Sei sulla pagina 1di 113

Quaderni del Bobbio

Rivista di approfondimento culturale dellIIS


Norberto Bobbio di Carignano

N. 4 anno 2012-2013

Direttore responsabile: Franco Zanet


Coordinamento scientifico: Michele Calabrese, Filippo Morgantini
Collaborazione per la revisione dei testi: Manuela Boltri
Impaginazione: Filippo Morgantini
Istituto distruzione superiore statale Norberto Bobbio di Carignano (Liceo Scientifico, Liceo Scientifico P. N. I, Liceo Scientifico Sportivo, Liceo Linguistico, Liceo
delle Scienze Umane, Istituto Professionale Settore Servizi per lEnogastronomia e
lOspitalit Alberghiera)
Sede centrale: Via Valdocco 23, 10040 Carignano (TO)
Telefono: 011 9692329
Fax: 011 9693002
sito internet: www.iisbobbio.it
e-mail: TOISO3300V@istruzione.it
Copertina ideata da Valentina Bonino e Noemi Marciano dellIIS Velso Mucci, via
Craveri 8, 12042 Bra (CN)
Stampa: Comunecazione snc, str. S. Michele 83, 12042 Bra (CN)

Indice

La cultura scientifica

p. 5

Giulio Dellacasa
Lesperimento CMS al CERN di Ginevra:
una macchina colossale per studiare linfinitamente piccolo

p. 9

Sara Borlengo
Crittografia e numeri primi.
Cosa succede quando la matematica smette di essere innocua

p. 29

Davide Dezzani
Comportamenti interessanti negli esperimenti con i fluidi nonnewtoniani

p. 43

Walter Canavesio
Il tema vitruviano degli Scamilli impares nei teorici neoclassici

p. 55

Filippo Morgantini
Angelo Mosso e la preistoria nel Mediterraneo.
Uno scienziato prestato allarcheologia

p. 81

Appendice
Angelo Mosso sugli scavi di Mim Mosso (1912)

p. 94

Letture
Joseph Ratzinger, Fede e scienza. Un dialogo necessario
di Salvatore Gerace

p. 107

La cultura scientifica
Il quarto numero dei Quaderni ha visto la luce al termine di una lunga e complessa
gestazione, cui non sono estranee problematiche contingenti e difficolt intrinseche.
La crisi economica ci ha colpiti direttamente, attraverso la crescente difficolt di reperimento dei fondi necessari alla realizzazione del cartaceo, ma anche indirettamente
per limprovvisa chiusura della tipografia chierese che oltre alla stampa ci ha da sempre
garantito la composizione. Dopo liniziale scoramento, ci siamo armati di spirito
pragmatico e, attingendo alle risorse della rete, abbiamo tentato di districarci fra i vari
programmi di impaginazione, con risultati che lasciamo giudicare alla benevolenza dei
lettori. Non meno complessa si rivelata la scelta del tema di fondo, il sapere scientifico, che ci ha costretti a una sostanziale modificazione nella tradizionale impostazione
dei Quaderni, ispirata a modalit e tipologie peculiari delle riviste di approfondimento
di ambito umanistico. Sicuramente pi complessa risultata lorganizzazione del
palinsesto e la definizione del progetto a partire dalla minore disponibilit di materiali,
imputabile non tanto allatavica parsimonia dei tecnici nelluso della comunicazione
verbale, quanto allobiettiva difficolt di contemperare le finalit didattico-divulgative
della rivista con lacribica ed elitaria esposizione di temi altamente specialistici, come
quelli derivanti dalla ricerca pura; abbiamo per anche dovuto misurarci con modalit
di scrittura per noi insolite nella forma e nello stile, a cominciare dalla documentazione
e dagli apparati bibliografici che nella loro ampia dipendenza dalla rete ci hanno talora
disorientati per leccessiva agilit e indefinitezza formale. La revisione del lavoro, che
si avvale, com nella nostra tradizione, di contributi di docenti, di ex allievi e di
esterni collegati a vario titolo alla nostra istituzione scolastica, ha pertanto richiesto
uno sforzo ulteriore e la fattiva collaborazione di specialisti di ambito scientifico.
Fra i temi affrontati ne abbiamo inseriti alcuni capaci di suscitare interesse sia
per le ricadute di carattere tecnologico sia per la curiosit anche mediatica che hanno
suscitato: il caso della crittografia e del bosone di Higgs, oggetto di aggiornamenti e
pubblicazioni quasi quotidiane che ci hanno costretti a unulteriore revisione ormai
in fase di impaginazione. Una vera e propria proposta didattica si pu considerare
lintervento sui fluidi non newtoniani che fornisce indicazioni per la realizzazione di
curiosi e sorprendenti esperimenti anche in assenza di attrezzature sofisticate e costose.
A un territorio di confine tra mondo umanistico e ricerca scientifica, larchitettura,
appartiene il dotto contributo sugli scamilli impares che, attraverso lanalisi di un
5

controverso passo vitruviano, mette a confronto, in una prospettiva capace di suggerire


riflessioni anche sullarchitettura moderna, tipologie di approccio al mondo antico
dagli esiti spesso contrastanti, come quello della ricerca archeologico-scientifica e quello
della tradizione accademica. Alla ricerca archeologica attiva si dedic negli ultimi
anni della sua vita anche il grande fisiologo piemontese Angelo Mosso, protagonista
del penultimo intervento: attraverso la rievocazione di una vicenda poco nota e oggi
oggetto di una doverosa riconsiderazione, larticolo intende ripercorrere lesperienza
di vita dello scienziato che riconosce nella humanitas il presupposto imprescindibile di
qualunque indagine scientifica, individuando anche nel pi asettico degli approcci un
fatto eminentemente umano. Infine abbiamo sfiorato uno dei grandi temi della cultura
moderna, il rapporto fede-scienza, attraverso la recensione di un recente volume
contenente il resoconto di unampia intervista sul tema a Benedetto XVI.
In conclusione di questa breve introduzione ci sia consentita una riflessione di
carattere generale sulla cultura scientifica nel nostro Paese e, nello specifico, nella
scuola. Si insiste continuamente sulle scarse competenze scientifiche degli italiani,
individuando nei presupposti neoidealisti della riforma gentiliana la causa principale
dellimpostazione preminentemente umanistica della nostra formazione scolastica. Il
dato storicamente inoppugnabile, ma giustifica solo parzialmente la permanente disaffezione dei giovani verso molte delle discipline scientifiche. Nella contrapposizione
alla cultura umanistica il mondo scientifico ha adottato un atteggiamento che taluni
definiscono antistorico, nel senso della trasmissione di un sapere del tutto svincolato
dai suoi legami con la storia di quel sapere e, pi in generale, con la cultura di cui
quel sapere unespressione. E probabilmente proprio questa marcata separatezza
a rendere pi ostiche discipline coma la matematica e a far nascere nei discenti lidea
delleccessiva complessit della materia per la quale non sarebbero tagliati, scambiando
spesso per inabilit la difficolt dapproccio. Dimentichiamo che in Grecia, alle origini
della nostra cultura, matematica e filosofia condividevano metodi e campi di indagine,
che in uno dei suoi dialoghi Platone presenta come interlocutore di Socrate sul tema
della conoscenza il giovane matematico Teeteto allievo del grande Teodoro di Cirene,
che i grandi scienziati det alessandrina non avrebbero compreso la separazione fra
cultura umanistica e scientifica e che oggi la logica ordinario campo di studio per i
filosofi. Siamo convinti che non conoscere lInfinito di Leopardi sia grave quanto ignorare le leggi fondamentali della termodinamica o lesistenza della meccanica quantistica.
Riteniamo per che conoscere lInfinito di Leopardi significhi non solo godere del
sublime piacere estetico procuratoci dallidillio, ma comprendere la chiave di lettura
del mondo del poeta, la sua Weltanschauung. Sarebbe auspicabile che anche in ambito
scientifico si andasse oltre il puro aspetto della techne, nel quale abbiamo docenti preparatissimi, per coltivare e promuovere la formazione di unampia, articolata e originale
6

chiave di lettura del mondo, di una prospettiva diversa di approccio allesistente da


affiancare, non necessariamente tenendosene separati, a quella del teologo, del filosofo
e del poeta.
Come spesso accade linizio e la fine si saldano insieme, ma fin est mon commencement, come recita un celebre rondeau di Guillaume de Machaut. I Quaderni sono nati
dallesigenza di proporre elementi di riflessione culturale in unistituzione scolastica a
vocazione tecnico-scientifica, e proprio dalla cultura scientifica si era pensato di partire:
ci siamo finalmente riusciti, ci sembra di aver onorato un impegno. Il riferimento alla
fine dellesperienza dei Quaderni va dunque interpretato in chiave apotropaica, perch
le idee non mancano e speriamo non manchino nemmeno i mezzi e le energie.
Le dimostrazioni di apprezzamento per il livello raggiunto dalla rivista, testimoniate da lettori di ogni parte dItalia che si complimentano, dalle numerose richieste
di copie cartacee provenienti, e dalle oltre 50.000 pagine visualizzate in circa due
anni e mezzo attraverso ledizione in rete, ci spingono, anche in considerazione della
sensibilit dimostrata dalla neo ministra On. Carrozza, a voler segnalare al Ministero
dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca, per un riconoscimento ed un eventuale
sostegno, quello che non pi un esperimento culturale locale, ma ha tutte le carte
in regola per essere riconosciuto come progetto di aggiornamento, ricerca e sviluppo
didattico di livello nazionale.

Peter Higgs (a destra) e il fisico belga Franois Englert durante il Seminar on Higgs del 4 luglio 2012.

Giulio Dellacasa

Lesperimento CMS al CERN di Ginevra: una macchina


colossale per studiare linfinitamente piccolo
Quale materia compone luniverso e quali forze lo governano? Partendo da
questa domanda i fisici sono riusciti a descrivere nei decenni passati le particelle
fondamentali che compongono la materia e come queste interagiscano tra loro. Tutta
questa conoscenza racchiusa nel Modello Standard della fisica delle particelle, la cui
evidenza sperimentale per, a tuttoggi, non risulta ancora del tutto completa. Per
colmare le lacune di questa teoria sono necessari nuovi dati sperimentali, utilizzando
acceleratori di particelle in grado di fornire unenergia mai raggiunta in precedenza.
Questo, in breve, quello che si sta facendo al CERN con gli esperimenti che utilizzano
il nuovo acceleratore di particelle LHC.
La fisica moderna, il Modello Standard e i suoi limiti
Sin dallantichit luomo ha cercato di descrivere la complessit dei fenomeni
naturali, andando alla ricerca degli elementi fondamentali che compongono luniverso
e di come questi interagiscano. Per fondamentale sintende un qualcosa di elementare
e indivisibile, qualcosa che non abbia una struttura interna. Gi Democrito, intorno
al 450 a.c., introdusse i concetti di atomo indivisibile e del vuoto in cui questi si
muovono. Con il passare dei secoli, grazie allaffinarsi delle tecniche di osservazione,
si giunti a un grado di conoscenza via via superiore. Alla fine del XIX secolo si era
definita la tavola periodica degli elementi, pensando ogni atomo come un mattoncino
indivisibile della materia. Tuttavia, grazie allosservazione delle righe spettrali che
caratterizzano i diversi atomi, ci si accorse che la fisica conosciuta fino ad allora, la
cosiddetta fisica classica, non poteva spiegare alcuni fenomeni. Allinizio del XX secolo
nacquero quindi la meccanica ondulatoria, la meccanica quantistica e il concetto di
atomo moderno. Una vera e propria rivoluzione scientifica e culturale port a una
serie di nuovi concetti e di scoperte fino ad allora inimmaginabili. Ad esempio si
scopr che le particelle hanno una natura corpuscolare o ondulatoria a seconda di
9

come vengono osservate (de Broglie), che queste non sono pi localizzate, ma si ha
una certa probabilit di poterle osservare (funzione donda di Schroedinger) in un dato
punto e un dato tempo. Che ogni misura ha unimprecisione intrinseca, non per un
difetto tecnico, ma per una questione di principio (principio dindeterminazione di
Heisenberg), che la velocit della luce costante indipendentemente dal sistema di
riferimento dellosservatore (teoria della relativit ristretta di Einstein) e che energia e
tempo non sono pi continui, ma possono assumere solo alcuni valori discreti (teoria
dei quanti).
Nel 1911 Rutherford dimostr lesistenza del nucleo atomico, con gli elettroni che
vi orbitano attorno. Nel 1928 Dirac applic la relativit alla meccanica quantistica,
ottenendo unequazione del moto in grado di prevedere, a livello teorico, particelle
con energia negativa che viaggiano allindietro nel tempo! Teorizz lesistenza dellantimateria, che fu confermata dalla scoperta del positrone (antiparticella dellelettrone)
nel 1932. Lo studio della radioattivit port a teorizzare lesistenza di una particella
molto leggera e neutra, che si genera nella trasformazione di un neutrone in protone: il
neutrino (Pauli). Dagli anni 40 del 900, con lavvento degli acceleratori, si scoprirono
altre nuove particelle subatomiche, troppe per essere considerate fondamentali (o
elementari). Nel 1964 nacque la teoria dei quark di Gell-Mann e Zweig, secondo cui
le particelle, che subiscono o generano forza nucleare (interazione forte), non sono
elementari, ma composte di particelle pi piccole con carica elettrica non intera (2/3 e
1/3) dette quark. Nel 1968 e 1969 negli Stati Uniti, allo Stanford Linear Accelerator
Center (SLAC) furono fatti degli esperimenti per dimostrare che il protone non era
una particella fondamentale e fu la prima prova dellesistenza dei quark. Nel corso
degli anni, nei vari laboratori di tutto il mondo, furono scoperti sei tipi di quark: up,
down, strange, charm, bottom e top (u, d, s, c, b, t), lultimo dei quali (il top) solo nel
1995, e fu dimostrato che questi non esistono in natura allo stato singolo, ma solo in
particelle pi complesse dette adroni (come neutrone e protone che sono composti di
tre quark).
Per completare lelenco dei mattoncini fondamentali di cui composta la materia,
ai quark si devono aggiungere altre particelle elementari, dette leptoni, che hanno
la caratteristica di avere la carica elettrica intera. Il leptone pi comune senzaltro
lelettrone, a questo si affiancano il muone () e il tau (). Inoltre a ogni leptone
associato un proprio neutrino, con carica elettrica zero e massa piccolissima, prossima
allo zero. E per complicare ulteriormente le cose, per ogni elemento di materia
bisogna considerare il suo corrispondente in antimateria, ossia antiquark, antileptoni
e antineutrini. E poi, che cosa tiene insieme tutte queste particelle? In natura sono
state individuate quattro forme dinterazione fondamentali (o forze fondamentali):
gravitazionale, elettromagnetica, nucleare debole e nucleare forte. Queste forze legano
10

tra loro le varie particelle fondamentali e sono responsabili della struttura della materia.
Secondo il Modello Standard le interazioni avvengono attraverso lo scambio di
alcune particelle mediatrici della forza, chiamate bosoni di gauge. Il fotone, mediatore
dellinterazione elettromagnetica, sicuramente quello pi noto. Evidenze sperimentali dellesistenza dei gluoni (responsabili dellinterazione nucleare forte) e dei bosoni
W e Z (responsabili dellinterazione nucleare debole) sono state fornite da diversi esperimenti a partire dagli anni 80. In particolare per i gluoni sono stati determinanti gli
esperimenti DESY e PETRA nei laboratori di Amburgo, mentre i bosoni W e Z sono
stati osservati nellacceleratore SPS del CERN dagli esperimenti UA1 e UA2, il primo
dei quali condotto da Carlo Rubbia, che per questa scoperta ricevette il premio Nobel
per la fisica nel 1984. Lesistenza del gravitone invece non stata ancora dimostrata
sperimentalmente.
Il Modello Standard in grado quindi di descrivere esaustivamente la materia cos
come la conosciamo? Purtroppo non del tutto. Ad esempio ancora non riesce a tenere
conto della forza di gravit. Un altro grande dilemma quello legato alla massa delle
particelle. Secondo le teorie infatti, i bosoni di gauge deboli, responsabili della forza
debole, dovrebbero avere una massa nulla come i fotoni. Levidenza sperimentale
invece dimostra che hanno una propria massa perch la loro azione dipende dalla
distanza tra le particelle. Pi piccola la massa dei bosoni maggiore il raggio dazione
della forza di cui sono portatori. Infatti, linterazione elettromagnetica ha unazione
che si estende a distanze infinite e il fotone ha massa nulla. Viceversa il raggio dazione
della forza nucleare debole dellordine di circa 1018 metri e i bosoni W e Z hanno
una massa non nulla1 , anzi pesano quanto 80-90 protoni e il top quark addirittura il
doppio! Per quale meccanismo quindi i bosoni di gauge acquistano una massa? Inoltre
la versione pi semplice del Modello Standard si basa sullassunto che tutte le particelle
siano prive di massa.
Dagli anni 60 il fisico scozzese P. W. Higgs e altri scienziati, teorizzarono lesistenza di un campo scalare (ossia non direzionale), avente come particella mediatrice un
bosone: il bosone di Higgs, noto anche come La particella di Dio, nome assegnatoli
dal fisico premio Nobel Lederman. Secondo questa teoria le particelle sarebbero prive
di massa propria, ma la acquisterebbero interagendo con il campo di Higgs che permea
tutto luniverso. Il bosone di Higgs invece sarebbe dotato di una massa propria, stimata
intorno a 120 GeV/c 2 . Le particelle, muovendosi nello spazio-tempo, si muoverebbe1

In fisica delle particelle la massa indicata in ununita di misura che si chiama elettronvolt ( eV)
e nei suoi multipli (1 MeV = 106 eV; 1 GeV = 109 eV), divisa per il quadrato della velocit della luce.
Lelettronvolt una misura di energia e corrisponde allenergia necessaria per spostare un elettrone tra
due punti aventi differenza di potenziale di 1 Volt. Dato che a regime relativistico energia e massa sono
collegate da E = mc 2 , con c velocit della luce, la massa viene indicata come e ne r g i a/c 2 .

11

Il Modello Standard delle particelle.

ro anche nel campo di Higgs, come se si muovessero in un liquido denso e leffetto


sarebbe simile a quello di una forza viscosa. Tanto pi le particelle interagiscono
con questo campo, tanto pi grande sar la loro massa, che pu essere vista come la
resistenza alle variazioni del loro moto.
Altri dubbi sul Modello Standard possono venire dagli studi di astronomia. Secondo la teoria del Big Bang luniverso nacque da energia pura, ed era composto in
uguale misura da materia e antimateria. Ma per quale motivo questo bilanciamento
venuto a mancare? Infatti, materia e antimateria in uguali quantit, si annullano in un
processo di annichilamento che libera energia sotto forma di raggi gamma. Ma dato
che esiste il mondo, cos come lo conosciamo, significa che questa simmetria in qualche
12

momento venuta a mancare e ci che noi osserviamo fatto prevalentemente di


materia. Il Modello Standard si basa sul fatto che alcune propriet fisiche si conservano
in seguito ad una trasformazione. Questo si traduce in una simmetria tra materia e
antimateria, con queste ultime governate dalle stesse leggi fisiche. Per, gi dagli anni
60, sono stati osservati alcuni fenomeni in cui tutto ci viene violato, ad esempio nella
trasformazione del kaone K nel suo anti-K. Ma ancora questi fenomeni non sono in
grado di spiegare tutta lasimmetria che c nelluniverso. La teoria di Higgs darebbe
una spiegazione anche a questa rottura spontanea di simmetria, che sarebbe avvenuta
dieci miliardesimi di secondo dopo il Big Bang.
La scoperta del bosone di Higgs aprirebbe le porte a una nuova comprensione
della Natura, di cui tante cose al momento non sono spiegabili, come anche lesistenza di energia e materia oscura, che costituirebbero rispettivamente il 23% e il
72% delluniverso, mentre solo il 5% sono energia e materia osservabili. Lo scopo
dellacceleratore di particelle LHC al CERN, proprio quello di generare particelle
a unenergia tale da poter osservare il bosone di Higgs e di riprodurre lo stato della
materia negli istanti immediatamente successivi al Big Bang. Nel luglio 2012, grazie
agli esperimenti ATLAS e CMS, il CERN ha dato lannuncio di aver scoperto un
nuovo bosone, con energia 125 GeV/c 2 , del tutto compatibile con il bosone di Higgs
e con un errore statistico inferiore a sei parti su dieci milioni.

Il CERN e lacceleratore di particelle LHC


Il CERN (Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare), fondato nel 1954,
il principale centro europeo per la ricerca nella fisica delle particelle e uno dei pi
grandi laboratori del mondo. Situato nei pressi di Ginevra, sul confine tra Svizzera
e Francia, conta oggi la partecipazione di venti stati membri, pi altri in qualit di
osservatori esterni, inclusi alcuni paesi extraeuropei. Ogni giorno circa 10.000 fisici
di tutto il mondo svolgono attivit di ricerca al CERN. LItalia, che anche uno dei
dodici membri fondatori, gioca un ruolo di primissimo piano in queste collaborazioni
internazionali.
Lattivit di ricerca principale del CERN riguarda la fisica delle alte energie, in altre
parole lo studio delle particelle elementari per mezzo di acceleratori di particelle. Queste macchine sono in grado di accelerare nel vuoto particelle dotate di carica elettrica,
in modo da raggiungere elevati valori di energia cinetica. Per fare questo utilizzano
un campo elettrico che pu essere costante (acceleratori elettrostatici) o variabile nel
tempo a unelevata frequenza (acceleratori a cavit risonante). Possono essere lineari o
circolari (ciclotroni e sincrotroni). Questi ultimi permettono di raggiungere energie
13

maggiori, in quanto la stessa particella pu passare allinterno della cavit risonante


pi di una volta, a seconda di quanti giri percorre nellanello di accelerazione. Per dare
alle particelle la traiettoria circolare e per focalizzare il fascio di particelle si utilizza
invece il campo magnetico, sfruttando la forza di Lorentz2 .
Ma a cosa serve un acceleratore di particelle? Per studiare la materia a livello
subnucleare necessario usare, come sonda, particelle con unelevata energia cinetica.
Infatti, una delle relazioni fondamentali della meccanica quantistica, la relazione di
de Broglie, che descrive il doppio aspetto ondulatorio - corpuscolare della materia,
associa a ogni particella unonda elettromagnetica di energia E = h e frequenza .
Inoltre la lunghezza donda inversamente proporzionale alla frequenza 3 e quindi
pi piccolo il mondo che si vuole osservare, pi deve essere piccola la lunghezza
donda delle particelle che usiamo per farlo e di conseguenza elevata lenergia di queste
particelle.
Esistono sorgenti naturali di particelle con elevata energia, sono i raggi cosmici che
arrivano dallo spazio. I raggi primari sono costituiti principalmente da protoni (circa il
90%) e da nuclei di elio (circa il 10%), ma possono essere composti anche da particelle
leggere come elettroni, fotoni, neutrini e particelle di antimateria. Interagendo con
latmosfera generano uno sciame di particelle con minore energia, i raggi cosmici
secondari, principalmente costituiti da muoni. Lenergia dei raggi cosmici pu essere
molto elevata, anche superiore a quella raggiunta in un acceleratore di particelle.
Tuttavia il flusso di queste particelle, ossia il loro numero nellunit di tempo, troppo
basso per studiare decadimenti molto rari, come ad esempio la produzione di un
bosone di Higgs a partire dallurto di due protoni, la cui probabilit stimata a circa
un evento ogni 1014 . Infatti, se la probabilit di avere un raggio cosmico con energia
1 GeV di circa 1 per m 2 al secondo, questa scende drasticamente a 1 per m 2 per anno
per unenergia di 106 GeV. Per tale motivo necessario creare artificialmente una
sorgente di particelle di elevata energia ed elevato flusso.
Per potere generare particelle subnucleari, che sono impossibili da osservare in
natura, si utilizzano gli acceleratori in modo da far collidere particelle con unelevata
energia cinetica e generare una particella con maggiore massa/energia che poi decade
rapidamente in altre particelle, che possono essere osservate dai rivelatori posizionati
in prossimit del punto dimpatto. Il tempo di vita medio di queste particelle pu
essere brevissimo. Ad esempio un top quark decade in circa 5 105 secondi. Per questo
motivo spesso i rivelatori non riescono a misurare direttamente le particelle originate
2 Il moto di una particella dotata di carica elettrica descritto dalla legge di Lorentz: F
~ = q (E
~ + v~ B
~ ),
dove E il campo elettrico, B il campo magnetico, v la velocit della particella, q la sua carica e F la forza
risultante che agisce su di essa.
3 = c con c velocit della luce.

14

Il complesso di acceleratori del CERN.

dagli urti, ma il tutto viene ricostruito grazie ai prodotti finali dei loro decadimenti.
Le velocit raggiunte dalle particelle negli acceleratori sono prossime a quelle della
luce, quindi non pi valida lespressione classica di Newton per lenergia cinetica
E = 12 mv 2 , ma vale il principio relativistico di Einstein per cui E = ( 1) mc 2 ,
dove m la massa a riposo della particella e legato alla velocit della luce c da
= p 1 2 , in cui = vc (v =velocit). Da questa relazione si pu notare che tanto
1

pi grande la massa della particella che si vuole generare, tanto pi sar necessario
avere unelevata energia cinetica delle particelle di partenza.
Il sistema di acceleratori di particelle del CERN molto complesso ed in grado
di accelerare protoni, elettroni, positroni e diversi tipi di ioni pesanti. Le prime
macchine sono state costruite negli anni 50 e ancora oggi alcuni degli acceleratori
pi vecchi sono in funzione per iniettare le particelle in quelli pi grandi, ognuno
15

dei quali raggiunge dei livelli di energia pi elevati. Ad esempio i protoni, che sono
accelerati nel nuovo acceleratore LHC (Large Hadron Collider), vengono estratti da
atomi didrogeno a cui sono sottratti gli elettroni orbitanti. Vengono poi immessi in
un acceleratore lineare (LINAC2) che porta lenergia fino a 50 MeV e li inietta nel
PS Booster (PSB). Dal booster escono con unenergia di 1, 4 GeV per essere inviati al
Proton Synchrotron (PS) dove raggiungono unenergia di 25 GeV. Il fascio di particelle
poi inviato al Super Proton Synchrotron (SPS) per essere accelerato fino a 450 GeV.
Infine raggiungono lacceleratore LHC, in cui sono iniettati due fasci, uno che circola
in senso orario e laltro in senso antiorario. I protoni sono raggruppati in pacchetti
(bunches) e raggiungono unenergia di 7 TeV (valore nominale, valido per entrambe
le direzioni) in un tempo di circa venti minuti. In un modo del tutto analogo LHC
anche in grado di accelerare ioni di piombo P b 82+ con unenergia di 2, 76 TeV per
ogni protone o neutrone del nucleo.
LHC, con la sua circonferenza di 27 km (Large), il pi grande acceleratore di
particelle del mondo ed situato circa 100 m sotto il livello del suolo. Accelera protoni
e ioni (adroni, Hadron) in due direzioni opposte. I due fasci poi si intersecano per
collidere (Collider) nei quattro punti in cui sono situati i rivelatori ALICE, ATLAS,
CMS e LHCb. LHC riutilizza i 27 km di tunnel in cui era presente il suo predecessore,
lacceleratore LEP (Large ElectronPositron Collider), che era in grado di accelerare
elettroni e positroni fino a un massimo di 209 GeV, raggiunto nel 2000. Il grande
vantaggio di un acceleratore di tipo collider che lenergia dei due fasci di particelle
si somma quando si urtano, ovvero se i due hanno unenergia cinetica pari a 7 TeV,
lenergia risultante nella collisione, che indicata col nome di energia del centro di
massa, sar di 14 TeV. LHC opera a un livello di vuoto molto spinto, pari a 1013 atm,
per evitare collisioni involontarie con molecole di gas. Nellacceleratore vi sono circa
9300 magneti, tra cui 1232 dipoli che danno alle particelle la traiettoria circolare e 392
quadrupoli che mantengono i fasci focalizzati. I magneti superconduttori lavorano
a una temperatura di 1,8 gradi kelvin (-271,4C) che mantenuta da un sistema di
raffreddamento a elio liquido superfluido. Il campo magnetico raggiunto da ognuno di
questi dipoli superconduttori pu arrivare oltre gli otto tesla e le correnti elettriche
oltre i 12000 ampere, anche questi valori da record.
Le particelle accelerate nel LHC sono raggruppate in 2808 pacchetti, detti bunches.
La collisione tra due di questi pacchetti avviene quindi a intervalli regolari di 25
nanosecondi (25 109 secondi) e la luminosit nominale dellacceleratore, ovvero il
numero di particelle che passano in un secondo in unarea di 1 c m 2 , di 1034 c m 2 s 1 .
Lenergia per accelerare queste particelle data da otto cavit a radiofrequenza per
ogni fascio, ognuna delle quali raggiunge un campo elettrico accelerante sinusoidale
di 5MV /m (106 volt per metro) alla frequenza di 400 MHz e lavora alla temperatura
16

I quattro esperimenti principali di LHC.

di 4,5 gradi kelvin (-268,7C). LHC stato inaugurato il 10 settembre del 2008 con il
primo fascio di protoni circolante nel tunnel, ma pochi giorni dopo la sua attivit
stata fermata in seguito ad un incidente, causato da una connessione elettrica difettosa
tra due magneti. Le particelle riprendono a circolare nel novembre 2009 ottenendo
una prima collisione a 450 GeV in tutti e quattro i rivelatori. Da l in poi un susseguirsi
di record mondiali in termini di energia e luminosit raggiunte, hanno portato LHC
a ottenere collisioni fino a 8 TeV alla luminosit di 4, 67 1032 c m 2 s 1 (aprile 2012).
Dal 14 febbraio 2013 lacceleratore rester fermo per due anni, durante i quali saranno
fatti dei lavori di aggiornamento in modo da portarlo a operare nel 2015 ai massimi
valori previsti dal progetto.
Lesperimento CMS
CMS, acronimo di Compact Muon Solenoid, uno dei quattro rivelatori di
particelle che operano nellacceleratore LHC. E posizionato in una caverna sotterranea
17

Il rivelatore CMS.

grande quanto una cattedrale, posta a circa 100 m di profondit in uno dei punti di
collisione dei fasci di protoni accelerati. E un rivelatore protone-protone di uso
generico, costruito con lo scopo principale di individuare il bosone di Higgs. Le sue
dimensioni sono davvero notevoli: oltre 20 metri di lunghezza, quindici di diametro e
un peso di 12.500 tonnellate.
Essendo un rivelatore di tipo collider, in altre parole in cui i due fasci di protoni
collidono frontalmente, ha una simmetria cilindrica attorno al punto di collisione,
per misurare in tutto lo spazio le tracce lasciate dalle particelle prodotte dopo lurto.
Lintero apparato tecnologicamente molto avanzato ed costituito da molti rivelatori,
ognuno dei quali con il suo compito ben specifico. Inoltre il tutto deve funzionare in un
ambiente esposto a radiazioni molto elevate, garantendo un minimo deterioramento
degli apparati nel tempo. Mettendo assieme tutte le informazioni prodotte da questi
rivelatori, si in grado di misurare con estrema precisione lenergia totale e la quantit
di moto (o impulso) di tutte le particelle prodotte da LHC.
Lintero rivelatore costruito attorno ad un magnete superconduttore (solenoide)
in grado di produrre un campo magnetico di quattro Tesla, ben 100.000 volte il valore
18

del campo magnetico terrestre! In termini di energia immagazzinata, il magnete pi


potente del mondo. E costituito da una gigantesca bobina di materiale superconduttore di forma cilindrica (solenoide) in grado di generare il campo magnetico quando
nelle spire passa una corrente elettrica. Il sistema raffreddato a una temperatura
estremamente bassa, -268.5C, in modo che lelevata corrente elettrica fluisca nella
bobina quasi in assenza di resistenza. Le linee di campo magnetico sono poi chiuse in
modo estremamente uniforme grazie ad un giogo di ferro (ferro di ritorno) posto
esternamente alla bobina. Questa enorme massa di ferro funziona anche da schermo,
facendo passare allesterno solo le particelle con grossa massa (muoni) o quelle che
interagiscono debolmente con la materia (neutrini). Il compito di questo magnete cos
potente quello di deviare le traiettorie delle particelle cariche che si generano nel
punto di collisione. Infatti, il loro raggio di curvatura proporzionale al loro impulso:
pi grande limpulso minore sar la curvatura della loro traccia e grazie a questa
relazione, unitamente alluso di rivelatori di posizione estremamente precisi, si in
grado di misurare limpulso della particella stessa.
Le particelle che si cercano in CMS sono molto instabili e decadono velocemente
in particelle pi stabili e pi note. Ognuna di queste rilascia un segnale elettrico in
ogni rivelatore che attraversa, permettendo quindi la registrazione del tempo e della
posizione della particella stessa. Mettendo insieme tutte queste informazioni possibile
ricostruire lintero percorso della particella e conoscerne la sua energia, per stabilire
con estrema precisione il tipo di decadimento osservato. I pi importanti rivelatori
di CMS sono il tracciatore e i calorimetri posti allinterno del solenoide, e i rivelatori
di muoni che si trovano allesterno del magnete. Ma a questi bisogna aggiungere poi
molti altri sistemi, ognuno con il suo compito ben specifico, nonch considerare tutti
gli impianti di servizio per la distribuzione di alimentazioni elettriche, del sistema
di raffreddamento, dei sistemi di controllo e monitoraggio, delle connessioni con gli
apparati elettronici di lettura e il tutto fa s che questo rivelatore sia uno degli strumenti
scientifici pi complessi mai realizzati dalluomo. Il progetto di questo rivelatore inizi
nei primi anni 90, la sua costruzione inizi nel 1998 e divent operativo nellestate
del 2006. LItalia ha da sempre avuto un ruolo di spicco nella costruzione e nella
gestione di LHC e dei suoi rivelatori. In particolare CMS costato complessivamente
327 milioni di euro, di cui 42.5 sono stati messi a disposizione dallItalia per mezzo
dellIstituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). La ricaduta industriale di questa
attivit stata comunque importante per il nostro paese, tanto da raggiungere circa 400
milioni di euro di commesse per le industrie italiane durante gli anni di costruzione
di LHC e dei suoi rivelatori. Anche a livello di personale impiegato lItalia gioca un
ruolo fondamentale allinterno della comunit scientifica internazionale, impiegando
oltre 500 persone su un totale delle 3.000 di cui composta la collaborazione di CMS.
19

Uno dei dischi terminali del CMS, dal peso di circa 750 tonnellate, durante la sua costruzione nel giugno
del 2006.

20

Analizzando il rivelatore a partire dal suo interno, troviamo il tracciatore centrale


(Tracker) che costituito da sensori di silicio con unelevata segmentazione a pixel o
strisce. Le particelle cariche rilasciano una carica elettrica al loro passaggio, permettendo di ricostruirne la traiettoria e la posizione esatta (vertice) in cui inizia il loro
decadimento. Complessivamente il sistema costituito da pi di 25.000 strisce di silicio,
per unarea totale di 210 m 2 e unelettronica di lettura formata da oltre 107 canali.
Ancora allinterno del solenoide trovano posto i due calorimetri, il cui scopo
di misurare lenergia delle particelle prodotte dopo la collisione: il Calorimetro
Elettromagnetico (ECAL) misura lenergia rilasciata da fotoni, elettroni e positroni,
mentre il Calorimetro Adronico (HCAL) misura lenergia di particelle costituite
da quark (dette adroni), cio protoni, neutroni, pioni, kaoni etc. ECAL formato
da oltre 76.000 cristalli di un materiale molto particolare, il tungstato di piombo
(PbWO4). Questo un materiale scintillante, in altre parole emette impulsi di luce
quando attraversato da fotoni o da particelle elettricamente cariche. Ha un numero
atomico estremamente alto e una densit di 8.3g /c m 3 , che un valore prossimo a
quello dellottone. Questi cristalli sono disposti in modo da coprire lintero cilindro
allinterno del solenoide su di una parte curva denominata Barrel e due dischi circolari
che la chiudono, denominati Endcap, per una lunghezza totale di quasi otto metri e un
raggio di 1,75 m. Quando un fotone attraversa uno di questi cristalli, deposita la sua
energia grazie alla conversione del fotone stesso in una coppia di elettrone-positrone
( e + e ). Per un differente fenomeno fisico invece elettroni e positroni rilasciano
la loro energia per frenamento, producendo la radiazione di bremsstrahlung e e .
Il sommarsi di queste interazioni forma uno sciame elettromagnetico composto di
elettroni, positroni e fotoni di energia sempre minore, fino a raggiungere una soglia
inferiore che corrisponde al punto di arresto della particella stessa.
La luce generata dallo sciame di particelle che attraversa i cristalli viene raccolta
nel Barrel da dei fotodiodi al silicio (APD, Avalanche Photo Diode) e negli Endcap
da dei fototubi a vuoto. Entrambe le soluzioni producono un segnale elettrico in
grado di essere processato dallelettronica di acquisizione. HCAL gioca un ruolo
fondamentale nellidentificazione dei quark, misurando lenergia e la direzione dei jet4
di particelle adroniche, perch dalla loro misura si pu evincere la presenza di una
nuova particella, come il bosone di Higgs. Anche questo rivelatore ha una geometria
cilindrica, composta da un Barrel e due Endcap, ma a differenza di ECAL utilizza una
tecnologia denominata sampling (a campione), ossia formato da strati di materiale
assorbitore, in questo caso ottone o acciaio, in cui avvengono le reazioni di produzione
4 Per jet sintende linsieme di particelle prodotte in uninterazione, le cui traiettorie partono da un
punto comune e si muovono lungo la stessa direzione, allargandosi fino a formare un cono di piccola
apertura.

21

dei fotoni (produzione di coppie e + e e radiazione di bremsstrahlung) 5 , intervallato


da un materiale plastico scintillante per la raccolta dei fotoni. Speciali fibre ottiche poi
raccolgono i fotoni prodotti e li trasmettono ai fotorivelatori per la conversione in un
segnale elettrico. La luce totale cos raccolta proporzionale allenergia delle particelle
incidenti.
Allesterno del magnete sono infine disposti i rivelatori di muoni. Queste particelle
hanno una massa piuttosto elevata e sono dotate di carica elettrica. Riescono ad attraversare i primi stadi di rivelatori di CMS e a uscire dal solenoide con unenergia ancora
tale da poter produrre un segnale. I muoni sono le particelle pi significative per il tipo
di fisica esplorato in LHC. Infatti, uno dei decadimenti previsti del bosone di Higgs,
ed anche il pi facile da osservare, quello in quattro muoni. Per questo motivo CMS
particolarmente ottimizzato per il riconoscimento e la misura dei muoni. Il sistema
di muoni suddiviso in quattro stazioni di rivelatori, poste in successione lungo la
traiettoria percorsa dalle particelle. Ogni stazione composta di molti rivelatori detti
camere, ognuna delle quali composta di vari strati indipendenti. Unendo le misure
di posizione delle camere a muoni, con quelle effettuate nel tracciatore centrale, si
ricostruisce con grande precisione la traiettoria di queste particelle. Inoltre, misurando
la curvatura imposta dal campo magnetico, se ne ricava anche limpulso. In totale
il sistema di muoni formato da 1.400 camere, utilizzanti tecnologie differenti: 250
camere a deriva (Drift Tubes, DT), 540 camere proporzionali con catodo segmentato
(Cathode Strip Chambers, CSC) e 610 camere resistive (Resistive Plate Chambers,
RPC). DT e RPC sono disposte in modo cilindrico attorno alla direzione dei fasci
di protoni (regione del Barrel), mentre le CSC e altre RPC trovano sede nei dischi di
chiusura Endcap.
Il funzionamento di questi tre diversi rivelatori si basa sullo stesso principio,
ovvero sulla ionizzazione di un gas presente allinterno del rivelatore stesso. Il gas
inoltre si trova immerso in un elevato campo elettrico. In questo modo, al passaggio
di una particella sufficientemente energetica da ionizzarlo, si producono delle coppie
elettrone-ione che possono muoversi nel campo elettrico. Nello specifico gli elettroni
migrano verso lanodo, che si trova a un potenziale positivo, e gli ioni, pi lentamente,
verso il catodo negativo. Con la lettura e lanalisi del segnale elettrico prodotto su ogni
anodo si in grado di processare tutte le informazioni necessarie alla ricostruzione
della traiettoria della particella.
Ogni Cathode Strip Chamber composta di sei strati di anodi costituiti da fili
caricati a un potenziale positivo, disposti perpendicolarmente al catodo che una
5 La radiazione di bremsstrahlung, detta anche radiazione di frenamento, la radiazione elettromagnetica emessa da particelle cariche sottoposte a una decelerazione (o accelerazione). Ad esempio, il
fenomeno avviene durante il moto di un elettrone in un materiale metallico.

22

striscia di rame segmentata nella direzione ortogonale ai fili stessi e caricata a un


potenziale negativo. Il sistema, immerso in un gas ionizzante, genera al passaggio di un
muone una valanga di elettroni e ioni, raccolti rispettivamente da anodi e catodi che
sono letti in modo indipendente per avere una misura della posizione della particella
incidente su due coordinate.
Le Resistive Plate Chambers invece sono rivelatori a gas, dove anodo e catodo sono
formati da due lastre parallele di un materiale plastico altamente resistivo, ricoperte
da un sottile strato di grafite conduttiva e poste a pochi millimetri di distanza tra
loro. In questo modo il volume di gas presente tra i due piani immerso in un campo
elettrico estremamente costante e la risposta temporale di questo rivelatore raggiunge
una precisione di circa un miliardesimo di secondo, abbinata sempre a una buona
risoluzione spaziale.
Infine le camere a deriva (Drift Tubes) sono composte di celle elementari larghe
circa 4 cm, allinterno delle quali posto il filo anodico a tensione positiva, il tutto
riempito dal gas ionizzante. Ogni camera costituita da dodici piani per un totale di
circa 200.000 fili in tutto il sistema. Sfruttando la velocit con cui gli elettroni prodotti
dalla particella incidente si muovono nel campo elettrico (velocit di deriva, drift), si
risale alla posizione della particella stessa rispetto al filo anodico che stato colpito,
ottenendo una risoluzione spaziale dellordine di 100 m.
Nel punto dinterazione tra i due fasci di protoni si generano circa ventidue
collisioni a ogni incrocio, che avviene alla frequenza di 40 MHz, ossia un incrocio
ogni venticinque miliardesimi di secondo. Sarebbe impensabile poter registrare tutti i
dati prodotti da queste interazioni. Per questo motivo il rivelatore utilizza un sistema
detto trigger per selezionare in tempo reale, tra questi milioni di eventi, i circa
cento al secondo che pi identificano i fenomeni fisici in esame. Un evento, per essere
considerato valido deve passare due diverse selezioni, dette livelli di trigger: L1 (basso
livello) e L2 (alto livello). Il sistema di trigger (Trigger and Control System, TCS)
inoltre responsabile della sincronizzazione di tutti i rivelatori di LHC.
In CMS nel trigger di primo livello la selezione affidata a componenti hardware progettati ad hoc, disposti nei calorimetri e nei rivelatori di muoni. Questo
sistema deve produrre una decisione di tipo si/no entro un breve tempo prefissato.
Nei vari rivelatori i dati sono mantenuti fino allarrivo della decisione del trigger e
sono trasmessi per la registrazione solo gli eventi ritenuti validi. Dopo questo primo
filtro la frequenza di campioni validi scende in media a 100 kHz. Il secondo livello di trigger invece implementato via software su una potente farm di circa 1.000
computer commerciali. Gli algoritmi utilizzano i dati provenienti da tutti i rivelatori
di CMS, compreso il tracciatore centrale, per identificare le particelle registrate e
ridurre ulteriormente la frequenza di eventi utili a soli 100 al secondo. Nonostan23

te il filtro imposto da questi due livelli di selezione, la quantit di dati prodotti e


analizzati da CMS ancora enorme, in media sono milioni di gigabyte, ovvero la
stessa quantit dinformazione di 10.000 volte lEnciclopedia Britannica, al secondo!
Ovviamente solo una frazione di questi dati viene poi registrata in modo definitivo.
Dal punto di vista tecnologico i sistemi elettronici che leggono i dati generati dai
rivelatori di CMS, costituiscono un insieme estremamente complesso. In totale ci
sono circa quindici milioni di canali di elettronica di acquisizione. La maggior parte
di questi apparati utilizza circuiti integrati appositamente progettati e realizzati dai
vari istituti di ricerca che collaborano allesperimento. Inoltre la loro esposizione
alle radiazioni presenti nel rivelatore costituisce unulteriore complicazione che i
progettisti hanno dovuto superare adottando particolari tecniche di progettazione e
costruzione.
Anche lanalisi di tutti i dati prodotti da CMS costituisce una sfida ingegneristica di
notevole complessit. Infatti, il rivelatore produce unenorme quantit di dati, pi di
cinque petabyte (ovvero un milione di gigabyte!) lanno, durante il suo funzionamento
al massimo delle performance. Sarebbe impensabile far svolgere questo lavoro a
un unico sistema di computer. Per questo motivo stata messa a punto una rete
distribuita di computer, che prende il nome di Worldwide LHC Computing Grid
(WLCG). Questa rete conta decine di migliaia di computer collocati in 170 centri
distribuiti in trentasei paesi e fornisce a migliaia di scienziati laccesso per analizzare
questi dati in tempo reale. Inoltre grazie alla rete WLCG si ha la possibilit di avere
copie multiple dei dati in siti differenti, eliminando quindi il rischio di avere un
unico punto di vulnerabilit nel sistema. WLCG costituita da vari livelli, detti
tiers 0, 1, 2 e 3 ognuno dei quali svolge un compito ben specifico. Il livello 0
(Tier 0) il centro di computer del CERN. Da qui passano tutti i dati generati da
CMS, ma solo il 20% di questi viene processato qui. Il CERN responsabile di
mantenere i dati in formato originale e di distribuirli al livello successivo. Il Tier 1
formato da undici potenti centri di calcolo di diversi istituti di ricerca, il sito per
lItalia dellINFN. Questo livello responsabile di mantenere in modo sicuro sia
dati originali che dati elaborati, fornendo unanalisi su larga scala. I dati sono poi
passati al Tier 2, che per lo pi costituito da universit e altri istituti di ricerca,
dove vengono svolte analisi specifiche sui dati per la ricostruzione degli eventi. Infine
il livello 3 costituito da singoli computer o piccoli cluster di calcolo. La quasi
totalit del software utilizzato per il controllo di CMS e per lanalisi dei suoi dati,
stata sviluppata ad hoc basandosi su sistemi di sviluppo open source. Il CERN
tra le organizzazioni firmatarie della Dichiarazione di Berlino sullaccesso aperto alle
informazioni scientifiche. Al CERN, ad esempio, stato sviluppato il World Wide
Web (WWW) allinizio degli anni 90 ed stata resa pubblica questa tecnologia che ha
24

Immagine di una collisione protone-protone a 8 TeV nel rivelatore CMS. Levento compatibile con il
decadimento del bosone di Higgs in una coppia di fotoni (linee uscenti dal rivelatore).

rivoluzionato Internet e il mondo intero. E naturale quindi che al CERN si faccia


ampio uso di software open source, adattandolo e sviluppandolo di volta in volta in
base alle proprie esigenze.
La scoperta di una nuova particella
Il 4 luglio 2012 il CERN ha annunciato, con una sensazionale conferenza stampa,
la scoperta di una nuova particella subatomica. I due esperimenti ATLAS e CMS
hanno entrambi osservato lesistenza di una nuova particella, un bosone, avente una
massa di 125 126 GeV/c 2 . I risultati, ancora preliminari, sono basati sui dati delle
collisioni protone-protone raccolti da questi esperimenti nel 2011 e nel 2012 (fino al
18 giugno). Lenergia del centro di massa di questi campioni era di 7 TeV nel 2011
e 8 TeV nel 2012. CMS ha osservato un eccesso di eventi rispetto a quelli attesi dal
rumore di fondo del sistema, a una massa di circa 125 GeV/c 2 e con unaffidabilit
statistica di cinque deviazioni standard, in altre parole una certezza del 99,99994%.
Questo significa che la probabilit che gli eventi osservati in eccesso siano dovuti solo
25

a una fluttuazione statistica, solamente di un caso su tre milioni. Inoltre per mezzo
dallanalisi dello stato finale delle particelle prodotte, CMS interpreta questo risultato
come dovuto alla presenza di una nuova particella. Valori del tutto analoghi sono stati
presentati da ATLAS, per un valore di massa prossimo a 126 GeV/c 2 .
I dati raccolti da CMS e ATLAS inoltre escludono, con un livello di confidenza
del 95%, lesistenza del bosone di Higgs per intervalli di massa 110 122.5 GeV/c 2
e 127 600 GeV/c 2 . Valori di massa inferiore sono gi stati esclusi dagli esperimenti
effettuati in precedenza nellacceleratore LEP del CERN. La particella scoperta del
tutto compatibile con la previsione teorica del bosone di Higgs nel Modello Standard,
tuttavia per chiarire ulteriormente la natura di questo nuovo bosone osservato e
misurarne tutte le sue caratteristiche, sar necessario raccogliere e analizzare ancora
tanti eventi significativi, prima di poter dire con assoluta certezza che si tratti del
bosone di Higgs SM (Standard Model) oppure delleffetto di altri fenomeni fisici.
Il Modello Standard prevede che il bosone di Higgs decada rapidamente in altre
particelle gi note e facilmente osservabili. Complessivamente CMS ha studiato
i cinque possibili modi di decadimento pi probabili (chiamati anche canali). In
particolare due di questi sono di grande importanza perch permettono la misura della
massa della particella con estrema cura. I due canali in questione sono il decadimento
della particella in due fotoni ( ) o nei due bosoni ZZ portatori della forza nucleare
debole. Nel canale la massa della nuova particella determinata dallenergia dei
due fotoni, misurata nel calorimetro elettromagnetico (ECAL). Nel canale ZZ invece
la misura della massa data dal decadimento dei due bosoni Z in due coppie di muoni,
oppure due coppie di elettroni o una coppia di elettroni e una di muoni. Per effettuare
le misure necessarie a riconoscere questo decadimento, vengono utilizzati il tracciatore
centrale (Tracker) e i rivelatori di muoni posti allesterno del solenoide.
Grazie alle crescenti prestazioni di LHC, nei mesi seguenti allannuncio della nuova
particella, sono stati raccolti e analizzati molti altri eventi riguardanti i cinque modi di
decadimento, e finora tutti hanno confermato i risultati preliminari, ovvero che possa
trattarsi del bosone di Higgs previsto dal Modello Standard. La statistica pi ampia ha
permesso di estendere i risultati fino a sette deviazioni standard, ossia a una probabilit
che si tratti di un falso positivo inferiore di uno ogni mille miliardi. Inoltre, i dati
raccolti da CMS, sono utilizzati per testare la validit della teoria della Supersimmetria
(SUSY) e ricercare quindi le particelle previste da questo modello (sparticelle) che
spiegherebbe lorigine della massa della materia in un modo alternativo al modello di
Higgs. Al momento per (dicembre 2012) questi risultati non lasciano spazio a una
teoria alternativa al Modello Standard, anche se questultimo non ancora in grado di
spiegare alcuni fenomeni, come ad esempio la presenza della materia oscura. I fisici
di tutto il mondo si stanno ora chiedendo quali teorie formulare tenendo conto dei
26

recenti risultati di LHC.


Gli ultimi dati raccolti da CMS prima dello spegnimento di LHC, riguardano le
collisioni tra fasci di protoni e di ioni di piombo. Questo tipo di eventi permetterebbe
lo studio di un nuovo stato della materia il Quark Gluon Plasma (QGP). Questo
riproducibile soltanto a pressioni e temperature estremamente elevate e potrebbe
essere lo stato assunto dalla materia fino a pochi microsecondi dopo il Big Bang. In
LHC lesperimento ALICE a essere appositamente realizzato per questo tipo di fisica,
e i dati raccolti finora daranno i loro risultati entro lestate 20136 .

6 Lapprofondimento degli argomenti trattati richiederebbe la conoscenza di avanzate nozioni


in campo fisico e matematico. Tuttavia esistono molti testi davvero interessanti anche a livello divulgativo. Tra i pi noti possibile citare: LEON LEDERMAN, DICK TERESI, La particella di
Dio, Milano, Mondadori, 1996; PAUL DAVIES, Le forze della natura, Torino, Bollati Boringhieri,
1990; GIAN FRANCESCO GIUDICE, Odissea nello Zeptospazio. Un viaggio nella fisica dellLHC, Milano, Springer, 2010. Il CERN mette a disposizione sul WEB numerose risorse, anche adatte ai
non addetti ai lavori. Sullattivit del CERN e su LHC in generale si pu iniziare da qui: http:
//home.web.cern.ch/; CERN LHC the guide: http://cds.cern.ch/record/1092437?ln=it; La
pagina di riferimento per lesperimento CMS la seguente: http://cms.web.cern.ch/; Infine le note
ufficiali della scoperta del bosone di Higgs: https://cms-docdb.cern.ch/cgi-bin/PublicDocDB/
RetrieveFile?docid=6116&filename=CMShiggs2012_IT.pdf; http://cms.web.cern.ch/news/
highlights-cms-results-presented-hcp.

27

Stephen Kettle, Alan Turing lavora a una macchina Enigma, ardesia del Galles (Bletchley Park, Gran
Bretagna). La scultura, commissionata dal miliardario americano Sidney Frank nel 2005, precede di poco
la tardiva riabilitazione ufficiale del grande matematico e crittografo inglese, avvenuta solo nel 2009.

Sara Borlengo

Crittografia e numeri primi.


Cosa succede quando la matematica smette di essere innocua
Marted 18 dicembre 2012: ho deciso di trascorrere il mio Capodanno a Copenaghen. Detto e fatto: cerco immediatamente i voli disponibili sul sito web della
compagnia aerea e acquisto un biglietto in meno di 10 minuti utilizzando la carta di
credito di mio padre. Normale amministrazione, commenta annoiata la giovent
nostrana. Follia! Non mi fido di quelle diavolerie informatiche, ti fregano sempre!
sostengono con veemenza i nonni di suddetta giovent. Chi ha ragione? Acquistare
un biglietto aereo su Internet davvero unoperazione banale? O una follia fidarsi
della Rete ed effettuare una cos delicata operazione on line?
Si suol dire che i nonni abbiano sempre ragione, ma talvolta in medio veritas: dietro
a pochi semplici clic si nasconde davvero una diavoleria matematica ben congegnata,
una brillante intuizione passata alla storia con il nome di RSA, un sistema tuttaltro
che banale capace di respingere (per ora) possibili attacchi alla sua sicurezza. Il per ora
dobbligo in una disciplina in movimento come la crittografia, larte di nascondere i
messaggi, e la storia lo dimostra.
La possibilit di eseguire una transazione bancaria in una manciata di secondi con
la garanzia di una soddisfacente segretezza ha richiesto migliaia di anni di speranzosi
tentativi e di clamorosi fallimenti, come ogni ricerca scientifica che si rispetti. Loperazione, infatti, necessita di potersi scambiare segretamente serie di cifre, nel nostro caso
il numero della carta di credito, senza che nessun estraneo possa accedervi.
Le radici del desiderio di occultare i propri messaggi e di comunicare di nascosto
affondano nella notte dei tempi: nelle sue Storie, Erodoto riporta la vicenda di Istio, il
quale per inviare un messaggio di incoraggiamento ad Aristagora di Mileto ed incitarlo
alla ribellione contro il re persiano Serse, fece rasare il capo ad un corriere, gli scrisse
il messaggio sulla cute e aspett che gli ricrescessero i capelli1 . Lepisodio uno dei
primi esempi documentati di steganografia, scrivere coperto, e fa da capofila ad una
lunga lista di vicende simili: dalle striscioline di seta scritte, tagliuzzate e appallottolate
1

ERODOTO, Storie, V, 35.

29

con la cera dei messaggeri cinesi allinchiostro simpatico degli umanisti della vecchia
Europa, tutto il mondo si cimentato con le tecniche pi disparate per occultare le
prove delle loro comunicazioni2 .
Il semplice nascondimento del messaggio, tuttavia, pu essere molto pericoloso: basta ritrovarlo per smascherarne il contenuto. Nasce cos lesigenza di scrivere nascosto: con la crittografia non viene celato il messaggio in s, bens il suo
significato3 .
Chi di noi non ha mai costruito un alfabeto in codice? I primi passi della crittografia consistono proprio nella cifratura, ovvero lassegnazione di un nuovo simbolo
ad ogni lettera. Giulio Cesare nei suoi dispacci militari ricorreva spesso alla sostituzione di ciascuna lettera con quella di tre posti pi avanti nellalfabeto latino: alla
A corrispondeva la D, alla B la E, alla C la F, e cos via 4 . Il testo iniziale veniva
cifrato e inviato al destinatario, il quale applicava la regola al contrario, facendo
corrispondere ciascuna lettera a quella di tre posti pi indietro nellalfabeto. Provate a
decifrare linizio del De Bello Gallico: Jdoold hvw. Il metodo era molto rudimentale
e di facile utilizzo ma sufficiente allo scopo, soprattutto in una terra di barbari con
una propria lingua diversa dal latino!
Un elementare sistema di cifratura basato sul cifrario di Cesare stato usato anche
da Bernardo Provenzano per proteggere informazioni rilevanti contenute nei suoi
famosi pizzini, i piccoli foglietti di carta con i quali il boss della mafia, durante la sua
latitanza, riceveva informazioni e impartiva ordini. Nulla di nuovo sotto il sole!
Tuttavia, anche le tecniche di sostituzione lettera per lettera hanno un grande
difetto: ogni carattere alfabetico cambia identit, ma conserva il suo posto. Se prestiamo attenzione alla distribuzione delle lettere in una frase, appare evidente come
la lettera A compaia in media molto pi frequentemente della lettera S. Certo, se
analizziamo una frase piuttosto breve possiamo avere eccezioni, ma pi il testo si fa
lungo e pi la distribuzione delle frequenze di ogni lettera segue statistiche proprie di
ciascun idioma5 . Losservazione sembra banale, eppure ha permesso ai crittoanalisti,
gli studiosi incaricati di interpretare crittogrammi, di svelare i trucchi della cifratura.
La sostituzione lettera per lettera non modifica le frequenze: linguistica e statistica
ci insegnano che analizzare la frequenza di ciascun simbolo in un testo ci facilita di
molto lassociazione di ciascuno di essi alla lettera in chiaro, e permette di violare la
segretezza. Se un simbolo compare molte volte, non prover ad associarlo alla lettera
2

SIMON SINGH, Codici & Segreti, Milano, Rizzoli, 1999.


SINGH, Codici..., cit.
4 S INGH , Codici..., cit.
5 I BRAHIM A. A L -K ADI , The origins of cryptology: the Arab contributions, in Cryptologia, vol. 16,
n. 2, aprile 1992.
3

30

Z, che nella lingua italiana ha una frequenza pari allo 0,49 %, bens ad una A, che ha
frequenza pari a 11,74 %, ovvero ogni 100 lettere in media 12 sono A6 .
Di fronte a questa criticit, la crittografia compie un ulteriore passo in avanti: per
ovviare al problema delle frequenze delle singole lettere, si iniziano a sostituire parole
intere. La regina di Scozia Maria Stuarda, durante la reclusione per alto tradimento
nelle prigioni di Elisabetta, aveva affidato ad una tecnica simile la sua comunicazione
epistolare con un gruppo di cospiratori che progettavano la sua fuga. Intercettate le
lettere, Elisabetta affid al miglior decrittatore di Inghilterra, Thomas Phelippes, la
decifratura dei crittogrammi, il quale non ebbe difficolt ad associare ad ogni simbolo
una parola7 . Risultato: Maria Stuarda fu decapitata.
Da cosa dipende tanta debolezza di questo codice? Innanzitutto sostituire ad ogni
parola un simbolo limita di molto la comunicazione, impedendo la possibilit di cifrare
e decifrare qualsiasi messaggio: per evidenti questioni tecniche, Maria e i cospiratori si
erano accordati su un numero ristretto di parole, e ci rendeva gli scambi piuttosto
poveri e monotoni. Una volta esaminati un numero sufficiente di scambi epistolari,
il significato di quelle poche decine di simboli apparve evidente, e di l in poi tutti
i successivi messaggi si presentarono alla luce del sole. Inoltre, lo scrivere in codice
garantiva ai cospiratori una certa sicurezza, tale da spingerli ad esprimere apertamente
le proprie intenzioni e a descrivere senza mezzi termini omicidi, fughe e ribellioni. Ne
consegue che crittare in modo debole pu essere peggio che non crittare!
Insomma, crittografia-crittoanalisti: 0 a 1. La ricerca continua. E nel corso della
storia, nella crittografia entrano in gioco le macchine. La prima macchina per cifrare
venne inventata da un italiano, Leon Battista Alberti 8 . Si chiamava disco cifrante
ed era costituita da due dischi di rame concentrici, uno di diametro leggermente
maggiore rispetto allaltro. Lungo la circonferenza di ciascun disco era riportato un
alfabeto. I dischi venivano infilati in un perno ed erano liberi di ruotare luno rispetto
allaltro: i due alfabeti venivano cos ad assumere differenti posizioni relative. Fin
qui, il disco cifrante non nientaltro che la trasposizione meccanica del cifrario di
Cesare: sovrapponendo, infatti, i due alfabeti con uno scarto di 3 lettere ritroviamo
esattamente la tecnica di cifratura romana. Tuttavia lAlberti complic la situazione:
ad ogni messaggio veniva allegata una chiave, che indicava come posizionare i dischi
nel corso della cifratura. Se ad esempio la chiave allegata al messaggio fosse stata
la parola matematica, prima di cifrare la prima lettera del messaggio, il crittatore
avrebbe dovuto far coincidere la A del primo disco con la lettera M (prima lettera della
chiave) del secondo alfabeto; posizionati cos i due dischi, sarebbe andato a cercare nel
6

HELEN FOUCHE GAINES, Cryptanalysis, New York, Dover, 1956.


ALAN GORDON SMITH, The Babington Plot, London, Macmillan, 1936.
8 S INGH , Codici..., cit.
7

31

Disco cifrante del XV secolo conservato al Museo del calcolo Mateureka di Pennabili (Rimini).

secondo alfabeto la lettera corrispondente alla prima lettera del messaggio. Per cifrare
la seconda lettera, avrebbe dovuto far coincidere la A del primo disco con la lettera
A (seconda lettera della chiave), ed infine cifrare la seconda lettera del messaggio, e
cos via! Lo strumento di cifratura, quindi, cambia posizione durante la sostituzione,
evitando il problema delle frequenze e permettendo a due persone dotate del disco
cifrante di scambiare messaggi di qualsiasi lunghezza, con laccortezza di comunicare
la chiave a chi riceveva il messaggio cifrato.
Lidea dellAlberti fu rivoluzionaria: cinquecento anni dopo, una sofisticata reincarnazione del disco cifrante avrebbe cambiato le sorti della Seconda Guerra Mondiale.
Nel 1918, linventore tedesco Arthur Scherbius mise a punto una versione elettro32

meccanica del disco albertiano, detta Enigma. Costituita da pi rotori, ovvero pi


dischi cifranti in sequenza, la macchina Enigma divenne il mezzo cui Hitler e lesercito
tedesco affidarono ogni comunicazione militare. Ciascuna postazione possedeva una
macchina cifrante, ed ogni mattina a tutte le unit operative veniva inviata una sequenza di chiavi, che indicavano come si dovevano disporre i differenti rotori di Enigma.
Una volta posizionate in modo corretto tutte le macchine, potevano circolare i testi
cifrati. Era sufficiente battere sulla tastiera collegata ai rotori il testo cifrato e, come
per magia, su una tastiera luminosa comparivano in sequenza le lettere in chiaro che
componevano il messaggio.
Il sistema stato definito uno dei pi temibili sistemi crittografici mai realizzati.
In realt, oggi la maggior parte degli storici concorde nellaffermare che Enigma
fu una delle cause della sconfitta tedesca. Affidata la comunicazione ad un sistema
crittografico giudicato sicuro ed inattaccabile, infatti, i tedeschi abbassarono la guardia
e comunicarono le informazioni pi riservate senza immaginare la possibilit di una
violazione del codice.
Fin dallinizio del conflitto, gli Alleati riuscirono ad impadronirsi di alcune macchine Enigma, ma le possibili disposizioni della macchina nella versione pi basilare,
quella con soli tre rotori, raggiungevano il numero di 10 milioni di miliardi! Possedere
lo strumento non era quindi sufficiente a violare il codice: intercettati i messaggi
tedeschi, ci sarebbe voluto troppo tempo per testare tutte le combinazioni e cifrare il
messaggio, e leggere un dispaccio militare con parecchi giorni di ritardo sarebbe stato
del tutto inutile.
Pertanto, oltremanica, il governo inglese aveva reclutato un buon numero di
matematici ed aveva allestito nella campagna del Buckinghamshire, pi precisamente a
Bletchley Park, una sede operativa che contava su 7.000 operatori, finalizzata a passare
in rassegna i messaggi tedeschi e a scoprirne i segreti. La svolta avvenne grazie ad
un giovane e stravagante matematico, Alan Turing. Di lui dissero i suoi insegnanti:
Perde tempo in ricerche di matematica superiore a scapito dello studio di quella
elementare. I suoi elaborati sono sporchi e disordinati9 . Di certo non si tratta di
unottima presentazione. Eppure, nella sua eccentricit, Turing riusc a scoprire il
punto debole di Enigma: studiando la meccanica dello strumento e la matematica delle
combinazioni, riusc a ridurre le combinazioni possibili a 17.576. Utilizzando un gran
numero di macchine Enigma in parallelo, il gruppo di Bletchey Park divenne in grado
di individuare la chiave del codice Enigma in una sessantina di minuti al massimo.
Dedotta la chiave giornaliera, i dispositivi venivano allineati con la disposizione delle
macchine tedesche e tutti i messaggi spediti quello stesso giorno potevano cos essere
9

ANDREW HODGES, Storia di un Enigma. Vita di Alan Turing, Torino, Bollati Boringhieri, 1992.

33

Interno di una macchina Enigma, immagine depoca.

decifrati10 .
Al di l delle ripercussioni storiche, la macchina Enigma segna un passaggio fondamentale per la crittografia: per la prima volta, la crittoanalisi non pi opera di
linguisti, bens di matematici! Il compito di cifrare e decifrare in maniera sicura ed
efficiente passa nelle loro mani, e dora in poi sar loro dominio.
Nel 1940, nella sua celebre opera Apologia di un matematico, Godfrey Harold
Hardy scriveva: La vera matematica non ha alcun effetto sulla guerra. Nessuno ha
ancora scoperto un uso bellico della teoria dei numeri o della relativit, e sembra molto
improbabile che se ne scopra uno ancora per molti anni. [. . . ] La matematica unoc10

Per approfondire: ROBERT HARRIS, Enigma, Milano, Mondadori, 1996; e il film Enigma, di
Michael Apted, prodotto dalla Intermedia Films nel 2001.

34

cupazione innocua11 . La Seconda Guerra Mondiale e le guerre crittografiche che


seguono lavvento dei computer e caratterizzano tuttora il mercato dellinformazione
dimostrano che Hardy si sbagliava: la matematica diventa la chiave per salvaguardare
la riservatezza.
Lo sviluppo di calcolatori sempre pi potenti, infatti, porta alla ribalta una nuova
questione: quanto tempo impiega un elaboratore per risolvere un dato problema?
Unora? Un giorno? Un mese? Notiamo che si tratta di un tempo che non fisso, bens
diminuisce con il miglioramento della tecnologia. Questo significa che se possedessimo
un calcolatore abbastanza potente sarebbe sufficiente attaccare un sistema crittografico
direttamente, ovvero per forza bruta, semplicemente testandone tutte le possibilit, per
giungere alla soluzione. Prima dellavvento delle macchine, questa tipologia di attacco
era inattuabile per mancanza di forze: la prospettiva aperta dallautomatizzazione
cambia lorizzonte temporale.
Tuttavia, abbiamo gi osservato come la crittoanalisi non si limiti a scoprire i segreti
di un sistema di cifratura, ma sia finalizzata a scoprirli in fretta. Con lintroduzione
dei calcolatori, la variabile tempo impiegato per abbattere un sistema diventa ancor
pi centrale ed assume le vesti di complessit computazionale: dora in poi la sicurezza
crittografica dovr passare da qui 12 . Non nientaltro che levoluzione del problema
delle macchine Enigma possedute dagli Alleati, quando inizialmente impiegavano
troppo tempo per giungere al messaggio in chiaro, dovendo testare tutte le migliaia
di milioni di combinazioni. Dal momento che la potenza di calcolo di un computer
in continua evoluzione, lera della tecnologia rende necessario pensare ad un nuovo
approccio alla crittografia, in modo da renderla in grado di resistere nel tempo.
Per arrivare alla nascita della moderna crittografia dobbiamo fare ancora un salto
temporale, fino al 1978. In quellanno, tre ricercatori del MIT, il Massachusetts Institute
of Technology, diedero vita al sistema crittografico che ancora oggi salvaguarda la
nostra segretezza.
Ci che distingue la crittografia di oggi da quella precedente racchiusa in due
osservazioni molto semplici: innanzitutto, fondamentale la chiave, ovvero lindicazione su come sto cifrando; in secondo luogo, la storia insegna che ogni volta
che si nasconde qualcosa si corre il rischio tanto ovvio quanto inevitabile che questo
venga scoperto. Lo scambio delle chiavi risulta essere proprio il passaggio pi delicato di tutto il processo, e lo diventa a maggior ragione con lavvento dei computer,
che come abbiamo detto aumentano le possibilit di violare un codice procedendo
semplicemente per forza bruta. Perch allora non rendere pubblica la chiave? Con la
11

GODFREY HAROLD HARDY, Apologia di un matematico, Milano, Garzanti, 2002.


Umberto Cerruti, Blog matematico, Universit di Torino, Dipartimento di matematica, http:
//www.dm.unito.it/cerruti.
12

35

crittografia moderna, avviene un salto di qualit: la chiave non viene nascosta, bens
rimane alla luce del sole. Tutti possono vederla. Eppure questo non basta a violare il
codice. Com possibile? La matematica spiega il trucco.
I primi rivoluzionari ad introdurre lidea di una crittografia a chiave pubblica
furono i matematici Diffie e Hellman13 . Il loro ragionamento si basava sul fatto che
non fosse necessario comunicare la chiave finale, bens essa potesse essere ricavata
mediante passaggi in parte noti a tutti. Vediamo a grandi linee il funzionamento:
ipotizziamo che Alice e Bob vogliano scambiarsi un messaggio; i due concordano una
funzione matematica e scelgono segretamente un numero, che chiameremo chiave
privata, il quale non viene scambiato ma resta personale. Entrambi inseriscono
questo numero allinterno della funzione concordata ed ottengono ciascuno un nuovo
numero: hanno costruito la chiave pubblica. A questo punto possono scambiarsi le
chiavi, e questo avviene senza troppa segretezza. Infine, i due utilizzano il proprio
numero segreto e la chiave pubblica dellaltro per costruire, mediante la funzione
stabilita, un numero finale, che sar proprio la chiave per la cifratura, e sar la stessa
per entrambi! Ora possono iniziare a cifrare messaggi con la chiave ottenuta.
Il tutto sembra incredibile, eppure sulla carta funziona. Il segreto consiste nellutilizzo di una matematica molto speciale, la cosiddetta aritmetica modulare14 . Avete
mai pensato che quando guardiamo i numeri sullorologio, indicare il numero 13
sul quadrante equivalente a indicare il numero 1? Nulla di strano: sullorologio
i numeri vanno da 1 a 12, e poi ricominciano! I matematici parlano di modulo 12:
dire 13 modulo 12 equivalente a dire 1 modulo 12, perch se i numeri dopo il 12
ricominciano, 1 equivale a 13=12+1, ed equivale anche a 25=12+12+1, e cos via.
In aritmetica modulare, una volta stabilito lambiente in cui contiamo, ovvero il pi
grande numero che vogliamo considerare (nel caso dellorologio, il 12), tutti gli altri
numeri vengono impacchettati in pile di numeri equivalenti, dette non a caso classi di
equivalenza.
Nel metodo Diffie-Hellman, la funzione a cui si affida il compito di generare la
chiave una funzione molto particolare, del tipo a x modulo N, dove N viene scelto in
maniera oculata15 . La sua eccezionalit deriva dal fatto che, nota x, f ( x ) risulta molto
facile da calcolare, ma nota f ( x ) risulta molto difficile (a tratti impossibile) ottenere la
variabile x originale. Si tratta di una funzione detta unidirezionale: chiunque venga
in possesso di f ( x ), per scoprire la x dovrebbe invertire la funzione, risolvendo il
13

WHITFIELD DIFFIE, MARTIN HELLMAN, New directions in cryptography, in IEEE Transactions


on Information Theory, vol. IT-2, Novembre 1976, pp. 644-654.
14 G IULIA M ARIA P IACENTINI C ATTANEO , Algebra un approccio algoritmico, Roma, Zanichelli,
1996.
15 W. D IFFIE , M. H ELLMAN , New directions..., cit.

36

cosiddetto problema del logaritmo discreto, il quale ad oggi considerato un problema


con complessit computazionale notevole, soprattutto quando il modulo N scelto ha
caratteristiche particolari.
In questa sua prima formulazione, il metodo a chiave pubblica si presentava
ancora in linea teorica, ma apriva la strada a una nuova era della crittografia. La
sfida era lanciata: come caratterizzare questa funzione unidirezionale in modo da
renderla effettivamente sicura? E come doveva essere scelto il numero N, modulo della
funzione, per poter garantire la sicurezza dellunidirezionalit della funzione?
Per la prima volta nella storia della crittografia, la teoria dei numeri, il ramo
della matematica che si occupa di aritmetica modulare e di propriet dei numeri,
compariva prepotentemente sulla scena. Da inutile ed astratto che sembrava, si fece
pane quotidiano per molti ricercatori.
Nel 1978, Ronald Rivest, Adi Shamir e Leonard Adleman diedero una risposta
concreta alla domanda lanciata da Diffie ed Hellmann, realizzando il sistema crittografico tuttora utilizzato ai pi alti livelli di comunicazione: lRSA, acronimo delle loro
iniziali16 . La risposta matematica alla ricerca teorica di una funzione unidirezionale
sufficientemente sicura veniva proprio dalla teoria dei numeri, in particolare da una
famiglia molto speciale di numeri: i numeri primi.
Tutti sappiamo che cos un numero primo, un numero divisibile soltanto per se
stesso e per 1, e tutti sappiamo che i numeri primi sono infiniti: 2, 3, 5, 7, 11, 13, 17, e
cos via. I matematici ne sono affascinati da sempre. Essi hanno il potere di costruire
tutti gli altri numeri: il loro elenco la tavola periodica del matematico. Eppure,
nella loro apparente semplicit, nascondono un mistero ancora insoluto. Osservate
un elenco di numeri primi: impossibile prevedere quando apparir il successivo!
Lelenco sembra caotico, casuale, senza logiche: il cuore pulsante della matematica
ha un battito irregolare 17 . Da secoli i matematici si chiedono: esiste una formula che
generi i numeri primi?
Facciamo un passo alla volta. Chi pu dire se un determinato numero primo
oppure no? E nel caso negativo, come determinare i suoi fattori? Il problema
tuttaltro che banale18 . chiaro che basterebbe dividere il numero in questione
per tutti i numeri che lo precedono, o pi precisamente per tutti i numeri primi
inferiori alla sua radice quadrata. Il metodo funziona perfettamente: nel III secolo
a.C. Eratostene di Cirene si bas su questa osservazione per dare vita alle prime
16

M ARTIN GARDNER , Un nuovo tipo di cifrario che richiederebbe milioni di anni per essere decifrato ,
in Le Scienze, n. 112, Dicembre 1977.
17 M ARCUS D U SATOY , Lenigma dei numeri primi, Milano, Rizzoli, 2004.
18 LUISELLA C AIRE , U MBERTO C ERRUTI , Questo numero primo? S, forse, dipende..., in Bollettino
dellUnione Matematica Italiana, sezione A, Serie VIII, Vol. IX-A, dicembre 2006, pp. 449-481.

37

tavole di numeri primi. Tuttavia, quando il numero cresce in dimensioni, determinare


la sua primalit e la sua eventuale fattorizzazione diventa difficoltoso e soprattutto
dispendioso! Utilizzando un metodo analogo al precedente, il cosiddetto crivello di
Eratostene, un calcolatore con una discreta potenza di calcolo impiega in media 15
secondi per determinare se un numero di 50 cifre primo e, in caso negativo, 4 ore per
fattorizzarlo19 . Se il numero sale a 500 cifre, il tempo necessario raggiunge i 4 1025
anni! Considerate che let delluniverso si aggira intorno ai 13,72 miliardi di anni,
ovvero circa 1, 3 1010 anni, e traete le vostre conclusioni! Insomma, oggi il problema di
determinare in modo efficiente la primalit o non primalit di un numero e la relativa
fattorizzazione ancora aperto.

Alan Turing alla consolle del Pilot Ace Large, uno dei primi computer evoluti della storia, realizzato su
suo progetto (1950 circa).

Proprio su questa difficolt si basa RSA20 . Il sistema crittografico dei tre ricercatori
del MIT nasce dal metodo di crittografia a chiave pubblica di Diffie-Hellman. Possiamo
19
20

M. DU SATOY, Lenigma dei numeri..., cit.


M. GARDNER, Un nuovo tipo di cifrario..., cit.

38

descriverlo in termini di cifratura asimmetrica: necessario che Alice mostri una chiave
pubblica, ovvero un dato da divulgare, in modo che Bob, e potenzialmente chiunque
altro, possa cifrare i messaggi a lei destinati, ed altrettanto necessario che Alice
disponga di una chiave privata, di un numero noto a lei soltanto, che la renda capace di
invertire leffetto della chiave pubblica e quindi di decifrare i messaggi. Il cuore della
cifratura asimmetrica di RSA, nonch la sua forza, la funzione unidirezionale, che
ha come modulo il numero N. Per costruirlo, Alice sceglie due numeri primi p e q,
possibilmente molto grandi, e li moltiplica tra di loro: N = p q. Poi pubblica N , unito
ad un secondo numero che chiameremo e: a questo punto tutti avranno a disposizione
la chiave pubblica. Se Bob vuole inviare un messaggio M ad Alice, non dovr far altro
che utilizzare le chiavi pubbliche N ed e per calcolare C = M e modulo N, dove C il
messaggio in codice.
Chiunque venga in possesso di C e cerchi di ritrovare M , si scontrer con il
problema di invertire una funzione esponenziale in aritmetica modulare: senza entrare
nei dettagli dellalgoritmo di soluzione del logaritmo discreto, osserviamo che per
invertirla necessario conoscere la fattorizzazione di N , che tuttavia nota solo
ad Alice. Scegliere due numeri primi e moltiplicarli tra loro richiede poco tempo
e nessuno sforzo; prendere N e determinarne i fattori p e q diventa invece molto
dispendioso.
Rivest, Shamir e Adleman avevano risposto alla domanda posta da Diffie ed
Hellman su come caratterizzare la funzione unidirezionale ricorrendo ad un problema
aperto della matematica, la fattorizzazione, ed evitando del tutto il problema della
distribuzione delle chiavi. Il solo dato che resta segreto la chiave privata, la coppia di
numeri primi p e q con cui viene fabbricato N .
Ecco perch oggi i numeri primi costituiscono una grande sfida: da un lato,
determinare numeri primi di grandi dimensioni fondamentale per la crittografia
odierna. Nel 2008 stato scoperto un nuovo numero primo dalle dimensioni record:
il numero: 2 57.885.161 1, uno dei cosiddetti numeri di Mersenne, con ben 17.425.170
cifre21 . LEFF, Electronic Frontier Foundation22 , ha messo in palio 250.000 dollari per
il primo individuo o gruppo che scoprir un numero primo con almeno 1 miliardo
di cifre! Daltra parte, la stessa sicurezza della crittografia legata alla complessit
computazionale della fattorizzazione di grandi numeri. La questione legata ad
uno dei cosiddetti problemi aperti del Millennio, la determinazione delle soluzioni
della funzione Zeta di Riemann, dal nome del matematico che congettur lipotesi di
una relazione tra gli zeri di questa funzione e la distribuzione dei numeri primi. La
dimostrazione di tale congettura permetterebbe di conoscere in maniera pi profonda
21
22

Chris K. Caldwell, Prime Pages, http://primes.uhm.edu/


PAULO RIBENBOIM, The New Book of Prime Number Records, New York, Springer-Verlag, 1996.

39

la sequenza dei numeri primi e porrebbe fine allinviolabilit di RSA23 . Ad oggi le


ricerche sono ancora lontane, ma nessuno pu prevedere con esattezza per quanto
tempo i numeri primi resteranno il mistero a custodia della nostra sicurezza. Nessuno
pu scartare lipotesi che anche RSA venga scalzato e che i crittoanalisti tornino in
vantaggio.
Proprio per questa ragione, la ricerca continua a guardare avanti. E non mancano
prospettive completamente nuove per la crittografia di domani. Negli ultimi anni
nata una sorprendente e rivoluzionaria forma di progettazione di computer, la cosiddetta computazione quantistica24 . Essa si basa sulla visione delluniverso elaborata
dalla meccanica quantistica, ramo della fisica che propone una teoria del tutto antiintuitiva, atta a spiegare regole e principi che governano il mondo subatomico. Se
il nostro mondo, a livello macroscopico, governato dalle leggi della fisica classica,
linfinitamente piccolo sembra decisamente differente. Domina il principio dellindeterminazione di Heisenberg: non possiamo conoscere il presente in tutti i suoi
dettagli. Quando osserviamo il mondo subatomico interagiamo invariabilmente con
esso, modificandone il comportamento. Lignoranza dellosservatore che ne deriva ha
portato alla formulazione della teoria delle sovrapposizioni di stati: ad esempio, non
possiamo conoscere esattamente il percorso di un fotone che attraversa le fenditure di
un pannello. Dato che il suo comportamento ignoto, la particella autorizzata a fare
simultaneamente tutto ci che pu fare. Il fotone in una sovrapposizione di stati. La
teoria pu apparire stravagante: persino Einstein rimase scettico ed esclam che Dio
non gioca a dadi. Eppure ha ormai ritrovato numerosi riscontri concreti: senza la
meccanica quantistica oggi non sarebbero possibili le nanotecnologie, i lettori laser e
persino i reattori nucleari.
Da queste considerazioni, limitate per ora quasi esclusivamente alla teoria, nasce
una nuova prospettiva di intendere un computer: oggi il funzionamento di un calcolatore ordinario dipende quasi esclusivamente da fenomeni del mondo macroscopico.
Cosa accadrebbe se si progettasse un calcolatore sulla base della meccanica quantistica,
in grado di seguire le leggi del subatomico? Immaginiamo di essere di fronte ad un
problema con due varianti: un calcolatore normale elaborerebbe la prima variante,
attenderebbe la risposta e poi seguiterebbe ad elaborare la seconda variante. Affronterebbe quindi un problema alla volta. Un calcolatore quantistico, invece, potrebbe
incorporare le varianti in una sovrapposizione di stati e risolverle simultaneamente.
La molteplicit di valori potrebbe essere rappresentata da particelle dotate di spin,
ovvero di un orientamento, immerse in campi elettromagnetici. Utilizzando al posto
dei classici bit 0 e 1 dei qubit in grado di contenere 0 o 1 in sovrapposizione quantistica,
23
24

M. DU SATOY, Lenigma dei numeri..., cit.


DAVID DEUTSCH, La trama della realt, Torino, Einaudi, 1997.

40

con 250 qubit, ovvero 250 particelle dotate di spin, sarebbe possibile rappresentare
circa 1075 combinazioni, un numero pi grande di quello degli atomi contenuti nelluniverso. Ne seguirebbe una potenza di calcolo inimmaginabile, tale da non poter
nemmeno essere confrontata con la potenza di un ordinario calcolatore!
Un elaboratore quantistico comporterebbe il crollo della crittografia cos come
ora la conosciamo, riducendo notevolmente i tempi necessari oggi alla fattorizzazione
di un numero. Tuttavia essa aprirebbe la strada alla cosiddetta crittografia quantistica,
un sistema crittografico nuovo e inviolabile che per ora vive solo nelle aule del Los
Alamos National Laboratory, uno dei capofila della ricerca quantistica 25 . Secondo la
teoria, la trasmissione di informazioni potrebbe avvenire mediante fotoni polarizzati;
una volta stabilito il metodo con cui assegnare 0 o 1 a seconda della polarizzazione,
mittente e ricevente potrebbero comunicare senza rischi: infatti, la difficolt che
si riscontra nellindividuare la polarizzazione di un fotone non di natura tecnica,
dovuta a una lacuna tecnologica o teorica e destinata ad essere colmata in futuro,
bens conseguenza stessa della realt fisica subatomica. La crittografia quantistica
permetterebbe di dormire sonni tranquilli e sembrerebbe porre definitivamente fine
alla guerra con i crittoanalisti.
Dalla teoria alla pratica il salto ancora lungo, ma la via tracciata. la stessa
storia della crittografia a mostrare come le idee che apparivano a prima vista pure
speculazioni fini a se stesse, quasi filosofiche, si siano in seguito rivelate ottime basi
per le applicazioni pi disparate, di certo nemmeno immaginate dai primi pensatori.
la bellezza della matematica, in fondo: dove conduca, nessuno pu immaginarlo
allinizio!
Quale futuro, allora, per i nostri acquisti via Internet? Per ora la fattorizzazione di
grandi numeri, la distribuzione dei numeri primi e gli zeri della funzione di Riemann
danno del filo da torcere a tutti e restano misteri chiari solo nei sogni di qualche
eccentrico matematico. Ma la sfida aperta, e c spazio per tutti.
I giovani continuino ad usare carte di credito on line, i loro nonni continuino a
dormire sonni tranquilli... e i matematici continuino il loro mestiere!

25

CHARLES H. BENNET, GILLES BRASSARD, ARTUR K. EKERT, Crittografia quantistica, in Le


Scienze, n. 292, Dicembre 1992.

41

Jean Dubuffet, Jardin demail, calcestruzzo, resina e poliuretano, 1974, (Otterloo, Krller-Mller
Museum, giardino delle sculture).

Davide Dezzani

Comportamenti interessanti negli esperimenti con i fluidi non


newtoniani
Per la fluidodinamica, anche nella didattica liceale, ci si limita solitamente alle
linee-guida ministeriali, con lo studio dei fluidi in quiete e di quelli in moto in regime
stazionario, sempre nelle ipotesi di incompressibilit e viscosit nulla. Con questo
contributo si intende esortare a superare uno di questi limiti, richiamando i principali
aspetti da affrontare per trattare la viscosit ed introducendo la fenomenologia dei
fluidi non-newtoniani descritta con semplici esperimenti riproducibili in laboratorio.
Molti dei problemi trattati negli esperimenti hanno evidenziato propriet interessanti
dei fluidi non-newtoniani e sono stati recente argomento di ricerca.
La Viscosit
Nello studio del moto di un fluido si soliti trascurare gli effetti della viscosit ponendola pari a zero. A meno che non si tratti di superfluidit, che raramente si osserva
in natura, ad esempio con lelio intorno a temperature dellordine dello zero assoluto
( T = 01 K), questa una approssimazione di fluido ideale (o liquido perfetto), che
non tiene conto della continua dissipazione di energia che si verifica quando uno strato
di liquido scorre su uno adiacente, provocando un aumento dellagitazione termica
delle molecole a discapito di una perdita di energia del fluido.
Lorigine della viscosit si trova a livello microscopico nellanalisi delle azioni
meccaniche presenti nel fluido, pertanto occorre partire dallesame delle forze agenti
nel liquido1 .
Nei fluidi in moto oltre agli sforzi dovuti alle forze normali agli strati di superficie,
quindi responsabili della pressione, si devono considerare anche gli sforzi di taglio
, ovvero il rapporto tra le forze tangenziali F, cio dirette lungo la direzione di
scorrimento del fluido, e la superficie S dello strato interessato dallo scorrimento stesso,
= F /S. Infatti le particelle di fluido risentono di forze attrattive intermolecolari non
trascurabili (coesione), le quali fanno s che nel movimento tangenziale di parti di fluido
1

PAOLO MAZZOLDI, MASSIMO NIGRO, CESARE VOCI, Fisica, vol. I, Napoli, Edises, 2000.

43

emerga una forma di attrito interno rispetto alle parti confinanti. Dal punto di vista
macroscopico questa una manifestazione della resistenza del fluido al movimento di
taglio, allo scorrimento appunto.

Proporzionalit inversa tra la viscosit e il gradiente di velocit.

La viscosit il parametro che quantifica questo aspetto nei fluidi. Essa


direttamente proporzionale non solo allo sforzo , ma anche alla differenza di quota
y nella direzione normale allo scorrimento, ed inversamente proporzionale alla
differenza di velocit u del fluido. Passando al calcolo infinitesimale:
=

y
u

pertanto dimensionalmente risulta essere una pressione per un tempo. Nel Sistema
Internazionale si misura in Pascal per secondo, nel sistema cgs in
Poise = g cm1 s1 = Pa s.

Fluidi

acqua

olio doliva

glicerina

aria

Viscosit

103

8 102

0.9

17104

Valori di viscosit di alcuni fluidi in Pascal per secondo

44

Struttura microscopica di un polimero: dalla scala di 1m a 50 nm.

Fluidi non-newtoniani
Si soliti dividere i fluidi in due classi: newtoniani e non-newtoniani. Nei fluidi
newtoniani la viscosit si mantiene costante al variare delle propriet dinamiche del
sistema. Ci significa che pu variare ad esempio con la pressione e la temperatura ma
non con lo sforzo. Nei fluidi complessi o non-newtoniani invece variabile con lo
sforzo tangenziale , il tempo, etc. Si noti che spesso i fluidi complessi sono polimeri
(sostanze con struttura molecolare a catena) ed proprio alle scale microscopiche in
cui evidenziata la loro struttura molecolare che troviamo la spiegazione ai loro comportamenti macroscopici descrivibili dal punto di vista della variazione della viscosit.
A seconda di quale aspetto dei fluidi non-newtoniani si considera abbiamo diverse
categorie in cui possono essere distinti. Ad esempio, dal punto di vista dello sforzo si
dividono in shear-thinning e shear-thickening; rispettivamente sotto sforzo tangenziale
la viscosit decresce (si assottigliano, come lo shampoo), quindi hanno un compor45

Fluidi non-newtoniani al microscopio: strutture delle mycelles a sinistra, e polimeri shear thickening a
destra.

tamento tipico di un liquido a viscosit minore, oppure nel secondo caso la viscosit
cresce con lo sforzo (letteralmente si inspessiscono, come lamido di mais o maizena)
assumendo le propriet di un materiale solido o meglio ancora di un mezzo elastico.
Al microscopio gli shear-thinning sono formati da molecole (piccole) con due lati:
uno idrofilo e uno idrofobo. Quando sono presenti in concentrazione sufficiente, si
dispongono in palline con i lati idrofobi allinterno. Se ci riescono, queste palline si
uniscono in filamenti.
Queste, che vengono chiamate mycelles, sono le strutture responsabili dello shearthinning. A differenza dei polimeri, infatti, le mycelles sono strutture relativamente
semplici. Se lo stress basso, sono disposte a caso nel fluido e la viscosit aumentata
dalla loro presenza (interazioni tra mycelles). Se invece lo shear elevato le micelle
si sciolgono e si dispongono tutte nella direzione dello stress, riducendo perci la
viscosita in quella direzione perch sono minori le interazioni mycelle-mycelle.
In funzione della durata dello sforzo ci sono i tissotropici in cui la viscosit apparente diminuisce con la durata dello sforzo (ketchup, miele) e i reopetici in cui cresce
con la durata dello sforzo applicato (lubrificanti). Infine la velocit di deformazione
caratterizza la distinzione tra fluidi alla Bingham, pseudoplastici, dilatanti.
Le applicazioni tecnologiche ed industriali relative ai fluidi complessi sono moltissime, come testimoniano gli innumerevoli studi di ricerca sviluppati negli ultimi
anni,2 , tuttavia trascuriamo questo aspetto e ci limitiamo a fornire nella parte seguente
2

Si veda ad esempio: RAJ P. CHHABRA, JOHN FRANCIS RICHARDSON, Non-newtonian Flow in


the Process Industries, Oxford, Butterworth-Heinemann, 1999.

46

Camminando velocemente e pestando forte i piedi sulla miscela di acqua e amido di mais (un fluido
non-newtoniano), non si affonda; si affonderebbe se ci si fermasse.

una breve descrizione di alcuni esperimenti sui fluidi complessi (o non-newtoniani) che
mette in luce da un lato le loro propriet pi interessanti, dallaltro la loro semplicit
nel riprodurli in laboratorio.
Correre su un liquido
Con un fluido non-newtoniano possibile correre e saltare su una superficie
liquida: occorre riempire un grande contenitore (ad esempio una vasca da bagno o una
piccola piscina) con una soluzione composta da acqua e amido di mais (o maizena)
allincirca in parti uguali in peso. Questo polimero poco diluito in acqua si presenta al
microscopio come un groviglio di fili elastici o un piatto di spaghetti. La soluzione
cos composta shear-thickening, cio maggiore lo sforzo esercitato sul fluido, pi
esso reagisce inspessendosi, ovvero comportandosi come un mezzo elastico.
Linterpretazione sta nel fatto che, sottoposti a bassi stress, i polimeri riescono a
scivolare luno sullaltro e si orientano nel verso indicato dallo sforzo applicato, come
se docilmente si lasciassero pettinare. In presenza di stress elevati i polimeri si muovono
47

tutti insieme, restando aggrovigliati ed acquistando rigidit: il comportamento simile


a quello di un solido elastico.
La soluzione perci si solidifica quando ci corriamo e saltiamo sopra, ma se stiamo
fermi, torna velocemente liquida facendoci affondare.
Si noti che una delle applicazioni tecnologiche pi curiose relative ai fluidi nonnewtoniani si basa proprio su questo principio. Si tratta dei giubbotti anti-proiettile e
delle protezioni per i motociclisti, i cui tessuti presentano al centro della stratigrafia
una parte in amido di mais. Il risultato un giubbotto confortevole al normale utilizzo
per via dei bassi stress cui sottoposta la maizena, ma rigido e protettivo alloccorrenza,
ovvero in caso di stress elevato in seguito allurto con un proiettile o alla caduta dalla
moto.
Il Blob
Utilizzando un generatore di segnali collegato a un amplificatore e alla cassa in
uscita, osserviamo che succede ai liquidi in vibrazione. Per fare questo, mettiamo un
foglio di plastica sulla cassa e poi direttamente il fluido sulla plastica, sfruttando il cono
della cassa per il contenimento del liquido.
In fluidi newtoniani, forzati periodicamente in direzione perpendicolare alla superficie di riposo, si osserva la comparsa di onde di superficie note come onde di Faraday3 .
Condizione necessaria affinch si vedano che laccelerazione (cio lampiezza dellonda) sia grande a sufficienza da superare effetti dissipativi. Le onde di Faraday sono
statiche e formano dei pattern molto affascinanti, differenti a seconda del punto in cui
siamo nello spazio frequenza-viscosit 4 .
Va notato che, con questo semplice apparato sperimentale, le imperfezioni del
fondo (sono coni e non superfici piatte) impediscono onde realmente statiche, cio
le onde che si vedono si muovono leggermente. La viscosit dellacqua circa
1 cPoise = 103 Pa s . Dai grafici frequenza-viscosit cui accennavamo prima, forzando
intorno ai 100 Hz si vedono dei pattern con strutture quadrate5 .
Se invece forziamo lamido di mais, non sappiamo quanto valga la viscosit del
fluido, perch dipende dalla dinamica dellesperimento, quindi cambia istantaneamente,
sia durante il forzaggio che a seconda del momento in cui si formano le strutture che
3

MICHAEL FARADAY, On a peculiar class of Acoustical Figures; and on certain Forms assumed by
group of particles upon vibrating elastic Surfaces, in Philosophical Transactions of the Royal Society of
London, vol. 121 (1831), pp. 299318.
4 P EILONG CHEN, J ORGE V IALS , Amplitude equation and pattern selection in Faraday waves, in
Physical Review E, vol. 60 (luglio-dicembre 1999), pp. 559-570.
5 Ibidem.

48

Cassa conoidale piena di maizena e stabilit dei buchi realizzati soffiando con una cannuccia.

presentano le onde. Per avere una stima si pu dire che la viscosit a zero shear potrebbe
essere dellordine di 104 cPoise (si ricordi che la viscosit dellacqua di 1 cPoise), e che
dopo lo shear-thickening sale di 2-3 ordini di grandezza. Supponiamo quindi di forzare
lamido a circa 80-100 Hz, aumentando laccelerazione. La fenomenologia delle onde
di Faraday simile, con la differenza che non sono stati investigati molti pattern 6 . Si
osserva che salendo in potenza (accelerazione) in poco tempo compaiono delle onde di
Faraday (la cui dinamica potrebbe essere descritta con una teoria lineare che ricalca
quella dellacqua con viscosit rinormalizzata). A differenza di quanto accade in un
fluido newtoniano, se si fa un buco nel liquido con una cannuccia, esso si mantiene
stabile nel tempo 7 .
In funzione di accelerazione e frequenza, i buchi possono essere: instabili se si
richiudono subito, metastabili quando hanno una durata limitata prima di richiudersi,
o stabili se stanno aperti indefinitamente. Buchi stabili e metastabili hanno dimensione
pi o meno fissata di circa mezzo centimetro, taglia variabile lentamente nel tempo
entro un 30%.
La stabilit dei buchi attribuita al fatto che la soluzione shear-thickening: non
si vede in fluidi newtoniani e si osserva in altri fluidi shear-thickening. Non collegata
a fenomeni di risonanza con il tempo di rilassamento del singolo polimero8 , infatti
si realizza con polimeri aggrovigliati in soluzioni molto concentrate. Se ci sono pi
6

Ibidem; M ARK-T IELE W ESTRA , D OUG J. B INKS , W ILLEM VAN D E WATER , Patterns of Faraday
waves, Journal of Fluid Mechanics, Vol. 496 (2003), p. 1-32.
7 Per la completa visualizzazione dellesperimento:
http://www.youtube.com/watch?v=
lVkjP5d6ulc.
8 F LORIAN S. M ERKT, ROBERT D. D EEGAN, DANIEL I. G OLDMAN, E RIN C. R ERICHA , AND
HARRY L. SWINNEY, Persistent holes in a fluid, Physical Review Letters, vol. 92, (gennaio-giugno
2004).

49

Effetto Kaye: il tubo di shampoo in entrata pu fluire senza incontrare resistenza allo scorrimento sullo
shampoo gi accumulato, infatti localmente nel sottile strato di spessore la viscosit molto bassa. Il
fluido si comporta come uno shear-thinning.

buchi, questi interagiscono scontrandosi e rimbalzando luno sullaltro, ma non si


fondono uno con laltro, perch la loro taglia fissa e definita dal sistema.
Questa fase chiaramente complicata non caotica. La massima spettacolarit si ha
aumentando ancora laccelerazione forzante: i buchi sono nuovamente instabili, e non
perch tendano a richiudersi, ma per il comportamento dei bordi, i quali si slabbrano
e creano delle protrusioni che, ricadendo, innescano nuove instabilit (molto locali)
che si propagano lentamente fino ad invadere lintero dominio.
La superficie stabile non linearmente, nel senso che stabile rispetto a piccole
perturbazioni, ma non lo per le perturbazioni della taglia di quelle indotte dalla cannuccia. Aumentando ancora laccelerazione, le estrusioni dominano immediatamente
e tutta la soluzione si comporta in modo globalmente instabile.
Effetto Kaye
Se facciamo cadere un sottile filo dacqua su una superficie piana, si distribuisce
disordinatamente sulla superficie. Se facciamo la stessa cosa con un liquido newtoniano
molto viscoso, diciamo olio, si forma un mucchietto ma sostanzialmente si comporta
come acqua. Infine se proviamo con un fluido shear-thinning, lo shampoo ad esempio,
osserviamo che al trascorrere di qualche secondo dal mucchietto si alza uno spruzzo
50

Effetto Kaye su piano inclinato e dettaglio di uno zampillo.

sottile simile a quello in ingresso, di durata inferiore al secondo, che zampilla in una
qualche direzione prima di spegnersi 9 . Nella ripetizione dellesperimento si nota che
non ci sono direzioni privilegiate per cui lo spruzzo si alza e si muove un po a casaccio:
leffetto Kaye. Perch si verifica?
Il tubo che penetra nel mucchietto di shampoo induce uno stress molto pronunciato dove i suoi bordi incontrano lo strato a velocit nulla di fluido. E allora possibile
che si formi uno strato sottile di taglio con viscosit molto bassa tra il tubo di ingresso e
il resto del fluido. Il liquido in ingresso perci pu essere spinto ad attraversare lo strato
fermo quasi senza incontrare resistenza, e mantenendo le sue propriet geometriche,
ovvero, essendoci poche dissipazioni, pu zampillare conservando lenergia cinetica10 .
La mancanza di una geometria preferenziale per rende il tutto molto instabile,
perch il tubo di uscita si muove e non appena tocca il tubo di ingresso o qualche
altra irregolarit, il flusso si rompe e il fenomeno si arresta. Per ovviare a questo
inconveniente si pu utilizzare un piano inclinato: lo shampoo rimbalza sempre verso
il basso e il fenomeno stabile.
Nella messa a punto dellapparato sperimentale ci sono diversi aspetti di cui tener
conto: la velocit in ingresso, che dipende da quanto shampoo sta nel bicchierino,
lo spessore dello strato sul piano inclinato, la presenza di bolle e impurit nello
shampoo.
Un altro aspetto molto interessante che il filo di liquido si comporta come se fosse
separato dal resto: essendo lo strato shear-thinning meno viscoso, cambiano anche le
propriet di trasmissione della radiazione. In particolare si ha un differente indice
riflettente alla parete, cosicch puntando da sopra un laser allineato sul filo, la luce si
9

http://www.youtube.com/watch?v=IrVlq2AgwyA.
MICHEL VERSLUIS, COR BLOM, DEVARAJ VAN DER MEER, KO VAN DER WEELE, DETLEF
LOHSE, Leaping shampoo and the stable Kaye effect, in Journal of Statistical Mechanics: Theory and
Experiment vol. 2006 (luglio 2006), P07007.
10

51

Effetto Weissenberg: i filamenti di poliacrilamide aderiscono alla vite rotante e tra di loro creando una
struttura stabile e risalendo la soluzione.

vede molto chiaramente passare nello shampoo come dentro a una fibra ottica. La luce
attenuata dallo shampoo, ma facilmente si riesce a vedere fino almeno al secondo
rimbalzo, con un laser sovralimentato a 9 Volt.
Effetto Weissenberg
Noto in letteratura anche come rod-climbing effect, coniuga la natura elastica e
le propriet viscose tipiche di alcuni fluidi a base polimerica. Solitamente si realizza
con poliacrilamide mescolato con glicerina per ottenere una viscosit un po pi alta e
colorato con colorante alimentare.
Si immagini di avere una tazza di t e di mescolare. Il liquido, messo in rotazione
da unasticella rotante tramite un trapano, crea uno strato rotante intorno allasta e
per il resto rimane praticamente fermo. Insistendo ulteriormente viene spinto verso le
pareti dalla forza centrifuga e prende la forma allincirca di un paraboloide per effetto
52

delle forze centrifughe.


In un fluido viscoelastico (non-newtoniano) invece gli sforzi perpendicolari allasse
di rotazione sono pi intensi verso il centro della soluzione11 . Leffetto Weissenberg
praticamente invisibile se si fa ruotare su se stessa la soluzione, mentre molto evidente
se offriamo al liquido un supporto su cui arrampicarsi. Nel nostro caso il liquido
messo in rotazione da una vite collegata a un trapano. La soluzione di polimeri tende
a risalire la vite, se la velocit di rotazione sufficiente, fino ad altezze tali per cui gli
sforzi gravitazionali bilanciano quelli elastici.
Microscopicamente si pu descrivere il fenomeno come se il nostro liquido fosse
un piatto di spaghetti. Se uno spaghetto rimane attaccato alla vite rotante, si deformer
e tender a tirarsi dietro la coda. Il tutto ancora aumentato dal fatto che la soluzione
non diluita: i polimeri in realt (veramente in modo simile alla pasta) sono molto
vicini e formano una rete, non statica ma comunque abbastanza intrecciata, tale che
tirando anche poche estremit tutta la soluzione li segue. Naturalmente se tutti i
polimeri tendono a stare vicino alla vite la soluzione si muover verso lalto visto che
non c altro posto dove andare.

11

A. A. C OLLYER , Demonstrations with viscoelastic liquids, in Physic Education vol. 8 (1973), pp.
111-116.

53

Berardo Galiani, Francesco La Marra, La formazione dellarchitetto, antiporta de Larchitettura di M.


Vitruvio Pollione, traduzione e commento del marchese Berardo Galiani, Napoli 1758.

Walter Canavesio

Il tema vitruviano degli Scamilli impares nei teorici neoclassici


Uno dei passi pi controversi ed oscuri dei Dieci libri di Vitruvio riguarda il termine
scamillos impares, dallo scrittore romano impiegato nel capo quarto del terzo libro,
trattando delle fondamenta dei templi. Il testo, secondo una versione recentemente
pubblicata, il seguente:
Sin autem circa aedem ex tribus lateribus podius faciendum erit, [ad] id con|stituantur,
uti quadrae, spirae, trunci, coronae, lysis ad ipsum stylobatam, qui erit sub columnarum spiris, conveniant. Sty|lobatam ita oportet exaequari, uti habeat per medium
adiectionem1 per scamillos inpares2 ; si enim ad libellam dirigetur, alveolatum3 oculo
videbitur. Hoc4 autem, ut5 scamilli ad id convenientes fiant, item in extremo libro
forma et demonstratio | erit descripta6 .

Le traduzioni di questo passo devono arrendersi davanti allimpossibilit di comprendere la vera natura del termine scamillos, dovuta essenzialmente alla mancanza
della tavola relativa agli stilobati. Trascrivo qui la versione italiana di Luciano Migotto:
Se invece si deve erigere un podio sui tre lati della costruzione bisogna far in modo
che i plinti, le basi, i fusti, le cornici e le cimase si fondano armonicamente con lo
stilobate che si trova alla base delle colonne. Esso dovr essere livellato in modo che,
per effetto degli scamilli impari, presenti nel mezzo un rigonfiamento, altrimenti
darebbe limpressione di essere concavo. Alla fine del libro spiegher fornendo una
formula e un disegno come gli scamilli si debbano armonizzare per produrre leffetto
giusto7 .
1

adjectionem in versioni antiche.


impares in versioni antiche.
3 alveolatus in versioni antiche.
4 videbitur hoc autem in versioni antiche.
5 uti in versioni antiche.
6 Testo tratto dalla versione anastatica dal volume Zehn Bcher ber Architektur, bersetzt und mit
Anmerkungen verseheen von Curt Fensterbusch, Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1976,
ripubblicato in M ARCO VITRUVIO POLLIONE , De Architetctura Libri X, Pordenone, Edizioni Studio
Tesi, 1992, p. 142.
7 Ivi, p. 143.
2

55

Non questo lunico luogo ove compaiono gli scamilli nel testo vitruviano; al capo IX
del quinto libro, dedicato ai porticati ed alle zone di passaggio dietro la scena dei teatri,
si legge infatti:
Stylo|batisque adiectio quae fit per scamillos inpares8 , ex descriptione, quae supra
scripta est in libro tertio, sumatur. Epistylia, coronae ceteraque omnia ad columnarum
rationem ex scriptis voluminum superiorum explicentur9 .

Meno evidente la presenza degli scamilli in un brano molto lacunoso del testo vitruviano, dove, pur non comparendo esplicitamente, ne sarebbe citata la loro funzione; si
tratta di un testo riguardante il montaggio dei capitelli sulla fronte di tempio:
Capitulis perfectis10 , deinde <in scapis>11 columnarum12 non ad libellam sed
ad aequalem modulum conlocatis13 , ut14 , quae adiectio in stylobatis facta fuerit, in
superioribus membris respondeat symmetria epistyliorum15 .

Dai passi citati si deduce chiaramente che il tema, di per s indefinibile con maggiore precisione, degli scamilli impares, collegato alle numerose proposte vitruviane
di correzione ottica delle misure degli elementi architettonici, in particolare nelle
strutture templari, in funzione dellequilibrio della visione teorica, destinata a scontrarsi continuamente con la realt della struttura costruita. Limmagine architettonica
pura subiva infatti nella percezione individuale tutta una serie di deformazioni dovute
alla prospettiva particolare, e di queste occorreva tener conto nella costruzione, per
impedire che apparissero difetti non imputabili allarchitetto, o al sistema matematico
sotteso alledificazione, bens allinevitabile parzialit deformante del punto di vista.
Tutta lesegesi vitruviana si scontrata con largomento oscuro degli scamilli, trasformandolo in una sorta di manifesto interpretativo dellepoca in cui stata elaborata
la riflessione erudita. Le proposte rinascimentali si attestarono su letture architettoniche divergenti, come quella di Cesare Cesariano, che impost la sua argomentazione
8

impares in versioni antiche.


Per laggiunta nello stilobate che si ottiene con scamilli impari si seguano i criteri esposti nel terzo
libro. Gli epistili le cornici e tutti gli altri elementi delle colonne saranno realizzati secondo quanto
scritto nei libri precedenti (traduzione di Luciano Migotto, in Zehn Bcher ber Architektur, cit.).
10 lacuna nelloriginale.
11 summis in versioni antiche.
12 columnarum scapis in versioni antiche.
13 collocatis in versioni antiche.
14 uti in versioni antiche.
15 Finiti i capitelli e sistematili sui fusti delle colonne, non proprio a livello, ma secondo uno stesso
modulo, bisogna far in modo che alla deformazione dello stilobate corrisponda nelle strutture superiori la
adeguata proporzione degli epistili (traduzione di Luciano Migotto, in Zehn Bcher ber Architektur, cit.).
9

56

Pagina con lillustrazione degli scamilli da Scamilli impares vitruviani a Bernardo Baldo urbinate nova
ratione explicati, Augsburg, 1612, p. 21.

57

sulleffetto aggettante degli stilobati rispetto al podio della colonna16 , mentre in Fra
Giocondo, e Gregorio Cortese il correttivo appariva sotto specie di vere e proprie
balaustre poste negli intercolumni, con pilastrini dispari 17 . A questa interpretazione,
impegnativa dal punto di vista formale, era sottesa una lettura longitudinale della
difformit percepita: allirregolarit apparente del vacuo degli intercolumni nella distribuzione in serie delle colonne del tempio, doveva contrapporsi un elemento, steccato
o balaustra, che ne restituisse la regolarit. Tale soluzione si ritrova anche in Daniele
Barbaro18 .
Solo con la nascita della moderna archeologia si misureranno sempre pi le distanze tra lelaborazione teorica vitruviana e la realt scaturente dalla misurazione diretta
dei manufatti, ed occorrer attendere una nuova rivoluzione della visione per accostare il tema con presupposti radicalmente diversi, ed anche per risolvere lambiguit
fondamentale del termine stilobate, gi identificato come sinonimo di piedistallo e
poi correttamente descritto come basamento degli impianti colonnari19 .
Saranno gli interpreti moderni dellopera di Vitruvio a rendersi conto della soggettivit della visione e del ruolo visivo delle deformazioni come discrepanza e correzione;
se, come scrisse Francesco Milizia, la grandaria mangia, e rende esili le forme architettoniche soprattutto se esse, come nelle fronti di tempio, sono liberamente avvolte
nellatmosfera, innumerevoli ne erano le conseguenze nei particolari. Il discorso tocca
il discrimine tra realt della visione e teoria proporzionale assoluta, e segna anche la
divergenza fra mondo neoplatonico e razionalismo scientifico moderno. Cadute le proposte rinascimentali di natura compositiva pi che visuale, lincertezza interpretativa si
attest sulle modifiche da porre allo stilobate (per compensarne la deformazione visiva
al centro), mediante i misteriosi scamilli, oppure, allo stesso scopo, attraverso lapposizione di gradini o altri elementi ai plinti delle colonne, per mantenere luniformit
della fronte templare.
16

CESARE CESARIANO, Vitruvio De Architectura, Libri II-IV. I materiali, i templi, gli ordini, a cura di
Alessandro Rovetta, Milano, Vita e Pensiero, 2002, p. 202, nota 63.
17 G UIDO B ELTRAMINI , Architetture di Andrea Moroni per la Congregazione Caminese: due conventi
bresciani e la basilica di Santa Giustina a Padova, in Annali di architettura 7, 1995 (ma 1996), p. 90.
18 I Dieci libri dellArchitettura di M. Vitruvio tradotti e commentati da Mons. Daniel Barbaro eletto
Patrono dAquileia, da lui riveduti & ampliati; & hora in pi commoda forma ridotti , Venezia, Francesco
de Franceschi, Giovanni Chrieger, 1567 (prima ed. Venezia, Francesco Marcolini, 1556), pp. 136-140
(tav. a p. 139): Quando adunque sia, che i piedistali separano una parte del poggio dallaltra, perche non
si possono dire camilli ciascuno di que spacij, separato da i piedestali che vengono in fuori, & che non
vanno continuando, ma rompeno la dirittura del poggio con licenza egli si usi questo nome del genere
del maschio, che neutro.
19 S ERGIO B ETTINI , Bernardino Baldi e Vitruvio, in Bernardino Baldi urbinate (1553-1617), seminario
di studi (Urbino 9-10 dicembre 2003), a cura di Giacomo Cerboni Baiardi, Urbino, Accademia Raffaello,
2006, p. 238.

58

A riassumere e riavviare la questione ci pens nel 1673 Claude Perrault, con la sua
edizione francese dei Dieci libri20 . Qui gli scamilli erano letti sulla falsariga rinascimentale, in opposizione a quanto teorizzato nellopera fondamentale di Bernardino
Baldi21 , ipotizzando che per ovviare alla lineare omogenea lunghezza di uno stilobate
continuo, che alla vista poteva manifestarsi come una parete di canale, aggravata dalla
presenza di basi e cimase sporgenti, occorresse inserire un rientro in corrispondenza dellintercolumnio superiore, una sorta di balaustro indietreggiato, che avrebbe
permesso ai soli plinti delle colonne di campeggiare in una fuga prospettica non deformante. La nota incisione XVIII del Vitruvio francese presenta con grande chiarezza,
nel suo doppio esempio, tale principio, ed indica anche la scarsa plausibilit della
precedente lettura di Giovanni Battista Bertano, incentrata sulla sporgenza di elementi
dispari a rilievo in forma di fascia, sia nello stilobate, sia nellarchitrave, cosa che era in
contraddizione con la diversa morfologia delle componenti architettoniche secondo
gli ordini. Lopinione di Baldi era invece radicalmente divergente: gli scamilli erano
nullaltro che zoccoli, posti sotto le basi delle colonne a contatto con il piano superiore
dello stilobate. La loro presenza era necessaria per permettere una corretta veduta dal
basso dellimposta del fusto, senza che la prospettiva schiacciata annullasse visivamente
lorigine della colonna stessa, annullando di fatto leffetto coprente dello sporto della
cimasa dello stilobate. Tale ipotesi, confutata da Perrault, avrebbe secondo lautore
risolto alcuni problemi che la formulazione di Guglielmo Filandro22 (ripresa poi da
Perrault), cio quella dei parapetti arretrati, non risolveva. Davanti a questa lettura
della natura colonnare degli scamilli Perrault replic che il passo vitruviano era indub20 Les Dix livres dArchitecture de Vitruve corrigez et traduits nouvellement en Franois, avec des Notes &
des Figures, Paris, Jean Baptiste Coignard, 1673, pp. 84-85, nota 3 e tav. XVIII, tra le pp. 83 e 84.
21 B ERNARDINO BALDI , Scamilli impares vitruviani a Bernardino Baldo urbinate nova ratione explicati.
Refutati priorum interpretum, Gulielmi Philandri, Danielis Barbari, Baptistae Bertani, sententijs, Augustae
Vindelicorum, ad insigne Pinus, 1612. Il testo, divenuto presto rarissimo, fu ristampato ad Amsterdam da
Joan de Laet nelledizione elzeviriana delle opere di Vitruvio nel 1649 (per quanto senza le fondamentali
tavole); con Baldi Perrault confutava anche, perch ritenuta improbabile, la proposta di Giovanni
Battista Bertano, espressa nel volume Gli oscuri et difficili passi dellopera ionica di Vitruvvio, di latino
in volgare et alla chiara intelligenza tradotti, Mantova, Venturino Ruffinello, 1558, a sua volta confutata
da Baldi. Bernardino Baldi scrisse successivamente un altro volume di argomento vitruviano, il De
verborum vitruvianorum significatione, sive perpetuus in M. Vitruvium Pollionem Commentarius, Augustae
Vindelicorum, ad Insigne Pinus, apud Joannem Praetorium, 1612. Sul tema degliscamilli in Bernardino
Baldi, cfr. BETTINI, Bernardino Baldi, cit., pp. 230-238.
22 Guillaume Philandrier, detto Filandro (Chtillon-sur-Seine, 1505 Toulouse 1565), ebbe come
mecenate il cardinale di Rodi Giorgio dArmagnac, fu allievo di Sebastiano Serlio a Roma (Francesco
Milizia, Memorie degli architetti antichi e moderni, Bassano, Remondini, 17854 , tomo II, p. 22). Fu autore
di una fortunata edizione dei Dieci Libri, pi volte ristampata e di un volume di annotazioni vitruviane
(Gulielmi Philandri Castillonii Galli Civis Ro. In Decem Libros M. Vitruvii Pollionis de Architectura
Annotationes, Roma, Andrea Dossena, 1544).

59

biamente incentrato sul basamento generale del tempio, e nulla autorizzava ad una
diversa lettura, non essendovi citati i plinti nella formulazione del testo di Vitruvio.
Nonostante laccurata critica di un autore Perrault la cui notoriet valic ben
presto i confini francesi, il testo di Baldi continu a suscitare interesse, al punto di essere accolto, a Settecento ormai avanzato, in unopera vitruviana di grande importanza
per il razionalismo scientifico veneto e non solo, le Exercitationes Vitruvianae del marchese Giovanni Poleni23 . Il matematico veneziano comp una gigantesca operazione
di sintesi radunando sotto la bandiera dellarchitetto romano sia la tradizione storiografica precedente, sia le memorie ed esercitazioni su temi vitruviani contemporanee,
identificando nella solida tradizione classica anzitutto il tramite per uninterpretazione
scientifica del fatto architettonico. Tale passo in avanti dello scientismo settecentesco
avvenne in un ambiente favorevole a sperimentazioni razionaliste (si pensi al peso
di una figura come quella di Carlo Lodoli24 ), e segn lavvio decisivo a una nuova
stagione di riflessioni erudite, che coinvolse anche i problemi rimasti aperti per colpa
dellopacit dei testi classici. Vedremo pi avanti come proprio dal vivace ambiente
veneto giungessero le critiche pi decise alle ipotesi baldiane, ma, nel frattempo, va
annotata la comparsa, dopo lelaborata esperienza patavina, di una nuova e importante,
dottissima edizione dei Dieci libri, destinata anchessa a una lunga fortuna, opera del
marchese Berardo Galiani25 .
Lo scrittore napoletano, nel suo commento al primo passo vitruviano ove sono
citati gli scamilli, dopo unosservazione riguardo alloscurit del passo in questione e
un richiamo allautorit di Bernardino Baldi, propose, per quanto in forma non del
tutto convinta, la sua soluzione, allineata allipotesi filandriana ripresa da Perrault:
In tanta oscurit, che non ardirei di dire ancor tolta, m paruto pi probabile il sentimento, che [gli scamilli] fossero quei risalti, che fuori della linea di tutto il piedistallo
hanno quelle porzioni del medesimo, che sono immediatamente sotto ciascuna colon23

GIOVANNI POLENI, Exercitationes Vitruvianae tertiae, Padova, Giovanni Manfr, 1741, pp. 227256; IRENEO AFF, Vita di Monsignor Bernardino Baldi da Urbino, primo abate di Guastalla, Parma,
Filippo Carmignani, 1783, p. 178. Poleni inser le opere vitruviane di Baldi nella bibliografia ragionata
delle sue Exercitationes Vitruvianae primae (Padova, Giovanni Manfr, 1739).
24 Carlo Lodoli (Venezia, 28 novembre 1690 Venezia, 27 ottobre 1761), padre francescano del
convento di San Francesco della Vigna a Venezia, fu autore di un trattato sullarchitettura mai pubblicato.
Il suo pensiero, dal forte rigorismo antibarocco, fu divulgato da Andrea Memmo (Elementi dArchitettura
lodoliana, ossia larte del fabbricare con solidit scientifica e con eleganza non capricciosa. Libri due, Roma,
Pagliarini, 1786; Zara, Battara, 1833) e da Francesco Algarotti nel Saggio sopra larchitettura, (in Opere
varie del conte F. A., tomo II, Venezia, Pasquali, 1757).
25 B ERARDO GALIANI , Larchitettura di M. Vitruvio Pollione colla traduzione italiana e comento del
marchese Berardo Galiani accademico ercolanense, e architetto di merito dellAccademia di S. Luca, Napoli,
Stamperia Simoniana, 1758.

60

na, formando cos in un certo modo tanti piedistalli, quante sono le colonne [...]26 .

I motivi addotti per ritenere valida tale interpretazione sono gli stessi degli autori
citati, ma se nel primo passo vitruviano, la necessit di ovviare alla sensazione di
uniformit simile a quella di un canale che trasmetterebbe lo stilobate, la scelta di una
frammentazione del profilo longitudinale con un avanzamento dei plinti sembra cosa
scontata, nel secondo passo, quello riguardante gli architravi, il discorso si complica,
perch linserto degli scamilli, ovvero, in questo caso, di rientranze, al livello dellarchitrave, renderebbe linsieme inusitato, dovendo per simmetria, ma anche per statica,
corrispondere laggetto degli architravi agli aggetti del piedestallo; ne deriva che
Il senso ci non ostante, a mio credere, resta ancora oscuro; e l peggio si , che
non abbiamo nessuno monumento antico, da cui potesse prendersi su di ci lume
alcuno: solo fra Roma e Tivoli, presso il ponte Lucano evvi un residuo del sepolcro
di Plauzio, in cui veggonsi questi piedistalli risaltati sotto ciascuna delle sei colonne,
che ne ornano il frontespizio; ma manca tutto lornamento del cornicione, per poter
vedere, se corrispondeva anche larchitrave: cosa che ci avrebbe o confermati, o dissuasi
da questa opinione, perch del resto non ricordo di aver mai veduti n piedestalli n
architravi con tai risalti27 .

In tanta sincera incertezza, labate napoletano lanci ancora unipotesi, quella di un


risalto ad uso di bozza nel fregio, una sorta di anticipazione del fregio a cuscinetto
di tradizione cinque-seicentesca, di cui non vi erano, peraltro, esempi nellantichit28 .
Nonostante laccuratezza della lettura e lassoluta mancanza di tipiche faziosit, anche
nella ben presto celebrata edizione napoletana dei Dieci libri il tema degli scamilli,
portatore di notevoli contraddizioni, non fu risolto se non con una dichiarazione di
impossibilit. Ci nonostante, il testo di Galeani non neutrale, anzi, contribuisce ad
ufficializzare la lontana ipotesi di Filandro, tendendo implicitamente a escludere ogni
versione alternativa, compresa quella del rispettosamente citato Bernardino Baldi.
Meno rispettosamente, larchitetto veneziano Tommaso Temanza, nella sua opera
Delle antichit di Rimino, del 174129 , trattando dellarco di Augusto, ed esponendone
26

Ivi, p. 114, nota 1. Il passo esemplificato nella tavola XIII, n. 4, dove compaiono i leggeri sfondati
al di sotto dellintercolumnio.
27 Ibidem.
28 Ivi, pp. 114-115.
29 TOMMASO TEMANZA, Delle antichit di Rimino. Libri due, Venezia, Giambattista Pasquali, 1741.
Temanza (Venezia, 9 marzo 1705 Venezia, 14 giugno 1789), architetto e scrittore, fu allievo a Padova
di Giovanni Poleni. Realizz, tra laltro, la chiesa veneziana di S. Maria Maddalena. Cfr. F RANCESCO
NEGRI, Notizie intorno alla persona e allopere di Tommaso Temanza architetto veneziano, Venezia,
Fracasso, 1830; per le opere civili, PATRIZIA VALLE, Tommaso Temanza e larchitettura civile. Venezia e il
Settecento: diffusione e funzionalizzazione dellarchitettura, Roma, Officina edizioni, 1989.

61

Gli scamilli secondo il Vitruvio di Perrault: tav. XVIII da Les Dix livres dArchitecture de Vitruve corrigez
et traduits nouvellement en Franois, a cura di Claude Perrault, Paris 1673.

62

con accuratezza archeologica le misure, prese in causa Baldi a proposito di un elemento


da lui identificato sul plinto di imposta delle colonne laterali al fornice:
Il Cimazio30 terminato di sopra da un piano inclinato minuti undici, il quale
termina sotto il Plinto della bassa della colonna. Questa inclinazione, o aggiunta se
vuoi, si chiama, secondo Baldo col vocabolo vitruviano, scamillo, quasi Scamnum
fatto per elevare ci che le sta sopra, affine che non resti in parte occultato agli occhj
deriguardanti, che dal basso suolo losservano31 .

Di qui Temanza, nellanalisi dellimposta della colonna, giunse ad unimportante


deduzione archeologica (lantico piano di campagna ribassato rispetto a quello della
sua epoca), utilizzando lipotesi baldiana dello scamillo sul plinto. Ma, nonostante
questo debito, poco oltre larchitetto veneziano si lanci in una dura critica a Baldi,
accusato nientemeno che di plagio:
Laver quivi fatto parole dello scamillo di questo piedistallo, mi fa cadere in
acconcio una mia osservazione, la quale non riuscir dispiacevole agli amanti del vero.
Questa si la scoperta, non so se io debba chiamarla, o di un graziosissimo furto,
o di un fortunatissimo incontro di Baldo in proposito degli Scamilli. Imperocch
la sua spiegazione, che tanto piacque agli intelligenti delle cose architettoniche, non
fu nuova in lui, ma CXLIII anni prima chei la pubblicasse, vide la luce del Mondo
in quellopera di Polifilo intitolata Hypnerotomachia, libro quanto pieno di misterj,
altrettanto dovizioso di cognizioni allArchitettura appartenenti32 .

Il presunto plagio derivava dallutilizzo, nel Polifilo, del termine camellato, a proposito della descrizione di una porta magnifica, dove, lautore della porta stessa, vi aveva
fatto un proclivio lambente sopra la cornice Remanendo camellato uno semipede,
et questo non vanamente observato si trova, perche lo imo delle operature scalpate, di
sopra statuite, dallexito overo preminentia dilla corona non siano occultate33 . Pi
che dallapplicazione pratica dello scamillo come indicata in Baldi, il plagio eventuale
scaturirebbe dallanaloga intuizione della funzione vera di questi gradini, quella di
correggere otticamente la deformazione visuale di una visione forzatamente ravvicinata. Ireneo Aff, biografo e bibliografo di Bernardino Baldi, ricus questa accusa,
sostenendo la diversa etimologia dei termini camellato e scamillato, nel primo caso
derivante dalla gibbosit del cammello, qualcosa di analogo alla locuzione lombarda a
schiena dasino34 .
30

La cimasa.
TEMANZA, Delle antichit, cit.
32 Ibidem; F RANCESCO C OLONNA , Hypnerotomachia Poliphili, Venezia, Aldo Manuzio, 1499.
33 C OLONNA , Hypnerotomachia, cit., carta a segnatura 102v.; T EMANZA , Delle antichit, cit.p. 30.
34 A FF , Vita di Monsignor Bernardino Baldi, cit., p. 180.
31

63

Gli scamilli vitruviani trovarono in Temanza un interessato indagatore, anche


oltre i limiti di una mirata indagine archeologica; ne testimonianza uno scritto
espressamente dedicato a questo tema, pubblicato nel tomo sesto della Raccolta
ferrarese del 178035 . Qui Temanza non solo ritorna con un semplice rimando alla
questione del plagio di Baldi, ma ne rileva lerronea interpretazione del termine.
Anzitutto larchitetto veneto riporta uniscrizione spoletina dove la parola scamilli
figura in un contesto teatrale 36 . Anche in Vitruvio una delle citazioni riguardanti gli
scamilli ha per oggetto il teatro, ma il fatto si giustifica con la presenza costante delle
colonne nelle scene teatrali. La prospettiva di Temanza sulla linea di Fra Giocondo,
Filandro e Daniele Barbaro, ossia, modernamente, quella di Perrault, anche se del
teorico francese Temanza non condivideva la natura solida e chiusa del parapetto
arretrato, perch, semplicemente, il senso riguardo al comodo sempre stato lo stesso
negli uomini, ed anche oggi presso le Nazioni pi colte, i balaustri sono sempre
traforati37 . Rimane il dubbio se questi parapetti, fatti o no a balaustro, non fossero
anche in altezza diversi dalle basi delle colonne, oppure di una costante altezza comoda
e adatta al petto delluomo, n pi e n meno come i gradini delle scale, i parapetti
delle finestre e delle scene di teatro. Ma le ipotesi, una volta stabilita definitivamente
la natura di questi elementi, si potevano moltiplicare: molto probabilmente questi
parapetti erano alti come le basi delle colonne, ma nel caso di grandi templi, con
colonne alte, sarebbero stati quindi pi alti di un uomo, creando una cella chiusa alla
base della fronte di tempio, cosa che sembra improbabile? Ed avevano o no i trunci,
vale a dire pilastrini intermedi o mezze colonnette per reggerne le dimensioni, come la
tradizione rinascimentale veneta ha in pi casi realizzato?
Molto dipendeva dallesatta comprensione del passo uti habeat per medium adjectionem per scamillos impares: per Temanza laddizione consisteva nel balaustro tra i
piedistalli, ma qui si apriva una possibile lezione parallela; nel Vitruvio pubblicato da
Sulpicio, infatti, il testo suona uti habeat per podium adjectionem , e ci rafforzerebbe
lipotesi del balaustro a colonnette, che la migliore tradizione architettonica vorrebbe
sempre disposte in numero dispari38 . Meno lineare appariva linterpretazione del
passo si enim ad libellam dirigetur, alveolatus oculo videbitur, che costrinse Temanza
ad ipotizzare una corruzione del testo originale il quale avrebbe potuto essere si enim
ad libellam oculus dirigetur, alveolatus (stylobata) videbitur: traguardando cio la fila
35

TOMMASO T EMANZA , Degli scamilli impari di Vitruvio. Dissertazione , in Raccolta Ferrarese di


Opuscoli Scientifici e Letterarj di ch. autori italiani, Tomo VI, Venezia, Stamperia Coleti, 1780, pp. 1-20.
36 Ivi, p. 6: M. SEPTIMIO. M. FOR. HOR / SEPTIMIANO / EQUO. PUBL. IIII. VIR. I. D.
/ PRAEF. FABR. ROMAE / DEC. IIII. SCAMILLAR / OPERAE. VETERES / A. SCAENA.
PATRONO. OB. / MERITA. EIVS L. D. D. D.
37 Ivi, p. 9.
38 Ivi, p. 11. Temanza considerava la versione di Sulpicio come la pi corretta: cfr. ivi, p. 9, nota 1.

64

dei piedistalli, essi appariranno alveolati, cio avvallati, cosa pi probabile della vista
accanalata dello stilobate presente nella lettura tradizionale del passo.
Era difficile rintracciare tali balaustri tra i reperti dellantichit, ma Temanza citava
a questo proposito uninformazione giuntagli da Antonio Selva or dimorante in Roma
(giovane di bel talento, da me indirizzato nello studio dellArchitettura, e da molti anni
informato della mia opinione sugli Scamilli di Vitruvio)39 , il quale gli comunic di
averne vista una raffigurazione a Napoli, fra le pitture di Ercolano, pubblicata anche
nella Tavola LX del secondo tomo delle Pitture antiche di Ercolano 40 , raffigurante un
culto isiaco. Qui, sopra una scalea di 11 gradini, si vedeva la porta di un tempio con
un balaustro di sette colonnette, dispari come quelle vitruviane41 .
Rimaneva ancora da affrontare il testo vitruviano relativo alla posa del capitello
ionico pulvinato, il pi indiretto riguardo agli scamilli, ed anche il pi corrotto.
Per Temanza occorreva tener conto del fatto che i capitelli ionici hanno, rispetto
agli altri capitelli, la particolarit di non essere simmetrici sulle quattro facce, ma
di essere formati da due fronti e due fianchi. Necessariamente la voluta dangolo
era spuria, come quella rilevata da Palladio nella colonna angolare del tempio della
Fortuna Virile42 , dove la disposizione angolare era formata dalla congiunzione di due
volute, mentre le altre del portico erano di necessit ordinate secondo la disposizione
delle colonne centrali della fronte. Secondo Temanza a questa disparit dovuta al
raccordo angolare si riferiva il passo vitruviano tanto controverso. Larchitetto veneto
considerava slegata dal precedente la seconda parte del testo, che ricomponeva in questi
termini: Uti qu in adjecto in Stylobatis facta fuerit, in superioribus membris respondeat
symmetri epistyliorum. Era in gioco, quindi, la simmetria degli epistili (architravi)
rispetto alladdizione, dove per addizione si intendeva il balconcino nellintercolumnio
sottostante. Vi doveva essere, cio, corrispondenza tra lalto e il basso, tra il profilo
esterno dellarchitrave e quello del balconcino tra i plinti, che sarebbe risultato in tal
modo correttamente arretrato rispetto ai plinti stessi. Tutto, cos, sembrava tornare,
ed aveva buon gioco Temanza a dimostrare errate le ipotesi precedenti, come quella di
39

Ivi, p. 14.
Le pitture antiche dErcolano e contorni incise con qualche spiegazione, Napoli, Regia Stamperia, tomo
II, 1760, p. 321, commento alle pp. 317-320.
41 Osservando bene lincisione si nota chiaramente che i balaustrini erano in realt otto, due dei quali
nascosti dalla figura che discende la scala e due immersi ai lati nella muratura.
42 T EMANZA , Degli scamilli impari, cit., p. 16; A NDREA PALLADIO , I quattro libri dellArchitettura,
Venezia, Domenico DeFranceschi, 1570, Libro IV, pp. 48, 51 (tav.); Palladio scriveva a questo proposito:
Le Volute dei capitelli sono ovate, & i capitelli, che sono ne gli angoli del portico, & del tempio fanno
fronte da due parti: il che non s di aver veduto altrove, e perche mi paruta bella, e gratiosa inventione
io me ne sono servito in molte fabriche (ibidem, p. 48).
40

65

Raffigurazione di un culto isiaco in Le pitture antiche dErcolano e contorni incise con qualche spiegazione,
Napoli 1760, tomo II, tavola LX.

66

Giovanni Battista Bertano43 ,


il quale pretendeva, che il tronco del piedistallo fosse orizzontalmente modanato come
larchitrave del Sopraornato, e quella di Filandro, che lo voleva panciuto, da lui stesso
per poco applaudita. N pu correr miglior fortuna quella del Barbaro, e singolarmente in quei risalti del Supraornato, rispondenti alle colonne, da lui stranamente
adottati. Il Marchese Galiani comentando quel testo capitulis perfectis [...] non si
mostr persuaso di questi risalti, n li ha voluti adottare44

pricipalmente per mancanza di esempi completi di logge con piedestallo, colonne e


sopraornato, anche se un esempio chiaro avrebbe potuto rintracciarlo (non manc
di farlo notare Temanza), nella tavola XXXVIII della Magnificenza e Architettura dei
romani di Piranesi45 , dove era raffigurato il bassorilievo di Villa Medici, e dove si vede
che il sopraornato delle colonne ricorre liscio, liscio; vale a dire senza quei risalti
rispondenti sopra le colonne, che dopo il Barbaro, tutti gli altri Interpreti di Vitruvio
hanno adottati 46 , anche se, per Temanza, una semplice visione diretta delle colonne
di Campo Vaccino, del Tempio di Antonino e Faustina, del Pantheon e del tempio
della Fortuna Virile avrebbe potuto convincere labate Galiani della correttezza dei
suoi dubbi.
In chiusura della sua elaborata interpretazione degli scamilli, Temanza volle tornare
sulle ipotesi di Bernardino Baldi, per confutarne definitivamente la plausibilit con
largomento che la natura dei plinti sovrammessi ai basamenti per rendere leggibili
correttamente gli elementi architettonici era estesa e non discreta, riguardava laltezza,
non la quantit, e che Vitruvio attribuiva agli scamilli il termine impares, assegnabile
soltanto a una qualit discreta, ad un elemento seriale47 .
Ancora Aff introdusse una confutazione da lui ritenuta doverosa, nei confronti
di un critico acerrimo di Baldi48 : si trattava dellerudito di origini spagnole Jos Ortiz,
autore dellAbaton reseratum49 , opera nella quale, forse sulla scorta delle recenti affermazioni di Temanza, Baldi era definito un ciurmatore, e la sua dimostrazione della
43

GIOVANNI BATTISTA BERTANO, Gli oscuri & difficili passi dellopera jonica di Vitruvio, di latino in
volgare, & alla chiara intelligenza tradotti, Mantova, Venturino Ruffinello, 1558.
44 T EMANZA , Degli scamilli impari, cit., pp. 17-18; il riferimento alla p. 68, nota 5, di GALIANI ,
Larchitettura di M. Vitruvio Pollione, cit.
45 G IOVANNI BATTISTA P IRANESI , De romanorum magnificentia et architectura, Roma, snt, 1761, tav.
XXXVIII.
46 T EMANZA , Degli scamilli impari, cit., p. 18.
47 Ivi, pp. 19-20.
48 A FF , Vita di Monsignor Bernardino Baldi, cit., pp. 180-181.
49 J OSEPH F RANCISCUS O RTIZ , Abaton Reseratum; Sive genuina declaratio duorum Locorum cap. ult.
lib. tert. Architecturae M. Vitruvii Pollionis, numquam ad mentem Auctoris facta, scilicet; Se Adjectione
ad Stylobatas cum Podio, seu ad Podium ipsum, per Scamillos impares, et item De Secunda Adjectione in
Epistyliis facienda, primae respondente, Roma, Michel Angelo Barbiellini, 1781.

67

natura degli scamilli uno scandalum architectonicum, anche se, da parte sua, Ortiz
giunse ad una definizione degli scamilli derivata dal Galiani, e senzaltro compatibile
con quella di Baldi50 .
Se rimaniamo nellelaborazione teorica italiana51 , troviamo nel 1813 uninteressante e pacata descrizione degli scamilli in Carlo Randoni, larchitetto torinese nei
tempi napoleonici trasferitosi a Parma come Ispettore dei Beni della Corona del Dipartimento del Taro, con ambizioni allinsegnamento dellarchitettura presso lAccademia
parmense52 . Nel breve periodo parmigiano, a stretto contatto con lelaborazione
architettonica francesizzante importata da Petitot, Randoni pubblic un volume sugli
ornamenti di architettura, innovativo nel proporre nuove proporzioni per il disegno
delle cornici, ma anche accurato compendio di riflessioni vitruviane, con ampi riferimenti classici e aggiornate citazioni da Milizia, Fea e Winckelmann53 . Il capitolo
settimo del volume, intitolato Del parapetto sotto le Colonne e degli Scamilli impares,
affronta la questione rilevando nelle proposte di Daniele Barbaro, Bertani e Poleni
interpretazioni in istile barbaro. Per Randoni la presunta oscurit del passo vitruviano (il primo, quello del libro III relativo al basamento), dovuta ad unerrata
lettura in prospetto dellarchitettura, quando, invece, Vitruvio avrebbe indicato come
disporre in pianta, cio in sovrapposizione, basamento, parapetto, e ordine colonnato.
Modificato cos il punto di vista, gli scamilli divenivano tre (o comunque in numero
dispari) gradini posti fra la cornice dello stilobate e la base del parapetto, scalati nella
rientranza, come una chiara illustrazione al testo dimostrava, messa a confronto con
50 Ivi, p. 47: Scamillos nihil aliud esse quam partes ipsius podii sub columnarum spiris, extantes
tamen & eminentes a plano perpendiculari podii, suamque figuram planam retinentes.
51 Tralasciando quindi un altro, notevole filone, quello inglese, inaugurato con lopera di W ILLIAM
NEWTON, The Architecture of M. Vitruvius Pollio, translated from the original latin, London, J. Newton,
1771(I), 1791(II), e proseguito da WILLIAM WILKINS, The Civil Architecture of Vitruvius, London,
Longman, 1812, per cui cfr. LOTHAR HASELBERGER, Old Issues, New Research, Latest Discoveries:
Curvature and Other Classical Refinements, in Appearance and essence. Refinements of classical architecture:
curvature, a cura di Lothar Haselberger, Philadelphia, University of Pensylvania, 1993, pp. 39-40.
52 Su Carlo Randoni (Torino, 19 febbraio 1755 Torino, 13 dicembre 1831), cfr., tra le pubblicazioni
recenti: PAOLO CORNAGLIA, Per un profilo di Carlo Randoni (1755-1831), architetto di Vittorio Emanuele
I di Savoia, in Studi Piemontesi, 2006, fasc. 2, pp. 359-375; ID., Carlo Randoni 1820. Il Rond, la nuova
sala da ballo del Palazzo Reale di Torino, in Studi Piemontesi, 2008, fasc. 2, pp. 445-460; ID., Giovanni
Battista Piacenza e Carlo Randoni. I reali palazzi fra Torino e Genova, Torino, Celid, 2012.
53 C ARLO R ANDONI, Degli ornamenti darchitettura e delle loro simmetrie colle regole teorico-pratiche
per ben profilare ogni genere di cornici, Parma, Blanchon, 1813. Le osservazioni sugli ornamenti di architettura erano gi state anticipate dallautore nel 1809 allAccademia delle Scienze di Torino (CORNAGLIA,
Per un profilo, cit., p. 361); sulle propensioni teoriche di Randoni, testimoniate anche in et di Restaurazione, cfr. WALTER CANAVESIO, Carlo Randoni e la prospettiva degli antichi, in Studi Piemontesi,
1996, fasc. 1, pp. 13-24.

68

linterpretazione a rientri del parapetto, di tradizione ormai consolidata54 .


Randoni si spinse infine anche a dare dei gradini le relative proporzioni, in omaggio
al carattere pratico dellopera: La proporzione loro sar tale, che il primo gradetto
immediatamente sopra la Cimasa del basamento non sia minore in altezza dellAggetto
della Cimasa del basamento, che gli sta sotto. Divisa poi questa altezza del primo
gradetto in cinque parti, quattro si assegneranno al secondo gradetto, e tre al terzo,
se vi abbia. Il ristringimento, o lin piano degradetti si far n maggiore dellaltezza
del gradetto, n minore della met55 . Indubbiamente originale nella proposta di
identificare i gradi degli scamilli con il luogo dunione tra stilobate e parapetto, e nello
stesso tempo interno a una tradizione interpretativa rinascimentale, il suggerimento di
Randoni non ebbe eco nellelaborazione successiva, orientata a riprendere e discutere
la questione in termini sempre pi accentuatamente archeologici.
Ne ritroviamo le tracce nellambiente romano, dove nel 1820 fu pubblicato il
testo di una conferenza del 1817 del pittore Stefano Piale, espressamente dedicato
al tema. Piale affront largomento anzitutto criticando alcune letture divergenti
riguardo al termine stylobat, che ancora labate Galiani nel Settecento interpretava
come piedistallo, ed era invece da riferirsi correttamente al grande basamento sul quale
si impostavano gli ordini del tempio. I gradini dello stilobate, secondo la formulazione
vitruviana, dovevano essere sempre dispari, quale fosse laltezza, e questo fatto port
confusioni proprio con quellimpares attribuito agli scamilli, che vennero per analogia
letti a loro volta come gradini, seppure non necessariamente attinenti allo stilobate.
Questultimo tale solo se ha la gradonata, altrimenti, in mancanza, oppure sui lati
in cui forma una semplice struttura basamentale, si trasforma in podium, il piede di
tutto ledificio. Per lautore, il brano vitruviano del libro III indica che gli scamilli non
possono essere altro che uninterruzione longitudinale a met della parete del podio,
per non farlo assomigliare alla parete di un canale56 ; pi significativa la citazione
relativa ai teatri, perch in quel caso si parla degli scamilli nel contesto delle trabeazioni,
e in particolare negli ordini ionico e corinzio, a proposito del rapporto fra capitello ed
54 La sua traduzione del testo vitruviano (sulla base delloriginale latino riportato dal Galiani) diveniva
quindi: Se attorno al Tempio a tre lati si dovr fare un Parapetto, questo si disegner in modo, che
terminato il zoccolo, il tondino, il tronco, la cornice e le basi delle Colonne corrispondano (cio siano
uguali in larghezza [inciso di Randoni]) allo stesso Piedestallo, che vi sotto. Il Piedestallo, ossia
Basamento ha da sestarsi in modo, che per lo mezzo (cio fra il Parapetto, ed il Basamento [inciso di
Randoni]) abbia un accrescimento di gradetti di varia proporzione; che se sar tirato a filo (cio a piombo
del Basamento [inciso di Randoni]), parr accanalato. Acciocch questi gradetti si facciano colle loro
giuste proporzioni, vi sar parimente in fine del Libro la figura (RANDONI, Degli ornamenti, cit., p. 30).
55 Ivi, p. 31. Si noti che la specificazione se vi abbia evidentemente in contraddizione con la natura
impares degli scamilli.
56 STEFANO P IALE , Gli scamilli impares di Vitruvio. Dissertazione letta nelladunanza romana di
archeologia nel 3 luglio 1817, Roma, Ajani, 1820, p. 4.

69

Carlo Randoni, Degli ornamenti darchitettura e delle loro simmetrie, Parma 1813, tav. 1 parte prima, gli
scamilli sono raffigurati a fig. 4.

70

architrave, anche se il fine rimane quello del corretto livellamento visivo della fronte di
tempio sullo stilobate57 . Studiosi e archeologi non hanno, secondo lautore, indagato a
sufficienza il rapporto fra capitello e architrave, ma in particolare la forma del lato sul
vuoto dellarchitrave, spesso decorato con lacunari, come quelli presenti nel Pantheon,
che pe veri Vitruviani scamilli convien riconoscere58 . E questo perch infatti o
che si voglia ritenere la parola scamillos delle edizioni, o laltra scabellos de codici
Vaticani, ovvero quella scamulos di altri manoscritti, nelle quali parole tutte altro non
si pu intendere che scalinetti, non si trover sempre, che tali devono riconoscersi
que piani che in mezzo al soffitto degli architravi del Pantheon, risaltando da un
fondo, vi formano appunto quasi tanti scalini, onde a tutte queste denominazioni
egualmente sodisfano?59 . Risolto questo aspetto della questione, restava da affrontare
quello ben pi complesso della presenza degli scamilli sui basamenti degli ordini: una
volta individuata negli sfondati la natura vera degli scamilli, era possibile riconoscerne
la presenza in numerosi reperti archeologici, ed anche in architetture di Buonarroti
(architravi dorici del vestibolo di Palazzo Farnese), di Raffaello (piedistalli esterni di
palazzo Stoppani gi Caffarelli), di Peruzzi (portico esterno del Palazzo Massimo e nel
cortile).
Piale era un pittore, socio dellAccademia Romana di Archeologia, e lesse la sua
conferenza il 3 luglio 1817 presumibilmente alla presenza del presidente della stessa
Accademia, larchitetto delle Gallerie pontificie Raffaele Stern, cui sar dedicata la
pubblicazione, con un testo introduttivo. A quella data era ancora possibile affermare
che lacquisizione di nozioni sicure sulla vera natura di elementi oscuri dellarchitettura
antica avrebbe potuto servire agli architetti contemporanei, i quali, nel caso specifico,
secondo lautore hanno praticato gli Scamilli di Vitruvio nelle opere loro, bench
non conoscendoli, ma non gi sempre a suo luogo e colla richiesta corrispondenza,
come gli antichi60 . Anche la proposta di Piale, radicale e inusitata, era destinata a
subire critiche, o, almeno, a confondersi con nuove ipotesi che di l a poco si sarebbero
sviluppate. Ma prima di passare a Geronimo Romani, che criticher apertamente
la proposta di Piale, necessario citare unopera importante, una sorta di canto del
cigno della tradizione vitruviana settecentesca veneta proseguita sino agli anni Venti
del secolo successivo. Tra il 1825 e il 1830 comparve infatti ledizione udinese dei
Dieci libri, a cura di Simone Stratico, direttamente ancorata al precedente poleniano,
di cui proseguiva, tra laltro, negli Additamenta del libro I la poderosa bibliografia
ragionata, con integrazioni che andavano dalledizione londinese del 1730 a quella
57

Ivi, pp. 5-6.


Ivi, p. 7.
59 Ivi, pp. 7-8.
60 Ivi, p. IV.
58

71

Dellarchitettura di Marco Vitruvio Pollione libri dieci pubblicati da Carlo Amati, Milano 1829-30, tav. XI;
fig. 6: stilobate esistente in Atene; fig. 7: scamilli secondo Filandro e Galiani; fig. 8: scamilli secondo
Bertano; fig. 9: prima idea di Baldi sugli scamilli; fig. 10: seconda idea di Baldi sugli scamilli; fig. 11:
applicazione degli scamilli alla trabeazione dorica secondo Baldi.

72

di Wilkins del 181261 . Qui, fra le esercitazioni vitruviane, ripubblicato il libro di


Baldi62 , e numerose sono inoltre le citazioni relative ad autori che si sono occupati
degli scamilli, come il Bertano63 ; un intero, corposo commento dedicato al noto
passo del libro III di Vitruvio64 ed un altro a quello del libro V a proposito dei teatri65 ,
mentre la questione ampiamente argomentata nei suoi presupposti nella Esercitazione
IV del terzo volume di Stratico66 , dove le opinioni sono indagate puntualmente dai
precedenti rinascimentali sino a Temanza ed agli inglesi.
Rilanciate in questo modo attraverso lappassionata coltivazione della pianta vitruviana effettuata da Simone Stratico67 sulla radice poleniana, ben addentro al nuovo
secolo, le teorie sul tema della vera natura degli scamilli rimasero vitali e rinnovate
ancora per anni. Ne testimonianza, nel 1827, lintervento di Geronimo Romani68 ,
inteso a dimostrare la natura non decorativa, bens strutturale degli scamilli: si enim dirigeretur alveolatus oculo videbitur 69 , per evitare quindi che il piedestallo figuri scavato
come un alveo, nascondendo in s la base della colonna. Tale scamillo, un semplice
rialzo, andava fatto a gradini dispari, in conformit a quanto era stato da Stuart e
Revett rilevato nelle costruzioni dellantica Grecia70 . Un nuovo termine di paragone
veniva cos a inserirsi nella questione, e ne arricchiva le possibilit di comprensione. La linea interpretativa era quella da pochi anni ribadita da Carlo Randoni, da
Romani peraltro ignorato, ed era in netta opposizione a quanto elaborato da Piale,
vale a dire la natura di tamponamenti ad incasso degli scamilli71 , ma il discorso era
61

M. Vitruvii Pollionis Architectura. Textu ex recensione codicum emendato cum exercitationibus notisque
novissimis Joannis Poleni et commentariis variorum additis nunc primum studiis Simonis Stratico, Udine,
Fratelli Mattiuzzi, vol. I/1 (1825); vol. I/2 (1826); vol. II/1 (1827); vol. II/2 (1827); vol. III/1 (1828); vol.
III/2 (1829); vol. IV/1 (1829); vol. IV/2 (1830); vol. V (1830).
62 Ivi, vol. I/1, pp. 237-258.
63 Ivi, vol. I/1, pp. 281-282, 293.
64 Ivi, vol. II/1, pp. 69-70.
65 Ivi, vol. II/2, p. 101.
66 Ivi, vol. III/1, paragrafo 25, pp. 126-142.
67 Simone Stratico (Zara, 1733 Milano, 16 luglio 1824), fu medico e matematico, allievo allUniversit
di Padova di Giovanni Poleni, che sostitu dopo la sua uscita di scena alla cattedra di Matematiche e
Navigazione.
68 G ERONIMO ROMANI , Gli Scamilli impares di Vitruvio, in Memorie romane di Antichit e di Belle
Arti, vol. IV, Pesaro, Nobili, 1827, pp. 207-216.
69 Cos nella citazione di Romani, diversa da quella riportata dalle trascrizioni recenti (come quella
riportata nella parte iniziale del presente lavoro).
70 ROMANI , Gli Scamilli impares, cit., p. 209; Lopera citata da Romani The Antiquities of Athens
measured and delineated by James Stuart F.R.S. and F. S. A. and Nicholas Revett painters and architects,
London, Jon Haberkorn, 1762-1816.
71 ROMANI , Gli Scamilli impares, cit., p. 211, nota 1: Queste aggiunte sembrano i veri scamilli
vitruviani, non le riquadrature scolpite nei dadi dei piedestalli, e nelle parti inferiori degli architravi, che

73

sostanziato da riferimenti alle antichit greche. Cos, il tempio di Giove Olimpio


ad Atene forniva lesempio degli scamilli situati sopra larchitrave perch non resti
diminuita la dimensione apparente del fregio, che loro sovrasta72 . Per Romani i greci
usarono gli scamilli ovunque occorressero, per amore di perfezione. Li troviamo
cos sugli architravi, ma anche sui piedistalli, e alla base dei capitelli corinzi, dove la
sporgenza dellastragalo impediva la vista dellinnesto del primo rango di foglie, cosa
facilmente deducibile dallo stesso tempio di Giove Olimpio. Il loro uso era quindi
generalizzato, ma solo se si considerano tali elementi in sintonia con loriginaria lettura
di Baldi; per quanto Romani ne critichi la pretesa di porre gli scamilli sopra labaco
del capitello e non sotto, la sua analisi chiaramente in continuit con quella dello
scrittore seicentesco, il cui sistema era confermato mediante lanalisi degli esempi
architettonici dellantichit. Questo riconoscimento dava a Romani lo spunto per una
polemica sullintervento del marchese Giuseppe Haus, comparso da poco, altrettanto
debitore secondo lui delle idee di Baldi ma totalmente sottaciuto73 . Un intervento,
quello del nobiluomo siciliano, che ebbe il merito di porre allattenzione degli studiosi
vitruviani lanalisi dellarchitettura greca in anticipo su Romani stesso, e soprattutto
di proporre uninterpretazione degli scamilli separata dai plinti delle colonne e dalle
balaustre, incentrata piuttosto sul pavimento del piano del colonnato, selciato con
lastre di pietra o di mattone, posate in declivio per permettere la visuale completa
delle basi delle colonne, evitando cos la depressione apparente che scaturirebbe da una
disposizione ortogonale. La confutazione di questa interpretazione, effettivamente un
po azzardata, degli scamilli quali elementi di un piano basamentale inclinato, chiude
lintervento di Romani, sostanzialmente volto a restituire continuit dinterpretazione
rispetto al passato, ma alla luce di nuovi risultati archeologici.
Lattualizzazione dellarchitettura classica, loperare nello spirito degli antichi con
dinamiche inventive ma non trasgressive, fu caratteristica della fase originaria del
movimento neoclassico, fase che ben presto entrer in crisi aperta, subendo il fascino
di altre suggestioni, come il medioevalismo, e inserendo gradualmente larchitettura
classica nel catalogo degli stili. Tale lenta trasformazione permise ancora, sino agli
anni 40 dellOttocento, che si raggiungessero notevoli risultati con architetture solidamente e convintamente rivolte al mondo classico, ma con declinazioni e invenzioni
il Sig. Stefano Piale riconobbe per tali, n certo esso lo avrebbe fatto, se avesse ripensato, che questa
pruova gi precedentemente avea fatta Bernardino Baldi, non per altro per, che per dichiararci lealmente
che essa tutto affatto erronea.
72 Ivi, pp. 211-212.
73 Ivi, p. 212, nota 2; il riferimento allo scritto Su gli scamilli impari di Vitruvio. Annotazione
comunicata alle Effemeridi Letterarie da S.E. Il Sig. Marchese Giuseppe Haus, Gentiluomo di Camera di
S.M. il Re del Regno delle Due Sicilie, Socio onorario dellAccademia Archeologica di Roma, in Effemeridi
letterarie di Roma, tomo I, 1820, pp. 1-8.

74

che avrebbero indispettito un vitruviano delle origini. Erede fedele e consapevole


della tradizione fu Carlo Amati, architetto e professore allAccademia di Brera 74 , che
dei fondamenti vitruviani della scienza architettonica continu a farne un punto di
riferimento, nellinsegnamento pi che nella professione, immutabile anche quando il
panorama attorno a lui, ormai negli anni 50, si era fatto irriconoscibile, e i temi esegetici vitruviani divennero esercitazioni di erudizione, lontani dalla realt dellarchitettura
costruita. Amati pubblic tra il 1829 e il 1830 i Dieci libri di Vitruvio, e lenfasi con cui
ne present lopera ben rivela la sua adesione empatica allantico maestro: [Vitruvio]
pu considerarsi, se non come creatore, almeno come legislatore di questa scienza;
come istitutore, il primo ed il solo che sia a noi pervenuto, dei precetti di questarte;
infine come lArchitetto fondatore di principj seguiti dappoi dapi grandi Architetti
ed eruditi dopo il risorgimento dellarte; invogliatisi tutti di studiarlo, di leggerlo
ed imitarlo, non solo come trattatista di Architettura, ma eziandio come scrittore
latino dellaureo secolo, e come dottissimo, e di moltiplice erudizione fornito 75 . La
questione degli scamilli affrontata da Amati in una nota al passo celebre del terzo
libro, da lui tradotto cos:
Il piedestallo poi si ha da eseguire in maniera che abbia degli sporti pel podio
a guisa di scamilli dispari; poich se tirato a filo, parr, guardandosi, incavato. Ma
come si abbiano propriamente a fare a tal effetto codesti scamilli, si vedr nella figura
disegnata, e nella dimostrazione posta alla fine del Libro76 .

Si nota chiaramente che la traduzione anche unevidente interpretazione a favore


dellipotesi classica del piedistallo rientrato, ma Amati, nella nota collegata al passo, e
soprattutto nellaccurato apparato illustrativo delle tavole XI e XII, ripercorre la questione senza peraltro disperdersi nelle interpretazioni troppo discordanti, appuntando
lattenzione essenzialmente sulla trascrizione uti habeat per podium in luogo di uti
74

Su Carlo Amati (Monza, 22 agosto 1776 Milano, 23 marzo 1852), architetto, scrittore di architettura, allievo di Leopoldo Pollack e Giacomo Albertolli, docente allAccademia di Brera dal 1817 sino alla
morte, cfr. GIANNI MEZZANOTTE, Architettura neoclassica in Lombardia, Napoli, Edizioni Scientifiche
Italiane, 1966, pp. 387-428; Lidea della magnificenza civile. Architettura a Milano 1770-1848, Milano,
Electa, 1978, pp. 83-99; GIOVANNA DAMIA, I disegni del Fondo Amati presso larchivio del Monastero in
San Giacomo a Pontida, in S. Giacomo di Pontida. Nove secoli di storia, arte e cultura, a cura di Giovanni
Spinelli, Bergamo, Bolis, 1996; Il Fondo Amati del Castello Sforzesco, a cura di Arnalda Dallaj, Caterina
Mutti, Venezia, Marsilio, vol. I, 1997, vol. II, 1998; CATERINA MUTTI, Alcune riflessioni su Carlo Amati
e i suoi rapporti con larchitetto neoclassico J-I. Hittorff e il mondo accademico francese, in Arte Lombarda,
122, 1998, pp. 63-67.
75 Dellarchitettura di Marco Vitruvio Pollione libri dieci pubblicati da Carlo Amati professore architetto
membro di varie Accademie e della Commissione dOrnato di Milano, Milano, Giacomo Pirola, 1829-1830,
tomo I, pp. VI-VII.
76 Ivi, p. 81.

75

habeat per medium, accolta da Poleni sullautorevole scorta delle opinioni di Sangallo77 ,
perch secondo Amati centro focale ed origine di tutte le divergenti interpretazioni78 .
La questione, come pare evidente, data soprattutto lassoluta irrisolvibilit, era
destinata a protrarsi ancora, sempre pi irrilevante per gli architetti, i quali peraltro,
in generale, davanti alle non sempre chiare esposizioni vitruviane, operarono solo
con un occhio di riguardo verso i testi della tradizione, dovendo spesso misurarsi
con dimensioni e adattamenti a tipi architettonici nuovi ed a situazioni particolari.
Il filone vitruviano degli studi teorici ed anche delle necessarie traduzioni operative
ebbe un momento non breve di applicazione dovuto alla congiunzione felice del
razionalismo tardo settecentesco con gli sviluppi del movimento neoclassico. Ma
la stagione delezione pass presto e gi al tempo della grande opera vitruviana di
Simone Stratico, in anni di Restaurazione, non mancarono polemiche che indicavano
lo smottamento verso un aperto relativismo contrapposto agli intenti del grande
progetto poleniano ormai inevitabilmente datato. Ne era testimonianza chiara la
recensione polemica fatta dalla Biblioteca italiana ad un opuscolo di Quirico Viviani,
intenzionato a presentare ledizione udinese di Vitruvio79 . Il recensore anonimo80 ebbe
buon gioco ad irridere frasi come questa:
volgasi il pensiero a Roma. Contempliamo i monumenti architettonici di quella
citt, paragoniamoli ai presenti, e poi si giudichi se i nostri edifizj possano sostenere
una tale comparazione. Chi oserebbe confrontare il teatro della Scala o di S. Carlo
collanfiteatro Flavio e col teatro di Marcello? Le reggie dei nostri principi ai palazzi
dei Cesari, le case dei nostri magnati al palazzo di Scauro, finalmente qualunque dei
nostri templi a quello della Pace?81

Davanti allesempio della basilica vaticana, ma anche, fatta la debita distinzione


dello stile, del duomo di Milano, molti dei grandi edifici dellantichit (non ultimo
il Pantheon), devono cedere le armi. In questa temperie, anche i nostri scamilli non
fanno una gran figura. Dichiarata, con puntuale fedelt vitruviana, la necessit di
proporre interpretandoli con nuove figurazioni i passi oscuri del testo antico (e in
questo, aggiungiamo noi, consisteva propriamente la vitalit della tradizione classica,
che fu linterno motore dellestetica neoclassica), la risposta moderna non poteva che
essere disincantata:
77

Amati cita qui dalledizione di Vitruvio curata da Stratico: M. Vitruvii Pollionis Architectura. Textu
ex recensione, cit., pp. 69-70.
78 Dellarchitettura di Marco Vitruvio Pollione, cit., p. 81 nota 2.
79 Q UIRICO V IVIANI , Discorso preliminare allarchitettura di Vitruvio commentata ed illustrata da Gio.
Poleni e da Simone Stratico, Udine, Fratelli Mattiuzzi, 1825.
80 Biblioteca Italiana o sia Giornale di Letteratura, scienze ed arti compilato da varj letterati, tomo
XLIII, anno 11, Luglio-settembre 1826, pp. 179-185.
81 V IVIANI , Discorso preliminare, cit., p. 22; Biblioteca Italiana, cit., p. 182.

76

Dellarchitettura di Marco Vitruvio Pollione libri dieci pubblicati da Carlo Amati, Milano 1829-30, tav. XII;
figg. 12-13: scamilli secondo Daniele Barbaro, Durantino e Fra Giocondo; figg. 16-17: basamento del
Comizio del Foro Romano, con gli scamilli secondo linterpretazione di Amati; fig. 18: basamento del
Tempio della Piet a San Nicola in Carceri a Roma con gli scamilli aggettanti secondo Amati.

77

Ma sia pure concesso, come suppone il signor Viviani, che linvenzione degli
scamilli impari fosse tutta propria di Vitruvio, o almeno come tale si possa presumere,
e che questi scamilli sieno qualche cosa dimportante nellarchitettura vitruviana; ci
arreca nondimeno meraviglia non piccola come niuno degli architetti suoi contemporanei per solo spirito di renitenza non abbia fatto uso degli scamilli impari, e, dicasi
anche qualche cosa di pi, di quasi tutti i precetti di Vitruvio. N si pu rispondere a
questo col dire che le dottrine di Vitruvio non furono ricevute dagli architetti desuoi
tempi, perch quelli non erano da tanto di poterne sentire limportanza; imperciocch
fiorivano allora in Roma valentissimi architetti, siccome quelli, i quali compirono
il famoso portico o pronao del Panteon. E questi architetti, i quali non seguirono
le dottrine di Vitruvio, sono i medesimi che innalzarono quegli edifizj le cui rovine
formano lammirazione dei tempi moderni82 .

E tutto ci perch Vitruvio, valente conoscitore dellarchitettura, non fu di tanta


autorit fra gli artisti desuoi tempi chei valesse a strascinarli dietro ai suoi precetti83 .
Di l da ogni intento polemico, era evidente il fatto che qualcosa, nella continuit
di unidea, si era irrimediabilmente interrotto, e che gli scamilli, come il perfetto
tracciato della voluta ionica, pur continuando ad avere sino a oggi una loro fortuna in
ambiti eruditi e specialistici, erano ormai divenuti inutili quali ispiratori di nuove idee
architettoniche. Cosa daltra parte riconosciuta dallo stesso Viviani, il quale, come
direttore delledizione vitruviana di Poleni-Stratico, non poteva che schierarsi dalla
parte dellarchitettura classica, ma con la consapevolezza della presenza attiva di tre
orientamenti, quello classicista, quello eclettico (favorevole al tanto vituperato gotico),
quello razionalista lodoliano 84 , e, soprattutto, con la coscienza dei limiti del trattato
stesso di Vitruvio, apertamente denunciati proprio nel Discorso preliminare, con un
rimando alle necessarie verifiche filologiche su un testo da gran tempo sottoposto a
corruzioni ed interpretazioni divergenti sino a renderlo oscuro in molte sue parti85 .
La realt culturale nella quale si muove il Discorso di Viviani infatti allargata e
mossa, ricca di influenze divergenti, dove gli argomenti vitruviani stentano a vedersi
riconfermata la loro centralit, ma trovano nuova linfa nellavanzare delle scienze
applicative. Andr in questa direzione la sua attenzione ai temi vitruviani, proseguita
con unattivit editoriale solo in parte esemplata sul criterio poleniano, sino al 183286 .
La particolare vivacit degli studi vitruviani negli anni Trenta dellOttocento
82

Ivi, p. 183.
Ibidem.
84 V IVIANI , Discorso preliminare, cit., pp. 4-5.
85 Ivi, pp. 8-9.
86 LArchitettura di Vitruvio tradotta in italiano da Quirico Viviani illustrata con note critiche ed
ampliata di aggiunte intorno ad ogni genere di costruzione antica e moderna con tavole in rame per opera del
traduttore e dellingegnere-architetto Vincenzo Tuzzi, Udine, Fratelli Mattiuzzi, 1830-1832.
83

78

testimoniata anche da uniniziativa editoriale molto impegnativa, scaturita a pochi anni


di distanza dalla pubblicazione dei Dieci libri di Viviani: ledizione romana di Luigi
Marini87 , curata con uno spiccato carattere erudito, evidente anche nellestesissima
nota riguardante la questione degli scamilli, tema da Marini ripercorso comprendendovi anche le pi improbabili proposte di Carlo Bianconi88 e Piale, e concluso con
uninterpretazione a favore della loro natura di inserti di un elemento ispessente fra
stilobate e base e fra capitello e architrave89 .
Significativa di un momento ancora successivo fu la scelta di Luigi Canina90 , che
ridusse la questione degli scamilli a un inefficace problema teorico; dopo un ampio
divisamento delle opinioni al riguardo, ed una ponderata proposta derivata da Marini91 ,
larchitetto casalese liquid largomento in questi termini:
Noi per considerando queste aggiunzioni [gli scamilli], qualunque elle siano,
per un metodo particolare di Vitruvio, giacch altrimenti non ne avrebbe indicato il
modo che si doveva seguire con figure a parte, tralasceremo di occuparsene: poich
nostro scopo di descrivere le pratiche tenute dagli antichi nella edificazione delle
loro fabbriche, e non quelle che avrebbero essi dovuto adottare per far meglio secondo
parziali opinioni92 .

Il principio archeologico aveva in questo modo, e senza pi remore, invertito le


parti del discorso.
87

Vitruvii De Architectura libri decem apparatu praemuniti emendationibus et illustrationibus refecti.


Thesauro variarum lectionum ex codicibus undique quaesitis et editionibus universis locupletati Aloisio
Marino, Roma, Marini, 1836-1837.
88 C ARLO B IANCONI , Saggio di traduzione ed illustrazione di Vitruvio, in Opuscoli letterarj, Bologna,
Annesio Nobili, 1819.
89 Vitruvii De Architectura, cit., vol. I, p. 157 (testo), pp. 157-162 (note 24-26); vol. IV, tav. XXXI.
90 Luigi Canina (Casale Monferrato, 23 ottobre 1795 Firenze, 17 ottobre 1856), architetto, archeologo, scrittore, allievo a Torino di Ferdinando Bonsignore e Giuseppe Maria Talucchi, pass gran parte
della sua vita a Roma come architetto del principe Camillo Borghese; cfr. Luigi Canina (1795-1856).
Architetto e teorico del classicismo, a cura di Augusto Sistri, Milano, Guerini e Associati, 1995; Tusculum.
Luigi Canina e la riscoperta di unantica citt, a cura di Giovanna Cappelli, Susanna Pasquali, Roma,
Campisano, 2002.
91 LUIGI C ANINA , LArchitettura antica descritta e dimostrata coi monumenti, tomo VIII, sezione
III, Architettura romana, parte seconda, Roma, Canina, 1840, p. 258: Cos si deve credere che queste
aggiunzioni degli scamilli impari fosse una specie di scabello ineguale che Vitruvio designava di interporre
tra lo stilobate e la base e tra capitello e architrave, affinch lo stilobate non stasse allo stesso livello della
base, ed il capitello pure non si trovasse allo stesso livello dellarchitrave, in forma forse di una specie di
guscio, come si vede praticato in alcuni monumenti nella parte superiore degli stilobati, e nel disegno
degli abachi dei capitelli. Il debito verso Marini denunciato a p. 259, nota 16: ma la pi probabile
[soluzione] si pu stabilire essere quella emessa dal Marini nella sua recente edizione di Vitruvio, colla
quale si viene a spiegare loscuro passo di Vitruvio nel modo sovraindicato.
92 Ivi, pp. 258-259.

Esperienza fatta da mio fratello nella capanna Regina Margherita per misurare la quantit di acido carbonico eliminata in mezzora da Beno Bizzozero, da Mosso, Fisiologia delluomo sulle Alpi, 1897, p. 228.

80

Filippo Morgantini

Angelo Mosso e la preistoria nel Mediterraneo. Uno scienziato


prestato allarcheologia
Dal 1905 al 1910, gli ultimi sei anni della sua vita, il celebre fisiologo Angelo Mosso
si dedica anima e corpo alla ricerca archeologica, trasferendo in questa attivit tutta la
sua quarantennale esperienza di scienziato sperimentale 1 . In campo medico era stato
un grande innovatore, per il costante ricorso alla misurazione dei fenomeni fisiologici,
con linvenzione e la messa a punto di originali strumenti di rilevamento, e per la
continua indagine dei fenomeni sul campo, in particolare con la misurazione delle
reazioni fisiologiche del corpo umano in alta quota. Il suo maestro allUniversit torinese, il medico olandese Jakob Moleschott, lo aveva introdotto alla sperimentazione
scientifica in campo medico, e Mosso era riuscito ad approfondire la cosa con grande
convinzione anche dopo la laurea in medicina, conseguita a Torino nel 1870, dapprima
nel laboratorio di Moritz Schiff a Firenze, poi in quello di Carl Ludwig a Lipsia, dove
erano nati i primi strumenti di registrazione grafica dei fenomeni fisiologici, infine per
alcuni mesi anche a Parigi, dove conosce, tra gli altri, il fisiologo tienne-Jules Marey,
facendo ritorno a Torino solo nel 1875. Allievo prediletto di Moleschott, ottiene
1

Circa 180 sono i titoli delle pubblicazioni di Angelo Mosso elencate da Corrado Segr e Gaetano
De Sanctis in calce a PIO FO, Angelo Mosso, in Atti della R. Accademia delle Scienze di Torino,
vol. 46 (1910-1911), pp. 717-725; e da AMEDEO HERLITZKA, Angelo Mosso, in Archives italiennes
de Biologie vol. 54 (1911). In mancanza di studi organici su Angelo Mosso (Torino, 30 maggio 1846
24 novembre 1910), difficile orientarsi nella miriade di contributi comparsi negli ultimi decenni sulla
sua figura, per un primo approccio oggi disponibile la recentissima voce enciclopedica: MICHELE
NANI, Mosso, Angelo, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 77, Roma, Istituto dellEnciclopedia
italiana, 2012, che a una sintetica bibliografia unisce la segnalazione degli archivi che contengono lettere e
manoscritti di Mosso, ad eccezione per di quello dellIstituto di Fisiologia dellUniversit di Torino, da
poco inventariato, dove si trovano vari materiali personali relativi a molti aspetti del lavoro scientifico e
delle ricerche del grande fisiologo (cfr. CATERINA TESTA, Due archivi a confronto: lArchivio storico
dellIstituto di Fisiologia e lArchivio storico dellIstituto di Anatomia umana normale , in Gli archivi della
scienza. Luniversit di Torino e altri casi italiani, a cura di Silvano Montaldo e Paola Novaria, Milano,
Franco Angeli, 2011). Il carattere introduttivo del presente contributo non consente di approfondire
laspetto documentario generale, verranno pertanto via via fornite solo le indicazioni specifiche degli
argomenti trattati.

81

lincarico degli insegnamenti universitari di Materia medica, Terapeutica sperimentale e Tossicologia, ma soprattutto inizia unattivit incessante di sperimentazione e
ricerca, il cui principale risultato lo studio Intorno alla circolazione del sangue nel
cervello delluomo, pubblicato nel 1879, per il quale lAccademia Nazionale dei Lincei
gli conferisce il Premio Reale; nello stesso anno succede a Moleschott nella cattedra di
Fisiologia dellUniversit di Torino.
Fin dal 1875 Mosso aveva realizzato il suo primo pletismografo, uno strumento in
grado di misurare e trascrivere graficamente le variazioni di volume dei vasi sanguigni;
cui seguir, tra le altre cose, una complessa bilancia basculante, tramite la quale
riusciva a verificare lo spostamento del volume di sangue dalla met superiore del
corpo a quella inferiore e viceversa; e a partire 1877 aveva anche cercato di utilizzare
sperimentalmente un grande cilindro metallico, del tutto simile a quello usato dal
fisiologo Paul Bert alla Sorbona, per simulare le variazioni nella circolazione sanguigna
prodotte dallaumento della pressione atmosferica2 . Oltre ad altri strumenti per la
misurazione del lavoro e della fatica muscolare (lergografo e il miotonometro), della
massima importanza la realizzazione del primo vero e proprio sfigmomanometro,
lormai classico strumento di misurazione della pressione arteriosa, la cui ideazione
va ascritta appunto ad Angelo Mosso, che lo mette a punto e lo presenta alla comunit
scientifica nel 1892.
Tra le numerose pubblicazioni scientifiche di Mosso vanno citate particolarmente
La paura, del 1884, e La fatica, del 1891, entrambe stampate presso il grande editore milanese Emilio Treves, del quale Mosso sposer la figlia Maria nel 1886, due
successi editoriali notevolissimi, tradotti in sei lingue e oggetto di numerose ristampe e riedizioni3 . Si tratta di studi fortemente innovativi, concepiti per un pubbli2

ORESTE PINOTTI, Angelo Mosso 1846-1910, in Tra societ e scienza. 200 anni di storia dellAccademia
delle scienze di Torino, Torino, Umberto Allemandi & C., 1988, pp. 168-171. Nel maggio 2013 un gruppo
di ricercatori in neuroscienze di varie universit (Milano, Pavia, Torino, Londra e Los Angeles), formato
da Stefano Sandrone, Marco Bacigaluppi, Marco R. Galloni, Stefano F. Cappa, Andrea Moro, Marco
Catani, Massimo Filippi, Martin M. Monti, Daniela Perani e Gianvito Martino, ha pubblicato sulla
prestigiosa rivista on line Brain. A journal of neurology (Oxford Journals Oxford University Press),
un contributo di ampia rivalutazione della poco nota bilancia basculante di Angelo Mosso (Weighing brain
activity with the balance: Angelo Mossos original manuscripts come to light), valorizzandone in particolare
la rivoluzionaria idea di misurare oggettivamente la relazione tra emozioni e reazioni fisiologiche.
3 A NGELO M OSSO, La paura, Milano, Treves, 1884; il testo viene tradotto in francese, inglese, tedesco,
spagnolo, russo e polacco, tocca lottava edizione italiana nel 1911, viene ristampato nel 1919, 1926 e
1938 sempre presso Treves, e nel 1946 presso Garzanti (successo a Treves dopo le leggi razziali); vi sono
ora anche unedizione moderna a cura di Paolo Rapetti (Roma-Napoli, Theoria, 1984), e una ristampa
anastatica realizzata nel centenario della morte di Mosso (2010). Assai simile il successo dellaltro saggio:
A NGELO M OSSO , La fatica, Milano, Treves, 1891, tradotto nelle stesse sei lingue, ristampato pi volte
presso Treves fino alla prima edizione postuma, con aggiunta di note biografiche sullautore (1911), che

82

Camera pneumatica, e disposizione di unesperienza per studiare il polso del cervello nellaria rarefatta
(da Mosso, Fisiologia delluomo sulle Alpi, 1897, p. 281).

co colto ma non specialistico, e che non si fermano ai dati sperimentali raccolti,


ma istituiscono relazioni credibili e documentate tra emotivit e reazioni fisiologiche.
La costruzione della capanna Regina Margherita al Monte Rosa, inaugurata dal
Club Alpino Italiano nel settembre 1893 sulla sommit della punta Gnifetti, a 4554
metri di quota, apre per Mosso un nuovo fronte. del 1885 una sua prima memoria,
La respirazione delluomo sulle alte montagne, che denota il suo particolare interesse per
lo studio della fisiologia in condizioni atmosferiche estreme, interesse dovuto anche
alla sua passione per la montagna e per il movimento in generale, convinto che lattivit
fisica fosse cosa della massima importanza per la salute e per lo sviluppo spirituale
delluomo4 . Nella nuova capanna era possibile svolgere misurazioni ed esperimenti ad
sempre presso Treves giunge alla settima edizione nel 1936; ora disponibile una moderna edizione
critica con introduzione di Michele Nani (Firenze, Giunti, 2001).
4 A NGELO M OSSO , La respirazione delluomo sulle alte montagne, in Atti della R. Accademia di
Medicina di Torino pubblicati in omaggio del senatore prof. Casimiro Sperino, Torino, Celanza, 1884;

83

alta quota altrimenti proibitivi:


Mi preparai a questa spedizione appena fu costruita la Capanna Regina Margherita
[...] Pensavo che per studiare alcuni problemi di fisiologia alpina bisognava fermarsi
parecchie settimane sulla vetta del Monte Rosa, e siccome non era possibile col solo
aiuto delle guide e dei portatori fare una serie esatta di ricerche sulluomo, chiesi al
Ministro della guerra dieci soldati alpini sotto il comando di un medico militare5 .

La spedizione si realizza nellestate del 1894, ai militari si aggiungono, oltre allo


stesso Angelo Mosso, suo fratello Ugolino, professore di farmacologia allUniversit di
Genova, e il giovane studente di medicina Beno Bizzozero, con funzioni di fotografo.
Il risultato un altro grande classico della fisiologia dalta quota e della divulgazione
scientifica: Fisiologia delluomo sulle Alpi, edito ancora presso Treves nel 1897, e che di
nuovo sar oggetto di varie edizioni e di traduzioni in lingua inglese e tedesca6 .
Nel suo costante impegno in favore delleducazione fisica, in particolare quella
dei giovani, Mosso mostra anche interessi storico-culturali assai vasti, e una profonda
confidenza con i testi antichi che, almeno in parte, pu rendere pi spiegabile la sua
sorprendente e inaspettata attivit di archeologo, iniziata solo negli ultimissimi anni di
vita7 . I quattro ponderosi volumi che dedica specificatamente allargomento, apparsi
sempre presso Treves tra il 1892 e il 1903, Leducazione fisica della donna, Leducazione
fisica della giovent, La riforma delleducazione e Mens sana in corpore sano, non si
limitano ad argomentazioni strettamente mediche, ma ripercorrono in modo originale
tutto il corso della storia delleducazione fisica, attraverso testimonianze letterarie e
figurative di ogni epoca, soprattutto il Rinascimento italiano e lantichit, tanto da
costituire un riferimento irrinunciabile per largomento8 .
Proprio nei testi sulleducazione fisica compare quella che risulter essere una delle
tesi pi importanti per le sue indagini archeologiche: la superiorit dellantica cultura
greco-romana rispetto a quella del Nord Europa, e in particolare germanica9 . La cosa
non esente da contraddizioni: pi volte Mosso ricorda i suoi trascorsi scolastici burripubblicato in Annali di chimica medico-farmaceutica e di farmacologia, aprile-maggio 1885, p. 317,
e in Annali universali di medicina e chirurgia, settembre 1885, p. 199.
5 A NGELO M OSSO , Fisiologia delluomo sulle alpi. Studii fatti sul Monte Rosa, Milano, Treves, 1897,
prima pagina di presentazione non numerata.
6 Alla citata edizione del 1897 seguono la seconda edizione aumentata di tre capitoli e altre aggiunte
(Milano, Treves, 1898), le traduzioni inglese (Life of Man on the hight Alps, London, T. Fisher Unwin,
1898) e tedesca (Der Mensch auf den Hochalpen. Forschungen, Leipzig, Verlag von Veit & Comp., 1899), la
terza edizione con numerose aggiunte dal titolo Luomo sulle Alpi. Studi fatti sul Monte Rosa (Milano,
Treves, 1909), e la recente ristampa anastatica della prima edizione (Club Alpino Italiano, 1993).
7 Cfr. L ANDO F ERRETTI , Angelo Mosso apostolo dello sport (1846-1910), Milano, Garzanti, 1951.
8 Cfr. F ERRETTI , Angelo Mosso, cit., p. 139; e NANI , Mosso, Angelo, cit.
9 F ERRETTI , Angelo Mosso, cit., pp. 69-101.

84

rascosi, dove appunto aveva appreso con fatica e riluttanza i fondamenti della cultura
classica, mentre tutto il suo lavoro scientifico profondamente influenzato dagli studi
sperimentali tedeschi, il suo stesso maestro Moleschott, olandese di nascita, dichiarava
di aver rinunciato a un incarico alluniversit di Utrecht per continuare a lavorare con
i ben pi aggiornati metodi praticati ad Heidelberg, dove si era laureato. Mosso si
scaglia pi volte contro la ginnastica tedesca, basata sulluso degli attrezzi, che ritiene
innaturale e dannoso, proponendo di imitare piuttosto limpostazione anglosassone,
organizzata per club e basata sul gioco allaria aperta, sullagonismo, sulla socialit.
Questa ideale educazione psico-fisica viene per fatta risalire da Mosso ai tempi antichi,
ai giochi panellenici, e attraverso alcune rare testimonianze figurative trova anche
gli spunti per riaffermare, contro i tanti pregiudizi, limportanza dellesercizio fisico
femminile. Lidea di un popolo italiano sopito e debole, e del suo possibile risveglio in
nome di un glorioso passato, anche per mezzo delleducazione fisica, presenta certamente qualche tratto nazionalistico, ma viene coltivata da Mosso con argomentazioni
il pi possibile serie, razionali, ampie e documentate.
Nel 1903, al ritorno dallultima spedizione scientifica sulla cima del Monte Rosa,
Mosso riconosce i primi sintomi della tabe dorsale, manifestazione dolorosa e fortemente invalidante per la deambulazione, tipica della sifilide terziaria, da cui era affetto.
Come medico non poteva farsi illusioni:
Temo che le condizioni della mia salute non mi permetteranno pi di ritornare
alla Capanna Regina Margherita, e nel ricopiare questa ultima esperienza nel mio
giornale di viaggio, provo una dolce emozione che mi rammenta i giorni felici che
ho passato sulle Alpi e mi rende caro questultimo ricordo dei miei studi sul Monte
Rosa10 .

Lanno successivo, a Bruxelles, durante il congresso internazionale di fisiologia,


i sintomi della malattia iniziano a farsi pi gravi, e allinizio dellinverno Mosso si
trasferisce a Roma, dove era stato eletto senatore, e dove il clima e le possibilit di riposo
erano ritenute per lui pi favorevoli, lasciando temporaneamente sia linsegnamento
sia lattivit di laboratorio. Il lavoro parlamentare non riusciva per ad assorbire
tutte le sue energie intellettuali, e frequentando sempre pi assiduamente la biblioteca
del Senato fa la conoscenza di Giacomo Boni, famoso archeologo, dal 1898 in poi
responsabile degli scavi al Foro romano.
Fin dallinizio linteresse archeologico di Mosso si concentra sullo studio delle
popolazioni primitive era spinto in particolare dal desiderio di riconoscere le
differenze fisiche tra antichi e moderni e i primi passi nel campo della ricerca attiva
sono strettamente legati alle sue specifiche competenze mediche: proprio Boni gli
10

Riportato in FERRETTI, Angelo Mosso, cit., p. 23.

85

La guida di Gortina, Manoli Iliaki, e la sua casa (da Angelo Mosso, Escursioni nel Mediterraneo e gli
scavi di Creta, 1907, p. 85).

permette di esaminare, forse su suo stesso invito, alcuni crani preistorici ritrovati nel
Foro romano, analisi poi proseguita su una quindicina di crani etruschi provenienti
da Corneto Tarquinia11 . La conoscenza diretta degli scavi di Giacomo Boni al Foro
romano deve essere stata fondamentale per Mosso, a Boni si devono infatti i primi
scavi archeologici italiani eseguiti con metodo stratigrafico, col riconoscimento cio di
strati di sedimenti uniformi, allinterno dei quali tutti gli oggetti rinvenuti possono
trovare una precisa collocazione cronologica. Si passa dal semplice ritrovamento di
oggetti antichi da collezionare e interpretare dal nulla, al concetto di scavo come fonte
inesauribile di informazioni storiche, dove ogni frammento assume facilmente un
ruolo significativo grazie alla sua precisa e sicura datazione. Mosso, che in precedenza
non si era mai interessato di ricerca archeologica attiva, lanno successivo, a Creta,
si dimostrer assai attento e ben al corrente delle recenti e complesse metodologie
11 A NGELO M OSSO , Crani preistorici trovati nel Foro Romano, in Notizie degli scavi di antichit
comunicate alla R. Accademia dei Lincei, 1906, fasc. 1, pp. 46-54; ID., Crani etruschi, in Memorie della
R. Accademia delle Scienze di Torino, vol. 56 (1906), pp. 263-281.

86

stratigrafiche perfezionate da Boni. In quello stesso anno, il 1905, a Roma, lanziano


e malato fisiologo ha un vero e proprio colpo di fulmine, come racconta egli stesso,
proprio nelle prime righe del suo volume su Creta:
Studiavo i crani etruschi e quelli scoperti nel Foro romano, quando feci la conoscenza del signor Dunkan Mackenzie che veniva da Creta dopo aver aiutato Arturo
Evans negli scavi di Cnosso. Mi raccont di una trincea scavata sopra una collina dove
avevano potuto studiare labitazione delluomo fino a dodici mila anni prima di Cristo.
Minnamorai subito di tali ricerche e mi venne il desiderio di tentare, se colla Missione
archeologica italiana avrei potuto vedere in Creta le traccie delluomo in epoche tanto
remote12 .

Mosso riesce ben presto ad aggregarsi alla storica missione archeologica italiana
a Creta, iniziata circa ventanni prima nella parte meridionale dellisola, la zona di
Gortina, Festo e Hagia Triadha, sotto la guida del celebre archeologo trentino Federico
Halbherr, effettuando cos tre mesi di ricerche sul campo nella primavera del 1906,
e compiendo in quelloccasione i suoi primi scavi archeologici autonomi. Il metodo
stratigrafico, obbligandolo a interessarsi attivamente di tutti gli oggetti rinvenuti nello
scavo, gli impediva di limitarsi agli aspetti specificatamente anatomici dei ritrovamenti,
per i quali si pu credere fosse ben pi preparato di un archeologo professionista, del
resto i suoi interessi erano sempre stati assai vasti, ma il suo impegno deve essere stato
davvero febbrile per giungere in poco pi di un anno di tempo alla pubblicazione del
ponderoso volume Escursioni nel Mediterraneo e gli scavi di Creta, edito da Treves nel
1907, che dava conto in modo esteso e organico di tutto il lavoro che aveva effettuato
sullisola. Il senso complessivo del volume era in verit molto pi ampio, come Mosso
spiega nella presentazione la sua intenzione era soprattutto quella di divulgare le pi
recenti ed entusiasmanti scoperte archeologiche presso il grande pubblico:
Quanto si insegna nelle scuole intorno alle civilt del mondo ellenico prima di
Omero talmente diverso da quanto ci rivelano le pi recenti scoperte archeologiche,
che non dubito di far cosa grata agli studiosi di letteratura e dellarte, se presento in
forma di saggi alcuni monumenti i quali mostrano la modificazione profonda che deve
subire linsegnamento per la civilt che ha preceduto la storia [...] I filologi hanno
inventato il popolo Ario e la teoria degli Indogermani, alla quale molti credono ancora.
Spero convincere il lettore che la primitiva civilt mediterranea non ebbe origine dagli
Indogermani: e per ci potrei consigliare chi legge a cominciare dallultimo capitolo13 .
12 A NGELO M OSSO , Escursioni nel Mediterraneo e gli scavi di Creta, Milano, Teves, 1907, p. 1. Il
volume dedicato al sovrintendente delle antichit cretesi Giuseppe Hazzidaki, per la sua disponibilit e
collaborazione verso le ricerche di Mosso.
13 Ivi, pagina di presentazione non numerata.

87

Lo stesso Federico Halbherr, col suo assistente Luigi Pernier, il giovane archeologo
romano che dirigeva gli scavi italiani a Creta durante le sue assenze, sono indubbiamente i principali riferimenti di Mosso in questo periodo, ma Creta non era che
linizio, con quellesperienza il nuovo archeologo mette sempre pi a fuoco il suo
progetto di ricerca, il cui obiettivo era raccogliere dati e testimonianze per dimostrare
la preponderante origine mediterranea delle popolazioni europee, contro le tesi che
ne privilegiavano la radice indo-germanica.
Le campagne di scavo alla ricerca di dati sulla preistoria proseguono nei quattro
anni successivi, preparate di solito da un soggiorno romano a gennaio, seguito da
campagne di scavo della durata di circa due o tre mesi tra linverno e linizio della
primavera. Nel 1907 in Sicilia, dove scopre la necropoli di Cannitello, presso
Agrigento, e il teatro greco di Eraclea, che per quanto importante non lo coinvolge
perch troppo recente rispetto al suo progetto di ricerca; nellinverno del 1908 compie
scavi nel centro storico di Taranto, e ad agosto, unica volta, torna a fare indagini
archeologiche in Puglia, presso il Pulo di Molfetta; nella primavera del 1909 di nuovo
al Pulo di Molfetta, dove per due settimane lo raggiunge anche la figlia Mim; al 1910
appartengono gli ultimi e pi difficili tentativi di proseguire il lavoro, a febbraio a
Siracusa, bloccato dai dolori della malattia che avanzava, a maggio ad Arcevia, in
provincia di Ancona, ostacolato dai dolori e dal maltempo.
Risultato di tanta attivit, cos circoscritta nel tempo, una lunga serie di contributi
sullarcheologia preistorica, pubblicati dallAccademia dei Lincei e dallAccademia delle
Scienze di Torino, ma soprattutto un progetto editoriale di pi ampio respiro, previsto
in tre volumi e dal titolo assai indicativo: La Preistoria14 . Il volume su Creta, che
rimane il primo della serie, non cambia titolo ma nel 1910 viene aggiornato con una
14

A NGELO M OSSO , Femori umani usati come collane od amuleti, e critica dei fusaroli votivi descritti
dallo Schliemann, in Atti della R. Accademia delle Scienze di Torino, vol. XLII (1906-1907), pp.
1151-1161; ID., Vertebre di pesci che servirono come ornamento o amuleti nei tempi preistorici, in Atti della
R. Accademia delle Scienze di Torino, vol. XLII (1906-1907), pp. 1162-1166; ID., Villaggi preistorici di
Caldare e Cannatello presso Girgenti, in Monumenti antichi pubblicati per cura della Reale Accademia
dei Lincei, vol. XVIII, puntata III (1908), pp. 573-690; ID., Le armi pi antiche di rame e di bronzo, in
Memorie della R. Accademia dei Lincei. Classe di scienze morali storiche e filologiche, serie V, vol. XII,
fasc. VI (1908), pp. 479-582; ID., Idoli femminili e figure di animali dellet neolitica, in Memorie della
Reale Accademia delle Scienze di Torino, serie II, vol. 58 (1908), pp. 375-396; ID., Ceramica neolitica
di Phaestos e vasi dellepoca minoica primitiva, in Monumenti antichi pubblicati per cura della Reale
Accademia dei Lincei, vol. XIX, puntata II (1909), pp. 141-224; ID., Una tomba preistorica a S. Angelo di
Muxaro nella provincia di Girgenti, in Memorie della Reale Accademia delle Scienze di Torino, serie II,
vol. 59 (1909), pp. 421-432; ID., Stazione preistorica di Coppa Nevigata presso Manfredonia, in Monumenti
antichi pubblicati per cura della Reale Accademia dei Lincei, vol. XIX, puntata III (1910), pp. 305-396;
ID., Le origini del ferro nella preistoria, in Memorie della R. Accademia dei Lincei. Classe di scienze
morali storiche e filologiche, serie V, vol. XIV, fasc. V (1910), pp. 295-309.

88

Dolmen di Bisceglie, scoperto da Angelo Mosso e don Francesco Samarelli il 6 agosto 1908, vista da sud
(da Angelo Mosso, La preistoria nel Mediterraneo, 1910, p. 174).

89

seconda edizione, nella quale vengono aggiunti tre nuovi capitoli perch si coordini
coi successivi, mentre preparo il terzo volume di questa Preistoria che porter per
titolo: Gli italiani dellet della pietra15 . I tre nuovi capitoli sono dedicati a Le calzature
minoiche, Le origini della scrittura e La diffusione della civilt e la misura del tempo
studiate per mezzo della ceramica, rimane invece intatto lultimo capitolo: La civilt
mediterranea non ebbe origine dagli Indogermani16 . Nello stesso 1910, e sempre presso
Treves, dove aveva preso forma il progetto La Preistoria, era gi stato stampato il
secondo volume, Le origini della civilt mediterranea, che organizzava in un discorso
organico e complessivo molti degli studi effettuati dopo Creta; la preparazione del
terzo volume invece interrotta dalla morte dello studioso, avvenuta il 24 novembre
1910, mentre ancora cercava di riprendere le sue lezioni di fisiologia allUniversit di
Torino17 .
Questi studi sulla preistoria, comunque ben conosciuti dagli archeologi dellepoca,
con alcuni dei quali Mosso aveva intrattenuto rapporti diretti, dopo un successo di
pubblico piuttosto consistente, sono stati sostanzialmente dimenticati, forse perch
tentavano sintesi generali un po premature, ma ovviamente anche per i molti studi
e ritrovamenti successivi, che potevano portare a conclusioni differenti. Oggi per,
dopo tanto tempo, sembra che la critica cominci ad apprezzare maggiormente questo
inconsueto lavoro, opera in fondo di un dilettante geniale e appassionato, dalla vasta e
un po disordinata cultura, dotato per di una straordinaria solidit nellapplicazione
della prassi scientifica, e di una capacit di osservazione degli aspetti anatomici e
naturalistici certamente non comune. Ormai poco importa se col metro attuale i
risultati dei suoi scavi non possono essere considerati del tutto attendibili o corretti,
questo capita inevitabilmente anche a molti degli scavi successivi, e ci non toglie
nemmeno che abbiano offerto materiali e informazioni irrinunciabili, oggi conta
certamente di pi comprendere loriginalit della sua azione e del suo progetto di
ricerca sul piano storico, da questo punto di vista i suoi due classici testi sulla preistoria
15

ANGELO MOSSO, Escursioni nel Mediterraneo e gli scavi di Creta, nuova edizione con laggiunta di
tre capitoli, di numerose incisioni, e duna tavola a colori, Milano, Treves, 1910, p. VII.
16 Ivi, pp. 263-329 e 330-346. La prima edizione del volume era andata esaurita quasi subito, e
nelledizione inglese stampata nello stesso anno, ANGELO MOSSO, The Palaces of Crete and their Builders,
London, T. Fisher Unwin, 1907, gi compare uno dei tre capitoli poi aggiunti: Footgear in the time of
Minos, alle pp. 226-246.
17 A NGELO M OSSO , Le origini della civilt mediterranea, Milano, Treves, 1910. Lopera dedicata
a Federico Halbherr, con lammirazione di un discepolo e laffetto di un amico, il che segnala come
larcheologo trentino sia stato il suo pi importante riferimento in campo archeologico. Allo stesso anno
appartiene anche la fortunata traduzione inglese del lavoro: ANGELO MOSSO, The dawn of Mediterranean
civilisation, London, T. Fisher Unwin, 1910. Prima della morte Mosso aveva potuto mettere mano ad
una seconda edizione del testo, uscita postuma, nel 1912, corredata da una nota di Mariano Luigi Patrizi
ed Enrico Thovez sulla vita e sulle opere dellautore.

90

Tavole comparative di idoli femminili di et preistorica (da Angelo Mosso, Idoli femminili e figure di
animali dellet neolitica, 1908, tavole fuori testo).

assumono un ben diverso rilievo, cos come i suoi rapporti con gli archeologi e gli
antropologi dellepoca, tra cui Giuseppe Sergi e Luigi Maria Ugolini, tra i principali
studiosi italiani che concordavano sulla centralit del mediterraneo propugnata da
Mosso, contro le tesi indoeuropee sostenute da Luigi Pigorini, e ancora molti altri,
come ad esempio, oltre a quelli gi citati, Arturo Issel e Antonino Salinas18 .
Interessante complemento a una moderna rilettura delle ricerche archeologiche
di Mosso una speciale testimonianza, un articolo apparso su La lettura, la rivista
18

Tra i numerosi studi recenti che hanno in qualche modo considerato e rivalutato la figura di Angelo
Mosso come archeologo si possono segnalare, come semplici esempi: Magna Graecia. Archeologia di
un sapere, Catalogo della mostra, Catanzaro, 19 giugno-31 ottobre 2005, a cura di Salvatore Settis e
Maria Cecilia Parra, Milano, Electa, 2005, p. 289; ANDREA PESSINA E NICHOLAS VELLA, Alla ricerca
delle radici mediterranee: i templi megalitici di Malta, in Relitti riletti: metamorfosi delle rovine e identit
culturale, a cura di Marcello Barbanera, Torino, Bollati Boringhieri, 2009, p. 414; DAVIDE DELFINO,
Linteresse di Angelo Mosso per il neolitico in Liguria, in La nascita della Paletnologia in Liguria, atti del
Convegno internazionale, Finale Ligure 22-23 settembre 2006, Bordighera, Istituto internazionale di
Studi Liguri 2008, pp. 347-351.

91

Emilia Mosso, detta Mim, davanti a una tomba della necropoli neolitica al Pulo presso Molfetta, nel
1909 (da Angelo Mosso, La preistoria nel Mediterraneo, 1910, p. 5).

92

mensile del Corriere della Sera, nel marzo del 1912, scritto dallunica figlia del grande
fisiologo, la giovane Emilia Mosso, detta Mim, che a pochi mesi dalla morte del
padre ne rievoca con grande affetto proprio lultimo periodo di vita dedicato agli
scavi. Soprattutto attraverso gli stralci delle lettere paterne la vicenda assume un rilievo
umano inaspettato e singolare, pur nelle difficolt estreme di una malattia invalidante
che non lasciava scampo, il nuovo orizzonte archeologico pare davvero occasione
di esperienze straordinarie, di soddisfazioni intellettuali grandissime, di solitudini e
silenzi di una felicit assoluta19 .

19

MIM MOSSO, Angelo Mosso sugli scavi, in La lettura, anno XII, n. 3, marzo 1912, pp. 231-239,
il testo riprodotto qui di seguito, in appendice, con le dieci fotografie che lo accompagnano. Emilia
Mosso (1890-1937), torner verso la fine della sua vita sugli stessi argomenti in una tarda, ma ancora
ampia e importante biografia del padre: MIM MOSSO, Un cercatore dignoto, con prefazione di Carlo
Fo, Milano, Baldini e Castoldi, 1935.

93

Appendice
Angelo Mosso sugli scavi
Nella primavera dellanno 1909 passai quindici giorni con mio padre sugli scavi a Molfetta,
in una piccolissima casa di contadini lontana sei o sette chilometri dallabitato.
Quando arrivammo da Roma di notte, mio padre era ad attenderci alla stazione con
unenorme berlina anchessa archeologica come gli scavi, sospesa su delle correggie di cuoio,
e dal predellino cos alto che per salire abbisogn una seggiola e per discendere il cocchiere
ci prese uno dopo laltro nelle sue braccia. La casetta, in mezzo agli olivi, ad un solo piano,
ammobigliata con un tavolo e tre letti, aveva le pareti scrostate e il pavimento di mattoni, cos
fatto a valli e a scoscendimenti, che il camminare per casa diventava unimpresa alpinistica.
Lilluminava una sola candela infilata nel collo di una bottiglia e tuttintorno su delle assi erano
allineati i frammenti di crani e di vasi neolitici che si assomigliavano nella forma e nel colore di
terra.
Ecco vedi, piccola, siamo ridotti alla miseria diceva mio padre ridendo, felice che
fossimo venute a condividere quella sua nobile povert darcheologo che aveva affrontato tante
altre volte solo, in luoghi assai pi lontani ed assai pi inospitali.
In tanto squallore pugliese risorsa inesauribile era Stauros, un giovane greco della Canea,
che dopo il primo viaggio di mio padre a Creta laveva poi sempre seguito in tutte le sue
campagne archeologiche. Stauros assoldava e pagava gli operai dello scavo coi quali teneva un
contegno cipiglioso ed autoritario di generale sul campo di battaglia. Stauros soccupava del
faticoso vettovagliamento; oh! come difficile trovare qualche cosa da mangiare in Puglia a sei
chilometri, dallabitato! Stauros faceva da cucina e sintendeva darcheologia, lucidava le scarpe
e sviluppava le lastre fotografiche. Lo scavo era a pochi passi dal nostro abituro in un pianoro
seminato a grano sovrastante a quel largo sprofondamento a foggia di bocca di vulcano spento,
perforato di caverne che il Pulo di Molfetta, dove le occhiaie nere delle caverne, il rosso
intenso della terra dirupata, il grigio degli ulivi ed il bianco dei mandorli fioriti si alternano in
pittoresche macchie di colore. Nelle caverne di Pulo altri archeologi e mio padre lanno prima
avevano trovate armi neolitiche e frammenti di una ceramica uguale a quella egiziana prima
delle dinastie, poich, come mio padre dimostr e volgarizz, la preistorica civilt neolitica fu
uniforme in tutto il bacino del Mediterraneo.
Ora egli cercava la necropoli del grande villaggio neolitico che doveva esistere, e dopo due
trincee inutili, fu scoperta nel campo di grano, cos a fior di terra che assai ci meravigliammo
che laratro non avesse scalzato tutte le tombe. Le radici del grano novello quasi sfioravano
le pietre millenarie. Delle quarantanove tombe, piccolissime nicchie di pietra, nove erano
intatte, e contenevano lo scheletro in quella caratteristica posizione raggomitolata, le gambe
fortemente ripiegate contro il torace, le braccia strette intorno alle gambe e il mento fra le
ginocchia, in cui venivano seppelliti i cadaveri nellet neolitica e che non varia dalle tombe di
Lausanne a quelle del Delta del Nilo.
Ma il padrone del podere non poteva capacitarsi che un senatore, cio una persona del
governo fosse venuto niente meno che da Roma, per scavare delle ossa e, malcontento del suo

94

Angelo Mosso a Creta nel 1906, In cammino verso i palazzi di Minosse, e nel suo laboratorio di
fisiologia medica alluniversit torinese, Lultima fotografia di laboratorio (da Mim Mosso, Angelo
Mosso sugli scavi, 1912, pp. 234 e 239).

indennizzo, stava tutto il giorno sullo scavo aspettando che venisse fuori dalla sua terra... il
tesoro. Mi pare ancora di vederlo coi suoi calzoni a quadratini bianchi e neri seduto allombra
di un olivo, paziente nella sua cupidigia, quanto mio padre nel suo ardore di archeologo.
Gli operai lavoravano lentamente per non guastare e portavano via il terriccio nelle ceste
perch fosse vagliato pi tardi, e nel campo verde i mucchi di terra, le pietre delle tombe, le
piccole trincee sarebbero parse ad un profano le fondamenta di una nuova casa. Fra il fogliame
leggero degli olivi appariva il mare lontano come una linea sottile appena pi azzurra del cielo
e il sole era chiaro e dolce sulle millenarie ossa dissepolte.
Mio padre scendeva sulle trincee facendosi sorreggere da due operai perch le sue gambe,
per la malattia che lo minava, male gli servivano, e svolgeva egli stesso dalla terra le armi di
pietra e le ossa nelle tombe. Rammento di un cranio che le sue mani esperte scoprivano ed io
gli ero inginocchiata accanto. La parte posteriore del capo era ancora confitta nella terra, le
occhiaie erano piene di terra e la bocca luccic bianca. Lo smalto dei giovanili denti serrati
si disciolse in pochi secondi allazione della luce, ma non dimenticher mai il sorriso a fior
di terra di quella bocca di cinquemila anni fa. E pel brivido che mi corse compresi in quel
minuto lentusiasmo che aveva invaso mio padre e la passione che occupava tutte le sue ore.
Veramente sembrava che da quella lontanissima infanzia del mondo, che egli scrutava con
occhio di naturalista e di innamorato, fosse venuta a lui, sul declinare della sua vita, una nuova
giovinezza spirituale.
I frammenti dei vasi, primitiva ceramica grafita a disegni geometrici, erano disposti in
ordine sulle assi per essere fotografati nei giorni di pioggia. In questo lavoro ci aiutava don

95

Ciccio, un giovane prete pugliese allegrissimo ed atletico, che veniva quasi ogni giorno a
trovarci nel nostro eremo archeologico; don Ciccio nutriva una sconfinata ammirazione per
mio padre, molto interesse per gli scavi, ed arrivava sempre con un gran cartoccio di mele e di
uva sotto il braccio o una gallina viva impugnata per le gambe.
Le mele cherano acerbe piacevano molto a mio padre poich gli ricordavano la sua
giovinezza. Tutte le scomodit della vita egli sopportava filosoficamente col pretesto che gli
ricordavano la sua giovinezza. Nelle conversazioni familiari in torno alla tavola, dove luomo
pi sinceramente sabbandona, non rammento di avergli mai udito raccontare di accoglienze di
principi, di onori ricevuti in America ed in Europa, n mai, mai di alcuna grandezza, ma invece
infinite volte gli udii ripetere episodi della sua povera infanzia e della sua asprissima giovinezza,
come se nessuna altra cosa valesse la pena di essere ricordata. Egli amava raccontare della
bottega di falegname di suo padre, nella piazza di Chieri, davanti al bel Duomo di terracotta e
di marmo dove e gli fanciullo serviva la messa. Si compiaceva di non essere stato n un fanciullo
precoce n un buono scolaro. Nella seconda ginnasio il maestro non volle pi tenerlo a scuola
persuaso che era un discolo capace solo di correre per i campi e lo rimand fra i trucioli paterni.
Fu sua madre che lo salv; sua madre che sapeva appena leggere e scongiur come una grazia
che continuassero a insegnare il latino al figlio. Dei sacrifici che fecero i suoi genitori artigiani
per lui in fondo alla bottega di Chieri e della sua povert di studente egli conserv sempre un
indelebile ricordo. Ma voglio qui citare le sue parole e le tolgo dal discorso che pronunci al
banchetto per la sua nomina a senatore:
Molti credono che i ricchi siano pi felici, ma non vero. Quelli che furono diseredati dalla
fortuna hanno pur sempre il retaggio degli umili che lenergia invincibile del lavoro. Non sono i
ricchi che pi facilmente diventano scienziati, lo disse gi Berthelot, ma sono i poveri che danno il
contributo maggiore alla scienza. I minori bisogni permettono di continuare per lunghi anni nel
sacrificio di un lavoro penoso senza aspirare alla ricchezza. Sono convinto che un bene nascere
poveri. Per noi, che ci dedichiamo alla ricerca dellignoto, lideale della vita sarebbe di restare
sempre studenti avendo sempre e soltanto da imparare.
Il lavoro non era per lui unoccupazione e uno scopo ideale, ma un istinto, un bisogno
fisico, come il bere e il mangiare. Pi lontano e pi acutamente io spingo lo sguardo indietro
nella mia infanzia, non vedo mio padre fisiologo, apostolo delleducazione fisica, sociologo
ed archeologo fare altra cosa che lavorare. Rammento che egli amava gli spettacoli musicali
perch le note accompagnavano ed eccitavano i suoi pensieri ed uscendo dal teatro dopera
esclam una sera: Che bello spettacolo! Sono contento; questa sera ho finito la mia memoria
per i Lincei!.
Tutti quanti lo conobbero rammentano la sua bonariet distratta ed i suoi modo di dire
sempre uguali di cui noi famigliari sorridevamo. Sotto quelle maniere bonarie e distratte era
lanimo eroico delluomo che a ventanni, dopo aver lavorato tutto il giorno allOspedale,
attraversava di notte a piedi i 20 chilometri che separano Torino da Chieri per potervi tenere
lindomani mattina quella lezione di storia naturale ad un liceo che gli permetteva di continuare
gli studii; delluomo che quasi vecchio, ammalato ed illustre si metteva in pochi anni fra i primi
in una scienza mai coltivata e percorreva da solo a cavallo quella terra senza strada e piena di
insidie per le bande degli insorti che lisola di Creta.

96

In ogni sua lettera da quellIsola, che visit dal marzo al maggio del 1906, raccontando i
lunghi tratti di strada a cavallo nelle aspre montagne che era obbligato a percorrere per recarsi
alle rovine moriture dei palazzi minoici di Cnossos e di Festos, ripete ed insiste che nessuna
cosa fa tanto bene alle sue gambe indebolite come landare a cavallo, accampando a pretesto
degli strapazzi a cui sesponeva quella stessa malattia che per chiunque altro sarebbe stata
ragione indiscutibile di riposo.
La grande civilt preellenica di Creta, che egli descrisse con profondit di scienziato ed
ardore di poeta nel libro Escursioni nel Mediterraneo e gli scavi di Creta, lo affascinava e occupava
tutto il suo spirito; pure i suoi occhi vividi erano sempre aperti sugli uomini e sulle cose nei
villaggi turchi e greci che attraversava col suo carabiniere e il suo cavas. Non posso resistere
alla tentazione di citare alcuni suoi giudizi sui turchi e sui greci ed alcune sue descrizioni che in
questi tempi di guerra hanno un singolare sapore.
Scrive dalla Canea il 20 maggio:
Andai col barone Fasciotti a vedere la famosa baia di Sonda. Passammo in mezzo a un
villaggio turco disabitato con le travi e le finestre bruciate come rimasto dopo leccidio della
popolazione turca. Quando pochi anni fa cera la rivoluzione i cristiani ed i turchi si distruggevano
a vicenda, ora i musulmani se ne sono andati e rimangono ancora le rovine ed i ricordi delle stragi.
Fa pena! Eppure i turchi sono la gente migliore di Creta.
Andando alle rovine della citt greca di Aptera entrammo nella casa di un contadino ove
ci portarono del vino, delle nocciole e dei ceci. Avevamo con noi un carabiniere che faceva da
interprete e seppi da lui che non si pu pagare: la filoxenia o lamicizia non lo permette. Nella
stanza pendeva dalle pareti una grande fotografia che rappresentava un morto disteso. Un belluomo
col fucile accanto. Era un insorto. Attorno al cadavere quindici o venti donne che lo guardano.
Cos essi conservano vivo il ricordo delle rivoluzioni. Il capitano dei carabinieri che era con noi,
ieri and ad arrestare un latitante; avvicinandosi al villaggio con molti gendarmi, sent suonare le
campane e duecento persone nascoste cominciarono a far fuoco. Sent una palla fischiargli sulla
testa ed unaltra cadergli accanto ed ordin la ritirata. Domani parto per Candia, l non vi sono
insorti. Cos puoi vivere tranquilla.
Egli si interessa tanto ai costumi dei turchi da seguire perfino un loro funerale nel corteo
dei parenti col suo cavas alle calcagna, lalbanese in sottanella che non lo lasciava mai; ci che
fece una certa impressione per le vie di Candia.
Di quellimpassibile cavas che in ogni citt dellisola gli affibbiava la cortesia del console
italiano egli parla con dolente umorismo:
Il console di Turchia vuole a qualunque costo che il suo cavas stia alla porta del mio albergo.
un belluomo con pistola e pugnali alla cintola, con turbante e splendide calze. Devo lottare per
sottrarmi a questi onori e spero che domani ritorner alla vita modesta perch mi sembra cosa da
burla vedermi col cavas davanti, un bastone col pomo dargento in mano, e il mio carabiniere di
dietro col revolver alla cintola.
Scrive da Candia l8 aprile:
Ieri era la festa nazionale della Grecia per la liberazione dal dominio dei turchi; qui celebrano
questo giorno con la solennit di una festa patriottica. Vennero a prendermi in vettura allalbergo

97

Il porto di Candia, Rovine dei palazzi minoici di Festos, La casetta di Eraclea, Colonne greche a
Girgenti (da Mim Mosso, Angelo Mosso sugli scavi, 1912, pp. 231, 232, 235 e 238).

98

e mi condussero alla cattedrale. Il prefetto ed il presidente della Camera dei deputati mi ricevettero
in forma solenne allaltare come se fossi un rappresentante dellItalia. Volevano farmi sedere in
un seggiolone accanto allarcivescovo e fu solo dopo una lunga resistenza che mi sono sottratto
a questo onore, ma il seggiolone quando arriv larchimandrita rimase vuoto. I sacerdoti greci
portano un cappello a cilindro con un velo ed i capelli lunghi scendono gi per le spalle. Cantarono
bene, con due cori di fronte, il canto gregoriano e fu una festa solenne. Il popolo pi serio del
nostro in chiesa. Alla fine del Te Deum il lato politico della festa apparve in modo commovente;
larchimandrita benedisse il Re e la Regina della Grecia e il popolo ellenico e disse con voce solenne:
Che Dio affretti il momento nel quale Creta potr essere unita al popolo ellenico. Tutti gridarono
evviva Zito e per tre volte larchimandrita ripet questo voto per lannessione fra gli applausi.
Anche le donne, che stavano in una galleria al piano superiore, alzavano le mani gridando.
14 aprile. Ieri sera venerd santo cominciarono alle 9 e mezzo a suonare le campane e tutti
uomini e donne uscirono nelle strade con una candela in mano. Quando giunse larchimandrita
alla testa di una processione, verso le dieci, furono tanti gli spari delle castagnette che credevo di
essere a Napoli. I greci sono superstiziosi come noi. Verano tante croci altissime inghirlandate,
tanti fanali rossi e verdi, tanti preti che si sorreggevano a vicenda le code dei paramenti che pareva
una fantasmagoria. Per fortuna lasciano che i turchi quando tornano dalla Mecca facciano lo stesso
e chi si contenta gode.
In questo chi si contenta gode non il sorriso del saggio che ha tutto veduto e non
giudica pi?
Il suo soggiorno a Creta fu interrotto da un viaggio di una decina di giorni ad Atene dove
dovette assistere come delegato dItalia per leducazione fisica ai famosi giuochi olimpici che si
tennero quellanno e dove pronunci alcune conferenze allUniversit. Ed ecco un grazioso
aneddoto:
Ieri alla colazione che diede il Comitato in onore dei Delegati ero alla tavola donore davanti
al principe ereditario. Et votre frre? mi disse. Rimasi confuso e risposi: Il se porte bien, il est
a Gnes maintenant Comment! Il a parl lautre jour lUniversit. Allora capii lequivoco,
il principe sapendo che ero stato a Creta credeva che io fossi larcheologo e mio fratello un fisiologo.
Il principe ne rise e lo raccont ai vicini e la storiella de mon frre fece presto il giro della tavola.
Dopo le giornate ateniesi piene di emozioni, di pranzi, di ricevimenti ufficiali e di feste
tumultuose, assai desideroso di tornare alla sua solitudine di Creta, mio padre scese a Pireo
dove seppe che il suo vapore per avarie subite avrebbe tardato due giorni a giungere. Due
giorni perduti in un albergaccio del porto! Egli considera questo contrattempo come un
favorevolissimo capriccio del destino perch gli permette di lavorare.
I due giorni di residenza forzata che passai al Pireo, fuggirono come un lampo perch scrissi
quasi tutto il capitolo su Micene. Quando il fischio del vapore mi chiam a bordo, feci un fascio
delle mie carte e imbarcato stesi subito le mie note sulla tavola della cabina e ricominciai a scrivere.
Come vedi non mi annoio.
Oh meraviglioso lavoratore! Appena sbarcato a Candia parte per Festos, che dallaltra
parte dellisola sulla sponda del mare africano. Poich non vi sono strade carrozzabili, un
viaggio di due giorni a cavallo ed egli scrive serenamente che a Candia non esistono selle, ma

99

dei basti di legno che ad ogni passo concitato al trotto od al galoppo fanno sentire una scossa al
cervello. Laccompagnarono due servi armati ed un carabiniere.
Domani mattina parto per Festos: il tempo splendido e spero avr due buone giornate di
viaggio. Ho fatto la valigia e tutto pronto. Mi metter gli stivaloni bianchi dei cretesi e puoi
immaginare che figura far a cavallo di un caval! Sono gli ultimi lampi della giovinezza che
tramontata e mi sorreggono solo i ricordi delle prodezze passate e la sete inestinguibile di sensazioni
poetiche. Quanto sarei contento che queste fatiche mi procurassero la gioia di mettere in luce
qualche cosa di nuovo e di utile per la scienza! Sono preparato a questa vita selvaggia, a questa lotta
contro la natura e lignoto, a questo isolamento completo.
Mi sembra infinitamente lontana dal mondo la camera della casa turca dalle cinque finestre
ingrigliate tanto fittamente che il sole non vi penetra e ammobigliata solo con cuscini, che
laspettava a Voris, piccolo villaggio vicino a Festos. Le rovine degli immensi palazzi minoici,
dissepolti da archeologi italiani nel 1900, superarono la sua aspettativa che pure era grandissima,
colle loro scalee cos lunghe che possono solo paragonarsi a quelle delle ville italiane del
settecento, le camere pavimentate di alabastro consunto dove ancora il segno dei cardini delle
porte e i magazzeni dove si allineano allinfinito i grandi orci dipinti. Nella sua lettera vibra il
medesimo entusiasmo che vibra nelle pagine del suo libro e veramente un irresistibile fascino
attira il nostro spirito verso quella sfarzosa civilt che fu molti secoli prima di Omero in cui le
donne vestivano come noi e i vasi erano in stile Liberty. Ma ancora pi lontano voleva scrutare
mio padre nella notte dei tempi e scav delle fosse in alcune camere del palazzo e scav per
cinque metri attraverso detriti, cocci di vasi neolitici ed armi di pietra prima di giungere al
terreno vergine, tante furono le generazioni preistoriche che si susseguirono per millenni in
quella culla della civilt. Accanto alla magnifica villa minoica di Haghia Triada, dove furono
rinvenute a centinaia le indecifrate ed indecifrabili tavolette in caratteri cretesi, si erge una
piccola chiesa veneziana chegli descrive a me per vincer la tentazione di descriverla nel libro.
una chiesetta abbandonata, con la porta aperta, tutta dipinta di affreschi del trecento
bella la figura del Redentore nellabside cogli Apostoli intorno. Sullaltare il Vengelo che i topi
rispettarono per tanti secoli, ma i terremoti non temono Dio e scossero la chiesa che tutta a crepe.
Due tombe ornano le pareti. In una il cranio del cavaliere veneziano di cui vedo lo stemma
scolpito sulla tomba. Questa fu forse aperta per essere spogliata e dal teschio sembra che esca uno
sguardo tranquillo ed impassibile.
Profonda meditazione doveva essere per un vecchio scienziato dal cuore di poeta il pensare,
seduto allombra di un olivo, mentre gli operai cercano la storia sotto terra, a quante civilt
morirono in quellangolo di deserto ai piedi del nevoso monte Ida che ud i primi vagiti di
Giove. Egli stesso chiama il villaggio dove abita un insieme di porcili e di tane. Ma nei giorni
di festa davanti alla chiesa un giovane pastore suona la lira (che ha suono flebile e monotono) e
i giovanotti e ragazze del paese ballano, cio fanno catena tenendosi per mano e muovendo
leggermente le gambe e un poco le spalle ritmicamente. Le medesime danze in fondo che si
vedono effigiate intorno ai vasi greci.
Scrive in una lettera datata 13 maggio da Festos:

100

Qui i poveri vanno in giro con una latta quadra da petrolio e per elemosina chiedono un po
dolio. I rivenditori di filo, bottoni e chincaglierie portano pure una latta e danno gli aghi e le
fettuccie in compenso di un poco dolio. La moneta scarsa ma il paese tanto pi poetico. Io non
sono mai stato cos bene.
E pi tardi:
Il mio asinello che pago settanta centesimi al giorno mi rende felice, un vero amico. Cammina
cos dolcemente che posso scrivere e prendere i miei appunti, mentre sono sul basto. Ora ti far
ridere! Ho gi finito di abbozzare il volume su Creta e adesso lavoro per un altro e credo che il
secondo riuscir interessante quanto il primo. Gli scavi che faccio mi dettero risultati cos vasti
per la religione e larte dei popoli primitivi che non possono pi stare tutti nel volume che volevo
scrivere e perci ne preparo un altro per lanno prossimo. Ti far piacere che malgrado le gambe
deboli la testa sia dura e continua a essere giovane. Credo che questa sia la distrazione migliore per
non affaticarmi troppo come facevo prima.
22 maggio. Voris. Le sabbiature sono uno scherzo in confronto alla cura che faccio negli
scavi! Sopra un monte al quale arrivo col mio asinello, mi seggo vicino alla fossa dove scavano gli
operai. Il basto colla gualdrappa rossa mi serve di trono, davanti il monte Ida nevoso dove nato
Giove. I monti formano un panorama incantevole. Dal mare viene un vento fresco, e quando
cessa lo zeffiro incomincia la cura. Sotto gli occhiali neri mi sembra meno abbagliante il sole che
mi penetra come se il mio corpo fosse trasparente. Domani apriremo una nuova trincea e voglia
il cielo che tuo padre sia pi fortunato che nello scavo precedente. Qui la mente si riposa; una
calma, un silenzio, una solitudine che, se ho stremato il mio sistema nervoso come dicono i medici,
qui dovrebbero ripararsi tutti i danni che pu aver subito.
Il 2 giugno ripartiva per lItalia.
***
Il libro che ideava a Festos, mentre non era ancora nato il suo fratello maggiore sintitol:
Le origini della civilt mediterranea. Per raffermare le sue idee e completarle con nuovi studi si
rec linverno seguente in Sicilia. La sua salute non gli permetteva pi di passare la stagione
rigida a Torino ed egli diceva ridendo di fare la cura climatica dellarcheologia. Gi ai primi
freddi si recava a Roma, da dove scrive in gennaio:
Sto lavorando tranquillamente nella biblioteca del Senato; alle 9 sono sempre a letto, mi
preparo al lungo letargo della solitudine durante gli scavi. Leggo tutti i libri vecchi della storia
della Sicilia. Camisco e Minoa si contendono la tomba di Minosse. Ma nessuno sa dove siano le
rovine di queste antiche citt. Tuo padre va a cercarle! Pensa al mio profilo spiccante sui colli
deserti sopra un asinello e dietro a me Stauros ed avrai un quadro moderno di Don Chisciotte
e Sancio Panza. Ma io sono pieno di poesia e di romanticismo, come lidalgo di Cervantes e mi
divertir molto anche se non trover nulla.
La sua nuova passione non gli faceva per dimenticare del tutto le antiche. Rammento
che egli raccont daver tenuto, per viva insistenza fattagli, una conferenza in una piccola

101

Vista dei templi dallo scavo di Cannitello, Partenza per gli scavi, Fondo di capanna del villaggio
preistorico di Cannitello, Sulla via degli scavi ad Eraclea (da Mim Mosso, Angelo Mosso sugli scavi,
1912, pp. 233, 236 e 237).

102

citt dellItalia meridionale. Svolse alcune sue idee sulla educazione fisica della donna e disse
che per la civilt e la prosperit della razza bisognava infine rompere la clausura della donna
meridionale, non solo istruire le fanciulle, ma condurle a rallegrarsi e fortificarsi nei giuochi
allaria aperta. Finita la conferenza la direttrice della scuola gli si avvicin strizzando un occhio
come chi al corrente di una burletta: Eh! Senatore, che bello scherzo ci ha voluto fare con
questa storiella delle ragazze e dei giuochi! Ecco dei risultati confortanti per un apostolo!
Ma di che cosa non lavrebbe consolato un vaso miceneo scoperto sotto il piccone dei suoi
operai in terra di Sicilia!
Rivedo nella memoria, chiudendo gli occhi, quegli aridi paesaggi classici della sponda
africana della Sicilia; ondulazioni sterili di terreno fiorite di asfodeli, profili lontani di templi,
di cui egli amava la solitudine, il sole ed il silenzio. Pass parte del febbraio a Girgenti dove
fu singolarmente fortunato scoprendo un villaggio di siculi preistorici a Cannitello, vicino al
mare.
23 febbraio. Che giornata deliziosa ho passato oggi! Alle 8 un raggio di sole spunt mentre
salivo a cavallo. Passai davanti ai templi greci. Le colonne di pietra color giallo doro sorgevano
maestose sui campi di mandorli fioriti. Sembravano alberi coperti di neve e il fondo roseo dei
petali lasciava trasparire tra il bianco una sfumatura rosea pallidissima. Il venticello primaverile
staccava i fiori che volavano disfatti come fiocchi di neve ed imbiancavano la strada.
Arrivai a Cannitello dopo una cavalcata di due ore. In lontananza la citt di Girgenti e le
rovine dei templi facevano corona ad un seno incantevole del mare africano. Perlustrai i campi a
cavallo e per tutto si vedevano frammenti di vasi neolitici, pezzi di selce e schegge di armi antiche.
Adocchiai una collinetta e pensai che alla sommit dovevano aver piantato le loro capanne i siculi
nellet della pietra. Tracciai con Stauros la trincea e gli operai cominciarono a scavare. La terra
diventava sempre pi nera e i cocci e i frantumi dei vasi pi interessanti. Quandecco a cinquanta
centimetri trovammo una spada di bronzo. Puoi immaginare la gioia di tutti! Ad un metro altra
sorpresa. Si scopre il pavimento ben battuto, duro ed un po cotto del focolare di una capanna
dellepoca primitiva della Sicilia. Come vedi il primo giorno fu molto felice.
Abbandon provvisoriamente il fortunato scavo di Cannitello per lantica Eraclea greca
che era lo scopo del suo viaggio. Dopo un pranzo pantagruelico in casa del sindaco:
Partimmo a cavallo per la zolfara di Vizzi dove siamo ora installati. La zolfara fu abbandonata,
i dintorni della casa verso il nord sono orridi e deserti. Per quanto si stenda locchio non vedesi
una casa. Ieri sotto la luna sembrava un paesaggio incantato simile ad alcune scene delle Alpi le pi
selvaggie. Nella mia camera non c nulla, ma il tuo ritratto e quello di mamma bastano solo ad
adornare le pareti. Un letto da campo con buone coperte mi diede il conforto di una notte deliziosa
dopo che ebbi tappato tutte le fessure delle finestre con giornali. La mancanza di una tavola nella
camera mi rende pi giovane ed avventuroso. Ho per una seggiola! Passer qui un mese felice!
Questa mattina ci alzammo alle sei, non ti meravigli lora mattutina perch ieri sera alle otto
e mezza ero gi addormentato. Qui c un cavallo con la sella spagnuola del secolo scorso che serve
per andare a prendere le provviste ed anche per condurmi allo scavo: ma questa mattina volli
andare a piedi e forse vi andr sempre, perch il passeggiare al sole fa bene alle mie gambe.
Dalla parte del mare verso Capobianco il paesaggio pi allegro, tutto verde e col mare
africano dinanzi. Si perlustr il luogo dove faremo gli scavi. Il professore Salinas lavorer presso

103

una torre greca che era una porta della citt di Eraclea ed io far gli scavi nella necropoli. Il
professore Salinas piant la tenda presso la torre. Io ho una grande capanna di paglia a mia
disposizione che hanno costruito i pastori per le mandrie presso la necropoli. Domani comincer
con quattro operai.
Siamo in un terreno archeologico che non fu mai esplorato e perci abbiamo molta probabilit
di trovare qualcosa di nuovo. Io del resto non mi preoccupo, perch basterebbe che ho gi trovato
a farmi contento. Qui abbonda il latte e la ricotta eccellente. I capretti si devono uccidere per
mantenere gli operai.
6 marzo. Abbiamo scoperto un teatro greco a Eraclea! Lavrai forse gi letto a questora nei
giornali. Appena sar meglio scoperto dalla terra che lo ricopre te ne mander una fotografia. Io
non provai una grande e emozione perch un teatro una cosa moderna in confronto alle ricerche
delle quali mi occupo. Ad ogni modo un successo ed una cosa non comune trovare un teatro greco.
Prevedo che molti giornalisti verranno ora a trovarci per vedere il monumento da noi regalato
alla patria ed allammirazione degli archeologi. Da parecchi giorni aspettiamo che il provveditore
porti carne di vitello od almeno un capretto e siamo obbligati ad aprire scatole di carne conservata.
Abbiamo una gallina legata ad una gamba, ma aspettiamo per sacrificarla che ne arrivi unaltra.
Intravvedo fra le righe la sua commiserazione per quel teatro che era appena greco, tanto
vero che, come di fuga, ritorna allo scavo preistorico di Cannitello.
Era uscito in quei giorni il suo libro su Creta ed egli si lamenta di non aver ricevuto da
molto tempo i giornali.
Qui sono completamente isolato e non so cosa scrivano i giornali sul mio conto. Lo scavo
del mio villaggio preistorico procede bene. Scoprii la strada, la piazza lastricata e molti fondi di
capanna ben conservata. La scoperta di questo villaggio di siculi primitivi anteriori alle colonie
greche che ora possiamo studiare e conoscere, dester una grande sorpresa fra gli archeologi.
Oggi a Cannitello trovai una tavola di libazioni con bei vasi di bucchero, delle conchiglie e
corna sacre; certo un santuario. assai importante il sapere che nella religione dei siculi primitivi
vi erano le medesime corna sacre che furono trovate nei sacelli di Festos e di Haghia Triada. I
vasi di steatite, le corna sacre, la spada di bronzo che trovai, collegano questi popoli con la civilt
micenea e questo era appunto lo scopo dei miei scavi.
Il 23 marzo era nuovamente ad Eraclea.
Sono tornato alla mia casetta di Vizzi. Il tempo splendido e lambiente mi domina col suo
fascino. Ieri sera ho fatto a piedi unora e mezza di salita perch a Montallegro non trovammo i
muli che qui si chiamano vettura. Giunsi alla casetta in condizioni eccellenti e il tuo ritratto e
quello della mamma sembrava che mi aspettassero e mi salutarono con il loro sorriso. Attaccai il
soprabito ad un chiodo, aprii in terra la valigia ed il mio alloggio era nuovamente ammobigliato.
Trovai un tavolo! Ora posso dire che vivo con lusso, perch non ti scrivo pi con la carta sulle
ginocchia.
E parla del pranzo darrivo che fu il miglior pasto fatto fino ad ora sugli scavi. Un vero
banchetto luculliano: broccoli selvatici, una scatola di pesce allolio e caff; lacqua per bere
veniva in giarre da Cattolica a dorso di cavallo, perch tuttintorno per molti chilometri non
ve nera traccia.

104

Ad Eraclea fra i cespugli e gli asfodeli si vedono ancora i pavimenti a mosaico delle case
greche e sopra vi pascolano le greggi. Di quella selvaggia grandiosa solitudine egli parla con
entusiasmo e sopporta per amore dei nostri progenitori millenari di non aver ancora potuto
leggere gli articoli scritti sul suo libro. Mandatomi la fotografia della casetta di Eraclea scrive:
Passai alcuni indimenticabili giorni della mia vita in questa povera casetta dove di notte
sentivo le onde del mare africano infrangersi sulla spiaggia.
Gli scavi di Eraclea sono finiti quando sono finiti i denari; che per disseppellire tutto il
teatro greco ci vorrebbero degli anni di lavoro; ma egli annunciava vibrando di gioia che il
Governo conserver quale monumento nazionale il villaggio preistorico di Cannitello la cui
scoperta aveva gi fatto molto rumore. Lo scavo del villaggio preistorico sar circondato a
difesa da un muro.
Io sono soddisfatto del mio lavoro e sono contento che essendomi lanciato nellarcheologia
vedano che faccio sul serio. Quando vi dissi prima di partire che avrei avuto fortuna il vaticinio
era fondato unicamente sullinerzia degli altri. Io so per esperienza che qualunque cosa uno si metta
a studiare, se fa per davvero, con il proposito di riuscire pu essere sicuro che non gli mancher il
successo.
O magnifico ottimismo dei vincitori!
Lanno seguente la sua campagna archeologica fu a Taranto feconda di studi e di trovamenti.
Fece delle ricerche coi palombari sul fondo del porto e uno scavo in una piazza.
20 marzo. Questa mattina ho incominciato a scavare nel mezzo di una piazza a Taranto, poco
lontano da casa mia con un sole splendido. lideale degli scavi. Una fortuna simile non capit
mai a nessun archeologo. Il municipio mi diede i suoi operai e le guardie che fanno stare indietro
la folla. Puoi immaginare lemozione di scavare una fossa profonda nel mezzo di una piazza per
cercare il tesoro, come dicono gli spettatori. Ormai il timore di privazioni e sofferenze per questa
vita degli scavi cessato.
Invece di temere, come sembra da queste righe, le privazioni e le sofferenze degli scavi, si
rec quello stesso anno in Puglia in pieno agosto, cosa che fece rabbrividire dorrore tutta la
famiglia, in quella medesima Molfetta dove andammo poi insieme la primavera seguente. La
sua salute era assai peggiorata, ma egli aveva deciso che le sue gambe vacillanti non dovevano
essere per i suoi studi di nessun impedimento ed era una pena vederlo partire in quello stato
per luoghi inospitali e selvaggi, dove, invece di seguire il regime prescritto dai medici, doveva
stimarsi contento di trovare qualcosa da mangiare.
Era diventato negli ultimi tempi sempre pi distratto ed assorto, sembrava che per istintiva
economia spirituale avesse semplificato il pi possibile i suoi rapporti col mondo esterno per
conservare intatta la magnifica potenza interiore della sua intelligenza. Aveva finito il libro
sulle Origini della civilt mediterranea, che con grandi quantit di osservazioni, di fotografie, di
dati, tende a scalzare la famosa teoria delle invasioni degli indo-germani apportatori di civilt
nel bacino del nostro Mediterraneo e gi si accingeva a scrivere Gli italiani dellepoca della
pietra alle prime colonie greche, il libro che la morte gli imped di finire. I tre volumi insieme
avrebbero formato una poderosa mole intitolata Preistoria.

105

In quellanno 1910, che fu lultimo, fummo insieme a Siracusa, ed egli ci aveva preceduti di
un mese sperando trovare nel clima di Sicilia labituale sollievo alla sua salute. Ammalatosi
abbastanza gravemente a Napoli, malgrado le atroci sofferenze e le preghiere della sorella, che
ivi abitava, aveva ugualmente voluto proseguire, ben sapendo che lo attendevano alla fine del
doloroso viaggio un paese ignoto, la solitudine ed una squallida camera di albergo. L giacque
per due settimane sperando di giorno in giorno di riprendere un poco di forze per cominciare
gli scavi e scrivendo a noi di star bene. Stoica tempra duomo.
Risollevatosi alquanto dal male, si recava nel maggio ad Arcevia nella valle della Vibrata,
piccolo paese dellalto Abruzzo, di difficile accesso e di asprissima vita.
7 maggio 1910; che giorni tristi ho passato nella mia camera mentre il tempo era brutto! Passeggiando con otto passi attraverso la camera in su ed in gi, mi sembrava di essere un condannato
allergastolo che scontasse la pena di un delitto. Sullo scavo quando piove sto meno male perch
vado nella casa di un contadino dove sto caldo. V una grande stanza pei bachi tutta chiusa dove
la stufa funziona giorno e notte e mi scaldo e passeggio pi al largo mentre guardo queste bestioline
che mangiano e dormono. Che bella vita!
Chi conobbe il suo inesausto ardore deve sentire lo scoraggiamento che vela queste umili
righe. Fu il suo ultimo scavo e la sua ultima lettera!
***
Il suo nome sta scritto sulla fronte del laboratorio per la scienza internazionale che egli
edific a tremila metri accanto ai ghiacciai del monte Rosa e lass sepolto per dieci mesi sotto
la pura neve, e sta scritto sul muricciolo che recinge il villaggio preistorico di Girgenti, poche
rovine millenarie, nellarida pallida terra fiorita dasfodeli che lambisce lazzurrissimo mare
africano. La solitudine mortale delle Alpi che egli scrut ed ador con tutte le forze della sua
giovinezza e la solitudine grandiosa soffusa dantichi pensieri sereni e chiusa dai profili dei
templi che consol la sua vecchiaia.
Il ricordo della sua intierissima dedizione quasi stoica nella sofferenza ad un ideale del
suo spirito mai sazio, il ricordo del suo infaticabile fiducioso lavoro consiglio di attivit e di
serenit al cuore di tutti coloro che lo amarono.
MIM MOSSO (1912)

106

Letture
Joseph Ratzinger
Fede e scienza. Un dialogo necessario

Un approfondimento relativo al rapporto tra fede e scienza (dissidio, dicotomia,


dialettica, contrapposizione, convergenza parallela, divergenza insanabile, dialogo
mancato, impossibile o necessario che sia) meriterebbe ben pi ampio spazio, e certo
un relatore pi competente. Tuttavia, in un fascicolo che nasce come arricchimento
e valorizzazione degli argomenti e degli insegnamenti affrontati in una scuola, nonch
della sua vita culturale, un accenno allevoluzione di questa tematica tanto doveroso
quanto necessario.
Basti pensare a quale incidenza abbia il caso Galileo allinterno della programmazione di pi materie scolastiche al punto che, o attraverso lo studio della filosofia
o della letteratura italiana, oppure affrontando i contenuti di storia piuttosto che
di fisica, prima o poi ciascuno studente si trova, volente o nolente, a riflettere e a
parlare contemporaneamente sugli errori della chiesa del Seicento, sul fervore con
cui si pu e si deve affermare la verit, sulla necessit di adeguare i contenuti di una
ricerca intellettuale o scientifica al contesto e alla disponibilit delle culture o dei
periodi storici e, infine, sullopportunit o meno di abiurare una verit e se ci
sia stato fatto per garantirsi la facolt di proseguire il proprio lavoro oppure per
semplice vilt. Ma, soprattutto, si consideri quanto la questione galileiana, quasi
sempre citata a paradigma dellinconciliabilit di fede e scienza, sia la pietra miliare
di un rinnovato dialogo, o tentativo di dialogo, tra le due discipline, prima con la
costituzione pastorale del Concilio Vaticano II Gaudium et Spes (7 dicembre 1965)
e successivamente con il Discorso per la commemorazione di Albert Einstein, tenuto
nel 1979 da Giovanni Paolo II il 10 novembre 1979 presso la Pontificia Accademia
delle Scienze, molti dei cui contenuti saranno ripresi nellenciclica Fides et Ratio del
1998. Dopo questo basilare discorso, come molti ricorderanno, seguir la creazione
di una Commissione di studio sul caso Galilei, presieduta dal Cardinale Poupard e
composta da molti religiosi di chiara fama e indiscutibile dottrina, tra cui lallora
vescovo di Milano Carlo Maria Martini, che offrir materia per chiarire sempre me107

glio il doloroso malinteso e, come ha illustrato Luigi Accattoli nel suo volume
dal titolo Quando il Papa chiede perdono, pubblicato da Mondadori nel 1997, per
avviare quelle revisioni che hanno reso unico e particolare il pontificato di Karol
Wojtila.
Senza addentrarci troppo nella questione, con il rischio di commettere errori
di giudizio o di pregiudizio, per seguire e approfondire il dialogo serrato tra le
ragioni della fede e quelle della scienza, come sempre possono venirci incontro i
libri. Nellampia bibliografia disponibile, prendendo come riferimento alcuni testi scritti da uomini di fede, ci sembra che un particolare rilievo meritino, per
completezza di documenti offerti il volume pubblicato nel 2009 da Jaca Book, in
collaborazione con la Pontificia Accademia delle Scienze, I Papi e la scienza nellepoca contemporanea (una raccolta sistematica dei discorsi sulla scienza tenuti dai papi negli ultimi cento anni, in un arco temporale che va da un Benedetto, il quindicesimo, allemerito sedicesimo), e soprattutto, per ricchezza di argomentazioni
storico-filosofiche e per freschezza di linguaggio, Fede e Scienza. Un dialogo necessario, antologia curata da Umberto Casale per la casa editrice Lindau di Torino
degli scritti e di alcuni discorsi tenuti sullargomento da Joseph Ratzinger tra il
2005 (anno della sua elezione al soglio pontificio) al 2010, anno di pubblicazione
del libro.
I motivi per consigliare una lettura allapparenza cos ardua non mancano: intanto,
dicevamo, la ricchezza delle argomentazioni, condotte facendo spesso riferimento
a materiali capaci di abbracciare pi storie e pi forme culturali, dalla Bibbia alle
biografie degli scienziati, dai filosofi greci alla letteratura del Novecento, e attraverso
luso di immagini capaci di stimolare insieme ragione e fantasia (una fra tutte lapologo del clown e del villaggio in fiamme narrato da Kierkegaard, per definire la
condizione del credente che vuole affermare la sua fede nel mondo contemporaneo);
in secondo luogo per la coerenza e la trasparenza del discorso proposto, che non
trascura lattenzione verso un tipo di scrittura sereno e godibile: nel progredire delle
pagine benedettiane, infatti, non si pu non cogliere, per dirla con un famoso storico dellarte, una quieta grandezza e insieme una nobile semplicit che affabulano e
affascinano, che chiariscono il ragionamento e, contemporaneamente, lo rilanciano
verso nuove sfide; infine, per la costruzione del percorso, che potr apparire opinabile
a chi si avvicina a queste pagine con langolo visuale dello scienziato, ma che definite prima le ragioni teologiche, progressivamente si addentra nello specifico della
scienza moderna, specie nellinteressante saggio dedicato al rapporto tra creazione ed
evoluzionismo.
Fin dalle prime battute si entra nel vivo del discorso. Nella prima delle tre
sezioni di cui composta lopera, lintroduzione dal titolo: Fede e scienza, comu108

nicazione di saperi?, il curatore, docente di teologia fondamentale presso lIstituto Superiore di Scienze Religiose di Torino, inizialmente ci ragguaglia sulla storia di un rapporto complesso, spesso conflittuale, in perenne divenire, ma sicuramente possibile e positivo (se la molteplicit dei saperi sa uscire dal riduzionismo
pregiudiziale per aprirsi ad un dialogo realmente multidisciplinare), per far emergere subito dopo la traccia con cui leggere i successivi scritti benedettiani: il rapporto tra fede e scienza non pu essere declinato come lo scontro o lincontro di
due verit opposte, ma come lintegrazione tra due metodi, in un contesto culturale nel quale diventa sempre pi difficile affermare di essere credenti. Per luomo di fede, daltra parte, la verit chiara e indiscutibile, al massimo lobiettivo
quello di poterla vedere, o al limite solo avvicinare, anche grazie agli insufficienti
strumenti umani della conoscenza, allinterno della limitatezza di ogni esperienza
umana.
Dal saggio introduttivo, corredato da una sterminata quanto preziosa e aggiornata
bibliografia la cui consultazione risulta essere un ulteriore elemento di distinzione di questa antologia , emerge la necessit di considerare lesperienza umana
come il campo privilegiato della possibile azione comune di fede e scienza ovvero: un campo dove possibile un dialogo e unintegrazione a partire da una riflessione sulla struttura e sullorigine dellesperienza stessa, risalendo a un livello
pi originario del sapere, livello da cui traggono origine le varie forme del sapere,
sia il sapere scientifico sia il sapere della fede, dove emergono domande comuni che
sono dimportanza vitale per lintera comunit umana (p. 53). Pertanto, non basta la ragione ad indagare la realt, a sciogliere i misteri delle cose, a cercare e a
raggiungere certezze ineluttabili, semmai necessaria e centrale la coscienza umana, che si configura come lunico e reale soggetto di conoscenza della verit (p.
57).
Progredendo nelle due sezioni degli scritti di Ratzinger, ovvero Fede, ragione e
scienza, raccolta di materiali tratte dalle pubblicazioni del teologo bavarese e Fede e
scienza al servizio della verit, raccolta di discorsi papali pronunciati in diverse occasioni, alcuni contenuti fondamentali si precisano e si arricchiscono. Intanto, ci
che preoccupa lautore la riduzione dellesistente al reale misurabile, cio lidea che
luomo non debba porsi domande su questioni non direttamente sperimentabili
o dimostrabili e contemporaneamente, parafrasando Heidegger, che luomo sappia
misurare tutto ci che nel mondo tranne se stesso. A livello filosofico e metodologico esiste una netta diversit tra ontologia e fenomenologia, come dimostrato
nel gi citato saggio Fede nella creazione e teoria evoluzionista. Secondo Ratzinger,
infatti: La fede nella creazione ricerca lesistere dellessere in quanto tale, il suo
problema il perch esiste il qualcosa e non il niente. Lidea di evoluzione invece
109

si preoccupa del perch esistono queste cose e non altre, da dove esse hanno ottenuto la loro determinazione e in quale relazione stanno con le altre configurazioni
(p. 169); in altre parole: la fede nella creazione tratta della differenza tra il nulla
e qualcosa, mentre lidea di evoluzione si occupa di quella tra qualcosa e qualcosa
daltro.
Luomo deve porsi domande che vanno al di l dellevidenza delle cose, soprattutto non deve ridursi a considerarsi solo ragione o accettare solo ci che essa pu
vagliare, pur nel riconoscimento della libert e del valore della ricerca scientifica
per laffermazione della verit sul cosmo, sulla natura e sulla costituzione dellessere
umano. Siamo per oltre ladagio pascaliano del cuore che conosce ragioni sconosciute alla ragione, semmai la questione accettare e affermare che luomo anche e
soprattutto spirito. Daltra parte, come afferma Benedetto XVI: Copernico, Galilei, anche Newton erano platonici. Fondamentalmente si basavano sul presupposto
della strutturazione matematica, spirituale del mondo e, di conseguenza, a partire
da tale presupposto, sulla possibilit di decifrarne lenigma e, nellesperimento, di
renderlo comprensibile e insieme utilizzabile [. . . ]Tutto il pensiero scientifico e ogni
applicazione tecnica sono basati sul presupposto che il mondo sia ordinato secondo
leggi spirituali, abbia in s spirito, che pu essere imitato dal nostro spirito. Ma al
medesimo tempo la sua percezione collegata al controllo mediante lesperienza
(p. 163). Ci pone la necessit di limitare giustamente lo spazio della ricerca scientifica nellambito dei fenomeni, ma non si possono porre limiti al pensare umano,
non si pu mutilare la ragione, non si pu disintegrare luomo dallo spirito, poich questo porta a forme patologiche tanto in campo religioso quanto in campo
scientifico.
In fondo, come possibile leggere nelle pagine introduttive del capitolo Fede
tra ragione e sentimento (p. 182) ci che dovrebbe unificare i percorsi di fede e
scienza la necessit di risolvere quella che Werner Heisenberg, in un incontro
di giovani fisici, tra i quali Wolfgang Pauli e Paul Dirac svoltosi nel 1927, percepiva essere una schizofrenia, una spaccatura tra oggettivit e soggettivit, tra due
mondi concepiti come irriducibili luno allaltro, con la diversa finalit di distinguere il vero dal falso la scienza, la fede invece il buono dal cattivo. E ci, sembra
dire Benedetto XVI possibile solo se luomo non viene disintegrato, ridotto fenomenologicamente ad una sola delle componenti che costituisce la sua insostituibile
natura.
Pi fede che scienza, potrebbe obiettare qualcuno, per questo piccolo consiglio
di lettura, pensando forse ad altra destinazione editoriale, un fascicolo di filosofia, se
non di teologia. Eppure il succo del discorso sopra sintetizzato riassumibile, anche
banalmente, nella necessit di porsi sempre delle domande e di non limitare lo spazio
110

delle nostre ricerche ad una sola dimensione: senza domande non si trova la verit,
la fede produce domande, la scienza per cercare delle risposte deve porsi domande.
A noi toccava il compito di parlare di un dialogo attraverso la presentazione di un
libro, e di un dialogo, di un evoluzione di dialogo, di un percorso dialogico, ancorch
proposto da una delle due parti non necessariamente in conflitto, abbiamo parlato. E
poi c lidea di proporre e di leggere un libro: nessuno pu opinare che ci non sia
un chiaro atto di scienza. E nemmeno che sempre di pi non stia diventando un atto
di fede.
Salvatore Gerace

Joseph Ratzinger Benedetto XVI, Fede e scienza. Un dialogo necessario,


unantologia a cura di Umberto Casale, Torino, Lindau, 2010, pp. 244.

111

Il presente fascicolo una pubblicazione di tipo scientifico, senza fini di lucro, stampata
in n 500 copie, tutte fuori commercio. Sono fotografie e illustrazioni di pubblico
dominio, tratte da siti web, le immagini alle pp. 8, 15, 17, 18, 20, 25 (http://cms.
cern.ch); 12, 28 (http://commons.wikimedia.org); 32 (http://mateureka.it); 34
(http://ilord.com); 38 (http://sites.google.com); 42 (http://biebkriebels.
blogspot.it); 44 (http://it.wikipedia.org); 45, 46 (http://nanopedia.cwru.
edu); 47 (http://dimeweb.blogspot.it); 49 (http://youtube.com); 50, 51 (http:
//stilton.tnv.utwente.nl); 52 (http://personalpages.to.infn.it). Sono riproduzioni dai testi o dai periodici citati le immagini e le fotografie alle pp. 54, 57, 62,
66, 70, 72, 77, 80, 83, 86, 89, 91, 92, 95, 98, 102. LI.I.S. Bobbio a disposizione degli
eventuali detentori di diritti che non stato possibile contattare o che non si ritenuto
indispensabile interpellare.

Finito di stampare
nel mese di giugno 2013

112