Sei sulla pagina 1di 15

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE


ESERCIZIO N. 1
Per il circuito in figura, con k costante reale, si determini:
a) il valore di k per cui l'impedenza equivalente ai morsetti 1,1' risulti puramente resistiva ed il valore
da essa assunto;
b) il valore di k per cui l'impedenza equivalente ai morsetti 1,1' risulti pari a 500-j500 ;
c) il valore di k per cui l'impedenza equivalente ai morsetti 1,1' risulti ohmico- induttiva.

X=1000 ;
R=1000

SOLUZIONE
Applicando la L.K.T. all'unica maglia del circuito, con i riferimenti di figura 1, si ha:

V1 = jXIC + kV1 IC =

V1( 1 k )
jX

figura 1
Applicando poi la L.K.C. al nodo 1 si ha:

I = I R + IC =

V1 V1( 1 k )
V
1
Z& eq = 1 =
+
1
(
1 k )
R
jX
I
+
jX
R

quesito a)
La parte immaginaria di tale impedenza nulla, e quindi l'impedenza equivalente risulta puramente
resistiva, quando k=1; in tal caso l'impedenza misurata ai morsetti vale proprio R.

Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

quesito b)
Affinch l'impedenza equivalente ai morsetti 1,1' risulti pari a 500-j500 deve valere:

Z& eq = 500 j500 =

1
1000
=
k =0
1 ( 1 k ) 1 + j( 1 k )
+
R
jX

quesito c)
Affinch l'impedenza equivalente ai morsetti 1,1' risulti reattiva induttiva deve valere la seguente
disuguaglianza:

Im( Z& eq ) =

1000[1 j( 1 k )]
> 0 (1 k ) > 0 k > 1
[1 + j( 1 k )][1 j( 1 k )]

ESERCIZIO N. 2
Per il circuito in figura, in condizioni di regime sinusoidale permanente, si determini:
a) il sistema delle correnti con il metodo delle correnti di maglia;
b) il sistema delle correnti con il metodo dei potenziali nodali;
c) il generatore equivalente di Thvenin ai capi della resistenza R.

E1=100ej0V
R1=10
R=25
X1=5
k=5

R2=20
X2=10;
h=2

SOLUZIONE
a) Metodo delle correnti di maglia
A causa della presenza di un generatore di corrente (pilotato) che chiude un anello possibile
considerare due sole correnti di anello incognite. Per la corrente erogata dal generatore pilotato di
corrente, infatti, si pu scegliere arbitrariamente il percorso dal nodo B al nodo C attraverso il ramo di
impedenza R2+jX2 (figura 2).
Adottando per le correnti di maglia J1 e J2 i riferimenti indicati in figura 2.1, possibile scrivere il
seguente sistema di due equazioni in due incognite:

Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

E1 = ( R1 jX1 )J1 + kV2 = ( R1 jX1 )J1 + kjX 2 ( J 2 + hJ1 )

kV2 = kjX 2 ( J 2 + hJ1 ) = ( R + R 2 + jX 2 )J 2 + ( R 2 + jX 2 )hJ1

figura 2.1

( R1 jX1 + 10 jX 2 )J1 + 5 jX 2 J 2 = E1

( R 2 + jX 2 5 jX 2 )2 J1 + ( R + R 2 + jX 2 5 jX 2 )J 2 = 0

(1)

La cui soluzione :

J1 = 1.78 j2.64 A

J 2 = 3.9 + j2.65 A
Le correnti di lato risultano pertanto:

I1 = J1 = 1.78 j2.64 A
I2 = J 2 + hI1 = 0.34 - j2.62 A
I3 = J1 J 2 = - 5.7 - j5.3A
I4 = J 2 = 3.9 + j 2.66 A
b) Metodo dei potenziali di nodo
Scegliendo come nodo di riferimento il nodo C ed osservando che il potenziale del nodo A fissato dal
generatore pilotato di tensione, si ottiene il seguente sistema in cui la seconda equazione ottenuta
applicando la LKC al nodo B.

VB

VA = 5 V2 = 5 jX 2 R + jX
2
2

E -V

1
V 1 + V 1 +
= 2 I1 = 2 1 A
A
B
R
R1 - jX1
R R 2 + jX 2

5 jX 2

VA R + jX VB = 0
2
2

E1
2
1
V 1 +
+ VB +
= 2

A
R R1 - jX1
R R 2 + jX 2
R1 - jX1
Circuiti in regime sinusoidale

(2)

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

Risolvendo tale sistema si ottiene:

VC = 0V

VA = 131 + j17.5V
V = 33 j49V
B
da cui:

I1 =

E1 VA
= 1.78 j2.64 A
R1 - jX1

I2 =

VB
= 0.34 - j2.62 A
R 2 + jX 2

I3 = I1 I4 = - 5.7 - j5.3A
I4 =

VA VB
= 3.9 + j 2.66 A
R

c) Generatore equivalente alla Thvenin


Per determinare la tensione a vuoto ai morsetti A-B si pu far riferimento al sistema di equazioni (2) in
cui si faccia tendere R ad infinito. Il sistema (2) diventa quindi:

5 jX 2

VA R + jX VB = 0
2
2

E1
2
1
V
+ VB
= 2

A R1 - jX1
R
+
jX
R
jX
2
1
2
1

VA = 104 + j11V

VB = 25 j39.5V
La tensione a vuoto VAB0 pu dunque essere valutata come:

VAB0 = VA VB = 79 + j 50.5V
Limpedenza equivalente Zeq della rete passivizzata, vista dai morsetti A-B pu essere valutata come
rapporto tra la tensione a vuoto e la corrente di corto circuito ICCAB. Tale corrente pu essere calcolata
rapidamente utilizzando il sistema di equazioni (1), in cui si sostituisca ad R il valore 0 (si sostituisce
ad R un corto circuito). Essa coincide proprio con la corrente di maglia J2 del sistema (3) di seguito
riportato:

( R1 jX1 + 10 jX 2 )J1 + 5 jX 2 J 2 = E1

( R 2 + jX 2 5 jX 2 )2 J1 + ( R 2 + jX 2 5 jX 2 )J 2 = 0

(3)

la cui soluzione risulta:

Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

J1 = 8 + j4 A

J 2 = 16 j8 A
E' ora possibile valutare l'impedenza del generatore equivalente di Thvenin:

Z eq =

VAB 0
= 5. 2 j 0 . 55;
I CCAB

ESERCIZIO N. 3
Per il circuito in figura in cui V3=(40+j30)V si determini il valore di Z.

E=(100-j50)V
J=(30+j20)A
R1=20
R2=12
X2=16
X3=10
X4=5

SOLUZIONE
La soluzione pu essere ottenuta attraverso utilizzando in modo opportuno il metodo dei potenziali
nodali. Infatti, indicati con A, B, C e D i quattro nodi del circuito (figura 3.1) e scelto D come nodo di
riferimento, si osserva che risulta incognito il potenziale del solo nodo B. E possibile pertanto scrivere
la LKC a tale nodo:

figura 3.1

1
1

1
1
1
+ VB
+ VC
= 0
VA
+
+
R1
R1 jX1 R 2 + jX 2
R 2 + jX 2
dove:

VA = E = 100 j50 e VC = V3 = 40 + j30 .

Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

Si ottiene quindi che:

VB = (1.46 + j2.04)V
da cui si ricava la corrente I2:

V -V
I 2 = B C (-5.3 + j4.7) A
R 2 + jX 2
Osservando che sul condensatore stata fatta la convenzione del generatore, si ottiene:

V
I 3 = C = 3 j14 A
jX 3
La corrente I nella impedenza Z risulta pertanto:

I = I2 + I3 + J ( 27.7 + j10.7 ) A
L'impedenza Z pu quindi essere valutata come:

V VA
Z& = C
( 2.2 + j2.0 )
I

ESERCIZIO N. 4
Per il circuito in figura, in condizioni di regime permanente, si determini il valore massimo
dellenergia immagazzinata in un periodo corrispondente alla pulsazione , rispettivamente nel
condensatore C e nellinduttore L.
e(t)= 10sint V
=1000 rad/s
E=40V
R1=40
R2=10
C=40F
L=0.25mH

SOLUZIONE
Per determinare la tensione vC(t) ai capi del condensatore e la corrente nell'induttore iL(t) a regime si
pu applicare il principio di sovrapposizione degli effetti. Si indicano rispettivamente con I e V i
contributi forniti, a regime, dal generatore di tensione stazionario E ad iL(t) e vC(t). Facendo riferimento
al circuito di figura 4.1, ottenuta spegnendo il generatore di tensione sinusoidale e sostituendo
all'induttore un bipolo corto circuito ed un bipolo circuito aperto al condensatore, si ha:
Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

figura 4.1

I=

E
= 5 A
R1R 2
R1 + R 2

V = E = 40 V

Per determinare i contributi a regime forniti dal generatore di tensione sinusoidale e(t) si applichi il
metodo fasoriale al circuito di figura 4.2 in cui il generatore stazionario costante risulta spento.

figura 4.2
Indicando con E = 10

2 il fasore rappresentativo di e(t) e con

R ( jX C ) &
R (jX L )
, ZL = 2
Z& C = 1
R1 jX C
R 2 + jX L
ed applicando le formule del partitore di tensione e del partitore di corrente, si ha rispettivamente:

VC = E
IL =

Z& C
= 23.3e j 1.3 rad V
&Z + Z&
C
L

E
R2
= 9.06 e j 0.06 A
&
&
Z C + Z L R 2 + jX L

Antitrasformando tali espressioni si ottengono i contributi del generatore sinusoidale a iL(t) e vC(t).
Sommando per ciascuna variabile i due contributi determinati precedentemente, si ha:

v C ( t ) = [40 + 2 23.3 sin( 10000t 1.3 )] V

Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

i L ( t ) = [5 + 2 9.06 sin( 10000t 0.06 )] A


In definitiva, le energie massime WLmax (immagazzinata nell'induttore) e WCmax (immagazzinata nel
condensatore) valgono rispettivamente:

1 2
1
Li Lmax = 0.25 10 3 [-5 - 2 9.06]2 0.04 J
2
2
1 2
1
= CvCmax
= 40 10 6 [-40 - 2 23.3]2 0.1 J
2
2

WLmax =
WCmax

ESERCIZIO N. 5
Per il circuito in figura si determini:
a) il generatore equivalente di Thvenin ai morsetti A-B;
b) il generatore equivalente di Norton ai morsetti C-D;

E=(10+j0)V
J=(1+j2)A
R1=5
R2=25
XC=20
XL=10

SOLUZIONE
a) generatore equivalente di Thvenin ai morsetti A-B
Per il calcolo della tensione a vuoto VAB0 si pu applicare la sovrapposizione degli effetti.
E
J
VAB0 = VAB0
+ VAB0

Consideriamo dapprima il contributo dovuto al generatore di tensione.


Indicando con Zs1 la impedenza della serie tra R2 e XL e con Zp1 il parallelo tra Zs1 e XC, si ha:
E
VAB0
=E

Z& p1
R2
6.74 - j3.98 V
&
R1 + Zp1 R 2 + jX L

Per calcolare il contributo dovuto al generatore di corrente, indichiamo con Zp2 limpedenza del
parallelo tra R1 e XC:
J
VAB0
= JR 2

jX L
- 13.17 + j12.33 V
&
R 2 + Zp2 + jX L

La tensione totale risulta pertanto:


Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

E
J
VAB0 = VAB0
+ VAB0
- 6.43 + j8.35 10.54e-j0.91 V

Con le notazioni prima introdotte limpedenza equivalente data da:

R (Z& p2 + jX L )
AB
5.66 + j5.74
Z& eq
= 2
R 2 + Z& p2 + jX L

b) generatore equivalente di Norton ai morsetti C-D


Per il calcolo della corrente di corto circuito ICC si pu applicare la sovrapposizione degli effetti.

ICC = I ECC + I JCC


Osservando che la reattanza XL corto circuitata ed indicando con Zp3 limpedenza del parallelo tra R2
e XC si ha:

I ECC =

E
- jX C
1.59 + j2.69 A
&
R1 + Zp3 R 2 jX C

Per calcolare il contributo dovuto al generatore di corrente, indichiamo con Zp2 limpedenza del
parallelo tra R1 e XC:

I JCC = J 1 + j2 A
La tensione totale risulta pertanto:
E
J
VAB0 = VAB0
+ VAB0
- 13.48 + j17.96 22.46e-j0.93 V

Limpedenza equivalente data da:

jX L (Z& p2 + R 2 )
Z& CD
=
3.09 + j9.08
eq
R 2 + Z& p2 + jX L

Circuiti in regime sinusoidale

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

ESERCIZIO N. 6
Per il doppio bipolo in figura, si determini:
a) la matrice delle impedenze del doppio bipolo visto ai morsetti 1-1, 2-2;
b) il generatore equivalente di corrente ai morsetti 2-2 quando ai morsetti 1-1 collegato il
generatore di tensione;
c) la potenza complessa assorbita dal doppio bipolo quando alle due porte sono collegati il
generatore di corrente e tensione.

R1=5
X1=25
k=0.5
Io=0+j5A

R2=10
X2=20
r=5
Eo=100+j0V

SOLUZIONE
Quesito a)
Per la determinazione dei parametri Z si effettua la caratterizzazione in corrente. Per semplicit di
notazione indichiamo con

jX 1 R1 &
jX 2 R2
Z&1 =
; Z2 =
R1 jX 1
R2 + jX 2

In particolare, alimentando dalla porta primaria, come mostrato in figura 6.1 si ottiene:

figura 6.1
Si osservi che la corrente che interessa il parallelo R2 X2 proprio la corrente totale I1 e che:

I b = I1

Z& 2
R2

Si ha quindi:

V
Z&11 = 1
I1

Circuiti in regime sinusoidale

=
I 2 =0

1 &
Z 2 I 1 = 8 + j4
I1

10

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

V
Z& 21 = 2
I1

=
I 2 =0

1
Z&
(
V1 kI b Z&1 ) = Z&11 kZ&1 2 5.88 + j3.42
I1
R2

Alimentando dalla porta secondaria, come mostrato in figura 6.2, si osserva che la corrente nel ramo
costituito dal parallelo R2 X2 proprio la corrente totale I2. Pertanto, si ottiene:

figura 6.2

V
Z& 22 = 2
I2
V
Z&12 = 1
I2

1 &
Z&
Z 2 I 2 + Z&1( I 2 kI b ) = Z&1 + Z& 2 - kZ&1 2 0.69 + j2.46
I2
R2

1
rI 2 + Z& 2 I 2 = Z& 2 r = 3 + j 4
I2

I 1 =0

I 1 =0

Quesito b)
Per determinare il generatore alla Norton quando ai morsetti 1-1 collegato il generatore di tensione
valutiamo la tensione a vuoto e la corrente di corto circuito alla porta secondaria. A tale scopo si
possono utilizzare i risultati conseguiti al punto a). Infatti, con riferimento alla figura 6.3, per valutare
la tensione a vuoto V0 si pu porre:

V1 = E0 = Z&11 I 1
V = V = Z& I
2

21 1

figura 6.3

Ricavando I1 dalla prima equazione e sostituendo nella seconda si ottiene:

V0 = E0

Z& 21
75.96 + j 4.81V
Z&
11

Per valutare la corrente di corto circuito ICC , con riferimento alla figura 6.4 si pu porre:

Circuiti in regime sinusoidale

11

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

V1 = E0 = Z&11 I 1 + Z&12 I 2
V = 0 = Z& I + Z& I
2

21 1

22 2

figura 6.4

Ricavando I1 dalla seconda equazione e sostituendo nella prima si ottiene:

I cc = I 2 = E0

Z& 21
8.72 + j1.29A
Z&12 Z& 21 Z&11Z& 22

Limpedenza equivalente risulta pertanto:

E
75.96 + j 4.81
Z& eq = 0
11.22 - j1.66
I cc
8.72 + j1.29
Quesito c)
Per determinare la potenza complessa assorbita utilizziamo ancora i parametri del doppio bipolo
valutati al punto a). Si osservi infatti che nella espressione della potenza complessa assorbita dal
doppio bipolo:

S& = V1 I1 + V2 I 2
risultano incognite la corrente I1 e la tensione V2. Esse possono essere ricavate dalla caratteristica del
doppio bipolo:

V1 = E0 = Z&11 I 1 + Z&12 I o
V2 = Z& 21 I 1 + Z& 22 I o
Dalla prima equazione si ottiene:

I1 =

E0 Z&12 I o
= 11.25 - j7.5A
Z&11

sostituendo nella seconda si ricava

V2 79.57 + j47.85V
Pertanto la potenza complessa assorbita risulta:

S& = V1 I1 + V2 I 2 1.364 + j352 VA

Circuiti in regime sinusoidale

12

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

ESERCIZIO N. 7
Per il doppio bipolo in figura si determini la matrice delle ammettenze.

XL=10
k=0.5

XC=5R1=10
h=10

SOLUZIONE
Per la determinazione di y11 e y21 bisogna far riferimento al circuito in figura 7.1 in cui la porta
secondaria in cortocircuito e il generatore controllato di tensione risulta spento.

figura 7.1
Per definizione si ha:

y&11 =

y& 21 =

I1
V1 V

I2
V1 V

=
2 =0

=
2 =0

1 V1
1
=
= 0.1S
V1 R1 R1

hI 1 1 hV1
=
= 1S
V1
V1 R1

Per determinare y12 ed y22 bisogna invece far riferimento alla rete di figura 7.2 in cui la porta 1 stata
chiusa in cortocircuito e tenuto conto che:

I1 =
I2 =

kV2
R1

V2
kV V2
hI 1 2
jX L
jX C

figura 7.2
Circuiti in regime sinusoidale

13

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

Applicando le definizioni si ha:

y&12 =

I1
V2 V

1 kV2 k
=
= 0.05 S
V2 R1
R1

I2
V2 V

1 V2
kV V2
1
hk 1 k
kV2
) 2
+
+
= 0.5 S
h(

=
V2 jX L
R1
jX C jX L R1 jX C

1 =0

y& 22 =

1 =0

In definitiva si ha:

[Y] =

0.1 - 0.05
S
0.5
- 1

ESERCIZIO N. 8
Per il circuito in figura si determini la matrice delle ammettenze doppio bipolo complessivo.

R=10

XC=10

[Ya ] =

j0.05
j0.2

j0.2 1

j0.3

SOLUZIONE

Con riferimento alla figura 8.1 possibile definire i seguenti vettori:

[I] = I1
I2

[I' '] = I1' '

[I'] = I1'

I2 ' '

I2 '

[V ] = V1
V2

figura 8.1
Si ottiene:

Circuiti in regime sinusoidale

14

Vincenzo Tucci

Esercizi di Elettrotecnica

I ' = Ya

V ;

1
1

10 - j10 10 - j10
[V ] = [Yb ][V ];
[I' '] =
1
1

10 - j10 10 - j10

Da cui si ricava che

(0.05 + j)
(- 0.05 + j0.15) 1

(- 0.05 + j0.15) (0.05 + j0.35)

[Y] = [Ya ] + [Yb ] =

Circuiti in regime sinusoidale

15