Sei sulla pagina 1di 48

Apparecchiature di palificazione

NORMA ITALIANA

Requisiti di sicurezza

UNI EN 996

FEBBRAIO 1997
Piling equipment

DESCRITTORI

Ingegneria civile, costruzione, fondazione, apparecchiatura di palificazione, sicurezza del macchinario, macchina pericolosa, prevenzione degli
incidenti, pericolo, misura di sicurezza, stabilit, area pericolosa, utilizzazione, segnaletica

CLASSIFICAZIONE ICS

93.020; 13.100

SOMMARIO

La norma specifica i requisiti di sicurezza per le apparecchiature di palificazione.

RELAZIONI NAZIONALI
RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN 996:1995
La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN 996 (edizione dicembre 1995).

ORGANO COMPETENTE

Commissione "Sicurezza"

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 21 gennaio 1997

RICONFERMA

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia
Gr. 12

NORMA EUROPEA

Safety requirements

UNI - Milano 1997


Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

N di riferimento UNI EN 996:1997

Pagina I di IV

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN 996 (edizione dicembre 1995), che assume
cos lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
La Commissione "Sicurezza" dellUNI, che segue i lavori europei
sullargomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha
approvato il progetto europeo il 4 settembre 1995 e la versione in
lingua italiana della norma il 19 dicembre 1996.
Per agevolare gli utenti, viene di seguito indicata la corrispondenza
tra le norme citate al punto "Riferimenti normativi" e le norme italiane vigenti:
EN 292-1
= UNI EN 292-1
EN 292-2:1991
= UNI EN 292-2:1992
EN 418
= UNI EN 418
ENV 1070
= UNI ENV 1070
EN 22860
= UNI EN 22860
EN 23411
= UNI EN 23411
ISO 3795:1989
= UNI ISO 3795:1992
ISO 4301-1:1986 = UNI ISO 4301-1:1988
ISO 4301-2:1985 = UNI ISO 4301-2:1988
ISO 4302:1981
= UNI ISO 4302:1988
ISO 6394:1985
= UNI ISO 6394:1989
ISO 8087:1985
= UNI ISO 8087:1989

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni
o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.

UNI EN 996:1997

Pagina II di IV

INDICE
PREMESSA

INTRODUZIONE

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

RIFERIMENTI NORMATIVI

DEFINIZIONI

4
4.1
4.2
4.3
4.4
4.5
4.6
4.7
4.8
4.9
4.10
4.11
4.12
4.13
4.14
4.15
4.16
4.17
4.18
4.19
4.20
4.21
4.22
4.23
4.24
4.25
4.26
4.27
4.28
4.29
4.30
4.31

REQUISITI E/O MISURE DI SICUREZZA


6
Stabilit ........................................................................................................................................................... 6
Ergonomia .................................................................................................................................................... 6
Superfici calde e fredde e spigoli vivi ............................................................................................. 6
Manichette o tubi idraulici e pneumatici........................................................................................ 6
Isolamento delle fonti di energia ....................................................................................................... 7
Pulegge, tamburi e funi .......................................................................................................................... 7
Argani .............................................................................................................................................................. 8
Dispositivi di trasporto e montaggio ................................................................................................ 9
Postazione dell'operatore ..................................................................................................................... 9
Visibilit .......................................................................................................................................................... 9
Illuminazione............................................................................................................................................. 10
Avviamento................................................................................................................................................ 10
Comandi...................................................................................................................................................... 10
Protezioni contro la caduta ............................................................................................................... 11
Dispositivi di sollevamento del personale o piattaforme................................................... 11
Dispositivo di sospensione dei vibratori..................................................................................... 12
Morse............................................................................................................................................................ 12
Sistema di misura dell'inclinazione............................................................................................... 13
Impianto elettrico .................................................................................................................................... 13
Controllo della potenza in uscita.................................................................................................... 13
Apparecchiature di palificazione - Dispositivi ausiliari ....................................................... 13
Arresto di emergenza .......................................................................................................................... 14
Freni della macchina base ................................................................................................................ 14
Protezione contro gli organi in movimento ............................................................................... 14
Impianti idraulici ...................................................................................................................................... 15
Protezione contro gli incendi ........................................................................................................... 15
Rumore ........................................................................................................................................................ 15
Vibrazioni .................................................................................................................................................... 16
Targa dati ................................................................................................................................................... 16
Dispositivi e segnali di allarme ....................................................................................................... 16
Manutenzione .......................................................................................................................................... 17

5
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5

INFORMAZIONI PER L'USO


17
Generalit................................................................................................................................................... 17
Manuale dell'operatore ....................................................................................................................... 17
Verifiche o ispezioni.............................................................................................................................. 19
Lista dei pezzi di ricambio ................................................................................................................. 20
Manuale di manutenzione e utilizzo ............................................................................................ 20

VERIFICA DEI REQUISITI E DELLE MISURE DI SICUREZZA

UNI EN 996:1997

20

Pagina III di IV

APPENDICE
(normativa)

prospetto A.1

APPENDICE
(normativa)
figura

B
B.1

prospetto B.1
prospetto B.2
prospetto B.3
prospetto B.4
figura
figura

B.2
B.3

figura

B.4

figura

B.5

figura

B.6

ELENCO DEI PERICOLI SIGNIFICATIVI

21

Elenco dei pericoli significativi ........................................................................................................ 22


CALCOLO DELLA STABILIT DELLE APPARECCHIATURE DI
PALIFICAZIONE E DELLA PRESSIONE AL SUOLO
Linee di ribaltamento ...........................................................................................................................
Simboli utilizzati per i calcoli di stabilit e della pressione al suolo ............................
Valori tipo per differenti generi di movimento.........................................................................
Tipi di carico .............................................................................................................................................
Classificazione di utilizzo a terra e galleggiante ...................................................................
Tipo di carico 1 (dinamico; in funzionamento)
Tipo di carico 2 (dinamico: durante lo spostamento; in funzionamento) .................
Tipo di carico 3 (dinamico: carico rilasciato e/o depositato a terra;
in funzionamento) ..................................................................................................................................
Tipo di carico 5 (fuori servizio; statico: durante il sollevamento) .................................
Tipo di carico 6 (fuori servizio; statico: attrezzatura abbassata per il
trasferimento)...........................................................................................................................................
Calcolo della massima pressione al suolo sotto i cingoli .................................................

33
34

24
24
26
28
29
30
31
32
32

APPENDICE
(normativa)

ATTREZZATURE PER DIAFRAMMI - REQUISITI DI SICUREZZA

35

APPENDICE
(normativa)

MORSETTI PER FUNI DI MARTELLI AD IMPATTO - SCELTA E


INSTALLAZIONE
Installazione e passo dei morsertti ..............................................................................................
Spessore e diametro della filettatura di serraggio ...............................................................
Numero e coppia di serraggio dei morsetti..............................................................................

38
38
38
39

APPARECCHIATURE PER CONSOLIDAMENTO ED INIEZIONE SICUREZZA

40

BIBLIOGRAFIA

42

figura

D.1

figura

D.2

prospetto D.1

APPENDICE
(informativa)

APPENDICE
(informativa)

UNI EN 996:1997

Pagina IV di IV

Apparecchiature di palificazione
NORMA EUROPEA

Requisiti di sicurezza

EN 996

DICEMBRE 1995
Piling equipment
EUROPEAN STANDARD

Safety requirements
Matriel de battage

NORME EUROPENNE

Prescriptions de scurit
Rammausrstung

EUROPISCHE NORM

Sicherheitsanforderungen

DESCRITTORI

Ingegneria civile, costruzione, fondazione, apparecchiatura di palificazione, sicurezza del macchinario, macchina pericolosa, prevenzione degli incidenti, pericolo,
misura di sicurezza, stabilit, area pericolosa, utilizzazione, segnaletica

ICS

93.020

La presente norma europea stata approvata dal CEN il 26 ottobre 1995.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che definiscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modifiche.
Gli elenchi aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali
corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai membri del CEN.
Le norme europee sono emanate in tre versioni ufficiali (inglese, francese e tedesca). Traduzioni nella lingua nazionale, fatte sotto la propria responsabilit
da membri del CEN e notificate alla Segreteria Centrale, hanno il medesimo
status delle versioni ufficiali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

CEN 1995
I diritti di riproduzione sono riservati ai membri del CEN.
UNI EN 996:1997

Pagina 1 di 44

PREMESSA
La presente norma europea stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 151 "Apparecchiature da costruzione e macchine per materiali da costruzione - Sicurezza", la cui
segreteria affidata al DIN.
La presente norma europea stata elaborata nel quadro di un mandato affidato al CEN
dalla Commissione delle Comunit Europee e dellAssociazione Europea del Libero
Scambio e supporta i requisiti essenziali della/e Direttiva/e della Comunit Europea.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro giugno
1996, e tutte le norme nazionali in contrasto dovranno essere ritirate entro giugno 1996.
L'appendice A normativa e contiene "Elenco dei pericoli significativi", l'appendice B
normativa e contiene "Calcolo della stabilit delle apparecchiature di palificazione e della
pressione al suolo", l'appendice C normativa e contiene "Attrezzature per diaframmi Requisiti di sicurezza", l'appendice D normativa e contiene "Morsetti per martelli ad impatto - Scelta e installazione", l'appendice E informativa e contiene "Apparecchiature di
consolidamento e di iniezione - Sicurezza" e l'appendice F informativa e contiene una
"Bibliografia".
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, i seguenti Paesi sono tenuti ad adottare la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI EN 996:1997

Pagina 2 di 44

INTRODUZIONE
La presente norma europea di tipo C, come definito nella EN 292-1:1991.
Il macchinario interessato e l'entit dei pericoli trattati sono indicati nello scopo e campo di
applicazione della presente norma.

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

1.1

La presente norma specifica i requisiti di sicurezza per le apparecchiature di palificazione


adatte ai seguenti scopi:
a) costruzione di fondazioni, di diaframmi o pareti di tenuta, utilizzando pali o altri elementi longitudinali;
b) rimozione di pali;
c) installazione di elementi di drenaggio o di iniezione.
Il materiale dei pali pu essere legno, cemento (prefabbricato o gettato sul posto) o acciaio (tubi o profili laminati). Inoltre, i pali possono avere un sistema di collegamento per consentire la giunzione di pali adiacenti.

1.2

La presente norma europea tratta i pericoli significativi attinenti alle apparecchiature di palificazione, quando vengono usate come previsto e nelle condizioni date dal costruttore
(vedere appendice A) unitamente a quanto segue:
- trasporto dell'apparecchiatura;
- montaggio e smontaggio dell'apparecchiatura;
- apparecchiatura in servizio e fuori servizio;
- spostamento dell'apparecchiatura tra le posizioni dei pali;
- posizionamento dell'apparecchiatura.
La presente norma europea specifica le opportune misure tecniche per eliminare o ridurre
i rischi derivanti dai pericoli significativi.

1.3

Le apparecchiature di palificazione comprendono:


a) attrezzature di palificazione costituite da una macchina base (montata su cingoli, su
ruote o su rotaia o galleggiante), dall'attacco del mast, dal mast o da altri sistemi di
guida, per esempio montati direttamente, supportati da bracci, oscillanti, guidati o a
sospensione libera;
b) attrezzature per l'installazione e la rimozione dei pali, per esempio martelli ad impatto,
estrattori, vibratori o dispositivi statici di battuta o estrazione dei pali;
c) accessori, per esempio cuffie dei pali, coperture, lastre, anelli, dispositivi di serraggio,
dispositivi di movimentazione dei pali, guide per i pali, protezioni acustiche e dispositivi di assorbimento degli urti e delle vibrazioni, gruppi idraulici o elettrogeni e dispositivi di sollevamento delle persone o piattaforme.

1.4

Inoltre, la presente norma si applica alle attrezzature per diaframmi. In aggiunta, i requisiti
particolari che si applicano alle attrezzature per diaframmi sono dati nell'appendice normativa C.

1.5

Se la macchina base di una attrezzatura di palificazione consiste di un escavatore, di una


gru, ecc., deve essere trattata secondo le specifiche norme nella misura in cui i requisiti
della presente norma non si possono applicare.
Se l'apparecchiatura di palificazione funziona con accessori diversi da quelli trattati nella
presente norma, per esempio accessori di perforazione, devono essere soddisfatte anche le norme di sicurezza che si applicano a tali tipi di macchine.

UNI EN 996:1997

Pagina 3 di 44

1.6

Per il funzionamento in atmosfera esplosiva, sono necessari requisiti aggiuntivi non contenuti nella presente norma.

1.7

L'appendice informativa E destinata ad informare e guidare i costruttori di apparecchiature per il consolidamento e per l'iniezione nell'industria delle fondazioni, in assenza di una
norma europea per questo tipo di attrezzature. Essa non una parte normativa della presente norma, e non contiene indicazioni sufficienti sui requisiti e sulle misure di sicurezza
tali da soddisfare la conformit ai requisiti di sicurezza essenziali di qualsiasi Direttiva della Comunit Europea.

1.8

La presente norma europea si applica innanzitutto alle macchine costruite dopo la data di
approvazione della norma da parte del CEN.

RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale
lultima edizione della pubbliazione alla quale si fa riferimento.
EN 3
Estintori di incendio portatili
EN 292-1
Sicurezza del macchinario - Concetti fondamentali, principi generali di progettazione - Terminologia, metodologia di base
EN 292-2:1991
Sicurezza del macchinario - Concetti fondamentali, principi generali di progettazione - Specifiche e principi tecnici
EN 418
Sicurezza del macchinario - Dispositivi di arresto di emergenza,
aspetti funzionali - Principi di progettazione
EN 474-1:1994
Macchine movimento terra - Sicurezza - Prescrizioni generali
EN 791
Macchine perforatrici - Sicurezza
EN 22860
Macchine movimento terra - Dimensioni minime di accesso
EN 23411
Macchine movimento terra - Misure fisiche degli operatori e spazio
minimo di ingombro dell'operatore
EN 60204-1:1992
Sicurezza del macchinario - Equipaggiamento elettrico delle macchine - Regole generali
EN ISO 3457:1995
Macchine movimento terra - Ripari e schermi - Definizioni e specifiche
EN ISO 6682
Macchine movimento terra - Zone di conforto e raggiungibilit dei
comandi
ENV 1070
Sicurezza del macchinario - Terminologia
ISO 2631-1:1985
Valutazione dell'esposizione dell'intero corpo umano alle vibrazioni - Requisiti generali
ISO 2631-3:1985
Valutazione dell'esposizione dell'intero corpo umano alle vibrazioni - Valutazione dell'esposizione dell'intero corpo a vibrazioni verticali lungo l'asse z nella gamma di frequenze tra 0,1 e 0,63 Hz
ISO 2867:1994
Macchine movimento terra - Mezzi di accesso
ISO 3449:1992
Macchine movimento terra - Strutture di protezione per la caduta
di oggetti (FOPS) - Prove di laboratorio e specifiche di prestazioni
ISO 3795:1989
Veicoli stradali, trattrici, macchine agricole e forestali - Determinazione del comportamento alla combustione dei materiali allinterno
dei veicoli
ISO 3864:1984
Colori e segnaletica di sicurezza
ISO 4302:1981
Apparecchi di sollevamento - Carichi del vento
ISO 4305:1991
Apparecchi di sollevamento - Gru mobili - Determinazione della
stabilit
UNI EN 996:1997

Pagina 4 di 44

ISO 4309:1990
ISO 6394:1985
ISO 6405-1:1991
ISO 7095:1982
ISO 12508:1994
prEN 809
prEN 853
prEN 854
prEN 855
prEN 856
prEN 857
prEN 953
prEN 954-1
prEN 982

prEN 983

prEN 1037
prEN 12151

Funi metalliche per apparecchi di sollevamento - Criteri di verifica


e sostituzione delle funi
Acustica - Rilevamento della rumorosit aerea delle macchine
movimento terra - Posto di guida - Condizioni di prova statica
Macchine movimento terra - Simboli per i comandi ed altri dispositivi - Simbologia comune
Macchine movimento terra - Trattori e caricatori cingolati - Comandi per l'operatore
Macchine movimento terra - Limiti per gli spigoli vivi potenziali
cause di infortuni
Pompe e unit di pompaggio per liquidi - Requisiti di sicurezza
Tubi e tubi raccordati di gomma - Tipo idraulico con armatura di fili
metallici - Requisiti
Tubi e tubi raccordati di gomma - Tipi idraulici con rinforzo tessile
- Requisiti
Tubi e tubi raccordati di materia plastica - Tubi idraulici di materiale
termoplastico con rinforzo tessile - Requisiti
Tubi e tubi raccordati di gomma - Tipo idraulico con armatura di fili
metallici elicoidali - Requisiti
Tubi e tubi raccordati di gomma - Tipo compatto con armatura di fili
metallici per applicazioni idrauliche - Requisiti
Sicurezza del macchinario - Requisiti generali per la progettazione
e la costruzione delle protezioni (fisse, mobili)
Sicurezza del macchinario - Requisiti di sicurezza relativi a sistemi
di comando - Principi generali di progettazione
Sicurezza del macchinario - Requisiti di sicurezza relativi a sistemi
e loro componenti per trasmissioni oleoidrauliche e pneumatiche Oleoidraulica
Sicurezza del macchinario - Requisiti di sicurezza relativi a sistemi
e loro componenti per trasmissioni oleoidrauliche e pneumatiche Pneumatica
Sicurezza del macchinario - Isolamento e dissipazione dellenergia - Prevenzione di avvii indesiderati
Macchine e impianti per la preparazione di cemento e malta - Requisiti di sicurezza

DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma europea si applicano le definizioni della ENV 1070:1993. Ulteriori definizioni, specificatamente necessarie per la presente norma europea, sono qui
di seguito elencate.

3.1

apparecchiatura di palificazione: Insieme di macchine e componenti utilizzati per l'infissione o per l'estrazione dei pali.

3.2

attrezzatura di palificazione: Macchina base completa di attacco mast e mast, ma senza


l'apparecchiatura per l'infissione dei pali e altre apparecchiature.

3.3

pali: I pali sono realizzati in legno, cemento (prefabbricato o gettato in loco) o acciaio (in
tubi o profili laminati). I pali possono avere un sistema di collegamento per consentire la
giunzione di pali adiacenti.

UNI EN 996:1997

Pagina 5 di 44

3.4

macchina base: Macchina che fornisce la mobilit e sostiene il peso dell'apparecchiatura


di palificazione e quello del palo.
Nota

3.5

Una macchina base pu anche costituire la fonte di energia necessaria e i comandi dell'apparecchiatura di palificazione. Escludendo le macchine di base stazionarie, possono essere prese in considerazione macchine base montate su ruote, su cingoli o su rotaie, insieme a quelle galleggianti sia
fisse che mobili.

mast: Struttura montata sulla macchina base che serve da guida per l'apparecchiatura di
infissione e di estrazione.

3.6

apparecchiatura di infissione e di estrazione dei pali: Dispositivi ad impatto, a vibrazione e statici che vengono utilizzati per l'infissione e/o l'estrazione di pali.

REQUISITI E/O MISURE DI SICUREZZA


Il macchinario deve soddisfare le misure e/o i requisiti tecnici di sicurezza di questo punto,
e anche delle EN 292-1:1991 ed EN 292-2:1991 per i pericoli pertinenti ma non significativi che non vengono trattati nella presente norma.

4.1

Stabilit

4.1.1

La stabilit deve essere verificata secondo l'appendice B. I criteri di stabilit sono:


Un angolo di stabilit minimo e la somma dei momenti opportunamente amplificati.
Il manuale per l'operatore deve stabilire in quali condizioni l'apparecchiatura di palificazione pu essere utilizzata in modo stabile. Il costruttore/fornitore dell'apparecchiatura di palificazione, cos come viene consegnata, responsabile della verifica della stabilit mediante calcolo.

4.1.2

Pesi e posizioni dei baricentri degli elementi della macchina, che sono le basi per il calcolo
della stabilit, devono essere ottenuti tramite calcolo e/o per pesatura.

4.1.3

Ogni costruttore di singoli elementi della macchina deve fornire tutti i dati necessari sugli
elementi relativi al calcolo della stabilit globale.

4.2

Ergonomia
L'apparecchiatura di palificazione deve essere progettata secondo i principi dell'ergonomia,
per evitare affaticamento e sforzi all'operatore o ad altro personale. Deve essere tenuto in
considerazione il fatto che gli operatori possono indossare guanti pesanti, calzature protettive e altri dispositivi di protezione individuale. Per linformazione, vedere EN 23411 e EN ISO
6682.

4.3

Superfici calde e fredde e spigoli vivi


Dove si presentino rischi di contatto con superfici calde o fredde per le persone, tali superfici
devono essere protette da protezioni o coperture, in conformit con 4.8 della EN ISO
3457:1995. Gli spigoli devono soddisfare i requisiti della ISO 12508:1994.

4.4

Manichette o tubi idraulici e pneumatici


Le manichette e i tubi devono soddisfare i prEN 982 e prEN 983.
Manichette, tubi e raccordi devono essere in grado di sopportare gli sforzi dovuti alla pressione. Le manichette devono riportare l'indicazione della pressione nominale di esercizio.
Qualora il rischio di rottura di una manichetta o di un tubo vicino alla postazione dell'operatore possa comportare un rischio per l'operatore stesso, le manichette e i tubi presenti
in quest'area devono essere forniti di protezioni di sicurezza, secondo 4.9 della EN ISO
3457:1995.

UNI EN 996:1997

Pagina 6 di 44

4.5

Isolamento delle fonti di energia

4.5.1

Eccetto per quanto indicato in 4.5.3, l'apparecchiatura di palificazione deve essere provvista
di mezzi adatti ad isolarla da tutte le fonti di energia (vedere prEN 1037 ed EN 60204-1). Tali
dispositivi di isolamento devono essere chiaramente identificati e deve essere possibile
bloccarli.

4.5.2

Dopo l'interruzione dell'alimentazione, deve essere possibile dissipare l'energia rimasta o


immagazzinata nei circuiti dell'apparecchiatura di palificazione senza rischio per le persone esposte.

4.5.3

Alcuni circuiti non pericolosi possono essere mantenuti collegati alle loro fonti di energia,
per esempio per mantenere gli elementi nella corretta posizione, per proteggere informazioni, per illuminare ambienti interni, ecc. In questo caso devono essere prese delle misure particolari per garantire la sicurezza dell'operatore.

4.6

Pulegge, tamburi e funi

4.6.1

I diametri delle pulegge e dei tamburi devono soddisfare i seguenti requisiti minimi:
- diametro del tamburo dell'argano
14,0 d
- diametro della puleggia
16,0 d
- diametro della puleggia di compensazione
12,5 d
- diametro della puleggia nel sistema di abbassamento
12,5 d
dove:
d
il diametro della fune.

4.6.2

Devono sempre rimanere almeno tre spire di fune sul tamburo dell'argano.

4.6.3

Le flange sui tamburi devono essere progettate per poter accogliere almeno due diametri
di fune oltre alla spira pi esterna della fune, in qualsiasi condizione di funzionamento.

4.6.4

L'angolo di deviazione laterale della fune tra le pulegge e/o il tamburo non deve superare
2,5 per il tipo antirotazione o resistente alla rotazione, e 4 per gli altri tipi di fune.

4.6.5

Il carico di rottura della fune deve essere pari almeno al prodotto del seguente fattore di
sicurezza per il massimo carico statico sulla fune dovuto all'apparecchiatura da sollevare,
oppure per il massimo tiro lineare dell'argano, a seconda di quale dei due sia applicabile.
Condizione di funzionamento
Sollevamento ed estrazione generici
Martello a caduta libera

Fattore di sicurezza
3,55
3,55

Sollevamento del braccio e del mast


In lavoro
In sollevamento

3,55
3,05

Fune statica
In lavoro
In sollevamento

3,0
2,73

Fune di abbassamento

3,0

UNI EN 996:1997

Pagina 7 di 44

4.6.6

Le estremit delle funi con morsetti sono consentite soltanto per i martelli a caduta libera.
Devono essere usate in modo conforme all'appendice D.

4.7

Argani

4.7.1

Generalit
Gli argani non destinati al sollevamento delle persone e alle piattaforme di manutenzione,
che costituiscono parte integrante dell'apparecchiatura di palificazione e che sono direttamente coinvolti nel processo di palificazione, devono soddisfare i requisiti stabiliti in 4.7.2.

4.7.2

Requisiti di sicurezza
Il tiro massimo sul primo strato della fune dell'argano deve essere indicata sulla targa dati
dell'argano.
Gli argani devono essere provvisti di:
- un sistema frenante di servizio;
- un sistema frenante di stazionamento.
Il sistema frenante di stazionamento deve intervenire automaticamente ed evitare un involontario ritorno del carico se i leveraggi di comando dell'argano non sono azionati, o in
caso di interruzione dell'alimentazione.
Nota

I sistemi frenanti possono utilizzare componenti comuni. Le valvole di discesa del carico degli argani
idraulici o dei dispositivi di discesa, sono considerate sistemi frenanti di servizio.

Entrambi i sistemi frenanti devono sopportare un minimo di 1,3 volte il massimo tiro consentito. Il sistema frenante di servizio deve consentire all'operatore di rallentare e fermare
un carico discendente senza contraccolpi.
Gli argani per estrazione che hanno un'influenza sulla stabilit devono avere un sistema
di misurazione che indichi l'effettivo tiro della fune sul gancio di carico. In alternativa, deve
essere presente un limitatore di tiro (per esempio un limitatore di coppia) sull'argano. Una
tabella di capacit visibile all'operatore deve indicare il tiro ammissibile oppure il carico al
gancio.
Gli argani devono avere un dispositivo limitatore che arresti il movimento di sollevamento
agendo sul comando dell'argano, prima che venga raggiunta la posizione di arresto meccanico. Per gli argani con una capacit minore o uguale a 20 kN, sufficiente un dispositivo di arresto a limitatore meccanico senza azione sul comando dell'argano.
In alternativa, essi devono essere provvisti di un sistema di allarme acustico o visivo che
funzioni ad opportuna distanza dalla posizione di arresto meccanico.
L'attivazione della funzione di caduta libera dell'argano deve essere possibile solo tramite
attuazione simultanea di due comandi indipendenti. Entrambi i comandi devono essere
del tipo a rilascio automatico.
Per consentire alle apparecchiature di palificazione del tipo ad impatto di seguire e mantenere il contatto con il palo:
- o l'argano di sospensione deve essere in grado di lasciar svolgere liberamente il cavo
di sostegno;
- oppure l'apparecchiatura di palificazione deve essere scollegata completamente dal
suo cavo di sostegno.
Quando un argano progettato per diverse funzioni, inclusa una funzione di caduta libera, deve essere previsto in pi un comando a chiave, che consenta l'azionamento della
funzione di caduta libera.

UNI EN 996:1997

Pagina 8 di 44

4.8

Dispositivi di trasporto e montaggio

4.8.1

Per assicurare lo smontaggio, lo scarico e il trasporto sicuri, le parti dell'apparecchiatura


di palificazione devono essere fornite di punti di imbragatura, di staffe, di anelli, di sedi per
golfari oppure per altri dispositivi (vedere 5.2.4).

4.8.2

Per le macchine base con torretta rotante, deve essere previsto un dispositivo di bloccaggio meccanico o di vincolo, che impedisca la rotazione della torretta sulla sua base, durante il trasporto, per esempio su strada, su ferrovia o per mare.

4.9

Postazione dell'operatore
Le apparecchiature di palificazione devono essere provviste di una cabina per proteggere
l'operatore dal rumore, dalle polveri e dalle avverse condizioni meteorologiche. Possono
comunque esistere anche dei tipi di apparecchiature di palificazione oppure delle condizioni operative in cui non possibile od opportuno fornire una cabina.
Le apparecchiature di palificazione devono essere progettate ed equipaggiate con una
struttura di protezione dalla caduta di oggetti (FOPS) se sono specifiche per l'utilizzo in
applicazioni che possono presentare il rischio di caduta di sassi. La FOPS deve soddisfare il livello II della ISO 3449:1992.
Nota 1

Sebbene il campo di applicazione della ISO 3449:1992 si applichi specificatamente alle macchine
di movimento terra, ugualmente pertinente alle apparecchiature di palificazione.

Le apparecchiature di palificazione devono in ogni caso essere provviste di un tetto di


protezione, che deve soddisfare i requisiti del livello I della ISO 3449:1992.
Bisogna tenere in considerazione anche la protezione dalla proiezione di oggetti in direzione orizzontale.
La cabina deve fornire quanto segue:
- adeguata ventilazione, qualora necessario e opportuno, riscaldamento e/o raffreddamento;
Nota 2

Per questi requisiti non prevista verifica.

protezione contro il rumore (vedere 4.27.1);


isolamento dalle vibrazioni del pavimento (vedere 4.28);
un mezzo di evacuazione rapida della cabina;
un'uscita di emergenza, per esempio sotto forma di finestrini o pannelli eiettabili, su
un lato della cabina differente da quello sul quale situata l'uscita normale, oppure un
attrezzo per rompere il vetro;
- un sedile, a meno che l'operatore non debba lavorare in posizione eretta. Il sedile deve assicurare all'operatore una posizione di lavoro confortevole e stabile, e deve essere facilmente adattabile ad operatori di peso e altezza differenti. Il sedile deve essere progettato in modo da ridurre le vibrazioni trasmesse all'operatore al livello pi
basso ragionevolmente ottenibile;
- un dispositivo di pulizia del parabrezza.
I pannelli trasparenti delle porte e delle finestre devono essere realizzati in vetro di sicurezza laminato o materiale equivalente. Il materiale degli interni della cabina deve essere
costituito da materiale difficilmente infiammabile, con una velocit lineare massima di propagazione della fiamma di 250 mm/min, quando viene sottoposto a prova in conformit
alla ISO 3795:1989.

4.10

Visibilit
La visibilit dalla postazione del conducente e/o dell'operatore deve essere tale che durante la conduzione o il funzionamento dell'apparecchiatura di palificazione, il conducente
o l'operatore possano azionarla senza causare danno a se stessi o ad altre persone. Se
necessario, devono essere forniti aiuti ottici o altri mezzi.

UNI EN 996:1997

Pagina 9 di 44

4.11

Illuminazione
L'apparecchiatura di palificazione deve essere equipaggiata con un sistema di illuminazione che fornisca un'illuminazione di almeno 100 lx nell'area di lavoro intorno al punto di
palificazione, se deve funzionare anche al buio.
Per gli spostamenti al buio, l'apparecchiatura mobile deve essere provvista di un'illuminazione di almeno 10 lx, misurata a 7 m davanti alla macchina, nella direzione di marcia.

4.12

Avviamento
L'avviamento non autorizzato deve essere evitato mediante almeno una delle seguenti
misure:
- cabina bloccabile;
- accensione bloccabile;
- interruttore di avviamento batteria bloccabile.

4.13

Comandi

4.13.1

Per la progettazione dei comandi relativi alla sicurezza vedere il prEN 954-1.
Un funzionamento sicuro, rapido e non pericoloso dei comandi deve essere reso possibile nei seguenti modi:
a) i dispositivi di comando di primaria importanza devono essere comodamente raggiungibili. I comandi di primaria importanza sono quelli delle funzioni principali, per esempio sollevamento e abbassamento
- del mast;
- del palo;
- dell'attrezzatura di infissione/estrazione del palo; variazione della posizione del mast,
inclinazione del mast, operazioni di rotazione e di spostamento;
b) i comandi di secondaria importanza devono essere normalmente raggiungibili. Essi
sono preposti ad altre funzioni, per esempio la velocit del motore, l'attrezzatura di infissione/estrazione del palo.

4.13.2

Per la comodit e la raggiungibilit vedere EN ISO 6682.

4.13.3

Le forze necessarie per azionare i comandi devono essere conformi al prospetto 2 della
ISO 7095:1982.

4.13.4

I comandi devono essere progettati, costruiti e sistemati in modo che:


- la loro funzione sia chiaramente identificabile;
- il movimento necessario per azionarli corrisponda, nei limiti del possibile, all'effetto
desiderato.
I comandi che possono essere fonte di rischi devono essere sistemati, disattivati o protetti
in modo da non poter essere azionati accidentalmente, in particolare quando l'operatore
entra o esce dalla sua postazione.
Quando un comando progettato e costruito per espletare diverse funzioni, per esempio
una tastiera, l'attivazione del funzionamento deve essere chiaramente identificabile.

4.13.5

I comandi devono essere marcati in conformit alle relative norme (per esempio ISO
6405-1:1991) e posizionati per un funzionamento sicuro, rapido e comodo.

4.13.6

Tutti i comandi di primaria importanza [vedere 4.13.1 a)] devono automaticamente ritornare nella posizione neutra dopo il rilascio.

UNI EN 996:1997

Pagina 10 di 44

4.14

Protezioni contro la caduta

4.14.1

Devono essere previsti dei sistemi di accesso che forniscano un accesso sicuro alla postazione dell'operatore e alle aree di manutenzione. I sistemi di accesso dovrebbero soddisfare i requisiti della EN 22860 e della ISO 2867:1994.

4.14.2

Se le aree di lavoro, le piattaforme o i loro accessi sono sopra l'acqua o a pi di 2,5 m dal
suolo, devono essere installate protezioni contro la caduta, per esempio un corrimano alto
1 m con una sbarra a mezza altezza.

4.14.3

Quando non possono essere installate protezioni contro la caduta, le aree di lavoro devono essere fornite di punti di ancoraggio per equipaggiamenti di protezione.

4.14.4

Gli accessi verticali e le scale, sui battipalo e sulle apparecchiature ausiliarie, che siano
alte pi di 3 m dal suolo e che non abbiano alcuna protezione posteriore, devono essere
fornite di punti di ancoraggio per un sistema di arresto della caduta.

4.14.5

Tutte le aree di lavoro in quota devono essere provviste di punti di ancoraggio che sopportino almeno 7,5 kN, per il fissaggio di imbragature di sicurezza.

4.14.6

Le piattaforme e le aree di lavoro utilizzate per la manutenzione devono essere provviste


di una protezione terminale verso l'alto di almeno 100 mm, per evitare la caduta di oggetti
e componenti.

4.15

Dispositivi di sollevamento del personale o piattaforme

4.15.1

Dispositivi di sollevamento del personale operativo


Qualsiasi dispositivo di sollevamento delle persone previsto per il lavoro operativo, consistente in una piattaforma guidata dal mast, deve essere fornito di un sistema di fine corsa
inferiore e superiore.
Durante il movimento, il sollevatore deve restare al di fuori del raggio d'azione del palo e
dell'apparecchiatura di infissione del palo.
Il sollevatore per il personale operativo deve essere fornito di uno dei seguenti dispositivi:
- un dispositivo di bloccaggio che agisca sulle guide e che intervenga in caso di superamento della velocit nominale di discesa di pi del 40%;
- un dispositivo di limitazione della velocit che limiti la velocit di discesa ad un massimo di 1,4 volte la velocit nominale di discesa se dovesse verificarsi un guasto nel
meccanismo di sollevamento;
- un dispositivo di bloccaggio che agisca sulle guide e che, in caso di rottura delle funi,
entri in funzione in combinazione con il freno dell'argano agendo automaticamente e
direttamente sul tamburo dell'argano, indipendentemente dall'azionamento. L'azionamento deve essere autofrenante. La caduta, prima dell'entrata in funzione del blocco,
non deve superare 0,3 m;
- un arresto individuale della caduta, per ogni persona sul sollevatore;
- un arresto di caduta, collegato ad un punto determinato e sicuro, che entri in azione
ad una determinata velocit di caduta.
Deve sempre essere previsto un dispositivo di protezione antiallentamento.
Il cavo d'acciaio di sollevamento deve avere un diametro di almeno 8 mm e un fattore di
sicurezza di almeno 10.
Il diametro delle pulegge e del tamburo dell'argano deve essere almeno 26 volte il diametro del cavo d'acciaio.
La velocit di salita e di discesa del dispositivo di sollevamento del personale non deve
superare 0,5 m/s.

UNI EN 996:1997

Pagina 11 di 44

4.15.2

Piattaforme per la manutenzione


Le piattaforme per la manutenzione sono piattaforme mobili per servizio, manutenzione e
riparazioni. Esse sono fissate all'apparecchiatura di infissione del palo.
Nota

I sollevatori per il personale operativo possono essere utilizzati anche per servizio, manutenzione e
riparazioni.

Nei calcoli di progetto, il peso totale della piattaforma mobile deve comprendere il peso
della piattaforma e del materiale, pi 1 kN per ogni persona trasportata, e comunque con
un minimo totale di 5 kN. Al peso totale bisogna applicare un fattore di sicurezza 1,25.
Quando vengono usate funi o catene per tenere sospesa l'apparecchiatura di infissione
del palo cui fissata la piattaforma mobile, il fattore di sicurezza per la fune o la catena di
sospensione deve essere almeno 10.
Nel caso di sospensione con martinetto, il lato del martinetto che porta il carico deve essere equipaggiato con un dispositivo di sostegno diretto del carico.
Gli argani utilizzati per le piattaforme mobili devono essere conformi ai requisiti di 4.7.2
ma con un fattore di sicurezza portato a 10. Non devono essere utilizzati argani a caduta
libera e deve essere previsto un dispositivo antiallentamento.
La velocit di salita e di discesa della piattaforma mobile non deve superare 0,5 m/s.

4.15.3

Accesso al dispositivo di sollevamento del personale o alla piattaforma di manutenzione


Le barriere di sicurezza e gli accessi ai sollevatori per le persone e alle piattaforme mobili
sulle apparecchiature di palificazione devono essere conformi alla ISO 2867:1994. L'accesso deve essere equipaggiato con un dispositivo automatico di chiusura. Se l'accesso
costituito da un cancello, questo non si deve aprire verso l'esterno.

4.16

Dispositivo di sospensione dei vibratori

4.16.1

I dispositivi di sospensione dei vibratori devono isolare efficacemente la macchina base


dalle vibrazioni.

4.16.2

La massima forza di trazione ammissibile deve essere chiaramente visibile sul vibratore.

4.16.3

In caso di guasto o rottura degli elementi a molla, deve essere mantenuto un collegamento tra il vibratore e il suo sistema di isolamento, per evitare la caduta verso il basso di parti
rotte.

4.17

Morse

4.17.1

La forza di serraggio della morsa per i vibratori deve essere pari ad almeno 1,2 volte la
forza verticale effettiva in qualsiasi condizione di funzionamento.
Questa condizione viene considerata soddisfatta quando la forza di serraggio pari ad almeno 1,2 volte la forza centrifuga massima teorica a vuoto.

4.17.2

La forza di serraggio per dispositivi statici di infissione o di estrazione deve essere almeno
pari a 2 volte la massima forza di trazione.

4.17.3

La pressione sviluppata nel sistema idraulico deve fornire almeno la minima forza di serraggio richiesta, e dovrebbe essere incluso nel sistema un dispositivo per mantenere automaticamente la pressione idraulica al valore minimo richiesto finch la morsa chiusa.

4.17.4

Tutti i sistemi di serraggio devono avere un dispositivo di sicurezza che eviti l'apertura accidentale delle morse durante il funzionamento.

4.17.5

Le morse devono avere un dispositivo di sicurezza che le mantenga in chiusura anche nel
caso di totale perdita di pressione nelle linee idrauliche.

4.17.6

La pressione del martinetto idraulico delle morse deve essere indicata da un manometro.

UNI EN 996:1997

Pagina 12 di 44

4.17.7

Per tutti gli estrattori dinamici con morse azionate idraulicamente o meccanicamente, a
meno che non siano elementi di un sistema gettato in sito, il palo deve essere fissato
all'estrattore per mezzo di una fune di sicurezza o di una imbragatura di capacit pari al
carico tenuto dalle morse o da un dispositivo simile.

4.18

Sistema di misura dell'inclinazione

4.18.1

Le apparecchiature di palificazione devono essere provviste di un sistema che indichi l'inclinazione del mast in due direzioni. Il risultato dovrebbe essere visibile dall'operatore.

4.18.2

La macchina base richiede anche un indicatore di inclinazione che indichi l'inclinazione


nelle due direzioni relative al piano orizzontale (per esempio una livella a bolla).

4.19

Impianto elettrico

4.19.1

Impianto di alimentazione elettrica


L'alimentazione elettrica delle apparecchiature di palificazione deve soddisfare i requisiti
della EN 60204-1:1992, e in particolare i punti 4, 5, 6, 14, 15 e 16.
Deve essere previsto un sistema di protezione contro i difetti di terra per le apparecchiature di palificazione ad alimentazione elettrica.

4.19.2

Installazione delle batterie


Le batterie devono essere provviste di punti di sollevamento e devono essere saldamente
fissate nelle loro posizioni. Non ci deve essere rischio di proiezione di elettrolito sulle persone e sugli impianti circostanti. I morsetti devono essere protetti, e deve essere collocato
nel circuito un interruttore di isolamento, vedere 4.11 della EN ISO 3457:1995.
Le batterie e/o i loro alloggiamenti devono essere progettati e costruiti, o coperti, in modo che
non ci sia rischio per l'operatore dovuto all'elettrolito o ai vapori della batteria, anche nel caso
di ribaltamento dell'apparecchiatura di palificazione, vedere 4.10 della EN ISO 3457:1995.

4.20

Controllo della potenza in uscita


Deve essere presente un dispositivo per controllare la velocit di battuta dei martelli/
estrattori del tipo ad impatto.

4.21

Apparecchiature di palificazione - Dispositivi ausiliari

4.21.1

I pali e gli altri carichi devono essere mantenuti stabili in tutte le condizioni di lavoro e di
sollevamento.
Le apparecchiature di palificazione devono essere provviste di mezzi per evitare il basculamento del palo.

4.21.2

Il palo e gli altri carichi devono essere sollevati utilizzando un meccanismo che non richieda ad alcuna persona di raggiungere una postazione pericolosa per bloccare, aprire o allentare i collegamenti.
Questi accessori di sollevamento devono funzionare in modo sicuro in tutte le condizioni
previste.

4.21.3

I mast di palificazione utilizzati con martelli a caduta libera devono essere forniti di un dispositivo di arresto meccanico per sostenere il martello nella sua posizione pi bassa.
In pi, se il metodo di palificazione dovesse richiedere l'ingresso di persone nella zona pericolosa, immediatamente sotto il martello, deve essere previsto un sostegno pi alto.

UNI EN 996:1997

Pagina 13 di 44

4.22

Arresto di emergenza

4.22.1

essenziale poter arrestare rapidamente il funzionamento del martello in caso di necessit.


Deve essere possibile isolare l'energia di alimentazione, per esempio mediante la chiusura
di una valvola nella manichetta di alimentazione o nella linea del carburante, oppure mediante isolamento dell'energia elettrica, oppure mediante altri mezzi (vedere prEN 1037).

4.22.2

Il/i dispositivo/i di arresto di emergenza per i movimenti pericolosi devono essere conformi
alla EN 418.

4.22.3

L'arresto di emergenza, dopo l'azionamento, deve restare attivo finch non venga riarmato manualmente. Questo riarmo manuale non deve avviare la macchina, ma deve solo
permettere il riavviamento mediante la normale procedura.

4.22.4

Se esiste una postazione supplementare per l'operatore, anche questa postazione deve
essere provvista di un dispositivo di arresto di emergenza.

4.23

Freni della macchina base


I freni della macchina base devono soddisfare i requisiti in 4.6 della EN 474-1:1994.

4.24

Protezione contro gli organi in movimento

4.24.1

Generalit
Gli organi in movimento di una apparecchiatura di palificazione devono essere progettati,
costruiti e installati in modo da evitare pericoli, come descritto nella EN 292-1. Per le eccezioni a questa regola generale, vedere 4.24.3.

4.24.2

Organi di trasmissione
Tutti gli organi di trasmissione devono essere progettati, costruiti e installati o altrimenti
forniti di protezioni atte ad evitare il rischio di contatto. Le protezioni devono soddisfare il
prEN 953.
Le protezioni devono essere di robusta costruzione e fissate in modo sicuro. Le protezioni
fisse devono essere utilizzate quando l'accesso necessario solo raramente, e devono
essere fissate o mediante saldatura o montandole in modo che possano essere aperte o
rimosse soltanto utilizzando attrezzi o chiavi.
Nota 1

La EN 292-2 stabilisce i principi generali per la protezione degli organi in movimento.

Quando richiesta la possibilit di accesso frequente per riparazioni o per manutenzione,


possono essere previste delle protezioni rimovibili. Esse devono soddisfare i seguenti requisiti:
- se possibile, devono rimanere fissate alla macchina quando vengono aperte;
- devono essere provviste di un sistema che le mantenga in posizione aperta;
Nota 2

Il supporto pu essere del tipo a bloccaggio, a chiavistello o a molla.

4.24.3

i vani che contengono motori a combustione interna devono essere chiudibili a chiave. I rivestimenti mobili, che impediscono l'accesso a tali vani, non hanno bisogno di
dispositivi di chiusura se le protezioni devono essere o aperte con una chiave o un attrezzo, oppure con un comando collocato nella postazione del conducente dellapparecchiatura di palificazione, se tale postazione si trova in una cabina completamente
chiusa con un dispositivo di bloccaggio che impedisca l'accesso ai non autorizzati.

Organi in movimento coinvolti nel processo operativo


L'apparecchiatura di palificazione deve essere progettata, costruita ed equipaggiata in
modo che venga minimizzato il lavoro manuale nella zona pericolosa. Per un'ulteriore riduzione dei rischi, vedere 5.2.6.

UNI EN 996:1997

Pagina 14 di 44

4.25

Impianti idraulici
I sistemi idraulici devono soddisfare i requisiti di sicurezza di cui in 3.8 della EN 292-2:1991
e della prEN 982.
I martinetti idraulici utilizzati per il sollevamento devono essere provvisti di dispositivi di
sostentamento del carico, montati sul martinetto stesso, e devono essere autospurganti o
provvisti di un punto di sfiato dell'aria nella parte superiore.
Nota

Lo sfiato pu anche essere effettuato muovendo il pistone tra le due posizioni di fine corsa.

Le manichette idrauliche flessibili, destinate a pressioni maggiori di 15 Mpa, devono essere provviste di raccordi stampati.
Le manichette e i tubi idraulici devono essere separati da linee elettriche di potenza e devono essere protetti da superfici calde e da spigoli vivi.
I tubi e manichette che devono essere scollegati durante il funzionamento, devono essere
provvisti di raccordi autosigillanti con valvole di controllo incorporate.
I serbatoi per i fluidi idraulici devono avere gli indicatori di livello. Il punto di riempimento
del serbatoio deve essere progettato in modo che venga evitato il traboccamento durante
il funzionamento su qualsiasi pendenza per cui l'apparecchiatura di palificazione stata
progettata.

4.26

Protezione contro gli incendi

4.26.1

Requisiti per gli estintori


Su tutte le apparecchiature di palificazione con potenza nominale non superiore a 50 kW,
deve essere previsto almeno un estintore, contenente un prodotto di massa non inferiore
a 2 kg.
Per le apparecchiature di palificazione con potenza nominale superiore a 50 kW ma inferiore a 200 kW, deve essere previsto almeno un estintore, contenente un prodotto di massa non inferiore a 6 kg.
Per le apparecchiature di palificazione con potenza nominale superiore a 200 kW, devono
essere previsti almeno due estintori, ciascuno contenente un prodotto di massa non inferiore a 6 kg.
Gli estintori devono essere adatti sia a spegnere olii infiammabili sia incendi in impianti
elettrici.
Se esiste un sistema integrato di estinzione, lapparecchiatura di palificazione deve essere fornita di almeno un estintore portatile.
Gli estintori devono soddisfare i requisiti della EN 3.

4.26.2

Installazione degli estintori


Gli estintori devono essere collocati nelle immediate vicinanze dell'operatore o, nel caso
di macchine comandate a distanza, in un altro luogo chiaramente visibile e facilmente accessibile.
Gli estintori devono essere montati in modo che non siano necessari utensili per rimuoverli dai loro elementi di supporto.
Se sull'apparecchiatura di palificazione esistono pi estintori, essi devono essere montati
su lati diversi dellapparecchiatura di palificazione.
Gli estintori non devono essere collocati vicino ad aree ad alto rischio di incendio, quali
per esempio gruppi di potenza o serbatoi di carburante. Gli estintori devono essere collocati tra l'operatore e l'area in questione.

4.27

Rumore

4.27.1

Rumore nella cabina dell'operatore


Per le macchine fornite di cabina, il livello sonoro all'interno della cabina dell'operatore derivante dal funzionamento del/dei motore/i della macchina base, deve essere misurato secondo la ISO 6394:1985 nelle condizioni di funzionamento completo della macchina base, cio motore alla normale velocit di funzionamento, senza carico. Il valore ottenibile
85 dBA.

UNI EN 996:1997

Pagina 15 di 44

4.27.2

Emissione sonora dovuta al funzionamento dell'apparecchiatura di infissione ed estrazione


del palo
L'emissione sonora dovuta al funzionamento dell'apparecchiatura di infissione ed estrazione del palo costituisce un particolare pericolo.
Nota 1

A causa dei numerosi fattori al di fuori del controllo del costruttore dell'apparecchiatura, un singolo
valore di emissione sonora per tutte le condizioni operative non applicabile n realistico.

Quando si indicano i valori del livello di emissione sonora dell'apparecchiatura di infissione ed estrazione del palo, devono essere stabiliti il metodo di misurazione e le condizioni
operative dell'apparecchiatura durante la misurazione, inclusi:
- la/e direzione/i, l'altezza e la distanza di misurazione;
- il tipo di martello;
- l'energia di impatto;
- i dati sull'ammortizzatore del martello;
- i dati sulla cuffia del palo;
- i dati sull'ammortizzatore del palo;
- il tipo, le dimensioni e la lunghezza del palo;
- la lunghezza della parte di palo all'esterno;
- le condizioni del suolo;
- il tasso di penetrazione;
- le condizioni ambientali.
Nota 2

4.28

La presente norma non d informazioni su come ridurre il rumore.

Vibrazioni
Le vibrazioni durante l'infissione del palo che coinvolgono l'intero corpo dell'operatore o delle persone che lavorano, devono essere valutate secondo la ISO 2631-1:1985 e la ISO 2631-3:1985,
e devono soddisfare almeno i valori del "limite di capacit a fatica" dato nella ISO 2631-1:1985 o
del "limite di comfort ridotto" dato nella ISO 2631-3:1985.
Nota

La presente norma non d indicazioni su come ridurre le vibrazioni.

4.29

Targa dati

4.29.1

La targa dati dell'apparecchiatura di palificazione deve fornire almeno le seguenti informazioni:


- nome e indirizzo del costruttore;
- anno di costruzione;
- marchi obbligatori1);
- designazione della serie o del tipo;
- numero di serie, se esiste;
- potenza installata, in kW;
- massa in kg, nella configurazione tipo.

4.29.2

Deve essere prevista una targa dati per apparecchiature separate o indipendenti, per
esempio il martello e il vibratore.

4.30

Dispositivi e segnali di allarme

4.30.1

Dispositivi di allarme
I dispositivi di allarme, quali i segnali, devono essere chiaramente e facilmente percepibili.
L'operatore deve poter verificare il funzionamento di tutti i dispositivi essenziali di allarme
in qualsiasi momento.

1)

Il marchio CE per le macchine destinate ai mercati dei paesi dellUE.


UNI EN 996:1997

Pagina 16 di 44

Deve essere presente un segnale di allarme acustico ad azionamento manuale per avvertire il personale nell'area di lavoro di un pericolo imminente.
Deve essere presente anche un segnale di allarme automatico, acustico o visivo, azionato in caso di rotazione.

4.30.2

Segnali di allarme per i rischi residui


Se permangono dei rischi nonostante tutte le misure adottate, e in caso di rischi potenziali
che non siano evidenti, devono essere previsti degli allarmi. Tali allarmi dovrebbero preferibilmente utilizzare dei pittogrammi facilmente comprensibili (vedere ISO 3864:1984) o
essere redatti nella lingua del paese in cui la macchina deve essere usata.

4.31

Manutenzione

4.31.1

Il costruttore dovrebbe assicurare che il progetto consenta di condurre le operazioni di regolazione, di manutenzione, di lubrificazione, di ingrassaggio, di riparazione, di pulizia e
di servizio in condizioni di sicurezza.

4.31.2

Se, per ragioni tecniche, una o pi delle operazioni menzionate in 4.31.1 non possono essere effettuate in condizioni di macchina ferma, devono essere indicate dal costruttore le
precauzioni in modo da portarle ugualmente a termine in sicurezza.

INFORMAZIONI PER L'USO

5.1

Generalit
La seguente documentazione (separata o combinata) deve essere fornita con ogni apparecchiatura di palificazione:
- manuale dell'operatore;
- istruzioni per le ispezioni;
- lista dei pezzi di ricambio;
- manuale di manutenzione e utilizzo;
- istruzioni di trasporto e montaggio, se pertinenti.

5.2

Manuale dell'operatore

5.2.1

Il manuale dell'operatore deve essere fornito nella lingua ufficiale del paese in cui la macchina deve essere utilizzata (vedere 5.5 della EN 292-2).

5.2.2

Se possibile, il manuale dell'operatore deve essere disponibile sulla macchina in un luogo


appositamente destinato ad esso.

5.2.3

Tutte le informazioni riguardanti la sicurezza personale devono essere stampate con un


carattere che le differenzi considerevolmente dal resto del testo.

5.2.4

Devono essere contenute le seguenti istruzioni e dati:


- le specifiche sull'utilizzo previsto della macchina;
- i dettagli del costruttore e delle societ che commercializzano, dei distributori o degli
agenti autorizzati comprendente i nomi, gli indirizzi completi e i particolari per mettersi
in contatto;
- l'identificazione delle singole parti del macchinario, per esempio il rivestimento del palo;
- la massa dell'apparecchiatura di palificazione;
- la massa dei principali sottoassiemi, per esempio il mast, il martello, il vibratore, le
morse, il gruppo di alimentazione;
- i requisiti di potenza elettrica (specificati in unit di misura elettriche come volt (V),
hertz (Hz), kilowatt (kW));
UNI EN 996:1997

Pagina 17 di 44

quando una o pi morse sono imbullonate sotto il vibratore:


il tipo e il numero delle viti da usare;
la coppia di serraggio da applicare alle viti;
per le apparecchiature di palificazione, il livello sonoro, misurato nella postazione
dell'operatore, secondo la ISO 6394:1985, se superiore a 70 dB(A);
per l'apparecchiatura di palificazione, l'emissione sonora durante il funzionamento,
se supera 85 dB(A);
vedere 4.27;
il livello di vibrazioni sul sedile dell'operatore, se la media quadratica ponderata
dell'accelerazione superiore a 0,5 m/s2;
i necessari dispositivi di protezione individuale, per esempio le protezioni per l'udito.

5.2.5

Devono essere specificate le seguenti limitazioni nell'uso:


Per tutte le apparecchiature:
- la massima pressione di funzionamento;
- la massima e la minima temperatura ambiente.
Per le apparecchiature di palificazione:
- la massima velocit del vento in m/s e sulla scala Beaufort, vedere ISO 4302:1981;
- la massima pressione al suolo dovuta alla massa statica per tipi significativi di carico;
- la massima pendenza per gli spostamenti e il funzionamento;
- la massima capacit di trazione in verticale e in altre direzioni;
- le misure speciali necessarie su imbarcazioni galleggianti.
Per i vibratori/estrattori/infissori/estrattori di pali:
- la massima pressione delle morse;
- la massima forza di trazione sul sistema di sospensione;
- il limite di usura per le ganasce delle morse;
- la procedura per iniziare l'infissione e terminare l'estrazione del palo, con un'attrezzatura statica di spinta e trazione del palo.
Per i martelli:
- la massima altezza di caduta per i martelli azionati da un argano.

5.2.6

Devono essere date delle spiegazioni all'operatore e al personale addetto sulle zone dove
i pericoli si possono verificare e quali misure di prevenzione possono o devono essere
prese relativamente a:
Apparecchiature di palificazione:
- istruzioni per la protezione individuale;
- specifiche riguardanti la zona pericolosa vicino alla macchina:
- raggio di rotazione + 0,5 m sulla met posteriore;
- lunghezza del palo + 1,0 m sulla met anteriore;
- presenza non necessaria nella zona pericolosa;
- dati di stabilit per l'apparecchiatura di palificazione;
- forza del vento (scala Beaufort e velocit del vento secondo ISO 4302:1981) alla quale l'apparecchiatura di palificazione deve essere fermata dal responsabile, e devono
essere prese le misure necessarie per mantenere l'apparecchiatura in condizioni stabili;
- il funzionamento in aree delimitate che obblighino a deviare i gas di scarico in modo
da non farli rientrare nell'area di lavoro.
Vibratori/estrattori:
- i vibratori e le morse da non utilizzare per le operazioni di sollevamento;
- vietato lasciare un elemento sospeso nella morsa di un vibratore in sospensione libera e non funzionante;

UNI EN 996:1997

Pagina 18 di 44

vietato lasciare un vibratore o un dispositivo statico di spinta del palo, quando non
in funzione, attaccato ad un elemento gi installato a terra senza il supporto di una
gru. L'eccezione costituita dalle attrezzature che hanno il supporto di un palo che
passa attraverso l'innesto di guida con un incastro del palo sufficiente per assicurare
la stabilit dell'apparecchiatura;
il tiro di estrazione da non superare;
l'applicazione della fune di sicurezza, come descritto in 4.17.7.

5.2.7

Deve essere fornita una esatta descrizione delle procedure e delle fasi di montaggio e
smontaggio.

5.2.8

Deve essere fornita una descrizione di tutti i dispositivi di protezione, dei dispositivi di arresto di emergenza e degli estintori contenuti nell'apparecchiatura di palificazione.

5.2.9

Devono essere fornite tutte le informazioni necessarie per qualsiasi condizione di utilizzo,
per esempio il trasporto, il montaggio, l'avviamento, il funzionamento, le operazioni di fine
lavoro, lo smontaggio e il deposito.

5.2.10

Devono essere fornite specifiche dei criteri di prova, che devono essere supervisionate da
una persona autorizzata e competente prima del riavviamento dell'apparecchiatura di palificazione.

5.3

Verifiche o ispezioni
Deve essere stabilito nel manuale dell'operatore a quali intervalli devono essere condotte
le ispezioni e le verifiche tecniche e di sicurezza. Il manuale dell'operatore deve anche
fornire istruzioni per la sostituzione e la frequenza di verifica delle parti classificate dal costruttore come particolarmente importanti per la sicurezza. Devono essere forniti i metodi
di verifica dell'usura di tali parti.
Devono essere considerate le seguenti voci, ma la lista non limitativa:
- giunzioni imbullonate di parti sottoposte agli urti e vibrazioni;
- sistemi frenanti della macchina base;
- sistema di messa a terra elettrica;
- dispositivi di arresto di emergenza;
- sistemi di isolamento delle fonti energetiche;
- manichette idrauliche/pneumatiche esposte;
- sistemi di arresto della caduta, equipaggiamenti di protezione, imbragature di sicurezza e punti di fissaggio;
- estintori;
- operazioni di bloccaggio degli argani a caduta libera;
- dispositivi di misurazione dell'inclinazione;
- accessori di sollevamento;
- dispositivi di limitazione del carico per argani da estrazione;
- dispositivi di limitazione del movimento dei carichi sollevati;
- parti dell'attrezzatura soggette a fatica;
- sollevatori per le persone, piattaforme di manutenzione e dispositivi di sicurezza associati;
- ripari di protezione;
- dispositivi di allarme da rotazione;
- dispositivi di sospensione e morse per vibratori ed estrattori ad impatto;
- freni degli argani;
- funi (vedere ISO 4309:1990);
- morsetti montati sulle funi dei martelli a caduta libera.

UNI EN 996:1997

Pagina 19 di 44

5.4

Lista dei pezzi di ricambio


La lista dei pezzi di ricambio deve contenere tutti i pezzi di ricambio necessari, con identificazione non ambigua, e deve contenere informazioni sulla posizione del singolo pezzo
all'interno dell'apparecchiatura di palificazione.

5.5

Manuale di manutenzione e utilizzo


Devono essere stabilite nel manuale di manutenzione e utilizzo le precauzioni da osservare durante la manutenzione e lutilizzo.
Le seguenti istruzioni devono essere incluse nel manuale di manutenzione e utilizzo:
Quando sussiste la necessit che un operatore o un assistente riparino o eseguano lavori
di manutenzione sulla macchina all'interno dell'area di lavoro o della zona pericolosa, e
ci implica l'attivazione di una o pi funzioni della macchina, tale lavoro deve essere effettutato solo nelle seguenti condizioni:
- devono sempre essere presenti almeno due persone, entrambe completamente addestrate sui temi della sicurezza;
- una di esse deve controllare, dalla postazione principale dell'operatore, la sicurezza
della persona che sta effettuando il lavoro;
- il supervisore deve avere accesso immediato ad un dispositivo di arresto di emergenza, in qualsiasi situazione;
- l'area in cui il lavoro di manutenzione deve essere effettuato, deve essere opportunamente illuminata;
- la comunicazione tra chi sta effettuando la manutenzione e l'operatore, deve essere
garantita in modo permanente.
Una persona autorizzata ad effettuare riparazioni e lavori di manutenzione da sola
sull'apparecchiatura di palificazione soltanto quando l'apparecchiatura completamente
disattivata e i mezzi di riavvio sono isolati.

VERIFICA DEI REQUISITI E DELLE MISURE DI SICUREZZA


La verifica della conformit ai requisiti di sicurezza forniti nella presente norma deve essere eseguita mediante calcolo, ispezioni e, quando possibile, mediante prove, se i requisiti da verificare non sono esplicitamente stabiliti nei relativi punti, cio stabilit, freni, rumore e vibrazioni.
Tutti i dispositivi di arresto di emergenza e di sicurezza devono essere sottoposti a prova
per il corretto funzionamento e deve essere emesso un certificato in merito dal costruttore.
Tutti i sistemi di sollevamento e di spinta devono essere sottoposti a prova alla loro capacit nominale.
Le verifiche devono essere condotte prima della consegna all'utilizzatore.

UNI EN 996:1997

Pagina 20 di 44

APPENDICE
(normativa)

A ELENCO DEI PERICOLI SIGNIFICATIVI


Questa appendice contiene tutti i pericoli, per quanto trattati nella presente norma europea, identificati mediante valutazioni dei rischi significativi per questo tipo di macchine e
che necessitano di un'azione per eliminare o almeno ridurre il rischio.
I riferimenti incrociati dei pericoli sono dati nei capitoli che specificano l'azione necessaria
per la riduzione del rischio.
I pericoli possono presentarsi soprattutto durante le seguenti modalit operative:
a) nel trasporto da e verso il posto di lavoro;
b) nel montaggio e nello smontaggio sul posto di lavoro;
c) nel funzionamento sul posto di lavoro;
d) nello spostamento tra le posizioni di palificazione sul posto di lavoro;
e) nella messa fuori servizio sul posto di lavoro;
f) nello stazionamento in deposito o sul posto di lavoro.

UNI EN 996:1997

Pagina 21 di 44

prospetto A.1

Elenco dei pericoli significativi


Elenco dei pericoli

Paragrafi relativi

Pericoli meccanici

1.1

Pericolo di schiacciamento

4.7, 4.9, 4.16, 4.17, 4.21, 4.24

1.2

Pericolo di cesoiamento

4.24

1.3

Pericolo di taglio o di sezionamento

4.22, 4.23, 4.24

1.4

Pericolo di impigliamento

4.22, 4.23, 4.24, appendice C,


appendice E

1.5

Pericolo di trascinamento o di intrappolamento

4.24, appendice E

1.6

Pericolo di urto

4.3, 4.14, 4.24

1.7

Pericolo di perforazione o puntura

4.3, 4.24

1.8

Pericolo di attrito o di abrasione

4.24

1.9

Pericolo di proiezione di un fluido ad alta pressione

4.4, 4.9, 4.19, 4.25, appendice E

1.10

Pericolo di proiezione di parti (della macchina e di materiali/pezzi lavorati) 4.9, 4.24

1.11

Perdita di stabilit (della macchina e di parti della macchina)

4.1, 4.7, 4.8, 4.18, appendice B,


appendice C

1.12

Pericolo di scivolamento, dinciampo e di caduta in relazione alla macchina

4.14, 4.15

Pericoli elettrici

2.1

Contatto elettrico diretto o indiretto

4.5, 4.19

2.2

Influenze esterne sullequipaggiamento elettrico (linee di alimentazione)

4.19

Pericolo di rottura termica

3.1

Bruciature e scottature, provocate dalleventuale contatto da fiamme o da 4.3


esplosioni od anche dallirraggiamento di fonti di calore

3.2

Danni alla salute da un ambiente di lavoro caldo o freddo

Pericoli generati da rumore

4.1

Perdita della capacit uditiva (sordit)

4.27

4.2

Interferenza con la comunicazione verbale, con i segnali acustici, ecc.

4.30

Pericoli generati da vibrazioni

5.1

Esposizione a vibrazioni dellintero corpo

Pericoli generati da materiali e sostanze trattate, utilizzate o scaricate dalla macchina

6.1

Inalazione di gas e fluidi

4.4, 4.19, appendice E

6.2

Pericolo di incendio o di esplosione

4.19, 4.26

Pericoli provocati dallinosservanza dei principi ergonomici in fase


di progettazione della macchina

7.1

Posizioni errate o sforzi eccessivi

7.2

Considerazione inadeguata dellanatomia umana, mano-braccio o piede- 4.2, 4.9, 4.13


gamba

7.3

Mancato uso di mezzi personali di protezione

4.2

7.4

Illuminazione insufficiente della zona di lavoro

4.11

7.5

Eccessivo o scarso impegno mentale, tensione

4.2, 4.9, 4.13, 4.16

7.6

Errori umani

4.7, 4.12, 4.13, 4.17

Combinazione di pericoli

4.9

4.9, 4.28

4.2, 4.9, 4.13

segue nella pagina successiva

UNI EN 996:1997

Pagina 22 di 44

Elenco dei pericoli

Paragrafi relativi

continua dalla pagina precedente


9

Pericoli provocati da guasti nellalimentazione di energia, rottura di


parti della macchina e da altre disfunzioni

9.1

Guasto nellalimentazione di energia

4.5, 4.15, 4.16, 4.17

9.2

Proiezione imprevista di parti della macchina, o fluidi

4.4, 4.25

9.3

Guasto, disfunzione del sistema di comando

4.13

9.4

Errori di montaggio

4.8, 4.25, appendice D

9.5

Ribaltamento, perdita imprevista della stabilit della macchina

4.7, 4.15, 4.16, 4.17

10

Pericoli provocati dallassenza e/o dallerrata collocazione delle


misure/strumenti condizionanti la sicurezza

10.1

Tutti i tipi di ripari

4.14, 4.24

10.2

Tutti i tipi di dispositivi (di protezione) condizionanti la sicurezza

4.14, 4.24

10.3

Dispositivi di avviamento e di arresto

4.13, appendice C

10.4

Segni grafici e segnali di sicurezza

4.13, 4.30

10.5

Tutti i tipi di dispositivi di informazione o di avvertimento

4.13, 4.30, appendice C

10.6

Dispositivi per la disalimentazione dellenergia

4.5

10.7

Dispositivi di emergenza

4.22

10.8

Strumenti ed accessori fondamentali per gli interventi di regolazione e/o


manutenzione di sicurezza

4.24, 4.25, 4.31

UNI EN 996:1997

Pagina 23 di 44

APPENDICE
(normativa)

B CALCOLO DELLA STABILIT DELLE APPARECCHIATURE DI PALIFICAZIONE E


DELLA PRESSIONE AL SUOLO

B.1

Generalit

B.1.1

Questa appendice contiene i requisiti per il calcolo della stabilit delle apparecchiature di
palificazione come definito in 1 della presente norma, eccetto per le apparecchiature di
palificazione fissate a pontoni oscillanti.

B.1.2

In caso di apparecchiature di palificazione che siano state adattate per la realizzazione di


fondazioni tramite perforazione, devono essere soddisfatti anche i requisiti di sicurezza
della EN 791.

B.1.3

Il calcolo deve partire dall'ipotesi di apparecchiatura di palificazione su una superficie piana e ferma.

B.2

Calcolo dei parametri

B.2.1

Angolo di stabilit
L'angolo di stabilit l'angolo tra il piano verticale che passa per la pi sfavorevole linea
di ribaltamento e il piano che interseca il baricentro e la linea di ribaltamento stessa.

B.2.2

Linee di ribaltamento

B.2.2.1

Le linee di ribaltamento sono definite nell'appendice A della ISO 4305:1991 (vedere figura
B.1, linee di ribaltamento a, b e c).

B.2.2.2

Per le apparecchiature di palificazione che comprendono un sottocarro cingolato associato ad uno stabilizzatore, la figura B.1 indica ulteriori importanti linee di ribaltamento. Le linee di ribaltamento d ed e vanno dal centro dello stabilizzatore all'intersezione della linea
di ribaltamento c con le linee a o b.
figura

B.1

Linee di ribaltamento

UNI EN 996:1997

Pagina 24 di 44

B.2.3

Baricentro

B.2.3.1

La definizione della posizione del baricentro dell'apparecchiatura di palificazione necessaria per il calcolo dell'angolo di stabilit.

B.2.3.2

La posizione del baricentro totale deve essere calcolata come somma dei singoli baricentri di tutti gli elementi costituenti dell'apparecchiatura di palificazione completa, compresi
tutti gli accessori e gli equipaggiamenti presenti sulla macchina

B.2.3.3

Gli elementi mobili devono essere considerati nella loro posizione pi sfavorevole, come
specificato nel manuale del costruttore, che dia la condizione meno stabile.

B.2.4

Fattori di sicurezza parziali

B.2.4.1

I fattori di sicurezza parziali amplificano o attenuano l'effetto delle masse e delle forze che
agiscono sull'apparecchiatura di palificazione, per esempio forze statiche, del vento, centrifughe, dinamiche o altre forze esterne.

B.2.4.2

I valori dei fattori da utilizzare sono dati nel prospetto B.4.

B.2.5

Carichi di lavoro
I carichi di lavoro sono i carichi sollevati e i loro accessori di sollevamento, quali le attrezzature di infissione e di estrazione del palo e i loro accessori, i pali e la struttura di guida
se la sua posizione non fissa rispetto alla struttura della macchina base, per esempio un
mast oscillante oppure una gabbia di guida.

B.2.6

Spostamento
Movimento dell'apparecchiatura di palificazione completa, comprendente i carichi di lavoro e gli accessori, tra le posizioni di palificazione all'interno del luogo di lavoro.

UNI EN 996:1997

Pagina 25 di 44

B.2.7

Simboli utilizzati per i calcoli di stabilit e della pressione al suolo


prospetto B.1

Simboli utilizzati per i calcoli di stabilit e della pressione al suolo


Simboli utilizzati per i calcoli di stabilit e della pressione al suolo

Larghezza dei cingoli

Distanza tra le ruote folli e le ruote motrici

Eccentricit della forza P (vedere figura B.6)

GL
GL
GL1,2
GM
GR

Peso totale dei carichi di lavoro


Peso dei carichi di lavoro rilasciati bruscamente
Peso dei singoli carichi di lavoro
Peso dellapparecchiatura di palificazione completa
Peso dellapparecchiatura di palificazione

B.2.5
B.7.2
B.2.5
B.2.3

MA
MC
MG

Momento delle altre forze


Momento delle forze centrifughe
Momento delle forze causate da variazioni della geometria dellapparecchiatura di palificazione
Momento delle forze causate da movimenti dellapparecchiatura di palificazione
Momento stabilizzante delle parti dellapparecchiatura di palificazione
durante il sollevamento
Momento ribaltante delle parti dellapparecchiatura di palificazione durante il
sollevamento
Momento delle forze statiche, inclusi i carichi di lavoro amplificati
Momento delle forze del vento

B.7.3
B.5
B.7.2

MM
MRR
MRT
MS
MW
NL, AL
XR, XL

B.3

Paragrafi

B.7.2
B.3.2
B.3.2
B.4
B.6

Bracci del momento delle forze dinamiche causate da un improvviso rilascio B.7.2
del carico
B.4
Bracci del momento dellapparecchiatura di palificazione e dei carichi di
lavoro combinati

Forza (peso) su un cingolo

Angolo di stabilit

B.2.1, B.3

1
2
3
4

Fattore di sicurezza parziale del carico di lavoro


Fattore di sicurezza parziale del momento centrifugo
Fattore di sicurezza parziale del momento del vento
Fattore di sicurezza parziale dei momenti dinamici e di altra natura

B.4.2
B.5.4
B.6.4
B.7.1

1,2

Rispettivamente minima e massima pressione al suolo

Criteri di stabilit
Unapparecchiatura di palificazione deve essere considerata stabile se:

B.3.1

Langolo di stabilit calcolato maggiore o uguale al valore dato nel prospetto B.4, e la
somma algebrica di tutti i momenti che agiscono contemporaneamente, incluso l'effetto
dei fattori di sicurezza parziali, maggiore di zero, riportando cos l'apparecchiatura di palificazione in condizioni di stabilit.

B.3.2

Durante il sollevamento oppure durante l'abbassamento del mast, i momenti stabilizzanti


delle singole parti identificabili dell'apparecchiatura di palificazione situate dietro la linea
di ribaltamento devono essere superiori del 10% ai momenti di ribaltamento delle singole
parti identificabili dell'apparecchiatura di palificazione situate davanti alla linea di ribaltamento.

B.4

Momento statico

B.4.1

Il momento statico il momento risultante dei carichi di lavoro amplificati, cui va aggiunto
il momento della massa della restante struttura dell'apparecchiatura di palificazione.

UNI EN 996:1997

Pagina 26 di 44

B.4.2

I carichi di lavoro devono essere moltiplicati per un fattore di sicurezza parziale 1, dato
nel prospetto B.4.
Un singolo carico di lavoro identificabile deve essere diviso per il fattore di sicurezza parziale nei casi in cui si trovi al di l della linea di ribaltamento e origini un momento stabilizzante.

B.4.3

Il calcolo del momento statico deve essere basato sui componenti mobili situati nella loro
posizione pi sfavorevole, come specificato nel manuale del costruttore, cio nella condizione di minima stabilit.

B.5

Momento centrifugo

B.5.1

Per le apparecchiature di palificazione che presentano una torretta rotante, il calcolo deve
tener conto dell'effetto della forza centrifuga che agisce sul baricentro delle masse rotanti.
Nota

Le masse rotanti comprendono quelle della torretta rotante dell'apparecchiatura di palificazione e i


carichi di lavoro.

B.5.2

Per qualsiasi carico di lavoro, per esempio un mast oscillante la cui posizione radiale non
fissa relativamente all'asse di rotazione, la corrispondente forza centrifuga viene considerata concentrata nel punto della struttura in cui il carico sospeso.

B.5.3

Deve essere utilizzato un dispostivo di limitazione della velocit per ridurre la velocit di
rotazione al valore considerato per i calcoli.

B.5.4

Il momento centrifugo deve essere amplificato moltiplicandolo per il fattore di sicurezza


parziale 2, indicato nel prospetto B.4.

B.6

Momento del vento

B.6.1

La forza del vento deve essere considerata nella direzione pi sfavorevole relativamente
ai carichi di lavoro descritti in B.9.

B.6.2

Il calcolo deve essere effettuato utilizzando i criteri dettagliati nella ISO 4302:1981 per una
pressione del vento p = 0,25 kPa (250 N/m2) per i casi di carico in funzionamento.

B.6.3

Per macchina fuori servizio e mast sollevato, deve essere utilizzata una pressione del
vento pi elevata, come segue:
- meno di 20 m dal suolo: p = 0,8 kPa (800 N/m2);
- pi di 20 m dal suolo:
p = 1,1 kPa (1 100 N/m2).

B.6.4

Il momento del vento calcolato deve essere moltiplicato per il fattore di sicurezza parziale
3, indicato nel prospetto B.4.

B.7

Momenti dinamici e di altro tipo

B.7.1

I momenti calcolati devono essere moltiplicati per il fattore di sicurezza parziale 4, indicato nel prospetto B.4.

B.7.2

Forze dinamiche
Anche l'effetto delle forze dinamiche, causate dal movimento dell'apparecchiatura di palificazione o dall'improvviso rilascio di un carico sospeso, deve essere considerato con tutte le altre forze che agiscono contemporaneamente.
In assenza di valori noti o calcolati dell'accelerazione, devono essere applicati dei valori
semplificati solo agli elementi sottoposti all'accelerazione (vedere prospetto B.2).

UNI EN 996:1997

Pagina 27 di 44

prospetto B.2

Valori tipo per differenti generi di movimento


Movimento

Accelerazione

Accelerazione/decelerazione di spostamento
Macchine su cingoli - Trazione idraulica
Macchine su cingoli - Trazione meccanica
Macchine su ruote

0,4 m/s2
0,6 m/s2
2,5 m/s2

Accelerazione/decelerazione di rotazione
Tutte le macchine

0,7 m/s2

Regolazione dellinclinazione del mast


Tutte le macchine

0,6 m/s2

Effetto dinamico dellimprovviso rilascio di carichi sospesi (vedere prospetto B.3, caso di
carico n. 3). Questa forza verticale uguale all'effetto della massa rilasciata ed applicabile ad una attrezzatura del tipo martello a caduta libera e alle mazze dei martelli diesel.

B.7.3

Altre forze

B.7.3.1

Tiro di una fune inclinata per carichi non guidati


Nel caso di carichi non guidati sulle linee ausiliarie, deve essere considerato nel calcolo
l'effetto del tiro di una fune inclinata di un angolo minimo di 6 rispetto alla verticale.

B.7.3.2

Deve essere considerata l'applicazione supplementare di altre forze sull'attrezzatura, per


esempio forze di estrazione o di spinta.

B.8

Condizioni di funzionamento

B.8.1

I criteri di stabilit specificati in B.3 devono essere soddisfatti per tutte le condizioni di funzionamento.
Il calcolo deve considerare le condizioni pi sfavorevoli che possono verificarsi contemporaneamente, inclusi i seguenti fattori, come specificato dal costruttore nel manuale
dell'operatore:

B.8.2

In servizio - Durante il funzionamento


a) la geometria dell'apparecchiatura di palificazione nella posizione pi sfavorevole, inclusa lestrema posizione avanzata e/o verso l'alto e con l'inclinazione massima in
avanti, indietro o laterale del mast;
b) carichi mobili nella loro posizione pi alta, sia sospesi che appoggiati;
c) la linea di ribaltamento pi sfavorevole;
d) vento proveniente dalla direzione pi sfavorevole;
e) per una torretta rotante, le forze centrifughe dovute sia alla velocit che all'accelerazione di rotazione;
f) forze causate dalla regolazione dell'inclinazione del mast;
g) effetti dinamici dovuti al sollevamento o al rilascio improvviso dei carichi;
h) massima forza di estrazione o di spinta;
i) tiro inclinato di una fune per carichi non guidati.

B.8.3

In servizio - Spostamento tra le posizioni di palificazione

B.8.3.1

Per lo spostamento con il mast sollevato tra le posizioni di palificazione, devono essere
considerati, quando opportuno, i parametri elencati in B.8.2.

UNI EN 996:1997

Pagina 28 di 44

B.8.3.2

Inoltre, devono essere prese in considerazione le forze di accelerazione causate dal movimento di trazione della macchina base.

B.8.3.3

La configurazione dei carichi e le limitazioni sulla geometria dell'apparecchiatura di palificazione devono essere definite nel manuale dell'operatore.

B.8.4

Fuori servizio - Mast in posizione sollevata

B.8.4.1

Il manuale dell'operatore deve stabilire la configurazione della macchina, i carichi di lavoro


e la geometria dell'apparecchiatura di palificazione quando "fuori servizio".

B.8.4.2

Il calcolo deve essere effettuato per la pressione del vento pi elevata (vedere B.6.3), con
i parametri elencati in B.8.2, che devono essere presi in considerazione quando opportuno.

B.8.5

Fuori servizio - Durante le operazioni di montaggio e in posizione di stivaggio durante il trasporto


I calcoli devono essere effettuati per queste condizioni. I parametri elencati in B.8.2 devono essere presi in considerazione quando opportuno.

B.8.6

Spostamenti e funzionamento in pendenza


Il calcolo di stabilit deve essere effettuato per stabilire la massima pendenza ammissibile
per lo spostamento, il funzionamento e il carico nel trasporto, che soddisfi i criteri stabiliti
in B.3.

B.8.7

Apparecchiatura di palificazione su imbarcazioni galleggianti


La stabilit di galleggiamento per le apparecchiature di palificazione su imbarcazioni o su
pontoni galleggianti deve essere calcolata secondo i regolamenti locali. Durante la collocazione dei pali e la palificazione, l'angolo risultante dovuto all'assetto e allo sbandamento dei pontoni galleggianti deve essere di 2,5 al massimo. Durante il prelievo dei pali e le
variazioni di posizione, l'angolo massimo ammissibile dovuto all'assetto e allo sbandamento di 5. Le condizioni di funzionamento stabilite in B.8 devono essere prese in considerazione.

B.9

Tipi di carico
I pi significativi tipi di carico da prendere in considerazione sono elencati nel prospetto
B.3 e nel prospetto B.4, insieme agli opportuni valori del fattore di sicurezza parziale e
dell'angolo di stabilit .
Comunque, questo elenco non esaustivo. Il costruttore deve garantire che siano state
considerate le circostanze pi sfavorevoli per i compiti specifici dell'apparecchiatura di palificazione.
prospetto B.3

Tipi di carico
Caso di carico

Apparecchiatura di palificazione sottoposta a:

Carichi dinamici e dovuti al vento durante il funzionamento

Carichi dinamici e dovuti al vento durante gli spostamenti in loco durante il funzionamento

Carichi dinamici e dovuti al vento quando i carichi di lavoro vengono rilasciati e/o depositati a
terra durante il funzionamento

Carichi dovuti al vento quando fuori servizio

Forze statiche durante il sollevamento quando fuori servizio

Forze statiche in posizione abbassata quando fuori servizio (spostamento)

La classificazione del prospetto B.4 valida per le apparecchiature di palificazione e le attrezzature di perforazione in grado di essere adattate per luso come apparecchiature di
palificazione.

UNI EN 996:1997

Pagina 29 di 44

prospetto B.4

Classificazione di utilizzo a terra e galleggiante1)


Paragrafi applicabili
Fig. N2)

Carico/chi
di lavoro

Momento
del vento

1. Carico dinamico in funzionamento

Sospeso

B.6.2

B.5

2. In funzionamento durante
spostamenti in loco o

Sospeso

B.6.2

3. Carico dinamico in funzionamento

Rilasciato
a terra

4. A macchina ferma e mast sollevato

5. A macchina ferma (durante il


sollevamento-statico)
6. A macchina ferma in posizione abbassata per trasferimento (statico)

Tipo di carico

Fattore di sicurezza parziale

Momento
Momento
centrifugo dinamico e altro

Angolo di
stabilit

B.7.2
B.7.3

1,1

1,1

1,1

1,1

B.5

B.7.2
B.7.3

1,1

1,1

1,1

1,1

84)

B.6.2

B.7.2
B.7.3

1,1

1,1

1,1

Definito
nel
manuale

B.6.3

1,0

1,3

Non
applicabile

Non
applicabile

sullimbarcazione3)

1)
2)
3)
4)
5)

Vedere B.3.2
-

55)

La stabilit della nave, dellimbarcazione o del pontone deve essere calcolata in conformit a B.8.7.
Le figure sono solo illustrative e mostrano i parametri applicabili.
Gli spostamenti sul ponte devono essere calcolati in conformit a B.8.7.
Il valore di pu essere ridotto a 5 se lo spostamento avviene su una superficie pavimentata o su un lastricato o su pavimentazione in legno.
Questo valore aggiuntivo alla pendenza della rampa da salire durante il carico su un trasportatore.

UNI EN 996:1997

Pagina 30 di 44

figura

B.2

Tipo di carico 1 (dinamico; in funzionamento)


Tipo di carico 2 (dinamico: durante lo spostamento; in funzionamento)

MS, 2 MC, 3 MW, 4 MDYN > 0


dove

MS = GA XA, 1 GL XL
GL= GL1, GL2, ...
MDYN = MG, MM, MA

UNI EN 996:1997

Pagina 31 di 44

figura

B.3

Tipo di carico 3 (dinamico: carico rilasciato e/o depositato a terra; in funzionamento)


MS, 3 MW, 4 MDYN > 0
dove

MS = GA XA, 1 GLN AL
GL= GL1, GL2, ...
MDYN = MA, GL NL

figura

B.4

Tipo di carico 5 (fuori servizio; statico: durante il sollevamento)

MRR > 1,1 MRT

UNI EN 996:1997

Pagina 32 di 44

figura

B.10
B.10.1

B.5

Tipo di carico 6 (fuori servizio; statico: attrezzatura abbassata per il trasferimento)

Pressione al suolo
Generalit
Il calcolo della pressione al suolo deve essere eseguito per tutte le macchine, comprese
le apparecchiature di palificazione montate su cingoli e su ruote, e che presentano degli
stabilizzatori.
Il valore massimo della pressione al suolo che pu verificarsi deve essere indicato nel manuale dell'operatore.

B.10.2

Calcolo della pressione al suolo per apparecchiature di palificazione su cingoli


Il calcolo della massima pressione al suolo che pu verificarsi tra i cingoli e il terreno pu
essere eseguito secondo la figura B.6.
L'effetto del peso totale GM nel suo punto di applicazione, deve essere suddiviso in singole forze P, agenti su ogni cingolo, secondo la posizione della forza risultante pi sfavorevole.

UNI EN 996:1997

Pagina 33 di 44

figura

B.6

Calcolo della massima pressione al suolo sotto i cingoli

Superficie di contatto del cingolo

Diagramma di carico e di sforzo

Posizione del singolo carico P

e=0
1

Pressione al suolo

1,2 = P/bd

P nel punto medio

e < d/6
2

e = d/6

P (1 6 e d )
1 = ----------------------------------bd
P (1 + 6 e d )
2 = ----------------------------------bd

1 = 0

2 = 2P/bd

e > d 6; c = d 2 e

2 = 2P/3cb

e = d/3

2 = 4P/bd

UNI EN 996:1997

Pagina 34 di 44

APPENDICE
(normativa)
C.0

C ATTREZZATURE PER DIAFRAMMI - REQUISITI DI SICUREZZA

Introduzione
La presente appendice si applica alle attrezzature meccanizzate per diaframmi utilizzati
nell'industria delle fondazioni.

C.1

Campo di applicazione

C.1.1

La presente appendice specifica i requisiti di sicurezza per le attrezzature per diaframmi.


Un'attrezzatura per diaframmi consiste in una macchina base su cui fissato un utensile
per realizzare uno scavo, per esempio una benna, oppure uno scalpello oppure una fresa. Esempi tipici di attrezzature per diaframmi trattate nella presente norma sono:
- macchina base con bucket collegato ad un braccio di escavatore;
- macchina base con benna liberamente sospesa azionata da una fune;
- macchina base con benna liberamente sospesa azionata idraulicamente;
- macchina base con benna azionata idraulicamente, guidata su kelly;
- macchina base con frese rotanti.
La macchina base pu essere provvista di un braccio o di un mast.
Le attrezzature per diaframmi sono normalmente statiche durante lo scavo. Esse possono spostarsi da un luogo di lavoro all'altro con propulsione autonoma.

C.1.2

Nell'industria delle fondazioni il termine generico "diaframma" copre un certo numero di


processi che si differenziano per:
- il metodo di scavo del terreno;
- il metodo di rimozione del suolo;
- il tipo di lavoro di costruzione.
Uno scavo viene realizzato rimuovendo il terreno o la roccia esistente. Pu essere utilizzato un fluido stabilizzante per sostenere lo scavo aperto.
Il terreno o la roccia vengono frantumati dalle valve della benna oppure da ruote di taglio
rotanti. Nel caso di terreno o roccia particolarmente duri, l'azione di taglio della benna pu
essere aiutata utilizzando uno scalpello.
I detriti vengono solitamente rimossi meccanicamente con una benna o per circolazione
di un fluido quando si utilizza una fresa.
L'utensile effettivo di lavoro (boucket, benna, fresa, ecc.) collegato ad un braccio
dell'escavatore oppure sospeso dalla macchina base con una fune o con un kelly. Le
manichette idrauliche, pneumatiche e dei fanghi, cos come i cavi elettrici, possono essere liberamente appesi oppure essere guidati fino all'utensile da dispositivi di guida delle
manichette.
La verticalit dello scavo viene ottenuta tramite il peso della parte che lavora, tramite il
kelly o tramite l'utilizzo di telai di guida collegati a pattini di guida, se possibile.
Dopo il completamento dello scavo, alcuni elementi di costruzione, quali per esempio pareti in cemento, pareti di tenuta, palizzate, pali, possono essere installati nello scavo, utilizzando la stessa oppure altre macchine. Il fluido stabilizzante, se presente, viene allora
rimosso o riciclato o immagazzinato o eliminato con altre macchine, oppure pu essere
stabilizzato in loco con l'utilizzo di materiali supplementari.

C.1.3

La presente appendice, insieme a 4, tratta tutti i pericoli essenziali causati dalle attrezzature per diaframmi quando vengono utilizzate come previsto e nelle condizioni previste e
descritte dal costruttore. Essa specifica i requisiti di sicurezza nella loro progettazione e
nella loro costruzione.

C.1.4

Se la macchina base di una attrezzatura per diaframmi consiste in un escavatore o in una


gru, deve essere trattata secondo le sue norme specifiche, nella misura in cui i requisiti
della presente norma non sono applicabili.

UNI EN 996:1997

Pagina 35 di 44

C.2

Requisiti e misure di sicurezza


Si devono applicare i requisiti di 4, 5 e 6 se non altrimenti indicato.

C.2.1

Stabilit
Le attrezzature per diaframmi devono essere progettate e costruite in modo che siano
sufficientemente stabili nelle condizioni di lavoro previste.
La stabilit deve essere verificata mediante calcolo o mediante utilizzo delle tabelle di capacit di sollevamento della macchina base.
Quando si calcola la stabilit della macchina, devono essere considerate le seguenti condizioni:
a) Quando si utilizza una benna liberamente sospesa con una macchina base provvista
di braccio:
Il peso dell'elemento sospeso alla fune (utensile di scavo, riempito di terreno di peso
specifico = 20 kN/m3) moltiplicato per 1,25, deve essere minore o uguale al 75% del
carico di ribaltamento della macchina base (tenendo conto di tutte le attrezzature addizionali montate sulla macchina base, per esempio la centrale, il sistema di guida,
ecc.), con il massimo raggio di funzionamento.
b) Quando si utilizza una fresa liberamente sospesa con una macchina base provvista di
braccio:
Il peso della fresa con le manichette idrauliche e dei fanghi pieni (minimo peso specifico dei fanghi = 12,5 kN/m3) deve essere minore o uguale al 75% del carico di ribaltamento della macchina base (tenendo conto di tutte le attrezzature addizionali montate sulla macchina base, per esempio la centrale, il sistema di guida, ecc.), con il
massimo raggio di azione.
c) Quando si utilizza un'attrezzatura guidata tipo kelly o mast, rigidamente collegata alla
macchina base:
La stabilit deve essere verificata secondo 4.1.

C.2.2

Pulegge, tamburi e funi


Per le funi di lavoro utilizzate per sollevare soltanto gli utensili di scavo, il minimo fattore
di sicurezza (carico di rottura minimo, garantito dal costruttore, in rapporto al massimo carico statico sulla fune, causato dal tiro dell'argano sul primo strato) deve essere 2,5. Le
pulegge e i tamburi utilizzati per sollevare soltanto gli utensili di scavo devono avere un
diametro minimo in relazione al diametro d della fune, come segue:
- diametro del tamburo dell'argano
16 d;
- diametro della puleggia
16 d;
- diametro della puleggia di compensazione 14 d.

C.2.3

Caduta libera sugli argani


La caduta libera deve essere evitata sugli argani delle attrezzature per diaframmi equipaggiate con frese rotanti (per esempio mediante un comando a chiave).

C.2.4

Arresto delle frese rotanti


Deve essere installato al di fuori della cabina un dispositivo supplementare di arresto delle
frese rotanti, da azionare quando l'utensile viene sollevato al di fuori dello scavo.

C.2.5

Dispositivo di monitoraggio dell'angolo del braccio


Un dispositivo di monitoraggio dell'angolo del braccio (angolo tra il braccio e l'orizzontale)
deve essere installato in modo che sia chiaramente visibile all'operatore, e in particolare
deve essere indicato chiaramente il massimo/minimo angolo del braccio ammissibile per
il funzionamento.

C.2.6

Trasporto
Durante il trasporto, le valve della benna devono essere fissate in modo da evitare un'involontaria apertura o chiusura.

UNI EN 996:1997

Pagina 36 di 44

C.3

Istruzioni per l'uso - Manuale dell'operatore


Nel manuale dell'operatore devono essere incluse le seguenti informazioni:
- specifiche dettagliate delle condizioni di funzionamento e dei parametri di utilizzo (peso degli elementi di lavoro, lunghezza del braccio, angolo del braccio, inclinazione
ammessa della macchina base rispetto all'orizzontale);
- istruzioni per gli spostamenti in pendenza;
- istruzioni per il cambio dei denti;
- le funi delle benne devono essere verificate almeno ogni 50 ore di lavoro;
- le funi per sospendere gli utensili di scavo devono essere verificate almeno ogni giorno.

UNI EN 996:1997

Pagina 37 di 44

APPENDICE
(normativa)

D MORSETTI PER FUNI DI MARTELLI AD IMPATTO - SCELTA E INSTALLAZIONE

D.1

Generalit
La presente appendice fornisce le raccomandazioni per l'installazione dei morsetti per
quanto applicabile ai martelli ad impatto azionati a fune.
Possono essere utilizzate altre tipologie di morsetti, purch siano state positivamente sottoposte a prova dal costruttore dei morsetti stessi, e sopportino un minimo dell'80% del
carico di rottura minimo della fune. In questo caso devono essere installati secondo le
istruzioni del costruttore dei morsetti.

D.1.1

Installazione
La distanza tra i morsetti E dovrebbe essere almeno 1,5 volte e non pi di 3 lo spessore
del ponte H (vedere figure D.1 e D.2).
figura

D.1

Installazione e passo dei morsertti

figura

D.2

Spessore e diametro della filettatura di serraggio

Quando si utilizza una redancia nell'occhio, il primo morsetto della fune deve essere collocato immediatamente a ridosso della redancia. Il ponte deve sempre essere collocato
sulla parte della fune che sopporta il carico.

D.1.2

Numero di morsetti
Il numero raccomandato di morsetti da utilizzare dato nel prospetto D.1.

D.1.3

Coppia di serraggio
Durante il montaggio, e prima della messa in opera, i dadi del collare devono essere serrati con la coppia data nel prospetto D.1.
Le coppie di serraggio raccomandate sono per morsetti con superfici che sopportano il
carico e filettature dei dadi ingrassate.
Dopo l'applicazione del carico per alcune volte, la coppia deve essere verificata ancora e,
se necessario, corretta.

UNI EN 996:1997

Pagina 38 di 44

prospetto D.1

Numero e coppia di serraggio dei morsetti


Dimensione nominale del
morsetto in funzione
del diametro della fune1)
mm

Numero dei morsetti

14

1)

Diametro della filettatura


di serraggio

Coppia di serraggio

Nm

M12

33

16

M14

49

19

M14

68

22

M16

107

26

M20

147

30

M20

212

34

M22

296

40

M24

363

Per dimensioni intermedie della fune, usare la dimensione del morsetto immediatamente superiore.

UNI EN 996:1997

Pagina 39 di 44

APPENDICE
(informativa)
E.0

E APPARECCHIATURE PER CONSOLIDAMENTO ED INIEZIONE - SICUREZZA

Introduzione
La presente appendice informativa fornisce informazioni e norme per i costruttori di materiale per consolidamento e iniezione per l'industria delle fondazioni, in assenza di una norma europea appropriata. Questa non una parte normativa della presente norma, e non
contiene indicazioni sufficienti sui requisiti e sulle misure di sicurezza per ottenere la conformit ai requisiti di sicurezza essenziali di qualsiasi Direttiva dell'Unione Europea.

E.1

Campo di applicazione

E.1.1

Le apparecchiature per consolidamento ed iniezione comprendono tutte le macchine e gli


impianti, azionati manualmente, elettricamente, pneumaticamente, meccanicamente o
idraulicamente, necessari per:
- mescolare, immagazzinare, misurare e immettere in circolo sostanze (sospensione di
cemento, malta oppure liquidi/miscele chimiche);
- processi di consolidamento (del/nel sottosuolo) con pressione bassa, media o alta,
oppure sistemi per il vuoto;
- tutti i tipi di manichette da consolidamento resistenti a pressione e all'usura, di raccordi, di accoppiamenti rapidi con collegamento filettato o flessibile, valvole a sfera e tubi
flessibili;
- tutti i sistemi di comando, registratori elettrici o meccanici di portata e di pressione, per
il controllo del consolidamento;
- tutti gli accessori per il consolidamento, quali: utensili speciali, lance, aste, prese, otturatori, morse di bloccaggio e girevoli.

E.1.2

Le apparecchiature di consolidamento e di iniezione vengono usate nella preparazione,


nel trasferimento e nell'applicazione di materiali di consolidamento utilizzati per:
- migliorare le condizioni del terreno;
- riempimento di vuoti, per esempio intorno a pali o a tiranti di ancoraggio.

E.2

Requisiti e misure di sicurezza

E.2.1

I seguenti componenti dell'apparecchiatura di consolidamento ed iniezione devono essere conformi ai requisiti indicati nelle seguenti norme, se applicabili:
- macchine perforatrici: EN 791;
- pompe per fluidi: prEN 809;
- manichette: prEN 853, prEN 854, prEN 855, prEN 856, prEN 857, prEN 982, prEN 983;
- miscelatori: prEN 12151.

E.2.2

Su tutte le manichette aventi diametro maggiore di 50 mm e una pressione di esercizio


maggiore di 120 bar, devono essere indicati:
- la massima pressione di esercizio ammissibile (pressione di funzionamento);
- una targa dati del costruttore (abbreviazione o simbolo);
- il diametro interno della manichetta idraulica.

E.2.3

Tutti i componenti, escluse le manichette (vedere E.2.1 ed E.2.2), nei sistemi di consolidamento sotto pressione devono essere progettati e costruiti in modo da essere in grado
di operare in sicurezza in tutte le condizioni pi sfavorevoli.
Essi devono avere un fattore di sicurezza contro lo scoppio pari a due volte la pressione
di esercizio, oppure un valore superiore del 50% alla massima pressione possibile, o in alternativa un valore minimo del 50% superiore alla massima pressione possibile del sistema di pompaggio, secondo 4.26.

UNI EN 996:1997

Pagina 40 di 44

E.2.4

Quando un'unit di consolidamento o di iniezione utilizza prodotti che possono generare


gas tossici o esplosivi, il costruttore deve fornire un sistema di ventilazione forzata e un
dispositivo di controllo dell'atmosfera, se possibile.

E.2.5

Tutte le parti rotanti o in movimento delle pompe, dei miscelatori o degli agitatori devono
essere protette in modo che l'alimentazione di energia venga sospesa se il sistema di protezione viene rimosso.

UNI EN 996:1997

Pagina 41 di 44

APPENDICE
(informativa)

F BIBLIOGRAFIA

F.1

Norme Internazionali
ISO 4301-1:1986
ISO 4301-2:1985
ISO 4308-2:1988
ISO 8087:1985
ISO 8686-1:1989
ISO/CD 10265

F.2

Apparecchi di sollevamento - Classificazione - Generalit


Apparecchi di sollevamento - Classificazione - Gru mobili
Apparecchi di sollevamento - Scelta delle funi - Gru mobili Coefficiente di utilizzo
Gru mobili - Dimensioni dei tamburi e delle pulegge
Gru - Principi di progettazione per i carichi e le loro combinazioni - Generalit
Macchine movimento terra - Macchine cingolate, sistemi
frenanti, condizioni di prova

Norme e Regolamenti Europei


EN 626-1

CECE2) Sezione VI:1973

F.3

Sicurezza del macchinario - Riduzione dei rischi per la salute dovuti a sostanze pericolose emesse dalle macchine Principi e specifiche per i costruttori di macchine
Norma europea per escavatori a fune con sovrastrutture
completamente rotanti e loro accessori

Norme e Regolamenti Britannici


BS 1757:1986
BS 2573-1:1983

BS 2573-2:1980

BS 5228-1:1984

BS 5228-4:1990

BS 8004:1986
CIRIA3):1980

F.4

Specifiche per gru mobili automotrici


Regole per la progettazione delle gru - Specifiche per la
classificazione, per il calcolo degli sforzi e per i criteri di progettazione
Regole per la progettazione delle gru - Specifiche per la
classificazione, per il calcolo degli sforzi e per la progettazione dei meccanismi
Controllo del rumore nelle costruzioni e nei luoghi all'aria
aperta - Codice di pratica per le informazioni di base e per le
procedure di controllo del rumore
Controllo del rumore nelle costruzioni e nei luoghi all'aria
aperta - Codice di pratica per il controllo del rumore e delle
vibrazioni applicabili alle operazioni di palificazione
Codice di pratica per le fondazioni
Rumore e vibrazioni dovuti alle operazioni di palificazione

Regolamenti Francesi
UTE4) C 15-401:1982

INRS5) -ED 723:1989

2)
3)
4)
5)

Installazioni elettriche a bassa tensione - Guida per l'installazione dei motori a combustione interna e dei gruppi elettrogeni
Protezione dei lavoratori in aree delimitate interessate da
corrente elettrica

CECE: Committee for European Construction Equipment.


CIRIA: Construction Industry Research and Information Association, London, United Kingdom.
UTE: Union Technique de lElectricit, Paris, France.
INRS: Institut National de Recherche et de Securit, Paris, France.
UNI EN 996:1997

Pagina 42 di 44

F.5

Norme e Regolamenti Tedeschi


DIN 1054:1976
DIN 1055-4:1986
DIN 4093:1986
DIN 15019:1979

DIN 18309:1974
DIN 24096:1987
VBG5) 5:1987
VBG 41:1986
VDI7) 2058:1981
VDI 2560:1983

GS TB8):1995

F.6

Sottosuolo: carico ammissibile del sottosuolo


Ingegneria civile - Carichi di progetto per edifici non soggetti
a vibrazioni - Carichi vivi ed effetti del vento sulle strutture
Sottosuolo - Consolidamento del sottosuolo
Gru - Stabilit
Parte 1: Stabilit di tutti i tipi di gru, eccetto quelle mobili non
montate su rotaie e quelle oscillanti
Parte 2: Stabilit delle gru mobili non montate su rotaia - Carico e calcoli di prova
Lavori di iniezione - Clausole contrattuali
Macchine da costruzione - Determinazione delle stabilit
dei battipalo - Requisiti di sicurezza
Macchine semoventi - Requisiti generali di sicurezza (VBG =
UVV6))
Lavori e macchine di palificazione - Regole preventive di sicurezza
Valutazione del rumore nell'area di lavoro in relazione a funzionamenti specifici (per martelli e pali)
Valutazione del rumore nell'area di lavoro in relazione a funzionamenti specifici - Dispositivi individuali di protezione dal
rumore (udito)
Principi di prova di sicurezza per le macchine da costruzione

Norme e Regolamenti Olandesi


NEN 2018:1983
NEN 2022:1976
NEN 2026:1983
NEN 2027:1982
NVAF9):1988

5)
6)
7)
8)
9)

Gru - Carichi e loro combinazioni


Gru - Sicurezza di stabilit contro il ribaltamento
Gru mobili - Direttive generali - Documentazione, prove,
funzionamento e manutenzione
Gru mobili - Requisiti strutturali riguardanti la sicurezza
Direttive per la prova e il controllo delle macchine per fondazioni

VBG: Vorschriftenwerk der Berufsgenossenschaften Deutschland.


UVV: Unfallverhtungsvorschrift, Deutschland.
VDI: Verein Deutscher Ingenieure, Richtlinien; Dsseldorf, Deutschland.
GS TB: Prfgrundstze des Fachausschusses Tiefbau der Zentralstelle fr Sicherheit und Gesundheitsschutz des Hauptverbandes der gewerblichen Berufsgenossenschaften, Deutschland.
NVAF: Nederlandse Vereniging Aannemers Funderingswerken Nieuwegein, Nederland.

UNI EN 996:1997

Pagina 43 di 44

PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI

Milano (sede)

Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. (02) 70024200 - Fax (02) 70105992
Internet: www.unicei.it - Email: diffusione@uni.unicei.it

Roma

Piazza Capranica, 95 - 00186 Roma - Tel. (06) 69923074 - Fax (06) 6991604
Email: uni.roma@uni1.inet.it

Bari

c/o Tecnopolis Csata Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. (080) 8770301 - Fax (080) 8770553

Bologna

c/o CERMET
Via A. Moro, 22 - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. (051) 6257511 - Fax (051) 6257650

Brescia

c/o AQM s.r.l.


Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. (030) 2590656 - Fax (030) 2590659

Catania

c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. (095) 445977 - Fax (095) 446707

Firenze

c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. (055) 2707268 - Fax (055) 281616

Napoli

c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. (081) 5537106 - Fax (081) 5537112

Torino

c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. (011) 6700511 - Fax (011) 6965456

Vicenza

c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza


Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza - Tel. (0444) 545573 - Fax (0444) 547318

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.

UNI EN 996:1997

Pagina 44 di 44