Sei sulla pagina 1di 82

InDesign: La Guida Base

di Marco Toscano

Perch questa guida?


Ciao, sono Marco Toscano ed ho fondato Digital
Publishing News per aiutare tutti colore vogliono
usare InDesign, per impagina e non, a partire con
il piede giusto e migliorarsi.
Quando ho iniziato ad usare InDesign mi sono
sentito spaesato. In quanto sia i docenti (al tempo frequentavo un corso di Grafica) sia le persone che collaboravano con me erano poco
interessate a spiegarmi e aiutarmi. Le risorse online, anni fa, scarseggiavano e quindi dovevo
arrangiarmi come potevo. Oggi il mio obiettivo e
parte della mia vita, insieme al ruolo di Grafico
che svolgo come lavoro a tempo pieno, quello di aiutare chi come te alle prime armi e sta
muovendo i primi passi in questo mondo. Il mio
obiettivo quello di non lasciarti indietro. Di non
lasciarti nella stessa condizione in cui mi trovai io.

Marco Toscano

Domande? Clicca qui.

2 | ebookindesign

Conoscere gli
strumenti

Domande? Clicca qui.

3 | ebookindesign

Larea di lavoro
Lobiettivo di questo libro anche permetterti di conoscere, mano a mano, tutti gli strumenti di questo fantastico
programma dedicato allimpaginazione.
Prima di presentarti il lungo elenco degli strumenti di InDesign, vorrei prima fare una serie di considerazioni importanti su come InDesign divide, con forme e colori, i proprio oggetti.
Gran parte degli elementi che vedrai allinterno di questo
libro saranno presentati attraversi cornici. Una serie di
riguadri, in cui inserire grafica e testo. La grafica apparir
in cornici grafiche e il testo in cornici di testo. Ma perch
sono cos importanti queste cornici?Ci davvero tante ragioni, che leggendo questo libro affronterai insieme a me,
per ora ti basti sapere che ti permettono di ridimensionare, spostare e ruotare gli oggetti.
Unaltra parte pittosto importante riguarda i punti di
ancoraggio. Se hai usato programmi come Illustrator, o di
grafica in generale, saprai gi di cosa sto parlando. Simili alle maniglie delle cornici ti permettono di rifinire il tuo
tracciato. (Una linea curva unita da questi punti di ancoraggio).

Domande? Clicca qui.

4 | ebookindesign

Strumento

Windows

MacOS

Ctrl + Tab

Comando + Control + Tab

Strumento pagina

Maiusc + P

Maiusc + P

Strumento spazio

Strumento penna

Strumento aggiungi punto di


ancoraggio

Strumento aggiungi punto di


ancoraggio

= (sul tastierino numerico)

Strumento elimina punto di


ancoraggio

Strumento selezione

Strumento selezione diretta


Alterna strumento selezione e
selezione diretta

V, Esc

Strumento elimina punto di


ancoraggio
Strumento converti punto di direzione

V, Esc

Maiusc + C

Maiusc + C

Maiusc + T

Maiusc + T

Strumento matita (strumento nota)

Strumento linea retta

Strumento cornice rettangolare

Strumento rettangolo

Strumento ellisse

Strumento rotazione

Strumento ridimensionamento

Strumento inclinazione

Strumento trasformazione libera

Strumento testo
Strumento testo su tracciato

Strumento

Windows

MacOS

Strumento misura

Strumento sfumatura

Strumento forbici

Strumento mano

Strumento contagocce

Seleziona temporaneamente
strumento mano
Strumento zoom

Barra spaziatrice (modalit Layout),


Alt (modalit Testo) o Alt + Barra
spaziatrice (entrambe le modalit)

Barra spaziatrice (modalit Layout),


Opzione (modalit Testo) o Opzione
+ Barra spaziatrice (entrambe le
modalit)

Seleziona temporaneamente
strumentozoom in

Ctrl + barra spaziatrice

Comando + Barra spaziatrice

Alterna riempimento e traccia

Scambia riempimento e traccia

Maiusc + X

Maiusc + X

Applica colore

, [virgola]

, [virgola]

Applica sfumatura

. [punto]

. [punto]

/ [da tastierino numerico]

Alterna modalit visualizzazione


normale e modalit anteprima

Strumento griglia cornice (orizzontale)

Strumento griglia cornice (verticale)

Maiusc + G

Maiusc + G

Alterna La formattazione ha effetto


sul contenitore e La formattazione ha
effetto sul testo

Non applicare nessun colore

Strumento contorno sfocato


sfumatura

Le Preferenze
di InDesign

Domande? Clicca qui.

7 | ebookindesign

Preferenze Generali

Impostare le preferenze
InDesign chiaramente un programma molto vasto e ricco. Conoscere come importare le sue preferenze un passo fondamentale per avere piena padronanza del software.
Per accedere alle Preferenze di InDesign puoi recarti suModifica> Preferenze
Una volta cliccato su generali InDesign far comparire una finestra di dialogo denominata Preferenze. Puoi decidere di passare di categoria in categoria tramite lapposito
elenco di sinistra.
Tramite la voce Scaricamento ed incorporazione font avrai la possibilit di creare una
serie di sotto insiemi di font in base ai glifi contenuti allinterno del documento. Prestare attenzione a questa voce importante, in quanto questa incide enormemente sullo
scaricamento dei font nelle finestra Esporta e Stampa.
Con il comando Ripristina tutte le finestre di avviso potrai ripristinare tutti gli avvisi che
avevi precedente disattivato.

Domande? Clicca qui.

8 | ebookindesign

Preferenze
Interfaccia

Descrizione strumenti: con questa voce puoi definire il lasso di tempo prima che vengano visualizzate le descrizioni.
Pannello mobile: con questa funzione puoi impostare il pannello strumenti a colonna
singola oppure con la doppia colonna.

Domande? Clicca qui.

9 | ebookindesign

Preferenze Testo

In questa sezione sono presenti tre diversi gruppi:


Opzioni testo: consente di modificare una serie di opzioni che ti permettono di regolare
linterlinea, la selezione, lanteprima.
Ridisposizione testo avanzata: facilita leliminazione o laggiunta di pagina durante limmissione del testo evitando cos di avere pagine vuote oppure del testo non inserito.
Modifica testo con trascinamento: ti permette di usare il mouse per trascinare il testo
nellEditor Brani oppure nella vista Layout.

Domande? Clicca qui.

10 | ebookindesign

Preferenze Testo
Avanzato

Anche questa finestra contiene diverse opzioni per la gestione del testo, in questo caso,
per la gestione dellapice e del maiuscoletto nel testo.
Allinterno di questo gruppo puoi trovare anche Usa metodo Input che ti permette di
aggiungere caratteri a 4 oppure 2 byte. Questa opzione molto importante nel caso
dovessi aggiungere caratteri asiatici.

Domande? Clicca qui.

11 | ebookindesign

Preferenze
Composizione

Tramite questa sezione puoi controllare i vari modi con cui InDesign gestiste la sillabazione e la giustificazione. Con la casella di controllo Eccezioni di separazioni (Eccezioni sillabazione e giustificazione avvicinamento/ Crenatura) puoi permettere ad InDesign di gestire
ed evidenziare eventuali errori o non conformit.
Tramite la voce font sostituiti puoi sostituire i font mancanti e sostituirli con i font presenti
nel sistema.
Con la voce contorna con testo puoi decidere di gestire le opzioni del testo intorno ad un
oggetto o ad unimmagine.

Domande? Clicca qui.

12 | ebookindesign

Preferenze Unit
e Incrementi

Tramite questa sezione puoi stabilire le unit di misura che InDesign usa per i righelli e
per gli incrementi per tutte le sue funzioni.
Orizzontale Verticale: contente di usare le unit di misura standard.
Personalizzata: Scegliendo la voce personalizzata dovrai inserire una voce nel campo
punti. Se questa opzione non selezionata questo campo comparir grigio.
Punti/Pollice: Cambiando questo valore cambierai il modo di calcolare i punti.
Incrementi da tastiera: Modificando questi valori potrai assegnare un valore specifico che
ti servir successivamente per spostare un oggetto con i tasti direzionali.

Domande? Clicca qui.

13 | ebookindesign

Preferenze Griglie

Questa funzione controlla laspetto delle griglie della linea di base che stai usando nel
tuo documento. Lo scopo quello di aiutarti ad allineare le colonne di testo allineando le
linee di base del testo di ciascuna colonna. Passo ora ad analizzare, una per una, le voci
che compongono questa zona.
Colore: Ti permette di scegliere il colore della tua griglia.
Inizio: Scegli da quale distanza, partendo dallalto, vuoi che la griglia abbia inizio.
Incremento ogni: Con questa funzione vai a specificare lo spazio tra le linee della griglia.
Soglia di visualizzazione: Questa voce determina il livello di ingrandimento sotto al quale
la griglia non sar pi visualizzata.
Griglie del documento: In questa parte InDesign ti aiuta ad allineare gli oggetti sulla pagina.
Linea griglie ogni: Con questa voce stabilisci la distanza tra le linee griglia.
Suddivisioni: La griglia sar suddivisa, visivamente, in quadrati pi ampi.

Domande? Clicca qui.

14 | ebookindesign

Preferenze Guide e
Tavolo Di Montaggio

Qui di seguito ti ho aggregato le nozioni che dovresti conoscere su questa sezione delle
preferenze di InDesign.
Colore: Puoi selezionare il colore di una delle voci devi vari elenchi proposti.
Personalizza: Questa voce ti permette di scegliere un colore personalizzato.
Area di allineamento: Puoi specificare a quale distanza deve trovarsi un oggetto perch
venga allineato ad una guida oppure ad una griglia.

Domande? Clicca qui.

15 | ebookindesign

Preferenze Dizionario

Le preferenze Dizionario permetto ti permettono di utilizzare il controllo ortografico


allinterno del documento. Puoi selezionare un dizionario tramite lelenco a discesa lingua
in alto.

Domande? Clicca qui.

16 | ebookindesign

Preferenze Controllo
Ortografia

Questa scheda, come gi il suo nome dice, ti permette di gestire il controllo ortografico
allinterno del tuo documento.
Parole con errori ortografici: Questa voce ti permette di trovare parole che non compaiono allinterno del dizionario ortografico.
Parole Ripetute: Per trovare parole ripetute due volte, come nel caso di la la.
Parole In Minuscolo: Questa funzione ti permette di trovare parole scritte in minuscolo
ma che andrebbero scritta in maiuscolo, come ad esempio italia invece di Italia.
Frasi Minuscolo: Ti permette di trovare parole che iniziano in minuscolo dopo il punto.
Attiva Ortografia Dinamica: Questa voce ti serve per selezionare parole che potrebbero
essere errate. Nel caso puoi specificare anche il colore per la sottolineatura.

Domande? Clicca qui.

17 | ebookindesign

Preferenze Correzione
Automatica

La finestra Preferenze Correzione Automatica ti permette di correggere in maniera del


tutto automatica gli errori di ortografia che possono essere presenti durante limmissione del testo .
Qui di seguito ti ho descritto le voci che compaiono:
Attiva correzione automatica: Quando scrivi una parola sbagliata, che hai gi aggiunto
allelenco, la parola viene sostituita da quella che hai immesso come correzione.

Domande? Clicca qui.

18 | ebookindesign

Preferenze Note

Questa sezione ti permette di modificare le note di testo. Tramite questa finestra infatti
puoi modificare il colore della nota, mostrare le informazioni relative al contenuto. (Ad
esempio se si tratta di contenuto relativo al controllo ortografico oppure parte del contenuto da pubblicare o stampare).

Domande? Clicca qui.

19 | ebookindesign

Preferenze Editor
Brani

Questa sezione ti permette di modificare le preferenze associate allEditor Brani.


Nella prima sezione di questa finestra puoi gestire il colore, tipo di fonte e modificare ci
che rappresenta le opzioni di visualizzazione che sono associate alleditor brani.
La spunta anti-alinas ti permette di arrotondare i margini frastagliati del testo e quindi scegliere lopzione che pi reputi valida tra queste:
Ottimizzato per LCD: Usa colori invece di di sfumature di grigio e rende meglio su sfondi
chiari con testo nero.
Morbido: Usa sfumature di grigio ma produce un aspetto pi chiaro e sfumato rispetto
alla funzione Predefinito.

Domande? Clicca qui.

20 | ebookindesign

Preferenze Prestazioni
e Visualizzazione
In questa finestra puoi gestire le impostazioni predefinite,
prestazioni del Men Visualizza e anche le impostazioni
per i singoli oggetti del Men Oggetti.
Se invece selezionato Mantieni Impostazione Visualizzazione A Livello Di Oggetto, allora vuol dire che le impostazioni applicate agli oggetti verranno salvate con il documento.
A questo punto noterai un cursore che potrai spostare su
Immagine Raster oppure su Grafica Vettoriale i risultati a
tua disposizione saranno poi i seguenti:
Ingombro: visualizza unimmagine come un area grigia.
Proxy: visualizza le immagini a bassa risoluzione.
Alta risoluzione: visualizza le immagini alla massima risoluzione possibile.
Spostando invece il cursore Trasparenza otterrai:
Disattivato: Non potrai visualizzare effetti di trasparenza
Qualit bassa: Visualizza le trasparenze di base e gli effetti di trasparenza sono visualizzati con approssimazione.
Qualit media: Visualizza le ombre esterne e contorni sfocati, il tutto sempre a bassa risoluzione. Usa questo tipo di
modalit nella maggioranza dei tuoi progetti.
Alta qualit: Visualizza gli aloni CMYK le ombre esterne
ed i contorni sfocati.
Per quanto riguarda il cursore Scorrimento i risultati che
potrai ottenere sono i seguenti:
Migliori prestazioni: Ti permetter di visualizzare sia le
immagini, sia il testo in grigio per velocizzare lo scorrimento.
Simula immagini (met del cursore): Ti permetter di visualizzare i margini in grigio e il testo come testo durante
lo scorrimento delle pagine.
Migliore qualit: Ti permetter di visualizzare tutto il testo e la grafica durante lo scorrimento, ricorda che scegliendo questa opzione la velocit di scorrimento risulter
notevolmente ridotta.

Domande? Clicca qui.

Esempio: Immagina di dover impaginare un catalogo prodotti, che quindi contiene numerose immagini, risulter
per te conveniente cercare di avere le immagini ad una risoluzione pi bassa per caricarle pi velocemente, per poi
una volta terminato il lavoro capirne il risultato, passando
da visualizzazione Tipica ad Alta Qualit.

Nota bene, lopzione che sceglierai come predefinita tra Tipica,


Veloce oppure Alta Qualit verr
usata come predefinita per tutti i
tuoi futuri documenti.

21 | ebookindesign

Preferenze aspetto
del nero

Per ripristinare le opzioni iniziali usa il testo Usa impostazioni predefinite.


Sia in InDesign che in Illustrator il nero puro CMYK (K=100) appare come a getto sia sullo
schermo sia una volta stampato tramite stampante desktop. Se ti interessa notare la
differenza tra nero puro e nero ricco cos come risulta nelle stampanti commerciali allora
modifica le impostazioni delle preferenze dellaspetto del nero.
Prima di iniziare importante ricordarti che tali preferenze non modificheranno le impostazioni cromatiche del tuo documento InDesign.
Visualizza tutti i neri con precisione: Il nero puro CMYK viene visualizzato come grigio, di
modo da permetterti di riconoscere con precisione tutte le differenze con gli altri neri
presenti nel documento.
Visualizza tutti i neri come nero ricco: In nero puro CMYK verr visualizzato come nero a
getto (RGB=000), tramite questa impostazione non ci saranno differenze tra i due tipi di
nero presenti sullo schermo.

Domande? Clicca qui.

22 | ebookindesign

Creare il nuovo
documento

Domande? Clicca qui.

23 | ebookindesign

Creare il nuovo
documento
Se utilizzi un Pc oppure un Mac da un po di tempo saprai
che, indipendentemente dal programma che stai utilizzando ci sono una serie di combinazioni di tasti che hanno
sempre lo stesso ruolo e funzione. Come ad esempio con
CTRL + N oppure CMD + N andrai a creare un nuovo documento.
Ci che invece davvero diverso sono le decisioni che lutente, in questo caso tu, deve prendete di fronte al programma, ognuna di queste causer degli effetti. Capire
cosa fare di fronte a queste scelte di fondamentale importanze nellutilizzo di questo software.
Come creare un nuovo documento
Come si crea un nuovo documento con un programma
come Word? Sempre con la stessa combinazione di tasti
che ho gi citato sopra. La stessa cosa vale anche per InDesign. Con InDesign per sei obbligato fin da subito a fare
una serie di scelte molto importanti in fase di creazione di
questo nuovo documento. In quanto lui stesso a chiederti ad esempio:
Il formato
Il tipo di orientamento
Il tipo di intento
Queste sono solo un piccolo riassunto di cci che InDesign ti chiede in fase di creazione del nuovo documento, con
le immagini di seguito potrai capire meglio.
In questa finestra di dialogo andrai a definire il documento nel modo pi preciso possibile, di modo da non avere
grandi problemi successivamente. Ad ogni modo potrai
modificare ancora le impostazioni del documento tramite
lapposita voce Imposta documento.
Partir qui di seguito segnalandoti, punto per punto, ci
che riguarda la creazione del nuovo documento.
Impostare il nuovo documento
Creando il nuovo documento una delle prime cose che dovrai decidere capire quante pagine vuoi che abbia il tuo
documento.
Vicino al numero di pagine puoi scegliere due caselle di
controllo
Pagine affiancate: Di solito questa casella sempre attiva InDesign ti presenter il documento con le pagine
di destra e di sinistra affiancate. Disattivando questa
funzione invece, otterrai la successione delle pagine
una alla volta.
Cornice di testo mastro: Questa cornice crea una cornice di testo per riempire lo spazio definito definito dai
margini. Questa cornice viene inserita nella pagina mastro del tuo documento.
Domande? Clicca qui.

24 | ebookindesign

Ma che cos una pagina mastro? Si tratta di una colonna


portante per quanto riguarda il tuo impaginato. Qui andrai
ad inserire tutti gli elementi ricorrenti del tuo impaginato.
Di solito puoi scegliere un formato pagina dallelenco a
discesa Dimensioni che ti aiuter a scegliere tra i formati
pagina pi comuni.
Nel caso tu non stia utilizzando un formato pagina fuori
dal comune, puoi tranquillamente usare le dimensioni pagina personalizzate. Tale funzione si attiva quando modificherai lAltezza e la Larghezza di tuo pugno su InDesign.
Per quanto riguarda invece la voce Orientamento qui puoi
scegliere lorientamento pagina che la tua pagina avr
successivamente. Puoi scegliere tra lorientamento Verticale e quello Orizzontale.
Questo stesso procedimento lo si pu utilizzare nello spazio colonne variando, nella sezione Numero infatti potrai
stabilire il numero di colonne che intendi aggiungere nel
tuo impaginato, nella sezione Spazio tra invece, definirai
lo spazio che indendi lasciare tra una colonna ed unaltra.
A questo punto non ti resta che cliccare sul tasto OK per
completare la creazione del nuovo documento.
Salvare un documento
Lobiettivo di questo corso, come puoi immaginare, improntato sullinsegnarti come impostare gli oggetti allinterno del tuo tavolo di lavoro. Unoperazione piuttosto importante per la gestione del tuo lavoro (e sanit mentale)
quella del salvataggio.

Opzioni Men

Conbinazione Tasti

Salva

CTRL + S/ CMD + S

Salva con nome

Maiusc + CTRL + S/
Maiusc + CMD + S

Salva una copia

ALT + CTRL + S/
ALT + CMD + S

Scopo
Per salvare un nuovo documento per la prima volta
oppure per salvare le modifiche appena fatte al
documento corrente.
Per salvare un documento a cui vuoi associare una
posizione ed un nome diverso.
Per salvare una copia del documento a cui vuoi
associare una posizione ed un nome diverso.

InDesign ti offre 3 opzioni di salvataggio per quanto riguarda il tuo file.


Come effettuare il salvataggio
Scegliendo una qualsiasi delle opzioni qui citate, con InDesign, apparir sempre una finestra
di dialogo piuttosto simile ad unaltra che potresti trovare in qualsiasi altro software. A questo
punto quello che devi fare scorrere allinterno del tuo Hard Disk fino a trovare una posizione
Nota bene: Come forse gi saprai, quando salvi un file di un programma, sia su Mac che su
Windows, questultimo lascer un estensione. Cio un codice una serie di lettere riconoscibili
e sempre uguali alla fine del nome file e dopo un punto. Nel caso di InDesign si tratta di .indd.

Domande? Clicca qui.

25 | ebookindesign

per il tuo file creato con InDesign. A quel punto puoi cliccare sul tasto Salva.
Una caratteristica che dovresti conoscere quella della
voce Salva come. Se fai clic sul men a tendina che appare su questo campo, potrai notare due diverse opzioni:
Documento InDesign
Modello InDesign
Se scegli limpostazione modello cambier soltanto il
modo in cui, InDesign, aprir il documento la volta successiva. Di default InDesign aprir una copia di modello del
documento.
In generale qui di seguito ho aggregato per le operazioni
che devi conoscere per salvare un documento in lavorazione:
1. Premi CTRL + S (CMD + S) oppure Salva dal Men File.
2. A questo punto scegli la cartella in cui intendi salvare il
tuo documento.
3. Assegna al file un nome univoco e facilmente distinguibile.
4. Se vuoi salvare il documento come modello scegli lopzione modello dallelenco a discesa Salva come.
5. A questo punto clicca su Salva.
Come aprire un documento
Ricorda che i documenti che crei su Mac possono essere tranquillamente aperti anche su Windows. Se InDesign per non il tuo primo programma di impaginazione,
devi sapere che Adobe a fatto in modo di poter inserire e
convertire i documenti provenienti da altri software di
impaginazione come ad esempio Page Maker oppure Quark
Xpress.
Aprire un documento su InDesign non molto diverso da
aprire un documento in qualsiasi altro programma che gi
possiedi. Aprire un documento, partendo dal programma
quindi molto semplice. Puoi premere la combinazione di
tasti CTRL + O (CMD + O ) oppure andare su File e quindi
su Apri.
A questo punto comparir una finestra di dialogo tramite la quale potrai aprire un qualsiasi documento InDesign
che desideri. Ti baster fare doppio clic su uno dei files.
Recupero del documento in caso di crash del programma
Come ormai tanti programmi gi si adoperano, anche InDesign, salva una versione separata del file durante lelaborazione del documento. A cosa serve? In caso di blocco, crash del programma o riavvio imprevisto del sistema,
InDesign recuperer il file allultimo salvataggio. Il tutto,
subito, alla successiva riapertura del programma.

Domande? Clicca qui.

26 | ebookindesign

Aprire file di altre applicazioni


Quark Xpress
unapplicazione di Desktop
Publishing per Mac OS e Windows, prodotta da Quark,
Inc.. La prima versione fu
pubblicata nel 1987. Ben
presto, il programma raggiunse la qualit di Aldus
PageMaker, applicativo tra
i pionieri del DTP. Per tutti gli
anni novanta, QuarkXPress
stato
tra gli applicativi pi utilizzati nel
settore delleditoria professionale, specialmente per quello
inerente allimpaginazione di giornali, delle riviste, dei cataloghi, dei dpliant e manifesti, mentre il competitor PageMaker, rilevato nel 1994 da Adobe, si specializza nelleditoria dei libri. Lampia diffusione di QuarkXPress dovuta
essenzialmente alla produttivit elevata che lapplicativo
in grado di offrire. Tra le caratteristiche principali si evidenzia il controllo del posizionamento degli elementi sulla pagina, il quale offre lelevata precisione di 0,001 mm quasi
come Pagestream (uno dei programmi pi vecchi dedicati
allimpaginazione). A questo si aggiungono la facile espandibilit del prodotto tramite lutilizzo di moduli in codice binario sviluppati da Quark stessa o terze parti (molte agenzie pubblicitarie e case editrici hanno costruito cosiddetti
sistemi redazionali, ambienti personalizzati di gestione del
materiale e di impaginazione semi-automatica basati su
QuarkXPress), evolute funzioni di scripting. Ci nonostante, Quark Inc. sempre stato assai impopolare presso gli
utenti che non hanno mai apprezzato le lunghe pause tra
una versione e la successiva e soprattutto il livello elevato
dei prezzi. Latteggiamento dellex amministratore delegato Ebrahimi verso i clienti, da questi spesso percepito
come arrogante, non ha migliorato questo quadro. Tutto questo ha reso indubbiamente pi facile il tentativo di
Adobe di aprire una breccia nella comunit degli utenti di
QuarkXPress, convincendone molti a provare InDesign.

Domande? Clicca qui.

27 | ebookindesign

Page Maker
Fu il primo programma per il
Desktop Publishing, inizialmente rilasciato dalla Aldus Corporation nel 1985
per lApple Macintosh e
lanno successivo per il PC.
Era basato sul linguaggio
per la descrizione delle pagine PostScript sviluppato
da Adobe. Leader del mercato
del DTP nei primi anni, si vide successivamente surclassato da QuarkXPress, che poteva offrire
allutente una produttivit generalmente ritenuta superiore. Una roccaforte di PageMaker rimase in ogni caso il
settore librario, a causa delle sue mai raggiunte capacit
nella gestione di testi lunghi. Adobe ha riposizionato PageMaker come programma per privati e piccole imprese,
mentre Adobe InDesign rivolto alleditoria professionale. Il programma particolarmente adatto a pubblicazioni
dal design semplice. Pur avendo una funzionalit limitata
rispetto a InDesign o QuarkXPress, PageMaker ancora
molto apprezzato, potendo vantare una maggiore facilit
di apprendimento e una produttivit comunque superiore
al diretto concorrente, Microsoft Publisher. In molte scuole di grafica gli studenti vengono prima addestrati alluso
di PageMaker per introdurli nei concetti base del Desktop
Publishing e passano solo in un secondo momento a QuarkXPress e/o InDesign. Questi due programmi come avrete capito hanno dominato la scena per un po di tempo.
XPress in particolare, ha ancora il suo seguito, con il mio
particolare odio. Chiaramente il problema diventa grosso
se abbiamo una produzione di tanti anni. E se dobbiamo
recuperare un file non avendo pi in licenza quel software
diventa un problema.

Domande? Clicca qui.

28 | ebookindesign

Cosa fare (nel limite del possibile)


Il manuale di InDesign dice che si possono aprire i documenti provenienti da PageMaker (6.0 e versioni successive) o XPress (3.3 o 4.1.x) con InDesign appunto. Si, avete
letto bene. Se avete un XPress 5 o superiori siete fregati.
Dovete prendere altre strade. Raramente la conversione
perfetta. Effettuare questa operazione solo con Apri
piuttosto generico. Infatti InDesign non apre il documento
ma lo converte in un file di InDesign, pur senza modificare loriginale. Come detto prima, devi semplicemente aprire il documento, quindi muoverti come se dovessi fare una
normalissima operazione di questo tipo spostandovi sul
File > Apri. La vera differenza sta nel fatto che devi selezionare il tipo di file corretto nellelenco a discesa Tipo File.
Ricordati che aprire questo tipo di documenti non un
operazione facilissima. In pratica, InDesign, deve analizzare il documento per capire come muoversi e modificare gli
oggetti al suo interno per permetterti di capirci qualcosa.
A seconda delle dimensioni e della complessit del documento originale e poi delle prestazioni del tuo computer
possibile che ci voglia qualche minuto.
Il risultato
InDesign cerca di far corrispondere il pi possibile il documento alloriginale. Quindi tutti gli stili e i font giusti. Chiaramente a patto che questi siano installati nel vostro sistema.
Come ho detto prima raramente la conversione perfetta.
Qui di seguito vi elenco una serie di specifiche da non trascurare quando aprite un documento di Xpress o di PageMaker:
InDesign non supporta la grafica OLE. Ovvero la grafica basata su Windows (ad esempio come i fogli elettronici di Exel, i
grafici o le tabelle) che quindi pu essere allinterno di alcuni file.
InDesign non pu supportare la grafica creata da altri programmi, quindi con estensioni diverse, per Xpress.
InDesign non pu importare profili colore installati su
Xpress. Automaticamente vengono ignorati.
Controlla tutti i colori. Dopo la conversione ci possono essere problemi.
Le linee disegnate nel progetto, non mantenendo lo stesso stile, possono cambiare dopo la conversione.
Conclusioni
Effettuare questa operazione non del tutto semplice. I
rischi di ottenere un risultato non dignitoso sono tanti.

Domande? Clicca qui.

29 | ebookindesign

Il pannello pagine

Domande? Clicca qui.

30 | ebookindesign

Spostarsi allinterno del documento


Con InDesign ci sono diversi modi di spostarsi durante
lelaborazione di un documento. Questa possibilit utilissima in quanto ti permette di non dare importanza alla
posizione in cui sei allinterno del documento, in quanto
ci sar sempre un modo per spostarsi con facilit, e alla
tua portata. In questo capitolo ti spiegher proprio come
muoversi allinterno di InDesign e quali sono i procedimenti che facilitano e migliorano il tuo flusso di lavoro.
Spostarsi da una pagina allaltra
Il modo pi semplici per visualizzare una pagina, nella sua
interezza, fare doppio clicc su di essa. Per scorrere allinterno del pannello pagine puoi usare lo strumento mano,
trascinando le pagine dallalto verso il basso allinterno del
pannello pagine oppure usando la barra di scorrimento del
pannello stesso.
Mano
Uno strumento molto utile lo strumento mano che ti
permette di spostarti in lungo e in largo allinterno del documento. Lo strumento mano ti permette anche di adattare le pagine alla finestra, per farlo basta fare un doppio
clic su di esso.
Layout
Il men Layout possiede sei opzioni che secondo me dovresti conscere per spostarti al meglio allinterno del documento aperto.
I primi quattro rappresentano i anche i primi quattro,
semplici, pulsanti che stanno in basso sotto la finestra
documento di InDesign.
In mezzo a questi c la voce Vai a pagina che ti permette
di andare ad un numero di pagina precisa senza complicazioni, ti baster digitare il numero di pagina e premere su
l tasto Invio.
I comandi Zoom In e Zoom Out
Devi sapere che InDesign ti permette di ingrandire i documenti dal 5% al 4000% e ti permette di controllare lingrandimento fino allo 0,01%. Puoi accedere ai comandi
Zoom In e Zoom Out dal Men Visualizza oppure dal pannello strumenti. Ad ogni modo, i tasti di scelta rapida per
questi strumenti sono CTRL ++ (Zoom In) e CTRL +- (Segno meno, Zoom Out). Lo zoom usando questi strumenti
incrementale, e passa dal 5% fino al massimo di 4000%.
Per avere percentuali di zoom pi standard puoi usare il
men Visualizza, il quale possiede i 4 pi usati.
Ci sono poi una serie di tasti non elencati in Visualizza:
CTRL/CMD + 2 (Zoom 200%).
CTRL/CMD + 4 (Zoom 400%).
CTRL/CMD + 5 (Zoom 500%).
importante per segnalarti che:
Ricordarti tutta questa serie di combinazioni di tasti
quasi impossibile, per cui utilizza il comando Visualizza
tranquillamente.
Quando impagini usa il tavolo di montaggio ovvero i
bordi esterni della pagina che ti permettono di lasciare
elementi che, non andranno in stampa, e poi userai alla
bisogna.
Puoi sempre usare lo strumento Zoom (lente dingrandimento) per zommare da una parte allaltra del documento,
ti baster tenere premuto ALT in caso di Zoom Out.
Domande? Clicca qui.

Campo pagine
Pagine affiancate successive
Prime pagine affiancate

Ultime pagine affiancate successive

Pagine affiancate precedenti

31 | ebookindesign

Il pannello pagine
Come puoi vedere, il pannello Pagine di InDesign diviso in due parti. La parte superiore e la parte inferiore. In
quella superiore puoi gestire il Men insieme ad una rappresentazione delle pagine mastro che hai a disposizione.
In quella inferiore hai a disposizione una rappresentazione
delle pagine che stai impaginando. Man mano che le aggiungerai appariranno sul pannello.
Col tempo, e la lettura di questo libro, imparerai il funzionamento delle pagine affiancate. Per adesso ti basti
sapere che una volta cliccato sul valore Pagine affiancate,
in fase di creazione del nuovo documento, le pagine appariranno vicine nel pannello pagine.
La gestione delle pagine con il pannello pagine
Per capire bene il funzionamento del pannello pagine, non
c altro modo che provare. Per farlo ti guider io, passo
dopo passo.
Crea un nuovo documento CTRL/ CMD + N ed assicurati
di aver cliccato sulla casella pagine affiancate e specifica
nel numero di pagine 12.
A questo punto accedi al pannello pagine, se non lo vedi
vai su Visualizza> Pagine oppure F12.
Ora cosa fare? Quali sono i passi pi importanti che dovresti consocere su questo pannello?
In breve qui di seguito ti spiegher:
Come selezionare una pagina o le pagine affiancate.
Come spostare le pagine affiancate.
Inserire nuove pagine e/o copiare le pagine affiancate
esistenti.
Eliminare le pagine
Puoi aver bisogno di selezionare una pagina in particolare
nel pannello pagine, invece che un intero gruppo oppure
la coppia di pagine affiancate. Per farlo ti baster cliccare
due volte sullicona della pagina specifica. A questo punto
verrai trasportato sulla pagina specifica, e per centrarla, ti
baster cliccare due volte sullo strumento mano.
Per selezionare invece entrambe le pagine affiacate fai
clic, sul pannello pagine sul numero di pagine (sotto le icone delle pagine). A questo punto avrai selezionato entrambe le pagine affiancate.
Come spostare le pagine affiancate
InDesign, come avrai gi capito semplifica il lavoro di disposizione delle pagine. Per spostare le pagine allinterno
dellapposito pannello ti baster trascinarle per poi rilasciarle dove meglio credi.
Per spostare una singola pagina oppure un gruppo procedi in questo modo:
1. Hai conservato il documento di 12 pagine di prima?
Aprilo, altrimenti creane uno nuovo.
2. A questo punto, vogliamo spostare pagina 6 al posto
di pagina 6, clicca su pagina 6 e trascinala fino al posto
della pagina 9. Comparir una linea verticale che ti aiuter nelloperazione.
TIP: per selezionare un gruppo di pagine,
come in un qualsiasi altro programma ti
baster tenere premuto sul tasto Maiusc
durante la selezione delle pagine.
Domande? Clicca qui.

32 | ebookindesign

La stessa operazione vale per le pagine affiancate. Ti baster, come fatto prima, selezionare i numeri di pagina e
trascinare il mouse.
Inserire nuove pagine
Allinterno del pannello pagine, in basso, ci sono una serie
di icone molto importanti per la gestione del tuo lavoro.
Una di queste il pulsante Crea nuova pagina
Contrariamente da quanto pu sembrare dal nome, il pulsante a due scopi:
1. Creare nuove pagine.
2. Copiare le pagine.
Cliccando semplicemente sul pulsante aggiungi pagina,
InDesign aggiunger una nuova pagina automaticamente.
Il pannello Pagine di InDesign possiede per un Men al suo
interno molto importante, di cui dovrai ricordanti in futuro.
Tieni a mente che ogni pannello di InDesign ne possiede
uno. Ad ogni modo cliccando su questo Men del panello
pagine accederai ad un men a tendina. Come puoi notare,
anche dalla FIGURA, allinterno di questa tendina puoi trovare la voce Inserisci Pagine. Ma perch usarlo? Semplicemente perch avrai un controllo pi totale delloperazione.
Cliccando infatti su Inserisci Pagine, apparir una finestra
di dialogo che ti permetter di aggiungere quante pagine
vuoi, di associare ad essa/e una mastro in particolare e poi
di inserire questa nuova pagine prima o dopo la pagina in
cui ti trovi in questo momento (per esempio prima o dopo
pagina 6).
TIP: Per poter visualizzare questo pannello senza dover accedere al men di InDesign ti baster tenere premuto ALT o OPT
mentre clicchi sul Aggiungi pagina.
Per inserire invece pagina affiancate con il comando appena citato ti baster selezionare le pagina selezionate e
trascinarle sul pulsante Nuova Pagina. Rilasciando poi il
mouse InDesign realizzer una copia esatta delle pagine
selezionate alla fine del documento.
Puoi ottenere lo stesso risultato appena citato dal Men
del pannello pagina, selezionando le pagina affiancate in
precedenza, e poi cliccare sulla voce del men chiamata
Duplica pagine affiancate.
Eliminare una o pi pagine
Per eliminare una o pi pagine dal pannello pagine dovrai
usare il tasto Elimina Pagine (tasto a forma di cestino). Ti
baster trascinare la pagina oppure le pagine in questione
fino al cestino. Altrimenti potrai selezionare la pagina in
questione e poi cliccare sul cestino.
Creare pagine composte da tre o pi pagine
Per la gran parte dei tuoi documenti le pagine affiancate
tradizionali oppure le pagine singole saranno pi che sufficienti. Ma pu capitarti, qualche volta, un progetto con
formati pagina non standard. Si tratta ad esempio del
volanti a tre ante ad esempio.
Un volantino con tre pagine affiancate , tutto sommato
un progetto abbastanza normale, ma se dovessimo aggiungerle allinterno del documento? Ad esempio tra un
ipotetica pagina 12 e 13? Come procedere?

Domande? Clicca qui.

33 | ebookindesign

Per creare un isola (termine tecnico) segui questi passaggi:


1. Riprendi pure il famoso documento di 12 pagine visto
in precedenza.
2. Seleziona le pagine affiancate 6-7 dal pannello Pagine.
3. Deseleziona dal men del pannello le voci Consenti lo
slittamento delle pagine del documento e Consenti lo
slittamento delle pagine affiancate selezionate.
4. Per aggiungere pagine usa il comando Inserisci Pagine.
Noterai che avrai ora 3 pagine affiancate.
La linea verticale che separa le pagine indica il dorso. Puoi
inserire fino a 10 pagine affiancate. Per eliminare lisola
appena creata ti baster selezionarla e poi cliccare il tasto
Elimina pagine dal pannello. Ricordati successivamente di
selezionare le voci prima selezionate, ovvero, Consenti lo
slittamento delle pagine del documento e Consenti lo slittamento delle pagine affiancate selezionate.
Le pagine mastro
Finalmente arriviamo ad uno degli elementi chiave di
Adobe InDesign. Sto parlando, appunto, delle pagine Mastro. Le Mastro sono una sorta di raccoglitori di tutti gli
elementi chiave che andrai ad inserire allinterno del tuo
impaginato.
ESEMPIO: Immagina di dover inserire un
logo in testata, che si deve ripetere in ogni
pagina. Invece di inserirlo su tutte le pagine, ti baster inserirlo allinterno della
mastro ed, infine, applicare la mastro alle
pagine.
InDesign ti permette di crea pi pagine Mastro diverse,
permettendoti inoltre,d i creare pagina mastro di destra
e pagine mastro di sinistra. Lunica cosa che InDesign ti
impedisce quella di applicare una mastro destra ad una
pagina sinistra oppure viceversa. Le pagine mastro come
detto in precedenze si possono gestire dal pannello pagine. Nella parte superiore.
Ad ogni pagina puoi assegnare un prefisso, un tuo codice,
che ti permette di riconoscerla e distinguerla. Il nome predefinito che InDesign associa alle pagine Mastro A-Mastro (le successive avranno B, C, D ecc).

Domande? Clicca qui.

34 | ebookindesign

Aggiungere elementi ad una pagina mastro


Fondamentale sar quindi la possibilit di aggiungere elementi ad una pagina mastro. Nei prossimi capitoli inizierai a prendere confidenza con tutti gli altri
strumenti di InDesign sar per te pi semplice aggiungere elementi, per adesso ti basti sapere che aggiungere elementi ad una pagina mastro unoperazione
del tutto uguale a quella di una qualsiasi altra pagina.
Per farlo quindi seleziono gli elementi, immagini testo oppure altro ed inseriscili allinterno della tua pagina.
Creare e modificare pagine mastro
Puoi gestire le pagine mastro tramite il pannello pagine.
Qui di seguito ti spiego come creare una nuova pagina mastro con InDesign.
1. Apri il documento delle 12 pagine. Se lo hai gi eliminato, sappi che questa volta basta una sola pagina.
2. Apri il pannello Pagine. Finestra > Pagine oppure F12.
3. Dal men seleziona nuova mastro, apparir la finestra
di dialogo nuova mastro.
4. Nel campo prefisso puoi inserire un solo carattere, apparir su tutte le pagine a cui assocerai la nuova mastro. Lidea quella di velocizzare la visualizzazione, ma
tu puoi inserire fino a 4 caratteri. Puoi anche inserire
simboli (#, @, %, & ecc).
5. La tendina Basata su mastro molto utile in quanto ti mostra una lista delle pagine mastro create per il documento corrente. Ti spiegher questo passaggio tramite un esempio.
Nella gran parte dei casi il numero di pagine, ovvero 2,
pi che sufficiente. Dovrai cambiarlo solo in caso di
Isole (pagine multiple).
6. Una volta soddisfatto clicca su OK.

ESEMPIO: Immagina di stare impaginando un libro con pi o meno tutte la pagine


con la stessa mastra. Eccezion fatta per le
mastro che comprendono i capitoli oppure
le aperture di sezione. Per situazioni come
queste dovrai creare una mastro con tutti
gli elementi comuni poi creare una mastro
basata su questa e poi aggiungere gli elementi distintivi
necessari.

NOTA: Puoi trascinare una mastro direttamente in un altro documento di InDesign,


sar poi lui a riconoscerlo senza problemi.
DANGER: Ricorda che quando elimini una
mastro anche tutti gli elementi che ad essa
sono associati verranno eliminati.

Domande? Clicca qui.

35 | ebookindesign

Applicare le pagine mastro


Applicare le mastro alle pagine non un'operazione complessa. Si tratta per lo pi di trascinare e poi rilasciare la
pagina. Ti baster selezionare la mastro in questione, e
poi trascinarla fino alla pagina a cui intendi applicarla. Non
importa se selezioni tutte e due le pagine affiancate oppure una sola pagine, l'importante dove trascini questa
mastro.
InDesign per offre una serie di opzioni, per la verit molto semplici da apprendere, tramite le quali puoi diversificare il tuo modo di applicare le pagine mastro alle pagine
del tuo documento.
Trascinando sopra le due pagine affiancate di modo che
si crei un riquadro, la mastro verr applicata ad entrambe
le pagine.
Trascinando la mastro in modo tale da formare solo un riquadro allora la mastro verr applicata solo ad una pagina.
In sintesi, se crei il riquadro solo sulla destra la mastro
verr applicata solo a destra, se invece lo fai a sinistra la
mastro verr applicata a sinistra.
Nel caso in cui tu volessi applicare una determinata mastro ad una serie contigua o meno di pagine, anche qui il
processo non molto complesso. Seleziona il gruppo di
pagine a cui intendi applicare la mastro tenendo premuto
Maiusc oppure CTRL o CMD (nel caso di pagine non contigue) e poi dal men del pannello pagine clicca sulla voce
Applica mastro alle pagine. Comparir una finestra di dialogo. Ti baster confermare cliccando su OK.
Lo strumento pagina
Lo strumento pagina la centrale di controllo delle tue pagine. Ti serve per gestire, spostarle, eliminarle, crearne di nuove oppure modificarle.
Grazie allo strumento Pagina puoi creare pagine di dimensioni diverse all'interno dello stesso documento. Per farlo
segui questi passaggi.
1. Seleziona lo pannello Pagina (F12).
2. Seleziona le pagine da modificare.
3. Seleziona lo strumento Pagina (Maiusc + P) ed usando
le voci di Larghezza ed altezza modifica le dimensioni.
Nel pannello pagine ne vedrai una rappresentazione. Il
pannello di controllo
Qui di seguito ti ho aggregato le informazioni pi importanti del pannello di controllo di InDesign.
Le caselle X e Y: Consentono di modificare la posizione
degli oggetti allinterno del tuo tavolo di lavoro in base
alla posizione degli altri.
Pulsanti di Orientamento: Consentono di specificare
l'orientamento verticale oppure orizzontale della pagina.
La casella Consenti adattamenti alla pagina, invece, ti
permette di ridimensionare automaticamente gli oggetti presenti in una pagina.
Consenti allineamento della pagina: Consente il ridimensionamento automatico degli oggetti sulla pagina.
Mostra sovrapponi pagina mastro: Visualizzi una sovrapposizione di pagine mastro sopra ogni pagina che
viene selezionata con lo strumento Pagina.

Domande? Clicca qui.

36 | ebookindesign

Usare il testo

Domande? Clicca qui.

37 | ebookindesign

Le cornici di testo
Ogni testo che intendi modificare con InDesign deve essere contenuto in una cornice di testo. Molto pi semplicemente un contenitore in cui terrai il tuo testo. Qui di seguito ho aggregato per te i principali modi per creare una
cornice di testo.
1. Inserendo cornici di testo mastro nelle pagine.
2. Creando una nuova cornice con lo strumento testo.
3. Creando una nuova cornice mentre scorre il testo.
4. Creando una nuova cornice mentre importi il testo da
unaltra applicazione.
Indipendentemente dal modo in cui le utilizzi, le cornci
di testo, funzionano tutte nello stesso identico modo. Le
cornici, poi, hanno un riquadro che ti permette di identificarle allinterno del tuo piano di lavoro quando non sono
selezionate.
Quando selezioni una cornice di testo, questa, assume un
aspetto a quello mostrato in FIGURA. Come puoi vedere
composta da otto maniglie, che ti servono per ridimensionarla come con qualsiasi altro oggetto.
Ci sono due elementi che potresti non conoscere:
1. Casella iniziale: In alto a sinistra.
2. Casella finale: In basso a destra.
Lobiettivo di queste caselle aiutarti con la concatenazione del testo (pi avanti ti spiegher dettagliatamente)
per adesso ti baster sapere i punti che qui di seguito ti ho
elencato.
La concatenazione del testo comporta la creazione di
un flusso continuo di testo. Da una cornice allaltra.
Il testo che occupa quindi pi cornici viene chiamato
brano.
Se la casella iniziale contiene una piccola freccia che
punta verso il basso allora significa che quella cornice
contiene del testo proveniente da unaltra cornice.
Se la casella iniziale risulta essere vuota allora rappresenta linizio del brano.
Se la casella iniziale contiene una piccola freccia che
punta verso la de stra allora significa che quella cornice
contiene del testo verso unaltra cornice.
Se la casella finale rossa e contiene un segno pi (+)
vuol dire che il brano continua oltre i limiti della cornice,
ma non stato concatenato.
Cornici di testo e pagina mastro
La modalit pi semplice per creare una cornice di testo
farla creare a InDesign in fase di creazione del nuovo documento. Una volta selezionato lo strumento testo, puoi
iniziare a digitare proprio come accade in qualsiasi elaboratore di testo. Se hai per cliccato sullopzione Cornice di
testo mastro, allora ti toccher fare qualche passaggio in
pi. Il motivo molto semplice. Quando crei queste cornici,
crei delle cornici che non sono accessibili dalla pagina del
documento.

Domande? Clicca qui.

38 | ebookindesign

Per spostare una cornice di testo mastro devi eseguire


questa operazione:
1. Crea un nuovo documento e clicca sullopzione Cornice
di testo mastro.
2. Con lo strumento Seleziona clicca in un punto qualsiasi
allinterno dei margini. Non selezionerai nulla.
3. Con lo strumento Testo invece fai clicca, senza trascinare, allinterno dei margini. Anche in questo caso non
succeder nulla.
4. Se invece, usando lo strumento selezione clicchi tenendo premuto CTRL o CMD + Maiusc, allora apparir una
cornice di testo.
5. A questo punto potrai iniziare a digitare.
Creare una nuova cornice mastro
Utilizzando lo strumento testo puoi cliccare e trascinare,
vedrai che apparir una cornice. Da quel momento potrai
iniziare a digitare oppure ad importare il tuo testo.
Cornici di testo con concatenazione
Nel caso di un libro dovrai creare una cornicie di testo, che
per ovvie ragioni, non baster per tutto il testo che compone il libro. Dovrai quindi creare del testo concatenato.
Qui di seguito ti spiego come.
1. Crea un nuovo documento.
2. Con lo strumento testo crea una cornice di testo come
ti ho appena spiegato.
3. A questo punto dovrai inserire del testo. Per farlo puoi
usare una funzione di InDesign, progettata proprio per
questo scopo. Dal men Testo seleziona Riempi con testo segnaposto.
RICORDA: Un testo simulato semplicemente un testo che grafici usano per avere
campioni di progetto, quando non si ha ancora il testo a disposizione.
4. Come avrai notato questa funzione riempie perfettamente cornice. Per vedere il funzionamento del testo
concatenato per dobbiamo fare un passaggio in pi,
quindi, selezionala.
5. Fai in modo di rimpicciolire la grandezza di questa cornice. Il tuo obiettivo deve essere quello di far comparire
il famoso pi (+) sulla destra.
6. Una volta ottenuto, crea una nuova cornice di testo
dove vuoi allinterno del tuo spazio di lavoro.
7. A questo punto fai clic sul pi (+) rosso.
8. Clicca ora sulla nuova cornice di testo appena creata.
9. Come vedi il testo ora passa da una cornice allaltra.
Concatenare il testo con una cornice esistente
Unaltra opzione per concatenare il testo quella di creare prima una cornice di testo e poi concatenare il testo
allinterno.
Per farlo devi creare una nuova cornice di testo, come hai
gi fatto prima, ma questa volta non scrivere o digitare
nulla al suo interno. A questo punto, con lo strumento Seleziona seleziona la casella finale della cornice. A questo
punto il puntatore cambier, di nuovo aspetto, e potrai
notare che spostandolo assumer licone di testo conca-

Domande? Clicca qui.

39 | ebookindesign

tenato. Ora clicca sulla nuova cornice per concatenare.


Opzioni di concatenamento
Hai ancora a disposizione due opzioni per gestire il
concatenamento del testo. Ad esempio, se la lunghezza del brano concatenato supera di nuovo la lunghezza
della cornice bisogner ripetere loperazione di concatenazione appena vista. Se per tieni premuto il tasto
ALT oppure OPT (su Mac) mentre fai clic, licona di testo rimarr attiva e quindi potrai continuare loperazione di concatenazione senza dover ricominciare da zero.
Tenendo premuto il tasto Maiusc mentre fai clic, invece,
InDesign creer una cornice di testo in base ai margini ed
alle colonne da te stabiliti, ed aggiungere nuove cornici fino
a quando tutto il testo del brano non sar concatenato.
Opzioni cornici di testo
Seleziona ora una cornice di testo e poi dal men oggetto
seleziona Opzione Cornici di testo. Come puoi vedere FIGURA, questa finetra di dialogo contiene due schede:
Generali.
Opzioni linea di base.
Nella scheda Generali puoi creare colonne con le cornici, aumentando il valore alla voce Colonne. In questo caso
per devi fare attenzione allopzione Larghezza fissa della colonna che in caso di disattivazione, la colonna viene
ridimensionata automaticamente quando viene ridimensionata la cornice. Se invece questa attiva InDesign aggiunge oppure elimina colonne quando vai a ridimesionare
la larghezza della cornice di testo.
Utilizzando i comandi Distanza dai Margini crei i margini
esterni per la cornice.
Con lelenco a discesa Scostamento allinterno della scheda Opzioni linea di base hai a disposizione 5 opzioni di posizionamento della linea di base della prima riga di testo
rispetto alla parte superiore della cornice.
Qui di seguito ho raggruppato il significato delle voci
dellelenco Scostamento.
Ascendente: La parte superiore del carattere pi alto
star leggermente sotto la parte superiore della cornice. (Predefinito)
Altezza maiuscole: le lettere maiuscole toccheranno la
parte superiore della cornice.
Interlinea: La distanza tra la parte superiore della cornice e la linea di base sar pari allinterlinea di quella riga.
Altezza x: Laltezza del carattere x sar immediatamente sotto il margine superiore della cornice.
Fissa: Per specificare la distanza tra la linea di base
della prima riga di testo ed il margine superiore della
cornice.
Eliminare una cornice da una concatenazione
Puoi eliminare una cornice da una concatenazione in due
semplici modi:
1. Eliminando fisicamente la cornice. Non preoccuparti
del brano, rimarr intatto. In quanto il testo della cornice eliminata scorre nella cornice successiva oppure
memorizzato nella cornice precedente.
2. Scollegare una cornice dalla concatenazione: Il procedimento altrettanto semplice. Basta cliccare due volte
sulla casella finale.
Domande? Clicca qui.

40 | ebookindesign

NOTA: InDesign supporta solo file prodotti con software come word. Per cui se
stai scrivendo con Open Office ricordati di
salvare in .doc.

Importare il testo da altre applicazioni


Anche se puoi digitare il tuo testo con InDesign, il programma non stato pensato per questo tipo di utilizzo,
bens per gestire il testo ed i layout. Ti consiglio quindi di
scrivere il testo su Word oppure Open Office e poi di importare il testo su InDesign.
Importare il testo da Word
Per importare testo da altre applicazioni tutto quello che
devi fare :
1. Selezionare il men File.
2. Cliccare sulla voce Inserisci.
3. Selezionare il tuo documento .doc.

La finestra di dialogo Inserisci ha un funzionamento molto simile a quello della finestra Apri. Quando carichi il testo
InDesign potrebbe comportarsi in due modi:
Pu caricare il tuo testo in una cornice gi esistente, se
sei in modalit di inserimento testo.
Pu trasformare limportazione in un puntatore, una
cosa molto simile a quella che succede quando collegi
una cornice di testo ad unaltra, che aspetta di essere
posizionato in una parte del tuo spazio di lavoro.
Mostra Opzioni di Importazione
la casella pi importante di questa finestra di dialogo.
Se la attivi e poi fate clic su Apri, InDesign vi aprir un altra finestra di dialogo con ulteriori specifiche riguardanti il
tipo di documento.
InDesign e le sue funzioni
Come gi anticipato in precedenza, InDesign non un
programma dedicato alla scrittura di testi, ma contiene diverse funzioni gi presenti in questi programmi.
La funzione controllo ortografia
Dal men Modifica puoi selezionare la voce Controllo Ortografia. Il funzionamento di questo pannello pi o meno
simile a quello di tanti altri programmi di text-editing.
Puoi usare il controllo ortografico in una di queste opzioni.
Nessuna selezione.
Singola cornice selezionata.
Pi cornici contenenti pi brani selezionati.
Il punto di inserimento attivo in una cornice di testo.
Porzione di testo selezionata in una cornice di testo.
Qui di seguito, invece, puoi trovare le voci presenti nel
elenco a discesa Cerca in:
Tutti i documenti: Controlla tutti i brani di tutti i documenti aperti.
Documento: Controlla tutti i brani del tuo documento
attivo.
Brano: Controlla il brano selezionato, a partire dal punto in cui posizionato il cursore.
Fino a fine brano: Controlla il brano dal punto in cui
posizionato il cursore fino al punto in cui finisce il brano.
Selezione: Controlla solo il testo selezionato.

Domande? Clicca qui.

41 | ebookindesign

Le funzioni trova sostituisci


Se devi trovare una parola allinterno del tuo documento,
che pensi che sia sbagliata, non cercare in lungo ed in largo
per il tuo documento. Esiste una funzione fatta su misura
per questo tipo di cose. Dal men Modifica seleziona Trova
sostituisci.
Questa funzione molto simile a quella che puoi trovare
in un comune editor di testo. In alto ha il campo Trova ed
in basso Sostituisci con. Come vedi non ti devo spiegare
nulla.
Pi complesso invece il caso di ricerca di caratteri speciali. Per fare questo devi cliccare sulla freccia che punta
verso destra e seleziona, tramite il men a tendina, caratteri speciali.
Facendo clic su Pi opzioni appariranno altri parametri.
Tali parametri ti servono per trovare e sostituire il formato
del carattere di base.
Brani collegati
La funzione Brani collegati stata pensata per ripetere il
contenuto di un testo allinterno di un documento dove lo
stesso contenuto stato ripetuto per pi pagine. Questa
funzione ha un comportamento molto simile a quello della finestra collegamenti. Modificando i brani si aggiornano
anche tutti gli altri.
Per creare un brano collegato devi selezionare una cornice di testo, posizionare il cursore allinterno, e dal men
Modifica selezionare il comando Inserisci e collega brano.
A questo punto il cursore cambia aspetto, viene infatti caricato il brano che puoi essere fatto scorrere su tutte le
pagine che si vuole. Vedrai puoi un icona con una catena
ed una lettera T che simboleggiano il brano collegato.
La numerazione automatica delle pagine e delle sezioni
Inserire la numerazione delle pagine un operazione
molto semplice:
1. Dopo aver creato una cornice di testo, con il cursore di
testo attivo allinterno della cornice, fai clic con il pulsante destro del mouse o tenendo premuto il tasto
CTRL o CMD se avete un Mac.
2. A questo punto seleziona Indicatori Numero di pagina corrente dal sottomen inserisci carattere speciale.
Numerare le sezioni Le sezioni: Cosa sono
Quando creai del testo con un classico programma di elaborazione del testo, Word ad esempio, non hai modo di
decidere quando far iniziare la tua numerazione delle pagine. O peggio in che modo farla iniziare. Cerco di spiegarmi meglio. Quasi tutti i libri hanno una prefazione, che si
sussegue per molte pagine, questa prefazione devi numerarla in maniera diversa. Normalmente si usano i numeri
romani. Solo dopo la prefazione inizia veramente il contenuto che ti interessa con la fatidica Pagina 1. Quindi devi
raggruppare quella prefazione in uno spazio a parte che ti
permetta di applicargli questo stile diverso. Questo spazio
si chiama Sezione.
Come creare un sezione
1. Crea un nuovo documento. Le ed imposta 5 pagine.
2. Apri il pannello Pagine: Finestra>Pagine.
3. Selezione una pagina qualsiasi dal pannello pagine,
tranne la pagina 1 che da inizio alla sezione (Pagina 1).
Domande? Clicca qui.

NOTA: Questa operazione ti conviene


eseguirla sulla pagina mastro. In questa
maniera farai in modo che loperazione
che vai a svolgere si applichi a tutte le pagine che seguono quella specifica regola
mastro.

42 | ebookindesign

A questo punto seleziona Opzioni Numerazione e sezione dal men pannello pagine. InDesign ti mostrer
una nuova finestra. La finestra di Nuova Sezione.
4. Attiva la casella Inizia Sezione. Se non attivi questa casella modificherai la sezione corrente anzich crearne
una nuova.
5. Prefisso di sezione ha uno scopo simile al prefisso della pagina mastro: si mostra vicino al numero corrente
della pagina vicino allangolo inferiore sinistro. Lo puoi
vedere anche quando sposti la freccia nera sulla freccia
nera, simbolo della sezione, allinterno del pannello pagine. Questo prefisso pu avere massimo 5 caratteri e
non pu avere spazi o simboli di punteggiatura. Se non
te ne frega nulla puoi lasciare il prefisso tale e quale.
6. Dall elenco a discesa Stile puoi formattare i numeri di
pagina generati automaticamente come numeri romani, normali oppure minuscoli e maiuscoli. Qui tocca a te
scegliere in base alle tue esigenze.
7. I pulsanti di opzione Autonumerazione pagina e inizia
numerazione pagina ti permettono di continuare la numerazione dalla sezione precedente o di ricominciarla
con un numero da te specificato.
8. Cliccate su Ok.
Dovresti notare subito delle differenze nel campo pagine.
Dovresti vedere una freccia nera sopra il numero della pagina che hai scelta come inizio della sezione (vedi punto 3)
che ora diventata una pagina 1.
Il Carattere
In tipografia e in informatica il tipo di carattere o font
un insieme di caratteri tipografici caratterizzati e accomunati da un certo stile grafico o intesi per svolgere una
data funzione. Il comune termine inglese font proviene dal
francese medioevale fonte, ovvero (qualcosa che stato)
fuso (dal latino fondere), in riferimento ai caratteri mobili prodotti per la stampa tipografica, ottenuti versando il
metallo fuso nella forma contenente la matrice del singolo
carattere. Un tipo di carattere consiste di una serie di glifi
(immagini) rappresentanti i caratteri appartenenti ad un
particolare insieme in uno stile o disegno particolare.
Parti tipografiche dei caratteri
Altezza della x (1).
Altezza massima (2).
Apice (3).
Linea di base (4).
Tratto ascendente (5).
Incrocio (6).
Asta vericale (7).
Grazia (8).
Gamba (9).
Occhiello (10).
Spaziatura (11).
Collo (12).
Orecchio (14).
Cravatta (15).
Asta orizzontale (16).
Braccio (17).
Asta verticale (18).
Altezza della maiuscola (19).
Tratto discendente (20).
Domande? Clicca qui.

43 | ebookindesign

Dimensioni
La maggior parte dei modi di scrittura condividono la nozione di una linea di base: una linea orizzontale immaginaria su cui si appoggiano i caratteri. Talvolta parte dei glifi,
la parte discendente, cresce al di sotto della linea base. Similmente, la distanza tra la linea base e la cima del glifo
pi alto chiamata ascesa. Lascesa e la discesa non necessariamente includono lo spazio occupato da accenti o
altri segni diacritici. Nelle scritture latina, greca e cirillica, la
distanza fra la linea base e la cima di un normale carattere
minuscolo chiamata occhio medio. La parte di glifo al di
sopra lascendente. Laltezza dellascendente pu avere
un effetto sostanziale sulla leggibilit e laspetto di un carattere. Il rapporto fra locchio medio e lascesa spesso
utilizzata per classificare i caratteri tipografici. Minuscole:
laltezza delle minuscole misurata sulla lettera x. Infatti
le lettere tonde tendono ad avere dimensioni pi grandi
delle lettere lineari, per applicare una correzione ottica
senza la quale apparirebbero al lettore pi piccole delle altre. Maiuscole: laltezza misurata sulle lettere maiuscole,
solitamente sulla E, sempre per problemi legati alla correzione ottica. Ascendenti: laltezza delle lettere minuscole
quali l e f ad esempio, pi grande di quella delle altre lettere minuscole, e, di norma, anche delle lettere maiuscole.
Allineamento: la somma della distanza tra la linea dellascendente e la linea di delimitazione del corpo superiore e
la linea del discendente e la linea di delimitazione del corpo
inferiore. In pratica la distanza verticale minima dei caratteri.
Apertura
Landamento delle aste curve aperte di caratteri come la
C, c, S, s, a, e cos via, denito apertura. Alcuni caratteri
come lHelvetica o il Bodoni sono caratterizzati da aperture pi ridotte, mentre il Bembo, il Centaur o il Rotis possiedono aperture pi ampie.
Crenatura
La crenatura, in inglese kerning, indica la riduzione dello
spazio in eccesso tra le due lettere, allo scopo di eliminare
spazi bianchi antiestetici e dare un aspetto pi omogeneo
al testo. Un esempio dove spesso si attua la crenatura
quello di avvicinare le due lettere a bracci obliqui A e V. Pu
comunque avvenire tra lettere curve come O e C.
Peso
Il peso il rapporto tra area inchiostrata ed area in bianco
della serie di caratteri, o meglio lo spessore dei tratti che
lo compongono indipendentemente dalla sua dimensione.
Grazie
Si possono suddividere i tipi di carattere in due categorie principali: con o senza grazie (note anche con linglese
serif). I caratteri graziati hanno delle particolari terminazioni alla fine dei tratti delle lettere. Luso delle grazie deriva dai caratteri lapidari romani, dove era molto difficile
scalpellare nel marmo angoli di novanta gradi necessari a
terminare le aste. Lindustria tipografica si riferisce ai tipi
di carattere senza grazie come bastoni, lineari, sans-serif
(dal francese sans, senza) o anche grotesque (in tedesco
grotesk). Esiste una grande variet sia fra i tipi di carattere
graziati che fra i bastoni; entrambi i gruppi contengono tipi
progettati per testi lunghi e altri intesi per scopi principalDomande? Clicca qui.

mente decorativi. La presenza o lassenza di grazie solo


uno dei molti fattori nella scelta di un tipo. I caratteri con
grazie sono generalmente considerati pi facili da leggere in lunghi passaggi che quelli senza. Gli studi al riguardo
sono ambigui e suggeriscono che la maggior parte delleffetto sia dovuta solo ad una maggiore familiarit ai caratteri con grazie. Come regola generale, i lavori stampati
come libri e giornali usano quasi sempre caratteri graziati,
almeno per il corpo del testo. I siti Web non sono obbligati
a specificare un tipo di carattere e possono semplicemente rispettare le preferenze dellutente. Fra i siti che specificano il carattere, la maggior parte utilizzano un tipo di
carattere non graziato moderno quale il Verdana dato che
opinione comune che, diversamente dal materiale stampato, sullo schermo del computer i caratteri senza grazie
siano di migliore leggibilit a causa della loro minore risoluzione.
Proporzionalit
Un carattere tipografico che mostri glifi di larghezza variabile detto proporzionale mentre un carattere tipografico che possieda glifi con larghezza fissa detto non proporzionale (o monospace o a larghezza fissa): ad esempio
nei caratteri proporzionali la w e la m sono della stessa

44 | ebookindesign

larghezza mentre la i pi stretta. I caratteri proporzionali sono generalmente considerati pi attraenti e pi facili da leggere e sono quindi i pi comunemente utilizzati
in materiale stampato pubblicato professionalmente. Per
la stessa ragione, sono tipicamente utilizzati anche nelle
interfacce grafiche delle applicazioni per computer. Molti
caratteri proporzionali contengono cifre di larghezza fissa
in modo che le colonne di numeri possano essere allineate.
I primi caratteri monospazio sono stati creati per le stampanti, in quanto lo spostamento da un carattere allaltro
era sempre della stessa larghezza. Lutilizzo dei caratteri
a larghezza fissa continu nei primi computer che potevano visualizzare un solo tipo di carattere. Comunque, anche
se i moderni PC possono mostrare qualsiasi carattere, i
caratteri monospazio vengono ancora usati nella programmazione, lemulazione di terminale e per la stampa
di dati incolonnati dei documenti di solo testo. Esempi di
tipi di carattere monospazio sono lAndale Mono, il Courier, il Prestige Elite, il Monaco e lOCR-B. I caratteri non
proporzionali sono considerati migliori per alcune applicazioni, dato che si allineano in colonne ordinate. Larte ASCII
necessita di caratteri non proporzionali per essere vista
correttamente. In una pagina Web, i caratteri non proporzionali possono essere introdotti tra i tag <span style=font-family:monospace></span>. In LATEX si usa il
comando \texttt{} per scrivere caratteri non proporzionali.
I redattori leggono i manoscritti in caratteri a larghezza
fissa. Sono pi semplici da correggere ed considerato
scortese inviare un manoscritto scritto con un carattere
proporzionale.
Aspetto legale dei caratteri
La legge degli Stati Uniti non consente il diritto dautore
sul disegno dei caratteri, mentre permette lottenimento
di un brevetto su disegni particolarmente originali. I caratteri in formato informatico spesso diventano soggetti a diritto dautore in quanto programmi per computer. Il
nome del disegno pu essere registrato quale marchio
registrato. Come risultato di queste diverse protezioni legali, spesso lo stesso disegno fornito sotto nomi e implementazioni diverse. Alcuni elementi dei meccanismi
software impiegati per la visualizzazione hanno brevetti
software associati. In particolare, Apple Computer ha brevettato alcuni degli algoritmi di hinting relativi a TrueType
obbligando alternative open source quali FreeType ad utilizzare algoritmi diversi.
I Caratteri Digitali: I Font e La Loro Gestione Con I Programmi Di Desktop Publishing
Con larrivo del desktop publishing le modalit duso dei
caratteri sono cambiate radicalmente. Oggi i caratteri
sono completamente digitalizzati. Qui di seguito ti fornisco un paio di nozioni chiave che devi sapere se vuoi imparare a gestire i tuoi font al meglio.
Le tipologie di Font
True Type: Queste font sono costituite da un unico
file che raggruppa sia le informazioni necessarie alla
rappresentazione video, sia quelle che servono per la
stampa.
Multiple Master e True Type GX: Queste font permettono
Domande? Clicca qui.

45 | ebookindesign

lemulazione a video e lemulazione in fase di stampa


in caso di font mancanti. Questo gli permesso perch
tali font possiedono un maggior numero di segni grafici
e hanno la possibilit di modificare alcune caratteristiche degli alfabeti.
Open Type: Anche queste font sono composte da un
unico file. Possono essere usate sia su Apple che su
Windows. E possiedono una serie di vantaggi:
Miglior supporto tra le lingue.
Possono contenere pi di 65.000 segni alfabetici.
Possiedono diversi spessori per le aste per diverse
grandezze di corpo per la stampa.
I Programmi Per La Gestione Dei Font
Usare un programma per la gestione dei tuoi font vantaggioso perch ti permette di fare consumare meno risorse al tuo computer. In pratica come se tenessero archiviati i tuoi font. In questa maniera non consumeranno
risorse allinterno del tuo computer. Sarai tu ad attivarli
sono nel momento in cui ti servono. Questo un meccanismo molto usato, che funziona, se tu per ti ricordi di
disattivare i font una volta che hai terminato di utilizzarli.
Font e Tipi Di Stile
Il metodo pi diretto per scegliere un font su InDesign
quello scorrere tutto il Men a tendina chiamato Font
allinterno del pannello Carattere. Questo metodo ti potr
tornare utile quando sarai indeciso nel cercare un carattere che ti soddisfi pienamente. Tuttavia per non sempre

avrai questo problema e molto spesso ti capiter di conoscere il nome preciso del carattere di cui disponi. Facendo
doppio clic sul nome, InDesign, selezioner il nome del carattere. In quel momento potrai iniziare a digitare il nome
del carattere che stai cercando. Mentre digiti il nome del
carattere potrai notare che InDesign restringer la ricerca
sempre di pi.
Dimensione e Interlinea del Carattere
Dimesione InDesign ti offre diversi modi per ridimensionare il tuo carattere:
Puoi selezionare la dimensione direttamente dal pannello carattere.
Fare clic sulla dimensione del testo che hai settato in
questo momento e poi inserire il valore che desideri.
Puoi selezionare le dimensioni direttamente dal menu
di testo che possiede le stesse caratteristiche del pannello carattere
Interlinea
Linterlinea lo spazio verticale che esiste tra una linea di
testo e laltra. InDesign ti permette di modificarla in due
modi:
1. Selezionare un valore specifico dal pannello carattere.
Se selezioni Automatico il valore dInterlinea viene settato in base alle condizioni di quel paragrafo specifico.
Domande? Clicca qui.

I Programmi Che Ti Consiglio Di Usare


Per utenti Apple: FontExplorer X il programma sviluppato dalla Linotype.
Per utenti Windows: SuitCaseFusion funziona anche su Apple ma secondo me lunico valido strumento per la gestione dei
font su Windows.

46 | ebookindesign

2. Fare doppio clic sul valore di interlinea e digitare a mano


il valore.
Controllo Della Spaziatura Tra Le Lettere
Su InDesign ci sono due modi per controllare la spaziatura
tra le lettere:
La crenatura
Il tracking
La crenatura
La crenatura lo spazio che esiste tra una lettere ed
unaltra. Studiato in modo tale da renderne pi piacevole la
lettura. Chi crea un font ha la possibilit di inserire coppie
di lettere in maniera tale da raffinare meglio la crenatura. In questa maniera se selezioni Metrica Predefinita nell
opzione Crenatura potrai ottenere i risultati migliori. Questo per un discorso cha varia da font a font. In sostanza se possiedi dei font professionali, comprati, avrai pi
possibilit di fare questo discorso. La stessa cosa non vale
sui font scaricati gratuitamente in giro per la rete. Tuttavia
nellopzione Crenatura puoi selezionare Ottica. In questa
maniera InDesign regoler automaticamente in base allaspetto visivo delle lettere. Chiaramente puoi eseguire la
crenatura manuale delle lettere. Posizionati con il cursore
di testo tra una lettera e laltra e poi muoviti in uno di questi modi:
Seleziona un valore dal men Crenatura.
Fai doppio clic su valore impostato ora e inseriscine
uno nuovo.
Il Tracking (Avvicinamento)
La differenza tra il Tracking e la Crenatura pu non sembrarti chiara. Puoi limitarti a capire che il Tracking puoi utilizzarlo per controllare la dimensione del testo. La quantit
del Tracking dipende da come vuoi che appaia il testo. Se ci
sono grossi spazi vuoti oppure c poco spazio, puoi modificare il valore del Tracking. Chi impagina giornali o magazine molto spesso utilizza questa funzione. Ricordati per
di usarla con moderazione, solo cos, sar poco evidente.
Modificare Lo Spessore Del Carattere, Modificare Altezza
Del Carattere e Inclinare Il Testo Su InDesign
Per modificare la scala orizzontale o verticale del carattere oppure per inclinarlo fai semplicemente clic su campo
relativo nel pannello Carattere. A questo punto non ti resta che inserire il valore desiderato. Limpostazione Italico
determina langolo dinclinazione: Se utilizzi un valore positivo il testo verr inclinato verso sinistra se invece utilizzi
un valore positivo verso destra.
Spostare La Linea Di Base
Nel corso del tua carriera ti capiter di dover spostare la
linea di base. Ovvero spostare un determinato carattere
sopra o sotto la linea della riga di testo. Questo meccanismo viene applicato normalmente quando si deve ad
esempio scrivere una frazione. Se ti serve modificare la
linea di base del tuo documento allora prosegui come ti
descrivi qui sotto:
1. Fai doppio clic sul valore corrente, normalmente pari a
0, e inseriscine uno nuovo.
2. Fai doppio clic sul valore corrente e pio muovi le freccette fino a quando non ottieni il valore che desideri.
3. Fai loperazione descritta nel punto due tenendo premuto il tasto Maiusc. Aumenteranno i valori.
Domande? Clicca qui.

47 | ebookindesign

La scelta della lingua


Se utilizzi il men lingua dal pannello carattere avrai modo
di modificare la lingua del tuo testo. Questa una funzione che pu tornarti utile quando ad esempio hai un brano
totalmente in italiano ma magari hai anche un piccolo testo in inglese.
Il men del pannello carattere
Le voci del pannello carattere avranno i seguenti effetti
sul tuo testo:
Tutte Maiuscole: trasforma il testo che hai selezionato
tutto in maiuscolo.
Maiuscoletto: trasforma il testo che hai selezionato in
un maiuscolo per pi piccolo.
Apice, Pedice, Sottolineato e Barrato: significano proprio quello che c scritto.
Legature: sono quei caratteri che si leggono come due
distinti ma che sono stampati come uno singolo, ad
esempio la doppia f (ff). InDesign nel fare questo processo da prima unocchiata al carattere guardando se
esistono legature proprie del carattere altrimenti le interpreta.
Non dividere: fa in modo che il testo che hai selezionato
non si interrompa alla fine della riga.
Cosa Sono Gli Stili Di Carattere
Supponi che il tuo amato cliente voglia che il nome della
sua azienda appaia sempre in un determinato modo. Ad
esempio in Arial Grassetto. Tralasciando la disgustosa
scelta estetica, questo un lavoro che normalmente comporterebbe un lavoro lungo, noioso, ripetitivo e snervante. Una rogna infinita quindi. Ma se usi InDesign non avrai
questo problema.
Gli Stili Di Carattere
Gli stili di carattere sono semplicemente una raccolta di
opzioni attribuite al testo, definite chiaramente dalloperatore, applicabili con un semplice clic oppure premendo
un tasto. Per lavorare con gli Stili Carattere devi accedere al Pannello Stili Di Carattere. Puoi visualizzarlo tramite
Finestra>Testo - Tabelle> Stili di Carattere oppure con un

Fonti: Wikipedia (Caratteristiche dei tipi di carattere)

comando da tastiera pi veloce: Maiusc + F11.


Creare Lo Stile Di Carattere
Per creare uno stile di un carattere segui i passaggi che ti
ho elencato qui sotto:
Dopo aver creato un nuovo documento accedi al pannello.
Stili di Carattere;
Fai clic sul pulsante Crea Nuovo Stile nellangolo inferiore
destro e poi clicca due volte sul nuovo stile appena creato;
Opzioni Stili Di Carattere
Facendo doppio clic sul nuovo stile appena creato InDesign aprir per te la finestra Opzioni Stili di carattere. Come
puoi vedere questa finestra ha tutta una serie di schede
che la compongono. Qui sotto ti spiego le pi importanti.
Generali
In questa sceda puoi assegnare dei valori semplici. Per
esempio se stai creando uno stile da applicare ad un catalogo di moda puoi chiamarlo Catalogo moda. Ricordati
per di usare un noma che ti aiuti a distinguerlo dagli altri.
Sar molto importante quando dovrai usare pi stili. Puoi
Domande? Clicca qui.

48 | ebookindesign

anche basare il nuovo stile su di uno precedente. Questa


meccanismo si applica soprattutto se vuoi creare uno stile
che si differisce di poco da quello vecchio. Ad esempio solo
il grassetto. Se credi che questo stile dovrai utilizzarlo con
molta frequenza allora ti torner utile assegnarli un tasto
di scelta rapida.
Formati Base
Tramite questa scheda puoi inserire tutte le specifiche di
testo riguardanti Famiglia Font, Stile, Dimensione ecc. Se
vuoi maggiori informazioni sul carattere dai un occhiata a
questo articolo. Formati Avanzati Carattere
Tramite questa sceda potrai variare la linea verticale,
quella orizzontale. Puoi determinare lo spostamento della
linea di base e ancora determinare linclinazione del carattere. Puoi ancora selezionare un dizionario predefinito.
Colore Carattere
Con questa scheda potrai definire un colore per il Carattere. Quando ti sentirai soddisfatto puoi cliccare su Anteprima in basso a sinistra per dare unocchiata al tuo lavoro.
A quel punto se sei soddisfatto potrai cliccare su Ok.
Altre Opzioni Del Pannello Stili Di Carattere
Per accedere alle altre Opzioni del Pannello Carattere
clicca sulla freccia che punta verso il basso che sta in alto
a destra del pannello. A questo punto InDesign ti mostrer
un men a tendina. Vediamo quali sono le opzioni pi importanti.
Ridefinisci stile
Questo comando ti potr tornare utile quando ad esempio ti sarai reso conto che una serie di frasi o parole non
dovevano avere quel determinato nuovo stile. Per riassegnare lo stile predefinito ti basta selezionare con il cursore
del testo le frasi o le parole in questione e poi selezionare
Ridefinisci Stile.
Carica Stili Di Carattere e Carica Tutti Gli Stili Di Carattere
Tramite questi comandi puoi importare degli stili di carattere da altri documenti di InDesign. Attento per ad utilizzare Carica Tutti Gli Stili Di Carattere perch InDesign
oltre a caricare gli stili di carattere caricher anche quelli
di paragrafo.

Domande? Clicca qui.

49 | ebookindesign

Usare i paragrafi

Domande? Clicca qui.

50 | ebookindesign

Che cos un paragrafo


Il paragrafo una suddivisione interna di un capitolo o di
una sezione. A che cosa serve? Ad esempio pu servire
per mettere in evidenza determinate parti del testo oppure per differenziare alcune parti del testo rispetto a delle altre. Le note a fine pagina potrebbero essere un buon
esempio. Diventa quindi molto importante per un grafico
che sta impaginando un progetto sapere come organizzare al meglio il suo testo allinterno dei paragrafi.
Utilizzare il pannello paragrafo
Puoi gestire la formattazione dei tuoi paragrafi tramite
il pannello paragrafo al quale puoi accedere tramite Finestra> Testo Tabelle> Paragrafo o pi facilmente tramite il
comando da tastiera Ctrl (Cmd) + m. Se effettui delle modifiche mentre il cursore di testo attivo allinterno del paragrafo oppure se avete selezionato parti di testo le modifiche verranno effettuate esclusivamente sul paragrafo
di testo selezionato. Le modifiche apportate in qualsiasi
altro momento avranno effetto sulle caratteristiche predefinite del paragrafo.
Le opzioni di allineamento
Lallineamento su InDesign non ha nulla di diverso rispetto allallineamento dei pi comuni editor di testo. Word ad
esempio fornisce quattro pulsanti di allallineamento: a sinistra, a destra, giustificato e centrato. InDesign associa a
queste quattro modalit altre tre opzioni:
1. Giustifica ultima riga centrata: Giustifica lintero paragrafo come lopzione giustificato ma con lultima riga giustificata al centro invece che a sinistra.
2. Giustifica ultima riga a destra: Giustifica lintero paragrafo come lopzione giustificato ma con lultima riga giustificata a destra anzich a sinistra.
3. Giustifica tutte le righe: Giustifica tutte le righe del paragrafo compresa lultima. Se non ci sono caratteri sufficienti per completare lultima riga allora InDesign aggiunger dello spazio tra i caratteri per allargare il testo.
Allineamento verticale alla griglia di base
Ci sono due pulsanti che controllano se in un paragrafo ogni riga di testo allineata o meno alla griglia linea di
base. Di default, questa opzione, disattivata. La FIGURA
mostra questa opzione disabilitata nella parte superiore
ed abilitata nella parte inferiore.
RICORDA: Applicando lallineamento alla
griglia linee di base ad un paragrafo, tutti i paragrafi successivi dello stesso brano
slitteranno verso il basso. In pi, spostando la cornice di testo, le righe verranno calamitate alla griglia linee di base pi vicina.

Domande? Clicca qui.

51 | ebookindesign

La spaziatura tra i paragrafi


Per creare una spaziatura tra i paragrafi, normalmente,
potresti essere tentato dallusare il tasto invio. Purtroppo
per questa tecnica non ti permette di avere un controllo
preciso. Il metodo migliore quello di utilizzare le funzioni
Spazio prima e Spazio dopo del pannello Paragrafo.

TIP: preferibili usare lopzione Spazio


dopo, in quanto, con lopzione Spazio prima verr aggiunto uno spazio indesiderato
allinizio del paragrafo.

Il men del pannello paragrafo


Come ogni pannello di InDesign, anche il pannello Paragrafo, dispone di un suo men interno. Qui sotto ti elenco
e spiego le parti pi importanti.
Opzioni di Gustificazione
Una volta selezionata lopzione Giustificazione InDesign
aprir la finestra Giustificazione tramite la quale potrai
modificare i valori di Spaziatura Parole, Spaziatura Lettere
e Scala Glifi (o caratteri).
Spaziatura parole: La Spaziatura parole si riferisce alla
quantit di spazio aggiunto o tolto tra le parole allo
scopo di giustificare una riga di testo. I valori predefiniti
80 e 133 sono piuttosto standard.
Spaziatura lettere: La spaziatura lettere fa riferimento
alla spaziatura tra le lettere di una parola. Qui il valore
0 corrisponde allopzione normale. I numeri negativi diminuiscono lo spazio tra le lettere.
Scala glifi: La scala glifi fa riferimento semplicemente
alla capacit di InDesign di scalare orizzontalmente i
singoli caratteri mentre giustifica una riga. Qui il valore
100% corrisponde allopzione normale.
Giustificazione parola singola: Ci sono dei casi in cui le colonne sono piuttosto strette. In questi casi capita spesso che una parola occupi lintera riga. Se nel paragrafo
impostata la giustificazione completa la riga ricoprir
lintera riga, risultando essere troppo allungata. Puoi
quindi pensare di giustificarla a destra o a sinistra.
Composizione: In InDesign hai a disposizione due metodi
per gestire la composizione.
1. Adobe Paragraph Composer (predefinito): calcola una
serie di possibili fine di riga nellarco dellintero paragrafo in maniera tale da regolare le prime righe evitando fine di riga indesiderati.
2. Adobe Single line Composer: compone il testo una
riga alla volta.
Controllare le vedove e le orfane
antiestetico vedere ununica riga dello stesso paragrafo
allinizio o alla fine della colonna oppure di una pagina separata dalle altre. Solitaria in pratica. A queste righe sono
stati dati dei nome: Vedove e Orfane. Una vedova una
riga di testo alla fine del paragrafo che per causa di uninterruzione di pagina oppure della colonna risulta separata
dal resto del paragrafo. Unorfana , invece, la prima riga
separata dalle altra sue amiche righe per lo stesso motivo della vedova. Fortunatamente InDesign non causa ne
vedove ne orfane. Che bravo programma! Infatti pu prevenire automaticamente. Tramite il men del Pannello Paragrafo puoi selezionare.
Domande? Clicca qui.

52 | ebookindesign

Opzioni di separazione
Non separare dalle successive (n) righe controlla quante
righe del paragrafo successivo devono rimanere unite al
paragrafo corrente. Se non vuoi che il titolo del tuo paragrafo successivo non rimanga solo soletto in fondo alla
pagina, allora inserendo un valore in questo campo, puoi
fare in modo che alcune delle righe del paragrafo successivo rimangano unite al titolo. Non separare righe ti mostra
due opzioni:
Puoi assicurarti che tutto il paragrafo rimanga intatto
senza alcuna interruzione.
Puoi specificare un numero di righe da mantenere allinizio o alla fine del paragrafo per evitare vedove ed orfane.
Le opzioni del men a tendina Inizio Paragrafo stabiliscono dove scorrer il testo do linterruzione.
La sillabazione
Puoi controllare perfettamente la sillabazione dal men
del pannello Paragrafo tramite il comando Impostazioni di
sillabazione. Qui sotto ti elenco tutte le opzioni che devi
conoscere riguardo questa finestra.
Parole con almeno (n) lettere: stabilisce la lunghezza minima della parola che InDesign dovr sillabare.
Dopo le prime (n) lettere: tiene docchio il numero di lettere che InDesign lascer allinizio di una parola prima
di considerarne la sillabazione.
Prima delle ultime (n) lettere: la stessa cosa del punto
precedente solo dallaltra parte della parola.
Limite sillabazione (n) trattini: controlla quante righe consecutive possono terminare con parole sillabate.
Area sillabazione: la distanza che esiste dal margine
destro entro la quale InDesign comincia a considerare
se sillabare o meno.
Se lasci la casella Sillaba parole in maiuscolo deselezionata InDesign non le sillaber. Ricordati di questa opzione quando dovrai impaginare un testo ricco di nomi
propri.
I filetti di paragrafo
Dal men del pannello Paragrafo puoi selezionare lopzione Filetti di Paragrafo per poter creare i filetti di paragrafo.
Cio quelle linee orizzontali attaccate al paragrafo, i filetti
diventano parte del paragrafo e si spostano con il paragrafo stesso.
Creare I Filetti Di Paragrafo
Ora continua a leggere qui sotto perch ti spiego come
eseguire questa operazione.
Posizionati con il cursore di testo attivo nella posizione in cui vuoi che ci sia il filetto di paragrafo. A questo
punto accedi al comando Filetti di Paragrafo dal men
del Pannello Paragrafo;
Ricordati subito di attivare lanteprima. In questa maniera potrai fare in modo di vedere subito, in diretta,
tutto quello che stai facendo. Clicca su Attiva filetto.
Decidi lo spessore ed il colore che vuoi che abbia il tuo
nuovo filetto.
Su larghezza puoi decidere la larghezza che vuoi cha
abbia il tuo filetto. Pu essere di due tipi: Colonna e Testo. Nel primo caso il filetto si estender fino alla fine
della colonna mentre nel secondo caso fino alla fine del
testo.
Domande? Clicca qui.

53 | ebookindesign

Con Offset puoi decidere di alzare ed abbassare il filetto. Per alzarlo devi digitare un valore negativo, un valore positivo invece per abbassarlo.
Rientro destro funziona con lo stesso principio della
funzione Offset. In questa maniera potrai spostare il filetto pi a destra o pi a sinistra.
Con Filetto sopra e Filetto sotto puoi decidere se far nascere il filetto sopra o sotto la parola.
Come usare le tabulazioni
Puoi accedere al pannello tabulazioni tramite il Men Testo e poi cliccando su tabulazioni. Una volta aperto questo
pannello InDesign lo allineer direttamente con il testo. La
prima funzione utile da segnalarti del pannello tabulazioni
la funzione sopra cornice di testo. il ferro di cavallo
che puoi vedere alla destra del pannello. A cosa serve? Se
per caso sposti il pannello Tabulazioni puoi cliccare sul ferro di cavallo per riallinearlo alla cornice di testo.
Nella parte in alto a sinistra del pannello Tabulazioni ci
sono una serie di pulsanti per le varie tipologie di tabulazioni. Qui sotto ti spiego cosa significano. Dalla prima a
sinistra:
1. La tabulazione a sinistra anche conosciuta come una
tabulazione normale. Il testo si allineer a sinistra. Il testo apparir alla destra dellindicatore di tabulazione.
2. In una tabulazione centrata il testo si allineer su
quellindicatore di tabulazione, centrando il testo su
quella tabulazione.
3. La tabulazione a destra esattamente lopposto della destra. Il testo apparir alla sinistra dellindicatore di
tabulazione.
4. Lultima freccia indica che puoi utilizzare una tabulazione decimale. A cosa serve? Serve per allineare pi
informazioni contenenti informazioni numeriche. Se
selezioni le tabulazioni decimali viene messo a disposizione il campo Allinea a. Questo campo di default una
virgola, decimale.
Come creare uno stile di paragrafo
Se vuoi creare uno stile di Paragrafo segui i passi che ti
spiego qui sotto:
1. Prima di tutto crea una cornice di testo e inserisci al suo
interno del testo segna posto. Testo>Riempi con testo
segna posto.
2. Seleziona il paragrafo creato ed assegnali una serie di
nuove opzioni: Interlinea, Font e dimensione del carattere.
3. Apri il Pannello Stili di Carattere (F11) e crea un nuovo stile di carattere dal men nell angolo a destra del
pannello. Clicca quindi su Nuovo Stile. A questo punto
InDesign assocer la formattazione che hai assegnato
al paragrafo al nuovo stile.
4. Non ti resta che assegnargli un nome utile e unico. In
questa maniera quando inizierai ad utilizzare molto
spesso gli stili di paragrafo non farai confusione.
Personalizzare gli stili paragrafo con stili di carattere
nidificati
Ma se dovessi creare un capolettera personalizzato o
fare comunque delle personalizzazioni al mio paragrafo?
Con stili di carattere nidificati
Puoi andare ad applicare delle modifiche specifiche al tuo
Domande? Clicca qui.

paragrafo per renderlo perfettamente identico a quelle che sono le tue esigenze. Tali stili infatti permettono
di applicare una formattazione solo ad una determinata parte del paragrafo. Come ad esempio il Capolettera.
Non essendo uno stile vero e proprio lo stile nidificato necessita di uno stile di paragrafo su cui appoggiarsi.
Per accedere agli stili di carattere nidificati ti basta accedere alle opzioni di stile di paragrafo dal men del pannello
paragrafo. A questo punto clicca sulla scheda Capilettera
e Stili Nidificati.
Elenchi puntati
Nella caratterizzazione deglis tili di paragafo possibile
dicidere di mantenere gli elenchi importati dalle altre applicazioni oppure creare elenchi numerati ed automatici
continui. Nella finestra Opzioni stile di paragrafo fai clic
su Elenchi puntati e numerati e a questo punto specifica il
tipo di elenco che vuoi creare ed inserire.

54 | ebookindesign

Creare Layout

Domande? Clicca qui.

55 | ebookindesign

Guide righelli
Una guida una linea orizzontale oppure verticale non
stampabile che possibile creare per rendere pi agevole
loperazione di allineamento degli oggetti.
Esempio: Immagina di dover allineare sulla destra una serie di immagini oppure di oggetti. Puoi usare le guide per
aiutarti.
Una griglia , invece, composta da una serie di guide equidistanti. Con InDesign puoi creare due tipi di guide:
1. Le griglie linee di base: conferisce alla pagina una spetto modello bloc notes.
2. Le griglie documento: conferisce alla pagina laspetto di
un foglio a quadretti.
In questo capitolo approfondiremo il concetto di Layout
e di tutti gli strumenti che sono necessari per creare una
struttura che ti permetta di imaginare non solo nella maniera pi professionale possibile, ma anche, in quella pi
produttiva.
Utilizzare le guide righello
Una volta che crei il documento di InDesign, puoi notare
che, i margini a lato della tua pagina fungono da guide effettive per la costruzione del tuo impaginato. Queste guide prendono il nome di guide margini. Come ti ho detto
prima le guide sono elementi non stampabili che ti servono per costruire il tuo impaginato. Sono i tuoi attrezzi del
mestiere. Per quanto riguarda la produzione di un volantino, oppure di un progetto simile, le guide margini, forse
saranno pi che sufficienti. Ma nel caso tu debba produrre
un impaginato un pochino pi complesso bene che tu
sappia come usarle.
1. Per creare una guida righello devi effettuare questo
tipo di operazione:
2. Crea un nuovo documento InDesign. Assicurati che i righelli siano visualizzati, altrimenti con CTRL o CMD + R
puoi attivarli facilmente.
3. Posizione il cursore su uno dei righelli. Per esempio
quello superiore..
4. Fai clic e noterai che il cursore cambier il suo aspetto, trasformandosi in una doppia freccia. Trascinando
poi il cursore verso il basso, vedrai apparire la guida, rilasciando, questa si fisser in quel punto. Facendo clic
sulla guida appena creata noterai che potrais postarla
ulteriormente.
Qui di seguito ho aggregato una serie di consigli utili che
possono aiutarti nel posizionamento ed uso delle guide.
Se rilasci il mouse su una pagina, la guida righello creata apparir solo su quella pagina.
Per eliminare una guida righello, selezionala e poi clicca
su Canc. Per selezionare tutte le guide righello presenti
sulla pagina corrente usa la combinazione di tasti CTRL
+ ALT/OPT + G.
Se le guide righello ti servono su pi pagine, puoi copiarle ed incollarle su pi pagine diverse. In alternativa
se si tratta di numerose pagine, puoi copiarle ed incollarele sulla pagina mastro.
La voce Guide righello del men Layout ti permette di
modificare laspetto delle guide.

Domande? Clicca qui.

56 | ebookindesign

Creare margini e colonne


Come ti ho detto precedentemente, i margini ti servo
come guide al tuo impaginato. Puoi creare dei margini per
le tue colonne che ti serviranno quando dovrai disporre le
tue cornici di testo.
Per creare delle guide margini colonne puoi usare il procedimento che ti ho spiegato qui di seguito.
1. Crea un nuovo documento oppure continua ad usare il
tuo documento di prova.
2. Seleziona margini e colonne dal men Layout. Apparir
la finestra di dialogo mostrata in FIGURA.
3. Come vedi la sezione Margini presenta quattro campi.
Ogni campo rappresenta una misura a partire dal bordo della pagina.
4. Per modificare il numero di colonne devi lavorare sul
campo Numero. Nel campo Margini e rilegatura inserisci la quantit di spazio che vuoi avere tra una colonna
e laltra.

NOTA: per modificare lunit di misura


delle guide ti baster andare su Preferenze-Unit incrementi e modificare lunit di
misura.

5. Una volta impostata la misura potrau cliccare su OK.


6. A questo punto puoi cliccare su OK.
Qui di seguito ho selezionato una serie di consigli che dovresti tenere a mente quando crei queste guide.
Qualsiasi modifica eseguita sulla finestra di dialogo
Margini e colonne un effetto solo sulle pagine selezionate nel pannello pagine.
Se vuoi creare delle guide solo per una pagina assicurati che solo quella pagina sia selezionata.
Se vuoi creare delle guide su due pagine affiancate assicurati che tutte e due le pagine siano selezionate.
Se vuoi applicare queste modifiche a tutte le pagine, allora, seleziona tutte le pagine.
Creare guide righello equidistanti
Se hai bisogno di posizionare del testo oppure delle immagini ad intervalli regolari, devi sapere che con InDesign c la possibilit di posizionare queste guide in maniera
equidistante di modo da permetterti di velocizzare il posizionamento. Qui di seguito ti spiego come.
1. Riprendi il solito documento prova oppure creane uno
nuovo. Seleziona la voce Crea guide dal men Layout.
Apparir la finestra di dialogo.
2. Il campo Righe crea una serie di guide orizzontali, mentre Colonne una serie di guide verticali. A questo punto
imposta nel campo Numero del gruppo Righe il valore
ipotetico di 3.
3. Nel campo opzioni puoi scegliere se far partire le tue
guide dai margini oppure dal bordo pagina.
4. Premi su OK.
5. Ora ritorna sulla finestra appena chiusa e fai qualche
modifica, prima di chiudere per, ricordati di selezionare la voce Elimina guide esistenti. In questa maniera
sostituirai, con le nuove modifiche, quelle vecchie.
6. Con la funzione Anteprima puoi vedere in anteprima le
tue modifiche.
Domande? Clicca qui.

57 | ebookindesign

Controllare le guide
Il men Visualizza presenta diverse opzioni che permettono il controllo degli elementi, qui di seguito ti segnalo quelle relative alle guide.
Nascondi guide (CTRL + o Cmd + ): nasconde senza eliminare tutte le guide impostate sul documento.
Questo comando di scelta rapida ti torner utile quando vorrai vedere il tuo elaborato libero dagli imbrogli
della progettazione.
Bloccare le guide: pu tornarti utile quando stai realizzando un elaborato molto completo e ricco di oggetti. In questo caso potr capitarti di spostare per
sbaglio una guida invece di un particolare oggetto.
Per tenere le guide ferme al loro posto usa il comando blocca guide (Ctrl + Alt o Cmd + Opt + ). Per
sbloccare le Guide puoi utilizzare gli stessi tasti.
Per bloccare le guide relative ad una solo colonna selezione Blocca Guide Colonna.
Tramite Allinea alle Guide (Maiusc + Ctrl + o Maiusc +
Cmd + ): puoi controllare gli effetti delle aree calamitate. Con questa opzione attiva una volta che trascinerai
gli oggetti allinterno della pagina verranno calamitati
sulle guide in base alle preferenze impostate. Questa
opzione utile se volete posizionare gli oggetti proprio
sulle guide ma piuttosto fastidiosa se volete posizionare gli oggetti non sulle guide ma vicino alle guide.
Guide sensibili: sono una delle novit di InDesign CS4.
Consentono di trascinare, ridimensionare e allineare
con molta precisione e facilit gli oggetti allinterno della pagina. gi selezionata di default.
Usare i righelli
Come hai gi visto i righelli servono per creare delle guide
per la tua pagina. Sono per anche molto utili per aiutarti
a posizionare gli oggetti allinterno del tuo spazio di lavoro.
C soltanto una posizione che puoi eseguire con i Righelli.
Si tratta del cosiddetto punto zero. Si tratta del punto in cui
iniziano i righelli, sia verticale che orizzontale. Ma per quale assurda ragione vorrai modificarlo? Per esempio perch hai intenzione di misurare un oggetto. Puoi spostare
il punto zero nellangolo sinistro delloggetto e stabilirne le
dimensioni. Per modificare il punto zero, prima selezionalo (appariranno due righe a formare una croce), trascinalo
verso il nuovo punto. La posizione dove rilascerai il mouse sar il nuovo punto zero. Per ripristinare il punto zero
predefinito ti baster fare doppio clic nellangolo superiore
sinistro dei righelli.
Usare i livelli
Per spiegare cosa sono i livelli ho bisogno che tu ti riesca a
concentrare su un ricordo. Te la ricordi la scuola? Quando il
professore una volta ogni tanto, grazie a chiss quale spirito
stacanovista, presentava la sua lezione sulle pellicole. E poi
le proiettava sul muro. Ogni concetto una pellicola. Una pellicola sopra laltra. I livelli sono proprio come quelle pellicole. Sovrapposte una dopo laltra si ottiene lo schema intero.
Su InDesign puoi lavorare con lo stesso concetto. Molto
spesso pi conveniente lavorare su pi livelli o pellicole
per facilitarti il lavoro. Puoi far memorizzare al programma pi versioni dello stesso documento senza creare documenti multipli.
Domande? Clicca qui.

58 | ebookindesign

Perch usare i livelli


Se sei un freelance oppure lavori in un azienda, non
cambia nulla. Ti capiter o ti sar capitato di dover realizzare un catalogo, con gli stessi oggetti, ma per diverse edizioni: Inglese, Francese, Tedesco.
Puoi anche pensare di stampare uno specifico livello, ad
esempio una specifica lingua se questa posizionata su di
un livello unico. Perch dovresti fare questa cosa? Perch
molto spesso soprattutto nelle case editrici pu capitare
che questo testo venga sottoposto a controlli di redazione. Quindi stampare anche le immagini risulta essere solo
uno spreco di inchiostro.
Il pannello
In ti mostro laspetto del pannello livelli. In maniera predefinita, InDesign, crea un solo livello. Pi avanti ti spiegher in che cosa consistono i livelli multipli. Ma per il momento importante che tu riesca a prendere confidenza
con questi strumenti.
Alla sinistra di ciascun pulsante livello ci sono due pulsanti:
Un interruttore (occhio): per controllare o meno la visualizzazione del livello.
Un interruttore di blocco: se disattivato puoi applicare modifiche al livello. Cliccandoci apparir un pennino
barrato che non ti permetter di editare quel livello.
Sulla destra noterai un piccolo triangolo accanto al nome
del livello. Cliccando su di esso questo si espander mostrando il contenuto del livello.
A destra del nome del livello, invece, c un icona a forma
di penna. Questa indica su quale livello verr posizionato
loggetto successivo.
ESEMPIO: Immagina di avere un documento mult-ilivello, ed hai la necessit di
dover posizionare un oggetto sul Livello
1. Il pennino indica che stai lavorando sul
livello 2, quindi dovrai cambiare livello per
posizionare il tuo oggetto sul livello 1.
Ogni nuovo livello prender un nuovo colore. Questo nuovo colore verr associato a tutti gli oggetti corrispondenti.
In questa maniera potrai capire facilmente a quale livello
appartiene un determinato soggetto.
Per Creare un nuovo livello puoi usare il pulsante apposito, del tutto simile al pulsante Crea nuova pagina.
Qui di seguito ho elencato la procedura per creare un
nuovo livello:
1. Con un nuovo documento apri il pannello livelli. (F7 oppure Visualizza> Livelli).
2. Fai clic sul pulsante Creare un nuovo livello. Dovresti
ottenere un risultato simile a quello della FIGURA.
3. Per aggiungere un terzo livello, ripeti le operazioni del
punto 2.

Domande? Clicca qui.

59 | ebookindesign

Il men del pannello livelli


Il men del pannello livelli ti permette di eseguire una serie diversa di opzioni. Seleziona Nuovo livello per creare un
nuovo livello.

TIP: Lopzione colore ti torner utile quando dovrai lavorare con sfondi particolarmente scuri e dovrai riconoscere il livello.

Modificare i livelli
Puoi cambiare il nome del livello per associare al livello un
significato pi descrittivo. La stessa cosa vale per il campo
colore, cambiarlo ti aiuter a trovarlo tra tutti gli elementi.
Riadattamento automatico del layout
Negli ultimi anni proporre un contenuto e riadattarlo
diventato un obiettivo abbastanza comune. Specie se si
tratta di qualcosa proveniente dal web. Ti mai capitato di
dover convertire un documento, magari una presentazione power point, in un impaginato a 1 colonna?
Fino a poco tempo fa effettuare questo tipo di operazione
voleva dire ore di lavoro. Noiose e davvero poco soddisfacenti per il designer. Oggi InDesign ti mette a disposizione
una funzione chiamata Adatta alla pagina. Effettuando
modifiche al Layout con questa funzione abilitata, specialmente quando selezionerai Imposta documento dal men
File. InDesign adatter automaticamente i vari elementi della pagina alle tue modifiche. Il risultato, a volte non
coincider perfettamente, ma sar sicuramente molto simile. Ci vuol dire che dovrai fare molto meno lavoro.
Per attivare questo tipo di opzione, seleziona Adatta alla
pagina dal men Layout.
Qui di seguito la spiegazione delle opzioni:
Consenti adattamento alla pagine: ti permette di abilitare o disabilitare la funzione sopracitata. Se questa
funzione non attiva tutte le altre opzioni apparir non
selezionabili.
Area di allineamento: funziona come le aree calamitate. La differenza che questa funzione interessa le
modifiche fatte in conseguenza delladattamento alla
pagina.
Consenti ridimensionamento grafica e gruppi: permette ad InDesign gli oggetti in proporzione alle modifiche
fatte sul tuo oggetto.
Consenti spostamento guide righello: sposter le guide
righello in base alle modifiche del Layout.
Ignora allineamento guide righello: InDesign allineer
gli oggetti ai margini ma ignorer le guide righello.
Ignora blocco oggetti e livelli: InDesign modificher anche gli oggetti bloccati della pagina. Non selezionando
questa opzione InDesign non terr conto degli oggetto
bloccati.
Creare una tabella
Creare una tabella molto semplice. Bisogna soltanto
seguire pochi e semplici passi. Qui sotto te li ho raggruppati per semplificarti il tutto:
1. Clicca con lostrumento testonella parte in cui vuoi che
ci sia la tua tabella
2. A questo punto vai suTabella >Inserisci Tabella
3. Nella finestra di dialogo Inserisci tabella puoi decidere
di quante righe e colonne vuoi che abbia la tua tabella.
Domande? Clicca qui.

60 | ebookindesign

4. Fai clic suOkper creare la tua nuova tabella.


Convertire testo in tabella
E se invece volessi trasformare del testo che io ho
gi su InDesign in una tabella? Prima di tutto devi dare
unocchiata al testo. Guarda se le separazioni tra una
colonna e laltra e tra una riga e laltra siano fatte nel
modo giusto. Per fare questo puoi usare le tabulazioni.
Una volta che hai preparato il testo nel giusto modo vai su
Tabella>Converti il testo in tabella.
Formattare Le Tabelle
Come quasi tutto su InDesign anche le tabelle permettono di essere personalizzate. Per il contenuto testuale
puoi usare gli stili di carattere o gli stili di paragrafo. Vediamo ora come modificare le tabelle tramite la barra di
comando centrale. Sulla sinistra puoi vedere i comuni comandi per lallineamento, lorientamento e la formattazione del testo. Sulla destra invece puoi vedere i comandi
relativi alle righe e alle colonne ed un altra serie di comandi su come unire le celle e personalizzare le tabelle.
Guarda sull estrema destra. Noterai un pulsante. Selezionando questo men puoi accedere alla finestra Opzioni
Tabella.
Questa finestra divisa in diverse sotto schede, tramite
le quali, puoi modificare bordi, dimensioni, spaziature, tracce ecc. Sempre dallo stesso Men puoi accedere alla finestra Opzioni Cella.
Tracce e Riempimenti
Tramite la finestra di dialogo Opzioni Tabella puoi accedere ad unaltra finestra di nome:Tracce riga, Tracce colonna
e Riempimenti. Queste opzioni ti permettono di intervenire direttamente su tutta la tabella. Se vuoi modificare
invece le singole celle devi accedere alla finestra Opzioni
Cella e selezionare la scheda Tracce e Riempimenti.
Stili di cella e stili di Tabella
Come ti ho gi spiegato per gli stili di carattere e gli stili di
paragrafo anche per le tabelle puoi fare la stessa cosa, modificarne lo stile. Ma che cos uno stile di tabella?Una serie
di opzioni per modificare bordi, tracce, righe e colonne. Per
quanto riguarda le celle invece puoi modificare altra opzioni come ad esempio tracce riempimenti e margini di cella.
Il funzionamento di questi pannelli identico a quello dei
pannelli stile di paragrafo e di carattere. Puoi accedere a
questi pannelli tramite Finestra>Testo e Tabelle> Stili di
tabella o Stili di cella.

Domande? Clicca qui.

61 | ebookindesign

Usare gli strumenti


di disegno

Domande? Clicca qui.

62 | ebookindesign

InDesign un programma davvero completo. Infatti vi


permette di utilizzare un set di strumenti di disegno. Se
sei un utente che ha gi utilizzato Illustrator allora questo
set di strumenti ti sembrer piuttosto familiare. Allora la
domanda sorge spontanea: Se questi strumenti esistono
gi in Illustrator perch inserirli su InDesign? Perch molto spesso capita di dover inserire delle immagini al volo e
dovrai esser capace di piazzarle nella maniera pi decorosa possibile. Questo un altro passo che devi fare per
imparare ad usare InDesign nel modo giusto.
Come usare lo strumento matita
Se vuoi disegnare una forma con la matita di InDesign
devi eseguire i passaggi che qui sotto di vado a descrivere.
1. Accedi allo strumento Matita cliccando sulla sua icona
oppure premendo il tasto N.
2. A questo punto disegna quello che vuoi: un cerchio, un
quadrato o un rettangolo.
3. Quasi sicuramente, soprattutto se stai utilizzando il
mouse, la forma che avrai disegnato ti sembrer davvero pietosa. Clicca quindi sullo strumento di selezione diretta (puntatore bianco) e clicca poi su ci che hai
appena disegnato. Vedrai che la tua forma diventer di
colore blu e sar ricoperta di quadratini sempre di colore blu. Che cosa sono? I quadratini sono ipunti di ancoraggio mentre la linea blu si chiama tracciato.
4. Se usi gi Illustrator allora saprai sicuramente come
poter modificare il tuo tracciato. Per arrotondare il
tracciato disegnato con la matita clicca sullo strumento
matita e tieni premuto. Si aprir un piccolo men a tendina, seleziona lo strumento arrotonda.
5. A questo punto puoi dirigerti nella zona che credi debba
essere pi arrotondata. Passaci sopra con lo strumento arrotonda.
6. Ripetendo loperazione del passo 4 puoi accedere al
sottomen dello strumento matita. Clicca quindi sullo
strumento cancella. Tramite questo strumento potrai
cancellare le parti di tracciato che reputi non necessarie.
Come usare lo strumento linea retta su InDesign
Lo strumento linea retta consente, come dice il nome, di
creare delle linee rette. Ti torner utile quando dovrai creare dei filetti di paragrafo.
Se vuoi disegnare con lo strumento linea retta segui i
punti che descrivo qui sotto.
1. Accedi allo strumento linea retta cliccando con il mouse
sul pannello strumenti oppure con la tastiera sul tasto
.
2. A questo punto il puntatore si sar trasformato in una
croce. Clicca nel punto in cui vuoi che appaia il tuo filetto trascinando il puntatore.
3. Se vuoi modificare lo spessore della linea allora vai su
Finestra>Traccia. Avrai aperto il pannello Traccia tramite il quale potrai modificare lo spessore della linea.
Spessore
Per modificare lo Spessore ti baster inserire un numero
nel campo spessore per modificarne la grandezza.
Estremit
Le tre opzioni di estremit stabiliscono se la tua linea dovr avere estremit squadrate oppure arrotondate.
Domande? Clicca qui.

Linea retta
Penna

Matita
Rettangolo
Trasformazione libera

63 | ebookindesign

Tipo
Questa opzioni permette di stabilire se si vuole una linea
continua o discontinua.
Inizio e Fine
Queste due opzioni ti permettono di stabilire in che modo
vuoi che inizi la linea e in che modo vuoi che finisca. Puoi
scegliere un cerchio pieno, una barra o un quadrato.
Lo strumento rettangolo
Per disegnare un rettangolo o un quadrato seleziona lo
strumento rettangolo oppure premi M dalla tastiera, quindi trascina per creare il rettangolo. Se vuoi creare un quadrato, fai clic tenendo premuto su Maiusc.
Tenendo premuto sul pannello strumenti sullo strumento
rettangolo appariranno due strumenti Ellisse e Poligo che
funzionano come lo strumento rettangolo.
Dopo aver disegnato la figura, fai clic su di essa. Apparir
un rettangolo a delimitarne la forma. Sul pannello di controllo potrai conoscerne le dimensioni.
Lo strumento trasformazione libera
Gli oggetti presenti allinterno di una pagina possono essere modificati con lo strumento trasformazione libera.
Puoi selezionarlo dal pannello strumenti oppure premendo E dalla tastiera.
Questo strumento del tutto identico allo stesso strumento che puoi trovare su Photoshop e Illustrator. Sostanzialmente ti permette di eseguire pi trasformazioni
su di un oggetto in una volta sola come: rotazione, inclinazione ecc.
Qui di seguito ti ho spiego come funziona:
1. Apri un nuovo documento e disegna un rettangolo in un
punto qualsiasi.
2. Accedi ora allo strumento trasformazione libera.
3. Sposta il puntatore sopra loggetto, che si trasformer
in una punta di freccia, e ora potrai spostare loggetto
in tutta la pagina.
4. Spostando il puntatore lontano dalloggetto si trasformer in una doppia freccia curva. A questo punto se vai
clic e trascini, loggetto sar ruotato.
5. Sposta il puntatore sopra una delle maniglie delloggetto, si trasformer in una doppia freccia retta. Facendo
clic e trascinando loggetto sar ridimensionato, ingrandito oppure ridotto a seconda della direzione.
6. Fai clic su di una maniglia laterale e trascina. Dopo aver
iniziato a trascinare tieni premuti i tasti ALT + CTRL o
CMD + OPT. Loggetto verr inclinato.

NOTA: lo strumento trasformazione libera si pu usare su qualsiasi oggetto.

Usare lo strumento Poligono


Dietro lo strumento rettangolo (proprio vicino allo strumento Ellisse) puoi trovare lo strumento Poligono, che ti
permette di creare figure con pi lati, come esagoni, pentagoni ecc. Con funzione predefinita lo strumento Poligono
crea un esagono. Selezionandolo, facendo clic e trascinando potrai creare la figura. Facendo, invece, doppio clic sullo
strumento Poligono allinterno del pannello Strumenti potrai modificarne i lati, visualizzando la finestra di dialogo
Impostazioni Poligono.
A questo punto potrai selezionare il valore che preferisci
Domande? Clicca qui.

64 | ebookindesign

nella casella Numero di lati. Ricordati che per creare un poligono regolare il valore Rientro per stella deve essere allo
0%.
Lo strumento penna
Lo strumento penna uno degli strumenti pi utili ed
interessanti, ma forse anche uno dei pi complessi. Puoi
usarlo proprio come usi lo strumento linea, per creare linee rette oppure per tracciati pi complessi, chiusi oppure
aperti. Qui di seguito ti spiegher come si usa e a cosa serve questo strumento.
Come usare lo penna per creare tracciati su InDesign
Prima di capire come si crea e come si gestisce un tracciato su InDesign bene capire che cos un tracciato. Un
tracciato un insieme di punti e di matematiche che definiscono una forma. Tutto ci che puoi disegnare con un
programma vettoriale un tracciato. Una curva, una linea,
una forma qualsiasi. Un tracciato organizzato in punti di
ancoraggio. Che cosa sono? Sono le colonne che reggono
il tracciato senza di queste il tracciato non pu esistere e
con queste il tracciato pu prendere le forme che vogliamo.
Ci sono due tipi di tracciati: i tracciati aperti e i tracciati
chiusi.
I tracciati aperti sono le normali linee le mezze curve.
I tracciati chiusi sono i quadrati, i cerchi i rettangoli.
Come creare un tracciato aperto
Tramite lo strumento penna la cosa pi complicata per
un utente alle prime armi sicuramente utilizzare lo strumento curva.
Per creare una curva seleziona lo strumento penna e clicca su di un punto del tuo spazio di lavoro. Rilascia il tasto
del mouse e dirigiti nella direzione che pi preferisci.
A questo punto fai clic e non rilasciare il pulsante del mouse.
Non rilasciando infatti potrai gestire la grandezza della
pancia della curva. A questo punto avrai creato un tracciato aperto.
Come creare un tracciato chiuso
Per creare un tracciato chiuso non ti devi comportare in
maniera molto differente da quella precedente.
1. Clicca per creare il primo punto
2. Muoviti verso la direzioni che vuoi che abbia la tua curva ho il tu tracciato e crea il punto successivo. Se devi
creare una curva muoviti come descritto sopra.
3. Chiudi il tracciato ritornando al punto inziale. Vedrai che
al fianco della piccola penna che rappresenta il puntatore del mouse ci sar un cerchio. Rappresenta proprio
la chiusura del tracciato.
Modificare I tracciati
Puoi intervenire sullintero tracciato o sul singolo punto di
ancoraggio.
Per selezionare un intero tracciatoclicca sullo strumento di selezione (puntatore nero) e poi clicca su di
un punto qualsiasi del tracciato. A questo punto potrai
ridimensionare il tracciato oppure spostarlo. Capirai di
aver selezionato il tracciato perch apparir un riquadro attorno al tracciato.
Per selezionare un punto di ancoraggioclicca sullo
strumento di selezione diretta (puntatore bianco) e sul
tracciato. A questo punto i singoli punti di ancoraggio
potranno essere modificati. Selezionerai il punto di anDomande? Clicca qui.

65 | ebookindesign

ut
q
Har
it

it lN
enis
h
e
r?U volor
m

Domande? Clicca qui.

tas mi
lm
sinto
s
ua

t
ne
aio

coraggio quando questo si riempir di colore blu.


Aggiungere o eliminare punti di ancoraggio dal tracciato su InDesign
Come ti ho spiegato prima i punti di ancoraggio sono le
colonne portanti del tuo tracciato senza quelle il tracciato
non potrebbe esistere. Se hai gi provato a metter in piedi
il tuo primo tracciato ti sarai reso conto che qualcosa non
va: una curva non viene come dovrebbe, una linea non fa
quello che deve fare. Nella gran parte dei casi questo dovuto ad una errata posizione dei punti di ancoraggio, che
proprio come le colonne portanti se messe nel punto sbagliato fanno cascare tutta la costruzione.
Ti servir quindi un modo per eliminare o aggiungere punti di ancoraggio al tuo tracciato.
Lo strumentoAggiungi Punto Di Ancoraggio(la penna
con il pi + di fianco) ti permetter di aggiungere punti
di ancoraggio. Portati nella parte del tracciato interessata e clicca per aggiungere un nuovo punto.
Lo strumentoElimina Punto Di Ancoraggio(la penna
con il meno di fianco) ti permetter di eliminare i punti di ancoraggio in eccesso. Portati sul punto che vuoi
eliminare e clicca con questo strumento sul punto.
La funzione testo su tracciato
Questa funzione ti permette di far scorrere il testo su un
tracciato, che avr la forma che tu preferirai. Per esempio
di un serpente oppure di un cerchio. Qui di seguito voglio
spiegarti come puoi usare questa funzione.
1. Apri un nuovo documento di InDesign, usa lo strumento Matita per disegnare una curva.
2. Tenendo premuto sullo strumento Testo allinterno del
pannello strumenti accederai allo strumento Testo su
tracciato
3. A questo punto sposta il puntatore sul tracciato appena creato fino a vedere un piccolo segno pi. Una volta
apparso fai clic, a questo punto avrai un punto di inserimento del tracciato.
4. Digitando alcune parole noterai che queste seguiranno
tutta la linea del tracciato.
5. Se vuoi applicare qualche effetto in pi al tuo testo su
tracciato allora seleziona il testo, vai su Testo> Testo su
tracciato> Opzioni
Qui di seguito ti spiego il significato delle opzioni della finestra sopra richiamata.
Arcobaleno: Mantiene il centro della linea di base di
ogni carattere parallelo alla tangente del tracciato.
Inclina: Mantiene i bordi verticali di ogni carattere perfettamente verticali, ma consente ai bordi orizzontali di
ogni carattere di seguire la curva del tracciato.
Nastro 3D: Mantiene i bordi orizzontali di ogni carattere perfettamente orizzontali e i bordi verticali perpendicolari al tracciato.
Gradino: Mantiene il bordo sinistro della linea di base di
ogni carattere sul tracciato senza ruotare il carattere.
Gravit: Mantiene il centro della linea di base di ogni
carattere sul tracciato, ma tiene i bordi verticali in linea
con il punto centrale del tracciato.

66 | ebookindesign

Usare le immagini

Domande? Clicca qui.

67 | ebookindesign

I formati grafici
InDesign supporta unampia gamma di formati grafici. I
pi comuni sono:
TIFF.
PNG.
PDF.
AI
PSD.
BMP.
GIF.
JPEG.
WMF.
PCX.

TIP: Se lavori con Illustrator e Photoshop puoi salvare i


loro file nel loro formato natio in quanto InDesign li riconoscer senza problemi.

Scegliere il formato adeguato


Scegliere Il Formato Esatto: Bitmap o Vettoriale?
Prima di importare le immagini su InDesign bene sapere quale sia il formato migliore per importare le immagini.
La distinzione qui va fatta fra due principali formati:
Bitmap (.bmp, .pcx, .tiff, .png, .gif, jpg, .psd)
Vettoriale (.eps e .ai)
Ora non voglio annoiarti con tutta una serie di nozioni tecniche relative alle immagine che nella vita, e soprattutto nel mondo del lavoro ti serviranno a poco, ma
voglio farti capire solo qual la differenza sostanziale.
Si tratta infatti della scalabilit. Per le immagini vettoriali
questa praticamente infinita, nel senso che, se ingrandisci la tua immagine questa non perder la sua risoluzione.
Il comportamento del tutto differente per le immagini
Bitmap (o a mappa di bit). Infatti qui la risoluzione ben
definita e quindi per capire se tale immagine posso stamparla devo fare una serie di attente valutazioni.
Quali sono le regole da sapere per non avere problemi in
fase di stampa?
Capito che le immagini vettoriali vanno bene sempre ora affrontiamo il capito delle immagini Bitmap.
Per queste immagini vale la regola dei 300 ppi. Cio
del 300 punti per pollice. Cosa vuol dire? Vuol dire
che per ottenere un risultato valido in fase di stampa la risoluzione deve aggirarsi intorno a questo valore.
Ma se la mia immagine ha una risoluzione pi bassa che
faccio non la stampo? La risposta : dipende. Dipende infatti dalla risoluzione. Se troppo bassa allora non
puoi stamparla altrimenti s. Sono un po generico? Hai
ragione. Vediamo di capirlo con questa breve tabella.

Risoluzione
Iniziale

Riduzione

Risoluzione
Finale

150
72

1 volta
4 volte

300
288

Cosa vuol dire riduzione? Quel valore simboleggia il numero di volte che devi rimpicciolire la tua immagine per renderla stampabile. Infatti se diminuisci la grandezza dellimmagine questa acquista risoluzione. Ragionando in questo
senso puoi stampare le immagini prese in giro per il web.
Domande? Clicca qui.

68 | ebookindesign

Come Importare Le Immagini Su InDesign


Importare le immagini su InDesign molto semplice puoi
copiarle e incollarle, trascinarle ed inserirle. Il metodo che
preferisco? Certamente lultimo di questi.
Per inserire un immagine su InDesign segui questi passaggi.
1. Con lo strumento di selezione (il puntatore nero) procedi deselezionando tutti gli oggetti che potresti aver
selezionato cliccando in una parte vuota del tuo spazio
di lavoro. In questa maniera sarai sicuro di non interagire con oggetti che non interessano limportazione
dellimmagine.
2. Vai su File> Inserisci oppure esegui la combinazione di
tasti Ctrl o Cmd + E.
3. Seleziona limmagine oppure la serie di immagini che ti
interessano e poi, prima di cliccare su Apri, seleziona la
casella Mostra Opzioni dImportazione.
4. Avendo selezionato questa casella InDesign Aprir la
finestra dimportazione dellimmagine.
5. Puoi scegliere le impostazioni che ti interessano da applicare allimmagine. Come ad esempio quello di applicare un tracciato di ritaglio precedentemente fatto con
Photoshop. Ora clicca su Ok.
6. A questo il cursore sar sostituito da un cursore che si
chiama cursore di grafica caricata e tu potrai inserire
la tua immagine dove meglio credi.
Impostare i contorni con i tracciati di ritaglio
Quando importi unimmagine su InDesign vorrai anche
che questa interagisca con il tuo testo. InDesign di default
contorna la tua immagine con un rettangolo. Tu per, potresti volere che la tua immagine interagisca in modo diverso con il tuo testo. Per fare questo devi creare un tracciato di ritaglio. Per creare un nuovo tracciato di ritaglio
direttamente su InDesign devi procedere in questa maniera.
1. Dopo aver inserito la nuova immagine seleziona Oggetto> Tracciato di Ritaglio> Opzioni per vedere le opzioni
del tracciato di ritaglio.
2. Sulla nuova finestra che InDesign apre clicca su Anteprima per vedere in diretta quello che stai cambiando e
per capire se stai facendo la cosa giusta.
I collegamenti su InDesign: che cosa sono, perch usarli
e come gestirli
Quando inserisci un immagine su InDesign puoi Incorporarla oppure Collegarla. Quando incorpori un immagine su
InDesign porti con se tutta la sua grandezza e tutto quello
che sta al suo interno. In questa maniera appesantisci il
file di InDesign compromettendo il tuo modo di lavorare. Il
vantaggio dei collegamenti sta proprio in questo. Il file di
InDesign rimane leggero e se fai delle modifiche con Photoshop allimmagine aggiornando semplicemente il collegamento la modifica viene applicata anche su InDesign,
senza dover importare di nuovo tutto.
Per aprire il pannello dei Collegamenti vai su Finestra>

Domande? Clicca qui.

69 | ebookindesign

Collegamenti
Come aggiornare i collegamenti
Una volta modificata un immagine InDesign ti notificher
la cosa con una piccola icona sulla destra del pannello collegamenti. Per aggiornare il collegamento procedi come
segue:
1. Seleziona limmagine desiderata nel pannello collegamenti
2. Clicca sul pulsante aggiorna collegamenti
Utilizzo delle librerie oggetti
Le librerie oggetti di InDesign costituiscono un modo per
memorizzare testo e grafica e altri componenti del documento usati di frequente. Puoi per esempio creare una
libreria per ogni cliente di modo da memorizzare loghi, disegni e oggetti tipici di quel tipo di impaginazione. Di modo
che, quando inizierai una nuova impaginazione potrai aprire quella libreria.
Creare una libreria
Ovviamente, prima di poter lavorare con una libreria oggetti sar necessario crearla. Qui di seguito ti spiego come
fare:
1. Selezione File> Nuovo> Libreria. Apparir la finestra di
dialogo Nuova libreria.
2. A questo punto cerca la directory in cui vuoi salvare la
libreria, inserisci un nome e clicca su Salva.
3. La nuova libreria, vuota per adesso, verr visualizzata
in un pannello.
Per aggiungere un elemento alla libreria seleziona un
immagine e trascinalo nella libreria. Una volta trascinato
nella libreria, il cursore, si trasformer in un segno pi ad
indicare laggiunta di qualcosa allinterno della libreria.
Per riutilizzarlo in futuro ti baster trascinarlo dalla libreria
verso il tavolo di lavoro di InDesign.
Didascalie Automatiche
Una delle importanti novit delle ultime versioni di InDesign proprio la possibilit di creare didascalie automatiche, partendo dai metadati delle immagini. Le didascalie
possono essere di due tipi:
Statiche: Possono essere modificate solo manualmente.
Dinamiche: Vengono aggiornate manualmente al va-

ESEMPIO: Spostando la didascalia da un


immagine allaltra questa si aggiorna in
base ai metadati dellimmagine a cui agganciata.

riare dei metadati delle immagini.


Didascalie statiche
Per creare delle didascalie statiche, al momento dellimportazione delle immagini su InDesign necessario selezionare Crea didascalie statiche, puoi trovarla nella finestra Inserisci. Dopo averla selezionata il cursore del mouse
assume laspetto di un icona con del testo inserito. A questo punto facendo clic in un punto del documento, la didascalia verr posizionata.
Didascalie dinamiche
Questo tipo di didascalie pu essere generato partendo
soltanto da immagini gi inserite allinterno del documento. Qui di seguito ti spiego come:
Domande? Clicca qui.

70 | ebookindesign

1. Seleziona Oggetto> Didascalie> Impostazioni didascalia. Apparir la finestra di dialogo Impostazioni didascalia.
2. Inserisci i campi che intendi far apparire usando i campi
Testo prima, metadati, e Testo dopo.
3. Nella sezione Posizione e stile decidi lallineamento, lo
scostamento, uno stile di paragrafo ed un eventuale livello oppure, ancora, se raggrupparla con unimmagine.
4. Clicca ora su OK.
Il comando contorna con testo
Quando importi un immagine, per impostazione predefinita, risulta essere priva della funzione contorna con testo.
Vuol dire quindi, che inserendola in una colonna di testo,
questa verr sovrastata dal testo.
Creare contorni con il testo di base
Per risolvere questo problema bisogna elaborare un metodo per fare s che limmagine venga circondata dal testo
e che lo spazio che si verr a creare si possa amministrare.
Come ogni programma di impaginazione che si rispetti, InDesign, permette di fare anche questo. Questa operazione viene gestita dal pannello Contorna Con Testo
a cui puoi accedere tramite il comando ALT + CTRL + W
(PC) oppure con OPT + CMD + W (MAC). Questo pannello ha due sezioni: le icone lungo la parte superiore controllano il modo in cui il testo contorna, mentre i campi sotto alle icone stabiliscono loffset dellimmagine.
Se vuoi contornare le immagini con il testo devi eseguire
queste operazioni che ti ho raggruppatoqui di seguito:
1. Dopo aver creato un nuovo documento, crea una nuova
cornice di testo e inserisci del testo da Word oppure
con il comando inserisci testo segnaposto.
2. Con il comandoinserisciimportate unimmagine.
3. Apri il pannello Contorna Con Testo, e noterai che la prima icona, quella di Senza contorna con testo selezionata.
4. Fai clic sulla seconda icona chiamata Contorna con il
rettangolo di selezione. Come puoi notare limmagine
viene contornata dal testo ma di default il contorno
impostato a 0 mm.
5. A questo punto puoiaggiungere lo spazioa tutti e quattro i lati specifici dellimmagine. Oppure facendo clic sui
pulsanti di incremento e decremento accanto ad ogni
campo. Ai lati dellimmagine apparir una linea blu che
determiner, visivamente, questa distanza.
6. Per una regolazione pi veloce, ma meno precisa, puoi
usare le maniglie della linea contorna con testo per
modificare questo spazio.
Contornare le forme degli oggetti con il testo
Nel pannello Contorna con testo c un bel pulsante che si
chiama Contorna la forma delloggetto, pensato appunto sulla premessa che ho appena fatto, ovvero che possono non esistere solo immagini quadrate o rettangolari.
Se vuoi capire come si circonda la tua mmagine particolare
con del testo, allora devi seguire questi passaggi:
1. Crea un nuovo documento e dopo aver creato una cornice di testo riempila con del testo qualsiasi.
2. A questo punto prendi lo strumento cerchio ecrea un
cerchioda mettere sopra alla tua casella di testo.
3. Il cerchio si sar posizionato sopra al testo senza smuoDomande? Clicca qui.

quo ca; Catu et nequa efac rem


anum revidi factodi, ut cae nostrebunt.
Miur horunte rferri perficatum vil
vilium temus adet; hosto vis nimus
intemo peret vivide esilne mod re
nihicit aucio C. Ebente ne macturit,
noripiorus niquam patuus morudep
Nos hos condam ut inverenatus loc,
nos, nos, ficien sulienatis, vium intesed
mors hocaed corunterena, quam pliussit; Cati, que et? Hentercerius comnonesena, con pubi se noctum re te, cem itius
acciame nterunte, perum dium nostius,

Nos hos condam ut


inverenatus

loc,

serit.
To us. Igit reis horum untem la
Seritilis cestili ssignoneque crum ilicae
proruntilii ia non Etrachina, nu et; notilientem erudem, P. Manu vivat. Ommor
in aves es serfescia Si situm ine vastere
caeque egil hos condiem oca Sermili-

Miur horunte rferri perficatum vil vilium temus

nos, nos, ficien

adet; hosto vis nimus

sulienatis,

intemo peret vivide

vium

intesed

esilne mod re nihi-

mors

hocaed

cit aucio C. Ebente

cor u nt e re na ,

ne macturit, nori-

quam

piorus niquam pa-

plius-

sit; Cati, que et?


Hentercerius comnonesena, con pubi se
noctum re te, cem itius accia-

tuus morudep serit.


To us. Igit reis horum
untem la Seritilis cestili ssignoneque crum ilicae proruntilii ia

me nterunte, perum dium nostius, quo

non Etrachina, nu et; notilientem eru-

ca; Catu et nequa efac rem anum revidi

dem, P. Manu vivat. Ommor in aves es

factodi, ut cae nostrebunt.

serfescia Si situm ine vastere caeque

71 | ebookindesign

verlo di un millimetro. Apri il pannello contorna con il


testo e selezionaContorna la Forma delloggetto, che
si trova alla destra del tasto Contorna il rettangolo di
selezione.
4. Anche qui per default loffset a 0 mm. Spetta a te portare questo spazio ad una misura consona.
Se provi a selezionare il tasto inverti noterai che il testo
verr inserito allinterno della forma e distanziato dal resto del testo da un cerchio bianco, di non testo.
Utilizzare i tracciati di ritaglio come contorni
Ma se io avessi un immagine strana, con una forma particolare, come dovrei comportarmi ad esempio se limmagine che sto cercando molto simile a quella di un fiore
ed io volessi far passare il mio testo intorno ai petali?
InDesign ha pensato anche a questo. Sei abile nelluso dei
tracciati di ritaglio puoi pensare dimportare le immagini
che li contengono. Puoi selezionare il tracciato che ti interessa nella finestra Tracciati di ritaglio per poi ottenere
contorni elaborati.
Ma che cos un tracciato di ritaglio?
Il tracciato di ritaglio essenzialmente una maschera
elaborata applicata ad unimmagine per ritagliarla da uno
sfondo. Il pi delle volte questi tracciati sono realizzati con
Photoshop con lo strumento penna. Questi tracciati sono
salvati con limmagine e quando vengono importati su InDesign possono essere usati in sostituzione del normale
rettangolo di selezione.
Come creare un tracciato di ritaglio
Per creare un tracciato di ritaglio preferibile usare Photoshop. Questo perch con lo strumento penna si pu avere una padronanza totale sul tracciato e creare qualcosa di
davvero professionale. Il mio consiglio, se vuoi realizzare
un tracciato, quello di usare Photoshop. Ma comunque
anche InDesign mette a disposizione qualche strumento
in questa direzione. Qui di seguito ti spiego come.
Creare tracciati di ritaglio con il rileva bordi
Supponi di essere nel caso che ti raccontato prima.
Quello del fiore, e di non avere lintenzione o la possibilit di usare Photoshop. Puoi creare un tracciato
di ritaglio con InDesign con lo strumento Rileva Bordi.
Qui di seguito ti spiego come dovresti muoverti per creare velocemente un tracciato di ritaglio con lo strumento rileva bordi.
Per realizzare questa cosa devi avere a disposizione
unimmagine ad alta risoluzione, come pu essere un
immagine .tiff, e in pi, questa immagine deve avere
i suoi contorni ben definiti. Chiari e precisi. Altrimenti InDesign faticher un po a procedere con il ritaglio.
Se la tua immagine ha tutte queste caratteristiche allora
procedi come segue:
1. Crea un nuovo documentocon una casella di testo.
2. Tramite il comandoinserisciimporta limmagineche ti
interessa.
3. A questo punto selezionaOggetto Tracciato Di Ritaglio
Opzionioppure premere la combinazione di tasti ALT +
MAIUSC + CTRL + K (PC) oppure MAIUSC + OPT + CMD
+ K (MAC). A questo punto potrai accedere alla finestra
di dialogo Tracciato di Ritaglio.
4. Tramite lelenco a discesa Tipo puoi scegliere se lavorare con un tracciato di ritaglio di Photoshop oppure
Domande? Clicca qui.

72 | ebookindesign

con un canale Alfa. Se non c nessuna di queste opzioni tali spazi appariranno grigi, ma puoi tentare di
creare un tracciato con lo strumento rileva bordi. Se hai
intenzione di usare questo strumento assicurati che la
casella anteprima sia attiva, in maniera tale da controllare in diretta che cosa stai facendo.
5. La casellaSogliaconsente di specificare il valore di pixel
pi scuro che servir da bordo del tracciato di ritaglio.
In pratica devi comunicare ad InDesign quanto scuro
lo sfondo per fargli capire pi o meno in che zona si trova il soggetto che intendi ritagliare. Pi lo sfondo sar
chiaro pi questo valore sar basso.
6. La barra di scorrimentoTolleranzacontrolla la vicinanza
di un pixel al valore della Soglia prima che venga oscurato dal tracciato. Maggiore la tolleranza pi pixel saranno compresi.
7. Il campoMarginecornice stabilisce di quanto ridurre la
cornice rispetto al tracciato di ritaglio. Un valore negativo fa si che la cornice sia pi grande del tracciato di
ritaglio.
8. La casellaInverti, invece, inverte le parti visibili con
quelle trasparenti del tracciato.
9. La casellaIncludi Bordi Internicomprende qualsiasi area
vuota interna a unimmagine nel tracciato. Con questa
opzione selezionata, se avete qualche area allinterno
dellimmagine che conforme ai valori di Soglia e Tolleranza, essa sar aggiunta al tracciato.
10. Lopzione Limita alla cornicecrea un tracciato di ritaglio che si ferma al bordo dellimmagine. meno precisa e crea un tracciato pi semplice.
11. Assicurati che lopzioneUsa immagine ad alta risoluzionesia selezionata. Se non lo , InDesign utilizzer
unimmagine a bassa risoluzione per creare il tracciato. rapito ma impreciso, quindi consigliabile usare
unimmagine ad alta risoluzione.
12. Se il tracciato di ritaglio ti soddisfa puoi cliccare suOk.
Trasformare il testo in una cornice di testo
Il testo pu anche essere cconvertito in una cornice di testo e riempita a sua volta con del testo. FIGURA Per vedere come convertire una lettera oppure una parola in un
cornice di testo leggi qui di seguito:
1. Crea un nuovo documento e scrivi una parola, breve. Ad
esempio CIAO.
2. Seleziona il testo ed inserisci un valore piuttosto alto
nel campo dimensione testo. Intorno a 150 punti andr
pi che bene.
3. A questo punto seleziona Testo> Crea profili. In questa
maniera il testo selezionato verra convertito in una forma geometrica.
4. Con lo strumento selezione diretta, clicca sulle lettere
che hai appena creato. Una volta selezionate tutte,
dovrai dire ad InDesign che cosa vuoi inserire. Seleziona Oggetto> Contenuto e poi Testo dal elenco a discesa.
5. A questo punto il tuo testo sar rimasto sempre nero e
dovrai riempirlo con un colore di contrasta. Scegli bianco dal pannello Colore (F6).
6. A questo punto con lo strumento testo potrai far clic
allinetrno delle lettere e cominciare a digitare oppure
potrai riempirle con del testo segnaposto.
Domande? Clicca qui.

73 | ebookindesign

Usare le immagini

Domande? Clicca qui.

74 | ebookindesign

Il colore nelleditoria elettronica


In questo capitolo ti devo spiegare una serie di concetti
piuttosto importanti sul colore, e principalmente sulla creazione dei campioni.
RGB e CMYK
La questione prioritaria in qualsiasi lavoro di progettazione editoriale la differenza tra RGB (dallinglese Red, Green e Blu) e CMYK (tre iniziali Cyan, Magenta, Yellow e una
finale Black). Vedremo insieme le differenze, dettagliatamente pi avanti, per ora ti basti sapere che le differenze
sostanziali tra i due sistemi di colore sono:
RGB: Per visualizzare i colori su monitor e fa riferimento a come la luce colorata interagisce per produrre tutti
i colori dello spettro del visibile.
CMYK: Il modello di colore che le stampanti usano per
stampare e fa riferimento a come i coloranti lavorano
per riprodurre tutti i colori possibili su una stampante.
In sintesi se il tuo obiettivo stampare, allora, userai il
sistema CMYK. Se invece il tuo output di destinazione il
monitor, o simili (tablet, smartphone o similari) allora userai lRGB.
Quadricromia e colori a tinta piatta
Per peggiorarti la situazione, nel caso avessi iniziato ad
avere qualche dubbio, ci sono due tipi di colore.
I colori in quadricromia: prodotti da tutti e quattro gli inchiostri.

Colore
Traccia

NOTA: Le tinte piatte vengono di solito


usate per colori difficilmente replicabili oppure di grande valore. Ad esempio il rosso
di quella macchina l oppure il marrone di
quella cioccolata l.
I colori tinta piatta: prodotti da uno ed un solo colore.
I colori a tinta piatta sono selezionabili tramite una libreria elettronica. Ogni colore possiede un numero univoco
che lo contraddistingue, a seconda della sua agenzia. Pantone il pi comune.
Come applicare i colori agli oggetti
Per aggiungere un colore ad un oggetto devi prima accedere alla finestra Campioni. Ti baster permere su F5
oppure andare su Finestra> Colore > Campioni.
Aggiungere un riempimento ad un oggetto
1. Crea un nuovo documento. Disegna una figura, un cerchio oppure un quadrato. Per funzione predefinita questo viene riempito con un colore, tipo nero. Perch? Ti
baster guardare il pannello strumenti per accertarti di
quale sia il colore selezionato. FIGURA COLORI STRUMENTI.
2. Accedi ora al pannello campioni. Finestra> Colore>
Campioni oppure F5.
3. Seleziona il tuo oggetto selezionato e poi, dalla casella
campioni, seleziona Nessuno. Questa voce assegner
nessun colore al tuo oggetto.
4. Seleziona ora la voce Carta. Questo colore assegna al
tuo oggetto il colore della carta. Come colore predefinito verr assegnato il bianco.
5. Cliccando sul nero sia assegna un nero di quadricromia
100% che non pu essere modificato.
6. Pi imbasso ci sono una serie di campioni CMYK pi
Domande? Clicca qui.

75 | ebookindesign

usati a cui vi assegnato un colore che risulta essere la


loro percetuale di colore.
7. Se loggetto non selezionato puoi trascinare un campione per applicarlo alloggetto.
Applicare un riempimento al testo
Questo procedimento funziona, pi o meno, allo stesso
modo dellapplicare i colori agli oggetti. Infatti cambia davvero poco, in quando utilizzerai sempre il pannello Campioni, ma, invece che selezionare loggetto, selezionerai il
pannello il testo.
Il pannello campioni
Allinterno del pannello Campioni devi consocere per altre importanti funzioni davvero degne di nota.
Creare e modificare campioni
Per creare un nuovo campione colore devi seguire le seguenti operazioni.
1. Accedi al pannello campioni, F5. Accedi al men del
pannello e clicca su Nuovo campione.
2. Di Default il campione prende il nome dai valori dei colori che lo compongono. Deselezionando la casell Denomina secondo i valori cromatici, potrai assegnare un
altro valore.
3. Tipo di colore, a questo punto puoi stabilire se desideri
avere un colore in quadricromia oppure a tinta piatta.
Come ti ho spiegato in precedenza, questa scelta influenzer, e di molto il file invierai al tuo centro servizi.
In quanto aggiungerai o meno una lastra di stampa. Se
per adesso non vuoi rogne lascia limpostazione quadricromia. Sotto la voce modalit colore sceglierai se il
tuo colore dovr seguire le regole: LAB, CMYK oppure
RGB.
4. A questo punto muovendo i cursori potrai creare il colore, che a poco a poco, vedrai in anteprima sulla tua
sinistra. Ricordati di partire da zero, di modo da non
commettere errori.
5. Puoi usare i cursori per creare i colori oppure immettere direttamente i valori numerici.
6. Una volta soddisfatto, clicca pure su OK.
Modificare un campione colore
Sel tuo cliente/ committente non apprezza il fantastico
colore da te appena realizzato, allora non ti rester che
cambiarlo. Per farlo segui i passaggi che ti sto per illustrare qui di seguito.
1. Puoi usare loggetto che hai usato in precedenza. Fai
doppio clic sul colore del campione.
2. Apparir la finestra Opzioni Campione. Sposta il cursore dove meglio credi per migliorare il tuo colore e poi
clicca su OK.
La Tonalit
Una tonalit un un colore non riprodotto al 100%. Ad
esempio un grigio creato da un nero. Per creare una tonalit non devi fare nullaltro che scegliere un campione colore creato, e dal men, scegliere Nuovo Campione Tonalit.
Tutta la finestra apparir in grigio, ad eccezione, della voce
tonalit. Spostala per creare il campione che fa per te.
Aggiungere i colori alle tracce
Sai gi che cosa sia una traccia, ora vedrai insieme a me
come aggiungere un colore a questa.
Per aggiungere un colore ad una traccia ti bastera seleDomande? Clicca qui.

76 | ebookindesign

zionare la traccia, accedere al pannello Campioni (F5) e selezionare il colore che preferisci.
Aggiungere un colore personalizzato al pannello campioni
Aggiungere un colore creato con il pannello Colore al pannello Campioni semplice.
1. Utilizzando le tecniche che hai appena imparato puoi
creare un colore personalizzato usando il pannello Colore.
2. Accedi al pannello Campioni da Finestra> Colore> Campioni oppure premendo F5.
3. Fai clic sul pulsante Nuovo Campione collocato in fondo
al pannello Campioni.
Crea un campione a partendo da unimmagine
Per tua comodit, puoi creare un campione partendo da
un file che hai appena importato su InDesign. Come un
immagine oppure un file vettoriale. Per farlo non devi far
altro che selezionar elo strumento contagocce e applicare
il colore appena prelevato alloggetto a cui intendi destinarlo.
Lavorare con le sfumature
Come funziona per gli altri colori anche per le sfumature
possono essere create in due modi:
Con un campione sfumature nel pannello Campioni.
Con una sfumatura dal pannello Colore.
Qui di seguito spiego come creare una sfumatura.
1. Crea un nuovo documento, dal pannello Campioni (F5)
scegli Nuovo Campione Sfumatura.
2. Segli un nome per il tuo campione.
3. Il campo Tipo ti permette di scegliere se vuoi una sfumatura radiale oppure lineare.
4. Lelenco Colore punto sfumatura si riferisce al modello
di colore che InDesign usa per le sfumature. Puoi scegliere tra LAB, RGB o CMYK (predefinita).
5. Come puoi vedere i cursori vengono rappresentati in
grigio. Questo perch devi selezionare un colore punto
sfumatura prima di iniziare a giocare con i colori. Clicca
sullicona sulla sinistra, nella sezione scala sfumatura,
per scegliere un colore. A questo punto avrai abilitato i
colori.
6. Sposta i cursori fino ad ottenere i colori.
7. Ripeti la stessa operazione del punto 5 per quanto riguarda il campione di Scala Sfumatura di destra.
8. Sposta i vari campioni ed il punto centrale per cambiare
inizio, fine e linea centrale della sfumatura.
9. Una volta soddisfatto clicca su OK.

Domande? Clicca qui.

77 | ebookindesign

Esportare il PDF

Domande? Clicca qui.

78 | ebookindesign

Un file PDF pu descrivere documenti che contengono


testo e/o immagini in qualsiasi risoluzione. un formato
aperto, nel senso che chiunque pu creare applicazioni che
leggono e scrivono file PDF senza pagare i diritti (Royalty)
alla Adobe Systems. Adobe ha un numero elevato di brevetti relativamente al formato PDF ma le licenze associate non includono il pagamento di diritti per la creazione di
programmi associati. Ogni documento PDF contiene una
completa descrizione del documento bidimensionale (e,
con la comparsa di Acrobat 3D, documenti 3D incorporati)
composta da propriet (Titolo, Autore, ecc.) testo, stili di
carattere (font), immagini e oggetti di grafica vettoriale 2D
che compongono il documento.
Il documento PDF non dovrebbe includere informazioni
specifiche per software, hardware e sistema operativo
usato. Ci permetterebbe che il documento venga visualizzato e renderizzato nella stessa esatta maniera indipendentemente dalla piattaforma e/o dispositivo utilizzato per leggerlo. Anche questo fatto ha contribuito a farlo
diventare un formato standard de facto molto diffuso per
la condivisione immediata dei documenti. In realt il PDF
nella sua forma standard un formato che non pu essere
considerato compatibile con un processo di conservazione
digitale (larchiviazione digitale dei documenti al fine di eliminare o ridurre luso della carta) in quanto non in grado
di garantire la riproducibilit a lungo termine e neanche la
conservazione dellaspetto visivo. Questo aspetto dipende da vari fattori come, ad esempio, il fatto che i file PDF
standard non sono necessariamente auto-contenuti, ma
possono presentare dipendenze dai font utilizzati o da oggetti esterni al file stesso. Pertanto, se si cerca di visualizzare questi file su sistemi informatici diversi da quelli sui
quali sono stati creati, non garantita la loro riproduzione in maniera coerente, da cui consegue che il loro utilizzo
a lungo termine non pensabile se non associato ad uno
standard preciso.
Devi sapere che...
PDF/X1 richiede che siano incorporati tutti i caratteri,
che siano specificati i segni di stampa e le pagine al vivo
e che il colore sia in CMYK, a tinte piatte o entrambi. I file
compatibili devono contenere informazioni sulle condizioni
di stampa per cui sono stati preparati. I file PDF creati con
limpostazione di compatibilit con PDF/X1a possono essere aperti con Acrobat 4.0, Acrobat Reader 4.0 e versioni
successive.
Lo standard PDF/X1a utilizza PDF 1.3, esegue il downsampling delle immagini a colori e in scala di grigi a 300
ppi e delle immagini monocromatiche a 1200 ppi, incorpora sottoinsiemi di tutti i caratteri, crea PDF senza tag
e converte la trasparenza utilizzando limpostazione Alta
risoluzione.
PDF/X-3
Questo predefinito crea un file PDF basato sullo standard
ISO PDF/X-3:2002. Il file PDF creato con questa impostazione pu essere aperto con Acrobat 4.0, Acrobat Reader
4.0 o versioni successive.
PDF/X-4 (2008)
Questo predefinito che crea file ISO PDF/X-4:2008 supporta la trasparenza dinamica (la trasparenza non viene
Domande? Clicca qui.

NOTA: Lo standard di riferimento per la


stampa Offset il PDF/X-1a con profilo
colore FOGRA27.

79 | ebookindesign

convertita) e la gestione del colore ICC. Il file PDF esportati con questo predefinito sono in formato PDF 1.4. Viene
eseguito il downsampling e la compressione delle immagini, mentre i caratteri vengono incorporati in maniera analoga alle impostazioni PDF/X-1a e PDF/X-3. Potete creare
file PDF compatibili con PDF/X-4:2008 direttamente dai
componenti Creative Suite4 e 5, compreso Illustrator, InDesign e Photoshop. Acrobat 9 Pro fornisce strutture per
convalidare ed eseguire la verifica preliminare di file PDF
per la conformit PDF/X-4:2008, nonch convertire file
non PDF/X in file PDF/X-4:2008, se possibile.
Adobe consiglia PDF/X-4:2008 come formato file PDF ottimale per flussi di lavoro di pubblicazione di stampa PDF
affidabile.
Qualit macchina da stampa
Consente di creare file PDF per stampe di alta qualit (ad
esempio per la stampa digitale o per le selezioni dei colori
su fotounit o platesetter), ma che non sono compatibili
con PDF/X. In questo caso la qualit del contenuto della
massima importanza. Lobiettivo conservare tutte le informazioni del file PDF che serviranno a una tipografia o a
un fornitore di servizi di stampa per stampare il documento correttamente. Questo gruppo di opzioni usa la versione PDF 1.4, converte i colori in CMYK, esegue il downsampling delle immagini a colori e in scala di grigi a 300 ppi
e delle immagini monocromatiche a 1200 ppi, incorpora
sottoinsiemi di tutti i caratteri e mantiene la trasparenza
(per i tipi di file compatibili con la trasparenza).
I file PDF cos ottenuti possono essere aperti in Acrobat5.0 e Acrobat Reader 5.0 e versioni successive.
Perch il PDF
Il PDF un file abbastanza complesso per svariati motivi,
qui di seguito ho cercato di raggruppare quelli che per me
sono i pi importanti.
Poi correggere le bozze, anche da monitor.
Puoi incorporare i profili ICC, profili colore.
Sono leggeri e posso essere inviati facilmente.
Il PDF uno standard, tutti lo usano.
Come esportare un PDF con InDesign
Con InDesign, chiaramente, si pu esportare un PDF per
la stampa. Per farlo userai il comando esporta, seguendo
questi passaggi.
1. Seleziona ed apri il documento che intendi esportare.
2. Recati su File> Esporta (CTRL o CMD + E), apparir la
finestra Esporta, ma prima Salva.
3. Questa finestra comprende diversi pannelli, qui di seguito intendo mostrarteli tutti.
Generali
Il pannello generali comprende le impostazioni pi, generali appunto, del settaggio del PDF. Qui di seguito puoi
trovare il significato delle voci.
Predefinito Adobe PDF: Tramite questa voce puoi creare un predefinito per il tuo PDF, e poi salvarlo.
Pagine: In questa sezione puoi decidere se esportare
tutto il documento, una parte oppure decidere se attivare lopzione pagine affiancate.
Opzioni: Se stai creando un PDF per il Web, qui puoi
decidere se ottimizzarlo. Quindi selezionando anche le
miniature per le pagine, tag ed infine, se visualizzare il
Domande? Clicca qui.

Info via adobe.com

80 | ebookindesign

PDF dopo lesportazione.


Includi: Puoi decidere, se includere o meno, alcuni elementi che hai inserito nel file ( Collegamenti ipertestuali, guide e griglie visibili, oggetti interattivi ecc).
In questa sezione puoi usare le stesse regole che ti ho
consigliato nella sezione dedicata alla risoluzione delle immagini.
Ad ogni modo immetti il valore che avrai deciso in nella
casella per immagini superiori a. Verr quindi eseguito il
downsampling di tutte le immagini con una risoluzione superiore a quella che avrai indicato.
Downsampling medio a calcola la media dei pixel in unarea di campionamento e sostituisce lintera area con il colore dominante. Subsampling sceglie un pixel al centro di
un area e sostiuisce tutta larea con il colore di quel pixel.
Downsampling bicubico usa una media specifica per stabilire il colore dei pixel. Producendo risultati superiori al
downsapling medio. Ti sto parlando quindi del metodo pi
lento, ma sicuramente pi affidabile e preciso.
Compressione
In questa sezione andrai a determinare il tipo di compressione usata.
Automatica: Stabilisce la qualit ottimale, automaticamente, per immagini a colori e in scala di grigio. Per la gran
parte dei files, questa risulta essere la soluzione ottimale.
JPEG: la soluzione ottimale in quanto autorizza s una
perdita di dati, ma minima. Senza creare particolari danni.
ZIP: Indicata per immagini con grandi spazi di colore o per immagini in bianco e nero. JPEG 2000: lo
standard di compressione internazionale. Come per la
compressione JPEG anche questa adatta per immagini a colori e in scala di grigio.
Qualit immagine: Qui determinerai la qualit di compressione applicata. Per le compressioni JPEG puoi
scegliere tra massima, medio oppure bassa. Per la
compressione ZIP, invece, puoi scegliere solo quella
ad 8a bit. Con la compressione ZIP InDesign usa una
compessione senza perdita dati, le immagini vengono
ridotte, ma la qualit resta tale.
Comprimi testo e grafica: In questo caso InDesign applica la compressione Flate a tutto il testo e la grafica,
senza perdita di dati.
Ritaglia dati immagine in base alle cornici: Esporta
solo i dati immagine presenti allinterno delle cornici.
Molto utile per diminuire il peso del file, poco invece
dal punto di vista pratico, in quanto le applicazioni di
prestampa richiedono un abbondanza per quanto riguarda le immagini, che servir in fase di rifilo.
Indicatori pagina al vivo
Per quanto riguarda il pannello Indicatori pagina al vivo,
utilizzi questa scheda, quando devi stampare segni di
stampa, indicatori ecc.
Crocini di registro: Croci che appaiono su tutti e quattro i lati dellimpaginato e della lastra di stampa. Permettono allo stampatore di posizionare i 4 colori perfettamente uno sopra laltro.
Segni di taglio: Anche questi, appaiono su tutti gli angoli. Permettono il perfetto rifilo, in fase di taglio, del
formato.
Domande? Clicca qui.

NOTA: Il downsampling (o decimazione)


loperazione di riduzione della frequenza
di campionamento del segnale elettrico.
Se i dati sono di tipo grafico (ad esempio,
immagini digitali), loperazione prende il
nome di subsampling, e in quel caso consiste nella riduzione dei pixel che compongono limmagine. In sostanza la riduzione del numero di
pixel, che il programma effettua, in fase di esportazione
delle immagini. Riducendo, di tanto o di poco, la loro risoluzione. Questo fattore particolarmente importante in
base al tipo di uso che dovrai fare con il tuo impaginato.

ESEMPIO: Dirai quindi ad InDesign di


prendere tutte immagini superiori ad una
determinata risoluzione, esempio 300, di
portarle a 300.
SUGGERIMENTO: Il subsampling riduce di
molto i tempi di esportazione, ma produce
immagini non molto omogenee. Puoi usarlo per la correzione bozze.

81 | ebookindesign

Barre colore: Gli stampatori ed i service di stampa


usano per misurare la densit degli inchiostri.
Informazioni pagina: Nellangolo superiore sinistro
vengono stampate le informazioni pagina con il nome
del file.
Indicatori pagina al vivo: Vengono aggiunti piccoli filetti sottili che delimitano larea di stampa.
Output
Nella sezione Output mantiene i colori importanti su InDesign insieme a quelli delle librerie. Vengono anche mantenute le abbondanze di colori incluse nella pagina PDF.
Quando esporti il documento puoi anche conservare il
profilo ICC incorporato nel PDF. Ti consiglio di lasciare inalterati questi valori fino a quando non ti considererai un
vero esperto.
Colore: Nella sezione conversione colore puoi selezionare nessuna conversione colore, mantenendo i profili
cromatici. Converti in destinazione e Comverti in destinazione (mantenendo i valori numerici) riguardano
la scelta del profilo di conversione. In caso di abilitazione della gestione del colore potrai selezionare i profili
ICC.
Avanzate
Puoi ora selezionare il pannello Avanzate.
Incorpora sotto insiemi di font se la percentuale di caratteri usati inferiore a, ti permette di impostare la
soglia di incorporamento dei font. Lincorporamento
dei font causa un aumento delle dimensioni del file, ma
se vuoi essere davvero sicuro, inserisci come valore 0.
Predefinito: Puoi selezionare un predefinito per la conversione in trasparenza se Compatibilit (in Generali)
sar impostata su Acrobat 4. Ricorda per che, userai
queste opzioni solo se stamperai il PDF su un dispositivo ad alta risoluzione.
Ignora precedenza pagine affiancate: applica le impostazioni di conversione trasparenza a tutte le pagine
affiancate di un documento o un libro.
Crea JDF: Puoi generare un Jobe Definition Format, un
file contenente informazioni destinate ad i service di
stampa.
Protezione
Seleziona il pannello Protezione ti permettono di limitare
laccesso al PDF. Puoi aggiungere la protezione con password ed altre restrizioni limitando laccesso al file. Non mi
soffermer oltre su questo pannello le funzioni di questo
pannello ti sembreranno parecchio intuitive, partendo fin
da subito dal nome.
Anche il pannello Riepilogo piuttosto intuitivo. Fornisce
infatti una descrizione di tutte le informazioni contenute
nel PDF. Varia a seconda della lunghezza e complessit del
documento.

Domande? Clicca qui.

NOTA: Ricorda che puoi salvare le informazioni di esportazione di un PDF di modo


da poterlo riutilizzare in un secondo momento. Per farlo clicca su Salva Predefinito.

82 | ebookindesign