Sei sulla pagina 1di 16

Comune di SantAnastasia

Provincia di Napoli

CONCORSO NAZIONALE DI POESIA

CITTA DI SANTANASTASIA
XIII EDIZIONE 2015
Sala Consiliare del Comune di Sant'Anastasia (Na)
12 dicembre 2015

PICCOLA ANTOLOGIA DEL PREMIO

I dati del concorso


Numero totale dei Partecipanti: 174. Numero di libri di poesia: 79. Numero complessivo dei
componimenti presentati: 208.
Sono pervenuti testi da Autori delle seguenti Regioni: Valle d'Aosta: 1. Piemonte: 5. Lombardia:
11. Liguria: 3. Trentino: 2. Friuli: 2. Veneto: 3. Emilia Romagna: 8. Toscana: 10. Marche: 9.
Umbria: 1. Lazio: 23. Abruzzo e Molise: 3. Campania: 64. Puglia: 6. Basilicata: 6. Calabria: 6.
Sicilia: 7. Sardegna: 1. Dall'estero: 3.
La composizione della Giuria:
Poetessa Anna Bruno, prof.ssa Vittoria Caso, dott. Luigi De Simone, Poetessa Rita Pacilio, Prof.
Gerardo Santella, Prof. Raffaele Urraro. Coordinatore e segretario: Giuseppe Vetromile.

I risultati
Sezione Libro di Poesia
La Giuria si soffermata in modo particolare sui volumi dei seguenti Autori (riportati qui di seguito
in ordine alfabetico):
Enzo Bacca ("L'orto di Jamal", Editrice Di Girolamo); Angela Caccia ("Il tocco abarico del
dubbio", Faraeditore); Loriana Capecchi ("Emozioni", Montedit); Nadia Chiaverini ("I segreti
dell'universo", CFR Ediz.); Colomba Di Pasquale ("Il mio delta e dintorni", Faraeditore); Ugo
Gaiato ("Collo sottile", Puntoacapo Ediz.); Roberto Maggiani ("La bellezza non si somma", Italic
Ediz.); Monica Martinelli ("L'abitudine degli occhi", Passigli); Candido Meardi ("Il destino di un
eterno mare", Guardamagna Ed.); Clemente Napolitano ("Fluxus", L'Arcael'arco Ed.); Marisa Papa
Ruggiero ("Di volo e di lava", Puntoacapo Ediz.); Nazario Pardini ("I canti dell'assenza", The
Writer Ed.); Luisa Pianzola ("Una specie di abisso portatile", La Vita Felice); Paolo Pistoletti
("Legni", Ladolfi Ed.); Nicola Prebenna ("Fragmina", Delta3 Ediz.); Paolo Ragni ("Tutte le poesie",
Poetikanten Ed.); Daniela Raimondi ("Maria di Nazareth", Puntoacapo Ediz.); Valentino Ronchi
("Anna e Melanie", Lampi di stampa Ed.); Andrea Tavernati ("Tamburi", Gattomerlino Ed.);
Rodolfo Vettorello ("Tu la farfalla variopinta, ed io", Tapirulan Ed.); Marco Viscomi ("Comporre il
varco", Aletti Editore).
Al termine di un approfondito dibattito, dalla precedente rosa la Giuria ha selezionato 9 Autori
Finalisti, stabilendo la seguente graduatoria di merito:
- 1 Premio: Luisa Pianzola, di Tortona (Al), per il libro "Una specie di abisso portatile", La Vita
Felice Edizioni;
- 2 Premio: Clemente Napolitano, di Marigliano (Na), per il libro "Fluxus", L'Arcael'arco Ed.
- 3 Premio: Valentino Ronchi, di Melzo (Mi), per il libro "Anna e Melanie", Lampi di stampa Ed.
- Premio Speciale della Giuria Opera Prima edita nel 2015 alla poetessa Melania Panico, di
Sant'Anastasia (Na), per il libro "Campionature di fragilit", Edizioni La Vita Felice.
- Premio Speciale della Giuria fuori concorso per una raccolta di poesia edita nel 2015 di un autore
non residente in Campania, alla poetessa Cinzia Demi, di Bologna, per il libro "Maria e Gabriele,
l'accoglienza delle madri", Puntoacapo Edizioni.
2

- Premio Speciale della Giuria fuori concorso per una raccolta di poesia edita nel 2014/2015 di un
autore residente in Campania, al poeta Domenico Cipriano, di Avellino, per il libro "Il Centro del
mondo", Transeuropa Edizioni.
- Premio Speciale della Giuria ad un Autore partecipante di altra nazionalit residente in Italia, per
la sezione Libro Edito, a Basir Ahang, di Padova, per il libro "Sogni di tregua", Gilgamesh
Edizioni.
- Premio Speciale della Giuria ad un Autore partecipante di altra nazionalit residente in Italia, per
la sezione Poesia Singola, alla giornalista Anna Tumanova, di Napoli.
Segnalazione di merito ex-aequo per: Paolo Pistoletti, Roberto Maggiani, Angela Caccia, Monica
Martinelli, Nadia Chiaverini, Marisa Papa Ruggiero.
Sezione Poesia singola

- 1 premio: Giovanni Caso, di Siano (Sa), per la poesia "Colloquio a Villa Serena";
- 2 premio: Vincenzo Di Maro, di Besozzo (Va), per la poesia "Lascaux, adesso".
- Premio Speciale conferito da Lions Club ad Angela Ragusa, di Montesarchio (Bn), per la poesia
"L, in fondo al mare".
- Premio Speciale conferito da Napoli Cultural Classic della Poetessa Anna Bruno, a Floriana
Coppola, di Napoli, per la poesia "Sala di aspetto".
Menzione di merito ai Poeti: Nunzio Buono, di Casorate Primo (Pv); Adolfo Silveto, di
Boscotrecase (Na); Franco Fiorini, di Veroli (Fr); Marcella Testa, di Scafati (Sa); Mihaela Talab,
di Francavilla Marittima (Cs).
Una segnalazione per la poetessa Barbara Baio di San Giorgio a Cremano (Na), e per il poeta Mario
Raffetta di Campi Bisenzio (Fi).
La Giuria ha inoltre deciso di premiare i seguenti Autori:
- Francesca Marino, di Avellino, per la sezione "Ambiente e territorio vesuviano", con la poesia
"Sant'Anastasia";
- Anastasia Laurelli, di Campobasso, per la sezione "Autori giovani", con la poesia "Ritratto";
- Dolores Scippacercola, di Napoli, per la sezione "Autori locali", con la poesia "Donna poesia".
Un attestato di partecipazione con encomio ad alcuni Poeti del napoletano e delle zone vesuviane.

Premi della Giuria per la diffusione della cultura sul territorio

Da questa edizione, il Concorso Nazionale di Poesia "Citt di Sant'Anastasia" si pone l'obiettivo di


estendere i riconoscimenti nell'ambito della diffusione della Cultura sul territorio provinciale e
regionale, riscontrando in alcune personalit che operano in questo arduo settore, l'impegno, la
costanza, la dedizione e la competenza nell'organizzare eventi e incontri culturali, con varie
modalit, anche attraverso le proprie Associazioni, e comprendendo in queste nobili attivit anche
l'istituzione e l'organizzazione di premi letterari, con i quali il Concorso di Sant'Anastasia intende in
qualche modo "gemellarsi".

La Giuria ha pertanto conferito i seguenti riconoscimenti a:


- Natale Porritiello, di Sant'Anastasia;
- Mario Volpe e Annamaria Pianese, di Pomigliano d'Arco (Na);
- Prof.ssa Vittoria Caso, di Casavatore (Na), Presidente dell'Associazione "Clarae Musae";
- Prof. Gennaro Maria Guaccio, di Napoli, Presidente Associazione "I Ponti dell'Arte";
- Sig. Enzo D'Agostino, di Napoli, Accademia Aeronautica di Pozzuoli;
- Prof.ssa Angela Schiavone, di Napoli, Presidente del Premio "Michele Sovente";
- Prof.ssa Anna Bruno, di Marigliano, Organizzatrice del Premio Letterario Napoli Cultural Classic;
- Prof.ssa Antonietta Gnerre, di Avellino, Presidente del Premio Prata.

OPERE PREMIATE
4

Sezione Libro di Poesia


1 Premio: Luisa Pianzola, "Una specie di abisso portatile", La Vita Felice Edizioni
Motivazione:
Materia poetica incatenatrice del reale e dellinconscio connessa a un plurilinguismo che si flette
magistralmente nella volont magmatica della figura retorica. Lo slancio e lo sprofondo del s nel
mondo di ciascuno eleva voci di protesta e di riscatto, laceranti invettive e morbidezze
dellallegoria. La ricerca della verit fa azzardare lo stile linguistico e il ruolo stesso del segreto
poetico: notevole la traiettoria in cui emergono le molteplici identit letterarie difficilmente
condivise dalla contemporaneit. Senza retorica e moralismo alcuno, Luisa Pianzola struttura, in
questo raffinato volume di poesie, edito La Vita Felice, 2015, un itinerario possibile attraverso il
linguaggio, originale e alto, e lo spazio poetico in cui si misura e si avvalora il bisogno filologico ed
etico delluomo. Un continuo restituire la quotidianit alla realt, la realt alla realt fino ad
avvicinarsi alla prossimit pi profonda, invisibile e tacita, dellintelletto. Ogni lettore, in questa
raccolta poetica, coinvolto e invitato a partecipare ai movimenti sintattici di rinnovamento
letterario e sociale: la poesia di Luisa Pianzola supera i limiti di ogni provincialismo intellettuale e
si fa promotore della memoria del suo tempo.
(Rita Pacilio)

Nessuno osava toccarle. Bruciavano


Cominci a sentirti carne da nutrimento,
a sentire il tuo corpo materia di utrizione
per le generazioni pi giovani.

Sei pi vicina a noi, alle nostre molecole.


Metti pace a un'infanzia raggelata,
quella di tutti noi adeloscenti. Ma c' una pace
che non chiama, che ti avvolge al risveglio
se permetti a tua madre di entrare nella stanza
poco areata dove i polmoni insistono
a riempirsi di profumo di violetta,
violetta e cacao per colazione venti minuti
e sei in strada, i voti bellissimi di ragazza
una quasi donna in pace, se ce n'.
Resta nell'aria il gas del motorino, nell'aria
la strada si biforca antico il percorso
e su nel cielo, su su nel cielo, di lato
una tromba d'aria mefitica un lago notturno
adesso che esplosa una bomba adesso
che fuori dal petto cola una piccola preghiera
soccorso
collana
5

detergersi le ossa lisciare il viso,


per l'occasione chiusa da un uomo.
Generare parole fortificarne il senso
in lontananza intenerire il corpo
di una loquacit a sintagmi, una specie
che imprime la sua traccia, il suo inverdire.
La fratellanza dei mondi verbali, gloria
dei valori umani edificata a pensieri.
(Da "Una specie di abisso portatile", di Luisa Pianzola, pag. 46)

***
2 Premio: Clemente Napolitano, "Fluxus", L'Arcael'arco Edizioni
Motivazione:
Sul piano del discorso, nel passaggio da una immagine ad unaltra non c stacco nel movimento
del flusso, che assicurato da un filo logico che riempie lellissi o dalla struttura sintattica a
cerniera, in cui un sintagma assume una duplice funzione logica allinterno della stessa frase,
ponendosi allintersezione di due frasi di cui una fluisce nellaltra senza interrompere il suo
movimento sintattico, come il filo di un gomitolo che si dipana e ogni segmento finisce/continua il
precedente e inizia il successivo. Un artificio questo che non va solo nel senso della costruzione di
un discorso articolato in modo continuo, ma genera anche un effetto straniante che induce il lettore
a considerare inediti accostamenti in quanto il termine medio unisce tra di loro due estremi, che
apparentemente non hanno alcun legame sul piano semantico.
La condizione umana rappresentata come un labirinto da attraversare, come dimostra la
corrispondenza tra res et verba. Le parole/segno disseminate nel percorso testuale sembrano rinviare
ad una rete inestricabile che non lascia spazio a illusioni di fuoriuscita. Ma nemmeno invitano alla
resa, piuttosto restituiscono il senso di una dignit umana riaffermata attraverso una resistenza attiva
al non vivere per avere la forza e il coraggio di ricominciare.
(Pasquale Gerardo Santella)

Cara Francesca la vita rosicchia


i nostri punti deboli dilunga
tre passi tra la gente che sofferma
gli sguardi impuri sulle tasche cerca
d'intendere se sono vuote pesa
la loro consistenza le rivolta
fino a sfiorare la carne convince
che niente non d niente per tritarla
ci vuole ben altro se tasca piange
bisogna mettersi in gioco riempirla
oppure lacerarla cos entra
l'insano tocco furtivo seduce
6

a pizzichi rodendo mentre lascia


salire i lividi il sangue tracima
in quei punti dove si diventa
forti perch passata dilunga
la vita cara Francesca resiste
in prova sii felice potr
stupirla l'innocenza col giocare
d'anticipo d'ardore le somiglia
crudele esposta a farsi sacrificio
(Da "Fluxus", di Clemente Napolitano, pag. 96)

***

3 Premio: Valentino Ronchi, "Anna e Melanie", Lampi di stampa Edizioni


Motivazione:
Sequenze cinematografiche in cui scorre, in un montaggio alternato, la vita di due giovani donne,
Anna e Melanie, e la loro educazione sentimentale. Tranches de vie, che si riflettono una
nellaltra, che si sfiorano senza mai incontrarsi eppure si rinviano attraverso fili invisibili che
tramano una esperienza scandita nel tempo da riti di passaggio: linfanzia felice delle avventure e
delle scoperte, il rapporto con i genitori e i nonni, l adolescenza e la giovinezza tra formazione
scolastica e primi amori, il matrimonio, una vita in cui il futuro si fa presente e si rivolge ad un
passato diventato memoria. Ellissi e dissolvenze da riempire, mentre il tempo continua a scorrere.
Un racconto in versi dallandamento narrativo che procede con ritmo lineare e continuo, in cui luso
ricorrente dellenjambement prolunga il discorso e il succedersi delle immagini in un flusso
continuo. Proprio come una macchina da presa che, nel mentre riprende le varie scene, ora fa una
panoramica sul paesaggio o sullo spazio urbano, ora entra in un interno domestico, ora si sofferma
su un particolare, ora segue unazione nel suo farsi o asseconda lampi indietro e avanti nel tempo
dei personaggi. Fino a che un giorno il tempo / sar passato del tutto.
(Pasquale Gerardo Santella)

Un'estate per nulla qualsiasi


ventosa, un vecchio sogno da fidanzati
i miei avevano voluto vedere la Normandia.
Io scrivevo lunghe cartoline illustrate ad Anna
avevamo appuntamento per sentirci le sere
dalla cabina del paese. Poi un pomeriggio
me ne stavo seduto sul muretto di pietra
grigia davanti alla spiaggia di Villers sur mer
e dall'acqua che non c'era nessuno venne fuori
una ragazza lunga e un po' aguzza
7

- s proprio Mlanie anche se ancora


non sapevo il suo nome veniva avanti
e l'acqua le si ritirava sotto i piedi veloce
lasciando la spiaggia nuda. Mi raggiunse al muretto
si sedette non lontano da me ed era buono
il mio francese e belli gli occhi chiari
- i miei e i suoi la sua schiena bagnata.
(Da "Anna e Mlanie", di Valentino Ronchi, pag. 45)

Sezione poesia singola

Colloquio a Villa Serena


Trema l'autunno tra le foglie arrossate
e molti ruscelli s'incontrano in uno stesso sussurro,
dal ventre della collina nasce la luna
bramando l'amore dal suo letto di quadrifoglio.
Chiede una spada di luce per trafiggere il silenzio.
Immoti nella penombra hanno parole di cielo.
Lui, in giacca e cravatta, panciotto
di fiammeggianti papaveri, parla delle foglie
che scrosciano sul terrazzo e dell'ingannevole
gioco del tramonto. E gli trema la mano
che percorre la piega delle labbra e negli occhi
annegano aironi. A pelle le rughe
e i simulacri del tempo. Ha una scorta
di pallidi ricordi, qualche lampo di giovinezza,
la memoria di un altro posto che non ricorda
nei dettagli, in cui ha vissuto, chiss quando,
chiss come. Ed ora ha un corpo da portare
oltre il disfacimento, percorrendo l'ora col vento
o controvento, aspirando ad un germoglio d'amore,
a un folleggiare del cuore.
Lei, variopinta
farfalla sullo stelo del silenzio, i bianchi capelli
vaporosi come nuvola, le piccole mani d'alabastro
profumate di spigo, ascolta la voce e le foglie
che danzano l fuori. E forse trova un senso
al frangersi delle ore. E sa che la vita
un esercizio come un altro, dove occorre lottare
per mettere in cifra il possibile, tradurre l'impossibile.
E pensa che nel prossimo tempo avr
altre cose da fare, altre faccende da sbrigare.
8

Ma qui consuetudine il contegno. E intanto


abbraccia la sua bambola, e si ritrova
nella luce della sua fanciullezza, mentre indossa
vestiti di lavanda o si piega al sussurro del mare
che le avvolge le cosce e le sommerge il respiro.
La luna l'eterna pallida sognatrice,
conquista la scena col tremore delle sue labbra,
l'autunno ha alberi frondosi con stracci di nebbia,
fuori, all'aperto, dove il tempo si dissolve
come il respiro degli amanti e la canizie del cuore.
Giovanni Caso, Siano (Sa)
1 premio

Motivazione:
Villa Serena sar una di quelle case per anziani, ma potrebbe essere qualunque altro luogo che
faccia da sfondo a due anime smarrite nel trambusto di un mondo che passa e che le abbandona.
Una delicatezza estrema pervade le due figure, lui in giacca e cravatta e panciotto di fiammeggianti
papaveri, lei variopinta farfalla sullo stelo del silenzio: il contegno, la compostezza delle due figure,
la loro umanit che rimane integra nonostante il progressivo allentarsi della vita materiale, fanno
riflettere sul senso della vita e sulla necessit degli affetti, dell'amore. Poesia intensa e malinconica,
chiusa tra due strofe di cinque versi ciascuna, la prima che funge da incipit e la seconda da chiusa,
che ne ampliano il contenuto, quasi in un controcanto melodico.

***
Lascaux, adesso
Respira nella luce. Cos lo ossessiona
la figura stellata di certe erbe nei campi,
tanto simili a dita che si piegano
raggianti, quando gioia trabocca nella donna
o la violenza della caccia esorta.
Ma ora immerge la mano che nei sogni
torna ignota ed arborea, stellata, come l'erba,
fin dentro il buio la segue perch guida
e sostanza, riverbero dell'altro,
corpo che vuole sorgere, parlare.
Allora avverte l'avo alzarsi in piedi:
l'avo sogna la razza, nel sopore
parla al morire, alla lenta crisalide,
al sibilo dell'erba quando il bisonte in fuga
e la freccia lo cerca per revocargli il mondo.
Al vento, anche se tace nella grotta.
E' accanto alla visione silenziosa.
Eppure fuori il giorno resta chiaro, la luce
mobilissima e alta sulle fronde, e gi da molto
9

ci che esiste ha un nome.


Vincenzo Di Maro, Besozzo (Va)
2 premio
Motivazione:
Le grotte di Lascaux, adesso: eccezionale trasposizione del mondo ancestrale in una visione
immaginaria ma straordinariamente vivida grazie alla poesia, che permette la trasformazione del
sogno, della visione, in realt tangibile. L'osservatore/lettore si trova dinanzi ad una scena dei
primordi dell'umanit, attraverso i graffiti e i segni scolpiti sulle pareti della grotta; la narrazione
poetica di grande efficacia, originale, intelligente.

Premi Speciali della Giuria

Melania Panico, "Campionature di fragilit",


La Vita Felice Edizioni.
Premio Speciale Opera Prima Edita nel 2015
Accade lo stesso amore delle case vuote
un referto scritto sulla breccia dell'approdo
definitivo guscio senza peso di un bagliore
ora dissetare gli angoli degli occhi
chiedere perdono all'acqua
filtrare il velo delle unghie con inchiostro.
Forse questa la forma della soluzione
reinterpretare radici fangose, renderle gioia.
Potrei ricucire il modello pezzo a pezzo
scivolare intorno alla vista del fregio presente
adagiare le avanguardie alla finestra
eppure la pioggia disegna addosso
una specie d'agguato
dentro il freddo non arrossisce
si mantiene ai margini delle sue possibilit
(Da "Campionature di fragilit", La Vita Felice Edizioni, pag. 39)

***

Cinzia Demi, "Maria e Gabriele, L'accoglienza delle madri",


10

Puntoacapo Edizioni
Premio Speciale della Giuria fuori concorso per una raccolta di poesia edita nel 2015 di un
autore non residente in Campania

Maria

fu una giornata di primavera


aveva il sole nelle vene
e accadde
come doveva accadere
al mercato volevo un vestito
da sposa cercavo tra i pizzi
e le stoffe
tra le goffe signore dei banchi
cercavo annusavo un ricamo
una piega un orlo un intaglio
bagnato di fiato
di seno che allatta
m'infilavo una veste
provavo un cappello
nello specchio vedevo
il cielo farsi acquerello
(Da "Maria e Gabriele", Puntoacapo, pag. 31)

***
Domenico Cipriano, "Il centro del mondo", Transeuropa Edizioni
Premio Speciale della Giuria fuori concorso per una raccolta di poesia edita nel 2014/2015 di
un autore residente in Campania
Disteso sui miei sensi penso
(oltre le nuvole e le luci dei lampioni
alari) col fiato sospeso sulle colline blu.
Nemmeno i corpi uniti nellamore
e racchiusi in un respiro solo sanno dire
dellimmenso in cui mi perdo ora
per questo tramonto vulnerabile e mobile
nel bagliore di una luce sterminata
tra le voci intrecciate in lontananza.
Se apparteniamo per un istante
a unaltra vita, a unepoca leggendaria,
11

non ci dato sapere dal poco che tracciamo


sciogliendo in illusione le certezze.
quel bagliore, che si insinua vorticoso
oltre la forza decisa delle ossa,
ad aprire un nuovo varco sotto pelle,
a rinominare infinito il suono delle cose,
di quelloceano che si nasconde eternamente
dentro al volto immobile dei monti.
(Montefusco, 8 gennaio 2012)
(Da "Il centro del mondo", Transeuropa Edizioni)

La Giuria
12

Anna Bruno
Anna Bruno, insegnante, poetessa e scrittrice, Vicepresidente e consigliere per la sezione scrittura
dell'Associazione "Napoli Cultural Classic". Ha all'attivo diverse pubblicazioni di poesia e di
narrativa, tra le quali, recentemente, il libro "Con la guerra in testa", dedicato ai ragazzi. Promuove
ed organizza eventi culturali sul territorio ed l'organizzatrice del Concorso Nazionale di Poesia
"Napoli Cultural Classic". E' membro di giuria in numerosi concorsi di rilevanza nazionale.

Vittoria Caso
Docente di Humanae Litterae, laureata in lettere classiche, pluriabilitata, plurispecializzata, stata
formatrice di docenti sia nei corsi dell ex Provv. studi di Napoli e Caserta, ISEF e Enti privati
(Sostegno, Pari Opportunit, Orientamento, Educazione Sessuale), sia con lUniversit di Tor
Vergata e con la Federico II; autrice di recensioni, di saggi non venali pedagogico-didattici,
letterari, storici e curatrice di molte pubblicazioni; giornalista e componente-giurie di certamina
latino-greci e premi letterari.
Ha ricoperto nella scuola incarichi di responsabilit; stata lanima culturale del 29 Dist. Scol.co
per 20 anni, curandone concorsi, seminari, progetti, presentazioni di libri e soprattutto i Corsi di
Giornalismo. E Volontaria CRI del C.L.N.N. Ha fondato lAssociazione culturale Clarae Musae,
di cui presidente, con cui promuove cultura; anche Presidente dellAssociazione ex alunni del
liceo Garibaldi.

Luigi De Simone
Luigi De Simone, psichiatra, animatore culturale, da decenni profonde le sue energie per la
promozione sociale ed artistica del territorio vesuviano. Con l'Associazione "Giocondi", promuove
studi e ricerche teatrali, organizza concerti e mostre, favorendo la crescita culturale e personale di
tanti giovani che insieme alle rispettive famiglie riscoprono anche luoghi di incontro generazionale.

Rita Pacilio
Rita Pacilio nata a Benevento. Sociologo, mediatore familiare e dei conflitti interpersonali, ha
lavorato nellambito dello Sviluppo delle Politiche del Lavoro e nelle progettualit della Casa
Circondariale di Benevento trattando il disagio sociale e la Prevenzione delle dipendenze. Poeta,
Scrittrice, Collaboratrice editoriale, si occupa di poesia, di critica letteraria e di Vocal jazz.

Pasquale Gerardo Santella


Pasquale Gerardo Santella stato docente di materie letterarie nei licei, svolge attivit allUniversit
di Salerno presso le cattedre di sociologia e sociologia delleducazione e come supervisore Sicsi. Ha
pubblicato numerosi volumi di saggistica (molti dei quali presso leditore Loffredo di Napoli)
affrontando i vari aspetti del fenomeno letterario visto anche nei suoi rapporti con cinema, teatro e
societ. Scrive su diversi giornali e periodici ed attivo come operatore culturale.
Raffaele Urraro
13

Raffaele Urraro, poeta, saggista e critico letterario, ha prodotto numerose pubblicazioni di poesia e
di saggistica e, in collaborazione con Giuseppe Casillo, molte antologie di classici latini per le
Scuole Superiori (Loffredo, Napoli) e una Storia della Letteratura latina in 5 volumi (Bulgarini,
Firenze). Ha recentemente pubblicato, per i tipi della Olschki Editore, il saggio Questa maledetta
vita, il romanzo autobiografico di Giacomo Leopardi, e "La fabbrica della parola", Manni Editori.

ALBO D'ORO
I Edizione 2002: Clara Di Stefano (sez. A).
II Edizione 2003: Salvatore Cangiani (sez. A); Giovanni Caso (sez. B).
III Edizione 2004: Armando Saveriano (sez. A); Salvatore Cangiani (sez. B).
IV Edizione 2005/6: Gennaro Grieco (sez. A); Vincenzo Russo (sez. B).
V Edizione 2006/7: Carmen De Mola (sez. A); Armando Saveriano (sez. B); Alessandro Nannini
(sez. giovani); Massimo De Mellis (sez. SantAnastasia).
VI Edizione 2007/8: Giovanni Bottaro (sez. A); Agostina Spagnuolo (sez. B); Vanina Zaccaria
(sez. giovani); Alessandra Mai (sez. SantAnastasia).
VII Edizione 2008/9: Rodolfo Vettorello (sez. A); Adolfo Silveto (sez. B); Erlinda Guida (sez.
giovani); Raffaele Liguoro (sez. autori locali).
VIII Edizione 2009/2010: Paolo Polvani (sez. A); Rossella Luongo (sez. B); Francesco Iannone
(sez. giovani); Domenico Cassese (sez. autori locali).
IX Edizione 2011: Loriana Capecchi (sez. A); Raffaele Galiero (sez. B); Giovanna Garzia (sez.
giovani); Anna Ruotolo (sez. autori del territorio).
X Edizione 2012: Benito Galilea (sez. A); Giovanni D'Amiano (sez. B); Sandra Biondo (sez.
giovani); Floriana Coppola (sez. autori del territorio).
XI Edizione 2013: Antonio Spagnuolo (sezione Libro); Adolfo Silveto (sez. A); Liliana Arena (sez.
B); Eugenia Galli (sez. giovani); Carmen Gallo (sez. autori del territorio).
XII Edizione 2014: Luigi Fontanella (Sezione Libro); Carmelo Consoli (sez. poesia singola).

14

L'evento promosso e patrocinato


dal Comune di SantAnastasia
Si ringrazia per la collaborazione:

Associazione Culturale
Napoli Cultural Classic (Poetessa Anna Bruno)

THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS


Distretto 108 YA Anno Sociale 2015 2016
Presidente VI Zona: arch. Giacomo Vitale
THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS
Distretto 108 YA Anno Sociale 2015 2016
Lions Club Sant'Anastasia Monte Somma
Presidente: Monica Di Marino

Associazione "I Ponti dell'Arte", Napoli

Associazione Clarae Musae, Casavatore (Na)

ORGANIZZAZIONE CURATA DA

15

CIRCOLO INCONTRARCI

PIAZZA C. CATTANEO 9, 80048 SANTANASTASIA (NA)


TEL. 081.5301490
E-mail: incontrarci@tiscali.it

CIRCOLO
LETTERARIO
ANASTASIANO
http://concorsopoesiasantanastasia.blogspot.com

16