Sei sulla pagina 1di 3

Educare

03

6 OR IEN TAM EN TI

NUOVE IDEE

Imparare fin da
piccoli la mindfulness

di Giulia Cavalli,
William Van Gordon, Edo Shonin

Universit eCampus
Nottingham Trent University (UK)

a qualche anno, nellambito della ricerca psicologica, neuroscientifica e, pi di recente, anche


educativa, si stanno producendo evidenze scientifiche su una pratica molto antica, che trae le sue
origini dal Buddismo: la mindfulness. Anche in
italiano viene utilizzato solitamente il termine inglese, che indica in maniera breve un concetto piuttosto ampio, che si riferisce al processo di coinvolgimento della persona in una consapevolezza
totale, diretta e attiva verso ci che sta sperimentando, a livello sensoriale e psicologico,
nel momento presente. In altre parole potremmo
definirlo un processo di partecipazione osservata
a ci che sta accadendo proprio qui e ora, al mio
respiro, al mio corpo, alla mia mente (pensieri e
sentimenti), a tutti i fenomeni interni ed esterni.
In questo senso, la mindfulness fa concretamente parte del complesso processo di meditazione
(possiamo pensare alla consapevolezza come
a una guardia che sorveglia la concentrazione e
la meditazione, assicurandosi che queste ultime
rimangano focalizzate e non subiscano distrazioni) e, in quanto tale, pertiene allambito dello
sviluppo spirituale della persona. Usiamo esplicitamente la parola spirituale, anche se sembra
essere ancora tab, probabilmente perch mal
interpretata e legata direttamente a un credo religioso; in
realt allinterno della scienza si sta diffondendo unidea
di essere umano che contraddistinto dallo sviluppo di
un livello non solo fisico e mentale/psicologico (in collegamento tra loro e con il contesto esterno), ma anche
spirituale. Spirituale una parte di chi e cosa siamo.
Che ci piaccia o no, e che lo sappiamo o no, tutto ci che
facciamo un atto spirituale. I nostri pensieri, le nostre
parole e azioni influenzano la felicit a lungo termine di
ogni altro essere senziente e tutti i fenomeni delluniverso. Essi influenzano chi siamo ora, e chi ci sar in futuro.
Quando osserviamo noi stessi vivendo e partecipando
nel momento presente, e quando siamo consapevoli di
come interagiamo con il mondo, questi sono atti spirituali
(Shonin, Van Gordon, 2015). Chiunque, quindi, pu praticare la meditazione, al di l di ogni etichetta religiosa o
del lavoro che svolge.

risultati della ricerca

Le ricerche stanno evidenziando come la pratica della


meditazione e della mindfulness migliori il benessere psicofisico: per esempio, applicata con successo a depressione, ansia, disturbi del sonno, dipendenze da sostanze,
disturbo da deficit di attenzione e iperattivit, disturbi
alimentari, dolore cronico, ma anche a patologie come il
cancro e lHIV. Inoltre si dimostrata efficace nella gestione della rabbia e nella riduzione dellimpulsivit. In ambito
lavorativo, chi la applica sperimenta miglior benessere sul
lavoro, con un aumento della qualit del suo operare.
In generale, migliora quindi la regolazione di s e le
relazioni con gli altri. Possiamo osservare questi miglioramenti anche nellambito educativo, per esempio i
bambini diventano pi flessibili a livello cognitivo, intrattengono maggiormente rapporti positivi con gli altri sia
bambini sia adulti , sviluppano competenze sociali pi

7
adeguate e regolano meglio la frustrazione e la rabbia.
Nella pratica
Gli studi scientifici sono stati svolti per lo pi su bambiConcretamente cosa puoi iniziare a fare proprio ora per
ni grandi (scuola dellinfanzia e soprattutto primaria) e
praticare la mindfulness nella tua vita prima di tutto e, di
riguardano lapprendimento della meditazione e della
conseguenza, anche con i bambini?
mindfulness sia da parte dei loro insegnanti, sia da parte
Innanzitutto sgombriamo il campo
dei bambini stessi (Singh
dal fraintendimento che la pratica
et al., 2013; Flook et al.,
meditativa sia da fare in tempi e
2015). Gli studiosi non sono
L A T ECNICA SOS
luoghi opportuni, fuori dal lavoro, e
concordi nel definire let pi
Questa
tecnica,
che
puoi
applicare
in
che porti via tempo, perch bisogna
appropriata per insegnare ai
ogni
momento
e
luogo,
anche
mentre
fermarsi e sedersi, in giornate dove
bambini questa pratica; alculavori, pu aiutarti facilmente a
il tempo non sembra mai abbani ritengono che i piccoli non
diventare consapevole del tuo vivere
stanza. Non nulla di tutto questo.
abbiano ancora acquisito le
nel
presente.
Devi
semplicemente
La pratica della mindfulness non
competenze di concentrazioricordare
lacronimo
SOS:
riguarda tanto il trovare il tempo per
ne adatte per poter focalizzapraticare, ma pi semplicemente il
re lattenzione sul momento
1- STOP
ricordarsi di assumere unattenpresente. Tuttavia, in linea
2-
OSSERVA
IL
RESPIRO
zione consapevole durante qualcon lapproccio pedagogico
siasi attivit in cui capiti di essere
utilizzato nella pratica tradi3- SOSTA E GUARDA LA MENTE
impegnati.
zionale buddista, il momenPer esempio:
to migliore per insegnare
ai bambini la mindfulness proprio adesso. In altre
Mentre stai leggendo questo articolo, sei pienamente
parole, prima un bambino viene introdotto alla meditazioconsapevole del tuo respiro? (prova a soffermarti
ne alla mindfulness, meglio .
sullaria che entra e che esce)
Crediamo che il mezzo pi efficace per un adulto per inMentre inspiri ed espiri, sei consapevole del petto
trodurre i bambini alla mindfulness non sia lampio uso di
che si alza e si abbassa?
manuali di istruzioni, ma piuttosto il proprio modo di esRiesci a sentire il peso del corpo sulla sedia su cui
sere nella quotidianit. Quando un educatore consasei seduto?
pevole del proprio essere, nel qui e ora, quando cammina
In che maniera sei seduto? Diritto e attivo o sprofonnella stanza praticando la piena consapevolezza di ogni
dato passivamente sulla sedia?
respiro e di ogni passo, ha un effetto immediato e diretto
sui bambini di calma e benessere. Se un bambino osserSei pienamente presente mentre stai leggendo o la
va che ladulto che si prende cura di lui ha tempo per la
tua mente gi andata su ci che farai dopo?
vita e non la fa scorrere precipitosamente, pu iniziare a
In breve, sei pienamente consapevole di ogni preziocogliere intuitivamente cosa significhi vivere nel momento
so momento che passa della tua vita?
presente. Come sempre, pi di tante parole lesempio il
Quando sei con i bambini, puoi porre attenzione ai gesti
miglior mezzo educativo.
nellinterazione, che sia durante gioco, il momento del
Quando vediamo dei genitori stressati (preoccupati, arcambio o della pappa. Non bloccarti dicendo non c
rabbiati ecc.) e ci accorgiamo che il bambino fatica ad
tempo, tutto cos rapido e ci sono tante cose da fare,
autoregolarsi, facile collegare lo stato del bambino allo
bisogna avere cento occhi per far s che nessuno si facstato degli adulti che si prendono cura di lui. Pi difficile
cia male; tutto questo vero, ma ci non ti impedisce
forse vedere il ruolo che ladulto pu giocare, nel qui e
ora, nel sostenere il benessere del bambino (o, al contra- di essere consapevole di quello che stai facendo. Sviluppando la consapevolezza meditativa, leducatore pu
rio, nellostacolarlo) quando non un diretto famigliare.
Anche se un bambino dovesse vivere un contesto difficile davvero essere pienamente consapevole di tutti i bambini
con cui lavora e pu essere calmo e rilassato nellaffrona casa, un educatore consapevole di s pu fare molto
tare qualsiasi evento o relazione, senza andare in ansia
per quel bambino nel momento in cui affidato alle sue
o panico.
cure. In fondo, se il piccolo sta piangendo proprio ora,
inutile pensare, per esempio, che a casa abituato ad
averle sempre vinte o la mamma molto ansiosa e quindi
Il prof. Edo Shonin, esperto mondiale di
lui fa cos; inutile perch in quel momento non siamo a
casa e non c la mamma: c leducatore.
mindfulness, terr in Italia una giornata
Leducatore, con il suo modo di essere, pu trasmettergli
introduttiva pratica alla mindfulness, aperta
sicurezza in s e fargli cogliere che ci sono altri modi per
a tutti coloro che sono interessati,
entrare in relazione con se stesso e con gli altri, oltre a
domenica 10 aprile a Milano.
quelli che vede nei propri genitori o che ha conosciuto
finora. Questo arricchente per qualsiasi bambino. Un
Per informazioni e prenotazioni:
educatore consapevole (mindful) , quindi, un esempio
associazionesephirah@gmail.com
importante.

Potrai notare anche che i piccoli sono predisposti


alla mindfulness, proprio per la loro natura: per
loro ogni cosa come se fosse sempre nuova, la vitalit
che osserviamo in ogni loro atto, lo stupore per quello
che vivono, ci che possiamo provare quando siamo
mindful. In fondo, puoi proprio pensare di usare la mindfulness come un gioco per bambini: i piccoli amano fare
cose nuove, soprattutto giochi!
Se vuoi, puoi anche mettere in atto questa esperienza con
i bambini stessi: con voce calma e tranquilla, puoi dare
delle istruzioni semplici e chiare, che tu stesso applicherai,
del tipo: mettiamo lattenzione sul respiro, sullaria che
entra nel naso ed esce dal naso tirando dentro laria,
sono pienamente consapevole della mia inspirazione lasciando andare fuori laria, sono pienamente consapevole

della mia espirazione. Per i bambini molto piccoli le parole


sembreranno avere meno senso, ma il tuo accompagnare
le parole alla respirazione consapevole li porter nel tuo
stesso stato; per i bambini dai 2 anni potrai notare come
sar anche pi semplice per loro concentrarsi per qualche
attimo sul respiro seguendo le tue parole. E pian piano
potranno cogliere, per esempio, che il respiro un potente
mezzo di regolazione delle proprie emozioni.
Con questo articolo, necessariamente breve, abbiamo
voluto introdurre limportanza della mindfulness fin dalla
prima infanzia e soprattutto allinterno di un lavoro, quello
educativo, che profondamente relazionale e, in quanto
tale, richiede un lavoro su se stessi che si rifletter sullo
sviluppo dei bambini e del loro benessere.

Riferimenti bibliografici
Flook L., Goldberg S.B., Pinger L., Davidson R.J. (2015), Promoting Prosocial Behavior and Self-Regulatory Skills in Preschool Children
Through a Mindfulness-Based Kindness Curriclum. Developmental Psychology, 51, 44-51.
Shonin E., Van Gordon W. (2015), The Mindful Warrior: The Path to Wellbeing. Wisdom, and Awareness. One World, London.
Singh, N., Lancioni, G., Winton, A., Karazsia, B., & Singh, J. (2013). Mindfulness training for teachers changes the behavior of their preschool students. Research in Human Development, 10, 211-233.
Per unintroduzione in italiano: Rosenberg L. (1999), Respiro per respiro. La pratica liberatoria della consapevolezza. Ubaldini, Roma.

5 MARZO 2016
ore 10.00-13.00
BRESCIA

Prospettive psicologiche e pedagogiche sulla prima infanzia: contesti e relazioni


Seminario formativo gratuito per i professionisti dei servizi per linfanzia
in collaborazione con A.N.I.Ped. (Associazione Nazionale Italiana dei Pedagogisti)
Parteciperanno:
dott.ssa Giulia Cavalli - psicologa psicoterapeuta, co-direttore scientifico di Educare03, ricercatore in Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dellEducazione, Universit eCampus, Universit Cattolica del Sacro Cuore
di Milano
dott. Carmelo Dambone psicologo psicoterapeuta, pedagogista, membro del comitato scientifico di Educare03,
docente presso Universit IULM di Milano
dott.ssa Sara Manzoni pedagogista clinico, membro del gruppo di redazione di Educare03, coordinatrice
strutture prima infanzia, vicepresidente regione Lombardia A.N.I.Ped.
dott.ssa Alma Zanoletti - pedagogista clinico, responsabile scientifico del Master Biennale di Specializzazione in Pedagogia Clinica, dirigente e coordinatrice di strutture educative, consigliere regione Lombardia
A.N.I.Ped.
Al termine del convegno, sar fornito lattestato di partecipazione (n. 3 ore formative) e una copia della rivista
Educare03.
Consulta il sito www.sephirah.it per maggiori dettagli.
Il convegno gratuito. necessario confermare la propria partecipazione entro il 25 febbraio 2016, inviando
una mail ad associazionesephirah@gmail.com o telefonando al numero 334.8282861.