Sei sulla pagina 1di 1

26

Cronaca di Udine

MESSAGGERO VENETO SABATO 2 GENNAIO 2016

provincia

La ciclovia Alpe Adria


non ha pi misteri:
installati 220 cartelli

I lamponi comparsi nel giardino di unabitazione udinese e un prato punteggiato gi di margherite

Lamponi e prati fioriti


A Capodanno primavera
Il clima anomalo ha accelerato alcune fioriture. Medie superate di 7 gradi in montagna
Ma da oggi si entra in un regime pi invernale: forse luned neve anche a bassa quota
Margherite nei prati e lamponi
gi maturi e pronti a finire in tavola. Per non parlare delle distese verdi in montagna e dei paesaggi nei colori pastello della pianura. Pi che Capodanno, quello di ieri sembrava un qualsiasi
giorno di primavera. E sebbene
le temperature richiedessero comunque dindossare il giaccone, la sensazione era ancora
quella di non essere entrati del
tutto nella stagione invernale.
Lora della svolta, per, vicina. Anzi, vicinissima, se gli umori del tempo confermeranno le
previsioni. La stagione fredda
dovrebbe bussare alla porta del
Friuli Venezia Giulia a partire da
oggi, con il passaggio di un pri-

mo fronte atlantico, e prolungarsi almeno fino allinizio della


prossima settimana. Quando,
seppure in forma debole, potrebbero registrarsi nevicate anche a quote relativamente basse. Compreso in citt, insomma.
Difficile trovare un dicembre
tanto mite negli annali friulani.
Basti pensare che i lamponi,
comparsi gi in qualche giardino, fioriscono in genere tra maggio e giugno. Le anomalie maggiori, per, si sono registrate in
montagna, dove lo scarto tra le
temperature dei giorni scorsi e
quelle della media stagionale ha
fatto la vera differenza. Un esempio su tutti: sullo Zoncolan, il
mese scorso, si avuta una me-

dia di sette gradi al di sopra della


norma.
Di contro, nello stesso periodo, in citt e nella pianura circostante la colonnina di mercurio
ha superato di un solo grado le
temperature medie stagionali. A
spiegare la duplice stranezza il
fenomeno dellinversione termica, che si verifica quando la temperatura dello strato atmosferico aumenta con la quota, invece
che diminuire. Aria secca e calda, in alto spiega Arturo Pucillo, previsore dellOsservatorio
meteo regionale dellArpa , e ristagno di aria umida e fredda, in
basso. E cos, per quanto
tuttintorno si abbia limpressione che sia scoppiata la primave-

ra, sia a San Silvestro, sia nella


giornata di ieri le minime di uno
o due gradi sotto lo zero e le massime relativamente fresche di otto gradi rientrano comunque
nella media stagionale.
A ristabilire gli equilibri, da
oggi, saranno dunque alcuni veloci fronti atlantici, che, richiamando anche correnti di bora,
faranno scendere di qualche grado la colonnina. Dopo mesi di
medie anomale, pi marcate in
montagna, ci apprestiamo a
rientrare in un regime pi invernale afferma Pucillo . Arriver
la neve e, forse luned, qualche
spruzzata potrebbe vedersi anche in pianura e sul Carso triestino.

Lungo il tracciato della ciclo- glese), richiamano sia la patervia Alpe Adria Radweg (Caar nit del progetto (la ProvinFvg 1) sono spuntati 220 car- cia), sia la collaborazione dei
telli segnaletici. A posizionarli Comuni.
stata la Provincia di Udine,
Con questoperazione, socompletando in tal modo un stenuta con fondi propri afintervento che ha coinvolto 14 ferma il vicepresidente della
comuni, da Buja a Terzo Provincia e assessore al TuriDAquileia, territorio interme- smo, Franco Mattiussi , arricdio dove la ciclovia non corre chiamo ulteriormente il prosu sedime proprio (come nei dotto di punta per il turismo
tratti a nord o a sud), ma su se- slow della nostra regione: la cide promiscua utilizzando stra- clovia Alpe Adria. Infrastruttude sterrate e viabilit seconda- ra che la Provincia ha lanciato
ria a basso traffico.
per prima e con grande conLiniziativa, a
vinzione e sulla
cura del Servizio
quale ha costruiturismo, stata
to un vero e prorealizzata
in
prio prodotto tustretta sinergia
ristico, coinvolcon gli amminigendo i servizi ristratori locali,
cettivi e di ristocon i quali sono
razione del terristati individuati i
torio raccolti nel
punti in cui colclub di prodotto
locare i pannelli
Terra dei Patriardirezionali e, in I nuovi cartelli
chi. E dimostranalcuni casi, sono
do cos aggiunstate effettuate
ge di avere intulievi variazioni al
ito con largo antracciato originaticipo che la vorio della Fvg 1,
cazione turistica
per consentire
del territorio era
una
migliore
una modalit di
fruizione dei colscoperta lenta,
legamenti. Modisegmento che la
fiche tempestivaRegione ha scomente comuniperto in ritardo e
cate alla Regio- Una tabella informativa
che dovrebbe sone, affinch anstenere maggiorche il materiale informativo e mente.
promozionale a cura di TuriCinque cartelli di grandi dismo Fvg possa essere aggior- mensioni, con il tracciato della
nato.
Fvg 1 della zona su ortofoto,
Dei pannelli collocati a van- immagini fotografiche e le intaggio dei tanti cicloamatori formazioni culturali pi rile(in particolare austriaci e tede- vanti in tre lingue, sono stati
schi) in transito lungo uno dei posizionati a Tavagnacco,
tronchi dellAlpe Adria, 76 indi- Buja, Osoppo, Trivignano Udicano la direzione da seguire, nese (in localit Merlana) e
verso Grado o Tarvisio, altri Cervignano del Friuli. In queprecisano anche la distanza sto modo, la Provincia ha offerverso la localit pi vicina to ai Comuni lopportunit di
(Udine, Aquileia, Tarvisio, Pal- presentare ai turisti il proprio
manova) e alcuni, in versione territorio dal punto di vista stotrilingue (italiano, friulano, in- rico-artistico.

in duomo

Larcivescovo: Lindifferenza genera guerre e terrorismo


Nella giornata della pace, Mazzocato ha letto e consegnato il messaggio del Papa alle autorit civili e militari
Lindifferenza lhumus infetto da cui continuano a germogliare le guerre e le azioni terroristiche, con le tragiche conseguenze, i sequestri di persona,
le persecuzioni per motivi etici
o religiosi, le prevaricazioni,
hanno segnato dallinizio alla fine dello scorso anno moltiplicandosi dolorosamente in molte regioni del mondo, tanto da
assumere le fattezze di quella
che si potrebbe chiamare una
terza guerra mondiale. A leggere il messaggio del Papa
Vinci lindifferenza e conquista la pace consegnato alle autorit civili e militari, stato larcivescovo, monsignor Andrea
Bruno Mazzocato, ricordando
che lindifferenza una minaccia per la pace.
Ieri, in occasione della Giornata mondiale della pace, nella
cattedrale affollata di fedeli, larcivescovo ha invitato i politici e
le autorit a vincere lindifferenza, a guardare alla figura del
Buon Samaritano. Questa - ha
aggiunto larcivescovo - anche

Autorit civili e militari hanno accolto linvito ricevuto dallarcivescovo Mazzocato e partecipato, ieri pomeriggio, in Duomo alla celebrazione della Giornata mondiale della pace (Foto Petrussi)

la radice della pace autentica;


della pace che non si accontenta di fragili compromessi tra poteri e interessi opposti ma che
ha la forza di una vocazione a
farsi guardiani responsabili

del proprio fratello e del suo bene.


Monsignor Mazzocato, quindi, ha concluso la sua omelia invitando tutti a vivere lAnno
Santo della Misericordia la-

sciandoci penetrare in profondit dalle parole e dallesempio di


Ges e assumendo qualche impegno concreto di corresponsabilit solidale per migliorare la
realt in cui viviamo e facendo-

ci, cos, operatori di pace.


Alla fine della celebrazione
larcivescovo ha consegnato a
tutte le autorit presenti, tra cui
il sindaco Furio Honsell, gli onorevoli Serena Pellegrino e Gian

Luigi Gigli e il presidente del


consiglio provinciale, Fabrizio
Pitton, una copia del messaggio
di Papa Francesco per la Giornata mondiale della pace.
RIPRODUZIONE RISERVATA