINGLE,
che (lo ammettiamo) sarebbe
unopzione utile quando lavorate
con un sequencer. Questo il
motivo per cui il Virus dotato di
un modo MULTI SINGLE, che, a
voler ben vedere, rappresenta pi
unaltra versione del modo MULTI
piuttosto che un modo operativo
indipendente. Attivate il modo
MULTI SINGLE premendo simultaneamente i tasti MULTI e SINGLE.
Ricordate che il modo MULTI SINGLE solo unaltra versione del
normale modo MULTI e che lavora
sempre sul programma MULTI correntemente selezionato nel normale modo MULTI.
Lavorando con un sequencer, partite con un programma MULTI che
abbia impostazioni neutrali per i
suoi parametri amministrativi,
per esempio, il programma MULTI

M0 Sequencer. Qui i numeri delle


PART sono identici ai canali MIDI
delle PART. Ora quando lavorate in
modo MULTI SINGLE, il Virus
risponde come se fosse in modo
SINGLE, ad eccezione del fatto che
avete a disposizione 16 suoni
simultaneamente sui 16 canali
MIDI. Usate i tasti PART per selezionare questi suoni.

ACCESS VIRUS OS4 229


I Tasti Value

I TASTI VALUE
Quando premete simultaneamente i due tasti VALUE, il parametro viene riportato al suo valore
originale. Potete cambiare la velocit a qui cambiano i valori dei
parametri, tenendo premuto un
tasto VALUE e premendo simultaneamente laltro tasto VALUE. Se
rilasciate il primo tasto VALUE
mentre tenete premuto laltro, il
parametro viene impostato al suo
valore massimo o minimo.

TUTTO SUGLI INGRESSI


Ingressi Audio e Indirizzamenti Audio
Il Virus dotato di ingressi per i
segnali esterni. Potete indirizzarli
ai suoi componenti di generazione
del suono ed usarli segnali portanti o modulatori per il Vocoder.

OSC VOL / Input


Quando attivato uno dei due
modi INPUT, la manopola OSC VOL
invece che gli oscillatori controlla il
livello del segnale INPUT prima
della sezione Filter e naturalmente
anche il guadagno dello stadio
SATURATION. In modo INPUT Dynamic, il livello aumenta piuttosto
rapidamente quando suonate pi
voci polifonicamente. La ragione
che in contrasto a quando avete a
che fare con diversi segnali degli
oscillatori le voci sono correlate
perch stanno ricevendo un
segnale in ingresso identico. Nel
caso in cui il Virus generi distorsione quando usate questo tipo di

230 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

indirizzamento del segnale, abbassate un poco il livello di ingresso


con la manopola OSC VOL.

Input Level Indicator


In alternativa, i LED RATE degli LFO 1
e 2 possono anche servire come
indicatori di livello degli ingressi
audio esterni sinistro e destro. Per
far questo, andate nel menu CTRL,
selezionate la voce del menu
SYSTEM, e impostate il parametro
LED mode su Input. Quando il parametro impostato su Auto, il Virus
attiva automaticamente gli indicatori di livello quando il programma
SINGLE accede agli ingressi audio
esterni. I LED lampeggiano rapidamente per indicare che gli ingressi
sono in sovraccarico.
Dovreste impostare il livello adatto
sul dispositivo che trasmette i
segnali analogici. In questo modo
potete fornire il livello del segnale
pulito pi elevato possibile ai convertitori analogico/digitali del
Virus, cos che possano offrire le
migliori prestazioni possibili.
Alzate INPUT BOOST solo come
ultima risorsa, poich si trova dopo
i convertitori A/D ed enfatizza i

segnali digitalmente, il che naturalmente non influenza il segnale


dei convertitori.
Anche i segnali allinterno del Virus
potrebbero andare in sovraccarico
o possono distorcere quando i loro
livelli sono troppo alti. Inevitabilmente, i filtri risonanti di un sintetizzatore analogico virtuale ed
elevati livelli di polifonia danno ai
livelli dei segnali un potenziale
dinamico considerevole. Potevamo
escludere completamente questo
tipo di distorsione solo abbassando in modo significativo
lintera uscita del dispositivo o
limitando parametri specifici. Per,
questo tipo di problema avviene
solo in pochi scenari molto specifici. Poich il problema cos
legato al contesto, abbiamo scelto
di non abbassare la potenza di
uscita del dispositivo o di limitarne
i parametri. Raccomandiamo di
abbassare semplicemente i livelli
dei segnali (Patch Volume, etc.) per
evitare distorsioni indesiderabili.
Per aiutarvi a tener docchio i livelli
dei segnali, potete attivare il LED
mode per monitorizzare visivamente i livelli e la quantit di
distorsione delle tre uscite audio e
dei due bus aux.

ACCESS VIRUS OS4 231


Riguardo al Delay/Riverbero

RIGUARDO AL DELAY/
RIVERBERO
DELAY/REVERB Effect Send
Il parametro Effect Send funziona
come una classica manopola della
mandata ausiliaria (post-fader) su
un mixer, cio regola il livello del
segnale globale delleffetto DELAY/
REVERB senza influenzare il
segnale dry. Per, il segnale dry
viene escluso nellultimo terzo
dellintervallo di controllo, cos che
possiate far passare solo il puro
segnale delleffetto di una MULTI
Part come fareste usando una normale manopola delleffetto dry/
wet.
01111111111111111112

1 DELAY
EffectSend

73

61111111111111111154

DELAY/REVERB Output Select


La funzione DELAY/REVERB Output
Select vi permette di inviare
luscita della sezione DELAY/

REVERB a qualsiasi uscita mono o


stereo. Se collegate il segnale
DELAY/REVERB ad un bus aux virtuale, pu essere ulteriormente
processato per mezzo di una MULTI
Part collegata a questo bus aux
(INPUT Select), e persino reindirizzato nel DELAY o REVERB tramite la
stessa mandata del loop effetti
della PART, generando del feedback. Con questo circuito di feedback, potete filtrare e innescare il
segnale del DELAY/REVERB, modulare il suo volume e processarlo col
chorus. Quando lavorate col feedback, state attenti al livello del
segnale. Il livello della sezione
DELAY/REVERB pu facilmente arrivare ad un volume intollerabile
(per es. quando il livello viene
aumentato dalla risonanza di un
filtro) quando la quantit di feedback impostata eccessiva.

232 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

IL VIRUS COME DISPOSITIVO EFFETTI


Siete liberi di installare il Virus nel
vostro studio ed usarlo come un
effetto o un processore di segnale.
Per esempio, collegate semplicemente i suoi ingressi esterni a
qualsiasi bus di mandata aux o
mandata effetti del vostro mixer o
alle uscite individuali di un campionatore o altro generatore
sonoro. Questo setup vi permette
di mixare i segnali dry fuori dal
Virus e collegare i segnali mixati
nel Virus per un ulteriore elaborazione.

... e Viceversa
SECOND OUTPUT Balance vi permette di creare un mix separato
nel Virus stesso. Questo segnale
pu essere collegato tramite
luscita selezionata (SECOND
OUTPUT Select) ad un mixer o
direttamente ad ununit effetti
collegata, dove pu essere ulteriormente processato.

Oppure, questo mix pu anche


essere collegato ad unaltra PART
del Virus, dove, per esempio, pu
essere filtrato o distorto. A questo
scopo, siate certi di selezionare lo
stesso bus aux per SECOND
OUTPUT Select e per lINPUT Select
della PART in questione.

ACCESS VIRUS OS4 233


Envelope Follower

ENVELOPE FOLLOWER
Questa funzione del Virus una
prelibatezza speciale. Migliora davvero il processo di filtraggio (o
qualsiasi altro processo) di un
segnale audio esterno. Ci di cui
parliamo il cosiddetto Envelope
Follower che pu valutare linviluppo del volume di un segnale
audio esterno con una velocit o
inerzia selezionabile, e creare poi
un segnale di modulazione appropriato. Questo segnale pu essere
usato per controllare qualsiasi
parametro del Virus tramite la
Modulation Matrix. In UNISON
Mode lEnvelope Follower lavora in
stereo reale e potete trovare i parametri nel menu Effects sotto
INPUT. Un esempio delle sue applicazioni: un drumloop serve da
segnale esterno; lEnvelope Follower controlla la frequenza di
cutoff del filtro e crea un tipico
effetto Autowah, dove il filtro
viene aperto secondo il volume del
drumloop (rispettandone landamento ritmico). Inoltre, o in alternativa, potete controllare altri
parametri. Naturalmente potete

anche usare i segnali esterni come


sorgente di modulazione senza
processarli affatto nel Virus.
Quando lenvelope follower attivato, prende il posto dellinviluppo
del filtro, per cui alzando Env
Amount, questa influenza direttamente le frequenze del filtro. Qualsiasi altro parametro pu essere
modulato con lEnvelope Follower
tramite la Modulation Matrix
(ASSIGN). Selezionate FiltEnv come
sorgente di modulazione
Tre manopole dellinviluppo del filtro vengono usate per controllare
lenvelope follower quando
attivo:

Envelope Follower Attack


Manopola: FILTER ATTACK Controlla la velocit dellattacco
dellenvelope follower. Con questo
parametro, potete determinare
quanto velocemente lenvelope follower risponde agli aumenti nel
livello del segnale. Valori pi elevati rallentano lenvelope follower
e ne ritardano la risposta.

234 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

Envelope Follower Release:


Manopola: FILTER DECAY Controlla il tempo di decadimento
dellenvelope follower. Con questo
parametro, potete determinare
quanto velocemente lenvelope follower risponde agli abbassamenti
nel livello del segnale. Valori pi
elevati permettono al Follower di
perdurare.

Envelope Follower Gain:


Manopola: FILTER SUSTAIN Controlla il livello dingresso dellenvelope follower direttamente. Il
valore nominale la posizione centrale (64).

OSCILLATORI
Pulse Width Modulation
La Pulse width modulation un
metodo molto efficace per produrre oscillazioni ritmiche senza
dover ricorrere a diversi oscillatori
scordati tra loro.
Impostate OSC BALANCE tutto a
sinistra cos da sentire solo lOSC1,
poi selezionate la forma donda
Pulse per questo oscillatore (OSC1
Shape a destra). Ruotate la manopola Pulse Width (PW) avanti e
indietro. Mentre cambiate
lampiezza dellimpulso, sentite
movimenti nel suono stesso.
Quando lampiezza dellimpulso
resta fissa, il suono resta statico.
Questa modulazione avanti-eindietro pu essere automatizzata per mezzo di un LFO. Selezionate PWM per LFO1 Amount e
impostate una quantit di modulazione relativamente elevata.
Potete variare lintensit della
modulazione tramite LFO Rate.

ACCESS VIRUS OS4 235


Oscillatori

Ora quando suonate, noterete che


lintensit della modulazione
considerevolmente maggiore per i
suoni a frequenze basse che per
quelli acuti. Ci dovuto al fatto
che la frequenza dellLFO non
segue lintonazione. Potete compensare questo effetto attivando e
regolando la funzione LFO1
KEYFOLLOW. Quando impostate
LFO1 KEYFOLLOW sul valore 127, la
velocit dellLFO segue in modo
preciso tutte le intonazioni suonate (in ottave).

Per ottenere un suono pi robusto,


usate anche il secondo oscillatore
(impostate OSC BALANCE al centro) e usate DETUNE per scordarne
lintonazione (relativamente al
primo oscillatore).
Oltre allLFO1, anche lLFO3 pu
generare la pulse width modulation. Per, a differenza dellLFO1,
lalgoritmo di modulazione
dellLFO3 stato specificamente
pensato con caratteristiche che
consideriamo pi adatte alla pulse
width modulation. LLFO3 PWM
offre infatti spesso risultati pi
lineari, e in particolare un suono
pi morbido e compatto per i pad.
Un altro vantaggio dellLFO3 che
libera lLFO1 cos da poterlo utilizzare per altri scopi sonori. A proposito, KEYFOLLOW va attivato anche
per lLFO3.

Oscillator Sync/FM
Sul Virus, lOscillator 1 sempre il
componente che determina la frequenza per le due funzioni di sincronizzazione degli oscillatori e
(SYNC) e la modulazione in frequenza (FM). Ci significa che
potete usare entrambe queste

236 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

opzioni contemporaneamente.
Con la modulazione in frequenza,
potete creare spettri sonori estremamente complessi, in cui le componenti inarmoniche della
frequenza vengono filtrate (per
fare un esempio) nel corso della
sincronizzazione. Un numero infinito di nuovi spettri armonici pu
essere perci generato con i parametri FM AMOUNT e OSC2 SEMITONE. Inoltre, questi spettri
possono essere modulati in modo
continuo tramite inviluppi ed LFO.
FM e SYNC funzionano anche naturalmente con le 64 forme donda
digitali.

OSCILLATOR 3
Il Virus offre un terzo oscillatore
principale per voce, che potete attivare quando vi serve. Vi permette
di creare suoni ancor pi complessi
aggiungendo altre oscillazione e
spettro al segnale. Quando attivate lOscillator 3, (cio lOSCILLATOR 3 mode non nella posizione
OFF), la polifonia del Virus si riduce
di un massimo di sei voci, a
seconda di quante voci usano il
terzo oscillatore in MULTI mode.
La seconda posizione di OSCILLATOR 3 mode chiamata SLAVE. Qui
lOscillator 3 attivo, ma come
quando impostato su OFF non
vi sono altri parametri disponibili e
visibili. In questo modo operativo,
lOscillator 3 il gemello
dellOscillator 2. Aggiunge ulteriori
oscillazioni, rendendo il suono pi
robusto ed animato. Gli Oscillator 2
e 3 vengono gestiti insieme usando
i controlli dellOscillator 2 come se i
due fossero un singolo oscillatore.
Tutte le impostazioni eseguite per
Oscillator 2 si applicano allOscillator 3, con una sola eccezione
DETUNE. Questo parametro si
muove in direzione opposta a
quella dellOscillator 2.

ACCESS VIRUS OS4 237


I FiltRI

Potete selezionare le forme donda


individualmente per lOscillator 3
tramite le seguenti opzioni
dellOSCILLATOR 3 mode: a dente di
sega, quadra (pulse width modulation), sinusoidale, triangolare e
tutte le ulteriori forme donda
spettrali. Avete tre ulteriori parametri disponibili una volta impostato lOscillator 3 su una specifica
forma donda. Questi vengono
spiegati meglio sotto. Tutti gli altri
parametri cos come le impostazioni delle modulazioni delloscillatore (LFO pulse width modulation
e cos via) sono dettate dallOscillator 2. Questo non limita di molto
(se non di nulla) le funzionalit del
terzo oscillatore ma facilita certamente una gestione pi intuitiva.
Le funzioni FM, Sync e Ring Modulator non sono disponibili per il
terzo oscillatore.
Come tutti gli altri oscillatori, il
livello dellOscillator 3 controllato
tramite OSCVOL.

I FILTRI
Variazioni dei Filtri a 24-dB
Avete due opzioni per usare i filtri a
24-dB del Virus.
1. Potete porre in cascata i due filtri
a 12-dB in modo SER 4.
2. Potete usare Filter-1 come un filtro a 24-dB in modo SER 6, dove il
Filter-2 viene escluso tramite FILT
BALANCE (verso sinistra). Se volete
creare un suono con risonanza,
dovreste provare entrambe le
opzioni. Facendolo, scoprirete che
la risonanza differente nonostante il fatto che i filtri abbiano la
stessa pendenza. Lopzione in
cascata (SER 4) vi da un fattore Q
maggiore con un picco di risonanza
inferiore. Per poter fare una comparazione diretta, potete salvare
entrambe le versioni in locazioni di
memoria SINGLE consecutive e
alternarle a piacimento.

238 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

Filter Balance
La sezione dei filtri del Virus vi
mette a disposizione pendenze di
12, 24 e 36 dB/ott. Inoltre, la manopola FILT BALANCE vi permette di
passare senza soluzione di continuit da una pendenza allaltra.
Impostate il collegamento dei filtri
su SER 6 ed entrambi i filtri su lowpass (LP). Ci vi da un setup seriale
composto da un filtro a 24-dB e da
un filtro a 12-dB. Quando impostate la manopola FILT BALANCE al
centro, ottenete un filtro con una
pendenza di 36 dB/ott. Ruotando
la manopola verso sinistra, eliminate progressivamente il Filter-2 e
di conseguenza riducete la pendenza sino ad arrivare a 24 dB/ott.
Potete passare da 24 decibel a 12
decibel usando lopzione di collegamento dei filtri SER 4. In questa
configurazione, entrambi i filtri
hanno una pendenza di 12 dB/ott.,

per cui non importa in quale direzione ruotate la manopola FILT


BALANCE.

Filter Routing: SPLIT


In modo Filter SPLIT, ognuno dei
due oscillatori invia il suo segnale
in uno dei due filtri. Ogni segnale
filtrato, a sua volta, viene inviato
ad un VCA separato. I due VCA possono essere diffusi in modo allargato nel panorama stereofonico
tramite il parametro UNISON Pan
Spread. La differenza dal modo
UNISON che avete solo un oscillatore e un filtro disponibili per
ogni lato, bench ognuno
disponga dellintero complemento
di voci.

ACCESS VIRUS OS4 239


SATURATION per un Suono pi Sporco e Grintoso

SATURATION PER UN
SUONO PI SPORCO E
GRINTOSO

sua funzione di controllo di volume


in modo Input cos come nel modo
Vocoder.

Curve SATURATION: Shaper


SATURATION e OSC VOL
Ponendo i filtri in serie, lo stadio
SATURATION si trova tra i filtri.
Questa configurazione vi da la possibilit di filtrare prima il segnale
delloscillatore nel modo convenzionale, poi di distorcerlo, e in fine
di inviare il segnale distorto in un
secondo filtro, dove pu essere
ulteriormente elaborato come preferite.
Oltre a servire come controllo di
volume per la sezione OSCILLATOR, nella met destra del suo
intervallo di controllo, la manopola
OSC VOL vi permette di controllare
il livello di guadagno del modulo di
distorsione (SATURATION) entro un
ampio intervallo di 12 decibel,
senza aumentare il livello di
volume. A 24 decibel, lintervallo di
controllo della SATURATION Curve
Digital ancora maggiore. La
manopola OSC VOL mantiene la

La risposta di saturazione di Shaper differisce da quella delle altre


Curve SATURATION. La sua curva
caratteristica unonda sinusoidale con diversi cicli. Shaper vi permette di alterare radicalmente i
segnali, ed i risultati ricordano a
volte lo spettro delle modulazioni
di frequenza lineari. La risposta di
Shaper dipende in gran parte dal
segnale in ingresso. Ci significa
che le impostazioni del Filter-1
hanno un impatto profondo sul
risultato finale. Dovreste usare il
Filter-2 indipendentemente dal Filter-1 per processare ulteriormente
il segnale grezzo in uscita da Shaper. Come per altre curve SATURATION, la manopola OSC VOL viene
usata per alterare le caratteristiche
che danno forma al timbro. Particolarmente nel caso di Shaper,
questa manopola influenza considerevolmente la complessit del
suono generato.

240 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

GLI LFO

La velocit assoluta dellinviluppo


determinata dalla manopola LFO
RATE.

LFO Env Mode


Oltre alla loro funzione standard di
oscillatori a bassa frequenza, LFO 1
e 2 possono anche servire come
semplici inviluppi aggiuntivi.
Quando attivate il modo ENV, la
forma donda selezionata dellLFO
effettua un solo ciclo quando suonate una nota. Questo vi permette
di usare unonda a dente di sega
per creare una rampa, la cui forma
pu variare da lineare a esponenziale per mezzo di LFO Curve nel
menu LFO EDIT. La polarit delle
rispettive AMOUNT determina se
ottenete una rampa ascendente o
discendente. Se, invece, scegliete
una forma donda triangolare,
avete una fase ascendente (attack)
e una discendente (decay). Il parametro LFO Curve vi permette
anche di determinare la velocit
relativa delle fasi di attack e decay.

LFO Mode
Potete impostare il parametro LFO
Mode cos che gli LFO siano polifonici o monofonici. In modo Poly, gli
LFO di pi voci hanno posizioni di
fase differenti. Questo vi permette
di creare modulazioni complesse
per i suoni di tappeti, e por fine alla
monotonia sonora di un traballante LFO monofonico. In modo
SINGLE, un LFO controlla diverse

ACCESS VIRUS OS4 241


Gli LFO

voci cos che la modulazione agisca


su pi voci nello stesso modo. Ci
fa risaltare leffetto nel mix.
01111111111111111112

1 LFO1
Mode

Poly

61111111111111111154

Questa opzione di innesco funziona anche quando lLFO sincronizzato al master clock. Questo
significa che gli LFO sincronizzati
possono essere innescati da messaggi note-on. La velocit dellLFO,
per, viene sempre determinata
dal master clock e/o MIDI clock.
01111111111111111112

LFO Trig Phase


Quando questa funzione attiva, il
dato LFO non oscilla pi liberamente; invece, riavvia il ciclo della
sua forma donda allinizio di ogni
nota.
Oltre allobbligatoria posizione
OFF, questo parametro ha 127 ulteriori incrementi. Queste vi permettono di scegliere posizioni
differenti allinterno del ciclo
dellonda da cui lLFO inizia ad
oscillare allinizio di ogni nota.
In contrasto al modo ENV (che
disponibile indipendentemente da
KEY TRIG PHASE), un LFO con KEY
TRIG PHASE continua ad oscillare
dopo che stato innescato. In altre
parole, si comporta come un vero
LFO e non come un inviluppo.

1 LFO 1
TrigPhase

Off

61111111111111111154

Innescare gli LFO dallEsterno


Potete anche innescare un LFO in
qualsiasi momento con un controller, in altre parole, riavviare il ciclo
della sua forma donda tramite
controllo dallesterno. Il modo LFO1
(Ctr #70), LFO2 (Ctr #82) e LFO3
prevedono controller che potete
usare allo scopo (Parametro B 9,
vedi la documentazione sul parametro nell Appendice a
pagina 251).

242 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

FILT GAIN
LFO1 vi permette di modulare il
volume di una voce. Trovate questa
funzione in LFO1 Amount FILT GAIN
nel menu LFO 1. Abbiamo deliberatamente posizionato il punto di
modulazione prima della sezione
del filtro, cos che il grado di distorsione possa essere modulato contemporaneamente quando avete
attivato lunit SATURATION. Inoltre, potete usare cicli veloci
dellLFO per creare brevi impulsi
nel segnale delloscillatore (transienti) per eccitare la risonanza nei
filtri. In questo caso, i filtri decadono liberamente poich i loro
segnali di uscita non sono influenzati dalla modulazione del volume
FILT GAIN.
01111111111111111112

1 LFO 1
FiltGain

+2

61111111111111111154

CONTROLLO DEL
VOLUME
Vicino alla manopola Oscillator
Volume, il Virus offre altri quattro
stadi di controllo del volume per
ogni SINGLE o PART:
Patch Volume: Il livello di Volume
del programma sonoro. Usate
Patch Volume per bilanciare le differenze fondamentali di livello tra i
diversi programma sonori. Il Patch
Volume viene salvato insieme al
programma sonoro. Il valore preimpostato 100.
Part Volume: Il livello di Volume
della MULTI-PART. per bilanciare le
differenze di livello allinterno di
un programma MULTI. Part Volume
viene salvato insieme al programma MULTI. Il valore preimpostato zero poich Part Volume
un parametro bipolare, relativo.
Channel Volume ed Expression:
Questi due performance controller
(Ctr. #7 e #11) possono essere utilizzati per apportare cambiamenti
temporanei nel livello del segnale
tramite un sequencer o pedale del

ACCESS VIRUS OS4 243


ASSIGN e le Manopole DEFINABLE

volume. Come tutti i performance


controller, non vengono salvati
insieme al programma sonoro. Il
valore preimpostato 127. Un doppio click sui due tasti Transpose
(funzione Panic) riporta Channel
Volume ed Expression a questo
valore preimpostato.

ASSIGN E LE MANOPOLE DEFINABLE


La sezione ASSIGN nel menu EDIT
vi permette di controllare sino a sei
parametri liberamente selezionabili con un massimo di tre sorgenti
di modulazione. Le sorgenti di
modulazione possono essere controller MIDI come la modulation
wheel cos come sorgenti di modulazione interne, relative alle voci
come gli inviluppi e gli LFO. Inoltre,
LFO 1 e LFO 2 offrono ognuno
unulteriore destinazione di modulazione liberamente selezionabile
quando sono impostati nella posizione ASSIGN (usate i tasti
AMOUNT a questo scopo).
La cosa pi ovvia da fare usare
una delle manopole DEFINABLE
come sorgente di modulazione per
una o pi unit ASSIGN. Per,
abbiamo scelto deliberatamente di
non creare un legame diretto e
fisso tra le manopole DEFINABLE e
le unit ASSIGN poich, per definizione, ne luscita delle manopole
DEFINABLE ne gli ingressi delle
unit ASSIGN hanno un numero di
controller fisso.

244 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

Siete invece liberi di selezionare


uno dei possibili controller come
sorgente ASSIGN (per es. la modulation wheel o il Controller #12).
Tutto quel che dovete fare
immettere questo controller come
parametro per la manopola DEFINABLE. Questa configurazione
identica a quella di un parametro
convenzionale che ha una manopola e un numero di controller
dedicato. I movimenti della manopola vengono inviati alla MIDI Out
selezionata tramite il controller
selezionato e poi al sequencer dove
possono essere registrati e ritrasmessi al Virus. Ragionevolmente,
dovreste impostare il numero del
controller per la manopola DEFINABLE in DEFINABLE Single poich
questa impostazione (come le
impostazioni ASSIGN) viene salvata con programma SINGLE e non
si applica a tutti i SINGLE (come nel
caso dellimpostazione DEFINABLE
Global).

LARPEGGIATORE
In modo AsPlayed, le note vengono
eseguite nella stessa sequenza in
cui lArpeggiatore le riceve. Di
regola, lArpeggiatore in grado di
memorizzare sino a 16 note. A
prima vista, potrebbe sembrare
impossibile suonare un pattern in
cui pi note hanno la stessa
altezza. Per far questo, dovreste
rilasciare un tasto prima di poterlo
suonare di nuovo, e quando rilasciate un tasto, la nota corrispondente viene cancellata dal pattern
dellArpeggiatore. Potete aggirare
il problema premendo un pedale di
risonanza collegato alla vostra
tastiera mente immette le note
nellArpeggiatore. Queste vengono
tenute sino a quando tenente premuto il pedale di risonanza.

ACCESS VIRUS OS4 245


MIDI

MIDI
MIDI DUMP RX
Il Virus vi permette di ascoltare
individualmente i banchi di suoni
disponibili come MIDI dump su un
sequencer, senza doverli caricare
direttamente nei bank del Virus,
dove cancellerebbero i suoni gi
memorizzati.
Impostate il parametro MIDI
DUMP RX su Force To Edit Buffer.
Con questa opzione, i suoni che
altrimenti verrebbero caricati
direttamente in un sound bank via
MIDI, vengono invece caricati
nellEdit buffer. Il nome del dato
suono appare nel display e pu
essere suonato immediatamente.
Quando altri suoni vengono trasmessi via MIDI, i suoni inviati precedentemente vengono
sovrascritti nellEdit buffer. Se
impostate il tempo del sequencer
cos che invii i suoni molto lentamente, potete caricare i singoli
suoni e memorizzarli nella locazione di memoria desiderata premendo il tasto STORE.

Le due opzioni Force To Bank A e


Force To Bank B inviano un dump
di suoni in ingresso al rispettivo
banco, indipendentemente dal
banco di suoni in cui i suoni erano
stati salvati originariamente.
Lopzione Verify compara il MIDI
dump in ingresso ai contenuti della
memoria del Virus. Controlla se un
dump stato registrato correttamente sul sequencer e se pu
essere riprodotto correttamente.
Caricate i dati dal sequencer nel
Virus mentre Verify abilitato. Il
display del Virus indica se il dispositivo sta ricevendo i dati e
richiama la vostra attenzione ad
ogni errore di trasmissione eventualmente presente. I dati salvati
nel Virus non vengono alterati da
questa operazione.
01111111111111111112

1 MIDI DUMP TX
Arrangement
61111111111111111154

246 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

Expression Controller
Il Virus in grado di gestire i
comandi dellExpression Controller (Controller #11). Expression un
controller del volume simile a
Channel Volume che pu essere
usato indipendentemente come
controllo di volume o per creare
effetti di gate (Controller #7).
Anchesso viene reimpostato con
Controller Reset (doppio click su
PANIC). Limpostazione di default
127.

Bank/Program Change tramite SysEx


Un bank o program change pu
essere eseguito tramite un
comando di SysEx. Questi comandi
sono indipendenti dai canali MIDI
cos come altri cambiamenti dei
parametri tramite SysEx. I program
change via SysEx vengono sempre
eseguiti, indipendentemente dal
fatto che il normale program
change sia disabilitato o meno.

Part Bank Select (il cambiamento


F0,00,20,33,01,10,72,pp,1F,vv,F7
viene eseguito solo quando viene ricevuto un comando di program change)
Part Bank Change (il cambiamento
viene eseguito immediatamente)

F0,00,20,33,01,10,72,pp,20,vv,F7

Part Program Change

F0,00,20,33,01,10,72,pp,21,vv,F7

Multi Program Change

F0,00,20,33,01,10,72,00,69,vv,F7
pp: Part Number da 00 a 0F (0 15), vv: Program Number da 00 a
7F (0-127)

ACCESS VIRUS OS4 247


PRIORITY

PRIORITY
Questo parametro vi permette di
controllare in che modo il Virus
ruba le note quando viene esaurita la sua polifonia. Nella prima
posizione, LOW, le voci di tutte
PART hanno la stessa priorit
quando viene interrotta una voce
per riprodurne una nuova. Quando
impostate la Priority di una PART
su High, il Virus non interrompe
alcuna nota delle voci di questa
PART. Usate questo parametro con
parsimonia. In altre parole, se
impostate tutte le Part su High,
annullate lo scopo di questo parametro che in questo caso non ha
alcun effetto, poich la priorit di
tutte le voci uguale.
01111111111111111112

1 A0 OvertureCK
Priority
Low
61111111111111111154

INSTALLARE UN
AGGIORNAMENTO DEL
SISTEMA OPERATIVO
Il Virus b, kb e Indigo usano un
sistema operativo identico. Le differenze nellhardware vengono
rilevate automaticamente.
1 Caricate il file MIDI nel vostro
sequencer e controllate di aver
scelto le impostazioni giuste per il
canale e la porta MIDI. Il file MIDI
contiene il nuovo software del
Virus, sotto forma di dati di MIDI
Sysex.
2 Assicuratevi che lopzione MIDI
clock sia disabilitata (mescolare
dati di SysEx data e MIDI clock pu
produrre malfunzionamenti
dellinterfaccia MIDI).
3 Avviate il vostro sequencer per
riprodurre il MIDI-file.
In questa condizione, dovreste
poter vedere il VIRUS che conta i
blocchi ricevuti. Se il display
mostra RECEPTION FAILED, allora
si verificato un errore di trasmissione. Ci pu essere dovuto ad un
overrun del buffer dellinterfaccia
MIDI. In questo caso, dovete ricari-

248 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

care lintero file. Riducete il tempo


del sequencer prima del caricamento (per es. 60 bpm). Per procedere, premete un tasto qualsiasi
seguito da STORE che riabilita il
modo di ricezione. Nel caso che la
procedura di caricamento si arresti
semplicemente in una certa posizione, il sequencer che usate non
in grado di riprodurre il file correttamente. In questo caso, dovete
usare un altro sequencer.
Dopo un caricamento riuscito, premete STORE per salvare il nuovo
sistema operativo nella flash-ROM.
Non spegnete mai il VIRUS mentre
sta salvando questi dati! Cercate di
assicurare condizioni di alimentazione stabili durante questa procedura, che pu richiedere circa 30
secondi. Ora, quando il Virus si
reimpostato, potete usare il nuovo
sistema operativo!
Non esiste il pericolo che una trasmissione MIDI errata scriva del
software sbagliato nella memoria
del Virus. Quando il dispositivo
riceve i dati MIDI, queste informazioni vengono prima trasferite
temporaneamente nella memoria
del delay del Virus, dove vengono
controllate. Se il dispositivo trova

un errore, la routine di caricamento viene interrotta e viene


generato un messaggio di errore.
Potete riprovare a ripetere il processo. Il vecchio sistema operativo
resta intatto. Solo quando iniziate
loperazione di salvataggio, il vecchio sistema operativo viene cancellato e sovrascritto dai nuovi
dati.

ACCESS VIRUS OS4 249


Caricare il Sistema Operativo da Un Virus ad Un Altro

CARICARE IL SISTEMA
OPERATIVO DA UN
VIRUS AD UN ALTRO
1 Collegate la porta MIDI Out del
Virus trasmittente (Virus 1) alla
porta MIDI In del Virus ricevente
(Virus 2).
2 Accendete il Virus 1 mentre
tenete premuto il tasto [Store]. Il
display indica SYSTEM UPDATE.
01111111111111111112

SYSTEM UPDATE
[STORE] Receive
61111111111111111154

3 Poi premete i tasti [Value +],


[Store], [Store] in questa sequenza.
4 Assicuratevi che il Virus 2 sia collegato e poi premete il tasto
[Value +] del Virus 1 per avviare
loperazione.
5 Il sistema operativo viene caricati nel Virus 2. Potete verificare se
ci avvenuto controllando che
entrambi i dispositivi indichino
numeri elevati nei loro display.

6 Una volta che il processo di caricamento completo, premete


[Store] sul Virus 2; il software viene
salvato nella Flash Rom.

250 23
Consigli, trucchi ed altre Perle di Saggezza

AGGIORNAMENTI
SOFTWARE
Access nota per la sua politica di
aggiornamenti software gratuiti.
Basta scaricare il sistema operativo
del Virus pi recente dal nostro sito
web per godervi nuove caratteristiche del Virus. Forse vi servono un
po di suoni nuovi? In entrambi i
casi, ecco il posto giusto per trovare ci che vi serve:
http://www.access-music.de

Appendice

252 24
Appendice

DATI SYSTEM EXCLUSIVE


VIRUS MIDI SYSTEM EXCLUSIVE IMPLEMENTATION
I Parametri del VIRUS sono organizzate nelle cosiddette tre pagine
A, B e C. Ogni pagina contiene 128
parametri, numerati da 0 a 127.
Ogni parametro rappresentato
da un byte con un valore massimo
di 127. Tutti i parametri sono accessibili individualmente tramite
SysEx-Parameterchange.
Le pagina A e B rappresentano un
Single-Program, perci un SingleProgram contiene 256 Byte.
La Page A (LowPage) contiene i
parametri Single utili per lautomazione MIDI. I parametri di questa
pagina con controllabili anche via
MIDI Control Change. La trasmissione e la ricezione dei MIDI Control Change pu essere abilitata o
disabilitata da MIDI CONTROL
LowPage (menu CTRL). Quando
disabilitata (LowPage=SysEx), il
VIRUS trasmette e riceve solo
SysEx Parameter Change sulla Page

A. Quando abilitata
(LowPage=Contr), il VIRUS trasmette MIDI Control Change per i
cambiamenti dei parametri, e
riceve sia MIDI Control Change che
SysEx-Parameterchange sulla Page
A.
Limpostazione di default
LowPage=Contr.
I restanti parametri Single nella
Page B (HiPage) sono controllabili
anche dalla MIDI Polyphonic Pressure (!). La trasmissione e la ricezione della MIDI Poly Pressure pu
essere abilitata o disabilitata da
MIDI CONTROL HiPage (menu
CTRL).
Quando disabilitata
(HiPage=SysEx), il VIRUS trasmette
e riceve solo SysEx Parameter
Change sulla Page B. Quando abilitata (HiPage=PolyPrs), il VIRUS
trasmette MIDI Poly Pressure per i
cambiamenti dei parametri, e
riceve sia MIDI Poly Pressure che
SysEx Parameter Change sulla Page
B. Questa caratteristica non va
usata insieme ad una tastiera che
trasmette Polyphonic Pressure.
Limpostazione di default
HiPage=SysEx.

ACCESS VIRUS OS4 253


Dati System Exclusive

Page C contiene i parametri Multi e


Global. Questi parametri vengono
trasmessi e ricevuti solo tramite
SysEx Parameter Change.

Control Change message


(solo Page A)

Nelle descrizioni che seguono, tutti


i byte vengono rappresentati in
notazione esadecimale.

nn

Bc

vv

Status byte,
c=MIDI channel
Parameter Number 0..127
(vedi la lista dei parametri Page A)
Parameter Value 0..127
vedi la lista dei parametri Page A)

 I messaggi di Control Change


sono definiti come Performance
Controller (per es. Modulation
Wheel o Hold Pedal) o come Sound
Parameter (per es. Cutoff o Patch
Volume). I Performance Controller
non vengono salvati con i suoni Single. Se pi di una Parte Multi
impostata sullo stesso canale MIDI,
tutte le Parti su questo canale MIDI
ricevono gli stessi Performance Controller. I Sound Parameter vengono
salvati insieme ad ogni suono Single. Se pi di una Parte Multi
impostata sullo stesso canale MIDI,
il Sound Parameter viene ricevuto
solo dalla Parte Multi col numero di
parte pi basso.

Esempio: B0,21,40 Imposta oscillator balance (21 hex = 33 dec) sul


canale MIDI 1 nella posizione centrale (40 hex =64 dec).

254 24
Appendice

Polyphonic Pressure message


(solo Page B)
Ac
nn
vv

Status byte, c=MIDI channel


Parameter Number 0..127
(vedi la lista dei parametri Page B)
:Parameter Value 0..127
vedi la lista dei parametri Page B)

Esempio: A2,07,25 Controlla lLFO3


Rate sul canale MIDI 3 (!).

System-Exclusive-Message
F0
00

Start of System Exclusive


Manufacturer ID 1
Access Music Electronics
20
Manufacturer ID 2
Access Music Electronics
33
Manufacturer ID 3
Access Music Electronics
01
Product ID (Virus)
dd
Device ID
00..0F individual; 10: omni.
...
[message]
F7
End of System Exclusive

SysEx Parameterchange
[messaggio]=
7x
Parameterchange
70:page A;
71:page B;
72:page
C pp Part number
00..0F Multi part 1..16;
40: Single
nn
Parameter Number
0..127 (vedi la lista dei parametri)
vv
Parameter Value 0..127
(vedi la lista dei parametri)
{F0,00,20,33,01,dd,7x,pp,nn,vv,F7}

 SysEx Parameterchange influisce su uno dei sedici singoli edit buffer in Modo Multi contraddistinti
dai numeri di parte (00..0F) o sul
Single buffer in Modo Single
(numero di parte 40). Se si accede
ad un parametro globale o ad un
parametro Multi, che non sensibile alla parte (per es. Input Boost o
Multi Delay Time), il numero della
parte viene ignorato.

Esempio:
F0,00,20,33,01,10,70,05,28,5F,F7
Imposta il Cutoff della Parte 6 sul
valore decimale 95.

ACCESS VIRUS OS4 255


Dati System Exclusive

(10: device ID omni; 70: page A, 05:


part 6; 28: parameter Cutoff, 5F:
decimal value 95)

La checksum la somma (DeviceID


+ 10 + BankNumber + ProgramNumber + [256 single bytes]) e 7F.
Un dump con la checksum sbagliata viene ricevuto, ma appare un
messaggio di errore nel display.

Single Dump
[messaggio]=
10
Single Dump
bb
Bank Number
00
Single Edit buffer
01..04: Single Bank A..D
ss
Program Number
0..127 [256 single bytes]
cs
Checksum
opzionale

Multi Dump

{F0,00,20,33,01,dd,10,bb,ss,[256
single bytes],cs,F7}

[messaggio]=
11
Multi Dump
bb
Bank Number
00
Multi Edit buffer;
01
multi bank
mm Program Number
0..127 [256 multi bytes]
cs
Checksum
opzionale

 Quando il numero del bank

{F0,00,20,33,01,dd,11,bb,mm,[256
multi bytes],cs,F7}

impostato a 00, il numero del programma il numero della parte di


uno dei sedici buffer Single Edit in
Modo Multi (00..0F) o del buffer
Single in Modo Single(40).

[256 single bytes] contiene le


pagine dei parametri Single A e B,
lunga ognuna 128 byte.

 Quando il numero del bank 00,


la destinazione del dump il buffer
Multi Edit. In questo caso, il numero
del programma viene ignorato.

256 24
Appendice

[256 multi bytes] contiene i parametri Multi in una successione


speciale. Vedi la tabella Multi
Dump.

Multi Request

La checksum la somma (DeviceID


+ 11 + BankNumber + ProgramNumber + [256 multi bytes]) e 7F.
Un dump con la checksum sbagliata viene ricevuto, ma appare un
messaggio di errore nel display.

[messaggio]=
31
Multi Request
bb
Bank Number
00:Multi Edit buffer;
01:Multi Bank
mm Program Number
0..127

Single Request

{F0,00,20,33,01,dd,31,bb,mm,F7}

[messaggio]=
30
Single Request
bb
Bank Number
00: Single Edit buffer
01..04: Single Bank A..D
ss
Program Number
0..127

la destinazione del dump il buffer


Multi Edit. In questo caso, il numero
del programma viene ignorato.

{F0,00,20,33,01,dd,30,bb,ss,F7}

Single Bank Request

 Quando il numero del bank

[messaggio]=
32
Single Bank Request
bb
Bank Number
01..04: Single Bank A..D

impostato a 00, il numero del programma il numero della parte di


uno dei sedici buffer Single Edit in
Modo Multi (00..0F) o del buffer
Single in Modo Single (40).

 Quando il numero del bank 00,

{F0,00,20,33,01,dd,32,bb,F7}

ACCESS VIRUS OS4 257


Dati System Exclusive

Multi Bank Request

Controller Dump Request

[messaggio]=
33
Multi Bank Request
bb
Bank Number
01:Multi Bank

[messaggio]=

{F0,00,20,33,01,dd,33,bb,F7}

ss

37
00

Controller Dump Request


Bank Number
(sempre zero)
Part Number

{F0,00,20,33,01,dd,37,00,ss,F7}

Arrangement Request
[messaggio]=
34
Arrangement Request
{F0,00,20,33,01,dd,34,F7}

Global Request
[messaggio]=
35
Global Request
{F0,00,20,33,01,dd,35,F7}

Total Request
[messaggio]=
36
Total Request
{F0,00,20,33,01,dd,36,F7}

 Il numero della parte di uno dei


sedici buffer Single Edit in Modo
Multi (00..0F) o del buffer Single in
Modo Single (40).

258 24
Appendice

DESCRIZIONE DEI PARAMETRI


N

Classe

Nome

Interv.

0..3

Valore

Testo

PAGE A
A 0

Bank Select

A 1

Modulation Wheel

A 2

Breath Controller

A 3

Contr 3

A 4

Foot Controller

A 5

Portamento Time

A 6

Data Slider

A 7

Channel Volume

A 8

Balance

A 9

Contr 9

A 10

Panorama

0..127

A 11

Expression

0..127

A 12

Contr 12

A 13

Contr 13

A 14

Contr 14

A 15

Contr 15

A 16

Contr 16

A 17

Osc1 Shape

0..127

A 18

Osc1 Pulsewidth

0..127

Bank A..D

0..127

0..127

-64..0..+63:

Left..Center..Right

-64..0..+63:

Wave..Saw..Pulse

ACCESS VIRUS OS4 259


Descrizione dei Parametri

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

A 19

Osc1 Wave Select

0..64

A 20

Osc1 Semitone

0..127

-64..+63

A 21

Osc1 Keyfollow

0..127

-64..+63,

Default: 32

A 22

Osc2 Shape

0..127

-64..0..+63:

Wave..Saw..Pulse

A 23

Osc2 Pulsewidth

0..127

A 24

Osc2 Wave Select

0..64

A 25

Osc2 Semitone

0..127

A 26

Osc2 Detune

0..127

A 27

Osc2 FM Amount

0..127

A 28

Osc2 Sync

0..1

A 29

Osc2 Filt Env Amt

0..127

-64..+63

A 30

FM Filt Env Amt

0..127

-64..+63

A 31

Osc2 Keyfollow

0..127

-64..+63:

A 32

Bank Select

0..3

Bank A..D

A 33

Osc Balance

0..127

-64..+63:

A 34

Suboscillator
Volume

0..127

A 35

Suboscillator Shape

0..1

A 36

Osc Mainvolume

0..127

A 37

Noise Volume

0..127

A 38

Ringmodulator
Volume

0..127

A 39

a,Vb

Noise Color

0..127

A 40

Cutoff

0..127

Sine, Triangle, Wave 3..64

Sine, Triangle, Wave 3..64


-64..+63

0:Off 1:On

Default: 32

0:Square 1:Triangle

-64..0..+63

260 24
Appendice

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

A 41

Cutoff2

0..127

-64..+63

A 42

Filter1 Resonance

0..127

A 43

Filter2 Resonance

0..127

A 44

Filter1 Env Amt

0..127

A 45

Filter2 Env Amt

0..127

A 46

Filter1 Keyfollow

0..127

-64..+63

A 47

Filter2 Keyfollow

0..127

-64..+63

A 48

Filter Balance

0..127

-64..+63

A 49

Saturation Curve

0..6

0:Off 1:Light 2:Soft 3:Middle


4:Hard 5:Digital ..

A 51

Filter1 Mode

0..3

0:LP 1:HP 2:BP 3:BS

A 52

Filter2 Mode

0..3

0:LP 1:HP 2:BP 3:BS

A 53

Filter Routing

0..3

0:Ser4 1:Ser6 2:Par4 3:Split

A 54

Filter Env Attack

0..127

A 55

Filter Env Decay

0..127

A 56

Filter Env Sustain

0..127

A 57

Filter Env Sustain


Time

0..127

A 58

Filter Env Release

0..127

A 59

Amp Env Attack

0..127

A 60

Amp Env Decay

0..127

A 61

Amp Env Sustain

0..127

A 62

Amp Env Sustain


Time

0..127

-64..+63:

Fall..Infinite..Rise

-64..+63:

Fall..Infinite..Rise

ACCESS VIRUS OS4 261


Descrizione dei Parametri

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

A 63

Amp Env Release

0...127

A 64

Hold Pedal

A 65

Portamento Pedal

A 66

Sostenuto Pedal

A 67

Lfo1 Rate

0..127

A 68

Lfo1 Shape

0..5

0:Sine 1:Tri 2:Saw 3:Square


4:S&H 5:S&G ..

A 69

Lfo1 Env Mode

0..1

0:Off 1:On

A 70

Lfo1 Mode

0..1

0:Poly 1:Mono

A 71

Lfo1 Symmetry

0..127

A 72

Lfo1 Keyfollow

0..127

A 73

Lfo1 Keytrigger

0..127

A 74

Osc1 Lfo1 Amount

0..127

-64..+63

A 75

Osc2 Lfo1 Amount

0..127

-64..+63

A 76

PW Lfo1 Amount

0..127

-64..+63

A 77

Reso Lfo1 Amount

0..127

-64..+63

A 78

FiltGain Lfo1
Amount

0..127

-64..+63

A 79

Lfo2 Rate

0..127

A 80

Lfo2 Shape

0..5

0:Sine 1:Tri 2:Saw 3:Square


4:S&H 5:S&G ..

A 81

Lfo2 Env Mode

0..1

0:Off 1:On

A 82

Lfo2 Mode

0..1

0:Poly 1:Mono

A 83

Lfo2 Symmetry

0..127

-64..+63

0:Off, 1..127:Keytrigger Phase

-64..+63

262 24
Appendice

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

A 84

Lfo2 Keyfollow

0..127

A 85

Lfo2 Keytrigger

0..127

A 86

OscShape Lfo2
Amount

0..127

-64..+63

A 87

FmAmount Lfo2
Amount

0..127

-64..+63

A 88

Cutoff1 Lfo2
Amount

0..127

-64..+63

A 89

Cutoff2 Lfo2
Amount

0..127

-64..+63

A 90

Panorama Lfo2
Amount

0..127

-64..+63

A 91

Patch Volume

0..127

A 93

Transpose

0..127

A 94

Key Mode

0..4

0:Poly 1..4: Mono1-4

A 97

Unison Mode

0..15

0:Off 1:Twin 2..15

A 98

Unison Detune

0..127

A 99

Unison Panorama
Spread

0..127

A100

Unison Lfo Phase

0..127

A101

Input Mode

0..2

0:Off 1:Dynamic 2:Static 3:ToEffects

A102

Input Select

0..8

0:In1L 1:In1L+R 2:In1R ..

A105

Chorus Mix

0..127

A106

Chorus Rate

0..127

A107

Chorus Depth

0..127

0:Off, 1..127:Keytrigger Phase

-64..+63

-64..+63

ACCESS VIRUS OS4 263


Descrizione dei Parametri

Classe

Nome

Interv.

A108

Chorus Delay

0..127

A109

Chorus Feedback

0..127

A110

Chorus Lfo Shape

0..5

0:Sine 1:Tri 2:Saw 3:Square


4:S&H 5:S&G ..

A112

Delay/Reverb Mode

0..1

0:Off 1:Delay 2:Reverb


3:Rev+Feedb1

A113

a,ms

Effect Send

0..127

A114

a,ms,
np

Delay Time

0..127

A115

a,ms,
np

Delay Feedback

0..127

A116

a,ms,
np

Delay Rate

0..127

Reverb Decay Time

0..127

Delay Depth

0..127

Reverb Room Size

0..3

0:Ambience 1:SmallRoom 2:LargeRoom 3:Hall

Delay Lfo Shape

0..5

0:Sine 1:Tri 2:Saw 3:Square


4:S&H 5:S&G ..

Reverb Damping

0..127

A117

A118

a,ms,
np

a,ms,
np

A119

a,ms,
np

Delay Color

0..127

A122

Keyb Local

0..1

A123

All Notes Off

Valore

Testo

-64..+63

-64..+63
0:Off 1:On

264 24
Appendice

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

PAGE B
B 1

Arp Mode

0..6

0:Off 1:Up 2:Down 3:Up&Down


4:AsPlayed 5:Random 6:Chord

B 2

Arp Pattern Select

0..31

B 3

Arp Octave Range

0..3

B 4

Arp Hold Enable

0..1

B 5

Arp Note Length

0..127

-64..+63c

B 6

Arp Swing

0..127

50%..75%

B 7

Lfo3 Rate

0..127

B 8

Lfo3 Shape

0..5

0:Sine 1:Tri 2:Saw 3:Square


4:S&H 5:S&G ..

B 9

Lfo3 Mode

0..1

0:Poly 1:Mono

B 10

Lfo3 Keyfollow

0..127

B 11

Lfo3 Destination

0..5

B 12

Osc Lfo3 Amount

0..127

B 13

Lfo3 Fade-In Time

0..127

B 16

Clock Tempo

0..127

63..190 BPM

B 17

Arp Clock

1..17

1/64..1/1

B 18

Lfo1 Clock

0..19

Off, 1/64..4/1

B 19

Lfo2 Clock

0..19

Off, 1/64..4/1

B 20

b,ms,
np

Delay Clock

0..16

Off, 1/64..3/4

B 21

Lfo3 Clock

0..19

Off, 1/64..4/1

0:Off 1:On

0:Osc1 1:Osc1+2 2:Osc2 3:PW1


4:PW1+2 5:PW2

ACCESS VIRUS OS4 265


Descrizione dei Parametri

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

B 25

Control Smooth
Mode

0..3

B 26

Bender Range Up

0..127

-64..+63

B 27

Bender Range
Down

0..127

-64..+63

B 28

Bender Scale

0..1

0:Linear 1:Exponential

B 30

Filter1 Env Polarity

0..1

0:Negative 1:Positive

B 31

Filter2 Env Polarity

0..1

0:Negative 1:Positive

B 32

Filter2 Cutoff Link

0..1

0:Off 1:On

B 33

Filter Keytrack Base

0..127

C-1..G9

B 34

b,Vb

Osc FM Mode

0..12

0:Pos-Tri 1:Tri 2:Wave 3:Noise


4:In L 5:In L+R ..

B 35

Osc Init Phase

0..127

0:Off 1..127

B 36

Punch Intensity

0..127

B 38

b,Vb

Input Follower
Mode

0..9

0:Off 1:In L 2:In L+R ...

B 39

Vocoder Mode

0..12

0:Off 1:Osc 2:OscHold 3:Noise


4:In L 5:In L+R ..

B 41

b,Vb

Osc3 Mode

0..67

0:Off 1:Osc2Slave 2:Saw 3:Pulse


4:Sine 5 Triangle ..

B 42

b,Vb

Osc3 Volume

0..127

B 43

b,Vb

Osc3 Semitone

0..127

B 44

b,Vb

Osc3 Detune

0..127

B 47

Osc1 Shape Velocity

0..127

-64..+63

B 48

Osc2 Shape Velocity

0..127

-64..+63

0:Off, 1:On, 2:Auto, 3:Note

-64..+63

266 24
Appendice

Classe

Nome

Interv.

Valore

B 49

PulseWidth Velocity

0..127

-64..+63

B 50

Fm Amount Velocity

0..127

-64..+63

B 54

Filter1 EnvAmt Velocity

0..127

-64..+63

B 55

Filter1 EnvAmt Velocity

0..127

-64..+63

B 56

Resonance1 Velocity

0..127

-64..+63

B 57

Resonance2 Velocity

0..127

-64..+63

B 58

Second Output
Balance

0..127

B 60

Amp Velocity

0..127

-64..+63

B 61

Panorama Velocity

0..127

-64..+63

B 62

Definable1 Single

vedi Definable List

B 63

Definable2 Single

vedi Definable List

B 64

Assign1 Source

vedi Assign Sources List

B 65

Assign1 Destination

vedi Assign Destinations List

B 66

Assign1 Amount

B 67

Assign2 Source

vedi Assign Sources List

B 68

Assign2
Destination1

vedi Assign Destinations List

B 69

Assign2 Amount1

B 70

Assign2
Destination2

0..127

0..127

Testo

0:Off 1..127: Front..Center..Rear

-64..+63

-64..+63
vedi Assign Destinations List

ACCESS VIRUS OS4 267


Descrizione dei Parametri

Classe

Nome

Interv.

Valore

B 71

Assign2 Amount2

0..127

-64..+63

B 72

Assign3 Source

vedi Assign Sources List

B 73

Assign3
Destination1

vedi Assign Destinations List

B 74

Assign3 Amount1

B 75

Assign3
Destination2

B 76

Assign3 Amount2

B 77

Assign3
Destination3

B 78

Assign3 Amount3

B 79

LFO1 Assign Dest

B 80

LFO1 Assign
Amount

B 81

LFO2 Assign Dest

B 82

LFO2 Assign
Amount

0..127

B 84

b,Vb

Phaser Mode

0..6

B 85

b,Vb

Phaser Mix

0..127

B 86

b,Vb

Phaser Rate

0..127

B 87

b,Vb

Phaser Depth

0..127

B 88

b,Vb

Phaser Frequency

0..127

B 89

b,Vb

Phaser Feedback

0..127

B 90

b,Vb

Phaser Spread

0..127

0..127

Testo

-64..+63
vedi Assign Destinations List

0..127

-64..+63
vedi Assign Destinations List

0..127

-64..+63

vedi Assign Destinations List


0..127

-64..+63
vedi Assign Destinations List
-64..+63
0:Off, 1..6 Phaser Stages

-64..+63

268 24
Appendice

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

B 97

b,Vb

Bass Intensity

0..127

B 98

b,Vb

Bass Tune

0..127

B 99

b,Vb

Input Ringmodulator

0..127

0:Off 1..127: Direct..Ringmodulator..Input

B100

b,Vb

Distortion Curve

0..6

0:Off 1:Light 2:Soft 3:Middle


4:Hard 5:Digital ..

B101

b,Vb

Distortion Intensity

0..127

B112

Single Name Char1

32..127

ASCII

B113

Single Name Char2

32..127

ASCII

B114

Single Name Char3

32..127

ASCII

B115

Single Name Char4

32..127

ASCII

B116

Single Name Char5

32..127

ASCII

B117

Single Name Char6

32..127

ASCII

B118

Single Name Char7

32..127

ASCII

B119

Single Name Char8

32..127

ASCII

B120

Single Name Char9

32..127

ASCII

B121

Single Name
Char10

32..127

ASCII

B122

Filter Select

0..2

B123

b,Vb

Category1

B124

b,Vb

Category2

0:Filt1 1:Filt2 2:Filt1*2

ACCESS VIRUS OS4 269


Descrizione dei Parametri

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

Page C
C 5

m,np

Multi Name Char1

32..127

ASCII

C 6

m,np

Multi Name Char2

32..127

ASCII

C 7

m,np

Multi Name Char3

32..127

ASCII

C 8

m,np

Multi Name Char4

32..127

ASCII

C 9

m,np

Multi Name Char5

32..127

ASCII

C 10

m,np

Multi Name Char6

32..127

ASCII

C 11

m,np

Multi Name Char7

32..127

ASCII

C 12

m,np

Multi Name Char8

32..127

ASCII

C 13

m,np

Multi Name Char9

32..127

ASCII

C 14

m,np

Multi Name Char10

32..127

ASCII

C 22

m,np

Delay Output
Select

0..14

C 31

m,bp
c

Part Bank Select

0..3

Bank A..D

C 32

m,bp
c

Part Bank Change

0..3

Bank A..D

C 33

m,bp
c

Part Program
Change

0..127

C 34

Part Midi Channel

0..15

1..16

C 35

Part Low Key

0..127

C-1..G9

C 36

Part High Key

0..127

C-1..G9

C 37

Part Transpose

0..127

-64..+63

C 38

Part Detune

0..127

-64..+63

0:Out1L 1:Out1L+R 2:Out1R ..

270 24
Appendice

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

C 39

Part Volume

0..127

-64..+63

0=Unity Gain

C 40

Part Midi Volume


Init

0..127

Off, 1..127

C 41

Part Output Select

0..14

0:Out1L 1:Out1L+R 2:Out1R ..

C 45

Second Output
Select

0..15

0:Off 1:Out1L 2:Out1L+R 3:Out1R


..

C 63

Keyb Transpose
Buttons

0..1

0:Patch 1:Keyb

C 64

Keyb Local

0..1

0:Off 1:On

C 65

Keyb Mode

0..1

0:OneChannel 1:MultiChannels

C 66

Keyb Transpose

0..127

C 67

Keyb ModWheel
Contr

vedi Keyboard Destination List

C 68

Keyb Pedal 1 Contr

vedi Keyboard Destination List

C 69

Keyb Pedal 2 Contr

vedi Keyboard Destination List

C 70

Keyb Pressure Sens

0..127

0:Off 1..127

C 72

Part Enable

0..1

0:Off 1:On

C 73

Part Midi Volume


Enable

0..1

0:Off 1:On

C 74

Part Hold Pedal


Enable

0..1

0:Off 1:On

C 75

Keyb To Midi

0..1

0:Off 1:On

C 77

Note Steal Priority

0..1

0:Low 1:High

C 78

Part Prog Change


Enable

0..1

0:Off 1:On

-64..+63

ACCESS VIRUS OS4 271


Descrizione dei Parametri

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

C 85

Glob Prog Change


Enable

0..1

0:Off 1:On

C 86

MultiProg Change
Enable

0..1

0:Off 1:On

C 87

Glob Midi Volume


Enable

0..1

0:Off 1:On

C 90

Input Thru Level

0..127

C 91

Input Boost

0..127

C 92

Master Tune

0..127

-64..+63

C 93

Device ID

0..16

1..16, Omni

C 94

Midi Control Low


Page

0..1

0:SysEx 1:Contr

C 95

Midi Control High


Page

0..1

0:SysEx 1:PolyPrs

C 96

Midi Arpeggiator
Send

0..1

0:Off 1:On

C 97

Knob Display

0..3

0:Off 1:Short 2:Long 3:On

C 98

Midi Dump Tx

0..4

0:Single 1:SingleBankA 2:SingleBankB ..

C 99

Midi Dump Rx

0..4

0:Disable 1:Enable 2:ForceToBankA ..

C105

Multi Program
Change

0..127

C106

Midi Clock Rx

C110

Definable1 Mode

0..2

0:Single 1:Global 2:Midi

C111

Definable2 Mode

0..2

0:Single 1:Global 2:Midi

0:Disable 1:Auto 2:Send

272 24
Appendice

Classe

Nome

Interv.

Valore

Testo

C112

Definable1 Global

vedi Definable List

C113

Definable2 Global

vedi Definable List

C114

Definable1 Midi

0..127

C115

Definable2 Midi

0..127

C116

Expert Mode

0..1

0:0ff 1:On

C117

Knob Mode

0..3

0:Off 1:Jump 2:Snap 3:Relative

C118

Memory Protect

0..1

0:0ff 1:On

C120

Soft Thru

0..1

0:0ff 1:On

C121

Panel Destination

0..2

0:Internal 1:Int+Midi 2:Midi

C122

Play Mode

0..2

0:Single 1:MultiSingle 2:Multi

C123

Part Number

0..15;4
0

0..15:Multi Part 1..16; 40:Single


Buffer

C124

Global Channel

0..15

C125

Led Mode

0..2

C126

LCD Contrast

0..127

C127

Master Volume

0..127

1..16
0:Lfo 1:Input 2:Auto ..

ACCESS VIRUS OS4 273


Tabella dei Multi Dump

TABELLA DEI MULTI DUMP


N

REF

NOME

INTERV.

VALORE

32..127

ASCII

TESTO

0..3

Internal

4..13

Multi Name Characters 1..10

14

Internal

15

Multi Clock Tempo

0..127

63..190
BPM

16

Multi Delay Mode

0..1

0:Off 1:On

17

Multi Delay Time

0..127

18

Multi Delay Feedback

0..127

19

Multi Delay Rate

0..127

20

Multi Delay Depth

0..127

21

Multi Delay Shape

0..5

0:Sine 1:Tri 2:Saw 3:Square


4:S&H 5:S&G

22

Multi Delay Output


Select

0..127

0:Out1L 1:Out1L+R 2:Out1R ..

23

Multi Delay Clock

0..16

Off, 1/64..3/4

24

Multi Delay Color

0..127

25..31

Internal

-64..+63

274 24
Appendice

REF

NOME

INTERV.

32..47

Part
1..16

Bank Number

0..1

48..63

Part
1..16

Program Number

0..127

64..79

Part
1..16

Midi Channel

0..15

1..16

80..95

Part
1..16

Low Key

0..127

C-1..G9

96..111

Part
1..16

High Key

0..127

C-1..G9

112..12
7

Part
1..16

Transpose

0..127

-64..+63

128..14
3

Part
1..16

Detune

0..127

-64..+63

144..15
9

Part
1..16

Part Volume

0..127

-64..+63;

160..17
5

Part
1..16

Midi Volume Init

0..127

Off, 1..127

176..19
1

Part
1..16

Output Select

0..14

192..2
07

Part
1..16

Effect Send

0..127

208..2
39

Internal

240..2
55

Part State

VALORE

TESTO

0=Unity Gain

0:Out1L 1:Out1L+R 2:Out1R ..

Part 1..16

Bitfield (vedi Part State Bitfield)

ACCESS VIRUS OS4 275


Tabella dei Multi Dump

REF

NOME

INTERV.

VALORE

TESTO

Part State Bitfield:


Bit 0

Part Enable

0:Off 1:On

Bit 1

Part Midi Volume


Enable

0:Off 1:On

Bit 2

Part Hold Pedal Enable

0:Off 1:On

Bit 3

Keyb To Midi

0:Off 1:On

Bit 4

Internal

Bit 5

Note Steal Priority

0:Low 1:High

Bit 6

Part Prog Change


Enable

0:Off 1:On

 Tutti i byte sono rappresentati in


notazione decimale.

276 24
Appendice

CLASSI
p: Performance Controller Accessibile dai messaggi Control. I Performance Controller non vengono
salvati con i Single-Sound. Se pi di
una Multi Part impostata sullo
stesso canale MIDI, tutte le Parti su
questo canale MIDI ricevono gli
stessi Performance Controller.
a: Sound Parameter del Bank A
Accessibile dai messaggi Control,
SysEx-Parameterchange e SingleDump. I Sound Parameter vengono
salvati con i Single-Sound. Quando
vengono ricevuti sotto forma di
Control Message, il Sound Parameter viene ricevuto solo dalla Multi
Part col numero di parte pi basso,
se pi di una Multi Part impostata sullo stesso canale MIDI.
Quando vengono ricevuti sotto
forma di SysEx-Parameterchange o
Single-Dump, alla parte si accede
tramite il numero della parte indipendentemente dallimpostazione del canale MIDI.

b: Sound Parameter del Bank B


Accessibile dai messaggi MIDI
Polyphonic Pressure, SysEx-Parameterchange e Single-Dump. I
Sound Parameter vengono salvati
con i Single-Sound. Quando vengono ricevuti sotto forma di
Polyphonic Pressure, il Sound Parameter viene ricevuto solo dalla
Multi Part col numero di parte pi
basso, se pi di una Multi Part
impostata sullo stesso canale
MIDI. Quando vengono ricevuti
sotto forma di SysEx-Parameterchange o Single-Dump, alla parte
si accede tramite il numero della
parte indipendentemente
dallimpostazione del canale MIDI.
m: Multi Parameter Accessibile
dai messaggi SysEx-Parameterchange e Multi-Dump. I Parametri
Multi vengono salvate con le Patch
Multi.
ms: Multi/Single Parameter In
modo Single, il parametro viene
ricevuto e salvato col suono Single.
In modo Multi, il parametro viene
ricevuto e salvato con la Patch
Multi. In modo Multi Mode le
impostazioni del suono Single

ACCESS VIRUS OS4 277


Classi

Sound vengono ignorate mentre


sono attive le impostazioni corrispondenti della Patch Multi.
np: Non-part-sensitive Sound
Parameter Sound Parameter indipendenti dalle parti In modo
Multi, il parametro agisce su tutte
le Parti Multi.
bpc: Bank/Program-Change Parameter Bank Select Seleziona il
banco Single a cui accedono i successivi Program Change, simile al
normale Bank Select. Bank Change
imposta direttamente il programma Single sul banco richiesto,
senza cambiare il numero di programma. Il Program Change cambia direttamente il programma
Single sul numero di programma
richiesto, senza cambiare il
numero di banco; simile al normale Program Change. Il Part number $40 rappresenta il buffer Single
in Modo Single.
g: Global Parameter I parametri
Global sono indipendenti dai suoni
Single o dalle Patch Multi.

Vb: Virus b Parameter Questi parametri sono disponibili solo sul


Virus b e sul Virus kb/Indigo nella
Versione 3.0 e successive. I cambiamenti dei parametri del Virus b
vengono ignorati dal Virus a.

278 24
Appendice

 Per i parametri indipendenti


dalle parti, il numero della parte
viene ignorato, ma devessere
comunque trasmesso come qualsiasi altro valore.

 Il Virus pu essere alternato tra


Multi Mode e Single Mode dal parametro C123 Part Number.

 Nota per i programmatori di editor/librarian: Non tutti i 256 byte di


un Single o Multi Dump sono definiti come un parametro. Alcuni di
essi sono definiti per uso interno o
riservati per future applicazioni. In
un bulk dump questi byte non
dovrebbero essere modificati, ma
dovrebbero essere trasmessi al Virus
con lo stesso valore di quando
stato ricevuto il dump.

 Uno dei parametri interni (Page


A #0) il Sound Version Number.
Sui futuri aggiornamenti del
sistema del Virus verranno definiti
nuovi parametri. Quando il Virus
riceve un suono pi vecchio, i parametri nuovi vengono impostati ai
loro valori di default nelledit buffer
ed in numero della versione viene

aggiornato automaticamente.
Lalgoritmo di aggiornamento del
Virus pu essere usato dallesterno
semplicemente trasmettendo un
dump e richiedendolo indietro. Per
evitare incompatibilit e confusioni, il Sound Version Number non
andrebbe cambiato da nessun altro
dispositivo che non sia il Virus.
Quando i suoni vengono importati
in una libreria software, dovrebbero
prima essere automaticamente
fatti passare attraverso il Virus,
prima di consentire il cambiamento
dei parametri. Altrimenti il Virus
potrebbe risettare i nuovi parametri, quando il suono viene caricato
nel Virus, dopo aver modificato i
parametri.

ACCESS VIRUS OS4 279


Classi

280 24
Appendice

SORGENTI DELLA MOD


MATRIX
Tutte le sorgenti delle manopole definibili 1/2
Off

PitchBnd

ChanPres

ModWheel

Breath

Contr3

Foot

Data

Balance

Contr 9

Express

Contr 12

Contr 13

Contr 14

Contr 15

Contr 16

HoldPed

PortaSw

SostPed

AmpEnv

FiltEnv

Lfo 1

Lfo 2

Lfo 3

VeloOn

VeloOff

KeyFlw

Random

ACCESS VIRUS OS4 281


Destinazioni della Mod Matrix

DESTINAZIONI DELLA
MOD MATRIX
Tutte le destinazioni della Modulation Matrix
Off

PatchVol

ChannelVol

Panorama

Transpose

Portamento

Osc1Shape

Osc1PlsWdh

Osc1WavSel

Osc1Pitch

Osc1Keyflw

Osc2Shape

Osc2PlsWdh

Osc2WavSel

Osc2Pitch

Osc2Detune

Osc2FmAmt

Osc2EnvAmt

FmEnvAmt

Osc2Keyflw

OscBalance

SubOscVol

OscMainVol

NoiseVol

Cutoff

Cutoff2

Filt1Reso

Filt2Reso

Flt1EnvAmt

Flt2EnvAmt

Flt1Keyflw

Flt2Keyflw

FltBalance

FltAttack

FltDecay

FltSustain

FltSusTime

FltRelease

AmpAttack

AmpDecay

AmpSustain

AmpSusTime

AmpRelease

Lfo1Rate

Lfo1Cont

Lfo1>Osc1

Lfo1>Osc2

Lfo1>PlsWd

Lfo1>Reso

Lfo1>FltGn

Lfo2Rate

Lfo2Cont

Lfo2>Shape

Lfo2>Fm

Lfo2>Cut1

Lfo2>Cut2

Lfo2>Pan

Lfo3Rate

Lfo3OscAmt

UniDetune

UniSpread

UniLfoPhs

ChorusMix

ChorusRate

ChorusDpth

ChorusDly

ChorusFeed

EffectSend

DelayTime

DelayFeed

DelayRate

DelayDepth

Osc1ShpVel

Osc2ShpVel

PlsWhdVel

FmAmtVel

Flt1EnvVel

Flt2EnvVel

Reso1Vel

Reso2Vel

AmpVel

PanVel

Ass1Amt1

Ass2Amt1

Ass2Amt2

Ass3Amt1

Ass3Amt2

Ass3Amt3

OscInitPhs

PunchInt

RingMod

NoiseColor

DelayColor

ABoostInt

ABoostTune

DistInt

RingmodMix

Osc3Volume

Osc3Semi

Osc3Detune

Lfo1AssAmt

Lfo2AssAmt

PhaserMix

PhaserRate

PhaserDept

PhaserFreq

PhaserFdbk

PhaserSprd

RevbDecay

RevDamping

RevbColor

RevPredely

RevFeedbck

SecBalance

ArpNoteLen

ArpSwing

ArpPattern

282 24
Appendice

DESTINAZIONI DELLE
MANOPOLE DEFINIBILI
Tutte le destinazioni delle manopole definibili 1/2
Off

ModWheel

Breath

Contr3

Foot

Data

Balance

Contr9

Expression

Contr12

Contr13

Contr14

Contr15

Contr16

PatchVolume

ChannelVolume

Panorama

Transpose

Portamento

UnisonDetune

UnisonPanSprd

UnisonLfoPhase

ChorusMix

ChorusRate

ChorusDepth

ChorusDelay

ChorusFeedback

EffectSend

DelayTime(ms)

DelayFeedback

DelayRate

DelayDepth

Osc1WavSelect

Osc1PulseWidth

Osc1Semitone

Osc1Keyfollow

Osc2WavSelect

Osc2PulseWidth

Osc2EnvAmount

FmEnvAmount

Osc2Keyfollow

NoiseVolume

Filt1Resonance

Filt2Resonance

Filt1EnvAmount

Filt2EnvAmount

Filt1Keyfollow

Filt2Keyfollow

Lfo1Symmetry

Lfo1>Osc1

Lfo1>Osc2

Lfo1>PulsWidth

Lfo1>Resonance

Lfo1>FiltGain

Lfo2Symmetry

Lfo2>Shape

Lfo2>FmAmount

Lfo2>Cutoff1

Lfo2>Cutoff2

Lfo2>Panorama

Lfo3Rate

Lfo3OscAmount

Osc1ShapeVel

Osc2ShapeVel

PulsWidthVel

FmAmountVel

Filt1EnvVel

Filt2EnvVel

Resonance1Vel

Resonance2Vel

AmplifierVel

PanoramaVel

Assign1Amt1

Assign2Amt1

Assign2Amt2

Assign3Amt1

Assign3Amt2

Assign3Amt3

ClockTempo

InputThru

OscInitPhase

PunchIntensity

Ringmodulator

NoiseColor

DelayColor

AnalogBoostInt

AnalogBstTune

DistortionInt

RingModMix

Osc3Volume

Osc3Semitone

Osc3Detune

Lfo1AssignAmt

Lfo2AssignAmt

PhaserMix

ACCESS VIRUS OS4 283


Destinazioni delle MAnopole Definibili

Tutte le destinazioni delle manopole definibili 1/2


PhaserRate

PhaserDepth

PhaserFrequenc

PhaserFeedback

PhaserSpread

RevDecayTime

ReverbDamping

ReverbColor

ReverbFeedback

SecondBalance

ArpMode

ArpPattern

ArpClock

ArpNoteLength

ArpSwing

ArpOctaves

ArpHold

284 24
Appendice

TABELLA DI IMPLEMENTAZIONE MIDI

Modello: Access VIRUS Sintetizzatore Versione: 4.0

Data: 6.9.2000
Funzione
Basic
Channel

Mode

Number
Velocity

Trasmissione

Riconoscimento

1
1-16

1
1-16

Default
Messages
Altered

X
X
************

X
X
X

Note
True Voice

0-127
************

0-127
0-127

Note ON
Note OFF

O
X

O
X

Keys
Chs

X
X

X
O

14-Bit

O
O
O
O
O
O
O

O
O
O
O
O
O
O

Modwheel
Breath Control
Portamento Time
Volume
Panorama
Bank Select
Sustain

O
************

O
0-127

Default
Changed

AfterTouch
Pitch Bender

Control Change*

Prog
Change

1
2
5
7
10
32
64

True #
.

Note

ACCESS VIRUS OS4 285


TABELLA DI IMPLEMENTAZIONE MIDI

System Exclusive

System
Common

:Song Pos
:Song Sel
:Tune
.

O
X
X

X
X
X

System
Realtime

:Clock
:Commands

X
X

X
X

Aux- :Local ON/OFF


Mes- :All NotesOff
Sages : ActiveSense
: Reset

X
X
X
X

X
O
O
X

Start, Stop
Continue

* Nota: Vedi le Assegnazioni dei Controller MIDI per maggiori


informazioni.
Mode 1: OMNI ON, POLY
Mode 3: OMNI OFF, POLY

Mode 2: OMNI ON, MONO


Mode 4: OMNI OFF, MONO

O : Si
X : No

286 24
Appendice

STANDARD EUROPEI
Questo prodotto conforme ai requisiti della Direttiva Europea 89/336/EC.
Cet appareil est conforme aux prescriptions de la directive communautaire
89/336/EC.
Dette apparat overholder det gaeldenda EF-direktiv vedrorendareadiostoj.
Diese Gerte entsprechen der EG-Richtlinie 89/336/EC.

* Per la dichiarazione di conformit


e le condizioni di garanzia, fate
riferimento al manuale originale in
lingua inglese.