Sei sulla pagina 1di 7

PER LA SETTIMANA PRIMO ANNO

Traccia commento Lc
2,16-21
E' dal 1967 che in tutta la
Chiesa, oggi primo dell'anno, si
celebra la giornata mondiale della
pace. E' la preghiera universale di
tutto il mondo a Dio, perch
conceda ai popoli pace e
concordia.
Oggi, dopo 48 anni di
preghiera, se tiriamo un po' le
somme, viene da pensare che: o noi non sappiamo pregare
per la pace, o il Signore indifferente alle nostre richieste.
Infatti si continua a morire di guerra. Si continua a piangere i
morti e i campi di battaglia sono ricoperti di cadaveri assurdi
e inaccettabili di donne, anziani e bambini. S, forse non
sappiamo pregare o Dio non si interessa delle sue creature.
Ma, riflettendoci bene e superando l'angoscia delle
notizie e dei bollettini di ogni giorno, potrebbe esserci un
terzo motivo che ci coinvolge direttamente. La pace ha la
radice nel cuore dell'uomo, non necessario e non bisogna
cercarla altrove. Per dirla col Papa Beato Paolo VI "la pace
dipende anche da me".
La pace non mancanza di guerra e non si trova solo
dove le armi tacciono. La pace inizia dove inizia la volont
di distruggere i contrasti, dove inizia il dialogo e il consenso,
dove si ricerca la civilt dell'amore. Inizia dove noi, ognuno
di noi, analizza e corregge i propri gesti personali, semplici e

quotidiani, nei rapporti con la famiglia, i vicini, con le


persone con le quali siamo a contatto. Analisi e correzione
della nostra superbia, vanit, egoismo, vendetta. Difesa dei
valori fondamentali, quelli della vita appena concepita o
quella ormai giunta al termine.
E' la pace che deve esplodere prima in noi, per
esplodere poi negli altri. Ed questo il momento, all'alba di
un nuovo anno.
FIORE E FARFALLA
Una volta, un uomo chiese a Dio un fiore e una
farfalla.
Ma Dio gli diede un cactus e una larva. L'uomo
era triste poich non capiva cosa aveva
sbagliato nella richiesta. Allora pens: con tanta
gente che aspetta.... e decise di non domandare
pi niente.
Passato qualche tempo, l'uomo verific la
richiesta che era stata dimenticata. Con sua
sorpresa, dallo spinoso e brutto cactus, era nato
il pi bel fiore. E la orribile larva si era
trasformata in una bellissima farfalla
.
Dio
agisce
sempre
giustamente.
Il tuo cammino migliore,
anche se ai tuoi occhi appare
tutto
sbagliato.
Se hai chiesto a Dio una cosa e
ne hai ricevuto un'altra, abbi
fiducia. Abbi la certezza che egli d sempre

quello di cui hai bisogno, al momento giusto.


Non sempre quello che desideri quello che
necessiti.
Siccome egli non sbaglia mai la consegna delle
tue richieste, vai avanti senza mormorare o
dubitare.

La spina di oggi sar il fiore di domani!

PREGHIAMO
CON LA
CHIESA
Ascoltaci, Signore
Signore Ges, Figlio di
Dio fatto uomo da
Maria Vergine, ti
ringraziamo per la tua
santa nascita e la tua
presenza tra noi;
donaci la grazia di
accoglierti e seguirti
O Signore Ges Ti
preghiamo per la
Chiesa, che custodisce
e annuncia al mondo il
tuo Natale; concedi al
Papa, ai vescovi, ai
sacerdoti e ai diaconi
di compiere la
missione degli Angeli,
dei pastori, di Maria
Signore Ges,
Salvatore del mondo, ti
preghiamo per i pi
poveri e abbandonati;
per quanti sono incerti
nella fede, per quanti
cercano risposte al
dramma della vita.

PREGHIAMO
CON I SALMI

Canter per
sempre l'amore
del Signore

Dio abbia piet di


noi e ci benedica,
su di noi faccia
splendere il suo
volto; perch si
conosca sulla terra
la tua via, la tua
salvezza fra tutte le
genti.
Gioiscano le
nazioni e si
rallegrino, perch
tu giudichi i popoli
con rettitudine,
governi le nazioni
sulla terra.
Ti lodino i popoli,
o Dio, ti lodino i
popoli tutti.
Ci benedica Dio e
lo temano tutti i
confini della terra.

elaborazione del portale


www.graficapastorale.it