Sei sulla pagina 1di 20

RIVISTA ITALIANA

DI

NVMISMATICA
E SCIENZE AFFINI
FONDATA DA SOLONE AMBROSOLI NEL 1888
EDITA DALLA SOCIETA` NUMISMATICA ITALIANA ONLUS - MILANO

VOL. CXII
2011

Estratto

INDICE

MATERIALI
R. CANTILENA, Monete dal Santuario di Hera alla foce del Sele (Paestum). Nuovi dati e vecchi scavi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. CAVAGNA - M. CHIARAVALLE, Le monete tolemaiche e alessandrine
del Museo Civico Paolo Giovio di Como . . . . . . . . . . . . .

15

29

57

SAGGI CRITICI
F. THIERRY, Origine e sviluppo del sistema monetario cinese tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
M. PENSA, Limmagine della citta` nella documentazione numismatica (prima parte) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
C. MARVEGGIO, La monetazione di Hatria. Aspetti cronologici, ponderali, iconografici e produttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L. FABBRI, Livia, Diva Augusta, Dea Cerere sul dupondio coniato
dallimperatore Claudio nel 42 d.C. . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. SAVIO, Appunti di Numismatica Alessandrina I. Una dracma intrigante di Antonino Pio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
M. ASOLATI - G. SALEMI, Caratterizzazione di nummi di V sec. d.C.
tramite rilievo tridimensionale: uno strumento per la ricerca
numismatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
G. CARRARO, Concessione di zecca e produzione monetaria ferrarese
in epoca comunale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

105
135
173
185

199
211

10
A. GIULIANI, Giovanni dAngio` e la zecca dellAquila (1460-1463).
Dalla guerra al terremoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L. GIANAZZA, Inquadramento delle emissioni di grosso modulo in argento nei ducati di Mantova e Monferrato (1587-1626) . .

Indice

243
255

STORIOGRAFIA NUMISMATICA
D. CALOMINO, Collezionismo e commercio numismatico nella Verona di Scipione Maffei: testimonianze inedite su un raro medaglione dOttone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
C. RAVARA MONTEBELLI, Le tavole del primo tomo dellopera di Onorio Arrigoni emendate dallautore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

303
327

MEDAGLISTICA
e
A. BERNARDELLI, E ancho si butto`di molti medaglie di piu` sorti... `
stata una bella e alegra solennita`. Aspetti delluso di medaglie
nei rituali di fondazione, il XVI secolo . . . . . . . . . . . . . . . .

341

NOTE
A.L. MORELLI, Monete e oreficeria: valorizzazione dei materiali e
studio multidisciplinare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
S. MARSURA, La parola alle monete: la quotidianita` e leccezionalita`
del femminile tra Principato e Dominato . . . . . . . . . . . . . .
A. CRISA`, Lettera di Girolamo Bonanno Chiaramonte su una moneta doro di Costantino IV (Caltagirone, 1745) . . . . . . . . . .

379
387
403

RECENSIONI
L. TRAVAINI: Largento nella storia del Vicino Oriente Antico . . .
T. LUCCHELLI: W. Leschhorn, Lexicon der Aufschriften auf griechischen Munzen, Band II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
G. GORINI: W. Fischer-Bossert, The Athenian Decadrachm . . .
D. FORABOSCHI: A. Cavagna, La crisi dello Stato tolemaico tra inflazione e svalutazione del denaro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. CRISA`: M. Puglisi, La Sicilia da Dionisio I a Sesto Pompeo. Circolazione e funzione della moneta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

411
417
420
422
424

Indice

A. CAVAGNA: M. Pslaru, The Roman coins from Potaissa: legionary


fortress and ancient town . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. CAVAGNA: D. Draganov, The Coinage of Deultum . . . . . . . .
A. GARIBOLDI: R. Gyselen, Arab-Sasanian Copper Coinage . . . .
E. ERCOLANI COCCHI: F. Missere Fontana, Testimoni parlanti. Le
monete antiche a Roma tra Cinquecento e Seicento . . . . . .
A. SAVIO: A.M. Stahl (ed. by), The Rebirth of Antiquity. Numismatics, Archaeology, and Classical Studies in the Culture of the
Renaissance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. SACCOCCI: M. Chimienti, La zecca di Bologna e le sue macchine ;
Id., Monete della zecca di Bologna. Catalogo generale, con la
pubblicazione delle monete del Museo Civico Archeologico di
Bologna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
G. GIROLA: R. Martini, Repertorio medaglie devozionali. Voll. I-II

11
427
436
443
448

453

457
462

SEGNALAZIONI
A. SAVIO: La Numismatica per lArcheologia, lArcheologia per la
Numismatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. CAVAGNA: V. Van Driessche, Etudes de metrologie grecque. Vol.
I. Des etalons pre-monetaires au monnayage en bronze . . . .
A. CAVAGNA: C. Yashin, From Ascalon to Raphia: city-coins of the
southern Palestinian Coast . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. SAVIO: A. Morello, PRORAE, la prima prua di nave sulle monete
della repubblica romana. Origine di un simbolo imperituro del
potere di Roma, un inno a Caio Duilio . . . . . . . . . . . . . . .
A. SAVIO: B. Callegher, Ritrovamenti monetali di eta` romana nel
Friuli Venezia Giulia. Province di Gorizia e Trieste . . . . .
A. CRISA`: B. Aranguren, F. Catalli, G. Catalli, Ripostiglio di Gavorrano, loc. Poggio Gobbo (Grosseto), 1899. Monete romane
imperiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. SAVIO: B. Remy, S. Estiot, S. Le Groumellec, Catalogue des
monnaies, II, monnaies romaines, Bibliothe`que Municipale
dEtude et dInformation de Grenoble, Monnaies imperiales romaines, 8 - Commode . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A. CRISA`: F. Gambacorta (a cura di), Ripostiglio di Gravisca (Tarquinia - VT), 1969. Monete romane imperiali . . . . . . . . .

467
468
471

473
474

474

476
477

12

Indice

L. TRAVAINI: L. Bellesia, Il ripostiglio di Rosola. Monete medievali


del XIII secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
V. DE PASCA: AA.VV., Ripostiglio di Montespertoli (Firenze), 1943,
XVI secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
G. GIROLA: D. Modonesi, Per una storia della medaglistica veronese. La collezione Eugenio Fornoni e la donazione Riccardo Cassini nel Medagliere dei Musei Civici . . . . . . . . . . . . . . . . . .
G. GIROLA: P. Benatti, Monete e medaglie papali . . . . . . . . . . .
G. GIROLA: S. Perfetto, La zecca dellAquila . . . . . . . . . . . . . . .

479
480
482
482
484

NECROLOGIO
G.G., Mario Traina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

487

ELENCO COLLABORATORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

489

ELENCO SOCI

491

....................................

RIN 112 (2011) pp. 15-28

RENATA CANTILENA

MONETE DAL SANTUARIO DI HERA


ALLA FOCE DEL SELE (PAESTUM).
NUOVI DATI E VECCHI SCAVI

Abstract
The study of the hundreds of coins collected in the course of the excavations in the
area of the Heraion at the mouth of the Sele river completes the information concerning the monetary circulation of Poseidonia/Paestum and contributes to the
understanding of the architectural transformations of this extra-urban sanctuary,
as highlighted by the archaeological evidence brought to light by Paola Zancani
and Umberto Zanotti Bianco.
Nel corso dellultimo decennio unequipe di studiosi, coordinati da Giovanna Greco e da Juliette de La Genie`re, ha effettuato sondaggi per definire
le fasi costruttive dei monumenti piu` importanti del celebre Heraion extraurbano di Paestum, messo in luce durante le esplorazioni condotte da
Ugo Zanotti Bianchi e da Paola Zancani Montuoro (1).
Nel procedere alledizione integrale delle nuove evidenze (2), si e` ripreso
lesame del materiale e della documentazione di archivio pertinente ai vecchi
scavi; in tale occasione, mi e` stato affidato il compito di studiare le monete
allora recuperate e custodite nei depositi del Museo Archeologico di Paestum. Durante le esplorazioni nella zona della foce del Sele, infatti, furono
(1) I lavori di scavo, iniziati nel 1934, dopo varie interruzioni sono durati fino agli anni
Sessanta. Gli edifici portati alla luce sono stati editi in piu` contributi: ZANCANI, ZANOTTI BIANCO 1937, pp. 205-354; ZANCANI, ZANOTTI BIANCO 1951-1954; ZANCANI 1958, pp. 7-26; ZANCANI 1964, pp. 57-108; ZANCANI 1967, pp. 7-28; ZANCANI, STOOP 1965-66, pp. 23-195.
(2) Il santuario di Hera alla foce del Sele, c.s.

16

Renata Cantilena

raccolti oltre 600 pezzi, ma lunico lotto edito e` stato quello trovato nei pressi
delledificio quadrato, composto di 122 monete dargento e 33 di bronzo,
databili dalla fine del VI a.C. agli inizi del III a.C (3).. Questo insieme e` assai
diverso rispetto al resto del materiale numismatico proveniente da altre zone
del santuario, perche non si verifica in alcun altro luogo una cos` intensa concentrazione di esemplari, ne altrove e` attestato in numero significativo tanta
moneta dargento. Tutto il resto della documentazione e` costituita, infatti,
per la stragrande maggioranza, da monete in bronzo di epoca piu` recente,
perlopiu` da materiale sporadico, pezzi spesso in giacitura non originaria spostati per i vari rimaneggiamenti subiti dal terreno in occasione di ristrutturazioni allinterno dellarea sacra.
In questa sede, rimandando per questioni di dettaglio alledizione integrale dei rinvenimenti monetali (4), si intende offrire qualche spunto di riflessione sul contributo della documentazione numismatica alla lettura delle importanti evidenze archeologiche del santuario.
Le monete prese in esame provengono dalla cosiddetta zona A, larea di
scavo che si estende per circa 317.000 metri quadrati, dalla riva sinistra del
fiume Sele, ad unattuale distanza dal mare di circa 2 chilometri (5). Gli esemplari raccolti in questo comparto - escludendo quelli dallarea delledificio
quadrato - sono 368, ma forse furono trovate allinterno del santuario anche
molte delle altre monete rintracciate di recente nei depositi del Museo Archeologico di Paestum, nelle cassette contenenti materiali dallarea della foce
del Sele. Le monete recuperate durante le vecchie esplorazioni, salvo poche
eccezioni, provengono da strati rimaneggiati e sono pochissimi i rinvenimenti di moneta associata ad altri reperti in contesti trovati intatti.
Le monete dalledificio quadrato.
Caratteri peculiari presenta il nucleo di monete dagli scavi nellarea delledificio quadrato, il monumento situato ad est del Tempio maggiore, portato alla luce tra il 1958 e il 1960. Il materiale piu` antico, sigillato nella fossa
di drenaggio a forma di imbuto su cui fu costruito ledificio, proviene da attivita` rituali che si svolgevano in precedenza nel santuario. Gli oggetti votivi,
tra cui le monete, furono seppelliti per consacrare il luogo dove in epoca lucana fu edificato il monumento. La demolizione delledificio e il trafugamen(3) ZANCANI, STOOP 1965-1966, pp. 113-135; KRAAY 1967, pp. 43-135.
(4) CANTILENA c.s.
(5) Cfr. la planimetria generale dellarea in FERRARA 2009, p. 22.

Monete dal santuario di Hera alla foce del Sele (Paestum). Nuovi dati e vecchi scavi

17

to di materiali avvenuti in eta` romana, stravolgendo i livelli, hanno irrimediabilmente compromesso una lettura corretta della stratigrafia; pero` in un
lembo di terreno scampato alla distruzione, al di sotto di una piccola statua
in marmo di Hera deposta con altri ex voto, e` stato individuato materiale non
rimaneggiato. Si e` potuto constatare, quindi, che sulla fossa di scarico votivo
si sovrapponeva una seconda stipe formata da oggetti riferibili alle funzioni
che si svolgevano nella struttura, seppelliti nei primi anni del III a.C. Poiche
per le manomissioni avvenute i due depositi sono apparsi distinti solo in
qualche punto, lattribuzione dei reperti ad uno o allaltro si puo` basare unicamente sulla cronologia di ciascuno di essi, fatti salvi i pochi oggetti trovati
in strati intatti.
Uno statere di Poseidonia, datato 470-440 a.C., tratto dalla stessa coppia di conii di 2 esemplari provenienti dallo scarico e raccolto al di sotto di
una metopa riutilizzata come blocco nel lato nord delledificio (6), ha fornito
un terminus post quem per la costruzione. Lassenza di materiale ceramico databile dal 430/420 al 370 circa a.C. ha indotto i primi editori ad ipotizzare
uninterruzione di alcuni decenni tra i reperti piu` recenti dello scarico e quelli del secondo deposito e ipotizzare, quindi, che il momento di uso del monumento coprisse i decenni dal II quarto del IV alla meta` circa del III a.C.
Anche per le monete e` evidente uno iato, ma la sua durata non sembra essere
cos` lunga, sebbene non possa essere definita con evidenza, data lincertezza
circa la datazione di talune serie inquadrabili tra gli ultimi decenni del V e
primi del IV a.C. Daltra parte, la revisione cronologica di alcune classi ceramiche e della stessa statuetta in marmo della dea (che costituisce il terminus
post quem del secondo deposito) datata fine V - inizi IV a.C., e non 370/360
come in precedenza proposto dalla Zancani, rende meno evidente lo scarto
temporale tra i due depositi votivi (7).
Tra il materiale appartenente alla deposizione piu` antica furono trovati
in situ, sul fondo dello scarico, 12 tra stateri e frazioni di Poseidonia di fine
VI - inizi V a.C.; invece, la confusa situazione stratigrafica non consente di
stabilire con certezza la pertinenza delle rimanenti monete di V secolo inoltrato ad uno o allaltro dei depositi votivi, ovvero allo scarico sotto la costruzione oppure alla stipe dei materiali legati alla vita delledificio. Le monete
appartengono alle seguenti emissioni (8):
(6) ZANCANI, STOOP 1965-1966, p. 173. La moneta fa parte del gruppo A della classificazione del KRAAY (KRAAY 1967, pp. 113-135).
(7) GRECO 1996, p. 266.
(8) Le monete pubblicate dalla Zancani (ZANCANI, STOOP 1965-1966, pp. 113-135) sono 155. Nel corso di vari spostamenti del materiale nei depositi del Museo di Paestum, queste

18

Renata Cantilena

Fine VI - circa 420 a.C. Inizi IV a.C. - inizi III a.C. ZANCANI 1965-1966 nn.
Poseidonia 11 stateri incusi (dal 530 a.C.)
1-7, 9, 13,14, 17
6 dracme incuse (dal 530 a.C.)
8, 10-12, 15,16
30 stateri (470-440 a.C.)
41-44, 51, 53-66, 68-75,77-79
9 stateri (440-420 a.C.)
45-50, 52, 67, 76
21 frazioni (V a.C.)
18-30, 33-40
31-32
2 trioboli (fine V-inizi IV a.C.)
137
14 bronzi (350- 290 a.C.)
Velia

2 dracme (fine VI a.C.)


4 dracme (465-440 a.C.)
1 statere (375-365 a.C.)
2 stateri (365-340/330 a.C.)
2 stateri (340/330-fine IV a.C.)
1 statere (fine IV-circa 290 a.C.)

97-98
99-102
108
16,107
103, 104
105

Metaponto 1 statere incuso (470-440 a.C.)


1 statere (430-400 a.C.)

91
92

Sibari

1 dracma (540/530-510 a.C.)


2 trioboli (meta` V a.C.)

94
95-96

Turi

4 stateri (443-400 a.C.)


1 triobolo (443-400 a.C.)
4 distateri (dal 350 a.C.)
2 frazioni (dal 350 a.C.)

81-82, 85-86
80
87-90
83-84

1 statere (375/370-365/360 a.C.)


2 stateri (365-355 a.C.)
1 statere (344-340 a.C.)
1 statere (302-290 a.C.)

109
113
112, 114
111
110

Taranto

1 statere (450-440 a.C.)

furono confuse con altri pezzi della raccolta numismatica e solo di recente sono state identificate. Tuttavia, al momento, non risultano ancora individuati i seguenti esemplari: Poseidonia (catalogo della Zancani, n. 6), Crotone (n. 121), Selinunte (n. 122), Siracusa (n. 123), Poseidonia (nn. 124-137), Paestum (nn. 138-149), Roma (nn. 150-155). Per le datazioni riportate nello schema che segue, diverse da quelle a suo tempo indicate dalla Zancani, cfr. per le
serie di argento di Poseidonia a doppio rilievo, KRAAY 1967, pp. 113-135; per le serie in bronzo di Poseidonia, GRUNAUER 1973, pp. 25-45; per Velia, WILLIAMS 1992, 1 es. tav. III, 78; 1 es.
tav. XII, 226; 2 ess. tav. XV, 266; 1 es. tav. XX, 314; 1 es. tav. XX, 320 var.; 1 es. tav. XXXVIII, 492 ss. (riguardo alle datazioni proposte dal Williams per le monete di Velia della seconda meta` del IV a.C. va tenuto presente che opportuni rilievi sono stati mossi da piu` studiosi: cfr. BURNETT 1994, pp. 205-207; TALIERCIO MENSITIERI 2002, p. 204 e nota 28; GARRAFFO 2002, pp. 240-242); per Metaponto, JOHNSTON 1984, p. 29 e p. 74 (= Noe 237 e 370); per
Sibari e Turi, RUTTER 2001; per Taranto, FISHER BOSSERT 1999: 1 es. gruppo 12, 164e; 1 es.
gruppo 34, 542b; 1 es. gruppo 36, 546g; 1 es. gruppo 39, 589g ; 1 es. gruppo 47, 664o; 1 es.
gruppo 77, 1004d; per Crotone, STAZIO 1993.

Monete dal santuario di Hera alla foce del Sele (Paestum). Nuovi dati e vecchi scavi

Taranto
(Eraclea ?)
Crotone
Selinunte
Siracusa

19

Fine VI - circa 420 a.C. Inizi IV a.C. - inizi III a.C. ZANCANI 1965-1966 nn.
4 dioboli (340-300 a.C.)
115-118
1 statere (530-510 a.C.)
1 statere (fine V-inizi IV a.C.)

121
93

1 bronzo (fine IV-inizi III a.C.)

123

1 statere (fine VI-inizi V a.C.)

122

Mancano gli stateri di Poseidonia dei gruppi III e IV, cioe` di quelle serie
che il Kraay (appunto per la loro assenza tra i reperti archeologici dei due
depositi dellHeraion) riteneva emesse a partire dagli anni 420 a.C. I nominali dargento piu` recenti di Poseidonia sono 2 trioboli di primo IV a.C. che
hanno la leggenda con il sigma ionico (9); mentre, per quanto riguarda le monete in bronzo, mancano esemplari delle serie piu` antiche datate dal 420 al
350 circa a.C. (10). Assenti sono, inoltre, gli stateri di Turi inquadrabili dal
400 al 350 circa a.C. e i didrammi di Elea del periodo III (circa 440/435400 a.C.) e di gran parte del periodo IV (circa 400-365 a.C.) (11). Di Taranto
vi e` un unico pezzo di pieno V a.C. e gli altri 5 si distribuiscono negli anni
dal 375/370 al 290 a.C. In mancanza di uno studio analitico sulla zecca di
Crotone, e` ancora discussa la sequenza cronologia delle serie a doppio rilievo
con Aquila/Tripode, cui appartiene lo statere raccolto presso ledificio quadrato. Questo pezzo ha ancora la leggenda con la lettera coppa e andrebbe
datato, quindi, nei primi anni del IV a.C. perche in seguito sugli stateri si
riscontra il segno kappa (12).
Contemporaneo agli anni in cui fu in vita ledificio e` senzaltro il nucleo
di monete in argento e in bronzo di pieno IV e di inizio III a.C., composto
da esemplari di Poseidonia, di Velia, di Turi, di Taranto, di Siracusa. Dubbia, invece, e` lappartenenza al deposito di una ventina di monete di Paestum
e di Roma di inoltrato III secolo a.C, e cioe` 6 bronzi a leggenda PAISTANO
(II quarto del III a.C.), 1 triente e 2 sestanti a leggenda PAIS (fine del III
a.C.), 2 vittoriati dargento di Roma (fine III a.C.), non coerenti per cronologia con il resto del materiale ceramico riferibile alla fase di vita nelledificio,
(9) Nelle iscrizioni monetali di Poseidonia il passaggio dal san al sigma si verifica nel III
gruppo, datato dal Kraay 420- 410 a.C., nella fase della sequenza degli stateri con lettere in
successione (di cui, come si e` detto, mancano esemplari nel deposito delledificio quadrato):
cfr. KRAAY 1967, p. 134.
(10) GRUNAUER 1973, pp. 28-30.
(11) WILLIAMS 1992, ma per le datazioni dei periodi stabilite dal Williams, cfr. supra,
nota 7.
(12) STAZIO 1993, pp. 103-104 e TALIERCIO MENSITIERI 1993, p. 112.

20

Renata Cantilena

che non sembra scendere oltre il II quarto del III a.C. Queste monete forse
furono perdute durante la demolizione delledificio (13). Del resto non appartengono al deposito i 3 esemplari di avanzato III a.C. (1 triente romano della
fase librale, 1 bronzo a leggenda PAISTANO e 1 triente a leggenda PAIS),
raccolti nel terreno poco distante dal monumento, ad una quota relativamente alta (14).
La presenza di tanta moneta in argento e` un dato di rilievo nella valutazione delle funzioni svolte dalledificio che, come suggerisce la presenza tra
gli ex voto di una statuetta in marmo di Hera in trono, era posto sotto la protezione della dea. La Zancani ne ipotizzo` un uso a carattere amministrativo,
non disgiunto da una destinazione religiosa, ritenendolo luogo di deposito di
valori, erario ed archivio del santuario (15). Uno degli elementi addotti a supporto della sua opinione fu losservazione che, mentre in tutta larea dello
Heraion, anche durante lesplorazione di stipi chiuse e intatte, i rinvenimenti
monetari erano fino ad allora stati rari, rarissimi quelli in argento, presso ledificio quadrato le monete consacrate furono trovate in quantitativi ragguardevoli (16). Questa eccezionalita` e` stata in seguito sottolineata da E. Greco, in
uno studio sugli edifici a pianta quadrata, per rafforzare lidea che il monumento avesse svolto le funzioni di una sorta di tamieion sacro (17).
In effetti, mentre dallarea delledificio quadrato provengono numerose
monete in argento, da altre zone del santuario i pezzi in metallo prezioso sono appena una dozzina; ovvero 2 incusi di Poseidonia, 3 didrammi di Neapolis, 1 diobolo di Taranto, 1 obolo illeggibile e, per quanto riguarda le serie
di Roma, 1 didrammo romano-campano, 2 denari repubblicani e 1 vittoriato, 1 denario di Commodo.
Le monete dalle altre zone del santuario
Le monete provenienti da altre aree del santuario sono perlopiu` rinve(13) Non esclude questa ipotesi la Zancani, a proposito dei vittoriati, certamente piu`
recenti del materiale archeologico: cfr. La monetazione di bronzo di Poseidonia-Paestum,
p. 164.
(14) ZANCANI, STOOP 1965-1966, p. 173.
(15) ZANCANI, STOOP 1965-1966, p. 60.
(16) ZANCANI, STOOP 1965-1966, p. 171.
(17) GRECO 1996, pp. 270-271. Giovanna Greco, invece, ha privilegiato gli aspetti religiosi delledificio che, seppure designato a custodire i beni del santuario a giudicare dallanalisi del materiale coerente alla sua fase di vita, in particolare le centinaia di pesi da telaio
doveva essere stato la sede in cui, in onore di Hera, si svolgevano forme del rituale della
peplophoria, legato alla sfera del mondo femminile: GRECO c.s.

Monete dal santuario di Hera alla foce del Sele (Paestum). Nuovi dati e vecchi scavi

21

nimenti isolati, fuori strato; sicche solo pochi pezzi contribuiscono a datare la
costruzione o la trasformazione degli edifici o a stabilire la data del sotterramento dei depositi votivi.
Un incuso poseidoniate trovato nello scarico di frammenti di ossa e di
materiale bruciato situato ad est dellara del Tempio (altare A) (18) fu utilizzato dagli scavatori come indizio per ritenere che laltare fosse costruito sui
resti dei sacrifici pertinenti al tempio piu` antico. Questa moneta e` della medesima fase alla quale appartengono gli incusi poseidoniati (stateri e frazioni)
delledificio quadrato (19), pezzi che insieme con 2 dracme di Velia, 1 dracma
di Sibari e 1 statere a tondello largo di Crotone, ugualmente dalledificio
quadrato, sono tra i piu` antichi trovati nello Heraion. Recenti saggi, pero`,
hanno evidenziato che al di sotto dellaltare non vi erano strutture precedenti; inoltre, in un lembo di terreno dello scarico, non intaccato dagli scavi del
1949, il rinvenimento di frammenti ceramici anteriori alla meta` del V a.C.,
riferibili a pratiche di libagioni rituali compiute nei primi anni di uso dellaltare, hanno suggerito la datazione dellaltare alla fine del VI - prima meta` del
V a.C. (20), dato che non contrasta con la cronologia dellincuso, il quale costituisce in ogni caso un valido terminus post quem.
Anche nel caso della stoa settentrionale, un terminus post quem per la
datazione della nuova struttura (quella definita dalla Zancani stoa lucana,
che fu impiantata accanto al precedente porticato edificato tra fine VI e prima meta` del V a.C.) e` dato dal ritrovamento di moneta, stavolta 2 stateri di
Poseidonia del gruppo A (470-450/40 a.C.) (21). Essi sono stati trovati, nel
corso di saggi realizzati nel 1993, sotto le fondazioni delledificio evidentemente costruito negli anni successivi alla meta` del V a.C. La stoa lucana
fu datata dagli scopritori alla seconda meta` del IV sec. a.C. sulla base del ritrovamento nelle fondamenta di materiale archeologico databile non oltre linizio del IV a.C., ma soprattutto per un esemplare in bronzo, con Testa di
Posidone/Eros su delfino trovato nella massicciata realizzata al momento della costruzione (22). Date le conoscenze del tempo, la moneta fu ritenuta dalla
Zancani preziosa; datata per lo stile alla meta` del IV a.C. fu intesa, infatti,
come la prova inconfutabile che Paestum avesse coniato moneta prima
della deduzione coloniale. In realta` la datazione delle emissioni a cui appar(18) ZANCANI, ZANOTTI BIANCO 1951, p. 37: la moneta fu raccolta nel 1949 nel conglomerato di ossa e argilla indurita evidenziato dalla meta` della seconda assisa in giu`.
(19) ZANCANI, STOOP 1965-1966, pp. 180-182.
(20) DE LA GE`NIERE c.s.
(21) KRAAY 1967, pp. 113-135.
(22) ZANCANI, ZANOTTI BIANCO 1951, pp. 42-43.

22

Renata Cantilena

tiene questa moneta e` stata oggetto, fino ad anni recenti, di accese discussioni (23). Ora e` opinione condivisa da piu` studiosi che si tratti, come proposto
dal Crawford, di una serie emessa nel secondo quarto del III sec. a.C., con
ogni probabilita` durante la prima guerra punica (24). Se e` attendibile lannotazione del suo rinvenimento nella massicciata realizzata al momento di interventi edilizi nellarea della cd. stoa lucana, la moneta puo` indicare che ledificio fu oggetto di trasformazioni negli anni successivi alla deduzione della
colonia latina.
Risalgono, invece, a non prima del III a.C. i pochi nominali raccolti in
uno dei suoi vani (vano C). In questo ambiente, sotto le tegole cadute dal
tetto, furono trovate 3 monete di bronzo; una e` illeggibile, le altre 2 sono
di Paestum: 1 triente della fine del III a.C. e 1 semisse datato dal Crawford
agli anni 40 del I a.C. (25). Daltronde lannotazione degli scavatori, i quali
osservarono che sulle tegole crollate aderiva uno strato della cenere delleruzione del Vesuvio del 79 d.C. (26), lascia intendere che la struttura era in piedi
e forse in uso ancora nei primi anni del I d.C.
Uno strato di cenere vesuviana copriva anche il cd. thesaurus, il monumento ritenuto dagli scopritori un tempietto arcaico e che, stando alle
piu` recenti ricerche, sarebbe invece lultima costruzione realizzata nella zona A, in pieno III a.C. (27). Al suo interno, sotto la cenere, fu raccolto un
sestante di Paestum coniato tra la fine del III e la prima meta` del II
a.C. (28).
Un contesto rinvenuto inalterato e` la favissa formata da cinque loculi
affiancati, individuata nel 1935 a sud ovest del Tempio, in unarea priva
di strutture ma destinata alla deposizione degli ex voto. La stipe era piena
di offerte datate a partire dalla fine del VI a.C. fino al III a.C. inoltrato - inizi
II a.C. ed era del tutto priva di monete, ad eccezione di un denario dargento
di Roma delle serie anonime con Testa di Roma e Dioscuri (29), della fine del
III a.C. La moneta, piu` che unofferta, deve essere stata persa durante le operazioni dinterramento degli ex voto (30).
Poche monete di epoca greca provengono da uno dei due pozzi votivi
individuati a sud ovest del Tempio e a sud delledificio settentrionale. In base
(23)
(24)
(25)
(26)
(27)
(28)
(29)
(30)

BURNETT, CRAWFORD 1998.


CRAWFORD 1973, 3a o 3b.
CRAWFORD 1973, 10/1 e CRAWFORD 1973, 32.
ZANCANI, ZANOTTI BIANCO 1937, p. 233.
FERRARA 2009, p. 36 con bibl. prec. e DE LA GENIE`RE, c.s.
CRAWFORD 1973, 11/1.
RRC 53/2.
ZANCANI, STOOP 1965-1966, p. 171.

Monete dal santuario di Hera alla foce del Sele (Paestum). Nuovi dati e vecchi scavi

23

allanalisi dei reperti e` possibile stabilire che la fase di uso piu` intenso dei due
bothroi si colloca tra la meta` del IV e il III secolo inoltrato a.C. (31).
Il pozzo denominato II bothros fu ritrovato intatto e ne fu accertata
una frequentazione in epoca imperiale, documentata da lucerne romane.
Le monete recuperate tra il materiale votivo sono 3 nominali in bronzo di
Paestum, tra cui 2 di III sec. a.C. e 1 di I sec. a.C. (32). Uno di essi, un sestante con Testa di Nettuno/Delfino e scritta PAIST, fu raccolto con una
lucerna a vernice nera a circa m 2,70-2,90 di profondita` dalla bocca del pozzo, alla superficie dello strato (33). Altre 6 monete, sono state individuate nel
corso di una recente ricognizione nei depositi del museo: 3 sono di epoca
greca (1 didrammo di Neapolis della II meta` del IV a.C. (34), 1 bronzo di
Neapolis del 270-250 circa a.C. (35) e 1 bronzo di Poseidonia (36)); le restanti
3 sono di epoca imperiale, e quindi molto piu` recenti (37) e testimoniano una
riapertura in eta` imperiale del pozzo sacro. A questa ultima fase vanno attribuiti anche 2 nominali e`nei raccolti nel I bothros: una moneta di Adriano e
una molto corrosa di Faustina (38).
Le rimanenti monete trovate nel santuario, come e` stato detto, sono in
massima parte ritrovamenti sporadici. Esse si riferiscono al periodo posteriore
al II quarto del III a.C. e soprattutto agli anni tra seconda meta` del III secolo
e linizio del II a.C. e costituiscono un attendibile indice dellintensita` della
frequentazione del santuario dopo la deduzione della colonia latina, in una
fase di intensa attivita` di ristrutturazione dellintera area.
Nellistogramma che segue e` indicato il numero degli esemplari provenienti dal santuario (escluse le monete dalledificio quadrato) distinto per
zecche:

(31) Sulle fasi dello scavo dei due pozzi sacri e sul materiale in essi contenuto: FERRARA
2008, pp. 77-111 e soprattutto FERRARA 2009, pp. 47-198.
(32) Si tratta di due sestanti (CRAWFORD 1973, 4/1 e 7/2a) e di un semisse (CRAWFORD
1973, 32).
(33) ZANCANI, ZANOTTI BIANCO 1937, p. 312.
(34) SAMBON 1903, n. 365 e n. 672 = POZZI 1986, serie C.
(35) TALIERCIO 1986, IIIa, 34.
(36) GRUNAUER 1973, serie XXVI ma varia la posizione della gamba sinistra di Poseidon che e` flessa.
(37) Si tratta di un asse illeggibile, un asse di Adriano del 119 d.C. (RIC II, 573), un
dupondio di Marco Aurelio del 166-167 d.C. (RIC III, 949).
(38) ZANCANI, ZANOTTI BIANCO 1951, p. 46.

24

Renata Cantilena

Prevale, ovviamente la moneta locale; tra i pezzi della zecca di Paestum


vi sono 25 esemplari a leggenda PAISTANO, 82 emessi a partire dallultimo
decennio del III sec. a.C., 10 nominali di II sec. a.C., 3 semissi di I sec. a.C.,
1 di eta` tiberiana. Quanto alle monete straniere, la citta` piu` rappresentata e`
Napoli con 23 pezzi, di cui 2 didrammi dargento (1 della seconda meta` del
IV sec. a.C. e 1 di epoca pirrica) e 21 nominali in bronzo (tra questi 15 del
periodo 317/310-270 a.C. ca. e 6 del 270-250 a.C. ca.). Al secondo quarto
del III sec. a.C. si riferiscono anche 2 monete in bronzo campane, rispettivamente di Cales e di Suessa, 1 esemplare di Arpi e 1 della serie romanocampana con Testa di Minerva/Protome equina. Di epoca agatoclea sono
2 monete in bronzo di Siracusa. Tra i pochi altri pezzi esteri, sono attestati
11 bronzi di Velia (mancano pero` i pezzi delle serie con testa di Eracle/Civetta che precedono quelle di fine IV-III a.C. con testa di Zeus/Civetta), una
moneta molto mal conservata forse di Turi, 1 diobolo dargento di Taranto o
di Eraclea e 1 bronzo dei Mamertini degli anni della prima guerra punica.
Agli anni del primo conflitto contro i Cartaginesi (264-241 a.C.) va attribuita anche la piu` antica moneta romana dargento trovata allo Heraion: un didrammo della serie Testa di Bellona/Vittoria. Il resto delle monete romane di
eta` repubblicana e` in netta prevalenza della fine del III sec. a.C. (17 esemplari su 29 pezzi).
In merito alla datazione degli esemplari, come evidenzia il grafico qui
riprodotto, colpisce lesiguita` di moneta fino alla II meta` del IV - inizi III
a.C. Nel santuario le monete diventano relativamente abbondanti solo dopo
la deduzione coloniale.

Monete dal santuario di Hera alla foce del Sele (Paestum). Nuovi dati e vecchi scavi

25

Decisamente diversa e` la situazione documentata dalle monete provenienti dallarea delledificio quadrato. Il raffronto tra linsieme delle monete
dei depositi delledificio quadrato e le monete raccolte in altre zone dellHeraion (cfr. il grafico che segue) da` risalto a quanto gia` segnalato dalla. Zancani
e cioe` che al tempo della deduzione coloniale ledificio quadrato, edificato tra
la fine del V e i primi anni del IV a.C., non era piu` in uso. Nel corso del III
a.C., infatti, lintero santuario fu oggetto di progressive e radicali trasformazioni con la costruzione di nuove strutture (il cd. thesaurus), la trasformazione di altre (come gli ampliamenti alla cd. stoa lucana) e la deposizione di votivi nelle favisse e nei pozzi sacri.

26

Renata Cantilena

Tra gli esemplari raccolti nel santuario attribuiti alla fine del III a.C.inizi II a.C. va sottolineata la grande quantita` di trienti pestani. Il triente
con testa di Dioniso/Cornucopia e` il nominale piu` pesante tra le serie con
i segni di valore coniate da Paestum allo scorcio del III a.C. Il suo peso in
questa fase oscilla da circa 8 a circa 3 grammi, con punti di addensamento
intorno a 4-5 grammi. Lalta percentuale di trienti tra le monete del Museo
Archeologico di Paestum (ben 180 pezzi rispetto al totale di 132 comprendente gli altri nominali) e di quelli raccolti allinterno del santuario alla foce
del Sele (51 esemplari rispetto al totale di 31 comprendente gli altri nominali) indica che, senza dubbio il triente fu il valore di uso comune maggiormente diffuso.
Non e` facile stabilire se la scarsa presenza di moneta emessa dopo la me`
ta del II a.C. e` dovuta al progressivo abbandono delle funzioni del santuario
nel corso del secolo o a diverse consuetudini rituali. Cio` che appare certo e`
che dopo leruzione del 79 d.C. restano soltanto le tracce di una occasionale
frequentazione del sito, come le sepolture di due bambini presso un muro
delledificio quadrato in anfore di III sec. d.C., qualche lucerna o moneta
cadute nei pozzi sacri. Le monete di epoca imperiale (in tutto una trentina)
raccolte in vari luoghi sono in prevalenza di II d.C.

Monete dal santuario di Hera alla foce del Sele (Paestum). Nuovi dati e vecchi scavi

27

BIBLIOGRAFIA
BURNETT A. 1994, Recensione a R. Williams, The Silver Coinage of Velia, Schweizerische Numismatische Rundschau 73, pp. 205-207
BURNETT A., CRAWFORD M. 1998, Overstrikes at Neapolis and coinage at Poseidonia-Paestum, in
Studies in Greek Numismatics in Memory of Martin Jessop Price, ed. by R. ASHTON
and S. HURTER, London
CANTILENA R. c.s., Rinvenimenti monetari, in Il santuario di Hera alla foce del Sele
CRAWFORD M. 1973, Paestum and Rome: The Form and Function of a Subsidiary Coinage, in La
monetazione di bronzo di Poseidonia-Paestum, pp. 47-103
DE LA GE`NIERE J. c.s., Alcune riflessioni e ipotesi dettate dalle recenti scoperte nellarea del santuario al Sele, in Il santuario di Hera alla foce del Sele
FERRARA B. 2008, Il sistema dei doni votivi nei bothroi del santuario di Hera alla foce del Sele, in
Doni agli dei. Il sistema dei doni votivi nei santuari. Atti del Seminario (Napoli 2006),
a cura di G. GRECO e B. FERRARA, pp. 77-111
FERRARA B. 2009, I pozzi votivi nel santuario di Hera alla foce del Sele, Quaderni del Centro
Studi Magna Grecia 8, Silaris 1, Pozzuoli
FISCHER-BOSSERT W. 1999, Chronologie der didrachmenpagung von Tarent, Berlin-New York
GARRAFFO S. 2002, in La monetazione dei Focei, pp. 240-242
GRECO E. 1996, Edifici quadrati, in Lincidenza dellantico. Studi in memoria di Ettore Lepore,
2, a cura di L. BREGLIA PULCI DORIA, Napoli, pp. 263-282
GRECO G. c.s., Il culto, il rito, i doni votivi. La fenomenologia religiosa dalluniverso olimpico a
quello ctonio, in Il santuario di Hera alla foce del Sele
GRUNAUER S. 1973, Die Bronzepragung von Poseidonia, in La monetazione di bronzo di Poseidonia-Paestum, pp. 25-46
JOHNSTON A. 1984, The Coinage of Metatapontum. Parts 1 and 2, by S.P. Noe, with Addition
and Corrections, New York
KRAAY C.M. 1967, Gli stateri a doppio rilievo di Poseidonia, Atti e Memorie della Societa` Magna Grecia n.s. 8, pp. 43-135
Il santuario di Hera alla foce del Sele: Il santuario di Hera alla foce del Sele: indagini e studi, a
cura di J. DE LA GENIE`RE e G. GRECO, Atti e Memorie della Societa` Magna Grecia
c.s.
La monetazione dei Focei: La monetazione dei Focei in Occidente. Atti dellXI Convegno del
CISN (Napoli 1996), Roma 2002
La monetazione di bronzo di Poseidonia-Paestum: La monetazione di bronzo di Poseidonia-Paestum. Atti del III Convegno CISN (Napoli 1971), Annali Istituto Italiano di Numismatica Suppl. 18-19, 1973
La monetazione di Neapolis La monetazione di Neapolis nella Campania antica. Atti del VII
Convegno CISN (Napoli 1980), Napoli 1986
POZZI E. 1986, La monetazione di Neapolis nel IV e nel III secolo a.C., in La monetazione di
Neapolis, pp. 91-100
RUTTER N.K. 2001, Historia Nummorum, I, London
SAMBON A. 1903, Les monnaies antiques de lItalie, Paris
STAZIO A. 1993, La monetazione argentea di Crotone nel IV-III sec. a.C., in Crotone e la sua
storia tra IV e III secolo a.C., Napoli, pp. 103-109
TALIERCIO M. 1986, Il bronzo di Neapolis, in La monetazione di Neapolis, pp. 219-373
TALIERCIO MENSITIERI M. 1993, Problemi della monetazione in bronzo di Crotone, in Crotone e
la sua storia tra IV e III secolo a.C., Napoli, pp. 111-129
TALIERCIO MENSITIERI M. 2002, La circolazione della moneta dargento di Velia in Italia meridionale, in La monetazione dei Focei, pp. 195-233

28

Renata Cantilena

WILLIAMS R. 1992, The Silver Coinage of Velia, London


ZANCANI P. 1958, Altre metope scolpite dallo Heraion alla Foce del Sele, Atti e Memorie della
Societa` Magna Grecia n.s. 2, pp. 7-26
ZANCANI P. 1964, Heraion alla Foce del Sele, I. Altre metope del Primo Thesaurus. II. La rampa
del Tempio Maggiore, Atti e Memorie della Societa` Magna Grecia n.s. 5, pp. 57108
ZANCANI P. 1967, Heraion alla Foce del Sele, I. Stoa`arcaica; II. Continuazione dello Scavo nella
Zona B, Atti e Memorie della Societa` Magna Grecia n.s. 8, pp. 7-28
ZANCANI P., STOOP M. W. 1965-1966, LEdificio quadrato nello Heraion alla Foce del Sele, Atti e Memorie della Societa` Magna Grecia n.s. 6-7, pp. 23-195
ZANCANI P., ZANOTTI BIANCO U. 1937, Capaccio. Heraion alla foce del Sele (Relazione preliminare), Notizie degli Scavi, pp. 205-354
ZANCANI P., ZANOTTI BIANCO U. 1951-1954, Heraion alla foce del Sele, I- II, Roma.

Interessi correlati