You are on page 1of 12

Report sulle attivit svolte nel 2015

Urbanistica e Lavori Pubblici: tanti


gli obbiettivi raggiunti
Lassessore Aurigi: Il 2015 stato un anno intenso e produttivo
nonostante gli evidenti limiti legati alle difficolt di bilancio
Livorno, 30 dicembre 2015 Il 2015 stato un anno intenso e produttivo nonostante
gli evidenti limiti legati alle difficolt di bilancio queste le parole introduttive
dellassessore Aurigi Abbiamo lavorato su molti fronti, sia di programmazione
che di realizzazione, e sono stati raggiunti ottimi risultati per migliorare la
vivibilit di Livorno, combatterne il degrado e gettate al contempo le basi per i
nuovi progetti del 2016. Ringrazio gli uffici comunali per la loro efficienza e per
aver saputo ottimizzare le risorse disponibili.
URBANISTICA
L'assessorato all'Urbanistica afferma Aurigi - ha affrontato tematiche assai
diversificate nel corso dell'anno, alternandosi tra la gestione delle procedure
ricevute in eredit e l'avvio di procedimenti nuovi quali chiara e netta
espressione di governo del territorio da parte della nuova amministrazione. Le
linee politiche strategiche di questa materia hanno fatto da riferimento per
qualsiasi decisione presa, delineando strumenti urbanistici focalizzati sul
concetto di consumo zero del territorio, incentivando la possibilit di
recuperare volumi edificati esistenti e riqualificare aree compromesse,
soprattutto attraverso processi di ristrutturazione e di riuso del patrimonio, di
salvaguardia della permeabilit dei terreni e di riduzione dei fenomeni di
dissesto idrogeologico.
Tra quelli che sono stati ricevuti in itinere, tutti sono stati gestiti e portati a
conclusione sempre e comunque nel rispetto di una filosofia generale incentrata
sugli punti cardine suddetti. Laddove stato ammissibile dal livello di
avanzamento del procedimento sono stati perseguiti questi obiettivi, ed anche
in materia di edilizia sono stati richiesti interventi di alta qualit architettonica
ed elevata sostenibilit ambientale, sfruttando il concetto di bioclimatica, il
massimo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili e lutilizzo di materiali
ecocompatibili. Particolare attenzione stata dedicata al rapporto istituzionale
con il Consiglio Comunale ed al coinvolgimento costante e proficuo con i lavori
della commissione consiliare di riferimento, soprattutto per le procedure legate
ad atti molto significativi per la citt, come ad esempio il PRP ed il PS.
Progetto Esselunga

Dopo una complessa istruttoria da parte degli uffici - che ha visto coinvolti non
solo il settore della Pianificazione Territoriale ma anche gli uffici della Mobilit,
dello Sviluppo del territorio, dellAmbiente, del Commercio e della Polizia
Municipale nel mese di novembre la Giunta Comunale ha avviato il
procedimento per lapprovazione del piano di recupero diniziativa privata per la
riqualificazione dellarea ex Fiat posta in Viale Petrarca presentato da Esselunga
s.r.l., proprietaria dellarea. Sulledificio prospiciente viale Petrarca attualmente
insistono gi due medie strutture di vendita di propriet della medesima
azienda. Il progetto prevede la rigenerazione urbana dellarea attualmente
connotata come area artigianale e produttiva, inutilizzata da circa 15 anni e in
condizioni di pesante degrado, anche attraverso la realizzazione di un parco
urbano e parcheggi ad uso pubblico e il miglioramento e la razionalizzazione
della viabilit, senza ulteriore impegno di suolo non edificato. Il Piano di
Recupero prevede linsediamento di una grande struttura commerciale di 4.000
mq di superficie di vendita con ricadute di notevole rilievo sul piano
occupazionale ed economico, oltre alla realizzazione di parcheggi ad uso
pubblico per circa 700 posti auto e la sistemazione di unarea a verde pubblico
di circa 5000
mq. A seguito dellavvio del procedimento si aperta la fase
dedicata alla raccolta dei contributi da parte di enti e organi pubblici e quella
relativa alle consultazioni per la definizione dei contenuti del rapporto
ambientale, fasi che si concluderanno non prima della fine di gennaio. Nel mese
di Gennaio si svolgeranno gli incontri con la cittadinanza a cura del Garante
della informazione e partecipazione, secondo il programma della comunicazione
gi approvato dalla Giunta. L'approvazione del piano prevista per la prima
met dell'anno 2016.
Piano Strutturale 2.0
Il progettista incaricato ha depositato la bozza di Piano Strutturale ed quindi
iniziata la vera e propria fase di verifica e controllo da parte dellUfficio di
Piano che questa Amministrazione ha costituito a partire dal mese di aprile
2015; successivamente verranno effettuate le altre verifiche di ordine politico
istituzionale. Nei mesi Aprile e Giugno di questanno si sono svolti due
importanti incontri con la cittadinanza alla presenza del gruppo di progettazione
e di tutti i suoi consulenti. Il lavoro di presentazione e confronto con la quarta
commissione consiliare si svolto attraverso diversi incontri effettuati a partire
da Settembre per concludersi i primi di novembre, ed stata loccasione per il
progettista di raccogliere le varie istanze dei consiglieri sulle tematiche pi
sensibili per il Piano Strutturale che ricordiamo rappresenta la strategia della
pianificazione e detta gli obiettivi, le prescrizioni, le invarianti che guideranno il
successivo strumento della vera e propria pianificazione urbanistica,
denominato dalla L.R. 65/2014 Piano Operativo (prima chiamato Regolamento
Urbanistico). Nel corso del 2015 l'ufficio urbanistica si interfacciato
costantemente con il progettista anche per allineare i contenuti del Piano alla
sopravvenuta normativa regionale sul Governo del territorio (appunto LR
65/2014, entrata in vigore a novembre 2014). Tale modifica radicale della
norma di riferimento ha fatto altres slittare la consegna degli elaborati di circa
6 mesi. Si pu oggi presumere, allo stato degli atti, che il 2016 sar lanno che
potrebbe vedere la conclusione del procedimento legato alla approvazione del
Piano Strutturale, consentendo allAmministrazione e alla citt tutta di poter
entrare nel merito delle scelte vere e proprie della strumentazione urbanistica

comunale. Il 2016 sar altres lanno della partecipazione attiva della


cittadinanza alle scelte di Piano e la Societ C.A.I.R.E. di Reggio Emilia,
incaricata dalla precedente amministrazione di curare il processo partecipativo,
potr incontrare la citt per recepire le sue diverse istanze, che
successivamente dovranno essere ricomposte dallAmministrazione e dal
Consiglio Comunale.
Approvazione del PRP/Protocollo integrativo
Questa Amministrazione, tra le prime cose da affrontare e chiudere nel corso di
questanno, ha trovato sul tavolo proprio lapprovazione definitiva della variante
al Piano Strutturale e Regolamento Urbanistico, varianti necessarie per
consentire alla Regione Toscana di approvare il Piano Regolatore del Porto, il cui
procedimento, si ricorda, era stato iniziato dalla precedente amministrazione
nel 2009 ma non concluso nonostante i cinque anni di mandato. E stato quindi
sottoscritto dal Sindaco, nel marzo 2015, lAccordo di Pianificazione per
consentire la tempestiva operativit del nostro Porto Operativo che oggi, data la
grave situazione economica in cui versa la citt, non poteva attendere oltre.
Questa firma stata accompagnata da unaltra firma, non meno importante,
che quella apposta nella stessa data del 12/3/2015 sul Protocollo Integrativo
sottoscritto con gli stessi Enti - Regione, Provincia e Autorit Portuale - che ha
riguardato l'imprescindibile necessit di rimodulare, entro i primi mesi del
2016, gli interventi oggi declinati dal Regolamento Urbanistico nelle 4 UTOE di
cerniera tra il Porto Operativo e la Citt, in considerazione della necessit che le
stesse siano in perfetto allineamento ed equilibrio con il redigendo Piano
Strutturale e con gli obbiettivi di questa Amministrazione. Le 4 UTOE sono:
Stazione Marittima, Porto Mediceo, Porta a Mare e Bellana.
Variante Nuovo Centro
Nel 2014 il Consiglio Comunale aveva adottato una variante al vigente piano
particolareggiato di iniziativa pubblica denominato Nuovo Centro, concernente
larea compresa tra i quartieri Coteto, Salviano, La Leccia, La Scopaia e
La Rosa, in corso di attuazione, essendo state realizzate gran parte delle
opere di urbanizzazione e di messa in sicurezza idraulica dellarea ed essendo
stati altres rilasciati alcuni permessi a costruire. La variante aveva lo scopo di
adeguare le previsioni del piano alle esigenze di salvaguardia di alcune
alberature esistenti e di favorire linserimento di alcune specie animali e
vegetali nelle aree adiacenti il Rio Maggiore. Nel 2015 gli uffici hanno definito
listruttoria delle osservazione presentate nei confronti dellatto adottato,
presentando la proposta di controdeduzioni, che stata apprezzata dalla Giunta
Comunale, ed iscrivendo il provvedimento di approvazione della variante
allO.d.G. del Consiglio Comunale.
Variante Porta a Terra 2
Il Piano particolareggiato denominato Porta a Terra, che venne approvato nel
1999 e che disciplinava la vasta area tra la ferrovia e la variante Aurelia, aveva
perso efficacia a far data dal maggio 2009, rimanendo non attuato per circa il
30% delle previsioni. Pertanto, nel 2013, il Consiglio Comunale ha deciso di
procedere al completamento della trasformazione urbanistica dellarea e di
realizzarne lintegrazione con il resto della citt; data la sua rilevanza

strategica, quindi, in ragione della sua vicinanza ad infrastrutture di rilievo


(ferrovia e variante Aurelia) e della presenza di funzioni di rilievo, ha adottato il
piano attuativo cosiddetto Porta a Terra 2. Nel 2015 gli uffici hanno definito
listruttoria delle osservazione presentate nei confronti del Piano di
Completamento riferito all'area di Porta a Terra, presentando la proposta di
controdeduzioni, che stata apprezzata dalla Giunta Comunale, ed iscrivendo il
provvedimento di approvazione della variante allO.d.G. del Consiglio
Comunale.
Riqualificazione del Presidio Ospedaliero di Viale Alfieri
In attuazione delle linee programmatiche di mandato del Sindaco, il 22
settembre 2015 la Regione Toscana e la ASL hanno preso atto della volont del
Comune di abbandonare lipotesi di costruzione di un Nuovo Presidio
Ospedaliero in localit Banditella, per la cui realizzazione la precedente
amministrazione aveva sottoscritto lAccordo di Programma del maggio 2010. I
tre enti si sono impegnati ad assumere, di comune accordo, i necessari
provvedimenti finalizzati alla revoca di tale A.d.P. e avviare contestualmente la
procedura per un nuovo Accordo finalizzato alla Ristrutturazione e
Riqualificazione dellattuale presidio Ospedaliero di Viale Alfieri. Tra i mesi di
Ottobre e Novembre si sono svolti presso gli Uffici Comunali, i primi incontri tra
i tecnici delle Amministrazioni interessate, i cui contenuti sono stati illustrati al
Collegio di Vigilanza nell'incontro svoltosi a Firenze alla presenza di Sindaco ed
assessori. In tale occasione stato deciso che tutti gli enti firmatari del
precedente A.d.P. 2010 presenti allincontro, e precisamente Regione, Provincia,
ASL e Soprintendenza Regionale per i Beni Culturali, dovranno procedere alla
formale revoca dellA.d.P. 2010 tramite deliberazioni da parte dei competenti
organi istituzionali (per il Comune il Consiglio Comunale) cos da consentire alla
Giunta Regionale di deliberare il definitivo superamento dellaccordo 2010.
Allinizio del 2016 pertanto il Consiglio Comunale verr chiamato a deliberare la
conclusione dell'iter per l'ipotesi del Nuovo Ospedale. Da quel momento gli
Uffici Comunali saranno impegnati a definire con lASL, La Regione e La
Soprintendenza - che nella fattispecie ha unimportante voce in capitolo in
considerazione del vincolo di interesse culturale imposto su Viale Alfieri - tutte
le ipotesi progettuali funzionali e distributive per la ristrutturazione del Presidio.
Varianti urbanistiche per sviluppo attivit commerciali
I recenti interventi legislativi statali e regionali in materia di commercio, volti
principalmente alla semplificazione amministrativa e alleliminazione di vincoli
e divieti, al fine di garantire la libera concorrenza e la libert di iniziativa
economica cos da favorire lo sviluppo del settore, hanno determinato
lesigenza di rivedere la disciplina relativa alla c.d. urbanistica commerciale
contenuta nello strumento urbanistico vigente. E' stata quindi predisposta una
variante normativa al Regolamento Urbanistico allo scopo di adeguare le norme
tecniche di attuazione vigenti alla legislazione regionale in materia di
commercio, eliminando i vincoli e i divieti in essa contenuti, senza peraltro
modificare nella sostanza le scelte pianificatorie attuali. La proposta di variante
stata quindi sottoposta allattenzione della Giunta Comunale per essere
successivamente iscritta allO.d.G. del Consiglio.

Piano di riqualificazione delle colline livornesi


Gli approfondimenti e le verifiche tecniche effettuate nella vasta porzione di
territorio rurale livornese situata nella zona centro-occidentale della citt,
comprendente le aree di riqualificazione orti e nuovi orti urbani (art. 28
NN.TT.A. R.U.), ha evidenziato una proliferazione indiscriminata di strutture per
il ricovero degli attrezzi, realizzate in totale assenza di regole tipologiche e
distributive. Questo fatto ha determinato la necessit di predisporre un piano di
riqualificazione della zona con la finalit di dettare regole e norme specifiche
per la realizzazione dei c.d. annessi agricoli, anche alla luce degli interventi
normativi intervenuti successivamente al regolamento urbanistico del 1999,
ossia il regolamento attuativo della LR 1/2005 tuttora in vigore sulle aree
rurali, e la recente legge urbanistica regionale n. 65/2014. L'obiettivo del Piano,
atteso da quasi 20 anni, quello di contemperare lesigenza della collettivit di
potersi dotate di strutture per lesercizio dellagricoltura amatoriale e di presidio
del territorio, con lesigenza di tutelare il paesaggio e consentire la
realizzazione di strutture amovibili che si inseriscano in modo armonico nel
territorio di riferimento. In questi giorni stato inviato il documento
preliminare allAutorit competente in materia di Valutazione Ambientale
Strategica, nonch agli enti competenti in materia ambientale, con lo scopo di
raccogliere pareri e contributi. E' stato anche avviato il procedimento per il
piano di riqualificazione con contestuale variante normativa allart. 28 del R.U.
Censimento aree per orti urbani
La ricerca di aree che possano implementare l'offerta attuale destinata ai
cosidetti Orti urbani un importante obiettivo verso il quale questa
l'amministrazione pone grande attenzione. Il progetto prevede la scelta di
alcune aree, opportunamente dislocate allinterno del perimetro urbanizzato, da
destinare ad orti sociali e/o per anziani. Pertanto, nel corso dell'anno, stato
fatto un lavoro ricognitivo di tutte le aree (per il momento su quelle di
propriet del comune) attualmente non utilizzate e libere, e che potessero per
dimensioni, morfologia del terreno, collocazione geografica, presenza di reti e
servizi pubblici, essere idonee ad ospitare futuri orti urbani da destinarsi a
anziani, giovani e/o nuclei familiari. Questo lavoro, in coordinamento con
lUfficio Gestione e Manutenzione Verde stato presentato di recente alla
giunta, ed ha prodotto la schedatura di circa 15 aree idonee ad ospitare tale
funzione, tenendo conto anche della bella esperienza rappresentata dagli orti di
Salviano. Le aree individuate sono equamente distribuite sull'intera citt, nord,
sud e centro, in maniera da fare rete tra di loro. Nel corso del 2016, unitamente
alle verifiche di fattibilit per le aree, si proceder alla stesura di un
regolamento di assegnazione e gestione di tali orti, diversificato in funzione dei
destinatari finali.
Riqualificazione area Piazza del Luogo Pio
Nel Luglio 2015 il Sindaco ha sottoscritto con Consabit, soggetto attuatore del
PRU Luogo Pio del 1998, un protocollo dintesa con il quale sono stati dettati i
tempi e le verifiche tecniche da effettuare e concludere al massimo entro
primavera 2016, al fine di valutare congiuntamente se sussistano le condizioni
per una modifica degli impegni definitivamente assunti poco prima delle

elezioni amministrative dalla precedente amministrazione. Tali impegni si sono


concretizzati nella firma della convenzione del 24/4/2014 e che prevedono ad
oggi ledificazione di circa 12.000 mq. su piazza del luogo Pio e Piazza Anita
Garibaldi. Obiettivo primario di questa Amministrazione sia quello di
alleggerire almeno del 75% ledificazione sul comparto attraverso il
trasferimento delle suddette volumetrie in altre aree che necessitano di
riqualificazione, sia quello di restituire la piazza alla pubblica fruizione, previa
realizzazione delle necessarie opere di urbanizzazione a carico di Consabit. Una
volta definito il lavoro tecnico degli Uffici, il Consiglio Comunale verr chiamato
ad esaminare il vero e proprio Accordo Procedurale, nel quale dovranno essere
previste le modifiche necessarie da apportare al contratto del 2014, nonch
individuate e cadenzate le procedure amministrative per giungere alla definitiva
rimodulazione degli impegni reciproci.
LAVORI PUBBLICI
L'attivit sviluppata dall'assessorato prosegue Aurigi ha risentito
pesantemente delle problematiche economiche generali e di quelle legate al
bilancio interno, che ne hanno limitato non poco l'incisivit sul territorio. La
riduzione del budget annuale e di fonti di finanziamento certe (come i mutui o
gli oneri di urbanizzazione) apportata dalle manovre di bilancio, hanno ridotto la
capacit di intervento sul territorio, sia relativamente ai nuovi progetti che agli
interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Il tema della
riqualificazione dello spazio pubblico urbano in un'ottica di maggior vivibilit per
i cittadini e di una migliore fruibilit turistico-ricettiva stato fondamentale e
determinante nelle scelte eseguite. La piazza, il giardino o il parco, possono
diventare volano di qualit di vita e di sensibilit per la cosa pubblica,
soprattutto sviluppando fruizioni sostenibili degli spazi, proprie delle aree ciclopedonali. Sono stati anche completati interventi di riqualificazione di edifici per
lo sport o per la cultura, o progettate nuove opere pubbliche per la collettivit,
che contribuiranno a dare maggiori e migliori servizi ai cittadini, rafforzando il
loro legame con la struttura urbana della citt. Nel settore delle manutenzioni i
ridotti investimenti possibili sono stati concentrati quasi esclusivamente sui
temi legati alla sicurezza dei servizi e delle infrastrutture pubbliche,
privilegiando sistematicamente gli ambiti fondamentali e strategici degli
interventi, come le scuole, gli asili, i luoghi di lavoro, le residenze per anziani,
le strade, i sottoservizi e l'illuminazione pubblica.
E' stato completato il nuovo edificio di Ingresso delle Piscine Comunali
Neri/Camalich, completamente ridisegnato rispetto alla prima versione
presentato; si tratta di un volume prospiciente via Allende destinato a ospitare
la hall d'ingresso, il bar e la biglietteria unica. Il fabbricato stato realizzato
impiegando tecnologie di bioedilizia, anche attraverso il ricorso a materiali
ecocompatibili come il legno lamellare, e valorizzando molto il rapporto con
l'illuminazione naturale attraverso l'utilizzo di ampie superfici vetrate.
Decisivi passi in avanti sono stati fatti per la Nuova Casa della Cultura.
LAmministrazione Comunale, infatti, ha avviato le procedure per contrarre uno
specifico mutuo di finanziamento ed ha approvato il progetto definitivo per
completare lopera, che prevede gli allestimenti interni finali, le soluzioni
illuminotecniche, la sistemazione degli spazi esterni. Al suo interno troveranno
spazio nei tre livelli del fabbricato, una sala polivalente per esposizioni,

convegni, spettacoli (piano terra), un urban center (piano primo) ed una


mediateca (piano secondo), oltre a vari spazi per uffici distribuiti ai vari piani.
E' prevista la riapertura della struttura nella primavera 2016.
E' stato elaborato il Progetto Nuovo Percorso Vita, finalizzato a
completare e valorizzare le varie attivit sportive presenti dell'area di Banditella
con un percorso dedicato al passeggio ed al jogging che si snoda,
riconnettendole, tra gli impianti ed i giardini pubblici esistenti. Con questo
preciso obiettivo stato avviato un confronto con i gestori degli impianti
sportivi della zona, teso a realizzare i lavori con risorse interamente private.
Parallelamente, un percorso per il Progetto Nuovo Skatepark stato avviato
attraverso un confronto con le associazioni interessate, teso alla condivisione
della localizzazione e allacquisizione degli input progettuali. L'obiettivo molto
ambizioso quello di creare a Livorno il pi grande skatepark d'Europa.
Nell'aprile 2015 stata per la prima volta introdotta la proposta di delocalizzare
il mercato in un'area di propriet comunale con il Progetto Nuovo Mercato
Ortofrutticolo. Il progetto prevede di costruire ex novo ed stato concordato
con gli operatori mercatali da trasferire dall'area del vecchio mercato in zona
Garibaldi. Fin dal mese di luglio si sono tenuti diversi incontri con gli attuali
operatori del mercato ortofrutticolo al fine di acquisire gli input progettuali
necessari per sviluppare una proposta e quantificarne i costi. Lultima soluzione
che ne scaturita risale a dicembre e prevede un assetto a 14 magazzini oltre
a palazzina servizi.
Sono stati redatti i Nuovi Progetti di LL.PP. per interventi di
riqualificazione urbana, che riguarderanno in particolare la riqualificazione di
Piazza II Giugno, la riqualificazione urbana dell'area Palazzina dei Pescatori, la
riqualificazione funzionale del Viale di Antignano, i nuovi parcheggi in zona
Ospedale, la riqualificazione urbana Area Cisternone. Sono tutti progetti in
corso di elaborazione per i quali gli uffici hanno avviato la fase di redazione
degli studi di fattibilit, da concludersi nel 2016 al fine di inserire le opere nella
programmazione 2017.
Partiranno a breve i lavori di realizzazione dei Nuovi impianti semaforici
Carducci/Nievo, cofinanziati dalla Regione per 150.000 euro e per i restanti
150.000 dallA.C. che ha avviato le procedure per contrarre un mutuo
approvandone il progetto definitivo. Sono interventi significativi in materia di
sicurezza stradale finalizzati a rendere pi sicure per pedoni e ciclisti alcune
importanti intersezioni viarie, lungo il Viale Carducci con via del Vigna e via
della Meridiana, ed anche lungo viale Ippolito Nievo con via Emilio Zola.
Procedono i lavori per l'ultimazione del Nuovo Canile Comunale; nel 2015
sono stati riavviati i lavori di completamento degli originari 48 box e quelli di
realizzazione di altri 32 box, che verranno conclusi entro aprile 2016. Ad opera
completata il nuovo canile comunale avr una capienza complessiva di 80 box,
ulteriormente incrementabili non appena saranno disponibili nuove risorse
economiche.
Attraverso un importante lavoro di concertazione sono state portate a termine
le operazioni di trasferimento del deposito degli autobus nella nuova

localizzazione di via Impastato. Linaugurazione del Nuovo Deposito Autobus


di questa estate stata la conclusione di un percorso durato molti anni, che ha
sancito anche la contemporanea liberazione del vecchio deposito di via Meyer,
tornato di nuovo nella piena disponibilit dell'A.C.
Per la riqualificazione dello Chalet Rotonda nel mese di maggio stato
approvato il progetto preliminare offerto in sede di gara ed il primo luglio
arrivato il parere del MIBAC che autorizza alla concessione del bene e dunque
alla stipula del contratto. Attualmente gli aggiudicatari stanno elaborando il
progetto definitivo, che presenteranno appena stipulato il contratto. Entro il
2016, quindi, anche l'importante area della Rotonda di Ardenza verr
riqualificata.
Nel mese di dicembre il Comune ha avanzato la propria candidatura al Bando
nazionale sulle Aree Urbane Degradate, con un progetto di riqualificazione
di piazza Dante e di ristrutturazione del primo piano della palazzina ex
Ferrhotel (promessa in comodato duso da Centostazioni spa) per realizzarvi un
Help Center per 17 ospiti. La proposta che riguarda l'area della Stazione e
prevede
la riqualificazione della Piazza ed il riuso di alcuni locali ubicati
all'interno dell'area ferroviaria, per la realizzazione di un centro di accoglienza
per persone senza fissa dimora. La valenza sociale del progetto si inserisce
all'interno del programma del rilancio della citt, specialmente sotto il profilo
turistico, volendo andare a risanare un'area interessata da fenomeni di degrado
sociale, devianza e criminalit.
E' in corso la Ridefinizione Piano di Recupero Area Garibaldi prevede la
costruzione di circa 100 alloggi di cui 18 di Edilizia Economica e Popolare in
partenariato con Cassa Depositi e Prestiti, oltre alla nuova urbanizzazione
dell'intera zona e ad una scuola. Il progetto prevede anche la ristrutturazione
degli immobili definiti i bagnetti da parte del Comune. Entro fine anno
presenteranno la loro proposta al Comune. E' stata approvata una proroga al
termine di ultimazione del programma regionale per lalta criticit abitativa di
via G. Bruno, dal 2018 al 2019 (realizzazione di nuovi 60 alloggi ERP),
consentendo a Casalp di avviare la fase di progettazione esecutiva del primo
lotto da 20 alloggi ERP.
I lavori ai Porticcioli di Quercianella ed Antignano, iniziati a maggio, sono
attualmente in fase di ultimazione. Si tratta di interventi urgenti per la
riparazione e la messa in sicurezza delle infrastrutture portuali di Antignano e
Quercianella, che permetteranno una migliore fruizione da parte dei cittadini ed
una maggior sicurezza di accesso e di ormeggio dell'intero approdo.
Relativamente ai Sottopassi RFI, si sono conclusi i lavori del nuovo sottopasso
pedonale di via Provinciale Pisana, ancora in fase di collaudo, e sono in fase
avanzata i lavori del nuovo sottopasso carrabile di via Magri. Con queste due
infrastrutture aumenta la permeabilit della barriera strutturale costituita dalla
sede ferroviaria, ottimizzando e fluidificando la mobilit cittadina.
I lavori di restauro del Teatro di Villa Mimbelli sono recentemente stati
ultimati, anche grazie al contributo dei privati che hanno integrato lo sforzo
economico dell'A.C. per restituire alla citt questo piccolo ma importantissimo
gioiello all'interno del parco, e rendendolo fruibile per eventi culturali e sociali.

Si sono conclusi i lavori efferenti ai PIUSS negli edifici della Dogana dAcqua,
dello Scoglio della Regina, degli Ex Asili Notturni e del Polo Culturale Bottini
dellOlio. Relativamente a quest'ultimo intervento in corso il completamento
dellallestimento definitivo.
Si sono conclusi quest'anno i lavori edili dei 76 alloggi ERP COREA ed in
fase conclusiva anche lassegnazione degli alloggi agli inquilini.
Grazie alla capacit di contrarre mutui, nel corso del 2015 sono stati elaborati e
finanziati molti Progetti di opere incluse nel PT LL.PP. 2015, i cui lavori
avranno inizio lanno prossimo. Tra questi: il 3 lotto di piazza Attias, il
rifacimento dellintera via Foscolo e di via Montebello, il miglioramento degli
impianti semaforici, la messa in sicurezza delle scuole, i lavori di rimozione
amianto in edifici comunali, la messa in sicurezza di via Falcucci, ecc.
Sono state ultimati i Lavori stradali in Via di Salviano, sia le opere di
rifacimento della fognatura bianca sia il rifacimento della pavimentazione
stradale e della relativa segnaletica. Inoltre, nellambito del progetto definitivo
degli interventi di miglioramento della sicurezza stradale, prevista la
realizzazione degli scivoli sui marciapiedi e della illuminazione dedicata in
corrispondenza agli attraversamenti pedonali, oltre alla installazione di segnali
elettronici di indicazione di velocit e di autovelox.
Nel 2015 Lavori Stradali importanti sono stati finanziati e sono state oggetto
di rifacimento completo del manto bituminoso molte strade, come via di
Salviano, Piazza della Repubblica, via S. Giovanni, Via Fucini, Via Risorgimento,
ecc. Complessivamente sono stati effettuati lavori di rifacimento su strade e
marciapiedi per circa 53.000 mq. Nelle manutenzioni stradali pi in generale
sono state trattate 2.704 pratiche dagli uffici preposti, ripartite in 924 per
interventi stradali, 729 per interventi di segnaletica, 359 per interventi sulle
fognature e 2345 per interventi di alterazione del suolo pubblico.
Illuminazione pubblica
Abbiamo iniziato un importante lavoro di squadra con gli uffici tecnici di
riferimento per la definizione del Nuovo Bando per la procedura di gara
finalizzata all'affidamento del contratto di servizi comprendente la
progettazione, la riqualificazione e la gestione del sistema di illuminazione
pubblica e delle opere connesse su tutto il territorio comunale. Sono stati fatti
studi ed approfondimenti per definire le migliori soluzioni da introdurre
all'interno del bando, con lo specifico obiettivo di aggiornare i sistemi di
gestione, introdurre sistemi ad alta efficienza energetica e con tecnologie
innovative, in particolar modo verso l'impiego di dispositivi con tecnologia LED.
Nei primi mesi del 2016 verr completata la definizione del bando e la sua
pubblicazione. L'attivit di Progettazione di nuovi impianti stata eseguita
per interventi direttamente assegnati allUfficio o anche in team per interventi
di maggiore complessit, tra i quali due interventi recentemente approvati
relativi alla trasformazione e messa in sicurezza degli impianti semaforici ed al
progetto di riqualificazione di Piazza Dante. L'Esecuzione lavori per la
costruzione di nuovi impianti o per interventi di straordinaria manutenzione
stata espletata con un consuntivo di interventi su 540 centri luminosi,
corrispondenti a circa 15 Km di strada su cui sono stati rinnovati o riattivati gli

impianti. Tra le riattivazioni sono frequenti quelle dovute al ripristino di linee


elettriche sottratte per il furto di cavi. Tra i lavori particolarmente significativi di
nuova costruzione ci sono quelli realizzati: in Via Marradi, Viale della Libert,
tratto di Viale Mameli, Via Mangini e strade limitrofe, dove sono stati installati
168 nuovi centri luminosi; in Via di Franco, Via Giovanetti, Via Buontalenti con
85 nuovi centri luminosi tutti corredati di telecontrollo punto-punto. Nella
Gestione Manutenzioni l'attivit ordinaria sugli impianti di illuminazione
pubblica e semaforica nel corso del 2015 stata effettuata con 1602 interventi,
di cui 146 su impianti semaforici e 84 in emergenza attivati in massima parte
dalla Centrale Operativa della Polizia Municipale ed in condizioni di reperibilit.
Altre importanti attivit sono state svolte nellambito degli allestimenti
temporanei di impianti elettrici su spazi pubblici per il supporto di spettacoli e
manifestazioni promosse dallAmministrazione, per complessivi 20 eventi tra i
quali i pi significativi sono stati Effetto Venezia ed Il Senso del Ridicolo.
Arredo Urbano
Ad ottobre stata inaugurata la Nuova Piazza del Municipio. Completamente
ridisegnata rispetto a quella ammessa al finanziamento Patto Territoriale del
MIT, la nuova piazza del Municipio stata aperta al pubblico con grande
soddisfazione dei cittadini e nel pieno rispetto dei tempi previsti dal
cronoprogramma. Si trattato di un intervento di riqualificazione dello spazio
pubblico urbano, con pochi e semplici elementi ma che creano un'armonia
complessiva elegante e qualificante rispetto agli edifici circostanti.
Sviluppato durante il 2015 anche il progetto definitivo della Nuova Piazza del
Pamiglione. Completamente ridisegnata rispetto alla versione ammessa al
finanziamento Patto Territoriale del MIT, la futura piazza del Pamiglione punta
alla riqualificazione dell'area prospiciente la darsena vecchia del porto di
Livorno e l'adiacente Fortezza Vecchia. La valorizzazione del monumento ai
Quattro Mori e l'ampliamento della fruibilit ciclo-pedonale della piazza,
esalteranno le evidenti qualit turistiche del luogo intorno al quale la citt
nata. Si prevede di avviare i lavori di riqualificazione a febbraio 2016, per
concluderli entro aprile.
E' in corso la Redazione del Manuale Comunale dell'Arredo Urbano.
Questo strumento ha lo scopo di definire le linee guide per gli interventi di
riqualificazione ed arredo dello spazio pubblico urbano, delineando gli elementi,
le tipologie, i materiali, i colori degli arredi e proponendo soluzioni
standardizzate ed uniformi per la progettazione dei marciapiedi, degli
attraversamenti pedonali, delle intersezioni stradali, dei posti auto. E' prevista
l'approvazione in CC nel giugno 2016, previo l'elaborazione delle linee guida
entro il 31 dicembre 2015.
Verde Pubblico
Il Progetto 100.000 orti urbani in Toscana, promosso dalla Regione Toscana,
vede il Comune di Livorno tra le sei citt pilota della Toscana chiamate ad
avviare il progetto finalizzato allincremento di orti urbani destinati
allagricoltura sociale per giovani, anziani ed associazioni, alla definizione delle
linee guida del modello orto toscano, al regolamento di assegnazione e
gestione degli orti stessi. E' un progetto molto ambizioso che vede Livorno

seduto al tavolo operativo in virt delle buone pratiche attuate sul suo
territorio, con esperienze significative in materia di orti sociali. Vedremo
coinvolti sulle stesse aree giovani, meno giovani, anziani, famiglie e
associazioni di volontariato con il solo fine comune di coltivare in maniera sana
e naturale la terra per ottenere da essa cibi genuini con costi sostenibili. Nel
corso del 2016 il Comune di Livorno candider due possibili aree per il
finanziamento regionale.
Da Aprile ad Ottobre 2015 partita l'Operazione Global Green (Gestione
Unica del verde cittadino), una fase di sperimentazione nei quartieri di Corea,
Shangai e parte dei quartieri Nord della citt finalizzata ad un maggiore
coordinamento e efficienza della manutenzione del verde cittadino. Allo stato
attuale leccessiva frammentazione dei servizi che compongono la gestione del
verde cittadino (parchi, giardini, aiuole, taglio dellerba che cresce su
marciapiedi e cigli stradali) porta spesso ad interventi non puntuali e non
completi, la progressiva riorganizzazione delle competenze in materia di verde
cittadino ha lo scopo di rendere pi efficace ed efficiente il servizio reso alla
cittadinanza e a costi inferiori. Con lesperienza fatta nel corso della
sperimentazione sar possibile gi dal 2016 stendere le linee guida future per
la riorganizzazione complessiva dei servizi che compongono la gestione del
verde cittadino.
A maggio, nel Parco Pertini (ex Parterre), stato inaugurato con la citt il primo
Parco Giochi Inclusivo di Livorno, dove bambini, disabili e non, potranno
giocare insieme. E anche il primo parco autofinanziato d'Italia, grazie
allimpegno dellassociazione dei Camminatori Folli, che ha promosso
liniziativa, e al contributo di associazioni, ditte e famiglie, con il supporto
tecnico del Comune di Livorno. Sono 180 mq. di giochi, con una vasta gamma
di strutture inclusive. Indubbiamente un primo ed importante passo per
sensibilizzare la cittadinanza all'inclusione, cominciando dalle giovani
generazioni.
Nel luglio 2015 sono stata posizionate in citt 125 Nuove Panchine del
modello classico da giardino a 5 stecche in legno e ferro zincato rinforzato.
Rispetto al numero complessivo delle panchine presenti a Livorno, che sono
circa 2000, questa nuova fornitura rappresenta poco pi del 6% del totale. Ha
rappresentato, tuttavia, uno sforzo non indifferente per lAmministrazione,
soprattutto considerato il fatto che nellultimo quinquennio ne sono state
cambiate solo 20/25 ogni anno.
A novembre stato realizzato il Progetto Un bosco per la citt; per
migliorare la qualit dellaria e, con essa, il benessere dei cittadini stato
realizzato un nuovo bosco in citt, al Parco di Villa Regina in unarea di circa
4.000 mq. completamente priva di alberature. Lamministrazione comunale a
novembre ha piantato 100 alberi (gi formati di altezza di circa 4mt.) tra lecci,
roverelle e sughere, grazie alla fattiva collaborazione del Centro Macrobiotico e
di numerose associazioni che hanno aderito al progetto nonch dei bambini e
delle insegnanti delle scuole Brin, Sacro Cuore e Micali, che insieme al comune
hanno aiutato a piantarle, e che soprattutto se ne prenderanno cura per i
prossimi anni con le innaffiature periodiche soprattutto nei mesi estivi. Questo
non altro che il primo di una serie di iniziative messe in campo

dallamministrazione comunale, insieme a numerose associazioni, per portare


avanti il rimboschimento urbano nella citt di Livorno.
Dopo oltre 12 anni si sentita la necessit di redigere il Nuovo Regolamento
del Verde, migliorando quello esistente anche alla luce di quanto ci hanno
proposto, in incontri specifici, gli ordini professionali, le associazioni
ambientalistiche della citt, la CNA con le loro ditte che operano nel verde.
Principio fondamentale quello di tutelare e promuovere il patrimonio verde
quale valore insostituibile nell'equilibrio dell'ecosistema urbano e come bene
fondamentale per il miglioramento della qualit della vita dei cittadini.
Altrettanto importante l'incremento e la salvaguardia delle aree con
vegetazione anche spontanea, ovvero delle zone che presentano valenze
ecologiche e naturalistiche presenti ancora nel tessuto urbano, cos pure delle
aree che possono contribuire alla creazione di una rete ecologica locale, in
quanto insieme di spazi naturali e semi-naturali che ne assicurano la
connessione. La gestione e la manutenzione del verde, sia esso pubblico che
privato, dovr essere sostenibile rispettando le specificit biovegetali delle
piante e la sicurezza dei cittadini. E' prevista l'approvazione in CC nel giugno
2016, previo l'elaborazione delle linee guida entro il 31 dicembre 2015.
Sono state realizzate nuove Aree Sgambatura Cani, che si aggiungono alle 16
aree di sgambatura gi esistenti e frequentabili nel Comune di Livorno. Nel
corso di questanno stata realizzata una nuova area di sgambatura cani, pi
grande e con materiali migliori di quella precedente, al Parco Giovanni Paolo II
(Via degli Oleandri). E' stata completamente riqualificata quella di Via
Calatafimi con recinzione, presa acqua potabile e nuove alberature.
In questi giorni si stanno predisponendo due Nuove Aree Gioco per bambini
che prevedono una piattaforma gioco con altalena doppia, torretta scivolo
polivalente e due giochi a molla oltre una pavimentazione anticaduta su tutta
quanta larea. Le aree sono quelle della Fortezza Nuova, con lavori gi avviati, e
del Parco di Via Terracini, con lavori da avviare subito a seguire.