Sei sulla pagina 1di 2

- A. DIOTTI - S. DOSSI - F.

SIGNORACCI, Schede di morfosintassi

ACCUSATIVO
I VERBI IMPERSONALI
Sono costruiti impersonalmente i seguenti verbi che indicano sensazioni e sentimenti:
miseret, miseruit (o miseritum est), miserre
paenitet, paenituit, paenitre
piget, piguit (o pigitum est), pigre
pudet, puduit (o puditum est), pudre
taedet, pertaesum est, taedre

provare piet
pentirsi
provare rincrescimento
vergognarsi
annoiarsi.

Tali verbi si trovano cio coniugati alla terza persona singolare e vogliono laccusativo della
persona che prova il sentimento (di piet, vergogna, ecc.) e il genitivo della cosa che determina
tale sentimento, se essa espressa da un sostantivo. Se la cosa espressa invece da un pronome,
va resa in accusativo (di relazione). Infine, se la cosa rappresentata da una proposizione, allora si rende o con linfinito semplice o con linfinito + accusativo o con quod + indicativo (o
congiuntivo).
Amicos nostros suae culpae paenituit.
I nostri amici si pentirono della loro colpa.
Pueri, quos pertaesum erat studii, reprehensi sunt.
I ragazzi, che si erano annoiati dello studio, furono rimproverati.
Eum mei miserebat.
Egli provava piet di me.
Eum id miserebit.
Egli prover piet di ci.
Illi se paenituisse adfirmant.
Essi dicono di essersi pentiti.
Vos paeniteat erravisse [oppure quod erravistis].
Pentitevi di aver sbagliato.
Nella perifrastica passiva i suddetti verbi impersonali seguono la regola generale che prevede il dativo dagente; il gerundivo al neutro singolare.
Id mihi pudendum erat.
Per questo dovevo vergognarmi.

by SEI 2010

In presenza di verbi servili, questi divengono impersonali, mentre limpersonale miseret, paenitet,
piget, pudet, taedet va allinfinito.
Marcum taedere coepit.
Marco cominci ad annoiarsi.

- A. DIOTTI - S. DOSSI - F. SIGNORACCI, Schede di morfosintassi

ACCUSATIVO

Con i verba voluntatis (volo, nolo, malo, ecc.), che rimangono invece personali, i cinque verbi in questione vanno espressi al congiuntivo senza ut (presente o imperfetto) oppure allinfinito.
Volo vos paeniteat.
Voglio che vi pentiate.
Volebam me paeniteret.
Volevo pentirmi.
Volebam me paenitere.
Volevo pentirmi.
Infine, poich miseret, paenitet, piget, pudet, taedet sono difettivi del modo imperativo, per esortazioni e ordini si ricorre al congiuntivo esortativo.
Nos pudeat!
Vergognamoci!

ESERCIZI

by SEI 2010

1. Numquam suscepti negotii eum pertaesum est. (Nep.) 2. Ne civium quidem bonorum
vos pudet, quos Sinuessam colonos patres nostri miserunt. (Liv.) 3. Me nunc nostri
pudet. (Tib.) 4. Solet eum, cum aliquid furiose fecit, paenitere. (Cic.) 5. Tui me, uxor,
pudet. (Plaut.) 6. Quem Romanorum pudet uxorem ducere in convivium? Multo fit aliter in Graecia. (Nep.) 7. Geminat peccatum quem delicti non pudet. (Publ. Siro)
8. Male vincit quem post paenitet victoriae. (Publ. Siro) 9. Dixisse me aliquando paenituit, tacuisse nunquam. (Val. Mass.) 10. Videns autem Deus multam malitiam hominum
esse in terra, paenituit eum quod hominem fecisset. (Bibl.) 11. Neque eos, qui ea facere,

pudet aut paenitet. (Sall.) 12. Me civitatis morum piget taedetque. (Sall.) 13. Inopis
nunc te misereat mei. (Ter.) 14. Eorum nos magis miseret, qui nostram misericordiam
non requirunt, quam eorum, qui illam efflagitant. (Cic.) 15. Numquam me paenitebit
maxima pericula pro patria subire. (Cic.) 16. Dido mortem orat: taedet (eam) caeli convexa tueri. (Virg.)

Potrebbero piacerti anche