Sei sulla pagina 1di 9

le mini guide di bricoportale

ILLEGNOcaseearredi

Da tempo
immemorabile
il legno entra
in mille modi
nella costruzione
di una casa.
Dopo essere stato
quasi del tutto
soppiantato dal
cemento, oggi viene
riscoperto per edifici
di lusso,
ma anche dalla
bioedilizia
ecosotenibile

ILLEGNO
caseearredi

bravi a usare

strutturale

IL LEGNO
1

1. Ledificio prefabbricato viene eretto


su di una piattaforma di cemento armato sotto la quale sono ricavati i garage. Con questo sistema si impedisce
la risalita dellumidit verso il legname.

www.pagano.it

2. Ciascuna parete viene premontata


in fabbrica a partire da robusti travi di
lamellare rivestito con iroko o altri legni
pregiati. Tutti gli impianti sono gi presenti nelle intercapedini e hanno solo
bisogno di essere collegati ai quadri di
distribuzione.

3. Ogni elemento provvisto di barre


filettate e piastre metalliche alle estremit tramite le quali si ancorano le pareti
alle colonne di sostegno di calcestruzzo. I travetti trasversali collegano le pareti e forniscono lappoggio per il pavimento.
4.Grazie al preassemblaggio, la costruzione procede con celerit ed possibile
vedere ledificio nel suo insieme gi dopo pochi giorni. La costruzione in fabbrica dura circa 8 mesi.

l legno ha sempre riscosso un


gran successo nel mondo delledilizia grazie alle sue ottime caratteristiche sia meccaniche sia
estetiche, senza dimenticare il basso costo e il facile approvvigionamento. stato soppiantato da mattoni e cemento per pareti e solai,
ma rimasto una scelta preferenziale per le strutture del tetto, che
devono essere leggere e di facile
montaggio
Le innovazioni tecnologiche hanno toccato anche il tradizionale
mondo delledilizia con nuove versioni del legno: travi lamellari,
pannelli OSB, legno impregnato e
trattato. In Italia la crescente diffusione delle case di legno sostenuta dalla sensibilit alle tematiche energetiche ed ecologiche: infatti il legno un materiale adatto
per la bioedilizia, una filosofia di
costruzione basata sullutilizzo di
materie prime naturali, non inquinanti e facilmente riciclabili.

1. Con lesecuzione di un tetto di legno si


ottiene una resistenza alla flessione paragonabile a quella del calcestruzzo, ma con
pesi inferiori e con un risultato estetico decisamente migliore.
2. Per ancorare la testa della trave nel punto
stabilito si piantano un paio di chiodi alla
traditora, cio in diagonale rispetto al piano
del taglio.

www.guercio-forma.com

COSTRUIRE IL TETTO DI LEGNO

CASE A BLOCCHI

3. Lancoraggio alla struttura portante della


casa si pu realizzare inserendo attraverso
il legno i monconi di tondino nervato che
sporgono dai travi di calcestruzzo.
4. La struttura di un tetto di legno pu
essere lasciata in vista perch aumenta il
pregio della casa e, se allasciutto, ha una
durata paragonabile ad unanaloga copertura di calcestruzzo.

bravi a usare

allaperto

IL LEGNO

IMPREGNATO A PRESSIONE IN AUTOCLAVE


Limpregnazione in autoclave permette alla soluzione salina di raggiungere anche gli strati interni del legno, garantendo cos maggiore protezione a differenza di altri
trattamenti superficiali. I semilavorati sono introdotti in
unautoclave dove sono sottoposti a cicli alternati di vuoto
e pressione con o senza riscaldamento. Durante la fase
di vuoto laria viene estratta dalle cellule del legno che si
dilatano; la soluzione salina che viene caricata successivamente a pressioni superiori alle 10 atmosfere riempie
i canali vuoti penetrando fino al centro dei tronchi.

ra tutte le essenze legnose solo


alcune tra le pi pregiate sono
insensibili agli agenti biologici
(muffe, insetti e batteri) deputati
alla naturale distruzione del tronco
al termine del suo ciclo vitale.
Le richieste di legnami pregiati
superano di molto la disponibilit,
per cui il mercato si orienta verso
essenze meno pregiate e pi deperibili che devono essere trattate in
modo da durare a lungo, possibilmente senza manutenzione.
Le strategie per preservare il legno
sono molteplici e vanno dalla semplice verniciatura con strati protettivi superficiali, allimpregnazione
profonda in autoclave.
Gli impregnanti possono essere
a base di oli, (olio di lino cotto) resine
acriliche o poliuretaniche dispersi
in acqua o solventi che ne abbassano la viscosit favorendo la penetrazione. Nellimpregnazione in
autoclave si sfrutta lazione di sali
che rendono il legno inappetibile
per microrganismi ed insetti.
Un tempo si usavano sali di arsenico, rame e cromo, messi al bando per la loro tossicit; ora si preferiscono soluzioni di rame e boro,
meno nocive, ma ugualmente efficaci. Recentemente stato riscoperto il trattamento con silicato di
sodio che ha una bassa tossicit ma
un batteriostatico molto attivo.

INGRIGISCE
PER PROTEGGERSI
I raggi UV degradano la lignina di cui
fatto il legno e la pioggia la pu lavare
via. Resta solo uno scheletro di cellulosa
insolubile e di colore grigiastro. Lo strato stabile solo in certi legni esotici
molto robusti. Ad esempio mogano, iroko e teak, insensibili al degrado, acquistano un particolare fascino quando diventano di un bel grigio argento.

SEMPRE ESPOSTO
ESTATE E INVERNO
I nemici pi temibili del legno sono lumidit e il sole. Le strutture montate allesterno vanno verniciate con laccature elastiche, impermeabili e resistenti ai raggi UV
che tendono a screpolarne la superficie.
Le parti a contatto con il terreno dovrebbero
essere montate su supporti metallici per
scongiurare risalite dacqua.

www.holzbrenz.it

www.ilgiardinodilegno.it

AL RIPARO NELLA
BRUTTA STAGIONE

Gli arredi da giardino al termine dellestate devono essere riparati in un ambiente asciutto che ne preservi lintegrit. In mancanza di spazio sufficiente
radunarli e coprirli con un telo impermeabile che permetta comunque la circolazione dellaria. Anche se il legno
robusto teak, i ristagni di umidit favoriscono la proliferazione di muffe che
ne macchiano la superficie. Approfittiamo dellinverno per un trattamento con
oli protettivi che nutrono il legno e hanno
il tempo per essere assorbiti a fondo.

FAR DA S

01-2011

47

bravi a usare

in acqua

IL LEGNO

nche se lermeticit di un lavello associata a materiali


come ceramica e acciaio non detto
che non si possano raggiungere ottimi risultati anche con il legno.
Mastelli, botti, barche e secchi
erano (e alcuni sono ancora) di legno e tenevano perfettamente. Per
questa realizzazione, anzich legni
naturali, scegliamo un compensato
di betulla fatto con adesivi fenolici
o resorcinici che non vengono intaccati dallumidit.
La struttura, molto semplice,
quella di un tavolino al centro del
quale viene montata una vasca formata da cinque tavole. La vaschetta
ha le pareti laterali inclinate per
cui necessario disporre di una sega circolare a lama basculante in
grado di eseguire tagli precisi.
Le parti tagliate devono combaciare in maniera perfetta e vanno
levigate prima di essere cosparse
con collanti resistenti allacqua
(poliuretanici, ad esempio).
Per lassemblaggio dei pannelli,
affidato ad una serie di viti, consigliabile eseguire una preforatura
che faciliti lattraversamento del
legno da parete dei filetti senza rischiare distacchi o rigonfiamenti.

LACQUA
RESTA DENTRO
Il segreto per la tenuta stagna del
lavabo sta nellaccurata preparazione dei pezzi, che devono combaciare in modo molto preciso, e
del collante resistente allacqua
come ad esempio un adesivo poliuretanico.

1. Le tavole che costituiscono il perimetro


del lavabo vengono intestate con tagli a 45
in modo da non mostrare la parte interna del
multistrato. Il bordo superiore, invece, viene
nascosto con cornici decorative.
2. La parte superiore esterna della vasca viene
collegata ad un listello munito di incastro;
con colla resistente allacqua e viti si uniscono
saldamente le parti.
3. Dato che il multistrato di colore chiaro
stendiamo a pennello una tinta ad acqua color
mogano seguita da pi mani di vernice trasparente e lucida da imbarcazioni, insistendo
in corrispondenza delle giunzioni.
4. Lo scarico viene montato in fori preparati
prima dellassemblaggio con una sega a tazza
di diametro corrispondente a quello della piletta di scarico e del troppopieno.

1. Le parti danneggiate irrimediabilmente


vanno eliminate e sostituite con legnami resistenti allaggressione dellacqua salmastra
come il mogano.
2. Con un accurato lavoro di scalpello si spianano le scheggiature provando la disposizione del nuovo pezzo fino ad ottenere unaderenza perfetta.
3. Dopo che ladesivo ha fatto presa si procede
ad un aggiustamento delle superfici con raspa
e tela abrasiva fino ad eliminare ogni scalino.

LACQUA
RESTA FUORI
3

4. Con una levigatrice rotobitale si tolgono le


parti di vernice che si staccano senza insistere
su quelle ben aderenti che proteggono il legno
sottostante.
5. Lesecuzone del calafataggio del fasciame,
ove necessario, e la verniciatura dello scafo
con pi mani di vernice riportano a nuovo
limbarcazione.

FAR DA S
48 01-2011

bravi a usare

allinterno

IL LEGNO

l legno ha buone capacit isolanti


e igrostatiche che contribuiscono
a mantenere lambiente salubre.
Niente di meglio, quindi, di un parquet classico, composto da larghe
tavole da 2 o pi centimetri di spessore, che ricorda gli antichi solai.
Per la costruzione si usano listoni
ben stagionati di essenze nazionali
come rovere, noce, ciliegio, olmo e
castagno, oppure esotiche come teak, iroko e doussi.
Il pavimento viene preparato annegando nel massetto una serie di
listelli a sezione trapezoidale (magatelli). A cemento essiccato si inchiodano le tavole sui magatelli
piantando il chiodo nellansa dellincastro in modo che rimanga nascosto dalla tavola successiva.
Pareti e solai possono essere rivestiti di legno preparando un telaio di listelli, nascosto o in vista,
saldamente ancorato al muro con
tasselli. Il rivestimento si fissa con
chiodi corti piantati, come per i listoni, nellincavo degli incastri.

www.ivassalletti.it

PARQUET MASSELLO

FAR DA S
50 01-2011

Durante il montaggio i listoni si incastrano


tra loro battendoli con un martello e poi inchiodandoli su magatelli. I pavimenti molto
articolati vengono preparati in segheria con
speciali macchine e rimontati su massetto
con lausilio di colle molto tenaci.
Le finiture possono essere a cera, ad olio oppure con prodotti vetrificanti.

IL FASCINO
DELLA BOISERIE

CLASSICA

MODERNA

La boiserie una pannellatura di legno che


riveste i muri di una stanza; definizione riduttiva quando si incontrano capolavori di intarsio e scultura come quello della foto. La complessit della composizione di cornici, fregi
e decorazioni fa di questi manufatti delle opere
darte davvero uniche.

Lo scopo utilitaristico di semplice decorazione pu essere raggiunto anche usando materiali moderni che donano comunque unatmosfera pi calda alla stanza. La boiserie moderna d movimento alla parete e si presta
ad essere usata come supporto per mensole
e per punti luce per la lettura.

FAR DA S

01-2011

51

bravi a usare

curvato

IL LEGNO

www.bendywood.it

www.rizziscale.it

DALLARTIGIANO
ALLINDUSTRIA
Lintuizione di Thonet permise di costruire, in serie e a basso costo, sedie e mobili
di una straordinaria eleganza in milioni
di esemplari. Dato il via a quella nuova
metodica, con qualche ulteriore contributo, sono stati sviluppati sistemi per assemblare anche scale, corrimano, cornici, archi e una nutrita serie di altri oggetti
di legno massiccio curvato.
Lalternativa consisterebbe nellincollare
numerosi strati di piallaccio in uno stampo di forma adeguata con costi considerevoli, mentre con il legno curvabile si
riescono ad ottenere le forme desiderate
flettendo i pezzi su pochi punti di appoggio.

segreti per curvare il segno sono


stati sempre inseguiti da tutti i
falegnami. Esistono legni elastici
che consentono di osare di pi e il
riscaldamento del legno aiuta
loperazione, ma alla fine si rischia
sempre il distacco delle fibre esterne. Attorno al 1850 un geniale falegname viennese, Michael Thonet,
scopr un procedimento per curvare il legno senza rischi di rottura.
Un tondo di faggio, riscaldato, veniva posto in una dima formata da
una lamiera con due riscontri alle
estremit.
Piegando la lamiera il tondo appoggiava le estremit sui riscontri
senza mai avere alcuna parte in trazione, ma solo in compressione.
Dopo il raffreddamento il legno
manteneva la forma acquisita definitivamente.

Il legno curvabile si ottiene riscaldando e


comprimendo i quadrotti di faggio fino a
perdere circa il 20% della lunghezza. Dopo
questo trattamento il legno pu essere curvato a secco e a temperatura ambiente fino
a raggi pari a sole 10 volte il suo spessore.
Si usano normali curvatubi per idraulica
(1) oppure dime costruite per particolari
forme (2): basta posizionare alcuni fermi
in punti strategici di una struttura di sostegno e agganciare il tondo (3-4) fino a
che non ha assunto la forma desiderata.

TECNICHE
DI CURVATURA

www.bendywood.it

5. lo straordinario comportamento del legno curvabile permette di ottenere raggi


di curvatura strettissimi. Grazie ad un particolare tipo di unione pu essere realizzato in lunghezze fino a 6.600 mm
6. Usando listelli piccoli possibile plasmare il legno curvabile anche a mano.
7. La piegatura estende le fibre del legno
poste allesterno della curva; dato che
queste non hanno attitudine a ricompattarsi, il pezzo rimane in forma. La massima curvatura raggiungibile data dal
totale allungamento delle fibre esterne.

www.dexigner.com

3
7

FAR DA S
52 01-2011

FAR DA S

01-2011

53

bravi a usare

cose artistiche

IL LEGNO

IL CALICE

Una delle ricorrenti prove di abilit di chi


lavora il legno consiste nellottenere anelli
o catene tratte da un unico pezzo massiccio in modo che non siano sfilabili le
une dagli altri. La realizzazione al tornio
di un calice con due anelli calzati sul gambo comincia dallo svuotamento della coppa entro cui si appoggia la contropunta.
Durante lo sgrossamento si sceglie una
zona con buona uniformit e si stondano
gli anelli con un utensile affilato a semicerchio.
La finitura dellanello con tela fine va fatta
prima di tagliare lultimo diaframma.
Dopo il distacco del pezzo, la tornitura
deve proseguire con cautela per evitare
di generare oscillazioni dannose per il
sottile gambo.

IL FREGIO

I FUNGHI
Partendo da tre anonimi ceppi provenienti
dal taglio di grosse conifere si ottengono
bellissimi fungoni per decorare il nostro
giardino. Si parte da una sgrossatura con
la sega a catena, si prosegue con accette
e roncole per togliere le scalfitture pi
profonde e si termina con una levigatura
con dischi abrasivi lamellari.

Nei lavori di scultura a bassorilievo si parte da un disegno ricopiato sulla superficie


di una tavola di legno tenero, come tiglio
e cirmolo, con il quale si proporzionano
i vari elementi del fregio.
Lavorando sullesterno del disegno si affonda nel legno fino ad eliminare la parte
esterna della tavola.

Ciascun elemento viene fatto emergere


togliendo il legno che ha intorno con scalpelli affilati di varia forma e dimensioni.
Ora che il disegno scomparso dobbiamo
affidarci alla nostra abilit, magari copiando le forme dei vari elementi da frutti
reali.

IL MONOLITE
Una sega a catena pu trasformare un
boscaiolo in un Michelangelo: da un gigantesco ceppo di rovere viene tratto, in
breve tempo, un televisore 29 appoggiato su di una cassettiera con tanto di
maniglie e centrini ricamati.
Per i particolari serve una sega a catena
da potatura con punta stretta.

Le parti da colorare vengono prima coperte con uno strato di cementite che limita lassorbimento del colore e crea uno
sfondo bianco uniforme sul quale le tinte
risultano pi brillanti. Una passata leggera
con tela abrasiva fine al termine del lavoro
fa emergere qua e l il bianco e crea un
piacevole effetto anticato.

54 0FAR DA S

FAR DA S

01-2011

55

bravi a usare

5
2
6

8
7

LEGENDA

1. gamba da sedia di faggio


2. gamba da tavolino di abete
3. gamba da tavolo di faggio
4. gamba da tavolino di abete
5. colonnina ornamentale
di pino
6. colonnina di rovere
per ringhiera
7. elemento di faggio tornito
a fuso
8. colonnina da ringhiera di faggio
9. uova da rammendo di faggio
10. caposcala di lamellare di faggio
11. maniglia di porta di mogano
12. gamba da console in stile
di faggio
13. piedino di poltrona di faggio
fresato al pantografo
14. terminale da colonnina di rovere
15. terminale da colonna
di lamellare di faggio.

www.joubert-group.com

semilavorati

IL LEGNO

DAL TAGLIO AGLI SCAFFALI


1. Il legname arriva nelle segherie in grossi tronchi, viene selezionato in base alla
specie e alla misura, quindi accatastato
in attesa della segagione.

2. I tronchi dritti e privi di difetti vengono


tagliati e montati su uno speciale tornio
munito di una affilata lama trasversale
che lo trasforma, per derullatura, in un
lungo foglio di piallaccio.

13

3. Una parte del legname viene scortecciato e tagliato in tavole da grandi seghe
a nastro. Il tavolame viene accatastato
per la stagionatura o essiccato in grossi
evaporatori sotto vuoto.

14

10

12

11

15

4. Nelle fasi successive piallacci e tavole


di diverse essenze vengono ricomposte
con adesivi ureici, melamminici o resorcinici per dare vita a prodotti pi resistenti
ed economici del legno originale.
5. Cornici e modanature si ricavano da
legni esotici chiari e compatti come obeche, ilomba, jelutong e ramin.
6. Nel compensato sono presenti strati
di legno di basso valore coperti con un
piallaccio di essenze pregiate (nobilitatura) grazie a collanti urea-formaldeide melamminici, definiti termoindurenti dato
che induriscono se riscaldati.

bravi a usare

attrezzi

IL LEGNO

IL GIUSTO SIGNIFICATO
DEI TERMINI TECNICI
Autoclave: cisterna di robusto acciaio nella quale si trattano sotto vuoto e ad alta
pressione i tronchi da essiccare o da impregnare con sali preservanti.
Calafataggio: sigillatura degli spazi tra le tavole dello scafo di una barca con stoppa catramata.
Essenza: variet vegetale da cui deriva il legname (abete, quercia, ebano, ecc).
Impregnante: vernice a bassa viscosit che penetra a fondo nel legno, lo rende impermeabile e diminuisce lassorbimento della vernice di finitura.
Legno massello: detto anche legno massiccio, cos come viene tratto dal tronco.
Magatello: listello di legno a sezione trapezoidale che viene annegato nel cemento
del massetto lasciando una sola faccia in vista.
Mordente: colorante che penetra nelle fibre del legno, conferendo a quest'ultimo
una colorazione, ma lasciando le fibre stesse chiaramente visibili.
Multistrato: composto con lincollaggio di un numero dispari, ma cospicuo, di fogli
sottili di essenze anche diverse, orientati ortogonalmente gli uni agli altri.
OSB: (Oriented Strand Board, pannello di scaglie orientate) pannelli composti da
grosse schegge di legno compresse ad altissima pressione e temperatura.
Piallaccio: sottile foglio di legno ricavato da un tronco massiccio.
Spondarola: pialletto stretto con il ferro a filo di entrambi i lati in modo da poter lavorare di sponda.
Toupie: macchina per la lavorazione del legno ad albero verticale che esegue scanalature ed incastri con utensili a pi taglienti.

onostante il progresso tecnico


di questultimo secolo parecchi utensili tradizionali della falegnameria, realizzati con legno massello, sono tuttora utilizzati nelle
lavorazioni del legno e hanno mantenuto, invariata la loro struttura.
Tutte le lavorazioni possono essere eseguite a mano se si dispone
di un laboratorio fornito di una consistente attrezzatura (antica ma
funzionale) per realizzare, ad
esempio, restauri in linea con gli
oggetti su cui opera.
Pialletti e spondarole permettono
di ottenere modanature ed incastri
che immaginiamo impossibili senza una fresatrice o una toupie.
Tenoni per sedie e mobili sono
alla portata di una sega a pettine
coadiuvata da un truschino che segna il percorso della lama. Serve
infine un solido banco da falegname atto a sopportare un lavoro pieno di forza fisica ed abilit.

Seguici anche su